Issuu on Google+

n° 7

Quattordicinale Fortnightly - Anno XIV - Venerdì 8 Aprile 2011

HOTEL D’INGHILTERRA, ROMA

Tra fascino e complessità pagina 3

WELLNESS

REVENUE MANAGEMENT

Valore aggiunto per il benessere

Mettere in pratica la teoria

pagina 7

pagina 8

®

Opportunità di Lavoro • Incontro Domanda ed Offerta • Informazione • Nel campo del Turismo in Italia ed all’Estero • Alberghi - Villaggi Turistici - Ristoranti - Bar - Compagnie Aeree - Catering Marittimo, Aeroportuale, Ferroviario e tutto quanto fa turismo • Agenzie Viaggi/T.O. • Opportunità Aziende cessioni e rilievi

40 anni, pluriennale esperienza

C&E Operations Coordinator

in Italia e all´estero. Capacità

presso albergo di lusso a

decisionali

Roma.

DIRETTORE/CONSULENTE,

ed

organizzative.

Hotel Poseidon Positano (Sa)

Ottime conoscenze informatiche e delle lingue. Strategie di

Il

marketing ed ottimizzazione dei

maturato

candidato

ideale

fabbisogni. Serietà, affidabilità

esperienze

e bella presenza. Disponibile

posizione,

solo per Roma.

predisposizione

ha

precedenti in

analoga proattivo/a, al

team

working. Ottima conoscenza

Per contatti:

della lingua inglese.

director10@tiscali.it

hr.rome@hilton.com

Tel. 345 9636940

La Rocco Forte con inserimento immediato presso il Verdura Golf & Spa Resort di Sciacca ricerca: •

CONFERENCE & BANQUETING COORDINATOR

È richiesta un’esperienza pluriennale

in strutture 5* L .

hotel,

e s p e r i e n z a internazionale direttore Best

Western,

E-F-D-I,

lingue

rilancia

e

effettua nuove aperture

possesso di un’ottima conoscenza almeno della lingua inglese. Ha esperienza sia nel settore F&B che nel settore vendite.

Piccola struttura alberghiera ****

Inviare c.v. e referenze a:

nel Chianti cerca per la stagione

hr.verdura@roccofortecollection.com

CHEF DE RANG/2° MAITRE

Concierge assistant

È richiesta esperienza in ambienti di pari livello e la conoscenza della lingua inglese. GHMT www.ghmt.it management company per:

Inviare CV corredato di foto e di autorizzazione al trattamento dei

la prestazione:

all’ind. E-mail:

dati personali (D.Lgs 196/2003)

HOTEL BEST WESTERN SIRACUSA - Siracusa DONNA LUCATA RESORT – Marina di Ragusa ricerca DIRETTORE GENERALE per la gestione di entrambe le strutture con coinvolgimento operativo su tutto l’anno.

info@villacasalecchi.it

DIRETTORE 42 enne, dinamico e motivato

N° di cellulare: 336 653125

HOTEL SANPI MILANO 4****

con pluriennale esperienza in

in centro a Milano

hotel di livello, esperto yield e

zona Porta Venezia

revenue management, anche budgeting e reporting per i

cerca

segmenti di mercato. Ottime

1 SEGRETARIO

capacità relazionali, alto senso

DI RICEVIMENTO

di responsabilità, spiccate doti organizzative, cerca nuova sfida professionale. Tel. 338 3544680 e -mail: managermilano@libero.it

Villa Sant’Andrea Taormina mare

2011 (Apr.-Ott)

Italia-Estero fatturando

www.renatoferrauto.com

pagina 15

Il candidato ideale dinamico e con spirito di iniziativa è in

Possiede ottime capacità di negoziazione.

Titolare

Varie Figure

TURNANTE

referenziato, bella presenza conoscenza lingue Inviare Cv

Profilo del candidato DIRETTORE GENERALE (per entrambe le strutture)  Si valutano candidati di sesso maschile o femminile in età compresa tra i 30 e 45 anni.  Il candidato deve avere maturato una significativa esperienza di direzione alberghiera sia in ambito hotel business che resort.  Il candidato deve avere competenze alberghiere che vanno dalla vendita al controllo di gestione e dalla gestione delle risorse umane alla conoscenza operativa dei reparti room division e ristorazione.  Il candidato, dovendosi relazionare sia con GHMT che con la Proprietà dei due hotel, deve avere ottima comunicatività e capacità diplomatica.  Il candidato deve avere forte personalità e deve essere una persona proattiva, abituata a risolvere autonomamente i problemi lavorando per obiettivi in contesti aziendali a volte destrutturati.  Si richiede buona conoscenza dei sistemi applicativi office e della lingua inglese.  Costituisce titolo fortemente preferenziale il fatto di essere residente in Sicilia. Si offrono contratto di lavoro annuale, vitto e alloggio. Spedire Curriculum Vitae via mail ad Andrea Cigarini con foto allegata al seguente recapito:

e-mail: troisi@hotelsanpimilano.it fax 02 29402451 no alloggio

e-mail: giada.solazzi@ghmt.it web site: www.ghmt.it

pagina 16

Gestione/Vendita Camping Lago Trasimeno

pagina 10

JOB

IN

TOURISM®

Via F. Carcano, 4 - 20149 Milano Tel. 02 48519477 - 02 43980431 Fax 02 48025154 e-mail: info@jobintourism.net www.jobintourism.it ASSOCIATO ALL’UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA

2

Venerdì 8 Aprile 2011

EDITORIALE

APPROFONDIMENTI Focus sulla nuova frontiera delle strategie di ottimizzazione delle aree meeting

Space control management

«Ghe pensi mi» e il turismo Migliorare il margine di profitto per metro quadrato DI

ANTONIO CANEVA

Mentre il mondo ha scelto questo momento per porci quesiti ai quali non riusciamo a dare risposta (reattori nucleari in Giappone, sommovimenti in Medio Oriente, bombardamenti in Libia), in un clima da «ghe pensi mi» (ricordate Tino Scotti?), ci si domanda come sarà la prossima stagione estiva. La Sicilia e la Puglia, le due regioni meridionali con il maggiore potenziale di crescita turistica e, attualmente, la maggiore progettualità, sono in crisi per lo sbarco di nordafricani e, anche qui, le situazioni sono incerte e difficili. Le notizie ufficiali di questi giorni tendono a un cauto ottimismo: il deficit pubblico inferiore al previsto, la disoccupazione scesa dall’8,7% all’8,4%, l’economia Usa che sembra si stia rimettendo più velocemente, non soddisfano appieno però le aspettative di una solida ripresa economica. Ho fatto una breve ricognizione (senza nessuna pretesa scientifica) tra operatori del turismo in varie parti d’Italia e il quadro che ne ho ricavato è che le aziende, più che in attesa di pronti miglioramenti, si siano abituate a convivere con uno stato di incertezza. Ora si è concentrati sulle elezioni amministrative ma, al di fuori delle località con un’economia prevalentemente turistica, il turismo non risulta centrale in nessuna proposta e in questa ottica non c’è da meravigliarsi poi se il settore non riesce a sviluppare appieno le proprie potenzialità. Abbiamo il ministero del turismo, è vero, ma anche una promozione molto carente con un sito imbarazzante: provate per esempio a digitare www.italia.it/it/ idee-di-viaggio/benesseree-salute.html (la pagina che illustra le località termali sul sito ufficiale del ministero italia.it) e troverete, dopo una breve descrizione, la frase: «L’Italia ha una offerta molto ricca di località termali. Per informazioni: www.termeitaliane.com». Visitatelo, da brivido! I vari messaggi di crisi provenienti dall’esterno favoriranno il turismo interno? Probabilmente, per certi aspetti è prevedibile, ma è certo ugualmente che il turismo necessita di serenità e, in questo periodo, questo è un elemento di cui si avverte proprio la mancanza.

DI

MARCO BEAQUA

I

n principio erano i posti sugli aerei, poi si sono aggiunte le camere degli hotel e ora gli spazi congressuali. La parabola del revenue management è ancora in fase ascendente ed è probabile che, nel prossimo futuro, questa tecnica verrà ulteriormente estesa anche al comparto food and beverage e ad altri settori dell’industria dell’ospitalità. «E noi stiamo lavorando proprio in questa direzione», racconta il direttore didattico dell’International hospitality management academy (Ihma), José Roblès. «Io me ne occupo dalla fine degli anni 1990, quando proprio l’applicazione del revenue management al comparto congressuale fu l’oggetto di una mia tesi per il conseguimento del Master in business administration (Mba) presso la Scuola internazionale dei dirigenti alberghieri in Francia. Non solo: nell’ottobre dell’anno scorso è uscito uno studio in materia della prestigiosa Cornell University, che ha sottolineato come uno dei possibili sviluppi futuri del revenue management sia proprio nel settore dei meeting». I vantaggi dello space control management, questo il nome della nuova disciplina, sono peraltro molto simili a quelli che il revenue management già apporta alla commercializzazione delle camere: «Una maggiore aggressività sul mercato, grazie a strategie tariffarie flessibili, e la possibilità di prendere decisioni estremamente efficienti, per mezzo di una più precisa consapevolezza del rapporto costi-benefici». Le differenze, invece, riguardano soprattutto l’obiettivo dell’ottimizzazione: «Nel caso delle camere alberghiere», riprende Roblès, «si ragiona in termini di fatturato per stanza disponibile; per gli spazi congressuali, l’attenzione è concentrata sul contributo per metro quadrato.

José Roblès

Un master executive per professionisti dell’hôtellerie WWW.IHMA.IT

Fornire una preparazione di livello internazionale nel management e nella gestione alberghiera, atta a formare professionisti con elevate competenze tecniche e in grado di accedere velocemente a posizioni direttive. È questo l’obiettivo dell’Executive master in international hotel & tourism management, organizzato dall’Ihma e in partenza a gennaio 2012. «Il progetto è frutto di una precisa richiesta del mercato», specifica José Roblès. «Negli scorsi mesi abbiamo, infatti, ricevuto molte domande in questa direzione da parte di numerosi operatori alberghieri, desiderosi di poter accedere a un programma formativo appositamente pensato per i ruoli executive». Creata e gestita solo da professionisti dell’hôtellerie internazionale, con l’attiva collaborazione di prestigiose aziende italiane e internazionali e il patrocinio di istituzioni come Confindustria Aica, ManagerItalia, la European hotel managers association (Ehma), l’Associazione direttori d’albergo (Ada) e l’Associazione vice direttori e capi ricevimento di alberghi 4 e 5 stelle (Aicr), l’Ihma vanta un comitato scientifico di assoluta eccezione, di cui fanno parte il direttore del Principe di Savoia di Milano, Ezio Indiani, il direttore generale del Villa d’Este di Cernobbio, Jean Marc Droulers, il general manager del Park Hyatt di Milano, Claudio Ceccherelli, il direttore generale Sol Melià Italia, Palmiro Noschese, e Johanna Fragano, managing director dell’hotel Quirinale di Roma. Dotata della certificazione di qualità Iso 9001La ragione è semplice: il giro d’affari generato dall’affitto delle aree meeting è il frutto di tante voci di entrata differenti, con ricavi molto variabili. È possibile, per fare solo un esempio, che la locazione di una sala per un pranzo generi un margine di profitto di appena il 40%, mentre l’affitto del medesimo spazio per un meeting garantisca ben l’80%. È chiaro, perciò, che le strategie tariffarie non possano non tenere conto di tali differenze». A complicare il tutto, l’assenza di strumenti informatici ad hoc, che per gli altri ambiti di applicazione del revenue management invece oggi abbondano. «Il difficile, in realtà, è partire», riprende Roblès. «È la fase di impostazione quella più complicata, poi basta seguire lo schema predisposto. Certo, questa tecnica non fornisce indicazioni precise in senso assoluto. Ma ciò è vero anche per le applicazioni del revenue management alle camere e ai posti a bordo di un aereo: è un po’ come un altimetro, che, invece di indicare l’altezza esatta, informa il pilota a quale quota minima debba volare». Per ora, sottolinea Roblès, ancora nessun albergo o catena si serve continuativamente delle strategie di space control mana-

2008 per l’erogazione di master di alta specializzazione e di quella dell’Associazione italiana formatori, l’Ihma utilizza una metodologia didattica basata sul metodo di apprendimento active-learning: «L’apprendimento teorico, in altre parole», specifica sempre Roblès, «viene messo in pratica quotidianamente, con l’ausilio di strumenti realmente utilizzati nelle aziende internazionali del settore, attraverso numerose esercitazioni che rispecchiano concrete situazioni operative». L’executive master, in particolare, ha una durata di 42 giornate d’aula, a Roma, proposte esclusivamente il fine settimana, per un periodo di dieci mesi, eventualmente seguito da uno stage in Italia o all’estero di sei mesi, per i candidati che ne faranno richiesta. L’accesso al corso, riservato a professionisti in attività e ai proprietari di strutture ricettive, è a numero chiuso, per un massimo di 20 partecipanti, e prevede il superamento di una prova di selezione. I candidati devono avere almeno 28 anni di età e cinque anni di esperienza professionale nel settore, nonché possedere la padronanza delle lingue italiana e inglese e dell’uso del pacchetto Office. Il programma è studiato al fine di affrontare in maniera approfondita tutti gli ambiti del management e della gestione di una struttura alberghiera e turistica moderna, con più di 15 aree di specializzazione. «Molti dei moduli proposti», conclude Roblès, «sono unici in Italia, in modo da garantire ai partecipanti lo sviluppo di una serie di competenze tecniche differenzianti. Per esempio, siamo il solo istituto in Italia a proporre seminari di space-control management».

provando a introdurla nelle strutture in cui hanno effettuato i propri stage e sono stati poi assunti. Anche perché l’ottimizzazione tariffaria, sia per le camere sia per le aree meeting, è un obiettivo comune a qualsiasi hotel: che abbia solo 30 camere Uno spazio congressuale: la meeting room e una piccola dell’Unaway hotel Occhiobello sala congressi, oppure dispongement, «ma i ragazzi, che hanga di centinaia di stanze e di no partecipato alle scorse edi15 mila metri quadrati di spazi zioni dei nostri master, stanno meeting».

SONDAGGIO DI JOB IN TOURISM Pubblichiamo l'esito del sondaggio predisposto la settimana scorsa nel nostro sito jobintourism.it. Il quesito era il seguente: La stagione turistica della Sicilia, e di parte del Sud Italia, rischia di subire un brusco trauma a causa della recente situazione geopolitica. Quali «ricette» per tamponare questa grave situazione? 1) Sarà necessario un sostegno economico del governo; la stagione è già persa: 52% 2) Bisognerà giocare tutto sulla leva prezzo con offerte a basso costo: 9% 3) Si dovrà comunicare bene e far percepire che, in realtà, non ci sono pericoli: 39% Commento: le valutazioni dei votanti oscillano tra il pessimismo e la necessità di una buona comunicazione; circostanza quest’ultima che però non ci pare nelle corde dell’ente preposto.

Venerdì 8 Aprile 2011

P R OTAG O N I S T I

3

Gestire un hotel storico: sfide e opportunità per un offerta di ospitalità del lusso

Tra fascino e complessità

Un concept upscale legato a esperienze esclusive e su misura MASSIMILIANO SARTI

deciso di accettare l’incarico. Perché ià foresteria di Palazzo significa affrontaTorlonia, l’attuale hotel re tutta una serie d’Inghilterra, una struttura di piccole difficoltà di 89 camere del gruppo Royal quotidiane che un Demeure situata nel cuore di hotel nuovo non Roma a pochi passi da via dei comporta. Qui da Condotti, si può dire che vannoi, intervenire a ti da sempre una vocazione livello infrastrutall’ospitalità: fin dalle sue returale vuol dire mote origini cinquecentesche, chiudere l’albermolto prima della pur antica go per minimo 18 trasformazione in albergo rimesi. E anche solo salente al 1845. Il suo nome per cambiare il cosingolare è poi frutto delle lore delle camere celebri frequentazioni di poeti occorre una lunga e scrittori anglosassoni che vi serie di passaggi burocratici e soggiornarono ai primi dell’Otdi permessi, che rende l’opetocento: Lord Byron, John razione molto più complicata Keats e Percy Bysshe Sheldi quello che potrebbe appaley. Una tradizione di celebririre. Ma, soprattutto, gli spazi tà artistiche, non sono stati che è peraltro concepiti fin proseguita andall’inizio per che negli anni essere queldi attività dello li di un hotel stesso albergo, contemporacon la presenza neo. Da noi, di personaggi per esempio, del calibro di le cucine sono Italo Calvisu due piani: no, Ernest il numero di Hemingway, persone necesFranz Lizst, sarie a tenere Mark Twain e il ristorante Giuseppe Unaperto ed effigaretti, nonciente, tutti i ché delle star giorni dalle 8 hollywoodiane alle 23, è perRichard Burciò nettamenGiampaolo Padula ton, Gregory te superiore a Peck e della recentemente quello che occorrerebbe se la scomparsa Liz Taylor. «Gesticucina fosse disposta su un re una struttura di tale pregio singolo piano». storico è un impegno tanto afI vantaggi, però, sono altretfascinante quanto complesso», tanto considerevoli. «Proprio racconta Giampaolo Padul’originalità dei nostri spazi la, general manager dell’hotel contribuisce a rendere unica d’Inghilterra da agosto 2010. l’esperienza di un soggiorno «È un aspetto su cui ho rifletall’hotel d’Inghilterra», riprentuto fin dal momento in cui ho de Padula. «Il fatto di non aveDI

Chi è Giampaolo Padula

G

Il roof garden

re un’unica area comune, ma tanti piccoli spazi differenti, come il salottino rosso o quello bianco, tende a far sentire a casa propria l’ospite che si sofferma in albergo. Anche il nostro bar è davvero piccolo, non supera i 30 metri quadrati, ma è uno dei luoghi preferiti dai viaggiatori. E ciò anche grazie al livello del servizio, che gli ha permesso, tra l’altro, di entrare nell’esclusiva lista dei James Bond bar, stilata dall’associazione internazionale dedicata ai locali con i migliori cocktail Martini al mondo. E poi, incontrare un ospite di una famiglia prestigiosa e scoprire, come è capitato a me, che lui rappresenta la terza generazione di clienti dell’hotel d’Inghilterra è una sensazione davvero impagabile». I frequentatori dell’hotel capitolino appartengono, in effetti, a quel tradizionale mercato del lusso che da sempre fa di Roma una meta imprescindibile dei propri viaggi: «Americani, in primis, e poi inglesi e parecchi italiani», riprende Padula. «Molti esponenti dell’alta finanza internazionale e grandi protagonisti dell’economia

L’industria del turismo favorisce la parità di genere Il comparto dei viaggi e dell’ospitalità è un governativo. Ciononostante, ancora oggi le lavoraimportante veicolo di diffusione della parità tra trici del settore sono spesso impiegate in posizioni uomini e donne, anche se c’è ancora poco pagate, precarie e di scarsa molto lavoro da fare per raggiunqualificazione. Generalmente, gere un equilibrio reale tra i due inoltre, guadagnano tra il 10% e il sessi. È la sintesi di uno studio re15% in meno delle loro controparti centemente effettuato dall’Orgamaschili. nizzazione mondiale del turismo «Nei Caraibi, per esempio», (Unwto) e presentato in occasione spiega Gladys Acosta, direttodella fiera Itb di Berlino. Secondo re America Latina e Caraibi del il Global Report on Women in TouFondo delle Nazioni Unite per le rism, questo il nome del rapporto, donne (Unifem), «l’84% del lavoro, il numero di donne impiegate nel non pagato e di carattere familiasettore sarebbe, infatti, circa il re, dedicato all’industria turistica è doppio a livello globale rispetto a garantito proprio dalle donne». quello registrato in qualsiasi altro «Lo studio», le fa eco il segrecomparto economico. Non solo: il tario generale dell’Unwto, Taturismo offrirebbe alle lavoratrici leb Rifai, «sottolinea il ruolo anche notevoli possibilità di crecruciale della nostra industria scita professionale. Basti pensare nel creare opportunità politiche donne sono circa un quinto dei che, sociali ed economiche per Taleb Rifai ministri del turismo a livello monle donne. Allo stesso tempo rivediale: una percentuale di gran lunga superiore a la anche come rimanga ancora molto da quella riscontrabile in qualsiasi altro dicastero fare per ridurre il gap di genere nel mondo».

Già general manager del Caesar Augustus hotel di Capri, ultimo suo incarico prima di approdare all’hotel d’Inghilterra ad agosto 2010, Giampaolo Padula ha trascorso gli ultimi 12 anni della sua carriera professionale nel settore upscale del turismo, ricoprendo varie cariche direttive in strutture come il Lord Byron di Roma, il Windsor Court Hotel di New Orleans e il The Lodge at Vail in Colorado, negli Usa, nonché il De Vere di Swindon e il Lygon Arms di Broadway, nel Regno Unito. Nato a Roma, Padula si è laureato presso l’Ecole Hôteliere di Losanna, in Svizzera, per poi conseguire un master di business administration in international hospitality management presso l’inglese Nottingham Trent University.

A sinistra, l’hotel d’Inghilterra; a destra, dall’alto, il salottino bianco e quello rosso

mondiale: persone abituate a livelli di eccellenza assoluta, il cui concetto di lusso non è più, come poteva essere una volta, sinonimo di ostentazione e opulenza, quanto piuttosto di esclusività; qualcosa di estremamente raffinato e al contempo fatto sulla misura delle proprie esigenze e dei propri gusti: piccole cose, come leggere un libro coccolati dalle note della propria musica preferita, o come trovare in bagno un bouquet di menta e rosmarino, le proprie fragranze preferite, oppure ancora come scoprire un angolo di paradiso, un paesaggio indimenticabile, in un momento di intimità con sé o con le persone amate». Una questione di atmosfere, attenzioni e sfumature, insomma, che Padula, da sempre abituato a lavorare nel mondo del lusso, ha imparato a conoscere molto bene durante la propria carriera: «Lavorare a Roma, in una location metropolitana, è però molto diverso che gestire un resort in una destinazione turistica, come facevo a Capri nella mia esperienza immediatamente precedente. Lì gli ospiti erano abituati a rimanere più tempo in hotel e io, come direttore, avevo l’opportunità e il dovere di dedicare loro molte ore, intrattenendomi a lungo con i clienti. In città le cose sono completamente diverse: i viaggiatori restano pochissimo in hotel e non amano essere più di tanto avvicinati; una stretta di mano al loro arrivo

e qualche domanda sul viaggio sono spesso più che sufficienti. Ecco, allora, che l’attenzione ai dettagli del prodotto e del servizio deve essere, se possibile, ancora maggiore». Con un rapporto diretto più limitato, gli ospiti degli hotel di lusso cittadini perdonano ancora meno le sbavature e la differenza si fa concentrandosi sulle sfumature. «Per rendere il soggiorno memorabile si lavora sui dettagli», conclude Padula. «Utilizzare, per esempio, la medesima fragranza in tutte le camere e gli spazi comuni dell’hotel, regalando poi agli ospiti in partenza delle candele con lo stesso profumo, permette ai clienti di assaporare anche a casa il ricordo del proprio viaggio a Roma. Allo stesso modo, diffondere nella vettura, che effettua il pick-up all’aeroporto o in stazione, una selezione di musiche della nazionalità degli ospiti in arrivo, può rivelarsi un modo delicato per accoglierli e farli ambientare in città. Per gli ospiti business, infine, un semplice plico di biglietti da visita dell’hotel, personalizzati con il loro nome, può trasformarsi in uno strumento utile: soprattutto quando gli stessi clienti, durante i loro meeting, devono comunicare a qualche partner d’affari il proprio indirizzo romano. Tutti piccoli accorgimenti, brevi attenzioni, che però possono rivelarsi altrettanti strumenti decisivi per conquistare gli ospiti».

4

Venerdì 8 Aprile 2011

T R AV E L I N D U S T R Y

A colloquio con la cabin crew trainer di Emirates Airline, l’italiana Vanessa Riminucci

L’ufficio a bordo di un aereo

È fondamentale saper gestire i periodi a terra in modo efficace DI

MASSIMILIANO SARTI

«V

olare è sempre stato il mio sogno, fin da quando ho iniziato a studiare lingue e letterature straniere all’università. Ho sempre amato viaggiare, così ho deciso di studiare l’inglese, in modo da poter trovare un lavoro che mi permettesse di perseguire questo sogno. Nel 1994 ho vinto una borsa di studio presso il Ramapo College, nello stato Usa del New Jersey, e poi nel 1995 un’altra borsa presso l’università del Galles, a Swansea. Esperienze, queste, che mi hanno permesso di raggiungere un livello di inglese adeguato a cercare un lavoro che mi permettesse di viaggiare in tutto il mondo. Nel maggio 1997 ho fatto quindi domanda per diventare hostess per Emirates Airline e tre mesi dopo sono atterrata a Dubai». Obiettivi precisi e un percorso mirato all’internazionalizzazione della propria professionalità. È la strategia che ha permesso alla fanese Vanessa Riminucci di intraprendere una carriera di successo nell’aviazione civile, che l’ha portata, dopo nove anni di esperienza negli equipaggi di cabina degli aerei Emirates, a

diventare oggi cabin crew trainer della compagnia. Domanda. Cosa significa avere il proprio ufficio a bordo un aereo? Risposta. Vuol dire che, anche se il tuo ufficio sembra più o meno lo stesso ogni giorno, le persone con cui lavori sono sempre diverse, provenienti da ogni parte del mondo, con differenti culture, esperienze e storie da condividere. È divertente: ti senti parte di una grande famiglia multiculturale e impari sempre qualcosa di nuovo. D. Quali competenze è neces-

“Movimenti” Chi: Francesco Mussinelli Responsabile food & beverage Di origini liguri, Mussinelli annovera esperienze lavorative di rilievo in realtà alberghiere di lusso sia italiane sia internazionali. Si forma in Svizzera, al Centre International de Glion per poi aprire la propria carriera, nel 1992, al St. Regis di New York come maître d’etage. Nel 1993 rientra in Italia e tre anni dopo diventa restaurant manager de La Pergola del Rome Cavalieri Hilton che, nel 1997, conquista una stella Michelin. Trasferitosi a Capri nel 2001, si occupa quindi del rilancio del ristorante L’Olivo del Capri Palace hotel & spa che qualche anno dopo viene anch’esso insignito della stella Michelin. Dal 2004 al 2007 si sposta al Crowne Plaza Stabiae Sorrento Coast di Castellammare di Stabia, dove lavora come responsabile food & beverage. Nel 2008 ritorna, infine, al Capri Palace, contribuendo al raggiungimento della seconda stella Michelin, e nel 2010 riceve il premio Maître dell’anno dalle Guide de L’Espresso. Dove: Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 00187 Roma Tel 06.699340 www.hotelhasslerroma.com Perché: «La scelta dell’hotel Hassler arriva dopo un lungo peregrinare in Italia e all’estero. Ritengo che questo albergo sia il luogo ideale dove mettere a frutto gli insegnamenti fin qui appresi e continuare il mio sviluppo professionale: una struttura di grande prestigio, da sempre annoverata nell’olimpo dell’hôtellerie internazionale; un challenge ricco di emozioni e prospettive».

Fare carriera nella compagnia di Dubai

sario avere? R. All’interno del team Emirates service delivery ci confrontiamo con uno schema chiamato Nujoom (stella, in arabo); lo Nujooum definisce le diverse personalità di servizio che il nostro personale di bordo deve saper interpretare: cosmopolita, premuroso, personale, pionieristico e accurato. Ci piace pensare che i nostri cieli siano pieni di queste stelle lucenti, che vigilano sulla sicurezza e il benessere dei nostri passeggeri. D. Quali sono i vantaggi di questo tipo di lavoro? R. Oltre al fat-

Chi: Patrice Guillet Executive chef Nato nel 1967 a Lione, patria di Paul Bocuse, terminata la scuola alberghiera, il giovane Patrice Guillet va a fare esperienza presso i migliori ristoranti della sua città, per poi trasferirsi a Parigi, alla celeberrima Tour d’Argent (3 stelle Michelin). Nel 1994 Guillet arriva quindi a Roma e va a raggiungere la brigata del ristorante Sans Souci: un’icona gastronomica di quegli anni coronata da 1 stella Michelin, creatura del patron Bruno Borghesi. Dopo altre esperienze tutte capitoline, al ristorante Antico Bottaro di Roma e al Mirabelle dell’hotel Splendide Royal, Guillet giunge, infine, alla guida del Pauline Borghese. Dove: Ristorante Pauline Borghese Parco dei Principi Grand Hotel & spa Via G. Frescobaldi, 5 (Villa Borghese) 00198 Roma Tel 06.854421 Fax 06.8845104 www.parcodeiprincipi.com Perché: «È la prima volta che sono executive chef in un albergo e il mio compito è molto complesso, tra il ristorante gourmet, i banchetti e il room service. Qui al Pauline Borghese lavorerò con passione con la mia squadra, per ottenere delle buone recensioni nelle guide più prestigiose. Stiamo anche rinnovando la carta dei vini. La mia cucina è tradizionale e nello stesso tempo innovativa. Ma un ingrediente essenziale per il successo di un ristorante è l’accoglienza impeccabile e il sorriso, elementi che al Pauline Borghese curiamo attentamente».

Emirates tiene molto a valorizzare i propri dipendenti. Un reparto corporate training e uno cabin crew training gestiscono, in particolare, le risorse che Emirates mette a disposizione del personale per la valorizzazione e la qualificazione delle risorse umane. All’interno della compagnia gli scatti di carriera per l’equipaggio di cabina (il cabin crew) sono abbastanza veloci: si inizia come G2 (equipaggio di economy class) per poi ottenere una promozione a G1 (business class) e Fg1 (first class). Le posizioni di sorveglianza in cabina, quindi, sono quelle prima di senior flight steward e successivamente di commissario di volo. Dopo alcuni anni di esperienza operativa c’è, infine, anche la possibilità di entrare nel team di cabin crew training, come ha fatto Vanessa Riminucci, e diventare istruttore del personale di cabina. In quest’ultimo contesto il livello di partenza è quello di part-time trainer, che unisce il volo alla formazione a terra, a cui segue la figura di training officer a tempo pieno e, infine, di training specialist.

to che ogni giorno è diverso dagli altri, e alla possibilità di lavorare con team differenti per ogni volo, ci sono moltissime opportunità per effettuare escursioni incredibili e visitare le località delle varie destinazioni toccate: è un po’ come andare in vacanza gratis. E poi si incontrano spesso persone molto interessanti, con diverse storie da raccontare: un modo per arricchire il proprio bagaglio culturale. D. Quali, invece, i compromessi con la propria vita privata, sociale e familiare, che chi intraprende una carriera simile deve sapere di dover necessariamente affrontare? R. La natura stessa di questo lavoro non ti consente di avere il weekend libero da passare con la famiglia. All’equipaggio di cabina, però, è consentito richiedere un certo periodo di ferie al mese, per un minimo di otto giorni, che si può scegliere di trascorrere nelle proprie destinazioni preferite. Non solo: le mamme possono smettere di volare per alcuni mesi, durante la maternità, per tornare dopo il parto e continuare la propria carriera. Certo, quando svolgi questo tipo di professione diventa fondamentale imparare a gestire il proprio tempo a terra in modo efficace. E poi alcune persone credono che faccia bene trascorrere un po’ di giorni lontano dai parenti. D. È soddisfatta della sua scelta di vita e di lavoro? R. Sono molto felice di aver preso la decisione di lasciare l’Italia. Non è stata una scelta facile da fare, ma sicuramente ha dato i suoi frutti. Emirates è una compagnia aerea mondiale, che è cresciuta velocemente negli ultimi 20 anni e sono molto orgogliosa di farne parte. Io naturalmente torno spesso a casa. E i miei parenti possono

Vanessa Rimnucci

venire a trovarmi, avvalendosi delle condizioni agevolate a loro riservate. D. Che cosa si sente di consigliare ai giovani che intendono intraprendere questa carriera? R. Suggerirei loro, prima di tutto, di imparare a parlare e a scrivere l’inglese in maniera fluente; di fare esperienza nell’industria dei servizi ai clienti in Italia e, se possibile, all’estero, nonché di sforzarsi di essere il più possibile naturali, mostrando la propria personalità. Questo lavoro è duro, ma anche estremamente gratificante, con importanti opportunità di carriera. D. Come si diventa, infine, istruttore del personale di bordo? R. Impegnandosi e lavorando sodo. Per i suoi cabin crew trainer, in particolare, Emirates ricerca varie competenze in ambito di leadership, comunicazione, orientamento alla clientela, organizzazione, attenzione ai dettagli e spirito d’iniziativa.

Venerdì 8 Aprile 2011

TURISMO E ISTITUZIONI Da un evento Tfp Summit un’intensa riflessione sui rapporti tra hôtellerie e politica

È tempo di esporsi

Magic Italy pare il brand di una catena di porno shop DI

IVANO LUNARDI

R

iceviamo e pubblichiamo volentieri questa lettera del direttore del Blue Relais hotelmotel di Castelletto Ticino, Ivano Lunardi: un’interessante riflessione sulla necessità per il comparto alberghiero di prendere una posizione comune, forte e precisa sui grandi temi della gestione del turismo a livello nazionale. Chi volesse contribuire al dibattito, può farlo inviando le proprie considerazioni all’indirizzo mail: redazione@jobintourismeditore. it. Le più interessanti saranno pubblicate sui prossimi numeri della nostra testata. Gentile redazione, ho assistito all’incontro dei direttori della European hotel managers association (Ehma) all’ultimo Tfp Summit e mi sono sovvenute alcune considerazioni sul formalismo e il conformismo, da sempre parte della mentalità dei manager alberghieri e limite principale, a mio parere, contro il quale si è sempre infranto il sogno di dare alla categoria un albo professionale e un peso decisivo all’interno del movimento turistico italiano. Nessuno di noi ha fatto eccezione nel corso degli anni; ma forse è arrivato il momento di modificare i nostri comportamenti e di pensionare quella piaggeria istituzionale che ha contraddistinto le nostre posizioni riguardo al contesto nel quale ci siamo trovati a operare. Non appena la collega Cinzia Montelli ha accennato, in maniera molto garbata, a «presunte» responsabilità delle istituzioni è stato, infatti, tutto un coro di «qui non si vuole fare politica». Bene, ma se non trattiamo di politica, di cosa si parla? Del tempo, dello shopping, delle bellezze artistiche e naturali del nostro paese, della formazione (unico argomento che potremmo sviluppare autonomamente, ma dal quale le aziende si tengono ben lontane)? Noi, direttori e manager dell’ospitalità, non possiamo esimerci dall’entrare in prima persona nell’arena del giudizio politico (almeno), abbandonando i timori e il falso mito del collateralismo che, alla resa dei conti, ci hanno regalato solo situazioni imbarazzanti. Restiamo con i piedi ben piantati a terra, perché pensare la politica non significa fare filosofia sul nulla, e diamo uno sguardo a quanto essa è riuscita a fare per noi negli ultimi decenni; e a quello che ha intenzione di fare nel prossimo futuro. Perché è solo controllando e giudicando apertamente il suo operato che la categoria potrà garantirsi un futuro meno incerto. Mi vengono un paio di esempi (forse tre). Ricordo il periodo antecedente la costruzione della nuova fiera di Milano: amministratori e imprenditori incontravano gli albergatori e i

direttori per vantare le sorti, ovviamente magnifiche e progressive, dell’impresa in corso. Uno spettacolo scintillante e apparentemente a prova di smentita, in anni nei quali gli eventi a Milano perdevano importanza, espositori e visitatori, e nessuna logica, che non fosse puramente mercantile e speculativa, poteva spiegare l’operazione. Bastava leggere i giornali per capirlo, non fare politica. Purtroppo non ricordo che qualcuno di noi abbia mai sollevato dubbi, nemmeno coloro che, dirigendo in zona fiera vecchia, avrebbero visto sparire un polmone economico di quella portata; tutti, invece, a parlare di «grande opportunità» per, si badi bene, Milano e tutta la Lombardia. Quale grande opportunità sia stata, lo costatiamo dolorosamente oggi. Con l’Expo rischiamo di fare la stessa fine; ma noi continuiamo a infarcire i nostri seminari con termini vuoti e, in Italia, privi di significato reale: sinergia, sistema, opportunità sono parole che devono essere riempite di contenuti per non apparire false o, nel migliore dei casi, noiose in un paese dove il depotenziamento delle attività culturali (in primis dei ministeri) è ormai strategia politica e lo scempio paesaggistico istituzionalizzato. Sorvolo, per amor di brevità e altro, sulle competenze specifiche di chi oggi rappresenta il paese in ambito turistico. Mi limito a registrare come il claim «Magic Italy», oltre a essere il nome di numerosi programmi turistici presenti nei cataloghi anglosassoni da circa mezzo secolo, assomigli in maniera grottesca all’insegna di una nota

Chi è Ivano Lunardi Sposato e padre di due figli adolescenti, 47 anni, con tra-

catena di porno shop. È di pochi giorni orsono, poi, la proposta del ministro Brambilla, fatta in tv, di abolire i palii storici… Potrei suggerire di abolire anche le coste e il mare, le montagne e le campagne, le chiese e le pinacoteche… Poi, avanti col nucleare a Pianosa e in Sardegna! È a questa politica che dobbiamo sacri quanto stolidi rispetto e devozione? È da questa politica che ci aspettiamo di essere ricompensati per la nostra equidistanza prona? Vorrei fermarmi qui, ma ho ancora un piccolo colpo in canna che devo assolutamente sparare nel vento: le tariffe. Vorrei ricordare ai colleghi, che oggi lamentano il dumping tariffario, che siamo stati noi a estremizzare questa tecnica di vendita, anche con il concorso di malintese tecniche yield; che siamo stati noi a non opporci alle nuove aperture che hanno precipitato i ricavi delle nostre aziende che, è bene ricordarlo, non si basano sulla speculazione finanziaria, come l’ormai quasi totalità delle attività della «grande

scorsi professionali giovanili in Francia e sul Lago Maggiore, ha diretto, tra l’altro, due 4 stelle milanesi tra il 1999 e il 2006, per poi diventare general manager di una struttura nel sud della Sardegna. Da inizio 2008 è alla guida del Blue Relais di Castelletto Ticino, in provincia di Novara, di cui sta attualmente curando un piano di completa ristrutturazione. industria», ma sulla produzione di servizi e valore aggiunto. Inoltre, se non ci poniamo l’obiettivo, e la politica con noi, di marcare un limite al ribasso delle tariffe per categoria d’albergo (sotto una certa cifra i servizi non sono più in linea con lo standard), non riusciremo ad arginare l’invasione dei 4-5 stelle nel campo degli hotel di categoria inferiore, alimentandone l’agonia e determinandone la fine. Con questo non voglio affermare la supremazia delle decisioni statali in materia di tariffe in generale, né limitare gli investitori nei loro progetti, ma solo porre l’accento sul fatto che se si decide di aprire un albergo a 4 stelle, in un contesto (geografico o economico) che magari non lo consente (per cifra economica o saturazione), bisogna sapere che sotto una certa tariffa di vendita (per legge) non si può andare; primariamente per non ledere gli interessi delle categorie più basse, che generalmente non hanno i medesimi strumenti tecnici o economici, poi per non scendere sotto gli standard di servizio e ambientali richiesti dalla categoria. Ognuno potrebbe scegliersi le tariffe massime alle quali vendere; sarà poi il mercato, sacro e inviolabile nei suoi principi, a rispondere secondo la congruità dell’offerta.

5

NOTIZIE IN PILLOLE Il gruppo Uvet scala la francese Avexia In tempi in cui le aziende francesi paiono lanciarsi alla conquista delle nostre imprese, dal mondo del turismo arriva una notizia di segno contrario: l’assemblea dei soci della transalpina Avexia Voyages ha, infatti, confermato l’aumento di capitale di 1,2 milioni di euro riservato al gruppo italiano Uvet, che diventa in questo modo azionista di maggioranza della società francese specializzata nel segmento dei viaggi d’affari per le piccole e medie imprese. Uvet è un polo distributivo del turismo, con un giro d’affari di 1,65 miliardi di euro e una quota di mercato del 15% in Italia, azionista di Avexia sin dal 2008. «Abbiamo rispettato i nostri impegni», è il commento del presidente del gruppo Uvet, Luca Patanè, «e ora stiamo lavorando per valorizzare le tante positive risorse di quest’azienda, con l’obiettivo di costruire una vera e propria rete leader in Europa nel segmento business travel per le pmi». Un premio per l’innovazione in tema di sostenibilità energetica WWW.RDHOSPITALITY.IT Anche quest’anno R&d hospitality dà a progettisti (architetti, ingegneri, designer) e a proprietari di strutture ricettive già realizzate, la possibilità di partecipare al concorso Tourism project innovation, inserito all’interno del prestigioso premio Hospitality award, le cui premiazioni si svolgeranno il prossimo 8 giugno, in occasione della fiera Eire - Expo Italia real estate - di Milano. In particolare, quest’anno, la categoria dedicata ai progetti innovativi ha l’obiettivo di individuare e premiare le idee e le realizzazioni che si siano distinte per aver sviluppato il tema «Recuperi & restyling: i nuovi volti della ricettività», sfruttando soluzioni innovative in merito a sostenibilità energetica e scelta dei materiali. La scadenza per l’invio delle candidature è il prossimo 7 maggio.

Un writer romagnolo firma il manifesto balneare dell’estate 2011 di Rimini Dopo la grafica raffinata della silhouette femminile di René Gruau (2000), gli affreschi digitali delle donne in movimento di Gianluigi Toccafondo (2003), la pittura seducente di Milo Manara (2004), il disegno pop di Jovanotti (2005), il richiamo tribale di Pablo Echaurren (2007), il gioco di parole di Alessandro Bergonzoni (2009) e l’illustrazione di Francesca Ghermandi (2010), è la vernice dell’artista di spray art, Davide Eron Salvadei, a firmare l’immagine testimonial dell’estate 2011 di Rimini. Per la prima volta nella storia dell’affiche balneare della località romagnola, sempre attenta alle nuove tendenze e alle nuove mode, sarà così il talento di un writer locale, ma di fama internazionale (le sue opere sono state esposte, tra l’altro, al museo di arte moderna del

Davide Eron Salvadei a fianco del nuovo manifesto balneare di Rimini

Cairo e al Chelsea Art Museum di New York), a dare forma e colori al manifesto della stagione turistica.

«Nel dipinto realizzato a vernice spray su tela», commenta lo stesso Eron, «il soggetto principale è la scritta Rimini, che si integra nel paesaggio marino come elemento reale che illumina la sera, sia fisicamente sia concettualmente». Il mare, tratto identitario riminese, è insomma, anche qui per la prima volta, unico protagonista senza intermediazioni della capacità evocativa di Rimini: non più sfondo di una città che valorizza quanto c’è attorno, ma vero protagonista di una destinazione che ha nel mare e nell’estate la sua naturale vocazione.

6

Venerdì 8 Aprile 2011

PROFESSIONI Il presidente di Faipa, Rosario Spatafora, fa il punto della situazione associativa

A.D.A.

Associazione Direttori Albergo tel. 06 35403933 - www.adanet.it

Obiettivo terzo mandato Piena fiducia nel nuovo statuto approvato a fine 2010

A.I.B.E.S.

Associazione italiana barmen e sostenitori tel. 02 29404565 - 02 29401685 www.aibes.it

A.I.C.R.

Associazione Vice direttori e Capi ricevimento di alberghi 4 e 5 stelle e-mail: info@aicr-italia.org - www.aicr-italia.org

A.I.R.A.

Associazione Italiana Impiegati d’Albergo tel. 02 5455041 - www.airaclub.it

Associazione Italiana Maggiordomi Tel. 02 89058297 - cell. 349 6187963 www.maggiordomi.it

A.M.I.R.A.

Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi tel. 02 49458768 - www.amira.it

A.N.G.

Associazione Nazionale Governanti tel. 333 4778710 - 333 7467415 www.angitaly.it/index.htm

DI

ROSARIO SPATAFORA

Dopo il congresso nazionale di fine 2010, il presidente della Federazione italiana dei portieri d’albergo – le Chiavi d’Oro (Faipa), Rosario Spatafora, torna sulle pagine di Job in Tourism con un intervento che fa il punto della situazione: una sorta di piccola dichiarazione programmatica per il prossimo triennio di presidenza, che sottolinea anche l’importante svolta statutaria dell’associazione, con particolare riguardo alla sostituzione dei termini «facente funzione» (di portiere) con quelli, più generici, di «addetto al front office».

P

rima di tutto, desidero sottolineare con ferma convinzione d’essere stato onorato nel presiedere per i due mandati appena trascorsi questa prestigiosa federazione, poiché mi è stata concessa la preziosa opportunità di avere un confronto serio e aperto con le insostituibili associazioni regionali e di apprezzare la grande amicizia di tanti colleghi, base del nostro sodalizio. Nei prossimi

ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE CUOCHI ITALIANI tel. 02 76115315 www.cucinaprofessionale.com

E.H.M.A. European Hotel Managers Association tel. 06 4818888 - www.ehma.com

Fabio Zavattaro EURO-TOQUES ITALIA Associazione Europea di Cuochi Professionisti

tel. 0521 525223 - www.euro-toques.it

Federazione delle Associazioni Italiane dei Portieri d’Albergo “Le Chiavi d’Oro“ e-mail: info@faipa-lechiavidoro.org www.faipa-chiavidoro.org

F.I.C.

Federazione Italiana Cuochi tel. 06 4402178 - 06 44202209 www.fic.it

SOLIDUS

www.solidusweb.it

U.I.P.A. Unione Italiana Portieri d’Albergo presidente.uipa@lechiavidoro.org www.lechiavidoro.org

Protagonista del convegno nazionale dello scorso novembre, in qualità di ospite dell’evento, la divisione piemontese della Faipa traccia un breve quadro dei propri programmi per il 2011: alle novità sul fronte della comunicazione e della collaborazione con gli istituti alberghieri, si affianca la realizzazione di vari progetti in tema di formazione, eventi conviviali e incontri culturali per i soci.

Rosario Spatafora

tre anni, con la collaborazione di tutti, sicuramente la Faipa sarà una delle associazioni di categoria più prestigiose d’Italia. Articolato e complesso è stato il percorso comune da noi intrapreso e numerosi gli obiettivi raggiunti, tra i quali mi preme evidenziarne uno fra tutti: l’organizzazione del nono congresso nazionale, svoltosi a Torino nel mese di novembre 2010. Pertanto posso asserire, con assoluta limpidezza di pensiero, che la validità di tutti gli obbiettivi programmatici raggiunti è avvenuta nel pieno rispetto delle finalità che sono nello spirito di questa federazione; spirito che ha, tra le proprie priorità, la cultura dell’accoglienza e dell’ospitalità, il rispetto, l’uguaglianza, l’amicizia e la professionalità: punti portanti dell’universo del sistema ricettivo e alberghiero. Ed è per tali motivi che nutro piena fiducia nel nostro nuovo statuto e nell’applicazione che i presidenti regionali ne daranno. Con questo statuto la Faipa, oltre a fare

Uova di Pasqua speciali per il Porta di Milano DI

FAIPA

Il 2011 della Piemontese

MARCO BOSCO

Un dolce aiuto: Sweet help. È questo il nome dell’inedita iniziativa dell’istituto alberghiero Carlo Porta di Milano che, in collaborazione con un’altra scuola meneghina, il liceo artistico Orsoline di San Carlo, ha deciso di realizzare speciali uova di Pasqua per sostenere economicamente la Croce Rossa giapponese in questo difficilissimo momento per il proprio paese. Coordinati dai rispettivi docenti, gli studenti del liceo artistico offriranno la loro creatività per ideare modelli originali, che gli allievi dell’istituto alberghiero, grazie alla loro competenza professionale, utilizzeranno per realizzare una trentina di originali uova di cioccolato, il ricavato della cui vendita sarà, appunto, devoluto alla Croce Rossa giapponese. L’allestimento espositivo, a cura dei ragazzi del Porta, si terrà presso l’istituto Orsoline di via Lanzone 53 tra il 12 e il 16 aprile; i prototipi saranno fotografati e inseriti all’interno dei rispettivi siti web dei due istituti: www.carloportamilano.it e www.artisticorsoline.it.

La ripresa dell’attività del 2011 è iniziata di gran carriera e vede subito due risultati importanti: il primo, la costituzione di un piccolo ma agguerrito comitato editoriale, formato da soci, a cui è stato affidato il compito di continuare a sviluppare, nel migliore dei modi, il progetto newsletter, con una grafica che riteniamo più incisiva: si tratta di professionisti di alberghi torinesi, che vogliono, attraverso questa pubblicazione, testimoniare il loro impegno per diffondere l’associazione, divulgare i suoi valori, ma anche, ovviamente, per gratificarsi un po’. Il secondo consiste nella stipulazione di un importante accordo con l’Ipssar Giuseppina Colombatto di Torino, grazie al quale l’istituto si è reso disponibile a concedere alla Piemontese alcuni locali per le riunioni e le conferenze, nonché per la domiciliazione dell’associazione. Il Colombatto ha poi offerto la propria collaborazione per individuare iniziative e progetti formativi e culturali per gli allievi e gli associati, e ha concordato la partecipazione di soci Faipa, in qualità di esperti, negli esami di qualifica di fine anno. Ma il 2011 si sta caratterizzando pure come l’anno della realizzazione dei progetti che sono stati ideati e studiati lo scorso anno: la formazione avanzata per gli associati, gli eventi conviviali e gli incontri culturali.

chiarezza definitiva sulle varie qualifiche e mansioni di chi lavora e lavorerà dietro al banco, intende dare equa rappresentanza associativa sia a chi ricopre ancora la figura del portiere, sia alla nuova figura del portiere moderno, chiamato comunemente addetto al front office. E posso assicurare che il direttivo nazionale saprà elaborare un’attività programmatica in grado di dare risposte esaurienti sia a quanti sono da tempo iscritti alla Faipa,

sia ai nuovi tesserati. Infine, ma non ultimo per importanza, colgo l’occasione per porgere ancora un grande grazie a tutti i colleghi della Piemontese (Silvia Badriotto, Dimitri Ciaschini, Antonio D’Antino, Alberto De Lucca, Giuseppe Fuggetta, Annalisa Lembo, Alberto Long e il presidente regionale Fabio Zavattaro), che mi hanno dato la possibilità, con grande onore e piacere, di collaborare alla realizzazione del grande evento. Grazie, amici!

Il turismo nell’agro nocerino-sarnese al centro di un convegno Aira Campania DI

GAETANO GIORDANO*

Un rapido quanto efficace cambio di rotta delle politiche turistiche, finora dettate da personaggi poco competenti in tale ambito. Ha esordito in questo modo il presidente dell’Associazione culturale Castello Fienga di Nocera Inferiore, Renato Giordano, in occasione del suo intervento durante l’incontro, organizzato in collaborazione con l’Associazione italiana impiegati d’albergo (Aira), sulle tematiche del turismo nel territorio dell’agro nocerino-sarnese. L’evento ha, in particolare, sottolineato come il settore versi in condizioni alquanto difficili, nonostante i recenti dati statistici rilasciati dall’Osservatorio nazionale del turismo abbiano rivelato un andamento del comparto alberghiero sostanzialmente in linea con i risultati del 2009, accompagnato da un incremento dell’1,5%

dell’extra-alberghiero. Secondo Giordano è fondamentale iniziare a dialogare e a progettare il rilancio dell’agro nocerino-sarnese insieme a coloro che realmente investono nei territori, come gli albergatori e le associazioni che li rappresentano: un’affermazione che ha trovato riscontro e continuità anche nelle parole di Anna Vittoria Giordano, responsabile del gruppo giovani della suddetta associazione, che ha rimarcato la vocazione turistico-culturale di questo territorio e la necessità di un maggior investimento da parte degli istituti politici, per una piena ripresa economica del comparto. La collaborazione tra le parti è, in effetti, fondamentale affinché si raggiunga una concertazione in grado di portare finalmente, attraverso una progettualità condivisa, al sospirato e atteso rilancio del settore. * Vicepresidente Aira Campania

Venerdì 8 Aprile 2011

WELLNESS

7

Il perché e il come della proposta medico-scientifica della beauty farm del Capri Palace

Valore aggiunto per il benessere La partita della competitività del futuro si giocherà sulle spa DI

MASSIMILIANO SARTI

a stagione estiva è alle porte L e il Capri Palace si prepara per l’apertura, prevista il prossi-

mo 20 aprile, con una lunga serie di novità: dal design degli interni alla cucina, passando per la collezione d’arte, la boutique e la beauty farm. Il maestro Arnaldo Pomodoro sta, infatti, lavorando al completamento dell’opera monumentale Rive dei Mari inaugurata nel 2009, mentre ai fornelli del ristorante L’Olivo, unica realtà stellata sull’isola di Capri, c’è da quest’anno lo chef Andrea Migliaccio, già executive del Riccio, il ristorante a mare dell’albergo. La terrazza bar dell’albergo, ridisegnata dall’interior designer Marco De Luca, vedrà poi il debutto del nuovo Bistrot degli artisti: un ristorante di cucina tipica caprese. Ma soprattutto, con programmi nuovi e una ricerca continua per il benessere di corpo e psiche, si apre anche la stagione della Capri beauty farm, la spa dell’albergo. «Per essere competitivi in un comparto con un’offerta così ricca come il wellness non basta più proporre solo programmi relax ed esperienze olistiche», racconta il general manager della struttura di Anacapri, Ermanno Zanini. «Occorre, perciò, dotarsi di servizi ad alto valore aggiunto, con trattamenti per il benessere della persona e percorsi dimagranti di carattere medico-scientifico. Proprio a quest’ultimo proposito, abbiamo perciò pensato di lanciare una collaborazione con la professoressa Evelina Flachi, specialista in scienza dell’alimentazione e docente presso la facoltà di medicina e chirurgia dell’università degli studi di Milano, i cui programmi dietetici si ispirano alla filosofia del dimagrire e del disintossicarsi per ritardare l’invecchiamento». Domanda. Accentuando la parte medico-scientifica di una spa non si corre però il rischio di ospedalizzare un po’ l’atmosfera dell’hotel? Risposta. È una questione di approccio. Anche il mondo medico-scientifico è in grande trasformazione. Basti pensare alle più

Ermanno Zanini

prestigiose cliniche internazionali, dove la qualità del servizio non ha più nulla a che fare con quella dei centri di cura degli anni ‘50 e ‘60 del secolo scorso: medici e personale non vantano esclusivamente grandi competenze professionali, ma poggiano la loro attività anche sulla cura delle dinamiche relazionali, con particolare attenzione agli stessi principi di accoglienza e servizio che costituiscono la base dell’offerta alberghiera del lusso. Ecco, nella nostra spa noi utilizziamo il medesimo approccio. D. Vero è, però, che per chi, in particolare, segue diete dimagranti, il confronto diretto con i piatti degli altri ospiti dei vostri ristoranti gourmet è inevitabile. R. È un rischio che abbiamo preso in considerazione, elaborando strategie ad hoc proprio per limitarne più possibile le ricadute negative. D. A cosa avete pensato, nel dettaglio? R. Abbiamo sviluppato la capacità di elaborare menu dieteticamente rigorosi, ma dal gusto e dalla presentazione degna di una qualsiasi altra offerta di alta gastronomia. Un’area intera della cucina è poi esclusivamente dedicata alla preparazione di ricette per gli ospiti che seguono i nostri regimi dimagranti: il ponderato e preciso equilibrio di ogni ingrediente è infatti, in questo caso, ancora più importante che nell’enogastronomia classica. Anche nella sala ristorante, inoltre, l’area più bella è riservata al servizio dei piatti dietetici

con personale dedicato, appositamente formato per conoscere le specifiche nutrizionali di ogni singolo piatto proposto. Infine, è importante segnalare che le nostre diete non prevedono mai dei programmi drastici e affamanti: i regimi proposti dalla professoressa Flachi rispondono a criteri nutrizionali ben precisi, scientificamente testati per il raggiungimento degli obiettivi di peso, senza pregiudizio della salute complessiva delle persone. D. A proposito di offerte enogastronomiche ad hoc, avete anche una proposta ristorativa riservata ai celiaci? R. Certamente: un’altra area della cucina è esclusivamente dedicata alla preparazione dei cibi senza glutine. E pure al mattino, una sezione del buffet colazioni è pensata appositamente per i nostri ospiti celiaci, la cui domanda, pressoché inesistente fino a sei-sette anni fa, è in costante ascesa. Anche in questo caso, infine, ci serviamo di personale appositamente formato in materia. D. È difficile trovare risorse f&b preparate su questi temi? R. Nonostante la domanda di regimi dietetici speciali stia diventando sempre più importante, nel mondo dell’hôtellerie noto ancora una scarsa consapevolezza a questo riguardo. Tanto che molta parte dei nostri programmi di formazione dedicati al personale riguarda proprio la materia dell’alimentazione per esigenze specifiche. D. Che cosa cerca oggi, in generale, un cliente del segmento wellness del lusso? R. È una persona tradizionalmente molto esigente, che non si accontenta più del semplice

Un’offerta pluripremiata Una vera e propria clinica del benessere che propone programmi e trattamenti personalizzati, alcuni dei quali coperti da brevetto internazionale, frutto di una continua ricerca medica sperimentale. La Capri beauty farm fa parte dal 2004 del prestigioso gruppo Leading Spas. A gennaio 2006 riceve, in particolare, il premio quale Best destination spa, durante la seconda edizione della European Spa Exhibition di Monte Carlo, mentre nel 2008 è votata dai lettori di Condé Nast Traveller quale Favorite Medical-thermal Spa. Un successo, quest’ultimo, consolidato dalla terza posizione nella categoria «best medical, thermal and natural spas», raggiunta nel concorso del 2010. La beauty farm, il cui giro d’affari contribuisce per circa il 15%

massaggio, per quanto bene questo possa essere eseguito. La qualità dei trattamenti è ormai solo una parte, sebbene importante, di un’offerta wellness di alto livello. Il benessere è un vero e proprio rituale, in cui tutti passaggi sono fondamentali: a cominciare dall’ambiente e dalle atmosfere in cui esso si svolge. E non parlo solamente degli spazi della spa e dell’albergo, ma anche della medesima destinazione in cui l’hotel è inserito: è l’intero ecosistema che circonda un centro benessere a dover partecipare dello stesso equilibrio ricercato dai clienti nella propria esperienza wellness. È per questo, tra l’altro, che è così difficile costruire una proposta benessere appagante in città. D. E come valuta la situazione di Anacapri? R. Siamo un piccolo centro: le nostre attività di sensibilizzazione Uno scorcio del ristorante L’Olivo

alla formazione del fatturato complessivo del Capri Palace (il 24% considerando anche l’indotto in termini di prodotti f&b e accoglienza), è in particolate guidata dal professor Francesco Canonaco, docente di pediatria della facoltà di medicina dell’università di Modena, specialista in oncologia, scienza dell’alimentazione e medicina estetica, da anni impegnato nella collaborazione scientifica con importanti università italiane. e formazione, perciò, sono fortunatamente ben considerate. Certo, gradiremmo una maggiore consapevolezza da parte delle istituzioni, che invece paiono non comprendere fino in fondo l’importanza di un approccio integrato per una location prettamente turistica come l’isola di Capri. D. Dove si devono cercare, infine, oggi le prossime frontiere del wellness? R. Non vedo grandissime novità all’orizzonte. Temo, invece, che con il diffondersi di questi servizi, ormai indispensabili per qualsiasi offerta di lusso che intenda definirsi tale, si possa abbassare il livello. Un po’, per fare un esempio provocatorio, come è avvenuto con i frigo-bar: presenti ovunque, ma spesso seguiti male e con prodotti di qualità discutibile. Già oggi ci sono strutture esclusive con spa non adeguate. Eppure, ritengo che sarà proprio in questo comparto che si giocherà la partita della competitività dei prossimi anni.

“Cambi di direzione” CHI Alessandro Schenone Direttore generale Classe 1964, Schenone inizia a lavorare dedicandosi alla contabilità, come ragioniere commercialista. All’età di 26 anni, la svolta nel settore turistico, dove, dopo qualche anno di esperienza in vari reparti alberghieri (front office, food & beverage, sales & marketing), raggiunge ben presto la direzione generale di diverse strutture, soprattutto all’estero, in gruppi come Veratour, Apavou e Sun Resorts. Durante il suo iter professionale, Schenone segue, infine, anche alcuni corsi di aggiornamento, tra cui il Professional development program della Cornell University, con specializzazione in marketing management e strategic marketing.

DOVE Stb Società Terme e Benessere Via dei Tigli, 41 50010 Capalle (Firenze) Tel. 055 89871 www.stbspa.com info@stbspa.com

DA DOVE Kanuhura resort Gruppo Sun Resorts Maldive

COME «Dopo una lunga esperienza all’estero, come gm di resort a Mauritius e alle Maldive, ho deciso di tornare in Italia. Essere managing director del gruppo Stb è una sfida importante: in questi tempi difficili, coniugare la bellezza del lifestyle italiano con l’eleganza delle dimore storiche del gruppo (Fonteverde, Grotta Giusti e Bagni di Pisa) e la qualità dei servizi sarà il nostro obiettivo. Cercheremo di internazionalizzare maggiormente i tre resort che sono molto conosciuti in Italia, ma un po’ meno all’estero, provando anche a promuovere il vero concept delle terme italiane, che da millenni fanno parte della nostra cultura più profonda».

8

Venerdì 8 Aprile 2011

IDEE E PRODOTTI

Il fondatore di EthicHotel, Ivano Bencini, racconta l’evoluzione del revenue management

Mettere in pratica la teoria I fattori esterni oggi essenziali per una strategia efficace DI

GIORGIO BINI

Che cos’è Accurate

WWW.ETHICHOTEL.COM

N

Fornitori per l’hospitality

egli ultimi anni si è molto parlato di yield e revenue management: discipline che consentono, mediante l’analisi di moltissimi dati, di stabilire quale sia il prezzo più alto che ogni diverso cliente è disposto a pagare per ogni differente prodotto o servizio, in periodi diversi dell’anno. L’argomento, com’è ovvio, ha via via catturato l’attenzione e suscitato l’interesse degli operatori del settore alberghiero. «Molti, però», spiega Ivano Bencini, fondatore e presidente della società di consulenza e di sviluppo di tool per il revenue management, EthicHotel, «si sono dovuti arrendere al fatto che, per quanto sia relativamente facile capire in cosa consista il revenue management, difficile è mettere la teoria in pratica in modo efficace. Il motivo è quasi sempre lo stesso: senza strumenti adeguati, che reperiscano i dati, li elaborino e li correlino, è quasi impossibile ottenere risultati apprezzabili. Inoltre il revenue management è profondamente cambiato nel corso degli ultimi dieci anni. Anche se, forse, l’aggettivo giusto non sarebbe cambiato, bensì sviluppato». E il tutto in modo direttamente proporzionale al diffondersi del web. «In effetti», prosegue Bencini, «il revenue management ha fin da subito eliminato dal mercato alberghiero il concetto di tariffa stagionale, immettendo il nuovo concetto di tariffa giornaliera: ogni giorno, quindi, è diventato oggetto di analisi per capire quale prezzo praticare. Ma con l’evoluzione e la diffusione di Internet, canale mediante il quale il revenue management ha potuto

Ivano Bencini

raggiungere la propria massima espressione, questa analisi giorno per giorno è divenuta sempre più complessa e difficile, perché sempre più difficili e complessi da interpretare sono diventati i comportamenti degli utenti che si cerca di analizzare: il processo di acquisto è oggi in costante mutamento, mentre i clienti sono sempre più preparati e sempre più sofisticati». Fino a poco tempo fa, per esempio, il prezzo e la location erano gli elementi principali su cui gli alberghi venivano scelti; oggi la brand reputation si è prepotentemente aggiunta a questi fattori tradizionali e chissà quali altri variabili potranno

«Alzi la mano chi, uscito da uno dei tanti corsi sul revenue management che proliferano oggi, contento e soddisfatto di aver finalmente compreso qualcosa di questa interessante materia, rientrato in albergo non si sia trovato di fronte al muro invalicabile degli innumerevoli dati da reperire e da mettere in relazione tra loro». Da queste considerazioni di Ivano Bencini, e dalla consapevolezza delle caratteristiche che un tool informatico dovrebbe avere per essere di aiuto efficace per gli albergatori alle prese con tale materia, è nato Accurate. «Si tratta di un sistema completo e integrato di strumenti di supporto al revenue management e alla gestione tariffaria per la distribuzione elettronica, che abbatte il divario tecnologico e cognitivo esistente tra i grandi gruppi alberghieri e il singolo albergo», precisa ancora Bencini. «Il sistema è personalizzabile a seconda delle singole esigenze, delle competenze disponibili in azienda e dei dati di cui l’azienda emergere domani. Non solo: gli ultimi trend di mercato stanno evidenziando come le prenotazioni si effettuino sempre più sotto data, mentre i comportamenti d’acquisto dei vari segmenti di clientela diventano sempre più discontinui. «Da qui la consapevolezza che analizzare la storia (tecnicamente, le cosiddette serie storiche), per prevedere i comportamenti di acquisto futuri del proprio

Uno screenshot di Accurate

dispone. È in grado, inoltre, di tenere di buon conto le strategie di pricing a cui l’albergo è affezionato. Ma soprattutto gli algoritmi inseriti nel suo modello matematico lavorano analizzando esclusivamente i dati esterni all’albergo; quelle variabili, cioè, oggi indispensabili a definire un piano tariffario veramente efficace: velocissimo, intuitivo e semplicismo da utilizzare, interagisce con l’operatore in maniera logica ed efficace, consentendo a quest’ultimo di mantenere saldo il controllo e di avere l’assoluta consapevolezza della politica di prezzo in essere. Accurate consente di definire ogni giorno la strategia tariffaria dei prossimi 365 giorni e contestualmente di distribuirla su tutti i canali, se interfacciato con un channel manager, in non più di 30 minuti al giorno. Ciò consente al revenue manager e all’albergatore di recuperare tempo e risorse per dedicarsi ad attività di marketing od operative ad alto valore aggiunto».

mercato di riferimento, diventa quasi totalmente inutile». La tecnica vincente per una strategia di revenue management efficace e al passo coi tempi consiste, infatti, nell’individuare e mettere sotto analisi i veri fattori critici che incidono in ogni processo di acquisto. «Elementi», specifica Bencini, «che oggi sono quasi completamente esterni all’albergo: la brand reputation, appunto, ma anche i rating, i ranking e la visibilità della struttura on-line e off-line, i trend del momento e le evoluzioni della domanda per location e prodotto. Perdono, invece, sensibilmente di importanza le variabili interne (serie storiche, budget, forecast). Ogni giorno è necessario avere la percezione esatta di come il proprio albergo è posizionato nel suo contesto di competizione naturale. Ma questo è ora possibile solo se si è capaci di osservarlo da fuori

e non da dentro, ossia in modo totalmente autoreferenziato». Come può, quindi, un revenue manager riuscire ad analizzare tutti questi elementi per ogni singolo giorno, ripetendo l’analisi anche più volte al dì per 365 volte all’anno? «È una missione impossibile se si pensa di poterla fare in assoluta autonomia», conclude Bencini. «Senza l’ausilio, cioè, di una macchina, di uno strumento che semplifichi la visione di tutti gli aspetti determinanti, e lo faccia costantemente e in tempo reale, per mettere in condizione chi decide di avere la visuale più chiara possibile. Uno strumento, naturalmente, che deve essere facilmente utilizzabile da tutti, modulabile a seconda delle diverse esigenze (gli alberghi e gli operatori non sono tutti uguali), prodotto in scala, in modo da abbattere sensibilmente i costi di acquisto, e a elevato valore aggiunto».

LA PORTA: UN ELEMENTO DI ARREDO

PORCELLANE PER LA CUCINA CREATIVA E FUSION

SEDIE DALLE LINEE MODERNE

ARREDAMENTI PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE

www.pietrelliporte.it

www.tognanaporcellane.it

www.fornasarig.it

www.safir-catering.com

Considerare la porta un elemento essenziale di arredo. È questo che ha permesso alla Fratelli Pietrelli di Bellocchi di Fano di creare la propria nuova linea hotel con grande attenzione ai particolari: ottima qualità di finiture, resistenza al fuoco e fono assorbenza (certificate e omologate secondo la normativa Uni 9723) sono le caratteristiche principali della vasta gamma di prodotti Rei 30-45-60 disponibili a catalogo, con la possibilità di ulteriori personalizzazioni.

Gli spessori del legno e la precisione con cui sono risolte le articolazioni sono gli elementi discreti che, oltre alle imbottiture generose, identificano l’immagine moderna della linea Eos di Fornasarig Sedie Friuli: una collezione oltre le mode, a cui l’impilabilità e la leggerezza aggiungono una grande funzionalità. Eos è, inoltre, proposta in un’ampia gamma di funzioni, colori e materiali. Una forma attuale e di tendenza che si connota per l’originale lavorazione «bisquit» a sottili striature concentriche che, in contrasto con le superfici perfettamente lisce, diventa decorazione. È la linea Graffiti della Tognana porcellane, particolarmente interessante per la presentazione di pietanze della cucina creativa e fusion.

Una nuova linea di prodotti per l’arredamento neutro di cucine industriali. È la Sn che la Safir, catering equipment e industrial ventilation, di Fabriano, in provincia di Ancona, ha introdotto sul mercato lo scorso gennaio: tavoli da lavoro, lavatoi, pensili, ripiani e mensole progettati per soddisfare appieno le esigenze dei professionisti della ristorazione.

TECNOLOGIE

Venerdì 8 Aprile 2011

9

Come cambia l’approccio al viaggio nell’era del divertimento elettronico e dei social network

Il turismo e le nuove generazioni Un'ulteriore sfida all’orizzonte per il settore alberghiero DI

FEDERICO BELLONI

WWW.TSMCONSULTING-BARCELONA.COM/

Nuovo appuntamento con il titolare della società di consulenza Tsm consulting, Federico Belloni, che questa volta concentra la propria attenzione sulle future tendenze della domanda turistica: secondo alcuni esperti, infatti, l’avvento delle nuove tecnologie, in particolare dei social network e delle reti virtuali, potrebbe invertire il consolidato trend di crescita dei flussi turistici a livello globale. Nonostante sia improbabile una radicale sostituzione dei viaggi reali con quelli virtuali, è tuttavia questo un fenomeno che gli operatori turistici non possono e non devono sottovalutare: una nuova sfida all’orizzonte per il settore alberghiero. o storico assunto che gli L appartenenti alle future generazioni viaggeranno più dei loro genitori è oggi messo in seria discussione: un recente report, intitolato «The future of free time», commissionato da Lastminute.com alla società di consulenza Future Foundation, con lo scopo di indagare come le abitudini legate ai viaggi e al tempo libero

cambieranno nei prossimi 20 anni, sostiene che le nuove generazioni saranno sempre più restie a spendere il loro tempo e i loro soldi per viaggiare e per fare esperienze di vacanze. Si dedicheranno, invece, sempre di più all’intrattenimento elettronico, alla partecipazione ai social network e al mantenersi always-on (sempre online, ndr), principalmente tra le mura domestiche. Si starebbe infatti assistendo a una nuova socializzazione, fatta di messaggi e di condivisione delle esperienze nel cyberspazio, al posto della ricerca di occasioni tradizionali e reali di conoscenza, compartecipazione, svago e intrattenimento: elementi questi ultimi che, oltre ad altri, influenzano la propensione all’acquisto di viaggi e vacanze. La cosa certa, per ora, è che la cultura digitale svolge un ruolo sempre più assorbente sulle nuove generazioni, influenzandone profondamente il comportamento e le scelte di acquisto. Secondo lo studio Future Foundation, questo trend si può per esempio osservare in Inghilterra, dove l’acquisto di occasioni di intrattenimento fuori casa (biglietti per cinema, spettacoli teatrali, partite

di calcio e anche viaggi e vacanze) si è ridotto moltissimo negli ultimi anni, a differenza della vendita di apparati per l’intrattenimento, che ha fatto registrare un incremento del 2,5% annuo a partire dal 2000. E guardando al 2015, la tendenza sembra confermarsi, e anzi accentuarsi. La ricerca sottolinea inoltre come dal 2007 le attività legate allo svago tra le mura di casa (per esempio, navigare su Internet o giocare ai videogame) abbiano avuto un notevole incremento nella percezione di valore dei giovani, rispetto ad altre attività più tradizionali, come fare sport o incontrare gli amici. Per continuare a suscitare l’interesse dei giovani e accedere a una parte delle loro risorse economiche, il settore dei viaggi e delle vacanze dovrà quindi garantire la possibilità di vivere esperienze più interattive,

Una delle console per videogiochi più diffuse sul mercato

innovative e coinvolgenti. Il report suggerisce, per esempio, l’adozione di filmati interattivi per la promozione delle destinazioni e delle offerte, così come la pubblicazione di contenuti multimediali per le piattaforme mobili al posto delle audio guide nei musei; la diffusione, in altre parole, di applicazioni in grado di garantire una sempre maggiore completezza informativa e un incremento nella percezione del valore dell’esperienza effettuata. Parlando del nostro specifico settore, la sfida per gli alberghi sarà dunque quella di trovare un range di soluzioni in grado di coinvolgere questo gruppo

Raccontare la storia della propria terra a tavola MARCO BEAQUA

collaborazione con la Camera di commercio di Udine, ha recenUn mix di sapori e profumi, temente allestito una vetrina frutto di contaminazioni etnidella propria offerta culinaria che e culturali: dalla montagna al Palazzo dei Giureconsulti di al mare, passando per le città Milano. Una proposta, quella d’arte e le colline della Via dei Safamose in tutto il pori, costituita mondo per i loro da una cucina vini eccellenti, la rigorosamente cucina del Friuli stagionale, preVenezia Giulia parata con proè direttamente dotti del territoconnessa alla rio che gli chef storia di una contribuiscono regione da sema valorizzare, in pre crocevia e un’ottica di propunto d’incontro mozione delle fra tradizioni e materie prime popoli differene di recupero di ti. Sapori che si prodotti di nicintrecciano e si chia e lavoraziosovrappongono, ni tradizionali, frutto della fuche altrimenti Walter Filiputti sione di tre gransarebbero a voldi culture culinarie del Vecchio te destinati a scomparire. Atcontinente: quella mitteleurotraverso i loro piatti, gli chef pea, quella slava e quella venedesiderano così raccontare la ta. Ed è proprio in questa terra, propria terra e le molte contada tempo protagonista di iniziaminazioni storiche e culturali tive e politiche del turismo parche la rendono unica. ticolarmente innovative, che è «Il nostro è un cenacolo dove da qualche anno attivo il Friuli lo scopo non è solo quello di fare Via dei Sapori, un consorzio di e dare da mangiare, ma anche una ventina di ristoranti che, in di proporre, di raccontare, di ilDI

LA RICETTA

Brodo di pesce alla dalmata Un piatto dell’Al Lido di Muggia, del consorzio Friuli Via dei Sapori. Ingredienti per 10 persone: orata o branzino kg. 1, una piccola cipolla, mezza carota, mezzo gambo di sedano bianco o verde, due spicchi di aglio, mezzo peperone giallo, quattro pomodori pelati, una foglia di alloro, un bicchiere di vino bianco secco, sale, pepe, olio di oliva, peperoncino e origano qb. Preparazione: far bollire il pesce. Tritare quindi le verdure e rosolarle in una pentola con un filo di olio per qualche minuto, aggiungendo i pomodori pelati e tritati, il sale e il

pepe, gli aromi e il vino bianco. Far evaporare per qualche minuto, poi aggiungere l’acqua di cottura del pesce bollito e la carne del pesce privata delle spine e della pelle. Far bollire, infine, per altri dieci minuti e servire con crostini di pane.

lustrare e far comprendere la storia che sta dietro ai piatti che vengono serviti al tavolo», ha spiegato in occasione della vetrina milanese il presidente del consorzio, Walter Filiputti. «Non banalizzare la tradizione e non rifiutare l’innovazione, capace di stimolare la tradizione

stessa, sono temi attualissimi nell’evoluzione della nostra cucina: debbono essere affrontati e dibattuti, ma per farlo hanno assoluta necessità di filosofi, di teste pensanti che sappiano mettere sul fuoco i vari ingredienti. Questa è la strada che stiamo percorrendo».

di Go-nowhere-gamers (videogiocatori che non viaggiano, ndr) e di catturare i loro interessi. Questo può implicare il fornire l’accesso a una serie di tecnologie capaci di generare ambienti ludici molto sofisticati: esperienze a cui i giovani clienti non possono accedere nelle loro case e opportunità di provare nuovi giochi, console e apparati tecnologici che non possono comprare, perché ottenibili solo con un costo superiore alla capacità di acquisto della maggior parte di loro. E ovviamente occorrerà fornire la possibilità di essere always-on, ovvero costantemente connessi alle risorse sulla rete e alla loro rete di relazioni virtuali. Guardando al 2030, il report si domanda infine se questo trend assumerà una dimensione tale da rimpiazzare effettivamente la voglia di fare esperienze di viaggio tradizionali. Ma a questo proposito gli esperti si sono dimostrati profondamente scettici: «Qualcosa di simile ai viaggi virtuali sarà presente», dice William Higham, autore del libro sui trend futuri della domanda, The next big thing, «ma non credo che il fenomeno rappresenterà un reale pericolo per le vacanze tradizionali: sarà semplicemente un’altra opzione di vacanza». E di questo aspetto siamo profondamente convinti anche noi di Tsm Consulting. Una cosa però è certa: per continuare a mantenere il favore dei giovani turisti, il settore si deve inevitabilmente adeguare a parlare il loro linguaggio, nonché a comprendere meglio il loro comportamento e le loro specifiche necessità, coinvolgendoli attivamente nelle scelte che vengono fatte in termini di prodotti e servizi loro destinati. Stiamo parlando di clienti potenziali che sono e saranno sempre più abituati a gestire le informazioni in modo molto veloce, senza sprecare tempo e attenzione per acquisirle ed elaborarle, con la logica destrutturata del saltare da un punto all’altro a cui sono abituati navigando su Internet. È da sfatare anche il mito che si tratta di un target con un basso potere d’acquisto: quella che è molto bassa è la fiducia che i giovani ripongono nelle offerte tradizionali, percepite come noiose e poco arricchenti. A ciò dobbiamo far fronte con proposte che includano in modo deciso la connettività permanente, la tecnologia, l’innovazione, la creatività, il gioco sofisticato, così come ovviamente la possibilità di socializzare in spazi adeguatamente allestiti, anche virtualmente.

10

Venerdì 8 Aprile 2011

O P P O R T U N I TÀ A Z I E N D E

VENDITA Milano – zona Città Studi vendesi immobile e gestione di albergo di circa 60 camere, parzialmente da ristrutturare Baranzate/Milano – vendesi ampia area adiacente al nuovo polo fieristico di Rho/Pero con premesso di costruzione albergo di circa 180 camere Cerro Maggiore (Milano) - vendesi immobile di recente costruzione a destinazione RSA con 114 camere attualmente locato Busto Arsizio (Varese) - in centro città è in fase di ultimazione un albergo con circa 100 camere, si vende l’immobile o la gestione Firenze – collocato sui lungarni, si vende immobile e gestione di un albergo 4 stelle con circa 100 camere Forte dei Marmi (Lucca) – vendesi immobile a destinazione alberghiera con 34 camere direttamente sul mare, da ristrutturare Teramo – in pieno centro storico si vende immobile e gestione di un albergo 3 stelle di 50 camere, parzialmente da ristrutturare

GESTIONE Parco del Ticino – nuovissimo hotel di circa 40 camere con ristorazione molto importante cercasi gestore Cassano d’Adda (Milano) - albergo e motel per un totale di 106 camere inaugurato all’inizio del 2010, vendesi immobile o gestione Gallarate (Malpensa Varese) – in centro città gruppo immobiliare trasforma o cede immobile a destinazione alberghiera, disponibilità anche a realizzarlo e poi affidarlo in gestione Venezia/Mestre/Cà Marcello - in complesso immobiliare in fase di realizzazione nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Mestre, è prevista la costruzione di un albergo a 4 stelle di circa 250 camere per il quale si ricerca il gestore Padova – si vende storico albergo a 3 stelle, in centro città, con 50 camere da ristrutturare Mori di Rovereto (Trento) - a poca distanza dall’uscita dell’autostrada del Brennero in costruendo complesso dotato di galleria commerciale, wellness center, pub, kartodromo indoor, cinema multisala e centro di divertimento, si vende o si affida in gestione albergo 4 stelle con circa 100 camere.

CERCHIAMO Milano e Roma importante gruppo alberghiero internazionale intende acquistare albergo di lusso o di 4 stelle molto ben posizionati, in alternativa anche immobili da trasformare Italia del Nord cerchiamo per acquisto immobiliare albergo almeno 100 camere con annesso campo golf 18 buche Riviera Ligure gruppo alberghiero straniero cerca in gestione albergo di almeno 100 camere

PER INFORMAZIONI

E-mail: aferiani@libero.it

R.O. 15751 CCIAA di MIlano

CEDESI GESTIONE RAMO D’AZIENDA RELAIS S. AMBROGIO In Toscana - Val d’Orcia - 4 km da Pienza 6 suites – 5 camere Ricevimenti ed eventi Ristorante di 470 mq con ampio spazio esterno Chiesetta consacrata Piscina Laghetto artificiale con possibilità di pesca Riserva faunistica

GESTIONE/VENDITA CAMPING LAGO TRASIMENO, UMBRIA, SPIAGGIA E MOLO PRIVATI, TENNIS, BAR PIZZERIA, PISCINA Gli interessati potranno scrivere a: aragosta1972@yahoo.com oppure telefonare al nr. 380 9007348

Si richiedono garanzie bancarie. Per informazioni telefoniche: 06 32.02.041 - 45 Per informazioni via mail: apollonj@tiscali.it Oggetto: Relais S. Ambrogio 1) Ubicazione La struttura si trova in piena Val d’Orcia, a soli 4 Km da Pienza. 2) Struttura La struttura fa parte di una azienda agricola di 240 ettari. E’ zona faunistica di ripopolamento ricca di animali: caprioli, daini, cinghiali, istrici, lepri, etc. etc.. E’ riserva di caccia, di tartufi e di funghi.. Ha un laghetto artificiale dove è possibile pescare. In una prima fase viene dato in gestione un locale ristorante di 470 mq su due livelli, autorizzato per 90 persone sedute. Fanno parte del ristorante anche un terrazzo e un piazzale dove è possibile sistemare 250 persone sedute, particolarmente adatto, quindi, a ricevimenti e matrimoni. Sullo stesso piazzale è situato un locale adibito “wine bar” ricavato dalle vecchie cantine. Vengono dati in gestione anche 6 appartamenti, cinque composti da soggiorno, 2 camere e doppi servizi ed uno composto da soggiorno, camera e servizio. Le camere potranno anche essere locate singolarmente.

La superficie degli appartamenti è di 524 mq coperti. Fa parte della struttura anche un notevole spazio esterno con ampi parcheggi mascherati da olivi per non togliere la bellezza del paesaggio della Val d’Orcia. Gli spazi esterni sono in lavorazione in questi giorni e sono ricchi di olivi, alberi da frutta e piante secolari; sarà realizzata una piscina. 3) Relais Petricce In una seconda fase sarà dato in gestione anche un altro casale “Relais Petricce” composto da 11 camere con bagno e da un centro benessere di 90 mq. La superficie totale delle stanze è di 416,55 mq. 4) Tipo di contratto a) La struttura S. Ambrogio viene data in gestione con un contratto di cessione di ramo d’azienda della durata di 4 anni + 4. b) Il costo della struttura “ Relais S. Ambrogio” è di 150.000,00 euro. c) Il flusso turistico è costante per tutti i dodici mesi dell’anno, data la posizione. d) Sarà possibile locare per singole giornate una cappella consacrata che fa parte del casale padronale. e) La struttura è pronta a partire dal mese di giugno 2011.

Comunicazione privacy Il responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in banche dati di uso redazionale è l’editore a cui, presso la sede di via F. Carcano 4, 20149 Milano (tel. 02 43 98 04 32 fax 02 4802 51 54), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti ai sensi dell’art. 2 all. A Dlgs 196/2003

Stai sfogliando job in Tourism su carta? Ci leggi ogni numero? Se la risposta è SI allora puoi ricevere GRATIS PER UN ANNO la versione pdf di Job in Tourism. Con l’invio elettronico avrai CONSEGNA IMMEDIATA NELLA TUA E-MAIL, tutte le pagine a colori, interattività e facilità di archiviazione. TUTTO GRATIS Compila esattamente il modulo all’indirizzo www.jobintourism.it/job/pdfgratis.php e dal prossimo numero ci leggerai sul tuo schermo.

Venerdì 8 Aprile 2011

DOMANDE CHEF DI CUCINA GIOVANE E

CAPACE,

CUCINA

ESPERTO

IN

SALUTISTICA

E

MEDITERRANEA,

HOTEL MANAGER con esperienza ventennale cerca nuova sfida professionale.

PROFESSIONISTA NELL’INDUSTRIA DELL’OSPITALITÀ,

Determinato, dinamico, intraprendente, molto motivato per raggiungimento di obbiettivi sia personali che aziendali.

VALUTA

CATEGORIA SUPERIORE

A

TEMPO

O

INDETERMINATO

PROSSIMA STAGIONE ESTIVA

CAPO RICEVIMENTO-VICE DIRETTORE

327 0114093 (14:30 17:00)

Tel. 347 6583254

ANCHE

L’ESTERO.

PER

di lusso in Svizzera, che fa parte di un importante marchio

Diploma di laurea e di gestione conseguiti in Svizzera, Esperienza ventennale Italia/Estero Appassionato d’Hôtellerie 40 enne sportivo Ottimo braccio destro per Direttore-Proprietario Cerco azienda in crescita. Onestà, Professionalità, Spirito Manageriale, intuito e fiuto fanno la differenza!

DISPONIBILE

Direttore Generale di una prestigiosa struttura alberghiera

internazionale.

averuser@libero.it Cell.: 329 1334743

PROPOSTE IN ALBERGHI DI

11

certificazione presso la Cornell University di Ithaca negli Stati Uniti, MBA conseguito presso la Reims Business School. Continuo aggiornamento e sviluppo professionale. Consolidata esperienza nel settore alberghiero acquisita in Hotels e Resorts di lusso in Italia e all’estero per oltre 19 anni: Germania, Inghilterra, Sud Africa, Svizzera e Medio Oriente.

EVENT MANAGER

Ragazza 24 anni residente ad

Profilo dinamico, creativo, coerente, orientato al cliente e alla

esperta nella gestione di eventi congressuali, con forti competenze

Imperia con discreta esperienza

commerciali e marketing, parla correttamente 4 lingue, valuta offerte

in qualità di receptionist, din

gestione per obiettivi. Ottima conoscenza delle lingue. Approfondita

in Italia ed all’Estero in particolare su Roma, Milano o Firenze.

hostess e di promoter, discrete

conoscenza ed esperienza nei comparti: Sales & Marketing,

Per contatti event.commerciale@libero.it

DIRETTORE HOTEL

conoscenze

informatiche

e

conoscenza delle lingue inglese, francese e tedesco, disposta

Pianificazione strategica del business, Budgeting e Controllo di

anche a spostamenti purché

gestione.

vengano rimborsate le spese per l’alloggio, cerca lavoro in

50enne, con esperienze in strutture 4 e 5 stelle. Sviluppo commerciale,

qualità di receptionist, hostess,

gestione delle risorse umane, controllo di gestione.

di apprendista cameriera di

Esamina nuove proposte a livello nazionale ed internazionale.

sala o di aiuto bar.

Disponibile per impiego o consulenza a progetto. Contatti:

Room Division, Food & Beverage, Risorse Umane e Formazione.

Disponibilità da concordare. Telefonare ai seguenti numeri:

laurenzana@libero.it

334 3044947

Telefono cell: 340 2845952

377 5276610

Tel. 335 1801898 E-mail: os.professional@yahoo.com

CINQUE PERSONAGGI IN CERCA DI FONDI PER IL TIBET Un’asta benefica on-line per raccogliere fondi a favore dei bambini del Tibet. La Costa family foundation lancia una nuova originale iniziativa per sostenere le proprie attività a favore della popolazione tibetana: in collaborazione con alcuni personaggi noti, come il cantautore Zucchero Fornaciari, l’artista Mauro Corona, il dj Linus, il presidente di Banca Mediolanum, Ennio Doris e il giornalista Beppe Severgnini, sta infatti realizzando una serie di aste sul web, il cui vincitore avrà la possibilità di trascorrere qualche ora in compagnia di una di queste figure note del panorama artistico, culturale ed economico italiano.

12

Venerdì 8 Aprile 2011

“Leave it to me” and tourism ANTONIO CANEVA While the world in this very period has chosen to confront us with questions we don’t have an answer for (nuclear reactors in Japan, upheavals in the Middle East, bombardments in Libya), in a “leave it to me” climate (can you remember Tino Scotti, our bright comedian boasting he could solve everybody’s problems with cons and tricks?), we are wondering what the next summer season is going to be like. The official news of these days are leaning towards cautious optimism; the state deficit is smaller than expected, unemployment has dropped from 8.7 to 8.4 per cent, the USA economy seems to be picking up faster, but this does not quite satisfy the expectation of a sound economic recovery. Without any claims to scientific research, I have sounded out the mood of tourism operators in several areas of Italy, and the resulting picture is one where businesses, rather than expect any prompt improvements, have grown used to living with a state of uncertainty. The focus is now on the local elections, but, apart from a few locations whose economy is solely based on tourism, tourism does not seem to be central in any electoral proposal; this being the case, we should not be surprised if the industry does not succeed in fulfilling its potential. We have a ministry of tourism, true, but also a very inefficient promotion and an embarrassing website; try, for example, entering http://www.italia.it/it/ idee-di-viaggio/benesseree-salute.html (the page on thermal resorts in www. italia.it) and, after a short description, you will only find a link to www.termeitaliane.it: outrageous! Sicily and Puglia, the two southern regions with the greatest potential for tourism growth, and currently the most proactive, are now placed in difficulty by the tide of North African migrants landing on their shores, and fi nd themselves facing uncertain conditions. Are critical situations abroad going to act in favour domestic tourism? In a way, this is to be expected, but it is equally true that tourism needs, in itself, a condition of serenity, and in this period this is exactly what we miss. Translation of the italian editorial by Paola Praloran

INTERNAZIONALI

Princess Cruises is looking for the following professionals: ASSISTANT FOOD & BEVERAGE MANAGER Job Description: - Assist the 1st Purser Food & Beverage (Food & Beverage Director) with the daily F&B administration and operation. - In conjunction with the Storekeeper, provide analysis of bar stores consumption to assist the Food & Beverage Director with the ordering of supplies. - In conjunction with the Food & Beverage Manager, compile a physical inventory routine for each location to verify levels of inventory at least once per cruise or more if required (e.g. crew bar daily or any bar where high variances are occurring). - In conjunction with the Food & Beverage Manager, periodically hold spot checks or physical inventory in bars, bar stores, main storerooms and cellars. - Maintain the Bar Master File, Bar Ingredient File and P.O.S. keyboard arrangements. - Prepare daily revenue analysis by bar location for the Food & Beverage Manager and compare against previous results and against budgets set by the Corporate office. - In charge of coordinating any special services with various departments onboard. - Attend passenger cocktail parties as required. - Other duties as assigned by the Food and Beverage Manager. Job Requirements: - Possess a diploma from a recognized European or USA Hotel Management School or University or equivalent, plus a minimum of three years experience as Bar Manager, Maitre d’ Hotel or Chef de Cuisine in a shore operation with international clientele, or minimum of service of two years on board a 4/5-star ship in a compatible position. - Ability to understand, analyze and interpret financial results. - Completion of Advanced/Intermediate Food & Hygiene. - Strong leadership (leading by example) and motivational skills. - Needs to be very service and quality oriented (“attention to details”). - Ability to plan, execute, follow up and be positive to change in a very flexible working environment. - Ability to innovate and foster creativity. - PC knowledge of: MS Word and Excel. - Effective planner and organizer - Strong team building abilities. - Strong command of the English language combined with good verbal and written skills. - Good social skills. - Ability to work under pressure. Experience in quality establishments and good knowledge of English are essential. EXECUTIVE CHEF The Executive Chef is responsible for the day-today operation and quality of food preparation and presentation in the passenger Galley, crew Galley, buffets, and all other passenger/crew food preparation/distribution areas and as directed by the Food & Beverage Director. Oversees and directs all Galley personnel working in the passenger Galley and the following ancillary areas: 1. Hot Galley 2. Garde Manger 3. Pastry Shop 4. Fruit & Cheese Pantry 5. Butcher Shop 6. Vegetable Preparation Area 7. Fish Preparation Area 8. Crew Galley 9. Coffee Pantry 10. Buffets 11. Bell Box Galley 12. Pizzeria Additionally, through the Galley Area Supervisor who reports to the Executive Chef, the Executive Chef is also responsible for: 1. Dishwasher Areas 2. Pot Wash The Executive Chef has the responsibility to liaise with the Food & Beverage Storekeeper concerning the preservation and utilization of provisions. Supervises all the cooks in their food preparation for the various meal periods and special events (banquets, parties, etc.). Works closely with the Maitre d’Hotel in regard to passengers’ appreciation of food. Works with the Food & Beverage Storekeeper and the Food & Beverage Director and/or Assistant to prepare

all food requisitions. Inspects and evaluates the quality of the provisions received during loading, paying special attention to the quality of fresh fruits and vegetables. Controls food consumption by monitoring production, waste and portion size. Maintains the highest level of sanitation throughout all the areas supervised, as prescribed by USPSH and according to company’s instructions. Maintains safe working conditions in the Galley. Experience in quality establishments and good knowledge of English are essential. CHIEF PASTRY Job Description: - Ensures each Chef de Partie, Demi Chef de Partie and Commis understands his/her duty. This includes training on recipes, preparation and presentation of pastry products. - Active participation in preparation duties which should be in balance with supervisory duties. - Ensures that ample food supplies are ordered and received for the next day’s preparation and that all goods are correctly stored and economically used. - Ensures to follow standardized fleet pastry menu cycle, teatime and theme buffet set-ups. - Ensures that all guest special requests are executed in a timely manner. - Ensures that proper utilization of food leftovers is in place. - Ensures that yield and portion control measurements are in place as per company standards. - Supervises that waste control, low grocery breakage and garbage separation is in hand. - Ensures to keep all equipment clean, orderly and well maintained; used as per manufacturer manual and with possible defects reported. - Assists the training of Galley personnel on USPH requirements concerning food handling, storage, and proper cleaning and personal hygiene. - Job Requirements: Knowledge of cruise ship catering operation. - Knowledge of food preparation, presentation and preservation. - Basic knowledge of Public Health and Sanitation regulations and procedures. - Formal degree in food management from a recognized International culinary institution. - Proof of continuing education translated in certificates or letter of participation in specialized courses. - Ability to train and motivate subordinates. - Ability to innovate and foster creativity. - Ability to organize and complete work in accordance to deadlines. Experience in quality establishments and good knowledge of English are essential. SOMMELIER Mission: To support the overall Princess Cruises Beverage Program, with a specific emphasis on improving wine knowledge and sales techniques for all Beverage service employees. The sommelier will be considered a support function for wine/beverage training assisting in sales/revenue generation, monitoring beverage performance and being the spokesperson for the Princess Cruises Wine Program. Time Utilization Key Result Areas 1. Wine/Beverage Training Programs 35% 2. Wine Sales Support Functions 30% 3. Wine/Beverage Sales Analysis 15% 4. Wine Program Operations 10% 5. Wine Presentations 5% 6. Dining Services Support 3% 7. Miscellaneous 2% Position Requirements Education/Experience: - Preferably a minimum certificate in Hotel/ Hospitality management or Sommelier. In lieu thereof a minimum of three years experience in a supervisory/management roll in an upscale restaurant/bar operation. - Has held positions that required training skills. Skills/Knowledge/Ability: - Comprehensive knowledge of all bar and wine products offered onboard the vessel and their preparation and presentation. - Strong training abilities. - Promotes good inter-departmental relations whilst contributing to a professional and efficient departmental reputation through effective communication. - Uses English as the language of communication in passenger and crew areas whilst on duty.

Interested candidates should send their cv to the address recruitment@princesscruises.com specifying the position they wish to apply for, and authorising the treatment of personal data pursuant to Law 196/03.

STAFF&CO SRL ricerca

CAPO E ASSISTENTI TURISTICI

per stagione estiva e invernale 2001/12. Le opportunità di lavoro sono nell’Africa nera (Kenya, Zanzibar, Madagascar, Mozambico). È richiesta la conoscenza di almeno una lingua straniera quale: inglese, francese, portoghese. Qualora interessati, sottoporre la propria candidatura inviando e-mail all’indirizzo valeria.severini@staffandco.it Allegando: curriculum vitae comprensivo di fotografia

For further information: www.jobintourism.it/job/corporate.php

Tutte le inserzioni pubblicate sono da intendersi riferite a persone di entrambi i sessi come da Legge sulle pari opportunità 903/77

Comunicazione privacy Il responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in banche dati di uso redazionale è l’editore a cui, presso la sede di via F. Carcano 4, 20149 Milano (tel. 02 43 98 04 32 fax 02 4802 51 54), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti ai sensi dell’art. 2 all. A Dlgs 196/2003

Venerdì 8 Aprile 2011

OFFERTE Ricerca per le strutture

ricerca la seguente figura professionale:

alberghiere in Milano

RECEPTIONIST esperienza in strutture di prima categoria e superiori,

1 PORTIERE TURNANTE 1 GOVERNANTE I

candidati

ideali

conoscenza di almeno due delle principali lingue straniere, attitudine al lavoro in team, buona presenza, predisposizione al contatto con la clientela Gli interessati ambosessi (L.903/77) possono inviare dettagliato c.v. con foto e

hanno

consenso al trattamento dei dati personali (D.Lgs.196/2003) a:

I candidati possono inviare il proprio cv corredato di foto e di autorizzazione al trattamento dei dati personali ex L. 169/2003 a: info.responsabiledelpersonale@gmail.com Non saranno presi in considerazioni CV non in linea con il profilo ricercato.

2 anni. Richiesta disponibilità e

Orient-Express Hotel, Trains & Cruises

segreteria.montebianco@mokinba.it

SALES & BOOKING AGENTS

PROV. DI COMO CERCA

ADDETTA AL RICEVIMENTO

DI

E

STRUTTURE

ALBERGHIERE. È

RICHIESTA

OTTIMA

CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE

SCRITTA

E

PARLATA

OLTRE ALLA CONOSCENZA DEI SITEMI INFORMATICI. INVIARE CURRICULUM VITAE CON FOTO email: emanuela@axolutehotel.com www.axolutehotel.com

Hotel 5 stelle nuova apertura nelle Marche seleziona

is recruiting

AXOLUTE HOTEL DI CANTÙ

REFERENZIABILE

Italy

Hotel Splendido & Splendido Mare - Portofino Hotel Villa San Michele – Firenze Hotel Cipriani - Venezia Hotel Caruso - Ravello Grand Hotel Timeo - Taormina Hotel Villa Sant’Andrea - Taormina

Inviare curriculum vitae a:

ESPERIENZA

ADDETTO ALLA RECEPTION Si richiedono significative esperienze presso Hotel 4/5 stelle, ottima conoscenza della lingua inglese e di una seconda lingua straniera oltre che del gestionale Nuconga e del pacchetto office.

Conoscenze di Revenue Management costituiranno titolo preferenziale.

presso hotel 4 stelle di almeno

flessibilità di orario.

Struttura alberghiera di pregio nel centro storico di Catania, seleziona personale dinamico e motivato per la seguente posizione:

Richiediamo naturale predisposizione al sorriso, capacità di lavoro in team, inclinazione alla gestione dei rapporti con i clienti,flessibilità.

marco.l@fortysevenhotel.com

maturato esperienze nel ruolo

CON

13

We are looking for higly motivated people for the Central Reservation Office of our worldwide Collection. The people we are looking for posses the following skills and qualities: • Minimum 3 years experience in similar position in 4/5* hotels or Tour Operators & Travel Agencies • Fluent in English & German or French • Excellent comunicational skills • Familiar with GDS & Hotel Reservations Software • Career oriented Competencies: • Adaptability: ability to effectively ad just to changes in work tasks or work environment • Building trust: ability to interact with other in an honest, fair and respectful way • Communication: skilled at engaging audience We offer: • labour contract according to C.C.N.L. Settore Turismo . Economical treatment adequate to the professional experience. I candidati interessati sono pregati di inviare il loro C.V. completo di foto e dell’autorizzazione al trattamento dei dati (l. 675/96) al fax 055 5678294 e mail gantico@splendido.net

VARIE FIGURE PROFESSIONALI: I candidati con adeguate capacità professionali maturate in strutture alberghiere di livello dovranno possedere una naturale predisposizione al sorriso, eleganza e gentilezza nei modi, oltre ad una spiccata predisposizione al lavoro in team. Richiesta una buona conoscenza della lingua inglese. La conoscenza di altre lingue straniere offrirà titolo preferenziale nelle selezioni. I candidati dovranno essere automuniti, la struttura non offre alloggio. La ricerca è rivolta ad entrambi i sessi Si prega di inviare dettagliato curriculum vitae, corredato da foto recente ed autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le vigenti norme ed ai sensi del DLn.196 del 30.06.2003 e successivi, al seguente indirizzo e-mail: risorse.umane@sidagroup.com

BESTSOURCING PER HOTEL GESTIONE DELL’IGIENE AMBIENTALE Pulizie ordinarie e straordinarie, sanificazioni CAMERIERATO AI PIANI FACCHINAGGIO PORTIERATO RECEPTION Outsourcing Group Milano • Roma • Varese • Cremona • Bergamo • Novara • Alessandria • Ravenna Via Vignoli 28 – 20146 Milano tel. 02.42.24.028 r.a. fax 02.42.58.36 P.le Flaminio 19 – 00199 Roma tel. 06.32.16.648 r.a. fax 06.36.00.22.14 e-mail: info@outsourcing.it www.outsourcing.it

Da più di dieci anni forniamo agli Hotel più prestigiosi l’intera gamma di servizi alberghieri di cui necessitano, ma non solo. Ci sentiamo infatti “un’azienda all’interno degli Hotel” ciò ci spinge a condividerne gli obiettivi cercando di offrire loro il servizio migliore. Questa è la nostra convinzione più grande, un’idea chiamata BESTSOURCING.

CI IMPEGNIAMO OGNI GIORNO PER METTERE A DISPOSIZIONE DEL VOSTRO HOTEL: UNA VELOCE FLESSIBILITÀ con la possibilità di aumentare o diminuire l’organico a vostra disposizione in base alle effettive esigenze.

esclusivamente interno. PERSONALE QUALIFICATO e competente, costantemente formato attraverso una scuola di formazione permanente.

ABBATTIMENTO DEI COSTI amministrativi e di gestione che avreste affidandovi a personale

TUTTA LA NOSTRA ESPERIENZA, è il nostro valore aggiunto. Da 10 anni lavoriamo quotidianamente con un unico obiettivo: aiutare i nostri Hotel a raggiungere i loro traguardi.

un viaggio verso la BESTSOURCING

14

VenerdĂŹ 8 Aprile 2011

Venerdì 8 Aprile 2011

OFFERTE Gruppo Alberghiero EFFEHOTELS ricerca per la stagione estiva e/o stagione invernale: RESPONSABILE BOOKING SEGRETARIO RICEVIMENTO CHEF CON O SENZA BRIGATA CAPIPARTITA COMMIS CUCINA BARMAN

Grand Hotel & Hotel Punta San Martino 4**** in Arenzano (Ge) per l’inizio della stagione ricerca le seguenti figure professionali: CHEF DE PARTIE, SOUS CHEF, COMMIS DI CUCINA, Si richiedono conoscenze della cucina regionale ligure e della tradizionale italiana, creatività, ambizione e flessibilità MAÎTRE D’HOTEL, CHEF DE RANG, COMMIS DI SALA Titolo preferenziale residenza in Liguria. Si offrono un contratto a tempo determinato, una retribuzione commisurata alle effettive capacità del candidato e possibilità di alloggio. I candidati interessati sono pregati di inviare il loro curriculum vitae con foto, e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali (D.Lgs. 196/03) a: risorseumane@cerco.it

15

Struttura turistica in Alta Valle Susa ricerca le seguenti figure professionali:

RECEPTIONIST- CAPIPARTITA E COMMIS DI CUCINA CAMERIERI DI SALA - BARISTE/I - CAMERIERE AI PIANI FACCHINI - MANUTENTORE IDRAULICO MANUTENTORI GENERICI. Si richiede esperienza. Inviare curriculum con foto: direttore@sottozero.info

CHEF DE RANG Inviare Curriculum Vitae con foto a: hotel.job@virgilio.it

Fantastic opportunity for an experienced and dedicated Spa Manager to join this very luxurious 5* hotel opening up in Milan! JOB RESPONSIBILITIES AND SCOPE INCLUDE

Delphina srl cerca TERMOIDRAULICO FRIGORISTA per Resort Le Dune a Badesi (SS) Inviare curriculum a: mcongiu@delphina.it TIROCINANTE 4 – 6 mesi per Assistente Direzione resort Le Dune. Richiesti laurea e tedesco/inglese. Offresi alloggio vitto rimborso spese. Inviare c.v. a: direzione.dune@delphina.it Attenzione: prima di inviare il curriculum si prega di leggere l’informativa sulla privacy collegandosi al sito http://www. delphina.it/privacy/informativia_ candidati.pdf e autorizzare l’utilizzo dei dati ai sensi del DLgs 196/2003

* The Spa Manager is responsible for the establishment and execution of clear short term and long term goals to ensure the spa is recognized as one of the finest resort spas in the world. * These goals must ensure Colleague satisfaction, Guest satisfaction, financial success, health and safety and environmental stewardship. * The Spa Manager is responsible for the daily leadership of the spa operations, ensuring all productivity and expense controls are followed as well as ensuring that all revenue opportunities, in keeping with the positioning of company Spas, will be capitalized upon. * Responsible for All Spa positions * Direct operations of the facility, including short and long range strategic planning so spa operates cost effectively and efficiently. * Ensure the establishment and execution of all departmental goals. * Manage, train, and motivate all personnel reporting to this position. * Serve as a link between the hotel and the spa industry. * Meet with group meeting planners to show spa facility and programs as required. * Promote and sell customized spa programs to conference groups as required. * Tour prospective spa Guests.

EDUCATION & EXPERIENCE REQUIRED * Min of 5 years experience in management or supervisory position in a spa field an asset. * Experience in the hospitality industry an asset. * Human resources experience an asset. * Desire to provide phenomenal Guest experiences. Anzinger Daniela Hauptplatz 16 9170 Ferlach - Austria anzingerd@yahoo.com

Storica struttura alberghiera, nel cuore della Costiera Amalfitana Valuta per la stagione 2011, le seguenti figure professionali

CHEF DE RANG RECEPTIONIST BAGNINO CON BREVETTO BAR TENDER I candidati, a contatto con la clientela, dovranno possedere un’ ottima conoscenza della lingua inglese, una seconda lingua costituirà titolo preferenziale. L’azienda non fornisce alloggio. Verranno contattati solo i curriculum ritenuti idonei. La ricerca è indirizzata a uomini e donne (legge 903 / 77) Le e-mail dovranno essere indirizzati a: recruitment@hotelposeidonpositano.it

16

OFFERTE

Venerdì 8 Aprile 2011

CONCIERGE ASSISTANT

Telefono 02/58219.1 Direttore ed editore: Paolo Panerai (02-58219209) Direttore: Pierluigi Magnaschi (02-58219207) Condirettore: Marino Longoni (02-58219207) Vicedirettore: Sabina Rodi (02-58219339) Stampa: Milano, Stem Editoriale Spa, Cernusco S/N (Milano), via Brescia 22 - Roma, Sebe Srl, 00156 Roma, via Carlo Pesenti 130 - Catania, Società Tipografica Siciliana Spa, 95030 Catania, Strada 5ª n. 35. Ricezione e fotoriproduzione: Milano, Stem Editoriale Spa, Cernusco S/N (Milano), via Brescia 22 - Roma, Eurografica Srl, 00156 Roma, via Carlo Pesenti 130 Catania, Società Tipografica Siciliana Spa, 95030 Catania, Strada 5ª n. 35. Distribuzione: Erinne srl - via Marco Burigozzo 5 - 20122 Milano, tel. 58219283. ItaliaOggi - Registrazione del tribunale di Milano n. 602 del 31/7/91 - Direttore responsabile: Paolo Panerai.

Responsabile editoriale: Antonio Caneva Presidente: Antonio Caneva Coordinatore redazionale: Massimiliano Sarti Redazione Amministrazione e Pubblicità: Job in Tourism srl via F. Carcano, 4 - 20149 Milano Tel. 02/48519477 - 43980431 Fax 02/48025154 E-mail: info@jobintourism.net Accertamento Diffusione Stampa certificato n. 4309 del 23/11/2000

Purpose To be able to address all guests’ queries & requests in single contact & exceed their expectations by providing relevant & insightful information. Special Requirements 1. Written, spoken and reading proficiency in the English language 2. 1 year Hotel Experience 3. Hospitable, outgoing & customer-oriented 4. Good Area Knowledge Major Responsibilities 1. Assist guests with “Insightful” information about the area 2. To offer and arrange car rental, airline and train tickets, office services, local events, cultural events, beauty and barber services, baby sitting, arranging presents, repairs and shopping for the guests, arrange restaurant bookings. 3. Handle all guests’ requests and full fill them as quickly as possible. 4. To be able to inform guests about the hotel & its services. 5. Be able to handle emergencies. Be trained in these procedures and be able to act upon them. 6. Work closely with Front Desk staff and provide assistance when needed. Specific Responsibilities and Tasks 1. Maintain comprehensive Concierge Database of information both computerized & hard copy for guest’ reference (containing insightful information about the area, bars, art galleries, places of interests, shops, airline offices & reservation numbers, etc) and regularly update them. 2. To work closely with Front Office in handling of groups, VIPs, return guests etc., to establish a rapport with return guests, ensuring that reservations and Front Office staff are well informed of guests’ preferences. 3. To be well informed of activities available, i.e. theatre, arts, special exhibitions, concerts, shows, sports, leisure activities, sightseeing tours etc., and to establish close contacts with people in these areas to provide information, ticketing, reservations, etc., for guest. 4. On quarterly basis, visit new attractions in the area. To ensure that restaurant menus are available. 5. To be an active member of the local association of Concierges, networking to achieve personal & company growth/success. Reports To Front Office Manager I candidati interessati sono pregati di inviare il loro C.V. completo di foto e dell’autorizzazione al trattamento dei dati (L.675/96) a: fax 055 5678249 e.mail: gantico@splendido.net

Ricerca per la Sede di Milano una nuova Risorsa:

Area Sales Manager Il/la candidato/a ideale proviene dal settore Hotellerie, ha una comprovata conoscenza del settore lusso, preferibilmente nel segmento Leisure. Proattivo/a, eccellenti doti di analisi, orientamento ai risultati, predisposizione ai rapporti interpersonali e al team working. Ottima conoscenza della lingua inglese. Gli interessati, ambosessi (L. 903/77), sono invitati a inviare CV, con foto, con allegato il consenso al trattamento dei dati, come previsto dal D.Lgs. 196/03, via e-mail a: hr@baglionihotels.com, citando il rif. Sales-MI

SPLENDIDO SPA RESORT 4 STELLE LUSSO (periodo di apertura 1 aprile – 30 ottobre) PER IMMINENTE INIZIO ATTIVITÀ STAGIONALE: Ricerca la seguente figura:

FRONT OFFICE MANAGER / RESPONABILE RICEVIMENTO

Sesso: si valutano candidati sia di sesso maschile che femminile. Età: si valutano candidati in età compresa tra i 27 e 37 anni. Attitudini: ambizione, lealtà, grande capacità relazionale, capacità di gestire un team di lavoro, positività, capacità di risolvere problemi, attitudine alla vendita, al lavoro per obiettivi e minima predisposizione alle attività di analisi matematica e statistica. Istruzione: costituiscono titolo preferenziale laurea o diploma di laurea. Esperienze professionali: si valutano candidati con almeno 3 anni di esperienza nel settore. Costituisce titolo preferenziale esperienza di lavoro in uno spa-resort di livello qualitativo analogo. Competenze linguistiche: si richiede come titolo minimo buona conoscenza lingua inglese. Competenze informatiche: costituisce titolo preferenziale la conoscenza del sistema gestionale Hotel ++ (GP dati) e la buona conoscenza del pacchetto applicativo office. L’azienda è in grado di fornire vitto e alloggio. Spedire Curriculum Vitae via mail con foto allegata al seguente recapito: E-mail: valentina.gili@golfhotelpuntaala.it

Hôtellerie tra passato e presente

Job in Tourism vi accompagna in un viaggio tra le immagini di ieri e di oggi degli hotel storici. Potete contribuire inviando foto storiche e attuali del vostro hotel a segreteria@jobintourismeditore.it. La redazione pubblicherà quelle più in linea con la rubrica.


Nuova generazione di turisti