Page 1

EE FR

S ES R P

TrapaniOK

L’INFORMAVELOCE SU CARTA DELLA PROVINCIA DI TRAPANI

GIUNTA A METÀ, SI TORNA OPERATIVI METAMORFOSI IN ATTO AL COMUNE WWW.TRAPANIOK.IT

di Nicola Baldarotta

Sottotitoli a pag. 777

Proviamo a raccontarvi la giornata di ieri. Mettetevi comodi e prendete il telecomando avendo cura di sintonizzare la vostra capacità di comprensione alla pagina 777 del D’alìvideo. Il Palazzo, non il senatore della Repubblica Italiana. Ieri il sindaco di Trapani ha nominato due dei quattro assessori che mancano alla sua giunta comunale. Con questi due innesti l’azione amministrativa potrà riprendere e, quindi, la crisi è bell’e buona che superata. Almeno in parte. Perchè la nomina di De Martino e Solina non è stata “salutata” con grandi strappamenti di capelli negli ambienti politici trapanesi. De Martino, come scriviamo accanto, era già un assessore in pectore (doveva addirittura entrare nella stanza dei bottoni in primavera), Solina invece da dove sbuca? Questa domanda iniziale ne ha scatenate, poi, tutta un’altra serie un po’ in tutte le fazioni politiche trapanesi: “Ma non era il vicesindaco di Mario Buscaino?” Oppure “Ma che, alla fine hanno trovato l’intesa sotterranea con Camillo Oddo?”. Queste le più ricorrenti. Ma ce ne sono tante altre di domande e di indiscrezioni (più o meno affidabili, fate voi) che riguardano il Damiano bis... una di queste è quella che vuole che a nominare realmente Solina sia stata direttamente la “società” e non la “politica”. Il sindaco ha scelto al di fuori degli schemi politici basandosi su suggerimenti esterni, di amicizie personali ma non solo. Su De Martino, invece, non si sono rincorse solo prese di posizione o lamentele. C’è chi sta spulciando carte e documenti... ed alcuni porterebbero ad alcune aziende confiscate.

.it

Mercoledì 5 Dicembre 2012, n°48 Anno XII 3000 copie distribuite

Il sindaco Vito Damiano ha nominato assessori due ingegneri fra conferme e sorprese

Al sindaco piacciono ingegneri. Non è un titolo di film ma la constatazione di quello che sta avvenendo al Comune di Trapani dove ieri sono stati nominati due dei quattro assessori mancanti, ripristinando la funzionalità della giunta che, così, può tornare a deliberare. Si tratta, appunto, di due ingegneri abbastanza noti in città e negli ambienti politici: Giuseppe Solina (a sinistra nella foto) e Andrea De Martino (a destra nella foto). Se per De Martino, vicino alla componente Bica del Pdl trapanese, la nomina era già stata prevista addirittura in primavera, per Solina invece si tratta di una nomina praticamente “ a sorpresa”. Andando nelle specifico, comunque, ad Andrea De Martino, ingegnere, 59 anni, è stata conferita la delega ai Lavori Pubblici, Manutenzione, Servizi generali (servizi cimiteriali, verde pubblico, difesa degli animali, illuminazione pubblica); a Giuseppe Solina, ingegnere, 62 anni, invece è stata conferita la delega all’Ecologia e Ambiente

e Risorse Idriche. Ieri mattina, con lo stesso decreto il sindaco ha conferito all’assessore Antonino Giglio, che rimane in servizio, in aggiunta alle deleghe che già aveva, quella per la pianificazione territoriale, ed all’assessore Francesco Mazzara, in

aggiunta alle deleghe già assegnate, quella ai tributi ed all’equità contributiva. Le altre deleghe assessoriali sono state mantenute dal sindaco che, però, dovrebbe completare l’esecutivo in giornata al massimo domattina con un in-

gresso in più per il Pdl (quota Tonino d’Alì) e un assessore per il gruppo che fa riferimento a Paolo Ruggirello. Come annunciato ieri dal nostro giornale, la nuova giunta sarà presentata in consiglio comunale nella seduta di domani sera.

Ha preso il via ieri, presso le scuole della provincia di Trapani, il ciclo di conferenze di orientamento e formazione promosso dall’Esercito Italiano. Le conferenze avranno per oggetto informazioni sull’arruolamento e sbocchi professionali e sono destinate ai giovani studenti che, al termine degli studi, vorranno orientare il proprio futuro

verso uno sbocco professionale militare. Le particolari lezioni sono tenute da personale qualificato del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, interesseranno gli istituti superiori che hanno aderito al programma del tour promozionale, il quale, si articolerà su tutto l’arco temporale dell’anno scolastico 2012/13.

De Martino, dunque, alla fine ce l’ha fatta a diventare assessore. Il suo nome circolava da tempo come possibile innesto nella giunta Damiano e la sua nomina era praticamente scontata. Lascia aperte molte porte interpretative, invece, la nomina di Solina. Quest’ultimo, infatti, è stato vicesindaco di una giunta di centrosinistra quando era sindaco Mario Buscaino. E’ stato al servizio anche di altri due ex sindaci di Trapani, come professionista, cioè Nino Laudicina e Mimmo Fazio. La sua vicinanza agli ambienti di centrosinstra, però, è nota a tutti e questo fatto, per tutta la giornata di ieri, e riteniamo che terrà banco fino a domani sera in consiglio comunale, è stato oggetto di svariate indiscrezioni. C’è lo zampino sotterraneo di qualche referente di centrosinistra? Le smentite non si sono fatte attendere. Solina è stato scelto direttamente dal sindaco Damiano a cui è stato “suggerito” da ambienti non politici. Damiano ha visto il curriculum, ha ritenuto validi i suggerimenti e lo ha nominato assessore. Amen.

La vita militare spiegata dall’Esercito agli studenti della provincia di Trapani


2

TrapaniOK

UP

Camillo Oddo

Lo danno sempre in mezzo alle trattative politiche

Buscaino mette le mani avanti

DOWN

Maltempo

Dove e Quando

Insediamento ARS

Dove e Quando

Consiglio comunale

Si aspetta la mossa di Paolo Ruggirello L’inverno si sta facendo sentire prepotentemente

Oggi alle ore 11.00 Palermo

Domani pomeriggio Palazzo Cavarretta - Trapani

Oggi si trova l’intesa con il sindaco Damiano?

La nomina ad assessore del suo ex vicesindaco, Giuseppe Solina, ha subito lasciato intendere che si fosse trovata l’intesa sotterranea fra sindaco e Pd trapanese, o almeno con pezzi del Pd trapanese, avallando le “trattative” che erano state intavolate in pieno ballottaggio. Mario Buscaino, come avevamo sottolineato, era addirittura stato tirato in mezzo quale papabile assessore di un ipotetico ma fattibile “governo di buona salute” che aiutasse il sindaco Damiano ad amministrare la città. Ma lui smentisce il suo diretto coinvolgimento in questa nomina con poche parole: “Sono convinto che l’originale sia meglio di una copia, non credete? E poi con l’ingegnere Solina nonho più da anni rapporti se non quelli legati ai saluti quando ci incontriamo”.

L’onorevole Paolo Ruggirello, rieletto deputato all’Ars nella lista “Musumeci Presidente”, in mattina a e forse anche nel pomeriggio è impegnato certamente alla Regione. Si insedia, insieme agli altri ottantanove colleghi deputati, al Parlamento regionale Siciliano. Ieri sera, però, ha trovato il tempo di discutere con il suo gruppo di riferimento in consiglio, allargato a tutto il suo entourage, su quello che bisogna fare con il Comune di Trapani. Se dare o meno, cioè, sostegno al sindaco Damiano entrando ufficialmente con un proprio esponente di riferimento nell’esecutivo di Palazzo d’Alì. Il nome c’è da tempo, tra l’altro, e la persona (uomo) sarebbe pure abbastanza esperto di questioni ecologiche. La delega all’ecologia ed ambiente, però, Damiano l’ha assegnata giusto ieri mattina. C’è da considerare, inoltre, la presenza femminile in giunta.

POLITICA DI CASA NOSTRA

Sinora ci sono quattro assessori tutti di sesso maschile. Le due donne presenti nella prima giunta Damiano si sono fatte da parte e, adesso, serve trovarne altre. Cosa si tirerà fuori dal cilindro l’onorevole Ruggirello? Lui, a dire il vero, non sembra molto contento di lanciare ciambelle di salvataggio. Del resto in campagna elettorale appoggiava Maurici e non Damiano, salvo poi al ballottaggio varcare la soglia di casa

I Fratelli d’Italia parlano anche giovane

La Segreteria di “Fratelli d'Italia”, come deliberato dai giovani militanti riunitisi lo scorso sabato 1 dicembre, ha costituito il gruppo della “Giovanile del Movimento”. La guida è stata affidata al neo segretario Bartolomeo Asta, che si avvarrà della collabora-

zione del portavoce Simone Vassallo e del responsabile amministrativo Vincenzo Garzia (nella foto, dal centro verso destra). La Giovanile, alla quale potranno aderire tutti i giovani entro i 27 anni compiuti, si occuperà in particolare della gestione dei forum on-

line e dell'organo di comunicazione ufficiale del movimento “La Disfida”. «Il Movimento “Fratelli d'Italia”, con la costituzione della Giovanile, continua quel cammino di rinnovamento avviato all'indomani delle recenti elezioni amministrative e regionali ed in vista dei prossimi impegni elettorali». A dichiararlo è il segretario politico Salvatore Rubbino, che aggiunge: «Vogliamo ridare dignità alla politica, riportandola alla sua funzione di servizio per il popolo e non viceversa. Sarebbe immorale lasciare in eredità ai giovani d'oggi ed alle future generazioni le macerie prodotte da decenni di malcostume politico».

d’Alì... l’intesa fra i due (cioù Ruggirello e d’Alì) continua a reggere, magari in vista di un ingresso ufficiale del primo nel partito del secondo, o i due stanno andando ognuno per i fatti propri? La nuova giunta Damiano, comunque, non sembra avere trovati grandi apprezzamenti negli ambienti politici locali. Il sindaco, Ruggirello e d’Alì a parte, dovrà ancora darsi da fare per farsi, intanto, capire.

Mercoledì 5 Dicembre 2012

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Le perplessità di Guaiana sui due nuovi assessori

Il Cane si morde la coda? Metaforicamente, si dice di un concetto vuoto che non spiega niente, ma che nella spiegazione ripete ciò che dovrebbe spiegare. E’ una metafora da applicare a questa situazione politica, a tratti surreale, che si sta verificando in queste ultime ore? Analizziamo i fatti: - siamo in presenza di una situazione a cui possono essere legate le sorti, non solo della presente sindacatura, ma anche dell’intera collettività trapanese; - per superare questa crisi il Sindaco Damiano precedentemente decapita la giunta comunale della parte tecnica o quasi politica da lui nominata, e pare abbia avviato consultazioni, incontri e quant’altro necessario per raggiungere la soluzione della crisi ovvero: costruire una maggioranza consiliare stabile e duratura, che abbia un riscontro diretto nella composizione del nuovo governo cittadino. Ma i consiglieri Comunali sono parte attiva in questa consultazione? Ovvero: la base consiliare, che sono i diretti riferimenti dei cittadini, possono avere voce in capitolo oppure averne almeno notizia? A quanto pare NO. Dopo voci e vocine di corridoio, la maggior parte di noi apprende a mezzo stampa televisiva che sono stati nominati 2 nuovi assessori, persone di cui non sono state presentate precedentemente le capacità amministrative.

Allora metaforicamente il cane si morde la coda? Sembrerebbe di si…. Puo’ il PDL non tener conto dei giudizi e anche delle proposte interne alla sua parte politica? Puo’ il PDL avallare delle nomine che potenzialmente invece di allargare la base della maggioranza consiliare, la riducono? Mi spiego meglio: Puo’ il PDL proporre uno o più assessori “politici” di cui si conosce il riferimento esterno ma quello interno è rappresentato da un solo consigliere comunale? Con questa logica quanti assessori ci vogliono per soddisfare le singole preferenze di ogni consigliere della maggioranza, se si vuole ancora avere una maggioranza? Questa malconcia coda deve continuare ad essere morsa? Io spero di NO, ma non dipende da me. Giuseppe Guaiana consigliere comunale Pdl

PACECO

La Venturini passa a setaccio il Prg

E’ stata eletta nell’Mpa ma si è dichiarata indipendente da tempo. Anna Rosa Venturini, alla sua prima esperienza in da consigliere comunale, ha spulciato un po’ di carte e vuole metterei trattini sulle t. Almeno per quanto riguarda il Piano regolatore generale. “Il 18 novembre scorso - afferma - è scaduto il P.R.G. e conseguentemente i vincoli urbanistici. Nessuna somma, però, è stata prevista dall’amministrazione nè accantonata nel corso del tempo. Durante gli ultimi due anni la questione è stata sottoposta all’attenzione del sindaco con diversi solleciti gli sono arrivati anche da parte del caposettore senza sortire effetto”. La preoccupazione del consigliere ri-

guarda i disagi per la cittadinanza: “Il territorio rimasto privo di conformità urbanistica, non potrà offrire all’attività edilizia la possibilità di pianificare uno sviluppo disciplinato da regole certe, l’iter edificatorio diventerà ancora più lungo e farraginoso, e questo in un pe-

TrapaniOK.it

Editore: EDI.SI. srl via Vincenzo Bellini, 2 91100 TRAPANI P.iva 02446660819 Reg. Tribunale di Trapani N°273 del 17-10-2001 Direttore Responsabile: Nicola Baldarotta direttore@trapaniok.it Redazione Sport: Giuseppe Favara

riodo in cui il settore, principale fucina occupazionale, è già stato fortemente falcidiato dalla crisi in atto. Le ragioni che hanno determinato questo ritardo nella ripianificazione urbanistica e il conseguente blocco edilizio? La colpa è ovviamente da imputare all’incapacità dell’Amministrazione Martorana, sindaco in testa e l’assessore competente (oggi ex, si è dimesso qualche mese fa per la rimodulazione della giunta ma è stato in carica per due anni) di operare in maniera organica, programmatica e coscienziosa nell’interesse della collettività. Questo è il risultato delle superficiali azioni di governo che dimostrano un totale disinteressamento nei confronti dei bisogni veri del paese”. Redazione Web: Marina Angelo redazione@trapaniok.it Impaginazione: Francesco Vivona

Per la pubblicità: Tel. 347/3334181132 Foto: Agenzia Trapani Press Trapani Ok - Free Press lo trovi nei migliori bar di Trapani, Erice, Paceco, Valderice (frazioni comprese) Stampa in proprio


3

TrapaniOK

UP

Ddl beni confiscati Sindacati e Associazioni no ostacoli

DOWN

Lavoro Dal 2008 al 2011 persi 47.000 posti di lavoro

Dialettologia

ITALIANO: stradina

Dove e Quando

Giunta Crocetta Ars, oggi insediamento 90 parlamentari

Arriva il Natale ma Trapani ed Erice restano spente SICILIANO: vanedda

Le amministrazioni non hanno i soldi per le bollette

Quello che sta per arrivare è un Natale all’insegna della sobrietà e dell’austerity. E’ triste, è vero, ma guardando agli sprechi degli ultimi anni, forse potrebbe essere l’occasione giusta per (ri)scoprire l’essenza di questa festa: l’amore e l’aiuto verso il prossimo, e l’importanza della famiglia. Probabilmente Monti non aveva pensato a farcela “bere” in questi termini mentre era intento a tenere la bocca chiusa sulle tristi previsioni “Italia Natale 2012”. Pronostici che, in ogni caso, avrebbero riguardato ancora una volta noi: italiani medi (con le tredicesime contenute) e quelli con l’economia “sotto i tacchi” da una vita. Il Premier non ha badato a “spese” e oltre a calcare la mano con i tagli ha approfittato anche dell’immaginazione: una lenta ripresa. Ma il gioco non ha funzionato e quella ripresa continua ad essere inesistente un po’ per tutti. Così bisogna imporci il Natale ristretto e concentrato di emozioni che probabilmente buttavamo con gli avanzi del pranzo di Natale. Per chi è stanco di vivere in questa crisi e di sentirla solo nominare dovrà rassegnarsi: bisogna tirare la cinghia. Lo ricordano le scadenze, come la seconda rata dell’IMU, che andrà pagata ad un passo dal Natale (il prossimo 17 dicembre), ma non solo. A marcare il periodo buio che stiamo attraversando, già segnato dagli scioperi promossi

dai lavoratori dei diversi settori che attendono pagamenti di stipendi addirittura da 24 mesi, come nel caso della formazione, saranno proprio le nostre strade che rifletteranno questo periodo oscuro senza luminarie. Nelle vetrine vediamo spuntare timidi i primi addobbi ma ad Erice e Trapani nessuna luce natalizia porterà almeno un pò di calore nei nostri cuori. Il sindaco di Trapani, Vito Damiano, nei giorni scorsi ha incontrato i rappresentanti di Confesercenti, Confcommercio e Confartigianato per comunicare che «quest’anno, in relazione alle precarie condizioni economico/finanziarie, il Comune non potrà sopportare l’onere di spesa di circa 80.000 euro per le luminarie natalizie». E a seguire la corrente, almeno per una volta, è anche il sindaco di Erice Giacomo Tranchida che oltre ad aver fatto più o meno lo stesso annuncio, ha proposto alle associazioni, come il primo cittadino trapanese, di farsi

portavoce nei confronti degli esercenti per l’adozione di ogni opportuna iniziativa individuale che possa fare avvertire alla collettività il clima natalizio. In parole povere, e mai come in questo momento lo sono state veramente, chi vuole le luci a Natale ben venga, purchè paghi le spese. Con queste decisioni viene dato un taglio alle polemiche che approvavano o disapprovavano annualmente gli addobbi scelti da questo o da quell’altro comune ma lasciano spazio a quelle sull’eliminazione delle luci. Eppure, a ben guardare, sarà triste ma siamo sicuri che vedere scintillii qui e lì non ci avrebbe irritato pensando che forse, un po’ di economia, avrebbe dovuto farla anche l’amministrazione responsabile dei luccichii? Ecco proprio in questi termini quella trapanese «ha voluto dare un segnale evidente circa la scelta di tagliare spese voluttuarie o non necessarie, privilegiando invece l’assistenza economica per i cittadini in situa-

zione di debolezza sociale, di handicap grave, affetti da gravi patologie, nonché il sostegno al pagamento del canone di locazione e altri provvedimenti che vanno nella medesima direzione e che comporteranno un impegno di spesa di circa 150.000 euro già programmato e non soggetto a tagli». Insomma se il buio contribuirà a portare un pò di festa a chi non può permetterselo il messaggio è sicuramente più natalizio da quello trasmesso dalle luci sfavillanti incapaci di scaldare almeno un pasto ai più bisognosi. E se è vero che dovrebbe essere Natale tutti i giorni, «le economie ricavate dalle scelte operate dall’Amministrazione consentiranno di mantenere le somme destinate ad interventi a tutela dei soggetti deboli. L’Amministrazione, conclude la nota diffusa dal comune di Trapani, intende sottolineare l’attenzione che si è voluta riservare alle fasce sociali più deboli e disagiate, e, a fronte dei consistenti tagli di contributi operati dalla Regione, si è voluta mantenere alterata la spesa sociale». Per una volta, in mezzo a tanta bontà, non volendo pensare male, aspettiamo di scaldarci il cuore quando, sui rispettivi siti web dei comuni di Erice e Trapani, gioiremo nel vedere come ed a chi (nel rispetto della tutela della privacy) saranno stati destinati quei soldi. Marina Angelo

Il meteo in provincia

Mercoledì 5 Dicembre 2012

Mattina 11° ONO

Pomeriggio 14°O

Si è tornati a parlare del tempo e non certo perché non c’è null’altro da dire ma perché, anche quest’anno, il freddo ha iniziato a pungerci per benino. Proprio ieri la Coldiretti sottolineava come l’attenzione alla dieta poteva aiutarci a sconfiggere freddo e gelo e noi, prendendo la palla al balzo, vi proponiamo il suggerimento della nostra fedelissima lettrice Anna Candela che oggi, propone la ZUPPA DI CECI, un piatto nutriente e saporito, adatto proprio alle fredde giornate d’inverno. Ingredienti per 6 persone: 500 gr di ceci, 1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano, concentrato di pomodoro, acqua, sale e pepe q.b., 4 dadi vegetali. Questa ricetta conserva i sapori di una volta per questo deve rispettarne i tempi di preparazione e di cottura. Così, il giorno prima, versate i ceci in una ciotola, copriteli con dell'acqua e lasciateli in ammollo per 24 ore. L’indo-

Un anno di indagini dense ed intense tanto da poterne sentire il peso sul collo, la presenza alle calcagna. E’ stato arrestato dai Carabinieri A.I., giovane ventiduenne trapanese, residente nel Centro Storico di Trapani. Il ragazzo, sarebbe colpevole di aver effettuato

una rapina, nel gennaio dello scorso anno, nel negozio di abbigliamento “New Free Style Sport” di Corso Vittorio Emanuele a Trapani. Un anno dopo si raccolgono i frutti di ricerche, pedinamenti, appostamenti serrati tanto che, i Carabinieri, non escludono

MAFIA

Il Boss cade in cella

Bernardo Provenzano, detenuto in regime di 41 bis nel carcere di Parma, e' stato ricoverato d'urgenza in ospedale la scorsa notte. E' stato il figlio Angelo ad avvertire l'avvocato Rosalba Di Gregorio dopo averlo appreso dal commissariato di Cor-

leone (Palermo), dove vive. La notizia si è appresa a margine dell'udienza preliminare del processo per la trattativa Stato-mafia a Palermo. Il capomafia sarebbe caduto a terra nella sua cella. Per lui la prognosi è di 15 giorni.

nemmeno un colpo di scena nei prossimi giorni. Il ragazzo, infatti, non avrebbe agito da solo. La banda potrebbe essere presto scoperta anche perché il giorno del furto, per un danno di oltre due milioni di euro, qualcuno dei componenti si sarebbe ferito lasciando, sul

posto, delle tracce di sangue. Gocce che, grazie al supporto dei RIS di Messina sono riuscite a tracciare le eliche del dna. La vicenda dunque non si chiude con questo arresto e lascia una buona dose di attesa per scoprire i volti degli altri colpevoli. M.A.

TRUFFA ALLA REGIONE

Spariti 19 milioni di euro

Gaetano Mercadante, legale rappresentante della società Nova Musa, è stato arrestato con l’accusa di essersi appropriato di 19 milioni incassati dal servizio di biglietteria dei maggiori siti archeologici siciliani che aveva in concessione dalla

Regione. Inizialmente il gip gli aveva concesso i domiciliari ma successivamente la Procura ha chiesto ed ottenuto l'arresto per l'aggravarsi delle esigenze cautelari. Ci sarebbe, infatti, un rischio di inquinamento probatorio.

Notte 11° ONO

Anna oggi propone la Zuppa di ceci mani, prendete una pentola e fatevi imbiondire a fuoco lento la cipolla, il sedano e la carota precedentemente tritati o tagliati sottili. Quando il soffritto sarà dorato, aggiungere quasi mezzo bicchiere di concentrato di pomodoro, i ceci, i 4 dadi vegetali e abbondante acqua. Mescolare il tutto di tanto in tanto e far cuocere, a fuoco lento, per circa 2 ore (mezz’ora con la pentola a pressione). Quando la zuppa sarà densa al punto giusto, aggiungere il pepe a piacere e, se necessario, il sale. Servire con crostini ed un filo d’olio d’oliva. Se anche tu hai una ricetta da proporre, inviala a redazione@trapaniok.it

CONCORSO

Aperte le iscrizioni per la XIX edizione de “Il Presepe Rurale”

TRAPANI

I Carabinieri arrestano un ladro ventiduenne

Sera 12° ONO

Il countdown per il Natale è iniziato. Mancano venti giorni e poi, una delle feste più belle dell’anno, contribuirà ad unire le famiglie ed a scaldare i cuori anche davanti ad un presepe. Il Comitato Provinciale AICS di Trapani Settore Cultura lo sa, per questo, per la diciannovesima volta, ha organizzato il Concorso Provinciale “IL PRESEPE RURALE”. Aperto ad Associazioni, Co-

munità Parrocchiali, Enti vari, Famiglie e Scuole di ogni ordine e grado, i Presepi a Concorso potranno essere realizzati con materiali tradizionali ma non solo. L’evoluzione è ammessa anche tra il bue e l’asinello, per questo, sarà possibile realizzare una Presepi portatili o mini Presepi in linea con le moderne tecnologie. Le domande di partecipazione devono essere presentate o inviate entro e non oltre il 21 Dicembre 2012 al seguente indirizzo AICS Comitato Provinciale – Via Riccardo Passaneto, 30 91100 Trapani. Per ulteriori informazioni telefonare allo 0923/23023 tutti i giorni escluso il Sabato dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 19.30 o collegarsi al sito www.aicstrapani.it per scaricare la scheda di adesione.

ANNUNCI

____________________________________IMMOBILIARE

Trapani affittasi appartamento per poche ore h 24 tel. 320/0689265 Trapani, via Livio Bassi appartamento al 1° piano di mq 83 circa ,soleggiato con 3 balconi ad angolo, composto da soggiorno, 2 camere da letto + cucina abitabile + bagno e ripostiglio no spese condominiali, vendesi euro 92.000,00 trattabili tel. 339/6904404 Trapani - Affittasi per brevi periodi , anche giornalmente, appartamento arredato, max relax e max riservatezza. Tel. 348/1019581


4

È un Trapani che fa sognare Priola: “La vittoria fa morale” TrapaniOK - SPORT

M

Dopo San Marino, ora altro impegno casalingo con l’Albinoleffe essa da parte la vittoria di domenica col San Marino e ricevuti ben due “Oscar del calcio Siciliano”, il Trapani si proietta con grande entusiasmo alla prossima gara interna di campionato contro l’Albinoleffe. Una sfida particolare che arriva in uno dei migliori momenti della compagine granata, reduce da ben sei risultati utili consecutivi e capace di rifilare un poker ciascuno a due squadre di alta classifica come Sudtirol e San Marino. Domenica scorsa tutto è andato per il verso giusto e le assenze degli squalificati Lo Bue, Rizzi e D’Aiello sono state colmate egregiamente da capitan Filippi, Daì e da Priola. Quest’ultimo non fatica a trovare il perchè dell’ottima prestazione difensiva contro i titani di Leonardo Acori: “Non abbiamo fatto sentire le assenze degli squalificati perchè ci conosciamo bene – ha ammesso Giusto Priola giochiamo insieme da un paio d’anni e non abbiamo avuto problemi a ritrovarci in campo insieme. Ci conosciamo a memoria ormai. Il San Marino era una squadra tosta però ha trovato qui una difesa collau-

data”. Una difesa rimasta inviolata per la terza sfida casalinga consecutiva, merito dei rincalzi di lusso di un Trapani quest’anno più che mai ben preparato numericamente e capace di avere sempre dei sostituti all’altezza dell’impegno: “Ero molto carico, quest’anno ho trovato poco spazio e quindi avevo voglia di dimostrare di poter dare un contributo attivo alla causa granata. Doumbia? E’ stato un avversario tosto, uno dei più temibili del San Marino ma – prosegue Priola - credo di essere riuscito a contenerlo bene insieme a tutta la difesa”. Adesso bisogna già voltare pagina e pensare alla seconda sfida casalinga consecutiva contro l’Albinoleffe per continuare a risalire la clas-

sifica e magari, chissà, sognare qualcosa di più di un secondo posto: “La vittoria fa morale, però adesso dobbiamo rimetterci sotto col lavoro. In casa dobbiamo per forza ottenere bottino pieno, domenica abbiamo fatto benissimo e quindi dobbiamo continuare con questa mentalità vincente e i risultati verranno. E’ un campionato equilibrato, non bisogna pensare alle altre squadre ma bisogna giocare partita dopo partita e concentrarci solo su noi stessi. In fase offensiva abbiamo un livello altissimo e che nessun altra squadra può permettersi, continueremo a fare gol. In difesa – conclude Priola - si può certamente migliorare però stiamo facendo benissimo”. Giuseppe Favara

BASKET, TRAPANI SI GODE IL SUCCESSO

Priulla guarda avanti, domenica c’è Ostuni La Pallacanestro Trapani è tornata dalla trasferta di Bernalda con il morale alle stelle per una vittoria che ha riportato entusiasmo e serenità. Un successo, quello della decima giornata di campionato Dnb, che però non deve esaltare la banda di coach Flavio Priulla, più che mai convinto di rimanere con i piedi per terra in un torneo così difficile come quello di quest’anno: “A Bernalda, abbiamo ottenuto due punti importanti – ha ammesso Priulla - che ci mettono a ‘più 2′ in media inglese. Però non avrebbe senso esaltarci per questo successo. Abbiamo iniziato i quaranta minuti come avevamo finito quelli di Roseto, non facendo mai canestro e soffrendo

DOVE TROVI IL TRAPANI OK -TRAPANI AgipCaffè Anymore! Cafè Aris caffe Bar Amsterdam Bar Armonia dei sapori Bar Ced Centro Bar Ciclone Bar Colonna

Bar Efri Bar Exedra Bar Gallery Bar Giovanni e Nino Bar Italia Bar Ligny Bar Magic Bar Mediterraneo

Bar Morana Bar Moulin Rouge Bar Movida Bar Nocitra Bar Piccadilly Bar Todaro Better Mazzola Cafè de la Plaza

l’iniziativa degli avversari. Fortunatamente, questa volta siamo riusciti e tenere i nervi saldi, a trovare soluzioni buone per tutti i nostri giocatori e a difendere sempre con impegno e dedizione. Mettiamo presto in archivio questo successo e – conclude il coach granata - pensiamo subito, da oggi, alla prossima gara contro Ostuni”. La compagine granata ha ripreso ieri, con una doppia seduta, gli allenamenti che la porteranno alla sfida di domenica prossima, valevole come undicesima giornata del campionato, al PalaDespar contro Ostuni. Oggi, invece, seduta tecnica alle 18, mentre domani pesi+tiro al mattino e di nuovo tecnica al pome-

Caffe Miro Caffe mojto Caffe salemi Ciuri ciuri Coffe and go Confartigianato Grimon Cafè Mahiki Cafè Melograno Cafè Number One

Punto G. Red Passion Ricevitoria (Cicala) Ricevitoria Nicolosi Savoir fair cafè Sciuscià Cafè Svalutation Cafe

Sweet C@fè Tabaccheria Milo Torre pali -ERICE Bar Kennedy Bar Milo Bar Monticciolo Caffè Baraonda Caffè delle

riggio. Inoltre da ieri la Pallacanestro Trapani ha aperto un suo centro minibasket alla scuola elementare “Giuseppe Mazzini” di Trentapiedi, nel comune di Erice. Le lezioni si svolgeranno nella palestra dello stesso plesso scolastico ogni martedì e giovedì e avranno i seguenti orari: dalle 16 alle 17 giocheranno le bambine e i bambini delle classi prime, seconde e terze; dalle 17 alle 18, invece, sarà il turno delle quarte e quinte classi. L’intento è sempre quello di rinforzare il rapporto fra la Pallacanestro Trapani e il nostro territorio e di allargare la base dei praticanti con un costo assolutamente accessibile per tutte le famiglie. (g.f.)

Rose La coffea Arabica Radio Londra Roxi Bar -NAPOLA Caffe Erice -VALDERICE Avenue Cafè Bar Sport

Bar Venere G & G – Caffè Vespri Sunset Cafè -BONAGIA Bonfiglio Miramare -XITTA Bar Ritrovo -PACECO

Bar Mazzara Bar Sombrero Bar Tiffani House cafe' Pasticceria Sugamiele Vogue Cocktail Bar -GUARRATO Bar dello Sport

Mercoledì 5 Dicembre 2012

VOLLEY B2 MASCHILE, EKLISSÈ INARRESTABILE

Ottava meraviglia della Pallavolo Trapani Nascondere le ambizioni di promozione diventa sempre più difficile. L’ottava vittoria consecutiva in campionato obbliga l’Eklissè a rivedere al rialzo gli obiettivi di inizio stagione. A cadere vittima dei ragazzi di Aiuto è stata stavolta la Luck Volley che a Reggio Calabria si è vista costretta a cedere per 31. Il tecnico dei trapanesi non ha avuto dubbi sul sestetto da schierare titolare, potendo disporre di tutti gli elementi in rosa, e Trapani è partita subito forte imponendo il proprio gioco, fatto di ricezioni senza sbavature grazie a un Muccione sempre più conscio dei propri mezzi e rapidi contrattacchi che hanno costretto i reggini a giocare sulla difensiva. In attacco invece Mazza si conferma una sicurezza, mettendo a segno ben 20 punti. I primi due set vengono conquistati senza troppe difficoltà, come testimoniano i parziali di 25-17 e 25-19. Anche nel terzo

l’Eklissè pare avere il controllo della situazione: al secondo tecnico il punteggio è di 16-13 in favore dei trapanesi. A questo punto però l’equilibrio si rompe: la ricezione cala, il servizio non è più brillante e gli attacchi di Trapani vanno a scontrarsi sul muro della Luck. Il 25-19 in favore dei reggini riaccende le speranze di riuscire a proseguire la competizione fino al tie-break. Il timore che ciò possa concretizzarsi si ha nel quarto set, che in avvio diventa una battaglia condotta

punto a punto. L’Eklissè però impara dai propri errori e cambia gioco. Gli avversari entrano in confusione e Mazza e Blanco hanno campo libero spezzando le velleità della Luck, chiudendo con il definitivo 25-19. Una vittoria che consente di allungare grazie alla sconfitta al tie-break di Cinquefrondi a Tremestieri e di andare incontro alla sosta dell’Immacolata senza pensieri. Al rientro ci sarà la sfida casalinga contro Vibo, fanalino di coda. Silvestro Bonaventura

RECUPERI IN PROMOZIONE E PRIMA CATEGORIA

Oggi Fulgatore-Bonagia, il Campobello a Cianciana Impegni infrasettimanali in Promozione e Prima Categoria. Questo pomeriggio nel recupero dell’undicesima giornata di Promozione il Campobello renderà visita al Cianciana. Per i gialloblù esiste un solo risultato, la vittoria, per risollevarsi dal penultimo posto. Dimessosi Nino Maggio, nei giorni scorsi la guida

tecnica è stata temporaneamente affidata al capitano Pizzitola. L’altro recupero del torneo di Promozione sarà Mussomeli-Aragona. In Prima Categoria, invece, si recupera il match della nona giornata di campionato tra Fulgatore e Bonagia. Un derby tra due squadre non in grande stato di forma e reduci da un

periodo non proprio positivo. Il Fulgatore non ha ancora vinto in casa, mentre il Bonagia non vince da quattro turni. L’altro recupero avrebbe dovuto essere Lampedusa-Atletico Erice (8° giornata), ma gli ericini, per le avverse condizioni atmosferiche, sono stati impossibilitati a recarsi nell’isola agrigentina. (g.f.)

trapaniok 5-12-12  

trapaniok 5-12-12

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you