Page 1

EE FR

S ES R P

TrapaniOK

L’INFORMAVELOCE SU CARTA DELLA PROVINCIA DI TRAPANI

FAVIGNANA, ISOLA DEI MISTERI E DELLE SCOPERTE CONTESE

WWW.TRAPANIOK.IT di Nicola Baldarotta

Da Erice a Brancaccio

Dalla città della scienza al quartiere a rischio, passando per Ginevra, il professore Zichichi, neo assessore regionale ai Beni Culturali, esordisce purtroppo malino. Non proprio per demeriti suoi, se proprio vogliamo dirla tutta, ma del figlio Lorenzo che detiene una buona percentuale della società Novamusa, la casa editrice finita al centro dell'inchiesta palermitana sui servizi nei musei. L’ex candidato alla carica di Governatore per il centrodestra, Nello Musumeci, ieri ha parlato di conflitto di interessi fra Zichichi padre e figlio, visto il contenzioso in atto. Il professore trapanese, però, da Ginevra, non ha voluto commentare la vicenda e ha, invece, confermato la sua presenza stamattina a Palermo, a Brancaccio, dove si terrà la prima giunta ufficiale del Governo Crocetta. Una grana? Lo scopriremo solo nei prossimi giorni, o forse ore, l’impressione iniziale è, però, che Crocetta abbia la situazione sotto controllo. Non sappiamo se ce l’abbia il professore Zichichi che, però, ha già dichiarato di volere passare la maggior parte del tempo a Ginevra piuttosto che a Palermo. L’assessore, dice lui, si può fare pure da lontano. Tanto lui ha le idee chiare e sa già cosa fare. Lo dice lui... Una cosa, comunque, il professore la sta già facendo. Al cuore non si comanda, no? Il professore Zichichi è così innamorato di Erice che la menziona praticamente in ogni intervista o quasi, in ogni incontro ufficiale o quasi. Dice che la prenderà come esempio per diffondere le bellezze della Sicilia nel mondo. E noi lo ringraziamo.

.it

Venerdì 30 Novembre 2012, n°45 Anno XII

3000 copie distribuite

Nostro approfondimento sul “rinvenimento” archeologica fatto nella Grotta dell’Ucciria

La nostra terra è il nostro tesoro. La nostra cultura ha un valore inestimabile, come l’amore per un figlio. Per questo, ogni giorno riceve riconoscimenti internazionali. Spesso a valorizzare il nostro tesoro è la fuga dei cervelli come il caso di Marcello Mannino, figlio “d’arte” trapiantato a Lisbona che, proprio ieri, ha portato avanti il valore alle ali di un’isola: Favignana. Marcello Mannino che per il Dipartimento di Human Evolution, Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Lipsia, in Germania, ha contribuito a scrivere la dieta che dalla preistoria ha caratterizzato ciò che il nostro DNA continua a scrivere oggi. La ricerca di Mannino, infatti, ha fornito dei dati sul Dna mitocondriale dei primi umani delle regioni del Mediterraneo. Da resti di scheletri trovati a Favignana, risalenti a quando l’isola era una penisola, oltre a scoprire che l'uomo moderno arrivò in Sicilia intorno all'epoca dell'ultima glaciazione si è scoperto che aveva un alimentazione prevalentemente legata ai prodotti della terra e non del mare. Questa scelta alimentare, secondo

Mannino, è da rintracciare anche nelle caratteristiche del Mar Mediterraneo, assai differenti e povere rispetto all’Oceano tanto da richiedere l’utilizzo di alcuni strumenti che, non venivano comunque creati né utilizzati proprio per un rapporto indirettamente proporzionale tra prodotto ed impegno profuso. In parole povere il gioco non valeva la candela e quindi si preferiva mangiare prodotti della terra perché richiede-

vano un impegno minore. La scoperta di Mannino, pubblicata su PLOS ONE, ha permesso di svelare i tempi in cui i moderni umani raggiunsero queste isole. «La Sicilia fu popolata dall'uomo moderno solo intorno a 35.000 anni fa. Parliamo di uomini del Medio Oriente ma, i successivi spostamenti in Italia, risalgono a 25.000 anni fa, in Sicilia 21.000 anni addietroAl picco dell'ultima era glaciale, quando il livello del

Giacomo Pilati, cavaliere della Repubblica Importante riconoscimento per il collega Giacomo Pilati, giornalista e negli ultimi anni soprattutto scrittore. Oggi pomeriggio alle 17,30 in Prefettura a Trapani sarà insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica “per meriti culturali”. Giacomo Pilati è autore, fra gli altri, del libro “Minchia di Re” da cui è stato anche

tratto un film, “Confesso che sono molto emozionato - scrive su Facebook - E’ un riconoscimento che desidero condividere con tutti quelli che in questi anni hanno creduto nelle cose che ho fatto. Considero un valore aggiunto il fatto che la proposta sia partita da un gruppo di amici”. A Giacomo i nostri complimenti.

mare era abbastanza basso da creare un ponte di terra fra l'isola e l'attuale penisola italiana» Ci ha spiegato Marcello Mannino raggiunto telefonicamente. Dalla composizione chimica dei resti umani trovati si è scoperto che i primi uomini stanziali avevano mantenuto il loro stile di vita da cacciatori-raccoglitori, dedicandosi di piu' agli animali terrestri che alla pesca. Un’importante contributo alla scienza è stato

dato anche da un nostro conterraneo che, dicevamo, essere nato in odor di arte, archeologia, preistoria e scoperte scientifiche. Marcello, infatti, è il nipote dell’ormai ottantatreenne Giovanni Mannino autore di numerose scoperte in campo archeologico anche a Favignana. Autore, ad esempio, della scoperta dei graffiti che da due giorni sono al centro del ciclone che ha investito la Sovrintendenza, il Prof. Torre e la figlia Simona ed il sindaco dell’isola farfalla. Se tre giorni fa era proprio il prof Torre ad informare la stampa (locale e nazionale) di una nuova scoperta di pitture all’interno di una grotta savignanese risalenti al neolitico, due giorni fa era, invece il sindaco di Favignana Lucio Antinoro, ad informare, in una nota, che la “scoperta” in questione non era affatto tale. In mezzo a queste conferme e smentite, ciò che ha fatto e continua a fare rumore, è il silenzio della Sovrintendenza ai beni culturali che, impegnata da tre giorni a scrivere un comunicato stampa, resta blindata sulle risposte. Marina Angelo segue a pag. 3

L’Unesco e i diritti umani Come da diversi anni avviene, nel mese di dicembre viene destinato dai vari club UNESCO un giorno per celebrare la <<Giornata Mondiale dei Diritti Umani>>. Sabato prossimo sarà il Club Unesco di Trapani a celebrare la giornata e, come negli anni scorsi, sarà l’occasione anche per premiare le personalità che si sono contraddistinte i vari set-

tore del vivere sociale. la cerimonia è prevista alle ore 20:30 presso l’“HOTEL BAIA DEI MULINI”, Lungomare Dante Alighieri ad Erice. Il tema portante sarà la cultura. Al dibattito seguirà l’assegnazione dei premi del Club UNESCO a Luciano Burderi, Vincenzo Abate, Franco Foderà e Francesco Paolo Sieli.


2

TrapaniOK

UP

Giacomo Pilati

DOWN

Popolo delle libertà

Dove e Quando

Insediamento ARS

Dove e Quando

Primarie centrosinistra

Il fallimento di Camillo Iovino secondo l’opposizione

Per lui un importante riconoscimento oggi pomeriggio

Invece delle Primarie alla fine faranno una spaghettata

Prossimo 5 dicembre a Palermo

Domenica prossima Hotel Crystal - Trapani

Valderice, la politica commenta le dichiarazioni del sindaco

Sì, come titolavamo due giorni addietro, il sindaco di Valderice Camillo Iovino ha spiazzato quasi tutti con le sue dichiarazioni. Ma più che per l’annunciata non ricandidatura a sindaco, Iovino ha fatto proprio arrabbiare i suoi avversari politici per le accuse lanciate ai partiti. Il primo a prendere carta e penna, all’indomani della conferenza stampa di Iovino, è stato il capogruppo del Pd Francesco Cicala: “L'annuncio del sindaco Iovino di non ricandidarsi alle prossime elezioni amministrative - scrive Cicala dimostra il fallimento della sua amministrazione e della coalizione che lo ha sostenuto, chiamando in causa il Pdl, l'Mpa, l'Mps ed i Popolari per Valderice”. Per l'esponente dell'opposizione la presa di posizione del sindaco è tardiva. “Lo abbiamo invitato ridurre il numero degli assessori e le spese inutili - afferma il capogruppo Pd - rinunciando agli esperti ed a razionalizzare la macchina amministrativa dell'ente in modo da evitare l'aumento di Tarsu, Irpef

ed Imu. Iovino ha fatto orecchie da mercante e adesso è troppo tardi. La situazione appare davvero difficile, soprattutto per i precari, come per i precari, le cui sorti appaiono sempre più incerte” sostiene Cicala nel documento diramato alla stampa locale. Dopo Cicala ha colto la palla al balzo anche il consigliere di Grande Sud, Peppe Di Trapani. “Il sindaco Camillo Iovino poteva risparmiarsi quel vittimismo politico e quelle esternazioni che

NOTIZIE DAL COMUNE DI TRAPANI

Ecco come presentare le domande per i buoni libro

Entro giovedì 20 Dicembre è possibile presentare presso l’Ufficio Pubblica Istruzione in via Libica 12 la domanda per ottenere il contributo aggiuntivo del 30% sul lavore del buono libro per gli alunni frequentanti la scuola secondario di primo grado. Possono presentare la domanda le famiglie, residenti nel Comune di Trapani, la cui attestazione ISEE, riferita all’anno 2011, non superi € 14.177,25. La domanda deve essere corredata dalla seguente documen-

tazione: fotocopia dell’attestazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) riferita all’anno 2011, fotocopia del proprio documento di riconoscimento in corso di validità, fotocopia del codice fiscale.

certo non convincono nessuno afferma il vulcanico consigliere Come si fa a dichiarare di essere stato immobilizzato dalla Giunta e consequenzialmente dalla politica? Non capisco con quale coraggio afferma tutto questo, quando sa benissimo che a manovrare i fili dell'attività di Giunta era proprio lui, dove non si poteva muovere una foglia se non fosse stato lui a deciderlo. Forse si e' dimenticato come mai rinunciai tempo fa il posto in Giunta?

Forse perché quando gli dissi quali erano le mie idee su come cercare di adoperarsi verso l'interesse della collettività mi disse " ca si porta avanti quello che dico io" ? Forse si e' dimenticato anche quando diceva io non mi schiero con nessuno cosi' vengo corteggiato da tutti? Forse si e' dimenticato pure che i suoi atteggiamenti arroganti e di presunzione dovuti anche al non dialogo verso i partiti che l'hanno sostenuto hanno portato alla distruzione di quella maggioranza arrisicata per come la definiva lui? Basta cosi' o devo aggiungere altro? Il fatto e' caro sindaco che anche tu hai capito di essere arrivato al capolinea e di aver capito la realtà che ti porta a tutti questi colpi di testa come quello di azzerare la Giunta a pochi mesi da una competizione elettorale, mossa da parte mia molto meschina e improponibile. Concludo dicendo al Sindaco di essere piu' umile e meno presuntuoso e ad aprirsi al dialogo ricordandogli che essere Sindaco non equivale a comandare”.

VERSO LE POLITICHE 2013

Cristaldi sulle Primarie fantasma di centrodestra

“Le primarie per il PDL sembrano stregate. Vengono sempre annunciate e mai realizzate”. Lo dichiara l'on. Nicola Cristaldi, attuale Sindaco di Mazara del vallo. “Avrebbero dovuto essere una forma di rilancio anche dell'immagine del Popolo della Libertà ma si è verificato quel che in gran parte era previsto: una sorta di dibattito interno fra le diverse componenti del partito senza una reale 'gara' fra i contendenti. C'è un serio problema – aggiunge Cristaldi – dentro il PDL in quanto si crede che basta mettersi d'accordo a Roma per

tenere in piedi un partito che invece è fatto di tanta gente che si muove in periferia e che non ha alcuna possibilità di incidere sulle scelte del PDL. La cancellazione delle primarie ratifica il distacco tra la cosiddetta classe dirigente ed il popolo del partito e di quegli Italiani che credono che un centrodestra vero ed efficace sia ancora possibile nel nostro Paese. Dovremo rassegnarci a non vedere nulla di nuovo – afferma il Sindaco di Mazara del vallo – in quanto non sembra che ci sia la volontà di creare un partito aperto e legato al territorio”.

Venerdì 30 Novembre 2012

PRIMARIE DI CENTROSINISTRA

Appello pro Bersani di “Trapani cambia”

La partecipazione di quello che viene definito "il popolo delle primarie", uomini e donne che hanno scelto di aderire ad un progetto progressista per cambiare il nostro Paese, è la risposta a chi crede che non ci sia più spazio per la speranza e per una idea nuova di centrosinistra. Abbiamo parlato, insieme, di programmi e di futuro, affrontando le difficoltà di un momento in cui l'antipolitica sembra sostituirsi alla necessaria "buona politica". Più di 3 milioni di persone hanno dimostrato che non è il momento di arrendersi. Nemmeno a Trapani, capoluogo di una provincia che resta ferma tra le ultime posizioni di ogni classifica sulla qualità della vita, è tempo di gettare la spugna. E' possibile e necessario lo scatto di orgoglio di chi lavora, studia e impegna la propria vita in un progetto di cambiamento che abbracci la nostra città per farla uscire, una volta per tutte, dall'isolamento sociale ed economico in cui è sprofondata. Proprio per questo, decidiamo di stare dalla parte di chi può cambiare il Paese e decidiamo di lavorare, insieme, per Pierluigi Bersani Premier. Per sentire, finalmente, il profumo di quella politica condivisa e progressista di cui ha bisogno l'Italia. Davvero. Firmatari: Mimma Argurio -

comitato "Per cambiare il Paese il Lavoro prima di tutto"; Aldo Virzí - Pres. Prov.le ANPI - Trapani; Sabrina Rocca - Ass. Trapani Cambia; Maria Pia Erice SEL Sicilia; Antonio Gandolfo, Filippo Salerno, Alberto Spada, Maria Laura Marchingiglio, Sandro Carriglio - Comitato "Trapani x Bersani" Danilo Orlando, Maria Concetta Serse - Comitato "Trapani x Bersani"; Astrid Di Pasquale, Serigio Fodale, Assunta Aiello, Giulia Giacalone, Ezio Pagano, Livio Noto, Vincenzo Garuccio - Ass. Trapani Cambia; Perluigi La Via, Giorgio Mazzini, Salvatore Meli, Enzo Iovino, Mario Buscaino, Maria Rita Pecorella, Angela Pecorella - Comitato "Trapani x Bersani"; Ina Di Carlo, Angela Savona, Carlo Mazziotta, Mario Gentile.

CUSTONACI

Il Pdl si prepara alle prossime amministrative

Il Pdl di Custonaci apre il confronto in preparazione delle prossime elezioni amministrative di primavera. Il coordinamento comunale del PdL si fa, pertanto, promotore di un tavolo mediatico di ascolto e di proposta, per individuare la futura classe dirigente che sarà chiamata ad amministrare la città, che, a iniziare dalla candidatura a Sindaco e dalla costruzione di un programma politico, risponda ai requisiti di etica e moralità, con una visione sociale dell’azione amministrativa. “Al fine di aumentare la partecipazione democratica - precisa il coordinatore comunale Filippo Castiglione - il PdL mette a di-

TrapaniOK.it

Editore: EDI.SI. srl via Vincenzo Bellini, 2 91100 TRAPANI P.iva 02446660819 Reg. Tribunale di Trapani N°273 del 17-10-2001 Direttore Responsabile: Nicola Baldarotta direttore@trapaniok.it Redazione Sport: Giuseppe Favara Redazione Web:

sposizione le proprie esperienze politiche, nella prospettiva di realizzare un’autentica lista civica scevra da ogni condizionamento di partitico. Verrà, quindi, avviata l'iniziativa di un forum aperto a tutti coloro che vogliono contribuire alla definizione del programma elettorale, anche attraverso l’uso dei social-network. Marina Angelo redazione@trapaniok.it Impaginazione: Francesco Vivona Per la pubblicità: Tel. 347/3918692 Foto: Agenzia Trapani Press Trapani Ok - Free Press lo trovi nei migliori bar di Trapani, Erice, Paceco, Valderice (frazioni comprese) Stampa in proprio


3

TrapaniOK

UP

Silvio Piazza (Quick Service) Ha pazienza da santo quando aspetta il giornale

DOWN

Soprintendenza BB.CC.

Veloce con i vincoli Lenta con i comunicati

Dialetto

Italiano: SPINGERE

Dove e Quando

Vito Malato fa Jazz

Bar della Piazzetta - Trapani Domani dalle 21.30 in poi

La “scoperta” contesa nelle Egadi Dialetto: AMMUTTARE

(segue dalla prima pagina)

Così, pur essendo a due passi dall’Istituzionale Sovrintendenza, abbiamo raggiunto in Libia il dott. Sebastiano Tusa che afferma «Al momento mi trovo in Libia per lavoro e non ho potuto seguire direttamente la vicenda ma, relativamente alle informazioni apprese posso garantire che nessuna scoperta è stata fatta dal prof. Torre. Quelle che lui ha proposto come tali sono state effettuate anni fa dal Dottor Giovanni Mannino come testimonia il rapporto registrato alla Sovrintendenza dove io, per anni, ho occupato il posto di esperto di preistoria» Un posto, che oggi continua a rimanere vacante. Così mentre alla dottoressa Rossella Giglio qualcuno ha impedito di rilasciare dichiarazioni in merito alla pruriginosa vicenda, l’architetto Paola Misurata, continua ad imporsi un silenzio che stona come tutta la faccenda. Così abbiamo chiamato il diretto interessato ovvero Torre che ci dice io «avrei preferito che il sindaco di Favignana avesse alzato il telefono per dirmi che la scoperta era già stata fatta. Io, avrei sicuramente provveduto a fare un altro comu-

nicato per smentire la scoperta che ho presentato alla Sovrintendenza chiedendo se ne era a conoscenza e se, in merito, fosse già stata fatta una pubblicazione. Mi veniva detto che dei segni pittorici da me attenzionati non ne esisteva traccia né nei loro uffici, né in eventuali pubblicazioni. Ho chiesto di poter allora diffondere la notizia e mi veniva dato l’assenso». Ha spiegato così quello che è successo il professore mentre noi, però, durante

l’intervista a Mannino, chiedevamo alcune specifiche in merito alla questione. Lo studioso affermava:«La scoperta del prof Torre, non è assolutamente da confondere con quella fatta da mio zio. Nel primo caso si parla, eventualmente di pittura, nel secondo di graffiti, ovvero incisioni nella roccia. Una differenza tecnica sostanziale – ha tenuto a precisare Marcello Mannino, che ha proseguito – Relativamente ai segni pittorici poi, non sono un esperto di questo settore ma ricordo che nei primi anni del 2000, proprio in quella grotta fotografavo, insieme ad uno storico inglese, le stesse figure. Segni che imitavano quelli presenti in un’altra grotta» Insomma, la questione a questo punto diventa assai diversa. L’opera infatti non solo sarebbe già stata scoperta ma sarebbe addirittura falsa. Insomma, come posizionare il Neolitico a 10.000 anni fa piuttosto che a 4.000, abbiamo imparato oggi. Torre ci diceva che oggi sarebbe dovuto andare con la Sovrintendenza a fare i sopralluoghi in grotta, ma dall’altre parte, affermavano ieri che non sarebbero andati. La pa-

tata, a questo punto, sembrerebbe essere troppo bollente anche per Simona Torre che, come da primo comunicato ricevuto, in un secondo momento, avrebbe scoperto, altri segni. Un primo passo che avrebbe aperto numerosi altri studi. Da questa vicenda ancora in corso, le uniche cose che possiamo affermare sono, da inesperti della materia, le nostre sensazioni. E le sensazioni non sono dati oggettivi, quindi da trattare con le pinze. Così rimaniamo in attesa del comunicato da parte della Sovrintendenza che dovrebbe ufficializzare una presa di posizione oggi o nei prossimi giorni. Nel frattempo abbiamo imparato anche un’altra cosa: dare valore alla cultura. Quella trapanese, intesa come fattore culturale, forse proprio dai tempi della preistoria, ci ha insegnato che la famiglia ed i figli, hanno un valore inestimabile. Lo dicevamo all’inizio anche quando si paragonava il valore di un’opera d’arte o di una scoperta culturale: Come l’amore per i propri figli. Ecco, forse, dovremmo trattare così ogni opera. Marina Angelo

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il Professor Torre in una dichiarazione scritta afferma

“Benissimo, allora, pieno e totale merito a chi alcuni decenni orsono ebbe a scoprire le pitture e le grotte e a occuparsi della scoperta medesima. No comment per il resto. La notizia attesta però la veridicità della reale sussistenza di un sito archeologico e la veridicità della datazione delle pitture casualmente trovate in buona fede dallo scrivente che ha doverosamente informato con celerità la Soprintendenza. Ci si chiede allora come mai lo stesso sito non sia stato mai valorizzato e reso fruibile al pubblico con le cautele e le misure di salvaguardia a tale fine più opportune e come mai il sito internet del comune di Favignana riporti le Grotte del Genovese di Levanzo e non quelle di Favignana di cui si discute e ci si chiede dunque come mai le grotte dell'Ucciria di Favignana non siano state parimenti oggetto di pubblicità per un turismo di qualità. Spero di non sbagliare e di non aver preso una svista. Sono certo comunque che, dopo il clamore per la (ri)scoperta del luogo e co-

munque la pubblicità sulle pitture (tutte notizie positive per l'isola di Favignana), non mancherà alla sensibilità del primo cittadino dell'isola provvedere senza indugio alla immediata valorizzazione del sito predisponendo le necessarie misure di salvaguardia per il sito, e dando la giusta e dovuta importanza alle grotte di cui si discute anche con la doverosa pubblicazione sul sito internet del comune. Sempre in un ottica costruttiva volta all'interesse unico dell'isola il sottoscritto – che non ha preso una bufala visto che il sito e le pitture erano e sono vere del autentiche – rimane a disposizione del Sindaco offrendo la massima e leale collaborazione e il proprio contributo affichè tra le bellezze e i beni culturali dell'Egadi siano annoverate le grotte in questione. Benissimo, allora, pieno e totale merito a chi alcuni decenni orsono ebbe a scoprire le pitture e le grotte e a occuparsi della scoperta medesima. No comment per il resto. Francesco Torre

Graffiti di Grotta della Ucciria

Il meteo in provincia

Mattina 12° SO

Pomeriggio 15°SO

Venerdì 30 Novembre 2012

Il meteo in provincia

Sera 13° OSO Notte 12° SO

MAZARA

Tornato a casa “Giulia PG” L’equipaggio si lamenta

«Di notte avevamo gli incubi: bombe e colpi di mitra. Finalmente siamo a casa». Un sospiro di sollievo è stato fatto dai marinai del peschereccio 'Giulia PG', che dopo oltre 60 ore di navigazione arrivati nel porto a Mazara del Vallo (Trapani). Sono finalmente tornati a casa 12 dei 14 marittimi bloccati dallo scorso 7 ottobre a Bengasi ma proprio lì, è rimasto un altro natante mazarese, il 'Daniela L.', ancora sotto sequestro e a bordo del quale ci sono due marittimi. «Siamo stati rinchiusi per tre giorni in carcere ha proseguito Palumbo -. Eravamo chiusi in una stanza di otto metri per otto e uscivamo soltanto mezz'ora la mattina e mezz'ora il pomeriggio. Se siamo qui dobbiamo ringraziare sia il console italiano a Bengasi Giulio De Sanctis sia il presidente del Distretto produtivo per la pesca 'Cosvap' Giovanni Tumbiolo che ci sono stati costantemente accanto». Per Domenico Asaro, comandante del 'Giulia PG' «la felicità del ritorno è a metà in quanto a Bengasi abbiamo lasciato un altro peschereccio». Poi aggiunge: «Siamo stati trattati con i piedi. In Libia in questo momento c'è una situazione peggiore di quella che c'era durante il governo di Gheddafi. Dal carcere siamo usciti dopo che è stata pagata una ammenda». Asaro era già scampato a un sequestro da parte dei libici alla fine di febbraio 2010, quando era comandante del Luna Rossa e sempre ai libici 16 anni fa ha dovuto lasciare un peschereccio, l'Osiride, che gli fu confiscato pur avendo pagato una ammenda di 26 milioni di lire. In quella circostanza fu liberato

dopo sei mesi di carcere. Antonino Cittadino, il comandante del 'Daniela L.' racconta di avere «lasciato insieme con il peschereccio anche l'anima a Bengasi. La situazione è critica. Un giorno sono caduto a bordo e sono stato ricoverato in ospedale. I medici mi hanno detto che mi si è formato un ematoma al collo e che dovrei essere operato. Potevo tornare, ma non me la sono sentita di lasciare tutti li». Ciro Pomposo, armatore del 'Giulia PG', spiega di aver pagato tre ammende: una di circa ottomila euro per fare uscire i marittimi dalla galera, una di 21 mila euro per il riacquisto del pescato messo all'asta e una di 6.500 euro per il rilascio del natante. Pomposo aggiunge anche che 'il giorno della partenza i libici sono saliti a bordo e hanno preso tutto quello che c'era da prendere, persino le cime, le cose più banali ma al contempo utili. Quando ci hanno fermati, lo scorso 7 ottobre, eravamo in navigazione a 42 miglia a nord di Bengasi, come dimostra il blue box». I marittimi ribadiscono che i miliziani libici per indurli a fermarsi hanno sparato colpi di arma da fuoco ad altezza d'uomo. Sulla questione delle zone di pesca esclusive, autonomamente decise dalla Libia (74 miglia dalla propria costa) e dall'Egitto (che estende il divieto a 200 miglia), tutti sono d'accordo nel chiedere allo Stato e all'Ue un forte intervento perchè ogni nazione torni ad avere la sovranità sulle 12 miglia riconosciute a livello internazionale. «È impensabile - concludono - che ogni Stato in modo autonomo decida cosa fare del Mediterraneo» ANNUNCI

____________________________________IMMOBILIARE

Graffiti di Grotta del Genovese

Trapani affittasi appartamento per poche ore h 24 tel. 320/0689265 Trapani, via Livio Bassi appartamento al 1° piano di mq 83 circa ,soleggiato con 3 balconi ad angolo, composto da soggiorno, 2 camere da letto + cucina abitabile + bagno e ripostiglio no spese condominiali, vendesi euro 92.000,00 trattabili tel. 339/6904404 Trapani - Affittasi per brevi periodi , anche giornalmente, appartamento arredato, max relax e max riservatezza. Tel. 348/1019581


4

Seconda trasferta di fila per Trapani A Bernalda per riprendere la corsa TrapaniOK - SPORT

C

Basket Dnb, Priulla dovrà rinunciare agli infortunati Svoboda e Degregori ’è tanta voglia di riscatto in casa Pallacanestro Trapani dopo la sconfitta di domenica scorsa subita a Roseto degli Abruzzi. I granata di coach Flavio Priulla stanno preparando al meglio un’altra gara esterna, contro Bernalda, valevole come decima giornata del campionato di Basket Dnb girone C. Ieri doppio allenamento al PalaDespar, mentre oggi i granata effettueranno le doppie sedute della rifinitura. Allenamenti a cui mancheranno gli infortunati Ariel Svoboda e Matias Degregori. Il primo sta continuando a Fabriano la prima fase della rieducazione dopo l’intervento subito al corno posteriore del menisco del ginocchio destro, mentre il secondo è ancora alle prese con i postumi della violenta ginocchiata ricevuta al quadricipite femorale della gamba destra nel match disputato lo scorso 18 novembre contro Agropoli. Per Degregori, a cui è stato evidenziato un risentimento muscolare, sarà necessario un tempo di riposo di circa dieci giorni. Non ci sarà, dunque, per la gara contro Bernalda, una sfida assolutamente da vincere per cacciare via ogni sorta di polemica o malumore: “Priulla? Inutile discutere la posizione del nostro coach – ha detto il direttore sportivo Francesco

L’ala-pivot granata Peppe Costantino

Costantino: “Ai tifosi dico di star tranquilli, questo è un torneo che si deciderà ai play-off” Lima - non ha neanche senso parlarne: ha tutta la nostra stima, da ogni punto di vista. Vorrei ricordare a chi si agita troppo che due stagioni fa, quando ottenemmo la promozione in Legadue, girammo la boa di metà stagione regolare al terzo posto. E’ chiaro il messaggio? Ora, questo non significa che vinceremo il campionato sull’onda di quel ricordo ma – conclude - è un dato che deve far comprendere

quanto i giudizi affrettati non appartengano al nostro modo di concepire la gestione della squadra”. Qualche nervosismo di troppo nell’ambiente granata dovuto magari alle piccole critiche arrivate subito dopo il match di Roseto con quell’ultimo quarto perso troppo facilmente da Costantino e compagni: “A Roseto – confessa la stessa ala-pivot granata - abbiamo avuto la colpa di non giocarcela fino in

TERZA CATEGORIA, LIGNY TRAPANI IN TESTA

Sei vittorie su sei gare per Tony Adragna

In Terza Categoria continua a volare il Ligny Trapani, primo con 18 punti e reduce dalla vittoria per 4-1 contro il Val di Mazara. La squadra di Tony Adragna domenica sarà impegnata in casa del Paolini Marsala per la sesta giornata di campionato. Al secondo posto sale il Gibellina che si è portato a quota 15 dopo il blitz esterno di Custonaci (02) e che dopodomani ospiterà lo Sporting Rcb, squadra che

DOVE TROVI IL TRAPANI OK -TRAPANI AgipCaffè Anymore! Cafè Aris caffe Bar Amsterdam Bar Armonia dei sapori Bar Ced Centro Bar Ciclone Bar Colonna

Bar Efri Bar Exedra Bar Gallery Bar Giovanni e Nino Bar Italia Bar Ligny Bar Magic Bar Mediterraneo

Bar Morana Bar Moulin Rouge Bar Movida Bar Nocitra Bar Piccadilly Bar Todaro Better Mazzola Cafè de la Plaza

nell’ultimo turno è stata sconfitta a domicilio (2-5) dall’Atletico Favignana. Gli egusei sono terzi con 13 punti e domenica se la vedranno in casa contro il Nicola Gervasi Guarrato, reduce dal pari intero per 2-2 contro il Paolini e quarto in classifica con 10 punti. Stessi punti per il Belice che dopo il successo esterno (0-3) di Petrosino, domenica ospiterà la Virtus Trapani, penultima

Caffe Miro Caffe mojto Caffe salemi Ciuri ciuri Coffe and go Confartigianato Grimon Cafè Mahiki Cafè Melograno Cafè Number One

Punto G. Red Passion Ricevitoria (Cicala) Ricevitoria Nicolosi Savoir fair cafè Sciuscià Cafè Svalutation Cafe

Sweet C@fè Tabaccheria Milo Torre pali -ERICE Bar Kennedy Bar Milo Bar Monticciolo Caffè Baraonda Caffè delle

con 2 punti grazie al pari conquistato domenica scorsa nel derby contro la Libertas (1-1). Vincenzo Poma e compagni nella settima giornata ospiteranno la Nuova sportiva del Golfo, reduce dal pari (1-1) casalingo contro Le 2 torri Bonagia. L’unico anticipo di domani sarà Val di Mazara-Petrosino, mentre dopodomani spicca anche il derby Buseto-Custonaci. (g.f.)

Rose La coffea Arabica Radio Londra Roxi Bar -NAPOLA Caffe Erice -VALDERICE Avenue Cafè Bar Sport

Bar Venere G & G – Caffè Vespri Sunset Cafè -BONAGIA Bonfiglio Miramare -XITTA Bar Ritrovo -PACECO

Bar Mazzara Bar Sombrero Bar Tiffani House cafe' Pasticceria Sugamiele Vogue Cocktail Bar -GUARRATO Bar dello Sport

fondo. Sono tanti i passi avanti che questo gruppo deve ancora compiere. Ma alla tifoseria, che rumoreggia ad ogni sconfitta e si preoccupa per ogni nostro passo falso, dico di star tranquilla. Questo è un campionato che si vincerà ai playoff. Sarà la fase finale della stagione ad essere determinante e la storia insegna che in questo torneo molto spesso è riuscita ad ottenere il salto di categoria una squadra non arrivata prima al termine della stagione regolare. Oggi – chiude Costantino - abbiamo il dovere di lavorare e creare i presupposti per fare sempre meglio”. Infine buone notizie per quanto riguardo il settore giovanile della Pallacanestro Trapani. Sono quattro i granata nati nel 1999 convocati al terzo raduno di lunedì 3 dicembre, che si svolgerà ad Enna, nell’ambito del Progetto Azzurri. E’ stato chiamato anche Davide Fontana, che però non potrà partecipare per l’infortunio alla caviglia rimediato sabato scorso durante la gara del campionato Under 15 contro il Basket Barcellona. Davide Fontana, Andrea Amato, Davide Sarro e Alessandro Vultaggio sono quindi i convocati per questo importante raduno cestistico giovanile. Giuseppe Favara

Venerdì 30 Novembre 2012

BASKET C REGIONALE

Paceco ancora senza “casa” Palazzetto chiuso nuovamente Non conosce fine il capitolo riguardante il Palazzetto dello sport di Paceco, chiuso ancora una volta dall’amministrazione comunale. Un vero e proprio calvario per l’impianto sportivo pacecoto che, dopo essere stato già stato chiuso lo scorso febbraio dalla commissione provinciale sui pubblici spettacoli (ritenuto inefficiente su diversi aspetti relativi alle norme di sicurezza), fu riaperto qualche mese dopo grazie ad un deroga che permise alle società sportive di usufruirne fino a giugno. In estate tante promesse ma nessun fatto e dunque il comune ha deciso nuovamente di lasciar girovagare le società sportive, costrette a trovare un’alternativa per continuare le loro attività sportive giovanili e non. Per quanto riguarda il Basket Paceco, la prima squadra (che milita nel campionato di basket serie C regionale) giocherà il prossimo match di campionato contro la Virtus Alcamo alla palestra “Biagio Amico” dell’Istituto per geometri, mentre i ragazzi del settore giovanile si sposteranno nella piccola palestra della Scuola Media “Eugenio Pacelli”. Una situazione che metterà in difficoltà, anche economica, la società pacecota del presidente Salvatore D’Agate. Passando al-

l’aspetto tecnico gli azzurri di coach Dino Barbera nell’ultimo turno disputato, il settimo, hanno perso in casa della Mia Basket Messina e domenica cercheranno il riscatto contro la Virtus Alcamo. Gli alcamesi sono redici dalla bella vittoria (100-71) contro l’F.P. Sport ed in classifica hanno otto punti, quattro in più rispetto a Paceco. Sabato scorso, invece, è giunta la prima vittoria in campionato per la Virtus Trapani di coach Peppe Grasso. I virtussini hanno superato 90-58 il fanalino di coda Basket School Messina. Per i trapanesi domani trasferta a Capo D’Orlando contro la Nuova Agatirno per l’ottava giornata di campionato. Un ottavo turno, infine, che vedrà il Basket Mazara, la prima delle trapanesi in classifica (in testa con 12 punti insieme a Cefalù ndr.), osservare il turno di riposo. (g.f.)

trapaniok 30-11-12  

trapaniok 30-11-12

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you