Issuu on Google+

LABORATORIO

E D I T O R E B U L G A R I N I F I R E N Z E

P. Piva • G.P. Donegà • A.M. Baroni

conoscere e usare la lingua italiana

comunicazione e abilità linguistiche morfologia e sintassi


Copyright © 2007

EDITORE BULGARINI FIRENZE Prima edizione gennaio 2007 Ristampe 1 2 3 4 5 6

2013

2012

2011

2010

2009

2008

Finito di stampare per i tipi della tipolitografia Stiav s.r.l. in Firenze

Coordinamento editoriale

Editing e redazione

Testo conforme alle norme e avvertenze tecniche previste dal D.M. 7-12-’99 n. 547

Silvia Lombardini

Silvia Lombardini Francesca Macchioni Lucia Bernardini

Progetto grafico

Arianna De Lapi

Videoimpaginazione

Doriano Angelini Francesca Naldi UNI EN ISO 9001

Copertina

Eleonora Moschitta Arianna De Lapi

Editore Bulgarini Firenze Via Petrolini, 8/10 – 50137 Firenze Tel. 055 61611 Fax. 055 6161230 www.bulgarini.it info@bulgarini.it

Sistema di gestione qualità certificato


Premessa Un processo didattico completo per l’apprendimento della lingua italiana prevede un ampio panorama di esercitazioni che possiamo raccogliere in due fondamentali settori, che rispettivamente mirano a:

far acquisire le abilità di ascoltare, leggere, parlare e scrivere, con particolare attenzione alle capacità di sottolineare, prendere appunti, sintetizzare, predisporre una scaletta, scegliere le modalità espositive appropriate, ecc.;

far riflettere sui meccanismi del linguaggio, che sono la morfologia, la sintassi, ma anche le caratteristiche del testo, i processi comunicativi, i problemi relativi al significato delle parole, la formazione delle parole, la storia della lingua, ecc.

Spesso nell’attività scolastica è necessario privilegiare qualcuno di tali aspetti e molte volte manca il tempo o l’occasione per approfondire, per ripetere o per ripassare i concetti che si studiano, e in certi casi si tralascia qualche apprendimento a beneficio di altri più urgenti. Queste pagine di “laboratorio” sono pensate come un eserciziario per il recupero, per il consolidamento, o per il potenziamento delle conoscenze. Contengono proposte che si possono utilizzare in orario curricolare per integrare e rafforzare un particolare argomento studiato, ma anche spunti di attività per ripassare o recuperare qualche carenza, da svolgere in forma libera ed autonoma rispetto allo studio sistematico, in orario aggiuntivo o in momenti non strutturati. All’inizio di ogni capitolo sono proposti alcuni esercizi-gioco, molto adatti ad un’esecuzione in piccolo gruppo, da utilizzare eventualmente in momenti 3


integrativi, che offrono un approccio ludico molto efficace ad uno studio generalmente poco amato e ingiustamente ritenuto noioso. Gli esercizi sono graduati dai più semplici ai più difficili, in modo da poter adeguare l’attività alle esigenze personali di ogni allievo e permettere così sia un semplice ripasso, sia un consolidamento ed un approfondimento delle concettualità studiate o delle abilità linguistiche acquisite. I principali concetti grammaticali sono richiamati con uno schema sintetico prima degli esercizi relativi, in modo da consentire un rapido riepilogo dell’argomento anche in un momento lontano dalla spiegazione dell’insegnante, o una veloce consultazione nel corso dell’esercitazione.

9 M 2 952

SIMBOLI RICORRENTI NEL TESTO

4

indica gli esercizi di “potenziamento”. indica gli esercizi e le attività da svolgere individualmente.

indica i giochi, gli esercizi e le attività di gruppo.


comunicazione e abilità linguistiche UN SISTEMA DI SEGNI L’ORTOGRAFIA LA COMUNICAZIONE LINGUISTICA L’EVOLUZIONE STORICA E LE VARIETÀ GEOGRAFICHE DELL’ITALIANO IL SIGNIFICATO E LE RELAZIONI TRA I VOCABOLI IL LESSICO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE: GLI STRUMENTI SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO IMPARARE A SCRIVERE: I TESTI CHE SI SCRIVONO A SCUOLA


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

2e 952

Esercizi

segni e codici 1

In un tempo concordato (una settimana, …) ogni componente del gruppo cerca di procurare un esempio di comunicazione attraverso un codice figurato (segnali di sicurezza di cantiere edile, indicazioni di un villaggio turistico, …). Ogni esempio viene adeguatamente spiegato e con i più significativi si costruisce un cartellone murale.

2

Quello sotto riprodotto è il codice dei segni usato per comunicare da chi non ha l’uso della parola. a. Comunica ad un tuo compagno le seguenti parole usando l’alfabeto dei segni. sindaco • gelato • marmitta • fioritura • colpevole • sinfonia • calendario • registrazione • stampante • solidarietà • bicicletta • meraviglia b. Invia ad un tuo compagno i seguenti messaggi servendoti di un alfabeto muto; se non ne conosci

UN SISTEMA DI SEGNI

altri, usa quello qui riportato. 1. Oggi vengo a casa tua. 2. Sono molto contento. 3. Non ho studiato per il compito. 4. Voglio fare una festa, mi aiuti? 5. Ti va di fare i compiti con me? 6. Ti offro metà del mio panino.

6

3

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

W

X

Y

Z

Fino a qualche decennio fa, il telegrafo era un sistema di comunicazione capillare e sicuro, che usava un codice molto semplice costituito solo da due segni variamente accostati: il punto e la linea. Nell’era dei telefonini e dei messaggi digitali, esso appare un sistema arcaico, anche se la sua parentela con la comunicazione digitale è più stretta di quanto sembri ad un primo confronto: infatti, anche i segni digitali sono composti da due soli elementi: 0 e 1. Per noi resta comunque una curiosità alla quale ci possiamo accostare per provare l’importanza di un codice di comunicazione.


Invia alcuni messaggi ai tuoi compagni usando l’alfabeto Morse; tieni presente che non ci sono segni di punteggiatura, che devi tenere separate le lettere all’interno di una parola e aumentare lo spazio di divisione tra le parole. Un sistema per inviare punti e linee ad una certa distanza è costituito da un pulsante e da una lampadina (torcia elettrica): luce breve vale per punto, luce più lunga vale per linea.

•– B –••• C –•–• D –•• E • A

F G H I

4

M N O P Q R

–– •– ––– •––• ––•– •–•

S

2 ••–––

•••

– U ••– V •••– W •–– X –••– Y –•–– Z ––•• 1 • –––– T

3 •••–– 4 ••••– 5 6 7 8 9

••••• –•••• ––••• –––•• ––––•

0–––––

È oggi dominante la comunicazione attraverso il telefono cellulare (sms) e i messaggi di posta elettronica. In questi sistemi di comunicazione si sono diffusi dei segni capaci di comunicare emozioni e stati d’animo in forma piacevole e molto sintetica. Ti forniamo qui di seguito alcuni esempi; aggiungi qualche altro segno che conosci, oppure cerca di scoprirne di nuovi.

<:-( (:-$ :”( :) =:-o

5

••–• ––• •••• ••

•––– K –•– L •–•• J

depresso sono malato sto male sono felice sono scocciato

:-C :-( :-o :-) :-~)

::-D :[

sono scioccato sono triste oh, sono stupito sono felice

%)

sono raffreddato

senza parole sto ridendo a crepapelle non è piaciuta l’ultima affermazione Hic, ho bevuto troppo

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Appartiene a un codice comunicativo anche la segnaletica di certi sport, di cui ti forniamo qualche esempio. Alcuni simboli mancano, prova a disegnarli tu con tratti grafici semplici e facilmente comprensibili.

escursionismo

stadio

bocce

tennis

arco

ippodromo

piscina

seggiovia

centro sportivo

velodromo

7


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Gioco 1

952

Scopri l’errore. Gli alunni si dividono in piccoli gruppi; ogni gruppo prepara cinque frasi che contengono degli errori di ortografia e ne indica il numero. Quindi le passa a un altro gruppo che deve individuare e correggere gli errori.

Esercizi

2di recupero

la consonante h 1

Completa le frasi, scrivendo ha oppure a al posto dei puntini. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

2

Completa le frasi, scrivendo hai oppure ai al posto dei puntini. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

MODULO

L’ORTOGRAFIA

3

8

La mia squadra ............ vinto la partita. ............ Natale Federica ............ ricevuto tanti regali. Qualcuno ............ dato la notizia ............ Cesare? Il babbo ............ parlato ............ noi in modo franco. ............ Venezia si svolge ogni anno il famoso carnevale: anche Marina vi ............ preso parte. Giorgio ............ passato la soluzione del compito ............ un compagno. Andrò ............ Milano ............ trovare i miei parenti. Il ragazzo ............ dato la risposta ............ voce bassa.

Non ............ ancora offerto niente ............ nostri ospiti. ............ bambini piacciono i cartoni animati: ............ una videocassetta da prestarmi? Se non ............ fatto i compiti, cosa dirai ............ professori? Che bello! ............ preparato il dolce ............ frutti di bosco. Vorrei sapere se ............ nonni ............ portato i fiori. Poco fa ............ fatto ............ tuoi compagni un discorso convincente. Per questa spesa, ............ già chiesto l’autorizzazione ............ membri del consiglio. ............ balconi ............ appeso le bandiere della pace.

Completa le frasi, scrivendo hanno oppure anno al posto dei puntini. 1. 2. 3. 4. 5.

I miei amici .................... organizzato una festa per la fine dell’.................... Sapreste dirmi in quale .................... gli Sloveni .................... ottenuto l’indipendenza? Bruno e Sandra ci .................... telefonato e ci .................... invitato a cena. Fra un .................... o due i genitori mi regaleranno il motorino: me l’.................... promesso. I vigili .................... deviato il traffico per una via secondaria, perché i manifestanti in corteo .......... bloccato le vie principali. 6. L’.................... scorso i nostri vicini .................... ingrandito la loro casa con l’aggiunta di un portico. 7. Di .................... in .................... Gabriele diventa sempre più bravo: forse già quest’.................... giocherà in prima squadra. 8. Non ricordo più se l’.................. scorso o l’altr’................., ................. rifatto il manto stradale.


4

Completa le frasi, scrivendo ho oppure o al posto dei puntini. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

............ saputo che Adriana si è iscritta all’università, ............ mi sbaglio? ............ a piedi ............ in bicicletta ............ voglia di uscire di casa. Per la cena vuoi il passato di verdura che ............ preparato ............ preferisci la pasta? A volte ............ l’impressione che tu non mi ascolti ............, comunque, che non sia interessato. ............ voglia di un gelato al cioccolato ............ alla nocciola. Ieri ............ visto Mario con una ragazza: è solo un’amica ............ qualcosa di più? ............ lavato la biancheria e l’............ stesa al sole. ............ camminando per strada ............ in autobus ............ perso le chiavi.

la consonante q 5

Completa le parole contenute nelle seguenti frasi, scrivendo al posto dei puntini cu, qu oppure cqu. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

6

Dovrete a............istare un............aderno a ............adretti. Il giorno cin............e del mese sarà sospesa la fornitura dell’a............a per tre ore in tutta la zona. La persona a ............i hai chiesto aiuto non ha un patrimonio cospi............o. Gli in............irenti hanno a............isito prove a carico del delin............ente. Carlo ha a............ istato dall’anti............ario un a............erello d’autore. Ormai è tardi e il ............oco può preparare soltanto ............esto menù freddo. Il segretario dell’associazione ris............ote la ............ota d’iscrizione alla gita. A s............ola spesso discutiamo con il professore di............estioni interessanti.

Completa le parole contenute nelle seguenti frasi, scrivendo al posto dei puntini cu, qu oppure cqu. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Nell’a............itrino c’era ............alche anatra. ............i il cir............ito fa una curva stretta. Lo scrittore Ignazio Silone na............e in provincia di L’ A............ila nel 1900. Il cane uscito dal bagno si s............ote di dosso l’a............a. Il violento a............azzone ha a............ito i problemi di viabilità nel nostro ...........artiere. ............esto lavoro può essere molto profi............o se è svolto con grande impegno. A ............alcuno non pia............e ............el dramma che poi avrebbe dovuto ris............otere un grande successo. 8. Stia tran............illo: il suo ............ore è forte e sano: eviti comun............e il vino e i li............ori.

i digrammi 7

Completa le parole, scrivendo sc oppure sci al posto dei puntini. La...............eremo co...............enza ...............enziato cono...............erete

8

cre...............ere cono...............enza ...............endere cre...............eva

...............egliere na...............erà ...............enza a...............ensione

Completa le parole, scrivendo gn oppure gni al posto dei puntini. Guada...............o guada...............amo guada...............erò

9


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE le...............ame dise...............amo compa...............o lasa...............a

9

la...............anza dise...............ano accompa...............amo Roma...............a

dise...............o inge...............ere accompa...............ano de...............amo

Completa le parole, scrivendo gl oppure l al posto dei puntini. capi...............iatura ta...............iare trampo...............iere a...............iante coni...............io

co...............iere cava...............iere pa...............ia bi...............ia pallotto...............iere

magno...............ia o...............iera ita...............iano mi...............iardo fo...............iame

le doppie 10

Trascrivi le parole, scrivendo singola o doppia la consonante posta tra parentesi in corsivo. esempio: me(s)a(g)io 888 messaggio pa(l)one ........................... pa(r)u(c)hiere ................... fra(t)e(l)o ......................... pa(z)ienza ........................ pe(d)one ..........................

11

ca(r)e(l)o .............................. pe(d)a(g)io ........................... a(p)arire ............................... ra(z)o ................................... pa(s)e(g)iare .........................

gra(t)u(g)ia ........................... mo(l)a .................................. colte(l)o ............................... condu(r)e ............................. de(b)ole ...............................

Trascrivi le parole, scrivendo singola o doppia la consonante posta tra parentesi in corsivo. giu(b)o(t)o ....................... preo(c)upato .................... do(p)o ............................. le(z)ione .......................... te(s)ile ............................

di(f)erente ............................ so(p)ra(t)u(t)o ....................... do(p)io ................................. ra(z)iale ................................ sco(r)a(z)are .........................

gi(r)o(t)ondo ........................... so(t)osca(l)a ........................... ca(m)e(l)o .............................. spa(z)iale ............................... so(f)i(t)o ................................

l’uso dell’accento

L’ORTOGRAFIA

12

10

Completa le frasi, scrivendo è oppure e al posto dei puntini. esempio: La via ...... tranquilla ...... silenziosa. 888 La via è tranquilla e silenziosa. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

13

Andrea .......... preoccupato .......... triste. Il nuovo modello di auto .......... sicuro .......... molto manovrabile. Marta .......... Lorella stavano passeggiando .......... chiacchierando tra loro. .......... possibile transitare sui passi .......... sui valichi alpini solo con le catene. Il muro esterno .......... umido .......... scrostato. .......... vero che Nicola .......... Maria si sposano? .......... pensare che non ci credevo. Invece .......... proprio vero! .......... molto improbabile che la mia squadra vinca la partita .......... il campionato.

Completa le frasi, scrivendo è oppure e al posto dei puntini. 1. La mamma .......... uscita .......... ha dimenticato le chiavi di casa.


2. L’auto .......... partita rombando .......... .......... sparita in una nuvola di polvere .......... gas di scarico. 3. Spesso l’incuria dell’uomo .......... la vera causa delle alluvioni .......... degli altri danni all’ambiente. 4. A causa della nebbia .......... del maltempo il servizio di traghetto .......... stato sospeso. 5. Grazie agli aiuti del Comune .......... della Provincia .......... possibile aprire il museo di tradizioni locali. 6. La gara .......... alle ultime battute; l’arrivo degli atleti .......... previsto entro poco tempo. 7. In treno .......... in pullman abbiamo viaggiato per la Germania in lungo .......... in largo. 8. Alte mura .......... torri poderose difendono la città che non .......... mai stata conquistata dai nemici.

14

Nelle seguenti frasi alcune parole richiedono l’accento grafico: scrivilo tu. 1. L’atleta da il meglio di se nelle gare olimpiche. 2. Non si puo mai essere sicuri di quello che dici tu. 3. Il treno partira alle ore 16,06 e arrivera a Milano alle 18,35. 4. L’auto e uscita di strada proprio li; qui invece l’autista del camion ha frenato. 5. Il cavaliere parti al galoppo e salto agilmente l’ostacolo. 6. Non so proprio perche sei arrabbiato con me. 7. Laggiu c’è un cane alto cosi che mi fa paura. 8. Il bambino salto giu dall’albero agilmente.

15

Segna l’accento tonico sulle seguenti parole. esempio: finestra 888 finèstra stradale

larghezza

autodromo

spirito

albergo

albero

tegola

spargere

farmacia

nostalgia

graticola

permaloso

vincere

cantare

scivolo

stabile

probabile

intonaco

carissimo

vetrina

la divisione in sillabe 16

Trascrivi i seguenti vocaboli, dividendoli in sillabe mediante un trattino. esempio: groviglio 888 gro-vi-glio spavento

.......................................

ritardo

vascello

.......................................

assaggiare .......................................

avventato

.......................................

ombrello

.......................................

automobile .......................................

girasole

.......................................

cammello

consiglio

.......................................

corteggiare .......................................

estrarre

.......................................

indifferente .......................................

costringere .......................................

svogliato

avventura

.......................................

.......................................

.......................................

.......................................

11


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2e 952 di recupero e di potenziamento

registri e linguaggi tecnici 1

Individua quale tipo di registro viene usato nelle seguenti frasi. Successivamente, formula ciascun messaggio con un registro diverso da quello utilizzato. a. • Che caldo: apri!................................................................................................................. • Si può aprire un po’ la finestra? ......................................................................................... b. • Molla il gesso e sbrigati! .................................................................................................... • Per favore mi può dare del gesso? ....................................................................................... c. • Eh, cosa?.......................................................................................................................... • Sono spiacente, ma mi ero distratto un attimo e non ho sentito l’ultima parte del suo discorso..................................................................................................................... d. • Si accomodi prego. ............................................................................................................ • Il dottore è occupato e la prega di attendere. Nel frattempo potrebbe accomodarsi. .................

LA COMUNICAZIONE LINGUISTICA

e. • Vieni stasera da me? .......................................................................................................... • Saremo veramente felici di poterla avere tra i nostri ospiti in occasione della festa di compleanno di Marianna. .................................................................................................................

12

2 M

Trascrivi i due brevi testi meteorologici con un linguaggio comune. Cambia, in particolare, le espressioni sottolineate. LA SITUAZIONE

LE PREVISIONI

Dolomiti bianche, Catania 37°

Più freddo al Centro e al Nord

Neve al Nord

Nuvole su tutta Italia

Sud, afa record Roma - Inizio d’inverno al nord e caldo record al sud. La neve ha fatto la sua ricomparsa sulle Dolomiti venete sopra i 1700 metri. Mediamente la neve ha raggiunto uno spessore di circa 20 centimetri, con punte di 25 centimetri sopra i 2000 metri: una quantità che in questo periodo non aveva riscontri negli ultimi 20 anni. A Catania invece la temperatura è da estate piena con i termometri che ieri hanno registrato punte di 37 gradi, cinque in più rispetto alla media stagionale. L’ufficio meteo dell’Aeronautica spiega l’alta temperatura con l’arrivo di una corrente di aria calda da sudovest sospinta dal vento di libeccio. Al centro una tromba d’aria ha causato ingenti danni in provincia di Viterbo, danni anche nella Capitale dopo un violento temporale.

Roma - Nei prossimi giorni le temperature saranno in diminuzione soprattutto al centro e al Nord. E l’intera settimana sarà all’insegna della nuvolosità. Domani al Nord ci sarà una nuvolosità variabile; molto nuvoloso invece il settore alpino e prealpi-no, la Liguria e l’Emilia Romagna dove ci saranno piogge sparse che potranno trasformarsi in veri temporali. Parzialmente nuvoloso anche in Sardegna, nuvoloso in modo irregolare sulle regioni centrali con precipitazioni che saranno più intense durante la seconda parte della giornata specie sulle regioni del versante adriatico. Nuvolosità variabile sulla Sicilia. Molto nuvoloso su Campania, Molise e Puglia settentrionale dove le piogge arriveranno un po’ ovunque, diventando anche temporali.


3 M

Il brano che segue è tratto da un settimanale di medicina. Riconosci i termini specifici del linguaggio medico, cerca il loro significato consultando il vocabolario. Per certe espressioni dovrai rivolgerti ai tuoi familiari o ad amici studenti di medicina. Per circa la metà dei pazienti ipertesi e con diabete di tipo 2 oggi è possibile prevenire il danno renale, anticamera della dialisi. Una normale cura antipertensiva si è infatti dimostrata in grado di controllare, in un malato su due, l’insorgenza della microalbuminuria, vale a dire il primo segnale di rischio per la nefropatia, la più grave tra le varie complicanze del diabete. La malattia renale, oltre a condannare alla dialisi, aumenta infatti di 10 volte il rischio d’infarto e di altre patologie coronariche.

4 M

Il brano che segue è tratto da un manuale di medicina. Cerca sul vocabolario le parole sottolineate e cerca di spiegarle con parole tue. Dividi le parole in due gruppi come suggerito. L’esercizio è avviato. Sintomatologia. - Non esiste un quadro specifico che suggerisca immediatamente l’idea della intossicazione cronica da tabacco; ma esistono complessi sintomatologici vari e variamente tra di loro combinati, che l’esperienza clinica ha insegnato essere correlabili con l’abuso del tabacco. Tra questi complessi sindromici, per l’importanza pratica che ad essi compete, meritano una menzione particolare quelli a carico dell’apparato cardiovascolare. L’esistenza nei fumatori inveterati di turbe del ritmo cardiaco (extrasistolie; tachicardia parossistica atriale), la facile occorrenza in essi di dolori precordiali fugaci e di veri attacchi anginosi, la non rara obiettivazione di alterazioni elettrocardiografiche, soprattutto per riduzione od inversione dell’onda T; la constatazione statisticamente documentata che nei fumatori le malattie delle coronarie sono, a parità di età, di gran lunga più frequenti che nei non-fumatori, e che particolarmente elevata è tra i primi la percentuale di coloro che soccombono per infarto, sono tutte nozioni ormai ampiamente documentate. Manuale di patologia medica, a cura di D. Campanaccì, Edizioni Minerva medica

TERMINI SPECIFICI DI QUESTO LINGUAGGIO intossicazione: stato di malattia causato da sostanze che fanno male all’organismo .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. PAROLE CHE SI POSSONO USARE ANCHE IN ALTRI CONTESTI IN CUI, PERÒ, HANNO UN DIVERSO SIGNIFICATO quadro: (in questo contesto) ampia ed organica descrizione .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................................

13


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

le funzioni della lingua 5

Indica quali sono le diverse funzioni presenti nei periodi che seguono e, poi, qual è quella prevalente. 1. Lucia è la mia migliore amica. Che persona meravigliosa: è così comprensiva che a lei posso confidare tutti i miei segreti! 2. Dammi quel bicchiere, mi serve come stampo per gli gnocchi di semolino. 3. Su, dai! sono sicura che se fai attenzione non sbagli più. 4. Complimenti, hai fatto un bel disegno, però la prossima volta marca di più i contorni delle figure. 5. Quando si va a capo va rispettata la divisione in sillabe delle parole.

6 M

La stessa frase cambia funzione se pronunciata in situazioni diverse e con toni diversi. Per ciascuna delle seguenti, indica il tono usato e la funzione. Aggiungi poi qualche frase con indicazione di situazione, tono e funzione.

LA COMUNICAZIONE LINGUISTICA

SITUAZIONE

14

sono stanca

ragazza che sta studiando

sono stanca

ragazza che risponde alle domande del medico

pronto

ragazzo che risponde al telefono

pronto

barista che porge il caffè al cliente

qui non si può parcheggiare!

vigile ad automobilista

qui… non si può parcheggiare!?

automobilista al vigile

TONO ESPRESSIVO

FUNZIONE LINGUISTICA


7

Svolgete in gruppo le attività proposte in riferimento all’immagine della pagina a fianco. a. Indicate emittente, destinatario, canale, messaggio e funzione del messaggio. b. Quali aspetti della città di Follonica vengono evidenziati attraverso le immagini? c. Utilizzando cartoline illustrate o altre immagini (digitali da internet o realizzate dai componenti del gruppo), elaborate un piccolo manifesto che esalti gli aspetti più interessanti della vostra città (quartiere - paese). Non dovranno mancare alcuni slogan accattivanti e persuasivi.

15


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2e 952 di potenziamento

L’EVOLUZIONE STORICA E LE VARIETÀ GEOGRAFICHE DELL’ITALIANO

la lingua nel tempo e nello spazio

16

1

Cercate il significato dei seguenti modi di dire latini. Alcuni non sono molto comuni, ma talvolta vengono usati. Si tratta di espressioni che comunicano in modo sintetico dei concetti antichi, ma più spesso vengono usate per dare un tono erudito all’esposizione. Possono essere utilizzati solo quando se ne conosce bene il significato e possono veramente arricchire la chiarezza del messaggio. ESPRESSIONE LATINA

SIGNIFICATO

coram populo audaces fortuna iuvat errare humanum est dìvide et ìmpera de gustibus non est disputandum alea iacta est alter ego ante litteram in dubio pro reo mutatis mutandis tertium non datur risus abundat in ore stultorum promoveatur ut amoveatur panem et circenses melius abundare quam deficere

2

Andiamo alla ricerca di parole ed espressioni straniere. Procuratevi uno o più quotidiani ed assegnate ad ogni componente del gruppo un articolo da consultare. Sottolineate le parole o le espressioni straniere che incontrate, cercate di capirne il significato dal contesto, eventualmente verificate usando il vocabolario, quindi ricopiate le espressioni trovate, con il relativo significato.

3

In tutti i dialetti ci sono parole ed espressioni molto diverse, per pronuncia e per grafia, dalle parole italiane che hanno lo stesso significato. Cerca di raccoglierne il più possibile relativamente al dialetto della tua zona. Eventualmente intervista genitori e nonni.


esempi DIALETTO VENETO

ITALIANO

carega

sedia

piron

forchetta

sconto

nascosto

esempi DIALETTO SICILIANO

ITALIANO

addumani

accendere

scèccu

asino

carusu, picciriddu

bambino

esempi DIALETTO LAZIALE

4

ITALIANO

bùscio

buco

ferràro

fabbro

furminante

fiammifero

Quali parole ormai entrate nella lingua nazionale hanno origine nel dialetto della tua regione? Documentati prima sui tuoi libri scolastici (ad es. la grammatica e l’antologia), poi in biblioteca (su testi di linguistica e grammatica) e tramite Internet. Allarga quindi la ricerca, se ti è possibile, consultando qualche esperto.

17


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Giochi

IL SIGNIFICATO E LE RELAZIONI TRA I VOCABOLI

1

18

952

Per ciascuna delle parole elencate qui sotto, ognuno scrive, senza consultare il dizionario, il significato che gli sembra corrispondente. Al termine del gioco, si potrà consultare il dizionario; molto probabilmente nessuno (o pochi) avrà indicato il significato esatto; tuttavia qualcuno avrà in parte intuito o si sarà avvicinato di più a quello giusto, scritto nel dizionario. L’insegnante assegnerà un punto a chi si sarà avvicinato a quest’ultimo. Naturalmente vince il gruppo che, alla fine, avrà ottenuto più punti, i cui componenti, cioè, avranno dato il maggior numero di risposte adeguate. (Sono proposti due elenchi perché il gioco si possa ripetere; per continuarlo, l’insegnante fornirà ai gruppi altri elenchi di vocaboli “rari”). pragmatica

..................................................

porfirione ..................................................

olefina

..................................................

granataglio ..................................................

petecchia

..................................................

grafitare

bramare

..................................................

calafatare ..................................................

salamanna

..................................................

caicco

..................................................

malavvezzo

..................................................

fagopiro

..................................................

eteronomo

..................................................

ganglio

..................................................

disacerbare

..................................................

fruibile

..................................................

ipnopedia

..................................................

sebaceo

..................................................

parodiare

..................................................

nutazione ..................................................

..................................................

2

Con l’aiuto del dizionario, ogni gruppo prepara un elenco di cinque vocaboli polisemici e lo passa a un altro gruppo; quest’ultimo cercherà di individuare tutti i significati di quei vocaboli. Vince naturalmente il gruppo che riesce a completare il lavoro correttamente nel minor tempo. I vocaboli possono essere nell’ordine: • nomi • verbi • aggettivi

3

Con l’aiuto del dizionario, ogni gruppo prepara un elenco di cinque vocaboli e lo passa a un altro gruppo; quest’ultimo cercherà di individuare i sinonimi di quei vocaboli. Vince naturalmente il gruppo che riesce a completare il lavoro correttamente nel minor tempo. I vocaboli possono essere nell’ordine: • nomi • verbi • aggettivi

4

Con l’aiuto del dizionario, ogni gruppo prepara un elenco di dieci vocaboli e lo passa a un altro gruppo; quest’ultimo cercherà di individuare i contrari di quei vocaboli. Vince naturalmente il gruppo che riesce a completare il lavoro correttamente nel minor tempo. I vocaboli possono essere nell’ordine: • nomi • verbi • aggettivi


Esercizi

2di recupero e di potenziamento

il significato 1

Metti in ordine alfabetico i seguenti vocaboli. malumore • settembre • legnaia • bastone • credere • vittima • padrino • giostra • noce • riconoscere

2

Metti in ordine alfabetico i seguenti vocaboli. volontà • luce • arrosto • cupola • visione • anice • cena • agire • lesto • vedere • crudo

3

Metti in ordine alfabetico i seguenti vocaboli. macchia • bicicletta • gas • gallo • mastello • bivacco • budino • girare • bisonte • gaio • martello • birra

4

Immagina di consultare l’elenco telefonico della tua provincia e di trovarvi i seguenti cognomi e nomi (inventati): in quale ordine saranno? Riordinali tu di conseguenza. Bonomo Alfredo • Boni Marcello • Bosio Sandro • Bonini Giuseppe • Borello Marcella • Bonanno Erminia • Borello Franco • Borella Carla • Boni Giulia • Borello Federica

5

Come sai, nel dizionario si trova soltanto una certa forma dei vocaboli (per esempio, l’infinito dei verbi). Accanto ad ogni espressione scrivi il vocabolo che devi cercare nel dizionario.

6

rispose .................................

felicissima ..........................

informerai ..............................

disporrei................................

facevi .................................

sedici.....................................

a fianco di .............................

tacquero .............................

di quando in quando ...............

volentieri ...............................

vorrebbero ..........................

golose ....................................

degni ....................................

realmente ...........................

preghi ....................................

Cerca sul dizionario le seguenti parole e per ognuna indica la categoria grammaticale, il primo significato, il numero degli eventuali significati successivi, le eventuali locuzioni in cui si trova. esempio: liquido 888

aggettivo primo significato: si

dice di qualsiasi corpo fluido che ha volume proprio ma che assume la forma del recipiente che lo contiene; contrapposto a solido e gassoso. altri significati: quattro.

Il dizionario non riferisce locuzioni particolari in cui il vocabolo sia usato. neve • particolare • mandare • pesare • pieno • attrezzo • proprio • peggio • occupare • durante

7

Cerca sul dizionario il significato dei vocaboli che sono presenti in queste frasi e che non conosci. Quindi trascrivi gli uni e gli altri. 1. Il capitano dimostrò scarsa attitudine al comando. – 2. I motivi di frizione tra i due vicini non mancavano. – 3. Sulla facciata dell’edificio c’è un’antica meridiana, ma lo gnomone non c’è più. – 4. Il giovane impiegato ha ricevuto un encomio per il suo attaccamento al lavoro. – 5. In deroga alla presente normativa, si autorizza il richiedente ad usufruire del mezzo privato in quanto essenziale allo svolgimento della sua attività lavorativa. – 6. Il Comune ha indetto un concorso per due posti di messo comunale. – 7. Gli organizzatori del concerto hanno deliberato di devolvere gli incassi a favore di un’organizzazione assistenziale. – 8. Lo studio e l’esplorazione dello spazio intersiderale sono lo scopo di numerosi enti internazionali.

19


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

8 M

le relazioni tra i vocaboli Scrivi il vocabolo o l’espressione che comprende i quattro vocaboli di ogni serie. uro • mammut • brontosauro • iguanodonte

.......................................................................

pescare • arpionare • adescare • abboccare

.......................................................................

spaghetti • rigatoni • orecchiette • maccheroni

.......................................................................

morbido • tenero • soffice • molle

.......................................................................

romanziere • storico • novelliere • narratore

.......................................................................

IL SIGNIFICATO E LE RELAZIONI TRA I VOCABOLI

termometro • stetoscopio • siringa • martelletto .......................................................................

20

9

astio • ostilità • avversità • malevolenza

.......................................................................

riflettere • ragionare • meditare • considerare

.......................................................................

bozzetto • caricatura • vignetta • illustrazione

.......................................................................

villa • baita • tenda • capanna

.......................................................................

I termini di ciascuna serie indicano gli elementi (o le parti) di un tutto. Trova il vocabolo che esprime questo “tutto”. aiola • prato • siepe • vialetto

.......................................................................

obiettivo • lente • zoom • mirino

.......................................................................

corso • sorgente • cascata • foce

.......................................................................

testata • pagina • colonna • titolo

.......................................................................

cratere • cono • camino • magma

.......................................................................

dorso • frontespizio • copertina • pagina

.......................................................................

schermo • antenna • alimentatore • pulsanti

.......................................................................

colletto • polsino • manica • bottoni

.......................................................................

10 M

clavicola • sterno • omero • ulna

.......................................................................

cassa • corde • tastiera • manico

.......................................................................

Ciascuna delle seguenti parole ha più significati (è polisemica): costruisci una frase per ogni significato. a. difficile, capo, caro, idea, osservare, gioco, minuto (aggettivo) b. vano, trovare, semplice, seguire, sacco, grado, pratica

11

Cerca sul dizionario i sinonimi d’uso più frequente e comune dei seguenti vocaboli. zelo

....................................

smania

...........................................

lesinare

....................................

frusto

...........................................

soverchio

....................................

accostare

...........................................

....................................

saccente

...........................................

12 M

dissennato

sommario (nome) ...................................

sommario (aggettivo) ...........................................

Sostituisci i vocaboli in corsivo in modo da ottenere frasi di significato opposto. 1. Paolo declinò ogni responsabilità. – 2. Enrichetta indossa un vistoso abito rosso. – 3. Giuseppe si è assunto la responsabilità di allenare la squadra. – 4. Il giudice riconobbe all’imputato delle atte-


nuanti. – 5. Agli spettatori il fallo sul portiere sembrava quanto mai dubbio. – 6. Gli esperti hanno dimostrato che la sostanza in questione è innocua. – 7. L’impresa fallì perché era stata improvvisata all’ultimo momento. – 8. Solo pochi hanno desistito dal quel viaggio avventuroso.

13

Con l’aiuto del dizionario, indica i contrari dei seguenti vocaboli. odoroso • accogliente • ingenuo • morbido • ottuso • facondo

14 M

In ciascuna serie di espressioni è presente uno stesso termine con significati in tutto o in parte differenti. Trova il suo contrario per ogni significato assunto nei diversi contesti. 1. Fermare una stanza d’albergo. – Fermare una persona sospetta. – Fermare il gioco. – Fermare un bottone. 2. Una superficie liscia. – Capelli lisci. – Una cornice liscia. 3. Una gonna lunga. – Un lungo ritardo. – Un brodo lungo. 4. Un appartamento libero. – Un linguaggio libero. – Un popolo libero. 5. Un paesaggio piatto. – Un discorso piatto. 6. Una persona diritta. – Una strada diritta. 7. Un ragazzo alto. – Un alto funzionario. 8. Una casa modesta. – Un salario modesto.

15

16

Individua i verbi che hanno significato contrario rispetto ai seguenti. danneggiare ................................................

turbare

......................................................

guadagnare ................................................

distruggere ......................................................

scendere

................................................

confortare ......................................................

aprire

................................................

accogliere ......................................................

Forma i contrari dei seguenti nomi, utilizzando i prefissi adatti. moralità ....................................................

agio

...................................................

pareggio ....................................................

compenso

...................................................

17 M

equilibrio ....................................................

perturbabilità ...................................................

fortuna

armonia

....................................................

...................................................

Trova gli aggettivi che hanno significato contrario rispetto ai seguenti.

18

tranquillo

................................................

sano

.......................................................

rumoroso

................................................

facile

.......................................................

denso

................................................

necessario .......................................................

interessante ................................................

distratto

.......................................................

debole

vile

.......................................................

................................................

Forma i contrari dei seguenti aggettivi, utilizzando i prefissi adatti. puro

.................................................

conforme .........................................................

educato

.................................................

critico

.........................................................

clemente

.................................................

salubre

.........................................................

obbediente .................................................

paziente .........................................................

21


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Gioco da svolgere

2o in piccoli 952

1

L’insegnante indicherà una lettera dell’alfabeto; in un minuto, scrivi quanti più vocaboli conosci che inizino con quella lettera.

2

Scrivi il termine che ha qualche attinenza con entrambi i vocaboli di ogni coppia e che permetta di collegarli. esempio: Vendemmia … Bottiglia 888 Vino Fiorentini … Sigari

.................................

Lista … Telefono

.......................................

Conclave … Punti

.................................

Gallina … Pasqua

.......................................

Cappello … Pistone

.................................

Albero … Mappa

.......................................

Albero … Mare

.................................

Uniforme … Separata .......................................

Compasso … Pallavolo .................................

Presa … Birra

.......................................

Mastino … Pistola

.................................

Pettine … Carie

.......................................

Matita … Pavone

.................................

Treno … Cavalli

.......................................

3

Ogni gruppo prepara una lista di cinque nomi e la passa a un altro gruppo: quest’ultimo deve a sua volta scrivere in cinque minuti tutti gli aggettivi (non generici) che possono essere riferiti a quei nomi.

4

Ogni gruppo, con l’aiuto del dizionario prepara un elenco di cinque aggettivi poco frequenti che possano essere riferiti soltanto a un nome o a pochi nomi; quindi passa la lista a un altro gruppo, che, sempre con l’aiuto del dizionario, scriverà i nomi cui possono essere riferiti quegli aggettivi.

Esercizi

2 di potenziamento

1 M

le parole che usiamo

IL LESSICO

Quali nomi possono essere “oggetto” dei seguenti verbi? accampare • promulgare • opporre • esibire • emanare • insediare • interpretare

22

2 M

Quali nomi possono essere “soggetto” (in senso proprio, non figurato) dei seguenti verbi? imperversare • germogliare • pascolare • legiferare • veleggiare • gracidare

3 M

Ciascuno dei seguenti aggettivi può essere riferito, nel suo significato proprio, soltanto ad uno o a pochi nomi. Indicali, aiutandoti con il vocabolario. periscopico • prensile • torrentizio • baio • carrabile • fondente • ondoso


4 M

Sostituisci ciascuna delle seguenti perifrasi con il vocabolo che esprima quel significato. PERIFRASI

VOCABOLO

1. Venire alla luce. 2. Persona di sesso maschile legata ad altra persona da vincolo

di parentela che deriva dall’essere figli degli stessi genitori. 3. Antica arma da getto costituita da un’asta munita a un’e-

stremità di una punta e all’altra di una cocca; si lancia con l’arco o con la balestra. 4. Persona che non ha lavoro. 5. Persona che possiede molto denaro. 6. Bambino privo dei genitori. 7. Persona accusata di aver commesso un reato. 8. Depressione del suolo occupata da acqua per lo più dol-

5 M

ce, non in diretta comunicazione con il mare.

Dei vocaboli in corsivo trova i sinonimi d’uso più comune e scrivili nella colonna di destra. 1. La vicenda ebbe l’epilogo previsto. 2. Ho sentito i vicini di casa che altercavano. 3. È necessario saper discernere il bene dal male. 4. Gli operai ricevettero la retribuzione a lavoro ultimato. 5. Gli esploratori si inoltrarono nella giungla. 6. Nel Medio Evo le città erano governate dai notabili. 7. Nel nostro progetto questo obiettivo ha la priorità su tutti

gli altri. 8. Giuseppe si è invischiato in una attività poco chiara.

6 M

il linguaggio figurato Spiega quali caratteristiche vengono di solito attribuite ai seguenti materiali e oggetti; quindi, con ogni nome costruisci una frase in cui esso abbia un significato metaforico. ghiaccio • pasta • piombo • salame • osso • acciaio • bronzo .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

23


7 M

COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE Con ciascuno dei seguenti nomi, usato in senso figurato, costruisci una frase; quindi spiega quale significato assume. monte • cima • vena • mare • tegola • calibro • strada • abisso .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

8 M

..............................................................................................................................................

Con ciascuno dei seguenti aggettivi, usato in senso figurato, costruisci una frase; quindi spiega quale significato assume. freddo • luminoso • ottuso • radioso • profondo • bruciante • peloso • aperto .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

9 M

..............................................................................................................................................

I seguenti verbi possono essere usati in particolari locuzioni figurate; spiega in questo caso quali significati assumono. Quindi costruisci con ciascuno una frase. afferrare • seminare • rispolverare • abbracciare • divorare • calpestare • partorire .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

10 M

IL LESSICO

..............................................................................................................................................

24

Nelle seguenti frasi, sottolinea le locuzioni idiomatiche e spiegane il significato. 1. Qualcuno vuole metterci i bastoni fra le ruote per impedirci di realizzare i nostri piani. 2. Carlo è stato assunto da poco: questi primi mesi sono il suo banco di prova. 3. Rievocando quel triste episodio, a Giulio venne un nodo alla gola e non riuscì più a parlare. 4. L’ufficiale trattava i suoi subordinati con pugno di ferro, ma spesso non otteneva granché. 5. Federico toccava il cielo con un dito dopo aver saputo di aver superato l’esame. 6. Tua madre è stata sulle spine tutto il pomeriggio perché non sapeva dov’eri.


7. Non vorrei che tutti i nostri buoni propositi si risolvessero in una bolla di sapone.

11 M

8. Hanno tentato di ingannarlo in tutti i modi, ma Pino non si è fatto mettere nel sacco.

Spiega il significato delle seguenti espressioni quando sono usate in senso figurato. Con ciascuna costruisci poi una frase. prendere un granchio

........................................................................................................ ........................................................................................................

nutrire una serpe in seno ........................................................................................................ ........................................................................................................ venire ai ferri corti

........................................................................................................ ........................................................................................................

essere sospeso a un filo

........................................................................................................ ........................................................................................................

perdere la testa

........................................................................................................ ........................................................................................................

mettersi di buzzo buono

........................................................................................................ ........................................................................................................

gettare il guanto

........................................................................................................ ........................................................................................................

stringere i denti

12 M

........................................................................................................ ........................................................................................................

Individua tutte le forme del linguaggio figurato presenti nelle frasi che seguono e spiegane il significato. 1. La polizia ha setacciato la città in cerca dei ladri. 2. Il dirigente ha dato una lavata di capo agli impiegati che non avevano completato il lavoro. 3. Ho un sacco di gialli: se vuoi te ne presto qualcuno. 4. State attenti! Ho sentito una canzone nuova che è una bomba! 5. La guida frenò l’entusiasmo degli alpinisti in erba. 6. Sei un vero impiastro! Perché non ti dai un po’ da fare? 7. Da Parigi è arrivato un segnale di distensione nei rapporti internazionali. 8. Come hai fatto a mangiarti tutta la vaschetta di gelato? 9. È considerato inaffidabile per i suoi modi viscidi.

13 M

la formazione delle parole Trascrivi tutti i vocaboli derivati presenti in questo brano; quindi indica di ognuno la radice. Le gioie di quel recipiente tondo e piatto chiamato “pietanziera” consistono innanzitutto nell’essere svitabile. Già il movimento di svitare il coperchio richiama l’acquolina in bocca, specie se uno non sa ancora quello che c’è dentro, perché ad esempio è sua moglie che gli prepara la pietanziera ogni mattina. Scoperchiata la pietanziera, si vede il mangiare lì pigiato: salamini e lenticchie, o uova so-

25


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE de e barbabietole, oppure polenta e stoccafisso, tutto ben assestato in quell’area di circonferenza come i continenti e i mari nelle carte del globo, e anche se è poca roba fa l’effetto di qualcosa di sostanzioso e di compatto.

14 M

I. Calvino, Marcovaldo, Einaudi, Torino 1973

Spiega il significato di ciascun prefisso e, quindi, dell’intero vocabolo. interdipendente • retroguardia • sottocutaneo • antinebbia • preelettorale • extraurbano • retroattivo • anticamera • disintossicare • predisporre

15 M

Trova il contrario di ciascuno dei seguenti vocaboli usando il prefisso di negazione adatto. Trascrivi i nuovi vocaboli raggruppandoli secondo il prefisso utilizzato. a. sensibile, noto, servizio, accentrare, continuo, affamare, assetare, critico, tolleranza, avanzo

16 M

b. leale, agevole, lecito, ubbidire, favorevole, colorare, attivare, maturo, noto, afflusso

Indica qual è la “base” dei seguenti termini; quindi spiega il loro significato scomponendoli nei diversi elementi lessicali che li formano. Non consultare il dizionario. demoralizzante • invalidazione • diffamatorio • ammissibile • dissuasivo • essiccatoio • improponibile • decongestionante • raffreddamento • dissimulatore • infallibile

17 M

Individua i verbi che derivano da ciascuno dei seguenti nomi. fiore • arma • carta • fumo • bocca • villa • scena • morte • miniatura • onda • riva • margine

18 M

Individua i verbi che derivano da ciascuno dei seguenti aggettivi. ampio • puro • libero • amaro • duro • lucido • sporco • fermo • tranquillo • pari • largo • forte

19 M

Aggiungendo gli opportuni prefissi, forma altri verbi derivati dai seguenti. prendere • muovere • abitare • spirare • battere • stare • distinguere • comporre • scrivere • dividere • incidere • chiamare .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

IL LESSICO

..............................................................................................................................................

26

.............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................


20 M

I seguenti nomi sembrano accrescitivi o diminutivi di altri nomi, ma assumono un significato diverso. Cerca i nomi originari e prova a spiegare quale parte di significato hanno in comune. NOMI O VERBI DA CUI DERIVANO

SIGNIFICATO COMUNE

cannone cordone straccione scarpone alpino marino zecchino campanello colletto ombrello forchetta manette

21 M

sigaretta

Per ogni serie di parole, trascrivi quella che non appartiene alla stessa “famiglia” delle altre; indica anche la radice della “famiglia”. Amareggiare, ammarare, mareggiata, marittimo, maroso.

...........................

..........................

Ravvivare, vivente, vivacizzare, vivido, vitale.

...........................

..........................

Impacciato, rappacificare, pacifista, paciere, pacioccone. ...........................

..........................

Panificio, panino, panico, impanare, panettiere.

...........................

..........................

Incerata, cerino, ceroso, cerebrale, cerume.

...........................

..........................

Dolore, doloroso, doloso, dolorante, antidolorifico.

...........................

..........................

Personificare, personale, impersonale, persona, perso.

...........................

..........................

Acconto, racconto, contare, conto, contabile.

...........................

..........................

Termite, termine, terminale, contermine, terminare.

...........................

..........................

Riso, sorriso, risotto, ridere, irridere.

...........................

..........................

22 M

Partendo dalla radice di ogni parola del seguente elenco, trova tutti i derivati, gli alterati, i composti, cioè costruisci la “famiglia” di quella parola. modo • popolo • nota • paese • bando • parte • arma • primo • ridere • sabbia • articolo

27


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Giochi

952

un ascolto attivo 1

La classe si divide in gruppi di 4-5 allievi. I componenti di ogni gruppo a turno pronunceranno una delle frasi suggerite sotto con almeno tre diverse intonazioni. • Dopo ogni espressione, i compagni segneranno l’intonazione usata. • L’obiettivo è che tutti i componenti del gruppo percepiscano con chiarezza e in modo uniforme il reale messaggio che il compagno ha cercato di formulare. • Prima di discutere e correggere, tutti devono aver provato ad interpretare in tre modi diversi la frase loro assegnata (l’ordine si può sorteggiare). • Alla fine, dopo verifiche e discussioni, il gruppo eleggerà l’interprete più efficace. Può essere utile preparare una tabella come questa. 1a INTONAZIONE

NOME DEL COMPAGNO

2a INTONAZIONE

ASCOLTARE

FRASI DA USARE

28

3a INTONAZIONE

INTONAZIONI DA SCEGLIERE

Oggi verrà il preside a parlare alla classe

Domanda

Domani ci sarà il compito in classe

Rimprovero

La gita scolastica programmata non si farà

Rammarico

Ho studiato il capitolo sbagliato

Ordine

Entro il 15 si deve presentare il programma personale

Disperazione

Dal giardino zoologico è scappata una tigre

Meraviglia - sorpresa

Il treno è già partito

Paura

Ora smetti di fare i compiti

Insinuazione di responsabilità

Facciamo le frittelle di mele

Aspettativa felice Giudizio di irrilevanza Scarso interesse


2 M

preparare l’ascolto A turno, o a giudizio dell’insegnante, un allievo sceglierà un brano da leggere. Cercherà tra le notizie di cronaca, oppure tra i racconti dell’antologia, o anche tra le pagine del libro di storia. Una volta deciso il testo da leggere, preparerà delle domande guida (che aiutino a individuare: chi, cosa, dove, quando e perché) e le scriverà alla lavagna. Oltre alle domande tipiche, cercherà di inserirne una o due sull’aspetto più interessante o curioso di quel testo. • I compagni prenderanno visione delle domande prima di ascoltare il testo che il compagno leggerà e, dopo l’ascolto, cercheranno di rispondere. • Obiettivo dell’esercizio è di far rilevare l’importanza di elaborare uno schema mentale,(in questo caso costituito appunto dalle domande) con cui ordinare e fissare le varie informazioni ascoltate.

3 M

attenzione ai nessi logici La classe si divide in gruppi di tre-quattro allievi. Ogni gruppo preparerà la prima parte del gioco nel modo che segue. • Usando una fotocopia, o meglio, una trascrizione al computer, suddividerà in 10-12 parti un brano del libro di geografia, o di scienze, o di altra materia. • Ricomporrà poi, in modo disordinato, il testo stesso, cercando di mascherare il più possibile le incongruenze che emergeranno (risulta più agevole se si usa una trascrizione al computer). • Fornirà quindi una copia del testo manomesso ai compagni degli altri gruppi. Poi un incaricato leggerà il testo originale. • I compagni dovranno ricostruire l’ordine originario del brano.

4 M

ascolto di notiziari radiofonici o televisivi Attività adatta ad un piccolo gruppo. • Materiale necessario: videocamera e videoregistratore, oppure registratore audio; carta e penna. • Si registra un notiziario televisivo (o radiofonico). • Durante il primo ascolto si scelgono un paio di notizie. • Riascoltando, mentre un compagno manovrerà il registratore, gli altri si aiuteranno per capire bene tutte le parole e scriveranno il testo completo delle due notizie che avevano scelto. • A turno, ogni componente del gruppo proverà a leggere le notizie, imitando l’enfasi (tono della voce, pause, ecc.) del giornalista e cercando di impiegare lo stesso tempo. • Se si dispone di una videocamera, si possono confrontare con l’originale i tentativi e individuare i più riusciti.

29


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2 e 952di recupero e di potenziamento

volume e intonazione 1

2

Ripeti ciascuna delle seguenti frasi con queste diverse intensità: sussurro, parlato normale, grido. a. • Smettila di lagnarti in continuazione.

b. • Quando pensi di tornare a casa?

• Vieni con noi a giocare a pallavolo.

• Stai andando troppo forte, rallenta.

• Avete capito quello che vi ho detto?

• Piove: ripariamoci sotto quel portico.

• Non ne posso più di questo tempo.

• Aiutatemi a riordinare i libri.

Leggi ad alta voce le seguenti frasi, prima con un tono neutro, quindi con le intonazioni adatte ad esprimere i sentimenti, gli stati d’animo o gli atteggiamenti indicati tra parentesi. a. • Sta ancora piovendo (sorpresa - tristezza). • Domani non potremo andare in gita (rabbia - gioia). • Quanto abbiamo camminato oggi! (ironia - serietà).

b. • Ho sentito dei passi in anticamera (paura - gioia). • Volete camminare più forte? (cortesia - arroganza). • Fra una settimana giocheremo la finale del campionato (preoccupazione - gioia).

• Quando arriveremo alla stazione? (cortesia - insofferenza).

• Qui sì che l’aria è pura! (piacere - ironia).

• Finalmente Giuseppe è tornato dalle vacanze (gioia - ironia).

• Vuoi venire anche tu a giocare? (sorpresa - cortesia).

Gli esercizi che seguono, relativi alle abilità e alle forme del parlato, possono essere svolti in forma di gioco. La classe (o il gruppo) viene divisa in due sottogruppi: • gli alunni del primo sottogruppo svolgono la prima parte dell’esercizio, come indicato nella consegna; • gli altri alunni esprimono un voto sul modo in cui ogni compagno ha realizzato la sua prova. Poi i ruoli si scambiano.

PARLARE

3

30

Svolgete questo esercizio in gruppo, nel modo seguente: - un alunno racconta una breve storia o un’esperienza in un tempo definito (5 minuti); - altri tre (incaricati dall’insegnante, all’insaputa del primo) controllano se il volume della voce, l’intonazione e il ritmo sono adeguati, utilizzando la seguente griglia. NOME DI CHI PARLA

ARGOMENTO

VOLUME DELLA VOCE (ADEGUATO, TROPPO ALTO, TROPPO BASSO)

INTONAZIONE (ADATTA O MENO A ESPRIMERE STATI D’ANIMO, SENTIMENTI)

RITMO (ADEGUATO, TROPPO VELOCE, TROPPO LENTO)


4

Svolgete questo esercizio in gruppo, nel modo seguente: - un alunno racconta una breve storia o un’esperienza in un tempo definito (5 minuti); - altri tre (incaricati dall’insegnante, all’insaputa del primo) ne controllano movimenti ed espressività del viso, movimenti del corpo e delle braccia, utilizzando la seguente griglia.

NOME DI CHI PARLA

ARGOMENTO

SGUARDO (FISSO O MOBILE, ESPRESSIVO O INESPRESSIVO)

GESTUALITÀ MOVIMENTI DEL CORPO (ACCOMPAGNA E (NATURALI SOTTOLINEA LE PAROLE O INNATURALI, OPPURE È INUTILE RIGIDI O RILASSATI) E SCOMPOSTA OPPURE È ASSENTE)

reazione dei destinatari 5

Svolgete questo esercizio in gruppo, nel modo seguente: - un alunno racconta una breve storia o un’esperienza in un tempo definito (5 minuti); - altri tre (incaricati dall’insegnante, all’insaputa di tutti gli altri) controllano se la classe (o il gruppo) segue l’esposizione con attenzione e interesse. Qualora questo non avvenga, i tre proveranno a suggerire quali rimedi avrebbe potuto adottare il parlante. Può essere utilizzata la seguente griglia. Dopo alcune prove, questo esercizio può essere svolto senza gruppo di controllo: l’alunno che parla sta anche attento alla reazione degli ascoltatori e prova da sé ad adottare eventuali rimedi. NOME DI CHI PARLA

ARGOMENTO

INDICARE SE CI SONO ALUNNI DISTRATTI

EVENTUALI RIMEDI NEL MODO DI ESPORRE

• • • •

alzare il volume della voce, modificare l’intonazione, non ripetere gli argomenti, esprimere meglio l’idea o il fatto centrale, ecc.

ARGOMENTI che possono essere proposti per gli esercizi nn. 3-5. • Il mio animale preferito. • Il mio passatempo preferito. • Il mio programma televisivo preferito. • • • • •

Un momento di paura. Una delusione. Un regalo che mi ha fatto molto piacere. Un luogo che vorrei visitare. Un fatto di cronaca (letto sul giornale).

31


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

conversazione 6

Ogni alunno decide un argomento di conversazione che vorrebbe proporre alla classe o al gruppo. Può trattarsi di una cosa interessante che lo ha emozionato, di una persona che ha rivisto, di un rimprovero che ha subito, di un fatto di cui è venuto a conoscenza. Gli argomenti vengono scritti su foglietti che saranno ripiegati: ne verrà estratto uno e l’alunno che l’ha proposto darà avvio alla conversazione presentandolo. Tutti i compagni devono partecipare, dicendo liberamente cosa ne pensano, aggiungendo qualcosa, dando consigli. Un sottogruppo incaricato dall’insegnante osserva e registra in brevi appunti le forme di partecipazione di tutti, in particolare in relazione al rispetto delle regole fondamentali. Si può costruire una tabella di questo tipo:

NOME DI CHI PARLA

HA ASCOLTATO CON ATTENZIONE TUTTI GLI INTERVENTI?

HA TENUTO CONTO DI QUANTO DETTO DA ALTRI?

HA INTERROTTO QUALCUNO?

SI È FATTO CAPIRE BENE E HA SAPUTO STIMOLARE L’INTERESSE?

Nella tabella sarà assegnato a ciascun alunno partecipante alla conversazione un punteggio per ogni voce, attribuito secondo questi criteri: 1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nella conversazione.

PARLARE

racconto

32

7

Dopo esserti preparato a casa o in biblioteca, racconta una fiaba tradizionale ai tuoi compagni (puoi scegliere fra quelle dei fratelli Grimm, di Perrault, di Italo Calvino, oppure una che ti è stata raccontata da genitori o nonni). Hai a disposizione 10 minuti. Cerca di essere chiaro, di ricordare il racconto nel giusto ordine (ti puoi aiutare con una scaletta) e di riuscire a essere interessante. Quando tre o quattro alunni avranno raccontato la loro fiaba, i compagni voteranno quello che è riuscito a essere più interessante.

8

Dopo esserti preparato a casa o in biblioteca, racconta ai tuoi compagni un fatto verosimile narrato da uno scrittore (un episodio avventuroso, di viaggio, “giallo”, ecc.), in cinque minuti. Cerca di essere chiaro, di ricordare il racconto nel giusto ordine (ti puoi aiutare con una scaletta) e di riuscire a essere interessante.

9

Dopo esserti preparato, racconta ai tuoi compagni il contenuto di un libro che ti è piaciuto. Hai dieci minuti a disposizione. Cerca di essere chiaro, di ricordare la trama nel giusto ordine (ti puoi aiutare con una scaletta) e di riuscire a essere interessante. Tutti gli alunni, a turno, possono prenotarsi per proporre i loro racconti preferiti alla classe. Si potrà valutare l’abilità di ciascun narratore con una tabella come la seguente.


NOME DELL’ALUNNO

È STATO CHIARO E COERENTE?

HA RACCONTATO I FATTI HA RICORDATO DI CON UNA CERTA PRECISARE TEMPI E COMPLETEZZA? LUOGHI DELL’ AZIONE?

HA USATO BENE IL TEMPO PREVISTO?

Nella tabella sarà assegnato a ciascun alunno un punteggio per ogni voce: 1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nel raccontare.

descrizione 10

Porta da casa (dopo aver preso accordi con l’insegnante) un oggetto a piacere. Senza mostrarlo, descrivilo alla classe. Potete decidere insieme se aggiungere difficoltà al gioco, vietando di dire il nome e la funzione dell’oggetto. In tutti i casi, i compagni dovranno capire dalle tue parole l’aspetto di tale oggetto, sulla base della tua descrizione. L’insegnante stabilirà il tempo a tua disposizione. Non dovrai dimenticare di dire: • forma; • dimensioni; • colori; • materiali con cui è costruito. I compagni scriveranno su un foglietto cosa hanno immaginato in base alla tua descrizione e, quando vedranno l’oggetto che tu mostrerai, potranno assegnarti un punteggio. Tutti gli alunni lo possono fare a turno, anche sotto forma di gara. La classe voterà: chi raggiunge il punteggio più alto è il vincitore.

11

Porta da casa un’immagine, ritagliata da un giornale o da un calendario. Descrivila ai compagni senza farla vedere. L’insegnante stabilirà il tempo a tua disposizione. Ricorda di precisare: • soggetto principale della figura; • disposizione nello spazio; • sfondo; • parti secondarie e loro disposizione; • colori. I compagni scriveranno su un foglietto cosa hanno immaginato in base alla tua descrizione e, quando mostrerai loro l’immagine, potranno assegnarti un punteggio in base all’efficacia della tua descrizione. Tutti gli alunni lo possono fare a turno, anche sotto forma di gara. La classe voterà: chi raggiunge il punteggio più alto è il vincitore.

istruzioni 12

La classe si divide in gruppi. In ogni gruppo un alunno, volontario o a turno, porta e presenta un gioco da tavolo, spiegandone le regole ai compagni che non lo devono conoscere. Poi si fa una partita. Se i compagni imparano a giocare dalle spiegazioni, attribuiscono una valutazione positiva a chi ha fornito le istruzioni. Se le istruzioni non sono state sufficienti, per imprecisioni o dimenticanze, la valutazione sarà negativa. Ogni gruppo può eleggere il compagno più bravo a dare istruzioni.

33


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

13

La classe si divide in gruppi. In ogni gruppo un alunno, volontario o a turno, porta un mazzo di carte e insegna un gioco ai compagni che non lo devono conoscere. Si fa una partita. Se i compagni imparano a giocare dalle spiegazioni, attribuiscono una valutazione positiva a chi ha fornito le istruzioni. Se le istruzioni non sono state sufficienti, per imprecisioni o dimenticanze, la valutazione sarà negativa. Ogni gruppo può eleggere il compagno più bravo a dare istruzioni.

14

Dopo aver raccolto le idee, spiega solo con le parole (senza dimostrazione pratica) come si esegue un lavoro che tu sai fare. Per esempio: • come si aggiusta la camera d’aria di una bicicletta; • come si attacca un bottone; • come si prepara il caffè; • come si mette in funzione il videoregistratore; • come si costruisce un oggetto con la carta (una barchetta, un aereo, un origami, un aquilone).

Se si tratta di una cosa che si può fare in classe (programmando il giorno prima i materiali da portare), un compagno potrà fare materialmente le operazioni che tu descrivi. Se il risultato è positivo, dimostri di saperti spiegare!

15

Dopo esserti preparato a casa, spiega a voce, in classe, come si realizza una semplice ricetta di cucina. Non dimenticare: • ingredienti e dosi; • procedimenti di inizio; • fasi intermedie; • eventuale cottura e suoi tempi.

I compagni valuteranno la chiarezza della spiegazione. Forse qualcuno potrebbe impegnarsi a realizzarla a casa e poi farti sapere se il risultato è soddisfacente. Se lo sarà davvero, la classe potrà votare per la ricetta più stuzzicante. Per questi giochi di descrizione e di istruzioni, potrà essere utilizzata una tabella come la seguente. Il punteggio può essere attribuito con questi criteri:

PARLARE

NOME DI CHI PARLA

34

È STATO CHIARO?

HA DETTO TUTTO L’ESSENZIALE?

NON SI È RIPETUTO INUTILMENTE?

HA USATO BENE IL TEMPO A DISPOSIZIONE?

1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nella descrizione e nelle istruzioni.


esposizione 16

Prepara un argomento da esporre a voce alla classe in un tempo di 5 minuti. Può essere un’anticipazione della prossima lezione di storia, di geografia o della materia che preferisci, oppure un argomento che ti interessa, senza relazione con l’apprendimento scolastico. Ogni alunno, a turno, può proporre un suo argomento. Dovrai prima di tutto preparare una scaletta, adeguata al tipo di argomento, per ricordare le cose da dire e per seguire con coerenza un ordine logico nell’esposizione.

17

Prepara l’esposizione di un libro che hai letto, seguendo la traccia proposta sotto. L’insegnante stabilisce il tempo che hai a disposizione. La traccia non deve essere considerata come una specie di questionario a cui rispondere senza lasciare lacune, ma come una guida, dalla quale attingere idee per una propria, personale scaletta.

TRACCIA PER LA RELAZIONE ORALE SU UN LIBRO 1. QUALCHE NOTIZIA SULL’AUTORE 2. GENERE A CUI APPARTIENE IL LIBRO

(È un romanzo fantastico, avventuroso, giallo, psicologico, realistico, storico? È un saggio, un libro di notizie, di informazioni scientifiche, politiche, sociali, di riflessioni?)

3. TEMPI E LUOGHI DI AMBIENTAZIONE 4. PERSONAGGI PRINCIPALI

(Descritti e analizzati nelle loro qualità, positive e negative, nel loro carattere e nel comportamento)

5. TRAMA

(Non più di un terzo del totale )

6. OSSERVAZIONI SULLO STILE

(Lessico: semplice, piano, chiaro, ricco, raffinato, preciso, specialistico, aulico, ricercato, difficile, … Periodi e frasi: brevi, semplici, complessi, con poca o molta punteggiatura, con scarso o ampio uso del discorso diretto, ... Ritmo del testo: sviluppo lento, veloce, avvincente, denso di fatti o di riflessioni, ricco di descrizioni, con colpi di scena, spostamenti nel tempo in avanti o all’indietro, interruzioni per proseguire con altre vicende, ... Caratteristiche particolari...)

7. ARRICCHIMENTI CULTURALI RICEVUTI

(Notizie storiche, geografiche, scientifiche, ... Informazioni su abitudini, passatempi, modi di vivere o di pensare in particolari periodi e ambienti, ... Nuove conoscenze su problemi umani, sociali, morali...)

8. IDEE DELL’AUTORE

(Quali sono i temi principali di cui si interessa l’autore di questo libro? Vuole sostenere o suggerire qualcosa? Quali sono, secondo l’autore, i comportamenti umani più giusti, da prendere ad esempio? E quelli da criticare e condannare?)

Ogni osservazione deve essere sostenuta con esempi tratti dal libro

35


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

18

Prepara l’esposizione di un film che hai visto, seguendo la traccia proposta sotto. Anche in questo caso, la traccia non deve essere considerata come una specie di questionario a cui rispondere senza lasciare lacune, ma come una guida, dalla quale attingere idee per una propria, personale scaletta.

TRACCIA PER LA RELAZIONE ORALE SU UN FILM 1. INFORMAZIONI DI BASE (Regista, con qualche notizia sulla sua filmografia, anno di produzione, nazionalità, interpreti. Il film appartiene a un certo genere?) 2. ANALISI DELLA STRUTTURA NARRATIVA (Trama del film. Personaggi principali e secondari. Eventuali aspetti interessanti di soggetto e sceneggiatura) 3. ANALISI DEL TEMA (Tema centrale del film. Eventuali temi secondari. Idee espresse nel film su tali temi) 4. VALUTAZIONE PERSONALE SUI TEMI TRATTATI, SULLE INTENZIONI COMUNICATIVE DELL’AUTORE E SULLA RIUSCITA COMPLESSIVA DEL FILM (Il film ti è sembrato convincente? Perché? Avvincente? Perché? Ti è sembrato bello dal punto di vista delle immagini? Descrivi... Ti ha trasmesso emozioni? Ti ha dato nuove informazioni di carattere storico, geografico, sociale, ecc.? Quali? Quali sono le sequenze e le scene più riuscite? Come giudichi il film nell’insieme?) 5. ANALISI DEI MEZZI FILMICI (Scenografia, costumi, trucco; aspetti della ripresa; recitazione; colonna sonora; montaggio; regia)

NOME DI CHI PARLA

È STATO CHIARO?

HA DETTO TUTTO L’ESSENZIALE?

NON SI È RIPETUTO INUTILMENTE?

HA USATO BENE IL TEMPO A DISPOSIZIONE?

Per valutare le capacità espositive di ciascuno, si potrà far uso di una tabella come la seguente. Nella tabella sarà assegnato un punteggio per ogni voce a ciascun alunno: 1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nell’esposizione.

PARLARE

argomentazione

36

19

Rifletti e confrontati in classe con i tuoi compagni sulla seguente domanda, che probabilmente vi troverà in disaccordo. “È meglio essere interrogati a voce o rispondere a questionari scritti?”. Ciascuno, a turno, potrà prendere la parola e dichiarare la propria opinione e le ragioni per sostenerla. Sulla lavagna, a sinistra, si scriveranno le ragioni della prima opinione, a destra quelle della seconda. Via via si aggiungeranno le rispettive confutazioni e, se possibile, qualche concessione alle ragioni altrui. Con la considerazione di insieme delle idee tue e di quelle degli altri, puoi allenarti a costruire da solo un intero discorso, che esprima una scelta chiara, ma tenga conto di ciò che pensano i tuoi compagni.


A questo punto, qualche alunno può cimentarsi nel tenere una breve argomentazione alla classe, che valuterà le abilità del parlante. Per l’attribuzione del punteggio, si potrà far uso della seguente tabella.

NOME DELL’ALUNNO

HA ESPRESSO CON CHIAREZZA IL PROPRIO PARERE?

HA PORTATO UNO O PIÙ ARGOMENTI A SOSTEGNO?

HA SAPUTO CONFUTARE GLI ARGOMENTI ALTRUI?

HA USATO TONO E MODALITÀ ADATTE A CONVINCERE?

Nella tabella sarà assegnato a ciascun alunno un punteggio per ogni voce: 1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nella argomentazione.

20

Seguendo il procedimento proposto per l’esercizio precedente, potete discutere questi altri temi. • Pensi che tutti i cittadini debbano collaborare allo smaltimento ecologico dei rifiuti o credi che sia un compito del Comune e dello Stato? • Ti sembra preferibile vivere in campagna o in città? • Se ti senti offeso da un compagno, ricorri a un genitore (o a un insegnante) per ottenere giustizia?

21

Ogni alunno può proporre alla classe un tema di discussione. I temi dovranno essere ben chiari e circoscritti e non dovranno prestarsi a risposte che mettano d’accordo tutti. Uno alla volta, ciascun tema potrà essere discusso in classe, secondo il procedimento proposto per gli esercizi precedenti. Per valutare la capacità argomentativa di ciascuno, la classe potrà far uso della seguente tabella. Nella tabella sarà assegnato a ciascun alunno un punteggio per ogni voce:

NOME DELL’ALUNNO

HA ESPRESSO CON CHIAREZZA IL PROPRIO PARERE?

HA PORTATO UNO O PIÙ ARGOMENTI A SOSTEGNO?

HA SAPUTO CONFUTARE GLI ARGOMENTI ALTRUI?

HA USATO TONO E MODALITÀ ADATTE A CONVINCERE?

1 = livello sufficiente 2 = livello buono 3 = livello molto buono

Sommando i punteggi ottenuti, si potrà stabilire chi sono gli alunni più abili nella argomentazione.

37


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2 e 952

tecniche della lettura 1

In un piccolo gruppo, ciascun alunno seleziona un testo dell’antologia o una pagina di un libro di narrativa. All’interno del testo scelto, sottolinea e poi trascrive su un foglio le parole che presentano maggiori difficoltà alla lettura, perché sono insolite o presentano suoni difficili. Se le parole vengono trascritte a mano, è meglio usare lo stampatello. A questo punto ci si scambiano le liste di parole. Ognuno legge ad alta voce e di seguito le parole della lista scandendo bene i suoni, come se recitasse uno scioglilingua. L’esercizio aiuta a familiarizzare con le parole più lunghe ed insolite. Ad esempio, nel testo che segue si possono ricavare le parole evidenziate. Questi segni in genere si presentano con un apice triangolare che si prolunga in una linea formando una specie di chiodo, oppure si divarica in due linee come un cuneo: è la scrittura cuneiforme, che trasmette un’impressione di rapidità e movimento ed eleganza e regolarità compositiva. Mentre nelle iscrizioni scolpite su pietra la successione predominante dei segni era in senso verticale, la scrittura su argilla è portata naturalmente a distendersi su righe orizzontali parallele. Il gesto grafico lineare, nervoso, aguzzo che riconosciamo nei documenti cuneiformi resterà quello che ancora ai nostri giorni compie chiunque impugni una stilografica o una biro. Da quel momento, scrivere vorrà dire scrivere in fretta. La vera storia della scrittura è quella del corsivo; o, almeno, è a questa utilizzazione corsiva che il cuneiforme deve la sua precoce fortuna. I. Calvino, Collezione di sabbia, Mondadori, Milano 1994

Parole da leggere di seguito presentano • apice • triangolare • divarica • cuneiforme • impressione • compositiva • iscrizioni • predominante • argilla • distendersi • aguzzo • stilografica • utilizzazione • precoce

LEGGERE

2

38

Prima di tutto dovete costruire un “mirino”. Ossia un cartoncino uguale per dimensioni a quello qui riprodotto, sul quale traccerete una lineetta al centro di uno dei lati più lunghi.

Con il cartoncino vi eserciterete a leggere rapidamente una riga intera di testo, scoprendo e ricoprendo velocemente una riga alla volta del triangolo di testo a pagina seguente. È importante tenere lo sguardo fisso sulla lineetta centrale e cercare di leggere l’intera riga senza muovere gli occhi. Con un po’ di esercizio, dovreste progredire e riuscire a leggere con un colpo d’occhio righe di testo sempre più lunghe.


RE VIA RARA NOBILE TELEFONAMI CASA GRANDE MOLTO PROBABILE PASSAVA UN CONVOGLIO NON BALLAVA MA ASCOLTAVA LA COPERTINA DI UN MANOSCRITTO È MOLTO PROBABILE CHE QUESTE LEGGENDE

Mentre si fa esercizio, ogni gruppo prepara un triangolo di testo scritto (l’ideale sarebbe utilizzare un qualsiasi sistema di videoscrittura, altrimenti si scriverà a mano in stampatello). Al momento concordato i gruppi si scambieranno i “triangoli di testo” realizzati e ciascuno potrà verificare il livello di abilità raggiunto, sul nuovo testo.

3

Ogni allievo del gruppo deve leggere ad alta voce uno dei seguenti testi. La lettura deve essere corretta ed espressiva. Si cronometra il tempo impiegato e se ne prende nota. La rana con la voce meravigliosa C’era una volta una rana che aveva una bella voce, ma per questo le sue amiche non la volevano più perché dicevano che non era uguale a loro. Allora la rana se ne andò e decise di andare a far ascoltare la sua bella voce. Ma nessuno le dava ascolto. Un giorno mentre era seduta su una panchina tutta disperata arrivò una signora che cantava l’opera lirica ed era rimasta senza voce. La rana era disperata perché aveva una bella voce e la signora perché era stata licenziata dal lavoro. Si misero d’accordo e furono prese in un grande teatro. La signora muoveva la bocca e la rana, dietro le quinte, cantava con la sua meravigliosa voce; tutta la gente la stava ad ascoltare incantata. Voglia di scrivere. Storie inventate da ragazzi, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze 1972

La cicala lavoratrice C’era una volta una cicala lavoratrice. Un giorno incontrò una formica vagabonda che le disse: – Vieni anche tu a far compagnia alla mia vagabondaggine: ti divertirai un mondo, vedrai! Allora la cicala tutta arrabbiata le rispose: – Brutta formica, io non voglio andare ogni sera d’inverno a bussare alle porte di voi formiche. – Ma dato che le mie amiche mi hanno cacciato via, io resterò con te. – Però se tu vuoi restare con me, devi lavorare come lavoro io. – Sì, sì, io resterò con te. Le altre formiche dalla gelosia si presero una malattia. Voglia di scrivere. Storie inventate da ragazzi, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze 1972

Subito dopo, tutti si esercitano e leggono almeno quattro volte ad alta voce il brano. Quindi si cronometra nuovamente il tempo che ciascuno impiega. Si controlla se ci sono stati dei miglioramenti, cioè se la lettura è stata più veloce. Attenzione, il gruppo decide se la prova è valida valutando se la lettura del compagno è corretta e sufficientemente espressiva.

39


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

lettura esplorativa Le seguenti attività possono essere svolte dall’intera classe o da un piccolo gruppo di alunni.

4

Si decide di acquistare tutti lo stesso quotidiano di un certo giorno. Quindi, a scuola, lo si “esplora” insieme (o se ne esplorano soltanto alcune pagine), cercando di capire quali sono i fatti principali presi in considerazione quel giorno, di cosa trattano determinate pagine indicate in precedenza, oppure dove si trovano certe notizie, ecc.

5

Un alunno, a turno, propone un brano dell’antologia non ancora letto (oppure un capitolo non ancora studiato di uno dei libri di testo). Gli altri, in un tempo definito ma breve (uno o due minuti), dovranno dire qual è l’argomento centrale del passo e anche il maggior numero possibile di informazioni importanti in esso contenute.

lettura selettiva 6

Nel seguente brano, individua i personaggi, i luoghi, i tempi, le azioni del protagonista e i motivi di esse. Il pulcino libero Orazio fu messo in una cassetta di legno con il suo nome, al buio. Orazio ci stava male perché aveva un carattere libero e un giorno scappò passando attraverso un buco. Orazio non conosceva le strade e si sperse nel bosco. Camminò, camminò fino a sera e mentre si sdraiava per dormire si rivoltò e vide un lumicino lontano, lontano. Allora incominciò a camminare verso il lumicino. Quando fu arrivato vide che era un pollaio abitato da un vecchio galletto di nome Asdrubale, che lo prese con sé come se fosse un nipotino. Così il pulcino Orazio trovò una casa per lui e diventò un pollo grande e contento perché era libero.

LEGGERE

Voglia di scrivere. Storie inventate dai ragazzi, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze 1972

40

7

Gli alunni, in coppie o in piccoli gruppi, leggono un testo nuovo (brano antologico, articolo di giornale, paragrafo di un testo di studio) e si pongono delle domande, le cui risposte sono contenute nel testo stesso.

8

Variante del precedente esercizio: un gruppo di alunni prepara le domande, un altro gruppo deve cercare le risposte nel testo già indicato.

9

Un alunno, a casa, sceglie un articolo di giornale che gli sembra particolarmente interessante, provvede a farne alcune fotocopie e prepara delle domande “selettive” per i compagni.

10 M

capire e interpretare quanto si legge: la parafrasi Questo esercizio è in forma di gioco. L’insegnante darà al massimo tre spiegazioni a richiesta, per ogni gruppo.


Divisi in gruppi di quattro o cinque alunni, leggete con attenzione questo breve passo cinquecentesco: Oh gran bontà de’ cavalieri antiqui! Eran rivali, eran di fé diversi, e si sentian degli aspri colpi iniqui per tutta la persona anco dolersi; e pur per selve oscure e calli obliqui insieme van senza sospetto aversi. Ludovico Ariosto, Orlando furioso, canto I, XXII

Ogni gruppo, con la collaborazione di tutti i componenti, con il dizionario e con al massimo tre aiuti da parte dell’insegnante, deve provare a capire il significato di ogni verso e di tutto l’insieme, facendo così una parafrasi. Poi tale parafrasi deve essere scritta su un foglio e consegnata all’insegnante. Infine, un componente per gruppo esce e legge ad alta voce quella del proprio gruppo. A questo punto, con la guida dell’insegnante, la classe valuterà qual è il gruppo che ha saputo fare la parafrasi migliore.

11 M

Come il precedente, anche questo esercizio è in forma di gioco. L’insegnante darà al massimo tre spiegazioni a richiesta, per ogni gruppo. Divisi in gruppi di quattro o cinque alunni, leggete con attenzione il seguente passo, tratto dallo stesso testo dell’esercizio precedente: Pallido, crespo e macilente avea Alcina il viso, il crin raro e canuto; sua statura a sei palmi non giungea; ogni dente di bocca era caduto; che più d’Ecuba e più de la Cumea, et avea più d’ogni altra mai vivuto. Ma sì l’arti usa al nostro tempo ignote, che bella e giovanetta parer puote. Ludovico Ariosto, Orlando furioso, canto VII, LXXIII

Ogni gruppo, con la collaborazione di tutti i componenti, con il dizionario e con al massimo tre aiuti da parte dell’insegnante, deve provare a capire il significato di ogni verso e di tutto l’insieme, facendo così una parafrasi. Poi tale parafrasi deve essere scritta su un foglio e consegnata all’insegnante. Infine, un componente per gruppo esce e legge ad alta voce quella del proprio gruppo. A questo punto, con la guida dell’insegnante, la classe valuterà qual è il gruppo che ha saputo fare la parafrasi migliore.

12 M

Come i precedenti, anche questo esercizio è sotto forma di gioco. Divisi in gruppi di quattro o cinque alunni, leggete con attenzione il seguente brano di una famosa opera del Cinquecento. L’insegnante darà al massimo tre spiegazioni a richiesta, per ogni gruppo. La voce non vuole essere né roca né aspra. E non si dee stridere, né per riso o per altro accidente cigolare, come le carrucole fanno. Né, mentre che l’uomo sbadiglia, pur favellare. Non istà bene alzar la voce a guisa di banditore; né anco si dee favellare sì piano, che chi ascolta non oda. G. Della Casa, Galateo, Nes, Roma 1990

Ogni gruppo, con la collaborazione di tutti i componenti, con il dizionario e con al massimo tre aiuti da parte dell’insegnante, deve provare a capire il significato di ogni frase e di tutto l’insieme, facendo così una parafrasi. Poi tale parafrasi deve essere scritta su un foglio e consegnata all’insegnante. Infine, un componente per gruppo esce e legge ad alta voce quella del proprio gruppo. A questo punto, con la guida dell’insegnante, la classe valuterà qual è il gruppo che ha saputo fare la parafrasi migliore.

41


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

13

Il seguente articolo di giornale è diviso in 3 sequenze. Leggilo attentamente, quindi esegui le operazioni indicate sotto. Il lungo cammino verso la finalissima Il campionato di calcio etnico di Roma si sta giocando presso il circolo della Tevere Lazio, nella zona di Tor di Quinto. Al torneo si sono iscritte dodici squadre, divise in due gironi da sei. Nel primo raggruppamento si sono affrontate Senza Frontiere, Italia, Bangladesh, Bolivia, Capoverde, Romania. Nel secondo, invece, c’erano Perù, Cina, Iran, Ecuador, Sri Lanka, Senegal. Le partite della prima fase si sono giocate dai primi di dicembre e si concludono oggi con le sfide decisive. Poi inizierà la seconda fase cui accederanno otto formazioni, quattro per ogni girone, che daranno vita a scontri ad eliminazione diretta: quarti di finale, semifinale e finalissima. Per il secondo turno si sono già qualificate Romania, Senegal, Perù ed Ecuador. L’ultima edizione del torneo è stata vinta ai rigori dalla rappresentativa del Ghana nella finale contro il Perù. E proprio la formazione andina, grazie a una partenza sprint, sembra essere una delle favorite per la vittoria finale del torneo di quest’anno. Tra le possibili sue concorrenti ci sono una formazione dell’Est Europa, la Romania, il Senegal con il suo attacco formidabile e un’altra squadra dell’America Latina, la Bolivia. «Metropoli», 15 gennaio 2006

a. Esprimi con una frase il contenuto di ogni sequenza. ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... b. Collega opportunamente le frasi che hai scritto per ottenere un breve riassunto dell’articolo. ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ........................................................................................................................................... ...........................................................................................................................................

riconoscere e analizzare i testi persuasivi o argomentativi

LEGGERE

14

42

Nel seguente testo pubblicitario, ogni alunno deve sottolineare la tesi del messaggio e gli argomenti con cui viene sostenuta. Poi riporta l’una e gli altri nella tabella. Se nella classe risultano differenze, si discuterà per stabilire chi ha ragione: sono accettabili scelte diverse nell’elencazione degli argomenti. Pelle più pura Capelli più forti Gli errori alimentari, la fatica, lo stress, i cambi di stagione, disturbando l’intestino, possono lasciare segni visibili sulla pelle e sui capelli. L’integrazione con Lievito vivo e Fermenti Lattici favorisce un’azione disintossicante che riattiva l’equilibrio naturale.


Il bilanciato apporto di aminoacidi solforati (Cistina e Metionina) stimola la sintesi delle cheratine e favorisce il trofismo dei tessuti, in particolare della pelle, dei capelli e delle unghie. XY con Fermenti Lattici con il suo patrimonio di vitamine, enzimi e aminoacidi essenziali, dona all’organismo toni e vitalità; favorendo l’equilibrio biologico riduce i gonfiori addominali e contribuisce a regolarizzare l’intestino; con il suo apporto di aminoacidi solforati nutre la pelle e rinforza i capelli. TESI

15

La classe si divide in gruppi di quattro o cinque. Ogni gruppo inventa un breve testo persuasivo con una tesi ben chiara, almeno tre argomenti per sostenerla, almeno una anticipazione e confutazione della tesi opposta. I testi vengono scritti su fogli e poi scambiati. A questo punto ogni gruppo analizza il testo scritto da altri e ne sistema le parti in una tabella, distinguendo la tesi, gli argomenti e le confutazioni. TESI

16

ARGOMENTI

ARGOMENTI

CONFUTAZIONI

Un alunno sorteggiato (o a turno) cerca nei giornali o nelle riviste della settimana una pubblicità che sia possibile leggere come testo persuasivo e la propone ai compagni. Questi testi vengono analizzati uno alla volta, con l’aiuto dell’insegnante. Per ciascuno verrà predisposta una tabella, nella quale si scriveranno la tesi e gli argomenti portati a sostegno. TESI

ARGOMENTI

43


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

capire l’intenzione comunicativa di chi scrive 17

Nelle favole di animali di Esopo e di Fedro, un’importante intenzione comunicativa dello scrittore è un insegnamento, la morale. Ogni alunno può preparare a casa o in biblioteca il racconto di una favola e proporlo ai compagni, senza svelare la “morale”. Il gruppo deve ricavare la morale attraverso ipotesi e discussione. Il narratore dirà se il risultato è quello giusto. Anche noi proponiamo una favola di Fedro, senza scriverne la “morale”. Ogni alunno è invitato a scoprirla. La legge del più forte Una vacca, una capretta, e una pecora che solitamente sopporta le offese, si unirono in società con un leone. Quando poi, in mezzo ai boschi, catturarono un cervo dalla mole smisurata, fatte le parti il leone cominciò a parlare: “La prima parte la prendo io perché mi chiamo leone; la seconda me la date voi perché sono il più forte; la terza mi spetta perché valgo di più; chi poi oserà toccare la quarta, passerà grossi guai”. Così il leone si portò via tutto il cervo. Fedro e la sua morale, a cura di G. Cantamessa, Edizioni Ponte Nuovo, Bologna 1972

Qual è la morale di questa favola? .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

18

Leggi il brano che segue. Prima di tutto, accertati di averlo ben compreso nel suo significato letterale (con l’aiuto del dizionario e dell’insegnante). Poi, per comprendere l’intenzione comunicativa dell’autore, compi le operazioni mentali del lettore esperto, cioè: distinguere l’ironia della vera informazione; svelare le metafore; riflettere sul contesto; fare delle inferenze; capire se il testo rivela il punto di vista dell’autore. Quindi rifletti bene e indica con una crocetta se le successive affermazioni sono vere o false. Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose. “Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente”, disse. “Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo”. E le rose erano a disagio. “Voi siete belle, ma siete vuote,” disse ancora. “Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa”. A. de Saint-Exupéry, Il piccolo principe, Bompiani, Milano 1962

VERO

LEGGERE

1. L’autore si interessa di giardinaggio.

44

2. L’autore parla del rapporto fra la rosa e il piccolo principe, ma allude al

rapporto che tutti abbiamo con le persone care. 3. La rosa del piccolo principe non assomiglia per niente alle altre rose, tutti

possono vedere che è unica al mondo. 4. Le persone che amiamo non sono uniche al mondo, ma lo diventano per

noi, se ce ne prendiamo cura.

FALSO


19

Leggi il brano che segue. Dopo aver capito, con l’aiuto del dizionario, tutti i vocaboli e le espressioni più difficili, rifletti sul protagonista, che parla in prima persona, Robinson Crusoe. L’autore è uno scrittore inglese del Settecento e il suo personaggio è famoso in tutto il mondo. Ti chiediamo di capire dalle poche righe proposte, qualche tratto del suo carattere e di indicare con una crocetta se le successive affermazioni sono vere o false. Fu, secondo i miei calcoli, il 30 di settembre che posi piede, nel modo sopra descritto, in quell’isola tremenda; il sole che, per noi, si trovava nell’equinozio di autunno, era a picco sulla mia testa, perché, come io stesso calcolai, nel fare il punto, mi trovavo a 9°22’ a nord dell’equatore. Dopo dieci o dodici giorni, mi venne in mente che avrei perduto la nozione del tempo per mancanza di libri, penna e inchiostro e che avrei perfino dimenticato di distinguere i giorni di festa da quelli feriali; per evitare questo, incisi con un coltello su di un grosso palo, a lettere maiuscole: “Approdai qui il 30 settembre 1659”; poi rizzai il palo in forma di croce e lo piantai sulla spiaggia. Ai lati di questo palo squadrato, ogni giorno incisi con il coltello una tacca, e, ogni sette giorni, una lunga quanto tutte le altre messe insieme; e, ogni primo giorno del mese, un’altra tacca più lunga, e così tenni il mio calendario, vale a dire il conto delle settimane, dei mesi e degli anni. D. Defoe, Robinson Crusoe, B. Mondadori, Milano 1992

VERO

FALSO

1. Robinson è approdato su un’isola deserta ed è completamente disorientato,

non sa in che parte del mondo si trova. 2. Robinson non conosce l’isola, ma ne sa la latitudine. 3. Le preoccupazioni del protagonista sono di carattere pratico: deve soprav-

vivere e questo solo conta. 4. Lo scrittore vuole raccontare le avventure straordinarie e i pericoli che pos-

sono capitare ai naviganti. 5. Lo scrittore vuole proporci il modello di un uomo che anche nelle circo-

stanze più disperate non si accontenta di sopravvivere ma vuole essere sempre consapevole e padrone della situazione.

45


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2 e 952 di recupero e di potenziamento

raccontare le parole 1

Racconta la seguente storia a fumetti evitando di usare il discorso diretto. Traduci le immagini in parole interpretando anche i sentimenti e le modalità espressive.

.............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

SCRIVERE: GLI STRUMENTI

..............................................................................................................................................

46

.............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

2 M

..............................................................................................................................................

Riscrivi il brano che segue eliminando completamente il discorso diretto. Nota il diverso effetto narrativo che si ottiene. Il tamburino magico C’era una volta un tamburino che tornava dalla guerra. Era povero, aveva soltanto il suo tamburo, ma era contento lo stesso perché tornava a casa dopo tanti anni. Lo si sentiva suonare di lontano: barabàn, barabàn, baraban. Cammina e cammina, incontra una vecchietta. – Bel soldatino, me lo dai un soldo? – Te ne darei anche due, nonnetta, anche una dozzina, se ne avessi. Ma proprio non ne ho. – Sei sicuro? – Ho cercato nelle tasche tutta la mattina e non ho trovato nulla. – Guardaci ancora, guardaci bene. – Nelle tasche? Guarderò, giusto per farti contenta. Ma sono certo che… Toh, e questo che cos’è? – Un soldo. Hai visto che ce l’avevi?


– Ti giuro che non lo sapevo. Che bellezza! Tieni, te lo do volentieri perché devi averne più bisogno di me. – Grazie, soldatino, – dice la vecchietta, – e io ti darò qualcosa in cambio. – Davvero? Ma io non voglio niente. – Si, voglio darti una piccola magia. E sarà questa: ogni volta che il tuo tamburo rullerà, tutti dovranno ballare. – Grazie, nonnetta. È proprio una magia con i fiocchi. – Aspetta, non è finita: tutti balleranno, e non potranno fermarsi se tu non smetterai di suonare. G. Rodari, Tante storie per giocare, Einaudi, Torino 1977

uso corretto della punteggiatura 3

Ricopiate al computer un breve brano di circa 15 righe (un articolo di cronaca o un brano dell’antologia), alterando la punteggiatura in modo da renderne difficile la comprensione. Ciascuno darà poi ad un compagno il proprio “scempio” perché lo corregga. Attenzione! Conservate una copia con la punteggiatura corretta in modo da poter poi confrontare e discutere le scelte del “correttore”.

4

Nel brano che segue è stata tolta la punteggiatura e ogni segno è stato sostituito con una barretta. Ricopia il testo, sostituendo a tua volta le barrette con i segni di interpunzione che ritieni adatti. Alla fine l’insegnante ti indicherà quale era la punteggiatura originale e potrai discutere delle tue scelte. La famiglia di Marcovaldo stava spolpando le ossicine di quel magro e tiglioso piccione fatto arrosto/ quando sentirono bussare/ Era la cameriera della padrona di casa/ / La signora la vuole/ Venga subito/ / Molto preoccupato/ perché era indietro di sei mesi con la pigione e temeva lo sfratto/ Marcovaldo andò all’appartamento della signora/ al piano nobile/ appena entrato nel salotto vide che c’era già un visitatore/ la guardia dalla faccia paonazza/ / Venga avanti/ Marcovaldo/ / disse la signora/ / Mi avvertono che sul nostro terrazzo c’è qualcuno che dà la caccia ai colombi del Comune/ Ne sa niente/ lei/ / Marcovaldo si sentì gelare e si passava una mano sullo stomaco come se non riuscisse a digerire/

5 M

I. Calvino, Marcovaldo, Einaudi, Torino 1966

Nel testo che segue è stata tolta la punteggiatura. Ricopia il brano inserendo i segni di punteggiatura che ritieni adatti e adeguando la lettera maiuscola quando necessario. Alla fine l’insegnante ti indicherà quale era la punteggiatura originale e potrai discutere delle tue scelte. L’orso bruno è il più grosso e forte predatore che si trovi in Europa e nelle regioni temperate dell’Asia la sua potenza non deriva tanto dalla velocità e dall’agilità quanto dall’enorme forza fisica si dice che equivalga sotto questo aspetto a dodici uomini messi insieme ritto in piedi potrebbe sollevare e trasportare con le zampe anteriori una mucca adulto arriva a misurare in lunghezza più di due metri e a pesare da cinque a otto quintali compare spesso nelle fiabe e nelle leggende sia nelle vesti di spirito buono che di spirito cattivo questo animale infatti che nessuno certo desidererebbe incontrare in un luogo solitario riunisce in sé due nature completamente diverse da un lato può essere un tipo bonario come spesso succede agli uomini corpulenti ma può anche diventare un pericolosissimo furfante tutti hanno visto l’orso che balla e gli orsacchiotti non incutono paura anzi sono molto buffi da vedere non bisogna invece mai fidarsi di un orso adulto anche se addomesticato perché non diventerà mai un vero amico dell’uomo e potrà sempre succedere che assalga all’improvviso subdolamente il suo padrone terribili la violenza e la furia di questo colosso se lo si stuzzica o lo si ferisce durante una battuta di caccia o peggio ancora se la femmina deve difendere la sua cucciolata si solleva con tutta l’imponenza della sua statura l’orso si alza è una frase del gergo dei cacciatori e si dirige traballando su due zampe verso l’avversario per stringerlo a sé e stritolarlo con forza inaudita. tratto da G. Grohmann, La renna, l’orso e la foca, Filadelfia, Milano 1965

47


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

uno scrivere coerente 6

Procuratevi delle storie a fumetti, individuate delle strisce adatte, ritagliate le singole vignette, aggiungetene una di altra striscia e rimescolatele. Preparate in questo modo diversi “ pacchetti” di vignette e fermate ciascuno con una graffetta. A questo punto, a turno, ciascuno proporrà ad un compagno (o ad un altro gruppo) una “storiella misteriosa” da riordinare, sapendo in primo luogo eliminare la vignetta “intrusa”.

7

Per un errore tipografico, due fiabe sono state rimescolate in un unico testo. Individuale in base allo sviluppo coerente delle storie e quindi separa i due testi utilizzando gli appositi riquadri. Un uomo viaggiava con un cavallo e un asino che erano di sua proprietà. In tempo di guerra, un soldato rimpinzava d’orzo il suo cavallo, che gli era compagno in ogni pericolo. Strada facendo, l’asino disse al cavallo: «Prendi un po’ del mio carico, se non vuoi che io tiri le cuoia.» Ma, quando la guerra finì lo destinò a infimi lavori e a portare carichi pesanti, nutrendolo solo di paglia. Ma l’altro fece orecchie da mercante e l’asino, stramazzando a terra sfinito, morì. Allorché nuovamente si sentì parlare di guerra e si udì il suono delle trombe, il padrone mise le briglie al cavallo, si armò lui stesso e montò in arcione. Allora il padrone trasferì sul cavallo l’intero carico e in più anche la pelle dell’asino. «Oh, me infelice!» esclamò l’animale tra le lacrime. «Guarda che cosa mi è toccato, povero me! Perché non ho voluto sobbarcarmi un piccolo peso, ecco che ora sono costretto a portare tutto, anche la pelle.» Ma la povera bestia, che, priva di forze, cadeva a ogni passo, gli disse: «Vattene con i fanti! Tu infatti mi hai trasformato da cavallo in asino: come pensi di poter avere di nuovo da un asino un cavallo?» Nei momenti di sicurezza e di pace non bisogna dimenticarsi della sventura. La favola dimostra che, se nella vita i grandi fanno fronte comune con i piccoli, gli uni e gli altri potranno salvarsi. Esopo, Favole, Mondadori, Milano 1996

SCRIVERE: GLI STRUMENTI

IL CAVALLO E IL SOLDATO

48

....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... .......................................................................................................................................


IL CAVALLO E L’ASINO

..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... ..................................................................................................................................... .....................................................................................................................................

8 M

.....................................................................................................................................

Per un errore tipografico, tre articoletti di un quotidiano sono stati rimescolati in un unico testo. Individuali in base allo sviluppo coerente delle storie e quindi separali utilizzando gli appositi riquadri a pagina seguente. Ora c’è chi propone le cinture di sicurezza anche per gli sciatori. Dopo l’invasione di motoscafi, canotti a motore e motociclette acquatiche, arriva per la prossima estate il natante a propulsione umana. L’impegno degli ecologisti a favore di un corretto smaltimento dei rifiuti è servito a qualcosa: si moltiplicano le idee e le iniziative per eliminare in maniera sempre più pulita i residui pericolosi. Pulito ed ecologico è chiamato Samboat e rappresenta la versione futuribile del vecchio pedalò. Queste però non hanno la stessa funzione di quelle usate sui veicoli o sugli aerei; servono, invece, a localizzare lo sciatore, o l’alpinista, o l’escursionista, che sia incappato in una valanga. Gli scienziati americani hanno seppellito alcuni rifiuti “difficili” (sostanze chimiche, carburanti, oli minerali) e le hanno poi bombardate con onde radio trasmesse da elettrodi infissi nel terreno. La cintura da neve, nasconde in realtà una radio trasmittente miniaturizzata, che emette segnali di soccorso. Le onde hanno riscaldato i rifiuti a circa 200 gradi facendoli evaporare e i fumi sono stati assorbiti da un letto di carbone collocato sempre nel sottosuolo. Ha uno scafo aerodinamico in poliestere, (che aumenta la penetrazione al vento e alle onde del 60 per cento e lo rende inaffondabile anche se ricolmo d’acqua), parabrezza antionde, parti meccaniche in alluminio, giunti in teflon. I ricercatori affermano che il costo del trattamento è da tre a cinque volte inferiore al tradizionale incenerimento. La radio entra in funzione semplicemente chiudendo il meccanismo di bloccaggio, in modo da essere sempre pronta a mandare il segnale di emergenza anche se chi la indossa non è in grado di azionarla. Il motore è rappresentato dalle gambe del pilota. Un meccanismo di derivazione ciclistica e un’elica particolare permettono un rendimento notevole. Può ospitare fino a tre persone.

49


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE PEDALÒ FORMULA UNO

....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... .......................................................................................................................................

BRUCIATI DALL’ONDA

....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... .......................................................................................................................................

SCRIVERE: GLI STRUMENTI

.......................................................................................................................................

50

....................................................................................................................................... .......................................................................................................................................

SLALOM DI SICUREZZA

....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... ....................................................................................................................................... .......................................................................................................................................


realizzare un testo sviluppando la scaletta 9

Modifica e arricchisci la lista di parole suggerita qui sotto, sulla base della tua esperienza e del tuo modo di pensare. Procedi poi alla stesura di un testo sull’argomento (una pagina). “Racconta un’ora di supplenza un po’ insolita” • Attesa lezione di matematica noiosa. • Suona la campanella. • Tensione perché prevista interrogazione. • Gli ultimi esercizi li avevo copiati. • Arriva il bidello. • Ci sarà un supplente. • Gioia/sollievo. • Chiasso generale. • Giochi e chiacchiere. • “Scontro con Luca”. • Punizione. • Quasi quasi era meglio matematica. • ........................................................................................................................................ • ........................................................................................................................................ • ........................................................................................................................................ • ........................................................................................................................................ Tabella di autovalutazione: per ogni voce ti assegnerai un punteggio da 0 a 10. DATA __________ TITOLO ___________________________ AUTORE _____________________________________________

PUNTEGGIO

1. Impaginazione, grafia e punteggiatura. 2. Correttezza ortografica (con due errori 5 punti). 3. Correttezza grammaticale (concordanze, pronomi, tempi dei verbi, …). 4. La lista è stata adeguatamente personalizzata? 5. La stesura ha seguito i punti come progettato in scaletta? 6. Il testo risulta chiaro in tutte le sue parti? 7. È ben legato in una esposizione unitaria? 8. Ci sono elementi di vivacità nel racconto? punti

NS

S

B

……/80

D

O

0-51 52-64 65-69 70-75 76-80

51


10 M

COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

sim pat ici

ire i rm rd do a ta o fin

Riproduci su un foglio grande lo schema suggerito. Mentre lo copi, amplialo, arricchiscilo e personalizzalo in base alla tua esperienza. Decidi poi l’ordine espositivo e la rilevanza che darai ai diversi punti, costruendo un’apposita scaletta. Procedi infine alla stesura del testo (due pagine). bies hob incerto in matematica tem po l iber i o altr i m ulti ni ansia gioi gior a vecchi Prof.

vacanze al mare

l’ultimo giorno di scuola tristezza

vecchi compagni

sol itu din e

e i fin d a fest anno

noia

compiti a casa

spet ta teat colo rale

gel ati

an tip at ic i

ti salu

SCRIVERE: GLI STRUMENTI

Tabella di autovalutazione: per ogni voce ti assegnerai un punteggio da 0 a 10.

52

DATA __________ TITOLO ___________________________ AUTORE _____________________________________________

PUNTEGGIO

1. Impaginazione, grafia e punteggiatura. 2. Correttezza ortografica (con due errori 5 punti). 3. Correttezza grammaticale (concordanze, pronomi, tempi dei verbi, …). 4. Lo schema è stato trasformato in scaletta? 5. La stesura ha seguito i punti come progettato in scaletta? 6. Il testo risulta chiaro in tutte le sue parti? 7. È ben legato in una esposizione unitaria? 8. Ci sono elementi di vivacità nel racconto? punti

NS

S

B

……/80

D

O

0-51 52-64 65-69 70-75 76-80


11 M

Riproduci su un foglio grande lo schema suggerito. Mentre lo copi, amplialo, arricchiscilo e personalizzalo in base alla tua esperienza. Decidi poi l’ordine espositivo e la rilevanza che darai ai diversi punti, costruendo un’apposita scaletta (le voci evidenziate suggeriscono un possibile sviluppo del testo finale). Procedi infine alla stesura del testo (due pagine). bic ip bic rop strade minori in ria ole + ggi o no to a n n m po ici t’a me ilità parc s r t e ti b hi di a bic qu iver ssi pa pà i d po con osce + a n re la a g r t mia ta ex n città o ra m tu che bello na possedere una fie mountain bike! ra fuori strada de à lq re rit a ua g ola rti eg r er i e d ti u ci os on sc luoghi

natura attorno casa pi cn am ic c ici on

ar gi fiu ni d m ei i

so to no di app es as cu si rs on io ani

i nt me nu mo

o gir

al rifugio in bici, dura

e gh l a m

strade d campa i gna (oasi n at.)

i ville ed edific ia er if er p i d i storic

bello provare

Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 10.

12

Lo schema a grappolo qui proposto suggerisce alcuni percorsi di ricerca su un tema molto attuale e importante. Utilizzando i testi scolastici (geografia, scienze), oppure altri strumenti concordati con l’insegnante, approfondite la conoscenza dell’argomento, raccogliete dati, arricchite e sviluppate lo schema, realizzate la scaletta. Procedete quindi alla stesura del testo. industria

acquedotti

distribuzione

eccesso consumi

l’acqua è un bene prezioso

uso domestico altri usi

filtri e clorazione risorse falde

mare fiumi

Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 10.

53


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

13

“Il funzionamento della nostra scuola: mansioni, orari, servizi, attività complementari, uscite, attività sportive, …”. Il gruppo deve elaborare una presentazione dell’organizzazione e delle attività della scuola in un testo di circa due pagine, per offrirla ad una classe ospite proveniente da un altro Paese. Lo schema a grappolo potrebbe servire sia per la preparazione del testo, sia per essere trasformato in una mappa concettuale che ne rappresenti gli aspetti più significativi. Il lavoro finale sarà così costituito da un pieghevole con due pagine di testo accompagnate da una mappa concettuale. Tabella di valutazione: per ogni voce verrà assegnato un punteggio da 0 a 10. DATA __________ TITOLO ___________________________ AUTORE _____________________________________________ PUNTEGGIO

1. Impaginazione, grafia e punteggiatura. 2. Correttezza ortografica (con due errori 5 punti). 3. Correttezza grammaticale (concordanze, pronomi, tempi dei verbi, …). 4. È stato realizzato uno schema completo ed esauriente con successiva scaletta? 5. La stesura ha seguito i punti come progettato in scaletta? 6. Il testo risulta chiaro in tutte le sue parti? 7. Lo sviluppo dei vari punti è equilibrato e offre una visione completa? 8. Lo schema è stato utilizzato come suggerito, in modo efficace?

SCRIVERE: GLI STRUMENTI

punti

54

14 M

NS

S

B

……/80

D

O

0-51 52-64 65-69 70-75 76-80

Ti viene qui fornita la scaletta per lo sviluppo di un tema molto dibattuto. I vari punti sono espressi in forma sintetica, ma suggeriscono chiaramente interpretazioni e giudizi che richiedono approfondimenti ed esemplificazioni. Considera il tutto una traccia da personalizzare e da arricchire con adeguata documentazione, ma soprattutto con esempi concreti. Elabora uno schema a grappolo per raccogliere dati, informazioni e idee sull’argomento, quindi costruisci la tua scaletta e infine realizza un testo adeguato. Il lavoro richiede il tempo necessario per la ricerca e va svolto con calma in un periodo ampio (una settimana). “La pubblicità è un potente sistema di comunicazione, ma tende ad annullare la facoltà di scelta delle persone”. 1. Grande forza del messaggio: veloce, incisivo, convincente, ripetuto. A. Studio, ricerca, progettazione dei linguaggi. a. Grafica: cartellonistica, giornali, pubblicazioni specializzate. b. Filmati: televisione, grande schermo; durata da 5 secondi a 1 minuto. B. Ricorso a testimoni di “prestigio” per rendere gradito il prodotto. a. Attori noti, per utilizzarne la popolarità e l’immagine. b. Attori sconosciuti che interpretano dei modelli: casalinga, professionista, famiglia…


2. Dà informazione per far scegliere a pressione emotiva. A. Creare un bisogno e quindi la necessità di un certo prodotto. a. Far leva sui sogni: “se avessi quell’auto, sarei come… o potrei fare anch’io…”. b. Tutti si comportano così, perché io no? ad es. “Un bicchierino ogni tanto è necessario”. B. Promesse esagerate se non impossibili. (Ci sono controlli?). a. Equivoci voluti: “Clinicamente testati” (non è detto con quale esito). b. False promesse: crescita di capelli, scomparsa di rughe, guadagni facili,… Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 13.

15

Dopo aver consultato il testo di scienze, il testo di geografia, ed altri che ti indicherà l’insegnante, sviluppa un testo di un paio di pagine per presentare le possibili fonti di energia pulita e rinnovabile con i relativi campi di applicazione. Raccogli informazioni e dati con uno schema a grappolo ed elabora una precisa scaletta prima della stesura. Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 13.

16

L’alcol introdotto nel nostro organismo altera le sue funzioni e modifica l’attività mentale provocando gravi malattie. Il suo uso, inoltre, provoca gravi ripercussioni di tipo sociale, come delitti, incidenti, violenze… Eppure nel nostro Paese è ammessa la pubblicità di bevande alcoliche. Qual è il tuo pensiero al riguardo? Consulta i testi che hai a disposizione o che ti indicherà l’insegnante. Raccogli informazioni e dati con uno schema a grappolo ed elabora una precisa scaletta prima della stesura. Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 13.

17

In questi ultimi anni sono giunti nel nostro paese migliaia di lavoratori extracomunitari. È un fenomeno che ha generato negli Italiani sentimenti contrastanti: c’è chi si sente minacciato e ritiene che costituiscano un danno o un pericolo e chi invece è più disponibile ad accoglierli e ha atteggiamenti più tolleranti. Documentati sui testi o sui giornali che ti indicherà l’insegnante. Raccogli dati ed informazioni con uno schema a grappolo, elabora una precisa scaletta ed infine sviluppa sull’argomento un testo che metta in risalto anche la tua opinione al riguardo. Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 13.

55


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2e 952 di recupero e di potenziamento

uno scrivere libero e creativo Questa attività può essere svolta come esercizio

1

2 o come esercizio 952.

Scriviamo una fiaba nuova invertendo i ruoli dei personaggi. Nelle fiabe tradizionali i personaggi hanno in genere un ruolo preciso: • il protagonista è sempre buono, deve superare delle prove, salva una principessa, la sposa e così via; • il vecchio re è sempre un po’ sciocco, se non è cattivo, e si lascia facilmente raggirare; • la fata è buona, mentre la strega e l’orco sono cattivi, e cercano di mangiare o danneggiare il protagonista. Anche nelle fiabe moderne, quelle che si trovano nei fumetti o nei cartoni animati, i personaggi hanno ruoli molto rigidi: Paperino, per esempio, è un po’ sciocco e molto sfortunato; Topolino è molto serio e intelligente; Paperone è avaro e ricchissimo, ecc.

Come si procede 1. Se non ricordi bene la fiaba originale sarà utile che te la procuri in biblioteca per rileggerla e così rinfrescare la memoria.

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

2. Formula una sintesi schematica dei fatti principali.

56

3. Lavorando sulla traccia ottenuta, progetta la nuova storia cambiando i ruoli dei personaggi, puoi introdurre le modifiche necessarie alle nuove caratteristiche, ma cerca di attenerti alla trama originale. 4. Controlla che nel tuo progetto i ruoli siano sempre rovesciati: chi era buono è diventato cattivo, chi era bravo non sa far niente, e così via. 5. Decidi le dimensioni che dovrà avere la nuova fiaba (1 pagina, 2 pagine, o più lunga…). 6. Cerca un buon attacco: un modo curioso ed interessante per iniziare e poi procedi alla stesura. Buon divertimento.

Spunti per la creazione di fiabe tramite lo scambio di ruoli a. Il buon lupacchiotto incontra nel bosco il terribile Cappuccetto Rosso. Cappuccetto Rosso, una bambina all’apparenza buona e gentile, in realtà era perfida e cattiva: il suo divertimento preferito era quello di andare nel bosco e spaventare gli animali. Ogni volta che poteva, entrava nel bosco e distruggeva i nidi degli uccelli, prendeva le lucertole per la coda, tirava sassi agli scoiattoli… b. Paperino, ricco e fortunato… Paperino è un giovane papero ricco e fortunato, per merito del suo carattere sempre allegro e spensierato, è pieno di amici e di corteggiatrici che se lo contendono, … c. Topolino, famoso delinquente, prepara un piano diabolico; i Bassotti, della squadra di polizia, …


d. Pinocchio, ragazzo diligente e sincero, è costretto ad aiutare il padre tirannico, pur desiderando andare a scuola. e. Cenerentola, brutta e stupida ozia tutto il santo giorno… f. Hansel e Gretel sono due ragazzi ingrati che scappano di casa e abbandonano i poveri genitori bisognosi di aiuto… Tabella di autovalutazione: per ogni voce ti assegnerai un punteggio da 0 a 10. DATA __________ TITOLO ___________________________ AUTORE _____________________________________________

PUNTEGGIO

1. Il testo nel suo insieme risulta chiaro? 2. La traccia della fiaba originale è rispettata? 3. I personaggi sono adeguatamente presentati? (Si capisce come sono, le loro intenzioni, il ruolo che assumono?). 4. Gli ambienti sono presentati in modo efficace? 5. Le vicende sono adatte ai personaggi e agli ambienti? 6. Gli ‘oggetti importanti’ (specchio magico, anello…) e le azioni magiche sono adattati alla nuova situazione? 7. Il racconto è vivace ed originale? Suscita aspettative ed interesse nel lettore? 8. L’esposizione risulta corretta (ortografia, grammatica, ordine)? punti

NS

S

B

……/80

D

O

0-51 52-64 65-69 70-75 76-80

Questa attività può essere svolta come esercizio

2

2 o come esercizio 952.

Scriviamo una storia usando un insolito punto di vista. Riscrivi una storia, una fiaba, un racconto molto noto, cambiando il punto di vista, immaginando ad esempio che il racconto venga fatto da uno dei personaggi minori della storia. Oppure scrivi un racconto originale riferito a fatti realmente accaduti scegliendo il punto di vista di un personaggio soccombente, cioè che nei fatti si è trovato dalla parte di chi ha perso. Come nell’esercizio n. 1, formula una sintesi schematica della fiaba o del racconto di riferimento e metti a punto un progetto prima di procedere alla stesura. Per la valutazione, usa la tabella dell’esercizio n. 1.

Spunti per la realizzazione di storie con punti di vista nuovi a. Racconta qualche episodio della storia di Pinocchio ponendoti nella prospettiva del Gatto e della Volpe. I fatti, i luoghi, le descrizioni, i ragionamenti devono essere raccontati con questo nuovo filtro, come se a raccontare fossero i due soci. (rileggi eventualmente i capitoli XV, XVIII, XIX di Le avventure di Pinocchio).

57


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE b. Dopo aver letto il famoso episodio di Caino e Abele nel breve brano della Bibbia, costruisci un racconto dalla prospettiva di Caino. Immagina i suoi pensieri, la sua interpretazione del diverso trattamento che riceve Abele. Immagina i fatti che possono dar vita ad un breve racconto e che certamente Caino presenta per motivare il suo comportamento. Caino e Abele Dopo che ebbero lasciato il giardino di Eden, Adamo ed Eva ebbero due figli: Caino e Abele. Quando furono cresciuti, Caino divenne agricoltore: arava i campi, seminava e mieteva; Abele invece era un pastore e badava alle greggi di suo padre. Al tempo del raccolto Caino offrì in dono a Dio parte delle messi: era il suo modo di ringraziare. Abele offrì uno dei suoi agnelli. Erano offerte buone, ma non è possibile guadagnarsi l’amore di Dio con dei regali: a lui interessa il nostro cuore. Abele era buono, per cui Dio apprezzò la sua offerta. Caino invece era geloso e adirato. Sapeva che Dio non era contento della sua offerta e odiava suo fratello Abele. Un giorno, in aperta campagna, Caino uccise Abele. Pensava che nessuno l’avesse visto, ma Dio sapeva. Dio punì Caino mandandolo via dalla sua casa e dalla sua famiglia per sempre. Genesi cap. 4, qui nella versione tratta da The Lion Children’s Bible, traduzione di G. Poletti

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

c. Costruisci un breve racconto in cui un capo “barbaro” si organizza per far fronte al pericolo dei conquistatori romani e riesce ad ostacolare l’espansione dell’esercito romano. (Probabilmente è opportuno un lavoro di ricerca e di documentazione sul testo di storia o in biblioteca).

58

d. Inventa un racconto ambientato presso un antico popolo dell’America centrale. I protagonisti della tua storia vedono e temono i conquistadores ma si organizzano e li combattono impedendo che distruggano la loro civiltà. (Probabilmente è opportuno un lavoro di ricerca e di documentazione sul testo di storia o in biblioteca). e. Inventa un racconto ambientato presso i pellerossa dell’America settentrionale durante l’espansione verso ovest degli Stati Uniti d’America. Racconta come se a parlare fosse un nativo che vede il nuovo popolo armato occupare le sue terre e distruggere la sua civiltà.

descrivere Questa attività può essere svolta come esercizio

3

2 o come esercizio 952.

Descrivere un volto con grande efficacia. Completa con aggettivi appropriati la lista che trovi qui di seguito. Affianca ad ogni aggettivo dell’elenco un paragone, un’espressione figurata capace di dargli maggiore concretezza (ad esempio: ondulati come le dune del deserto). Accanto ad un colore puoi scrivere invece un oggetto o una situazione da esso richiamati, collegandoli solo con la preposizione “di” (grigi di nuvola).


Quando avrai completato il ‘repertorio’ di espressioni descrittive, descriverai una persona nota ai tuoi compagni (un professore, un compagno, un collaboratore scolastico, il preside, …). Risulterà poi interessante leggere qualche descrizione e commentare i risultati.

forma del viso: ovale, rotondo… forma delle sopracciglia: spesse, arcuate, filiformi… forma degli occhi: a mandorla, rotondi… colore degli occhi: castani, neri, azzurri… taglio dei capelli: corti, scalati… tipo di capelli: lisci, ondulati… forma del naso: … forma delle labbra: … colore della pelle: … forma del mento: … forma delle orecchie: …

4

Considerando tutti gli elementi oggettivi per la descrizione delle persone, descrivine una nota alla classe. Poi, senza dirne il nome, leggi la descrizione e verifica se i compagni sono in grado di riconoscerla.

5

Disegno sotto dettatura. a. Ogni alunno prepara una precisa descrizione della propria casa. b. Tirando a sorte si scelgono due alunni:

• il primo leggerà molto lentamente, un periodo alla volta, la descrizione che ha preparato; • il secondo cercherà di disegnare alla lavagna la casa del compagno rispettando le indicazioni. c. alla fine il lettore cercherà di rimediare ad eventuali imprecisioni.

È ammessa, su richiesta, una sola rilettura di ogni periodo. Per rendere un po’ più facile il gioco si può procedere in tre fasi: • facciata ed ingresso; • disposizione dell’edificio e delle stanze (pianta); • distribuzione dell’arredamento della propria stanza, e poi delle successive.

6

Saper fare le domande giuste. Si decide chi è il primo giocatore; questi sceglie in segreto un oggetto, una persona, un animale, che tiene ben chiaro e fisso nella mente. Ciascun giocatore, a turno, pone una domanda cui sia possibile rispondere con un Sì o con un No.

59


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE Se dopo la ventesima domanda nessuno ha ancora indovinato l’oggetto pensato dal primo giocatore, questi è il vincitore, sceglie un nuovo oggetto e il gioco prosegue come prima. Se un giocatore, invece, riesce entro la ventesima domanda ad indovinare la cosa pensata dal primo giocatore, questi ha perso e chi ha indovinato prende il suo posto. È bene cominciare con domande più generali, in modo da ridurre il campo delle possibilità con un processo di eliminazione. Il numero massimo di domande entro cui bisogna rispondere può essere adattato al grado di bravura dei concorrenti.

7 M

raccontare: elementi fondamentali e intreccio

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

Riscrivi l’articolo che segue cambiando completamente l’intreccio.

60

Permesso del giudice per un cane disperato

ROMA - «No. Non può entrare. Lo vieta il regolamento». Lo ripete più volte il sottufficiale preposto alla guardiola dell’aula bunker al Foro Italico, ma l’avvocato, dopo aver frugato nella sua borsa, gli consegna un documento. È il permesso di colloquio per Pippo, un cane, con un imputato detenuto. Il sottufficiale è sorpreso, si attacca al telefono e chiede chiarimenti. Il caso viene risolto: il presidente della Prima Corte di Assise di Roma, ha autorizzato un incontro di Pippo con il suo padrone. Al sottufficiale è la prima volta che capita un fatto del genere. Lascia entrare il cane supponendo che forse sarà utile al processo in corso. Ma non è così. La vicenda di Pippo è piena di imprevisti. Abbandonato da piccolo per la strada, gli è stato difficile trovare un padrone, visto anche che il suo aspetto è il risultato degli incroci di diverse razze; finalmente, una ragazza lo raccoglie e lo porta in casa. Il cane si fa subito voler bene dalla famiglia Rossi e dimostra un’intelligenza fuori del comune. Molte ore del giorno le trascorre con il capofamiglia, Giorgio, e con lui condivide persino il caffè e i biscotti della colazione. Nell’ottobre dell’anno scorso, in casa Rossi scoppia una tragedia. Giorgio, accecato dall’ira, spara alcuni colpi di pistola e uccide il suo socio in affari. «Ero esasperato dalle sue prepotenze», dirà l’omicida, dopo essersi consegnato ai carabinieri. Nella sua famiglia si vivono giornate tremende e a risentirne, in modo del tutto eccezionale, è anche Pippo. Il cane, 10 anni bianco e marrone, non vedendo più il suo padrone sembra come impazzito, poi con il trascorrere dei giorni e delle settimane si abbandona ad un avvilimento crescente. Rifiuta il cibo e il suo stato fisico comincia a impensierire. Si ricorre al veterinario ma tutti i suggerimenti non danno risultati positivi. Si prova anche a fargli odorare la biancheria del suo padrone che viene prelevata in carcere per essere lavata. Non c’è niente da fare, forse Pippo ha deciso che senza il suo padrone è meglio morire. Le vicissitudini del cane vengono raccontate al presidente della Prima Corte di assise dagli avvocati difensori di Giorgio Rossi. La proverbiale umanità del Presidente della prima Corte di Assise di Roma, protagonista di processi famosi come quelli sulla strage di via Fani e l’uccisione di Aldo Moro o sull’attentato al Papa, non viene smentita. Pippo ottiene di vedere il suo padrone. «Non è stato un incontro, è stato un vero e proprio colloquio», hanno detto le persone che erano presenti nella cella dell’aula bunker del Foro Italico. Il cane alla vista del padrone ha cominciato a guaire con suoni diversi da quelli lamentosi di ogni giorno, ha ricominciato a muovere la coda in segno di festa e poi si è gettato tra le braccia della persona che non aveva mai dimenticato. Naturalmente è stato difficile il distacco, avvenuto nel pomeriggio. Nei giorni successivi, il cane ha avuto uno sfogo sulla cute che il veterinario ha stabilito trattarsi di natura emotiva. Comunque Pippo ha ripreso a mangiare ed ora si trova in buone condizioni. Sicuramente vive nella speranza che il suo padrone torni a casa, una speranza che ha poche probabilità: Giorgio Rossi, che durante il processo ha ammesso la sua colpa, è stato condannato a 21 anni di reclusione e ora è in attesa dell’appello. riduzione da F. Scottoni, in «la Repubblica», 27 dicembre 1994


8

Sfogliate alcuni quotidiani portati a scuola per l’occasione e scegliete un breve articolo di cronaca, possibilmente non drammatica. Ciascuno di voi riscrive l’articolo cambiando l’intreccio, ma cercando di ottenere un testo che susciti un maggiore interesse da parte del lettore. Confrontate alla fine alcune riscritture e discutete sull’efficacia e sugli effetti espositivi diversi delle varie versioni.

9

Seguendo un intreccio capace di catturare l’interesse del lettore, racconta una partita recente del tuo sport preferito.

10

Fai la cronaca di una tipica mattinata di scuola. Rendi curioso ed interessante il testo con un intreccio adeguato, inoltre fai emergere “colpi di scena” capaci di vivacizzare il racconto.

11 M

Sviluppa in un testo più ampio la notizia di cronaca qui riportata con linguaggio essenziale. Cercando di renderla interessante e vivace. Venerdì sera alle ore 19,30 nel comune di San Nicolò, due rappresentanti di oreficeria, entrambi dipendenti della ditta “Diamanti”che ha sede a Vigevano in via Adige 1234, stavano rientrando a casa al termine del giro quotidiano. Mentre percorrevano l’autostrada da Rovigo a Padova i due sono stati affiancati da una Lancia Thema. La macchina ha costretto l’Audi dei rappresentanti a fermarsi sulla corsia di emergenza. I due malviventi, che erano a bordo della Thema, si sono infilati il passamontagna sulla testa e sono scesi, hanno intimato agli orafi di aprire gli sportelli e di smontare dall’auto. I due commercianti non hanno avuto scampo e sono stati costretti ad ubbidire. Uno dei banditi si è messo al volante della stessa Audi 80, mentre il complice è risalito a bordo della Thema. Poi le due auto sono ripartite a tutta velocità, sparendo in direzione di Venezia. I rappresentanti orafi, entrambi trevigiani, si sono ritrovati appiedati ai bordi dell’autostrada, tra i caselli di Padova Sud e Padova Zona industriale. Intanto la Lancia Thema, che risultava targata Padova, ha superato senza pagare il casello di Padova Zona industriale ed è schizzata come un razzo lungo la strada dei Vivai, in direzione di Saonara. Percorsi pochi chilometri la vettura dei rapinatori piombava in un posto di blocco della polizia. I banditi sono stati bloccati ed arrestati. Il bottino, che ammontava ad oltre 200 mila euro è stato completamente recuperato. Nel frattempo i due orafi avevano dato l’allarme ed erano stati raggiunti da una pattuglia della polizia, ma mentre questa raccoglieva le loro testimonianze giungeva via radio la notizia dell’esito positivo della brutta avventura.

testi espositivi 12

Stendere la relazione sui risultati di una ricerca. In questa attività vengono suggerite le fasi per stendere una relazione su un argomento di studio, pensate per un lavoro di gruppo. È facile tuttavia interpretare ed adattare i suggerimenti per un lavoro di tipo individuale. Analogamente, gli spunti suggeriti negli esercizi seguenti (13-17) sono formulati per un lavoro individuale, ma possono facilmente essere affrontati in gruppo con le modalità qui suggerite. Distinguiamo tre fasi: raccolta delle informazioni, composizione della scaletta, stesura del testo.

61


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE Raccolta delle informazioni Nella fase preparatoria di studio e ricerca è molto proficuo il lavoro di gruppo. Eventualmente si possono dividere i compiti in modo che i vari componenti esplorino documenti diversi oppure ricerchino i differenti aspetti dell’argomento. Ognuno può prendere appunti come crede delle informazioni che raccoglie, tuttavia risulta molto efficace concordare una forma omogenea e unitaria di raccolta dei dati. Supponiamo di dover svolgere una ricerca sul seguente argomento: “Tra il Nord e il Sud del mondo sono evidenti molteplici disuguaglianze. Riferire in modo documentato sui vari aspetti del problema: le cause, gli effetti più drammatici, le possibili prospettive”. Per la ricerca, utilizzare i libri di testo (geografia, scienze, antologia) quindi cercare in biblioteca altri documenti su enciclopedie e riviste, oppure esplorare il problema su Internet. Sarà opportuno innanzi tutto individuare degli aspetti del problema da affidare a ciascun componente, così da restringere per ciascuno il campo di indagine. Sarà bene poi predisporre un foglio grande (100 x 70) al centro del tavolo comune su cui ciascuno segnerà gli appunti dei risultati della sua ricerca in un unico schema a grappolo. In questo modo tutti i componenti del gruppo possono apprezzare ogni singolo apporto e percepire il processo di indagine complessivo.

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

situazioni drammatiche aspetto affidato a:

62

cause remote aspetto affidato a:

reddito

prospettive aspetto affidato a:

Nei Paesi in via di sviluppo le condizioni di vita sono pessime

solidità della famiglia

scuola

rilevanza, dimensione dello squilibrio aspetto affidato a:

cause e fattori attuali aspetto affidato a:

migrazioni

Ognuno riporta in modo sintetico nel percorso appropriato l’informazione che ritiene rilevante, segnando documento e pagina da cui è tratta. Nel corso della ricerca si può sentire la necessità di aggiungere altri riquadri o altri percorsi perché si incontrano aspetti o argomenti non previsti, inoltre alcune ipotesi possono essere tralasciate. Si deve prevedere la massima flessibilità, lo schema deve essere uno stimolo e una guida, non un vincolo.

Composizione della scaletta Per costruire la scaletta, cioè per stabilire la successione dei punti che seguirà la stesura del testo finale, si deve valutare la dimensione dell’intera relazione e decidere quali dati, quali informazioni ed argomenti meritano di essere riportati. Va anche concordata una conclusione condivisa dai partecipanti.


È necessario discutere, confrontarsi, stabilire delle priorità: è una fase di lavoro che arricchisce e che consolida le conoscenze.

Stesura del testo Prevedere una breve introduzione in cui circoscrivere l’argomento e dar conto della quantità di lavoro svolto (tempo dedicato, numero dei componenti, testi esaminati, ecc.). Esporre i vari argomenti, come già stabilito nella scaletta, curando le opportune connessioni (ognuno sarà chiamato a rispettare certe dimensioni e a legare il proprio contributo con tutto il resto). Usare un tono pacato ed indiretto (non è una pagina di diario, né una lettera ad un caro amico) curando la chiarezza e la documentazione. Chi scrive si assume la responsabilità di quanto dice ma indica in nota la fonte di ogni informazione, inoltre, se riporta le parole precise da un altro testo, le inserisce tra virgolette e dichiara con precisione opera e pagina da cui le ha tratte. Elaborare una conclusione che richiami in sintesi gli aspetti più significativi riportati nel testo.

13

Seguendo la procedura indicata nell’esercizio n. 12, svolgi una ricerca sul seguente argomento: “Il problema dei bambini abbandonati è molto diffuso nel mondo. In Brasile e nell’America del Sud raggiunge dimensioni impressionanti”. Cerca in biblioteca articoli o documenti sull’argomento e poi riferisci in una relazione i dati raccolti e i vari risvolti del problema.

14

Seguendo la procedura indicata nell’esercizio n. 12, svolgi una ricerca sul seguente argomento: “La ‘conquista del west’ è stata in realtà non solo un’epica espansione di coloni nei grandi territori del Nord America, ma anche una brutale soppressione di popoli e di culture originarie di quei luoghi”. Raccogli informazioni e materiali in proposito e stendi una relazione in cui riporti anche le tue opinioni sull’argomento.

15

Seguendo la procedura indicata nell’esercizio n. 12, svolgi una ricerca sul seguente argomento: “Recentemente la ricerca spaziale ha potuto arricchirsi grazie al successo dell’esplorazione sui pianeti Marte e Saturno. Quali prospettive concrete ed utili per l’uomo possono derivare da queste nuove conoscenze?”.

16

Seguendo la procedura indicata nell’esercizio n. 12, svolgi una ricerca sul seguente argomento: “Tecniche di difesa degli animali selvatici”. Raccogli informazioni ed esponi poi in una relazione chiara ed esauriente.

17

Seguendo la procedura indicata nell’esercizio n. 12, svolgi una ricerca sul seguente argomento: “Ci sono nel mondo dei conflitti aperti dei quali non conosciamo i termini di contrasto né le dimensioni”. Concorda con l’insegnante una di queste zone calde e conduci con i compagni una ricerca che ti permetta di stendere una relazione conoscitiva.

63


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

TRE ITINERARI PER LA RELAZIONE Quelle che seguono sono liste di domande guida che ti possono aiutare quando devi fare una relazione. Sono tre itinerari che si differenziano per il tipo di argomento. In base alle caratteristiche specifiche del lavoro, qualcuno dei suggerimenti sarà da eliminare, qualche altro, invece, dovrà essere ampliato. Cose fatte 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13.

Di che tipo di esperienza si tratta? Quando si è svolta? Chi ha partecipato? Dove si è svolta? Che ruoli hanno svolto i singoli componenti del gruppo (se l’esperienza è stata fatta in gruppo)? Di quali strumenti ti sei servito? Che cosa ti proponevi con tale esperienza? Come è stato organizzato il lavoro? Come si sono svolti i fatti? Che dati hai osservato? Che considerazioni hai potuto fare per ogni singolo dato? Dall’insieme dei dati e delle interpretazioni hai ricavato indicazioni generali? Che valutazione hai fatto della prova e dei risultati?

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

Luoghi visitati

64

1. Che cosa hai visto? • luogo geografico • ambiente di lavoro • città d’arte • ……… 2. A quali esigenze rispondeva la visita? 3. Quali conoscenze avevi del luogo? Prima della visita ti sei documentato? Con quali strumenti? 4. Quando, con chi, con quali mezzi si è svolta? 5. Come si è svolta? C’era una guida? 6. Quali osservazioni, conoscenze, nuovi dati hai registrato? 7. Quali considerazioni ti hanno permesso le nuove conoscenze? 8. Hai potuto trarre delle indicazioni generali e conclusive in relazione alle esigenze iniziali? 9. Ci sono stati momenti difficili, noiosi, negativi? Cosa proponi a chi volesse ripetere l’esperienza? 10. È stata produttiva l’esperienza nel suo insieme? Ne valeva la pena? Argomenti di studio 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11.

A chi ti rivolgi? Con quale scopo? A quale attività si collega il lavoro? (Altre ricerche, altri capitoli, altre materie?) Di che argomento si tratta? Che ruoli hanno svolto i singoli componenti del gruppo (se il lavoro è stato fatto in gruppo)? In che ambito scientifico e di ricerca si colloca? In quali luoghi hai lavorato? Che strumenti hai usato? Hai incontrato limiti e difficoltà? Qual era il problema principale? Avevi formulato qualche ipotesi di interpretazione o di soluzione? Quali dati, idee e ragionamenti hai incontrato e fatto nel corso dell’indagine? Quali le considerazioni particolari più significative? Sei giunto ad una conclusione soddisfacente, definita? Hai maturato proposte?


testo di tipo argomentativo 18

Realizzare un saggio breve. Il saggio è un testo che riferisce su problemi, fatti, personaggi facendo emergere la posizione, le idee, il commento di chi scrive in merito alla realtà esaminata. In questo esercizio vengono suggerite le fasi di lavoro pensate per un’attività di gruppo, è facile tuttavia interpretare ed adattare i suggerimenti ad un’esecuzione di tipo individuale. Distinguiamo tre fasi: raccolta delle idee, composizione della scaletta, stesura del testo.

Raccolta delle idee Nella fase della raccolta delle idee può essere molto utile un lavoro di gruppo; si può iniziare chiedendo a tutti di parlare liberamente e di comunicare qualsiasi pensiero o idea sull’argomento (brain storming). Ciascuno scrive al centro di una pagina bianca il titolo da sviluppare, quindi prende nota di tutti i pensieri, degli argomenti, delle idee che nascono all’interno del gruppo. È opportuno fare in modo che tutti i componenti del gruppo esprimano qualche idea. Naturalmente bisogna essere rapidi e annotare un piccolo promemoria di tutti gli interventi, da rielaborare successivamente. Il metodo è valido anche a livello personale in tutte le occasioni in cui dobbiamo realizzare un testo scritto in cui esponiamo le nostre idee su un certo argomento, anche fuori della scuola. Infatti è utile richiamare ed annotare tutti i pensieri, tutte le idee prima di cominciare a scrivere: quando si scrive si seleziona e si riordina, si segue un filo espositivo e certi aspetti possono sfuggire e venire trascurati. Nella pagina seguente troverai uno schema che suggerisce di organizzare e suddividere gli argomenti e le idee connesse con il tema da affrontare, in 4 settori di ricerca. È un modo per concentrare di volta in volta l’attenzione in una direzione ben definita accentuandone l’efficacia. Sono orientamenti per esplorare il nostro pensiero, la nostra memoria: possono essere considerati come dei punti di vista per riflettere, per raccogliere più idee, per allargare l’esame di un fenomeno. In base ad essi la nostra ricerca consisterà nelle seguenti azioni:

• riflettere sull’argomento ponendoci in relazione con il tempo (passato, presente, futuro, durata, epoche, ricordi, speranze, ecc);

• richiamare ogni connessione legata allo spazio (luogo abituale o diverso dal solito, altri Paesi e altre civiltà, luoghi privilegiati rispetto alle esperienze, …);

• fare riferimento al mondo delle emozioni e dei sentimenti (di chi scrive, delle persone pros-sime, o di chi assume posizioni diverse e contrastanti, il peso delle emozioni nelle scelte, le implicazioni emotive e sentimentali dei fatti, dei punti di vista, ecc.);

• esaminare i fatti o gli argomenti alla luce delle nostre o altrui idee di tipo politico, sociale, religioso, ecc. Nell’esempio di pagina seguente, in ogni settore dello schema sono state poste alcune annotazioni esemplificative che il lavoro di gruppo sicuramente arricchirà notevolmente, le caselle bianche sono un invito ad aggiungere altri pensieri.

65


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE Come puoi vedere gli appunti di ogni settore sono tra loro omogenei: in un settore fanno riferimento allo spazio, in un altro al tempo, in un altro ancora alle emozioni ed infine a valutazioni teoriche (idee).

in altri paesi si festeggia così

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO

a Verona per vedere i presepi

spazio

sarebbe meglio fare qualcosa piuttosto che celebrare un rito

Il Natale è una festa molto sentita che si ripete ogni anno. Rifletti sul suo significato e sulla sua attualità.

pace e giustizia

l’anno scorso / il prossimo anno

quando ero più piccolo la nonna mi racconta

emozioni aria di festa

ostentazione e spreco

tempo

idee

66

le vetrine lungo le vie del centro

in montagna fiaccolata sulla neve

consumi indotti dalla pubblicità

smodata abbondanza

supermercati affollati

baraccopoli a Nairobi?

tenerezza e simpatia

la vigilia due settimane di vacanza da scuola

desiderio, aspettativa di un dono

disagio di fronte a dolore e povertà

La linea rossa tratteggiata indica gli argomenti che potrebbero essere scelti per realizzare un testo e il loro ordine di espansione. La mia scaletta 1. ………………………

4. ……………………

2. ……………………...

5. ……………………..

3. ………………………

6. …………………….

7. ……………………. …………………….


Composizione della scaletta Ricopiando gli spunti scelti, ciascuno realizzerà la sua scaletta. In questa fase è possibile arricchire ogni espressione con sottopunti o annotazioni, in modo da inquadrare bene ogni aspetto che verrà poi affrontato nel testo. In un momento successivo ogni allievo segnerà con una linea il percorso che intende far seguire al suo testo scegliendo e collegando, come nell’esempio (linea rossa puntinata), gli argomenti da lui scelti (anche tra quelli suggeriti dai compagni).

Stesura del testo Ognuno scriverà il proprio saggio, sviluppando un punto dopo l’altro della scaletta, cercando di caratterizzare l’esposizione con uno stile personale.

• Inizia il testo con una frase che colpisca il lettore suscitando curiosità ed interesse (talvolta la prima frase viene scritta alla fine del lavoro, quando l’argomento è stato completamente affrontato). Si tratta di trovare un’espressione curiosa capace di anticipare, senza rivelare troppo, la tesi principale o l’argomento che caratterizza lo sviluppo del testo (nell’argomento dell’esempio una frase ‘graffiante’ potrebbe essere: “Basta con il Natale!” oppure “Dalla grotta buia alla vetrina scintillante.”).

• Fai molta attenzione alla chiarezza delle connessioni, dei collegamenti logici; quando si passa da un punto della scaletta al successivo spesso è necessario collegare esplicitamente (“Volendo fare un esempio…”; “Ponendo attenzione solo all’aspetto estetico è possibile affermare…”; “cambiando completamente il punto di vista…”. Chi legge deve capire subito lo sviluppo del ragionamento.

• Alla fine richiama i concetti principali in modo da dare un senso di chiusura, eventualmente traendo conclusioni esplicite anche di tipo operativo (Nell’esempio: Per correggere assurdi comportamenti natalizi potrebbe essere molto efficace promuovere dei dibattiti nelle scuole…).

19

Ecco alcuni argomenti che possono essere affrontati con il metodo esemplificato, lavorando in gruppo, oppure da soli. a. Un viaggio è sempre molto interessante: è un’esperienza che interrompe la quotidianità, che crea aspettative e curiosità, che arricchisce e allarga i punti di vista su molti aspetti della realtà. b. Il tempo libero dagli impegni di studio o di lavoro è un bene prezioso che va curato e valorizzato. Descrivi alcuni modi interessanti ed utili di impiego di questa parte importante della nostra vita. c. L’umanità ha sempre sofferto la piaga della guerra, anche se in ogni tempo e in ogni paese si moltiplicano gli appelli alla pace. Riflettendo sulla storia che hai studiato, prova a dire quali sono le cause che inducono gli uomini e i popoli a entrare in conflitto. d. I genitori possono dare molto ai propri figli, come affetto, protezione, sicurezza, anche se ciò non è sempre evidente perché sono presi da molti impegni. Come potrebbero migliorare ed accentuare la loro presenza in famiglia? Come è possibile promuovere più dialogo tra figli e genitori? Quali sono i comportamenti dei genitori che pesano di più ai figli? Quali le qualità più apprezzate? Arricchire il testo con esempi concreti. e. Talvolta nel mondo dei giovani si incontrano comportamenti poco rispettosi di sé e degli altri con forme di vera e propria delinquenza. Ciò viene attribuito ad un disagio derivante dalla mancanza di modelli familiari, dall’assenza di sicure prospettive per il futuro, dalla scarsa attenzione da parte degli adulti e della società ai loro bisogni. Ci sono degli esempi attorno a te? Perché questo problema ci coinvolge tutti? Quali proposte si possono fare?

67


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

Esercizi

2 o 952di recupero e di potenziamento

IMPARARE A SCRIVERE : I TESTI CHE SI SCRIVONO A SCUOLA

il tema

68

Per la valutazione, va usata la tabella che segue.

DATA __________ n° ESERCIZIO ______ pag. ______ TITOLO __________________ AUTORE _____________________________________________________________

PUNTEGGIO

1. L’impaginazione e la grafia sono curate. 2. Non ci sono errori di ortografia e la divisione in sillabe è corretta (con tre errori 2 punti, con cinque errori 0 punti). 3. La punteggiatura è adeguata e corretta. 4. La struttura delle frasi è varia con uso corretto della subordinazione; la connessione tra le frasi è chiara. 5. I modi e i tempi dei verbi sono corretti, con cambiamenti coerenti. 6. L’uso dei pronomi è corretto. 7. Le parole sono usate in modo appropriato rispetto al significato. Il lessico è vario, senza ripetizioni ravvicinate e senza genericità. 8. Sono rispettate le indicazioni rispetto alla forma testuale o viene mantenuto costante il tipo di testo scelto (lettera, descrizione, …). 9. Non sono presenti informazioni inutili o ripetizioni. 10. I passaggi tra i concetti e la successione dei fatti sono chiari ed efficaci. 11. Lo sviluppo delle singole parti è equilibrato. 12. C’è un’idea centrale chiara e ben sviluppata. 13. Le idee e i concetti principali sono significativi e ben collegati all’idea centrale. 14. Ci sono esempi e riferimenti ad esperienze vissute. 15. Il contenuto sviluppa in modo adeguato il titolo. 16. Esposizione originale ed interessante per stile, intreccio, costruzione complessiva del testo. ……/80

punti

NS

S

B

D

O

0-51 52-64 65-69 70-75 76-80


Proposte di elaborati basati sull’esperienza personale, con diverse tipologie testuali

1

Fai il diario delle attività in cui sei impegnato nell’arco di una settimana: per ogni giorno scegli uno dei tuoi impegni e raccontalo con i particolari più significativi (piacevoli, drammatici, angosciosi, divertenti, ...).

2

Tieni il diario degli spostamenti durante un viaggio. Annota come si svolgono i tragitti tra un luogo e l’altro, i mezzi usati, le persone incontrate o i compagni di viaggio, le chiacchiere e le situazioni degne di nota, ecc.

3 M

Durante la gita scolastica, hai dimenticato il tuo registratore con le relative cuffie nel comodino dell’hotel dove avete pernottato. Scrivi una lettera alla direzione dell’albergo, chiedendo che te lo spediscano a casa. Dai tutte le informazioni necessarie perché ti possano accontentare.

4 M

Prepara una lettera per segnalare un problema, per fare una proposta oppure una protesta ad una persona che ha responsabilità nella vita sociale del tuo quartiere o paese (sindaco, comandante vigili urbani, assessore, medico, ...).

5 M

Prepara una lettera indirizzata alle Ferrovie dello Stato, nella quale chiedi un preventivo di spesa, gli orari e le modalità di prenotazione dei posti per un viaggio di istruzione della tua classe in una importante città. Ricordati di inserire tutti i dati necessari (numero dei partecipanti, età, itinerario, date, ecc.).

6

Tieni il diario di un periodo di vacanza (Natale, Pasqua...). Scegli un tema e cerca di attenerti ad esso per tutto il periodo; il tema può essere uno dei seguenti: • persone incontrate • gastronomia: panini, dolci, pranzi... • momenti piacevoli • noia • musiche ascoltate • uscite con amici

7 M

Chiedi di assistere ad una seduta del Consiglio di Istituto. (Devi prendere accordi con il Presidente e con i tuoi genitori). Prepara un articolo per il giornalino della scuola. Racconta dove, come, quando si è svolta la riunione e chi vi ha partecipato, i principali argomenti affrontati, qualche particolare curioso.

8

«Proposte degli alunni per migliorare le attività di palestra: attrezzi, orari, gruppi, tornei...» Prepara un articolo per il giornale della scuola (prima serve una rapida inchiesta tra i compagni).

9

Organizziamo un dibattito. Accordi tecnici Individuato e stabilito il tempo a disposizione, procedete in questo modo: 10 minuti di conversazione libera in cui ciascuno parla con chi vuole e cerca di maturare una sua personale opinione. Trascorso il tempo, tutti possono parlare prenotandosi per alzata di mano; un compagno prenderà nota delle prenotazioni e darà la parola (è bene stabilire un tempo massimo per ogni intervento). Cinque allievi faranno i giornalisti e redigeranno un articolo ciascuno, che riferisca del dibattito. Argomenti per la discussione (da affrontare uno alla volta). a. Sei in coda alla cassa del supermercato; il cliente che ti precede sta pagando e ti accorgi che il cassiere si sbaglia e dà al cliente un resto di gran lunga superiore a quello che doveva, il cliente intasca il denaro e se ne va.

69


COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE Come ti comporti? Come sarebbe giusto comportarsi?

IMPARARE A SCRIVERE : I TESTI CHE SI SCRIVONO A SCUOLA

b. Un compagno danneggia volontariamente e senza motivo le suppellettili o le strutture della scuola. Lo vedi molto chiaramente, ma lui non si accorge di te.

70

10 M

Come di comporti? Come credi che ci si dovrebbe comportare?

Prepara un articolo per un giornale locale, in cui sostieni una tua idea o proposta su uno dei seguenti argomenti. a. Strutture per il tempo libero (anche estivo). b. Strutture scolastiche da migliorare. c. Come favorire una rapida integrazione dei compagni di recente immigrazione.

11

Fai una relazione su uno dei seguenti argomenti sulla base dell’esperienza scolastica. Ti possono aiutare gli “itinerari” per la stesura di una relazione proposti a pag. 64. a. Un esperimento scientifico. b. Un processo tecnico studiato: il pane, il formaggio, l’orto, la meridiana. c. Visita a una centrale del latte; centrale idro/termoelettrica; azienda agricola; industria; banca.

12 M

d. Una passeggiata naturalistica. e. Una grande città o un piccolo paese.

Con riferimento al programma di studio in corso, concordate con l’insegnante un argomento da approfondire. Documentatevi con strumenti aggiuntivi rispetto al libro di testo. Elaborate poi una relazione puntuale e documentata. Storia • La civiltà e le conquiste degli Arabi. • La vita nel feudo. • Rinascita delle città dopo il 1000. Geografia • Clima e vegetazione della tua regione. • L’industria nei Paesi dell’Unione Europea. • La fame nel mondo: un problema attuale. Altro • Evoluzione dei mezzi di trasporto: aspetti tecnologici, sociali, ambientali, ... • ............................................................................................................ • ............................................................................................................ • ............................................................................................................

13 M

il riassunto Cerca in biblioteca la novella Fuga, tratta da Novelle per un anno di Luigi Pirandello, e leggila. a. Fai un riassunto in cui si metta in evidenza la condizione di vita meschina e sempre uguale, alla quale il protagonista cerca disperatamente di ribellarsi.


b. Fai un riassunto in cui si metta soprattutto in risalto la soddisfazione, la gioia di un gesto che rompe la monotonia quotidiana; si può anche lasciare qualche speranza sulla sorte del protagonista.

14

D’accordo con i compagni di classe e con l’insegnante, scegliete alcuni settimanali d’opinione («L’Espresso», «Panorama», «Avvenimenti», ...). Ognuno di voi dovrà seguire un settimanale; certamente più d’uno sceglierà lo stesso. Settimanalmente, ciascuno farà il riassunto dell’editoriale o dell’articolo di apertura. Nel riassunto dovranno emergere chiaramente gli argomenti più convincenti portati dall’articolista per sostenere le sue idee. Sarà interessante il confronto tra le diverse letture.

15

Farai un riassunto del brano che segue e poi riassumerai il riassunto. Non è un gioco di parole, ma un esercizio particolare e molto utile per imparare a dire in modo sintetico le cose più importanti: l’esercizio proviene dalle scuole di giornalismo. Il tuo compito consiste nel fare un primo riassunto, con le tecniche che hai studiato, badando di non superare un certo numero di parole, ad esempio 200 parole per un articolo di una pagina di rivista. Successivamente, ridurrai quel primo riassunto della metà, poi per due volte ancora della metà: finirai con 25 parole, poco più di un titolo. Per ottenere un prodotto finale significativo, nei vari passaggi dovrai tralasciare i particolari che, in rapporto alle dimensioni del testo, riterrai via via meno importanti. Conserva tutte le fasi di lavoro: la valutazione sarà fatta su tutti i testi prodotti. Non mangiate lo squalo! Tra uomini e squali gran simpatia non c’è mai stata. Tutt’al più fascino, da parte umana, per la loro perfezione delle forme, l’acutezza dei sensi, la padronanza dell’elemento acquatico, la potenza. Ma soprattutto inquietudine. Ispiratore di mille leggende, credenze e perfino trame romanzesche, lo squalo è il più popolare e discusso predatore marino, capace di fare breccia nella sfera emotiva di ciascuno di noi come stereotipo di ferocia e fredda determinazione, l’assassino che appare silenzioso dagli abissi. In realtà di squali ce ne sono tanti al mondo e per qualche specie aggressiva anche nei confronti dell’uomo, tutti ne fanno le spese d’“immagine”. Fatto è che in tempi recenti anche la perfetta specializzazione alla vita marina, che rende gli squali pressoché immutati da milioni di anni, non garantisce più la loro sopravvivenza, da quando al rispetto e al timore l’uomo ha aggiunto interesse commerciale e le nuove tecnologie di pesca. Tra le diverse cause responsabili del declino di molte specie di squali al mondo, oltre alla pesca per trofeo dei grandi squali e le catture accidentali nella pesca dei tonni e pescispada, è apparso di recente un nuovo pericolo. Lo chiamano “finning”ed è una tecnica di pesca molto speciale. Consiste nella cattura degli squali, ma per lo più finalizzata alla raccolta delle sue pinne. È tramontata l’immagine dei pescatori polinesiani che con arpione e occhialini si immergono alla caccia degli squali di cui, nella cultura locale, quasi ogni parte del corpo può trovare un impiego alimentare. Oggi il valore delle pinne spesso supera quello dell’intero pesce e così si catturano più squali che si può, si “depennano” e si rigettano in mare ancora agonizzanti per non ingombrare la plancia della barca con materiali poco redditizi. È quello che accade quando il consumismo supera il limite della razionalità e della sostenibilità, per cui non si bada più alla bontà dell’uso, ma alla quantità del profitto. In USA il mercato dello squalo fu incentivato come “carne alternativa” negli anni ’70 e sulla costa pacifica per anni, ogni anno, sono state sbarcate in media 6 mila tonnellate di questo pesce, con un record di 16 mila tonnellate nel 1980. Queste cifre corrispondono a centinaia di migliaia di esemplari. Milioni di ami dispersi lungo le coste e negli oceani e migliaia di chilometri di reti derivanti che provocano anche catture accidentali di cetacei e animali marini di varie specie, in particolare delfini e tartarughe marine. Superato il tabù e l’alone di mistero, lo squalo è visto come bene di consumo, per di più esotico e affascinante. A contribuire a questa “evoluzione” è la diffusione in tutto il mondo della cucina cine-

71


IMPARARE A SCRIVERE : I TESTI CHE SI SCRIVONO A SCUOLA

COMUNICAZIONE E ABILITÀ LINGUISTICHE

72

se che, tutti lo ricorderanno, annovera tra i suoi piatti più bizzarri la celebre “zuppa di pinne di pescecane”. Se cresce la domanda, l’offerta si deve adeguare. Così il boom del “finning” ha indotto i governi più attenti e sensibili ad adottare alcune prime misure per ridurre il prelievo, come accaduto per i limiti di pesca imposti su 34 specie di squali dell’Oceano Pacifico ai pescatori statunitensi, e la totale protezione dello squalo bianco in Sud Africa. Ma la crescente moda di cibo orientale nei paesi occidentali, la cresciuta prosperità economica e il potere d’acquisto di molti paesi asiatici e la conseguente redditività di questa pesca (pinne vendute a circa 50 dollari al chilo) fa essere il prelievo ben più veloce delle misure di regolamentazione. Per questo motivo è importante che, pur nulla togliendo alle molte specialità della sofisticata cucina cinese, i consumatori occidentali riducano o evitino il consumo dei piatti a base di pinne e carne di pescecane, così come di ogni altro prodotto derivato. Un contributo importante ed efficace perché un calo di consumo rappresenta non solo un’azione diretta che riduce le catture, ma anche un importante segnale di costume capace di influenzare le più ampie politiche di mercato.

16 M

M. Lambertini, in «OASIS», anno X, n° 1O

Leggi attentamente l’articolo che segue e ricava un riassunto di 120 parole, successivamente riducilo a 60 e poi a 30, secondo le indicazioni date per l’esercizio 15. I galli del West

Suscita apprensione, negli Stati Uniti, la posizione dei repubblicani i quali hanno cominciato a premere per rendere meno vincolante la legge sulle specie animali e vegetali minacciate. Tra queste c’è anche il Centrocercus urophasianus, un volatile tipico delle grandi praterie del Nord America, un pezzo di storia, insieme con i cespugli di salvia che gli offrono sostentamento e riparo. Come per i bisonti, finché a dargli la caccia erano solo gli Indiani, che apprezzavano le sue carni e usavano le sue penne come ornamento, andava tutto bene. Poi ci si sono messi i «bianchi», gli europei, arrivati in massa e con armi molto più efficaci, ma soprattutto dediti alla caccia come sport e non come forma di sostentamento. Così, ogni volta che il gallo della salvia ha mostrato la sua ruota e le sue sacche esofagee, per lui sono stati dolori. A proteggerlo insieme al resto della fauna selvatica del West, provvede una legge del 1973 che istituisce aree protette in tutti gli Stati Uniti. Ma qualche settimana fa, durante un convegno svoltosi a San Diego, in California, i governatori degli Stati occidentali ne hanno chiesto una revisione. Sostenuti dai grandi proprietari terrieri, che da tempo contestano i vincoli posti dal governo, chiedono che si diminuisca la porzione di territorio designata come «habitat critico» e che il procedimento per definire a rischio una specie sia più lungo ed elaborato. Non solo: hanno anche chiesto che venga riesaminato lo status di specie da salvaguardare, in passato concesso, sostengono, con leggerezza. Risultato: a finire per primo al centro delle polemiche è stato proprio il gallo della salvia. E dire che proprio sul pennuto e sui cespugli che gli danno il nome si è concentrata ultimamente l’attenzione di etologi, ecologisti e comunità indiane. I primi sono attratti dal particolare comportamento del Centrocercus durante il corteggiamento. All’inizio della primavera i maschi si riuniscono in spazi detti lek, dove si esibiscono in gruppo. Fanno la ruota come i pavoni, gonfiano le sacche esofagee e mostrano la giugulare di colore verde più intenso, di solito nascosta sotto le piume. Oltre allo spettacolo coreografico, ce n’è anche uno musicale: le sacche esofagee servono a produrre un suono simile a quello di un sasso che cade nell’acqua, e le penne posteriori vengono agitate per creare un effetto «spazzola», simile a quello di un percussionista sui piatti. Prima dell’esibizione, però, c’è qualche tafferuglio per assicurarsi una porzione di palcoscenico: una volta che tutti hanno delimitato la loro posizione nell’arena, si dà il via allo spettacolo, che dura fino a maggio e ha due repliche quotidiane, all’alba e al tramonto. Le femmine assistono e, nel giro di due o tre giorni, fanno la loro scelta. Poi si accoppiano una sola volta e si allontanano subito, per costruire il nido, ovviamente tra cespugli di salvia, e deporre le uova. Per essere scelti da una femmina l’esperienza conta moltissimo: i ricercatori hanno accertato che i


galli più anziani ottengono circa il 75 per cento dello spazio nell’intero lek e sono quindi in grado di mettersi meglio in mostra. I più giovani, invece, hanno vita dura per conquistare una parte del territorio, spesso nella zona più marginale del lek, e la loro esibizione rischia di passare inosservata. Ma, oltre all’originale rituale del corteggiamento, c’è un altro argomento con cui zoologi e genetisti si oppongono alla rimozione del gallo della salvia dalla lista degli animali protetti: la recente scoperta che esistono più varianti del Centrocercus. Se la specie comune è abbastanza diffusa, del Centrocercus urophasianus di Garrison esistono pochi esemplari, solo in aree molto limitate e il rischio che si estingua è molto più alto. In realtà, chi si batte per la protezione del gallo della salvia ha un obiettivo assai più ampio: salvaguardare il sagebrush, il cespuglio di salvia, e preservare così l’intero ecosistema tipico dell’Ovest americano. Il gallo della salvia, al contrario degli altri uccelli, non possiede il ventriglio, un organo che consente ai volatili di triturare cibi coriacei, e si nutre perciò di alimenti morbidi. I cespugli della salvia costituiscono quindi la base della sua alimentazione. Ora fanno sentire la loro voce anche i nativi americani. Nella riserva Indiana di Yakama, nello stato di Washington, i discendenti delle antiche tribù hanno preparato un progetto per gestire un’area protetta. Uno dei punti fondamentali del loro programma è proprio la reintroduzione dei cespugli e del gallo. Sarà un lavoro complesso, quello degli Yakama: al governo hanno chiesto fondi e autonomia per studiare meglio i cavalli selvaggi che pascolano nella zona, per capire come il loro comportamento può influire sulla crescita dei cespugli di salvia e, di conseguenza, sulla riproduzione dei Centrocercus urophasianus. D’ora in poi il gallo della salvia avrà come alleati gli indiani, che hanno rinunciato a collezionare le sue piume per farne copricapi. Le apprezzano di più sugli animali vivi durante il corteggiamento.

17 M

C. Nadotti, in «Il Venerdì di Repubblica», 25 febbraio 2005

Concorda con l’insegnante un testo da riassumere e procedi come per l’esercizio 15: dovrai ottenere un primo riassunto di un centinaio di parole, poi un riassunto di 50 e alla fine uno di 25.

18

Dopo aver concordato con l’insegnante un capitolo di storia su cui svolgere l’esercizio, ogni componente del gruppo prenderà in esame un paragrafo o una parte del capitolo e realizzerà un riassunto di circa 100 parole, più una versione sintetica di una ventina di parole. Ogni gruppo leggerà poi ad alta voce il riassunto dell’intero capitolo nella versione breve.

scrivere per il Web 19

Se la classe dispone delle tecnologie necessarie, si formino dei piccoli gruppi a ciascuno dei quali verrà affidato un argomento di attualità sociale. Ogni gruppo sviluppa il suo argomento con un sito web e settimanalmente lo aggiorna con nuovi interventi, dati, avvenimenti, opinioni, immagini… In un secondo momento, se l’esperienza procede con buoni risultati, i vari siti verranno collegati ad una pagina indice del sito principale della classe o della scuola. Argomenti • Iniziative e proposte per non aggravare l’inquinamento ambientale ed atmosferico. • Verso un consumo responsabile: come diffondere un mercato equo e solidale. • Teatri di guerra: uno sguardo a tutte le zone di conflitto cercando di capire le cause, gli interessi in gioco, le vittime e le prospettive. • Integrazione culturale: come rendere positivo l’incontro con cittadini stranieri che giungono nel nostro Paese?

73


morfologia e sintassi IL VERBO IL NOME L’ARTICOLO L’AGGETTIVO IL PRONOME L’AVVERBIO LA PREPOSIZIONE LA CONGIUNZIONE SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI SINTASSI DEL PERIODO


MORFOLOGIA E SINTASSI

LA FORMAZIONE DEI VERBI La categoria dei verbi è in continua espansione; infatti il sistema della lingua fornisce vari strumenti per crearne di nuovi, per rispondere alle esigenze dei parlanti di indicare azioni, eventi, condizioni nuove o in modo nuovo. Dal punto di vista della loro “formazione”, i verbi si possono dividere in due grandi gruppi:

• i verbi “originali” (detti propriamente primitivi), costituiti dalla radice e dalla desinenza (correre, bere, •

amare); i verbi che discendono da quelli “originali” o da altre parole mediante la derivazione e l’alterazione.

I VERBI DERIVATI La derivazione è un sistema per produrre parole nuove, di significato autonomo, partendo da una parola di base a cui si aggiungono prefissi o suffissi:

s-fogli-are in-umid-ire a-m-moll-are. Con i suffissi verbali -are, -ire, -eggiare, -izzare, -ificare, (e in molti casi con l’aggiunta di particolari prefissi) si possono ottenere verbi da:

• nomi: rischiare da “rischio”

paralizzare da “paralisi”

bollire da “bolla”

pianificare da “piano”

• da aggettivi: esternare da “esterno”

scarseggiare da “scarso”

verdeggiare da “verde”

umidificare da “umido”

Con l’aggiunta di particolari prefissi, inoltre, si può modificare o intensificare il significato di un altro verbo. I prefissi dis-, s- permettono di esprimere il significato contrario di un certo verbo.

de-moralizzare pos-porre tras-portare de-privare stra-vincere

intro-mettere per-mettere per-forare dis-colpare s-pettinare

IL VERBO

I VERBI ALTERATI

76

Con l’aggiunta degli appositi suffissi si attenua o si “altera” il significato di un verbo, per modificarne l’“aspetto”, per mettere cioè in evidenza la saltuarietà o l’intermittenza dell’azione espressa. Il significato di base rimane sostanzialmente identico, mentre mutano alcuni aspetti particolari. Salt-ellare

cant-icchiare

gioch-erellare

mangi-ucchiare

scoppi-ettare

parl-ottare


ESERCIZI 1

2

3

4

5

Scrivi i verbi che derivano da ognuno dei seguenti nomi. esempio: pane 888 panificare, impanare acqua

..................................................

numero

.......................................................

arma

..................................................

pasta

.......................................................

carta

..................................................

scena

.......................................................

fiore

..................................................

suono

.......................................................

Individua i verbi che derivano da ognuno dei seguenti aggettivi. esempio: verde 888 inverdire, verdeggiare bello

..................................................

magro

.....................................................

chiaro

..................................................

piccolo

.....................................................

fraterno ..................................................

sporco

.....................................................

grasso

tranquillo .....................................................

..................................................

Aggiungendo gli opportuni prefissi, forma altri verbi derivati dai seguenti. esempio: portare 888 trasportare, importare, deportare correre

...............................................

mettere

.......................................................

dividere

...............................................

prendere .......................................................

formare

...............................................

seguire

.......................................................

giungere

...............................................

tenere

.......................................................

Individua i verbi che derivano dai seguenti per alterazione. esempio: giocare 888 giocherellare tagliare

...............................................

parlare

.......................................................

mangiare

...............................................

leggere

.......................................................

cantare

...............................................

piovere

.......................................................

fischiare

...............................................

trottare

.......................................................

Forma il contrario dei seguenti verbi utilizzando prefissi di negazione. In alcuni casi, non è sufficiente aggiungere il prefisso. esempio: illudere 888 disilludere caricare

.....................................................

incoraggiare ..............................................

obbedire

.....................................................

coprire

...............................................

approvare .....................................................

gelare

...............................................

sperare

abituare

...............................................

.....................................................

77


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: I VERBI i jazioni INDICANO condizioni jmodi di essere k i j jpersona j j isingolare jnumero j j kplurale j ipassato jtempo jpresente futuro VARIANO j k SECONDO j j iindicativo j congiuntivo j ifinito condizionale j jimperativo jmodo j igerundio j indefinito jparticipio k j kinfinito k

j

itransitivi POSSONO j ESSERE jintransitivi j k

Giochi

j k

2ª (tu, voi)

3ª (egli, essi)

(io) cant-o

(tu) cant-i

(egli) cant-a

(noi) cant-iamo

(voi) cant-ate

(essi) cant-ano

cant-ai cant-o cant-erò

cant-asti cant-i cant-erai

cant-ò cant-a cant-erà

part-o part-a part-irei -

part-i part-a part-iresti part-i!

part-e part-a part-irebbe -

1ª (io, noi)

part-endo part-ente part-ire

iforma attiva jforma passiva kforma riflessiva

guardo sono guardato mi guardo

forma attiva

cammino

952

I seguenti giochi possono essere effettuati dagli alunni

1 2

IL VERBO

3

78

4 5

essendo partito part-ito essere partito

2 o 952.

Ogni alunno (oppure ogni gruppo) deve elencare in un minuto il maggior numero di verbi che cominciano per la lettera... (A, per esempio). Naturalmente vince l’alunno (o il gruppo) che ha ottenuto più punti. Il gioco può essere ripetuto per tutte le lettere dell’alfabeto. La classe viene divisa in gruppetti di 2/3 alunni. Ogni gruppo elenca dieci verbi indicando come devono essere coniugati (per esempio: partire, condizionale passato, 2ª plurale). Preparata la prova, questa va passata ad un altro gruppo che provvede a coniugare i verbi nella forma indicata. Vince il gruppo che svolge quest’ultima operazione nel tempo più breve (o per primo). Questo gioco è l’inverso del precedente. La classe viene divisa in gruppetti di 2/3 alunni. Ogni gruppo prepara un elenco di dieci verbi già coniugati (per esempio: offrirà). Preparato l’elenco, questo va passato ad un altro gruppo che provvede ad analizzare i verbi indicandone il modo, il tempo, la persona, il numero. Vince il gruppo che svolge quest’ultima operazione nel tempo più breve (o per primo). Ogni alunno (oppure ogni gruppo) deve elencare in un minuto il maggior numero di verbi transitivi che conosce. Naturalmente vince l’alunno (o il gruppo) che ne elenca di più. Il gioco può essere ripetuto anche con i verbi intransitivi. Questo gioco è molto simile al n. 2: ogni gruppo elenca dieci verbi che questa volta devono essere coniugati nella forma passiva (per esempio, donare, indicativo imperfetto, 3ª plurale, forma passiva). Preparata la prova, questa va passata ad un altro gruppo che provvede a coniugare i verbi nella forma passiva. Vince il gruppo che svolge quest’ultima operazione nel tempo più breve (o per primo).


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

le caratteristiche del verbo 1

Nelle seguenti frasi sottolinea i verbi (tempi semplici). 1. La giornata volgeva al termine. – 2. Anche i genitori parteciperanno al Consiglio di Classe. – 3. Quand’ero piccolo, mio padre mi insegnò a nuotare. – 4. Anche urlando e strepitando non otterrai niente. – 5. Il malvivente progettava una rapina in banca. – 6. Se il treno partisse in ritardo, perderemmo la coincidenza per Napoli. – 7. Hai un po’ di tempo per riordinare la tua stanza. – 8. Se non si provvederà in tempo, anche questa specie sparirà.

2

Nelle seguenti frasi sottolinea i verbi (tempi semplici e composti). 1. L’allenatore aveva proposto l’acquisto di un nuovo portiere. – 2. Il giornalista ha confermato più volte la notizia. – 3. La sentinella ha lanciato l’allarme appena ha sentito degli strani rumori. – 4. Se avete completato il lavoro, confrontate i risultati tra voi. – 5. Essendo uscito in ritardo, Marco è arrivato a scuola dopo che la campanella era suonata. – 6. Nonostante i nemici avessero circondato la trincea, i difensori continuarono la resistenza. – 7. Pur avendo riflettuto a lungo, lo scienziato non trovò una soluzione convincente. – 8. Dopo aver compilato la scheda, la consegnerete all’impiegato.

3

Sottolinea i verbi e indica il tempo (passato, presente, futuro). PASSATO PRESENTE FUTURO

1. Il presidente convocò una riunione della commissione. 2. L’impresa porterà a termine il progetto entro il prossimo mese. 3. Qualche giorno fa abbiamo piantato i pomodori nel nostro orto. 4. Marisa ha uno zainetto nuovo. 5. Quando è possibile, usiamo l’autobus invece dell’automobile privata. 6. Fra qualche settimana Franco realizzerà un viaggio di studi all’estero. 7. Il fiume scorre attraverso i prati. 8. Tutti gli scolari superarono gli esami con buoni risultati. 9. Molti giovani parteciperanno all’iniziativa ecologica. 10. Il professore trascrive nel registro la valutazione dei compiti. 11. Il cavaliere saltò in sella e partì al galoppo. 12. Clarabella chiacchiera continuamente con la sua compagna di banco. 13. Il pilota ha compiuto un atterraggio di emergenza. 14. I nonni gradiranno certamente i dolci che avete preparato.

79


MORFOLOGIA E SINTASSI

4

Attribuisci la persona ad ogni verbo. esempio: … giocheremmo 888 noi giocheremmo

5 M

........ dormivi

........ saltò

........ avessero

........ muovete

........ recitino

........ scopriremo

........ hai riparato

........ cancellai

........ contavano

........ avete creduto

........ avessimo indicato

........ provo

........ avrete pensato

........ perdesse

........ ho alzato

........ portaste

........ vorrebbero

........ abbiamo perduto

Dei seguenti verbi indica la coniugazione, il modo, il tempo, la persona, il numero. CONIUGAZIONE

MODO

TEMPO

PERSONA E NUMERO

riceviate guardammo avevano legato era venuto torna! custodiscano permettendo capisco temé pagheremo guadagniamo avranno temuto smetteremmo scrivesse

IL VERBO

punirai

80

ausiliari 6

Cancella l’ausiliare sbagliato. esempio: Paolo ha / è giocato a calcio.

X

1. Il tempo è / ha cambiato e ora fa più freddo. – 2. Qualche frutto era / aveva già caduto. – 3. I bambini sono / hanno camminato lentamente. – 4. Quando vi sarete / avrete seduti, comince-


remo a vedere il film. – 5. Orietta è / ha dormito tutto il pomeriggio. – 6. Orietta si è / ha svegliata prima di cena. – 7. Quell’uomo è / ha sofferto molto. – 8. Per l’improvviso acquazzone tutti si sono /

7 M

hanno rifugiati in casa. – 9. Con questi pacchi pesanti sono / ho salito a piedi fino al quinto piano. – 10. Il cavaliere è / ha saltato l’ostacolo facilmente.

Aggiungi l’ausiliare mancante. 1. Il gruppo .......... sceso per le scale in ordine. – 2. Il terreno .......... sprofondato sotto i suoi piedi. – 3. Dopo quel lungo viaggio noi .......... riposato un po’. – 4. Il bambino .......... corso incontro ai nonni. – 5. Il ciclista .......... corso a una velocità sostenuta. – 6. Il treno si .......... fermato in aperta campagna. – 7. Il poliziotto .......... fermato l’automobilista imprudente. – 8. Il mio vicino si

.......... lamentato per il rumore. – 9. Andrea .......... camminato lungo la spiaggia. – 10. Improvvisamente ci .......... mancato il loro aiuto.

8

Sottolinea i verbi essere e avere quando sono ausiliari. 1. Il portiere ha parato il rigore. – 2. Luca aveva in mente un nuovo progetto. – 3. Il pacco che hai portato è molto pesante. – 4. Quando i lavori di restauro saranno completati, la casa avrà un aspetto diverso. – 5. Con tutta quella pioggia i funghi erano spuntati in fretta. – 6. Il vaso che era sul davanzale è scivolato giù. – 7. Hai un bellissimo vestito: dove l’hai comprato? – 8. Il programma televisivo che avevamo visto era molto noioso.

tempi semplici e tempi composti 9

Sottolinea i verbi e indica se i tempi sono semplici o composti. 1. Ho creduto opportuno avvertire tutti. – 2. È impossibile che abbiate già finito. – 3. Guglielmo era entrato da poco quando squillò il telefono. – 4. Quando avrete sistemato le aiole, il giardino sarà bellissimo. – 5. Chi immaginava che sarebbe finita così? – 6. Maria pensa di avere compiuto solo il proprio dovere.

modi 10

Sottolinea i verbi e indicane il modo. 1. Mi sono addormentato guardando la televisione. – 2. Aperto il libro, ho trovato un quadrifoglio messo lì a seccare. – 3. Lavate bene la frutta prima di mangiarla. – 4. Nessuno sapeva che tu avresti acquistato l’auto nuova. – 5. Anch’io penso che Gabriele abbia ragione. – 6. Conoscendoti, non avrei mai immaginato che tu agissi in quel modo.

11

Coniuga i verbi in corsivo. esempio: Io studiare, se ne avessi voglia. 888 studierei 1. Dubito che tutti i tuoi amici arrivare puntuali alla festa. – 2. Se una guida ci conducesse, visitare il vecchio castello. – 3. Volevo che lui mi fornire subito una giustificazione. – 4. Riuscire meglio in matematica, se facessi regolarmente i compiti. – 5. Se non essere malato, verrei al cinema con voi. – 6. Anche se intervenire nel dibattito, nessuno vi avrebbe ascoltato. – 7. Mi pare che l’auto non procedere bene. – 8. Non sapevo che Marta avere così male. – 9. Pensavo che Marco ottenere un buon risultato nella gara del giorno successivo. – 10. Credo che questi ragazzi affermare il vero.

81


MORFOLOGIA E SINTASSI

tempi 12

Sottolinea i verbi e volgili al passato remoto. 1. Noi partiamo per le vacanze.

........................................................................

2. Qualcuno sente la sirena.

........................................................................

3. I ragazzi non capiscono il significato del libro. ........................................................................ 4. Frequenti volentieri il corso di nuoto?

........................................................................

5. Cinzia tratta bene i bambini.

........................................................................

6. Disegniamo la pianta.

........................................................................

7. I pescatori piegano le reti.

........................................................................

14 M 13

Volgi al futuro i verbi che hai sottolineato nell’esercizio precedente. Coniuga i verbi in corsivo nei tempi dell’indicativo scritti tra parentesi. 1. Una fitta nebbia avvolgere (imperf.) ......................................... la pianura. 2. L’alpinista solitario affrontare (pass.rem.) ......................................... la difficile parete ovest. 3. Un fattorino consegnare (pass.pross.) ......................................... poco fa il pacco. 4. I signori ospiti lasciare (ind.fut.) ......................................... l’albergo entro le ore 10. 5. Durante la tappa, i campioni risparmiare (pass.rem.) ......................................... energie per la volata finale. 6. Dopo che la festa finire (fut.ant.) .............................................., i ragazzi riordinare (fut.sempl.) .............................................. la casa.

15 M

7. Le tue parole ci stupire (pres.) .............................................. 8. Quest’anno noi ci recare (fut.sempl.) .............................................. in montagna per le ferie.

Cancella la forma verbale non adatta, scegliendo tra passato prossimo e passato remoto. 1. Spartaco guidò / ha guidato la rivolta degli schiavi nell’antica Roma. – 2. Ieri, cadendo, mio fra-

tello si fratturò / è fratturato un braccio. – 3. Consegna il compito se lo finisti / hai finito. – 4. Mio nonno da giovane combatté / ha combattuto in guerra. – 5. Devo sostituire la lampadina che si rup-

16 M

pe / è rotta. – 6. Il referendum costituzionale del 1946 sancì / ha sancito la nascita della Repubbli-

IL VERBO

ca in Italia.

82

Cancella la forma verbale non adatta, scegliendo tra passato remoto e imperfetto. 1. Quando giocai / giocavo a calcio, ero un ottimo terzino. – 2. Quando cominciò / cominciava a piovere eravamo ancora per strada. – 3. Mentre giocò / giocava, Loredana si ferì. – 4. Ripetei la poesia finché non la imparai / imparavo bene. – 5. Il capitano fece ammainare le vele mentre la tempesta già infuriò / infuriava. – 6. Quando il centravanti segnò / segnava il gol, dallo stadio si

levò un boato.


17

Coniuga al congiuntivo i verbi in corsivo.

FORMA CONIUGATA

1. Benché Ornella ti telefonare, ti sei dimenticato dell’appuntamento. 2. Se io abitare ancora nel vecchio quartiere, incontrerei spesso i vecchi amici. 3. Anche loro capirebbero la musica classica, se la ascoltare più di frequente. 4. Credo che il film già iniziare. 5. Arturo avrebbe certamente più amici, se essere meno prepotente. 6. Dubito che Loris parlare a ragion veduta. 7. Mario crede che i suoi genitori non lo capire. 8. Se il falegname finire i lavori, potremmo entrare nel nuovo appartamento.

18

Coniuga al condizionale i verbi in corsivo.

FORMA CONIUGATA

1. Se conosceste bene Franco, avere anche voi fiducia in lui. 2. Sandra sapeva che il professore la interrogare l’ora successiva. 3. Se Pino fosse veramente interessato, seguire attentamente l’esperimento. 4. Ero certo che anche tu e Teresa partecipare l’indomani alla gita. 5. L’incidente non accadere, se l’automobilista fosse stato più prudente. 6. Se fossi al tuo posto raccontare tutto a Mariella. 7. Il ministro dichiarò che i prezzi diminuire entro pochi mesi. 8. Se il tempo migliorasse, uscire per fare una passeggiata.

19

Coniuga al gerundio presente o passato i verbi in corsivo.

FORMA CONIUGATA

1. Ho trovato queste vecchie lettere, riordinare i miei cassetti. 2. Il bicchiere è caduto rompersi in mille pezzi. 3. Parlare bene il francese, non ho avuto problemi a Parigi. 4. Superare l’esame di guida, Riccardo ha conseguito la patente. 5. Superare l’esame di guida, anche Valentina conseguirà la patente. 6. Dichiarare il falso, il testimone fu condannato. 7. Pur seguire scrupolosamente le istruzioni, non sono riuscito a far funzionare il videoregistratore.

83


20 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Nelle seguenti frasi, il verbo è coniugato all’infinito presente; in alcune, tuttavia, va coniugato al passato. Segnala con una X nella prima colonna se il tempo dell’infinito è adeguato. In caso contrario, scrivi la forma corretta nella seconda colonna. L’esercizio è avviato. FORMA SBAGLIATA

1. Il giovane studiava per diventare medico.

no

2. Andrea è chiuso fuori casa per dimenticare le chiavi.

X

VA CORRETTA COSÌ

aver dimenticato

3. Stefano decide di iscriversi all’Istituto Tecnico. 4. Il ragazzo era contento per aiutare il suo amico. 5. Il ragazzo si prodigò per aiutare il suo amico. 6. Teresa ci ha raccontato di raccogliere un cucciolo abbandonato. 7. Il bambino era molto triste di rompere il suo giocattolo nuovo. 8. Luca è stato lodato dal professore per preparare una bella tesina. 9. Cristoforo Colombo, fino alla sua morte, non seppe di scoprire un nuovo continente. 10. Per superare il camion ho dovuto accelerare.

esercizi sui verbi irregolari 21

Coniuga i verbi irregolari nella forma indicata. 1. Martino non volere (ind.pass.rem.) ....................................... chiedere scusa, perché ritenere (ind.pass.rem.) ........................................ di avere ragione lui. – 2. Mi pare che questo vestito ti andare (cong.pres.) ...................................... proprio bene, ma che dovere (cong.pres.) ...................................... essere accorciato un po’. – 3. A tutti gli invitati piacere (pass.rem.) ...................................... i tuoi pasticcini al salmone. – 4. Se voi giungere (cong.trapass.) ..................................... entro il tempo massimo, i giudici di gara non vi espellere (condiz.pass.) ........................................ – 5. Graziano, dare (imperat.) ...................................... una mano al nonno! – 6. Tutte le luci si spegnere (ind.pass.rem.) .................................... improvvisamente e la

IL VERBO

casa rimanere (ind.pass.rem.) ................................... al buio.

84

22

Volgi al passato remoto i verbi delle seguenti frasi. 1. Leggo ................................... con molto piacere un romanzo giallo. – 2. I giocatori si dirigono ................................... verso gli spogliatoi. – 3. Chi chiede ................................... le informazioni allo sportello? – 4. Giordana e Lorenzo prendono ................................... le valigie. – 5. L’armonium produce ................................... un suono meraviglioso. – 6. Il soprammobile di ceramica si rompe ................................... facilmente. – 7. Vanna mi scrive ................................... una lettera affettuosa.


23

Volgi al passato prossimo i verbi delle seguenti frasi. 1. L’azienda assume ................................... nuovi operai. – 2. Perché non rispondete ................................... alle mie lettere? – 3. L’avvocato difende ................................... con molta energia l’imputato. – 4. L’industria produce ................................... un nuovo farmaco molto efficace. – 5. Trascorriamo ................................... la serata con alcuni amici. – 6. Scorgo ................................... delle ombre tra gli alberi. – 7. Spingiamo ................................... l’auto fino al distributore di benzina.

24

Volgi al futuro i verbi delle seguenti frasi. 1. Quale città andate ................................... a visitare? – 2. Chi conduce ................................... il dibattito? – 3. Sappiamo .................................. quale scelta fare. – 4. Tengo ................................... questo segreto per me. – 5. Rimangono ................................... fermi nelle loro opinioni. – 6. Devi ................................... superare delle prove difficili. – 7. Cosa accade ................................... se non possiamo ................................... venire?

25

Volgi al congiuntivo presente i verbi in corsivo. 1. Penso che Carlo non potere ................................... uscire. – 2. Tutti sono convinti che Giuseppe possedere ................................... le competenze necessarie. – 3. Ho paura che fare ................................... troppo freddo per andare in gita. – 4. È possibile che Giulia non sapere ................................... quello che fa. – 5. Penso che valere ................................... la pena di tentare. – 6. Temo che il sogno sparire .................................... – 7. È necessario che ognuno trarre ................................... le sue conclusioni.

verbi transitivi e verbi intransitivi 26

Indica se i seguenti verbi sono transitivi (T) o intransitivi (I).

Sottolinea i verbi e indica se sono transitivi o intransitivi.

INTRANSITIVO

27

TRANSITIVO

ricevere (....) • riuscire (....) • resistere (....) • difendere (....) • avere (....) • prendere (....) • giocare (....) • provocare (....) • pensare (....) • incontrare (....) • intervenire (....) • esprimere (....) • piacere (....) • interessare (....)

1. Speriamo nella vittoria della nostra squadra. 2. Il mio amico Sandro abitava in una bella casetta, in periferia. 3. Ricordate le fiabe della nonna? 4. Laura e Chiara parlavano tra loro sottovoce. 5. I cittadini proposero la creazione di un parco nella zona. 6. Domani la sveglia suonerà alle 7. 7. Il cliente ha pagato la consumazione ed è uscito. 8. Tra poco l’arbitro fischierà la fine della partita.

85


28 M

MORFOLOGIA E SINTASSI I seguenti verbi possono essere usati sia come transitivi sia come intransitivi. Con ognuno costruisci una frase in cui sia usato come transitivo, un’altra in cui sia usato come intransitivo. iniziare • perdere • sognare • urlare • vincere • aspirare • finire • aspettare • combattere • aumentare

forma attiva e forma passiva 29

Indica se il soggetto (la parola scritta in corsivo) compie o subisce l’azione. COMPIE L’AZIONE

SUBISCE L’AZIONE

1. Le ciliegie saranno raccolte tra qualche giorno. 2. Anna è uscita di casa verso mezzogiorno. 3. Il professore è stato colpito dalla vostra bravura. 4. La neve fu ammassata ai lati della strada. 5. Molti visitatori sono entrati oggi alla mostra. 6. Il romanzo sarà pubblicato da una nota casa editrice. 7. Molti erano usciti prima della fine dello spettacolo.

30 M

8. Andrea è interrogato dal professore di scienze.

Quando il soggetto compie l’azione, il verbo è nella forma attiva, quando il soggetto subisce l’azione il verbo è nella forma passiva. Nelle seguenti frasi, il soggetto è scritto in corsivo, il verbo in neretto: indica ora quali verbi sono nella forma attiva, quali nella forma passiva. FORMA ATTIVA

1. Gli ultimi corridori sono giunti al traguardo. 2. Il Consiglio d’Istituto è stato convocato per domani. 3. Lavinia fu convinta dai suoi genitori a continuare gli studi. 4. La pioggia è caduta in abbondanza al Centro-Nord. 5. Il relitto è stato recuperato da un gruppo di sommozzatori. 6. Il gattino era salito sull’albero. 7. L’antica Gallia era dominata dai Romani.

IL VERBO

8. Gianni è andato poco fa da un suo amico.

86

31

Attribuisci la persona ai seguenti verbi passivi. esempio: ......... sei stato seguito. 888 Tu sei stato seguito. .......... .......... .......... .......... ..........

furono salvati eri stato invitato era descritto fummo sconfitti siete stati promossi

.......... .......... .......... .......... ..........

siamo aiutati sarete visti sono accolto sei accusato sarà costruito

FORMA PASSIVA


32

Dei seguenti verbi passivi indica se sono al passato, al presente o al futuro.

PASSATO

PRESENTE

FUTURO

sarete inseriti foste ingannati sono fermato eri trattato siamo stati ricevuti sarà comunicato sarà stato scoperto è stato capito siamo interrotti

33 M

è stato ascoltato furono costruiti

Coniuga i verbi in corsivo nella forma passiva.

1. L’auto nuova mi consegnare ............................. domani. – 2. Spero che il pacco recapitare ............................. già al destinatario. – 3. Il manifesto affisso dal comune, leggere ............................. da pochi cittadini. – 4. Nonostante fossero passati tanti anni, Luigi riconoscere ............................. subito dai suoi vecchi amici. – 5. I lavori di restauro della villa antica realizzare ............................. nei prossimi mesi. – 6. Lo spettacolo trasmettere ............................. alla televisione questa sera. – 7. Si credeva che il problema non studiare ............................. mai in precedenza. – 8. Nel Medio Evo, la nostra città circondare ............................. da alte mura.

34 M

Dei seguenti verbi passivi indica il modo, il tempo, la persona, il numero. MODO

TEMPO

PERSONA

NUMERO

sarà permesso sareste riconosciuti sono stati privati foste incaricati ero sostituito siate persuasi fui colpito è trasmesso essendo stato proclamato essere stato interpellato fu rilevato siano stati conclusi saranno sorvegliati

87


MORFOLOGIA E SINTASSI

35

Volgi le seguenti frasi nella forma passiva. L’esercizio è guidato. 1. 2. 3. 4. 5. 6.

36

Un mio amico ha dipinto questo quadro. 4 Questo quadro .......................... da un mio amico. Il negoziante ha riconosciuto il ladro. 4 Il ladro ............................ dal negoziante. Il presidente inaugurerà la fiera. 4 La fiera ............................ dal presidente. Stefania ha acquistato il disco. 4 Il disco ............................ da Stefania. Il professore mi prestò questo libro. 4 Questo libro mi ............................ dal professore. I ragazzi vedranno lo spettacolo teatrale. 4 Lo spettacolo teatrale .......................... dai ragazzi.

Volgi le seguenti frasi nella forma attiva. L’esercizio è guidato. 1. 2. 3. 4. 5. 6.

37 M

La strada fu interrotta da una frana. 4 Una frana ..................................... la strada. La lettera è stata spedita dall’impiegato. 4 L’impiegato ................................... la lettera. I giochi sono interrotti dalla pioggia. 4 La pioggia ................................... i giochi. La notizia ci fu data dai nostri amici. 4 I nostri amici ci ................................... la notizia. Marta è salutata dalle amiche. 4 Le amiche ................................... Marta. La bicicletta mi sarà regalata dalla zia. 4 La zia mi ................................... la bicicletta.

Volgi al passivo le seguenti frasi attive. 1. Quell’anno il partito democratico vinse le elezioni negli Stati Uniti. .......................................................................................................................................... 2. Lucia mi ha descritto la gita in barca in tutti in particolari. .......................................................................................................................................... 3. Alfredo esporrà ai compagni i punti essenziali del libro. .......................................................................................................................................... 4. Enzo ha terminato in tempo il lavoro. .......................................................................................................................................... 5. Qualcuno ha avvisato Susanna del nuovo orario? ..........................................................................................................................................

38 M

6. Chi ha fatto questo disegno? ..........................................................................................................................................

Volgi all’attivo le seguenti frasi passive. 1. Giulio è stato rimproverato più volte da sua madre. .......................................................................................................................................... 2. La finestra è stata spalancata da un colpo di vento. ..........................................................................................................................................

IL VERBO

3. La popolazione fu soccorsa da centinaia di volontari. ..........................................................................................................................................

88

4. Questi reperti archeologici sono considerati di grande valore dagli studiosi. .......................................................................................................................................... 5. La famosa cantante lirica fu fischiata dal pubblico della Scala. .......................................................................................................................................... 6. Il ragazzo fu ingiustamente accusato dai compagni. ..........................................................................................................................................


39 M

Sostituisci il si passivante con la forma del passivo. 1. Si addestrano i cani a fare la guardia. .......................................................................................................................................... 2. Si sono discusse a lungo le decisioni del Consiglio. .......................................................................................................................................... 3. Certi vestiti si usavano una volta. .......................................................................................................................................... 4. Sul fantasma del castello si raccontavano storie paurose. .......................................................................................................................................... 5. Fra pochi giorni si festeggerà il tuo compleanno. ..........................................................................................................................................

40 M

6. La musica si sente anche al piano di sotto. ..........................................................................................................................................

Sostituisci la forma passiva con il si passivante. 1. Il vero movente dell’assassinio era ignorato. .......................................................................................................................................... 2. L’uva è vendemmiata alla fine dell’estate e in autunno. .......................................................................................................................................... 3. È stata notata la tua assenza alla festa. .......................................................................................................................................... 4. Nel romanzo era raccontata la storia di due ragazzi intraprendenti. .......................................................................................................................................... 5. Nell’articolo, la vicenda è stata travisata. .......................................................................................................................................... 6. Erano state dette cose malevole sul conto di Giuseppe. ..........................................................................................................................................

41 M

verbi riflessivi e pronominali Indica se i verbi presenti nelle seguenti frasi sono riflessivi o pronominali. 1. Ti sei lavato bene in così poco tempo?

..................................................................

2. Prego, signora, si sieda qui al mio posto.

..................................................................

3. Domani mi alzerò tardi perché è vacanza.

..................................................................

4. I ribelli si impadronirono del castello.

..................................................................

5. Ci siamo incontrati nella piazza del Mercato.

..................................................................

6. Giorgio, cadendo, si graffiò un ginocchio.

..................................................................

7. Non vi vergognate di pensare una cosa simile?

..................................................................

89


MORFOLOGIA E SINTASSI

verbi impersonali 42

Sottolinea i verbi e le costruzioni impersonali. 1. Si potrà giocare quando si saranno distribuite tutte le carte. – 2. In tribunale si dimostrò con le prove la colpevolezza dell’imputato. – 3. Nell’ultima riunione si è deciso di rimandare l’acquisto perché è troppo oneroso. – 4. È opportuno che valutiamo bene tutte le possibili conseguenze. – 5. In quella stanza faceva molto freddo, ma nessuno osava lamentarsi. – 6. Sui giornali si scrive che il presidente

43 M

starebbe per dimettersi. – 7. Al mare si stava bene: non pioveva mai, non faceva troppo caldo e natu-

ralmente si potevano fare delle belle nuotate. – 8. Non si tornerà a casa per la cena.

Indica se la particella si è passivante, riflessiva oppure impersonale. 1. Marcella e Caterina si sono truccate per la festa.

.........................................................

2. Si è capito subito che l’incidente era grave.

.........................................................

3. Nella notte si sentirono degli spari.

.........................................................

4. In questi giorni si possono osservare le stelle cadenti.

.........................................................

5. I genitori si incontreranno per discutere il problema.

.........................................................

6. L’anno scorso si parlò molto di questo film.

.........................................................

7. Gli alunni si sono preparati una traccia per la ricerca.

.........................................................

8. Fino alla fine non si poté capire la soluzione del giallo. .........................................................

verbi servili e fraseologici 44

Sottolinea i verbi dovere, potere, volere quando sono servili. 1. Le dovete rispetto perché è una persona anziana. – 2. Voleva un gelato al cioccolato e gliel’ho dovuto comprare. – 3. Il guidatore non può nulla contro un pericolo improvviso, deve solo affidarsi ai

45 M

suoi riflessi. – 4. Anch’io vorrei esprimere il mio pensiero. – 5. Puoi fidarti di una persona come Gia-

como. – 6. Voi volete l’impossibile da me: in questo caso non posso aiutarvi.

Completa le frasi con l’ausiliare mancante. 1. Laura non ....... potuto comprare il vestito che le piaceva. – 2. Ieri sera io ....... dovuto uscire. – 3. Perché tu non ....... voluto finire questo giallo? – 4. Non so perché Francesco non ....... voluto restare a cena. – 5. Tu non ....... dovuto rispondere a tuo padre in quel modo. – 6. Piero non .......

46 M

potuto venire in gita. – 7. Durante il viaggio Daniele ....... dovuto ricorrere al meccanico. – 8. Quest’anno mio padre ....... potuto prendere solo pochi giorni di ferie.

IL VERBO

Indica se i verbi cominciare, continuare, smettere, finire, stare sono fraseologici (F) o hanno un significato proprio (SP).

90

1. Beatrice ha deciso di continuare (...) gli studi. – 2. Quando siamo giunti in montagna, stava (...) nevicando. – 3. Il film è cominciato (...) in anticipo. – 4. Quando smetterete (...) di lavorare, vi preparerò la cena. – 5. Marco stava (...) in silenzio, con aria di rimprovero. – 6. Il guerriero continuò (...) a combattere fino alla fine. – 7. Quando l’architetto finì (...) il disegno del palazzo, cominciò (...) a pensare al giardino. – 8. Il temporale smise (...) improvvisamente come era cominciato (...). – 9. Quando la finirete (...) di lamentarvi? – 10. Silenzio, per favore! Lo spettacolo sta (...) per cominciare (...).


L’USO DEI TEMPI DEL PASSATO (suggerimenti per migliorare la produzione di testi) Nella comunicazione reale, la diversità d’uso del passato prossimo e del passato remoto caratterizza anche le varietà regionali dell’italiano: mentre nelle regioni centro-meridionali si usa prevalentemente il passato remoto anche per indicare vicende appena accadute, vicine nel tempo (Ieri andai dal medico che mi prescrisse degli esami clinici), nelle regioni settentrionali viceversa si ricorre quasi sempre al passato prossimo anche per eventi lontani (Sul Carso si sono combattute feroci battaglie durante la prima guerra mondiale). Tali consuetudini linguistiche non si modificano in poco tempo. Tuttavia è opportuno rivolgere l’attenzione al problema, per esempio quando si elabora un testo scritto. Un altro aspetto su cui è necessario riflettere è la concordanza dei tempi dei verbi in questi due sensi: – l’adeguamento dei tempi e dei modi delle subordinate rispetto alla principale; – l’uniformità dei tempi verbali della narrazione. Il primo aspetto è spiegato laddove si affrontano i modi e i tempi dei verbi nelle subordinate. Anche il secondo aspetto è importante, perché a volte capita di raccontare episodi del passato “scivolando”, quasi senza accorgersene, dal passato remoto al passato prossimo o al trapassato, e viceversa, magari con qualche “puntata” nel presente (che, in questo caso, non ha nulla di storico), anche se si sta narrando una vicenda avvenuta da tanto tempo.

ESERCIZI 1

Leggi il seguente brano e controlla se, a tuo parere, i tempi del passato sono usati in modo corretto. Se ritieni che l’uso dei tempi passati non sia corretto, riscrivilo. Morto Filippo II di Macedonia nel 336 a.C., è diventato re suo figlio Alessandro il Grande, che aveva allora vent’anni. Questi è sceso in Grecia dove ha affermato la propria supremazia alleandosi con alcune città e distruggendo quelle che non riconoscevano il suo dominio. Quindi, nel 334 a.C., alla testa di un esercito ben armato e potente, ha attaccato il grande impero persiano. Ha sconfitto gli eserciti nemici, ha fondato città, ha tracciato nuove strade e, superando incredibili ostacoli naturali, è giunto fino al fiume Indo. In dieci anni Alessandro Magno ha creato il più grande impero che si sia conosciuto fino ad allora. Ma egli non ha potuto consolidare questo impero perché è morto all’età di 33 anni, nel 324 a.C.

2

Prendi ora in esame alcuni testi narrativi che hai prodotto di recente e controlla se il passato prossimo e il passato remoto sono usati opportunamente.

3

In questo breve testo narrativo, i tempi del passato non sono uniformi: si passa facilmente dal passato prossimo al passato remoto e viceversa. Correggi tu i tempi dei verbi, in modo che la narrazione sia uniforme. È accaduto due anni fa: una mattina d’estate mi svegliai presto e, per prendere un po’ d’aria, mi sono affacciato al balcone, che dà sulla strada. Subito non me ne sono accorto, perché ero ancora insonnolito, ma poco dopo vidi che la nostra auto era sparita. Normalmente mio padre parcheggia l’auto davanti a casa perché non abbiamo il garage. Spaventato corro a svegliare i miei. Mio padre subito non capì cos’era successo, ma poi anche lui è corso e ha pensato che l’auto era stata rubata. Si disperò e credo che stesse per piangere. Tutto agitato ha telefonato alla polizia...

4

Controlla i tuoi eleborati e verifica se i tempi dei verbi sono uniformi al passato remoto o al passato prossimo o al presente.

91


MORFOLOGIA E SINTASSI

LA FORMAZIONE DEI NOMI Anche la categoria dei nomi, come quella dei verbi, è in continua espansione per soddisfare la necessità di indicare oggetti, vicende, fenomeni nuovi. Dal punto di vista della loro “formazione”, i nomi si possono dividere in due grandi gruppi:

• i nomi “originali” (detti propriamente primitivi), costituiti dalla radice e dalla desinenza (cas-a, giorn-o, •

pont-e); i nomi che in vari modi discendono da quelli “originali”. Tali modi sono l’alterazione, la derivazione, la composizione.

Si osservino le seguenti parole, che hanno una parte del significato in comune: scarp-a

è un nome primitivo

scarp-in-a

è un nome alterato

scarp-ier-a

è un nome derivato

lustra-scarpe

è un nome composto

Nei paragrafi precedenti sono già stati presentati l’alterazione e la composizione dei nomi. Un altro sistema importante per la produzione di nomi nuovi è la derivazione.

I NOMI DERIVATI Con il sistema della derivazione si producono nomi nuovi, di significato autonomo, partendo da una parola di base a cui si aggiungono prefissi o suffissi che modificano il significato delle parole originali a cui sono aggiunti. libro 888 libraio, libreria felicità888 infelicità

Prefissi e suffissi • I prefissi sono particelle collocate all’inizio di una parola

dis-obbedienza • I suffissi sono particelle collocate alla fine di una parola mut-a-mento Con i suffissi possiamo ottenere nomi derivati da:

• verbi • aggettivi • altri nomi

partenza da partire bellezza da bello panificio da pane

IL NOME

Inoltre, mediante l’uso dei suffissi si possono ottenere nomi:

92

• • • • •

astratti

felicità da felice, giustizia da giusto

di azioni

osservazione da osservare, inseguimento da inseguire, fornitura da fornire

di “agenti” lavoratore da lavorare, telefonista da telefono, giornalaio da giornale collettivi

fogliame da foglia

di luoghi

pineta da pino, ecc.


Con i prefissi si creano nomi che esprimono, per esempio:

• il contrario del nome di base in-giustizia, dis-uguaglianza; contra-c-colpo, anti-fascista; • opposizione com-paesano, con-corrente, ecc. • l’idea “insieme” Ovviamente suffissi e prefissi possono essere aggiunti insieme nella stessa parola (col-labor-azione, alfabet-ismo).

an-

ESERCIZI 1

2

3

Dai seguenti aggettivi ricava i nomi astratti. esempio: abbondante888 abbondanza felice

...........................

misero ...........................

elegante

.................................

pedante

...........................

estraneo...........................

irrequieto .................................

reale

...........................

muto

...........................

splendido .................................

zoppo

...........................

acre

...........................

fragrante .................................

tranquillo ...........................

caldo

...........................

scorrevole .................................

strano

...........................

totale

...........................

pazzo

precoce

...........................

feroce

...........................

stanco

................................. ...............................

Elenca i nomi che derivano dai seguenti verbi. esempio: partire888 partenza apparire ............................

richiedere..........................

cadere

.............................

assumere ............................

scrivere

..........................

crescere

.............................

difendere ............................

fungere

..........................

pungere

.............................

comporre ............................

spiegare ..........................

pulire

.............................

incidere

............................

scuotere ..........................

redigere

.............................

volere

............................

vedere

nascere

.............................

cuocere

............................

conoscere..........................

..........................

illuminare .............................

Utilizzando i prefissi e i suffissi adeguati, forma i nomi derivati da questi altri nomi. esempio: acqua888 risciacquo, acquarello, acquario, acquedotto, acquicoltura. casa

...............................

giorno ...............................

carta

................................

legno

...............................

aria

...............................

terra

................................

cane

...............................

carro

...............................

salume ................................

rosa

...............................

libro

................................

occhio ............................... frutto

...............................

pianto ...............................

latte

................................

piede

...............................

gamba ...............................

mano

................................

fuoco

...............................

porta

opera

................................

...............................

93


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: I NOMI INDICANO

HANNO UN

VARIANO SECONDO

persone, animali “cose” (oggetti, luoghi, azioni, attività, idee, ecc.)

GENERE

i maschile j k femminile

a c d

il lo il

i gli i

poet-a stel-o fium-e

-i -i -i

i singolare

a c d

la la la

le le le

maestr-a man-o ret-e

-e -i -i

NUMERO j

k plurale ARTICOLI

POSSONO ESSERE

Giochi •

comuni, propri concreti, astratti individuali, collettivi

sono i “rivelatori” dei nomi

952

Questo gioco molto probabilmente è già noto, comunque è molto semplice. Il gioco è avviato. 1. Preparate su un foglio una tabella come quella riportata qui sotto, contenente sei o sette colonne.

R

MARI

MONTI

FIUMI

CITTÀ

FIORI E FRUTTI

Rosso

Rosa

Rodano

Roma

rododendro

PUNTI

IL NOME

2. All’inizio di ogni colonna scrivete una categoria di nomi (per esempio: nomi propri di monti, di fiumi, di stati, di città, oppure nomi propri di personaggi storici, di artisti, di scrittori ma anche di cantanti, attori, personaggi dello spettacolo, di sportivi oppure ancora nomi comuni di fiori e frutti, di animali, di alberi, e poi titoli di libri, di film e così via).

94

3. Estraete a caso una lettera dell’alfabeto e, in un certo intervallo di tempo (2 o 3 minuti), i concorrenti scriveranno i nomi che iniziano con quella lettera, uno per ogni casella. 4. Attribuite 2 punti per ogni risposta data; se però la stessa risposta è data da più ragazzi, il punteggio si riduce a 1 punto. 5. Alla fine del gioco sommate i punteggi realizzati per ogni riga: ovviamente vince chi ha ottenuto più punti.


Esercizi

2

di recupero e di potenziamento

le caratteristiche del nome 1

Sottolinea i nomi e spiega se indicano persone, animali, oggetti, sensazioni, ecc. 1. La torta di frutta è una specialità di quel pasticciere. .......................................................................................................................................... 2. Sulla spiaggia i bambini hanno costruito un castello di sabbia. .......................................................................................................................................... 3. Sotto quei massi si annidano delle vipere. .......................................................................................................................................... 4. In giardino ho seminato l’erba. .......................................................................................................................................... 5. Dopo la caduta sentii un dolore acuto alla spalla. .......................................................................................................................................... 6. Un branco di camosci si muoveva lentamente ai piedi delle rocce. .......................................................................................................................................... 7. Il nonno raccontava i suoi ricordi di gioventù. .........................................................................................................................................

2

Sottolinea i nomi e indica se sono maschili o femminili. 1. Da quando porti gli occhiali da vista? .......................................................................................................................................... 2. Tra le nubi si comincia a vedere il cielo azzurro, ma la pioggia continua a cadere. .......................................................................................................................................... 3. Mia madre ha comprato le petunie da piantare nei vasi sul davanzale. .......................................................................................................................................... 4. Il tappezziere ha messo le tende nuove in tutta la casa. .......................................................................................................................................... 5. Fate ora una sintesi del brano appena letto. .......................................................................................................................................... 6. In questo calendario sono segnate anche le fasi lunari. .......................................................................................................................................... 7. Una nostra giornalista ha intervistato il famoso atleta. ..........................................................................................................................................

3

Sottolinea i nomi e indica se sono singolari o plurali. Sull’isola di San Giulio, c’è la villa del barone Lamberto, un signore molto vecchio (ha novantatrè anni), assai ricco (possiede ventiquattro banche...), sempre malato. Le sue malattie sono ventiquattro. Solo il maggiordomo Anselmo se le ricorda tutte. Le tiene elencate in ordine alfabetico in un piccolo

95


MORFOLOGIA E SINTASSI taccuino [...] Accanto a ogni malattia Anselmo ha annotato le medicine da prendere, a che ora del giorno e della notte, i cibi permessi e quelli vietati, le raccomandazioni dei dottori... G. Rodari, C’era due volte il barone Lamberto, Einaudi, Torino 1978

.............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

4

Scrivi accanto ad ogni definizione il nome collettivo corrispondente. Attenzione: alcune definizioni differenti possono riferirsi ad uno stesso nome collettivo. insieme di fogli di carta

.....................................................................

insieme di lupi

.....................................................................

insieme di anatre in volo

.....................................................................

insieme organizzato di persone che discutono

.....................................................................

insieme di spettatori

.....................................................................

insieme di tavole o pezzi di legno

.....................................................................

insieme di giocatori

.....................................................................

insieme di cavalli selvaggi

.....................................................................

insieme di marinai di una nave

.....................................................................

insieme di persone che hanno un antenato comune ..................................................................... insieme di soldati

..................................................................... mandria • tribù • equipaggio • branco • risma • stormo • squadra • pubblico • assemblea • catasta

5 M

le particolarità del nome Quando è possibile, cambia il genere dei nomi in corsivo e adegua gli altri elementi della frase. 1. Quel signore è un mio collega. .......................................................................................................................................... 2. La tigre è un felino pericoloso, originario dell’India. .......................................................................................................................................... 3. L’autrice del romanzo è stata intervistata da un nostro inviato. .......................................................................................................................................... 4. L’elefante più vecchio fu catturato facilmente dai bracconieri.

IL NOME

..........................................................................................................................................

96

5. Tua nipote è stata promossa? .......................................................................................................................................... 6. Un bravo giornalista cerca di conoscere i fatti. .......................................................................................................................................... 7. Il nuovo direttore dell’agenzia è esperto in ricerche di mercato. ..........................................................................................................................................


6 M

I nomi in corsivo hanno un’unica forma per il maschile e per il femminile. Tuttavia, adattando altri elementi della frase, è possibile rendere i nomi maschili al femminile e viceversa: esegui l’esercizio. esempio: I quadri esposti in questa sala appartengono a un’artista ancora poco nota. artista: femminile 888 forma maschile = un artista poco noto. 1. I costumi del film sono stati disegnati da un famoso stilista. 2. Una giornalista sportiva commenta la corsa ciclistica. 3. Nel romanzo giallo l’insospettabile omicida era un cameriere. 4. La casa fu venduta dall’unica erede. 5. La famosa regista fu accolta da un gruppo di ammiratori. 6. Un nostro inserviente rifarà il letto e ripulirà la stanza. 7. Il portalettere del mio paese è stato assunto da poco. 8. L’acrobata fu applaudita a lungo dal pubblico. 9. Il giovane cantante, vincitore del concorso canoro, sarà premiato al termine della rassegna.

7 M

10. Il caporeparto ha dato le istruzioni essenziali ai nuovi assunti.

Spesso i nomi maschili di persona sono usati per indicare non solo uomini ma anche uomini e donne. Segnala la differenza completando la tabella. L’esercizio è avviato. MASCHI E SOLO FEMMINE

MASCHI

X

1. Raul e Ivan erano i migliori domatori di tigri del circo. 2. Per diventare domatori nel circo occorrono anni di esercizio. 3. I coristi stavano sulla sinistra del palco. 4. Nel monastero benedettino i coristi avevano una funzione fondamentale. 5. Numerosi lettori scrissero lettere indignate ai loro giornali. 6. Questa rivista è rivolta di preferenza a lettrici piuttosto che a lettori. 7. Nell’Ottocento si assegnavano alle maestre le prime classi elementari, ai maestri le classi del secondo ciclo. 8. I maestri attendono le loro classi nell’atrio. 9. I ragazzi iscritti alla scuola sono più di mille. 10. A Lucia piacciono i ragazzi coi capelli ricci. 11. Nella storia della letteratura gli scrittori sono molto più numerosi delle scrittrici. 12. A scuola abbiamo letto le opere di molti scrittori francesi.

8

Inventa delle frasi in cui ognuno dei seguenti nomi sia usato opportunamente. Dalle frasi si deve capire la differenza tra le parole di ogni coppia. 1. Il bollo / La bolla 2. Il mento / La menta 3. L’arco / L’arca

4. Il tappo / La tappa 5. Il caso / La casa 6. Il palo / La pala

7. Il foglio / La foglia 8. Il tasso / La tassa 9. Il mostro / La mostra

10. Il filo / La fila 11. Il modo / La moda 12. Il ballo / La balla

97


MORFOLOGIA E SINTASSI

9

10

Trascrivi i nomi volgendoli al plurale. occhio

...................................................

dente

.......................................................

scialle

...................................................

sostanza .......................................................

frutto

...................................................

uomo

premio

...................................................

flautista .......................................................

.......................................................

ginocchio ...................................................

gesto

.......................................................

città

...................................................

eclissi

.......................................................

patriarca ...................................................

mosca

.......................................................

maestà

...................................................

tascapane ......................................................

crisi

...................................................

fossile

riso

...................................................

fantasma .......................................................

eremita

...................................................

cardine

.......................................................

farmacista..................................................

pioggia

.......................................................

.......................................................

linea

...................................................

terapeuta .......................................................

verità

...................................................

trincea

.......................................................

moglie

...................................................

serie

.......................................................

gorilla

...................................................

caffè

.......................................................

Volgi al plurale i nomi e adegua gli altri elementi della frase. 1. Il catalogo della mostra è venduto presso la cassa. .......................................................................................................................................... 2. Il meccanico fu veloce nella riparazione. .......................................................................................................................................... 3. La farmacia di turno sarà aperta fino a mezzanotte. .......................................................................................................................................... 4. La spiaggia più bella si trova sulla costa orientale. .......................................................................................................................................... 5. Il grido degli uccelli riempiva l’aria del parco. .......................................................................................................................................... 6. Il muro della città fu abbattuto dai barbari. ..........................................................................................................................................

11 M

7. La cassapanca era piena di vecchi indumenti. ..........................................................................................................................................

IL NOME

Volgi al plurale i seguenti nomi composti.

98

scioglilingua ..............................................

portachiavi ..................................................

grattacielo

..............................................

caposquadra ..................................................

pomodoro

..............................................

fiordaliso

..................................................

sottoscala

..............................................

copriletto

..................................................

frangiflutti

..............................................

cavatappi

..................................................

doposcuola ..............................................

pescespada ..................................................

tagliaunghie ..............................................

purosangue ..................................................


12 M

Sottolinea gli errori nella formazione del plurale dei nomi e scrivi le forme corrette. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

13 M

.................................... Dopo le abbondanti nevicate tutti i valici dolomitici sono chiusi. Le membra del consiglio hanno approvato la delibera a maggioranza. .................................... Molti stranieri vengono sulle spiaggie italiane. In quel parco si possono osservare molte speci animali protette. Davanti alle case erano accesi i fuoci. Passami gli elastichi. Rosaria si è tagliata le bellissime treccie nere.

.................................... .................................... .................................... .................................... ....................................

Fai l’analisi grammaticale delle seguenti frasi, individuando le categorie che hai già studiato (verbo, nome). 1. Il professor Bianchi afferma di aver compiuto un’importante scoperta nel campo dell’astronomia. 2. Seguendo la pista di terra battuta, i due bambini raggiunsero il loro nascondiglio. 3. Dalla grande terrazza dell’albergo, i turisti ammiravano il tramonto. 4. Nel suo sguardo c’era uno strano miscuglio di curiosità e di apprensione. 5. Una piccola compagnia di artisti giovani metterà in scena il dramma. 6. Sull’isolotto deserto non c’erano alberi, ma qua e là cresceva soltanto qualche cespuglio spinoso.

14

Il seguente, più che un esercizio, è un gioco. Alcuni nomi solo apparentemente sono alterazioni di altri nomi (limone sembra l’accrescitivo di limo), ma in realtà non hanno nulla a che vedere con questi. Si tratta dei cosiddetti “falsi alterati”. Eccone un breve elenco; cerca i nomi da cui sembrano derivare, ma in realtà non derivano. FALSI ALTERATI

NOMI DA CUI SEMBRANO DERIVARE

bottone pulcino montone burrone gallone covone girino barone fiorino torrone garzone melone rampino macchietta

99


MORFOLOGIA E SINTASSI

SOSTITUZIONE DI NOMI CON ALTRI NOMI (suggerimenti per migliorare la produzione di testi) In un successivo capitolo si vedrà che, per evitare la ripetizione di un nome, questo si può sostituire con un pronome. Tuttavia ciò non è sempre possibile, sia perché può venir meno la chiarezza del testo, sia perché l’uso del pronome può togliere espressività all’esposizione. Per questi motivi potrai fare la sostituzione anche:

• con sinonimi, cioè con nomi diversi che hanno lo stesso significato; • con altri nomi che non hanno un significato comune con il sostituito, ma che in quel contesto servono comunque a designare la stessa persona o la stessa cosa o lo stesso fatto. Questo aspetto è molto importante e, come si può facilmente capire, ha un’utilità immediata in particolare negli elaborati scritti di qualsiasi tipo. Nei due brani seguenti, i nomi propri dei personaggi vengono “sostituiti” da altri nomi che però si riferiscono a quei personaggi. Leggi con attenzione. Seduta su uno sgabello, Mara aspettava che fossa pronta l’acqua per rigovernare. [...] Bube e il padre erano rimasti a tavola a chiacchierare e a bere. Per la verità, chiacchierava e beveva solo il padre; e a un tratto, come gli accadeva sempre in questi casi, rimase con un discorso a mezzo; chiuse gli occhi, e abbassò il capo sul petto. Un momento dopo russava. Il giovane si voltò a guardarla, sconcertato. C. Cassola, La ragazza di Bube, Einaudi, Torino 1972

Bube (nome proprio) e il giovane (nome comune) designano la stessa persona. Poi si vide il corpo nella lettiga agitarsi in uno sforzo angoloso e convulso, e davanti ai nostri occhi Medardo di Terralba balzò in piedi, puntellandosi a una stampella. Un mantello nero col cappuccio gli scendeva dal capo fino a terra; dalla parte destra era buttato all’indietro, scoprendo metà del viso e della persona stretta alla stampella, mentre sulla sinistra sembrava che tutto fosse nascosto e avvolto nei lembi e nelle pieghe di quell’ampio drappeggio. [...] Un’alzata di vento venne su dal mare [...] Il mantello di mio zio ondeggiò, e il vento lo gonfiava, lo tendeva come una vela, e si sarebbe detto che gli attraversasse il corpo, anzi, che questo corpo non ci fosse affatto, e il mantello fosse vuoto come quello d’un fantasma. [...] Le capre osservavano il visconte col loro sguardo fisso e inespressivo... I. Calvino, Il visconte dimezzato, Garzanti, Milano 1986

Il personaggio di cui si parla è Medardo di Terralba, protagonista del romanzo, indicato nelle prime righe. Successivamente viene designato mio zio (in quanto la vicenda viene raccontata da un “narratore”, che è un nipote del protagonista). Alla fine la stessa persona viene indicata con il termine il visconte, che è il titolo nobiliare di Medardo.

IL NOME

Anche negli articoli di giornale si ricorre a questo sistema di sostituzione per evitare ripetizioni, come nel seguente:

100

I benzinai scendono in sciopero per quattro giorni. Dalle 19 di stasera alle 7 di sabato 23 novembre per gli automobilisti sarà impossibile fare rifornimento di carburante. Le pompe chiudono in tutta Italia. Gli addetti agli impianti protestano, in questo modo, contro i ritardi del governo che non rispetta gli accordi presi con la categoria. I disagi si annunciano pesanti, ma i gestori delle pompe dichiarano che tale chiusura non è rivolta contro gli utenti...


Al nome comune i benzinai si sostituiscono i gruppi nominali gli addetti agli impianti, i gestori delle pompe, che non sono sinonimi tra loro, né con il primo nome, ma in questo contesto designano le stesse persone. Analogamente, il nome automobilisti viene sostituito con il più generico utenti, che però, in questa occasione, assume un significato chiaro.

ESERCIZI 1

Prova tu ora ad intervenire sul seguente testo, sostituendo i nomi in grassetto con altri, per evitare le ripetizioni. Nel maggio 1976 il Friuli fu sconvolto da un violento terremoto. Oltre un migliaio di persone persero la vita, interi paesi furono distrutti dalla violenza del terremoto. Purtroppo, in quell’occasione, i soccorsi cominciarono a giungere in ritardo. Tuttavia, dopo l’impreparazione iniziale, autorità, forze armate e semplici cittadini si mobilitarono per portare soccorso e fornire un primo appoggio alle popolazioni colpite. A chi si recava nella zona del terremoto in quell’estate del ‘76, appariva uno spettacolo spaventoso di distruzione, di desolazione. Ciò nonostante, bisogna dare atto alle popolazioni colpite dal terremoto di aver saputo “rimboccarsi le maniche” e, dopo aver subìto una nuova violenta scossa nel settembre di quell’anno, di aver iniziato un’opera di ricostruzione che a distanza di trent’anni ha completamente cancellato i danni materiali prodotti dal terremoto.

2

Prendi in considerazione alcuni testi che hai prodotto di recente e segna tutte le eventuali ripetizioni; quindi prova a sostituire i nomi ripetuti ricorrendo o a sinonimi o ad altri nomi, che permettano però di identificare ugualmente le persone, le cose, i fatti.

3

Crea dei brevi testi utilizzando le parole di ogni serie, in modo tale che designino tutte la stessa persona e/o la stessa cosa, per evitare ripetizione di termini. a) Racconto realistico di un fatto, con: Mario (o altro nome proprio), il giovane, lo studente. b) Cronaca di un furto, con: casa, indirizzo, abitazione. c) Lettera di ringraziamento, con: pacchetto, regalo, pensiero. d) Cronaca sportiva, con: atalantini, nerazzurri, orobici.

101


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: GLI ARTICOLI PRECEDONO I NOMI E NE SEGNALANO LA PRESENZA maschile genere VARIANO SECONDO

concordano con il nome

femminile singolare

numero

plurale

POSSONO ESSERE determinativi indeterminativi partitivi il cane un cane del cibo

Giochi

i cani dei cibi

lo scoglio gli scogli uno scoglio dello spazio degli spazi

L’ARTICOLO

le navi delle lane

952

I seguenti giochi possono essere effettuati dagli alunni

102

la nave una nave della lana

2 o 952.

1

Ogni gruppo prepara un elenco di venti nomi (maschili e femminili, singolari e plurali) con varie iniziali (consonante, vocale, z, s + consonante, ecc.) e lo passa a un altro gruppo. Questo scriverà l’articolo determinativo davanti a ogni nome. Vincerà il gruppo che avrà scritto gli articoli correttamente nel tempo più breve.

2

Questo gioco è solo leggermente diverso dal precedente. Ogni gruppo prepara un elenco di venti nomi (maschili e femminili, singolari e plurali) con varie iniziali (consonante, vocale, z, s + consonante, ecc.) e lo passa a un altro gruppo. Questo scriverà l’articolo indeterminativo davanti a ogni nome. Vincerà il gruppo che avrà scritto gli articoli correttamente nel tempo più breve.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

le caratteristiche dell’articolo 1

2

3

Sottolinea l’articolo determinativo adatto per ciascun nome. esempi: il / lo / l’albero i / gli spiedi il / lo / l’ zoccolo

i / gli sapori

il / lo / l’ canestro

i / gli scolari

il / lo / l’ scettro

i / gli lampadari

il / lo / l’ sapone

i / gli zii

il / lo / l’ attrezzo

i / gli banchi

il / lo / l’ zaffiro

i / gli stati

il / lo / l’ treno

i / gli gnocchi

il / lo / l’ sciame

i / gli lampi

il / lo / l’ oceano

i / gli artisti

il / lo / l’ zinco

i / gli scrittori

il / lo / l’ indice

i / gli aviatori

Sottolinea l’articolo determinativo adatto per ciascun nome. la / l’ acqua

la / l’ arancia

la / l’ scena

la / l’ menta

la / l’ giraffa

la / l’ ostrica

la / l’ erba

la / l’ zanzara

la / l’ pozzanghera

la / l’ aiola

la / l’ anguilla

la / l’ occupazione

la / l’ zebra

la / l’ banana

la / l’ salsa

la / l’ acciuga

Scrivi l’articolo determinativo davanti a ogni nome e poi volgi al plurale. esempio: ...... scaffale 888 lo scaffale / gli scaffali ...... stecco ....................................... ...... astro ............................................... ...... sale

.......................................

...... arteria

...............................................

...... asparago .......................................

...... frittata

...............................................

...... campo

.......................................

...... epidemia

...............................................

...... zampa

.......................................

...... esploratore

...............................................

...... stanza

.......................................

...... stivale

...............................................

...... azione

.......................................

...... impermeabile ..............................................

...... scatola

.......................................

...... zucchero

...............................................

...... ufficio

.......................................

...... tavolo

...............................................

...... getto

.......................................

...... officina

...............................................

103


MORFOLOGIA E SINTASSI

4

Sottolinea l’articolo indeterminativo adatto per ciascun nome. esempio: un / uno albero un / uno serpente

un / uno usignolo

un / uno maglione

un / uno stinco

un / uno abete

un / uno zerbino

un / uno gnomo

un / uno psicologo

un / uno raggio

un / uno sarto

un / uno zampillo

un / uno esercito

un / uno aereo

un / uno baco

un / uno zoo

un / uno gatto

un / uno straccio

un / uno vantaggio

5

Sottolinea l’articolo indeterminativo adatto per ciascun nome. una / un’ zolla una / un’ scopa una / un’ parola una / un’ ortica una / un’ amicizia una / un’ sedia una / un’ forchetta una / un’ raccolta una / un’ orchestra una / un’ entrata una / un’ vacanza una / un’ strada una / un’ stuoia una / un’ gamba una / un’ unità una / un’ immagine una / un’ età una / un’ aula

6

Scrivi l’articolo indeterminativo davanti a ogni nome. ...... orizzonte ...... unghia ...... balcone ...... ufficiale ...... scarpa ...... schiaffo ...... operaio ...... macchina ...... idolo ...... idea ...... spanna ...... ruota ...... armadio ...... uscita

7

...... zampone ...... costola ...... operazione ...... libro ...... sportello ...... armonia ...... stuoino

Sottolinea con un tratto gli articoli determinativi, con due quelli indeterminativi. Ricorda che gli articoli si trovano soltanto davanti ai nomi. 1. In cartoleria ho acquistato un quaderno a righe e uno a quadretti. – 2. Mentre lo scoiattolo saltellava tra i rami, noi lo potemmo osservare. – 3. La vostra stanza è sottosopra; perché non la riordinate? – 4. Gli occorrono gli occhiali nuovi. – 5. Una valanga ha travolto gli sciatori: uno è ancora disperso, ma i soccorritori lo cercano ancora. – 6. Il vigile ha fermato l’automobilista e l’ha multato. – 7. Le è venuta l’idea che cercava da tempo. – 8. La strada è interrotta ma la riapriranno entro una settimana.

8 M

L’ARTICOLO

l’uso dei diversi articoli

104

Spiega la differenza nell’uso degli articoli nelle seguenti coppie di frasi. 1. Ora mangerei un gelato. – Ora mangerei il gelato. 2. Martino ha acquistato la bicicletta. – Martino ha acquistato una bicicletta. 3. Il tuo amico è venuto a cercarti. – Un tuo amico è venuto a cercarti. 4. È entrato un gatto in casa. – È entrato il gatto in casa. 5. Mi puoi prestare la matita? – Mi puoi prestare una matita? 6. Per l’inondazione è rimasto isolato un paese. – Per l’inondazione è rimasto isolato il paese.


9 M

Spiega la differenza nell’uso degli articoli nei seguenti casi. 1. Abbiamo provato gli strumenti musicali. – Abbiamo provato degli strumenti musicali. 2. Vorrei bere il latte. – Vorrei bere del latte. 3. I ragazzi parlavano ad alta voce. – Dei ragazzi parlavano ad alta voce. 4. All’impasto aggiungete il sale. – All’impasto aggiungete del sale. 5. I turisti hanno visitato la mostra. – Dei turisti hanno visitato la mostra. 6. Abbiamo visto gli stambecchi in montagna. – Abbiamo visto degli stambecchi in montagna.

10 M

In ogni coppia di frasi, nella quale è usato lo stesso nome, manca l’articolo; inserisci tu quello adatto (determinativo, indeterminativo, partitivo). 1. Nel mio giardino c’è ...... albero di limoni. – Dovremo potare ...... albero che sta diventando troppo alto. 2. ...... cuccioli della mia Lalla sono molto simpatici. – Lungo la strada abbiamo trovato ...... cucciolo. 3. In vetrina erano esposti ...... abiti molto costosi. – Ho portato in tintoria ...... abiti da lavare. 4. Quando vado dalla nonna le porto sempre ...... fiore. – ...... fiore di pesco è rosa. 5. ...... mio medico mi ha prescritto questa medicina. – All’ospedale ho chiesto a ...... medico dov’era il reparto di ortopedia. 6. Durante la visita all’orto botanico abbiamo scattato ...... fotografie. – Vi mostrerò ...... fotografie che ho scattato durante le vacanze sul Garda.

11

Nelle seguenti frasi correggi gli articoli sbagliati. 1. Il zio di Cesare ha vinto un altra gara di ciclismo. ................................................ 2. Ho comprato un zaino nuovo per portare i libri. ................................................ 3. Anche i adulti giocano con i aquiloni. ................................................ 4. Lo scorso anno, un’estate fu molto calda. ................................................ 5. Il scoiattolo è un’animale molto piccolo e lo troviamo nei boschi................................................ 6. Apri una porta perché hanno suonato. ................................................ 7. Il mese scorso i stipendi sono arrivati in ritardo per un sciopero delle banche. ................................................ 8. Si alzarono presto per vedere un’alba. ................................................

12

Completa le seguenti frasi con l’articolo adatto (determinativo, indeterminativo, partitivo). 1. ...... anno fa Sandro si è rotto ...... braccio. – 2. Ascolto sempre ...... radio quando trasmette ...... musica. – 3. ...... mare era calmo e c’erano ...... barche che lo solcavano. – 4. ...... passante chiese a Francesca ...... informazioni. – 5. Ci sono ancora ...... arance? Vorrei prepararmi ...... spremuta. –

13 M

6. Durante ...... ultime vacanze in Puglia, in viaggio, è scoppiato ...... pneumatico. – 7. È arrivata

...... raccomandata per te. – 8. Sulla riva del fiume erano seduti ...... pescatori.

Fai l’analisi grammaticale delle seguenti frasi, individuando le categorie già studiate (verbo, nome, articolo). 1. I bolidi sfrecciavano rombando lungo la pista. – 2. Per le ragazze, il campeggio fu un’esperienza avventurosa. – 3. L’investigatore ha scoperto degli indizi considerati molto interessanti. – 4. Sopra il tavolo troverete delle penne, delle matite colorate e una risma di fogli bianchi. – 5. I cacciatori seguono le tracce di un grosso branco di bufali.

105


MORFOLOGIA E SINTASSI

LA FORMAZIONE DEGLI AGGETTIVI Gli aggettivi (come i verbi e i nomi) si possono distinguere in due grandi gruppi per quanto riguarda la formazione:

• gli aggettivi originali (detti propriamente primitivi), costituiti dalla radice e dalla desinenza (ner-o, furb•

o, dolc-e, util-e); gli aggettivi che in vari modi discendono da quelli “originali”. Tali modi sono l’alterazione, la derivazione, la composizione.

AGGETTIVI ALTERATI Con l’aggiunta di particolari suffissi si possono esprimere diverse sfumature rispetto al significato di base della qualità indicata da un aggettivo.

• con i suffissi -ino, -etto, -ello, ecc. si ottengono il diminutivo e il vezzaggiativo bell-ino azzurr-ino ordinat-ino

piccol-etto cattiv-ello vecchier-ello

larg-otto cald-uccio ecc.

• con i suffissi -one, -accio si ottengono l’accrescitivo e il dispregiativo simpatic-one furb-one

villanz-one pover-accio

avar-accio ecc.

I suffissi -astro, -iccio, -ognolo danno un valore attenuativo o di approssimazione verd-astro rossi-ccio azzurro-gnolo

amar-ognolo dolci-astro grass-occio

bell-occio malat-iccio ecc.

AGGETTIVI DERIVATI

L’AGGETTIVO

Molti aggettivi derivano da altre parole con l’aggiunta di particolari suffissi:

106

• da verbi

am-abile

poss-ibile

fugg-evole ecc.

• da nomi

ombr-oso polizi-esco simpat-ico

giornal-istico banc-ario provocat-orio

dent-ale proverbi-ale sport-ivo, ecc.

Anche l’uso dei prefissi permette di creare aggettivi “nuovi” (inter-nazionale, ultra-terreno, sub-normale, iper-sensibile, retro-attivo, ecc.) o di modificare il significato di aggettivi originali. L’uso dei prefissi s-, in-, dis-, che esprimono negazione, permette di modificare il significato di aggettivi originali: in-felice, s-garbato, dis-attento, ecc.

AGGETTIVI COMPOSTI La composizione è un altro modo per creare aggettivi nuovi, accostandone due originali

agrodolce, sordomuto, sacrosanto, variopinto, altolocato, ecc. o accostando altri elementi

sempreverde


La composizione è molto frequente con aggettivi che derivano da nomi geografici, quando si intende indicare relazioni o aspetti comuni tra stati o popoli (confine franco-tedesco, alleati anglo-americani, regimi latino-americani, popolazioni afro-asiatiche, scambi italo-albanesi, conflitto arabo-israeliano, ecc.). Anche nel linguaggio sportivo si ricorre alla composizione, in particolare unificando gli aggettivi che indicano i colori delle squadre (squadra blu-cerchiata, portiere rosso-nero, allenatore bianco-scudato, ecc.). Infine si possono collocare qui, per comodità, certe coppie che servono ad indicare sfumature di colore, formate o da due aggettivi o da un aggettivo e un nome (verde scuro, rosso cupo, azzurro chiaro, giallo paglierino, verde mare, blu notte, grigio fumo, rosso fuoco, ecc.). Per quanto riguarda la formazione del plurale, va ricordato che nei composti veri e propri solo il secondo aggettivo prende la desinenza del plurale (confine italo-svizzero, relazioni italo-svizzere; invece, nelle coppie che indicano sfumature di colore, gli aggettivi rimangono invariati (vestito verde mare / vestiti verde mare; camicia verde mare / camicie verde mare).

ESERCIZI 1

Scrivi gli aggettivi derivati dai seguenti nomi. strada fiaba legge rosa nervo madre paese

2

.............................. .............................. .............................. .............................. .............................. .............................. ..............................

olio mare ala salute bambino sole cane

............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................

cittĂ  acqua re fratello spettacolo problema monte

............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................

nasale femminile roccioso personale isolano annuale floreale

............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................ ............................

Indica i nomi da cui derivano i seguenti aggettivi. piacevole odoroso coraggioso storico fluviale ideale luminoso

......................... ......................... ......................... ......................... ......................... ......................... .........................

noioso lineare intenzionale rispettoso scherzoso laborioso nuvoloso

......................... ......................... ......................... ......................... ......................... ......................... .........................

3

Indica gli aggettivi che derivano dai seguenti verbi. esempi: pesare888pesante; guarire888guaribile, inguaribile perdonare ......................... mangiare ........................... interessare ........................... piacere ......................... sospettare ........................... resistere ........................... investigare ......................... proporre ........................... disporre ........................... dimostrare ........................ riprodurre ........................... trattare ...........................

4

Indica i verbi da cui derivano i seguenti aggettivi. impossibile scosceso scorrevole incredibile preoccupante

..................... ..................... ..................... ..................... .....................

percorribile mangereccio inseparabile rispettabile composto

......................... ......................... ......................... ......................... .........................

amabile imprendibile meditabondo vincente ritardatario

........................ ......................... ........................ ........................ .........................

107


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: GLI AGGETTIVI INDICANO

caratteristiche di persone, animali, cose oppure quantità, relazioni

i maschile GENERE j k femminile VARIANO SECONDO

concordano con il nome

i singolare NUMERO j plurale k

POSSONO ESSERE

L’AGGETTIVO

Giochi

108

QUALIFICATIVI (hanno vari gradi: positivo, comparativo, superlativo) DETERMINATIVI (possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi, numerali)

i j j j j j k

alt ver molt

-o -o -o

-i -i -i

-a -a -a

-e -e -e

facil util qual

-e -e -e

-i -i -i

-e -e -e

-i -i -i

952

1

Ogni gruppo elenca, in un minuto, il maggior numero di aggettivi qualificativi che cominciano per la lettera ... (per esempio, B). Vince il gruppo che ne ha elencati di più. Il gioco può essere ripetuto per tutte le lettere dell’alfabeto.

2

Ogni gruppo consulta il dizionario e cerca cinque aggettivi che non siano d’uso troppo frequente; li scrive su un foglio e trasmette l’elenco a un altro gruppo. Il secondo gruppo scriverà accanto a ogni aggettivo il maggior numero di nomi cui quegli aggettivi possono riferirsi. Vince il gruppo che ha elencato il maggior numero di nomi.

3

Ogni gruppo cerca nell’antologia un brano, ne trascrive su un foglio un capoverso “saltando” gli aggettivi e lasciando lo spazio bianco. Quindi trasmetterà il foglio a un altro gruppo che deve: a) valutare se il testo è ancora comprensibile; b) ricomporre il testo, aggiungendo gli aggettivi mancanti, senza consultare l’antologia. Alla fine i due testi saranno confrontati e si noteranno le differenze di significato.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

aggettivi qualificativi 1

Cerchia gli aggettivi qualificativi e sottolinea i nomi cui si riferiscono. Ricorda che gli aggettivi accompagnano i nomi ed esprimono caratteristiche di persone, animali, oggetti, ecc. Il leone si mise in moto, dapprima lento e dignitoso, poi a passo sempre più rapido. [...] Graogramàn cominciò a saltare con passi giganteschi, dalla cima di una duna all’altra, in una corsa vertiginosa, mentre le sue zampe possenti quasi non toccavano il terreno. Il mutare dei colori sul suo mantello prendeva un ritmo sempre più rapido, fino a quando Bastiano ebbe davanti agli occhi soltanto un baluginio multicolore che gli si confondeva allo sguardo, dandogli l’impressione che l’enorme animale fosse un unico opale iridescente. [...] Avvertiva il movimento dei muscoli del grande corpo leonino e annusava l’odore della folta criniera che emanava un aroma inebriante e selvaggio. Per quell’attimo i due furono una cosa sola, per quanto grande fosse la differenza fra loro. Bastiano era come stravolto da una straordinaria ebbrezza... M. Ende, La storia infinita, Longanesi, Milano 1981.

2

Completa le seguenti frasi con gli aggettivi qualificativi adatti, scegliendoli tra quelli elencati sotto. 1. Al piano .............................. si accedeva attraverso una .............................. scala. 2. Usciti dal .............................. bosco, fummo colpiti da un sole .............................. 3. Alla sfilata .............................., durante la festa del patrono, partecipano figuranti con i costumi ............................... 4. L’.............................. torre gettava la sua ombra .............................. sul ......................... villaggio di .............................. contadini. 5. Lo scoiattolo saltava da un ramo all’altro con movimenti .................... e .............................. 6. Il profumo .............................. dei fiori era ............................... 7. Nel film si narra, con immagini molto .............................., una vicenda ............................. inebriante • accecante • piccolo • superiore • leggero • autentico • suggestivo • storico • ripido • minaccioso • intenso • fitto • tradizionale • antico • rapido • povero

3

Sostituisci le espressioni scritte in corsivo con l’aggettivo corrispondente. L’esercizio è avviato. 1. Nelle festività civili agli edifici pubblici si espone la bandiera di tre colori.

AGGETTIVO

tricolore

2. Il professore ci porterà nel laboratorio di scienze. 3. Stefano sostiene un progetto di grandi proporzioni. 4. Per le brevi telefonate in città si paga soltanto uno scatto. 5. I carri allegorici passeranno per le vie della città. 6. In vari stati europei parte delle comunicazioni avviene lungo la rete dei fiumi o lungo la rete delle ferrovie. 7. Leggo sempre con attenzione il giornale di tutti i giorni. 8. Tra qualche giorno ci sarà la festa di ogni anno del raccolto. 9. Nel calendario ci sono fotografie di paesaggi di montagna. 10. Dopo il temporale di notte, il cielo era limpido. 11. Il signor Rossi è una persona degna di rispetto.

109


4 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Sostituisci le espressioni in corsivo con l’aggettivo adatto. esempio: fascino a cui non si può resistere 888 fascino irresistibile persona che suscita simpatia

.....................................................................................

persona che sa comprendere

.....................................................................................

persona che pratica sport

.....................................................................................

persona o cosa che annoia

.....................................................................................

persona che non ha pazienza

.....................................................................................

persona o cosa che dà fastidio

.....................................................................................

persona o azione che è degna di essere ammirata

.....................................................................................

cosa che non si può realizzare

.....................................................................................

5 M

rumore che rende sordi

.....................................................................................

dolore che non si può sopportare

.....................................................................................

Sostituisci le espressioni in corsivo con l’aggettivo corrispondente. lavori della casa

.....................................................................................

gioco che comporta pericoli

.....................................................................................

persona che dorme molto

.....................................................................................

passaggio che si può praticare

.....................................................................................

persona che scherza volentieri

.....................................................................................

scaffale coperto di polvere

.....................................................................................

persona che litiga facilmente

.....................................................................................

fatto che non può essere previsto

.....................................................................................

persona che si alza presto la mattina

.....................................................................................

bambino che piange con tono lamentoso .....................................................................................

L’AGGETTIVO

6

110

Aggiungi ai seguenti nomi gli aggettivi adatti, scegliendoli tra quelli elencati sotto. strada

.............................................................................................................................

cielo

.............................................................................................................................

azione

.............................................................................................................................

persona

.............................................................................................................................

pasto

.............................................................................................................................

stanza

.............................................................................................................................

vestito

.............................................................................................................................

terreno

.............................................................................................................................

naso

.............................................................................................................................

mobile

.............................................................................................................................

abbondante • adunco • ambigua • angusta • antico • aquilino • artistico • avida • ariosa • bonaria • capace • corretta • elegante • erta • eroica • esagerata • fosco • frugale • gloriosa • impermeabile • impetuosa • incolto • intarsiato • intempestiva • luminosa • misteriosa • moderno • nuvoloso • pendente • plumbeo • privata • prominente • sassoso • sciatto • sincera • sostanzioso • spaziosa • sporco • sportivo • spregevole • sterrata • stretta • tarlato • vuota


7 M

Scrivi i nomi ai quali potrebbe essere aggiunto in modo appropriato ciascuno dei seguenti aggettivi. volonteroso ............................................................................................................................. selvaggio

.............................................................................................................................

campestre ............................................................................................................................. spoglio

.............................................................................................................................

indigesto

.............................................................................................................................

paziente

.............................................................................................................................

polveroso

.............................................................................................................................

pertinente ............................................................................................................................. tempestivo ............................................................................................................................. roco

8

.............................................................................................................................

Concorda gli aggettivi con i nomi cui si riferiscono. 1. D’estate Maria organizza sempre dei bello ............... viaggi. – 2. Lisa ha dei bello ............... orecchini. – 3. Sandro mi ha regalato un bello ............... anello. – 4. Il professore in classe ci ha letto un bello ............... racconto. – 5. Ho sentito dire che tuo zio è un buono ............... medico. – 6. Abbiamo assistito a un buono ............... spettacolo. – 7. Il baule e le valigie, in questo viaggio non sono molto pratico ............... – 8. I loro progetti sembrano losco ............... – 9. Nell’auto, le gomme liscio ............... sono molto pericoloso ................ – 10. Le loro saggio ............... proposte non furono neanche discusse.

9

Concorda gli aggettivi con i nomi cui si riferiscono. 1. Bello ................ amica che sei! – 2. Questa è proprio una bello ................ storia! – 3. Giuliana abita in un bello ................ palazzo. – 4. Corrado è un grande ................ uomo. – 5. Tutti voi quest’anno avete fatto un grande ................ lavoro. – 6. Un buono ................ avvocato può vincere questa causa. – 7. E pensare che questi ragazzi sembravano tanto perbene ................ – 8. Dopo aver riordinato la cantina, Pino aveva i capelli sporco ................ e le mani sudicio ................. – 9. Dei lungo ................ viali attraversano la città. – 10. Bambine e bambini felice ................ saltavano sui tappeti elastico ................

10

In ogni coppia di frasi è presente lo stesso aggettivo, ma in una è sostantivato: sottolinealo in quest’ultimo caso. 1. Giovanna è una persona paziente. – Il medico visitò i pazienti in corsia. 2. Per il tuo compleanno ti preparerò un bel dolce alla frutta. – Luisa ha un carattere dolce. 3. Il vecchio impose il silenzio a tutti i familiari. – Ho conservato delle vecchie cartoline. 4. In quella stanza il caldo era insopportabile. – Rosa mi ha fatto coi ferri un caldo maglione di lana. 5. Solo le vie centrali erano illuminate. – Tutte le centrali di polizia erano in allarme.

11 M

6. Aveva una ferita al medio della mano destra. – L’ufficio statistico ha calcolato il reddito medio. 7. Non gettare il vuoto della tua aranciata, ma restituiscilo. – Passami quello scatolone vuoto.

Ognuno dei seguenti aggettivi può essere usato come sostantivato. Costruisci due frasi: nell’una usalo come aggettivo, nell’altra come sostantivato. cattivo • freddo • nemico • povero • presente • passato • familiare

111


12 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Sottolinea gli aggettivi sostantivati presenti nelle frasi. 1. Il rapporto quotidiano non è stato ancora presentato. – 2. Gli antichi saggi erano ascoltati con riverenza dai loro concittadini. – 3. A volte anche il pessimista rimane deluso. – 4. Cercai inutilmente la notizia nel quotidiano. – 5. Non dare retta ai malevoli, che invidiano le tue fortune. – 6. Spesso, nelle nostre città, gli anziani sono lasciati soli. – 7. La polizia ha scoperto che il santone ha raggira-

13 M

to i suoi fedeli. – 8. Come si dice, il cane è il fedele amico dell’uomo. – 9. Spesso una parola amica

è di grande aiuto. – 10. Il truffatore è stato arrestato dalla mobile di Torino.

Crea delle frasi con un comparativo, utilizzando gli elementi proposti. esempio: lepre / lento / tartaruga 888 La tartaruga è più lenta della lepre. Oppure: La lepre è

meno lenta della tartaruga.

1. stagno / profondo / lago ........................................................................................................................................ 2. pesca / dolce / mela ........................................................................................................................................ 3. granoturco / nutriente / miglio ........................................................................................................................................ 4. mare / azzurro / cielo ........................................................................................................................................ 5. mezzi pubblici / inquinante / auto ........................................................................................................................................ 6. mandarini / profumato / arance ........................................................................................................................................ 7. indiani / numeroso / cinesi ........................................................................................................................................ 8. vacanze di quest’anno / divertente / vacanze dell’anno scorso ........................................................................................................................................

14

Quando è possibile, metti i seguenti aggettivi al grado superlativo, utilizzando il suffisso -issimo. pesante

.............................................

ricco

..........................................................

semplice .............................................

atletico

..........................................................

capace

nervoso

..........................................................

.............................................

L’AGGETTIVO

inesperto .............................................

112

secco

..........................................................

esterno

..........................................................

immobile .............................................

pieno

..........................................................

magnifico .............................................

moderno

..........................................................

enorme

15

.............................................

Sostituisci le forme più comuni del comparativo e del superlativo con quelle particolari. 1. Il regista decise che la scena era molto buona.

....................................................

2. Sembra che allevare un cucciolo sia la gioia più grande.

....................................................

3. Il danno più piccolo è venuto dalle sue parole.

....................................................

4. Provati le scarpe di una misura più grande.

....................................................


16

5. Questa è la barzelletta più buona che abbia mai sentito.

....................................................

6. Le vendite sono state più basse del previsto.

....................................................

7. Mio fratello più piccolo suona la chitarra molto bene.

....................................................

8. Nell’ultimo film di Mazzacurati, Marco ha avuto una parte molto piccola.

....................................................

Sostituisci le espressioni in corsivo con aggettivi alterati. L’esercizio è avviato. ALTERATI

1. C’erano nubi piuttosto nere.

nerastre

2. Ho un’automobile un po’ vecchia, ma niente male. 3. Sotto la pelle delicata trasparivano le vene tendenti all’azzurro. 4. Hai un livido quasi viola sotto l’occhio. 5. Queste caramelle lasciano in bocca un sapore sgradevolmente dolce. 6. La panchina è un po’ umida: è piovuto? 7. Marzo è un po’ pazzo: vedi il sole e prendi l’ombrello. 8. Nei bimbi piccoli mi piacciono le guance piuttosto piene e paffute. 9. Quei ragazzi sono abbastanza grandi, ma sono ugualmente molto golosi. 10. Sto qui nel mio angolino ben caldo vicino alla stufa. 11. Paolo è un ragazzo piuttosto furbo, ma suo fratello è troppo semplice.

aggettivi determinativi 17

Sostituisci le espressioni in corsivo con gli aggettivi possessivi appropriati. la il i le

........................ ........................ ........................ ........................

casa libro amici giornate

i la le il

........................ ........................ ........................ ........................

capricci bicicletta chiacchiere profumo

le i la il

........................ ........................ ........................ ........................

scarpe sandali giacca ombrello

il la i le

........................ ........................ ........................ ........................

gatto stanza quadri fotografie

di me

la il i le

........................ ........................ ........................ ........................

casa libro amici giornate

di noi

di te

i la le il

........................ ........................ ........................ ........................

capricci bicicletta chiacchiere profumo

di voi

di lui

le i la il

........................ ........................ ........................ ........................

scarpe sandali giacca ombrello

di loro

di lei

il la i le

........................ ........................ ........................ ........................

gatto stanza quadri fotografie

di loro

113


MORFOLOGIA E SINTASSI

18

Al posto dei puntini scrivi il possessivo adatto. 1. Alla .......... età dovresti essere più maturo. – 2. Il mio amico non era in casa; c’erano invece i .......... figli. – 3. Ho litigato col .......... migliore amico. – 4. Il nonno ha incontrato un .......... vecchio compagno d’armi. – 5. Domani ti restituirò i .......... CD. – 6. Il re chiamò le .......... guardie. – 7. La signora Assunta mi ha dettato per telefono la .......... ricetta della pizza.

19

Al posto dei puntini scrivi il possessivo adatto. 1. Ho venduto i .......... vecchi libri di scuola, però me ne sono pentito. – 2. I signori Rossi hanno invitato i .......... amici a trascorrere qualche giorno nella .......... casa in campagna. – 3. Perché non metti le .......... scarpe nuove? – 4. Purtroppo Nicola ha già dimenticato i .......... buoni propositi. – 5. Lo schiavo si ribellò ai .......... padroni. – 6. A volte, nell’antichità, i padroni trattavano i .......... schiavi con umanità. – 7. Negli ultimi chilometri la “maglia rosa” ha distanziato il .......... diretto rivale.

20

Volgi al plurale o al singolare i nomi e adatta il possessivo. il mio tesoro

.................................

i miei amici

.........................................

la mia domanda .................................

le mie compagne

.........................................

il tuo disco

.................................

le tue zie

.........................................

il tuo zaino

.................................

le tue faccende

.........................................

il suo gioco

.................................

le sue riviste

.........................................

la sua cartella

.................................

i suoi gioielli

.........................................

la loro vacanza .................................

i loro figli

.........................................

il loro desiderio .................................

le loro valigie

.........................................

21 M

Metti al posto dei puntini il dimostrativo adatto. 1. Per fortuna, ............... avventura finì bene. – 2. ............... gioco è molto divertente. – 3. Chi mi

ha prestato ............... penna? – 4. ............... ragazzi erano convinti di potercela fare. – 5. ............... inverno nevicò molto anche in pianura. – 6. Le teorie di ............... studiosi furono convalidate da numerose prove. – 7. Rimasi affascinato da ............... quadro. – 8. ............... sciocco di Lino ne ha fatta un’altra delle sue. – 9. Una lapide ricorda ............... ardimentosi che conqui-

L’AGGETTIVO

starono la vetta. – 10. Non si realizzò ............... ideale che allora avevamo.

114

22

Sottolinea gli aggettivi indefiniti. 1. Da quella azione Tino non ha tratto alcun vantaggio. – 2. Nessun autobus va da questo quartiere al centro storico, ma in fondo a quel viale c’è una piazza; lì può prenderne uno qualsiasi: portano tutti in centro. – 3. I vestiti da uomo sono esposti nell’altra vetrina. – 4. Quasi ogni inverno, nella nostra scuola, si ammalano di influenza parecchi ragazzi e anche qualche insegnante. – 5. Una folata di vento ha sparso sul pavimento molti fogli con tutti i miei appunti. – 6. Andrea sta male perché ha mangiato troppi gelati. – 7. Alla festa in maschera hanno partecipato tanti bambini e alcuni genitori. – 8. In frigorifero è rimasta poca frutta, ma ci sono varie bottiglie di succo e altrettanti vasetti di


marmellata. – 9. Mi presti un libro qualsiasi da leggere durante il viaggio in treno? – 10. Pochi di-

23 M

schetti per il computer sono danneggiati e, comunque, si possono salvare quasi tutti i documenti che vi sono contenuti.

Sottolinea gli aggettivi determinativi e indicane il tipo. 1. Hai qualche idea nuova da proporre?

..................................................

2. Quel violento temporale danneggiò parecchie colture.

..................................................

3. Ogni mattina mi alzo alle sei e faccio qualche esercizio di ginnastica. 4. Quale CD mi puoi prestare?

.................................................. ..................................................

5. Domani verrò a studiare a casa tua e porterò questi appunti. .................................................. 6. Che fortuna ha avuto Angelo!

..................................................

7. Tutte le strade del centro erano affollate.

..................................................

8. In questa zona c’è nebbia per molti giorni all’anno.

..................................................

9. Quanti gerani hai sul tuo davanzale!

..................................................

10. Nella loro stanza ci sono alcuni poster appesi alle pareti.

24

..................................................

Sottolinea gli aggettivi numerali e indica se sono cardinali (C) oppure ordinali (O). 1. Dopo dieci ore di cammino in montagna eravamo stanchissimi.

..........................

2. Piero è contento di aver partecipato alla corsa, anche se è arrivato solo ventunesimo.

..........................

3. Ci siamo presi quindici giorni di ferie, di cui abbiamo trascorso i primi cinque al mare.

..........................

4. Scusi, mi sa indicare dov’è il civico numero 15 di questa via?

..........................

5. Dovrebbe essere il quarto edificio a sinistra.

..........................

6. Per arrivare all’albergo dovete prendere la seconda strada a destra dopo il semaforo, poi la prima a sinistra e ancora la seconda a destra. Sono stato chiaro? 7. Osservate la quarta fotografia di pagina 122: ci mostra com’è la savana.

.......................... ..........................

8. Nell’anno 138 d.C. divenne imperatore Antonino Pio: era il quindicesimo imperatore romano.

..........................

9. Per questa torta sono necessari due etti di farina, uno di zucchero, due pere,

25 M

due uova, scorza di limone e un po’ di lievito.

..........................

10. Il professore ha accettato che lunedì 21 festeggiamo in classe il dodicesimo compleanno di Michela.

..........................

Fai l’analisi grammaticale delle seguenti frasi, individuando le categorie studiate finora. 1. Carlo è rimasto sveglio tutta la notte. – 2. Trascriverò nella mia agenda nuova il numero di telefono di alcuni amici. – 3. In quel giorno di festa lungo le strade viaggiavano poche automobili. – 4. Nella svendita di fine stagione varie camicie belle costavano soltanto 15 euro. – 5. Questo velo-

ce aliscafo assicura il collegamento continuo tra le due isole.

115


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: I PRONOMI nomi, aggettivi, altri SOSTITUISCONO i k pronomi, frasi. genere e numero (quelli del nome i sostituito)

j j VARIANO j funzione svolta SECONDO j nella frase j k persona

in genere corrispondono agli aggettivi determinativi

IL PRONOME

Giochi

116

i i j j k j j ji jj j kj j j j j j j j j j j j j j j j j k

io, me, ... tu, te, ... lui, lei, ...

©

personali

il mio, i miei, ... il tuo, i tuoi, ... il suo, i suoi, ...

©

possessivi

questo, questa, ... quello, quella, ... ciò, costui, costei, ... colui, colei, ...

©

dimostrativi

stesso, stessa, ... medesimo, medesima, ...

©

identificativi

alcuno, nessuno, poco, tanto, ognuno, chiunque, ecc.

©

indefiniti

chi, che quale, quali quanto, quanta, ...

©

interrogativi esclamativi

il quale, la quale, ... che, cui, chi, quanto

©

relativi

952

1

Ogni gruppo scrive su un foglio cinque frasi complesse in cui siano presenti dei pronomi che si riferiscono ad altri nomi contenuti nella frase (esempio: Ho incontrato in piazza il mio compagno di banco e mi sono fermato a chiacchierare con lui). I pronomi possono essere non solo quelli personali, ma anche dimostrativi, relativi, ecc. Quindi trasmette il foglio a un altro gruppo che deve indicare a quale parte della frase si riferisce il pronome (nell’esempio: lui = il mio compagno di banco).

2

Questo gioco è l’inverso del precedente. Ogni gruppo scrive su un foglio cinque frasi complesse in cui ci siano presenti dei nomi o altre espressioni ripetute (esempio: Telefonerò a Francesca e chiederò a Francesca se viene al cinema con me). Quindi trasmette il foglio a un altro gruppo che deve eliminare la ripetizione usando un pronome (nell’esempio: e le chiederò...). I pronomi possono essere personali, dimostrativi, relativi, ecc., a seconda del contesto.

3

Ogni gruppo disporrà di alcuni giornalini a fumetti, portati da casa, e cercherà i dialoghi o le battute che contengono dei pronomi; farà una fotocopia di quelle vignette ed evidenzierà i pronomi presenti, spiegando a chi o a che cosa si riferiscono i pronomi.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

pronomi personali 1

Completa le frasi con il pronome personale di 1a persona singolare. 1. ....... hai consigliato un libro troppo difficile per un ragazzo come ....... . – 2. Proprio a ....... vieni a dire questo? Cosa vuoi che ....... ne importi? – 3. Con ....... puoi stare tranquillo, ....... non dimentico mai niente. – 4. Taddeo ....... ha assicurato che non è arrabbiato con ....... . – 5. Sei stato tu a interrompere ......., non ....... a interrompere te. – 6. Proprio ....... dovrei fare questo lavoro spiacevole?

2

Completa le frasi con il pronome personale di 2a persona singolare. 1. Sei ....... che raccogli i soldi per la gita? Li devo dare a .......? – 2. ....... assicuro che è l’ultima volta che chiedo un favore a ....... – 3. Laura mi ha detto che ....... ha prestato il nuovo videoclip di Zucchero: lo hai davvero .......? – 4. Risolvi da ....... i tuoi problemi, ....... troverai meglio in futuro. – 5. Tua madre ....... lo ripete in continuazione, ma ....... fai orecchi da mercante. – 6. ....... ho chiamato per telefono, ma ....... non eri in casa.

3

Completa le frasi con il pronome personale di 3a persona singolare. 1. Marina è tornata dal mare e ....... ho vista molto abbronzata. Beata .......! – 2. ....... pensò che non ....... andava mai bene niente. – 3. ....... avvertirai che anche ....... è invitata? – 4. Umberto mi ha detto che ....... non mangia mai gelati, ma io non ....... credo. – 5. Il mio amico non voleva giocare a Scarabeo, dicendo che non ....... piaceva, ma poi ha vinto ........ – 6. Maria mi ha chiesto se vado al cinema con ......., ma ....... ho risposto di no.

4

Completa le frasi con il pronome personale di 1a persona plurale. 1. Domenica scorsa ....... siamo andati al mare, ma non ....... siamo divertiti tanto. – 2. Siamo stati ....... a scrivere la lettera al giornale, ma non ....... aspettavamo una risposta così pronta. – 3. Luigi deve essere offeso con ......., perché non viene più a trovar....... quando passa davanti a casa nostra. – 4. Se qualcuno ....... inviterà verremo anche ....... alla festa. – 5. Quando sei venuta a trovar......., ....... hai fatto un grande piacere. – 6. La settimana scorsa l’aula era semivuota: ....... eravamo presi l’influenza quasi tutti.

5

Completa le frasi con il pronome personale di 2a persona plurale. 1. Davvero sabato ....... lasciano uscire un’ora prima? Beati .......! – 2. Proprio ....... ....... lamentate del freddo, che indossate solo una camicia leggera! – 3. ....... scrivo per invitar....... alla nostra festa di anniversario. – 4. Sono venuti a cercar....... dei vostri amici. – 5. A ....... bisognerebbe insegnare soprattutto l’educazione! Perché non .......... siete alzati in piedi quando è entrata la preside? – 6. ....... ho visto dalla finestra e ....... ho aperto subito il portone.

117


MORFOLOGIA E SINTASSI

6

Completa le frasi con il pronome personale di 3a persona plurale. 1. Quando vedrò Rosa e Piero, darò ....... i biglietti. – 2. Marta e Giulia arriveranno in ritardo: ....... ho viste per strada. – 3. Ho incontrato delle vecchie compagne di scuola e con ....... ho ricordato gli anni passati. – 4. Non trovo più i miei occhiali da sole: chi ....... ha visti? ....... hai presi tu, per ca-

7 M

so? – 5. Prima di andare dalle zie, ....... avvertii per telefono. – 6. Dopo molto tempo ho rivisto i tuoi

cugini e ....... ho salutati con piacere.

Circoletta i pronomi personali e indicane la persona e il numero.

PERSONA

NUMERO

1. Ti ho detto che ieri ho visto Gianni? 2. Lorella ha detto che viene lei a prenderci alla stazione. 3. Il vostro dono li ha commossi. 4. Vi piacerebbe fare un giro in giostra? 5. Il professore mi ha fatto una domanda molto facile. 6. Il commesso porse loro gentilmente il pacco. 7. Tu non c’entri in questa storia. 8. Sandra era in vacanza con me. 9. Mauro disse che gli sembrava che piovesse.

IL PRONOME

8

118

Sottolinea i pronomi personali e, nella colonna di destra, sottolinea i nomi che potrebbero sostituire. esempio: Le ho incontrate per caso. a) i miei compagni b) le mie compagne c) la mia professoressa Non sapevo cosa rispondergli. a) a Luisa b) a Luisa e Attilio c) ad Attilio Perché non li invitate alla vostra festa? a) Sandra e Marisa b) Marisa c) Carla e Stefano a) a Gianna Roberto le ha portato un mazzo di fiori. b) Valentina c) a Gianna e Valentina La incontreremo al cinema. a) un’amica b) delle amiche c) degli amici Gli ho chiesto il permesso di uscire. a) a mia madre b) a mio padre c) ai miei genitori Lo visiteremo nel pomeriggio. a) il museo b) la mostra c) le mura Le troverete in edicola. a) i giornali b) un quotidiano c) le videocassette


9 M

Circoletta i pronomi personali e, nella colonna di destra, scrivi gli elementi che sostituiscono. esempio: Ho comprato il giornale dall’edicolante, ma non l’ ho ancora letto. 888 il giornale 1. I signori erano pieni di pacchi e Carlo li ha aiutati. 2. Hai scritto una lettera alla tua maestra per salutarla e ringraziarla? 3. Il giornalista compone l’articolo e lo invia al suo giornale. 4. Franco cercava vecchi rotocalchi per ritagliarne le fotografie. 5. Sei già tornata dalle vacanze? Dove le hai trascorse? 6. I cartelli di divieto di transito erano poco visibili e l’autista non li vide. 7. Luigi ha visto delle belle mele rosse nella cassetta e ne ha presa una. 8. I quadri più importanti del famoso pittore erano esposti nella mostra: molte persone andarono ad ammirarli.

10

Sostituisci con pronomi personali gli elementi ripetuti. 1. Andrea ha cambiato lavoro perché il lavoro non piaceva più ad Andrea. .......................................................................................................................................... 2. Domani andrò da Giulia per restituire a Giulia i suoi libri. .......................................................................................................................................... 3. Sarà anche un bel film, ma non ho mai sentito parlare del film. .......................................................................................................................................... 4. Lo studio dell’inglese mi piace e trovo molto utile lo studio dell’inglese. .......................................................................................................................................... 5. Passerà un incaricato a distribuirvi i moduli; poi voi restituirete i moduli all’impiegato. .......................................................................................................................................... 6. Abbiamo acquistato le sedie nuove e metteremo le sedie nuove in soggiorno. .......................................................................................................................................... 7. Elena ripensò al suo comportamento e si pentì subito del suo comportamento. .......................................................................................................................................... 8. Quando iniziò l’eruzione vulcanica, molti curiosi vollero vedere l’eruzione vulcanica. ..........................................................................................................................................

11

Sostituisci i pronomi personali (1ª persona singolare) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. esempio: Il professore mi ha dato un bel voto. 888 … ha dato a me… 1. Quale maglietta mi consigli?

..............................................................

2. Mille volte hai ripetuto a me queste cose.

..............................................................

3. Giovanni mi ha avvertito in tempo del pericolo.

..............................................................

4. Questo orologio me l’ha regalato il nonno.

..............................................................

5. Paolo ha fotografato me mentre cadevo.

..............................................................

119


MORFOLOGIA E SINTASSI

12

13

14

Sostituisci i pronomi personali (2ª persona singolare) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. 1. Ho portato a te dei fiori.

.........................................................

2. Tutti ti ricordano con sincero affetto.

.........................................................

3. Sicuramente i tuoi genitori stimano te.

.........................................................

4. Il professore ti ha assegnato un compito particolare.

.........................................................

5. Quante volte te lo devo ripetere?

.........................................................

Sostituisci i pronomi personali (3ª persona singolare) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. 1. L’allenatore lo convocò come portiere.

.........................................................

2. Il caffè le sarà servito subito.

.........................................................

3. Hai guardato lei con disapprovazione.

.........................................................

4. Avete telefonato a lui?

.........................................................

5. Un esperto alpinista guiderà lui fino alla vetta.

.........................................................

6. Luca cedette a lei il suo posto.

.........................................................

7. La pioggia la colse per strada.

.........................................................

8. Gli daremo tutto l’aiuto possibile.

.........................................................

Sostituisci i pronomi personali (1ª persona plurale) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. 1. La guida ci ha consigliato questo ristorante.

IL PRONOME

15

120

16

.........................................................

2. L’autobus ci porterà fino in centro.

.........................................................

3. Anche il professore ce ne ha parlato.

.........................................................

4. Gli alberi impediscono a noi di vedere il mare.

.........................................................

5. Per la strada, un cucciolo seguiva noi.

.........................................................

Sostituisci i pronomi personali (2ª persona plurale) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. 1. Vi ricordo che domani c’è una verifica in classe.

.........................................................

2. Vi ricordo con grande simpatia.

.........................................................

3. Abbiamo riconosciuto voi, nonostante le maschere.

.........................................................

4. Manderò a voi una cartolina da Parigi.

.........................................................

5. Ve lo ripeto per l’ultima volta: smettetela!

.........................................................

Sostituisci i pronomi personali (3ª persona plurale) in forma tonica con quelli in forma atona e viceversa. 1. Sono stati forniti loro tutti gli strumenti necessari.

.........................................................

2. Ho riconosciuto loro da lontano.

.........................................................

3. Li pregammo di intervenire.

.........................................................

4. Suggerirò a loro la visita alla villa rinascimentale.

.........................................................

5. Quando le pianticelle sono cresciute, le abbiamo trapiantate. ...............................................................


17

Circoletta i pronomi personali. Fai attenzione: non confonderli con gli articoli (che precedono sempre un nome o un gruppo nominale). 1. Il motore era a posto: lo stesso meccanico lo aveva controllato. – 2. Incontrammo la nostra vicina di casa e la aiutammo a portare in casa i sacchetti della spesa. – 3. Vi saranno consegnate le schede di valutazione: voi le farete firmare dai vostri genitori. – 4. L’avvocato ha difeso l’imputato e l’ha convinto a dichiararsi innocente. – 5. Lo scorso anno le ferie furono brevi e le trascorremmo in città. – 6. Gli agenti hanno circondato il malvivente e gli hanno imposto di alzare le mani. – 7. Siccome a occhio nudo non lo si vedeva bene, prendemmo il binocolo per osservare lo stambecco tra le rocce. – 8. L’hai appena detto, non ripetere sempre lo stesso pensiero.

18

Tra i due pronomi proposti cancella quello sbagliato. 1. Telefonò al medico e gli / le chiese di venire subito a visitare il bambino. – 2. Carlo aspetta ancora che Maria gli / le restituisca i soldi che lui gli / le ha prestato. – 3. Abbiamo preparato una sorpresa per il nonno, ma non gli / li dire niente fino a domani. – 4. Quando Gianna ti ha invitato alla sua festa, che cosa gli / le hai risposto? – 5. Franco ha detto che gli / le dispiace di non averti potuto salutare prima di partire. – 6. La signora Anna nutre tutti i gattini abbandonati perché gli / le fanno pe-

19 M

na. – 7. Gli scarponi nuovi mi facevano male: appena giunsi a casa me gli / li tolsi. – 8. Per il com-

pleanno di mio fratello gli / li ho regalato un disco.

Sottolinea con un tratto i pronomi personali soggetto, con due i pronomi personali complemento. 1. Io non ho saputo rispondere. – 2. L’anziana signora gli chiese di aiutarla e lui è stato pronto a risponderle. – 3. Anche loro sono d’accordo con me: da che parte state voi? – 4. Mi hai stufato!

20 M

– 5. Sei stato tu a farmi questo regalo? Ti ringrazio molto. – 6. Lei ha un’amica più grande che le dà buoni consigli.

Sottolinea le forme sbagliate dei pronomi personali e scrivi la forma corretta nella colonna di destra. FORMA CORRETTA

1. Ti assicuro a te che la prossima volta non la passerai liscia. 2. Cerco di mangiare meno dolci, ma non ne posso fare a meno dei gelati. 3. Vado dalla nonna e gli porto dei fiori. 4. Avete incontrato Clara e Antonia: gli avete chiesto come stanno? 5. Ho dato un libro a Davide e ci ho raccomandato di leggerlo tutto. 6. La professoressa ha interrogato Dario e Michele e li ha dato un bel voto. 7. Il mio amico mi ha chiesto se li mando delle cartoline della mia città. 8. Non sopporto più le battute di Rosalia e non gli voglio più parlare. 9. Ah, povero io, che sfortunato che sono! 10. Se vai a casa di Martina, dalle a sua madre questa ricetta.

121


MORFOLOGIA E SINTASSI

pronomi possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi ed esclamativi 21

Indica se la parola in corsivo è aggettivo o pronome, trascrivendola nell’apposita tabella. Attenzione: gli aggettivi precedono o seguono sempre un nome. AGGETTIVO

PRONOME

1. I nostri amici sono più simpatici dei tuoi. 2. Qui ci sono le vostre merende, ognuno prenda la sua. 3. Alcuni ragazzi commentavano l’accaduto e ciascuno raccontava quello che sapeva. 4. “Quale vuoi?” “Non so, non ho ancora deciso che vestito mi metterò”. 5. Sono arrivati tutti: quanti sono! 6. Che volete da me? Qualcuno mi risponda! 7. Questi fogli vanno bene, quelli sono troppo grandi. 8. Ho solo qualche soldo, ma te li presto tutti volentieri.

22

Sottolinea i pronomi possessivi. 1. Ho incontrato il vicino che usciva da casa sua, proprio mentre io entravo nella mia. 2. Mia cugina ha portato suo figlio a giocare con il tuo. 3. Il vostro è stato molto più interessante del nostro viaggio. 4. Per quanto riguarda la responsabilità, è giusto che ognuno si assuma la propria. 5. Abbiamo fatto uno scambio di casa: loro si sono trasferiti nella nostra al mare, noi nella loro in montagna. 6. Ognuno ha il suo ruolo nella società: io ho il mio e tu il tuo. 7. Se cerchi i tuoi occhiali, li ho visti vicino ai suoi, sul frigorifero. 8. Io penso che la loro opinione valga quanto la vostra.

23

Inserisci il pronome possessivo adatto. 1. Dille che non voglio la sua borsa, ma ............... 2. Sei sicuro che i suoi gusti siano diversi da ...............?

IL PRONOME

3. Tutti hanno i propri difetti: io ho ..............., voi avete ...............

122

4. Queste cassette sono ..............., me le hanno prestate ieri. 5. Gianna ha preso il tuo dizionario perché ............... è insufficiente. 6. Se ti serve l’auto puoi prendere ..............., noi non ne abbiamo bisogno. 7. Ho bisogno di un libro, se lei permette userei ............... 8. Anna e Fabio andranno in vacanza con il nostro camper perché ............... è troppo vecchio.

24

Sottolinea i pronomi dimostrativi. 1. È sempre la stessa storia: ciò che succede è colpa mia. 2. Questa camicia è stata stirata bene, quella invece è ancora spiegazzata.


3. Non so chi siano costoro che ci importunano con continue telefonate. 4. Tutti pensano questo, ma nessuno ha il coraggio di dirlo. 5. Un buon caffè è quello che ci vuole per rimetterti in sesto! 6. Costui non sa neanche di che cosa si parla!

25 M

7. Qualcuno dovrà ben saperlo! 8. A coloro che fingono di non capire dico: state attenti a ciò che può accadere!

Inserisci il pronome dimostrativo adatto. 1. Attenzione, scrivete .................... che sto dicendo. 2. Ti trovi meglio in questa classe o in .................... di prima? 3. Dobbiamo ignorare .................... che ci offendono. 4. È .................... il tuo quaderno? L’ho trovato in questo cassetto. 5. Giudicheranno .................... che verranno dopo di noi. 6. Luca sarebbe .................... che non ha paura? 7. Te lo ripeto ancora una volta: .................... che stai facendo non va bene. 8. Non preoccuparti, parlerò con tuo padre di ....................

26

Sottolinea i pronomi indefiniti. 1. Qualcuno mi ha detto che è venuto un tale a cercarti. 2. Sono convinto che chiunque possa fare questo. 3. Alcune persone non hanno mai niente da dire. 4. Se ti piacciono i libri di avventure, io ne ho parecchi da prestarti. 5. I ragazzi si sono divisi in gruppi: alcuni si occupano delle musiche, altri delle coreografie, tutti

27 M

poi partecipano allo spettacolo finale.

6. Ho invitato tutti gli amici, ma molti non sono venuti. 7. Non ho altro da dire su questo argomento.

Inserisci il pronome indefinito adatto. 1. C’è .................... che non va? 2. .................... di voi dovrebbe portare il suo romanzo preferito. 3. .................... ridevano, .................... piangevano: la confusione era totale! 4. .................... mi piace più della pizza margherita. 5. Quando si è in .................... si finisce per non concludere .................... 6. Mi hanno riferito .................... che non mi convince. 7. Non fatelo sapere a .................... 8. C’è ancora .................... in sala d’attesa?

28

Sottolinea i pronomi interrogativi ed esclamativi. 1. Chi l’avrebbe mai detto che tu saresti arrivato primo? 2. Che ne diresti di uscire con noi questa sera? 3. Se vi piacciono i dolci, ditemi subito quali preferite. 4. Vedrai in quanti risponderanno al nostro appello! Chi è stato a dirti che non ci aiuterà nessuno? 5. Queste ragazze verranno in gita domani: quante sono?

123


MORFOLOGIA E SINTASSI 6. Finalmente sono arrivati i libri: quali e quanti devo consegnarvi?

29 M

7. Quanto sei furbo, quando ti comporti così! 8. Di quale parli, di quella ragazza con i capelli rossi, o di quella biondina?

Inserisci il pronome interrogativo ed esclamativo adatto. 1. Dimmi la verità: .................... ha fatto questo compito? 2. Ho una fame! Tu .................... mangi? 3. Mi è andato male il compito di matematica: sapessi .................... me ne ha dette mio padre! 4. Vorrei sapere di .................... è questo compito, visto che il nome non è scritto. 5. Questi sono i soldi che mi ha dato lo zio per te: .................... sono? 6. Adesso scegli tra questi due biglietti: .................... preferisci? 7. .................... ne è stato della mia penna? 8. Guarda che bella focaccia: .................... ne vuoi?

pronomi relativi 30

Sottolinea i pronomi relativi e i pronomi misti. 1. Quella che vedi seduta alla mia destra nella fotografia è Martina. 2. Come tutti vedete, la sedia su cui sono seduto è scomoda. 3. Francesco ha perso le chiavi che gli avevo dato. 4. La gatta, che dorme sulla poltrona di fronte a me, si chiama Gloria. 5. Non mi vuole dire il luogo da cui provengono queste mele. 6. Ho radunato quanti erano disponibili a seguirmi. 7. Siamo d’accordo con la proposta che quel ragazzo ha fatto. 8. “Chi tardi arriva, male alloggia” diceva Bruno a quelli che arrivavano tardi.

31

Completa i periodi con i relativi (pronomi, misti, avverbi) adatti, facendo attenzione alle preposizioni che eventualmente li precedono. 1. Ha sempre con sé quello .................... gli serve. 2. Cristina, .................... sono uscita stamattina, è proprio simpatica. 3. Luisa ha letto attentamente il libro .................... le hai prestato. 4. L’impermeabile .................... indossa Giovanna è proprio bello. 5. Questa è la stanza .................... studio.

IL PRONOME

6. Andrò a vedere il film .................... tutti parlano bene.

124

32 M

7. Sara è l’amica .................... mi sento più legata. 8. La signora, .................... tu conosci i figli, è mia zia.

Completa i periodi con i relativi (pronomi, misti, avverbi) adatti, facendo attenzione alle preposizioni che eventualmente li precedono. 1. Il film .................... mi state parlando è più interessante di quello .................... ho visto io ieri. 2. Il gatto, il .................... miagolio ti infastidisce, non è mio. 3. Il cassetto .................... ho lasciato il tuo libro è il secondo da sinistra.


4. .................... non è in grado di affrontare la prova, si faccia da parte. 5. Era l’ora .................... tutti ritornavano alle proprie case, .................... avevano lasciato all’alba. 6. .................... si avvicini alla porta della casa di Claudio, deve fare i conti con Tobia, il feroce cane da guardia, .................... il padrone di casa è molto affezionato.

33 M

7. .................... loro vadano, incontrano persone .................... si ricordano di Anna con affetto. 8. I bambini .................... gioca mio figlio provengono da tutte le parti del mondo.

Circoletta i pronomi relativi e sottolinea le espressioni cui si riferiscono. Attenzione: la parola che può essere anche congiunzione. 1. Dimmi il motivo per cui non sei partito con gli altri. 2. Mi hanno riferito che è caduto l’albero che è stato colpito dal fulmine. 3. Il ragazzo che ho incontrato è quello con cui sono stato al mare. 4. Non trovo più la spilla che tenevo in quel cassetto in cui metto anche gli anelli. 5. È meglio che tu pensi bene alle difficoltà che incontrerai. 6. Gli amici che ho conosciuto in vacanza mi hanno promesso che verranno a trovarmi a casa.

34 M

7. Questo è il monte da cui scende il fiume che tu hai ammirato poco fa. 8. Il temporale, che è appena terminato, ha fatto molti danni.

Separa la subordinata relativa dalla principale, in modo che diventi una frase indipendente; per fare questo devi anche mettere al posto del pronome l’espressione da esso sostituita. esempio: Questo è il mio amico Giorgio con cui faccio spesso i compiti. 888 Questo è il mio amico Giorgio. Con il mio amico Giorgio faccio spesso i compiti.

1. Ho visto Mara, che è una gran bella ragazza. 2. La casa, in cui abbiamo soggiornato al mare, è piccola ma carina. 3. Gianni, al quale l’argomento sembra non interessare, deve rispondere alla mia domanda. 4. In quel palazzo, del quale è stata tinteggiata la facciata in rosso, si trova il mio appartamento. 5. Mia madre, a cui dobbiamo questo ottimo pranzetto, è una grande cuoca. 6. Il musicista che voi amate tanto è nato proprio qui. 7. Gli ulivi, sotto i quali ci troviamo, furono piantati da mio nonno. 8. La strada che conduce al paese è assai ripida.

35

Unisci le coppie di frasi con un pronome relativo, in modo che la frase (b) diventi una subordinata relativa. 1. a) Questo è il risultato. b) Mi aspettavo il risultato. 2. a) Aveva uno scialle. b) Aveva comprato in India lo scialle. 3. a) Vidi un albero. b) L’albero era tutto fiorito. 4. a) Ho incontrato un gattino. b) Il gattino miagolava per la fame. 5. a) Ti presento la mia amica. b) Con la mia amica sono andata in Francia. 6. a) Sono questi gli ideali. b) Per gli ideali si battono i giovani d’oggi. 7. a) Non ho più saputo nulla della persona. b) Della persona mi parlasti. 8. a) Non posso prestarti il libro. b) Mi hai chiesto il libro.

125


MORFOLOGIA E SINTASSI

36 Unisci le coppie di frasi con un pronome relativo, in modo che la frase (b) diventi una subordinata relativa. 1. a) Ester è molto triste.

b) Il ragazzo di Ester è partito per New York.

2. a) Luca guarda la TV.

b) Luca è seduto in poltrona.

3. a) Fabio ha una raccolta invidiabile.

b) A Fabio piacciono i francobolli.

4. a) Tiziano è un grande pittore.

b) A Tiziano dobbiamo questo capolavoro.

5. a) Le rose furono piantate da mia madre.

b) Vedete le rose nel mio giardino.

6. a) La città è molto lontana.

b) Stiamo parlando della città.

37 M

7. a) La vicenda è veramente tragica.

b) Della vicenda ci ha parlato tuo fratello.

8. a) Il taxi era molto scomodo.

b) Il taxi ci ha portato a casa.

Circoletta il che quando è pronome relativo, sottolinealo quando è congiunzione. 1. Ti assicuro che non vorrà più venire in questa casa in cui ha tanti ricordi. 2. Stiamo guardando un film che abbiamo già visto, dato che in TV non c’è niente di bello stasera. 3. Ho sentito al telefono Sabina che dice che verrà domani. 4. Ti ho già detto che ti restituirò domani la macchina fotografica che mi hai prestato. 5. È convinto che siano giuste solo le cose che dice lui! 6. Hanno giurato che non sono stati loro. 7. Aspetta che tua sorella esca e poi vieni a portarmi le cose che mi hai promesso. 8. Le sigarette che fumate sono dannose alla salute.

38 Sostituisci le forme variabili del pronome relativo con quelle invariabili. FORME VARIABILI

1. Cerco una soluzione la quale possa sbloccare la situazione nella quale mi trovo. 2. L’ingresso sarà permesso a tutti coloro che avranno pagato il biglietto. 3. I cani, i quali sono animali sociali, vivono spesso a contatto con l’uomo il quale riconoscono come capobranco.

IL PRONOME

4. Mi stai dicendo cose le quali mi erano già note perché me le aveva riferite Donatella della quale mi fido ciecamente.

126

5. Queste sono le armi con le quali i nostri soldati hanno combattutto al fronte. 6. È meglio che tu non riveli a nessuno i progetti dei quali abbiamo parlato. 7. La casa nella quale abito è laggiù, dietro quei palazzi. 8. Il figlio della signora, la quale sta a Milano, è l’ingegnere del quale parlammo.

FORME INVARIABILI


39

Sostituisci le forme invariabili del pronome relativo con quelle variabili. FORME INVARIABILI

FORME VARIABILI

1. Piero aveva un buffo copricapo di pelo con cui ripararsi dal vento gelido. 2. Quelli che hanno perso la partita hanno applaudito i vincitori. 3. Raccolse un fascio di rami secchi con cui accese un bel fuoco. 4. Sono preoccupato per gli amici che sono partiti ieri: questo è il motivo per cui ti ho chiamato. 5. Si devono apprezzare le persone che agiscono per il bene degli altri. 6. Giulio ha rovinato il tavolo su cui ha appoggiato una pentola bollente. 7. Le persone, a cui ho scritto, solo in minima parte mi hanno risposto.

40 M

8. Mario diceva che quello era il compagno con cui si era preparato agli esami.

Fai l’analisi grammaticale delle seguenti frasi, prendendo in considerazione soltanto le categorie che hai già studiato. 1. Carla è l’unica vera amica che ho. 2. I nostri amici ci hanno offerto una cena squisita. 3. Gli è stato offerto un compito prestigioso in una nota azienda locale. 4. L’uomo osservava la strada dalla quale non veniva nessuno. 5. Qualcuno è stato coraggioso e ha espresso la sua opinione, altri non hanno voluto parlare.

127


MORFOLOGIA E SINTASSI

LA FORMAZIONE DEGLI AVVERBI Tra gli avverbi, indipendentemente dalla funzione e dal significato, esistono quelli primitivi (o semplici), quelli composti, quelli derivati e quelli alterati. Gli avverbi primitivi (o semplici) sono quelli che hanno una forma propria, che non deriva da altre parole. Bene, male, forse, sempre, mai, ecc. Gli avverbi composti sono costituiti da due o più parole fuse insieme. Infine (“in fine”) perfino (“per fino”) almeno (“al meno”) inoltre (“in oltre”) quassù (“qua su”) dappertutto (“da per tutto”), ecc. Gli avverbi derivati costituiscono il gruppo più numeroso di avverbi, in continua espansione perché se ne possono creare di nuovi: nascono dalla trasformazione di un’altra parola (aggettivo, nome, verbo) con l’aggiunta dei suffissi -mente e -oni. La maggior parte degli avverbi di modo derivano da aggettivi qualificativi cui si aggiunge il suffisso -mente, in questo modo: aggettivo onesto pacifico

forma femminile onesta pacifica

suffisso -mente -mente

avverbio onestamente pacificamente

Agli aggettivi in -e si aggiunge semplicemente il suffisso: cortese 888 cortese-mente felice 888 felice-mente

Gli aggettivi che terminano in -le e -re (precedute da vocale) perdono la “e” finale. possibile 888 possibil-mente abile 888 abil-mente celere 888 celer-mente

Alcuni avverbi derivanti da aggettivi in -o hanno forme particolari: violento 888 violente-mente (e non violenta-mente) altro 888 altri-menti (e non altra-mente) ridicolo 888 ridicol-mente (e non ridicola-mente) benevolo 888 benevol-mente (e non benevola-mente) leggero 888 legger-mente (e non leggera-mente).

L’ORIGINE DEGLI AVVERBI IN -MENTE Gli avverbi di modo che terminano con il suffisso -mente traggono origine da un gruppo nominale latino, costituito dall’ablativo del nome femminile “mens” (= mente, animo, intenzione, sentimento) e da un aggettivo. Tale gruppo esprimeva un complemento di modo. ITALIANO

L’AVVERBIO

LATINO

128

cauta-mente pia-mente

= =

con animo cauto con animo pietoso

In latino gli avverbi si formavano con l’aggiunta del suffisso “-e” o del suffisso “-iter” alla radice dell’aggettivo (caut-e = cautamente; pi-e = pietosamente; celer-iter = velocemente). Nella tarda latinità la forma dell’ablativo fu usata sempre più spesso e finì col sostituire gli avverbi in -e, -iter, propri del latino classico. Il termine mente perse la sua caratteristica di nome (compreso il significato) e diventò un semplice suffisso. Alcuni avverbi latini, però, sono giunti fino a noi con la loro desinenza originale (bene, male, tardi, rispettivamente da “bene”, “male”, “tarde”).


Alcuni avverbi derivano da nomi e da verbi con l’aggiunta del suffisso -oni e indicano generalmente una particolare posizione del corpo. da nomi balzello bocca ginocchio

avverbi balzell-oni bocc-oni ginocchi-oni

da verbi cavalcare ciondolare ruzzolare

avverbi cavalc-i-oni ciondol-oni ruzzol-oni

Alcuni aggettivi di genere maschile possono essere usati come avverbi: forte (Non parlare forte) fitto (Questa mattina nevicava fitto)

piano (Si moveva piano) chiaro (Ho parlato chiaro?)

Infine alcuni avverbi possono essere alterati: ben-ino, ben-one (da “bene”) mal-uccio, mal-accio (da “male”)

poc(h)-ino, poc(h)-etto (da “poco”) prest-ino (da “presto”)

ESERCIZI 1

Sottolinea in nero gli avverbi primitivi, in rosso i derivati. 1. Fermiamoci qui per qualche minuto. 2. Camminava lentamente sul ciglio del burrone. 3. Avanzavo tentoni nella stanza buia sperando di non cozzare contro un ostacolo. 4. Sei sempre tu, non cambi mai. 5. La situazione sta degenerando pericolosamente. 6. Correre forte con l’auto è rischioso per sé e per gli altri. 7. Come si fa a risolvere questo intricato problema? 8. Vedete quella luce laggiù? 9. In questo posto ci sono cartacce dappertutto. 10. Per quel pertugio si poteva passare solo carponi.

2

Scrivi gli avverbi e locuzioni avverbiali che derivano dai seguenti aggettivi e nomi. felice ....................... stanco .......................... dignità ............................ recente ....................... docile .......................... reale ............................ signorile ....................... bocca .......................... astuto ............................ lamentoso ....................... alto .......................... nuovo ............................ annuale ....................... minimo .......................... attuale ............................ intero ....................... possibile .......................... stentato ............................ settimanale ....................... solo .......................... eventuale ............................ caso ....................... pratico .......................... chiaro ............................

3

Sottolinea gli avverbi alterati presenti in queste frasi. esempio: Credo che mi fermerò un pochino a riposare. 1. Oggi mi sento benone e vorrei fare mille cose. – 2. A quest’ora vuoi tornare? Mi sembra un po’ prestino. – 3. Oggi resto a casa: sto maluccio. – 4. La minestra è un pochetto salata. – 5. Agli appuntamenti è meglio arrivare un tantino in anticipo. – 6. Mi sembra che sia tardino; quando ti metti a fare i compiti? – 7. Si può andare a piedi, ma è lontanino. – 8. Questo vestito è un pochino troppo grande per te.

129


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: GLI AVVERBI

sono invariabili

modo

bene, allegramente, abilmente, così, altrimenti, cavalcioni, ecc.

luogo

qui, lì, laggiù, dove, ci, davanti, fuori, lontano, sopra, ecc.

tempo

oggi, domani, ora, spesso, mai, subito, adesso, prima, allora, ecc.

quantità

molto, poco, troppo, abbastanza, più, meno, quasi, appena, ecc.

affermazione

certo, indubbiamente, appunto, davvero, ecc.

negazione

non, neppure, nemmeno, ecc.

dubbio

forse, probabilmente, ecc. hanno il comparativo e il superlativo

L’AVVERBIO

Giochi

130

952

1

Ogni gruppo elenca, in un minuto, il maggior numero di avverbi di modo che cominciano per la lettera... (per esempio, C). Vince il gruppo che ne ha elencati di più. Il gioco può essere ripetuto per tutte le lettere dell’alfabeto.

2

Ogni gruppo cerca nell’antologia un brano, ne trascrive su un foglio un capoverso “saltando” gli avverbi e lasciando lo spazio bianco. Quindi trasmetterà il foglio a un altro gruppo che deve: a) valutare se il testo è ancora comprensibile; b) ricomporre il testo, aggiungendo gli avverbi mancanti, senza consultare l’antologia. Alla fine i due testi saranno confrontati e si noteranno le differenze di significato.

3

Ogni gruppo disporrà di alcuni giornalini a fumetti, portati da casa, e cercherà i dialoghi o le battute che contengono degli avverbi; farà una fotocopia di quelle vignette ed evidenzierà gli avverbi presenti.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

avverbi e locuzioni avverbiali 1

Sottolinea gli avverbi e le locuzioni avverbiali. 1. Anna e Marco si sono stancati troppo durante l’escursione. – 2. Il telefono suona continuamente. – 3. Francamente non saprei cosa risponderti. – 4. Questa battuta non è affatto spiritosa. – 5. Carlo ha letto il romanzo malvolentieri. – 6. Tra poco le due squadre scenderanno in campo. – 7. Mia madre compra la frutta sempre alla solita bancarella del mercato rionale. – 8. Raramente si vedono dei tramonti così infuocati.

2

Sottolinea gli avverbi e le locuzioni avverbiali e indicane il tipo. QUALITÀ TEMPO

LUOGO QUANTITÀ NEGAZIONE

1. Le foglie cadevano lentamente dagli alberi. 2. Il giocatore tirò il pallone a casaccio. 3. La casa che si trova di fronte è stata acquistata da poco dai miei zii. 4. Laura si mise a correre, perché voleva arrivare a casa in fretta e non uscire più. 5. I poliziotti cercarono ovunque, ma l’arma del delitto sembrava sparita. 6. Viaggiare in auto mi piace poco; invece viaggio spesso e volentieri in treno. 7. Se abitassi vicino mi fermerei ancora un po’. 8. A questa velocità non ci arriveremo mai. 9. Signora, doveva dirlo prima che desiderava la ricevuta fiscale. 10. Adesso non c’è per niente pericolo.

3

Completa le seguenti frasi con gli avverbi e le locuzioni avverbiali adatti, scegliendoli tra quelli elencati sotto. 1. Non ci vediamo ...................., ma siamo .................... buoni amici. 2. In autostrada si formarono lunghe code, perciò tornammo a casa ..................... 3. Marilena è rimasta .................... colpita dalla generosità dei suoi amici. 4. Ho promesso di aiutarti, ma .................... non posso abbandonare il mio lavoro. 5. Quando è cominciato a piovere ...................., Sandro .................... ha fermato l’auto in una piazzola di sosta. 6. Col tuo amico è difficile discutere: è sempre così .................... convinto delle sue idee? 7. La neve scendeva .................... ma .................... coprì tutto. 8. Il ragazzo alzò .................... la mano, ma .................... non sapeva cosa dire. a dirotto • adesso • prontamente • di frequente • fermamente • lentamente • nottetempo • profondamente • prudentemente • dopo • sempre • a poco a poco

131


4 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Costruisci una frase con ognuno dei seguenti avverbi e locuzioni avverbiali. talvolta .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. onestamente .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. altrove .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. abbastanza .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. neppure .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. alla svelta .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. di quando in quando .............................................................................................................................................. .............................................................................................................................................. senza dubbio

5 M

.............................................................................................................................................. ..............................................................................................................................................

Indica se le parole in corsivo sono avverbi o aggettivi. AVVERBIO

1. Pensi che abbia speso troppo per queste scarpe? 2. Non ti sembra di mettere troppo zucchero nel caffè? 3. Si attinse l’acqua del vicino torrente.

L’AVVERBIO

4. Vicino si sentiva lo scrosciare di una cascata.

132

5. Carlo ha aspettato parecchio prima di farsi vivo. 6. A piedi ci impiegheremo parecchio tempo. 7. Luigi era sicuro che l’avreste invitato alla festa. 8. Il lavoro sarà terminato di sicuro entro domani. 9. Il direttore era poco convinto delle scelte aziendali. 10. Dopo la cottura l’arrosto è diventato poco.

AGGETTIVO


6 M

Indica se le parole in corsivo sono avverbi o preposizioni improprie. AVVERBIO

PREPOSIZIONE IMPROPRIA

1. Qui ci sarà lo sportello per il pubblico, nella stanza accanto si collocherà l’archivio. 2. Chi era la ragazza seduta accanto a te? 3. Susanna e Tullio si sono riconciliati? Li ho visti insieme a teatro. 4. Insieme al pollo arrosto starebbero bene delle patatine fritte. 5. Se arrivate a casa prima di noi, preparate un tè caldo per tutti. 6. Chi finisce prima il compito, può cominciare a leggere un libro. 7. Intorno non c’era che un deserto arido per decine di chilometri. 8. Fu costruita una palizzata intorno all’accampamento. 9. Oltre a te, chi è al corrente di questa notizia? 10. Siccome stava per imbrunire, si è deciso di non proseguire oltre.

133


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: LE PREPOSIZIONI preposizioni proprie: di, a, da, in, con, su, per, tra (fra)

preposizioni articolate:

unite all’articolo determinativo

del, al, dal, ecc.

improprie: prima, sopra, fuori in mezzo a, invece di, a causa di, …

INVARIABILI

stabiliscono un LEGAME tra le parole e le frasi introducendo

LA PREPOSIZIONE

COMPLEMENTI

134

Giochi

VARIABILI

FRASI SUBORDINATE implicite

952

I seguenti giochi possono essere effettuati dagli alunni

2 o 952.

1

Ogni gruppo scrive su un foglio cinque frasi brevi (esempio: Laura ha letto un romanzo) cui aggiunge tre preposizioni, semplici e/o improprie (esempio: durante..., a..., per...). Quindi trasmette il foglio a un altro gruppo che deve completare le frasi scrivendo un complemento che si adatta alle preposizioni.

2

Ogni gruppo cerca nell’antologia un brano, ne trascrive su un foglio un capoverso “saltando” le preposizioni e lasciando lo spazio bianco. Quindi trasmetterà il foglio a un altro gruppo che deve ricomporre il testo, aggiungendo le preposizioni mancanti, senza consultare l’antologia. Alla fine i due testi saranno confrontati e si noteranno le differenze di significato.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

preposizioni semplici e articolate 1

Sottolinea le preposizioni semplici. 1. La gara di nuoto comincerà tra pochi minuti. – 2. Il mio nome è scritto su tutti i miei quaderni. – 3. Questa camicia è stata acquistata da Sonia in un mercatino di paese. – 4. Un’anatra andava a nuoto sul fiume in cerca di pesciolini. – 5. La casa di mio zio sorge tra la strada e i campi. – 6. In due ci si fa più coraggio. – 7. Vado da casa a scuola in dieci minuti. – 8. L’aereo da Madrid è in ritardo di un’ora.

2

Sottolinea le preposizioni articolate. 1. Paola si è rivolta all’insegnante in modo sgarbato. – 2. Ci si può fidare degli amici. – 3. Sono cadute le foglie dagli alberi. – 4. Al mare mi recavo spesso sugli scogli. – 5. La tana dello scoiattolo è sull’abete più alto. – 6. Vedremo un documentario sulle popolazioni dell’Africa orientale. – 7. Raccontai il fatto all’agente della polizia della strada. – 8. Ho messo sul davanzale il vaso dei gerani.

3

Completa le frasi con le preposizioni semplici e articolate adatte. 1. Abbiamo chiesto un pacco ...... pasta ...... vicini. – 2. ...... quel negozio si vendono camicie ...... uomo ...... cotone. – 3. Non c’è alcuna differenza ...... noi e voi ...... allenamenti. – 4. Il motorino nuovo ...... Paolo è già ...... meccanico. – 5. Abbiamo lavorato tutti insieme ...... questa ricerca.

4 M

– 6. Il pullman partirà ...... questo piazzale ...... mezz’ora. – 7. Ho fatto molti errori ...... esercizio

...... grammatica. – 8. Ci alzammo ...... alba per salire ...... cima ...... monte.

Completa le seguenti frasi (puoi trasformare le preposizioni semplici in articolate). esempio: Marta scrive una lettera di ............. 888 di auguri a ............. 888 alla sua amica per ............. 888 per il suo compleanno con ............. 888 con molto affetto 1. Durante le vacanze andrò a

............................................................................................

per ............................................................................................ con ............................................................................................ in 2. Il pettirosso si è posato

............................................................................................

su

............................................................................................

di

............................................................................................

per ............................................................................................ tra ............................................................................................ 3. Il bar è frequentato

da ............................................................................................ a

............................................................................................

in

............................................................................................

per ............................................................................................

135


MORFOLOGIA E SINTASSI 4. Parlerò a Carlotta

di

..........................................................................................

fra .......................................................................................... con .......................................................................................... a

..........................................................................................

5. È piovuto in continuazione a

..........................................................................................

da .......................................................................................... in

..........................................................................................

con .......................................................................................... 6. Abbiamo deciso di partire a in

5 M

.......................................................................................... ..........................................................................................

per .......................................................................................... tra ..........................................................................................

Completa le frasi, dando alle preposizioni significati differenti (puoi trasformare le preposizioni semplici in articolate). esempio: Federico è tornato da ................... / da .................... 888 dai nonni / da scuola / da

un’ora

1. Ho studiato il capitolo di scienze con ................................ / con ................................ 2. Di questo argomento discuteremo tra ................................ / tra ................................ 3. I ragazzi partirono in ................................ / in ................................ 4. Gianni è rimasto assente per ................................ / per ................................ 5. Non vedo il mio amico Giulio da ................................ / da ................................

6 M

6. Scrivete le vostre opinioni su ................................ / su ................................ 7. Finalmente abbiamo visto un film di ................................ / di ................................

Sottolinea con un tratto le preposizioni improprie e le locuzioni preposizionali, con due tratti le preposizioni semplici o articolate. 1. Sopra il tavolo dello studio o sul tavolino contro il muro, troverai le matite colorate. – 2. A causa del temporale abbiamo rinviato la partenza per la gita. – 3. Allo zoo, dentro ad una gabbia, c’erano dei babbuini. – 4. Si giunse all’accordo dopo una lunga discussione. – 5. Il chiosco dei gelati si tro-

7 M

LA PREPOSIZIONE

va in mezzo alla piazza, accanto alle aiuole. – 6. Se non arriverete prima di sera, partiremo senza di

136

voi. – 7. Sotto il ponte due imbarcazioni cozzarono frontalmente a causa della nebbia.

In queste coppie di frasi sono presenti vocaboli usati una volta come preposizioni improprie, un’altra come avverbi o aggettivi o nomi. Sottolineali quando sono usati come preposizioni improprie. 1. Si viaggia più sicuri con un mezzo di trasporto pubblico. – 2. Ci aspettammo fuori del cinema. – 3. La nave non poté salpare a causa delle violente mareggiate. – 4. Abitammo a lungo in un paese

di campagna. – 5. Non si conosce la causa di questa malattia. – 6. Andrea per la febbre dovrà rimanere dentro per qualche giorno. – 7. Insieme con i nostri amici abbiamo trascorso una bellissima serata. – 8. Il mio vicino di casa ha vinto un premio alla lotteria. – 9. Abbiamo potuto osservare le macchie solari per mezzo di un piccolo telescopio. – 10. Il tuo vestito stirato è dentro l’armadio. – 11. È bello passeggiare al tramonto lungo la riva del mare. – 12. Lorena e Matteo sono andati insieme alle giostre. – 13. Venite fuori! – 14. Vicino al fiume si trovano ancora reperti dell’antichità romana.


8 M

Sottolinea in nero le preposizioni improprie, in rosso le locuzioni preposizionali.

1. C’è un piccolo giardino pubblico di fronte al mio condominio. – 2. L’audace navigatore ha attraversato l’oceano per mezzo di un catamarano. – 3. Dopo la scuola i ragazzi si sono fermati a chiacchierare. – 4. Il piccolo borgo di montagna era raggiungibile soltanto attraverso un ripido sentiero. – 5. A proposito di cinema, chi ha visto l’ultimo film di Pupi Avati? – 6. Un antico affresco è stato scoperto sotto l’intonaco. – 7. A causa della protesta dei pendolari alle stazioni, molti treni sono partiti con notevole ritardo. – 8. Si possono ritirare i moduli per l’iscrizione al concorso presso gli uffici comunali. – 9. Colombo navigò attraverso l’oceano Atlantico per oltre due mesi. – 10. Il pilota ha commesso una grave scorrettezza ai danni degli altri concorrenti durante la fase iniziale della gara.

9 M

Sottolinea le preposizioni improprie e, nelle colonne di destra, indica se originariamente erano aggettivi, avverbi o verbi. AGGETTIVO

AVVERBIO

VERBO

1. Insieme con loro abbiamo fatto viaggi memorabili. 2. C’erano moltissimi fiori lungo il sentiero. 3. Il nuovo parco giochi sarà allestito vicino agli impianti sportivi. 4. Tutti hanno ricevuto l’avviso scritto, eccetto Franco e Stefano. 5. Dentro la cassetta della posta trovo quasi ogni giorno inutili e costosi pieghevoli pubblicitari. 6. Il gatto si era accoccolato sopra la poltrona più comoda. 7. Sandro volle trascorrere qualche giorno da solo, lontano dalla città. 8. Improvvisamente l’auto si è fermata: è rimasta senza benzina. 9. Lei può accedere al suo ufficio soltanto mediante questa tessera magnetica. 10. L’incidente, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato provocato dalla velocità eccessiva.

10 M

Sottolinea in nero le preposizioni improprie, in rosso le locuzioni preposizionali.

1. Ho deciso di rimanere fino a questa sera. – 2. La stazione balneare ha ripreso l’attività da qualche giorno dopo la chiusura invernale. – 3. Nessuna rimostranza è pervenuta da parte degli utenti. – 4. In compagnia di Laura e di Filippo abbiamo trascorso delle giornate splendide al mare, nonostante il tempo incerto. – 5. Davanti a me, allo sportello, c’era una fila lunghissima.

137


MORFOLOGIA E SINTASSI

QUADRO MORFOLOGICO: LE CONGIUNZIONI Invariabili

coordinative: e, o, ma, infatti, perciò, quindi, ecc.

subordinative: mentre, perché, se, sebbene, quando, ecc.

stabiliscono un legame tra le parole e tra le frasi

LA CONGIUNZIONE

Giochi

138

952

I seguenti giochi possono essere effettuati dagli alunni

2 o 952.

1

Ogni gruppo scrive su un foglio sette frasi brevi (esempio: Alla festa ci sarà anche Luigi) cui aggiunge una congiunzione coordinativa (esempio: tuttavia). Quindi trasmette il foglio a un altro gruppo che deve completare ogni frase scrivendone un’altra che si adatta alla congiunzione.

2

Questo gioco è simile al precedente, ma alle frasi iniziali verrà aggiunta una congiunzione subordinativa. Pertanto ogni gruppo scrive su un foglio sette frasi brevi (esempio: Alla festa ci sarà anche Luigi) cui aggiunge una congiunzione subordinativa (esempio: perché). Quindi trasmette il foglio a un altro gruppo che deve completare ogni frase scrivendone un’altra che si adatta alla congiunzione.

3

Ogni gruppo cerca nell’antologia un brano, ne trascrive su un foglio un capoverso “saltando” le congiunzioni e lasciando lo spazio bianco. Quindi trasmetterà il foglio a un altro gruppo che deve ricomporre il testo, aggiungendo le congiunzioni mancanti, senza consultare l’antologia. Alla fine i due testi saranno confrontati e si noteranno le differenze di significato.


Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

congiunzioni coordinative e subordinative 1

Sottolinea le congiunzioni coordinative. 1. Domenica prossima potremmo andare in montagna oppure andare dagli zii. – 2. I Sumeri, cioè gli antichi abitanti della Mesopotamia, inventarono la ruota. – 3. Ero in ritardo, perciò ho fatto una corsa, ma non sono arrivato in tempo. – 4. La mostra di pittura è molto interessante, infatti alcune opere sono esposte per la prima volta al pubblico. – 5. Hai proprio ragione; anzi avrei dovuto ascoltarti prima. – 6. In Grecia il terreno ha una conformazione montuosa, perciò le comunicazioni sono lente. – 7. Non ero d’accordo, tuttavia tacqui e me ne andai. – 8. Scrivete la vostra opinione su un fatto di cronaca oppure su un problema di attualità.

2

Sottolinea le congiunzioni coordinative e indicane il tipo. TIPO

1. Lei ha una salute di ferro, perciò stia tranquillo! 2. Le lezioni di scienze sono difficili, ma molto interessanti. 3. Angela ha migliorato i risultati non solo in italiano ma anche in francese. 4. Le preposizioni segnalano i complementi; inoltre introducono subordinate implicite. 5. È meglio prendere l’autostrada oppure la strada panoramica? 6. In giardino abbiamo piantato delle rose e delle ortensie. 7. Franco è il responsabile del campo, quindi chiedetelo a lui. 8. Il contenuto del tema è buono, inoltre la grafia è corretta.

3

Sottolinea le congiunzioni subordinative. 1. Mentre tutti si rintanarono in casa, Ornella si fermò a guardare le stelle cadenti. – 2. Ti darò il permesso di uscire purché non torni tardi. – 3. Lo considero sempre un amico, benché lui non mi abbia trattato proprio bene. – 4. Gioco spesso con mio fratello e con i suoi amici, anche se sono più grandi di me. – 5. Se proprio non vuoi essere riaccompagnato a casa, permettimi di darti un ombrello. – 6. Si vedono i primi segni della primavera quando le giornate cominciano ad allungarsi. – 7. Credo che le castagne siano pronte perché arriva un profumo invitante. – 8. Quando guardava intorno a sé, il viaggiatore vedeva soltanto erba a perdita d’occhio.

139


MORFOLOGIA E SINTASSI

4

Sottolinea le congiunzioni subordinative e indicane il tipo.

TIPO

1. I negozi ormai erano chiusi, cosicché si dovette aspettare la mattina successiva. 2. Dopo che avrò stampato le fotografie, te le farò vedere. 3. Gli indiani preferirono ritirarsi momentaneamente, anziché attaccare il forte durante il giorno. 4. Finché non vedrò con i miei occhi, non crederò alle tue parole. 5. Avrò un premio se completerò la raccolta delle figurine. 6. Il giudice convocò un esperto perché l’autenticità della prova non era certa. 7. Creta è ricca d’acqua, benché sia la regione più meridionale d’Europa. 8. Molti, mentre dormono, articolano confusamente discorsi incomprensibili.

5

Sottolinea le congiunzioni e indica se sono coordinative o subordinative.

TIPO

1. Avevo sonno, tuttavia non riuscivo a dormire per il caldo. 2. Le noccioline sono buone, ma possono far male quando se ne mangiano troppe. 3. Alla fiera del libro c’erano tanti visitatori che era quasi impossibile muoversi. 4. Se vuoi essere promosso, studia con impegno! 5. Il consiglio ha approvato il bilancio, inoltre ha deliberato le spese per la scuola. 6. Né la pioggia né il temporale servirono a rinfrescare l’aria. 7. La mia bicicletta è rotta, allora ho deciso di comprarne una nuova.

LA CONGIUNZIONE

8. Mi sono punto con un riccio mentre raccoglievo castagne.

140

6

Completa le seguenti frasi con le congiunzioni adatte, scegliendole tra quelle elencate sotto. 1. .................... i Cartaginesi oziavano a Capua, i Romani si preparavano a sconfiggerli. 2. L’architetto lavorò molto intensamente .................... il progetto fosse pronto in tempo. 3. Vorrei leggere un romanzo giallo .................... uno di spionaggio. 4. Mio fratello non mi ha risposto .................... l’ho chiamato più volte. 5. Scesero a valle .................... scoppiasse l’uragano. 6. Nessuno aveva capito .................... i ladri fossero potuti entrare. 7. .................... la pasta era scotta, .................... l’arrosto era bruciato. 8. L’allenatore ha annunciato .................... il portiere titolare si è infortunato, .................... sarà sostituito dalla riserva. anche se • perché • non solo • che • oppure • perciò • ma anche • come • mentre • prima che


7

Scegli, tra quelle proposte, la congiunzione corretta e sottolineala. 1. Alcuni villeggianti hanno raccolto grandi cesti di funghi, benché / purché fosse vietato. – 2. Se / anche se non ero del tutto convinto, ho accettato la sua proposta. – 3. Non riuscivo a far partire la mia auto quando / mentre arrivò il meccanico. – 4. Solo alcuni prendono appunti mentre / perché il professore spiega. – 5. Anche se / siccome i ragazzi cantavano a squarciagola, i vicini si sono lamentati. – 6. Fu tenuto ugualmente lo spettacolo all’aperto benché / perché facesse freddo. – 7. Vi ripeto queste parole perché / purché vi siano ben chiare e non nascano equivoci. – 8. Se / anche se il treno arriverà in ritardo, perderemo la coincidenza.

8 M

Unisci le coppie di frasi con le congiunzioni adatte. 1. Il vostro invito mi è molto gradito. Non posso accettare l’invito. .......................................................................................................................................... 2. Il tempo passava lentamente. Tu te n’eri andata. .......................................................................................................................................... 3. Un ciclista è uscito improvvisamente dallo stop. Giuseppe ha dovuto frenare di colpo. .......................................................................................................................................... 4. Tutti i treni sono in ritardo. È caduta molta neve. .......................................................................................................................................... 5. Il castello era distante pochi chilometri. Siamo andati a visitare il castello. .......................................................................................................................................... 6. La casa di Gabriele è piccola. La casa di Gabriele è calda e accogliente. .......................................................................................................................................... 7. I rapporti tra Alba e Veronica non sono buoni. È opportuno non invitarle insieme. .......................................................................................................................................... 8. L’orchestra suonava una musica che conoscevo. Non riuscivo a ricordarmi il titolo della musica. ..........................................................................................................................................

9 M

Sottolinea la congiunzione che. Attenzione: non confonderla con il pronome relativo.

1. Quando capiranno che è stato un inganno, sarà troppo tardi. – 2. Il controllore si accorse subito che il biglietto dell’autobus che gli porgevo era vecchio, e rimase perplesso. – 3. Dai discorsi che faceva, si capiva subito che era un esperto. – 4. Di tutti quelli che si sarebbero dovuti preoccupare per lei, nessuno ha sentito che Paola è uscita. – 5. Giorgio, che voleva fare una sorpresa ai genitori, non li ha avvertiti che sarebbe tornato. – 6. Il comune decise che lo stadio, che si era rivelato troppo piccolo, sarebbe stato ampliato. – 7. Penso che cederò il posto a quella signora anziana che è appena salita in treno. – 8. Gli operai che stavano per essere licenziati speravano che la crisi dell’azienda fosse superata.

10 M

Completa i periodi scegliendo tra le congiunzioni mentre, quando, finché. 1. Nessuno uscirà da questa stanza ............... non salterà fuori la collana d’oro della contessa. 2. Mi è venuta questa folgorante idea ............... leggevo il giornale. 3. Il motoscafo si allontanò in fretta ............... sparì all’orizzonte. 4. ............... il vecchio tornò al suo paese originario, pochi si ricordavano di lui. 5. ............... il maratoneta solitario entrava nello stadio, tutto il pubblico si alzò ad applaudire. 6. Il cane abbaiava furiosamente ............... un estraneo si avvicinava al cancello. 7. Lorenzo dovrà stare a Torino ............... non lo trasferiranno più vicino. 8. ............... si cuoce la pasta, prepariamo il sugo per condirla.

141


MORFOLOGIA E SINTASSI

2e 952 di recupero e di potenziamento

Esercizi

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

la frase

142

1

Gli alunni si dividono in gruppi di quattro (cinque) persone. Ogni alunno scrive un periodo di tre frasi semplici. Il gruppo controlla che il periodo scritto rispetti la consegna. I periodi vengono ricopiati con grafia chiara o stampati e vengono assegnati da analizzare agli altri gruppi, che dovranno dividerli e individuare le frasi semplici. Quando l’analisi sarà stata fatta, ogni gruppo procederà alla correzione dei periodi proposti da esso stesso. Si confronteranno i risultati e si farà una graduatoria dei punteggi ottenuti da ciascun gruppo.

2

Ogni alunno scrive su un foglietto un periodo di almeno tre frasi semplici. I foglietti vengono ripiegati e consegnati all’insegnante. Poi l’insegnante ne estrae uno alla volta e chiama alla lavagna un alunno a turno per analizzarlo.

3

Un alunno (scelto dall’insegnante) inizia un periodo. Il suo vicino aggiunge una frase semplice. Il terzo ne aggiunge un’altra terminando il periodo. Si ricomincia dal quarto, e così via. esempio: Primo alunno: 888 Domani andrò al cinema… Secondo: 888 … a vedere un film… Terzo: 888 ... di cui ho tanto sentito parlare.

4

Individualmente o in gruppo, formate delle frasi (= sequenze ordinate dotate di senso compiuto) utilizzando tutti gli elementi disposti casualmente nelle seguenti liste. 1. In gli frutto alberi primavera da di coprono fiori si. 2. Preferito menù nel piatto oggi il mio di è incluso. 3. Particolarmente sera tesa in quella era l’atmosfera paese. 4. Dopo giunse al tragitto la breve corriera un confine. 5. Senza il problema tuo non avrebbe Irene risolto il trigonometria aiuto di. 6. Tennis hanno partita insieme la di Coppa Davis di guardato. 7. Natalizie le zii nostra in verranno festività a visita gli casa per. 8. Squadra alla un del primo goal la ha fine segnato tempo.

5

Individualmente o in gruppo, formate delle frasi che abbiano senso compiuto, utilizzando i sintagmi delle seguenti serie in tutte le possibili combinazioni. esempio: /in piazza/ /nonostante il freddo pungente/ /è andata/ /con la figlia/ /al mercato/ /Luisa/. 888

- Nonostante il freddo pungente Luisa è andata con la figlia al mercato in piazza. - Luisa è andata in piazza al mercato con la figlia nonostante il freddo pungente. - Luisa nonostante il freddo pungente è andata al mercato in piazza con la figlia. ecc. 1. /ha sognato/ /per tutto l’inverno/ /per la promozione/ /Roberto/ /la motocicletta nuova/. 2. /dell’albergo/ /gli ospiti/ /un signore/ /accolse/ /nel salone/ /di circa settant’anni/. 3. /delle principali città italiane/ /sulla parete/ /in bianco e nero/ /splendide fotografie/ /c’erano/. 4. /l’applicazione/ /dell’ambiente/ /al convegno/ /di tutto il mondo/ /discuteranno/ /nella difesa/ /esperti/ /delle nuove tecnologie/. 5. /dell’anziana signora/ /su quel sedile/ /la povera schiena/ /di legno/ /si era indolenzita/. 6. /quel drammatico momento/ /dei protagonisti/ /nelle pagine intense e ricche/ /della storia europea/ /di uno/ /di passione civile/ /è rievocato/. 7. /per la cena/ /di scompiglio/ /a tavola/ /sedettero/ /dopo un primo momento/ /gli scout/. 8. /le premesse/ /delle conoscenze/ /sulla luna/ /per lo sviluppo/ /la prima missione/ /sull’universo/ /creò/.


6 M

Tutti gli alunni, guidati dall’insegnante, osservino attentamente la struttura delle seguenti tre frasi, accertandosi di aver capito bene il procedimento. Poi, divisi in gruppi di tre o quattro, si creeranno strutture simili, che verranno proposte ai compagni.

(SN = sintagma nominale, SV = sintagma verbale, SP = sintagma preposizionale) SN _______ a)

+

Il vento SN _________________ SN + SP

b)

7 M c)

SV __________________ verbo + SN ha sradicato gli alberi. +

L’arrivo della polizia SP _______________

SV _____________________ verbo + SN + SP provocò la fuga dei ladri.

+

SN _________

Durante l’inverno

Paolo

+

SV __________________ verbo + SP è andato in montagna.

Individualmente o in gruppo, sottolineate in rosso il verbo, in nero i suoi argomenti (sapendone il numero, che diamo tra parentesi).

1. Claudia ha portato (3 arg.) dei fiori alla nonna all’ospedale. – 2. Durante la lotta per le investiture tra l’impero e il papato, Enrico IV andò (2 arg.) a Canossa dal papa Gregorio VII. – 3. A Ceylon il Buddhismo sopravvisse (1 arg.) grazie alle comunità monastiche. – 4. Questo biglietto ferroviario per studenti vale (1 arg.) in Italia soltanto. – 5. L’addetto alla sorveglianza della miniera porse ( 3 arg.) un elmetto all’ingegnere. – 6. Ancora oggi in Turchia i turisti occidentali assistono (2 arg.) alle cerimonie dei Dervisci. – 7. All’ingresso dell’autostrada il poliziotto ricordò (3 arg.) alla signora i limiti di velocità. – 8. Antonio Gramsci scrisse (2 arg.) in carcere i suoi famosi Quaderni.

8 M

Individualmente o in gruppo, create frasi nucleari a partire dai verbi dati. 1. arrostire (2 arg.). – 2. rischiare (2 arg.). – 3. camminare (1 arg.). – 4. dire (3 arg.). – 5. sbadigliare (1 arg.). – 6. portare (3 arg.). – 7. gettare (3 arg.). – 8. entrare (2 arg.). – 9. restituire (3 arg.). – 10. condurre (3 arg.).

il predicato esprime la funzione del verbo nella frase verbale

con i verbi “predicativi”

nominale

• con il verbo “essere” (copula) + un nome o un aggettivo • con i verbi “copulativi” (sembrare, parere, diventare…) + un nome o un aggettivo

essere sottinteso

nelle frasi ellittiche del verbo

mancare

nelle frasi nominali

IL PREDICATO è l’elemento più importante della frase ed esprime ciò che si dice di qualcuno o di qualcosa.

si dice

può

143


MORFOLOGIA E SINTASSI

9

Individualmente o in gruppo, sottolineate i predicati e indicate se sono verbali o nominali. PREDICATO VERBALE

PREDICATO NOMINALE

1. Il postino ha portato una raccomandata per te.

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

2. Catia sarà felice per questo regalo.

144

3. Il vincitore del concorso di poesia è premiato con un diploma. 4. Carlo ha trovato un impiego in un’azienda di trasporti. 5. Il treno per Milano è partito in ritardo. 6. La soffitta è piena di vecchi mobili polverosi. 7. Luciano, dopo la gara, era molto stanco. 8. Domani Franca tornerà dalle vacanze.

10

Individualmente o in gruppo, sottolineate i predicati verbali in nero, i predicati nominali in rosso. 1. L’ufficio del preside è ampio e luminoso. – 2. L’anno scorso sono andata in Spagna con le mie amiche. – 3. L’artigianato fiorentino è famoso in tutto il mondo. – 4. In riva al mare il rumore delle onde è piacevole. – 5. Lo scrittore Ignazio Silone è nato in Abruzzo. – 6. Le temperature elevate sono caratteristiche del clima estivo nell’ambiente mediterraneo. – 7. Dopo il diploma Federica sarà assunta da una agenzia turistica. – 8. Secondo i viticoltori quest’anno la vendemmia sarà abbondante.

11

Gli alunni si dividono in due squadre (maschi e femmine, oppure per file, o in altro modo) per una gara. I componenti di ogni squadra scrivono, ciascuno su un foglio, una frase semplice che contenga un predicato verbale o nominale. Un alunno sorteggiato va alla lavagna, traccia una linea verticale per dividere lo spazio in due e scrive nelle due parti i nomi delle due squadre, per esempio A e B. Comincia la gara. – Il primo componente della squadra A propone la propria frase a un componente della squadra B. L’interpellato deve dire qual è il predicato e se è verbale o nominale. La squadra B avrà due punti se entrambe le risposte sono esatte, un punto se è esatta una sola, 0 punti se sono errate entrambe le risposte. – Se risulta che l’alunno che fa la domanda non sa la soluzione esatta, la sua squadra perde due punti. – Si scambiano i ruoli, uno alla volta, fino a che tutti i componenti delle squadre A e B avranno fatto le domande e dato le risposte. – La squadra con più punti vince.

12

Si formano due squadre con lo stesso numero di alunni, non più di sei. Ogni squadra si procura una pagina, da un libro di testo o da un giornale, e isola un testo di circa 400 parole. I componenti della squadra analizzano il loro testo dividendosi le parti e segnano, a parte, i predicati verbali e nominali. Vengono fornite fotocopie del testo alla squadra avversaria, che dovrà trovare e analizzare tutti i predicati, lavorando in gruppo. La correzione avverrà pubblicamente, in presenza dell’insegnante. Si attribuiranno due punti per ogni predicato riconosciuto e correttamente analizzato, un punto per una sola operazione corretta, zero punti se il predicato non è stato trovato. La gara può terminare con punteggi diversi o in parità.


13

Individualmente o in gruppo, indicate (nella parentesi) se il verbo essere è ausiliare (A), copula (C) oppure se ha un significato autonomo (SA). 1. Ieri non ero ( ) in casa, dalle due alle cinque. – 2. Gabriele e Lucia sono ( ) figli di un attore di teatro. – 3. I capi riportati entro otto giorni, con lo scontrino, saranno ( ) cambiati. – 4. Dante Alighieri è ( ) il più grande poeta italiano. – 5. È stato ( ) sancito l’ingresso nell’Unione Europea di molti nuovi Paesi. – 6. L’autostrada sarebbe ( ) comoda, ma è spesso piena di camion in fila. – 7. Sarai ( ) assunto per il periodo estivo nell’azienda dei tuoi zii? – 8. Tiberio e Caio Gracco furono ( ) grandi tribuni della plebe, nella Roma repubblicana.

14

Gli alunni si dividono in due squadre con lo stesso numero di alunni (maschi e femmine, oppure per file, o in altro modo) per una gara. I componenti di ogni squadra scrivono, ciascuno su un foglio, una frase semplice che contenga una forma del verbo essere, come predicato verbale, nominale o come ausiliare. Un alunno sorteggiato va alla lavagna, traccia una linea verticale per dividere lo spazio in due e scrive nelle due parti i nomi delle due squadre, per esempio A e B. Comincia la gara. – Il primo componente della squadra A legge la sua frase a un componente della squadra B. L’interpellato deve dire se il verbo essere è predicato verbale, nominale o se è ausiliare. La squadra B avrà un punto se la risposta è esatta, zero punti se è errata. – Se risulta che l’alunno che fa la domanda non sa la soluzione esatta, la sua squadra perde due punti. – Si scambiano i ruoli, uno alla volta, fino a che tutti i componenti delle squadre A e B avranno fatto le domande e dato le risposte. – La squadra con più punti vince.

15

Individualmente o in gruppo, trasformate le seguenti frasi sostituendo al verbo essere un verbo copulativo, come sembrare, parere, apparire, diventare, divenire. 1. Quel giorno il cielo era sereno in modo promettente per la gita. ............................................... 2. Eravamo sempre più contenti nel sentire quelle notizie. ............................................... 3. Mio figlio Luca ormai è grande come me. ............................................... 4. I capelli della ragazza erano d’oro. ............................................... 5. Mario già da giovane era proprio adatto alla politica. ............................................... 6. Il denaro per te è la soluzione di tutto. ............................................... 7. All’aspetto, la madre era giovane come la figlia. ............................................... 8. Il cane di mio zio era stanchissimo per le corse fatte. ...............................................

16

Sottolinea i predicati e indica se sono verbali o nominali, facendo attenzione ai verbi copulativi.

PREDICATO VERBALE

PREDICATO NOMINALE

1. Mio fratello correva sui prati per allenamento. 2. La gita sarà rallegrata da una piacevole sorpresa. 3. L’aria di questa zona è diventata irrespirabile per il traffico. 4. L’imputato ha respinto ogni accusa. 5. All’accertamento dei fatti, l’informazione apparve falsa. 6. Il tuo amico è stato troppo audace in quell’operazione. 7. L’automobilista è stato multato dal vigile per eccesso di velocità. 8. Questo quadro sembra autentico anche a persone esperte.

145


MORFOLOGIA E SINTASSI

17

Sottolinea i predicati e indica se sono verbali o nominali, facendo attenzione ai verbi servili e fraseologici. PREDICATO VERBALE

PREDICATO NOMINALE

1. Federica sta per uscire con i suoi amici.

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

2. Durante le spiegazioni gli alunni devono essere più attenti.

146

3. Domenica prossima potremmo far visita ai nonni. 4. Lucia cominciò a lavorare in un ufficio pubblico subito dopo il diploma. 5. Questo gioco potrebbe essere molto più divertente, con alcune varianti. 6. Secondo i tecnici, i lavori cominceranno fra qualche settimana. 7. Chi va dicendo queste bugie?

18 M

8. Il discorso del direttore non poteva essere più noioso.

Individualmente o in gruppo, sottolineate in rosso il predicato verbale, in nero quello nominale. Fate attenzione ai verbi servili e a quelli fraseologici e alle forme complesse del predicato nominale. 1. Una scoperta archeologica di straordinario valore storico ed artistico è stata fatta nell’isola di Creta. 2. L’atleta azzurro non ha potuto partecipare agli allenamenti per la semifinale a causa di una leggera indisposizione fisica. 3. L’accettazione della domanda di grazia per il vecchio detenuto era ormai sicura. 4. L’autore dell’opera è un regista sovietico di quarantadue anni con molta esperienza di documentari storici. 5. Dopo una settimana di tempo caldo e afoso, finalmente stanotte è cominciato a piovere. 6. Molti degli elettrodomestici di questo negozio sono costosi e inutili. 7. Prima dell’inizio delle vacanze estive, il governo era sul punto di dimettersi. 8. In Inghilterra una donna è stata condannata all’ergastolo per l’uccisione del marito alcolizzato.

19 M

Individualmente o in gruppo, ricopiate le seguenti frasi con predicato trasformandole in frasi nominali. esempio: Il soggetto e il verbo concordano anche nel numero. 888 Concordanza del soggetto e del verbo anche nel numero

1. Secondo l’inchiesta, dagli intervistati è emerso un grosso disagio nei riguardi delle istituzioni ospedaliere. – 2. In Italia l’anno scorso sono nati meno bambini che nell’anno precedente. – 3. Tutte le cure sono state inutili, a causa del ritardo dell’intervento. – 4. Al festival, nonostante le previsioni, hanno trionfato i film basati sui buoni sentimenti. – 5. L’accordo tra la categoria in sciopero e i vertici della Confindustria si fa sempre più difficile. – 6. I biglietti vincenti della lotteria saranno estratti la notte dell’Epifania. – 7. Il ladro è stato riconosciuto per caso da una commessa alla fermata dell’autobus. – 8. Per fortuna la segretaria addetta alla fotocopiatrice ha scoperto i documenti falsi.


20 M

Individualmente o in gruppo, ricopiate le seguenti frasi nominali trasformandole in frasi con predicato. esempio: Perdita di posti di lavoro nel campo della moda. 888 Sono stati persi posti di lavoro nel campo della moda.

1. Apertura del Salone di Torino nella mattinata di domani. – 2. Previste fitte nevicate anche a bassa quota su tutto l’arco alpino. – 3. Fondata in Italia una nuova società per favorire l’acquisto di case con mutui agevolati. – 4. Nubifragi su tutto il sud, allagata la piana di Metaponto. – 5. Benzina sempre più cara, associazioni dei consumatori preoccupate. – 6. Grande successo per il nuovo spettacolo televisivo della domenica pomeriggio. – 7. Contestate le nuove proposte del governo per la riforma della scuola di base. – 8. Conclusione delle trattative con i sindacati per il rinnovo del contratto dei ferrovieri.

21

Nelle frasi evidenziate è sottinteso un verbo, che funge da predicato. Scrivilo nella riga a fianco. Chi viene al cinema? Marco e Giovanni. Quando hanno telefonato i nonni? Ieri. Mi piace molto la matematica, meno le scienze. Noi andiamo in montagna, loro invece al mare. Vuoi sapere chi ha vinto? Noi! Buona questa minestra! Ancora un po’, per favore. Ti ho preso un biglietto per lo stadio: contento? Ho mangiato da solo un intero melone. Davvero?

22

…………………………………………….. …………………………………………….. …………………………………………….. …………………………………………….. …………………………………………….. …………………………………………….. …………………………………………….. ……………………………………………..

Gli alunni si dividono in due squadre uguali di numero. Un componente della prima propone una frase senza predicato o con predicato sottinteso a un componente della seconda, che deve trasformarla in frase con predicato entro 10 secondi. Si scambiano e si alternano i ruoli fino a che tutti hanno fatto una domanda e hanno dato una risposta. 1 punto per ogni trasformazione esatta. Vince la squadra con più punti. Qualora il numero dei componenti per squadra non possa essere uguale, l’insegnante modificherà il punteggio rapportandolo al numero dei partecipanti.

il soggetto

IL SOGGETTO è l’elemento della frase a cui si riferisce il predicato e che concorda morfologicamente con esso

compie o subisce l’azione, si espresse dal predicato manca con i verbi impersonali può essere costituito da • • • •

trova nella situazione o ha le qualità

nomi pronomi qualsiasi altra parola usata come nome intere frasi (soggettive)

• articoli può essere accompagnato da

• aggettivi • gruppi nominali

• determinativi • indeterminativi • partitivi

concorda con il predicato spesso precede il predicato, ma non ha una posizione obbligata può essere sottinteso può essere multiplo

147


MORFOLOGIA E SINTASSI

23

Individualmente o in gruppo, sottolineate il soggetto delle seguenti frasi.

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

1. Alessandra reciterà nello spettacolo teatrale della sua classe. – 2. Ieri Gianni è partito per un lungo viaggio in Oriente. – 3. La poltrona vicino alla finestra è più comoda delle altre. – 4. Molte regioni d’Italia sono zone sismiche. – 5. Le prime biciclette avevano la ruota anteriore molto alta. – 6. Alla fine dello spettacolo il pubblico applaudì a lungo. – 7. Durante l’intervallo gli scolari devono stare nel cortile della scuola. – 8. Nella prossima partita la squadra dovrà impegnarsi molto.

148

24

Sottolinea il soggetto delle seguenti frasi. Attenzione: può trovarsi dopo il predicato oppure essere preceduto da un articolo partitivo. 1. È appena arrivata la bella notizia. – 2. Nel mio giardino è fiorito l’albero di ciliegie. – 3. Di quella classe tutti gli alunni sono stati promossi. – 4. Sabato sera sono venuti a cena dei colleghi del babbo. – 5. Per la scarsità dei servizi sociali dei cittadini si sono lamentati con il sindaco. – 6. Degli amici di Gianni gli hanno regalato un disco per la sua promozione. – 7. Ormai in tutti gli uffici e in quasi tutte le abitazioni è presente il computer. – 8. Dopo il nostro rientro cominciarono a cadere delle grosse gocce di pioggia.

25

Sottolinea il soggetto e indica a quale categoria grammaticale appartiene.

CATEGORIA GRAMMATICALE

1. Da un pezzo noi stiamo aspettando quella lettera. 2. Silenzio! Nella stanza accanto sta dormendo lo zio. 3. Fumare fa male alla salute. 4. I furbi prima o poi vengono scoperti. 5. Proprio lei dice queste cose! 6. Perdere al gioco non piace a nessuno. 7. Di quella decisione qualcuno rimase insoddisfatto. 8. Il difficile del percorso inizia solo ora.

26

Sottolinea il soggetto e indica se compie o subisce l’azione espressa dal predicato verbale. 1. Dai sismografi è stata registrata una leggera scossa di terremoto. 2. La settimana prossima cominceranno i giochi della gioventù. 3. Dagli alberi sono cadute tutte le foglie. 4. Domani sarà aperta l’annuale mostra di fotografia. 5. La banda suonava una marcia allegra. 6. Il centralino era tempestato di telefonate. 7. Al ristorante, degli avventori si sono lamentati per il servizio. 8. La sistemazione del fondo stradale sarà completata in poche ore.

IL SOGGETTO COMPIE L’AZIONE

IL SOGGETTO SUBISCE L’AZIONE


27

Divisi in due gruppi, gli alunni scrivono su un foglio una forma verbale ciascuno, a piacere. Un componente del primo gruppo legge il proprio verbo. Uno del secondo inventa un soggetto adatto. Così via, fino a che tutti gli alunni avranno proposto un verbo e inventato un soggetto compatibile con il verbo proposto. esempio: verbo proposto: erano stati sottolineati… soggetto possibile: i vocaboli difficili

28

Nelle due colonne di destra scrivi il soggetto e il predicato verbale o nominale delle seguenti frasi. L’esercizio è avviato. 1. I dinosauri si sono estinti prima della comparsa dell’uomo.

SOGGETTO

PREDICATO VERBALE

I dinosauri

si sono estinti

PREDICATO NOMINALE

2. L’orologio della torre segnava la mezzanotte. 3. Il pubblico ascoltò in assoluto silenzio l’esecuzione della sinfonia. 4. In quel punto il fiume ruppe gli argini. 5. Tu porterai lo zaino con le provviste. 6. Il serbatoio della benzina era vuoto. 7. Sul tavolo un grande vaso di fiori fa bella mostra di sé. 8. L’esperto marinaio conosce bene la rotta verso il porto. 9. Secondo i meteorologi, il tempo sarà instabile per qualche giorno.

29

Nelle seguenti frasi evidenzia il soggetto e sottolinea il predicato. Se il soggetto è sottinteso, inserisci il simbolo ✓, se manca, scrivi I (impersonale). 1. D’inverno con la nebbia gli alberi scompaiono dalla vista. ( ) – 2. Dell’incidente è stata avvertita immediatamente la polizia. ( ) – 3. Si viaggia volentieri con il bel tempo. ( ) – 4. A Marco piacciono i libri d’avventura. ( ) – 5. Mi ero nascosto dietro un albero. ( ) – 6. Alla televisione è cominciato il film. ( ) – 7. Salimmo le scale di corsa. ( ) – 8. Piove da tre giorni. ( )

30

Nelle due colonne di destra scrivi il soggetto e il predicato verbale o nominale delle seguenti frasi. Attenzione: il soggetto potrebbe essere sottinteso o posposto. L’esercizio è avviato.

1. Alle cinque prenderemo il tè in salotto.

SOGGETTO

PREDICATO VERBALE

noi

prenderemo

PREDICATO NOMINALE

2. Avete deciso l’ora della partenza? 3. Si avvicinava sempre più l’ora della partenza. 4. Quale percorso hanno seguito i tuoi amici? 5. Dopo questa camminata siamo molto stanchi. 6. A causa del violento acquazzone alcune strade non erano percorribili. 7. Questa mattina Lina è andata alla stazione in taxi. 8. Dopo un inverno umido e mite, l’estate fu torrida. 9. Durante la notte qualcuno ha aperto il cancello.

149


MORFOLOGIA E SINTASSI

31

Nelle seguenti frasi individua il soggetto e il predicato. Fai attenzione: il verbo potrebbe essere costituito da una forma fraseologica o essere preceduto da un verbo servile. L’esercizio è avviato. SOGGETTO

1. Il bambino non può dormire con questo rumore.

Il bambino

PREDICATO

può dormire

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

2. Quel giorno gli alpinisti non poterono salire sulla vetta.

150

3. Dopo il temporale, le giornate hanno cominciato a essere più fresche. 4. Anche quest’anno, con il film di un giovane regista, è cominciata la rassegna cinematografica. 5. Tutti gli iscritti devono rinnovare la tessera entro la fine del mese. 6. Gli alberi lungo il viale erano già spogli. 7. L’insegnante avrebbe voluto capire meglio i problemi dei suoi allievi. 8. L’atleta voleva la vittoria a tutti i costi. 9. Il vecchio libro era pieno di macchie e di strappi.

32

Coniuga i verbi scritti all’infinito concordandoli con i rispettivi soggetti nel modo e nel tempo indicati tra parentesi. L’esercizio è avviato. FORMA DEI VERBI

1. Una persona volere (condiz.pres.) parlarti.

vorrebbe

2. Il fiume scorrere (ind.imperf.) nella stretta valle. 3. Mia cugina e il suo fidanzato arrivare (ind.fut.) questa sera da Milano. 4. Il vento strappare (ind.pass.rem.) le ultime foglie dagli alberi. 5. Io non pensare (ind.imperf.) che voi venire (condiz.pass.) a trovarmi. 6. Carlo temere (ind.pres.) che il suo gesto essere (cong.pres.) inutile. 7. Anna ed io organizzare (ind.pass.pross.) una vacanza insieme. 8. Tutti capire (ind.pass.rem.) che l’impresa fallire (ind.trapass.pross.). 9. Se la mappa essere (cong.imperf.) precisa, indicare (condiz.pres.) il sentiero.

33

Un alunno a turno propone una frase con un soggetto, costituito da un nome. Il compagno successivo deve ripetere la frase espandendo il soggetto con l’aggiunta di aggettivi o altre parti nominali. Si può continuare il giro fino a che tutti hanno fatto l’esercizio. esempio: Frase proposta: Il quaderno è andato perduto. Frase con espansioni: Il mio quaderno rosso / di storia è andato perduto.


34

Sottolinea il gruppo del soggetto. esempio: La mia nonna materna abita a Napoli. 1. In marzo la quinta B andrà in gita scolastica ad Amalfi con due insegnanti. – 2. Le finestre del nostro studio sono prospicienti l’orto botanico. – 3. Nella Columbia Britannica le tribù indiane vivevano essenzialmente di pesca. – 4. In banca è stato allestito un servizio di consulenza per i giovani risparmiatori. – 5. Pochi giorni fa per televisione è andato in onda un interessante documentario sulla civiltà azteca. – 6. I due quadri nella prima sala erano di Tiziano. – 7. Alla presentazione del libro sulla storia dell’università interverranno illustri accademici. – 8. A causa del conflitto nel Golfo Persico le compagnie aeree hanno subito gravi perdite economiche.

35

Sottolinea il gruppo del soggetto e, all’interno di esso, sottolinea due volte il soggetto vero e proprio. esempio: Il più famoso piazzale di Firenze è il piazzale Michelangelo. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

36 M

Nel Veneto sono molto sviluppate numerose aziende di piccole e medie dimensioni. Il nuovo Piano Energetico per la regione sarà discusso dopodomani nella sala consiliare. Questa camicia di seta rossa è troppo sgargiante. Alle 22 inizierà l’ultima proiezione del documentario sui panda. Uno scrittore contemporaneo di grande fama ha vinto il premio Bancarella. Arriverà per cena la nostra gradita ospite straniera. Questa malattia infettiva è molto lunga e debilitante. L’atteso ritorno nel suo paese d’origine fu per Carlo una vera delusione.

Indica il soggetto e precisa a che categoria grammaticale appartiene (nome, pronome, congiunzione, avverbio, verbo, articolo, aggettivo, esclamazione, preposizione). L’esercizio è avviato. SOGGETTO

1. Il bambino non può dormire con questo rumore.

Il bambino

CATEGORIA GRAMMATICALE

nome

2. A causa del ritardo nella pubblicazione del programma, solo pochissimi hanno assistito allo spettacolo di danza al Teatro Comunale. 3. In quasi tutte le grandi città europee il traffico è diventato il maggiore problema delle amministrazioni comunali. 4. In questi casi piangere non serve a nulla. 5. Della colpevolezza dell’imputato purtroppo tutti erano già convinti prima ancora del processo. 6. Non si saprà mai il perché della fine misteriosa di Ettore Majorana. 7. Il povero davanti alla porta della cattedrale chiedeva l’elemosina dall’alba al tramonto. 8. Dopo le ultime elezioni amministrative in questo comune, qualcuno si lamentò di presunti brogli elettorali. 9. A giugno forse verrà approvata la nuova legge per la regolamentazione delle emittenti private.

151


37 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Identifica il genere e il numero del soggetto sottinteso. L’esercizio è avviato.

1. È tornata ieri.

SOGGETTO

lei

GENERE

femminile

NUMERO

singolare

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

2. Sono partiti in ritardo a causa di un problema al motorino di avviamento del camper.

152

3. È andata fuori con il cane proprio cinque minuti fa. 4. Immediatamente dopo il rifiuto, ci eravamo già pentite della nostra scortesia. 5. Nonostante la dieta, mi sono mangiata un gelato con tre palline alla gelateria all’angolo della strada. 6. Vi siete già dimenticati del nostro invito a cena per stasera? 7. Dopo il telegiornale, durante la telecronaca dall’autodromo di Monza, ti sei addormentato come un sasso. 8. Non sono mai stato così soddisfatto di un tuo disegno ad acquarello. 9. All’uscita di Amsterdam, con tutti quei segnali stradali, si è persa ugualmente.

38 M

Individua il soggetto e il predicato nelle seguenti frasi. 1. Secondo la cuoca, lo spezzatino deve cuocere per due ore a fuoco lento con le patate. 2. Da domani Andrea comincerà a frequentare un corso di alpinismo nella sede del Club Alpino. 3. Per un’ora ho continuato ad applicare per stupidità la regola sbagliata. 4. Grazie alle recenti nevicate le stazioni sciistiche stanno per riaprire gli impianti per la discesa. 5. Nel teatro gremito, un esperto parlava ai giovani delle nuove tendenze musicali. 6. Le spiagge della riviera romagnola offrono occasioni di divertimento a tutti i turisti. 7. Dopo il pranzo, agli ospiti è stato servito un dolce alla crema con vino passito. 8. Stavamo per vincere noi la partita, ma la partita è stata sospesa per la nebbia fittissima.

39 M

Individua il soggetto e il predicato nelle seguenti frasi. 1. La giustificazione era firmata dalla sorella maggiore dell’alunno. 2. Nella scuola è stato installato un nuovo computer, più potente di quello vecchio, per l’insegnamento dell’informatica. 3. Noemi e Vanda sono amiche per la pelle fin dagli anni della scuola. 4. In Italia l’artigianato comprende attività tradizionali e moderne molto importanti. 5. Per mancanza di tempo, Giuseppe non è venuto. 6. Il bagno in questo tratto di spiaggia è impossibile a causa delle chiazze di petrolio. 7. Ieri è stato inaugurato solennemente l’anno giudiziario presso la Corte d’Assise. 8. Lunedì saranno aperti tutti i musei per permettere ai turisti di sfruttare il ponte primaverile.

40 M

In piccoli gruppi o a coppie, leggete attentamente le coppie di frasi. Poi formulate la domanda a cui ciascuna frase risponde e spiegate a voce la differenza fra una frase e l’altra. esempio: a) L’auto si è fermata. b) Si è fermata l’auto. a) cosa è accaduto all’auto? b) che cosa si è fermato?


1. Un piatto di pastasciutta fredda mi è rimasto per cena. / Per cena mi è rimasto un piatto di pastasciutta fredda. 2. La scatola nera dell’aereo caduto non è stata mai ritrovata. / Non è mai stata ritrovata la scatola nera dell’aereo caduto. 3. Con l’arresto di due impiegate dell’ambasciata si è conclusa la vicenda di spionaggio. / La vicenda di spionaggio si è conclusa con l’arresto di due impiegate dell’ambasciata. 4. Sono stati arrestati per errore due nomadi estranei al fatto. / Due nomadi estranei al fatto sono stati arrestati per errore. 5. Mario è tornato in Italia dopo tutti questi anni. / Dopo tutti questi anni è tornato in Italia Mario. 6. Io sono qui ad aspettarti dalle cinque. / Dalle cinque sono qui ad aspettarti io. 7. Voi siete stati i primi ad arrivare alla festa. / I primi ad arrivare alla festa siete stati voi. 8. Il regista compare per pochi istanti alla fine del film. / Alla fine del film compare per pochi istanti il regista.

il complemento oggetto IL COMPLEMENTO OGGETTO è l’elemento della frase che completa il significato del predicato, quando questo è un verbo transitivo.

41

costituisce l’oggetto dell’azione espressa dal verbo è necessario a completare il significato dei verbi transitivi è unito direttamente al predicato, senza preposizioni può essere introdotto dall’articolo partitivo può appartenere a qualsiasi categoria grammaticale di solito, segue il predicato

Sottolinea in rosso i verbi transitivi, in nero gli intransitivi. 1. Il detective della polizia indagava su un traffico di banconote false. – 2. Hai ricevuto l’invito alla festa? – 3. Dopo una lunga separazione il soldato rivide la sua famiglia. – 4. Per il loro lavoro hostess e steward viaggiano molto. – 5. Lungo tutto il tragitto i poliziotti in motocicletta scortarono l’ambasciatore. – 6. Ai nostri alunni piacerà la gita in Umbria. – 7. In quel ristorante ci hanno servito la fonduta, un piatto tipico valdostano. – 8. A causa di un’avaria, un bimotore è precipitato nel lago.

42

Trascrivi e completa le seguenti frasi con uno o più complementi oggetto. 1. Dante Alighieri scrisse molte … . – 2. I professori di matematica insegnano anche ... . – 3. La luce del sole, nelle foglie delle piante, innesca … . – 4. Robinson Crusoe si costruì … da solo. – 5. I più facoltosi tra gli antichi Romani amavano organizzare … . – 6. Mike Bongiorno conduce … alla TV. – 7. Paganini, il noto compositore, non dava mai … . – 8. Mozart compose diverse … in onore dell’Imperatore.

43

Ogni alunno inventa e dice, ad alta voce, a turno, una frase contenente un complemento oggetto.

44

Ogni alunno scrive su un foglietto, che verrà ripiegato, un verbo transitivo, coniugato in modo e tempo a piacere, nella forma attiva. Vengono distribuiti i foglietti e ognuno dovrà scrivervi, a sinistra del verbo, con colore rosso, un soggetto, a destra, in nero, un complemento oggetto. Tutte le frasi verranno lette ad alta voce per controllarne la correttezza. esempio: avevano scritto 888i soldati / avevano scritto / delle lettere

45

Ogni alunno inventa e dice ad alta voce una frase di almeno dieci parole che non contenga un complemento oggetto.

46

Costruisci dieci frasi ognuna delle quali contenga uno o più complementi oggetto.

153


SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

MORFOLOGIA E SINTASSI

154

47

Espandi il significato del complemento oggetto con l’aggiunta di aggettivi o altri elementi. esempio: Ieri sera, per televisione, abbiamo visto un film. 888 Ieri sera, per televisione, abbiamo visto un classico film giallo, ricco di suspense e di colpi di scena. 1. La pala meccanica scava le fondamenta. – 2. Il vigile dirige il traffico. – 3. I cronisti commenteranno l’evento. – 4. La grandine ha danneggiato le coltivazioni. – 5. La squadra vinse il torneo. – 6. Nonostante la corsa ho perso il treno. – 7. Il libraio ha esposto in vetrina il romanzo. – 8. Gli aerei bombardavano le navi.

48

Individua il predicato, il soggetto (anche sottinteso) e il complemento oggetto vero e proprio, distinguendolo dagli altri elementi del gruppo nominale. esempio: Marta mangia solo carne magra di vitello. 888 Marta soggetto mangia predicato verbale carne complemento oggetto 1. Le scuole riapriranno i loro battenti il primo settembre. – 2. Per favore, chiudete quei vostri fastidiosi cellulari. – 3. In Inghilterra i pub non ammettono ragazzi sotto i dodici anni. – 4. La zia ha messo la mia pizza preferita nel forno a microonde. – 5. Alcuni ragazzi hanno pessime abitudini alimentari. – 6. Marilia dal Brasile scrive un sacco di lettere ai suoi amici in Italia. – 7. Alcune persone, senza tempo per una pausa lunga, mangiano solo un’insalata con acqua minerale, al bar, verso l’una. – 8. In Tailandia per festeggiare l’anno nuovo la gente lancia dei secchi d’acqua addosso a tutti.

49 M

Nelle tre colonne di destra scrivi il soggetto (che può essere sottinteso), il predicato e il complemento oggetto (se c’è). L’esercizio è avviato. SOGGETTO

1. In agosto ospitano molti turisti tutte le città italiane.

le città

PREDICATO

ospitano

COMPLEMENTO OGGETTO

turisti

2. La bambina prese il pallone bianco e nero di suo fratello. 3. A tavola, la mamma mi guardava severamente. 4. Dei ragazzi giocavano con le biglie sulla spiaggia. 5. Qualcuno comprava dei libri di viaggi. 6. Dalla finestra Anna non vedeva niente di interessante. 7. Non capisco il perché del tuo atteggiamento. 8. Nel mio paese hanno aperto un nuovo centro commerciale.

50 M

9. Il professore ha tenuto una lezione di ecologia.

Analizza le seguenti frasi, individuando le funzioni finora studiate (soggetto, predicato verbale o nominale, complemento oggetto). Attenzione: alcune frasi sono complesse, cioè hanno più di un predicato e di un soggetto. esempio: Alcuni animali trasmettono all’uomo, per diverse cause, delle malattie infettive. 888 (Alcuni) animali soggetto trasmettono predicato verbale delle malattie (infettive) complemento oggetto


1. I Romani rasero al suolo Cartagine nel 146 a.C. – 2. All’apice della sua carriera E. Caruso interpretò numerose opere veriste. – 3. Ottaviano intraprese una battaglia presso Filippi contro Antonio. – 4. Un incendio devastò Chicago nel 1871. – 5. In alcuni Paesi, i costruttori devono installare pannelli solari su tutti i nuovi edifici. – 6. A Chianti i maestri vinai producono il famoso vino mescolando tre uve diverse. – 7. Nel 1868 il generale Custer combatté i Cheyenne, a causa del conflitto per i bisonti. – 8. Trecento storici dell’ambiente ogni due anni organizzano un congresso su temi quali l’inquinamento e i cambiamenti di clima.

51 M

Analizza le frasi, riconoscendo il soggetto, il predicato e il complemento oggetto. 1. Ieri pochi di noi avevano studiato bene la lezione di storia della I guerra mondiale. – 2. Marco, per errore, ha mandato una pallonata contro il vetro della finestra della II B. – 3. Il discorso del capitano della squadra infuse nuovo ottimismo ai giocatori. – 4. Non salite sempre le scale di corsa! – 5. I cronisti tempestarono di domande il giovane testimone dei fatti. – 6. Al corso di Inglese ho conosciuto un tale di Londra. – 7. Hai per caso visto qualcuno dei miei familiari? – 8. Le tue recriminazioni non hanno proprio alcun fondamento. – 9. Un compagno della mia classe mi ha prestato il più bel libro della mia vita. – 10. Il lavoro di falegnameria dà molta soddisfazione a mio padre.

52 M

Analizza le frasi, riconoscendo il soggetto, il predicato e il complemento oggetto. 1. Il terzo giorno di viaggio gettammo l’ancora in un porto grande e ben organizzato. – 2. Dei popoli antichi praticavano sacrifici umani. – 3. Gianni, dopo qualche mese di palestra, solleva dei pesi notevoli. – 4. Maria ci ha salutati dal treno con un fazzoletto bianco. – 5. L’hai vista anche tu? – 6. Ha morso un bambino, il tuo cane! – 7. Non stiamo aspettando nessuno, a quest’ora. – 8. Chi di voi ha fatto questo, dopo tutte le raccomandazioni di ieri? – 9. Qualcuno dovrebbe portare i compiti al vostro compagno ammalato. – 10. Attraversava la strada, con il semaforo rosso, un tale dal passo incerto, forse ubriaco.

il complemento predicativo completa il senso del predicato verbale è costituito da un nome o da un aggettivo IL COMPLEMENTO PREDICATIVO è un nome o un aggettivo, riferito al soggetto o al complemento oggetto, che completa il senso del predicato verbale.

53

può essere

• con i verbi appellativi, elettivi, estimativi, effettivi nella forma passiva • con i verbi intransitivi nascere, vivere, predicativo morire, ecc. del soggetto • con qualsiasi verbo il cui significato sia completato da un nome o un aggettivo riferito al soggetto • con i verbi appellativi, elettivi, estimativi, effettivi, nella forma attiva predicativo • con verbi riflessivi o pronominali come mostrarsi, comportarsi, ecc. dell’oggetto • con qualsiasi verbo il cui significato sia completato da un nome o un aggettivo riferito al complemento oggetto

Sottolinea con colori diversi il soggetto, il predicato e il complemento predicativo del soggetto. Confronta i risultati con un compagno. 1. Il dottor Bianchi è stato nominato primario dell’Ospedale. 2. I gattini nascono ciechi. 3. La giovane donna viveva appartata.

155


MORFOLOGIA E SINTASSI

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

4. 5. 6. 7. 8.

156

Questa notizia risulta inaspettata. Graziano è riuscito simpatico a tutti. Il mio medico è considerato un ottimo professionista. Filippo è chiamato Fili dai compagni di scuola. Franco fu eletto segretario dall’associazione.

54

Sottolinea con colori diversi il soggetto, il predicato e il complemento predicativo del soggetto. Confronta i risultati con un compagno. 1. La pasta è resa saporita dal condimento. – 2. Quel bambino non sta mai zitto. – 3. Giovanni partì da solo per la Germania. – 4. Alcuni soldati furono posti come sentinelle sugli spalti del castello. – 5. Gennaro fu ridotto povero dal vizio del gioco. – 6. L’informazione fu ritenuta infondata. – 7. Le principesse troiane furono rese schiave. – 8. Bologna era chiamata Felsina dagli Etruschi.

55

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ognuno dei seguenti predicati ogni squadra costruisce frasi che contengano un complemento predicativo del soggetto. Vince la squadra che consegna all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. sarà nominato • erano considerati • eri soprannominato • sei stato giudicato • sarà scelto • siamo stati resi • sono considerato • si mostrò • era stato scelto

56

Completa le seguenti frasi aggiungendo al predicato verbale un complemento predicativo del soggetto. Confronta i risultati con un compagno. 1. Il giovane soldato fu soprannominato ……………… – 2. L’intervento del medico fu ritenuto ……………… – 3. Dopo l’incidente, la ragazza rimase per molto tempo ……………… – 4. Fabio fu assunto in fabbrica come ……………… – 5. Pinocchio era conosciuto da tutti come ………………– 6. Alla fine degli studi, i giovani universitari vengono proclamati ……………… – 7. L’esercito inglese tornò in patria ……………… – 8. Alessandro Manzoni è considerato ………………

57

Inserisci nella tabella il soggetto, il predicato (verbale o nominale), eventuali attributi e apposizioni, il complemento predicativo del soggetto. L’esercizio è avviato. 1. L’ospite straniero fu trattato da amico.

SOGGETTO

PREDICATO VERBALE

L’ospite straniero fu trattato

COMPLEMENTO PREDICATIVO DEL SOGGETTO

da amico

2. Il bambino fu iscritto all’esame come privatista. 3. Leone era conosciuto da molti come Leo. 4. Fu eletto deputato lo zio Carlo. 5. Lucio Quinto era chiamato Cincinnato dai Romani. 6. Virgilio accompagnò Dante come guida e come maestro. 7. La malattia del mio amico è considerata rara. 8. Neri, per la sua forza, era detto Sansone.

58

Individua il soggetto, il predicato, il complemento oggetto e il complemento predicativo dell’oggetto. Confronta i risultati con un compagno. 1. Alcuni considerano difficile la lettura di questa poesia. – 2. La classe stima preparato ma severo il professore di fisica. – 3. L’esperienza ha reso esperto Alberto. – 4. I Romani ritenevano Giove il re


degli dei. – 5. I genitori spesso stimano i loro figli capaci di grandi cose. – 6. Alla fine dell’inverno, ho visto mio nipote un po’ pallido e stanco. – 7. Il disegno lasciò stupefatta la maestra. – 8. Molti considerano il calcio lo sport nazionale italiano.

59

Individua il soggetto, il predicato, il complemento oggetto e il complemento predicativo dell’oggetto. 1. Gli Italiani considerano Garibaldi un grande eroe. – 2. Il lievito rende soffice la torta. – 3. Posso chiamarti amico? – 4. Trovo il mio gatto il più bello del mondo. – 5. Stasera vi voglio tutti eleganti. – 6. La nonna giudicava molto buona la sua nipotina. – 7. Ritengo giusta la tua promozione. – 8. Non credere vere le storie del tuo compagno troppo fantasioso.

60 M

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ognuno dei seguenti predicati ogni squadra costruisce frasi che contengano un complemento predicativo dell’oggetto. Vince la squadra che consegna all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. chiama • credono • renderà • avrà fatto • consideri • giudicano • proclamò • nominarono • teneva • stimiamo

61

Completa le seguenti frasi aggiungendo al predicato verbale e al complemento oggetto un complemento predicativo dell’oggetto. Confronta i risultati con un compagno. 1. Quasi tutti considerano Mozart …………………. – 2. Il peperoncino rende i cibi …………………. – 3. Cimabue prese Giotto come …………………. – 4. Gli antichi Egiziani ritenevano Osiride …………………. – 5. La primavera fa …………………. i prati. – 6. La mattina la mamma tiene le finestre …………………. – 7. Il pubblico trovò lo spettacolo …………………. – 8. Gli organizzatori

62 M

invitarono un astronomo come ………………….

Fai l’analisi logica delle frasi, compilando la tabella. L’esercizio è avviato. 1. La tua promozione ha reso felici i tuoi genitori.

SOGGETTO (ED EVENTUALI ATTRIBUTI O APPOSIZIONI)

La tua promozione

PREDICATO VERBALE

ha reso

COMPLEMENTO OGGETTO COMPLEMENTO COMPLEMENTO PREDICATIVO (ED EVENTUALI PREDICATIVO DEL SOGGETTO ATTRIBUTI O DELL’OGGETTO APPOSIZIONI)

i tuoi genitori

felici

2. Mia sorella mi crede incapace di qualsiasi cosa. 3. A scuola ho come compagno di banco Lino. 4. La seduta fu dichiarata aperta dal presidente dell’assemblea. 5. Gli scienziati dimostrarono false alcune antiche credenze. 6. La casa del nonno Paolo fu resa più accogliente. 7. L’insegnante di violino accettò Lucia come allieva. 8. I ragazzi hanno eletto un compagno come rappresentante.

157


63 M

MORFOLOGIA E SINTASSI

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

Individua le funzioni studiate: soggetto, predicato (verbale e nominale), attributi e apposizioni, complemento oggetto, complemento predicativo del soggetto e dell’oggetto.

158

1. Alcuni credono vere le vicende mitologiche. – 2. Molti ritengono il nuoto lo sport più completo. – 3. Tutti erano restati allibiti di fronte ai record del giovane atleta. – 4. Ormai chiunque considera il telefono cellulare un accessorio indispensabile. – 5. Alberto Moravia è stimato uno tra i maggiori autori del 1900. – 6. I medici considerano l’esercizio fisico la migliore arma contro l’invecchiamento. – 7. Alcuni guidatori lenti rendono pericolosa la circolazione. – 8. Qualcuno ama apparire elegante anche nella vita quotidiana e familiare.

l’attributo dipende da un nome concorda morfologicamente con il nome da cui dipende può trovarsi prima o dopo il nome

un aggettivo qualificativo

• al grado positivo • al grado comparativo o superlativo

L’ATTRIBUTO è un aggettivo che qualifica o determina un nome e che dipende da esso.

un participio con valore di aggettivo può essere

un aggettivo determinativo

64

• • • • •

dimostrativo possessivo indefinito numerale interrogativo o esclamativo

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti (maschi contro femmine, o in altro modo). Per ognuno dei nomi seguenti, ogni squadra scrive su un foglio il maggior numero possibile di aggettivi, in un tempo di tre minuti. Vince la squadra che ne scrive di più. esempio: linea 888

linea dritta, obliqua, chiara, retta, curva, elegante, spezzata, orizzontale, verticale, divergente, perpendicolare, sottile, grossa, tratteggiata, colorata, definita, prima, seconda, libera, occupata ecc.

lago • elefante • cortile • prezzo • fortuna

65

Ogni alunno scrive un nome comune su un foglietto. I foglietti ripiegati vengono riuniti e se ne estrae a sorte uno alla volta. Divisi in due squadre, gli alunni scrivono il maggior numero possibile di aggettivi compatibili con il nome sorteggiato. Vince la squadra che in tre minuti ne scrive di più.

66

Trascrivi nelle relative colonne della tabella gli aggettivi qualificativi, gli aggettivi determinativi (possessivi, dimostrativi, indefiniti, numerali, interrogativi o esclamativi) e i participi usati come aggettivi. L’esercizio è avviato.


AGGETTIVI QUALIFICATIVI

1. Il mio bel pupazzo parlante si è rotto.

bel

AGGETTIVI DETERMINATIVI

mio

PARTICIPI USATI COME AGGETTIVI

parlante (parlare)

2. Il nostro pappagallo addomesticato dice molte parole comprensibili. 3. La mia vicina mi ha dato una notizia sorprendente. 4. Qualche bambino attraversa la strada statale senza la dovuta prudenza. 5. Il grande scienziato aveva fatto una clamorosa scoperta. 6. I nuotatori imprudenti corsero grossi rischi. 7. Tutta la classe ricordò per sempre quella simpatica gita. 8. La scrittrice inglese scrive romanzi avvincenti. 9. L’alunno straniero dimostrava una gran buona volontà.

67

Completa le seguenti frasi con attributi adatti. Puoi sceglierli fra quelli che ti proponiamo sotto o inventarne altri. 1. Un vento ……….………. scuoteva gli alberelli ……….………. e faceva volare le foglie ……….………. – 2. ……….………. spettatori hanno apprezzato l’opera ……….………. nel teatro ……….………. – 3. I ……….………. soldati riportarono una vittoria ……….………. dopo ……….………. anni di guerra ……….………. – 4. I bimbi ……….………. hanno la guance ……….………. e le gambette ……….………. – 5. I genitori del ragazzo ……….………. dovettero spendere una ……….………. cifra per i danni ……….………. che aveva causato. – 6. I programmi ……….………. prevedono ……….………. novità nella scuola ……….………. – 7. Le vacanze ……….………. in Italia durano circa ……….………. giorni. – 8. La nave ……….………. avanzava a vele ……….………. per il vento ……….………. impetuoso • giovani • molti • secche • lirica • valorosi • strapieno • sani • paffute • decisiva • diversi • robuste • ministeriali • maldestro • notevoli • bella • spiegate • favorevole • natalizie • media • quindici • crudele • importanti • nemica

68

Il gruppo si divide in due squadre uguali. Ciascuna squadra scrive su un foglio cinque frasi che contengano complessivamente dieci attributi. Si scambiano i fogli. La squadra avversaria cancella tutti gli attributi che si possono eliminare senza togliere (o cambiare) senso alle frasi. Vince la squadra alle cui frasi sono stati cancellati meno attributi. esempio: In una imprevista ora di supplenza, i ragazzi copiarono una carta geografica dell’Italia settentrionale. 888 Si può eliminare imprevista, non si possono eliminare geografica e settentrionale.

69

Per questo esercizio si può lavorare a coppie. Inventate due frasi per ciascuno dei seguenti aggettivi, collocandoli come attributi prima e dopo il nome a cui si riferiscono. Scrivete vicino a ciascuna frase il significato assunto dall’attributo. esempio: grande 888 Ho preso un gran freddo. gran freddo = molto freddo Dammi il quaderno grande. quaderno grande = non quello piccolo bello • semplice • certo • buono • giovane

159


MORFOLOGIA E SINTASSI

70

Nelle seguenti frasi e periodi gli aggettivi svolgono la funzione di: a) attributi; b) nomi del predicato; c) soggetto o complemento oggetto (perché sono sostantivati). Individua i diversi casi e trascrivi l’aggettivo nella relativa colonna della tabella. L’esercizio è avviato. ATTRIBUTO

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

1. Il verde è il mio colore preferito.

160

mio preferito

NOME DEL PREDICATO

SOGGETTO

COMPLEMENTO OGGETTO

Il verde

2. Il tuo zaino da montagna è molto bello. 3. Tutti gli artisti amano il bello. 4. Ci volle del bello e del buono per calmare Luigi. 5. L’apicoltore esperto non teme pericolosi sciami di api. 6. Il giovane dovette chiamare un esperto per l’aggiornamento del computer. 7. Le persone giovani generalmente amano il nuovo. 8. I miei cari sono lontani da qui. 9. Hai visto i tuoi, recentemente?

71

Nelle seguenti frasi, aggiungi un attributo a ciascun nome (soggetto, nome del predicato, complemento oggetto, altre funzioni che ancora non conosci). A seconda dell’attributo scelto, cambierà il significato della frase: puoi confrontare i risultati con i compagni. esempio: Una ragazza accolse gli ospiti dell’albergo. 888 Una ragazza bionda accolse gli ospiti stranieri del lussuoso albergo. / Una ragazza maleducata accolse gli sfortunati ospiti dell’albergo scadente. 1. Un parente fece una visita al malato nell’ospedale. – 2. La dieta era stata prescritta da mesi da un dietologo. – 3. L’esercito riportò una vittoria. – 4. La costruzione della casa degli zii poggia su fondamenta. – 5. Nell’arte si va affermando da tempo una tendenza. – 6. Un atleta ha superato il record nel nuoto. – 7. Un dedalo di viuzze attraversava la città. – 8. Lo sciatore si avventurò su una pista.

72

Analizza le seguenti frasi, sistemando nella tabella le funzioni richieste. L’unica colonna da riempire sempre è quella del soggetto! L’esercizio è avviato. PREDICATO ATTRIBUTO ATTRIBUTO PREDICATO NOMINALE ATTRIBUTO DEL DEL COMPLEMENTO SOGGETTO DEL (COPULA + NOME DEL COMPL. OGGETTO SOGGETTO VERBALE NOME DEL PREDICATO OGGETTO PRED.)

1. Nel fiume c’erano molti lucci. 2. Il precedente proprietario della fabbrica è mio zio. 3. In Italia la vipera è il rettile più pericoloso.

lucci

molti

c’erano


PREDICATO ATTRIBUTO ATTRIBUTO ATTRIBUTO PREDICATO NOMINALE DEL COMPLEMENTO DEL SOGGETTO DEL (COPULA + VERBALE NOME DEL OGGETTO COMPL. SOGGETTO NOME DEL PREDICATO OGGETTO PRED.)

4. Il tuo maglione rosso è vecchio. 5. Valeria ha due fratelli maggiori. 6. Sabato la mia famiglia festeggia il mio compleanno. 7. Con chiarezza, l’avvocato espose le sue argomentazioni. 8. A scuola abbiamo una biblioteca povera. 9. Mi offri un’altra caramella?

73 M

Nelle frasi che seguono, individua le funzioni studiate e rappresentale con dei grafici: il predicato verbale al centro, il soggetto a sinistra, il complemento oggetto a destra, gli attributi sotto i nomi a cui si riferiscono, come negli esempi. Ricorda che il soggetto può essere sottinteso. 1) esempio: Ieri ho visto in centro tuo fratello. io

ho visto

fratello

soggetto

predicato verbale

complemento oggetto

tuo attributo del complemento oggetto

2) esempio: Il mio bagaglio era una valigia leggera. Il bagaglio

era una valigia

soggetto

predicato nominale

mio

tuo

attributo del soggetto

attributo del predicato nominale

1. La giovane sposa portava dei fiori bianchi in mano. – 2. Molti ragazzi sognano un bello scooter. – 3. Nei giorni del Carnevale, affollano Venezia troppi turisti. – 4. Alla fermata dell’autobus abbiamo preso un gran freddo. – 5. Un bel libro è un passatempo insostituibile. – 6. Alla partita di domenica, padre e figlio si divertirono molto. – 7. Nell’orto ci sono molte specie di legumi. – 8. Dove ti ha lasciato con la macchina, tua madre?

161


74 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Nelle seguenti frasi individua le funzioni studiate e rappresentale come nell’esercizio precedente.

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

1. D’estate le spiagge italiane ospitano moltissimi turisti di ogni Paese europeo. – 2. I gladiatori romani affrontavano nel circo gli animali feroci. – 3. Non hai visto quella bella fontana, in piazza? – 4. Una gelata tardiva ha rovinato la frutta sugli alberi. – 5. Sopra l’orto dei vicini ci sono le nostre finestre. – 6. Verso dicembre, cadono le ultime foglie secche. – 7. È un dipinto settecentesco il quadro scuro sopra il caminetto dell’antiquario. – 8. Un famoso critico ha presentato un ciclo interessante di film alla TV.

162

l’apposizione dipende da un altro nome

L’APPOSIZIONE è un nome che viene affiancato a un altro nome per precisarlo.

concorda nel numero e, quando è possibile, nel genere, con il nome a cui si riferisce dà informazioni sul nome da cui dipende, precisando professione, ruolo sociale, qualifica, funzione, natura… può essere accompagnata da attributi e gruppi nominali può trovarsi prima del nome da cui dipende o dopo di esso può essere introdotta da locuzioni come in qualità di, in quanto, da… può far parte di espressioni idiomatiche come foto ricordo, ecc.

75

Sottolinea le apposizioni ed evidenzia con un riquadro il nome da cui dipendono. esempio: Padova , antica città romana, conserva la leggendaria tomba dell’eroe troiano Antenore . 1. Lo scienziato Luigi Galvani visse nel XVIII secolo. – 2. Il grande imperatore Traiano conquistò la Dacia, regione orientale. – 3. Rimini, bella città di mare, è un centro turistico di notevole importanza. – 4. Il generale Giuseppe Garibaldi conobbe la sua sposa Anita in America Latina. – 5. La lepre, animale selvatico un tempo molto diffuso, è messa in pericolo dalle coltivazioni intensive. – 6. La Giordania, paese di grande interesse archeologico, ha un clima piuttosto arido. – 7. Gli uadi, i fiumi stagionali del Nordafrica, sono spesso asciutti. – 8. Il più lungo rettile del mondo è l’anaconda, serpente che può superare i sette metri. – 9. Da piccola giocavo con tante Barbie, le mie bambole preferite.

76

Sottolinea le apposizioni ed evidenzia con un riquadro il nome da cui dipendono. 1. Einstein, l’insigne scienziato, formulò la teoria della relatività. – 2. Norimberga, città della Germania, è celebre per le sue stufe in ceramica. – 3. Il diplomatico francese Talleyrand era anche un famoso gastronomo. – 4. Servio Tullio, sesto re di Roma, era figlio della schiava Ocrisia. – 5. La lince, il temuto felino, è un abile nuotatore. – 6. Lo scrittore Isaac Singer vinse il premio Nobel nel 1978. – 7. La Verdea, uva bianca da tavola, è coltivata nel Piacentino. – 8. Il noto ricercatore statunitense Albert Sabin ha sconfitto la poliomielite.

77

Inserisci una apposizione nello spazio apposito, scegliendo nell’elenco che ti forniamo sotto. 1. I pini marittimi, …………………… tipici del Mediterraneo, producono pinoli. – 2. Mia


…………………… Gina, sorella di mia madre, ha un panificio. – 3. Il mio …………………… Fido è un pointer bravo a caccia. – 4. Il nostro insegnante più giovane è il …………………… Bianchi, di educazione fisica. – 5. Valentina, da ……………………, era un po’ capricciosa. – 6. Nelson, grande …………………… inglese, tenne testa a Napoleone. – 7. Abbiamo chiamato Gianni, in qualità di …………………… di computer. – 8. Il …………………… Giovanni XXIII è rimasto nel ricordo di molti. zia • cane • alberi • professor • divieto • bambina • emblema • papa • ammiraglio • esperto

78

Trascrivi le seguenti frasi, aggiungendo ai nomi in corsivo le apposizioni adatte. 1. Franca ha deciso di iscriversi a un corso di computer. – 2. Eugenio Montale ha scritto bellissime poesie. – 3. A scuola si legge la “Divina Commedia”. – 4. La Cappella Sistina è affrescata da Michelangelo. – 5. Quella signora è Maddalena. – 6. Giovanni è uscito di casa con un amico. – 7. Paolo ha preso un Eurostar per Roma. – 8. Alberto Sordi ha interpretato personaggi molto interessanti.

79

Il gruppo si divide in due squadre uguali. Ciascuna squadra scrive su un foglio cinque frasi che contengano delle apposizioni (almeno una apposizione ciascuna). Si scambiano i fogli. La squadra avversaria deve riconoscere tutte le apposizioni (senza gli eventuali attributi dipendenti da esse). Vince la squadra che le riconosce tutte, o che ne riconosce di più. esempio: Giacomo, il cugino francese di Tommaso, verrà a Rimini quest’estate.

80

Il gruppo si divide in due squadre uguali. Ciascuna squadra scrive su un foglio cinque frasi che contengano almeno una apposizione ciascuna. Si scambiano i fogli. La squadra avversaria modifica tutte le apposizioni (e gli eventuali attributi dipendenti da esse) cambiando significato, in modo accettabile, alle frasi originarie. Si leggono ad alta voce le frasi risultanti.

81 M

esempio: Il dottor Rossi è stato chiamato per un intervento urgente. L’idraulico Rossi è stato chiamato per un intervento urgente.

Analizza le seguenti frasi, confrontando i risultati con un compagno.

1. I Romani, soldati formidabili, difendevano un confine difficile. – 2. Il re Riccardo Cuor di Leone organizzò una Crociata. – 3. Mowgli, il piccolo uomo, affrontò la spietata tigre Shere Khan. – 4. I lama, animali andini, possono portare pesi. – 5. Il principe Cesare Borgia era un politico spregiudicato. – 6. I Fenici, esperti navigatori, commerciavano ovunque. – 7. Lo scienziato Galileo Galilei inventò il metodo sperimentale. – 8. Il leone, il leggendario re degli animali, ha una bella criniera.

82 M

Analizza le seguenti frasi.

1. I Lapponi, popolo artico, allevano renne. – 2. Molti invasori diversi conquistarono la Sicilia, importante isola mediterranea. – 3. Il cane, il migliore amico dell’uomo, è un animale fedele. – 4. I Liguri, antico popolo preistorico, abitavano l’Italia settentrionale. – 5. Lo scrittore Alessandro Manzoni scrisse il famoso romanzo I promessi sposi. – 6. I coltivatori olandesi, i Boeri, occuparono vasti terreni sudafricani. – 7. Le api, animali industriosi, sono utilissime. – 8. Il compositore Chopin era polacco.

83 M

Analizza le seguenti frasi, individuando le funzioni finora studiate: il predicato verbale e nominale, il soggetto, il complemento oggetto, gli attributi, le apposizioni.

1. Creta, isola del re Minosse, era la patria del Minotauro. – 2. I dinosauri, rettili del periodo mesozoico, erano diffusi in tutti i continenti. – 3. De Nicola, il primo presidente della Repubblica italiana, fu eletto nel 1946. – 4. In Australia vive il dingo, mammifero carnivoro dei canidi. – 5. Genova sconfisse Pisa, altra città marinara, nella battaglia della Meloria. – 6. Beatrice, la donna amata da Dante, morì giovane. – 7. Nelle città moderne vengono costruiti grattacieli, edifici di almeno quindici piani. – 8. Un fanatico schiavista uccise Lincoln, presidente degli Stati Uniti.

163


MORFOLOGIA E SINTASSI

i complementi indiretti

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

COMPLEMENTI INDIRETTI

164

I complementi indiretti, introdotti da preposizioni, completano il significato del predicato, del nucleo della frase o dei suoi elementi.

84

sono gruppi nominali introdotti da preposizione (sintagmi preposizionali) sono costituiti da nomi, pronomi, aggettivi sostantivati o da qualsiasi parola usata come nome specificano e precisano il luogo, il tempo, il modo, la causa ecc. dell’evento espresso dal predicato possono essere introdotti da preposizioni semplici, articolate, locuzioni prepositive

completano il significato

• del predicato • del nucleo della frase • di un elemento della frase

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. A partire dagli inizi di frase proposti, ogni squadra aggiunge un complemento diretto (sottolineandolo una volta) e uno indiretto (sottolineandolo due volte). Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. esempio: Luca prende … 888Luca prende un

pallone / da calcio

1. Anna desiderava … – 2. Il cavallo fece … – 3. I ladri presero … – 4. Gli amici proposero … – 5. Il re chiamò … – 6. Il ragazzo preferì … – 7. Un pittore dipinse … – 8. Il barista offrì …

85

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. A partire dagli inizi di frase proposti, ogni squadra aggiunge un complemento indiretto utilizzando le preposizioni e locuzioni proposte. Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. esempio: Vorrei mangiare della pasta con … 888 Vorrei mangiare della pasta con le vongole.

1. Al cinema Capitol abbiamo visto un film di … – 2. Il treno delle cinque proviene da … – 3. Un grande noce cresceva vicino a … – 4. Abbiamo discusso a lungo su … – 5. Il gruppo di turisti proveniva da… – 6. Maria studia sempre con … – 7. L’assemblea si svolse alle … in … – 8. Le vacanze inizieranno fra …

86

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Ogni alunno scrive su un foglio una frase di senso compiuto. Le frasi vengono consegnate alla squadra avversaria. A partire dalle frasi proposte, si aggiungono complementi indiretti o avverbi. esempio: Luca ama la lettura. Luca ama la lettura dei giornalini. Luca ama la lettura dei giornalini / di argomento horror. Luca di solito ama la lettura dei giornalini / di argomento horror. Luca, secondo me, di solito ama la lettura dei giornalini / di argomento horror. In vacanza Luca, secondo me, di solito ama la lettura dei giornalini / di argomento horror. Si potrebbe continuare…

Vince la squadra che consegna all’insegnante la frase con il maggior numero di complementi indiretti.


87 M

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi.

1. Hai ricevuto l’invito alla cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico? – 2. Secondo i racconti Carlo Magno andava sempre di fretta. – 3. Durante l’estate mi piacciono le gite in bicicletta con gli amici. – 4. L’azione dei vigili del fuoco e dei volontari per lo spegnimento dell’incendio nella pineta è stata lunga e faticosa, perché era ostacolata dal forte vento. – 5. Durante una vasta operazione anti-crimine, la polizia ha catturato dei pericolosi malviventi. – 6. Sono ormai leggendarie le imprese sportive di grandi campioni del ciclismo come Bartali e Coppi. – 7. Le popolazioni rurali ci hanno tramandato numerose favole antichissime. – 8. In questo coro non riesco a sentire chiare le due voci femminili.

88 M

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi.

1. Il presidente della società accolse con disappunto la notizia dello sciopero degli operai. – 2. Durante l’adolescenza avviene la più grande rivoluzione psichica e fisica di tutta la vita di un individuo. – 3. In un gruppo di musica folk Lucia canta e suona la chitarra. – 4. Grazie al suo capolavoro, Carlo Collodi è detto anche il padre di Pinocchio. – 5. Il WWF offre una valida assistenza alla fauna mondiale. – 6. All’uscita dal municipio i due sposi sorridevano felici in mezzo agli amici in festa. – 7. Galileo Galilei insegnò per molti anni presso l’Università di Padova. – 8. Il cuculo “affida” le proprie uova ad altri uccelli.

165


MORFOLOGIA E SINTASSI

Esercizi

2e 952 di recupero e di potenziamento

complemento di agente e causa efficiente 1

Sottolinea il complemento d’agente (o di causa efficiente), distinguendo il complemento vero e proprio da eventuali attributi o apposizioni. Poi confronta i risultati con un compagno. esempio: Questo orologio mi è stato regalato da uno zio. 1. La mia bicicletta è stata costruita su misura da un artigiano specializzato. – 2. È stato rotto un ve-

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

tro della chiesa da un colpo di pallone. – 3. Sono stati messi in freezer molti gelati dalla mamma per

166

la tua festa. – 4. La valle padana è stata costruita dai depositi alluvionali del Po. – 5. Mowgli fu aggredito dalla tigre. – 6. Il motociclista fu multato dal vigile per eccesso di velocità. – 7. Gli amici di Raffaele furono invitati a cena da lui stesso. – 8. Il viaggio in Egitto fu molto apprezzato da tutti i partecipanti. – 9. Un giornale di moda era stato lasciato in treno da una signora.

2

Sottolinea il complemento d’agente (o di causa efficiente), distinguendo il complemento vero e proprio da eventuali attributi o apposizioni. Poi confronta i risultati con un compagno. Attenzione: la preposizione “da” può introdurre anche altri complementi. esempio: Il piazzale del mercato era invaso dalle bancarelle dalle otto del mattino. 1. Dal punto di osservazione predisposto, sono stati avvistati dei cinghiali dalle guardie del parco. – 2. Vengono esportati dalla Siberia abbondanti minerali da parte di industrie specializzate. – 3. La Divina Commedia fu scritta da Dante Alighieri, lontano da Firenze. – 4. Alcuni studenti furono sospesi dalle lezioni per tre giorni dal Consiglio di Classe. – 5. Quest’anno dalle nostre parti la vendemmia è stata fatta in anticipo da molti vignaioli. – 6. Dai monti al mare, la gente fu spaventata dal terremoto. – 7. La notizia fu resa nota dalla televisione fin da giovedì sera. – 8. La strada è bloccata da una frana già da un mese.

3

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ciascuno dei seguenti predicati, ogni squadra costruisce frasi che contengano un complemento d’agente o di causa efficiente. Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. esempio: fu visto… 888 Il ladruncolo fu visto da una passante. è stato richiamato • fosti ricevuto • vengono bruciate • fu completato • siamo stati riconosciuti • siete invitati • era stata suggerita • sarete rallegrati • è stato comperato • era visitato

4

Ricopia le seguenti frasi completandole con un complemento d’agente (o di causa efficiente). Poi confronta i risultati con un compagno. esempio: La strada è illuminata… 888 La strada è illuminata dai lampioni. 1. La posta viene recapitata .......... – 2. Nell’orologio le ore vengono indicate .......... – 3. La Via Lattea è costituita .......... – 4. La città di Venezia è visitata ogni anno .......... – 5. Nei Paesi democratici le leggi vengono votate .......... – 6. Le foglie dei pioppi sono agitate .......... – 7. Nei ristoranti i piatti sono preparati ..........

5

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi. Puoi chiamare complementi indiretti i complementi che non conosci ancora.


1. Il primo volo per Milano fu annunciato dall’altoparlante alle quindici. – 2. A Verbania vengono organizzate visite guidate a importanti giardini da parte del Comune. – 3. Gli innesti di gemme o di rametti da una pianta ad un’altra vengono fatti dai giardinieri. – 4. Il monastero di Bobbio, un importante centro religioso e culturale, fu fondato da San Colombano. – 5. La Rotonda di Vicenza fu progettata da Andrea Palladio. – 6. La cera più pregiata è prodotta dalle api. – 7. Il cannocchiale fu messo a punto da Galileo Galilei. – 8. Il cane può essere colpito da una malattia terribile, la rabbia.

complemento di termine 6

Sottolinea il complemento di termine, distinguendo il complemento vero e proprio da eventuali attributi o apposizioni. Poi confronta i risultati con un compagno. 1. Agli occhi dei bambini tutto appare nuovo e interessante. – 2. Uno scrittore ha dedicato i suoi libri ai figli. – 3. Carlo continua a rivolgere domande al guidatore dell’autobus. – 4. Garibaldi deve la sua fama alla Spedizione dei Mille. – 5. La scoperta dell’America portò all’Europa molte nuove conoscenze. – 6. I vassalli promettevano fedeltà al loro signore. – 7. La conquista spagnola portò alla civiltà azteca distruzione e morte. – 8. In Italia il diritto di voto alle donne fu concesso nel 1946.

7

Sottolinea il complemento di termine, distinguendolo da eventuali attributi o apposizioni. Poi, confronta i risultati con un compagno. 1. Paolo ha scritto ai suoi amici più cari molte cartoline dal mare. – 2. Il nonno insegnò ad andare in bicicletta ai due nipotini. – 3. Quasi tutte le signore del mio paese dedicano una parte del giardino a un orto, anche piccolo. – 4. A quali ragazzi non piacciono le patatine fritte? – 5. Il salumiere consegnò il pacchetto di affettati ai due clienti abituali. – 6. Di solito i genitori cercano di rispondere a tutti i perché dei bambini. – 7. Maria chiede sempre al suo amico gelataio un cono. – 8. Il professore di matematica ha assegnato un compito di recupero agli alunni assenti la settimana prima.

8

Sottolinea i complementi di termine, espressi anche da pronomi (sono 10 in tutto). Attenzione: non sempre la preposizione a introduce un complemento di termine! I risultati possono essere confrontati con un compagno e poi corretti collettivamente. 1. Ho telefonato a Francesco, a casa sua, e gli ho chiesto un’informazione. – 2. La festa a cui ho partecipato sabato era a Milano. – 3. Il giornale che mi hai prestato non mi piace per niente. – 4. Bruno, al quale avevo annunciato il mio arrivo, è venuto a prendermi alla stazione. – 5. La fiorista del mercatino ci ha consegnato i fiori a domicilio gratis. – 6. Mi sono iscritto alla scuola di teatro che hanno aperto quest’anno. – 7. Alla fine, ai vincitori del torneo diedero un premio simbolico. – 8. Gli elettori vi hanno dato la loro fiducia, cercate di conservarla a lungo.

9

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ciascuno dei seguenti predicati, ogni squadra costruisce frasi di senso compiuto che contengano un complemento di termine. Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. diede • portano • rubarono • offriranno • fu chiesto • aveva permesso • è stato assegnato • diceste • chiama • sembra

10

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ciascuno dei seguenti aggettivi, ogni squadra costruisce una frase di senso compiuto che contenga un complemento di termine.

167


MORFOLOGIA E SINTASSI Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. caro • sgradito • utile • necessario • dannoso • resistente • intenzionato • disposto • abituato • pronto

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

11 M

168

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi. Puoi chiamare complementi indiretti i complementi che non conosci ancora. 1. Il cameriere del ristorante ci versava l’acqua e il vino. – 2. La lezione era già stata spiegata agli studenti dall’insegnante di scienze. – 3. La lettura fu resa possibile ai ciechi dall’invenzione del codice Braille. – 4. La lumaca, dannosa alle colture, è diffusa nei luoghi umidi di tutto il mondo. – 5. Al compositore Johann Strass fu dato l’epiteto di “padre del valzer”. – 6. Molti programmi televisivi sono dedicati alla fauna delle più remote regioni della terra. – 7. All’India fu riconosciuta dagli Inglesi l’indipendenza nel 1947. – 8. Ai soggetti sensibili la fioritura dei pollini può provocare reazioni allergiche.

complemento di specificazione 12

Sottolinea il complemento di specificazione, distinguendolo da eventuali attributi o apposizioni. Poi confronta i risultati con un compagno. 1. L’invenzione degli antibiotici cambiò radicalmente la storia della Medicina. – 2. Il congresso di Filadelfia approvò la dichiarazione di indipendenza degli stati americani. – 3. Le tragedie del grande poeta antico Eschilo vengono tuttora rappresentate in teatro. – 4. La fine dell’era glaciale provocò grandi cambiamenti nelle abitudini degli uomini dell’età paleolitica. – 5. I fiori del melo in primavera sono bianchi o rosati. – 6. Le costellazioni della volta celeste rappresentano animali o figure mitologiche. – 7. Le varietà di grano duro e di grano tenero hanno caratteristiche diverse. – 8. La miopia, comune difetto dell’occhio, si corregge con l’uso di lenti.

13

Sottolinea il complemento di specificazione, distinguendolo da eventuali attributi o apposizioni. Poi confronta i risultati con un compagno. Attenzione: la preposizione di può introdurre anche altri complementi; il complemento di specificazione può essere espresso da un pronome. 1. Le ore di luce in primavera aumentano di giorno in giorno. – 2. Di solito a mezzogiorno mangiamo un piatto di pasta. – 3. Mi piace la mia casa, anche se ne vedo i difetti. – 4. Tu che hai già studiato questo argomento, me ne puoi fare una sintesi? – 5. I miei familiari erano contro di me nella scelta degli studi. – 6. Seduta di fianco a me c’era una ragazza di Venezia. – 7. Il mio compagno di banco non dice mai di no. – 8. Dammi del pane per la cena di stasera.

14

Il gruppo si divide in due squadre con ugual numero di componenti. Con ciascuno dei seguenti nomi, ogni squadra costruisce frasi che contengano un complemento di specificazione. Vince la squadra che consegna per prima all’insegnante l’esercizio completo e con meno errori. figlio • sala • vini • quadro • mazzolino • telefonata • cattura • potatura • partenza • discorso

15

Trascrivi le seguenti frasi completandole con uno o più complementi di specificazione. Poi confronta i risultati con un compagno. 1. Le rose .......... sono i fiori preferiti .......... – 2. La madre .......... ha ricevuto un telegramma .......... – 3. Il temporale .......... ha sradicato un alberello .......... – 4. Molti ragazzi .......... hanno apprezzato il libro .......... – 5. Il testo .......... è stato letto ad alta voce dall’insegnante .......... – 6. La vista .......... fece fuggire il gruppo .......... – 7. Un villaggio .......... è stato abitato da cercatori .......... – 8. L’arrivo


.......... era atteso dai parenti .......... – 9. Il salvataggio .......... fu compiuto da mezzi .......... – 10. La caduta .......... provocò il blocco ..........

16

Trascrivi i complementi di specificazione e spiega il loro significato (possono essere specificati: natura o genere, autore, appartenenza o relazione, provenienza, destinazione, epoca, chi compie un’azione, chi la subisce, ecc.). 1. Paolo è il terzo figlio di Laura. – 2. L’affresco più famoso di Michelangelo è nella Cappella Sistina. – 3. Le aule della scuola sono dieci. – 4. La macchina del mio amico è tedesca. – 5. Le arance della Sicilia sono grosse e buone. – 6. La neve di ieri ha rotto dei rami. – 7. Qualche villaggio di aborigeni sopravvive in Australia. – 8. Le torte della nonna sono famose.

17 M

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi. Puoi chiamare complementi indiretti i complementi che non conosci ancora. 1. Chi di noi non conosce qualche film di Walt Disney? – 2. Per delibera del Consiglio d’Istituto verranno rinnovate le attrezzature del laboratorio di scienze. – 3. Tutti i giorni mio padre dedica un’ora alla lettura del giornale. – 4. Tra le opere del poeta irlandese Joyce vi è anche una breve poesia in italiano dedicata a Trieste. – 5. L’arrivo del temporale fu improvviso e provocò un abbassamento della temperatura. – 6. Il pallone è finito nell’aiuola dei gelsomini. – 7. Il mese prossimo inizierà il corso di danza. – 8. La spiegazione del professore è stata esauriente.

complementi di luogo 18

Sottolinea il complemento di stato in luogo e fai l’analisi logica. 1. Napoleone nacque ad Ajaccio, in Corsica. – 2. I documenti della ditta sono custoditi in cassaforte. – 3. Durante una breve sosta presso una fontana, i ciclisti dilettanti bevvero un po’ d’acqua fresca. – 4. Gli antichi Egizi scrivevano su fogli di papiro, una pianta delle rive del Nilo. – 5. Molti attori di Hollywood abitano a Beverly Hills. – 6. In alcuni paesi dell’Africa la mortalità infantile è alta. – 7. Un monumento a Garibaldi è presente nelle piazze di molte città italiane. – 8. Nei paesi baltici, le estati sono fresche e piovose.

19

Con ognuno dei seguenti predicati e nomi, costruisci una frase che contenga almeno un complemento di stato in luogo. esempi:

nascere 888 Leopardi nacque a Recanati, nelle Marche. attesa 888 Durò molto l’attesa nel Pronto Soccorso.

aspettare • leggere • chiudere • vivere • sbocciare • costruire • soggiorno • pranzo • dormita • fermata

20

Sottolinea il complemento di moto a luogo e fai l’analisi logica. 1. Giulio Cesare condusse le legioni romane in Gallia. – 2. Francesco d’Assisi si recò in Oriente, come pellegrino nei luoghi santi. – 3. La primavera giunge presto nelle regioni dell’Italia meridionale. – 4. Molti passeggeri si imbarcano ad Ancona per la Grecia. – 5. Per andare a Milano, a Bologna si prende l’autostrada A1. – 6. Un fiume manda le sue acque a nord, verso il monte Rosa. – 7. In Sardegna i turisti si possono avvicinare a colonie di aironi e fenicotteri. – 8. Molti viaggi organizzati da turisti asiatici sono diretti in Europa.

21

Con ognuno dei seguenti predicati e nomi, costruisci una frase che contenga un complemento di moto a luogo. partire • cadere • salire • dirigersi • imbarcarsi • condurre • fuga • cammino • via • uscita • navigazione

169


MORFOLOGIA E SINTASSI

22

Sottolinea il complemento di moto da luogo e fai l’analisi logica.

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

1. Enea si allontanò da Cartagine verso i paesi dell’occidente. – 2. Dall’Olanda i coloni andarono a fondare Nuova Amsterdam, sull’isola di Manhattan. – 3. Il Po, il maggiore dei fiumi italiani, scorre dal Piano del Re ad Ariano Polesine. – 4. Beniamino Franklin, l’inventore del parafulmine, dall’America giunse in Francia. – 5. Dal Giappone giungono molti prodotti industriali in Europa e in America. – 6. Da una fabbrica di prodotti chimici uscì una nube tossica molto pericolosa. – 7. Napoleone riportò in Francia dalla Russia i pochi resti di una grande armata. – 8. Dall’Impero d’Oriente, Giustiniano mandò un grande esercito in Italia.

170

23

Con ognuno dei seguenti predicati e nomi, costruisci una frase che contenga un complemento di moto da luogo. tornare • giungere • provenire • andarsene • allontanarsi • spostarsi • arrivo • uscita • corsa • fuga

24

Sottolinea il complemento di moto per luogo e fai l’analisi logica. 1. La maggior parte delle merci dall’Europa ai paesi orientali passa per lo stretto di Suez. – 2. Dal boccaporto si può passare dai piani inferiori al ponte della nave. – 3. Attraverso la laguna, si può andare in battello da San Marco alle isole di Murano o di Torcello. – 4. Dall’Oceano Atlantico al Pacifico si può passare per il canale di Panama. – 5. Attraverso la galleria del Monte Bianco dall’Italia si raggiunge la Francia. – 6. L’esercito persiano riuscì a penetrare in Grecia per il passo delle Termopili. – 7. La luce del mattino filtra attraverso le righe delle tapparelle. – 8. Il Danubio in Romania si apre la strada attraverso le cosiddette “Porte di Ferro”.

25

Costruisci frasi che contengano complementi di moto per luogo dipendenti dai seguenti predicati e nomi. passare • scappare • trasportare • scorrere • sfilare • filtrare • strisciare • viaggio • diffusione • irruzione

26

Individua i complementi di luogo e indica se si tratta di stato in luogo, moto a (oppure da, oppure per) luogo. 1. Si organizzerà un viaggio a Philadelphia, una delle più antiche città degli Usa, passando per altre località della Pennsylvania. – 2. Siamo andati in una libreria nuova: passando per un cortile all’aperto, si raggiunge una caffetteria a disposizione dei clienti. – 3. Andando al laghetto dietro la scuola, attraverso una strada sterrata, ho forato una gomma della bicicletta. – 4. Alcune farfalle volano sulle foglie di quercia o di pino, dove si mimetizzano. – 5. Gli scarafaggi entrano nelle cantine o sotto i pavimenti delle abitazioni, perché stanno bene in luoghi caldi e umidi. – 6. La bora, vento freddo, soffia dagli altipiani delle Alpi orientali su Trieste. – 7. Attraverso un passaggio segreto, ci troviamo con gli amici dietro casa. – 8. Nel bosco spontaneo, fra gli alberi d’alto fusto ci sono arbusti e cespugli e vi si nasconde la fauna selvatica.

27

Nel seguente brano, individua i complementi di luogo e indica se si tratta di stato in luogo, moto a (oppure da, oppure per) luogo. Lui ha un grande senso dell’orientamento; io nessuno. Nelle città straniere, dopo un giorno, lui si muove leggero come una farfalla. Io mi sperdo nella mia propria città; devo chiedere indicazioni per ritornare alla mia propria casa. Lui odia chiedere indicazioni; quando andiamo per città sconosciute, in automobile, non vuole che chiediamo indicazioni e mi ordina di guardare la pianta topografica. Io non so guardare le piante topografiche, m’imbroglio su quei cerchiolini rossi, e s’arrabbia. Lui ama i viaggi, le città straniere e sconosciute, i ristoranti. Io resterei sempre a casa, non mi muoverei mai. Lo seguo tuttavia in molti viaggi. Lo seguo nei musei, nelle chiese, all’opera. Lo seguo anche ai concerti, e mi addormento. Siccome conosce dei direttori d’orchestra, dei cantanti, gli piace andare, dopo lo spettacolo, a congratularsi con loro. Lo seguo per i lunghi corridoi che portano ai camerini dei cantanti, lo ascolto parlare con persone vestite da cardinali e da re. N. Ginzburg, Le piccole virtù, Einaudi, Torino 1970


28 M

Fai l’analisi logica delle seguenti frasi. 1. L’altalena in giardino è stata rotta da un ragazzo troppo grande. – 2. In Scandinavia, si può vedere il sole di mezzanotte. – 3. Dalla Calabria siamo andati per mare fino in Sardegna. – 4. Attraverso belle campagne, si arriva alla città di Rouen, la splendida capitale normanna. – 5. I corridori giunsero trafelati al traguardo. – 6. Per andare a Sant’Apollinare in Classe, a Ravenna, si passa per la zona portuale. – 7. Per la cattedrale, deve svoltare a sinistra e fermare la macchina nel parcheggio. – 8. Passando per la finestra, Giulia entrò in camera sua. – 9. Antonio vorrebbe andare al cinema nella multisala dietro l’aeroporto. – 10. La Corsica è bella e abbastanza vicina: ci vogliamo andare?

complementi di tempo 29

Sottolinea il complemento di tempo determinato e fai l’analisi logica. 1. Fra tre giorni devo riportare il libro alla biblioteca. – 2. Lunedì prossimo saranno interrogati i primi quattro alunni. – 3. L’inverno scorso non è mai nevicato al di sotto dei mille metri. – 4. Il mercato del mio paese d’origine è di sabato. – 5. Durante la notte mi sono svegliato tre volte. – 6. Domani mattina la scuola inizia alle nove. – 7. Sotto Traiano, l’impero raggiunse la sua massima estensione. – 8. Da piccoli, siamo andati molte volte al Luna Park.

30

Amplia le seguenti frasi con un complemento di tempo determinato. 1. Luca aspettava Maria davanti alla stazione dei treni. – 2. Sono andata al cinema Arlecchino con mio fratello e qualche amico. – 3. Si andrà tutti in pizzeria per i saluti di fine anno. – 4. La strada fu chiusa per una frana improvvisa. – 5. Ho preso l’autobus in ritardo. – 6. Festeggerai il tuo compleanno con una torta con le candeline? – 7. Ho visto Simona al parco giochi, sull’altalena. – 8. Ho notato che stanno spuntando le primule in giardino.

31

Sottolinea il complemento di tempo continuato e fai l’analisi logica. 1. Per parecchi mesi, Luisa è stata in cura dal dentista. – 2. Per dodici anni, mio fratello ha lavorato come commercialista. – 3. Durante l’estate, si cerca un po’ di fresco nei luoghi di mare o di montagna. – 4. Per mesi e mesi, il fronte della seconda guerra mondiale in Italia rimase fermo. – 5. Fino a qualche anno fa, la lince in Italia sembrava assente. – 6. Ho aspettato per tutta la vita un’occasione come questa. – 7. Ho preso il sole per mezz’ora circa, sulla riva del fiume. – 8. Per secoli l’Italia subì le invasioni dei barbari.

32

Amplia le seguenti frasi con un complemento di tempo continuato. 1. Siamo andati a casa dei nonni, sul lago. – 2. I bambini hanno giocato nel nostro cortile con gli amici. – 3. Remo lavorò come apprendista nel laboratorio dello zio. – 4. Alessia aspetta sempre sua sorella all’uscita della scuola. – 5. In molti paesi europei i Romani furono conquistatori e dominarono. – 6. Daniela durante l’influenza guardava la televisione. – 7. L’amicizia delle due ragazze rimase salda. – 8. La campagna rimase allagata dalle acque del fiume.

complemento di causa 33

Sottolinea il complemento di causa e fai l’analisi logica. 1. Dato il tuo comportamento, non ti inviteranno più. – 2. Alla vista della mamma, il bambino voleva attraversare la strada di corsa. – 3. In seguito all’incidente, Loredana ebbe una gamba ingessata per un mese. – 4. Con il caldo, la nonna esce poco di casa. – 5. La gioia per la vittoria esplose rumorosamente.

171


MORFOLOGIA E SINTASSI – 6. Sandra è caduta dalla bicicletta per il cattivo funzionamento dei freni. – 7. Lucia aveva gli occhi lucidi per la commozione. – 8. Gabriele è rimasto sbalordito per l’emozione, alla vista dei vecchi amici.

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

34

172

Amplia le seguenti frasi con un complemento di causa. 1. Ruggero può essere davvero orgoglioso. – 2. Il compagno di banco di mio fratello si è offeso. – 3. La proiezione del film alla televisione è stata interrotta alle dieci. – 4. Non sono riuscito a mangiare niente, stasera. – 5. Il bambino fece un salto all’indietro, spaventato. – 6. Il babbo di Giacomo, camionista, viaggia su e giù per l’Italia. – 7. Maurizio si prese un gran raffreddore, l’altra sera. – 8. Tutta la famiglia era veramente stanca, all’ora di cena.

complemento di fine 35

Sottolinea il complemento di fine e fai l’analisi logica. 1. Bisogna studiare non solo per la promozione, ma anche per la propria cultura personale. – 2. Umberto ha preparato una valigia leggera per il viaggio in aereo. – 3. A volte si vuole guardare qualche spettacolo per pura evasione. – 4. Tutta la classe ha voluto impegnarsi per la realizzazione del laboratorio teatrale. – 5. L’ago e il filo servono spesso in casa per piccole riparazioni. – 6. L’esercito si preparò per la guerra imminente. – 7. Le scarpe da tennis dei ragazzi si sono sporcate. – 8. Siamo tutti pronti per la partenza?

36

Amplia le seguenti frasi con un complemento di fine. 1. Signora, accettiamo assegni, bancomat o carte di credito, a suo piacere. – 2. Il padre regalò a Nadia delle nuove racchette. – 3. Le signore dell’associazione benefica organizzarono una grande festa. – 4. Il banco del falegname è tutto segnato da intaccature e tagli. – 5. Dopo i rimproveri dei genitori, il ragazzo cercò di parlare. – 6. Chiara, per dimenticanza, andò in piscina senza il costume. – 7. In cortile è rimasto da ieri un pallone. – 8. La mia amica fa qualche chilometro di corsa ogni mattina nel parco.

complemento di mezzo 37

Sottolinea il complemento di mezzo e fai l’analisi logica. 1. Le pareti delle case più ricche un tempo erano interamente ricoperte di quadri. – 2. La famosa “Banda del buco” ha scassinato moltissime casseforti, con trapani e fiamma ossidrica. – 3. La profondità di un corso d’acqua va misurata nel mezzo con una sonda. – 4. Cicerone catturava l’attenzione della platea con la sua abilità oratoria. – 5. Prima dell’introduzione del cavallo gli Indiani d’America si spostavano sempre e solo a piedi. – 6. Un viaggio con il treno è conveniente perché è veloce e sicuro. – 7. Gli studenti antichi scrivevano con uno stiletto appuntito su una tavoletta di cera. – 8. La fotosintesi clorofilliana si attua grazie alla luce solare.

38

Amplia le seguenti frasi con un complemento di mezzo. 1. I bimbi della scuola dell’infanzia disegnano molto. – 2. Il cane sa dimostrare la sua amicizia alle persone. – 3. Gli alberi prendono le sostanze nutritive dal terreno. – 4. Ogni sera molte famiglie ascoltano la trasmissione delle notizie del giorno. – 5. Ormai è molto facile tenersi in contatto con gli amici anche tutti i giorni. – 6. Gli alpinisti scalano le vette più ardite. – 7. Gli animali carnivori ghermiscono le loro prede. – 8. Di solito, i pacchetti da regalo sono ben confezionati.


complemento di modo 39

Sottolinea il complemento di modo e fai l’analisi logica. 1. Il Gatto e la Volpe agivano con l’inganno nei confronti di Pinocchio. – 2. Gli escursionisti camminarono di buon passo per molte ore. – 3. A scuola durante alcune ore si possono scambiare parole a bassa voce con i compagni. – 4. La proposta del padre fu accolta dai figli con scarso entusiasmo. – 5. Un ragazzo arrivò di corsa, con qualche minuto di ritardo. – 6. Paolo accettò con piacere la proposta di Anna. – 7. I veri sportivi si allenano con passione e costanza. – 8. I giovani di solito mangiano di gusto la pizza.

40

Amplia le seguenti frasi con un complemento di modo. 1. L’istruttore fece molte raccomandazioni agli allievi per la partita del giorno dopo. – 2. Il bambino chiese qualcosa a sua madre, davanti alla gelateria. – 3. Il lunedì mattina mi sveglio e vado a scuola con il solito scuolabus. – 4. Flavia rispose alla madre riguardo alla mattinata scolastica. – 5. Un passante si rivolse a Luigi per un’informazione sulla strada. – 6. Giuseppe sta leggendo un libro sulla prima guerra mondiale. – 7. L’autobus partì dal capolinea con molte persone a bordo. – 8. Un ciclista pedalava quasi invisibile davanti a noi nella nebbia.

gli altri complementi indiretti 41

Sottolinea il complemento di compagnia o di unione e fai l’analisi logica. 1. I tifosi più accaniti vanno ogni domenica allo stadio con gli amici. – 2. Con la tua cartolina mi è arrivata anche dell’altra posta. – 3. Il cantante è salito sul palco assieme a tutti i suoi musicisti. – 4. L’aumento del rischio va di pari passo con l’aumento della velocità. – 5. Per ognuno di noi è fondamentale passare del tempo in compagnia di amici. – 6. Gli sherpa nepalesi raggiungono la cima dell’Everest con le pesanti bombole dell’ossigeno sulle spalle. – 7. Mettendo assieme alcuni tipi di frutta con un po’ di latte e zucchero, si ottengono degli ottimi frullati. – 8. Molte persone fanno passeggiate quotidiane intorno a casa con il loro cane.

42

Amplia le seguenti frasi con un complemento di compagnia o di unione. 1. La mia classe è andata a Roma in gita scolastica. – 2. Durante la ricreazione mi piace molto chiacchierare. – 3. Mia sorella in vacanza ha fatto molte nuove amicizie. – 4. Ho parlato del nostro progetto per domenica prossima. – 5. Posso offrirti un tè? – 6. Silvano è arrivato a scuola in ritardo stamattina. – 7. Sabato pomeriggio devo andare in centro. – 8. Posso venire anch’io a casa di Fabio?

43

Sottolinea il complemento di rapporto (o relazione) e fai l’analisi logica. 1. Probabilmente le formiche comunicano tra di loro per mezzo di segnali emessi dalle antenne. – 2. La buona comunicazione tra studenti e professori è il segreto di un insegnamento efficace. – 3. I maleducati parlano tra di loro sussurrandosi nelle orecchie. – 4. I rapporti tra i vicini possono essere messi in crisi dalla diversità delle abitudini. – 5. Non voglio tagliare i ponti con i vecchi amici. – 6. Tra opposte tifoserie a volte si scatenano tafferugli durante e dopo le partite. – 7. I ritardatari abituali hanno un cattivo rapporto con le lancette dell’orologio. – 8. Dopo la tua cortesia, mi sento davvero in debito con te.

44

Sottolinea il complemento di denominazione e fai l’analisi logica. 1. Il passo della Futa si trova nell’Appennino tosco-emiliano. – 2. Il promontorio del Circeo è circondato da un parco nazionale. – 3. La sponda occidentale del lago di Garda è in Lombardia. – 4. La

173


MORFOLOGIA E SINTASSI laurea conferisce il titolo di dottore. – 5. L’isola d’Elba ha una ricca vegetazione di tipo mediterraneo. – 6. Il grande commediografo francese J-B. Poquelin prese lo pseudonimo di Molière. – 7. Nel mese di febbraio a Venezia si svolge un famoso Carnevale. – 8. Il cardinale Angelo Roncalli, da papa, scelse il nome di Giovanni XXIII.

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

45

174

Sottolinea il complemento partitivo e fai l’analisi logica. 1. Alcune fra le piante del giardino aprono i loro fiori la mattina e li chiudono la sera. – 2. Il melo è uno degli alberi più diffusi in Asia e in Europa. – 3. Il più famoso dei formaggi italiani è il parmigiano. – 4. A Numa Pompilio, il secondo dei re di Roma, è attribuita l’istituzione del calendario romano. – 5. Le doline e gli inghiottitoi sono alcune delle forme del carsismo. – 6. Fra le regioni africane, molte soffrono di condizioni climatiche difficili. – 7. La Francia è uno dei paesi del mondo più visitati da turisti. – 8. Napoleone era il quarto dei figli di Carlo Buonaparte.

46

Inventa tre frasi con un complemento partitivo e tre con un complemento di denominazione.

47

Sottolinea il complemento di origine o provenienza e fai l’analisi logica. 1. Il loto è una pianta erbacea originaria dell’Asia tropicale. – 2. Molte leggende, ma anche le favole destinate ai bambini, hanno origine non solo dalla fantasia o dai bisogni, ma anche da tradizioni reali di popoli primitivi. – 3. Dopo alcuni mesi il distacco dai vecchi amici gli sembrava meno doloroso. – 4. Molti dei nonni italiani provengono da famiglie contadine. – 5. I risultati del lavoro provengono dall’impegno e dall’abilità. – 6. La lana si ricava dalla tosatura delle pecore. – 7. L’imperatore Diocleziano era originario dell’odierna città di Spalato. – 8. Molte parole del linguaggio dell’informatica derivano dall’inglese.

48

Sottolinea il complemento di allontanamento o separazione e fai l’analisi logica. 1. Una siepe separa la nostra casa da quella dei vicini. – 2. I bambini spartani venivano presto separati dalla madre. – 3. Garibaldi attraverso le valli di Comacchio sfuggì alla cattura da parte degli Austriaci. – 4. Il mio gatto mi sembra diverso da tutti gli altri gatti. – 5. Il divorzio è la separazione di un coniuge dall’altro. – 6. Cerca di liberarti della tua timidezza esagerata. – 7. L’Australia dista moltissimo dall’Europa. – 8. Non è difficile distinguere il gatto selvatico da quello domestico.

49

Inventa tre frasi con un complemento di origine e tre con un complemento di provenienza.

50

Sottolinea il complemento di argomento e fai l’analisi logica. 1. Sigmund Freud ha scritto diversi trattati sulla psicanalisi. – 2. Sui giornali del mattino non era riportata alcuna notizia sulla rapina alla banca. – 3. L’opinione del direttore del giornale sulle recenti vicende politiche è espressa nell’articolo di fondo. – 4. L’insegnante discuterà con gli alunni del romanzo letto in classe. – 5. Il capitolo sulla società spartana è a pagina 116 del testo di storia. – 6. Luca stava discutendo con i suoi amici a proposito della musica contemporanea. – 7. Molti ragazzi giovani si interessano con fatica di temi politici. – 8. Leonardo da Vinci si occupava di tanti ambiti della scienza. – 9. Quasi tutti i giovani hanno almeno qualche nozione di informatica.

51

Sottolinea il complemento di paragone e fai l’analisi logica. 1. Il monte Everest è leggermente più alto del K2. – 2. L’Italia esporta più prodotti finiti che materie prime. – 3. L’alta velocità sulle strade pubbliche è tanto inutile quanto pericolosa. – 4. Le Olimpiadi hanno meno successo di pubblico dei campionati mondiali di calcio. – 5. Pochi gruppi rock moder-


ni sono celebri come i Beatles. – 6. Stranamente a volte luglio è meno caldo e afoso di giugno. – 7. Il contrabbasso ha un suono più cupo e grave di quello del violoncello. – 8. Le cassette a nastro sono meno durature e affidabili che i compact disc.

52

Sottolinea il complemento di vocazione e fai l’analisi logica. 1. Signor vigile, potrebbe indicarmi la strada per Piazza di Spagna? – 2. Ehi, mamma, che buona questa torta! – 3. Mi accompagni tu al lavoro stamattina, tesoro? – 4. Alberto, finiscila di disturbare la lezione! – 5. Allora, Enrico, vieni in gita con noi domani? – 6. Mosè, per favore, sorreggi un attimo il quadro mentre pianto il chiodo. – 7. Alcide, vieni qui, ho qualcosa da dirti.

53

Inventa tre frasi con un complemento di paragone, tre con un complemento di argomento e tre con un complemento di vocazione.

54

Sottolinea i complementi di vantaggio e di svantaggio. 1. Eseguire i compiti lentamente per svogliatezza va a scapito del tempo libero. – 2. Sovente le parrocchie organizzano pesche di beneficenza a favore dei più poveri. – 3. È fondamentale per una squadra che si instauri un buon rapporto tra atleti e allenatore. – 4. Un uso sconsiderato di farmaci è dannoso per la salute. – 5. Alcune persone dimostrano grande amore per gli animali. – 6. Le trattative di pace sono sempre svantaggiose per le popolazioni politicamente più deboli. – 7. Le incomprensioni tra compagni di squadra vanno a vantaggio degli avversari. – 8. Il 2 giugno 1946 la maggioranza dei cittadini italiani si espresse a favore della proclamazione della repubblica.

55

Sottolinea il complemento di esclusione e fai l’analisi logica. 1. La volpe mangia praticamente qualsiasi cosa, esclusi gli insetti. – 2. Tutti i muscoli striati, eccetto il miocardio, sono mossi da stimoli volontari. – 3. Gli orsi sono tutti esclusivamente carnivori, ad eccezione dell’orso bruno, che è onnivoro. – 4. I telefoni portatili senza filo sono sempre più diffusi. – 5. Tutti gli sport di squadra, tranne la pallavolo, prevedono il contatto con l’avversario durante le azioni di gioco. – 6. L’intero viaggio di un aereo di linea, salvo il decollo e l’atterraggio, può svolgersi senza l’intervento dei piloti. – 7. Un bravo alpinista non affronta una scalata in mancanza dell’attrezzatura adatta. – 8. Il codice della strada vieta la circolazione in macchina senza le cinture di sicurezza allacciate.

56

Sottolinea il complemento di sostituzione (o scambio) e fai l’analisi logica. 1. In caso di sciopero dei giornalisti, in luogo del telegiornale viene trasmesso un notiziario molto sintetico. – 2. A volte per le personalità importanti prende la parola un loro portavoce. – 3. Può essere dannoso nutrire gli animali con un mangime qualsiasi in luogo di quello specifico. – 4. Molti leggono abitualmente i fumetti, invece di un libro. – 5. È salutare mangiare frutta e verdura, di tanto in tanto, al posto del secondo. – 6. Puoi andare al posto mio, con il mio biglietto, a quel concerto. – 7. Nel consiglio di classe, è il rappresentante degli studenti a parlare per i propri compagni.

57

Inventa tre frasi con un complemento di vantaggio, tre con un complemento di esclusione e tre con un complemento di sostituzione.

58

Sottolinea il complemento concessivo e fai l’analisi logica. 1. Ogni estate ettari di bosco bruciano nonostante l’opera di salvaguardia forestale. – 2. Malgrado il malcontento dei teleutenti aumenta continuamente lo spazio dedicato agli spot pubblicitari. –

175


MORFOLOGIA E SINTASSI 3. Nonostante l’avvio di campagne antinquinamento, lo smog continua a gravare sulle nostre città. – 4. Nonostante la presenza di mucillagine nelle acque costiere, le spiagge italiane non sono state abbandonate dai turisti. – 5. Diverse specie animali rischiano l’estinzione, nonostante gli interventi di importanti organizzazioni internazionali. – 6. Malgrado il continuo aumento dei suoi costi d’esercizio, l’automobile rimane un bene irrinunciabile. – 7. Le vacanze in luoghi esotici, nonostante i prezzi proibitivi, registrano ogni anno numerose adesioni. – 8. Nonostante la massiccia introduzione dell’elettronica nel mondo del lavoro, l’intervento dell’uomo rimane ovunque fondamentale.

SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI

59

176

Sottolinea il complemento di limitazione e fai l’analisi logica. 1. Leonardo da Vinci era una grande personalità sia in campo artistico sia in campo scientifico. – 2. Secondo recenti studi, in un futuro molto remoto l’Africa dovrebbe staccarsi e allontanarsi dalla penisola arabica. – 3. Il numero dei laureati nei vari rami dell’ingegneria è in costante aumento. – 4. Pietro Mennea rimane tuttora il più valido atleta italiano di tutti i tempi nella corsa veloce. – 5. In fatto di discussioni di carattere filosofico, sembra che Socrate fosse insuperabile. – 6. Sembra che già a tre-quattro anni d’età Mozart fosse molto portato nella musica. – 7. In quanto a dimensioni, tra gli animali terrestri nessuno supera in altezza la giraffa. – 8. Secondo alcuni il traffico andrebbe bandito dai centri abitati.

60

Inventa tre frasi con un complemento concessivo e tre con un complemento di limitazione.

61

Sottolinea il complemento di materia e fai l’analisi logica. 1. L’industria delle bibite fa sempre più uso dei contenitori di plastica. – 2. Murano vanta una antica e raffinata tradizione di manufatti in vetro. – 3. Gli utensili degli uomini dell’età della pietra erano ricavati da ciottoli di selce. – 4. Le vaste vetrine in materiale antiurto dei moderni negozi sono praticamente impenetrabili. – 5. Gli indumenti di cotone sono i più usati nella stagione estiva. – 6. I sacchetti di plastica abbandonati costituiscono l’aspetto più evidente dell’inquinamento ambientale. – 7. Le casseforti sono protette da spesse porte di ghisa o di acciaio. – 8. Il bulbo di vetro delle lampadine ha il vuoto atmosferico, al suo interno.

62

Sottolinea i complementi di abbondanza e di privazione e fai l’analisi logica. 1. La cassetta della posta è piena di lettere e cartoline. – 2. Spesso gli immigrati mancano di una fissa dimora e di una sia pur minima fonte di reddito. – 3. Quasi tutti i giornali sono stati riempiti di pagine pubblicitarie. – 4. Solo un terreno ricco di sali minerali e sostanze nutritive può dare un raccolto abbondante. – 5. I bambini piccoli sono bisognosi di continue cure e di affetto. – 6. D’estate le spiagge italiane abbondano di turisti d’ogni nazionalità. – 7. Tutti i paesi del terzo mondo sono estremamente gravati di debito pubblico. – 8. Non di rado gli elettrodomestici mancano dei necessari requisiti di sicurezza.

63

Inventa tre frasi con un complemento di materia, tre con un complemento di abbondanza e tre con un complemento di privazione.

64

Sottolinea il complemento di età e fai l’analisi logica. 1. Dante iniziò la Divina Commedia nel 1307, all’età di quarantadue anni. – 2. A quattro-cinque anni un cane è già adulto. – 3. Loris Capirossi vinse il mondiale di motociclismo su pista del 1990, a soli diciassette anni. – 4. Il successo del personaggio di Topolino, ad oltre settanta anni d’età, non accenna a diminuire. – 5. Un ragazzo di diciannove anni è scomparso durante la notte di Capodanno, l’anno scorso. – 6. Un’auto è considerata un pezzo d’epoca dai trent’anni d’età in su. – 7. È un giovane uomo sulla trentina il responsabile dei recenti furti con scasso avvenuti nel mio paese. – 8. Gli strumenti musicali elettronici a due o tre anni d’età sono già vecchi.


65

Sottolinea il complemento di qualità e fai l’analisi logica. 1. Il leopardo è un felino dalla straordinaria agilità. – 2. Non si può dire che Paganini fosse un uomo di grande diplomazia. – 3. Sembra che Garibaldi fosse un uomo di poche parole. – 4. L’avvoltoio è un volatile dalle macabre abitudini. – 5. I vestiti di alta moda sono sempre confezionati con tessuti di qualità. – 6. Lucio Battisti scrisse canzoni di rara bellezza. – 7. Il tartufo è un fungo dalla forma di tubero dal gusto intenso e particolare. – 8. Il visone è un piccolo mammifero dalla pelliccia molto pregiata.

66

Inventa tre frasi con un complemento di età e tre con un complemento di qualità.

67

Sottolinea i complementi di colpa e fai l’analisi logica. 1. Il generale fu ritenuto colpevole di alto tradimento. – 2. Non sono poche le ammende inflitte per offese a pubblico ufficiale. – 3. Gli imputati erano stati condannati al carcere per associazione a delinquere. – 4. I tifosi sono stati ritenuti responsabili degli incidenti avvenuti nello stadio. – 5. L’operaio era imputato di truffa ai danni dello Stato. – 6. In Italia sono frequenti le condanne per edificazione abusiva. – 7. L’accusato era ritenuto responsabile di duplice omicidio. – 8. Il conducente accusato di guida in stato di ebbrezza rischia la sospensione della patente.

68

Sottolinea il complemento di pena e fai l’analisi logica. 1. Il reato di omicidio volontario prevede la condanna all’ergastolo. – 2. Fino a qualche decennio fa il maestro puniva gli scolari negligenti con sonore bacchettate sulle nocche. – 3. Dopo averlo sconfitto, la coalizione di nazioni europee punì Napoleone con l’esilio a S. Elena. – 4. L’ONU può punire una nazione intemperante con pesanti sanzioni economiche. – 5. L’amministrazione comunale può punire un esercente con l’ingiunzione di chiusura dell’esercizio. – 6. La condanna minima è quella al pagamento delle spese processuali. – 7. Gli evasori fiscali accertati sono puniti con pesanti ammende.

69

Inventa tre frasi con un complemento di colpa e tre con un complemento di pena.

70

Sottolinea il complemento di quantità, indicando anche di che tipo si tratta (stima, prezzo, estensione, peso, distanza, distributivo) 1. Esiste una specie di canguro alto fino a due metri. – 2. Il mio orologio va avanti di mezzo minuto al giorno. – 3. Una Jaguar d’epoca all’asta può essere facilmente valutata diversi milioni di euro. – 4. Sei automobilisti su dieci ammettono di superare abitualmente il limite di velocità. – 5. Messina dista circa tre chilometri dalla Calabria. – 6. I ragazzi procedevano in fila due a due. – 7. Il babbo ha pagato la televisione nuova quasi mille euro. – 8. Il panorama dalla vetta del monte vale bene la salita.

71

Sottolinea il complemento di quantità, indicando anche di che tipo si tratta, e fai l’analisi logica. 1. Il supermercato è a dieci minuti da casa mia. – 2. Il Sole è lontano mediamente dalla terra 150 milioni di chilometri. – 3. Il Reno scorre per 375 km nel territorio svizzero. – 4. I funghi devono essere controllati uno per uno da qualche esperto. – 5. Un’automobile di media cilindrata costa sui 20.000 euro. – 6. Un cinghiale adulto pesa circa due quintali. – 7. Il vestito da sposa di Sonia è costato 3000 euro. – 8. La pianura padana si estende per oltre 46.000 chilometri quadrati.

72

Inventa tre frasi con un complemento di stima, tre con uno di prezzo, tre con uno di estensione, tre con uno di peso, tre con uno di distanza e tre con uno distributivo. L’esercizio può essere svolto sotto forma di gara, singolarmente o a squadre.

177


MORFOLOGIA E SINTASSI

Esercizi

2 di recupero e di potenziamento

coordinazione e subordinazione 1

Individua i periodi del seguente brano e separali con una barra. Avevamo appena spento la tele, eravamo appena andati a letto: – Marco, Marco, vieni a vedere! Era la voce di Sara; tante volte, d’estate, mi chiama la sera tardi, così vado fuori nel giardino e parliamo, nell’angolo dietro il cespuglio di ibisco dove c’è una sbarra rotta e c’è lo spazio per passarci le cose, le figurine, eccetera. [...] Mi sono affacciato alla finestra facendo segno di aspettarmi, mi sono infilato i calzoncini e sono scappato giù scalzo per non fare rumore, per non farmi sentire dai miei. Sara era là dietro il cespuglio di ibisco dove c’è la sbarra rotta, e al lume del lampione ho visto che aveva fra le braccia un fagottino nero. Lo ha fatto passare tra le sbarre, me lo ha dato, era la sua gatta. L. Conti, Una lepre con la faccia da bambina, Editori Riuniti, Roma 1978

SINTASSI DEL PERIODO

2

178

Individua le frasi semplici contenute nei seguenti periodi e separale con una barra. 1. Siccome la distanza è notevole e non ho molto tempo, prenderò l’aereo. 2. Anna è arrivata da poco, ma è impegnata al telefono. 3. Quando nel paese vicino organizzavano il mercatino notturno, facevamo due passi tra le bancarelle dopo aver cenato in un ristorantino lì vicino. 4. Arrivò il professore, vide la situazione, richiamò tutti all’ordine e si fece silenzio. 5. Anche se il compito era difficile, ho risolto da solo il problema senza che nessuno mi aiutasse. 6. Sara non telefona mai, invece Anna chiama tutti i giorni, perché è lontana e si sente un po’ sola. 7. Capirai il mio punto di vista dopo che avrai esaminato la situazione e avrai raccolto tutte le informazioni necessarie. 8. Siccome sono caduto e ho distrutto la mia vecchia bicicletta, ho chiesto a mio padre se me ne regala una nuova.

3

Individua le frasi semplici contenute nei seguenti brani e separale con una barra; quindi sottolinea la principale. 1. 2. 3. 4. 5. 6.

Quando ha cominciato a piovere, tutti i bagnanti sono scappati e la spiaggia è rimasta vuota. Si sente già il profumo della primavera, anche se al mattino l’aria è ancora piuttosto fredda. Se la libreria fosse aperta, potremmo entrarci per comprare un romanzo. Vorrei incorniciare questo tuo disegno perché mi piace ed è molto originale. Il conducente dell’auto si fermò per far passare i pedoni, ma fu tamponato da un’altra auto. Il professore raccomandò ai suoi alunni che leggessero con attenzione il racconto prima di farne la sintesi. 7. La signora Rossi ha lasciato le finestre aperte e, quando è piovuto, tutto l’appartamento si è bagnato. 8. Nella nostra terrazza è fiorito il gelsomino che emana un profumo dolcissimo e che naturalmente attira molte api.


4

Separa con una barra le frasi contenute nei seguenti periodi; quindi sottolinea con un tratto la principale, con due tratti le eventuali coordinate alla principale. 1. Avevo fame, ma il frigorifero era vuoto. 2. Prima di partire per le vacanze, Luisa cerca di fare tutti i compiti, così poi si sente più libera e serena. 3. Poiché aveva lavorato più del previsto, tornò a casa stanca, eppure preparò il dolce per la festa. 4. Esci con me a fare una passeggiata oppure resti in casa a guardare la televisione? 5. Armando ha sbagliato il compito perché non aveva studiato abbastanza e non era stato attento alle spiegazioni. 6. Anche se l’architetto aveva realizzato il progetto da tempo, i lavori di costruzione non furono avviati, quindi la vendita degli appartamenti subì un ritardo. 7. Quando il mese prossimo Michele compirà cinque anni, gli faremo una bella festa e inviteremo tutti i suoi amichetti. 8. Da lontano vedemmo uno stambecco, cercammo di fotografarlo, ma scappò via subito.

5 M

Ricopia i periodi nella tabella, trascrivendo una singola frase per ogni riga; quindi indica se si tratta della principale, di una coordinata alla principale, di una subordinata, di una coordinata alla subordinata.

COORDINATA ALLA SUBORDINATA

SUBORDINATA

COORDINATA ALLA PRINCIPALE

PRINCIPALE

1. Abbiamo trascorso una bella giornata di svago e ci siamo divertiti molto, perché eravamo una bella compagnia e c’erano alcuni amici molto spiritosi. 2. Mi ero appena seduto a tavola e stavo per iniziare la cena, quando il principale mi telefonò e mi chiese alcune spiegazioni. 3. Corro al supermercato ad acquistare gli ingredienti che mi servono per la torta e che non ho in casa. 4. Guardavo i gabbiani che si fermavano sul vento e poi si tuffavano tra le onde in cerca di pesci. 5. Anna ha incontrato Dario che andava in palestra e gli ha detto di telefonarle prima di sera. 6. Camilla va al mare se c’è un bel sole caldo e può fare un nuotata.

179


COORDINATA ALLA SUBORDINATA

SUBORDINATA

COORDINATA ALLA PRINCIPALE

PRINCIPALE

MORFOLOGIA E SINTASSI

SINTASSI DEL PERIODO

6 M

180

Riscrivi i seguenti periodi sostituendo la costruzione per coordinazione con quella per subordinazione. esempio: C’era molto traffico, quindi siamo arrivati in ritardo. 888 Siccome c’era molto traffico, siamo arrivati in ritardo. Oppure: Siamo arrivati in ritardo, perché c’era molto traffico. 1. Ho sempre amato la montagna, perciò trascorrerò le vacanze in un paese delle Dolomiti. ....................................................................................................................................... 2. La mattina faccio colazione e poi vado a scuola. ....................................................................................................................................... 3. Il fiume era in piena ma il ponte era ancora transitabile. ....................................................................................................................................... 4. Volevamo fare una passeggiata e ti siamo venuti incontro. ....................................................................................................................................... 5. Lorenza prepara la cena, intanto tu apparecchi la tavola. ....................................................................................................................................... 6. Luca ha cominciato i compiti in ritardo ma è riuscito a finirli prima di sera. ....................................................................................................................................... 7. Sono andato dal mio amico ma prima ho comprato dei giornalini. ....................................................................................................................................... 8. C’è molta nebbia, quindi guida con prudenza. .......................................................................................................................................

7 M

Riscrivi i seguenti periodi sostituendo la costruzione per subordinazione con quella per coordinazione. esempio: Nonostante il tempo sia incerto, andiamo al mare. 888 Il tempo è incerto, ma andiamo al mare. 1. Abbiamo visto il sorgere del sole perché siamo usciti presto. ....................................................................................................................................... 2. Siccome volevo chiacchierare un po’ con Elena, l’ho accompagnata a casa. ....................................................................................................................................... 3. Anche se era ammalato, Gabriele partecipò alla corsa campestre. .......................................................................................................................................


4. Dopo aver amalgamato bene gli ingredienti, metti l’impasto in una teglia. ....................................................................................................................................... 5. Prima di uscire di casa, ho ritirato la biancheria stesa. ....................................................................................................................................... 6. Alcune imbarcazioni presero il largo, benché il mare fosse mosso. ....................................................................................................................................... 7. Ho telefonato a Graziella per farle gli auguri di compleanno. ....................................................................................................................................... 8. Il negozio era così affollato che ho rinunciato agli acquisti. .......................................................................................................................................

subordinate: forma e grado 8

Sottolinea con un tratto le subordinate esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Finché non ci ascolterà, non potremo spiegargli le nostre ragioni. 2. Perché i tuoi interlocutori siano disponibili nei tuoi confronti, trattali con rispetto ascoltandoli con attenzione. 3. Dovendo sostenere l’esame con quel professore così severo, Arianna era così impaurita da non riuscire a studiare con la concentrazione necessaria. 4. Per curare la sua otite Gianni si è rivolto a uno specialista che gli ha prescritto queste medicine. 5. Il giovane pittore era contento di essere stato ammesso alla mostra, anche se non ha venduto nessun quadro. 6. Pur essendo tranquillo e pieno di verde, il quartiere in cui abito non mi piace perché è troppo lontano dal centro della città. 7. Avendo poco tempo, Renato ha scorso talmente in fretta i titoli del giornale che neppure li ricorda. 8. Per superare l’avversario il pilota ha commesso una scorrettezza che gli costerà la squalifica.

9 M

Trasforma le subordinate implicite in esplicite. esempio: Avendo dimenticato l’ombrello, mi sono bagnato tutto. 888 Siccome ho dimenticato l’ombrello, mi sono bagnato tutto. Oppure: Mi sono bagnato tutto perché ho dimenticato l’ombrello. 1. Solo esibendo lo scontrino potrai sostituire i pantaloni appena acquistati. ....................................................................................................................................... 2. Francesca dice di studiare meglio ascoltando musica. ....................................................................................................................................... 3. Il professore invitò gli alunni a consegnare il compito entro dieci minuti. ....................................................................................................................................... 4. Il turista uscì in mare con la barca pur essendo stato avvertito del pericolo. ....................................................................................................................................... 5. Dopo aver ascoltato attentamente la lezione, Remo ha chiesto alcune spiegazioni al professore. ....................................................................................................................................... 6. Avrete una conoscenza più approfondita dell’argomento leggendo qualche articolo su riviste specializzate. .......................................................................................................................................

181


MORFOLOGIA E SINTASSI 7. Aperta la finestra, si presentò un panorama magnifico della città. ....................................................................................................................................... 8. Alessandra si è sentita isolata per aver espresso un’opinione diversa dagli altri. .......................................................................................................................................

10 M

Trasforma le subordinate esplicite in implicite. esempio: Mentre raccoglievo more lungo il sentiero, ho trovato un bel fungo porcino. 888 Raccogliendo more lungo il sentiero, ho trovato un bel fungo porcino. 1. Dopo che avrete fatto gli esercizi di riscaldamento, farete una breve partita. ........................................................................................................................................ 2. Claudio, quando si arrampicò sull’albero, trovò un nido di cincia. ........................................................................................................................................ 3. Era così felice del nuovo lavoro che volle festeggiare subito con i suoi amici. ........................................................................................................................................ 4. Daria pensava che non avrebbe superato facilmente la prova pratica. ........................................................................................................................................ 5. Se seguirete questa via fino in fondo, troverete un buon ristorante. ........................................................................................................................................ 6. Anche se era una brava nuotatrice, Alessandra non riusciva a superare la forte corrente del fiume. ........................................................................................................................................ 7. Perché i cani siano felici, devono avere la compagnia dei loro padroni per molte ore al giorno. ........................................................................................................................................ 8. Ti chiedo scusa perché sono stato maleducato con te. ........................................................................................................................................

11 M

Dividi con una barra i seguenti periodi in frasi; quindi per ogni frase indica se è la principale oppure una coordinata oppure una subordinata. Delle subordinate indica anche il grado. esempio: Il nonno raccontava che da ragazzo dovette lavorare in fabbrica e aiutare il padre a mantenere la famiglia, dato che il lavoro dei campi rendeva poco. Il nonno raccontava / che da ragazzo dovette lavorare in fabbrica / e (dovette) aiutare il padre /

SINTASSI DEL PERIODO

principale

182

subord. 1°

coordin. alla subord.

a mantenere la famiglia, / dato che il lavoro dei campi rendeva poco.

subord. 2°

subord. 3°

1. Mentre arrivava il pullman che aspettavo da mezz’ora, ho visto Francesca e sono tornato a casa con lei. ........................................................................................................................................ 2. Quando ascolto questa sinfonia di Brahms, non riesco a leggere né a studiare, perché mi piace ........................................................................................................................................ troppo e presto più attenzione alla musica che ad ogni altra cosa. ........................................................................................................................................ 3. In luglio, in montagna, la temperatura scese a tal punto che tutti i giorni accendemmo la stufa ........................................................................................................................................ per poter resistere al freddo. ........................................................................................................................................ 4. All’inizio delle vacanze preparo la mia vecchia macchina fotografica per riprendere i paesaggi ........................................................................................................................................ più belli che incontrerò mentre viaggio per l’Italia. ........................................................................................................................................


5. Il testimone fu interrogato a lungo, ma confermò le sue dichiarazioni precedenti, di aver visto ........................................................................................................................................ soltanto un’auto nera che si allontanava, mentre il negoziante usciva di corsa in strada. ........................................................................................................................................ 6. L’imputato era accusato di aver falsificato i bilanci della sua azienda e di aver truffato i suoi so-

12 M

........................................................................................................................................ ci, perciò fu condannato dal tribunale. ........................................................................................................................................

Dividi con una barra i seguenti periodi in frasi; quindi per ogni frase indica se è la principale oppure una coordinata oppure una subordinata. Delle subordinate indica anche il grado e se è esplicita o implicita. L’esempio precedente andrebbe analizzato così: Il nonno raccontava / che da ragazzo dovette lavorare in fabbrica / e (dovette) aiutare il padre /

principale

subord. 1° espl.

coordin. alla subord.

a mantenere la famiglia, / dato che il lavoro dei campi rendeva poco.

subord. 2° impl.

subord. 3° espl.

1. Spero che tu venga a casa in tempo per salutare tua cugina di Roma che arriverà questa sera. ........................................................................................................................................ 2. Ho domandato allo sportello quali documenti servono per richiedere il passaporto e quanto tempo ........................................................................................................................................ è necessario per averlo. ........................................................................................................................................ 3. Gianni sosterrà la prova scritta del concorso anche se non ha ancora studiato tutti gli argomenti ........................................................................................................................................ previsti, perché spera di essere ammesso all’orale e di completare per allora la preparazione. ........................................................................................................................................ 4. Penso che utilizzeremmo meglio la prima giornata a Parigi se prendessimo le cuccette e se ........................................................................................................................................ riposassimo mentre viaggiamo. ........................................................................................................................................ 5. Non so perché Anna usi ancora il vecchio computer per scrivere nonostante abbia il nuovo ........................................................................................................................................ portatile che le ho regalato quando ha compiuto gli anni. ........................................................................................................................................ 6. Il sindaco ha dato disposizione che la strada principale venga chiusa per permettere la ma........................................................................................................................................ nifestazione, anche se sono contrari i negozianti che perciò hanno protestato. ........................................................................................................................................

subordinata temporale 13

Sottolinea con un tratto le subordinate temporali esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Dopo aver camminato per un’ora per raggiungere il rifugio, dovemmo fermarci e tornare indietro. 2. Quando scoppiò il temporale, tutti scapparono dalla spiaggia che rimase completamente vuota. 3. Sdraiati all’ombra di un tiglio, sentivamo il profumo dell’erba che i contadini stavano falciando.

183


MORFOLOGIA E SINTASSI 4. Pensavo a come avrei giustificato il mio ritardo in ufficio, mentre procedeva a rilento la lunga coda di auto in cui mi trovavo. 5. Partendo portarono con sé parecchi libri perché pensavano di leggere molto. 6. Prima che calassero le tenebre, il peschereccio rientrò nel porto dopo aver trascorso molte ore in mare aperto. 7. Tornando da scuola, fermati dal fornaio e compra qualche panino. 8. Mentre viaggiava in treno, Gabriele guardava fuori dal finestrino, ma la nebbia era così fitta che non vedeva assolutamente nulla.

SINTASSI DEL PERIODO

14 M

184

Trasforma le subordinate temporali esplicite in implicite e viceversa. esempio: Quando lo riconobbi, lo salutai con affetto. Una volta riconosciuto, lo salutai con affetto. 1. Appena allontanatasi dalla sua città, Veronica ne sentì nostalgia. ........................................................................................................................................ 2. Dopo che ebbe ricevuto la lettera del figlio, la signora Giulia si sentì più tranquilla. ........................................................................................................................................ 3. Chi vuol ricevere informazioni più dettagliate è pregato di scrivere il suo indirizzo nel modulo prima di lasciare la sala. ........................................................................................................................................ 4. Guardando il film mi sono accorto che alcune scene erano state tagliate per lasciare posto alla pubblicità. ........................................................................................................................................ 5. Quando sono stato informato del tuo ritorno ho cercato invano di telefonarti. ........................................................................................................................................ 6. Dopo aver trascorso tutta la giornata in casa per la pioggia, volle uscire a fare una passeggiata appena fu possibile. ........................................................................................................................................ 7. Quando avvistarono la scialuppa dei naufraghi, i soccorritori aumentarono la velocità per raggiungerli il più presto possibile. ........................................................................................................................................ 8. Fate qualche corsa di riscaldamento e qualche esercizio prima di cominciare la partita. ........................................................................................................................................

15 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi, individuando la principale, le subordinate temporali ed eventuali coordinate. Ci potrebbero essere subordinate di altro tipo che indicherai genericamente come subordinate. 1. Quando percorrevano un lungo tratto in discesa, i ciclisti indossavano la giacca a vento per non prendere freddo. 2. Progettando il nostro viaggio in Abruzzo, abbiamo pensato di fare una deviazione e di visitare anche qualche paese delle Marche. 3. Il maratoneta, dopo essersi accorto degli inseguitori, accelerò la sua andatura vedendo che l’arrivo era ormai prossimo. 4. Mentre mi concentravo nello studio e cercavo di capire il teorema di geometria, sono stato disturbato dal mio fratellino che voleva giocare con me. 5. Quando è iniziata la salita, il ciclista si è alzato sulle gambe per pedalare con più forza, ma il vento contrario lo ostacolava. 6. Cercò pazientemente il documento che si credeva perso, finché non lo trovò e lo presentò al giudice per discolparsi.


subordinata causale 16

Sottolinea con un tratto le subordinate causali esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Siccome lo spettacolo all’aperto è stato annullato per il cattivo tempo, gli spettatori che hanno già pagato il biglietto verranno rimborsati. 2. Essendo scoppiato un incendio nel bosco, i vigili del fuoco sono intervenuti prontamente per spegnere le fiamme. 3. Ho cominciato a tradurre in italiano il testo inglese ma, siccome non capisco il significato di alcune parole, ho dovuto consultare il dizionario. 4. Dobbiamo preparare le valigie dato che domani partiremo per le vacanze e resteremo lontani da casa per un paio di settimane. 5. Il ragazzo fu rimproverato dal professore per essere arrivato in ritardo a scuola e per non aver alcuna giustificazione. 6. Piero era contento di essere stato invitato alla festa, ma era anche preoccupato perché non sapeva quale regalo portare all’ospite. 7. Il poliziotto mi ha fermato perché ho superato il limite massimo di velocità che era consentito in quel tratto di strada. 8. Se l’inaugurazione della mostra fosse avvenuta di pomeriggio, sarei stato presente molto volentieri, ma, essendo occupato la mattina, purtroppo ho dovuto rinunciarvi.

17 M

Trasforma le subordinate causali esplicite in implicite e viceversa. esempio: Avendo superato l’asticella posta a 140 cm, Carlo ha vinto la gara di salto in alto ai Giochi della Gioventù della sua scuola. Siccome ha superato l’asticella posta a 140 cm, Carlo ha vinto la gara di salto in alto... 1. Mario, essendo tornato molto stanco dall’ufficio, quella sera non volle andare al cinema. ........................................................................................................................................ 2. Dato che non ti ho trovato a casa, ti lascio questo breve messaggio nella buca delle lettere. ........................................................................................................................................ 3. Rimasto bloccato in autostrada per un guasto al motore, l’automobilista dovette chiamare il soc........................................................................................................................................ corso stradale. ........................................................................................................................................ 4. Franco era triste di aver lasciato il suo vecchio quartiere e di non aver trovato nuovi amici. ........................................................................................................................................ 5. Quando scoppiò il temporale il contadino era preoccupato perché temeva che la grandine di........................................................................................................................................ struggesse i germogli. ........................................................................................................................................ 6. Siccome non si sentiva ancora in perfetta forma, il pugile intensificò gli allenamenti. ........................................................................................................................................ 7. Prima di risponderti con sicurezza, vorrei consultare l’enciclopedia o un manuale specifico, non ........................................................................................................................................ essendo esperto di questa materia. ........................................................................................................................................

185


MORFOLOGIA E SINTASSI 8. L’agenzia della banca era sorvegliata da videocamere e da agenti dal momento che in passato

18 M

........................................................................................................................................ aveva subito dei tentativi di rapina, uno dei quali era riuscito. ........................................................................................................................................

Fai l’analisi dei seguenti periodi, individuando la principale, le subordinate causali, le temporali ed eventuali coordinate. Ci potrebbero essere subordinate di altro tipo che non hai ancora studiato e che indicherai genericamente come subordinate. 1. Non conosco bene il programma della manifestazione perché ho perso il foglietto illustrativo dopo che mi era stato consegnato dagli organizzatori. 2. Fallito il piano originale, i comandanti si riunirono per valutare la situazione dal momento che le sorti della battaglia stavano rovesciandosi. 3. La donna, per aver testimoniato il falso, fu incriminata dal tribunale e fu condannata. 4. Se prendete la strada che attraversa i campi, non arriverete prima perché è sì più corta, ma è anche molto accidentata. 5. Avendo esaurito i miei giorni di ferie, dovrò ritornare in città domenica prossima, ma vorrei fare una bella gita prima di lasciare la valle. 6. Prendete qualche appunto mentre leggete questo brano, dato che è lungo e potreste dimenticare le informazioni che vi interessano.

subordinata finale

SINTASSI DEL PERIODO

19

186

Sottolinea con un tratto le subordinate finali esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Domani devo uscire presto per non perdere il treno, visto che a quell’ora c’è molto traffico verso il centro. 2. L’allenatore spiegò per l’ennesima volta la tattica ai giocatori perché la ricordassero bene durante la partita. 3. Durante la notte sono entrati in funzione i “gatti delle nevi” allo scopo di preparare la pista per lo slalom del giorno dopo, perché è nevicato abbondantemente. 4. Tutte le classi si stanno impegnando moltissimo affinché la festa di fine anno riesca al meglio e perché ne abbiano soddisfazione sia gli insegnanti sia i genitori. 5. Lungo quel tratto di autostrada sono state aumentate le segnalazioni perché gli automobilisti viaggino con maggiore attenzione e con maggiore prudenza, dopo che proprio lì si sono verificati numerosi incidenti. 6. Andrea è andato dal giornalaio a comprare il solito quotidiano e a chiedergli se ha ancora la videocassetta sugli Egizi. 7. Alcune vie della città sono state chiuse al traffico perché si svolgesse la classica maratona annuale, a cui partecipano molti dilettanti ma anche alcuni grandi campioni. 8. Le chiuse del fiume furono aperte a valle del paese per impedire che le acque tracimando lo inondassero.

20 M

Trasforma le subordinate finali esplicite in implicite e viceversa; per fare questo è necessario modificare in parte le frasi stesse. esempio: Il professore ha distribuito un fascicolo per informarci sulle scuole superiori. Il professore ha distribuito un fascicolo perché fossimo informati sulle scuole superiori. 1. Ho portato la mia bicicletta da corsa al meccanico perché la ripari. .......................................................................................................................................


2. Il Comune mette a disposizione molti autobus per trasportare i tifosi allo stadio. ........................................................................................................................................ 3. Il medico mi ha prescritto una dose più elevata del farmaco per far scendere la febbre. ........................................................................................................................................ 4. Perché i visitatori affluiscano più ordinatamente alla mostra, la direzione ha deciso di far entra........................................................................................................................................ re solo quelli che hanno prenotato la visita anticipatamente. ........................................................................................................................................ 5. Il Consiglio d’Istituto ha deliberato che la spesa per le gite scolastiche sia contenuta al fine di ........................................................................................................................................ permettere la partecipazione di tutti gli allievi. ........................................................................................................................................ 6. Siccome non riesco a risolvere questo problema, telefonerò al mio compagno Daniele perché me ........................................................................................................................................ lo spieghi e perché mi aiuti. ........................................................................................................................................ 7. Perché tutti i soci partecipino all’assemblea e conoscano i problemi da discutere, è opportuno ........................................................................................................................................ inviare loro subito l’avviso con l’ordine del giorno. ........................................................................................................................................ 8. Il comandante diede disposizioni alla cavalleria di schierarsi per la carica. ........................................................................................................................................

21 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Dovresti essere in grado di riconoscere la principale, le subordinate causali, temporali, finali ed eventuali coordinate. Indicherai genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Ho installato nel computer una nuova scheda e un programma per catturare le immagini video e per creare dei brevi filmati. 2. Siccome nelle vie del centro si creano ingorghi di traffico, l’Amministrazione comunale ha deciso di impedire il transito alle automobili private per rendere più scorrevole la circolazione. 3. Dopo aver ricevuto alcune valutazioni negative in italiano, Matteo si sta impegnando molto di più per migliorare la sua situazione e per non rischiare la bocciatura. 4. Il Comitato dei genitori della nostra scuola ha presentato al Dirigente Scolastico una richiesta perché sia organizzato un laboratorio teatrale per gli alunni perché si ritiene necessario che sia sviluppata anche l’espressività corporea dei ragazzi. 5. La biblioteca comunale si sta rinnovando e quest’anno organizza delle attività per promuovere tra i ragazzi e i giovani l’interesse per la lettura e per far conoscere le opere classiche oltre che i romanzi moderni. 6. Più volte l’anno le organizzazioni ambientaliste promuovono iniziative per ripulire le aree in cui spesso i cittadini meno educati abbandonano i rifiuti, e cercano di sensibilizzare l’opinione pubblica affinché si modifichi questo comportamento dannoso.

subordinata consecutiva 22

Sottolinea con un tratto le subordinate consecutive esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Per recuperare il ritardo il treno viaggiava a velocità tale che il macchinista non vide il semaforo rosso e proseguì la corsa provocando così l’incidente. 2. Ha sempre fatto il proprio dovere con tanto scrupolo da rinunciare anche a qualche giorno di ferie.

187


MORFOLOGIA E SINTASSI 3. Quell’attentato è stato così atroce che ha prodotto una immediata alleanza tra molti paesi per la lotta al terrorismo. 4. Durante le vacanze la ragazza si era così impegnata in attività fisiche e atletiche da dimagrire di qualche chilo. 5. Si era talmente impaurito, per l’incidente che aveva evitato per poco, da non riuscire a tranquillizzarsi e da rimanere in agitazione per parecchie ore. 6. Verso sera faceva così tanto freddo che non potevamo stare all’aperto, perciò rinunciammo alla cena in giardino. 7. Anche se il paziente aveva molta paura, l’operazione è riuscita bene cosicché i medici lo hanno dimesso quasi subito. 8. Franco era così poco attento da non accorgersi che il professore lo stava chiamando per interrogarlo.

23 M

SINTASSI DEL PERIODO

Trasforma le subordinate consecutive esplicite in implicite e viceversa.

188

1. Ho trovato la salita tanto facile che l’ho superata quasi senza accorgermene. ......................................................................................................................................... 2. Valter trova Teresa talmente simpatica da desiderare di trascorrere più tempo con lei. ......................................................................................................................................... 3. Abbiamo scoperto in riva al mare un campeggio tranquillo così che vi abbiamo piantato la tenda ......................................................................................................................................... per tutta l’estate. ......................................................................................................................................... 4. La scossa di terremoto che si è avvertita nella regione non è stata tanto forte da spaventare la ......................................................................................................................................... popolazione. ......................................................................................................................................... 5. Assaggiando tutti quei dolci abbiamo fatto una colazione così abbondante che salteremo il pranzo. ......................................................................................................................................... 6. In primavera c’è stata un’improvvisa gelata tale da danneggiare gravemente gli alberi da frutto. ......................................................................................................................................... 7. Il rumore della cascata era così forte che ci impediva di sentirci quando parlavamo. ......................................................................................................................................... 8. Il negoziante ha venduto così in fretta la sua merce scontata da dover chiudere il negozio prima ......................................................................................................................................... del tempo. .........................................................................................................................................

24 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. 1. Le fragole erano così tante che in poco tempo ne raccogliemmo abbastanza per fare la marmellata. 2. L’affresco sulla parete era talmente rovinato che il restauratore propose che non lo si toccasse. 3. Essendo stato avvertito solo adesso del vostro arrivo, non ho potuto preparare una cena adeguata, cosicché andremo al ristorante. 4. Ho letto un romanzo talmente avvincente da restarci inchiodato per ore, quindi non ho finito gli altri lavori. 5. Ci siamo qui riuniti per discutere un problema così preoccupante che la soluzione non può più essere rimandata. 6. L’estate fu talmente calda e secca che anche in montagna l’erba dei prati si seccò e morirono molti alberi.


subordinata condizionale 25

Sottolinea con un tratto le subordinate condizionali esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Se non pioverà nelle prossime settimane la qualità dell’uva sarà veramente ottima. 2. Dando il nostro aiuto ai Paesi in via di sviluppo, aiuteremmo molti bambini a non morire di fame. 3. Sicuramente Mirco avrebbe superato l’esame se non avesse perso tempo in tante belle ma inutili attività. 4. Accettando quell’offerta di lavoro temporaneo avresti potuto risolvere almeno alcuni dei tuoi problemi finanziari. 5. Valeria sarà certamente promossa esercitandosi quotidianamente e attentamente nel calcolo matematico, così da imparare bene tutti i meccanismi. 6. Il traghetto che porta all’isola sarebbe già partito da un’ora se il mare non fosse mosso. 7. Se lo sciopero dei controllori di volo sarà sospeso, arriveremo domani verso le 11. 8. Non ho molto tempo ma, tornando a casa entro la mattinata, potrei aiutarti nei lavori in giardino.

26 M

Trasforma le subordinate condizionali esplicite in implicite e viceversa. 1. Usufruendo delle facilitazioni per i dipendenti, ti conviene fare questo acquisto presso la tua azienda. ....................................................................................................................................... 2. Se non fossero stati raggiunti in tempo, i naufraghi sarebbero certamente annegati. ....................................................................................................................................... 3. Queste istruzioni, se seguite punto per punto, ti permettono di realizzare un bellissimo modellino. ....................................................................................................................................... 4. Entrando subito potremmo visitare tutto il castello con calma prima della chiusura. ....................................................................................................................................... 5. Rischi di prendere un multa a parcheggiare l’auto in questo spazio. ....................................................................................................................................... 6. Qualora la delibera di spesa fosse approvata entro oggi dal Consiglio, potrebbe essere eseguita ....................................................................................................................................... già domani. ....................................................................................................................................... 7. Troverai in frigorifero una cena fredda se decidessi di tornare tardi. ....................................................................................................................................... 8. Se portiamo nello zaino un ombrellino stiamo più tranquilli nel caso dovesse piovere. .......................................................................................................................................

27 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Indica genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Se la lava non cesserà di avanzare si dovrà sgomberare il borgo dato che il fiume incandescente è ormai a poche centinaia di metri. 2. Cambieremo volentieri programma per stare con te, nel caso domani tu ci faccia visita. 3. Se si rompono i freni in questa discesa è un vero guaio perché si è molto veloci e alla fine c’è una curva strettissima. 4. Ignorando i segnali di pericolo e i divieti di accesso per vedere da vicino lo spettacolo di un vulcano in eruzione, si corre un rischio inaccettabile anche se si assumono cautele.

189


MORFOLOGIA E SINTASSI 5. Siccome c’è una stanza libera, se volete stare qualche giorno tranquilli, venite nell’appartamento che abbiamo affittato in montagna. 6. Se sei preoccupato per l’interrogazione di domani e se ti senti incerto, posso aiutarti a ripassare il capitolo.

subordinata concessiva 28

Sottolinea con un tratto le subordinate concessive esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Pur essendo state predisposte eccezionali misure per l’ordine pubblico, si sono verificati inaccettabili atti di violenza e di devastazione. 2. I bambini si impaurivano dei ruggiti del leone, anche se la belva era addomesticata. 3. Per quanto si siano date da fare, le guardie forestali non sono riuscite a contenere il numero di cervi che popolano il parco naturale. 4. Sono sicuro che Tommaso, per quanto non invitato, farebbe una bella sorpresa se venisse alla festa. 5. Cesare, pur avendo bisogno di guadagnare, non ha accettato quell’impiego perché gli sembrava poco qualificato. 6. Dario sudava molto, benché la temperatura non fosse alta, perché era emozionato. 7. Anche se non richiedono cure particolari, i nostri gerani non crescono bene. 8. Pur sembrando sicuro di sé, Ruggero non riusciva a nascondere del tutto l’imbarazzo che provava.

29 M

SINTASSI DEL PERIODO

Trasforma le subordinate concessive esplicite in implicite e viceversa.

190

1. Pur essendo per ora scongiurato, il pericolo di frane incombe sempre sulle prime case del villaggio. ......................................................................................................................................... 2. Non ho dormito molto, benché avessi sonno, perché il vento scuoteva paurosamente i teli della ......................................................................................................................................... tenda. ......................................................................................................................................... 3. Per quanto risentito per l’atteggiamento offensivo del compagno, Sebastiano non ha rivelato i ......................................................................................................................................... suoi sentimenti. ......................................................................................................................................... 4. Alfredo volle offrire il gelato a Beatrice anche se aveva pochi soldi. ......................................................................................................................................... 5. Gabriele, pur non avendo vinto, si sentiva felice di aver partecipato alla gara. ......................................................................................................................................... 6. L’imputato è stato riconosciuto colpevole benché durante tutto il processo abbia sempre negato ......................................................................................................................................... la sua partecipazione all’evento delittuoso. ......................................................................................................................................... 7. I volontari della Protezione Civile sono intervenuti rapidamente per quanto ostacolati dalle avverse ......................................................................................................................................... condizioni climatiche. ......................................................................................................................................... 8. In spiaggia al sole ho preso una brutta scottatura anche se mi ero spalmato la pomata protettiva ......................................................................................................................................... su tutto il corpo. .........................................................................................................................................


30 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Indica genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Quando andiamo alla sagra paesana, compriamo qualche biglietto della lotteria di beneficenza, ......................................................................................................................................... anche se i premi non sono molto allettanti. ......................................................................................................................................... 2. Se siete d’accordo e se collaborate anche voi ai preparativi, potremmo organizzare un picnic in ......................................................................................................................................... campagna anche se le previsioni meteorologiche non sono del tutto rassicuranti. ......................................................................................................................................... 3. Finché hai qualche linea di febbre, non devi uscire benché la giornata sia calda e limpida. ......................................................................................................................................... 4. Pur non condividendo le scelte della maggioranza dei tuoi compagni, potresti collaborare anche ......................................................................................................................................... tu a realizzare questo progetto che ci vede tutti impegnati. ......................................................................................................................................... 5. Anche se avessi trovato dei funghi non li avrei raccolti perché non sono esperto e perché ......................................................................................................................................... avrebbero potuto essere pericolosi. ......................................................................................................................................... 6. Benché ci fosse poco traffico quando siamo partiti, abbiamo viaggiato lentamente e abbiamo ......................................................................................................................................... impiegato molte ore per arrivare, per poterci godere i panorami dei paesaggi che abbiamo ......................................................................................................................................... attraversato. .........................................................................................................................................

altre subordinate complementari 31

Sottolinea con un tratto le subordinate modali esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Il falegname ha costruito un armadio su misura lavorando con grande precisione. 2. La bimba entrò nella stanza trattenendo il respiro per non farsi sentire, dato che avrebbe dovuto essere a letto da un pezzo. 3. Tutto si è concluso come avevamo sperato, anche se abbiamo passato momenti di preoccupazione. 4. Mario si comporta in pubblico come gli suggerisce la madre, ma in casa non lo frena nessuno. 5. La ragazza fissava la sua amica come se non la vedesse nemmeno, persa nei suoi pensieri. 6. Il libro era aperto sulla scrivania come Paolo l’aveva lasciato, quando era partito un mese prima. 7. Spiegandosi faccia a faccia, forse i due litiganti potranno capirsi e riconciliarsi. 8. Comunque vada a finire, potrai contare su di me, che ti sarò sempre vicino.

32

Sottolinea con un tratto le subordinate limitative esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Per quanto ne so, la partenza sarà verso le otto di domani mattina, a meno che il programma sia cambiato. 2. Filippo ha studiato molto, ma è stato sfortunato nell’interrogazione, a suo dire.

191


MORFOLOGIA E SINTASSI 3. Per quel che mi riguarda, andrò avanti per la mia strada, secondo i miei progetti. 4. Quanto a lamentarsi, sono capaci tutti, ma pochi sanno fare proposte utili per migliorare la situazione. 5. Rita non ha ancora deciso dove andare in vacanza, che io sappia, ma molte prenotazioni sono già state fatte. 6. Per quanto riguarda il futuro orario di lavoro, non se ne sa ancora nulla, e si spera di avere notizie domani. 7. Ho sempre avuto grande fiducia, per quanto concerne le tue capacità, ma ti devi impegnare di più. 8. Questo libro, per quanto riguarda la prima parte, è di difficile lettura, ma in seguito diventa avvincente.

33 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Indica genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Quando c’è un temporale, il cane di Anna si spaventa e reagisce correndo e latrando per il giardino. ......................................................................................................................................... 2. La padrona dell’albergo, benché fuori stagione, accoglierà gli ospiti come meglio potrà. ......................................................................................................................................... 3. Per quanto ne sapeva, Matteo era stato promosso con buone valutazioni. ......................................................................................................................................... 4. Per imparare l’informatica, occorrono impegno e tenacia, a quanto mi risulta. ......................................................................................................................................... 5. L’aria è così tiepida e limpida che non si può stare chiusi in casa, a quanto penso io. ......................................................................................................................................... 6. Se non vuoi andare a scuola correndo per il ritardo, è meglio che ti affretti. .........................................................................................................................................

34

Sottolinea con un tratto le subordinate eccettuative esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Sono disponibile per qualunque programma, fuorché andare in discoteca.

SINTASSI DEL PERIODO

2. Toni ama tutti gli sport, tranne sciare e nuotare.

192

3. A meno che non lo chieda lui, non proporrò a Sandro di uscire oggi pomeriggio. 4. La classe aveva svolto tutto il programma previsto, fuorché finire la lettura del testo di narrativa. 5. Posso immaginare qualsiasi cosa, tranne che Maria si faccia ingannare nei conti. 6. Non c’é più niente da fare, a meno che non capiti un colpo di fortuna. 7. Vorrei vedere anch’io il film di stasera, purché non sia un poliziesco. 8. Tutto posso credere, tranne che Antonio sia stato un traditore.

35

Sottolinea con un tratto le subordinate avversative esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Invece di iscriversi al Liceo classico, come aveva sempre pensato, Silvia preferì iscriversi a un Liceo tecnologico. 2. Lucia credeva che sarebbero rimasti sempre insieme, mentre invece Marco decise all’improvviso di andare a studiare negli Stati Uniti. 3. Il bimbo credeva di aver raccolto castagne vere, mentre aveva le tasche piene di quelle dell’ippocastano. 4. Invece di tacere sempre, dovresti imparare a dire le tue ragioni. 5. Martina uscì con la febbre e con un grande malessere, quando il medico le aveva raccomandato di tenersi riguardata.


6. La colomba nelle favole è considerata il simbolo della pace, mentre il lupo è considerato quello della brutalità. 7. Poseidone per il Greci era il dio del mare, mentre Ade era quello dell’aldilà. 8. Cappuccetto Rosso, invece di passare per il bosco, avrebbe dovuto prendere un’altra strada.

36 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Indica genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Non andrò a fare spese oggi pomeriggio, a meno che tu non venga con me, come ti ho chiesto. ......................................................................................................................................... 2. Nella mia famiglia si gioca sempre a carte, mentre io preferisco gli scacchi, anche se sono più ......................................................................................................................................... impegnativi. ......................................................................................................................................... 3. Per prendere la macchina devi andare in garage, a meno che ieri sera non sia rimasta fuori, dato ......................................................................................................................................... che il papà è rientrato tardi. ......................................................................................................................................... 4. Per quanto ne so, oggi dovrebbe esserci uno sciopero dei trasporti urbani, perciò è meglio usare ......................................................................................................................................... la bicicletta invece di aspettare l’autobus. ......................................................................................................................................... 5. Anziché contraddirmi subito, ascolta fino in fondo quello che ti dico, prima di fare di testa tua. ......................................................................................................................................... 6. La nonna ha bisogno degli occhiali da presbite, per leggere da vicino, mentre sua nipote ha bisogno ......................................................................................................................................... di quelli da miope, perché non ci vede bene da lontano. .........................................................................................................................................

37

Sottolinea con un tratto le subordinate esclusive esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Senza che Carlo lo sospettasse, gli amici gli organizzarono una festa di compleanno a sorpresa. 2. Da molti giorni Francesca cerca di elaborare il grafico richiesto dall’insegnante, senza venirne a capo. 3. Giovanni vide il regalo dell’amico ma, essendo molto risentito con lui dal giorno prima, si voltò senza dire neppure grazie. 4. Il bambino attraversò la strada di corsa, senza potersi trattenere, quando vide la mamma dall’altra parte. 5. Il dentista estrasse il dentino al piccolo paziente, senza che se ne accorgesse nemmeno. 6. Senza usare alcun microfono, l’attore si faceva sentire perfettamente fino in fondo alla sala. 7. Passarono tre mesi senza che cadesse una goccia di pioggia, poi diluviò per settimane. 8. Senza fare innesti opportuni, non si ottengono buone piante da frutto.

38

Sottolinea con un tratto le subordinate comparative esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. In vacanza, è meglio trovarsi qualche impegno e interesse che stare senza fare niente tutto il giorno.

193


MORFOLOGIA E SINTASSI 2. Quanto più il cibo è masticato in bocca, tanto meglio si digerisce nell’intestino. 3. Nella tua situazione è importante che cerchi di risolvere i tuoi problemi, più che impicciarti di quelli degli altri. 4. Spero che mio padre abbia tanti riconoscimenti dei suoi meriti quanti gli spettano. 5. Sonia e Renato hanno assistito a uno spettacolo in piazza più interessante di quanto prevedevano. 6. Con il sole, anche se è freddo, è molto meglio che i bambini siano portati all’aperto che tenuti chiusi in casa.

39 M

7. Le prospettive erano più rassicuranti di quanto si sarebbe potuto temere in un primo momento. 8. Alla notizia del matrimonio della figlia, il padre fu più contento di quanto avesse pensato.

Fai l’analisi dei seguenti periodi. Indica genericamente come subordinate quelle che non hai ancora studiato. 1. Luca fu più generoso di quanto gli fosse richiesto dai suoi debitori. ......................................................................................................................................... 2. Senza saperlo, Mara ha fatto alla sua amica Giulia un favore più grande di quanto si aspettasse. ......................................................................................................................................... 3. Il nonno preferisce lavorare troppo che stare con le mani in mano tutto il giorno. ......................................................................................................................................... 4. Il medico raccomandò un periodo di immobilità più lungo di quanto si sperasse. ......................................................................................................................................... 5. Quel ragazzo, come dicono tutti i suoi insegnanti, vale tanto oro quanto pesa. ......................................................................................................................................... 6. Il licaone, diffuso in Africa e a sud del Sahara, ha le orecchie più grandi di quanto le abbia il lupo. .........................................................................................................................................

subordinata soggettiva

SINTASSI DEL PERIODO

40

194

Sottolinea con un tratto le subordinate soggettive esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Non ci è stato detto di richiedere i documenti allo sportello prima di salire sul traghetto. 2. Quest’anno sembra che l’estate non arrivi mai perché le temperature sono più basse del solito e non fa neppure tanto caldo. 3. Secondo i membri del consiglio d’Istituto sarebbe stato opportuno indirizzare le visite d’istruzione verso i monumenti e i musei della provincia, per permettere agli allievi di conoscere innanzitutto gli ambienti più vicini. 4. Sul cartello era scritto che era vietato entrare nel cantiere senza il caschetto di protezione. 5. Da quando mio figlio si collega a internet con il computer, è difficile trovare libera la linea telefonica. 6. Siccome il traffico automobilistico è stato impedito in città, è necessario che si aumenti la frequenza degli autobus. 7. All’ingresso è scritto che è vietato a chiunque di entrare senza il biglietto. 8. Poiché c’è stata una richiesta in tal senso, si autorizza la società Polisportiva a usare la palestra.

41 M

Trasforma le subordinate soggettive esplicite in implicite e viceversa; per fare questo potrebbe essere necessario modificare in parte le frasi stesse.


1. Ci è sembrato opportuno chiedere il permesso ai nostri genitori. ......................................................................................................................................... 2. Potrebbe essere necessario che si modifichi in tutto o in parte il progetto originario. ......................................................................................................................................... 3. Si prevedeva che fosse dato più tempo alla trattazione di un argomento così impegnativo. ......................................................................................................................................... 4. Quando ci si trova in una situazione come questa è bene non prendere decisioni affrettate. ......................................................................................................................................... 5. Per promuovere il turismo e le attività serali in città, in Consiglio comunale si è deliberato che il ......................................................................................................................................... centro storico rimanga chiuso al traffico dalle 20 alle 24. ......................................................................................................................................... 6. Non capita spesso che in montagna si incontrino animali selvatici come i daini e gli scoiattoli. ......................................................................................................................................... 7. Nell’ultima assemblea di condominio si è stabilito di porre una sbarra all’ingresso del cortile comune. ......................................................................................................................................... 8. Sarebbe spiacevole preparare il picnic per tante persone se poi si ritrovano i soliti quattro gatti. .........................................................................................................................................

42 M

Fai l’analisi dei seguenti periodi. 1. Era opinione diffusa che il progresso scientifico e tecnologico sarebbe stato inarrestabile e avrebbe favorito anche il progresso culturale e sociale. 2. Non occorre che mi telefoni perché di sicuro verrò da te domani pomeriggio per continuare la partita. 3. Il piano era molto preciso e si prevedeva che arrivassimo alle 15,30 alla stazione e che visitassimo il centro storico anche se fosse piovuto. 4. Se vuoi andare al cinema questa sera, è opportuno che torni a casa per la cena un po’ prima del solito. 5. Quando si cammina per i boschi di montagna, è bene stare attenti perché si possono incontrare delle vipere. 6. Nell’Eneide si racconta che Enea, il protagonista del poema, fuggito da Troia in fiamme, fosse giunto nel Lazio dopo aver viaggiato a lungo per mare.

subordinata oggettiva 43

Sottolinea con un tratto le subordinate oggettive esplicite, con due tratti quelle implicite. 1. Il collega mi ha detto che mi sostituirà in ufficio mentre io vado a parlare con i professori di mia figlia. 2. Durante il viaggio di ritorno avevamo deciso di darci il cambio ogni tre ore alla guida dell’auto per procedere senza soste fino a casa. 3. La nonna ci raccontava di aver lasciato la scuola molto presto e di aver cominciato a lavorare a 10 anni perché la sua famiglia ne aveva bisogno. 4. Il medico mi ha detto che devo assolutamente diminuire di peso se non voglio complicazioni alla circolazione sanguigna. 5. Quando arriverai in Australia telefonami per raccontarmi come è andato il viaggio: ricordati però che il fuso orario è diverso.

195


MORFOLOGIA E SINTASSI 6. Francesca, poiché il primo anno di Università non aveva sostenuto neanche un esame, decise di iscriversi a un’altra facoltà. 7. Scrivigli che ci venga a trovare appena può e che a casa nostra è sempre gradito. 8. Al telegiornale hanno comunicato che il prezzo della benzina aumenterà ancora perché la produzione di greggio è inferiore alla domanda.

44 M

Trasforma le subordinate oggettive esplicite in implicite e viceversa. 1. Martina decise di interrompere gli studi e di cercarsi un lavoro. ....................................................................................................................................... 2. Mio fratello pensava che sarebbe arrivato sulla cima della montagna in due ore. ....................................................................................................................................... 3. Il professore ci suggerisce sempre di prendere degli appunti durante la lezione. ....................................................................................................................................... 4. Il ministro ha dichiarato che si dimetterà se non verranno accettate le sue proposte. ....................................................................................................................................... 5. Se faremo questo viaggio, pensiamo di prenotare gli alberghi con un po’ di anticipo. ....................................................................................................................................... 6. Giacomo sperava di essere promosso a un nuovo incarico, se si fosse messo in buona luce con i superiori. ....................................................................................................................................... 7. Carlotta ha proposto che andiamo tutti a casa sua a vedere alla televisione la finale del campionato. ....................................................................................................................................... 8. Penso che tornerò a casa presto e che poi andrò al cinema con Rosa. .......................................................................................................................................

SINTASSI DEL PERIODO

45

196

Sottolinea in nero le subordinate soggettive, in rosso quelle oggettive. 1. Fino a pochi secoli fa si pensava che il Sole girasse intorno alla Terra. 2. Fino a pochi secoli fa anche le persone colte pensavano che il Sole girasse intorno alla Terra. 3. Va ricordato che molte persone hanno dato la vita per la libertà. 4. L’insegnante ha ricordato che molte persone hanno dato la vita per la libertà. 5. Ci sembrava che il temporale non finisse mai e che si dovesse trascorrere la notte in quella capanna. 6. Credevamo che il temporale non finisse mai e che si dovesse trascorrere la notte in quella capanna. 7. Il signor Verdi raccontò alla moglie che nella sua azienda numerosi dipendenti rischiavano di essere licenziati. 8. Si temeva che nell’azienda del signor Verdi numerosi dipendenti fossero licenziati.

46 M

Fai l’analisi del periodo. 1. Prima di procedere con l’esperimento, vi avverto che potrebbe essere pericoloso e quindi che dovete munirvi di guanti di gomma e di mascherina. 2. L’annunciatrice ha spiegato che i notiziari sono stati sospesi perché i giornalisti sono in sciopero per rinnovare il contratto di lavoro. 3. Anche se il pubblico lo reclamava a gran voce, il cantante annunciò di non voler concedere il bis e di volersi ritirare subito dopo la fine dello spettacolo. 4. L’arbitro ha sospeso momentaneamente la partita, ha chiamato i capitani delle due squadre e ha detto loro che non ammetterà più il gioco pesante e che punirà severamente i falli. 5. Siccome Marco ha detto che non andrà alla festa di Anna, lei si è sentita un po’ delusa e ha pensato di rinviarla. 6. Il falso santone proclamava che la fine del mondo era prossima e parlava così bene che molti sempliciotti gli credettero.


subordinata interrogativa indiretta 47

Sottolinea con un tratto le subordinate interrogative indirette esplicite, con due quelle implicite. 1. Carlo chiese ad Alice se sarebbe andata a cena con lui. 2. Il ragazzo si chiese se i genitori gli avrebbero permesso di assistere ai tempi supplementari della partita anche se era tardi. 3. Il professore interrogandomi mi ha chiesto quali eventi portarono all’unità nazionale italiana, alla metà del XIX secolo. 4. Vorrei sapere chi ringraziare per questa ammaccatura sull’auto. 5. Quando Antonio ha chiesto se sarebbe stato trasferito in un’altra sede, i suoi superiori non sono stati in grado di rispondergli chiaramente. 6. In confidenza ti domando come hai fatto a dimagrire di cinque chili in poche settimane senza seguire diete troppo rigorose. 7. Molti cittadini telefonarono all’azienda dei trasporti per sapere se le corse degli autobus sareb-

48 M

bero state regolari.

8. Trovandosi di fronte ad una scelta impegnativa, Francesca si chiede se iscriversi all’istituto tecnico oppure se seguire un corso di formazione che possa offrirle uno sbocco professionale.

Fai l’analisi del periodo. 1. Mi ero sempre chiesto perché Gianni avesse tanto successo con le ragazze, ma ora ho capito che la maggior parte delle sue avventure è inventata. 2. Dopo avergli intimato l’alt, il vigile urbano chiese all’automobilista di mostrargli libretto di circolazione e patente. 3. Per fare le prove del concerto, possiamo chiedere al preside se ci concede un’aula della scuola benché ciò sia possibile soltanto nel tardo pomeriggio. 4. Vedendo le fotografie della mia vacanza, i miei amici mi hanno domandato che macchina fotografica ho usato. 5. Avendo trascorso un lungo periodo di lavoro intenso e faticoso, Irene si chiese quando avrebbe potuto concedersi una vacanza anche breve. 6. Anche se noi avevamo un altro invito, Lucia e Andrea ci hanno chiesto insistentemente di restare a cena da loro per chiacchierare insieme.

subordinata dichiarativa 49

Sottolinea con un tratto le subordinate dichiarative esplicite, con due quelle implicite. 1. Ester sostiene questo: che noi dovremmo metterci a dieta e iscriverci a un corso di ginnastica in palestra. 2. La signora avanzò la proposta di scrivere una protesta collettiva. 3. Il ragazzo aveva già esposto la sua idea, cioè di trovarsi un pomeriggio a provare i canti per la cerimonia. 4. Questo è stato stabilito, che uno di noi vada a parlare con il professore per spiegare la nostra richiesta. 5. Carmen ha la certezza di aver ragione, e non ammette che qualcuno la contraddica. 6. Ho fiducia nel fatto che ti comporterai come hai sempre fatto, con diplomazia e cortesia. 7. Mi angustia il pensiero di aver perso un’opportunità importante per una dimenticanza. 8. Il programma di andare al mare sfumò alla vista della giornata piovosa.

197


50 M

MORFOLOGIA E SINTASSI Fai l’analisi del periodo. 1. Il datore di lavoro sottoscrisse la dichiarazione che Paolo aveva prestato servizio nell’azienda da dieci anni. 2. Selene e Franca fecero il patto che si sarebbero sempre dette la verità, senza tacersi nemmeno le cose sgradevoli. 3. La trattativa con i genitori finì in questo modo: che Renato poteva usare il motorino, ma doveva tornare entro le sette. 4. L’idea che quella fosse una casa silenziosa e tranquilla si dimostrò presto infondata. 5. Alla mamma sembrò giusta la richiesta di Luca di avere una piccola somma settimanale per organizzare le sue spese. 6. Cesare raggiunse lo scopo di dividere l’esercito nemico, come aveva sperato.

subordinata relativa 51

Sottolinea con un tratto le subordinate relative esplicite, con due quelle implicite. 1. L’alunno che è entrato poco fa se ne è uscito perché ha sbagliato classe. 2. Roberta mi ha riferito che il professore ha assegnato questi brani da leggere durante le vacanze. 3. Chioggia, che è una cittadina molto bella della laguna veneta, nel passato fu a lungo rivale di Venezia. 4. Nicola cercava un locale vuoto in cui depositare momentaneamente dei vecchi mobili. 5. Avevano notato due globi luminosi fermi nel cielo, dai quali si erano staccate due luci minori che si erano spostate verso terra. 6. I passeggeri impauriti sentirono un ticchettio proveniente da una valigia depositata nel bagagliaio: era la sveglia di uno dei passeggeri. 7. Agli alunni che studiano regolarmente non possono far paura gli esami.

52 M

8. I progetti che aveva in mente si rivelarono dei bei sogni nati dalla sua vivace fantasia e alimentati dalla lettura di romanzi.

SINTASSI DEL PERIODO

Trasforma le subordinate relative esplicite in implicite e viceversa.

198

1. Lo spettacolo che è stato allestito nella piazza del paese ha attirato frotte di bambini. ......................................................................................................................................... 2. I cigni del lago, disturbati dai ragazzi, si erano nascosti dietro un ciuffo di canne. ......................................................................................................................................... 3. Il racconto che è stato premiato dalla giuria sarà pubblicato in una nota rivista. ......................................................................................................................................... 4. Il treno proveniente da Genova giungerà alla stazione con dieci minuti di ritardo. ......................................................................................................................................... 5. Per il mio compleanno i miei compagni mi hanno regalato un CD contenente le più belle canzoni ......................................................................................................................................... uscite nell’ultimo anno. ......................................................................................................................................... 6. Siamo costretti a rimandarvi la merce che non corrisponde ai requisiti fissati nel contratto. ......................................................................................................................................... 7. Il quadro raffigurante un gentiluomo con la sua famiglia è stato venduto all’asta. .........................................................................................................................................


8. Il programma della rassegna cinematografica presentato dagli organizzatori al pubblico e alla .........................................................................................................................................

53 M

stampa ha suscitato molte critiche. .........................................................................................................................................

Unisci le frasi indipendenti di ogni coppia in modo che la frase (b) diventi una subordinata relativa. 1. a) Ascolto spesso il CD di Battiato. – b) Mi avete regalato il CD di Battiato. ......................................................................................................................................... 2. a) La penna è completamente esaurita. – b) Ho usato la penna per l’intero anno scolastico. ......................................................................................................................................... 3. a) Per problemi tecnici è stata rimandata la partenza dell’aereo. – b) La partenza dell’aereo era prevista per le 16,10. ......................................................................................................................................... 4. a) Sono stato multato per eccesso di velocità dal vigile. – b) Il vigile era appostato dietro la curva. ......................................................................................................................................... 5. a) Ognuno di noi è legato a persone care. – b) Ognuno di noi è disposto a fare dei sacrifici per le persone care. ......................................................................................................................................... 6. a) L’istituto superiore è dotato di laboratori informatici modernissimi. – b) Luca si è iscritto all’istituto superiore. ......................................................................................................................................... 7. a) Nel bar della piazza si vendono delle brioches deliziose. – b) Faccio sempre colazione nel bar della piazza. ......................................................................................................................................... 8. a) Il professore mi ha dato una risposta semplice e chiara. – b) Ho chiesto una spiegazione al

54 M

professore. .........................................................................................................................................

Fai l’analisi del periodo. 1. Dario è partito nel pomeriggio per raggiungere i suoi familiari che sono al mare già da qualche giorno. 2. L’ufficio tecnico del comune ha dato l’incarico ad una nuova ditta che provveda allo sfalcio dell’erba delle aree verdi prima che inizino le scuole. 3. Ho partecipato anch’io alla festa di Luisa in cui ha suonato il gruppo rock che avevamo già incontrato l’estate scorsa al mare, ma mi pareva che fosse cambiato il batterista. 4. Quando ormai sembrava che la partita fosse perduta e che la squadra avversaria fosse padrona del campo, Gianni effettuò un cross perfetto che Piero trasformò nel gol del pareggio. 5. Dalle ceneri del bivacco che fumavano ancora la guida capì che i fuggitivi se ne erano andati da poco tempo. 6. Mi domando perché non è ancora arrivata la cartolina che vi ho spedito da Budapest quando ci sono andato per lavoro un mese fa.

199


MORFOLOGIA E SINTASSI

55 M

discorso diretto e discorso indiretto Trascrivi i periodi, sostituendo il discorso diretto con quello indiretto. 1. Mentre salivo in treno una signora mi chiese: «Per cortesia mi aiuta ad alzare la valigia? Io proprio non ce la faccio». 2. Daniele annunciò felice: «Finalmente tra pochi giorni mi leverò il gesso!». 3. Franco avvisò suo padre: «Le pagelle verranno consegnate domani pomeriggio» e lo pregò: «Fai il possibile per andare a ritirare la mia». 4. Dopo aver rimproverato i figli, la madre soggiunse: «Se vi sento litigare ancora per il telecomando spengo la televisione». 5. Telefonai all’agenzia per chiedere: «È possibile partire da Venezia o è necessario prendere l’aereo a Roma?». 6. Quando Luca incontrò Daniela, quel pomeriggio, le disse: «Domani uscirò un po’ prima dall’ufficio, così potremo stare insieme di più». 7. La signora Giulia chiese a suo figlio: «Vuoi invitare i tuoi amici a restare a cena questa sera?» e lui le rispose: «Mi farebbe proprio piacere». 8. Il poliziotto intimò all’autista: «Mi mostri il libretto di circolazione e la patente»; poi aggiunse: «Ma lei lo sa che in questa via c’è il limite di velocità a 50 chilometri l’ora?».

SINTASSI DEL PERIODO

56 M

200

Trascrivi i periodi sostituendo il discorso indiretto con quello diretto. 1. Gabriella chiese a Sara se la aiutava a preparare il dolce. 2. Quando arrivava in ritardo Elena raccontava sempre che le si era rotta la bicicletta. 3. I ragazzi ci hanno telefonato dal campeggio e ci hanno raccontato che lì il mare è splendido e che loro si divertono molto. 4. Mio padre telefonò in ufficio che i documenti erano pronti e che li avrebbe portati entro la giornata. 5. Roberta chiese al cameriere se le portava una bistecca con patatine fritte, ma lui rispose gentilmente che le patatine erano finite. 6. Il negoziante spiegò ai miei genitori che il computer che avevo scelto io era una macchina molto buona e adatta all’uso che ne avrei fatto. 7. Dopo aver consultato gli esiti delle mie analisi, il medico affermò che ora era chiara l’origine della mia allergia e che si sarebbe trovato un rimedio efficace. 8. L’avvocato invitò il testimone a rispondere con precisione alle sue domande, ricordandogli che era sotto giuramento e che sarebbe stato incriminato se avesse dato una testimonianza falsa.

57 M

Trascrivi i periodi sostituendo il discorso diretto con quello indiretto. 1. Dopo un lungo girovagare Matteo disse: «Per quel che riesco a vedere con questa nebbia, forse abbiamo sbagliato strada». 2. Lorella mi si è avvicinata e mi ha detto: «Credo che Marco abbia cambiato gusti, perché non l’ho mai visto rifiutare una fetta di torta». 3. Mentre usciva, la signora Rossi raccomandò al marito: «Tornando a casa, per favore, fermati al negozio in cui vado di solito e prendi della ricotta; ma stai attento che sia fresca». 4. Enrica, che aveva organizzato la gita sulla neve, concluse la sua esposizione dicendo: «State tranquilli, anche se non ci sarà molta neve ci divertiremo lo stesso perché l’importante è stare insieme». 5. Il giorno prima della partenza Sara mi disse: «È necessario che ci mettiamo d’accordo per trovarci domani, perché io non conosco la strada». 6. Ogni sera quando sto uscendo, la nonna mi ripete sempre: «Prima di uscire, ricordati di prendere la chiave del portone, perché non ti capiti di restare chiuso fuori».


7. Franco disse ad Antonio: «Verso le cinque ti mando per e-mail il testo tradotto in inglese», e Antonio gli rispose: «Io ti manderò la soluzione del problema di matematica appena l’avrò finito».

58 M

8. Federica mi chiese: «Come si chiama quel tuo amico con cui studiavi? Mi dai il suo numero di telefono?», e io pensai: «Federica vuole incontrare Matteo».

Trascrivi i periodi sostituendo il discorso indiretto con quello diretto. 1. Quando gli offrimmo la nostra automobile rispose che ci era grato per la nostra gentilezza, ma che la sua auto avrebbe dovuto essere pronta dopo un’ora soltanto. 2. Quando la signora Renata telefonò al marito in ufficio, lui le rispose che non voleva che lo chiamasse tanto spesso durante il lavoro perché il suo capoufficio non ammetteva telefonate private. 3. Giorgio ci raccontò che il giorno prima aveva giocato la finale del torneo di pallavolo e che poi con la sua squadra aveva festeggiato la vittoria. 4. Luca disse alla professoressa di scusarlo, ma che non aveva capito bene il problema di matematica; lei gli rispose di non preoccuparsi perché poco dopo lo avrebbe spiegato di nuovo a tutti. 5. Cominciò la lettera scrivendo che si scusava per non essersi fatta viva per tanto tempo, ma che sperava si ricordassero ancora di lei. 6. Una signora domandò a Daniele se le poteva indicare una macelleria e il ragazzo le rispose cortesemente che ce n’era una lì vicino, subito dopo il giornalaio. 7. La signora Gianna raccontò alla sua vecchia amica che due mesi prima suo figlio si era laureato in ingegneria e che gli aveva preparato una grande festa. 8. Francesco, parlando con i suoi genitori, affermò che da grande gli sarebbe piaciuto diventare medico; loro gli dissero che ne erano contenti, ma aggiunsero che il corso di studi sarebbe stato lungo e faticoso e che avrebbe richiesto molto impegno e volontà forte e che da parte loro lo avrebbero aiutato sempre.

concordanza dei modi e dei tempi dei verbi nelle subordinate 59 M

Trascrivi i periodi sostituendo la forma verbale in corsivo con quella indicata sotto: anche i verbi delle subordinate cambieranno di conseguenza. Fai attenzione perché potrebbero cambiare anche altri elementi della frase. Tieni presente anche che i fatti espressi dalla principale e dalla subordinata sono contemporanei. 1. L’altoparlante annuncia che il treno sta entrando in stazione in questo momento. L’altoparlante annunciò che il treno .................................................................................... 2. Giulio vorrebbe sapere se ora Cristina è in casa. Giulio avrebbe voluto sapere se .......................................................................................... 3. Non so se questo romanzo sia bello o brutto, non l’ho ancora letto. Non sapevo se quel romanzo ............................................................................................. 4. Credo che il bimbo abbia fame perché lo sento piangere. Credevo che il bimbo ........................................................................................................ 5. Penso che la proposta che mi fate sia allettante. Pensavo che la proposta .................................................................................................... 6. So che oggi Andrea si trova a Roma. Sapevo che ......................................................................................................................

201


MORFOLOGIA E SINTASSI 7. Il ragazzo si rende conto che i suoi risultati scolastici non sono brillanti. Il ragazzo si rese conto che i suoi risultati scolastici ............................................................. 8. Anna scrive a sua sorella che in questo periodo sta lavorando molto e che vorrebbe fare una vacanza.

60 M

Anna scrisse a sua sorella che ...........................................................................................

Trascrivi i periodi sostituendo la forma verbale in corsivo con quella indicata sotto: anche i verbi delle subordinate cambieranno di conseguenza. Fai attenzione perché potrebbero cambiare anche altri elementi della frase. Tieni presente anche che il fatto espresso dalla subordinata è precedente a quello espresso dalla principale. 1. Lorenza racconta apertamente quello che le è successo ieri tornando a casa. Lorenza raccontò apertamente quello che ........................................................................... 2. Bruno chiede a Franco se ha riparato la bicicletta che ha rotto la settimana scorsa. Bruno chiese a Franco se .................................................................................................. 3. L’amministrazione provvede alla riparazione del ponte che è stato danneggiato qualche giorno fa. L’amministrazione provvide alla riparazione del ponte che .................................................... 4. Non vedendolo scendere dal treno, temo che Giorgio abbia perso la coincidenza a Bologna. Non vedendolo scendere dal treno, temetti che Giorgio ........................................................ 5. Chiedo a Umberto di prestarmi il libro che ha comprato ieri, dopo che l’avrà letto. Chiesi a Umberto di prestarmi il libro che ........................................................................... 6. I genitori sono contenti che Aldo sia stato promosso anche quest’anno. I genitori erano contenti che .............................................................................................. 7. Non capisco perché il motore poco fa si sia fermato improvvisamente. Non capii perché il motore ................................................................................................

SINTASSI DEL PERIODO

8. Ho il dubbio che Simonetta non sia venuta alla festa di domenica scorsa perché nessuno l’ha invitata.

202

61 M

Avevo il dubbio che ..........................................................................................................

Trascrivi i periodi sostituendo la forma verbale in corsivo con quella indicata sotto: anche i verbi delle subordinate cambieranno di conseguenza. Fai attenzione perché potrebbero cambiare anche altri elementi della frase. Tieni presente anche che il fatto espresso dalla subordinata è successivo a quello espresso dalla principale. 1. Lo informo che oggi pomeriggio passerò da lui perché mi spieghi il problema. Lo informai che ................................................................................................................ 2. A chi gli domanda cosa farà da grande, Mattia risponde che gli piacerebbe fare il pilota. A chi gli domandava ......................................................................................................... 3. Nessuno può prevedere se gli investigatori riusciranno a scoprire i colpevoli prima che commettano altri crimini. Nessuno poteva prevedere se gli investigatori ...................................................................... 4. L’assessore ai trasporti conferma ai cittadini che il nuovo raccordo sarà pronto entro la prossima estate. L’assessore ai trasporti confermò ai cittadini che ................................................................. 5. L’amministratore comunica ai condomini che il costo per la riparazione della grondaia non supererà il preventivo.


L’amministratore comunicò ai condomini che ...................................................................... 6. Il professore ci avverte che sabato prossimo darà una verifica di comprensione del testo. Il professore ci avvertì che ................................................................................................. 7. Temo che domani pioverà, proprio quando noi staremo facendo la nostra passeggiata in riva al mare. Temevo che ..................................................................................................................... 8. Graziano mi manda un biglietto per comunicarmi che il mese prossimo suo figlio si sposerà.

62 M

Graziano mi mandò un biglietto per comunicarmi che ..........................................................

Trascrivi i periodi sostituendo la forma verbale in corsivo con quella indicata tra parentesi: anche i verbi delle subordinate cambieranno di conseguenza. Fai attenzione perché potrebbero cambiare anche altri elementi della frase. 1. L’azienda del gas avvertì (avverte) gli utenti che l’erogazione sarebbe stata sospesa il giorno successivo per due ore. ....................................................................................................................................... 2. L’agenzia di assicurazioni mi comunicò (comunica) che la mia polizza era scaduta la settimana precedente. ....................................................................................................................................... 3. Rosa chiese (chiede) a Piero perché non le dava retta e non rispondeva alle sue domande. ....................................................................................................................................... 4. La signora Franca, non vedendo arrivare il marito, temeva (teme) che avesse avuto un incidente. ....................................................................................................................................... 5. Speravo (spero) che avresti risposto alla mia lettera entro la settimana successiva. ....................................................................................................................................... 6. Stefano non capiva (capisce) perché il giorno precedente la sua ragazza si fosse arrabbiata con lui. ....................................................................................................................................... 7. Il professore credeva (crede) che non avessi studiato bene e che, quindi, quel giorno non avrei risposto all’interrogazione. ....................................................................................................................................... 8. Il tecnico voleva (vuole) sapere se il televisore funzionava e se riceveva anche le emittenti locali. .......................................................................................................................................

203


I N D I C E Premessa

comunicazione e abilità linguistiche UN SISTEMA DI SEGNI segni e codici

L’ORTOGRAFIA la consonante h la consonante q i digrammi le doppie l’uso dell’accento la divisione in sillabe

LA COMUNICAZIONE LINGUISTICA registri e linguaggi tecnici le funzioni della lingua

L’EVOLUZIONE STORICA E LE VARIETÀ GEOGRAFICHE DELL’ITALIANO la lingua nel tempo e nello spazio

IL SIGNIFICATO E LE RELAZIONI TRA I VOCABOLI il significato le relazioni tra i vocaboli

IL LESSICO le parole che usiamo il linguaggio figurato la formazione delle parole

ASCOLTARE un ascolto attivo preparare l’ascolto attenzione ai nessi logici ascolto di notiziari radiofonici o televisivi 204

3

952

5 6 6

8 8

*

9 9 10 10 11

12 12 14

16 16

18 19

*

20

22 22

*

23 25

28 28 29 29 29

*


PARLARE volume e intonazione reazione dei destinatari conversazione racconto descrizione istruzioni esposizione argomentazione

LEGGERE tecniche della lettura lettura esplorativa lettura selettiva capire e interpretare quanto si legge: la parafrasi riconoscere e analizzare i testi persuasivi o argomentativi capire lâ&#x20AC;&#x2122;intenzione comunicativa di chi scrive

SCRIVERE: GLI STRUMENTI raccontare le parole uso corretto della punteggiatura uno scrivere coerente realizzare un testo sviluppando la scaletta

SCRIVERE: DIVERSI TIPI DI TESTO uno scrivere libero e creativo descrivere raccontare: elementi fondamentali e intreccio testi espositivi testo di tipo argomentativo

IMPARARE A SCRIVERE: I TESTI CHE SI SCRIVONO A SCUOLA il tema il riassunto scrivere per il web

30

952

30 31 32 32 33 33 35 36

38 38 40 40 40 42 44

46 46 47 48 51

56 56 58 60 61 65

68 68 70 73

205


I N D I C E

952 morfologia e sintassi IL VERBO

76

LA FORMAZIONE DEI VERBI QUADRO MORFOLOGICO: I VERBI

76

le caratteristiche del verbo ausiliari tempi semplici e tempi composti modi tempi esercizi sui verbi irregolari verbi transitivi e verbi intransitivi forma attiva e forma passiva verbi riflessivi e pronominali verbi impersonali verbi servili e fraseologici

79

scheda

scheda

L’USO DEI TEMPI DEL PASSATO

IL NOME

78

81 81 82 84 85 86 89 90 90 91

92 92

le caratteristiche del nome le particolarità del nome

95

scheda

SOSTITUZIONE DI NOMI CON ALTRI NOMI

L’ARTICOLO

94

100

102 102

le caratteristiche dell’articolo l’uso dei diversi articoli

103

*

104

106

LA FORMAZIONE DEGLI AGGETTIVI QUADRO MORFOLOGICO: GLI AGGETTIVI

106

aggettivi qualificativi aggettivi determinativi

109

scheda

*

96

QUADRO MORFOLOGICO: GLI ARTICOLI

L’AGGETTIVO

*

80

LA FORMAZIONE DEI NOMI QUADRO MORFOLOGICO: I NOMI scheda

206

75

108

113

*


IL PRONOME

952 116

QUADRO MORFOLOGICO: I PRONOMI

116

pronomi personali pronomi possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi ed esclamativi pronomi relativi

117

L’AVVEBIO

122 124

128

LA FORMAZIONE DEGLI AVVERBI QUADRO MORFOLOGICO: GLI AVVERBI

128

avverbi e locuzioni avverbiali

131

scheda

LA PREPOSIZIONE

130

134

preposizioni semplici e articolate

135

138

congiunzioni coordinative e subordinative

139

la frase il predicato quadro

IL PREDICATO

il soggetto quadro

IL SOGGETTO

il complemento oggetto quadro

IL COMPLEMENTO OGGETTO

il complemento predicativo quadro

IL COMPLEMENTO PREDICATIVO

l’attributo quadro

L’ATTRIBUTO

l’apposizione

142 143 143 147 147 153 153 155 155 158 158 162 162

i complementi indiretti

164

quadro

I COMPLEMENTI INDIRETTI

*

142

L’APPOSIZIONE

quadro

*

138

QUADRO MORFOLOGICO: LE CONGIUNZIONI

SINTASSI DELLA FRASE: LA STRUTTURA FONDAMENTALE

*

134

QUADRO MORFOLOGICO: LE PREPOSIZIONI

LA CONGIUNZIONE

*

164

207


I N D I C E SINTASSI DELLA FRASE: I COMPLEMENTI INDIRETTI complemento di agente e causa efficiente complemento di termine complemento di specificazione complementi di luogo complementi di tempo complemento di causa complemento di fine complemento di mezzo complemento di modo gli altri complementi indiretti

SINTASSI DEL PERIODO coordinazione e subordinazione subordinate: forma e grado subordinata temporale subordinata causale subordinata finale subordinata consecutiva subordinata condizionale subordinata concessiva altre subordinate complementari subordinata soggettiva subordinata oggettiva subordinata interrogativa indiretta subordinata dichiarativa subordinata relativa discorso diretto e discorso indiretto concordanza dei modi e dei tempi dei verbi nelle subordinate

166 166 167 168 169 171 171 172 172 173 173

178 178 181 183 185 186 187 189 190 191 194 195 197 197 198 200 201

REFERENZE FOTOGRAFICHE

Archivio Bulgarini - Ministero per le Politiche Agricole e Forestali/Corpo Forestale dello Stato - Ministero della Salute/tungsteno design - Comune di Follonica/Proloco Follonica/APT Maremma-CSTMT - rolly toys.

L’editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non gli è stato possibile comunicare, nonchè per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti delle illustrazioni riprodotte nel presente volume.

208