Issuu on Google+

ISSN 1970-7290

year / anno VII number / numero 27 december / dicembre 2009

Poste Italiane Spedizione in a.p. - 45% - art. 2 comma 20/b legge 662/96 - D.R.T. - D.C.B. Torino nr. 27/2009

today

I N T E R N A T I O N A L

M A G A Z I N E

F O R

T U B E

P I P E

A N D

B A R S


27/09

(EDITORIAL - EDITORIALE)

today Pubblicato da:

Riviste Tecniche Specializzate s.r.l. Via Caselette km 16,200 10091 Alpignano - Torino - Italia Tel.: 011 95 66 950 - 011 95 16 923 Fax: 011 95 66 950 www.tubetoday.com E-mail: redazionali@tubetoday.it E-mail: tubetoday@tubetoday.it Organigramma aziendale: Amm. Delegato: Roberto Domenico Suraci Dir. Responsabile: Alberto Manzo Dir. Commerciale: Diego Bolognesi Progetto grafico: www.malvastudio.it Fotolito e Stampa: GRAFICAT Via Cuniberti, 47 (TO) www.graficat.it tel. 011.736419 - fax 011.736419 Pubblicazione iscritta al n°5708 del 10-06-2003 del registro di Cancelleria del Tribunale di Torino. Spedizioni in abbonamento postale. Anno 7° Dicembre 2009. E’ proibita la riproduzione di tutto o parte del contenuto senza l’autorizzazione dell’editore.

4

A cura di Alberto Manzo

It’s not a happy moment. Everyone is taking a deep breath, waiting for understand if the climb of the crisis will decline to the slope of resumption. Signals are encouranging: Osce announced that Italian economy returned to grow, even more than the other of industrialized Countries, that are growing as well. The recently held EMO in Milan was a two faced event: from one side, the great numbers of visitors and growing quality of contacts, from the other operators were scared from the future, with many companies totally absent from the exhibition and many reporting of difficulties never experimented before. The prescription is always the same: holding out until the storm is out, even if the most troubled waters are right before the pier. Not only analysts are underlining positive trends: some prices are recovering from the bottom of the charts, some plants are re-opening worldwide. The matter is that fast growing countries have collected worse damages from the crisis and best markets of the past are now the ones that need more help. But the resumption is just turned the corner and the best hope is that all companies will be stronger and more elastic after the negative period. With blessings of the ones that were not so able or so strong to survive. We lost workplaces, and money, and confidence in this world crisis, maybe the first so extended in all the five continents. But now we have the opportunity to begin running again: during the EMO in Milan there was an enthusiasm we did not see for so long. And this is the best announcement of better times to come. In 2010 Tube will hold in Dusseldorf: it’s the main event for Tube sector and the moment to confirm the positive trend of this fourth quarter. Tube Today will be present, as a consolidated tradition, to inform and give the companies visibility. In the third quarter, Bimu in Milan and Tube China: especially this one will be able to confirm also the resumption of the greatest and most growing market in the world. That will be the final advice that the crisis will be only a memory of the past.

Non è un momento felice. Ognuno sta prendendo un profondo respiro, in attesa di capire se la salita della crisi si tradurrà nella discesa della ripresa. I segnali sono incoraggianti: l’Ocse ha annunciato che l'economia italiana è tornata a crescere, anche a ritmi più serrati rispetto agli altri paesi industrializzati, che stanno crescendo essi stessi. La EMO, tenutasi di recente a Milano, è stato un evento a due facce: da un lato, il gran numero di visitatori e la qualità sempre crescente di contatti, dall’altra il timore del futuro di molti operatori, con molte aziende totalmente assenti dalla mostra e molte che raccontavano di difficoltà mai sperimentate nel passato. La ricetta è sempre la stessa: tenere duro fino a quando la tempesta è passata, anche se le acque sono più difficili appena prima del molo. Non solo gli analisti sottolineano le tendenze positive: alcuni prezzi sono in ripresa dal fondo del grafico, alcuni stabilimenti stanno riaprendo in tutto il mondo. La questione è che i paesi a crescita più rapida sono quelli che hanno avuto i danni peggiori dalla crisi e i mercati migliori del passato sono quelli che attualmente hanno bisogno di più aiuto. Ma la ripresa è appena svoltato l'angolo e la speranza migliore è che tutte le società saranno più forti e più elastiche, dopo il periodo negativo. Con la benedizione di quelli che non erano così in grado o così forti per sopravvivere. Abbiamo perso posti di lavoro, e denaro, e soprattutto la fiducia in questa crisi mondiale, forse la prima così estesa in tutti i cinque continenti. Ma ora abbiamo l'opportunità di iniziare a correre di nuovo: durante la EMO di Milano c'era un entusiasmo che non si vedeva da tanto tempo. E questo è l'annuncio più importante di tempi migliori a venire. Nel 2010 a Dusseldorf si terrà la Tube: è l'evento principale per il settore dei tubi e il momento di confermare il trend positivo di questo quarto trimestre. Tube Today sarà presente, come da tradizione consolidata, per informare e dare visibilità alle aziende. Nel terzo trimestre, Bimu a Milano e la Tube in Cina: in particolare questo ultimo evento sarà in grado di confermare anche la ripresa di uno dei mercati più grandi e maggiormente in crescita nel mondo. Il che sarà la conferma finale che la crisi è solo un ricordo del passato.


27 - 2009 N°

HALL 5 STAND F15

(SUMMARY - SOMMARIO)

(PARTNERS)

CUT - TAGLIO Eurolame: efficiency and quality Eurolame: efficienza e qualità

6

SMI: Burr-free and Chipless Orbital cutting SMI: Taglio Orbitale senza bave e trucioli

38

DEBURRING - SBAVATURA Lessmann: Brushes for removing the coating of tubes Lessmann: Spazzole per la rimozione del rivestimento... 8 NEWS - NOTIZIE Research and development Ricerca e sviluppo EQUIPMENT - ATTREZZATURE Albromet: Successful Bending of Thinwall Tube Albromet: Un Successo nella Curvatura di Tubi sottili

14

16

Special laser welding Speciale saldatura laser

40

Fabtech Fabtech

SMI R.T.S.

33

58

3

SHANGHAI TUBE EXPO 2010 C.M.L. ERCOLINA GLOBAL TEC

SIT-Soc. It Tecnospazzole AMOB VICINI

STAR BEND R.T.S. USATO - R.T.S. USED ON-LINE AMPCO METAL TUBE DÜSSELDORF BORU 2010

32

Tracto Technik: Copper rods for higt voltage Tracto Technik: Barre in rame per l’alta tensione

54

Mewag: Teralus 170 S Mewag: Teralus 170 S

60

3R

MEASURING SYSTEMS - SISTEMI DI MISURAZIONE Aicon: Sag Tubi uses Tubeinspect Aicon: La Sag Tubi utilizza il Tubeinspect

36

Zumbach: ODAC® 550 HLF for large diameter Zumbach: ODAC® 550 HLF per grossi diametri

48

THE ONLY INTERNATIONAL ITALIAN MAGAZINE ON-LINE AND ON PAPER

ENERGY APPLICATIONS - APPLICAZIONI ENERGETICHE Fraccaro: Radiant tube Fraccaro: Tubi radianti 56 LIFT TRUCK - CARRELLI ELEVATORI Combilift: 10,000th truck delivered Combilift: 10,000 carrelli elevatori

64

3 cover

EUROLLS

BENDING - CURVATURA Amob: The new machine Mod. MAH 600/3AC Amob: La nuova curvatrice Mod. MAH 600/3AC

SOFTWARE - SOFTWARE 3R solutions: RoniBuilder Taking CAD to the Next... 3R: RoniBuilder Assunzione di CAD al livello successivo... 52

2 cover 4 cover

SURAJ 28

1 cover

ATI

SMS ENGINEERING

SPECIAL - SPECIALE Special washing Speciale lavaggio

Exhibition 2010 Fiere 2010

R.T.S.

10

Ampco Metal copper alloys for tubes with an absolutely... 50 Ampco Metal nell’industria dei tubi

EXHIBITION - FIERE Reportage dalla EMO 2009 EMO 2009 reportage

27/09

S&J CORPORATION MILLEMIGLIA M.P.E.

7

9

13 15

19 21

24 31 31

34-35 38 41

43

48 57

63

65

L'UNICA RIVISTA ITALIANA INTERNAZIONALE SIA ON-LINE CHE CARTACEA 5


27/09

EUROLAME

Eurolame: efficiency and quality

A cura di: Comunicazione & Immagine

Mr. Pozzato, you are the general manager of Eurolame Commerciale SRL, what is this challenge your advertising talks about? The challenge of this company, with plants in Muggiò and Vicenza, has always been that of firmly maintaining a very high quality standard, an Italian quality. The sector of blades for Slitter and Planishing Lines is in constant evolution, especially in the field of materials for the automotive industry. Over time, technical and commercial choices have concerned both product development (the use of new steels and the increase of productive capacity: worldwide there are few producers of blades ranging from 750 to 1000 mm of diameter) and the improve of customer service (a prompt and precise delivery and a reliable technical assistance). Currently and more than ever in times of world economic crisis, it could be difficult to follow these

business strategies… Actually, bold choices have been made just in this period. For example we have decided to maintain in Italy the whole production (in Vicenza) and the commercial activities (in Muggiò). Today Eurolame Commerciale has grown, becoming a partner as well as a supplier for its customers. The company has oriented towards a customised service, by manufacturing custom-made blades which can cut every kind of material. Results are visible and allow Eurolame products to distinguish from the others: they are so customized that Eurolame’s cutting is almost… tailor-made. For further information about the company and its products, please visit the website.

(CUT - TAGLIO)

Eurolame: efficienza e qualità Sig. Pozzato Lei è il titolare della Eurolame Commerciale SRL, qual’è questa sfida di cui parlano le sue pagine pubblicitarie? La sfida di questa azienda, divisa tra Muggiò e Vicenza, è sempre stata quella di mantenere come punto fermo uno standard di qualità elevatissimo, una qualità italiana. Il settore delle lame per le Linee Slitter e di Spianatura è in evoluzione costante, soprattutto nel campo dei materiali per il settore automobilistico. Le scelte tecniche e commerciali hanno riguardato negli anni sia lo sviluppo dei prodotti (impiego di nuovi acciai e ampliamento della capacità produttiva: non sono in molti nel mercato mondiale a poter offrire come noi lame

6

dai 750 ai 1000 mm di diametro), sia il miglioramento del servizio a Cliente (consegna curata e in tempi sempre certi e brevi, in più la nostra consulenza tecnica è sempre garantita). Oggi più che mai con un clima di crisi economica mondiale certe linee imprenditoriali non saranno state facili da mantenere… Sono state fatte invece proprio in questo periodo delle scelte strategiche coraggiose, come il mantenere la produzione completamente in Italia, nello stabilimento di Vicenza, e la gestione commerciale negli uffici di Muggiò. Oggi Eurolame Commerciale è cresciuta, divenendo un partner per i propri clienti, oltre che un

fornitore. L’azienda ha improntato il proprio business sul servizio personalizzato, lavorando su misura del Cliente e perfezionando le lavorazioni per il taglio di tutti i materiali. I risultati sono oggi visibili e consentono ai prodotti Eurolame di distinguersi su tutti: sono così curati e personalizzati che il taglio Eurolame… è quasi sartoriale! Per ulteriori approfondimenti sulla realtà e i prodotti Eurolame non resta altro che visitare il sito web.


27/09

LESSMANN

Brushes for removing the coating of tubes Lessmann, Germany, is a manufacturer of wire brushes. The brushes are used for many different industrial applications like deburring of working components or cleaning or structuring surfaces of various materials. A common application considering the tube industry is removing the coating of tubes.

A cura di: Miss Patricia Lessmann

Cut Back Brushes for removing the coating of tubes. Cut Back Brushes per la rimozione del rivestimento di tubi.

The external surface of steel pipelines usually is coated with epoxy resin and PE or PP layers. These layers provide the tube from corrosion. Before the tubes are put together to a pipeline, the coating must be removed completely at the tube ends to enable a clean welding procedure. For this application special knotted wheel brushes made by Lessmann are used. Usually several rings of so called Cut Back Brushes are mounted together to get one massive block of wheel brushes. The diameter of the brush, wire thickness and the overall shape of the brush are defined by the sizes of the tubes, the material of the layers and the cut back machine in use. Lessmann offers brushes up to the diameter of 500 mm, filled with hard drawn high tensile wire. All production steps are controlled by CNC machines of the latest generation to get highest quality for maximum life time. Beside those Cut Back Brushes, Lessmann offers other special tools for the pipeline industry. For instance for cleaning weld seams also knotted wheel brushes Knotted Wheel Brushes for cleaning weld seams. Knotted Wheel Brushes per la pulizia delle saldature continue.

are in use. For cleaning the interior of the pipelines so called cleaning pigs are used, which are equipped with single knots. All LESSMANN standard articles are deliverable ex stock. Special sizes or different filling materials are deliverable on demand within short time frame. Due to its engineering department products are upgraded and advanced constantly and new products adapted to the customers’ needs are planned and tested. Permanent quality checks guarantee products of top quality which have a long durability and which bring an eminent brushing result. NEWS

Peugeot tries to go global After Renault’s fruitful partnership with Nissan Peugeot may become the second French carmaker to head east with the news it is in talks to buy a 30 to 50 percent stake in Mitsubishi Motors. It is part of Peugeot’s ambitions to go beyond Europe’s number 2 and become a global player, and analysts say it is an ideal fit. The pair would be especially strong in the emerging electric car market. Peugeot in trattative con Mitsubishi PSA Peugeot Citroen sta discutendo con la giapponese Mitsubishi un rafforzamento dei loro rapporti che potrebbe arrivare fino a ‘‘un partenariato strategico’‘. Lo ha reso noto il gruppo francese con un comunicato in cui conferma di star esaminando ‘‘le possibilità di ampliamento delle loro relazioni’‘.

8


27/09

(DEBURRING - SBAVATURA)

Spazzole per la rimozione del rivestimento di tubi La Società Lessmann, con sede in Germania, produce spazzole a fili metallici utilizzate per diversi scopi industriali, quali la rimozione di sbavature di componenti lavorati, la pulizia o la finitura di superfici di molti tipi di materiale. Un’applicazione standard nell’industria dei tubi è la rimozione del rivestimento dai tubi. La superficie esterna dei tubi in acciaio è solitamente rivestita con resina epossidica e strati di PE o PP. Questi strati proteggono il tubo dalla corrosione. Prima della costruzione di un’intera condotta, il rivestimento deve essere completamente rimosso dall’estremità del tubo per consentire un perfetto procedimento di saldatura. Per questo tipo di applicazione

sono utilizzate speciali spazzole circolari, “Knotted Wheel Brusches”, prodotte dalla Società Lessmann. Solitamente vengono montate insieme diverse unità delle cosiddette “Cut Back Brushes” per ottenere un unico blocco di spazzole rotanti. Il diametro della spazzola, lo spessore del filo e la forma d’insieme della spazzola sono definiti in funzione della dimensione dei tubi da trattare, del materiale di rivestimento e dal tipo di utensile utilizzato. La Lessmann offre spazzole di diametro fino a 500 mm, dotate di fili ad alta resistenza. Tutte le fasi produttive sono controllate da apparecchiature CNC di ultima generazione per garantire la più elevata qualità e la massima durata in esercizio.

Oltre alle cosiddette “Cut Back Brushes”, la Lessmann produce altri utensili speciali per l’industria petrolifera. Per esempio, le spazzole “Knotted Wheel” vengono utilizzate per la pulizia delle saldature continue. Per la pulizia delle tubazioni si utilizzano i cosiddetti pig di pulizia, dotati di spazzole metalliche realizzate con fili a singolo nodo. Tutti i prodotti standard della LESSMANN sono disponibili per consegna immediata da magazzino. Misure speciali o realizzazioni in materiali particolari sono invece disponibili su richiesta comunque in brevi tempi di consegna. Il Reparto di Ingegneria garantisce l’aggiornamento ed il miglioramento costante dei prodotti, inoltre consente di realizzare nuovi prodotti su richiesta di Committenti dalla progettazione al collaudo finale. Il controllo costante della qualità assicura un prodotto di alto livello, durevole nel tempo e di elevato rendimento.


27/09

EU

Research and development Corporate R&D investment in 2008: a global increase with EU companies leading US and Japan Worldwide corporate R&D investment increased by 6.9% in 2008, in spite of the economic crisis, according to the 2009 "EU Industrial R&D Investment Scoreboard" published today. With an 8.1% increase, the R&D investment growth of EU companies', defined as companies having headquarters within the EU, is significantly higher than US ones for the second year, at 5.7%, and Japanese ones, at 4.4%. Two EU companies feature in the top ten: Volkswagen in the 3rd place with an R&D investment of €5.93 billion and Nokia in the 8th. The world's biggest investor in R&D was Toyota Motor, with €7.61 billion. The report also shows that companies from emerging countries have the highest R&D investment growth. "It is good news that EU companies kept up their R&D investment against the background of the economic crisis in 2008. This is the best strategy to emerge stronger out of the crisis. We must support EU companies' efforts and provide incentives to reinforce the EU research intensive sectors. Building a truly European research area is part of the answer, together with EU actions to promote smart investments in R&D. I also welcome the increase of R&D investment by EU companies active on low carbon energy technologies. They represent new sources of EU growth and jobs", said European Science and Research Commissioner Janez Potočnik. The European Commission EU Industrial R&D Investment Scoreboard shows that despite the economic crisis, the corporate R&D investment worldwide is still at 6.9%, compared with 9.0% in 2007. EU companies managed to maintain their R&D investment growth barely unchanged at 8.1% from 8.8% in 2007, whereas that of US companies fell from 8.6% in 2007 to 5.7% in 2008. Companies based in emerging economies continued to show the highest R&D growth, led by China with a 40% increase, India (27.3%), Taiwan (25.1%) and Brazil (18.6%). If the impact of the crisis is not yet fully reflected in the corporate R&D investment, it is more visible in other indicators collected by the Scoreboard, such as company operating profits, which dropped by 30.5% for EU companies and by 19.1% for US companies. Company trends Two EU companies, Volkswagen and Nokia, are among the top 10 R&D investors; five from the US, including Microsoft, and General Motors, Pfizer; and one from Japan, Toyota, at the top position. In the Top 50 R&D investors are16 EU companies and 18 US companies, two less each than in 2007, while Japan has 13 companies, four more than 2007. However, EU companies in the top 50 had a higher average R&D intensity (R&D investment as percentage

10

A cura dell’ufficio Stampa: R.T.S.

of sales) than non-EU companies, with 7.8% compared to 6.8%. Sector trends The R&D growth in the US is dominated by the high R&D intensity sectors, which includes Pharmaceuticals and biotechnology and IT sectors, while R&D growth in the EU is more evenly spread across all sectors. US companies have reinforced their leading position in the high R&D intensity sector, by increasing their investments by 35% in the last four years against only 13.6% in the EU companies. While the total US high R&D intensity sector is twice the size of the EU one in terms of R&D investment, EU companies in this sector show similar performance than US competitors in terms of R&D and related indicators. EU companies lead the way in the medium-high and medium-low R&D intensity sectors, such as automobile & parts, electronic and electrical equipment or chemicals. The pharmaceuticals & biotechnology sector reinforces its position as top R&D investor both worldwide and in the US, accounting respectively for 18.9% and 25.0%. Many pharmaceutical companies showed a strong increase in R&D investment: e.g. Takeda Pharm. (+42.7%), Boehringer Ingelheim (+21.9%), ScheringPlough (+20.6%). However, Merck (US), Johnson & Johnson and Pfizer. decreased their R&D investment between 1 and 2%. The automobiles & parts sector is the third worldwide, accounting for 17.1%, but the first in EU and Japan, accounting respectively for 25.0% and 27.0%. Despite being the first sector hit by the economic crisis, some automobile companies had double-digit R&D growth in the last year: Volkswagen (+20.4%), Peugeot (+14.4%) and Fiat (+14.1%). Others reduced their R&D investment considerably, e.g. Renault (-9.2%), Daimler (-9.1%), BMW (-8.9%), Ford Motor (-2.7%), and General Motors (-1.2%). This year's Scoreboard confirms the strong R&D activity of companies active in renewable energy technologies. The six EU companies from this sector showed impressive growth in R&D investment over the last three years.


27/09

(NEWS - NOTIZIE)

Ricerca e sviluppo

Gli investimenti delle imprese in R&S nel 2008: aumento globale, con le imprese UE in testa davanti a Stati Uniti e Giappone Secondo il Quadro di valutazione 2009 degli investimenti industriali europei in R&S pubblicato oggi, gli investimenti industriali per la ricerca e lo sviluppo su scala mondiale sono aumentati del 6,9% nel 2008, nonostante la crisi economica. Con un incremento dell'8,1%, la crescita degli investimenti in R&S delle imprese UE, cioè imprese aventi la sede principale nell'UE, è molto superiore, per il secondo anno consecutivo, a quella delle imprese statunitensi, in cui tali investimenti sono aumentati del 5,7% e a quella delle imprese giapponesi, in cui l'aumento è stato del 4,4%. Due imprese europee figurano fra le prime dieci: Volkswagen al 3° posto con 5,93 miliardi di euro di investimenti in R&S e Nokia all'8°. Il maggior investitore del mondo in R&S è stata la Toyota, con 7,61 miliardi di euro. La relazione mostra inoltre che sono le imprese dei paesi emergenti quelle che hanno registrato la maggiore crescita degli investimenti in R&S. È una buona notizia che nel 2008, in un contesto di crisi economica, le imprese dell'UE abbiano mantenuto il loro livello di investimenti per la ricerca e lo sviluppo: è la strategia migliore per uscire più forti della crisi. Dobbiamo sostenere gli sforzi delle imprese dell'UE e concedere incentivi volti a rafforzare i settori europei ad alta intensità di ricerca. Costruire uno spazio di ricerca veramente europeo fa parte della risposta alla crisi, così come ne fanno parte gli interventi comunitari destinati a promuovere investimenti intelligenti in R&S. Mi rallegro anche per l'aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo delle imprese UE operanti nell'ambito delle tecnologie a basso tenore

di carbonio, che rappresentano nuove fonti di crescita e di occupazione nell'UE ha dichiarato il commissario europeo per la scienza e la ricerca, Janez Potočnik. Il Quadro di valutazione degli investimenti industriali europei in R&S della Commissione europea indica che, nonostante la crisi economica, gli investimenti industriali in ricerca e sviluppo delle imprese in tutto il mondo sono ancora cresciuti del 6,9%, rispetto al 9,0% del 2007. Con un tasso di crescita dell'8,1% rispetto all'8,8% del 2007, le imprese dell'UE sono riuscite a mantenere quasi invariato il loro livello di crescita degli investimenti in R&S, mentre per le imprese statunitensi il livello di crescita è sceso dall'8,6% del 2007 al 5,7% del 2008. Le imprese con sede nelle economie emergenti hanno continuato a registrare la crescita più elevata nella R&S, guidate dalla Cina con il 40%, seguita dall'India (27,3%), da Taiwan (25,1%)

e dal Brasile (18,6%). Se l'impatto della crisi non si riflette ancora del tutto negli investimenti industriali in R&S, è però più visibile in altri indicatori raccolti dal Quadro di valutazione, quali gli utili di gestione delle imprese, che sono calati del 30,5% per le imprese UE e del 19,1% per quelle degli Stati Uniti. Tendenze delle imprese Fra i 10 maggiori investitori in ricerca e sviluppo troviamo 2 imprese europee, Volkswagen e Nokia, 5 imprese statunite nsi, fra cui Microsoft, General Motors e Pfizer, ed un'impresa giapponese, Toyota, al 1° posto. Fra i 50 maggiori investitori in ricerca e sviluppo vi sono 16 imprese europee e 18 statunitensi, in entrambi i casi due in meno rispetto al 2007, mentre il Giappone è rappresentato nell'elenco da 13 imprese, quattro in più del 2007. Tuttavia le imprese UE che figurano fra le prime 50 hanno registrato un'intensità media di investimenti in R&S (investimento in R&S come percentuale delle vendite) più elevata delle imprese non UE: il 7,8% rispetto al 6,8%.

European Science and Research Commissioner Janez Potočnik. Commissario europeo per la scienza e la ricerca Janez Potočnik.

11


27/09

(NEWS - NOTIZIE) Tendenze del settore Negli Stati Uniti la crescita della R&S è dominata dai settori ad alta intensità di R&S, quali il settore farmaceutico, la biotecnologia e l'informatica, mentre la crescita della R&S nell'UE è più uniformemente ripartita fra tutti i settori. Le imprese statunitensi hanno rafforzato la loro posizione dominante nel settore ad alta intensità di R&S, aumentando negli ultimi quattro anni gli investimenti del 35%, contro soltanto il 13,6% di aumento registrato dalle imprese dell'UE. Mentre il totale del settore ad alta intensità di R&S negli USA, in termini di investimento nella R&S, è il doppio di quello europeo, le imprese UE del settore registrano risultati simili a quelli dei concorrenti statunitensi in termini di R&S e di indicatori connessi. Le imprese dell'UE sono in testa nei

settori ad intensità di R&S medioalta e medio-bassa, quali i settore auto e componenti, apparecchiature elettroniche ed elettriche e prodotti chimici. Il settore farmaceutico e quello della biotecnologia consolidano la loro posizione come i maggiori investitori in R&S, sia a livello mondiale che negli Stati Uniti, con percentuali, rispettivamente, del 18,9% e del 25,0%. Molte industrie farmaceutiche hanno registrato un forte aumento degli investimenti in R&S: come, ad esempio, Takeda Pharm. (+ 42,7%), Boehringer Ingelheim (+ 21,9%), Schering-Plough (+ 20,6%). Nondimeno Merck (USA), Johnson & Johnson e Pfizer hanno diminuito gli investimenti in R&S di una percentuale tra l'1 e il 2%. Il settore delle auto e componenti è il terzo a livello mondiale, con un incremento degli investimenti del

17,1%, ma è il primo nella UE ed in Giappone, con percentuali rispettivamente del 25,0% e del 27,0%. Pur essendo questo il settore maggiormente colpito dalla crisi economica, l'anno scorso alcune imprese automobilistiche hanno registrato una crescita di R&S a due cifre: Volkswagen (+ 20,4%), Peugeot (+ 14,4%) e Fiat (+ 14,1%). Altre invece hanno considerevolmente ridotto gli investimenti in R&S, ad esempio Renault ( - 9,2%), Daimler ( - 9,1%), BMW ( - 8,9%), Ford Motor ( - 2,7%) e General Motors ( - 1,2%). Il Quadro di valutazione di quest'anno conferma la forte attività in R&S delle imprese operanti nelle tecnologie per l'energia rinnovabile. Le sei imprese UE di questo settore hanno registrato una crescita impressionante degli investimenti in R&S nel corso degli ultimi tre anni. NEWS

Nuclear Energy: Alstom & Areva keep it in the family Only five years ago French heavy engineer and telecoms group Alstom was struggling so much it sold its energy transmission and distribution business to nuclear specialist Areva for just under a billion euros. Now it is buying it back for just over four billion in cash and shares. Sounds like a poor deal, but some are wondering why the company is not accepting other deals from foreign investors. Toshiba is offering more money, and some say both it and other bidder General Electric would shake up the market and bring other benefits. Alstom seemed to have deployed the conclusive argument for Areva, which is 92 percent state-owned, and is effectively privatising 38 percent of its turnover. Alstom has vowed to preserve employment and plants until 2012, but unions say keeping the enterprise entirely French will be the worst option for jobs. However the conclusive argument, for Alstom at least, may have come from its boss’s close friend, French president Nicolas Sarkozy. Energia nucleare: Alstom si aggiudica un settore di Areva Alstom recupererà due terzi delle attività del polo Trasmissioni e Distribuzione del gruppo pubblico Areva di cui prenderà il controllo assieme a Schneider Electric. Una scelta politica quella di Alstom- Schneider anche perché l’offerta franco francese è decisamente inferiore ai 4 miliardi e 500 milioni di euro proposti dalla giapponese Toshiba. Una scelta dunque interna alla Francia che ha suscitato non poche polemiche al punto che, secondo fonti di stampa, Toshiba starebbe prendendo in considerazione un ricorso al consiglio di stato francese. Con la vendita della filiale, che fornendo sistemi e servizi destinati alla trasmissione e distribuzione dell’elettricità generava il 40% delle sue vendite, Areva vuole assicurare il finanziamento del suo sviluppo. NEWS

Steel import and export in EU Italian steel import and export are decreasing in first ten months of the year. According to data collected by Federacciai, import from non EU countries decreased by 49.3% year by year, reaching the level of 4.8 million tons, while export decreased by 21.9% to 3.8 million tons. Taking a look to exchanges among EU countries, from January to September import decreased to 4.8 million tons, 48.2% less than in the same period in 2008; export scored 5.8 million tons, -40.7%. Import ed export di acciaio nei paesi EU Diminuisce il commercio di acciaio in Italia: nei primi dieci mesi dell’anno, secondo Federacciai, le importazioni da paesi extra EU sono calate del 49.3% raggiungendo i 4.8 milioni di tonnellate, mentre le esportazioni sono calate del 21,9%, attestandosi a 3,8 milioni di tonnellate. Per ciò che concerne il livello degli scambi tra i paesi EU, da gennaio a settembre le importazioni sono calate a 4,8 milioni di tonnellate, il 48,2% in meno dell’anno precedente, mentre le esportazioni hanno fatto segnare 5,8 milioni di tonnellate, -40,7%.

12


Order your subscription to: Ordina il tuo abbonamento a:

today 1 Year subscription (4 issues Tube today via surface mail)

°

Money transfer / Bonifico bancario Headed to / Intestato a: R.T.S. s.r.l.

1 Anno di abbonamento

Via Caselette km 16,200

(4 uscite - Tube today via posta)

10091 Alpignano - Torino - Italia

Italy / Italia

Euro 55,00

Europe / Europa

Euro 70,00

°

Check bank / Assegno bancario Headed to / Intestato a: R.T.S. s.r.l. Bank / Banca.............................................................

Individual copy price

Check number / Numero dell’assegno.................

Prezzo per copia singola Italy / Italia

Euro 15,00

Europe / Europa

Euro 20,00

Circulated over 5.000 companies across the world Distribuito ad oltre 5.000 aziende nel mondo

R.T.S s.r.l Data bank / dati bancari BANCA INTESA-SAN PAOLO / RETE INTESA Abi: 03069 Cab: 30041 C/C: 44444/94 IBAN: IT46A030 6930 0410 0000 4444 494 SWIFT: BCITIT22117


27/09

ALBROMET

Successful Bending of Thinwall Tube To save money and weight, stainless steel and heat resistant Nickel-Alloy tube will be produced from more and more thinner sheet. For specialized companies like “Rochhausen racing exhaust systems” the bending of such thin tube is a common customer’s requirement since years. For example, tube dimensions of 65,4 x 0,6 / 59,4 x 0,5mm will be produced with CLR = 1 x D and even less than 1 x D. To fulfil customer’s requirements in terms of quality and precision of the bend, very special Flexible Mandrels are necessary. ALBROMET is the producer for these high-end tools. They design a special Flexible Mandrel for each difficult bend, within 2-3 days. Links as well as shank and balls will be designed especially to the bending job. As a result, highest quality of the bent tube will be achieved.

A cura di: Mr. Peter Lang

Production of a special designed Flexible Mandrel needs 1-2 weeks. So Rochhausen is in a position to react extremely short term upon customer requirements. Only with active cooperation between Customer and Tool Supplier new technologies can be realized fast and flow into serial production.

(EQUIPMENT - ATTREZZATURE)

Un Successo nella Curvatura di Tubi sottili Per risparmiare denaro e peso, i tubi in acciaio inossidabile e leghe di Nickel vengono prodotti da fogli sempre più sottili di lamiera. Per aziende specializzate come "Rochhausen racing exhaust systems" la curvatura di questi tubi sottili è una richiesta comune da anni. Per esempio, tubi di dimensioni 65,4 x 0,6 / 59,4 x 0,5 mm vengono prodotti con CLR = 1 x D e anche meno di 1 x D. Per soddisfare le esigenze dei clienti in termini di qualità e precisione sulla curva, pertanto sono necessari Mandrini flessibili speciali. ALBROMET è il produttore di questi strumenti ad alta finitura. La progettazione di un mandrino

14

speciale flessibile per ogni curva viene eseguita nel giro di 2-3 giorni. I collegamenti tra il gambo e le sfere vengono progettati nel dettaglio per ogni lavoro di piegatura. Come risultato, sarà raggiunta la qualità più alta del tubo curvato. La produzione di un mandrino flessibile speciale progettato esige 1-2 settimane. Così la Rochhausen è in grado di reagire in tempi molto brevi alle esigenze dei suoi clienti. Solo con una collaborazione attiva tra il Cliente e il fornitore di attrezzature si possono realizzare nuove tecnologie rapidamente e possono essere introdotte nella produzione di serie.


NE WS

latest news from the world ultime novità dal mondo NEWS

GM in Opel reprieve General Motors has scrapped plans to axe more than five hundred jobs at its Opel car plant at Russelsheim in Germany. Opel’s acting chief Nick Reilly told thousands of workers that the American group wanted to give staff a future and the carmaker a bigger role within GM. The move is likely to defuse tension between management and workers who had accused General Motors of trying to destroy Opel. General Motors taglierà 500 posti di lavoro in meno alla Opel General Motors rinuncia a licenziare oltre 500 posti di lavoro nello stabilimento Opel di Russelheim in Germania. E’ un gesto del numero uno in Europa della casa automoblistica americana che intende cosi attenuare le tensioni con i sindacati. Infine l’Unione Europea ha chiesto alla General Motors chiarimenti sul piano di ristrutturazione della casa tedesca. Russian aluminium giant secures debt restructuring Russian aluminium giant UC Rusal has reached agreement with creditors in Russia’s biggest ever debt restructuring, allowing the cashstrapped company to raise around 1.3 billion euros via a share issue. Rusal: al via ristrutturazione del debito Via libera alla ristrutturazione del debito per Rusal, società russa leader nella produzione di alluminio. Un’operazione per oltre sette miliardi di dollari: la piu’ vasta mai conclusa in terra di Russia. Lo ha annunciato un quotidiano moscovita precisando che i negoziati riguardano una settantina di creditori internazionali. L’obiettivo è la quotazione in borsa


A cura di Domenico Roberto Suraci

27/09

Washing, degreasing, cleaning and drying operations all seemingly insignificant or negligible and cost, which however are very important aspects for the quality of the finished product because you can get the particular cleaner fully in all its parts to each residue previous work carried out. Even small and microscopic particles can be washed in order to submit to any subsequent machining a particular intact and perfectly suited. There are many methods and aspects in order to address this issue, each with its own technology and ability to invent which is then enriched by methods other than ever to achieve the best results desired and requested by several customers for the current or future production needs, AUTOMOTIVE always addressed in the future and is looking for environmentally friendly solutions for the cars of tomorrow; below as custom you can find solutions for your current and future needs, and especially companies that are able to follow you and help you in your future choices... Good reading

Lavaggio, sgrassaggio, pulizia e asciugatura tutte operazioni all'apparenza insignificanti o di poco conto e costo, che invece rivestono aspetti molto importanti per la qualitĂ  del prodotto finito in quanto permettono di avere il particolare pulito integralmente in tutte le sue parti da ogni singolo residuo di lavorazione precedentemente effettuata. Anche le piĂš piccole e microscopiche particelle possono essere lavate per poter presentare alle eventuali lavorazioni successive un particolare integro e perfettamente idoneo. Vi sono molteplici metodi ed aspetti per affrontare questo argomento, ognuno con la propria tecnologia e capacitĂ  di inventiva che poi viene arricchito, con metodi sempre diversi, per conseguire i migliori risultati voluti e richiesti dai vari clienti, per le esigenze produttive attuali o future, come nel settore AUTOMOTIVE sempre indirizzato al futuro ed alla ricerca di soluzioni ecologiche per le auto di domani; di seguito come consuetudine troverete soluzioni per le vostre esigenze attuali e future e sopratutto aziende capaci di seguirvi ed aiutarvi nelle vostre scelte future... Buona lettura


27/09

Born in January 1959, Ceever deals in the production of plants for the chemical-physical surface treatment. Placed in Settala, behind the airport of Linate and at few kilometers from the centre of Milan, it is easily attainable by car or by plane. The production is very ample: from the sandblasting machines to the tunnels of washing, passing for plants of phosphating, burnishing, pickling, etc. All the plants are available both in standard and in special version, the latter are expressly think for answering to every specific necessity of the client. Going more in the detail, we briefly introduce the principal typologies of machines: Shot-peening and sandblasting machines: manuals and automatic to pressure and depression. Water washing plants: spray machines and plants, spray tunnel, agitation washers, hydrokinetic washers, cochlea washers, ultrasounds vat and plants. Hydrocarbon solvents washing plants: these solvents, more echo-compatible, replace the old chlorinated, maintaining the same standards of effectiveness. Plants for superficial treatments of metals, like phosphating, burnishing, pholishing, pickling, galvanization, oiling, etc. Technical equipment to the mentioned plants identifiable in distillers, de-chipboard, separators of oil, traditional and special filtering, de mineralization, etc. Currently Ceever occupies a surface of about 5.000 mq and its productive structure is so divided: Machine shop of structural steelwork external of ownership Registered office of ownership inside which following entities are gathered: - technical – commercial division - commercial and administrative reception office - administrative and financial service - service of after sale assistance Plant of assemblage of ownership inside which following entities are gathered: - area of machines assemblage - area of painting - area of electric panels realization - area of software planning - technical office of planning - purchases office

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

CEEVER

Nata nel Gennaio del 1959, Ceever si occupa della produzione d’impianti per il trattamento chimico-fisico delle superfici. Situata a Settala, alle spalle dell’aeroporto di Linate e a pochi chilometri dal cuore di Milano, è facilmente raggiungibile sia in auto che in aereo. La produzione è molto vasta, si va dalle sabbiatrici ai tunnel di lavaggio, passando per gli impianti di fosfatazione, brunitura, decapaggio, ecc. Tutti gli impianti sono disponibili sia nelle versioni standard che in quelle speciali, pensate appositamente per rispondere alle specifiche necessità del cliente. Andiamo ora più nel dettaglio presentando brevemente le principali tipologie di macchine: Pallinatrici e Sabbiatrici: manuali ed automatiche a pressione e a depressione. Impianti di lavaggio base acqua: macchine ed impianti per il lavaggio a spruzzo, tunnel a spruzzo, lavatrici ad agitazione, lavatrici idrocinetiche, lavatrici a coclea, vasche ed impianti ad ultrasuoni. Impianti di lavaggio a base solventi idrocarburici: questi solventi, maggiormente eco-compatibili, sostituiscono i vecchi clorurati mantenendo gli stessi standard di efficacia. Impianti per i trattamenti superficiali dei metalli, quali fosfatazione, brunitura, brillantatura, decapaggio, zincatura, oliatura, ecc. Corredi tecnici ai succitati impianti identificabili in distillatori, de truciolatori, separatori d’olio, filtrazioni tradizionali e speciali, demineralizzatori, ecc. Attualmente l’azienda occupa una superficie di circa 5.000 mq e la sua struttura produttiva è così suddivisa: Officina di costruzione carpenterie esterna di proprietà Sede legale di proprietà all'interno della quale sono raggruppate le seguenti entità: - divisione tecnico - commerciale - segreteria commerciale ed amministrativa

17


(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

27/09

- servizio amministrativo e finanziario - servizio di assistenza post - vendita Stabilimento di assemblaggio di proprietà all'interno del quale sono raggruppate le seguenti entità: - area di assemblaggio macchine - area di verniciatura - area di realizzazione quadri elettrici - area di programmazione software - ufficio tecnico di progettazione - ufficio acquisti

CEMASTIR

Cemastir Lavametalli S.r.l., following the renewal process started few years ago, takes this opportunity to introduce you the new revolutionary version of our ATR model. The new ATR version, completely realized in Stainless Steel, is not only a retiling of the old version but is mainly a drastic and innovative washing method. We have adopted new innovative solutions on all mechanical parts and mainly to the washing circuits and concept. The ATR can be used with spraying, immersion or both using the two tanks, but what is really unique is the ORR® - Opposite Ramp Rotation. The spray ramps rotate on the opposite side around the basket, which rotates itself, obtaining a perfect cleaning and hydrokinetic effect. ATR it’s mechanically preset for the most important options required: oil skimmer for each tanks, hot air drying, vertical filters, ultrasonic and steam condenser. All available options can be used on this machine. Dando seguito al processo di rinnovamento ormai intrapreso da alcuni anni, Cemastir Lavametalli S.r.l. è lieta di comunicare a tutta la Sua rete commerciale ed a tutta la clientela che è disponibile la nuova versione della terza testa di serie, l’ATR. La nuova versione dell’ATR, completamente realizzata in Acciaio Inox, non coinvolge soltanto l’aspetto estetico, ha soprattutto riguardato il concetto stesso di lavaggio. Sono state infatti adottate varie soluzioni sempre all’avanguardia su tutte le parti meccaniche ma soprattutto è stato estremizzato il concetto di lavaggio ad immersione e aspersione. E’ stato infatti introdotto il rivoluzionario sistema ORR® - Opposite Ramp Rotation, il quale perfeziona ed estremizza il concetto di idrocinetica applicato ad un’impianto di lavaggio ottenendo quindi incredibili risultati. L’ATR è inoltre realizzata con varie predisposizioni meccaniche: disoleatore per ogni serbatoio, asciugamento ad aria calda, filtri a colonna, ultrasuoni e abbattitore vapori. La macchina può essere equipaggiata di tutti gli accessori previsti per i nostri impianti di lavaggio.

FINEP Washing barrels oleodynamic cylinders Finep, manufacturing company, designs and manufactures since over 30 years cleaning and painting plants. Finep presents a new plant specifically studied for the field of lifting and handling operation and dedicated to the interior and exterior cleaning of thick pipes. The importance of the pieces requires, for the subsequent assembling phase, a high level of cleanliness. To obtain this result, the cleaning system is designed with significant capacity and pressure, plus the ability to operate in different diameters and different lengths of the oleodynamic cylinders treated. The plant can treat in a single cycle five cylinders, variable not only in length (up to mm.3500) but also in diameter (minimum mm.50, max mm.180). The holder, with the group of nozzles designed for internal washing, is located axially on the five tubes in relation to their diameters.

18


27/09

LAVAGGIO DI CAMICIE DI CILINDRI OLEODINAMICI FINEP, azienda meccanica, progetta e realizza da oltre 30 anni impianti di lavaggio e di verniciatura. FINEP presenta oggi un nuovo impianto studiato specificatamente per il settore del sollevamento e della movimentazione e dedicato al lavaggio delle superfici sia esterne che interne dei tubi ad alto spessore. L’importanza e la delicatezza del manufatto richiedono, per il successivo montaggio dei componenti, alti e spinti gradi di pulizia. Per ottenere tali risultati, il sistema di lavaggio progettato è ampiamente dimensionato con portate e pressioni importanti, oltre alla possibilità di operare sui diversi diametri e sulle diverse lunghezze dei cilindri oleodinamici trattati. Nell’impianto si possono trattare contemporaneamente cinque cilindri, variabili non solo in lunghezza (fino a mm 3.500) ma anche nel diametro (minimo mm.50, max mm. 180). Il portale con il gruppo degli ugelli destinati al lavaggio interno, si posiziona sull’asse dei cinque tubi in funzione del loro diametro. Il lavaggio esterno rimane fisso essendo posto longitudinalmente sui cilindri indipendentemente dalla loro lunghezza. Al termine dei lavaggi, interviene la fase di asciugatura, nella quale le superfici esterne vengono lambite da aria calda in ricircolo forzato mentre le superfici interne vengono soffiate mediante una serie di coni che si posizionano automaticamente sull’asse di ciascun cilindro. La versatilità dell’impianto è data dal sistema di alimentazione dei cilindri concepito a doppia navetta, ciascuna delle quali in grado di ricevere sino a cinque cilindri. Il sistema consente di mantenere in continuo esercizio l’impianto di lavaggio e, parallelamente, di eseguire in tempo mascherato le operazioni di scarico dei pezzi lavati e di carico di quelli da trattare. Per un completo processo impianto+prodotto, FINEP si avvale dei detergenti della Capo Gruppo Dollmar, dando al cliente una soluzione globale integrata.

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

External washing remains fixed being placed longitudinally regardless of the length of the cylinders. At the end of the cleaning stage, the drying step is involved, in which the outer surfaces are lapped by hot air recirculating while the inner surfaces are blown through a series of cones that are placed automatically on the axis of each cylinder. The versatility of the plant is given by the feeding system of cylinders designed with double shuttle, each of which can receive up to five cylinders. The system allows you to maintain continuous operation of the washer and in parallel to run in hidden time unloading of washed pieces and loading of those to be treated. For a complete product+plant process, Finep recommends detergents of the Parent Company Dollmar, giving the customer a global integrated solution.


(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

27/09

GLOBAL TEC

info@global-tec.it - www.global-tec.it

Global Tec srl works in the surface treatment industry, backed by thirty years of experience, which is particularly significant to be able to guarantee substantial solutions for the growing levels of global quality, energy savings and compliance with current standards in terms of environmental impact and safety. The range of solvent and aqueous systems produced aims at satisfying numerous applications, with specific reference to the geometric configuration of the pieces and to the hourly production capacity, exploiting specific technologies to guarantee constant cleaning levels. Cleaning systems for pipes using solvent, whatever their alloy (stainless steel, copper, brass etc) belong to the innovative technologies developed by the company in a field where the problem to be faced is rather complex and that translates into the internal cleaning of the pipe, developed with micro or macro diameters, lengths that vary from 6 to 8 linear meters, variable weights up to 1.000 kilos, dry-to-dry cycle times of 25 minutes approximately and possibilities to exploit automatic in-line loading and unloading systems. The company’s philosophy focuses on research and experience with the aim to offer an excellent cutting edge product, designed and targeted to satisfy specific customer requirements. An added value that is expressed in terms of development, quality, training, assistance and consultancy with the certainty of offering a valid contribution in winning the challenges that await us in the very near future. La Global Tec srl opera nel settore del trattamento delle superfici, si avvale di una esperienza trentennale, particolarmente significativa per dare risposte concrete ai crescenti livelli di qualità globale, al risparmio energetico e alle norme vigenti in materia di impatto ambientale e sicurezza. La gamma di impianti prodotti a solvente e a soluzione acquosa è dedicata a soddisfare molteplici applicazioni, con specifico riferimento alla configurazione geometrica dei pezzi e alla produzione oraria, con tecnologie mirate a garantire gradi di pulizia costanti. Il lavaggio a solvente dei tubi indipendentemente dalla lega (inox, rame, ottone, ecc.) rientra nelle tecnologie innovative sviluppate dall’azienda, un settore dove la problematica da affrontare è complessa, che si traduce nella pulizia interna del tubo, sviluppato a micro o macro diametro, con lunghezze che variano da 6 a 8 metri lineari, con peso variabile fino a 1.000 Kg. , con tempi ciclo di 25 minuti ca. dry to dry e con la possibilità di usufruire di sistemi automatici di carico e scarico in linea. Lo spirito che anima l’azienda è focalizzato a fare ricerche ed esperienze, lo scopo è di offrire un prodotto evolutivo, eccellente, progettato e mirato a soddisfare le specifiche esigenze del cliente. Un valore aggiunto espresso in termini di sviluppo, qualità, formazione, assistenza, e consulenza, nella certezza di un fattivo contributo per vincere le sfide che ci attendono nel prossimo futuro.

ITF I.T.F. TUNNEL FOR TUBE WASHING I.T.F. Group is one of the leading suppliers of integrated solutions for cleaning/degreasing and deburring. The knowhow gained in 30 years of activity and experience of more than 6.000 machines supplied, allow the company to provide a wide range of personal solutions across customised machines. One of the solution is represented by the tunnel with belt conveyor and the step-by-step movement. Conveyor speed and tunnel length are determined on the basis of cycle time and required production. The pieces’ positioning is directly on the conveyor. There is a selector for manual and automatic option. Loading position is fixed and repetitive. The system used for washing is always supported by a chemical-thermal-mechanic action. Moreover, there is possibility to have customized modules according to customer’s need: standard and positioned

20


27/09

Data - application: carbon and aluminium tubes -request: degreasing, without machining powder and spots - cycle time: 10sec/1 piece - treatment: immersion, ultrasounds, spraying, internal fluxing - cleaning solution: not foamy water based solution - power: 400 V - 3 ph -50 Hz; 24V DC - compressed air: 2 - 6 bar Results - high precision cleaning - low cost of piece’s cleaning - water/energy saving - transport costs elimination - space management (solution 2 machines in 1) - ecological solution (non solvent) I.T.F. Integrated Services&Solutions - consulting - design - industrialization - production - services I.T.F. TUNNEL PER LAVAGGIO TUBI IN CARBONIO I.T.F. Group è uno dei primari fornitori delle soluzioni integrate per il lavaggio/sgrassaggio e sbavatura. Il knowhow acquisite in 30 anni di attività nonché l’esperienza di più di 6.000 impianti forniti, hanno permesso di fornire un’ampia gamma di soluzioni e macchine personalizzate. Una delle soluzioni è rappresentata dal tunnel con il trasportatore a tappeto e la movimentazione passopasso. In base al tempo ciclo e alla produzione richiesta, viene determinata la velocità del trasportatore e la lunghezza del tunnel. Il posizionamento dei pezzi avviene direttamente sul nastro trasportatore. È previsto un selettore per le modalità manuale e automatica. La posizione di carico è fissa e ripetitiva. Il sistema del trattamento dei pezzi è della triplice azione chimica-termica-meccanica. Cicli di lavaggio personalizzabili secondo necessità: lavaggio a spruzzi generali e posizionati con eventuale lavaggio ad immersione con ultrasuoni, risciacquo a spruzzi con immersione a temperatura ambientale, risciacquo demineralizzato a spruzzi con immersione, soffiatura con elettroventilatore ed asciugatura. La cabina di trattamento, come tutta la costruzione, è realizzata in acciaio inox AISI 304 con ampi portelli di accesso. Al fine di evitare le miscelazioni delle soluzioni nonché la fuoriuscita di vapori e calore, tra una zona di trattamento e l'altra, sono previste zone di drenaggio nonché le paratie di separazione ed i canali di aspirazione vapori.

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

spray washing plus eventual immersion and ultrasounds, spraying rinsing plus immersion at ambient temperature, demineralized spraying rinsing plus immersion, recirculated air blowing, drying. The cabin as well as the machine’s construction are made of stainless steel AISI 304 with large openings to access into the machine. In order to avoid vapour and warmth solutions emission, there are the separation walls between treatment zones as well as vapor extraction system. High precision cleaning, best quality conformed to the CE norms, time and costs optimization - this is performance of tunnel for tube washing. LT Step-by-step tunnel with conveyor belt


(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

27/09

Alta precisione di pulizia, massima qualità conforme alle norme dell’UE, ottimizzazione tempi e costi - ecco effetti della performance dell’impianto. LT Tunnel di lavaggio con trasportatore passo-passo Dati - applicazione: tubi in carbonio e alluminio -richiesta: pezzi sgrassati, senza polveri di lavorazione, graffi, danneggiamenti né macchie - tempo ciclo: 10sec/1 pezzo - trattamento: immersione, ultrasuoni, spruzzi, flussaggio interno - soluzione: detergente base acquosa non schiumogeno - tensione prevista: 400 V - 3 ph -50 Hz; 24V DC - pressione: da 2 a 6 bar Risultati - alta precisione di pulizia - basso costo del pezzo - eliminazione costi di trasporto - risparmio acqua/energia - gestione dello spazio (soluzione 2 macchine in 1) - soluzione ecologica (non a base solvente) I.T.F. Integrated Services&Solutions - consulenza - design - industrializzazione - produzione - service

LAVO We are not superficial even in our surface treatments! 40 years of experience and constant research: a job we enjoy! We're specialist to realize plants for: washing pipe, spools and twisted components; and we can supply industrial plants designed and built in according to your specific needs. Thanks to the treatment in water and ultrasonic washing and drying under vacuum, we can achieve results comparable to employing degreasing solvents. In manufacturing industrial cleaning and degreasing materials are basic steps for removing oil, grease and process fluids. Currently arrangements are often still washing with organic solvents, but they involve issues far heard mainly ecological. LAVO Srl. has expressed a keen interest in seeking new cleaning systems that eliminate the use of solvents, always in line with environmental regulations. From this research it also revealed a new treatment plant using automatic WATER OVERHEATED, a new technology unique. This solution shouldn’t be equated with other systems of traditional washing rotating basket spraying or saturated steam. The force of the water heated to 100° C sprayed on parts to 10bar pressure, and much more significant that the classic treatment to spray or steam on this installation you will get the maximum clean environmentally. The treatment cycle of the machine is versatile and can be set through the operator panel touch screen and includes: - Washing with hot water spray at 100 ° C at a pressure 10Bar - Rinsing with clean water spray at room temperature - Possible rinsing by demineralized water - Drying under vacuum at 50mbar using liquid ring vacuum pump - Recovery of heat, fluids and contaminants removed from the treated parts through our integrated systems Condensor model or ultrafiltration Binet.

22


27/09

Nel trattamento delle superfici noi della Lavo non siamo per niente...”superficiali”. 40 anni di esperienza e ricerca costante: un lavoro che ci piace! Siamo specialisti nella realizzazione di impianti di lavaggio di tubi, matasse e componenti contorti, e possiamo fornirvi impianti industriali progettati e realizzati secondo le vostre specifiche esigenze. Grazie al trattamento in acqua e detresivo con ultrasuoni e all’asciugatura sottovuoto, riusciamo ad ottenere risultati paragonabili alle sgrassatrici utilizzanti solventi. Nei processi produttivi industriali la pulizia e lo sgrassaggio dei materiali sono fasi fondamentali per la rimozione dell’olio, del grasso e dei fluidi di processo. Attualmente sono ancora spesso adottate modalità di lavaggio con solventi organici, che però comportano problematiche molto sentite soprattutto a livello ecologico. LAVO srl ha manifestato un vivo interesse nel cercare nuovi sistemi di lavaggio che eliminino l’utilizzo dei solventi, sempre adeguandosi alle normative ambientali. Da questa ricerca ne e’ scaturito un nuovo impianto di trattamento automatico mediante ACQUA SURRISCALDATA, una tecnologia nuova unica nel suo genere. Questa soluzione non va assimilata ad altri sistemi di lavaggio classici a spruzzo con cestello rotante o con vapore saturo. La forza dell’acqua surriscaldata a 100°C spruzzata sui pezzi a 10Bar di pressione, è decisamente piùsignificativa che i classici trattamenti a spruzzo o con vapore: grazie a questo impianto si otterà LA MASSIMA PULIZIA NEL RISPETTO DELL’AMBIENTE. Il ciclo di trattamento della macchina e’ versatile ed impostabile grazie al pannello operativo touch-screen e comprende: - Lavaggio con spruzzi d’acqua surriscaldata a 100°C ad una pressione di 10Bar - Risciacquo con spruzzi d’acqua pulita a temperatura ambiente - Eventuale risciacquo con acqua demineralizzata - Asciugatura sottovuoto a 50mBar mediante pompa vuoto ad anello liquido - Recupero del calore, dei liquidi e del contaminante rimosso dai pezzi trattati grazie a sistemi integrati ns. modello Condensor o ultrafiltrazione Binet. Le macchine della Lavo srl sono sempre il risultato finale di creatività, fatica, organizzazione e soprattutto orgoglio di fare le cose che aiutano a lavare senza sporcare.

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

The machines of LAVO srl are always the end result of creativity, hard work, organization and above pride of the things that make help wash without getting dirty.

MEG MEG is a consolidated business in the industry specialised in the treatment of the surfaces, with particular reference to the machinery, plants, products and industrial technology. The company is a valid interlocutor for whoever is looking for practical solutions to all washing problems, both for new types of problems and in relation to the requirement of satisfying current environmental protection regulations. MEG introduces a degreasing machine model 3S 24/12-P-F/T AC using new generation solvents with low boiling point and zero ozone-depletion potential; the machine is characterized by an heating pump system. This technology allows an important energy reduction, in fact the power used for the refrigeration/condensation is re-used for the solvent heating; the machine therefore doesn't need electrical heaters for the solvent distillation. A second advantage consists of the sensitive reduction of the heat dispersed by the cooling system in the environment. Advance technology machines, or producing energy saving, will probably benefit paying for itself, on the bases of the new directives. MEG è una realtà consolidata tra le aziende specializzate nel trattamento delle superfici, con particolare riferimento alle macchine, impianti, prodotti e tecnologie di lavaggio industriale e rappresenta un valido interlocutore per chi è alla ricerca di una soluzione concreta ad un problema di lavaggio, sia esso nuovo oppure legato all’esigenza di soddisfare le attuali normative di protezione dell’ambiente. MEG presenta un’ impianto di sgrassaggio Modello 3S 24/12-P-F/T AC che utilizza solventi di nuova generazione

23


(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

27/09

basso bollenti“non Ozono Distruttivi”, l’impianto è caratterizzato nell’essere dotato di riscaldamento a “Pompa di Calore”. Questa tecnologia permette un risparmio energetico notevole, infatti viene utilizzato il calore generato dal Gruppo Di Raffreddamento della macchina per riscaldare il solvente , l’impianto quindi non necessita di resistenze elettriche di riscaldamento nella vasca ebollizione. Inoltre un secondo vantaggio, consiste nella sensibile diminuzione di calore disperso dal gruppo frigo nell’ambiente . Le macchine ad avanzata tecnologia, o che producono risparmio energetico, probabilmente usufruiranno di benefici sui coefficienti di ammortamento, in base ad una direttiva introdotta nelle novità fiscali della “manovra d’estate 2009”.

PASSAPONTI SEQ CHAPTER \h \r 1CAROSEL® Indexed spray washers for cell production The new CAROSEL 400 machines for the cleaning of mechanical parts in production offer maximum flexibility with output capacities never reached before: cycle times of only 4 seconds for indexed precision cleaning of parts with complex shapes. The parts are positioned on pallets, passing through sprinkling of hot water and detergent and indexing at predetermined points to allow the washing, rinsing and

drying of recesses and blind holes. The CAROSEL 400 machines allow different index times, depending on the components to be cleaned and the processes to be managed with functional constancy and minimum maintenance. Multiple and precise indexing, with easily alterable placements, allows to vary the cleaning cycle and typology of parts. Consistent with other models and configurations of the CAROSEL family, the constituents of the washing machines can be completely dismantled for any eventuality of retooling and repair or product changes. The CAROSEL washing machines are used in production cells where it is necessary that the loading and unloading takes place on the same side in coordination with other operating machinery. These features, which have been designed for the automotive industry, adapt perfectly, thanks to high flexibility, to applications in the small and medium industries, maintaining the technical characteristics and quality.


27/09

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

SEQ CHAPTER \h \r 1CAROSEL® Lavatrici a spruzzo posizionato per celle di produzione Le nuove lavatrici della serie CAROSEL 400 per il lavaggio di parti meccaniche in produzione offrono la massima flessibilità di impiego con capacità produttiva mai raggiunta: tempi ciclo anche di soli 4 secondi per lavaggi di precisione con pezzi posizionati di forma complessa. I pezzi posizionati su pallets transitano attraverso gli spruzzi di acqua calda e detergente e si arrestano in posizione predeterminata per consentire il lavaggio, risciacquo ed asciugatura di punti recessi e fori ciechi. Le lavatrici CAROSEL 400 consentono tempi differenziati, in funzione dei componenti da lavare e dei processi da gestire con costanza funzionale e minima manutenzione. La possibilità di arresti multipli con posizionamenti precisi e facilmente modificabili consente di variare il ciclo di lavaggio e la tipologia dei pezzi. Coerentemente con gli altri modelli e configurazioni della famiglia CAROSEL, tutti i complessivi costituenti le lavatrici sono totalmente smontabili per ogni evenienza di revisione e riparazione, cambio di prodotto. Le lavatrici CAROSEL sono utilizzate nelle celle di produzione ove è necessario che il carico e lo scarico avvengano dallo stesso lato, in sincronia con altre macchine operatrici, manualmente con operatore o robotizzati. Queste caratteristiche studiate per l’industria automobilistica si adattano perfettamente, grazie alla grande flessibilità ad impieghi nella piccola e media industria della componentistica mantenendo le caratteristiche tecniche e qualitative.

PH CLEAN Universal cleaning technology... effective, health gentle and environmentally friendly With the series 1000 SR and 600 SR ph-cleantec offers universal low pressure hot water cleaning devices for the most different tasks in the production and maintenance. The high cleaning performance is obtained by hot water at a temperature of 95° C and an adjustable pressure between 3 and 8 bar. Oily/greasy dirt can easily be removed from machines, tools and workpieces – without using chemicals. Furthermore, in case of more extreme soiling or high requirements on the cleanness a highly efficient, water-soluble and environmentally harmless accelerating cleaning agent can be added which, if required, also has a corrosion protective effect. Thus the use of solvents or cold-cleaning agents is unnecessary, since they are unhealthy and environmentally harmful. The devices are equipped with a stable collector with three-sided splashguard incl. grid. There in the waste water is collected and cleaned by means of a special sedimentation procedure. For large parts (e.g. whole tool machines) the cleaning device can be combined with a sturdy cleaning bath. Thus it is possible to disassemble the parts or machines to be repaired directly on this bath while cleaning them continuously. Compared with other conventional methods the machine cleaning is considerably faster and more effective. You can reach even heavily accessible parts without problems; due to the low pressure neither the sensor system nor the guideways or other sensible machine parts are damaged and the low water consumption only causes an insignificant dilution of the cooling lubricant. If required, you can also clean with cooling lubricant. In summary the low pressure hot cleaning devices are characterised by the following advantages: Universal cleaning devices for the most different applications in the producing industry Protects health since dangerous, inflammable chemicals are not necessary for the cleaning. Replacement of cold cleaning agents Environmental protection High economic efficiency by - shorter cleaning times - less use of materials - cheaper disposal costs

25


(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

27/09

- low water consumption - lowest storage and security costs High ease of use; there is no complicated cleaning with conventional devices.... the motivation of the staff increases Better working results; particularly compared with washstands or the conventional methods the water jet penetrates into the borings and spaces and does not clean only superficially. The hot water jet does not splash back; a soiling of the direct environment or the operator can be avoided. The pressure is adjustable and therefore the device can be used for the cleaning of smallest up to larger components and machines. The mobile conception allows you to drive the device to the place of application and to use it immediately without special precautions and conditions. Water recycling by means of a circulation automatic system with waste water filtering. Tecnologia universale di pulizia... effettiva, ecologica e rispettosa della salute Con la serie 1000 SR e 600 SR la ditta ph-cleantec offre una gamma di pulitrici a caldo in bassa pressione universale, per le più svariate applicazioni nella produzione e manutenzione. L’alta forza detergente viene ottenuta grazie all‘acqua riscaldata a 95 °C ed erogata con una pressione tra 3 - 8 bar. In questo modo si possono sciogliere ed eliminare senza problemi impurità oleose/grasse - senza il ricorso a sostanze chimiche - su macchine utensili, utensili e pezzi lavorati. In presenza di sporcizia estrema o applicazioni particolarmente gravose si possono aggiungere all’acqua detergenti idrosolubili ed ecologici e all’occorrenza anche con azione anticorrosiva temporanea. Diventa superfluo l’utilizzo di sostanze solventi o sgrassanti a freddo che, com’è noto, hanno effetti dannosi sulla salute e l’ambiente. Le pulitrici sono dotate di una vasca di contenimento stabile con riparo antispruzzo su tre lati, incluso una griglia d’appoggio. L’acqua sporca viene raccolta e pulita tramite un processo di sedimentazione specifico. Per pezzi grossi da pulire (per esempio componenti di macchine utensili o macchine intere) la pulitrice può essere collegata con una vasca a pavimento. In questo modo si possono smontare e appoggiare i pezzi o la stessa macchina da pulire direttamente sul piano di lavoro della vasca a pavimento e pulire in continuo. La pulizia di macchine utensili è molto più rapida ed efficace, rispetto ai sistemi convenzionali utilizzati di solito. Si possono raggiungere agevolmente zone altrimenti inaccessibili; grazie alla bassa pressione non vengono danneggiati sensori e guide o altri componenti sensibili delle macchine; il basso consumo d’acqua determina una diluizione trascurabile dell‘emulsione. All’occorrenza si può lavare anche con il lubrorefrigerante stesso. Riassumendo, le pulitrici a caldo in bassa pressione si distinguono per i seguenti vantaggi: pulitrici universali per svariate applicazioni nell’industria manifatturiera rispettosa per la salute poiché non fa uso di sostanze chimiche pericolose ed infiammabili. sostituisce gli sgrassanti a freddo ecologico alta economicità grazie a: - tempi ridotti per le pulizie - minor consumo di detergenti - costi di smaltimento più convenienti - minore consumo d‘acqua - spese minime di deposito e sicurezza elevato confort nell‘utilizzo; sostituisce la tradizionale pulizia con sistemi faticosi.... aumenta la motivazione del personale addetto alla manutenzione. maggiore efficacia pulente; in particolare nei confronti dei comuni banchetti di lavaggio a pennello il getto dell’acqua penetra anche in fori ciechi o interstizi e pulisce pertanto non solo in superficie il getto d’acqua calda non schizza; l’ambiente circostante non viene sporcato in modo rilevante grazie alla regolazione della pressione la pulitrice può essere utilizzata per la pulizia sia di piccolissimi componenti che di grossi pezzi o macchinari il concetto di mobilità consente di portare la pulitrice direttamente sul luogo oggetto della pulizia e di utilizzarla subito senza particolari accorgimenti o preparativi l’acqua viene riciclata automaticamente in ricircolo con rispettivo filtro per l’acqua sporca

26


27/09

SPECIAL TUNNEL FOR PIPE WASHING The features ot these installations have been intentionally studied for treatments and finishing of mechanical parts of complex and serial nature. in accordance with the treatment’s requirements to perform on the pieces, they can be single stage or multi - stage with final drying. The featuring elements that distinguish them are: - the automation of the washing cycle; the optimisation of treatment parametres without need to costant control of specialized operators; - a considerable saving of labour for the parts moving and of washing employed people, as these installation can be directly connected to the outlet of the machines tools; - the considerable improvement of results on complex parts that show zones difficult to reach, as the washing is performed, piece by piece, according to the calibrated procedures that take care of their phisical conformation. the application of new constructive technologies that aim the energetic saving and the polluting reduction. the research of the most favourable opportunities to improve the washing quality.

(SPECIAL WASHING - SPECIALE LAVAGGIO)

TEKNOX

IMPIANTI SPECIALI A TUNNEL PER LAVAGGIO TUBI La TeKnoX con la sua trentennale esperienza, nel campo del lavaggio con acqua, si è distinta per la qualità della produzione e per le soluzioni tecniche innovative che le hanno permesso d’imporsi come leader sul mercato. Per trattamenti e finiture superficiali di particolari meccanici. Detti IMPIANTI possono essere monostadio o pluristadio con asciugatura finale secondo le esigenze di trattamento da eseguire sui pezzi. VANTAGGI: - Automatizzazione del ciclo di lavaggio ed ottimizzazione dei parametri di trattamento senza il costante controllo di operatori specializzati. - Risparmio di mano d’opera per la movimentazione interna dei pezzi e del personale addetto al lavaggio, in quanto è possibile collegare questi impianti direttamente all’uscita delle macchine di lavorazione (MINITUNNEL) - Migliori risultati specie per particolari difficili da lavare, in quanto il lavaggio è fatto in modo calibrato pezzo per pezzo secondo la loro particolare conformazione fisica. Nuove tecnologie costruttive per risparmio energetico, migliore qualità di lavaggio, riduzione inquinanti. Versioni a ciclo chiuso senza emissioni di vapore e rigenerazione continua delle soluzioni di lavaggio.

27


27/09

R.T.S.

EMO 2009 reportage EMO MILANO 2009, exhibition dedicated to the world of metalworking staged at the Milan Exhibition October 5 to 10, can draw well-deserved satisfaction with a positive balance: it ends with satisfactory results despite the difficult economic environment. In the six days of exhibition, organizers have registered the arrival of 124,660 visitors, representing 99 countries on five continents. The international character that traditionally marks EMO MILANO is witnessed by the large participation of foreign visitors, results for 41% of the total. Alongside the established presence of players in the old continent, is an extraordinary turnout of visitors from outside Europe, 40.1% of total strangers. Confirmation of the relevance of EMO and interest of operators around the world to the Italian market, ranking fifth in world consumption of production systems and second in the European landscape is the significance of foreigners. In the first twenty positions there are, in fact, seven non-European nationality: India, Russia, Japan, United States, Brazil, Korea and Taiwan. The official figures of the event in line with those of last year, tell of a substantial hold in the number of exhibitors and a growing interest from foreign markets. EMO is always, on the other hand, an event of great

28

A cura di: Dott. Alberto Manzo

international significance. It is also true that many companies, reflecting the economic crisis, have reduced the space, apart from the usual international giants, however, choosing to maintain a presence, but more of an institutional nature rather than commercial. And opinions gathered from the stands confirm how widespread the sentiment is that of waiting: the re-start the market for a rebound in orders, though expected by many and marked by signs, is still difficult to be noticed. The general tendency is to stand, waiting for better times, which however seem not to have much delay: the hope is that they are still on the market when those times will come. Many companies complain of a pain never felt before: a company relies, for the first time in its history of twenty years, of layoffs; there are others, however, that coming back in the company headquarters after the exhibition find machineries stopped for lack of orders; others, however, seek retraining in other areas, alongside its other main business, secondary activities such as representation or research and development in similar fields. The optimism comes from the number of good contacts and a far better turnout, qualified and interested, than in recent national and international fairs. On contacts of the fair, however, caution prevails: before giving the way to optimistic forecasts, traders prefer to wait for positive approaches found in the wards are realized after the show. The concern, palpable, is not to stand it: is now common conviction that the crisis will leave in the market the companies which have been able to strengthen themselves. The belief that a little falters is that eventually your company will be able to be in the ranks of the powerful: even optimists at all costs seem to hide some of the concern for an economy that makes it impossible to achieve medium to long term. Even the gaps left by some companies in difficulty testify that the rosy situation of only 12 months ago will not necessarily come back so abruptly. The reason of optimism, however, are not so rare: the full and final race of the presence of many visitors to promising markets, from turkish to that of India to the Middle East, suggests a recovery in the short term. Ultimately, moreover, also the stands are crowded enough of real contacts and not merely curious. The EMO was confirmed in short as an event not to miss, even in a difficult country in terms of machine tools such as Italy: the choice of producers to focus on quality and technology, beyond the competition from other countries focused on low costs, besides being the only possible, however, is proving positive. The appointment for next spring is another big event, the Tube Dusseldorf. The goal for everyone is to be there in even better than those seen in Milan.


27/09

(EXHIBITION - FIERE)

Reportage dalla EMO 2009 EMO MILANO 2009, mostra dedicata al mondo della lavorazione dei metalli andata in scena a fieramilano dal 5 al 10 ottobre, può tracciare con meritata soddisfazione un bilancio positivo il bilancio: si chiude con risultati soddisfacenti nonostante il difficile contesto economico. Nei sei giorni di mostra, gli organizzatori hanno registrato l’ingresso di 124.660 visitatori, in rappresentanza di 99 paesi dei cinque continenti. Il carattere internazionale che tradizionalmente contraddistingue EMO

MILANO è testimoniato dalla grande partecipazione di visitatori stranieri, risultati il 41% del totale. Accanto alla consolidata presenza di operatori del vecchio continente, risulta straordinaria l’affluenza dei visitatori extra-europei, il 40,1% del totale degli stranieri. Conferma della rilevanza di EMO e dell’interesse degli operatori di tutto il mondo verso il mercato ita-

liano, quinto nella graduatoria mondiale di consumo di sistemi di produzione e secondo nel panorama europeo, è la rilevazione delle presenze straniere. Nelle prime venti posizioni si contano, infatti, ben sette nazionalità extra-europee: India, Russia, Giappone, Stati Uniti, Brasile, Corea e Taiwan. Le cifre ufficiali della manifestazione, in linea con quelli della scorsa edizione, raccontano di una sostanziale tenuta nel numero degli espositori e di un interesse crescente da parte dei mercati esteri. EMO è sempre, d’altra parte, un evento di grande rilevanza internazionale. E’ anche vero però, che molte aziende, risentendo della crisi economica, hanno ridotto gli spazi, a parte i consueti colossi internazionali, scegliendo comunque di mantenere una presenza, ma più di tipo istituzionale che non realmente commerciale. E le opinioni raccolte tra gli stand confermano come il sentimento più diffuso sia quello dell’attesa: per la ripartenza dei mercati, per una ripresa degli ordini che, sebbene prevista da più parti e segnalata da sintomi significati, stenta ancora a ripartire.

29


27/09

(EXHIBITION - FIERE)

La tendenza generale è quella di resistere, in attesa di tempi migliori, che comunque paiono non dover tardare ancora molto: la speranza è quella di essere ancora sul mercato quando tali tempi arriveranno. Molte aziende denunciano una sofferenza mai provata prima: c’è chi ha dovuto ricorrere, per la prima volta nella sua storia ventennale, alla cassa integrazione; ci sono altri, invece, che rientrando in sede dopo la fiera trovano le macchine ferme per mancanza di ordini; altri ancora, invece, cercano la riconversione in altri settori, affiancando alla propria attività principale altre attività secondarie di rappresentanza o di ricerca e sviluppo in campi similari e affini. L’ottimismo viene da una serie di buoni contatti e da un’affluenza sicuramente migliore che nelle ultime fiere nazionali e internazionali, qualificata e interessata. Sui contatti realizzati in fiera prevale però la cautela: prima di lasciarsi andare alle previsioni rosee, gli operatori preferiscono aspettare che gli approcci positivi rilevati nelle corsie si concretizzino nel

30

dopo fiera. La preoccupazione, palpabile, è quella di non farcela: che la crisi lasci sul mercato le aziende che maggiormente hanno saputo rafforzarsi è ormai convinzione comune. La convinzione che un po’ vacilla è che alla fine la propria azienda riesca a essere nel novero dei più forti: anche l’ottimismo ad oltranza di alcuni sembra nascondere l’inquietudine per una congiuntura che non permette di realizzare programmi a medio lungo termine. Anche i vuoti lasciati da alcune aziende in difficoltà testimoniano che la rosea situazione di soltanto 12 mesi orsono non potrà per forza di cose ritor-

nare tanto repentinamente. Gli spunti di ottimismo però non sono così rari: le corsie finalmente piene e la presenza di molti visitatori di mercati promettenti, da quello turco, a quello indiano a quello mediorientale, lasciano pensare a una ripresa dell’attività a breve scadenza. In ultima analisi, inoltre, anche gli stand appaiono sufficientemente affollati di contatti e non di semplici curiosi. La EMO si è confermata insomma come un appuntamento da non mancare, anche in un paese difficile dal punto di vista delle macchine utensili come l’Italia: la scelta dei produttori di puntare sulla qualità e sulla tecnologia, al di là della concorrenza di altri paesi, ove si privilegia invece il basso costo, oltre a essere l’unica possibile, si sta rivelando comunque positiva. L’appuntamento per la prossima primavera è con un altro grande evento; la Tube di Dusseldorf. L’obiettivo per tutti è esserci in condizioni ancora migliori di quelle viste a Milano.


27/09

AMOB

The new machine Mod. MAH 600/3AC AMOB S.A. delivered to Q.H.B. the largest and the most powerful section bender ever built in the world: AMOB MAH 600/3AC. The MAH600/3AC capable of bending HEB500 and has the impressive weight of 62.000 Kg. This machine is a reflection of the company evolution since is foundation in 1960 and represents an important milestone in what concerns to the design and performance changes of all MAH AC models. With a team of 94 collaborators, including I+D department and 14.000 sqm of fabrication, AMOB is unanimously the best solution in what concerns to tube and profile bending machinery and offers also competitive and effective customized solutions. AMOB has already installed over 14.000 units along more than 56 countries and is directly installed in

A cura di: Mr. Luis Ribeiro

Portugal (MC), Germany, Brazil, Spain and Russia. "Top-quality, Know-how, High-tech and the best Service are our keys to success."

(BENDING - CURVATURA)

La nuova curvatrice Mod. MAH 600/3AC La AMOB S.A. ha consegnato alla Q.H.B. la più grande e la più potente Curvatrice mai costruita al mondo: la AMOB MAH 600/3AC. La MAH600/3AC è in grado di curvare HEB500 ed ha il peso impressionante di 62,000 kg. Questa macchina è un riflesso dell’evoluzione della società sin dalla sua fondazione nel 1960 e rappresenta un'importante pietra miliare per ciò che riguarda la progettazione e le prestazioni di tutti i modelli MAH AC. Con un team di 94 collaboratori, tra cui il Dipartimento di Sviluppo e 14.000 mq di dedicati alla produzione, la AMOB è unanime-

32

mente la soluzione migliore per

quello che concerne macchine di piegatura per tubi e profilati ed offre inoltre competitive ed efficaci soluzioni personalizzate. AMOB ha già installato oltre 14.000 unità, in più di 56 paesi ed è presente direttamente in Portogallo (MC), Germania, Brasile, Spagna e Russia. "Top-qualità, Know-how, high-tech e i migliori servizi sono le nostre chiavi di successo".


TUBE INDIA

10-12 FEBRUARY 2010

MUMBAI

INDIA

BIMU MEDITERRANEA

18-21 FEBRUARY 2010

BARI

ITALY

BORU 2010

4-7 MARCH 2010

ISTANBUL

TURKEY

INDUSTRIE

22-26 MARCH 2010

PARIS

FRANCE

TUBE DUSSELDORF

12-16 APRIL 2010

DUSSELDORF

GERMANY

Tube today sarà presente con il proprio stand - Tube today will be present with its stand

EXHIBITION FIERE

RTS: HALL 05 - STAND F15 SHANGHAI TUBE EXPO

11-13 MAY 2010

SHANGHAI

CHINA

12-15 MAY 2010

BOLOGNA

ITALY

24-27 MAY 2010

MOSCOW

RUSSIA

BIEMH

31 MAY – 05 JUNE 2010

BILBAO

SPAIN

MACH 2010

7-11 JUNE 2010

BIRMINGHAM

UK

TUBE CHINA

21-24 SEPTEMBER 2010

SHANGHAI

CHINA

BIMU

05-09 OCTOBER 2010

MILANO

ITALY

LAMIERA

TUBE RUSSIA

Tube today sarà presente con il proprio stand - Tube today will be present with its stand

EUROBLECH 2010

26-30 OCTOBER 2010

HANNOVER

GERMANY

FABTECH

02-04 NOVEMBER 2010

ATLANTA

USA


27/09

AICON

Sag Tubi uses Tubeinspect Italian tube manufacturer Sag Tubi uses TubeInspect for Reverse Engineering and quality assurance AICON’s tube measuring system TubeInspect has been in use at Sag Tubi in Novellara (Italy) since January 2009. The operators particularly appreciate the fast determination of the exact bending data of sample tubes. Sag Tubi has specialized in the production of hydraulic tubes. As, from the beginning, a high product quality has had top priority for the company, notable customers from the automotive sector trust in Sag Tubi’s competence today. Until the end of 2008, Sag Tubi applied a coordinate measuring machine (CMM) for inspecting bent tubes. It was also used to calculate bending data whenever a customer delivered a prototype without nominal data. However, this method proved to be extremely timeconsuming. Via AICON’s Italian reseller QFP, Sag Tubi heard about another measuring machine that would drastically reduce the measuring time: TubeInspect that works with the help of high-resolution digital cameras. It acquires tube geometries and compares them with nominal data. Additionally, the system can calculate the parameters of bending points, also for sample tubes without construction data. Based on these data, the bending machines can immediately be set-up. In doing so, the calculation of the tube geometries will only take a few seconds. The Sag Tubi team is highly impressed by the efficiency increase generated with TubeInspect. Measuring procedures lasting for hours are now a thing of the past. At the Tube exhibition, AICON will showcase the system TubeInspect in 07A on stand 7AB02

36

A cura di: Miss. Jutta Thiel


27/09

(MEASURING SYSTEMS - SISTEMI DI MISURAZIONE)

La Sag Tubi utilizza il Tubeinspect Il produttore di tubi Italiano Sag Tubi utilizza TubeInspect per Reverse Engineering e la garanzia della qualità Il sistema di misurazione della AICON TubeInspect è stato messo in funzione alla Sag Tubi di Novellara (Italia) a partire dal Gennaio 2009. Gli operatori apprezzano in particolare la rapida determinazione dei dati esatti di curvatura presi dai tubi campione. Sag Tubi si è specializzata nella produzione di tubi idraulici. Sin dall'inizio, un prodotto di alta qualità ha avuto la massima priorità per l'azienda ed è per questo che ora i clienti di rilievo del settore automobilistico hanno fiducia nella competenza della Sag Tubi oggi. Fino alla fine del 2008, la Sag Tubi ha utilizzato una macchina di misura a coordinate (CMM) per ispezionare i tubi piegati. Questo sistema è stato utilizzato anche per calcolare i dati di curvatura ogni volta che un cliente ha inviato un prototipo senza dati nominali. Tuttavia, questo metodo si è rivelato estremamente laborioso. Grazie al rivenditore italiano della AICON la QFP, la Sag Tubi ha sentito parlare di un'altra macchina di misura che potrebbe ridurre drasticamente il tempo di misurazione: il TubeInspect che funziona con l'ausilio di telecamere ad alta risoluzione digitale. Acquisisce le geometrie del tubo e le confronta con i dati nominali. Inoltre, il sistema può calcolare i parametri dei punti di curvatura, anche per i tubi campione senza i dati di costruzione. Sulla base di questi dati, le macchine di piegatura possono essere immediatamente messe a punto. In tal modo, il calcolo delle geometrie del tubo avviene in

pochi secondi. Il team di Sag Tubi è molto impressionato dall’ aumentata efficienza generata con il TubeInspect. Procedure di misurazione della durata di ore sono ormai un ricordo del passato. Alla mostra Tube, AICON metterà in mostra il sistema TubeInspect al padiglione 07A stand 7AB02

37


27/09

SMI

Burr-free and Chipless Orbital cutting New cutting technologies of irregular shaped tubes The SMI Group (Sistemi Meccanici Industriali S.r.l.) whose head offices are situated in Varmo, province of Udine, Italy, is actively involved since more than 30 years in the tube processing industry, designing and manufacturing a vast range of machines capable to transform tubes made from copper, aluminium, stainless steel, titanium, cupronickel, bundy, PVC, PE, PPL, PA, steel-wire-reinforced plastics, PVC metal coated etc., coming from coils into totally worked 3D components. A good quality cut is the first step SMI has taken care of, registering two international patents, elaborating a complex cutting process that involves innovative software and the use of hi-tech metals with specific thermal treatment. SMI’s cutters are capable to cut tubes, using this technology, with diameters varying from a minimum of 1 mm. to a maximum of 40 mm. Synthetically, the cutting process starts with e deep groove made all around the circumference of the tube

A cura di: Sig. Fabrizio Vicentini

by means of a 38 or 25 mm. knife that rotates orbitally around the tube; two pneumatic clamps firmly catch the tube on either side of the groove and then separate it by a pull-apart system or a break-off system. The guarantee to achieve a burr-free and chipless cut, maintaining unchanged the tube’s inside and outside diameter, is obtained thanks to a number of easily adjustable parameters such as the knife’s penetrating speed, the depth of the groove, the cutting advancement speed, the clamping and pull-apart or break-off system, speed and pneumatic power applied. SMI’s latest research is based on an innovative technology: the orbital cutting of irregular shapes, that has produced extraordinary results: this technology has been developed and now introduced into the market with the supply of a completely automatic working cell starting from coiled copper tubes of up to 26,5 mm. diameter being transformed into cold-roll-formed T-shaped tubes which are orbitally cut to the desired length, again without burrs, chips and dust.


27/09

(CUT - TAGLIO)

Taglio Orbitale senza bave e trucioli Nuove tecnologie di taglio per tubi con forme irregolari. Il gruppo SMI Sistemi Meccanici Industriali s.r.l., con sede a Varmo, provincia di Udine, è attivamente impegnata nell’industria del trattamento dei tubi da più di 30 anni, progettando e realizzando una vasta gamma di macchine per la trasformazione in prodotti finiti, partendo da bobine, di tubi di rame, alluminio, acciaio inox, titanio, cupronichel, bundy, PVC, PE, PPL, PA, guaine flessibili d’acciaio rivestite in plastica, tubi metallici rivestiti con PVC, etc., Il taglio di qualità è stato il primo obiettivo di cui si è occupato la SMI, depositando due brevetti internazionali, studiando un complesso

processo di taglio che contempla l’utilizzo di un software innovativo e materiali d’avanguardia con specifici trattamenti termici. Con le macchine da taglio SMI si può tagliare tubi con diametri variabili da 1mm fino a 40 mm. In breve, il processo di taglio inizia con una calibrata incisione su tutta la circonferenza del tubo; essa viene eseguita da un coltello di 38 o 25 mm di diametro che ruota orbitalmente attorno al tubo; due morse pneumatiche afferrano saldamente il tubo su entrambi i lati dell’incisione e li separa attraverso un sistema a strappo oppure a piega. Viene garantita una perfetta esecuzione del taglio senza bave e senza trucioli, mantenendo invariato il

diametro interno ed esterno del tubo. Ciò avviene anche grazie a delle semplici regolazioni di parametri come la velocità di incisione del coltello, la profondità dell’incisione, la velocità di avanzamento del coltello, il perfetto bloccaggio delle morse ed infine in base alla potenza di strappo utilizzata. L’ultima ricerca SMI si è concretizzata con un’innovativa tecnologia il taglio orbitale di tubi con forme irregolari ottenendo risultati straordinari. Questa tecnologia è stata ora introdotta sul mercato con centri di lavoro completamente automatici, che iniziano il processo partendo con il tubo in bobine, di diametro massimo 26.5 mm.; le operazioni automatiche consistono nella raddrizzatura, calibratura, taglio orbitale, rullatura a freddo a forma di “T” ed infine un taglio orbitale, senza bave, trucioli e polvere, del tubo sagomato, alle sue due estremità.

39


A cura di Domenico Roberto Suraci

27/09

Laser is a word increasingly used in all fields, source of energy for many applications and solutions for unimagined and innovative solutions so as to change sometimes the production philosophy and realization of the today work, one of these aspects is welding, if we still its infancy, but in these days in continuous progress, solutions and technologies increasingly aggressive and more rewarding for those who wish to use this application. This technology allows for high speed welding, quality and durability in addition to accuracy and repeatability of the work, as this application essentially automated. This type of welding can be with or without the addition of materials for special needs and specifications, as always, will find below for our readers some examples of pioneering companies in the industry and ready to keep track of your future needs...

Laser parola sempre più usata in tutti i campi, fonte di energia e soluzioni per molteplici applicazioni sino ad ora impensate e per soluzioni talmente innovative da cambiare a volte la filosofia produttiva e realizzativa del quotidiano; uno di questi aspetti è la saldatura, se vogliamo ancora agli albori, ma proprio per questo quotidianamente in costante e continuo progresso, con soluzioni e tecnologie sempre più agguerrite e di maggiori soddisfazioni per chi intende utilizzare questa applicazione. Questa tecnologia permette di avere elevata velocità di saldatura, qualità e resistenza oltre alla precisione e ripetibilità del lavoro, essendo questa un'applicazione essenzialmente automatizzata. Questo tipo di saldatura può essere con o senza apporto di materiale per esigenze particolari e specifiche; di seguito troverete come sempre per i nostri lettori alcuni esempi di aziende all'avanguardia nel settore e pronte a seguire eventuali vostre necessità future…


PRIMA INDUSTRIE QUALITY, PRODUCTIVITY AND FLEXIBILITY: PRIMA INDUSTRIE SOLUTIONS FOR LASER WELDING. PRIMA INDUSTRIE Group boasts an experience of over 30 years in the cutting, welding and drilling of two- and threedimensional components. Main application fields for its systems range from automotive to aerospace, from energy to electromechanics, from furniture to white goods and food industries. “Our laser systems RAPIDO, OPTIMO, DOMINO and LASERDYNE – explains Emilio Maio, 3D Product Manager for PRIMA INDUSTRIE – allow to weld at high speed and to obtain accurate, repeatable and highly resistant joints, with reduced Heat Affected Zone and piece distortion. Both butt and lap joints created with laser systems are generally narrow but deep and can be cleaned or polished more easily than the joints obtained with other welding techniques. Consequently, laser welding is particularly suitable when high productivity, high quality and repeatability, and a good aesthetic aspect are required.” Main benefits of laser welding can be summed up as follows: High welding speed and single-pass welding. High quality and resistance of the welded joint, with considerable penetration (optimal depth/width ratio of the weld bead). Accuracy, uniformity and repeatability: the advantages of a fully automatic process. Minimum thermal supply and lack of physical contact, with consequent reduction of part distortion and subsequent processing of the welded part. High working speed and flexibility: the laser head moves around the part, allowing the processing in a single phase, without subsequent repositioning. Reduced complexity of the referencing and clamping fixtures needed with respect to the conventional techniques. High production flexibility of the laser welding systems. Generally, laser welding is autogenous, but sometimes for metallurgical reasons or due to the joints geometry, a filler material is needed. In these cases, the Wire Feeder system by PRIMA INDUSTRIE is the right solution. Moreover, PRIMA INDUSTRIE machines can be equipped with a focusing head for the “quasi-remote” welding: the head is kept at a distance of 150÷200 mm. This head is called HOW (Hands-Off-Welding) and allows to use simpler fixtures, to weld points hard to reach, and to drastically reduce the cycle times. The HOW technique is particularly useful for the stitch welding, mainly used for car body parts. The main benefit is that the time necessary to move the tool from one stitch to the following one is minimized, while this time is considerable when conventional systems are used. “Another important advantage of our laser welding machines – closes Emilio Maio – is that they are easily and quickly converted into cutting machines: by replacing a part of the head the machine switches from welding to cutting and vice versa. This grants great production flexibility and the investment optimization typical of multi-purpose machines.


(SPECIAL LASER WELDING - SPECIALE SALDATURA LASER)

27/09

42

”QUALITA’, PRODUTTIVITA’ E FLESSIBILITA’: LE SOLUZIONI PRIMA INDUSTRIE PER LA SALDATURA LASER Il Gruppo PRIMA INDUSTRIE vanta oltre 30 anni di esperienza nel taglio, nella saldatura e nella foratura di pezzi bi- e tridimensionali. I principali settori di applicazione dei suoi sistemi spaziano dall’automobilistico all’aerospazio, dall’energia all’elettromeccanica, dall’arredamento all’elettrodomestico e all’industria alimentare. “I nostri sistemi laser RAPIDO, OPTIMO, DOMINO e LASERDYNE - spiega Emilio Maio, Product Manager 3D di PRIMA INDUSTRIE - consentono di saldare a elevata velocità e di ottenere giunti precisi, molto resistenti e altamente ripetibili, con una zona termicamente alterata e una distorsione del pezzo minime. I giunti saldati possono essere sovrapposti o di testa e, pur essendo sottili, sono profondi e possono essere puliti o levigati molto più facilmente dei cordoni di saldatura ottenuti con altre tecnologie. Ciò rende la saldatura laser particolarmente conveniente nei casi di alta produttività, severe esigenze di qualità e ripetibilità e elevati requisiti estetici dei manufatti”. I principali vantaggi della saldatura laser si possono riassumere in: Elevata velocità di saldatura, eseguita generalmente in un’unica passata. Alta qualità e resistenza del giunto, con notevole penetrazione (elevato rapporto profondità/larghezza del cordone saldato). Precisione, regolarità e ripetibilità della lavorazione: i vantaggi di un processo completamente automatico. Minimo apporto termico e assenza di contatto fisico, con conseguente riduzione della deformazione del pezzo e di eventuali lavorazioni successive. Grande velocità e flessibilità di lavorazione: la macchina gira intorno al pezzo, permettendo la lavorazione in una sola fase, senza successivi riposizionamenti. Ridotta complessità delle attrezzature di riferimento e bloccaggio rispetto alla saldatura tradizionale. Elevata flessibilità di impiego dei sistemi di saldatura laser. In genere la saldatura laser è autogena ma talvolta, per ragioni metallurgiche o di geometria dei giunti, si può far uso di materiale d’apporto, utilizzando il sistema Wire Feeder di PRIMA INDUSTRIE. Le macchine PRIMA INDUSTRIE possono inoltre essere dotate di una testa che permette di saldare “a distanza” (di 150÷200 mm), senza richiedere alla macchina di avvicinarsi al pezzo. Questa testa è chiamata HOW (Hands-Off-Welding) e consente di utilizzare attrezzature di bloccaggio più semplici, di raggiungere punti difficilmente accessibili e di ridurre notevolmente i tempi ciclo. La tecnica HOW è particolarmente utile per eseguire lo stitch welding, utilizzato soprattutto per le parti di carrozzeria automobilistica. Il principale beneficio è la riduzione al minimo del tempo necessario a spostare l’utensile da un tratto a quello successivo, che è invece consistente utilizzando sistemi convenzionali. “Un altro importante vantaggio delle nostre macchine laser - conclude Emilio Maio - è che sono facilmente e velocemente convertibili in macchine di taglio: si sostituisce una parte della testa di focalizzazione e la macchina passa in pochi secondi dalla saldatura al taglio e viceversa. Questo, oltre a consentire una grande flessibilità produttiva, permette l’ottimizzazione dell’investimento tipica di una macchina polivalente”.


(SPECIAL LASER WELDING - SPECIALE SALDATURA LASER)

27/09

TRUMPF Fast, flexible and high quality The use of lasers in welding stainless steel tubes and profiles Franz Lehleuter, the Product Manager responsible for strips, tubes and profiles at TRUMPF Laser- und Systemtechnik, Ditzingen, Germany: Continuous seam welding of stainless steel tubes and profiles using a laser has long been an established technique thanks to its clear technological advantages. By optimizing the key conditions and parameters of the process – paying attention to factors such as the forming of the tube, proper preparation of the weld edges and appropriate laser beam quality – it is possible to achieve levels of productivity and quality that are significantly superior to those of conventional joining techniques. It is difficult to imagine today's production environments without laser welding tools. Lasers can be used to create continuously welded tubes and profiles (Fig. 1) with superb metallurgical and mechanical properties. The technique can be employed in a huge range of applications, including the automotive industry, medical technology, switch cabinet manufacturing, furniture construction, architecture and even for fiber optics where protective tubes are used in telecommunications engineering. Increasingly, laser welding systems are replacing conventional techniques such as TIG, HF and micro-plasma welding in the industrial fabrication of stainless steel tubes and profiles. The advantages of lasers: higher process speeds and minimal heat transfer The advantages of laser welding are clear. By welding with a laser rather than using the TIG method, productivity can be boosted thanks to substantially higher feed rates, lower failure rates and high-quality seam weld. Lasers have therefore become an indispensable tool for tube and profile manufacturers and for the processing industry in general. In summary, laser welding offers the following key benefits: Oxide-free weld at weld root and weld face Minimal spatter on interior of tube Spatter-free exterior of tube Corrosion resistance of weld seam No top bead depression No root concavity Non-porous weld Low weld volume Low warpage Good weld formability thanks to its high strength, weld geometry and excessive penetration less than 10 percent. Laser-welded tubes are therefore perfectly suited to forming processes such as hydroforming and tube bending Tube welding lines with laser technology enable highly efficient production The principal components of a tube welding line with laser technology are the roll forming machine, laser beam source and beam guidance system. Tube manufacturers and laser users expect top-notch performance from this kind of arrangement. To achieve the required scrap rates of less than one percent, the systems employed must offer high availability and process stability. This requires technical compatibility and coordination between the forming machine, the beam guidance system and the laser. In tandem with the energy-efficient lasers produced by TRUMPF (Fig. 2), this can result in highly productive environments for tube manufacturing, including continuously welded tubes. Other conditions that are required for

44


27/09

Veloce, flessibile e di alta qualità L'impiego del laser nella saldatura dei tubi di acciaio inossidabile e profili

(SPECIAL LASER WELDING - SPECIALE SALDATURA LASER)

high system availability and process stability include suitable on-site installation conditions, customization of the optical and electrical interfaces between the laser and the machine, and major efforts to ensure highquality weld seam preparation. Poor weld preparation that leaves an over-sized gap can lead to top bead depression with corresponding reductions in the tube's strength, plus diminished corrosion resistance and a relatively low feed rate. Suitable chuck and fixture systems to hold the tubes in place can provide useful assistance, while processing the edges of the strip prior to welding – for example by means of scraping devices arranged on both sides upstream from the forming unit – not only improves the geometry of the edges, but also removes impurities from the area between them. The laser beam source is integrated in the existing roll forming machine using optical components and a tracking system. Due to the changing position of the weld gap during continuous operation, the focus position of the laser – and hence the focusing optics – must be adjusted to take these deviations into account (Fig. 3). This is achieved with the help of a tactile or optical sensor that determines the variations in the weld gap. A probe determines the extent of the deviation, which is then corrected using a variable speed drive system.

Franz Lehleuter, il Product Manager responsabile per strisce, tubi e profilati alla TRUMPF Laser-und Systemtechnik, Ditzingen, Germania: La saldatura a filo continuo di tubi di acciaio inossidabile e profili utilizzando un laser è stata una tecnica a lungo utilizzata grazie ai suoi evidenti vantaggi tecnologici. Ottimizzando le condizioni ed i parametri chiave del processo - prestando attenzione a fattori quali la formazione del tubo, un'adeguata preparazione dei bordi di saldatura e la qualità del fascio laser del caso - è possibile raggiungere livelli di produttività e di qualità che sono significativamente superiori a quelle delle tradizionali tecniche di giunzione. E'difficile immaginare gli odierni ambienti di produzione senza saldatura laser. Il laser può essere usato per creare i tubi saldati in continuo e profili (Fig. 1) con superbe proprietà metallurgiche e meccaniche. La tecnica può essere impiegata in una vasta gamma di applicazioni, tra cui l'industria automobilistica, nella tecnologia medica, nella produzione di quadri elettrici ad armadio, nella realizzazione di mobili, nell’ architettura e anche per la fibra ottica in cui i tubi di protezione sono utilizzati nell’ ingegneria delle telecomunicazioni. Sempre più spesso, i sistemi di saldatura laser stanno sostituendo le tecniche convenzionali, come TIG, HF e micro-saldatura al plasma nella fabbricazione industriale di tubi di acciaio inossidabile e profili. I vantaggi del laser: velocità di processo maggiore e minimo trasferimento di calore I vantaggi sono chiari, mediante la saldatura laser anziché con il metodo TIG, la produttività può essere potenziata grazie alla velocità di avanzamento sensibilmente più elevata, bassi tassi di insuccesso e di alta qualità della giuntura della saldatura. I laser sono diventati uno strumento indispensabile per i produttori di tubi e profili e per l'industria di trasformazione in generale. In sintesi, la saldatura laser offre i seguenti vantaggi fondamentali: Ossido di saldatura non presente alla radice e sulla superficie della saldatura Spruzzo minimo all'interno del tubo Spruzzo esterno del tubo assente Resistenza alla corrosione del cordone di saldatura Nessuna depressione Nessuna concavità alla radice Saldatura non porosa

45


(SPECIAL LASER WELDING - SPECIALE SALDATURA LASER)

27/09

Basso volume di saldatura Bassa deformazione Buona malleabilità della saldatura, grazie alla sua alta resistenza, la geometria di saldatura e la penetrazione a meno del 10 per cento. Al laser di tubi saldati sono quindi perfettamente adatti i processi di formazione, come idroformatura e curvatura tubi Linee di saldatura tubo con tecnologia laser permettono la produzione ad alta efficienza I componenti principali di una linea di saldatura tubo con tecnologia laser sono la macchina di profilatura, la fonte del raggio laser e il sistema di orientamento del fascio. Produttori di tubi e gli utenti si aspettano dal laser performance di alto livello. Per raggiungere i tassi di scarto di meno dell’ uno per cento, i sistemi utilizzati devono garantire un'elevata disponibilità e la stabilità del processo. Ciò richiede la compatibilità tecnica e il coordinamento tra la macchina di formatura, il sistema di guida e il fascio laser. In tandem con l'energia laser prodotta da TRUMPF (Fig. 2), tutto ciò può essere il risultato ottimale in ambienti altamente produttivi per la fabbricazione di tubi, compresi i tubi saldati in continuo. Altre condizioni che sono necessarie per il sistema e la stabilità del processo sono il prevedere adeguate condizioni di installazione on-site, la personalizzazione delle interfacce ottiche ed elettriche tra il laser e la macchina, e maggiori sforzi per garantire l'elevata preparazione della saldatura della giuntura. La scarsa preparazione della saldatura, che lascia una dimensione superiore al gap può portare in alto la depressione del tallone con corrispondenti riduzioni di forza del tubo, diminuisce la resistenza alla corrosione e si ottiene un tasso relativamente basso di produttività. Sistemi di tenuta adeguata per tenere i tubi in lavorazione in grado di fornire assistenza utile, durante la lavorazione dei bordi della striscia prima della saldatura - per esempio mediante dispositivi di raschiatura disposti su entrambi i lati a monte l'unità di formazione - non solo migliora la geometria dei bordi, ma rimuove anche le impurità dalla zona tra di loro. La sorgente laser è integrata nella profilatrice esistente utilizzando componenti ottici e un sistema di tracciamento. A causa del cambiamento del gap tra le parti che vengono saldate durante il funzionamento continuo, la posizione del fuoco del laser - e quindi la messa a fuoco ottica - deve essere adattata per tener conto di questi continui cambiamenti (Fig. 3). Questo risultato è ottenuto con l'aiuto di un sensore tattile o ottico che determina le variazioni del divario di saldatura. Una sonda determina l'entità della deviazione, che viene poi corretta mediante un sistema di azionamento a velocità variabile

TUBE TECH MACHINERY

TS 4.20 2D TS 4.20 2D is an innovative plant designed to cut and join by welding sheets of different sizes. The plant is equipped with one single special head to cut and weld. The sheet metal minimum size is 1000x2000 mm, while the maximum size is 4100x2050 mm; the thickness is from 1 mm up to 8 mm. Ts 4.20 is also equipped with an automatic loading system, which enables a high degree of automation. The production run consists of the following steps: Sheet metal Automatic loading Sheet metal alignment and spot-drilling through a centering station Sheet metal translation by NC control multi-process Sheet metal blocking through a sheet pressing system Trimming by 2d laser cutting head Sheet edge approaching to obtain a perfect alignment Laser welding through the same laser head and control by Precitec LWN system Opening sheet pressing systems Welded sheet metal translation At the end of the welding operation, the sheet metal with the new final sizes is ready to be moved to the next working. As all the others Tube Tech Machinery plants, TS 4.20 has been designed with the FEM (Finite Elements Method) structural calculation programs, which enable the dimensional characterization of the structures and the optimization of strain and deformation related to the applied stress. The plant has been realized for an important service center, which thanks this new equipment can now complete his offer, improving his production system. With TS 4.20 Tube Tech Machinery proposes himself as an important partner supplier for the design and construction of innovative and reliable machineries.

46


27/09

TS 4.20 2D width 4000 max length 20000 mm max width10500 mm length 32000 mm 15 2000 x 1000 mm 4100 x 2050 mm 1 mm 8 mm 500 mm max 5000 mm 5000 kg

TS 4.20 2D Tube Tech Machinery ha sviluppato un nuovo tipo di macchina automatica per il taglio e la saldatura di lamiere piane. L’impianto TS 4.20 2D è in grado di rifilare e saldare lamiere tramite un’unica speciale testa di taglio e saldatura. Le lamiere lavorabili hanno dimensioni nominali minime di 1000 x 2000 e massime di 2050 x 4100 mm con spessori variabili da 1 mm a 8 mm: dopo la lavorazione possono raggiungere dimensioni fino a 4000 x 20000 mm. La macchina che è dotata di un sistema di carico automatico che consente una notevole autonomia di lavoro. Il ciclo produttivo è formato dalle seguenti fasi: carico automatico di un foglio di lamiera sul piano di lavoro; allineamento e centratura del foglio di lamiera mediante stazione di centraggio traslazione del foglio di lamiera con movimento controllato da CNC bloccaggio del bordo della lamiera per mezzo di un sistema premilamiera rifilo del bordo mediante taglio laser con testa 2D avvicinamento dei due lembi fino ad ottenere un perfetto allineamento saldatura laser continua con la stessa testa e controllo della saldatura mediante sistema PRECITEC apertura dei due premilamiera traslazione delle lamiere saldate A questo punto il ciclo di lavoro riprende dalle fasi precedenti per aggiungere una nuova lamiera a quelle precedentemente saldate. Conclusa l’operazione di saldatura e ottenuta la lamiera con le dimensioni finali desiderate, questa viene trasferita, a mezzo carro ponte, alle successive lavorazioni. Come tutte le macchine TTM è stata progettata con l’ausilio di programmi di calcolo strutturale FEM che consentono la caratterizzazione dimensionale delle strutture e l’ottimizzazione degli stati di sforzo e deformazione in rapporto alle sollecitazioni applicate. L’impianto è stato realizzato per un importante centro servizi che, grazie alla nuova macchina Tube Tech Machinery, potrà migliorare il suo processo produttivo ed iniziare nuove applicazioni con lamiere di grandi formati, differenziando l’offerta per il cliente finale. Con questa nuova soluzione, studiata per le specifiche esigenze del cliente, ancora una volta TTM si propone come un fornitore partner di idee che di traducono in macchine innovative, affidabili e tecnologicamente avanzate.

(SPECIAL LASER WELDING - SPECIALE SALDATURA LASER)

Sheet metal final Plant N. of CNC controlled axis Loading cell Sheet metal minimum size Sheet metal maximum size Minimum thickness Maximum thickness Vertical stroke Horizontal stroke Fixed table max load

TS 4.20 2D Dimensione finale filiera Dimensione impianto Numero assi controllati CNC Cella di carico Dimensione lamiera minima Dimensione lamiera massima Spessore minimo Spessore massimo Corsa verticale Corsa orizzontale Portata max tavola fissa

larghezza 4000 max lunghezza 20000 mm max arghezza 10500 mm lunghezza 32000 mm 15 2000 x 1000 mm 4100 x 2050 mm 1 mm 8 mm 500 mm max 5000 mm 15000 kg

47


27/09

ZUMBACH

ODAC® 550 HLF for large diameter Zumbach Electronics introduces Large-Field Diameter Scanner with HLF Technology for In-line Dimensional Measurement of up to approx. 500 mm. ODAC® 550 HLF (High-Accuracy Large Field). For the first time a measuring head is now available offering highly accurate OD measurements of pipe and other products up to a diameter of approx. 500 mm. Systems in static or oscillating configuration are available for hot or cold processes. The number of measuring axes can be 1 or up to 6. Based on the experience with over 60'000 ODAC® laser scanners and with many systems in the area of seamless pipe and other products ZUMBACH has developed the new ODAC® 550 HLF for big diameters, widths, heights, diagonals etc. This technical breakthrough eliminates all previous problems and disadvantages with large product systems. At the heart of the development is a fully new and unique optical system for collimation and scanning. This hi-tech system generates an absolutely parallel (telecentric) measuring field and supplies 1000

A cura di: Mr. Bruno Mühlheim

calibrated measurements per second (CSS = Calibrated Single Scan). Accurate measurements will be generated, regardless of product position in the measuring field! It also makes large emitter-receiver separations of 2 meters or more possible. Outstanding Features: • Large 550 mm measuring field without dead zone • Absolute parallel scanning • Top accuracy and stability, typically within 0.01 mm • No position error • Very large emitter-receiver separation possible • 1000 calibrated measurements / s (CSS) (No averaging necessary) • Extremely high scanning speed (more than 1020 m/s = Mach 3!!!) The above features open many new solutions for hot rolling, cold rolling/forming/welding applications as well as for other processes with difficult environments and allow for tighter product specifications.


27/09

(MEASURING SYSTEMS - SISTEMI DI MISURAZIONE)

ODAC® 550 HLF per grossi diametri La Zumbach Electronics introduce uno Scanner ad Ampio Spettro con tecnologia HLF per la linea di misurazione dimensionale fino a ca. 500 mm. ODAC® 550 HLF (Ampio Spettro Grande Precisione). Per la prima volta una testa di misurazione è disponibile per offrire accurate misurazioni di tubi e di altri prodotti fino ad un diametro di ca. 500 mm. Sistemi in configurazione statica o oscillante sono disponibili per i processi a caldo o freddo. Il numero di assi di misura può essere da 1 fino a 6. Sulla base dell'esperienza acquisita con oltre 60'000 ODAC® scanner laser e con molti sistemi in materia di tubi senza saldatura e di altri prodotti la Zumbach ha sviluppato il nuovo ODAC® 550 HLF per grandi diametri, larghezze, altezze, diagonali, ecc. Questa rivoluzione tecnica elimina tutti i problemi precedenti e gli svantaggi del prodotto con sistemi per le grandi dimensioni. Al centro dello sviluppo c’è un sistema completamente nuovo e unico per collimazione e scansione. Questo sistema hi-tech genera un campo assolutamente

parallelo (telecentrico) di misura e fornisce 1000 misurazioni calibrate al secondo (CSS = calibrata singola scansione). Verranno così generate misurazioni accurate, a prescindere dalla posizione del prodotto nel campo di misura! Ma rende anche emettitore grandi separazioni ricevitore di 2 metri o più possibile. Le straordinarie caratteristiche: • Ampio campo di misura 550 millimetri senza zona morta • Assoluta scansione parallela • Alta precisione e stabilità, in genere entro 0,01 mm • Nessun errore di posizione • Possibilità di una grande distanza dall’emettitore al ricevitore • 1000 misurazioni calibrate/s (CSS) (non è necessaria la media) • Estrema velocità di scansione (più di 1020 m/s = Mach 3!) Le caratteristiche di cui sopra aprono a molte nuove soluzioni per la laminazione a caldo, la laminazione a freddo/la formazione / le applicazioni di saldatura così come per altri processi con ambienti difficili e consentono di ottenere specifiche più rigide sui prodotti.

NEWS

Toyota recall sparks improvement pledge Toyota has promised it will strive to make better cars following its biggest ever recall of four and a quarter million vehicles in the USA to fix faulty accelerator pedals. The world’s number one carmaker is also to install automatic brake systems in some vehicles after some drivers reported their cars suddenly speeded up. The recall concerns eight models including the bestselling Camry, the luxury Lexus brand, and the iconic Prius hybrid. Toyota’s biggest previous recall was of one and a half million Hilux pickups, which began in Japan in 2004 before being extended worldwide. The present recall only concerns America where Toyota’s reputation for reliability and quality is taking a hit: “Unless something comes to light and we can be reassured that something has been fixed, then I probably would not buy a Prius again,” said one disgruntled American driver. Toyota insists the recall will not hit its bottom line as it is fully provided for in the warranty budget, and its shares have only fallen slightly with the news. Toyota ritira 3,8 milioni di vetture Toyota sostituirà il pedale dell’acceleratore sui 3,8 milioni di veicoli richiamati negli Usa in settembre. “La sicurezza è la nostra maggiore preoccupazione e Toyota continuerà a indagare e a prendere le necessarie misure per risolvere ogni eventuale difetto”, spiega la Toyota in una nota. Una presa di posizione che non certo calmato i clienti né le autorità americane. La casa nipponica infatti in un primo momento si era rifiutata di precisare il numero delle vetture difettose, poi viste le reazioni ha dovuto fare marcia indietro. Anche perchè i clienti americani sono pronti ad una class action contro Toyota. Come dice questo cliente : “O l’inchiesta rileva qualche difetto o altrimenti non comprero’ mai piu’ una Toyota”. Insomma un bel rebus per la prima casa automoblistica mondiale. Va da sè che qualora venisse citata in giudizio in una class action gli effetti sarebbero disastrosi e non solo sul mercato americano. Oggi la casa nipponica ha realizzato una cifra di vendita complessiva di 640 mila vetture: è la prima volta da 15 mesi.

49


27/09

Copper alloys for tubes with an absolutely perfect surface

AMPCO METAL

Ampco Metal® provides the exact high-technology alloy for today’s most demanding applications, anywhere in the world. It’s comprehensive range of high performance aluminium bronze alloys for pressings, tube bending, deep drawing, rolling and profiling applications are readily available - how, where and when you need them. Ampco Metal, with a worldwide network of manufacturing and distribution facilities, including sales office in East of Europe has a long and successful association within tube forming and tube bending sector through the supply of premium AMPCO® aluminium bronzes, each of which has mechanical properties exceeding those of the equivalent standard alloys.

characteristics in order to obtain an absolutely perfect surface on the stainless steel tubes. AMPCO METAL guaranteed a wide range of material satisfying the highest requirements. For example, the patented alloy AMPCO® 25 offers multiple advantages, but first of all extended life time of forming rolls and the perfect stainless steel tubes end product obtained. In the same time, no hardening or expensive coatings on the rolls are required. Ampco 25 rolls are also used in the same production lines at the tube welding station, when producing mild steel tubes also. The advantages of the Ampco 25 rolls at the welding station are coming from the non magnetic properties of Ampco 25 which avoids severe heating up of the pressure rolls due to induction from the high-frequency welding loop used to seam weld the tube.

A cura di: Sig. Luca Frassini

High life time and non-magnetic property When producing stainless steel tubes from strips, so called cold welds might occur on the forming rolls. These cold welds on the forming rolls are damaging the surface of the stainless steel tubes. Additionally working on a semi-circular forming roll in order to obtain a tube out of a flat stainless steel strip, the differences in tangential speeds along the surface of the tube induce sliding between forming roll and the stainless steel sheet. Because of the cold welding effect and the difference in speed on the forming rolls, these rolls must be chosen out of a material with very good sliding

Bending for automotive exhaust pipes For the tube bending of stainless steel or other material exhaust pipes, Ampco 18,21 and M4 are used with great benefits for product quality and longlife of the production tooling. Nowadays, exhaust pipes for new automobiles are produced out of stainless steel tubes in order to resist to corrosion and provide the happy owner of the vehicle many miles before changing the exhaust pipe. Ampco M4 used as mandrel and wiper dies in the tube bending machines has proven to last up to 20 times longer than commercial bronze. AMPCO® M4 mandrel don’t need hardening or expensive coatings and advantages on wiper dies are no galling, no scratching and so no corrosion starting point. In addition to offering just the alloys, AMPCO METAL has extensive machining facilities ithin Europe and can assist its’ customers at times of peak demand by offering a full or part machining service to smooth their production programmes and avoid bottlenecks.

50


27/09

(EQUIPMENT - ATTREZZATURE)

Ampco Metal nell’industria dei tubi Ampco Metal, con una rete di distribuzione e produzione estesa a livello mondiale e con un ufficio a Sesto San Giovanni (MI), ha una lunga esperienza di successo nel settore dei tubi e dei profilati in acciaio inossidabile, titanio ed altri metalli, grazie alla fornitura di bronzi all’alluminio AMPCO® di prima qualità, ognuno dei quali possiede proprietà meccaniche superiori a quelle delle corrispondenti leghe standard. Produzione tubi saldati Nella produzione di tubi saldati in acciaio inossidabile, partendo da nastro, sovente si verificano formazioni di saldature a freddo sulla superficie dei rulli formatori, e ciò porta ad un inevitabile danneggiamento della superficie dei tubi. Inoltre, in fase di deformazione del nastro, il profilo semi circolare del rullo formatore crea delle differenze nelle velocità tangenziali delle superfici a contatto, che provocano un inevitabile strisciamento relativo tra rullo e nastro. Tali fenomeni di saldature a freddo e strisciamento tra le superfici consigliano l’utilizzo di un materiale, per i rulli formatori, con ottime proprietà di scorrimento, per ottenere dei tubi finiti con superfici perfette.

Materiale AMPCO® 25 Vantaggi nell’utilizzo del AMPCO® 25 Maggiore durata della “vita utile” del rullo formatore Ottenimento di un prodotto finito (tubo in acciaio inossidabile) perfetto Non necessita di onerosi riporti di rivestimento per l’indurimento della superficie di contatto dei rulli I rulli in AMPCO® 25 sono indicati anche nelle stazioni di saldatura delle linee di produzione di tubi in acciaio tenero. I vantaggi di AMPCO® 25 nelle stazioni di saldatura derivano dalle sue proprietà amagnetiche. L’assenza di magnetismo evita il surriscaldamento dei rulli di compressione causato dall’induzione magnetica durante la saldatura di giunzione del tubo. Vantaggi di AMPCO® 25 nella stazione di saldatura: Proprietà amagnetiche Non surriscaldamento critico e facilità di raffreddamento dei rulli Qualità perfetta della superficie del tubo in acciaio tenero Curvatura di tubi in acciaio Per la curvatura dei tubi in acciaio inossidabile o di altri metalli (scappamento, impiantistica, arredo...) AMPCO® 18, 21 e M4 costituiscono lo standard de facto e sono impiegati

con grandi benefici sia in termini di qualità del prodotto finito, che in termini di durata dell’attrezzatura di produzione Materiale AMPCO® 18 e M4 Al giorno d’oggi i tubi di scarico nel settore automobilistico sono prodotti in acciaio inossidabile per resistere alla corrosione e per aumentare la durata dell’intero impianto. AMPCO® M4, utilizzato sia per mandrini, che per rompigrinza, nelle attrezzature delle macchine curvatubi, ha dimostrato di durare fino a 20 volte di più rispetto ai bronzi commerciali. Vantaggi Mandrini in AMPCO® M4 Maggiore durata (fino a 20 volte) Ottima finitura superficiale dei tubi prodotti Non necessita di costosi trattamenti di indurimento o rivestimento superficiale Rompigrinza in AMPCO® M4 Maggiore durata (fino a 20 volte) Ottima finitura superficiale dei tubi prodotti Eliminazione di grippaggi, rigature e punti di innesco alla corrosione Oltre all’offerta delle leghe AMPCO METAL dispone anche di officine per effettuare lavorazioni meccaniche di precisione, così da poter soddisfare le richieste di clienti che vogliano parti finite, al fine di snellire i propri processi produttivi ed evitare possibili complicanze.

51


27/09

3R

RoniBuilder Taking CAD to the Next Level Computer-aided design (CAD) has become an indispensable tool for the tube and pipe industry. The ability to construct complex pipeline systems or complicated spools with a few simple mouse clicks or keyboard commands, instead of drawing boards and hand-drawn sketches, makes the entire process convenient and time-efficient. Because of this virtually every company dealing with tubes and pipes uses one or more of the various CAD-platforms that are available on the market. However, while each of these systems offers a multitude of helpful and convenient functions, none of them was specifically designed for the tube-building industry. Usually essential functions are either not present at all, or are included in additional modules, which have to be individually purchased. And while the CAD applications provide beautiful 3D-models or isos, there usually is no way to actually utilize these models in fabrication, as they do not include any of the required data. It is for this reason that 3R software solutions developed RoniBuilder. A further development of the powerful RoniCAD software, which is used in workshops all over the world, RoniBuilder includes all of the functions of its predecessor, while streamlining the user interface. The functions and features were developed specifically for tube-shops, giving the user exactly the options that he or she needs.

52

A cura di: Mr. Carsten Tripscha

And for each spool all fabrication-relevant data can be extracted. Cutting lists, bending lists, part lists, welding documentation, CNC-data for the various machines, all can be calculated from the iso, and exported to the workshop. In combination with the 3R workshop control system RAMP the need for worksheets and printouts for the tube shop can be eliminated entirely. RoniBuilder uses a database containing the tubes and fittings that are actually used by the customer, giving the user the option to choose exactly the types of material that he has available. A large number of interfaces to various other CAD-platforms allows integration into the existing IT-structure, including adaptation of existing databases. RoniBuilder takes CAD to the next level. Instead of just designing tubes, the user can now design the tubes, optionally use the RoniKolli7 bending simulation to test them for producibility, and then transfer the fabrication data to the workshop, all with one application. Or he can import the tube he created with a different application, extract all relevant data, and then transfer this data to the workshop. In addition interfaces exist to import data from the mobile drafting platform RoniDraftBoard and the measuring system RoniTubeFit, to allow optimal use in tube shops.


27/09

(SOFTWARE - SOFTWARE)

RoniBuilder Assunzione di CAD al livello successivo

Computer-aided design (CAD) è diventato uno strumento indispensabile per il tubo e l'industria del tubo. La capacità di costruire sistemi di condotte complesse o bobine complicate con pochi semplici clic del mouse o comandi da tastiera, invece di disegnare tavole e schizzi fatti a mano, rende l'intero processo conveniente ed efficace nel tempo. A causa di questa società, quasi tutti quelli che si occupano di tubi utilizzano piattaforme di uno o più dei vari CAD-che sono disponibili sul mercato. Tuttavia, mentre ognuno di questi sistemi offre una moltitudine di funzioni utili e convenienti, nessuno di essi è stato progettato specificatamente per il tubo industriale. Di solito le funzioni essenziali non sono presenti in tutti, o sono inserite in moduli aggiuntivi, che dovranno essere acquistate singolarmente. Le applicazioni CAD danno una bella presentazione dei modelli 3D o ISO, di solito non c'è modo di utilizzare effettivamente questi modelli nella produzione, in quanto non includono alcun dato richiesto.

E' per questo motivo che la 3R software solutions ha sviluppato il RoniBuilder. Un ulteriore sviluppo del potente software RoniCAD, che viene utilizzato nei laboratori di tutto il mondo, RoniBuilder include tutte le funzioni del suo predecessore, razionalizzando l'interfaccia utente. Le funzioni e le caratteristiche sono state sviluppate specificamente per tubi, dando all'utente esattamente le opzioni di cui ha bisogno. E per ogni bobina prodotta possono essere estratti tutti i dati pertinenti. Liste di taglio, liste di piegatura,

parti di elenchi, documentazioni di saldatura, dati CNC per le varie macchine, tutto può essere calcolato a partire dalla ISO, ed esportati verso l'officina. In combinazione con il sistema 3R workshop di controllo RAMP la necessità di fogli di lavoro e stampa per l’officina può essere eliminata completamente. RoniBuilder utilizza un database contenente i tubi e i raccordi che vengono effettivamente utilizzati dal cliente, dando all'utente la possibilità di scegliere esattamente il tipo di materiale che ha a disposizione. Un grande numero di interfacce verso i vari CAD ed altre piattaforme permette l'integrazione nella struttura IT esistente, compreso l'adeguamento delle basi di dati esistenti. RoniBuilder prende CAD al livello successivo. Invece di limitarsi a progettare tubi, l'utente può progettare il tubo, facoltativamente utilizzare il RoniKolli7 per la simulazione di curvatura per metterli alla prova per la producibilità, e poi trasferire i dati di fabbricazione per il workshop, il tutto con una sola applicazione. Oppure è possibile importare il tubo creato con un'altra applicazione, estrarre tutti i dati rilevanti, e poi trasferire i dati al workshop. In aggiunta esistono interfacce per importare dati da piattaforme mobili come il RoniDraftBoard e il sistema di misurazione RoniTubeFit, per consentire un utilizzo ottimale nelle rivendite di tubi.

53


27/09

TRACTO TECHNIK

Copper rods for higt voltage Bending of copper rods for on-load tap chargers allows for consistent high voltage Tracto-Technik, a world leading manufacturer of highquality tube & pipe bending and fabricating machinery, lately supplied a German manufacturer of on-load tap changers (OLTC) with a TUBOTRON 20 RL fully automatic right-and-left-hand CNC bending machine. The machine is used for bending the conducting copper rods, which are installed at the OLTC’s. Tap changers are important components within the field of high-voltage technology and its main function is to regulate transformers by compensating voltage jitters. Although at first sight bending of copper rods seams to be comparatively easy there were some particularities to be considered in this special case. For instance the copper rods with a bigger outside diameter are insulated (paper-covered). To prevent damage of this insulating layer during the bending process the bending machine is equipped with special pressure dies, consisting of several counter rolls. Furthermore some of the rods are provided with

A cura di: Mr. Michael Rohrmann

connecting plates even before the bending process. Therefore the corresponding collet chucks have special gaps which hold the plates and allow for a defined and precise rotational alignment of the plate prior to the first bend. The TUBOTRON 20 RL has an exposed and extremely compact bending head that ensures maximum bending space for producing even complicated tube figures with an outside diameter up to 20 mm. Easy and comfortable programming of all axes is done via SIMATIC touch panel PC control with menu driven user guidance. The bending machine has a servo-electric bending drive which allows for precise bending with highest repeat accuracy. Maximum bending speed is 450 °/s. The Tracto-Technik product range covers CNC tube bending machines up to 170 mm OD, semi-automatic and 1-axis-controlled tube bending machines, tube end forming machines and tube measuring systems as well as piping software solutions.

Bare and insulated copper rods for on-load tap chargers. Barre di rame isolato per commutatori sotto carico di caricabatterie.

54


27/09

(BENDING - CURVATURA)

Barre in rame per l’alta tensione La piegatura delle barre di rame consente di toccare caricabatterie ad alta tensione Tracto-Technik, un leader mondiale nella produzione di tubi di alta qualità e tubi piegati e fabbricante di macchinari, recentemente ha fornito ad un produttore tedesco di commutatori (OLTC) una curvatubi TUBOTRON 20 RL completamente automatica a CNC destra e sinistra. La macchina è utilizzata per la piegatura di aste di rame, che sono installate negli OLTC. I commutatori sono componenti importanti nel campo delle tecnologie ad alta tensione e la loro funzione principale è quella di disciplinare i trasformatori compensando le tensioni.

Anche se a prima vista la piegatura delle giunture delle barre di rame sembra essere relativamente facile ci sono alcune particolarità da considerare in questo caso particolare. Ad esempio le barre di rame con un diametro più grande al di fuori sono isolate (ricoperte di carta). Per prevenire i danni di questo strato isolante durante il processo di piegatura la curvatubi è dotata di una pressione speciale delle morse, costituita da diversi controlli. Inoltre alcune delle aste sono dotate di piastre di collegamento, anche prima del processo di piegatura. Quindi il corrispondente mandrino a pinze ha fori particolari che tengono le piastre e consentono un definito e preciso allineamento di

rotazione del piatto prima della prima curva. La TUBOTRON 20 RL ha una compatta testa di piega, che assicura il massimo spazio di curvatura per la produzione di tubi anche con figure complesse con un diametro esterno fino a 20 mm. Una programmazione facile e comoda di tutti gli assi avviene tramite pannello di controllo touch SIMATIC PC con un menu guidato per la guida utente. La macchina ha un servo-azionamento elettrico di curvatura che permette precise curvature con una ripetibilità elevata. Massima velocità di curvatura è di 450°/s. La gamma di prodotti Tracto-Technik comprende macchine CNC di piegatura del tubo fino a 170 mm di diametro esterno, macchine semiautomatiche e ad 1-asse controllato, macchine di deformazione e sistemi di misurazione, nonché soluzioni software per la realizzazione di tubi.

The exposed and compact bending head of the TUBOTRON 20 RL allows for bending of complicated tube figures. La testa di curvatura compatta della TUBOTRON 20 RL consente la piegatura di tubi con figure complesse.

55


27/09

FRACCARO

Radiant tube

A cura di: Sig.ra Margherita Meninato

Heating solution with high energetic efficiency for industrial buildings Officine Termotecniche Fraccaro in Castelfranco Veneto (Italy) is a leading European company in the manufacture and installation of heating systems for large areas, such as industrial enviroments, breedings, greenhouses, worship places, gyms, airport hangars, railway plants, hospitals, open air arcades and other kinds of environments. Moreover Fraccaro produces radiant exchange for industrial ovens used for exsiccation and drying wood, heating and drying of marble slabs, drying of paint, metal and plastic, fluid heating. Fraccaro has different products, depending on the

applications required: for industrial enviroments the solution are GIRAD radiant circuits or PANRAD radiant panels or SUNRAD emitters, for fire prevention issues the technical solution siutable is WATERSTRIP (water radiant thermal strips) or VAPORAD (steam radiant thermal strips), for industrial process the best solution is IGRAF burners and exchanges circuits for oven. All the products have CE mark and national certifications for Est Europa, Asia, ex-USSR, North and South America. Fraccaro S.r.l. has obtained the Quality Certification UNI EN ISO 9001:2000 for design, production, sales, installation and after-sales service.

(ENERGY APPLICATIONS - APPLICAZIONI ENERGETICHE)

Tubi radianti

Riscaldamento industriale ad alta efficienza energetica Le Officine Termotecniche Fraccaro S.r.l. di Castelfranco Veneto sono leader a livello europeo nella produzione ed installazione di apparecchiature ad irraggiamento per il riscaldamento di grandi ambienti

56

come, ad esempio, stabilimenti industriali, allevamenti, serre, comunità, luoghi di culto, palestre, hangar di aeroporti, stabilmenti ferroviari, ospedali, porticati all’aperto e altri ambienti. E’ attiva inoltre nella produzione di scambiatori ad irraggiamento per forni industriali usati ad esempio per l’asciugatura ed essiccazione del legname, l’asciugatura del marmo, nelle cabine di asciugatura delle vernici, dei materiali metallici delle materie plastiche o nel riscaldamento dei liquidi. Tutti i prodotti sono dotati di marchio CE e le certificazioni nazionali dei Paesi dell’Europa dell’Est, dell’Asia, delle Repubbliche ex sovietiche, del

Nord America e del Sud America. L’azienda è certificata Iso 9001: 2000 per la progettazione, produzione, vendita, installazione e assistenza post vendita. La gamma dei prodotti Fraccaro si articola in diverse linee di prodotto: per grandi ambienti vi sono i nastri radianti Girad, i moduli a tubi radianti Panrad e gli emettitori ad incandescenza Sunrad, Waterstrip & Vaporad, termostriscie radianti ad acqua calda e vapore e gli scambiatori e riscaldatori per forni Igraf.


27/09

FABTECH

FABTECH

FABTECH Success Demonstrates Manufacturing Industry Viability The manufacturing industry is quite alive, well and optimistic about its future, based on the buzz, business and booth traffic at the just-concluded 2009 FABTECH International & AWS Welding Show, including METALFORM. Some 25,000 visitors from more than 90 countries visited McCormick Place in Chicago to discover, evaluate and purchase innovative manufacturing technologies and solutions. The annual event is the largest tradeshow in North America dedicated to showcasing a full spectrum of metal forming, fabricating, stamping, tube and pipe, and welding equipment and technology. Filling nearly 400,000 square feet of booth space, the four-day show included 1,083 exhibitors and more than 500 new products. “We have already received so much positive feedback about the show from both exhibitors and attendees, and we had quite a presence from people from every continent across the globe,” said John Catalano, FABTECH show co-manager. “Exhibitors told us how pleased they are with the quantity and quality of attendees who visited their booths, and attendees have expressed their excitement in seeing the newest advances in equipment, products and services.” “This year’s show included a special emphasis on how

58

A cura dell’ufficio Stampa: R.T.S.

manufacturers can take advantage of the economic recovery period, and those seminars were quite popular and well attended,” said Mark Hoper, FABTECH show co-manager. “We think the show’s positive attendance figures may be one signal that manufacturing, construction and energy - key indicators of an improving economy - will thrive as the economy improves.” Throughout the event, thousands of buyers from welders and shop managers to CEO’s and engineers packed the show halls. “The show has been excellent for us,” said William Hildebrand, director of market development for Jancy Engineering. “It's clear that FABTECH is the industry event for welding and fabricating.” “When the doors opened at 11 a.m. on Sunday, we had customers waiting to see us, and we were busy ever since,” continued Hildebrand. “We had three new products to introduce, and if we'd missed the exposure at this show, it would have taken us months to get the information to our customers. The leads we received were qualified, and now our challenge is to turn them into sales.” An attendee also shared a positive experience. “People are starting to spend money now,” said Steve Slawta of Midwest Imperial Steel Fabricators in Whitestown, Ind. “We're looking to update, to see what we can do to better our shop, so we can remain competitive.” The 2009 show included the first official METALFORM pavilion that displayed innovations in stamping technology. The show also included keynotes that addressed best practices for thriving in tough times and on trends in the surging wind and solar energy sectors; Solutions Showcase business improvement sessions; the 2009 Professional Welders Competition; and more than 100 conferences, seminars, professional programs, and technical sessions. The 2010 show, scheduled for Nov. 2-4, will be held in Atlanta. For more information. The FABTECH International & AWS Welding Show, including METALFORM, is cosponsored by the American Welding Society (AWS), Miami, Fla.; Fabricators & Manufacturers Association Int’l (FMA), Rockford, Ill.; Society of Manufacturing Engineers (SME), Dearborn, Mich.; and Precision Metalforming Association (PMA), Independence, Ohio.


27/09

(EXHIBITION - FIERE)

FABTECH

Il successo della FABTECH mostra la strada per il Settore Industriale L'industria manifatturiera è abbastanza viva, buona ed ottimista sul suo futuro, sulla base dell'interesse, del business e del traffico agli stand che si sono visti durante la FABTECH International & AWS Welding Show, con inclusa la Metalform. Circa 25.000 visitatori provenienti da oltre 90 paesi hanno visitato il McCormick Place a Chicago per scoprire, valutare ed acquistare tecnologie di produzione e soluzioni innovative. L'evento annuale è la fiera più grande del Nord America dedicata a mostrare una gamma completa di macchine per la formatura dei metalli, per la produzione, per lo stampaggio, per tubi e condotte, e per le attrezzature per la saldatura e i software. Sono stati utilizzati quasi 400.000 metri quadrati di spazio stand, i quattro giorni di esibizione hanno avuto come protagonisti 1.083 espositori e più di 500 nuovi prodotti. "Abbiamo già ricevuto un feedback molto positivo sulla manifestazione sia dagli espositori sia dai partecipanti, ed abbiamo avuto una presenza di persone provenienti da ogni continente del mondo", ha detto Giovanni Catalano, co-manager della FABTECH. "Gli espositori ci hanno comunicato la loro soddisfazione sulla quantità e la qualità dei partecipanti che hanno visitato il loro stand, ed i partecipanti hanno espresso il loro entusiasmo nel vedere i progressi più recenti in attrezzature, prodotti e servizi." "La mostra di quest'anno ha un particolare accento su come i produttori possono usufruire del periodo di ripresa economica, e lo dimostra il fatto che i seminari sono stati molto popolari e ben frequentati,"

ha dichiarato Mark Hoper, co-manager della FABTECH. "Pensiamo che le cifre della partecipazione alla fiera mostrano un segnale positivo che la produzione, la costruzione e l'energia - gli indicatori chiave di una economia - hanno la volontà e la prospettiva di un'economia migliore." Nel corso della manifestazione, migliaia di acquirenti da saldatori a manager ad ingegneri o proprietari di azienda hanno visitato le sale dello show. "Lo spettacolo è stato ottimo per noi," ha detto William Hildebrand, direttore dello sviluppo del mercato per Jancy Engineering. "E 'chiaro che FABTECH è l'evento di settore per la saldatura e la produzione". "Quando le porte si sono aperte alle ore 11 di Domenica, abbiamo avuto i clienti in attesa, e siamo stati impegnati sin da quel momento", ha continuato Hildebrand. "Abbiamo avuto tre nuovi prodotti da presentare, e se avessimo perso l'esposizione a questa manifestazione, ci sarebbero voluti mesi per dare le informazioni ai nostri clienti. Le richieste che abbiamo ricevuto

sono stati qualificate, e ora la nostra sfida è quella di trasformarle in vendite". Un partecipante ha anche condiviso un' esperienza positiva. "La gente comincia a spendere i soldi adesso," ha affermato Steve Slawta del Midwest Imperial Fabricators Steel in Whitestown, Ind. "Stiamo cercando di aggiornare, per vedere cosa possiamo fare per migliorare la nostra azienda, in modo che possiamo rimanere competitivi". Lo show 2009 ha incluso la prima mostra ufficiale Metalform che ha mostrato innovazioni nella tecnologia dello stampaggio. Lo spettacolo includeva anche alcuni punti che hanno affrontato le migliori pratiche per la fiorente, in tempi difficili, ricerca sulle energie rinnovabili derivanti dal vento e dal sole; sessioni di miglioramento delle imprese, la Competizione 2009 dei Saldatori Professionali, e più di 100 conferenze, seminari, programmi professionali, e sessioni tecniche. La mostra 2010, prevista per il 2-4 novembre, si terrà ad Atlanta. L'International FABTECH & AWS Welding Show, tra cui Metalform, è co-sponsorizzato dalla American Welding Society (AWS), Miami, Florida; Fabricators & Manufacturers Association Int'l (FMA), Rockford, Illinois; Society of Manufacturing Engineers (SME) , Dearborn, Michigan, e Precision Metalforming Association (PMA), Independence, Ohio.

59


27/09

MEWAG

Teralus 170 S from MEWAG „If you know what you do, you can do what you want“ Once again Mewag Maschinenfabrik AG has set a cornerstone in the tube bending world. The TERALUS 170 S can now be presented to the public. Mewag has developed and produced tube and profile bending machines for about 60 years. Already then MEWAG set themselves apart from competitors by supplying all axes that were important to reach the required bending accuracy with electrical drives. In the past few years, mechanical engineering companies had to satisfy increasingly high quality requirements. MEWAG, the manufacturer with the longest experience in the manufacture of electrically driven bending machines, has applied this knowledge successfully to the new machine concept. The Gigalus 170 S, which was developed in cooperation with ThyssenKruppStahl AG, was the first machine to which this bending technology was applied. The tube and profile bending machine bends tubes up to 170 mm electrically with the rotary-draw bending, free-form bending and rotating bending technique. The machine’s high rigidity allows the bending of large diameters with thin tube walls, tight radii as well as bends on bends or free-form bending with highest quality and repeat accuracy. The market’s requirements are constantly increasing. Machines must be able to produce high quantities with highest repeat accuracy at maximum machine availability.

60

A cura di: Miss Beatriz Perroud

MEWAG’s technology and know-how makes the impossible possible. The TERALUS 170 S is an enhancement of the wellknown Gigalus 170 S. The TERALUS 170 S has a new design, a new way of power transmission and a modular structure. This combination has many advantages - not only with respect to bending results but also concerning ergonomic aspects. The bending sequence of the Teralus 170 S was optimized and adjusted to the latest technological findings. To change from one level to another within the bending cycle, the tube is moved vertically while the bending head is only moved horizontally. Due to this technology, the TERALUS 170 S could be designed with a very stable machine structure for bending large tube diameters. Thus MEWAG launches a machine that combines the stability of a big machine with the operator convenience of a small machine. Customized manufacture of machines The MEWAG Teralus line can be equipped and combined with different components and options depending on customers’ requests and their field of application. The length of tubes, single- or multi-level


27/09

(BENDING - CURVATURA) bending machines, left- or right-hand bending can thus be selected freely. Latest technology makes it possible... 16 servo axes guarantee complete command of the bending process. The power and speed of each individual machine movement can be programmed. Thus the machine can carry out all bending requirements with highest precision. As all movements and set-up parameters can be programmed, the bending process is absolutely independent of temperature fluctuations (of hydraulic systems) or mechanical settings made by the machine fitter. The design allows it... The TERALUS 170 S is patent pending! The structure of the bending head and machine base has been optimized in such a way that an absolute stability of the supports of all components that are important for the bending process is ensured. Therefore, high rigidity is guaranteed even in case of highest counterforces that act against the bending template, clamping jaw, follow bar and wiper die. MEWAG has the solution! Separate drives for positioning and clamping Two separate drives each are used for the advance movement of the clamping device and the follow bar support. Positioning movements are carried out by means of an advance feed spindle, the

clamping force is created by a wedge gear. The advantage of this system is that enormous forces can be delivered due to the combination of advance feed spindle and wedge gear. This arrangement ensures that the advance feed positions remain fixed, which is vital when bending very tight radii and when having only short clamping lengths available. Modular construction of clamping unit and follow bar support Due to the arrangement of two guide systems that support each the advance feed slide on the bottom and on the top of the follow bar support, all torques are reduced to a minimum. Therefore, a compact but highly stable machine structure could be realized. Integrated follow bar support An integral factor for reaching the required stability is that the follow bar support is integrated in the machine base and is not flanged on as an additional component. Therefore, there is no room for elastic movements of the follow bar support. Gantry drive for advance feed carriage... Power and stability can also be found here. The tube advance feed carriage is driven by one drive on the top and one on the bottom. This arrangement guarantees high angular synchronous positioning stability without dynamic distortion of the machine base, regardless whether bending takes place in the bottom-most or in the top-most level. Self-contained bending head To avoid relative motions between bending template, wiper die, follow bar support and clamping device, all four main elements are secured by means of a stable crossbar. For a convenient exchange of tools, the crossbar is centered by means of conical elements and can be easily mounted and dismounted using a lifting tool. Operator convenience Considering the size of the machine, tools can be exchanged quite easily due to the well accessible machine stand and the deep working height.

61


27/09

(BENDING - CURVATURA)

Teralus 170 S da Mewag "Se sai quello che fai, puoi fare quello che vuoi" Ancora una volta la Mewag Maschinenfabrik AG ha messo una pietra miliare nella curvatura dei tubi nel mondo. La TERALUS 170 S può ora essere presentata al pubblico. Mewag ha sviluppato e prodotto piegatrici per tubi e profilati da circa 60 anni. Già da tempo la Mewag ha saputo distinguersi dai concorrenti, fornendo a tutti gli assi che sono stati importanti per raggiungere l'accuratezza richiesta nelle curvature utilizzando azionamenti elettrici. Negli anni scorsi, le società di ingegneria meccaniche hanno dovuto soddisfare requisiti di qualità sempre più elevati. La Mewag, il costruttore con la più lunga esperienza nella fabbricazione di macchine ad azionamenti elettrici per la piegatura, ha applicato questa conoscenza con successo al nuovo concetto di macchina. Il Gigalus 170 S, che è stato sviluppato in collaborazione

62

con ThyssenKruppStahl AG, è stata la prima macchina a cui questa tecnologia di curvatura è stata applicata. La piegatrice per tubo è in grado di curvare tubi fino a 170 mm di diametro elettricamente con curvatura a mandrino o per generazione. La rigidità della macchina consente la piegatura di grossi diametri del tubo con pareti sottili, stretti raggi così come si piega in curva o forme libere, con alta qualità, precisione e ripetibilità. Le esigenze del mercato sono in costante aumento. Le macchine devono essere in grado di produrre alte quantità con una precisione di ripetizione massima anche con un utilizzo della macchina al massimo. La tecnologia e il know-how della Mewag rende possibile l'impossibile. Il TERALUS 170 S è un miglioramento del ben noto Gigalus 170 S. La TERALUS 170 S ha un nuovo design, un nuovo modo di trasmis-

sione di potenza ed una struttura modulare. Questa combinazione ha molti vantaggi - non solo rispetto ai risultati di curvatura, ma anche per quanto concerne gli aspetti ergonomici. La sequenza di piegatura del Teralus 170 S è stata ottimizzata ed adattata alle più recenti scoperte tecnologiche. Per passare da un livello ad un altro all'interno del ciclo di piegatura, il tubo viene spostato in senso verticale, mentre la testa di piegatura è solo spostato orizzontalmente. Grazie a questa tecnologia, il TERALUS 170 S è progettato con una struttura molto stabile della macchina per la piegatura di tubi di grandi dimensioni. Così Mewag lancia una macchina che unisce la stabilità di una macchina grande con la praticità di una macchina di piccole dimensioni. Produzione personalizzata della macchina La linea Teralus della Mewag può essere equipaggiata e combinata con diversi componenti ed optional a seconda delle richieste dei clienti o del loro campo di applicazione. Può quindi essere selezionata liberamente la lunghezza del tubi, la curvatura singola o multi-livello, la curvatura sinistra o destra.


(BENDING - CURVATURA) L'ultima tecnologia rende possibile... 16 servo assi garantiscono il comando completo del processo di piegatura. La potenza e la velocità di ogni singolo movimento della macchina può essere programmato. In tal modo la macchina può soddisfare tutte le esigenze di piegatura con la massima precisione. Poichè tutti i movimenti e i parametri possono essere programmati, il processo di piegatura è assolutamente indipendente da variazioni di temperatura (di sistemi idraulici) o dalle impostazioni di meccanica da parte dell’operatore. La struttura permette di... Il TERALUS 170 S è in attesa di brevetto! La struttura della testa di piegatura e la base della macchina sono state ottimizzate in modo tale che sia assicurata un’ assoluta stabilità dei supporti di tutti i componenti che sono importanti per il processo di piegatura. Pertanto, un’elevata rigidità è garantita anche in caso di più forze contrarie che agiscono contro la flessione del tubo, sul bloccaggio o sulle morse. Mewag ha la soluzione! Unità separate per il posizionamento e il bloccaggio Due unità distinte vengono utilizzate per il movimento anticipato del dispositivo di bloccaggio e il posizionatore del tubo. I movimenti di posizionamento vengono effettuati per mezzo di un mandrino, la forza di bloccaggio è stata creata da un cuneo. Il vantaggio di questo sistema è che le forze possono essere garantite grazie alla combinazione del mandrino e del cuneo. Questo accordo assicura che le posizioni restano fisse, che è fondamentale quando i raggi di curvatura sono molto stretti e quando hanno un solo breve bloccaggio disponibile.

Costruzione modulare delle unità di bloccaggio e del braccio posizionatore Grazie alla disposizione dei due sistemi di guida che supportano ogni movimento sia longitudinale sia verticale tutte le coppie sono ridotte al minimo. Pertanto viene realizzata una struttura compatta ma molto stabile. Supporto integrato del braccio Un fattore integrante per raggiungere la stabilità necessaria è che il braccio posizionatore sia integrato nella base della macchina e non è flangiato come un componente aggiuntivo. Pertanto, non c'è spazio per i movimenti elastici del posizionatore. Un posizionatore integrato per l’avanzamento del tubo.... Potenza e stabilità possono essere trovate anche qui. L’avanzamento del tubo è guidato da una guida sulla parte superiore ed una sulla parte inferiore. Tale accordo garantisce elevata stabilità di posizionamento angolare sincrono senza distorsione dinamica della base della macchina, indipendentemente se la piegatura si svolge nel livello più basso o in uno più alto. Testa di piegatura contenuta Per evitare movimenti relativi tra il modello di piegatura, le morse, il posizionatore e il dispositivo di bloccaggio, tutti e quattro i principali elementi sono protetti per mezzo di una traversa stabile. Per uno scambio conveniente di attrezzature, la traversa è centrata per mezzo di elementi di forma conica e può essere facilmente montata e smontata usando uno strumento di sollevamento. Convenienza per l’operatore Considerate le dimensioni della macchina, le attrezzature possono essere scambiate facilmente grazie alla posizione facilmente accessibile.


27/09

COMBILIFT

Combilift’s 10,000th Truck Delivered Combilift Ltd, the world’s leading supplier of 4-way forklifts, celebrated another milestone in June when the 10,000th machine to roll off its production lines in Monaghan was delivered to Weyerhaeuser, the world’s leading manufacturer of engineered lumber products. Truck number 10,000 will be working at Weyerhaeuser’s Parallam Mill in Annacis Island near Vancouver, and it was officially handed over to Chuck Antonides, Weyerhaeuser’s Director of Lean Processes, by Combilift USA’s President Tommy Cadden. It is also the first 10 tonne capacity Combilift to be operational at a Weyerhaeuser site. The majority of Weyerhaeuser’s products are oversized loads which can be as long as 20m, and having identified the Combilift 4-way concept as the answer to handling such challenging products, it now operates 130 Combilifts across its sites in North America. The trucks play a key role in the company’s commitment to the safest material handling procedures and excellent productivity, and were designed specifically for Weyerhaeuser’s requirements. Combilift MD Martin McVicar: “Weyerhaeuser’s case exemplifies how customer feedback from the wide variety of industry sectors we supply has been instrumental in helping us to continually improve the

A cura di: Miss Liz Townsend

Combilift concept, to become the world’s largest supplier of long-load handling equipment.” “Product development was based on close collaboration between the two companies, with Combilift acting constantly and quickly on feedback from Weyerhaeuser personnel,” says Tommy Cadden. “Chuck Antonides visited our manufacturing facility in Ireland on a number of occasions to liaise with the management and engineers. Within a six month time frame from August 2007 to January 2008, Combilift designed, built and delivered the first of the Weyerhaeuser 6 tonne units and throughout 2008 Weyerhaeuser ordered and took delivery of a total of 108 of these models. A raft of features designed to ease the handling of extreme loads and to make life easier for drivers are integrated into both Weyerhaeuser’s models, such as a larger operator cab, containers for tools fixed to the body of the truck, and an integrated side shifting mast which caters for the varying dimensions of product. Combilift’s customised approach has proved to be such a success that Weyerhaeuser has embarked on a program to phase out all other types of conventional forklifts at its distribution centres and replace them with Combilift models.

Left: Chuck Antonides, Weyerhaeuser's Director of Lean Processing. Right: President of Combilift USA Tommy Cadden. A sinistra: Chuck Antonides, direttore Weyerhaeuser dei Processi. A destra: Il Presidente della Combilift USA Tommy Cadden.

64


(LIFT TRUCK - CARRELLI ELEVATORI)

Combilift ha raggiunto quota 10,000 carrelli venduti Combilift Ltd, il leader mondiale di carrelli elevatori, ha celebrato un altro importante traguardo quando la macchina n° 10,000 delle sue linee di produzione in Monaghan è stata consegnata alla Weyerhaeuser, leader mondiale nei prodotti di legname. Il carrello elevatore n° 10.000 lavorerà alla Weyerhaeuser Parallam's Mill nell’ Isola Annacis vicino a Vancouver, ed è stato ufficialmente consegnato a Chuck Antonides, direttore dei processi alla Weyerhaeuser, dal Presidente della Combilift negli Stati Uniti Tommy Cadden. Questo carrello è anche il primo con 10 ton di capacità ad essere operativo in un sito Weyerhaeuser. La maggior parte dei prodotti Weyerhaeuser sono carichi di grandi dimensioni che possono essere lunghi fino a 20 m, e dopo aver individuato il concetto Combilift 4way come la risposta alla movimentazione di tali prodotti, ora si possono trovare un totale di 130 carrelli Combilift nei suoi siti in Nord America. I carrelli hanno un ruolo chiave nell'impegno della società per far si che la movimentazione del materiale sia più sicura e per ottenere delle procedure di gestione con produttività eccellente. Alcuni carrelli sono tati progettati specificamente per le esigenze della Weyerhaeuser. Il Direttore della Combilift Martin McVicar dice: "Il caso Weyerhaeuser esemplifica come il feedback dei clienti sulla grande varietà dei settori industriali che forniamo è

stato determinante per aiutarci a migliorare continuamente il concetto di Combilift, per diventare il più grande fornitore al mondo di attrezzature per la movimentazione dei carichi lunghi". "Lo sviluppo del prodotto è basato su una stretta collaborazione tra le due società, Combilift agisce costantemente e rapidamente sul feedback da parte del personale della Weyerhaeuser", dice Tommy Cadden. "Chuck Antonides ha visitato il nostro impianto di produzione in Irlanda per una serie di occasioni per mettersi in contatto con il management e gli ingegneri. Entro un arco di sei mesi, dall'agosto 2007 al gennaio 2008, Combilift ha progettato, costruito e consegnato la prima delle unità Weyerhaeuser con capacità di 6 tonnellate e per tutto il 2008 la Weyerhaeuser ha ordinato ed ha ricevuto la consegna di un totale di 108 di questi modelli. Una serie di funzionalità progettate per facilitare la movimentazione di carichi estremi e per rendere la vita più facile per i guidatori sono integrate nei modelli Weyerhaeuser, come pure una cabina più spaziosa, contenitori per strumenti fissati al corpo del mezzo, e uno spostamento laterale integrato che permette di movimentare prodotti con dimensioni variabili. L’ approccio su misura della Combilift ha dimostrato di essere un tale successo che Weyerhaeuser ha avviato un programma di eliminazione graduale di tutti gli altri tipi di carrelli elevatori convenzionali presso i suoi centri di distribuzione e di sostituirli con modelli Combilift.


NE WS

latest news from the world ultime novità dal mondo NEWS

Daimler to shift C-Class production to Alabama Daimler AG, the world’s second largest maker of luxury cars is to shift production of its best-selling Mercedes-Benz-C-Class from Germany to Alabama in the United States. The Sindelfingen plant, close to Stuttgart, will cease production after more than 25 years leaving Bremen as the sole production plant for the model in the country. The unions are furious. Erich Klemm is chair of the works council: “This is a bad decision for Daimler, a bad decision for Sindelfingen and Germany, because a decision has been made, which could have knock affects for suppliers.” The Tuscaloosa site is Daimler’s only factory in North America and will begin production of a new model in 2014. Job cuts are the talk of the town. Jörg Howe is Daimler’s spokesperson: “We assume that there won’t be any redundancies due to business operations. We have identified some 1,800 employees who are affected and we have firm alternative employment offers for all of these 1,800.” Daimler claims it will save 2,000 euros per car by moving out of Germany as the company continues to cut costs. It is looking to save as much as 5 billion euros this year alone. German workers are planning a protest rally on December the 9th. Daimler chiude lo stabilimento della Classe C In Germania Stop alla produzione della Mercedes Classe C in Germania. Un annuncio choc fatto dalla Daimler che ha deciso la chiusura dello storico impianto di Sindelfingen per trasferire la produzione nello stabilimento situato in Alabama. Obiettivo è approfittare della debolezza del dollaro e ridurre la propria dipendenza dalle fabbriche tedesche. “E’ una decisione pessima per Daimler, per Sindelfingen e per tutta la Germania, dice il resposabile del comitato d’impresa, senza dimenticare l’impatto negativo sull’indotto” Un trasferimento di attività che significa perdita del posto per i dipendenti, un’eventualità esclusa dal portavoce di Daimler. “Cio che possiamo garantire che i mille ottocento lavoratori dello stabilimento saranno ricollocati: abbiamo proposte interessanti per ognuno delle mille ottocento persone”. Secondo quanto precisa un comunicato della casa automobilistica, la fabbrica di Tuscaloosa, l’unica della Daimler in Nordamerica, produrrà la vettura a partire dal 2014, quando una nuova versione della Classe C sarà introdotta sul mercato.

NEWS

GM’s Henderson walks after a failed eight months Fritz Henderson has resigned his post as Chief Executive of General Motors after just eight months behind the wheel. Company directors agreed that the 51-year-old had not done enough to repair company finances. Henderson’s time in charge saw failed deals to sell off Opel, Saturn and Saab, an inability to bring in fresh faces and market share losses in the US. Ed Whitacre GM chairman: “I would like to have the opportunity to assure all our employees, our dealers, our suppliers, our union partners, and most of all our customers that GM’s daily business operation will continue as normal”. Many believe that Henderson, the right hand man of former chief executive, Rick Wagoner, was too old guard to handle the challenges post financial crisis. Meanwhile its emerged that the Dutch luxury car maker Spyker, is in talks with GM over the possible purchase of Saab. Spyker produced 43 cars last year, which sell for a minimum of 200,000 euros each, said it was interested in the arm, but refused to say whether it had put in a bid. Cambio della guardia al vertice di General Motors Nuovo terremoto ai vertici di General Motors: l’amministratore delegato Fritz Henderson si dimette. In attesa di trovare un sostituto, il suo incarico sara’ provvisoriamente assunto dal presidente Ed Whitacre. La mossa a sorpresa è un nuovo importante passo verso un cambio radicale di Gm dopo l’uscita dal processo di bancarotta. “La mia nomina, dice Whitacre, è una garanzia per tutti i lavoratori, i fornitori, i rappresentanti sindacali e i clienti. Le attività della General Motors vanno avanti normalmente” Le dimissioni di Henderson sono state accettate dal consiglio di amminsitrazione, che ha deciso di prendere tempo prima di decidere in via definitiva il futuro di Saab. Il board ha reso noto di aver ricevuto manifestazioni di interesse per il marchio svedese: ‘‘le potenziali offerte ricevute da qui alla fine di dicembre’‘ saranno esaminate. Se le offerte non saranno adeguate, Gm si legge in un comunicato ‘‘procedera’ all’ordinata chiusura’‘ del marchio svedese

NEWS

Prices in the Euro Zone rise indicating recovery Consumer prices in the Euro zone have gone up for the first time in seven months, led by jumps in energy costs as the economy shows signs of recovery. Prices in the 16 nations that use the euro rose by 0.6 per cent from last year. The increase is just above what economists expected. However, companies continue to reduce costs and cut jobs to increase revenues. Euro Zona: a novembre torna l’inflazione Dopo sei mesi col segno meno, a novembre l’inflazione nella zona euro torna in terreno positivo: +0,6%, secondo la stima flash di Eurostat. Ad ottobre si era attestata a -0,1%. l’indice dei prezzi al consumo di Eurolandia torna dunque ai livelli dello scorso aprile. Il dato definitivo del mese di novembre sarà diffuso dall’ufficio europeo di statistica il prossimo 16 dicembre.



RIVISTA 27