Page 1

CORRIERE TRAPANESE € 0,50

Sabato 18 Feb 2012 - Euro 0,70 - Anno VIII n. 32

Ciao Cacco.. ci mancherai di Fabio Tartamella

U

scì dalla concessionaria di Marsala dell’Alfa Romeo alla guida della sua fiammante 164, appena acquistata. Dopo qualche minuto si accorse che il tachimetro non si smuoveva, non segnava la velocità. Inversione e ritorno alla base, con annessa battuta: “Deh, ho speso 40 milioni per anda’ a zero?” fu la domanda che rivolse al venditore nel suo tipico dialetto livornese, tagliente e sarcastico. Eccolo lì, Cacco Benvenuti: un uomo ricco di ironia e umanità. Un allenatore fantastico, che ieri è scomparso portandosi dietro un vissuto emotivamente complesso. Stava per compiere 80 anni e anche se fosse mancato a 100, avremmo sempre detto “prematuramente”. Ci ha regalato la serie A, fatto vedere come si gestiscono gli americani. Solo lui sapeva tenere a freno il talento un po’ matto di Davide Lot e amava la famiglia e il basket in modo totale. Era morto una prima volta sul parquet del Palagranata (ottobre 1994), e un defibrillatore lo salvò durante la gara contro la Reyer Venezia. “Non mi sono accorto di nulla – disse in un’intervista a Rtc qualche tempo dopo – e se questa è la morte, non c’è da averne paura”. Sarà anche così, Cacco, ma ci mancherai. Ovunque tu sia, devi saperlo: ci mancherai. Ci mancherà la tua strana difesa a zona, ci mancherà la tua voce, ci mancherà la tua figura. Che è come se mai fosse andata via da quel villino di Pizzolungo in cui avevi messo radici. Hai scelto di salutarci il giorno prima di una partita di basket Reggio Calabria-Trapani. Figurati se anche questa volta non dovevi giocare con il destino… Ciao, Cacco...

LITE SUL WEB TRA FAZIO E D’ALì E I TRAPANESI LI SCOPRONO DIVISI I due politici si affrontano a viso aperto su Facebook mostrando chiari segni di crisi Ode a Mark Zuckerberg e a Steve Jobs, rispettivamente il primo inventore del social network Facebook ed il secondo inventore dell’Iphone e del tablet tanto in voga sopratutto negli ambienti politici (dato anche il suo elevato costo). Grazie a queste due persone (Jobs purtroppo morto di recente) la città di Trapani scopre gli “altarini” dei due politici più potenti degli ultimi dieci anni e li vede fragili, umani ed anche irascibili. L’idillio, fra i due, pare finito e tutto per colpa del prossimo candidato a sindaco. Nicola Baldarotta a pag. 4

Marsala

Pag. 5

Pdl, Carini tentenna e per le primarie c’è solo Aldo Fratelli

Turismo

Pag. 6

La Provincia alla Bit illustra gli eventi dei prossimi mesi

Polizia

Giro di vite contro gli evasori

Servizio a pag. 3

Pag. 6

Divisione anticrimine, controlli ad Alcamo e a Castellammare


2

CORRIERE TRAPANESE LA VOCE

Sabato 18 Febbraio 2012

Satira e politica vignette di Edo Edo, soggetto di Mr Ennedì Primarie vietate... ai minori!

Protagonisti: On. Camillo Oddo (PD), On. Paolo Ruggirello (MPA), On. Livio Marrocco (FLI), Dott. Livio Daidone (UDC)

I 4 protagonisti, per lo stress da decisione scaturito dalle difficoltà nel capire cosa fare con le Primarie, si ritrovano ricoverati in ospedale...

Camillo Oddo, d’un tratto, balza sul letto e si pone il problema di Enzo Abbruscato... “se non faccio le Primarie questo mi combina un casino”...

Livio Daidone, preoccupato, lascia addirittura i solchi sul pavimento della stanza... si pone il problema di Giulia Adamo: “Questa le primarie non le vuole”

Anche Paolo Ruggirello appare crucciato... “chi glielo va a dire a Katya Bucaria che non può nemmeno tentarci... le Primarie... che problema...”

E su Erice? Livio Marrocco non sa come dire a Nacci che “forse sarebbe meglio che.. insomma... magari con un altro candidato... oppure... ehm...”

Ma finalmente arriva il momento delle visite da parte delle dottoresse... e tutti e quattro i nostri “eroi” si trovano d’accordo: “Facciamo le Primarie!”

Del resto come dire no a questo tipo di Primarie? Voi ci riuscireste? Si ringrazia per le foto la modella ELENA DIMITROVA che ha posato per il Corriere Trapanese in abiti da “Primaria sexy”. Elena è una make-up artist e ballerina. Se le Primarie fossero tutte così i politici, siamo certi, non avrebbero difficoltà ad indirle (almeno una volta al mese). Foto di Gabriele Ardemagni.

CORRIERE TRAPANESE by TRAPANiOK Editore: EDI.SI. srl Direttore Responsabile Nicola Baldarotta direttore@trapaniok.it Redazione centrale Francesco Greco Michele Caltagirone Ornella Fulco Giuseppe Favara redazione@trapaniok.it Impaginazione Francesco Vivona

Segreteria di Redazione Massimiliano Lamia Per la pubblicità: pubblicita.trapaniok.it Rino +39 347.6790352 Stampato c/o Litocon S.r.l. Catania Distribuzione in edicola Aennepress, Palermo Distribuzione presso i bar e gestione pagine tematiche Fullservice, Trapani Amministrazione

Via Regina Margherita, 31 91100 Trapani amministrazione@trapaniok.it www.trapaniok.it info@trapaniok.it tel. 0923.540814 fax.0923.437378 Sede legale Via Vincenzo Bellini, 2 91100 Trapani P.iva 02446660819 Reg. Tribunale di Trapani n. 306 del 16/03/2006


3

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Sabato 18 Febbraio 2012

Finanza, tempo di bilanci tra sequestri e denunce Illustrata l’attività svolta lo scorso anno

L

’individuazione di ricavi sottratti alle tasse per oltre 92 milioni di euro e violazioni dell’Iva per circa 32 milioni di euro, oltre al recupero a tassazione di costi per oltre 18 milioni di euro, sono i primi risultati dell’attività svolta dalla Guardia di Finanza in provincia di Trapani nel corso del 2011. Dati e cifre relativi ai diversi ambiti operativi, a partire da quello del contrasto all’evasione fiscale e contributiva, sono stati illustrati ieri mattina dal comandante provinciale, colonnello Pietro Calabrese, affiancato dal tenente colonnello Patrizio Milan, che è al comando del Nucleo di Polizia tributaria di Trapani, nonché dal tenente Mariateresa Levi, comandante della Tenenza di Alcamo. Un totale di 1.128 verifiche e controlli fiscali, lo scorso anno, ha consentito alle Fiamme gialle di individuare 71 evasori (ben 68 dei quali erano completamente sconosciuti al fisco), ma anche di accertare 98 violazioni a carico di 84 persone, tutte denunciate per reati fiscali; fra l’altro, nel corso di controlli congiunti con l’Ispettorato provinciale del Lavoro, sono stati scoperti 316 lavoratori irregolari o totalmente in nero. Per reati tributari, sono stati anche

A segnalare il problema la Uil Fpl L’incontro tenuto ieri dalla Guardia di Finanza

Scoperti 110 milioni non tassati e 68 evasori sconosciuti al fisco eseguiti provvedimenti di sequestro preventivo, ai fini della “confisca per equivalente”, di beni per un valore complessivo di due milioni e mezzo di euro, corrispondente al valore delle imposte evase. Un totale di 1.232 segnalati all’autorità giudiziaria, compresi 39 dichiarati in stato di arresto, sono riportati dalla Finanza nel bilancio delle attività dell’anno scorso, considerando gli altri ambiti operativi, dalla lotta alla contraffazione e al contrabbando, al contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica, di stupefacenti, di usura e riciclaggio, fino alla tutela dei con-

sumatori e dell’ambiente. Riguardo alla criminalità organizzata, invece, sono stati eseguiti sequestri di beni per un valore di oltre 39 milioni di euro, anche con il contributo della Polizia di Stato. Questo risultato è frutto del lavoro svolto da un “pool investigativo”, formato da finanzieri e investigatori della Divisione anticrimine della Questura. Nello stesso ambito sono state anche formalizzate sei denunce, nei confronti di altrettanti condannati per associazione mafiosa, per non aver comunicato le variazioni patrimoniali. Francesco Greco

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Ospedale di Trapani, manca il personale Macaddino: “Un errore cancellare la figura degli operatori socio sanitari. Insufficienti gli infermieri”

I

l segretario generale della Uil Fpl Giorgio Macaddino, in una lettera inviata al Prefetto di Trapani Marilisa Magno, all'assessore regionale alla Sanità Massimo Russo e al direttore generale dell'Asp di Trapani Fabrizio De Nicola, denuncia quelle che definisce una serie di disfunzioni presenti nella gestione del personale dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani e, più in generale, nelle strutture sanitarie della provincial. Secondo Macaddino la carenza di personale si fa critica soprattutto durante le ore notturne, quando nei reparti dell’ospedale trapanese resta una

sola unità di personale ausiliario addetto ai servizi generali che deve, peraltro, rispondere anche alle richieste di aiuto provenienti dall’area di emergenza del presidio. Il Pronto soccorso, infatti è fornito di due soli barellieri. “Si verifica sistematicamente - sostiene Macaddino - che i reparti di degenza rimangano scoperti e succede che, per inviare anche un semplice prelievo in laboratorio, si debba muovere l’infermiere professionale di turno, incorrendo in rischi sanzionatori per abbandono del luogo di lavoro perchè, a sua volta, lui stesso si trova a prestare la sua opera da solo. “I reparti sono sempre più

//////////////////////////////////////////////////////////////

Il comandante provinciale delle Fiamme gialle Firmato protocollo d’intesa

Calabrese: “Un commerciante su tre per la legalità e lo sviluppo non emette scontrini o ricevute fiscali” Promosso dal Comune di Erice

Un commerciante su tre non emette lo scontrino”. Lo afferma il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Pietro Calabrese, sulla base degli accertamenti condotti lo scorso anno in materia di ricevute e scontrini fiscali. Le Fiamme gialle, in particolare, hanno eseguito 5.168 controlli nei negozi del territorio provinciale, accertando 1.702 casi di mancata emissione di scontrini fiscali; queste irregolarità, quindi, sarebbero state commesse dal 33 per cento dei

Pietro Calabrese commercianti sottoposti alle verifiche. “Bisogna ristabilire i conti di questa economia che soffre - dice il colonnello Calabrese - perché ci sono

tante irregolarità e tanto sommerso, caroselli immobiliari che alterano le normali regole del mercato e occorre la collaborazione di tutti”. Riguardo alla mancata emissione di ricevute e scontrini fiscali, nel 2011 la Finanza ha avanzato all’Agenzia delle Entrate 74 proposte per sospendere l’autorizzazione ad altrettante attività commerciali e 54 di queste sono state eseguite con la chiusura degli stessi negozi per un periodo complessivo di 168 giorni. (f.g.)

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Cantiere navale, “esatti i dati contabili”

I dati contabili relativi alle aziende Cnt Spa e Satin Spa inseriti nel nostro ultimo comunicato sono stati rilevati dagli ultimi bilanci depositati presso la Camera di commercio e sono accessibili a tutti”. Lo precisa la Federazione Lavoratori Metalmeccanici (Flmu-Cub) che rappresenta gli operai in stato di occupazione, riguardo a profitti e passività delle società “Cantiere Navale Trapani” e “Satin”. In questo modo, il coordinatore provinciale del sindacato, Antonino DI Cola, risponde alla nota di

replica del Gruppo Satin-Cnt, che ha “smentito decisamente le informazioni che riportano dati incontrovertibilmente falsi ed infondati”. “Per i lavoratori è incomprensibile l’accusa di false dichiarazioni posta dalla Satin-Cnt” scrive Di Cola nella controreplica, affermando che “la Flmu-Cub, prendendo atto di tali informazioni, ha posto seri dubbi circa la fattibilità di un eventuale riassorbimento alla Satin Spa dei 56 lavoratori licenziati dalla Cnt Spa. La nostra perplessità ci sembra più che lecita se tali dati corrispondono a verità - continua -

Antonino Di Cola e alla luce di tali nuovi elementi, i lavoratori sono seriamente preoccupati per il loro futuro, ma anche timorosi di vedere persi tutti i sacrifici degli ultimi anni”. (f.g.)

L

’Amministrazione comunale di Erice ha sottoscritto ieri un protocollo d’intesa, denominato “EricéLegalità&Sviluppo” per la regolarità, la sicurezza, l’occupazione, la formazione e le agevolazioni nell’ambito della Zona franca urbana di Erice. Numerose le sigle che hanno condiviso e sottoscritto il documento: Ance, Cisl, Cgil, Uil, Confcommercio, Confesercenti, Cna, Cia, Camera di Commercio di Trapani, Ordine dei consulenti del lavoro e Sindacato dei consulenti del lavoro, Upia Casartigiani, Collegio dei periti industriali, Confindustria Trapani e Istituto autonomo Case popolari. Le imprese che si aggiudicheranno i lavori relativi agli investimenti da realizzare all’interno della Zfu ericina - allo stato, pari a

oltre 37.000.000 euro - avranno l’obbligo di rispettare i contenuti del protocollo che prevede, tra i punti fondamentali, l’obbligo di utilizzare almeno il 30 per cento della manodopera tra i residenti all’interno della Zfu che comprende i quartieri di San Giuliano, San Cusumano e Trentapiedi. Tra queste aziende c’è la Esit Spa, concessionaria della realizzazione del Campus universitario. Altro punto importante dell’accordo è quello che riguarda la sicurezza e salute dei lavoratori e che prevede azioni a supporto della formazione. “Questo protocollo - ha dichiarato in sindaco Tranchida - mostra che fare sistema tra pubblico e privato con tutte le parti sociali è il modo migliore per far crescere il territorio nella legalità”. Ornella Fulco

affollati - commenta il segretario generale della Uil Fpl - e si trovano sprovvisti di una figura complementare all’assistenza come l’operatore socio sanitario, che, tra l’altro, è specificamente prevista dalla legge nei reparti di degenza". Macaddino sottolinea, inoltre, come queste situazioni siano state più volte segnalate agli organi competenti e chiede ai suoi interlocutori: "di instituire urgentemente un tavolo tecnico con tutte le istituzioni, affinché si discutano e si risolvano in maniera definitiva queste problematiche che affliggono ormai da troppo tempo la sanità a Trapani”. (o.f.)

IN BREVE Sfilata di carri a Paceco Carri allegorici in giro per la città a Paceco domenica e lunedì per festeggiare in allegria il Carnevale. Domenica la partenza è prevista alle 15.30 dal centro diurno per anziani e l’arrivo sarà in piazza Vittorio Emanuele. Lunedì, sempre alle 15.30, la sfilata partirà dalla Villa comunale con sosta finale in piazza Vittorio Emanuele. Sono sette i carri allegorici allestiti dalle diverse associazioni del territorio che partecipano alla manifestazione che è giunta alla sua quinta edizione.

La gastronomia ericina a Napoli Erice, con le sue eccellenze enogastronomiche, é stata la protagonista dell'incontro svoltosi all'Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli nell'ambito dell'iniziativa “Carnevale e oltre”. Una tavola rotonda, alla quale hanno partecipato studenti, docenti e giornalisti specializzati, é stata dedicata al rapporto fra cibo e cultura. I dolci e i vini ericini sono stati offerti ai numerosi intervenuti.


4

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Sabato 18 Febbraio 2012

Facebook, va in scena il film in 3D “Mimmo Fazio contro Tonino D’Alì” I due politici amici/nemici si sono scontrati sul web

D

ifficile prendere sonno se, d’un tratto, sullo schermo del portatile che ti fa compagnia mentre ti addormenti spunta la discussione/chiarimento del secolo, almeno per quanto riguarda la provincia di Trapani ed il capoluogo in particolare. Una battaglia dialettica, fatta a suon di accuse reciproche, che fa capire come fra i due protagonisti sia finito davvero il tempo dell’idillio. Eppure, fra Mimmo Fazio e Tonino D’Alì avevamo registrato un timido tentativo di approccio negli ultimi mesi... evidentemente non è bastato stare qualche sera a dialogare di politica e futuro visto che fra i due è ritornato il gelo. Non crediamo, però, sia colpa delle temperature rigide che dal Nord al Sud hanno interessato tutto lo stivale italico. D’Alì e Fazio, senatore della Repubblica il primo e sindaco del capoluogo il secondo, hanno dissotterrato, stavolta ufficialmente ed alla luce del web, l’ascia di guerra. Perchè? Vi lasciamo leggere stralci di quello che si sono scritti nell’arco di mezza giornata sulle pagine di facebook. Tutto inizia dopo il nostro articolo nel quale abbiamo raccontato le “preoccupazioni” del sindaco uscente Mimmo Fazio e le sue voglie non nascoste di essere determinante nell’individuazione del prossimo sindaco di Trapani.

Le parole dure del primo cittadino hanno scatenato, come abbiamo riportato ieri, le reazioni di buona parte della politica locale di centrodestra e centrosinistra. Ma sono soprattutto i simpatizzanti del Pdl a prendersela con Fazio. E’, infatti, sulla pagina facebook di Giacomo Gucciardo, coordinatore dei giovani del Pdl, che si affrontano Fazio e D’Alì. Tutto ha inizio da una provocazione di un simpatizzante Pdl, Silvio Lombardo, che fa presente al sindaco di non prendersi tutti i meriti della “rinascita di Trapani” visto che questi, scrive Lombardo, sono soprattutto del Senatore D’Alì. Fazio a quel punto interviene e, pur riconoscendo l'impegno del senatore D'Alì, ricorda che non basta la ricerca dei finanziamenti ma é necessario un impegno quotidiano per trasformare il progetto in opera. Da questo momento in poi prende

il sopravvento il dibattito che tutti dovrebbero conoscere: quello fra D’Alì e Fazio. Antonio d'Alì : “Caro Mimmo, sbagli a dire che il PDL ( Partito nel quale militi avendo anche la tessera ) non è democratico attaccando quindi me e Cristaldi quali coordinatori provinciali del PDL ed Angelino Alfano quale Segretario Nazionale di un partito che ha al proprio interno due antidemocratici come me e Cristaldi. In 10 anni forse troppo spirito democratico abbiamo avuto ed ho avuto io soprattuto mio caro Mimmo. Da quello che scrivi pubblicamente scopriamo anche che lo Spirito Santo è sceso su di te ed ha portato i finanziamenti per la Città di Trapani. Caro Mimmo se la strada da te intrapresa è quella che leggo sui giornali, non mi fermerò di girare ogni angolo della Città di Trapani per raccontare la verità a tutti i nostri

cittadini ovvero che io sono una persona tollerante e democratica, che io da solo ho capovolto come un calzino la Città di Trapani rendendola quella che è un gioiello, che ho girato e pietito Ministeri Ministeri innumerevoli Finanziamenti per far arrivare i finanziamenti che il Comune di Trapani ha utilizzato per trasformare Trapani una Città bellissima quale è ora, che sono una persona perbene e rispettosa della libertà altrui che siano Sindaci , Tesserati del PDL o semplici Cittadini cosa che non si può certo dire di te e del tuo carattere. Cavalcare come fai ora l'antipolitica per raccattare qualche voto non credo sia onesto nei confronti dei Cittadini di Trapani che non meritano questo tuo atteggiamento aggressivo verso il Partito del PDL che ti ha sostenuto in 10 anni a discapito di tanti che avrebbero voluto il contrario, non credo sia onesto nei miei confronti e nei confronti di tutti i Cittadini”. Girolamo Fazio: “Caro senatore la chiami democrazia quella di apprendere dai giornali di nomine calate dall'alto non si sa con quali meriti. La chiami democrazia il fatto di avermi detto di preparare una terna, e poi insieme avremmo individuato il candidato ideale, quando poi te ne sei uscito con un nome scelto in modo autonomo e arbitrario rispetto a quello che tu stesso avevi affermato? Se non sbaglio il primo nome da te proposto era stato da me accolto con entusiasmo. Non mi pare di averti imposto nomi anzi tutto il contrario: ho insistito perche' tu ti candidassi in quanto ritenevo e continuo a ritenere che nessuno meglio di te avrebbe potuto proseguire il percorso da me intrapreso. Negli incontri avuti ho tentato in tutti i modi di farti comprendere che un candidato illustre sconosciuto non era interessante per il Pdl in questa particolare congiuntura storica, ma ho dovuto amaramente registrare la tua totale caparbieta' e chiusura verso soluzioni alternative o anche una semplice dialettica. Eppure ritenevo e pensavo che 10 anni dedicati alla mia citta' mi consentissero di avere un ruolo non solo di spettatore ma di partecipante, non fosse altro per non vedere vanificato quanto anche insieme abbiamo costruito. Pensala come vuoi ma credo che non e' consentito a nessuno di far tornare questa citta' ai sistemi verso i quali sono stato sempre avversore e che l'avevano portata nelle condizioni in cui l'ho trovata. Non sei tu che sei diventato brutto e cattivo, ma guardati intorno....” Antonio d'Alì: “Caro sindaco, non è mai stato mio costume fare politica polemizzando, anche se in molti fate di tutto per costringermi, ma sempre proponendo idee e confrontandomi su di esse, anche con te fin quando tu non hai preferito chiuderti in una inspiegabile referenzialità da superuomo. Sul tema delle terne che tanto ti assilla da alcuni anni e che per te rappresenterebbe un segno di democrazia (a percorso inverso pero' perche' poi scegli sempre tu) ti faccio notare, primo che io sono

ancora in attesa della tua, secondo che io non ho mai avanzato alcuna ufficiale candidatura, ma umilmente mi sono permesso di sottoporti, anche se a rate, alcuni nomi sui quali si é sempre alzato il tuo ben noto disprezzo, (nessuno é adatto fuor che te e me). Avrò modo e tempo, nelle prossime settimane, di dire ampiamente queste cose e molte altre, tutte di interesse della città, accadute e soprattutto da far accadere”. Girolamo Fazio: “Caro senatore, in realtà non mi sono mai chiuso in una inspiegabile referenzialità come tu affermi, semmai mi sono chiuso a lavorare sistematicamente e quotidianamente impegnandomi fino all'inverosimile sacrificando famiglia, professione e interessi personali, e ho sempre rifuggito da sterili polemiche lasciando ad altri le diatribe politiche. Oggi il problema non siamo io e te e le nostre ataviche incomprensioni, ma si gioca il futuro

na! Non mi interessa chi abbia iniziato per primo... non stiamo certo parlando di una lite tra ragazzini”. Rendetevi conto di come stessero degenerando se alcuni cittadini sono arrivati al punto di rimproverarli pubblicamente... e questo, probabilmente, li ha aiutati a capire che stavano esagerando... ma, imperterriti, la polemica continua... Antonio d'Alì “Gentile Signora lei continua a scrivere che siamo perfetti insieme ma scusi ha letto i post del signor Fazio palesemente contro di me? Aveva mai visto prima un mio commento o post contro il signor Fazio? La risposta è no e lo sa bene signora, visto che segue il mio operato . Detto ciò a me tocca difendermi da chi mi attacca che ci piaccia o no ed oggi ad attarmi ed ad attaccare tanti e' Mimmo Fazio”. Tutta questa discussione si protrae fino a notte fonda e, nel giro della stessa nottata, si diffonde il tam

La fine di un idillio dovrebbe essere qualcosa di privato ma con internet è ormai impossibile della città. Avremo modo in separata sede di chiarire, come altre volte abbiamo fatto, le nostre reciproche e divergenti opinioni. Ma in questo momento continuare a rimbalzare velate accuse e malvestiti pettegolezzi non ci fa onore agli occhi di chi ci osserva. P.s. La famigerata terna che ancora attendo nasce solo unicamente dalla tua proposta, ed io sono ancora in attesa di conoscerla....” A questo punto nel dibattito internet iniziano ad intervenire, frapponendosi ai due, altri utenti, semplici cittadini che non capiscono cosa sta succedendo e, comunque, rimangono basiti dai toni usati... Scrive, per esempio, Francesca Arceri: “Scusate se mi intrometto ma vi rispetto entrambi , credo che siate due persone in gamba nella vita e nella politica, ognuno ha fatto quel che gli spettava e ades-

tam della rete facendola diventare di dominio pubblico. D’Alì e Fazio sono ai ferri corti, dicono in tanti. E c’è chi sostiene, addirittura, che quelle parole di fuoco non siano state scritte dal senatore D’Alì ma da qualcuno a lui vicino che si è impossessato dei suoi codici di accesso internet... vai a capire se è vero. Di vero c’è che fino a prima di andare in stampa col nostro giornale nè Fazio nè D’Alì si sono sentiti di smentire o ammorbidire quanto da noi (e da migliaia di cittadini) letto su Facebook. Ma poi, per fortuna, la ragione (o il senatore) ha preso il sopravvento e i due si danno una calmata. Girolamo Fazio: “Avete perfettamente ragione non e' stato uno bello spettacolo”. Antonio d'Alì: “Riguardo lo spettacolo dato condivido perfet-

so, cortesemente, rimettetevi a lavoro insieme. La città ed i suoi cittadini hanno bisogno di unione”. E prosegue anche un altro cittadino, Alessandro Scarpitta: “Cari rappresentanti, non penso che stiate dando una bell'immagine con queste polemiche. Continuate a fare il vostro lavoro cioè VALORIZZARE IL NOSTRO TERRITORIO. Preferirei un po’ più di sobrietà e molti più fatti dalla politica odier-

tamente con il Sindaco e tutti voi abbiamo dato un pessimo spettacolo e chiedo scusa a tutti”. Titoli di coda, fine del film. Sappiamo che ieri mattina i due si sono mandati a chiamare reciprocamente e che diversi “ambasciatori” hanno fatto da intermediari per far recuperare un rapporto che sembra, ormai, essersi incrinato del tutto. L’esito, però, non è del tutto scontato. Nicola Baldarotta


5

CORRIERE TRAPANESE MARSALA

Sabato 18 Febbraio 2012

Primarie Pdl, Fratelli unico candidato Carini e Ruggieri non si pronunciano “Il partito adesso dovrà fare tutte le sue valutazioni”

S

cadeva giovedì il termine per la presentazione delle candidature per partecipare alle primarie del Pdl, indette per il prossimo 18 marzo. A Marsala poteva essere l’occasione per fare chiarezza sulle intenzioni del partito ed invece l’incertezza regna ancora sovrana. L’attuale sindaco Renzo Carini non ha sciolto le riserve su una sua ipotetica ricandidatura per un secondo mandato e rimanda di giorno in giorno l’ufficializzazione della sua decisione. Su un unico punto però il sindaco uscente è stato chiaro: se dovesse decidere di rimettersi in gioco, non ha alcuna intenzione di fare le primarie, cosa del resto comprensibile per un sindaco uscente. Carini però non parla ed un così lungo tentennamento da parte di un primo cittadino tutt’ora in carica lascia comunque intendere le difficoltà all’interno del partito. La scadenza di giovedì era quindi attesa per capire che intenzioni avesse quello stesso partito che, alle scorse amministrative, ha eletto l’attuale guida cittadina. Ma non è servito a molto: l’unico ad aver mandato al coordinamento nazionale la propria candidatura è stato infatti il giovane Aldo Fratelli, 25 anni, coordi-

Paolo Ruggieri

Renzo Carini

Si candida Angelo Di Girolamo con l’appoggio di due liste civiche natore del gruppo giovani del Pdl locale. Ma la disponibilità di Fratelli a partecipare alle primarie, non essendoci altri candidati, non serve a nulla. Se

Aldo Fratelli

le cose restassero come sono allo stato attuale, due sono le vie che si prospettano per il Pdl marsalese: presentare Aldo Fratelli come proprio candidato, senza passare per le primarie, o cercare alleanze e convergenze con altri candidati. Escludendo l’on. Giulia Adamo, l’unico sulla lista sarebbe quindi Salvatore Ombra, candidatosi con una lista civica. “Ritengo che se, nei prossimi giorni, emergesse la volontà di altri di candidarsi, la segreteria nazionale potrebbe anche valutare la possibilità di tornare sul tema delle primarie e riaprire i ter-

mini” – dice però l’avvocato Paolo Ruggieri, assessore della Giunta Turano, il cui nome circola in questi giorni come quello di un possibile candidato del Pdl. “Non ho presentato la mia candidatura alle primarie e quindi, al momento, non sono un candidato” – dice Ruggieri che però, così come Carini, ammette di pensarci, aggiungendo anche che tante sono le insistenze in tal senso. “Il partito, sia a livello nazionale che locale dovrà ora fare le sue valutazioni” – aggiunge Ruggeri, anche perché il tempo stringe e sono già due i candidati (Giulia Adamo e Salvatore Ombra) che, da giorni ormai, si sono presentati alla cittadinanza. “Sono entrambi candidati forti – dice ancora Ruggieri – ma le loro candidature ancora non decollano. Ritengo che la città si aspetti altri nomi, da valutare anche in virtù dei programmi che presenteranno”. Nel frattempo, ieri ha annunciato di volersi candidare a sindaco anche Angelo Di Girolamo, presidente dell’associazione sindacale “La nuova tutela del cittadini” che si presenterà con due liste civiche: “La nuova tutela del cittadino” e “Noi”. Antonella Genna

Consiglio comunale

Tutti fermi sulla “Vas” Stoppata la discussione sul Prg Chiesti chiarimenti alla Regione

S

eduta di prosecuzione del Consiglio comunale di Marsala, giovesì sera, con all’ordine del giorno la trattazione del Piano regolatore generale. Alla presenza del progettista Francesco Macario, i lavori hanno avuto inizio con la votazione sulla pregiudiziale proposta dal consigliere Enzo Sturiano che, in precedenza, aveva sottoposto all’attenzione dell’aula la “questione Vas”: verificare, cioè, se il Prg fosse dotato della Verifica Ambientale Strategica, così come richiesto da una norma comunitaria. Il Consiglio, quindi, era chiamato a decidere se sospendere o meno la discussione sul Piano regolatore in esame, in attesa di chiarimenti da parte della

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Interventi sulla rete stradale Sarà ampliata Via Parrinello

P

che avevamo inserito nel piano triennale delle opere pubbliche – precisa il sindaco Renzo Carini. Si tratta di un ulteriore intervento finalizzato a migliorare la veicolazione e la sicurezza nel territorio”. Proprio il Sindaco, assieme ai progettisti Salvatore Guastella e Gianfranco Barraco, presenti anche il responsabile comunale Baldassare Chirco e il titolare dell’impresa appaltatrice dei lavori Salvatore Cannino, hanno effettuato un sopralluogo sul posto per concordare gli ultimi particolari per l’inizio dei lavori. Secondo

quanto prevede il contratto le opere edili si dovrebbero concludere in quattro mesi. La ditta appaltatrice è Cannino Srl di San Giuseppe Jato che si è aggiudicata l’appalto su una base d’asta di poco di 170 mila euro praticando un ribasso del 20.93 per cento.

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

C’è un problema di loculi al cimitero comunale

U

na vicenda che ha dell’incredibile accaduta al cimitero comunale di Marsala. E’ stata segnalata al difensore civico Piera Pantaleo da un cittadino. “L’episodio - scrive l’avvocato Pantaleo - si è verificato in occasione della sepoltura della salma della madre di questo cittadino, in uno dei loculi che il Comune, in virtù del nuovo progetto di estumulazione in atto, ha recuperato per le nuove sepolture. In cambio della somma di non certo modico valor di 2000 euro - sottolinea - il Comune ha messo a dispo-

sizione della famiglia un loculo in terza fila che si trovava in pessime condizioni statiche ed igieniche”. Ma la situazione più incresciosa si sarebbe verificata nel momento in cui il feretro sarebbe dovuto entrare nello spazio apposito. “Lo spazio del loculo non consentiva l’ingresso della bara - spiega il difensore civico - e si è dovuto procedere alla rimozione posta nella parte superiore, ma anche questa accortezza non è stata sufficiente. I familiari della defunta si sono dunque opposti a qualunque altra soluzione ed hanno deciso di lasciare la

IN BREVE E’ uscito il libro di Mario Ingrassia

Il tratto aggiunto sarà di oltre 400 metri renderanno il via, i primi giorni di marzo, i lavori di ampliamento della via Vito Parrinello, arteria stradale che si affaccia sulla statale 115 MarsalaMazara. Grazie all’ampliamento la strada consentirà il collegamento fra la stessa via Mazara e via Ciancio. L’arteria viaria sarà alllungata complessivamente 400 metri. Previsto anche l’allargamento della sede stradale nel primo tratto (dieci metri iniziali) dove verranno collocati anche i marciapiedi. “A breve avranno inizio anche questi lavori

Regione. La pregiudiziale Sturiano è stata approvata a maggioranza. Accantonata, pertanto, la delibera sul Prg ci sono stati gli interventi dei consiglieri Flavio Coppola, Lillo Gesone e Antonio Provenzano (quest’ultimo, prima della conclusione dei lavori, ha presentato un Ordine del giorno riguardante “l’integrazione a 36 ore dei lavoratori contrattisti che insegnano al Giardino d’Infanzia”). Intanto ieri mattina il presidente Oreste Alagna si è incontrato con il segretario generale Bernardo Triolo per concordare la formalizzazione della richiesta di chiarimenti all’assessorato egionale Territorio e Ambiente, in ordine alla suddetta “questione Vas”. Michele Caltagirone

salma nella camera mortuaria in attesa che dagli uffici preposti giunga una soluzione adeguata. Questo ufficio - sottolinea ancora l’avvocato Pantaleo ritiene di dover intervenire affinchè l’amministrazione, che sta provvedendo al recupero dei loculi che risalgono alla fine dell’800 mediante progetto di estumulazione, provveda ad attuarvi tutti quei lavori di manutenzione e di disinfestazione che si rendono necessari per il fine cui sono preposti e per trovare comunque altre soluzioni alternative”. M.C.

Sicilia: il buono, il brutto e il cattivo nel libro di Mario Ingrassia. E’ in libreria per le Edizioni Galassia Arte, “Diversamente settentrionali”, il primo lavoro letterario, frutto di 25 anni di attività sindacale, del marsalese Mario Ingrassia. Attraverso spunti, riflessioni e aneddoti anche divertenti, “Diversamente settentrionali” offre un ritratto originale di vita sociale, economica e politica di un’isola oggi più che mai sotto i riflettori per la sua voglia di riscatto.

Avviati i lavori alla scuola Paolini Sono stati avviati i lavori per l’ampliamento della scuola elementare e materna Paolini, in contrada Matarocco. Diverse le realizzazioni, a cominciare dal locale mensa con cucina e dagli impianti, incluse la predisposizione di un sistema di climatizzazione e la realizzazione di servizi per i disabili. Sotto questo aspetto, il progetto redatto dal tecnico incaricato, arch. Giuseppe Pellegrino, prevede i requisiti di accessibilità richiesti dalla vigente normativa.


6

CORRIERE TRAPANESE PROVINCIA

Sabato 18 Febbraio 2012

La provincia di Trapani approda alla Bit con quattro grandi eventi nel 2012 Il Comune di San Vito offre degustazioni di cous cous

Q

uattro grandi eventi, indicati come “fiore all’occhiello” della Provincia regionale di Trapani, vengono presentati oggi alla Bit di Milano, Borsa internazionale del turismo.Si tratta di un calendario articolato tra arte, enogastronomia, tradizione religiosa e sport in grado di attrarre l’attenzione di turisti di diverso genere: Cous Cous Fest, Settimana Santa e Processione dei Misteri, Orestiadi di Gibellina, Extreme Sailing Series 2012 vengono presentati oggi in una conferenza stampa fissata alle 12.00. “Questi eventi rappresentano quattro occasioni ormai imprescindibili per il nostro territorio - commenta il presidente della Provincia regionale di Trapani Mimmo Turano - radicati come sono nel suo tessuto culturale e sociale”. I dati sulle presenze turistiche confermano che si tratta di manifestazioni che funzionano da vero e proprio volano per l’economia del territorio trapanese, capaci di attrarre un turismo qualificato e di favorire un indotto considerevole. Il Cous Cous Fest, festival internazionale dell’integrazione culturale, quest’anno giunto alla sua 15ª edizione,

Arte, gastronomia, tradizione e sport per catturare l’attenzione dei turisti si svolgerà a San Vito Lo Capo dal 25 al 30 settembre 2012, mentre dal 30 marzo all’8 aprile Trapani celebrerà la “Settimana Santa”. Momento centrale di questo periodo è l’appuntamento, che si rinnova ormai da quattrocento anni, con la Processione dei Misteri del Venerdì Santo. Altri eventi legati alla tradizione pasquale sono in programma in diversi comuni della provincia: Marsala, Castelvetrano e Buseto Palizzolo. Teatro, musica, poesia e danza contemporanea saranno al centro della scena siciliana - e non solo - nel mese

di luglio quando si rinnoverà l’appuntamento con le Orestiadi di Gibellina. A settembre il porto di Trapani farà da scenario, per il terzo anno consecutivo, ad una delle nove tappe internazionali delle “Extreme Sailing Series” edizione 2012, sfida di vela professionistica con catamarani. Si tratta di eventi in grado di attrarre flussi turistici in diverse stagioni dell’anno e, proprio con l’obiettivo di destagionalizzare le presenze dei visitatori nel territorio, l’Amministrazione provinciale ha ideato una campagna di

comunicazione ad hoc, il cui claim recita così: “Trapani, provincia low cost”, dove l’abbordabilità dei costi non va certo a scapito di un’offerta turistica variegata, suggestiva e di qualità. Nel corso delle giornate di svolgimento della Borsa internazionale del turismo milanese chi si troverà in fiera o raggiungerà il punto informativo mobile in piazza Duomo, riceverà un coupon che, da aprile a novembre (luglio e agosto sono esclusi), garantirà uno sconto del 20 per cento sul prezzo del soggiorno nelle strutture ricettive convenzionate i cui dati sono presenti sul portale turistico provinciale. Uno spot che racconta il territorio della provincia trapanese e le sue bellezze sarà trasmesso sulle frequenze delle emittenti televisive lombarde. Al termine della conferenza stampa di oggi il Comune di San Vito Lo Capo, nell’ambito della promozione organizzata per il Cous Cous Fest, offre una degustazione di cous cous preparato dagli chef dell’associazione cereriana cuochi sanvitesi Vito Miceli, Giorgio Graziano ed Enzo Caradonna. Ornella Fulco

La struttura distrutta dal maltempo

Pedana di Alcamo Marina Il consigliere provinciale Sucameli presenta esposto alla Corte dei Conti

I

l consigliere provinciale Giacomo Sucameli ricorre al procuratore generale della Corte dei Conti, per evidenziare un presunto caso di sperpero di denaro pubblico. In un esposto viene ricordato che la scorsa estate, la Provincia regionale, spese seicentomila euro per collocare una pedana in legno lunga oltre un chilometro, dalla località Spiaggetta di Castellammare del Golfo fino ad Alcamo Marina. “Negli intendimenti dell’amministrazione provinciale avrebbe dovuto essere una passerella per disabili - afferma Sucameli - ma tale struttura, con una utilità già abbastanza discutibile, già a fine estate, sia per incuria sia per il naturale movimento del fondo non stabile, ha cominciato a subire movimenti, tali da renderla sradicata e in parte divelta ad ottobre 2011”. Con il trascorrere dei mesi e il peggioramento delle condizioni atmosferiche e delle mareggiate, “ad oggi non solo la pedana è quasi completamente distrutta, ma anche in stato di totale abbandono” aggiunge il consigliere, secondo il quale “è ovvio che questa struttura avrebbe dovuto essere ancorata bene al suolo, oppure

sarebbe stato necessario smontarla a fine stagione per rimontarla a stagione nuova”. Secondo Sucameli, “nel caso di mancato ancoraggio, la responsabilità sarebbe stata dell’impresa esecutrice dell’opera, mentre nel secondo caso la responsabilità ricade sull’Ente proprietario - dice che avrebbe dovuto sostenere una spesa di circa centomila euro annui. Nell’un caso e nell’altro - sostiene - si è trattato di uno sperpero di pubblico denaro senza che l’amministrazione provinciale, da me sollecitata nel novembre del 2011 a prendere provvedimenti, abbia mosso un solo dito per perseguire responsabilità o per tutelare il proprio bene. A questo punto - conclude - non rimane che chiedere al procuratore generale presso la Corte dei Conti, ove ne ravvisi i presupposti, di perseguire i responsabili per un eventuale danno erariale.

//////////////////////////////////////////////////////////////

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Intervento a Castellammare del Golfo

Operazione a “largo raggio” della Divisione anticrimine

Sequestrato immobile abusivo I controlli hanno riguardato i territori di Alcamo e Castellammare in zona di protezione speciale Verifiche su sorvegliati speciali, automobili ed esercizi commerciali

C U

n immobile ubicato in località “Petrazzi” a Castellammare del Golfo è stato sequestrato da personale del Corpo forestale di Trapani in servizio presso il Distaccamento di Castellammare del Golfo. Il provvedimento è scattato dopo che era stato effettuato un sopralluogo congiunto con un tecnico dell’Amministrazione comunale. è stata accertata la realizzazione di

opere edilizie prive della necessaria autorizzazione realizzate in una Zps (zona di protezione speciale). L’area è sottoposta, inoltre, a vincolo idrogeologico e a vincolo paesaggistico. Acquisiti gli elementi necessari, gli agenti del Corpo forestale hanno denunciato il proprietario dell’immobile abusivo alla Procura della Repubblica di Trapani. O.F.

oordinata dalla Divisione anticrimine della Questura di Trapani guidata da Giuseppe Linares è stata portata a termine un’operazione di controllo del territorio che ha interessato i comuni di Alcamo e Castellammare del Golfo. Sono state attenzionate alcune aree specifiche e controllati obiettivi prestabiliti in collaborazione con personale della Squadra mobile, dei Commissariati di zona, delle Volanti e della sottosezione autostradale di Alcamo della Polizia stradale. Ad Alcamo sono stati effettuati controlli domiciliari su 28 soggetti colpiti da misure restrittive e controlli ai sorvegliati speciali residenti nelle zone interessate dal-

l’operazione. La Polizia stradale ha svolto una capillare attività di osservazione e di repressione di eventuali condotte penalmente rilevanti effettuando controlli sulla rete viaria e, soprattutto, sulle principali

arterie stradali. La divisione di Polizia amministrativa e sociale ha, invece, effettuato specifici controlli presso alcuni esercizi pubblici del territorio di Alcamo per verificare la regolarità delle licenze comunali e

autorizzazioni di polizia. In particolare sono state visitate alcune rivendite di auto usate. Nel territorio di Castellammare del Golfo sono stati effettuati analoghi controlli che hanno riguardato soggetti sottoposti a misure cautelari e preventive ed esercizi commerciali del luogo, dove sono state contestate alcune violazioni amministrative. Complessivamente sono state identificate 120 persone, di cui 10 pregiudicate, e controllate 80 autovetture nel corso di una serie di posti di blocco collocati in punti strategici delle due cittadine. Le perquisizioni domiciliari disposte per la ricerca di armi e/o stupefacenti si sono concluse con esito negativo. Ornella Fulco


7

CORRIERE TRAPANESE SPORT

Sabato 18 Febbraio 2012

L’opinione di Antonio Ingrassia

Meritato riposo per il Trapani

Parliamo di calcio e non soltanto di calci

I granata hanno sconfitto ieri il Corleone per 17-0 La squadra tornerà ad allenarsi martedì prossimo

I

l campionato di Prima Divisione è fermo ma per il Trapani tutto procede regolarmente e la mente è proiettata verso la prossima trasferta di Cremona. Lo Spezia però non ha ancora dimenticato il turno passato e continua nelle sue lamentele. I tifosi spezzini, infatti, hanno scritto a Macalli dichiarandosi “stanchi di essere presi in giro”. Lamentano “l'inconcepibile comportamento del signor Coccia, ogni qualvolta è designato a dirigere gare dello Spezia” e indicano che “vi sono società che puntualmente disattendono ogni normativa ma non vengono mai sanzionate. Una domanda sorge spontanea: per quale misteriosa e insondabile ragione? Domenica a Trapani... la fattispecie più clamorosa!!! Steward? Nemmeno l'ombra”. Queste alcune frasi del testo. Poi le parole di Bianco che

indica “non è stata una partita di pallone. È stata una guerriglia. Sembrava di essere tornati al calcio anni ’70 o di essere in un campetto di amatori. L’intervento sulla caviglia è stato durissimo, antisportivo e tatticamente inutile da parte di chi lo ha commesso. Un gesto di cattiveria pura, peraltro non punito dall'arbitro. Da Trapani nessuna telefonata di scuse.” E dopo i piagnistei guardiamo al futuro e ci accorgiamo delle dichiarazioni del temibile Possanzini, attaccante della Cremonese il quale afferma che “il Trapani sembra essere volato via. Forse per noi puntare al primo posto è impossibile, ma non si può mai sapere. Questo è un torneo dove ci sono squadre toste e di buon livello.” Finalmente qualcuno che parla di calcio e non di calci e torti subiti. Buon Carnevale a tutti.

//////////////////////////////////////////////////////////////

Serie D, Marsala torna in campo Domani sfida contro l’Acireale Farina: “Rientreremo nella zona play-off”

D

omani finalmente gli azzurri tornano a giocare, lo faranno in casa, sullo spelacchiato Nino Lombardo Angotta, contro l’Acireale. Dopo la penalizzazione di un punto, per le note vicende della partita con l’Acri, anche se la società azzurra ha preannunciato ricorso, la zona play out si avvicina pericolosamente. Vincere sarebbe un’ottima medicina per ritornare nella parte alta della classifica in zona play off, e la gara di mercoledì, il recupero contro la capolista Hinterreggio, sarebbe, da un punto di vista psicologico, più semplice da affrontare. Gli azzurri non vanno in gol da diverse domeniche, collezionando tantissimi pareggi a reti bianche. I giocatori lamentano la condizione pietosa dello stadio, ma seppur può essere una attenuante, non giustifica, tuttavia, le ultime opache prestazioni. Bisogna dare un forte segnale al campionato. Chi gioca contro il Marsala deve avere il timore di affrontare la squadra tonica e veloce della prima parte del campionato. Potrebbe questa essere la gara di Anthony Farina, che ha disputato appena 180 minuti in magia azzurra segnando una rete: “Sono sicuro che usciremo

V

enerdì 17, per chi è superstizioso, solitamente nasconde eventualità negative. Non è il caso del Trapani che quest’anno gioca anche contro la scaramanzia ed ha “passeggiato” ieri contro il Corleone (compagine che milita nel girone A di Prima Categoria) in una partitella d’allenamento prima del weekend di riposo conclusasi sul punteggio di 17-0. Una gara che ha fatto registrare ben otto marcatori diversi e in cui si è vista quasi tutta la rosa granata in campo, ad eccezione del secondo portiere Pozzato (fermato da un problema fisico al polpaccio), del terzino Lo Bue e dell’attaccante Totò Gambino. Peppe Madonia è andato a segno per cinque volte, quattro le reti messe a segno invece da Peppe Perrone, doppiette per Barraco e Provenzano e altri gol realizzati da Cavallaro, Pirrone, Caccetta e Tedesco. E proprio quest’ultimo sembra essere diventato, tornando alla scaramanzia, il porta fortuna del Trapani. Quando entra lui, infatti, i granata vincono: “Questa squadra ha un segreto, ed è il gruppo. Il Trapani – ammette Tedesco - non vince solo perchè ci sono io, ma lo fa perchè qui c’è un gruppo fantastico. Mi faccio trovare pronto non appena mister Boscaglia mi chiama in causa, ed è però normale che

un giocatore voglia giocare sin dal primo minuto. A tutti piacerebbe essere titolari inamovibili, ma secondo il mio parere la cosa più importante è farsi trovare sempre pronti e a disposizione del proprio allenatore. Mi fa piacere se il mio ingresso in campo coincide con una vittoria, ma questo è solo frutto della casualità”. Da quando è arrivato non ha risparmiato paragoni importanti per Boscaglia e per il gruppo, da Mazzarri a Delio Rossi, dalla Reggina alla Salernitana: “Sin dal primo momento che ho avuto a che fare con la squadra, ho avvertito la sensazione di trovarmi all’interno di un gruppo costruito in maniera impeccabile da un allenatore che continua a ricordarmi Walter Mazzarri. Qui c’è un gruppo di giocatori affamati ed un allenatore preparatissimo. Questa squadra – continua l’ex centrocampista del Catania - mi ricorda senza dubbio la Salernitana del campionato 1997/98, quella della promozione storico in serie A.

Eravamo un gruppo splendido con un allenatore molto bravo come Delio Rossi e allora capii subito che sarebbe stata una stagione speciale”. Una stagione speciale che però il gruppo granata vuole vivere dietro le quinte: “Pensavamo di affrontare un campionato tranquillo e nessuno ad inizio campionato si aspettava un Trapani in testa con sei punti di vantaggio dalla seconda in classifica a questo punto della stagione. Adesso guardiamo tutti dalla cima, ma dobbiamo ignorare un po’ la nostra posizione e vivere alla giornata fino alla fine della stagione, solo allora potremo tirare le somme. Da siciliano però mi piacerebbe molto vedere il derby tra Trapani e Siracusa anche in serie B, però noi – conclude Giacomo Tedesco - speriamo di arrivarci direttamente vincendo il campionato”. La squadra osserverà adesso tre giorni di riposo e riprenderà gli allenamenti martedì prossimo. Giuseppe Favara

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Eccellenza, derby tra l’Alcamo e la Riviera Marmi Promozione, Pro Favara-Strasatti e Salemi-Capaci

Anthony Farina presto da questa situazione di incertezza e rientreremo nella zona play off, questo è un obiettivo che io e i miei compagni vogliamo raggiungere – sottolinea Farina – nella mia carriera ho segnato tanto, a Voghera in un anno e mezzo più di venti gol, adesso sono al servizio del Marsala per continuare a far bene”. Domenica potrebbe mancare Palmiteri, ma Farina promette una vittoria fatta di gol: “Palmiteri in settimana si è allenato a parte, mi farebbe piacere giocare in coppia ancora una volta con lui, anche se con il tipo di modulo che adotta il mister, o io o Gianluca dobbiamo sacrificarci sulla sinistra, ma per il bene della squadra siamo disponibili a qualsiasi tipo di sacrificio”. (n.d.)

L

a ventiduesima giornata del girone A di Eccellenza farà registrare domani la quarta sfida stagionale tra Alcamo e Riviera Marmi. Dopo la gara di andata e la doppia sfida negli ottavi di Coppa Italia i bianconeri ed i giallorossi si contenderanno tre punti fondamentali. L’Alcamo, al secondo posto, vuole riscattare la sconfitta di domenica scorsa contro il Ribera capolista, mentre la Riviera, al sesto posto, vuole proseguire la scalata al quinto posto play-off. L’Atletico Campo-franco dista solo un punto e sarà impegnato domani pomeriggio in casa del Mazara. I canarini arrivano da tre risultati utili consecutivi e con un successo potrebbero rientrare in corsa per i play-off, ora distanti cinque punti. Impegni esterni per le altre trapanesi del girone: il Valderice andrà in scena a Cammarata contro il Kamarat per

cercare punti salvezza; il Castellammare sarà impegnato a San Cataldo per tornare ad una vittoria che manca da quattro giornate; mentre la Folgore sfiderà il Terrasini penultimo in classifica. Le altre gare della giornata sono: Parmonval-S.Giovanni (oggi), Ribera-Audace Monreale e Akragas-Palermitana. In Promozione sarà un turno di campionato ricco di anticipi, ben quattro: Canicattì-Ciminna, Sporting Arenella-Cianciana, Prizzi-Campobello e SciaccaBorgata Terrenove. Il Campobello di mister Bellomo

punta all’ottavo risultato utile di seguito per allontanarsi dalla zona calda, mentre il Borgata, la scorsa settimana a riposo, vuol continuare a togliersi delle soddisfazioni in un campionato ormai quasi del tutto compromesso. Match in trasferta contro la seconda in classifica per lo Strasatti che domani sfiderà il Pro Favara per dare seguito alla bella vittoria di sabato scorso contro il Capaci. Quest’ultimo è atteso al “San Giacomo” dal Salemi di Gegè Di Ruocco, una squadra in ripresa e che vuole puntare decisamente ai play-off. (g.f.)


8

CORRIERE TRAPANESE SPORT

Basket Dnc

Sigel Marsala, adesso è vietato sbagliare

Sabato 18 Febbraio 2012

è morto a Gianfranco Benvenuti, l’uomo delle imprese impossibili La Pallacanestro Trapani lo ricorderà prima della gara di Reggio

S A

desso non si può più sbagliare, l’incontro interno di domani, al Palasport di Petrosino, contro il Canicattì, si deve assolutamente vincere. Questa necessità è nata soprattutto dopo il tonfo interno di domenica scorsa, contro l’ultima della classe, i baby del Ragusa. La sconfitta è nata da un calo psicologico, trovare, a volte, le giuste motivazioni, contro un avversario inferiore, è difficile e il Ragusa ne ha approfittato. La società non accetta però altri passi falsi, il dirigente Pizzo, si è molto infastidito di questo inatteso capitombolo: “La squadra è entrata in campo convinta di far un sol boccone dei giovani del Ragusa. Invece non si deve mai sottovalutare l´avversario. Siamo stati poco lucidi e, a differenza loro, non abbiamo dato il massimo. Adesso bisogna concentrarci al massimo e portare a casa domani

la vittoria, in caso contrario, ci complicheremmo la vita noi stessi”. Il prossimo avversario ha mezzi tecnici superiori rispetto al Ragusa, ma ciò conta veramente poco, questa squadra, infatti, ha dimostrato che se concentrata al massimo riesce a mettere in difficoltà chiunque. Sarà compito di coach Grasso inculcare la giusta mentalità ai suoi ragazzi. Rappresentare una città come Marsala pesa come un macigno e questo i giocatori lo hanno da subito avvertito, le tradizioni cestistiche in marsalesi vanno ben oltre la categoria in cui attualmente si milita. Bisogna al più presto raggiunge l’obiettivo minimo stagionale, che rappresenta la salvezza, e come ribadito da Fausto Pizzo, dimenticare forse, la possibilità di partecipare ai play off, vista l’incostanza della squadra. Nicola Donato

Basket C regionale, Paceco ospita in casa Capo D’Orlando

A

quattro giornate dal termine della regular season, il campionato di serie C regionale farà registrare un diciannovesimo turno tutto sommato agevole per la capolista Paceco. I ragazzi di coach Barbera sfideranno domani pomeriggio Capo D’Orlando, compagine penultima in graduatoria con sei punti che però domenica scorsa ha rifilato una sorprendente sconfitta al Basket Cefalù. Paceco è avanti di due lunghezze rispetto a Canicattì, secondo in classifica con 30 punti, che domani sfiderà la Virtus Alcamo in trasferta. Gli alcamesi, a metà classifica con

24 punti, arrivano dalla debacle della scorsa giornata contro Mazara e con una vittoria potrebbero rilanciarsi nella zona alta della graduatoria. Il Basket Mazara di coach Bonanno, che ha conquistato sette vittorie negli ultimi otto turni del torneo, sarà di scena a Cefalù in una gara assolutamente da non fallire per continuare a stupire e portarsi magari al secondo posto. In uno dei due anticipi di oggi (l’altro è Empedocle-Aquila Palermo) la Virtus Trapani riceverà la Studentesca Licata per riscattare le ultime due giornate in cui sono giunte solo sconfitte. (g.f.)

//////////////////////////////////////////////////////////////

Emmegi Marsala a riposo Si torna in campo il 3 marzo

L

'Emmegi Engineering si è aggiudicata il quarto “Memorial Alfonso Morreale”, triangolare tra formazioni siciliane svoltosi giovedì pomeriggio ad Aragona. Coach Giribaldi ha sfruttato questa manifestazione per vedere all'opera tutte le atlete in organico. E' rimasta a riposo precauzionale per un fastidio al ginocchio, Alessandra Casoli. Nel recupero della 15/a giornata del Girone D del campionato di B1, intanto, la Rocco Torre ha vinto ad Arzano per 3-2 contro la Guerriero, con i seguenti parzia-

li: 23-25 13-25 25-20 25-22 1719. Dopo la secca vittoria per 3 a 0 contro il Rocco Torre, l’Emmegi Engineering godrà di un lungo periodo di riposo. Le marsalesi torneranno a giocare in campionato il 3 marzo a Pesaro, mentre la prossima in casa sarà il 10 marzo con il Volley San Pietro. Il tecnico è sicuro che le sue ragazze siano molto cariche concentrate nonostante la lunga sosta, non si faranno quindi trovare impreparate nelle prossime uscite, continuare a vincere ipotecherebbe il passaggio alla serie A. (n.d.)

trano il destino. Quella che questo pomeriggio a Reggio Calabria vedrà la Pallacanestro Trapani affrontare l’Audax (palla contesa alle ore 18) per la 22esima giornata del campionato di Divisione Nazionale C non sarà una partita come le altre. Strano il destino, perchè se Gianfranco Benvenuti avesse potuto scegliere un giorno adatto per andarsene per sempre, la vigilia di una sfida tra due città che lo hanno visto protagonista di grandi imprese sportive sarebbe stato probabilmente il giorno ideale, amesso che ci possa essere davvero un buon giorno per morire. Cacco non c’è più, il tecnico che nel 1991 portò la Pallacanestro Trapani in serie

A1, si è spento ieri nella sua casa di Livorno all’età di 79 anni. Aveva assunto la guida tecnica della squadra cara al presidente Vincenzo Garraffa nel 1988. Nella stagione 1989/90 aveva portato i granata per la prima volta in serie A2 e

la stagione successiva è stato tra i protagonisti del miracolo, della prima squadra di pallacanestro siciliana ad andare tra i giganti del basket nazionale. Era la squadra di Manella, Cassì, Reggie Johnson e Bob Lee Hurt, entrata a buon diritto

nella storia cittadina. Ma Benvenuti non ha legato la sua parabola da coach unicamente a Trapani, è stato il primo tecnico a vincere una medaglia con la Nazionale femminile (bronzo agli Europei del ‘74) ed in realtà come Reggio Calabria e Montecatini lo ricordano ancora come l’uomo dalle imprese impossibili. La squadra che da questa stagione riporta il nome di quella storica da lui guidata in A1 lo ricorderà oggi, sarà osservato un minuto di silenzio in sua memoria. Poi sarà partita, Trapani contro Audax Reggio Calabria, per allungare la striscia che vede i granata ancora imbattuti e mettere un altro mattone verso la promozione. Nel nome di Cacco. (m.c.)


18 febbraio 2012  

Corriere Trapanese 18-2-2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you