Page 1

Anno I, Numero 2 • Luglio 1995 • Sped. in Abb. Post. 50% • ROMA

La Marcia per la Vita - USA

Un esempio da imitare Ogni anno con rinnovato vigore: ecco la sensazione più palpabile alla "Marcia per la vita" - la più signi lìcativa protesta degli americani contro l'aborto - che ha festeggiato il suo ventiduesimo anniversario lo scorso gennaio. In prima linea, gli stendardi rossi della TFP americana, dal caratteristico leone rampante, che alla testa del corteo danno il tono a11 · intera manifestazione. Da dove trae tulio questo vigore

il movimento per la vita americano? I suoi esponenti più rappresentativi non conoscono lo scoraggiamento, non accettano compromessi, non si lasciano coinvolgere in manovre di bassa politica. Sanno che il loro esempio fa scuola e che di conseguenza aumenta la reazione, e lavorano con grande fiducia in attesa del giorno della villoria completa. Allora potranno ricordare la loro sto-

ria con fierezza, con la soddisfazione di avere visto giusto quando, pur tra mille ostacoli e diflìcoltà, decidevano cli andare avanti, diritti allo scopo senza tralignamenti. E adesso è venuta anche una enciclica a sancire solennemente questa determinazione incrollabile, laddove ribadisce con tutta la forza della sua autorità che per un cauolico opporsi ad una legge ingiusta è un dovere morale.


Spagna

Editoriale Gli antichi dicevano quod Deus perdere vult, prius dementat, coloro che Dio vuole perdere, prima Ii fa impazzire. Mai come oggi questo adagio ha assunto una impressionante validità. Viviamo addirittura in una società schizofrenica, che proclamando come mai prima i diritti umani, dà spesso meno valore alla vita umana innocente che a quella di un animale o di una pianta. Mentre si moltiplicano alberghi, saloni di bellezza e ristoranti a tre stelle per cani e gatti, cresce il numero delle cliniche abortiste, dove i bambini vengono uccisi e gettati nel cestino. In questo ambiente moralmente così inquinato, la solenne confenna della dottrina tradizio{,ale della Chiesa riguardo l'aborto, pronunciata da Giovanni Paolo Il nella Evangelium vitae, è stata accolta dai cattolici autentici come una brezza fresca. Il Sommo Pontefice ha ribadito "con l'autorità che Cristo ha conferito a Pietro e ai suoi Successori" che l ' aborto è "s empre gravemente immorale" e costituisce un " peccato che grida vendetta al cospetto di Dio" (N. 57 e 9).

Hanno specialmente entusiasmato le parole di incoraggiamento ai "movimenti e iniziative di sensibilizzazione sociale in favore della vita" che secondo il Papa, devono "agire co~ determinata fermezza ma senza ricorrere alla violenza" (N. 27). Presenti in 26 paesi, le TFP operano senza.sosta in difesa dei principii della civiltà cristiana, minacciati da un plurisecolare processo di scristianizzazione. Pur non essendo esclusivamente organizzazioni " per la vita", la lotta conb·o l'aborto occupa un posto di rilievo nella loro attività. Dagli Stati Uniti alla Germania, dalla Francia al Brasile, le TFP levano i loro stendardi in difesa dei nascituri , consapevoli che il diritto alla vita innocente è alla base di ogni ordinamento sociale degno di questo nome.

Alt all'aborto! Madrid. Alla fine dello scorso anno un progetto di legge patrocinato dal PSOE (il partito socialista, a11ualmente al governo) che mirava ad un ' ulteriore libe rali zzazione dell 'abortò, stava tranquillamente andando in porto e la sinistra si apprestava a celebrare questo e nnesimo trionfo. A quel punto però, come un ful mine a ciel sereno, la notizia sul quotidiano madrileno ABC: "Gonzalez conge la l'ampliamento del aborto". Un altro g iornale. El Munda, era ancora più esplicito: "Le pressioni forzano il Governo a rimandare 'sine die' l'ampliamento dell ' aborto.,. Al di là delle ragioni politiche contingenti alla base di questo dietrofront, una grande realtà è balzata ag li occhi degli spagno li: la maggioranza silenziosa sembra essersi svegliata, almeno parzialmente, e fa sentire la sua voce. E questa si manifesta chiaramente contraria alla politica di scristianizazzione perseguita dai socialisti. L'aborto diventa così un vistoso handi cap elettorale. "Abb iamo considerato che, dal punto di vista politico, era preferibile rimandare il problema alle prossime sessioni parlamentari", ha dichiarato il preside nte ciel consiglio Fe lipe Gonzalez. Tra i fattori che hanno contribuito decisamente a questa svolta,

La TFP raccoglie firme contro l'aborto in Plaza Felipe Il a Madrid.

Nella impossibilità di offrire una rassegna completa di queste attività, riportiamo a pagina 3 a lcune tra le inizi~tive più importanti.

2 - TRADIZIONE FAMIGLIA PROPRIETÀ/ LUGLIO 1995

la brillante campagna promossa dalla TFP spagnola riuscita, in soli 4 mesi, a mobilitare più di 150.000 persone, che hanno inviato alla regina Sofia una cartolina per sollecitarla ad inte rvenire. "Angosciato per la imminente discussione in parlamento del nuovo progetto di legge che amplia i casi di depenalizzazione dell 'aborto," si legge sulla cartolina, " vorrei supplicare la Vostra Maestà, come cattolico e come spagnolo, di intervenire, ne lla sua veste di esponente femminile più rappresentativa della Spagna contemponmea, in favore di coloro che per defit_1izione abbisognano di maggior protezione, i nascituri , di modo che la Sua augusta voce a titolo di donna e di madre risuoni nel cuore dei parlamentari per evitare che venga legalizzato un simile peccato, che solo può allontanare le benedizioni di Dio dalla nostra amata Spagna." Contemporaneamente, una rac colta di firme contro l' aborto portava l ' ini z iativa della TFP s ulle pubbliche piazze e strade del paese. Ancora una volta, il puntuale inte rve nto della TFP contribuiva in modo decisivo a sensibilizzare con successo un segmento rilevante cieli 'opinione pubblica.

I g io rnali non hanno avuto dubbi nell'attribuire appunto a questa pressione popolare il già accennato dietrofront dei socialisti.


Un impegno mondiale in difesa degli innocenti Stati Uniti Dal 1973. La TFP americana partecipa ogni anno alla Marcia per la vita a Washington e in questa occasione diffonde scritti e altro materiale per promuovere la causa anti-abortista; 1978. In reazione ad un oltraggio blasfemo contro la Madonna su un pieghevole diffuso dalla lobby abortista Planned Parenthoocl, la TFP manifesta davanti ai suoi uffici di New York, costringe ndo i dirigenti a scusarsi per iscrit10; 1989. Parte la "Campagna in difesa·dei nascituri". La TFP pubblica manifesti sui giornali e diffonde volantini, mediante anche mass mailing, cioè massici invii postali;

1991. La TFP ra cc og lie in Pennsylvania 38.000 firme in difesa della legge di quello Stato contestata dagli abortisti: 1992. La TFP pubblica il volumetto Qua ndo il ventre divem a una tomba, an11a polemica contro l' aborto.

Germania 1990. La Deutsche \lereinigu11g fiir eine Cristliche K11/t11r (Associazione Tedesca per una Cultura Cristiana), costi tuita da volontari della TFP, lancia la campagna " Aktion SOS Leben" (Azione SOS Vita); 1991. SOS Leben fa pm-venire al presidente del Bundestag 50.000 lettere, sollecitandolo a ritirare ogni sostegno statale all'abrnto. Stesso appello a ogni membro del Bunclestag;

1991. Pressione sulla Hoechst affinchè ritire dal mercato la pillola aborti va RU486: 1992. Campagna '· Adottare è meglio che abortire"; 1993-1994. SOS Leben mobilita i sui 25.000 associati per far eleggere candidati anti-aborto a livello regionale e nazionale: 1995. Pubblicato sui giornali il ··Rispettoso ed urgente appello di SOS Leben ai vescovi callolici de lla Germania··. dove si pregano i pressuli cli sospende re la pa rtec ipazione de lla Chiesa a consultori per le donne in

gravidanza, che forniscono certificati per potere abo11ire negli ospedali di Stato.

Canada Dal 1981. La TFP canadense partecipa ad ogni manifestazione per la vita, sia nel Canada inglese che francese. Tra l'altro, la TFP ha protestato davanti al Parlamento del Québec, nel setlembre 1985, e non manca mai agli incontri annuali de lla "Campaign for Life". a Toronto: 1988. Opposizione a un pronunciamento della Corte di Cassazione che, in pratica. darebbe via li bera all'ab0rto. La TFP pubblica un manifesto sui giornali. dove insiste sulla "totale proibizione cli ogni fonna cli aborto nelle nostre leggi''. Sono distribuite 60.000 copie del manifesto in campagne pubbliche in 12 città.

Spagna 1983. La TFP pubblica il manifesto "Di fronte ali ' uccisione degli innocenti, rispettando la legge e l' ordine: santa indignazione" e invita i cattolici a impegnarsi ne lla lotta contro l'aborto. Un milione cli copie sono distTibuite in campagne pubbliche; 1985. La TFP partecipa ad una gra ndiosa manifestaz ione contro l'aborto a Madrid;

1985. Pe r protesta re contro l'approvazione della legge che legaiizza l'abo110, la TFPpromuove manifestazioni cli cordoglio in tutta la Spagna; 1985. La TFP diffonde la lettera pastorale contro l' aborto cli Mons. Guerra Campos. vescovo cli Cuenca: 1988. La TFP presenta uno studio riguardante la sperimentazione sui feti umani, mostrandone l' incompatibilità con la dottrina cattolica; 1988. Campagna contro la cosicldetla Legge sulle Tecniche cli Riproduzione Assistita. proposta dai socia Iist i.

Brasile 1972. La Commissione Medica della TFP interviene nei diballiti sul nuovo Codice Penale. opponendosi ad ogni liberalizzazione clell"aborto e dei mezzi artificiali di controllo delle nascite: 1977. In un comunicato stampa. riproclo110 eia molti giornali, la TFP critica la proposta liberalizzazione dei mezzi artificiali cli cont rollo delle nascite; 1992. Contro un disegno cli legge che spalanca le porte ali ' aborto eugenetico, la TFP pubblica lo studio " Aborto eugenetico: una rinascita ciel nazismo?"

Portogallo 1982. La TFP diffonde il messaggio •' Di fronte all\tccisione de gli innoc e nti. ri sp e ttando la le gge e l'ordine: santa indignazione". A ustra lia Dal 1983. La TFP pm·tecipa ogn i mmo alla Marcia per la vita a S idney; 1992. Esce la versione australiana del libro Quando il ve ntre divem a 11110 10111/Ja. La prima ed izione si esaurisce in due mesi.

Venezuela 1983. Campagna contro la proposta legai izzazione cie li ' aborto. I g iorna li pubbli cano una ve rsione aggiornata ciel manifesto precedentemente divulgato in Spagna " Di fronte all 'uccisione degli innocenti. rispettando la legge e l' ordine: santa indignazione•·.

Irlanda 1992. La commissione --1r1anda cli S. Patrizio... costituita eia esponenti della TFP, pubblica la versione irlandese cli Q11a11do il ,·entre di, ·e111C11111a tom -

Francia

ha:

1992. La TFP lancia la campagna --11 diritto di nascere ... veicolata mediante grandi mai ling.

1993. Studenti della commissione d iffo ndono un pieghevol e <.:oniro l'aborto ne i campus uni versitari.

TRADlZIONE FAMIGLI A PROPRI ETÀ/ LUGLIO 1995 - 3


Romania

Pubblicato saggio di Plinio Correa de Oliveira Bucarest. Rivolu:ione e Conrro-Rivoluzione è stato pubblicato in romeno dalla casa editrice Traditie di Bucarest, sotto la direz ione della scrittrice Vera Maria Neagu.

PNTCD, senatore Corneliu Coposu. che nella sua relazione ha descritto l'autore come un "leader ca((o/ico consacratosi da giol'ane al/" apostolato in difesa della cil'iltà cristiana·•.

Il celebre saggio del prof. Plinio Corréa de Oliveira è stato presentato al pubblico romeno in un convegno presso la sede del Partito Ruralista Cristi ano De mocratico (PNTCD), c he s i batte in difesa della ini ziativa privata. L'ope ra è stata tradotta dall a g iorn alista Eugeni a Muresanu, una ex-prigioniera politica.

In una serie di arti coli sul giornale Cotidian11I, il prof. Pascal Virgil ha recensito il libro nei s uoi molteplici aspetti , g iudicandolo uno dei più importanti mai scritti .

Tra le personalità, il preside nte del

Stampato ini zialmente in Bras ile ne l 1959, il saggio del prof. Plinio Correa de Oliveira ha g ii1avuto 22 edi zioni in o tto ling ue .

Polonia

Nobiltà ed élites tradizionali si fa strada in Polonia Cracovia. L'Uffic io Tradizione Famig lia Proprie tà di Cracovia, in collaborazione col C ircolo Monarchico locale, ha patroc inato un c iclo di convegni sul libro Nobiltà ed élites tradizionali analoghe, del prof. Plinio C orrea de Oliveira. I principali incontri s i sono svolti a Varsav ia, Poznam e Cracovia. L'autore non è affatto sconosciuto al pubblico della Polonia, dove i suoi scritti circolano s in dall'inizio degli anni '60. Col te mpo, Plinio Correa de Oliveira è dive ntato un punto di riferimento per amp i settori in disaccord o con la po litica compiacente pe rseguita da molti catto lici nei confronti dei governi comunis ti. E' rimasta famosa la polemica pubblica ne l ' 64 tra l'autore e Tadeusz

Mazow iecki , allora rappresent ante di spicco de lla "sinisLra cattolica", e poi primo ministro sotto il preside nte Lech Walesa. Il libro de ll'ins igne pe nsatore brasiliano è stato presentato da Julius Ubbelohde de lla TFP tedesca ; a corredo delle re lazioni una serie di diapositive, c he mostravano il grande concorso di pubblico alle cerimonie funebri dell ' imperatrice Z ita, del re Baldovino e de l principe Luigi Ferdina ndo, l'ultimo nipote de l Kaiser Guglielmo li.

Il rela tore de lla TFP ha citato anche un recente sondaggio de ll 'Alle nsbac h lnstilut flir De moskopie, secondo il quale sarebbe ro alme no 6 milioni i tedeschi in favore di una restaurazione monarchica.

Svizzera

'/. l;,. \~l:, -'

Convegno a Ginevra Ginevra. S i è svolto a Gine vra, ne i saloni del Palais de I' Athe née, pe r iniziativa de lla Societé Française pour la Défense de la Tradition, de la Famille et de la Propriété (TFP) e del Centro C ulturale Le panto, un incontro sul te ma " Fa mig lie ed é lites: il loro ruolo ne lla Europa di domani". Scopo dell'incontro la presentazione de ll 'ope ra d el Prof. Plinio Correa de O li veira "Nobiltà ed é lites tradizionali analog he" nella sua edizione francese. Tra g li oratori inte rvenuti, presentati da Mario N avarro, direttore dell ' Uffi c io TFP di Washington : il M.se Luigi Coda N un ziante, presidente de ll 'Assoc iazione Famiglia Do ma ni, M. Daniel Raffard

de Brie nne, vice-preside nte de ll'assoc iaz ione Renaissa11ce Carlio/ique, M. Be no'ìt Be me lmans, diretto re della TFP francese e il prof. Robe rto de Matte i, preside nte del Centro Culturale Le panto di Roma. Tra il num eroso pubblico la contessa de Stoutz, i conti" de la Roc hefoucauld, il barone Mic hel de Pre ux, la duc hessa Flaminia del Balzo di Presenzano e la princ ipessa Renata Radziw ill. Il Palais de l' Athe née, dove s i è svolta la confe re nza. si trova nel c uore di Ginevra e appartie ne alla Societé e/es Arts, la più ant ica istituz ione cul turale g inev rina, nelle c ui sale fu fondata nel 1883 la Croce Rossa.

4 - TRADIZIONE FAMIGLIA PROPRIETÀ I LUGLIO 1995

1 , I;

_, , . l~3l l ~

·.

.

. .. j•1'

. ~-

~

_;: ,-: .

- - ;\'

/~~~.. . -~

..

:

j

. .. .

I';)_ , _

--

-:'7\, e,.,. .,(\1 ~ '

1 ·.·,"'~-

....,

.-

~ ... ;

.... ••

..

• . fil'

.

.


Spagna

Bocciata la telespazzatura Madrid . ··un successo senza precedenti": così l'organo della TFP spagnola ha definito l'esito dell ' ultima campagna di SOS Familia, la sua branca che comballe I' immoralit1t nella televisione, in questo caso il programma ·'Esta noche, sexo" condotto da !sabei Gremio su Antena 3. All 'appello lanciato dalla TFP hanno risposto più di 9.000 persone con lettere alla direzione di Antena 3. per informare che avrebbero boiconato per protesta gli sponsor del programma-spazzatura. Questi, a loro volta, sono stati travolti da una valanga di oltre 100.000 lenere di telespenatori in-

dignati per i livelli di degradazione morale raggiunti dalla televisione. Il risultato è stato istantaneo. Non solo l'audience, secondo i sondaggi. è calata di ben due milioni di spettatori, ma la Gremio ha perso anche la sponsorizzazione delle aziende. che non intendevano associare il loro logo a un programm&respinto dal pubblico cattolico. Diverse aziende hanno scritto alla TFP spagnola dicendo di non voler più sovvenzionare queslO tipo di programma.

La Stampa e // Messaggero ne hanno dalO notizia anche in Italia.

Padova

Convegno giovanile sul ruolo della nobiltà Padova. Il salone del Circolo del Casino Pedrocchi si è rivelato troppo piccolo per accogliere il pubblico accorso al convegno: "La nobiltà: ha ancora un ruolo nell ' Europa di domani?". Organizzato dall 'Uffìcio Tradizione Famiglia Proprietà e dal Centro Cu lturale Sebastiano Yenier di Padova. l'incont ro era sopra11u110 rivolto ai giovani nobili del Triveneto. Dopo l' introduzione di Pierluigi Bianchi-Cagliesi, ha preso la parola il clircllore ciel Centro Sebastiano Venier, Arch. Carlo Maria Tropea. L' architetto ha presentato al pubblico il Sebastiano Yenier, recentemente costituito per la salvaguarda e la diffu sione delle tradizioni e della storia venete. In un mondo che si viene sgreto lando sotto i colpi di molteplici crisi, ha detto, è più

che mai necessaria un 'energica azione culturale in difesa delle nostre tradizioni, dei nostri principi morali e sociali. Insomma. una difesa della civiltà cristiana. La relazione principale è stata svolta dal\· ing. Nelson Fragelli , dell' Ufficio TFP di Parigi. Perchè i giovani sono oggi così disorientati? Se l'è domandato l' oratore, che nella risposta ha sot10\inea10 come tra le motivat.ioni soggim:enti figuri la mancanza di punti di riferimento. Mancano uomini capaci di incarnare, per così dire, un ideale, una causa, un ' istituzione, una nazione. In allre parole: mancano élite organiche. Il ravvedimento della cosiddetta "generazione perd uta", ha concluso il relatore. dipende in larga misura dalla rinascita d i queste élite.

Colombia

"No" in 50.000 all'educazione sessuale Bogoh1. "Dobbiamo assumere il controllo dell ' anima dei bambini", diceva senza mezzi tennini Rodolfo Llopis. leader socialista spagnolo. Ben sapeva il teorico ri voluzionario che con la com 1zione dei bambini, i cambiamenti rivoluzionari in altri campi vengono da sé, anche se più tardi. Questo, infatti , è uno degli assiom i su cui si basa la rivoluzione culturale, propugnata dai movimenti e parti ti radicalprogressisti. La degradazione morale dei piccoli è favorita, ad esempio. dalla educazione sessuale laica sin dalla prima elementare. Priva di qualsiasi riferimento morale, impartita precocemente da persone diverse dai genitori o dal clero. questa

·'educazione•· fi nisce per isti ll are un amoralismo che poi avrà delle conseguenze rovinose. In diversi paesi, le TFP sono state alla testa delle reazioni contro progetti di questo genere. E' il caso della Colombia. Nel quadro di una strategia di vasto respiro contro il Pian Nacio11al de Educaci611 Sexual proposto dal governo sinistrorso del presidente Ernesto Samper. la TFP colombiana ha raccolto in 19 giorni 50.000 firme di protesta in 6 città. L' iniziati va è seguita ad una precedente cam pagna della stessa TFP. che aveva venduto in due mesi I0.000 copie di uno studio critico sull ' argomento.

TRADIZIONE FAMIGLIA PROPRIETÀ/ LUGLIO I995 - 5


Stati Uniti

Dio non chiuderà gli occhi davanti al tragico abbandono dei cubani che fuggono dal comunismo castrista Personalità americane e cubane in esilio mettono in guardia Clinton iù di 100 pe rsonalità del mondo politico americano e c ubano-ame ricano, tra cui tre membri del congresso, hanno sottoscritto un energico documento di condanna della nuova politica del pres idente Clinton riguardo ai rifugiati cubani. In base alla sorprendente decisione del governo USA, la Guardia Costiera ha I'ordine tassativo di rimandare indietro quegli infelici abitanti del! ' isola-prigione che tentassero di fuggire negli Stati Uniti via mare.

P

Il documento porta il titolo: " Dio non chiuderà gli occhi davanti al tragico abbandono dei cubani che fuggono dal comunismo castrista". L' iniziativa è stata lanciata da Cuhanos Desterrados, la dinamica associazione di esuli c ubani vicina all a TFP, che ha sede a Miami. Nel documento, i firmatari stigmatizzano il fatto che le autorità marillime americane si sarebbero virtualmente trasformate in una specie cl i "longa manus'' della polizia politica cubana. Inoltre avver-

tono che, dopo la caduta della "cortina di ferro" e della '·cortina cli bambù", Clinton si ostina a mantenere questa vera "cortina d 'acqua" tra Cuba e gli Stati Uniti . Le suddette personalità hanno inserito nel manifesto una recente dichiarazione del prof. Plinio Correa de Oliveira, al quale riconoscono il ruolo cli "paladino e avvocato della causa de ll a libe rtà di Cuba sin dall 'inizio della ri voluzione comunista".

Per il prof. Plinio Correa de O liveira: " il vo ltafacc ia deg li Stati Uniti riguardo Cuba non può che causare stupore e preoccupazione nei paesi che, nel recente passato, hanno subito l'aggressione castrocomuni sta". Continua l' insigne leader anticom uni sta: "Non si comprende perchè il governo cli una nazione con il prestig io inte rn az iona le come g li Stati Uniti abbia compiuto all ' improvv iso un voltafaccia così radica le nell a sua politica cieli ' imm igrazione riguardante gli

6 - TRA DIZIONE FAM IGLI A PROPR IETÀ/ LUGLIO 1995

esuli c ubani. Non si comprende quale vantaggio possa derivare alla causa della li bertà eia questa inversione di rotta. Non si comprendono le ragioni di questo mutamento e ne mmeno per quale motivo una qu es tione co sì de li cata venga trattata in segreto tra iI governo americano e Fidel Castro, come se fossero due buoni amici, che si isolano dal mondo intero per parlare cli comuni interessi. Comuni interessi, sia detto per inciso, di cui tutti ignoravano l'es istenza ..." "Nei paesi che finora lodavano la fermezza degli Stati Uniti nei confronti del dittatore c ubano,'' conclude il prof. Plini o Correa de Oli veira, "questo cambio cli politica solleva un profondo interrogati vo che s i traduc e in un atteggiamento cli franca diffidenza nei confronti dell 'ammini strazione Clinton". Il messaggio degli esuli cubani è stato pubblicato su di versi g iornali statunitensi e diffuso dalle TFP in tutto il mondo.


Colombia

Un appello alla Nazione sull'orlo dell'abisso iù di 2 .5 00 r a pim e nti l' anno; 30.000 persone uccise negli ultimi 10 mesi; intere pro vince ab bandonate al contro! lo della guerriglia castrocomunista; un 'economia basata al 70% su denaro sporco; un sistema g iudiziario permanentemente ricattato; uno Stato paralizzato dal I e n a r c o - m a fi e; indi c i di c riminalità tra i più alti del mondo; un governo che dialoga ecume ni c a m e n te con i te rro ri sti mentre intralcia il compito delle fo rze armate e della polizia ...

P

Mentre la maggior parte del continente sudame ricano sembra riprende re la via dello sviluppo, la Colombi a si comporta da brutto anatroccolo, sprofondando in una situazione di caos che all 'orizzonte lascra intravedere una tragedia di

tipo cambog iano ali ' epoca dei khmer rossi. Quanto tempo riuscirà :mcora a sopravvivere il paese in tali condizioni senza disintegrarsi? Ecco la domanda di fondo posta dalla TFP colombiana in un manifesto riprodotto sui giomali del paese. "Sull'orlo dell'abisso": questo l'appello rivolto dalla TFP ai connazionali, specialmente alle auto1ità, affinchè "si sveglino•· e ''reagiscano con vigore". Il paese è nella morsa del narcotraffico, che opera in stretta alleanza con la guerrig lia comuni sta sostenuta da Fide! Castro. Di fronte a questa doppia minaccia da oltre un decennio i vari governi , pur avendo le condizioni per imporsi, hanno scelto la via del dialogo, della tolleranza e delle concessioni,

anzichè quella della salvaguarda degli interessi della maggioranza sana della nazione tramite una azione decisa e risolutiva. Il risultato di questa politica suicida è ormai chiaro per chiunque non sia accecato dalla frenesia dal cedimento. Eppure, il nuovo governo del presidente Samper ha imboccato la stessa strada. Se almeno ci fosse la parola salvifica della Chiesa! Pu11roppo, rileva il manifesto de ll a TFP, g li interventi dei pastori sono sporadici e in gran parte ambigui. La TFP colombiana conclude rivolgendo un estremo appello alla nazione e affidando la sua sorte alla Madonna di Fatima, che a Cova da I ria promise il trionfo del Suo Cuore Immacolato.

Argentina

La TFP denuncia i rischi di una deleteria ca1npagna pubblicitaria al 1969al 1989, l' Argentina patì un 'offensiva terrorista cli matrice comunista che quasi riuscì a gettarla nel caos rivoluzionario e nella guerra civile. Di fronte alla negligenza con cui i governi facevano fronte a questo pericolo, nel 1976 i militari assunsero il potere e quindi anche la conduzione della lotta anti-guerriglia; una lotta non certo esente da abusi e gravi ingiusti zie, ma che nel complesso ebbe il risultato di riportare la pace nel paese.

D

Dopo il ritorno alla democrazia ne l 1983, molti responsabi li cli questi abusi sono stati puniti, salvo poi essere. in molti casi, amn istiati. D' altronde, molti tra gli ex-terroristi hanno goduto di uno stesso trattamento, cui la stampa estera non ha dato adeguato risalto. Questo processo di pacifi cazione. ri tenuto necessario per mante nere la

tranquillità sociale riacquistata con fat ica, riscuote un ampio consenso. Da qualche tempo. però, si sta cercando cli spazzare via questo consenso con una martellante campagna pubblicitaria. Patetici 111ea rnlpa cli ex-mil itari si succedono sulle pagine dei giornali, mentre gli alfie ri della sinistra esigono pene rigorose per gli artefici della vittoria sul terrorismo. Facendosi interprete delle preoccupazioni cli ampi settori dell 'opinione pubblica, la TFP argentina ha pubblicato un manifesto per avvertire che, se questa artificiosa polemica non si placa, il paese rischia cli precipitare nuovamente nel caos. Citando Leone Xfll, la TFP ricorda che a volte si può tollerare un male minore (l' impunità di certi abusi commessi dai militari ) in vista cli un bene maggiore: il bene comune ciel

paese, che in questo caso si identifica con la pace sociale. Dunque, non è lecito soddisfare la sete estrema di giustizia cli alcuni, se in questo modo si compromette il bene di tutti. Scopo di fondo della campagna, nota la TFP, è cercare cli indebo1ire le Fo r ze A rm a te se non addirittura di sopprimerle.

Tradizione Famiglia Proprietà Periodico trimestrale d ' informazione sulle associazioni per la difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietf1- TFP (a cur.1 della Fondazione per una Civili:\ Cristiana)

Dir. Resp. Albe1to Carosa Anno I , 11. 2 - Luglio I 995 Redazione e amministrazione: Via Ruggero Fauro, 84 - 00 197 Roma Te!.: 06/8072024 C.C.P. n. 33805003 Aut. Trib. Roma n.9095 del 22-02-95 Sped. in abb. post. 50% ROMA Abbonamento annuo: L. 5.000 Stampa: Grafica AELLE Via Ennio, 6 - 201 37 Milano

TR ADIZIO NE FAM IGLI A PROPR IETÀ/ LUGLI O 1995 - 7


Nobiltà •

eroismo

. ' santzta

Plinio Correa de Oliveira

N

elle sue allocuzioni alla nobiltà e al patriziato romano, Pio XII prende in esame il contributo che i laici sono chiamati a fornire ai sacerdoti, sale della terra e luce del mondo. Egli si riferisce spec ialmente al nobile, che occupa la posizione di maggior spicco nelle file del laicato. Il Papa dà per scontato che il nobile sia pio e che dia quindi il buon esempio. Quando il nobile parla, è come se lo facesse non dall 'alto di un pulpito, ma dal) ' alto di cinquecento, ottocento, mille anni di tradizione. Se il nobile porta un nome celebre negli annali di un paese, quando egli parla è la storia che si manifesta per mezzo delle sue labbra. E quando egli è un buon cattolico, è la Fede che parla con le labbra della storia. La nobiltà deve influenzare il paese. Come? Insegnando una delle arti più nobili che esista: l'arte del vivere. E' l'arte de l buon gusto, dell 'ordine, delle buone maniere, de lla distinzione, infine l' arte di elaborare un profilo umano che assume successivamente un carattere sociale. Non si tratta del profilo umano fisico, anatomico, ma del tipo umano. E' un qualcosa che le famiglie aristocratiche modellano con la tradizione, plasmando un tipo umano che tu tti vogliono imitare perchè ritengono che è così che si debba essere. Questa "distillazione" del tipo umano di ogni nazione è uno dei principa li doveri storici della nobiltà. Come Papa Pio XII afferma, solto questo as petto il nobile è un' immagine della provvidenza divina. Così , impegnarsi nel mantenimento e, più ancora, nella restaurazione dell ' aristocrazia è adoperarsi perchè l' immagine della provvidenza di Dio appaia più chiara ag li uomini. Tuttavia, la nobiltà raggiunge il suo vero apice ne lla immolazione per il bene comune. L'elemento più impo1tante della nobiltà non è quello di avere un bel nome, né que llo di avere storia e né dj possedere ricchezze e potere. Innanzitutto il nobile si distingue per un genere speciale di coraggio. La nobiltà vive per la Chiesa e per il bene comune della società. Essa vive per la difesa della Cristianità, per il combattimento, per la guerra, per il rischio e per l' avventura. Cioè, l'avventurn autentica: non un 'azione sconsiderata, in cui l' individuo si getta senza riflettere. L'avventura è un rischio calcolato, in cui l' individuo si lancia perchè vuol lottare per il bene per cui vive, ossia, in questo caso, la Chiesa e la c iviltà cristiana. Il nobile non ha la vita confortevole del borghese. Eg li vive per una causa immensamente piì:1 grande di se stesso, che ammira e della cui grandezza egli in qualche modo paitecipa proprio in virtù della sua ammirazione. Perc iò il nobile affronta la morte, conscio che nell ' olocausto egli realizza una sorta di unione con ciò che ammira. U che è soprattutto vero trattandosi di cause sante, poichè la suprema forma dell a bellezza e de lla nobiltà è la santità. Tutto il profilo morale del nobile cristiano si defini sce in funzione dell 'eroismo, che può g iungere fino alla morte, accettata volontariamente come immolazione per il bene della collettività; una collettività amata per amore di Dio, una collettiv ità intesa religiosamente, in una parola la Cristianità.

Profile for Tradizione Famiglia Proprietà

Rivista "Tradizione Famiglia Proprietà", luglio 1995  

Rivista "Tradizione Famiglia Proprietà", luglio 1995, numero dedicato alle campagne per la vita delle TFP in tutto il mondo

Rivista "Tradizione Famiglia Proprietà", luglio 1995  

Rivista "Tradizione Famiglia Proprietà", luglio 1995, numero dedicato alle campagne per la vita delle TFP in tutto il mondo

Advertisement