Page 1

WWW.tRapanItRapanI.It

nuoVa cIttÀ Venerdì 24 maggio - anno I n° 14

Editore Mediatrapani Direttore responsabile enzo tartamella Email: direttore41@gmail.com - redazione@trapanitrapani.it amministrazione@trapanitrapani.it - grafica@trapanitrapani.it Viale Reg Margherita 31 Trapani - Tel/Fax 0923.1892021 - 0923.1891723 Stampa CO.IR Cinisi (Pa) - Reg. Tribunale di Trapani n° 350 del 13-3-2013

Il questore contro mafia e microcriminalità a pag 5 No nozze in chiesa ai comunisti a pagg. 8 e 9

Buon compleanno comandante

Scardino “vittima” del sistema a pag. 4 Elezioni sindaci e liste a pagg. 6, 7 e 10


2 - www.trapanitrapani.it

Venerdì 24 maggio 2013

Adiconsum. Protesta di Robino

Soste fuori dagli stalli “punite” dagli ausiliari Tegole su tegole sulla testa degli automobilisti trapanasi che si sono rivolti ad Adiconsum per le “minacciate” multe che stanno colpendo gli automobilisti, oltre che i turisti. L'accusa è di non aver parcheggiato perfettamente la propria auto, entro i limiti imposti dalle righe blu nei singoli stalli. Le relative contestazioni degli ausiliari sono dovute al fatto che se un automilista disattento o imprudente, non colloca esattamente la propria autovettura nei confini di un singolo stallo, conseguentemente tutti gli altri, nel parcheggiare, sono costretti ad invadere gli stalli successivi anche per spazi limitati. Il risultato finle e che lo zelante ausiliario, minaccia di elevare la multa per tutte le auto che in quel momento si trovano fuori dagli stalli. “Ovviamente, la multa è inaccettabile e certamente opponibile innanzi al giudice o al prefetto. Non è, infatti, consentibile che oltre al pagamento dello stallo, l'automobilista si veda sanzionato per aver invaso anche di pochi decimetri un altro stallo” -sostiene l'esponete di Adiconsum. “Non si può essere costretti alla rigidità assoluta della demarcazione dello stallo. Oltretutto le striscie molte volte non sono neanche più visibili perché sbiadite, usurate

e no sollecitamente ripristinate”.-dice Giovanni Robino, che riveste la carica di segretario Adiconsum territoriale Trapani-Palermo. Queste circostanze rendono ancora più critico il rapporto di fiducia tra il cittadino e la Pubblica Amministrazione, e nella fattispecie tra l'automobilista e l'ausiliario del traffico. “E’ statisticamente accertato che il dieci per cento dei casi segnalati, sfocia in denuncie, reclami e ricorsi oltre a creare un rapporto che talvolta degenera.

La multa è inaccettabile e certamente opponibile innanzi al giudice”

Presso il Palazzo di giustizia sono pendenti numerosi contenziosi tra cittadini automobilisti e ausiliari del traffico che in molti casi vestono i panni dei censori. Secondo il segretario Adiconsum sarebbe necessario rivedere, urgentemente, le regole contrattuali di affidamento da parte del Comune alla società affidataria del servizio. “Sarebbe quanto mai opportuno prevedere, per esempio, che all'interno delle macro aree delle strisce blu, sia consentito il parcheggio senza tenere conto delle deli-

mitazioni attualmente esistenti”. Potrebbe essere una proposta pilota, un modo come aprire un dossir nuovo nel qule, finalemnte, dovrebbero entrare anche le aspettative degli utenti della strada contro i quli si scarica l'eccessiva serverità e le conseguenti multe.

Giovanni Robino


Venerdì 24 maggio 2013

www.trapanitrapani.it - 3

Non vogliamo distruggerci nell’enigma

L’intolleranza sarà di 50, 70, 90 centimetri?

di enzo tartamella. Quale sarà il criterio che farà scattare (senza possibilità di clemenza) blocchetto e biro in possesso dell’ausiliare del traffico? Di sua inclinazione lui è già stato (?) o sarà (?) inflessibile e quindi inutile stare lì a scongiurare la condanna. Ma, di grazia, a quanti centimetri esattamente scatterà lo stato di fuorilegge ? Ci sono piccoli reati e grandi reati, dunque piccole pene o grandi pene,

quando scatteranno le prime e quando le seconde? Ovvero sia: se il signor Rossi parcheggerà 50, 70,90 centimetri fuori della linea di demarcazione della casella, che gli succederà: sarà calcolato a centimetro, o forfettariamente l’occupazione dello spazio non suo (si fa per dire) che lui ha comunque comprato? E un piccolo reato equivale a un ventesimo della somma dovuta per l’occupazione dello stallo per il tempo della fer-

mata? Quindi da calcolare in parametro a 0,50, 0,80 o 1 euro in rapporto alle zone? E se invece passasse la linea dura: gli metteranno le ganasce rigide a una ruota, o l’auto sarà prelevata dal carro-attrezzi, come sembra sia la preferenza per questo tipo di reato? E, nel malaugurato caso, si trattasse di automobilista distratto e recidivo che sborda di un metro, cosa gli avverrà? Mille dubbi, mille angosce. Consentano, un’ul-

tima domanda: ma se la violazione dello spazio avviene rispetto alla linea anteriore o posteriore, il trattamento cambierà? Viviamo giorni di angoscia! Dopo l’Imu a passo di valzer, e l’Iva che ci incalza, questa della off limits non ci voleva proprio. Non potremmo parlarne prima, in una

bella assemblea popolare? (ma senza cartelli, bandiere, striscioni e slogan: non esageriamo!) Comunque nel, caso ocritenesse una assemblea, lasciate a casa i bambini. Povere creature esposte alle radiazioni atomiche e a queste ingiurie alla già affligente quotidianità!

IMPERDIBILE GIORNATA PROMOZIONALE RADIO FREQUENZA VISO E CORPO 30 MAGGIO 2013 La radiofrequenza, utilizzata in passato per coagulare verruche e capillari, è un trattamento di medicina estetica e di estetica specializzata che sfrutta il principio della cessione di calore, per il trattamento del rilassamento cutaneo (lassità della pelle), delle rughe e dell' acne in fase attiva. La metodologia non è invasiva, rimodella e ristruttura i tessuti in profondità ed è estremamente efficace nei trattamenti: anti-age, cellulite, adiposità localizzata e atonia. RADIOFREQUENZA VISO: Rassoda e distende delicatamente la pelle, riduce le rughe e rimodella i contorni del viso. Dona alla pelle un effetti lifting del tutto naturale. Il trattamento dura circa 15 minuti, ma dipende anche dall' estensione della zona da trattare. Dopo il trattamento la pelle risulta più distesa e compatta, ma i veri risultati se vedono soprattutto dopo svariate settimane. Studi medici ed estetici dimostrano che i risultati possono perdurare anche per 12/24 mesi o più, dipende dal processo di invecchiamento individuale. RADIOFREQUENZA CORPO: Tratta la cellulite, gli accumuli di grasso, la stasi circolatoria, linfatica e sanguigna, l'invecchiamento e la perdita di tono cutaneo. Si possono trattare con successo tutte le parti del corpo. La durata del trattamento dipende dalla zona da trattare e dalle condizioni del paziente. Si può comunque considerare un lasso di tempo tra i 20 ed i 30 minuti. I risultati ottenuti con la radiofrequenza durano molti mesi. Per prolungare gli effetti benefici raggiunti è opportuno continuare con sporadiche sedute di mantenimento.

PRENOTA LA TUA PRIMA SEDUTA GRATUITA AL NUMERO 0923/532139 PRENOTA LA TUA PRIMA SEDUTA GRATUITA AL NUMERO 0923/532139 SINERGIA S.R.L. Via dei Cedri 40 – 91100 TRAPANI Tel. 0923/532139 - Fax 0923/558120 - 334/1512268 - sinergiatp@virgilio.it


4 - www.trapanitrapani.it

Venerdì 24 maggio 2013

Carabinieri e Ispettorato del lavoro

Vigili, dopo le accuse è scattata l'inchiesta Da ora tutte le vicende che hanno caratterizzato la vita lavorativa e i rapporti interpersonali all’interno della caserma della Polizia Municipale di Piazza delle Vergini, passeranno (dalle contestazioni epistolari dei sindacati al Comando) nelle mani dell’Ispettorato provinciale del Lavoro e dei carabinieri di Trapani. La settimana scorsa tre ispettori del Lavoro si sono presentati al comando chiedendo l’accesso agli atti e quasi contestualmente (ma non tanto casualmente) sei carabinieri

hanno chiesto di controllare le presenze di quanti prestavano servizio in quella caserma. Una serie di conflitti di tipo sindacale tra gli esponenti della Silpol (Sindacato Italiano Lavoratori Polizia Locale) e il comando dei vigili iniziata nell’autunno di un anno fa sfocia adesso in due inchieste che dovranno accertare quanto siano stati violai i diritti sindacali e se ci siano state discriminazioni e, in contropartita, quanto gli atti emanati dal comando fossero legittimi.

Scardino: “Vittima di scorrettezze” L’ispettore capo Pietro Scardino (36 anni di servizio) si ritiene vittima del “sistema” che secondo la S.I.L.Po.L. vigeva all’interno della caserma dei vigili urbani. Nel pomeriggio dell’8 gennaio scorso Scardino, alla fine dell’orario di servizio, informò il piantone che lui richiedeva un ora di permesso, compilava un foglio, passava il badge e andava via. Su questo fatto un suo collega fece una relazione al comandante il quale, secondo Scardino, non accordandogli i cinque giorni necessari per fornire i chiarimenti sulla questione, avrebbe inviato gli atti al

segretario generale con l’accusa di abbandono del posto di servizio. è stato sospeso dal servizio per 15 giorni durante i quali non ha ricevuto emolumenti. “Ho avuto un danno di 1200 euro in una famiglia monoreddito. Meno male che i miei colleghi hanno fatto una sottoscrizione per venirmi incontro”. Intanto oggi Scardino viene sentito da carabinieri perché lui frattanto avrebbe querelato il “collega accusatore” per falso ideologico. “Da quando ho aderito al sindacato contro di me ci sono state strane prese di posizione”.

Sullo sfondo la gestione del personale e di alcuni ˝privilegi˝ che sarebbero stati concessi ad alcuni e negati ad altri, ora si sono trasformati in denunce scritte. Un conflitto strisciante, ma non per questo moderato. Le parti si sono scontrate attraverso le carte -ufficiali e clandestine- e le

accuse verbali. Da una parte chi aveva l’autorità di decidere, dall’altra chi questa autorità non condivideva e comunque non voleva subire. Adesso si

apre un nuovo capitolo. Non è l'epilogo. C’è la magistratura in mezzo e non è detto che il tendone cali senza condanne.


Venerdì 24 maggio 2013

www.trapanitrapani.it - 5

Anniversario della Polizia

Un occhio alla mafia l'altro ai microcriminali

Se il ritmo di aggressione alla criminalità organizzata e mafiosa è quello che la questura ha tenuto per l’intero anno scorso, non si può escludere che il cerchio attorno a Matteo Messina Denaro si possa stringere presto. Nel 2012 i sono stati posti sotto sequestro –su proposta del questore- beni mafiosi per un valore complessivo di 61milioni 996mila euro, attraverso i

sequestri anticipati con operazioni denominate “Araknos” e “Corrupti Mores” scattati dopo lunghe indagini personali e patrimoniali. Il grande maestro di cosanostra per dieci anni aveva pilotato indisturbato appalti per l’esecuzione di opere pubbliche e le relative forniture. Il questore rinnova la sfida all’ultimo padrino: «Il suo arresto è tra le nostre priorità”

Il pacchetto sicurezza del questore Esposito Nei propositi della questura di Trapani c’è l’elaborazione di nuove linee strategiche anticrimine “Per meglio modulare forme di aggressione ad ogni manifestazione di violenza criminale”. Per raggiungere questo obbiettivo il questore Carmine Esposito si avvale di un gruppo stabile che opera nel settore delle indagini patrimoniali, finalizzate all’applicazione di misure di prevenzione. Ciò allo scopo di procedere al potenziamento delle strategie di aggressione ai patrimoni mafiosi illecitamente acquisiti ed implementati. Parallelamente il questore potrà procedere all’avviso orale ma anche all’applicazione della sorveglianza speciale oltre che la confisca dei patrimoni di provenienza illecita. Nel “Pacchetto sicu-

rezza” 2008/2009 e del testo unico antimafia 2011 “il questore diventa la massima autorità di polizia cui sono devoluti i rapporti con il procuratore nazionale antimafia e con il direttore centrale della D.I.A.”. Si tratta di un complesso di attribuzioni che contribuisce a fare del questore un protagonista esclusivo delle figure istituzionali di vertice prevista dall’Ordinamento. Il capo della polizia provinciale si avvale di un “Gruppo di lavoro” e, previ accordi con il comandante provinciale della Guardi di finanza (avvalendosi del nucleo di polizia tributaria), procede ad indagini sul tenore di vita, sulle disponibilità finanziarie, sul patrimonio e sull’attività economica dei soggetti con tendenze criminali.

– ha detto Esposito (nella foto), in occasione della celebrazione dei centosessantuno anni di fondazione della Polizia. Tre i colpi di maggiore efficacia portati contro imprenditori accusati di essere vicini alle organizzazioni mafiose. Nel giugno dell’anno scorso a Castellammare sono state tratte in arresto dodici persone del

calibro di Diego Rugeri, Antonino Bonura, Michele Sottile, Rosario Leo che costituivano un’intricata ragnatela di interessi mafiosi. Il bilancio dell’attività svolta nel 2012 è di un arresto al giorno. Nel settembre dello scorso anno un provvedimento di sequestro nei confronti di Vito Tarantolo, accusato di avere “società occulte” con altolocati mafiosi. Di recente il provvedimento contro Francesco e Vincenzo Morici con il sequestro di trentotto immobili, cinque aziende e quindici conti corrente. «La microcriminalità – afferma il capo della polizia trapanese – è quella che interessa, più da vicino, la gente comune, spesso vit-

tima di ladri, scippatori e rapinatori. Il nostro obiettivo è tutelare la comunità, aumentare il livello di sicurezza, confidando anche nella collaborazione dei cittadini che devono segnalare la presenza di soggetti


6 - www.trapanitrapani.it

ELEZIONI COMUNALI 2013

I candidati sindaci di Vaderice

Salvatore Colomba ha 38 anni e lavora come infermiere di sala operatoria. E’ vice presidente dell’Collegio degli Infermieri di Trapani. E’ sposato. La sua candidatura a primo cittadino di Valderice è sostenuta dal Partito della Libertà (Pdl).

Giuseppe Maltese lavora all’Istituto autonomo case popolari di Trapani. Ha 60 anni ed è sposato. Ha una figlia il cui fidanzato, Giuseppe Martinico, è candidato nella lista civica “Insieme si può” che – assieme a quella presentata dal Mir – sostiene Maltese come candidato sindaco di Valderice.

Laura Grammatico, 28 anni, si è laureata all’Università “La Sapienza” di Roma in Scienze statistiche, è specializzata in Informatica e ha conseguito un Master in Gestione della mobilità sostenibile. Lavora per un'azienda di Trapani nel settore amministrativo.

Girolamo Spezia, detto Mino, fa l'avvocato ed ha 42 anni. Sposato, ha due figli. È sostenuto dalle liste presentate dal Pd, dalla lista “Valderice torna a crederci”, dalla lista “Per Valderice che vogliamo” e dalla lista presentata dall’Udc. Suo padre Orazio è stato sindaco di Valderice prima di Giacomo Tranchida.

Le liste Candidato sindaco Salvatore Colomba con la lista: "Pdl". Due gli assessori designati: Ignazio Billera, Valentina Calvino. Aspiranti consiglieri della lista "Pdl": Donatella Alberti, Antonino Angelo, Daniela Bevilacqua, Rosangela Bica, Gaetano Grugnone, Giacoma Cammarata, Salvatore Colomba, Matteo Coppola, Francesco Daidone, Laura Genco, Giovanni Fontana, Costanza Giurlanda, Selenia Iovino, Salvatore Iraci, Antonino Maisano, Marina Passaro, Giuseppina Pecorella, Francesca Ruggirello, Paolo Safina,

Venerdì 24 maggio 2013

Vito Santoro. Candidato sindaco Laura Grammatico con le liste: "Movimento 5 stelle". Due gli assessori designati: Vito Ferdinando Morfino, Andrea Salvatore Grillo. Aspiranti consiglieri della lista "Movimento 5 stelle": Laura Grammatico, Luana La Sala, Sandro Tosto, Luca Muratore, Rosario Cusenza, Vito Morfino, Bruna Civiletti, Antonella Cardella, Luigi Pirro, Alberta La Commare, Leonetta Vittorioso, Vincenzo Tosto, Francesco De Vincenzi, Giuseppe Rozzisi. Candidato sindaco  Giuseppe Maltese con la lista: "Insieme si può". Due gli assessori desi-

Mario Sugameli è dottore commercialista ed ha 54 anni. E’ sposato con la signora Lea e ha tre figli. A sostenerlo sono scese in campo tre liste civiche: i “Popolari per Valderice”, “Valderice è Pensiero libero” e la lista denominata “Uniti per il Futuro”.

gnati: Vincenzo Messina, Cristina Ferro. Aspiranti consiglieri della lista "Insieme si può": Giuseppe Maltese, Vito Alfano, Annalisa Anselmo, Salvatore Bonventre, Angelo Carollo, Vincenzo Cipponeri, Giuseppina Criscenti, Giuseppa Di Fazio, Concetta Di Giovanni, Giovanni Fazio, Cristina Ferro, Riccardo Inglese, Francesco Iraci, Ferdinando Marra, Giuseppe Martinico, Vincenzo Merendino, Giacomo Morici, Rosanna Oddo, Anna Savalli, Maria Tosto. Candidato sindaco Mino Spezia con le liste: "Partito Democratico", "Valderice torna a crederci", "Per Valderice che vo-

gliamo", "Udc". Quattro gli assessori designati: Anna Maria Croce, Carmela Magaddino, Vincenzo Loria, Rosalba Oddo Aspiranti consiglieri della lista Partito Democratico: Natale Allotta, Vincenzo Angelo, Leonarda Asta, Biagio Carollo, Francesco Cicala, Antonina Coppola, Giacomo Catania, Alberto Di Gregorio, Anna Fortunato, Giovanni Gandolfo, Mariangela Genova, Vito La Sala, Francesca Marano, Francesca Mazzara, Pietro Morici, Filippo Oddo, Paghita Pantò, Paolo Ruggirello, Andrea Rozzisi, Rosa Simonte. Aspiranti consiglieri della lista “Valderice Torna a Crederci”: Mino Spezia, Francesca Adragna, Ric-

cardo Candela, Nicola Carollo, Francesca Criscenti, Sabrina Cucciardi, Salvatore D'Angelo, Marco Franco, Isabella Grammatico, Claudia La Barbera, Rosario La Sala, Andrea Maggio, Roberta Marino, Anna Martines, Natale Mazzara, Vincenzo Mazzara, Vincenzo Messina, Giuseppe Nolfo, Marianna Pavia, Giovanni Simonte. Aspiranti consiglieri della lista Per Valderice che Vogliamo: Saverio Camilleri, Sebastiano Carollo, Carlo Cinturino, Giuseppe Di Bono, Ivan Ferrandes, Giacomo Genovese, Paolo Grammatico, Annalisa Massa Boccia, Francesco Minaudo, Maria Rosaria Morfino, Francesca Nolfo, Nicoletta Oddo,


Venerdì 24 maggio 2013 Gianfranco Palermo, Giuseppe Pollina, Serena Pollina, Tony Ruggirello, Gaspare Simonte, Antonino Todaro, Maria Trombino, Rosaria Vittorino. Aspiranti consiglieri della lista “Udc”: Leonardo Medici, Margherita Aguanno, Francesca Agosta, Carmelo Benemerito, Francesco Blunda, Alberta Buffa, Antonino Catalano, Francesco Catalano, Giuseppe Costante, Luigi De Vincenzi, Antonino Ficara, Giuseppe La Porta, Salvatore Marceca, Barbara

ELEZIONI COMUNALI 2013

Marrocco, Antonia Miceli, Giuseppe Oddo, Rosalba Oddo, Salvatore Rizzo, Rosaria Savalli, Vincenzo Zichichi. Candidato sindaco Mario Sugameli con le liste: "Popolari per Valderice", "Valderice è Pensiero Libero", "Uniti per il Futuro". Due gli assessori designati: Floriana Carlino, Domenico Lo Cascio Aspiranti consiglieri della lista "Popolari per Valderice": Giuseppe Accardo, Gaetana Bonanno, Salvatore Calamia, Floriana

Carlino, Girolamo Castiglione, Danilo Catania, Francesca Crapanzano, Salvatore Saverio Di Girolamo, Annapia Di Trapani, Ninfa Fontana, Alessandro Grammatico, Pietro La Russa, Rosaria La Torre, Giuseppe Martinico, Vito Mazzara, Aldo Minaudo, Leonardo Nolfo, Giuseppe Parrinello, Maria Sugamiele, Giuseppe Todaro. Aspiranti consiglieri della lista "Valderice è Pensiero Libero": Giuseppe Bongiardino, Marco Brigotti,

I candidati sindaci di Paceco

Candidato sindaco Gianni Basiricò. Assessori designati: Giovanni Curatolo, Sebastiano Cammarata, Maria Elvira De Luca, Anna Rosa Venturini Lista “Basiricò Sindaco”: Giovanni Basiricò, Vita Alba Adamo, Antonina Argentino, Maria Basiricò, Francesco Bonfiglio, Sebastiano Cammarata, Giacomo Di Maggio, Salvatore Fardella, Teodoro Ferranti, Laura Ingardia, Maria Luana Lantillo,

Giuseppe Lizzio, Maurizio Maisano, Vincenza Maisano, Antonino Parrinello, Angela Romeo, Gaspare Scaduto, Stefano Sugamiele, Giuseppe Scarcella, Sabrina Troiano. Lista “Insieme per cambiare Paceco”: Franca Accardo, Valeria Adamo, Pietro Adragna, Stefania Alcamo, Filippo Asaro, Giuseppe Basiricò, Lidia Bellezza, Giovanni Foderà, Gregorio Gabriele, Giovanna Genna, Ignazio Giacalone, Giuseppina Graceffa, Giovan Battista

Francesco Coppola, Giuseppe Michele Del Giudice, Vincenza Di Giovanni, Daniela Di Grazia, Rosario Di Stefano, Rosanna Graziano, Roberto Ingrassia, Giuseppe Iovino, Francesco La Sala, Laura La Sala, Maria Cristina Leone, Maurizio Magaddino, Bartolomeo Manuguerra, Antonino Parrinello, Domenico Polizzi, Antonia Saverino, Salvatore Giuseppe Solina, Rita Maria Anna Torre Aspiranti consiglieri della

lista "Uniti per il Futuro": Alberto Agueci, Benedetto Anselmo, Anna Bica, Antonio Ciaramella, Giuseppe Coppola, Yleina Croce, Vito Croce, Maria Concetta Galuppo, Anna Maria Ilardi, Antonino La Sala, Francesco Linneo, Bartolomeo Massimo D'Azeglio, Giusi Oddo, Alessandro Pagoto, Albero Maria Rozzisi, Francesca Stefania Rosselli, Francesco Stabile, Dimitri Tosi, Pietro Tosto, Silvana Urso.

Giovanni Basiricò, vice presidente del Consiglio comunale uscente, ha 45 anni, è laureato in Economia, è ispettore della Guardia di Finanza. E’ sposato e ha due figli. E’ sostenuto da due partiti, Pdl e Mir, e tre liste civiche: “Giovanni Basiricò Sindaco”, “Insieme per cambiare Paceco”, “Per Paceco-Lista Venturini”.

Biagio Martorana, sindaco uscente di Paceco, ha 66 anni. Lavora come medico chirurgo. Martorana è sposato e ha tre figli. E’ appoggiato da Pd e Psi e da quattro liste civiche: “L’impegno per Paceco continua”, “Adesso! Paceco che vogliamo”, “Paceco Unita” e “Progetto per Paceco”.

Le liste

www.trapanitrapani.it - 7

Marino, Leonardo Raccosta, Rosanna Ruggirello, Mariella Savalli, Giuseppe Scaduto, Giacoma Sciacca, Davide Spanò, Domenico Sugamiele. Lista “Pdl”: Roberto Vultaggio, Giovanni Giacomo Armato, Vitalba Avaro, Vincenzo Biondi, Guglielmo Calamia, Martina Cardella, Antonino Crapanzano, Carmelo Culcasi, Maurizio Di Via, Danila Fonte, Giuseppe Grimaldi, Antonino Ingrassia, Maria Lipari, Rosaria Viviana Nolfo, Carlo Pantaleo, Antonino Piazza, Giu-

Maria Grazia Vultaggio 40 anni, avvocato, sposata, ha una figlia. Si augura “un futuro migliore per tutti” e si dice “stufa di vivere in un paese che altri hanno contribuito a sfasciare”, come scrive sulla pagina web del Meetup Cinque Stelle di Paceco, movimento che la sostiene nella sua corsa a sindaco. seppe Ruggirello, Caterina Russo, Vita Valentina Scuderi, Alberto Sugamiele. Lista “Mir”: Gaetano Rosselli, Salvatore Abate, Lorena Asta, Antonino Aula, Giuseppe Basiricò, Alberto Canino, Salvatore Castelli, Salvatore Catalano, Anna Cipponeri, Cettina Clemente, Angelo D'Aleo, Claudia Alessandra D'Angelo, Catia Domingo, Francesco Ernandez, Vincenzo Fazio, Giovanni Salvatore Ficara, Giuseppe Manuguerra, Francesco Marano, Rosalba

Messina, Sabina Playa. “Lista Venturini”: Anna Rosa Venturini, Diego Barraco, Gaetano Bonfiglio, Franca Maria Cipro, Daniele D'Antoni, Baldassare Di Pasquale, Vito Giurlanda, Giuseppe Guarrasi, Giacomo Li Causi, Matteo Monteleone, Rosaria Marta Baiata Monticciolo, Antonio Novara, Tommaso Paladino, Giuseppa Peralta, Maria Rosa Piacentino, Rosario Salone, Fabrizio Sammartano, Francesco Salvatore Sansone, Rosalba Scuderi, Salvatore Giuseppe Sugamiele. segue a pag 10


8 - www.trapanitrapani.it

Venerdì 24 maggio 2013

Venerdì 24 maggio 2013

Il percorso storico di un movimento che fu anche protesta di operai e di braccianti agricoli

A Miceli il “Comunista” No alle nozze in chiesa “No! Un comunista non può sposarsi in chiesa”. Fu così che nel 1965 a Vincenzo Miceli (nella foto), comunista dichiarato e convinto agitatore delle coscienze antidemocristiane

di Valderice, fu impedito di sposarsi in chiesa con il rito cattolico. Ad ispirare questa proibizione sarebbe stato l’esagitato gruppo di democristiani del Paese composto da

Vito Cesarò, soprannominato cicireddru (il quale fu finanche sindaco), insieme con Alberto Sansica e Berto Spezia che si sarebbero rivolti al vescovo del tempo il quale avrebbe imposto al

parroco di celebrare il matrimonio misto: per lo sposo il sacerdote avrebbe agito esclusivamente nella funzione di ufficiale di stato civile; alla sposa fu impartita la comunione. “Ho dovuto firmare un documento con il quale mi impegnavo a lasciare l’educazione religiosa dei nostri figli a mia moglie, senza interferire.˝ “Quando la gente in chiesa si rese conto che a me era stata negata l’ostia si convinse che io ero un debosciato, un peccatore tale da

munista punito dalla Chiesa per le sue idee politiche. “Mio padre era socialista, ma non seguii il suo esempio. Mi piacevano di più i comunisti che erano più determinati, più vicini ai contadini; a chi faticava. Ma quando l’Unione sovietica occupò la Cecoslovacchia io andai dal segretario e gli dissi che ero pronto a dimettermi. Per fortuna il nostro leader nazionale si dissociò e io rientrai.” Alle Amministrative del 1962 fu il primo degli eletti.

Il PD di oggi non è il PCI. Troppe matrici eterogenee estranee alle nostre ideologie”

non avere somministrata la comunione -ricorda oggi Vincenzo Miceli, deputato al Parlamento nazionale alla VI e VII Legislatura- Non dico che mi fa male ancora oggi, ma allora misero a dura prova il sogno mio e della mia fidanza di coronare con il matrimonio la nostra storia d’amore davanti all’altare. Come tutti gli altri.” “Mio suocero, cattolico praticante e uomo di fede, si sentì fisicamente male. Era convinto di avere subito la più grande delle umiliazioni, davanti al Paese intero che comunque non mi mostrò alcuna forma di ostilità”. Questa è la “storia” di un co-

Perché? “Ero diplomato, sapevo parlare alla gente e potevo diventare la sua voce. Potevo difenderli affrontando dibattiti con i nostri avversari politici e non. Il primo comizio lo feci con Emanuele Macaluso che mi incoraggiò molto a proseguire.” Come è cambiato e quanto è cambiato il PCI? “Quando il PSI fece la scelta di Centro-Sinistra, noi a Valderice facemmo una Giunta DC-PCI, scavalcando i socialisti, con l’avallo di Michele Ventura, capo della Federazione provinciale, toscano di nome e di fatto. Si faceva strada il compromesso sto-

rico. L’elettorato ci ha premiato e ha compreso la nostra scelta. Per il resto la strategia imperante era il baratto: i socialisti si proponevano ad entrambi gli

www.trapanitrapani.it - 9

schieramenti e quello che era più largo di manica diventava l’alleato preferito. Era una strategia dialettica. A Valderice abbiamo cominciato a costruire. Nel senso politicoputativo Camillo Oddo, Lucia Blunda e Giacomo Tranchida, li ho generati io.” Ma oggi? “Il PD non è il Partito Comunista. Troppe ed eterogenee matrici: cattolici, centristi, qualche socialista. I risultati ci fanno capire che siamo un colabrodo. Avessimo avuto 39 gradi di febbre, mi ricordo che si doveva comunque andare a votare. I nostri emolumenti andavano direttamente al partito il quale tratteneva più del 75 per cento. Ci dava una busta

Provincia “bocciata” Atti alla Corte dei Conti

paga di un operaio qualsiasi. Francobolli e telefonate me le pagavo io. Oggi? Siamo ibridati da influssi che non provengono dalle nostre ideologie.”

Iovino: Ecco perchè non mi ricandido “La compagine da me guidata ha completato il mandato presentando risultati esaltanti, con la realizzazione di importanti strutture per lo sviluppo economico del territorio”. “Dietro a questi risultati ci sono 11 ore di lavoro al giorno dedicate al Comune. Un impegno che è un esempio e una sfida a fare di più a coloro che si insedieranno a Palazzo comunale. Posso dire di aver mantenuto il mio impegno con i concittadini”. A dirlo è Camillo Iovino, sindaco uscente di Valderice, che ha deciso di non candidarsi sia alla carica di sindaco, sia a quella di consigliere comunale.

“Per dovere verso il mio datore di lavoro e verso la mia famiglia, non ho accettato né proposto la mia candidatura. La mia esperienza e i miei progetti sono a disposizione di chi vorrà utilizzarli”. “La mia decisione è dettata soltanto da scelte politiche e sociali. I miei auguri a chi avrà l’onore di sedersi su quella sedia”. Iovino sostiene che è opportuno un ricambio generazionale. “In lista ci sono molti giovani qualificati culturalmente e umanamente. A loro va il diritto di competere e di lavorare per la comunità. Cercando di ampliare i termini del progresso di Valderice”.

COMUNICATO PREVENTIVO PER LA DIFFUSIONE DEI MESSAGGI POLITICI ELETTORALI RELATIVO ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 9 E 10 GIUGNO 2013 La società cooperativa Media Trapani, con sede in Trapani, proprietaria ed editrice del settimanale Nuova Città , in occasione della campagna elettorale del 9 e 10 giugno 2013, mette a disposizione dei candidati, dei partiti politici, dei movimenti e delle liste spazi per la diffusione dei messaggi politici elettorali a pagamento. La pubblicazione dei messaggi è consentita, nelle forme ammesse dall’art. 7, comma 2, della legge 22 febbraio 2000, n° 28, fino al 7 giugno compreso, garantendo a tutti gli aventi diritto la parità di accesso agli spazi; le condizioni temporali di prenotazione degli spazi ed il tariffario sono indicati nell’apposito codice di autoregolamentazione, predisposto dalla società editrice e depositato presso la sede legale ( Viale Regina Margherita 31, 91100 Trapani); sono ammesse le seguenti forme di messaggio politico elettorale: annunci di dibattiti, tavole rotonde , conferenze, discorsi, pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, pubblicazione di confronto tra movimenti politici; ogni inserzione deve recare la seguente dicitura: “messaggio elettorale” e indicare il soggetto politico committente; qualora le richieste di inserzioni, provenienti da soggetti politici diversi che sostengono il candidato, fossero superiori alla disponibilità, la selezione viene operata secondo le indicazione del candidato stesso; la pubblicazione delle inserzioni seguirà l’ordine cronologico di presentazione della richiesta; la presentazione degli spazi, completa di indicazione dei dati di pubblicazione, nome dei richiedenti e materiale da pubblicare deve pervenire almeno quattro giorni prima della data di pubblicazione al seguente indirizzo: Nuova Città – Media Trapani società cooperativa, Viale Regina Margherita, 31 - 91100 Trapani o tramite e-mail a seguente indirizzo: amministrazione@trapanitrapani.it Informazioni e maggiori chiarimenti possono essere richiesti chiamando il numero 0923.1892021 – 0923.1891723 – o via mail al seguente indirizzo: amministrazione@trapanitrapani.it

Non si può dire nemmeno che sia una sorpresa: e infatti è una tragica realtà. La Provincia regionale ha un disavanzo di quarantacinque milioni. Anzi, cinquantaquattro milioni, in quanto ai primi consolidati nel mese di luglio dello scorso anno si sono aggiunti altri nove milioni, che per un circuito vizioso diventano diciannove milioni da togliere allo stesso Bilancio. Insomma: quarantacinque più nove, anzi diciannove per un totale di 64milioni. Un terremoto, soprattutto perché da nessuna parte si possono individuare seppur minime risorse per un ripiano, ma almeno di una riduzione. Di fronte a questa realtà i documenti –nel loro complesso- non potevano che essere inviati al Giudice contabile. Le conclusioni, comunque, oltre ad implicare responsabilità politiche potrebbero anche coinvolgere i vertici dell’Ente. Sarà difficile credere che né gli uni né gli altri non conoscessero lo stato delle cose. Comuni e Provincia hanno bilanci “taroccati” quasi per prassi? Qualche addetto ai lavori sarebbe pronto a giurarlo. “Il Consiglio provinciale ha bocciato il rendiconto per l’esercizio finanziario 2012” in parole pratiche. Facendo il conto con i numeri, su diciotto presenti tredici hanno votato contro e cinque si sono astenuti. In apertura dei lavori Salvatore Fodale, presidente del Collegio dei Revisori dei conti, ha messo in evidenza la forte discordanza tra crediti/debiti tra la Provincia regionale e le società partecipate, evidenziate sia dal primo Ente, sia dal se-

condo. Il risultato non poteva essere che l’invio degli atti alla Corte dei Conti. In aula, il presidente della Commissione finanze, Giuseppe Giammarinaro ha sottolineato che non sarebbe andato più in là del voto di astensione: “Il Bilancio di previsione approvato nello scorso mese di luglio se la collega Abate l’ha definito edulcorato, da parte mia considero adulterato il rendiconto per l’esercizio 2012”. “Come potrà fare l’Ente senza soldi ad assicurare i servizi istituzionali?” – si è chiesto Matteo Angileri di Alleanza per la Provincia. Gli stipendi per i dipendenti dovrebbero essere assicurati fino alla fatidica data del 31 dicembre quando appunto dovrebbe scattare la cancellazione delle Provincie. Per quanto riguarda il futuro dell’aeroporto di Birgi con questi numeri in bilancio si potrebbe anche temere che salti la convenzione con Ryanair. Sconfortanti i no di Giuseppe Ortisi, Giacomo Sucameli e Giuseppe Siracusa, legittimamente preoccupati. Salvatore Daidone capo gruppo del PD ha fatto una diffusa relazione preannunciando il voto negativo del suo partito; fra le altre cose ha chiesto l’invio degli atti delle ultime due sedute del Consiglio provinciale alla Corte. “Si deve fare chiarezza su tutta la gestione politicoamministrativa del quadriennio a guida dell’ex presidente Turano”. Secondo Daidone il ministero dell’Interno avrebbe nominato come commissario prefettizio Pellos appunto “per indagare proprio sulla gestione amministrativa dell’Ente”.


10 - www.trapanitrapani.it Candidato sindaco Biagio Martorana. Assessori designati: Vita Barbera, Matteo Angileri, Stefano Ruggirello, Pietro Cusenza Lista “Partito Socialista”: Vita Barbera, Leo Accardo, Stefano Candito, Anna Catalano, Caterina Culcasi, Salvatore D'Agate, Vitalba D'Angelo, Rosalia Anna Di Giovanni, Carmelo Errera, Leonardo Fiorino, Leonardo Ingardia, Anna Maria Manuguerra, Salvatore Manuguerra, Salvatore Martinico, Donatella Notti, Antonino Santo, Filippo Scaduto, Elisabetta Tallarita, Giuseppe Tartamella, Francesco Trapani.

ELEZIONI COMUNALI 2013

Lista “Partito Democratico”: Giuseppe Casabella, Alessandra Chirco, Barbara Colicchia, Vittorio D'Alisera, Maria Grazia Fodale, Francesco Genovese, Liliana Gianno, Antonino Licata, Michele Maltese, Giuseppa Mondino, Antonio Petito, Vitalba Ranno, Filiberto Reina, Salvatore Scarpulla, Saverio Sucameli, Giacomo Sugamiele, Maria Tabacaru, Giuseppe Tartamella, Pietro Valenti, Davide Zerauto. Lista “Adesso. Paceco che Vogliamo”: Rosa Blunda, Andrea Consales, Caterina Cusenza, Antonino Cusumano, Andrea Cutrona,

Giuseppe Di Vita, Vito Genovese, Maria Gianquinto, Giuseppe Lo Pilato, Castrenzio Pappalardo, Erika Pischedda, Marcello Pischedda, Salvo Rosselli, Pina Santoro, Peppe Scarcella, Vincenzo Emanuele Spada, Maria Vitale. Lista “Paceco Unita”: Gioacchino Angelo, Alessandro Bonifacino, Giuseppina Burgio, Paolo Culcasi, Francesco Fabiano, Anna Fiorenza, Leonardo Giacalone, Anna Maria Giambanco, Maria Giannola, Pietro Giovanni Ingardia, Vito Maltese, Antonio Marceca, Alberto Mazzeo, Maurizio Petralia, Fran-

I candidati sindaci di Custonaci

Candidato sindaco Giuseppe Bica con la lista: "SiAmo Custonaci". Due gli assessori designati: Filippo Castiglione, Silvia Campo. Aspiranti consiglieri della lista "SiAmo Custonaci": Leonardo Bonfiglio, Filippo Castiglione, Ga-

spare Catanese, Francesca Colomba, Antonina Maria Cusenza, Giuseppe Mazzara, Giovanni Noto, Giovanni Oddo, Maria Stella Pace, Gaspare Piazza, Caterina Pollina, Nicolò Poma, Vito Scalia, Andrea Zichichi, Baldassare Pollina. Candidato sindaco Alberto Santoro con la

cesco Pirrera, Caterina Raccosta, Daniela Giovanna Scarcella, Stella Scuderi, Rosa Maria Stampone, Rosario Valenti. Lista “Progetto per Paceco”: Mario Aleo, Ignazio Augugliaro, Alessandra Aversa, Paola Patrizia Basiricò, Giuseppe Bucaria, Pietro Danilo Caltagirone, Nicolò Caradonna, Claudia Carlotta, Paolo Salvatore Di Vita, Giuseppe Fonte, Valeria Giacalone, Francesco Incambisa, Rosalia Incandela, Nicolò Mancuso, Antonino Mirasolo, Rosario Petralia, Andrea Pisciotta, Vincenza Anna Porracchio, Paolo Russo,

Roberta Tranchida. Candidato sindaco Maria Grazia Vultaggio (Movimento CinqueStelle). Assessori designati: Claudia Li Causi, Angela Safina, Vincenzo Genco e Vito Todaro. Lista “Movimento CinqueStelle”: Salvatore Adamo, Maria Catalano, Paolo Ferrante, Sergio Ficara, Antonino Gallina, Mario Giacalone, Maria Giustiniano, Laura Grammatico, Pietro Grillo, Christian Hopps, Fabrizio Nicastro, Concetta Oddo, SalvatoreSpanò e Maria Grazia Vultaggio.

Giuseppe Bica, già sindaco di Custonaci, torna nuovamente in lizza per la poltrona di primo cittadino. Ingegnere, 52 anni, sposato, ha due figli. Lo sostiene la lista civica “SiAmo Custonaci” espressione dell’omonimo movimento.

Alberto Santoro ha 44 anni, candidato sindaco per Custonaci . E’ imprenditore nel settore marmifero. Ha 44 anni ed è spostato con l’attrice Vanessa Galipoli. Insieme hanno due figli. E’ sostenuto dalla lista civica “Io voto Custonaci”.

Le liste

Venerdì 24 maggio 2013

lista: "Io voto Custonaci". Due gli assessori designati: Maria Concetta Marino, Vito Davide Messina Panfalone. Aspiranti consiglieri della lista "Io voto Custonaci": Vito I. Battiata, Romina Bica, Cristina Maranzano, Totò Torre, Giuseppe Vultaggio, Francesco Morfino, Andrea Vultaggio, Elena An-

Illuminata Senia, 34 anni, lavora come impiegata. Ha vissuto per dieci anni fuori da Custonaci. Torna – come scrive lei stessa nella pagina del Meetup del Movimento Cinque Stelle – “con l’entusiasmo di cambiare e migliorare” il paese.

gelo, Alfio Campo, Giuseppe Sinatra, Salvatore Castiglione, Vito Mazzara, Valentino Poma, Giusi Scaduto, Anna Maria Pintacoda. Candidato sindaco Illuminata Senia con la lista: "Movimento 5 stelle". Due gli assessori designati: Vincenza Giustiniani, Giuseppe Mantia.

Aspiranti consiglieri della lista "Movimento 5 stelle": Leonarda Castiglione, Caterina Castiglione, Vita Reina, Illuminata Senia, Francesco Loria, Maria Morello, Kirlian Maniscalco, Melania Parrinello, Paolo Messina, Melina Tommasello, Giuseppe Lombardo, Francesco Coppola.


Venerdì 24 maggio 2013

www.trapanitrapani.it - 11

Tutto è in mano al commissario Pellos

Problema stadio, in lizza convenzione con la Provincia Un nuovo stadio o adeguare il Provinciale? E’ il dilemma che affligge gli amministratori. Da un lato c’è il sindaco Vito Damiano il quale propone di costruirne uno nuovo, ma con fondi privati, dall’altro il presidente del Consiglio provinciale Peppe Poma che prospetta una convenzione con il Trapani calcio affinché i lavori per adeguare l’impianto (tornelli, realizzazione di un settore degli spalti riservato alle tifoserie, sostituzione delle grate dell’ultima fila degli spalti con il plexiglass per l’ammontare di circa un milione di euro) vengano eseguiti direttamente dalla società del presidente Morace. Tutto dopo l'affidamento dell’impianto per un periodo di tempo ancora da quantificare. L’idea di Damiano

Vista dall'alto del plastico degli Anni '60 dello stadio provinciale colmerebbe un vuoto dato che in città sono presenti tre impianti comunali: il campo Aula, il “Sorrentino” di Fontanelle ed il “Borghi” di Bonacerami, l’unico che potrebbe essere adeguato. Ma, in ogni caso, l’impianto sarebbe pronto non prima di uno o due anni. L’unica possibilità che la squadra ha di

poter giocare le gare casalinghe in territorio trapanese (evitando trasferte a Palermo) è, pertanto, la convenzione con la Provincia. Ma in questo caso molto dipenderà dalle volontà del commissario straordinario Darco Pellos che sta valutando la posAntonio Trama sibilità.

Annullare super tassa su cave di marmo Non la vogliono imprenditori e sindacati La nuova imposizione della Regione Siciliana introduce una doppia tassazione (l’ormai tristemente famoso articolo 12) sulle cave siciliane e su quelle trapanesi in particolare. Si tratterebbe di fondi da destinare al recupero ambientale che, almeno a Custonaci, non sarebbe stato mai effettuato. Gran parte della nostra provincia, nell’area collocata tra Custonaci, Erice e Valderice, vive grazie all’attività di cave e segherie. Al grido d’allarme

degli imprenditori si sono uniti anche i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL, che, assieme a Confindustria, hanno sottoscritto un documento comune per stigmatizzare il danno a cui si rischia di andare incontro se la norma non venisse congelata. “Il comparto marmifero del Bacino di Custonaci dichiara Vito Pellegrino, presidente di Confindustria Marmo- rappresenta ben l’85% della produzione isolana ed oltre il 15% di quella nazionale,

una occupazione di circa 3.000 unità oltre un notevole indotto con un fatturato stimato in circa 100 milioni di euro di cui più del 90% destinato all’export. L’introduzione, ora, del canone sconvolge i precari equilibri su cui si fonda il settore”. Gli oneri di recupero lieviterebbero di 12/13 volte gravando sui costi in ragione del 5% del suo fatturato. “In definitiva dice Pellegrino- chiediamo che l’art. 12 venga soppresso”. Francesco Vivona

Confindustria, Bongiorno eletto nuovo presidente Gregory Buongiorno (nella foto, opera nei settori dei rifiuti, edilizia, turismo) è stato eletto alla presidenza di Confindustria. Il neo presidente ha scelto di essere affiancato da Filippo Amodeo nel ruolo di vicario e quali vice presidenti Giacomo D’Alì Staiti, Vito Pellegrino e Vito Michele Zichittella. L’Assemblea ha eletto i sette componenti del Consiglio Direttivo: Vincenzo Adragna, Giuseppe Canino, Pietro Foraci, Fabio Ingargiola, Gaspare Panfalone, Oreste Poma e Francesco Tumbarello. Gregory Bongiorno ha ringra-

ziato tutti i colleghi per la fiducia, ricordando l’ottimo lavoro svolto dal predecessore e amico Davide Durante, che ha guidato l’Associazione negli ultimi 5 anni, con il quale hanno condiviso un percorso di rilancio di Confindustria.

Fazio accusa Crocetta “Fa troppi favoritismi” Non è ben decifrabile se le aspre critiche dell'On Girolamo Fazio nei confronti del presidente Crocetta siano atti di ostilità politico-ideologica, ovvero un modo di aggredire l’avversario. “No. E’ solamente un atto di coerenza. Crocetta aveva detto ai siciliani che avrebbe fatto il possibile per combattere sprechi, privilegi e clientelismo. Non mi pare che la Tabella H sia un esempio di quanto promesso. Quelle manifestate sono leggi su privilegi, favoritismi ad alcuni senza evidenziare le motivazioni, senza stabilire di criteri. E’ certo, invece, che viola principi fondamentali.” “C’è in atto una convergenza di interessi tra maggioranza e opposizione, nel senso che

i favorevoli e i contrari possono rinvenirsi in tutti i partiti. Non c’entra l’ideologia. E’ un orientamento invalso all’Ars.” “Non possiamo sperare che il cambiamento arrivi da fuori. L’elettore deve chiedere conto alle persone che ha votato. Non si fa appello alla moralità per ridurre i privilegi, ma per accedervi. Non c’è una maggioranza coesa. Il Governo è vulnerabile.” C’è nell’ombra un manovratore delle marionette? “Penso che ancora ci può essere altro a cui assistere, ma debbo pensare in termini positivi.” E i grillini? “Hanno applaudito il mio intervento, ma non c’è stata, fino a questo momento, l’incisività promessa in sede elettorale”.


12 - www.trapanitrapani.it

Venerdì 24 maggio 2013

Torna in campo Giovanni Abate

Granata a 90 minuti dalla Supercoppa Il Trapani è a 90 minuti dalla Supercoppa di Lega. I granata, dopo l’11 di domenica ad Avellino, questa sera (alle 20.30) riceveranno gli irpini nella gara di ritorno. In palio c’è il trofeo riservato alle due vincitrici dei gironi di Prima Divisione. Mister Boscaglia recupera al centro del-

l’attacco Giovanni Abate, assente nella gara di andata perché squalificato. Resta da decidere, invece, il centrocampo. Ad Avellino Boscaglia ha schierato Spinelli e Giordano, due dei giocatori meno utilizzati nell’arco della stagione. Entrambi, però, sono stati sostituiti durante la partita, per

||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

Giocatori, preliminari con Diagne, Ricchiuti e Sarno Interessi veri o solo bufale di mercato? A chiarirlo sarà il tempo, fatto sta che, a neanche due settimane dalla promozione in serie B, sono già diversi i nomi che vengono ac-

costati al Trapani per la stagione 2013/2014. La prima riguarda l’attaccante senegalese Mbaye Diagne (nella foto), 22 anni, lo scorso anno al Bra in Seconda Divisione, acquistato

dalla Juventus, che giungerebbe a Trapani in prestito. Ma il ds Faggiano ha subito smentito. L’altra voce riguarda il 35enne Adrian Ricchiuti, fantasista argentino che ha lasciato il Catania. Su di lui oltre al Trapani ci sarebbe anche il Messina, ma i granata avrebbero il fascino della categoria. Molto, però, dipenderebbe dall’ingaggio, così come per Vincenzo Sarno, tal e n t u o s a seconda punta in scadenza alla Reggina. Già a gennaio le due società si parlarono, ma non trovarono l’accordo. Adesso, però, c’è più tempo a disposizione.

cui appare probabile, dato che c’è la possibilità di poter sollevare un trofeo, che il tecnico scelga il centrocampo “titolare” con Caccetta e Pirrone dal primo minuto. Il regolamento della Supercoppa prevede che la vittoria andrà a chi realizzerà il maggior numero di reti nella

doppia sfida. In caso di parità sarà premiata la squadra che avrà segnato il maggior numero

di reti in trasferta e, in caso di nuova parità, si procederà con i calci di rigore. A.T.


Venerdì 24 maggio 2013

www.trapanitrapani.it - 13

Due ragazzi in prova con la Reggina

Città di Trapani a gonfie vele Giovanissimi “superstar” Un movimento sportivo funziona se ci sono tante realtà in “fermento”. Il Città di Trapani è una di queste. La società trapanese nel corso dell’ultimo anno ha “sfornato” diverse giovani promesse, arrivando ai quarti di finale del campionato regionale con i Giovanissimi (allenati da Peppe Gervasi), i nati nel 1998, hanno chiuso al terzo posto la stagione regolare, ad un punto dalla seconda e a due dalla prima. Per questo il bilancio del Città di Trapani non può che essere positivo, anche in virtù del titolo di capocannoniere conquistato da Davide Abbate con 31 reti e del

successo al quarto torneo “Accademia Sport Trapani”. Il prossimo anno la squadra transiterà quasi interamente tra gli Allievi e, in virtù dell’accordo con la Riviera Marmi, si trasferirà a Custonaci. Intanto, il centrocampista Enrico Canino (’99), unitamente a Daniele Rao,

portiere dei Giovanissimi sperimentali, classe 2000, sono stati convocati a Reggio Calabria per uno stage con la Reggina, società cui il Città di Trapani è legato grazie al "Progetto Giovani" in virtù del quale “I nostri tecnici e dirigenti – afferma il vicepresidente Giacomo

L’organigramma del Città di Trapani Presidente onorario: Mario Toscano; presidente: Salvatore Tarantino; vicepresidenti: Giacomo Rodriquenz, Tonino Grassotti; direttore generale: Pino Toucro; direttore sportivo: Giuseppe Tallarita; dirigenti: Nino Pipitone, Nicolò Monteleone, Giuseppe Coppola, Giuseppe Ingoglia, Sandro Altavilla; tesoriere: Giuseppa Guaiana; segretaria: Loredana Ficara; medico societario: Francesca Margagliotti; magazziniere: Francesco Casano.

Rodriquenz - mensilmente svolgono degli stage, permettendo ai nostri ragazzi di effettuare dei provini”. E a dimostrazione dell’ottimo rapporto, la Reggina quest’anno ha prelevato il portiere Leo Loria (’99), mentre l’attaccante Marco Tumminello (’98), è approdato alla

Roma e recentemente anche alla Nazionale under 14. Il Palermo, invece, ha prelevato il centrocampista Marco Toscano (’97), mentre il difensore centrale Fabio Pipitone (’96) è andato al Trapani srl con cui ha disputato il campionato “Berretti”. A.T.


14 - www.trapanitrapani.it

Venerdì 24 maggio 2013 Trapani Via Ales. De Santis P/T rialzato 4vani+acc. P.A. Risc. Auton. Buono Stato €100.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

VENDESI APPARTAMENTI Erice C.S. Erice Beach appartamento con vista mare 3vani+acc. Ottime Condizioni Trattativa in sede. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Trapani LUNGO MARE DANTE ALIGHERI NUOVA REALIZZAZIONE app.ti di diverse quadrature disponibilita' dell'attico. OTTIME RIFINITURE. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani zona porto vista mare mq.70c.a. Vista Mare 3vani+acc. Buono Stato €75.000,00 Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani Trav. Via Archi P/T bilocale comodo con cucina a parte Ristrutturato €48.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani Via Archi P/2° c.a. 4vani con doppi rifiniture p.a. Ottime Rifiniture €150.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani centro storico in palazzo storico vendesi P/1°c.a. ad angolo mq.250c.a. Trattative Riservate. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Livio Bassi P/1° s.a. con terrazzo esclusivo 3vani+acc. Ristrutt. €78.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Marsala P/2 c.a. mq.150 con ampia veranda 5vani con doppi servizi €170.000,00 Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Trapani Via Tripoli app.to mq.140 5vani con doppi servizi NUOVO €85.000,00 Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani Piazza Martiri mq.60 3vani+acc. da ammodernare €55.000,00 Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Livio Bassi P/T 3vani+acc. con giardinetto R i s t r u t t u r a t a €55.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Pressi C.P.Mattarella P/6° c.a. 5vani + servizi Ottime rifiniture. Euro 155.000 tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Piazza Vittorio P/1° 4vani+acc. Totalmente Ristrutturato VISTA MARE €125.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Fardella P/3°s.a. monolocale con terrazzino Abitabile Ottimo contesto cond. €25.000,00 el. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Trapani trav. Via Marconi P/6° c.a. p.a. e cantina 4vani con doppi servizi R.C. €150.000,00 Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Trapani Via Carrara P/T 3vani+acc. totalmente ristrutturato €60.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Erice C.S. Trav. Via Manzoni P/2 c.a. con garage mq.100 4vani+acc. da ammodernare €95.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Bonagia villetta unifamiliare mq.90c.a. su lotto di mq.300 Ottime Rif. €180.000Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Nubia Casa a solo di nuova costruzione P/T-P/1° 4vani+acc. ampie terrazze e giardino Tratt. Riservata Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Marausa villetta bifamiliare P/S-P/T-P/1° mq.240c.a. Con ampie verande e giardino €210.000Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani Centro Storico Vendesi INTERI STABILI di diverse tipologie. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Del Pesco app.to al P/T con giardino 3vani+acc. da ammodernare. €68.000,00tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

VENDESI VILLETTE E CASE A SOLO Erice C.S. Salita Sant'Anna villa unifamiliare con ampie terrazze e terreno. Trattativa Riservata. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Pizzolungo casa a solo P/T 3vani+acc. con terrazzo esclusivo Ottime Condizioni €120.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani C.A. Pepoli P/2°s.a. mq.95c.a. 3vani+acc. Ottime Rifiniture €115.000,00 Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani vicino il porto P/2° s.a. mq.120 su due elevazioni con terrazzino esclusivo €85.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Chiesanuova villa unifamiliare mq.150c.a., terreno mq.1500 e ampie verande Ott. Rif. Tratt. Ris. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________

Trapani Via Garibaldi P/3° s.a. mq90 4vani+acc. da ammodernare €80.000,00 Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Erice C.S. Via Dei Pescatori P/3° 4vani con doppi servizi posto auto Buono Stato €140.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Rilievo villetta indipendente con depandace 4vani+acc. con ampie verande Ott. Rif. €160.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

Trapani Via Fardella INTERO STABILE di mq.600c.a. Trattative Riservate Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Locogrande terreno con piccolo caseggiato interamente recintato €55.000,00Tratt. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Cornino villa unifamiliare mq.170c.a. con ampie terrazze e giardino mq.3.000 Ottime Rifiniture. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660

AFFITTASI APPARTAMENTI ARREDATI Trapani Via Castellammare al P/T monolocale con angolo cottura €300,00 Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani trav. Via Fardella lato mare P/2 s.a. bivano con terrazzino Discreto Stato €300,00 Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660 _______________________ Trapani Via Fardella bilocale arredato Discreto Stato €270,00 c.c. Tel. 0923.547291 Cell. 333.6957660


Venerdì 24 maggio 2013

www.trapanitrapani.it - 15

MESSAGGERIA Trapani zona Via Fardella, Vanessa novità assoluta , massaggiatrice mulatta completissima esegue massaggi esotici e rilassanti tutti i giorni anche la domenica… …. Come piace a te!!!! Tel. 334.9423671

Trapani simpatica massaggiatrice, mani di velluto, espertissima in rilassamento totale, riceve in gradevole ambiente con video stimolante, tutti i giorni per farti trascorrere attimi di puro ed intenso relax . Tel. 347.7462135

Trapani nuova ed esperta massaggiatrice, giovane ed elegante, sensuale fotomodella, per massaggi ultra rilassanti ti aspetta anche la domenica. Tel 389.5874138

Trapani massaggiatrice Esmeralda, la piu’ bella del reame, bionda completa e provocante, abbondante decollete esegue massaggi in ambiente accogliente tel. 340.0960824

Trapani stupenda e bravissima massaggiatrice disponibile per un vero relax …. Tutti i giorni tel. 389.9394685

Trapani Isabella, stupenda massaggiatrice cilena 37enne, completissima abbondante decolté esperta in massaggi ultra rilassanti e provocanti , ti aspetta tutti i giorni anche la domenica … come vuoi tu. Tel 347.5580469

Trapani, Laura novità italiana stupenda massaggiatrice, alta, prosperosa, sensuale, massaggi rilassanti , indimenticabile ti aspetta tutti i giorni anche la domenica. Tel. 345.1595364

Trapani Patrizia appena arrivata massaggiatrice elegante e naturale ,con la quale condividere momenti di piacere e relax, unica amo fare le cose per bene … chiamami subito tutti i giorni anche la domenica fino a tardi Tel 331.4083001

Trapani massaggiatrice 40enne coccolona , abbondante decolté ti aspetta per momenti di puro piacere in sua compagnia ogni giorno .. anche la domenica fino a tardi tel. 342.6402577

PER I TUOI ANNUNCI CHIAMA 0923.1892021

WWW.TRAPANITRAPANI.IT


Nuova Città - trapaniutrapani.it  

trapanitrapani.it il tuo giornale online

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you