Page 1

N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 90 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

dintorni di Camerino offrono rilassanti vedute in un paesaggio rurale digrande suggestione certezza di poter e chi viaggia in camper ha la contaresu un cospicuo numero di occasioni di sosta ( nel dettaglio l area attrezzata di Pioraco ). I

:

'

,

HEN

1 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 91 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

talia Erede del

patrimonio culturale di una fiorente signoria medioevale il territorio di Camerino è un esempio dell ospitalità rivolta al turista itinerante per provarla abbiamo seguito un percorso che fra meraviglie della natura e dell arte si spinge da San Severino Marche fino a Visso e alle pendici dei Sibillini. ,

'

:

'

Testo

e foto di

Adriano Savoretti

Arte di

storia natura cultura delle tradizioni " non in quest' ordine " condite con una accoglienza prim' ordine ecco il piatto perfetto per l viaggiando Talvolta questi ingredienti sono dosati e miscelati così a dovere da appagare anche i palati più come nel nostro itinerario nella provincia di Macerata in quella che fu la florida signoria di Camerino che dalla del XIII secolo alla metà del XVI raggiunse il massimo splendore sotto la potente famiglia guelfa dei Varano. Autorevole testimone della cultura nazionale con la sua famosa università Camerino domina dal colle posto tra le valli del Chienti e del Potenza un territorio dove il lascito di un glorioso passato è diffuso ovunque Nei freschi boschi di castagni circondati dalle geometrie dei coltivi o ombra degli imponenti contrafforti dei Monti Sibillini le testimonianze dell importante storia di questa terra sono armoniosamente incastonate nei meravigliosi paesaggi sono anche approdi di buona qualità per i v.r. alla tradizionale ospitalità marchigiana si unisce l offerta di tagliati sumisura per le esigenze del viaggiatore en plein air I cartelli di benvenuto al turismo itinerante non sono rari e cosa più importante non sono solo parole di propaganda turistica L unico dubbio che pu? cogliere chi è come uscire dall imbarazzo della scelta fra i tanti suggestivi borghi monumenti siti archeologici e naturali da visitare per uscire da questa impasse le pagine seguenti descrivono un percorso che ci condurrà in un avvincente ,

,

,

necessariamente

abitar

'

:

.

esigenti

,

,

metà

,

,

.

,

'

all

,

'

.

Diffusi

'

servizi

.

,

,

'

.

'

guida

,

,

:

susseguirsi di scoperte Ce n' è per tutti i gusti non resta che metterci in viaggio , quindi per assaporare il piatto .

forte

di questa generosa terra.

:

,

La rivale ghibellina Prima di addentrarsi in quelli che furono i territori della signoria di Camerino è doveroso visitare 11...N!

Mi

a t

"

una tra le mete più interessanti della provincia di

Macerata la città che al dominio

dei Varano si politicamente e militarmente La vista della Torre degli ,

contrappose

.

Smeducci

,

che da otto secoli svetta sul colle del

ci annuncia l inizio del nostro viaggio siamo a San Marche sorta in epoca medioevale più a monte '

Montenero

,

Severino

:

,

PleinAir

2 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

483.91

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 92 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Attraversata dal fiume Potenza Pioraco ospita nell antico monastero il Museo della Carta e della Filigrana all interno del quale è stata allestita un' antica gualchiera 2-3 Passeggiata aSan Severino Marche i portici di Piazza del Popolo la duecentesca Torre degli Smeducci e quella dell Orologio risalente al XIX secolo A fronte il panorama sul borgo dalla zona monumentale di Castello al Monte. '

,

'

,

.

:

,

'

,

.

rispetto alla romana Septempeda Il suonucleo l antico castrum dedicato al vescovo Severino ( nel VI secolo ) , è tutto raccoltoin cima all altura allaquale si sarebbe sviluppata a partire dal 200

dide sale ospita la Galleriad Arte Moderna in cui sono esposte numerose opere ottocentesche dell illustre locale Filippo Bigioli. '

.

'

'

originario

,

'

pittore

vissuto

Uscendo dal lato occidentaledella piazza lungo Via

'

,

intorno

,

che sarebbe divenuta la prospera città ghibellina alla guelfa Camerino. Approfittiamo dell area attrezzata accanto al dello sport per lasciare il veicolo e con una breve Piazza del Popolo l ampia ellisse passeggiata raggiungiamo che ancoraoggi non ha perso l originaria funzione di per il mercato ed epicentro della vita locale La scenografia della piazza delimitata dai monumentali edifici sotto i quali si aprono i portici con i loro invitanti è perfetta Il lato orientale è chiuso dall ottocentesca Torre dell Orologio opera dell architetto Ireneo Aleandri nella quale si apre l ingresso alla chiesa di Santa Maria Misericordia ( risalente al XIV secolo e rifatta nel ' 600 ) che custodisce pregevoli affreschi del ' 400 di Lorenzo Salimbeni Sempre dell architetto Aleandri è il Teatro vantodella città e mirabile esempio di architettura teatrale fra gli edificistorici risaltaper il maestoso ingresso il Palazzo Comunale eretto nel 1764 chenelle sue splen quella

avversa

'

palazzetto

'

,

'

spazio

.

,

'

negozi

.

,

'

'

,

,

'

della

'

.

Ferronia

,

;

,

,

,

Garibaldi incontriamo la chiesa di Sant' Agostino

,

il

nuovo con il quattrocentesco portale in tardogotico risparmiato dalle tante modifiche succedutesi fino ai dell 800 Percorrendo Via Lorenzo e Jacopo Salimbeni intitolata ai fratelli severinati che furono tra i più grandi esponenti della pittura tardogotica marchigiana del 400 troviamo l ingresso alla Pinacoteca Comunale di Palazzo Tacchi Venturi Oltre allatavoladella Madonna della " uno dei massimi capolavori del Pinturicchio " e ad altre realizzazioni di celebri artisti rinascimentali vi sono conservate opere dei Salimbeni che proseguendo lungo la via a loro dedicata troviamo anche nella basilica di San Lorenzo in Doliolo Sotto la chiesaromanica il cui primo impianto risale al XII secolo si apre la suggestiva cripta secoli) sulla cui volta possiamo ( più antica di sei gli affreschi monocromatici che raffigurano scene vita di Sant' Andrea considerati fra le opere più deiSalimbeni. duomo

,

'

primi

,

.

'

,

'

.

Pace

,

,

,

.

,

,

ammirare

della

,

pregevoli

92 " PleinAir 483

3 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 93 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Marche Alto Maceratese

'

L

onnipresente segnaletica San Severino Marche

Walking d guida al complesso monumentale di Castello al l antico nucleo del Montenero La salita verso la cima del colle si snoda attraverso stretti vicoli e dalla Porta '

Monte

.

,

delle

Sette Cannelle ( dal nome della vicina fontana ) facciamo

ultimo sforzo per giungere ai piedi della trecentesca Torre degli Smeducci imponente simbolo della città e del casatoche la resse durante il Medioevo alla quale si contrappone dalla parte opposta del piazzale il duomo antico dove riposano le spoglie del patrono San Severino L edificio ( probabilmente del X secolo presenta la facciata trecentesca ispirata allo stile comacino con il massiccio di pietra che ci introduce all interno dove è custodito il magnifico coro ligneo intarsiato alla fine del 400 da Domenico Indivini Alla sinistra del duomo l Episcopio ci accoglie con un bellissimo chiostro della fine del XV secolo dal quale accediamo al Museo Archeologico Giuseppe interessante viaggio nel tempo attraverso reperti che spaziano dal Paleolitico fino all epoca romana Tornati in basso merita una sosta il trecentesco convento di San Domenico con il suo monumentale chiostro Il possente edificio eretto fuori delle mura della città fu massicciamente un

fortificato e diverse volte occupato e utilizzato

dalle

di Camerino come testa di ponte per gli attacchi a San Severino Ai continui conflitti che costrinsero a un truppe

.

,

rimaneggiamento della

chiesa nel

600 sono sopravvissuti gli ambienti interni originali e alcuni pregevoli affreschi tra cui '

,

anche qui quelli realizzati dai fratelli Salimbeni.

,

,

,

,

'

.

)

,

'

portale

,

'

'

.

Moretti

,

'

.

.

,

,

Sosta cartacea Con la Septempedana ( SP361 ) gli appena 20 chilometri checi portano alla tappa del nostro itinerario che escludendo la presso Castelraimondo per una visita al trecentesco Castello Lanciano ( trasformato in sontuosa residenza da percorriamo

seconda

,

deviazione

Malatesta consorte di Giulio Cesare Varano è in una ventina di minuti. Le vertiginose pareti di roccia ai piedi delle quali la rotabile rendono quanto mai suggestivo l ingresso a Pioraco il cosiddetto paese della carta Racchiuso tra i monti Primo Gemmo e Gualdo all altezza della dello Scarsito nel fiume Potenza fu descritto da D Este come loco tanto ameno quanto la natura potuto fare è proprio l acqua la ricchezza di Pioraco. Sistemato il veicolo nella comoda area attrezzata lungo il Giovanna

) ,

raggiungibile

'

scorre

.

'

,

confluenza

,

'

"

Isabella

"

havesse

'

:

PleinAir

4 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

483 " 93

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 94 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Marche Alto Maceratese

alla scoperta della sua fiume vicino all abitato andiamo , al turismo Claudio storia A farci da guida è l assessore

fatto fiorire la fabbricazione artigianale della carta Dal 1912 la produzione locale è entrata a far parte delle Cartiere

Ciciani che

Milani

'

'

.

conoscendo bene l impegno di PleinAir nella promozione del turismo itinerante ci dà confermadella calorosa accoglienza offerta dal Comune sottolineata ancor più dal successo delle ultime due edizioni del raduno annuale dei v.r storici. Militarmente importante già in epoca romana e nel sistema difensivo di Camerino il borgo conobbe un forte sviluppo economico e culturale che ha lasciato importanti tracce nel tessuto urbano Dirigendoci verso il centro troviamo l antica chiesa della Madonna della incastonata nella ripida parete di roccia Poco più il Ponte Marmone ( forse così chiamato perché in ricoperto di marmo ) richiama i tempi della fiorente '

,

,

,

.

,

strategico

.

'

.

Grotta

avanti

,

,

origine

Prolaqueum. Giunti in Largo Leopardi con la bella vista del che scorre verso il paese scopriamo la trecentesca di San Francesco e l antico monastero oggi sede del

romana

,

Potenza

,

'

chiesa

,

e del bellissimo Museo della Carta e della Come accennato in precedenza una grande risorsa di Pioraco è l abbondanza di acqua che fin dal XIV secolo ha municipio Filigrana

.

,

'

.

Fabriano come testimonia il complesso industriale abitato La visita al museo ci riporta indietro di secoli dopo avere ammirato esemplari di documenti e filigrane artistiche ci ritroviamo in una cartiera medioevale la Gualchiera Prolaquense Qui incontriamo Annamaria Toderi della cooperativa di servizi Quondam che ci illustra le fasi dell antica lavorazione e al pari degli delle scolaresche siamo sorpresi dalla maestria con la quale realizza un foglio di carta con l informe pasta ottenuta dalla macerazione degli stracci. Il sistema museale di Pioraco ci offre un altro spunto di visita conil Museo dei Fossili e la Mostra dei Funghi ospitati presso il Centro Polifunzionale e di lasciare la cittadina andiamo a passeggiare sul Sentiero dei Vurgacci l itinerario immerso in una natura checi ricorda le parole di Isabella D Este Lungo mezzo chilometro il percorso conduce attraverso e passerelle di legno nella boscosa forra incisa dal fiume Potenza in un continuo avvicendarsi di suggestivi e spettacolari scorci ? difficile nonrimanere rapiti dalla bellez '

all

,

entrata dell

'

.

:

storici

.

,

,

,

'

;

alunni

,

'

interessante

,

;

prima

'

,

'

fantastica

.

circa

,

ponti

.

94 " PleinAir 483

5 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 95 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Piazza Cavour è il cuore di Camerino oltre al Rettorato vi affacciano il duomo e il Palazzo Arcivescovile Al centro sorge la statua di papa Sisto V 2 Il convento di San Domenico sede museale 3 L interno del Palazzo Ducale 4 II trecentesco portale della basilica di San Venanzio 5 Veduta dei Monti Sibillini dalla rocca 6 A poca distanza da Camerino il convento dove fu fondato ordine dei Cappuccini custodisce un interessante museo storico. :

.

.

,

'

.

.

.

.

,

'

l

za

di questo luogo animato da cascate e rocce

quale troneggia la statua bronzea di Sisto V

,

modellate dall erosione Forse è proprio a questa azione della natura che si è ispirato l artista locale Antonio Ciccarelli autore delle figure grottesche scolpite nei massi che sembrano osservarci in quella che è la fossa dei mostri '

bizzarramente

.

'

,

grandi

"

"

.

chiamata

,

il papa

realizzata nel 1587 da Tiburzio Vergelli Intorno a questo capolavoro ruotano tutti i maggiori edifici storici di Camerino a cominciare dal suo simbolo l Università fondata nel 1336 La sede dell antico ateneo è la residenza che fu dei Varano il Palazzo Ducale con un monumentale a portico del XV secolo dal quale si accede alle sale interne e alle terrazze panoramiche che sull ortobotanico risalente al 1828 sullo sfondo l incomparabile vista dei Sibillini. Dall altro lato della piazza il rinascimentale Palazzo Arcivescovile ospita il Museo Diocesano Giacomo con una vasta esposizione di arte sacra proveniente dal territorio della diocesi Accanto si trova il duomo tra il 1802 e il 1832 dopo che l antica chiesa and? distrutta nel terribile terremoto del 1799 Al suointerno accanto all altare si nota la quattrocentesca scultura lignea della Madonna della Misericordia particolarmente dai camerinesi che la chiamano la Madonna bella La cripta custodisce l arca di Sant' Ansovino realizzata nel XIV secolo in stile gotico toscano in onore del santo che fu vescovo della città. marchigiano

,

.

'

,

,

'

.

,

,

cortile

Nella signoria di Camerino Ci separiamo magnifica natura a malincuore ripagati in parte

daquesta dal paesaggio lungo la SP256 che in breve ci porta alla capitale dell antica signoria Camerino si presenta con l impianto medioevale pressoché inalterato così come lo Giulio Cesare Varano che volle renderla città ideale La nostra visita inizia dalla cinquecentesca Rocca Borgesca simbolo della parentesi di appena un anno che vide i sostituirsi al potere dei Varano Oggi dell antica rimangono solo i torrioni e il massiccio mastio nel parco da cui si gode la fantastica vista sul grande e naturale giardino " come descrive Guido Piovene nel suo Viaggio in Italia " creatodalle dolci colline che il borgo Percorrendo Corso Vittorio Emanuele il cuore della città Piazza Cavour al centro della ,

gradevole

'

'

.

,

pens?

.

,

'

Borgia

.

fortezza

,

immersi

circondano

raggiungiamo

.

,

,

magnifiche

'

'

:

affacciano

,

,

'

Boccanera

,

.

,

'

ricostruito

.

,

'

,

,

venerata

.

'

,

PleinAi

6 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

r

483 " 95

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 96 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

La Rocca Varano risale agli inizi del XII secolo 2 A San Maroto la millenaria rotonda di San Giusto 3 L area protetta dell Oasi Faunistica di Polverina include il castello Beldiletto. 4 La chiesa di Santa Maria Assunta a Pievebovigliana. 1

.

si trova

'

.

'

Proseguendo per Via Roma giungiamo a Piazza dei

gli appestati durantel epidemia del 1527 Accolti in un' '

.

dove il grande convento duecentesco di San è stato recuperato a sede espositiva dell Università di Camerino Nei suoi corpi di fabbrica sono ospitati il Museo Civico Archeologico e la Pinacoteca che con le loro raccolte mostrano da diverse angolazioni le antiche del territorio Poco distante il piccolo tempio dell Annunziata racconta un altro brano della storiadella città ritornati al potere nel 1503 i Varano vollero edificare la piccola chiesa oggi sconsacrata e periodicamente adibita a spazio per mostre Pochi passi e ci troviamo davanti all imponente portale tardogotico della basilica di San Venanzio Costanti

'

Domenico

.

,

'

vicende

.

,

:

,

,

'

.

,

miracolosamente scampato insiemeal campanile e all abside al terremoto del 1799 che distrusse quasi tutta la preesistente chiesa dedicata al santo patrono della città. Terminato il tour nel centro storico Camerino offre un' altra meravigliosa occasione di visita a soli 4 dalle sue porte in località Renacavata Qui circondato dal silenzio di bellissimi boschi di castagno si trova l convento dei Cappuccini edificato nel 1531 per volere della duchessa Caterina Cybo Varano commossa altruismo con cuii frati francescani si erano prodigati per '

,

,

chilometri

.

,

,

'

,

antico

,

,

'

dall

suggestiva dal giovanissimo fra' Pierangelo a sapere che proprio qui appena conclusa la fu fondato l ordine dei Cappuccini Attraversando sale e corridoi giungiamo alla chiesetta sul cui altare oltre a un anticotabernacolo di legno intarsiato si trova la maiolica raffigurante la Vergine col Bambino e i santi e Agnese realizzata nel ' 500 da Mattia della Robbia Non atmosfera veniamo

,

'

costruzione

.

,

,

,

.

Francesco

sono le opere cheammiriamo nel piccolo museo storico ospitato all interno del convento nelle sporte per la questua in paglia intrecciata nelle meno interessanti

'

:

,

lignee negli argenti sapientemente cesellati risalta quel profondo sentimento di fede che fu fonte inesauribile di ispirazione per il talento artistico e l abilità manuale di generazioni di frati. In contrastocon l immagine di una serena spiritualità fatta di silenzio e ritiro ben altre sensazioni ci suggerisce in località Sfercia la vista della severaRocca Varano edificata all inizio del XII secolo Posata come un'aquila sul lavorazioni

,

'

'

,

,

'

.

suo sperone

roccioso ancora oggi sembra rivendicare il ,

dominio sulla valle del Chienti grazie alla sua posizione strategica i Varano prima ancora di diventare signori di :

,

96 " PleinAir 483

7 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 97 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Marche Alto Maceratese

fecero la loro fortuna imponendo pedaggi ai viandanti Per raggiungere la rocca dobbiamo lasciare il camper all altezza della sbarra chechiude la ripida e tortuosa salita ne approfittiamo per una bella passeggiata fra gli aromi della macchia mediterranea che ci fino alle imponenti mura Nonostante alcune parti costruzione non abbiano resistito al tempo il suo evocativo è forte Non è difficile immaginare le milizie di guardia sui camminamenti o mentre attraversano il a sesto acuto un tempo difeso da un ponte levatoio. Anche grazie a recenti opere di restauro la Rocca Varano è sopravvissuta all oblio e oggi oltre a essere sede del dell Artigianato ospita il Museo dell Arte Tessile dove è possibile ammirare e acquistare pregevoli capi secondo antiche tecniche. Coeva della rocca è la non lontana chiesa di San che si erge su un piccolo colle circondato dalla campagna dominata dalle prime alture dei Sibillini Una sulla SS77 ci porta sulla strada per raggiungerla che pur se erta e stretta specialmente nell ultimo tratto è abbastanza agevole e ci consente di ammirare con tranquillità il paesaggio Essendo la chiesa aperta solo in occasione Camerino

,

.

'

;

accompagnano

.

della

,

potere

.

portale

,

'

,

'

'

Centro

,

fabbricati

Giusto

.

deviazione

,

'

,

.

della Messa il piccolo parcheggio è difficilmente

pertanto è consigliabile lasciare il veicolo nel piccolo tornante e proseguire a piedi per il breve tratto che porta all antico edificio romanico. Delle origini della meravigliosa rotonda sorta fra 19([ e il XII secolo state avanzate diverse ipotesi tra cui quella che si tratti di un osservatorio astronomico risalente ai tempi di Carlo Magno oppure che sia stata eretta da maestranze provenienti dal Medio Oriente Quale che sia la versione corretta è certa la suggestione che la sua bellezza e al suointerno " si accede dalla torre campanaria " la disponibile

,

slargo nei pressi dell ultimo '

'

,

,

.

,

provoca

;

chiesa conserva affreschi tra i più antichi del territorio.

il tempo di ritornare sulla statale ed eccoci di scendere dal nostro mezzo per ammirare da vicino la natura del Lago di Polverina l invaso creato anni 60 dallo sbarramento dell Enel sul corso del Il bacino costituisce il cuoredell Oasi Faunistica di Polverina istituita nel 1999 che si espande per circa 200 ettari fino a toccare il Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Basta una semplice passeggiata lungo le sponde per avvistare un gran numero di uccelli acquatici fra cui aironi garzette cormorani e svassi ma non il falco pescatore che Giusto

nuovo a

'

,

'

'

negli

'

Chienti

.

,

,

,

PleinAir

8 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

,

,

483 " 97

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 98 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Marche Alto Maceratese

spesso frequenta la zona I boschi ripariali danno rifugio anche a molte specie di mammiferi tra cui istrice volpe e .

'

presenza con tracce che incontriamo nel cammino All interno dell sono presenti anche preziose testimonianze storiche come il trecentesco castello Beldiletto ( di proprietà privata ) il convento di San Francesco e il ponte di Pontelatrave struttura romanica del XIV secolo. Tutti questi tesori sono compresi nel territorio di Pievebovigliana al cui centro giungiamo pochi chilometri sulla SS77 Ad accoglierci è un rassicurante cartellodi benvenuto al viaggiatore itinerante il Comune che recentemente ha realizzato una moderna area per camper dotatadi tutti i comfort si fregia della Arancione del Touring Club Italiano e il motivo è evidente nell attenta conservazione del patrimonio storico e urbanistico e del contesto naturalein cui è inserito La vista delle antichecase del borgo affacciate sulle colline su cui gettano la loro ombrale fitte chiome dei castagni rimanda a scene di vita ruraleche ci sembra di rivivere passeggiando fra i pittoreschi vicoli del paese dominato dai resti del castello distrutto nel 1528 dalle milizie della du cinghiale che seppure elusivi tradiscono la '

le

'

.

oasi

,

,

comunale

.

percorrendo

;

chessaCaterina Cybo Varano durante una guerra interna alla famiglia L articolato complesso medioevale chelo circonda è caratterizzato da stretti vicoli e ripide rampe di nella parte alta del nucleoantico troviamo la chiesa di Santa Maria Assunta con una meravigliosa cripta ( XI secolo) Riscendendo al municipio non si pu? tralasciare la visita all articolato Museo Archeologico Raffaele Campelli ospitato nelle sue sale per scoprire eccezionali come l iscrizione celtica di Fiordimonte le opere diartisti come Cola di Pietro e Simone De Magistris e la raccolta di antichi strumenti legati ad attività come la tessitura e la produzione di laterizi. .

,

scale

;

,

'

,

.

,

,

,

,

,

artigianali

Verso i Monti Azzurri Lasciate le campagne

,

'

,

'

ritrovamenti

,

Bandiera

.

romanica

di

ci spingiamo con la SP209 inun ambiente più montano dove superata Pieve Torina s' inizia a salire decisamente di quota Incorniciate dai finestrini del nostro camper le pendici dei Sibillini ammantate da fitte Pievebovigliana sempre

,

,

.

,

ci preannunciano il maestoso scenario naturale di cui godremo a breve A circa 5 chilometri da Visso non per una breve deviazione al santuario della di Macereto secondo la leggenda fu edificato nel 1528 foreste

,

.

esitiamo

Madonna

:

98 " PleinAir 483

9 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 99 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

Ai piedi dei Monti Sibillini il magnifico santuario della Madonna di Macereto fu edificato nel 1528 L elegante piazza centrale di Vissoe alcuni scorci del borgo attraversato dal torrenteUssita Fra i ruderi dell antica rocca di Visso si erge ancora la torre intitolata a San Giovanni. ,

'

.

,

'

.

dove un mulo che trasportava una statua della Vergine s' inginocchi? e non volle più proseguire Superato il Valico .

( 815 m attraversiamo il vasto e severo altopiano sucui sorge il santuario accompagnati dal verso poiane che si librano a poca distanza dal veicolo La nostra visita è breve ma lascerà indelebile il ricordo dell austera serenità del luogo dove nel suo suggestivo si erge la mole del candido complesso. Tornanti sulla SP209 in pochi minuti raggiungiamo l ultima tappa del nostro itinerario Visso Situata a 607 metri di altitudine nella valle del fiume Nera è sededel Parco Nazionale dei Monti Sibillini e uno dei suoi maggiori centri turistici I trascorsi di borgo strategico posto sulla via di delle Fornaci

)

,

.

delle

'

,

isolamento

,

'

.

,

,

.

tra Camerino e Foligno aspramente conteso e drammaticamente passato diverse volte da forme di governo ai domini dei Varano dello Stato Pontificio e del ducato di Spoleto sono testimoniati dall impianto circondato dall imponente cinta muraria Ma basta affacciarsi su Piazza dei Martiri Vissani per respirare l atmosfera di una vivace e ospitale cittadina inclusa elenco dei borghi più belli d Italia Dalla piazza sucui affacciano la collegiata di Santa Maria ( XII secolo) e la chiesa comunicazione

,

libero

,

'

,

'

medioevale

.

'

odierna '

'

.

nell

XIV secolo

(

di Sant' Agostino

) ,

sede del Museo

dei

Leopardiani ci inoltriamo nei pittoreschi vicoli dal Nera e dall affluente Ussita Tra uno scorcio e l altro non manchiamo di assaggiare salumi e formaggi prodotti secondo l antica tradizione e fatto il pieno di energia non resta cheandare allaconquista dell antica rocca che da Manoscritti

,

'

'

lambiti

.

'

,

'

secolista a guardia dell abitato Da Viadel Torriere un ripido sentiero permette di raggiungere in una ventina di minuti la sommità del colle sucui sorgono i resti della '

otto

.

fortificazione

.

Le torri costituivano i

due

vertici a monte del

quadrilatero formato dalla cinta muraria della città la più alta ( 25 metri) è la Turris Sanctis Johannis ancora più della stessarocca essendo già presente intorno all anno Mille duranteil dominio longobardo La fatica della salita è ricompensata dalla suggestiva atmosfera che regna tra mura da cui la vista spazia sugli antichi domini di Camerino contesi da eserciti arricchiti da artisti benedetti natura Immersi nella quiete godendoci il magnifico panorama sui Monti Sibillini che si mostrano in tutta la loro selvaggia grandiosità viviamo la sintesi del nostro viaggio. Non c' è dubbio l antica e generosa signoria di Camerino sa dosare inmaniera perfetta i suoi ingredienti " ;

,

'

antica

.

queste

,

dalla

,

.

,

,

,

'

:

.

PleinAir

10 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

483 " 99

Turismo Regione Marche ITA


N° e data : 20483 - 01/10/2012 Diffusione : 72000 Periodicità : Mensile PleinAir1_20483_90_6.pdf

Pagina 100 : Dimens.100 : % 6509 cm2

Sito web: www.pleinair.it

V COME ARRIVARE La zona descritta itinerario si raggiunge dal versante

to da settembre a giugno

festivi ore 10 / 12 e gli altri giorni su prenotazione nei mesi di luglio e agosto il museo è aperto tutti i giorni ). Orto Botanico dell Università Camerino tel 0737 633444 aperto da lunedì a venerdì ore 9 / 13 e 15 / 18 sabato ore 9 / 13 domenica e festivi su prenotazione ore 9 / 13 e 15 / 17 ). Biblioteca Valentiniana Via Madonna delle Carceri Camerino tel 0737 632394 domenica e

'

nell

con il raccordo autostradale dell

tirrenico

'

Ai da

16

Bettolle a Perugia e proseguendo sulla SS75

per Foligno e sulla SS77 fino a Muccia da qui si continua sulla SP256 per Camerino Pioraco e San Severino Marche o si brevemente prima si svoltare sulla SP209 verso Visso Per chi arriva dalla SS3 o dalla superstrada che collega A1 a Terni si percorre in senso opposto la stessa Statale Val Nerina ( SR209 in territorio umbro fino a Visso e al Passo delle Fornaci per poi scendere verso il Lago di Polverina. Dal versante adriatico si viaggia sulla SS77 oltrepassando Macerata ( da dove ci si pu? immettere sulla SP361 per San Severino e Pioraco in alternativa c' è la possibilità di scegliere il più veloce raccordo che dall Ai 4 collega Civitanova Marche a

,

,

,

)

.

San Severino Marche Area attrezzata nel parcheggio del palazzetto dello sport Viale ,

Mazzini. Area attrezzata presso la Locanda SS361 Località Valle dei Grilli tel 0733 634047 www.locandasalimbeni.it ( sosta .

).

,

Fon?g?ardina

J1

inizio della SP135 Visso-Ussita

,

subito

Monte Fema

ussita

.

5

,

,

,

,

.

,

.

,

,

,

,

novembre

,

,

.

,

,

Visso

,

più

'

,

,

,

,

,

tel 0733 638414 aperto ore 9 / 13 ;

,

,

,

.

.

,

.

(

,

(

Museo Archeologico Giuseppe Moretti Castello al Monte San Severino Marche tel 0733 633919 ( aperto da ottobre a giugno ore 9 / 13 chiuso lunedì ). Area Archeologica Septempeda Località San Severino Marche ( visite a richiesta presso il Museo Archeologico ). Museo della Carta e della Filigrana Largo Leopardi 1 Pioraco tel 0737 42142 ( aper ,

.

,

,

,

,

)

.

,

,

Sfercia

).

.

Amandola

Nazionale

Forcella ,

.

Renacavata

,

* MI di Macereto

,

,

V COSA VISITARE Teatro Feronia Piazza del Popolo 15 San Severino Marche tel. 0733 634369 ( prenotazione visite presso la

,

Riserva Naturale

;

una galleria.

Via

Mario

Sa

apertura

,

.

arna no Rastr.

,

'

Pieve

,

,

per il centro ).

Pievebovigliana Area attrezzata in Via a 300 m dal centro. Visso Area attrezzata all ingresso del borgo

,

evebovigliana

,

,

16 / 20

Ginea

'

capolinea

Pro Loco

erravalle Chienti

di

,

,

e

\z

4I

Polveri

Monte3P2nora 23 montetort YìYESSO per le visite guidate tel 338 dei Monti Sibillini 5835046 ( aperto da aprile a Pioggia Castelsantangelo settembre da giovedì a u TERNI sul Nera U tOM domenica ore 10 / 13 e 16 / 19 da attrezzata 123 Raccordo autostradale Numero strada Area ottobre a marzo sabato e domenica ore 10 / 13 e 15 / 18 ). Museo Archeologico e Pinacoteca Convento di San Domenico Piazza Santuario della Madonna di Macereto dei Costanti Camerino tel 0737 402309 o Località Macereto Visso tel 0737 9264 0737 402310 ( aperto da aprile a www.santuariomacereto.it macereto@libe ore 10 / 13 e 16 / 19 da ottobre a marzo ro.it ( aperto nei mesi di ottobre e ore 10 / 13 e 15 / 18 chiuso lunedì ). sabato e domenica ore 10 / 13 e 15 / 18 Museo di Scienze Naturali dell Università da maggio a settembre lunedì e mercoledì Convento di San Domenico Piazza dei ore 15 / 19 giovedì e venerdì ore 10 / 12 e Costanti Camerino tel 0737 403100 ( 16 / 18 sabato e domenica ore 10 / 13 e estiva da lunedì a venerdì ore 9 / 13 e 15 / 19 15.30 / 18.30 ). visitabile anche a richiesta ). Il museo e la Pinacoteca Comunale di Museo Storico Convento dei ( situati presso la chiesa Padri Cappuccini Via San di Sant' Agostino in Piazza il? L idea in Gregorio 5 Località dei Martiri Vissani si visitano Camerino tel 0737 prenotando ai numeri 0733 Le zone limi trofe a 644480 ( visite a richiesta ). 203747 o 335 7589254. questo itine rario sono Rocca Varano Località La chiesa di San Giusto in state trattat e da Camerino tel 0737 PleinAir nei nn 475 località San Maroto di 464004 www roccavara Monti Sibili ini 471 Pievebovigliana è aperta solo per la no.it ( per le visite contattare Serrapetro na e 406 Messa domenicale delle ore associazione Arti e Valle del Po tenza ). 9.30. settembre

,

'

lercia

Mucci

1435

.Idarola

,

'

dopo

ferino

e Lag di

"

.Iforte Chienti

..."""t.--

( Neo ihygF

Sorti

Collatoni

Camerino tel 0737 630400

,

Pioraco Area attrezzata lungo il fiume Via Raffaello Sanzio a 500 metri dall abitato tel. 335 8363954 piccioniimpianti@tiscali.it. Camerino Area attrezzata presso il dei bus Viale Emilio Betti ( percorso

all

,Th

Monte Igno

Paterno ,'

J.

1021

,

,

,

,

Rancia

"

,

Museo Diocesano Giacomo Boccanera Piazza Cavour 12

quelle presenti nelle località visitate.

meccanizzato

Monte " " Letegge ""

Porco _

lunedì

,

,

m1021 !

Pieve Tori

,

se si consuma un pasto al ristorante

ntoTir lini I .ir

,

da a venerdì ore 8.30 / 13.30 mercoledì e giovedì 16 / 18 ).

se carente di la zona dispone di un corposo di aree per camper Di seguito indichiamo

gratuita

Serrapetron

Piorbd

rino.sinp.net ( aperta

'

,

Crispiero

biblioteca.valentiniana@came

autostradale

,

1254

,

,

.

,

;

,

Castelraimon

,

Tolentino. V DOVE SOSTARE Anche

Salimbeni

9

Pìtti "

Tre

(

'

numero

aén

San Severino Marche

atelica

.

,

.

campeggi

Esanatoglil

,

'

procede

)

18

;

;

della

/

,

)

'

,

,

l

(

Mestieri

,

tel 0733 232527 o 338

INDIRIZZI UTILI Utili

.

3828055 artimestieri@gmail.com ). Museo Archeologico Raffaele Campelli Municipio Piazza Vittorio Veneto 90 ,

(

della Regione Marche vwvw.turismo.marche.

,

tel 0737 44126 o 0737 44026 aperto da lunedì a sabato ore 8.30 / 14

visite

,

.

;

pomeridiane e nei giorni festivi solo a

richiesta

).

e della Provincia di Macerata ( www.turi provi ncia mc it ). Parco Nazionale dei Monti Sibillini Piazza del Forno 1 Visso tel 0737 972711 www.sibilli ni.net parco@sibillini.net. it )

,

Pievebovigliana

on line sono i siti Internet ufficiali

strumenti

,

smo

.

.

,

,

,

.

,

,

100 " PleinAir 483

11 / 11 Copyright (PleinAir) Riproduzione vietata

Turismo Regione Marche ITA

Trenta e Lode in accoglienza  
Trenta e Lode in accoglienza  

Articolo apparso sul mensile Plein Air

Advertisement