Page 1

EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Maggio 2018 Transport Web Snc - www.bustocoach.com

Bus To Coach SETRA S 531 DT

PER TUTTI GLI USI TOYOTA - BUSWORLD INDIA - ELETTRICI IN CINA - SOLARIS PER MILANO - SICUREZZA - SETRA - REPORTAGE BUSWORLD TURCHIA - RUBRICHE


RIVISTA ON-LINE abbinata a www.bustocoach.com - Maggio 2018 RUBRICHE

BusToCoach

European on-line magazine Direttore responsabile

Marino Ginanneschi

marino.ginanneschi@bustocoach.com

Redazione e rapporti internazionali

Elena Prearo

elena.prearo@bustocoach.com

Pubblicità

FLASH NEWS In diretta dal mondo dei trasporti.

ADV SPAZIO s.r.l.

HIGH TECH STORE Clarion, Akasol, BYD, Falken, MAN, Hankook. FILO DIRETTO

ANNUNCI Uno spazio per vendere e comprare.

I 20129 Milano Via G. Modena 6 Tel. +39 02 7000 4031

E-mail: bustocoach@advspazio.it

Amministrazione

Transport Web & C Snc I 20148 Milano Via Versilia 22

E-mail: bustocoach@bustocoach.com Internet: www.bustocoach.com Registrazione Tribunale di Milano n. 140 del 16/03/2012

TOYOTA Tutto pronto per gli autobus a idrogeno.

BUSWORLD INDIA Appuntamento a Bangalore a fine agosto.

CINA Grandi numeri ma in calo per gli elettrici.

SOLARIS Vince la gara per i filobus a Milano.

IN PRIMO PIANO

***

BusToCoach® Magazine è inviato mensilmente via mail a 12.000 operatori europei del trasporto passeggeri in autobus. Se vuoi iscriverti alla nostra mailing list comunicalo a: bustocoach@bustocoach.com

SICUREZZA Troppe le irregolarità riscontrate in Italia.

SETRA Tutta la versatilità del due piani S 531 DT.

BUSWORLD TURCHIA Cosa si è visto al Salone di Izmir.


KENT C 10

97 POSTI A SEDERE IN 10,7 METRI. Disponibile anche nelle versioni da 12 e 18 metri.

DA 9 A 18 METRI

SEMPRE L’URBANO IDEALE Distributore per lʼItalia: Mauri Bus System Srl Via Caravaggio, 8 - 20832 Desio (MB) - Italy Office +39 0362 626247 - Fax +39 0362 629189 - www.mauri-bus.it


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

SCHRÖDER REISEN SCEGLIE NEOPLAN

ELETTRICI BYD IN SPAGNA

operatore tedesco Schröder Reisen, ha preso in consegna produttore cinese ha firmato un contratto con l’operatore L' 14 pullman targati Neoplan. La fornitura comprende otto IL catalano Tusgsal per la fornitura di otto bus elettrici da Tourliner e sei Skyliner. Con queste ultime consegne, salgono a 12 metri. È il secondo ordine spagnolo per BYD dopo la gara

75 gli autobus forniti da MAN Truck & Bus a Schröder Reisen, 33 dei quali appartenenti alla gamma Neoplan. I due piani Neoplan Skyliner alloggiano un massimo di 77 passeggeri e sono equipaggiati di rampa pieghevole sulla seconda porta, toilette, presa da 230 volt per ciascun biposto e porte USB negli schienali dei sedili. Sono inoltre dotati di gancio di traino e staffa portasci. I tre assi Neoplan Tourliner misurano 13,9 metri e ospitano un totale di 52 passeggeri. Sono dotati di fari bi-xenon, luci diurne a LED e fendinebbia a LED oltre a vari sistemi di assistenza e una telecamera montata sulla porta per motivi di sicurezza. Gli autobus sono dotati anche del sistema di infotainment avanzato MMC (Multi Media Coach) con navigazione e di un sistema vivavoce Bluetooth.

AUTOBUS ELETTRICI DA RECORD

perativa dal 1 aprile la flotta di autobus elettriO ci più grande d’Europa. Si tratta di 100 articolati VDL Citea Electric SLFA che l’operatore olandese

Connexxion impiega per il servizio passeggeri all’aeroporto Schiphol di Amsterdam e sulle linee di trasporto pubblico della concessione Amstelland-Meerlanden, nella provincia dell’Olanda del Nord. «La disponibilità operativa dei bus elettrici», spiega VDL Bus & Coach, «è stata massimizzata grazie a un concetto di ricarica rapida ottimizzato: le batterie hanno una capacità energetica di 169 kWh e possono essere caricate con una potenza fino a 420 kW. Ciò significa che una batteria completamente scarica è ricaricata e pronta per il prossimo viaggio in 20 minuti o meno. La riduzione dei tempi di fermo è quindi ridotta al minimo». La ricarica avviene tramite un pantografo sul tetto dell’autobus. Vengono anche utilizzati due caricatori mobili Heliox (25 kW).

SOLARIS IN GERMANIA

inizio aprile, l’operatore bavarese SÜC Coburg ha preso A in consegna due Solaris Urbino 12. I veicoli dispongono di due accessi e di 26 sedili (più 4 pieghevoli) con rivestimento

anti-graffiti. Tra le altre dotazioni, aria condizionata, sistemi di illuminazione a LED interni ed esterni, sistema di informazione ai passeggeri, CCTV e sistema antincendio. Il motore Euro 6 da 224 KW dispone di una funzione di avviamento a freddo in grado di facilitare l’accensione a basse temperature. Il motore è abbinato al cambio automatico con funzione ‘kick down’ che aiuta a superare le montagnose strade bavaresi. Solaris Bus & Coach opera sul mercato tedesco dal 2000. Da allora, il produttore polacco ha fornito più di 3 mila autobus e filobus in tutto il Paese.  

d’appalto assegnata nel 2017 per un elettrico da 12 metri alla EMT di Valencia. Gli otto veicoli dovrebbero essere recapitati a inizio 2019 ed entreranno in servizio nella città di Badalona. «Appena un mese dopo aver confermato l’ordine di otto bus elettrici in Portogallo, un nuovo mercato per BYD, siamo lieti di ufficializzare questa commessa spagnola», ha detto Isbrand Ho di BYD Europe. «Grazie a Tugsal, i cittadini di Badalona beneficeranno di una migliore qualità dell’aria con l’aiuto dei nostri autobus. Tale sviluppo sottolinea la crescente espansione del mercato di BYD in tutta Europa, in questo caso nella competitiva Penisola iberica».

SCANIA PER LA NORVEGIA

arvik, Norvegia. In questa località, che si trova circa N 210 chilometri a nord del Circolo Polare Artico, l’operatore Boreal Buss ha preso in consegna 26 nuovi autobus.

Tutti contrassegnati dal marchio Scania. La fornitura comprende 16 Scania A30, quattro Scania Citywide LE nella versione Suburban, tre Scania Citywide LE, una coppia di Scania Interlink HD e un Interlink LD. I veicoli offrono connessione wi-fi gratuita. Boreal Buss gestisce linee di autobus, tram e traghetti in tutta la Norvegia con una flotta di circa 1.000 autobus.

SITO PRODUTTIVO NEGLI USA

an Hool costruirà una fabbrica di autobus a Morristown, V nel Tennessee, Stati Uniti. Una volta che la struttura sarà operativa nel primo trimestre del 2020, fa sapere Van Hool,

verranno impiegate 600 persone e si produrranno circa 400 autobus all’anno per il mercato nordamericano. La cerimonia per il nuovo sito si svolgerà alla fine di questa estate. Filip Van Hool, amministratore delegato di Van Hool: «Siamo entusiasti di annunciare il prossimo passo dei piani di crescita globale del gruppo Van Hool qui a Morristown, nel Tennessee. L’investimento di oltre 47 milioni di dollari conferma la presenza trentennale di Van Hool sul mercato americano e oggi non vediamo l’ora di costruire una fabbrica di autobus all’avanguardia a Morristown per fornire l’intero mercato nordamericano con autobus di alta qualità per le aziende di trasporto dal 2020 in poi». Il business trentennale di Van Hool in Nord America si traduce in più di 11 mila veicoli consegnati a partire dal 1987.


FLASH NEWS

BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

ALSTOM IN PROVA NEI PAESI BASSI

ELETTRICI VDL PER IL GRUPPO ARRIVA

opo i test in Francia, Belgio e Germania, il 9 aprile Aptis al 1 aprile, nove VDL Citea SLF-120 Electric sono in D ha iniziato un tour di prova anche nei Paesi Bassi. Aptis è Dservizio sulle linee 8 e 9 di ‘s-Hertogenbosch, nei Pala soluzione di mobilità 100% elettrica sviluppata da Alstom e esi Bassi meridionali. Sono veicoli che fanno seguito a un

dalla controllata NTL. Il veicolo viene per tre settimane insieme alla compagnia di trasporti QBuzz a Utrecht, Groningen e Assen e con la Rotterdamse Elektrische Tram (RET) a Rotterdam. Premiato lo scorso anno al Busworld Europe con l’Innovation Prize, Aptis si caratterizza per le ampie porte doppie e le estese finestrature (il 20% in più di un classico autobus) e l’area lounge nella parte posteriore. I due assi sterzanti riducono al minimo il raggio di sterzata e l’ingombro su strada (-25% rispetto a un autobus convenzionale). Aptis può essere ricaricato di notte in deposito durante il giorno con una soluzione di ricarica ai capolinea fornita da Alstom. La ricarica rapida viene effettuata mediante un pantografo invertito o tramite SRS, l’innovativo sistema di carica statica a terra di Alstom.

COMFORT CLASS IN CROAZIA

ordine del 2016 per tre elettrici Citea forniti da VDL Bus & Coach ad Arriva Netherlands per ‘s-Hertogenbosch. I mezzi sono dotati di una nuova tecnologia che consente la ricarica rapida delle batterie al capolinea mediante un pantografo sul tetto dell’autobus. Questi veicoli hanno una configurazione a tre porte e offrono prese di ricarica USB e Wi-Fi. Arriva Netherlands fa parte del Gruppo Arriva, di proprietà di Deutsche Bahn. Arriva è una società leader nel trasporto di passeggeri operativa in 14 Paesi europei.

FILOBUS SOLARIS IN POLONIA

olaris Bus & Coach ha firmato un contratto con il CoS mune di Gdynia per la consegna di 30 filobus. L’ordine comprende 16 Trollino 18 articolati e 14 Trollino 12. I filo-

aprešić, Croazia. Il tour operator AM Turist ha scelto Z di nuovo il marchio Setra per il rinnovo della propria flotta. L’ultima fornitura riguarda sette S 515 HD del-

la serie ComfortClass 500. I veicoli sono equipaggiati di 48 posti. AM Turist ha una dotazione di 20 pullman Setra destinati a tour di più giorni in tutta Europa. Dal lancio sul mercato della Setra ComfortClass sei anni fa, la compagnia croata ha ordinato un totale di 28 veicoli di questa serie. «La qualità degli autobus, i sistemi di sicurezza e la rete di assistenza ben sviluppata, sono unici in Europa», ha detto Anto Jurić, partner senior dell’azienda a conduzione familiare fondata nel 1987, società che persegue una strategia di investimenti continui e l’ulteriore espansione della sua flotta a marchio Setra.

bus saranno dotati di batterie aggiuntive che consentono la marcia al di fuori della linea di alimentazione. I Trollino 12 monteranno batterie con una capacità di 58 kWh mentre i gli articolati saranno equipaggiati di batterie da 87 kWh. In questo modo, i mezzi potranno percorrere decine di chilometri a emissioni zero senza l’uso del pantografo. Oltre ai filobus, Solaris fornirà anche batterie che consentiranno la modernizzazione di altri 21 veicoli. La sostituzione delle batterie al nichel-cadmio con quelle agli ioni di litio, unitamente a un’adeguata elettronica di potenza, rappresenta un enorme salto tecnologico, che consentirà corse a emissioni zero di circa 15-20 chilometri senza collegamento alla linea di alimentazione. L’ammodernamento dela dotazione filoviaria inizia questa primavera, mentre la fornitura dei nuovi filobus partirà a settembre e sarà completata entro la primavera 2019.

BLUE BIRD PRONTO CON GLI ELETTRICI

TRAMBUS IBRIDI IN NORVEGIA

produttore belga Van Hool ha firmato un contratto con produttore di autobus statunitense Blue Bird ha IL gli operatori Nettbuss e Tide di Trondheim, in Norve- IL ricevuto tutte le certificazioni necessarie per i suoi gia, per la fornitura di 58 trambus Exqui.City. Si tratta di ibridi scuolabus a trazione elettrica, ora in pre-produzione. La

diesel-elettrici nella versione bi-articolata da 24 metri di lunghezza. I mezzi saranno utilizzati dai due operatori che gestiscono gli autobus per conto di AtB, la società di trasporti pubblici di Trondheim (Nettbuss 44 unità, Tide 14 unità). I primi due veicoli saranno consegnati a dicembre 2018 (uno per ciascun operatore) mentre i rimanenti verranno recapitati tra marzo e giugno 2019. Per Van Hool questo è il più grosso ordine per il suo trambus, modello sul mercato dal 2011. Ad oggi, più di 250 le unità commissionate in 11 Paesi.

società ha inoltre aperto gli ordini e i suoi veicoli elettrici sono in attesa delle sovvenzioni rispettivamente in California e a New York. La catena cinematica del Blue Bus è stata sviluppata in collaborazione con Adomani, Inc. ed Efficient Drivetrains, Inc. (EDI). I veicoli sono equipaggiati del sistema di trasmissione EDI PowerDrive 7000 EV e pacchi batteria agli ioni di litio con una capacità fino a 160 kWh. L’autonomia attesa è di 120 miglia (193 km).


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

TOYOTA PARTE CON L’IDROGENO

Il produttore giapponese ha annunciato a inizio marzo le prime vendite del suo autobus alimentato a idrogeno. Sulle strade di Tokyo per i Giochi Olimpici 2020

ufficialmente sul mercato il nuovo auÈ tobus a idrogeno prodotto da Toyota e battezzato SORA (acronimo di ‘Sky, Ocean,

River, Air’ per richiamare il naturale ciclo dell’acqua). Il produttore nipponico ne ha annunciato le prime vendite lo scorso 7 marzo. Toyota punta a introdurne più di cento unità in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020 (principalmente nell’area metropolitana di Tokyo). Presentato nell’autunno 2017 al 45° Salone di Tokyo, Sora è il primo autobus a fuel cell a ricevere la certificazione di omologazione in Giappone. Il veicolo dal design innovativo con effetto stereoscopico, si sviluppa su una lunghezza di 10,5 metri e alloggia fino a 78 passeggeri, di cui 22 seduti. Il sistema a celle combustibili Toyota fuel cell system (Tfcs) è quello messo a punto per la Mirai, la prima berlina a idrogeno prodotta in serie da Toyota. Il motore sincrono svilup-

pa una potenza di massima di 113 kW per due unità e le batterie sono al Nichel-metallo idruro. All’occorrenza, l’autobus può essere impiegato come generatore di elettricità. Una presa sul retro può fornire 9 kW di corrente per oltre 24 ore. In questo modo, precisano dall’azienda, il mezzo può essere sfruttato per evacuare scuole e palazzi oppure come alimentatore per fornire elettricità per uso domestico. Tra le dotazioni, si segnalano le sedute orizzontali complete di meccanismo di stivaggio automatico quando non vengono utilizzate (premiere assoluta in Giappone) e il sistema di otto telecamere ad alta definizione all’interno e all’esterno del veicolo per rilevare pedoni e ciclisti che si trovano attorno al bus. Il mezzo è dotato del controllo automatico della sosta. Per la sicurezza dei passeggeri in piedi, un apposito sistema consente di evitare accelerazioni improvvise.


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

MERCATO INDIANO IN VETRINA

Sulla passerella del Busworld India le ultime proposte dell’industria locale dell’autobus e relativa filiera. A Bangalore dal 29 al 31 agosto urchia, India, Russia. Su questi tre mercati T verte la stagione 2018 delle rassegne internazionali del Busworld, marchio ormai più che collaudato per i saloni B2B dell’autobus. Archiviata l’edizione turca (Izmir, 19-21 aprile), si guarda ora a quella indiana che si terrà per la seconda volta a Bangalore dal 29 al 31 agosto. Sarà poi il turno del Busworld Russia (Mosca, 23-25 ottobre) L’ottava edizione del Busworld India è promossa dall’Associazione delle imprese statali per il trasporto su strada (ASRTU), l’organismo nazionale ufficiale degli operatori del trasporto pubblico in India. E proprio al Busworld, l’associazione indiana ha scelto di tenere la sua conferenza annuale. ASRTU e Busworld stanno inoltre lavorando a un programma di conferenze dedicato alle specifiche problematiche del mercato degli autobus in India, con un occhio alle ‘best

practise’ di altre parti del mondo come fonte di idee e ispirazione. «Il trasporto pubblico in India è dominato dagli autobus attraverso le società di trasporto statale», ha detto Anand Rao dell’ASRTU. «Ben 150 mila autobus sono gestiti dalle 70 imprese statali di trasporto pubblico (STU) e dalle compagnie di trasporto. Questi autobus effettuano circa 12,1 miliardi di chilometri all’anno e oltre 70 milioni di viaggi passeggeri al giorno. Quasi il triplo dei passeggeri trasportati dalle ferrovie indiane». Nel 2016, il Busworld India ha ospitato 72 espositori provenienti da nove Paesi su una superficie di oltre 7 mila metri quadrati. Più di 4 mila i professionisti e rappresentanti dei media intervenuti alla manifestazione. Maggiori informazioni all’https://india. busworld.org/press/press-releases Altri articoli sui Saloni Internazionali: www.bustocoach.com/it/node/2439/articoli_nref_eventi


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

MENO BUS ELETTRICI PER LA CINA

Sempre grandi numeri per gli autobus elettrici in Cina ma la riduzione degli investimenti statali si fa sentire. Ora si guarda all’idrogeno attuta d’arresto, in Cina, per gli autobus B a trazione elettrica. Nel 2017 il settore, cresciuto in modo esponenziale nell’ultimo

quinquennio, ha registrato una flessione del 23% con 89.546 unità vendute rispetto alle 115.700 del 2016. Molteplici le cause, ma su tutto pesano le politiche adottate dai governi nazionali e locali cinesi rifuardo ai sussidi per gli autobus elettrici. «La produzione e la venMercato autobus elettrici in Cina

dita di veicoli elettrici sono state profondamente influenzate dalla politica del governo e dalla struttura dei sussidi», precisano dal sito web CleanTechnica.com specializzato nelle tecnologie pulite. «Nel 2017 si è appreso che le sovvenzioni del 2018 sarebbero state significativamente ridotte, il che ha creato un forte aumento della domanda a fine anno». Il mercato cinese dei bus elettrici è ancora dominato da due grandi aziende: Yutong e BYD. Il primo è il più grosso produttore di autobus del Paese mentre il secondo è il principale fabbricante di autobus elettrici. Per quanto riguarda le previsioni per il 2018, fanno sapere da CleanTechnica.com, il mercato cinese degli autobus a trazione elettrica subirà alcuni grandi cambiamenti. Anche gli elettrici alimentati a idrogeno saranno una tendenza in aumento poiché i governi cinesi hanno iniziato a fornire supporto e sussidi crescenti a tale industria.


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

FILOBUS SOLARIS PER MILANO

Aggiudicata al produttore polacco la gara d’appalto dell’ATM per 80 filobus nella versione da 18 metri. In servizio a partire dalla primavera 2019

vanti spedita nel rinnovo a zero emissioA ni della propria flotta. Dopo la messa in servizio il 27 marzo scorso dei primi autobus

elettrici targati Solaris, l’Azienda trasporti milanesi (ATM) ha ufficializzato nel mese di aprile l’assegnazione della procedura di gara a evidenza pubblica per la fornitura di nuovi mezzi filoviari. Si tratta di un accordo quadro per l’acquisizione di 80 filobus per un valore complessivo di 61,5 milioni di euro. È ancora una volta Solaris Bus & Coach ad aggiudicarsi l’appalto grazie al suo Trollino nella versione da 18 metri. Il primo contratto applicativo prevede la consegna di 30 unità. I veicoli, che cominceranno a circolare a partire dalla primavera del prossimo anno, saranno equipaggiati di pianale ribassato, impianto di climatizzazione, sistema di vi-

deosorveglianza e marcia autonoma elettrica in assenza di alimentazione dalla linea aerea. «I nuovi mezzi andranno a sostituire progressivamente tutti i filobus da 12 metri e quelli da 18 metri più anziani», precisano dall’ATM, «incrementando così l’offerta di trasporto con l’obiettivo di migliorare il comfort di viaggio con mezzi tecnologicamente all’avanguardia, più silenziosi e molto più efficienti in termini energetici e di impatto ambientale». L’ i n v e s t i m e n t o rientra nel piano ‘full electric’ recentemente presentato dai vertici di Atm e dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Tale piano si pone come obiettivo di rendere la flotta 100% elettrica nel 2030. L’azienda milanese è comunque già sulla buona strada visto che, ad oggi, il 70% delle percorrenze di tutti i mezzi pubblici è alimentato elettricamente. Altri articoli su Solaris: www.bustocoach.com/it/node/756/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

HIGH TECH STORE

CLARION

HANKOOK

AKASOL

di assistenza alla guida sicura SurroundEye di Clarion sul suo famoso bus turistico a due piani Astromega. Tale sistema video utilizza più videocamere per visualizzare informazioni sull’area circostante il veicolo con una visione panoramica. Il monitor interno riproduce le immagini riprese dalle quattro videocamere montate sulla scocca del pullman come un’unica immagine composita ad alta precisione tramite la tecnologia di elaborazione delle immagini di proprietà di Clarion. Personalizzabile in base al tipo di veicolo, il sistema SurroundEye è adottato e installato in vari tipi di veicoli, tra cui auto, camion e autobus.

sviluppato dal produttore mondiale Hankook. Il design del battistrada è stato migliorato con una spaziatura ottimizzata delle coste, i blocchi del battistrada 3D stabilizzanti e le scanalature a zigzag anch’esse ottimizzate. Il tutto a vantaggio della trazione. Oltre al design, è stata adattata anche la larghezza della spalla e rimosse alette e coste in modo da garantire un’usura più omogenea. «La struttura migliorata della nuova mescola del battistrada rende lo pneumatico molto più resistente al calore», aggiunge il vicepresidente di Hankook, Klaus Krause, «riducendo così l’usura e rendendo possibile una maggiore durata di servizio». Come l’AU03+, anche lo SmartCity AU04+ ha una parete laterale rinforzata che protegge lo pneumatico dai danni causati dal contatto con i marciapiedi. Disponibile nella misura 275/70R22,5, il nuovo pneumatico è dotato della marcatura M+S e del simbolo 3PMSF (fiocco di neve su montagna a 3 cime).

nuovo urbano Mercedes-Benz in prima visione il prossimo settembre alla IAA di Hannover (avvio della produzione in serie prima della fine dell’anno). Le batterie sono state sviluppate da Akasol in stretta collaborazione con EvoBus e Samsung e il lavoro è iniziato nel 2015. Il compito di Akasol per il Citaro è di assemblare gli alimentatori, utilizzando le celle di Samsung, nella nuova struttura di Langen, vicino alla sede principale di Darmstadt. Fino a dieci i pacchi batteria Akasystem che potranno essere montati sul veicolo, sistemati tra tetto e parte posteriore dell’autobus. La potenza massima è di 243 kWh. Le batterie all’interno del Citaro sono in grado di caricare rapidamente e rifornire tutti i sistemi di bordo e il motore elettrico. Con il raffreddamento ad acqua, i pacchi alimentano l’autobus per un’autonomia di 150 km in quasi tutti i climi. «Nei prossimi anni», fa sapere Akasol, «questa autonomia sarà ampliata». I test invernali sono stati avviati con successo in Finlandia. Akasol annovera anche VDL Bus & Coach e l’inglese Alexander Dennis tra i clienti per le batterie di autobus elettrici.

tour operator giappoIL nese Hato Bus ha adottato il sistema di videocamere

SmartCity AU04+ è il nuoarà la società tedesca Akasol a LO vo pneumatico per tutte Sfornire tutti i sistemi batteria a le stagioni destinato ai bus urbani e Evobus per il Citaro elettrico, il

BYD

IN

occasione dell’European partner event (Stoccarda, 10 aprile 2018), BYD ha presentato la Battery Box LV, l’ultima generazione dei sistemi di stoccaggio dell’energia al litio. È un sistema da 48 volt con capacità di batteria da 3,5 a 14 kWh con moduli da uno a quattro. La capacità può essere portata a 42kWh con tre sistemi collegati in parallelo. La Battery Box LV è ideale per uso residenziale e applicazioni commerciali di medie dimensioni. Il sistema offre un’elevata potenza e una maggiore quantità di energia utilizzabile rispetto ai sistemi comparabili presenti sul mercato. Impiega inoltre l’innovativo sistema di connessione brevettato BYD che consente un’installazione ‘plug-and-play’ estremamente semplice senza la necessità di collegare i cavi. «Il 2017 è stato un anno commerciale di grande successo per la società», ha dichiarato il produttore cinese. «Dall’apertura della prima filiale d’oltremare nei Paesi Bassi nel 1998, BYD ha ampliato la sua presenza globale in 27 filiali e oltre 30 siti produttivi e oggi è il più grande fornitore al mondo di batterie ricaricabili al litio-ferro-fosfato».

FALKEN

F

alken Tyre Europe, marchio che appartiene alla giapponese Sumitomo Rubber Industries Ltd, presenta le nuove versioni a indice di carico elevato del pneumatico RI151 per autobus. Progettato per le esigenze del traffico regionale di bus e pullman, può essere utilizzato in qualsiasi situazione. Ha una marcatura 3PMS (Three-Peak Mountain Snowflake) e caratteristiche che lo rendono adatto a tutte le condizioni meteorologiche, anche le più sfavorevoli. Il costruttore annun- cia performance eccellenti in termini di trazione e resa chilometrica sia su strade asciutte che bagnate o innevate, oltre a robustezza e durata. Questo modello è provvisto di Stone Ejectors, elementi in rilievo che tengono lontane le pietre dal battistrada. L’RI151 è disponibile nelle versioni ‘high load’ per le misure 295/80R22,5; 315/60R22,5 e 315/70R22,5, tutte adatte per carichi assiali fino a 8 tonnellate. I modelli ‘high-load’ hanno sostituito i predecessori con indice di carico normale per razionalizzare e semplificare il magazzino.

MAN-VHH

AN e VHH hanno firmato M un memorandum d’intesa sul riutilizzo delle batterie di au-

tobus elettrici per immagazzinare energia in deposito per le stazioni di ricarica. MAN e VHH vogliono testare congiuntamente la seconda vita delle batterie in un impianto di stoccaggio stazionario. Il prototipo del deposito inizierà a funzionare ad Amburgo-Bergedorf nel corso dell’anno. Ciò significa lavorare con batterie usate e ottenute da prove su veicoli, con una tipologie di moduli che saranno utilizzati anche sugli eBus di MAN. Il progetto fa parte della partnership di mobilità tra Free, la città anseatica di Amburgo e Volkswagen Group. «Questo deposito», fa sapere MAN in un comunicato, «è progettato per prevenire picchi di consumo durante la ricarica del bus nei periodi più tranquilli, e tale energia potrà essere utilizzata nelle ore di punta. Ciò consente di risparmiare sui costi e di stabilizzare l’utilizzo della rete elettrica, così come nelle intenzioni dei partner».


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

CON LA VITA NON SI PUÒ SCHERZARE

MAN Bus partecipa al convegno Verona Strada Sicura. Secondo seminario sul Trasporto persone in sicurezza. Troppe le irregolarità riscontrate sugli autobus volto nel palazzo della Gran Guardia, S affacciato sull’Arena di Verona, a fine marzo, il seminario ha voluto porre l’accento

sul problema della sicurezza dei passeggeri, sia scolari delle gite estive che pendolari dei mezzi pubblici o vacanzieri dei viaggi turistici. Coinvolgendo responsabili territoriali di Polizia Stradale, Vigili del Fuoco, Enti pubblici e ospedalieri, e con il contributo tecnico di MAN Truck & Bus Italia.

Tutto parte dall’iniziativa di Massimiliano Maculan presidente di ‘Verona sicura’ che ha lanciato dal 2003 una serie di attività nei licei veneti e da un protocollo di intesa firmato fra la Polizia e il Ministero dell’istruzione per aumentare la sicurezza delle persone che viaggiano in autobus, che dal 16 febbraio 2016 al 28 febbraio 2018 ha portato a fare migliaia di controlli sulle strade italiane. Sono stati controllati, infatti, 36.649 autobus lungo la Penisola e ben 5.368 sono stati i veicoli con irregolarità. Evidentemente troppi. Tra le violazioni 1.531 sono state per equipaggiamento alterato o non funzionante come gomme lisce, specchietti rotti o cinture di sicurezza non funzionanti; 798 le violazioni per mancato rispetto dei tempi di guida e di riposo; 605 le violazioni per eccesso di velocità e 74 i veicoli senza revisione. I punti saldi per viaggiare in sicurezza non sono poi molti: ditte in regola iscritte all’albo del Ministero dei trasporti con conducenti in regola con patenti regolari, mezzi a punto e revisionati e che montino il cronotachigrafo per calcolare i tempi di guida. Gli accertamenti sono utili, ma ci vuole prevenzione.

A tal proposito è tornata utile la prolusione di Alessandro Smania, Direttore marketing di MAN Truck e Bus Italia, che ha fatto il punto sui sistemi di sicurezza a bordo dei veicoli industriali, ma soprattutto ha esordito mettendo l’accento sul parco mezzi nazionale. Da sempre uno dei più ’antiquati’ d’Europa. «Il parco circolante ha un’età media di 12,5 anni, quasi il doppio che nel resto dell’Unione Europea, e il 60 per cento dei mezzi ha classi di emissione ante Euro IV». Determinante è anche la formazione degli autisti, per essere certi che siano in grado di sfruttare i sistemi di sicurezza di cui i loro veicoli sono dotati. «L’importanza dell’elemento umano resta sempre al centro delle tematiche legate alla sicurezza», ha proseguito Smania. «Dato che il ruolo dell’autista è cruciale in ogni situazione di emergenza, e l’efficacia della sua azione non può prescindere dalla formazione, dallo stato di salute del mezzo e dalla sua ergonomia e funzionalità». La continua interazione tra i sistemi di sicurezza consente all’autista di concentrarsi sulla strada e sulle situazioni critiche che gli si paventano di fronte. L’analisi di Smania è poi arrivata ad alcune altre considerazioni: «l’autobus è il veicolo su gomma più sicuro nel rapporto vittime/chilometri percorsi: nel 2015,

meno del 2 per cento dei veicoli coinvolti in incidenti sono stati bus e meno dell’1 per cento di morti e feriti dal 1980 al 2015 sono dovuti a incidenti che hanno visto coinvolti autobus». A questi risultati hanno dato un contributo fondamentale le innovazioni tecnologiche: l’introduzione dell’ESP ha ridotto del 44 per cento gli incidenti dovuti alla perdita di controllo del veicolo, l’ACC (Adaptive Cruise Control) ha ridotto del 71 per cento gli incidenti per tamponamenti, l’LGS (Line Guard System) ha ridotto del 49 per cento gli incidenti dovuti all’abbandono della carreggiata. L’EBA (il sistema di assistenza alla frenata d’emergenza) e LGS sono obbligatori per le nuove immatricolazioni a partire dal 2015 con un ulteriore step migliorativo nel 2018 e sono in fase di sviluppo altri sistemi come il freno multicollisione, il riconoscimento della stanchezza e le telecamere perimetrali per il controllo degli angoli ciechi. Si parla molto di guida autonoma, un argomento molto affascinante, ma che non può prescindere dal ruolo dell’autista, che resta fondamentale nel valutare la situazione e nel decidere come intervenire. «La sfida vera», ha concluso Smania, «sta nel creare la migliore interfaccia possibile tra chi guida e i sistemi di ausilio alla guida presenti nel veicolo». Altri articoli su MAN Truck & Bus: www.bustocoach.com/it/node/1850/articoli-costruttore-italia


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

IL DUE PIANI VERSATILE

Il nuovo Setra S 531 DT da 14 metri offre allestimenti interni adattabili a tutte le modalità d’impiego, dai servizi di linea a lungo raggio al turismo di prestigio

alle coste all’entroterra della Comunità D Valenciana, dal traffico urbano alla scorrevolezza in autostrada. Questi i terreni di

prova sui quali il due piani Setra S 531 DT si è messo in gioco per dimostrare le sue doti di efficienza, maneggevolezza e comfort oltre all’elevato grado di sicurezza offerta delle sue nuove dotazioni. Ma non solo. Per mettere in evidenza anche la sua caratteristica di grande versatilità

d’impiego, si è presentato con due allestimenti specifici, ossia per autobus da turismo (NU-DT 531) di colore viola metallizzato e per autolinee a lungo raggio (NU-SO 531) di colore arancione metallizzato. Delle nuove caratteristiche sia estetiche sia funzionali alla riduzione della resistenza aerodinamica, nonché delle caratteristiche meccaniche (a partire dal motore da 510 cavalli), abbiamo già parlato alcuni mesi fa (vedi Bu-

èè


sToCoach Magazine di Settembre 2017) anticipando l’esordio dell’S 531 DT al Busworld di Kortrijk. Vediamo quindi come si possono configurare gli interni a seconda dell’impiego. La porta di accesso posteriore può essere scelta fra tre larghezze diverse, in modo da consentire l’abbinamento con una rampa ribaltabile a pavimento o con una rampa pieghevole e agganciabile in tre parti (Tri-Fold) e l’eliminazione dei podesti sul lato interno destro dell’abitacolo inferiore per creare un’area

attrezzata per una o due sedie a rotelle. La possibilità di eliminare i podesti sul lato destro consente inoltre di personalizzare l’allestimento in caso di utilizzo come bistro-bus, veicolo per presentazioni fieristiche o altro. Per il classico utilizzo sulle autolinee extra urbane che richiedono il massimo numero di posti a sedere, è invece possibile eliminare i gruppi cucina e toilette (dotazioni richieste dai turistici), portando la capacità totale a 93 posti. Per quanto riguarda le scale interne che portano al piano superiore, quella SETRA S 531 DT sul retro è come al solito posizionata dietro la porta po Lunghezza mm 14.000 steriore mentre per la salita Larghezza mm 2.550 anteriore può essere scelta tra Altezza mm 4.000 la posizione a sinistra, dietro Passo mm 6.700+1.350 all’autista, preferita nelle ver Sbalzo anteriore mm 2.705 sioni turistiche, o a destra, in prossimità della prima porta Sbalzo posteriore mm 3.245 come richiesto sugli autobus Diametro di volta mm 23.100 di linea per agevolare il flusso Posti totali 78+1+1 dei passeggeri. In entrambi i Bagagliera m3 8,4 casi, le scale risultano natu Motore OM 471 ralmente luminose grazie alle Cilindrata 12,8 l porzioni vetrate sulle fianca Potenza kW (cv)/giri 375 (510)/1.600 te esterne e al rivestimento Coppia Nm/giri 2.500/1.100 in acrilico trasparente sui lati Cambio MB GO 250-8 interni. Gradini illuminati la Sicurezza ESP, BAS, SPA, ART, ABA4, AtAs teralmente (a richiesta l’illuminazione degli spigoli della

pedata), pianerottoli intermedi e corrimano continui in tubolare d’acciaio completano le caratteristiche delle nuove scale del Setra. Da notare che nei vani scala sono stati sfruttati gli spazi disponibili anche per creare dei vani portaoggetti: uno chiuso sulla scala anteriore (sinistra) e uno nell’alzata sotto al pianerottolo di quella posteriore, con apertura a chiave.

Ottima anche la disposizione degli arredi di servizio al piano inferiore, con armadio cucina sul fondo, con macchina del caffè (2x40 tazze) e toilette in diagonale. Quest’ultima è completa di lavabo, illuminazione a Led e aeratore nascosto e offre un’altezza interna libera di 1,82 metri. Per far fronte alle necessità delle autolinee a lungo raggio, è disponibile una versione con allestimento rinforzato e

èè


SICUREZZA

uando si tratta di sicurezza, gli autoQ bus Setra non temono confronti. Se già erano innumerevoli i sistemi di sicurezza e

di assistenza alla guida montati di serie o a richiesta sul due piani della precedente serie 400, sul nuovo S 531 DT si può contare anche sull’Active Brake Assist 4 (ABA 4) e sul Sideguard Assist. Oltre ad avviare una frenata a fondo fino al completo arresto dell’autobus anche di fronte a veicoli fermi, l’ABA 4 è in grado di segnalare la presenza di pedoni in movimento (segnale acustico) e contemporaneamente avviare una frenata parziale automatica, lasciando all’autista la scelta tra l’eseguire una frenata a fondo o solo una manovra di scarto. Il riconoscimento dei pedoni si attiva fino a una velocità di marcia di 50 km/h. Cuore dell’ABA 4 è la tecnologia radar di nuova generazione che prevede un radar a lungo raggio (angolo di apertura di 18° e 250 metri di distanza) e un secondo radar a corto raggio (120° per 70 metri). I radar funzionano indipendentemente dal

grado di luminosità (giorno o notte) e dalle condizioni climatiche (pioggia o nebbia). Il Sideguard Assist è invece un sistema di assistenza alla svolta con riconoscimento dei pedoni. È attivo fino a una velocità massima di 36 km/h. Si avvale di due sensori radar a corto raggio montati sul passaruote anteriore della fiancata destra, in grado di monitorare tutto il lato del veicolo fino a due metri davanti e dietro. Quando viene rilevata una presenza in movimento sul lato destro, sullo specchio retrovisore si illumina un LED giallo triangolare. In caso di pericolo subentra un LED rosso lampeggiante che diventa fisso dopo due secondi e il sedile dell’autista comincia a vibrare. A velocità superiori a 36 km/h, il Sideguard Assist interviene anche durante i cambi di corsia verso destra. A completamento dei sistemi di sicurezza, l’S 531 Dt monta di serie l’impianto antincendio nel vano motore che diventerà obbligatorio su tutti gli autobus da turismo a partire dal giugno 2019.

serbatoio delle acque reflue da 150 litri. Invariata rispetto al precedente Setra a due piani anche la scelta dei sedili. Dal modello base Setra Voyager al più accessoriato Voyager Plus, fino al lussuoso Voyager Ambassador disponibile anche per configurazioni 2+1. Infiniti gli abbinamenti dei rivestimenti in tessuto e in fibra di pelle e si possono avere anche i poggiatesta Comfort regolabili. Al piano superiore, i passeggeri della prima fila hanno di fronte a sé una plancia di appoggio con portabicchiere integrato e, sui due montanti laterali, due piccoli monitor. Tra le forniture a richiesta, troviamo il tetto panoramico TopSky e il router Wlan con due slot per schede SIM e due porte USB per la predisposizione offline di contenuti multimediali. I passeggeri possono così accedere sia ad internet sia a contenuti da banca dati

locale. Disponibili anche prese USB o prese di corrente per l’alimentazione delle apparecchiature elettroniche personali. E per rendere l’ambiente interno più gradevole si può montare un impianto di profumazione che all’accensione del motore o all’apertura della prima porta spruzza automaticamente sull’ingresso il tipo di aroma scelto tra sei varietà. Di serie invece l’impianto audio/video CSM con lettore DVD, i monitor LCD da 19 pollici e la climatizzazione EvoCool TopAir. Per l’autista sono disponibili due tipi di plancia. Quella della ComfortClass, funzionale e a configurazione flessibile, ad esempio, al posto della copertura centrale può essere montato il supporto per l’emettitrice di biglietti. Oppure quella più elegante della TopClass, con modanature in alluminio e copertura scorrevole del tratto centrale della plancia.

Altri articoli su Setra: www.bustocoach.com/it/node/1584/articoli-costruttore-europa


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 2018

BMC - Diesel

nche la settima edizione del Busworld A Turchia fa registrare una identità prettamente nazionale in contraddizione con la sua

aspirazione ad essere ‘Fiera Internazionale per l’industria dell’autobus’. Fatta eccezione per alcuni specialisti esteri in componentistica, gli espositori sono stati di origine strettamente turca. I costruttori di veicoli, addirittura al 100% e oltretutto non al completo. Hanno infatti mancato l’appuntamento nomi di primo piano come Temsa e Karsan, oltre a MAN e Mercedes che in Turchia hanno fabbriche di autobus importanti. I motivi sono più d’uno e lo spostamento della sede di svolgimento della manifestazione da Istanbul a Izmir non può essere il principale, anche se ha inciso sulla partecipazione di espositori (un centinaio) e visitatori, come è fisiologico che sia. Il problema ė legato in gran parte alle caratteristiche del mercato interno turco. Da qualche anno in netto calo, è fortemente chiuso su se stesso. Questo influisce sul grado di innovazione dei veicoli e ovviamente sull’interesse dei costruttori esteri, anche di quelli cinesi che potrebbero avere prezzi concorrenziali. Basti pensare che l’importazione di autobus,

PER LA PRIMA VOLTA A IZMIR concentrata nelle taglie lunghe, ė stabile attorno alle 120 macchine all’anno. Stando ai dati forniti dall’OSD, l’Associazione Nazionale dei Costruttori, per quanto riguarda la produzione di autobus in Turchia, 2016

2017

20.531

22.439

20.172

25.923

20.037

20.688

Midibus

2.138

2.446

3.663

3.223

2.334

2.609

Bus & Coach

3.281

5.439

2.779

4.223

3.120

2.911

Minibus

Fonte: TÜiK.

BMC - Aeroportuali

Cambio di palcoscenico da Istanbul a Izmir per la 7a edizione del Busworld Turkey. Opera di solo quattro costruttori locali le proposte di veicoli. BMC nel ruolo di padrone di casa

MERCATO IN TURCHIA (per tipologia) 2012 2013 2014 2015

AUTOBUS TIPO

BMC - CNG

BMC - Elettrico

da parte dei suoi associati, i numeri continuano ad essere importanti, nonostante il mercato interno continui a calare rispetto ai volumi degli anni precedenti sia nella categoria dei midibus (7-9 metri e 25-35 posti passeggero)

e dei bus oltre 9 metri (city, intercity e coach). In questo caso, è l’Istituto di ricerca turco TÜiK a certificare che nel 2017 il mercato interno ha assorbito 2.609 midibus (-28,8% rispetto al 2014 anche se in recupero dell’11,8% sul 2016) e 2.911 lunghi (-31% sul 2015 e -6,7% sul 2016). Rimangono invece stabili i minibus (inclusi quelli da 9 a 18 posti passeggero), con oltre 20.000 veicoli. La produzione di autobus da parte degli as-

MERCATO IN TURCHIA AUTOBUS DA 7,5 A 18 METRI (per impiego) 2012

Turismo

2013

2014

2015

2016

2017

2.138

2.446

3.663

3.223

2.334

2.609

Urbani

2.006

4.259

1.629

2.887

2.115

2.270

Intercity Fonte: TÜiK.

1.143

1.180

1.150

1.336

1.005

641

AUTOBUS TIPO


AUTOBUS TIPO

PRODUZIONE IN TURCHIA 2012

2013

2014

2015

2016

2017

26.164*

36.874

33.864

45.453

43.273

53.806

Karsan

3.115*

836

1.544

1.625

1.142

1.230

Otokar

56*

40

12

0

0

0

29.335

37.750

35.420

47.078

44.415

55.036

A. Isuzu

1.820*

1.981

1.764

2.025

1.117

902

Karsan

0

0

99

602

152

327

Otokar

1.877*

2.689

2.066

2.815

990

1.319

Temsa

461*

557

1.395

1.689

1.071

1.184

Totale Midibus

4.158

5.197

5.324

7.131

3.330

3.732

0

58

151

462

236

353

322*

0

0

387**

447**

1.012**

MINIBUS Ford Otosan

Totale Minibus MIDIBUS

OTOKAR

BUS & COACH Anadolu Isuzu BMC Guleryuz

n.d

n.d

350*

350*

0

576

43

384

91

180

MAN

1.159*

1.300

1.051

1.743

1.826

2.145

Mercedes Benz Türk

3.325*

4.001

3.686

4.253

4.231

3.792

Otokar

637*

1.224

406

714

665

493

Temsa

971*

1.186

1.105

1.233

1.034

1.203

Totale Bus & Coach

6.427

8.345

6.442

9.176

8.880

9.528

Karsan

n.d

n.d

Fonte: Otomotiv Sanayii Derneği (OSD). *) Stime BusToCoach. - **) Fonte BMC.

sociati OSD (più BMC e Guleryuz) vede andamenti diversi a seconda dei segmenti. In crescita i minibus, arrivati a superare le 55mila unità grazie alla presenza di Ford Otosan (53.806 unità) che produce principalmente per l’export (84,8%). Vanno male i midibus che si fermano a 3.782 unità, in lieve recupero sul 2016 ma in calo del 47,6% rispetto al 2015. In questo segmento l’export è altalenante. Dopo il dimezzamento degli ordini dal 2012 (1.173 unità) al 2015 (447), nel 2016 c’era stata una buona ripresa (915 unità) ma nel 2017 si è tornati a scendere fino a quota 710. In quanto a produzione, leader in questo segmento è Otokar, che però deve cedere il primo posto ad Anadolu Isuzu sul versante

OTOKAR - Kent C Articolato LF export. Per le taglie più lunghe, la produzione è arrivata a superare le 9.000 unità (grazie al ritorno in gioco di BMC) con una quota dell’75% destinata all’export. Circa il 77% dell’export è uscita dalle fabbriche locali di Mercedes e MAN, a cui si aggiungono i 774 di Temsa (in decisa crescita), i 353 di Otokar (stabile), i 338 di Isuzu (+88,8%) e i 160 di Karsan. Nei due padiglioni della Fiera di Izmir, oltre agli specialisti in componentistica, si sono visti solo quattro costruttori: BMC, Otokar, Guleryz e Anadolu Isuzu a cui si è aggiunto Mapar Otomotiv (concessionario MAN). Quella di BMC al Busworld Turchia ė stata senza dubbio la presenza più evidente, per area espositiva e per le novità presentate.

OTOKAR - Ulyso (Doruk T)

Inevitabile visto che Izmir ė casa sua. I molti veicoli esposti sono stati suddivisi per aree tematiche in funzione del tipo di alimentazione. Per i diesel, si sono visti i ribassati low floor Procity da 12 metri (383 le unità commissionate dalla municipalità di Istanbul) e da 18,1 metri, entrambi motorizzati Cummins fino a 370 cavalli. Da 10 metri invece il ribassato Neocity. Stesso terzetto di modelli nell’area degli autobus a gas, con il Neocity da 9,1 metri con motore MAN E086CNG da 280 cavalli, e il Procity 12 e 18 con il Cummins ISL CNG da 320 cavalli. In grande evidenza il nuovo Neocity Electric da 8,5 metri, con 21 posti a sedere, nove dei

quali su parte rialzata posteriore più quattro strapuntini nell’area carrozzella fronte seconda porta. Il motore elettrico TM4 ha una potenza massima di 235 kW e le batterie agli ioni di litio da 266 kWh di capacità sono alloggiate dietro al portellone posteriore. Infine, uno spazio dedicato a due veicoli aeroportuali. Un Neocity Vip da 8,5 metri con pavimento centrale rialzato e sedili allineati con schienale alle pareti, affiancato dal Neoport da 14 metri di lunghezza. Con un totale 2.031 autobus venduti nel 2017 (un terzo esportati) Otokar mantiene il proprio primato sul mercato turco dei midibus nonostante il trend negativo di quest’ultimo. In generale, i dati OSD fanno rilevare un aumento del 9,4%, rispetto al 2016, degli au-


AUTOBUS TIPO

EXPORT PER COSTRUTTORI 2012

2013

2014

2015

2016

2017

81

0

0

0

16.315

34.629

26.426

8

8

21

38.195

34.507

45.663

60

283

131

MINIBUS BMC Ford Otosan Karsan Otokar Totale Minibus

25

27

11

0

16.429

34.664

26.458

38.255

34.790

45.794

943

744

626

136

486

350

MIDIBUS Anadolu Isuzu Karsan

0

0

0

74

15

73

Otokar

206

235

197

233

290

191

Temsa

24

6

1

4

124

96

1.173

985

824

447

915

710

0

26

122

152

179

338

133*

133*

Totale Midibus

ISUZU - Novo S

ISUZU - Novociti Life

BUS & COACH Anadolu Isuzu BMC

71

1

0

0

Guleryuz

n.d

n.d

n.d

n.d

Karsan

0

15

3

0

90

160

885

898

937

1.493

1.717

2.007

2.230

2.861

2.954

3.298

3.610

3.396

Otokar

116

167

191

328

373

353

Temsa

745

530

422

437

529

774

4.047

4.498

4.629

5.708

6.631

7.161

MAN Mercedes Benz Türk

Totale Bus & Coach

Fonte: Otomotiv Sanayii Derneği (OSD). *) Stime BusToCoach.

tobus prodotti, a fronte di un calo del 17,9% delle esportazioni. Decisamente buoni invece i segnali per il 2018 che è iniziato con due ordini importanti: 400 autobus urbani per Bucarest (Romania) e 100 per Amman (Giordania). Nove i veicoli in mostra al Busworld. Si comincia con il 7,2 metri Poyraz, praticamente una versione economica del Navigo, riservata al mercato turco. Per raggiungere i 27 posti a sedere, la scala anteriore a tre alti gradini è disposta in diagonale. Per la serie Sultan, le versioni ‘S’, sempre da 7,2 metri con porta posteriore sullo sbalzo, per 29 posti e il ‘Mega’, un metro più lungo,

GULERYUZ - Cobra GD 272 LF seconda porta centrale e 35 posti. Per gli impieghi urbani, il Sultan LF (low floor da 8,4 metri) con porte doppie a traslazione esterna, 20 sedili più 4 strapuntini nell’area carrozzella (63 la capacità totale) e alto armadio a fianco dell’autista per ospitare il Cummins da 107 kW. Presentato lo scorso anno, in Turchia ne sono già state vendute 300 unità. A pavimento rialzato invece il Sultan City da 7,2 metri con stesso motore e sbalzo posteriore ribassato per l’imbarco della carrozzella mediante pedana estraibile sul secondo gradino. Per gli urbani in taglia lunga, il Kent LF da

GULERYUZ - Cobra Open Top

12 e 18,7 metri con motore Cummins fino a 271 kW. Per gli impieghi turistici, il Doruk T, versione per la Turchia del nuovo Ulyso presentato alla fine dello scorso anno al Busworld Europe. È un 10,1 metri di lunghezza per 2,41 di larghezza, con il Cummins da 239 kW, 43 posti e ruote 265/70 R 19,5. A chiudere la parata, l’interurbano Territo U da 13,2 metri in versione ‘scolare’ per il mercato francese. Il Cummins è da 239 kW e i posti a sedere sono 63. A fronte di un calo sia di produzione sia dell’export degli autobus in taglia media, Anadolu Isuzu vede crescere i suoi volu-

mi nelle taglie lunghe (+49,6 la produzione 2017 e +88,8 l’export). In primo piano al Busworld di Izmir il recentissimo Novociti Life (novità per il mercato turco). Un low entry con 12 sedili nella parte ribassata (due sui passaruote) più 4 strapuntini lungo la fiancata dell’area carrozzella e altri 9 posti sul retro rialzato. Ad affiancarlo altri cinque modelli già visti e rivisti. Il low floor CitiPort da 12 metri con motore Cummins, il turistico NovoLux da 7,3 metri con motore anteriore Isuzu, lo stesso Novo, il Visigo in versione scuolabus ‘S’, il turistico Visigo da 9,5 metri per 39 posti e motore Cummins e il solito Turkuaz da 7,7 metri e


MAPAR - MAN Lion’s Coach motore Isuzu. Dedicati al trasporto urbano i due veicoli Cobra esposti da Guleryuz, gli stessi visti anche due anni fa ma ristilizzati. Il due piani open top da 11 metri motorizzato Mercedes da 300 cavalli e cambio ZF Ecolife, con capacità di 71 posti a sedere più carrozzella e il 12 metri GD 272 low floor, con motore Cummins o Mercedes da 300 cavalli. Oltre a dichiarare una produzione nel 2017 di 350 veicoli (il 38% destinati all’export) ha annunciato il progetto di modelli per i servizi aeroportuali e il debutto delle versioni elettriche alla prossima IAA di Hannover in settembre. Infine, una sfilata di Neoplan rimessi a nuovo dalla MAPAR, concessionario MAN Truck & Bus con sedi a Istanbul, Bursa e Izmir che affianca alle attività di assistenza e vendita ricambi, il rewamping di autobus usati da turismo che tornano sui mercati di Africa e Medioriente completamente rinnovati sia nella verniciatura esterna sia nell’allestimento interno e quasi sempre con armadio bagagli aggiunto sul retro. Come i tre Tourliner Euro VI e uno stupefacente Starliner dall’età imprecisata. Al centro dello stand anche un MAN Lion’s Coach di ultima generazione. Non potevano mancare i carrozzieri specializzati in minibus. Una manciata che ha visto prevalere le basi meccaniche del Peugeot Boxer, come gli allestimenti super carenati di SDS Design, con 14 posti a sedere più carrozzella disabili o 21 posti Vip. Meno grintosi ma con interni curatissimi, pa-

MAPAR - NEOPLAN Starliner vimento rivestito in simil legno (bagagliera compresa), file di lucine a led e potenti impianti stereo per i mini di Meydan, sempre su Peugeot Boxer da 11 a 17 posti, anche con sollevatore a scomparsa sulla porta laterale. Ancora Peugeot con finiture e allestimento appariscente con grande uso di rivestimenti in pelle da parte di Selim Otomotiv. Carenature spinte, paraurti a lama sporgente, coprimozzo a rostro e retrovisori super cromati da Harputlu che si affida invece alla meccanica del Fiat Ducato per ricavare 14 o 17 posti con o senza sollevatore carrozzella. Tutti su Iveco Daily invece gli allestimenti di Bur-Can, turismo Vip a 17 posti, per disabili (14+1H), con o senza sbalzo posteriore ribassato (17+3+1H) e Premium fino a 21 posti.

SDS - Peugeot Boxer

MAPAR - NEOPLAN Tourliner

BUR-CAN - Iveco Daily

SELIM - Peugeot Boxer

HARPUTLU - Fiat Ducato

MEYDAN - Peugeot Boxer Altri articoli sui Saloni Internazionali: www.bustocoach.com/it/node/2439/articoli_nref_eventi


BusToCoach on-line Magazine - Maggio 20188

ANNUNCI

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Maggio 2018  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...

BUSTOCOACH EUROPEAN ON-LINE MAGAZINE - Maggio 2018  

BusToCoach è la prima piattaforma online completamente GRATUITA. Offre informazione sui veicoli per il trasporto persone in Europa attravers...