Page 1

N. 162 - Venerdì 2 Agosto 2019

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

INSERTO DELL'EDIZIONE ODIERNA DELLA TESTATA GIORNALISTICA TU SPORT Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

SPETTACOLO FROSINONE

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

L'estate del capoluogo si vive a piedi e in bici Istituite due isole pedonali fino al 15 settembre nel cuore del centro storico e in via Aldo Moro

PAGINA 5

IMPRESE, I DATI UNIONCAMERE EVIDENZIANO UNA SITUAZIONE DISASTROSA, IN PARTICOLARE NEL SETTORE DEL COMMERCIO

(S)PROFONDO SUD

I

dati Unioncamere non rassicurano. Già il numero nudo e crudo evidenzia sì una crescita, ma decisamente più bassa rispetto a quella registrata nei precedenti anni. Dopo di che, senza neanche voler considerare il fenomeno della gemmazione, quindi delle molte nuove aziende nate, che però corrispondono a vecchie aziende chiuse e poi riaperte sotto altro nome, bisognerebbe stare attenti ad un dato in particolare, quello del commercio, che descrive una forte decrescita. Particolarmente preoccupante per un tessuto economico che da anni non si regge più sull’industria. L’avvento delle nuove tecnologie, dei colossi come Amazon, sta influendo parecchio le attività commerciali fisiche del nostro territorio. Ma allo stesso tempo sottolinea come non ci si adegua al nuovo, faticando a stare al passo.

FASTI VEROLANI, BOOM DI PRESENZE PER L'EVENTO DELL'ESTATE

FERENTINO

Venti anni di arte di strada

Approvato il bando per gli alloggi Ater Pompeo: risolviamo l'emergenza abitativa

PAGINE 12-13

PAGINA 3

VEROLI

PAGINA 11

BOVILLE ERNICA

PAGINA 15

M.S.G.CAMPANO

PAGINA 7 PAGINA 18

L'assessore all'ambiente Fiorini Per la consigliera Marta Diana Nonostante la pioggia battente garantisce il suo impegno il Comune va verso il dissesto i Nomadi salgono sul palco per la rinascita di Prato di Campoli e cerca fondi per "sopravvivere" per un concerto da favola


PAGINA 2

2 AGOSTO2019


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

frosinone e provincia

3

I DATI DI UNIONCAMERE FANNO EMERGERE UNA SITUAZIONE DISASTROSA: TANTI I NEGOZI COSTRETTI A CHIUDERE

Commercio, giù le saracinesche I giganti dell'ecommerce divorano le attività locali. Che non si reinventano per approdare nei nuovi mercati

I

dati Movimprese resi noti da Unioncamere sono tutt’altro che rassicuranti. Il fatto che il dato evidenziato sia quello che parla di un maggior numero di imprese che hanno aperto rispetto a quelle che hanno cessato l’attività (in media rappresentano una crescita di meno di mezzo punto percentuale) non significa granché, anzi. Innanzi tutto, già il numero nudo e crudo evidenza sì una crescita, ma decisamente più bassa rispetto a quella registrata nei precedenti anni. Dopo di che, senza neanche voler considerare il fenomeno della gemmazione, quindi delle molte nuove aziende nate, che però corrispondono a vecchie aziende chiuse e poi riaperte sotto altro nome (fenomeno per il quale non si hanno numeri certi) bisognerebbe stare attenti ad un dato in particolare, che è quello del commercio, che parla di una forte decrescita. Particolarmente preoc-

cupante per un tessuto economico che ormai da anni non si regge più sull’industria bensì proprio sul commercio e sui servizi. Il dato nasconde forti segnali d’allarme per l’economia della provincia di Frosinone ed evidenzia come, anche in Ciociaria, l’avvento delle nuove tecnologie, dei colossi come Amazon, del digitale, del low-

cost online, stia influendo parecchio le attività commerciali fisiche del nostro territorio. Ma allo stesso tempo sottolinea come non ci si adegui al nuovo, si fatichi a stare al passo con i tempi e a riconvertirsi, aggiornarsi, spingersi verso la novità, in un territorio che si trova nel pieno centro d’Italia ma forse più al centro-sud dal punto di vista della mentalità impren-

ditoriale. D’altronde il mondo politico e istituzionale non aiuta davvero in questo processo di riconversione che è l’unica chance possibile per far ripartire un territorio ormai martoriato e allo stremo delle forze, in cui i livelli di disoccupazione salgono senza sosta. Ma vediamo qualche dato, più nello specifico. Nel periodo aprile-giugno 2019 il comparto agricolo ha registrato l’iscrizione di 61 nuove imprese e hanno cessato l’attività in 46, cosa che fa capire come in molti puntino all’agricoltura, quindi come si ritorni alla terra, alle origini, dopo la grave crisi economica. E come, in effetti, questo settore regga più di altri. Nel ramo delle costruzioni, 83 nuove attività hanno iniziato a lavorare mentre 70 hanno cessato, descrivendo così una situazione abbastanza stazionaria, e quindi negativa visto l'incredibile calo degli anni passati. Il ramo del commercio, come

abbiamo detto, è quello che registra i dati più preoccupanti: 113 aperture e 177 chiusure. Colpito in particolare il settore dell’ingrosso (23 chiusure), ma anche quella del commercio al dettaglio: hanno iniziato l’attività in 64 ma hanno abbassato la saracinesca in 105. I servizi di ristorazione registrano 34 aperture e 37 chiusure, segno che questo settore, come in linea con il trend nazionale, ancora funziona. Recupera il settore finanziario: 12 aperture ed 8 chiusure. Segno questo, invece, che le cose vanno tutt'altro che bene. Invariato quello dei trasporti. C’è molto movimento nei nuovi settori, quelli che non rientrano nelle fasce tradizionali: 259 aperture e 24 cessazioni. E forse, quindi, c'è qualche speranza. Qualcosa inizia a muoversi e c'è che inizia ad organizzarsi non solo con i lavori tradizionali. Ma i numeri sono ancora troppo bassi.


PAGINA 4

2 AGOSTO2019


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

frosinone

5

L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DEL CAPOLUOGO ISTITUISCE DUE ISOLE PEDONALI DAL 10 AGOSTO AL 15 SETTEMBRE

Qualità dell'aria, tutti a piedi Una tra l'arco Campagiorni e la chiesa dell'Annunziata, l'altra in via Aldo Moro

N'

ell’ambito degli interventi messi in atto dall’amministrazione Ottaviani per migliorare la qualità dell’aria e promuovere non solo abitudini maggiormente ecosostenibili, ma anche tesi a valorizzare il territorio e ogni iniziativa di aggregazione e coesione sociale, da sabato 10 agosto saranno istituite, in via sperimentale, le isole pedonali nella parte alta e in quella bassa della città. L’attivazione delle isole pedonali è stata realizzata grazie al contributo della commissione consiliare per l’ambiente, presieduta da Mariarosaria Rotondi, unitamente agli altri membri: Igino Guglielmi, Christian Bellincampi, Andrea Campioni e Vittorio Vitali. Dal 10 agosto al 15 settembre, l’area compresa dall’Arco Campagiorni alla

chiesa della SS. Annunziata sarà aperta ai soli pedoni secondo i seguenti orari: nella giornata di sabato dalle 20 alle 24 e la domenica dalle 19 alle 24, con esclusione dell’8 settembre per altra manifestazione concomitante in largo Turriziani e delle giornate in cui la farmacia Sorda, in piazza Valchera, effettua il turno di apertura (14 settembre). L’isola riprenderà, poi, dal 21 settembre al 30 novembre, con le medesime mo-

dalità, con esclusione del 13 ottobre, per altra manifestazione concomitante in largo Turriziani e delle giornate in cui la farmacia Sorda, in piazza Valchera, effettua il turno di apertura (domenica 20 ottobre e sabato 2 novembre, appoggio). Per quanto riguarda la parte bassa del capoluogo, dal 10 agosto al 15 settembre sarà pedonalizzata l’area compresa dalla rotonda del Campo Sportivo fino a piazzale de Matthaeis, secondo i

seguenti orari: nella giornata di sabato dalle ore 20 alle 24, mentre domenica dalle 10 alle 13 e dalle 19 alle 24, con esclusione dei residenti, il cui accesso sarà garantito, nell’area di via Aldo Moro, da via Po. L’isola riprenderà, poi, dal 21 settembre al 30 novembre, nella sola giornata di domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, con esclusione dei residenti. Questi ultimi, intestatari del mezzo, potranno rivolgersi al comando della Polizia locale, sito in piazzale Europa (quartiere Selva Piana), muniti di fotocopia del libretto auto, per fare richiesta dell’apposito contrassegno. L’ufficio preposto al rilascio del bollino identificativo per i residenti è aperto al pubblico il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 9.30 alle 12.30, e la distribuzione dei tagliandi autorizzativi inizierà lunedì 5 agosto.

UNIONE DEI COMUNI, AVANTI TUTTA

U

nione dei Comuni, significativo passo in avanti. Il Consiglio comunale di Frosinone approva la delibera di indirizzo e l’ordine del giorno, primo firmatario Magliocchetti, che impegna la Regione a istituire il Comitato promotore del progetto, con la partecipazione degli 8 Comuni interessati, Provincia, Unindustria, associazioni datoriali di categoria e sindacali, Università di Cassino e banche. “Il Comitato promotore – fa notare Magliocchetti - una volta realizzato l’atto costitutivo, con la firma di tutti i soggetti coinvolti, servirà ad esplicitare meglio, sia il perimetro dell’importante progetto, che i servizi da mettere in rete. Da evidenziare: il ruolo di coordinamento e locomotiva che dovrà necessariamente assumere la Regione, in sinergia con gli altri enti, sia per competenza che per capacità legislativa e finanziaria. Da qui l’ordine del giorno approvato. Il secondo, l’opportunità, dal punto di vista del numero degli abitanti da mettere sul piatto della bilancia, che offrirà l’aggregazione degli 8 Comuni, ovviamente salvaguardando l’identità territoriale e storica di ognuno, quando bisognerà confrontarsi con altri territori, per l’individuazione di importanti e strategiche sedi. Con la scusa dell’insufficiente numero di abitanti, abbiamo già perso Banca d’Italia, Dea di II livello, Corte d’Appello, centri direzionali e amministrativi di importanti enti. L’Unione dei Comuni consentirà inoltre di adottare anche una condivisa sinergica politica ambientale e di lotta all’inquinamento.


PAGINA 6

2 AGOSTO2019


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

ferentino

7

IL DOCUMENTO RIGUARDA L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER GLI AVENTI DIRITTO

Alloggi Ater, approvato il bando

Il sindaco Pompeo: «L'emergenza abitativa necessita di un'azione di monitoraggio e intervento sul territorio»

I

l Comune di Ferentino ha approvato e pubblicato il nuovo bando generale per l'assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (Erp) e la formazione della graduatoria per gli aventi diritto. Nel bando, composto da 18 articoli, viene specificato, tra l'altro, il limite di reddito annuo complessivo per l'accesso all'Edilizia Residenziale Pubblica, fissato in 20.528,02 euro per il biennio luglio 2017-luglio 2019. La domanda di partecipazione dovrà essere redatta su apposito modello, fornito dal Comune e disponibile presso l'ufficio E.R.P. Del Comune di Ferentino, entro e non oltre le ore 12 del giorno 20 settembre 2019. La Commissione, entro il 31

maggio e il 30 novembre di ogni anno, adotta la graduatoria per l'assegnazione degli alloggi, con riferimento alle domande pervenute rispettivamente entro il 31 dicembre e il 30 giugno. «Quello dell'emergenza abitativa – commenta il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo – è un fenomeno che necessita di una costante azione di monitoraggio e intervento sul territorio. Attraverso l'edilizia residenziale pubblica e la proficua collaborazione con l'Ater, si mira a garantire a tutte le famiglie, e le persone in particolari e difficili condizioni economiche, la possibilità di usufruire di un diritto, come quello della casa» conclude infine il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo.

"NOTTE PER UNA STELLA", VINCE SERENA PALOMBO

L

a XV edizione di Notte per una Stella, iniziata sabato 27 luglio alle 21, è stata interrotta da una forte pioggia per ben due volte. Poi all’improvviso nel cielo è apparsa una stella e tutti hanno pensato fosse quella di Alessandra Gabrielli, la ragazza improvvisamente scomparsa a seguito di un incidente stradale, al quale è dedicato l’evento. La giu- LA VINCITRICE INSIEME ALL'ORGANIZZATORE ria, presieduta dal famoso criminologo Marco Strano, si è concentrata sulla non facile scelta dei fasciati e dei vincitori. Per gli uomini ha vinto Angelo Saponaro, mentre per le donne è stata incoronata Serena Palombo. La fascia di miss eleganza, secondo l’ormai consolidata tradizione, è stata consegnata ai genitori di Alessandra. La serata è stata condotta sapientemente dall’attrice Valentina Ghetti insieme ad Ettore Ferrara, ideatore dell’evento.

MUSICA, BALLO E TEATRO, DAL 9 AL 14 AGOSTO A VILLA GASBARRA

"Aspettando Ferragosto in Villa", le serate spettacolo di Oreste Datti

N

ell’ambito del variegato programma estivo “Ferentino Estate 2019”, organizzato dal Comune, con l’associazione Pro Loco, dal 9 al 14 agosto presso la suggestiva location del parco di “Villa Gasbarra” si svolgeranno 5 serate di spettacoli variegati, in musica, canzoni, balli, commedia teatrale e prosa. L'evento “Aspettando Ferragosto in Villa” inizierà venerdì 9 agosto con lo show music live “Loro le cantano &… Ballano così” con Oreste Datti, in arte “Il Califfo Ciociaro”, Marco Prata e la partecipazione straordinaria di Gianni Nara, altre performance canore ed esibizioni dei gruppi di ballo social di Ivan Gizzi della “Kris dance” e “Ory Palombo”; l'11 agosto, commedia teatrale “Una sera coi De Filippo” a cura della

compagnia “Le Strenghe”; a seguire, il 12 agosto, recital concerto “Ndocce Campanile” a cura di Amedeo Di Sora; il 13 agosto, “Gran galà della musica tradizionale romana e napoletana” con la “Blue Ensemble”; per la chiusura degli spettacoli a Villa Gasbarra, il consolidato show music live itinerante “Noi le Cantiamo &… Balliamo Così” e “Aspettando Ferragosto in Villa”.


PAGINA 8

2 AGOSTO2019


2 AGOSTO 2019

PAGINA 9


PAGINA 10

2 AGOSTO2019


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

veroli

11

INTERVISTA AL NEO ASSESSORE ALL'AMBIENTE EMANUELE FIORINI SU UN TEMA DI GRANDE ATTUALITÀ

Un piano per Prato di Campoli

«Mi sono insediato da un mese ma sto già lavorando per rendere accogliente il pianoro» Egidio CERELLI

E

manuele Fiorini tra le deleghe assessorili ha anche quella sull’ambiente. La prima domanda che ci viene spontanea è su Prato di Campoli. «Sono da un mese assessore, lasciami un po’ di tempo prima di poter dare una risposta precisa. Comunque la situazione non è caotica e l’accoglienza abbastanza soddisfacente».C’è sempre il tichet da pagare all’ingresso senza però avere un servizio specifico. «Non è proprio così. La cooperativa dei Viandanti sta operando in base alle esigenze normative previste dalla convenzione con il Comune». Quali sono? «La gestione del pianoro con la sua manutenzione. Compreso il ripristino delle staccionate che di volta in volta vengono divelte o rotte. La pulizia della nostra bellissima conca circondata dai Monti Ernici, la manutenzione dei bagni chimici ed il controllo del parcheggio

■■■

NELLA FOTO ACCANTO L'ASSESSORE ALL'AMBIENTE EMANUELE FIORINI; NELLE ALTRE FOTO ALCUNE VEDUTE DI PRATO DI CAMPOLI E I POZZI

ovviamente evitando che all’interno del prato ci siano auto e mezzi meccanici che lo attraversano».A proposito di bagni ci dicono che ce ne è solo. «Non è vero perché oltre ai nostri tre comunali ce

ne sono altri che compongono la batteria sita poco prima dei chioschi. La loro pulizia viene effettuata con lavaggio dai gestori». Quindi secondo l’assessore c’è un’area bagni con una costante manutenzione. «Vedi, io salgo almeno due volte a settimana e tutte queste lamentele non le registro. La critica è necessaria quando in effetti ci sono i motivi per farla. Diversamente è solo aria fritta che fa male anche ai gitanti che salgono sul prato». Altri dicono che il rapporto animali-gente non sia abbastanza positiva. «Anche questo non risponde al vero, anche se è normale che qualche anomalia possa registrarsi. Voglio però confermare che con i pastori esiste un rapporto di cordialità eccellente». Pozzi e parcheggi. Sono due punti che vengono discussi, corretti e rivisti in fase di proposizione. Poi tutto sinora è finito nel dimenticatoio. Chi ti ha preceduto ha più volte gridato da lassù che i progetti, i

lavori presto avrebbero avuto il via ed invece… «So che il PGAF è stato discusso ed approvato. Manca solo il benestare della sovrintendenza ambientale. Per questo, almeno leggendo le carte che sono in mio possesso (un faldone di circa 500 pagine) posso dire che siamo sulla buona strada per quanto riguarda i parcheggi. Sto valutando il piano di fattibilità per cui ora non posso garantire la fattibilità immediata. Ci stiamo lavorando bene sul progetto. E’ troppo prematuro però parlare di immediata realizzazione». I pozzi iniziati da anni e mai portati a termine? «Sto valutando le carte del progetto ma posso dire che sono ripresi i lavori perché abbiamo avuto fondi regionali sia per il parcheggio che per i pozzi. Per questi due progetti so che è una sfida difficile ma molto stimolante». Per mangiare, per cucinare? «Esistono aree di pic nic che permettono ai gitanti di cucinare senza deturpare il pianoro. Abbiamo istituito barbecue in cemento e dunque ognuno può liberamente avere a disposizione un posto dove cuocere...l'abbacchio». Per la raccolta della nettezza urbana? «Due volte a settimana si ritira la raccolta differenziata e spetta alla cooperativa il controllo così come si provvede anche al rifornimento dell’acqua potabile». Scout e camper. «Di tende per scout ce ne sono diverse per l’area camper stiamo valutando la fattibilità o meno». Obiettivo dell’assessore per Prato di Campoli? «Rendere il pianoro fruibile mantenendo eccellente l’accoglienza con servizi indispensabili per quanti salgono in un luogo che in tanti ci invidiano e che noi tutti dobbiamo custodire».

LA SETTIMANA

Nei giorni dei Fasti, nefasta la rete fognaria del Crocifisso diventata la tela di Penelope Egidio CERELLI

I

Fasti per il Pd forse saranno... nefasti. Eppure la Regione Lazio mai come quest’anno ha fatto la sua parte con quindicimila euro quale contributo per la cinque giorni verolana. Per il PD invece le cose non vanno bene. Nonostante ci abbiano lavorato con una azione propedeutica alla vigilia delle ultime elezioni quelli che contano nel partito. La storia ormai trita e ritrita che ha portato ad… Avignone il papa Lombardi ha fatto saltare dalle sedie più di un personaggio politico del partito che fu di Renzi ed ora di Zingaretti. Nemmeno l’intervento del presidente del circolo del Pd verolano Cesidio Trulli ha permesso a Lombardi di recarsi (non certo per forza in ginocchio) a Canossa. Non c’è stato nessun dietrofront da parte dell’ex assessore all’Ambiente con delega anche alla Sanità. Forse il dualismo creatosi da qualche tempo tra l’area Maxima che è mèntore a Veroli del duo Pompeo-Scalia e la femme prodige che comincia a raccogliere successi politici non indifferenti con Francesca Cerquozzi mèntore verolana del presidente del consiglio regionale, Mauro Buschini, dicevamo tale dualismo sta di nuovo scavando un solco all’interno del Pd. Solco che avrà bisogno di una bonifica non di tracimazione, bensì di pianificazione culturale che manca in questo momento nel PD verolano. Si cerca una pace ( l’armistizio non è di casa) per proseguire un cammino che dovrà durare cinque anni. Il sindaco, sembra essere super partes, anche se il suo cuore di amministratore pende ovviamente per chi in effetti rappresenta quella Regione Lazio dove si reca con quella famosa cartella blu per perorare cause non già da avvocato, bensì da amministratore della città di Veroli. Una spaccatura quella attuale che fa solo male per le sorti della città che vorrebbe la seconda consiliatura di Simone Cretaro pronta a portare a compimento opere ancora incompiute. Basti pensare in tempo di…fasti a ciò che da anni reclamano i cittadini (circa mille utenze) di avere una rete fognaria. Questa infatti da anni realizzata sta andando in …perenzione. I cinque milioni di euro che Acea Ato5 ha stanziato per il depuratore della Moletta (ampliarlo e portarlo a 15000 utenze) andranno per davvero in perenzione. Caro sindaco non vorrei essere un …nefasto, ma stando così le cose quei mille cittadini dell’hinterland del Crocifisso non possono sempre ascoltare la voce del ‘padrone’ che dice..presto faremo l’opera. E nemmeno crediamo più alla barzelletta del rapporto Comune-Acea che spezzò inizialmente anni fa il tuo predecessore D’Onorio impuntandosi sulla fattibilità diretta della rete fognaria. Si rende conto sig. Sindaco che quell’opera non portata a termine (iniziò nel marzo del 2012) ora avrà grandissime difficoltà per l’accensione dei motori delle pompe di sollevamento? Si rende conto sig. Sindaco della rabbia che hanno in corpo quei mille cittadini che devono fare allacci e non sanno come fare? Perché nel cassinate Acea inaugura diverse reti fognarie dopo aver effettuato lavori per farle funzionare e noi a Veroli stiamo per essere circuiti ogni giorno con racconti… nefasti da parte di Acea immobilizzata come spesso ha dichiarato anche lei da iter burocratici interni all'azienda Acea? Perdonaci sindaco ma a questo punto il teorema grillino del secondo mandato ci trova pienamente d’accordo. Se per la prima consiliatura tutto deve filare dritto per una seconda eventuale ricandidatura a sindaco, quella successiva come nel caso suo, diventa una normale vita da rendita perché... tertium non datur. Ergo faccia, se ne ha ancora volontà e capacità, uno sforzo intelligente nei confronti di Acea e se da solo non ce la fa si incateni di fronte alla sua sede insieme a noi cittadini per far valere le non più prorogabili necessità.


12

VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

VEROLI

MERCOLEDÌ SERA SI È LEVATO IL SIPARIO CHE VERRÀ DI NUOVO ABBASSATO DOMENICA. SODDISFAZIONE PER L'ORGA

Oltre agli artisti di strada un contorno di succulenta gastronomia casareccia

Fasti Verolani 2019, boom di presenze già dalle prime due sere

O

ltre cinquemila le presenze nella prima dei Fasti Verolani. Ieri sera sono aumentati vieppiù e si prevede il tutto esaurito venerdi, sabato e domenica per toccare quota cinquantamila.Tutto è filato liscio con un ordine organizzativo che ha visto in campo Carabinieri, Vigili Urbani, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale ed i Carabinieri in congedo insieme con la Protezione civile. Il coordinamento perfetto a livello logistico era coordinato dal funzionario comunale, dottor Mauro Ranelli. Tutte le piazze e gli angoli caratteristici del centro storico avevano il proprio artista. In alcuni casi persino due che si alternavano sino a notte inoltrata. Trenta le compagnie che hanno

dato vita alla ventesima edizione dell'evento ciociaro per eccellenza. Era un continuo via vai di gente arrivata non solo dalla periferia ma da ogni paese vicino e lontano della nostra provincia. Tante le proposte degli artisti italiani ed internazionali arrivati a Veroli, dando già tanto nelle prime due serate. Ma si

prevede una maggiore spettacolarità nel week end sino alla chiusura di domenica sera, garantita dal duo Alberto Masoni e Alessandro Gigli di Terzo studio da dieci anni organizzatori del Festival del teatro di strada. Molte le foto ed i selfie con artisti e tra amici per ricordare il ventesimo compleanno dei Fasti. Una foto

che vedete a fianco è con Campanari con la cornice partecipando anche lui al contest per il concorso della foto più bella. Raccontare ciò che è stato realizzato sinora appare un pò troppo riduttivo ed allora l'invito è di portarsi a Veroli in tempo utile per trovare nelle vicinanze un posto utile per parcheggiare la propria auto

anche se è stato predisposto un percorso anche con navette che partono dalla periferia per poi ricondurre i 'clienti' a casa ad ora tarda. Non possiamo dimenticare però le varie proposte di arte culinaria di casa he ha visto molti standisti posizionare i propri banchi nei posti prestabiliti dalla organizzazione. Si va dal

pesce fritto, alla pecora al sugo, dai panini ad una bella bevuta di vino o di birra. Tutto sotto un cielo stellato che non è afoso ma permette a tutti di poter trascorrere una serata di riposo per l'aria salubre che c'è e soprattutto per gli spettacoli ed anche per gustare la vera cucina casareccia. Non mancate!


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

VEROLI

13

ANIZZAZIONE ED ANCHE PER QUANTI HANNO MESSO LE TENDE PER LE LORO SPECIALITÀ DELL'ARTE CULINARIA DOC

DURANTE I FASTI DEPOSTA DALLE AUTORITÀ E DALLE FORZE DELL'ORDINE UNA CORONA ALLA MEMORIA DEL CARABINIERE MARIO CERCIELLO REGA

PAGINE A CURA DI EGIDIO CERELLI

LE INTERVISTE Migliaia i presenti. Diversi i commenti, ma tutti unanimi nel confermare la bontà di un evento di qualità altissime. «Posso solo dire di essere contento nel vedere tante famiglie presenti nelle prime due serate. La ventesima edizione ha già richiamato tantissi nella nostra città ed il mio

invito è di non mancare in questo week end ancora riocco di belle sorprese»così il sindaco Cretaro cui fa eco la delegata agli eventi ed assessora in pectore Francesca Cerquozzi in forma smagliante. «Sono felicissima perchè la nostra città si è dimostrata accogliente e soprattutto ho notato la bravura di

tutti gli artisti. Sceglierne uno mi resta difficile». Il direttore artistico Alberto Masoni stanchissimo riesce a rispondere ai nostri microfoni ma anche lui è «soddisfatto per gli artisti e per la gente tantissima che si è presentata a Veroli». Non è mancato il presidente del consiglio regionale, Mauro Buschi-

ni. «I Fasti sono ormai una eccellenza della nostra terra e come regione abbiamo fatto centro dando il nostro contributo. Qui a Veroli c'è un mix di arte, di cultura, di enogastronomia ed anche di tanta aria pulita e salubre che ti permette di poter trascorre qualche ora in santa pace». Ebbè. è così anche perchè

è stata la sua la prima uscita ufficiale come dalla foto con la sua compagna verolana doc»- Danilo Campanari è commosso con il volto dentro quella cornice che ne immortala la istituzione dei Fasti quando lui era sindaco ed assessore era il compianto Mario Coratti- «Sono per davvero commosso tor-

nando indietro una ventina di anni. Fu una nostra intuizione che negli anni è andata migliorando. Veroli con i Fasti è ,come diceva qualcun altro, la vera eccellenza culturale ed artistica della nostra Ciociaria. Ne dobbiamo essere orgogliosi». Ed allora tutti a Veroli per la... festa dei... Fasti.


PAGINA 14

2 AGOSTO2019


VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

BOVILLE ERNICA

15

È ANCORA LA CONSIGLIERA DI MINORANZA DI "UNITI PER BOVILLE" MARTA DIANA A LANCIARE L'ALLARME

Comune a rischio dissesto «Per recuperare fondi, oltre all'aumento della Tari anche le multe dell'autovelox mobile»

Egidio CERELLI

B

omba tributaria della consigliera di minoranza Marta Diana. L'ordigno esplosivo cade sulle bollette relative alla Tari. Vediamo che cosa sta accadendo per tanto clamore. «Da qualche mese sono state recapitate ai nostri cari concittadini bollette roventi per quanto riguarda la Tari, con aumenti del 15% circa rispetto alle precedenti. Il gruppo Uniti per Boville, preoccupato per tali aumenti esponenziali, ha cercato di interpretare i vari piani finanziari 2018 e 2019» In che senso? «Spulciando tra le carte comunali dell'ufficio tributi abbiamo trovato incrementi incomprensibili pari ad un importo complessivo di €.130.980,26 rispetto al 2018. Attonita per la mancanza di elementi nuovi tra i due anni oggetto di valutazione, tali da poter giustificare questi aumenti, spero di sbagliare ma, la mia convinzione è che l'amministrazione abbia applicato indebitamente detti aumenti non giustificati minimamente da ulteriori elementi, che potessero influire sulla determinazione del costo complessivo della tari. Il tuo è un dubbio o una certezza su tale impeachment? «Il mio dubbio è "spero distrattamente e non dolosamente" che abbiano applicato economicamente a discapito dei cittadini un progetto che allo stato attuale non è neppure nella fase embrionale,-

ma pare, consultando i piani finanziari dei due anni a confronto già essere nella fase esecutiva, essendo già state notificate e pagate le bollette Tari per l'anno corrente, le quali evidenziano nettamente ed ingiustificatamente un diverso e maggiore costo a carico della cittadinanza tutta». Ciò perchè non essendoci stato ad oggi una prima fase di approvazione del progetto Tari non ne sarebbe seguita una gara di appalto. « E sì, perché a questo punto la domanda sorge spontanea:" su che basi sono stati elaborati i conteggi che prevedono un incremento ingiustificato dei costi?» Stiamo parlando del progetto che è stato al centro di duri scontri portati avanti da te in consiglio comunale, social e mezzo stampa già a partire dall'insediamento dell'attuale amministrazione. «Ed aggiungo continuato fino ad oggi incessantemente senza che purtroppo abbiano portato ad

un beneficio per i cittadini, nonostante le mie continue battaglie che non avranno fine fino al raggiungimento di un risultato effettivo per la popolazione». Eppure hai dato più di una volta la disponibilità per una fattiva collaborazione. «Infatti, nonostante le continue richieste di fattiva collaborazione avanzate dalla sottoscritta con l'amministrazione, al fine di trovare una soluzione ottimale che potesse portare alla definizione di un progetto Tari condiviso, che consentisse almeno una riduzione dei costi per la cittadinanza, purtroppo devo amaramente constatare la assoluta indifferenza del Sindaco e di tutta la maggioranza occupati principalmente a fare cassa ai danni dei cittadini». A dimostrazione di tale affermazione,il gruppo nel suo complesso, ha constatato una ulteriore incongruenza che la

consigliera intende esporre con dati alla mano riferendosi a multe elevate con l'autovelox per far cassa. «Dalla lettura di una Nota del Prefettto del 26/06/2019 si

evince che il Sindaco è stato reso edotto circa l'uso illegittimo della postazione mobile dell'autovelox (ex art. 200 C.d.S.), rendendo il primo cittadino di fatto consapevole di esporre l'Ente a giustificate richieste di risarcimenti da parte degli automobilisti, esponendo il comune stesso a dover fronteggiare richieste di risarcimenti da parte degli automobilisti incorsi loro malgrado in eventuali infrazioni. Tale atteggiamento è la dimostrazione che lo scopo che persegue il primo cittadino è quello di vessare in tutti i modi la cittadinanza,non curandosi del bene comune ma attivandosi al solo scopo di incrementare le entrate indiscriminatamente, al solo fine di far quadrare un bilancio, senza aver predisposto alla base una programmazione dell'azione amministrativa, che conduca l'Ente ad un miglioramento effettivo». Stando così le cose come tu hai cercato di evidenziare che cosa potrebbe accadere? «Per essere molto chiari senza tentennamenti posso affermare con cognizione di causa che tale comportamento miope, condurrà a breve l'Ente ad una situazione di dissesto finanzario». Sindaco quando vuole può rispondere.

IL VICE SINDACO E ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI FABRIZI RINGRAZIA DITTA E UFFICI COMUNALI

Ponticello-Pozzo Papa, terminati i lavori di messa in sicurezza con la realizzazione di cunette e la bitumazione della strada Egidio CERELLI

S

ono stati completati i lavori di messa in sicurezza viaria lungo la strada comunale Ponticello-Pozzo Papa con la realizzazione delle cunette laterali per lo scolo delle acque piovane e la bitumazione del manto stradale. Un lavoro da diverso tempo annunciato e di cui ora l'assessore ai LLPP nonchè vice sindaco Benvenuto Fabrizi ne annuncia l'ultimazione. «Ringrazio gli addetti ai lavori con con gli uffici comunali

competenti per la celerità e la professionalità con cui sono stati svolti gli interventi. La nostra particolare soddisfazione,

come amministrazione comunale, scaturisce dal fatto che siamo riusciti a intervenire su una tratta viaria strategica sia per il traffico locale che per il collegamento con i paesi limitrofi e la superstrada Sora-Ferentino. Grazie a un progetto da noi presentato abbiamo ottenuto un finanziamento che in pochi mesi, ci ha permesso di risolvere un problema che durava da anni e che, soprattutto durante l’inverno, rendeva quel tratto di strada molto pericoloso per gli automobilisti, a causa

dell’acqua piovana sulla carreggiata e molto spesso anche a causa della presenza di pericolose lastre di ghiaccio. Per non parlare delle tante buche che dopo ogni pioggia regolarmente tornavano a comparire. Con l'intervento effettuato abbiamo risolto il problema». «L’impegno dell’Amministrazione nel reperire altri soldi tramite bandi pubblici- interviene il sindaco- è costante e ha il preciso scopo di porre fine, gradualmente, a tante situazioni che meritano attenzione».

■ ■ ■ NELLE FOTO L'ASSESSORE BENVENUTO FABRIZI E GLI OPERAI AL LAVORO


PAGINA 16

2 AGOSTO2019


2 AGOSTO 2019

PAGINA 17


18

monte san giovanni campano

VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

NONOSTANTE LA PIOGGIA, AD ANITRELLA, DAVANTI AD UN NUMEROSO PUBBLICO, L'ATTESO CONCERTO DELLA BAND DEL LEADER BEPPE CARLETTI

Nomadi sempre...Nomadi

«Abbiamo presentato due pezzi inediti dell'album "Milleanni", il testimone da Augusto a Yuri»

D

a giorni ci si chiedeva se il concerto dei Nomadi previsto per domenica 28 ad Anitrella venisse rinviato a causa della prevista persistente pioggia. Il palco, che doveva aveva una struttura coperta, aveva il fondo bagnato. La pioggia a più riprese scendeva copiosa complicando vieppiù la già precaria situazione. Il lavoro dei facchini e dei tecnici è stato encomiabile. Tanta la loro pazienza giacchè il comitato aveva ordinato…"nessun rinvio, il concerto va fatto". Si era andati a cena sorridendo visto che il cielo si stava aprendo. Si scende dal ristorante Lucineto(nella foto) che aveva ospitato Beppe Carletti con la sua band per portarsi di nuovo in piazza ad Anitrella. Pochi minuti al concerto, tant’è che le coperture provvisorie sopra agli strumenti erano state tolte. Giove Pluvio però non si era stancato di fare la…pipì. Di corsa gli addetti ai lavori di nuovo sul palco. Troppa l’acqua. Altro summit tra organizzatori e Nomadi. Le due presidenti Lara Viti e Lucia Velocci confermavano che essendo ancora non fuori tempo massimo si poteva attendere. Alle 22 si decide di iniziare. Gli ombrelli non si vedevano più aperti. I ragazzi marocchini avevano fatto l’affare della vita nel pomeriggio anitrellese. Intro e via con ‘Milleanni’ la prima delle due inedite dell’ultimo album dei Nomadi uscito a maggio. Poi il ritorno agli anni storici dei Nomadi: dalle canzoni cantate da Augusto, "Noi non ci saremo" e

■ ■ ■ NELLE FIOTO ALCUNI MOMENTI

DEL CONCERTO E LA CENA CONVIVIALE DEI NOMADI

"Dio è morto", sino ad arrivare ad "Io Voglio vivere" e quindi altro pezzo inedito "L’orizzonte di Damasco" per chiudere con "Io vagabondo". Due ore e mezza con il pubblico composto per la maggior parte dai fan dei Nomadi, era arrivato da L’Aquila, da Caserta, da Roma, da tutta la ciociaria. Abbiamo visto anche un sciarpa con la

scritta Polska. Erano polacchi che in visita a Cassino con un pulman erano arrivati ad Anitrella. Tutti quelli del folto pubblico che avevano invaso, alcuni già dalla mattinata, piazza Sant’Anna, sono stati il coro dei Nomadi. «Sì ci siamo resi conto nel nostro tour che sono loro i fan, la nostra forza- conferma il leader storico dei Nomadi,

Beppe Carletti- ad Anitrella hanno sfidato la pioggia ed alla fine del nostro concerto volevano che cantassimo ancora dopo due ore e mezza. Lasciami dire che il nostro concerto andava rinviato. Era il consiglio che noi avevamo proposto al Comitato. Avete visto tutti in quali condizioni abbiamo lavorato. Comunque ciò sta a dimostrare che il gruppo dei Nomadi è comunque sempre Live. I nostri concerti che vanno dal teatro agli stadi ma soprattutto nelle piazze dove la gente ci circonda e canta con te». La sera prima si era in Sicilia ed il giorno dopo ad Ascoli Piceno. Una domanda banale. Quando vi riposate? «E’ un bel dire- ribatte BeppeEgidio tu che ci segui da tanti anni sai bene che non abbiamo mai rifiutato serate persino strane come dicevi tu, che ci vede la sera prima a Padova ed il giorno dopo in Ciociaria». A

proposito della nostra terra… avete toccato quota dieci. «Non ho in mano i conti, ma giriamo sempre la nostra Italia ogni anno e mi dicono spesso..siete tornati di nuovo qui? Sono felice, perché i nostri fan lavorano per i nostri concerti come una sorta di …passa parola». Oltre a Cico, Massimo, Daniele e Sergio la grande sorpresa è Yuri. «Non è così! Yuri è un cantante vero. Sa tenere non solo il palco, ma ha un rapporto con il pubblico eccezionale. Ormai è parte integrante del nostro gruppo. Lo stesso pubblico che pensa a Augusto ed anche a chi lo ha sostituito ora è tutto per il nostro cantante ovviamente non dimenticando il mio amico cofondatore dei Nomadi. Augusto è Augusto!. Ma tutti componenti della band sono eccezionali». A giorni compirai gli anni. Auguri. Che cosa c’è dietro l’angolo? «Ancora tanti concerti». L'ultimo Milleanni che cosa rappresenta per voi? «Il testimone da Augusto a Yuri» Ed allora Nomadi, sempre Nomadi!


N. 191 - Venerdì 2 Agosto 2019

DENTRO LA PASSIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tusport.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

CALCIOMERCATO

CHIBSAH, CIANO E PAGANINI TRATTATIVE IN STANDBY

NESTA CHIEDE RINFORZI PAGINE 3-5

FOTO FROSINONE CALCIO

«SULLE SITUAZIONI DI PALLA INATTIVA SERVONO CALCIATORI FORTI NEL GIOCO AEREO MANCA QUALCOSA IN MEZZO AL CAMPO E NEL REPARTO AVANZATO SE PARTE CIOFANI»

DOPO IL TEST CON IL MONZA IL TECNICO GIALLAZZURRO HA RIVELATO LA NECESSITÀ DI RAFFORZARE LA ROSA


2

VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

frosinone

IL FROSINONE HA CONCLUSO LA SECONDA FASE DEL RITIRO IN TRENTINO CON IL PAREGGIO CONTRO IL MONZA

RIENTRO ALLA BASE Citro in grande spolvero, ottima l’intesa con Ciano. Nesta: «Ci prendiamo troppe pause, bisogna migliorare»

Stefano PANTANO

I

l Frosinone ha concluso la seconda fase del ritiro precampionato in quel di Ronzone. I giallazzurri hanno trascorso sei giorni in Trentino, dove hanno potuto misurarsi in due test amichevoli contro Lecce e Monza. La ripresa degli allenamenti è fissata per oggi pomeriggio alle 17:30 presso la “Città dello Sport” di Ferentino. DOPPIO TEST – Un pareggio e una sconfitta, questo il bilancio della squadra di Alessandro Nesta in terra trentina. Sabato scorso i ciociari sono usciti sconfitti 4-1 contro i salentini. Il tecnico classe ’76 può comunque ritenersi soddisfatto per la prima frazione disputata dai suoi, passati in vantaggio con un bel destro di Luca Paganini. Nella ripresa, complici delle disattenzioni difensive soprattutto su palla inattiva, il Lecce ha ribaltato il risultato e dilagato poi nel finale. Meccanismi da oliare al più presto sui calci piazzati, visto che da una situazione analoga è arrivato anche il primo gol del Monza nell’uscita di martedì pomeriggio. Dopo il vantaggio firmato Nicola Citro, i canarini

···

NELLE FOTO: IN ALTO A SINISTRA CAMILLO CIANO E NICOLA CITRO; IN ALTO A DESTRA IL TECNICO ALESSANDRO NESTA; IN BASSO A DESTRA IL CENTROCAMPISTA LUCA PAGANINI, A SEGNO NELL'AMICHEVOLE DISPUTATA CONTRO IL LECCE

hanno subito il pari su un rigore scaturito proprio da una cattiva gestione di un calcio di punizione. Il Frosinone ha poi messo la freccia grazie a una bella combinazione tra Ciano e Citro, che ha firmato la sua doppietta personale con un mancino di pregevole fattura e risultando ancora una volta tra gli elementi più in forma del gruppo. Il 2-2 definitivo è arrivato su un rigore molto dubbio assegnato per un presunto fallo di mano di Mattia Vitale, che, a tempo scaduto, ha

provato a riscattarsi con una punizione mancina terminata di poco sopra la traversa. Non sono stati della partita Besea, Dionisi, Paganini e Ciofani, il cui futuro sembra sempre più lontano dalla Ciociaria. NESTA SODDISFATTO A METÀ – Mister Nesta comincia a vedere il frutto del suo lavoro in quanto a possesso palla e verticalizzazioni, ma c’è ancora da migliorare in fase difensiva: «La squadra vedo che prova a fare al-

cune cose, di questo sono contento. L’unica cosa è che per la condizione fisica ci prendiamo troppe pause, nel momento in cui stacchi prendi gol o crei una situazione pericolosa per gli avversari. È normale in questo periodo della stagione, però in futuro dovremo eliminare queste pause. Per 60-65 minuti abbiamo visto che possiamo stare abbastanza bene, poi caliamo. Dovremo arrivare alla prima di Coppa Italia con 90 minuti sulle gambe. La preparazione con-

tinua, l’obiettivo è arrivare per adesso a quello. In alcuni ruoli non abbiamo giocatori, alcune non sono prove ma necessità. I ragazzi fanno quello che gli chiedo, nessuno si lamenta, perciò sono contento. Con il Lecce abbiamo preso tre gol di testa e anche con il Monza abbiamo sofferto sulle palle alte perché siamo piccoli. Comunque questa è un’indicazione, magari dal mercato speriamo di prendere qualche centimetro». CALENDARIO – In preparazione all’esordio in Coppa Italia fissato per l’11 agosto al “Benito Stirpe” contro la vincente di Carrarese-Fermana, lunedì sera alle 20:30 i gial-

lazzurri saranno ospiti dell’Ascoli al “Del Duca”. Proprio la città marchigiana martedì sera sarà cornice del sorteggio del calendario del campionato di Serie B 2019/2020. La cerimonia si terrà, a partire dalle ore 20, nella suggestiva cornice del Chiostro di San Francesco. Il torneo cadetto prenderà il via venerdì 23 agosto con l’anticipo che si disputerà in casa del Pisa. Confermata la disputa delle gare di campionato durante le festività natalizie (21, 26 e 29 dicembre), la Lega B ha fissato quattro turni infrasettimanali: il 24 settembre, il 29 ottobre, il 3 marzo e il 21 aprile. Invariate, infine, le modalità di play-off e play-out.


3

calciomercato

VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

L’ATTACCANTE POTREBBE LASCIARE LA CIOCIARIA, MA PRIMA DI CEDERLO BISOGNA TROVARE UN SOSTITUTO

LA CREMONESE FA SUL SERIO PER CIOFANI

Antonio VISCA

S

ta per concludersi la quinta settimana di calciomercato. Il Frosinone negli ultimi 7 giorni non ha ufficializzato nessun movimento, né in entrata né in uscita. Ma a tenere banco in queste ore è la possibile cessione di Daniel Ciofani alla Cremonese. Andiamo ad analizzare la situazione reparto per reparto: PORTA – Sempre in piedi la trattativa tra Frosinone e Spal per lo scambio Gomis-Bardi. Da parte dei ciociari da registrare anche un sondaggio per Vigorito, ma il portiere con ogni probabilità rimarrà a fare il vice Gabriel in A con il Lecce. DIFESA – Dopo gli ingaggi di Przemysław Szymiński e Alessandro Salvi il reparto sembra attualmente al completo. Solo un'eventuale cessione potrebbe sbloccare le cose. Ed un difensore che potrebbe partire, destinazione estera, è Krajnc. Occhio anche al continuo pressing dell'Ascoli per Brighenti. Marchigiani che vorrebbero offrire un cospicuo triennale all'ex Vicenza. Ma il Frosinone non vuole cederlo e dovrebbe nei prossimi giorni prolungargli il contratto in scadenza nel 2020. CENTROCAMPO – È il reparto dove Nesta chiede un maggior intervento. Marcus Rohdén e Luca Padoin, entrambi svinco-

···

NELLA FOTO A SINISTRA, DANIEL CIOFANI, AD UN PASSO DALLA CREMONESE E A DESTRA IL SUO POSSIBILE SUCCESSORE GABRIELE MONCINI

lati, potrebbero essere gli innesti richiesti dal mister. Da superare però Il nodo ingaggio, con entrambi i calciatori che prendono cifre importanti per la Serie B. Per quanto riguarda le uscite, situazioni in stand-by quelle che riguardano Chibsah e Paganini. ATTACCO – Come detto in precedenza, è viva più che mai la trattativa Ciofani-Cremonese. I lombardi sembrerebbero aver strappato il sì del calciatore e per il trasferimento mancherebbe solo il sì definitivo da parte del Frosinone. La soci-

età sembra aver accettato l'offerta economica, poco superiore al milione di euro, della Cremonese, ma al momento sembra aver bloccato tutto. Ciofani è un calciatore importante e per questo una sua cessione non può esser vissuta a cuor leggero, indipendentemente dalle cifre offerte. Prima di cederlo bisognerà trovare un degno sostituto. Il Frosinone ha sondato La Mantia del Lecce che, con il prossimo arrivo di Babacar e già quello ufficiale di Lapadula, ha sempre meno

spazio nell'undici di Liverani. Altro nome che potrebbe far al caso del Frosinone è quello di Moncini. L'ex Cittadella è attualmente in forza alla Spal, intenzionata a cederlo nuovamente in prestito in cadetteria dopo gli ottimi 6 mesi, da gennaio a giugno scorso, in maglia granata. Il terzo nome finito sul taccuino di Salvini è quello di Puscas. Ma l'inter, proprietaria del cartellino, non vorrebbe cederlo ulteriormente in prestito, ma

ttuale a e n o i z a la form il 4-3-1-2 n o c e n o n i del fros nesta o r d n a s s le di mister a

solo a titolo definitivo. Per lui la società nerazzurra chiede una cifra

intorno ai 10 milioni di euro, cifra eccessiva per un club cadetto.

TRASFERIMENTI SESSIONE ESTIVA CALCIOMERCATO STAGIONE 2019/2020 ACQUISTI: Paolo Bastianello (p – Brescia, D) Mattia Palombo (p – Cassino, FP), Alessandro Salvi (d – svincolato), Przemysław Szymiński (d – svincolato), Emmanuel Besea (c – Venezia, FP), Alessandro Gori (c – Paganese, FP), Luca Matarese (c – Foggia, FP), Alessio Tribuzzi (c – Avellino, D), Mattia Vitale (c – SPAL, P); Nicola Citro (a – Venezia, FP), Michele Volpe (a – Rimini, FP), Pasquale Lauro (a - Crotone, D),

CESSIONI: Marco Sportiello (p – Atalanta, FP), Mattia Palombo (p - Fermana, D), Edoardo Goldaniga (d – Sassuolo, FP), Bartosz Salamon (d – SPAL, FP), Paolo Ghiglione (d – Genoa, FP), Stefan Simic (d – Milan, FP), Cristian Molinaro (d – svincolato), Federico Viviani (c – SPAL, FP), Luca Valzania (c – Atalanta), Francesco Cassata (c – Sassuolo, FP), Paolo Sammarco (c – svincolato), Andrea Pinamonti (a – Inter, FP) LEGENDA FP = fine prestito - D = titolo definitivo - P = prestito


PAGINA 4

2 AGOSTO 2019


5

calciomercato-karate

VENERDÌ 2 AGOSTO 2019

USCITE DI CIANO, CHIBSAH E PAGANINI IN STANDBY. PADOIN IL NOME NUOVO PER IL CENTROCAMPO

IL BORSINO DELLE TRATTATIVE CANARINE 40%

50%

50%

ALFRED GOMIS

MARCUS ROHDEN

SIMONE PADOIN

Portiere

Centrocampista

Centrocampista

SPAL

SVINCOLATO

SVINCOLATO

30%

GEORGE PUSCAS Attaccante INTER

40%

ANDREA LA MANTIA Attaccante LECCE

50%

GABRIELE MONCINI Attaccante SPAL

40%

TRATTATIVE IN USCITA

50%

FRACESCO BARDI

CAMILLO CIANO

Portiere

Attaccante

SPAL

LECCE, VERONA

60%

80%

RAMAN CHIBSAH

DANIEL CIOFANI

Centrocampista

Attaccante

ESPANYOL, GAZIANTEPSPOR

CREMONESE

40%

50%

LUCA PAGANINI

MICHELE VOLPE

Centrocampista

Attaccante

CAGLIARI

IMOLESE, VITERBESE LEGENDA

Probabilità di acquisto (%) - NOME DEL GIOCATORE - Ruolo ricoperto - SQUADRA DI PROVENIENZA / Probabilità di cessione (%) - NOME DEL GIOCATORE - Ruolo ricoperto - SQUADRE INTERESSATE

KARATE - DOMENICA SCORSA PRESSO LO SPORTING CLUB SELVOTTA A SUPINO

La Fikta Lazio e il maestro Pigliacelli festeggiano il maestro Petrilli per il settimo Dan conseguito

D

omenica scorsa presso lo Sporting Club Selvotta a Supino, il Comitato Regionale Lazio della Federazione Italiana Karate Tradizionale e discipline Affini (FIKTA) ha festeggiato il Maestro Angelo Petrilli per il settimo Dan conseguito. L’evento, cui hanno partecipato istruttori e praticanti di karate provenienti da tutto il Lazio, è stato fortemente voluto dal Maestro Enrico Pigliacelli e dagli altri membri dello stesso Comitato Regionale, per onorare e ringraziare

···

l’anziano e malato Maestro Petrilli per la sua appassionata dedizione alla diffusione della disciplina nel nostro Paese; Angelo Petrilli è stato,

insieme al caposcuola in Italia del karate shotokan Sensei Hiroshi Shirai, uno dei fondatori della stessa Federazione Italiana. I partecipanti intervenuti

NELLA FOTO ACCANTO LA CONSEGNA DELLA TARGA RICORDO DELL’EVENTO DA PARTE DEL MAESTRO 6° DAN ENRICO PIGLIACELLI, PRESIDENTE DEL COMITATO REGIONALE LAZIO FIKTA, IN SECONDO PIANO LA SIGNORA FRANCA ED ALLE LORO SPALLE APPLAUDE SENSEI 10° DAN HIROSHI SHIRAI, CAPOSCUOLA DEL KARATE TRADIZIONALE IN ITALIA; NELLE ALTRE FOTO ALCUNI MOMENTI DELLA MANIFESTAZIONE

si sono allenati all’aperto, per oltre due ore, incuranti della pioggia scrosciante, sotto la direzione del Maestro Enzo Basile Direttore Tecnico FIKTA Lazio. A conclusione dell’allenamento è stato tributato un saluto al Maestro Angelo Petrilli, accompagnato per l’occasione dai familiari e dal

fratello Maestro Sergio Petrilli; il gesto di saluto l’OSS!! giapponese, rivolto dai presenti in rappresentanza delle migliaia di praticanti laziali della disciplina, ha simboleggiato il profondo rispetto e la grande riconoscenza al Maestro per la sua infaticabile opera di diffusione e di insegnamento

del karate tradizionale. Una vita dedicata al karate per il maestro Angelo Petrilli, originario di Supino ma residente a Ferentino, è stato insignito del settimo Dan per meriti nell'insegnamento, per la comprovata dedizione all'arte e per la diffusione del karate e dei suoi valori.


PAGINA 6

2 AGOSTO 2019

Profile for tusport.redazione

Tu NEWS n. 162  

Tu NEWS n. 162  

Advertisement