Issuu on Google+


LOOK OUT

rider: RenĂŠ Wildhaber, Philippe Meier spot: Rhone Valley, Switzerland photo: Christophe Margot


LOOK OUT

rider: Sam Pilgrim spot: Cretaceo, Turin, Italy photo: Yari Ghidone


LOOK OUT

spot: Mottolino Livigno, Italy photo: Giorgio Schirato


CONTENTS

CREW Project Manager & Photo Guru: Ronnie Grammatica _ photo@toptobottom.it

03 _ LOOK OUT Photogallery 09 _ CONTENTS Crew 11 _ BIKE PARK Freeride crew, San Bartolomeo 19 _ BIKE TRIP Shredding Thredbo e Jindabyne, NSW - AU 33 _ INTERVIEW Jared Rando

Photographers: Yari Ghidone, Ronnie Grammatica, Christophe Margot Red Bull Content Pool, Andrea Pallotti, Giorgio Schirato. Graphicart & Layout: Matteo Pagni _ www.stablab.it graphic@toptobottom.it Translation: Erin Fuller Text and contributors: Alberto Clement, Gerry Cusini, Davide Dolfin, Erin Fuller, Leonardo Gaggioli, Mattia Monguzzi, Open Sport, Rob Tyler, Karl Zoechmann.

59 _ INTERVIEW Young blood fom Australia Thomas and Andrew Crimmins, Tegan Molly, Joey Vejvoda 49 _ BIKE TIPS Brakes lever set up

Contacts: PubblicitĂ  - adv@toptobottom.it Redazione web - web@toptobottom.it Cover: Andrew Crimmins, Jindabyne NSW - AU Photo: Ronnie Grammatica

09

www.toptobottom.it www.t2bmagazine.it


Rider: Gerry Cusini, Livigno Photo: Daniele Castellani

spot: Apollo bay, VIC, Australia photo: Ronnie Grammatica 10


Testo e foto: Ronnie Grammatica Rider: Rhys Atkinson

IS AUTUM EARLY OR LATE SEASON? Testo e foto: Ronnie Grammatica Rider: Pietro Caire


Il Dianese è un luogo ideale in bassa e media stagione. Svizzeri, tedeschi ed inglesi lo sanno bene e vengono a praticare MTB Freeride, XC, arrampicata, windsurf, diving, surf. Diano è decisamente vocato alla pratica degli Sport Outdoor; grazie alla sua fortunata posizione geografica costituisce uno spot molto favorevole per la pratica del windsurf sia a livello pricipiante che avanzato. Negli ultimi anni lo sport è stato in grado di trainare il turismo. Nel Golfo di Diano, a pochi chilometri da Finale Ligure dove da più di 10 anni si pratica DH con ottimi risultati, le Associazioni di Bikers più attive hanno lavorato al massimo delle loro forze promuovendo il territorio, i percorsi, gestendo la pulizia. Il risultato è un bikepark divertente e tecnico, dai paesaggi suggestivi. Noi ci siamo divertiti un sacco e voi?! Siete ancora li?!

Last issue we took you to Finale Ligure to meet and ride with Elisa Canepa and Louise Paulin. This issue, we headed some thirty kilometres further southwest along the Ligurian coast to visit the Freeride Crew in Diano Marina. Diano Marinaís geographical position makes it a great place for outdoor enthusiasts, whether it’s high or low season. The Swiss, German and English flock here to get on their bikes and enjoy the freeriding or cross-country, but also to enjoy the many other sports on offer here including rock climbing, windsurfing, surfing and diving.. The guys have been working hard to promote freeride and downhill riding in the area, building and maintaining the trails to bring you a fun, technical and scenic bike park. We enjoyed ourselves, what about you?

MAIALI

13

Difficoltà: Rossa Lunghezza: 5 km. Dislivello: 450 mt. Fondo: terra-roccia

Difficulty rating: Red Length: 5 km Elevation difference: 450m Trail surface: dirt-rocky

E’ il tracciato più lungo, probabilmente anche il più divertente! Un sentiero panoramico tra il mare ed il borgo di Cervo. Inizia con un tratto di mulattiera detto i Pratini. Prosegue con un rock’n’roll fino a raggiungere il Park. Cosi è chiamata una sezione del trail con più di 20 salti in successione. I salti sono drop e kick naturali o costruiti; quasi mai obbligati. Ci sono Step-up, step-down, doppi e un hip jump … qualche giro di prova è d’obbligo per prendere il ritmo e mollare i freni!

This is the longest trail and probably the most fun! It is also very picturesque, beginning at the ‘village of deer’ and taking you down to the sea. Cruise through ‘the lawns’, then ‘rock’n’roll’ your way to the Park where you can take your pick from a line of more than twenty jumps – drops, kicks, natural, constructed, doubles, step-up, step-down and even a hip jump – and all optional. It’ll take a few laps of this trail to get your rhythm and get off the brakes.


Rider: Chris Kovarik Rider: Carlo Caire


Rider: Lele Ferrero foto: Andrea Pallotti


SAN ROCCO Difficoltà: Nera Lunghezza: 3,5 km. Dislivello: 350 mt. Fondo: terra-roccia E’ il percorso più tecnico, quello più faticoso che non concede sconti. La partenza è downhill-style con tratti ripidi su rocce e pietre, alternati a brevissimi tratti pedalati - il Sentiero delle Donne. Il trail si snoda poi un fluido tracciato avvolto da profumate pinete. Non fatevi inebriare però perchè non mancano passaggi molto ripidi su roccia ed un drop tra le pozze d’ acqua. Valida discesa per chi vuole allenarsi o per chi ama i percorsi DH nuovo stile. Difficulty rating: Red Length:: 5 km Elevation difference: 450m Trail surface: dirt with rocks This is the most technical trail and it is hard work with few concessions! It begins in true DH style with a steep descent on rocks and stones and alternates with short pedal sections – it’s known as the ‘trail of women’! The trail then flows and winds through fragrant pines, but don’t be distracted because coming up is a steep descent on rocks and a drop between pools of water. We recommend that you have at least a medium skill level to tackle this one. It’s ideal for those in training or who love the new DH style.

16


TRAVEL GUIDE Emporio Bike - Cannondale store di Conte Claudio V. Aurelia 186 - S.Bartolomeo al mare - IM Tel.+39 0183 405009 - info@emporiobike.it www.cannondalestore.net Noleggio e vendita Cannondale, Mongoose, GT.Negozio con officina meccanica specializzata. You can hire Cannondale, Mongoose and GT bikes. Here you will also find a bike workshop and mechanic.

Camping Park Mara ** V. Trento Trieste, 8 - BorgioVerezzi (SV) Tel. +39 019 610479 camping.mara@libero.it www.campingparkmara.it Immerso tra ulivi, aranci, limoni e carrubi, su ombreggiatate piazzole si trovano 44 bungalows da 4 posti letto, camping, bar, lavanderia, lavaggio bici, parcheggio. A soli 5 min. da Finale Ligure e 20 min. da S. Bartolomeo. Apertura annuale.

FRRD Freeride Crew Golfo Dianese, San Bartolomeo al Mare - IM www.freeridecrew.com Tel. +39 3317892151 - Ricky Servizio di risalita con navetta. Corsi di avviamento alla discesa. Freeride shuttle service. Bike school for beginners.

Sorrounded by olive, orange, citrus and carob tress there are 44 units with 4 beds and campsite, bar, laundry, bike wash, parking. Just three minutes driving from Finale Ligure and twenty minutes from San Bartolomeo. Open all year round.

Bagni Ponterosso V. ville Nuove, San Bartolomeo al Mare-IM www.bagniponterosso.it Servizio meteo con webcam. Ristorante e bar aperto tutto l’anno. Noleggio-scuola windsurf. Bar and restaurant open all year round. Windsurf school and hire. Webcam and weather forecast.

17


ZERODE BIKE E’ DISTRIBUITA IN ITALIA DA ELI-CA RRIDE VENITE A PROVARLA A FINALE LIGURE WWW.ELICARIDE.COM info@elicaride.com


AUSTRALIA

EXPLORING THE AUSTRALIAN HIGH COUNTRY Testo e foto: Ronnie Grammatica Rider: Andrew Crimmins


Rider: Daniel Taliana


Gli australiani sono rinomati per nominare le cose con nomi ovvi. Le aspettative vengono rispettate anche nel caso delle Alpi Australiane, chiamate neve+montagne=Snowy Mountains! I monti qui non sono paragonabili alle catene montuose di Europa, Giappone e Canada. Comunque tra queste montagne c’è il picco più alto d’Australia, 2228 mslm. Devo dire che visitare le alpi australiane è un’esperienza unica. In nessun altro luogo al mondo si può andare in snowboard o sciare tra le striate e intricate piante di eucalipto. La magia non è diversa in estate sulla bike, fatta eccezione per i serpenti. Estate in Australia significa serpenti. Dopo i miei primi incontri, casualmente ho chiesto a un locale ‘Se vengo morso da un serpente, senza assistenza medica, quanti giorni ho prima di morire?’. Il locale mi ha dato uno sguardo strano, alzando un sopracciglio mi ha risposto ‘Giorni? Mate, avrai a malapena un paio d’ore.‘ Jindabyne, che ha ospitato la Red Bull Rampage 2002, è ideale per alloggiare. Dal suo lago date un’occhiata in giro. A partire da Thredbo, un’esperienza di vero DH, poi un pò di divertimento a Bungarra, e infine alcuni percorsi scolpiti dai locals intorno alla città. Vedi cosa ne pensi!

Australians are renowned for naming things the obvious and they made no exception when it came to the Australian alps. Snow + mountains = the Snowy Mountains! Whilst these mountains may be the highest Australia has, with a highest peak of 2228 metres above sea level, they pale in scale in comparison to the alps of Europe, Canada or Japan. But I have to say, the Australian alps are a unique experience. Nowhere else in the world can you ski or snowboard amongst the twisted eucalypts streaked crimson with stress. And the magic is no different in summer on your bike. Except for the snakes. Summer in Australia means snakes. After my first few encounters, I casually asked a local ‘If you get bitten by a snake, how many days do you have before you die if you don’t get medical help?’. The local gave me a strange look, raised an eyebrow and responded ‘Days? Mate, you’ll barely have a few hours.’ We based ourselves in Jindabyne, which hosted the 2002 international Red Bull Rampage downhill competition, and had a look around. Starting at Thredbo we experienced some serious downhill, then had some fun at the Bungarra bike park, and finished with some informal trails carved by the locals around the town. See what you think!

THREDBO, CANNON BALL Difficoltà: Pista nera Lunghezza: 4 km Dislivello: 600 m Caratteristiche: Ripido con serie di curve strette e drop. Fondo: Roccioso Indicazioni: Partenza dal rifugio Eagle Nest, arrivo alla seggiovia Kosciuscko Express. Thredbo comincia con un feroce strada sterrata, mentre corri verso valle incontri i canali di scolo dell’acqua, sono dei salti che ti sparano direttamente in cielo!

Difficulty rating: Black Length: 3,6 km Elevation difference: 600m Trail type: Steep with a lots of tight turns and drops. Trail surface: Rocky Directions: Starts at the Eagle Nest refuge and finishes at the bottom of Kosciuscko Express chairlift. This trail is fun and full of variety but definitely not for the faint-hearted. It begins on a ferocious fire road, full of 22


Dopo il tornante inizia il singletrack chiamato “Kareela Highway” caratterizzato da un paio di salti copiabili ma tecnici, seguito da un rock garden a chicane; arrivati qui avrete già bisogno di una pausa... Continuando per il percorso raggiungerete “Snakes and Ladders” che è la parte più impegnativa, seguita da un north shore e poi uno step down di roccia che ti fa rimbalzare nel nuovo tracciato chiamato True Blue. True Blue inizia con una serie di curve strette e lente, poi un rocky garden seguito da un drop di roccia. Per schivare questa parte puoi seguire la linea ‘B’ che ti fa girare intorno al drop, comunque è meglio prestare una certa attenzione! Dopo di che la pista si apre in due parabolche e ti ritrovi di fronte ad un’altro drop, questa volta di legno. Anche qui puoi evitarlo seguendo la linea più facile. Subito dopo c’è il “Bandicoot Corner” seguito da un altro rock garden! Più giù il tracciato si snoda in un tratto veloce che ti porta al “Bunny Walk”.

marble-sized loose gravel to boulders the size of babies heads and is traversed by water drains that are likely to send you sky rocketing. After successfully negotiating the hairpin ‘Hells Corner’ comes some relief in the singletrack ‘Kareela Highway’ made fun by a few rollable jumps, a rock garden and chicane corners. You’ll feel like you already need a break but don’t be tempted because coming up is the most technical section of the trail appropriately named ‘Snakes and Ladders’. It’s a game of sharp twists and turns, a few rollable step-downs, a ‘Spiral Staircase’ and ‘Dougie’s Dip’ to keep you on your toes and the adrenaline pumping. Next up is a north shore and a rock stepdown which will lead you onto the newest section of the track. ‘True Blue’ needs to be tackled with caution as it begins with a gully jump into a slow and tight section and ends with a non-rollable rock drop (there is B-line around it if you prefer). This will lead you to another


Questa è la sezione nel bosco, situata circa a metà della pista. Qui trovi gradoni, rocce e curve paraboliche molto strette. Uscito dal bosco si mollano i freni per affrontare una serie di curve veloci fino a superare l’ostacolo della “Magnetic Rock”. Dopodichè si passa sotto la seggiovia Kosciuszko affrontando un salto in legno oppure passandogli attorno... non è ancora il momento di tirare i freni perchè arriva la “Princess Highway” con alcune curve veloci e un paio di salti. Dopo questa sezione iniziano “I tre porcellini”, tortuose curve di roccia che ti portano su Wombat Walk. “The Rapids” è il prossimo tratto che si sviluppa attraverso lunghe paraboliche seguite da un piccolo salto detto “Hoppers Crossing”. Via a tutta velocità attraverso la sezione finale del percorso chiamata “ IMBA berms”, queste curve sono le ultime prima di saltar fuori alla base del comprensorio sciistico. Fianalmente sei arrivato in fondo! Se sei già pronto puoi saltare in seggiovia e ricominciare tutto di nuovo!

drop, this time made of wood, followed by a long rock garden. Now get set for a fast and fun section through the trees, known as the ‘Bunny Walk’. Here you will find some jumps and berms made all the more interesting with the infamous rock garden and a rollable rock drop. Once out of the trees, let go of the brakes and enjoy some fast corners, interrupted by ‘Magnetic Rock’ and a wooden jump (there is a B-line around it), then back to some more fast flowing corners along the ‘Princess Highway’. While it’s nearing the end of the trail, it’s still definitely not time to relax. You’ve still yet to tackle the ‘Three Pigs’ (three tight twisty corners), ‘Wombat Walk’, the ‘River Rapids’ (long winding corners), ‘Hoppers Crossing’ (a small jump although there is a B-line around it), and finally the ‘IMBA Berms’ before popping out of the trees and back to the base of the chairlift. Are you ready to do it all again?! 24


BUNGARRA Difficoltà: Blu Dislivello: 200m Lunghezza: 15km Caratteristiche: Flow country e all mountain. Fondo: Terra con qualche roccia. Questi trail sono inseriti nel Bungarra Alpine Center. per utilizzare questi sentieri è necessario essere membri del club locale di MTB oppure membri dell’Australian Mountain Bike Association In questo park ci sono alcuni sentieri all mountain e una Flow trail, liscia e fluida. Attraverso parabolihe, ampie curve senza appoggio e piccoli salti la pista vi porta fino in basso, allo skill center e alla pump track. Tutte le strutture sono divertenti e generalmente facili. 25

Difficulty rating: Blue Elevation difference: 200m Length: 19km Trail type: flowcountry - all mountain. Trail surface: dirt with some rocks The Bungarra Alpine Centre has a 19km trail network with something for every mountain bike rider. To ride here you need to be a member of the local bike club or the Australian Mountain Bike Association, and can only do so on the designated days and times. The park has green, blue and black trails with something to suit all levels. There is a fun flow trail with lots of berms and rollable jumps, leading you down to the skills area that has a variety of rocky and boarded structures. At the other end of the park you’ll find a pump track which will test you. The verdict: an all-round fun park for everyone.


Rider: Dave Durrant

26


Rider: Timmy Windshuttle


JINDABYNE PINE FOREST Difficoltà: Rossa Dislivello: 50m Lunghezza: 500m Caratteristiche: freeride e dirt jumps. Fondo: Terra con poche rocce grosse. Indicazioni: Il sentiero parte dalla piazzola di sosta sulla strada tra Jindabyne e la diga sul lago.

Difficulty rating: Red Elevation difference: 50m Length: 500m Trail type: Flowcountry with few dirt jumps Trail surface: Bare ground with few big rocks. Directions: Begins at the last car bay, on the right entering Jindabyne, and finish to the lake.

Se dalla piazzola di sosta puoi vedere dei resti di north shore, questo è il posto giusto! Questi sentieri non sono autorizzati, quindi solo i riders locali se ne prendono cura. Se, tra l’erba, riesci a vedere il trail provalo con cautela. Qualche parabolica, due rocce da copiare e un road gap. Questo è il trail freeride. Se non ti senti sicuro passa intorno al salto dalla linea B. Poi scendi verso il lago, ci sono linee di dirt jumps e paraboliche nella foresta di pini.

As you are heading north out of Jindabyne, you will see a dirt car bay on the left. Pull over and if you look towards the lake, you will see some trashed wood structures – this is the place! These trail are illegal so just local riders maintaine the tracks. If you can see the track thru the grass, check it out first and then go for it! Few berms, two rollable rocks, and the road gap. This is the freeride tarck. If you don’t feel confident follow the B line around the jump and look for the dirt jump runs! In the pine forest, there are three different dirt jumps lines with bermed turns.

28


Rider: Karl Zoechmann


PANKRAZ Difficoltà: Doppia nera Dislivello: 143m Lunghezza: 1500m Caratteristiche: Sentiero stretto e ripido. Fondo: Vario. Rocce, sabbia, terra compatta. Indicazioni: Parteza da cima della collina di Tyrolean Village, arrivo al lago.

Difficulty: Double Black Altitude difference: 143m Length: 1500m Trail type: Narrow and steep trail. Trail surface: Rocky, hard packed, sandy Directions: from the top of the hill Tyrolean, down to the lake.

Fin dall’inizio è tutto scorrevole ma molto tecnico. Si parte con un tratto ripido attraverso sezione rocciosa e poi su una parte “camber off“. Si prosegue in mezzo agli alberi mentre poi il sentiero si apre, portandoti sul primo roccione, quello in foto. Una volta passata questa sezione si prende velocità molto rapidamente e si arriva ad un punto in cui si possono seguire due tracce. La linea di sinistra è più semplice mentre quella di destra presenta un paio di drop. Entrambe comunque si ricollegano portandoti sul ‘Rock Garden’. Questo tratto è molto tecnico e impegnativo, circa 70m di giardini rocciosi! Il sentiero si addolcisce lungo una curva a destra ma solo per un attimo! Mantenendo la velocità si passa su un piccolo drop di roccia che ti porta a fino a “Not for the faint hearted’ (N.d.r. - Non per i deboli di cuore), una roccia copiabile molto ripida alta circa 6m, questa è seguita da un drop di circa 70cm. Qui si esce dal ‘Rock Garden’ e si finisce a “1, 2, 3“ che sono una serie di salti. Questi sono seguiti da uno step down lungo 8m, poi un piccolo kicker ed infine un doppio da 3,5 m. Il sentiero continua con un tratto più facile, poco rapido ma con un bel flow. Scendendo si vedono altri sentieri che convergono verso la base della collina, ecco perché quest’area si è guadagnata il nome di Spaghetti Junction. Dopo un tratto con curve veloci e pochi punti lenti cerca di mantenere una buona velocità, perchè si arriva ad una conca profonda alcuni metri, dove ci si può spingere giù veloci e lanciarsi fuori dall’altro lato per terminare la corsa.

From the start its all go, dropping straight into a rocky section that moves through to a small off camber section. Through a little tree tunnel it opens up and you come to the first of many rock rollers (See picture). Once you have done this you pick up speed very quickly which carries you across the top of the ridge, with 2 options to take. The left line will give you an easy run down to the ‘Rock Garden’, the right line gives you a couple of drops and then brings you onto the ‘Rock Garden’. The ‘Rock Garden’ is 70m of very high technical rock garden, but in saying that if you keep enough speed you’ll make it through with a few blood cells separated. After this the trail drops down two steps then mellows to a right hander; keep your speed up and you will cruise through to a little drop straight onto an off camber rock which brings you to ‘Not for the faint hearted’, a 6m rock roll down to a 60cm drop. From here you exit the ‘Rock Garden’ and end up at ‘1,2,3’ which are a set of jumps, followed by an 8m step down to a little kicker and finally a 3.5m double to finish off. The trail then becomes fast and flowy on hard packed which adds to the fun of this track. On the way down you see other tracks converge towards the end, thus earning the name of Spaghetti Junction. After a few fast and slower corners and spots to get some good speed up, you’ll come up to the Gully where you can drop in with speed and launch out the other side to end your run. Happy days! 30


DETERMINATION CAN TAKE YOU A LONG WAY IN LIFE Intervista & foto: Ronnie Grammatica Spot: Mount Majura


Sei un rider conosciuto in tutto il mondo ma se dovessi presenterti a qualcuno come lo faresti? Oh!? E’ una dmnada strana. Penso mi presenterei semplicemente come Jared, una persona a cui piace uscire in bici e divertirsi! Non sono speciale! Come e quando hai iniziato ad andare in bici e fare gare di downhill? Quando eravamo piccoli ci lanciavamo con le nostre BMX, giù dalle strade spacca fuoco sulle colline intorno a Canberra. Ai tempi non lo sapevamo ma quello era downhill! Ho cominciato a correre a 14 anni, dopo qualche gara ho iniziato a fare sul serio. Prima mi cimentavo nel cross country e poco dopo ho capito che la mia disciplina era il downhill. La prima gara di DH è stata a Majura Pines Canberra, lo spot in cui abbiamo scattato le foto, anche se oggi la pista è un pò diversa! Hai corso la World Cup di downhil per 10 anni, come è cambiato lo sport in questi 10 anni? Cosa prevedi per il futuro della MTB? Ho gareggiato per molto tempo negli Stati Uniti, partecipando alle gare del circuito NORBA nei sui anni migliori, dal 2000 al 2007. Lo sport in sè non è cambiato molto, dal 2000 al 2010 i progressi più importanti sono stati fatti nelle sospensioni. In questo settore i miglioramenti sono stati incredibili. Credo anche che insieme alle sospensioni si siano sviluppate le bici. Oggi si può avere un buon prodotto a prezzi più accessibili. Ciò significa che più persone si possono appassionare a questo sport e che è più semplice andare veloce, credo sia positivo! Qual’è il lato positivo di essere un rider professionista? Quale il lato negativo? La parte migliore è poter vedere il mondo e tutti gli incontri che si fanno. E’ un’esperienza incredibile! La parte peggiore sono i trasferimenti. Come atleta profesissionista sei sempre in viaggio. 35

You are known all over the world, but if you had to introduce Jared Rando to someone, how would you do it? Ha, that’s a funny question. I would just introduce myself as Jared! I’m no one special! Maybe say I’m a good bike rider! I don’t know to be honest. I just like to ride my bike and have fun! When and how did you start riding and racing downhill? When we were very young, we used to ride our BMX bikes down the fire roads around the hills of Canberra. I didn’t know it then but I was downhilling! I‘ve been riding mountainbikes since I was 14 but I guess I really got into downhill riding after the first few races I did. I raced XC and then DH just after I started riding and decided that DH was for me. I started racing downhill in 1996. The first race I ever did was in Majura Pines in Canberra. In fact, it was down the same track we shot on, although it’s a little different these days! You raced the downhill Worldcup for ten years. How has the sport changed during last decade? How do you see the future of mountain biking? I spent a lot of time racing in the US from 2000 to 2007 doing the NORBA circuit there when it was big. I saw a lot of changes from 2000 to 2010. The sport hasn’t changed a whole lot but I think the biggest change is that up untill 2000 the suspension technology wasn’t so great but the improvements over the decade have been incredible. I think Downhill has progressed along with suspension technology. It was very expensive to buy a good downhill bike in 2000 but now you can buy a complete downhill bike at a pretty good price and it helps people to get into the sport. It just means that it is easier to go faster and that’s a good thing. What’s the best part of being a professional racer and what’s the worst? If there is a worst!


Sedere per ore in aereo o in aereoporto è terribile. Tutto il resto è fantastico, davvero! Quali sono le maggiori differenze tra il downhill in Europa ed il downhill in Australia? La più grande è il tipo di sentieri. In Europa ci sono le montagne mentre in Australia solo colline. Cosi costruiamo tracciati lenti ma molto tecnici e fisici. Cerchiamo di ottenere il massimo da delle discese brevi. Inoltre qui in Australia è quasi sempre secco cosi giramio nella polvere, è molto raro correre nel fango. Dall’Australia arrivano alcuni tra i più grandi campioni. Qual’è il segreto dei ragazzi e delle ragazze Aussie? Penso che qui il livello sia molto alto. Se vuoi essere un pro in Australia devi essere molto molto veloce. Inoltre gli Junior sono più veloci ogni anno che passa!

The best part is being able to see the world and all the people you get to meet. It’s an incredible experience. The worst part is the travel. Sitting in planes and airports is horrible and as a pro racer you are constantly doing this. Everything else is awesome though! What do you see as the main differences between downhill in Europe and downhill in Australia? The biggest differences are with the tracks. Europe has mountains and Australia has hills! Because of this the tracks in Australia are generally tighter and slower since we have to make the most of the small hills we have here. It’s also much dryer here so we are constantly riding in the dust and very rarely in the mud. It seems that the fastest riders come from Australia. What’s the secret of you Aussie guys and girls? I think the level of competition of Australia is very high.

Rando’s bike shed


Trail: Cannon Ball - Kareela Highway


Quindi non credo ci sia un segreto, solo duro lavoro e determinazione per essere i più forti. Hai viaggiato per tutto il mondo sulla tua bici, c’è un posto che ricordi più volentieri? In quale ci penseresti due volte prima di tornare? Downieville in California è un posto magnifico, che ricorderò sempre. Mi sono piaciuti molto i big trail in California e Colorado. Quei sentieri di terra che attraversano i bochi sono veloci e divertenti. Per il downhill Mt St Anne è un posto fantastico, ho iniziato a gareggiare lì nel 1998 nella categoria Junior, da allora ho corso ogni anno. Nel 2004 la World Cup è stata disputata a Calgary, Canada. La città è meravigliosa ma la pista era troppo corta, terribile! Non vorrei mai tornare a gareggiare su quel tracciato. Ai campionati australiani 2011 ai partecipato, in tutte le discipline XC, 4X, DH con la stessa MTB. Credi ci sia una MTB che sia adatta in salita ed in discesa? Pensi che potremo trovare il giusto compromesso in futuro? Compromesso è la parola giusta! Si può trovare una bici che si comporta bene in tutte le situazioni. Per competere ad alti livelli e vincere delle gare servono invece mountainbike specifiche. Penso che la maggior parte dei riders là fuori abbia l’opportunità di avere una sola bici adatta a terreni diversi, non è l’unica opzione ma si può fare. Come atleta professionista la collaborazione con Giant bikes ti ha permesso di partecipare allo sviluppo di nuove soluzioni o tecnologie? Lavorando con Giant ho imparato che nella tecnologia e nel design di una bike c’è molto più di quello che si possa pensare! Gli atleti aiutano Giant nello sviluppo dei prodotti. Nel periodo in cui gareggiavo con loro sono stato abbastanza fortunato da

If you want to be a pro in Australia you have to be very very fast and the juniors are very competitive every year. There is no big secret, I think that it’s just hard work and determination to be the best. You have travelled all over the world on your bike! Which place do you remember the best? And which place will you think twice about before returning there? Downieville in California is amazing and I will always remember it. I really like the trails in the US in places like California and Colorado for big trail rides. The dirt in the pine forests is really great and the descents are always so fast and fun. For Downhill I will always remember Mt St Anne because it is an incredible track and I have raced there every year since 1998 when I was a junior and it is always great. In 2004 there was a World Cup in Calgary, Canada. It was a great town but the track we raced on was so short and just terrible. I would never want to race there again! You rode the Australian champs 2011 with the same bike in all the disciplines: XC, 4X, DH. Do you think there is one bike that really suits both uphill and downhill? Do you think we can find the right compromise in the future? Compromise is the right word! You can definitely have a bike that does everything well but to compete at an elite level and win you need specific bikes. For the average rider out there though, having one bike for everything is definitely an option these days and if you just want to have fun and ride your bike everywhere, then you can definitely get away with one bike. As a racer, did you work with Giant bikes to develop new bike solutions/technologies? I learned with Giant that there is so much that goes into designing and building a bike - way more than what most people realize. Giant use their athletes a lot to help develop the bikes and for the time I was there 38


testare alcuni prototipi e collaborare alla realizzazione del design finale. Credo che per molti riders questo sia parte del lavoro. Raccontaci un pò del tuo attuale lavoro con Giant bikes ed il bike park di Stromlo a Canberra. Lavoro con il bike park di Stromlo, mi occupo della crescita del park, anche di marketing e comunicazione. E’ un progetto finanziato dal Governo, una novità nel suo genere. Tutti i giorni impariamo il modo migliore per gestire le cose, sto imparando in campi completamente diversi. E’ una cosa molto stimolante! Sono ancora sponsorizzato Giant bikes in Australia ma non sono molto concentrato sulle competizioni. Più che altro incontro un sacco di riders e partecipo a differenti eventi. Mi piace perchè c’è molta meno pressione rispetto alle gare, spendo un sacco di tempo con i riders Giant che continuano a correre e inseme ci divertiamo! Abbiamo partecipato ad alcuni eventi fighissimi in cui aiutavamo i riders a migliorare, senza dimenticare che l’obiettivo principle resta sempre il divertimento! Sei stato il coach della Nazionale Australiana Junior ai mondiali di Mt. Saint Anne 2010. Com’è andata? Qual’è il più bel ricordo di quell’espereinza? E’ stato divertentissimo lavorare con gli junior! Mi ha colpito il modo di affrontare la pratica e la gara dei riders, ognuno a modo suo. Ho imparato un sacco anche da loro! Inoltre ho aiutato il team di 4X. Il mio più bel ricordo è di quando Caroline Buchannan ha vinto l’oro nel 4X. Quando mi ha rigraziato ho sentito di aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi, è stata una sensazione bellissima! Abbiamo scattato alcune immagini per l’intervista a Mount Majura, Canberra. Sei cresciuto a due passi da qui, raccontaci qualcosa su questo posto ed i trails. Per me è un posto speciale. Qui ho imparato ad andare in bici, qui ho corso buone gare. 39

I was really lucky to be able to test some prototype bikes and have some input into the final design. I think it is a part of the job for most pro riders out there. Tell us about your current job with Giant and the Stromlo bikepark in Canberra. I am working with Stromlo to help develop the bikepark there and also help with communications and marketing. It is very interesting because it is government funded and there is nothing in Australia like this. So we are constantly learning the best way to do things. I am learning so much about different things and I am really enjoying my work there. I am still sponsored by Giant Bicycles in Australia as well and my focus is not so much on racing, but being interactive with riders out there at different events. It’s great fun because there is less pressure and I get to spend a lot of time with people who ride Giant bikes, and still race! We have had some great events and it’s really great to be able to ride with people and help them have fun and achieve their goals as riders. You have worked as a coach for the Aussie Junior DH team in Mt. Saint Anne in 2010, how was it? What’s your best memory? It was really fun, particularly working with the juniors. It was so different to watch practice and see the different approaches riders take. I learned a lot! I also helped the 4X riders and my best memory was when Caroline Buchannan thanked me after she won her Gold medal in the 4X. It is a great feeling to help people achieve their goals. We shot some pics together at Mount Majura in Canberra. That’s your back yard! Do you want to tell us something about this place and its tracks? For me it is a very special place because it is where I learned to ride and I have had so many good races there. There are a lot of trails there and it has a bit of everything. The trail we shot on was actually the first trail I ever did a downhill race on.


C’ è un pò di tutto, tanti sentieri, diversi per caratteristiche. Il sentiero dove abbiamo fatto le foto è il primo trail su cui abbia mai corso una gara. Avevo una Giant full rigida con cui sono arrivato secondo. Era il 1996... Da allora le cose sono cambiate parecchio! Infine vuoi lasciare un messaggio che ritieni importante? Vorrei dire a tutti voi giovani riders di seguire i vostri sogni e lavorare duro per raggiungerli . Io sono stato molto fortunato a gareggiare per cosi a lungo, l’ho veramente apprezzato. Ringraziate per ciò che avete e ricordate che niente è facile ma il duro lavoro e la determinazione vi porteranno lontano!

I rode a full rigid Giant and I finished 2nd. It was 1996... Things have changed a lot! Finally, would you like to leave a message with us that you feel is important? I would just like to say to all the young riders out there to chase your dreams and if you work hard you can achieve your goals. I was very lucky to be able to race for so long and I truly appreciate what I was able to do. Always remember to be thankful for what you have. Nothing is easy but hard work and determination go a long way in life, no matter what you do.

Jared Rando


NEW KIDS ON THE TRACK Foto testo: Ronnie Grammatica Trail: Spagetti Junction Rider: Andrew Crimmins


43

Carta d’identità: Tegan Molloy

ID: Tegan Molloy

Home Town: Jindabyne NSW, Australia

Home Town: Jindabyne, NSW, Australia

Quando hai iniziato? Ho iniziato ad andare in bici a 3 anni, con le gare di DH ho iniziato a 12 anni.

Your first-time on a bike ... I started riding a bike when I was 3 and started downhill when I was 12 years old.

L’ultimo risultato importante in una competizione? Campionessa Australiana under 17 e 1° elite NSW state round, Thredbo.

Last major achievement in a competition? U17, National Champion, 1st NSW state round, Thredbo.

Il tuo sentiero ideale? Lunghezza 3km - Dislivello 300m Caratteristiche: Ripido e tecnico, inizia con delle ampie e fluide paraboliche per poi passare ad una sezione tecnica che si apre su una serie di veloci paraboliche e salti!

Your ideal trail? Difficulty Rating: Black. Length: 3km. Elevation Difference: 300m. Trail Type: Steep, technical with some big flowing berms up the top, dropping into a technical section, back on to some open fast berms with jumps to finish off the track.

Dove vorresti arrivare? Mi piacerebbe rappresentare l’Australia al

Where do you hope to be in the future? I would like to represent Australia at the


campionato mondiale e magari partecipare alla coppa del mondo.

World Championships and eventually ride on the World Cup circuit.

Bike trip, un viaggio che rifaresti subito? Uno spot in cui vorresti andare a girare? L’anno scorso sono stata ad Adelaide per il Campionato Australiano. E’ stato divertente viaggiare con tutta la famiglia, girare su una pista nuova e visitare Adelaide. Un nuovo posto in cui vorrei andare a girare è Whistler, credo che mi piacerebbe molto girare su quel tipo di sentieri.

An old bike trip that you’d like to do again? A new place that you’d like to visit? Last year the family and I went over to Adelaide for the Australian champs, it was fun travelling with the whole family, riding a different track and exploring Adelaide. A new place I would like to visit would be Whistler because it has a variety of trails that I would love to ride!

Il giorno più divertente in MTB? Tutti i giorni in cui vado a girare a Thredbo sono divertenti.

Your most fun day on the bike? Every day that I'm at Thredbo riding my bike is a fun day.

L’ultima cosa che hai fatto per l’ambiente? Ho partecipato a “Puliamo l’Australia” con la mia scuola, vale? ahaha

The last thing you did for the sake of the environment? I did 'Clean up Australia' with school - does that count? ha ha

Trail: Cannon Ball - True Blue


Carta d’identità: Joey Vejvoda

ID: Joey Vejvoda

Home Town: Bredbo NSW, Australia

Home town: Bredbo NSW Australia

Quando hai iniziato? La mia prima gara in asssoluto fù a Mt. Stromlo quando avevo 13 anni; su una hard tail della Kona. Da quella volta mi sono innamorato della bici!

When did you start riding? My first ever race was when I was 13 on a Kona hard tail at Mt Stromlo. After that I fell in love with bikes!

L’ultimo risultato importante in una competizione? 2° ai campionati australiani, appena dietro Jared Graves. Mentre 5° assoluto in coppa, al mio primo anno di partecipazione. Il tuo sentiero ideale? Mi piace molto veloce, con grandi salti e ripido, insomma una pista da duri! Dove vorresti arrivare? Vorrei correre in un team della world cup, divertirmi e magari vincere! Bike trip, un viaggio che rifaresti subito? Queensland, Australia. E’ stato cosi divertente girare su radici e rocce bagnate!

45

Last major achievement in a competition? At national champs for 4x I came 2nd after Jared Graves and 5th over all my first year. Your ideal trail? Really fast, big jumps ,steep, and a real mean track. To really peddle suits me also. To race I like 4X, DH and BMX. Where do you hope to be in the future? Riding overseas on a Would Cup team, winning races and having a good time! A bike trip that you’d like to do again? QLD Austrailia - best DH track - so much fun getting so loose in the wet on the rocks and roots.

Uno spot in cui vorresti andare a girare? Whisterl, Canada con tutti quei sentieri...

A new place that you’d like to visit? Whistler, Canada - so many tracks and sick tracks too

La cosa più importante che un rider più esperto ti ha trasmesso? Tom Rose usa dire “go hard or go home” mi piace questa!

The most important thing that and older rider passed to you? Tom Rose - he said go hard or go home. I like that one!

Downhill or 4X? Dirt jumps or BMX? Al momento downhill, troppo divertente!

Downhill or 4X? Dirt jumps or BMX? At the moment downhill - so much fun!


Trail: 4X track - Stromlo bikepark

46


Carta d’identità: Thomas Crimmins, 24 giugno 1995

ID: Thomas Crimmins, 15, D.O.B 24/6/1995

Home town: Bredbo NSW, Australia

Home town: Bredbo NSW, Australia

Quando hai iniziato? Ho cominciato a 12 anni con le gare di clubs locali, poi sono passato alle competizioni nazionali ed infine al campionato australiano.

When did you start? I started racing when i was about 12 at club races, then started doing state races and progressed to nationals.

L’ultimo risultato importante in una competizione? 2° classificato categoria under 17 Astralian National series 2011, dopo aver perso una tappa a causa di un infortunio...

Last major achievement in a competition? U17 Australian national series runner up, after missing a round due to injury.

Il tuo sentiero ideale? Mi piacciono i tracciati veloci con delle sezioni più tecniche. mentre preferisco i salti ai tratti pedalati! Di solito vado bene nella parti più ripido. Fondamentalmente mi diverto sempre in bici perchè amo starci sopra! Dove vorresti arrivare? La prossima stagione spero di essere nel team australiano junior e partecipare a un paio di gare della world cup e ai campionati mondiali. Bike trip, un viaggio che rifaresti subito? Uno spot in cui vorresti andare a girare? Mi piacerebbe visitare la nuova Zelanda, quando raccono di non esserci mai stato restano tutti sorpresi! Sembra cosi vicina! Invece vorrei tornare in Canada, essere stato ai Crankworx è stato fantastico. Vorrei rifarlo e se possibile fermarmi un pò più a lungo. La cosa più importante che un biker più esperto ti ha trasmesso? Questa domanda è difficile. Credo di aver preso il mio stile dai riders che vedevo nei vecchi video anche perchè abitando in un piccolo paese giro spesso da solo o con mio fratello Andrew.

47

Your ideal trail? I like a track with a lot of speed and big hits, and a few technical sections in there too. I love hitting jumps but hate pedally race tracks. The harder the better! I usually do well on the steep difficult tracks but have a lot of fun riding pretty much anything, I just love being on my bike! Where do you hope to be in the future? I hope to get selected for junior worlds next national season and race a couple of world cups next season and world championships. A bike trip that you’d like to do again? A new place that you’d like to visit? I’d like to visit New Zealand and ride there one day. A lot of people are surprised to hear I haven’t been because it seems so close and the riding looks sick. I’d like to do the trip to Canada again but to stay a little while longer than last time. Being there through Crankworx was sweet I’d love to do that again. The most important thing that an older rider has passed on to you? Thats a tough one. I guess I have always picked up my style from older riders in movies and that, living out of town I do a lot of riding on my own and with my brother.


&

Trail: Cannon Ball - Fire road Riders: Thomas, Andrew Crimmins


Trail: Spaghetti Junction 49 Rider: Thomas Crimmins


Carta d’identità: Andrew Crimmins, classe 1997. Home spot: Bredbo NSW, Australia. Quando hai iniziato? Ho iniziato a fare gare di DH a 10 anni, all’inizio erano gare di club locali poi sono passato ai campionati statali e nazionali. L’ultimo risultato importante in una competizione? 1° categoria under 15 ai Campionati Australiani 2011. Il tuo sentiero ideale? Roccioso ripido e veloce. Più lungo è meglio è! Inizia con delle ampie paraboliche, poi giù per ripidi rocky gardens e finisce con un pò di salti, grandi! Dove vorresti arrivare? Correre la World Cup di DH per l’Australia. Bike trip, un viaggio che rifaresti subito? Uno spot in cui vorresti andare a girare? Il viaggio ai Campionati Australiani è sempre divertente! Oltreoceano mi piacerebbe girare ovunque! La cosa più importante che un rider più esperto ti ha trasmesso? Giro sempre con riders più grandi di me e imparo sempre cose nuove.

50


ID: Andrew Crimmins, I was born in 1997 Home spot: Bredbo NSW, Australia. When did you start? I started racing DH when I was 10, I started off just racing local club rounds and progressed from there. Last major achievement in a competition? 1st U15 Australian National Championships Your ideal trail? Steep and Fast, The longer the better! Starting with some big berms than into some steep rocky sections and ending with some big jumps. Where do you hope to be in the future? Racing World Cups for Australia. A bike trip that you’d like to do again? A new place that you’d like to visit? Traveling to Australian Nationals is always a good time. I’d like to visit anywhere overseas. The most important thing that and older rider passed to you? I’m always riding with older riders and always learning new things.

51


sponsored by:

In questo numero vi consigliamo come regolare la posizione ed il movimento delle leve dei freni. In tre semplici passi, Armati un normale multi tool! __In this issue we give you some advice on how to adjust the the brake levers. In three simple steps and you need only a regular armed multi tool! Fig. 1 -Posizionare il freno sul manubrio. Impugnando la manopola, regoliamo la distanza del freno come in figura. Questa posizione ci permette di tirare la leva nel modo corretto, generalmente con il solo dito indice. Fig. 2 -Mettiamoci in piedi sulla bici simulando la posizione di guida. Regoliamo l’altezza dei freni. Nella posizione ideale il polso crea un angolo di circa 140° Fig. 3 -Per ultimo regolare la corsa delle leve. E’ importante che il dito indice arrivi a prendere il freno. Tiriamo la leva regolando il “fine corsa”. In queta posizione il freno non deve toccare le altre dita della mano. Fig 1-Put the brake onto the handlebar. Holding the grip, adjust the distance between the brake and the grip. You want to achieve the position as shown in picture n°1 as this allows you to pull the lever in the right way, usually with only the index finger. Fig 2- Get on the bike, simulating the riding position. Adjust the height of the brakes. The right position is when the wrist creates an angle of about 140°. Fig 3-Finally, adjust the range of movement in the lever. It’s important that you use your index finger to use the brake, then pull the lever and determine the limit - the lever should not touch your other fingers that are around the handlebar grip.

54



Top to bottom#2