Page 1

Transport Web Snc - www.bustocoach.com

EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Marzo 2017

Bus To Coach MERCATO AUTOBUS IN ITALIA

ASPETTANDO GODOT MAN TRUCK & BUS - IVECO - SCANIA - BUS STORE SHOW - MERCATI EUROPA E ITALIA - TOMASSINI SCUOLABUS - URBANWAY HYBRID - RUBRICHE


RIVISTA ON-LINE abbinata a www.bustocoach.com - Marzo 2017 RUBRICHE

BusToCoach

European on-line magazine Direttore responsabile

Marino Ginanneschi

marino.ginanneschi@bustocoach.com

Redazione e rapporti internazionali

Elena Prearo

elena.prearo@bustocoach.com

Pubblicità

HIGH TECH STORE Vossloh-Kiepe, Scania ed Eberspächer Sütrak.

FLASH NEWS In diretta dal mondo dei trasporti.

ANNUNCI Uno spazio per vendere e comprare.

FILO DIRETTO

ADV SPAZIO s.r.l. I 20129 Milano Via G. Modena 6 Tel. +39 02 7000 4031

E-mail: bustocoach@advspazio.it

Amministrazione

Transport Web & C Snc I 20148 Milano Via Versilia 22

E-mail: bustocoach@bustocoach.com Internet: www.bustocoach.com Registrazione Tribunale di Milano n. 140 del 16/03/2012

***

MAN TRUCK & BUS IVECO Al Transpotec ha portato Il 2016 si è chiuso in anche gli autobus. positivo anche per i bus. MERCATI

SCANIA A fine 2017 iniziano i test per l’elettrico.

BUS STORE SHOW L’usato si è messo in mostra a Neu Ulm.

IN PRIMO PIANO

BusToCoach® Magazine è inviato mensilmente via mail a 12.000 operatori europei del trasporto passeggeri in autobus. Se vuoi iscriverti alla nostra mailing list comunicalo a: bustocoach@bustocoach.com

EUROPA L’immatricolato 2016 cresce a piccoli passi.

ITALIA La crescita dei minibus nasconde la realtà.

TOMASSINI Scuolabus su Mercedes Sprinter.

IVECO BUS L’Urbanway ibrido da 18 metri per Milano.


KENT C 10

97 POSTI A SEDERE IN 10,7 METRI. Disponibile anche nelle versioni da 12 e 18 metri.

DA 9 A 18 METRI

SEMPRE L’URBANO IDEALE Distributore per lʼItalia: Mauri Bus System Srl Via Caravaggio, 8 - 20832 Desio (MB) - Italy Office +39 0362 626247 - Fax +39 0362 629189 - www.mauri-bus.it


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

ANCHE IBRIDI MAN PER FERRARA

TRASPORTO DISABILI IN VALLE D’AOSTA

resentati a Ferrara 23 nuovi autobus che andranno a rinnovasocietà valdostana Vita, da oltre 50 anni nel traP re circa il 10% dell’intero parco veicolare di Tper (Trasporto LA sporto passeggeri, ha effettuato lo scorso 23-25 Passeggeri Emilia-Romagna) nel bacino ferrarese. Si tratta di gennaio un giro di presentazione dei propri pullman equi-

12 urbani a trazione ibrida MAN Lion’s City da 12 metri, 4 interurbani MAN Lion’s Regio da 14 metri e 7 Iveco Crossway destinati ai principali collegamenti extraurbani da e per Ferrara. L’acquisto dei 23 mezzi ha comportato un investimento complessivo di 7,1 milioni di euro, sostenuto al 50% in autofinanziamento da Tper e per il restante 50% dalla Regione Emilia-Romagna con fondi ministeriali. Sempre in tema di rinnovo del parco autobus ferrarese, ai 23 nuovi mezzi si aggiungono tre extraurbani Mercedes Benz Intouro acquisiti da La Valle Trasporti per i servizi di TPL nell’ambito del consorzio FeM (di cui La Valle è socia) e due minibus a metano acquistati da SST in autofinanziamento, già entrati in esercizio sulle linee a prenotazione Taxibus del territorio provinciale.

BANDO STANDARD PER LA SICUREZZA

paggiati per il trasporto disabili presso diverse sedi italiane dell’Unitalsi, l’Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali. I mezzi sono sono tutti attrezzati di toilette al piano accessibile in carrozzina e possono essere allestiti per un massimo di tredici carrozzelle o fino a dieci barelle. Nella versione Luxory e Deluxe, è possibile allestire l’abitacolo con una fila di poltrone singole. La flotta in questione è composta da autobus Van Hool della serie Astron e Acron.

ELETTRICI IN GARA PER BERGAMO

azienda trasporti di Bergamo (ATB) ha indetto una L’ gara per la fornitura di 12 autobus elettrici e dei relativi impianti di ricarica. Il fornitore dovrà presentare un

rosegue il tour “Sicurezza10&Lode”, la campagna P di Anav e Polizia Stradale per la promozione della sicurezza e della qualità dei servizi di trasporto in

autobus nelle gite scolastiche. Nella tappa veneta, Tiziano Garbellini, presidente di Anav Veneto e Nicoletta Romagnuolo, dirigente Anav, hanno coinvolto le imprese della regione e i dirigenti scolastici per condividere gli scopi e la missione della campagna. Il Vice Questore aggiunto Alessandro De Ruosi ha reso noti i risultati dei controlli su strada nel 2016: 10mila pattuglie impegnate, 15mila bus controllati, di cui 10mila su richiesta delle scuole in seguito all’intesa sottoscritta col MIUR (Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca). Nel 16% dei casi sono state rilevate irregolarità, per lo più di lieve entità. De Ruosi, ha anche sottolineato l’importanza di “educare” gli studenti al viaggio considerando che il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza è ancora una pratica molto diffusa. Di particolare rilievo la proposta avanzata da Flavio Filini, presidente della rete Sirvess di Verona, di definire un bando standard per la scelta degli operatori del trasporto scolastico.

AUTOBUS A METANO PER BOLOGNA

el mese di febbraio sono entrati in servizio sulle linee urbane N e suburbane di Tper (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna) 23 nuovi autobus a metano. Sono 12 Iveco Citelis CNG da 12

metri e 11 articolati Bredamenarinibus della serie Avancity Plus S. I mezzi sono equipaggiati di impianto di climatizzazione integrale, dispositivo per l’annuncio fonico esterno, pedana e relativo posto attrezzato per carrozzella più piattaforma riservata ai passeggini aperti. L’acquisto dei 23 autobus ha comportato un investimento complessivo di 6,3 milioni di euro, sostenuto al 50% da Tper in autofinanziamento e per il restante 50% con fondi della Regione Emilia-Romagna.

progetto complessivo del sistema elettrico. I veicoli dovranno avere una lunghezza compresa tra 11,31 e 12,40 metri ed essere dotati di tre accessi, pianale ribassato, alimentazione full electric e un’autonomia di carica giornaliera pari a 180 km. Il bando di gara prevede una prima fornitura di sei autobus con l’opzione per l’acquisto (entro 12 mesi dall’aggiudicazione della gara) di ulteriori sei unità. L’investimento per l’acquisto dei 12 mezzi e per gli impianti di ricarica supera i 6,5 milioni di euro, spesa che verrà in buona parte sostenuta da ATB.

AGGIUDICATO IL TPL IN FRIULI VENEZIA

Regione Friuli Venezia Giulia ha ufficializzato lo scorso genLA naio l’aggiudicazione definitiva della gara d’appalto per la gestione del servizio di trasporto pubblico locale (TPL) su gomma e

marittimo per l’intero bacino regionale. Vincitore è TPL FVG S.c.ar.l., società fondata dalle maggiori aziende di trasporto pubblico regionale che hanno partecipato al bando europeo per il servizio di trasporto pubblico persone. L’affidamento ha una durata di dieci anni con possibilità di proroga per ulteriori cinque. Valore annuo dell’appalto: 109.308.108 euro al netto dell’IVA. «Consegniamo ai cittadini un servizio di TPL coerente con le loro esigenze, più sicuro e di maggior qualità», ha commentato l’assessore regionale alle Infrastrutture e al Territorio del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro., «con un netto miglioramento sia nelle aree a forte domanda che in quelle a domanda debole, anche dei servizi di trasporto scolastico, di collegamento alle strutture sanitarie, di sostegno alla mobilità turistica.


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

CASTROSUA A METANO PER MADRID

ANCORA METANO SCANIA-CASTROSUA

scorso 6 febbraio Empresa Martin, società di trasporna fornitura importante quella dell’EMT (Empresa MuLO ti iberica del Gruppo Ruiz, ha presentato 14 nuovi Unicipal de Transportes) di Madrid. In campo ci sono 160 autobus a metano con carrozzeria Magnus E LE CNG realiz- autobus, tutti alimentati a metano. Urbani da 12 metri su mec-

zata da Castrosua. Omologati in classe II, i veicoli hanno una lunghezza di 13 metri e dispongono di doppio accesso. Sette sono carrozzati su telaio Scania KUB 4X2 CNG e i rimanenti su MAN A69 CNG. La capienza è di 39 passeggeri seduti e 33 in piedi più l’area riservata al passeggero in carrozzella. La dotazione di bordo comprende impianto di aria condizionata, rampe per l’imbarco carrozzella (automatica e manuale), due prese USB, telecamera di retromarcia. L’autista ha un accesso dedicato con porta completa di serratura elettrica.

SCANIA CONQUISTA L’IRAN

IBRIDO-ELETTRICI FIRMATI VOLVO

città di Charleroi e Namur, in Belgio, si doteLE ranno di 90 autobus a propulsione ibrido-elettrica della serie Volvo 7900 e di 12 stazioni di ricarica

produttore svedese ha firmato un accordo molto IL importante in Iran per il rinnovo del parco autobus. L’accordo di massima comprende 1.350 mezzi per Isfahan,

città 450 km a sud di Teheran, e altre quattro località iraniane. Le prime unità saranno in servizio a fine 2017. I mezzi verranno forniti attraverso Oghab Afshan, partner di Scania per il comparto autobus e distributore in Iran a partire dal 2000. L’Iran è uno dei primi dieci mercati di autobus Scania a livello globale.«Insieme ai nostri partner, abbiamo una forte presenza in Iran con le operazioni industriali completi e una vasta rete di servizi», dice il presidente e CEO di Scania Henrik Henriksson. «Non vediamo l’ora di sviluppare questo mercato ancora di più per fornire i migliori servizi e le soluzioni di trasporto sostenibili per i nostri clienti».

LA

canica Scania N 280 UB CNG con carrozzeria New City a cura della spagnola Castrosua. La consegna delle prime 80 unità è prevista entro l’anno a partire dal secondo semestre, nel 2018 le restanti 80. EMT rinnova così la sua fiducia nella tecnologia Scania dopo la fornitura di altre 46 unità, sempre alimentate a metano, nell’aprile 2016.

fornite da ABB. L’acquirente è la società di trasporto pubblico TEC Group. Il contratto prevede 55 autobus per Charleroi più 4 stazioni di ricarica e 35 bus per Namur in aggiunta alle 8 stazioni. Consegna e installazione prenderanno il via il prossimo autunno. Il gruppo TEC aveva precedentemente commissionato 11 Volvo 7900 Electric Hybrid con stazioni di ricarica per Namur, sistema che è diventato operativo nel gennaio di quest’anno. Una volta che i 35 nuovi autobus entreranno in linea, il 90% dei mezzi pubblici di Namur risulterà elettrificato. Gli autobus a trazione ibrido-elettrica di Volvo e i sistemi di ricarica rapida di ABB si basano su una interfaccia comune nota come OppCharge, ad oggi implementata in più di dodici paesi. Con la cosiddetta ricarica di opportunità, le batterie vengono ricaricate in 3/4 minuti. Volvo garantisce che l’ibrido elettrico 7900 viaggia in modalità elettrica per circa il 70% del suo percorso con un consumo energetico di circa il 60% inferiore rispetto a un equivalente autobus diesel.

SOLARIS IBRIDI PER IL BELGIO

Société Régionale Wallonne du Transport (SRWT) e Solaris Bus & Coach fhanno firmato un accordo quadro per la fornitura di 208 autobus ibridi. Il contratto ha un valore 105 milioni di euro e prevede sia la consegna che la manutenzione dei veicoli per otto anni, così come la manutenzione dei sistemi di accumulo dell’energia per sedici anni. Per il produttore polacco questo è il più grande affare concluso in Belgio. I Solaris Urbino 12 Hybrid saranno utilizzati da due operatori: TEC Hainaut e TEC LiegiVerviers. Sulla base dell’accordo quadro, Solaris ha ricevuto ad oggi la conferma d’ordine per 97 veicoli. Dieci saranno recapitati ai primi di settembre 2017, i rimanenti 111 saranno acquistati nel primo trimestre del 2018. I veicoli saranno equipaggiati di tecnologia BAE Systems con sistema di accumulo di energia mediante Super Caps per garantire, attraverso il motore diesel-elettrico, la copertura di parte della linea in modalità del tutta priva di emissioni inquinanti.

APPUNTAMENTO A PECHINO

prossimo maggio si terrà a Pechino l’edizione 2017 IL del Bus & Truck, salone che dal 2009 mette al centro autobus, camion e componentistica. Organizzata dal ministero

dei Trasporti cinese, la rassegna si svolgerà su una superficie espositiva di 40 mila metri quadri. Il tema principale di quest’anno riguarda le nuove energie e relative tecnologie con gli ultimi trend e sviluppi. Sotto ai riflettori ci saranno anche prodotti e tecnologie per la sicurezza di bus e pullman, soluzioni per il risparmio energetico e l’ambiente, internet per i veicoli, autobus intelligenti. L’appuntamento è al centro esposizioni di Pechino dal 24 al 26 maggio. Maggiori dettagli al sito ufficiale http://e.bustruckexpo.com/


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

NON SOLO CAMION AL TRANSPOTEC

Al Salone di Verona dedicato al trasporto e alla logistica, MAN Truck & Bus ha fatto spazio anche alla propria gamma di autobus, con tre modelli di eccellenza

oltre 30 anni sul mercato italiano, DA MAN Truck & Bus si è presentata al Transpotec Logitec 2017 di Verona con

una offerta di veicoli e servizi a tutto campo. per rafforzare la propria immagine di marchio globale nel mondo dei trasporti. Quindi un mega stand da tremila mq in fiera ma anche numerose iniziative ‘Man per Verona’ che si sono tenute in contemporanea nella città scaligera, sul cui territorio limitrofo gravita da sempre l’attività del costruttore tedesco in Italia. Attività in espansione, come certificano i dati di bilancio che nel 2016 registrano una crescita del fatturato del 30% rispetto all’anno precedente, arrivando a quota 230 milioni di euro. MAN incrementa la propria quota di mercato

sia nei veicoli industriali sia negli autobus, dove consolida uno share di oltre il 10% nei veicoli con oltre 8 tonnellate di peso. A rappresentare questa categoria, non poteva quindi mancare il due piani Neoplan Skyliner protagonista lo scorso anno dell’importante fornitura di 100 unità per il Cotral di Roma. Lungo 14 metri, con allestimento in Classe II offre 91 posti a sedere, monta motore da 500 cavalli, cambio automatizzato MAN TipMatice dispone di tutti gli equipaggiamenti di comfort e sicurezza possibili. Così come il nuovo tuttofare Tourliner da 12,1 metri con pavimento senza dislivelli per facilitare gli spostamenti dei passeggeri. Infine, il MAN Lion’s City Hybrid da 12 metri che presto farà il suo debutto sulle strade del ferrarese. Tra i veicoli industriali si è visto anche il nuovo commerciale leggero TGE (fino a 5,5 ton.) che dal prossimo anno potrebbe essere offerto anche nella versione ‘passeggeri’. Altri articoli su MAN Truck & Bus: www.bustocoach.com/it/node/1850/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

POSITIVO IL 2016 DI IVECO

Il brand di CNH Industrial chiude l’anno con un utile operativo in crescita e ricavi dei veicoli commerciali in leggero aumento. Quanto ai bus, lo share in Europa passa dal 16 al 17% veco ha annunciato le performance del 2016 Ilioni evidenziando un utile operativo di 333 midi dollari, 50 in più rispetto al 2015. Il

Nel settore dei veicoli commerciali Iveco ha registrato ricavi di vendita netti più o meno in linea con quelli dell’anno precedente (+1,8% margine operativo è stato del 3,5%, in crescita a cambi costanti), «principalmente per effetto di 0,5 punti percentuali se paragonati all’anno dell’incremento dei volumi dei veicoli comprecedente. merciali e di prezzi netti favorevoli in area L’incremento su base annua è dovuto, secon- EMEA, compensati da volumi inferiori nel do quanto dichiarato dal presidente Pierre business dei veicoli speciali e dall’impatto Lahutte, «a migliori prezzi netti, un minor negativo delle differenze nel cambio di concosto dei materiali, un miglioramento della versione». qualità del prodotto ed efficienze di produzio- Nei Paesi dell’America Latina, i ricavi di ne in area EMEA (Europa, Medio Oriente e vendita netti sono diminuiti a causa della flesAfrica), parzialmente compensati dall’impat- sione della domanda in mercati quali Brasile to delle difficili condizioni della domanda nei e Argentina. Paesi latinoamericani (LATAM)». Per quanto riguarda il comparto autobus, Iveco Bus ha migliorato le IVECO BUS SUL MERCATO ITALIANO sue posizioni sul mercato europeo confermando un Autobus tipo Mercato totale Iveco Bus trend di recupero verso le autobus n. 2016-2015 Share D Share posizione detenute fino al 2011 (18-19%). Urbani 488 -17,8% 32% +7,1 Nello specifico, lo share è Interurbani 405 +6,3% 46,9% -2,7 passato dal 16 al 17% per gli autobus e pullman con Turistici 795 +23,8% 13,6% = un peso superiore alle 3,5 Minibus 1.198 +45% 48,9% +0,2 tonnellate. Fra i Paesi che presentano TOTALE 2.886 +18,1% 36,0% +2,2 un trend di crescita c’è la Fonte: Iveco Bus Germania, dove la quota

mercato di Iveco Bus è salita all’11,2% segnando un incremento di 2,3 punti percentuali. Bene anche in Francia e in particolare nel segmento degli autobus urbani, dove Iveco Bus e Heuliez Bus si aggiudicano rispettivamente il 34,4 e il 28,2% del mercato, con una crescita di 3,1 punti per il primo e di 3,2 punti per il secondo. Della stessa entità l’apprezzamento della quota mercato di Iveco Bus in Italia. Nei confini del Bel Paese, il produttore ha raggiunto nel 2016 uno share del 36% con una crescita del 2,2%. A dare maggiore soddisfazione è il settore degli urbani dove i mezzi targati Iveco rappresentano il 32% del mercato italiano. La quota è in questo caso salita del 7,1%. Performance in controtendenza rispetto all’andamento degli urbani nel 2016 in Italia (-17,8%), secondo fonte Iveco Bus. Non si può dire altrettanto per gli interurbani, segmento che vede ridursi la quota mercato del costruttore del 2,7%. Ma l’incidenza di Iveco Bus in tale ambito rimane pur sempre alta (46,9%). Pressoché invariata la performance sul fronte dei minibus dove lo share è al 48,9% e in

quello dei pullman da turismo (36%). Per quanto riguarda i minibus, è da segnalare l’avvio della produzione a Brescia nel marzo 2016 (539 i minibus prodotti nel corso dell’anno). Rispetto all’impiego di tecnologie alternative, non è passata inosservata la fornitura dei 49 Crealis Trolleybus a Bologna così come i 120 Urbanway Hybrid aggiudicati a Iveco Bus dall’azienda trasporti di Milano (ATM). Altra grossa commessa del 2016 targata Iveco, ma fuori dai confini europei, è quella dei 151 Crealis a metano per Bakou, nell’Azerbaidjan e i 20 Urbanway Hybrid ad Astana (Kazakistan).. In Francia, dove gli autobus a basse emissioni rappresentano più del 50% del mercato, Iveco Bus ha conseguito lo scorso anno uno share del 45% per gli autobus alimentati a gas e del 38% per i mezzi a trazione ibrida, a cui si aggiunge un ulteriore 45% per gli ibridi con Heuliez Bus. Guardando al futuro prossimo, Iveco Bus conferma la scelta di spingere sulle alimentazioni ibride e a gas, considerando le alternative elettriche non ancora mature in fatto di costi, efficienza e capacità di trasporto. Altri articoli su Iveco Bus: www.bustocoach.com/it/node/917/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

SCANIA PARTE CON L’ELETTRICO

A fine 2017 il produttore svedese avvierà i test di tre elettrici a batteria Scania Citywide LF. Altri tre a inizio 2019. Luogo prescelto: Öresund, nel nord della Svezia nche Scania sulla via dell’elettrico. La A Casa svedese ha annunciato che entro fine anno darà il via alle prime prove sul campo

degli autobus elettrici a batteria che andrà prossimamente a produrre. I mezzi verranno testati a Östersund, città a nord della Svezia. A fine 2017 entreranno in funzione tre autobus Scania Citywide LF e altri tre si aggiungeranno nei primi mesi del 2019. Due nuove stazioni di ricarica verranno costruite a Östersund per il rifornimento dei sei autobus ai terminal della linea che si estende per 14 chilometri. La ricarica durerà dieci minuti e gli autobus effettueranno un centinaio di viaggi al giorno. «Östersund, con il suo clima di inverni freddi ed estati moderatamente calde, è il luogo ideale per testarne le prestazioni in condizioni reali», così Anna Carmo e Silva, responsabile della divisione autobus e pullman di Scania.

«Le prove costituiscono la fase iniziale dello sviluppo di autobus elettrici a batteria». I test verranno realizzati in collaborazione con le autorità pubbliche, tra cui il Comune di Östersund e l’Autorità di trasporti pubblici della Regione Jämtland Härjedalen, oltre al fornitore pubblico di energia Jämtkraft. Gli autobus verranno gestiti da Nettbuss, società controllata da NSB, Ferrovia dello Stato norvegese nonché il secondo più grande operatore di autobus nei Paesi nordici. Scania offre attualmente un’ampia gamma di autobus alimentati a combustibili alternativi, tra cui biogas, bioetanolo e biodiesel oltre agli elettrici ibridi. «Con l’aggiunta di autobus elettrici a batteria, rafforzeremo ulteriormente la nostra attenzione sul trasporto sostenibile e integreremo questa vasta gamma con autobus indicati per i centri cittadini», ha aggiunto Anna Carmo e Silva.

Altri articoli su Scania: www.bustocoach.com/it/node/2175/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

VETRINA DEDICATA AGLI USATI

Aumenta l’offerta di autobus di seconda mano al BusStore Show 2017, rassegna a cura del marchio europeo di Mercedes-Benz e Setra per gli usati

etrina sempre più ricca quella del BusV Store Show, il salone internazionale degli autobus di seconda mano organizzato il 3/4 febbraio scorso da BusStore, il marchio europeo degli usati di Mercedes-Benz e Setra. L’edizione 2017 ha messo in mostra 250 autobus, un’ottantina in più rispetto a quelli saliti in passerella lo scorso anno. Dai minibus fino ai pullman su due piani, veicoli di varie marche, modelli e tipologie. A disposizione del pubblico anche per prove di guida. Un migliaio le presenze registrate a Neu Ulm per questa 4a edizione del BusStore Show con visitatori in provenienza da 21 Paesi. A dimostrazione della caratura ormai internazionale dell’evento. «Il numero delle vendite dei mezzi in esposi-

zione», precisano i responsabili del BusStore Show, «si attestano sui livelli della precedente edizione». Novità di quest’anno: i visitatori hanno potuto scaricare tutti i dati del veicolo direttamente sul proprio smartphone. « L’ i n t e r e s se per i nostri prodotti è stato notevole», ha puntualizzato Ulrich Bastert, responsabile marketing, vendite e servizi al cliente di Daimler Buses. «Qui a Neu-Ulm i nostri ospiti trovano un gran numero di autobus tecnicamente perfetti e per ogni fascia di prezzo». A supporto della clientela, il personale BusStore per consulenza nella personalizzazione dell’usato scelto, oltre che per informazioni sui servizi OMNIplus e con proposte finanziarie per l’acquisto del mezzo.

Altri articoli su Evobus: www.bustocoach.com/it/node/1694/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

HIGH TECH STORE

RICARICA VOSSLOH

EBERSPÄCHER

presentato i filobus a batteria Solaris con sistema di ricarica In-Motion-Charging (IMC) di Vossloh Kiepe ad un pubblico internazionale di specialisti e giornalisti in occasione di uno speciale evento. I quattro ibridi elettrici sono in regolare servizio dalla fine del 2016. I filobus sono provvisti di batterie di trazione al litio titanato (LTO) la cui potenza di 240 kW e i 37 kWh di energia utilizzabile garantiscono il normale funzionamento su sezioni del percorso senza linee aeree di contatto. Sono equipaggiati di due assi motore da 160 kW ciascuno e raggiungono una velocità massima di 65 km orari in entrambe le modalità. Harald Boog, responsabile delle operazioni alle SVE, ha dichiarato: «Sulla linea 113 gli ibridi elettrici coprono due terzi della distanza a batteria. Questo ci ha permesso di portare il trasporto di massa a emissioni zero nel quartiere di Berkheim, senza costi aggiuntivi per l’infrastruttura».

gestione termica a bordo autobus: l’unità di condizionamento a tetto, il condizionatore posto guida, compressore, convettori, sistema di riscaldamento di cappelliere e corridoio. Il sistema è utilizzabile su autobus e pullman con qualsiasi tipologia di trazione ed è disponibile per impianti elettrici di bordo a 12 V e 24 V. E-control si caratterizza per le dimensioni compatte oltre che per la facilità d’installazione e può essere montato anche in aftermarket. Altro vantaggio è la possibilità di interfacciarsi con unità già installate in vettura o di integrare in un unico sistema i componenti di gestione termica eventualmente montati a posteriori. Il sistema viene comandato tramite un’interfaccia semplice con pulsanti grandi e simboli ben visibili che consentono al conducente di controllare in modo rapido e intuitivo le funzioni chiave.

Autorità municipale Control è la nuova piattaforma di L' dei trasporti di Esslin- E Eberspächer Sütrack per il controlgen (SVE), in Germania, ha lo centralizzato di tutti i componenti di

MUÉVETE EN VERDE

G

iardini pensili sui tetti degli autobus e sulle pensiline di attesa per contribuire a ridurre CO2 e polveri sottili. Questo l’obiettivo del progetto pilota ‘Muévete en verde’ (Muoviti nel verde) promosso a Madrid dalla Fundacion Cotec e dall’amministrazione comunale. La sperimentazione interessa le linee 27 e 34 che attraversano zone particolarmente trafficate (e inquinate) della Capitale spagnola. I tappeti erbosi saranno monitorati mediante un sistema di irrigamento automatico che non prevede perdite d’acqua. L’idea è della società PhytoKinetic che, attraverso l’uso di un materiale usato nella coltivazione idroponica, riesce a recuperare l’acqua del sistema di condizionamento dell’aria degli autobus per innaffiare il tetto-giardino. La presenza del verde sul tetto dei bus, come precisano gli esperti, consente inoltre di abbassare, nelle giornate più calde, la temperatura interna e richiedere dunque meno energia per la climatizzazione. Il costo stimato dell’installazione del manto erboso è intorno ai 2.500 euro per un autobus e circa 1.000 per la pensilina.

SCANIA MOTORI

resce a pieno ritmo il comparto moC tori della Casa svedese. Lo scorso anno i volumi di vendita hanno supera-

to il 35%. «Una stagione importante», puntualizza Scania, «anche dal punto di vista dell’acquisizione di nuovi clienti». Molto positivo, a detta del produttore, anche l’avvio della nuova stagione che segue la scia dei risultati raggiunti. Il 2016 è stato un anno chiave per l’azienda che ha presentato al mondo il nuovo motore Stage V. Una mossa che anticipa i tempi: gli standard per le emissioni Stage V entreranno infatti in vigore a partire dal 2019 ma Scania, grazie al sistema modulare e all’eccellenza ingegneristica, è già in grado di proporre i nuovi motori pre serie conformi ai futuri requisiti. Al Transpotec Logitec, il salone internazionale dell’autotrasporto e logistica (Verona, 22-25 febbraio) Scania ha messo in mostra un motore DC13 EU Stage IV / US Tier 4f, che rispetta le attuali emissioni. È dotato delle tecnologie SCR, EGR e turbocompressore VGT con flap di controllo del flusso dei gas di scarico gestito elettronicamente dalla centralina del motore EMS S8.


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

CRESCITA MODERATA NELL’UE

STATI

Nel 2016 sale del 2,3% l’immatricolato autobus nell’Unione Europea. Bene Spagna, Italia, Germania, Regno Unito. In flessione la Francia, boom in Olanda

A

umento sì, ma modesto. Secondo l’Associazione europea dei produttori automobilistici (ACEA), il mercato autobus oltre le 3,5 tonnellate di peso è cresciuto nel 2016 del 2,3% nei 27 Paesi dell’Unione Europea. Una performance che paragonata a quella a due cifre dell’anno prima (+17,8%), delude un po’ le attese. Gli autobus immatricolati nel 2016 ammontano, su base ACEA, a un totale di 40.370. Tra i mercati di riferimento, sono questa volta in primo piano Spagna, Italia, Germania Regno Unito. La Penisola iberica mette a segno un incremento del 26,1% con 3.300 autobus immatricolati nel corso del 2016. Nei confini italiani l’aumento è più contenuto ma pur sempre degno di nota (+16,1%). Qui le unità targate su strada ammontano a 2.799, quantitativo pur sempre insufficiente rispetto alle esigenze di un Paese in cui l’anzianità del parco autobus è tornata a salire superando nel 2016 i 12 anni di età media del circolante (fonte Asstra). Altro mercato, la Germania. Qui lo scorso anno sono stati immatricolati 6.683 nuovi autobus con una crescita che si allinea al trend dell’anno precedente (+8,9%). Bene anche il Regno Unito che chiude il 2016

2012

2013

2014

2015

AUSTRIA

722

713

900

899

1.043

BELGIO

701

765

1.142

923

714

BULGARIA

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

CROAZIA

n.d.

109

96

122

186

52,5%

CIPRO

n.d.

n.d

n.d.

n.d.

n.d.

REPUBBL. CECA

731

891

1.061

1.350

2016

2016-2015 D%

DANIMARCA

508

401

468

ESTONIA

116

126

FINLANDIA

535

388

FRANCIA

6.062

GERMANIA

5.139

16% -22,6%

n.d.

1.013

-25%

532

736

38,3%

138

230

172

-24,9%

691

526

586

11,4%

6.963

5.896

7.345

6.593

-10,2%

5.824

5.651

6.137

6.683

8,9%

118

100

175

129

191

48,1%

UNGHERIA

51

432

467

546

408

-25,3%

IRLANDA

236

162

207

313

362

15,7%

2.799

16,1%

GRECIA

con 8.769 nuove immatricolazioni (+7,5%) e ancora meglio ha fatto la vicina Irlanda con un +15,7%. Arretra, invece, la Francia che registra un decremento del 10,2% con 6.593 autobus immatricolati rispetto agli eccezionali 7.345 del 2015, ritornando così ai suoi volumi normali. Nel resto d’Europa, spicca su tutti la performance dell’Olanda, in assoluto la migliore dell’anno con un aumento addirittura a tre cifre (+144,2%) per un totale di 840 unità rispetto alle 344 del 2015. La Grecia inverte la rotta e tenta il recupero sulle fortissime perdite degli anni passati con un +48,1% dell’immatricolato. Nell’Europa dell’Est continua a pieno ritmo il rinnovo del parco autobus. Il mercato rumeno sale del 52,3% (nel 2015 aveva toccato il 101%), la Croazia del 52,5%, la Slovenia del 15,3%. In controtendenza Ungheria e Slovacchia, la prima lascia sul terreno il 25,3% mentre la seconda limita le perdite al 4%. In netto recupero i Paesi dell’area di libero scambio EFTA (European Free Trade Association) con in testa l’Islanda (+113,6%) seguita dalla Norvegia (+44,1%). Fa eccezione la Svizzera dove le immatricolazioni calano del 6,2%.

IMMATRICOLATO EUROPA (fonte ACEA)

ITALIA*

2.131

2.372

1.975

2.419

LETTONIA

93

242

208

251

179

26%

LITUANIA

145

176

288

192

263

34,9%

LUSSEMBURGO

159

171

159

251

205

-18,3%

OLANDA

784

583

665

344

840

144,2%

POLONIA

1.271

1.383

1.472

1.739

1.987

14,1%

224

174

239

254

354

39,4%

1.102

52,3%

PORTOGALLO ROMANIA

1.463

865

1.148

2.309

SLOVACCHIA

307

275

447

379

364

-4%

SLOVENIA

92

139

168

163

188

15,3%

SPAGNA

1.641

1.648

1.896

2.617

3.300

26,1%

SVEZIA

1.629

1.230

1.335

1.330

1.333

0,2% 7,5%

REGNO UNITO

7.233

6.951

6.669

8.483

8.769

UNIONE EUROPEA

32.091

33.083

33.561

39.783

40.370

69

74

66

95

235

113,6%

NORVEGIA

1.231

1.259

1.015

970

1.398

44,1%

SVIZZERA

509

580

649

745

699

-6,2%

ISLANDA

2,3%

EFTA

1.809

1.913

1.730

1.810

2.332

27,8%

TOTALE EU+EFTA

33.890

34.996

35.291

41.593

42.702

3,5%

*) Stima Anfia, basata sui dati del Ministero dei Trasporti italiano.


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

MERCATO ITALIA: CRESCITA APPARENTE

I numeri dell’immatricolato autobus 2016 in Italia mostrano una ripresa a due cifre ma in gran parte concentrata su mini e scuolabus. Per il TPL i volumi sono sconsolanti. In vista una positiva inversione di tendenza econdo i dati elaborati da Anfia (AssociaS zione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche) sulla base dell’immatricolato registrato

costruttori. In ogni caso si tratta di un trend in generale positivo, ma solo in apparenza. Se i dati li si guarda un po’ più da vicino si dal Ministero dei Trasporti, il mercato italiano nota subito che ad andare bene sono stati i degli autobus con peso a terra superiore ai minibus fino a 22 posti (+29,7%) e gli scuola35 quintali registra nel 2016 una crescita del bus (+85,1%). Consolante sapere che i nostri 16,8% rispetto al 2015. Valore che arriva al figli viaggeranno su mezzi più sicuri ma non 19,4% secondo gli aggiornamenti sul reale basta. Fatta eccezione per i turistici in Classe immatricolato forniti a BusToCoach da alcuni III che avvicinandosi alle 1.000 unità vendute (+20,5 secondo Anfia e +26,2% secondo IMMATRICOLATO ITALIA 2016 PER COSTRUTTORI BusToCoach) tornaVeicoli completi + Telai (2.891 unità) no ad avvicinarsi ai volumi pre-crisi, per ALTRI 10,8% gli autobus impiegati EVOBUS 28,7% nel trasporto pubbli(Mercedes+Setra) SCANIA 5,0% co locale (Classe I e SOLARIS 2,2% II) il mercato 2016 è VAN HOOL 1,7% rimasto fermo sullo VDL BUS & COACH 2,2% scoraggiante migliaVOLVO BUS 1,5% io di unità del 2015. Qualcosa in più si è venduto negli interurOTOKAR 2,6% bani ma la crescita è stata azzerata dagli IVECO BUS 34,5% IIA 5,2% urbani di linea che fanno registrare un MAN TRUCK & BUS 5,6% calo di oltre il 15%, (MAN+Neoplan) comunque li si conti.

IMMATRICOLATO ITALIA PER CLASSI EU

Classi EU

2015

2016

Var. %

CLASSE A 25 17 -32,0 CLASSE B 298 402 34,9 Totale < 22 posti 323 419 29,7 CLASSE I 7-11mt 306 (262) CLASSE I 11-18mt 267 (301) Totale Classe I 676 573 (563) -15,2 (-16,7) CLASSE II 7>11mt 107 (90) CLASSE II 11>16mt 314 (360) Totale Classe II 388 421 (450) 8,5 (16,0) CLASSE III 7>11mt 164 (157) CLASSE III 11>16mt 766 (817) Totale Classe III 772 930 (974) 20,5 (26,2) SCUOLABUS 262 485 85,1 Totale 2.421 2.828 (2.891) 16,8 (19,4) Fonte: dati Anfia/Ministero dei Trasporti. Tra parentesi i dati elaborati e integrati da BusToCoach.

Oltretutto, circa la metà degli autobus venduti risultano essere di taglia medio-piccola. Insomma, il mercato italiano dell’autobus continua ad essere pressoché dimezzato rispetto ai circa 6.000 veicoli che si vendevano negli anni pre 2008. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Ancora lo scorso anno, l’Associazione nazionale del trasporto pubblico locale (ASSTRA) denunciava che la situazione del parco mezzi è insostenibile, l’età media degli autobus italiani ha sorpassato i 12 anni. Più nel dettaglio, degli oltre 40mila autobus circolanti, il 33% dei mezzi è al di sotto della classe d’inquinamento Euro 3; gli Euro 3 sono il 27%, gli Euro 5 rappresentano il 24%, residuale il resto (euro 6, elettrico, ecc.). Per abbassare in 8 anni l’età media degli autobus nel TPL da 12,2 a 7,1 anni, ASSTRA stimava che occorresse sostituire 4.200 autobus all’anno, con un investimento annuale di 920 milioni di euro (552 dei quali a carico dello Stato). E qui arrivano le buone notizie. Sempre ASSTRA, nel convegno organizzato a fine gennaio scorso ha preso atto che “dopo anni di buio, cioè di azzeramento degli investimenti per il settore TPL, finalmente siamo di fronte,

1.000 750 500 250 0

Classe A

Classe B

Classe I

Classe II

Classe III Scuolabus

con la legge di bilancio dello Stato 2017, ad un piano per il rinnovo delle flotte autobus”. Confermato dal Ministro dei trasporti Graziano Delrio: “... abbiamo a disposizione, come cofinanziamenti agli enti locali, 700 milioni di euro (500 mln dalla legge di Stabilità 2016 più 200 mln dal Cipe). Ora siamo pronti per il decreto che permette di mandare a gara l’acquisto di autobus in quote regionali per un valore di oltre 3.700 milioni, previsti dalla legge di Stabilità 2017, dal 2019 al 2033. Quindi quasi 4,5 miliardi di euro per il più grande ricambio di mezzi pubblici mai fatto finora in Italia”. E speriamo che si faccia presto. Sul fronte dei costruttori, il mercato ita-


Veicoli completi CLASSE I (563 unità) MERCEDES 13,7%

IIA 26,5%

ALTRI 14,6%

IMMATRICOLATO ITALIA 2016 PER MARCHIO Veicoli completi CLASSE II (450 unità) ALTRI 11,3% VDL 2,4% MAN 4,0%

MERCEDES 9,3% SETRA 12,0%

Veicoli completi CLASSE III (974 unità) ALTRI 9,0%

OTOKAR 1,0% BEULAS 2,5% TEMSA 1,2% VOLVO 4,3%

MERCEDES 16,3%

VAN HOOL 4,9%

SOLARIS 9,1%

VDL 5,3% SETRA 18,2%

INDCAR 5,3% OTOKAR 10,4%

SCANIA 2,8%

SOLARIS 4,3% OTOKAR 3,2%

IVECO 41,3%

MAN 9,6%

NEOPLAN 3,3%

MAN 5,0%

liano continua ad essere per circa due terzi in mano a Iveco Bus (stabile al 34,5%) ed Evobus (28,7%, in calo di 1,3 punti) con i marchi Mercedes e Setra) che possono contare su una gamma di modelli completa, dai minibus agli extra-long. Seguono a distanza MAN Truck & Bus (5,6%, meno 2 punti) con modelli MAN e Neoplan solo in taglia lunga, così come Scania (5,0%, meno 0,8) sostenuta dalle vendite dei carrozzati Irizar. Da notare

la performance di Industria Italiana Autobus che grazie all’accordo produttivo con la turca Karsan si è aggiudicata il 5,2% del mercato. Sotto al 3% tutti gli altri costruttori. Passando ai vari segmenti di mercato, abbiamo già accennato al buon risultato dei minibus, in particolare dei Classe B (fino a 22 posti senza passeggeri in piedi) che crescono del 34,9% (402 unità). Con i derivati dai commerciali Mercedes in posizione dominante. Negli scuo-

Veicoli completi CLASSE A (17 unità) VOLKSWAGEN 5,9% MERCEDES 58,8% IVECO 29,4%

IVECO 11,3%

IVECO 20,1%

labus domina invece Iveco con il 66% (originali + carrozzati da terzi) seguita da Mercedes con il 35,6% totale. In questo settore finalmente si è visto un rimbalzo (+85,1%) dopo due anni di dimezzamento del mercato. Del calo sostanzioso degli urbani Classe I abbiamo già detto, oltretutto a partire dai volumi già esigui degli anni precedenti. In questo segmento sale sul podio la IIA che conquista il 26,5% a scapito di Mercedes e Iveco Bus

IMMATRICOLATO ITALIA 2016 PER MARCHIO Veicoli completi CLASSE B (402 unità) RENAULT 3,0%

IRIZAR 12,1%

che perdono circa 10 punti di share ciascuno. Sui volumi scarsi degli interurbani Classe II è ancora Iveco Bus a dominare il marcato (41,3% di share) seguita dalla coppia Mercedes-Setra (21,3%), da Otokar (10,4%) e Solaris (9,1%). Infine i turistici Classe III che fanno il balzo più lungo arrivando a 974 unità. Qui Evobus (Mercedes e Setra) sfiora il 35%, Irizar è al 12,1% e mentre Iveco si ferma al 11,3%.

Veicoli completi SCUOLABUS (485 unità) MERCEDES 11,4%

ALTRI 4,0%

OPEL 12,2%

INDCAR 2,9% SITCAR 2,6%

MERCEDES 42,0%

VOLKSWAGEN 8,1%

MB TOMASSINI 10,7% MB ALTRI 13,5%

ISUZU 2,9% ALTRI 1,0% IVECO ALTRI 8,7%

IVECO 17,7%

IVECO SITCAR 6,6% IVECO INDBUS 6,0%

FORD 5,9% FORD 21,1%

IVECO INDCAR 6,8%

IVECO 38,5%


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

DEDICATO AL TRASPORTO ALUNNI Firmato Tomassini Style lo scuolabus allestito su telaio Mercedes-Benz Sprinter 516 o 519. Accessibile anche al passeggero in carrozzella

onfezionato dal ‘sarto’ di Passignano sul C Trasimeno, eccellenza italiana nella produzione di veicoli per il trasporto passeggeri,

lo scuolabus su meccanica Mercedes-Sprinter 516 o 519 con ruote gemellate. È un veicolo che può essere equipaggiato per gli alunni delle scuole materne ed elementari oltre che per gli studenti delle medie. Lungo 7 metri e mezzo e largo 2,3, ha una sovrastruttura d’acciaio installata sul telaio originale e due accessi: l’anteriore con porta originale rototraslante elettrica e il posteriore con porta manuale a battente. Scuolabus MB 516/519 Lunghezza mm 7.556 Larghezza mm 2.327 Altezza mm 2.795 Passo mm 4.325 Sbalzo anteriore mm 1.021 Sbalzo posteriore mm 2.211 Posti a sedere 37/40+2+1 Motore OM 642 Cilindrata cc 2.987 Potenza cv/giri 163-190/3.800 Coppia Nm/giri 360-440 / 1.400 Cambio Meccanico TSG Peso totale kg 5.300

I rivestimenti della carrozzeria sono con pannelli in alluminio mentre le testate in vetroresina. I cristalli laterali sono temperati e colorati e di questi, quattro sono apribili. La capacità è di 40+1+1 posti per la versione su telaio Mercedes Sprinter 516 e di 37+2+1 per quella su Sprinter 519. Il mezzo è a misura di carrozzella con accesso dedicato sul retro mediante sollevatore idraulico a scomparsa. La selleria è interamente in polimero e a prova di vandalo, completa di cinture di sicurezza e doppia maniglia integrata nella parte alta dello schienale. L’illuminazione interna è affidata a plafoniere al neon a luce bianca e azzurrata notturna. All’ingresso, la luce di cortesia illumina i gradini di salita con accensione automatica all’apertura della porta. L’impianto di aria condizionata (7 o 9 kW di potenza) è a tetto con diffusione a getto libero tramite bocchette orientabili. Climatizzatore

separato per il conducente. Per quanto riguarda la trazione, il diesel OM 642 DE30LA (Euro 6) ha una potenza di 163 cavalli per la versione su telaio MB 516 e

di 190 cv per quella su MB 519. Il cambio è meccanico e i freni sono a disco su tutte le ruote. La dotazione di sicurezza include l’ESP con ABS, ASR, EBD e Brake Assist (BAS), il sistema antisbandamento Lane Keeping Assist che avvisa il conducente in caso di uscita involontaria dalla corsia e il dispositivo antiarretramento in salita Hill Holder. Non manca la telecamera posteriore incorporata nel terzo stop. Di questi scuolabus ne ha acquistati 26 la Regione Sardegna, ormai tutti consegnati. Altri articoli su Tomassini Style: www.bustocoach.com/it/node/758/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

URBANWAY HYBRID 18 Lunghezza mm 17.910 Larghezza mm 2.500 Altezza mm 3.393 Passo mm 5.355+6675 Sbalzo anteriore mm 2.710 Sbalzo posteriore mm 3.170 Peso totale kg 30.000 Posti a sedere/totali 28-49 / 173 Motore diesel Tector 7 Potenza kW/giri 210/2.500 Generatore kW 140 Motore elettrico kW 120/175 Batterie ioni litio nanofosf. Capacità batterie kWh 11

IBRIDI IVECO A MILANO

Ufficializzata da ATM l’aggiudicazione a Iveco Bus di 120 autobus a trazione ibrida con l’Urbanway Hybrid nella variante articolata da 18 metri

nche l’azienda milanese dei trasporti A (ATM) punta sulla tecnologia ibrida. Sono 120 i mezzi per il rinnovo della flotta nel triennio 2017-2019. A fine gennaio l’azienda ha ufficializzato l’as-

segnazione della gara d’appalto a Iveco Bus per la fornitura di massimo 120 Urbanway Hybrid da 18 metri, con un primo contratto applicativo di 21 veicoli. La consegna del primo veicolo è prevista entro giugno 2017.

L’appalto, che comprende anche la manutenzione full service per cinque anni, è stato aggiudicato per un importo di 59.230.080 euro (Iva esclusa) e con un ribasso d’asta del 24,3%. L’Urbanway Hybrid di Iveco Bus è equipaggiato di un sistema ibrido di tipo seriale con motore elettrico da 175 kW di picco (120 kW in modo continuo), motore termico Tector da 210 kW (286 cv) e batterie agli ioni di litio nanofosfato. Il veicolo è dotato di un sistema intelligente di gestione dell’energia che consente di ottimizzare consumi ed emissioni in fase di trazione. Il sistema di accumulo è dimensionato in modo da consentire il recupero dell’energia in frenata mentre la funzione ‘Arrive & Go’ consente l’approccio e la ripartenza alle fermate in modalità 100% elettrica, dunque a zero emissioni, anche per tratte significative. Sulla base dei dati provenienti dai mezzi già in esercizio (quasi 1000 in Europa), il costruttore dichiara che «la riduzione dei consumi

può arrivare anche al 40% rispetto a un veicolo con motore diesel così come la riduzione delle emissioni di CO2». I mezzi oggetto della fornitura avranno una capacità di 149 passeggeri (145 in caso di area carrozzella occupata) e saranno provvisti di quattro accessi con porte a comando elettrico rototraslanti, rampa manuale sulla seconda porta, impianto di climatizzazione da 60 kW, oltre ai dispositivi di info-utenza, diagnostica per la localizzazione e per il dialogo con la centrale operativa, annuncio fonico esterno di direzione e annuncio interno di prossima fermata. «Con questo ulteriore ordine», precisa ATM in un comunicato, «l’età media della flotta, già la più bassa d’Italia, si confermerà sempre più in linea con quella della capitali europee. Gli investimenti porteranno a un ulteriore miglioramento del servizio, con la riduzione delle emissioni inquinanti in un’ottica sempre più eco-sostenibile». Altri articoli su Iveco Bus: www.bustocoach.com/it/node/917/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

ANNUNCI


BusToCoach on-line Magazine - Marzo 2017

AUTOBUS USATI IN VENDITA

KUTSENITS - Iveco 70C17 Classe Veicolo: Classe I-II Prima immatricolazione: 03/2012 km 40.000 Prezzo Iva esclusa: 50.000 - 75.000 euro Lunghezza: 8,3 metri Posti: 18+1+26 in piedi Motore: Iveco, Euro V, 170 cv Cambio: automatico Accessori: Rallentatore, A.C. pedana Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu

MERCEDES - Citaro O 530 L Classe Veicolo: Classe I Prima immatricolazione: 10/2003 km 979.200 Prezzo Iva esclusa: 25.000-50.000 euro Lunghezza: 15 metri Posti: 51+1+4SP Motore: Mercedes, Euro III, 279 cv Cambio: automatico Accessori: Rallentatore, Radio, Riscaldatore. Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu

SOLARIS - Urbino 10 Classe Veicolo: Classe I Prima immatricolazione: 09.2009 km 363.000 Prezzo Iva esclusa: 50.000 - 75.000 euro Lunghezza: 9,9 metri Posti: 27+1+4 Motore: Iveco, Euro V, 242 cv Cambio: automatico

Accessori: Rallentatore, A.C. Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu

ANNUNCI

SETRA - S 431 DT Classe Veicolo: Classe III Prima immatricolazione: 01.2013 km 398.000 Prezzo Iva esclusa: oltre 125.000 euro Lunghezza: 13,9 metri Posti: 79+1+1 Motore: Mercedes, Euro V, 503 cv Cambio: As-tronic Accessori: Rallentatore, A.C. audio/video, Frigorifero, Toilette Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu

MERCEDES - Tourismo O 350 Classe Veicolo: Classe III Prima immatricolazione: 04.2016 km 38.000 Prezzo Iva esclusa: oltre 125.000 euro Lunghezza: 12,1 metri Posti: 49+2+1 Motore: Mercedes, Euro VI, 428 cv Cambio: Power Shift Accessori: Rallentatore, A.C., Impianto audio-video, Frigorifero, Toilette Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu

STS - Funtrain Classe Veicolo: Trenino turistico su gomma Prima immatricolazione: Nuovo e Usato km Prezzo Iva esclusa: oltre 125.000 euro Lunghezza: Locomotiva 4,25 metri + vagoni Posti: Motore: elettrico (80 kW) o diesel Cambio: automatico Accessori: Carrozza corta (20 posti) o allungata (28 posti) Venditore: Italbus S.r.l., Bussolengo (VR). Tel: +39 045 6766617 E-mail: info@italbus.eu Altri Autobus Usati in vendita: www.bustocoach.com/it/content/annunci

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Marzo 2017  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you