Page 1

N. 259 - Venerdì 10 Settembre 2021

DENTRO LA PASSIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

SALA STAMPA

GUALTIERI: «OBIETTIVO FAR CRESCERE IL BRAND FROSINONE»

AVANTI COSI '! PAGINA 5

IL FROSINONE AFFRONTA IL PERUGIA CON L'OBIETTIVO DI VINCERE LA PRIMA PARTITA CASALINGA IL MATCH Zampano e Cotali sulle fasce Garritano confermato a centrocampo Ciano ancora falso nueve

BASKET Via alla Supercoppa di Serie B: domani prima gara per la Virtus, a Cassino arriva il Formia

PAGINA 2

PAGINA 6


2

VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

IL MATCH

GIALLAZZURRI A CACCIA DEL PRIMO SUCCESSO INTERNO STAGIONALE. DUE DUBBI DI FORMAZIONE PER GROSSO

FROSINONE, CONTINUA A STUPIRE Antonio VISCA

D

ATTENTI A QUEI DUE I possibili "uomini partita" del Frosinone scelti da Tu Sport

^

SERIE B CLASSIFICA 2

Promossa in Serie A

Accedono ai Playoff

Accedono ai Playout

Retrocedono in LegaPro

rugia, ci sono parecchi dubbi legati soprattutto alle condizioni fisiche degli ultimi arrivati. In porta agirà Ravaglia. La difesa a quattro dovrebbe essere composta da Zam-

RISULTATI 2^ GIORNATA PROGRAMMA 3^ GIORNATA

timo avvio, sembra carico come ai bei tempi. Insomma, le premesse per fare bene ci sono tutte. Ora sarà il campo a parlare. Per quanto riguarda l’undici che affronterà il Pe-

GIORNATA

opo un ottimo e promettente inizio di campionato, il Frosinone è atteso domani dalla sfida interna contro il Perugia. I giallazzurri vogliono dar seguito a quanto di buono visto fino a questo momento, cercando di regalare la prima gioia interna ai propri tifosi. La sosta dovuta ai vari impegni delle nazionali, è arrivata forse nel momento peggiore visto che i ragazzi di Grosso sembravano avere una marcia in più rispetto alle rivali. Nonostante i tanti volti nuovi arrivati in Ciociaria nell’ultima sessione di calciomercato, la truppa giallazzurra è sembrata avere dei meccanismi di gioco già ben oliati. La squadra al momento si diverte e fa divertire ed è davvero una delizia per gli occhi vederla giocare. I tifosi, tornati finalmente ad assistere alle partite, sono entusiasti e carichi per una stagione che potrebbe regalare parecchie soddisfazioni. Gli obiettivi tracciati da Stirpe ad inizio stagione sono stati ben recepiti da ambiente e anche dal direttore Angelozzi che, oltre a prendere calciatori top per la categoria come Ricci, Garritano e Canotto, ha ringiovanito, e di parecchio, la rosa giallazzurra con calciatori di proprietà e di prospettiva. L’ambiente, complice anche l’ot-

pano e Cotali sugli esterni e da Gatti e Szyminski nel mezzo. Out per almeno due mesi Brighenti che si è operato qualche giorno fa alla caviglia. Il nuovo arrivato Casasola, a sensazione, dovrebbe partire dalla panchina. Stesso discorso per Matteo Ricci che, arrivato solo da qualche giorno ed essendosi allenato da solo per quasi tutta l’estate, non avrà sicuramente i 90 minuti nelle gambe. Per questo è molto probabile rivedere lo stesso centrocampo di Vicenza: Garritano e Boloca ai lati di Maiello. In avanti dovrebbe essere riproposto lo stesso terzetto delle prime due partite stagionali: Canotto e Zerbin sugli esterni e Ciano come falso nueve.

···

···

LUIGI CANOTTO

CAMILLO CIANO

I possibili "uomini partita" del Perugia scelti da Tu Sport

···

···

MIRKO CARRETTA

CHRISTIAN KOUAN

I BOMBER GIALLAZZURRI

CHARPENTIER CIANO

1 1

MAIELLO ZERBIN

1 1


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

3

l'avversario rosinone f I d i n io z a m r le fo erITE e perugia sugg i "tu sport" d e n io z a d e r a dall

Campionato Nazionale Serie B Terza giornata

VS

Sabato 11 Settembre 2021 ore 14:00 Stadio: Benito Stirpe Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo Assistenti: Dario Garzelli di Livorno e Domenico Fontemurato di Roma Quarto: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia VALUTAZIONE DIFFICOLTÀ MATCH: PERCHÉ PERUGIA: I biancorossi vogliono riscattare la sconfitta interna contro l’Ascoli e uscire con un risultato positivo dal “Benito Stirpe”. Mister Alvini si affida al 3-4-1-2 che ha portato al successo esterno contro il Pordenone nella prima giornata. Tra le insidie principali del Grifone troviamo l’ivoriano Kouan che, con le sue capacità di inserimento, può costituire un serio pericolo per la retroguardia ciociara. Attenzione, poi, anche a Carretta che ha già segnato tre volte al Frosinone quando indossava la maglia del Cosenza.

-3 frosinone 4-3

11

IL BORSINO

COTALI

SZYMINSKI

GATTI

ZAMPANO

29

25

6

16

8

21

GARRITANO

MAIELLO

BOLOCA

24

28

27

ZERBIN

CIANO

CANOTTO

7 CARRETTA

11 MURANO

28 KOUAN

8

19

44

BURRAI

M VANBALEGHE

LISI

15 DELL’ORCO

5 ANGELLA

23 FALZERANO

-2 perugia 3-4-1

PERCHÉ FROSINONE: La squadra di Grosso ha stupito tutti in queste prime due giornate dal punto di vista del gioco e della tenuta fisica. Il Frosinone, mai come in quest’inizio di stagione, sembra avere tante soluzioni offensive, ed i 4 gol con altrettanti marcatori diversi lo stanno a testimoniare. Ciano sembra un lontano parente dal calciatore svogliato e non determinante visto l’anno scorso. I canarini hanno tante soluzioni in panchina e anche chi non partirà dal primo minuto può essere decisivo ai fini del risultato finale. La squadra sembra divertirsi durante la partita ed ognuno aiuta sempre il proprio compagno.

1 RAVAGLIA

2 ROSI

22 CHICHIZOLA

IL GRIFONE È TORNATO IN SERIE B DOPO UN ANNO DI PURGATORIO IN C. PANCHINA AFFIDATA AL TECNICO EX REGGIANA

IL PERUGIA RIPARTE DA ALVINI Stefano PANTANO

D

opo appena un anno di purgatorio, il Perugia ha fatto ritorno in cadetteria vincendo il girone B di Serie C al termine di un testa a testa serrato con il Padova. Gli umbri hanno concluso a pari merito con i veneti, ma sono riusciti a staccare il pass per la B in virtù del vantaggio negli scontri diretti. La nuova stagione è iniziata con l’addio al tecnico artefice della promozione, Fabio Caserta, che ha lasciato il Grifone per divergenze di programmazione con la società sposando poi la causa del Benevento. Al suo posto è arrivato Massimiliano Alvini, reduce da due anni alla guida della Reggiana nei quali ha collezionato una promozione in B seguita da una retrocessione nella scorsa stagione. Ad accompagnare il tecnico di Fucecchio nella nuova avventura c’è ancora Renato Montagnolo, che, ad appena 31 anni, si conferma il più giovane allenatore in seconda tra Serie A e B. L’inizio di campionato ha visto gli umbri centrare un successo in casa del Pordenone grazie alla rete in chiusura di prima

frazione di bomber Murano. L’esordio casalingo contro l’Ascoli, invece, si è chiuso con un pirotecnico 2-3 in favore dei bianconeri. La doppietta di Saric e il gol dell’ex Frosinone Dionisi hanno vanificato le marcature siglate da Carretta e dall’altro ex canarino Rosi. A proposito di ex, sarà certamente una sfida dal sapore particolare per Fabio Grosso che domani pomeriggio ritroverà da avversario

la squadra che nel 2001 lo ha lanciato in Serie A. La sfida dello “Stirpe” sarà un bel banco di prova per i biancorossi che sono chiamati ad affrontare una delle compagini più in forma del campionato. Mister Alvini schiererà i suoi con il 3-4-1-2. A difesa dei pali l’argentino ex Spezia Leandro Chichizola, con Andrea Fulignati a svolgere il ruolo di secondo. Il terzetto arretrato vede Gabriele Angella come

perno centrale, alla sua sinistra spazio a Christian Dell’Orco, mentre a destra Aleandro Rosi appare in vantaggio sull’altro ex canarino Marcos Curado e su Filippo Sgarbi per una maglia da titolare. Le corsie esterne saranno presidiate da Marcello Falzerano e Francesco Lisi. In mediana Salvatore Burrai sarà affiancato da uno tra il francese Valentin Vanbaleghem e l’ex Chievo Jacopo Segre. Partiranno

invece dalla panchina Andrea Ghion e Simone Santoro. Sulla trequarti l’ivoriano Christian Kouan è favorito su Alessandro Murgia, arrivato sul finire del mercato in prestito dalla Spal. Il reparto avanzato sarà guidato da Mirko Carretta, che in carriera ha timbrato per tre volte il cartellino contro il Frosinone. A far coppia con l’ex Cosenza sarà uno tra Jacopo Murano, autore di 11 centri nella scorsa

stagione con il Grifone, e Manuel De Luca, approdato in biancorosso dalla Sampdoria con la formula del prestito. Tra le opzioni a gara in corso ci sono poi il possente Andrea Bianchimano, il gambiano Kalifa Manneh e il brasiliano Ryder Matos, prelevato in chiusura di mercato dal ds Marco Giannitti – altro ex dell’incontro – a titolo definitivo dall’Udinese dopo aver centrato la Serie A con l’Empoli.


PAGINA 4

10 SETTEMBRE 20201


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

SALA STAMPA

5

IL DIRETTORE DELL'AREA MARKETING SALVATORE GUALTIERI: "IL NOSTRO OBIETTIVO È QUELLO DI FAR CRESCERE IL VALORE DEL FROSINONE"

IL TRIDENTE DI SPONSOR PROMETTE SPETTACOLO

C

onferenza stampa del Frosinone Calcio per la presentazione di tre sponsor, dei quali due new-entry, che hanno unito il proprio nome a quello del club giallazzurro. A presentare il progetto il direttore dell’Area Marketing & Comunicazione-Rapporti Istituzionali, Salvatore Gualtieri. Al suo fianco i tre manager in rappresentanza della ‘Orsolini’, presente Giulia Orsolini, della ‘Polsinelli’ con Daniele Polsinelli e della ‘Enoteca La Torre’ per la quale è presente l’ad Michele Pepponi. A fare gli onori di casa è lo stesso Gualtieri. “Ho voluto questa conferenza soprattutto per presentare i tre nuovi partners molto importanti del Frosinone Calcio. Ho però una premessa da fare, anche per ripartire da concetti che ci siamo lasciati alle spalle durante questo lungo periodo di ‘distacco’ forzato tra noi: la stampa è centrale e fondamentale per il progetto del Frosinone Calcio. La mia missione si occupa promozione e sviluppo del brand del Frosinone calcio in Italia e all’estero, come anche ribadito dallo stesso presidente Maurizio Stirpe durante la sua conferenza stampa di giugno. Il Presidente ebbe modo di dire che quattro anni fa, al mio arrivo, è iniziata una vera rivoluzione della struttura societaria e dei quadri dirigenziali. Tutto questo mi ha gratificato, senza dubbio. E rivoluzione significa anche evoluzione del lavoro, vuol dire non dimenticarsi di quelli che hanno lavorato in precedenza e che sono stati altrettanto importanti per questa Società. Ripartire dalla promozione del brand Frosinone Calcio, significa progetto Experience: promozione e sviluppo anche del territorio, Club al servizio dei tifosi, degli appassionati e degli sponsor. Oggi più che mai rimettiamo in moto alla grande, tutto questo ci dà slancio alla riattivazione dei progetti del Frosinone. E’ la strada che ci ha indicato il presidente Stirpe, che coincide con i valori alla base della mission: club virtuoso, un modello di gestione sostenibile nel quale tutte le Aree del club focalizzate su un obiettivo comune, che poi è quello della messa in sicurezza del patrimonio sportivo

della Società. E che spaziano dalle risorse umane, lo Stadio, il Centro Sportivo. Unica strada per garantire un futuro roseo al Club e un percorso lungo e duraturo ai colori giallazzurri”. Gualtieri ha poi aggiunto: “La mia Area ha un’altra funzione: portare valore attraverso i ricavi. Ricavi dalla Lega ed ricavi extra. Che vanno gestiti secondo le linee dettate dal Presidente: con uscite coerenti sempre nel perimetro della sostenibilità. Nel Calcio moderno ormai investimento non significa automaticamente raggiungimento del risultato sportivo. Nel Calcio moderno è importante l’organizzazione, la struttura, i progetti, la costruzione di una famiglia sportiva, la vera sfida è questa”. E quindi la volta della presentazione dei manager delle Aziende: “Apro con lo sponsor di maglia ‘Orsolini’. Un’Azienda che ha cinque generazioni alle spalle, ben 140 anni di storia e che ci riempie di orgoglio il fatto che sia al nostro fianco. Una realtà che sposa gli stessi valori del Frosinone e crea lavoro nel territorio”. Interviene Giulia Orsolini, giovane discendente della dinastia che ha creato in provincia di Viterbo l’Azienda impegnata nella distribuzione di materiale edile: “E’ un onore per noi essere qui. Abbiamo scelto quest’anno di essere qui al fianco del Frosinone perché condividiamo gli stessi valori che abbiamo anche noi, vale a dire la competenza, professionalità,

amore per il territorio. La ‘Orsolini’ è nata nel 1880, è una realtà leader nella distribuzione edile in Italia. Abbiamo 30 punti vendita con 400 dipendenti. La nostra Azienda si sviluppa a Vignanello in provincia di Viterbo, a Frosinone siamo presenti del 2011 e in diverse regioni italiane. I nostri clienti principali sono le imprese edili, gli idraulici ma anche le famiglie. Il punto vendita di Frosinone è stato anche rinnovato. Abbiamo scelto, come detto, il Frosinone calcio, una novità per noi la presenza nello sport, perché fa parte del nostro territorio e sicuramente ci può dare una visibilità molto ampia e rappresentativa”. Gualtieri dà la parola poi a Daniele Polsinelli, della Azienda omonima, leader nel settore della costruzione di attrezzature per il settore della ristorazione: “Un altro sponsor di maglia, la ‘Polsinelli’. Che per noi non rappresenta una new-entry. Voglio ringraziare il qui presente Daniele Polsinelli per due motivi: che ha preso una posizione importante sulla maglia ed ha raddoppiato l’investimento con noi, un aspetto che di questi tempi va assolutamente evidenziato”. “Ci siamo avvicinati al Frosinone – ha esordito il manager dell’Azienda ciociara – praticamente per caso. Il tutto è nato con la partita del giugno 2018, la finalissima con il Palermo. Sull’entusiasmo della promozione in serie A abbia-

mo iniziato il percorso di sponsorizzazione. Dopo il primo anno abbiamo capito cosa c’era alle spalle: un Club serio e affidabile, un Presidente con le idee chiare e uno staff affidabile. Il nostro motto, il motto di un’azienda nata nel 1958, è questo: ‘passion is not enough’. Dove c’è passione, entusiasmo e gusto noi ci siamo. Abbiamo voluto supportare il presidente, il Frosinone Calcio per far conoscere la nostra provincia e ci aiuti a farci conoscere nel mondo. Allo stesso tempo non è facile trovare una Società di questo livello e soprattutto che abbia alle spalle una solidità. Per noi è importante essere sponsor di questo Club. E allo stesso tempo voglio ringraziare il direttore Gualtieri sempre molto attento allo sviluppo del marketing. E il presidente Stirpe senza dubbio, vero artefice di tutto”. Riprende la parola Gualtieri, per la presentazione del terzo sponsor, la novità che riconduce alla gestione della Guest Area: “Abbiamo compreso bene come con noi si sposi gente che ha i nostri stessi valori. In questa presentazione traspare un grande entusiasmo, che non è comune tra gli sponsor. Ringrazio Giulia e Daniele per questo. Ora presentiamo la nuova partnership con l’azienda ‘Enoteca La Torre’, per il Frosinone Calcio è un salto di qualità notevole. E il nuovo partner nella gestione dell’Area Guest. E’ un’Azienda familiare, impegnata nel settore dei catering di lusso,

proprietari di ristoranti e cuochi stellati. Un biglietto da visita importante per il Frosinone Calcio. Non so quante Società di calcio possono vantare un livello di food così elevato”. In chiusura è quindi la volta Michele Pepponi, ad della ‘Enoteca La Torre’: “Mi sento un po’ come quei calciatori strapagati che sentono già la pressione addosso. La nostra è un’Azienda nata 20 anni fa a Viterbo. Nata dalla volontà della mia famiglia di diversificare il settore nel quale sviluppavamo. Oggi abbiamo 5 ristoranti tra Roma e Capalbio, uno dei quali si pregia di avere una stella Michelin. Abbiamo un catering importante che lavora su base nazionale, tra Roma e Milano. Ringrazio il presidente Maurizio Stirpe, attraverso lui siamo entrati nel mondo del calcio che non conoscevamo. Quello che ci ha convinto è il progetto: il Frosinone ha un lavoro da costruire con qualità e sostenibilità, gli stessi ideali nostri. Ci stiamo organizzando anche per essere presenti sul territorio, con ragazzi che possano supportarci di volta in volta e promettiamo di fare esperienza partita dopo partita. Il nostro obiettivo è quello di lavorare sulla base di un programma di lungo periodo”. Il momento delle presentazioni è stato chiuso da Gualtieri, con una sottolineatura: “Il lavoro dell’Area marketing è quello di aumentare il valore del Frosinone, portare in dote

sponsor che sposino i nostri princìpi che poi sono quelli di creare valore sul territorio e promuoverlo. Chiudo con una riflessione di carattere personale: è vero che l’Area Marketing & Comunicazione non può fare vincere una partita ma è un concetto valido solo in parte. Lavorando tutti insieme, con passione e competenza, c’è una certezza: quando l’avversario scende in campo non gioca contro 11 calciatori ma contro un progetto, un’idea di gestione, una famiglia sportiva che stiamo costruendo. Questo spirito darà fastidio a tutti, giocare contro questo spirito emozionale sarà un problema per tutti. Sono d’accordo solo in parte che tutte le aree del Club non possano contribuire ai risultati del Club”. Ed è ancora il direttore Gualtieri a chiudere con due passaggi finali il brevissimo giro di domande da parte dei cronisti presenti: “Il Frosinone nel periodo della pandemia e soprattutto lo scorso anno ha perso il 40% del fatturato in relazione al discorso del Covid e all’aumento dei costi anche per i tamponi. La perdita è stata attorno ai 4-5 milioni di euro. E se il Frosinone si è iscritto al campionato è perché quei soldi li ha messi la Proprietà. Ecco perché oggi, tutti noi dobbiamo andare nella direzione della sostenibilità. Ci sono Club ceduti a fondi stranieri proprio per questo. Noi dobbiamo andare avanti, cercando di ripagare quanto fatto dal presidente Maurizio Stirpe per il bene del territorio e delle risorse di questa Società”. “All’inizio di questa stagione – ha aggiunto il dirigente giallazzurro – abbiamo portato linfa nuova al Frosinone Calcio: la Helbiz che oltre ad essere sponsor di Lega è anche nostro sponsor come anche la Eolo. Sono molto soddisfatto del lavoro dell’Area Marketing. Ci sono dei margini per aumentare il nostri portafoglio sponsor praticamente last-minute. Ma dobbiamo dire che gli imprenditori locali non ci hanno mai abbandonato. Parlo della BpF, main sponsor da anni, di Ecoliri, di Real Caffè e tante altre realtà. In serie B il Frosinone Calcio si difende molto bene”. frosinonecalcio.com


6

VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

basket-volley

BASKET - DOMANI A CASSINO ARRIVA FORMIA, PER LA GARA UNICA VALIDA PER I QUARTI DI FINALE

SUPERCOPPA, ESORDIO VIRTUS

P

rima gara ufficiale per la Virtus Cassino: domani pomeriggio, infatti, sul parquet amico di Cassino, i ragazzi di coach Vettese giocheranno contro Formia nella gara valida per i quarti di finale della Supercoppa. Un appuntamento importante che servirà a capire anche lo stato di forma dei Lupi in vista del via del campionato. La Virtus è stata inserita nel girone G di Supercoppa, con Formia, Npc Rieti, Real Sebastiani Rieti, Luiss Roma, Cecina, Piombino e Avellino. I quarti si giocheranno in una gara unica sul campo della formazione meglio classifica nella scorsa stagione. In caso di passaggio del turno, poi, la Virtus affronterà la vincente della sfida tra Npc Rieti e Luiss Roma. L'eventuale finale è prevista contro la formazione che uscirà dagli incroci delle due semifinali tra Real Sebas-

tiani Rieti e Avellino e tra Piombino e Cecina. A chiudere poi la competizione sono in programma le Final Eight. Per la Virtus, dunque, la possibilità di scendere in campo in gara ufficiali, testando la gamba ma anche il livello di conoscenza di squadra. Un aspetto,

quest'ultimo, fondamentale per cercare subito di partire forte in una annata che si annuncia estremamente equilibrata. Nelle ultime settimane la Virtus ha giocato qualche amichevole nella quale ha potuto inserire tutti i nuovi innesti e provare sul campo le indicazioni

arrivate da coach Vettese. Le senszioni sono state buone, anche se sarà il campo e le partite vere a dire di che pasta è fatta la nuova creatura del Presidente Manzari. Tutti gli addetti ai lavori le attribuiscono un ruolo di primissima fascia, ma sarà fondamentale

cercare di partire subito bene per affiancare ad un ottimo bagaglio tecnico anche il giusto entusiasmo e la giusta amalgama di squadra. Nel corso delle ultime stagioni la partenza non sempre è stata lanciata e l'obiettivo dovrà essere quello di rispondere fin da su-

bito presente cercando di sfruttare al massimo tutte le occasioni che si presenteranno. Le prossime settimane, dunque, saranno di fondamentale importanza per cercare di farsi trovare pronti al via del campionato di inizio ottobre. C.C.

VOLLEY - SERIE C MASCHILE E SERIE D FEMMINILE PRONTE A BEN FIGURARE IN VISTA DELLA NUOVA STAGIONE

ARGOS VOLLEY, RIPARTENZA IN GRANDE STILE L’ Argos Volley ha ricomposto le file della sua prima squadra, la Serie C maschile che ha radunato al PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Lo staff societario, composto dal Presidente Enrico Vicini, il Direttore Generale Carla De Caris, il Direttore Sportivo Stefano Frasca e il Team Manager Valeriano Velocci, ha accolto lo staff tecnico e il nuovo roster alla sua maniera, con il raduno in forma privata e familiare. Nella prima parte dell’appuntamento, l’Argos Volley è andata dritta al sodo illustrando i punti salienti del progetto Serie C, nella sua singolarità ma anche inserito nel contesto più ampio di tutte le attività e tutti i campionati che i vari gruppi squadra, maschili e femminili, andranno a disputare. Sono stati illustrati, spiegati e motivati, i regolamenti a partire da quelli interni che disciplinano tutti i tipi di rapporti tra le persone, i materiali sportivi, e i luoghi dello sport. Ampio spazio però, soprattutto ai protocolli ministeriali e della Federazione Italiana Pallavolo in materia di sicurezza e disciplina

dei comportamenti Covid-19. Archiviata la parte burocratica, e scattata la foto di rito, via finalmente ai lavori sportivi. Un breve briefing sulla struttura del lavoro pianificata, per i primi giorni di preparazione atletica, da coach Fabio Martini e dal preparatore Chiara Ottaviani, e poi sotto con i primi test fisici. C’è stato spazio anche per il primo bagherone della stagione che allena, piace e diverte sempre tutti. Ha preso il via anche la stagione sportiva 2021/2022 nel settore femminile con la splendida no-

vità della Serie D. Progettualità è quello che piace fare all’Argos Volley. La progettualità che muove i suoi fili, le sue passioni, il suo impegno e la sua determinazione, affinché possa offrire ai ragazzi del territorio delle vere possibilità di crescita sia sportiva che sociale, attraverso importanti esperienze di gruppo, guidate da personale qualificato e specializzato. Così, la novità del PalaGlobo “Luca Polsinelli” 2021/2022 è il salto di categoria delle quote rose che, in questo anno sportivo che sta per prendere il via, potranno continuare

a confrontarsi sul palcoscenico regionale, quello della Serie D. «Dopo la partecipazione ai campionati di Eccellenza Regionale della scorsa stagione – spiega il Presidente Enrico Vicini - ci sembrava appropriato continuare il percorso di crescita all’interno dei campionati regionali, e non solo in quelli territoriali ai quali prenderemo parte con il settore giovanile. Così, il Direttore Sportivo Stefano Frasca, si è messo alla ricerca di un titolo di Serie D che ha trovato concludendo positivamente tutta la procedura federale di acquisizione. Con la

Proprietà e tutta la dirigenza non abbiamo avuto nessuna ombra di dubbio nell’affidare il gruppo squadra e soprattutto il loro percorso di crescita sul quale l’Argos Volley punta tanto, a coach Salvatore Pica. Negli anni ha lavorato molto bene con le ragazze raggiungendo obiettivi e traguardi tangibili. A livello organizzativo la macchina Argos Volley è già abbondantemente rodata, per cui non resta altro che metterci a lavoro per questo nuovo e importante esordio». «L’acquisizione del titolo di Serie D è una grande e positiva novità per il nostro movimento femminile – aggiunge il Direttore Sportivo Stefano Frasca - un progetto fortemente voluto dalla società e tecnicamente ben strutturato da coach Salvatore Pica. Il nostro unico scopo, obiettivo, è sempre legato alla crescita delle atlete, e per dare loro modo di poter continuare a farlo anche dopo l’Under 19 di Eccellenza Regionale, ci siamo adoperati per l’allestimento di un altro bel campionato che desse ancora più continuità ai progetti. Sono certo che tutte le ragazze ci daranno grande soddisfazione, sia per la qualità, che l’impegno e la passione che ci metteranno nel lavoro, ma anche in fatto di prestazioni».


N. 230 - Venerdì 10 Settembre 2021

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

SPETTACOLO POLITICA

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

Le unghie aguzze dei dinosauri Nel vivo delle elezioni comunali tra veleni, colpi bassi e tante curiosità

PAGINA 2

SANITÀ, L'ORA DELLA SVOLTA

L'ASSESSORE D'AMATO ANNUNCIA QUASI 41 MILIONI DI INVESTIMENTI PER LE STRUTTURE CIOCIARE L'OSPEDALE 'FABRIZIO SPAZIANI' DI FROSINONE VOLA VERSO IL TANTO AGOGNATO DEA DI II LIVELLO FROSINONE

Terrazze, un vero boom Si chiude il 19 settembre PAGINA 5

FROSINONE

'Stadio del Nuoto', si riparte Iscrizioni aperte al Casaleno PAGINA 5

FERENTINO

PAGINA 3

ALATRI

PAGINA 7

Elezioni, verso un mese di fuoco tra programmi e future alleanze

VEROLI

PAGINA 8

Assoluzione per Leonardo Zeppieri La sentenza: 'il fatto non sussiste'

'Ferentino è' torna alla grande tra musica, cabaret e comicità PAGINA 7

MONTE S.G. CAMPANO

PAGINA 10

Cinque sfidanti per la poltrona Incognita per il dopo Veronesi


2

VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

frosinone e provincia

VOCI DAL PALAZZO – NEL VIVO DELLE ELEZIONI COMUNALI TRA VELENI, COLPI BASSI E TANTE CURIOSITÀ

Le unghie aguzze dei dinosauri Dario FACCI

E

lezioni comunali, il conto alla rovescia è iniziato. Gli schieramenti sono pronti anche se in molti casi sono rimaneggiati rispetto alle ambizioni oltre che alle previsioni. Inutile ribadire che i due banchi di prova principali, quelli della terza e quarta città della provincia di Frosinone per abitanti, vale a dire, nell’ordine, Alatri e Sora, hanno un elevato interesse anche sotto profili politici di caratura maggiore. Qui si vedono, per esempio, le abilità dei responsabili provinciali dei partiti anche se è il civismo a farla da padrone tra le liste presentate. E’ in questo labirinto di equilibri e appartenenze spesso indecifrabili che ci si deve barcamenare. La prima curiosità è, infatti, che solo ad Alatri è presente una lista Pd e che solo il centrodestra presenta apertamente i suoi simboli. Altra curiosità: il centrodestra presenta anche alcuni mostri sacri, personaggi che hanno un trascorso importante e che ora si riaffacciano, con ambizioni differenzi ma con un piglio antico, cioè con notevole esperienza. Il primo che viene in mente è Antonello Iannarilli. Il già onorevole, consigliere e assessore provinciale, presidente della Provincia e dell’Unione delle Province del Lazio, nonché tra i fondatori in provincia di Frosinone di Forza Italia nel lontano 1994, è ora il capolista ad Alatri di Fratelli d’Italia. E’ transitato nella compagine di Giorgia Meloni stringendo un patto direttamente con lei. E’ schierato per il Consiglio Comunale della sua città, sostiene il candidato a sindaco Maurizio Cian-

frocca (che ha lungamente avversato in principio ma che ora, da esperto uomo di partito, sostiene senza lesinare energie) ma il suo dichiarato intento è quello di ottenere una candidatura (e un’elezione) alle elezioni regionali. L’altra candidatura “pesante” dal punto di vista della storia politica è quella dell’ex consigliere regionale e deputato europeo alla carica di sindaco di Supino, il suo paesino sui Lepini, per il quale ha già occupato il massimo scranno in passato. Anche Foglietta ha la targa

Fratelli d’Italia e si presenta come avversario dell’uscente sindaco Barletta, esponente del Pd. Anche se non ufficialmente e, anzi, volutamente in secondo piano, anche a Sora si “agita” un ex dinosauro di elevata caratura. Si tratta di Enzo Di Stefano, non in campo ufficialmente, ma naturalmente attivo al fianco del figlio, Luca, candidato a sindaco con una compagine assai nutrita, non solo di liste ma anche di riferimenti politici che vanno dal Pd ad Articolo Uno ad altri esponenti

molto importanti nel panorama locale di diversa provenienza. Vedi, per esempio, Mosticone. Ebbene Di Stefano senior, già sindaco di Sora e consigliere regionale non è, come evidente, uno di primo pelo e le ottime possibilità che il figlio Luca presenta già all’inizio di questa tornata elettorale, si devono certamente alla capacità e al dinamismo del giovane consigliere comunale ma, irrimediabilmente, all’esperienza di suo padre. In campo da invisibile (crede lui). Altro argomento fortemente dibattuto in queste ore, come sempre accade quando al voto vanno comuni oltre i 15.000 abitanti e dunque soggetti al secondo turno, nel caso che un candidato non superi al primo turno il 50% dei consensi (e non sembra proprio che ciò possa accadere ad Alatri o a Sora in questa tornata) è quello delle possibili alleanze in caso, appunto, di ballottaggio. Precisando che trattasi di materia assai sci-

volosa, solo per dar conto alle Voci dal Palazzo, come al solito bisognose di conferme persino elementari, restando in ambito sorano, lo scenario appare assai curioso e suggestivo, stando appunto la quasi totale diffusione del civismo. Dicono le pettegole da Palazzo che il giovane Di Stefano, dovesse assurgere al secondo turno, sarebbe naturalmente portato a chiudere un accordo con il sindaco uscente, Roberto De Donatis, in campo con due civiche. Ovviamente sarebbe valido il viceversa. Lo stesso tipo di chiacchiera si diffonde per quanto attiene alla candidata Eugenia Tersigni la quale, forte di cinque liste ben congegnate potrebbe arrivare al ballottaggio e, qualora il suo avversario al secondo turno non fosse il rappresentante del centrodestra, Federico Altobelli, tra i due ci potrebbe essere un’assonanza. Ovviamente, lo ribadiamo, è possibile tutto e il suo contrario. Se guardiamo ad Alatri la faccenda è di lettura più

complessa. Qui, a fronte di un centrodestra compatto, ci sono tre schieramenti che, al netto dei dissapori tra i rappresentanti che costituiscono un ostacolo ormai endemico a un’unità di centrosinistra, potrebbero costituire un’alternativa al ballottaggio. Fabio Di Fabio (cinque liste) è il candidato ufficiale del Pd (che qui presenta il simbolo!) vede in Roberto Gizzi (tre liste tra le quali i socialisti) un contendente a sinistra. Enrico Pavia (cinque liste), qualora dovesse assurgere al ballottaggio com’è possibile, vedrebbe facilmente l’arrivo di simpatie a sinistra, vista la composizione delle sue civiche che annoverano importanti personalità certamente non di centrodestra. Vale (forse) anche il viceversa. Discorso un poì più complicato per Cianfrocca anche se, non si deve dimenticare mai, la politica, specie alle Comunali, è l’arte del possibile e negli ultimi tempi è diventata anche quella dell’impossibile.

SONO 24 I COMUNI AL VOTO E BEN 122.677 GLI ELETTORI CIOCIARI CHIAMATI ALLE URNE

S

ono 24, per un totale di 123 sezioni elettorali, i Comuni che andranno alle urne il 3 e 4 ottobre. Si tratta di una popolazione complessiva di 122.677 elettori. Due centri hanno più di 15.000 abitanti: Alatri (28.609) e Sora (26.247) e, quindi, potrebbero andare al ballottaggio. Ma si vota anche ad Acquafondata (282), Alvito (2.852), Arce (5.783), Casalattico (641), Castro dei Volsci (4.903), Castrocielo (3.969), Colle San Magno (744), Collepardo (975), Esperia (3.903), Fumone (2.180), Monte San Giovanni Campano (12.882), Pastena (1.528), Roccasecca (7.536), Sgurgola (2.623), Supino (4.893), Terelle (460), Torre Cajetani (1.388),

Torrice (4.608), Trivigliano (1.693), Vallecorsa (2.800), Vicalvi (806) e Viticuso (372). Ad Alvito i candidati a sindaco sono due: Paola Iacobone e Luciana Martini. A Vallecorsa due: Anelio Ferracci e Tarcisio Tullio. A Sgurgola tre: Antonio Corsi, Giovanni Corsi e Fabio Spaziani. A Fumone due: Matteo Campoli e Maurizio Padovano. A Trivigliano l'unico candidato è Gianluca Latini. A Pastena tre: Angelo D'Ovidio, Attanasio Di Domenico e Mario Parisi. A Torre Cajetani tre: Anna De Marchis, Daniele Peloso e Silverio Ubodi. A Collepardo due: Mauro Bussiglieri e Roberto Sarra. A Vicalvi tre: Giovanni Di Filippo, Mario Ferrera e

Dino Riggi. A Colle San Magno due: Valentina Cambone e Antonio Di Nota. A Casalattico tre: Francesco Di Lucia, Angelo Antonio Macari e Angelo Morelli. A Terelle tre: Mario Di Vizio, Fiorella Gazzellone e Italo Velardo. A Viticuso due: Vincenzo Iannetta e Giovanni Tedeschi. Ad Acquafondata, infine, due: Marina Di Meo e Sergio Mancone. I candidati a sindaco di Monte San Giovanni Campano sono cinque: Dante Abballe, Michele Ciardi, Carlo Coratti, Emiliano Cinelli e Sandro Visca. A Roccasecca due: il sindaco uscente Giuseppe Sacco e Bernardo Forte. Ad Arce due: Luigi Germani e Alfonso Rosanova (Roberto Simonelli per ora escluso per tardiva

presentazione della lista). A Castro dei Volsci tre: Leonardo Ambrosi, Savina D'Amore e Luciano Lancorai. A Supino sono tre: Gianfranco Barletta, Alessandro Foglietta e Anna Rita Fracassa. A Torrice tre: Mauro Assalti, Alfonso Santangeli e Massimiliano Vincenzi. A Castrocielo due: Graziano Cerasi e Gianni Fantaccione. Ad Esperia: Giuseppe Villani e Fabrizio Caporusso. A Sora sono cinque candidati a sindaco: Federico Altobelli, Roberto De Donatis, Valeria Di Folco, Luca Di Stefano ed Eugenia Tersigni. Anche ad Alatri sono cinque: Maurizio Cianfrocca, Fabio Di Fabio, Roberto Gizzi, Luciano Maggi ed Enrico Pavia.


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

frosinone e provincia

3

L'ASSESSORE REGIONALE D'AMATO IN VISITA ALLO 'SPAZIANI' SI LASCIA ANDARE A DICHIARAZIONI IMPORTANTI

"R

aramente vedo un clima così positivo e incoraggiante fra professionisti insieme ad un riconoscimento sociale della cittadinanza per il lavoro che si sta facendo alla ASL di Frosinone”. Così l’assessore Alessio D’Amato, a conclusione della visita di stamattina al PO Spaziani di Frosinone, nel corso di una conferenza stampa tenuta unitamente al Dg Asl Pierpaola D’Alessandro. Presenti anche i consiglieri regionali Sara Battisti e Loreto Marcelli, il direttore del diestretto sanitario di Frosinone Mauro Vicano e il presidente dell’ordine dei medici Fabrizio Cristofari. L’iniziativa L’assessore regionale alla Sanità, accompagnato dal Direttore Generale Pierpaola D’Alessandro, ha prima passato in rassegna il reparto di oncologia e ematologia, che saranno oggetto di ampliamento degli spazi e dei servizi. Ha assistito a una sessione di telerefertazione in dermatologia effettuato a distanza attraverso l’uso della strumentazione digitale che permette la riduzione dei tempi di diagnosi da 30 a 7 giorni e poi ha visitato il laboratorio di analisi, riconoscendo il “grande lavoro per i cittadini utenti della provincia di Frosinone, ma anche grande supporto per tutta la Regione durante l’emergenza COVID”. Quindi si è recato presso l’area testa-collo nell’unità di neurochirurgia dove vengono eseguiti interventi per tumori cerebrali benigni e maligni, in chirurgia funzionale e da sveglio, interventi per aneurismi cerebrali rotti e non rotti, interventi endoscopici endonasali in combinazione con la unità di otorinolaringoiatria, interventi per idrocefalo e tutta la patologia tumorale e degenerativa spinale, collocandosi tra le unità neurochirurgiche a più elevati di numero di attività di interventi e mortalità più bassa della Regione Lazio (dati PREVALE e SIO). L’intervento “È la prima volta che l’ ospedale di Frosinone si attesta tra le prime 5 strutture nella Regione Lazio per la qualità degli interventi”, ha commentato D’Amato sottolineando come questo successo sarà determinante per l’elevazione di Frosinone a Dea di II livello. “Il Dea di II livello non è un bollino, ma è un processo di tecnologia e professionisti e vedo che già nei fatti a breve si potrà

Sanità, sguardo rivolto al futuro A ritmo spedito verso Dea di II livello

riconoscere il Dea di II livello a Frosinone”. D’Amato ha esaltato gli ottimi risultati della campagna vaccinale in Ciociaria, arrivata ad una copertura dell’80% attestandosi come la provincia con maggior adesione nel Lazio e lanciando “la sfida” di arrivare all’85% a fine mese. Ha riconosciuto il grande lavoro della ASL di investimento di 11 milioni di euro per la strumentazione di bassa, media e alta tecnologia già presente nel territorio e gli oltre 40 milioni per interventi strutturali nei presidi ospedalieri e nelle case della salute ciociare per la messa in sicurezza, l’efficientamento energetico e il decoro che a breve sarà oggetto di comunicazione trasparente attraverso un “contatore” sul sito aziendale dove i cittadini avranno modo di seguire passo passo i lavori effettuati. A questi investimenti si aggiungeranno gli altri approvati in autunno nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). La sanità dopo il Covid Ad illustrare tutti gli interventi è stato il direttore generale Pierpaola D’Alessandro. “Per la nostra sanità – ha affermato – si è aperta una stagione di possibile rilancio che, nella pur perdurante emergenza Covid, non possiamo farci sfuggire. Come indica il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNNR), dobbiamo tornare a ispirarci ai grande esempi di prossimità. La salute deve andare incontro al cittadino”. La ASL di Frosinone, grazie ai fondi europei veicolati dalla Regione Lazio, ha fortemente investito sul

territorio con attrezzature di alta, media e bassa tecnologia per potenziare i servizi erogati e aumentare le alte specialità, per un totale di circa 11 milioni di euro (11 POR FESR e 4 regionali) Oltre alla strumentazione, ha proceduto all’integrazione di alte professionalità attivando convenzioni e collaborazioni con le eccellenze sanitarie della Regione Lazio” “Già presente il Campus Biomedico di Roma per la cura delle malattie metaboliche, si è aggiunta quella con l’IRCSS Santa Lucia per la riabilitazione neurologica. Ora la ASL di Frosinone è in stipula con l’Ospedale Bambino Gesù per affiancare il nostro personale per la gestione di patologie di alta complessità afferenti alle specialità quali ortopedia, urologia, gastroenterologia e nefrologia, per i più piccoli. “Nelle ultime settimane, la ASL di Frosinone ha siglato, inoltre, una collaborazione con l’Ospedale San Camillo per la radiologia interventistica” “Inoltre, strumentazioni tecnologiche al top di gamma quali microscopio operatorio e neuronavigatore

insieme a tavolo operatorio e primo strumenti dedicati hanno permesso di creare all’interno dello Spaziani la prima sala operatoria altamente tecnologica dedicata alla Neurochirurgia, che oggi è una realtà concreta, tecnologica, ottimamente funzionante e produttiva”. “Nella programmazione della rete ospedaliera 20212023, la Regione Lazio ha assegnato due posti letto per la terapia intensiva neonatale per il Polo Ospedaliero Frosinone-Alatri. Nel documento tecnico della Regione Lazio di progettazione della rete ospedaliera 2021-2023, è stato avviato il percorso di realizzazione del DEA II livello per il Polo Ospedaliero di Frosinone-Alatri”. Sguardo al futuro La sfida di passare da una sanità fatta di dinamiche territoriali a una sanità che guarda con generosità all’interesse generale, consente di costruire un futuro in cui siano le istituzioni sanitarie ad andare incontro ai cittadini e non l’opposto. La pandemia ha anche evidenziato quanto le nuove tecnologie e la telemedicina siano importanti e utili nei

processi di cura, oltre a consentire un tipo di assistenza particolarmente utile per pazienti COVID risulta essere strategica per tutti coloro, come gli anziani, che sono affetti da pluri-patologie e che non necessitano del ricovero, ma che non possono gestire da soli la propria condizione di salute perché privi di reti di cura, o perché vivono in zone poco servite o sono isolati nei territori montani o nelle aree interne meno ricche di risorse permettendo di far diventare “ la casa del paziente” il “principale luogo di cura”. “Il nuovo modello, accompagnato da cambiamenti gestionali che riportino una nuova organizzazione dei servizi a partire da percorsi diagnostici terapeutici che assistono il paziente totalmente nella patologia (diabete, ipertensione e cardiopatia, BPCO) offrendo un nuovo servizio anche dato dai consulti a distanza per incrementare le televisite e i teleconsulti che possano ricevere tutta l’assistenza con la massima professionalità”. “È partito il progetto di Telecardiologia con Telerefertazione ECG – Televisita e la Telemedicina in diversi settori come quello, primo nel Lazio, per i pazienti HIV in cura presso la ASL di Frosinone”. Attenzione all’oncologia “L’oncologia della Asl di Frosinone sta svolgendo un'opera di rilancio dei percorsi di screening, diagnosi e cura, con una grande equipe di professionisti. Si sta dando molto spazio alle diagnosi precoci soprattutto del tumore della mammella, dell’utero e del colonretto nell’ambito delle cure alla medicina personalizzata

in funzione delle mutazioni espresse dal tumore. Lo screening è tornato ai numeri preCovid, con un’aderenza dell’80% da parte dei pazienti. Questo dato è confortante perché dimostra come la comunicazione dell’azienda con i cittadini è efficace ma soprattutto mostra la fiducia che gli utenti ripongono nei professionisti della Asl". Si investe in accesso dei cittadini alle cure “Grande progettazione si prospetta sull’emergenza-urgenza, in particolare sui Pronto Soccorso, con più personale, più strumenti, ma soprattutto nuova organizzazione. La ASL di Frosinone ha iniziato il percorso di ampliamento e ammodernamento del Pronto Soccorso di Alatri, la cui conclusione definitiva è a ottobre p.v. A breve iniziano i lavori al PS di Sora e di Frosinone, per un totale di un milione e 200 mila euro di investimento”. “A fronte di limiti strutturali inequivocabili, macroscopicamente evidenti da anni anche ai non addetti ai lavori, la ASL ha definito un percorso di revisione strutturale e funzionale con l’unico fine di assicurare la miglior cura possibile al paziente che si rivolge al Pronto Soccorso. Particolare attenzione è posta all’ ‘Accoglienza ed Umanizzazione’, con la presa in carico globale della persona e l’ informazione dei suoi familiari nel percorso complessivo dal momento dell’arrivo in Pronto Soccorso e alle fasi immediatamente successive che precedono e seguono il Triage” . “Per Umanizzare le cure non è sufficiente togliere “le catene”; il percorso intrapreso tiene conto dei bisogni sanitari, clinici, sociali, comunicativi e informativi dell’utente del Pronto Soccorso, cercando come fine ultimo di fornire la miglior cura possibile rassicurando il paziente, migliorandone il comfort, riducendo la conflittualità, accompagnando ciascuno nel singolo percorso di cura”. “Ampliare, nei limiti del possibile, le aree di assistenza sanitaria, migliorare i percorsi, creare una sala d’attesa per gli accompagnatori e contenere l’afflusso improprio di accompagnatori, parenti e familiari è garanzia di cura migliore per il paziente. Inoltre, il CUP con nuovi servizi online, anagrafe integrata nei punti di prenotazione, per telefono e online”.


PAGINA 4

10 SETTEMBRE 2021


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

5

frosinone

L'INIZIATIVA MESSA IN CAMPO DALLA GIUNTA OTTAVIANI E COORDINATA DALL'ASSESSORE TESTA SI CONCLUDERÀ IL 19 SETTEMBRE

Terrazze, vero boom di presenze

Da fine mese ripartirà "A passeggio per 2 km" con le isole pedonali domenicali

D

opo la grande partecipazione di pubblico ottenuta nel corso di questa seconda edizione, addirittura superiore alla precedente, Le Terrazze del Belvedere, dopo tre mesi dalla partenza, si concluderanno il 19 settembre. La giunta Ottaviani ha infatti approvato la delibera di modifica del progetto, tenendo conto dell’inizio della stagione autunnale e della ripresa delle attività scolastiche. Anche gli assegnatari delle aree, nella riunione svoltasi presso l’assessorato al centro storico, hanno convenuto con l’amministrazione circa la data di chiusura. L’iniziativa delle Terrazze del Belvedere - realizzata dall’amministrazione Ottaviani per favorire il com-

mercio e la ripartenza economica – è partita giovedì 17 giugno e ha coinvolto Piazza Vittorio Veneto, passando per Corso della Repubblica, via Maccari fino a largo Turriziani. La risposta entusiastica da parte degli operatori commerciali che hanno partecipato al bando - disposto mediante gli

assessorati al centro storico e al commercio, coordinati rispettivamente da Rossella Testa e Antonio Scaccia – ha superato il grande successo ottenuto, lo scorso anno, dalla manifestazione, sia in ambito cittadino che provinciale, consolidando il ruolo di Frosinone Alta quale polo attrattore della città

APERTE LE ISCRIZIONI NELL'IMPIANTO SPORTIVO DEL CASALENO

'Stadio del Nuoto', si riparte: si torna in acqua in sicurezza

L’

estate è giunta al termine e con essa è arrivata anche la riapertura delle strutture sportive. Tra queste, in provincia di Frosinone, ha riaperto i battenti anche lo Stadio del Nuoto, uno degli impianti gestiti della Federazione Italiana Nuoto (Società FIN Plus) che conta centinaia di iscritti. Una vera eccellenza del nostro territorio che permette a ciociari gradi e piccini di praticare uno degli sport più completi e amati, ma diventa anche attrattiva quando ospita campioni provenienti da ogni dove e importanti gare. Aperte dunque le iscrizioni per i corsi di nuoto per adulti e bambini, e per tutte le attività collaterali, tra cui acquagym, nuoto sincronizzato, nuoto libero e propaganda ma anche la palestra. Massima attenzione, da parte della Federazione e del direttore tecnico della struttura di Frosinone, il professor Luigi Catalano, alle misure di protezione, per soddisfare sì la voglia di ripartenza degli sportivi che fremevano per ricominciare ad allenarsi, ma sempre mettendo al primo posto la salute e quindi la sicurezza personale, oltre che la tranquillità per i genitori che portano i propri bambini. Obbligo, dunque, di green pass (dai 12 anni in su) per i fruitori e di mascherine e distanziamento sociale per l’ingresso negli spazi chiusi. Naturalmente non in piscina, dove però c’è un limite di persone che possono stare contemporaneamente in acqua, proprio per non creare assembramenti. Ma c’è di

più: ogni utente che entra nell’impianto viene accolto dallo staff tecnico, che con grande professionalità provvede innanzi tutto a misurare la temperatura e successivamente a sterilizzare le suole delle scarpe, fornendo poi degli appositi copriscarpe, per evitare che eventuale sporcizia e virus possano venire a contatto con i pavimenti della piscina, quotidianamente pulita e sanificata. Quindi la segreteria, che assiste per ogni esigenza gli iscritti, è adeguatamente schermata con barriere in plexiglass. Una volta negli spogliatoi, anche lì viene tenuto conto del distanziamento. Proprio per questo il personale controlla che vengano rispettate le norme: addetti sempre pronti a rispondere alle domande degli utenti, mettendosi a disposizione per ogni esigenza, in questa fase di emergenza che, fortunatamente, pare stia pian piano volgendo al termine. Tutto questo, naturalmente, per la sicurezza di tutti e, quindi, anche propria. Un iter veloce, che non crea ingorghi o disagi all’ingresso, ma anche professionale, che tiene conto di ogni possibile esigenza, venendo incontro agli iscritti e ai propri accompagnatori. Un ulteriore vanto per un impianto di per sé d’eccellenza, grazie alla Federazione e alla direzione del professor Catalano, che hanno pensato veramente ad ogni cosa, rendendo fruibile anche un po’ di sano sport e di divertimento per i più piccoli, dopo un periodo emergenziale molto pesante per tutti.

per i giovani e per i frequentatori dì ogni età. Le aree allestite, assimilabili a dehors temporanei, dotate di arredo floreale, gazebo, ombrelloni, sono state collocate all’interno di un vasto settore pedonale, con la chiusura, quindi, al traffico locale dal giovedì sera alla domenica sera, per permettere a giovani e meno giovani di passeggiare, ammirare opere d’arte (di Rocco Lancia e dell'associazione culturale Centro InterArte pubblica e popolare di Lino Palmesi e Alberto Spaziani) ed esibizioni musicali a ridosso della nuova zona dedicata ai dehors, consentendo, da un lato, ulteriori occasioni di socializzazione nel rispetto delle prescrizioni sanitarie e, dall'altro, di promuovere le

attività commerciali di bar, pub e ristorazione. Nell’ambito delle “Terrazze” è inserita anche la terza edizione di “Bimbi in Centro”, dedicata ai più piccoli e alle loro famiglie, organizzata dal Comune di Frosinone in collaborazione con la Pro Loco. L’evento proseguirà venerdì 10 e sabato 11 settembre, per concludersi domenica 12, con intrattenimento, gioco e divertimento per i piccini dalle ore 19.30 in largo Turriziani. Da domenica 19 settembre, inoltre, e per tutto il resto dell'anno, le isole pedonali domenicali nella parte alta e in quella bassa della città si svolgeranno nuovamente secondo il normale orario. “A passeggio per due km”, iniziativa ideata già lo scorso

anno dall’amministrazione Ottaviani, prevede, infatti, l’istituzione, ogni domenica, di isole pedonali nel centro storico (da piazza Vittorio Veneto a largo Turriziani compreso) e su via Aldo Moro (dall’intersezione con via Veccia fino a piazzale De Matthaeis), in calendario tutte le domeniche dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20. Anche grazie all’introduzione delle isole pedonali, nel corso degli ultimi anni, è stato attenuato l’impatto delle PM10 e delle altre polveri sottili sulle zone interessate dal passeggio e, contestualmente, sono state sperimentate dai cittadini nuove forme di socializzazione, durante il fine settimana, nei viali del centro urbano, liberati dalla presenza delle auto.

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA DIFFUSIONE DEI MESSAGGI POLITICO ELETTORALI PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE INDETTE PER I GIORNI 3 E 4 OTTOBRE 2021 E PER EVENTUALI BALLOTTAGGI

Ai sensi della legge 22 febbraio 2000, n. 28 contenente le "Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale e per la comunicazione politica" e della delibera dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni n. 265/21/CONS concernente le "Disposizioni in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle elezioni amministrative fissate per i giorni 3 e 4 ottobre 2021 e per gli eventuali ballottaggi.

Società editrice e Concessionaria Pubblicitaria delle testate giornalistiche

COMUNICA Che l'accesso agli spazi sul settimanale cartaceo "Tu News" e sui quotidiani online "TuNews24.it" e "LaProvinciaQuotidiano.it" è consentito a tutti i candidati e i partiti politici che ne facciano richiesta, nel pieno rispetto del principio della parità di trattamento. Le condizioni temporali di prenotazione e le tariffe sono quelle previste nel documento analitico depositato presso la nostra sede di Frosinone (visitabile previo appuntamento chiamando il numero 393.6239680) oppure richiedendolo via mail all'indirizzo globalpress.amministrazione@gmail.com GLOBALPRESS S.R.L. Via Bramante, 28 - 04100 Latina


PAGINA 6

10 SETTEMBRE 2021


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

alatri-ferentino

7

ALATRI - DI FABIO, PAVIA E CIANFROCCA DOVREBBERO CONTENDERSI I DUE POSTI PER UN SECONDO TURNO DA DECIFRARE

Una partita tutta da giocare Cinque i candidati a sindaco per le prossime elezioni amministrative e tanti volti nuovi tra le liste

E

ntra sempre più nel vivo la campagna elettorale in vista delle Amministrative di inizio ottobre. Cinque i candidati per la poltrona di primo cittadino, cinque nomi tra i quali uscirà quello che sostituirà il sindaco uscente Giuseppe Morini. Nei giorni scorsi è stata chiusa la partita della presentazione delle liste, con tanti volti noti della politica alatrense, ma anche con tanti giovani, novità comune in tutti gli schieramenti. Insomma, sembra ci sia voglia di politica e di mettersi a disposizione della città. Alle elezioni manca meno di un mese e provare ad ipotizzare possibili scenari è veramente complicato. Fabio Di Fabio, Maurizio Cianfrocca ed Enrico Pavia sembrano poter avere uguali possibilità di ben figurare al primo turno per poi giocarsela al ballottaggio. Discorso diverso per Roberto Gizzi che farà sicuramente pesare i propri voti, soprattutto nell'ottica del secondo turno, ma difficilmente potrà competere per conquistare una delle prime due posizioni. Più defilato anche se sempre attivissimo e propositivo è Luciano Maggi. I giochi, insomma, si faranno soprattutto nell'ottica del ballottaggio, con il primo turno che servirà per valutare le forze in campo. Ci sono però delle considerazioni da fare. E' innegabile che nello schieramento di centrosinistra la divisione tra Di Fabio e Gizzi peserà e non poco. Bisognerà vedere come si divideranno i voti e se ci sarà o meno un riavvicinamento in vista del secondo turno. Spettatore interessato potrebbe essere lo schieramento che ha come candidato Enrico Pavia. Un gruppo di liste civiche che fanno capo ai consiglieri Tarcisio Tarquini e Maurizio Maggi e che si presenta come alternativa ai tradizionali schieramenti di centrosinistra e centrodestra. Anche in considerazione della formazione politica molto eterogenea dei

‘Ferentino è’ torna alla grande tra musica, cabaret e comicità

L'

■■■

NELLE FOTO, DA SINISTRA IN SENSO ORARIO: FABIO DI FABIO, MAURIZIO CIANFROCCA, LUCIANO MAGGI, ROBERTO GIZZI ED ENRICO PAVIA

candidati, molti dei quali provenienti da Partito Democratico ma anche da destra come lo stesso Enrico Pavia. Proprio il gruppo di Pavia potrebbe calamitare le attenzioni di tanti delusi e, magari, attirare i voti di Gizzi in un possibile secondo turno. Ipotesi di cui i protagonisti avranno sicuramente già discusso e che dipenderanno però dai numeri che usciranno dopo il primo turno. Chi invece al momento sembra fare corsa a

se avendo dalla propria la forza dell'appoggio di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia è Maurizio Cianfrocca, candidato del centrodestra. Diverse le punte di diamante dello schieramento, con tante novità però presenti nelle liste civiche "Alatri Comunità" e "Alatri Bene Comune". Per Cianfrocca l'esito delle elezioni dipenderà dalla capacità dei partiti di calamitare le attenzioni degli elettori di quell'area indipendentemente

dal programma che verrà presentato, ma anche di attirare i voti degli elettori scontenti dell'operato della Giunta uscente. A chiudere il quadro c'è Luciano Maggi al quale potrebbero andare più voti del previsto, magari voti di protesta da parte di chi non non si rivede in nessuno degli altri candidati. Insomma un quadro tutto da definire in una tornata elettorale quanto mai incerta e avvincente. Car. Cap.

appuntamento più atteso, apprezzato e rinomato non soltanto dalla città in cui ha visto la luce ma dall’intero territorio provinciale. Dopo lo stop forzato a causa dell’emergenza Covid lo scorso anno, torna alla grande ‘Ferentino è’, la manifestazione che chiude l’estate 2021 con un programma delle grandi occasioni. A presentarlo il sindaco Antonio Pompeo il presidente della Pro Loco Luciano Fiorini e l’assessore a Cultura e Turismo Angelica Schietroma. Un’iniziativa che torna in città dopo la pausa dello scorso anno a causa della pandemia e lo fa con una prima grande novità: le location. Quest’anno, infatti, gli otto spettacoli in programma per le serate del 17, 18 e 19 settembre si svolgeranno in sei diverse piazze della città, coinvolgendo non solo il centro ma anche le zone periferiche. Un modo per condividere e valorizzare più angoli di Ferentino che ospita, in un lungo weekend, tanti artisti conosciuti e apprezzati dal grande pubblico. Si inizia venerdì 17 alle ore 21.30 in piazzale Collepero, con il concerto di Giuliano Palma. Alle ore 21, in via Paolo Borsellino – località Giardino, si potrà assistere allo spettacolo ‘Martufello Show’, il comico di Sezze noto per le sue esilaranti barzellette, già ospite in occasione della ‘Tombola online’ nel corso delle passate festività natalizie. Sempre alle ore 21, ma nel piazzale della Chiesa del Sacro Cuore in località Tofe, andrà in scena ‘Pablo e Pedro Show’, il duo comico formato nel 1994 da Fabrizio Nardi e Nico Di Renzo che con la sua comicità ha fatto impazzire il pubblico di ‘Colorado cafè’, ‘Zelig’ e ‘Zelig off’. Si prosegue Sabato 18 con ben quattro appuntamenti. Alle ore 21, in località Ponte Grande, con lo spettacolo ‘Dado Show’, il comico romano Gabriele Pellegrini, volto noto della trasmissione ‘Zelig’ e vincitore del Premio Massimo Troisi. Nel 2014 partecipa a ‘Made in Sud’ su Rai Due e dal 2015 inizia la collaborazione con ‘Servizio Pubblico’ di Michele Santoro. Dal 2017 è ospite fisso di ‘Colorado’. Alle ore 21, in via Casilina – località Roana, si ride con ‘Simone Schettino Show’, mentre alle ore 21.30, in piazzale Collepero, un altro momento di musica con il giovane cantautore romano Briga, che dopo ‘Amici di Maria De Filippi’, dove nel 2015 si è classificato al secondo posto, ha ottenuto il successo, partecipando nel 2019 anche al Festival di Sanremo in coppia con Patty Pravo. Sempre alle 21, ma al Campo Cartiera, un altro appuntamento con la comicità: ‘Maurizio Mattioli Show’, anche lui già ospite di Ferentino nel corso della ‘Tombola online’ dello scorso Natale. Si chiude domenica 19 alle ore 21.30, in piazzale Collepero, con lo spettacolo ‘Max Giusti Show’. Per assistere a tutti gli spettacoli in programma sono necessaria la prenotazione e il green pass, nel rispetto delle vigenti normative anti-Covid. Sarà possibile effettuarla con un messaggio WhatsApp al numero 353.3756695 oppure cliccando sul link: https://www.eventbrite.it/o/ comune-di-ferentino-3377651453. “Quello con ‘Ferentino è’ – spiegano il sindaco Pompeo e l'assessore Schietroma – è un appuntamento che tutti avevamo voglia di rivivere dopo un lungo e difficile periodo che ci ha tenuti fisicamente lontani".


8

VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

veroli

LA SENTENZA È ARRIVATA DOPO TANTE ACCUSE MOSSE NEI CONFRONTI DELL'EX PRESIDENTE DEL BASKET VEROLI

Assoluzione per Leonardo Zeppieri Era stato rinviato a giudizio per ‘operazioni fiscali inesistenti’, quindi il processo e ora la decisione: 'il fatto non sussiste' da poche migliaia di euro a fatture da 30.000, 36.000, 37.100, 41.600, 53.500 euro in favore di un numero ristretto di società con sede a Lugano, Chiasso, Dublino, Londra, Portogallo e California. Accuse da cui Leonardo Zeppieri è stato assolto perché il fatto non sussiste permettendo così di ritrovare quella forza che mai aveva perso per andare avanti con il suo lavoro che annovera nel libro paga diverse centinaia di dipendenti.

Egidio CERELLI

I

l fatto non sussiste e dunque son cadute tutte le accuse nei confronti di Leonardo Zeppieri, allora presidente della Società Basket Veroli che militava in A/2. Da lì nacque una serie di supposizioni, di accuse velate e non, che misero a dura prova Leonardo Zeppieri persino come imprenditore che dava lavoro insieme al fratello Arnaldo a centinaia di padri di famiglia. Secondo l’accusa il processo terminato tre anni fa ebbe come capo d’accusa operazioni fiscali, in merito a fatture riferite, secondo l’accusa, «ad operazioni inesistenti». Operazioni scouting per reperire informazioni, video e altri elementi utili per l’ingaggio dei giocatori, americani e di altri paesi europei. Ed ora la sentenza e l’assoluzione per l’ex presidente del Basket Veroli, Leonardo Zeppieri, difeso dall’avvocato Gianpiero Quadrini. Ma come andarono i fatti? Correva l’anno 2015, mese di febbraio quando il Basket Veroli disputa la sua ultima partita ufficiale nel campionato di serie A2. Quindi il ritiro e la conseguente

■ ■ ■ LEONARDO ZEPPIERI

esclusione, dopo anni di sacrifici. Era un vero squadrone che oggi sicuramente avrebbe fatto la sua bella figura in A/1. Non si fermò però l’iter processuale presso il tribunale di Frosinone. Il giudice per le udienze preliminari dottoressa Ida Logoluso tre anni fa rinviò a giudizio l’ex presidente del Basket Veroli Leonardo Zeppieri. Ed oggi si gioisce per l’assoluzione di tutti i reati contestati. Come si ricorderà perchè i giornali diventarono veri e propri tabloid di gossip, nacque appunto una inchiesta dopo un accertamento fiscale da parte della Guardia

di Finanza. Controllando le fatture emesse dalla società di pallacanestro la polizia tributaria trovò alcune riferite, come scriviamo sopra, secondo l’accusa, «ad operazioni inesistenti». Operazioni scouting Si trattava di operazioni scouting per reperire informazioni, video e altri elementi utili per l’ingaggio dei giocatori. Costi, sempre da quanto sostenuto dall’accusa, finiti in una serie di società estere, soprattutto in Svizzera, ma anche nel Regno Unito, Cipro, Repubblica d’Irlanda e Stati Uniti. A Zeppieri era stato

contestato il fatto che «al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto», nel periodo d’imposta luglio 2009-giungo 2010 aveva indicato nelle dichiarazioni fiscali «fatture riferite ad operazioni inesistenti» per un ammontare di 293.965 euro. Stesse accuse per l’anno d’imposta successivo, dal 1 luglio 2010 al 30 giugno 2011, e sempre per costi di scouting per un ammontare di 592.983 euro. Quindi, per il periodo d’imposta 1 luglio 2011-30 giugno 2012, la Finanza ha contestato fatture per 505.390 euro. Si tratta di importi singoli che variano

Ed eccolo il presidente che risponde alle nostre domande Lo abbiamo avvicinato al telefono. Poche però le parole di commento del presidente Zeppieri, così amano chiamarlo ancora i tifosi del Basket Veroli. “Il tempo è galantuomo. Durante la mia vita ho fatto tutto con il cuore in modo giusto ed onesto rispettando tutti – si sente a distanza che l’emozione vorrebbe frenare la nostra chiacchierata come amici di vecchi tempi ed anche telecronista delle belle avventure delle sue squadre, dal 1999 – ed essere stato ora assolto non nutro particolari vendette nei confronti di nessuno. Sono stato sempre tran-

quillo pur se arrabbiato. L’unico crucci che mi affligge è che qualcuno durante questa vicenda si è nascosto dietro un dito”. Presidente, quanto ti manca il basket? “Mi manca quella passione per aver dato ad una città per quindici anni un pizzico di felicità che ci ha portato in tutto il mondo”. Mai dire mai Mai passato per la mente di tornare nel basket? “In tanti mi hanno cercato anche a livelli alti. Che posso rispondere oggi? Mai dire mai. Rimane quello che abbiamo fatto con tanta passione, orgoglio ed oggi per una soddisfazione per una triste vicenda che si chiude. Ma non ho mai abbandonato il mondo del Basket. Tanti nostri giocatori, non ultimo Hynes ci stanno dando tante soddisfazioni per aver indossato la casacca giallorossa. Ripeto, mi hanno cercato tanti club con cui ho avuto negli anni ottimi rapporti. Per il momento sono in stand by. Lasciatemi godere questa assoluzione che mi ripaga di tanti sacrifici” Presidente, Veroli ed i tifosi che hanno gioito per vinto tanto, gioiscono oggi per la tua assoluzione dopo tante sofferenze.


VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

veroli

9

L'ECCIDIO SETTIMANALE - RUMORS POLITICO-AMMINISTRATIVI IN CERCA DI CONFERME QUASI IMPOSSIBILI

In cinque per un posto da sindaco Ovviamente si fanno riunioni persino carbonare per cercare il candidato che dovrà succedere a Cretaro

Egidio CERELLI

ministrative anche perché i rumors che vorrebbero l’anticipazione della fine della legislatura Cretaro sarebbe cadute nel vento. Dunque, una situazione politico-amministrativa molto caotica e con le opposizioni che per il momento non hanno nessuna candidatura pronta a partire se non un nome in naftalina, Cristiano Papetti. Dopo la transumanza leghista (una parte) nel gruppo di fratelli d’Italia, la metà salviniana lascerebbe le porte aperte a diversi dubbi di identità politica. Si va alla ricerca di un nido su cui depositare le uova. Questo lo status quo post ferie. Con la vendemmia qualcosina in più s’ha da vedere anche in vista delle provinciali che sinora lancia tre personaggi: Cerquozzi, Verro e Papetti. Di certo dovrebbe essere solo uno, il rappresentante verolano.

G

li ozi augustei hanno permesso combriccole persino carbonare per i primi approcci per le prove di candidato a sindaco. E così ti vedi Egidio Lombardi gustare una pizza, e non è la prima volta, con l’ex sindaco Giuseppe D’Onorio. Non è una ‘pizza connection’ ma la politica può combinarne di.. impeachment. Dicono sia il mentore diventandone leader con un gruppo molto ‘potente’ che potrebbe rivelarsi non già l’outsider di altri candidati dal nome più in vista e blasonati. Lui, Egidio Lombardi, quasi sempre il contestare dei partiti, si è da solo creato un mono gruppo misto rafforzatosi da poco con l’ex amico del team manager della lista civica creata da Lazzaro Cestra. In questi giorni abbiamo persino avuto sentore di una ‘transumanza ferentinate’ da parte della carismatica e plenipotenziaria Cristina Verro. La donna che elogia quotidianamente le lodi corroborate da gesta parrocchiali, del suo parroco Don Dino, noto come il prete dal volto televisivo din don dan, ha dato la sua adesione alla associazione del suo sindaco di Ferentino Antonio Pompeo. Va detto che la figlia di Michele Verro da anni opera nella scuola ferentinate per cui non sarebbe un fulmine a ciel sereno l'adesione alla associazione Volume, per la Verro, ricca di iniziative. Il maligno insieme al sottoscritto ha così pensato che se in Provincia si vuole andare ci vuole un passo forte per avere poi i voti per essere eletta. Non parliamo di elezioni amministrative, ma di avere un posto che conta in Provincia. Ed allora sempre il maligno ha scritto… è uscita dalla porta del PD e vuol rientrare dalla finestra. “Sono e rimango di Italia Viva. L’adesione alla associazione Volume di Antonio è solo per un senso di riconoscimento nei suoi confronti poiché, come ho detto, lavoro a Ferentino da

una decina di anni”. Eppure il solito maligno scrive che Italia Viva a Veroli sta provando a fare una riflessione molto interessante, per poi lanciare per la pole amministrativa il suo leader Germano Caperna. Che cosa? Presto illustrato con tanti verbi al condizionale. Starebbe vieppiù avvicinandosi ai gruppi più di opposizione che di coalizione il superman delle ultime elezioni, Germano Caperna. E questo giacchè tale chiacchiericcio stareb-

be diventando più costante dopo che nell’area di maggioranza sarebbero in aria calde nomee di candidati a sindaco a lui, Germano, contrarie. Sarebbero infatti molto di moda echi di palazzo con candidature femminili come la Cerquozzi e la Parente del PD, mentre le liste civiche sarebbero per la scelta di due candidati tra l’assessore Simonelli e Lombardi. E siamo a metà consiliatura Cretaro. Ne mancano di mesi, anzi di… anni per le prossime am-


10

monte san giovanni campano

IL 3 E 4 OTTOBRE SI VOTA PER ELEGGERE IL SINDACO PER IL DOPO VERONESI

Cinque candidati per una poltrona Nelle ultime elezioni le liste erano tre

P

ochi i vecchi amministratori inseriti quali candidati nelle cinque liste per le prossime amministrative del primo weekend di ottobre. Se ne registrano tre in quella del candidato a sindaco Michele Ciardi. Sono il sindaco uscente Angelo Veronesi, la delegata alla cultura Emily Passaniti e la new entry del partito salviniano, Lorella Biordi. Non tutte le liste sono riuscite a proporre sedici candidati consiglieri comunali. Quella del cav Abballe (13), quella di Visca (12). Nelle ultime elezioni erano tre le liste in campo: M5S con Emilio Biancucci (759 voti pari al 8,74%), Antonio Cinelli (3109 voti pari al 35,81%) e Angelo Veronesi 4814 voti pari al 55,45%. Sandro Visca, il vice sindaco uscente in frizione con Veronesi verso la fine del mandato, propone una lista con due assessori uscenti , Luana Pellegrini (Istruzione) e Chiara Raponi (Bilancio) con Emilio Biancucci dell’opposizione. Che fosse candidato a sindaco lo si sapeva da un paio di anni. Dodici i suoi candidati Carlo Coratti già amministratore una decina di anni fa ha deciso di scendere di nuovo in campo con un gruppo cui fa eccezione quale vecchio am-

■ ■ ■ L'AMMINISTRAZIONE USCENTE

ministratore Valerio Caldaroni. L’avvocato crede nel suo programma fatto di cose concrete. Emiliano Cinelli ha uno staff giovanile di gran peso e lui porta l’esperienza di assessore all’ambiente con la consiliatura Antonio Cinelli, il quale seppur tentato di scendere in campo ha detto che la sua vita politica di casa può bastare. Oppure ha altre mire? Una lista tutta ‘vergine’ politicamente è quella proposta dal cav. Dante Abballe, il quale pur con una frase evangelica “in verita, in verità vi dico beati gli ultimi che saranno i primi”, rimane legato ai motti francesi con Liberté, Égalité, Fraternité concludendo… e la rivoluzione abbia inizio!!! Tredici i suoi candidati.

CANDIDATO SINDACO: DANTE ABBALLE LISTA (Io, Noi, Tu per Dante Abballe Sindaco) Gabriella Mancini, Simone Verrelli, Claudia Massaroni, Samuele Faliero, Rita Giorgio, Mario Caldaroni, Carmela Scarica, Antoine Manuele Fiore, Chiara Tesoro, Gabriel Mangiapelo, Cristina Tesoro, Maria Grazia Ciucci e Giorgia Nucci. CANDIDATO SINDACO: MICHELE CIARDI LISTA (Impegno Comune, per Michele Ciardi Sindaco) Angelo Veronesi, Lorella Biordi, Gabriella Boselli, Antonella Buttarazzi, Massimiliano Buttarazzi, Antonella Campoli, Andrea Chiarlitti, Franco Cimaomo, Elisa Coratti, Marta Fiore, Samuele Massaroni, Fernando Nicoletti, Pamela Palmigiani, Annarita Pantanella, Emily Passaniti e Francesca Patrizi. CANDIDATO SINDACO: EMILIANO CINELLI LISTA (Siamo Monte San Giovanni Campano per Emiliano Cinelli Sindaco) Riccardo Battisti, Floriana Belli, Marco Caserra, Fabio Chiarlitti, Quirino Fusco, Maurizio Nardozi, Giorgio Pisani, Flavio Parente, Silvano Pomente, Simone Perna, Floriana Reali, Sabrina Sciucco, Angela Mancini, Lorella Tatangelo, Luisa Tedeschi e Stefano Velocci. CANDIDATO SINDACO: CARLO CORATTI LISTA (Monte nel Cuore, per Carlo Coratti Sindaco) Ernesto Reali, Francesca Addati, Aleandro Mastromattei, Marilena Ottaviani, Valentino Ferazzoli, Monica Fiore, Giancarlo Cinelli, Angelo Taglienti, Maria Luisa Ambrosetti, Francesco Poce, Danilo Mauti, Silvia Visca, Valerio Caldaroni, Daniela Partigianoni, Mario Buttarazzi e Alessandra Diamanti. CANDIDATO SINDACO: SANDRO VISCA LISTA (Sandro Visca Sindaco) Luana Pellegrini (Istruzione), Chiara Raponi (Bilancio), Emilio Biancucci, Graziella Recine, Emiliano Fiore, Lisa Bardelli, Fernando Belli, Assunta Coratti, Sandro Coratti, Ugo Conti, Rocco Belli e Matteo Ciardi.

■ ■ ■ IL SINDACO USCENTE ANGELO VERONESI

CHI PRENDERÀ IL SUO POSTO?

■ ■ ■ EMILIANO CINELLI

■ ■ ■ DANTE ABBALLE

■ ■ ■ MICHELE CIARDI

■ ■ ■ CARLO CORATTI

■ ■ ■ SANDRO VISCA

Pagina a cura di Egidio Cerelli per contattarlo per Tu news cartaceo e online chiamare il 337.923000 oppure scrivendo con una mail a egidiocerelli@gmail.com

VENERDÌ 10 SETTEMBRE 2021

LE DICHIARAZIONI Dante Abballe, della lista liberté, égalité, fraternité “Mi definisco il sindaco buono. Il sindaco degli ultimi e dei più deboli e " in verita, in verità vi dico beati gli ultimi che saranno i primi”; chi si trova ai piedi di una gerarchia sociale, coloro che sono vittime di disprezzo e maltrattamento e i dimenticati godranno una volta giunti in paradiso. Dove tutti inoltre saranno giudicati senza disparità. Chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. In verità, in verità vi dico in verita, Chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Non è il lupo ma il pastore il vostro nemico. Sarà lui che vi sgozzerà senza pietà per allietare la sua tavola. Il nostro motto è “liberté, égalité, fraternité e la rivoluzione abbia inizio!!!” Michele Ciardi, presidente del Consiglio uscente della “Impegno Comune – Ciardi Sindaco” “Dobbiamo far crescere e migliorare la nostra bella, cara ed amata Monte San Giovanni Campano, nella continuità amministrativa. L’attuale amministrazione, capeggiata da Angelo Veronesi attualmente candidato alla carica di Consigliere in questa lista, può essere definita l’amministrazione del fare, l’amministrazione dei fatti che, al di là delle parole, sono sotto gli occhi di tutti. In questi anni trascorsi, abbiamo dimostrato il vero significato della parola “impegno”, impegno concreto per la città ed i nostri concittadini. Mi propongo a capo di una squadra di persone serie, oneste, corrette, motivate, persone che vogliono aiutarlo e sostenerlo nella realizzazione di questo ambizioso programma. Tra i candidati sono presenti figure dell’attuale amministrazione che hanno condiviso nuovamente il progetto e ben tredici “new entry” che hanno sposato convintamente il programma di Impegno Comune. Emiliano Cinelli (Siamo Monte San Giovanni Campano) già assessore ambiente nella consiliatura di antonio cinelli fa parte della protezione civile ed è geologo di professione “La mia candidatura a sindaco nasce nell’ottica di rinnovamento della classe politica ed è sostenuta da un gruppo formato da semplici persone, ma tutte animate di spirito propositivo, lavorativo e professionale, con la volontà di mettere a disposizione le proprie competenze sia per l’interesse pubblico che per restituire il giusto peso al nome di MSGC. L'amministrazione comunale, nella sua funzione di governo del territorio, deve indicare con chiarezza e trasparenza gli obiettivi che, per mandato degli elettori, intende perseguire nel breve, medio e lungo periodo. Tre gli obiettivi principali: il cittadino al centro dell’azione amministrativa, gestione economica-finanziaria oculata attraverso l’istituzione di uno sportello eir (europa, italia, regione), sviluppo del patrimonio comunale, i giovani, con l’inclusione sociale per i giovani più fragili. Il futuro è ancora da scrivere e il presente siamo noi. Carlo Coratti della lista Monte nel cuore Dopo 10 anni mi ricandido a sindaco del nostro amato paese. Lo faccio per chi, in questi anni, mi ha sempre sostenuto, spronandomi ad andare avanti nell'impegno sociale e per la crescita del nostro territorio. Lo faccio per chi ha sempre creduto in me, nelle mie capacità, nei principi morali alla base della mia azione politica e soprattutto nella mia onestà. Lo faccio per chi non ha mai creduto alle infamie ed alle falsità dette sulla mia persona, prive di ogni fondamento e volte solo a screditarmi per racimolare qualche voto in più. Lo faccio anche per chi 10 anni fa ha provato a fermare il mio percorso politico con un'azione tanto infame quanto vigliacca, perché basata su falsità. Io non ho subito né processi né condanne. Lo faccio per la mia magnifica squadra con la quale, con impegno, passione e soprattutto con il cuore, lavoreremo per fare uscire il nostro amato paese dall'isolamento politico nel quale è finito da tanti anni con un'amministrazione virtuosa, progettuale e soprattutto onesta. Perché io ho Monte Nel Cuore. Sandro Visca della lista “Sandro Visca sindaco” Ho scelto di presentare la mia candidatura alla carica di Sindaco del mio paese per via dell’assoluta passione per l’impegno civile e politico e, soprattutto, per via dell’amore autentico che nutro per il mio territorio e la mia gente. Insieme all’intera squadra che sostiene la mia candidatura, mi sono fatto portavoce di un programma innovativo, frutto di proposte discusse e condivise, con il fine di superare con grande determinazione quegli steccati che ancora oggi impediscono al nostro comune e ai suoi abitanti di crescere. In questi anni di esperienza sul campo, ho maturato la consapevolezza di quanto sia fondamentale il ruolo politico all’interno della società in cui viviamo, in modo particolare tra i giovani, nei quali va alimentata la passione e rafforzata la fiducia. Amo la mia terra e i suoi abitanti.


VENERDÌ 11 GIUGNO 2021

13


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021

Profile for tusport.redazione

TU SPORT n. 259  

TU SPORT n. 259  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded