a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

Transport Web Snc - www.bustocoach.com

EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Marzo 2020

Bus To Coach AUTOBUS ELETTRICI

IN MOSTRA A BERLINO ZEB PARIGI - UK - IRIZAR - SOLARIS - MERCATO ITALIA - ALTERNATIVI EU - MERCEDES BENZ - IVECO BUS - ELEKBU BERLINO - RUBRICHE


RIVISTA ON-LINE abbinata a www.bustocoach.com - Marzo 2020 FILO DIRETTO

BusToCoach

European on-line magazine Direttore responsabile

Marino Ginanneschi

marino.ginanneschi@bustocoach.com

Redazione e rapporti internazionali

Elena Prearo

elena.prearo@bustocoach.com

ZERO EMISSION BUSES In aprile appuntamento a Parigi.

Pubblicità

INGHILTERRA In gara per creare la prima città elettrica.

IRIZAR Malaga sperimenta la guida autonoma.

RUBRICHE

IN PRIMO PIANO

E-mail: bustocoach@bustocoach.com

SOLARIS Anche da 15 metri l’Urbino elettrico.

Amministrazione

Transport Web & C Snc I 20148 Milano Via Versilia 22

FLASH NEWS In diretta dal mondo dei trasporti.

E-mail: bustocoach@bustocoach.com Internet: www.bustocoach.com Registrazione Tribunale di Milano n. 140 del 16/03/2012

***

MERCATO ITALIA In dettaglio i numeri del 2019.

EUROPA Otto anni di autobus a trazione alternativa.

MERCEDES-BENZ Lo Sprinter compie 25 anni. HIGH TECH STORE Akasol, Valeo, Webasto.

BusToCoach® Magazine è inviato mensilmente via mail a 12.000 operatori europei del trasporto passeggeri in autobus. Se vuoi iscriverti alla nostra mailing list comunicalo a: bustocoach@bustocoach.com

IVECO BUS Amplia l’offerta per l’elettromobilità.

SALONI Elettrici in mostra all’ElekBu di Berlino.

ANNUNCI Uno spazio per vendere e comprare.


ULYSO T

Il tuo partner affidabile. Un autobus turistico da 10,1 metri con una grande facilità di guida. Disponibile con cambio manuale o automatico.

DA 35 A 43 POSTI

IL “GRAN TURISMO” IDEALE Distributore per lʼItalia: Mauri Bus System Srl Via Caravaggio, 8 - 20832 Desio (MB) - Italy Office +39 0362 626247 - Fax +39 0362 629189 - www.mauri-bus.it


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

E-MOBILITY PER MALPENSA

18 METRI A GAS NATURALE

olaris Bus & Coach ha firmato un contratto con l’operatore Bus & Coach ha annunciato il suo primo progetto VDL di e-mobility in Italia con la fornitura di quattro Sceco Dopravní podnik Ostrava per la consegna di 37 Urbino Citea SLF-120 Electric ad Arriva Italia. I veicoli viaggeranno 18 a metano. I veicoli saranno forniti entro 12 mesi dalla firma del

tra i parcheggi, i terminal 1 e 2, e Cargo City all’aeroporto di Milano-Malpensa, 45 chilometri a nord-ovest dal centro di Milano. Questo servizio è il risultato di una collaborazione tra i vettori Arriva Italia, Air Pullman e Autolinee Varesine. Ogni bus è dotato di un pacco batterie da 85 kWh. Pur non girando nell’aerodromo di MilanoMalpensa, i mezzi sono dotati di un’illuminazione speciale in modo da essere utilizzati in caso di emergenza. La dotazione comprende inoltre WiFi, prese USB e vetri oscurati. Gli autobus verranno utilizzati tutto il giorno e un veicolo girerà anche di notte.

contratto (gennaio 2020). I 37 articolati a metano saranno alimentati da un motore da 239 kW accoppiato a un cambio automatico. Il gas naturale compresso sarà immagazzinato in cinque serbatoi a tetto con una capacità di 1.875 litri. A bordo ci sarà spazio per un massimo di 110 passeggeri, di cui 42 seduti. Tra i dispositivi di bordo, aria condizionata, doppie prese USB, Wi-Fi e un sistema completo di informazioni per i passeggeri. Gli autobus saranno inoltre dotati di un sistema di rilevamento e spegnimento incendi nel vano motore, cabina di guida di tipo chiuso e impianto di videosorveglianza.

I PRIMI CITEA PER LA CROAZIA

AUTOBUS ELETTRICI PER GENOVA

LA

compagnia di trasporti AMT Genova ha commissionato 14 Irizar ie Bus con relativa infrastruttura di ricarica. Ingresso in linea previsto dall’agosto 2020. Lunghi 10,8 metri, i veicoli dispongono di tre accessi e hanno un layout di 20 posti a sedere, area carrozzella e posto in piedi per 81 passeggeri. L’autonomia dichiarata dal produttore è di 220 km con una capacità energitica di 350 kWh. La modalità di ricarica scelta dall’operatore è quella notturna mediante nove caricabatterie interoperabili con presa di ricarica Combo 2. I mezzi sono equipaggiati della tecnologia sviluppata da Irizar Group in termini di elettronica e comunicazione, nonché dei suoi componenti e sistemi principali.

A STRASBURGO ARRIVA L’APTIS

inkovci, Croazia. La compagnia di trasporti locale V Polet ha preso in consegna sette VDL Citea in versione Light Low Entry. Sono i primi Citea per il mercato

croato. Lunghi 12 metri, montano motore Euro 6 e hanno un layout di 38 + 3 + 1 sedute più un sedile extra-largo davanti. In considerazione delle condizioni meteo della Croazia, la dotazione comprende doppi vetri e un potente impianto di aria condizionata Thermo King DS-805. «Sfortunatamente, il numero di passeggeri del trasporto pubblico sta diminuendo a Vinkovci. Con l’arrivo di questi nuovi autobus, che offrono moltI comfort e sicurezza, possiamo cambiare le abitudini dei residenti locali», si augura Mijat Kurtušić, direttore di Polet. Il marchio VDL è altamente rappresentato nella flotta di Polet dove il 50% dei veicoli è prodotto dal costruttore olandese.

DAIMLER EURO VI PER L’INDIA

ella città francese sta per fare il suo debutto l’elettrico Aptis N di Alstom. Commissionato nel marzo 2019 in una dozzina di ell’aprile 2020, l’India passerà allo standard BSVI, l’equiunità dalla Compagnie de Transport Strabourgeois (CTS), il veicolo Nvalente della normativa europea Euro 6. Daimler è pronta misura 12 metri e dispone di un sistema di accostamento alle fer- e, attraverso la controllata Daimler India Commercial Vehicles

mate. Il design si caratterizza per le ampie superfici vetrate (+25% rispetto a un autobus tradizionale), il pavimento basso e piano, le ampie doppie porte e la zona salotto posteriore con vista panoramica sulla città. I veicoli richiesti a Strasburgo sono progettati per la ricarica lenta notturna in deposito. Aptis è inoltre disponibile per la ricarica occasionale alla fine di ogni linea mediante soluzioni di ricarica a terra (SRS) o via pantografo. Aptis è stato scelto anche da RATP e Île-de-France Mobilitése dalle aree di Greater Grenoble, Greater La Rochelle e Greater Toulon, dove quest’anno è prevista l’entrata in servizio.  

(DICV), ha presentato la nuovissima gamma di veicoli BharatBenz per il mercato indiano. In mostra c’erano oltre una dozzina di camion e autobus medi e pesanti, aggiornati sia dentro che fuori. Oltre a un nuovo stile audace per i suoi camion medi e pesanti, l’ultima generazione di veicoli commerciali BharatBenz offre il ProfitTechnology +. Questo pacchetto di tecnologie e funzionalità garantisce efficienza, sicurezza, comfort e affidabilità. Tra le nuove tecnologie chiave, il ‘Bus Connect’ in grado di tracciare e analizzare i veicoli BharatBenz in tempo reale. Leggi le News complete su: https://bustocoach.com/


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

MAXI ORDINE PER IRIZAR MAROCCO

ANCHE 500 CONECTO PER IL MAROCCO

asablanca rinnova il parco autobus con 200 veicoli Iriaimler Buses ha annunciato un grosso ordine in Marocco C zar. Destinati al trasporto urbano gestito da ALSA, gli Dper la fornitura di 500 autobus urbani. Il contratto è stato autobus sono degli Irizar i3 low entry su telaio Scania K320 siglato con ALSA, compagnia di autobus spagnola che gestisce

UB4X2 LB Euro 6. Lunghi 12 metri, avranno una capacità di 33 posti a sedere, posti riservati alle persone con mobilità ridotta e rampe per sedie a rotelle. Entreranno progressivamente in servizio a Casablanca a partire dal 2020. I 200 autobus saranno prodotti da Irizar Maroc nello stabilimento di Shkirat. Irizar Maroc ha una capacità di 500 unità annue e sistemi produttivi che utilizzano più recenti tecnologie per garantire i medesimi standard dei veicoli prodotti in Europa.

ANCORA KARSAN IN POLONIA

i percorsi in autobus nel Paese nordafricano dal 1999. L’ordine comprende 420 Mercedes-Benz Conecto e 80 Conecto G articolati (150 sono stati acquistati per conto dell’Autorità “L’ECI Al Baida” di Casablanca). Gli autobus Euro VI saranno prodotti nello stabilimento turco di Daimler Buses. Le consegne sono programmate fino alla fine del 2020. «Dal debutto sul mercato marocchino nel 2019 con oltre 100 Mercedes-Benz Conecto per la capitale Rabat, questo è il secondo ordine importante in così poco tempo”, fa notare Daimler Buses.

ELETTRICI SOLARIS PER BONN

produttore turco si è aggiudicato una gara d’appalto IL in Polonia per la fornitura di sette autobus della gamma Atak a Plock, città adagiata sulle rive del fiume

Vistola. Giunto alla seconda generazione, l’Atak di Karsan è un veicolo compatto da 8 metri in grado di trasportare 58 passeggeri. L’ultima serie si caratterizza per un rinnovato design esterno, i fari a Led e la cabina di guida ergonomica e protetta conforme agli standard dell’Associazione delle società di trasporto tedesche. Più potente la motorizzazione con il 4,5 litri FPT-NEF4 da 186 cv. «Con la nostra gamma di veicoli diesel ed elettrici con diverse capacità e dimensioni, continuiamo a produrre soluzioni di trasporto per diverse aree geografiche, in particolare per l’Europa», ha detto il vicedirettore di Karsan, Muzaffer Arpacıoğlu. «La Polonia è il primo destinatario dei nostri prodotti nel 2020, anno in cui tenderemo ulteriormente a incrementare la nostra presenza sui mercati internazionali». Ad oggi, Karsan ha consegnato 41 autobus della serie Atak e Jest in Polonia.

ACCORDO PER 600 IBRIDI IN IRLANDA

rimo ordine di SWB Bonn per gli autobus del produtP tore polacco. I veicoli sono tre articolati della gamma Solaris Urbino 18 Electric. In linea nel 2020, saranno ali-

mentati a energia verde. Condizione chiave dell’operatore: una autonomia di 200 km con singola carica, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche e stradali, per un periodo di 12 anni. «Per soddisfare tali condizioni», spiega il produttore, «Solaris ha optato per l’ultima generazione di batterie Solaris High Energy+. Gli autobus per Bonn saranno quindi dotati di sette pacchi batteria con 553 kWh di capacità nominale totale. Il veicolo sarà così in grado di percorrere i 200 chilometri richiesti a prescindere dalle condizioni meteo o stradali, con il riscaldamento o l’aria condizionata accesi e con un carico completo di passeggeri a bordo».

VOLVO ELETTRICI PER MALMÒ

lexander Dennis ha firmato un accordo quadro in Irlanda obina ha emesso un ordine per 60 autobus elettrici ad alta A con l’Autorità nazionale dei Trasporti (NTA) per un massimo di 600 ibridi diesel-elettrici a due piani della serie Envi- Ncapacità previsti in servizio a Malmö, Svezia, il prossimo ro400ER, «in grado di funzionare in modalità zero emissioni anno. L’appalto è stato assegnato a Volvo Buses con l’elettrico

per almeno 2,5 chilometri», precisa il produttore britannico. L’accordo prevede un ordine iniziale di 100 autobus in consegna nell’autunno 2020. NTA eserciterà opzioni per altri 500 veicoli sulla base delle richieste dei prossimi anni. L’Enviro400ER utilizza il sistema ibrido BAE Systems Series-ER con un sistema di accumulo di energia agli ioni di litio da 32 kWh ricaricabile mediante connessione plug-in. Inoltre, il veicolo spegne il motore diesel a bassa velocità durante l’avvicinamento e la partenza dalle fermate e quando è fermo.  

7900 articolato, versione lanciata nell’autunno 2019. I mezzi trasportano fino a 150 passeggeri e sono dotati di batterie con possibilità di ricarica rapida tramite le stazioni OppChargeTM situate lungo la linea. Oppure possono essere ricaricate quando gli autobus vengono parcheggiati in deposito. La consegna dei 60 elettrici Volvo inizierà nel gennaio 2021 e sarà ultimata entro il mese di aprile. I veicoli opereranno in aree a circolazione limitata con standard particolarmente severi per rumore, emissioni e velocità, ad esempio nelle zone a zero emissioni e presso le fermate degli autobus al coperto. Leggi le News complete su: https://bustocoach.com/


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

ZERO EMISSION BUSES

Gli autobus a zero emissioni al centro della terza conferenza europea EU ZEB 2020 in programma a Parigi il 7-8 aprile. Tecnologie e progetti a confronto

a transizione energetica nei trasporti pubL blici è ormai un ‘must’. Aumentano gli adepti, i progetti, le flotte. Ma anche la ri-

chiesta di informazione e formazione. Sull’argomento torna EU ZEB 2020, la conferenza europea sugli autobus a zero emissioni organizzata da Hydrogen Europe (associazione europea che promuove la tecnologia a idrogeno con oltre 120 membri tra aziende di varia natura) in collaborazione con la società di consulenza energetica Element Energy In programma a Parigi il prossimo aprile, EU ZEB 2020 chiama a raccolta, oltre ai produttori di veicoli (Caetano, Irizar, Safra e Van Hool le presenze annunciate), anche i responsabili politici e gli operatori dei trasporti. Oltre 360 i partecipanti alla seconda edizione che si è tenuta nel novembre 2018 a Colonia, in Germania. Nelle sei sessioni in agenda quest’anno verranno approfondite diverse tematiche. In apertura si parlerà di politiche e stato di avanza-

mento dei lavori con il segretario generale dell’UITP (l’associazione internazionale dei trasporti pubblici) e i rappresentanti della RATP di Parigi, azienda che ha lanciato l’ambizioso piano della transizione a zero emissioni entro il 2025. Nella seconda sessione verranno esaminati soluzioni e trend per i bus a batteria e a idrogeno tra esperienze e aspettative in un dialogo tra operatori e produttori. La sfida infrastrutturale è il terzo argomento in programma seguito dall’ottimizzazione delle operazioni e dal finanziamento di flotte complete. In chiusura, uno sguardo ai piani importanti messi in atto a livello internazionale. EU ZEB 2020 si terrà presso la ‘Maison de la Chimie’, nel cuore di Parigi, dal 7 all’8 aprile. Per la registrazione on line e maggiori dettagli sulla manifestazione, rimandiamo al sito ufficiale https://zeroemissionbusconference.eu La versione internazionale della conferenza ZEB 2020 si svolgerà a Denver, negli Stati Uniti, dal 16 al 18 settembre. Altri articoli sugli Eventi Internazionali: https://bustocoach.com/articoli-eventi/


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

UNA SFIDA PER LE CITTÀ INGLESI

Fino a 50 milioni di sterline messe in palio dal Governo britannico per creare la prima città con autobus completamente elettrici in Inghilterra

Governo britannico offre fino a 50 miIL lioni di sterline (l’equivalente di oltre 59 milioni di euro) per creare la ‘prima città

con autobus completamente elettrici’ in Inghilterra. Una sfida lanciata dal Dipartimento dei Trasporti (DfT) al fine di stimolare lo sviluppo di reti di trasporto locale più verdi e affidabili. Le autorità locali possono richiedere i nuovi finanziamenti e il consiglio che si aggiudicherà la competizione riceverà supporto per il lancio di una nuovissima flotta di autobus elettrici. Secondo il segretario ai Trasporti, Grant Shapps, la sfida darà il suo contributo nel realizzare l’ambizione del governo di far funzionare tutti gli autobus con energia elettrica in Inghilterra entro il 2025. Questa misura rientra in un più ampio pacchetto di sostegno da 220 milioni di sterline

finalizzato a migliorare i servizi di autobus locali e reso noto lo scorso settembre. Si basa sul precedente Green Bus Fund che negli ultimi anni ha supportato l’acquisto di centinaia di autobus a zero o basse emissioni nel Paese. Il Dipartimento dei Trasporti ha poi annunciato che 20 milioni di sterline del pacchetto complessivo andrebbero a favore di un nuovo fondo per incoraggiare lo sviluppo e la sperimentazione di servizi di condivisione di corse su richiesta nelle aree rurali e suburbane, mentre altri 70 milioni verrebbero devoluti allo sviluppo di reti di superbus locali con servizi più frequenti e maggiori corsie. Altri 30 milioni puntano poi al miglioramento dei servizi di autobus esistenti o a rilanciare quelli soppressi. Il DfT ha anche annunciato di voler presentare entro fine anno una nuova strategia a lungo termine per gli autobus e un piano di finanziamento volto a «garantire che gli autobus abbiano la priorità in futuro». La mossa è arriva nella settimana in cui la British Health Foundation ha avvertito che 15 milioni di persone nel Regno Unito vivono ancora in aree in cui i livelli medi di PM2.5 superano le linee guida stabilite dalla Fondazione Mondiale per la Salute (World Health Foundation).


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

L’IRIZAR CHE VIAGGIA DASOLO

Presentato a Malaga il progetto AutoMost per la sperimentazione in condizioni reali di un autobus elettrico Irizar equipaggiato per la guida autonoma produttore basco partecipa a un proIL getto per la sperimentazione della guida autonoma in condizioni di traffico reali a Malaga, città portuale nel Sud della Spagna. Presentato lo scorso gennaio, il test verrà effettuato con un autobus elettrico Irizar della gamma ie bus equipaggiato per la doppia modalità di guida (manuale e automatica). Il veicolo misura 12 metri e ha una capacità di 60 passeggeri. Questo primo bus a guida autonoma sviluppato dal gruppo Irizar è frutto del progetto AutoMost finanziato dal Centro per lo sviluppo tecnologico industriale (CDTI) che fa capo al ministero dell’Economia spagnolo e che mira a sviluppare tecnologie per l’automazione dei veicoli nelle applicazioni di trasporto urbano e industriale al fine di realizzare significativi aumenti di efficienza, sicurezza e sostenibilità. La società di trasporti Avanza partecipa come

operatore con undici partner, incluso il Gruppo Irizar attraverso Irizar e-mobility e Datik. Malaga diventerà quindi la prima città in Europa ad avere un autobus autonomo che si muove per le sue strade. Lo farà dal porto al centro città e, in linea di principio, trasferirà i passeggeri delle crociere che sbarcano a Malaga. L’autobus utilizzerà un sistema di posizionamento e guida ad alta precisione e sarà collegato a un centro di controllo da cui è possibile inviare istruzioni specifiche a ciascuna unità. Il veicolo potrà dunque essere monitorato e i suoi itinerari consultati in tempo reale. La principale innovazione del progetto AutoMost è che mette in circolazione un veicolo di dimensioni standard in una situazione di traffico reale in una città e non in uno spazio ristretto o in un’area riservata come è accaduto in altre sperimentazioni. Altri articoli su Irizar: https://bustocoach.com/costruttore/irizar-italia-srl/


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

SOLARIS ELETTRICO TAGLIA15

L’Urbino LE a trazione elettrica verrà proposto quest’anno anche nella variante da 15 metri a tre assi. Disponibile in classe I e II uova proposta nella gamma a zero emisN sioni di Solaris Bus & Coach. Si tratta dell’Urbino LE Electric da 15 metri. Opzione

che, entro l’anno, si andrà ad affiancare alle versioni da 8,9 e 12 metri dell’Urbino low entry a batteria. La variante da 15 metri a tre assi verrà offerta a due o tre porte e sarà in grado di trasportare fino a 55 passeggeri seduti. Due le modalità di ricarica previste: con caricabatterie plug-in o mediante pantografo sul tetto. L'energia verrà immagazzinata nelle batterie Solaris High Energy + di ultima generazione la cui capacità consentirà di percorrere una distanza di viaggio adeguata sia sulle tratte urbane che interurbane. Di qui l’allestimento a scelta in classe I o II. Quest’ultima versione dell’Urbino con accessi ribassati nasce essenzialmente per gli operatori dei mercati scandinavi, come tiene a precisare lo stesso costruttore. Mercati

dove la domanda per questo tipo di veicolo, impiegato nel traffico urbano ma anche per il trasporto interurbano, è enorme. «Nonostante stiamo costruendo questo modello principalmente per i mercati scandinavi, ovviamente non ci limitiamo a offrirlo solo in questi Paesi. Sarà disponibile per tutti gli operatori alla ricerca di autobus a tre assi a ingresso ribassato per il trasporto urbano e interurbano. È anche un’alternativa completamente a emissioni zero per gli autobus a metano», puntualizza Petros Spinaris, vice amministratore delegato di Solaris Bus & Coach. Il produttore polacco ha introdotto i primi autobus tre assi da 15 metri nel 1999, sia con motorizzazione diesel che a metano. Quasi 1.300 le unità in tutto vendute. Da quest’anno l’Urbino 15 LE sarà offerto solo con motore elettrico. Ulteriori dettagli tecnici verranno resi noti dal produttore nel mese di aprile. Altri articoli su Solaris: https://bustocoach.com/costruttore/solaris-italia-srl/


COMPONENTI ON LINE Su www.bustocoach.com trovi tutti i Fornitori di componenti per autobus in Italia e in Europa.

HIGH TECH STORE

BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

VALEO

batterie per i veicoli ibridi ed elettrici sono costose e sensibili alle variazioni di temperatura. Per assicurare longevità e preLE stazioni, Valeo ha sviluppato un dispositivo di raffreddamento della batteria progettato per mantenere alla giusta temperatura le celle della batteria. Oltre alla versione da 5kW, ampiamente collaudata sul campo, Valeo ha introdotto una soluzione concept più potente, da 7 a 10 kW, adatta alle temperature elevate. A temperature di 15°C o inferiori, il sistema Valeo E-Cooler BTM utilizza l’aria dell’ambiente per una modalità di raffreddamento passivo a basso consumo energetico. A temperature esterne elevate, l’E-Cooler commuta automaticamente a un circuito di raffreddamento attivo. Un’altra novità Valeo è costituita dall’ampliamento della gamma delle pompe di circolazione SPump con la versione da 120 W, particolarmente adatta per circuiti dell’acqua di dimensioni inferiori. Con una portata di 3.800l/h a pressioni di 0,37 bar, assicura le elevate prestazioni richieste da applicazioni con autobus elettrici. Il modello a 120W ha il 40% in meno di singoli componenti rispetto a una tradizionale pompa ad acqua elettrica, rendendolo così il sistema più leggero e compatto nel suo genere all’interno della famiglia di prodotti. Dispone anche di una funzione diagnostica intelligente che attiva segnali di allerta per limitare i consumi. Ciò rappresenta un importante vantaggio per tutti i veicoli industriali ibridi, ibridi plug-in e totalmente elettrici, che dipendono da una gestione efficiente dell’energia.

Cerca la scheda di presentazione dell’azienda direttamente ai link

https://bustocoach.com/fornitori-in-italia/ https://bustocoach.com/fornitori-in-europa/

Scegli la categoria di prodotto che ti interessa ai link

https://bustocoach.com/componenti-in-italia/ https://bustocoach.com/componenti-in-europa/

e leggi la scheda dei componenti offerti.

AKASOL

WEBASTO

Akasol potenzia la capacità produttiva con il nuovo stabilimento Gigafactory 1 a Darmstadt operativo entro la metà del 2021. Qui verranno costruiti i sistemi di batterie AKM CYC AKASystem ad altissima energia che raggiungono una densità energetica ulteriormente migliorata rispetto agli attuali, consentendo un’autonomia massima di 600-800 km in condizioni reali per autobus e veicoli commerciali completamente elettrici. A tale proposito, Akasol ha recentemente siglato un accordo di cooperazione con Manz, società tedesca specializzata nelle apparecchiature ad alta tecnologia, per la fornitura di linee di produzione completamente automatizzate. Le macchine sono destinate alla costruzione dei moduli batteria Akasol ad alta energia nel nuovo stabilimento Gigafactory 1. «Il nuovo Gigafactory 1 sarà un importante base per l’ulteriore espansione delle nostre capacità produttive in Nord America, dove installeremo Gigafactory 2 con apparecchiature di produzione quasi identiche dall’inizio del 2022», ha detto Sven Schulz, CEO di Akasol.

Il concept assicura una temperatura costante e ottimale per i passeggeri, le batterie, il motore e l’elettronica di potenza. Grazie alla sua esperienza decennale,Webasto è in grado di integrare tutte le componenti in un sistema olistico. Tale approccio si basa su principi di recupero del calore residuo per integrare il riscaldamento della cabina e il funzionamento della pompa di calore – questo conduce ad un’estensione dell’autonomia della batteria di circa il 25%. NeI sistema è compreso anche il riscaldatore ad alta tensione High-Voltage Heater 100 che garantisce un’efficienza costante del 95%. L’unità di controllo centrale di tutte le componenti del sistema è il Cronus Smart, che, proprio come il design modulare del sistema standard di batterie, assicura un’integrazione ottimale e personalizzata per ogni veicolo. Tutti gli elementi del sistema di gestione termica sono perfettamente allineati uno con l’altro, ma indipendenti tra loro.

on il Thermal Management System per i veicoli elettrici, seguito all’ordine commissionato da un importante proIN duttore internazionale di veicoli commerciali nell’estate CWebasto introduce una nuova tecnologia, nuovi compo2019 per la fornitura di sistemi di batterie ad altissima energia, nenti e nuove unità in un sistema completamente integrato.


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

IN RIBASSO IL MERCATO ITALIA DEL 2019

Dopo le buone performance del 2018, battuta d’arresto per l’immatricolato autobus in Italia dello scorso anno, che lascia sul terreno quasi 7 punti percentuali. Ridotti di oltre 1/3 gli Intercity in taglia lunga econdo i dati elaborati da Anfia (AssociaS zione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche) sulla base dell’immatricolato regi-

del 6,7% rispetto al 2018, quando il balzo in avanti degli autobus con peso ammesso oltre le 8 tonnellate (+62%) aveva fatto sperare in strato dal Ministero dei Trasporti, il mercato un trend di rinnovo del parco circolante simiitaliano degli autobus con peso a terra supe- le a quello degli altri Stati europei. riore ai 35 quintali registra nel 2019 un calo Così non è stato nel 2019. Proprio gli autobus in taglia lunga sono infatti crolMERCATO ITALIA 2019 PER COSTRUTTORI lati del 14,9%, Autobus+Telai (3.013 unità, esclusi Mini e Scuolabus) tornando sotto le 3.000 registrazioni. BYD 1,0% ALTRI 1,0% TEMSA 1,0% OTOKAR 3,2% Per l’analisi del ISUZU 1,0% mercato italiano IIA 15,2% nel 2019 abbiaEVOBUS 29,0% mo utilizzato i (Mercedes+Setra) dati Anfia riferiti alla data di emisMAN TRUCK & BUS 7,9% sione del libretto (MAN+Neoplan) di circolazione, KARSAN 1,1% parzialmente BMC 0,9% diversi dall’immatricolato (che IRIZAR 1,9% si riferisce alla IVECO BUS 29,3% SCANIA 3,8% successiva data SOLARIS 0,8% di consegna delVAN HOOL 0,4% le targhe), perchè VDL 1,7% VOLVO BUS 0,7% più vicino al venduto/fatturato dei

AUTOBUS NUOVI IN ITALIA 2019 2018 Var. % Segmenti (Classe EU) AUTOBUS CITY (I)* 1.146 1.148 -0,2 AUTOBUS INTERCITY (II)* 862 1.324 -34,9 AUTOBUS TURISMO (III) 789 815 -3,2 Totale Autobus 2.797 3.287 -14,9 MIDIBUS CITY (I) 88 47 +87,2 MIDIBUS INTERCITY (II) 63 10 +530 MIDIBUS TURISTICI (III) 65 84 -22,6 Totale Midibus 216 141 +53,2 MINIBUS CITY (A) 181 117 +54,7 MINIBUS INTERCITY (B) 37 46 -19,6 MINIBUS TURISMO (B) 455 456 -0,2 Totale Minibus 673 619 +8,7 SCUOLABUS 600 547 +9,7 Totale 4.286 4.594 -6,7 Fonte: dati Anfia/Ministero dei Trasporti. Dati al 31.01.2020. *) Dati Autobus City e Intercity rielaborati da BusToCoach.

costruttori. Inoltre, Anfia adotta una classificazione dei veicoli per ‘segmento’ che non corrisponde a quella europea (Classe A, B, I, II e III). Per Minibus si intendono veicoli con ptt fino a 8,200 kg e quindi la corrispondenza con la classificazione europea (Classe A e B, fino al limite dei 22 posti) è relativa. A loro volta i Midibus hanno ptt superiore a 8.200 kg e una lunghezza fino a 9,34 metri (in Europa non vi è distinzione di lunghezza ma solo d’impiego, ossia Classi I, II e III). Sono inoltre definiti Autobus specifici tutti i veicoli con lunghezza superiore a 9,34 metri, suddivisi in urbani, interurbani e turistici. Infine, stante i tempi di raccolta dei dati da parte del Ministero dei Trasporti, è possibile che vi sia qualche discrepanza rispetto al reale volume delle immatricolazioni. Abbiamo detto che a condizionare l’andamento del mercato italiano nel 2019 sono stati gli autobus in taglia lunga che hanno fatto registrare un meno 14,9%, con incidenza diversa a seconda delle tipologie d’impiego. A questo proposito abbiamo fatto alcuni aggiustamenti rispetto ai dati originali Anfia poiché ben 174 veicoli conteggiati come ‘City’ (tutti con i marchi Mercedes e Setra di Evobus), sono

1.500 1.000 500 0

Mini City

Mini Int/Tur

City

Intercity

Turismo Scuolabus

in realtà dei modelli chiaramente ‘Intercity’ (Mercedes Intouro e Setra UL). Stesso ‘errore’ risulta anche per i valori del 2018, per un volume di 281 veicoli. Fatti questi aggiustamenti, si vede come il calo più pesante risulta essere quello degli Intercity (-34,9%) che passano da 1.324 a 862 unità. Pressoché invariati i City (-0,2%) con 1.146 veicoli e i turistici (-3,2%, 789 veicoli). Crescono invece del 53,2% i midibus (216 veicoli) nonostante il calo dei turistici (-22,6%). In crescita anche le taglie corte (1.273 veicoli) che registrano un +8,7% nei minibus (673 veicoli) e un +9,7% negli scuolabus (600 veicoli). ÆÆ


AUTOBUS CITY CLASSE I (1.234 unità) SOLARIS 1,5% ALTRI 3,1% BMC 1,7% SETRA 1,3%

IIA 37,0%

AUTOBUS NUOVI IN ITALIA 2019 PER MARCHIO AUTOBUS INTERCITY CLASSE II (925 unità) ALTRI 2,3% KARSAN 3,1% VDL 1,3% MAN 4,5% SETRA 13,5%

OTOKAR 2,5% SCANIA 1,7% IVECO 15,8%

OTOKAR 6,3% BYD 2,4% RAMPINI 1,1% MAN 2,5%

Sul fronte dei costruttori, il mercato italiano degli autobus in taglia medio lunga continua ad essere per circa due terzi in mano a Iveco Bus (29,3%, con 884 veicoli) ed Evobus (29%, 874 veicoli con i marchi Mercedes e Setra). Continua a crescere la quota di mercato di Industria Italiana Autobus che nonostante il travagliato iter societario (ancora in fase di assestamento) si aggiudica il 15,2% (era l’8,7% nel 2018), continuando a produrre gran parte dei veicoli negli stabilimenti turchi

ALTRI 1,7% OPEL (altri) 3,3% MERCEDES (altri) 4,4% MERCEDES 12,7%

IVECO 8,8%

IVECO 58,7%

FIAT 5,9%

MERCEDES 21,3%

SETRA 12,2%

SCANIA 3,0% NEOPLAN 5,0%

giudica Industria Italiana Autobus (37%, 457 veicoli), seguita da Evobus (29,4% Mercedes più 1,3% Setra, totale 379 veicoli) e Iveco Bus (15,8%, 195 veicoli). Con quote inferiori al 2,5% tutti gli altri che si spartiscono la rimanente fetta del 16,5%. Irrisoria la quota degli urbani elettrici (3,6%, 45 veicoli), appannaggio di BYD e Rampini. Saldamente in mano a Iveco Bus oltre la metà del mercato degli Intercity medio-lunghi (58,7%, 543 veicoli) grazie all’incontrastata

IMMATRICOLATO ITALIA 2019 PER MARCHIO MINIBUS INTERCITY/TURISMO Classe B (492 unità) ALTRI 6,1%

ALTRI 4,7%

IRIZAR 9,8%

SCANIA 3,4%

della Karsan (socio di IIA al 20%). Seguono a distanza MAN Truck & Bus (7,9%, 237 veicoli) con modelli MAN e Neoplan, Scania (3,8%, 114 veicoli) che incorpora le vendite dei carrozzati Irizar e poi Otokar (3,2%, 97 veicoli). Il rimanente 11,6% del mercato se lo spartiscono tutti gli altri costruttori con quote al di sotto del 2%. Passando ai vari segmenti di mercato, la fetta maggiore degli urbani medio-lunghi se la ag-

MINIBUS CITY Classe A (181 unità)

INDCAR 1,6% VOLVO 2,5% VDL 4,6% VAN HOOL 1,3% IVECO 14,4%

MERCEDES 6,9% MERCEDES 29,4%

AUTOBUS TURISMO CLASSE III (854 unità)

FORD 10,2%

SCUOLABUS (600 unità) OPEL 2,7%

INDCAR (Iveco) 6% IVECO (altri) 18,3%

TOMASSINI (MB) 4,1% INDCAR (Iveco) 10%

MAN 13,8%

gamma Crossway. Lo seguono i modelli di Evobus (6,9% Mercedes e 13,5% Setra per un totale di 189 veicoli), Otokar (6,3%, 58 veicoli), MAN (4,5%, 42 veicoli)) e Scania (3,4%, 31 veicoli). Evobus continua ad aggiudicarsi un terzo dei turistici (33,5%) con 182 Mercedes e 104 Setra. Seguono l’accoppiata MAN-Neoplan (13,8%+5%) con un totale di 161 veicoli, Iveco Bus con il 14,4% (123 veicoli) e Irizar (9,8%, 84 veicoli). Sotto al 5% di quota tutti

MERCEDES 7,1% MERCEDES (altri) 13%

ISUZU 1,3% OTOKAR 0,9% TEMSA 3,5%

ALTRI 2,3% MERCEDES 5,5% TOMASSINI (MB+VW) 5,5%

RISTÈ (varie) 19,8%

D’AURIA (MB) 6,5% ISUZU 4,2%

IVECO (altri) 69,1%

IVECO (altri) 12%

CAR IND (MB+Ford+Iveco) 8,3% IVECO 16,9%

IVECO 28,7%

VOLKSWAGEN 3% CAR IND (varie) 14%


IMMATRICOLATO AUTOBUS USATI IN ITALIA

Paese di origine 2018 2019 AUSTRIA 83 72 BELGIO 21 16 BULGARIA 17 8 FRANCIA 109 99 GERMANIA 251 284 PAESI BASSI 19 18 POLONIA 16 26 ROMANIA 7 25 SPAGNA 11 17 SVEZIA 9 12 SVIZZERA 70 36 ALTRI 91 110 Totale 704 723 Fonte: dati Anfia/Ministero dei Trasporti. Dati al 31.01.2020 IMMATRICOLATO AUTOBUS USATI IN ITALIA

Costruttore 2018 2019 EVOBUS 397 399 FIAT 30 3 IVECO 102 107 MAN-NEOPLAN 94 74 OTOKAR 4 4 SCANIA 21 20 SOLARIS 9 26 TEMSA 8 13 VAN HOOL 12 7 VDL 6 17 VOLVO 6 30 ALTRI 15 23 Totale 704 723 Fonte: dati Anfia/Ministero dei Trasporti. Dati al 31.01.2020

gli altri che in modo generalizzato vedono ridursi il numero di veicoli venduti, a partire da Van Hool, Volvo e VDL. Fanno eccezione Scania, che passa da 15 a 26 veicoli e, in piccolo, Otokar che sale da 3 a 8 unità. Per quanto riguarda i minibus con peso a terra fino a 8.200 chili, la crescita complessiva dell’8,7% è dovuta essenzialmente agli urbani (+54,7%, 181 veicoli)), segmento dove spopolano gli Iveco Daily con quasi l’80% di share, in gran parte allestiti da terzi. Su base Mercedes Sprinter il 17,1% e su Opel Movano il 3,3%. A dividersi il grosso dei 492 minibus intercity e turistici (Classe B), sono come sempre i veicoli su base meccanica Iveco (42%, 207 veicoli) e Mercedes (32,7%, 161 veicoli). A distanza si conferma la presenza dei Ford (10,2% con 65 veicoli) e Fiat (5,9%, 29 veicoli). Tutti sotto le 10 unità gli altri competitor, a partire dalle grandi case automobilistiche Opel, Renault e Volkswagen. Tra i carrozzieri si distinguono Indcar, con 49 allestimenti su base Iveco, Car Ind con 41 veicoli su basi diverse, D’Auria e Tomassini rispettivamente con 32 e 20 veicoli su base Mercedes. Tutti sotto le 10 unità gli altri competitor, a partire dalle grandi case automobilistiche Opel, Renault e Volkswagen. Sugli scuolabus (600 unità) dominano gli Iveco, completi o carrozzati da terzi, con il 61,3%, seguiti dai Mercedes (14,1%) e dalle altre case automobilistiche con in testa Wolkswagen (8,5%) e Opel al 7,7%. Da notare la presenza di Isuzu che si aggiudica il 4,2%, ma in calo rispetto al 7,1% del 2018. Tra gli allestitori di scuolabus spicca la presenza di Ristè che si aggiudica il 19,8% del mercato con veicoli di tutte le marche, come fa anche Car Ind (14%). Su base Iveco sono invece gli Indcar (6%) mentre Tomassini si aggiudica un 5,5% con scuolabus su base Mercedes e Volkswagen. Per completare il quadro dei nuovi arrivi sul mercato italiano, ai veicoli nuovi vanno aggiunti gli usati importati dai vari Paesi europei. Si tratta di 723 autobus provenienti in gran parte (63%) da Germania, Francia e Austria. I marchi più gettonati si confermano i tedeschi, rispettivamente con il 55,2% a Evobus (Mercedes e Setra) e il 10,2% a MAN Truck & Bus (MAN e Neoplan) ai quali si affiancano gli Iveco con un apprezzabile 14,8%.


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

CRESCE L’EUROPA ALTERNATIVA

Più che raddoppiati gli autobus ecologici negli ultimi otto anni in Europa Occidentale e Polonia. Impennata degli elettrici nel 2019

empre più orientata su veicoli ad alimenS tazione non convenzionale la domanda di autobus in Europa. Secondo un’indagine della

società Chatrou CME Solutions sulle consegne di autobus oltre le 8 tonnellate in Europa Occidentale e Polonia negli ultimi otto anni, i mezzi con trasmissioni ibride, a metano ed elettriche sono passati da 2.633 nel 2012 a 5.652 nel 2019 (+114,6%). Considerato che gli autobus urbani in tutto registrati nel 2019 ammontavano a 14.392, la quota degli alter-

nativi si è attestata al 39,3% (era il 28% nel 2018). Di questi 5.652 autobus, 1980 sono alimentati a gas naturale (CNG), 1.957 gli ibridi, 1.687 i bus a trazione elettrica (esclusi i filobus) e 28 i veicoli equipaggiati di celle a combustibile. Il vero exploit è quello registrato nel 2019 dagli autobus elettrici che sono letteralmente triplicati rispetto ai quantitativi dell’anno precedente passando da 548 a 1.687 nel giro di un solo anno.

2019 - AUTOBUS ELETTRICI Ptt > 8t - totale 1.687 COSTRUTTORI Mercato Europa Occidentale + Polonia. Escluso Filobus

AUTOBUS A TRAZIONE ALTERNATIVA Ptt > 8t 2012-2019 Europa Occidentale + Polonia

6.000

Totale 5.652

5.000

Totale Ibridi CNG Elettrici Fuel Cell

4.000 3.340 3.000

2.724

1.467

1.319 1.000

0

2.030

1.839

2.000

1.362

15

5

640 15

693

42

341

376

210 3

9

101

0

259

Leader di mercato nel segmento degli elettrici è VDL Bus & Coach con 386 unità consegnate nel 2019 e una quota mercato del 22,9%. Al secondo posto si classifica BYD con 236 veicoli (esclusi i 79 BYD-Alexander Dennis) e uno share del 14%. Terza Solaris con 145 mezzi e un margine dell’8,6%. Volvo quarta con 135 veicoli e l’8% di quota. A pari merito Irizar e MercedesBenz (7,5%). Seguono Yutong (6,2%), Ebusco (6%), Iveco-Heuliez (4,9%), BYD-Alexander Dennis (4,7%). Sotto il 2% gli altri.

2012-2019 AUTOBUS ELETTRICI Ptt > 8t - tot 3.025 COSTRUTTORI Mercato Europa Occidentale + Polonia. Escluso Filobus

1.332 1.030

954

809

776 523

1.429

358 1

4

CNG 1.980 Ibridi 1.957 Elettrici 1.687 (senza filobus)

1.647 1.145 548 0

Fuel Cell 28

Le prime tre posizioni si riconfermano anche nel periodo compreso tra il 2012 e il 2019. Per quanto riguarda la distribuzione geografica dei 3.025 autobus elettrici forniti negli ultimi otto anni, i Paesi Bassi risultano in testa con un totale di 726 veicoli immatricolati tra il 2012 e il 2019. Seconda è la Francia con 368 mezzi a cui segue il Regno Unito con 322 unità. Poi la Germania (10,6%), la Svezia (7,8%), la Polonia (5,7%), Spagna (4,9%), Italia (4%)

2012-2019 AUTOBUS ELETTRICI Ptt > 8t - 3.025 NAZIONI Mercato Europa Occidentale + Polonia. Escluso Filobus


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

25 ANNI DI SPRINTER MERCEDES

Tre generazioni, diversi restyling e un’ampia selezione di modelli per svariati impieghi. L’ultimo in versione 100% elettrica

inque lustri tondi per lo Sprinter. Il ‘picC colo’ di Casa Mercedes dai grandi numeri. Conosciuto in tutto il mondo, circola sulle strade di 130 Paesi ed è configurabile in più di mille versioni. Debutta nel gennaio 1995 prendendo il posto del famoso Mercedes T1. È un veicolo moderno per l’epoca con i freni a disco integrali, sistema antibloccaggio ABS con differenzia-

le frenante automatico ABD, carrozzeria più aerodinamica. Ed è subito un successo tanto che, l’anno stesso del debutto, viene incoronato ‘Van of the Year 1995’. Tra i suoi punti di forza, oltre alla sicurezza, consumi ed efficienza, la versatilità. Fin dall’inizio è disponibile in versione autotelaio, veicolo cassonato o cassone ribaltabile, rispettivamente con cabina doppia o singola,

SPRINTER ELETTRICO

ltimo nato nella famiglia dei commerU ciali Mercedes-Benz è l’eSprinter ad alimentazione 100% elettrica.

più ampio raggio di utilizzo possibile nella mobilità urbana», come tiene a precisare il produttore. Verrà dunque inizialmente ofUfficialmente inaugurato nel dicembre ferto come furgone con tetto alto e PTT di 2019, l’eSprinter «è destinato a coprire il 3.500 kg. La trazione è affidata alle ruote anteriori con una potenza di 85 kW (116 cv) e un valore di coppia fino a 300 Nm. La capacità utile della batteria è di 47 kWh e consente di percorrere 168 chilometri con un carico massimo di 891 kg. Se invece si preferisce un carico maggiore si può optare per una capacità della batteria ridotta (35 kWh). La ricarica rapida integrata ripristina l’80 percento della batteria in 30 minuti.

furgonato e Kombi con cinque o nove sedili, con tetto basso o alto. Innumerevoli le configurazioni per diversi campi di applicazione: dalla logistica agli impieghi commerciali, dai cantieri ai servizi municipali al trasporto passeggeri, fino ai servizi antincendio e di emergenza. Nel 2006, dopo più di 1,3 milioni di esemplari venduti, Mercedes presenta la seconda serie e nel 2018 introduce lo Sprinter di ultima generazione. Il dicembre 2019 segna un’altra tappa importante: il lancio dell’eSprinter a trazione elettrica (vedi box). Il Mercedes Sprinter viene attualmente prodotto in quattro stabilimenti: due in Germania (a Düsseldorf e Ludwigsfelde) e altrettanti

nelle Americhe (a Buenos Aires in Argentina e nella fabbrica statunitense di Charleston). Per quanto riguarda il segmento passeggeri, i minibus Sprinter venduti in questi 25 anni contano più di 25 mila unità. La nuova edizione, progressivamente introdotta a partire dall’autunno 2018, si articola sempre nei quattro modelli già noti, ovvero Sprinter City (‘Minibus of the Year 2019’ nella variante Sprinter City 75), Transfer, Mobility e Travel. Modelli proposti in più di venti versioni con guida a sinistra e a destra. Tra le novità dell’ultima serie, la postazione di guida ancora più ergonomica, ulteriore attenzione alla sicurezza con l’offerta di serie di dispositivi quali l’ESP adattivo e l’assistente al mantenimento della distanza Distronic. I nuovi Sprinter sono poi completamente connessi ed equipaggiati di serie del modulo Connectivity per la gestione della flotta. Su richiesta, possono essere collegati al sistema telematico OmniPlus ON per un accesso personalizzato a una pluralità di servizi, compreso l’e-commerce per i ricambi. In occasione del 25° anniversario dello Sprinter, Mercedes-Benz Vans dedicherà ogni mese uno speciale sulla piattaforma di comunicazione media.mercedes-benz.com/Sprinter25 Altri articoli su Mercedes-Benz: https://bustocoach.com/costruttore/evobus-italia-spa/


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

IVECO BUS PER L’ELETTROMOBILITÀ

Con la nuova gamma di autobus elettrici E-Way, Iveco Bus completa la propria offerta di veicoli ecosostenibili. Tre lunghezze ad alta flessibilità by Heuliez

lla crescente domanda internazionale di A elettromobilità, Iveco Bus risponde con la nuova gamma di autobus elettrici E-Way.

Il debutto è avvenuto lo scorso ottobre al Busworld di Bruxelles con la versione da 18 metri, dopo che all’inizio dello stesso mese l’E-Way da 12 metri aveva dato prova di sè sul circuito Iveco Magirus di Ulm, in Germania. 527 km percorsi in 11 ore e 41 minuti con una unica carica e terminando con il 4% di energia residua nel pacco batterie da 350

kWh (dati certificati dal TÜV Südwest). Da un paio di mesi, un E-Way da 12 metri è in servizio sperimentale sui 19 km della linea Genova-Recco. Oltre ai 12 e 18 metri, la gamma Iveco Bus EWay comprende anche la versione da 9,5 metri ed è realizzata in Francia da Heuliez Bus (anch’esso parte del gruppo CNH Industrial) che da oltre 20 anni opera principalmente sul proprio mercato interno (ma anche in Spagna, Svizzera e Paesi Bassi) con una gamma completa di autobus a trazione alternativa, compreso i full electric della serie GX E che aggiungono agli Iveco E-Way il modello GX 137 E da 10,5 metri di lunghezza e le varianti Linium per linee BHNS. Le due serie di veicoli sono praticamente uguali, dal sistema di trazione Heuliez Full Elec alla struttura autoportante in acciaio inox su telaio in acciaio trattato con cataforesi. Anche per gli E-Way i sistemi di ricarica prevedono sia la ricarica lenta notturna (combo 2)

sia quella rapida con pantografo (ascendente o discendente), così come l’adattabilità alle condizioni di esercizio può contare sulla flessibilità del numero di pacchi batteria NMC agli ioni di litio (da 210 a 385 kWh) o al litioossido-titanato (da 88 a 107 kWh) installate a bordo per garantire la massima autonomia. E

la potenza del motore elettrico può variare da 120 a 200 kW. La gamma Iveco Bus E-Way è associata a un’ampia gamma di servizi di consulenza, finanziari e di manutenzione, per semplificare il lavoro degli operatori e fornire così una soluzione di trasporto completa.

IN-MOTION-CHARGING

ddio ai vecchi sistemi con motore auA siliario diesel per permettere ai filobus di viaggiare fuori dal collegamento alla rete

elettrica aerea. Iveco Bus ora propone la gamma In-Motion-Charging ad emissioni zero grazie alla dotazione di batterie di trazione per la marcia autonoma che vengono ricaricate quando il filobus è connesso alla rete aerea. Nelle due modalità di marcia le prestazioni non cambiano, non sono necessarie lunghe soste per la ricarica delle batterie al capolinea, come avviene per gli autobus elettrici, e si possono realizzare percorsi senza infrastrutture nei punti critici (centri storici, ampi attraversamenti di arterie urbane o linee tranviarie). Altri articoli su Iveco Bus: https://bustocoach.com/costruttore/iveco-spa/

La tecnologia In-Motion-Charging è disponibile per i filobus Iveco da 12 e 18 metri di lunghezza, sia con design della carrozzeria tradizionale sia per i modelli Crealis BRT. Per entrambi, la tecnologia di trazione è stata sviluppata in collaborazione con Skoda Electric.


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

MAN Lion’City 12 E

IRIZAR ie-Bus 18

E-TROFIT mobilità elettrica al centro di ElekBu LA 2020, mostra-convegno che si è tenuta il 4-5 febbraio a Berlino. Organizzata dall’as-

sociazione delle aziende di trasporto pubblico tedesche VDV in collaborazione con il Forum per i Trasporti e la Logistica, la manifestazione ha coinvolto 650 visitatori e 70 espositori di prodotti e servizi. In passerella sono saliti 16 autobus di marche e modelli differenti, tutti rigorosamente azionati da motori elettrici. Gli autobus a trazione elettrica sono una realtà in un numero crescente di città. Secon-

IVECO BUS/HEULIEZ E-Way 12

ELETTRICI IN MOSTRA A BERLINO

Soluzioni per il trasporto pubblico a zero emissioni a ElekBu 2020, mostra-convegno andata in scena lo scorso febbraio nella Capitale tedesca

do l’associazione VDV, solo in Germania se ne contano circa 400. Altri 750 sono, poi, in fase di ordine. «Lo sviluppo delle batterie sta andando nella giusta direzione. Una gamma crescente e un efficace sistema di ricarica sono i prerequisiti per rendere i bus elettrici adatti all’uso quotidiano su tutti i percorsi», ha detto

Martin Schmitz, CEO del Forum per i Trasporti e la Logistica. Sotto i riflettori di ElekBu 2020, MAN Truck & Bus ha presentato due opzioni per la mobilità elettrica: il MAN Lion’s City E da 12 metri e il furgone elettrico MAN eTGE equipaggiato per la manutenzione dei bus in linea.

MERCEDES eCitaro 12 Il Lion’s City 12 E alloggia fino a 88 persone ed è azionato da un motore centrale da 160 cv (270 kW) e batterie agli ioni di litio (NMC) sul tetto. L’autonomia dichiarata è fra 200 e 270 km in condizioni favorevoli e per l’intero ciclo di vita delle batterie. I primi veicoli di serie da 12 metri verranno forniti nella seconda metà dell’anno. Si dovrà attendere la metà del 2021 per le consegne del Lion’s City E da 18 metri. Daimler Buses ha messo in campo il Mercedes-Benz eCitaro. Veicolo entrato in funzione in diverse città della Germania e di altri Paesi

ÆÆ


VAN HOOL A 330 Fuel Cell negli ultimi dodici mesi. Prodotto in serie a Mannheim, l’eCitaro è alimentato da un assale ZF con motori elettrici alle ruote. Può essere fornito con un massimo di 12 pacchi batteria per un’autonomia di circa 170 km. Entro la fine dell’anno sarà disponibile anche la variante articolata da 145 posti. Da BYD il collaudato EBus, ora tutto ‘Made in Europe’ e qui nella versione da 12 metri. L’ultima serie presenta una serie di migliorie, dal look, al nuovo sistema di aria condizionata, al Controller integrato ‘6 in 1’, inclusa una gamma di opzioni di sicurezza. BYD si conferma leader di mercato per le vendite di eBus in Europa con un migliaio di unità. BYD EBus 12

SOLARIS Urbino 12 Electric In edizione BRT il Citea SLFA-181 Electric esposto da VDL Bus & Coach. È uno dei 49 esemplari commissionati dalla compagnia tedesca Stadtwerke Osnabrück che ha optato per la ricarica rapida ottimizzata delle batterie da 216 kWh mediante pantografo a tetto oltre al biberonaggio notturno in deposito. I mezzi saranno così in funzione tutto il giorno con una percorrenza giornaliera di 14mila km. Soluzione ad alta capacità di trasporto anche per Irizar eMobility, società del Gruppo Irizar, con uno dei 14 ie Bus da 18 metri confezionati per Voyages Emilie Weber. Modello della rinnovata gamma ie bus più efficiente in termini di batterie, potenze di carica, consumi e KARSAN Jest Electric

autonomia che Irizar stima in 250 km (ciclo SORT 1). Iveco Bus ha proposto l’elettrico E-Way 12 costruito da Heuliez Bus, anch’esso parte del Gruppo CNH. Veicolo alimentato da un motore sincrono centrale da 190 kW e batterie agli ioni di Litio-Manganese-Cobalto (8 pacchi da 350 kW). A bordo 85 passeggeri (28 seduti). Van Hool ha presentato a Berlino l’A 330 fuel cell nella versione per WSW Wuppertal (10 unità) con celle a combustibile Ballard e motore elettrico Siemens PEM da 210 kW. Per Solaris Bus & Coach ha sfilato l’Urbino 12 Electric con le nuove batterie ad alta potenza Solaris High Energy + (395 kWh).

TRIBUS Movitas Due i modelli da Ebusco: l’urbano da 12 metri Ebusco 2.0 con un pacco batterie opzionale di oltre 400 kWh e la versione 3.0 che, a detta del costruttore, raggiunge anche i 500 km. Alstom si è presentata con l’elettrico Aptis il cui debutto, dopo due anni di test, è programmato per il 24 febbraio a Strasburgo. Per quanto riguarda le proposte in formato ridotto, si è visto il Jest Electric da 6 metri equipaggiato da Karsan con batterie BMW, il citybus Movitas e l’e-Crafter VW per persone a mobilità ridotta, entrambi a marchio Tribus. Da e-Trofit un esempio di conversione da diesel in elettrico mediante apposito kit di retrofit, in questo caso su un Mercedes Citaro.

VDL Citea SLFA-181 BRT Electric


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2020

OMNIplus ON commerce: il nuovo OMNIplus eShop ai blocchi di partenza

ANNUNCI

Profile for Transport Web & C. SNC

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE – Marzo 2020  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE – Marzo 2020  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...