Issuu on Google+

CORRIERE TRAPANESE € 0,50

Venerdì 1 Giu 2012 - Euro 0,70 - Anno VIII n. 100

Ad maiora di Nicola Baldarotta Ci siamo. Attraverso questo spazio che ho, impropriamente usato come diario di bordo per sette mesi, nei giorni scorsi vi avevo anticipato che a breve ci saremmo salutati, anticipatamente, per le cosiddette vacanze estive. Quel momento è, oggi, arrivato. Il “Corriere trapanese” da oggi va in vacanza per consentire al gruppo editoriale di accelerare la fase di transito dal vecchio modo di fare informazione al nuovo, quello legato alle tecnologie digitali e web. Non è una chiusura, ci tengo a sottolinearlo, ma un adattamento alle sempre più pressanti dinamiche editoriali, ormai assodate in quasi tutto il mondo (Italia compresa), che vedono l’informazione attecchire sempre più, e meglio, nei cosiddetti giornali on line. Oggi è l’ultimo giorno, certamente, che terrete fra le mani (almeno fino al prossimo autunno) il giornale che, bontà vostra, avete dimostrato di gradire in tutti questi mesi. Il giornale, però, potrete continuare a leggerlo ogni giorno attraverso il sito web www.trapaniok.it. E’ un adattamento, non una chiusura, come dicevo. In merito vi invito a leggere la lettera aperta del gruppo editoriale a pagina 3. Da parte mia e di tutto lo staff del Corriere, oltre all’invito a continuare a seguirci su internet, arriva un sentitissimo ringraziamento per quello che, anche a vostra insaputa, ci avete dato ogni volta che vi abbiamo visto con questo giornale sotto il braccio. Sono certo che anche domani e nei prossimi mesi continuerete a leggere il Corriere nella nuova e funzionale versione digitale tenendolo sempre sotto braccio, ma con l’I-pad.

“CONCRETEZZA E NON RETORICA LA MAFIA è VIVA MA PUò MORIRE” Le precisazioni di Vito Damiano dopo le polemiche seguite all’incontro con gli studenti “Dichiarazioni fraintese”. Lo ha voluto puntualizzare a chiare lettere il sindaco di Trapani, Vito Damiano, dopo le polemiche seguite ad un incontro con gli studenti in cui aveva detto che “parlare di mafia significa farle pubblicità”. Il primo cittadino ha dichiarato che la sua considerazione scaturiva dall’avere assistito a produzioni scolastiche "retoriche, spettacoli che parlano di mafia ma che non lasciano nulla nei giovani che recitano a memoria”. Secondo il sindaco bisogna puntare, invece, su progetti concreti. A pag. 4

Airgest

Pag. 4

Assunzioni personale Consiglio provinciale approva mozione

Partanna

Pag. 5

Rumeno arrestato Era ricercato per truffa e frode

Prima finale per la serie B

Marsala

Servizio a pag. 7

Pag. 6

Progetto idrico per allacciamento a Montescuro


2

CORRIERE TRAPANESE

Venerdì 1 Giugno 2012

L’Autrice

Elvira Benenati

Formatasi all’Accademia di Belle Arti di Palermo, ha collaborato con diverse testate come disegnatrice, fumettista e vignettista. benenati.elvira@email.it IMMOBILIARI AFFITTI

IMMOBILIARI VENDESI

TRAPANI (CENTRO STORICO) PRIVATO AFFITTA APPARTAMENTO FINEMENTE ARREDATO E CORREDATO PER BREVI PERIODI, ANCHE GIORNALMENTE (classe energetica G) Tel. 333/6474143

TRAPANI VENDESI Zona San Cusumano villetta di mq150 + giardino, composta da 3 camere + salone più cucina + dp servizi + ampia lavanderia separata e angolo barbeque. Vendesi €270.000,00 Tel.339/1322537

LAVORO Signora di 40 anni con esperienza offre assistenza come badante per anziani, part-time e full-time. Tel. 393/2274659

TRAPANI VENDESI garage di 120 Mq uso commerciale, con tre aperture, in Via dell’Ulivo angolo Via del Pesco. € 150.000,00 tratt. Tel. 349/6065213

CORRIERE TRAPANESE by TRAPANiOK Editore: EDI.SI. srl Direttore Responsabile Nicola Baldarotta direttore@trapaniok.it Redazione centrale Francesco Greco Michele Caltagirone Ornella Fulco Giuseppe Favara redazione@trapaniok.it Impaginazione Francesco Vivona Segreteria di Redazione Massimiliano Lamia Per la pubblicità: pubblicita.trapaniok.it Rino +39 347.6790352 Stampato c/o Litocon S.r.l. Catania

Distribuzione in edicola Aennepress, Palermo Distribuzione presso i bar Fullservice, Trapani Amministrazione Via Regina Margherita, 31 91100 Trapani amministrazione@trapaniok.it www.trapaniok.it info@trapaniok.it tel. 0923.540814 fax.0923.1961811 Sede legale Via Vincenzo Bellini, 2 91100 Trapani P.iva 02446660819 Reg. Tribunale di Trapani n. 306 del 16/03/2006


3

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Venerdì 1 Giugno 2012

Lettera aperta del gruppo editoriale ai lettori del Corriere Trapanese “Assieme a voi per andare incontro al futuro”

P

artiamo subito dal nodo principale. Il giornale chiude o no? Risponde Ninni D’Aguanno, amministratore della E.di.si srl,casa editrice del giornale su carta “Corriere Trapanese” e del giornale on line “www.trapaniok.it”. Se intende dal punto di vista giuridico no, perchè una testata giornalistica chiude solo quando viene cancellata la sua iscrizione al Tribunale dove è stata registrata, e non è il nostro caso. Un giornale chiude quando non si avvale di alcuna redazione e, mi preme sottolineare, non è nemmeno questo il caso del Corriere Trapanese perché il personale, dal direttore al grafico, mantiene la sua collaborazione con la casa editrice. Cosa sta succedendo al Corriere Trapanese, allora? Le rispondo sinceramente, per rispetto dei nostri tanti ed affezionati lettori e degli inserzionisti. Il giornale sta muovendo i suoi primi veri passi verso il futuro dell’informazione. L’E.di.Si. srl è nata con un obiettivo: spostare il baricentro dell’attività editoriale sul web. Quindi viene meno solo il supporto cartaceo del pro-

getto editoriale della E.di.si srl? Sì, per il momento. Come lei ha già accennato nell’articolo di fondo, pubblicato a pagina 1, in realtà si tratta di testare, così come ci dicono i nostri tecnici web, immediatamente, se il territorio trapanese è pronto a ricevere un giornale esclusivamente on line, fruiibile attraverso i moderni mezzi di informazione ormai diffusi ed utilizzati da sempre più ampie fasce d’età. Spieghi meglio. Gli elettori avranno notato che già nei mesi scorsi sono state apportate delle modifiche sostanziali al sito web, a supporto del Corriere Trapanese, perchè avevamo deciso di avviare la fase cosiddetta Beta (sperimentale) del progetto editoriale complessivo.

Era intenzione del gruppo che rappresento, mantenere la doppia finestra informativa funzionante (su carta e su web), scelta che non rimpiangiamo, per dare tempo e modo ai nostri lettori di seguirci passo dopo passo verso il completamento della fase di start-up, e quindi di sperimentazione, che sapevamo dovesse esserci necessariamente. La concomitanza della campagna elettorale, unitamente ad una richiesta di inserzioni pubblcitarie mirate prioritariamente al prodotto cartaceo, ci hanno suggerito di tardare il passaggio definitivo sul web. Quindi, sareste una sorta di pionieri dell’informazione web in provincia di Trapani? Assolutamente no. Fino a ieri abbiamo fatto le stesse cose di testate giornali-

stiche come Repubblica, La Stampa, Corriere della Sera etc... cioè assicurare il prodotto su carta unitamente, con i dovuti accorgimenti giornalistici, al prodotto web. Il Giornale di Sicilia, ad esempio, chiunque lo può comprare in abbonamento e leggerlo soltanto on line, con l’ausilio delle moderne tecnologie, dal computer all’I-pad. E voi? Noi siamo andati oltre. Siamo, infatti, arrivati alla fase successiva dettata anche, ma lo sappiamo da tempo, dalla necessità di abbattimento dei costi che il cartaceo implica (dalla salvaguardia dell’ambiente attraverso l’uso della carta, alla profonda crisi economica che sta investendo il mondo intero). Ci terrei a precisare, però, un fatto importante: innanzi tutto la E.di.Si srl è una società interamente a capitale privato. Non usufruiamo di agevolazioni pubbliche nè di contributi pubblici. In parole povere il progetto editoriale è interamente finanziato da privati che, non avendo la possibilità di farsi pareggiare i bilanci da enti pubblici, hanno come obiettivo primario, l’abbattimento dei costi pur nel rispetto della qualità

del prodotto. Forse non molti sanno che alla E.di.Si srl, le due testate “Corriere Trapanese” e “Trapani Ok” costano di media circa trentamila euro mensili, di cui oltre il 50% sono voci da ascrivere ai costi di stampa tipografica ed acquisto carta. Per le cose prima dette, mentre alcune testate giornalistiche possono considerare questo un problema secondario, per noi, ricordo società di capitale privato e senza contributi pubblici, diventa l’aspetto primario. Ecco che la E.di.Si srl nasce non per sperperare denaro ma, a mio avviso, forse utopisticamente, per mettere il territorio di Trapani al passo di realtà internazionali come Milano, Amsterdam e quant’altro, dove i giornali ormai sono consultabili quasi esclusivamente on line. E se a molti sembra un’assurdità, ricordo a tutti, ad esempio, che i certificati rilasciati dagli enti locali ormai si ottengono on line, che non si compra più un biglietto aereo in aeroporto ma attraverso il Pc e che non si usa più la classica Raccomandata A/R ma la cosiddetta PEC (posta elettronica certificata). Questi passaggi non li abbiamo certa-

mente decisi noi ma l’evoluzione dei tempi. Quindi l’E.di.Si srl non sta facendo altro che adeguarsi ai tempi. Direttore, se mi permette, però, una domanda la voglio fare io ai cittadini della provincia di Trapani. Prego... Vorrei sapere se si sentono già cittadini del terzo millennio e, quindi, se sono pronti a stare al passo coi tempi. Lo sono? L’E.di.Si srl sì ed è per questo che vi invitiamo a non smettere di seguirci attraverso il prodotto giornalistico più innovativo degli ultimi anni, che è il primo ed unico giornale on line della provincia di Trapani. E’ una sfida, in pratica? Non è una sfida. Da trapanese ritengo che sia un’opportunità per tutti, quella di avere un gruppo editoriale che si avvale solo dei propri capitali per fare informazione nel territorio. E’ un’idea ambiziosa, semmai, che vuole trasformare, nei fatti, un prodotto difficile come un giornale quotidiano in un vero e proprio “Grande Evento”. Buona fortuna, allora. Grazie di cuore a lei e a tutti i nostri lettori passati, presenti e mi auguro tantissimi futuri.


4

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Venerdì 1 Giugno 2012

Damiano si spiega meglio e chiarisce il suo pensiero “La stampa ha travisato le mie parole”

'

E’ giusto parlare di legalità, ma di legalità concreta: un laboratorio e uno studio finale dedicato all’alimentazione che faccia crescere la dote culturale di ognuno, lo preferisco ad un laboratorio sulla mafia'. Queste le parole con il quale il sindaco di Trapani Vito Damiano ha chiarito oggi pomeriggio, nel corso di una conferenza stampa, il senso dell’affermazione fatta ieri in occasione di un incontro con gli alunni e i genitori della scuola media "Simone Catalano". Damiano ha voluto spiegare meglio cosa stava dietro alla sua dichiarazione secondo cui 'parlare di mafia significa farle pubblicità'. Il primo cittadino di Trapani ha dichiarato che la sua considerazione scaturiva dall’avere assistito a produzioni scolastiche "retoriche e talvolta patetiche, spettacoli che parlano di mafia ma che non lasciano nulla nei giovani che recitano a memoria'. Secondo il sindaco bisogna puntare, invece, su progetti che riguardano lo sviluppo sociale, manifestazioni di altro tenore, che puntano sulla cultura e su modi concreti di applicare la legalità. Dobbiamo dare semmai ai ragazzi la convinzione che è

Per il sindaco di Trapani “la mafia non va spettacolarizzata” vera l’affermazione di Falcone - ha concluso - e cioè che la mafia può morire'. Il sindaco Damiano, inoltre, ribadisce di non avere detto di non gradire i progetti culturali che parlano di mafia: “Ci sono progetti culturali che meritano il massimo dell’attenzione, specialmente quando coinvolgono i più piccoli, ma non siginfica che gli altri progetti basati sulla spiegazione della mafia non meritano. Semplicemente - ha sottolineato - preferirei che si abbassero i toni sulla mafia anche perchè ci sono sedi opportune dove parlarme. I

progetti culturali, dagli spettacoli alle fiere e quant’altro, vorrei che denotassero il cambiamento culturale dei ragazzi. La mafia non va spettacolarizzata. Sulla mafia vanno fatti dibattiti, tavole rotonde, ma non gli spettacoli dei bambini. Per me è meglio che reciti una poesia dove mi dimostri che stai cambiando e che, mantenenedo alta l’atnzione, mi dimostri che combatti nei fatti la subcultura mafiosa. Allora tanto vale che promuoviamo la vendita delle magliette con su scritto “IL PADRINO”. Questa non è antimafia”.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Agricoltura

Sindrome del candidato trombato La politica ha i propri riti e le proprie liturgie che ciclicamente si ripetono dalla notte dei tempi. Ad esempio gli scompensi psicologici all'indomani delle elezioni amministrative si evolvono secondo un rituale ormai consolidato. Del resto con svariate centinaia di candidati che si disputano poche decine di seggi nei consigli comunali è comprensibile che a posteriori la schiera dei delusi sia molto più folta di quella dei sodisfatti dall'esito del voto. La pataologia che afligge i delusi ha un decorso ormai collaudato. I candidati "trombati", come definiti in gergo, vengono immediatamente afflitti da una febbre da cavallo, e l'alta temperatura corporea come si sa genera perdità di lucidità. La differenza, talvolta enorme, fra i consensi previsti e quelli realmente ottenuti, viene regolarmente attribuita dal trombato di turno a "responsabilità dall'alto". Questi "potenti" sarebbero rei di avere determinato spostamenti massicci di preferenze, quasi sempre l'evento chissà perchè avrebbe avuto luogo la notte del sabato, a favore

degli eletti ed a sfavore dei trombati. Il decorso della malattia varia da candidato a candidato. Nei casi più gravi sfocia nelle dimissioni dal partito, chi studia questi flussi può statisticamente rilevare come i cambi di casacca abbiamo un picco all'indomani delle consultazioni elettorali. Nei casi meno gravi ci si limita a dimettersi dalle cariche eventualmente ricoperte nel partito di riferimento. In questo secondo caso spesso è sufficiente somministrare al "paziente" un invito alla riflessione ed un ringraziamento per il contributo comunque dato, per determinare un successivo ritiro delle dimissio-

ni. Gli addetti ai lavori, addusi a queste patologie, non si preoccupano più di tanto. Sanno che, come per tutte le influenze di stagione, il tempo rimane la migliore medicina. La delusione dopo un pò passa e spesso se il candidato trombato ha nel frattempo contratto il virus della passione politica, ricomincierà a lavorare in funzione di un prossimo appuntamento elettorale. Sperando stavolta di essere più bravo o più fortunato. Ma talvolta, nonostante l'assunzione degli appositi vaccini, alla prima occasione la febbre ritorna. Onorevole Nino Oddo

//////////////////////////////////////////////////////////////

Saranno indette selezioni per assunzioni in Airgest Il via libera dal Consiglio provinciale

2 giugno, cerimonia ufficiale a Trapani

I

C

on 16 voti favorevoli e 3 astenuti il Consiglio Provinciale di Trapani ha approvato ieri sera un ordine del giorno, illustrato in aula dal consigliere Ignazio Passalacqua (Sel), che impegna l'Amministrazione della Provincia di Trapani e indirettamente la società partecipata Airgest a indire per le selezioni di personale presso l'aeroporto Vincenzo Florio di Birgi, sia nei casi di assunzioni a tempo parziale che indeterminato, concorsi pubblici di selezione per titoli ed esami, con criteri di selezione chiari, e che a questi venga data ampia pubblicità attraverso i mezzi d'informazione e i siti specializzati. Sempre per quanto riguarda l'attività ispettiva, è stata invece respinta (13 i voti contrari, 11 quelli favorevoli e 1 astenuto) la mozione con cui

veniva chiesto il totale azzeramento del Consiglio di Amministrazione della società partecipata Megaservice. Il documento era stato presentato nello scorso mese di dicembre dal consigliere Salvatore Daidone ed era stato sottoscritto anche dagli altri componenti del gruppo PD, dai rappresentanti di Sinistra ed Ecologia, Ortisi e Passalacqua, nonché dai Consiglieri Bonanno (Mpa – Progetto Sud) e Giammarinaro (Udc). La bocciatura di questa mozione ha provocato la reazione del capogruppo del Pd il quale ha affermato che “il consiglio in questo caso ha rinunciato a svolgere il proprio ruolo politico. Da domani – ha aggiunto Daidone – porterò avanti un’ulteriore attività ispettiva che renderò pubblica al momento opportuno”.

n segno di solidarietà per le vittime del terremoto in Emilia il programma delle celebrazioni cittadine per domani, Festa della Repubblica, sarà limitato alla cerimonia che si svolgerà dalle 9 alle 11 a Piazza Vittorio Veneto. La manifestazione prevista a piazza Mercato del pesce è annullata. Il traffico veicolare subirà le seguenti limitazioni e divieti: divieto di sosta con rimozione forzata dalle 8 alle ore 12,30 in via Palmerio Abate, ambo i lati, tratto da via Platamone a via dei Giardini, viale Regina Margherita, ambo i lati, via Torrearsa, lato ovest, tratto compreso tra la via Libertà e piazza Mercato del pesce, litoranea Dante Alighieri, ambo i lati, tratto compreso tra la piazza Mercato e il numero civico 30, eccetto per i veicoli delle autorità. In base all’ordinanza del sindaco Vito Damiano, infine, i negozi potranno restare aperti per l’intera giornata di domani.


5

CORRIERE TRAPANESE TRAPANI

Agricoltura Antiracket e Antiusura Associazione

“Mafia normale” in scena Una rappresentazione teatrale per sensibilizzare gli studenti

U

na rappresentazione teatrale promossa dall’associazione Antiracket e Antiusura di Trapani, sarà portata in scena lunedì prossimo, con inizio alle 21, al cine-teatro Arlecchino. Lo spettacolo, intitolato “La mafia normale”, rientra in “un progetto mirato a sensibilizzare i giovani e l’opinione pubblica su temi fondamentali e più che mai attuali della legalità e della lotta alla sub-cultura mafiosa”. Lo spiegano gli organizzatori, precisando che “l’evento, dedicato alle associazioni, alle autorità e alle istituzioni scolastiche, costituirà una preview per un’iniziativa che entrerà in una fase operativa a partire dal prossimo autunno, con un lavoro di rappresentazione e azione negli istituti secondari della provincia di Trapani e non solo”. Il lavoro teatrale, scritto da Marco Rizzo e diretto da Piervittorio Demitry, sarà interpretato dagli attori Tiziana Ciotta, Marco Marcantonio e Michele Morfino, nonché dalla giovanissima Lorena Ingarsia. “La mafia normale” è “un’opera di impatto, che scavalca i confini dell’im-

maginario lanciando un messaggio provocatorio ed impone - viene anticipato una riflessione attenta su determinati atteggiamenti che rivelano i germi delle grandi illegalità e della loro passiva accettazione da parte di molti”. “è una rappresentazione teatrale pensata per i giovani - precisano i promotori dell’iniziativa - affinché siano informati e sensibilizzati e possano rivolgere uno sguardo consapevole sulla nostra realtà e su quanto certe pratiche criminali, che non sono diverse da quelle di stampo mafioso, siano ancora troppo diffuse e accettate nella nostra società”. Per informazioni, gli interessati possono contattare il numero di cellulare 380 9079251. F.G.

Venerdì 1 Giugno 2012

Partanna, latitante rumeno localizzato dai carabinieri Destinatario di due ordini di cattura europei

E

ra ricercato a livello internazionale, da quando nei suoi confronti erano stati spiccati ben due mandati di arresto europeo. Anton Silviu Remus, di 33 anni, originario di Brasov, in Romania, è stato rintracciato a Partanna, dove aveva trovato domicilio. La latitanza è stata interrotta con l’arresto, da parte dei carabinieri della locale stazione, nel corso di un monitoraggio riguardante la regolarità del soggiorno di stranieri nel territorio di competenza. Gli ordini di cattura sono stati emessi dall’autorità giudiziaria romena, per i reati di frode, truffa ed altro, nonché per una condanna definitiva ad oltre quattro anni di reclu-

sione. I controlli eseguiti dei carabinieri, disposti dal Comando provinciale ed estesi anche alla periferia di Partanna e alle campagne circostanti, hanno portato all’individuazione del latitante. Dopo alcuni giorni di appo-

stamenti, è scattato il blitz, diretto dal luogotenente Fabio Proietti. Anton Soliu Remus è stato fermato in contrada Fontana, nelle vicinanze della piccola abitazione che divideva con una connazionale. “Non appena è stato bloccato - raccontano gli investigatori - l’Interpol di Roma ha confermato che sul cittadino rumeno pendevano i due mandati di arresto europeo. Il rumeno, che non ha opposto resistenza all’arresto, è stato rinchiuso nella casa circondariale di Marsala, a disposizione della Procura generale della Corte di Appello di Palermo, per la successiva estradizione al paese d’origine. F.G.

Ruba Pc portatile da veicolo in sosta Preso pregiudicato

U

n pregiudicato di 27 anni, Nicolò La Barbera, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Trapani, con l’accusa di furto. Una pattuglia ha notato il giovane in fuga, quando si era appena impadronito di un computer portatile, prelevandolo dall’abitacolo di un’auto parcheggiata in via di ponte Salemi, a Xitta. Dopo un breve inseguimento, il giovane è stato arrestato, mentre la refurtiva è stata riconsegnata al proprietario. Il pregiudicato, su ordine dell’autorità giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. (f.g.)

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Coltivava marijuana in casa, arrestato Blitz nel centro storico di Castellammare del Golfo

N

ella flagranza del reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, i carabinieri hanno arrestato Ben Hassine Jeweir, trentaduenne nato a Erice e residente a Castellammare del Golfo. Il giovane, che lavora da alcuni anni in un bar-pizzeria gestito dalla sua famiglia nella spiaggia Playa, da qualche tempo era tenuto

sotto osservazione da parte dei militari della stazione di Castellammare. Dopo alcuni giorni di pedinamenti, gli investigatori sarebbero entrati in azione, procedendo ad una perquisizione domiciliare in casa del giovane, nel centro storico di Castellammare del Golfo. Nel corso dell’intervento, i militari hanno scoperto 19 piante di

marjuana, alte circa mezzo metro ciascuna, rinvenendo anche un faro a luce riscaldante ed un bilancino elettronico di precisione. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Dopo le formalità del caso, Ben Jeweir è stato trasferito nella casa circondariale di Trapani, a disposizione della magistratura. (f.g.)


6

CORRIERE TRAPANESE MARSALA

Soppressione del carcere

“Revocate la chiusura” Cgil: “Non ci sono motivazioni a supporto del provvedimento”

Venerdì 1 Giugno 2012

Acqua da Montescuro per il Comune di Marsala Il progetto coinvolge Mazara e Petrosino

C “

In un territorio ad alta densità mafiosa la decisione di chiudere la Casa circondariale di Marsala rappresenta un fatto grave che non trova riscontro nelle motivazioni indicate dal Ministero della Giustizia.” E' la presa di posizione del coordinatore provinciale dei Penitenziari della Funzione pubblica Cgil di Trapani Pietro Privitera che, con una nota, interviene, ancora una volta, sul decreto (del 6 maggio 2012) del Ministero della Giustizia che stabilisce la chiusura definitiva del Carcere di Marsala per “le condizioni strutturali e igienico sanitarie gravemente precarie, tali da pregiudicare la sicurezza degli operatori e dei detenuti” e “poiché i lavori da realizzare

sono troppo costosi rispetto alla capacità ricettiva della casa circondariale.” La Funzione pubblica Cgil evidenzia, inoltre, l'importanza della Casa Circondariale di Marsala, Istituto a servizio della Procura di Marsala, in cui operano ventisette agenti di polizia penitenziaria e dieci lavoratori amministrativi. “Non appena il Carcere verrà chiuso – ha detto Privitera - i lavoratori saranno costretti a subire il trasferimento con una grave penalizzazione sul piano economico e delle spese. Anche per tale ragione – ha concluso il sindacalista – chiediamo al Ministro della Giustizia Paola Severino di rivedere la decisione assunta e revocare il provvedimento di chiusura”. (m.c.)

on la firma del Protocollo d'Intesa a Palermo la città di Marsala ha posto tutte le premesse per risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico. Assieme ai Comuni di Mazara e Petrosino, infatti, Marsala rientra tra i beneficiari del "Progetto di adduzione delle acque dal sistema GarciaMontescuro Ovest". Un investimento di oltre 13 milioni di euro che, in questo primo stralcio esecutivo, consentirà la costruzione di appositi allacciamenti all'Acquedotto Montescuro che alimenterà i tre Comuni trapanesi. Soddisfazione per il risultato raggiunto esprime il sindaco Giulia Adamo: "Ho seguito il progetto come parlamentare regionale e, adesso, il fatto di poterlo realizzare come sindaco di Marsala è un ulteriore motivo di orgoglio". Alla sottoscrizione del Protocollo d’Intesa ha partecipato – su delega sindacale – l’assessore Antonio Vinci. “Ritengo che si tratti di una svolta determinante per Marsala sul fronte dell’erogazione idrica – afferma il vice sindaco con delega all’Acquedotto - la falda

acquifera si è nel tempo assottigliata, ma alla scarsa disponibilità della risorsa si potrà ora porre una soluzione definitiva grazie a questo

Antonio Vinci lungimirante progetto”. Con la sottoscrizione del protocollo, Marsala e gli altri Comuni interessati si obbli-

gano a stipulare i contratti di fornitura idrica con Siciliacque, la Società cha ha proposto la soluzione infrastrutturale per il nuovo Acquedotto Montescuro Ovest. E ciò in base alla normativa di riferimento che coinvolge il Dipartimento Regionale dell’Acqua-Rifiuti e dell’ATO idrico 7, entrambi gli Enti sottoscrittori del medesimo Protocollo. Per il 70 per cento dei costi del progetto ci si avvarrà di finanziamenti comunitari (POR FESR 2007-2013), la cui copertura in bilancio è già stata deliberata dalla Regione Siciliana. La rimanente parte dei costi graverà sui fondi di Siciliacque SpA. Michele Caltagirone

IN BREVE Interessi eccessivi Banca condannata Il Tribunale civile ha condannato la Banca Antonveneta di Marsala per anatocismo. Sono stati infatti giudicati eccessivi gli interessi calcolati nella ricapitalizzazione trimestrale relativi ad un prestito concesso a due coniugi marsalesi. Il giudice Matteo Giacalone ha riconosciuto illegittime le somme pretese dalla banca, condannandola a pagare ai coniugi Saladino 10.841 euro più gli interessi a tasso legale maturati a partire dal 28 giugno 2007.

Furto in abitazione in contrada Birgi Furto in in un'abitazione di contrada Birgi, alla periferia nord di Marsala. Sono stati rubati ori e monili per un valore stimato di circa 6000 euro. I ladri hanno preso di mira un'abitazione sulla strada che porta a San Teodoro. Il furto è avvenuto tra le 8 e le 13. Ad essere presa di mira la villetta di un impiegato statale che vive nell’immobile in questione assieme alla moglie ed un figlio.

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

“Baluarte”, ultimo spettacolo domenica al Baluardo Velasco

“Celebrazioni sobrie in linea con i dettami del Presidente”

In scena “Quasido” con Diana D’Angelo

Decise le manifestazioni del 2 giugno

U

n enorme pentagramma ,con tanto di note e chiave di violino, accoglierà gli spettatori per l’ultimo spettacolo della stagione 2012 della rassegna “Baluarte”, al Baluardo Velasco. L'appuntamento è per domenica alle ore 18. Ad animare la scena sarà una nota, un “Si”, che, profondamente toccata dalla voglia di evolversi, chiede di diventare un “Do”. “Quasido” è un testo inedito e mai rappresentato, del drammaturgo marsalese Claudio Forti e verrà interpretato da Diana D’Angelo, con la regia di Salvo

TRAPANI - Bar Exedra - Armonia dei Sapori - Caffè Mojito - Radio Londra - Bar Aris - Bar Milo - Red Passion - Bar La coffea arabica - Bar Nocitra - Baia dei Mulini - Bar Kennedy - Caffè delle Rose - Sweet Cafè - Fardella 78 - Bar Ciclone - Confartigianato Patronato Inapa - Caffè Salemi - Caffè Lieto - Caffè Villafiorita - Coffee and Go - Bar Meditterraneo

Ciaramidaro. Il “Baluardo Velasco” conclude la stagione 2012, durante la quale ha presentato alla città ben quindici spettacoli, tutti di livello, con l’unico momento autoreferenziale: un lavoro divertente, originale e ricco di spunti di riflessione, visti i continui riferimenti al mondo degli umani che tutti ben conosciamo. Cosa fare quando non si è più soddisfatti della propria vita e si decide di cambiare, mettendo a repentaglio le certezze faticosamente acquisite? E’ quello che proverà a raccontarci “Quasido”, una nota che, della sua vita, della sua sto-

- Bar Red Devil - Svalutation Cafè - Bar Magic - Bar Piccadilly - Savoir Faire Cafè - Moulin Rouge - Grimon Cafè - Bar Sciuscià - La Caffetteria - Bar Giovanni & Nino - Bar Gallery - Bar Italia - Bar Colonna - Caffè Mirò - Bar Todaro - Bar Morana - Number One - Bar Messican - L’esco pazzo - Ricevitoria Nicolosi - Anymor! Cafè - Ricevitoria Cicala - Bar Enjoy

- AgipCafè - Punto G. Caffè - Ciuri Ciuri - Tabacchi Milo XITTA - Bar Ritrovo PACECO - House Cafè - Bar Sombrero - Bar Kalumet - Blue Bar - Pasticceria Sugamiele - Bar Mazzara - Bar Tiffani - Vogue Cocktail NAPOLA - Bar Erice - Urban Tribe VALDERICE - Bar Baldo - Bar Venere - Caffè Vespri - Avenue Cafè

“ ria e delle sue rivendicazioni, farà occasione di rinascita, di consapevolezza e di voglia di giustizia. Diana D’Angelo, attrice eclettica e di notevole spessore, con la regia attenta e puntuale di Salvo Ciaramidaro, proverà, quindi, a rendere al meglio le ansie ed i sogni segreti di una nota, ansie e sogni che non si discostano molto, in verità, da quelli di tutti noi.

CUSTONACI - Il Forno a Legna di Pellegrino - Bar Odissea BONAGIA - Miramare RILIEVO - Bar dello sport - Solaris - Fresh Fruit PALMA - Bar Mirage MARSALA - La Boutique del Pesce - Ortofrutta Service - Sup. despar via trapani - Sup. Despar Cda P. Fiumarella - Sup. Despar via Mazzini - Moka Caffe’ - Buondi' - Car Service - La Piazzetta - La Trattoria del Cavaliere - Tabaccheria Licari Michele

In linea con quella che è l’indicazione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Marsala festeggerà con sobrietà la ricorrenza del 2 Giugno, confermando l’impegno dell’amministrazione a difesa della Costituzione italiana e della legalità. Pertanto, invito la cittadinanza a sfogliare assieme a noi questa importante e significativa pagina della Storia italiana”. Lo afferma il sindaco Giulia Adamo che – di concerto con l’assessore Patrizia Montalto (Politiche culturali) – ha approvato il programma istituzionale, con le iniziative che si svolgeran-

- Panificio Porta Sapori - Panificio Raia - Luigi bar - Bar Diego - Stazione ERG Pedace - Panetteria Bonomo Valentina - Fuel Station s.n.c. - Tabacchi Ferro - Panificio Saladino - Panificio Mannone - Rivendita Leone - Chiosco di Zerillo - Panificio Agate - Bar Annabel - Tabacchi Ingarra - Panificio Porta Sapori - Alim.Sanguedolce - Panificio Bottega del fornaio - Panificio 2000 - Bar las vegas - Bar Azzurra - Bar Saro - Bar Aloha

no domani pomeriggio. Si comincerà con lo spettacolo di marionette Peppino di Cinisi contro la mafia, alle ore 17.30 nel porticato di Palazzo VII Aprile. Nella stessa storica sede istituzionale, seguirà l’apertura della mostra documentaria Marsala e la Repubblica, curata dall’Archivio storico comunale. In esposizione importanti atti riguardanti sia il referendum monarchia/repubblica del ’46 che la Costituente, nella cui Assemblea fu eletto il marsalese Francesco De Vita. Infine, alle ore 19, in Piazza della Repubblica, l’intervento del sindaco Giulia Adamo, preceduto dall’esecu-

- Panificio Lombardo - Bar Saviny - Bar Imperial - Pasticceria MF - Bar Enzo e Nino - Bar Repubblica - Bar Le Delizie - Bar Garibaldi - Bar Papagaio - Bar Oltremare - Centrocopia - DNT Service - Euro Bar - Bar Napoli - Bar del Cacciatore - Bar Happy Days - Dolce tentazione - Panificio Bonomo - Bar Antony - Bar Oasi - Panificio Bica - Caffe' Noir - Non Solo Pane

- Bar S.Francesco - Bar Spring - Pasticceria Lilibeo - Panificio Taibba - Bar Victor - Bar Veliero - Bar Mirage - Il Bocconcino - Bar Royal - Bar CapitanoRosso STRASATTI - Pasticceria Giglio - Caffè Micael PETROSINO - Bar Micael - Bar Famila - Panificio Aurora - Bar Wood House - Ground service - Panif. Martinciglio - Bar le Delizie - Bar Sandokan - Bar Jenny

zione dell’Inno Nazionale e di quello Europeo eseguito dalla Banda musicale Scarlatti. In programma anche altre due momenti curati da Nicola Fici, neo consigliere comunale delegato dal sindaco: gli alunni delII e V Circolo Didattico canteranno alcuni brani musicali; mentre gli studenti del Liceo Classico “Giovanni XXIII” leggeranno alcune storiche pagine repubblicane.

- Caffè Movida ALCAMO - Bar Ungheria - Bar Medici - Caffè Mirò - Bar Giarratano - Bar Grazia - Bisbar - New Zeus Bar - Bar Sport - Caffetteria Harri’s - Bar Cristal - Pausa Caffè - Bar dei Mille - Al Solito bar - Al Solito Posto - Diemme Bar


7

CORRIERE TRAPANESE SPORT

Venerdì 1 Giugno 2012

Il Trapani sente odore di B TRAPANI Isabel massaggiatrice 38enne dolcissima ed espertissima, abbondante decoltè tutto senza fretta per indimenticabili momenti. Tel. 347/5580469

La società ammessa come parte interessata nel processo scaturito dal “Calcio-scommesse”

M

entre il Trapani prosegue la preparazione per la gara d’andata della finale play-off contro il Lanciano, arrivano comunque ottime notizie dalla Commissione Disciplinare la quale ha ammesso al dibattimento del processo sportivo sul primo filone del processo “calcioscommesse” anche il Trapani. La società granata, insieme a Nocerina, Vicenza e Cesena, è stata dichiarata portatrice di interessi indiretti per ragioni di classifica e quindi potrà essere ammessa in Serie B in caso di presentazione della domanda di ripescaggio. Ovviamente tutti i tifosi si augureranno di andare nella serie cadetta sul campo, ma questa notizia può comunque dare tranquillità e serenità ad un’intera piazza che ormai ha tra le mani il sogno di una vita calcistica. In attesa di nuove decisioni i granata di Roberto Boscaglia sono partiti oggi alla volta di Lanciano per preparare nel migliore dei modi la sfida con i rossoneri di Carmine Gautieri, una partita importantissima, sicuramente la più importante della storia del Trapani. La formazione granata potrà contare su tutti i suoi effettivi ad eccezione

dell’attaccante Peppe Perrone, fermato dall’infortunio al polpaccio, e del difensore Massimo Lo Monaco, ancora alle prese con la rieducazione dopo l’operazione per la rimozione della placca alla caviglia. Se il Trapani non avrà nessun squalificato, ma comunque ben sei diffidati (Priola, Lo Bue, Filippi, Pagliarulo, Domicolo e Sabatino), lo stesso non si può dire del Lanciano che oltre al tecnico Gautieri, appiedato per due turni, dovrà fare a meno dei vari Amenta, Pavoletti e Titone. Tre assenze fondamentali per i rossoneri e di cui i granata dovranno certamente approfittare. Sicuro del suo posto al centro della

difesa, vicino al capitano Giacomo Filippi, sarà il foggiano Luca Pagliarulo che torna così sulla sfida di domenica scorsa che è valso al Trapani il raggiungimento della storica finale play-off: “Avevamo preventivato una loro partita votata all’attacco e – ammette Pagliarulo infatti è stato così perchè hanno sfiorato più volte la rete, però noi abbiamo saputo reagire e siamo sempre stati sul pezzo. Abbiamo continuato a fare quello che sappiamo, nella ripresa abbiamo impostato il gioco diversamente e siamo fortunatamente riusciti a trovare la rete del pari. Fisicamente stiamo bene perchè lavoriamo settimanalmente nel migliore dei

modi. Abbiamo dimostrato di poter correre fino al 95’, abbiamo sofferto però sul piano fisico siamo riusciti a reggere senza problemi. Domenica – prosegue il difensore granata - loro hanno preso le giuste contromisure al nostro cambiamento tattico, però siamo riusciti comunque a farcela e a metterli in difficoltà”. Un superamento del turno arrivato anche grazie al cambiamento tattico operato da Boscaglia che, soprattutto nella gara di andata, ha sorpreso i grigiorossi e che, con il ritorno dei vari Barraco e Gambino, potrà subire un ulteriore stravolgimento: “Noi partiamo con un assetto tattico ben preciso però le partite sono differenti e quindi ci dobbiamo anche adeguare e cambiare in corso d’opera. Tutto comunque – continua Pagliarulo - sta nella voglia e nella capacità di lottare per un obiettivo importante. Il ritorno dei vari big è un problema sia per il Lanciano che per il nostro mister che avrà

tanta abbondanza in tutti i reparti”. La storia è lì ad un passo ormai ed il progetto del comandante Morace sembra poter essere in grado di segnare traguardi storici. Traguardi che Pagliarulo, al suo arrivo, aveva già “annusato”: “Sapevo che c’era voglia di vittorie e piano piano ho cominciato ad immedesimarmi in questo ambiente che trovo ottimo sotto tutti i punti di vista. C’è stata qualche scoria con i tifosi, ma ormai l’abbiamo buttata alle spalle e ora sono a Trapani per vincere come tutti i miei compagni. Qualcuno adesso – conclude Pagliarulo - si sarà ricreduto però noi sappiamo che la maggior parte dei tifosi è con noi”. La sfida di domenica, che prenderà il via alle 15 e sarà trasmessa in diretta su RaiSport2, sarà diretta dal signor Fabrizio Pasqua di Tivoli, il quale sarà coadiuvato dagli assistenti Liberti e Valeriani e dal quarto uomo Roca. Giuseppe Favara

TRAPANI super novità, Perla affascinante massaggiatrice con corpo da modella, abbondante decoltè, provocanti massaggi completi con ghiaccio sotto la doccia, tutti i giorni. Tel. 339/4918396 TRAPANI Frankeya novità 23 enne, esperta massaggiatrice dal Curacao, disponibile a soddisfare ogni tuo desiderio, corpo da favola, abbondante decoltè ti aspetta ogni giorno in ambiente riservato e climatizzato. Tel. 366/8962910 TRAPANI Bella 40enne formosa, dolcissima e paziente massaggiatrice, decoltè abbondante e naturale, senza fretta ti aspetta in ambiente riservato tutti i giorni anche la domenica. Tel. 347/2977049

//////////////////////////////////////////////////////////////

Tennistavolo marsalese verso la promozione in C2 Germaine Lecoq sempre protagonista

Fosa, D’Amico, Gerardi e Nuccio

I

l tennistavolo marsalese punta alla promozione dalla D1 alla C2. Manca ancora una giornata nel campionato di serie D1 maschile e le due formazioni dell'ASD Germaine Lecocq di Marsala e di Trapani nell’ultimo impegno del torneo hanno ottenuto due interessanti vittorie. La formazione granata, composta da Giuseppe Cernigliaro, Giuseppe Gerardi e Salvatore Rodi si sono imposti per 5 a 1 contro l'ASD Paolo Sidoti di Palermo formazione che occupa la seconda in classifica e direttamente impegnata nella possibile promozione in C2. Importante vittoria che colloca la squa-

dra a metà classifica obiettivo preannunciato alla vigilia del campionato. Anche la prima squadra lilibetana della D1 composta da Francesco Fosa, Antonino D'Amico, Angelo Gerardi e Francesco Nuccio, hanno concluso vittoriosamente il loro impegno per 5 a 1 contro l'ASD Amanti del tennistavolo di Palermo. Gli azzurri non hanno concesso niente agli avversari con vittorie parziali abbastanza nette e questo ha permesso loro, nella penultima partita di campionato, di rimanere da sola in vetta alla classifica di serie D1 e di poter, concretamente, ambire ad una promozione in C2. Nicola Donato

TRAPANI Laura bruna 28 enne spagnola, dolce e carina, elegante ed intrigante esegue massaggi completi al naturale tutti i giorni anche la domenica. Tel. 327/2979520 TRAPANI Prima volta bellissima ragazza mora, 23 anni, dolcissima, pazientissima ed espertissima massaggiatrice, decolté abbondante e naturale. Tutto senza fretta per indimenticabili momenti di relax tutti i giorni anche la domenica. Tel. 340/0523670 TRAPANI Mulatta Maria bravissima massaggiatrice decoltè abbondante pazientissima, fa massaggi tutto con calma e senza fretta. Disponibile tutti i giorni, anche la domenica. Tel.320 9415431 T R A P A N I Massaggiatrici, bionda e mora, professionali ed esperte per farti impazzire ti aspettano in ambiente più che riservato. Tel. 331/9078088 334/1644854


8

CORRIERE TRAPANESE SPORT

Venerdì 1 Giugno 2012

“La Superba” si aggiudica il titolo tricolore classe j24

Quale futuro per il Marsala calcio? Spunta il nome di Pietro Franza

Vela, ottimi risultati per gli atleti marsalesi

La società lilybetana deve fare i conti con i problemi economici

//////////////////////////////////////////////////////////////

I

A

nche quest’anno è stato Ita 416 “La Superba” con i lilibetani Ignazio Bonanno, Simone Scontrino e Francesco Linares, il ragusano Alfredo Branciforte e lo spezzino Massimo Gherarducci ad aggiudicarsi il titolo tricolore della Classe J24, il monotipo più diffuso al mondo. Il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare, dal secondo giorno al comando del Campionato Nazionale Open 2012 perfettamente organizzato dal Club Nautico Arzachena in collaborazione con l’Associazione Nazionale Classe J24 e sotto l’egida della FIV, ha preceduto sul podio Ita 501 Avoltore armato dal CapoFlotta dell’Argentario Massimo Mariotti e ITA 460 Botta Dritta (LNI La Maddalena) armata e timonata dal Presidente della Classe Italiana J24 Mariolino di Fraia in equipaggio con Luca Montella (tattico), Gianluca Cataldi (prua), Marco Dorascenzi (centrale) e Andrea Tirotto (due) e altri 21 equipaggi azzurri. Enorme non solo la soddisfazione del Team che ha bissato il successo dello scorso anno, ma anche quello dei vertici della Marina Militare: “Sono orgoglioso del nostro equipaggio” ha commentato telefonicamente il Comandante di Marivela, C.V. Bruno Puzzone Bifulco “Questo dei J24 è un mio sogno e un progetto nato nell’ottobre del 2010 quando insieme ai ragazzi abbiamo deciso di prendere un J24, allenarsi e vincere il titolo tricolore 2011. Il secondo progetto era quello di continuare a vincere tutto quanto fosse possibile in questa entusiasmante Classe … e devo dire che le soddisfazioni stanno proprio arrivando!

So che i ragazzi vorrebbero andare al Mondiale… economicamente è un periodo piuttosto difficile ed è per questo che colgo l’occasione per invitare tutti gli sponsor che desiderino portare nel Mondo i colori azzurri ad avvicinarsi al nostro progetto e sognare insieme a noi”.“Questo Campionato si è corso su un campo difficile, con vento irregolare e tanti stranieri che ci hanno reso difficile il controllo dei diretti avversari italiani” ha commentato Ignazio Bonanno “Nell’ultima giornata il nostro scopo era superare gli americani e i brasiliani ma l’ocs e la relativa penalità nella prima regata ci ha fatto chiudere terzi overall. La partenza più bella del nostro Campionato, per me, è stata quella della terza regata, sulla barca Giuria, mentre la prova più bella è stata la quinta, combattuta con tutti fino all’ultimo bordo: abbiamo chiuso secondi alle spalle del Presidente della Classe con la sua Botta Dritta. Al rientro dalla trasferta sarda, dopo gli appuntamenti di St. Tropez e di Napoli con le vele d’Epoca a fine giugno, continueremo i nostri allenamenti ad Anzio dove la locale Sezione Velica della Marina Militare organizzerà il prossimo Campionato Nazionale J24. Desidero, anche a nome di tutto il mio equipaggio, ringraziare la Marina Militare per averci permesso di partecipare a questi Campionati, ed in modo partciolare il Comandante di Marivela, C.V. Bruno Puzzone Bifulco e il Comandante Antonio Falcomer, il Direttore del Centro Velico di Napoli, C.C. Carmine Muro, la FlottaJ24 di Roma e la Classe Italiana J24 con il suo Presidente Di Fraia”. N.D.

L’equipaggio de “La Superba” della Marina militare

n attesa dell’assemblea dei soci della prossima settimana, in città, tra gli sportivi, si teme un nuovo fallimento, ma questa volta senza la forza di riuscire a ripartire da zero o quasi, lasciando, quindi, un incolmabile vuoto. L’avvocato Giacalone è stato chiaro: “il ciclo mio e del mio gruppo ha raggiunto il capolinea, sono soddisfatto di questi sette anni. Eravamo abituati a vincere, è la prima retrocessione della nostra gestione e brucia molto! Spero che chi prenderà il nostro posto, farà bene, riportando la squadra nel breve periodo di nuovo in serie D”. Ma chi sarà disposto a continuare a far calcio a Marsala? I

Gerardi, sempre soci del club, saranno disposti a prendere le redini societarie? Oppure vista anche la situazione debitoria allarmante, ma non catastrofica (almeno così ci viene riferito) si tireranno indietro? Intanto, negli ambienti sportivi locali, si vocifera di un presunto gruppo palermitano che sarebbe disposto a farsi avanti, ma saranno le solite voci a cui i tifosi marsalesi ormai si sono abituati, dopo la fantomatica cordata capeggiata da Gallo? È spuntato addirittura anche il nome di Franza, ex patron del Messina dei tempi beati, probabilmente perché genero del nuovo sindaco di Marsala Giulia Adamo. Certo che se la voce dovesse trovare con-

Pietro Franza ferma, sarebbe l’imprenditore giusto per rilanciare il calcio a Marsala. In ogni caso siamo sicuri, che il nuovo primo cittadino della città di Marsala, prenderà di petto questa situazione per come

sa fare, riuscendo a rilanciare il calcio in città, grazie al coinvolgimento di imprenditori locali ma non necessariamente. Spesso la Adamo, in campagna elettorale, ha ribadito la volontà di rimediare agli errori di Carini, non ultimo quello di non concedere nemmeno un euro di contributo allo sport. Questa sua volontà, speriamo che la dimostri anche nello sport e soprattutto nel calcio. Si auspica, dunque, di scrivere altre nuove pagine meravigliose della centenaria storia calcistica dello Sport Club Marsala 1912 e di poter dire che gran parte del merito lo si debba attribuire all’Onorevole Giulia Adamo. Nicola Donato


1 giugno 2012