Page 1

79 •• LA GUIDA MENSILE ALLE ARTI VISIVE SICILIANE •• ANNO IX •• GENNAIO 2011 •• WWW.TRIBEART.IT •• FREE ••


JEAN CALOGERO ARCHIVIO JEAN CALOGERO

corso delle Province 32 a/b - Catania

tel./fax +39 0957227154 info@galleriaartesia.com www.galleriaartesia.com www.jeancalogero.it www.jc2010.it

Orari di apertura al pubblico dal lunedì al sabato 10-13/17-20.30 o su appuntamento

Si comunica che sono presenti sul mercato opere false (con relativa falsa autentica) del Maestro Jean Calogero. Al fine di tutelare i collezionisti, l’Archivio Jean Calogero opera un controllo sulle opere in circolazione, fornendo valutazioni e rilasciando il certificato di autenticità e il numero di archiviazione necessari per una corretta valorizzazione dell’opera acquistata. L’archivio, che ha sede presso Artesia - Galleria d’Arte, si propone per la vendita di opere autentiche dell’artista di tutti i periodi della sua cinquantennale attività, lo studio e la diffusione degli aspetti culturali dell’opera di Calogero, l’allestimento di mostre antologiche e monografiche, la pubblicazione di volumi, cataloghi e altri documenti informativi, la promozione di incontri e convegni per la migliore conoscenza dell’artista.

JEAN CALOGERO. IL LIBRO Presso la sede dell’Archivio e le Librerie Cavallotto di Catania (Viale Ionio 32 - Corso Sicilia 91) è disponibile il volume Jean Calogero edito da Angelo Mazzotta Editore e curato dal critico e docente di estetica, prof. Carmelo Strano. Il libro contiene riproduzioni di oltre 150 opere dell’artista, dai primi anni della sua attività fino alle ultime opere, un testo critico di Carmelo Strano, un testo della prof.ssa Giuseppina Radice, critico e docente di Storia dell’Arte, testimonianze della figlia Patrizia e di Don Santino Salamone. Interamente a colori, mostra per la prima volta documenti e fotografie inedite dell’archivio e una raccolta di testi critici. Il progetto grafico e l’impaginazione sono di Nicolò D’Alessandro. Tutti i testi sono in italiano, inglese e francese.


.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Lo avrete certamente notato. L’omino che da di Damocle dal crollo di Pompei dello scorso che costringerà le regioni a compiere .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. sempre ha accompagnato il logo di TRIBEART novembre. A fine gennaio sarà il Parlamento ulteriori decurtazioni per non superare i .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. è andato in pensione. Con il nuovo anno a decidere, ma tra i principale motivi per parametri decisi a Roma, proprio l’opposto .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. abbiamo voluto rinnovare la testata optando sfiduciare il Ministro crediamo non siano dell’idea di governance locale tipica del .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. per un look diverso, più “contemporaneo“ solo i crolli, ma anche l’incapacità di federalismo. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. e in sintonia con la linea grafica della valorizzare le Sovrintendenze, il continuo In Sicilia non va decisamente meglio. In .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. rivista sottoposta, come vedrete, a un ricorso ai Commissari e le scelte ardite questo momento di austerity si scopre .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. leggero restyling. Un refresh visivo che quali la nomina dello storico dell’arte che le mogli dell’ex presidente della .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. non muta l’inossidabile e costante missione Sgarbi come curatore del Padiglione Italia Regione Salvatore Cuffaro e dell’attuale .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di TRIBEART: informare i nostri sempre più alla Biennale di Venezia 2011. presidente Raffaele Lombardo riceveranno .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. numerosi lettori sugli eventi d’arte della E cosa dire sui tagli che gli ha imposto il dall’Assessorato delle Risorse agricole e .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Sicilia e dei siciliani, con un occhio collega Tremonti? Ogni anno sono destinati alimentari rispettivamente 743 mila euro e .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. sempre vigile sui fatti del Continente. ai Beni culturali sempre meno fondi e Bondi 523 mila euro per l’ammodernamento di aziende .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. A tal proposito, come inizia il nuovo anno – ma come lui anche molti altri ministri agricole. Niente di male se i progetti .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. della cultura italiana? Come era finito – ha accettato questo approccio non di presentati meritavano un contributo, ma .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. il precedente, ovvero con le polemiche valorizzazione ma di umiliazione del come diceva il Cardinale Mazzarino oltre .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. sui tagli e sulla mozione di sfiducia al settore. Ma la scure delle riduzioni è anche tre secoli fa «a pensare male si fa peccato, .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Ministro Bondi sul quale pende questa spada collegata al nuovo progetto federalista ma spesso ci si azzecca». .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 4 | NEWS LA DURA LEGGE DEL GOL .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Vincenzo Profeta NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK .............................................................................................................................................................. vignetta di Fabiola Nicoletti .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Qui fuori. Ibridazioni esteTiche 6 | RECENSIONI .............................................................................................................................................................. di Chiara Tinnirello .............................................................................................................................................................. gli eventi visti da noi .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. mi faccio una domanda mi do una risposta .............................................................................................................................................................. PER BARCLAY. PALAZZO COSTANTINO di Giuseppina Radice .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. di Giuseppe Giovanni Blando .............................................................................................................................................................. exploring the book / Il libro d’artista: .............................................................................................................................................................. ROSSELLA PEZZINO DE GERONIMO abecedario e contributi scientifici .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. BIRMANIA. RIFLESSI D’ANIMA di Anna Guillot .............................................................................................................................................................. di Gabriella Martines .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 12 | RICREAZIONE .............................................................................................................................................................. MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA .............................................................................................................................................................. di Giacomo Alessandro Fangano architettura design grafica libri cinema .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. musica IDEE & CURIOSITà .............................................................................................................................................................. PRIMA CONNETTIVA .............................................................................................................................................................. di Giovanni Scucces .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ARCHITETTURA • Fornace Hoffmann e Museo .............................................................................................................................................................. DUE Tecnologico di Caltagirone .............................................................................................................................................................. di Giuseppe Giovanni Blando di Lucia Russo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Per Barclay IDEE&CURIOSITà • TOYS D’AUTORE .............................................................................................................................................................. 9 | URBAN .............................................................................................................................................................. di Vanessa Viscogliosi Palazzo Costantino (2010) • particolare .............................................................................................................................................................. LUOGHI E PERSONAGGI DEL TERRITORIO stampa lambda • cm 208x134 .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. courtesy Francesco Pantaleone arte contemporanea 1 4 | S E G N A L A Z I O N I .............................................................................................................................................................. PLAYING (LA) LOMAX .............................................................................................................................................................. di Vanessa Viscogliosi MOSTRE IN PILLOLE .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. 10 | SPAZI APERTI .............................................................................................................................................................. 15 | CALENDARIO MOSTRE .............................................................................................................................................................. estetiche, opinioni e riflessioni sul .............................................................................................................................................................. GLI APPUNTAMENTI DI gennaio 2011 .............................................................................................................................................................. Contemporaneo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. w h ere we are * circuito di distribu z ione * selected p oint .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Gestisci o dirigi un’attività commerciale? Sei un Ritira la tua copia nei nostri TRIBEART.corner! .............................................................................................................................................................. artista e vuoi incrementare le visite al tuo studio? .............................................................................................................................................................. Artesia - Galleria d’Arte • Corso delle Province 32 a/b (CT) .............................................................................................................................................................. Cerchi una visibilità mirata ed efficace? .............................................................................................................................................................. 0957227154 • www.galleriaartesia.com Entra nel circuito di distribuzione di TRIBEART! .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. SpazioVitale In • Via Milano 20 (CT) .............................................................................................................................................................. Legare la propria pubblicità alla diffusione di arte e cultura. Fi095371010 • www.spaziovitalein.it .............................................................................................................................................................. delizzare i vecchi clienti e trovarne dei nuovi. Promuoversi for.............................................................................................................................................................. nendo un servizio gratuito e culturalmente interessante. Se la tua .............................................................................................................................................................. UNICEF • Via Montesano 15 (CT) .............................................................................................................................................................. clientela è culturalmente vivace e cerchi un canale di promozione 095320445 • www.unicef.it/catania .............................................................................................................................................................. adeguato attiva il tuo TRIBEART.corner! .............................................................................................................................................................. Fondazione La Verde • Via Nicolosi 29 • S. Giovanni La Punta (CT) .............................................................................................................................................................. 3385078352 * www.elenalaverde.it .............................................................................................................................................................. Per entrare nella rete di TRIBEART basta davvero poco. Con .............................................................................................................................................................. una piccola spesa semestrale potrai promuovere sul nostro men.............................................................................................................................................................. Librerie Cavallotto • Corso Sicilia 91 • Viale Jonio 32 (CT) sile la tua attività e i tuoi eventi usufruendo anche di interessanti .............................................................................................................................................................. 095310414_095539067 • www.cavallotto.it sconti e promozioni sui servizi offerti da TRIBE (comunicazio.............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ne, grafica, siti web) e sull’acquisto di ulteriori spazi pubblicitari .............................................................................................................................................................. Mediateca Comunale • Via Civiltà del Lavoro 8 (EN) e servizi legati al web. .............................................................................................................................................................. 093540242-3-7 • info@lacasadigiufa.it .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Più visibilità, più sconti, più servizi. Cosa aspetti? Montevergini • Via Santa Lucia Alla Badia 1 • (SR) .............................................................................................................................................................. Diventa un TRIBEART.corner! 093124902 .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. Museo RISO • Corso Vittorio Emanuele 365 • (PA) .............................................................................................................................................................. TRIBEART * TRIBENET.IT www.palazzoriso.it .............................................................................................................................................................. La guida mensile alle arti visive siciliane .............................................................................................................................................................. (t) +39 3395626111 (t) +39 3388913549 .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. (f) +39 0952937814 (e) pubblicita@tribeart.it I l circuito com p leto su www . tribeart . it / corner .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................................

Index

editoriale

cover

colophon TRIBEART Mensile | Anno IX | Numero 79 Registrazione al Tribunale di Catania n°23 del 30.10.03

tribeart.corner

REDAZIONE (t) +39 3395626111 • 3388913549 (f) +39 0952937814 • 1786019215 (e) redazione@tribeart.it (w) www.tribeart.it

EDITORE • PROGETTO GRAFICO • IMPAGINAZIONE TRIBE Società Cooperativa Via Barbagallo Pittà 24 • 95122 • Catania www.tribearl.it • info@tribearl.it DIRETTORE RESPONSABILE Enzo Baldacchino • direttore@tribeart.it

DIRETTORE EDITORIALE Giacomo Alessandro Fangano • alessandro.fangano@tribeart.it SEGRETARIA DI REDAZIONE Vanessa Viscogliosi • vanessa.viscogliosi@tribeart.it STAMPA Litocon S.R.L. • Catania

pubblicità L’offerta pubblicitaria di TRIBEART è ampia e trasversale. Con sole 65,00 Euro (+iva 20%) è possibile acquistare un modulo di cm 9x8 sul mensile. Alle numerose soluzioni per il cartaceo si accompagnano quelle per il web. Contattaci per maggiori informazioni: (t) +39 3395626111 • 3388913549 (e) pubblicita@tribeart.it PROSSIMA USCITA Per TRIBEART#80 - Febbraio 2011 invia le tue segnalazioni e prenota il tuo spazio pubblicitario entro il 28 gennaio 2011.


news

........................................................................................................................................................................

NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK

concorsi, corsi e premi

© Marco Campori AKA El Gato Chimney - Premio Ceres Art Edition 2010

ceres4art 2011 © Sutera (CL) - www.comune.sutera.cl.it

come a L’Aquila – in termini non solo di risorse economico finanziarie, ma di efficienza amministrativa e di riconoscimento

Concorso riservato gli artisti tra i 18 e i 35 anni che potranno caricare sul sito ufficiale il proprio curriculum e da una a cinque opere da sottoporre al giudizio della giuria tecnica. Tra gli iscritti verranno selezionati i 20 finalisti che realizzeranno appositamente un’opera (pittura, fotografia, scultura o video arte e animazione) sul proprio vissuto in relazione alla Ceres e avranno in cambio un rimborso spese di 500 euro. I premi previsti sono due: 1.000 euro netti per il premio on line e 2.000 euro per il premio della giuria.

istituzionale, è la via per rimettere in moto il meccanismo virtuoso della manutenzione.

.............................................................................

AGGIORNATA LA “LISTA ROSSA” DI ITALIA NOSTRA CON I MONUMENTI DA SALVARE. SICILIA A RISCHIO SENZA LA MANUTENZIONE ORDINARIA Da Pompei alle Mura Aureliane a Roma, gli elenchi dei beni culturali manchevoli di una appropriata manutenzione e quindi a rischio sono molti, e testimoniano l’urgenza di pensare come difendere questo immenso patrimonio da superficialità e incuria. Non serve molto, basterebbe la “manutenzione ordinaria”. Restituire la piena operatività alle Soprintendenze – a Pompei

La Lista Rossa di Italia Nostra comprende molti siti archeologici meno conosciuti, interi centri storici, borghi, castelli, così come singoli monumenti. Per il tramite dei Consigli regionali, Italia Nostra ha chiesto a tutte le Sezioni di attivarsi per rendere

categoria tutte scadenza 20.02.11 info www.ceresforart.it

CREATIVI PER COSTITUZIONE

sistematica e accurata l’opera di segnalazione. In Sicilia la situazione è grave soprattutto nei siti archeologici. è arrivata all’associazione addirittura una segnalazione dal direttore del Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa sul grave stato dei monumenti a rischio nel sito. Nell’elenco dei beni a rischio già segnalati ci sono inoltre: Cattolica Eraclea – Capo Bianco (AG), Megara Hyblaea (SR), Kamarina (RG), centro storico di Caltanissetta, patrimonio minerario della Sicilia centrale, sito archeologico di Gibil Gabib (CL), la rocca di Sutera e il sottostante abitato di origini arabe (CL), centro storico di Piazza Armerina (EN), centri storici minori come quello di Mistretta (ME), Santuario rupestre della Dea Cibele (Palazzolo Acreide – SR), Latomie dell’Intagliata ed Intagliatella – Teatro greco di Palazzolo Acreide, Castello della Colombaia (TP), Castelvetrano – il Castello di Pietra lungo il fiume Belice(TP). > www.italianostra.org ...............................................................................................................

A MILANO UNA FIERA D’ARTE CON OPERE AL DI SOTTO DEI 5.000 euro

con una colletta il Louvre compra un dipinto di Cranach

Con lo slogan «chi ama l’arte sa anche prenderla alla leggera» arriva in Italia The Affordable Art Fair la principale Fiera per l’arte contemporanea al di sotto dei 5.000 euro e si svolgerà a Milano dal 3 al 6 febbraio 2011 con più di 60 gallerie dall’Italia e dall’estero. I prezzi devono essere obbligatoriamente esposti e vanno dai 100 ai 5.000 euro. Con 10 anni di esperienza, Affordable Art Fair organizza ogni anno fiere di successo a Londra, Bristol, New York, Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Sydney, Melbourne, e presto a Singapore.

Le Tre Grazie di Luca Cranach è stato acquistato per 4 milioni di euro dal museo francese, che avendo a disposizione 3 milioni di euro fra fondi propri e sponsor, ha raccolto il milione di euro che mancava con la campagna “Tutti mecenati”, fra il 15 novembre 2010 e il 17 dicembre (anziché il 31 gennaio 2011 come era previsto). I nomi degli oltre 5.000 donatori saranno inseriti per un mese in un pannello accanto al dipinto e riceveranno una riproduzione dell’opera.

> www.affordableartfair.it

> www.troisgraces.fr

L’incompiuto monumento sullo sbarco dei mille a marsala sarà completato con i fondi del 150° anniversario dell’unità Il progetto del 1960 dell’Architetto Mongiovì prevedeva due poppe di nave, in travertino e a grandezza quasi naturale, che si fondono in una sola prua a ricordare i due bastimenti dell’impresa, il Piemonte e il Lombardo, convergenti nell’unicità del Risorgimento. Le misure previste erano 70 metri di lunghezza per 26 di larghezza con un albero maestro di 47 metri e “vele” realizzate con un panneggio marmoreo di 550mq e a prua una scultura di Garibaldi alta 5 metri. I lavori furono inaugurati dal Presidente del Consiglio Craxi, nel luglio 1986. Due anni

dopo un funzionario del demanio fermò i lavori perché il monumento era abusivo. I costi, in valuta del 1984, furono di un miliardo e 200 milioni. Con i fondi del 150° anniversario dell’Unità d’Italia dovrebbe diventare un’architettura ipogea destinata a spazio espositivo per il centro di cultura e museo garibaldino, museo interattivo, sala conferenze, cineteca, punto d’informazioni turistiche, aree di sosta e lettura di opuscoli informativi, letteratura garibaldina e caffetteria-internet point. > www.italiaunita150.it

è un concorso video prodotto da 242 MovieTv per celebrare i 12 Principi Fondamentali della Costituzione della Repubblica italiana. Compito dei registi, video maker, video artisti e creativi della community del cinema e della televisione, sarà quello di veicolare attraverso i lavori selezionati per il concorso video i contenuti della nostra Costituzione per generare nel pubblico il bisogno di approfondirne la conoscenza. Creativi per Costituzione è un concorso video aperto a chiunque, professionista e non, abbia un’idea creativa e sappia tradurla in immagini. Montepremi 8.500 euro.

categoria video scadenza 08.02.11 info www.242movietv.com

.............................................................................

POSTERHEROES Posterheroes propone il dibattito sul futuro delle politiche energetiche. Il concorso è un mezzo per i giovani e per la comunità creativa per esprimere la propria opinione in merito alle scelte energetiche che si vorrebbero adottare per un futuro sostenibile attraverso la progettazione di un manifesto cm 50x70. Esprimi la tua opinione, lancia messaggi di sensibilizzazione, suggerisci nuovi utilizzi, promuovi la diffusione, sollecita il dibattito, lo scambio, la consapevolezza, la partecipazione.

categorie grafica scadenza 15.02.11 info www.posterheroes.org

.............................................................................

DISEGNA Il logo del premio COMUNI A cinque STELLE L’Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi bandisce un concorso per la realizzazione del logo della quinta edizione del Premio, riservato a residenti in Italia d’età compresa fra 18 e 36 anni. Il nuovo simbolo dovrà contenere il logo dell’Associazione ed esprimerne in sintesi grafica i valori contenuti nel Manifesto e nello Statuto, nonché le finalità del Premio. I bozzetti dovranno permettere facilmente la traduzione grafica su carta, in materiali plastici e metalli, su tessile e in realizzazioni tridimensionali. Il premio è di 500 euro.

categoria grafica scadenza 28.02.11 info www.comunivirtuosi.org

........................................................................................................................................................................

04 tribeart


news

........................................................................................................................................................................

NOTIZIE CORSI CONCORSI LINK

di cattelan la grafica del nuovo di jovanotti Maurizio Cattelan con la collaborazione del fotografo Pierpaolo Ferrari – che con Cattelan firma la rivista Toilet Paper, pubblicata due volte l’anno in 5000 ricercatissimi esemplari – ha realizzato la copertina e una serie di immagini per Ora il nuovo album di Jovanotti che sarà pubblicato il 25 gennaio. La prima diffusa è un cavallo volante in un cielo azzurro. > www.soleluna.com

PER IL COMPLEANNO INGRESSO GRATUITO NEI MUSEI STATALI

UNA NUOVA PUNTATA DELLA SOAP SULL’ARCHIVIO VASARI

Dall’1 gennaio 2011 in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia nel giorno del proprio compleanno tutti i cittadini dell’Unione Europea potranno entrare gratis nei luoghi della cultura statali nel giorno del proprio compleanno e nel caso in cui coincida con la data di chiusura dei luoghi, l’omaggio sarà valido per il giorno successivo. Le categorie che sono già destinatarie di agevolazioni riceveranno un ingresso omaggio utilizzabile per un accompagnatore.

Il tribunale di Roma ha dissequestrato l’archivio sequestrato poco prima di essere venduto per 150milioni di euro alla società russa Ross Engineering. Alla vendita si è opposto il Ministero che ora torna in campo ma offrendo una cifra molto più bassa. Per il 2011 è stato anche indetto l’anno vasariano e il Comune di Arezzo aveva previsto di ricevere in caso di vendita ai russi una donazione di 2,7milioni di euro dai venditori per le Logge, l’acquedotto, la messa in sicurezza di Casa Vasari e i festeggiamenti.

> www.beniculturali.it

A ROMA IN MOSTRA SOTTOSOPRA” DI CHAGALL

“IL

MONDO

Il mondo sottosopra arriva al Museo dell’Ara Pacis. In mostra 140 opere tra dipinti e disegni, alcuni dei quali inediti, provenienti da collezioni private, dal Musée National D’art Moderne Centre Georges Pompidou e dal Musée national Marc Chagall di Nizza. Sono molti gli approcci possibili all’opera di Chagall: la relazione con i movimenti d’avanguardia a cui si è accostato nel corso della sua vita, ma da cui si è poi sempre distinto per originalità; i temi legati alle sue origini russe ed ebraiche e i suoi contenuti spirituali; la sua capacità di servirsi di tecniche miste per superare le frontiere fra pittura e grafica. Questa mostra ha scelto di indagare le affinità che l’artista condivise con i Surrealisti – anche loro seguaci della “rivoluzione” e del sovvertimento dei valori stabiliti – e il forte legame con la sua identità religiosa. Osservando le opere di Chagall si può cogliere la peculiarità che contraddistingue l’universo dell’artista: i personaggi, gli animali, gli oggetti che popolano paesaggi complessi spesso sfidano la legge di gravità.

www.COCACOLLA.it è un blog d’ispirazione con contenuto editoriale tutto originale focalizzato su arte, design, advertising, cultura urbana, nuovi trend della rete e ogni forma creativa di espressione estetica diretto agli appassionati di arti creative. «Cocacolla è una sostanza gasata dotata di forte potere adesivo, ottenuta dall’ebollizione dei nostri tessuti cerebrali. Pura gelatina animale capace di far aderire in maniera permanente la vostra superficie COLLA nostra. Servito fresco, con ciliegina e ombrellino è un rimedio alla piattitudine quotidiana e al torpore mediatico. Cool people drink it».

IN PROVINCIA AGRIGENTO NASCE IL la regione haDI chiesto all’europa 60 MUSEO CERAMICA DI BURGIO/MUCEB MilioniDELLA DI EURO PER QUATTRO NUOVI MUsei La Regione ha chiesto i soldi all’Unione europea dai fondi 2007-2013 destinati ai progetti che non sono stati realizzati. In pole position un museo a Catania, l’unica grande città senza musei, e dovrebbe essere realizzato all’ex Manifattura tabacchi, già di proprietà della Regione. Un museo archeologico del mare dovrebbe sorgere a Gela (CL) e uno sul mare a Messina, al Forte San Salvatore. Palermo dovrebbe ospitare un museo della memoria e della legalità, dopo che già da oltre 6 mesi è attivo un comitato scientifico per la nascita e la promozione di questo museo, voluto da Armao, ex assessore ai Beni Culturali, oggi con delega all’economia. Quest’ultimo nel corso di un recente convegno aveva parlato della necessità di un museo dell’immigrazione a Lampedusa, ma il neo assessore Missineo ha sottolineato come il museo di Lampedusa e un eventuale museo Florio tra Termini Imerese (PA) e Campofelice di Roccella (PA) siano possibili solo se i soldi saranno saranno sufficienti per i primi quattro previsti.

> www.arapacis.it

LA GIOCONDA? NON MONNA LISA MA BIANCA Giovanna Sforza ritratta a Bobbio Continua la ricerca di una soluzione all’enigma sull’identità della modella di Leonardo per la Gioconda e sul luogo che fa da sfondo al dipinto. Secondo Silvano Vinceti e gli esperti del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni storici, culturali e ambientali ci sono due lettere molto piccole celate nelle pupille e un terzo simbolo, due lettere o due numeri sotto la prima arcata a destra del ponte che fa da sfondo al ritratto della Gioconda. Nell’occhio destro della modella ci sarebbe il monogramma LV, forse per le sue iniziali e nell’occhio sinistro potrebbe trattarsi di CE o semplicemente di una B. Sotto l’arcata del ponte sembrano due numeri, 72, che potrebbero però leggersi rovesciati diventando una L e un 2. Secondo la storica d’arte savonese Carla Glori la donna immortalata nella Gioconda era Bianca Giovanna Sforza e il ponte dietro di lei era il Ponte Gobbo sul fiume Trebbia a Bobbio, nel piacentino. Avrebbe infatti trovato in un occhio le lettere SG, due delle iniziali di Bianca Giovanna Sforza e il 72 potrebbe riferirsi all’anno 1472, quando il ponte fu distrutto dalla piena del Trebbia.

A BOLOGNA ARTE FIERA ART FIRST DAL 28 al 31 gennaio 2011 Arte Fiera giunta alla XXXV Edizione è una delle prime fiere internazionali d’arte e la più importante fiera d’arte italiana. Ha preservato intatti negli anni il proprio ruolo di grande vetrina del mercato dell’arte mondiale e la propria identità di valorizzazione e promozione della ricerca artistica italiana e internazionale potenziando progressivamente la sinergia con le istituzioni locali attraverso un programma di eventi collaterali di alto livello. Le oltre 200 gallerie partecipanti sono distribuite su 15.000 mq suddivise in tre settori dedicati all’arte moderna, contemporanea e alle ultime tendenze, con la sezione decisamente internazionale che ospita le gallerie di ricerca con non oltre 5 anni di attività. > www.artefiera.bolognafiere.it

Meno tasse per chi investe in cultura Investire in cultura significa contribuire alla crescita economico-sociale del Paese attraverso un’azione comune di risorse pubbliche e private. Un contributo molto importante è costituito dalle erogazioni liberali effettuate da imprese, persone fisiche e enti non commerciali che decidono di destinare una parte delle proprie risorse all’arte. Le erogazioni liberali sono liberalità a favore del settore pubblico o del privato no profit che possono costituire fiscalmente, a secondo della tipologia del soggetto erogatore oneri deducibili dal reddito (imprese) o oneri detraibili dall’imposta sul reddito (persone fisiche e enti non commerciali). «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela e valorizza il patrimonio storico e artistico della nazione». [Art. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana]. I soggetti che hanno effettuato le donazioni e quelli che ne hanno beneficiato nel 2010, per ottenere i benefici fiscali previsti sono tenuti entro il 31 gennaio 2011 alla comunicazione per via telematica all’Agenzia delle Entrate. > www.beniculturali.it

le pratiche virtuose

A GANGI (PA) CASE GRATIS IN CENTRO IN CAMBIO DELLA RISTRUTTURAZIONE Dopo l’esempio di Salemi (TP), dove l’amministrazione guidata dal sindaco Vittorio Sgarbi ha deciso di vendere alla simbolica cifra di 1 euro 1000 case a VIP e a gente comune in cambio di un impegno formale per la ristrutturazione compatibile con la storia architettonica del luogo, e quello di Carrega Ligure (AL), paese di 98 abitanti suddivisi in ben 13 frazioni, anche il comune di Gangi regala 11 vecchi immobili del centro storico a rischio crollo per farli restaurare a chi ne faccia richiesta con l’impegno a metterne anche altre a disposizione in breve tempo. Entrambi i comuni siciliani sono a rischio spopolamento: il comune della Valle del Belice guidato dal sindaco-critico è passato dai 21.000 abitanti degli anni Venti ai 13.000 degli anni Settanta e ai soli 11.000 attuali, mentre il comune madonita che si trova a oltre 1.000 metri sul livello del mare nel cuore della Sicilia è passato dai quasi 16.000 abitanti degli anni Venti ai 10.000 degli anni Settanta e ai soli 7.000 attuali.

Le case gratis (o quasi) e le ristrutturazione a condizioni vantaggiose di case nei centri storici è anche un tentativo di alcune amministrazioni comunali di bloccare la cementificazione selvaggia. Secondo i dati diffusi dal coordinamento nazionale “Stop al Consumo di Territorio” in Italia ogni anno vengono “consumati” quasi 250 mila ettari e dal 1950 ad oggi, un’area grande quanto tutto il nord Italia è stata seppellita sotto il cemento, aumentando il rischio del dissesto idrogeologico, distruggendo il patrimonio paesaggistico e artistico che rischiano di essere irreversibilmente compromessi in nome di un finto progresso che cancella le peculiarità locali a favore di un’omologazione globale a scapito di tutti nel nome degli interessi di pochi. Giacomo Alessandro Fangano > www.comune.gangi.pa.it

........................................................................................................................................................................

tribeart 05


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

per barclay palazzo costantino

una superficie oleosa e scura, con una forte capacità riflettente, come

Si può considerare come pertinente al lavoro dell’artista, un riferimento

onice nera trasformata in liquido. Sul fluido oleoso si dispone l’immagine

al Movimento artistico dell’Arte Povera, essendo nota la sensibilità di Per

riflessa dell’affresco Il Trionfo di Costantino, realizzato da Giuseppe Ve-

Barclay per gli sviluppi dell’Arte Contemporanea in Italia, nazione che ha

lasco per le sale del palazzo, progettato nel 1785 dall’architetto Venanzio

eletto a luogo di perfezionamento culturale. L’artista norvegese, infatti,

Marvuglia.

si serve di materiali semplici e naturali, come acqua, vino, latte e olio

L’intervento viene minuziosamente fotografato documentando l’installa-

industriale per creare i suoi tipici liquidi spazi interni.

zione che assume un’aura di originalità e irripetibilità, legando il fenome-

Gli scatti realizzati durante l’“allagamento” saranno in mostra fino al 4

no artistico alla cultura del territorio della città di Palermo e forniscono

febbraio 2011 presso la Galleria Francesco Pantaleone Arte Contem-

un sostegno documentario all’installazione, mantenendo un significato

poranea, un appartamento di Palazzo Rammacca che guarda dall’alto

artistico del tutto autonomo.

piazza Garraffello, alla Vucciria, in un frammento dell’antica e nobile città

Il soffitto affrescato si riflette sull’olio combustibile e incorpora nell’im-

di Palermo. Gli scatti esposti raccontano questa installazione temporanea

magine riflessa le increspature e le bolle provocate dal fluido denso e

e si soffermano sull’immagine riflessa dell’affresco che ritrae il Trionfo

pastoso. L’operazione artistica realizzata da Barclay assume valenze

di Costantino raccontando come la scelta di questo palazzo con i suoi

concettuali e simboliche, creando una tensione che si nutre della capaci-

affreschi, per la realizzazione dell’installazione, custodisca un profondo

tà calamitante di un linguaggio artistico contrassegnato da una sfuggente

significato estetico e storico. Il mezzo espressivo veicola i contenuti e il

L’allagamento di una stanza sorprende e riesce a suscitare un sentimento

polisemia di contenuti.

fragore del Trionfo dell’Imperatore Costantino, diventato celebre per aver

di confusa agitazione emotiva, accompagnato da una condizione di an-

La bellezza stravolta del salone di Palazzo Costantino Merendino, con

decretato libertà di culto, nel 313 d.C., a favore dei cristiani, rimane cat-

sia, insieme al desiderio di ricostituire l’ordine violato. Quando a essere

l’effetto disorientante di un ready made che coinvolge lo spazio, comu-

turato, di fronte ai nostri occhi, in uno stagno di olio nero.

allagate sono le stanze di un edificio storico, testimone di un vissuto

nica una sensazione allarmante, determinata dalla situazione di pericolo

intenso di uomini che hanno svolto un ruolo sociale, in grado di comuni-

provocata dal liquido infiammabile.

care spiritualtà, valori culturali e ricchezza, allora, il fenomeno allarmante

L’invasione dell’olio industriale nelle stanze di Palazzo Costantino appa-

dello scorrere invadente di un liquido infiammabile in una stanza destina-

re dissonante rispetto all’ambientazione interna e l’intervento di Barclay,

ta a uso abitativo può assumere un valore artistico.

destando meraviglia e stupore, rimanda alla poetica del Barocco, conge-

L’installazione di Per Barclay (Oslo 1955) artista di fama internazionale,

gnando effimere soluzioni spaziali che potrebbero essere utilizzate per

ha previsto l’utilizzo di olio industriale versato sul pavimento fino a creare

una rappresentazione teatrale.

olio nero invade gli spazi nobili di palazzo costantino merendino mentre per barclay con i suoi scatti racconta l’inquietante fenomeno che ha creato mediante l’installazione di questo combustibile, sistemato in modo da creare una superficie instabile che riflette l’affresco il trionfo di costantino di giuseppe velasco. text Giuseppe Giovanni Blando

BIRMANIA RIFLESSI D’ANIMA l’anima di un paese ricco di etnie, colori, paesaggi e storia raccontata in 50 fotografie da rossella pezzino de geronimo fino al 16 gennaio al palazzo della cultura di catania.

è un viaggio sentimentale la mostra Birmania. Riflessi d’anima della fotografa catanese Rossella Pezzino de Geronimo, organizzata dalla Galleria Dietro le Quinte Arte, curata dal prof. Antonio D’Amico e allestita presso il Palazzo della Cultura di Catania. Cinquanta opere in mostra proposte come un diario aperto per immagini. «Ho voluto scrivere con la luce. Ricreare l’intensa luminosità di quei luoghi col colore» commenta l’artista. E così è stato. Per la serata inaugurale, accolti da un giardino birmano ricostruito con minuzia di dettagli, colmi di stupore ci si prepara al viaggio. L’alternarsi di riflessioni scritte sui muri – parole cariche di emozioni vissute e sentite nel profondo dell’anima –, e ritratti di donne e bambini presi nella intensa semplicità del loro vissuto quotidiano, afferrano visivamente lo spettatore, con sensazioni che affiorano secondo una personale sensibilità, a cui nessuno però può sottrarsi, e che risentono della stessa gioia e dello stesso dramma che la Pezzino desidera comunicare. «Ho visto donne bellissime cariche di sofferenza a causa dei tatuaggi inflitti per tradizione ai loro volti, o dagli anelli d’ottone portati al collo per

In alto, da sinistra a destra Per Barclay, Palazzo Costantino (2010), stampa lambda, cm 183x123 Per Barclay, Palazzo Costantino (2010), stampa lambda, cm 208x133 Per Barclay, Palazzo Costantino (2010), stampa lambda, cm 220x140

allungarlo fuori misura, o dai denti e labbra rovinati dalla masticazione convulsa delle foglie di betel, che poi sputano riempiendo di rosso il loro cammino, o dai capelli rasati delle bambine che assumono un aspetto androgino. Unico vezzo che queste donne si concedono è la crema di bellezza birmana, il thanaka, che ognuna di esse applica secondo la propria personalità». Anche in questo angolo di mondo le tradizioni stanno lasciando il posto alla modernità: nelle donne giovani non si praticano più i tatuaggi al viso e si intravede del make-up occidentale. Il contrasto generazionale è forte e colpisce la nostra attenzione. Eppure esiste da sempre una “utopia femminista”. «La società birmana è da secoli matriarcale», spiega ancora la Pezzino, «qui le donne fanno tutto». Nella tradizione birmana infatti, la donna che si sposa conserva la propria identità, i propri beni e in caso di divorzio mantiene metà delle proprietà acquisite dopo il matrimonio. Questa forte indipendenza femminile spiega anche perché sia una donna, Aung San Suu Kyi Nobel per la pace del 1991, la leader dell’opposizione al regime militare. Non è quindi un caso che in occasione di questa mostra sia anche

stato realizzato il libro fotografico Donne di Birmania, edito da Silvana Editoriale e con testi in italiano, inglese e francese, che raccoglie circa 90 scatti di Rossella Pezzino de Geronimo. La Birmania è dunque un luogo dalle mille contraddizioni, un popolo poverissimo, che svolge la propria giornata praticamente in strada, vive in baracche fatte di bambù, si veste di stoffe multicolori e trova a stento di cosa vivere ma che tramite le fotografie e i racconti dell’artista scopriamo essere abitato da persone incredibilmente gentili e ospitali, sempre sorridenti e generose. L’intento della Pezzino è anche quello di riportare la Birmania all’attenzione dei media. Come una nuova Tina Modotti del sud, la Pezzino s’impegna in prima linea con la sua macchina fotografica. La passione per la fotografia è riaffiorata dopo un periodo in cui la vita l’ha condotta verso altre esperienze, ma oggi ha in mente di allargare il suo progetto verso altre mete da esplorare. Ed è con una domanda che la PEzzino ci fa concludere questo percorso così ricco di fascino e impegno: «la felicità esiste dove esiste la disuguaglianza?». Quanti di voi ritengono che sia davvero così?

text Gabriella Martines

........................................................................................................................................................................

06 tribeart


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA

PRIMA CONNETTIVA

opere, fotografie e documenti d’epoca in mostra al castello ursino di catania ripercorrono l’universo artistico e umano del maestro di livorno. esposto per la prima volta anche un disegno dell’artista che raffigura s. agata, santa patrona della città.

luogo aperto al confronto e agli scambi artistici. pass/o di scicli, per il primo appuntamento “connettiva”, riunisce quattro giovani artisti: un ulteriore passo alla creazione di un’agorà dell’arte contemporanea isolana e non solo.

text Giacomo Alessandro Fangano

L’anno che si è appena concluso è stato caratterizzato da numerose iniziative su Modigliani (Livorno 1884 – Parigi 1920) in occasione dei novant’anni dalla sua morte. La rilevanza anche economica di questo grande artista, al quale si attribuiscono solo 26 sculture e meno di 300 dipinti, si può riassumere brevemente con alcune cifre sbalorditive: nel giugno 2010 ha ottenuto quotazioni record con la Testa di donna battuta da Christie’s per 43 milioni di euro e il dipinto Nu assis sur un divan (La Belle Romaine), ceduto da Sotheby’s lo scorso 3 novembre per quasi 70 milioni di dollari. Con queste premesse è facilmente comprensibile come ogni avvenimento sul’artista livornese diventi un caso, figurarsi i dubbi se in occasione di una mostra al Castello Ursino di Catania, inaugurata l’11 dicembre e aperta al pubblico fino all’11 febbraio, si annuncia la presenza di un disegno praticamente sconosciuto e mai esposto prima su Sant’Agata, patrona della città. Sull’autenticità del disegno si sono espressi in tanti, ma quasi nessuno con i titoli per poterlo fare. Riconosciuto e archiviato nel 1970 come autentico e datato 1919 dalla figlia dell’artista Jeanne, è stato acquistato da un collezionista di origini italiane in una prestigiosa casa d’aste internazionale. Il disegno si trova sul retro di una lettera del 1879 firmata e bollata da un prelato di Noto. Non si sa perché Modigliani avesse per quel foglio e perché lui ebreo abbia disegnato la martire etnea, ma si sa che spesso gli artisti riutilizzavano il retro di lettere e documenti se scritti su carta pregiata e soprattutto si conosco anche altri disegni di Modigliani realizzati nell’ambito di uno studio sull’iconografia dei santi cristiani, molti dei quali oggi irreperibili. Mentre l’artista toscano è “celebrato” in altre 2 mostre in contemporanea – di dipinti a Praga e di ben 8 sculture a Rovereto (TN) – questo episodio ha contribuito ad accendere l’interesse locale e nazionale sulla mostra Ritratti dell’anima organizzata su iniziativa dell’Assessore alla Cultura e ai Grandi Eventi del Comune di Catania, Marella Ferrera, dal Modigliani Institut Archives Légales, Paris-Rome, in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali, il Comune di Catania, la Galleria Side-A del coordinatore delle collezioni Modigliani in Sicilia Giovanni Gibiino. L’esposizione è stata presentata dalla Ferrera come una «mostra didattica che indaga il percorso artistico e umano di Modigliani partendo dalla sua sfera affettiva e dalle ripercussioni sulla sua opera». L’evento e il bel catalogo edito da Domenico Sanfilippo Editore – di 300 pagine con tantissime immagini e testi fra i quali segnaliamo quello scritto da Salvo Russo, artista, docente di pittura all’Accademia di Belle Arti di Catania e consulente a titolo gratuito dell’assessore Ferrera, su una “virtuale” giornata catanese di Modigliani mentre nella città etnea c’erano i fratelli Emanuele e Umberto – sono dunque un’occasione per capire l’artista anche a partire da documenti e fotografie, in parte inediti, che raccontano la sua famiglia, gli amori, la sua religiosità, le malattie, i viaggi, le amicizie, le frequentazioni, le letture e gli incontri. Vedendo questo corpus di documenti viene da pensare che Dedo, come lo chiamavano da bambino, era un predestinato. Nel 1896 profeticamente la madre scrisse nel diario: «I suoi modi sono quelli di un bimbo viziato che non manca d’intelligenza. Vedremo in seguito cosa c’è in questa crisalide. Forse un artista?» e ancora nel 1898 «il primo agosto inizia un corso di disegno, cosa di cui ha un gran

desiderio da lungo tempo. Si vede già pittore. Per quanto mi riguarda, non mi piace troppo incoraggiarlo per timore che trascuri gli studi per correre dietro ad un’ombra». Questo percorso di svelamento si esplicita nell’allestimento della mostra, curato dagli scenografi e dalle maestranze del Teatro Stabile di Catania. Si comincia con l’“abbraccio” di decine di fotografie di tutte le dimensioni sospese intorno al visitatore che si trova come catapultato all’interno di un album di fotografie di famiglia, e poi la galleria di documenti, il diario della madre Eugénie Garsin-Modigliani, le lettere, i disegni, gli schizzi, una sua tavolozza, la piccola bambola di pezza costruita per la figlia, i quadri dei contemporanei Orloff, Chéret, Viegels, Foujita e degli “amici” Picasso, Toulouse-Lautrec e Jacob. E ancora, 3 suoi oli, 1 sua scultura autografa e 4 sculture d’après, 1 scultura africana sullo stile di quelle che lo influenzarono e in bell’evidenza la star della mostra catanese, il ritratto di S. Agata. La scelta di svelare il volto meno conosciuto dell’artista si estrinseca anche nella presenza del bellissimo dipinto Ritratto di Simone Thiroux, (un particolare nella foto in alto) la donna con cui nel 1916 Modigliani ebbe una relazione da cui nacque il figlio Gérald, mai riconosciuto dal padre. Una location impegnativa come il Castello Ursino porta non poche difficoltà per l’allestimento, così è stato deciso di costituire delle quinte e di sospendere le opere con nylon trasparente con giochi di stoffe e drappi rossi, soprattutto per valorizzare i piccoli oli al cospetto di enormi pareti e altissimi soffitti. Troppo poco per una mostra? Saranno i visitatori a dirlo, ma in fondo potrebbero essere delusi i distratti visitatori amanti delle “mostre blockbuster” più attenti al brand che all’arte, quel brand che nel caso di Modigliani è stato recentemente valutato dal Modigliani Institut e da Interbrand in circa 28 milioni di euro. La mostra su Modigliani ci sembra avere il merito di integrare il rischio d’impresa dei privati con un oculato sostegno pubblico – l’impegno economico del comune è di solo 20.000 euro che recupererà facilmente grazie alla percentuale sui biglietti e sui cataloghi venduti – e non va sottovalutata la capacità di coinvolgimento del territorio, degli sponsor, le guide turistiche e, probabilmente per la prima volta, di quasi tutta la stampa locale in qualità di media partner, dalle testate che fanno riferimento all’editore Ciancio alle realtà come il nostro mensile. Insomma un intero sistema si è messo in rete a supporto di questo un evento, come succede in tutte le città con vocazione d’arte ma raramente alle nostre latitudini, scommettendo sull’economie che l’arte e la cultura in generale possono attivare. E allora come sfruttare questo momento di grande visibilità in termini positivi sulla città? Sono già in cantiere mostre su Guttuso e Picasso ma la vera svolta culturale della città sarà la riapertura totale del Castello con l’esposizione al piano terra delle collezioni archeologiche, l’allestimento al secondo piano di prestigiose mostre temporanee e al terzo piano della collezione del museo civico. Le file davanti al Castello durante le festività natalizie ci fanno credere che forse anche a Catania, o soprattutto in questa città che è stata troppo a digiuno di bellezza, come diceva J.P.A Dubuffet «il bisogno di arte è per l’uomo il bisogno assolutamente primordiale, più forse che il bisogno di pane».

text Giovanni Scucces Il termine “Connettiva” è nato proprio dall’assonanza con la parola “collettiva”. è evidente pure il richiamo al verbo connettere, mettere insieme, accorpare una serie di eventi artistici che si svolgeranno presso la Piattaforma Culturale Pass/o di Scicli nei prossimi mesi. Prima Connettiva, in corso fino al 23 gennaio, è il primo appuntamento che vede protagonisti Giovanni Blanco, Còrdova, RUB e Sasha Vinci. Sfruttando lo spazio a disposizione senza particolari vincoli tematici e abbandonandosi quindi completamente al proprio estro creativo, gli artisti hanno presentato dei lavori che possono essere considerati abbastanza slegati tra di loro, anche se il fulcro centrale della mostra sembra basarsi principalmente sul concetto di decadimento, disfacimento e morte. Giovanni Blanco presenta un’opera bicromatica in bianco e nero raffigurante un cane rannicchiato a terra, scomposta in dodici moduli, tanti quante le simboliche lapidi poste a terra e dipinte di nero. A fianco, una dicitura in dialetto con scritto «quannu visti a nivi m’aggrizzaru i carni». Ne viene fuori una situazione che pare sospesa a metà strada fra la vita e la morte. Un’atmosfera lugubre che si rivive in parte anche nelle opere di Còrdova. L’artista milanese instaura un rapporto dialogico tra pittura, scultura e installazione. Il nero è il colore esclusivo delle opere in mostra, il colore del caos, simbolo dell’oscurità, del vuoto, delle tenebre e della distruzione. Le pitture monocrome possono essere definite delle cancellazioni che vogliono superare i vincoli imposti dal linguaggio formale, mirando alla sublimazione della materia. RUB, pseudonimo di Piero Roccasalvo, è solito dar forma, più che al corporeo, a delle presenze, alle pulsioni interiori, alla carne sul punto di morte. In una prima stanza troviamo un olio su carta rappresentante l’immagine di una figura femminile, impalpabile, che sembra svanire nello spazio divenendo una presenza misteriosa. Negli altri quattro lavori, in cui sono riprodotte delle teste, le figure diventano più definite, il contrasto si fa più marcato, ma la gamma dei colori diventa povera. Sono il bianco e il nero a dar forma a un’immagine estremamente sintetica. Infine, Sasha Vinci presenta, nella prima sala, un lavoro modulare in cui grafica, pittura, scultura e scrittura interagiscono tra di loro creando una situazione d’opera. Elemento centrale è l’autoritratto che tende verso una nuova identità, si trasfigura. All’interno della composizione il ritratto della sorella e del suo compagno fungono da guide e testimoni al cammino dell’artista. In basso una citazione di Walt Whitman: «C’è questo in me – io non so che cosa è – ma so che è in me». Il ritratto dell’artista e della sorella si ripresenta anche nell’altra opera in mostra, un dittico, testimonianza del forte legame tra i due, illuminati da due fasci luminosi che ne rivelano il volto. Poi, ancora, delle tecniche miste su carta, facenti parte della serie de L’attesa e de Gli appesi. Quest’ultima prende spunto da alcune celebri opere di Rembrandt, Soutine e Bacon raffiguranti un bue squartato, soggetto sostituito dall’artista con il suo autoritratto, accoppiato talvolta anche a quello della sua compagna. Opere con cui intende denunciare il collasso culturale e intellettuale della società contemporanea. Una mostra che vuole comunque porre l’accento sul confronto e sullo scambio reciproco, sulla creazione di una “rete” del contemporaneo in cui gli artisti sono liberi di esprimersi e connettersi con il pubblico e gli operatori del settore.

........................................................................................................................................................................

tribeart 07


recensioni

........................................................................................................................................................................

gli eventi visti da noi

DUE due è un numero che può rappresentare un sistema, una relazione, una metafora del dialogo, dell’interpretazione di sé e dell’altro. il doppio richiama freud e la scoperta dell’inconscio, ma anche la necessità di instaurare un confronto intimo con l’opera d’arte, quasi un programma per lo spazio cannatella, dopo due anni dall’apertura.

creazione di nuove connessioni culturali. La dimensione di significato

un Io morale capace di armonizzare le diverse voci della propria anima.

del due rimanda al tema del doppio, in relazione al concetto di identità e

Cruciatus di Salvo Lo Nobile descrive l’iconografia di un’estasi mistica

di identificazione delle differenze, con l’inevitabile riferimento anche agli

nel corpo in trasformazione di un uomo che sta cambiando sesso. Il

aspetti della metamorfosi e della conquista di un aspetto ancora scono-

doppio assume in questo caso il significato di rapporto tra il maschile

sciuto della personalità.

e il femminile. Su di un piano estetico, Freud avrebbe definito l’effetto di

Alcune opere esposte delineano il confronto tra coordinate spaziali dif-

questa mostra “perturbante”, perché provoca un sentimento di piacevo-

ferenti, così come avviene in Dualità di Gianluca Paterniti, proponendo

le smarrimento. La bellezza e l’arte possono perturbare quando rivelano

ambientazioni di interni che riprendono in modo immediato l’esistenza,

delle realtà incerte, comunicando una verità che pur appartenendo pro-

come in una sequenza di un film della Nouvelle Vague.

fondamente all’essere umano, riesce ad andare oltre i rassicuranti luoghi

Il riflesso del cielo e della realtà urbana, nell’opera di Antonio Lo Cascio,

comuni.

permette di conoscere la realtà mediante una prospettiva insolita, simu-

Dorian Gray, l’esteta peccatore dell’opera di Oscar Wilde, si tormentava

lando uno sguardo in grado di cogliere la complessità, nella assenza di

alla vista della propria immagine dipinta, il doppio della sua anima, che

un punto di vista unico e certo. Il tema del doppio, in riferimento al siste-

assumeva un aspetto sempre più orrendo, ogni volta che Dorian soddi-

Se il termine Due, per il suo significato numerico indica un sistema di

ma dell’arte, si incarna nella figura di Warhol, di Antonio Palminteri, con

sfaceva il suo ego con terribili cattiverie.

relazione, allora non è possibile trascendere il senso che comporta il

il suo volto reso in modo duplice. Il carismatico ispiratore della Pop Art

Gli artisti che espongono allo Spazio Canatella si sono spinti oltre i confini

rapporto tra due entità in termini di confronto e rapporto, nella direzione

non si è mai risparmiato nel riprodurre in innumerevoli copie le sue opere,

evidenti dell’identità intesa come tratti della personalità di un individuo o

del riconoscimento delle diverse identità. Allo Spazio Cannatella, una

fino a moltiplicare il doppio e far coincidere l’identità con l’identico.

di un oggetto che hanno le sembianze dell’unicità, per riportare dall’oscu-

realtà espositiva di riferimento per i giovani artisti che si formano nei corsi

Da una dimensione spaziale il tema del doppio, che il numero due sug-

rità dell’anima, attraverso le loro visioni, un sapere ineffabile che si na-

dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, è in corso fino al 18 gennaio 2011,

gerisce, si struttura nel lavoro di altri artisti in una dimensione interiore e

sconde nella mente dell’uomo.

la mostra collettiva Due. Il numero a cui fa riferimento il titolo assume delle

psicologica. Freud nel descrivere l’identità umana distingue tre compo-

valenze cronologiche e filosofiche rese mediante il linguaggio visivo utiliz-

nenti: Io, Es e Super Io, analizzando la parte razionale e morale dell’uo-

zato dai 15 artisti selezionati da Tiziana Pantaleo. Il riferimento al tempo

mo accanto alle sue passioni istintive. La dualità nella psiche umana,

trascorso, due anni appunto, dall’apertura dello Spazio Cannatella, con-

nell’ipotesi di una mancata capacità di possedere delle consapevolezze,

sente di riflettere sull’attività espositiva svolta e sul contribuito offerto alla

diventa espressione di una crisi lacerante, quando ristagna l’assenza di

text Giuseppe Giovanni Blando

In alto, da sinistra a destra Gianluca Paterniti, Dualismi (2010), stampa c-print, cm 69x46 Antonio Palminteri, Andys (2010), olio su tela, cm 100x100

........................................................................................................................................................................

08 tribeart


urban

........................................................................................................................................................................

LUOGHI E PERSONAGGI DEL TERRITORIO

PLAYING (la) LOMAX

Pa puntuale indagine suoi suoni (e visioni) popolari di Alan Lomax rivive oggi a Catania in un centro culturale dedicato alla sua figura dove la tradizione si combina con il nuovo. text Vanessa Viscogliosi

È l’estate del 1954 quando il grande etnomusicologo texano Alan Lomax arrivò in Italia per intraprendere un viaggio on the road a caccia di suoni e atmosfere popolari. Dopo gli afroamericani nel Mississippi e i bianchi poveri degli Appalachi negli Stati Uniti, l’instancabile “ricercatore” decise di spostare l’oggetto della sua indagine sugli abitanti dello Stivale convinto che «l’Italia sarebbe stato il laboratorio ideale per mettere alla prova una sua teoria, secondo la quale lo stile della voce cantata codificava alcuni profondi segreti dell’umanità». A bordo di un furgone Volkswagen, Lomax si mosse in compagnia del giovane studioso calabrese Diego Carpitella (all’epoca assistente alla direzione del Centro Nazionale di Studi sulla Musica Popolare di Roma e poi stimato esperto di etnomusicologia italiana) e, soprattutto, del suo fedele registratore Magnecord. Le prime registrazioni partirono da Sciacca, cittadina dell’agrigentino. In sette mesi di lavoro tutta l’Italia – dai pescatori di pescespada di Scilla ai polifonisti liguri di Ceriana – fu musicalmente “catalogata” in duemila incisioni e socialmente ricostruita attraverso acute annotazioni sulla carta e sulla pellicola fotografica. «Ricordo quel giorno quando portai il mio vecchio e malandato registratore Magnecord su una chiatta per la pesca del tonno, quindici miglia al largo del Mediterraneo limpido, blu. Da mesi nemmeno un tonno era caduto nella trappola sottomarina, e i pescatori non erano pagati da quasi un anno. Eppure intonavano a gran voce i loro canti intorno all’argano come se fossero davvero impegnati in una ricca retata». Così Lomax, a tempi di blues, ricostruì la vita nelle tonnare siciliane perdendosi piacevolmente nel chiaroscuro assolato dell’isola, di cui memorizzò novene, canti di fienagione, canti di zolfatari e recite dei pupari. Allo “scopritore” di Leadbelly, Son House e Muddy Waters è dedicata l’Associazione Culturale Alan Lomax, oggi uno dei centri culturali più attivi e valenti di Catania. Dal 2004 la Lomax ha ospitato e prodotto numerose iniziative destinando ai ragazzi del quartiere in cui opera – San Cristoforo/Angeli Custodi – numerose attività, tra cui corsi di musica gratuiti. «Il Progetto Lomax, attualmente, è composto da 7 individui in discreto stato di salute, che hanno deciso di non rinunciare a sperimentare ogni giorno il sottile pia-

whowhere Associazione Culturale Lomax Catania • Via Fornai 44 alanlomaxct.blogspot.com

cere masochistico connesso alla produzione di cultura, spettacolo e formazione. 7 è un numero dalla ricca tradizione immaginifica: i 7 nani, i magnifici 7, i 7 samurai, oppure i 4 dell’oca selvaggia più i 3 magnifici supermen», ci spiegano scherzosamente Emiliano Cinquerrui e Emanuela Castorina. Dalla Scuola Popolare di Musica alle rassegne cinematografiche, dai laboratori teatrali ai concerti, la Lomax batte energicamente i piatti della sua batteria culturale e si erge a vivace contenitore, a instancabile spazio ibrido votato alla sperimentazione, all’incontro e alla collaborazione. Cosa ci riserva il nuovo anno lomaxiano? Concerti di musica elettronica, seminari, rassegne, occasioni di visibilità per gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Catania e naturalmente la stessa sana energia di sempre condita, magari, da un pizzico di blues.

........................................................................................................................................................................

tribeart 09


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , o p inioni e riflessioni sul contem p oraneo

LA DURA LEGGE DEL GOL

#8. Scontato bilancio annuale con voto non richiesto A molti ricordo che il mio ruolo qui più che di scrittore è quello di opinionista, perché oggi fare lo scrittore va sempre più di moda e l’appellativo di artista e scrittore non lo si nega a nessuno, figuratevi a uno come me che di arte ci muore. È fine e inizio anno e come direbbe Costanzo citando Blade Runner «ho visto cose che voi umani...» e ho visto non cambiare la mia passione per i grandi perdenti, quelli dal fascino clandestino che perdono in maniera eccezionale e clamorosa, che perdono in vari modi e in una miriade di storie... ma non posso in un bilancio di fine anno non citare i soliti banali vincitori... di certo non parlerò del mondo dell’arte italiana che vedo pieno di dandy mal riusciti, che sono un po’ come i dandy del Bacongo, hanno vestiti sgargianti mentre tutto intorno a loro è devastato. Ma torniamo al bilancio o meglio ai voti, si perché nel mio malcelato tentativo di fare il professorino ahimè… mai raccomandato, mi porto dietro questa voglia di dare un po’ i voti a tutti, e quindi anche al 2010 che a dargli del disastroso gli si fa un complimento.

LA PAGELLA 2010 voto 2,5 • Mi consolo e vi consolo con un: “ne ho visti di peggio”. Nazionale di calcio voto 0,5 • Di incoraggiamento. L’epopea Lippi si è conclusa con il più grosso disastro della storia della nazionale, in compenso ci ha fatto vincere un mondiale immeritato e si è tolto dagli zebedei. Silvio Berlusconi n.c. • Non ha fatto letteralmente nulla o quasi, tranne cercare di pararsi un po’ il culetto. Il suo governo resterà famoso per Ruby e si è sparato via una maggioranza altissima a suon di pseudo avventurette notturne e battutacce grossolane. Tramonto del berlusconismo? Si dice sempre così poi però puntualmente sbanca elezioni e avversari, aspettando un premier vero… Gianfranco Fini voto 4,5 • Spacca governo e opposizioni, finisce per tirare in mezzo la buonanima dei futuristi- La Tulliani e Barbareschi saranno contenti… lui lingua biforcuta ancora no. Nichi Vendola voto 7 • Un po’ come Casini può fare il bello e il cattivo tempo, le tv e i giornali parlano di lui. Alle prossime elezioni avrà un’occasione importante, ma

vignetta

l’appellativo di Berlusconi di sinistra è un po’ inquietante.

f a b iol a nicoletti

Pierluigi Bersani n.c. • Uno stile da Festa de l’Unità applicato al puro nulla. Inconsistente. Lega Nord voto 6 • La Lega le spara grosse da anni, poi però ha amministratori locali di livello e sul Federalismo mette tutti d’accordo. Il mistero si infittisce. Antonio Di Pietro voto 5,5 • Dice male delle buone cose, poi non scappa dalla sua sindrome fascistoide. è uno dei suoi a salvare il governo, berlusconite acuta? La cronaca nera in tv voto 2,5 • Ha rotto le palle e nonostante faccia ascolti in picchiata i plastici aumentano, parlatene a Vespa! Inter voto 8 • Mourinho ha plasmato una squadra imbattibile, ora Moratti sta pensando bene di renderla battibile. Masochista.

QUI FUORI. IBRIDAZIONI ESTETICHE

#20. Le “ripetizioni maligne”dell’arte contemporanea. Peter Sloterdijk II

Antonio Cassano voto 0,5 • Se pensa di venire al Milan a fare il ragazzo di strada bad boy è meglio che smetta. Per il resto salamelecchi al campione, idem per Balotelli. Politica siciliana n.c. • La Regione è un disastro, rimpastoni ovunque, intanto manca tutto, strade e piazze, lavoro e cultura. Dominano il clientelismo e l’immondizia. La vogliamo fare finita? Mi aspetto un Lombardo VI. Fazio e Saviano voto 5 • Saviano ha dilapidato quanto di buono aveva ai miei occhi. Fazio? Un prete fazioso per l’appunto. Hanno fatto un programma per lobotomizzati. Risultato? Ascolti alle stelle! Lady Gaga n.c. • La cerco con una mazza da golf, idem per Morgan. X-Factor voto 7 • La vera opposizione in TV la facevano Elio e Nevruz, altro che Fazio e Saviano. Elio a Sanremo! Studenti in piazza voto 6 • Di incoraggiamento, e pur si muove. Questo sei è risicato visto che non mi stanno simpatici, ma più che per questa riforma, dovrebbero cominciare a spaccare tutto per qualcosa di più serio, dopo che tornano dalla settimana “bianca” ovviamente. Speranza! Julian Assange voto 0 • Quello che si dice un pupazzo mediatico, gossip noioso, e nulla di rivoluzionario. è più pericoloso per il potere Roberto D’Agostino. Barack Obama n.c. • La sua popolarità in USA è a picco. Doveva essere l’arma ecologica contro la crisi, si è rivelato un piccolo Bush nero. Italia voto 4,5 • Ci stiamo inabissando, ma saremo in compagnia di Irlanda, Grecia, Portogallo e Spagna. Ci salvi chi può! Mazembe voto 9,5 • Cosa è il Mazembe? è la squadra congolese che ha giocato la finale del Campionato mondiale per Club con l’Inter. è stata la prima squadra non europea e non sudamericana a giocarsi questa coppa. Ha perso 3 - 0 ma ha fatto saltare per aria i contratti pubblicitari e televisivi della perfida FIFA, che si è inventata un torneo inutile, per fare più soldi.

In conclusione del suo volume (Devi cambiare la tua vita, Cortina, Milano 2010) Sloterdijk reperisce anche il secondo momento dell’estetica che coincide con la fine della dimensione ascetica dell’arte come “esercizio”. L’opera d’arte contemporanea espone una ripetizione maligna di forme. Questa esposizione supera la produzione artistica. Vengono dismessi gli esercizi ascetici dell’estetica e lo spettatore non può trascendersi nell’opera, né cercare un auto-superamento in essa. Gli stessi artisti non si esercitano all’ascesi, viceversa si intestano l’opera nell’esposizione che la produce e la invera: esistere artisticamente come Opera significa ora essere mostrato, stare esposto. Dell’esposizione estatica di Rilke non è rimasto nulla. Nessuno potrebbe superarsi attraverso l’impasto di coaguli iterativi, di “mutili” volontari in un sistema auto-riferito la cui stella polare è la mostra. L’arte contemporanea è la casa dell’immanenza radicale dell’opera nel “sistema dell’arte”. D’altra parte, l’artista si erge come Opera da rimirare a dispetto dell’arte che produce, avocando a sé un sistema conchiuso che non ammette repliche differenti dalla propria obliterazione egotica, l’esatto rovescio della dimensione “ascetica” dell’arte: «Nel frattem-

po, il sistema artistico ha conquistato, senza la minima contestazione, il posto migliore sotto il sole del selfishness. Proprio mentre Martin Heidegger, negli anni trenta, discettava sul fatto che l’opera d’arte istituiva un mondo, stava iniziando il tracollo dell’arte a pura autoreferenzialità: in realtà, l’opera d’arte nel selfish system dell’arte postmodernizzata non ha intenzione di istituire un mondo. Essa, piuttosto, rappresenta qualcosa che non rimanda a un mondo: quel qualcosa è il suo stesso essere esposta». (Ripetizioni maligne III: il sistema autoreferenziale dell’arte moderna in P. Sloterdijk, Devi cambiare la tua vita, cit., p. 534). In questa cornice autoespositiva ed iterativa, l’arte assurge al ruolo di sistema operativo superando persino il sistema economico. L’esercizio ascetico si è mutato da mondo che si espone al proprio superamento a oikonomia senza mondo: «Nel frattempo, il sistema artistico ha superato addirittura il sistema economico […]. Esso è riuscito a fare ciò che il sistema economico […], può solo sognarsi: ha sacralizzato il proprio selfishness e lo ha issato davanti a sé come insegna della propria elezione». (Ivi., p.535). CHIARA TINNIRELLO

Buon anno.

Vincenzo Profeta / Laboratorio Saccardi

........................................................................................................................................................................

10 tribeart


spazi aperti

........................................................................................................................................................................

estetic h e , o p inioni e riflessioni sul contem p oraneo

1.8 Non esistono più confini, non esistono più certezze. Non è sicuramente un problema nuovo: è il nostro tempo col quale comunque e in alcun modo non possiamo rifiutarci di fare i conti. Ma rassegnarsi all’idea che l’unica salvezza per sopravvivere sia diventata l’astuzia, la furbizia, il giocare d’anticipo prevedendo le mosse dell’avversario per batterlo non è accettabile per un errante del duemila. Io penso che gli antichi che – nell’immaginario di molti – sembrano tutti saggi, onesti e rispettosi delle leggi abbiano dovuto affrontare la loro contemporaneità non facile né classicamente (!) perfetta. Ma coltivavano l’educazione e la formazione dei giovani. I doni che Paideia – apparendogli in sogno – presenta a Luciano1 consistono innanzitutto nel mostrargli le opere e le azioni meravigliose degli uomini antichi e nel riferire le loro parole per renderlo esperto di tutto e soprattutto per abbellire il suo animo di “molti e eccellenti ornamenti”: temperanza, giustizia, rispetto, mitezza, clemenza, intelligenza, forza, amore del bello, tensione verso il sublime. “Queste virtù sono il puro ornamento dell’animo, quello vero. Non ti sfuggirà qualcosa che sia antico o qualcosa che debba accadere ora, ma insieme a me vedrai in anticipo il futuro e, in una parola, senza aspettare a lungo ti insegnerò tutte le cose quante esistono e le cose degli dei e le cose degli uomini2”. La paideia era il modello educativo dell’Atene classica e prevedeva che l’istruzione dei giovani si articolasse secondo due rami paralleli: la paideia fisica comprendeva la cura del corpo e il suo rafforzamento mentre la paideia psichica era volta a garantire una socializzazione armonica dell’individuo nella polis. Nel breve e forse autobiografico racconto di Luciano che non è – a mio parere – soltanto apologia e legittimazione sociale della letteratura rispetto ad altre attività più o meno banausiche è contenuto proprio un tipo di insegnamento morale ed edificante che è incitamento a tutti coloro che intendano seguire la propria strada per quanto ardua essa possa essere o apparire. Io penso che ancora oggi si possa (si debba, in verità) di nuovo insegnare ai giovani una fiducia nelle loro capacità che li faccia riappropriare dei loro sogni e delle aspirazioni che sono stati sempre frutto di conquista e di fatica personale svelando loro il segreto di interiorizzare quei valori universali che costituivano e costituiscono ancora l’ethos di un popolo. E questa si sarebbe una vera lega! Certo non si tratta di affrontare la filosofia come lavoro a tempo pieno: se Petrarca lamentava qual vaghezza di lauro, qual di mirto?/Povera et nuda vai philosophia,/dice la turba al vil guadagno intesa non penso che il problema di oggi sia la mancanza di grandi pensatori. Si è forse però creata una sorta di scollamento tra cultura e vita. Compartimenti stagni: la vita non viene nutrita di cultura e la cultura non riesce ad impregnare la vita. Mi chiedo se fosse sufficiente modificare l’obiettivo di fondo ampliando la visuale per ridare spazio e respiro al confronto delle opinioni, tentando di rimuovere quei vincoli, quelle abitudini irriflesse che costringono lo sguardo su prospettive anguste (la difesa corporativa dello status quo, il tecnicismo fine a se stesso, l’individuazione dell’avversario di turno) che possono diventare comodi e sterili alibi risucchiando la fiducia nel futuro ed espropriando terreno a speranze e sogni.

MI FACCIO UNA DOMANDA MI DO UNA RISPOSTA #9. E come errando allargare lo sguardo

Anche gli antichi erano furbi ma usavano il termine phronesis. Se è vero come è vero che mater artium necessitas (e i latini la sapevano lunga) facendo di necessità virtù mi piacerebbe provare a ri/nominare phonesis la furbizia del nostro tempo attribuendole un nuovo-antico senso di virtù pratica del pensiero morale. È un termine pregnante che rimanda alla saggezza greca la quale a sua volta ha qualcosa della saggezza Zen che si tramandava – anch’essa – attraverso conversazioni tra un maestro e il suo discepolo e puntava l’attenzione sull’importanza delle piccole conquiste quotidiane: “Noi, piccoli e grandi uomini disturbati, preoccupati di grandi cose, in continua ricerca di risposte e soluzioni nuove, perdiamo l’orientamento ed è inutile dire che la nostra esistenza non diviene né ricca né nobile accaparrandoci tutto quanto possiamo attorno a noi, di ordine materiale ma anche spirituale (…). Lo Zen è la religione prima della religione, è il pensiero prima del pensiero, pensiero incosciente, creativo, pensiero che sgorga dalla profondità dell’essere, ben lontano da falsi scopi e ambizioni (... ) È nella pratica vissuta e quotidiana che si realizza veramente il Dharma, il vero spirito dei Maestri. Se vi accontentate di una comprensione intellettuale o superficiale, il vostro studio sarà ben poco efficace. Ma se comprenderete attraverso la pratica regolare e fedele delle minime azioni di ogni giorno, comprenderete attraverso tutto il vostro corpo e tutto il vostro spirito, e potrete progredire naturalmente.”3 La pratica è dunque insostituibile non solo nella via dello Zen ma anche nella vita laica o religiosa – autenticamente vissuta – di tutti i giorni. Non è quindi indispensabile che tutti si occupino di σοφία4 ma sarebbe auspicabile che chi ne ha il titolo insegni la φρόνησις, la capacità cioè di considerare il modo concreto di azione per attuare cambiamenti costruttivi sul personale stile di vita e attuare – poco a poco – i propri desideri. Ecco: la fantasia non è riuscita né ad andare al potere né a distruggerlo: nell’attesa che una risata ci seppellisca forse la saggezza greca potrebbe salvarci? O una filastrocca? “Il futuro, credetemi / è un gran simpaticone, regala sogni facili / a tutte le persone/…. /Sogni, promesse vo-

lano/ Ma poi cosa accadrà? Che ognuno avrà il futuro/ che si conquisterà”.5 Forse dovremmo imparare ad allenare nuovamente la capacità di affrontare le difficoltà del nostro percorso di volta in volta, a seconda di come esse si presentano e con i mezzi utilizzabili al momento. Ma senza delegare affidando ad altri l’esercizio di un potere o la soluzione di un problema. Riesco a malapena ipotizzare di quanta sophia e di quanta phronesis ci sarebbe bisogno nel nostro tempo nel quale abbondano i capricci della volontà umana e anche se la scienza non manca di certo non mi sembra luogo né indipendente né imbattibile del sapere assoluto. Sembra di rivivere il tempo di relativismo assoluto (la conoscenza è sensazione) di Protagora: “tutto é vero nel senso che ciò che appare a ciascuno é vero per lui: il sano percepisce dolce il miele e quindi per lui é dolce, il malato invece lo percepisce amaro e quindi per lui é amaro. Le cose sono come mi sembrano, l’uomo è misura di ogni cosa”. Giusto per i sofisti e per alcuni uomini di oggi. Mi chiedo se ci sia oggi ancora un luogo dove poter incontrare il vero? e se esista ancora un qualcosa di fermo, sicuro, stabile, certo? Se di fronte alla sofferenza del mondo il filosofo dell’empietà può tentare di confortare con l’eloquenza (io ho solo parole, dice egli con tristezza e orgoglio) e la religione può consolare con la fede nella sofferenza paradossale ma salvifica di Dio la cultura che non è sempre e solo estrinsecazione di un pensiero in una forma ma anche ricerca interiore in un confronto orizzontale con l’esistenza e in un confronto verticale con l’Infinito potrebbe proporsi – come paideia – in uno spaziotempo nel quale possano ri/ vitalizzarsi cultura e vita. Sapientemente. Giuseppina Radice 1 Luciano di Samosata, Dialoghi, a cura di Vincenzo Longo. Torino, UTET, 1976-1993, 3 volumi (testo greco a fronte) 2 ivi 3 R.K. Pinciara, M. Uggè (a cura di) Gemme di saggezza Zen, Hoepli 4 Σοφία per Aristotele riguardava i pensieri universali ed era intesa da lui nel senso di abilità di pensare positivamente sulla natura del mondo e discernere il suo funzionamento 5 Il futuro, Gianni Rodari

...............................................................................................................

EXPLORING THE BOOK * Il libro d’artista: abecedario e contributi scientifici #8. FLUXUS BOOK

L a M onte Y oung , J ackson M ac L o w An Antolo g y N e w Y ork , 1 9 6 3

«Il 10 % di musica, il 25 % di architettura, il 12% di disegno, il 18% dell’attività artigiana del calzolaio, il 5% di fiuto; manca il 30% che viene lasciato alla creatività individuale dell’artista»1. Lasciando da parte la divertente formula di Dick Higgins, il più teorico fautore del concetto di intermedialità al tempo di Fluxus (quando cinema, video, televisione, fotografia, registrazione audio, agiti quali nuovi spazi d’investigazione artistica, lo inducono a coniare il termine intermedia), la questione Fluxus Book verte sull’immagine, e specialmente sul linguaggio che per il movimento americano diviene strumento strategico su cui investire. Le prime sperimentazioni consapevoli sul supporto libro condotte con visione alternativa su quel “supporto-luogo” per il quale sarebbe nata la denominazione di “libro d’artista” risalgono agli anni ‘60. Massima incidenza su tale nuova visione pare abbiano avuto proprio le operazioni intermediali degli artisti Fluxus. Lo sostiene il critico Kate Linker2. L’esperto Marc Goethals fa notare invece3 come Fluxus abbia posto letteralmente le basi di un linguaggio, preparando un terreno poi praticato e ulteriormente indagato dagli artisti concettuali. Per gli artisti

Fluxus il libro diviene l’opportunità di uno spazio aperto soprattutto nel senso di pubblico. È ancora Higgins a scrivere «In una situazione in cui il libro e l’industria mediatica bloccavano l’accesso imponendo rifiuti, la sola alternativa per gli artisti era di pubblicare i propri lavori autonomamente»4. Da quel momento le peculiarità visive e le funzioni usuali del libro saranno compromesse a favore di una nuova, possibile identità, sempre meno ibrida e sempre più connotabile come prodotto artistico e non più come prodotto con funzione veicolante il prodotto artistico (ovvero catalogo, rivista, documento, libro d’arte, ecc.)5. Il libro, allora, in quanto supporto-luogo di immagini, testi, segni e materiali diversi, del tutto versatile nel formato e nel contenuto, risulta essere il prodotto intermedia ottimale. Per di più la sua riproducibilità facile ed economica lo rende strumento atto a rendere nel migliore dei modi il progetto di una diffusione democratica della cultura. Ribaltato il ruolo ufficiale e la natura elitaria, il libro Fluxus vive in pieno la sua condizione clandestina sottraendosi alle modalità canoniche – non soltanto del suo concepimento, realizzazione, distribuzione e proposizione – svicolando sul piano commerciale, e assurgendo al ruolo di strumento di lotta per incidere, per la sua parte, sulla dicotomia vita/arte. Naturalmente l’artista avrà guadagnato la piena autonomia nella produzione delle proprie opere, divenendo editore di se stesso, facendo ricorso anche a nuovi processi di stampa, spesso a basso costo per una più ampia distribuzione (ciclostile, xerocopia, off set) e incrementando l’interessante fenomeno della esoeditoria. ANNA GUILLOT

Dick Higgins, cit. in Studio International, Vol 195, Londra, 1980. Kate Linker, in Studio International, Vol 195, Londr, 1980. Marc Goethals, in “Twentysix Gasoline Stations e altri libri d’artista”, Museo regionale, Messina, 2010. 4 Dick Higgins, cit. in Studio International, Vol 195, Londra, 1980. 5 Certa critica riconosce alcuni libri futuristi come libri d’artista. 1 2 3

........................................................................................................................................................................

tribeart 11


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A design grafica libri cinema musica idee & curisiosit à

a R c h itettura

Fornace Hoffmann e Museo Tecnologico di Caltagirone luogo storico della fabbricazione dei laterizi e del patrimonio culturale della città, recuperato nel 2008 come galleria ma in battuta d’arresto dallo scorso ottobre. riaprirà presto? text Lucia Russo

Gli Stazzunari erano gli addetti alla lavorazione dei laterizi in Sicilia. Custodire e ricordare l’antico mestiere insieme alla storia di Caltagirone, allo sviluppo dell’arte ceramica, all’evoluzione industriale in rapporto ai secoli e alle dominazioni che nell’isola si sono avvicendate sono le finalità del Museo Tecnologico della Manifattura dei Laterizi, creato nel 2009 dal recupero e restauro di un edificio di archeologia industriale del XX secolo, esempio di quell’architet-

tura della fornace industriale brevettata nel 1858 da

sti anche i tunnel di cottura dei laterizi che ti-

Friedrich Hoffman. Si trova all’ingresso nord di Cal-

picamente

tagirone, nell’ex area industriale Conadomini, vicino

traverso

al centro storico della città e ad una cava d’argilla.

ascensore dà accesso a due diversi punti panoramici

si la

allungano successione

parallelamente di

una

serie

tra

loro

at-

di

archi.

Un

Dismessa nel 1984, dopo un trentennio di abbandono,

dell’intera area museale e del paesaggio circostante.

l’ex fabbrica è stata finalmente recuperata e restaurata

La luce e la dialettica tra esterno ed interno, sono

(nella sua prima fase funzionale) dal 2005 al 2008.

elementi qualificanti della progettazione.

Il progetto, messo a punto dall’architetto Francesco

Filtrando dalle alte finestre, la prima esalta il volu-

Sagone e dall’ingegnere strutturista Giovanni Alparone,

me e invita il visitatore ad entrare nelle due gallerie

è stato menzionato nella Sezione “Opera d’architettu-

della fornace che di sera si illuminano attraverso una

ra” del Premio Quadranti d’Architettura 2009’ promosso

luce diffusa, a pioggia, posta dentro i fori della volta

dal Comune di Pedara (CT), per «l’opera di recupero che

dove un tempo s’introduceva il combustibile. L’attento

– dice testualmente la motivazione addotta – oltre a

studio illuminotecnico riguarda in particolare la For-

valere in se per sé, indica una strada per la trasforma-

nace Hoffmann per dare il giusto valore artistico agli

zione di numerosi manufatti esistenti nel territorio».

oggetti da esporre e ad essa stessa.

Mantenuti i materiali e l’impianto originario della for-

Dal 15 novembre 2009 al 30 settembre 2010, la gestione

nace, dell’essiccatoio e della grande trafilatrice, un

del Museo Tecnologico della Manifattura dei Laterizi

nuovo corpo edilizio è stato costruito (realizzando de-

è stata affidata dal comune all’Associazione Impronte

gli spazi destinati alle attività museali e non) in so-

Vegetali che nell’ambito del progetto Fabbrica Creativa

stituzione dei grandi capannoni in cemento armato.

vi ha organizzato numerosi eventi culturali per appas-

Sempre sviluppato sul piano orizzontale come nei ca-

sionati di arte, architettura e paesaggio.

noni della tipologia, è stato pensato a guisa di un

L’utilizzo della ex fornace in quanto galleria è al mo-

grande contenitore bianco in cemento armato con ampie

mento sospesa, in attesa di un nuovo progetto gestionale

superfici vetrate che si aprono all’esterno. Un volu-

e di nuovi lavori per il completamento della struttura

me emergente di forma scatolare segna l’innesto tra

che non lasci questo rilevante recupero, voluto per raf-

il nuovo edificio e la vecchia fornace, mentre l’in-

forzare il circuito museale della provincia di Catania e

gresso

visitatore.

dell’area del calatino, alla sola funzione di porta nord

dell’impian-

della città. Attualmente, l’area circostante il museo è

to industriale e della lavorazione dei manufatti nel-

stata adibita eccezionalmente a parcheggio dei pullman

la storia della costruzione della città sono prepo-

turistici delle tradizionali mete natalizie calatine.

Alle

al

Museo

mostre

invita

temporanee

e

indirizza

il

o

fotografiche

HAITI

© UNICEF/NYHW2010-2626/Roger LeMoyne

A UN ANNO DAL TERREMOTO L’EMERGENZA CONTINUA Per ulteriori informazioni su questa e altre iniziative dell’UNICEF, per la provincia di Catania: • Sede - Punto d’incontro di Catania Comitato Provinciale di Catania per l’UNICEF - Via Montesano, 15 tel. 095.320445 orari: 9 - 13 / 16 - 20; chiuso la domenica e-mail: comitato.catania@unicef.it Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione

• Punto d’incontro di Acireale (CT) c/o Cooperativa Sociale “Promozione” - Via L. Ariosto, 12 tel. 095.7635435 orari: 16 - 20; chiuso sabato e domenica

uniti per i bambini ........................................................................................................................................................................

12 tribeart


ricreazione

........................................................................................................................................................................

A R C H I T E T T U R A design grafica libri cinema musica idee & curiosit à

IDEE & CURIOSITà

TOYS D’AUTORE

Design giapponese, illustrazione pop e street culture. Una miscela esplosiva che ha travolto e fatto capitolare milioni di adulti. Perchè i giocattoli non sono per i bambini... text Vanessa Viscogliosi

Le proposte sfornate dai creativi di tutto il mondo sono infinite, così come il ricco merchandising che quasi sempre accompagna i personaggi più popolari. è il caso delle

ECODESIGN

Momiji, nate in Inghilterra nel 2005, una contemporanea

C ome ti riciclo L A P L A S T I C A

si realizzate in legno dipinto a mano. Le varianti britanniche,

versione delle Kokeshi, le tradizionali bamboline giappone-

> www.flickr.com/people/oliviergoka

vestite con kimono dalle tinte brillanti e psichedeliche, sono

La prima regola del Recycle club? Riciclare tutto, naturalmente. Sotto que-

al mondo delle harajuku girls. Il lancio dei dodici esemplari

sto pseudonimo si nasconde Goka Olivier, designer belga che da anni re-

della prima collezione, con annessi gadget, ha avuto ampio

cupera materiali di scarto per costruire i suoi piccoli e colorati personaggi.

successo tra le teenagers d’Oltremanica tanto da offuscare

prodotte in resina e si caratterizzano per un look più vicino

Scova, progetta e assembla. Il suo lavoro procede per gradi: prima si lancia

le vendite di sua eccellezza Hello Kitty. La fama mondia-

nella ricerca dei “pezzi“ – la caccia inizia dai mercatini delle pulci, e spesso

le del gattino rosa, patrimonio a più zeri della giapponese

finisce nelle case di amici e parenti –, poi una volta stanato il bottino (di plastica) lo raccorda a colpi d’immaginazione. Il risultato è davvero ammi-

Sulle pareti degli stores di Atom Plastic campeggia a caratteri cu-

revole. Con i pochi elementi trovati, senza interventi sulla forma e sul co-

bitali la perentoria scritta «Toys are not for kids». Meta di pellegri-

lore, Olivier riesce a creare un divertente bestiario visivo in cui si alternano

naggio per Peter Pan incalliti e non solo, Atom Plastic è il primo

conigli, orsetti, pulcini, pipistrelli e pupazzi di neve oppure buffi e grotteschi omini, come Monsieur Chlorophylle o Dj Poussin. Al fotografo Bernard Babette il compito di immortalare la seconda vita di quella che poco prima era solo spazzatura. Su Flickr da non perdere, oltre alle gallerie sulle creazioni, le immagini del making off dei set fotografici appositamente costruiti. Vanessa Viscogliosi

..............................................

progetto italiano dedicato al fenomeno artistico e commerciale degli «art toys», giocattoli creati da artisti e designer, piccole e irresistibili opere d’arte che da oltre 10 anni sono divenute oggetto di uno sfrenato e irresistibile collezionismo. Prodotti in tiratura limitata e realizzati con materiali diversi – dal vinile alla plastica, dal feltro alla carta –, questi speciali balocchi soddisfano davvero ogni palato, perfino quello più ingessato e ricercato. Ma dove nasce questo fenomeno? Quello che viene definito Designer Toy Movement muove i primi passi a Hong Kong sul finire degli anni Novanta per poi svilupparsi velocemente nel resto del mondo. è il 1997 quando il designer Michael Lau crea Kid Hunter, un marinaretto in vinile che pubblicizza

Sanrio, non ha tuttavia subito battute d’arresto. A Taiwan all’immagine e ai colori del mitico micio è stato addirittura dedicato nel 2006 lo Hau Sheng, il primo ospedale pediatrico interamente brandizzato dal colosso (dalle lenzuola ai certificati di nascita), costato ben 3 milioni di euro. Una cifra da capogiro, una delle tante, che rende bene l’idea di quanto sia importante il mercato che ruota intorno a questo colorato universo. Un business in salita che lascia comunque spazio a operazioni più “misurate” come quella dei Custom Paper Toys, i pupazzi di carta da ritagliare, piegare e costruire del designer americano Matt Hawkins. Nel 2009 il template di Build-O-Bama, scaricabile gratuitamente dal suo blog, ha fatto il giro del mondo. Lo stesso accadrà al Paper Pop!, il simpatico Andy Warhol di carta?

un marchio di moda giapponese. Da allora altri grandi e importanti brand hanno sfruttato la loro resa comunicativa: hanno riscosso molto successo gli spot televisivi con i C’mons, gli sfrontati pupazzi dell’artista tedesco Boris Hoppek, protagonisti di divertenti e spavaldi “abbordaggi” alla guida di un’Opel Corsa. Difficile resistere alla Toyz mania: oggi vengono anche disegnati e prodotti da celebri artisti, dai giapponesi del movimento Superflat, come Takashi Murakami e Yoshitomo Nara, agli americani del Pop Surrealism,Gary Baseman, Tim Biskup o Camille Rose Garcia, solo per citarne alcuni.

> > > > >

www.atomplastic.com www.borishoppek.de www.lovemomiji.com www.sanrio.com www.www.custompapertoys.com

TRIBETUBE CHLOE FLEURY. I LOVE STOP MOTION > vimeo.com/9173975

dall ’8 al

Chloe Fleury è una giovane designer francese che vive e lavora a San Fran-

FRANCESCO TROVATO

cisco. Ama creare piccoli mondi che poi anima attraverso la stop-motion, una tecnica antica di animazione utilizzata dapprima nel cinema e oggi ripresa con grande entusiasmo da artisti e creativi in genere. Il video I love Stop Motion, divertente e istruttivo, ne ricostruisce sinteticamente la storia.

28

gennaio

2011

L’ALTROVE / opere 1984-2010

Città di Catania Assessorato alla Cultura e Grandi Eventi

Si deve all’animatore Émile Cohl la sua diffusione in America: Cohl, francese come il resto della trinità del grande schermo (francesi erano i padri del cinema, i fratelli Lumière, e francese era il nonno del fantasy, Georges Méliès), realizzò nel 1908 il primo cartoon. Parliamo di Fantasmagorie, in cui oltre a Fantoche, il panciuto protagonista del cartone, fa capolino per la prima volta nella storia il sistema del “passo uno”, ovvero la stop-motion. Trentasei metri di pellicola e settecento disegni furono utilizzati per realizzare due minuti di animazione veloce e surreale, un’autentica fantasmagoria che aprì nuove frontiere nella settima arte e non solo.

Inaugurazione sabato 8 gennaio ore 18.30 Presentazione a cura di Enrico Crispolti, Giuseppe Frazzetto, Giuseppe Bacci, Innocenzo Grimaldi

• L’ALTROVE • le tappe del progetto 1# Museo Stauros 2# Galleria Il Saggiatore 3# Palazzo della Cultura

PALAZZO DELLA CULTURA Catania | Via V. Emanuele 121 - Via Museo Biscari 12 | +39 3471748745 Lunedì-Sabato 9-13/15.30-19.30; Domenica 9-13 | Ingresso libero www.trovatofrancesco.it | trovatoartestudio@libero.it

Vanessa Viscogliosi

........................................................................................................................................................................

tribeart 13


segnalazioni

........................................................................................................................................................................

MOSTRE IN PILLOLE

LABORATORIO SACCARDI SI K A N I A R I SI N G P R O J ECT

....................................................................................................................................................................................................................

GRANDI MOSTRE

....................................................................................................................................................................................................................

da G enova ad A grigento “ G uccione. I l M editerraneo ” A lle F abbric h e Ch iaramontane, l’antologica per i 7 5 anni del maestro firmata da Marco G oldin Dal Palazzo Ducale di Genova alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento. Le “linee sul mare” di Piero Guccione approdano nella città dei templi con la mostra Guccione. Il Mediterraneo (22 gennaio – 13 marzo). Trenta opere dal 1973 al 2010, selezionate da Marco Goldin, per raccontare la poesia del mare del maestro siciliano, massimo esponente di una ritrovata arte italiana nel mondo. Proprio a Guccione, infatti, in occasione dei suoi 75 anni, Genova ha dedicato una delle declinazioni di “Mediterraneo”, tema che a Palazzo Ducale, fino a maggio, propone anche Da Monet a Courbet a Matisse. La mostra di Guccione alle FAM di Agrigento, curata dal regista delle grandi esposizioni internazionali sull’Impressionismo - è prodotta dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana guidato da Sebastiano Missineo e dagli Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento in collaborazione con Antonio Sarnari. Il progetto è patrocinato dalla Presidenza del Senato della Re-

pubblica Italiana, dalla Provincia Regionale e dal Comune di Agrigento. Media partner in Sicilia Key 75. Ad Agrigento alcuni tra i più poetici capolavori che l’artista, originario di Scicli, nel ragusano, abbia dedicato al mare. «Un’instancabile ricerca pittorica – spiega Goldin – iniziata quando è tornato da Roma a vivere in Sicilia. Qui, immerso nel paesaggio dell’isola, ha raccontato i luoghi ritrovati dell’infanzia, avviando un dialogo tra sguardo e ricordo che avrebbe originato una lunga e ininterrotta indagine pittorica fatta di variazioni, soste, approfondimenti. Ed è proprio dagli anni ottanta – anni dai quali prende le mosse questa mostra – che la ricerca di Guccione si viene caratterizzando sempre più per la sensibile rarefazione dell’immagine, in una progressiva tensione simbolica: quasi che il mare si facesse sempre più luogo capace di fondere in sé l’apparenza visibile delle cose con la loro infinita risonanza interiore».

Un progetto che si snoda in un percorso con tre differenti interventi in tre diversi spazi della Sicilia (Oratorio di San Lorenzo, Museo della Mafia e Temporary Museum) e con opere legate al territorio, che rendono Sikania rising project un progetto specifico ed unitario. La Fondazione Sambuca grazie alla collaborazione con l’Associazione Amici dei Musei Siciliani, da un’idea di Paolo Falcone e Bernardo Tortorici di Raffadali, ha organizzato per le celebrazioni per il quattrocentennale della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, l’ultimo degli appuntamenti celebrativi con il Laboratorio Saccardi. Il collettivo siciliano ispirandosi alla Natività, l’opera del Caravaggio trafugata da ignoti la notte tra il 17 e il 18 ottobre del 1969 e mai rinvenuta, hanno realizzato per l’occasione una nuova Natività con i Santi Lorenzo e Francesco. L’opera dipinta sul telaio originale dell’opera trafugata è stata presentata nella sagrestia dell’Oratorio di San Lorenzo la scorsa Vigilia di Natale e resterà fruibile al pubblico fino al 13 marzo 2011. Lo stesso giorno chiuderà al Museo della Mafia di Salemi (TP) la doppia personale del Laboratorio Saccardi e Rossella Biscotti, curata da Paolo Falcone. Del gruppo è in mostra questa volta l’opera La Robba, un carretto siciliano in legno, su cui gli artisti hanno istoriato in bianco e nero i principali fatti di mafia della Sicilia, misteri insoluti della storia politica del nostro Paese. Simbolo della Sicilia, per tradizione il carretto è decorato con rappresentazioni mitologiche delle gesta dei condottieri. La riscrittura dell’apparato iconografico del carretto condotta dal Laboratorio Saccardi racconta invece la cruda attualità delle stragi di mafia: da Portella della Ginestra, l’assassinio di Peppino Impastato, la strage di Ustica, le stragi di Capaci e di via d’Amelio. Al Temporary Museum, museo temporaneo allestito all’Ex Noviziato dei Crociferi di Palermo è proposta fino al 9 gennaio 2011 La Camera della morte, grande installazione prodotta dal Laboratorio Saccardi nell’ambito del programma di residenze per artisti sviluppato all’ex stabilimento Florio di Favignana, promosso la scorsa estate dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Trapani e il Comune di Favignana e Fondazione Sambuca.

FOCUS

..........................................................................................................

E Fondazione sia...

SICILIA SOPRA TUTTI

N U O V A F I G U R AZ IONE E NUOVE ASTRAZIONI NELLA P I T T U R A CON T E M PO R A NEA SIC ILIA N A

Nel giugno 2008 nasceva la Fondazione La Verde La Malfa - Parco dell’Arte di San Giovanni La Punta (CT) su iniziativa di Elena La Verde, artista e collezionista. Lo scorso 10 dicembre, dopo il consueto iter burocratico la Fondazione è stata finalmente ufficializzata dall’apposito organismo della Regione Siciliana. Mostre d’arte contemporanea, concerti, presentazione di libri, letture di poesie, seminari e dibattiti hanno arricchito l’intenso calendario delle iniziative della Fondazione che in questo breve periodo di attività si è anche avvalsa della collaborazione di altre realtà locali (La Casa della Divina Bellezza di Forza d’Agrò nel messinese), di gallerie private ed istituzioni pubbliche. Tra gli ultimi eventi ospitati e promossi ricordiamo l’asta di beneficienza Un’etichetta speciale per un vino speciale, il convegno, tenuto presso la Casa della Divina Bellezza, dal titolo Le radici della Bellezza e la relativa mostra di fotografie e icone e, più recentemente presso la propria sede, la presentazione della rivista D’A (la prima rivista italiana D’Artigianato e di arti applicate decorative) diretta da Giovanni Mirulla, in occasione del ventesimo anniversario della stessa. ..........................................................................................................

Un titolo forte, fintamente arrogante, ma che vuol essere affermazione consapevole. Una mostra probabilmente necessaria dopo decenni di recriminazioni legate al concetto di distanza. Non certo una volontà di negare le difficoltà obiettive avute dagli artisti siciliani in passato, ma la determinazione di chi pensa ad una condizione contemporanea sicuramente diversa. Un titolo quindi che incuriosisce e crea spaesamento, ma afferma una realtà incontrovertibile e cioè che oggi gli artisti siciliani (residenti ed “emigrati”) sono gli unici, o comunque tra i pochi, che reggono il mercato nazionale e si affermano, anche nelle collettive rappresentative il nostro paese all’estero, come i migliori in assoluto nel panorama dell’arte italiana di questi anni. Una mostra con opere di grande formato che diventa un manifesto della pittura siciliana contemporanea con dipinti di Anastasio, Bazan, Beninati, Ciacciofera, De Grandi, Di Piazza, Di Marco, La Rocca, Parisi, La Vaccara, Rovella, Zanghi e Zuccaro. Alla Galleria Civica Montevergini di Siracusa fino al 10 febbraio 2011.

Francesco Trovato. L’Altrove Dall’8 al 28 gennaio 2011 le sale del Palazzo della Cultura di Catania ospiteranno la mostra L’Altrove, con opere realizzate tra il 1984 e il 2010 dall’artista catanese Francesco Trovato. L’evento è la terza tappa di un progetto espositivo che si aggiunge alle mostre allestite presso il Museo Stauros d’Arte Contemporanea di San Gabriele-Isola del Gran Sasso (dal 29 maggio al 4 luglio 2010) e presso la Galleria Il Saggiatore di Roma (dal 23 settembre al 9 ottobre 2010). Un’autentica cassaforte del fantastico quella di Trovato,che moltiplica rimandi e rinvii al sacro come al profano, stipando insieme arte, fumetto, cinema e letteratura. I testi critici del catalogo “L’Altrove”, edito dalla Fondazione Stauros (2010) sono stati curati da Enrico Crispolti, Giuseppe Frazzetto, Giuseppe Bacci, Innocenzo Grimaldi, Marco Gallo e Angela di Natale.

F O N D A Z I O N E LA VERDE LA MALFA PARCO DELL’ARTE Via Nicolosi 29 - San Giovanni La Punta (CT) +39 3385078352 +39 0957178155 visite su appuntamento IN G R E SSO LI B E RO

........................................................................................................................................................................

14 tribeart


calendario

........................................................................................................................................................................

G L I A PP U N T A M E N T I D I G E N N A I O 2 0 1 1 ................................................... AGRIGENTO ................................................... in corso Salvatore Rizzuti. Sculture Palazzo della Signoria - Via Madrice fino al 30 gennaio 2011 martedì > domenica 9-13/16.30-19.30 • 0925951404

MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA Castello Ursino - Piazza Federico di Svevia fino all’11 febbraio 2011 lunedì > sabato 10-19 • domenica 9.30-20.30 intero € 6 • ridotto € 3 • 095345830 Emma Vitti. Memento Vitae Galleria Dietro le Quinte Arte - Via Carcaci 19 fino al 18 febbraio 2011 mar > sab 10-13/16.30-20 • 0952180080

Rosalba Mangione. Opera Magica Collegio dei Filippini - Via Atenea 272 fino al 30 gennaio 2011 lunedì > sabato 9.13.30/16-19 • 0922 596168

URS LÜTHI. ART IS THE BETTER LIFE Fondazione Brodbeck - Via Gramignani 93 fino al 26 febbraio 2011 martedì > sabato 17-20 su appuntamento • 0957233111

Salvatore Cipolla. TersiKore: metamorfosi del mito Museo Archeologico Regionale - Piazzetta San Nicola 12 fino al 13 febbraio 2011 0922401565

in programma Piero Guccione. Il Mediterraneo Fabbriche Chiaramontane - Piazza San Francesco 1 dal 21 gennaio al 13 marzo 2011 opening: 21 gennaio, ore 18 (su invito) martedì > domenica 10-13/16-20 • 092227729

................................................... CATANIA ................................................... in corso NATALE PLATANIA. ANTICIPATION Centro Voltaire - Via Scuto 19 fino al 15 dicembre 2010 su appuntamento • 3293278337

in programma SALE BrucaStudio arte contemporanea - Via Bruca 10-12 dal 15 al 22 gennaio 2011 opening: 15 gennaio, ore 18 lunedì > sabato 17-20 • 3313730533 Alessandra Cianelli. FARE UN BAMBINO BOCS - Via Grimaldi150 22 gennaio 2011, ore 18 3382203041 Dermatologie visive Centro Voltaire - Via Scuto 19 dal 21 al 27 gennaio 2011 opening: 21 gennaio, ore 18 visite su appuntamento • 3296475064 Michele Agosta. con i miei occhi, la foto imprime la tela Galleria Amici dell’Arte - Via Umberto 244 dal 23 al 30 gennaio 2011 opening: 23 gennaio, ore 18 lunedì > sabato 17-20.30 • 339 8824368

ROSSELLA PEZZINO DE GERONIMO. BIRMANIA. RIFLESSI D’ANIMA Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 prorogata fino al 16 gennaio 2011 lunedì > sabato 9-13/15.30-19.30 • domenica 9-13 0957428035 • 0952180080

................................................... ENNA ...................................................

in corso

PAOLO STRANO. PaSTELLI REBA - Via A. di Sangiuliano 138 fino al 18 gennaio 2011 3480327084

EMIGRANTS FOREVER Museo della Civiltà Contadina - Piazza Castello fino al 21 gennaio 2011 lunedì > domenica 10-13/15-20 • 3388147571

L’Arte Ritrovata: Opere Pittoriche Degli Anni Trenta Camera di Commercio - Piazza della Borsa fino al 18 gennaio 2011 lunedì > venerdì 16-21 • sabato > domenica 9.30-21

................................................... PALERMO ...................................................

FRANCESCO TROVATO. L’ALTROVE Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele 121 fino al 28 gennaio 2011 lunedì > sabato 9-13/15.30-19.30 • domenica 9-13 • 3471748745

JACOPO BENASSI / FEDERICO PEPE Zelle arte contemporanea - Via Matteo Bonello 19 fino al 14 gennaio 2011 martedì > sabato 17-20 • 3393691961

TRE ARTISTI A CATANIA Biblioteca - Pinacoteca della Provincia - Piazza Manganelli fino al 29 gennaio 2011 lunedì > domenica 17-20 • 3471448732

Giuseppe Cuccio. Tracce Future Palazzo Sambuca - Via Della Vetriera 64 fino al 15 gennaio 2011 lunedì > sabato 15-20 • 0916101220

Fausto Giaccone. ’68 Altrove Galleria Ghirri - Via Duomo 11 (Caltagirone) fino al 30 gennaio 2011 lunedì > domenica 9.30-12.30/16-19 • 3343358978

GIAN PAOLO DULBECCO. IL SOGNO, LA MAGIA E ALTRE STORIE Galleria Monteleone - Via Monteleone 3 fino al 15 gennaio 2011 lunedì > sabato 16-19.30 o su appuntamento

Universi dell’anima MAAC - Via Luigi Sturzo 167 (Caltagirone) fino al 30 gennaio 2011 martedì > domenica 9-13/16-19 • 093341812 SALVATORE PULVIRENTI. ENIGMA DEL SOGNO Galleria d’Arte Orizzonti - Viale Ionio 61 fino al 5 febbraio 2011 martedì > sabato 10-13/17-20 • 0957221869

in corso

Enzo Venezia. Rituali del mito Palazzo dei Normanni - Piazza Indipendenza 1 fino al 17 gennaio 2011 lunedì > sabato 8.15-17.40 • domenica e festivi 8.15-13 DUE Spazio Cannatella - Via Papireto 10 fino al 18 gennaio 2011 lunedì > venerdì 16-20 • 3478623799 Louis Vincent Sato. PA>PA mobile: dinamismi cromatici tra PAris e PAlermo Garage - Piazza Resuttano 2 fino al 20 gennaio 2011 lunedì > domenica 17-20

Antonino G. Perricone. PAGINE A COLORI Galleria Studio 71 - Via Vincenzo Fuxa 9 dal 15 gennaio al 28 febbraio 2011 opening: 15 gennaio, ore 19 lunedì > sabato 17-20 • 0916372862 DIALETTICA. Generazioni a confronto Centro Culturale Biotos - Spazio Bquadro - Via XII gennaio 2 dal 20 gennaio al 7 febbraio 2011 opening: 20 gennaio, ore 19 martedì > sabato 17-20 Venti viaggiatori in cerca di un’Isola Società Siciliana per la Storia Patria - Piazza San Domenico 1 dal 26 gennaio al 16 febbraio 2011 opening: 26 gennaio, ore 16.30 lunedì > venerdì 10-13 • 3291421790

LUIGI D’ARCA. MISSIONE SUBACQUEA Bartolo Chichi Art & Photo Gallery - Via Vann’Anto 16 fino al 27 gennaio 2011 lunedì > venerdì 9.45-13/16.30-19.30 • sabato 9.45-13 • 0917828140

................................................... RAGUSA ...................................................

ERA SICILIA Lanterna Magica - Via Goethe 43 fino al 28 gennaio 2011 lunedì sabato 16-19.30 • 091584193

L’Annunciazione. 35 pittori per Antonello da Messina Caffè letterario Brancati - Via Francesco Mormino Penna (Scicli) fino al 18 gennaio 2011

Per Barclay. Palazzo Costantino Francesco Pantaleone Artecontemporanea - Piazzetta Garraffello 25 fino al 4 febbraio 2011 giovedì 16-20 o su appuntamento • 091332482 CONVERSAZIONE IN UNA STANZA CHIUSA #1 Bianca Arte Contemporanea - Discesa San Domenico 4 fino al 4 febbraio 2011 mercoledì > sabato 16-19.30 • 3383032422 LABORATORIO SACCARDI. SIKANIA RISING PROJECT. Natività con i Santi Lorenzo e Francesco Oratorio di San Lorenzo - Via dell’Immacolatella fino al 13 marzo 2011 lunedì > domenica 10-18 PPS - PAESAGGIO E POPOLO DELLA SICILIA RISO - Corso Vittorio Emanuele 365 fino al 31 marzo 2011 martedì > domenica 10-20 • giovedì > venerdì 10-22 • intero € 6 • ridotto € 3 • residenti Palermo e provincia € 1 • 091320532

in corso

MAVIE CARTIA. EMOZIONI Koiné Scicli - Via Francesco Mormino Penna 40 (Scicli) fino al 18 gennaio 2011 martedì > domenica 19.30-22.30 • 0932844382 PRIMA CONNETTIVA Piattaforma Culturale Pass/o - Via Grimaldi 93 (Scicli) fino al 23 gennaio 2011 mercoledì > domenica 18-23 • 3805134687 MOVING SHOW LAVERONICA arte contemporanea - Via Grimaldi 93 (Modica) fino al 29 gennaio 2011 martedì > domenica 15-22.30 e su appuntamento • 0932948803 IL FORMALE E L’INFORMALE Edonè Arte Viva Club - Via Cavour 39 (Vittoria) fino al 31 gennaio 2011 lunedì > domenica 10.30-13/16.30-20.30 • 0932987522

................................................... SIRACUSA ...................................................

Giuseppe Tornatore. Lo schermo a tre punte Galleria SACS - Corso Vittorio Emanuele 365 fino al 31 marzo 2011 giovedì > venerdì 17-22; sabato 17-20 • 091320532

Le locandine dei giovedì della galleria Galleria Roma - Via Maestranza 110 fino al 18 gennaio 2011 martedì > domenica 17-20.30 • 3383646560

in programma

Vincenzo Medica. Paper moons Antico Mercato di Ortigia - Via Trento 5 fino al 31 gennaio 2011

PPS//Meetings#2. Ettore Favini. Paesaggio da bere RISO - Corso Vittorio Emanuele 365 dal 14 al 19 gennaio 2011 opening: 14 gennaio, ore 18 martedì > domenica 10-20 • giovedì > venerdì 10-22 • 091320532

SICILIA SOPRA TUTTI Galleria Civica d’arte contemporanea Montevergini - Via Santa Lucia Alla Badia 1 fino al 10 febbraio 2011 martedì > domenica 10-13/16-20 • 093124902

Riflessi Mediterranei Circolo degli Ufficiali - Piazza S. Oliva 25 dal 14 al 25 gennaio 2011 opening: 14 gennaio, ore 18.30 martedì > sabato 10-13/16.30-19.30 • domenica 10-13

................................................... TRAPANI ...................................................

Paolo Madonia. ASPETTANDO CARONTE Palazzo Sant’Elia - Via Maqueda 81 fino al 15 gennaio 2011 09187630898

Giuseppe Fell. Acqua, aria, terra, fuoco Galleria Elle Arte - Via Ricasoli 45 dal 14 al 29 gennaio 2011 opening: 14 gennaio, ore 18 lunedì > sabato 16.30-19.30 • 0916114182

TURI SIMETI Magazzini dell’Arte Contemporanea - Via Custonaci 5 fino al 20 gennaio 2011 3497377279

ALIGI SASSU. DIPINTI 1929-1997 Palazzo Sant’Elia - Via Maqueda 81 fino al 15 gennaio 2011 martedì > sabato 9.30-13/16-19.30 • domenica e festivi 9.30-13

Studies #1 Zelle arte contemporanea - Via Matteo Bonello 19 15 gennaio 2011, ore 17.30 3393691961

in corso

LABORATORIO SACCARDI / ROSSELLA BISCOTTI Museo della Mafia - Piazza Ciullo (Salemi) fino al 13 marzo 2011 venerdi > domenica 10-13/16-20

LA CULTURA NON SI MANGIA, SI SOSTIENE. ABBONATI A TRIBEART! OGNI MESE TE NE FAREMO LEGGERE DI TUTTI I COLORI... RICHIESTA DI ABBONAMENTO

3. scegli il pagamento

1. compila in stampatello Nominativo / Ragione Sociale ______________________________________________________ Indirizzo ___________________________________________________________ (via / città / cap) E-mail

______________________________________________________________________

Codice fiscale / Partita IVA _________________________________________________________

1 ANNO 20,00 euro

Vaglia postale intestato a TRIBE Società Cooperativa • Via Barbagallo Pittà 24 • 95122 Catania

c

Bonifico intestato a TRIBE Società Cooperativa • IT 03 K 02008 16935 000010732492

c

Paypal o Carta di credito su www.tribeart.it/abbonati

4. conferma Autorizzo Tribe Società Cooperativa, proprietaria del periodico TRIBEART al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03 e successivi.

2. scegli l’abbonamento

c

c

c

2 ANNI 36,00 euro

c

1 ANNO SOSTENITORE 100,00 euro

è possibile effettura l’intera procedura di abbonamento direttamente on line alla pagina www.tribeart.it/abbonati

Per confermare la richiesta di abbonamento è necessario inviare il modulo e la copia di avvenuto pagamento al fax +39 0952937814 o tramite e-mail a info@tribearl.it

___________, ___/___/ 2011 ___________________________ (firma)

........................................................................................................................................................................

tribeart 15


illustrazione di Elisa Anfuso * www.elisaanfuso.com

marco, 19 anni, studente

su TRIBEART ne legge di tutti i colori.

www.tribeart.it presto on line

TRIBEART  

TRIBEART is the first independent and free monthly magazine about exhibitions, artists, design, music, recycling and comics in Sicily. It is...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you