Issuu on Google+

Anno I • Numero 42 •Venerdì 30 Marzo 2012

TortoheliePress

il settimanale gratuito di Tortolì

Caso SharDna: che fine faranno i dna degli ogliastrini?

Il Dna degli ogliastrini suscita da sempre l’interesse di studiosi e ricercatori, il nostro patrimonio genetico ha dato origine a ricerche e sperimentazioni di vario tipo. Ma questa volta l’acido desossiribonucleico (DNA) locale è saltato agli onori della cronaca, non per una recente scoperta in campo medico, ma una più prosaica questione di interessi economici e strane vicende imprenditoriali. (pagina 3)

ss re eP eli oh rt To

Editoriale

Cronaca

Ancora sui tagli agli sprechi...

ss re eP eli oh rt To

s s s s ss h ss h oh res toh res toh res toh res toh re to re to r rt r r r eP or eP or To lieP To lieP To lieP To lieP To lie eli T eli T s he s he s he s he s he oh oh es to es to es to es to es to r r r r r r rt rt r r r r r To To eP To lieP To lieP To lieP To lieP To lieP e e e eli e e s s s oh oh res toh res toh oh res toh r r r rt rt rt To To lieP To lieP To To lieP To he s he s he s s s s es es rto es rto es es rto es Pr T Pr To iePr To iePr Pr To iePr lie l l l lie lie e e e e e s s s s s ss he oh res toh res toh res toh res toh res to re rto r r rt r r r ieP To To ieP To ieP To ieP To ieP To ieP To

ss re eP eli oh rt To

Parlando della mala gestione delle strutture scolastiche – a proposito, neanche una voce si è sollevata, né dalle istituzioni coinvolte né dai soliti interventisti – avevamo rimandato ad un secondo appuntamento sull’argomento. I problemi nell’utilizzo e nella gestione del patrimonio pubblico non mancano davvero, purtroppo, e Tortolì non fa eccezione. Per esempio tutti conosciamo quel bel cortile con una serie di fabbricati intorno che si affaccia sulla via Pirastu, la strada per Lanusei, e forse molti non sanno neanche cosa vi dimori. È la sede del Consorzio di Bonifica e lì ci sono sia gli uffici che i depositi di auto e attrezzature. Non sono gli unici fabbricati del Consorzio visto che ci sono anche altri due capannoni, uno in prossimità dell’albergo S.Lucia e uno vicino all’istituto della scuola professionale agraria. Di cosa si occupi oggi il consorzio è per tutti un mistero visto che l’esecuzione delle opere di salvaguardia dei fiumi, dal Foddeddu al Pramaera, sono affidate ai comuni interessati e la gestione della rete irrigua è compito di cui il consorzio non può andare fiero visto che è stata una delle cause del disastro della rete idrica potabile di Tortolì. (pagina 3)

Torre S. Gemiliano: da un lato il mare, dall’altro rifiuti In estate parte il progetto PercOrrì Il lido di Orrì, una delle perle naturalistiche del nostro territorio, è al centro di un progetto di valorizzazione che sarà attuato entro l’estate, si tratta di “PercOrrì”, turisti e tortoliesi potranno godere di un percorso pedonale paesaggistico nel lungomare di Orrì dalla prima spiaggia fino al golfetto. Il progetto consentirà di allontanare il traffico veicolare garantendo il rispetto degli arenili e valorizzando i punti meno frequentati. (pagina 5)

Cultura Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi

Cultura

Condizioni critiche per l’area circostante la bellissima torre di San Gemiliano. Molti tortoliesi, infatti, hanno scelto di utilizzare lo spazio intorno alla torre per abbandonare i propri rifiuti. Uno spettacolo raccapricciante, considerata l’importanza del luogo che è visitato tutti i mesi dell’anno da decine di turisti. (pagina 5)

Sport

Il Tortolì deve rincorrere la salvezza E’ successo ciò che non doveva succedere. Il Tortolì torna da Arbus con zero punti, e per estrema logica consegna ai rivali un’altra vita, riducendo il divario da sette a quattro punti. La partita ha visto i tortoliesi dominare gli avversari, ma si sa nel calcio contano i goal, e disgraziatamente l’Arbus ha avuto la meglio per 2 a 1(pagina 6)

ATTICO B. BIANCO

Uno sguardo inedito sulla condizione femminile in Iran, un libro-documento che pare un vero e proprio atto d’amore per la letteratura e per la libertà. “Leggere Lolita a Teheran” apre una finestra su un mondo che abbiamo il dovere di conoscere meglio. Assolutamente consigliato. (pagina 7)

€ 160.000 Tortolì località San Michele, proponiamo in vendita un attico di mq 55 circa. L’appartamento è composto da: zona giorno con angolo cottura e zona pranzo, soggiorno e veranda panoramica. Nella zona notte troviamo una camera da letto, due bagni di cui uno con balcone. Posto auto.

WWW.IMMOBILIALBATROS.COM


STEAK HOUSE

CARNI CARNI E CONTORNI CONTORNI Servizio d’asporto Servizio d’asporto

Da Steak House si possono gustare diversi tipi di carne, tra le quali, l'argentina, l'irlandese, il manzo sardo, il cavallo, altre ancora, e diversi tipi di contorno. Ma Steak House non è solo carne; si possono ordinare anche panini, tra i quali il famoso Hot Dog, Cheeseburger e le mitiche patatine fritte. DAL LUNEDI AL VENERDI PRANZO COMPOSTO DA PRIMO, SECONDO, CONTORNO, ACQUA O 1/4 VINO IL TUTTO A SOLE 9,00 EURO.

L'ultima novità di Steak House è la serata argentina che si propone per il sabato sera con un menù a base di carne appunto argentina. Si consiglia la prenotazione

Via Mons. Virgilio, 42 - Tortolì (OG) - Tel 0782 450412 - Cell. 338 9274888 - fantasia.tortolì@libero.it

Via Mons. Virgilio, 42 - Tortolì (OG) - Tel 0782 450412 - Cell. 338 9274888 - fantasia.tortolì@libero.it

CON NOI L’ENERGIA È IN MOVIMENTO

IL FUTURO È ELETTRICO, IL FUTURO È ADESSO

Presso la nostra sede la ricarica del tuo veicolo elettrico è gratis! POSSIBILITÀ di “Test Drive” CON TUTTI I NOSTRI VEICOLI ELETTRICI

170.000 € NUOVO TRIVANO Via Cairoli - Tortolì (OG) Telefono 0782 620077 immobilialbatros@gmail.com www.immobilialbatros.com

Tortolì centro,proponiamo un accogliente e luminoso trivano di mq 70 ubicato al piano primo di una piccola palazzina di piani tre,composto nel seguente modo: ingresso direttamente sulla zona giorno dove troviamo una cucina semiabitabile con veranda, il soggiorno e uno studio; la zona notte è separata da un ampio disimpegno dove trovano spazio due camere da letto e il bagno. L’appartamento è completo di arredi e riscaldamento autonomo. Posto auto.

165.000

TRILOCALE ARREDATO

200.000

APP. BORGO BIANCO

70.000 €

CASA MARE

Tortolì , in località San Michele Tortolì localita Orrì ad un km Tortoli, a 700 mt dal mare vendiamo villetta a schiera di mq dal mare, proponiamo proponiamo un ampio trilocale di 60C.a. con ingresso indipendente, appartamento in affitto 70mq, ubicato al piano primo in un cantina di mq 16 C.a. a cui si accede composto da: zona pranzo complesso di nuova costruzione. direttamente dall'appartamento e cona angolo cottura, una L’unità abitativa è cosi composta: giardino di mq 170. L’abitazione è camera matrimoniale, una soggiorno con angolo cottura, ubicata al piano terra e si articola su stanza singola con tre posti veranda, disimpegno, camera due livelli componendosi nel letto e il bagno. Possibilità matrimoniale, bagno e seconda all'occorrenza di un posto camera da letto che si affaccia in una modo seguente: ampio soggiorno con angolo cottura , bagno, una letto in soggiorno. La casa è piccola veranda. L’appartamento è camera da letto, studio. circondata da un bellissimo finemente rifinito, compreso di Posto auto coperto; l’unità giardino con barbecue. arredi di ottima qualità e dotato di abitativa viene consegnata impianto di condizionamento. Al completa di impianto di piano interrato si trova la cantina di riscaldamento e riserva per l’acqua. 14mq. Posto auto di proprietà.

110.000

BIVANO IN RESIDENCE Tortolì centro, proponiamo in vendita grazioso appartamento di mq 50, composto da: soggiorno con angolo cottura, una camera matrimoniale e il bagno. Cantina e posto auto.

VISITA IL SITO WEB O VIENI A TROVARCI NELLA NOSTRA AGENZIA PER SCOPRIRE TUTTE LE NOSTRE OFFERTE


Caso SharDna: che fine faranno i dna degli ogliastrini?

Il patrimonio genetico dei sardi attira da anni l’interesse di studiosi e tecnici. A spiegare questo entusiasmo nei confronti delle molecole sarde i dati sulla longevità, in particolare in Ogliastra, che vedono una folta presenza di centenari. Il corredo di cromosomi della popolazione sarda, come tutti quelli delle comunità isolane, rappresenta infatti un terreno fertile per le ricerche in questo campo. Lo studio del DNA, condotto in questi anni sul sangue dei centenari, ha messo in evidenza che alcune mutazioni genetiche contribuiscono ad allungare la vita. Una di queste riguarda il gene che regola l’enzima G6PD (glucosio-6- fosfato deidrogenasi), responsabile di malattie come il favismo, che nei centenari è carente più che nella popolazione normale, un vero e proprio primato che fa dei sardi e degli ogliastrini in particolare, un caso studio da inserire negli annali di medicina. Ma questa volta l’acido desossiribonucleico (DNA) locale è saltato agli onori della cronaca non per una recente scoperta in campo medico, ma una più prosaica questione di interessi economici e strane vicende imprenditoriali. Il dna degli ogliastrini, infatti, è sotto sequestro. I 15 mila campioni biologici, che attraverso analisi ed esami gratuiti alla popolazione, sono finiti al Parco Genos di Perdasdefogu, dopo le indagini della Guardia di Finanza sulla SharDna non si sa più a chi appartengano. Ma cominciamo dall’inizio. La SharDna è una società di biotecnologie specializzata nella ricerca nel campo della genetica molecolare. È nata nel 2000, grazie all’imprenditore e futuro governatore della Regione Renato Soru, con l’obiettivo di studiare il patrimonio

genetico dei sardi. Il capitale sociale della SharDna apparteneva per l’82% a Soru, per il 13% al Banco di Sardegna, mentre un altro 5% era suddiviso tra il Cnr, la Sfirs e la Clinica Tommasini di Jerzu. Nel 2009, la società che avrebbe dovuto identificare, attraverso lo studio del dna degli ogliastrini, i fattori scatenanti di alcune malattie comuni, è stata venduta per 3 milioni di euro alla fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Don Verzè. Gli ultimi mesi del 2011 hanno visto il San Raffaele al centro di una colossale indagine giudiziaria, dopo la megabancarotta della società: un buco di oltre un miliardo e mezzo di euro, milioni e milioni scomparsi dalle casse, fatture gonfiate anche del triplo rispetto ai costi di mercato. Il mese scorso, gli uomini della Guardia di Finanza hanno fatto irruzione nella sede legale della SharDna acquisendo bilanci e documenti contabili. Non solo. Hanno effettuato le perquisizioni anche a Perdas, nella sede del Parco Genos, un consorzio di cui fanno parte anche i comuni di Perdas e di Talana, e al quale la Shardna aveva affidato i 15 mila campioni biologici degli ogliastrini. Le Fiamme Gialle cercano di far luce sui rapporti che intercorrono tra SharDna e Parco Genos, di capire a chi appartengano i campioni raccolti e come mai siano stati affidati all’associazione consortile, oltre che di comprendere se ci sia qualcosa di poco trasparente nella vendita delle azioni societarie della SharDna al San Raffaele. L’unica cosa certa, per ora, è che la società dal 6 febbraio è in liquidazione ed è ormai a rischio chiusura. I dipendenti, che da cinque mesi non ricevono lo stipendio, hanno scritto agli assessori competenti per salvare il posto di lavoro e la ricerca in Sardegna. Mentre si attendono gli sviluppi della vicenda, ci si può solo domandare che fine faranno le migliaia di provette di dna ogliastrino e tutti gli anni di studio già affrontati dai ricercatori. (Laura Meloni)

Via Praga, continuano le perdite

foto: Claudia Pilia

Da mesi un tubo rotto riversa grandi quantità d'acqua sulla strada, provocando disagi alla popolazione. I residenti hanno avvisato le autorità competenti che, accogliendo la supplica, si sono recati immediatamente in Via Praga a controllare la situazione. Constatando la pericolosità della perdita, che aveva già provocato una voragine nell'asfalto, gli operai hanno circondato l'area con alcune transenne per evitare che qualche malcapitato inciampasse nella crepa. A distanza di mesi le transenne sono ancora lì, così come la perdita. Nessuno, infatti, ha ancora provveduto a risolvere il problema alla radice aggiustando le tubature e, dopo tanta attesa, i cittadini pretendono un po’ di attenzione: “L'asfalto continua a indebolirsi e tra non molto la strada sarà inagibile -dichiara un residente - “noi quest'acqua la paghiamo. E' uno spreco enorme, speriamo che la situazione venga risolta al più presto”. (ClPi)

Torre S. Gemiliano: da un lato il mare, dall’altro rifiuti

Condizioni critiche per l’area circostante la bellissima torre di San Gemiliano, antica struttura che si affaccia sul mare sovrastando decine di chilometri di baie. Da un lato la baia di Portu Frailis, dall’altro la spiaggia di San Gemiliano e di fronte a sé un mare cristallino e limpido. Purtroppo però, come spesso accade, l’apparenza inganna e la nostra cittadina ne è la prova. Molti tortoliesi, infatti, hanno scelto di utilizzare lo spazio circostante per abbandonare i propri rifiuti. Uno spettacolo raccapricciante, considerata l’importanza del luogo che è visitato tutti i mesi dell’anno da decine di turisti. Sorvolando sulle condizioni della torre, ormai invasa da cartacce e scritte che deturpano il monumento secolare, la situazione più critica è proprio quella dell’area circostante. Accanto alle stradine che costeggiano la torre, tra gli arbusti, cumuli di rifiuti fanno da cornice, togliendo al luogo molta della magia che un sito di tale importanza storica dovrebbe avere. Lo scempio della zona che circonda la “tredicesima torre” non è altro che un’ulteriore prova di quanto i cittadini non apprezzino il valore della propria città, l’ennesima dimostrazione del fatto che molti tortoliesi non abbiano la più pallida idea di cosa significhi la parola “rispetto”. (ClPi)

FUORI DAI DENTI

Nuovo sport tortoliese: il tiro al lampione

Finalmente, dopo anni ed anni di buio pesto, anche il lido di Orrì è stato dotato di illuminazione. A distanza di pochi mesi, ignoti passanti appassionati di “tiro al lampione”, hanno visto bene di accanirsi sui preziosi faretti. Non biasimiamoli per la loro fobia della luce e cerchiamo di comprenderli e accettarli per quello che sono: dei poveri ignoranti che, in quanto tali, trovano nell’oscurità il loro habitat ideale. In fin dei conti, come dice il proverbio, “Il saggio ha occhi in testa, l’ignorante cammina al buio”.

TortoheliePress

Venerdì 30 Marzo 2012 • tortoheliepress@gmail.com

CRONACA

3

dalla prima

Editoriale

Infatti, il prezzo assolutamente competitivo dell’allaccio e talvolta la “gratuità” dello stesso, data dal fatto che moltissimi non pagassero, ha consentito la diffusione in città di una pratica altamente dannosa ossia la creazione di un doppio allaccio, totalmente abusivo, la cui conseguenza è stata il fatto che molti punti della rete entrassero in contatto. Le realizzazione di condotte eseguite in modo improvvisato e soggette a frequentissime interruzioni della fornitura ha determinato l’infiltrazione di acqua irrigua nella rete potabile con conseguente inquinamento di tutta la rete. Tutto è accaduto nella totale indifferenza dei più e dei gestori del Consorzio in primo luogo. Da qualche anno, dopo aver finalmente rinunciato ad eleggere gli organismi di gestione, il Consorzio è retto da un commissario, nominato dall’assessore regionale all’agricoltura, e il grado di appetibilità del ruolo è figlio esclusivamente dell’indennità che garantisce. I tortoliesi, e tantomeno la Regione, non sanno cosa accada in quelli uffici, ma ve lo diciamo noi: non accade assolutamente nulla e gli stipendi che vengono erogati sono una delle tasse occulte a carico dei cittadini. Il tutto senza contare che i fabbricati potrebbero essere utilizzati in modo più proficuo per la collettività. Attendiamo rapide e convincenti risposte. I tortoliesi le meritano.


In estate parte il progetto PercOrrì

Il lido di Orrì è una delle perle naturalistiche del nostro territorio: chilometri di spiagge bianchissime e di mare azzurro cristallino, da lasciare a bocca aperta dalla meraviglia chiunque abbia la fortuna di visitarlo. Da qualche tempo è diventato area Sic, Sito di Importanza Comunitaria, e inserito nella Rete ecologica “Natura 2000”, un “sistema di aree dedicate alla conservazione della biodiversità europea, caratterizzato dalla presenza di habitat e specie faunistiche e floristiche d’interesse comunitario”. Questa zona è stata inserita nella lista dei luoghi selezionati dalla Commissione europea perché qui si conserva un habitat naturale unico. La Regione Sardegna, attiva per queste aree specifici finanziamenti, al fine di valorizzare e conservare queste zone. L’assessorato ai Lavori Pubblici ha ottenuto pertanto per il lido di Orrì un finanziamento di 100 mila euro per “PercOrrì”, il progetto dall’architetta Valentina Cristo che, in collaborazione con l’ufficio tecnico comunale, ha ideato un sentiero di accesso al mare “diverso”. Quest’estate, infatti, turisti e tortoliesi potranno godere di un percorso pedonale paesaggistico nel lungomare di Orrì dalla prima spiaggia fino al golfetto. Il percorso sarà segnalato da una cartellonistica rigorosamente fissata su supporti di legno in cui saranno raffigurate le essenze tipiche della macchia mediterranea come il Mirto, la Ginestra Spinosa e il Giunco pungente. Le informazioni saranno tradotte anche in inglese. Il PercOrrì sarà completato con la sistemazione del parcheggio nel piazzale della spiaggia del Trampolino. Nell’area sarà creata la logistica sia per la sosta delle automobili che per la tutela del percorso pedonale, che prevede il transito delle persone con diversa abilità. Il progetto PercOrrì mira alla fruizione di questo incantevole luogo a piedi, allontanando il traffico delle macchine nel rispetto degli arenili e valorizzando quei punti meno frequentati come per esempio la prima spiaggia di Orrì. Ma non è finita qui, perche PercOrrì fa parte di un disegno più complesso, legato a un

progetto in fase di approvazione dell’ufficio Ambiente del comune di Tortolì, denominato “Interventi di Valorizzazione ambientale area Sic lido di Orrì.”. L’area oggetto d’intervento, avrà inizio nella parte finale della passerella già presente (direzione Tortolì) e terminerà nell’imbocco della strada rurale che conduce allo stagno di Orrì. In particolare s’interverrà lungo il tracciato stradale che conduce al primo tratto della spiaggia di Orrì, completando la passerella ciclopedonale, grazie alla quale sarà possibile raggiungere lo stagno di Orrì a piedi o in bicicletta lungo un percorso naturalistico – ambientale ben distinto dalle carreggiate stradali. L’ambizioso progetto mira anche, e soprattutto, alla “valorizzazione dello stagno di Orrì che purtroppo allo stato attuale si presenta in un notevole stato di degrado e abbandono. Inoltre, è quasi totalmente sconosciuto ai fruitori del litorale e a buona parte della popolazione, dal momento che non risulta visibile dalla strada che conduce al litorale, eccetto che dalle due strutture private (campeggi) antistanti allo stagno”. Pertanto, al fine di porre a conoscenza della popolazione, locale e non, la presenza di tale risorsa naturale, il progetto di valorizzazione intende “sostituire in parte l’attuale recinzione metallica di delimitazione dello stagno (la quale oggi risulta ricoperta di varia vegetazione arbustiva precludendone totalmente la visione), con una staccionata in legno di castagno che consentirà l’affaccio diretto sullo stagno”, la quale sarà collegata alla passerella lignea ciclopedonabile, che ne permetterà l’accesso in tutta sicurezza. Altro obiettivo fondamentale è rendere tale ambiente accessibile e fruibile anche alle persone con ridotte capacità motorie. Il progetto PercOrrì sarà pronto per l’estate, mentre l’intervento di valorizzazione dell’area Sic è in fase di approvazione. Due progetti che meritano attenzione per la promozione del litorale di Orrì, un ambiente unico nel suo genere e senza timore di smentita, uno dei luoghi più belli e affascinanti al mondo. (Federica Melis)

Continua il progetto “Faicricca.it” a Tortolì “Faicrikka.it” è un centro di aggregazione virtuale creato per i giovani. Il progetto, nato nel 2006 per offrire ai ragazzi tortoliesi uno spazio virtuale nel quale confrontarsi ed esprimere le proprie idee su tematiche d’interesse comune, permette ai cittadini di comunicare con un team di medici. Questo scambio avviene attraverso una rubrica denominata “Chiedi all’esperto”, dove all’utente vengono dati dei validi consigli su argomenti come la sessualità, l’alimentazione e la psicologia. Dal marzo 2011, i promotori dell’iniziativa, l’Assessore Rita La Tosa, la Responsabile dell’Area Sociale, Scolastica e Culturale Elisabetta Spano, la dott.ssa Simona Piroddi e il web master Andrea Casula, sono stati affiancati dai volontari del servizio civile impegnati nel progetto “I giovani in Comune 3”: Anna, Claudia, Stefania e Stefano, con il supporto del web master Andrea e dell’operatore locale di progetto Simona, si sono occupati per un anno della gestione del sito web e dell’aggiornamento del giornalino, offrendo al “visitatore” un approfondimento dei principali fatti di cronaca locale, una raccolta di video e fotografie, una serie di link e informazioni utili sui trasporti e sulle strutture ricettive ogliastrine. Una settimana fa i quattro ragazzi hanno ceduto il proprio posto ad altri collaboratori che per un anno si occuperanno di portare avanti il progetto. Buon lavoro ai nuovi volontari. (Cl.Pi)

TortoheliePress

Venerdì 30 Marzo 2012 • tortoheliepress@gmail.com

CRONACA

5

I lavori

I NOSTRI CONTATTI Telefono: 070 5435166 Cellulare: 329 5399174 Fax: 0782 576408 tortoheliepress@gmail.com redazione@tortohelie.it

TortoheliePress Il Giornale di Tortolì lo trovi

online dal Giovedì!

WWW.TORTOHELIE.IT


TortoheliePress SPORT

6

Venerdì 30 Marzo 2012 • tortoheliepress@gmail.com

Il Tortolì deve rincorrere la salvezza

foto: Giovanni Cabras E’ successo ciò che non doveva succedere. Il Tortolì torna da Arbus con zero punti, e per estrema logica consegna ai rivali un’altra vita, riducendo il divario da sette a quattro punti. La partita ha visto i tortoliesi dominare gli avversari, ma si sa nel calcio contano i goal, e disgraziatamente l’Arbus ha avuto la meglio per 2 a 1. A questo punto del torneo, mancando quattro partite, la situazione è molto

delicata e i punti che separano i ragazzi di mister Tamponi dalla retrocessione diretta, sono scesi inesorabilmente a quattro. Approfondendo bene la classifica, bisogna considerare il fatto che se il distacco dalla terzultima posizione si è affievolito, la salvezza diretta dista soli cinque punti, e in quest’ultimo mese di campionato tutto può succedere. Il prossimo turno vedrà disputarsi al “Frau Locci” un derby tutto fuoco contro gli storici rivali del Lanusei. La sfida è senza dubbio di cartello, ma il valore dell’incontro è incalcolabile e una vittoria accrescerebbe indubbiamente morale e fiducia attorno a tutto l’ambiente. Sarà la partita degli “Ex”: su tutti spiccano Edoardo Melis, centrocampista in forza al Lanusei, che si ritroverà contro la squadra in cui ha militato nelle ultime stagioni in Eccellenza; ma, soprattutto, Daniele Salerno, attaccante tortoliese con il dente avvelenato, che vorrà senza dubbio farsi rimpiangere dei suoi vecchi tifosi e società e regalare esultanze alla città che l’ha visto crescere. Si attende il pubblico delle grandi occasioni, pronto a caricare i propri beniamini verso questa rincorsa alla salvezza. Le emozioni saranno tantissime, sperando che a fine partita ci sia solo da gioire. (R.M.)

Castor: i granata perdono il treno play-off

Arbatax calcio: l’insidia dell’ex capolista

Dopo l’esaltante vittoria inflitta ai danni dell’Escalaplano nell’ultima gara casalinga, l’Arbatax si appresta ad affrontare domenica il Seui Arcueri che è reduce dalla sconfitta inflittagli dallo Jerzu. Sconfitta che le ha fatto perdere la vetta della classifica proprio a discapito della squadra jerzese. “Sappiamo di andare ad affrontare una squadra ben attrezzata per il salto categoria – ha detto il Team Manager Fabrizio Mereu – che vorrà rifarsi dell’ultima giornata di campionato. Tra tutte le squadre del girone mi è sembrata la più completa dopo il match di andata. Naturalmente anche noi vogliamo dire la nostra e porre un altro mattone nel nostro percorso. Il campionato non è affatto concluso, abbiamo ancora quattro partite da disputare e quella di domenica rientra nel nostro cammino verso la salvezza”. Per l’insidiosa trasferta (all’andata il Seui si impose con un perentorio 3 a 0 al “Fra Locci”), il Mister Cantelmi potrà contare sul recuperato Efisio Corgiolu, autore di un’ottima prestazione contro l’Escalaplano e su Carlo Pilia, tornato ad essere quel giocatore fondamentale che tutti hanno sempre ammirato e nuovamente decisivo in fase realizzativa come dimostrato con la terza rete dell’incontro di domenica. Amarcord: il campo del Seui Arcuerì battezzò la prima rete in maglia bianco azzurra per Daniele Mascia, marcatore storico dell’Arbatax che iniziò contro i gialloneri una lunga serie di gioie con la maglia arbataxina. (Claudio Mascia)

Svanito il sogno promozione del Girasole Il nostro giornale, in collaborazione con Arkadia, ha ideato una competizione a suon di racconti inediti battezzata come LETTERe in ARIA e dedicata a tutti coloro che amano scrivere, purché ogliastrini o di origine ogliastrina. Il tema del racconto è a discrezione degli scrittori, la lunghezza è fissata in un massimo di 15 cartelle (da 2000 battute spazi inclusi ciascuna) mentre la data di scadenza per l’invio dei racconti (da inviare alla casa editrice Arkadia- viale Bonaria 98 -09125 Cagliari) è già stata da noi fissata per il 1 maggio 2012.

foto: Giovanni Cabras Il turno di campionato precedente conferma definitivamente il distacco dal treno playoff da parte della Castor. La sconfitta conseguita domenica scorsa tra le mura amiche contro il Calcio a 5 Sinnai, decreta purtroppo la fine di un gran bel sogno. I tortoliesi non sono riusciti nelle ultime due giornate a ottenere quei punti che le avrebbero consentito di tenere ancora acceso un lumicino, seppur leggero, di possibilità di promozione. Detto questo, non bisogna in ogni caso dimenticare il grandissimo campionato disputato dai granata che, non ci stancheremo mai di ricordarlo, erano riusciti a settembre a evitare l’eclissi dai campionati dilettantistici sardi, essendo capaci in pochissimi giorni di costruire una squadra, che come obiettivo dichiarato, a

detta di tutti, puntava onestamente alla salvezza. Il campionato ha visto col passare dei mesi una Castor sempre ai vertici della classifica, ma che nelle partite chiave non è riuscita a esprimersi al meglio e, non ottenendo il cosiddetto salto di qualità, che forse è venuto a mancare a causa dell’inesperienza nel gestire la pressione, solitamente presente nelle squadre costruite per vincere. I tortoliesi, nonostante gli ultimi risultati negativi, si trovano in sesta posizione, e domenica prossima affronteranno in un derby che si annuncia spettacolare e ricco di goal, il Girasole, che si trova in quinta posizione. All’andata in un incontro molto “caldo”, furono i granata a imporsi per tre a due. (Riccardo Melis)

Il Girasole fa svanire la speranza dei playoff per questo campionato. Nonostante l’impegno profuso da tutta la squadra e dallo staff gialloverde, anche quest’anno la promozione è rimasta solo un desiderio. Domenica la squadra ha giocato a Quartu Sant’Elena portando a casa un solo punto, ottenuto grazie al pareggio. Durante il primo tempo i ragazzi di mister Murino hanno fatto meglio degli avversari portandosi in vantaggio grazie a un rigore, procurato e poi trasformato dallo stesso Mameli. Nella ripresa i padroni di casa si sono trovati davanti un Girasole scontato e poco combattivo e sono così riusciti a pareggiare facilmente. Varie le occasioni perdute da entrambe le parti prima che l’arbitro sancisca la fine dell’incontro. Domenica ci sarà il tanto atteso derby contro la Castor, partita importante ma non più decisiva per nessuna delle due squadre. Che vinca il migliore. (Federica Pilia)


Letto per voi. Leggere Lolita a Teheran

“Vivevamo in una cultura che negava qualsiasi valore alle opere letterarie, a meno che non servissero a sostenere qualcosa che sembrava più importante: l’ideologia. Il nostro era un paese dove tutti i gesti, anche quelli più privati, venivano interpretati in chiave politica”. Il governo iraniano fa continue pressioni sui contenuti delle lezioni della professoressa Azar Nafisi e lei non vuole sopportare oltre. Decide di rinunciare al suo posto di docente universitaria ed organizza un piccolo seminario a casa sua, che ha il sapore della clandestinità. Ogni giovedì sera, per due anni, riceve in segreto le sette migliori studentesse del suo vecchio corso per parlare di letteratura, grandi romanzi e condizione femminile. Ogni testo analizzato diventa, infatti, lo spunto per riflettere sulla situazione della donna nella repubblica islamica dell’Iran e un modo per le ragazze di aprirsi e parlare del proprio mondo privato. Si tolgono il velo e aprono il cuore. Ognuna ha la propria personalità e la propria storia fatta di dolore e speranza: “Gli incontri rappresentavano la nostra occasione di fuga, in quelle poche ore ci sentivamo libere di confessare dolori e gioie, inibizioni e debolezze”. Vengono presi in considerazione durante il seminario quattro autori in particolare: Nabokov, Austen, James e Fitzgerald. Attraverso le storie da loro magistralmente narrate, ogni ragazza trae gli spunti per affrontare il difficile presente, in una continua sfida con i limiti imposti dalle convenzioni sociali e tuttavia

con un’allegria che commuove. Una testimonianza appassionata di una realtà difficile e complessa. Un libro-documento che pare un vero e proprio atto d’amore per la letteratura e per la libertà. “Leggere Lolita a Teheran” apre una finestra su un mondo che abbiamo il dovere di conoscere meglio. Assolutamente consigliato. (Michele Girardi)

Caffè Letterario: “Un tuffo nel passato remoto”

Il Caffè Letterario arbataxino ospiterà domenica 1 aprile una conferenza dall’affascinante argomento: il viaggio nel mondo nascosto de Sos Anticos attraverso il simbolismo e la cosmogonia shamanica del popolo dei Nuraghi. La serata intitolata “Un tuffo nel passato remoto” avrà come relatore ed ospite d’onore il comandante Giangiacomo Pisu e si prospetta in piacevole bilico tra il mondo materiale e quello spirituale, tra quello della luce e quello dell’inganno, alla riscoperta dell’essenza dell’anima dei Sardi. Insieme al noto esperto, gli amici del Caffè Letterario cercheranno di comprendere la potenza dei simboli e le peculiarità della “casa della luce”. Perché se qualcosa non si vede non è detto che non esista, forse è necessario guardarla con occhi diversi. Ci racconta Giangiacomo Pisu: “Sono felice di poter parlare dei miei studi al Caffè Letterario e sono certo che la storia del popolo dei nuraghi, ricca di fascino, susciterà grande interesse”. Un appuntamento che promette grandi emozioni, suggestioni ed alchimie e che di sicuro segnerà una tappa importante nel percorso della neonata associazione culturale “La rosa di venti”. Quella di domenica, per chi lo vorrà, sarà anche una buona occasione per iscriversi all’associazione stessa. Non mancheremo. (M.G.)

TortoheliePress

Venerdì 30 Marzo 2012 • tortoheliepress@gmail.com

CULTURA

7

Tortohelie Press è un settimanale gratuito. Registrazione Aut. Tribunale di Cagliari n°13/ 11 del 19/05/2011. Direttore Raimondo Schiavone Responsabile pubbliche relazioni e pubblicita Patrizia Salis In Redazione Federica Melis Grafico Francesca Zicca Collaboratori Ilaria Orrù, Federica Pilia Riccardo Melis, Patrizia Salis, Michela Girardi Claudio Mascia, Thomas Melis, Claudia Pilia, Laura Meloni, Andrea De Murtas, Marta Usai Sede Legale Viale Bonaria 98 09125 Cagliari Sede Amministrativa Via Barracelli snc 08048 Tortolì Editore Primaidea Srl



Tortohelie N.42