a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

N. 216 - Venerdì 6 Marzo 2020

DENTRO LA PASSIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tusport.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

IL MATCH

NESTA SI AFFIDA AI TITOLARI LA "CREMO" RIPARTE DA BISOLI PAGINE 2-3

COMBATTETE PER NOI

UN BENITO STIRPE SENZA TIFOSI OSPITA FROSINONE-CREMONESE VOLLEY - SUPERLEGA (A PORTE CHIUSE) Globo Sora in trasferta a Piacenza Obiettivo giocare per l'orgoglio Salutano Rafael e il Gm Adi Lami

BASKET - SERIE B (A PORTE CHIUSE) Dopo il weekend di stop per Cassino visita al Corato per continuare la risalita

PAGINA 7

PAGINA 7


2

VENERDÌ 6 MARZO 2020

IL MATCH

IN UN BENITO STIRPE DESERTO, IL FROSINONE RICEVE LA CREMONESE DEGLI EX TERRANOVA, VALZANIA E CIOFANI

VIETATO ABBASSARE LA GUARDIA!

Antonio VISCA

D

ATTENTI A QUEI DUE I possibili "uomini partita" del Frosinone scelti da Tu Sport

^

SERIE B CLASSIFICA 27

Promossa in Serie A

Accedono ai Playoff

Accedono ai Playout

Retrocedono in LegaPro

ci iniziale visto nel pareggio per 2-2 di Livorno. A difendere i pali giallazzurri ci sarà come di consueto Bardi. La linea a tre

RISULTATI 27^ GIORNATA PROGRAMMA 28^ GIORNATA

non può assolutamente abbassare la guardia. Mister Nesta per l’occasione dovrebbe modificare qualcosa rispetto all’undi-

GIORNATA

opo il pareggio contro il Livorno, il Frosinone ospita tra le mura amiche la Cremonese dell’ex Daniel Ciofani. Una gara importante per i canarini che vogliono tornare a vincere per difendere il secondo posto dagli assalti di Crotone e Spezia. Vista la chiusura di tutti gli stadi per un mese imposta dal governo per arginare l’emergenza coronavirus, i giallazzurri non potranno contare sull’aiuto dei propri tifosi. Una situazione che obbliga Brighenti e compagni a dar qualcosa in più per riuscire a portare a casa i tre punti. Altro “grattacapo” aggiuntivo delle ultime ore per i ciociari è l’esonero di Rastelli da parte dei grigiorossi che, dopo il ko interno contro l’Empoli, hanno affidato la guida tecnica a Bisoli. Partita con tutt’altro tipo di ambizioni, la Cremonese si ritrova in piena zona playout, distante ben cinque punti dalla salvezza diretta. Lombardi che verranno dunque in Ciociaria con un nuovo allenatore e con la voglia di risollevare una classifica deficitaria. Il Frosinone

difensiva vedrà capitan Brighenti sul centrodestra, Ariaudo nel mezzo e dopo il turno di riposo in Toscana tonerà Capuano sul centrosinistra. Sulle corsie di centrocampo torna dal primo minuto Salvi e dall’altro lato si dovrebbe rivedere dopo tre panchine consecutive Beghetto, con D’Elia in panchina. A centrocampo confermato il trio Rohden, Maiello e Haas, con Tabanelli e Gori ancora out. Paganini, già protagonista di uno spezzone finale contro gli amaranto, siederà in panchina, pronto a dare il proprio contributo a gara in corso. In avanti Dionisi dovrebbe riprendersi il posto da titolare a discapito di Citro, di fianco a lui Novakovich.

···

···

FEDERICO DIONISI

ANDRIJA NOVAKOVICH

I possibili "uomini partita" della Cremonese scelti da Tu Sport

···

···

DANIEL CIOFANI

SIMONE PALOMBI

I BOMBER GIALLAZZURRI

DIONISI CIANO PAGANINI NOVAKOVICH CITRO

9 7 4 3 2

ROHDEN CAPUANO BEGHETTO MAIELLO ZAMPANO

2 2 2 1 1


3

IL MATCH-L'AVVERSARIO

VENERDÌ 6 MARZO 2020

rosinone f I d i n io z a m r le fo ggerITE e cremonese su i "tu sport" d e n io z a d e r a dall

Campionato Nazionale Serie B Ventottesima giornata

VS

Sabato 7 marzo 2020 ore 15:00 Stadio: Benito Stirpe Arbitro: Francesco Fourneau di Roma 1 Assistenti: Francesco Fiore di Barletta e Andrea Tardino di Milano VALUTAZIONE DIFFICOLTÀ MATCH:

-2 frosinone 3-5

IL BORSINO

ARIAUDO

BRIGHENTI

BEGHETTO

HAAS

MAIELLO

ROHDEN

SALVI

13

11

8

17

14

CAPUANO

10 18

DIONISI

H NOVAKOVIC

11 9

PALOMBI

CIOFANI

5

17

VALZANIA

MIGLIORE

15 BIANCHETTI

14

10

19 CASTAGNETTI

26 TERRANOVA

MOGOS

GAETANO

20

-2

PERCHÉ CREMONESE: I grigiorossi vantano un organico di ottimo livello, ma hanno incontrato numerose difficoltà in questo campionato. La società ha dato il benservito a mister Rastelli affidando la panchina a Bisoli, che vorrà partire con il piede giusto nel match d’esordio. La classifica piange visto il diciassettesimo posto attuale. Per questo i lombardi sono chiamati a tornare dalla Ciociaria con un risultato positivo. Prima allo “Stirpe” da ex per Daniel Ciofani che va a caccia di gol per riscattare una stagione sin qui deludente.

3

15

23

-5 cremonese 3

PERCHÉ FROSINONE: I giallazzurri vogliono tornare a vincere dopo il mezzo passo falso in quel di Livorno. Torneranno dal primo minuto Capuano e Salvi, con quest’ultimo che è diventato fondamentale negli schemi tattici di Nesta. La Cremonese è in seria difficoltà e non vince fuori casa dalla prima giornata di campionato. I lombardi saranno privi di due calciatori importanti come Claiton e Arini, mentre i canarini possono contare sul rientro a pieno regime di Paganini, pronto a dare il proprio contributo a gara in corso.

22 BARDI

ROVANELLI

1 RAVAGLIA

LO SPETTRO RETROCESSIONE SPAVENTA I GRIGIOROSSI. TRE GLI EX CANARINI IN CAMPO TRA LE FILA LOMBARDE

LA CREMONESE RIPARTE DA BISOLI PER RISALIRE LA CHINA

Stefano PANTANO

L

a Cremonese cambia ancora in panchina. È durato infatti appena nove partite il Rastelli-bis che, dopo essere stato sostituito da Marco Baroni lo scorso ottobre, era tornato alla guida dei grigiorossi a inizio gennaio. Una vittoria, tre pareggi e cinque sconfitte, compresa quella agli ottavi di Coppa Italia contro la Lazio, questo lo score del tecnico classe ’68. Al suo posto ecco Pierpaolo Bisoli, reduce dall’esperienza al Padova e ora chiamato a condurre la “Cremo” a una difficile salvezza. I grigiorossi sono attualmente diciassettesimi a quota 27 punti e seriamente invischiati nella lotta per evitare la retrocessione diretta viste le tre lunghezze di vantaggio su Cosenza e Trapani. Il nuovo allenatore è probabile che, almeno per il match con il Frosinone, riproponga il 3-5-2 che ha caratterizzato le gestioni Rastelli e Baroni. Non è da escludere, però, la variante 3-4-1-2 visto che il trainer classe ’66 predilige l’utilizzo del trequartista. Tra i pali, con Michael Agazzi ancora ai box, spazio a Nicola Ravaglia. Il reparto difensivo sarà orfano di Claiton, fermato per un turno dal giudice sportivo; a sostituirlo sarà

l’ex di turno Emanuele Terranova che sarà affiancato da Luca Ravanelli e Matteo Bianchetti. Sulla corsia destra il giovane scuola Atalanta Nadir Zortea è insidiato dal nazionale romeno Vasile Mogos, mentre sulla fascia sinistra è ballottaggio tra Alessandro Crescenzi e Francesco Migliore. La cabina di regia sarà priva dello squalificato Mariano Arini, che sarà sostituito da Michele Castagnetti. A completare la mediana saranno il talento in prestito dal Napoli Gianluca Gaetano e l’ex giallazzurro Luca

Valzania. Altre opzioni a disposizione di Bisoli sono l’ex Foggia Francesco Deli, il nigeriano Michael Kingsley e l’ex canterano dell’Ajax Reda Boultam. In dubbio per il match di domani pomeriggio l’acciaccato Samuel Gustafson. In caso di impiego del trequartista sarà avanzato Gaetano, anche se resta valida la candidatura di Antonio Piccolo. Il reparto avanzato dei grigiorossi è sulla carta uno dei migliori della categoria. Si va infatti dagli esperti Daniel Ciofani e Fabio Ceravolo ai rampanti Simone Pa-

lombi, Vittorio Parigini e Žan Celar. L’ex centravanti canarino scalpita per giocare da titolare nel suo vecchio stadio e ad affiancarlo dovrebbe essere uno tra Parigini, arrivato a gennaio dal Torino, e Palombi, già a segno nella sfida d’andata. La classifica non deve ingannare il Frosinone, perché la Cremonese ha le potenzialità per tirarsi fuori dalla zona rossa. Servirà, dunque, massima attenzione per i giallazzurri che, dopo il mezzo passo falso di Livorno, vogliono ritornare subito alla vittoria.


PAGINA 4

6 MARZO 2020


5

il campionato

VENERDÌ 6 MARZO 2020

LE DUE COMPAGINI SONO A CACCIA DI IMPORTANTI PUNTI SALVEZZA PER MIGLIORARE LA PROPRIA CLASSIFICA Antonio VISCA

I

l ventottesimo turno di campionato sarà il primo dei tre che si disputerà interamente a porte chiuse. Si parte domani alle 14:30 con la sfida tra Cittadella e Pordenone, due squadre in netta ripresa rispetto ad un inizio 2020 un po’ in affanno. In classifica sono distanziate appena di un punto e occupano rispettivamente il quinto ed il settimo posto. Alle 15:00 ben quattro partite, con i fari puntati su Frosinone-Cremonese. Entrambe le compagini partivano in questo campionato con i favori dei pronostici dalla loro parte, ma solo i canarini sono riusciti a rispettarli, con i lombardi che stanno invece faticando parecchio. Al Castellani va in scena il match tra due squadre in salute come Empoli e Trapani. I siciliani, che sembravano ormai spacciati, hanno inanellato una serie di tre risultati positivi a fronte di due pareggi ed una vittoria. Toscani invece che nelle ultime sei hanno ottenuto ben cinque vittorie, tornando prepotentemente in piena zona playoff. Alle 18:00 derby infuocato tra Pisa e Livorno. Dopo i 4 punti ottenuti nelle ultime due partite, gli amaranto si giocano il tutto per tutto proprio contro gli odiati cugini nerazzurri. Per rimanere agganciati al treno playout distante ora 9 punti, la squadra di Breda ha infatti un solo risultato a disposizione: la vittoria. Ma anche il Pisa non può abbassare la guardia visto

PISA-LIVORNO, DERBY CHE PUÒ VALERE LA B

COMUNICATO UFFICIALE DEL FROSINONE CALCIO

A FINE STAGIONE RIMBORSATE LE GARE DISPUTATE A PORTE CHIUSE

L

il solo punto di vantaggio dal sedicesimo posto. Capolista Benevento che riceve domenica sera il Pescara con il chiaro intento di arrivare il prima possibile alla matematica promozione, ormai questione di poche settimane. La ventottesima giornata si chiuderà lune-

dì sera con ChievoVerona-Cosenza. Il programma completo: Cittadella-Pordenone, Empoli-Trapani, Frosinone-Cremonese, Perugia-Salernitana, Venezia-Crotone, Pisa-Livorno, Virtus Entella-Ascoli, Juve Stabia-Spezia, Benevento-Pescara, ChievoVerona-Cosenza.

a società Frosinone Calcio comunica che in seguito alle disposizioni fornite dalla Lega B che impongono la disputa di alcune gare in assenza di pubblico, le stesse verranno rimborsate agli abbonati. Verrà utilizzata la seguente procedura per il rimborso di ciascuna quota partita. La società calcolerà il rateo di ogni singola partita in relazione all’abbonamento sottoscritto per il campionato in corso. Al termine della stagione verrà emesso un voucher pari alla somma degli importi delle singole gare giocate a porte chiuse. Tale voucher potrà essere utilizzato come sconto sull’acquisto dell’abbonamento o dei ticket per la stagione 2020/2021 oppure sul merchandising ufficiale del Frosinone Calcio presso il Frosinone Store di Viale Olimpia.

IL BENITO STIRPE CHIUDERÀ AI TIFOSI NELLE PARTITE CON CREMONESE E CITTADELLA. SENZA PUBBLICO ANCHE LA SFIDA DI TRAPANI

LA SERIE B AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: PORTE CHIUSE FINO AL 3 APRILE

N

ella serata di mercoledì il premier Giuseppe Conte ha firmato a Palazzo Chigi il Dpcm per combattere l'emergenza coronavirus, adottando misure di contenimento diretto del virus o di ritardo della sua diffusione. Le partite di calcio e le altre manifestazioni sportive si potranno disputare ma senza la presenza di pubblico. Ergo anche le partite del campionato cadetto, fino al 3 aprile, si disputeranno a porte chiuse. Le gare interessate sono le seguenti: 28esima giornata: Cittadella - Pordenone, Empoli-Trapani, Frosinone-Cremonese, Perugia-Salernitana, Venezia-Crotone, Pisa-Livorno, Entella-Ascoli, Juve Stabia-Spezia, Benevento-Pescara, Chievo-Cosenza.

29esima giornata: Salernitana-Pisa, Pescara-Juve Stabia, Ascoli-Perugia, Trapani-Frosinone, Livorno-Cittadella, Crotone-Chievo, Spezia-Empoli, Cosenza-Virtus Entella, Cremonese-Benevento, Pordenone-Venezia. 30esima giornata: Chievo-Spezia, Em-

poli-Benevento, Entella-Salernitana, Pisa-Pescara, Cremonese-Cosenza, Juve Stabia-Livorno, Frosinone-Cittadella, Trapani-Pordenone, Venezia-Ascoli, Perugia-Crotone. Questo recita il decreto: «Allo scopo di contrastare e contenere il diffon-

dersi del virus COVID-19, sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure: sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di

sicurezza interpersonale di almeno un metro.[…] Resta comunque consentito […] lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle 3 sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la pre-

senza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano».


6

VENERDÌ 6 MARZO 2020

bioritmi-nuoto

ARCHIVIATE LE SFIDE CON SALERNITANA E LIVORNO, ANALIZZIAMO LO STATO DI FORMA DELLA SQUADRA DI MISTER NESTA

NOVAKOVICH DECISIVO, CITRO SI FA TROVARE PRONTO

SERVIZIO A CURA DI STEFANO PANTANO

NICOLA CITRO – Torna dal primo minuto nel match con il Livorno e tira fuori una prestazione di qualità, impreziosita dal gol del momentaneo 1-1. Svaria su tutto il fronte offensivo e cerca di impensierire i difensori labronici agendo tra le linee. Serve Novakovich nell’azione che vale il rigore del 2-2 FEDERICO DIONISI – Contro la Salernitana disputa una gara di sostanza lottando su tutti i palloni e al tempo stesso di qualità. A Livorno entra a gara in corso, dà la scossa ai suoi dopo il 2-1 labronico e trasforma con grande freddezza il rigore del definitivo 2-2 ANDRIJA NOVAKOVICH – Si conferma tra i giocatori più in forma a disposizione di Nesta. Decide la sfida con la Salernitana con una perfetta torsione aerea, mentre a Livorno prima piazza l’assist per il gol di Citro e poi si procura il penalty del 2-2. Gol, assist e lavoro per la squadra: l’americano sta conquistando sempre più Frosinone

···

S

NICOLAS HAAS – Grande protagonista nella partita con la Salernitana, da una sua gran giocata arriva il gol vittoria di Novakovich. Al “Picchi”, invece, si fa vedere per delle buone progressioni, anche se gli manca ancora un pizzico di spavalderia nel cercare la porta. Un problema fisico lo costringe al forfait al 66’ · · · RAFFAELE MAIELLO RAFFAELE MAIELLO – Partenza così così contro i campani, ma poi sale in cattedra e spadroneggia a centrocampo. A Livorno si fa vedere con un sontuoso assist a pallonetto che manda in porta Rohdén. Tanti però gli errori, su tutti la leggerezza con cui perde la sfera in area e che spiana la strada al 2-1 toscano. Paga gli straordinari fatti finora. Nesta lo capisce e, al 62’, lo richiama in panchina

ANDRIJA NOVAKOVICH

port popolare, la società polisportiva dilettantistica del Consorzio Parsifal e della Cooperativa sociale Trascoop, ha ottenuto l’affiliazione alla Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali (Fisdir). Un traguardo che apre scenari importanti per i bambini e i ragazzi che ogni giorno si allenano nelle discipline natatorie presso la piscina comunale di Alatri. Il prossimo passo infatti è quello di avviare il settore agonistico per dargli la possibilità di confrontarsi con i coetanei. «Il nuoto è la specialità più

NICOLÒ BRIGHENTI – Qualche errore in fase di impostazione sia contro la Salernitana che con il Livorno. Ha la sua parte di responsabilità insieme a Maiello in occasione del gol del 2-1 del Livorno quando contrasta troppo alla leggera Agazzi che poi offre a Del Prato un facile tap-in. Soffre la vivacità di Marsura · · · FRANCESCO ZAMPANO FRANCESCO ZAMPANO – Sul primo gol del Livorno non si intende con Ariaudo e nessuno dei due va a chiudere su Ferrari. L’ingresso di Seck lo mette un po’ in difficoltà nel finale di gara. Meglio in fase offensiva, anche se deve migliorare sui cross

SPORT POPOLARE - ESEMPIO DI INCLUSIONE

I RAGAZZI DISABILI DELLA PISCINA DI ALATRI NEL SETTORE AGONISTICO formativa per bambini e ragazzi. Riescono ad apprendere alla grande, si ottengono risultati stupefacenti. Non solo sul piano sportivo, ma anche per quanto riguarda l’inclusione. Lavoriamo con 15 ragazzi in gruppi misti comprendenti uno o due diversamente abili. È bellissimo vedere il rapporto che si instaura tra coetanei», afferma Daniele Sistopaoli, direttore della società e istruttore Fisdir. Lo sport può essere occasione

di inclusione e al tempo stesso di realizzazione personale: «Per monitorare i progressi dei ragazzi – prosegue Sistopaoli –, confrontiamo i risultati del test d’ingresso sulle capacità con quelli in itinere svolti nel corso dell’anno. Quello che notiamo è un netto miglioramento nelle capacità coordinative e in quelle condizionali. Dunque, oltre ai progressi motori, i giovani sono protagonisti di un incremento della propria autostima».

Il nuoto come strumento di inclusione sociale e crescita personale, questa la mission di Sport popolare. Nella piscina di Alatri viene data l’op-

portunità ai ragazzi con deficit intellettivo e relazionali di esprimere tutto il loro potenziale e, perché no, sognare una medaglia.


7

volley-basket

VENERDÌ 6 MARZO 2020

DECRETO CORONAVIRUS: PORTE CHIUSE FINO AL 3 APRILE

A

llenamenti e competizioni ufficiali a porte chiuse, per tutti gli atleti agonisti, fino al 3 aprile in tutta Italia. Rispetto al Decreto di domenica 1 marzo, che era valido solo per Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, sono stati prorogati i termini (3 aprile) e l’estensione territoriale visto che varrà per tutto il Paese. Alle società è richiesto che il proprio personale medico si adoperi per con i controlli idonei a contenere il possibile contagio. L’articolo del Decreto che norma l’atti-

vità sportiva è l’1 comma C che recita: “Resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli dell’allegato 1 del DPCM dell’1 marzo 2020 (zona rossa), lo svolgimento dei predetti e competizioni, nonché delle sedute degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione

del COVID-19 tra atleti, tecnici, dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano". Quindi allenamenti e partite a porte chiuse per il prossimo mese in ogni competizione riservata agli agonisti, ma dovrebbe essere implicito che i genitori possano entrare all’interno del centro sportivo per accompagnare gli atleti minorenni. Sul concetto di agonismo questa mattina si è espresso il CONI con una nota. In ambito FIGC sono agonisti gli atleti dai 12 anni compiuti (articolo 43 delle NOIF) ma è probabile che

possa arrivare una circolare da Roma che escluda gli Esordienti 2007 e restringa il cerchio dall’Under 14 alle prime squadre. Per quanto riguarda l’Attività di Base gli allenamenti sono consentiti purché venga mantenuta la distanza di un metro tra atleti. “Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre sono ammesse esclusivamente a condizione che sia possibile il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1 lettera a D“.

BASKET - LA VIRTUS CASSINO, DOPO LO STOP DELLO SCORSO WEEKEND, TORNERÀ IN CAMPO DOMENICA A PORTE CHIUSE

BATTERE CORATO PER VOLARE

D

opo il rinvio dello scorso weekend, domenica prossima si giocherà la gara tra Basket Corato e Virtus Cassino. La squadra di coach Fantozzi tornerà dunque sul parquet e lo farà non nella cittadina pugliese in provincia di Bari, ma a Melfi, dopo la comunicazione dello spostamento arrivata nei giorni scorsi. L'avversario sarà ostico, anche se a questa gara la Virtus arriva lanciatissima dopo la serie di cinque vittorie consecutive raccolte nelle settimane scorse. Di fronte ai Lupi sarà una squadra che naviga a quota 22 punti, in una tranquilla posizione salvezza con otto lunghezze in più di Cassino, attualmente a 14 punti con Formia e Stella Azzurra e in lotta per cercare di evitare i play out. Proprio in questa ottica la gara del weekend è estremamente importante

D

opo il rinvio della gara contro Perugia, la Globo Sora è tornata in campo nei giorni scorsi a Trento per l'anticipo della dodicesima giornata. Scontato purtroppo il risultato, con i padroni di casa che si sono imposti con il risultato di 3-0. Domenica, invece, a porte chiuse, è prevista la gara in trasferta a Piacenza. Dopo l'ultima uscita a parlare è stato l'assistant coach Simone Roscini: «Sapevamo che Trento era di un livello superiore al nostro e lo ha messo quasi subito in evidenza, marcando la differenza in ogni set. Non siamo riusciti a stare nella

BASKET - DALLA FIP LAZIO

STOP AI CAMPIONATI E ALLA FORMAZIONE

A

per la Virtus, vogliosa di dare un ulteriore segnale al campionato e di rilanciare alla grande nell'ottica della salvezza diretta. Anche perchè una ulteriore vittoria consentirebbe a

Cassino di presentarsi alle due sfide contro le ultime due della classe Avellino e Scauri nel migliore dei modi. Per la Virtus Cassino inizia dunque il rush finale di sette partite da vivere al

massimo alla ricerca di una salvezza che avrebbe veramente dell'incredibile se si pensa a come era la situazione della squadra soltanto qualche settimana fa. C.C.

lla luce delle indicazioni governative emanate con Dpcm del 4 marzo 2020, il Comitato Regionale Fip Lazio dispone l’interruzione dei campionati regionali di ogni categoria (senior, giovanile ed eccellenza), delle manifestazioni sportive (incluso il torneo Basket Nostrum) e delle attività formative a partire dal 5 marzo fino alla data del 15 marzo p.v. compreso. Si demanda alle singole società lo svolgimento delle attività interne quali allenamenti e formazione, ricordando di attenersi alle raccomandazioni ministeriali in materia. Si comunica inoltre che, viste le inevitabili criticità determinate dal presente quadro, l’ufficio gare del CR Lazio, di concerto con il Consiglio Direttivo, si riserva l’eventualità di apporre modifiche alle formule dei campionati qualora le situazioni contingenti lo rendessero necessario. Il Comitato Regionale si riserva di modificare la presente comunicazione sulla base delle future indicazioni da parte della Federazione Nazionale.

VOLLEY - DOPO IL KO A TRENTO, SORA IN TRASFERTA

A PIACENZA SOLO PER L'ONORE GIÀ IN CLIMA DI SMOBILITAZIONE

scia degli avversari ma sapevamo che il nostro compito oggi era molto difficile».

In casa Globo è dunque arrivata un'altra sconfitta. E questo purtroppo non fa più notizia.

Magari a fare notizia è il clima di smobilitazione che si vice già nel club volsco visto il destino ormai segnato nel massimo campionato italiano di volley. Nei giorni scorsi, infatti, a salutare sono stati Joao Rafael, con il quale c'è stata la rescissione consensuale, e il Gm Adi Lami. Queste le poche parole del comunicato della società volsca per salutare l'ex Gm: «Nel ringraziarlo per la sua preziosa collaborazione ultra decennale, passata attraverso la condivisione delle

stesse passioni, il lavoro sodo e pregevole dedito a un obiettivo comune, sacrifici, lotte, gioie, delusioni, esperienze che hanno lasciato ricordi di vita indelebili e che han-

no scritto pagine di storia importanti, tutto il club augura ad Adi il più florido proseguo unito a tantissime soddisfazioni professionali. Ad Maiora».


N. 187 - Venerdì 6 Marzo 2020

Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

SPETTACOLO PROVINCIA

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884

GRATUITO - Edizione lancio

Linea ferroviaria veloce, fronte comune per la fermata Tav "Indispensabile per il rilancio"

TUTTI IN ZONA ROSSA PAGINA 4

IL COVID-19 FA PAURA SPECIALMENTE NEL NORD MA LA MAZZATA ECONOMICA È IN TUTTA ITALIA TURISMO IN GINOCCHIO - NEL LAZIO INDISPENSABILE RICORRERE AD AIUTI E AMMORTIZZATORI SOCIALI PROVINCIA

Barriere architettoniche abbattute in 14 uffici postali PAGINA 4

FERENTINO

Arriva il Logistic@Work per le imprese del territorio PAGINA 5

ANAGNI

DUE CASI A FIUGGI E UNO A CASSINO DESTANO PREOCCUPAZIONE IN PROVINCIA PER ORA LA SITUAZIONE COMUNQUE APPARE SOTTO CONTROLLO CHIUSE LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL 15 MARZO E FORSE OLTRE ALATRI

PAGINA 6

Lezioni on line al Pertini App per lezioni e compiti

CEPRANO

PAGINE 6

Nuova fermata Cotral Scintille Galli-Quadrini

Stadio 'Roberto Del Bianco', si accelera sui lavori PAGINA 5

VEROLI

PAGINA 8

Veroli... s'illumina di meno per sensibilizzare al risparmio


2

frosinone e provincia

VENERDÌ 6 MARZO 2020

IL NEMICO SI CHIAMA COVID-19. L'ALLARME È SANITARIO MA L'ECONOMIA È GIÀ IN GINOCCHIO

Uccide alcuni, paralizza tutti Tragedia per il settore turistico: indispensabili gli ammortizzatori sociali

Dario FACCI

"A

mmortizzatori sociali straordinari da parte del Governo per salvare il settore turistico della Regione Lazio, che rischia un tracollo a causa del Coronavirus”. Tutto il Lazio, non solo Fiuggi che ha avuto due casi. Come tutta l'Italia, non solo il nord. Lo tsunami che paralizza la circolazione degli esseri umani è microscopico, un nemico che colpisce migliaia di persone, ne alletta una parte, ne uccide qualcuna e ingessa tutte le altre, quelle sane nel corpo ma ormai flippate nella mente. Così l’ordine del giorno già depositato in aula dalla consigliera regionale Sara Battisti, chiede al presidente della Regione Lazio di farsi promotore presso il Governo della richiesta di misure straordinarie per il settore. “Il turismo – si legge nel testo – rappresenta uno dei principali indotti economici per l’Italia: alle attività turistiche sono direttamente riconducibili oltre il 6% degli occupati del Paese. Già nel trimestre, 1 marzo - 31 maggio, sono stati previsti 31,625 milioni di turisti in meno in Italia, con una perdita di 7,4 miliardi di euro” ed “un crollo del 6070% delle prenotazioni riguardanti i viaggi all'estero, quelli in Italia, i congressuali, le gite scolastiche”. Drammatiche le ripercussioni sull’occupazione: “molte aziende stanno annunciando la Cassa Integrazione per i propri dipendenti – continua il documento – e sono migliaia i posti di lavoro a rischio”. “A seguito di questi dati – spiega Sara

Tre casi in provincia

S

ono tre i casi acclarati di persone che hanno contratto il Covid-19. Due sono di Fiuggi, la commerciante 65enne e un'altra donna che però è asintomatica e il paziente che si trova in una struttura sanitaria di Cassino. Le due donne sono in condizioni non preoccupanti secondo l'ultimo bollettino. Inoltre, presso lo Spallanzani di Roma, stanno effettuando accertamenti anche su altre due persone, sempre di Fiuggi ma nel momento in cui scriviamo non se ne conoscono gli esiti. Dopo l'allarme iniziale dovuto alla scopera del primo caso di coronavirus in provincia di Frosinone al momento la situazione appare decisamente sotto controllo. Se il numero dei contagiati dovessere restare questo, insomma, non ci sarebbe davvero di che preoccuparsi. Intanto dalla Asl insistono sul rispetto dei consigli che sono stati diffusi e da adottare. Lavare le mani spesso e con disinfettanti, non avvicinarsi a meno di un metro dalle altre persone, non abbracciarsi e baciarsi, non andare in luoghi chiusi e affollati. Precauzioni particolari per over 65 e i malati.

Battisti – si rischia un vero e proprio tracollo per tutte le aziende, i negozi e le imprese che ruotano intorno al settore turistico, e che fino ad ora hanno rappresentato un motore trainante dell’e-

conomia della Regione Lazio. Gli ammortizzatori sociali straordinari da parte del Governo sarebbero quindi una misura necessaria per preservare i posti di lavoro e salvaguardare le

imprese e gli asset che ruotano intorno al settore". La Battisti, fiuggina, ha voluto presentare l'ordine del giorno - che fa seguito al tavolo con gli albergatori di Fiuggi convocato alla presenza

degli assessori competenti e rendere permanente - al fine di dare un segnale concreto di aiuto agli operatori e per provare a frenare l’emorragia di posti di lavoro e la chiusura delle aziende”. Una lodevole e valida iniziativa ma, come si dice, un ordine del giorno non si lega a nessuno, quello che occorre a un settore trainante come quello turistico è un provvedimento speciale, rapidissimo e efficace. Bisogna fare i conti, infatti, con un settore che conta una moltitudine di lavoratori con contratto atipico, quello stagionale per esempio e che pertante non può godere di alcun ammortizzatore sociale. Stiamo parlando di un settore che investe direttamente, per esempio, quello della ristorazione, cioè decine di migliaia di addetti nella nostra regione direttamen-

te impegnati e altrettanti nell'indotto delle forniture, soprattutto alimentari. Insomma una tragedia che bisogna affrontare con piglio deciso, tanto quanto quella sanitaria. Per dare una dimensione alla tragedia che colpisce in quota parte l'industria turistica del Lazio ma investe, ripeto, tutta l'Italia basta dare un'occhiata alle stime della perdita, spaventosa, prevista dagli analisti per le compagnie aeree. Secondo quei prospetti il danno causato dall'epidemia di Covid-19 è quasi senza precedenti. Il rapporto della Iata (la più grande associazione internazionale di compagnie aeree) evidenzia che nonostante il fatto che non sia ancora chiaro come si sviluppi l'epidemia, è già molto visibile il suo impatto, sebbene limitato ad alcuni mercati. La perdita


VENERDÌ 6 MARZO 2020

frosinone e provincia

■■■

LA DECISIONE DEL GOVERNO

NELLA FOTO A DESTRA LE TENDE DELLA PROTEZIONE CIVILE PRESSO IL PRONTO SOCCORSO DEL FABRIZIO SPAZIANI

di ricavi è prevista in 63 miliardi di dollari e, forse, si tratta di una previsione al ribasso, considerando che i dati confermerebbero una perdita di entrate almeno di 113 miliardi. La Iata ha quindi rivisto le stime diffuse il 20 febbraio scorso in cui si calcolava un calo dei ricavi di 29,3 miliardi di dollari "sulla base di uno scenario che avrebbe visto l'impatto di COVID-19 in gran parte limitato ai mercati associati alla Cina. Da quel momento, il virus si è diffuso in oltre 80 paesi e le prenotazioni in avanti hanno subito gravi ripercussioni sulle rotte oltre la Cina". La Iata - nel precisare che non sono ancora disponibili le stime sull'impatto del virus sulle operazioni cargo - sottolinea la "forte reazione" dei mercati finanziari con le quotazioni delle compagnie aeree che

3

Scuole e Università chiuse fino al 15 marzo e forse anche oltre

S sono scesi di quasi il 25% dall'inizio dell'epidemia, circa 21 punti percentuali in più rispetto al declino che si è verificato in una fase simile durante la crisi della SARS del 2003. Nel rapporto viene spiegato che le stime sono state elaborate sulla base di due scenari. Il primo include solo i mercati con oltre 100 casi COVID-19 confermati (al 2 marzo) che dopo un forte calo vedono un recupero tracciando un profilo a V. Si stima inoltre che calerà la fiducia dei consumatori in altri mercati (Nord America, Asia-Pacifico ed Europa). Le stime sulla flessione del numero di passeggeri, dovuto a COVID-19, vedono in testa l'Italia con -24% seguita da Cina (-23%), Iran (-16%),Corea del Sud ( -14%) Giappone (-12%), Singapore (-10%), Francia (-10%), Germania (-10%). A livello globale, questo calo della domanda si traduce in una perdita di

entrate dell'11% pari a 63 miliardi di dollari cifra su cui la Cina inciderebbe per circa 22 miliardi. Il secondo scenario si riferisce invece a tutti i mercati che attualmente hanno 10 o più casi COVID-19 confermati (al 2 marzo). Il risultato è una perdita del 19% dei ricavi a livello mondiale legate al calo del numero dei passeggeri che equivale a 113 miliardi di dollari, sugli stessi valori registrati dal settore aereo durante la crisi finanziaria globale. L'Italia, in sintesi, allo stato attuale, è vista dagli analisti internazionali come la nazione che maggiormente soffrirà per il precipizio del numero di viaggiatori. Pur in una situazione di disastro collettivo. E' dunque evidente che immediati provvedimenti per un settore fondamentale come quello turistico non possano attendere oltre. Ovviamente e purtroppo il problema non investe solo

Agghiacciante la previsione della Iata, la più importante associazione internazionale tra le compagnie aeree: perdite tra 63 e 113 miliardi di dollari e il Paese che sarebbe maggiormente penalizzato in Occidente risulta proprio l'Italia

il settore turistico. Notoriamente nel Lazio è trainante l'export, in provincia di Frosinone soprattutto. Ebbene la paralisi non può che danneggiare pesantemente anche chi deve esportare, nell'istante in cui all'estero fanno la gara a screditarci. Notizia di ieri è che addirittura i fiori italiani vengono bloccati alla frontiera. I nostri generi alimentari vengono penalizzati anche a causa dei trasportatori esteri che hanno paura di venire in Italia a caricarli. L'allarme lanciato ieri da Coldiretti è chiarissimo. Nelle prossime ore sono attese le iniziative che le associazioni degli imprenditori stanno prendendo per fornire dati abbastanza precisi e chiedere sostegno anche nelle zone che non sono nella cosiddetta "zona rossa" oppure nelle regioni italiane maggiormente colpite dall'epidemia perché, come abbiamo già sostenuto in precedenza, la paralisi economica investe l'intero Paese. Insomma, niente negli ultimi decenni sarebbe paragonabile a quanto si prospetta per i prossimi mesi dal punto di vista delle perdite in tutti i settori ma specialmente in alcuni. Nessuna epidemia precedente, fenomeno sismico o sciagura di qualsiasi genere risulterebbe neanche paragonabile.

cuole e università chiuse in tutta Italia dal 5 al 15 marzo 2020: una decisione presa dal governo seguendo la "linea della massima precauzione", per tentare di arginare la diffusione del coronavirus nel nostro Paese. E mentre si sta lavorando ad una norma che preveda la possibilità per uno dei genitori di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni, per le lezioni si procederà con l'attivazione e l'implementazione della didattica online a distanza, meccanismi utili a salvare l'anno scolastico anche con questa sospensione temporanea. La chiusura delle scuole "è un sacrificio che serve e che va fatto", ha spiegato oggi il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, componente del Comitato tecnico-scientifico sull'emergenza coronavirus, in conferenza stampa alla Protezione civile. Sulla sua stessa linea è anche il virologo Roberto Burioni che su Twitter ha scritto: "Considerati i numeri attuali, la chiusura delle scuole è un provvedimento indispensabile. Mi stupisco che qualcuno con un minimo di raziocinio possa non essere d'accordo. Molti - ha aggiunto Burioni citando le parole dell'epidemiologo Pierluigi Lopalco - stanno usando l'assenza di evidenze per contestare la misura che chiude le scuole. Sfido chiunque a trovare una pubblicazione su come prevenire la diffusione di un virus comparso pochi mesi fa sulla faccia della Terra". Locatelli ha chiarito che "il Comitato tecnico-scientifico ha solo portato all'attenzione dei ministri elementi di incertezza su quanto un provvedimento di questo tipo può contribuire al contenimento dell'infezione. L’altro elemento di incertezza è sulla durata della sospensione: è stata decisa la chiusura delle scuole fino al 15 marzo, con possibilità di rimodulare" questa decisione "sulla base dello scenario epidemiologico che andremo a verificare giorno per giorno". Potrebbe dunque configurarsi una proroga della chiusura delle scuole in Italia. Che la misura" di sospensione delle lezioni a scuola "non serva lo escludo, ma non è certo il contributo che possa dare. Può aiutare a contenere i contagi, ma non sappiamo quanto", ha aggiunto Locatelli. "Lo slogan più adatto a questa emergenza può essere 'tutti uniti, ma distanti'", ha suggerito il presidente del Consiglio superiore di sanità, per poi avvertire: "Occorre contenere quanto più possibile la diffusione del contagio perché è evidente che se dovesse assumere grosse proporzioni avremo poi delle difficoltà significative nella gestione dei pazienti". Per il presidente del Consiglio superiore di sanità "l'Italia può rappresentare un modello prototipale su come contenere il più possibile l'emergenza, per rendere poi praticabile offrire ai cittadini il meglio dell'assistenza, garantendo il massimo rispetto della loro salute".


4

VENERDÌ 6 MARZO 2020

frosinone e provincia

DOPO DANILO MAGLIOCCHETTI, SULL'ARGOMENTO INTERVENGONO ANCHE IL PSI, IL SINDACO DI ROCCASECCA SACCO E IL PRESIDENTE DEL COSILAM DELLE CESE

Tav, una battaglia bipartisan Linea ferroviaria veloce, pressing di Samuel Battaglini: “Indispensabile per il rilancio socio-economico del territorio”

D

opo il progetto “Grande Capoluogo”, il vicepresidente nazionale Anci Giovani e Consigliere comunale di Patrica, Samuel Battaglini, interviene sulla proposta legata all’alta velocità. “Ringrazio il Consigliere comunale di Frosinone, l’amico Danilo Magliocchetti, per aver rilanciato ed incentivato il progetto relativo all’alta velocità. Un progetto quanto mai necessario per il nostro territorio e, quindi, anche per Patrica ed i Lepini, come ha già sottolineato il Consigliere di Morolo Enzo Moriconi. La fermata Tav sarebbe una scossa da un punto di vista occupazionale, economico e sociale, un’occasione che non possiamo permetterci di perdere”. “Ogni singolo Comune ha il dovere di fare la sua parte, ed è per questo che presenterò in Consiglio comunale una mozione a riguardo. Il territorio della provincia di Frosinone – spiega Battaglini – è soggetto ad un grande pendolarismo, con circa 40/45 mila persone che, quotidianamente, si spostano per motivi di lavoro, studio o personale verso la Capitale; da anni si parla della realizzazione di questa importante opera ma, nonostante le buone intenzioni generali, concretamente, ancora nulla è stato posto in essere; la realizzazione della linea ferroviaria veloce Roma-Frosinone-Cassino, consentirebbe il rilancio socio-economico, ma anche demografico, dell’intero territorio, con la possibilità di risiedere, una volta acquisita la disponibilità di un collegamento veloce, anche in provincia di Frosinone e quindi anche e soprattutto a Patrica”. “Dai primi del ‘900 ad oggi, di fatto, i tempi di percorrenza ferroviaria, da Frosinone per Roma, sono migliorati nell’ordine di appena 5 minuti, quando la linea veloce consentirebbe di

raggiungere la Capitale, da Frosinone in 35 minuti e da Cassino in 70 minuti. Il recente rapporto “Pendolaria 2019” elaborato da Legambiente e inerente la situazione del trasporto ferroviario in Italia, ha evidenziato che la tratta Roma-Frosinone è la 9^ in assoluto in Italia per numero di viaggiatori giornalieri, con ben 42.000 utenti trasportati. La strategicità di questo importante intervento infrastrutturale per Frosinone e per quanti si recano quotidianamente a Roma, per lavoro o studio – conclude Battaglini – è condivisa praticamente da tutti: istituzioni, politica, amministratori, associazioni, imprenditori, e Patrica deve fare la sia parte per contribuire alla realizzazione del progetto tanto atteso, con la speranza che l’Ad Trenitalia, Battisti, originario di Fiuggi, si renda sensibile all’istanza del suo territorio”. Sulla questione è intervenuto anche il Psi, per sollecitare una fermata Tav a Frosinone. "Gli ultimi rilievi statistici sullo stato demografico emerge un dato allarmante per il nostro territorio, e in particolare per il Capoluogo. Vi è un drastico calo demografico che negli ultimi anni conferma il trend negativo. Il dato negativo è dovuto a diversi fattori: al minor numero delle nascite, ad un territorio che non attrae i giovani sia per la mancanza di lavoro che per la

mancanza di luoghi di aggregazione, a quella consistente fetta di popolazione che decide ogni anno di trasferirsi altrove, spesso lasciando il Capoluogo per approdare nella vicina Capitale per esigenze di lavoro, o nei paesi limitrofi per un affitto meno caro pur continuando a fare i pendolari”. “La capacità attrattiva di un territorio - spiegano i socialisti passa anche dalla sua fruibilità, e quindi dalla presenza o meno di adeguate infrastrutture, una di queste è sicuramente la Tav. Tale infrastruttura avrebbe dei benefici immediati sul territorio. In primo luogo migliorerebbe la qualità di vita delle migliaia di pendolari che ogni giorno viaggiano da e per Roma, ma non solo. In secondo luogo, per molti di loro, con tempi di percorrenza dimezzati, si prospetterebbe un “ritorno a casa”, evitando il pagamento di affitti nella Capitale che spesso sono dei veri e propri salassi. Di riflesso trattenendo sul territorio parte dei pendolari, l’economia locale ne trarrebbe quel sano beneficio che ormai sta scomparendo del tutto. Con tempi di percorrenza dimezzati molti di coloro che utilizzano le proprie auto per recarsi nella capitale, non solo per motivi di lavoro, sarebbero invogliati ad usare la Tav anche con evidenti benefici ambientali rispetto all’inquinamento di un territorio

già in condizioni molto critiche. Inoltre avere una fermata Tav in città consentirebbe di intercettare gran parte di quelle persone che per raggiungere Frosinone sono costrette ad usare l’auto”. “Se è vero che da tempo, e anche di recente, da più parti politiche è emersa la volontà di portare avanti il tema dell’alta velocità a Frosinone, è giunto il momento di impiegare e unire tutte le forze, per il bene del territorio, convergendo energicamente sulla realizzazione di questa infrastruttura che riteniamo fondamentale per la città e la provincia.“Pertanto - concludono dal Psi - chiediamo l’impegno di tutte le parti politiche e degli attori istituzionali affinché si lavori concretamente per raggiungere questo agognato obiettivo: guadagnare tempo per correre veloci come altre parti del paese e non lasciare indietro il nostro territorio”. Sull’argomento sono intervenuti anche il presidente del Cosilam Marco Delle Cese e il sindaco di Roccasecca Giuseppe Sacco. “La possibilità di avere una fermata Tav in provincia di Frosinone è un’opportunità unica e irripetibile. Per questo motivo vogliamo rivolgere un appello a tutte le istituzioni e alla politica affinché ci si unisca e si faccia squadra evitando inutili e dannose divisioni per arrivare, insieme, alla realizzazione del progetto. L’esigenza del territorio è quella di creare una linea veloce tra noi e il resto dell’Italia, spetterà poi ai tecnici individuare la miglior strada per la realizzazione. Nei diversi tavoli Rfi è stato molto chiaro, occorre un approccio forte di enti e istituzioni altrimenti sarà difficile si possa arrivare alla realizzazione. Invitiamo tutti a fare uno sforzo e a mettendo da parte ogni campanilismo per fare in modo che la fermata Tav diventi realtà”.

IN TUTTA LA CIOCIARIA Abbattute le barriere architettoniche in 14 uffici postali

P

oste Italiane ha completato l’abbattimento delle barriere architettoniche presso l’ufficio postale di Monticelli a Esperia. Questa tipologia di interventi, finalizzata a facilitare l’accesso presso le sedi di Poste Italiane, ha già interessato complessivamente 14 uffici postali operativi sulla provincia di Frosinone. I piccoli comuni frusinati dove Poste Italiane ha eseguito le opere di abbattimento delle barriere architettoniche negli uffici postali sono i seguenti: Alvito, Caira Cassino, Campoli Appennino, Coreno Ausonio, Filettino, Fontechiari, Isoletta, Sant’Ambrogio sul Garigliano, Sant’Andra sul Garigliano, Serrone, Sgurgola, Vallerotonda, Viticuso e in ultimo Monticelli a Esperia. Il progetto è inoltre inserito nell’ambito del più ampio piano di interventi straordinari previsti dal programma dei “dieci impegni” per i Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” dello scorso anno a Roma ed è inoltre coerente con la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e con l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul nuovo portale web all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. In tutta Italia il piano di abbattimento delle barriere architettoniche sta coinvolgendo gli uffici Postali di circa 1300 Comuni.


VENERDÌ 6 MARZO 2020

A

l via Logistic@ Work, il nuovo Laboratorio di micro-innovazione logistica della Regione Lazio, nato a seguito di una consultazione che ha coinvolto imprese e operatori del frusinate, che ha lo scopo di migliorare dei processi aziendali nella catena di distribuzione, applicabile alle aziende di servizi di logistica e trasporto. La call di Logistic@ Work è stata presentata mercoledì 4 marzo, alle ore 18 presso lo Spazio Attivo di Ferentino, in via Casilina km 68,300. Un’iniziativa che rientra nella più ampia strategia

5

ferentino-anagni

FERENTINO - UN'INIZIATIVA CHE RIENTRA NELLA STRATEGIA DI OPEN INNOVATION

La Regione Lazio lancia il Logistic@Work per tutte le imprese del territorio

di open innovation che la Regione Lazio realizza attraverso gli Spazi Attivi di Lazio Innova. Favorire l’incontro fra domanda e offerta di innovazione, valorizzare economicamente i risultati della ricerca nella Regione Lazio e accelerare i processi innovativi dell’economia laziale, con particolare riferimento alle micro, piccole e medie imprese, sono gli obiettivi principali del Laboratorio. Il settore logistico rappre-

senta, infatti, uno degli ambiti di maggior rilievo nell’economia regionale per la sua centralità nei processi produttivi. Una filiera complessa che cambia continuamente e che, pertanto, necessita di investimenti per restare al passo con i cambiamenti che investono il mondo del lavoro e per aumentare la competitività del nostro territorio. Il progetto si sviluppa in due fasi: Modulo I “Rilevazione dei fabbisogni delle aziende e analisi delle funzioni e processi aziendali”, per individuare criticità e trovare nuove soluzioni; Modulo II “Accompagna-

mento alla ricerca dei fondi per gli investimenti in innovazione e formazione sul marketing dei nuovi servizi”, per creare una roadmap e favorire la presenza sul mercato delle imprese. Al Laboratorio possono partecipare imprese e startup, con una sede operativa nel Lazio, che operano nel settore della logistica, come, ad esempio, corrieri, gestori di interporti o terminal intermodali, operatori del trasporto ferroviario, fornitori di servizi logistici integrati, spedizionieri. Le iscrizioni sono aperte fino alle ore 24 del 31 marzo 2020.

ANAGNI - NEI GIORNI SCORSI È STATA REDATTA LA DETERMINA CHE CONFERMA L'ESITO DELLA GARA D'APPALTO E APPROVA LA GRADUATORIA CON LA DITTA VINCITRICE

Stadio comunale, si accelera

Il sindaco Daniele Natalia: «La struttura verrà modernizzata nell'ambito di un'opera pubblica d'ampio respiro»

N

ovità importanti per la questione dei lavori allo stadio comunale “Roberto Del Bianco” di Anagni. Nei giorni scorsi infatti è stata redatta una determina a firma del responsabile del servizio Lavori Pubblici del Comune, l’architetto Roberto Berardi, che conferma l’esito della gara d’appalto e approva la graduatoria dalla quale risulta vincitrice la ditta “Euroscavi Cilia Srl”. Con l’atto si conclude dunque l’iter burocratico-amministrativo della procedura per l’assegnazione dei lavori di rifacimento del manto e delle pertinenze dello stadio “Del Bianco”. Nei prossimi giorni potranno essere convocati i soggetti interessati per la programmazione di tutte le attività inerenti i lavori presso lo stadio comunale di Anagni.

P

resentata al Comune di Anagni l’attivazione per il secondo anno consecutivo dello Sportello del Lavoro in collaborazione con l’Agenzia Umana. L’iniziativa, fortemente sostenuta dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Daniele Natalia, già lo scorso anno aveva fatto registrare un grande numero di adesioni da parte di cittadini disoccupati o inoccupati; quest’anno si replica con qualche importante novità: rispetto al 2019 sono stati infatti programmati più corsi di formazione strutturati in base al mercato del

L’assessore allo Sport, Jessica Chiarelli (FdI) chiosa: «Con la determina dell’architetto Berardi va a chiudersi la parentesi prettamente burocratica della questione stadio legata ai procedimenti per l’assegnazione dei lavori. Da oggi si può iniziare a

parlare di progetti, di iniziative, di programmazione politica ed amministrativa in merito allo stadio comunale. La città di Anagni potrà finalmente avere un impianto sportivo in linea con gli standard federali e, soprattutto, confacente alle possibili-

ANAGNI - UN SOSTEGNO PER I CITTADINI DISOCCUPATI

Riapre lo Sportello del Lavoro in collaborazione con Umana

lavoro nel territorio anagnino e dei comuni limitrofi. Un occhio di riguardo è per gli istituti scolastici con l’ideazione del “Job Day” per l’orientamento lavorativo e la formazione per gli studenti dell’ultimo anno di superiori. Tra le attività previste dallo Sportello del Lavoro sono inseriti i colloqui conoscitivi, il supporto nella redazione del CV, i corsi di preparazione all’ingresso nel mondo del lavoro e corsi

di formazione in informatica base e lingua inglese. Nella giornata di ieri, dalle ore 15 alle 18, presso il Comune di Anagni, è stato aperto nuovamente lo Sportello del Lavoro con cadenza regolare di due giovedì al mese per tutto l’anno 2020. I responsabili dell’Agenzia Umana riceveranno gli utenti previo appuntamento da prendere al numero o con una email all’indirizzo sportello.anagni@umana.it.

tà della nostra città. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale resta sempre quello di risolvere gli annosi problemi del campo di calcio rendendo l’impianto fruibile. Restituiamo lo stadio “Del Bianco” alla città di Anagni». Il sindaco Daniele Natalia dichiara: «Concluso l’iter burocratico finalmente possiamo dare una risposta concreta ai cittadini sulla questione stadio. I lavori inizieranno nei prossimi giorni e la struttura verrà modernizzata nell’ambito di una opera pubblica d’ampio respiro. A chi nei mesi scorsi ha “giocato” molto addebitando alla nostra amministrazione anche i ritardi burocratici connessi al procedimento amministrativo, rispondiamo con i fatti, onorando gli impegni assunti con la città e che, ora in tanti ambiti, si stanno concretizzando».

Queste le parole in merito allo Sportello del Lavoro del sindaco Daniele Natalia e del consigliere subdelegato al Personale, Luigi Pietrucci (Cuori Anagnini): «Si rafforza la partnership tra Comune di Anagni ed Umana, azienda leader nel settore del lavoro somministrato interamente a capitale italiano, per coadiuvare i cittadini nella ricerca di lavoro. Il servizio dello Sportello del Lavoro che non ha costi né per l’Ente né per i cittadini che ne usufruiscono, è uno strumento fondamentale nella risoluzione del problema occupazionale che investe

la nostra città ma, in generale, tutto il comprensorio. Molte volte risulta difficile far incontrare domanda ed offerta di lavoro per difetto di comunicazione o per mancanza di figure specializzate; con lo Sportello del Lavoro si punta proprio a razionalizzare il rapporto tra datori di lavoro e cittadini disoccupati o inoccupati. I tanti servizi offerti dallo Sportello del Lavoro sono funzionali anche a migliorare le conoscenze dei potenziali lavoratori professionalizzandone il profilo e quindi facilitandone la ricerca d’occupazione».

FERENTINO Il Museo Diocesano si arricchisce

N

ei giorni scorsi è stata consegnata al Museo Diocesano di Ferentino una statua lignea raffigurante la “Madonna con Bambino” e risalente al XV secolo. L'opera, proveniente dalla chiesa di San Rocco a Villa Santo Stefano, sarà custodita presso il Museo di Ferentino ed esposta in dialogo con la “Madonna con Bambino”, di epoca analoga, proveniente dalla Chiesa ferentinate di Sant'Antonio abate. La statua di Villa Santo Stefano giunge al Museo al termine del restauro finanziato e curato dalla “Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti” che ha affidato la realizzazione dell'intervento al Consorzio Aureo della dottoressa Fiammetta Jahier. Ricordiamo che il Museo Diocesano ha sede nel Palazzo Episcopale di Ferentino, in piazza Duomo ed è aperto al pubblico dall'aprile 2012. Orari di apertura al pubblico (si possono concordare anche visite guidate per gruppi in giorni ed orari diversi): venerdì (16-18); sabato (9-13/15-18); domenica (9-13/15-19).


6

I

n applicazione delle norme contenute nel DPCM 4 marzo 2020 e a seguito della riunione del Comitato di Direzione tenutasi questa mattina, il sindaco ha provveduto ad indirizzare un ordine di servizio a tutti gli uffici comunali sui temi più importanti riguardanti la tutela dei lavoratori ed il rappor-

VENERDÌ 6 MARZO 2020

alatri-ceprano ALATRI - SOSPESE ANCHE LE INIZIATIVE CULTURALI

Coronavirus, stop al mercato e alle attività del centro sociale

to con il pubblico. Tra le iniziative prese, di maggiore rilievo esterno ci sono: la sospensione delle attività fino al 15 marzo dei Centri Sociali Anziani, dei Nidi Comunali, delle Ludoteche comunali e del Centro

Diurno; la sospensione di tutte le attività congressuali, convegni, concerti, mostre ed altre ludico ricreative, programmate presso i locali del Comune, fino al prossimo 15 di marzo; le attività sportive all'aper-

to possono tenersi, ma senza pubblico. Inoltre con apposita ordinanza il Sindaco, sentiti gli Uffici Competenti, ha disposto la sospensione, fino al 15 marzo, dei mercati settimanali di Alatri Chiappitto e Alatri Tecchiena.

ALATRI - SONO STATI CREATI GRUPPI WHATSAPP DI DOCENTI E STUDENTI, LEZIONI E COMPITI SULLE APP

Pertini, ok alle lezioni on line Dopo il decreto di chiusura delle scuole, l'Istituto della Dirigente Greco al lavoro per la didattica a distanza

A

ll'Istituto Pertini di Alatri gli studenti potranno seguire lezioni on line per tutto il tempo in cui saranno costretti a casa a causa dell'allarme coronavirus. Per ora fino al prossimo 15 marzo, ma non è da escludere, soprattutto se la situazione sanitaria non dovesse normalizzarsi, che il divieto sia rinnovato per altri giorni. Ed è per questo motivo che la dirigente Annamaria Greco, già nella giornata di mercoledì, nel momento in cui si è avuto il sentore che potesse arrivare il blocco delle lezioni, ha convocato il Collegio dei Docenti prospettando la possibilità di attivare la didattica a distanza nel caso in cui il provvedimento fosse stato ufficializzato nelle ore successive. Quello che è accaduto con la conferenza in serata del Premier Conte. In questo modo la scuola ha superato le questioni

D

a inizio settimana è attiva la fermata Cotral a Ceprano per il trasporto pubblico extraurbano. La novità riguarda la corsa Ceprano - Roma Anagnina, con i pendolari che potranno giornalmente prendere il mezzo sulla Strada del Sole. L’andata è prevista alle 6.15 e alle 9, mentre il ritorno alle 14.20 e alle 17.30. Questa vicenda ha provocato polemiche vibranti tra il Commissario della XV Comunità Montana "Valle del Liri" Gianluca Quadrini e il sindaco Marco Galli. Già quando diverse settimane fa, infatti, nel momento in cui uscì la notizia, il sindaco Galli sottolineò come questo fosse un traguardo importante

burocratiche, "anticipando" i tempi per poter essere pronta a partire. Il passo successivo è stato poi quello di creare dei gruppi whatsapp tra docenti e con gli studenti, in modo da

concordare come operare e comunicare pian piano il da farsi agli alunni. Sarà allestita l'aula virtuale "G Suite", già utilizzata in passato dall'istituto, mentre per le lezioni, le chiamate e la

creazioni di compiti verranno utilizzate la app "Hangout" e "Classroom". Un metodo di studio innovativo, nella speranza, però, che prima possibile si possa tornare all' "antico".

Non tanto per la novità, che sarà sicuramente apprezzatissima dai ragazzi, quanto per il fatto che potrebbe finalmente spegnersi l'attuale emergenza sanitaria.

CEPRANO - ATTIVA GIÀ DA INIZIO SETTIMANA

Fermata Cotral sulla Strada del Sole Querelle tra Quadrini e il sindaco Galli per Ceprano, dopo anni e anni di attesa. Ha spiegato Galli: «Come Amministrazione l'abbiamo fortemente voluta, per venire incontro alle aspettative degli studenti e dei pendolari che, quotidianamente, si recano a Roma. Non è stata una cosa semplice, ma grazie alla disponibilità di Cotral e della Regione l'obiettivo è stato raggiunto». A rivendicare l'obiettivo raggiunto è stato però anche Gianluca Quadrini: «Una buona notizia per coloro che giornalmente si recano a Roma per studio o lavoro e che necessitavano di tale fermata.

Un ringraziamento lo rivolgo alla società Cotral Spa e alle dirigenze nelle persone del presidente avv. Amalia Colaceci, del Direttore capo area dott. Carlo Petrolini, nonché del Segretario provinciale FIT CISL Frosinone (Cotral) Massimo Iori per aver soddisfatto la mia richiesta». Parole, queste ultime, che hanno provocato la reazione del sindaco Marco Galli: «In merito all'istituzione della nuova fermata Cotral a Ceprano, rappresento che il risultato è stato ottenuto solo e soltanto grazie all'impegno e alla sinergia tra

questa Amministrazione Comunale, Cotral e Regione.Chiunque si attribuisca meriti che non ha o divulga notizie ambigue che possano far pensare a un impegno personale che non c'è stato, fa solo disdicevole disinformazione. Comprendo la necessità di attribuirsi meriti inesistenti per conquistare qualche consenso, ma invito chiunque abbia questa "impellenza", Presidenti compresi, per fini che non mi interessano, ad evitare di coinvolgere Ceprano. Abbiamo dimostrato in questi anni di essere un'Amministra-

zione seria che ha lavorato senza sosta per migliorare i servizi della città. Questa nuova, importante fermata dei mezzi Cotral, che favorirà gli spostamenti di studenti e pendolari, rientra perfettamente in questo impegno a favore della

nostra comunità. Per cui ringrazio nuovamente Cotral e Regione Lazio per la disponibilità dimostrata che ha consentito, "lavorando seriamente", il raggiungimento di un risultato che Ceprano aspettava da anni». C.C.


VENERDÌ 6 MARZO 2020

veroli

7

CORONAVIRUS PERMETTENDO, NEL MESE DI MAGGIO SARÀ PRESENTE IN CITTÀ PER LA FESTA PATRONALE

Il cardinale Zuppi a Veroli

In programma anche il conferimento all'illustre ospite della cittadinanza onoraria Egidio CERELLI

LA SETTIMANA

S

.Em. il cardinale mons. Matteo Zuppi nelle vene ha sangue verolano. Sua nonna Giovanna Stirpe abitava nel rione di San Paolo a Veroli ed era sorella alla nonna di un altro verolano Giuseppe Macciocchi Salerni. Mons. Matteo venendo a Veroli più volte, l’ultima, domenica 18 ottobre 2015 in occasione della festa della nostra Patrona, era spesso salito a Città Bianca che conosceva molto bene anche ai tempi del suo fondatore don Remigio. Chi vi scrive ha avuto modo di conoscerlo diversi anni fa ascoltandolo con piacere e dialogando con lui sul problema dei più deboli e dei poveri. Lo rivedemmo nel 2012 quando venne ricordato a Foiano don Remigio. Che ne pensa il sindaco di conferire la cittadinanza onoraria al nostro…concittadino in occasione della sua nuova venuta a Veroli, questa volta, non come semplice sacerdote o arcivescovo, ma come Cardinale? Ci pensi signor sindaco! Don Matteo, così ama farsi chiamare sarà in città in occasione della prossima festa patronale di maggio. IL RICORDO DEL 2015 Domenica 18 ottobre 2015 (nelle foto) concelebrò nella Basilica dedicata alla Patrona Santa Salome. Veroli gli portò (ci si passi il termine) fortuna. Dopo nove giorni fu nominato arcivescovo metropolita di Bologna. Successivamente, il 5 ottobre del 2019, anche cardinale. Ci torna in mente e ci piace ricordare qualche sua riflessione appunto in occasione della festa ottobrina della nostra Santa Madre di Giacomo e Giovanni concelebrata con Don Giuseppe Principali, con il rettore don Angelo Oddi e con don Matteo Cretaro.

Critiche ma anche qualche atto penitenziale che permetta una vera riconciliazione dei cuori Egidio CERELLI

U

«Se Madre Salome venisse oggi a Veroli troverebbe un altro Mauro?»- la domanda posta dall’allora mons. Matteo all’Omelia. «Forse anche a Lei avrebbero chiesto le generalità oppure, se fosse o no profuga arrivata da quella terra già allora martoriata? Lei è stata accolta nella casa di Mauro, dove per diverso tempo visse dividendo il pane insieme ad altri. E Lei, quale dono, portò la parola di Gesù. Di quel Gesù cui aveva chiesto sotto la Croce, quale pia donna, di far sedere in cielo i suoi due figli, uno a destra e l’altro

alla sua sinistra. Lei la donna della speranza che rivelò dopo che non aveva trovato più il corpo di Gesù nel sepolcro con in mano il vaso di aromi, che appunto Gesù era risorto. Venne a Roma e poi a Veroli raminga per cercare di rivedere suo figlio Giovanni. A Veroli alle porte del centro della città, agli Angeli, trovò una famiglia che la accolse, quale missionaria del Risorto. Oggi noi che cosa facciamo in questi tristi momenti do-ve le guerre scacciano via uomini, donne e bambini e che vorrebbero venire da noi, ma che spesso rifiutiamo

anziché dare una mano?». E poi ci incuriosì un aneddoto di quando da giovane si recava con genitori ed amici al Santuario della Santissima. «Si usava il verbo…’favorisca’ quando al termine della Messa e delle preghiere ci si sedeva per mangiare un boccone dividendolo con altri, anche con chi spesso guardava perché non aveva nulla da mangiare. Ricordo che sorridendo dicevamo..’favorisca’. Oggi siamo ancora capaci di ripetere a chi soffre, a chi ha fa-me…’favorisca’? Madre Salome ci ha insegnato ad amare e ad annunciare la parola del Vangelo». E quindi alla fine una conferma nell’arrivederci. «Vi saluto ami-ci verolani, anzi compaesani perché mia nonna era una di voi». Il neo Cardinale S.Em. Matteo Zuppi ed il nostro Vescovo Ambrogio Spreafico sono legati da amicizia per la Comunità di Sant’Egidio e proprio a Veroli presso INI Città Bianca hanno avuto modo di organizzare eventi collegati con la Comunità di Trastevere. A maggio lo riavremo ancora con noi. Forse ci sarà la grande novità del conferimento della cittadinanza onoraria ad un altro emerito concittadino. Ovviamente tutto dipenderà dalla coronavirus

na settimana con qualche polemica prima di ascoltare in Cattedrale dal portone rosso dell’inizio della Quaresima la frase durante l'imposizione della cenere "….memento homo quia pulvis es ed in pulverem reverteris". Polemica scaturita dal racconto sulla nostra ‘settimana’ che evidenziava una sorta di controsenso organizzare in contemporanea un evento già da tempo previsto, il Premio Veroli alla Memoria, e l’incontro in Basilica Santa Salome, organizzato dalla forania su studi della Patrona. E questo si è saputo solo tre/quattro giorni prima con l ’addetto stampa che informava appunto l’incontro, partorendo numerose critiche. Nulla questio! Tutto è andato bene pur se qualche invitato illustre ha chiesto a noi scusa per quanto accaduto. Ma al di sopra di tutto e tutti c’è una storia sul percorso della Patrona in parte inedita che incuriosisce pure chi non è credente. Ergo, caro rettore richiesta ufficiale di venia con una piccola indulgenza che non si pretende plenaria. Non ne siamo degni. La nostra era solo una riflessione a voce alta che scaturiva forse da un eccesso di zelo personalizzato. Per penitenza saliremo genuflessi i gradini della terza Scala Santa esistente al mondo che si trova all’interno della Basilica dedicata alla Patrona della città ed anche della Diocesi insieme ad altri Santi. Dunque, polemica chiusa per…intercessione della Patrona. Altro appuntamento in contemporanea al Filonardi, come abbiamo avuto modo di scrivere, la seconda edizione del Premio alla Memoria. Potremmo essere di parte ma a detta dei quasi ottocento ‘mi piace’ è stato un grande successo per la qualità dell’evento. Forse, e questo è vero, qualcuno si è lamentato perché troppo piccola la sala del Filonardi per un appuntamento che ha avuto riflessi a livello extra moenia. Il suo art director ha informato a fine serata che per l’anno prossimo per la terza edizione si vedrà, dopo le numerose repliche televisive che hanno trasmesso la manifestazione. Dalla RAI a TeleUniverso. E’ arrivato il momento della potatura dei cipressi che sfilano in un unico filare dalla Filippina sino al Crocifisso. Ce ne sono tanti con i rami secchi o altri già tagliati e guarda caso proprio all’entrata di abitazioni o di laboratori. Il Comune provvederà anche a ripristinarne i mancanti con piantine dove i cipressi sono stati prima fatti seccare e poi tagliati. Bisogna tener conto però di quelle gabbiette di ferro divelte e con le targhette sfasciate. Anche perché hanno da sempre testimoniato i cittadini verolani caduti nelle due guerre. Ricordi che vanno rispettati. Un invito al comandante della Polizia municipale: il centro storico scoppia. Non sempre può essere presente il caro vigile di… Aquino che comunque da un senso di viabilità e di vivibilità alla cittadina. Forse c'è carenza di personale? Certi giorni è impossibile persino camminare a piedi o trovare libero un metro quadrato per un parcheggio temporaneo. Auto vegetano per intere ore in ogni piccolo spazio. Non si chiede un ennesimo regolamento per il Centro storico ma quantomeno che sia disciplinato. Ciò che non avviene da diverso tempo. Perché non ripristinare il parcometro? Perché non ricontrollare i permessi concessi anche ai residenti verificandone la posizione per snellire le zone parcheggio del centro storico? Speriamo che non si arrabbi nessuno, anche perché inviperiti sono i cittadini quando salgono nel centro della città.


8

VENERDÌ 6 MARZO 2020

veroli

RIFARD E PALLACANESTRO INSIEME PER UN CAMPO DI BASKET

La solidarietà della palla a spicchi verolana sbarca in Ruanda, paese di padre Epimaque Egidio CERELLI

U

n esempio di grande solidarietà. L'associazione Culturale Rifard in collaborazione con la Pallacanestro Veroli 2016 ed il Rifard Team Verolicon una delegazione ha portato il suo contributo in Ruanda, paese del sacerdote ‘verolano’ don Epimaque. Le Associazioni coinvolte infatti stanno portando avanti un progetto di sport e cooperazione denominato BeeProject che, una volta completato, vedrà la realizzazione di un campo da Pallacane-

stro outdoor in quelle terre lontane ma che hanno con l’Italia un forte legame di amicizia. I giovani

che stanno elaborando un meritorio progetto sono Marco Igliozzi, Marco Fiorini, Matteo Baldassarra,

Diego De Santis e Lorenzo Magnone. Sembrano aver coniato nei loro cuori rappresentando quelli di tutti

i verolani un interessante messaggio di solidarietà e di fratellanza. Gruppo che si è avvalso della compe-

tenza e della professionalità di tanti atleti già conosciuti nel panorama cestistico Laziale. Bravi!

DALLA TRASMISSIONE "CATERPILLAR" LA CAMPAGNA SULLA SENSIBILIZZAZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO

Veroli... s'illumina di meno Il Comune provvederà allo spegnimento della centrale scalinata di piazza Duomo

Egidio CERELLI

NON VERRANNO CONSEGNATE LE BORRACCE

I

l Comune di Veroli aderisce all’iniziativa “M’ILLUMINO DI MENO” la campagna sulla sensibilizzazione del risparmio energetico promossa dal 2005 dalla popolare trasmissione radiofonica di RAI RADIO 2 “Caterpillar”. Quest’anno l’iniziativa è prevista per venerdì 6 marzo ed il tema principale oltre al consolidato spegnimento delle luci di un palazzo o di una piazza, oppure a casa di una stanza per continuare a rendere sempre di più consapevole l’importanza del risparmio energetico, sarà anche la messa a dimora di un albero o la piantumazione di un fiore con l’obiettivo di “aumentare il verde intorno a noi”. Il Comune di Veroli provvederà allo spegnimento della centrale scalinata di piazza Duomo ed alla messa a dimora di alberelli presso l’asilo nido comunale del Giglio. «Continua l’impegno dell’Amministrazione – dicono l’assessore all’Ambiente, Emanuele Fiorini e la consigliera delegata alla Cultura, Francesca Cerquozzi, promotori nell’occasione dell’adesione all’iniziativa – sulla sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale. Un investimento non solo materiale attraverso significative azioni nell’ottica del risparmio energetico e la piantumazione di alberi, ma soprattutto culturale perché la sfida che ci troviamo ad affrontare è proprio quella di sviluppare un approccio si-

Oltre alle scuole e al centro anziani anche il teatro chiude i battenti Egidio CERELLI

I

stemico che vada sempre più nella direzione del rispetto e sostenibilità ambientale. Ed in questo sarà fondamentale la spinta che verrà dalle giovanissime generazioni, fattore determinante per invertire il passo su questo cruciale problematica sul quale si gioca il futuro dell’umanità”. E la sensibilità dei giovani parte proprio dalla scuola che,

grazie anche all’adesione all’iniziativa “M’ILLUMINO DI MENO” dell’Istituto Comprensivo Veroli 2, sta dimostrando massima attenzione sull’ambiente e sul risparmio energetico. La scuola media Caio Mario del Giglio provvederà nella stessa mattinata di venerdì 6 marzo a mettere a dimora un albero presso la sede dell’istituto scolastico.

l Teatro Comunale di Veroli che per domenica avrebbe proposto una debordante Diana Iaconetti in veste di attrice e regista, dando vita a “Cinque volti di donna. Carne Ribelle” non alzerà il sipario. Il Comune ha provveduto anche ad adeguarsi alle disposizioni nazionali chiudendo tutti i plessi scolastici di qualsiasi grado. Di conseguenza non verranno consegnate le duemila borracce in programma. Tutto rinviato a data da destinarsi. Nello stesso tempo non è autorizzata l'organizzazione di qualsiasi evento pubblico e provato che ricade sul territorio verolano. Eventi che comportano affollamenti tali da non garantire la distanza di sicurezza così come da normativa disposta. Il Centro anziani rimarrà chiuso sino a nuova disposizione. Salteranno di conseguenza le votazioni per la elezione del nuovo direttivo ed il pranzo comunitario in occasione della festa della donna. Non solo, dunque, ma tutti gli spettacoli ed eventi pubblici e privati sono vietati su tutto il territorio comunale. La prevista manifestazione relativa al campionato nazionale di Karate prevista nei giorni 4 e 5 aprile non si svolgerà. A questo punto si teme persino lo svolgimento della famosa sagra della crespella prevista per il 22 di aprile. ma in merito non è stato emesso ancora nessun comunicato. Per quanto concerne le Saante Messe bisognba attenersi alle disposizioni impartite dal vescovo diocesano, mons. Ambrogio Spreafico.


VENERDÌ 6 MARZO 2020

veroli

9

INTERVENTO DI VOLONTARI ED OPERATORI DEL CAI PRIMA DELL'ENTRATA SUL PIANORO DI PRATO DI CAMPOLI

Altra discarica bonificata

Purtroppo gli 'imbecilli' antiambientalisti sono ancora numerosi ed impuniti Egidio CERELLI

T

anti i volontari che hanno provveduto a bonificare una scarpata con sottostante vallone dove, pur se esistente il divieto di discarica, i soliti vandali hanno abbandonato un po’ di tutto. Una trentina i sacchi ripieni di materiale raccolto con fatica dai volontari insieme a quelli del CAI di Frosinone. Quando si riuscirà a beccarne uno di tali imbecilli che scaricano abusivamente materiali di tutti i tipi, compresi quelli nocivi, sul territorio verolano? L’assessore all’ambiente ha provveduto a stilare le isole ecologiche itineranti e dunque perché scaricare dove è vietato? Egregio comandante della polizia Municipale ,Veroli ha bisogno anche che qualcuno di voi anzichè il giro quotidiano da nord a sud, da est ad ovest,(cosa buona e giusta!) si porti anche lassù nell’arco della giornata, soprattutto nel pomeriggio, per pizzicare qualche selvaggio energumeno che scarica materiale dove non si può e peraltro nocivo all’ambiente ed all’uomo. «Sono state individuate cinque mega zone – spiegano il Sindaco, Simone Cretaro e l’assessore all’Ambiente, Emanuele Fiorini – dove potranno confluire i rifiuti dalle contrade e dalle case sparse del nostro Comune e non ci spieghiamo tale vandalismo contro

l'ambiente. Tali zone sono state individuate perché sono dotate di aree facilmente fruibili e raggiungibili da tutti, con accessi facilitati sia per auto che per piccoli autocarri. Le cinque zone individuate dall’Amministrazione sono Veroli centro (piazzale delle Filippine),

Santa Francesca (piazzale della scuole elementare Celestino Frasca), Giglio (via Mignardi direzione Foiano), Casamari (piazzale del Campo Sportivo) e Castelmassimo (di fronte alla chiesa di San Pietro Ap.). L’isola ecologica itinerante è l’automezzo attrezzato con il quale il Comune di Veroli, in collaborazione con la ditta appaltatrice del servizio Sangalli, effettua il servizio di ritiro delle seguenti tipologie di rifiuti: ingombranti, R.A.E.E. (rifiuti di appa-

recchiature elettriche ed elettroniche), oli di cucina esausti (per i quali è già iniziata la distribuzione alle utenze domestiche di appositi contenitori da 3,5 litri e si proseguirà anche per le attività commerciali e produttive con contenitori di 35 litri), pile esaurite e farmaci scaduti, nonché potature. L’orario della raccolta, tutti i sabato come da calendario ad iniziare dal 14 dicembre per Veroli centro e zone limitrofe, è dalle 08.00 alle 12.00.


Profile for tusport.redazione

TU SPORT n. 216  

TU SPORT n. 216  

Advertisement