Page 1

La collaborazione a TOTEM è aperta a tutti, ed è sempre da intendersi a titolo gratuito. I lavori pubblicati, alla pari delle foto, riflettono il pensiero dei singoli autori, i quali se ne assumono le responsabilità di fronte alla legge. E’ vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti, se non autorizzata. Organo Ufficiale Cooperativa Soc. Onlus Agorà - Squinzano

seguici su

distribuzione gratuita

Totem Giornale

Invia commenti e proposte a: totem2012@libero.it

Anno II - N. 2 - Febbraio 2013 Iscritto al numero 22/2012 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio Direttore Editoriale: Eleanna Bello

/ EDITORIALE /

Eleanna Bello

SE GLI ADULTI TORNASSERO BAMBINI...

“G

li adulti non capiscono mai niente da soli ed è una noia che i bambini siano sempre costretti a spiegar loro le cose”. Lo scriveva l’autore de ” Il Piccolo Principe”. Ecco perché mi rivolgo al neo eletto Consiglio Comunale dei ragazzi di Squinzano affinché siano loro con la loro forza e la loro passione ad incoraggiare i grandi e a suggerire loro idee e progetti per il nostro futuro, perché i nostri grandi sembrano muti, immobili, intenti solo a programmare la vittoria con qualsiasi arma lecita o illecita che sia. Voi invece ci commuovete, col vostro desiderio di politica, ci rincuorate con la vostra voglia di sperare nel cambiamento. Perché un cambiamento lo dovete pretendere con urgenza, quasi con ingordigia. Siate esigenti: gli adulti non possono e non devono più ingannarvi. Fatevi ascoltare, ricordate loro che si deve ripensare tutto proprio per cercare di cambiare qualcosa. Basta mettersi insieme tra persone serie e capaci e pensare a problemi e a necessità che sono stati semplicemente dimenticati, cercando insieme il modo di risolverli, iniziando a pensare una città diversa, una città dove prevalgano gli interessi di tutti e non quelli personali, una città dove le scelte si facciano a favore della comunità e non dei singoli cittadini. Spronate gli adulti a dire basta alle sterili contrapposizioni personali, chi ha davvero a cuore la sua città dimentica i torti subiti e se ha da fare un passo indietro deve farlo per il bene comune. Ascoltare voi vuol dire stare dalla vostra parte. Fate prendere coscienza agli adulti dei loro errori e delle loro dimenticanze, fatelo con i vostri occhi che vedono in modo diverso, con l’ottica analitica e puntigliosa di un bambino. Fatelo con la semplicità che vi contraddistingue, perché si è perso il senso delle cose semplici ma importanti. Aiutateli a far crescere il semino dei vostri sogni, come ha scritto il vostro sindaco Ludovica Bottazzo nel suo discorso. Dite basta a nome di tutti, non solo di tutti i bambini, ma anche degli adulti che dovrebbero dirlo e non ne hanno il coraggio. Grazie bambini per tutto quello che farete. A presto.

candidati sindaco allo specchio

c’era SOLO una volta il west? alla conquista del palazzo di città

I MAGNIFICI QUATTRO RISPONDONO ALLE NOSTRE DOMANDE E PRESENTANO I PRIMI PROGETTI PER LA NOSTRA CITTà

pagg. 8-9

SQUINZAN0 NELLA STORIA

IL TRIONFO DI ANTONIO MAGGIO A SANREMO Il Grillo Parlante

GRAZIE ANCORA PAPà Non basta seminare per raccogliere, occorre conoscere sementi e terreni. La semina si fa con amore, speranza, fiducia e la terra la si ama e la si rispetta come se fosse la nostra mamma, me lo insegnava quel gran saggio di mio padre, contadino attento e infaticabile. La sera del 27 gennaio scorso abbiamo seminato i ceci in piazza e lui era con me, nessuno lo ha visto, ma c’era anche lui. Sereno e sorridente come sempre mi ha suggerito di lavorare e di avere fiducia che i buoni frutti arriveranno. Grazie ancora papà. Resta sempre con me.


CENTRO MEDEX ECCELLENZE

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

LA SALUTE AL PRIMO POSTO

2

IL CENTRO NASCE DALLA NECESSITà DI DARE A SQUINZANO UN SERVIZIO DI QUALITà Alessandra Lia

È

nata a Squinzano una delle strutture mediche di eccellenza, punto di riferimento per tanti specialisti, che sta attirando utenze non solo dal nostro paese ma anche da tutta la Puglia: il Centro Medex. Con l’amministratore Antonio De Vitis scopriamo come questo grande progetto sia diventato realtà. Come nasce il Centro Medex? Medex nasce dall’idea di un piccolo gruppo di amici desiderosi di impegnarsi nella “sonnecchiante” società squinzanese per poter offrire al cittadino le migliori diagnosi e terapie. Perché proprio a Squinzano? Perché l’amo e perchè non esiste nel Salento posto migliore! Antonio ci spiega che Squinzano è ricco di grandi strutture,ormai in disuso,come il vecchio tabacchificio che ormai ha lasciato il posto al Centro, meravigliosa location dove essere paziente diventa quasi confortevole!

Quali sono le attività svolte dal Centro? L’equipe medica, composta da oltre 60 specialisti di provata esperienza, si occupa di svariate atti-

vità: dalla pediatria all’oncologia, dai laboratori di analisi alla diagnostica d’immagini, chirurgia ambulatoriale, riabilitazione ed altro ancora… Vengono offerti ai pazienti pacchetti diagnostici multidisciplinari con i quali avere,in un unico accesso,valutazioni diverse ed unica diagnosi;di particolare rilievo,quello dedicato ai bambini chiamato ‘Crescere in salute’. Il Centro collabora con alcune strutture universitarie ed ospedaliere presenti sul territorio nazionale. Inoltre vengono organizzate attività di formazione medica e non, presentazioni di libri, rassegne musicali e mostre,degustazioni di vini locali e percorsi enogastronomici; è anche in programma la realizzazione di un EXPO SALUTE. Il vostro obiettivo di partenza è stato realizzato? Nonostante diffidenza, invidia e difficoltà economiche riscontrate inizialmente, l’amore per il nostro lavoro e l’impegno assunto,ci hanno aiutato ad entrare finalmente nella mente e nel cuore degli squinzanesi. Un posto dove ci si reca non solo per curarsi, ma anche luogo da “vivere”; esempio di costanza e dedizione che dimostrano come sia possibile investire nel nostro paese.


PRIMO PIANO

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

3

ELETTO IL 30 GENNAIO SCORSO IL CONSIGLIO COMUNALE BABY. GIà NOMINATA LA GIUNTA

LA SINDACA LUDOVICA DALLA PARTE DEI BAMBINI Mino Rollo

C

erimonia di insediamento per il neoeletto Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze di Squinzano. L’appuntamento, in programma mercoledì 30 gennaio, alle ore 11.00 presso la sala consiliare del Palazzo Municipale, ha visto la partecipazione del Comandante della Polizia Municipale, Dott. Luigi Muci, delegato dal Commissario prefettizio, Dott. Guido Aprea, dei Dirigenti Scolastici dei due comprensivi, il Dott. Cosimo Rollo per il polo 1 e la Dott.ssa Tiziana Faggiano per il Polo 2, dei docenti referenti Lorella Fano e Renato Reale (polo 1) e Anna Miccoli (polo 2), delle docenti D’Elia e Miggiano che accompagnavano gli alunni delle classi 5^ A e 5^ B della scuola primaria “De Amicis” e di numerosi genitori. La prima seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, si è aperta con l’Inno di Mameli e il discorso del Comandante Muci cui ha fatto seguito la proclamazione ufficiale del Sindaco neoeletto, Ludovica Bottazzo, (per la prima volta una ragazza) che frequenta la classe quinta B della Scuola Primaria “De Amicis” (polo 1). Il “primo cittadino dei ragazzi” con un breve discorso ha voluto ringraziare tutti e presentare la sua “squadra”: VICE SINDACO: Elena Cataldi (Scuola Secondaria “G. Abate”- polo 2); ASSESSORI: Giacomo Mascialino, assessore ai rapporti con le Istituzioni e comunicazione (Scuola Primaria “De Amicis” - Polo 1); Lorenzo Perlangeli assessore al territorio, ambiente, marina e turismo e Sara Torre assessore ai servizi sociali, UNICEF e solidarietà (Scuola Secondaria “Carducci” - polo 1); Matteo Schiavone, (Scuola Primaria Polo 2) assessore alla cultura e allo sport; Mariachiara Longo assessore all’istruzione e Riccardo Quarta, assessore all’urbanistica e alla viabilità (Scuola Secondaria “G. Abate” -polo 2). CONSIGLIERI: Silvia Pastore (Scuola Primaria “De Amicis” - Polo 1), Sharon Blasi, Marco Manca, Va-

nessa Montinaro, Rebecca Napoletano, Giulia Palmieri, Salvatore Passante, Francesca Pede, Mauro Picci, Francesco Sozzo, e Chiara Taurino (Scuola Secondaria “Carducci” polo 1); Gaia Del Vitto e Giorgio Tomasi (Scuola Primaria Polo 2); Roberta Giordano, Alessandro Picci, Cristiano Rizzelli e Gabriele Manca (Scuola Secondaria “G. Abate” - polo 2). Il Consiglio Comunale dei Ragazzi, nato dalla collaborazione fra l’Istituto Comprensivo polo 1, l’Istituto Comprensivo polo 2 e l’Amministra-

zione Comunale di Squinzano, rappresenta un’esperienza di cittadinanza attiva che coinvolge ragazzi dai 9 ai 13 anni e si colloca nell’ambito di un progetto di educazione alla legalità e alla convivenza civile. “... Il C.C.R. si riunisce almeno due volte nel corso dell’anno scolastico, ha funzioni propositive e consultive su: ambiente e verde pubblico; territorio con particolare attenzione per il miglioramento e la sostenibilità degli spazi urbani; sport, tempo libero, cultura e spettacolo; tematiche sociali e rapporti con l’Associazionismo; pubblica istruzione; pubbliche relazioni e

rapporti con l’UNICEF e dura in carica due anni...” I principali obiettivi che si intendono raggiungere attraverso il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze è la promozione sul territorio della cultura della partecipazione e della legalità, il sostegno alla formazione civica nelle scuole, la creazione di relazioni di collaborazione e confronto fra i ragazzi e gli adulti a partire dai problemi reali, la consapevolezza del senso di appartenenza ad una Comunità, portando i ragazzi ad essere protagonisti delle decisioni che li riguardano da vicino.


ECCELLENZE

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

Dove trovare divertimento, professionalità e buona cucina

4

Al Felix ordinate una “Pizza d’oro” Veronica Notaro

Trofie ai gamberetti, orecchiette rucola e salsiccia, tagliata di irlandese grana e rucola, nutellata. Questi squisiti piatti già da soli basterebbero al cliente per decidere di andare a mangiare al Felix di Trepuzzi (Via Campi, 48, ex distilleria, info e prenotazioni: 328.8960581). Ma di cose da aggiungere ce ne sono eccome: la pizza offerta dal locale in questione è vincitrice del Premio Pizza d’oro 2012, mica bruscolini! Certamente questo non è l’unico successo targato Felix in cinque anni di onorata carriera. E ciò grazie all’impegno quotidiano di ogni componente della famiglia Ranieri, proprietaria dell’attività; in fondo, come spesso avviene nei progetti a conduzione familiare, ciascun membro dà il proprio contributo con passione, forte interesse e tanta motivazione. Ma come tiene a precisare il capofamiglia Antonio, tutto il personale dà il meglio di sé per raggiungere determinati obiettivi, in primis il gradimento del pubblico. Anche per questa ragione, il Felix cerca sempre di proporre appuntamenti interessanti e accattivanti, quali serate live, magari caratterizzate da divertentismo e buona musica, e ancora serate a tema. E poi il locale offre la giusta location e il genuino connubio tra divertimento e ottima cucina, per ogni tipo di occasione: cresime, compleanni, comunioni, ricorrenze varie (ha avuto modo di lavorare anche per due matrimoni!).

Dunque, non resta altro che confutare la tesi pro-Felix di persona. Buona pizza!


ORIZZONTI Sq u

inza n

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

5

n do esi nel mo

nese è

alba rigine

E viv MANU e E lav da 13 LE R ora O per a Ces MAN l’Ae ena O d Mil itar ronau ove e tica

ILIO SO e famigli LAZZO a da Rom

a

O RAT abile I PA s LUIGRespon e ne zion ca, Mos anuten roduzio ca i M p m o t a r n in ce ana ilime stab astrelle da itali i n e p i i z d na a di u

da 22

i, di o se inzane 43 ann ente; I, N O i, squ banca; d J n n n A e a T ip H 2 ,d te . ,3 FIS UELA Torino enden rinese anni a ZZO EMAN Torino, dip zi-albano-to torio ed O a it n i R V squ ann apà nalisa CAR anni... è da 7 Rita,p d.o.p. FLAVIO, 4 a mamma ssimo e An erto per a A o b FISHT io da Torin e Gabry, M anna e Ro nostante c le y o r a E n b lo d “ F n a i U ri origin cuore i teso ai mie azie di vero alle “nostre r i g in n vic “U entire farci s m” TA k 0 0 LITES i 11 A MA iolo.. L L E NTON a’ a R o) EDY A a per met gano (M la it a b a’ a P a t i e d m a r e at (borg anni...e p .. o da 12 Sassuoloi a Fioran ann cuola 1 2 lla s ro da ni Lavo denese ne da 26 an e l .. e Mo n ia ente nfanz dell’I plessivam se com Modene

O ITAN APOL tenne N O n ra VIT o ivers e qua Attor oma da d o per t R a r a vive . Ha lavo tro e la o temp ma, il tea Matteo e il cin ione (Don lizia 11, o is telev retto di P rdetto t e 8, Dis aroni 5, V utore di I Ces è anche a sicali. ) mu Finale teatrali e testi

POLITI ANNA MARIA scuola di te an gn se in zzola, ve La a ia ar prim i or fu a, nn Rave 12 anni Squinzano da

IA GARZ 1 CINZIA quinzano, 4 a S gn i d lo o a v B Nati ta a migra mille anni, e anni, dopo ardia u 2 g a2 la ora fa Madre lavori re giurata. bini e la m o a partic ellissimi b l cuore b e di due nostalgia n lla sua con la o paese, de del su quinzano. S

GIANC vive a N ARLO SANÒ E lavora a TTUNO (Roma ), Roma d presso una pre al 1974 stigiosa scuola “Coll Nazaren egio o”.

INO I CONT GIANN o a Zurigo icin Abita v ngstringen) r e (Ob e una clinica in lavora a ed è adetto ic d e ortop ’archivio. all

LINO SC d’a ARDIA quas dozione Modene i coor trent’a da orma se din nn i di a atore e i, è soc un’azmministr consiglieio a ie re z Media n io gro da coo ne di nella up98, spperativa, eciali comu integ z r prog ata d’impnicazione zata e r t e t a s zione di ev aen IN&C enti e c e gest ella reali O nella on il mar ione la Pu zzazione progettaz chio bbli eg ion di se ca Amm estione p e, inistr r er v iz i nell’ info speciali azione orien rmazionezzati tame nto. ed

Parrucchiere per Uomo

CELESTINO Via Vittorio Veneto, 94 SQUINZANO


ECCELLENZE

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

7

LA TRATTORIA MARINARA E LA FRIGGITORIA CON LE DELIZIE DELLO CHEF SALVATORE

MARENUESCIU, IL MARE NEL PIATTO

S

Ilaria Bracciale

SALVATORE, LO CHEF

impatia, cordialità, atmosfera rilassante e confortevole; un ambiente rustico, piacevolissimo, riservato e tutto il sapore fresco e genuino del mare, che si ritrova nei gustosi piatti preparati dallo chef Salvatore. È tutto quello che si può trovare a “Marenuesciu -trattoria marinara- Friggitoria”, sita a Squinzano, a soli 15 km da Lecce, in via Giovanni Paolo I. Vari suppellettili,come vecchie paranze, conchiglie e reti da pesca appese al soffitto riproducono fedelmente l’ambiente marinaro, coronando poi il tutto con i sapori e gli odori del buon pesce, che si mescolano in un perfetto mix, soddisfacendo i tanti clienti che, sempre più numerosi, vengono anche dai paesi limitrofi, come Campi S.na, Trepuzzi, S. Pietro V.co, Lecce e Brindisi, per gustare piatti semplici e completi, tradizionali ma anche innovativi. Si comincia con l’antipasto della casa, l’ “Antipasto Marenuesciu”, quotidianamente alternato con impepate di cozze, tajeddra (riso, patate e cozze), insalata di mare, ricci e cruditè, cozze gratinate, polpette di polpo, pittule, gamberi e zucchine. Tra i primi piatti troviamo il risotto alla pescatora, i cavatelli ai frutti di mare, fettuccine mari e monti, paccheri al ragù di scorfano, linguine allo scoglio e il raviolo spada e gamberi, il piatto forte della casa che richiama i clienti addirittura da Gallipoli, i quali non vogliono perdersi una bontà simile! Molto buoni e ricchi anche i secondi piatti, tra cui abbiamo grigliate di gamberoni, fritture miste con paranza locale, super grigliate di pesce spada , gamberoni e seppie e la tagliata di tonno in salsa verde, piatto nuovo che già ha riscosso tanto successo. La conduzione è di tipo familiare, l’accoglienza è perciò molto calorosa e ogni cliente si sente subito a casa, messo a proprio agio dalla semplicità, la naturalezza e la spontaneità della titolare, Letizia, che ha sempre una parola cordiale per tutti ed

RAVIOLO PASTICCIATO

FRITTURA MISTA CON PARANZA

CRUDITè

TAGLIATA DI TONNO IN SALSA VERDE

ANTIPASTO MARENUESCIU

FETTUCCINE MARI E MONTI

PACCHERI AL RAGU’ DI SCORFANO

SALA MARENUESCIU

è assolutamente pronta e disponibile nell’aiutare i clienti nella scelta dei piatti del giorno, preparati quotidianamente per garantire la freschezza delle materie prime utilizzate. Molto assortita e varia è la cantina di vini tra bianchi, rossi e rosati, oltre ad un ottimo vino locale della casa, che accompagnano e sposano, in modo impeccabile, i sapori eccellenti di tutte le pietanze. Il locale può ospitare fino ad un max di 50 coperti e d’estate accoglie i suoi ospiti in un bellissimo e gradevole giardino fiorito coperto che è molto più grande e può ricevere il doppio dei coperti. “Marenuesciu” è aperto tutte le sere e vi aspetta anche la domenica a pranzo; il giorno di chiusura è il lunedì. Tutto lo staff lavora ogni giorno, con passione e dedizione, mettendoci impegno e sacrificio; perché l’arte culinaria non richiede solo bravura, ma anche cuore e un pizzico d’amore.

LETIZIA E ALESSANDRA AMOROSO


IL PAGINONE

UNO DI LORO SARà SIND

QUATTRO CANDIDATI LARGO AI GIOVANI PER NON FARSELI SCAPPARE

ANDREA ANDRESANI

MI PRESENTO. Imprenditore, Informatico, titolare di uno studio di consulenza con sedi in prov di Lecce, Brindisi e Taranto, socio in società turistiche, coniugato. Come attività politica , ho aderito da giovanissimo al Movimento Sociale Italiano e successivamente ad Alleanza Nazionale rivestendo molti incarichi politici , tra i più importanti: Consigliere Comunale e Presidente della commissione lavori pubblici, Vice presidente provinciale di Azione Universitaria e Componente del Senato Accademico dell’Università di Lecce, componente del CUIS e referente presso l’Unione dei Comuni del Nord Salento . MI CANDIDO PERCHÉ. Mi candido per governare questo comune. Uso il termine forte governare, perché credo che sia il maggiore problema del comune di Squinzano. Abbiamo ritenuto quindi di riunire le forze del centro destra insieme a raggruppamenti civici (Alleanza di centro, Io sud-Poli Bortone, Grande Sud, Fiamma Tricolore, La Destra-Storace, Fratelli d’Italia, Progetto Futuro Casalabate, Unione per la democrazia e la libertà, Movimento per le autonomie) sottoscrivendo un vincolo di mandato con il quale si impediranno spostamenti di posizione. Mi candido inoltre per difendere i giovani e le politiche giovanili in un comune che quotidianamente vede la fuga delle menti migliori, su Squinzano. Le prime cose che mi impegno a realizzare Rinuncia alle indennità e dimezzamento delle indennità degli assessori; Agevolare le imprese giovani; Avviare tutte le forme di detassazione ed attivare un fondo di garanzia e di copertura degli interessi passivi per chi avvierà una nuova attività imprenditoriale a Squinzano, con l’affidamen-

to in comodato gratuito di immobili comunali, purchè finalizzati a creare occupazione e revocare la vendita degli immobili avviata dal commissario; Aumentare la sicurezza; creare delle pattuglie miste di vigili urbani e forze dell’ordine con la collaborazione di istituti di vigilanza; Urbanizzare Casalabate, avviare le procedure per finanziamenti nazionali ed europei; Piano turistico per Casalabate con l’istituzione di un consorzio insieme con Trepuzzi per la gestione stagionale dei servizi e degli eventi; Sviluppare la zona industriale; Attività culturali con artisti locali; Rivalutare la zona 167; Comune digitale: è nostra intenzione digitalizzare tutte le funzioni del comune con l’uso di software specifici, rete wireless gratuita; Canile comunale. Saranno avviate tutte le procedure per istituire un canile comunale affidato alle associazioni.

un contributo di idee e di passione per la mia città

MINO MICCOLI

MI PRESENTO. Sono nato l’1 luglio 1970 a Squinzano. Sposato con Katia, ho due figlie. Sono avvocato ed ho lo studio professionale nel nostro paese. In politica sono impegnato dal 2003, eletto al Comune ricoprii la carica di assessore ai lavori pubblici; nella tornata amministrativa successiva ho avuto l’incarico di assessore all’urbanistica che mantenni sino al settembre del 2010 quando rassegnai le dimissioni per divergenze con l’allora sindaco in ordine alla sua conduzione dell’azione amministrativa. Dal 2009 sono Consigliere Provinciale e capogruppo di maggioranza a Palazzo dei Celestini.

MI CANDIDO PERCHÉ. Mi candido per dare un contributo di idee, di passione e di entusiasmo al mio paese dove sono nato e vivo con piacere ed orgoglio. Il momento contingente che si vive è difficile non solo per Squinzano, ma immagino una stagione dove, in un sistema di ordine e di regole, si possa migliorare la qualità della vita, facendo della nostra città e di Casalabate un modello di buona amministrazione e che altri centri vicino al nostro possano imitare. Le prime cose che mi impegno a realizzare Rilancio dell’economia: attraverso una revisione dell’assetto urbanistico sia del comune che della marina. Agevolare il comparto agricolo e contribuire a fare di Squinzano il paese dell’olio e del vino. Creazione di scuole di formazione per arti e mestieri e maggiore sfruttamento di quelle già presenti sul nostro territorio Rielaborazione del PUG; rielaborazione del PIP; elaborazione del PUG per Casalabate;

Riduzione della pressione fiscale e rivisitazione degli estimi catastali delle abitazioni di Casalabate; Rielaborazione del Piano Commerciale sia per Squinzano che per Casalabate, del Piano degli Impianti Pubblicitari e dei regolamenti collegati (eliminazione della tassa sui passi carrabili, oggi congelata al 31 maggio); Barriere soffolte lungo la costa di Casalabate per interromperne il degrado; Tutela e salvaguardia dell’ambiente e del patrimonio comunale per rendere il paese qualitativamente migliore e meglio vivibile; Il riordino della viabilità pubblica, lo smaltimento dei rifiuti, il decoro urbano; Recupero della rete viaria urbana; Coordinamento e valorizzazione del terzo settore (associazionismo); Promozione della cultura, dello spettacolo e dello sport Informatizzazione dell’apparato amministrativo e logistico.


Anno II - N.2 - Febbraio 2013

8-9

DACO DI SQUINZANO

I DI BELLE SPERANZE LA CAPACITà DI SOGNARE PER RIDARE UN’ANIMA ALLA CITTà

VIRGILIO VACCA

MI PRESENTO. Ho 47 anni, una bella famiglia con un frugoletto di due anni e mezzo di nome Giuseppe, che è tutta la nostra vita. Di professione sono avvocato, occupandomi prevalentemente di diritto familiare e penale. Ho da alcuni anni un contratto con Alba Service per 800 euro al mese, in qualità di esperto di sistemi integrati di welfare (servizi sociali). Credo di avere un carattere particolarmente socievole e ho sempre concepito l’impegno civile e sociale come il modo migliore non solo per rispondere alle mie tendenze ma anche per fare qualcosa

un’ingiustizia l’interruzione dell’amministrazione marra

FRANCO SARINELLI

MI PRESENTO. Ho 56 anni, sonosposato con una figlia che studia architettura a Roma; diploma scuola media superiore; studio Scienze Politiche presso Unicusano. Sono funzionario presso Ente Pubblico. Incarichi pubblici ricoperti in passato: più volte consigliere comunale, sono stato anche Vicesindaco. Sono stato Presidente della Lega Navale Italiana di Casalabate fino a maggio scorso, conservo attualmente la carica di consigliere. Sono amante del mare, della navigazione e della marina di Casalabate. MI CANDIDO PERCHÉ. Le vicende politiche, culminate con l’interruzione anticipata dell’Amministrazione Marra e il commissariamento del Comune, che

ho ritenuto una ingiustizia e una ferita inferta alla città, insieme alle sollecitazioni ricevute da alcuni amici, mi hanno indotto a valutare l’opportunità di spendere il mio impegno in favore di un progetto condiviso di rinascita del nostro Comune. Ma anche per contrastare un evidente scadimento del confronto politico, che altri vorrebbero ridotto a puro scontro “corpo a corpo”, a calcolo personale, a convenienza e a trasformismo, se non addirittura a merce di scambio. Le prime cose che mi impegno a realizzare. Tasse: Revoca del tributo sugli scivoli, riduzione dell’IMU sulle seconde case, riduzione dei valori catastali dei fabbricati di Casalabate per far pagare meno tasse. Casalabate: Interventi immediati (PUG, Piano delle Coste, ecc.) per il rilancio della marina, per farne subito una grande opportunità; reinvestimento delle entrate in infrastrutture che ne riqualifichino la vivibilità e l’immagine;realizzazione di un porticciolo turistico e recupero della Torre simbolo della marina; creazione di un lido accessibile ai diversamente abili, dotato di adeguate strutture e sussidi.

Interventi per l’economia: Promozione delle attività agricole e dei prodotti tipici locali, incentivazione della filiera corta e di qualità. Costituzione di una Agenzia di sviluppo comunale per intercettare finanziamenti a sostegno delle imprese locali. Stimolare la costituzione di cooperative giovanili cui affidare servizi in convenzione. Recupero e rilancio del mercato coperto e delle aree del centro. Lavori immediati per il ripristino del manto stradale dissestato di moltissime vie della città; recupero della funzionalità dei semafori e piano della segnaletica stradale. Sostegno all’associazionismo cittadino, in particolare a quello sportivo. Completamento di tutte le opere pubbliche già finanziate e cantierizzate dall’Amministrazione Comunale. Interventi particolari: Promuovere il rilancio del Monastero di S. Elia; Dare attuazione al progetto preliminare di recupero di Piazza Vittoria; Incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti. Proroga della convenzione con il Banco delle Opere di Carità.

di concreto nel luogo e nell’ora che ci sono dati da vivere. La frequentazione delle Associazioni, praticamente tutte di matrice cattolica, il mio mondo di provenienza e di riferimento, mi ha insegnato a relazionarmi con gli altri, a essere concreti nella pratica del bene comune e a impegnarmi in una visione di comunità e di condivisione. L’impegno politico, venuto dopo anni e anni di associazionismo, è stato una naturale prosecuzione dell’attività sociale svolta nel tempo. MI CANDIDO PERCHÉ. Certamente mi candido a sindaco perché è la naturale prosecuzione e conclusione di un percorso politico, svoltosi in parte nelle istituzioni, come assessore ai Servizi Sociali, per cinque anni e in gran parte, per dieci anni, all’opposizione. Soprattutto però penso che nei momenti in cui si è chiamati ad un impegno più gravoso, bisogna dare il proprio contributo senza troppi calcoli. Fare il Sindaco, infatti, così come è stato per l’Assessorato ai Servizi Sociali ti dà la possibilità di vedere qualcosa in cui credi che si realizza, nel portare avanti un progetto e vederlo materializzato sotto i tuoi occhi. Purché ci si muova con i piedi per terra e non si cerchino cose impossibili da realizzare. Le prime cose che mi impegno a realizzare. La questione fiscale va presa di petto per vedere di abbassare le tasse a cominciare dall’IMU; Rivedere la questione Equitalia, che spesso ha proposto la faccia feroce dell’esattore in un periodo in cui le famiglie non hanno occhi per piangere; Gli interventi nelle scuole, qui andrebbero concentrati interventi di sistemazione; Nuove opere pubbliche ma anche completare quelle realizzate o in corso di realizzazione; Recuperare le strade urbane; Valorizzare gli anziani memoria e storia delle nostre comunità; Incentivare le imprese a realizzare investimenti a Squinzano; Ritrovare l’amore per la nostra città; Un Parco Naturale in collaborazione con i Comuni limitrofi; Investimenti per Casalabate; Cittadini protagonisti di una bella avventura.


ZOOM / SCUOLA ROLAND/

DA SQUINZANO AL MONDO CON FRANCO SIMONE

MAURIZIO, LA MUSICA NEL CUORE Rita Cretì

P

er chi, come me, è un appassionato e adora ascoltare quello che viene fuori dalla tastiera di un pianoforte, Maurizio Mariano potrebbe rappresentare una specie di guida, un punto di riferimento per l’approccio a questo strumento meraviglioso. Scrivo queste parole mentre ascolto musica, bellissima musica, attraverso il suo sito (www.mauriziomariano. it) e, approfittando, scarico il brano gratuitamente! Sono stata a trovarlo presso una delle sedi della sua scuola di musica, che abbiamo il privilegio di ospitare qui a Squinzano (le altre si trovano una a Lecce e una a Tuglie –n.d.a.), e mi ha inondato con il suo entusiasmo per il suo lavoro. Studi classici al Conservatorio, strizzando l’occhio a quelli sulla musica moderna, collaborazioni con diversi gruppi musicali e poi l’incontro con Franco Simone con il quale dà luogo ad un idillio che dura ancora oggi. Comincia con l’insegnare “Musica” nelle scuole medie, si trasferisce a Marina di Massa, in Versilia, dove suona in locali importanti e famosissimi come La Capannina, La Bussola, il Paradise… e fornisce la musica per un primitivo karaoke a tutti i personaggi vip che passano da lì! Ripresi i contatti con Franco Simone, si ritrova a Squinzano con un suo amico, Enzo Commendatore, che lo vorrebbe come insegnante di musica per i suoi figli. Una serie di eventi riportano Maurizio a Lecce. Uno su tutti: la volontà di aprire una scuola di musica di tipo Roland (che unisce l’uso del pianoforte a quello dell’accompagnamento elettronico di un’intera orchestra). La prima sede è proprio quella di Squinzano,

dove il desiderio del suo amico trova realizzazione. Ma questo fatto fornisce la possibilità di frequentare le sue lezioni a tantissime persone con un’età che spazia dalla prima infanzia all’età matura, vantando tra i suoi migliori allievi uno dei 10 più famosi dj al mondo: Congo Rock. Il suo successo come insegnante è dovuto sicuramente alla sua professionalità e, senza dubbio, alla sua convinzione che per trasmettere le conoscenze musicali la prima cosa che si deve mettere in campo è la competenza nel settore. Con orgoglio di padre dice che

“il fulcro” della sua scuola sono ormai i suoi figli: Miryam e Francesco. Lei insegna canto moderno e lirico (ha nel suo bagaglio lo studio del canto jazz con Paola Arnesano –premiata come migliore cantante italiana del settore). Lui tiene i corsi di pianoforte, tastiere, chitarra e musica elettronica presso la sede di Lecce (già diplomato al Conservatorio in Pianoforte, si sta specializzando in Musica Elettronica). A questo punto ci salutiamo, ed io non posso fare a meno di augurargli “buon viaggio” visto che l’11 febbraio è in partenza con Franco Simone per una nuova tournèe, di dieci giorni, in cinque località del Cile, dove approfitterà per rivisitare la casa di Neruda a Viña del Mar.

Via degli Stagnini, 8 SQUINZANO (LE) Tel.: 0832.785237 Fax: 0832.788177 www.trivelsonda.com

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

10

/ QUEEN DANCE SCHOOL /

REGINA, IL SOGNO DELLA DANZA

S

Giuseppe Bello Roma

pesso quando si parla di una ballerina o di una showgirl o di una cantante gli aggettivi più usati e più diffusi sono BELLA e BRAVA , ma sarebbe riduttivo elogiare Regina solo con queste due parole … Ebbene si !!! Aggiungiamo pure che è esplosiva, frizzante, solare, allegra, espansiva, dolce nella sua bellezza e sensuale nella sua danza. Regina Lombardo, classe 89, inizia a ballare all’età di 13 anni , prima aveva praticato 5 anni di judo , sport che probabilmente non esaltava la sua voglia di esprimersi e così , si da al ballo. Fondamentale nel suo percorso Alessio Costantino , uno dei suoi ex maestri con il quale, anni dopo, riesce a fondare la QUEEN DANCE SCHOOL che oggi gestisce autonomamente con merito ed eccezionali risultati. Nel 2007, a soli 18 anni, riesce a conseguire il diploma di MAESTRA DI BALLO, presso l’Associazione Nazionale “maestri di ballo” e parte con l’avventura della sua palestra orientandosi dapprima verso i balli di gruppo, hip-hop, salsa bachata , merengue. Pian piano la scuola ha dato spazio anche ad altre categorie di ballo come la danza del ventre, baby dance, break dance e ginnastica dolce per la terza età. La media allievi annuale, attualmente, si aggira attorno le 150/200 presenze e grazie a tutto ciò che Regina quotidianamente ci mette, passione, professionalità e spirito di sacrificio. Molti suoi allievi hanno avuto la possibilità di partecipare e vincere vari campionati, regionali e nazionali, portando anche alcune coppie di ballerini in ambito internazionale, ricevendo consensi e premi. Che dire,

molto sudore, ma molte soddisfazioni , la passione a volte è una qualità che si vede in quello che si fa e non sono in quello che si prova , per questo la “ nostra Regina” ha continuato fino ad oggi a specializzarsi e a rendere il suo lavoro sempre più professionale e divertente; di recente si è specializzata nella danza caraibica studiando nei congressi di maggiore rilevanza e con i migliori artisti del settore di fama mondiale, possiamo citare Alberto Valdes, Seo Fernandez, Wilmer,Chiquito, Fernando Sosa, Roly Maden,Barbara Jimenez, Michael Fonts e tanti altri ancora potremmo citarne. Inoltre tempo fa, Regina è stata ospite in un noto programma televisivo, I FATTI VOSTRI condotto da Gianfranco Magalli e Adriana Volpe , presentando al pubblico due suoi allievi, vincitori di una lunga selezione nella categoria di salsa e merengue. Regina pur essendo ancora molto giovane, grazie soprattutto all’aiuto della sua famiglia, per lei grande punto di riferimento , ha dimostrato come una passione può diventare un lavoro, coinvolgendo molte famiglie, giovani, bambini , coppie e adulti. Speriamo, anche grazie ai suoi progetti futuri ,di vederla sempre in scena tra musical, saggi, gare, merengue e bachate… Possiamo essere orgogliosi noi squinzanesi, non solo in Inghilterra ma anche a Squinzano abbiamo la nostra REGINA !!!


COSTUME E SOCIETÀ

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

11

BUONA SALUTE

IL DOTT. RICCARDO QUARTA

mettersi in gioco per manifestare la propria attività in un centro dove la “professionalità è di casa!” A differenza degli altri studi dentistici, il Centro dentale ha messo a disposizione del cittadino,oltre al lavoro del dentista,anche laboratori odontotecnici dotati di attrezzature di altissima tecnologia. Con prezzi accessibili si può usufruire di terapie laser,implantologia,protesi totalmente in zirconia o removibili in teflon,di esami diagnostici per le lesioni cancerose del cavo orale con strumenti riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Salute;inoltre, il centro è dotato di sale e sistemi di sterilizzazione per evitare il proliferare di infezioni crociate (quelle tra paziente e medico e tra paziente e paziente). Come tutti ben sappiamo,la salute dei denti e della bocca potrebbe essere strettamente collegata al nostro benessere fisico,quindi il Centro dentale ha lo straordinario vantaggio di trovarsi all’interno di una struttura che mette a disposizione del paziente la consulenza di tanti altri validi specialisti.

IL MIO DENTISTA: CURARE LA BOCCA PER STAR BENE CON SE STESSI Alessandra Lia

O

riginario di Mesagne e laureato da 19 anni all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, Riccardo Quarta è il Direttore Sanitario del Centro dentale “Il mio dentista” presente nella sede Medex di Squinzano. Nonostante la sua affermazione in quel di Mesagne,il dott. Quarta ha voluto

PRIVACY INVESTIGAZIONI E SICUREZZA

E PER GLI ANZIANI SERVIZI DI PRIMA CLASSE BASTA PREMERE IL PULSANTE DI UN TELECOMANDO E UNA PATTUGLIA ARRIVA SUL POSTO Giuseppe Bello Roma

vigilanza privata. Un ulteriore servizio è quello fornito per gli anziani: la chiamata pronto e rapido, attraverso un semplice tasto di un telecomandino l’anziano che si sente in difficoltà può chiamare una pattuglia della PRIVACY che sarà subito a sua disposizione. E’ da sottolineare che questo istituto opera solo ed esclusivamente su Squinzano e sulla marina di Casalabate. La sua sede operativa è in Via Matteotti n. 21 a Squinzano. Tel/Fax : 0832786360 Mail: privacysrl@libero.it

I

l sicurezza rappresenta da sempre una delle esigenze primarie dei cittadini, tale argomento è molto sentito e discusso nell’ultimo periodo a causa di una serie di furti che si verificano nel nostro territorio e che interessano maggiormente Squinzano e la marina di Casalabate che continua a restare terra di nessuno, tanto che alcuni residenti e proprietari di abitazioni estive sono letteralmente allarmati per una serie di furti consumatisi nei giorni scorsi. Le Forze dell’Ordine, seppur attivamente presenti sul territorio, risultano insufficienti a fronteggiare il fenomeno che affligge soprattutto la nostra marina nei mesi invernali. Squinzano e Casalabate, comunque, da qualche mese possono avvalersi di Privacy Investigazioni e Sicurezza, un istituto di investigazioni civili e penali, che fornisce servizi integrativi, informazioni commerciali e di ricerca sulle cause delle cosiddette perdite inventariali nell’unità di vendita della grande distribuzione. In effetti, l’agenzia si pone essenzialmente lo scopo di ricercare, individuare e neutralizzare autori di azioni delittuose e/o di danno per il patrimonio aziendale nonché di dare sicurezza al personale ed alla clientela dotata delle più sofisticate attrezzature elettroniche. Privacy opera con organico di dipendenti, regolarmente assunti, con qualifica di investigatore privato, appositamente selezionati, addestrati e

seguiti costantemente sul lavoro, con alta professionalità. Inoltre le sue attività mirano a indagini su infedeltà commerciali, coniugali, lavorative; si occupa inoltre di investigazioni, ricerche ed informazioni commerciali, rintraccio di persone scomparse, servizi di portierato, servizi di scorta e sicurezza per vip, servizio d’ordine, servizio di sorveglianza, vigilanza antincendio, vigilanza armata,


ZOOM

SALVATO DOPO UN INCIDENTE STRADALE

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

12

LE MILLE ATTIVITà DELLA CARITAS

LA STORIA DI LUPETTO IL CUCCIOLO CERCA CASA

SOLIDARIETà IN GARA PARROCCHIE IN PRIMA LINEA

Veronica Notaro

Daniela D’Anna

iao, sono Lupetto, un bastardino che viveva per le vie di Squinzano, accudito, coccolato, amato e conosciuto da tutti, anche perché sono sempre stato un cane buono e dolce. La mia storia è indubbiamente una storia d’amore, affetto e solidarietà. Sentimenti che hanno spinto Antonella Vecchio e le figlie Rita e Lucia Martina a darmi una mano. L’amore incondizionato per gli animali porta le tre donne a fare ogni giorno del loro meglio per nutrire e aiutare chi ha bisogno. E, in virtù di questa indole, hanno fatto lo stesso con me, in particolare quando sono stato investito! Un brutto giorno ero andato a trovarle, come ero solito fare, e un automobilista mi ha investito, solo perché mi ero messo ad abbaiare alla sua auto. Mi ha investito volutamente ed è fuggito. Subito i miei tre angeli custodi mi hanno soccorso, portandomi dal veterinario. Il medico ha espresso il verdetto: l’urto mi aveva provocato la rottura del diaframma e lo spostamento degli organi addominali in sede polmonare, causando di conseguenza un’insufficienza respiratoria. Insomma, ero davvero nei guai! Così malmesso rischiavo la vita da un momento all’altro, dunque dovevo essere operato d’urgenza. Per l’operazione avrei dovuto raggiungere una struttura attrezzata, e la clinica più vicina, con tali caratteristiche, è a Gioia del Colle. L’intervento poi richiedeva costi non indifferenti…ma le mie donne non si sono di certo scoraggiate! Hanno lanciato un appello su Facebook e la solidarietà della gente che mi vuole tanto bene si è fatta subire sentire! Mi hanno dato una mano i conoscenti, ma anche le persone

ll’indomani del grande atto di solidarietà del Direttore della Caritas diocesana Mons. Attilio Mesagne, ovvero dell’accoglienza della coppia Mennuni- Buffolino (questi coniugi sono stati affidati alle Suore Clarisse di Lecce dopo aver trascorso 44 giorni in un furgoncino dopo es-

C

A

che non mi conoscevano affatto. In questo modo la speranza di restare in vita è diventata una splendida realtà! L’operazione non è stata una passeggiata: è durata sei ore e il mio cuore si è fermato due volte. Ma sono stato forte, ho desiderato di continuare a vivere con tutto me stesso. Non potevo “deludere” e rattristire chi mi ha aiutato, finanziando con tanti piccoli gesti l’intervento. Ora sono fuori pericolo, sono in convalescenza, pronto a tornare in forma! C’è tanta gente che chiede di me, mi viene a trovare, per salutarmi e coccolarmi. Al momento vivo con la famiglia Vecchio-Martina che, preciso, ora non sta chiedendo più nulla agli altri per me, se non una casa! Ebbene sì, sono alla ricerca di una sistemazione! Chi vuole adottarmi? Nel frattempo Antonella, Rita e Lucia ringraziano tutti coloro che hanno contribuito alla mia salvezza. E non può mancare il mio GRAZIE.

sere stati sfrattati), ci si chiede quali altri traguardi sono stati segnati dalla Caritas in generale e in particolare a Squinzano. Intanto il cardinale Tarcisio Bertone, ha inaugurato la Casa della Carità, in corte Gaetano Stella a Lecce. La Struttura, a servizio della povertà, è nata dall’intuizione e dall’impegno dell’Arcivescovo metropolita di Lecce Domenico D’Ambrosio e gestita dalla Caritas diocesana nello stabile ristrutturato del Monastero delle Benedettine, ceduto in comodato d’uso all’Arcidiocesi. I Servizi che offre sono: accoglienza notturna fino a 20 persone, mensa, doccia e consulenza medicolegale, oltre alle 5 mense, diversi ambulatori medici e la distribuzione del vestiario. E spostiamoci a Squinzano dove

le parrocchie, in primo luogo la Chiesa Matrice si è messa a servizio della carità. Per ogni parrocchia il Gruppo Caritas ha un responsabile. In primo luogo vi è la distribuzione dei viveri, al Centro Opere di Carità in via Stazione, vi attingono gli Enti che hanno aderito al Banco, copre tutto il nord Salento quasi fino a Bari. L’AGEA ex AIMA manda le derrate alimentari al banco Opere di Carità, che fa raccolta presso i supermercati che vi aderiscono a livello nazionale una volta l’anno. Oltre 200 le famiglie che si rivolgono alla Caritas parrocchiale gestita dalla Parrocchia San Nicola. E se è vero che chi dona lo fa con gioia, c’è da citare il pranzo della solidarietà la domenica presso la Casa del catechismo voluto da don Nicola Macculi alla quale vi partecipano 15 persone. E poi presso la Casa Famiglia si organizzano incontri di musicoterapia con la presenza del mago del suono Francesco Isceri. Non si può dimenticare che alle attività a servizio della Caritas prende parte anche Suor Marta che proviene da El Salvador. Insomma è a un buon livello la Caritas squinzanese e a tal proposito mi sovviene un celebre pensiero di Benedetto XVI “una delle più profonde povertà che l’uomo può sperimentare è la solitudine”. E qui grazie al salvifico intervento della Caritas gli squinzanesi sono in compagnia.

Punto Vendita e Frantoio: via per Torchiarolo, km. 1 - Squinzano (LE) Tel/Fax +39 0832 787541 - info@agricolataurino.it


ARTISTI DI CASA NOSTRA

Anno II - N.2 - Febbraio 2013

13

PITTRICE IN CARRIERA / TANTE MOSTRE E UNA SERIE DI RICONOSCIMENTI

COLORI E PENNELLO PER DARSI UN SENSO IL SOGNO DI ANNA DE DONNO: UNA SALA PERMANENTE E UNA SCUOLA DI PITTURA Rita Cretì

A

d accogliermi sulla soglia di casa è Camilla, una cucciolotta iperattiva e simpaticissima che anticipa l’aria che si respira mentre si parla con la sua padrona, Anna De Donno! Forse non riuscirò a scrivere tutto quello che mi ha raccontato, ma di sicuro voglio parlare di quello che mi ha trasmesso: positività. Consapevolezza dei propri mezzi. Un background sostanzioso. La continua ricerca, attraverso la pittura, per colmare quello spazio vuoto che c’è in ognuno di noi: questa la sua espressione quando le chiedo il perché del suo lavoro. Anna mi riporta agli anni dei suoi studi presso, l’Accademia delle Belle Arti, intrecciati con la sua attività di mamma. Soddisfatta del suo percorso, a ragione, mi porta nel suo studiolo e poi nella sala dove sono esposti tanti (ma effettivamente solo alcuni) dei suoi lavori… meravigliosi! È semplice capire il motivo di tanti riconoscimenti alle sue opere. Un linguaggio espressivo accattivante

/ ARTE MUSIVA /

che ti porta all’interno dei suoi quadri, da dove gli occhi non riescono a staccarsi, alla ricerca di quel bagliore di luce che si trova dappertutto. In ogni

pennellata. Le sue esposizioni sono tantissime: dal 1990 ad oggi. Non potendo elencarle tutte posso citarne alcune come quella che l’ha vista impegnata dal 5 al 27 maggio 2012 presso il Castello Carlo v di Lecce con la 2° Biennale Internazionale D’Arte Moderna e Contemporanea “ Città di Lecce”. E ancora con l’”Accademia della Nike “ Premio Lupiae 2013”, la mostra d’Arte presso l’ex conservatorio Sant’Anna Lecce , a cura del critico d’Arte e Storico dell’arte Vincenzo Abati (già docente di storia dell’arte presso l’accademia di Belle Arti di Lecce) dove le viene assegnato l’ultimo riconoscimento, in ordine di tempo - 13 gennaio scorso-, il premio “Lecce città d’arte” con l’opera intitolata “Inquietudine”. E le critiche… sempre positive. Il suo sogno? Una sala con una sua esposizione permanente e, ancora più fortemente, desidererebbe aprire una scuola di pittura. E noi lo auguriamo a lei, ma anche a noi: un luogo dove ammirare la bellezza delle sue composizioni e imparare i segreti che portano a concepire tali opere. Per chi non sarebbe un sogno?

DUE GRANDI OPERE, ESALTAZIONI DI QUESTA TERRA

GIANGRANDE, OMAGGI AL SALENTO Paolo Sabato

I

l Salento … Una terra che ormai parla in tutte le lingue della cultura, una parte di Italia che fino a vent’anni fa era quasi sconosciuta, invisibile, rinchiusa nei suoi due mari. Solo l’amore della sua gente ha fatto sì che oggi sia uno dei punti turistici più rinomati della nostra nazione. Amore che si esprime attraverso la quantità di bibliografia sfornata dalle illustri case editrici locali, dalla musica ritmata della pizzica, dall’arte scultorea della pietra leccese, scolpita dagli artisti locali della controriforma, e dalla gastronomia dai sapori diversificati legati alla terra e al mare. Anche Alberto Giangrande, come numerosi

artisti salentini, attraverso le sue opere musive vuole omaggiare il Salento. A lui servono solo pochi elementi: delle pietre colorate, una tenaglia, un disegno preparatorio e della malta, per esprimere ed esaltare l’amore per la sua terra. Due opere di grande formato (110 x 225 cm), quelle che ci presenta: una, dedicata alla terra, rappresenta la vendemmia, quel momento di lavoro ma anche di festa, quel momento in cui il caldo dell’estate viene smorzato dai

canti che le donne intonano durante il lavoro. Dove i tortuosi ceppi, coperti dalle foglie, nascondono i grappoli d’uva che ben presto diventeranno mosto e poi buon vino. Un rito per i salentini, che sono legati alle loro tradizioni e non sdegnano mai il loro amore per quella terra che ha contribuito a rendere popolare le sue provincie. L’altra opera è dedicata al mare ed in particolare al mare di Casalabate. Una località poco conosciuta dai turisti più fanatici, ma tanto amata dagli abitanti dei comuni limitrofi che dimostrano la loro fedeltà durante il periodo estivo con la loro impagabile presenza. L’opera raffigura quegli attimi di gioia a cui tutti siamo legati e dai quali difficilmente saremmo capaci di separarci: la pesca, che con i suoi frutti accomu-

na gli animi ed i sapori della tavola, e la musica delle serate in compagnia. Momenti che si svolgono intorno alla torre cinquecentesca che Carlo V volle lì a difesa del suo popolo. Grazie ad Alberto Giangrande e alle sue magnifiche opere musive dai vivaci colori e dalla ricchezza di particolari il nostro Salento ha avuto modo, ancora una volta, di raccontare e documentare due aspetti che lo rendono splendido agli occhi di chi ci vive e di chi ha il piacere di esplorarlo.


N

icola

Schipa

Serena Manca 19/02/2013 Dalila Esposito 21/02/2013

013

20/02/2

mo. ande uo spetta. r g lo o ti a picc à. Auguri corri…la vita a e pap u m r d m a d e m b a i d no Corr mplean Buon co

Antonio ed Elvir a Giangrand e Anniversario di Matrimonio 11/02/56- 11/02/ 2013

Tutto il meglio alle migliori AUGURI

/01/2013 Giorgio Pezzuto 02 Tantissimi auguri al piccolo Giorgio... L’angioletto di casa che da sei anni riempie le nostre vite di gioia e amore... Ti vogliamo bene mamma,papà,i tuoi zii e cuginetti.

Auguri per lo sple ndid raggiunto dalla tu o traguardo a famiglia Gabriel Taurino 16.02.2013

Mino Pi e 17/01/2 rri 013

Congra t traguar ulazioni per l’im d di un fu o raggiunto c portante on turo ric non solo co di su l’augurio Federic professionali ccessi d o Simona , Davide, Ire a Marco, ne, And , Romolo re Gabriele , , Fabio, Gianni, Paolo, a, Antonio . o ascariell

Mariarita P 15/02/2013

Arnaldo Andresani 27/01/2013

Giuseppe Pastore 04/02/2013

Mariarita La piccola o il suo prim festeggia tissimi auguri o! Tan compleann ariangela e papà M a da mamm Roberto 13

Enzo Strambace 03/02/20

Il tuo primo a gioia compleanno, un nti Ta o! senza ingann dalla ia m ta vi ri augu a! ci Lu tua zia

Angela e Gloria Moliterni O7/12/2012

Alla nostra felicità ora non manca più nulla. Benvenute Angela e Gloria da papà Antonio e mamma Alessandra

Tanti auguri da papà, mamma ed Helena

tuoi 91 Tantissimi auguri per i Totem anni dalla redazione di

Federico De Nigris 14/02/2013

zioso,un Al nostro dono più pre tutti re augurio di vero cuo da di o ann zo ter tuo noi per il nonna .. ia.. igl fam tua la .... età o, Angelina, nonno Fernand bio Fa zio lo e a mm ma papà, la

Fernando e Mar ia Regina. San Valentino

Da quando ti ho conosciut a per me non esiste né sogno né realtà, perché per me tu sei tut to. TI AMO

Tanti auguroni papà uriamo per i tuoi 68 anni, ti aug gria! alle e ia gio con di viverli nuela Ma Tua moglie, Cristian e Asia Marinac i 24/02/2013

Eccoti qui così vivace a festeggi bella e anni. Tanti auguare i tuoi 5 ri compleanno al di buon ballerina da m la nostra amma e papà.


FRARA preziosi

Vi aspettiamo nella nuova sede di

Via Lecce, 12 73018 SQUINZANO (Le)

Tel. e Fax 0832/784412 e-mail: frarapreziosi@libero.it

02 - TOTEM GIORNALE FEBBRAIO 2013  

Totem Giornale di Squinzano (Lecce, Salento)

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you