Page 1

EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Novembre 2013

Transport Web Snc - www.bustocoach.com

Bus To Coach DOTTOTRAINS

BUSWORLD

THE BEST

IBRIDI VOLVO MOVE.APP EXPO OTOKAR VECTIO U LE FLASH NEWS HIGH TECH STORE


RIVISTA ON-LINE abbinata a www.bustocoach.com - Novembre 2013 RUBRICHE

BusToCoach

AUTOBUS USATI ON LINE Sul sito www.bustocoach.com è attiva la sezione dedicata all’usato.

European on-line magazine Direttore responsabile

Marino Ginanneschi

marino.ginanneschi@bustocoach.com

Redazione e rapporti internazionali

Elena Prearo

elena.prearo@bustocoach.com

FLASH NEWS Solaris, Optare, Mercedes, Man, Plaxton, Setra.

HIGH TECH STORE Volvo, VDO, Voith, Ziehl, Konvekta, Contelsys, Q’Straint.

FILO DIRETTO

Foto e video

Marco Degano

marco.degano@bustocoach.com

Amministrazione

Transport Web di Marco Degano & C Snc I 20149 Milano Via Silva 33

E-mail: bustocoach@bustocoach.com Internet: www.bustocoach.com Registrazione Tribunale di Milano n. 140 del 16/03/2012

DOTTOTRAINS Debutta in Francia lo shuttle elettrico DottoBus.

VOLVO Ancora ibridi in Europa, anche in Euro VI.

MOVE.APP EXPO Molte discussioni attorno ai problemi di sempre.

IN PRIMO PIANO

***

BusToCoach® Magazine è inviato mensilmente via mail a 12.000 operatori europei del trasporto passeggeri in autobus. Se vuoi iscriverti alla nostra mailing list comunicalo a: bustocoach@bustocoach.com

OTOKAR Il Vectio Low Entry per il corto raggio.

BUSWORLD Tutte le novità presentate al salone di Kortrijk.

Se vuoi vendere o comprare un autobus usato, questa è la strada giusta. Puoi fare la tua inserzione o cercare tra i veicoli in vendita. *** Puoi accedervi andando sul sito e selezionando la Directory USATO oppure entrare direttamente al link www.bustocoach.com/it/ content/annunci


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

ELETTRICI IN GERMANIA

MAN EXPLORER IN SUD AFRICA

azienda di trasporti tedesca BraunschweiL' ger Verkehrs AG ha ordinato quattro autobus Solaris snodati a batteria con tecnologia

di ricarica induttiva fornita da Bombardier e apparecchiature elettriche di Vossloh Kiepe. I nuovi veicoli sono i primi autobus articolati a trazione elettrica con batterie in servizio di linea in Germania. L’ordine si inserisce nel progetto di ricerca PRIMOVE. A partire dal mese di dicembre, Braunschweiger Verkehrs AG, in collaborazione con Bombardier, trasformerà il servizio sulla linea M19 in elettrico. Il trasporto passeggeri sarà inizialmente effettuato con un autobus elettrico da 12 metri. Poco dopo entreranno in funzione gli articolati da 18 metri del produttore Solaris. I bus elettrici saranno equipaggiati con il sistema di ricarica rapido wireless PRIMOVE e con le nuove batterie PRIMOVE ad alta potenza.

ELETTRICI NEL REGNO UNITO

produttore britannico Optare è stato premiato per IL il suo autobus elettrico Versa alla 13a edizione del “Transport Naztional Awards” che si è tenuto a Londra il

17 ottobre 2013. Optare ha vinto nella categoria ‘Eccellenza nella Tecnologia’. Il modello proposto da Optare è il Versa EV provvisto di tecnologia per la ricarica rapida delle batterie. Il Versa EV è un autobus in taglia standard a piano singolo in grado di trasportare circa 50 passeggeri e questo modello è in servizio a Coventry con altre dieci unità pronte a entrare sulle rete di Nottingham, nel Regno Unito. Questa è la terza volta che Optare vince un premio per la sua tecnologia elettrica.

MERCEDES PER IL BRASILE

LA

controllata di Daimler, MercedesBenz do Brasil, ha vinto grossi ordini nella capitale Brasilia. Gli ordini comprendono 2.100 telai per autobus col marchio Mercedes-Benz destinati a quattro operatori locali del trasporto pubblico passeggeri. Il rinnovo è previsto entro dicembre 2013. I nuovi autobus andranno ad aggiornare una flotta di 3.300 autobus che sarà composta per oltre il 60% dai nuovi veicoli costruiti sui telai Mercedes-Benz. Le grandi città del Brasile stanno aggiornando il loro parco mezzi in vista del Campionato mondiale di calcio del 2014 e delle Olimpiadi del 2016. «Possiamo dirci soddisfatti delle vendite effettuate nel corso dell’anno», ha detto Hartmut Schick, responsabile di Daimler Buses, «l’incremento ammonta al 16 per cento e circa 8.700 sono le unità vendute in America Latina nella prima metà del 2013».

compagnia di trasporti sud africaLA na Great North Transport (GNT) ha scelto il marchio Man per modernizzare la sua

flotta con un totale di 80 Lion’s Explorer, tutti operativi entro novembre 2013. Dieci di questi veicoli sono già in servizio dallo scorso luglio sulle linee GNT, mezzi che percorrono fino a un centinaio di chilometri al giorno su strade prevalentemente sterrate. Si tratta di autobus interurbani a tre assi da 80 posti. GNT è il più grande operatore di trasporto pubblico della provincia di Limpopo in Sud Africa. La sua flotta conta 540 autobus e circa 37 milioni sono i passeggeri trasportati ogni anno.

IL PRIMO LEOPARD DI PLAXTON

laxton ha consegnato il primo Leopard, veicolo lanciato P al Coach and Bus Live 2013 (Birmingham, 2-3 Ottobre). Il mezzo è stato recapitato a Roy McCarthy Coaches con

sede a Macclesfield nel Cheshire (Regno Unito). Il nuovo modello è costruito su telaio Volvo B9R e misura 12,8 metri. È dotato di 57 posti a sedere con poltroncine Tourismo reclinabili rivestite in moquette blu e complete di cinture a tre punti regolabili, braccioli centrali e poggiapiedi. Tra le altre dotazioni, vi è il climatizzatore integrato e impianto radio/CD/PA Bosch. Il motore è l’economico 9.36 litri Volvo D9B da 380cv (Euro 5) abbinato al cambio automatico Volvo I-Shift. Il nuovo Plaxton Leopard ha una struttura in acciaio inossidabile e rappresenta il quarto modello introdotto da quando Plaxton si è unito con Alexander Dennis.

SETRA 500 PER LUFTHANSA

più grande compagnia aerea della LA Germania utilizzerà gli autobus da turismo della nuova gamma Setra ComfortClass

500 sulla rotta che collega Strasburgo all’aeroporto di Francoforte. Il proprietario dei due assi S 516 HD, con livrea Lufthansa sia dentro che fuori, è Transcontinental Tour (Traco Tours) con sede a Francoforte, partner di Lufthansa AG dal 2004. Il bus operator tedesco effettuerà viaggi di ritorno su tale percorso dodici volte al giorno per conto di Lufthansa. I pullman sono dotati di 48 sedili Setra Voyage Touring, moderno impianto audio/video e del pacchetto dei sistemi di assistenza offerto in esclusiva da Setra completo di Lane Assistant, Adaptive Cruise Control, Active Brake Assist (ABA2) con funzione aggiuntiva di stop-and-go, Attention Assist e sistema di monitoraggio automatico della pressione dei pneumatici.


BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

Novità da DottoTrains

Arriva DOTTOBUS Lo shuttle ecologico a trazione elettrica con batterie al litio. Il debutto lo scorso settembre sotto i riflettori dell’Euro Attraction Show di Parigi

ella ricca gamma di trenini su pneumaN tici col marchio DottoTrains debutta un nuovo modello. Si chiama Dottobus ed è veicolo ecologico a trazione elettrica. È stato presentato a Parigi lo scorso settembre in occasione dell’Euro Attraction Show, il salone europeo dedicato alle attrazioni per i parchi divertimento e i centri di intrattenimento. Dottobus è uno shuttle caratterizzato da un design moderno e dalle misure compatte. Misura 5.600 millimetri in lunghezza e 1.880 in larghezza. Alloggia 16 passeggeri (adulti) seduti.

Ma la portata può essere ulteriormente incrementata agganciando carrozze da 20 o 28 posti ciascuna. Il mezzo è equipaggiato di motore elettrico trifase con potenza di 18 kW. La batteria è al Litio da 700 Ah ed è facile da sostituire in caso di necessità. Pneumatiche le sospensioni posteriori. L’allestimento include selleria imbottita e portine pneumatiche con scalino retraibile pneumaticamente per agevolare l’accesso dei passeggeri in vettura. D o t t o Tr a i n s è un’azienda italiana leader nella produzione di trenini su pneumatici. La gamma si articola in quattro linee (classica, moderna, funny e su binario) e offre un’ampia scelta di locomotive e carrozze. I mezzi vengono progettati e prodotti nello stabilimento di Castelfranco Veneto (Treviso) in un’area di 10 mila metri quadrati. Oltre 2 mila i trenini Dotto circolanti nel mondo.

Altri articoli DottoTrains: www.bustocoach.com/it/node/914/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

Ibridi Volvo

I primi in EURO VI

In servizio a Oslo 17 Volvo 7900 Hybrid. In versione Euro VI gli ibridi Volvo commissionati in 20 unità dall’operatore britannico Lothian Buses

umenta in Europa la richiesta di autobus A ibridi prodotti da Volvo Buses. Ai primi di ottobre sono entrati in servizio a Oslo (Norvegia) 17 esemplari della serie 7900 Hybrid, seconda generazione degli ibridi targati Volvo. Acquistati da Nettbuss Øst, i 17 autobus presentano varie soluzioni di allestimento e sono dotati di parabrezza riscaldato elettricamente. In questo caso la manutenzione e le operazioni di servizio sono

state appaltate alla Volvo Bus Corporation. Il Gruppo Nettbuss vanta ora una dotazione 43 ibridi Volvo nella propria flotta. La Norvegia è il più grande mercato per Volvo nel segmento degli autobus ibridi con più di 80 veicoli in servizio. Altri ibridi Volvo sono stati recentemente commissionati nel Regno Unito da Lothian Buses che, dopo i primi dieci esemplari introdotti nel 2012, ne ha ordinati ulteriori venti. La consegna è prevista nel 2014 e questi saranno i primi Volvo 7900H Euro VI a pianale ribassato ad entrare in servizio. Il Volvo 7900H è un veicolo completo a piano singolo da 12,1 metri costruito su una catena cinematica ibrida. È equipaggiato di motore diesel da 5,1 litri Volvo D5K a 4 cilindri (240 cv), di motore elettrico Volvo con potenza nominale di 120 kW e cambio Volvo I-Shift. Il 7900H è inoltre provvisto di sospensioni pneumatiche a controllo elettronico e freni a comando pneumatico via EBS 5.

Altri articoli Volvo Buses: www.bustocoach.com/it/node/2194/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

Move.App Expo a Milano

AUTOBUS USATI ON LINE

I Problemi di SEMPRE

Sul sito www.bustocoach.com è attiva la sezione dedicata all’usato

Se vuoi vendere o comprare un autobus, qui trovi la strada giusta. Puoi fare la tua inserzione o cercare tra i veicoli in vendita. Trovare gli indirizzi di chi tratta l’usato o sapere quanto vale ogni singolo modello sul mercato italiano.

Nelle molte istanze di discussione, le analisi sullo stato dei trasporti in Italia ripetono da anni gli stessi problemi. La tecnologia avanza nell’assenza di scelte politiche

è svolta a Milano nei primi giorni di SI ottobre la prima edizione del forum Move.App Expo, iniziativa che ha come filo conduttore il tema “Innovazione tecnologica e politiche per la mobilità e i trasporti”. In pratica tutta la complessità del sistema di trasporto merci e passeggeri, su gomma e su rotaia. Tema spinoso in Italia, dove le politiche per i diversi comparti del settore continuano a brillare per la loro assenza di progetto e programmazione, limitandosi al più a interventi di carattere emergenziale. Per non parlare della cronica carenza di stanziamenti pubblici per la modernizzazione dei trasporti pubblici.Anche al Move.App Expo si è discusso di questo, purtroppo ripetendo analisi e proposte che da decenni non rientrano nelle priorità della politica. Le proposte portate dai tanti relatori delle sessioni della manifestazione milanese, hanno

comunque fatto rilevare l’avanzamento degli strumenti tecnologici a disposizione in campo ferroviario (infrastrutture e rotabili), intermodale e di gestione della mobilità urbana (Smart Cities). Per il trasporto pubblico su gomma, una manciata di veicoli in mostra all’aperto e le proposte di Rampini con il suo Alè elettrico con ricarica a pantografo, col quale dichiara la riduzione di un terzo dei costi del ciclo di vita rispetto al diesel; di Iveco che ha anticipato il Comcept Bus Ellisup presentato al Busworld, di Vossloh Kiepe con la tecnologia del filobus Exqui.City di Van Hool per la Tep di Parma, di Bombardier con il sistema di ricarica induttiva Primove e del progetto SimeBus (SunlIght ModulEs for Bus) per la produzione di energia per i servizi ausiliari mediante pannelli fotovoltaici flessibili sul tetto del veicolo.

Puoi accedervi andando sul sito e selezionando la Directory USATO oppure entrare direttamente al link www.bustocoach.com/it/content/annunci


HIGH TECH STORE

BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

PREMIATI PER L’INNOVAZIONE AL BUSWORLD DI KORTIJK LA 22esima edizione del KONVEKTA Il nuovo siste-

Busworld di Kortijk ha introdotto un nuovo premio, tutto dedicato all’innovazione e rivolto ai produttori di componenti e accessori che hanno preso parte alla manifestazione. I prodotti sono stati selezionati dalla giuria internazionale dell’ECW (European Coach & Bus Week) che ha premiato anche i migliori veicoli esposti. Sei le aziende premiate quest’anno: Voith Turbo per il suo retarder secondario Aquatarder SWR, e-Traction e Zhiel Abegg per lo sviluppo del sistema di trazione ZAwheel con le ruote motorizzate Thewheel. E poi ancora Konvekta per il nuovo impianto di aria condizionata che utilizza CO2 come refrigerante, Komtelsys per il sistema di infotainment Atlas2 e Q’Straint per Quantum, dispositivo completamente automatico per l’ancoraggio di carrozzelle a bordo di autobus o treni. Ma andiamoli a vedere uno per uno.

ma di aria condizionata sviluppato da Konvekta utilizza CO2 come refrigerante. La CO2 è una sostanza naturale, è prontamente disponibile in atmosfera e, dunque, innocua per l’ambiente. L’impiego di tale agente consente di fare a meno di refrigeranti chimici come l’R134 e R1234, che hanno un elevato potenziale per l’effetto serra. Konvekta ha lavorato sullo sviluppo di questo sistema per un certo numero di anni.

KOMTELSYS L’Atlas 2 rea-

lizzato dalla società tedesca Komtelsys è un sistema altamente sofisticato per l’intrattenimento dei passeggeri nei loro viaggi in autobus. Con Atlas2 i passeggeri vengono informati sulla localizzazione del veicolo ed aggiornati, ad esempio, sulla situazione del traffico o sul percorso del tour in pullman. Possono guardare la televisione e fruire di un intrattenimento personalizzato con musica, film e quant’altro. Ciascun passeggero può inoltre riprodurre sul proprio dispositivo mobile (smartphone, tablet, iPhone) una varietà di contenuti attraverso la rete locale. Utilizzando una carta di comunicazione mobile, l’impiego di internet è possibile attraverso il router integrato nel sistema. Ulteriori opzioni come la televisione DVBT e la visualizzazione della mappa, sono in programma. È inoltre previsto un collegamento ad una fotocamera panoramica. L’aggiornamento è realizzato su rete GSM, WIFI o mediante chiavetta USB.

VOITH TURBO La divisione del Gruppo Voith specializzata nella produzione dei sistemi di trasmissione, è stata premiata per l’Aquatarder SWR. Si tratta del primo retarder secondario al mondo che utilizza l’acqua come liquido per la frenatura al posto del classico olio. Nello specifico, l’acqua di raffreddamento del motore. Questa soluzione innovativa consente di fare a meno dello scambiatore di calore e non comporta manutenzione. Inoltre occupa il 50 per cento in meno di spazio di installazione rispetto ai retarder idrodinamici e pesa soltanto 42 chili. E con una potenza frenante di 3.500 Nm, assolve al 90% di tutte le operazioni Q’STRAINT Quantum è il di frenatura. L’Aquatarder SWR è montato di serie sugli primo sistema di ancoraggio per autobus Mercedes Travego Euro VI. carrozzelle completamente automatico. Una volta saliti sull’autobus o e-TRACTION e ZIEHL ABEGG Entram- il treno e centrata la sedia a rotelle be le aziende, la prima olandese e l’altra tedesca, sono state contro lo schienale, basta premere premiate per il sistema di guida elettrico ZAwheel. Destinato un pulsante per attivare la sequenza agli autobus urbani, tale sistema di trazio- di bloccaggio automatico e fissare ne è privo di cambio in quanto si avva- in tutta la sicurezza la carrozzella. L’operazione dura meno le di motori posizionati direttamente nei di 25 secondi e non necessita di alcuna assistenza da parte mozzi ruota con la tecnologia Thewheel. del personale di guida. Oltre ad una maggiore efficienza, ZAwheel In questo modo l’imbarco/sbarco di carrozzelle diventa più garantisce una riduzione dei costi di manu- semplice e rapido. Inoltre il dispositivo regola di continuo tenzione in seguito alla rimozione dell’80 l’aderenza durante il viaggio. Quantum è stato introdotto da per cento delle parti in movimento della Q’Straint dopo un anno di test sul campo in condizioni di trasmissione. guida estreme.

VOLVO I-COACHING

feedback immediato per migliorare le prestazioni UN al volante. Il tutto a vantaggio di

consumi, sicurezza e comfort. In una parola, I-Coaching. E’ il nuovo servizio offerto da Volvo Buses agli operatori del trasporto in autobus. L’unità I-Coaching si trova sul cruscotto del veicolo e monitorizza una serie di parametri di guida fornendo un riscontro immediato in caso di superamento di uno o più indicatori. Questi includono la frenata improvvisa, la brusca accelerazione e curvatura, i fuorigiri, i minimi alti, la velocità eccessiva. I parametri di guida vengono registrati e sintetizzati in un report e le statistiche andranno ad indicare se vi è una necessità di adattare lo stile di guida del conducente. «Con il miglioramento delle prestazioni di guida, è possibile ottenere un risparmio di carburante fino al 10 per cento», tiene a precisare Marie Carlsson, Direttore Business Solutions Europa di Volvo Buses. L’interfaccia utente I-Coaching è contenuta in un elegante supporto situato nel campo visivo del conducente e comunica con l’hardware di gestione della flotta tramite il computer del veicolo.

DTCO 2.1 ACTIVE

bbatte tempi e costi e, in più, reA gistra le coordinate GPS. Sono i requisiti del DTCO 2.1 Active,

versione aggiornata del tachigrafo digitale VDO (marchio del Gruppo Continental). La nuova edizione integra un modulo GPS (VDO GeoLoc) che memorizza in tempo reale i dati sulla posizione del mezzo, collegandoli con le attività. Tali informazioni possono essere scaricate e gestite dai sistemi di gestione flotte quali il TIS-Web per facilitare l’utilizzo dei servizi di mapping. Le integrazioni permettono di valutare in tempo reale le condizioni del traffico con la possibilità, quindi, di modificare il percorso in base alle necessità. Oltre ad incorporare tutte le innovazioni del tachigrafo DTCO 2.0 (vedi la “Regola del Minuto”) e ad essere conforme ai più recenti requisiti della legislazione dell’UE, il DTCO 2.1 Active include una funzione (il VDO Counter) che visualizza graficamente le ore di guida e riposo, registrando i tempi di inattività anche durante il trasporto marittimo.


BusToCoach on-line Magazine - Novembre 2013

A UDINE CON I VECTIO

Sono 8 gli Otokar Vectio 250 S da 9,2 metri consegnati dalla Mauri Bus System alla SAF Autoservizi di Udine

(Gruppo Arriva) ai primi di ottobre. Con allestimento extraurbano di linea a 39 posti seduti più 12 in piedi, faranno servizio sulle linee della Carnia e della zona di Cividale, mandando

in pensione i vecchi De Simon del 1998. Con questa commessa la Mauri di Desio si avvia al traguardo di dicembre con all’attivo 35 autobus Otokar consegnati in Italia nel 2013, in crescita rispetto al 2012, nonostante la situazione di crisi del mercato interno.

OTOKAR VECTIO U LE

Giusto per il Corto raggio

DIMENSIONI

Lunghezza mm 9.165 Larghezza mm 2.350 Altezza con AC mm 3.146 Passo mm 4.271 Sbalzo anteriore mm 2.116 Sbalzo posteriore mm 2.778 Diametro di volta mm 17.400 Serbatoio gasolio litri 200 Peso ammesso kg 13.500

ella gamma degli interurbani prodotti dalla N turca Otokar c’è anche il Vectio U LE in configurazione Low Entry. Un esemplare è stato

recentemente consegnato alla Sab di Bergamo, azienda del Gruppo Arriva, uno dei principali clienti di Mauri Bus System (importatore del marchio turco in Italia) con una trentina di autobus Otokar tra Navigo e Vectio nella propria flotta.


TECNICA

INTERNI

Motore Man D0836 LOH Cilindrata c.c. 6.871 Pot. cv(kW)/giri 250(184)/2.300 Coppia Nm/giri 1.000/1.200-1.750 Emissioni/sistema Euro 5/Egr Cambio Automatico Voith Freni a disco con Abs, Asr, Retarder Sospensioni Indipendenti ant. Pneumatici 265/70 R 19,5

Posti n. 29+21+1H+1 Altezza interna mm 2.400/2.000 Altezza pavim. mm 350/830

Comfort

Sedili Otokar Sedile autista Grammer A.C. Konvekta 24 kW Riscaldamento Eberspächer 24 kW Botole a tetto 1 elettriche vetrate Vetri Doppi oscurati

Comodità per Tutti

bordo del Vectio U LE c’è A posto per 29 passeggeri seduti, 21 in piedi più uno su sedia a rotelle. Corredata di quattro sedili pieghevoli, l’area carrozzella è collocata di fronte al secondo accesso attrezzato di rampa manuale Otokar a pavimento. Di produzione Otokar anche la selleria passeggero con i Sege rivestiti in tessuto e imbottiti su seduta e schienale (fisso). Sono completi di cinture a due punti (tre sui sedili esposti), bracciolo laterale abbattibile e poggiatesta integrato. Non mancano le cappelliere aperte con rivestimento esterno in velluto

(in tinta coi sedili) e mancorrente esterno a struttura tubolare indipendente. Il posto guida è rialzato rispetto al pavimento e racchiuso

Il Vectio U LE si sviluppa su una lunghezza di 9.165 millimetri ed ha un pavimento ribassato fino alla seconda porta, dopo di che si salgono due gradini per accedere al corridoio posteriore e altrettanti per raggiungere i sedili sotto al lunotto. I due accessi sono muniti di porte ad anta completamente vetrata, singola davanti e doppia centrale, con apertura traslante esterna. La struttura è autoportante e il design ripropone il tipico frontale con i gruppi ottici trapezoidali, i fari tondi in verticale sul retro e le fiancate con i vetri doppi oscurati.

tra una parete vetrata posteriore e lo sportello basso laterale. Il conducente prende posto su un sedile pneumatico Grammer con cinture a

Rispetto ai primi esemplari del Vectio, è stata migliorata la posizione del retrovisore sinistro, ora con braccio corto ancorato al primo montante. E su quello di destra gli specchi sono diventati tre, per offrire una visibilità completa anche su porta anteriore e frontale. L’abitacolo può alloggiare fino a un massimo di 54 passeggeri più carrozzella e, volendo, si possono aggiungere ulteriori quattro posti installando degli strapuntini nel box carrozzella (come sul veicolo della Sab). La disposizione dei sedili è su file doppie con gli anteriori collocati uno di fronte all’altro. Il veicolo viene

radio CD MP3, vetro laterale autista termico così come quello della prima porta. Sono inoltre di serie gli specchi esterni termici regolabili, i fari fendinebbia e retronebbia, la botola a tetto vetrata, il piantone tre punti di attacco. dello sterzo regolabile e il kneeling. La dotazione standard include im- A richiesta, i sensori di parcheggio, pianto di aria condizionata Kon- i vetri laterali doppi e l’impianto vekta e preriscaldatore Eberspächer, video.

offerto con impianto di aria condizionata Konvekta da 24 kW e riscaldatore supplementare Eberspächer. Il Vectio U LE recapitato alla Sab di Bergamo è equipaggiato di motore MAN D0836 LOH65 a norme Euro V con sistema EGR. Posteriore longitudinale, è un 6 cilindri con potenza di 250 cavalli a 2.300 giri e coppia di 1.000 Newtonmetri a 1.200-1.750 giri. Il cambio è l’automatico Voith Diwa 5 con rallentatore idraulico integrato. Nel vano motore non manca il sistema di rilevamento incendio. Da sottolineare che sulla versione aggiornata

all’Euro VI, presentata in anteprima all’ultimo Busworld di Kortijk insieme agli altri modelli della rinnovata gamma Euro VI, la potenza del motore Man D0836 LOH73 resta invariata. L’impianto frenante pneumatico agisce su dischi autoventilati ed è completo di Abs e Asr. Le sospensioni sono pneumatiche a controllo elettronico Ecas con sistema alza/abbassa e kneeling. Poggiano sull’asse posteriore firmato Dana e sull’anteriore a bracci indipendenti della Voith. Le ruote montano pneumatici 265/70 R 19,5, gemellati posteriori.

Altri articoli Otokar: www.bustocoach.com/it/node/5734/articoli-costruttore-italia


www.bustocoach.com - Newsletter del 14.12.2011

N

IVECO BUS - Magelys Pro E6

IVECO BUS - Crossway Pop E6

onostante l’andamento non proprio brillante del mercato europeo dell’autobus, la 22esima edizione del Busworld di Kortrijk, in Belgio, conferma una vitalità notevole degli operatori del settore, siano essi costruttori, allestitori o importatori di veicoli, presenti in oltre 50 e affiancati da una folla di specialisti in componentistica e servizi che hanno portato il numero degli espositori a sfiorare quota 400. Non meno imponente la risposta, che ha fatto registrare la presenza di oltre 32mila visitatori. In crescita rispetto all’edizione del 2011. A tutto campo le proposte dei costruttori che hanno affiancato all’adeguamento dei modelli alle prossime norme Euro VI sulle emissioni dei motori, novità assolute e una rinnovata attenzione verso le trazioni elettriche.

IVECO BUS - Ellisup Electric

La Vetrina d’EUROPA

Numeri da record per espositori e visitatori alla 22esima edizione del salone di Kortrijk, al centro del mercato europeo dell’autobus. Novità di prodotto per tutti

Iveco Bus – A Kortrijk è stato tolto il velo all’annunciato Concept Bus. Un veicolo che per i suoi contenuti innovativi, sia estetici sai tecnico-funzionali ha rappresentato la proposta più avanzata di tutto il salone. Non solo come ipotesi futuribile ma, come dichiarano in Iveco, sfruttabile a breve termine. Prende il nome di Ellisup dall’omonimo progetto sostenuto dall’Ademe (Agenzia francese per l’ambiente e la gestione dell’energia) guidato da Iveco in collaborazione con numerosi partner istituzionali e privati. Si tratta di un autobus da 12 metri a trazione elettrica con quattro assi a ruote singole da

17,5 pollici, quindi otto ruote, quattro delle quali con motori elettrici integrati (progetto Michelin), supercapacitori con sistema di ricarica al capolinea e interni spaziosi ad opera di un design tutto luci diffuse e rivestimenti in legno. In attesa di vedere l’Ellisup farsi realtà, sulla gamma Iveco Bus entrano in scena le motorizzazioni Euro VI con i nuovi Tector 7 e Cursor 9 con sistema di riduzione catalitica delle emissioni inquinanti Hi-eSCR, senza bisogno del ricircolo dei gas (Egr). Sull’Urbanway, nuova serie degli urbani già presentato all’Uitp di Ginevra, è salito il Tec-

SITCAR - Beluga tor 7 da 286 cavalli, montato in posizione longitudinale e non come la volta precedente con il Cursor 9 trasversale e rinvio angolare sulla trasmissione. Per la serie dei Crossway, delle cinque versioni proposte (Low Entry, Pop per trasporti scolastici, Line per uso intercity a medio raggio, High Value per il massimo comfort e Pro per i lunghi viaggi), si sono visti i 13 metri del Pop a 57 posti e del Low Entry da 49 più carrozzella. A rappresentare i turistici ci ha pensato invece il 12,8 metri Magelys Pro (a listino anche la serie Magelys Line per il medio raggio) con le luci diurne a Led integrate nei nuovi fari anteriori, allestimento interno a 42 sedili più tre tavolini, sistema multimediale e ovviamente motore Cursor 9 da 400 cavalli.


MERCEDES - Intouro E6

SETRA - S 431 DT E6

SETRA - S 517 HDH E6

MERCEDES - Tourismo K E6 Sitcar – Il carrozziere italiano anche quest’anno non ha mancato l’appuntamento con il Busworld portando il suo classico Beluga da 7,7 metri su telaio Mercedes 818. Veicolo però destinato ad essere sostituito a breve dal nuovo Voyager da 7,915 metri a 25 o 27 posti +1+1, realizzato su telaio Iveco. Daimler Buses – Come anticipato su BusToCoach di ottobre, dei marchi Mercedes e Setra è stata esposta tutta la gamma dei modelli con le nuove motorizzazioni Euro VI. Tra le novità Mercedes, il Tourismo K da 10,32 metri (3,37 l’altezza), adatto sia per i servizi turistici sia per i trasporti extraurbani (con posti in piedi), esposto nella versione Vip a 32 posti. Quindi il Citaro LE con passaruota evidenziati e look del frontale ripresi dai nuovi low floor da 12 e 18 metri, così come il posto guida rialzato e la nuova plancia. Con motore Euro VI anche il due assi Travego 15 RHD e l’Intouro M che si accorcia a 12,6 metri. Infine, nella serie dei mini, lo Sprinter Travel 65 nella nuova veste estetica e motore da 2,2 litri in Euro VI. Nella gamma Setra, occhi puntati sulla nuova TopClass 500, super premiata dalla giuria del Busworld, rappresentata dai tre assi S 515, 516 e 517 HDH. Tutta nuova l’estetica esterna con nuovo frontale e la ‘Linea’ laterale suddivisa in due parti e estesa fino ai gruppi ottici cuneiformi posteriori. All’interno, tetto in cristallo TopSky Panorama con una superficie maggiorata, luci soffuse a Led, sistema di

MERCEDES - Travego E6

riscaldamento ad aria sotto ai 50 sedili Setra Voyager Plus e volante multifunzione in pelle. In mostra anche un ComfortClass S 516 HD/2 da 13,1 metri e un due piani S 431 DT da 13,9 con motore OM 471 Euro VI da 510 cavalli. Man Truck & Bus – Protagonisti i motori Euro VI, in bella vista con sullo sfondo una nutrita rappresentanza dei modelli già conosciuti Man e Neoplan. Si va dal D0836 LOH verticale da 6,9 litri al D2066 orizzontale da 10,5 litri (da 360 cavalli sui 13 metri Man Lion’s Regio C e Neoplan Jetliner C), al D2676 LOH sempre verticale da 12,4 litri (da 440 cavalli sul Neoplan Cityliner da 12,2 metri e sul Man Lion’s Coach L da 13,8 metri) al motore a gas E2876 LUH07 orizzontale da 12,8 litri e 310 cavalli di potenza (sul Man Lion’s City GL da 18,75 metri), affiancati dal nuovo assale posteriore ipoide HY-1336-B con portata di 13 tonnellate. In evidenza sul parabrezza del Cityliner i risultati dei test di consumo registrati dal Tüv tedesco: 19,8 litri ogni 100 chilometri. Eurabus – Marchio del Gruppo Euracom, identifica l’omonimo autobus elettrico da 12 metri low entry di seconda generazione, presentato a Kortrijk (dopo i test svolti in esercizio sulla rete di Amburgo con il primo modello nel 2012 ). Si avvale della collaborazione con la cinese Tewoo per gli apparati elettrici, a partire dalle batterie al litio-ferro-fosfato da 214 kW. Il motore asincrono è da 130 kW di potenza e il consumo dichiarato è di 1,1 kWh al chilometro, inclusi aria condizionata e riscaldamento. Göppel – Nel marzo scorso il marchio tedesco è stato acquisito dalla holding russa Kirovsky Zavod che ha permesso il rilancio

MERCEDES - Sprinter Travel E6

MAN - Lion’s City GL CNG E6

NEOPLAN - Jetliner E6


EURABUS - Electric

GÖPPEL - go-4city 12 CCB - Open Top 12

TS - City Shuttle dell’attività produttiva. A Kortrijk ha portato due modelli della gamma degli urbani low floor. Il go-4city 12 a tre porte e il go-4city 19 da 18,75 metri, entrambi con motori Daf ma ancora in Euro V. Nella gamma anche la versione AutoTram a tre casse per 30 metri di lunghezza e il rimorchio da 9,6 metri. CCB – Come dice il nome CityCabrioBusse, solo autobus a tetto scoperto. Come il due piani da 12 metri di lunghezza che può ospitare fino a 78 passeggeri seduti. Il motore da 320 cavalli è firmato Man, anche in Euro VI e il tetto ha una copertura parasole ad apertura manuale su pareti vetrate. TS Fahrzeugtechnik – Specializzato in taglie piccole, ha esposto due allestimenti su Fiat Ducato Maxi: un TS Liner con piattaforma centrale e corridoio posteriore ribassati per un massimo di 26 passeggeri e un TS City Shuttle ribassato parziale per 22 posti. CityTrain – Dalla Germania anche proposte in tema di trenini gommati con la gamma CityTrain di cui è stato esposto un vagoncino a cinque porte vetrate. Kutsenits – In Euro VI i due modelli esposti. Il Tourist 719 su Sprinter 519 con motore da 190 cavalli, 30 posti, sospensioni pneumatiche posteriori, retarder Voith e accessori di comfort al completo. Su stesso telaio il ribassato City, con cambio automatico, trasmissione senza rinvio angolare e sospensioni pneumatiche posteriori, esposto però nella versione su Sprinter 516 per un massimo di 22 passeggeri. Hess – Dal costruttore svizzero uno SwissAlpin da 9,7 metri di lunghezza per 2,4 di larghezza, con pavimento ribassato fino alla seconda porta, struttura in alluminio

CITYTRAIN - Wagon CO-BOLT® e motore Scania Euro VI da 320 cavalli. Ad affiancarlo un veicolo aeroportuale a trazione elettrica. Va sotto il nome di SwissTosa (Trolleybus Optimisation Sistème Alimentation) ed è realizzato in collaborazione con ABB che firma il sistema di ricarica a pantografo delle batterie alle fermate in 15 secondi (ricarica parziale) e in 3/4 minuti al capolinea (ricarica totale). È un articolato da 18,7 metri che può trasportare 134 passeggeri. Fast – Oltre ai ben noti intercity Starter L da 13 metri e Starter LE da 12,8, il costruttore francese ha esposto il nuovo Scoler 5 da 12,6 metri da 58 posti su meccanica camionistica Renault (motore Euro VI da 280 cavalli). Gépébus – Dalla divisione del Gruppo PVI solo veicoli a trazione elettrica. L’Oreos 2X è un urbano a pavimento completamente ribassato, lungo 7,2 metri alimentato da batterie agli ioni di litio da 85 kWh e spinto da un motore elettrico da 47 kW collocato nel cofano anteriore. Si allunga invece a 9,3 metri l’Oreos 4X ribassato fino alla seconda porta, con batterie da 170 kWh e motore elettrico posteriore da 103 kW. NegoBus – Dal rivenditore francese si sono visti gli spagnoli Spica da 22 posti su Sprinter 513 della Car-Bus, il Ferqui F5 A, turistico da 38 posti su Atego e il nuovo Sunsundegui SC7, un RHD da 13 metri su telaio Volvo B11R. Indcar – In espansione l’attività del carrozziere spagnolo che dichiara per il 2013 una crescita dell’8% della sua produzione (350 veicoli) rivolta principalmente all’export (87%). Rafforzata quest’anno dall’alleanza sottoscritta con il costruttore

KUTSENITS - City Sprinter

HESS - SwissTosa Electric

FAST - Scoler 5 E6


GEPEBUS - Oreos 4X Elettrico

INDCAR francese Vehixel e dall’inaugurazione di Indcar Brasov in Romania. In mostra una sfilata di modelli già affermati sul mercato come il Mago 2 con allestimento turistico su telaio Iveco CC100E22, il Wing da 22 posti su Iveco 70C17 (in versione scuolabus ne sono state recentemente vendute 80 unità in Italia) e in versione Citybus con seconda porta sullo sbalzo posteriore ribassato. Tra le novità il Mobi con allestimento intercity a 33 posti, sempre su Iveco 70C17 e l’MCity firmato Vehixel con pavimento ribassato sulla doppia porta centrale e telaio Renault Master. Firmato Vehixel anche il Cytios ribassato in corrispondenza della doppia porta, su meccanica Sprinter. INTEGRALIA - in-Deluxe Integralia – Dal carrozziere spagnolo tre novità: in-Deluxe, in-Vip e in-Urban. L’in-Deluxe è un lussuoso minibus da 7 metri scarsi allestito su Sprinter 319 con sole quattro poltrone in pelle in zona passeggeri separata da una doppia anta scorrevole in legno come tutto il rivestimento interno, completato da tegoli rivestiti in pelle con bocchette di aerazione, luci diffuse a due colori, tendine individuali elettriche, sistema multimediale, macchina del caffè, cucina, frigo Wi-Fi e computer individuali. Su 7,5 metri invece l’in-Vip da 15 posti, su Sprinter 516 con bagagliera ribassata dietro portellone unico. Insonorizzato, interni in vero cuoio, sedili con poggiatesta smontabile, cappelliere con bocchette e luci, tavolino con illuminazione integrata azzurra e via di comfort. NEGOBUS - Sunsundegui SC7 Su Sprinter 516 anche l’in-Urban, un 7,3 me-

Mobi VEHIXEL - Cytios tri con pavimento ribassato nella parte centrale (con posto carrozzella) accessibile da porta a doppia anta anche ad apertura parzializzata. Dieci i sedili. Irizar – Per il costruttore basco, il passaggio all’Euro VI è evidenziato dalla nuova generazione degli autobus con struttura autoportante PB, i6 e i4. Per tutti, i nuovi motori sono firmati Paccar DAF. Per la precisione, sui turistici PB e i6 salgono gli MX11 da 369 cavalli (solo su i6 per UK), da 396 cavalli (solo per i6), da 435 cavalli e gli MX13 da 460 e 510 cavalli. Sugli interurbani i4 e i6 il motore è sempre l’MX11 ma con potenze ovviamente inferiori: da 326 (solo per i4), 369 e 396 cavalli. In mostra, un super accessoriato PB da 13,9 metri con 57 posti passeggero e motore da 510 cavalli, un i6 da 12,9 metri con allestimento turistico e 435 cavalli sotto al cofano e un intercity i4 da 12,2 metri con doppia porta centrale. All’esterno, anche due veicoli con guida a destra e quindi destinati al mercato inglese: un i6 e il nuovo i3 Low Entry, entrambi su telaio Scania per confermare la strategia Irizar di continuare a realizzare i suoi veicoli anche su telai delle principali marche. Unvi – Una novità nel segmento dei midibus con il Touring GT da 10,2 metri con motore anteriore Mercedes da 238 cavalli, posto per 41 passeggeri e 7,7 metri cubi di bagagli. Dello stesso veicolo c’è anche la versione con motore Man posteriore da 290 cavalli e 45 posti. Nei minibus, il nuovo Vega da 22 posti su Sprinter 516 e il Compa T (seconda generazione) da 29 posti su Daily 70C17, ancora in Euro V. E non poteva mancare il solito due

UNVI - Touring GT

IRIZAR - PB E6

IRIZAR - i6 E6


SCANIA - Citywide LF E6

VECTIA - Veris.12 Hybrid

BEULAS - Glory

SCANIA - Citywide LE E6

piani Urbis 2.5 DD Open Top da 10,5 metri. Ayats – Ha presentato il suo nuovo due piani Eclipse con estetica semplificata rispetto al precedente Bravo I. Lo si è visto nelle versioni da 13,3 metri per 81 posti e 9 metri cubi di bagagliera e da 14,6 con misure extra (alto 4,1 metri e largo 2,6), entrambi con motore Man da 480 cavalli. Beulas – Hanno sfilato i soliti modelli Glory HDH da 14,6 metri per 60 posti su telaio Man, Aura da 13,7 su Man e da 12,7 su Volvo e il due piani Jewel da 13,9 per 89 posti su telaio Man. Vectia – Debutta a Kortrijk la società nata dalla collaborazione tra il costruttore Castrosua e lo specialista in veicoli ferroviari Caf, per lo sviluppo di autobus a trazione ibrida e elettrica. In mostra l’ibrido low floor Veris.12 da 95 posti (30 seduti). Il motore termico può essere alimentato a gas (con bombole sul tetto) o diesel (Cummins ISB6.7 Euro VI). L’apparato elettrico di trazione comprende generatore trifase, motore elettrico, converter e resistori di frenata più super capacitori per l’accumulo dell’energia. Scania – Anche per il costruttore svedese, in primo piano i motori Euro VI. In particolare il nuovo DC07 101 con cilindrata di 7 litri e 280 cavalli di potenza destinato agli urbani LF e LE, con un notevole risparmio di peso rispetto al precedente 9 litri. Un sei cilindri con sistema d’iniezione common-rail ad alta pressione, turbina a geometria variabile e per abbattere gli inquinanti l’azione combinata di EGR e SCR. Va ad ag-

SCANIA - OmniExpress 3.40 E6

giungersi alle altre motorizzazioni Euro VI. Il 9 litri DC9 già previsto per alimentazioni diesel (da 250 a 360 cavalli), biodiesel (320 e 360 cavalli) gas (OC09 da 280 e 340 cavalli) e etanolo (in via di realizzazione). Il 13 litri DC13 per alimentazioni diesel (410, 450 e 490 cavalli) e biodiesel (450 e 490 cavalli). Quattro i veicoli in mostra con le nuove motorizzazioni. Un Citywide LF da 12 metri a tre porte, con struttura portante in alluminio, 21+2 sedili e ovviamente il nuovo motore DC07; della stessa serie il Low Entry da 14,8 metri, 53+2 sedili e motore a gas OC09 da 340 cavalli; l’high decker OmniExpress 3.40 da 13 metri con il DC09 da 360 cavalli con solo SCR per abbattere gli inquinanti; il Touring HD da 12 metri con il DC13 da 450 cavalli. Volvo – È in assoluto il maggior sostenitore della mobilità elettrica, intesa quale strada da seguire per i trasporti pubblici del futuro. Con oltre 1.200 autobus 7900 Hybrid da 10,6 e 12 metri venduti in meno di tre anni in ben 21 paesi, allarga la proposta con il 7900 Hybrid articolato da 18 metri (già presentato in primavera all’UITP di Ginevra). Intanto prosegue con la sperimentazione del sistema di ricarica a pantografo delle batterie (tre ibridi plug-in sono in servizio a Göteborg e altri otto entreranno in servizio a Stoccolma nel 2014) che verrà commercializzato in via definitiva nel 2015. Nello stesso anno Volvo parteciperà alla realizzazione di una linea di bus completamente elettrica in quel di Göteborg. Per quanto riguarda i motori diesel Euro VI, sugli autobus Volvo salgono i tre nuovi motori. Il 7,7 litri D8K da 280, 320 e 350 cavalli va a sostituire i precedenti 7 e 9 litri monta-

SCANIA - Touring HD E6

VOLVO - 7900 Hybrid 18

VOLVO - 9900 E6


VAN HOOL - A 308-Electric

VAN HOOL - Exqui.City

VAN HOOL - TX11 Alicron E6

VDL - Citea SLFA-180 E6

ti sugli interurbani 8900 e sul turistico 9500 mentre il 10,8 litri D11K da 380, 430 e 460 cavalli sostituisce il precedente 13 litri sui turistici 9700 e 9900. Sugli ibridi sale invece il 5,1 litri D5K da 240 cavalli. Van Hool – In prima visione l’urbano A308-E, un veicolo completamente elettrico lungo 9,5 metri e largo 2,35 con motore Siemens da 160 kW e batterie della Emrol tipo Nano LTO (al litio titanato) con una capacità di 26x60 Ah ricaricabili sia conduttivamente sia induttivamente come il veicolo esposto con sistema induttivo Primove 200 di Bombardier. Elettrico anche il sistema di climatizzazione firmato Sütrak/Eberspächer e 17 i sedili passeggero previsti. Tre veicoli entreranno in servizio a Bruges, in Belgio, nella primavera del 2014. In mostra anche un Exqui,City articolato (premiato per il design e il comfort dalla giuria del Busworld) a rappresentare la piattaforma multi propulsione (elettrica, ibrida diesel-elettrica, ibrida metano-elettrica) di questo ‘trambus’ venduto finora in 92 unità in molte città europee. Stesso dicasi per gli autobus fuel cell a idrogeno, di cui si è visto nell’area esterna l’esemplare destinato a Imperia (Italia) in rappresentanza dei 22 finora in fabbricazione e gli altrettanti in circolazione negli USA. In mostra anche una nutrita schiera della nuova gamma diesel TX, tutti equipaggiati con motori Paccar DAF Euro VI. VDL Bus & Coach – Sono tre le novità assolute portate al Busworld di Kortrijk. Si comincia con il Citea SLFA-180, low floor articolato da 18 metri che amplia verso l’alto la gamma degli urbani. Può trasportare fino a 100 passeggeri, 51 dei quali

VDL - Citea MLE E6

seduti più due strapuntini nell’area carrozzella. Il motore Euro VI è un FPT Cursor 9 da 360 cavalli e il cambio è l’automatico ZF Ecolife. Disponibile anche la versione SLFA187 da 18,75 metri di lunghezza. Entra in scena anche l’8,8 metri Citea MLE (Midi Low Entry), largo 2,45 metri, realizzato in collaborazione con l’inglese Wrightbus. La capacità totale è di 32 passeggeri, il motore è il Cummins ISB4.5 E6 da 180 cavalli abbinato al cambio automatico Voith Diwa.6. Ad ampliare la serie dei Futura arriva invece l’FMD2, un turismo/intercity con pavimento interno completamente piatto, posto a 1.250 millimetri da terra e possibilità di montare la porta centrale doppia e il sollevatore carrozzella. Il motore è il Daf MX11 da 326 o 369 cavalli abbinato ai cambi ZF manuale, automatico o As-tronic. In mostra la versione da 12,9 metri ma c’è anche il 12,2 metri. Infine, nell’area esterna al salone, a disposizione per giri di prova, c’era l’elettrico Citea SLF da 12 metri con il sistema a ruote motorizzate della Ziehl Abegg, già presentato all’Uitp di Ginevra la scorsa primavera. Ebusco – La società olandese specializzata in sviluppo e vendita di autobus elettrici sul mercato europeo, ha riproposto il suo urbano low entry da 11,5 metri realizzato dalla cinese Zhuhai Guangtong Automobile ed elettrificato dalla Zhuhai Yintong New Power Tech. Con pacchi di batterie da 242 kWh distribuite sulle fiancate e motore elettrico da 150 kW, promette una autonomia di 250 chilometri in ciclo urbano.

VDL - Futura FMD2 E6

EBUSCO - LE 12 Electric

OMNIBUS TRADING - Sunny Cabrio


KARSAN - MPXL E6

KARSAN - JEST E5

TEMSA - LD 13 E6

TEMSA - MD 9 JC E6

KARSAN - CXL E6

Omnibus Trading – Con un guizzo di originalità l’estetica del Sundancer da 29+1+1 posti realizzato su Mercedes Atego 12.24, come pure il Sunrise da 28+1+è1 posti su Iveco Daily 70C17, affiancati dal Sunset S4 a 22 posti su Sprinter. Per i servizi speciali c’era invece da scegliere tra il Sunrise C come Cabrio a 32 posti su Daily e il Sunny Cabrio 8+1 su Sprinter 313 (a listino anche da 19+1 posti su Sprinter 516), entrambi con parte scoperta che si richiude elettricamente con pareti vetrate. Otokar – In espansione sui mercati internazionali con un aumento nel 2013 di oltre il 50% dell’export. In Francia, Germania, Italia e Spagna i risultati migliori. Oltre 40 i Paesi in cui è presente il costruttore turco, a cui si aggiungeranno nel 2014 la Scandinavia e il Regno Unito. Otokar ha festeggiato i 50 anni di attività mettendo in mostra uno dei primi modelli realizzati: un pullman del 1968 per la compagnia turca di trasporti internazionali HAS Tourism. Per la sua gamma dei modelli, nessuna new entry ma il passaggio per tutti alle motorizzazioni Euro VI, firmate come sempre Man o Cummins. Per gli intercity si è visto il 9 metri Vectio U e Vectio U Low Entry con il Man D0836 da 250 cavalli e il Territo U, ora anche da 13,2 metri (oltre al 12 metri), con lo stesso motore tarato a 290 cavalli. Per i servizi turistici si sono invece visti il Vectio T da 10 metri, anche questo con il motore Man da 290 cavalli e il Navigo T da 7,7 metri con il Cummins ISB da 180 cavalli e cambio automatico Allison. Temsa – Ha alzato il sipario sulla nuova serie degli LD, veicoli polivalenti che vanno a

KARSAN / BREDAMENARINIBUS - Avancity+ 18 E6

sostituire i Tourmalin e i Safari RD. Proposti nelle lunghezze di 12,3 e 13 metri con altezza massima di 3,35, hanno struttura in acciaio inossidabile, bagagliera da 6,5 e 7,5 metri cubi e motori Euro VI: per gli LD Coach e per gli intercity LD IC si tratta dei Daf MX11 da 368 cavalli abbinati alla trasmissione manuale ZF 6S 1701 nel primo caso e all’automatico ZF Ecolife nel secondo; per gli LD SB per i trasporti scolastici, il motore è invece il Cummins ISB6.7 da 310 cavalli con cambio automatico Allison. Esposto anche il terzetto dei medi MD9 che anche in Euro VI confermano i Man D0836 da 250 cavalli per le versioni intercity e turistiche e il Cummins ISB6.7 di pari potenza per il Low Entry. Tutti con cambio Allison automatico o manuale (per il turistico). Da OTOKAR 1968 sottolineare per il segmento degli urbani, il recentissimo lancio dei modelli Avenue Low Floor CNG e Avenue articolato, sull’onda di una crescita di Temsa sul mercato interno turco dei citybus del 475%. Nell’insieme, il fatturato del 2013 vedrà una crescita del 35% rispetto al 2012 e per fare fronte agli ordini in corso, è previsto un aumento della capacità produttiva nel 2014. Karsan e Bredamenarinibus – Debutto a Kortrijk per il costruttore turco di veicoli per il trasporto merci e passeggeri (15.500 veicoli prodotti nel 2012, 11.000 dei quali rivolti all’export). Ha presentato un nuovo veicolo e due prototipi. La novità (già venduta a Istan-

OTOKAR - Navigo T E6

OTOKAR - Territo U E6


SOLARIS - InterUrbino E6

SOLARIS - Urbino 12 Electric

ISUZU - Visigo E6

ISUZU - Citibus CNG

bul in 300 unità) è stata il minibus Jest: 5,85 metri di lunghezza per 2 metri di larghezza, e posto per 15 passeggeri seduti (Classe B) più 6 in piedi (Classe A). Il pavimento è ribassato nella parte centrale e il motore anteriore è il 2,3 litri FTP con potenza di 126 cavalli in Euro V. Entrerà invece in produzione entro il primo trimestre 2014 il modello CXL (City X-Long) da 8,15 metri con motore posteriore Euro V-EEV e in autunno con motore da 4,5 litri FTP da 186 in Euro VI. Il pavimento è ribassato fino all’asse posteriore e può trasportare fino a 60 passeggeri, 23 dei quali seduti. Altro prototipo esposto è l’MPXL (Multi-Purpose X-Long) per servizi shuttle e turistici. Lungo 8,15 metri e largo 2,4, ha il pavimento interno a circa un metro da terra, posto per 31 sedili passeggero e 4,25 metri cubi di bagagli. Il motore posteriore è anche in questo caso l’FTP da 186 cavalli in Euro VI abbinato al cambio ZF manuale o automatico. Frutto della collaborazione tra Karsan e l’italiana Bredamenarinibus il 18 metri Avancity+ esposto in uno stand separato. Sono già 580 i veicoli Breda costruiti in Turchia e consegnati a Istanbul nelle taglie da 12 e 18 metri, diesel e CNG. A cui si aggiungono i 15 a metano in consegna a Bologna entro l’anno. Il 18 metri esposto monta il motore Man D2066 Euro VI da 360 cavalli ma prossimamente salirà a bordo anche l’FTP Cursor Euro VI (in bella vista a fianco del veicolo). Isuzu – Proiettato sull’export, a cui nel 2012

SOLARIS - Urbino 18 E6

ha rivolto l’81% della propria produzione di midibus, il costruttore turco Anadolu Isuzu ha presentato due nuovi modelli. L’intercity/coach Visigo da 9 metri con motore posteriore Isuzu da 254 cavalli in Euro VI, posto per 39 passeggeri, 5,5 metri cubi di bagagli e accessori di comfort al completo. Nuova anche la versione CNG di quel Citibus da 9,5 metri ribassato fino alla seconda porta, presentato alla IAA dello scorso anno. La versione a gas naturale monta un motore posteriore Isuzu da 226 cavalli in Euro VI e ha una capacità di 69 passeggeri. Nella versione diesel il motore è da 254 cavalli e i passeggeri 74. In programma per il 2014 l’uscita dell’urbano da 12 metri. Leggero restyling invece per la serie dei minibus a motore anteriore Novo da 7,5 metri, in occasione del passaggio all’Euro VI da 190 cavalli. Esposti nelle versioni NovoUltra (turistico) e NovoCity assieme al classico Turquoise con capacità da 19 a 33 posti a seconda delle versioni (Vip, con carrozzella disabili o standard) con stesso motore anteriore da 190 cavalli. Solaris – Come anticipato su BusToCoach di ottobre, i motori sono stati i protagonisti della presenza Solaris al Busworld di Kortrijk. Nascosti dietro ai cofani di un Urbino da 18 metri e un InterUrbino da 12, sono stati i testimoni di un adeguamento alle norme Euro VI di tutta la gamma. Per gli Urbino low floor e low entry di taglia maggiore (da 12 a 18,75 metri) e per le due versioni dell’InterUrbino si punta sul nuovo MX-11 di Daf. Un 10,8 litri a sei cilindri con iniezione common rail ad alta pressione (2.500 bar) e turbina a geometria variabile che per abbattere le emissioni combina EGR, SCR

AMZ KUTNO - Electric Smile CS10E

AUTOMET - Apollo

POLSTER - Sprinter


CMS AUTO - Tourist Lux

AUTO CUBI - City Line

CSM - Urbanus

SOR - Electric

e filtro antiparticolato chiuso. Tre i livelli di potenza: 210, 240 e 271 kW. Analogo sistema antinquinamento per il 6,7 litri ISB6.7E6 di Cummins, anch’esso con iniezione common rail (1.800 bar) e turbina a geometria variabile, montato sugli Urbino da 8 a 12 metri e sull’ibrido da 18 con potenza di 187 o 209 kW. Per l’InterUrbino è prevista anche la versione da 231 kW. Infine, ancora Cummins con l’ISLG8.9E6 da 8,9 litri con EGR e 238 kW di potenza per gli Urbino a gas. L’adeguamento alle norme Euro VI non ha portato grandi cambiamenti nella struttura dei veicoli Solaris, in genere ci si è limitati ai necessari interventi sul vano motore, che in ogni caso non hanno inciso sulla capacità di carico passeggeri. A Kortrijk, la presenza di Solaris è stata completata con un Urbino 12 Electric con l’assale motorizzato ZF AVE 130 (due motori elettrici da 120 kW) e sistema automatico di ricarica a pantografo per le batterie agli ioni di litio. AMZ-Kutno – In collaborazione con la lituana JSC Lbus, ha portato la versione a trazione elettrica del suo City Smile da 10 metri, capace di farsi notare per il frontale ‘sorridente’ e il disegno concavo sui montanti laterali. Prende il nome di Electric Smile CS10E ed è equipaggiato con motore elettrico TAM da 120 kW e batterie da 230 kW collocate sullo sbalzo posteriore. Numerosi anche gli allestitori polacchi specializzati in taglie medio-piccole. Su Sprinter o Atego i turistici della Automet, che ha portato la versione ristilizzata del suo Apollo: 8,7 metri di lunghezza, 30 posti. Analoga la gamma della connazionale Polster che a Kortrijk

ROSERO - First FCLEI

ha portato uno Sprinter e di AutoCubi che sulla stessa base ha esposto uno Sprinter Vip Line accessoriatissimo e un City Line ribassato dietro alla porta centrale doppia. Lo stesso ha fatto CMS Auto con uno Sprinter 519 nelle versioni Tourist Lux da 16 e 19 posti. Dall’Ungheria si è rivisto l’Urbanus di Csaba Metál (CsM) con parabrezza curvato all’indietro, paraurti sporgente e due porte tra gli assi che danno accesso alla zona centrale a pavimento ribassato. La trazione diesel è da 140 o 160 cavalli (in Euro V) e i posti sono 25 più 30 in piedi. Frutto della collaborazione tra Sor e Cegelec l’urbano low entry a due porte (doppia anta sulla seconda) su 8 metri di lunghezza (previste versioni fino a 10,4 metri). La trazione è completamente elettrica, affidata a un motore asincrono da 180 kW/400 AC alimentato da batterie agli ioni di litio da 300 Ah che occupano tutto il cofano posteriore. Il carrozziere slovacco Rosero torna agli allestimenti classici della serie First (due anni fa aveva provato anche con gli elettrici) con modelli realizzati su base Daily 70C17 e lunghi 8 metri. Si è visto il First FLHI Travel da 26+1+1 posti e il First FCLEI ribassato nella parte centrale con 22 posti a sedere, il posto carrozzella e altri 7 posti in piedi. Dalla Slovenia due bei veicoli della TAM-Durabus, società rinata dalle ceneri della TVM grazie agli investitori CHTC (dalla Cina) e Durabus (dall’Olanda). Il primo veicolo è il VivAir 104WL, un aeroportuale da 14,7 metri per 3,2 di larghezza che può trasportare fino a 130 persone. Il se-

VOLGABUS - Rhythmix Avia

TAM DURABUS - VivAir 104WL

TAM DURABUS - Vive TH


KING LONG - 6120C E6

KING LONG - 6129Y E6

KAPENA - Thesi

ANKAI - Electric

condo è il Vive Th, un 9,6 metri con pavimento a 1.300 millimetri da terra, motore Man da 290 cavalli Euro V, capacità per 39+1+1 posti e 7,5 metri cubi di bagagli. Volgabus – Un solo veicolo in mostra. Si è trattato dell’intercity Rhythmix Avia da 9,4 metri per 34 posti, trasformabile anche in turistico pescando dalla lista degli optional. Sotto il cofano il Cummins ISB4.5 ancora in Euro V, abbinato al cambio manuale ZF. Ankai – Direttamente dalla Cina un due piani da 11 metri a tetto scoperto, ancora con motore Cummins Euro V e, più interessante, un elettrico da 12 a pavimento ribassato con sedili a fila doppia disposti su podesti per far posto ai pacchi di batterie LiFePO4 da 500 Ah alloggiati sui fianchi esterni. Al moto ci pensano due motori elettrici Siemens da 85 kW ciascuno. BYD – A Kortrijk ha lanciato l’ultima versione del suo autobus elettrico eBus, testato per il clima dei Paesi del Nord Europa. Con le sue batterie al litio-ferro-fosfato (tre pacchi da 600 Ah), il meglio in termini di durata (4.000 cicli mantenendo il 75% della capacità), promette una autonomia di 250 chilometri in ciclo urbano grazie anche al sistema di recupero dell’energia in frenata. L’eBus è un veicolo da 12 metri a pavimento ribassato e struttura in alluminio, con due motori elettrici da 90 kW ciascuno, integrati nei mozzi ruota dell’asse posteriore. In programma anche versioni da 7, 8 e 18 metri. King Long – Presente a Kortrijk attraverso il distributore francese Hervouet Corporate Industry (ex Ouest Industrie Autocars), ha voluto mettere sul piatto l’imponenza dei propri

YUTONG - IC12 E6

dati di vendita dichiarando il raggiungimento del 40millesimo veicolo esportato sui mercati mondiali (per l’Europa si parla vagamente di 2.000 autobus circolanti). Tra i veicoli in mostra, il turistico HDH 6129Y da 12 metri che verrà fornito prossimamente con motore FTP Cursor 9 da 400 cavalli in Euro VI ma al salone con il Cummins Euro V. Stesso discorso per il 6120C da 12,2 metri omologato in classe II e III che monterà il Cursor da 360 cavalli. Il 6996 da 10 metri mantiene invece il Cummins ISB6.7 anche con il passaggio all’Euro VI. A fianco dei King Long, anche due minibus della polacca Kapena (sempre venduti da Hervouet) realizzati su telaio Iveco 70C17: un Thesi Mixte da 28 posti e un Thesi Scolaire da 33. Yutong – Affiancato dal distributore francese Dietrich Carebus, il costruttore cinese ha presentato due novità assolute, entrambe già equipaggiate di motori Euro VI. La prima è l’intercity IC9 (disponibile anche con allestimento da turismo), un veicolo da 9,35 metri con 39 posti a sedere, 5,1 metri cubi di bagagliera, completo di sistema di video sorveglianza e con motore Cummins ISB6.7 Euro VI da 284 cavalli. La seconda novità è uno scuolabus economico (adattabile a intercity scegliendo tra gli optional) lungo 12,3 metri, con 59 sedili antivandalo e motore Daf MX11 Euro VI da 285 cavalli. Attraverso Dietrich Carebus anche i minibus Ingwi realizzati dal carrozziere macedone Indbus. Si sono visti l’Ingwi 23 per impiego misto, un 22+1 posti su Volkswagen Crafter, e un turistico Ingwi 33 da 8,3 metri con 31+1+1 posti e telaio Iveco 70C17.

YUTONG - IC9 E6

DIETRICH CAREBUS - Ingwi 23

BYD - eBus Altri articoli Saloni Internazionali: www.bustocoach.com/it/node/2439/articoli_nref_eventi

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Novembre 2013  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you