Page 1

CORRIERE TRAPANESE € 0,50

Sabato 12 Mag 2012 - Euro 0,70 - Anno VIII n. 86

Tutti pazzi per il Florio di Nicola Baldarotta Siamo ancora in tempo di elezioni. Ballottaggi in quattro importanti comuni della provincia di Trapani, come sapete: il capoluogo, Marsala, Alcamo e Castelvetrano. Si continua a parlare di sviluppo e di economia e si parla, ovviamente, anche dell’aeroporto Vincenzo Florio di Birgi. Solo che se ne parla a sproposito e, purtroppo, utilizzandolo come strumento da campagna elettorale. Situazione difficile, ritengo, quella del neo presidente dell’Airgest spa (la società che gestisce l’aeroporto di Birgi), Salvatore Castiglione, il quale si è insediato a pochi giorni dalla campagna elettorale ufficiale e ha dovuto immergersi immediatamente nelle molteplici difficoltà che riguardano la struttura aeroportuale della provincia di Trapani. Senza proferire parola alcuna (tranne quelle dette in conferenza stampa il giorno del suo insediamento). Castiglione sta lavorando in silenzio per non far pendere l’ago della bilancia da nessuna parte in questa ardua campagna elettorale. Chissà se parlerà subito dopo? Intanto, per monitorare l’attività da e per l’aeroporto Florio, potete fare riferimento ad un gruppo nato su Facebook, gestito da un volenteroso marsalese quale Giovanni Montalto, che tiene informati (visto il silenzio che si protrae da mesi) su tutto ciò che ruota attorno a Birgi. Il gruppo si chiama Aeroporto Trapani/Marsala news. Visitatelo ed aiutatelo a tenere alta l’attenzione su questo bene prezioso che è il Florio. L’aeroporto, ovviamente, non l’amaro. Quello, eventualmente, con ghiaccio.

DITTA DI AGRIGENTO VINCE L’APPALTO PER IL BACINO DA RISTRUTTURARE Il piano di assunzioni sottoscritto da Satin e sindacati rischia di diventare inattuabile È stato aggiudicato alla società “Meccanica agrigentina”, l’appalto per la ristrutturazione del bacino galleggiante dei cantieri navali di Trapani. L’esito della gara, anche se ancora provvisorio, rende inattuabile una parte dell’accordo sottoscritto dal gruppo Satin-Cnt e dai rappresentanti di Cgil, Cil, Uil e Failms, nell’ambito della vertenza sindacale al Cantiere Navale Trapani: le parti avevano concordato, tra l’altro, “23 assunzioni a tempo indeterminato all’inizio dei lavori sul bacino di Trapani”. Francesco Greco a pag. 4

Sanità

Pag. 5

Sullo spostamento del centro Alzheimer si levano le proteste

Marsala

Pag. 6

Il “londinese” Gaspare Giacalone giura a Petrosino

Volley

Post elezioni e controlli

A pag. 2 e 3

Pag. 7

Nella semifinale di Coppa l’OnOff sfida Barcellona


2

CORRIERE TRAPANESE

Sabato 12 Maggio 2012

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Laura Montanti contro i nuovi Repubblicani Vincenzo Maltese dice ciao ai socialisti opo una attenta rifles- ad Enti pubblici e privati, dialo“Pataccari lasciate in pace il Pri e Mazzini” sione, condivisa con gando anche con tutti i referenti

M

a quale Circolo Mazzini!?!? Ad iniziativa di non ben qualificati "repubblicani" , è di recente "spuntato" in Via Marconi un angusto locale che reca l'insegna "Circolo Mazzini", con tanto d'Edera. Ció ha suscitato la legittima reazione di quanti, o per averne avuta memoria diretta o per esservi politicamente cresciuti, sanno bene che di Circolo Mazzini ce n'è stato uno e uno solo e che nessuno puó "rubarne", se pur postuma, l'identità ed il nome. Niny Di Giorgio Scammacca, Nicola La Commare e Mario Gallo sono solo

alcuni tra gli amici di mio padre, Nino Montanti, che mi hanno chiesto di rendere pubblica la loro indignazione. Anche a nome loro, e di tanti Repubblicani "veri", affermo con forza che siamo dinanzi ad una menzogna e ad una maldestra strumentalizzazione. Non è consentito a nessuno, che ne sia stato estraneo, richiamarsi ad una tradizione politica e culturale e ad un luogo che ne è stata vivace espressione e che per tutti, a Trapani, in Sicilia e in Italia è sinonimo di impegno e di vera passione civile. Diano altri nomi alle loro botte-

D

gucce elettorali, questi " pataccari" delle nostre parti e lascino in pace Mazzini e il "nostro" Circolo Mazzini. Laura Montanti

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

amici e sostenitori, con la presente comunico di aver informato l'On.le Nino Oddo e l'Avv. Piero Spina, rispettivamente Presidente e Segretario provinciale del Partito socialista italiano, della mia decisione irrevocabile di lasciare il partito con rinuncia a qualsiasi tipo di incarico. Tale decisione nasce dalla volontà di voler costituire un soggetto aggregatore, una associazione apartitica e apolitica, che coinvolga tanti giovani professionisti con competenze specifiche nei loro settori, con la precisa intenzione di rivolgere

del mondo politico, progetti per il territorio trapanese in favore delle classi sociali più disagiate (disabili, anziani ecc..). Per perseguire tale progetto, è doveroso per me uscire dal classico sistema partitico nel quale mi sono ritrovato accettando la candidatura nelle file del PSI ad Erice, un sistema che ritengo ormai superato e che non mi appartiene più. Oggi più che mai sono convinto che il bene della collettività non possa avere colori politici; Seppur provenendo da un altra "casa" politica (AN) in un periodo nel quale sono scomparse le ideologie, non mi

///////////////////////////////////////////////////////////

Livio Daidone precisa su Mimmo Turano Rito abbreviato per D’Alì

N

on ho mai detto che il risultato elettorale del presidente della Provincia Mimmo Turano è stato un tonfo. Al contrario, la sua candidatura a sindaco di Alcamo, oltre ad essere un atto di coraggio che gli ho riconosciuto pubblicamente e che continuo a riconoscergli, è stato utile a tenere alta la bandiera dell’Udc. A scanso di ulteriori equivoci intendo ribadire che il voto amministrativo in provincia di Trapani, nei Comuni che sono andati al voto, ha sostanzialmente premiato la nostra linea politica. Siamo al ballottaggio a Marsala con l’onorevole Giulia Adamo ed a Castelvetrano con

Felice Errante. A Trapani siamo impegnati nel ballottaggio a favore dell’onorevole Giuseppe Maurici. Certo, il dato del capoluogo, non è confortante e lascia l’amaro in bocca. E’ un dato che andrà esaminato con attenzione e senza pregiudiziali o tesi precostituite. Rimanere fuori dal consiglio comunale del capoluogo è una penalizzazione eccessiva per un partito che ha dato tanto a questa città. Sono pronto ad assumermi le mie responsabilità, se ce ne saranno, comunque ritengo che dopo il ballottaggio andremo ad affrontare tutte le problematiche con una riunione provinciale che convocherò, l’Udc nella sua in-

S

terezza troverà il modo per rilanciare la sua azione politica nel territorio trapanese, inoltre stiamo provvedendo a fare ricorso perché alcune interpretazioni sono ritenute discordanti nell’attribuzione dei voti Livio Daidone Segretario provinciale Udc

sono posto il problema più di tanto. Ho dato il mio contributo in questa competizione elettorale ma preferisco fare un passo indietro per essere al servizio della gente da uomo libero e non da uomo di partito. Vincenzo Maltese

tanco di attendere, il senatore Antonio d’Alì, assistito dagli avvocati Gino Bosco e Stefano Pellegrino, ieri mattina, nel corso dell’udienza preliminare che si è tenuta a Palermo, ha chiesto personalmente al GUP, Giovanni Francolini, la definizione con la forma del rito abbreviato del processo nel quale è coinvolto per presunta concorso esterno in associazione mafiosa. I legali del senatore trapanese hanno ritenuto che gli atti a disposizione del giudice siano sufficienti a provare la sua estraneaità ai fatti contestatigli. Il Giudice per le udienze preliminari, Francolini, che ha ammesso tutti gli atti difensivi, ha fissato un calendario di udienze per consentire la conclusione del processo entro il prossimo 18 di otto-

bre. Il giudice ha accolto, con la sola esclusione per l’Antiracket di Alcamo, le eccezioni della difesa riguardo il difetto di legittimazione delle associazioni richiedenti la costituzione di parte civile (“Libera”, “Io non pago il Pizzo e tu”, “Centro Pio la torre”, “Antiracket Marsala”, “Antiracket Castellamare”), non ammettendo, allo stato le relative richieste di costituzione. R.T.

Avviso di garanzia a Silvestro Mangano dopo l’elezione E’ stato il terzo degli eletti nella lista dei Riformisti/Socialisti al Consiglio comunale di Trapani e per lui sono scattati i controlli degli organi inquirenti che hanno voluto verificare eventuale compravendita di voti. Silvestro Mangano, così, ha ricevuto un avviso di garanzia e si è subito messo a disposizione delle forze dell’ordine per fugare qualsiasi dubbio. Dalla perquisizione domiciliare effettuata già nel pomeriggio di lunedì, poco dopo la conclusione delle votazioni, non sembra essere emerso, comunque, nulla di compromettente. R.T.

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE In vista del ballottaggio per le elezioni amministrative in programma il 20 e 21 Maggio 2012, la EDI.SI. Srl, editrice del quotidiano di informazione cartaceo “CORRIERE TRAPANESE” e del sito online di informazione “www.trapaniok.it”, adotterà i principi alla base della Legge N. 28/2000 “Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica”. la EDI.SI. Srl comunica l’ intenzione di pubblicare nei propri spazi messaggi politici elettorali a pagamento. La EDI.SI. Srl applica un Codice di autoregolamentazione visibile e accessibile a tutti, utenti e operatori del settore, direttamente sul sito www.trapaniok.it o presso la propria redazione negli uffici di Viale Regina Margherita n. 31 a Trapani. Condizioni: a) La proposta commerciale riservata alle forze politiche e ai singoli candidati prevede l’applicazione del listino in vigore al momento della richiesta. b) le tariffe per l’accesso agli spazi, come autonomamente determinate dalla scrivente, sono regolate in funzione dello spazio e del tempo utilizzato. Il tariffario è messo a disposizione di tutti ed è possibile richiederlo a mezzo mail all’indirizzo amministrazione@trapaniok.it o presso gli uffici di Viale Regina Margherita n. 31 a Trapani.

CORRIERE TRAPANESE by TRAPANiOK Editore: EDI.SI. srl Direttore Responsabile Nicola Baldarotta direttore@trapaniok.it Redazione centrale Francesco Greco Michele Caltagirone Ornella Fulco Giuseppe Favara redazione@trapaniok.it Impaginazione Francesco Vivona Segreteria di Redazione Massimiliano Lamia Per la pubblicità: pubblicita.trapaniok.it Rino +39 347.6790352 Stampato c/o Litocon S.r.l. Catania

Distribuzione in edicola Aennepress, Palermo Distribuzione presso i bar Fullservice, Trapani Amministrazione Via Regina Margherita, 31 91100 Trapani amministrazione@trapaniok.it www.trapaniok.it info@trapaniok.it tel. 0923.540814 fax.0923.1961811 Sede legale Via Vincenzo Bellini, 2 91100 Trapani P.iva 02446660819 Reg. Tribunale di Trapani n. 306 del 16/03/2006


3

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Sabato 12 Maggio 2012

Tranchida riparte dalla grande città ed invita i futuri sindaci al confronto Maurici accetta l’invito e ne condivide la concertazione

U

n incontro pubblico e plurale, lo definisce così Giacomo Tranchida, riconfermato sindaco del territorio ericino alle scorse amministrative. Si riferisce all’incontro che si terrà stamattina, dalle 9.30 in poi al Palazzo Sales, in pieno centro storico ericino, al quale ha invitato tutti i futuri colleghi sindaci di Trapani, Alcamo, Marsala e Castelvetrano in modo da stipulare una prima formale pubblica intesa strategica che possa portare i territori in questione a ragionare in ottica di “grande città”. Sembra uno smacco nei confronti del principale suo antagonista alle elezioni, Ignazio Grimaldi, che ha fatto della grande città il suo punto di forza in campagna elettorale. Forse lo è o forse no, visto che Tranchida sottolinea “guardiamo a città sempre più grandi, nella nobile accezione da definirsi con migliori e più efficienti servizi locali e plurali, anche attraverso la formula consortile per meglio fare sinergico-sistema, senza posizioni dominanti e/o datate egemonie espansionistiche che, comprimendo le identità locali ne vanificherebbero – a maggior ragione

nel corrente triste scenario anche i benefici finanziari correlati all’attuale quadro normativo regionale, nazionale e europeo”. Evidentemente Giacomo Tranchida ritiene che l’idea sulla quale puntava Grimaldi e la coalizione che lo appoggiava, non sia tutta da buttare. tant’è che, sostiene egli stesso, “provando a interpretare anche la domanda di cambiamento che spontanea nasce dal territorio dell’agro-ericino (che non ha caso ha visto nascere anni fa il Consorzio dei Comuni Elimo-Ericini, oltre a sperimentare le prime forme di partenariato territoriale), ritengo utile proporre ai colleghi, ai responsabili delle forze politiche e parlamentari, ai rappresentanti del

sistema produttivo provinciale, nonché, ai candidati al ballottaggio delle vicine città di Trapani, Marsala, Alcamo e Castelvetrano, un pubblico tavolo di confronto”. Cinque i punti sui quali invita i futuri colleghi a stipulare sinergie: l’acqua, la salute, il diritto al lavoro, incentivare gli investimenti e, infine, autonomia formativa del polo universitario trapanese. Al fine di perseguire tali proponimenti, fermo restando gli obblighi contrattuali e l’accelerazione della pianificazione finanziaria corrente in capo a Stato e Regione, i Comuni sottoscrittori, nella proposta di Tranchida, dovranno impegnarsi formalmente a dare corso (previa richiesta e conseguimento della deroga al

Patto di Stabilità) anche alla diretta compartecipazione con fondi comunali, in logica consortile d’investimento, seppur in via compensativasostitutiva rispetto alla competenza regionale e/o statale. “Per i “malpancisti” - precisa il sindaco di Erice - non si tratta di costruire alcuna “Lega dei Sindaci”, magari armati di nuovi forconi elettorali, tantomeno di ricercare nobili compromessi nel sostenere l’uno o l’altro candidato ancora in corsa, ipotizzando alleanze strategiche e/o di prospettiva. Più semplicemente, dalla punta estrema dell’Italia e in primo luogo da parte di chi, ha reale consapevolezza e insieme alla propria comunità patisce e subisce disfunzioni e abusi, omissioni e soverchierie, di provare ad alzare la testa e tentare a cambiare le cose partendo dal basso, insieme alla propria gente …atteso che dall’alto, la musica sembra proprio non cambiare, e i suonatori sono sempre gli stessi”. All’invito ha risposto con una nota ufficiale il candidato a sindaco di Trapani, sostenuto dalla Casa dei Moderati, onorevole Giuseppe Maurici. “Accolgo l’invito del riconfermato sindaco di Erice

Giacomo Tranchida con attenzione ed interesse. Ritengo che il metodo della concertazione e della sintesi sia quello più utile a superare i tanti problemi che assillano le nostre comunità. Mi auguro che la collaborazione possa essere concreta e non soltanto formale. I temi posti in discussione sono, in gran parte, inseriti nel mio programma di governo. Ritengo che sia utile fare una battaglia comune nei confronti di Regione Stato per ottenere prima possibile l’acqua di Montescuro. Ma dico già da adesso che il sistema idrico di Bresciana attiene alla città di Trapani e non può che essere utilizzato per il suo fabbisogno e per quello di chi già ne usufruisce. Su questo punto non possono esserci deroghe neanche in regime emergenziale perché il sistema di Bresciana è fondamentale per il capoluogo. La realizzazione del Polo Oncologico all’Ospedale Sant’Antonio Abate è una richiesta che arriva dal territorio. L’Ospedale si trova nel Comune di Erice

//////////////////////////////////////////////////////////////

D’alì sui numeri del Pdl “Siamo i primi a Trapani” Ringraziamento a chi ce l’ha fatta “I risultati ottenuti dal partito nei comuni della provincia di Trapani in cui si votava per il rinnovo dei consigli comunali confermano il Popolo della Libertà come primo partito nel consenso dei cittadini trapanesi». Lo ha affermato il senatore Antonio d’Alì, coordinatore provinciale del partito, in una prima analisi del voto. «Ciò sarebbe stato ancor più evidente - afferma - se la legge elettorale avesse consentito di registrare la effettiva volontà degli elettori piuttosto che provocare, anche a seguito di ancor più cervellotiche istruzioni pervenute dagli uffici regionali, un enorme quantitativo di schede nulle ed un vero e proprio disincentivo alla pratica del voto. A causa di ciò – dice d’Alì – sono andati dispersi, anche a favore di altre liste, i voti di opinione sul simbolo, tradizionale e cospicuo patrimonio del PDL soprattutto nel trapanese, e però il Pdl ha eletto numerosi consiglieri che hanno conseguito un gran numero di preferenze personali, ed in particolare quelli con il più alto numero di voti in assoluto tra i candidati di tutte le liste: a

Trapani Giuseppe Guaiana, ad Erice Concetta Montalto, ad Alcamo Giuseppe Raneri. A loro, agli altri eletti ed a tutti i validissimi candidati ed alle validissime candidate delle liste PDL va il ringraziamento del partito nella certezza che la loro nuova esperienza amministrativa contribuira a rafforzare la presenza del partito nel sentimento dei cittadini trapanesi». «Siamo certi – conclude il coordinatore provinciale – che tutti loro contribuiranno con entusiasmo alla campagna elettorale ed al positivo risultato dei ballottaggi in cui il partito è impegnato per domenica, 20 e lunedì 21 maggio nel comune di Trapani, nel comune di Marsala e nel comune di Castelvetrano”. R.T.

ma è quanto mai evidente che ha una dimensione che supera gli stessi confini provinciali. Ecco perché il Comune di Trapani deve sentirsi parte in causa per ottenere il servizio e la relativa struttura. La sfida per l’Università è un’altra iniziativa che non può avere confini. Il suo rilancio è legato alla capacità di affiancare alla produzione di sapere anche il mondo del lavoro. Condivido la richiesta di una deroga al patto di stabilità. Renderebbe le casse del Comune più vicine alle istanze del territorio. Mi riferisco, in particolare, ad alcuni servizi, soprattutto quelli di carattere sociale, che dovrebbero essere posti fuori dai parametri del patto. Sulle zone franche urbane è ormai necessario un apprendimento dopo il passo indietro dello Stato e l’indifferenza della Regione. C’è infatti il rischio di ridurre tutto a mera propaganda e non possiamo consentircelo perché questa terra attende risposte concrete sul suo futuro.” N.B.

IN BREVE Sabrina Rocca si disinteressa del ballottaggio "In merito al ballottaggio che avrà luogo nei prossimi giorni e che vedrà concorrere Giuseppe Maurici e Vito Damiano alla carica di Sindaco della Città di Trapani, la lista "Trapani Democratica con Vendola", che ha sostenuto la candidatura di Sabrina Rocca ed il progetto "Trapani Cambia", non esprime alcun orientamento di voto in favore di nessun candidato, in quanto continuerà ad esprimersi come soggetto e unica proposta realmente alternativa per la nostra Città. In tal senso, e rimarcando come il voto sia un diritto-dovere e vero esercizio di democrazia per ogni cittadino, "Trapani Cambia" confida nella libera consapevolezza dei propri elettori di compiere la scelta che più riterranno opportuna." Liste: “Trapani democratica con Vendola” “Trapani Cambia” "Sinistra Ecologia e Libertà"


4

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Sabato 12 Maggio 2012

Centinaia di precari ieri in piazza a difesa del loro impiego nei comuni Documento sindacale sollecita “sinergia di intenti”

S

ono tornati a manifestare ieri in piazza Vittorio Veneto, all’indomani del sit-in promosso in occasione della “Giornata contro il precariato”, ancora per rivendicare il loro diritto ad essere stabilizzati, alla luce di recenti tagli e provvedimenti che mettono fortemente a rischio la loro permanenza nel mondo lavorativo. Circa 500 precari, secondo una stima dei promotori dell’iniziativa, sono tornati a manifestare davanti la Prefettura, nell’ambito di una mobilitazione regionale promossa dalla Funzione Pubblica dei sindacati confederali. Si tratta del personale contrattista in servizio nei diversi enti pubblici del territorio provinciale, deciso a scongiurare il pericolo, dopo venti anni di servizio precario, “di essere estromesso irrimediabilmente dal mercato del lavoro”. “é un rischio più che concreto - affermano i manifestanti - perché la Regione, con l’ultima finanziaria, non ha previsto i fondi per prorogare il lavoro dei contrattisti, demandando la questione agli enti locali, ma mantenendo l’obbligo di rispettare il patto di stabilità”. Le ragioni della protesta sono riportate in un documento di tre pagine, sot-

Delegazione ricevuta in Prefettura con diversi sindaci del territorio toscritto dai segretari provinciali di Nicola Del Serro di Fp Cgil, Salvo Morabito della Cisl Fp e Giorgio Macaddino della Uil Fpl. “Reputiamo indispensabile una sinergia di intenti e di risorse da parte del Governo centrale, del Governo regionale e delle stesse amministrazioni locali, al fine di porre realmente fine alla ventennale vertenza del precariato in Sicilia” scrivono i tre rappresentanti sindacali della Funzione Pubblica, nella nota che ieri stesso è stata presentata in Prefettura. “Abbiamo chiesto - raccontano - che il

prefetto si faccia latore del documento al presidente del Consiglio dei ministri e al ministro del Lavoro, affinché possano rimuovere gli ostacoli e gli impedimenti di legge alle procedure di stabilizzazione dei precari della pubblica amministrazione in Sicilia, anche con disposizioni rogatorie rispetto alle normali procedure di assunzione”. In questa direzione, i sindacalisti evidenziano che “non chiedono risorse aggiuntive alla finanza pubblica, nella considerazione che non si tratta di nuove assunzioni, - ricordano - ma una soluzione condivisa

con il Governo regionale al fine di poter continuare a rendere i servizi essenziali ai cittadini”, anche perché, ormai, “settori strategici quali la polizia municipale, gli asili nido, gli uffici di ragioneria, i servizi sociali e assistenziali, gli uffici tecnici - si legge nella nota - sono coperti da gran parte del personale a tempo determinato che ha già sostituito il personale nel frattempo andato in quiescenza”. “Ci devono essere sinergie utili afferma Donatella Fiorito, che da venti anni presta servizio al Comune di Marsala ed ha fatto parte della delegazione salita ieri mattina in Prefettura - per dare dignità a chi per venti anni è riuscito a restare a galla a fatica e ora rischia di affondare”. All’iniziativa in piazza, la prima in vista di ulteriori azioni di protesta, hanno partecipato numerosi sindaci e rappresentanti di diverse amministrazioni comunali, come Erice, Partanna, Santa Ninfa, Salaparuta, Buseto Palizzolo, Vita, “mentre va sottolineata l’assenza - dicono i sindacalisti - degli amministratori dei comuni più grandi, come Alcamo, Mazara del Vallo, Castelvetrano e Marsala”. Francesco Greco

Agricoltura Chiesto l’intervento delle istituzioni

Scuola, pulizie a rischio Protestano i lavoratori della ditta che opera a Trapani e Marsala

S

i asterranno dal lavoro il prossimo 21 maggio i lavoratori della Pfe, azienda che cura i servizi di pulizia nelle scuole di Trapani e Marsala. Secondo la segreteria provinciale della Cildi, Confederazione italiana lavoratori democratici indipendenti, questo è l’unico mezzo per sollecitare l’attenzione delle istituzioni sulla vicenda che vede protagonisti i dipendenti della ditta che ha la sua sede legale a Milano e quella operativa a Caltanissetta. Il sindacato lamenta che i dipendenti, assunti nel mese di settembre 2011, in a seguito al cambio di appalto, con un contratto di 15 ore settimanali a fronte dei contratti di 36 ore stipulati con la ditta a

//////////////////////////////////////////////////////////////

Ristrutturazione del bacino, battuta l’offerta della Satin Appalto a ditta di Agrigento Saltano 23 assunzioni pianificate

A

veva pianificato l’assunzione a tempo indeterminato di 23 ex lavoratori del Cantiere Navale Trapani, “all’inizio dei lavori sul bacino di Trapani - era stato precisato nell’accordo sottoscritto con Cgil, Cisl, Uil e Failms - in caso di acquisizione della commessa di cui al bando regionale”. La Satin, però, l’appalto per la ristrutturazione del bacino trapanese, non l’ha ottenuto. I lavori sono stati aggiudicati ieri, seppure ancora in via provvisoria, ad un’altra società, che ha sede ad Agrigento. L’esito della gara, ufficializzato ieri pomeriggio in una nota dell’assessore regionale per le Attività produttive, Marco Venturi, rende inattuabile l’accordo siglato lo scorso 16 gennaio in Prefettura, nell’ambito della vertenza sindacale al Cantiere Navale Trapani. La ristrutturazione del bacino è stata affidata alla ditta Meccanica Agrigentina, che ha presentato un’offerta con un ribasso del 20,11 per cento su un importo a base d’asta di 8 milioni 390 mila euro; la Satin, invece, ha proposto un ribasso pari al 18 per cento,

mentre un’altra partecipante alla gara, la Fincantieri, ha offerto un ribasso del 6,251 per cento. Le tre buste sono state aperte negli uffici del servizio Promozione sviluppo industriale dell’Assessorato regionale alle Attività produttive. “L’aggiudicazione definitiva dell’appalto alla Meccanica Agrigentina - viene precisato nella nota dell’Assessorato avverrà dopo lo scioglimento della riserva”. “Avevamo ragione - è il primo commento dei portavoce del Collettivo dei lavoratori in lotta di Cnt, che nel frattempo è tornato a manifestare davanti la sede aziendale, in via Molo Isolella. “Ci siamo sempre opposti a quel piano di riassunzione avallato dai sindacati - ricorda inoltre il coordinatore provinciale della Flmu-Cub (Federazione dei lavoratori metalmeccanici), Antonino Di Cola - perché capivamo che la Satin poteva non essere in condizione di vincere l’appalto e, di conseguenza, che quelle 23 persone difficilmente avrebbero potuto essere riassunte”. F.G.

cui erano in carico in precedenza, hanno dovuto accettare quella che la Cildi definisce “una violazione delle norme contrattuali previste ed applicate nel settore” solo per non perdere il posto di lavoro. La segreteria provinciale del sindacato sottolinea come la Pfe stia tentando in indurre i lavoratori ad accettare un’ulteriore riduzione dell’orario di lavoro, adducendo la motivazione della mancanza di commesse che, secondo la Cildi, non sussisterebbe. L’astensione dal lavoro indetta per il prossimo 21 maggio comporterà l’impossibilità di garantire anche i servizi essenziali perchè “l’azienda non ha mai individuato tale contingente”. (o.f.)

IN BREVE Giornata di studio all’Ente camerale “Crescere: una priorità per l'economia trapanese” è il tema della “Giornata dell'Economia” in programma lunedì prossimo alle 10 alla Camera di Commercio di Trapani. Saranno presentati i dati sull'andamento dell'economia trapanese e illustrata la piattaforma web sperimentale che raccoglie software e documenti messi a disposizione del sistema imprese. Interverrà il professore Alberto Mattiacci, ordinario di Economia e gestione delle imprese all'Università La Sapienza di Roma.

Il 6° Bersaglieri in Sardegna I Bersaglieri del 6° Reggimento di Trapani sono stati protagonisti dell’esercitazione svoltasi al poligono di Capo Teulada in Sardegna. L’operazione, rientra nel novero delle attività previste dal progetto per l’abilitazione dei bersaglieri della Brigata "Aosta" all’impiego del veicolo corazzato da combattimento “Dardo”. L’addestramento ha ricalcato gli scenari operativi nei quali le unità sono chiamate a operare fuori dal territorio nazionale.


5

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Agricoltura Area marina protetta “Isole Egadi”

“La competenza è nostra” Il Ministero dell’Ambiente precisa l’iter per la riperimetrazione

Sabato 12 Maggio 2012

Centro Alzheimer, le famiglie dicono “no” alla chiusura “I ricoveri sollievo gratuiti sono essenziali”

L

L

a riperimetrazione dell’Area marina protetta “Isole Egadi” spetta al Ministero dell’Ambiente. Con una nota di risposta ad una lettera inviata dalla Organizzazione Produttori della pesca di Trapani, il Ministero ha puntualizzato che l’istruttoria necessaria per la ridefinizione del perimetro dell’Area marina protetta è di propria esclusiva competenza, e “sarà finalizzata a verificare l’esistenza di tutti i presupposti necessari all’emanazione del provvedimento finale”. Il Ministero precisa anche che l’iter di approvazione della proposta di aggiornamento e riperimetrazione dell’Amp, avanzata in via preliminare dall’Ente gestore nel marzo 2011, è una procedura molto

complessa che prevede l’avvio di una istruttoria tecnica ministeriale e di tavoli con gli Enti locali coinvolti. Gli esiti degli incontri saranno portati alla conferenza unificata Stato-Regione-Enti locali, per gli eventuali atti di competenza ministeriale. “La nota del Ministero - ha commentato il presidente dell’Amp e sindaco di Favignana Lucio Antinoro conferma quanto più volte illustrato dall’Ente gestore, cioè che nulla è stato finora deciso” Antinoro ribadisce l’impegno a coinvolgere tutti i soggetti interessati nel processo decisionale appena sarà avviata l’istruttoria ministeriale che consentirà di affrontare i problemi dell’Amp evidenziati nella proposta preliminare. (o.f.)

e famiglie dei malati di Alzheimer di Trapani non ci stanno. La notizia della trasformazione del Centro Alzheimer, ospitato in un padiglioni della Cittadella della Salute, in Centro diurno - che comporterà l’impossibilità, in quella sede, di continuare ad effettuare i cosiddetti “ricoveri sollievo” - e le incertezze circa tempi e modalità di assistenza nella Residenza sanitaria assistita da creare all’istituto “Serraino Vulpitta” per questo tipo di pazienti è arrivata come una mazzata, l’ennesima, sulle teste e nelle vite di coloro che hanno, all’interno del proprio nucleo familiare, un malato di Alzheimer. “Ci troviamo, purtroppo, nella condizione di dover assistere senza poter far nulla all’inesorabile declino psichico e fisico dei nostri cari commenta Marzia Lombardo il cui padre si trova nella fase avanzata della malattia - e adesso rischiamo di essere privati di un servizio essenziale per le famiglie del territorio”. Un servizio, lo ricordiamo, che fino ad oggi, viene fornito gratuitamente dalla struttura a tutti coloro che ne fanno richiesta. Le cose, al “Serraino Vulpitta” cambierebbero perchè, trattandosi di una realtà diversa dal “progetto pilota” dell’Asp alla Cittadella,

“Nella struttura abbiamo trovato personale competente e umano” per il ricovero dei malati di Alzheimer verrebbe richiesto il pagamento di una retta, seppur commisurata alle fasce di reddito. “Al Centro Alzheimer abbiamo trovato personale competente e di grande umanità - continua Lombardo - e l’opportunità, non trascurabile, di essere alleviati in quello che è l’impegno quotidiano di assistenza ai nostri familiari usufruendo dei ricoveri sollievo. Non possiamo perdere questa possibilità”. I familiari dei malati sono intenzionati a costituire un comitato per meglio coordinare le azioni di sensibilizzazione nei confronti delle istituzioni, sanitarie e poli-

tiche, che hanno competenza sulla questione. “Perchè smantellare una struttura che funziona, quando, peraltro, un centro diurno per i malati di Alzheimer a Trapani esiste già e si trova proprio al Serraino Vulpitta?”, chiedono le famiglie dei malati. La questione, pare ormai fuor di dubbio, necessita di essere opportunamente chiarita evitando qualsiasi “zona d’ombra”. Lo si deve ai cittadini, che hanno diritto di conoscere come vengono impiegate le risorse pubbliche, e lo si deve ai malati - che non smettono di essere persone - e alle loro famiglie . Ornella Fulco

IN BREVE Aquilone dell’Asp a San Vito Lo Capo Alla 4ª edizione del Festival degli aquiloni" di San Vito Lo Capo sarà presente anche un aquilone dell'Asp. La partnership è inserita nel più ampio progetto "Il Vento e La Strada" che ha come obiettivo principale la prevenzione delle tossicodipendenze con azioni che fanno riferimento ad ambienti esterni. Saranno organizzati laboratori sociosanitari realizzati in collaborazione con esperti del mondo aquilonistico e sanitario.

Tonnara Florio, visita con Tusa Si terrà domenica prossima alle 10.30 la visita all’ex Stabilimento delle Tonnare di Favignana e Formica curata dal soprintendente Sebastiano Tusa. Nell’occasione si parlerà della battaglia delle Egadi del 241 a.C. L’iniziativa è dell’Assessorato ai Beni culturali e all’Identità siciliana, della Soprintenden.za per i Beni culturali e ambientali di Trapani, della Soprintendenza del Mare e del Museo “Pepoli” in collaborazione con il Comune di Favignana.


6

CORRIERE TRAPANESE PROVINCIA

Verso il ballottaggio

Una settimana cruciale

Sabato 12 Maggio 2012

A Petrosino si è insediato il nuovo sindaco “inglese” Passaggio di consegne tra Valenti e Giacalone

P U

ltima settimana di campagna elettorale per i due candidati a sindaco di Marsala, Salvatore Ombra e Giulia Adamo, prima che gli elettori siano nuovamente chiamati alle urne il 20 e 21 maggio. E mentre i due continuano a mantenere i toni aspri della precedente fase di campagna elettorale, al Palazzo municipale hanno preso il via le operazioni elettorali per il turno di ballottaggio. Entro oggi, alle ore 14.00, i due candidati a Sindaco dovranno, secondo quanto prevede la legge, fornire i nomi dei loro restanti assessori. Al momento, ne hanno nominati tre ciascuno: Massimo Bellina, export manager delle Cantine Pellegrino, Ignazio Vinci, coordinatore del processo di pianificazione strategica della città, e il veterinario Michele Galfano sono gli assessori designati di Ombra mentre il senatore e coordinatore regionale dell'Udc Giampiero D'Alia, il coordinatore provinciale dell’Udc Livio Daidone e l’ex assessore regionale

Agata Consoli sono i tre designati da Giulia Adamo. Fissato per domenica invece il sorteggio, che sarà fatto dalla Commissione elettorale Circoscrizionale, per stabilire la posizione dei candidati nella scheda del ballottaggio e sui manifesti. Nel frattempo, poche le novità in tema di apparentamenti. Ed è possibile che non ce ne saranno molte neppure nei prossimi giorni. Il Movimento Fratelli d’Italia, ad esempio, nel ringraziare chi ha espresso al movimento la propria preferenza, fa sapere di non volere sostenere nessuno dei due candidati al prossimo ballottaggio, ritenendo che “non sembrano esistere i presupposti per un rinnovamento politico, sociale, culturale e morale della nostra città.” Come già detto in campagna elettorale, anche Peppe Gandolfo ha ribadito, nel corso di un’apposita conferenza stampa, di non volere appoggiare nessuno dei due. Stessa cosa aveva detto anche Annamaria Angileri, affermazioni di cui si attende conferma o smentita. (a.g.)

assaggio di consegne ieri a Petrosino tra il sindaco uscente, il dott. Biagio Valenti, e il neo eletto Gaspare Giacalone, che ha vinto le elezioni della settimana scorsa con 1.589 voti e il 30,55% delle preferenze. Ieri mattina, intorno a mezzogiorno, la cerimonia di insediamento presso l’aula consiliare alla presenza di un pubblico numeroso ed esultante. L’arrivo dei due sindaci è stato accompagnato da un lunghissimo applauso. Poi il discorso del sindaco uscente che ha esordito con le congratulazioni e gli auguri per il sindaco Giacalone. “Sarà un compito oneroso – ha detto– il mio augurio è che possa lavorare, nei prossimi 5 anni, con la competenza e la passione che lo hanno accompagnato durante questa campagna elettorale”. Valenti ha poi fatto riferimento al programma elettorale di Giacalone: “Sarà possibile realizzare gli interventi auspicati solo se il sindaco sarà attorniato dallo stesso entusiasmo di oggi. Un sindaco non deve mai essere lasciato solo, ha bisogno di un clima di collaborazione e di calore umano. Solo così è possibile superare i momenti difficili – ha detto Valenti, nelle cui parole si può leggere forse

anche un riferimento alle difficoltà vissute dallo stesso sindaco nei rapporti con il consiglio comunale. Valenti passa poi al bilancio della sua attività. “Crediamo di aver fatto la nostra parte – ha detto – lasciando un pacchetto di progetti da portare a termine. Mi auguro che, in continuità con la vecchia amministrazione, si possa realizzare quanto da noi programmato.” La parola è passata poi al nuovo sindaco: Giacalone ha parlato prima di tutto di attività economiche – agricoltura, pesca, artigianato – ribadendo di volere aiutare le varie categorie a superare il difficile momento. Poi il pensiero ai giovani, tra i suoi principali interlocutori nella campagna elettorale appena archiviata. “Voglio lavorare

con voi. Non vi lascerò mai soli. Non siete spettatori. Non abbiate paura di osare – ha detto Giacalone ai giovani petrosileni augurando a tutti quanti hanno dovuto lasciare la propria terra di potere tornare a Petrosino. Giacalone ha ricordato anche alcuni punti del programma, dalla difesa delle coste all’organizzazione di eventi, come il già esistente carnevale, per concludere con un ricordo alla giornata di ieri, 11 maggio. “152 anni dopo lo Sbarco che unì l’Italia vorrei che Petrosino diventasse non un semplice paese del Sud ma vera protagonista d’Italia, d’Europa e del Mediterraneo”. E, sullo slancio di parole tanto cariche di ottimismo, sono iniziati i festeggiamenti. Antonella Genna

IN BREVE Fine settimana a Marsala Week end con diversi appuntamenti a Marsala. Oggi, per il seminario sul tema intitolato “Il concorso esterno tra giurisdizione e politiche criminali”, l’appuntamento è nel Complesso San Pietro, alle ore 9.00, con lavori che proseguiranno anche nel pomeriggio. Il convegno intende riaffermare l’impegno della Città di Marsala “a ricordare il ventennale delle stragi di mafia”. Sempre oggi, alle 21.30, due appuntamenti teatrali. All’Impero va in scena la commedia dialettale “Sotto a chi tocca”, proposta dall’associazione “Amici di Totò”; mentre al Baluardo Velasco (via Frisella), la Consulta Femminile promuove il monologo di Laura Lattuada, tratto dal testo di Susanna Tamaro "L'inferno non esiste?". Domani, la Polisportiva MARSALA D.O.C., con il patrocinio del Comune di Marsala e la Provincia Regionale di Trapani, organizza il “12° Trofeo Podistico Garibaldino“: partenza da piazza Mameli alle ore 10,00.

//////////////////////////////////////////////////////////////

//////////////////////////////////////////////////////////////

Rubavano pezzi di guardrail per rivenderli ai ricettatori

Valderice, terzo appuntamento è di nuovo mamma l’attrice per il teatro amatoriale locale e conduttrice Vanessa Galipoli

//////////////////////////////////////////////////////////////

Due pregiudicati fermati dai carabinieri In scena gli “Artisti ppi jocu” di Dattilo Il piccolo è stato chiamato Aleandro

N Lorenzo Asaro

Vito Margiotta

ue pregiudicati mazaresi sono stati arrestati dai Carabinieri di Mazara del Vallo per furto. Vito Margiotta e Lorenzo Asaro sono stati sorpresi a rubare i guardrail lungo la strada comunale parallela alla A29, all’altezza della contrada San Nicola. Quando sono stati bloccati, i due aveva-

no già tranciato numerosi spezzoni di guardrail con l’ausilio di flessibili da taglio collegati ad un gruppo elettrogeno. Il materiale era pronto per essere caricato e portato via con la motoape di proprietà di Vito Margiotta. I ladri si trovano agli arresti domiciliari in attesa del processo. (o.f.)

D

TRAPANI - Bar Exedra - Armonia dei Sapori - Caffè Mojito - Radio Londra - Bar Aris - Bar Milo - Red Passion - Bar La coffea arabica - Bar Nocitra - Baia dei Mulini - Bar Kennedy - Caffè delle Rose - Sweet Cafè - Fardella 78 - Bar Ciclone - Confartigianato Patronato Inapa - Caffè Salemi - Caffè Lieto - Caffè Villafiorita - Coffee and Go - Bar Meditterraneo

- Bar Red Devil - Svalutation Cafè - Bar Magic - Bar Piccadilly - Savoir Faire Cafè - Moulin Rouge - Grimon Cafè - Bar Sciuscià - La Caffetteria - Bar Giovanni & Nino - Bar Gallery - Bar Italia - Bar Colonna - Caffè Mirò - Bar Todaro - Bar Morana - Number One - Bar Messican - L’esco pazzo - Ricevitoria Nicolosi - Anymor! Cafè - Ricevitoria Cicala - Bar Enjoy

- AgipCafè - Punto G. Caffè - Ciuri Ciuri - Tabacchi Milo XITTA - Bar Ritrovo PACECO - House Cafè - Bar Sombrero - Bar Kalumet - Blue Bar - Pasticceria Sugamiele - Bar Mazzara - Bar Tiffani - Vogue Cocktail NAPOLA - Bar Erice - Urban Tribe VALDERICE - Bar Baldo - Bar Venere - Caffè Vespri - Avenue Cafè

ell’ambito della seconda edizione della rassegna regionale di teatro amatoriale “Sicilia in scena”, sabato alle 21 e domenica alle 18 l'associazione teatrale “Artisti ppi jocu” di Dattilo porterà in scena la commedia brillante in tre atti: “Amara a cu ci capita”, di Rocco Chinnici. La rassegna è promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Valderice d’intesa con la Fita, Federazione italiana teatro amatoriale. Sono quattro le compagnie che per atrettanti weekend, nella sala dell’hotel Villa Sant'Andrea di Valderice, portano in scena la classica drammaturgia sicilia-

CUSTONACI - Il Forno a Legna di Pellegrino - Bar Odissea BONAGIA - Miramare RILIEVO - Bar dello sport - Solaris - Fresh Fruit PALMA - Bar Mirage MARSALA - Ortofrutta Service - Sup. despar via trapani - Sup. Despar Cda P. Fiumarella - Sup. Despar via Mazzini - Moka Caffe’ - Buondi' - Car Service - La Piazzetta - La Trattoria del Cavaliere - Tabaccheria Licari Michele - Panificio Porta Sapori

na. Dopo la “Filodrammatica Fulgatorese” e la compagnia “Teatro Spettacolo” di Marausa, adesso è la volta degli artisti di Dattilo. A chiudere il cartellone sarà la compagnia Crocevie 90 che si esibirà l’ultimo weekend di maggio. (o.f.)

- Panificio Bonomo Sergio - Panificio Raia - Luigi bar - Bar Diego - Stazione ERG Pedace - Panetteria Bonomo Valentina - Fuel Station s.n.c. - Tabacchi Ferro - Panificio Saladino - Panificio Mannone - Rivendita Leone - Chiosco di Zerillo - Panificio Agate - Bar Annabel - Tabacchi Ingarra - Panificio Porta Sapori - Alim.Sanguedolce - Panificio Bottega del fornaio - Panificio 2000 - Bar las vegas - Bar Azzurra - Bar Saro - Bar Aloha

F

iocco azzurro per Vanessa Galipoli. L’attrice romana ha dato alla luce un maschietto a cui è stato dato il nome di Aleandro Giuseppe. Per Galipoli si tratta del secondo figlio. Assieme al marito, l’imprenditore del settore marmifero Alberto Santoro,

- Panificio Lombardo - Bar Saviny - Bar Imperial - Pasticceria MF - Bar Enzo e Nino - Bar Repubblica - Bar Le Delizie - Bar Garibaldi - Bar Papagaio - Bar Oltremare - Centrocopia - DNT Service - Euro Bar - Bar Napoli - Bar del Cacciatore - Bar Happy Days - Dolce tentazione - Panificio Bonomo - Bar Antony - Bar Oasi - Panificio Bica - Caffe' Noir - Non Solo Pane

- Bar S.Francesco - Bar Spring - Pasticceria Lilibeo - Panificio Taibba - Bar Victor - Bar Veliero - Bar Mirage - Il Bocconcino - Bar Royal - Bar CapitanoRosso STRASATTI - Pasticceria Giglio - Caffè Micael PETROSINO - Bar Micael - Bar Famila - Panificio Aurora - Bar Wood House - Ground service - Panif. Martinciglio - Bar le Delizie - Bar Sandokan - Bar Jenny

con cui è sposata da sei anni, ha già una bimba di quasi quattro anni. Mamma e figlio godono di ottima salute. “Aleandro è nato nel mese dedicato alla Madonna nei confronti della quale nutro una profonda devozione”, ha dichiarato l’attrice. R.T.

- Caffè Movida ALCAMO - Bar Ungheria - Bar Medici - Caffè Mirò - Bar Giarratano - Bar Grazia - Bisbar - New Zeus Bar - Bar Sport - Caffetteria Harri’s - Bar Cristal - Pausa Caffè - Bar dei Mille - Al Solito bar - Al Solito Posto - Diemme Bar


7

CORRIERE TRAPANESE SPORT

Basket Dnc

Sigel Marsala ko 50-74 Finisce il sogno play-off

T

ermina la stagione per gli azzurri della Sigel Pallacanestro Marsala, con l’eliminazione dai play off, subita dalla Venosan Acireale. Dopo essere giunta tra le prime otto, conquistando dunque i play off, la squadra marsalese ha dovuto, infatti, arrendersi alla superiorità della squadra acese, che giovedì ha vinto anche la gara 2, giocata al Palazzetto dello Sport di Petrosino, con il punteggio di 50 a 74. Una gara in cui la Sigel Marsala non si è risparmiata, dando quanto poteva per ben figurare. La società, cara al team manager Cascoschi, ha molto di cui

essere soddisfatta, in quanto ha raggiunto, nonostante tutti i problemi incontrati durante il suo cammino, la salvezza matematica, molto prima del termine del campionato e, inoltre, ha conquistato un posto ai play off. I ragazzi di coach Grasso, hanno dovuto girovagare per l’intera stagione non avendo un palazzetto disponibile in città, e non potendo contare su una panchina che garantisse diverse alternative. In questa gara di ritorno, infatti, sia Baggioli che Grillo non sono stati impiegati e ciò ha provocato seri problemi in cabina di regia. “Abbiamo dato il massimo per vincere, nonostante le difficoltà – ha commentato il team manager Alfonso Cascoschi – Si chiude oggi una stagione per noi molto positiva. Come neopromossi, consideriamo un ottimo risultato essere arrivati ai quarti. La stagione non è stata facile. Coach Grasso ha dovuto affrontare tantissime emergenze e lo ha fatto egregiamente”. Nicola Donato

Sabato 12 Maggio 2012

L’OnOff cerca il riscatto in Coppa Le entelline sfidano Barcellona Volley C femminile, domani alle 18 ia semifinale

TRAPANI appena arrivata bellissima massaggiatrice biondina, coccolona, disponibile e piccantissima. Tel. 331/3231846 327/9470806 TRAPANI (Pizzolungo) Lucia mai vista, massaggiatrice con abbondante decoltè, ti farà impazzire con massaggi rilassanti tutti i giorni anche la domenica. Tel. 366/5328112 TRAPANI Ketty prima volta esperta massaggiatrice amante dei massaggi rilassanti e dolci ti aspetta tutti i giorni per momenti di vero piacere. Tel. 348/6385753

M

etabolizzata la sconfitta nella finale promozione, è già tempo di tuffarsi in un’altra competizione. L’OnOff Martinez ha un’occasione d’oro nella semifinale di Coppa Sicilia contro Barcellona: si ritrova, infatti, con il fattore campo in una sfida delicatissima, contro una delle formazioni più forti della categoria e che domenica scorsa ha festeggiato la promozione in B a spese dell’Effe Volley. Le entelline conoscono l’avversario di domani molto bene, avendolo già affrontato nel girone E dei playoff. Barcellona riuscì a imporsi

Mariano Di Stefano anche fuori casa nella bolgia della palestra dell’Itg Amico, anche se solamente al tie-break, dimostrando grande compattezza nei

momenti che contano, come attestato dal kilometrico quinto set vinto per 21-19. Si preannuncia un’altra battaglia e una delle chiavi per raggiungere la vittoria può essere la maggiore fame di vittorie delle ericine, decise a portare a casa un trofeo a testimonianza degli straordinari risultati conseguiti durante la stagione. Barcellona dal canto suo, però, non starà a guardare: la formazione del messinese punta decisa verso un prestigioso double. L’appuntamento con l’ultimo impegno casalingo della stagione per l’Entello è fissato per domani alle 18. Silvestro Bonaventura

TRAPANI Prima volta bellissima ragazza mora, 23 anni, dolcissima, pazientissima ed espertissima massaggiatrice, decolté abbondante e naturale. Tutto senza fretta per indimenticabili momenti di relax tutti i giorni anche la domenica. Tel. 340/0523670 TRAPANI Novità Laura, bravissima e dolcissima massaggiatrice brasiliana ti aspetta per lunghi e rilassanti massaggi senza limiti. Tel. 342/6661206 TRAPANI Massaggiatrici, bionda e mora, professionali ed esperte per farti impazzire ti aspettano in ambiente più che riservato. Tel. 331/9078088 334/1644854 TRAPANI Mulatta Maria bravissima massaggiatrice decoltè abbondante pazientissima, fa massaggi tutto con calma e senza fretta. Disponibile tutti i giorni, anche la domenica. Tel.320 9415431

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

//////////////////////////////////////////////////////////////

L’Alcamo ospita il Kamarat, Castellammare e Folgore impegnate in trasferta con Parmonval e San Giovanni

Terza Categoria, domani al “Paolo Marino”

Eccellenza e Promozione. Lo Strasatti fa visita al Pro Favara nel primo turno

D

opo le due settimane di sosta si torna in campo nei campionati di Eccellenza e Promozione. Domani pomeriggio alle ore 16.30 giungeranno i primi verdetti relativi ai play-off e play-out. In Eccellenza l’unica compagine impegnata nei play-off sarà l’Alcamo di Cristian Ciaramella che sfiderà al “Catella” il Kamarat. Una squadra rognosa quella di mister Maggio che durante il campionato non ha perso nella doppia sfida con i bianconeri (2-1 a Cammarata e 0-0 ad Alcamo). L’Alcamo è prontissimo per superare il primo step che porterebbe in serie D, ma dovrà molto probabilmente fare a meno di

Domicoli e Perricone. L’altro play-off sarà tra Akragas e Atletico Campofranco. Nei play-out saranno due le trapanesi che scenderanno in campo, Castellammare e Folgore, entrambe fuoricasa. I ragazzi di Mione affronteranno la Parmonval con tutta la carica possibile per mantenere la categoria. La squadra del presidente Navarra ha dei precedenti positivi durante la stagione e dovrà fare a meno solo dell’infortunato D’Anna. Trasferta più ardua, invece, per la Folgore che sarà ospite del San Giovanni Gemini, una squadra tosta che però i rossoneri di Gerardi vogliono a tutti i costi superare per restare in Eccellenza.

In Promozione i play-off vedranno protagonista lo Strasatti di Nino Maggio che andrà a render visita al Pro Favara in una gara che si preannuncia scoppiettante. I lilybetani, giunti quinti solo all’ultima giornata, non hanno nulla da perdere ma

vogliono comunque continuare a coltivare il sogno della promozione. L’altro spareggio sarà Sporting Arenella-Aragona. I playout saranno, infine, SciaccaPrizzi e Canicattì-Isola delle Femmine. G.F.

Asd Belice e Paolini Marsala si contendono la finale play-off

V

errà disputato domani allo stadio Paolo Marino di Castelvetrano, lo spareggio play off, tra il Belice calcio e il Paolini Marsala. Durante la regolar season i belicini sono giunti al terzo posto, mentre, i marsalesi quarti. Per la squadra lilybetana, cara al D.G. David Salerno, l'unico risultato possibile, per accedere alla finalissima, è la vittoria, in quanto, in caso di pareggio si andrebbe ai tempi supplementari. Se il risultato di parità dovesse permanere, avrebbe accesso alla finalissima, per la migliore classifica ottenuta, il Belice. La gara sarà sicuramente dall’esito molto incerto, in quanto negli scontri diretti in campionato, entrambe, le

compagini si sono imposte fra le mura amiche, risultando decisivo il fattore campo. Il Belice, infatti, ha vinto all’andata per 3 a 2, mentre, i marsalesi si sono aggiudicati la gara di ritorno per 2 a 1. “Siamo una società giovane” – dice il D.G. del Paolini Salerno – “sicuramente in questi anni abbiamo dimostrato la nostra serietà e impegno. L’obiettivo stagionale era quello di raggiungere gli spareggi e ci siamo riusciti. E’ logico che adesso tutto sarà possibile. Ciò che posso garantire e che la squadra darà sempre il massimo, come del resto ha sempre fatto. Puntiamo molto sul nostro centrattacco Pizzo, che in questo campionato ha totalizzato ben 20 reti”. (n.d.)

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Buseto e Fulgatore vogliono raggiungere il Corleone Atletico Erice-Bonagia, derby salvezza della disperazione Prima Categoria, domani alle 16.30 gli altri attesi verdetti del girone A

S

cattano play-off e play-out anche nel girone A di Prima Categoria. Domani pomeriggio, con inizio alle 16.30, Buseto e Fulgatore si contenderanno un posto nella finale play-off del girone contro il Corleone. I ragazzi allenati da Mattia Esposito si sono piazzati al terzo posto in classifica dopo essere stati per quasi tutto l’anno in vetta al campionato e adesso

se la vedranno contro la loro autentica “bestia nera”. Quel Fulgatore che nel corso della stagione ha saputo sconfiggere due volte su due il Buseto: 2-0 fuori casa e 2-1 tra le mura amiche. I busetani del presidente Gianni Grasso, che si dice comunque fiducioso per il salto di categoria, hanno raccolto 50 punti e nelle ultime tre giornate di campionato hanno incassato solo sconfitte. 45

punti totali invece per il Fulgatore che arriva a questo impegno con la consapevolezza di non aver nulla da perdere. Il campionato strepitoso degli uomini di mister Minaudo è già di per sè un grande successo per la compagine del presidente Franco Gammicchia. “Il Buseto – ammette il fulgatorese Ivo Basciano - è una squadra competitiva e molto forte a centrocampo, però, secondo

me, possiamo ancora metterli in difficoltà. Arriviamo mentalmente carichi a questi play-off ed è vero che non abbiamo nulla da perdere, ma ormai che siamo qui vogliamo arrivare più in alto possibile”. Sfida che vale una stagione, da dentro o fuori, tra Atletico Erice e Bonagia. Un derby play-out equilibratissimo tra due squadre che hanno dimostrato parecchia

discontinuità quest’anno e che vogliono a tutti costi salvarsi per restare nella categoria. I due precedenti tra le due compagini (due pareggi per 2-2 e 1-1) lasciano presupporre che sarà un match tiratissimo e che potrà essere

decisivo dalle individualità: Baiata nel Bonagia e Demma nell’Atletico Erice. Il verdetto sarà domani pomeriggio, chi cede l’armi retrocederà in Seconda Categoria. Giuseppe Favara


12 maggio 2012  

corriere trapanese 12-5-2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you