Issuu on Google+

93 •• LA GUIDA MENSILE ALLE ARTI VISIVE SICILIANE •• ANNO X •• APRILE 2012 •• WWW.TRIBEART.IT •• FREE ••


artisti per tribeart 14.04.12 / 02.05.12

V

opening 14.04.12 ore 18.30

Il ricavato dalla vendita delle opere in mostra sarĂ  utilizzato per finanziare le pubblicazioni cartacee di TRIBEART.

Daniele Alonge Elisa Anfuso Calogero Barba Sandro Bracchitta Antonio Brancato Tano Brancato Davide Bramante Mario Bucolo Giuseppe Calderone Cinzia Caminiti Nicotra Canecapovolto Oscar Carcinelli Carmen Cardillo Rita Casdia Liborio Curione Gaetano D'Alessandro Stefania Di Filippo Annamaria Di Giacomo Giacomo Failla Gabriella Ferlito Raimondo Ferlito Gabriella Ferrera Marella Ferrera Attilio Giordano Lillo Giuliana Concetto Guzzetta Michele Lambo Giuseppe Lana Filippo La Vaccara Galleria La Veronica

Gianluca Lombardo Antonio Lo Presti Roberta Mannino Carmelo Nicosia Carmelo Nicotra Mario Oddo Natale Platania Franco Politano Benedetto Poma Antonio Recca Giuseppina Riggi Giacomo Rizzo Rosario Scalia Alfio Sorbello Franco Spena Angelo Spina Soriana Stagnitta Paolo Strano Oriana Tabacco Nuccia Taranto Delfo Tinnirello Vincenzo Todaro Samantha Torrisi Antonino Triolo Lidia Tropea Dina Viglianisi Vlady Art Francesco Viscuso Stefania Zocco Giovanni Zoda

da un'idea di Marella Ferrera e Daniela Arionte

Palazzo della Cultura Via Vittorio Emanuele 121 Catania lunedĂŹ-sabato 9.30-13/16-19 domenica 9-13 0952180080 ingresso libero


.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. sta gratificazione del capitale umano che ai lavori e semplici appassionati che ci Addio o arrivederci? Ci sono alcune deci.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. vi è impiegato. Per ovviare alla mancanza hanno dimostrato come il nostro mensile sioni così difficili e dolorose da pren.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di fondi spesso si è ricorsi all'autosia ormai divenuto patrimonio collettivo. dere che si cerca sempre una soluzione .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. finanziamento confidando in un ritorno Con questo spirito in poche ore è nata la per poterle rimandare il più possibile. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di risorse. Un'attesa vana che oggi, nomostra Artisti per TRIBEART – voluta da Per la nostra redazione la data fatidica .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. stro malgrado, ci costringe a operare una Marella Ferrera, Daniela Arionte e Franco è stata lo scorso 29 marzo, quando dopo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. scelta difficile, quella della sospensioPolitano – che ha raccolto l'adesione di una lunga riunione abbiamo pubblicato sul .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ne delle pubblicazioni. Una “ristruttuoltre 60 artisti che hanno messo gratunostro sito e sul nostro profilo Face.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. razione” dal sapore amaro che metterà la itamente a disposizione un'opera per la book una breve nota che annunciava la .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. versione cartacea di TRIBEART in standby vendita a prezzo fisso il cui ricavato sospensione delle pubblicazioni: «Sembra .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. fino a quando investimenti pubblicitari, servirà a finanziare le prossime stamproprio che quello in preparazione sia .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. a medio e lungo termine, non garantipe. Sappiamo che questa "raccolta fondi" l'ultimo numero di TRIBEART. Dopo 9 anni .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ranno certezze ed equilibrio. Una scelta sarà solo una cura palleativa, ma sicudi impegno, passione e costanza il nostro .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di concretezza strettamente connessa alla ramente quello che è successo in questa progetto editoriale – libero, indipen.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. qualità e all'indipendenza dell'informasettimana sarà per noi un grande stimolo. dente e nato dal basso – sembra dover .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. zione, valori che finora abbiamo sempre Alcuni imprenditori, galleristi e artisti volgere al termine. La motivazione? La .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. cercato di perseguire. Fare informazioin queste ore si stanno facendo avanti costante carenza di entrate economiche .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ne non significa fare cassa, ma con una per proporci una soluzione che permetta che non permette di far fronte neanche .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. buona informazione la cassa la si può la programmazione delle attività cartacee alle spese di stampa e di distribuzione. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. fare?». del nostro mensile: noi continueremo a Un'instabilità continua che impedisce di .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. In poche ore abbiamo ricevute decine di fare del nostro meglio, voi siete dalla fatto la naturale crescita della nostra .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. telefonate, e-mail e messaggi da addetti nostra parte? piccola realtà imprenditoriale e la giu.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 4 | NEWS Samantha Torrisi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Giacomo Rizzo NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK PRATICHE VIRTUOSE .............................................................................................................................................................. Carmelo Nicotra .............................................................................................................................................................. a cura di Giacomo Alessandro Fangano .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 10 | SPAZI APERTI Il Castello Ursino perde 6 milioni di euro. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Stancanelli: troveremo una soluzione estetiche, opinioni e riflessioni sul .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Giacomo Alessandro Fangano Contemporaneo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Affaire Riso: il museo riapre, ma il .............................................................................................................................................................. VOX POPULI .............................................................................................................................................................. direttore, Sergio Alessandro, si dimette di Adalberto Abbate .............................................................................................................................................................. .. .. .. .. .. .. di.. Vanessa .. .. .. ..Viscogliosi .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. Qui fuori. Ibridazioni esteTiche .............................................................................................................................................................. di Chiara Tinnirello Etna candidato a entrare nella World .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Heritage List Unesco .............................................................................................................................................................. INCANTI .............................................................................................................................................................. di Giacomo Alessandro Fangano .............................................................................................................................................................. di Francesco Lauretta .............................................................................................................................................................. Una Chiamata alle Arti da Siracusa per .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. SQUONK - ARTE E MEDIA l'esercito dei creativi siciliani .............................................................................................................................................................. di Giuseppe Frazzetto di Giovanni Scucces .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. LA DURA LEGGE DEL GOL 6 | RECENSIONI .............................................................................................................................................................. di Vincenzo Profeta / Fabiola Nicoletti .............................................................................................................................................................. gli eventi visti da noi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. mi faccio una domanda mi do una risposta .............................................................................................................................................................. The Estate of Anonymous (VII): Stories from .............................................................................................................................................................. di Giuseppina Radice homes. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Tiziana Pantaleo .............................................................................................................................................................. 13 | RICREAZIONE .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Nora Ancarola e Marga Ximenez. Trilogia de ARCHITETTURA cinema curiosità design... and more .............................................................................................................................................................. la Privadesa .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Giuseppe Mendolia Calella idee sostenibili / Vivere la natura .............................................................................................................................................................. nell'oasi del Simeto di Lucia Russo .............................................................................................................................................................. Il viaggio nell'arte .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Giacomo Alessandro Fangano EDITORIA / Le selezioni del mese .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Fabiana Bellio .............................................................................................................................................................. Gina Pane (1939-1990). è per amore vostro: .............................................................................................................................................................. l'altro .............................................................................................................................................................. tivvù / Homeland (caccia alla spia) .............................................................................................................................................................. di Gabriella Martines di Alessandro De Filippo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 9 | FR3SH 15 | CALENDARIO MOSTRE .............................................................................................................................................................. UNA VENTATA DI PERSONALITà IN 7 RISPOSTE .............................................................................................................................................................. GLI APPUNTAMENTI DI APRILE 2012 .............................................................................................................................................................. a cura di Vanessa Viscogliosi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. tribeart .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. opera .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. nostra .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. editoria ufficio stampa&comunicazione grafica web .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. tribe società cooperativa .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. www.tribearl.it .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................

editoriale

V Index

cover cover

p

Carmelo Nicotra, Suspended memories cornice, comodino, poltrona e porta, dimensioni variabili, 2011, installazione site specific, FARM, Favara (AG)

colophon TRIBEART Mensile | Anno X | Numero 93 Registrazione al Tribunale di Catania n°23 del 30.10.03

REDAZIONE (t) +39 3395626111 • 3388913549 (f) +39 0952937814 • 1786019215 (e) redazione@tribeart.it (w) www.tribeart.it

EDITORE • PROGETTO GRAFICO • IMPAGINAZIONE TRIBE Società Cooperativa Via Barbagallo Pittà 24 • 95122 • Catania www.tribearl.it • info@tribearl.it DIRETTORE RESPONSABILE Enzo Baldacchino • direttore@tribeart.it

VICE DIRETTORE Vanessa Viscogliosi • vanessa.viscogliosi@tribeart.it

è tutta

DIRETTORE EDITORIALE Giacomo Alessandro Fangano • alessandro.fangano@tribeart.it

STAMPA Litocon S.R.L. Contrada Torre Allegra, Zona Industriale • Catania

pubblicità L’offerta pubblicitaria di TRIBEART è ampia e trasversale. Per ulteriori informazioni: (t) +39 3395626111 • 3388913549 (e) pubblicita@tribeart.it (w) www.tribenet.it/pubblicita.php


news

........................................................................................................................................................................

N O T I Z I E C O R S I C O N C O R S I L I N K pratic h e virtuose

Il finanziamento servirà ad assicurare investimenti a favore del patrimonio museale italiano. Per il Polo museale di Palermo stanziati 2milioni di euro.

Dal 14 al 22 aprile saranno aperte gratuitamente le porte di musei, ville, monumenti, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali.

I 9 interventi principali, che impegnano 70 milioni di euro, sono quelli per il recupero, restauro e valorizzazione di sedi museali di rilievo nazionale: Palazzo Reale di Napoli (18milioni), Museo - Reggia di Capodimonte di Napoli (7milioni), Pinacoteca - Grande Brera a Milano (23milioni), Grandi Gallerie dell’Accademia a Venezia (7milioni), Polo Museale di Melfi-Venosa (4 milioni), Polo Museale di Cagliari (2,5milioni), Polo Museale di Sassari (1,5 milioni), Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria (6 milioni), Polo museale di Taranto (5milioni) e Polo Museale di Palermo (2milioni). Il finanziamento di Palermo sarà destinato al Museo archeologico regionale Antonio Salinas per la riqualificazione dell’edificio, chiuso al pubblico dallo scorso 18 luglio, e l’allestimento delle sale espositive. «In questa fase delicata e cruciale della situazione economica internazionale e interna, gli stanziamenti del Cipe sono la dimostrazione del concreto impegno del Governo a favore della valorizzazione del nostro patrimonio culturale, ha commentato il Ministro per i Beni e le Attività culturali Lorenzo Ornaghi. È una decisione importante, che sottolinea il ruolo dei beni culturali e della cultura quale fattore essenziale di un diverso modello di sviluppo. Si delineano in tal modo gli elementi principali del quadro complessivo di rilancio delle nostre eccellenze, un rilancio che è tra gli obiettivi prioritari e sempre più urgenti del Ministero».

In occasione della più importante manifestazione di questo tipo in Italia, vengono organizzate su tutto il territorio nazionale mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti, che renderanno ancora più speciale l’esperienza di tutti i visitatori. Lo scopo fondamentale di questa iniziativa è quello di trasmettere l’amore per l’arte e favorire nuove esperienze culturali attraverso la conoscenza dell’immenso patrimonio italiano, grazie anche al coinvolgimento di altre istituzioni pubbliche e private. Lo slogan scelto quest'anno dal Ministero per i Beni e le Attività è “La cultura è di tutti: partecipa anche tu”. Come ricordato da Aldo Sparti, Soprintendente Archivistico per la Sicilia, «alla competenza esclusiva regionale è stata demandata la tutela in materia di beni artistici, architettonici, archeologici e librari; mentre quella sugli archivi è riservata al Ministero per i Beni e le Attività Culturali». Nell'isola si segnalano eventi a Licata (AG), Aci Catena (CT), Catania, Riposto (CT), Aidone (EN), Nicosia (EN), Piazza Armerina (EN), Pietraperzia (EN), Gualtieri Sicaminò (ME), Patti (ME), San Marco d’Alunzio (ME), Bagheria (PA), Carini (Pa), Cefalù (Pa), Palermo, Scicli (RG), Augusta (SR), Melilli (SR), Noto (SR), Siracusa, Sortino (SR), Alcamo (TP) e Mazara del Vallo (TP). Grazie all'adesione del Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana anche i musei, le gallerie, le aree archeologiche e le biblioteche regionali saranno aperte gratuitamente.

................................................................................

................................................................................

Il Castello Ursino perde 6 milioni di euro. Stancanelli: troveremo una soluzione Il Comune denuncia un boicottaggio da parte della Regione, che si difende accusando Palazzo degli Elefanti di ritardi nella presentazione dei progetti. Lo scorso mese di dicembre il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, aveva incontrato su sollecitazione del sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, il direttore generale della sezione regionale Beni culturali, Gesualdo Campo, il sovrintendente di Catania, Vera Greco e i tecnici della direzione Cultura del Comune per trovare una soluzione per la realizzazione di una scala di sicurezza al Castello Ursino. La riunione si era resa necessaria dopo che la scala originariamente prevista era stata bocciata dalla Sezione regionale archeologica perché la base avrebbe poggiato su alcune mura greche di pregevole valore. In ballo c'era un finanziamento di circa 5,9 milioni da prendere al volo con un nuovo progetto da presentare al Genio civile in pochi giorni. La scala al centro di questo finanziamento ha lo scopo di rendere fruibili senza limiti di visitatori il terzo e quarto livello del museo, altrimenti visitabili soltanto a piccoli gruppi. Secondo l'Italpress la mancata realizzazione dei gradini tra il primo e il secondo piano avrebbe mandato in fumo i fondi, anche se si ipotizza che il vero motivo sia la presentazione in ritardo del progetto. Per l'Amministrazione Stancanelli invece una soluzione è ancora possibile perché i termini sarebbero stati rispettati, ma il progetto è stato “dimenticato” per mancanza di volontà politica. Il sindaco, che ha da 13 mesi anche la delega alla cultura, ha annunciato che dopo Pasqua andrà a Palermo per cercare una soluzione per non perdere il finanziamento. Fra i primi commenti quello della Confcommercio che per voce del presidente Sorbello si chiede «che fine ha fatto l’Assessorato alla cultura e turismo della Città. Praticamente un assessorato inesistente in una città che ha un importante patrimonio artistico e culturale». Giacomo Alessandro Fangano 

Il Giovinetto in tunica di Mozia tra le star deLLE OLIMPIADI DI LONDRA Il capolavoro dell'arte greca sarà esposto dall'1 maggio al 20 settembre nella prestigiosa Duveen Gallery del British Museum. Il Giovinetto, datato 470-450 a.C., è alto 181 cm ed è stato rinvenuto nel 1979. In cambio il British Museum presterà alla Regione Siciliana la statua dell'Apollo Strangford, opera greca realizzata tra il 500 ed il 490 a.C., che sarà esposta nello stesso periodo nella sede del Museo Giuseppe Whitaker dell'isola di Mozia. Lo scambio fa parte di un'intesa quinquennale siglata fra l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Sebastiano Missineo, e i vertici del museo inglese.

 

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

la settimana della cultura torna per il XIV anno con l'apertura gratuita dei luoghi del patrimonio italiano

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il cipe, comitato interministeriale di programmazione economica, ha stanziato 76 milioni di euro PER LA CULTURA

Affaire Riso: il museo riapre, Alessandro si dimette Lo scorso 21 marzo Sebastiano Missineo, ha presentato i nuovi programmi del museo siciliano. Tra le novità l'istituzione di una commissione composta, fra gli altri, da Bartolomeo Pietromarchi, direttore del Macro, e Anna Mattirolo, direttore del Maxxi Arti Visive. Una controversia infinita. Il triangolo Alessandro/Missineo/Campo continua ad agitare le acque del Museo d'arte contemporanea della Sicilia. Dalla fatidica nota shock del direttore Sergio Alessandro – diramata per comunicare la sospensione delle attività museali e la chiusura di un’esperienza progettuale durata quasi cinque anni causa mancanza di (notevoli) fondi, nonché l'imposizione da parte della Soprintendenza di un cantiere dai complessi interventi strutturali – sono trascorsi oltre due mesi di polemiche, dichiarazioni, smentite, denunce e procedimenti disciplinari. Dopo settimane di silenzio intorno alle sorti del Palazzo Belmonte Riso, un'improvvisa conferenza stampa ha riacceso lo scorso 21 marzo i riflettori sull'intricata e ambigua vicenda. A convocarla Sebastiano Missineo, assessore regionale dei Beni Culturali, e Gesualdo Campo, dirigente generale del Dipartimento dei Beni Culturali. «Abbiamo lavorato in silenzio per rilanciare il Riso – ha dichiarato Missineo ai giornalisti – sfruttando i "dodicesimi" del bilancio regionale e individuando una programmazione a breve e a lunga scadenza». Ecco allora annunciati per il prossimo 17 maggio due progetti espositivi: la mostra Più a Sud. Un progetto per Lampedusa, curata da Paola Nicita con opere di Francesco Arena, Emanuele Lo Cascio e Sislej Xhafa, e l'esposizione integrale della collezione del museo, affidata alla cura scientifica di Francesco Andolina, architetto dell’Assessorato. A un comitato scientifico il compito poi di proporre «le linee per lo sviluppo e la valorizzazione dell'arte contemporanea in Sicilia». Come vigili sentinelle opereranno, a titolo gratuito, Bartolomeo Pietromarchi (direttore del Macro), Anna Mattirolo (direttore del Maxxi Arti Visive), Paolo Falcone (direttore artistico della Fondazione Sambuca), Michele Ciacciofera (artista siracusano), Francesca Corrao (presidente della Fondazione Orestiadi e figlia del senatore recentemente scomparso) e Manlio Mele (presidente della Fondazione Plaza), che svolgerà il ruolo di coordinatore. Nella stessa giornata Sergio Alessandro, dopo aver portato alla Procura della Repubblica le carte e gli atti amministrativi del museo dal 2007 ad oggi, ha comunicato le proprie dimissioni. «È la mia risposta – ha dichiarato l'ex direttore all'Adnkronos – alle illazioni con cui l'assessore regionale Sebastiano Missineo e il suo dirigente, Gesualdo Campo, hanno motivato il commissariamento e il cambiamento di rotta rispetto al progetto culturale di Riso che, negli ultimi cinque anni, aveva registrato ampi successi di pubblico e critica, anche internazionale». La replica della Regione non tarda ad arrivare. In serata Missineo fa sapere: «Se è questo il terreno su cui ha deciso di confrontarsi Sergio Alessandro non c'è problema. Domani ritorneremo in Procura e alla Corte dei Conti per ribadire le segnalazioni di alcuni fatti ritenuti penalmente rilevanti e dei danni all'immagine della Regione e all'erario provocati in seguito alla chiusura del museo Riso da parte del direttore Alessandro. Certamente noi non abbiamo nulla da temere, né abbiamo responsabilità morali e tanto meno amministrative su quanto è stato fatto in passato a palazzo Riso». «Per quanto riguarda le dimissioni di Alessandro, queste sono irrilevanti in quanto il direttore generale dei Beni Culturali, Gesualdo Campo, ha già assunto i poteri sostitutivi tanto è vero che questo passaggio – ha concluso Missineo – ci ha consentito oggi di presentare la programmazione di Riso dei prossimi mesi e di far ripartire le attività del museo dopo l'inspiegabile interruzione». Un nuovo polverone si sta alzando e le ombre sul Riso si fanno sempre più grandi. Chi prenderà il posto di Alessandro? Cosa ne sarà del S.A.C.S., lo sportello creato dal museo per valorizzare gli artisti siciliani? E, soprattutto, che fine farà il Riso? Vanessa Viscogliosi

........................................................................................................................................................................

04 tribeart


news

........................................................................................................................................................................

__corsi concorsi premi__

N O T I Z I E C O R S I C O N C O R S I L I N K pratic h e virtuose

Tracciati - La Città Sospesa

SUDESIGN

POLLEGE CONTEST

Art of Custom

Bando volto alla selezione di 10 giovani artisti e creativi italiani e stranieri residenti in Italia di età compresa tra i 18 e i 35 anni per la partecipazione gratuita al laboratorio artistico che si terrà a Perugia dal 4 al 10 giugno 2012. Il workshop sarà condotto dall’artista Bob Gibson e si incentrerà sulla realizzazione di un'installazione artistica ambientale collettiva e un’opera audiovisiva con l’intento di proporre alla fruizione pubblica una macro del percorso di fondazione, costruzione e sviluppo di una città. L'obiettivo sarà perseguito ponendo i partecipanti a confronto con materiali d’immediata collocazione sia ideale che pratica, concretamente assemblati durante un processo basato su interazione, immaginazione e spontaneità. Al termine sarà rilasciato un attestato di frequenza a condizione che artisti e creativi abbiano preso attivamente parte alle attività previste dal progetto.

Concorso riservato ai designer di tutte le età, SUDesign vuole stimolare, incrementare, valorizzare, dare visibilità al Sud attraverso proposte, progettualità innovative e nuovi modi di concepire il design. SUDesign accoglierà le migliori proposte di designer italiani e stranieri, degli studenti delle principali università, accademie e scuole di design che saranno in grado di valorizzare le potenzialità del Sud inteso non solamente come luogo, ma come ambito/vivaio/risorsa culturale e non. Una vetrina di prodotti, prototipi e concept che raccontano, attraverso progetti e modelli, il Sud e il suo desiderio profondo di riappropriarsi del proprio tempo e dei propri spazi. Il concorso è volto a portare in mostra, durante i giorni del MadeinMedi 2012, prodotti, prototipi e concept pensati da designer provenienti dall’area euro-mediterranea. Il tema è il Sud come centro propulsore del mondo.

Con questo contest la Pollege vuole individuare e valorizzare la creatività di tutti coloro che attraverso il proprio contributo di idee originali e innovative, sappiano meglio interpretare lo stile e la filosofia del brand offrendo loro anche l’opportunità di realizzare le proprie idee creative per farsi conoscere attraverso il canale del Web. Il contest è aperto principalmente a designer, fashion designer, stilisti e aziende di produzione nel settore abbigliamento. I contributi potranno essere costituiti da grafiche, disegni di stampe e/o di modelli, proposte creative ai fini della personalizzazione e/o realizzazione di un capo di abbigliamento o di un accessorio moda. Il contest è rivolto ai soli utenti maggiorenni registrati sul sito e che seguiranno le fasi seguenti: iscrizione, caricamento del proprio contributo, selezione, votazione e proclamazione dei contributi più meritevoli.

Harley-Davidson ha collaborato con noti artisti contemporanei del panorama internazionale tra cui Lebo, il celebre character artist irlandese Terry Bradley e Chamizo, per lanciare il concorso di design Art of Custom. Un’iniziativa volta alla ricerca di nuova ispirazione creativa da esibire sui leggendari serbatoi di Milwaukee. A partire dal 1 marzo 2012, artisti, designer alle prime armi ma soprattutto appassionati potranno scaricare dal sito il modello di un serbatoio e dar vita, con lo stile e le modalità che li contraddistinguono, alla propria interpretazione dello spirito Harley-Davidson. Il vincitore si aggiudicherà un'esperienza irripetibile: una visita presso la sede di Harley-Davidson a Milwaukee (Wisconsin), dove riceverà in premio una fantastica moto. Non una qualsiasi ma uno Sportster® personalizzato con il proprio design!

categoria laboratorio scadenza 30.04.12 info www.tracciatiurbani.net

categoria concorso di design scadenza 30.04.12 info www.madeinmedi.org

categoria concorso grafico scadenza 30.04.12 info www.pollege.com

categoria concorso grafico scadenza 30.04.12 info http://tankwall.harley-davidson.it

Dopo un lungo iter potrebbe presto affiancare i numerosi siti siciliani già riconosciuti Patrimonio mondiale dell'umanità. Ottenuto questo primo riconoscimento comincia la fase più difficile, che terminerà con la decisione definitiva prevista per la metà del 2013. La valutazione sarà curata dall’IUCN - Unione Mondiale per la Conservazione della natura che dovrà studiare il dossier Nomination of Mount Etna for inscription on the World Natural Heritage List UNESCO che illustra con testi, tabelle, grafici, carte tematiche e fotografie, quelle che il Parco dell'Etna, l'ente che ha promosso l'iniziativa chiama «le valenze naturalistiche ben note in tutto il modo e le motivazioni in base alle quali l’Etna, vulcano-icona e grande laboratorio di scienza planetaria, merita di entrare a far parte dell’ambita Lista». Attualmente risultano iscritti 47 siti italiani, di cui 44 culturali, 3 naturali (Isole Eolie e Dolomiti e Monte San Giorgio) e 3 immateriali (Dieta del Mediterraneo - Italia, Spagna, Grecia, Marocco; Opera dei Pupi – Sicilia; Canto a Tenore - Sardegna). L'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa, potrebbe presto far compagnia ai tanti siti siciliani già inseriti in questa prestigiosa lista: Area archeologica di Agrigento (1997), Villa romana del Casale a Piazza Armerina (1997), Isole Eolie (2000), Città Barocche del Val di Noto (2002), Siracusa e la Necropoli rocciosa di Pantalica (2005). La speranza è che a differenza degli altri siti con l'Etna si riesca a sfruttare appieno questo importante riconoscimento. Nell'isola chiedono l'inserimento anche Mozia e Pantelleria, Pergusa, le Madonie, Marzamemi, le Grotte del monte Kronio e l'itinerario arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù. Giacomo Alessandro Fangano

Ogni giorno

muoiono

22.000

bambini per cause che possono

essere prevenute.

UNA CHIAMATA ALLE ARTI da siracusa PER L'ESERCITO DEi creativi siciliani Ideata da Enzo Bauso e Davide Bramante e supportata da un gruppo di artisti e operatori culturali vuole promuovere il rinascimento culturale aretuseo. Questa festa dell’arte e della cultura ha avuto inizio con l’inaugurazione della mostra collettiva dello scorso 31 marzo alla Galleria Civica Montevergini di Siracusa, che proseguirà fino al 25 aprile. Fanno da corollario una serie di eventi come Sicilia Scunucchiata, durante la quale il primo aprile la gente è stata invitata a portare con sé un tavolo al fine di creare una postazione di dibattito sui temi che maggiormente premono sulla coscienza collettiva. L’arte diventa, in questo modo, uno strumento per dar voce al disappunto di ognuno di noi. Poi, in serata, c’è stata la partecipazione del musicista Erlend Oye, componente della band norvegese Kings of Convenience, che ha deciso di offrire gratuitamente la sua performance. Dal 4 aprile al 25 aprile, ogni mercoledì dalle 20 alle 23, si svolgerà invece NdA - Nota dell'Autore, a cura di Guido Gaudioso, un momento di incontro in cui ciascun creativo ha modo di presentare la propria produzione al pubblico presente senza intermediari e in stretta interazione con esso. La domenica di Pasqua sarà invece dedicata a vari interventi live di musicisti e performer e a una serie di workshop. Infine, la giornata conclusiva del 25 aprile sarà all’insegna della festa allo stato puro con un dj set aperto a tutti per l’intera giornata. Oltre agli eventi sopracitati, si è deciso di esporre parte delle opere nelle vetrine di alcune attività commerciali limitrofe alla galleria, grazie alla disponibilità accordata dai commercianti della zona. Chiamata alle arti, insomma, esce fuori dai canoni e dagli spazi espositivi consueti dell’arte avvicinandosi di più alla gente comune, in un’ottica sia di promozione dell’arte, sia di arricchimento culturale reciproco fra giovani artisti e “veterani dell’arte”. Giovanni Scucces

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Etna candidato a entrare nella World Heritage List Unesco

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

105milioni di euro per salvare pompei in 4 anni, senza perdere di vista la legalità Il Grande Piano per Pompei dovrebbe salvare e valorizzare il sito archeologico più importante d'Italia dopo i recenti crolli. Una programmazione che ha tre punti fondamentali: la messa in sicurezza degli scavi, la legalità, la trasparenza negli appalti. Lo stanziamento è composto da circa 43milioni provenienti dalla UE e poco più di 60 da fondi italiani. Cinque gare d'appalto per un valore complessivo di 6 milioni di euro sono pronte a partire e riguarderanno il restauro e il consolidamento di altrettante domus: quella di Sirico, del Marinaio, dei Dioscuri, delle Pareti Rosse e del Criptoportico. Partite invece, all'indomani dei crolli degli ultimi mesi, le indagini idrogeologiche per la messa in sicurezza delle zone di via dell'Abbondanza, l'arteria dove causa meteorologia, condizioni idrogeologiche e precedenti restauri avevano provocato il crollo della Schola Armaturarum. Un protocollo di legalità stilato dalla Prefettura comprende il monitoraggio degli appalti di lavori, dei servizi e delle forniture, la tracciabilità dei flussi finanziari.

www.savegiotto.com è il sito dell'appello/petizione lanciata da Alessandro Nova, Steffi Roettgen e Chiara Frugoni per la Cappella degli Scrovegni a Padova a rischio perché la delicatissima situazione idro-geologica sottostante sarà modificata dalla costruzione di un auditorium a meno di 200 metri, dopo che nella stessa zona esiste anche il progetto di un grattacielo di 104 metri ed è stato fatto un grande parcheggio che ha modificato l'assorbimento delle piogge.

Dona il

5x1000 all'Unicef. Con il tuo

aiuto

vogliamo arrivare

a zero. VOGLIAMO ZERO

22.000

Trasforma il tuo 5x1000 in vaccini salvavita per i bambini del mondo. A te non costa nulla, ai bambini salva la vita

........................................................................................................................................................................

tribeart 05


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

The Estate of Anonymous (VII): Stories from homes. Una collezione di dipinti di Carlos Miranda sugli incontri di Polaroid Star Settima tappa di un progetto che nasce nel 1998 dalla collaborazione tra l’artista Miranda, l’ideatore Anonymous e la critica Polaroid Star: tre figure distinte che in realtà convivono dentro l’eclettico artista andaluso... A cura di María Jesús Martínez Silvente, fino al 12 maggio. text Tiziana Pantaleo

in alto, da sinistra Carlos Miranda, José Antonio Garriga Vela, (novela actualmente en proceso de escritura), 2012, tecnica mista su tela, cm 150x134 Carlos Miranda, Eva di Stefano, "Klimt. Il Modernismo". Giunti, Firenze, 2011, 2011, tecnica mista su tela, cm 150x140

Stories from homes è il settimo capitolo di un racconto che Carlos Miranda (Malaga, 1971) ha iniziato più di dieci anni fa, intitolato The Estate of Anonymous – Il patrimonio di Anonymous, che prende vita e si sviluppa dalla collaborazione di una triade di co-autori. C’è Miranda che traduce in immagini le idee di Anonymous, uno strano personaggio arabeggiante, un pensatore che genera i concetti, idee che l’artista rende visibili, e poi diffuse e raccontate dalla parola di Polaroid Star, una critica specializzata. In realtà la collaborazione non è altro che un intricato gioco di ruoli, un intrigante pratica meta-artistica che evoca Duchamp e le pratiche surrealiste, ma anche un preciso atteggiamento sovversivo di disorientamento dei ruoli e delle gerarchie presenti nel sistema dell’arte. è quindi il frutto della poliedrica attività dell’autore andaluso che, a partire dal 1998, diventa uno e trino, ed elabora una triplice relazione tra lui, il pensatore e la critica. Un’identità divisa in tre parti che conduce ad una decostruzione della creazione artistica dal suo interno, a partire dalla nascita, passando per l’esecuzione, fino alla contestualizzazione storica e artistica. Questo nuovo capitolo del lungo racconto – Stories from homes - storie delle case – è un ciclo pensato appositamente per i sei saloni della settecentesca Villa Alliata Cardillo, sede del Centro d’Arte Piana dei Colli, e realizzato con un allestimento site specific che l’artista ha curato in ogni dettaglio, dalle luci alla collocazione degli arredamenti. Una serie di grandi tele, ritratti “atipici”, in cui la presenza del protagonista si manifesta indirettamente, e viene essenzialmente evocata dall’ambiente in cui esso vive, pensa, crea: la casa, lo studio, l’atelier. Evocazioni che nascono quindi dall’idea di Anonymous, che si teorizzano nei successivi incontri tra i personaggi e Polaroid

Star, che li documenta teoricamente e fotograficamente, per “tradurli” così a Miranda che può realizzare le opere e ritrarre questi spazi intimi, luoghi della creazione di sei personaggi del mondo della cultura: lo scrittore José Antonio Garriga Vela, il disegnatore di fumetti Pepo Pérez, l’artista Rogelio López Cuenca, il filosofo Luis Puelles, fino agli incontri palermitani con la storica dell’arte Eva di Stefano e con Giulia Ingarao, operatrice culturale, e fautrice dell’arrivo dell’artista in Sicilia. Nei precedenti capitoli l’artista ha fatto uso di diversi linguaggi, spaziando dal disegno alla fotografia, a progetti installativi, ma in questo il medium unico diventa la pittura. Una pittura ricercata e attraente, che gli permette di insinuarsi dentro gli interni, osservare ciò che succede, ed esperirlo, come fosse un istante continuo; lo fa attraverso la costruzione strutturale del quadro, in cui inserisce alcune griglie di derivazione fumettistica; mette in atto una scomposizione spazio temporale di matrice cubista, smantella l’immagine fotografica iniziale, protegge alcune parti, mentre altre le nega; sovrappone, accosta, nasconde e rivela, crea della ”sezioni“ che diventano confini attraverso cui immettersi nella dimensione intima di ciascun ritratto, dandoci ogni minuzioso dettaglio, tenendoci in bilico tra un senso voyeuristico e una totale adesione all’atmosfera, ora ambigua ora familiare. L’opera si completa concettualmente nella stesura del titolo, che porta il nome della persona ritratta, più il nome dell’opera a cui stava lavorando nel momento in cui incontra Polaroid. Ma è proprio nell’assenza della persona che si coglie la visione poetica, quella poetica della scomparsa attraverso cui Carlos Miranda annienta la realtà, generandone una interiore, che si esalta nella dissimulazione, e si perde nel momento in cui si rivela.

........................................................................................................................................................................

06 tribeart


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

Marga Ximénez e Nora Ancarola Trilogia della privadesa Per una femminilità espressa in tre atti. Una ricerca complessa intorno a temi che indagano la quotidianità nei suoi rituali domestici e in quelli della vita collettiva. text Giuseppe Mendolia Calella

in alto Trilogia della privadesa, veduta dell'installazione presso Carte d'Arte Internazionale in basso Salvo Russo, Talè, olio su tela

Un nuovo progetto espositivo è stato inaugurato lo scorso 13 marzo nel suggestivo spazio di Palazzo Manganelli a Catania, presso Carte d’Arte Internazionale. Le due artiste argentine, Marga Ximénez e Nora Ancarola, propongono un breve capitolo del loro progetto, dal titolo Trilogia della privadesa. Una mostra itinerante, già ospitata in varie città d’Europa e d’America, che approda ora, in “versione didascalica”, a Catania. Nella mostra etnea, visitabile fino al 6 maggio, è allestita solo una parte della composita installazione Antikeres: diverse serie di light box presentano il materiale raccolto dalle artiste. Marga Ximénez e Nora Ancarola hanno chiesto a varie personalità di raccontare attraverso un’immagine, un testo, un disegno o una qualsiasi suggestione visiva, il tema dell’“aiuto”, del prendersi cura dell’altro; lo hanno chiesto a poeti, letterati, politici, insegnanti e professionisti. «Non ci interessava for-

mulare un messaggio preciso circa la tematica – spiega Nora Ancarola – ma realizzare una mera documentazione; è l’immagine che ciascuno ha scelto che formula un messaggio in sé, noi abbiamo creato le condizioni affinché ognuno potesse esprimere la dimensione intima del proprio punto di vista». Antikeres nella sua versione completa è riflessione di carattere spirituale, ricerca dell’invisibile come dimensione privilegiata d’ascolto di se stessi e degli altri; allude costantemente all’intimità, intesa come parte inviolata di ciascuno, filo rosso che attraversa tutta la trilogia. Nella selezione di queste “note visive” in mostra, le artiste realizzano una sintesi riguardo le variabili del contesto personale nel quale ogni meccanismo comportamentale assume toni sempre differenti, stratificati tra vita pubblica e privata, tra rapporti sociali e loro rispettivi livelli. Seconda parte della trilogia è Domus

Un racconto vario e multiforme, narrato da “voci” caratterizzate da sensibilità e stili diversi, della più importante molla evolutiva dell'essere umano: il viaggio.

IL VIAGGIO NELL'ARTE

La propensione a spostarsi da un posto all'altro non può essere intesa solo come puro fenomeno cinetico ma deve essere colta come possibilità di analisi all'interno di un itinerario dentro se stessi. Non è un caso che uno dei più grandi artisti-viaggiatori, Paul Gauguin, sia l'autore del dipinto Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?. Questo è lo snodo principale da cui prende avvio la mostra Il viaggio nell'arte con 18 opere di Liborio Curione, Enzo Federici, Salvo Russo e Nunzio Urzì, curata da Gianpiero Vincenzo, tutti docenti dell'Accademia di Belle Arti di Catania, e che sarà visitabile fino all'11 aprile presso la Libreria Cavallotto di Corso Sicilia nella città etnea. Nel suo significato più intrinseco però il viaggio è un evento che unisce lo spazio e il tempo: in questa dialettica vive quella variabile estetica che si trasforma in opera grazie alla sensibilità dell'artista, sensibilità che immediatamente dopo si sposa con la percezione che ne ha il fruitore. Così, un orizzonte può essere contemporaneamente la raffigurazione di un ambito di serenità o un luogo di desolazione.

aurea, che racconta la casa, l’ambiente domestico, dove il trascorrere della quotidianità procede secondo rituali e azioni che trasformano quegli stessi spazi in rifugi o prigioni. Sibil-la, terza e ultima parte, espone la condizione di chi vive in casa per antonomasia: la donna, ripensata però come “sacerdotessa confinata”, che celebra ogni giorno i propri rituali e nella consueta e monotona ripetizione di essi si scopre prigioniera; forse solo negli oggetti e nelle cose che la circondano trova un possibile slancio e una possibile finestra verso l’esterno. La voce di una religiosa, monaca di clausura, è infine la perfetta sintesi di quello che le artiste intendono sottolineare: la sacerdotessa, intesa però come espressione di una femminilità sacralizzata, relegata nel suo rifugio canta e fa sì che le note prodotte dalla sue corde vocali oltrepassino i limiti che la confinano negli angusti spazi di un’esistenza straniante.

Pur nella diversa interpretazione del tema, una linea di coerenza unisce le «intuizioni espressive di Nunzio Urzì ed Enzo Federici, ai segni grafici di Liborio Curione e agli scenari evocativi di Salvo Russo. Si tratta di quattro tra i massimi esponenti di quella “scuola catanese” che si è consacrata nella recente 54 Biennale di Venezia come una delle più ricche fucine artistiche contemporanee». Nella sua presentazione quindi il curatore sottolinea la condivisione di un ambito geografico originario che invece di chiudersi in provincialismo diventa quel "particulare" da cui attingere per raccontare l'universale, come in Acqua del cielo pastello di Curione, Talè con i tipici elefanti e la natura lussureggiante di Russo, L'isola nelle palme e le ardite architetture al silicone di Federici, nella forza degli elementi naturali negli olii Senza titolo di Urzì. La mostra farà da cornice a una serie di eventi collaterali, che prevedono incontri con gli artisti e con giovani creativi catanesi, proiezioni di video d’arte e serate artisticoletterarie ed è inclusa nel calendario della manifestazione L'Angolo dell'Avventura, che fino a maggio con mostre, proiezioni cinematografiche ed escursioni vuole diventare un momento di confronto per chi ama il viaggio. La ragione del viaggio, così come dell'arte, è nella sua essenza più profonda perché, per dirla con Dino Basili, giornalista e aforista italiano, «il viaggio perfetto è circolare. La gioia della partenza, la gioia del ritorno». Giacomo Alessandro Fangano

........................................................................................................................................................................

tribeart 07


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

L'ARIA DEL CONTINENTE

GINA PANE (1939-1990) È per amore vostro: l’altro Dopo gli inizi nella pittura e l’accostamento alla scultura, attraverso installazioni geometriche con le quali si può interagire, Gina Pane diventa uno dei maggiori esponenti della Body Art a livello internazionale. L'artista francese, scomparsa nel 1990, ha lavorato con il proprio corpo attaccandolo, tagliandolo e mortificandolo in diversi modi possibili, rischiando più volte di oltrepassare il limite tra la vita e la morte... La spettacolarizzazione del dolore fisico che passa da personale a collettivo, a fronte di uno studio analizzato nel dettaglio, è la ricerca che ha reso Gina Pane un’icona internazionale della Body Art. Fino all’8 luglio 2012 il Mart Rovereto propone la prima importante retrospettiva sull'artista francese (1939-1990) – su un’idea di Gabriella Belli e a cura di Sophie Duplaix con la collaborazione di Anne Marchand – con l’intento di ripercorrerne il suggestivo e variegato percorso artistico dalla fine degli anni sessanta fino alla sua morte. Gina Pane, nata a Biarritz da madre austriaca e padre italiano, studia pittura all’Ecole des Beaux-Arts di Parigi, formazione da sempre rivendicata dall’artista stessa, per poi partecipare ai lavori dell’Atelier d’Art Sacré di Maurice Denis. Il suo lavoro sul corpo nasce intorno al 1965 attraverso le prime installazioni e sculture, riflessioni che porteranno l’artista a immergersi in un dialogo intimo e profondo con azioni in situ con elementi naturali. In Situazione ideale: Terra-Artista-Cielo, (1969) ad esempio, si può notare una grande purezza formale in cui l'autrice, grazie al mezzo fotografico, è visibile tesa in posizione verticale e con lo sguardo dritto davanti a sé, nell’atto di contrapporsi alla superficie del colore blu del cielo e del marrone della terra. Ponendosi al centro dell’opera, l’artista ha inteso conciliare la parte spirituale con quella materiale. Lei stessa dice «Tra due orizzontali: terra/cielo, ho collocato il mio corpo verticalmente per provocare una situazione ideale». Le sue note “azioni” nascono invece agli inizi degli anni settanta, prima in studio in forma privata, poi in diversi altri luoghi istituzionali come gallerie e musei, con la partecipazione, questa volta, di un pubblico. In esse il caso è poco contemplato e l’accostamento al simbolico è forte e rilevante. Tra gli oggetti ricorrenti ricordiamo la lama del rasoio, che provoca ferite superficiali ma con una fuoriuscita copiosa di sangue, che diventa sinonimo di dono di sé e dell’amore condiviso. Tra le opere più importanti in mostra Azione Sentimentale (1974), dedicata ad un pubblico esclusivamente femminile, è una performance dalla forte connotazione sessuale segnata da un’idea rituale che ripete due volte la stessa

sequenza: rose rosse, rose bianche, rasoio. È sempre l’uso della documentazione fotografica che azzera le distanze e rende partecipe gli individui non solo al dolore dell’altro ma anche alle sue passioni. Nel testo Lettre à un(e) inconnu(e), ENSBA 2004, Gina Pane scrive «Se apro il mio corpo affinché voi possiate guardarci il vostro sangue, è per amore vostro: l’altro.». Le nuove sperimentazioni formali iniziano negli anni ottanta, cioè nel momento in cui l’artista ha acquisito fama internazionale nel campo della Body Art. Esse prevedono stavolta l’assenza del corpo e l’introduzione di elementi di forte connotazione simbolica. Si tratta delle Partizioni in cui l’osservatore è indotto ad un coinvolgimento più fisico che mentale. Gli oggetti sparsi devono essere ricomposti visivamente con l’inganno di provocare una deviazione che possa riportare ad una nuova ricostruzione di questi frammenti, come in San Giorgio e il drago da una posizione di un dipinto di Paolo Uccello. In Partizione per una lotta (1984) il corpo della Pane “manca” ma ne rimangono solamente alcuni indizi: le foto del sangue, il vetro, il feltro rosso. In tutta la sua ricerca si nota quindi come l’uso non verbale del corpo diviene strumento idoneo ad interagire con un passato collettivo. Il tema della sessualità è spesso avvolto da una profonda poetica del vuoto, del lutto subito dalla perdita dell’oggetto amato e ritrovato attraverso il superamento del dolore. Solo così l’artista è sicura di vincere la morte, nella condivisione di uno spettacolo che mette a nudo la sofferenza fisica ed emotiva. Gabriella Martines

a sinistra, dall'alto Gina Pane, Table de lecture (terre – ciel) - particolare, 1969. Collezione Anne Marchand, in deposito al Frac des Pays de la Loire, Carquefou, Francia Gina Pane, Hyde Park Gazon [Hyde Park Prato], 1965-1966. Collezione Denis Coutrot

in alto, da sinistra Igor Scalisi Palminteri Catwoman (Immacolata), installazione,(dimensione variabile), gesso, acrilico, lana; Batman (Sacro cuore di Gesú), gesso, acrilico; Batman e Robin (Sant'Antonio con bambino), gesso e acrilico

........................................................................................................................................................................

08 tribeart


fr3sh

........................................................................................................................................................................

U N A V E N T A T A D I P E R S O N A L I T à I N S E T T E risposte

(1) Raccontaci i tuoi inizi (2) C’è stato un momento chiave nella tua formazione? (3) Quali artisti hai amato o ti hanno segnato maggiormente? (4) Come descriveresti la tua ricerca? (5) Che responsabilità ha oggi un artista? (6) Una riflessione sull’arte contemporanea in sicilia E sull’arte in genere. (7) Progetti attuali e prossimi programmi. a CURA DI VANESSA VISCOGLIOSI

SAMANTHA TORRISI

GIACOMO RIZZO

CARMELO NICOTRA

(1) Tutto ebbe inizio nel 1983, quando ascoltai per la prima volta Sincronicity dei Police. Avevo 6 anni. La musica è stata (ed è) un elemento fondamentale per il mio immaginario. Fin dalle elementari avevo ben chiaro cosa volevo fare. Ascoltavo musica pop, guardavo video clip e disegnavo fumetti anziché imparare le tabelline. Ho ancora una pagella che lo testimonia! Intraprendere gli studi artistici, in seguito, è stata una conseguenza molto naturale.

(1) L’interesse per la scultura è iniziata molto presto, fin da piccolo osservavo ed in seguito lavoravo con mio padre a forgiare il ferro, questo mi ha permesso di sviluppare una buona manualità. Mi ha sempre affascinato l’idea che una materia inerte possa trasformarsi in forma. Un piacere maniacale a tutto quello che si poteva plasmare o scolpire.

(1) Da quanto io ricordi, ho sempre disegnato. In famiglia mi raccontano che a 5/6 anni facevo ritratti alle amiche di mia nonna che la andavano spesso a trovare a casa. Alle superiori non ho frequentato scuole d’arte, ma leggevo ugualmente libri di storia dell’arte e dipingevo. Dopo il diploma mi iscrissi all’Accademia, anche se al secondo giorno pensavo seriamente di scappare.

È nata a Catania nel 1977. Vive e lavora ad Acireale e Catania. www.samanthatorrisi.it

(2) Sicuramente quando sono uscita dall’Accademia, agli inizi del Duemila, c’è stato un momento di passaggio molto importante culminato in un viaggio che ho fatto a Berlino. Un’esperienza breve ma determinante per maturare alcune consapevolezze e mettere a fuoco alcuni degli elementi che sono tutt’ora alla base del mio lavoro. Poi la prima personale a L’Arte Club con cui inizia la mia attività professionale vera e propria. Da allora è un ricerca e una sperimentazione costante dal punto di vista artistico e individuale. Un altro momento fondamentale per la mia formazione e crescita intellettuale è stato l’incontro e la collaborazione con Jacopo Leone, art director della Etcetera. (3) Ho guardato-ascoltato-letto e amato tanti artisti a cui mi sentivo vicina per diversi aspetti, ma ciò che mi ha davvero influenzata, inizialmente, è stato il cinema, in particolare le “visioni” di registi come Wim Wenders e David Lynch e le sonorità di Björk. Ma anche le figure e i fiori di Gerhard Richter, i paesaggi di Klimt, le fotografie di Luigi Ghirri, i personaggi dei libri di Fernando Pessoa o le atmosfere cyborg di quelli di William Gibson. (4) Alla base della mia ricerca c’è il forte interesse per i nuovi media, la comunicazione digitale e il mondo virtuale, l’interattività ma soprattutto la contaminazione tra i linguaggi espressivi, non solo nelle arti visive (cinema, fotografia, pittura) ma anche nella musica e nella letteratura. (5) Ogni artista manifesta l’esigenza di dire qualcosa ma penso sia importante che lo faccia non solo per esprimere se stesso ma anche con uno sguardo verso ciò che lo circonda e con la consapevolezza dell’epoca in cui vive. (6) La Sicilia è da sempre una terra ricca e fertile di arte e cultura, in generale, e ce ne sarebbe molta di più se non fosse continuamente ostacolata, sotto varie forme, dalle Istituzioni (vediamo il caso del Museo Riso, per esempio, che stava per essere chiuso). Da alcuni anni sono nati diversi spazi dedicati all’arte contemporanea che propongono spesso cose interessanti ma a volte sono anche realtà un po’ chiuse e preconcette, rivolte sempre alle solite cerchie. (7) Ad oggi, tra le cose che ho in programma ci sono la presentazione del progetto della Etcetera su L’Incompletezza della realtà iniziato lo scorso anno, ma anche un progetto legato alla montagna e al paesaggio siciliano che sto indagando da un po’ di tempo e una nuova “avventura” in giro per l’Europa con il Colectivo Cillero.

È nato a Palermo nel 1977, dove vive e lavora. g.rizzoarte@gmail.com

(2) Sono stati anni fondamentali quelli trascorsi nell’Accademia di Belle Arti di Palermo nel corso di scultura. Ancora oggi dico grazie, per avere avuto la guida di Grandi Maestri che mi hanno seguito. Mi ricordo le prime esperienze lavorative, da ragazzino all’interno dei laboratori di ceramica, come modellatore e patinatore, dove è nata la mia passione per il colore. Di sicuro una parte fondamentale della mia formazione è stata quella di lavorare nei laboratori scenografici di molti teatri come ad esempio il Teatro Massimo di Palermo, l’Operà di Marsiglia e il Piccolo Teatro di Milano. Esperienze uniche, un vademecum di stili e tecniche. (3) Sono stati molti gli artisti e musicisti che mi hanno accompagnato durante la mia crescita artistica, difficile elencarli tutti. Di sicuro persone come Michael Hedges, Tuck Andress, Joseph Beuys, Mario Merz, Pistoletto, Duane Hanson, Stevie Ray Vaughan, John Coltrane, Anthony Groemley, Juan Muñoz. Kazumi Watanabe. Amo ascoltare sempre la musica mentre lavoro, dipende il mio umore i generi musicali cambiano, se ho bisogno di carica ascolto dal Metal più pesante al blues o al Jazz-Fusion. (4) L’origine della mia ricerca è basa su una attenta indagine sul genere umano, analizzando le sue svariate sfaccettature. L’uomo rappresentato nel quotidiano, con abitudini vizi e comodità che sfuggono all’attenzione di molti. Una plasticità prima mentale e poi fisica. Mi incuriosisce la capacità di pensare e realizzare cose molto grandi o molto piccole. Nelle mie figure spesso in terracotta o resina, cerco di raffigurare tutto questo con la cura del dettaglio, elemento fondamentale nei miei progetti. (5) L’attività dell’artista in passato ha avuto un ruolo sociale importante, capace di strutturare emozioni vocative e perché no di educare. Nella eterogeneità del contemporaneo non sempre troviamo questi valori come priorità. Siamo tanto presi dalla voracità degli eventi che a volte viene trascurata la qualità. (6) Credo che il panorama artistico siciliano stia vivendo un momento vivace. Esiste un sottobosco dove nascono proposte interessanti perché sono libere, sincere e non condizionate. Gli artisti sempre più riescono a farsi strada nella loro poetica. Sono nati moltissimi spazi espositivi, questo è un bene. Spero che lo sia sempre più in divenire. (7) Sono da poco entrato a far parte dell’archivio degli artisti S.A.C.S. del Museo Regionale di Palazzo Riso. A fine marzo inaugurerò una personale a Palermo, allo neu [nòi] - spazio al lavoro. A maggio sarò protagonista di un workshop sulla scultura in terracotta a Santo Stefano di Camastra. A giugno parteciperò alla Biennale di Mulhouse (F) organizzata in relazione con la Fiera di Basilea.

è nato ad Agrigento nel 1983. Vive e lavora a Favara e Palermo. carmelonicotra.tumblr.com

(2) Sicuramente quando mi sono trasferito a Palermo per frequentare l’Accademia, lì ho avuto importanti momenti di confronto e incontri fondamentali. (3) Gli  interessi per la letteratura di Pirandello e Sciascia mi hanno segnato parecchio, le prime passioni per la pittura dell’800 siciliano e Kazimir Malevic, poi Piero della Francesca, Gino De Dominicis, Bruce Nauman, David Hockney, Richard Tuttle, Alfredo Jaar, ecc... (4) Emerge sempre un senso di appartenenza ad un contesto sociale o ad un luogo, con un’attenzione a determinate identità culturali, ricordi personali e memoria collettiva. Spesso parto da una ricerca di tipo antropologico come analisi per sviluppare dei progetti, curando molto la parte relazionale per rapportarmi in maniera più concreta alle persone o al territorio. (5) L’artista è uno strumento dell’arte, l’arte ha la responsabilità di generare senso, è un processo di ricerca e di contenuti non soltanto linguistici. L’atto del confronto e del relazionarsi con l’opera deve essere un’esperienza, non intrattenimento. (6) Come dice Pino Caruso «In Sicilia abbiamo tutto. Ci manca il resto». Si vive nella retorica dei monumenti (che la storia – per fortuna – ci ha lasciati in eredità), ma nello sviluppo dell’arte contemporanea e sulla gestione degli spazi pubblici le istituzioni non hanno ancora capito che ruolo hanno. Le soluzioni più interessanti arrivano da privati, gallerie e spazi indipendenti che attualmente trovo siano gli unici a proporre progetti di notevole qualità. (7) Potrei considerare ancora attuale la recente mostra alla galleria Zelle perché è un progetto che sto portando ancora avanti. Ci sono in programma due collaborazioni all’estero e spero un progetto di un intervento urbano a Favara.

la fotogallery di fr3sh la trovi su www.tribeart.it

........................................................................................................................................................................

tribeart 09


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , opinioni e riflessioni sul contemporaneo

Q ui fuori . I bridazioni estetic h e

................................................................................

L’egemonia del messaggio. Arte e letteralismo Le notizie singolari viaggiano spesso insieme. Nelle scorse settimane i giornali hanno trattato due vicende omogenee, addirittura speculari. La prima è la stigmatizzazione dell’opera di Dante da parte di un illustre comitato di esperti delle Nazioni Unite che ha giudicato la “Divina Commedia” un’opera razzista, violenta e omofoba, sconsigliandone lo studio scolastico. L’altra notizia è apparsa sui giornali qualche giorno dopo: il Ministro europeo per la pesca lodando Camilleri ha chiesto all’autore di cassare il “novellame” di pesce dalle preferenze culinarie del Commissario Montalbano, poiché la sua consumazione contribuisce alla spoliazione del Mar Mediterraneo. Un Dante razzista, omofobo o anti-islamico è concepibile solo “letteralmente”, ossia cancellando la storia e le sue stratificazioni culturali, nonché la dimensione iconica e simbolica dell’opera d’arte. Siamo dinanzi a un Dante “qualsiasi” e a un Commissario “qualsiasi” che ci parlano direttamente, senza intermediazioni o freni spazio-temporali. Ogni gerarchia tra opere e autori è già caduta. Dante e Montalbano sono insieme dinanzi allo schermo del talk show mondiale a dirci che gli omosessuali e gli atei vanno all’inferno o che i pesci piccoli sono prelibati. Loro ci consigliano di abdicare alle regole della ragione condivisa, facendo una pericolosa pubblicità che perverte le regole commerciali della réclame. Le due vicende riguardano opere letterarie, ma sappiamo quanto le arti visive – sempre più consapevoli di consistere in “messaggi” spettacolari – abbiano saputo manovrare a loro vantaggio la supremazia del contenuto sulla forma. Sempre pronte a destare l’attenzione, non importa se scandalizzando con immagini efferate o trasformazioni corporee, oppure cercando di muovere le coscienze attraverso messaggi etici e politici ai limiti della banalità, le arti visive hanno contribuito a creare lo sfondamento concettuale dell’arte nella realtà. Adesso l’opera è la forma ancillare, affermativa o negativa, di una pedagogia culturale che affonda in principi omogenei e astorici. Nell’indistinto flusso di realtà e artificio e di storia e attualità, non ci rimane che una bocca prestata al suo messaggio e un messaggio in vitro univoco e imparziale da somministrare allo stato puro nella landa surreale di un eterno presente unitotale. Chiara Tinnirello

...............................................................................................................................................

VOX POPULI / ROMA Says / ADALBERTO ABBATE

INCANTI

................................................................................

I "compiti" di Lincoln Ho visto alla Mell, a 8 euro, il CD registrato recentemente del Klavierkonzert Nr. 1 di Johannes Brahms diretto da Thielemann alla guida della Staatskapelle di Dresda e interpretato dal Maestro Maurizio Pollini. Non ho acquistato il CD anche se l’ho tenuto molto in mano. Adesso, che è notte, metto sul lettore lo stesso concerto – diretto da Zubin Mehta e al piano Arthur Rubinstein – e sto leggendo Il tempo è bastardo di Jennifer Egan. Ho pensato molto, ‘mane, all’album da recensire per Tribe, pensavo, mentre ero nel 22, verso Maragliano, che questo mese un disco dal suono secco, potente, un album perfetto, poteva essere quello dei fratelli Carney, Echo Ono dei Pontiak. Pensavo di scorticare le canzoni che nei giorni scorsi ho più volte ascoltato, e furiosamente danzato. E invece a pagina 290 leggo: Canzoni commentate da Lincoln. Rimango piacevolmente sorpreso. Lincoln ha tredici anni, fratello di Alison e figlio di Sasha una delle protagoniste del romanzo Premio Pulitzer 2011. Leggo il testo, stupendo: “Bernadette” dei Four Tops

“Foxey Lady” di Jimi Hendrix

“Young Americans” di David Bowie

• “Un’ottima pausa d'altri tempi. La voce sfuma, dopodiché ci sono 1,5 secondi di silenzio assoluto, da 2:38 a 2:395, prima che riparta il ritornello. Tu pensi: ‘Ehi, ma allora la canzone non era finita’. E invece 26,5 secondi dopo finisce davvero”.

• “Un’altra ottima pausa d’altri tempi: lunga 2 secondi, arriva al minuto 2:23 di una canzone che dura 3:19 minuti. Qui però il silenzio non è assoluto; in sottofondo sentiamo Jimi che respira”.

• “Un’occasione persa. Cacchio, sarebbe stato così facile allungare la pausa dopo “…break down and” cry…’ fino a un secondo intero, o anche 2 o 3, e invece Sowe, non si sa bene perché, non ha avuto il Coraggio”.

Domani tornerò alla Mell e acquisterò il CD usato a 8 euro anziché a 19: 90. Mi metterò su le cuffie e mi lascerò trasportare, nervoso, alla percussione del suono denso, sinfonico, del piano di Maurizio Pollini. Inoltre ‘mane mi hanno commissionato di dipingere, interpretare, i funerali di Lucio Dalla. Sarà un onore per me ma intanto l’ascolto del concerto è finito. Ho finito anche la lettura, I titoli di coda, de Il tempo bastardo di J.E., scrivono: Hai un demo che vuoi farmi ascoltare? Francesco Lauretta

........................................................................................................................................................................

10 tribeart


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

S quonk . A rte e media

................................................................................

Sarnari. Cancellazioni Fino al 3 giugno sarà visibile a Castel Sismondo (la rocca malatestiana di Rimini) una corposa mostra di Franco Sarnari. L’esposizione (promossa da “Linea d’ombra”, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e dal Gruppo Euromobil) è una nuova tappa della lunga collaborazione fra Sarnari e il critico e organizzatore Marco Goldin (concretizzatasi ad esempio con le mostre di Conegliano nel 1994 e di Brescia nel 2005). Con questa rassegna Sarnari torna ad uno dei suoi temi (e metodi) più caratteristici. Per il pittore romano, protagonista del gruppo di Scicli, l’immagine dipinta è letteralmente il risultato di un’operazione mentale, condotta con strumenti analitici che di volta in volta possono chiamarsi ingrandimento, frammentazione, cancellazione. Non a caso, per un lungo periodo la sua produzione s’è caratterizzata per la reiterazione di dettagli di corpi femminili, ingigantiti, e allo stesso tempo resi con una pennellata analitica e minimale (che qualche critico accostò al pointillisme). La dialettica piccolo/grande, correlata all’ulteriore dialettica fra intero e frammento, contrassegna l’intera attività di Sarnari. Si badi: pittore ‘alchimista’ e ‘filosofo’, Sarnari durante la sua lunga carriera ha mantenuto un’accorata fedeltà all’immagine, intendendola come verifica di dati emotivi e intellettuali motivati da qualcosa che l’occhio percepisce nella “natura prima”, o nell’immagine seconda della fotografia e/o del dipinto che altri dipinsero. Così ci sono opere in cui la problematicità della frammentazione si spinge alla deflagrazione del campo (allo stesso tempo spaziale ed emozionale) in cui viene agita la pittura; in un’altra fase, di pochi anni fa, nella ricerca d’una fedeltà profonda al lampo di intuizione intellettuale che gli fa balenare uno “stato di necessità”, Sarnari rinunciò alla stessa immagine, presentando dipinti ‘neri’, in cui è leggibile lo stratificarsi inesauribile di immagini implose e irriconoscibili. Tuttavia per molti Sarnari è ‘il pittore delle cancellazioni’. Con mossa fedele alla pittura e però allo stesso mentale e quasi concettuale, Sarnari rivisita immagini della storia dell’arte citandole, destrutturandole, ricomponendole e appunto cancellandone zone. Alle notissime ‘cancellazioni’ della Flagellazione di Piero della Francesca si aggiungono poi analisi di opere di Leonardo, Raffaello, Botticelli, Millet, Tintoretto. Il procedimento creativo qui diventa omaggio nostalgico e caparbio alla grandezza delle immagini d’un tempo, e simultaneamente identificazione ed esaltante apprendimento di qualcosa di nuovo e di già-stato, individuale e collettivo, immaginario e simbolico. Giuseppe Frazzetto

Franco Sarnari, Cancellazione da Tintoretto, particolare

...............................................................................................................................................

estetic h e , opinioni e riflessioni sul contemporaneo

LA DURA LEGGE DEL GOL

................................................................................

COMMENTO Sono tempi bui per chi cerca di essere libero. La crisi taglia le gambe a Tribeart, spero non la testa che pare resterà bella funzionante su Internet, ma è il destino delle "riviste culturali e di arte". Tu fai una rivista culturale e di arte, sei contento della rivista culturale e di arte, la rivista culturale e di arte non fa utili, tu sorridi, fai spallucce e continui con passione e per anni. Ti indebiti, vai al call center pur di matenere indipendente la tua rivista culturale e di arte, poi chiedi aiuto a fondazioni culturali e di arte, la tua rivista culturale e di arte fallisce; gli artisti buon temponi ed amici ti aiuteranno a tirare avanti un altro paio di numeri facendo mostre benefiche per aiutarti. è l'Italia di Monti e dei giovani che vogliamo, dove con un euro fondi una azienda e con niente fallisci! Renzo Bossi, il Trota, ne sa qualcosa? A lui il diploma lo hanno comprato, così come la laurea in un’università londinese pare, alla faccia della Padania, poi se qualcuno a tua insaputa ti compra una Porsche come la metti? è lo scandalo dell'anno quello sul tesoriere della Lega, Francesco Belsito, ma io credo solo a quello che vedo, e allo scandaletto della post-politica credo solo a metà: facciamo un megamix di tangentopoli '92, shakerate bene con stragismo e '77 bolognese, una spruzzata di voglia di fare fuori Bossi e la Lega — non perché c'è l'ha duro, ma perché parla di pensioni e difende le piccole imprese quelle che l'Italia la salvano veramente —, ecco il cocktail è bello e pronto e lo beve con ghigno satanico Di Pietro ormai nostro unico alfiere al riguardo. Hahahah se ci fosse Fede e la sua fanta informazione che ridere, ma tanto ormai la fanta informazione ce la fanno di Stato. Ops, dimenticavo la Sicilia è una regione al collasso, pare che le linee autostradali non ospiteranno più i pulman dell'AST: vabbè ci consoleremo con il nuovo sindaco di Palermo, pare che sia il Gabibbo. Vincenzo Profeta

•• vignetta di Fabiola Nicoletti ••

........................................................................................................................................................................

M i faccio una domanda mi do una risposta

A come Alchimisti di oggi per un futuro fatto a mano Se in occidente si fa risalire l'origine generalmente all'an-

li a quelle degli esperimenti alchemici. L’attività pratica

luce e la bellezza Suprema (per poi ricadere al travaglio

tico Egitto, gli Alchimisti indicavano l’origine della loro

del pittore comportava azioni quali mescolare e misurare

iniziale), ricalchi il virtuoso cammino di Gesù, il Dio

arte in un tempo così arcaico da poter essere considerato

le quantità di polvere dei pigmenti, macinare le pietre e

Uomo. L’esaltazione della sacralità della funzione dell’ar-

metastorico, indefinibile: una dimensione aurorale rarefat-

diluire il tutto con i leganti: così l’artista, tanto quan-

tista trova una perfetta traduzione formale nella ieraticità

ta, autenticamente simbolica e alogica nel quale confluivano

to l’alchimista, operava una metamorfosi della materia che

rigidamente frontale, simmetrica e nella posizione della

l’umano e il divino e il misticismo era inesorabilmente le-

partecipava in qualche modo della divina opera creatrice.

mano destra. Nel 1973, Giorgio de Chirico era stato ripreso

gato alla metallurgia.

“Viver ritirato, nel silenzio dello studio e della preghie-

e intervistato durante la realizzazione di “Sole sul ca-

Agli occhi dei profani l’alchimia si presenta oggi come una

ra, con cuore puro e infine deve evitare ogni contatto con

valletto” a partire dai disegni sulla tela fino alla firma

materia indistinta, una sorta di calderone in cui conflui-

principi e uomini di governo che da lui pretenderebbero solo

sul dipinto: “mi sono ispirato a ricordi che risalgono agli

scono la ricerca della pietra filosofale, la convinzione di

la fabbricazione di oro, del tutto insensibili all’aspetto

anni 1913 e 1914. Avevo appena conosciuto il poeta. Leggevo

poter ottenere oro dai metalli vili purificandoli, la magia,

centrale dell’alchimia quale teoria pansofica e illuminazio-

spesso i suoi versi dove parla spesso di soli e di stelle

la ciarlataneria, la stregoneria anche perché la trasfor-

ne dell’iniziato”.

... nello stesso tempo pensavo all’Italia, alle sue città

mazione dell'oro grezzo in un metallo scintillante doveva

Nel suo Autoritratto con pelliccia del 1500 Albrecht Durer

e alle sue rovine... i soli e le

sembrare un atto governato da regole misteriose.

allude all'iconografia dichiaratamente religiosa del Salva-

terra come dei pacifici emigranti.

In realtà le pratiche descritte nei ricettari per artisti,

tor mundi in atteggiamento benedicente quasi a voler sotto-

(continua su www.tribeart.it)

pur avendo scopi totalmente diversi, sono spesso paragonabi-

lineare che l'artista, nel suo sofferto percorso verso la

Giuseppina Radice

stelle ritornavano sulla

........................................................................................................................................................................

tribeart 11


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A cinema curiosit à design E D I T O R I A grafica musica teatro and more

(1)

IDEE SOSTENIBILI

Alcune settimane fa, il Comune ha reso ufficiale il

Qual è lo stato attuale dell’Oasi e la sua valenza

deposito di un progetto mirato alla riqualificazione

dal punto di vista naturalistico?

Vivere la natura nell’Oasi del Simeto

ambientale dell’Oasi del Simeto, con investimenti

Nonostante le aggressioni subite la riserva naturale

per 150 Mln di Euro, nell’ambito del PRUSST approvato

‘Oasi del Simeto’ riveste un rilevante interesse na-

nel 2003. Il 15 marzo scorso da Palazzo degli Elefan-

turalistico ed elevate potenzialità, soprattutto come

ti si è dato infatti l'avvio alle Conferenze di ser-

area di protezione dell’avifauna e per la presenza di

vizi per le iniziative promosse da soggetti privati

ambienti estremamente diversificati. Essa comprende,

all'interno del Programma di Riqualificazione Urbana

infatti, gran parte di ciò che resta delle zone umide

e Sviluppo Sostenibile del Territorio. Per l’Oasi, da

che circondavano la foce del Simeto e dell’imponente

una parte, ci sarebbero le opere di rinaturalizzazio-

cordone di dune che si estendeva dal faro Biscari

Il Comune approva il mega progetto Portnall per la riqualificazione in chiave turistica della riserva naturale a sud di Catania. Dopo la voce della Soprintendente Vera Greca, riportiamo l’allarme di Roberto De Pietro di Legambiente, che ci illustra l’incompatibilità tra conservazione degli ambienti naturali e creazione d’insediamenti turistici ricettivi...

ne della foce e dell’asta fluviale del Simeto tramite lavori d’ingegneria ambientale. Dall’altra, un progetto di restauro ambientale che vedrebbe la nascita di un insediamento turistico-ricettivo all’interno della sua zona B, come nella

proposta progettuale

della ditta Portnall Italiana S.p.A.: una struttura turistico-ricettiva denominata Vivere la Natura nell’Oasi del Simeto. Elencare tutte le costruzioni, servizi, aree a verde e centri ospitati dalla strut-

text Lucia Russo

tura richiederebbe una trattazione a sé. Citiamo per brevità la presenza di un porto canale con 1200 posti barca, un cantiere navale, un campo da golf di 18 bu-

I siti naturalistici sono quasi unanimemente ritenuti “belli”, da vedere, visitare, dimorare. Per un’area che è stata tuttavia violata, antropizzata, assediata dal degrado e dall’illegalità, mettersi d’accordo sui canoni di una bellezza da ripristinare appare difficile. È quanto succede per la zona umida alla foce del Simeto, da decenni aggredita dalle lottizzazioni abusive pur essendo vincolata alla tutela di riserva naturale. Esiste un senso estetico condiviso per un sito ambientale che oggi si vuole altresì vocare al turismo ecosostenibile? Le esigen-

che, un grande albergo di circa 15/20 piani, un centro benessere e molto altro ancora. L’intera struttura

(Catania) fino ad Agnone Bagni (Siracusa). L’Ente Gestore avrebbe dovuto indirizzarsi verso forme di gestione mirate, oltre a garantire la conservazione degli ambienti in condizioni di naturalità, al recupero naturalistico delle aree più o meno deteriorate dall’intervento antropico. Ciò non è invece finora avvenuto, benché l’Ente gestore abbia in gestione la riserva dal 1988, cioè da ben 24 anni. Qual è stata ad oggi la direttrice di Legambiente verso le istituzioni preposte alla tutela della riserva? L’operato di Legambiente è sempre stato finalizzato alla conservazione degli ambienti naturali racchiusi

occuperebbe 588.30 ha sulla superficie totale della

nella riserva naturale. Ciò ha reso necessaria, in

zona B di circa 646 ha; sarebbe quindi interessato

tutti questi anni, una costante attività di denunzia

oltre il 90% della pre-riserva. Per tentare di capi-

nei confronti delle istituzioni responsabili della

re se, e come si

possa “vivere la Natura nell’Oasi

tutela dell’area che, a fronte di alcuni atti for-

del Simeto”, abbiamo intervistato l’Ingegner Roberto

mali, si sono infatti caratterizzate prevalentemente

De Pietro, membro del direttivo di Legambiente, che

per “disattenzioni” o “inerzie” o peggio, in alcuni

segue da decenni le vicende dell’area.

casi, per la “copertura” di azioni illegali.

(2)

ze sociali nate dall’urbanizzazione di quest’area stridono con quelle di protezione e conservazione della natura. Richieste di sanatoria edilizia, strade, illuminazione pubblica, reti e allacciamenti di luce, acqua e gas e di servizi, provenienti dai proprietari delle circa 3.600 case abusive (dato di Legambiente) mal si conciliano con l’azione di orientamento, ovvero di consentire che flora, fauna, corsi d’acqua e ogni altra voce dell’ambiente originario si conservino o ripristinino in modo spontaneo. L’Oasi si compone di una zona A (di riserva integrale, ove l’Ente gestore, avrebbe dovuto redigere il Piano di sistemazione) e una zona B (pre-riserva, ove il Comune di Catania avrebbe dovuto redigere il Piano di Utilizzo). Della A si è discusso in varie tavole rotonde promosse dalla Provincia - Ente gesto-

ed Ambientali, Comune e Provincia, ne sono stati i

nelle foto: (1) Stagni salmastri costieri; (2) Insediamento di abitazioni all'interno del Lago Gornalunga; (3) Villaggi abusivi tra le zone umide costiere: Azzurro in primo piano, Ippocampo di Mare a sinistra; (4) Litorale a sud della foce del Simeto. Arretramento della costa

principali interlocutori, come nel masterplan di cui

riferimenti fotografici: Roberto De Pietro

re della riserva naturale, per redigerne un piano di riqualificazione. Soprintendenza ai Beni Culturali

già si è data notizia sullo scorso TRIBEART.

........................................................................................................................................................................

12 tribeart


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A cinema curiosit à design E D I T O R I A grafica musica teatro and more

A tale attività di denuncia, Legambiente ha sempre

nel bacino del Simeto a partire dagli anni sessanta

associato la massima disponibilità a fornire alle

dello scorso secolo (tra cui, in primo luogo, i ser-

istituzioni suggerimenti e proposte per pervenire

batoi artificiali), è realistico ritenere, anche sul-

al recupero di aree degradate e all’innalzamento del

la base di simulazioni eseguite con analisi e modelli

grado di naturalità dell’intera riserva, a benefi-

matematici, che quella attuale non sia una situazione

cio degli ambienti naturali, del paesaggio e di una

di equilibrio e che la linea di costa continuerà ad

corretta fruizione dell’area (oggi improponibile per

arretrare. È evidente che, permanendo il deficit di

qualunque forma di turismo). Su tali aspetti le isti-

apporto solido, gli interventi di difesa del litorale

tuzioni sono state, però, finora poco o per nulla re-

rivolti a contrastare gli effetti del fenomeno, quali

cettive e hanno preferito perseguire altri obiettivi.

le ventilate ipotesi di realizzare barriere, pennel-

editoria / a cura di fabiana bellio

li, dune artificiali, sarebbero inutili. Come vedete la riqualificazione dell’Oasi in relazione all’abusivismo edilizio e all’arretramento

Come giudica Legambiente un insediamento turistico

della costa?

ricettivo all’interno della riserva?

In merito all’abusivismo edilizio occorre evidenzia-

Le finalità della riserva naturale sono quelle di

re l’assoluta incompatibilità ambientale di alcuni

conservazione degli ambienti naturali e non di rea-

agglomerati edilizi con le finalità di conservazione

lizzare insediamenti turistici ricettivi. A tal pro-

dell’area protetta. Basti pensare, solo a voler fare

posito faccio presente che il PRUSST – Project Finan-

un esempio, al villaggio costruito colmando una por-

cing “Vivere la natura nell’Oasi del Simeto”

zione del lago Gornalunga, che viene sommerso dalle

in una tipologia di interventi aberranti persino per

acque non appena il livello del lago si innalza. Gli

un’area non sottoposta a nessun regime di tutela o

agglomerati di maggiore estensione sono situati a

priva di alcun interesse naturalistico, che devaste-

nord e a sud della zona A, in aree abbastanza lontane

rebbero in modo radicale la riserva naturale, vani-

dalle zone umide della riserva. È ipotizzabile, quin-

ficandone le finalità istitutive.

di, estromettere dalla riserva naturale soltanto que-

Ribadisco quindi che qualunque pianificazione, an-

gli agglomerati abusivi situati ai margini dell’area

che quella che potesse ipotizzare un insediamento

protetta, ove peraltro è presente il maggior numero

turistico ai margini della zona di pre-riserva, per

di costruzioni, mentre per gli agglomerati situati in

essere accettabile ai fini della conservazione degli

prossimità delle zone umide o degli ambienti naturali

ambienti naturali, deve necessariamente prevedere il

di maggiore rilevanza naturalistica va prevista la

risanamento e il ripristino ambientale delle porzio-

demolizione e il successivo ripristino naturalistico

ne centrali della riserva mediante l’eliminazione

delle aree interessate. Qualunque pianificazione o

degli agglomerati abusivi ivi esistenti.

riqualificazione che non risponda a questi criteri e che proponga solo modeste eliminazioni ignora i più basilari principi di conservazione degli ambienti

(4)

rientra

Massimo Siragusa

Teatro d'Italia Contrasto, pag. 150, € 35

In occasione della mostra presso Forma di Milano, il siciliano Massimo Siracusa porta in scena il suo Teatro D’Italia. Sono immagini che raccontano il viaggio di Siragusa per l’Italia, quella dei luoghi antichi, delle piazze a volte le più famose. Spazio e luce si incontrano "ricreando" la scena, donando al luogo immortalato un'aura nuova, diversa, che a volte lo spettatore non conosce. Come se, appunto, fosse andato a teatro. Come se, ancora, l’Italia fosse un immenso spettacolo. Il catalogo, edito da Contrasto, ricco di fotografie a colori e con l’introduzione di Luca Doninelli, mostra questi «ritratti di luoghi».

naturali e finirebbe col vanificare le finalità stesse dell’area protetta. In merito all’arretramento della costa, poiché la causa determinante è dovuta alla diminuzione di apporto solido a seguito delle opere idrauliche realizzate o entrate in esercizio

Huma Bhabha

PLAYERS

Silvana editoriale, pag. 64, € 24

Ha iniziato ad esporle negli anni Novanta: celebri le sculture di Huma Bhabha che evocano la cultura tribale e oceanica, che si fanno comiche o diventano scudi per attori di un teatro. La Collezione Maramotti ce le ripropone in una mostra, Players, affiancandole ai disegni più recenti; anche qui siamo di fronte alla rappresentazione di volti mitici, fantastici, dominati dal colore, che guardano al percorso dell’artista continuandolo. La figurazione primeggia, il volto anima mille espressioni: è vita che decade, è vita che riemerge. Un catalogo, ricco di immagini e testi critici, edito da Silvana editoriale, raccoglie frammenti di una complessità che ci appartiene.

(3)

Istituto Poligrafico Europeo C A S A

Evento realizzato da: Facultad de Filosofía y Letras, Universidad de Málaga e Centro d'Arte Piana dei Colli di Villa Alliata Cardillo In collaborazione con: Vicerrectorado de Extensión Universitaria, Vicerrectorado de Estudiantes, Universidad de Málaga Con il patrocinio di: Instituto Cervantes de Palermo

E D I T R I C E

Sponsorship Lodetti Commerciale Metalli Fondo Antico vini Natale Giunta catering Ingresso gratuito In mostra fino al 12 mggio 2012 dal mercoledì al venerdì 15:30 / 19:30 sabato 10:00/13:00 - 15:30 / 19:30 Il Centro d'Arte rimarrà chiuso nei gg. 13-14 aprile e 4-5 maggio Via Faraone 2 - Palermo Info. 3319327930 - www.pianadeicolli.it

The Estate of Anonymous (VII): Stories from homes Una collezione di dipinti di Carlos Miranda sugli incontri di Polaroid Star

mostra di Carlos Miranda a cura di María Jesús Martínez Silvente Palermo Centro d’Arte Piana dei Colli Villa Alliata Cardillo Sabato 31 marzo 2012 / h 19.00

........................................................................................................................................................................

tribeart 13


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A cinema curiosit à design E D I T O R I A grafica musica teatro and more

tivv ù

Homeland (Caccia alla spia) Ha vinto il Golden Globe 2012 come miglior serie drama. è Homeland, la serie tv ispirata al format israeliano Hatufim e che racconta l'America dopo l'uccisione di Bin Laden... text Alessandro De Filippo

La narrazione seriale crea assuefazione e quindi dipendenza. La fruizione dei serial attraverso la pratica del download, che permette

dell’arco che costringe il racconto a contorcersi, produce nello spettatore uno stato d’animo di sospensione. L’attesa si carica di aspettative

di accumulare intere stagioni su hard-disk per poi “passarle” e farle circuitare come un’unica grande unità narrativa, comporta un’ulteriore mutazione percettiva dello spettatore. La singola puntata, che si esaurisce sempre con un cliffhanger proprio per stimolare l’attesa della

e i titoli di coda di un episodio non sono più accettabili come interruzione temporanea della storia. Ma c’è di più. Se il ritmo è tarato per lo scatto (cinquanta minuti da vedere tutti d’un fiato), la somministrazione prolungata per ore e ore non fa che imprigionare il fruitore in un

puntata successiva e consolidare la fidelizzazione del “consumatore”, non ha più senso in sé. Rimanda a un momento successivo della storia, a una fase successiva della narrazione. Non sfama più lo spettatore, attenua solo momenta-

immaginario assoluto. La fruizione immersiva sposta lo spettatore in un’altra dimensione spaziotemporale, lo condiziona a vivere emozioni, sempre più intense, prodotte dall’immedesimazione pervasiva nei personaggi. Paura e de-

neamente la sua curiosità. Perché il ritmo della narrazione è tarato sui cinquanta minuti della puntata, ma la possibilità di accesso alla puntata successiva dilata in un’unica fruizione ciò che è stato pensato in forma dilazionata, in puntate

siderio guidano non solo lo sguardo, ma anche il mood dello spettatore. È un’esperienza totale. L’etimologia di Homeland mette insieme due concetti. La casa e la terra. La terra che viene percepita come casa non è per forza il luogo

programmate su un’articolazione settimanale del palinsesto televisivo. La curiosità vince e si insegue una puntata dopo l’altra fino alla fine

di nascita. È quella che sentiamo appartenerci, a cui sentiamo di appartenere. Quella che in italiano definiamo come patria. Certo, quello

dei file disponibili alla visione. C’è una crescente ansia di completare il quadro, di attenuare la

di patria è un concetto che è stato inquinato dai nazionalismi totalitari di Italia e Germa-

spinta della tensione narrativa. Quella tensione

nia, e che si carica, sempre per via dell’etimo,

ARTIST’S STUDIO

Il tuo studio su TRIBEART? Ecco quello che devi fare: #1 visita l’archivio su www.tribeart.it #2 invia 5 scatti (ben fatti) dello studio a redazione@tribeart.it

di un certo veteromaschilismo stantio: patria come terra del padre, mettendo insieme il concetto di diritto del suolo e insieme diritto del

gatori, macchine della verità e torture. Ci sono Al-Qaïda e l’11 settembre, L’Afghanistan e l’Iraq, Abu Ghraïb e Guantanamo, la C.I.A. e l’F.B.I., la

sangue. La terra che dà casa, Homeland, si propone come una formula più neutra, in termini di accettabilità. Potremmo azzardare il neologismo di matria, se non ci rendessimo conto di quanto sarebbe ideologicamente ridicolo per

fede cristiana e quella musulmana, i bombardamenti segreti dei droni e i terroristi in sonno, gli agenti segreti e la Sicurezza Nazionale, l’onore dei Marines e le accettabili vittime collaterali dei bombardamenti, la politica e le campagne

quel suo ipercorrettismo politico. Ma al di là del titolo, Homeland è un serial di notevole interesse, sia per ciò che racconta, sia per come lo racconta. Il confronto col titolo italiano, Caccia alla spia, tende a banalizzare il tutto, ad appiat-

di informazione e propaganda. C’è tutto l’armamentario da film di guerra, ma il centro di ogni discorso, di ogni pensiero e di ogni gesto è sempre e solo la verità. Perché non basta volerla, la verità. Non basta nemmeno trovarla. Bisogna

tirlo all’interno della tradizione di genere spy story. E in fondo Homeland è anche questo, ma non solo questo. Il primo elemento è la capacità di descrivere personaggi complessi in maniera attenta ed estremamente approfondita. La com-

difenderla, preservarla dagli attacchi che tenteranno di negarla o distorcerla, bisogna farla conoscere, urlarla in faccia a tutti, perfino se per questo si andrà incontro alla follia. La prima stagione si chiude con un’intuizione, da non di-

posizione del quadro generale sembra essere meno importante delle singole relazioni interpersonali. Ma il quadro d’insieme emerge progressivamente grazie alla conoscenza di singoli gesti compiuti, di ricordi affiorati, di confiden-

menticare, da non lasciare cancellare dal tempo e dalla instabilità della memoria. Un’intuizione che rischia di essere una condanna alla sfiducia, che rischia di essere una dichiarazione di guerra al senso comune. Il racconto non è terminato.

ze rivelate e confessioni condivise. Ma tutta la narrazione ruota intorno alla verità. Una verità

Lo spettatore resta prigioniero della propria attesa e delle aspettative di supremazia del bene

cercata, indagata, creduta, smentita, revisionata, ottusamente ricostruita, negata, insabbiata, recuperata attraverso continue analisi, interro-

sul male. Tutto però è sempre più confuso, più impreciso nella memoria che dimentica. Fondo nero e titoli di coda. Ma non è finita. Non ancora.

Il viaggio nell’arte collettiva a cura di Gianpiero Vincenzo

con Liborio Curione, Enzo Federici, Salvo Russo e Nunzio Urzì dell’ Accademia di Belle Arti di Catania la mostra resterà aperta fino al 12 aprile presso la libreria Cavallotto di corso Sicilia 91

BENEDETTO POMA

è nato a Mascalucia (CT) nel 1968. Vive e lavora a Camporotondo Etneo (CT). www.pomarte.com

www.cavallotto.it

........................................................................................................................................................................

14 tribeart


calendario

........................................................................................................................................................................

I MAI VISTI MUCEB - Piazza Santa Maria (Burgio) fino al 14 aprile 2012 martedì-domenica 10-13/15-18 • 092564016 Tommaso Chiappa - Carta bianca Palazzo dei Filippini - Via Atenea 272 fino al 14 aprile 2012 lunedì-sabato 9-13/15.30-19 • 3487457877 Novecento Siciliano Fabbriche Chiaramontane - Via S. Francesco D'assisi 1 fino al 30 giugno 2012 martedì-domenica 10-13/16- 20 • 092227729 Elfo - Resistance Farm Cultural Park - Sette Cortili (Favara) fino al 30 giugno 2012 martedì-venerdi 10-13/16-20; sabato-domenica 11-13/16-22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

catania in corso il viaggio nell'arte Cavallotto librerie - Corso Sicilia 91 fino al 12 aprile 2012 095310414 Annamaria Di Giacomo / Stefania Zocco - L'ospite ostile BOCS - Via Grimaldi 150 fino al 14 aprile 2012 visite su appuntamento • 3382203041 Pasqua in Sicilia; Nell’attesa della resurrezione, di Francesco Barbera; La passione e il Giubilo, di Riccardo Lombardo; Scenografia dei riti penitenziali pasquali, di Salvo Sallemi Vecchia Dogana - Via Dusmet 2 fino al 15 aprile 2012 lunedì 16-24; martedì-domenica 10-24 Attilo Giordano - Se solo mi guardassi Galleria Arionte - Via Carcaci 19 fino al 16 aprile 2012 0952180080 Libidine/Libridine - Libri d'Artista/ Libri Oggetto Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 fino al 18 aprile 2012 lunedì-sabato 9.30-13/16-19; domenica 9-13 Rossella Pezzino de Geronimo India: frammenti d'identità S.A.L. Spazio Avanzamenti Lavori - Via Indaco fino al 19 aprile 2012 lunedì-domenica 10-20 • 3463851506 Made in China Galleria Luigi Ghirri - Via Duomo 11 (Caltagirone) fino al 22 aprile 2012 lunedì-domenica 9.30-12.30/16-19 • 3332419089 Carlo Capodieci Vecchia Dogana - Via Dusmet 2 fino al 22 aprile 2012 lunedì 16-24; martedì-domenica 10-24 Simone Raeli / Simone Sapienza Istanbul Cami Mammut Art Space - Via San Lorenzo 20 fino al 23 aprile 2012 martedì-domenica 19-02 • 3288094129 Diango Hernández - Drawing the Human Figure Fondazione Brodbeck - Via Gramignani 93 fino al 26 maggio 2012 martedì-sabato su appuntamento • 0957233111 Uova d'autore Museum & Fashion - via Museo Biscari, 16 fino al 29 maggio 2012 martedì-domenica 10-19 • 0952503188 Pierluigi Nervi - L'architettura molecolare Galleria Credito Siciliano - Piazza Duomo 12 fino al 29 maggio 2012 martedì-domenica 10-12/17-20 • 095600208

ARTISTI PER TRIBEART Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 dal 14 aprile 2012 al 2 maggio 2012 opening: dal 14 aprile 2012, ore 18.30 lunedì-sabato 9.30-13/16-19; domenica 9-13 • 0952180080 Alessandro Licciardello - Salvo Mazzone Antiquarium di Palikè - Contrada Rocchicella S.P. 181 Mineo (Catania) dal 14 aprile 2012 al 28 luglio 2012 opening: dal 14 aprile 2012, ore 10 3315771468 Filippo Leonardi - Freevolo Galleria collicaligreggi - Via Oliveto Scammacca 2a dal 21 aprile al 16 giugno 2012 opening: 21 aprile 2012, ore 18 martedi-sabato 16-20• 3385880150 twins. Brevidistanze (Andrea e Marco Mangione), Carlo e Fabio Ingrassia Accademia di Belle Arti Abadir - via Giacomo Leopardi, 8 (Santa’Agata Li Battiati) dal 22 aprile al 20 maggio 2012 opening: 22 aprile 2012, ore 12 Visite su appuntamento 3498654954 TRE ANIME. FILIPPO PAPA Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 dal 28 aprile 2012 al 13 maggio 2012 opening: dal 28 aprile 2012, ore 17 lunedì-sabato 9.30-13/16-19; domenica 9-13 • 0957428033

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

messina in corso Giovanni Iudice - Calma apparente - Omaggio a Taormina Fondazione Mazzullo - Vico De Spuches 3 (Taormina) fino al 29 aprile 2012 9.30-12.30/15.30-18.30 • 0942620129

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

palermo in corso I MAI VISTI Palazzo Abatellis - Via Alloro 4 fino al 14 aprile 2012 martedì-venerdì 9-17.30; sabato e domenica 9-13 0916230000 Angelo Cirrincione - Lido XXS apertoalcontemporaneo - Via XX Settembre 13 fino al 14 aprile 2012 lunedì-venerdì

17-20;

sabato-domenica

10-

12.30/17-19 • 3897972795 Valerio Bellone - Flussi Mondadori Multicenter - Via Ruggero Settimo 16 fino al 14 aprile 2012 lunedì-domenica 9.30-20.30 • 3358417307 Rosario Arizza Galleria d'Arte Veronica Meschis - Via Dante 17 fino al 16 aprile 2012 lunedì-sabato 9.30-13/16.30-20 • 3807980808 Architettura dei pani di Salemi Palazzo dei Normanni - Piazza del Parlamento fino al 16 aprile 2012 venerdì-lunedì, ore 9-17 • 3334911480 Giacomo Rizzo - Human neu [nòi] - spazio al lavoro - Via Alloro 64 fino al 20 aprile 2012 lunedì-venerdì 10-17 e su appuntamento • 0917832107 Madì. Oltre lo spazio Galleria Monteleone - Via Monteleone 3 fino al 21 aprile 2012 martedi-sabato 16-19 • 0916119756 Demetrio Di Grado - Parallelo 00.12 Villa Filippina - Piazza San Francesco di Paola 18 fino al 22 aprile 2012 sabato 16-21; domenica 10-13/16-21 • 3381430056 Alfonso Leto - Leto ridens (opere a piacere) Spazio Cannatella - Via Papireto 10

fino al 23 aprile 2012 lunedì-venerdì 16-20; sabato 10-13; pomeriggio su appuntamento • 3478623799 ARTE DONNA. Cento anni d'arte femminile in Sicilia 1850 - 1950 Reale Albergo delle Povere - Corso Calatafimi 217 fino al 25 aprile 2012 martedì-sabato 9-13/15-19; domenica 9-13 Pierluigi Antonucci, Enzo Cucchi, Angelo Mosca, Michele Tocca - La Pittura, Isola Bianca Arte Contemporanea - Via Nicolò Garzilli 26 fino al 28 aprile 2012 mercoledì-sabato 16-19.30 • 0915084918 Roberto Fontana - Carnaio Galleria della Residenza Universitaria San Saverio - Via G. Di Cristina 7 fino al 28 aprile 2012 martedi-sabato 10-13/16-19; domenica 10-13 Alessandro Bazan - Moderna GAM - Via Sant'Anna 21 fino al 30 aprile 2012 martedì-domenica 9.30-18.30 • intero € 7; ridotto € 5 • 3392842232 Francesco Costantino - Deadline Zelle Arte Contemporanea - Via Fastuca 2 fino al 30 aprile 2012 martedì-sabato 17-20 • 3393691961 lOOP - CUrvilinEA Bartolo Chichi Art & Photo Gallery - Via Vann’Anto 16 fino al 3 maggio 2012 lunedì-venerdì 9.45-13/16.30-19.30; sabato 9.4513 • 0917828140 The Estate of Anonymous (VII): Stories from homes. Una collezione di dipinti di Carlos Miranda sugli incontri di Polaroid Star Centro d’Arte Piana dei Colli - Villa Alliata Cardillo - Via Faraone 2 fino al 12 maggio 2012 mercoledì-venerdì

15.30-19.30;

sabato

10-

13/15.30-19.30 • 3319327930

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ragusa in corso Marianna Christofides Reluctantly Rea La Veronica - Via Grimaldi 93 (Modica) fino al 16 giugno 2012 martedì-domenica 15-20.30 e su appuntamento 0932948803

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

siracusa in corso CHIAMATA ALLE ARTI Galleria Montevergini - Via S. Lucia alla Badia, 1 fino al 25 aprile 2012 martedì-domenica 9-13/16-20 • 093124902 Giovanni BLANCO. ALTRE TOPOLOGIE Galleria Quadrifoglio - Via dei Santi Coronati 13 fino al 30 aprile 2012 martedì-sabato 10-13/17-20 • 093164443 Sicilia, passaggio a SudEst SpazioArte leSicilie - Piazza San Giuseppe 30 fino al 31 maggio 2012 10-14/17-21 • 3701226288

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

trapani in corso Franco Fratantonio - Salvataggio Ex Chiesa di Sant'Alberto - Corso Garibaldi fino all'8 aprile 2012 9.30-13/16-21 • 3383088181 Más o Menos Convento del Carmine - Piazza del Carmine 1 (Marsala) fino al 15 aprile 2012 martedì-domenica 10-13/17-19 • 0923711631 Intrecci Fondazione Orestiadi - Baglio Di Stefano (Gibellina) fino al 9 maggio 2012 martedì-domenica 9-13/15-18 • 092467844

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

in corso

in programma

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

agrigento

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

GLI APPUNTAMENTI DI APRILE 2012

MOSTRE IN PILLOLE

....................................................

Giovanni Iudice - Calma apparente Omaggio a Taormina

Giovanni Iudice, Piazza di Taormina, particolare, 2012

La Fondazione Mazzullo di Taormina ospiterà dall'1 al 29 aprile 2012 Calma apparente - Omaggio a Taormina, mostra personale dell’artista Giovanni Iudice. L’esposizione, curata da Giuseppe Filistad e Giuseppe Morgana, è l’appuntamento conclusivo del progetto “Omaggio a Taormina”, calendario di incontri culturali, mostre, concerti, ideato e organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”. L’artista gelese, oltre ad esporre insieme alla Collezione Siciliana l’opera più rappresentativa del ciclo dei Clandestini, la grande tela della sua magnifica e dolente Umanità – Il quinto stato (cm. 2.35 x 2.90), che tanto successo e clamore ha suscitato alla 54° Biennale di Venezia - venendo definita dal prestigioso “The Art Newspaper” una delle “rare gemme” presenti all’esposizione – in questa occasione rende il suo personale “tributo” alla città dedicandole la sua ultima opera d’arte: un quadro intitolato proprio Omaggio a Taormina. Artista autodidatta che la notorietà acquisita non è riuscita a trascinare lontano dalla sua Gela, pur brutalizzata dalle raffinerie, le opere di Iudice raccontano di una Sicilia vera, lontana dalle patinate cartoline turistiche. Una Sicilia dalle stradine col selciato divelto e le auto parcheggiate sul marciapiede, dalle case modeste e spoglie con le pareti interne chiazzate d’umido, illuminate da lampadine che pendono squallide dal filo e le stoviglie sporche parcheggiate nel lavabo in attesa di essere lavate. I visitatori della mostra di Giovanni Iudice, uomo ed artista intriso di sicilianità, troveranno la grande Arte dal segno preciso ed impeccabile che si sprigiona dai suoi dipinti ad olio, dai suoi disegni, dalle sue matite su carta. Un’arte che non prevede ammiccamenti di sorta, che non bluffa con evanescenti atmosfere, che non ammette compiacenti compromessi: è dura, vera, reale. Come la cellulite ed i rotoli di grasso che campeggiano in spiagge affollate di gente che si porta da casa sedioline ed ombrelloni. Come l’atteggiamento, indifferente e distante, dei bagnanti vacanzieri nei confronti di un gommone stracarico di migranti in evidente difficoltà. Come gli sguardi dei “clandestini” accalcati sulle carrette del mare: impauriti, da animale braccato; rassegnati al ruolo di pericolosi “intrusi”; rari quelli speranzosi in un domani che restituisca loro la dignità di Uomo.

....................................................

Twins - Brevidistanze (Andrea e Marco Mangione), Carlo e Fabio Ingrassia La mostra, a cura di Katiuscia Pompili, in collaborazione con Bocs e Parking 095 contemporary space, sarà ospitata dall'Accademia di Belle Arti Abadir di Santa’Agata Li Battiati, Catania. Scrive la curatrice: «Se Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza i gemelli racchiudono in sé un frammento di divinità? Il tema del doppio ha da sempre alimentato il mito e la letteratura; l’immagine dell’ombra, come dello specchio, simboleggia il gioco dello sdoppiamento dell’io che arriva, spesso, a distruggere l’identità individuale del protagonista. Per due gemelli omozigoti fare arte insieme è forse un modo per rimarcare la propria individualità? Oppure l’opera diviene lo strumento per creare un mondo parallelo in cui essere ancora una volta in due? Il progetto Brevidistanze è un habitat condiviso dietro cui si celano le identità di Andrea e Marco Mangione. L’esigenza di avvicinare le loro opere porta i due artisti a cooperare alla creazione, nella piccola sala di Abadir, di uno spazio ex novo che diventa parte integrante del lavoro finale. La finestra scoperta sul paesaggio circostante sembra un tromp l’oeil al contrario: la realtà fenomenica si proietta nello spazio dell’opera, che fortemente denuncia la sua indipendenza di luogo in quel luogo che non rappresenta ma con cui si pone in continuità. Il wall painting dei gemelli Mangione si trasforma in una vera e propria installazione ambientale che dialoga con lo spazio e il pubblico creando percorsi visivi e attese giocose [...]». Per TWINS Carlo e Fabio Ingrassia realizzano un lavoro speculare. Le veau blanc, opera romboidale collocata sulla parete della seconda sala dell’Accademia, è affiancata dal suo doppio speculare che, come il riflesso dello specchio, evoca un ”io” capovolto: come i gemelli, i due quadri sono solo apparentemente identici. Operando attraverso un metodo/non metodo che impedisce loro la visione complessiva dell’opera, gli artisti catanesi disegnano con matite e gessetti una traccia senza segno, in cui riconoscere la mano dell’autore è opera improba.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle mostre siciliane? Collegati su: www.tribeart.it

........................................................................................................................................................................

tribeart 15


#IOsUPPORTO

TRIBEART La pubblicità è un investimento e non una spesa. Proprio come la cultura. Dai spazio alla tua attività. è un vero affare...

www.tribenet.it/pubblicita.php


TRIBEART#93 - APRILE 2012