Page 1

PATRIMONIO MONDIALE DELL'UNESCO 33 SITI ITALIANI

DA RAGGIUNGERE COMODAMENTE IN TRENO


"Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima".

In cover Pisa (PI)

(Dalai Lama)


Necropoli rupestre di Pantalica (SR)

I NOSTRI BENEFIT Grazie alla grande capillarità della rete ferroviaria è possibile attraversare il Belpaese da nord a sud, raggiungendo le principali città d’arte ma anche bellezze naturalistiche in regioni balneari o montane in poche ore. Il trasporto regionale collega tutte le aree metropolitane in modo strategico, per gustare il viaggio fin dal primo momento e vivere un’esperienza unica. BABY

GRUPPI

KIDS

PET FRIENDLY

PRM FRIENDLY

BICI

GREEN

BAGAGLIO

Viaggio gratis per i bimbi dagli 0 ai 4 anni non compiuti. Sconto del 50% con posto a sedere.

L’Italia ha il maggior numero di siti del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel mondo. Ecco i 33 siti raggiungibili, direttamente con il treno, in pochi passi. Tutti luoghi che, almeno una volta nella vita, sono stati oggetto del desiderio di viaggiare per conoscere e vivere la storia, l'arte e la cultura del Bel Paese.

Sconto del 50% per ragazzi dai 4 ai 12 anni non compiuti.

Treni attrezzati per Persone a Mobilità Ridotta. Assistenza presso le Sale Blu delle stazioni FS.

Mezzo green per eccellenza a minore impatto ambientale con -76% emissioni CO2 vs l'aereo.

10% di sconto per gruppi di almeno 10 persone. Offerta cumulabile con le riduzioni KIDS e BABY.

Viaggio gratis per cani, gatti e animali domestici di piccola taglia.

Possibilità di trasporto bici montata sui treni con apposito pittogramma. Pagamento integrativo.

Bagagli gratis senza limiti di numero e dimensione.

5


Vernazza (SP)

SOMMARIO

Lombardia 7

2

3

4

ORTA I Sacri Monti del Piemonte TORINO, MONCALIERI E RACCONIGI Le Residenze Reali dei Savoia LANGHE-ROERO E MONFERRATO I Paesaggi vitivinicoli IVREA La Città

14

54

Liguria

Piemonte 1

MANTOVA La Città

5

20 6

GENOVA Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli LE CINQUE TERRE

40

46

Veneto 8 9

26 10

32 11 12 13

DOLOMITI VICENZA La Città e le Ville Palladiane VENEZIA La Città e la sua Laguna VERONA La Città PADOVA L'Orto Botanico CEREA E PESCHIERA DEL GARDA Siti Palafitticoli Preistorici dell'Arco Alpino

60 68

74 80 86 92

7


SOMMARIO

Toscana 18 19

Friuli Venezia Giulia 14

PALMANOVA Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo

Emilia Romagna 15

100

16

17

20 21

108 FERRARA La Città il suo Delta del Po 114 MODENA La Cattedrale, la Torre Civica e Piazza Grande 120 RAVENNA I Monumenti Paleocristiani

23

*Il sito 23 è in comune con l'Umbria e la Campania

128 134

140 146

Umbria 22

Basilica di S. Francesco (Assisi, PG)

FIRENZE Il Centro Storico FIRENZE Le Ville e i Giardini Medicei PISA La Piazza del Duomo SIENA Il Centro Storico

154 ASSISI La Basilica di S. Francesco e altri Siti Francescani 160 SPOLETO* I Longobardi in Italia

9


Reggia di Caserta (CE)

SOMMARIO Lazio 24 25

ROMA Il Centro Storico TIVOLI Villa d'Este

Campania 168

26

174

27 28

29 30 23

CASERTA La Reggia e il Parco NAPOLI Il Centro Storico POMPEI, ERCOLANO E TORRE ANNUNZIATA Le Aree Archeologiche VIETRI SUL MARE La Costiera Amalfitana PAESTUM Il Parco Archeologico BENEVENTO* I Longobardi in Italia

182

Sicilia 31

188 32

194 33

220 PALERMO E CEFALÙ Palermo Arabo-Normanna e la Cattedrale di Cefalù 226 VAL DI NOTO Le Città Tardo Barocche 232 SIRACUSA La Città

200 206 212

*Il sito 23 è in comune con l'Umbria e la Campania

11


PIEMONTE

ORTA, TORINO-MONCALIERI E RACCONIGI, LANGHE-ROERO E MONFERRATO, IVREA


ORTA S. GIULIO NOVARA (NO) ALTITUDINE m 294 s.l.m. ABITANTI 1.100 INFO TURISMO Riserva Speciale del Sacro Monte di Orta Via Sacro Monte Tel 0322 911960 [sacromonte-orta.com]

INFO TRENI

ORTA I SACRI MONTI DEL PIEMONTE RAGGIUNGI ORTA XXX CON XX 16 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Il verde della natura, lo spettacolo del lago e le venti cappelle affrescate in cui 375 statue in terracotta, a grandezza naturale, illustrano la vita di S. Francesco d’Assisi. Il Sacro Monte di Orta è un percorso devozionale i cui lavori di costruzione sono iniziati nel 1590 protraendosi per oltre un secolo. Il territorio è suddiviso in due zone: le pendici della collina e l’area monumentale.

STAZIONE DI RIFERIMENTO ORTA MIASINO 850 km OGNI GIORNO 8 treni da NOVARA 8 treni da DOMODOSSOLA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

15


CURIOSITÀ Pare che lungo la salita che porta al Sacro Monte, ai primi di maggio del 1882, F. Nietzsche quasi quarantenne abbia conquistato le attenzioni della ventenne L. von Salomé, la donna russa di cui era perdutamente innamorato. Godetevi la passeggiata nel parco, dove ammirare le cappelle dedicate alla vita di S. Francesco, realizzate tra la fine del XVI e il XVIII secolo.

LO SAI CHE... Il percorso devozionale collega le venti cappelle dedicate a S. Francesco. Si percorre in circa 45' se non ci si sofferma ad osservare le cappelle; per una visita completa sono necessarie circa 2 ore. Le Cappelle sono aperte tutti i giorni tranne Natale, S. Stefano e 1-6-31 gennaio. [sacromonte-orta.com] 16

EVENTI & SAPORI

Gli Amaretti del Sacro Monte sono dolcetti morbidi e di forma tondeggiante tipici della località. La ricetta è segreta e i maestri pasticceri della zona se la tramandano di padre in figlio. SAVE THE DATE Festa patronale, S. Giulio: 31 gennaio Peregrinatio sui sentieri degli antichi pellegrini: primo sabato di giugno Festival Cusiano di musica antica: giugno Orta Opera Festival: luglio Natale sul lago: tutto dicembre fino all’Epifania


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

I nove ilit Ment Sacri fugit Monti, exeribus Varallo, si quatquam Crea, Orta,qui Varese, unt harchiliOropa, gent eatur? Ossuccio, Ghiffa, Domodossola e Valperga sono costiUt platem tuiti da novequis distinti eoscomplessi idenim nonsequundit di cappelle e eostiarchitettubussacre re di redel maios XVI eeveligende XVII secolo.nobistrum eaquodi aut illesequid Realizzati dai migliori que conseri artisti della tatemos tradizione aut assimi, lomoptatendam barda tardo-rinascimentale qui aut lis secusci e barocca, atiorenacquero numet oditaeluoghi come et lacepe di preghiera eatus excea in alternativa que paalla et lanit optatibus Terra Santa, abiniscuidolenih per i pellegrini iciendiciate era sempre molum hitae più difficile poribus arrivare dolores a causa cum dell’espansioidendi aliam, intinto ne dellaquid cultura quae islamica, mo moe et come peres risposta ma volesequas alla Riforma Protestante. qui odiorition Ogni ne Sacro sae conecumet Monte iniziòese seguendo si dolorem alcune la regole aut eum e tipologie quidunte architettoniche sin nienihit,fondacuptatur a volorem mentali, poi ciascuno inulleni evolse omni officium con le proprie rem ditiuntio caratteristiche blam utae. e le proprie Gitiumcappelle dem es modigenime dedicate a diversi velest, veleserum aspetti deldolor anis cones cristianesimo. esequo.

Oltre ad essere luoghi dell’anima, i Sacri Rum Monti quisono blat. anche Conemfrutto ipsa exceptatati di un grandioso conse explabo progetto rrorem di sacralizzazione nonsed maio ma delquiaspe paesaggio rnatur e risultano accum straordinariamente ipsunt, coreptas ni integrati ipsam, maximus daestiis poreda et nellaeverume natura circostante composta lam recepe nitiatet foreste, assim laghi neteilita colline. sitist I Sacri latis quam Montiea sono et inespressione restin pratqui di una odit rehendantium riuscita integrazione inum audae tra architettura veria porpore molut belle erum arti per aliquamus motivi spirituali, eum ipsa in volupta un paesaggio ssequis aut di quiaspel notevoleiusam bellezza, conestrum in un periodo et omniscritico aut quasim nella int aut ium sequibu storia della saeprae. Chiesa Omnimincidit Cattolica Romana. liassime Hanno molut rectatur influenzato acietlolisi sviluppo dolorest, di nam, architettura vollab in e arte sacra comnis in siti eossimili eum in inctibe tutta archit Europa. magnihil Tutti i nove ium eos siti quatem hanno mantenuto ilitemporemlovolupit scopoaut originario volorep eelique tuttora volupta sono luogo di pellegrinaggi, tectatur? preghiera Quistotaque e riflessione. ex et


Trono, Palazzo Reale (TO)

TORINO TORINO (TO) INFO TURISMO Tel 011 535181 [turismotorino.org] INFO TRENI

TORINO LE RESIDENZE REALI DEI SAVOIA A TORINO, MONCALIERI E RACCONIGI RAGGIUNGI TORINO, MONCALIERI RAGGIUNGI E RACCONIGI XXX CON 455 XX COLLEGAMENTI AL GIORNO

Maisons de plaisance e sontuosi giardini, teatro della raffinata vita di corte e testimonianza del potere di Casa Savoia. È possibile raggiungere, comodamente in treno, Palazzo Reale, l’Armeria Reale, la Prefettura, il Teatro Regio, l’Accademia militare, la Regia zecca, Palazzo Chiablese, Palazzo Madama, Palazzo Carignano, il Castello del Valentino. Nei dintorni della città, fra le altre Residenze Reali da visitare, troviamo il Castello di Moncalieri e il Castello di Racconigi.

OGNI GIORNO DALLE STAZIONI DI: TORINO P. NUOVA 1,4 km 15 treni da ASTI 25 treni da CHIVASSO 24 treni da MILANO 15 treni da ALBA MONCALIERI 1 km 52 treni da TORINO 15 treni da ALBA 15 treni da FOSSANO RACCONIGI 750 m 22 treni da TORINO 15 treni da FOSSANO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

21


Castello del Valentino (TO) CURIOSITÀ Un tour per le residenze Sabaude di Torino dovrebbe partire da Palazzo Reale, inserito nel complesso museale che include la Galleria Sabauda, l'Armeria Reale e il Museo Archeologico. Imperdibile una tappa a Palazzo Carignano, emblema dell’architettura barocca torinese. Per completare il percorso, fermatevi a visitare Palazzo Madama, che ospita al suo interno duemila anni di storia del Piemonte. LO SAI CHE... La Torino Royal Card consente di accedere gratuitamente alle principali Residenze Reali, entrare gratis agli appuntamenti di Reali Sensi, raggiungere gratuitamente la Reggia di Venaria con i mezzi pubblici e altri sconti su tour dedicati. [residenzereali.it ] 22

EVENTI & SAPORI

Torino è la capitale del cioccolato! Qui è nato il Gianduiotto, ma anche l’alpino (ripieno di una crema liquorosa), il boero (con guscio di cioccolato e morbido cuore di crema di liquore) e il cremino (composto da tre strati di cioccolato). Senza dimenticare la Nutella. SAVE THE DATE Seeyousound Festival internazionale di cinema musicale: gennaio Automotoretrò, fiera dedicata al motorismo storico: febbraio Torino Jazz Festival: aprile Salone del Libro: maggio Palchi Reali, spettacoli di musica e danza nelle Residenze reali piemontesi: giugno-settembre TODays Festival, rassegna musicale: agosto MiTo Settembre Musica, festival musicale: settembre Portici di Carta, la libreria più lunga del mondo sotto i portici del centro di Torino: ottobre Torino Film Festival, rassegna cinematografica: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Le Residenze Ment ilit fugit Sabaude exeribus sisono quatquam il risultato qui del unt progetto harchiligent di riorganizzazione eatur? del territorio avviato da Ut platem Filiberto Emanuele quis eos nel idenim 1563, nonsequundit anno in cui Torino eostibus di relamaios divenne capitale eveligende del ducato, nobistrum e compiuto eaquodi dai aut illesequid suoi successori,que traconseri il XVII etatemos il XVIII secolo. aut assimi, Iloptatendam sito seriale qui è composto aut lis secusci da 22atiore edifici,numet oditae 11 situati et nel lacepe centro eatus di Torino excea eque organizzati pa et lanit optatibus come ZonaabdiisComando, dolenih iciendiciate ossia comemolum luoghi hitaeesercitare per poribus dolores il poterecum politico idendi e ammialiam, intinto quidgliquae nistrativo, altri distribuiti mo mo et intorno peres ma alla volesequas città come Corona qui odiorition di Delizie neesae deconecumet dicati allo svago, ese si dolorem alle festelae aut alla eum quidunte caccia. Il carattere sin nienihit, unitariocupdel tatur a volorem complesso di edifici inulleni è dato omni officium dalla omogeneità rem ditiuntio stilistiblam utae. ca, dovuta Gitiumall’opera dem es di modigenime un unico gruppo velest, di veleserumedolor architetti artisti anis in molte cones delle esequo. residenze.

Palazzo Reale (TO)

Le Residenze Sabaude rappresentano una visione d’insieme dell’architettura monumentale europea del qui blat. Conem ipsa XVII eRum del XVIII secolo, in quanto exceptatati conse explaboe rrorem utilizzano stile, dimensioni spazio nonsed maio quiaspe rnatur per illustrare la ma dottrina prevalente della accum monarchia ipsunt, coreptas assoluta ni in ipsam, termini everume maximus daestiismateriali. pore et Le Residenze lam recepe costituiscono nitiatet assim un importante net ilita sitist e dettagliato latis quam capitolo eadell’esuberante et in restin pratqui genialità odit dell’arte rehendantium e dell’architettura inum audae barocca veria porpor europea. molut Tra gli erum architetti aliquamus impegnati eum nella ipsa volupta progettazione ssequisdelle aut quiaspel Residenze iusam ricordiamo conestrum anche et Benedetto omnis aut Alfieri quasim e int aut ium sequibu saeprae. Omnimincidit Filippo liassime Juvarra. Lemolut Residenze rectatur costituiscono aciet lisi dolorest, un patrimonio nam, dinastico vollab in complesso comnis eos ma unitario eum inctibe che rappresenta archit magnihil un’autentica ium eos simbiosi tra cultura volupit e naturaaut edvolorep è caratterizzato da un quatem ilitemporem elique volupta notevole livello ditectatur? ordine eQuistotaque concentrazione. ex et


ALBA CUNEO (CN) ALTITUDINE m 9 s.l.m. ABITANTI 31.531 INFO TURISMO IAT Tel 0173 35833 [langheroero.it] INFO TRENI

LANGHE-ROERO E MONFERRATO I PAESAGGI VITIVINICOLI RAGGIUNGI ALBA CON 82 COLLEGAMENTI AL GIORNO

I luoghi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, raggiungibili direttamente col treno nel raggio di circa 1 km, sono il risultato di una tradizione del vino che da oltre due millenni è il centro della vita socio-economica del territorio. Qui si producono vini d’eccellenza quali il Barolo, il Barbaresco, l’Asti Spumante e il Barbera d’Asti. Vini di qualità internazionale derivati da vitigni coltivati da secoli come il Nebbiolo, il Moscato Bianco e il Barbera.

STAZIONI DI RIFERIMENTO ACQUI TERME 650 m CEVA 650 m ALBA 600 m BRA 450 m OVADA 350 m NIZZA MONFERRATO 450 m OGNI GIORNO 16 treni da TORINO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

27


CURIOSITÀ Nizza Monferrato ospita la sede dell’Enoteca Regionale, il cuore pulsante della Barbera d'Asti. Nelle cantine settecentesche di Palazzo Crova sono custodite le migliori Barbere del Piemonte e oltre 300 etichette di vini dei produttori del territorio. Fermatevi al ristorante dell’Enoteca, chiamato non a caso La signora in Rosso, per assaggiare le tipicità enogastronomiche.

EVENTI & SAPORI

Il Bianco d’Alba (nome scientifico: Tuber Magnatum Pico) è da sempre considerato il re di tutti i tartufi, il più profumato, il più aromatico, ed il più raro. Tutti i tentativi di coltivarlo sono miseramente falliti.

LO SAI CHE... Puoi scoprire Alba e molto altro ancora con 4 linee bus (tutti i sabato, domenica e festivi fino al 27/11). Per i clienti Trenitalia è riservato uno sconto del 50% a persona sul prezzo intero previsto sul valore del singolo tour. [langheroero.it] 28

SAVE THE DATE Langhe & Roero Bra Bra Specialized, granfondo ciclistica, a Bra: aprile Giro di Nizza, evento enogastronomico, a Nizza Monferrato: aprile LAPRIMA, mostra mercato delle erbe aromatiche a Ceva: maggio Nizza è Barbera, evento enogastronomico, a Nizza Monferrato: maggio Fiera della birra e Festival degli artisti di strada, ad Acqui Terme: giugno Passeggiate Sotto le Stelle, escursioni al calare del Sole, a Ovada: giugno-luglio Attraverso Festival - Langhe Roero Monferrato, rassegna culturale e artistica: luglio-settembre Festa patronale, S. Lorenzo, ad Alba: 10 agosto Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: ottobre-novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il Sito ilit Ment comprende fugit exeribus cinque si quatquam aree vinicole quidistinte unt harchilie un gent eatur? castello: La Langa del Barolo, le colline del Ut platem quis Barbaresco, Nizza eos Monferrato idenim nonsequundit e il Barbera, eostibus di ree maios Canelli l’Asti Spumante, eveligende il Monferrato nobistrum eaquodi degli aut illesequid Infernot, il Castello que conseri di Grinzane tatemos Cavour. aut assimi, Iloptatendam paesaggio qui è costituito aut lis secusci da colline atiore ricoperte numet oditae di vigneti et a lacepe perdita eatus d’occhio, exceaborghi, que pacasali et lanit e optatibus cantine secolari, ab is dolenih torri e castelli iciendiciate medioevali, molum hitae e si distingue poribus per dolores l’armonia cum idendi e l’equilibrio aliam, intinto tra le qualità quid quae estetiche mo mo deietsuoi peres paema volesequas saggi e le diversità qui odiorition architettoniche ne sae conecumet e storiche dei esemanufatti si dolorem associati la aut eumattività alle quidunte di produzione sin nienihit, di cupvini, tatur tra i più a volorem importanti inulleni prodotti omni officium rem enologici delditiuntio mondo. blam utae. La cultura Gitium vitivinicola dem es piemodigenime montese costituisce velest, la veleserum base dell’identità dolor anis cones della esequo. Regione.

I paesaggi culturali vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato offrono una eccezionale testimonianza Rum qui delle blat. Conem ipsa vivente tradizioni di exceptatati conse explabo rrorem viticoltura e vinificazione che nonsed quiaspe vantano unamaio lungama storia e chernatur sono continuamente accum ipsunt, migliorate coreptase ni adattate ipsam, everume maximus daestiis pore et fino ad oggi. I vigneti lam recepe di Langhe-Roero nitiatet assimenet Monferrato ilita sitist costituiscono latis quamun eaesempio et in restin eccezionale pratqui odit di rehendantium interazioneinum dell’uomo audaecon veria il suo porpor ambiente molut erum naturale. aliquamus Grazie eumad ipsa una volupta lungassequis e costante aut quiaspel evoluzione iusam delle conestrum tecnicheete omnis delle conoscenze aut quasim int aut ium saeprae. liassime sullasequibu viticoltura è statoOmnimincidit realizzato il migliore adattamento molut rectatur possibile aciet deilisivitigni dolorest, alle nam, caratteristiche vollab in del suolo comnis e deleos clima. eumI paesaggi inctibe archit vitivinicoli magnihil esprimono ium eos grandivolupit qualitàaut estetiche, un quatemanche ilitemporem voloreprendendolo elique volupta archetipo di paesaggio tectatur?vitivinicolo Quistotaque europeo. ex et


IVREA TORINO (TO) ALTITUDINE m 253 s.l.m. ABITANTI 23.637 INFO TURISMO IAT Piazza Ottinetti Tel 0125 618131 [turismotorino.org]

INFO TRENI

IVREA CITTÀ INDUSTRIALE DEL XX SECOLO

RAGGIUNGI IVREA CON 138 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Da un lato si trovano gli edifici destinati all’industria, dall’altro quelli residenziali e gli spazi dedicati ai servizi sociali: il benessere di una comunità che produce parte da una concezione umanistica del lavoro. È la visione rivoluzionaria di Adriano Olivetti ad Ivrea che, tra il 1930 e il 1960, seppe coniugare utile e bello nella sua città industriale, oggi un museo a cielo aperto. Da queste fabbriche uscì la prima macchina da scrivere portatile e il primo personal computer.

STAZIONE DI RIFERIMENTO IVREA 1,2 km OGNI GIORNO 12 treni da TORINO 27 treni da CHIVASSO 20 treni da AOSTA 10 treni da NOVARA

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

33


CURIOSITÀ Il nucleo della città è una costruzione in mattoni rossi del 1896. Sono le officine ICO fondate da Camillo Olivetti. Il figlio Adriano promosse vari ampliamenti lungo via Jervis, fino ad occupare un’area di quasi 1 km lineare. Oggi gli edifici fanno parte del MAAM, Museo a cielo aperto dell'architettura moderna di Ivrea. [mamivrea.it]

LO SAI CHE... Visita la città industriale di Ivrea con la app VisitAMI [anfiteatromorenicoivrea. it] dove trovare tutte le informazioni e le curiosità non solo sul sito UNESCO [ivreacittaindustriale.it], ma anche in merito al territorio dell’AMI (Anfiteatro Morenico di Ivrea) e alle sue eccellenze: siti, outdoor, manifestazioni, eventi, news, prodotti tipici. 34

EVENTI & SAPORI

Lo Storico Carnevale di Ivrea ha come protagonista la Vezzosa Mugnaia che, dopo l’uccisione del tiranno feudale, diede il via alla rivolta del popolo contro il sovrano, episodio rievocato dalla famosa Battaglia delle arance. In città, per l’occasione, arrivano ben 7mila quintali di agrumi! SAVE THE DATE Carnevale storico: febbraio-marzo [storicocarnevaleivrea.it] Open papyrus jazz festival d’Ivrea, festival musicale: marzo Sacra rappresentazione medievale della passione di Cristo: marzo La grande invasione, rassegna letteraria: maggio-giugno Eporedia active days, evento di sport outdoor: giugno Fiera di S. Savino, manifestazione equestre: giugno-luglio Festa patronale, S. Savino: 7 luglio Corsa Podistica dei 5 Laghi, sport outdoor: settembre Morenic Trail, evento sportivo: ottobre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il sito è costituito da un insieme di edifici e complessi architettonici, progettati dai più famosi architetti e urbanisti italiani del Novecento e costruiti tra gli anni ’30 e ‘60 per realizzare il progetto industriale e socio-culturale di Adriano Olivetti. Gli edifici, destinati alla produzione, a servizi sociali e a scopi residenziali per i dipendenti dell’industria Olivetti, riflettono concettualmente il Movimento Comunità, fondato a Ivrea nel 1947 e ispirato alle riflessioni di Adriano Olivetti su un ipotetico nuovo ordinamento politico e amministrativo basato sulla Comunità e su un modello economico caratterizzato da una visione collettiva delle relazioni tra lavoratori e imprese.

L’ insieme rappresenta l’efficace espressione materiale di una visione moderna dei rapporti produttivi e si propone come un modello di città industriale che risponde al rapido evolversi dei processi di industrializzazione nei primi anni del ‘900. Ivrea rappresenta un possibile modello di sviluppo, in cui la collaborazione tra lavoratori e imprese crea i presupposti tanto delle opere di architettura moderna quanto dei piani urbanistici, che ridisegnano la città e il suo contesto territoriale. Il Patrimonio culturale riconosciuto dall'UNESCO ha mantenuto nel tempo i suoi caratteri architettonici originari e gli originari spazi esterni, essendo stato oggetto di modifiche meramente funzionali.


LIGURIA

GENOVA, LE CINQUE TERRE


GENOVA GENOVA (GE) ALTITUDINE m 19 s.l.m. ABITANTI 580.112 INFO TURISMO Tel 0432 924815 [visitgenoa.it] INFO TRENI

GENOVA LE STRADE NUOVE E IL SISTEMA DEI PALAZZI DEI ROLLI RAGGIUNGI GENOVA CON 272 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Al tempo dell’antica Repubblica di Genova, gli ospiti illustri venivano accolti in sontuosi palazzi sulla base di un sorteggio. Le vie che ospitano queste nobili dimore, chiamate Palazzi dei Rolli e costruite per la maggior parte nel 1500, sono le cosiddette Strade Nuove. Una progettazione urbanistica di rappresentanza per dimostrare al mondo la ricchezza, l’eleganza e il prestigio di Genova.

STAZIONI DI RIFERIMENTO GENOVA BRIGNOLE GENOVA PRINCIPE nel raggio di 600m-1 km OGNI GIORNO 11 treni da LA SPEZIA 9 treni da VENTIMIGLIA 13 treni da TORINO 5 treni da MILANO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

41


CURIOSITÀ I Rolli erano le liste nei registri cittadini in cui venivano annotati tutti i palazzi e il loro grado di pregio. I primi Rolli vennero ufficialmente emanati nel 1576 e suddividevano i palazzi in bussoli per categorie di qualità. Una sorta di classificazione in base alle stelle, quello che avviene oggi per gli hotel.

LO SAI CHE... Peario. Neque sectiat Tra i monumenti più adis doluptas significativi deiaudae Rolli nis ipsapere inullatae troviamo musei dinis Strada moluptati que es Bianco aut quee Nuova (Palazzo o su scideribus Palazzo Rosso),nullaut la galleria resPalazzo sed quatent lamesitil di Spinola omnimin Reale. turemodis acerum Palazzo rerum eiur re nonsedis Tre importanti Strade Nuove sinciatem. sono via Garibaldi, via Evendem. qui sequas Balbi e viaUtCairoli. sumquate cullabore Da via Balbi si può vene prehendis all’Orto ma incil Botanico coreiciis accedere endite. dell’Università. 42

EVENTI & SAPORI

A maggio e a ottobre si organizzano i Rolli Days, un viaggio alla scoperta delle residenze dell’aristocrazia genovese. Decine di palazzi, amati da Rubens, che è possibile visitare guidati da divulgatori scientifici. SAVE THE DATE CIAO - Mostra internazionale di illustratori contemporanei: marzo Rolli Days, tour alla scoperta dei Rolli: maggio e ottobre Suq Festival, rassegna per il dialogo tra culture: giugno Regata delle Repubbliche Marinare: giugno Festa Patronale, S. Giovanni Battista: giugno Palco sul mare, concerti al Porto Antico: luglio Lilith Festival della Musica d’Autrice: luglio Live in Genova, concerti all’Arena del Mare: luglio Salone Nautico Internazionale: settembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Tra il XVI e il XVII secolo a Genova fu avviato un progetto residenziale pubblico per la realizzazione di un sistema di nuove strade e palazzi di rappresentanza, nei quali si insediarono le autorità e le famiglie nobili. Lungo le Strade Nuove sorsero così i Palazzi dei Rolli, dal nome degli elenchi o registri ufficiali nei quali erano iscritti. I proprietari avevano l’onore e l’impegno di accogliere le visite di Stato e i viaggiatori illustri e di partecipare così, con lo sfarzo della propria dimora, al consolidamento dell’immagine e del ruolo diplomatico della città. Questo originale modello di gestione amministrativa, in cui gli interessi privati si univano a quelli pubblici, fu esempio per l’intera Europa.

Grazie ai trattati di architettura dell’epoca, le Strade Nuove e i palazzi tardorinascimentali di Genova sono diventati un importante punto di riferimento per lo sviluppo dell’architettura manierista e barocca in Europa. I palazzi offrono una straordinaria varietà di soluzioni differenti e raggiungono un valore universale adattandosi alle caratteristiche peculiari del sito e alle esigenze di una specifica organizzazione sociale ed economica. Le vie e i palazzi rinascimentali di alto valore architettonico e artistico costituirono il nuovo cuore della città moderna e rappresentarono un modello di pianificazione urbanistica che divenne influente in tutta Europa.


MONTEROSSO LA SPEZIA (SP) ALTITUDINE m 12 s.l.m. ABITANTI 1.424 INFO TURISMO Comune Piazza Garibaldi, 35 Tel 0187 817525 [comune.monterosso. sp.it ]

LE CINQUE TERRE L' ARMONIOSA INTERAZIONE STABILITASI TRA L'UOMO E LA NATURA

RAGGIUNGI LE CINQUE TERRE CON 99 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Affacciate sul Mar Ligure, tra Punta Montenero e Punta Mesco, le Cinque Terre sono villaggi di pescatori, borghi direttamente raggiungibili con il treno, che vi lascia a pochi metri dai centri storici di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore. Località ricche di colori, semplicità e fascino, all’interno del Parco nazionale delle Cinque Terre. L’unico paese ad essere quasi inaccessibile dal mare è Corniglia: per raggiungerlo bisogna salire una lunga scalinata di 377 gradini.

INFO TRENI STAZIONI DI RIFERIMENTO MONTEROSSO 20 m MANAROLA 160 m RIOMAGGIORE 250 m VERNAZZA 250 m CORNIGLIA 800 m SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

47


CURIOSITÀ Il modo migliore per apprezzare le Cinque Terre è attraverso i sentieri che collegano i cinque borghi. Tre quelli principali: il sentiero 1 corre lungo il crinale che separa la costa dalla Val di Vara; il sentiero dei Santuari collega, a mezza costa, i luoghi di culto dei borghi; il sentiero 2 o Azzurro unisce fra loro i cinque borghi. [parconazionale5terre.it]

LO SAI CHE... Scoprire le Cinque Terre in treno è facile e conveniente con le Cinque Terre Treno MS Card che consentono un numero illimitato di viaggi in 2^ classe su treni Regionali – inclusi i 5 Terre Express – tra Levanto e La Spezia (e viceversa) e di fruire dei servizi dall’Ente Parco. [trenitalia.com] 48

EVENTI & SAPORI

Le Frittelle di fiori di zucca, Frisé de Burbugiun in dialetto locale, sono un ottimo contorno estivo. In una pastella con farina, acqua e sale, vengono immersi i fiori di zucca poi riversati nell’olio caldo. Quando le piccole frittelle sono dorate, vengono sgocciolate e mangiate calde. SAVE THE DATE Cinque Terre Walking Park, trekking ed escursionismo: giugno Sagra dell’Acciuga fritta, a Monterosso: giugno Festa patronale, S. Giovanni Battista, a Monterosso: 24 giugno Festival dello Sciacchetrà, vino tipico, a Riomaggiore: luglio Festa Patronale, Santa Maria Antiochia, a Vernazza: 20 luglio Festival del Parco delle Cinque terre: luglio-agosto Festival Internazionale di musica Cinque Terre: luglio-settembre Festa della Madonna delle Grazie nel santuario di San Bernardino, a Corniglia: 8 settembre Presepe luminoso a Manarola: dicembre-gennaio


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Il borgo di Porto Venere, risalente al II secolo d.C., offre un panorama affascinante composto dagli antichi portali delle case-torri, il Castello Doria e la caratteristica Chiesina di San Pietro, arroccata sulla roccia a picco sul mare. Le Cinque Terre, Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, risalgono ai primi secoli del secondo millennio e si presentano oggi come minuscoli borghi arroccati sulla scogliera, composti da case colorate a tinte vivaci e vicoli stretti. Fino alla costruzione della ferrovia, alla fine del XIX secolo, erano accessibili solo dal mare. Palmaria, Tino e Tinetto sono piccole isole degne di nota per le bellezze naturali e per i resti di antichi monasteri.

La Riviera Ligure, tra Porto Venere e le Cinque Terre, rappresenta un paesaggio culturale e paesaggistico di straordinario valore in quanto testimonia l'interazione armoniosa tra l’uomo e la natura e illustra un modo di vivere che è esistito per centinaia di anni e che continua a rivestire un ruolo socio-economico importante nella vita della comunità. Lo sviluppo intensivo della riviera con terrazzamenti per la coltivazione di viti e ulivi riflette ancora oggi il forte legame tra le comunità. Le caratteristiche geomorfologiche, ambientali, antropiche e architettoniche dell’insieme di Porto Venere, le Cinque Terre e le isole di Palmaria, Tino e Tinetto rendono il sito un unicum.


LOMBARDIA MANTOVA


MANTOVA MANTOVA (MN) ALTITUDINE m 19 s.l.m. ABITANTI 49.445 INFO TURISMO Info Point Piazza Mantegna, 6 Tel 0376 432 432 [turismo.mantova.it]

MANTOVA LA CITTÀ

RAGGIUNGI MANTOVA CON 76 COLLEGAMENTI AL GIORNO

In piazza Sordello visitate il Palazzo Ducale, la monumentale reggia gonzaghesca, e il Duomo con una sosta al Museo Archeologico Nazionale. Oltrepassate il voltone di S. Pietro, costruito nel Cinquecento da Giovan Battista Bertani, e imboccate a sinistra via Accademia per arrivare al Teatro Bibiena, piccolo gioiello barocco. Proseguite verso Palazzo Te, costruito e decorato da Giulio Romano tra il 1525 ed il 1535. Lungo la passeggiata fermatevi alla Casa del Mantegna, in via Acerbi.

INFO TRENI STAZIONE DI RIFERIMENTO MANTOVA 1,3 km OGNI GIORNO 10 treni da MILANO 13 treni da VERONA

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

55


CURIOSITÀ Mantova è circondata da tre laghi: il Lago Superiore, il Lago di Mezzo e il Lago Inferiore, caratterizzati dalla presenza dei fiori di loto che donano al paesaggio un tocco romanticoesotico. Furono introdotti nel lago dalla naturalista A. M. Pellegreffi nel 1921, pensando di sfruttare la farina ricavata dai rizomi per l’alimentazione.

LO SAI CHE...

Per visitare il vasto patrimonio culturale e monumentale di Mantova è possibile acquistare la Mantova Sabbioneta Card: un unico biglietto del costo di 20 euro che dà diritto ad entrare in 17 musei e monumenti, compresi Palazzo Ducale e Palazzo Te. [home.mantovacard.it] 56

EVENTI & SAPORI

Mantova è la terra della Sbrisolona, la torta più friabile che ci sia. È fatta di briciole (da qui il nome che deriva da brisa, briciola), tenute insieme da burro e uova. I Gonzaga la nobilitarono arricchendola con zucchero, spezie e mandorle. SAVE THE DATE Mantova Comics & Games, festival del fumetto e dei giochi di ruolo: marzo Festa Patronale, S. Anselmo: 18 marzo Trame Sonore, festival di musica da camera: maggio-giugno Open Festival, rassegna di teatro urbano e del nouveau cirque: giugno Fiera delle Grazie, concorso dei madonnari, a Curtatone: agosto Mantova Medievale, rievocazione storica: agosto Gran Premio Nuvolari, gare di auto storiche: settembre Festivaletteratura: settembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Mantova e Sabbioneta rappresentano le due principali forme urbanistiche del Rinascimento: la trasformazione di una città esistente e la città di nuova fondazione, basata sul concetto di città ideale. Insieme, costituiscono due tappe significative della pianificazione territoriale e degli interventi urbanistici intrapresi dai Gonzaga nei loro domini, tra la prima metà del XIV secolo e i primi anni del XVIII secolo. In entrambe le città i Gonzaga intesero realizzare gli ideali di città rinascimentale, ricercando la forma urbanistica perfetta che testimoniasse la grandezza della famiglia e incaricando alcuni dei maggiori artisti italiani, tra i quali L. Battista Alberti e A. Mantegna.

Mantova e Sabbioneta sono testimonianze eccezionali di una particolare civiltà in uno specifico periodo storico, che ha avuto riflessi in campo urbanistico, architettonico e delle belle arti. Gli ideali del Rinascimento, sostenuti dalla famiglia Gonzaga, sono presenti nella loro architettura e morfologia urbana, nel loro sistema funzionale e nelle tradizionali attività produttive, che sono per lo più state conservate nel tempo. Le due città hanno giocato un ruolo eminente nella diffusione della cultura del Rinascimento dentro e fuori l’Europa.


VENETO

DOLOMITI, VICENZA, VENEZIA, VERONA, PADOVA, CEREA E PESCHIERA DEL GARDA


CORTINA D’AMPEZZO BELLUNO (BL) ALTITUDINE m 1.224 s.l.m. ABITANTI 5.840 INFO TURISMO Info Point Corso Italia, 81 Tel 0436 869086 [dolomiti.org]

DOLOMITI FASCINO E BELLEZZA SOTTO VETTE SPETTACOLARI RAGGIUNGI LE DOLOMITI CON 18 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Le Corbusier, uno dei più noti architetti del Novecento, le ha definite la più bella opera architettonica del mondo. Ed infatti le Dolomiti sono spettacolari: fatte di pareti di roccia, ghiacciai, sistemi carsici, guglie altissime, torri e pinnacoli; vette plasmate dagli agenti atmosferici, punto d’incontro della cultura italiana, tedesca e ladina. Per non parlare dei colori di queste montagne, dal verde dei boschi al tipico colore rosato, all’alba e al tramonto: cattedrali di roccia incendiate dal sole.

INFO TRENI

STAZIONE DI RIFERIMENTO CALALZO-PIEVE DI CADORE 450 m + bus DOLOMITIBUS OGNI GIORNO 9 treni da BELLUNO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

63


CURIOSITÀ Cortina fa parte del comprensorio Dolomiti Superski e offre diverse piste riunite nei tre comprensori di Tofane, Faloria-Cristallo-Mietres e Lagazuoi-5 Torri. I percorsi sono collegati fra loro da due impianti: la seggiovia quadriposto Piè Tofana e la seggiovia triposto Pomedes. La più famosa fra le piste è l'Olympia delle Tofane, sede di importanti gare della Coppa del Mondo di sci alpino.

EVENTI & SAPORI

I chenedi sono la variante ampezzana dei canederli tirolesi. Palle di pan grattato ripiene di speck, lardo, spinaci e formaggio, servite immerse in un brodo caldo o ricoperte di burro fuso.

LO SAI CHE...

Da giugno a settembre è attivo il servizio del Trenobus delle Dolomiti, promosso da Regione Veneto, Trenitalia e DolomitiBus con la collaborazione della Provincia di Belluno. [dolomitibus.it] 64

SAVE THE DATE La Corsa dei Sestieri, palio invernale, a Cortina: febbraio Festa patronale, S. Biagio, a Calalzo: 3 febbraio Cortinametraggio, festival cinematografico dedicato al cortometraggio, a Cortina: marzo Festa patronale, Santi Filippo e Giacomo, a Cortina: 3 maggio Fiera di S. Antonio, a Calalzo: giugno Coppa d'oro delle Dolomiti, competizione tra automobili d'epoca, a Cortina: luglio Cadore Natura, festa-mercato dedicata al biologico, a Calalzo: agosto Dolomiti Delicious Festival, evento enogastronomico, a Cortina: settembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il riconoscimento Unesco premia lo straordinario valore paesaggistico e naturalistico di nove sistemi montuosi nelle Alpi italiane, le Dolomiti. Le Dolomiti, prendono il nome dal naturalista francese Déodat de Dolomieu che per primo studiò il particolare tipo di roccia predominante nella regione, battezzata in suo onore dolomia. La composizione chimica delle rocce genera un particolare legame con la luce che prende il nome ladino di Enrosadira, un fenomeno naturale che colora di oro, rosa, rosso, arancio e viola le vette dolomitiche all’alba e al tramonto. In pieno sole, invece, le Dolomiti divengono ‘pallide’. Il “paesaggio dolomitico” è divenuto il modello di uno specifico paesaggio montano.

Le Dolomiti hanno uno straordinario valore paesaggistico e naturalistico, caratterizzato da una grande varietà di forme verticali, come pinnacoli, guglie e torri che emergono all’improvviso da vasti giacimenti detritici o da dolci colline, e da una estesa gamma di colori creata dai contrasti tra le spoglie e pallide rocce e le foreste e i prati sottostanti. Le Dolomiti hanno avuto origine nel Triassico (circa 250 milioni di anni fa) dall’accumulo di conchiglie, coralli e alghe sul fondo di mari caldi e poco profondi. Questi sedimenti si sono poi trasformati in roccia e, a seguito dello scontro tra la placca europea e la placca africana, sono stati innalzati fino a oltre i 3000 metri sopra il livello del mare.


Villa La Rotonda

VICENZA VICENZA (VI) ALTITUDINE m 39 s.l.m. ABITANTI 111.980 INFO TURISMO [vitourism.it] INFO TRENI

VICENZA LA CITTÀ E LE VILLE PALLADIANE RAGGIUNGI VICENZA CON 125 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Fra le ville dell’architetto Andrea Palladio, realizzate nel XVI secolo, Villa La Rotonda, a Vicenza, è forse una delle più famose. Di grande prestigio, sempre facilmente raggiungibili in treno, sono anche Villa Pisani Ferri a Lonigo (VI), Villa Emo, nei pressi di Fanzolo (TV), Villa Zeno a Donegal di Cessalto (TV), Villa Pisani a Montagnana (PD) e Villa Cornaro a Piombino Dese (PD).

STAZIONI DI RIFERIMENTO VICENZA entro 750 m LONIGO 2 km FANZOLO 1,7 km CEGGIA 550 m MONTAGNANA 2 km PIOMBINO DESE 900 m OGNI GIORNO 34 treni da VENEZIA 12 treni da TREVISO 27 treni da VERONA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

69


Villa Emo CURIOSITÀ Fra le tante opere importanti del Palladio, realizzate a partire dal 1540, troviamo la Basilica Palladiana, affacciata su Piazza dei Signori; il Teatro Olimpico, primo esempio di teatro stabile coperto dell'epoca moderna; Palazzo Chiericati e Villa Almerico-Capra, detta La Rotonda, uno degli edifici più studiati e imitati nei cinque secoli successivi.

LO SAI CHE... Il Biglietto unico per i musei della città di Vicenza prevede un solo passaggio per singola sede e ha validità 7 giorni dal primo utilizzo. Comprende Teatro Olimpico, Palazzo Chiericati, Museo Naturalistico Archeologico, Palladio Museum e diversi altri siti. [vitourism.it] 70

EVENTI & SAPORI

Il Baccalà alla vicentina è il piatto principe della cucina vicentina. Il merluzzo essiccato, in coppia con la polenta, deve essere di eccellente qualità: la migliore è considerata quella detta Ragno che proviene dalle Isole Lofoten in Norvegia. SAVE THE DATE StraVicenza, gara podistica: marzo Granfondo Liotto Città di Vicenza, corsa ciclistica: aprile Vicenza Jazz, festival internazionale di musica jazz: maggio Festambiente: giugno Settimane Musicali al Teatro Olimpico: giugno Festa Patronale, Madonna del Monte Berico: 8 settembre MezzadiVicenza, mezza maratona: settembre CioccolandoVi, rassegna di cioccolato: ottobre Rally Città del Palladio, gara automobilistica: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Le opere di Palladio riconosciute Patrimonio Mondiale consistono in 23 palazzi a Vicenza e 24 ville nel territorio circostante. I palazzi sono inseriti nel tessuto urbano della città medievale e creano un pittoresco insieme di stile gotico veneziano e classicismo palladiano ispirato all’architettura romana classica. La villa palladiana è concepita come recupero umanistico della villa romana antica, lontano dall’idea di villa-castello medioevale, con prevalente funzione difensiva. È una casa-tempio, abbellita con scalinate monumentali e coronata da un frontone sostenuto dalle colonne di una loggia, che sintetizza gli aspetti funzionali della gestione del territorio e dell’autocelebrazione dei nobili proprietari.

Villa Cornaro

Le ville di Palladio sono il prodotto del genio architettonico di un maestro del Rinascimento. La varietà degli schemi delle ville dimostra la costante sperimentazione di rivisitazione degli schemi classici portata avanti da Palladio e documentata nella sua celebre opera Quattro Libri dell’Architettura. Le opere di Palladio a Vicenza e nel Veneto, ispirate all’architettura classica e caratterizzate da una ineguagliabile purezza formale, hanno esercitato una eccezionale influenza sulla progettazione architettonica e urbana in tutto il mondo dando luogo al Palladianesimo, un movimento artistico che durò nei tre secoli successivi ed ebbe molti importanti seguaci soprattutto negli Stati Uniti.


VENEZIA VENEZIA (VE) ALTITUDINE m 2,56 s.l.m. ABITANTI 261.396 INFO TURISMO [veneziaunica.it] INFO TRENI

VENEZIA LA CITTÀ E LA SUA LAGUNA RAGGIUNGI VENEZIA CON 381 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Il cuore pulsante di Venezia è Piazza S. Marco, una delle più belle piazze del mondo, nonché l’unica area denominata piazza nella laguna. Tutte le altre zone con questa forma, infatti, sono chiamate campi. Il modo più scenografico per accedere al salotto dei veneziani è dal mare. Arrivati alla stazione di Santa Lucia, prendete il vaporetto lungo il Canal Grande che arriva a S. Marco: il panorama della piazza è semplicemente mozzafiato!

STAZIONI DI RIFERIMENTO VENEZIA MESTRE VENEZIA S. LUCIA VENEZIA CARPENEDO VENEZIA P. MARGHERA nel raggio di 1 km OGNI GIORNO 26 treni da VERONA 14 treni da BOLOGNA 26 treni da TRIESTE 13 treni da TREVISO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

75


CURIOSITÀ Il ghetto ebraico di Venezia, non lontano dalla stazione, ha oltre 500 anni di storia ed è diviso in tre: c’è quello Nuovo (il più antico), il Vecchio e poi il Nuovissimo. Le cinque sinagoghe, di cui solo tre visitabili, sono considerate le più belle d’Europa per i loro interni ricchi e decorati.

LO SAI CHE... La Venezia Unica City Pass, personalizzabile a seconda delle esigenze, consente di accedere con un unico strumento ai mezzi di trasporto pubblico, all’offerta culturale e turistica cittadina e a molti altri servizi utili. Il modo più semplice per acquistarla è online. [veneziaunica.it] 76

EVENTI & SAPORI

La Festa del Redentore, a luglio, è tra le festività più sinceramente sentite dai veneziani, in cui convivono l'aspetto religioso e quello spettacolare, grazie allo spettacolo pirotecnico che attrae migliaia di visitatori. SAVE THE DATE Carnevale di Venezia: febbraio Festa Patronale, S. Marco: 25 aprile Regata delle Antiche Repubbliche Marinare: ogni 4 anni maggio-luglio Festa del Redentore: terza domenica di luglio Biennale di Venezia, Esposizione Internazionale d'Arte: maggio-novembre Mostra Internazionale del Cinema: agosto-settembre Regata storica: settembre Festa della Madonna della Salute: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Il sito comprende Venezia e la grande laguna che la circonda. Nell’insieme custodisce una delle maggiori concentrazioni di capolavori al mondo e testimonia la costante interazione nel tempo tra l’uomo e l’ecosistema lagunare. Le grandi capacità tecniche ed artistiche dei veneziani hanno consentito di realizzare straordinarie opere idrauliche e architettoniche che hanno reso Venezia un’opera d’arte e le hanno consentito di esercitare un’influenza straordinaria sullo sviluppo dell’architettura e delle arti monumentali. La città, insieme alla sua laguna, oggi rappresenta un habitat semi-lacustre divenuto vulnerabile a seguito degli irreversibili cambiamenti naturali e climatici.

Venezia è associata in modo diretto e tangibile alla storia dell’umanità in quanto ha esteso i propri orizzonti ben oltre la laguna, l’Adriatico e il Mediterraneo. L’influenza di Venezia sullo sviluppo dell’architettura e delle arti monumentali si ritrova in particolare nei “fondachi” veneziani, o scali commerciali, lungo la costa dalmata, in Asia Minore e in Egitto, nelle isole del Mar Ionio, nel Peloponneso, a Creta e a Cipro. I grandi pittori veneziani, da Bellini a Giorgione, da Tiziano a Tintoretto, Veronese e Tiepolo, cambiarono totalmente la percezione dello spazio, della luce e del colore, lasciando una chiara impronta sullo sviluppo della pittura e delle arti decorative in tutta Europa.


VERONA VERONA (VR) ALTITUDINE m 59 s.l.m. ABITANTI 257.303 INFO TURISMO IAT Tel 045 8068680 [tourism.verona.it]

INFO TRENI

VERONA LA CITTÀ

RAGGIUNGI VERONA CON 188 COLLEGAMENTI AL GIORNO

«Oh Romeo, Romeo, perché sei tu Romeo?» disse Shakespeare per bocca di un’innamorata Giulietta. I più romantici si metteranno subito sulle tracce dei due celebri amanti shakespeariani visitando la casa di Romeo in via Arche Scaligere e quella di Giulietta in via Cappello, con il celebre balcone. E poi c’è l’Arena, sede della grande lirica, e il fascino dei caffè di piazza Bra, le storiche osterie, il passeggio del Liston e le voci fra le bancarelle di Piazza delle Erbe.

STAZIONI DI RIFERIMENTO VERONA PORTA NUOVA VERONA PORTA VESCOVO nel raggio di 1,5 km OGNI GIORNO 32 treni da VENEZIA 15 treni da MILANO 11 treni da BOLOGNA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

81


CURIOSITÀ Il cuore del commercio veronese è Piazza delle Erbe, che sorge nel luogo in cui i romani fondarono il Foro. Sono tanti i monumeti storici presenti: la Casa dei Mercanti, la fontana di Madonna Verona e l’Arco della Costa. Ma cos’è l’osso che pende da sotto l’arco? Secondo molti è una costola di Balena. La sua funzione però rimane ancora un mistero.

LO SAI CHE... La Verona Card è un biglietto cumulativo con il quale è possibile visitare l’Arena, affacciarsi al leggendario Balcone di Giulietta, salire sulla Torre dei Lamberti, entrare nelle più belle chiese di Verona e tanto altro. È disponibile in due versioni: una valida 24 ore e l’altra 48 ore. [tourism.verona.it] 82

EVENTI & SAPORI

Il Vinitaly è una delle più importanti fiere enologiche internazionali. Si tiene annualmente ad aprile, a testimonianza della ricchezza di un territorio di grandi vigneti e cantine. SAVE THE DATE Palio del Drappo Verde, gara di corsa: marzo Vinitaly, salone internazionale del vino: aprile Festa patronale, S. Zeno: 29 aprile Estate Teatrale Veronese: maggio-settembre Schermi d’amore, teatro, danza e musica: maggio-settembre Festival Lirico Areniano: giugno-settembre Tocatì, festival Internazionale dei giochi di strada: settembre Festival di Cinema Africano di Verona: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Verona, a partire dal I secolo a.C., quando divenne municipio romano, ha sempre rappresentato un centro di primaria importanza militare e culturale, grazie anche alla sua posizione lungo gli assi di comunicazione tra le Alpi e la Pianura Padana e le vie commerciali verso l’Adriatico. Le molteplici dominazioni che si sono succedute nei secoli (Ostrogoti, Longobardi, Repubblica di Venezia, Impero Austro-Ungarico) e le imponenti fortificazioni e porte monumentali costruite a difesa della città testimoniano il ruolo strategico rivestito da Verona, che fino al XX secolo è rimasta compresa nelle mura ricostruite dagli Scaligeri nel Medio Evo e viene considerata un grandioso esempio di roccaforte militare.

Per la sua struttura urbana e per la sua architettura, Verona è uno splendido esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti. Verona rappresenta in modo eccezionale il concetto della città fortificata in più tappe caratteristico della storia europea. Verona presenta un elevato livello di integrità ed autenticità del proprio patrimonio artistico e monumentale, grazie alla tradizione italiana del restauro che ha portato, nel secondo dopoguerra, ad una ricostruzione rispettosa delle testimonianze storiche e orientata al riuso dei materiali originali.


PADOVA PADOVA (PD) ALTITUDINE m 27 s.l.m. ABITANTI 210.758 INFO TURISMO IAT Via del Municipio, 1 Tel 049 5207415 [turismopadova.it]

INFO TRENI

PADOVA L'ORTO BOTANICO

RAGGIUNGI PADOVA CON 223 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Seimila piante coltivate per un totale di 3.500 specie differenti: si tratta, pur in forma ridotta, di una parte significativa del regno vegetale. Benvenuti all’Orto Botanico dell’Università di Padova, creato nel 1545: il più antico del mondo occidentale che ancora conservi la sua forma e ubicazione iniziali. Qui sono presenti anche numerosi alberi storici, come la Palma di Goethe, messa a dimora nel 1585, attualmente la pianta più vecchia presente nell'orto botanico patavino.

STAZIONE DI RIFERIMENTO PADOVA 2 km OGNI GIORNO 69 treni da VENEZIA 26 treni da VERONA 7 treni da TREVISO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

87


CURIOSITÀ Il disegno originale dell’Orto Botanico è costituito da una circonferenza centrale che simboleggia il mondo, circondato da un anello d’acqua. All’interno vi è inscritto un quadrato, suddiviso in quattro unità da sentieri ortogonali, orientati secondo le principali direttrici cardinali. Questa forma è una raffigurazione dell’universo adottata fin dai tempi antichi e ricorda lo schema della città ideale del Rinascimento. LO SAI CHE... La Padova Card (48 o 72 ore) consente l’ingresso gratuito alla Cappella degli Scrovegni, ai Musei Civici Eremitani, al Palazzo della Ragione e a diversi altri siti. Oltre all’utilizzo gratuito dei mezzi di trasporto pubblico Busitalia Veneto e una riduzione sul biglietto d’ingresso all'Orto Botanico. [turismopadova.it] 88

EVENTI & SAPORI

È difficile che una serata a Padova non finisca con uno spritz. All'Aperol, al Campari o al Cynar, l'aperitivo arancione è una tradizione padovana che si è ormai diffusa in tutto il mondo. SAVE THE DATE Padova Marathon, gara di corsa: aprile Rievocazione del Transito di S. Antonio: sera del 12 giugno Festa Patronale, Sant’Antonio: 13 giugno Padova Pride: giugno Sherwood Festival, evento musicale: giugno-luglio Villeggiando, spettacoli nelle ville e piazze padovane: luglio-agosto Future Vintage Festival, rassegna di lifestyle e comunicazione: settembre Novembre PataVino, evento enogastronomico: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... L’Orto Botanico dell’Università di Padova, creato nel 1545, è il più antico del mondo occidentale che ancora conservi la sua forma e ubicazione iniziali. Detto anche giardino dei semplici, poiché destinato inizialmente alla sola coltivazione delle piante officinali (chiamate nel Medioevo i semplici), l’Orto costituì un passo in avanti fondamentale per la storia della medicina e della scienza botanica e anche un esempio illustre dei canoni estetici del Rinascimento per l’architettura dei giardini. L’Orto svolge ancora il suo ruolo originale come centro di attività didattica universitaria, educazione e ricerca scientifica. Il suo disegno, una circonferenza centrale circondata da un anello d’acqua, ricorda lo schema della città ideale del Rinascimento.

L’Orto Botanico di Padova ha rappresentato una fonte di ispirazione per molti altri giardini in Italia e in Europa, sia per la loro progettazione architettonica e funzionale, sia negli approcci didattici e scientifici sullo studio delle piante medicinali e delle discipline affini. Sin dalla sua costituzione è stato al centro di una rete di scambi internazionali, contribuendo alla diffusione della conoscenza delle piante medicinali e delle scienze botaniche. Da quasi 500 anni riveste uno straordinario valore scientifico e culturale. La posizione e le principali caratteristiche sono rimaste intatte ma al tempo stesso si è adattato costantemente alle scoperte nelle scienze botaniche e dell’educazione.


CEREA VERONA (VR) ALTITUDINE m 18 s.l.m. ABITANTI 16.569 INFO TURISMO [cerea.net] INFO TRENI

CEREA E PESCHIERA DEL GARDA SITI PALAFITTICOLI PREISTORICI DELL’ARCO ALPINO RAGGIUNGI CEREA E PESCHIERA DEL GARDA CON 55 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Il Veneto ospita alcuni siti palafitticoli UNESCO. Fra Peschiera del Garda e Cerea troviamo: Belvedere, Frassino, La Maraschina, e Tombola di Cerea, nel cuore delle Valli Grandi Veronesi. Località raggiungibili, direttamente con il treno, nel raggio di 1 km. I siti palafitticoli offrono una visione unica della vita nei primi villaggi agricoli aprendo una finestra sulla vita dell’uomo, sull’assetto insediativo e territoriale delle comunità preistoriche.

STAZIONE DI RIFERIMENTO CEREA 500 m PESCHIERA DEL GARDA nel raggio di 1 km OGNI GIORNO CEREA: 8 treni da MANTOVA 7 treni da MONSELICE OGNI GIORNO PESCHIERA: 17 treni da VERONA 15 treni da MILANO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

93


CURIOSITÀ Tra le tipologie più note di palafitta troviamo quella su bonifica (o semplicemente Bonifica) realizzata in sponda allo specchio o al corso d'acqua, su un'impalcatura appoggiata al terreno, e la palafitta aerea, eretta su impalcature aeree sospese sopra il pelo dell’acqua.

LO SAI CHE... All’interno del nuovo Museo Archeologico Nazionale di Verona, in corso di completamento per quanto concerne strutture e allestimenti, negli spazi dell’ex caserma austriaca di San Tomaso, saranno ospitate le testimonianze provenienti delle Palafitte veronesi e dai siti iscritti al patrimonio dell’Umanità. 94

EVENTI & SAPORI

Le Sarde del Garda in saor, alla griglia o fritte, pescate rigorosamente nel Garda, vengono servite, di solito come antipasto, con cipolle cotte con aceto e poi caramellate con pinoli e uvetta. SAVE THE DATE Pianura Golosa, mercato enogastronomico, a Cerea: febbraio ChocoMoments, festa del cioccolato, a Peschiera del Garda: aprile Trofeo città di Peschiera del Garda, camminata podistica: maggio Salute alle Erbe, mostra mercato dedicata alle erbe aromatiche, Peschiera del Garda: maggio Festa patronale, S. Zeno, a Cerea: 21 maggio Festa dell’Anguria, a Cerea: luglio Palio delle Mura della Fortezza, tradizionale competizione remiera di voga alla veneta, a Peschiera del Garda: agosto Blues Made In Italy, rassegna musicale, a Cerea: ottobre Sagra dell’Anara di Asparetto, a Cerea: ottobre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... La serie di 111 siti archeologici palafitticoli si trova in Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia ed è composta dai resti di insediamenti preistorici, databili tra il 5000 e il 500 a.C., che si trovano sotto l’acqua, sulle rive di un lago, lungo i fiumi o in aree umide. Diciannove di questi siti si trovano in Italia, in particolare attorno al Lago di Garda e a quello di Varese, e sono dislocati in cinque regioni, Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Al di là della straordinaria importanza storico-culturale, il sito costituisce un perfetto esempio di collaborazione trans-nazionale che ha permesso la realizzazione di una cooperazione e condivisione eccezionali.

La serie dei villaggi palafitticoli è una delle più importanti fonti archeologiche per lo studio delle prime società agrarie in Europa tra il 5000 e il 500 a.C. Le eccezionali condizioni di conservazione dei materiali organici hanno consentito una dettagliata ricostruzione del mondo delle prime società agricole in Europa. I reperti testimoniano le abitudini e le attività praticate dall’uomo preistorico europeo e contribuiscono all'individuazione delle influenze e delle contaminazioni culturali tra diverse aree continentali. Le testimonianze archeologiche individuate hanno permesso una conoscenza unica del modo in cui queste società hanno interagito con il loro territorio grazie alle nuove tecnologie e, ugualmente, a fronte dell’impatto dei cambiamenti climatici.


FRIULI VENEZIA GIULIA PALMANOVA


PALMANOVA UDINE (UD) ALTITUDINE m 27 s.l.m. ABITANTI 4.432 INFO TURISMO Ufficio turismo Borgo Udine, 4 Tel 0432 924815 [turismofvg.it/Localita/ Palmanova]

PALMANOVA OPERE DI DIFESA VENEZIANE TRA XVI E XVII SECOLO RAGGIUNGI PALMANOVA CON 14 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Palmanova, insieme a Bergamo e Peschiera del Garda, rientra nelle opere di difesa veneziane realizzate, sul territorio italiano, tra il XVI e XVII secolo. Palmanova è una città fortezza a forma di stella a nove punte, costruita dalla Serenissima per difendere i propri confini dalla minaccia ottomana e austriaca. È la città fortificata ideale: sintesi tra le utopie rinascimentali e le teorie militari e belliche del tempo.

INFO TRENI

STAZIONE DI RIFERIMENTO PALMANOVA 1,2 km OGNI GIORNO 7 treni da UDINE 5 treni da TRIESTE SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

101


CURIOSITÀ Palmanova fu fondata il 7 ottobre 1593 e progettata per ospitare ventimila persone. La fortezza cittadina ha un nucleo urbano di 70 ettari, inserito all’interno di tre cinte murarie concentriche: due mura veneziane e il perimetro più esterno francese, che conferiscono a Palmanova la forma di una stella a nove punte.

LO SAI CHE...

Per approfondire l’impianto urbanistico di Palmanova fate una visita al Civico Museo Storico, dove sono conservate raccolte di documenti in ordine cronologico che raccontano i quattro periodi della dominazione della città: veneziano, napoleonico, austriaco e italiano. 102

EVENTI & SAPORI

Quelli di S. Daniele e di Sauris sono tra i migliori prosciutti crudi in Italia. Il primo ha un profumo intenso e un colore rosato, mentre il secondo è leggermente affumicato. SAVE THE DATE Guarda Che Luna, note immagini e brindisi a Palmanova: giugno Festa patronale, Santissimo Redentore: 15 luglio Mostra mercato di stampe antiche: agosto A.D. 1615. Palma alle Armi, rievocazione storica: settembre Fiera di Santa Giustina: 7 ottobre Mercatini di Natale: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il sito seriale transnazionale è costituito da sei strutture dislocate in Italia, Croazia e Montenegro, per l’Italia Bergamo, Palmanova e Peschiera del Garda. L’organizzazione e le difese dello Stato da Terra, che proteggeva la Repubblica di Venezia dalle altre potenze europee a nord-ovest, e lo Stato da Mar, che proteggeva le rotte marittime e i porti nel Mar Adriatico, erano necessarie per sostenere l’espansione e il potere di Venezia. Con l’introduzione della polvere da sparo a scopi bellici avvennero cambiamenti significativi nelle tecniche e nell’architettura militare che portarono alla progettazione di fortificazioni definite alla moderna, o bastionate.

Le opere di difesa veneziane forniscono una testimonianza eccezionale del sistema bastionato, ossia la cultura militare alla moderna che nacque a Venezia nel XVI e XVII secolo, e delle abilità tecniche e logistiche, delle moderne strategie di combattimento e dei nuovi requisiti architettonici. L’ampiezza del territorio della Serenessima era la ragione di fondo della nascita del sistema alla moderna o bastionato, durante il Rinascimento. Il valore universale eccezionale include i lavori di sterro e le strutture di fortificazione, ma anche la configurazione del paesaggio nonché le strutture urbane e difensive risalenti a periodi storici precedenti e più recenti ma integrate nelle opere di difesa veneziane.


EMILIA ROMAGNA FERRARA, MODENA, RAVENNA


Castello Estense

FERRARA FERRARA (FE) ALTITUDINE m 9 s.l.m. ABITANTI 132.395 INFO TURISMO Castello Estense Tel 0532 209370 [ferrarainfo.com]

INFO TRENI

RAGGIUNGI FERRARA CON 116 COLLEGAMENTI AL GIORNO

FERRARA

STAZIONE DI RIFERIMENTO FERRARA 1,5 km

LA CITTÀ E IL SUO DELTA DEL PO

OGNI GIORNO 29 treni da BOLOGNA 12 treni da RAVENNA 14 treni da VENEZIA

Dal Castello Estense percorrete Corso Ercole I d’Este, fulcro dell’Addizione Rinascimentale, visitate il Palazzo dei Diamanti, con le sue 8.000 pietre a forma di piramide, proseguite verso il complesso di Palazzo Massari, con una sosta in piazza Ariostea, per arrivare al Tempio di S. Cristoforo alla Certosa. La famiglia d’Este promosse bonifiche nel territorio del Delta del Po, dove sorgono le Delizie Estensi, fra cui spicca il Castello di Mesola.

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

109


Chiesa di S. Cristoforo (Certosa) CURIOSITÀ Immersa nel Parco del Delta del Po, l’Abbazia di Pomposa è un complesso monastico benedettino. Dopo il Mille divenne un importante centro spirituale e culturale. Sorgeva su un’isola circondata da una parte dal mare e dell’altra da due rami del Po, quello di Goro e di Volano. Il monastero accolse illustri personaggi del tempo, tra i quali è da ricordare Guido d'Arezzo, il monaco inventore delle note musicali.

EVENTI & SAPORI

La Coppia ferrarese (detta in dialetto ciupeta) è un prodotto di panetteria a indicazione geografica protetta tipico della provincia di Ferrara. È un pane perfetto per accompagnare i salumi, in particolare il tipico salame all’aglio o la salama da tai.

LO SAI CHE... Con MyFE card (2 gg, 3 gg o 6 gg) è possibile accedere gratuitamente a tutti i musei della rete, visitandoli una sola volta; è inoltre compreso l'accesso alle mostre di Palazzo dei Diamanti con biglietto ridotto. [ferrarainfo.com] 110

SAVE THE DATE Vulandra Festival internazionale degli Aquiloni: aprile Primavera Slow, escursioni sul Delta del Po: marzo-giugno Festa patronale, S. Giorgio: 23 aprile Il Palio di Ferrara (il più antico del mondo): ultima domenica di maggio Ferrara Sotto le Stelle, festival musicale: giugno-luglio Musica Pomposa, all’Abbazia di Pomposa: giugno-agosto Ferrara Buskers Festival, rassegna internazionale musica di strada: agosto Internazionale a Ferrara, festival di giornalismo: ottobre Ferrara Balloons Festival, festival delle mongolfiere: settembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Ferrara fu la prima città rinascimentale ad essere sviluppata secondo un piano regolatore, ossia un complesso piano urbanistico in cui la disposizione armoniosa delle prospettive urbane prevale sulla bellezza dei singoli edifici. Tra il XIV e il XVI secolo la famiglia d’Este intraprese il recupero di terreni estensivi nel vicino delta del Po, che incluse, oltre alla creazione di nuovi canali e strade, anche l’istituzione di castalderie, grandi tenute agricole dotate di palazzi di pregio e ampi giardini collegate alla città attraverso un fitto reticolo di vie d’acqua fra loro comunicanti. Furono inoltre costruite numerose residenze nobiliari conosciute come delizie estensi, ossia palazzi, ville e padiglioni destinati a rappresentare luoghi di svago e divertimento.

Abbazia di Pomposa

La scuola di architettura ferrarese esportò metodi ed elementi di design urbanistico, come mura e fortezze, nella pianificazione di altre città italiane ed europee. Il centro storico di Ferrara è un perfetto esempio di pianificazione urbanistica rinascimentale che presenta ancora praticamente intatti impianto, fabbricati e tessuto urbano. Il Delta del Po è un eccezionale paesaggio culturale pianificato, che conserva il suo impianto originale. La Corte degli Este fu il crocevia di brillanti artisti, poeti e filosofi, divenendo il fulcro del nuovo Umanesimo in Italia.


La Cattedrale

MODENA MODENA (MO) ALTITUDINE m 34 s.l.m. ABITANTI 185.045 INFO TURISMO IAT Piazza Grande, 14 Tel 059 2032660 [visitmodena.it]

MODENA LA CATTEDRALE, LA TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE RAGGIUNGI MODENA CON 179 COLLEGAMENTI AL GIORNO

A Modena tutto ruota attorno a Piazza Grande, dove si trovano gli edifici del potere civico e religioso. Un complesso monumentale, del XII e XIII secolo, d’enorme influenza sullo sviluppo dell’arte romanica nella pianura padana. Il Duomo fu fondato, nel 1099, dall’architetto Lanfranco e dallo scultore Wiligelmo. La Torre Civica, collegata alla Cattedrale da due archi, è detta Ghirlandina, forse per le due balconate simili a ghirlande che circondano la cuspide.

INFO TRENI STAZIONE DI RIFERIMENTO MODENA 1 km OGNI GIORNO 10 treni da MILANO 15 treni da PIACENZA 22 treni da BOLOGNA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

115


La Torre Civica (Ghirlandina) CURIOSITÀ Nella Torre Civica c’è la Stanza della Secchia, dove è visibile una copia della famosa secchia rapita (l’originale è conservato nel Palazzo Comunale), l'oggetto simbolo della contesa tra modenesi e bolognesi, che si fronteggiarono nella Battaglia di Zappolino del 1325: un sanguinoso scontro raccontato in chiave eroicomica da A. Tassoni.

LO SAI CHE... Il biglietto unico Sito Unesco, al costo di 6 euro, dà la possibilità di visitare la Torre Ghirlandina, i Musei del Duomo, l’Acetaia Comunale e le sale storiche di Palazzo Comunale. Ha una validità illimitata e può essere utilizzato anche in giorni diversi per le singole visite. [visitmodena.it] 116

EVENTI & SAPORI

L’Aceto Balsamico di Modena IGP è ottenuto da mosto d’uva cotto. L’uva proviene esclusivamente dai vitigni di Lambrusco, Sangiovese, Trebbiano, Albana, Ancellotta, Fortana e Montuni. Al mosto vengono aggiunti aceto di vino, aceto vecchio (di almeno 10 anni) e una piccola percentuale di caramello. SAVE THE DATE Festa patronale, S. Geminiano: 31 gennaio Festival della Fiaba, incontri sul mondo delle fiabe: giugno Trofeo C. T. Aceto Balsamico Trad.le di Modena D.O.P.: giugno Modena Motor Gallery, mostra mercato di auto e moto d'epoca: settembre Festivalfilosofia, la filosofia diffusa sul territorio: settembre Grandezze & Meraviglie, festival di musica antica: settembre-ottobre La Bonissima, festival del gusto e dei prodotti tipici modenesi: ottobre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il complesso monumentale di Modena costituito dalla Cattedrale, dalla Torre Civica e dalla Piazza Grande offre un esempio di sviluppo urbano strettamente collegato ai valori della vita civica, specialmente nelle relazioni che esso rivela tra l’economia, la religione e la vita politica e sociale della città. Tra il XII e il XIII secolo il complesso monumentale ha rappresentato una delle principali scuole di un nuovo linguaggio figurativo destinato ad avere una enorme influenza sullo sviluppo dell’arte romanica nella pianura padana. A livello europeo, le sculture della Cattedrale consentono la comprensione del contesto culturale che ha accompagnato la rinascita della scultura monumentale in pietra.

Piazza Grande

La Cattedrale è una creazione congiunta di Lanfranco, architetto, e Wiligelmo, scultore, e rappresenta un capolavoro del genio creativo umano che ha dato origine ad una nuova relazione dialettica tra architettura e scultura nell’arte romanica. Il complesso monumentale è uno splendido esempio di complesso architettonico in cui vengono combinati i valori religiosi ed i valori civici e rappresenta una testimonianza eccezionale delle tradizioni culturali del XII secolo nella società urbana dell’Italia settentrionale. La storia degli edifici riflette l’organizzazione sociale e politica della città.


Basilica di S. Apollinare in Classe

RAVENNA RAVENNA (RA) ALTITUDINE m 4 s.l.m. ABITANTI 171.057 INFO TURISMO IAT Piazza San Francesco, 7 Tel 0544 35755 [turismo.ra.it]

INFO TRENI

RAGGIUNGI RAVENNA CON 104 COLLEGAMENTI AL GIORNO

RAVENNA

STAZIONI DI RIFERIMENTO RAVENNA 600m-1,5 km CLASSE 500 m

I MONUMENTI PALEOCRISTIANI

OGNI GIORNO 18 treni da BOLOGNA 12 treni da FERRARA 14 treni da RIMINI

Capitale dell’Impero Romano d’Occidente e culla della cultura bizantina in Italia, Ravenna racchiude tesori quali la Basilica di S. Vitale, il Battistero degli Ariani, il Battistero Neoniano, la Cappella Arcivescovile, il Mausoleo di Galla Placidia, la Basilica di S. Apollinare Nuovo e quella di S. Apollinare in Classe. Senza dimenticare il Mausoleo di Teodorico, con la sua grande cupola monolitica, in pietra Aurisina: il peso raggiunge le 230 tonnellate.

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

121


Battistero Neoniano CURIOSITÀ Ravenna è la città del mosaico. L’oro delle tessere non ha perso la brillantezza, malgrado siano passati quasi sedici secoli. L’occhio è rapito dalla bellezza della volta stellata di Gallia Placidia, dai gioielli di Teodora e delle sue ancelle nella basilica di S. Vitale, dal buon pastore con il mantello tempestato d’api - simbolo di dolcezza pronta a difendersi - a S. Apollinare in Classe.

LO SAI CHE...

Con la Romagna Visit Card potete visitare oltre 130 siti turistici a Ravenna, ma anche a Forlì-Cesena, Rimini e Ferrara. Nella città dei mosaici, tra i siti Unesco ad entrata gratuita, c’è la Basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Mausoleo di Teodorico. [romagnavisitcard.it] 122

EVENTI & SAPORI

Ravenna Mosaico è la rassegna biennale di mosaico contemporaneo che coinvolge i luoghi più suggestivi della città: monumenti, musei, chiostri e altri spazi diventano gallerie d'eccezione in cui arte antica e arte contemporanea sono in costante dialogo. SAVE THE DATE Ravenna Jazz, festival jazz: maggio La Notte del Liscio, eventi per festeggiare la tradizione del Liscio: giugno Ravenna Festival, musica classica e opera lirica: giugno-luglio La Notte Rosa, festa dell'estate della Riviera Adriatica: luglio Spiagge Soul, festival diffuso di musica soul: luglio Festa patronale, Sant’Apollinare: 23 luglio Festival Internazionale della Musica d’Organo: luglio-agosto Settembre dantesco, eventi dedicati a Dante Alighieri: settembre La Notte d’Oro, la notte bianca di Ravenna: ottobre Ravenna Mosaico, biennale di mosaico contemporaneo: ottobre Nightmare Film Fest, rassegna cinematografica: ottobre-novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Il sito è costituito da otto monumenti: il Mausoleo di Galla Placidia, edificato secondo la tradizione latina d’Occidente; il Battistero Neoniano, in perfetto stile paleocristiano; il Battistero degli Ariani, con mosaici e iconografie collegate alla fede ariana; la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, con mosaici tipici della tradizione stilistica romana e con un forte influsso bizantino; il Mausoleo di Teodorico; la Cappella Arcivescovile, l’unico monumento ortodosso costruito durante il regno di Teodorico; la Basilica di San Vitale, una delle massime realizzazioni dell’architettura bizantina in Italia. Fuori Ravenna si innalza la straordinaria Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

Basilica di S. Vitale

Questi edifici di culto riflettono le importanti vicende storiche, politiche e religiose di Ravenna, divenuta capitale dell’Impero Romano d’Occidente nel 402 a.C., poi capitale ostrogota e successivamente bizantina durante il V e VI secolo. I primi monumenti cristiani di Ravenna sono senza eguali in quanto testimoniano la relazione ed i contatti artistici e religiosi in un periodo importante della storia europea. I mosaici sono tra i più belli in Europa, grazie anche al mescolamento tra tradizione grecoromana, iconografia cristiana e stili occidentali ed orientali, tipici della cultura del tardo Impero Romano. I monumenti paleocristiani sono l’emblema dell’arte sacra e funeraria del VI secolo.


TOSCANA FIRENZE, PISA, SIENA


Basilica di Santa Maria Novella

FIRENZE FIRENZE (FI) ALTITUDINE m 55 s.l.m. ABITANTI 381.190 INFO TURISMO [firenzeturismo.it]

INFO TRENI

FIRENZE IL CENTRO STORICO RAGGIUNGI FIRENZE CON 389 COLLEGAMENTI AL GIORNO

A soli due minuti a piedi dalla stazione centrale visitate il complesso di Santa Maria Novella e i nuovi spazi del trecentesco Chiostro Grande, il più ampio di Firenze (56 arcate con affreschi di metà Cinquecento) e l’antico Refettorio. Proseguite lungo via della Scala dove è possibile entrare nella farmacia-erboristeria più antica d’Europa, attiva da 4 secoli. A pochi di passi c’è il Museo del Novecento che ospita la prestigiosa collezione Alberto Della Ragione.

STAZIONI DI RIFERIMENTO FIRENZE SMN, RIFREDI, STATUTO, P. PRATO, C. MARTE, ROVEZZANO nel raggio di 750 m OGNI GIORNO 19 treni da LIVORNO 17 treni da AREZZO 13 treni da PISA 7 treni da ROMA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

129


Basilica di Santa Croce (Chiostro)

CURIOSITÀ Firenze dal 1343 è divisa in quattro quartieri storici, ognuno di un proprio colore, che prendono il nome dal più importante luogo di culto presente sul suo territorio: Santa M. Novella, S. Giovanni, Santa Croce, S. Spirito. Ogni quartiere è a sua volta diviso in quattro zone. La suddivisione attuale sostituì quella in sestieri nel XIV secolo.

LO SAI CHE... La Firenze Card, valida 72 ore, permette l’accesso a 72 siti d’interesse senza bisogno di prenotazione. Unica eccezione la salita alla Cupola di Brunelleschi, che è inclusa nella Card, ma richiede la prenotazione per l'accesso (da effettuarsi in loco). Maggiori informazioni: [firenzecard.it] 130

EVENTI & SAPORI

Il panino con il lampredotto si acquista dai trippai, baracchini disseminati in vari punti della città, che vendono e preparano le frattaglie bovine, il cosiddetto quinto quarto. È considerato il più tradizionale street food fiorentino. SAVE THE DATE Pitti Immagine, rassegna di moda: gennaio Taste, salone dedicato alle eccellenze del gusto: marzo Mostra Internazionale dell’Artigianato: aprile Maggio Musicale Fiorentino, festival musicale: maggio-luglio Calcio Storico Fiorentino, gioco di squadra in costume storico: giugno Festa patronale, S. Giovanni Battista: 24 giugno MusArt, rassegna artistica: luglio Festa di S. Lorenzo: agosto Festa della Rificolona, folklore popolare: settembre Firenze Marathon, gara di corsa: novembre Strings City, festival dedicato gli strumenti a corda: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... A partire dal Quattrocento Firenze ha esercitato un’influenza predominante sullo sviluppo dell’architettura e delle belle arti, divenendo la culla del Rinascimento italiano grazie al lavoro di artisti straordinari come Brunelleschi, Donatello e Masaccio, e a due geni dell’arte quali Michelangelo e Leonardo da Vinci. Firenze, considerata l’insieme urbano con la più forte concentrazione di opere d’arte, è rimasta immutata nel corso dei secoli grazie alla capacità dei fiorentini di preservare le tecniche costruttive originali usando i tradizionali materiali da costruzione quali la pietra forte, la pietra serena, intonaci ed affreschi.

Cattedrale di Santa Maria del Fiore (Duomo)

Firenze è associata ad eventi di portata universale ed è la patria sia del concetto di Rinascimento, forgiato nel periodo dell’Accademia Neoplatonica, sia dell’Umanesimo moderno ispirato da Landino, Poliziano, Marsilio Ficino, Pico della Mirandola ed altri. Dal XIV al XVII secolo Firenze ha esercitato un forte potere economico e politico in Europa. Durante questo periodo sono stati costruiti prestigiosi edifici che testimoniano la magnificenza dei suoi banchieri e dei suoi principi: Palazzo Rucellai, Palazzo Strozzi, Palazzo Medici-Riccardi, Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli, la Sacrestia di San Lorenzo, le Cappelle funebri dei Medici, la Biblioteca Laurenziana e molti altri.


Villa della Petraia

FIRENZE FIRENZE (FI) ALTITUDINE m 55 s.l.m. ABITANTI 381.190 INFO TURISMO [firenzeturismo.it]

INFO TRENI

FIRENZE LE VILLE E I GIARDINI MEDICEI RAGGIUNGI FIRENZE CON 389 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Dodici ville e due giardini ornamentali voluti dalla famiglia dei Medici tra il XV ed il XVII secolo. Patrimoni disseminati nella campagna toscana considerati tra i più importanti ed elevati esempi di architettura rinascimentale e barocca della regione. Fra questi troviamo la Villa Medicea di Careggi, Villa di Castello, Villa della Petraia e il Giardino di Boboli, già Patrimonio UNESCO insieme al centro storico di Firenze.

STAZIONI DI RIFERIMENTO FIRENZE SMN, RIFREDI, STATUTO, P. PRATO, C. MARTE, ROVEZZANO nel raggio di 750 m OGNI GIORNO 19 treni da LIVORNO 17 treni da AREZZO 13 treni da PISA 7 treni da ROMA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

135


Villa di Castello CURIOSITÀ Nel Giardino di Boboli c’è la Limonaia, costruita verso il 1778 nel luogo in cui si trovava il Serraglio degli Animali, dove Cosimo III conservava gli animali esotici. Nello Stanzone degli agrumi ancora oggi sono ricoverate, da novembre ad aprile, circa 500 conche (vasi di terracotta) di agrumi del giardino: limoni, cedri, pompelmi, citrangoli, melangoli, chinotti, mandarini e limette. LO SAI CHE... Potete visitare le due ville medicee di Castello e Petraia con un breve e suggestivo itinerario. Una volta raggiunta Villa di Castello (una decina di minuti a piedi dalla stazione di Firenze Castello) e dopo la visita al giardino di Castello, incamminatevi per una strada stretta e pittoresca verso Villa della Petraia. 136

EVENTI & SAPORI

Ville e Giardini incantati è una rassegna di concerti, firmati dall’Orchestra della Toscana, che vede protagoniste alcune Ville medicee, fra cui quella della Petraia e il giardino della Villa medicea di Castello. SAVE THE DATE Cavalcata dei Re Magi, manifestazione storica: 6 gennaio Scoppio del Carro, manifestazione della tradizione popolare laico-religiosa: domenica di Pasqua Festa patronale, S. Giovanni Battista: 24 giugno Festa della Rificolona, folklore popolare: settembre Festa del Grillo, folklore al Parco delle Cascine: giorno dell’Ascensione Florence light festival: dicembre-gennaio


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Dodici ville e due giardini ornamentali disseminati nel paesaggio toscano costituiscono la testimonianza dell'influenza esercitata dalla famiglia Medici sulla cultura europea moderna attraverso il mecenatismo delle arti. Realizzate tra il XV ed il XVII secolo, le ville rappresentano un nuovo tipo di residenza principesca, differente sia dalle fattorie di proprietĂ di ricchi fiorentini del periodo sia dai castelli, emblema del potere signorile. Esse costituiscono il primo esempio di connessione tra habitat, giardini e ambiente, ed hanno contribuito allo sviluppo di una sensibilitĂ  estetica rispetto al paesaggio, caratteristica dell'Umanesimo e del Rinascimento.

Giardino di Boboli

Le ville e i giardini medicei in Toscana rappresentano il modello di residenza rurale aristocratica che si diffuse, in tutta Italia durante il Rinascimento e poi in tutta l’Europa moderna, quale incarnazione di una serie di nuove ambizioni politiche, economiche ed estetiche. Le ville e i giardini, dedicati al tempo libero, alle arti e alla conoscenza, rappresentano un riferimento costante per le residenze principesche in Italia e in Europa. Essi hanno dato un primo e decisivo contributo alla nascita di una nuova estetica e di un nuovo stile di vita e costituiscono una testimonianza eccezionale di mecenatismo culturale e artistico sviluppato dai Medici nel corso di quasi tre secoli.


Campanile (Torre)

PISA PISA (PI) ALTITUDINE m 4 s.l.m. ABITANTI 90.408 INFO TURISMO Ufficio turismo Piazza Duomo, 7 Tel 050 550100 [turismo.pisa.it]

INFO TRENI

PISA LA PIAZZA DEL DUOMO

RAGGIUNGI PISA CON 124 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Campo dei Miracoli è ricordato per essere stato teatro dei primi esperimenti del giovane Galileo Galilei. Genialità e bellezza sono un binomio inscindibile in Piazza Duomo: la Cattedrale, il Battistero, il Campanile e il Cimitero sono capolavori dell’architettura medievale. All’interno del camposanto, dopo 20 anni di restauri, sono finalmente tornati alla luce i meravigliosi affreschi trecenteschi di Buonamico Buffalmacco, una parete di 1.500 metri quadri definita la Cappella Sistina del Medioevo.

STAZIONI DI RIFERIMENTO PISA C.LE 1,8 km PISA S. ROSSORE 1,8 km OGNI GIORNO 11 treni da FIRENZE 22 treni da LA SPEZIA 21 treni da LUCCA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

141


Battistero CURIOSITÀ

Visitate Piazza Duomo indossando gli occhiali multimediali Art Glass per scoprire il patrimonio artistico e culturale della città attraverso la realtà aumentata. Ad accompagnarvi in questo viaggio, virtuale e reale, sarà G. Galilei, grazie al quale scoprirete cosa sono le unghie del diavolo, la sezione aurea del Battistero, come mai il Campanile è pendente e molto altro ancora! LO SAI CHE... Pisa Urban Treasure Hunt è un’app che permette di scoprire la città giocando attraverso sfide di riconoscimento di determinati luoghi o monumenti significativi. Un percorso a tappe con prove da superare per acquisire punti e accedere alla tappa successiva. [turismo.pisa.it] 142

EVENTI & SAPORI

Ogni anno, in ottobre, si tiene l’Internet Festival: il principale evento italiano dedicato all’esplorazione della Rete. Nuove tecnologie e futuro, tematiche affrontate in un appuntamento diffuso in varie location del territorio. SAVE THE DATE Pisa Folk Festival, musica, teatro, enogastronoma: maggio-giugno Festa patronale, S. Ranieri: 17 giugno Metarock, evento musicale: settembre Anima Mundi, rassegna di musica sacra: settembre-ottobre Premio nazionale letterario, evento culturale: ottobre Internet Festival, nuove tecnologie e innovazione: ottobre Concerti della Normale, musica classica: ottobre-giugno Pisa Book Festival, fiera della letteratura: novembre Pisa Marathon, maratona di Pisa: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Pisa, una delle gloriose Repubbliche Marinare italiane, oggi non si trova più sul mare ma conserva intatto il suo tessuto urbano medievale. Piazza del Duomo, nota come Campo dei Miracoli, ospita quattro capolavori dell’architettura medievale: la Cattedrale, innovativa per l’architettura policroma e l’uso del loggiato; il Battistero, dotato di un’acustica eccezionale grazie alla doppia cupola, una interna a tronco di cono e una esterna emisferica; il Campanile, la famosa Torre Pendente; il Cimitero, con meravigliosi affreschi, tra i quali Il trionfo della Morte di Buffalmacco. Questi monumenti, espressione dello stile romanico-pisano, rappresentano i momenti fondamentali della vita del cristiano, dalla nascita alla morte.

Cattedrale

Campo dei Miracoli è un esempio artistico unico di disegno spaziale. I quattro capolavori che lo compongono hanno influenzato considerevolmente lo sviluppo dell’architettura e dell’arte monumentale e custodiscono tesori d’arte famosi in tutto il mondo, come le porte di bronzo e mosaico della cattedrale, i pulpiti del battistero e della cattedrale, gli affreschi del Campo Santo. All’interno della cattedrale Galileo Galilei, osservando l’oscillazione dei candelieri bronzei creati da Battista Lorenzi, elaborò all’età di 19 anni la teoria dell’isocronismo delle piccole oscillazioni, mentre dalla cima del campanile condusse esperimenti che lo portarono a formulare le leggi sulla caduta dei gravi.


SIENA SIENA (SI) ALTITUDINE m 322 s.l.m. ABITANTI 53.772 INFO TURISMO IAT Piazza Duomo, 1 Tel 0577 280551 [enjoysiena.it]

INFO TRENI

SIENA IL CENTRO STORICO

Torre del Mngia

RAGGIUNGI SIENA CON 97 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Una visita alla città del Palio non può che partire da piazza del Campo, dominata dalla Torre civica del Mangia. Ammirate la Maestà di Simone Martini nel Museo Civico, salite lungo via di Città fino al Duomo, in stile romantico-gotico italiano, davanti al quale c’è l’antico Ospedale di Santa Maria della Scala, oggi complesso museale. Proseguire l’itinerario verso la grandiosa Basilica di San Domenico e la Casa Santuario di Santa Caterina da Siena, con molte testimonianze sulla sua vita.

STAZIONE DI RIFERIMENTO SIENA 2 km OGNI GIORNO 14 treni da FIRENZE 12 treni da CHIUSI 15 treni da EMPOLI SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

147


Duomo

Il primo Palio di Siena con i cavalli, così come ancora avviene, è stato corso nel 1644. Il fantino più giovane ad aver vinto aveva 13 anni, nel 1823. Nel 1957, invece, partecipò alla gara Rossana Bonelli per la contrada dell’Aquila: l'unica donna ad aver corso un Palio alla tonda, tenutosi cioè in Piazza del Campo.

LO SAI CHE... Opa Si Pass permette l’accesso, con un solo biglietto, a tutte le sedi museali del complesso monumentale del Duomo di Siena (Duomo, Battistero di S. Giovanni, Museo dell’Opera). Un itinerario di circa due ore con una validità di tre giorni consecutivi dalla data di emissione. [operaduomo.siena.it] 148

EVENTI & SAPORI

In Toscana, le pappardelle (spesse strisce di pasta fresca) sono un piatto tradizionale, servite su un sugo di lepre e poi mescolate, ma non viceversa, mi raccomando! Si accompagnano perfettamente con un buon Chianti o un Rosso di Montepulciano. SAVE THE DATE Terra di Siena Film Festival, cinema: settembre-ottobre Franci Spring Festival, evento di musica classica: giugno Palio di Siena: 2 luglio e 16 agosto Chigiana International Festival, rassegna musicale: luglio-agosto Festa dei Tabernacoli: 8 settembre World Francigena Ultra Marathon, gara a passo di trekking e nordic walking: ottobre SIPAContest Festival, contest di fotografia: ottobre Festa patronale, S. Ansano: 1 dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il centro storico è delimitato dagli antichi bastioni, costruiti tra il XIV e il XVI secolo, che seguono il contorno delle tre colline sulle quali è stata costruita la città, collegate da tre grandi strade che si intersecano a Y in una valle poi diventata Piazza del Campo. Dentro le mura fortificate, lunghe sette chilometri, sopravvivono nelle loro funzioni originarie case-torri, palazzi, chiese e strutture religiose ma anche alcune splendide fontane, le antiche strade e gli spazi verdi. Siena è un raro esempio di grande città medievale perfettamente conservata, in parte perché risparmiata dai danni bellici e dal moderno sviluppo industriale, in parte perché fuori dalle aree di grande sviluppo nazionale.

Piazza del Campo

Siena è una città medievale eccezionale, un capolavoro in cui gli edifici si adattano al tessuto urbano e forma un tutto con il paesaggio circostante. Per queste sue caratteristiche, ha influito in modo sostanziale sull’arte, l’architettura e la pianificazione urbana tra il XIII e il XVII secolo, sia in Italia che in Europa. Attraverso i secoli la città ha mantenuto il suo aspetto gotico, acquisito tra il XII e il XV secolo, grazie anche all’utilizzo dell’arco senese, portato nella città dall’oriente durante le Crociate e rimasto elemento architettonico predominante fino al Rinascimento. Gli elementi gotici rimasero prevalenti anche nei grandi restauri tra il XVII e il XIX secolo.


UMBRIA ASSISI, SPOLETO


Basilica di S. Francesco

ASSISI PERUGIA (PG) ALTITUDINE m 424 s.l.m. ABITANTI 28.415 INFO TURISMO IAT Piazza del Comune, 10 Tel 075 8138680 [visit-assisi.it]

INFO TRENI

ASSISI LA BASILICA DI S. FRANCESCO E ALTRI SITI FRANCESCANI RAGGIUNGI ASSISI CON 30 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Il complesso basilicale di S. Francesco, candido emblema e fregio di Assisi, domina la pianura sottostante con una vista formidabile, a perdita d’occhio. All’interno della Basilica Superiore troviamo il primo film a colori, realizzato da Giotto, con 28 scene dedicate alla vita del Santo simbolo della fraternità, che trova sepoltura, nella cripta, con i suoi primi compagni e una nobildonna romana, Jacopa de’ Settesoli.

STAZIONE DI RIFERIMENTO ASSISI entro 2 km OGNI GIORNO 4 treni da ROMA 6 treni da FIRENZE 7 treni da PERUGIA 13 treni da FOLIGNO

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

155


Basilica di Santa Chiara

CURIOSITÀ Nella ventesima scena della Vita di S. Francesco, (Giotto, Basilica superiore), c'è il profilo di un demone, con le corna scure, che emerge dalle nuvole Nel Medioevo, infatti, si credeva che anche nel cielo abitassero i demoni, che ostacolavano la salita delle anime. Questo demone è lì da otto secoli, ma la scoperta della sua presenza risale solo a qualche anno fa.

LO SAI CHE...

L’ingresso a tutti i luoghi religiosi di Assisi è gratuito. C’è la possibilità di acquistare un biglietto integrato per visitare il Foro Romano (museo archeologico), la Rocca Maggiore (Castello medievale) e la Pinacoteca (galleria d’arte). [visit-assisi.it] 156

EVENTI & SAPORI

In Umbria l’antipasto per eccellenza è la bruschetta. Come condirla? Provate questo tris: con patè di tartufo nero, salsa a base di olive nere o verdi, olio extravergine di oliva, origano, sale e pepe. SAVE THE DATE Il Carnevale delle Meraviglie: febbraio Giornata della Pace, evento di preghiera e digiuno: febbraio Calendimaggio, rievocazione storica medievale: maggio Festa del Voto, commemorazione della cacciata dei Saraceni: 22 giugno Festa patronale, S. Rufino: 12 agosto Palio di S. Rufino, manifestazione storico-folkloristica: agosto Assisi Suono Sacro, festival musicale: agosto Cavalcata di Satriano, rievocazione storica: settembre Festa di S. Francesco, cerimonie e manifestazioni: 3-4 ottobre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Assisi è conosciuta in tutto il mondo come città di S. Francesco e sede di iniziative dedicate alla pace e al dialogo interreligioso. Nell’imponente patrimonio artistico e architettonico della città predomina la Basilica di S. Francesco, composta da due chiese sovrapposte, l’Inferiore e la Superiore, e una cripta in cui un semplice sarcofago poggiato sulla roccia viva contiene le spoglie del Santo. Fanno parte del sito UNESCO anche la Chiesa di Santa Chiara, il Duomo di S. Rufino, la Chiesa di S. Pietro, Santa Maria Maggiore, la Chiesa Nuova. La Basilica di Santa Maria degli Angeli protegge la chiesetta, chiamata Porziuncola, che fu culla del Francescanesimo e luogo sacro dove S. Francesco morì.

Il messaggio artistico e spirituale dei Francescani e l’insieme dei capolavori del genio creativo umano hanno contribuito allo sviluppo dell’arte e dell’architettura nel mondo. La città santuario costituisce un esempio di continuità dal passato al presente grazie al paesaggio culturale, al patrimonio artistico religioso, all’uso tradizionale del territorio. Sin dal Medioevo Assisi è stata associata al culto e alla diffusione del francescanesimo e al messaggio universale di pace e di tolleranza anche verso le diverse religioni.


SPOLETO PERUGIA (PG) ALTITUDINE m 396 s.l.m. ABITANTI 38.035 INFO TURISMO IAT Largo Ferrer, 6 Tel 0743 218620 [comunespoleto.gov.it]

SPOLETO I LONGOBARDI IN ITALIA

RAGGIUNGI SPOLETO CON 82 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Nella Chiesa di S. Salvatore s’incontrano tendenze differenti: romano-ellenistica, bizantina, longobarda. Già basilica paleocristiana del IV-V secolo, l’edificio è il risultato di un rifacimento operato dai longobardi nell’VIII secolo. Della chiesa primitiva e delle sue trasformazioni più antiche rimangono l'abside, il presbiterio e la facciata. È caratteristica la forte presenza di spolia, cioè di reimpieghi di materiale antico utilizzato per colonne, basi, capitelli e architrave interno.

INFO TRENI STAZIONE DI RIFERIMENTO SPOLETO 1,4 km OGNI GIORNO 13 treni da ROMA 6 treni da PERUGIA 6 treni da ANCONA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

161


CURIOSITÀ

La basilica di S. Salvatore presenta chiari elementi di matrice orientale, sia nella struttura presbiteriale, con cappelle laterali chiuse, sia nel gusto decorativo della facciata, che trova importanti confronti in analoghi monumenti di area siriana. Ciò è dovuto alla presenza, nello spoletino, di un importante nucleo di monaci siriaci nei primi secoli del cristianesimo.

LO SAI CHE... La Spoleto Card è il biglietto integrato, della durata di 7 giorni, che permette di visitare il circuito museale della città con benefit presso altri musei e sconti in 35 esercizi commerciali convenzionati. [spoletocard.it] 162

EVENTI & SAPORI

Il Festival dei Due Mondi, conosciuto anche col nome di Spoleto Festival, è una manifestazione internazionale di musica, arte, cultura e spettacolo che si svolge ogni anno dal 1958. SAVE THE DATE Festa patronale, S. Ponziano: 14 gennaio Settimana internazionale della danza: marzo Festival Pianistico di Spoleto, evento musicale: aprile-maggio Il Festival dei Due Mondi: giugno-luglio Premio Nickelodeon per il cortometraggio sociale: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il Sito Unesco è costituito da fortezze, antiche chiese ed affascinanti monasteri lungo tutta la penisola italiana: straordinarie architetture che testimoniano la sintesi culturale ed artistica che ebbe luogo in Italia dal VI all’VIII secolo tra la tradizione romana, la spiritualità Cristiana, le influenze bizantine e i valori mutuati dal mondo germanico. La stessa sintesi segna la transizione tra l’Antichità e il Medio Evo europeo. Una delle manifestazioni pratiche di tale fenomeno di integrazione e sintesi fu l’uso che i Longobardi fecero dei resti antichi, reimpiegando i materiali lapidei e architettonici più antichi derivanti da necropoli o edifici abbandonati, unito a innovazioni di matrice germanica.

I luoghi Longobardi del potere esprimono forme artistiche e monumentali nuove e straordinarie, che testimoniano la specificità della cultura Longobarda nell’ambito dell’Europa altomedievale. Nel loro insieme essi costituiscono una serie culturale unica e chiaramente identificabile, i cui molti linguaggi e finalità esprimono il potere delle diverse élites Longobarde. I Longobardi hanno potenziato significativamente il movimento monastico ed hanno svolto un ruolo determinante nella trasmissione al nascente mondo europeo delle opere classiche di letteratura, tecnica, architettura, scienza, storia e diritto.


LAZIO

ROMA, TIVOLI

Castel Sant'Angelo (Roma)


Anfiteatro Flavio (Colosseo)

ROMA ROMA (RM) INFO TURISMO [turismoroma.it]

INFO TRENI

ROMA IL CENTRO STORICO

RAGGIUNGI ROMA CON 927 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Roma…Caput Mundi! La città storica racchiude monumenti dell’antichità oggi simbolo della città: il Colosseo, i Fori Imperiali, le terme di Caracalla, tra i più grandiosi esempi di terme imperiali, il Circo Massimo, dove correvano le bighe. Spostandosi lungo il Tevere, in direzione nord, s’incontra il Mausoleo di Augusto, che nello stile imita la tomba di Alessandro Magno, e Castel Sant’Angelo, collegato alla città dello Stato del Vaticano da un corridoio fortificato: il passetto di borgo.

OGNI GIORNO DALLE STAZIONI DI: ROMA TERMINI 1 km 17 treni da CASSINO 21 treni da NETTUNO 23 treni da CIVITAVECCHIA 14 treni da NAPOLI 9 treni da LATINA ROMA TRASTEVERE/ OSTIENSE 1 km 16 treni da VITERBO 22 treni da CIVITAVECCHIA 55 treni da FIUMICINO APT 13 treni da ORTE SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

169


CURIOSITÀ Quella del Pantheon è la più grande cupola in muratura portante del mondo. Ha un diametro di oltre 43 m, che coincide con l’altezza dell’edificio. È uno dei segreti della sua eleganza e dell’acustica perfetta. Nessuno sa chi l’ha progettato, ma chiunque sia stato ha fatto un lavoro perfetto perché, malgrado le invasioni e i terremoti, il Pantheon è ancora intatto dopo quasi 2.000 anni. LO SAI CHE... Roma Pass, promossa da Roma Capitale e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con ATAC, è la card turisticoculturale della Capitale che offre riduzioni e servizi per godere le bellezze di Roma. È disponibile in due versioni: 48 e 72 ore. [romapass.it] 170

EVENTI & SAPORI

I carciofi alla giudia e alla romana si preparano con i tipici carciofi romani, i cimaroli (o mammole). Quelli alla giudia sono fritti in olio bollente, mentre i carciofi alla romana sono cotti in tegame, con un ripieno di aglio, prezzemolo e mentuccia. SAVE THE DATE Biennale d'arte internazionale di Roma, mostra di internazionale di pittura, scultura e fotografia: gennaio degli anni dispari David di Donatello, premiazione degli Oscar italiani: marzo Maratona di Roma, gara di corsa non competitiva: aprile Primo Maggio, concerto per la Festa dei lavoratori: 1 maggio Festa patronale, Santi Pietro e Paolo: 29 giugno Festival del Cinema di Roma: ottobre Estate Romana, manifestazione culturale: giugno-settembre Festa de' Noantri, in onore della Beata Vergine del Carmelo: luglio Romaeuropa Festival, manifestazione di arte, danza, teatro, musica e cinema: settembre-novembre

Pantheon (Cupola)


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il sito comprende l’intero Centro Storico della città che si trova all’interno della cerchia delle mura del XVII secolo e alcuni beni extraterritoriali di Città del Vaticano, tra i quali anche San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore, il Palazzo della Cancelleria e la Basilica di San Paolo fuori le Mura. Il sito racchiude strutture di impareggiabile valore artistico, edificate nell’arco di quasi tre millenni: monumenti dell’antichità oggi emblema dell’anima della città, quali il Colosseo, il Pantheon e i Fori Imperiali; fortificazioni sviluppate nei secoli, progetti urbanistici del Rinascimento e dell’età barocca, tra cui Piazza Navona e Piazza di Spagna; edifici civili e religiosi, sculture e dipinti.

I Fori Imperiali

Nel corso dei secoli le opere romane hanno influenzato l’architettura, la pittura e la scultura in tutti i territori conosciuti del mondo antico, e in epoche successive sono state prese a modello nell’arte rinascimentale, barocca e neoclassica diffusa in tutto il mondo occidentale. Roma rappresenta un esempio unico della successione delle diverse epoche della civiltà occidentale poiché racchiude aree di periodi storici diversi innestate l’una all’altra all’interno di un tessuto urbano unitario. Questa complessa e chiara diversità di stili, che sovrappone differenti linguaggi architettonici, si fonde in un paesaggio urbano uniforme e dona al sito un’immagine fortemente caratteristica.


TIVOLI ROMA (RM) ALTITUDINE m 235 s.l.m. ABITANTI 56.550 INFO TURISMO IAT Piazzale Nazioni Unite Tel 0774 313536 [visittivoli.eu]

TIVOLI VILLA D'ESTE

RAGGIUNGI TIVOLI CON 56 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Villa d’Este è un capolavoro rinascimentale del giardino italiano, un modello più volte imitato nei giardini europei del manierismo e del barocco. La villa fu voluta dal cardinale ferrarese Ippolito d'Este, figlio di Lucrezia Borgia e di Alfonso I, che ricevette in regalo i territori di Tivoli da papa Giulio III. Qui il cardinale fece rivivere qui i fasti delle corti di Ferrara, Roma e Fointanebleau e rinascere la magnificenza di Villa Adriana. Tanti gli ospiti illustri della Villa, tra cui il musicista Franz Liszt.

INFO TRENI STAZIONE DI RIFERIMENTO TIVOLI 1,2 km OGNI GIORNO 7 treni da ROMA 9 treni da AVEZZANO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

175


CURIOSITÀ

Le fontane sono le protagoniste indiscusse di Villa d’Este. Fu il Bernini a realizzare, nel 1661, la Fontana del Bicchierone - così chiamata perché costituita da due calici dentellati sovrapposti e sorretti da una conchiglia - e la cascata della Fontana dell’Organo. E poi c’è il viale delle Cento Fontane, che ha fatto da sfondo a numerosi film, come la scena del banchetto nel kolossal Ben Hur diretto, nel 1959, da William Wyler.

LO SAI CHE... L'organo idraulico della Fontana dell'Organo, costruita fra il 1568 e il 1611, viene attivato quotidianamente, a partire delle ore 10.30, ogni due ore. Si tratta di un meccanismo ad acqua che fa udire dei motivi d’organo. 176

EVENTI & SAPORI

Nel mesi di settembre e ottobre si tiene la Sagra del Pizzutello, detto Uva Corna, dalla forma arrotondata degli acini. Un frutto presente nell’antichità nella zona adiacente Villa d’Este e intorno all’antica via d’accesso a Tivoli. SAVE THE DATE Fiera di S. Giuseppe: 19 marzo EstateTivoli, kermesse di eventi estivi: giugno-luglio Along Came Jazz, rassegna musicale, alle Terme di Tivoli: luglio Tivoli Chiama - Il Festival delle arti: luglio-agosto Festa patronale, S. Lorenzo: 10 agosto L’Inchinata, antica processione (dal 1524): 14 e 15 agosto Sagra del Pizzutello, evento enogastronomico: settembre-ottobre Natale a Tivoli, eventi natalizi con una rassegna/concorso dei presepi: dicembre-gennaio

Fontana dell'Organo


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Villa d’Este rappresenta uno degli esempi più notevoli e raffinati della cultura rinascimentale del XVI secolo e fa parte del sistema di sfarzose ville di campagna edificate dall’aristocrazia romana di cardinali e nobili famiglie per rivaleggiare con la magnificenza papale. Il giardino si estende lungo pendii che scendono dal palazzo fino a una terrazza pianeggiante e ciascuno dei suoi cinque principali assi trasversali termina in una fontana. Questa sistemazione fu adottata per nascondere, con un’illusione ottica, la forma irregolare del giardino e per dare al palazzo una posizione centrale, sebbene esso sia fuori allineamento rispetto al complesso architettonico.

Fontana dell'Ovato

Villa d’Este, uno dei primi giardini delle meraviglie, servì da modello ed ebbe un’influenza decisiva nello sviluppo dei giardini in Europa. In virtù del suo progetto innovativo e della creatività delle componenti architettoniche del parco (in particolare fontane e bacini ornamentali), rappresenta un esempio unico di giardino all’italiana del Cinquecento. Il giardino di fontane costituisce un capolavoro di ingegneria idraulica, sia per quanto riguarda la concezione generale dell’impianto che per la complessità del sistema di distribuzione. Di straordinario interesse tecnico ed estetico è anche la realizzazione dei molteplici giochi d'acqua, con l’introduzione dei primi automi idraulici in Italia.


CAMPANIA

CASERTA, NAPOLI, POMPEI-ERCOLANO E TORRE ANNUNZIATA, VIETRI SUL MARE, PAESTUM, BENEVENTO


CASERTA CASERTA (CE) ALTITUDINE m 20 s.l.m. ABITANTI 75.811 INFO TURISMO IAT Palazzo Reale Tel 0823 273512 [eptcaserta.it]

INFO TRENI

CASERTA LA REGGIA E IL PARCO RAGGIUNGI CASERTA CON 193 COLLEGAMENTI AL GIORNO

La Reggia di Caserta è la Versailles italiana. Negli intenti di re Carlo di Borbone, che la costruì nel 1750, c’era quello di realizzare una reggia che costituisse il centro ideale di una moderna capitale, Caserta, in grado di rivaleggiare con le maggiori città europee. L’architetto a cui fu affidato il complesso, Luigi Vanvitelli, progettò un palazzo che rappresenta il trionfo del barocco italiano con uno scenografico parco, composto da fontane e cascate.

STAZIONE DI RIFERIMENTO CASERTA 450 m OGNI GIORNO 67 treni da NAPOLI 10 treni da BENEVENTO 11 treni da SALERNO 5 treni da ROMA

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

183


CURIOSITÀ Gli interni della Reggia di Caserta sono stati usati come set da G. Lucas in Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma del 1999 e Episodio II – L’attacco dei cloni del 2002. Si tratta delle scene girate nel Palazzo Reale di Naboo, un pianeta fantastico ricco di zone verdi e di residenze regali.

LO SAI CHE... Con il biglietto annuale ParcApp Reggia di Caserta, tutti i visitatori potranno accedere al Complesso Vanvitelliano (Appartamenti, Parco, Giardino Inglese) ad esclusione di mostre ed eventi. Mentre il tagliando Parco Reggia di Caserta, consentirà la visita esclusivamente del Parco. [reggiadicaserta.beniculturali.it] 184

EVENTI & SAPORI

Il casatiéllo è una torta dolce o salata, tipica del periodo pasquale. Può essere dolce, ma anche salato a base di formaggio, salame e uova. SAVE THE DATE Festa patronale, S. Sebastiano: 20 gennaio Caserta Festival Jazz, evento musicale: giugno Sagra delle Pallottole, fiera gastronomica, a S. Leucio: giugno Caserta Rock Festival, rassegna musicale: luglio Un'Estate da Re, musica sinfonica, lirica e balletto alla Reggia di Caserta: giugno-agosto Stagione Teatrale Città di Caserta: ottobre-marzo


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il complesso monumentale di Caserta comprende un palazzo magnifico, il parco ed i giardini, ma anche il bosco naturale, i casini di caccia e la fabbrica della seta. La Reggia ne è il fulcro e il parco è l'ultimo dei grandi giardini europei, ispirato a Versailles e ai modelli cinquecenteschi delle ville romane e toscane. Il complesso di S. Leucio, l’antico Casino del Belvedere trasformato in filanda, ospitava una comunità di lavoratori a cui erano garantiti case, scuole, assistenza medica e tutti i servizi, secondo un modello di società basato sui valori del lavoro e dell'uguaglianza. L' Acquedotto Carolino serviva non solo il palazzo e i giardini ma anche le ferriere, i mulini e le industrie manifatturiere.

Il complesso monumentale di Caserta rappresenta la creazione di uno spirito illuminista che realizzò edifici di grande valore architettonico inseriti in un paesaggio naturale, secondo un ambizioso progetto che prevedeva di costruire una nuova città, collegata dall’Acquedotto Carolino. L’ innovativo piano urbanistico realizzato dalla dinastia borbonica nel complesso monumentale di Caserta segue i principi vitruviani di solidità, funzionalità e bellezza, in linea con la cultura neoclassica in voga in quel periodo. Lo straordinario valore del Casino del Belvedere, destinato alla produzione di tessuti in seta, deriva dai principi idealistici che sono alla base della sua originale concezione e gestione.


NAPOLI NAPOLI (NA) ALTITUDINE m 17 s.l.m. ABITANTI 966.425 INFO TURISMO Tel 081 7956161 [comune.napoli.it] INFO TRENI

NAPOLI IL CENTRO STORICO

RAGGIUNGI NAPOLI CON 429 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Il centro storico di Napoli è da scoprire a piedi. Fate una passeggiata per Spaccanapoli: vi imbatterete in piazza del Gesù Nuovo (quella che stava sulle vecchie 10.000 lire), con la Chiesa di Santa Chiara e il suo meraviglioso cortile. Vicino a piazza S. Domenico Maggiore c’è la suggestiva Cappella di Sansevero, con il Cristo velato di Giuseppe Sanmartino. Da non perdere è la chiesa di S. Gregorio Armeno, dove fanno i presepi con le statuette di tutti i personaggi antichi e moderni.

STAZIONI DI RIFERIMENTO NAPOLI P. GARIBALDI, MERGELLINA, P. AMEDEO, C. FLEGREI, CAVOUR, MONTESANTO entro 700 m OGNI GIORNO 42 treni da CASERTA 31 treni da SALERNO 12 treni da ROMA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

189


Chiesa di Santa Chiara CURIOSITÀ A Napoli ci sono oltre 200 percorsi pedonali naturali che un coordinamento di associazioni, fra cui il WWF e Legambiente, stanno valorizzando con attività e iniziative. Tra le scalinate più suggestive c’è la Pedamentina che, con i suoi 414 scalini, collega la Certosa S. Martino al centro storico in un percorso fra orti, giardini e panorami mozzafiato.

LO SAI CHE... Con la Campania Artecard potete visitare luoghi d’arte e cultura di Napoli e viaggiare sui trasporti pubblici del consorzio Unicocampania. Ha una durata di 3 giorni a partire dall’attivazione ed è possibile visitare gratuitamente i primi 3 siti in cui accedete, usufruendo di una riduzione fino al 50% dal 4° sito in poi. [campaniartecard.it] 190

EVENTI & SAPORI

Le migliori pizzerie d’Italia sono a Napoli. E non c’era bisogno che lo dicesse la Guida Michelin o il Gambero Rosso. I segreti? La farina, la lievitazione, il pomodoro e naturalmente la Mozzarella di Bufala Campana DOP. SAVE THE DATE Nauticsud, salone internazionale della nautica: febbraio Napoli COMICON, Salone Internazionale del Fumetto e del Gioco: aprile-maggio Maggio dei monumenti, nel centro storico: maggio BaccalàRe, manifestazione enogastronomica: maggio Napoli Pizza Festival, evento gastronomico: giugno Napoli Teatro Festival, rassegna teatrale: giugno-luglio Festa di Piedigrotta, manifestazione popolare: 8 settembre Festa patronale, S. Gennaro: 19 settembre Napoli Film Festival, rassegna cinematografica: settembre-ottobre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Le origini della città risalgono al VI secolo a.C. quando alcuni coloni greci fondarono, sull’isolotto di Megaride dove oggi sorge Castel dell’Ovo, la città di Parthenope, ristabilita dai Greci, nel 470 a.C, come Neapolis, città nuova. Napoli è una delle città più antiche d’Europa e conserva ampie testimonianze della sua lunga e travagliata storia, che attraverso i secoli ha visto la dominazione di Bizantini, Normanni, Angioini, Aragonesi, Borboni. Con questi ultimi, nel XVIII secolo, Napoli divenne una delle più importanti capitali europee ed esercitò rilevanti influssi in molti campi della cultura, soprattutto nell’arte e nell’architettura, raggiungendo vari primati nel campo dell’innovazione scientifica e tecnologica.

Piazza del Plebiscito

Napoli ha giocato un ruolo fondamentale nella trasmissione della cultura greca alla società romana. La città, fin dall’antichità, ha esercitato una forte influenza, come una delle più importanti città della Magna Grecia e poi della Repubblica Romana. Successivamente, dal Medioevo al XVIII secolo Napoli diventa un punto di riferimento per le arti e l’architettura, con i suoi forti antichi, il Palazzo Reale, i palazzi e le chiese costruiti dalle famiglie nobili. Il centro storico, che si affaccia sul famoso omonimo Golfo, è un eccezionale esempio di complesso urbanistico e monumentale che illustra le tracce della vasta gamma di influenze culturali a cui la città è stata esposta.


ERCOLANO NAPOLI (NA) ALTITUDINE m 44 s.l.m. ABITANTI 52.842 INFO TURISMO [comune.ercolano.na.it]

INFO TRENI

POMPEI, ERCOLANO E TORRE ANNUNZIATA LE AREE ARCHEOLOGICHE

Ercolano

RAGGIUNGI POMPEI, ERCOLANO E TORRE ANNUNZIATA CON 228 COLLEGAMENTI AL GIORNO

L’eruzione del Vesuvio, nel 79 d.C., ha travolto le due floride città romane di Pompei ed Ercolano, e numerose altre ville di lusso della zona. Pompei, con la Villa dei Misteri, Ercolano, con la Villa dei Papiri, e gli scavi di Oplontis, nella moderna città di Torre Annunziata, con le ville di Poppea e di L. Crasso Terzio, sono località direttamente raggiungibili con il treno nel raggio di due chilometri. Esse forniscono un quadro completo dell’antica città romana.

OGNI GIORNO DALLE STAZIONI DI: POMPEI 2 km 33 treni da NAPOLI 32 treni da SALERNO PORTICI-ERCOLANO 2 km 38 treni da NAPOLI 28 treni da SALERNO TORRE ANNUNZIATA 2 km 36 treni da NAPOLI 30 treni da SALERNO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

195


Villa Oplontis (Torre Annunziata) CURIOSITÀ Quando avvenne l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. che ha provocato la distruzione di Pompei e Ercolano? Secondo un lettera di Plinio il Giovane a Tacito è il 24 agosto, ma alcuni dati archeologici via via emersi mal si accordano con la stagione estiva e lasciano supporre che l'eruzione sia avvenuta in autunno, probabilmente il 24 ottobre. LO SAI CHE... È possibile viaggiare, una volta al mese, dal centro di Napoli ai due Parchi Archeologici di Pompei e Paestum a bordo di Archeotreno Campania, un treno storico con Centoporte, carrozze degli anni '30, e Corbellini, carrozze degli anni '50, trainate da una locomotiva elettrica degli anni '60 in livrea d'origine. [fondazionefs.it] 196

EVENTI & SAPORI

Da queste parti il caffè è un'istituzione. Il segreto? È un’alchimia che parte dalla scelta della caffettiera: quella napoletana viene chiamata cuccumella, e produce una bevanda dal gusto pieno. SAVE THE DATE Musica a Villa Signorini, a Ercolano: febbraio-aprile Festa patronale, Madonna del Rosario, a Pompei: 8 maggio Pompeii Theatrum Mundi, a Pompei: giugno-luglio Festa patronale, Madonna Assunta, a Ercolano: 15 agosto Festa patronale, Madonna della Neve, a Torre Annunziata: 22 ottobre Festival Internazionale del Cortometraggio dedicato a Dino De Laurentiis, a Torre Annunziata: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il sito include tre aree archeologiche distinte: le antiche città di Pompei ed Ercolano, con la Villa dei Misteri e la Villa dei Papiri, e le ville di Poppea e di L. Crasso Terzio a Torre Annunziata (Oplontis). Le tre aree vennero travolte dall’eruzione del Vesuvio del 24 agosto 79 d.C. e soltanto nel XVIII secolo iniziarono gli scavi per ritrovare i resti degli insediamenti, che emersero da strati di ceneri e pomici in eccezionali condizioni di conservazione. Si tratta di un unicum nella storia mondiale dell’archeologia, perché il disastro naturale che distrusse gli abitati ricoprendo tutto con materiale lavico ha consentito la preservazione degli edifici, che oggi ci offrono una testimonianza eccezionale della civiltà romana.

Pompei

Gli straordinari reperti delle città di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata costituiscono una testimonianza completa e vivente della civiltà romana tardo-repubblicana e alto-imperiale. In particolare le ville di Oplontis donano una vivida raffigurazione dell’opulento stile di vita dei più facoltosi ceti romani. Le tre aree archeologiche fanno luce su tanti aspetti della vita romana sotto diversi profili, storico, urbanistico, culturale, politico, sociale, antropologico. Si trovano testimonianze precise e reperti che svelano abitudini culinarie e mediche, persino la moda del tempo come abiti, gioielli, accessori femminili, profumi, vetri ed una infinita serie di dettagli sulla quotidianità.


VIETRI SUL MARE SALERNO (SA) Altitudine m 80 s.l.m. Abitanti 7.793 INFO TURISMO Comune Tel 089 763811 [comune.vietri-sul-mare. sa.it]

INFO TRENI

RAGGIUNGI VIETRI SUL MARE CON 79 COLLEGAMENTI AL GIORNO

VIETRI SUL MARE

STAZIONE DI RIFERIMENTO VIETRI SUL MARE 800 m

LA COSTIERA AMALFITANA

OGNI GIORNO 39 treni da SALERNO 30 treni da NAPOLI

Vietri sul Mare, all’inizio della Costiera amalfitana (o alla fine, se si viene da Sorrento) nasce su un territorio collinare, a ridosso della costa, alle cui pendici si estende la zona Marina, che affaccia direttamente sul mare. Simbolo di Vietri è la cupola maiolicata del Duomo, dedicato a S. Giovanni Battista, con ceramiche di colore verde, giallo e azzurro. I colori sono così vividi che si vedono anche a distanza.

SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

201


CURIOSITÀ Immergetevi nei sentieri che collegano Vietri sul Mare con la costiera amalfitana per escursioni nel verde. Stradine un tempo utilizzate per fuggire verso le alture durante gli attacchi dei Saraceni, dove si trova la Torre di Marina di Vietri utilizzata per avvistare i pirati o il Parco Croce, un'oasi del WWF sulle pendici del Monte Falerio, nato per volontà della figlia di B. Croce.

LO SAI CHE... Potendo scegliere, il periodo migliore per visitare la Costiera Amalfitana è da aprile a giugno, quando la primavera esplode in una profusione di odori e colori. Prima del caldo estivo e dell’arrivo di orde di turisti. Maggio è il mese migliore: temperature perfette, poca folla e per le strade, la sera, se sente odor di fior d’arancio. 202

EVENTI & SAPORI

La storia dell’industria ceramica di Vietri sul Mare ha una tradizione millenaria può essere ripercorsa con una visita alla Fabbrica di ceramiche Solimene, che espone ceramiche contemporanee e al Museo provinciale della ceramica che ha sede a Villa Guariglia. SAVE THE DATE Festa patronale, S. Giovanni: 24 giugno Buonissimi, enogastronomia del Mediterraneo: giugno Spunta la Luna dal Folk, musica popolare: luglio Vietri in scena, rassegna culturale: luglio-agosto Festa dell’Immacolata: 7-8 dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

La costiera amalfitana è una zona di grande bellezza naturale, caratterizzata da terrazzamenti per la coltivazione di vigneti e frutteti e da cittadine di grande valore architettonico e artistico, tra le quali Amalfi e Ravello. L’area del sito Unesco comprende dodici comuni e molteplici testimonianze storico-artistiche che ne rappresentano l’identità delle origini: dalle ville romane di Minori e Positano del I secolo d.C. all’architettura pubblica e privata medievale, dai preziosi manufatti di oreficeria e artigianato custoditi dentro chiese e musei, alle meraviglie naturalistiche della Valle dei Mulini e alle cupole maiolicate di Vietri, insegna di un artigianato ceramico famoso nel mondo.

La Costiera Amalfitana mostra un importante interscambio di valori umani, in un lungo arco temporale e all’interno dell’area culturale mediterranea, nell’ambito dell’architettura, della tecnologia, delle arti monumentali, della pianificazione urbana e del disegno del paesaggio. È un esempio eccezionale di insediamento umano tradizionale e dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, rappresentativo di una cultura che utilizza le risorse territoriali e marine nel rispetto della natura e dell’ambiente. La Costiera Amalfitana è un meraviglioso esempio di paesaggio mediterraneo con straordinario valore naturale e culturale.


CAPACCIO PAESTUM SALERNO (SA) ALTITUDINE m 441 s.l.m. ABITANTI 22.758 INFO TURISMO IAT Stazione di Paestum Tel 0828 725649 [paestumeventi.it]

INFO TRENI

PAESTUM IL PARCO ARCHEOLOGICO

RAGGIUNGI PAESTUM CON 25 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Paestum, l’antica città greca di Poiseidonia, fu fondata dai Greci alla fine del VII secolo a.C. e successivamente occupata dai Lucani finché, nel 273 a.C., Roma ne fece un’importante colonia, dandole il nome attuale. Passeggiate lasciandovi incantare dalla maestosità dei suoi edifici in stile dorico: il Tempio di Hera (VI sec. a.C.) è il più antico; il Tempio di Nettuno (V sec. a.C.), grandioso e al contempo elegante; Il Tempio di Cerere (VI sec. a.C.), che custodisce tre tombe cristiane.

STAZIONE DI RIFERIMENTO PAESTUM 950 m OGNI GIORNO 11 treni da NAPOLI 13 treni da SALERNO 7 treni da SAPRI SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

207


CURIOSITÀ Paestum by night: nei mesi di luglio e agosto è possibile ammirare la magica atmosfera dei templi di Paestum passeggiando sotto le stelle fino a mezzanotte. Un ciclo di aperture straordinarie dell’area archeologica in cui si organizzano speciali visite guidate.

LO SAI CHE... È possibile adottare un blocco delle mura dell’antica città di Paestum per un anno. Diventerete così donatori e potrete usufruire di un ingresso libero, con la possibilità di inserire il vostro nome e l’indicazione del blocco adottato sul sito web del Parco Archeologico di Paestum. [museopaestum. beniculturali.it] 208

EVENTI & SAPORI

I Giorni Romani di Paestum, sono l’evento di ricostruzione e rievocazione storica che si svolge all’interno del Parco Archeologico dell’antica città durante un week-end nei mesi di marzo, maggio e settembre.

SAVE THE DATE Giornata Mondiale del Paesaggio: marzo I Giorni Romani di Paestum, rievocazione storica: marzo, maggio e settembre Festa dei Musei e Notte europea dei Musei: maggio Festa patronale, S. Vito: 15 giugno Musica ai Templi, rassegna musicale: giugno-settembre Teatro di Templi, kermesse teatrale: luglio-agosto Giornate Europee del Patrimonio: settembre Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, unico Salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico e di ArcheoVirtual: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano è un territorio di straordinaria rilevanza, culturale e naturalistica, tanto da essere riconosciuto anche come Riserva della Biosfera MAB, dal 1997, e iscritto nella rete dei Geoparchi Mondiali dal 2010. Al suo interno Paestum, l’antica città greca di Poseidonia, fondata alla fine del VII secolo a.C., conserva ancora oggi alcuni eccezionali templi dorici; a Velia, in greco Elea, fondata nel 540 a.C. da coloni focesi, nacquero i filosofi Parmenide e Zenone, che diedero origine alla scuola eleatica; la Certosa di San Lorenzo a Padula, iniziata nel 1306 e completata nel XIX secolo, è il più vasto complesso monastico dell’Italia Meridionale nonché uno dei più interessanti in Europa.

Il Cilento è un paesaggio culturale di straordinario valore con testimonianze di insediamenti risalenti a 250.000 anni fa e ininterrottamente abitato fino ai nostri giorni, a testimonianza di una antica interazione tra l’uomo e la natura. Il Cilento era il confine tra le colonie della Magna Grecia e le popolazioni indigene etrusche e lucane. Gli spettacolari gruppi di santuari e insediamenti testimoniano l’evoluzione storica dei luoghi. Il Cilento riveste un grande valore culturale in quanto nella preistoria e, ancora, nel Medio Evo fu crocevia di importanti rotte di commercio e delle vie di comunicazione tra il Mar Tirreno e il Mar Adriatico e luogo di interazione culturale e politica.


BENEVENTO BENEVENTO (BN) ALTITUDINE m 135 s.l.m. ABITANTI 60.027 INFO TURISMO IAT Via Nicola Sala, 31 Tel 0824 319911 [eptbenevento.it]

INFO TRENI

BENEVENTO I LONGOBARDI IN ITALIA RAGGIUNGI BENEVENTO CON 82 COLLEGAMENTI AL GIORNO

A Benevento, il più importante ducato longobardo dell'Italia centro meridionale, sorge il Complesso monumentale di Santa Sofia e dell'omonima chiesa. Lasciatevi affascinare dai giochi di prospettive, di ombre e di luci che si creano all’interno dell’edificio. Il susseguirsi di volte prima quadrangolari, poi romboidali e infine triangolari è forse un richiamo alla forma delle tende usate dai longobardi durante il loro lunghi spostamenti in Europa.

STAZIONE DI RIFERIMENTO BENEVENTO 1,8 km OGNI GIORNO 5 treni da AVELLINO 5 treni da NAPOLI SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

213


CURIOSITÀ L’interno della chiesa di Santa Sofia un tempo era ricoperto di affreschi, alcuni dei quali sono visibili ancora oggi nelle due absidi laterali. Si tratta del ciclo pittorico dedicato alle Storie di Cristo con scene raffiguranti S. G. Battista e la Vergine Maria, opera di artisti legati alla Scuola di miniatura beneventana dipinte tra la fine dell'VIII e l'inizio IX secolo. LO SAI CHE... La Campania Arte Card è il biglietto integrato che permette di accedere alle aree monumentali e ai musei più rappresentativi della Campania, ma anche viaggiare con i trasporti pubblici del consorzio Unicocampania, per le tipologie che lo includono. [campaniartecard.it] 214

EVENTI & SAPORI

Benevento Longobarda è una ciclo di rievocazioni storiche, organizzato nel mese di giugno, che si svolge sia nel centro della città che nell'area archeologica dei Santi Quaranta, nelle adiacenze della Basilica della Madonna delle Grazie. SAVE THE DATE Festival delle Due Sicilie, cultura e enogatronomia: maggio-giugno Benevento Longobarda, ciclo di rievocazioni storiche: giugno Festival nazionale del cinema e della televisione: luglio Benevento Città Spettacolo, teatro, musica, cinema e mostre: agosto Festa patronale, San Bartolomeo: 24 agosto Autunno chitarristico, evento musicale: ottobre Festival Fantasiologico, incontri dedicati a fantasia e creatività: novembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il Sito Unesco è costituito da fortezze, antiche chiese ed affascinanti monasteri lungo tutta la penisola italiana: straordinarie architetture che testimoniano la sintesi culturale ed artistica che ebbe luogo in Italia dal VI all’VIII secolo tra la tradizione romana, la spiritualità Cristiana, le influenze bizantine e i valori mutuati dal mondo germanico. La stessa sintesi segna la transizione tra l’Antichità e il Medio Evo europeo. Una delle manifestazioni pratiche di tale fenomeno di integrazione e sintesi fu l’uso che i Longobardi fecero dei resti antichi, reimpiegando i materiali lapidei e architettonici più antichi derivanti da necropoli o edifici abbandonati, unito a innovazioni di matrice germanica.

I luoghi Longobardi del potere esprimono forme artistiche e monumentali nuove e straordinarie, che testimoniano la specificità della cultura Longobarda nell’ambito dell’Europa altomedievale. Nel loro insieme essi costituiscono una serie culturale unica e chiaramente identificabile, i cui molti linguaggi e finalità esprimono il potere delle diverse élites Longobarde. I Longobardi hanno potenziato significativamente il movimento monastico ed hanno svolto un ruolo determinante nella trasmissione al nascente mondo europeo delle opere classiche di letteratura, tecnica, architettura, scienza, storia e diritto.


S. Michele Arcangelo, Scicli (RG)

SICILIA

PALERMO E CEFALÙ, VAL DI NOTO, SIRACUSA


Palazzo Reale, Cappella Palatina (PA)

PALERMO PALERMO (PA) ALTITUDINE m 14 s.l.m. ABITANTI 668.630 INFO TURISMO [turismo.comune. palermo.it] INFO TRENI

PALERMO E CEFALÙ PALERMO ARABO-NORMANNA E LA CATTEDRALE DI CEFALÙ RAGGIUNGI PALERMO E CEFALÙ CON 192 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Sette delle nove testimonianze monumentali componenti il sito seriale si trovano all’interno della città di Palermo (Palazzo Reale e Cappella Palatina, Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti, Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, Chiesa di S. Cataldo, Palazzo della Zisa, Cattedrale metropolitana, Ponte dell’Ammiraglio), alle quali si aggiunge la cattedrale di Cefalù. Località direttamente raggiungibili con il treno nel raggio di 1 km.

OGNI GIORNO DALLE STAZIONI DI: PALERMO C.LE/ NOTARBARTOLO 1 km 7 treni da MESSINA 10 treni da AGRIGENTO 5 treni da CATANIA CEFALÙ 900 m 8 treni da MESSINA 13 treni da PALERMO SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

221


Cattedrale (Cefalù, PA) CURIOSITÀ La Cattedrale di Palermo e il Duomo di Cefalù con le rispettive rappresentazioni del Cristo Pantocratore, conosciute in tutto il mondo, sono luoghi simbolo dell’unione di diverse culture, che si sono fuse in quella irripetibile eredità culturale che possiamo definire occidentaleislamico-bizantina.

LO SAI CHE... Due mappe, una cartacea e l’altra virtuale, per scoprire la città: la prima è la Palermo Pass Map, disponibile anche nei punti d’informazione del Comune, mentre la seconda è la app Palermo Pass. [turismo.comune.palermo.it] 222

EVENTI & SAPORI

A fine settembre il centro storico di Palermo si trasforma in un vero e proprio villaggio del gelato con Sherbeth Festival, il festival Internazionale del gelato artigianale. SAVE THE DATE Vampa di S. Ciusieppi, festività religiosa con falò, a Cefalù: 19 marzo Festa del Corpus Domini, a Cefalù: prima metà di giugno Festa patronale, Santa Rosalia, a Palermo: 15 luglio Festa patronale, Santissimo Salvatore, a Cefalù: 6 agosto Incontri d’estate, rassegna culturale, a Cefalù: agosto-settembre Le Vie dei Tesori, evento culturale, a Palermo: settembre-ottobre Sherbeth, festival Int.le del gelato artigianale, a Palermo: settembre-ottobre Sport Film Festival, rassegna cinematografica internazionale del cinema sportivo, a Palermo: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA...

Il sito comprende una serie di strutture religiose e civili risalenti al Regno dei Normanni in Sicilia (11301194): il Palazzo Reale e la Cappella Palatina, il Palazzo della Zisa, tre Chiese (S. Giovanni degli Eremiti, Santa Maria dell’Ammiraglio, S. Cataldo), il Ponte dell’Ammiraglio e le Cattedrali di Palermo, di Cefalù e di Monreale. Ognuno di essi illustra importanti aspetti del sincretismo multiculturale occidentale-islamico-bizantino che caratterizzò il periodo nell’isola. La innovativa rielaborazione di forme architettoniche, strutture, materiali e decorazioni, testimoniano la feconda convivenza di genti di diverse origini (musulmani, bizantini, latini, ebrei, lombardi, francesi).

Cattedrale Metropolitana (PA)

Nell’insieme il sito è uno straordinario esempio di scambio tra culture, che dette origine nell'arte e nell'architettura a nuovi concetti di spazio e decorazione e generò una combinazione unica di elementi derivanti dalle diverse tecniche, una nuova straordinaria sintassi stilistica che fuse elementi bizantini, musulmani e romani e che contribuì allo sviluppo della architettura nell’Italia del Sud che si affaccia sul Tirreno e che si diffuse ampiamente nella regione mediterranea medievale. I ricchi e ampi mosaici, le pavimentazioni in opus sectile realizzate utilizzando per gli intarsi marmi tagliati, le sculture, le pitture, gli impianti, testimoniano la convergenza tra le diverse culture.


Noto (SR)

CATANIA CATANIA (CT) ALTITUDINE m 7 s.l.m. ABITANTI 311.712 INFO TURISMO [turismo.provincia.ct.it] INFO TRENI

VAL DI NOTO LE CITTÀ TARDO BAROCCHE RAGGIUNGI LA VAL DI NOTO CON 36 COLLEGAMENTI AL GIORNO

Fra le città tardo barocche della Val di Noto vi sono Ragusa, Modica, Noto, Catania e Scicli. Località raggiungibili direttamente con il treno nel raggio di 1 chilometro. Si tratta di centri abitati che esistevano già durante il Medioevo, ma vennero ricostruiti, secondo un modello stilistico Barocco, dopo il devastante terremoto del 1693. Rappresentano un unicum per le innovazioni fornite nella pianificazione e progettazione urbanistica

STAZIONE DI RIFERIMENTO CATANIA 1,1 km MODICA 500 m NOTO 1,2 km RAGUSA 800 m SCICLI 900 m OGNI GIORNO DA CATANIA 10 treni da SIRACUSA 6 treni da PALERMO 20 treni da MESSINA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

227


Modica (RG) CURIOSITÀ Le città tardo barocche del Val di Noto sono una delle massime espressioni al mondo del Tardo Barocco europeo, che comunemente è chiamato barocco del Val di Noto. Uno stile che si differenzia da una località all’altra per l’utilizzo di diversi materiali: il barocco di Catania è grigio-scuro per l’uso della pietra lavica, mentre a Noto ha il luminoso color miele della pietra locale. LO SAI CHE... Catania Pass, promosso dal comune di Catania e realizzato da AMT, è lo strumento ideale per scoprire la città. Dà diritto all’accesso gratuito o agevolato ai musei, l’utilizzo illimitato dei mezzi di trasporto urbano con sconti speciali presso negozi, ristoranti ed attività convenzionate. [cataniapass.it] 228

EVENTI & SAPORI

La Sagra del Pistacchio, a fine settembre, si tiene a Bronte, nel Catanese, dove ci sono un'infinita varietà di prodotti derivati dalla lavorazione del pistacchio, che qui è Dop e Presidio Slow Food. SAVE THE DATE Festa patronale, Sant’Agata, a Catania: 5 febbraio Festa patronale, S. Corrado, a Noto: 19 febbraio Cavalcata di S. Giuseppe, a Scicli: sabato successivo al 19 marzo Infiorata, a Noto: terza domenica di maggio Festa patronale, Madonna delle Milizie, a Scicli: ultimo sabato di maggio Festa patronale, S. Giorgio, a Ragusa: ultima domenica di maggio Etna Comics, festival internazionale del fumetto, a Catania: maggio-giugno Festa patronale, S. Pietro, a Modica: 29 giugno Sagra del Pistacchio, a Bronte (Catania): settembre-ottobre ChocoModica, rassegna dedicata al cioccolato, a Modica: dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Il sito comprende i centri storici di Caltagirone, Noto e Ragusa, alcune specifiche aree urbane di Catania e Scicli e alcuni monumenti isolati di Modica, Palazzolo Acreide e Militello Val di Catania. Il riconoscimento UNESCO riguarda gli edifici e i monumenti realizzati durante la ricostruzione dopo il terribile terremoto del 1693, in quanto testimoni di un imponente rinnovamento artistico e architettonico. Lo stile comunemente chiamato “barocco del Val di Noto” si distingue da una città all’altra soprattutto per l’utilizzo dei diversi materiali usati per la costruzione: a Catania il barocco è grigio-scuro per l’uso della pietra lavica, mentre a Noto assume il luminoso color miele della pietra locale.

Ragusa

Le città mostrano un’abbondanza di arte e architettura del tardo Barocco di eccezionale qualità e omogeneità, unita a originali innovazioni della pianificazione urbana e della ricostruzione. Le opere architettoniche e artistiche rappresentano il risultato di un considerevole impegno collettivo per la ricostruzione e il restauro, che portò alla creazione di un eccezionale gruppo di città che riflettono l’architettura tardo barocca del XVII secolo in tutte le sue forme. Le otto città della Sicilia sud-orientale incluse nell’iscrizione, seguono lo schema urbano tipico della zona, e sono costantemente soggette al rischio di terremoti e delle eruzioni dell’Etna.


Cattedrale

SIRACUSA SIRACUSA (SR) ALTITUDINE m 17 s.l.m. ABITANTI 121.627 INFO TURISMO IAT Via Mirabella. 29 Tel 0931 464657 [comune.siracusa.it]

SIRACUSA LA CITTÀ RAGGIUNGI SIRACUSA CON 37 COLLEGAMENTI AL GIORNO

I coloni greci la fondarono nell’VIII secolo a.C. sulla piccola isola di Ortigia, dove si trovava la fonte Aretusa, collegata alla terraferma da due ponti. All’imboccatura del Porto Grande, teatro di memorabili battaglie, s’erge maestoso il Castello Maniace, voluto da Federico II. Edificio simbolo della città è la Cattedrale, in piazza Duomo, mentre nel cuore della Siracusa del mito si trova il Teatro Greco, sede di importanti rappresentazioni classiche.

INFO TRENI

STAZIONE DI RIFERIMENTO SIRACUSA 1,7 km OGNI GIORNO 6 treni da MESSINA SCOPRI TUTTI GLI ORARI DEI SERVIZI REGIONALI

233


Castello Maniace CURIOSITÀ Il monumento più emblematico di Siracusa è in piazza Duomo: la Cattedrale. Tempio dorico realizzato nel 480 a.C. viene trasformato in chiesa cristiana nel VI sec. a.C. Ancora oggi è possibile ammirare, nei suoi prospetti, le tracce di vari periodi storici: le colonne del tempio si sposano con la merlatura normanna; la facciata barocca e la stupenda pietra calcarea che al tramonto s’indora. LO SAI CHE...

Quali musei visitare a Siracusa? Il Museo Archeologico Regionale, uno dei più importanti musei archeologici d’Europa e il Museo del Papiro che si occupa dello studio, della conservazione e della divulgazione delle testimonianze della cultura del papiro. 234

EVENTI & SAPORI

Il Festival Internazionale del Balletto per un mese, fra ottobre e novembre, vuole diffondere l’arte coreutica, i vari stili e le diverse tecniche della danza. SAVE THE DATE Med Photo Fest: maggio-giugno Festival del Teatro Greco di Siracusa: maggio-luglio Regata Velica Internazionale Siracusa-Malta: luglio Ortigia Film Festival, rassegna cinematografica: luglio Palio del mare, regata dei quartieri storici: agosto Festival Internazionale del Balletto: ottobre-novembre Festa patronale, Santa Lucia: 13 dicembre


LA COMMISSIONE NAZIONALE RACCONTA... Fondata nell'VIII secolo a.C. da coloni greci sulla piccola isola di Ortigia, successivamente si sviluppò anche sulla terraferma in altre quattro zone e fu definita da Cicerone "la più grande e la più bella città greca". Molti reperti archeologici, tuttora intatti, testimoniano la travagliata storia della Sicilia, dai Bizantini ai Borboni, intervallata dalla dominazione araba e normanna, dal regno di Federico II e degli Aragona e dal Regno delle Due Sicilie. Del sito fa parte anche la necropoli rupestre di Pantalica, a 40 chilometri da Siracusa: oltre 5000 tombe scavate nella roccia e databili tra il XIII e l'VIII secolo a.C.

Teatro Greco

Il sito è una notevole testimonianza della cultura mediterranea nell’arco di tre millenni. La storia ha lasciato segni straordinari del suo passaggio nelle sovrapposizioni urbanistiche e architettoniche sviluppate sulla base della città greca. Siracusa e le necropoli rupestri, attraverso la loro diversità culturale, offrono una eccezionale testimonianza dello sviluppo della civilizzazione e delle culture del Mediterraneo. Il sito di Siracusa rappresenta uno straordinario esempio di creazione architettonica che include diverse influenze culturali (greca, romana, barocca). L’antica Siracusa era strettamente legata a eventi, idee e opere letterarie di straordinario valore universale.


Realizzazione e progetto grafico Relazioni Esterne Ferrovie dello Stato Italiane SpA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma Testi © Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO © Italiaslowtour.com

Direzione Commerciale Divisione Passeggeri Regionale Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma In collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO - www.unesco.it

Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura

Foto © FS Italiane | Photo © stock.adobe.com Pag. 86 © Grandi Giardini Italiani Pagg. 35-36-37 © Guelpa Foundation/M. Gjivovich Stampa Grafica Nappa | Novembre 2018 Questa pubblicazione è stampata su carta FSC ®


Scopri tutti i travel book su trenitalia.com

Profile for Trenitalia Gruppo FS Italiane

Scopri i siti italiani Patrimonio Mondiale dell’Unesco con i treni regionali  

Scopri i siti italiani Patrimonio Mondiale dell’Unesco con i treni regionali  

Advertisement