Page 1

87 •• LA GUIDA MENSILE ALLE ARTI VISIVE SICILIANE •• ANNO IX •• OTTOBRE 2011 •• WWW.TRIBEART.IT •• FREE ••


ROSARIO GENOVESE CATALOGO SKIRA

OPERE DAL 1979 AL 2011

Con un testo di Demetrio Paparoni e una conversazione con Marco Meneguzzo

Comune di Catania / Assessorato alla Cultura

Info: antologica@rosariogenovese.com

29 Ottobre / 20 Novembre / Palazzo della Cultura / ex Convento San Placido COMUNE DI CATANIA ASSESSORATO ALLA CULTURA E GRANDI EVENTI

1. compila in stampatello

2. scegli il pagamento e conferma

Nominativo / Ragione Sociale ___________________________________________

c

Vaglia postale

c

Bonifico su Conto Corrente Bancario “Unicredit Banca”

Indirizzo_______________________________________________(via / città / cap) E-mail__________________________________________________________ Codice fiscale / Partita IVA ______________________________________________

intestato a TRIBE Società Cooperativa, Via Barbagallo Pittà, 24 - 95122 Catania

abbonati

www.tribenet.it/abbonamenti

intestato a TRIBE Società Cooperativa - IBAN: IT 03 K 02008 16935 000010732492

c

Paypal o Carta di credito su www.tribenet.it/abbonamenti

c

1 ANNO: 25,00 euro

c

2 ANNI: 46,00 euro

Autorizzo Tribe Società Cooperativa, proprietaria del periodico TRIBEART al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03 e successivi. Per confermare la richiesta di abbonamento è necessario inviare il modulo e la copia di avvenuto pagamento al fax +39 0952937814 o tramite e-mail a info@tribearl.it

c

1 ANNO SOSTENITORE: 100,00 euro

___________, ___/___/ 2011 __________________________ (firma)

TR I B EA R T TE N E FA R à LEGGER E DI TU TTI I CO L O R I


.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 14 aprile 1912. È notte. Tutti nel grande Ma questo non basta. Occorre afferrare a diventare un «noi». La politica è un .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. salone di prima classe indossano l’abito di un concetto estremamente importante: la giardino di progetti e sentimenti che questa .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. gala per la grande serata. Fuori un enorme politica siamo anche noi. Ogni singolo giorno Italia, latrina e ladrona, ha ridotto in .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. iceberg ha appena distrutto una fiancata del da noi abitato, deprecato, glorificato è ferraglia aggrovigliata, in aiuola incolta, .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Titanic che, progettato per non affondare, fottutamente politico. Ogni giorno siamo in terra senza frutti. Noi di TRIBEART siamo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. sta invece per essere inghiottito dagli Camera e Senato. Ogni giorno siamo un profondamente convinti che la partecipazione .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. abissi oceanici. Gli otto membri della programma, una legge, perfino una condanna. collettiva e l’attivismo civile rendano .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. grande orchestra continuano a suonare per Ogni giorno siamo pensiero, parola e azione. meno porcellum questo paese. Per questo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. distrarre e calmare i passeggeri, anche dopo La politica la facciamo anche noi. In casa, motivo sulle nostre pagine, cartacee e .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. la collisione, anche quando il destino della a spasso col cane, al supermercato, alla telematiche, troverete sempre spazio per .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. nave è ormai segnato. Oggi l’Italia sembra posta, al cinema, in libreria. La facciamo notizie riguardanti iniziative orientate al .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. un enorme Titanic, una nave senza rotta con un «sì», con un «no» e anche con un risveglio delle coscienze, alle mobilitazioni .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. che incamera acqua, uno zombie in frac che «poi ci penso». La politica è nelle nostre cittadine, alle imprese volte al bene comune. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. balla sulle ripetitive e stonate note di una scelte e in quelle che non facciamo. La «Il riscatto civile ed economico italiano .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. classe dirigente sciatta e senza talento. politica è un abbraccio collettivo, una passa dal rilancio della Cultura», ci ricorda .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Come bloccare questo inabissamento? Colmando trama sottile, un’orchestra silenziosa, il FAI. è tempo di «salvare l’Italia». è .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. le falle con nuova musica e nuovi musicisti. un esercizio costante che allena un «io» tempo di coltelli e di una nuova fioritura. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 4 | NEWS .............................................................................................................................................................. 10 | SPAZI APERTI .............................................................................................................................................................. NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK estetiche, opinioni e riflessioni sul .............................................................................................................................................................. a cura di Giacomo Alessandro Fangano .............................................................................................................................................................. Contemporaneo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. VOX POPULI .............................................................................................................................................................. 6 | RECENSIONI .............................................................................................................................................................. di Adalberto Abbate gli eventi visti da noi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. mi faccio una domanda mi do una risposta .............................................................................................................................................................. IL BOSCO D’AMORE .............................................................................................................................................................. di Giuseppina Radice di Gabriella Martines .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. SQUONK - ARTE E MEDIA .............................................................................................................................................................. GIOVANNI COMPAGNINO - ANTOLOGICA .............................................................................................................................................................. .. .. .. .. .. .. .. di.. Giacomo .. .. .. ..Alessandro .. .. .. .. ..Fangano .. .. .. .. .. .. .. .. .. di.. ..Giuseppe .. .. .. ..Frazzetto .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .. .............................................................................................................................................................. INCANTI Hugo Pratt .............................................................................................................................................................. di Francesco Lauretta I luoghi dell’avventura .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Giovanni Scucces .............................................................................................................................................................. Qui fuori. Ibridazioni esteTiche .............................................................................................................................................................. di Chiara Tinnirello .............................................................................................................................................................. ANNALISA FURNATI .............................................................................................................................................................. COLLATERALI EVIDENZE .............................................................................................................................................................. LA DURA LEGGE DEL GOL di Giuseppe Mendolia Calella .............................................................................................................................................................. di Vincenzo Profeta / Fabiola Nicoletti .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 8 | URBAN .............................................................................................................................................................. 13 | RICREAZIONE .............................................................................................................................................................. LUOGHI E PERSONAGGI DEL TERRITORIO .............................................................................................................................................................. architettura design grafica libri cinema .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. I CANTIERI CHE PRETENDIAMO .............................................................................................................................................................. FAVIGNANA: L’EX TONNARA DEI FLORIO ORA di Tiziana Pantaleo .............................................................................................................................................................. CENTRO TURISTICO-MUSEALE .............................................................................................................................................................. di Lucia Russo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 9 | FR3SH .............................................................................................................................................................. UNA VENTATA DI PERSONALITà IN 7 RISPOSTE .............................................................................................................................................................. 14 | SEGNALAZIONI .............................................................................................................................................................. a cura di Vanessa Viscogliosi MOSTRE IN PILLOLE .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. CORRARO GUGLIOTTA .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 15 | CALENDARIO MOSTRE GIANLUCA COLLICA .............................................................................................................................................................. GLI APPUNTAMENTI DI ottobre 2011 FRANCESCO PANTALEONE .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. w h ere we are * circuito di distribu z ione * selected p oint .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Legare la propria pubblicità alla diffusione di arte e cultura. Artesia - Galleria d’Arte • Corso delle Province 32 a/b (CT) .............................................................................................................................................................. 0957227154 • www.galleriaartesia.com Fidelizzare i vecchi clienti e trovarne dei nuovi. Promuoversi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. fornendo un servizio gratuito e culturalmente interessante. Centro Artè Yoga • Via Felice Paradiso 64 • Acireale (CT) .............................................................................................................................................................. Se la tua clientela è culturalmente vivace e cerchi un canale di .............................................................................................................................................................. 3288830072 • www.arteyoga.eu .............................................................................................................................................................. promozione adeguato attiva il tuo TRIBEART.corner! .............................................................................................................................................................. Per entrare nella rete di TRIBEART basta davvero poco. Con una SpazioVitale In • Via Milano 20 (CT) .............................................................................................................................................................. 095371010 • www.spaziovitalein.it piccola spesa semestrale potrai promuovere sul nostro mensile la .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. tua attività e i tuoi eventi usufruendo anche di interessanti sconti .............................................................................................................................................................. UNICEF • Via Montesano 15 (CT) e promozioni sui servizi offerti da TRIBE (comunicazione, .............................................................................................................................................................. 095320445 • www.unicef.it/catania .............................................................................................................................................................. grafica, siti web) e sull’acquisto di ulteriori spazi pubblicitari e .............................................................................................................................................................. servizi legati al web. .............................................................................................................................................................. Librerie Cavallotto • Corso Sicilia 91 • Viale Jonio 32 (CT) .............................................................................................................................................................. 095310414 • 095539067 • www.cavallotto.it .............................................................................................................................................................. Più visibilità, più sconti, più servizi. Cosa aspetti? .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Galleria d’Arte Moderna • Via Sant’Anna, 21 (PA) Diventa un TRIBEART.corner! .............................................................................................................................................................. 0918431605 • www.galleriadartemodernapalermo.it .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Informazioni Museo RISO • Corso Vittorio Emanuele 365 (PA) .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 091320532 • www.palazzoriso.it .............................................................................................................................................................. TRIBEART • TRIBENET.IT .............................................................................................................................................................. Galleria S.A.C.S./Frigoriferi Milanesi • Via Piranesi 10 (MI) La guida mensile alle arti visive siciliane .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 0273956317 • www.palazzoriso.it • www.frigoriferimilanesi.it (t) +39 3395626111 (t) +39 3388913549 .............................................................................................................................................................. (e) pubblicita@tribeart.it .............................................................................................................................................................. Gestisci o dirigi un’attività commerciale? Sei un artista .............................................................................................................................................................. e vuoi incrementare le visite al tuo studio? Cerchi una .............................................................................................................................................................. La distribuzione di TRIBEART non si ferma qui: scopri .............................................................................................................................................................. visibilità mirata ed efficace? Entra nel circuito di .............................................................................................................................................................. gli altri punti sul nostro sito www.tribeart.it distribuzione di TRIBEART! .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................

Index

editoriale

cover

Marco D’Anna, Etiopia. Lago Ashangi - 2004 (particolare) fotografia © Marco D’Anna @ Hugo Pratt - I luoghi dell’avventura - Scicli 2011

colophon

tribeart.corner

TRIBEART Mensile | Anno IX | Numero 87 Registrazione al Tribunale di Catania n°23 del 30.10.03 REDAZIONE (t) +39 3395626111 • 3388913549 (f) +39 0952937814 • 1786019215 (e) redazione@tribeart.it (w) www.tribeart.it

EDITORE • PROGETTO GRAFICO • IMPAGINAZIONE TRIBE Società Cooperativa Via Barbagallo Pittà 24 • 95122 • Catania www.tribearl.it • info@tribearl.it DIRETTORE RESPONSABILE Enzo Baldacchino • direttore@tribeart.it

DIRETTORE EDITORIALE Giacomo Alessandro Fangano • alessandro.fangano@tribeart.it SEGRETARIA DI REDAZIONE Vanessa Viscogliosi • vanessa.viscogliosi@tribeart.it STAMPA Litocon S.R.L. • Catania

pubblicità L’offerta pubblicitaria di TRIBEART è ampia e trasversale. Con sole 195,00 Euro (+iva 20%) è possibile acquistare 1/6 di pagina (mm 135x100) sul mensile. Sconti sono previsti prenotando più uscite. Alle numerose soluzioni per il cartaceo si accompagnano quelle per il web. Contattaci per maggiori informazioni: (t) +39 3395626111 • 3388913549 (e) pubblicita@tribeart.it PROSSIMA USCITA Per TRIBEART#88 - novembre 2011 invia le tue segnalazioni e prenota il tuo spazio pubblicitario entro il 31 ottobre 2011.


news

........................................................................................................................................................................

NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK

9 ottobre. GIORNATA 15-16 ottobre. BANDIERE ARANCIONI fai festa alla piazza Il 09.10.11 si svolge la Giornata Bandiere Arancioni del Touring Club Italiano, una festa per scoprire, sperimentare e far conoscere i valori TCI, il loro modo di intendere il viaggio, la valorizzazione e la difesa del territorio. Per vivere una giornata di allegria tra sapori autentici e valori innovativi, la sapienza di far convivere il rispetto per le tradizioni e la qualità della vita. Si svolge contemporaneamente in quasi 100 località in tutta Italia e coinvolge i visitatori con visite guidate, iniziative di scoperta, animazione. è un momento di festa aperto a tutti, di conoscenza e aggregazione con amici e simpatizzanti. In Sicilia si svolgerà nel comune di Sutera (CL): dominata dalla cima rocciosa del monte S. Paolino, pare rannicchiarsi alle falde del suo erto torrione roccioso e, sembra controllare le due vallate che la circondano, quella formata dall’alto corso del fiume Platani e quella del Gallo d’Oro.

Nel cuore della campagna nazionale di raccolta fondi del FAI, Ricordati di salvare l’Italia, i volontari delle delegazioni accoglieranno i cittadini nelle più belle piazze italiane, animando la giornata con visite guidate originali e coinvolgenti, e iniziative collaterali, organizzando FAI festa alla piazza: oltre sessanta piazze italiane saranno le protagoniste di questo appuntamento di raccolta fondi. FAI festa alla piazza è un evento che ha l’obiettivo di celebrare le piazze italiane, festeggiando con allegria e partecipazione la loro secolare funzione di aggregazione collettiva. Il calendario completo e aggiornato degli eventi è disponibile sul sito ufficiale del FAI. Mentre andiamo in stampa, in Sicilia sono previsti incontri ad Agrigento (Porta di ponte e piazza antistante) a Messina (Piazza immacolata di marmo), a Palermo (Piazza Garraffo e Piazza S. Andrea) e a Scicli, RG, (Aggrottato di Chiafura)

> www.touringclub.it

La gomma di caucciù per salvare il murales di Keith Haring a pisa

www.fondoambiente.it <

IL CASOLARE di cinisi Dove morì peppino Impastato DIVENTERà un museo

Il Treno di Montalbano vince il Premio turismo cultura Unesco Il riconoscimento è stato assegnato durante il World Turism Expo di Assisi e ha l’obiettivo di identificare e promuovere gli operatori e le aziende che propongono esperienze di viaggio nelle destinazioni riconosciute dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità. La tedesca Easy Market TUI ha vinto con un tour, ideato e organizzato dall’associazione Go Green Sicily di Scicli, che prevede un percorso guidato tra il barocco sciclitano e le location de Il commissario Montalbano. > www.easymarketcrs.it > http://gogreensicily.blogspot.com

© Claudio Stassi

Sarà utilizzata una speciale gomma di caucciù, che riesce a togliere la patina opaca senza intaccare l’opera, a salvare i colori di Tuttomondo grande murale di Keith Haring, realizzato a Pisa nel 1989, e i cui colori si sono sbiaditi con il tempo, anche per colpa dello smog. Maria Perla Colombini, docente di chimica, spiega che «è sufficiente una blanda pulitura meccanica per far tornare i colori splendenti quasi come nel 1989. Sono due gli effetti del tempo che si notano: un’ingiallitura diffusa e un velo biancastro. Un problema ulteriore è rappresentato dalla fragilità del nero che tende a spolverare». Resta da decidere la protezione futura dell’opera, ma il comitato che deve studiare l’intervento è orientato ad «applicare una pellicola protettiva speciale». Da decidere anche il futuro del vetro protettivo installato, perché nei pressi del murales vi era una fermata del bus e la gente era portata ad appoggiarsi all’opera.

I barconi ABBANDONATI DI LAMPEDUSA SI TRASFORMANO IN opere d’arte Il progetto Opera - Sui relitti delle libertà è stato sostenuto dall’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e si svolgerà con il patrocinio del Consiglio dei ministri, dell’ARS, della Prefettura di Agrigento, dell’Agenzie delle dogane e dal Comune di Lampedusa, che ha messo a disposizione i locali per gli artisti. Un’iniziativa multiculturale, della durata di un anno, cui hanno già aderito molti artisti (pittori, scultori, poeti e designer) provenienti da tutto il mondo. Contribuiranno anche i ragazzi della cooperativa Lampedusa ed emigrati. L’obiettivo è quello di creare delle opere d’arte a partire dai relitti delle imbarcazioni che si trovano fra il porto di Lampedusa, i depositi e i siti di demolizione, e che hanno portato in Italia, dal 2005, più di 100mila africani. «Un modo per dire – spiegano gli ideatori Franco Andaloro e Patrizia Italiano – che un relitto è testimonianza ma anche porta verso il futuro e segno e simbolo della speranza in un mondo migliore. Ma anche per segnalare la valenza epocale del fenomeno immigrazione, i suoi aspetti umanitari e dare attraverso l’arte un segno di solidarietà». Il ricavato dalla vendita sarà devoluto all’UNHCR, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

RITROVATO AFFRESCO DI PIETRO NOVELLI L’affresco di Pietro Novelli (1603-1647) col Trionfo di Davide, si trova all’interno della chiesa di S. Giovanni l’Origlione: sono state riportate alla luce le donne ebree che danzano in segno di gioia. Era stato coperto negli anni ‘50 durante i lavori all’annesso monastero distrutto dai bombardamenti.

Uwe Jaentsch. viaggio di un Goethe contemporaneo in una Sicilia distratta

Dopo aver saputo che il luogo dove fu ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978 è stato trasformato in una discarica, un gruppo di oltre 40 disegnatori ha sentito il bisogno di fare qualcosa di tangibile per dimostrare che la sua memoria e le sue idee sono importanti. Nasce così Peppino Impastato, immagini della memoria che, dopo la decisione della Regione Siciliana e del Comune di Cinisi (PA) di ascoltare l’appello del fratello di Peppino pubblicato su La Repubblica ed eliminare quel degrado, è diventato il nucleo fondamentale di opere intorno al quale dovrebbe nascere il museo.

Il prossimo 28 ottobre Palazzo Costantini ai Quattro Canti, a Palermo, apre per la prima volta al pubblico per l’anteprima di AC/DC – greetings from Palermo - Viaggio in Sicilia di un Goethe del XXI secolo, dell’artista austriaco Uwe Jaentsch. La presentazione del film sarà anche l’occasione per scoprire questo palazzo in centro città, mai aperto al pubblico, caratterizzato da un’area coperta di 8000 mq su più piani. I visitatorispettatori viaggeranno nello spazio come dentro un labirino-istallazione, preparato per l’occasione dall’artista.

> http://immaginidellamemoria.blogspot.com

> piazzagarraffello@yahoo.it > www.costanzalanzadiscalea.it

______corsi concorsi premi______ MUSAE – Museo Urbano Sperimentale d’Arte Emergente 2011 Giunto alla V Edizione, è riservato ad artisti fra i 18 e i 35 anni che possono iscriversi con produzioni pittoriche, plastiche, fotografiche, installazioni multimediali e luminose, video, videoarte, land art, body art, design, moda, performance. Si cerca il coinvolgimento di varie città per formare un percorso unitario che offra i luoghi del quotidiano alla creatività giovanile. categoria concorso scadenza iscrizioni 30.03.12 info info@edmitalia.it

PALERMO AMORE AMARO. WORKSHOP DI FOTOGRAFIA Palermo amore amaro è il titolo di un libro fotografico di Letizia Battaglia, pubblicato negli anni ottanta. Oggi, a distanza di vent’anni, è lo stimolo per la nascita di un workshop condotto appunto da Letizia Battaglia e dalla figlia Shobha che hanno saputo raccontare, nel corso degli anni, Palermo nelle sue contraddizioni. categoria workshop; città Palermo date 13/16.10.11 iscrizioni entro 10.10.11 info www.motherindiaschool.it

Obiettivo Italia Concorso fotografico di Corriere della Sera.it dedicato ai comuni. Si possono inviare le foto relative al proprio comune del cuore, a quello dove si vive, si è nati o si è stati in vacanza, etc. etc. Le foto verranno pubblicate online e potranno essere votate da tutti i lettori. Gli autori delle foto più significative potranno vincere il premio finale (una fotocamera Reflex Digitale Canon EOS-1D Mark IV ) o uno dei premi di categoria del concorso, un iMac 27”, nonché i premi per le foto più votate online e ogni mese un MacBook Air. Navigando sul sito si possono votare le fotografie e vincere un buono acquisto di 50 euro da spendere su LibreriaRizzoli.it. categoria concorso fotografico scadenza 20.01.12 info www.corriere.it/concorso/about_page.shtml

artenuvò. CORSI DI FOTOGRAFIA E GRAFICA. Sono previsti: corso base di fotografia analogico/digitale; corso di disegno e pittura; corso di ritratto e fotografia di moda; corso di Photoshop. categoria corso; città Catania a partire da 10.10.11 info www.galleriartenuvo.it

........................................................................................................................................................................

04 tribeart


news

........................................................................................................................................................................

NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK

___________LE PRATICHE VIRTUOSE___________ il 31 ottobre è la giornata del TREKKING URBANO per scoprire l’ANIMA DELLE città

mostre e workshop Al Med Photo Fest 2011. A CATANIA fino al 16 ottobre

Questa III Edizione è dedicata alla fotografia d’autore e quest’anno ha come tema Donna e Fotografia. Vanta un ricco cartellone di mostre, personali e collettive, dibattiti e seminari culturali e tecnici. Verrà assegnato a Franco Fontana (in alto, Swimming pool, 1984), il Premio Mediterraneum per la Fotografia e gli sarà dedicata una mostra antologica.

Il Trekking Urbano, nato nel 2002 a Siena, è un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti famosi, più “vagabonding”, libero e ricco di sorprese. Privilegia i panorami, i monumenti meno conosciuti, i luoghi dove avviene la vita quotidiana dei cittadini. è un turismo sostenibile che decongestiona i centri monumentali e rallenta i passaggi turistici. Il turista che cammina ha un rapporto attivo e partecipe con la città visitata e instaura con essa un rapporto emotivo che lo fidelizza. Per i residenti il Trekking Urbano è uno stile di vita salutare e un modo per riappropriarsi del luogo in cui si abita conoscendolo meglio e usandolo

per tonificare cuore, cervello e muscoli. Il Trekking Urbano può diventare uno sport intenso inserendo nel percorso scale e asperità del suolo, o uno sport dolce per anziani e bambini, e si può praticare tutto l’anno, anche in pieno inverno e a qualunque ora, anche di notte. Camminare a lungo, in modo sportivo e frequente è un antidoto contro la depressione, l’obesità e il diabete, i disturbi cardiocircolatori e legati all’invecchiamento, soprattutto all’osteoporosi. Delle 31 città aderenti, 2 sono siciliane, Palermo e Catania.

TORNA AGRIGENTOARTE. la FIERA siciliana è GIUNTA ALLA VII EDIZIONE

ARTE CINEMA. IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI FILM SULL’ARTE CONTEMPORANEA è A NAPOLI

AgrigentoArte si svolgerà al Palacongressi dal 7 al 9 ottobre. L’organizzazione è del Centro Studi Erato, mentre il consulente artistico sarà ancora una volta il prof. Francesco Gallo. Tra gli eventi collaterali le mostre personali di Mimmo Rotella (sezione Immagini), Rosario Arizza (Indice degli artisti siciliani) e Maurizio Galimberti (Photo); inoltre nel mese di settembre si sono svolte: Trovarsi - Sei personaggi nei luoghi di Pirandello, con opere le mostre personali di Elena Boschi, Antonio Gandossi, Gerlando Miccichè, Gene Pompa, Domenico Scialla e Alfio Sorbello; Nei luoghi di Regalpetra. Omaggio a Leonardo Sciascia con opere di Daria Musso, Vera Gabriella Occhetti, Angela Sarzana, Gennaro Solferino, Lia Spallino, Tiziana Trezzi, Olga Brucculeri, Mario Passarello; Raccontare per immagini. Artisti a Villa Barile di Caltanissetta con Francesco Blaganò, Giuseppe De Stefano, Desislava Gambino e Emanuele Neba.

Dal 13 al 16 ottobre 2011 il Teatro Augusteo ospiterà la XVI Edizione del Festival. Curato da Laura Trisorio è diviso in tre sezioni: Arte e Dintorni, Architettura, Fotografia e presenta al grande pubblico le diverse realtà dell’arte contemporanea attraverso una selezione di documentari sui maggiori artisti, architetti e fotografi degli ultimi cinquant’anni con interviste, biografie filmate e narrazioni montate con materiali d’archivio. Saranno presentati, nei giorni della manifestazione, oltre venti documentari – la maggior parte in prima nazionale – ricercati direttamente presso i registi e i produttori in tutto il mondo. Le proiezioni, in lingua originale con traduzione simultanea in cuffia, saranno intervallate da incontri-dibattito con i registi, gli artisti e i produttori. Nella sezione Arte e dintorni si potranno vedere, tra gli altri, filmati dedicati a Marina Abramovic, Bansky, Jean Michel Basquiat, Olafur Eliasson, Antony Gormley, Rebecca Horn, Anish Kapoor, Vik Muniz, Niki de Saint Phalle & Jean Tinguely, Luigi Ontani, Nam June Paik, Pipilotti Rist, Sol LeWitt, William Kentridge oltre ai collezionisti Herb e Dorothy Vogel. Nella sezione Architettura saranno presentati film su Ieoh Ming Pei e su Zaha Hadid. La sezione Fotografia sarà dedicata a Charlotte Dumas, Oliviero Toscani e Massimo Vitali.

> www.agrigentoarte.it

Antonello da messina va in russia e i maestri russi arrivano a palermo

> www.mediterraneum4.it

> www.trekkingurbano.info

> www.artecinema.com

UN PREMIO NAZIONALE E unA FESTA DEL CONTEMPORANEO PER la FARM > www.deviantart.com | è la più grande community online per artisti e aspiranti tali. Tutti gli utenti iscritti possono pubblicare i propri contenuti artistici, inclusi prosa e poesia, ma sono molto diffusi soprattutto gli elaborati di arte digitale e anche animazioni e giochi realizzati in flash.

> www.farm-culturalpark.com

Dallo scorso 16 settembre la Galleria statale Tretryacov di Mosca ospita le tre Tavole dei Dottori della Chiesa, San Gerolamo, San Gregorio Magno, Sant’Agostino (dal Museo Palazzo Abatellis di Palermo) e il dipinto con sul recto Madonna col Bambino e un francescano in adorazione (in alto) e, sul verso, l’Ecce Homo (dalla Galleria regionale di Messina). Successivamente sarà L’adorazione dei pastori di Caravaggio, dello stesso museo peloritano, ad andare in prestito in Russia per un breve scambio con L’adorazione dei pastori di El Greco. Ma questi accordi, che rientrano nel programma diplomatico di scambio culturale italo-russo 2011 Anno di Italia-Russia, porteranno in Sicilia la mostra Avanguardie Russe che si terrà dal 2 dicembre all’Albergo delle povere di Palermo, con opere di di Kazimir Malevitch, Vasilij Kandinsky, Pavel Filonoff, Mikhail Larionov, Alexander Rodchenko, Petr Konchalovsky, realizzate tra il 1905 e il 1925, custodite al Museum and Exhibition Center Rosizo di Mosca.

Scoperto sull’Isola di Mozia un edificio di culto FENICIO Il prof. Lorenzo Nigro, archeologo dell’università La Sapienza di Roma ha presentato al Louvre, a Parigi, le campagne di scavo «Mozia e il tempio del Khoton, alle origini della Sicilia fenicia». Le nuove scoperte ruotrano intorno al Tempio del Kothon, con il Temenos circolare di 118 metri di diametro, al Tofet, alle mura, al Sacello di Astarte, alla Casa del sacello domestico e la nuova scoperta, la Piscina sacra con acqua dolce; ritrovate anche numerose mandibole umane da cui sarà estratto il DNA.

Benedetto Poma

www.pomarte.com

L’Associazione Farm Cultural Park di Favara (AG), ha vinto la VI Edizione del Premio Cultura di Gestione di Federculture per la categoria Politiche di gestione, valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali, con la seguente motivazione: «sta sviluppando un processo integrato di riqualificazione del centro storico del Comune di Favara, nell’agrigentino. La destagionalizzazione del turismo, l’eccellenza nelle diverse forme di espressione artistica e la mission sociale sono le tre anime del progetto, il cui valore innovativo, in una terra come la Sicilia, risiede anche nell’educazione al bello ed al rispetto della res publica. La ristrutturazione eco-compatibile degli edifici, salvati dall’abbandono, ha prodotto la rigenerazione della città, suscitando una grande attrazione nei giovani artisti siciliani e stranieri, e ha reso un piccolo centro di grande pregio architettonico un museo diffuso di arte e cultura del contemporaneo». Farm festeggia la giornata del contemporaneo, sabato 8 Ottobre 2011, con una serata di arte, design, architettura e musica: Antonio Presti alle ore 19 visionerà i portfolio degli artisti e si racconterà; mostra Venice city vision tratta dall’omonimo context internazionale di architettura contemporanea; nuove project room con lavori e installazioni, tra gli altri, di Giuseppe Lana e del collettivo Dott. Porka’s; presentazione di Emanuele Magini, in collaborazione con Garagedesign, delle sedute Lazy football; interventi urbani in giro per i vicoli del centro di Favara del collettivo Club 27; rassegna di video arte Fame/Fama; mostra di coloratissimi Freak Friends di Sandra Virlinzi; installazione Call for prayer di Younes Baba Ali, in collaborazione con Rosanna Musumeci di Artecontemporanea Bruxelles; presentazione di Kitesurfing; project room dedicata a TRIBEART - La Guida mensile alle arti visive siciliane.

........................................................................................................................................................................

tribeart 05


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

IL BOSCO D’AMORE Nella rilettura in chiave contemporanea di due archetipi, l’Amore e il Bosco, ventisette artisti si confrontano con un tema classico della storia dell’arte, rendendo omaggio a uno dei pittori più rappresentativi del rinnovamento culturale e artistico italiano del Novecento: Renato Guttuso... text Gabriella Martines

in alto da sinistra Alessandra Giovannoni, Figure nel prato - 1997 tecnica mista su carta, cm 64x97 courtesy Galleria Il Segno, Roma Alessandro Bazan, La fine del vento - 2009 olio su tela, cm 81x58,5 courtesy Galleria Bonelli, Mantova

Il 2011 è l’anno in cui si celebra l’anniversario dei cento anni dalla nascita dell’artista siciliano Renato Guttuso (Bagheria, PA, 26 dicembre 1911 Roma, 18 gennaio 1987), attraverso importanti esposizioni in tutta Italia. A Palazzo Valle, sede della catanese Fondazione Puglisi Cosentino, fino al 5 novembre 2011 si potranno condividere in mostra le variazioni sul tema di ventisette giovani artisti, su un’opera guttusiana poco nota degli anni Ottanta, Il Bosco d’Amore. Tale scelta, oltre a mettere in relazione ideale il Maestro di Bagheria con i grandi nomi dell’arte e della letteratura mondiale che si sono misurati nei secoli con l’interpretazione dell’interazione Uomo/Natura, intende puntare il dito su di un rinnovato bisogno di rileggere l’ambiente naturale che ci circonda in chiave sia nostalgica, sia sensuale e fortemente lirica, nella ricerca di un’interpretazione diversa della Natura tra le continue mutazioni del Paesaggio. Durante l’ultimo periodo della sua ricerca pittorica, Guttuso è stato definito come il pittore del “Realismo d’Immaginazione”, ed è proprio in questa fase che egli ripropone alla cultura del novecento il tema iconografico-letterario del Bosco d’Amore, attraverso il “ciclo delle allegorie”. Questo tema infatti è una rielaborazione. Se ne sono occupati nella letteratura colossi come Dante, Ariosto, Tasso, ma anche Shakespeare e Flaubert, così come in pittura hanno fatto Botticelli, Giorgione, Tiziano, Rubens ed anche Courbet e Manet. Tutto appare come un coloratissimo tableaux vivant, tra coppie di personaggi isolati avvolti da un’ellisse aperta di alberi, in cui si narra della morte dell’Eros in

un privato paradiso privato, protetto ma ormai perduto. Erotismo guardato e tragico in cui, colui che fu il pittore di vita, si estrae dalla vita stessa con profonda melanconia. Ed è la malinconia la sua ultima cupa compagna, che vela ogni gesto d’una sfumatura misteriosa. Questa linfa occulta, è testimoniata soprattutto nella rivisitazione degli artisti del cinquecento tedesco e nelle visionarie allegorie che impregnano i corpi nudi. Guttuso stesso ha ammesso «come sia difficile arrivare a far esistere una figura», disagio derivato dalla insoddisfazione che non gli permetteva di dominare le proprie emozioni. Attinenza al mito quindi e alle rievocazioni classiche che riemergono su un grande formato. Come ha affermato Mercedes Auteri, responsabile della Sezione Didattica della Fondazione, «il senso dell’esperienza educativa attraverso l’arte è, ancora una volta, la ricerca di un’unità possibile: tra la Sicilia del mito e la Sicilia contemporanea, che oggi convivono sotto gli occhi di tutti». All’interno del palazzo Valle, attività ed eventi correlati alla mostra, permetteranno alle scuole di ogni ordine e grado di ampliare il tema Uomo/Natura, secondo una visione interdisciplinare. Inoltre pittori, scultori, fotografi e videomakers fino alla chiusura dell’esposizione, racconteranno le loro opere e condurranno dei laboratori per il pubblico. Un grande impegno sostenuto dalla Regione Siciliana e dalla rivista Nextl’Ink di Acireale, che hanno reso possibile dare valore e riconoscimento al lavoro dell’artista, perché «un’opera d’arte è sempre la somma dei piaceri e dei dolori dell’uomo che l’ha creata».

GIOVANNI COMPAGNINO - antologica 180 le opere selezionate, dipinti e collages realizzati con l’inserimento di oggetti di uso comune (ferro, cartoni ondulati, jeans, juta) commisti a immagini di riviste e disegni, fra quelle realizzate in quasi 60 anni di una vorace creatività che neanche il grave ictus del 2004 è riuscita a intaccare... Questa storia artistica, lunga 60 anni, è la storia di un’urgenza creativa, quella che ha spinto Giovanni Compagnino (Catania, 1937) a produrre “bellezza”, con un occhio attento alle varie fasi della storia creativa internazionale, ma mantenendo sempre una propria testarda indipendenza che lo ha preservato dalle “mode”. Contro ogni regola di mercato ha tenuto poco in considerazione l’aspetto commerciale e la facile ripetizione di schemi più appetibili, considerando sempre prioritaria la propria ricerca estetica e quell’insaziabile bisogno di sperimentare e di sperimentarsi. Questa mostra antologica, ospitata alla Galleria d’Arte Moderna de Le Ciminiere di Catania dall’1 al 30 ottobre e curata da Nicolò D’Alessandro, è stata immaginata dagli organizzatori Giuseppe e Antonio Vitale, dell’Associazione Culturale Spaziovitale in, come un grande racconto. Dal piano terra, dove troviamo le atmosfere astratto-informali delle opere di grande formato, caratterizzate da colori molto accesi, realizzate prevalentemente fra il 2000 e il 2004, procede a ritroso nei piani successivi. Il primo piano si contraddistingue per le opere

del “periodo nero”, realizzate soprattutto fra il 1995 e il 2003, in cui i pigmenti si accavallano e si annullano, bloccando ogni riflessione della luce. Al secondo sono presenti alcune opere dagli anni Settanta agli anni Novanta, ma sono i disegni a colpire maggiormente, anche grazie alla loro perizia e pulizia formale. Il critico Francesco Carbone scrisse di lui che ha avuto il merito «di avere fatto vivere o convivere l’arte informale con molti elementi ad essa mai appartenuti come l’uso del ferro, del legno, delle terre, delle stoffe, del catrame, ecc». Ma Compagnino ha molto amato la pittura figurativa e il disegno, come ci mostra in Eroticando 27 chine acquerellate su cartoncino di cm 45 x 70, realizzate fra il 1985 e il 1990. L’ictus che lo ha colpito nel 2004 lo ha costretto a muoversi sulla sedia a rotelle e gli ha bloccato la mano destra, quella con cui era solito dipingere. La malattia è diventata per lui l’occasione di una nuova sfida: ha cominciato a dipingere con la mano sinistra e da seduto, perché sa che fino all’ultimo respiro, per ogni artista, l’opera migliore è quella che ancora deve dipingere. Giacomo Alessandro Fangano

........................................................................................................................................................................

06 tribeart


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

Hugo Pratt I luoghi dell’avventura Scrive Umberto Eco: «Quasi sempre i disegnatori si sono ritratti nei loro personaggi». Sicuramente Hugo Pratt è uno di questi. Il grande viaggiatore, così come il suo Corto Maltese, è in mostra a Scicli con i suoi acquerelli e chine accompagnati dai reportage letterari e fotografici di Marco Steiner e Marco D’Anna... text Giovanni Scucces

in alto Hugo Pratt, L’ultimo colpo - 1972 china cm 23x36

in basso Annalisa Furnari Il tempo di Eva - 2011 still da video

Un binomio indissolubile, Corto Maltese e

Il suo è un tratto sicuro, squadrato, essenziale.

Ventidue istantanee in bianco e nero, alcune nitide

Hugo Pratt: il primo alter ego del secondo, le-

Una peculiarità, quest’ultima, visibile ancor più

e intense come fossero vignette, altre evanescen-

gati dalla fervida passione per il viaggio inte-

nei suoi acquerelli. Fra tutti, Una Ballata del mare

ti come gli acquerelli prattiani. Le sue immagini

so come percorso e arricchimento interiore e

salato, estrema sintesi del sogno e del peregri-

ci permettono di cogliere e di rivisitare, in chiave

non come mero raggiungimento di una meta.

nare umano, con una gamma di colori ridotta al

attuale, le atmosfere reali di quei posti, le indoli di

E un piccolissimo viaggio potrebbe definirsi la

minimo (verde e azzurro su foglio bianco), for-

quella gente che hanno influenzato profondamen-

visita alla mostra Hugo Pratt. I luoghi dell’avven-

temente diluiti, a richiamare le tonalità del cielo

te Pratt come persona e come autore.

tura, in corso a Scicli fino al prossimo 16 ottobre,

e del mare.

Egli fu l’inventore di un personaggio enigmatico

dopo le precedenti tappe a Parigi e Lugano.

Lasciato il Palazzo Scimone il “viaggio” prose-

spinto dallo spirito di avventura e di scoperta,

L’esposizione, articolata in tre sezioni, è dislo-

gue, per qualche centinaio di metri, fino al Cir-

capace di rapire il lettore nei fini meccanismi

cata in altrettanti spazi differenti. Si parte dalla

colo Culturale “Vitaliano Brancati” dove si trova

interpretativi. In occasione della mostra è stato

sede principale di Palazzo Scimone dove sono

l’appendice letteraria della mostra. I testi, scritti

presentato il racconto inedito, Il corvo di Pietra,

ospitate le tavole di Hugo Pratt, oltre 40 opere

da Marco Steiner, approfondiscono argomenti e

ambientato principalmente proprio tra le province

eseguite prevalentemente a china e ad acquerello

contesti storici, forniscono una preziosa sintesi

di Ragusa e Siracusa, firmato da Marco Steiner e

che ripercorrono, in parte, gli itinerari e le vicende

poetica all’opera di Pratt. Sono il risultato di quat-

avente per protagonista, naturalmente, un giova-

dell’eroe prattiano. La sua arte è frutto della com-

tordici reportage realizzati per introdurre i lettori

nissimo Corto Maltese.

mistione di linguaggi differenti, principalmente il

alle storie e ai luoghi percorsi da Corto Maltese

fumetto, la letteratura e il cinema, dei quali si pos-

agli inizi del Novecento. Un lavoro frutto di diversi

sono ravvisare alcune peculiarità all’interno della

viaggi compiuti tra il 2004 e il 2010 in compagnia

sua opera principale, Corto Maltese. Troviamo

del fotografo Marco D’Anna nelle terre che hanno

zoom in avanti e indietro, carrellate, inquadrature

fatto da scenario alle avventure prattiane: la città

tipicamente cinematografiche.

di Venezia e l’Europa, l’Asia, l’Africa, il Pacifico,

Tra i padri fondatori del “Graphic Novel”, un gene-

l’America Latina e il Nord America. Viaggi intrap-

re a metà strada tra fumetto e romanzo, unisce ai

polati negli scatti di D’Anna e parzialmente raccol-

baloon e ai disegni, un testo dal valore letterario.

ti nella mostra ospitata dalla Galleria Koiné.

COLLATERALI EVIDENZE La storia che distorce, ricompone, riafferma. Una riflessione sulla verità, sulla trasmissione imperfetta di dati che vengono a loro volta, con la stessa imperfezione, ritrasmessi ai posteri. In mostra alla Galleria S.A.C.S., presso la Fondazione Brodbeck di Catania, le opere di Annalisa Furnari... text Giuseppe Mendolia Calella

Risulta estremamente intrigante e a tratti misteriosa l’at-

leggeri al tatto ma pesanti alla vista. Collaterale e ma-

mosfera di dubbia verità che si respira entrando negli

nifesto è un’installazione di fogli accartocciati di carta

spazi concessi alla galleria S.A.C.S. dalla Fondazione

carbone, che paiono voler insistere sulla trasmissione di

Brodbeck Arte Contemporanea di Catania in questi gior-

una qualunque verità che nella sua trascrizione si sfalda

ni. Veniamo subito accolti da un’eruzione vulcanica in

nell’imprecisione della polvere di carbone. Stesso mate-

atto, tra fumi fluttuanti e tonalità grigiastre: immediata-

riale utilizzato dalla Furnari per l’installazione a chiudere

mente il rimando è all’Etna, al suo magma bollente e

Il silenzio non è complice della memoria, in cui le altera-

infuocato. Ma stabilito nuovamente il contatto con la

te definizioni di silenzio, complicità e memoria possono

realtà e con la sua dimensione spazio-tempo, ogni no-

essere riordinate solo mediante l’uso di uno specchio.

stra riflessione finisce per formulare un’interrogazione.

L’imprecisione del decifrare si scontra con la rigorosa

Parliamo della mostra Collaterali evidenze di Annalisa

e dogmatica perfezione della matematica: infatti, sono

Furnari, che può essere visitata fino al 22 di Ottobre

collocati sulle tre definizioni i diagrammi di Eurelo Venn

presso il suggestivo spazio di via Gramignani.

che riequilibrano e rimescolano in un solo colpo d’oc-

L’artista compone con fare da ricercatrice d’archivio una

chio perfezione e imperfezione. L’installazione in que-

verità possibile da applicare alla storia: verità che tutta-

stione riassume quello che è il pensiero dell’artista a

via viene dalla realtà dei fatti immediatamente ribaltata e

proposito della memoria individuale, che risulta inutile

ristabilita secondo criteri a loro volta modificabili.

in quanto muore con l’uomo.

Nel video Il tempo di Eva assistiamo all’attività vulcanica

L’artista riesce con un’eloquente operazione a fare sca-

di un cratere, ripreso dalla super 8 della famosa amante

turire in chi osserva molteplici considerazioni su ciò che

di Adolf Hitler, Eva Braun. Su ciò che vediamo si insinua

è stato e su ciò che potrebbe essere. I tre interventi sono

subito l’incertezza dettata dalla fonte d’archivio della

tra loro ben collegati e connessi.

pellicola che riconosce in quelle immagini il Vesuvio

Oggi stiamo scrivendo la storia che verrà raccontata ai

immortalato dalla Braun durante uno dei suoi soggior-

posteri, ma stiamo scrivendo tutto? Stiamo scrivendo il

ni in Italia nel 1940, ma la storia non segnala nessuna

vero? È dunque attuale e assolutamente corrispondente

eruzione in quell’anno. Quel che vediamo, allora, con la

a quello che è accaduto e accadrà: daremo a chi verrà

stessa incertezza della visione viene fuori dalla proie-

dopo di noi delle informazioni dell’oggi con la consueta

zione e si catapulta sul pavimento sotto forma di lapilli,

clausola del beneficio del dubbio.

........................................................................................................................................................................

tribeart 07


urban

........................................................................................................................................................................

LUOGHI E PERSONAGGI DEL TERRITORIO

La Torre del Tempo di Emilio Tadini giace smontata e danneggiata tra i rovi dei Cantieri

© Franco Lannino/Studio Camera

I CANTIERI CHE PRETENDIAMO Una situazione stagnante, ferma da troppo tempo. Un movimento cittadino reclama luoghi, spazi e cultura. Lo fa con una lettera (anzi due) all’amministrazione comunale, denuncia il deserto delle politiche culturali degli ultimi anni e con un “libro bianco” censisce i luoghi fantasma negati alla cultura, 200.000 mq che aspettano di essere restituiti alla città...

C’era una volta la Torre del Tempo, opera realizzata dal maestro Emilio Tadini (1927/2002) per la città di Palermo, nel 1997. L’opera venne acquisita dal Comune, e l’Amministrazione in quella occasione ne sottolineò l’importanza e orgogliosamente annunciava la ripresa, dopo decenni di silenzi, di nuove operazioni in fatto di acquisizioni. La Torre venne prima collocata nell’affollatissima Piazza Politeama, in un’atmosfera idilliaca di luci e colori, e poi definitivamente installata ai Cantieri Culturali della Zisa; era infatti la prima di una serie di opere per il Museo d’Arte Contemporanea che stava sorgendo in quell’area. In metallo rossa e alta sei metri, una vedetta da cui osservare “metaforicamente” lo stato della cultura, nella poetica di Tadini una sentinella ai valori culturali, con un orologio al centro che ne scandisce il tempo.

text Tiziana Pantaleo

Misteriosamente negli anni la Torre gradualmente è crollata, è stata deturpata da incuria e superficiale indifferenza, e oggi giace tra erbacce e cemento, come fosse roba vecchia, come fosse mera “munnizza”. Abbandonata, vandalizzata, ammazzata, la Torre è l’emblema della dimensione culturale di Palermo, che vive in una condizione diventata ormai asfissiante, insopportabile e inspiegabilmente taciuta. Poi lo scorso dicembre quel silenzio si è rotto. È successo che, nello stesso momento, a qualcuno è sorto lo stesso dubbio: «cosa sta succedendo?». Prontamente e con solerzia, cittadini, artisti, associazioni, tutto un raggruppamento culturale, si è ritrovato per reclamare ad alta voce una risposta. Lo scorso febbraio il movimento “I cantieri che vogliamo” è già attivo, e ha la necessità di scrivere subito al Sindaco. Una lettera aperta «denuncia lo stato di abbandono in cui versano i Cantieri – uno spazio pubblico di grande pregio che ha rappresentato uno dei luoghi strategici del disegno culturale della città, ammirato in Italia e in Europa, che ambiva a diventare il cuore pulsante delle attività artistiche e culturali, ma che adesso fa i conti con degrado e incuria». I primi a firmare sono stati gli iniziatori del movimento: Titti De Simone, Sandro Tranchina, Francesco Giambrone, Giuseppe Marsala, e di seguito Emma Dante, Roberto Alajmo, Paolo Falcone, e poi altre 10, 100, 1000 persone che chiedono e che pretendono di sapere qual è il futuro di quei 55.000 mq. Forse ovvia la risposta del Sindaco: nessuna, assente, non pervenuta, in perfetto stile. Non vedendo più un interlocutore in quella amministrazione da considerare, a ben sperare, uscente, a luglio una nuova lettera viene destinata alla/ al nuova/o Sindaco. Dopo mesi di attesa adesso Palermo non ammette silenzi, e assume la vicenda dei Cantieri a emblema di una condizione generale di totale mancanza

foto © Salvo Prestifilippo

di politiche culturali per la città. La lettera viene accompagnata dalla presentazione del Libro bianco sugli spazi negati, un vero e proprio censimento del patrimonio comunale negato alla città e ai palermitani, che

whowhere

punta l’attenzione su 10 luoghi ad «alto potenziale culturale»; un totale di 200.000 mq pubblici chiusi e ingiustificatamente inutilizzati. Era il 1996 quando si annunciava l’apertura dei Cantieri Culturali, che avreb-

Cantieri Culturali della Zisa Palermo • Via Gili 4 www.cantierizisa.it

bero accolto le forze creative e culturali della città. Qualcosa stava succedendo, ed è successa davvero: ci sono passati Richard Long, Thierry Salmon, Ilya ed Emilia Kabakov, Peter Sellars, Ciprì e Maresco, Ascanio Celestini... Si stava formando una nuova identità culturale collettiva. Poi il vento è cambiato, e a distanza di 15 anni i danni sono veramente troppi. Da lì foto © Margherita Ceccarelli

Palermo ora deve ripartire, riprendersi cuore e anima, e ricominciare a scandire il tempo della cultura. Buon lavoro a tutti.

........................................................................................................................................................................

08 tribeart


fr3sh

........................................................................................................................................................................

U N A V E N T A T A D I P E R S O N A L I T à I N S E T T E ris p oste

(1) DA QUALI ESPERIENZE È NATA L’ESIGENZA DI LAVORARE CON L’ARTE CONTEMPORANEA? (2) QUALI SONO I TUOI RIFERIMENTI CULTURALI? (3) LA FIGURA DEL GALLERISTA È CAMBIATA MOLTO IN QUESTI ANNI. UN BUON GALLERISTA COSA DOVREBBE E NON DOVREBBE FARE? (4) IL MERCATO QUANTO È DISPOSTO A SEGUIRE LE TENDENZE ARTISTICHE E IN QUALE MISURA, INVECE, È L’ARTE AD ASSECONDARE IL MERCATO? (5) TAGLI, CROLLI, BUNGA BUNGA. UN’ITALIA COSÌ “BRUTTA” NON SI VEDEVA DA TEMPO. QUESTA INSTABILITÀ COME SI RIFLETTE SUL MERCATO E QUINDI SUL TUO LAVORO? (6) LA TUA È UNA DELLE TRE GALLERIE SICILIANE PRESENTI QUEST’ANNO AD ARTISSIMA. SIAMO ANCORA IL SUD DELL’ARTE CONTEMPORANEA? (7) Progetti attuali e prossimi programmi. a CURA DI VANESSA VISCOGLIOSI

www.flickr.com/photos/binami/

foto Raimundas Malasauskas (particolare)

CORRADO GUGLIOTTA

GIANLUCA COLLICA

FRANCESCO PANTALEONE

(1) Quando ho cominciato, non avevo nessuna esperienza e soprattutto non avevo neanche frequentato tanto quest’ambiente. A pensarci oggi è stato un gesto scellerato ma decisivo per me. Oggi non riuscirei proprio a immaginare la mia vita diversamente. In fondo penso che ognuno dovrebbe trovare la sua ossessione... io ci sono riuscito!

(1) A 18 anni sognavo di diventare un grande surfista, a 27 giravo il mondo dietro improbabili amori. Poi mio padre mi chiese di aprire una galleria per dare un senso e continuità alla sua passione. Non lo ringrazierò mai abbastanza.

(1) Dopo la mia esperienza di lavoro presso la Gagosian Gallery a NY ho sentito il bisogno di portare a Palermo l’arte contemporanea che amavo.

(2) La mia è una generazione che si è formata in un periodo davvero povero di stimoli e riferimenti culturali. Personalmente ho sempre guardato nel cinema, nella musica e nella letteratura agli anni Sessanta e Settanta. Forse proprio per questo sono finito a occuparmi di arte contemporanea... dopo tanti anni avevo finalmente voglia di guardare avanti e non indietro. L’esperienza della militanza politica e una certa cultura che ho appreso nella mia famiglia hanno poi contribuito a formare una dimensione etica che penso sia giusto mettere in campo nel proprio lavoro.

(2) Domanda da 1000 punti. Non svelerò mai i miei segreti, darei un vantaggio enorme ai mie concorrenti. A parte gli scherzi io ho sempre cercato di emulare mio padre nella sua capacità di intuire l’arte. Io esco dall’Università di Agraria e in arte sono un autodidatta consapevole dei propri limiti con una discreta capacità di circondarsi di persone competenti e generose, io ascolto e incamero informazioni, il mio intuito le seleziona. Ho avuto la fortuna di frequentare tanti grandi artisti e ottimi curatori.

LaVeronica arte contemporanea • Modica (RG) www.gallerialaveronica.it

(3) Un gallerista dovrebbe essere sopratutto onesto; con gli artisti che sono spesso persone molto generose, cosciente che solo un rapporto speciale con loro permetta poi di realizzare grandi cose. Il gallerista sia onesto con il proprio pubblico, cioè con chi lo sostiene. La gente spesso si avvicina all’arte in modo molto “leggero” ed è facile millantare. Io non lo faccio mai. Un gallerista deve parlare chiaro con tutti. (4) è impossibile pensare oggi all’arte fuori dai meccanismi di mercato e dalla possibilità d’influenze reciproche. Dicendo questo non esprimo un giudizio, ma sottolineo un dato di fatto... penso che questa premessa sia fondamentale per parlare di arte in modo professionale. Detto questo sono profondamente convinto che la grande arte, frutto di autentiche istanze personali, riesca a non farsi fagocitare, può dettar legge ed è il mercato a doversi adeguare a essa. (5) Il sistema dell’arte riflette perfettamente la vita quotidiana e il mondo che viviamo, anche al suo interno ci sono crolli e bunga bunga, ma come nella vita c’è tanta gente appassionata, rigorosa, che ogni giorno s’innamora sempre di più del suo lavoro. Quello dell’arte è un ambiente dove c’è di tutto. Per questo vedo positivamente l’attuale momento di crisi, penso che servirà per fare pulizia, per allontanare un po’ di gente improvvisata o che basa il suo lavoro solo sulla moda e la strategia. (6) Sì, purtroppo penso di sì. Lo scrivo perché vorrei continuare a essere sincero, anche se so che in un’intervista a una rivista siciliana si fa colpo scrivendo che “stiamo andando alla grande”. Non penso che basti che qualche galleria partecipi a una fiera, seppur prestigiosa, per dire che il ruolo della Sicilia nel mondo dell’arte non è più marginale; in fondo noi siamo solo dei galleristi, il sistema dell’arte dovrebbe essere composto da una serie di attori ognuno con un proprio specifico compito. Bisognerebbe interrogarsi sul ruolo di artisti, collezionisti, curatori e istituzioni pubbliche e private. C’è davvero ancora tanto lavoro da fare. (7) Sono molto contento del lavoro fin qui svolto e del successo che stanno avendo gli artisti con cui collaboro. A dicembre presenteremo la mostra personale di Giovanni De Lazzari dal titolo Lontano da qui e a Febbraio la prima personale in Italia di Amir Yatziv. Nel frattempo Artissima a Torino e Arte Fiera a Bologna. In questi giorni sto valutando la possibilità di qualche nuova tappa di Nomadologie(s), la serie di mostre nomadiche che la galleria ha realizzato in questi anni in giro per l’Italia. L’anno prossimo spero di cominciare a fare delle fiere anche all’estero. Dopo il successo di The Encounter, la performance che Adrian Paci ha realizzato a Scicli e che ha coinvolto più di 800 persone, sto già lavorando a un grande evento per l’estate prossima, sempre fuori dalle mura della galleria e sempre con artisti internazionali.

Galleria colligaligreggi • Catania www.collicaligreggi.it

(3) Sono la persona meno indicata per rispondere visto che mi considero un pessimo gallerista. Sono stato sempre distratto dalle necessità di un territorio povero di contemporaneo, ho quindi privilegiato, per indole e necessità, un ruolo strategico piuttosto che di mercato. Riconosciuto il limite ho chiesto a Massimo Ligreggi di entrare in società. Sdoppiando la figura è possibile completarsi e dar conto alle ragioni della ricerca e al contempo dedicarsi alle cure del mercato. (4) Il mercato subentra di regola quando il processo creativo si è compiuto, il buon gallerista è quello che scopre un artista né troppo tardi, né troppo presto. Io infatti non sono stato mai un buon mercante... arrivavo sempre troppo presto. (5) La gente è stufa di questa situazione e comincia a riconquistare una propria autonomia di giudizio, cosciente del proprio ruolo nella società ed esprime un’opinione sana e realistica. Questa nuova condizione si riflette positivamente anche nel nostro settore visto che oggi esiste un collezionismo attento alla ricerca, autorevole e autonomo, che sostiene soprattutto realtà come la nostra. Ossia luoghi dove l’artista viene messo nelle condizioni di verificare e perpetuare la propria ricerca. (6) Ho sempre creduto nelle capacità del sud di proporre una ricerca autonoma, qualificata e “diversa”. Oggi questo sta accadendo in Sicilia, quindi reputo assolutanente normale questa attenzione per la nostra terra. (7) Ho sempre temuto questa domanda. Onestamente a parte la mostra del prossimo 22 ottobre di Alessandro Gagliardo, preferisco non dire nulla di specifico... Ti rispondo quindi parlandoti dei buoni propositi che contraddistinguono questo nuovo ciclo. Con Massimo saremo molto più attenti alla ricerca di quegli artisti coscienti del loro ruolo non solo nel mondo dell’arte, ma anche e soprattutto nella vita quotidiana.

Francesco Pantaleone arte contemporanea • Palermo www.fpac.it

(2) Mia madre tedesca mi ha indirizzato sin da piccolo all’arte, mio padre colleziona pittura dell’Ottocento siciliano, mio nonno era uno studioso della lingua siciliana e della Sicilia (mi ha lasciato in eredità la sua ricca biblioteca), mio zio Michele Pantaleone scriveva per Enaudi, i miei anni di studio ad Urbino mi hanno messo in contatto con una realtà più ampia e ricca di quello che offriva a quei tempi Palermo ed infine la possibilità che ho avuto sin da molto giovane di viaggiare mi ha aperto orizzonti inaspettati. (3) Un gallerista “deve” (non “dovrebbe”), essere onesto e corretto con collezionisti ed artisti, dovrebbe comprendere il territorio dove opera, ma guardare anche a quel che succede nel mondo, dovrebbe cercare di fare “sistema” con gli artisti e con le altre gallerie. Non “deve” (no “non dovrebbe”), mai tradire la fiducia dei collezionisti! (4) L’amore dei collezionisti per l’arte non ha limiti: ho visto comprare opere come tracce audio (Moro) o carte da parati (Simeti), ma anche appuntamenti in luoghi precisi a distanza di anni (Monk). Gli artisti che assecondano il mercato personalmente non mi interessano. (5) Lo vedremo i primi di novembre ad Artissima, prossimo appuntamento importante per il mercato in Italia. (6) Forse lo siamo sempre meno, noi partecipiamo ad Artissima dal 2005 ed abbiamo riscontrato sempre un grande interesse per il nostro lavoro e per quello che succedeva in Sicilia. Il resto d’Italia ama la nostra terra e sono felicissimo che quest’anno saremo ben in tre a rappresentarla a Torino. (7) Da questa estate siamo impegnati in un progetto che durerà più di un anno con Julieta Aranda, mentre l’11 novembre inaugureremo la seconda personale in galleria di Benny Chirco, artista che rappresentiamo da anni e che sta riscuotendo moltissimo interesse. Nel 2012 avremo le grandi mostre personali di Adalberto Abbate e di Francesco Simeti alla GAM di Palermo. Ma c’è anche una interessante novità su Milano della quale ancora non posso dire molto e l’imminente apertura del nuovo spazio ai “Quattro Canti”.

la fotogallery di fr3sh la trovi su www.tribeart.it

........................................................................................................................................................................

tribeart 09


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , o p inioni e riflessioni sul contem p oraneo

VOX POPULI / ADALBERTO ABBATE / #04. ROMA SAYS

MI FACCIO UNA DOMANDA MI DO UNA RISPOSTA #17. A COME AVANT-GARDE, PRIMA DELLA GUARDIA

A come avant-garde, prima della guardia La domanda: cosa è avanguardia? La risposta: il contrario di retroguardia. Con tutti gli effetti collaterali a cascata. Avanguardia è la prima linea che precede l’esercito per aprirgli il varco e per questo è pericolosamente avanzata ed esposta. Ad vocem1 si legge: «Gli elementi fondamentali delle avanguardie2 secondo vari studiosi sono stati: attivismo esasperato, entusiastico senso dell’avventura, gusto di opposizione e antagonismo, tendenza alla negazione e al nichilismo, agonismo». A partire dalla fine del XIX secolo nel mondo dell’arte si riteneva moderno rompere con la tradizione e criticare chi imitava i classici. Avanguardia è Ribellione quindi; Denuncia quindi; Disobbedienza quindi; Libertà di urlare quindi; Anticonformismo, quindi. Retroguardia è protezione e sicurezza? Ad vocem3 si legge: «s. f. nell’uso militare è il complesso delle forze destinate a rendere sicura da tergo un’unità in marcia o anche a proteggerne il ripiegamento ritardando l’avanzata del nemico». Altro che sicurezza. Se tutti urlano l’urlo è ancora libertà? A come Atene Qui ad Atene noi facciamo così. Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così. Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento. Qui ad Atene noi facciamo così. La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando at-

tende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. Qui ad Atene noi facciamo così. Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. Qui ad Atene noi facciamo così. Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. Qui ad Atene noi facciamo così.4 A come anarchia Nello sforzo di evitare la vendibilità, l’antagonismo dell’avanguardia si sviluppa con un atteggiamento sostanzialmente anarchico. È ancora vero, come al tempo di Pericle, che questa libertà non ci rende anarchici? Qualcosa non va nel fruitore? Si chiedeva nel 1969 Arnheim e continuava: «l’arte è diventata incomprensibile. Nulla forse quanto questo fatto distingue l’arte di oggi da ciò che essa è stata in qualsiasi altro luogo e tempo … oggi gli oggetti dell’arte rientrano, apparentemente tra le realizzazioni più sconcertanti che mai siano state condotte a termine.» Indagare il versante della fruizione dell’arte non è questione da poco né si può risolvere addebitando semplicemente la colpa al disimpegno mentale dello spettatore. La problematica è complessa e di non facile soluzione. È legittimo chiedersi se i codici artistici vogliano avere ancora una validità e una volontà comunicativa?

A come asintoto Una comprensione immediata e tantomeno una intesa oggettiva è esclusa: il fraintendimento sembra una condizione più normale e più diffusa dell’intendere. Dal greco a-sym-ptōtos, dove a- ha un valore privativo, mentre sym-ptōtos è composto da sym-, “con”, e ptōtos, un aggettivo che connota ciò che “cade”. Dunque symptōtos descrive ciò che “cade assieme”, ovvero ciò che “interseca”, e a-sym-ptōtos etimologicamente descrive ciò che “non interseca”. Ad vocem5: «s.m. in geometria retta alla quale una curva si avvicina indefinitamente senza mai raggiungerla». Avvicinarsi indefinitamente, quindi. Se A sta per “arte” e C per «pubblico che cerca di comprendere» viene da pensare all’avvicinamento asintotico della curva che, in una sorta di corteggiamento infinito ad una retta, la sfiora senza mai raggiungere il contatto, senza mai coincidere con essa. È legittimo tutto ciò? Vedi ad vocem del presente abecedarte: 1.A come Arte: basta guardare per comprendere? A come abecedarte Un po’ per celia un po’ per non morir… GIUSEPPINA RADICE

(1) AA.VV. , Le Muse De Agostini, Novara, 1964, Vol.II, pag.470-471. (2) in questo caso si fa esplicito riferimento alla avanguardie storiche del primo novecento ma in tale prospettiva la nozione di avanguardia si usa ancora metaforicamente per caratterizzare i movimenti letterari ed artistici che si dichiarano più “avanti” rispetto ai contemporanei e, per estensione, per definire le neo avanguardie degli anni Cinquanta-Sessanta, e le terze avanguardie della fine del secolo scorso. (3) G. Devoto - G.C.Oli, Nuovo Vocabolario illustrato della lingua italiana. (4) Tucidide, II 41, Orazione funebre di Pericle (Περικλῆς, Periklēs, “circondato dalla gloria”. 495 a.c - 429 a.C) sta in Claude Mossé, Pericle. L’inventore della democrazia, Editori Laterza, Roma - Bari 2006. (5) G. Devoto – G.C.Oli Nuovo Vocabolario illustrato della lingua italiana.

........................................................................................................................................................................

10 tribeart


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , o p inioni e riflessioni sul contem p oraneo

Squonk_ARTE E MEDIA

INCANTI

#05. Neologismi

#04. CHE LA TERRA SIA LIEVE

Il tormentone Middleton, lo spot sessista della modella brasiliana, la Fer-

Drover, al 3’ 18” scema, scivola dentro un buco oscuro, il silenzio ci scopre soli, isolati ma è un attimo, il tempo d’un respiro che è mancato poi, quasi s’ode, e cresce, la voce profonda di Bill: I am in the and a drover/A drover by trade, and when my cattle turns on me I am a drover double fold, crolla, There grows a weed, e inizia Baby’s Breath. Bill grazie a Dio, in una domenica appena alle soglie dell’autunno, suona magnificamente e dolce come le poesie di Claudio Damiani appena lette stamattina, eppure è di Apocalypse che racconto. Questo rallentamento che batte come un cuore cui s’offre la vita, il sangue con sincope, assorbito da arpeggi di una chitarra e da echi, mormorii profondi, ci scopre gli occhi, come avessimo “l’occhio profondo” che ci scruta dentro, sorprendendoci. Rapiti già dalla splendida copertina di questa fatica – un quadro, una montagna incantata, il Mule Ears Peak al parco nazionale di Big Bend nel Texas dipinto da Paul Ryan – i suoni ci trascinano, ci alzano dalla polvere e ci trasportano galleggiando verso luoghi lontani da quelle «facce da maiale/che si rotolano nella loro merda» (Claudio Damiani): l’America! poi Universal Applicant, Riding for the Freeling, Free’s e One time morning lunga nove minuti che spiega lo spirito dell’album... Ma l’apocalisse di Bill non ha nulla di apocalittico, è una fascinazione malinconica per il senso della fine che permea l’uomo intento a riflettere su se stesso, sui suoi legami con il territorio, con la gente – il vecchio Cormac pare uno spettro –, lo sguardo di Bill si posa sulla realtà cercando di individuarne rivelazioni e significato nell’ineffabilità dei sentimenti, un respiro condiviso e umano che fa di queste canzoni racconti di vita. E nelle canzoni è accompagnato da pochi e grandi musicisti come Gordon Butler al violino, o Luke Franco al flauto che amplificano il senso di spontaneità delle riflessioni del narratore. Abbandonarsi alle cose che contano, alla fine pare dire, portandoci in un non-luogo di armonica serenità dove le angosce sembrano svanire, e «One fine morning/yeah, it’s all coming back to me now/my apocalypse/my apolalypse» canta, sulle preziose note del pianoforte di Jonathan Melburg. Un’opera d’arte di struggente bellezza. FRANCESCO LAURETTA

rari ‘da parrucchiere’ sono esempi attuali del miscuglio di intrattenimento e (pseudo)notizie a cui ormai ci si riferisce col neologismo infotainment (information+entertainment). Nei casi estremi si parla di newzak, indicando così lo stato degenerato d’una situazione già ibrida, quella dell’infotainment - non a caso il termine sviluppa un precedente neologismo, essendo formato dall’unione di news, notizie, e muzak, parola inventata negli anni Sessanta per indicare la musica ‘da supermarket’. Questi neologismi sono solo alcuni fra quelli richiesti dal modificarsi della nostra percezione del mondo. Quanto sperimentiamo quotidianamente è un multiverso strutturato soprattutto da materiali informativi e di intrattenimento derivanti in massima parte da cinema, televisione e internet; materiali spesso di seconda mano (vale a dire fondati su una logica citazionista o di ‘reimpiego’, come diceva de Certeau) e ancora più spesso ibridati fra loro. Di più, spettacoli e ‘intrattenimenti’ sembrano determinarsi come esperienze fondanti, e in questo senso si parla di enterperience (entertainment+experience), esperienze basilari sebbene legate a qualcosa di non essenziale (hobby, ad esempio), se non all’intrattenimento. Entertainment, intrattenimento dà origine a molti nuovi termini: ad esempio retailment (retail+entertainment), parola con cui si indicano le frequenti situazioni in cui la vendita d’un prodotto è circondata da un alone di gioco, d’avventura, e/o il negozio sembra un parco giochi.

EXTRA INCANTO#4 Bill Callahan - Drover > www.youtube.com/watch?v=1tEnAgKDF34

In questo emergere di nuovi termini, alcuni hanno la forza di vere parole d’ordine: si pensi a ‘interattività’ e ‘interconnessione’. La nozione di Web 2.0 le presuppone, legandosi anche al fenomeno dei cosiddetti ‘contenuti prodotti dagli utenti’ (come su YouTube e, in modo ancora più pervasivo sebbene

intervento, un completamento, un’interazione. Si dovrà parlare allora di ambiti di ‘intrattenimento fondante’, a cui ci si potrà riferire col neologismo enterverse (entertainment-universe).

sett emb re –

Ed. E TS

Molto frequente è l’uso di acronimi, ad esempio UGC, user generated content, che indica appunto i ‘contenuti prodotti dagli utenti’; oppure MMORPG (Massive Multiplayer Online Role Playing Game, giochi di ruolo per molti giocatori da eseguirsi on line (come WoW, cioè World of Warcraft). E forse lo scenario complessivo assomiglia sempre più a uno stralunato gioco di ruolo in cui moltissimi agiscono in cosplay (costume-play, vestirsi come i personaggi degli anime o dei videogiochi) imitando la modella brasiliana o la cognata famosa. GIUSEPPE FRAZZETTO

Assessorato alla Cultura

Studio Gennai Università di Pisa Biblioteca Universitaria di Pisa

pora

nee

23

Ce o - Bib ntro SM ttobre liote S-S 201 ca U 1 nive tudio Ge rsita n n ai ria d i Pis a

Comune di Pisa

e co

ntem

d’art

Wj

erch

Pisa , 17

e ric

qualcosa di esorbitante rispetto alla ‘fruizione’, in quanto presuppongono un

Libri

comprimari: molte esperienze (dirette o indirette) vanno configurandosi come

iche

una sorta di imperialismo di uno spettacolo in qualche modo vissuto anche da

stor

In un senso assai differente da quello indicato da Debord, sembra esserci

L Q OLEH U

enze

teur), spett-attori.

peri

intervento creativo: prosumer (producer-consumer), pro-am (professional-ama-

ra es

i neologismi per indicare l’incastro fra una situazione da spettatori e un

rsi t

trattenimento è uno dei più significativi. Non a caso si sono moltiplicati

Perc o

Il fenomeno degli ‘utenti’ trasformati in attori dell’informazione e dell’in-

ista

spesso inavvertito, su Facebook).

In collaborazione con

Edizioni ETS (Pisa) Galleria il Gabbiano (La Spezia) Galleria Peccolo (Livorno) KoobookArchive (Catania) Ctl-Scuola Normale Superiore (Pisa)

........................................................................................................................................................................

tribeart 11


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , o p inioni e riflessioni sul contem p oraneo

QUI FUORI. IBRIDAZIONI ESTETICHE

LA DURA LEGGE DEL GOL #16. SONO TAUTOLOGICO!

#28. La Contiguità di natura e arte. Gilles Deleuze Una volta c’era la buona educazione, il galateo; norme convenzionali che regolavano il comportamento da tenere in società, oggi magicamente c’è il politicaly correct che non è il galateo di prima, utile raffinato e un po’ ipocrita, è molto peggio, siamo tutti buonini e addomesticati. Una volta c’era il punk-rock come risposta al galateo-borghese, comportamenti volutamente maleducati, sgraditi al comune senso del pudore. Oggi il punk è un appendice del politicaly correct: esempio lo sono i GREEN DAY e U2 simboli prima di rock e trasgressione, ora di

beneficenza a buon mercato e di una cultura, a mio avviso

profondamente razzista e ipocrita che si accontenta di elargire assistenzialismo senza spesso, risolvere i problemi che l’occidente ha creato al terzo mondo: un elemosina pietosa per lavarsi la coscienza. Ecco allora lo stile ripulitino e perbenista profondamente conformista dei nostri giorni, giovani hipster sempre più isterici con occhialoni dalla montatura grossa e nera ray-ban, da finti nerd: era bello il mondo quando i nerd non erano fighi ma sfigati veri, quando tutto era più sporco e meno vago, così possiamo ritrovare versioni ripulitine e vuote di tutto, come gli hipsterismi di prima; il PD è la versione ripulitina del PC; Obama è la versione ripulitina di Bush e via dicendo. Ma la cosa che mi turba di più di questi anni, è che ragazzi che spesso reputo intelligenti, finiscono per conformarsi a questo mono pensiero a mio avviso profondamente reazionario e subdolo. Alt! Però, questa non è il solito articolo furbo e pronto a far sembrare sveglio il suo autore che potete trovare in qualche avveduto giornale della destra nazionale. Nessun pippone morale anche in questo, ma la massa chiede la sua rivoluzione ripulitina, ecco allora che c’è già pronto chi gliela darà, signorine che gridate il vostro dissenso su Faceboock unitevi nel vessillo del qualunquismo internazionalista, tanto anche per voi c’è una versione ripulitina del femminismo, il «se non ora quando», su andiamo tutti in Cy Twombly, Bay of Naples - 1961 olio, pastello e matita su tela, cm 240x300 Dia Center for the Arts, New York and the Menil Collection, Houston

piazza ora che il «funzionario Rai» (cit. Renato Zero) ci dice che esistono le buttane e la politica ne è piena. Il tutto intervallato da femminucce dai culetti innocenti che pubblicizzano yogurt e giornaliste dal piglio intellettuale ma dal fisico mozzafiato, in stile perdutamente La7 versione ripulitina della fininvest dei primordi, la tv principessa dello stile ripulitino che forma costantemente tipetti affascinanti e rivoltosi. Così essere omosessuale senza essere “checca” diventa impossibile e al Gay pride si finisce

Abbandonando la loro ordinaria disposizione polare, natura e arte possono co-implicarsi vicendevolmente in un singolare intreccio che differenzia gli enti naturali e artificiali ma non il loro senso. Considerate come unità bifronte, ossia come entità co-potenziali, natura e arte sono infatti produzioni di forme singole, distinte ma coesistenti. Gilles Deleuze defini-

con essere “ironicamente“ razzisti con gli eterosessuali. Eccola la mia fine, mi tocca essere profondamente anti-cool ma si sa che ciò che è profondamente anti-cool finisce poi col diventarlo. Pazienza rischierò la tautologia, morirò tautologico. Vincenzo Profeta

sce evento o produzione di Singolarità il processo generativo che appartiene al pensiero come alle arti. Questo non si differenzia però dal modello distributivo della natura che spartisce singolarità senza mescolarle o identificarle. A questo proposito, riferendosi alla natura, Deleuze scrive «Phisis non è una determinazione dell’Uno, dell’Essere o del Tutto. La Natura non è collettiva bensì distributiva: le leggi della natura […] distribuiscono parti che si totalizzano. La Natura non è attributiva bensì congiuntiva: si esprime nell’ “e” e non nell’ “è”. Questo e quello, alternanze e intrecci, somiglianze e differenze, attrazioni e distrazioni, sfumature e rudezze. La Natura è il mantello di arlecchino, fatto tutto di pieni e vuoti; pieni e vuoti, essere e non essere, ove ciascuna delle due cose si pone come illimitata limitando l’altra […] la Natura è precisamente la potenza, ma potenza in nome della quale le cose esistono una ad una, senza possibilità di radunarsi tutte nello stesso tempo […]» (G. Deleuze, Logica del senso, Feltrinelli, Milano 2005, p. 235). Il Naturalismo e l’empirismo filosofico lasciano qui la loro connotazione epistemologica per accasarsi nell’alveo del pensiero deleuziano delle Singolarità; essi divengono così la controscena filosofica del naturalismo fisico mutando il loro significato abituale. La natura si trova ad essere controeffettuata dal pensiero produttivo delle Singolarità che a sua volta appartiene intrinsecamente all’arte. Quest’ultima diviene adesso il modello del naturalismo filosofico, intensificando la creazione naturale e ripetendola su una nuova superficie corporea-incorporea, ossia la forma artistica. La scena del mondo è un coagulo di unità prive di totalità, siano esse individualità, opere, fatti o fenomeni. L’arte raddoppiata, quale natura all’ennesima potenza, è l’altra faccia del naturalismo epistemologico poiché non intende più cavare alla natura i suoi segreti per farne una scienza, bensì compierla, raddoppiandone la potenza attraverso la creazione di forme. CHIARA TINNIRELLO

/ vignetta f a b iol a nicoletti /

........................................................................................................................................................................

12 tribeart


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A design grafica libri cinema musica idee & curiosit à

ARTIST’S STUDIO

Il tuo studio su TRIBEART? Ecco quello che devi fare: #1 visita l’archivio su www.tribeart.it #2 invia 5 scatti (ben fatti) dello studio a redazione@tribeart.it

www.flickr.com/photos/54032152@N05/

a R c h itettura

FAVIGNANA: L’EX TONNARA DEI FLORIO ORA CENTRO TURISTICO-MUSEALE

ALFONSO LETO

Riconversione e nuova vocazione per l’ex stabilimento Florio, legato alla mattanza più famosa del Mediterraneo dalla metà dell’800 ed esempio irripetibile di archeologia industriale...

è nato a S. Stefano Quisquina (Agrigento) nel 1956, dove vive e lavora. www.alfonsoleto.com

text Lucia Russo

Salvato dal degrado fisico e riconsegnato alla sua grandezza originaria, l’ex Stabilimento Florio di Favignana (Trapani) ha riaperto al pubblico dal settembre del 2010 per ospitare un progetto d’eccellenza che coinvolge l’Assessorato regionale dei Beni culturali, il Comune, Legambiente, il Fai, le fondazioni culturali siciliane: Whitaker, Buttitta, Sambuca e Orestiadi. La fabbrica è stata quindi riconvertita a centro di progettazione, realizzazione e gestione di una serie d’iniziative definite di alto valore culturale e innovativo, un coacervo di “eccellenze” – così si legge nei comunicati – in interazione con il territorio, con il coinvolgimento delle associazioni culturali attive nelle isole Egadi. Completato e inaugurato a giugno del 2009 dopo cinque anni di lavoro, il restauro è stato finanziato interamente grazie ai fondi del POR 2000-2006 dell’Unione europea. Tempio della lavorazione del tonno e stabilimento industriale tecnologicamente innovativo e avanguardista nell’organizzazione del lavoro, l’ex Tonnara di Favignana è emblema della storia di una famiglia illuminata – i Florio – che con l’isola costruì la ricchezza di questo lembo di terra del mar Mediterraneo. Dismesso nel 1982 dopo un lento iter di licenziamento degli operai, l’Assessorato dei Beni culturali della Regione Sicilia lo acquisì nel 1992. Architetti, impiantisti, storici, antropologi, studiosi hanno contribuito ai lavori di recupero del sito al costo di circa 14milioni e 424.740 euro per restituire agli isolani, e ai turisti che lo visiteranno, la memoria di un luogo e della vita che ha ospitato. Interventi di restauro rispettosi dei materiali preesistenti tipici della tradizione artigianale trapanese, lunghi e laboriosi per non snaturare la particolarità del sito più grande ed efficiente nella lavorazione del tonno: tufo di Favignana per murature, pilastri, volte e grandi arcate; legno per tutte le capriate e orditure delle coperture. Attorno alla serie di corti si articolano e distribuiscono spazi e ambienti diversi per dimensioni e destinazioni d’uso, dagli uffici alle officine, dalla galleria delle macchine al ricovero delle barche, alla lunga batteria di forni per la cottura del tonno. Tre alte ciminiere dominano tutti i locali. Tra i vari allestimenti espositivi due installazioni multimediali olografiche di grande effetto e suggestione, una saletta per la proiezione di filmati storici, due sale dedicate all’esposizione delle immagini dei grandi fotografi dell’Agenzia Magnum, una serie di pannelli didattici sulla pesca e sulla lavorazione del tonno e di gigantografie che illustrano i momenti e le attività più significative della tonnara. Nella sezione dedicata ai Florio, la traccia del genio imprenditoriale della famiglia che in quella struttura completamente autosufficiente, dalla metà dell’Ottocento, costruì un vero e proprio paese nel paese dando lavoro a centinaia di operai della zona e della Sicilia intera. Dentro lo stabilimento ridisegnato a partire dal 1874 da Giuseppe Damiani de Almayda (lo stesso autore del Politeama di Palermo) su commissione di Ignazio Florio, si trovava anche un’infermeria, e persino un asilo nido per le donne che vi lavoravano. I lavori di restauro sono stati progettati ed avviati nel 2003 dall’architetto Stefano Biondo, poi diretti e completati dall’architetto Paola Misuraca, con l’apporto dei tecnici della Soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Trapani. Nella ricostruzione degli spazi sono state di fondamentale importanza le testimonianze degli antichi pescatori, dei rais (capi delle mattanze) che hanno descritto, con l’orgoglio di chi ha vissuto un’epoca straordinaria, le pesche miracolose, i cicli produttivi, le innovazioni tecnologiche introdotte dai Florio. Attraversando l’interno del complesso, nella sequenza di archi estesi su una superficie di circa 32mila metri quadrati, il percorso incontra il museo della tonnara con le sue barche d’epoca, le reti intrise di salsedine con le quali si praticava la cattura e l’uccisione dei tonni (la cosiddetta mattanza) e i macchinari utilizzati nel processo di lavorazione del pesce. Ciò che l’esposizione, forse, omette è se la defunta vocazione dell’isola alla pesca dei tonni sia stata accettata o meno da isolani ed ex pescatori.

COMPAGNINO m o s t r a

antologica

a cura di nicolò d’alessandro

Galleria d’Arte Moderna Le Ciminiere - Viale Africa, Catania inaugurazione sabato 1 ottobre 2011, ore 18.00 fino al 30 ottobre 2011 mar_sab 09.30/12.30 - 16.30/19.30 dom 10.00/13.00 Ingresso libero

organizzazione: www.spaziovitalein.it Ente Promotore

Provincia regionale di Catania

patrocinio

Regione Siciliana

media partner

Comune di Catania

........................................................................................................................................................................

tribeart 13


segnalazioni

........................................................................................................................................................................

MOSTRE IN PILLOLE

A la mesa! Diseño y comida. A tavola! Tra design e cibo All’Instituto Cervantes di Palermo dal 21 settembre al 27 ottobre 2011

Design e cucina sono stati sempre molto vicini. Molti teorici di design

argomento è superfluo. Acquistare prodotti alimentari è la prima sfida:

hanno usato la cucina come metafora per il processo di progettazione,

possiamo scegliere, ma siamo ben informati? Ci sono alternative eco-

una serie di passi, un metodo che porta a un fine ben preciso. Noi

sostenibili e responsabili? L’alimentazione si dispiega in una quantità

siamo ciò che mangiamo. Il cibo è uno fra i bisogni più importanti

enorme di prodotti distribuiti in diversi settori: dai mobili, agli elettrodo-

della nostra vita. La fame e la sete costituiscono quei beni universali ed

mestici, dalle stoviglie, alle confezioni. La specializzazione degli utensili

eterni che ci hanno accompagnato e che ci accompagneranno sempre.

da cucina genera un’ infinità di prodotti creativi che rendono la cucina

Impulso vitale, capace di generare tecnologie e progressi culturali, il

una attività fine e sofisticata. L’intento di questa mostra non è quello

cibo è passato dallo stato di bene e di bisogno primario a puro piace-

di presentarsi come uno studio esaustivo sull’alimentazione, il suo ob-

re e, quasi come se fosse un gioco per il quale scegliamo e scartia-

biettivo é quello di ritrarre il rapporto tra cibo e design attraverso una

mo un tipo di alimento da un’altro, abbiamo l’opportunitá di scegliere

selezione di progetti elaborati e prodotti negli ultimi anni. L’esposizione

tra svariate posibilitá facendo attenzione ad avere una dieta sana ed

si articola in tre aree: Comprare, Preparare e Servire. Perché la tavo-

equilibrata. Il cibo è cultura e, in questi tempi così edonistici diventa

la come supporto per la mostra? La tavola costituisce il luogo in cui

anche una questione di status. L’impatto delle nostre abitudini alimen-

mangiamo, ma anche il luogo in cui parliamo, scriviamo e progettiamo,

tari sull’ambiente è enorme: agricoltura, bestiame, sfruttamento delle

quel nesso di unione tra design e cibo. Il tratto itinerante dell’espo-

risorse della pesca, trasformazioni industriali degli alimenti, trasporto

sizione giustifica l’uso di queste tavole autoportanti che consentono

e commercializzazione in un mondo globalizzato, sono tutti fattori che

diverse configurazioni. In ognuna di esse sono illustrati gli ingredienti

definiscono e condizionano l’evoluzione del pianeta. Niente su questo

concettuali di ogni progetto.

Rosario Genovese. Opere 1979-2011

Ugo Attardi - L’erede selvaggio

Se siamo liberi - tre giorni nel futuro

Catania - Palazzo della Cultura 29 ottobre 2011 > 20 novembre 2011

Marsala (TP) • Convento del Carmine 15 ottobre 2011 > 15 gennaio 2012

Modica (RG) - C.o.C.A. center of contemporary arts 7 ottobre 2011 > 21 ottobre 2011

Dal 29 ottobre al 20 novembre 2011 la prestigiosa sede del Palazzo della Cultura di Catania ospiterà la mostra antologica dell’artista Rosario Genovese (Catania, 1953). La manifestazione – accompagnata da un catalogo edito da Skira con testo di Demetrio Paparoni e una conversazione con Marco Meneguzzo – racconta 30 anni di produzione e di ricerca artistica, dal 1979 ad oggi. Un’arte, quella di Genovese che transita utilizzando varie forme espressive come la fotografia, il disegno, la pittura, la scultura e le installazioni. Espressione artistica, frutto del connubio tra immagini surreali, misure, proporzioni, spazio, materia, colori, mito e fantasia. Dalla tematica fotorealista, al dualismo visivo del dipinto fotografato, all’esigenza della similarità con lo spazio che dalla bidimensionalità della tela si sposta a favore di opere tridimensionali che rappresentano pianeti e galassie. Ed è proprio questa realtà ultraterrena a incuriosire l’artista e a condurlo a uno studio approfondito della relazione tra uomo e cosmo. Sedotto dalla grandezza e dalla maestosità dell’universo, ne ricerca regole, equilibri e composizione per offrire al fruitore una visione privilegiata dell’universo rappresentata in microcosmo, con precisione matematica, e arricchita e pervasa dal suo estro creativo. Non si può che rimanere affascinati da questa arte che emoziona l’artista così come colui che la osserva. La conferma è nelle parole dello stesso Rosario Genovese: «Gli artisti hanno sempre avuto la pretesa di far sognare gli altri con ciò che fanno. Io so bene che il limite maggiore al quale va incontro un artista è ritenere che gli altri possano provare le stesse cose che prova lui mentre realizza il proprio lavoro. Mettiamola così: mi piace pensare che chi guarda una mia opera o legge i miei brevi testi avverta un centesimo della scossa che avverto io mentre lavoro». (tratto dalla conversazione con Marco Meneguzzo).

L’erede selvaggio è il titolo del romanzo con cui Ugo Attardi (Sori, GE, 1923-Roma, 2006), finalista allo Strega, vinse nel 1971 il Premio Viareggio. Quel titolo diventa sottotitolo della grande retrospettiva che l’Ente Mostra di Pittura “Città di Marsala”, in collaborazione con l’Archivio Ugo Attardi, propone all’ex Convento del Carmine di Marsala dal 15 ottobre 2011 al 15 gennaio 2012. Curata da Sergio Troisi, si tratta della prima retrospettiva che prende in considerazione tutti gli ambiti della produzione artistica di Attardi: pittura, scultura, grafica e, naturalmente, letteratura e giornalismo. L’erede selvaggio racconta dell’infanzia e della formazione siciliana dell’artista, nato in Liguria. Il peso di questa “sicilianità”, intesa come eredità, stimolo culturale e impegno sociale, si avverte in tutta la produzione di Attardi, intellettuale e fine artista, che sa attraversare un secolo complesso dell’arte italiana ed europea secondo un proprio originale percorso. Si va dal raro gruppo di dipinti non figurativi della fine degli anni Quaranta, alle ricerche degli anni Cinquanta e oltre. In particolare la mostra ripropone, dopo decenni, opere capitali della sua produzione, come i dipinti monumentali Crocifissione a Saragozza (1964-’65) e Gli assassini. è una occasione rara di confrontarsi con opere importanti della storia dell’arte italiana del secondo Novecento che, all’epoca della loro prima apparizione, suscitarono un intenso dibattito critico. Ai dipinti è affiancata una ampia scelta dell’attività grafica di Attardi (disegni e incisioni) e una selezione delle opere scultoree tra cui l’imponente Cotes o la bellezza dell’Occidente. Tra artisti più versatili del secondo Novecento italiano, Attardi è stato pittore, scultore, disegnatore di eccezionale talento. La sua è una pittura satura di colore e di geometrie, dove la grande lezione dell’espressionismo del Novecento (Dix, Grosz, Beckmann) è attraversata a ritroso con la storia dell’arte passata, da Velasquez e Goya sino a Tiziano.

Il progetto spinge a interrogarsi sulla condizione di libertà, sulla possibilità di essere ancora fautori di produttività artistica e culturale mentre tutto intorno l’attenzione si volge all’assuefazione verso qualunquismo e violenza mediatica e umana: una resistenza per fronteggiare l’erosione del nulla per mezzo dell’arte che riprende quota sugli scenari di azioni possibili volti a far crescere individui e comunità. Se siamo liberi si svolgerà dal 7 al 21 ottobre con una serie di eventi pensati per gli spazi del C.o.C.A. center of contemporary arts di Modica. Il 7 ottobre sarà presentato Micro, uno spazio a metà tra il museo e un site specific ricavato all’interno di uno stretto e singolare volume tra un muro di contenimento di cemento armato e le pareti posteriori del C.o.C.A. Tramandi è la presentazione di alcuni titoli dei fondi librari donati da Cesare Pietroiusti, Arturo Schwarz e Lillo Avola, quest’ultimo nel donare preziosi testi di filosofia e storia ha citato un particolare concetto di discendenza culturale per la quale tramandare libri e conoscenza è come lasciare un tesoro ad un figlio, da qui il titolo della presentazione. L’8 ottobre verrà inaugurata Vision alone, personale dell’artista Roberto Timperi e l’intervento sonoro ambientale di Filippo Leonardi che prevede un’integrazione al suo lavoro installativo La scultura è l’opposto della cultura posto nel giardino del Co.C.A. durante l’opening del 22 aprile scorso. Il 9 ottobre è la volta di Futuro, un contenitore di dibattiti che inizia con No profit in a world of profit: una talk con taglio generazionale che apre un dibattito sulla condizione delle città e dei luoghi raggiunti da azioni culturali e artistiche che riescono, con alcune modalità, a ottenere trasformazioni e spinte verso traguardi di civiltà e nuove convivenze, a quale punto è giunto il fare arte e verso quali approdi l’arte sta puntando, quanta libertà sopravvive nell’arte e quanto alcune dinamiche dell’arte siano associabili a quelle di sistemi soprastanti: intervengono Francesco Lucifora, Matteo Durante, Concetta Bonini, Rosario Antoci, Filippo Leonardi e Roberto Timperi.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle mostre siciliane? Collegati su: www.tribeart.it ........................................................................................................................................................................

14 tribeart


calendario

........................................................................................................................................................................

G L I A PP U N T A M E N T I D I O T T O B R E 2 0 1 1

................................................................ AGRIGENTO ................................................................ in corso DEVICES FOR MEDITERRANEAN CONNECTIONS | THE MEDMOB FARM MEETS THE AUFO BRIDGE Farm Cultural Park - Cortile Bentivegna (Favara) fino al 25 ottobre 2011 092234534 VITE DA GALLERISTA. NINO SOLDANO Fabbriche Chiaramontane - Via San Francesco D’Assisi 1 fino all’11 novembre 2011 martedì > domenica 10-13/16- 20 • 092227729 IGOR MITORAJ Parco Archeologico della Valle dei Templi fino al 30 novembre 2011 martedì > domenica 8.30-19 • 0922621657 • € 1 VUES DE GIRGENTI. VIAGGIO FOTOGRAFICO AD AGRIGENTO 1850/1870 Ex Collegio dei Filippini - Via Atenea 272 fino al 30 novembre 2011 lunedì > sabato 9-13/15.30-19 • 092220522 I MAI VISTI - Dai tesori di Palazzo Abatellis al MUCEB MUCEB - Museo delle Ceramiche - Piazza Santa Maria (Burgio) fino al 14 aprile 2012 martedì > domenica 10-13/15-18 • 092564016

in programma CARMELA CORSITTO - LIBROGGETTO Fondazione Guarino Amella - Contrada Montagna (Canicattì) dall’8 al 21 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 10.30 10.30-12.30/16.30-19.30 • 0922855501 DIREZIONE MULTIPLA 2011 Castello Chiaramontano - Piazza Castello (Racalmuto) dall’8 ottobre al 13 novembre 2011 opening: 8 ottobre, ore 19 martedì > domenica 9-13/16-20 • 0922948820

................................................................ CALTANISSETTA ................................................................ in programma BOOKS/LIBER ABACI - LA PROLIFERAZIONE DEL LIBRO D’ARTISTA Archivio di Comunicazione Visiva e Libri d’Artista Viale Jhon Fitgerald Kennedy 14 (San Cataldo) dall’8 al 23 ottobre 2011 opening: 8 ottobre martedì > sabato 18-20 • 3291682948 SEDIE D’ARTISTA Studio Lillo Giuliana Via Lombardo Radice 17 dall’8 al 23 ottobre 2011 opening: 8 ottobre lunedì > domenica 16.30 -20 • 335344703

................................................................ CATANIA ................................................................ in corso ELSA EMMY / NATALIA CRISCIONE PERCORSI PARALLELI Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 fino al 9 ottobre 2011 lunedì > sabato 9-13/16-19; domenica 9-13 095371010 Angelo Pitrone - Migranti Galleria fotografica Luigi Ghirri - Via Duomo 11 (Caltagirone) fino 9 ottobre 2011 10-24 • 3343358978 LA MONTAGNA DELLA GANZARIA E LA SUA FLORA Villa Patti - Via Santa Maria Di Gesù (Caltagirone) fino al 16 ottobre 2011 lunedì > sabato 9-13.30; domenica 9.3012.30/16-19; martedì chiuso • 3355795935 MED PHOTO FEST 2011 Centro Culturale Le Ciminiere - Viale Africa fino al 16 ottobre 2011 10-13/16-20 PEZZE DI STORIA Castello Ursino - Piazza Federico di Svevia fino al 22 ottobre 2011 lunedì > sabato 9-19; domenica 9-20 • 095345830 intero € 6; ridotto € 3,60 (si applica per gruppi di oltre 10 persone); scolaresche € 2

ANNALISA FURNARI - COLLATERALI EVIDENZE Fondazione Brodbeck arte contemporanea - Via Gramignani 93 fino al 22 ottobre 2011 martedì > sabato su prenotazione • 0957233111 AURELIO CARUSO - NEL PARCO CON PAOLA RIVISITAZIONI E ALTRO Fondazione La Verde - La Malfa - Via Pietro Nicolosi 29 (San Giovanni La Punta) fino al 22 ottobre 2011 17-19.30 su appuntamento • 0957178155 ENZO CARLI - ARCHEOLOGIA DEI SENTIMENTI Galleria fotografica Luigi Ghirri - Via Duomo 11 (Caltagirone) fino 23 ottobre 2011 lunedì > domenica 9.30-12.30/16-19 • 3343358978 GIOVANNI COMPAGNINO - ANTOLOGICA GAM Le Ciminiere - Viale Africa fino al 30 ottobre 2011 martedì > sabato 9.30-12.30/16.30-19.30; domenica 10-13 IL BOSCO D’AMORE. OMAGGIO A RENATO GUTTUSO Fondazione Puglisi Cosentino - Via Vittorio Emanuele 122 fino al 5 novembre 2011 martedì > venerdì 17-20; sabato > domenica 1013/17-20 0957152228

in programma

ROBERT PETTENA - QUITE QUIET Torre di Federico II - Viale Armando Diaz fino al 15 ottobre 2011 martedì > sabato 10-13/16.30-19.30 • 3349821594

in programma MEMORIE D’ARTISTA Centro Bannata - Contrada Bannata dall’8 al 21 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18.30 sabato > domenica 10-13 • 3296274918

................................................................ MESSINA ................................................................ in corso NINO ABBATE - UN TRIBUTO ALL’ARTE Ex Chiesa San Vito (Barcellona Pozzo di Gotto) fino al 16 ottobre 2011 10-12/18-20 SETTANTA Pinacoteca Zancanaro - Via del Fanciullo (Capo D’Orlando) fino al 23 ottobre 2011 lunedì > domenica 9-13/19-23 Angeli per un Museo Museo degli Angeli c/o Chiostro di San Francesco Centro Storico (Sant’Angelo di Brolo) fino al 31 dicembre 2011 lunedì > sabato 10-13

in programma

ILE FLOTTANTE Accademia di Belle Arti Abadir - Via Giacomo Leopardi 8 (Sant’Agata Li Battiati) dall’8 al 9 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 19.30 10-13/16-20 • 0957252310

HELP! Orientale Sicula 7 puntoarte - Via Mario Giurba 27 dall’8 al 21 ottobre 2011 opening: 8 ottobre martedì > sabato 17-20 • 3476130260

MARCO BRUZZONE - COLLI Galleria collicaligreggi - Via Oliveto Scammacca 2a dall’8 al 15 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18 martedì > sabato 17-21 • 095372930

in corso

FRAMMENTI DI REALTÀ Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 dall’8 al 22 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18.30 lunedì > domenica 9-13/15.30-19 PARADIGMI CREATIVI Accademia Federiciana - Via Borgo 12 dall’8 al 18 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18.30 lunedì > venerdì 17.30-20 NORA ANCAROLA - MARGA XIMENEZ Carte d’Arte - Piazza Manganelli 16 dall’8 ottobre al 10 novembre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18.30 lunedì, mercoledì, venerdì 10-13/16-18 • 3346198284 ANDREA CANTIERI - LOVE ME OR LEAVE ME Galleria SIDE A - Viale Vittorio Veneto 5a/5b dal 15 ottobre al 30 novembre 2011 opening: 15 ottobre, ore 19 martedì > sabato 10-13/17-20 • 095438531 FRANCESCO BALSAMO - VOCE DELLA DURATA BOCS - Via Grimaldi 150 dal 15 ottobre al 12 novembre 2011 opening: 15 ottobre, ore 18 sabato 18-20 e su prenotazione • 3382203041 Stop allo 048 degli oggetti Centro Culturale Le Ciminiere - Viale Africa dal 22 ottobre al 6 novembre 2011 opening: 22 ottobre, ore 18.30 martedì > sabato 9.30-12.30/16.30-19.30; domenica 10-13 • 3471960796 GIUSEPPE CALABRESE - ATTRAVERSO PAESAGGI Galleria Arte Nuvò - Via Giaconia 2 dal 22 ottobre al 19 novembre 2011 opening: 22 ottobre, ore 18.30 16.30-20.30 • 095537449 ROSARIO GENOVESE - OPERE 1979/2011 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 dal 29 ottobre al 20 novembre 2011 opening: 29 ottobre, ore 18.30 lunedì > sabato 9-13/15.30-19; domenica 9-13 • 3473212006

................................................................ ENNA ................................................................ in corso

................................................................ PALERMO ................................................................

MAREMAGNUM Loggiato San Bartolomeo - Corso Vittorio Emanuele 25 fino al 10 ottobre 2011 martedì > sabato 9.30-13/16-19; domenica 9.30-13 Nina Kalinovà - VIVA LAMBADOUZA Post Gallery - Via Emerico Amari 38 fino al 12 ottobre 2011 lunedì > venerdì 16-19; sabato 10-13 • 091584527 Bebo Cammarata - FOTOVIA Garage Art Gallery - Piazza Resuttano 2 fino al 15 ottobre 2011 lunedì > venerdì 17-21 Emanuele Lo Cascio Chanson de Geste Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino - Piazzetta Niscemi 5 fino al 15 ottobre 2011 lunedì > sabato 9-13/14.30-18.30; domenica 1013 • 091328060 MATILDE PEREZ Palazzo Sant’Elia - Via Maqueda 81 fino al 16 ottobre 2011 martedì, mercoledì, giovedì, domenica 9.30-19.30; venerdì > sabato 10-22 • 0918887767 ROSSELLA PEZZINO DE GERONIMO BIRMANIA RIFLESSI D’ANIMA Ex Fonderia alla Cala - Piazza Fonderia fino al 20 ottobre 2011 lunedì > domenica 10-19 • 0952180080 Paolo Parisi - Vis a vis (datura) Museo Riso - Corso Vittorio Emanuele 365 fino al 23 ottobre 2011 giovedì > venerdì 17-22; sabato 17-20 • 091320532 FOTO VINTAGE 2011 Lanterna Magica - Via Goethe 43 fino al 27 ottobre 2011 lunedì > sabato 16-19.30 • 091584193 A LA MESA! DISEÑO Y COMIDA Instituto Cervantes - Via Argenteria 33 fino al 27 ottobre 2011 lunedì > giovedì 10-13/16-18; venerdì 10-13 0918889560 Giorgio Carpintieri - MATERIA LEGGERA DELL’ARTE DEL SORRISO L’Isola - Via Vetriera 23 fino al 30 ottobre 2011 martedi > sabato 10-13/17-24

FRANCESCO DE GRANDI IL PASSAGGIO DIFFICILE Galleria d’Arte Moderna - Via Sant’Anna 21 fino al 31 ottobre 2011 martedì > domenica 9.30-18.30 • intero € 7; ridotto € 5 • 0918431605 L’OCCHIO DEL CRONISTA LA GERMANIA NELLE PAGINE DEL CORRIERE DELLA SERA DAL 1960 AL 2000 Goethe-Institut Palermo - Via Paolo Gili 4 fino al 4 novembre 2011 martedì, mercoledì, giovedì ore 10-13/15.30-18.30 e su appuntamento • 0916683937 Noemi Silvera Garcia / Michele Principato Trosso - Compared Cultures Galleria Caffè Letterario - Via Mandralisca 23 (Cefalù) fino al 26 novembre 2011 0921420211 GUIDO BARAGLI - IMPRESSIONI IN SICILIA Mediterranea - Via Mariano D’Amelio 12 fino al 27 novembre 2011 lunedì > domenica 11-12.30/17.30-19.30 0918431857 WILLIAM MARC ZANGHI - BEING THERE Bianca Arte Contemporanea - Discesa San Domenico 4 fino al 30 novembre 2011 mercoledì > sabato 16-19.30 • 0915084918 CHRISTO E JEANNE-CLAUDE OPERE NELLA COLLEZIONE WURTH Palazzo Reale - Piazza Indipendenza fino all’8 gennaio 2012 lunedì > sabato 8.30-17.40; domenica e festivi 8.30-13 0917054006 SOTTO QUALE CIELO? Museo RISO - Corso Vittorio Emanuele 365 fino all’8 gennaio 2012 martedì > domenica 10-20; giovedì > venerdì 10-22 intero € 6; ridotto € 3; € 1 per residenti a Palermo e provincia 091320532 Le voci del Mediterraneo Arsenale - Vicolo Dell’Arsenale 142 fino al 10 gennaio 2012 9.30-12.30 • 091361309 I MAI VISTI - Dai tesori di Palazzo Abatellis al MUCEB Palazzo Abatellis - Via Alloro 4 fino al 14 aprile 2012 martedì > venerdì 9-17.30; sabato e domenica 9-13 0916230000

in programma MASSIMO PIAZZA - VIAGGIO IN SICILIA E IN ALTRI LUOGHI Galleria Studio 71 - Via Vincenzo Fuxa 9 dall’8 al 20 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18.30 17-20 • 0916372862 Emila Sirakova - Kaliakra QAMM - Qanat Art Music Media - Via Del Parlamento 23 dall’8 al 28 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 19.30 lunedì > sabato 15.30-18.30 MATTEO AMODEI Strutture Mobili Galleria Artem - Via Noto 40 dall’8 al 31 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 19 lunedì > venerdì 10-13/17-20 • 091346945 Bruno Caruso - Ars Delineandi Galleria La Piana - Via Isidoro La Lumia 79a dal 12 al 29 ottobre 2011 opening: 12 ottobre, ore 18 lunedì > sabato 10.30-13/16.30-20; domenica su appuntamento • 0916127213 INSIDE/OUTSIDE. interni ed esterni tra memoria e racconto Galleria Elle Arte - Via Ricasoli 45 dal 14 ottobre al 12 novembre 2011 opening: 14 ottobre, ore 18 lunedì > sabato 16.30-19.30; mattina su appuntamento • 0916114182 MICRO COSMI Centro d’Arte Piana dei Colli - Via Faraone 2 dal 22 ottobre al 18 novembre 2011 opening: 22 ottobre, ore 19 giovedì > sabato 17-20.30; domenica su prenotazione • 3319327930

.............................................................. RAGUSA .............................................................. in corso HUGO PRATT - I luoghi dell’avventura Palazzo Scimone - Piazza Busacca 80 (Scicli) fino al 16 ottobre 2011 martedi > giovedi 17-23; venerdi > domenica 11-13.30/17-23 HUGO PRATT - I luoghi dell’avventura Circolo Culturale Vitaliano Brancati - Via Francesco Mormina Penna 14 (Comiso) fino al 16 ottobre 2011 lunedi > sabato 17.30-20.30 HUGO PRATT - I luoghi dell’avventura Galleria Koiné - Via F. Mormina Penna 40 (Comiso) fino al 16 ottobre 2011 martedì > domenica 19.30-22.30

in programma SE SIAMO LIBERI - TRE GIORNI NEL FUTURO MICRO + TRAMANDI C.o.C.A. - Corso Umberto I 420 (Modica) 7 ottobre, ore 18.30 0932759111 FILIPPO LEONARDI - LA SCULTURA È L’OPPOSTO DELLA CULTURA + ROBERTO TIMPERI - VISION ALONE C.o.C.A. center of contemporary arts - Corso Umberto I 420 (Modica) dall’8 al 21 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 19 lunedì > venerdì 10-12/17-20; sabato su appuntamento • 0932759111 SASHA VINCI - QUELLO CHE VEDO NON È LA REALTÀ - SUL SEGNO DEGLI ARTISTI #6 Galleria degli Archi - Via Calogero 22 (Comiso) dall’8 al 21 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 20 martedì > domenica 17-20 o su appuntamento 3334819773 MOVIMENTO ARTISTICO PROATTIVO - MAP13 Edoné Arte Viva Club - Via Cavour 39 (Vittoria) dall’8 al 22 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 17.30 lunedì > sabato 9-12/15.30-19.30 • 0932987522 SE SIAMO LIBERI - TRE GIORNI NEL FUTURO TALK. FUTURO: no profit in a world of profit C.o.C.A. center of contemporary arts - Corso Umberto I 420 (Modica) 9 ottobre, ore 19 0932759111

.............................................................. SIRACUSA .............................................................. in corso LUCI E COLORI DI SICILIA Galleria Quadrifoglio - Via dei Santi Coronati 13 fino al 13 ottobre 2011 lunedì > sabato 10-13/17-20 • 093164443 54. BIENNALE DI VENEZIA - PADIGLIONE SICILIA Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini - Via Santa Lucia Alla Badia 1 fino al 27 novembre 2011 lunedì > sabato 9-13/15-19; domenica 10-13 • 093124902

............................................................. TRAPANI .............................................................. in programma PAULA METALLO - ASPETTANDO IL PROSSIMO Fondazione Orestiadi - Baglio di Stefano (Gibellina) dall’8 al 30 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18 martedì > domenica 9-13/15-18 • 092467844 MAPPE MUNDI - TUTTO IL MONDO è UNA TERRA STRANIERA Fondazione Orestiadi - Baglio di Stefano (Gibellina) dall’8 al 30 ottobre 2011 opening: 8 ottobre, ore 18 martedì > domenica 9-13/15-18 • 092467844 UGO ATTARDI - L’EREDE SELVAGGIO. OPERE 1944-2002 Convento del Carmine - Piazza del Carmine (Marsala) dal 15 ottobre 2011 al 15 gennaio 2012 opening: 15 ottobre martedì > domenica 10-13/18-20 • intero € 3 • 0923711631

........................................................................................................................................................................

tribeart 15


TRIBEART#87 - OTTOBRE 2011  

TRIBEART is the first independent and free monthly magazine about exhibitions, artists, design, music, recycling and comics in Sicily. It is...

Advertisement