__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

N. 253 - Venerdì 25 Giugno 2021

DENTRO LA PASSIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

CALCIOMERCATO

EL KAOUAKIBI OBIETTIVO CONCRETO SUL TACCUINO ANCHE RONALDO E SPROCATI

«RESTA SOLO CHI AMA IL FROSINONE»

IL PRESIDENTE STIRPE DETTA LE REGOLE PER IL NUOVO PROGETTO TRIENNALE

SI RIPARTE DAI GIOVANI PER RISANARE IL BILANCIO

PAGINA 4

BASKET

Virtus Cassino, i giovani dell'Under 20 di Neri chiudono da imbattuti e sono campioni regionali PAGINA 5

ATLETICA

Trampolino Elastico, l’Acrobatic Sport di Ceccano spicca il volo PAGINA 5


2

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

SALA STAMPA

«A FROSINONE DEVE RESTARE SOLAMENTE CHI METTE AL PRIMO POSTO GLI INTERESSI DELLA SQUADRA E NON QUELLI PERSONALI»

IL PRESIDENTE MAURIZIO STIRPE SUGLI OBIETTIVI: «PROGETTO A TRE ANNI»

Antonio VISCA

S

i è tenuta mercoledì mattina l'attesa conferenza stampa del Presidente Maurizio Stirpe. Tanti i temi trattati dal patron giallazzurro. Ecco le sue dichiarazioni: GLI ULTIMI TRE ANNI "Sono stati tre anni difficili, specialmente il primo dopo la retrocessione dalla A. Non abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare per fare le cose al massimo. Questo è dovuto anche all'ambizione di qualcuno. Sono stati fatti investimenti sbagliati, alcuni erano anche figli dall'anno della promozione con magari prestiti con obbligo di riscatto a cifre importanti. Gli ultimi due anni l'andamento è stato molto simile: inizio stagione sprint per poi calare. Forte condizionamento da parte del Covid che non ci ha mai permesso di esprimere a pieno le nostre potenzialità. Le potenzialità c'erano e quando c'è stato bisogno sono state scaricate a terra. Si poteva ottenere lo stesso risultato però spendendo molto meno". RIVOLUZIONE IN SOCIETÀ - "Avevo pianificato la rivoluzione all'interno del Frosinone già da parecchio tempo. La presenza di Gualtieri ad esempio parte da molto lontano. Parte da una profonda insoddisfazione per come questa società ha sviluppato quel settore negli anni. La stessa consapevolezza l'avevamo nell'area tecnica. Il

giorno che siamo retrocessi sapevo benissimo che era giunto il momento di cambiare pagina e anche metodo di lavoro. Vi posso svelare un retroscena: avevo già deciso ad aprile dello scorso anno di cambiare responsabile dell'area tecnica. L'intervallo che c'è stato dall'ultima stagione a questa è stato brevissimo e non potevamo fare cambi. Salvini mi ha comunicato la sua impossibilità a proseguire, già tempo fa, e ho colto l'opportunità per chiamare Guido. Il primo anno non si è potuto fare la rivoluzione, quello che potevamo fare era cambiare qualcosa nell'area tecnica. Siamo pronti a ripartire almeno per ritrovare entusiasmo che, lasciatemi dire, in questi ultimi tre anni ce n'è stato poco. È stato un modo di lavorare molto superficiale e che lascia molto a desiderare, per questo mi sono convinto a cambiare. Sono convinto che forse per la prima volta, in venti anni che faccio il calcio, lo faccio come lo volevo fare all'inizio. Solo con Graziani ho potuto sviluppare le mie idee, con gli altri no. Chi c'era non aveva le caratteristiche per farlo. Non abbiamo mai avuto una rete di conoscenze su cui appoggiarsi per vendere bene i calciatori. Gli ultimi calciatori che abbiamo venduto bene sono Bocchetti, Eder e Lodi. Siamo stati capaci di portare in prima squadra solamente due calciatori del settore giovanile in più di 10 anni, per lo più poi uno si è perso a zero. Angelozzi dove-

va venire qui 18 anni fa e per una serie di motivi non è mai potuto venire. Con Ernesto abbiamo lavorato insieme per tanti anni. Ci sono stati degli anni che le sue caratteristiche potevano essere utili allo sviluppo del Frosinone, altri no". GLI OBIETTIVI – “Abbiamo un progetto di tre anni. Nel primo gli obiettivi saranno quelli di mantenere la categoria e quello di risanare il discorso economico della società. C'è voluta una grande pazienza e resilienza per non buttare all'aria tutto. Secondo anno si spera di uscire dalla convalescenza e avere una base più solida. Il terzo anno, se il Frosinone avrà fatto due anni come si deve, ci potremmo riproporre in un certo modo. Ho pregato Guido di rimanere con noi per tre anni per completare questo progetto. La società ha fatto degli investimenti su questi giovani, non è che sono stati presi gratis. Non è che ci siano altre società che stiano facendo operazioni mirabolanti, anzi. Il Frosinone al momento è quella che si è mossa di più. Avremo un'attenzione maniacale per i costi ma soprattutto per una cosa: a Frosinone ci deve rimanere chi ama il Frosinone. Ho parlato di tre anni, tenete conto che quest'anno entrerò nel mio diciottesimo anno di presidenza. Non è che potrò essere in eterno il presidente del Frosinone. In questi tre anni cominceremo a guardare il futuro, a chi verrà dopo. Quello che

«Alessandro Frara sarà il responsabile del settore giovanile e del calcio femminile. Accordo sperimentale di un anno con l'Accademia di Luigi Lunghi» verrà qui sarà uno migliore di me non uno qualsiasi, una figura che riuscirà a proporsi per raggiungere obiettivi più ambiziosi di quelli che abbiamo raggiunto noi. In questi anni valuteremo questi aspetti.

ORGANIGRAMMA E SETTORE GIOVANILE – “L'organigramma resta lo stesso. Frara sarà il responsabile del settore giovanile e del calcio femminile. Le novità riguardano l'inserimento

dell' Accademia di Luigi Lunghi, accordo sperimentale di un anno. Se dovesse portare risultati l'accordo sarà prolungato. Vogliamo farlo per avere un focus maggiormente dedicato allo sviluppo dei


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

giovani. Negli anni abbiamo perso tante opportunità, regalando giocatori cresciuti con noi a squadre di A. Alessandro Frara ritengo che sarà il futuro del Frosinone, però ritengo che deve prima consolidarsi per fare quel salto di qualità”. CALCIOMERCATO - "Il problema degli esuberi sono tre anni che lo abbiamo. Chi doveva affrontarlo non ha avuto la capacità di farlo. Al momento abbiamo 32 tesserati: tre giovani vanno verso la risoluzione contrattuale, abbiamo altri 4-5 giovani che manderemo in presito in Serie C, abbiamo tre calciatori che sono in scadenza a un anno e che hanno stipendi alti. A questi calciatori il Frosinone ha già fatto sapere che non può pagare gli stessi stipendi che percepivano. Se vogliono rinnovare dovrà esserci una soluzione che andrà bene per entrambe le parti, altrimenti saranno sul mercato. Uno di questi tre ha già una società di A disposta a prenderlo a parità

di condizione. Il Frosinone non starà più a simili giochetti a rilancio da parte di chi pensa solo al proprio tornaconto personale. Renderemo pubblici i nomi dei calciatori che si comporteranno in questa maniera prima di metterli fuori rosa. Questa non è una caserma per nessuno. Se ci viene chiesto un rinnovo insostenibile, noi diciamo di no. Nessuno è incedibile. La nostra rosa ideale è quella tra 25 e 26 calciatori. Abbiamo solamente un interesse: quello di fare il bene del Frosinone. Nessuno sarà promosso dalla Primavera, alcuni andranno in prestito in C proprio perchè crediamo nelle potenzialità di questi calciatori. Sprocati e Ronaldo sono profili che ci possono interessare. I nostri giovani non sono pronti per la B ma vogliamo mandarli a giocare perché ci crediamo. Ci sono poche realtà virtuose, una la cito perché se la merita ed è il Cittadella. Qui è impensabile comunque fare le stesse cose che si possono fare a Cittadella.

L'unico modello sostenibile passa dalla capacità dei manager. La mia filosofia rimarrà sempre questa, anche se dovessi retrocedere. Il Frosinone ha cambiato definitivamente modo

SALA STAMPA

3

campagna abbonamenti. Non siamo nelle condizioni di esporci e prendere degli impegni per poi non poterli soddisfare. Stiamo vedendo di trovare soluzioni con i gruppi organizzati per far entrare a turni. I prezzi dei biglietti saranno ovviamente popolari. Ma non sapendo nemmeno quando e come possiamo aprire, è impossibile fare una campagna abbonamenti. Magari su questo ci aggiorneremo tra qualche giorno, quando le cose saranno più chiare per tutti.

Un risultato, questo, molto importante. Sul tema delle infrastrutture volevo fare il punto. Andremo avanti su tutto il programma. Quanto ai lavori all’interno dello Stadio, siamo pronti per appaltare l’apertura del Ristorante. La prima settimana di luglio guarderemo il progetto che ci sembra calibrato bene su quelle che sono le esigenze della Società e dell’utenza, il locale diventerà un luogo di ristorazione permanente all’interno della nostra struttura. Poi andremo avanti con il completamento dei lavori dell’anello dello Stadio. Ci hanno fatto togliere i new jersey. Posso dire che potevano anche dircelo prima di installarli perché successivamente ci hanno fatto notare problemi relativi all’evacuazione della gente. Completeremo quindi l’anello e il progetto dei murales con l’Accademia delle Belle Arti. E per lo Stadio rimarrebbe in piedi solo il tema del Frosinone Village, legato però alla famosa strada di collegamento. L’altro lavoro riguarda l’infrastruttura di Ferentino, il cui contratto che scade tra 3 anni. Ci impegneremo a completare quella struttura all’interno della quale vorremmo portare la sede del Frosinone. Nello Stadio rimarranno gli uffici della Tis. Noi non facciamo speculazioni di alcun genere, il progetto lo posso anche spiegare. Nell’area dove ci sono gli spogliatoi della prima squadra, sorgerà la sede degli uffici. Spogliatoi e palestre verranno spostate tra lo stadio del Ferentino e il campo del calciotto. Il tutto si potrebbe completare nel giro di un anno. Mi auguro anche di trovare l’adesione del Comune di Ferentino. L’investimento totale sarà di un milione e mezzo di euro da spendere nei prossimi due anni. Tutto questo richiede un tempo di concessione più lungo e dovremo discuterne”.

di vedere le cose. La nostra sarà una strada impopolare ma sicuramente solida e serena". CAMPAGNA ABBONAMENTI - Non faremo la

STADIO E INFRASTRUTTURE – “Un motivo di orgoglio è stato di non aver licenziato nessuno in questi anni tra i dipendenti. Gente meno nota, padri di famiglia. Siamo stati bravi a conservare tutti i posti di lavoro. E dove non potevamo farlo per cambiamenti di tipo organizzativo, abbiamo creato la possibilità di avere un nuovo posto di lavoro. Poi se il soggetto ci voglia andare o meno non dipende da noi. Abbiamo risolto anche tutte le posizioni di precarietà.

GUALTIERI PRESENTA IL RITIRO

Questa mattina alle 11, presso la sala stampa dello stadio “Benito Stirpe”, si terrà la conferenza di presentazione del ritiro estivo di Fiuggi (19-31 luglio, ndr). Interverranno il Responsabile dell’Area Marketing, Comunicazione e Rapporti Istituzionali, Salvatore Gualtieri, e i rappresentanti della Media Sport Event, società partner che ha collaborato all’organizzazione del ritiro. Nell’occasione verranno svelati tutti i dettagli relativi al periodo che i giallazzurri trascorreranno nella cittadina termale: le amichevoli e le rispettive date, la gestione del ritiro, le modalità delle conferenze di presentazione dei nuovi acquisti e tutte le altre iniziative correlate.


4

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

calciomercato

IL PRESIDENTE MAURIZIO STIRPE DURANTE LA CONFERENZA: «SONO PROFILI CHE CI INTERESSANO»

IL FROSINONE SU RONALDO E SPROCATI

Antonio VISCA

D

urante la conferenza stampa di Maurizio Stirpe sono emersi parecchi spunti interessanti anche sul fronte calciomercato. “Abbiamo 4-5 giovani che manderemo in prestito in serie C – ha affermato il Presidente - per dar loro la possibilità di giocare, su di loro crediamo”. Questi giovani dovrebbero essere Volpe, Errico, Luciani e Vitalucci. I primi due andranno quasi sicuramente alla Viterbese, mentre per gli altri due potrebbe essere viva la pista Monterosi, club guidato dall’ex giallazzurro D’Antoni. Altro spunto interessante, ricavato dalla conferenza, riguarda alcuni calciatori con il contratto in scadenza nel 2022: “Abbiamo altri 3 calciatori in scadenza di contratto tra 12 mesi con ingaggi elevati. il Frosinone ha fatto sapere loro che non può pagare quegli stipendi. O si procede ad un rinnovo compatibile con

le esigenze economico-finanziarie del Frosinone o debbono uscire. Per 1 di questi 3 giocatori abbiamo una società di Serie A che lo prende a parità di condizione”. Questo calciatore potrebbe essere uno tra Rohden e Zampano, entrambi con contratti in scadenza nel 2022 ed entrambi che possono essere richiesti dalla Serie A. Sul primo, già nei giorni scorsi, si era parlato di un interesse del Monza, ma potrebbe essersi fatto avanti, nelle ultime ore, il neo promosso Venezia. I quattro elementi che invece, a detta di Stirpe, non rientrano più nei piani della società dovrebbero essere Trotta, Ardemagni, Krajnc e Tabanelli. Per quanto riguarda il mercato in entrata, lo stesso patron giallazzurro ha confermato un possibile interesse per Ronaldo del Padova e Sprocati del Parma. Ancora calda, infine, la pista che porterebbe ad Hamza El Kouakibi, terzino destro di proprietà del Bologna.

HAMZA EL KAOUAKIBI

HAMZA HAOUDI

RONALDO POMPEU DA SILVA

DANIELE IACOPONI

MATTIA SPROCATI

ENRICO BRIGNOLA

BOGDAN JOCIC

WALID CHEDDIRA

1998 Terzino destro Südtirol (in prestito dal Bologna) 2022

1990 Centrocampista Padova 2023

1993 Attaccante esterno Parma 2023

2001 Centrocampista/Trequartista Hellas Verona 2023

2001 Mezzala/Attaccante esterno Livorno 2021

2002 Mezzala/Attaccante esterno Arezzo 2021

1999 Attaccante esterno Sassuolo 2023

1998 Attaccante centrale Mantova (in prestito dal Parma) 2022

Legenda: nome, anno di nascita, ruolo, squadra, scadenza contratto


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

basket-atletica

5

BASKET - PER I RAGAZZI DELLA VIRTUS CASSINO IL GIUSTO CORONAMENTO DI UNA STAGIONE DA INCORNICIARE

UNDER 20 CAMPIONE REGIONALE

L'

Under 20 della BPC Virtus Cassino vince il campionato regionale di categoria.«È il degno coronamento di un lungo lavoro con il settore giovanile - commenta felice Leonardo Manzari, presidente della BPC Virtus Cassino - sono 10 anni che in silenzio, con passione e dedizione diamo spazio a questi ragazzi che finalmente ci hanno regalato e si sono regalati una soddisfazione maiuscola». Così allo scadere del 10° anno di vita societaria (25 luglio 2011 – 25 luglio 2021) la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, si regala un capolavoro. Sì, perché i giovani rossoblù dell’Under 20 regionale guidati da coach Alessio Neri, sul parquet amico del PalaVirtus in Via De Feo a Cassino, si impongono nella finale del campionato di categoria sui pari età della Pallacanestro Colleferro, guidati da un mostro sacro delle giovanili, coach Donato Avenia, grande giocatore e attualmente grande conoscitore del basket giovanile. Un capolavoro dicevamo, perché i giovani

virgulti rossoblù, chiudono questa stagione imbattuti. Il campionato 2020-21 infatti, per i giovani cassinati è stato costellato di sole vittorie, tanto nel girone eliminatorio, propedeutico per la fase a scontri diretti, quanto nella roulette dei playoff. Non hanno sbagliato un colpo. Nella serata decisiva, dunque, capitan Gambelli e compagni impongono il loro vigore, il loro modo di fare pallaca-

nestro ai blasonati avversari regalando un sogno alla dirigenza rossoblù ed alla numerosa cornice di pubblico e di tifosi accorsa nel vetusto impianto cassinate per sostenere le giovani “V” rossoblù. «Questi ragazzi ce l'hanno fatta regalandoci una grande gioia. Vincere un campionato non è mai facile, specialmente in questo anno sportivo vessato dal virus. Ce l'hanno fatta da imbat-

tuti. Per noi della Virtus Cassino è un grande orgoglio e non posso esimermi dal formulare loro tutti i miei più sinceri ringraziamenti - commenta ancora il Presidente Leonardo Manzari - Complimenti sinceri anche allo staff tecnico guidato da Alessio Neri. Grazie ai dirigenti! Orgoglioso di voi, ragazzi! È stata una gran bella cavalcata». La gara è stata sempre sotto stretto controllo di Pacit-

to e compagni. I cassinati infatti fin dalle prime battute servono in post basso il giovane pivot Manojlovic che realizza ripetutamente indirizzando fin da subito le sorti dell’incontro. Gli ospiti si affidano al tiro da oltre l’arco e mostrano una precisione davvero strabiliante. Il tiro pesante offre ai ragazzi di Avenia un timido vantaggio all’inizio del II quarto di gioco, (2425 per i viaggianti, ndc), ma Rinaldi e Policari fanno subito la voce grossa e rimettono le cose a posto a metà del tempo allorquando i cassinati mettono a segno un mini break che li porta sul 40 a 31. Questo + 9 rappresenta un buon margine di sicurezza che i benedettini portano in dote sino all’intervallo lungo (53-44). I ragazzi di coach Alessio Neri sono in controllo dell’inerzia del match e toccano anche il +16 nel corso della terza frazione di gioco. Poi, complice un briciolo di rilassatezza, figlia anche del gran caldo, Colleferro si rifà sotto nel punteggio arrivando alla sirena del terzo periodo sul -7, 66-59. Alessio

Neri striglia a dovere i suoi. Policari è bersagliato dagli avversari che impongono arcigne difese per evitare che la giovane ala cassinate possa attaccare il ferro da par suo, ma Rinaldi ed un ferrigno Gambelli pensano a portare in porto la barca rossoblù, in un tripudio di gioia sugli spalti. Cassino vince il primo titolo giovanile della sua giovane storia cestistica, un titolo ottenuto in un periodo storico difficile. «Abbiamo voluto fortemente la partecipazione a questo torneo regionale, intanto perché i ragazzi che si sono allenati da marzo in palestra meritavano di confrontarsi con atleti più grandi e provenienti da oltre confine come i ragazzi di Colleferro - ha concluso Leonardo Manzari al termine dell’incontro mentre Gambelli alza la coppa dei vincitori premiato da Fiorini del Comitato Regionale - e poi perché questo successo sarà da sprone a fare sempre meglio. Ringrazio il nostro Alessio Neri e Luca Vettese che si sono dedicati allo sviluppo tecnico di questi ragazzi».

Iannarilli, di Veroli, ha ottenuto il terzo posto nella gara interregionale e il secondo posto sia nella seconda tappa che nella finale nazionale di Milano. Passando ad Aurora De Santis, di Ferentino, c’è da segnalare il quarto posto nella categoria Junior1 nella seconda gara interregionale, mentre Giorgia Morelli, di Anagni, ha centrato il terzo posto alla prima gara interregionale e il primo posto alla seconda prova, oltre al sesto posto alla finale nazionale Senior. Da rimarcare infine ancora una volta le prestazioni di Leonardo De Pastena, di Frosinone, categoria A1. E’ salito sul gradino più alto del podio sia nella prima che nella seconda prova della seconda tappa e nella finale della

Coppa Campioni, mentre è arrivato secondo nella finale nazionale. Tutti questi prestigiosi risultati nel panorama Godl FGI sono il frutto del lavoro sia dei ginnasti che degli istruttori Tiziana Cerroni, Loredana Masi e Riccardo De Pastena i quali si sono dedicati «anima e corpo» affinché i sacrifici di questo anno Covid non andassero perduti. Nel panorama Silver Cecilia Venditti, di Ferentino, oltre ad aggiudicarsi il titolo regionale, ha ottenuto il quarto posto nella finale nazionale. Nuove leve e nuovi ginnasti hanno dato prova di carattere e rigore, e sono i più piccoli che si stanno avvicinando al trampolino e hanno iniziato con il livello Silver. Nella finale magistralmente organizzata a Prossedi, Eva Karol Maura, di Giuliano di Roma, detiene il titolo di campionessa regionale Silver A1, seguita da Flavia D’Ambrosi, di Castro dei Volsci, con il quarto posto. In categoria A2 Elettra Maria Maura, di Giuliano di Roma, ha centrato il terzo posto e Alice Sacchetti, anche lei di Giuliano di Roma, il quarto.

ATLETICA - NELLE GARE DELLE ULTIME SETTIMANE

TRAMPOLINO ELASTICO, SODDISFAZIONI PER L'ACROBATIC SPORT DI CECCANO

E

ra stato promesso di volare e così è stato. Nel periodo più buio della pandemia la società fabraterna Acrobatic Sport, presieduta da Antonio Gargaruti, ha lavorato sodo chiudendosi come in una «bolla sospesa» nella nuova e attrezzatissima sede di Prossedi, cercando di ottimizzare gli allenamenti con i ginnasti agonisti autorizzati dal Dpcm che indicava l’attività solo per atleti iscritti a campionati e gare del panorama nazionale. E’ stato veramente duro dover comunicare alle famiglie dei piccoli che purtroppo chi non era tesserato agonista non avrebbe avuto l’ok dal governo dello sport a riprendere gli allenamenti. «In questo lungo periodo - dichiara Tiziana Cerroni, responsabile sportiva del centro, nonché direttore tecnico del Lazio per il Trampolino Elastico - Ho cercato di far capire ai

nostri atleti che dovevano sfruttare questo periodo di isolamento per acquisire una motivazione in più per andare avanti e che loro potevano ritenersi dei fortunati. Ecco allora che la società è andata avanti con i soli dieci ginnasti autorizzati ed è stato duro almeno pagare le spese di gestione con solo pochissime entrare. Per fortuna però sono arrivati i contributi di sostegno alle Asd che hanno dato una boccata di ossigeno. Molto motivati da questo, la squadra ha saputo stringere i denti ed andare avanti.

I ragazzi hanno viaggiato insieme ai propri genitori con faldoni di autorizzazioni, certificati, esiti di tamponi e molto altro. Quando arrivavano nel centro ogni giorno come adesso adottavano il protocollo Covid. Questo ha fatto sì che nel centro fino ad oggi non è stato rilevato nessun caso di Covid. La palestra non è mai stata sottoposta a chiusura, a dimostrazione che i protocolli sanitari adottati fuori e dentro la società sono stati rispettati al massimo. Durante le trasferte fuori regione la voglia di poter riprendere le compe-

tizioni è stata più forte della paura, e alla fine siamo tornati a volare». Da gennaio scorso Acrobatic Sport ha preso parte alla prima e seconda prova del campionato individuale gold, alla finale nazionale del campionato e alla Coppa Campioni. Ha organizzato a Prossedi la prova del campionato Silver e ha preso parte alla finale nazionale Silver. Gli atleti della società si sono distinti per le loro vittorie e piazzamenti nelle gare interregionali. Arianna Marcoccia, categoria Junior2, di Patrica, ha ottenuto il secondo posto nella prova interregionale, primo posto nella seconda tappa di Brindisi e terza nella finale nazionale di Milano. Per quanto riguarda Veronica


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021


N. 224 - Venerdì 25 Giugno 2021

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

SPETTACOLO POLITICA

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

Elezioni - A Sora Di Stefano si presenta Ad Alatri aleggia nel Centrodestra l'incognita (molto inquieta) Iannarilli

PAGINA 2

UNA MONTA(G)NA D'INDAGATI

INCHIESTA DELLA GUARDIA DI FINANZA DI FROSINONE SU UN CONCORSO BANDITO DALLA XV COMUNITÀ VALLE DEL LIRI AVVISI DI GARANZIA ALL'EX PRESIDENTE QUADRINI, AL SINDACO DI VILLA SANTA LUCIA E AD ALTRI POLITICI E FUNZIONARI FROSINONE E PROVINCIA

Viabilità in sicurezza, la Provincia approva 9 interventi PAGINA 2

FROSINONE

Terrazze del Belvedere tra entusiasmo e tante iniziative PAGINA 5

CASSINO

A DESTARE SOSPETTI È STATA LA GRADUATORIA FINALE DELLA PROVA NELLA QUALE COMPAIONO AMMINISTRATORI, PARENTI E CONGIUNTI PERQUISIZIONI NELLE ABITAZIONI E SEQUESTRI DI NUMEROSI DOCUMENTI FERENTINO

PAGINA 8

ALATRI

PAGINA 9

Federico Gargiulo della Velosport Futuro del San Benedetto: si infiamma la polemica campione regionale Esordienti

Leone entra in Consiglio e tira fuori gli artigli

PAGINA 7

VEROLI

PAGINA 10

Estate Verolana 2021, presentato il programma


2

frosinone e provincia

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

PROVINCIA, OPERAZIONE VIABILITÀ SICURA IN VISTA DELLA STAGIONE ESTIVA

A

rce, Aquino, Castro Dei Volsci, Ceprano, Esperia, Falvaterra, Pastena, Sant’Apollinare e Vallemaio. Sono questi i comuni della provincia per i quali il presidente dell'Ente di piazza Gramsci, Antonio Pompeo, ha firmato un decreto di approvazione dei lavori per intervenire sulla sicurezza stradale. In particolare, si tratta

Approvati gli interventi di sistemazione delle barriere stradali in nove comuni di lavori di sostituzione delle barriere metalliche stradali che, in diversi tratti delle arterie provinciali ricadenti nei suddetti territori, presentano condizioni precarie a causa di incidenti stradali o addirittura pessime e che, quindi, necessitano di essere sostituite, dal momento che non ga-

rantiscono più gli idonei requisiti di protezione. L'importo complessivo dei lavori ammonta a 50.000 euro. “Accanto a un importante piano di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria – dicono il presidente Pompeo e il consigliere provinciale delegato alla Viabilità,

Germano Caperna - che hanno impegnato tecnici e mezzi della Provincia nelle 6 aree in cui sono suddivisi tutti i collegamenti tra città e comuni del territorio, ora andiamo ad agire su un altro fronte legato alla sicurezza degli automobilisti che percorrono le nostre arterie.

■■■

IL PRESIDENTE ANTONIO POMPEO E IL CONSIGLIERE PROVINCIALE DELEGATO ALLA VIABILITÀ GERMANO CAPERNA

E questo anche in vista della stagione estiva in cui, grazie al miglioramento della situazione sanitaria legata al conte-

nimento dei contagi del virus, ci auguriamo che il nostro territorio torni ad essere meta apprezzata di turisti e visitatori”.

ELEZIONI COMUNALI SITUAZIONE DELLE CANDIDATURE IN CONTINUA TRASFORMAZIONE

Dario FACCI

L

e Comunali se le chiami ti rispondono, direbbe il saggio. La rarefazione dell'aria estiva illude sulla durata di una campagna elettorale che, in realtà, ha due mesi di tempo perché ad agosto... chiunque tu sia non ti conosco. Eppure tante faccende non si sono aggiustate nei campi di gara principali. Ad Alatri, dove la situazione sembra più definita con il candidato del centrosinistra Di Fabio, un outsider (si fa per dire) di lusso come Pavia il pentalista e Cianfrocca paladino del centrodestra resta la sola ma pesantissima incognita Iannarilli. Questi pare non stia per niente tranquillo, non ha digerito fin dal principio la candidatura di Cianfrocca e non avverte intorno a se le garanzie necessarie di un centrodestra effettivamente unito in funzione delle elezioni regionali che, ricordiamolo, restano il suo confessatissimo obiettivo. Per chi ha seguito da qualche tempo le vicende elettorali di questo territorio non sarà difficile ricordare come,

Ad Alatri il rebus Iannarilli A Sora Luca Di Stefano al via comunque, Iannarilli non sia "tenero" come avversario nell'agone elettorale. Resta, insomma, una questione da pesare perché potrebbe creare decisivi problemi a Cianfrocca. A Sora, altra piazza molto importante per la provincia di Frosinone dove si va al rinnovo pare che la coalzione di centrosinistra che vedeva oltre al Pd e ai Cinquestelle anche una civica che fa capo a Mario Cioffi, quella di Augusto Vinciguerra e una che fa riferimento a Maria Paola D'Orazio sembra, per ora, rimasta a tre. Cioffi infatti ha sbattuto la porta e se ne è andato, i Cinquestelle non hanno ancora trovato l'accordo sul candidato a sindaco che, per il Pd, è la D'Orazio e per loro, invece, dovrebbe essere Valeria Di Folco. Cioffi se ne è andato con... onta. Pd e Cinquestelle si sono fatti prendere a “pacchere”

■ ■ ■ IN ALTO LUCA DI STEFANO

sui social. Cioffi ha sbottato per l’inconcludenza di una riunione perpetua della quale – dice – “nei punti salienti ci è sfuggito di capire senso e direzione”. La faccenduola si direbbe offensiva per i responsabili di partiti veri

e propri, trattati come dei dilettanti allo sbaraglio. Cioffi ha rivendicato, nel medesimo post, la bontà della loro candidatura a sindaco di Matteo Tuzi, definito come “grande novità e vero valore aggiunto”, cosa che capi-

rebbe anche “un bimbo di 5 anni incuriosito dalla politica”. Altra batosta micidiale sul grugno degli esperti del partitone leader del centrosinistra e dei pentastellati. Insomma, sebbene Cioffi pare si auguri che si sia trattato solo di un momento di confusione (cosa che parrebbe lasciare la porta aperta) bisogna vedere quanto elastico dovrebbe essere l’amor proprio dei rappresentati di Pd e Cinquestelle per far finta di niente dopo tale mazzata. A meno che Cioffi non ritratti con contrizione, cosa assai difficile visto il tono della comunicazione. La domanda ora è: che fara? Pare, sembra, si dice che Cioffi provi un accordo con il centrodestra di Ruggeri dove però certamente non troverà la stessa disponibilità degli altri a concedere posizioni rappresentative degli altri. Nel novero delle Voci

dal Palazzo, dunque della fantasia politica c'è anche chi vedrebbe la possibilità che si crei un cartello forte, sostenuto anche da Dem di antiche tradizioni e magari anche da civici come lo stesso Cioffi, per sostenere una candidatura clamorosa come quella di Francesco Scalia che, non tutti sanno, abita a Sora. L'ex presidente della Provincia, ex parlamentare ecc. però ha già risposto più volte di non volerne sapere di tornare nell'agone politico in prima persona. Dunque risulterebbe davvero priva di fondamento questa voce che, comunque, per dovere di cronaca elenchiamo. E poi... non si sa mai. Tra l'altro lo stesso Scalia è stato indicato più di una volta come il candidato ideale per il Comune di Frosinone ma... anche in quel caso, stessa risposta. Intanto sabato prossimo ufficializza la sua candidatura Luca Di Stefano. Giovane di belle speranze, figlio d'arte, sostenuto da sei liste tra le quali c'è anche ArticoloUno. Una realtà questa che certamente darà del filo da torcere e con la quale tutti dovranno fare i conti.


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

FROSINONE e provincia

3

COMUNITÀ MONTANA VALLE DEL LIRI E COMUNE DI VILLA SANTA LUCIA: 13 AVVISI DI GARANZIA PER UN CONCORSO

I posti per parenti e amici La Guardia di Finanza ha perquisito le abitazioni degli indagati e sequestrato numerosi documenti

G

li investigatori del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone ieri mattina hanno eseguito 26 perquisizioni locali e domiciliari nei confronti di 13 persone, coinvolte a vario titolo nella commissione di reati di abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, nonché rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio, in relazione ad un concorso pubblico bandito dalla XV Comunità Montana Valle del Liri per l’assunzione di un agente della Polizia Locale a tempo indeterminato per conto del Comune di Villa Santa Lucia. Le attività di perquisizione, estese anche nella provincia di Roma e Napoli, interessano in particolare le residenze e gli uffici di alcuni degli indagati pubblici ufficiali, dislocati presso alcuni enti pubblici e locali della provincia di Frosinone. Contestualmente, in ordine ai reati sopra indicati, sono stati, altresì, notificati 13 avvisi di garanzia nei confronti di altrettanti soggetti, tra i quali 6 pubblici ufficiali. Nel corso delle attività investigative finora svolte dal Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Frosinone, mediante l’elaborazione ed il riscontro di dati ed informazioni contenuti nella documentazione acquisita nell’autunno scorso nei confronti della XV Comunità Montana e del Comune di Villa Santa Lucia, sono stati rilevati gravi elementi di reità da parte

IL TAR RESPINGE IL RICORSO DI QUADRINI

I

degli indagati in tutte le fasi del concorso in esame, con particolare riferimento alla composizione della Commissione giudicatrice, risultata essere costituita da pubblici ufficiali legati da vincoli di parentela con alcuni amministratori di enti locali della Provincia di Frosinone. Inoltre, le investigazioni, nate anche da un’inchiesta giornalistica, hanno evidenziato criticità pure in ordine alla composizione della graduatoria finale, rilevando che dei 43 candidati risultati idonei al termine della procedura, almeno 10 sono politici e/o già amministratori della provincia, ovvero in taluni casi diretti congiunti degli stessi. Gli indagati Nel mirino della Guardia di Finanza sono finiti Luca Di Maio, segretario generale della XV Comu-

nità Montana Valle del Liri di Arce, nonché Presidente della commissione d’esame; Maria Raso, presidente della commissione d’esame; Antonio Marasca, membro esterno della commissione d’esame; Paolo Fella, membro esterno della commissione d’esame; Claudia Tata, segretaria della commissione d’esame; Orazio Capraro, RUP nel procedimento amministrativo per l’assunzione a tempo determinato di Valter Salera; Gianluca Quadrini, già presidente, Commissario pro-tempore, della XV Comunità Montana Valle del Liri di Arce; Maria Grazia Nardoianni, segretaria (supplente) della commissione d’esame; Antonio Iannarelli, sindaco del Comune di Villa Santa Lucia; Tommaso Nardoianni, assessore della Giunta del Comune di Villa Santa Lucia; Giuseppe La Mar-

ra, assessore della Giunta del Comune di Villa Santa Lucia; Samantha De Santis, concorrente idonea, segretaria personale del già presidente, commissario pro-tempore, della XV Comunità Montana Valle del Liri di Arce; Valter Salera, vincitore del concorso. L’impegno delle Fiamme gialle Le attività investigative odierne testimoniano il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrastare gli illeciti contro la Pubblica Amministrazione che danneggiano gli onesti e fanno aumentare i costi dei servizi pubblici, contribuendo concretamente ad affermare la meritocrazia per aiutare la crescita produttiva ed arginare l’impatto negativo della crisi economica e sociale conseguente all’emergenza pandemica, nonché a sostenere il rilancio del Paese.

l TAR del Lazio sezione distaccata di Latina ha respinto il ricorso dell’ex presidente della Comunità Montana Valle del Liri, Gianluca Quadrini. L’antefatto - A Marzo, infatti, il Presidente della Regione Lazio, su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali, nell’ambito dell’iter avviato per la trasformazione delle ventidue Comunità Montane del Lazio in Unioni di Comuni Montani, attraverso decreto ha disposto la revoca delle nomine a Quadrini di Commissario Straordinario Liquidatore e di sub Commissario Liquidatore della XV° Comunità Montana “Valle del Liri”. Con un altro decreto, inoltre, Zingaretti ha nominato Rossella Chiusaroli quale Commissario ai sensi dell’art. 3, comma 130 L.R. 17/2016 assegnando ad essa il termine di sessanta giorni per la trasmissione del bilancio finale di liquidazione. Tale azione è stata contestata da Gianluca Quadrini che prontamente, sostenendone l’illegittimità, attraverso il ricorso al TAR, ne ha richiesto la sospensione al fine di poter personalmente completare le attività di liquidazione e trasformazione dell’Ente. I motivi aggiuntivi e il ricorso respinto - Nella seconda udienza l’ex presidente della Comunità Montana, tramite l’avvocato Massimo Di Sotto ha proposto dei motivi aggiunti nel quale ha contestato che la vera motivazione della revoca è stata taciuta e che quella riferita dal decreto, oltre che di per sé inconsistente era anche apparente. In più, i motivi aggiunti avevaono mosso eccezione di incostituzioinalitò delle norme regionale che consentirebbero simili revoche, senza consultazione alcuna con gli enti locali aveva mosso. La Regione e la neo commissaria, Rossella Chiusaroli si sono difese, tra l’altro, negando la fondatezza e la legittimità del ricorso perché la revoca si basava su alta discrezionalità e un ritardo nell’assunzione degli atti. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, sezione distaccata di Latina, nella Camera di Consiglio di ieri, ha respinto la domanda cautelare di cui al ricorso e ai motivi aggiunti di Gianluca Quadrini. Le motivazioni - «Considerato che, – si legge nell’ordinanza del TAR – al sommario esame proprio della presente fase, non si rinvengono i presupposti di cui all’art. 55 c.p.a. per la concessione della tutela cautelare richiesta, attesa l’assenza di evidenti profili di “fumus”, legata alla discrezionalità di cui godeva la Regione nel disporre la revoca contestata e ai presupposti di fatto su cui la stessa si è collegata nella vigenza della norma applicata; Considerata, anche allo stato della procedura, la prevalenza, nel necessario bilanciamento degli interessi coinvolti, di quello pubblico alla riorganizzazione delle strutture territoriali montane rispetto a quello personale come prospettato dal ricorrente».


PAGINA 4

25 GIUGNO 2021


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

frosinone

5

ANCHE PER QUESTO FINE SETTIMANA PREVISTE NUMEROSE INIZIATIVE PER IL RILANCIO DELLA PARTE ALTA DEL CAPOLUOGO

"Terrazze", un'esplosione di gioia Per i più piccoli c'è Bimbincentro. La soddisfazione dell'assessore al Centro Storico Rossella Testa

L'

inizio è stato con il botto. “Le Terrazze del Belvedere”, la manifestazione voluta dall’amministrazione Ottaviani e messa in piedi dall’assessore Rossella Testa per favorire il commercio , unendo alla movida, anche eventi dedicati ai più piccoli e alle loro famiglie, riparte anche per questo fine settimana. Da Piazzale Vittorio Veneto fino a Largo Turriziani è stata istituita l’isola pedonale e, sui marciapiedi, sono stati installati i dehors dove è possibile degustare cibi e gelati. “Un po’ di luce dopo tanto buio – ha commentato l’assessore Testa, riferendosi al look down dovuto alla pandemia – Un modo per permettere alle attività commerciali e non solo, sempre in sicurezza, di tornare alla normalità. Per gli esercenti, sotto il profilo economico, è stato davvero un periodo durissimo. Tornare a vedere gente – ha aggiunto – è veramente un’emozione”. In programma anche ‘Bimbincentro, la manifestazione con giochi e intrattenimento, occasioni di divertimento e socializzazione in sicurezza: gli appuntamenti per i più piccoli sono per oggi, venerdì 25, e

IERI SERA SI SONO ESIBITI I CLUB MARIO

Stasera spettacolo di chitarra e voce con Giorgio Canali dei Rossofuoco

D

Un'isola pedonale che parte da Piazzale Vittorio Veneto e arriva a Largo Turriziani dove è possibile degustare cibi, gelati e cocktail sabato 26 giugno. E ancora giovedì 1° e venerdì 2 luglio. Per accedere alla zona sono a disposizione parcheggi su piazza dei tre martiri toscani, piazza San Tommaso d’Aquino, piazza VI dicembre, via Fosse Ardeatine, piazza Diamanti, piazza Garibaldi, piazza Marzi, piazzale della Libertà, via Cavour (mercati coperto); in queste zone le strisce blu sono gratuite dalle 20 alle 9. è stato istituto un servizio navetta dalle ore 21:00 alle ore 1:00 nei giorni giovedì, venerdì, sabato e domenica, con percorrenza della durata di 20 minuti a corsa,

con il seguente tragitto: Capolinea (V.AldoMoro -Parcheggio Ascensore Inclinato Via Aldo Moro) – Via Isonzo – Via Adige – Via Po’ – Campo Sportivo Ma-

tusa – Viale Mazzini – P.zza VI Dicembre, inversione e percorso inverso. Le corse verranno effettuate ogni 20 minuti a partire dalle ore 21:00.

ue serate di musica, spettacolo e divertimento all’Euro Park Frosinone, lo Street Food 2.0 degli Europei di calcio. Giovedì sera è stata la volta dei Club Mario, con lo Special Guest Max Cottafavi. Per chi non lo sapesse Max Cottafavi è il chitarrista di Luciano Ligabue, mentre i Club Mario hanno proposto uno spettacolo musicale dedicato alla carriera discografica di Luciano Ligabue. In circa 2 ore di concerto si sono ripercorsi i grandi brani e le famosissime hits del cantautore emiliano. Stasera, invece, Giorgio Canali, frontman dei Rossofuoco farà uno spettacolo con chitarra e voce, che poi verrà seguito da un dj set rock per un’altra serata da sballo. Tutto ciò aspettando il grande evento di sabato sera, dove all’Euro Park potrai tifare l’Italia come allo stadio grazie al Led Wall 4 x 2 e ad un pubblico sempre più scatenato! Ricordiamo che l’ingresso è assolutamente gratuito e contingentato e dentro il villaggio è presente un Parco gonfiabili per il divertimento dei più piccoli. Che aspetti? Info e prenotazioni al 3276767961 oppure all’indirizzo mailinfo.europark2021@gmail.com Link ufficiale dell’evento completo con tutte le info http://bit.ly/Europark_Frosinone.


6

frosinone e provincia

PER LA TITOLARE DELLA GIOIELLERIA DI SORA QUELLO CON L'AZIENDA CIOCIARA È STATO AMORE A PRIMA VISTA

Il marchio Boccadamo tra... le ‘Tentazioni’ più preziose

I

l prossimo 3 agosto festeggerà il decimo anniversario di apertura della sua attività nel cuore di Sora, al civico 12 di Corso Volsci. Maddalena Farina, postese doc, è la titolare della gioielleria ‘Tentazioni’ che gestisce con la cura e la passione di chi sa che per esaudire desideri ed esigenze della clientela non basta il bello. Servono anche gentilezza ed empatia. Così, forse anche per il magnetismo dei suoi grandi occhi azzurri, mostra orgogliosa le vetrine ricche di gioielli e bigiotteria di alta gamma, tra i quali spicca il marchio Boccadamo, un amore a prima vista: “è il primo ordine che ho effettuato quando ho avviato il negozio”. Intere vetrine a celebrare le collezioni più famose ma anche quelle di ultima fattura, come Gaya, un’esplosione di micro-charms e di colori dal pastello al fluo che

■ ■ ■ MADDALENA FARINA TITOLARE DELLA GIOIELLERIA TENTAZIONI DI SORA

letteralmente rapiscono bambine e ragazze. Arcobaleni, animaletti, cuori e stelline: ciondoli per tutte le fattezze e in tutti i toni dei cristalli più iridescenti. Ma tanto spazio hanno anche gli orologi, sia da donna che da uomo: “Sono davvero molto apprezzati – dice Maddalena – e ora che, dopo il fermo per la pandemia, stanno riprendendo comunioni e cerimonie, gli orologi Boccadamo sono un must per

bomboniere e cadeau”. Numerose sono le parure che illuminano a giorno ogni vetrina: non manca nulla perché, confessa la titolare, “non ho mai perso una collezione, inclusa quella ‘Petit’ per i piccoli. Le ho prese tutte senza mai aver avuto difficoltà a proporle, anzi. Il cliente che entra, osserva e sceglie viene inevitabilmente attratto dai prodotti Boccadamo, che non sono soltanto oggettivamente

belli, ma anche molto versatili e, naturalmente, accattivanti per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Per non parlare della confezione in cui vengono proposti e per le varietà di forme e materiali che, comunque, conservano inalterate lucentezza e dinamicità”. Maddalena Farina, titolare della gioielleria ‘Tentazioni’ di Sora Se c’è un punto di forza del marchio firmato dal Commendator Boccadamo, però, per Maddalena è la serietà. “Al di là del prodotto e dell’innegabile qualità – dice – quello che da sempre, a mio avviso, fa leader l’azienda di Tonino è la sua infinita umanità, quel rapporto di fiducia, stima e affidabilità che ha mantenuto inalterati in tutti questi anni di attività. Credo sia questa la caratteristica davvero imbattibile di una delle più affidabili maison sul mercato. E il vanto è che è tutta ciociara”.

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

cassino

7

da poter scoprire le tante attrattive esistenti con una conseguente positiva ricaduta sulle locali attività commerciali e sull’economia del territorio. L’opera una volta finita sarà donata alla città. Per quanto riguarda le basole personalizzate dal primo luglio sarà possibile l’acquisto online sul sito internet www.stra-

dapermontecassino.it» Attraverso un codice che sarà inciso sulla basola sarà possibile “collegare” un messaggio, anche video, da parte del donatore. Un messaggio, una lettera di pace, in qualsiasi lingua che resterà nel cloud sopravvivendo nel tempo, una sorta di piccola eredità. M. Tong

DAL 1 LUGLIO SARÀ POSSIBILE L’ACQUISTO DELLE BASOLE SUL SITO WWW.STRADAPERMONTECASSINO.IT

L

a strada di Pietra per Montecassino è un progetto della Fondazione Cassino Cultura Onlus indirizzata al recupero degli antichi cammini di collegamento tra il centro abitato di Cassino (antica Casinum) con l’Abbazia di Montecassino, completato anche dalla realizzazione di tratti di nuova fattura, con l’intento futuro della creazione del “Parco della Memoria” che colleghi le pendici della Rocca Janula con l’Abbazia di Montecassino. Ogni singola basola, che è il centro dell’intero progetto, verrà incisa con il nome che il donatore indicherà; questo a voler

“La strada di Pietra per Montecassino” Parte il recupero degli antichi cammini simboleggiare l’impegno corale necessario al raggiungimento della pace: ogni pietra porta il nome di una persona e così come una pietra da sola non permette di arrivare alla cima, così una persona sola non può raggiungere l’obiettivo della pace. Lungo la strada sarà realizzata un’illuminazione alimentata da energia solare , verranno realizzate piccole aree di sosta,di ristoro e di accoglienza e vi saranno delle sale dotate di strumenti a realtà aumentata ove sarà possibile rivivere diacronicamente la

Cassino preistorica, dell’epoca romana, medievale e quella della seconda guerra mondiale, il tutto utilizzando anche finanziamenti europei che sarà possibile ottenere attraverso l’A.N.C.I. Lazio che già da tempo ha concesso il patrocinio all’iniziativa . Inoltre ci sono aziende di caratura nazionale, come la Mapei, interessate alla realizzazione del percorso. «Il tracciato della strada di circa sei chilometri, - ha spiegato il vice presidente della Fondazione Antonio Iaquaniello - realizzato di

basole prodotte con materiale protetto da norme regionali, nazionali, e che ha ricevuto l’approvazione da parte dei preposti organi competenti, sarà ricavato dal recupero dei percorsi storici che dall’antica casinum che risalivano il monte e l’Abbazia Benedettina. Scopo del progetto è anche quello di promuovere il turismo. Invitare i visitatori a scendere dai pullman e dalle auto per percorrere a piedi un tragitto come questo significa, implicitamente, esortarli a fermarsi in Città e comunque sul posto, così

LE IMPOSSIBILI TEORIE SUL SEGGIO SPETTANTE A ROSSELLA CHIUSAROLI AVALLATE ANCHE DAL SINDACO

Leone tira fuori gli artigli Oggi l’ingresso ufficiale in Consiglio comunale dell’ex assessore alle Politiche Sociali

Mirko TONG

UN ALTRO WEEKEND DI EVENTI ALLA ROCCA JANULA PER BAMBINI, FAMIGLIE E TURISTI

H

a sciolto ogni riserva già da qualche giorno attaccando su più fronti chi ha messo in discussione il suo ingresso in consiglio comunale. Si, perché c’è anche chi si diverte a riscrivere leggi elettorali e metodi per l’assegnazione dei seggi nella massima assise cittadino. Benedetto Leone è tornato, ha accettato, martedì scorso, davanti al segretario comunale l’incarico che il popolo gli ha conferito, considerate le dimissioni di Mario Abbruzzese e Carmine Di Mambro. Ma procediamo per ordine. Dopo le dimissioni di quest’ultimo qualche buon tempone, coadiuvato da qualche “esperto” ha sollevato un polverone sostenendo che il seggio vacante non spettasse a Leone ma bensì a Rossella Chiusaroli. Secondo la teoria che il successore di un candidato sindaco non eletto debba essere chi ha ottenuto la percentuale di voti più alta. Una ricostruzione fantasiosa avallata, a sorpresa, anche dal Sindaco Enzo Salera. «Ad essere sincero – ha spiegato il primo cittadino ho avuto qualche dubbio anche io su chi dovesse prendere il posto di Mario Abbruzzese». In sostanza anche al Sindaco servono ripetizioni sul metodo

■■■

NELLA FOTO ACCANTO BENEDETTO LEONE EX ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI

dell’assegnazione dei seggi. Per i comuni al di sopra dei 15.000 abitanti si chiama metodo D’Hondt. Nella fattispecie la ripartizione dei seggi avviene in base al numero di voti validi assegnati ad una Lista e non in base al numero dei voti dei candidati. Entrando nello specifico al candidato alla carica di sindaco risultato non eletto, spetta un seggio che è detratto dai seggi complessivamente attribuiti al gruppo di liste collegate. Quindi nella fattispecie Mario Abbruzzese ha preso il seggio spettante alla lista Carmine Di Mambro per Cassino. Dimessosi, il seggio torna dunque alla coalizione e il suo posto in assise è spettato proprio a Carmine Di Mambro, primo dei non

eletti. Dimesso quest’ultimo è toccato a Benedetto Leone. In sostanza con le dimissioni di un consigliere la surroga avviene a scorrimento all’interno della lista della coalizione che ha conquistato il seggio. Impossibile che potesse essere assegnato ad una coalizione diversa, come nel caso di Rossella Chiusaroli, che, tra l’altro ha sempre condiviso l’infondatezza delle teorie dei presunti esperti, candidata nella lista Cassino nel Cuore a sostegno del candidato Giuseppe Golini Petrarcone. Svelato l’arcano, andiamo avanti. Qualcuno ha avuto dei dubbi sulla possibilità di un ritorno alla politica attiva di Benedetto Leone. Il quale, però, non appena sentito le bizzarre teorie

sul suo seggio elettorale ha fatto il suo ingresso nell’arena. «Mi rivolgerò al prefetto, il sindaco non può scegliersi anche l’opposizione». Insomma, di botto, via tutte le perplessità, il Leone è tornato a ruggire. Anche se frecciatine e sarcasmo al vetriolo non sono mancati in questi ultimi dieci giorni in cui anche Mario Costa, dall’alto della sua esperienza, non ha perso occasione per stuzzicare il leone che… dormiva. Sintomo che questo ingresso in aula non fa dormire sonni tranquilli alla maggioranza che fino ad ora potrebbe aver avuto gioco facile. Oggi ci sarà il suo esordio in assise e le premesse sono per un consiglio che non conoscerà noia.

"U

ltimo weekend di Giugno di anteprime culturali alla Rocca Janula – dichiara l’Assessore alla Cultura del Comune di Cassino Danilo Grossi. Dal 25 al 27 Giugno 2021 tre giorni di eventi per far vivere la dimora storica aprendo a giovani, famiglie, avventurieri e turisti. Si parte, oggi, Venerdì 25 Giugno h 20.30 torna l’evento che sta appassionando moltissime persone, dai grandi ai piccini LA ROCCA A LUME DI CANDELA. Ritrovarsi immersi nella bellezza della Rocca Janula al tramonto con aneddoti legati alla storia della Rocca Janula, illuminando il percorso con lanterne a lume di candela. Se non avete mai provato questa esperienza cosa aspettate? Sabato invece una giornata legata alle notre bellezze con NATURA EXPERIENCE. Rocca Janula Experience e DeepWild organizzano infatti un Meraviglioso Trekking percorrendo la storica Cavendish Road. Dalle ore 9 la Visita guidata della Rocca Janula e a seguire, spostandosi di qualche km più in alto, dal cimitero Polacco, dove parcheggiando le macchine, avrà inizio l’escursione. La cavendish Road ci porterà in un viaggio nel tempo, tra boschi e promontori a Nord dell’Abbazia di Montecassino verso punti di assoluto interesse storico. La grande novità del Weekend è la giornata di domenica dove verranno proposti dei laboratori su una tematica molto affascinante con gli *STEMMI, ARALDI E CAVALIERI* dedicato ai bambini e mentre i genitori potranno visitare la Rocca Janula accompagnati da una guida della Cooperativa POIEO Servizi per i beni culturali. «Domenica 27 Giugno 2021 Rocca Janula, alle ore 17.00 infatti, - ha spiegato Grossi - andremo a scoprire quale significato si nasconde nei simboli di uno stemma medievale. E come si interpreta il linguaggio segreto dell’araldica o che cos'è un blasone. Sarà una guida a svelare la storia della Rocca Janula e i segreti della simbologia araldica ai piccoli partecipanti, che si cimenteranno nella creazione di uno scudo decorato con lo stemma della propria famiglia». Nella mattinata di domenica saranno attive delle guide turistiche per visitare la Rocca Janula, monumento simbolo della città di Cassino. M.T.


8

A

nche per la partita degli ottavi di finale di Euro2020 che vedrà la Nazionale Italiana impegnata contro l’Austria, prevista per sabato 26 giugno alle ore 21:00, l'Amministrazione Comunale di Anagni conferma la partecipata iniziativa della proiezione dell'incontro sul maxischermo installato nel piazzale antistante della scuola “De Magistris” in Viale Regina Margherita. L’Assessore alla Cultura e Turismo ed al Commercio Carlo Marino dichiara: «Dopo le emozioni che ci hanno fatto vivere nella fase a gironi, gli Azzurri

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

ferentino-ANAGNI ANAGNI - DOMANI APPUNTAMENTO ALLE 21 PER ITALIA-AUSTRIA

Tutti insieme a tifare per gli azzurri davanti al maxischermo in Viale Regina Margherita

saranno ora impegnati negli ottavi di finale e non vediamo l'ora di “tornare in campo” con loro, anche se solo dietro ad uno schermo. Lo spirito delle “notti magiche” di Euro2020 e della ripartenza economica, del risveglio della nostra vita sociale, è ben rappresentato dalla grande partecipazione di pubblico, in particolare dei bambini, per le partite al maxischermo del piazzale della scuola “De Magistris”. Voglio complimentarmi con i commercianti

di Viale Regina Margherita per il sostegno e per le iniziative connesse ad Euro2020 come specifici sconti che sono anche un bel segnale di ripartenza, una grande risposta alla crisi e la dimostrazione che Anagni sta tornando alla normalità». Si ricorda che, nel rispetto delle normative anti-Covid relative agli eventi in vigore, gli ingressi saranno contingentati e che i posti, rigorosamente da seduti, sono limitati. La vigilanza verrà assicurata oltre che

dalle forze dell'ordine anche dalle Associazioni di protezione civile e volontariato alle quali va il ringraziamento dell'Amministrazione Comunale per la collaborazione. L’Assessore Marino prosegue: «Nelle partite della fase a gironi abbiamo visto che molte persone, arrivate a ridosso del fischio d'inizio, non sono potute entrare a causa dei posti limitati. Il consiglio è quello di venire con un certo anticipo onde evitare di accalcarsi e rischiare di non

FERENTINO - FEDERICO GARGIULO CONQUISTA LA MAGLIA NEL 1° TROFEO KLIMABUS A SANTI COSMA E DAMIANO

Talento della Velosport campione regionale 'Esordienti Primo Anno'

F

ederico Gargiulo è il nuovo Campione Regionale del Lazio per la categoria Esordienti Primo Anno. Il giovane talento di Ceprano, classe 2008, da quest’anno alla Velosport Ferentino, ieri domenica 20 giugno, ha conquistato la maglia di Campione Regionale nel 1^ Trofeo Klimabus che si è svolto nella città di Santi Cosma e Damiano (Lt). Federico, che in stagione ha già ottenuto un secondo posto, un terzo posto, due quarti posti e un quinto posto, ha concluso la gara con il tempo di 57’00” al termine di un percorso di 10 km che i corridori hanno ripetuto 3 volte (30 km), alla media di 32,579 km/h. Per Gargiulo, è arrivata sia la prima vittoria stagione nella categoria Esordienti Primo Anno, e contemporaneamente la conquista del titolo di Campione Regionale del Lazio 2021. Nella gara Esordienti 1-2 anno Gargiulo è giunto quinto, risultato, invece, il primo classificato nella classifica Esordienti Primo Anno. Complimenti a Federico da tutta la Velosport, a partire dal presidente Walter Cardarilli, il direttore sportivo Mario Morsilli, la società e tutti i suoi compagni di squadra. La Ciociaria tutta festeggia il neo campione regionale del Lazio, Federico Gargiulo. Ecco i commenti dopo la conquista del prestigioso

riconoscimento per la Velosport: FEDERICO GARGIULO "La vittoria è dedicata alla mia famiglia e alla mia squadra. Mi sono sempre vicini, mi supportano e mi aiutano. Sono fondamentali per me. In particolare questo traguardo è dedicato a mio padre, che si allena tutti i giorni con me. Sono sempre andato vicino alla vittoria in

questa stagione, e finalmente stavolta è arrivato il successo, che è coinciso anche con una maglia prestigiosa come quella di Campione Regionale". WALTER CARDARILLI (Presidente Velosport) "Era nell'aria, devo dire che noi ci aspettavamo un risultato di prestigio da questo ragazzo. Federico al primo anno con i nostri colori fin

dalle prime gare si è saputo ben distinguere come atleta ma lui, voglio sottolinearlo, ottiene risultati lusinghieri anche a scuola, non ultimo infatti il riconoscimento ricevuto dal "Trinity College London". A Federico, supportato sempre dai suoi genitori, voglio rivolgere un grande in bocca al lupo per i prossimi appuntamenti che lo attendono e in cui sicuramente ci darà soddisfazioni. Siamo orgogliosi di lui, continua così Fede!". MARIO MORSILLI (D.S. VELOSPORT) "È un ragazzo serio, determinato, molto preparato e ben seguito anche dal papà. Ha corso per tutta la stagione con i primi, ottenendo eccellenti risultati, specialmente il secondo posto nella gara in Toscana, regione che vanta tanta tradizione ciclistica. Federico ha passione per questo sport, corre sempre tra i primi e vuole essere protagonista. Si applica tutti i giorni e siamo certi la vittoria del Campionato Regionale gli darà fiducia. È un ragazzo taciturno, che si allena bene, e seguito dalla famiglia in maniera esemplare".

trovare posto. Voglio inoltre fare un appello: poiché il piazzale della scuola è un bene pubblico, occorre rispettarlo ed evitare quindi di sporcarlo lasciandovi,

come si è verificato, bottiglie o altri rifiuti. L'educazione ed il rispetto per i beni comuni sono parte integrante del senso di comunità».

ANAGNI - LA DECISIONE DEL SINDACO

Natalia potenzia i Servizi Demografici Ecco i nuovi orari

P

er venire incontro alle tante richieste della cittadinanza che giungono in tal senso, il Sindaco Daniele Natalia ha firmato un decreto per anticipare l’orario antimeridiano di apertura al pubblico degli uffici dei Servizi Demografici del Comune di Anagni nei giorni di martedì e giovedì. L’orario è stato rimodulato come segue a partire dal 1 luglio 2021: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 09:00 alle ore 12:00; martedì e giovedì dalle ore 09:00 alle 12:00 e dalle ore 15:30 alle 17:30. Il Sindaco Natalia dichiara: «Viste le tante domande da parte dei cittadini relativamente all’espletamento delle pratiche di competenza dei Servizi Demografici, abbiamo deciso di anticipare l’orario di apertura al pubblico degli uffici di Via Garibaldi conformandoli a quelli degli altri giorni della settimana e quindi potenziando il servizio. Nell’ambito della migliore qualità e celerità possibili dei servizi resi dalla Pubblica Amministrazione, salvaguardandone la funzionalità, abbiamo ritenuto fondamentale venire incontro ai cittadini i quali, specie in questo periodo, si rivolgono in modo massiccio agli uffici dell’Ente».


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

ALATRI

9

QUELLO DEL NOSOCOMIO ALATRENSE RIMANE UNO DEI TEMI PIÙ CALDI DI UNA CAMPAGNA ELETTORALE CHE STA ENTRANDO NEL VIVO

San Benedetto, quale futuro?

In vista dell'uscita dalla pandemia, Cianfrocca si dice preoccupato ma Di Fabio rassicura

I

l clima elettorale si fa sempre più caldo in vista della tornata elettorale del prossimo autunno. In attesa del quadro definitivo delle candidature e delle possibili alleanze che potrebbero arrivare dalle mosse attese da Gizzi e Iannarilli, i più attivi nei giorni scorsi sono stati i candidati di centrodestra e centrosinistra Maurizio Cianfrocca e Fabio Di Fabio. Oggetto di polemica l'Ospedale San Benedetto. Dopo le parole di Cianfrocca che si è detto preoccupato del futuro del nosocomio alatrense soprattutto nel momento in cui, si spera presto, finirà l'emergenza sanitaria, sono arrivate le parole di Di Fabio che ha invece rassicurato la cittadinanza sul fatto che ci sarà un potenziamento della struttura. Sarà il tempo a dire quale sarà la verità. La cosa certa è che quello dell'ospedale sarà nelle prossime settimane uno degli argomenti principe di una campagna elettorale che sta entrando sempre più nel vivo. Queste le parole di Maurizio Cianfrocca: «Mi è giunta una segnalazione relativa al futuro dell’Ospedale San Benedetto: contrariamente a quelle che sono state le rassicurazioni nel recente passato, finita l’emergenza Covid, sembra che tutti i reparti,

nello specifico quelli di chirurgia, urologia, pediatria e otorinolaringoiatria, verranno definitivamente trasferiti all’Ospedale Spaziani di Frosinone; l’allarme arriva da chi tutti i giorni opera nei reparti, persone che in questi mesi hanno garantito

un servizio ottimo ai tanti che ne hanno avuto necessità; la nostra intenzione è di non rimanere impassibili e inermi di fronte le solite decisioni imposte dall’alto; così facendo, l’unico “risultato” è il depauperamento e la privazione del servi-

zio sanitario pubblico della zona nord della Ciociaria; il mio appello si rivolge e arriverà a coinvolgere i sindaci dei comuni limitrofi e vicini che, per questa decisione, saranno penalizzati quanto, se non di più, noi alatresi». Non si è fatta attendere nelle ultime ore la replica di Di Fabio che ha parlato di un incontro con la Asl nel quale si è parlato del San Benedetto, un piano illustrato dalla Dirigenza sanitaria anche ai sindacati: «Ho incontrato, insieme al consigliere regionale On. Mauro Bu-

schini, la Direttrice generale della ASL PierPaola D’Alessandro, per affrontare le prospettive dell’ Ospedale San Benedetto di Alatri. La Direttrice generale ci ha rassicurato che sta continuando il lavoro di progressivo potenziamento della nostra struttura ospedaliera che tanto ha saputo offrire alla sanità locale, durante gli ultimi durissimi mesi di pandemia, grazie anche alla professionalità ed alla dedizione dei medici e di tutti gli operatori, sanitari ed amministrativi. Secondo i programmi della Dirigenza ASL, l’Ospedale “S. Benedetto” si specializzerà, attraverso una nuova fase di investimenti in reparti, strutture e personale. Nello specifico, la Direttice generale ci ha spiegato che :sarà potenziata la piattaforma chirurgica in cui non

solo vi sarà la chirurgia generale ma anche la week surgery multidisciplinare (Otorino, Urologia, Oculistica, Dermatologia, ecc) con alcune specialità affermatesi positivamente durante il periodo Covid; tornerà la Medicina generale insieme a Medicina d’Urgenza, con incremento di posti letto; si realizzerà un investimento corposo con il rifacimento strutturale del Pronto Soccorso, per adeguarlo alle accresciute esigenze dell’Ospedale; si consoliderà il Polo dell’Ortopedia e della Riabilitazione, con il mantenimento dell’operatività e dell’offerta sanitaria trasferita in occasione della riorganizzazione per Covid: tale polo dovrà essere un punto di riferimento per l’intera sanità territoriale; resterà il reparto di Pediatria che verrà potenziato con l’introduzione di specializzazioni, attraverso ambulatori multidisciplinari; si consoliderà il potenziamento avvenuto in Terapia Intensiva, a seguito dell’esperienza Covid, per continuare a supportare il previsto maggior carico di Chirurgia». Ha concluso Di Fabio: «La Dirigenza aziendale è consapevole della carenza di personale, soprattutto relativamente ad anestesisti, pediatri, medici d'emergenza, operatori del laboratorio analisi. Ci ha rassicurato che, a tale scopo, si sta adoperando per dare risposte concrete in tempi brevi. La Direttrice generale, come da me richiesto, è disponibile anche ad illustrare nelle sedi istituzionali opportune i progetti sull’Ospedale San Benedetto». C.C.


10

VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

veroli

RICCO CARTELLONE PRESENTATO DAL SINDACO CRETARO E DELLA DELEGATA ALLA CULTURA CERQUOZZI. TRA GLI EVENTI PER LA PRIMA VOLTA IL 'PREMIO VEROLI'

Un'estate all'insegna della cultura

Conferma del Festival della Filosofia con la presenza del ministro Franceschini intervistato dal direttore del Corriere della Sera Egidio CERELLI

U

n programma di intrattenimenti e spettacoli dal vivo di qualità durante il periodo estivo per grandi e bambini, con un occhio di riguardo alle famiglie per trascorrere in tranquillità serate nel bellissimo centro storico di Veroli. Un investimento fortemente voluto dall’Amministrazione per proseguire nelle attività finalizzate alla

valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico di Veroli, elaborando un cartellone di appuntamenti davvero interessanti. Un messaggio, quindi, di speranza dopo il difficile periodo invernale a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 e della conseguente pandemia sviluppatasi su tutto il territorio nazionale. «Investire in cultura è fondamentale per Veroli – il sindaco, Simone Cretaro –

perché dobbiamo sfruttare le potenzialità presenti nel centro storico, palcoscenico naturale per l’intrattenimento di qualsiasi genere, oltre che territorio meta del turismo religioso grazie alla presenza soprattutto della Scala Santa e dell’abbazia cistercense di Casamari. Siamo fiduciosi di aver programmato bene in questo periodo di ripartenza per attirare l’attenzione delle famiglie non solo locali ma dell’intera provincia e,

quindi, determinare un valore aggiunto in termini di presenza per Veroli dove trascorrere in sicurezza ed in tranquillità l’estate”. Nel rispetto del protocollo anti Covid “Veroli Sicuramente”, adottato con successo sin dallo scorso anno in collaborazione con la Asl di Frosinone, e l’utilizzo del metodo di ricerca del metodo matematico ed algoritmo sul monitoraggio dell’accoglienza turistica elaborato dall’Università di Firenze – Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, sono state programmate iniziative molto interessanti. Non manca il teatro, iniziato nei fine settimana di giugno, con la seconda edizione della rassegna “CHIOSTRO IN SCENA” e la novità itinerante nelle contrade di “ARCO DELLE FIABE” itinerante per bambini, in collaborazione con l’associazione Duecento22. Confermatissimo il “FESTIVAL DELLA FILOSOFIA” con la direzione artistica di Fabrizio Vona, con ospiti di rilievo nazionale da Erri De Luca, a Dacia Maraini, al Ministro della Cultura Dario Franceschini intervistato dal direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana, all’arcivescovo Vincenzo Paglia che dialogherà con il senatore Luigi Manconi, per finire con il politologo Massimo Cacciari. Introdotti gli intrattenimenti musicali al chiostro di S. Agostino con “A RIVEDER LE STELLE”, serate in collaborazione con il Conservatorio Licinio Refice, con concerti per pianoforte del maestro Battista, una ensamble di chitarre e, per finire, con un trio di ance. Confermata con la settima edizione la rassegna letteraria “INCONTRIAMOCI A VEROLI” in collaborazione con Ubik. Quindi il “FESTIVAL DELLO SPORT RACCONTA-

TO”, con storie dello sport raccontate appunto tramite cronisti del calibro di Riccardo Cucchi e Marino Bartoletti ed altri autori. La vera chicca estiva del 6 di agosto à certamente la terza edizione de il “PREMIO VEROLI ALLA MEMORIA” che ripercorrerà la storia locale attraverso i suoi non dimenticati personaggi, imprenditori, commercianti, uomini di Cultura- Il Premio si svolgerà nella location di piazza Santa Salome a cura della Associazione culturale “Verevent” che proporrà oltre alle premiazioni di nove verolani anche di personaggi come Mario Coratti ideatore dei Fasti verolani, dell’alpinista Daniele Nardi e di altri di cui Verevent sta contattando i parenti. In questi giorni si sta lavorando con lo studio dello scenografo Gaetano Castelli con altri personaggi del mondo dello spettacolo come Ivan Pierri direttore della fotografia di XFactor e Luca Tomassini il grande coreografo di Madonna. E’ prevista una sfilata della Accademia delle Filatrici di Sora tra una terna di premiazioni e l’altra. La ‘chicca’ della serata, quella del 6 agosto sarà la presenza come ospite di Gianmarco Carroccia, che vediamo spesso nelle TV nazionali con Mogol che canterà sette canzoni. E poi ci saranno le telecamere di Teleuniverso per riprendere l’evento. Saremo più espliciti nei prossimi giorni. «Possiamo aggiungere. Dice la presidente della Verevent, dottoressa Alessandra Papaleo- abbiamo voluto battezzare la nascita della nostra Associazione Culturale con un evento che vanta di essere l’unico nel suo genere nel Lazio. E questo grazie alle Istituzioni come il Comune di Veroli, la Regione Lazio e l’Amministrazione Provin-

ciale oltre ai numerosi sponsor che hanno voluto essere al nostro fianco. Avremo modo di entrare nel dettaglio più avanti» Si registra nel programma il ritorno della tradizionale Sagra della Moricola nel rione di San Leucio con altra simpatica novità di Veroli Estate 2021 sarà “VERAVIGLIOSO” un festival di teatro per le famiglie con spettacoli esilaranti dal vivo nel centro storico dal 29 luglio al 1° agosto. Un diretto collegamento come format ai mitici “Fasti” il festival del teatro di strada, attualmente sospeso causa Covid. La direzione artistica sarà, infatti, di Terzostudio e l’apertura sarà del gruppo storico dei fasti, gli Appiccicaticci. In questo festival è prevista la partecipazione di Don Dino Mazzoli ed i suoi laboratori creativi “DIN DON ART”. Nel primo fine settimana di settembre, oltre alla Sagra della Ciammella che per la 42 volta animerà il suggestivo borgo medioevale di S. Croce, mentre il 4 settembre la città ospiterà la tappa del festival di musica popolare di Tarantelliri, con MAX GAZZE’ in concerto al polivalente, per concludere gli intrattenimenti con la manifestazione storica della PANTASEMAcon la 55° edizione della festa goliardica di fine estate. “Un contenitore di indubbio livello che va ad attirare la curiosità di un ampio potenziale di spettatori, ognuno con le proprie aspettative ed interessi- così la consigliera delegata alla Cultura, Francesca Cerquozzi- Un equilibrio tra eventi di livello nazionale e quelli con un target più territoriale, un connubio vincente per caratterizzare l’offerta di intrattenimento di qualità che vada nella direzione di continuare a valorizzare la nostra città”.


VENERDÌ 25 GIUGNO 2021

11

veroli-BOVILLE ERNICA

BOVILLE - IL CONSIGLIO COMUNALE HA APPROVATO L’ATTO COSTITUZIONALE DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO VALLE DEL SACCO

Biblioteca accreditata dalla Regione In questo modo potrà continuare a fornire servizi di qualità ai propri utenti L'ECCIDIO SETTIMANALE Nelle prove libere domina il duo Caperna-Cerquozzi Outsider? Per il momento nessuno di Egidio Cerelli

L

a politica verolana sta stimolando un appetito con un pizzico di peperoncino. Forse perché ognuno può esprimere liberamente il proprio pensiero diventa anche allettante e gustoso assaggiarne i succulenti menù quotidiani. Ormai, lo sanno pure i muri, il post Cretaro sta diventando una sorta di Eldorado per tutti. Per i partiti, e son pochi, con liste civiche, però, tante. C’è chi persino avrebbe voglia di qualificarsi per la pole position per la griglia di partenza. Sinora le prove libere sono all’insegna del nascondere le vere potenzialità delle proprie macchine. Tant’è che lo sguardo di qualcuno diventa cagnesco lanciando persino il guanto di sfida. I giochi non sono per niente fatti. Anzi le frizioni sembrano essere il perno delle continue diatribe. Oggi i veri candidati sono due per il post Cretaro. Checchè se ne dica, quelli che sembrano essere usciti allo scoperto sarebbero, il civico che raccoglie tanti sponsor con Germano Caperna e la giovane enfant prodige del PD, Francesca Cerquozzi. Non parliamo né di Salvini e né della Meloni che a Veroli registrano solo campioni del vero camaleontismo politico. Per cui almeno sinora i nomi dei candidati o del candidato unitario lo senti di rimbalzo solo davanti ai Bar. Tutto dipenderà però dalla prima prova ufficiale dopo le ‘libere’. Quando infatti si tratterà di preparare la griglia di partenza per la Provincia. Lo scenario non cambia di molto con Cristina Verro, la donna di Proxima, attuale presidente del Consiglio, pronta a portarsi verso piazza Gramsci ed un’altra donna,unica con il logo di un partito.il PD, che è Francesca Cerquozzi. Da qui si capirà chi potrà poi lanciarsi verso la scalata di palazzo Mazzoli. Altre storie che qualcuno anche tra attuali e vecchi amministratori vorrebbe far ascoltare ai cittadini verolani sono meteore. Come vedete, predomina il duo PD-Renzi. Se quest’ultimo però tra qualche anno avrà, a dire il vero, quella potenza di conquistare la pole position per la griglia di partenza. E ciò potrebbe avvenire senza il cambio motore. Altrimenti di certo ci sarà una forte penalizzazione. E Cretaro? Ha lasciato intendere a più riprese che ha fatto il suo tempo e che forse la politica per lui potrebbe rimanere solo un optional e nulla più. Tant’è che non lo abbiamo mai visto con la cresta alzata in segno di carisma per cui spesso durante le due consiliature mai ha avuto la forza di gridare come negli ultimi tempi.

I

l Consiglio comunale ha approvato l’atto costitutivo del Sistema bibliotecario Valle del Sacco grazie al quale la Biblioteca Comunale di Boville Ernica, anche quest’anno, è stata inserita nell'Organizzazione bibliotecaria regionale (OBR) dopo l’accoglimento della domanda di accreditamento 2021 per i servizi culturali del Lazio e potrà continuare a fornire servizi di qualità ai propri utenti. L’argomento è stato discusso e approvato al terzo punto dell’ordine del giorno durante il Consiglio comunale celebrato venerdì sera in videoconferenza. A illustrarlo ci hanno pensato l’assessore alla Cultura Anna Maria Fratarcangeli e il sindaco Enzo Perciballi: “Si tratta di una

struttura che esiste ormai da anni e che, grazie alla collaborazione fra varie biblioteche della Valle del sacco, permette di poter offrire anche agli utenti di Boville Ernica una serie di servizi, fra cui: consultazione, reference, accesso a internet, prestito locale e domiciliare, prestito interbibliotecario e document delivery; riproduzione di documenti, organizzazione di attività culturali e promozione della cultura, attività informative nei confronti dell’utenza, indagini periodiche di customer satisfaction e accettazione di donazioni”. “Con l’approvazione dello Statuto – le parole dell’assessore Fratarcangeli – abbiamo dato continuità alla presenza ormai decennale, della nostra biblio-

teca, nell’organizzazione bibliotecaria regionale, cosa per nulla scontata soprattutto alla luce della nuova procedura introdotta dalla Regione Lazio per l'accreditamento, che prevede requisiti specifici molto selettivi. La biblioteca di Boville Ernica, grazie anche alla collaborazione e al fattivo impegno del responsabile Domenico Cervoni, continua a proporre ai propri utenti un’offerta di qualità, nonostante le difficoltà dovute alle condizioni attuali, e l’attestazione da parte della Regione Lazio ne è la conferma e rappresenta anche una possibilità di crescita che renderà possibile una rinnovata progettualità in termini di servizi, attività e miglioramento della struttura”.

BOVILLE - APPROVATA ALL’UNANIMITÀ LA DELIBERA PROPOSTA DAL SINDACO PERCIBALLI

I

l Milite Ignoto è cittadino onorario di Boville Ernica. Lo ha stabilito venerdì scorso il Consiglio comunale, votando favorevolmente e all’unanimità la proposta di delibera presentata dal sindaco Enzo Perciballi, che dispone di “conferire la cittadinanza onoraria del Comune di Boville Ernica al Milite Ignoto, come segno di riconoscenza a tutti coloro che hanno perso la vita per la difesa della Patria, al punto di trasformarsi nella sublimazione del sacrificio e del valore dei combattenti della Prima Guerra Mondiale e successivamente di tutti i Caduti per la Patria”. E nello stesso atto dell’Assise civica il Comune si riserva anche la possibilità di

Il milite Ignoto diventa ufficialmente cittadino onorario

“consegnare eventualmente al Gruppo di Medaglie d’Oro al Valore Militare – ossia l’associazione che si è fatta promotrice dell’iniziativa a cui quello di Boville Ernica, per volontà del primo cittadino, è stato uno fra i primissimi Comuni d’Italia ad aderire - la suddetta cittadinanza onoraria al Milite Ignoto”. A illustrare la delibera è stato lo stesso sindaco. Ha ricostruito la vicenda che ha portato alla realizzazione della tomba a Roma. “Con la conclusione del primo conflitto mondiale – ha spiegato Perciballi nel corso della seduta – duran-

te cui persero la vita circa 700 mila militari Italiani, il Parlamento del Regno D’Italia approvò la legge 1075 dell’11 agosto 1921 per la sepoltura sull’Altare della Patria in Roma; agli eroi di guerra senza nome, che hanno combattuto per la Patria durante quel conflitto mondiale, va l'omaggio più alto dello Stato italiano; il mastodontico Altare della Patria, dedicato a Vittorio Emanuele II, diventò così un monumento nazionale dove, sotto la Dea Roma, giace il corpo di un soldato non identificato. Il Milite ignoto è un combattente italiano senza nome, scelto

da una donna di Trieste, tra un gruppo di militari caduti in battaglia e mai identificati. Fu una commissione a rintracciare undici vittime ignote, inumate nei territori dove furono più aspri i combattimenti: fu scelto un feretro e la salma venne trasferita in treno a Roma. Nel corso degli anni quel soldato di nessuno è diventato di tutti, quale simbolo di sacrificio e del valore dei combattenti della Prima guerra mondiale e successivamente di tutti i caduti per la Patria”. Ha aggiunto Perciballi: “Oggi è un grande onore, in rappresentanza dell’intera comunità,

rendere omaggio al Milite Ignoto figlio anche di Boville Ernica” ribadendo di essere lieto di aver accolto tramite l’Anci la proposta del Gruppo di Medaglie d’Oro al Valore Militare

“proprio nel periodo storico in cui ricorre la commemorazione del centenario della traslazione del Milite Ignoto nel sacello dell’Altare della Patria a Roma, 4 novembre 1921-2021”.

Pagina a cura di Egidio CERELLI


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021

Profile for tusport.redazione

TU SPORT n. 253  

TU SPORT n. 253  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded