Page 1

6

2009 PERIODICO DI ATTUALITÀ DI EUR SPA • ANNO III n° 6 • dicembre 2009


WWW.CENTENARIO.ACEA.IT

DAL 1909 ACEA E LA CITTÀ DI ROMA FANNO PARTE DI UN’UNICA STORIA. UNA STORIA FATTA DI PASSIONE, INNOVAZIONE E RISPETTO PER L’AMBIENTE E LE PERSONE. UNA STORIA DI ENERGIE CONDIVISE INSIEME A TUTTI I ROMANI PER VIVERE AL MEGLIO LO SPLENDORE DELLA NOSTRA CITTÀ.

ACEA. IL TUO MONDO AL CENTRO DEL NOSTRO.


e d i t o r i a l e

Eur, patrimonio d’arte e di cultura

IL PROFONDO RAPPORTO che lega l’Eur all’arte è ancora poco conosciuto. Quando si parla dell’Eur, è naturale riferirsi direttamente agli edifici razionalisti, emblema della Roma moderna. Meno alle opere d’arte che pure, numerose, sono custodite all’interno di quegli stessi magnifici palazzi. Ciononostante il Pentagono storico ospita ben quattro importanti istituzioni museali, oltre all’Archivio Centrale dello Stato, che ne fanno a ben vedere un polo culturale tra i più rilevanti del nostro Paese. La progettazione dell’E42 è una progettazione organica che valuta nelle sue fasi, gli allestimenti, le opere d’arte, le decorazioni, che avrebbero dovuto tracciare la storia della cultura, dell’arte, della scienza, dei costumi italiani e progettare in un articolato piano di mostre e relativi edifici, una città dell’arte. In tal senso l’Eur rappresenta non di meno una consistente raccolta di opere artistiche, visibile nelle sculture, nei bassorilievi, nei mosaici, negli affreschi, nelle fontane, la cui presenza, se non vi fosse stata la forzata interruzione del cantiere, sarebbe dovuta essere più importante, come testimoniato dai bozzetti preparatori. Rimangono comunque numerose testimonianze di valore artistico, sia in alcune opere esterne come gli apparati di decorazione pittorica e museale, sia all’interno degli edifici. All’Eur si manifestò un vero interesse per la bellezza

decorativa, come documentano le statue situate all’interno dei fornici al piano terra del Palazzo della Civiltà Italiana e gli imponenti gruppi scultorei dei dioscuri, opera di Morbiducci e Felci. L’affresco di Funi nell’atrio anteriore del Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi, come i pannelli di Severini in quello posteriore (tempera su masonite realizzati per la Mostra dell’Agricoltura) e ancora il mosaico policromo di Canevari, i gruppi scultorei di Afro e Basaldella, il bassorilievo in travertino di Morbiducci, la fontana monumentale con i preziosi mosaici di Giulio Rosso in bianco e nero al Palazzo Uffici, sono solo alcune delle opere che è possibile ammirare. Custodire la memoria storica, valorizzando il patrimonio culturale che abbiamo ereditato, rendendolo fruibile e facendone una risorsa produttiva nell’interesse dei cittadini e, al contempo, accogliere nuove proposte, nel rispetto di quello spirito d’avanguardia che ha fatto si che l’Eur fosse l’emblema di un nuovo linguaggio, è quello che perseguiamo con determinazione e con passione. La prossima riapertura del Palazzo della Civiltà Italiana, che verrà restituito alla sua originaria funzione espositiva e che ospiterà tra l’altro il Museo del Made in Italy e del Design Italiano, è certamente la testimonianza più tangibile del nostro impegno in tal senso. Riccardo Mancini

EURlacittànellacittà

Direttore editoriale Riccardo MANCINI

Periodico di attualità Anno IV - numero 6 dicembre 2009

Direttore responsabile Giuseppe SCARAMUZZO

EDITORE EUR SpA Via Ciro il Grande, 16 00144 Roma Registrazione Tribunale di Roma n. 47/2009 del 12/02/2009 Tiratura: 10.000 copie Periodico iscritto all’

dicembre 2009

Responsabile di redazione Simone STIRATI Responsabile di edizione Giovanni COLETTA Redazione Piazzale degli Archivi, 41 00144 Roma Tel/Fax 06.5917953 Email: info@top-editoriaeventi.com Sito: www.eurspa.it

Gestione editoriale e concessionaria esclusiva di pubblicità Direttore Gilda Tucci Top Editoria Eventi S.r.l. Piazzale degli Archivi, 4 00144 Roma - Tel. 06.59.17.953 email: info@top-editoriaeventi.com

Foto di copertina Top Editoria Eventi S.r.l.

Collaboratori Natalia ALBENSI Claudia CAPODARTE Francesca COSTANTINO Valter DELLE DONNE Maria Grazia FILIPPI Margherita FILIPPONI Fabrizio FAZZINI Enrica GARZILLI Andrea LOVELOCK Francesca PAOLETTI Paola PUCCIATTI Livia ROCCO Cristiano ROSPONI

Impaginazione e stampa Miligraf S.r.l. Via degli Olmetti, 36 00060 Formello tel. 06.9075142

Foto EUR SpA Top Editoria Eventi Srl Studio Maggi

EUR lacittànellacittà

1


sommario

9

dicembre 2009 FORMULA UNO

Il Gp di Formula Uno si farà all’Eur

in copertina Una rappresentazione immaginaria dell’acquario di Roma Mediterraneum che sorgerà sotto il laghetto dell’Eur.

13

FUNGO

16

ARCHIVIO DI STATO

21

PERSONAGGIO

25

OROSCOPO

New look per il Fungo

120 km di scaffalature Giuseppe Tucci

E le stelle stanno a… parlare. CINEMA

30 Restauro d’eccellenza per Biancaneve

CAPODANNO 2010

Tra luci, suoni e tante speranze 2

EUR lacittànellacittà

4

33

ARTI MARZIALI

36 38 39 40

RUBRICHE Trovaeur Panorama Libri Gastronomia

Un’arte tutta da scoprire.

dicembre 2009


www.top-editoriaeventi.com info@top-editoriaeventi.com P.le degli Archivi, 41 Roma (00144) Tel/Fax 06 5917953


Capodanno 2010 nel mondo

Tra luci, suoni e tante speranze NELL'EPOCA DELLA GLOBALIZZAZIONE, di internet e dei blog, la tradizione del capodanno in piazza è sempre più radicata in ogni angolo del mondo. Anche se la grande crisi economica in qualche caso si è fatta sentire, in tutto il pianeta, in tutte le grandi metropoli della terra è stata una grande festa ‘multicolor’, dall’Africa all’Asia passando per l’Australia, il Giappone, l’America Latina.

4

EUR lacittànellacittà

New York Una delle piazze più celebri per festeggiare il nuovo anno è senza dubbio Times Square, cuore della città di New York e soprannominata “Crocevia del mondo”. A New York, oltre un milione di persone hanno sfidato la pioggia e la neve per accogliere festose la tradizionale discesa a mezzanotte della palla di cristallo che a Times Square saluta il passag-

dicembre 2009


c a d o n a n n o

2 0 1 0

Da New York a Parigi, da Londra a Kyoto, da Rio a Mosca a Sidney, tante tradizioni a confronto, ma un solo obiettivo: la voglia di festeggiare e di stare insieme. Forse per dimenticare, forse per sperare, forse per sentirsi meno soli. gio al nuovo anno. Questa immensa folla ha assistito con entusiasmo al concerto che ha visto protagonista Jennifer Lopez che si è presentata con una “tutina” molto sexy, tutina che ha provveduto a “riscaldare” adeguatamente gli animi di tutti i suoi fan, e non solo, accorsi per l’avvenimento. Times Square, come ogni anno, nonostante i noti problemi legati alla sicurezza, ha dimostrato che gli americani vogliono continuare a vivere la loro normalità.

Edimburgo “La festa di Capodanno migliore del mondo”: così gli scozzesi definiscono Hogmanay, la festa di quattro giorni (29 dicembre – 2 gennaio) con cui Edimburgo saluta il nuovo anno. Il momento culminante dei festeggiamenti è ovviamente la sera del 31 dicembre, ma anche gli altri giorni sono ricchi di spettacoli ed eventi tradizionali, come la fiaccolata e processione “Son et Lumiere” e i fuochi “Carabosse”. L'arrivo del nuovo anno è stato celebrato con una canzone tradizionale, la famosissima Auld lang syne, che viene suggestivamente intonata in coro dagli scozzesi allo scoccare della mezzanotte. L'Hogmanay di Edimburgo si svolge non distante dal Castello e coinvolge i giardini, la Princes Street e il “The Mound”. dicembre 2009

Nella foto grande Capodanno a New York; in alto le luci di Edimburgo a mezzanotte; in basso quelle di Londra

EUR lacittànellacittà

5


dove hanno festeggiato il Capodanno “ in piazza”. Un’altra tradizione molto amata dai londinesi è la parata del 1° gennaio la London ‘s New Years Day Parade. Parte dalla sede del Parlamento e arriva fino a Trafalgar Square.

In alto Kyoto, dove Capodanno è un’occasione per rilassarsi e purificarsi; sotto a sinistra Parigi con la sua Torre Eiffel; a destra Sydney, dove gli abitanti sono tra i primi della Terra a festeggiare questa festa.

6

EUR lacittànellacittà

Londra Il Capodanno a Londra è uno degli eventi più suggestivi al mondo. I momenti più noti in cui si celebra il Capodanno sono l’esplosione dei fuochi d’artificio presso la ruota panoramica del London Eye e Trafalgar Square dove si svolge il party più grande della città. Quando il Big Ben ha segnato la mezzanotte sotto il London Eye si sono accese milioni di luci colorate, oltre 200.000 persone si sono radunate lungo il Tamigi per ammirare la grande ruota che domina sul fiume, mentre gli occhi di tutti hanno seguito lo scadere della mezzanotte attraverso le lancette dell'orologio del Big Ben, uno spettacolo visibile da quasi tutta Londra. Quest’anno i fuochi d'artificio sono durati due minuti in meno, il che ha permesso alla municipalità di risparmiare almeno 70mila sterline (79mila euro). Una volta conclusi i fuochi migliaia di persone si sono riversate a Picadilly Circus

Kyoto Stanchi della confusione, della folla e dei festeggiamenti esagerati che si trovano in piazza? Nessun problema, perché esiste un luogo dove la sera del 31 dicembre è un'occasione per rilassarsi e purificarsi in vista dell'arrivo di un nuovo anno. Stiamo parlando della città giapponese di Kyoto, dove il Capodanno è stato celebrato con una cerimonia (la Jyoya-no-kane) lontana anni luce dal divertimento a tutti i costi tipicamente occidentale; qui, i monaci dei templi hanno suonato le loro campane di bronzo per 108 volte, una per ognuno dei desideri terreni che, secondo i dettami buddisti, sono all'origine di tutte le sofferenze umane, spingendo in tal modo i presenti a liberarsene. La cerimonia di purificazione è durata fino a mezzanotte, quando l'ultimo rintocco ha salutato l'arrivo dell'anno nuovo. Parigi Il Capodanno più affascinante non poteva essere che a Parigi, la città glamour per eccellenza. La Ville Lumière è stata invasa da una

dicembre 2009


c a p o d a n n o

2 0 1 0

susseguiti tutta la notte. Dalla maestosa mon- In alto, tagna di Sugarloaf si è aperto uno spettacolo mezzanotte a Copacabana; unico per ammirare i fuochi di artificio.

folla oceanica come vuole la tradizione del Capodanno poiché ai parigini piace festeggiare il capodanno soprattutto nelle strade. L’appuntamento è stato sui Champs Elysées e sotto la Torre Eiffel dove fin già dalle prime ore della sera hanno cominciato a riversarsi centinaia di migliaia di persone. Ma non solo la torre Eiffel, come sempre teatri, cabaret, boite di musica e una quantità infinità di locali sono stati assaliti dai parigini per festeggiare San Silvestro.

Berlino A Berlino, grandi fuochi pirotecnici hanno illuminato la porta di Brandeburgo, simbolo della Germania riunificata, in presenza di centinaia di migliaia di persone. V.G.

sotto, capodanno a Mosca; infine, Berlino, la Porta di Brandeburgo.

Sydney Tra i primi abitanti della Terra a festeggiare l'arrivo del nuovo anno (9 ore prima degli italiani, ad esempio), gli australiani hanno imparato a godersi la ricorrenza molto più dei loro vicini neozelandesi. Esempio di tutto ciò è la città di Sydney, che nella notte di San Silvestro è diventata un tripudio di luci e di colori, tanto che i suoi famosi e scenografici fuochi d'artificio sul Sydney Harbour Bridge hanno valso alla città il titolo di "Porto di Luci". Questo spettacolo pirotecnico ha illuminato a giorno tutta la città rendendola la vera e propria capitale del Capodanno. Da notare, infine, che l'evento è gratuito e che a dicembre in Australia è piena estate, ulteriore motivo per visitarla. Rio De Janeiro I quattro km di spiaggia di Copacabana hanno ospitato più di due milioni di persone nel tradizionale abito di colore bianco. I Cariocas (come vengono chiamati i locali) hanno portato offerte di rose rosse e bianchi gladioli per Iemanja, la dea delle acque, prima di un vortice di danze e concerti dal vivo che si sono dicembre 2009

EUR lacittànellacittà

7


f o r m u l a

u n o

Firmato a Londra l’accordo

Il Gp di Formula Uno si farà all’Eur Soddisfatto il Sindaco Alemanno che ha dichiarato come Roma abbia bisogno di rinnovare la sua offerta turistica. Secondo i calcoli fatti dagli esperti del Campidoglio il Gp porterebbe un indotto di circa 1 miliardo di euro l’anno. Il promoter Flammini che ha ideato il progetto, ha precisato che l’operazione sarà finanziata al 90% dai privati, che investiranno circa 160 milioni di euro.

dicembre 2009

di Gilda Tucci

EUR lacittànellacittà

9


Nella foto di pag. 9 un momento di una gara di Formula Uno; qui sopra, il Sindaco Alemanno e il promoter Maurizio Flammini; in basso, il tracciato del circuito della F1 all’Eur.

10

È FATTA. L’ACCORDO È STATO RAGGIUNTO. Ecclestone e Flammini hanno firmato a Londra. Ormai è ufficiale, la Formula Uno nel 2012 si svolgerà all’Eur. Il contratto durerà 10 anni. soddisfatto il sindaco Alemanno che ha dichiarato: “Roma ha bisogno di rinnovare la sua offerta turistica. La Capitale non rappresenta solo il passato, l’archeologia e i monumenti, ma in questo modo dà uno sguardo al futuro.” Secondo i calcoli fatti dagli esperti del Campidoglio il Gp porterebbe un indotto di circa 1 miliardo di euro l’anno. Il pro-

EUR lacittànellacittà

moter Maurizio Flammini che ha ideato e creduto nel progetto ha precisato che l’operazione sarà finanziata al 90% dai privati, che investiranno circa 160 milioni di euro: “Sarà un Gran Premio molto spettacolare e il circuito sarà quello previsto nel quartiere dell’Eur dove ci saranno, con partenza lungo via delle Tre Fontane, ben tre punti di sorpasso”. Nonostante le reazioni molto dure del Comune di Monza che ritiene il Gran Premio di Formula 1 a Roma uno scippo alla città, l’entusiasmo per questo accordo ha contagiato un po’ tutti, dal Sindaco Alemanno, come abbiamo detto, al Senatore Andrea Augello al Delegato allo Sport del Comune di Roma Alessandro Cochi al Presidente di Confcommercio di Roma Cesare Pambianchi. In particolare il Senatore Augello ha dichiarato: “Non c’è nessuna concorrenza con Monza, ma l’accordo tra Flammini ed Ecclestone dimostra senza mezzi termini la concretezza e validità dello studio di fattibilità che ha costruito la base della trattativa. Inoltre, ha precisato Augello, ora ci sono tutte le premesse per realizzare questo grande evento nella Capitale.” Alessandro Cochi dal canto suo ha det-

dicembre 2009


f o r m u l a

to: “In occasione del Gp è previsto l’intervento di laboratori tecnici di alto livello per i controlli relativi all’impatto acustico e ambientale. Sarà salvaguardata la vivibilità del quartiere attraverso un coinvolgimento dei comitati di quartiere e delle associazioni dei commercianti del territorio. Inoltre è programmata una riqualificazione delle strade e della viabilità. In conclusione, ha aggiunto Cochi, sarebbe sciocco perdere un’occasione del genere, positiva sotto molti aspetti sia a livello turistico, che sportivo e soprattutto lavorativo per il numero di persone che saranno impiegate in questo evento.” Entusiasta il Presidente della Confcommercio di Roma, Cesare Pambianchi, il quale ha dichiarato: “È un sogno che finalmente si avvera, che produrrà importanti ricadute economiche sulla città”. In un intervista rilasciata al Corriere della Sera Flammini ha dichiarato che l’accordo con Ecclestone non basta; “adesso bisogna definire con il Comune di Roma, la Provincia e la Regione un percorso amministrativo la cui conclusione deve avvenire entro la fine del prossimo anno. Sono fiducioso dell’esito di questo percorso, in quanto gli enti locali hanno già espresso un parere positivo.” Alla domanda secondo cui il tempo a disposizione per realizzare tutto entro il 2012 non è molto, Flammini ha precisato: “È vero, ma abbiamo fatto un lavoro per preparare un progetto di grande spessore da presentare alla federazione internazionale. E già per il 2011 stiamo studiando una serie di eventi culturali, dalla scienza alla musica allo sport per anticipare il Gran Premio”. Per quanto riguarda il tracciato, Flammini ha aggiunto che non ci sono state modifiche rispetto a quello annunciato a maggio e cioè la partenza avverrà lungo la via delle Tre Fontane, lì sorgeranno box e impianti sportivi polifunzionali che saranno utilizzati sia per la Fordicembre 2009

u n o

mula Uno che per svolgere attività sportive tradizionali. A questo proposito sarà costruito anche un sottopasso sotto la Cristoforo Colombo e una struttura che sarà dedicata alla pallacanestro. Per quanto riguarda il periodo dell’anno in cui potrebbe avere inizio il Gran Premio, Flammini ha dichiarato che si stanno verificando le varie possibilità di effettuare la corsa in primavera o in autunno anche se si è abbastanza consapevoli che i residenti dell’Eur preferirebbero l’estate, magari nel mese di agosto. In questo modo ha concluso Flammini, l’impatto sulla mobilità dei cittadini sarebbe ridotto al minimo, poiché in quel periodo come è noto, la città si svuota per le ferie. Inoltre, con il Gp si riempirebbero gli alberghi che in agosto solitamente sono abbastanza vuoti.

Nella foto in alto, Bernie Ecclestone patron della Formula Uno; in basso, una foto spettacolare di una Ferrari tra le colonne marmoree dell’EUR.

EUR lacittànellacittà

11


f u n g o

Un piccolo grande gioiello dell’architettura moderna

New look per il Fungo Venne realizzato nel 1957 per assicurare l’approvvigionamento idrico alle aree verdi del quartiere, e nel contempo per fungere da presidio anti incendio. Alta 51 metri, quest’opera ha di fatto accompagnato la storia degli ultimi 50 anni della Capitale. Di recente, il Fungo è stato sottoposto ad una lunga e rigorosa ristrutturazione, oggi in fase di ultimazione. Il Restyling della struttura, è stato interamente sostenuto da EUR SpA.

dicembre 2009

EUR lacittànellacittà

13


di Andrea Lovelock

Nella foto a pag. 13 il Fungo nella fase di ristruttuazione; qui sotto, un’immagine della struttura prima dei lavori.

14

EUR lacittànellacittà

POCHI SANNO CHE IL ‘FUNGO’, uno dei simboli dell’ Eur, oltre a rappresentare una delle più suggestive architetture moderne di Roma, è un serbatoio d’acqua che venne realizzato alla fine del 1957 per assicurare l’approvvigionamento idrico alle aree verdi del quartiere e nel contempo per fungere da presidio antincendio. L’intera rete di innaffiamento dei parchi di proprietà di EUR SpA e dei giardini privati della zona dipende in buona parte dalla considerevole riserva idrica (2.500 metri cubi) del Fungo, così come il funzionamento delle fontane ornamentali di Via Civiltà del Lavoro, del Piazzale delle Nazioni Unite e del Salone delle Fontane. E proprio grazie a quest’opera architettonica ed alla rete sotterranea di tubi per oltre 100 km, l’Eur è l’unico quartiere romano ad avere un proprio approvvigionamento idrico. A tal proposito anche il lago, con la sua

superficie di 85.000 metri quadrati, costituisce un’ampia riserva d’acqua che ha consentito più volte, in passato, agli elicotteri della Guardia Forestale o dei Vigili del Fuoco di prelevare acqua senza arrivare al mare per spegnere incendi sviluppatisi nelle vicinanze. Ma l’emblema dell’Eur è sicuramente questa torre piezometrica alta 51 metri, opera degli architetti Colosimo, Martinelli e Varisco, che ha di fatto accompagnato la storia degli ultimi 50 anni della capitale, divenendo nel tempo un vero e proprio punto di riferimento per chi vive a Roma. Una ‘sagoma’ che segue i romani nelle gite al mare e li accoglie al loro ritorno, spesso come rassicurante traguardo, dopo estenuanti file lungo le direttrici che collegano la città al suo litorale. Ed in effetti il Fungo rappresenta per tutti coloro che provengono dalla Colombo o dalla Pontina, una sorta di gigantesca ‘pietra miliare’ che sembra segnalare l’ingresso nella capitale.

dicembre 2009


f u n g o

Recensito dalle guide internazionali e immortalato in numerosi film della commedia italiana degli anni ‘60, il Fungo è stato anche sede di un suggestivo ristorante panoramico, che agli inizi venne gestito dal famoso tenore Mario del Monaco. L’incomparabile suggestione del panorama che si gode alla sua sommità e che abbraccia da un lato San Pietro e dall’altro i Castelli romani, è sempre stato il ‘piatto forte’ di una romantica cena o il clou di una colazione di lavoro. Di recente il Fungo è stato sottoposto ad una lunga e rigorosa ristrutturazione praticamente in fase di ultimazione. Un anno di lavori e soprattutto un grande sforzo progettuale, in quanto considerata la struttura dell’opera architettonica, si è ricorsi ad opere provvisionali con l’utilizzo di ponteggi tubolari multidirezionali. E per ovviare ai bisogni idrici del quartiere, durante l’intero periodo di ristrutturazione, l’EUR SpA ha provveduto ad installare una rete di idranti alimentati dall’Acea. Il restyling dell’opera, interamente sostedicembre 2009

nuto da EUR SpA, è costato circa 1 milione di euro e nel dettaglio le opere di manutenzione straordinaria hanno riguardato una revisione generale strutturale con processi di impermeabilizzazione della copertura e della vasca di accumulo con una serie di interventi finalizzati a fronteggiare l'inquinamento dell'aria. Non a caso nel progetto di ristrutturazione è stata prevista perfino una speciale vernice che, in combinazione con la luce solare, riuscirà ad attivare un abbattimento rapido e duraturo di molti agenti inquinanti presenti nell'aria, risultando così una efficace soluzione contro lo smog ed una protezione da ossidazioni e muffa. Riconsegnare ai romani, alla capitale questo piccolo grande gioiello di architettura moderna, rappresenta per l’EUR SpA un tangibile contributo al rilancio dell’intero quartiere, soprattutto per le chances che, con la Nuvola di Fuksas e con l’Acquario, l’Eur intende giocarsi nell’impegnativa sfida turistico-ricettiva dei prossimi anni.

Nella foto, l’obelisco di P.zza Marconi che rappresenta, insieme al Palazzo della Civiltà Italiana e al Palazzo dei Congressi, una delle icone più famose dell’Eur.

EUR lacittànellacittà

15


Archivio Centrale dello Stato

120 km di scaffalature La storia dello Stato Italiano è tutta qui. C’è tutto ciò che riguarda la Presidenza del Consiglio, i ministeri, gli organi consultivi e giurisdizionali a partire dall’Unità d’Italia. Il nucleo originario della documentazione è costituito dalla serie completa delle leggi e dei decreti italiani. Il patrimonio attualmente archiviato è costituito da circa 800 mila pezzi. Tra i documenti conservati, l’originale della Costituzione Italiana. Quanto ai carteggi, di particolare interesse quelli di De Pretis, Ricasoli, Crispi, Giolitti, Badoglio, ecc. di Livia Rocco

LA STORIA DELLO STATO ITALIANO è qui, nell’archivio centrale, incorniciata da una struttura maestosa e imponente che solo il quartiere Eur può offrire. Innumerevoli documenti ufficiali sono custoditi tra queste mura, dove con il passare del tempo anche i carteggi politici e l’arte contemporanea hanno saputo conquistare uno spazio. Ma all’Archivio centrale dello Stato non si viene per guardare, come accade nei

numerosi musei dell’area, bensì per cercare; cercare tra 120 chilometri di scaffalature distribuite su una superficie di 20mila metri quadri che conservano e rendono consultabili i documenti degli organi centrali dello Stato. C’è tutto ciò che riguarda la Presidenza del Consiglio, i ministeri, gli organi consultivi e giurisdizionali, a partire dall’Unità d’Italia. “Il nucleo originario della documentazione - spiegano i dirigenti dell’ACS - è


a r c h i v i o

d i

s t a t o

costituito dalla serie completa delle leggi e dei decreti italiani. Dopo la seconda guerra mondiale la raccolta si è arricchita con documenti pubblici e archivi privati di personalità politiche e culturali. Da oltre mezzo secolo, quindi, l’ente rappresenta il punto di riferimento obbligato per le ricerche sulla storia unitaria del Paese. Il patrimonio archivistico ha attualmente una consistenza di circa 800mila pezzi. A questo si aggiunge il materiale della biblioteca, in continuo incremento: altre 200mila unità, compresi prodotti di editoria elettronica. Da qualche anno, inoltre, l’istituto ospita una collezione di opere d’ arte contemporanea anche questa in continua crescita - che vengono esposte negli spazi aperti al pubblico”. Tra i documenti conservati, l’originale della Costituzione della Repubblica italiana. Ogni anno, poi, vengono consegnati all’Archivio i testi orginali di tutte

Nella foto grande, un’immagine del Palazzo dell’Archivio dello Stato; in basso, scaffalature dell’Archivio che contengono la storia dello Stato Italiano.

dicembre 2009

EUR lacittànellacittà

17


Irresistibili!

Via Mario Rigamonti, 100 - EUR Tintoretto 路 Parcheggio gratuito 路 APERTI domenica 3 e 10 Gennaio

traccetrade.com

DAL 2 GENNAIO A I GRANAI SALDI...


a r c h i v i o

le leggi e i decreti dello Stato. Quanto ai carteggi, sono di particolare interesse quelli dei presidenti del Consiglio come De Pretis, Ricasoli, Crispi, Giolitti, di militari come Badoglio e Graziani, di esponenti di primo piano della storia repubblicana come Nenni, Parri, La Malfa. “Ma questo istituto è anche un luogo d’incontro, che apre i suoi spazi a iniziative per valorizzare il proprio patrimonio documentario - precisa il personale dell’Archivio -. Dal 2006 al 2009, abbiamo ospitato 22 mostre, 24 convegni e conferenze, 10 presentazioni di libri, 15 eventi musicali; rappresentiamo, quindi, anche un punto di riferimento culturale sul terrirorio. La struttura è dotata anche di un’aula magna e di una sala convegni: spazi che possono essere concessi a terzi per l’organizzazione di manifestazioni di vario genere. La sala convegni, per esempio, è adatta a conferenze, seminari, corsi di formazione e proiezioni cinematografiche”. Tra gli eventi organizzati nel 2009 dall’ACS, un convegno sull’energia solare, una conferenza sull’archeologia, una mostra fotografica sulla prima guerra mondiale. Tra le manifestazioni più redicembre 2009

d i

s t a t o

centi ospitate dall’Archivio centrale dello Stato, un convegno dal titolo: “Il fenomeno della contraffazione e la tutela del Made in Italy”, organizzato da Eur Spa. Ma chi sono e quanti sono gli utenti dell’Archivio di stato? L’istituto è frequentato abitualmente da docenti universitari, laureandi, ricercatori, giornalisti italiani e stranieri, ai quali si aggiungono i visitatori occasionali, in prevalenza studenti delle scuole secondarie e partecipanti alle varie iniziative culturali. I dati mettono in evidenza la presenza costante dei frequentatori abituali e il notevole aumento delle visite al sito internet dell’ACS. Gli studiosi che hanno consultato l’archivio erano 12.458 nel 2006, 12.544 nel 2007 e 12.885 nel 2008. In crescita anche i visitatori delle mostre: 4.925 nel 2006, 5.421 nel 2007 e 5.529 nel 2008. Gli accessi al web, invece, sono passati dai 187.456 del 2006 ai 193.500 del 2007, fino ad arrivare ai 324.295 del 2008. A quanto pare, la storia contemporanea dell’Italia attira ancora, specialmente se viaggia su internet. Per informarsi sull’attività dell’ACS, si può consultare il sito web www.archivi.beniculturali.it/ACS.

Un’immagine di una delle sale dell’Archivio dove vengono consultati i documenti presenti nei 120 km di scaffalature.

EUR lacittànellacittà

19


p e r s o n a g g i o

Giuseppe Tucci, l’orientalista italiano diventato una leggenda

Una sola passione, l’Asia di Enrica Garzilli

Fu uno dei primi scienziati al mondo ad esplorare territori ancora sconosciuti dell’Asia meridionale, del Pakistan, dell’Afganistan e dell’Iran. Grande esperto di lingua, arte e storia tibetana, con una profonda conoscenza di questa lingua e del sanscrito. Il campo di studi prediletto da Tucci fu il buddismo. Effettuò otto missioni esplorative in Tibet e sei in Nepal. Collaborò anche con Giovanni Gentile. Conobbe e frequentò i più importanti personaggi della storia e della cultura di quel tempo quali Ghandi, Giulius Evola, Neruh, Madre Teresa di Calcutta e il Dalai Lama quando era bambino.

dicembre 2009

EUR lacittànellacittà

21


Nella foto a pag. 21 un ‘immagine molto suggestiva di una delle spedizioni in Tibet fatta da Giuseppe Tucci. Nella foto accanto il leggendario esploratore insieme a Neruh e Indira Ghandi.

22

EUR lacittànellacittà

UN POPOLO DI SANTI, DI POETI, di navigatori, ma anche di esploratori, di archeologi e di studiosi. In questo ambito si può collocare Giuseppe Tucci, il solo orientalista italiano diventato una leggenda in tutta l’Asia.Tucci ha fatto conoscere al mondo le più grandi religioni asiatiche e, con le sue edizioni critiche e le traduzioni originali di preziosi testi in sanscrito e in tibetano, ha aperto agli studiosi la conoscenza moderna del Sud dell’Asia. Con le sue leggendarie missioni scientifiche in Tibet e in Nepal ha tracciato per i geografi e i moderni viaggiatori nuovi percorsi di questi lontani paesi. Fu uno dei primi scienziati al mondo che esplorò i territori ancora pressoché sconosciuti dell’Asia meridionale, del Pakistan, dell’Afganistan e dell’Iran per ricostruire la loro storia. Queste scoperte hanno segnato il definitivo ingresso del patrimonio culturale e ambientale di quei paesi nei grandi percorsi della storia dell’umanità. Tucci nacque a Macerata il 5 giugno 1894. A dodici anni conosceva il sanscrito, l’ebraico e l’iranico ed era ancora un adolescente quando pubblicò i primi articoli di archeologia marchigiana. Negli anni in cui studiò all’università di Roma sbocciò una passione per l’opera di Lao-tzu e la filosofia cinese, che non lo abbandonò mai durante la sua lunga vita. Su “Il Tao e il Wu-wei di Lao-tzu” pubblicò, sempre in quegli anni, un breve saggio, oltre alle “Note sull’Asia Preistorica” nella Rivista di Antropologia. Fu uno dei più grandi esperti di lingua, arte e storia tibetana. La sua profonda conoscenza di questa lingua e del sanscrito gli servirono anche per studi comparativi, edizioni critiche e traduzioni. Il campo di studi prediletto da Tucci fu il buddhismo. Il canone di questa religione nei primi secoli dopo Cristo venne tradotto dall’originale sanscrito al tibetano e dal Paese delle Nevi fu poi portato in Cina, in Giappone e nel

sud-est asiatico da monaci-traduttori itineranti che volevano diffondere la Buona Legge, il Dharma del Buddha.Tucci divenne buddhista e, a questo proposito, affermò: “ho trovato il buddhismo molto più semplice. È solo una dottrina etica. Tutto è basato sulla sincerità e tu sei completamente libero”. Fino al 1954 compì otto missioni esplorative in Tibet e cinque o sei in Nepal, sempre riportandone manoscritti, oggetti di arte antica e reperti archeologici. Poi, quando il Paese delle Nevi fu annesso alla Cina, rivolse il suo interesse all’archeologia dell’Asia centrale, mettendo l’Italia, che non aveva missioni in Asia, alla pari degli altri paesi europei. Cominciò così a sessantadue anni, con gli scavi archeologici, un nuovo periodo di lavoro e di studio che, come disse lui stesso, fu uno dei più felici della sua vita. Tucci, accademico della Reale Accademia d’Italia, ebbe una stretta collaborazione con Giovanni Gentile, che nel 1933 fondò l’Istituto Italiano per il Medio e Estremo Oriente (ISMEO), oggi denominato ISIAO, con lo scopo di sviluppare le reladicembre 2009


p e r s o n a g g i o

zioni culturali ed economiche fra l’Italia e l’Asia vicina ed estrema. Dell’IsMEO fu prima direttore dei corsi e vicepresidente esecutivo; poi, alla morte del filosofo, Tucci ne divenne il presidente fino a che le forze glielo permisero, nel 1978. Dell’IsMEO Tucci fu l’instancabile organizzatore e promotore e fino alla Seconda guerra mondiale tramite l’istituto fu uno dei protagonisti, se non il principale protagonista, della politica culturale del regime verso l’Asia. Grazie a lui fu fondato anche il Museo nazionale di arte orientale, ora a lui intitolato, che Tucci dotò delle sue formidabili collezioni. Dal 1956 fino alla sua morte organizzò e diresse le missioni archeologiche nella Valle dello Swat, in Pakistan, poi in Afghanistan e in Iran, realizzando anche importanti lavori di conservazione e restauro. Nel frattempo, fondò e diresse periodici come Asiatica (1936-1943) e East and West (1950-1984), tuttora esistente. Fino a un anno prima della sua morte pubblicò circa 350 libri, traduzioni originali, articoli scientifici, recensio-

dicembre 2009

ni, voci di enciclopedia, premesse a volumi di altri studiosi e presentazioni, oltre a numerosi articoli giornalistici. Ricevette decine di premi e riconoscimenti internazionali; fra questi, nel 1978, il prestigioso “Premio Jawaharlal Nehru per la Comprensione Internazionale”, conferitogli dall’India. Morì nell’aprile del 1984, poco prima di compiere novanta anni, a San Polo dei Cavalieri, vicino Tivoli. Nel corso della sua vita così avventurosa, così piena di importanti scoperte scientifiche, Tucci conobbe e frequentò i più importanti personaggi della storia e della cultura del tempo quali Rabindranath Tagore, Gandhi, Julius Evola, Nerhu, il Precettore reale del Nepal; e personaggi di grande carisma come Madre Teresa di Calcutta e l’attuale Dalai Lama, che conobbe a Lhasa quando era bambino. La sua vita è stata anche immortalata nel film “Un’altra giovinezza”, di Francis Ford Coppola, che lo ha presentato come il più grande conoscitore di sanscrito del mondo.

Nella foto Giuseppe Tucci, (secondo da sinistra) nel corso di un convegno a cui partecipò anche Madre Teresa di Calcutta (ultima a destra). Oltre a Neruh, Indira Gandhi, Giulius Evola, conobbe anche il Dalai Lama quando era bambino, collaborò assiduamente anche con Giovanni Gentile.

EUR lacittànellacittà

23


NOVITÀ DALLE AZIENDE

Edil House 80 nasce nel maggio 2004. Da subito è impegnata nella costruzione dei Punti Verdi di Qualità (PVQ), un importante progetto del Comune di Roma il cui fine è la riqualificazione delle zone di verde pubblico in stato di degrado. Per tali strutture è prevista una particolare cura sia nella fase di progettazione che di esecuzione, basti pensare all’imposizione di rigorosi vincoli di eco compatibilità e di utilizzo di fonti rinnovabili, richiedendo perciò l’affidamento a ditte costruttrici che garantiscano un’alta qualità dei lavori, come appunto Edil House 80. Tra i PVQ affidati alla Edil House 80 si ricordano segmenti di appalto per San Basilio e Torraccia, e appalti come Impresa “Esecutrice Esclusiva” di Parco Feronia e Parco Kolbe. La Società è comunque impegnata anche in altri cantieri per lo svolgimento di lavori edili di costruzione, ristrutturazione, sbiancamento, con Società private di comprovata solidità, quali: EUROPARCO SRL, con quale la Edil House ha lavorato alla realizzazione del “Centro Commerciale EUROMA 2” e del “Ministero della Salute” in diverse fasi dell’opera: allestimento cantiere (recinzioni, allacci, ecc), assistenza ai lavori di scavo e movimentazione terra, trasporto materiale di risulta, rinterro e riempimento. PARSITALIA SRL, CEP (Costruzioni Edilizie Polifunzionali S.p.A.) con la quale la Edil House ha lavorato alla realizzazione dell’intera viabilità (fognature, strade servizi, etc.) nella zona di Casalpalocco, Roma. Altra opera di prestigio cui Edil House 80 Srl ha portato il proprio contributo affiancando i principali appaltatori, è il Nuovo Centro Congressi della Capitale, meglio noto come la “Nuvola” di Fuksas, attraverso il nolo a freddo dei suoi macchinari edili (pale, escavatori, trattori gommati e cingolati, sollevatori, ecc.) e nelle

24

EUR lacittànellacittà

fasi di posa in opera di strutture e materiali, assistenza ai lavori di carpenteria, scavi a sezione aperta… Attualmente la Società è anche coinvolta nella realizzazione del grande “Acquario “ presso il laghetto dell’Eur, affiancando l’impresa Edileropa Srl in varie fasi dell’opera. La Edil House 80 utilizza mezzi e attrezzature di proprietà con maestranze alla proprie dipendenze, con particolare attenzione alle normative in materia di sicurezza. Oltre l’iscrizione presso l’Acer, ha ottenuto la certificazione S.O.A. n. 7849/17/00 ed UNI EN ISO 9001:2000 n. 18448/08/S secondo la normativa di riferimento più completa che ne garantisce l’alta qualità ed il rigoroso rispetto delle normative vigenti nel settore dell’edilizia.

Edil House Srl Via Luigi lilio, 95 00142 Roma Tel: 06 51 96 20 17 Fax: 06 51 96 07 29 info@edilhouse80.com

dicembre 2009


oroscopo 2010 Amore, lavoro, salute: tutto ciò che potrà accadere nell’anno che sta cominciando.

E le stelle stanno a…parlare di A. Bellatrix

Ariete

21 marzo - 20 aprile Amore Grazie a Saturno le storie in bilico rischiano di naufragare, mentre i rapporti consolidati si troveranno di fronte ad un periodo di forte stanchezza. Per i nati sotto questo segno il momento migliore per i sentimenti è la primavera. L’autunno sarà molto positivo per coloro che vogliono vivere una nuova storia.

Sarah Jessica Parker

Toro

21 aprile - 21 maggio Amore Le tempeste degli ultimi mesi del 2009 saranno un lontano ricordo nella prima parte del 2010. Si possono fare progetti, pensando addirittura a matrimoni. Chi è single può essere fiducioso per nuove esperienze sentimentali. L’influsso di Giove sarà favorevole nei primi mesi del 2010,

Laura Pausini

Gemelli

22 maggio - 21 giugno Amore Per avere successo in amore bisogna essere in due, come dice un vecchio adagio e purtroppo questo, per i nati sotto il segno dei gemelli, non sempre è vero. Occorre superare la diffidenza e il vittimismo. Lavoro Ad aprile Venere ci dice di ridurre gli impegni lavorativi. A partire

dicembre 2009

Angelina Jolie

Lavoro Si consiglia di essere prudenti e di non fare programmi troppo azzardati. È possibile che tutto quello che non si potrà ottenere nella prima parte dell’anno possa realizzarsi a partire dall’autunno. Nel 2011 si potranno raggiungere e consolidare alcuni obiettivi prefissati l’anno precedente. Salute L’anno non comincia nel migliore dei modi, ma dovrebbe chiudersi positivamente. Si consiglia una dieta rigida e attività sportiva. soprattutto per quel che riguarda i mesi di aprile e di maggio. Lavoro Il 2010 si presenta come un anno di grandi prospettive. Non restate con le mani in mano, rischiate e otterrete i risultati da sempre attesi. Salute L’anno che ci apprestiamo a vivere si presenta positivo. L’estate sarà particolarmente favorevole. Le stelle dicono di essere ottimisti.

da giugno 2010 inizierà la rincorsa. Alcuni progetti dell’anno precedente saranno portati a compimento; in estate ci potranno essere cambiamenti per il lavoro che non sempre saranno positivi. Salute Quest’anno, con Giove, inizierà un periodo molto impegnativo che potrebbe influenzare negativamente lo stato di salute. In alcuni mesi ci sarà un po’ di stanchezza che sarà superata con opportune terapie. EUR lacittànellacittà

25


Cancro

Lavoro Saturno porterà a scelte che non sempre saranno positive. Giove potrebbe riservare qualche colpo di fortuna. Lasciate andare il pessimismo così il 2010 potrebbe essere meno pesante di quanto si preannuncia. Salute Dedicate più tempo all’attività fisica; particolare attenzione alla dieta. Per vincere lo stress, non ci sono molte alternative al riposo.

22 giugno - 22 luglio Amore La vita sentimentale potrebbe avere una certa inquietudine soprattutto a partire dalla primavera. L’autunno si farà sentire con Saturno che renderà tutto più disincantato. I single si avvarranno dell’influsso positivo di Venere. Vittorio Feltri

Leone

Lavoro La presenza di Marte sarà motivo per essere più determinati e pronti per dare battaglia per raggiungere i vostri obiettivi. Saturno vi darà quella obiettività che consentirà di finalizzare i vostri desideri. Salute Nonostante Marte non favorisca una salute ottimale, nell’insieme il 2010 presenta aspetti positivi soprattutto se si segue un’adeguata attività sportiva.

22 luglio - 23 agosto Amore Nei rapporti di coppia dovrete cercare di dare più risalto e più autonomia ai comportamenti del partner. Attenti a Marte perché spesso è un cattivo consigliere e può rendere problematico il vostro rapporto. Venere, soprattutto in autunno, potrebbe darvi una spinta a trasgredire mentre Saturno potrebbe stimolarvi ad un miglioramento del rapporto di coppia fino a pensare al matrimonio. A i single si prevedono importanti nuove storie d’amore.

J. K. Rowilng

Vergine

Lavoro C’è molta voglia di cambiamento e in questo Marte, con la sua combattività, vi darà una mano. Attenti alle spese perché il 2010 non sarà troppo generoso per le vostre entrate. Salute Si consigliano periodi di riposo più accentuati per mantenere inalterato il vostro stato di benessere. L’alimentazione sana dovrà essere al centro del vostro modo di vivere.

24 agosto - 23 settembre Amore C’è una convivenza in atto da decidere e quest’anno potrebbe essere l’anno buono. Per chi già vive un rapporto di coppia, Giove potrebbe portare a un consolidamento. Si suggerisce di non essere troppo altruisti e Venere, a partire dall’autunno, potrebbe rendere tutto più semplice.

26

EUR lacittànellacittà

Andrea Bocelli

dicembre 2009


o r o s c o p o

Bilancia

Lavoro La vostra voglia di guadagnare di più, spesso è intralciata dall’incertezza nelle vostre capacità. Dovete essere più abili nel fare emergere le vostre potenzialità in modo da contrastare e superare le inevitabili rivalità. Salute Il 2010 non sarà molto tenero con voi e dovrete mettere in atto tutta la vostra prudenza per contrastare possibili aspetti negativi. L’anno si chiuderà in maniera positiva restituendovi una piena serenità.

24 settembre - 23 ottobre Amore I rapporti incerti che accompagnano la vostra vita sentimentale potrebbero concludersi negativamente. Siete portati a rincorrere la felicità e Saturno rende più ansioso questo stato d’animo; occorre maggiore serenità e più consapevolezza in voi stessi. La primavera sarà malinconica ma l’estate compenserà questa situazione non del tutto felice.

2 0 1 0

Francesco Totti

Scorpione

Lavoro Marte rende tutto più propositivo e quindi qualcosa di buono si preannuncia all’orizzonte. Occorre essere concreti e puntare su iniziative che hanno possibilità di essere portate a compimento. Salute Il 2010 dovrebbe essere un anno positivo; attenti alla dieta perché la presenza di Venere nel vostro segno rimarca questo aspetto a volte difficilmente controllabile.

24 ottobre - 22 novembre Amore Il 2010 dovrebbe essere l’anno delle grandi soddisfazioni per i rapporti di coppia. Attenti alle polemiche che potrebbero essere sollecitate da Marte. Se da un lato Marte può creare problemi, dall’altro aiuterà a superare le incertezze. Non date troppo rilievo alla gelosia e cercate di allentare la tensione chiarendo ogni equivoco. Bill Gates

Sagittario

Lavoro Pur di sfondare sarete disposti a trasferirvi in altri Paesi. Occorre prudenza e valutare bene le situazioni. Tenere troppo alla carriera spesso può diventare nocivo. Attenti alle spese. Salute Marte vi dà grande energia e questo vi accompagnerà per tutto il 2010. Si raccomanda attività sportiva e a non esagerare a tavola.

23 novembre - 21 dicembre Amore Il rapporto di coppia è spesso condizionato dalle forti personalità dei partner che producono contrapposizioni e divisioni. Occorre trovare il giusto equilibrio. Tentazioni in vista nell’estate e buone opportunità per i single alla ricerca dell’anima gemella. Brad Pitt

dicembre 2009

EUR lacittànellacittà

27


o r o s c o p o

Capricorno

22 dicembre - 20 gennaio Amore Saturno disturberà i rapporti di coppia, ma Giove sarà pronto a sanare i contrasti. In autunno Venere creerà i presupposti per alcuni incontri importanti. Il 2010 sarà interessante per i single e per coloro che hanno voglia di trasgressione. Massimiliano Fuksas

Acquario

2 0 1 0

Lavoro Alcuni problemi non prevedili intralceranno la vostra attività; ma il vostro impegno anche se richiederà molto impegno e diversi sacrifici alla fine avrà la meglio. Occorre avere più fiducia in voi stessi e un pizzico di ambizione in più. Salute Non ci sono particolari problemi nel corso di tutto l’anno. Occorre però mantenere uno forma fisica adeguata e, quindi, dedicare il giusto spazio all’attività fisica e ad una dieta intelligente.

Lavoro Dovete credere più in voi stessi e puntare in alto le vostre aspettative; ciò richiederà diverso tempo per raggiungere certi obiettivi, ma alla fine qualche risultato sicuramente ci sarà. Salute C’è molta tensione nel vostro stato d’animo e questo potrebbe creare qualche problema alla salute; occorre dedicare più tempo alla cura del corpo e più spazio alla lettura.

21 gennaio - 18 febbraio Amore È Saturno a trasmettere solidità al vostro rapporto di coppia, nonostante Marte sia portato a portare problemi nel vostro spazio sentimentale. I vostri sentimenti rimarranno invariati per buona parte dell’anno. Per i single si preannunciano interessanti avventure. Shakira

Pesci

19 febbraio - 20 marzo Amore Molta positività in questo anno. I rapporti consolidati da tempo continueranno ad attraversare momenti sempre più importanti soprattutto per quanto riguarda la famiglia. Qualche problema potrebbe sorgere per quei rapporti non ancora completamente definiti, perché il vostro bisogno di affetto è molto alto. Dall’energia di Giove potranno trarne vantaggio i single.

dicembre 2009

Sharon Stone

Lavoro Il 2010 dovrebbe portare benefici all’impegno profuso negli anni passati e quindi concludere positivamente certi vostri obiettivi. La vostra buona volontà e la sicurezza in voi stessi saranno determinanti per raggiungere i traguardi prefissati. Occorre soltanto osare un po’ di più. Salute Giove vi donerà una forma fisica davvero esemplare. Qualche problema che potrebbe nascere a settembre, sarà portato rapidamente a soluzione guarigione con l’intervento di persone amiche. Solo una dieta sconsiderata potrà crearvi difficoltà. EUR lacittànellacittà

29


In visione nei cinema italiani

Restauro d’eccellenza per Biancaneve e i Sette Nani

BIANCANEVE E I SETTE NANI torna a deliziare grandi e bambini. Dal 2 dicembre scorso dopo un accurato restauro delle immagini e del suono 7.1 Digital Theater System Hi-Def Surround Sound il capolavoro di Walt Disney è tornato nelle sale cinematografiche di tutta Italia. Biancaneve e i Sette Nani è il capolavoro di Walt Disney, il primo lungometraggio animato della storia del cinema, ritenuto “il cult movie per eccellenza da oltre 70 anni” e celebrato da quasi tutta la critica mondiale. È il più riuscito lungometraggio d’animazione ed è considerato ancora oggi una 30

EUR lacittànellacittà

pietra miliare nel mondo dell’animazione. È rimasta negli annali della storia del cinema la cerimonia di premiazione degli Oscar allorché Shyrley Temple consegnò a Walt Disney insieme alla tradizionale statuetta di dimensioni normali altri 7 Oscar in miniatura. La motivazione del Premio Oscar recitava: “Biancaneve rappresenta una significativa innovazione che ha affascinato milioni di persone, dando il via ad una nuova forma di arte nel campo dell’intrattenimento”. Fu fra i primi film a essere designato per la conservazione dal “Library of Congress”, la più antica istituzione federale in dicembre 2009


c i n e m a

Il capolavoro di Walt Disney ritenuto ormai un vero e proprio cult movie da oltre settant’anni. La sua realizzazione costò una cifra astronomica per quegli anni (1937) e occorsero tre anni per essere prodotto. Furono impiegati 32 animatori, 102 assistenti, 25 artisti dell’acquerello, 20 scenografi e realizzate circa 2 milioni illustrazioni utilizzando circa 1.500 tonalità di colori. campo culturale negli Stati Uniti. Biancaneve e i Sette Nani è anche il primo film a vantare una colonna sonora così come è stato il primo film ad usare la musica come elemento integrante della storia. Tutti questi premi fanno di Biancaneve e i Sette Nani un’opera di animazione certamente unica nel suo genere. Ci sono molte curiosità sulla realizzazione sulla sua realizzazione. Ad esempio Walt Disney dovette fare una vera e propria battaglia

dicembre 2009

arrivando persino ad ipotecare la sua casa per la produzione del film che alla fine arrivò a costare più di un milione e mezzo di dollari. Se pensiamo che tutto ciò avveniva nel 1937 si può considerare quale cifra astronomica fu impiegata per la produzione di questo capolavoro. Per portarlo a compimento occorsero tre anni di lavoro e furono messe in campo molte tecniche di animazione. Tutto ciò portò a standardizzare queste situazioni per sviluppare e migliorare con il lungo metraggio compresa la possibilità di introdurre figure umane rappresentate in maniera realistica. Due parole sul film. La trama ripropone la storia dei fratelli Grimm aggiungendo un finale più romantico (il bacio del principe che risveglia Biancaneve) e soprattutto dando un nome ai Sette Nani, nomi che sono entrati nella vita e nell’immaginario di milioni di persone di tutto il mondo. Secondo alcune fonti ufficiali per realizzare il film la produzione impiegò 32 animatori, 102 assistenti, 167 intercalatori, 20 scenografi, 25 artisti dell’acquerello, 65 animatori degli effetti e 158 tra pittrici e inchiostratrici. Infine, furono realizzate 2 milioni di illustrazioni con 1.500 tonalità

Nella foto grande un’immagine del film; in alto Biancaneve con il suo principe; in basso la regina “cattiva”.

EUR lacittànellacittà

31


a r t i

m a r z i a l i

Hwa Rang Do®

Un’arte

tutta da scoprire SI STA SEMPRE PIU DIFFONDENDO in Italia l’approccio alle arti marziali. Le palestre stanno conoscendo un periodo molto florido perché sempre più giovani (non esclusi i bambini) decidono di imparare queste discipline. Recentemente è stata inaugurata proprio nel quartiere dell’Eur una scuola di Hwa Rang Do® presso l’Istituto Santa Chiara (Via Caterina Troiani, 144) riservata ai bambini di età dai 6 ai 14 anni. Ogni persona che intende approcciare il mondo delle arti marziali, deve fare una scelta importante relativa alla individuazione di una specifica disciplina da praticare. dicembre 2009

Le palestre dove si pratica questa disciplina stanno conoscendo un momento di grande sviluppo. Sempre più giovani, bambini compresi, decidono di avvicinarsi a questa arte. Il Hwa Ran Do® prevede lezioni di difesa personale che prescindono dalla necessità di possedere specifiche attitudini atletiche.

La ricerca dell’Arte più confacente alle proprie necessità e possibilità è molto difficile se non si ha conoscenza delle caratteristiche tecniche delle diverse arti marziali (Judo, Karate, Ju-Jitzu, ecc.). Fra le tante discipline sono da ricordare il Tae Soo Do® e il Hwa Rang Do® (letteralmente “nobile in fiore”; la provenienza aristocratica di questa disciplina è un elemento distintivo di questa arte). Il referente in Italia di questa scuola è Marco Mattiucci, Ufficiale dei Carabinieri effettivo a Roma. Mattiucci ha avuto la possibilità per motivi di studio e di lavoro di ampliare le sue conoscenze nel settore approfondendo le tecniche

Nella foto l’istruttore Marco Mattiucci in un momento dell’addestramento del Hwa Rang Do®

EUR lacittànellacittà

33


a r t i

Un’altra delle tante fasi di addestramento del Hwa Rang Do®. In basso foto di gruppo di una delle scuole aperte a Roma.

34

EUR lacittànellacittà

del Karate, Full-Contact, Sanda, ecc. fino all’incontro casuale con il Hwa Rang Do® a cui si è dedicato con sempre maggiore intensità. Mattiucci, interpellato dal nostro giornale, ha dichiarato che: “Il Hwa Rang Do® è un’Arte esigente e completa sotto ogni punto di vista: era quello che cercavo da anni. Purtroppo in Italia non c’era nessun rappresentante ufficiale, ed allora ho deciso di iniziare il cammino verso la conoscenza di questa Arte, recandomi periodicamente in California, presso la sede centrale del Hwa Rang Do® , dove ho avuto modo di apprendere le tecniche direttamente dal Dr. Joo Bang Lee, ed entrare in contatto con gli altri istruttori europei e con grande fatica sono riuscito a portare il Hwa Rang Do® e il Tae Soo Do® in Italia”. Questa disciplina prevede anche lezioni speciali di difesa personale che

m a r z i a l i

prescindono dal possesso di specifiche attitudini atletiche. In conclusione il Hwa Rang Do® ed il Tae Soo Do® prevedono un’attività ampia e diversificata, che dà la possibilità a tutti di praticarle coerentemente con le proprie caratteristiche fisiche ed esigenze lavorative. Per informazioni sui corsi all’Eur contattare l’Istruttrice Romina Montanari inviando una mail a info@hwarangdo.it www.hwarangdo.it G.M.T.C.

dicembre 2009


Guida alla gastronomia, al fitness, ai locali notturni, agli eventi, e altro ancora. l e

a z i e n d e

i n f o r m a n o

CINTI Una bella enoteca che costituisce un riferimento per tutto il quartiere Eur (e non solo). Il titolare, Massimo Cinti, nel tempo ha messo su una selezione di vini di tutto rispetto. L’Italia in ogni sua regione è ben rappresentata, con le annate migliori delle aziende più blasonate. Non manca una mirata scelta di etichette straniere, francesi e non. Poi è la volta delle bollicine e dei distillati con alcune chicche da intenditori. Infine le prelibatezze gastronomiche e alcuni accessori per il servizio del vino, dai decanter ai bicchieri ai cavatappi. Viale Europa, 21 tel. 06 5923300 Chiuso lunedì mattina e domenica

BRUNO MESTICHELLA Da oltre 30 anni offre abiti dal taglio sartoriale per quegli uomini esigenti dal gusto raffinato, alla perenne ricerca della qualità.Vasta selezione di abiti, stoffe e accessori. Tra i prestigiosi marchi: Castangia, Fray per la camiceria; Santoni e Botti per le calzature realizzate secondo sapienti tecniche artigianali; Fedeli, Cruciani per la maglieria; Claudio Orciani per le cinture; Holliday e Brown Ties per le cravatte e poi tanti nomi del pret-àporter come Jacob Cohen, Fiat, Harmont and Blaine e Acqua di Parma per la profumeria. Lg. Apollinaire, 18 Tel. 06 51964963 e Centro Commerciale I Granai 36

EUR lacittànellacittà

STELIO MALORI. TENDENZA E RICERCA. Malori è attento alle ultime tendenze moda e i suoi prodotti sono frutto di una ricerca continua, sia nelle forme che nei materiali. Di gran moda quest’anno gli stivali alti con il risvolto, trasformabili quindi da stivale a cuissarde. Intramontabili anche le scarpe con il tacco e con il doppio fondo e le francesine allacciate. Le calzature più eleganti propongono, come materiale, il camoscio; mentre quelle più sportive si orientano verso la pelle, il nabuk e la pelle invecchiata. Tra i colori troviamo il verde e il blu ma, su tutti, spicca il tortora, una tinta che si abbina bene a ogni look. Malori soddisfa le esigenze e i gusti delle più attente “fashion victims”. Viale Europa, 102 tel . 06.5913353 - Via Siacci, 36 - Via Flaminia Vecchia, 628 - Centro Commerciale Porta di Roma - Centro Commerciale Cinecittà Due OTTICA ASTROLOGO ALDO “Cortesia per tradizione” Aldo Astrologo Ottico dal 1964, in Viale Europa dal 1979, Optometrista dal 1982. Lenti a contatto, misurazione gratuita della vista, contattologo esperto in sede (Fausto), occhiali di varie marche, con tutte le novità e lenti a contatto di ultima generazione (innovative). Suggerimenti su varie tipologie di occhiali, lenti progressive,lenti a contatto e montatura da vista e da sole. Attuazione accurata delle prescrizioni oculistiche. Viale Europa, 129 Tel. 06.5926885 Otticaastrologo@virgilio.it dicembre 2009


c a l e n d a r i o

panorama Notizie, fatti, eventi, appuntamenti all’Eur

LA

CITTÀ nella CITTÀ

a cura di G. Coletta

FG GROUP, ROMA FORMULA FUTURO: UN BRAND PER I GIOVANI

PASSEGGIATE SPAZIALI AL PLANETARIO Il 16 dicembre scorso il Planetario di Roma all’Eur ha ospitato gli astronauti Michael Massimino e Scott Altman, reduci dalla missione Shuttle Atlantis STS-125 dell’11 maggio scorso. L’evento, denominato “Strawalkers”, fa parte del tour europeo dei due astronauti, promosso dall’ESA (Agenzia Spaziale Europea) per sensibilizzare i cittadini europei sull’importanza del volo spaziale. All’incontro ha partecipato Paolo Nespoli, astronauta dell’ESA e Tommaso Maccaro, Presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, che insieme ai due astronauti americani hanno commentato le difficili operazioni di riparazione in orbita del telescopio spaziale Hubble: una delle più rischiose missioni umane nello spazio, che ha richiesto cinque impegnative passeggiate spaziali.

38

EUR lacittànellacittà

La Società FG Group ha sempre privilegiato i giovani, e ritiene una cosa molto importante la loro partecipazione al progetto Roma Formula Futuro che creerà una serie di gruppi di lavoro formati interamente da laureandi o neo-laureati che si occuperanno di varie fasi del progetto. Uno dei gruppi già attivo, è quello il cui Team Leader è Eleonora Flammini che ha realizzato il Brand di ROMA FORMULA FUTURO, molto apprezzato in vari ambienti nazionali ed internazionali. La ricerca per il soggetto del logo è stata basata sulla volontà di enfatizzare ciò che sarà il background e il surround della gara, il quartiere dell'EUR. Si cerca di creare un senso di continuità tra la città dove l'evento si svolge e l'evento stesso combinando la storia del luogo con la contemporaneità; il movimento del tempo, della tecnologia, della città che si evolve. La scelta del Palazzo della Civiltà è dovuta all'ispirazione di questo monumento al simbolo di Roma, il Colosseo. Infatti, se si confrontano i negativi delle due icone sono uguali, entrambi sono costituiti da un modulo che è l'arco, con questo tipo di composizione si fanno condividere i due elementi ren-

dendoli un unicum. La prospettiva molto accentuata dal basso serve invece a rendere l'immagine dinamica; si accentuano le forme e gli spigoli che contrastano con le curve degli archi. Il trattamento asimmetrico del “Colosseo Quadrato” evoca inoltre, e celebra, il Futurismo. L'occhio è portato in velocità a guardare molte situazioni che accadono in simultaneità. L'icona, infine, può essere inoltre vista come la prua di una Nave Immaginaria, che fa rotta verso nuove e affascinanti avventure.

dicembre 2009


l i b r i

inverno

L’ANELLO DI LUCE Autore: Geronimo Stilton Genere: Narrativa ragazzi

in libreria ALTAI Autore: Wu Ming Genere: Narrativa

Quindici anni dopo, l’epilogo di Q. Wu Ming, il collettivo di scrittori che al suo esordio si firmò Luther Blissett, torna nel mondo del suo primo romanzo, a Venezia, nell’Anno Domini 1569. Un boato scuote la notte, il cielo è rosso e grava sulla laguna: è l’Arsenale che va a fuoco, si apre la caccia al colpevole. Echi di rivolte, intrighi, scontri di civiltà. (Einaudi. Euro 19,50) IL DONO Autore: Ahern Cecilia Genere: Narrativa straniera

Lou Suffern è un uomo in carriera. Nella sua agenda ormai da anni non ci sono spazi vuoti:

dicembre 2009

nemmeno per i suoi due bambini. Finché, a pochi giorni dal Natale, a seguito dell’incontro con un uomo misterioso, Lou riceverà da lui il dono più straordinario: un po’ di quel tempo che ha così tenacemente sprecato nella sua vita frenetica, dimenticando le cose e le persone importanti. Perché il tempo non possiamo comprarlo o ipotecarlo: possiamo solo condividerlo con quelli che amiamo. (Rizzoli. Euro 19,00) IL PADRE E LO STRANIERO Autore: Giancarlo De Cataldo Genere: Narrativa italiana

La missione affidata dalla Regina delle Fate al giovane elfo Ombroso sta per volgere alla conclusione. Cavalcando il fedele drago blu Codamozza, il ragazzo giunge nell’oscuro e terribile Reame delle Streghe, dove ritrova gli amici che lo affiancano nella missione: Regulus, Robinia, Favilla, il potente mago Stellarius e il misterioso Cavaliere. Ma in queste terre spoglie e desolate una brutta sorpresa lo attende: la giovane Spica è stata rapita e portata al castello di Stria, la Mera Regina…Età di lettura: da 9 anni. (Piemme. Euro 18,50) NEW MOON Autore: Stephenie Meyer Genere: Narrativa straniera

Due uomini: un italiano e musulmano. Un comune problema: un figlio con handicap. La condivisione di un dolore che li porterà a costruire una profonda amicizia in cui si è disposti anche a rischiare la vita; una fratellanza, di dolori e di intenti sullo sfondo di una Roma multietnica in cui si incrociano servizi segreti e personaggi che rivelano il loro vero volto solo in un secondo momento. Una storia che coinvolge per l’onestà e l’apertura di cuore e di mente con cui è raccontata e condivisa. (E/O. Euro 8,50)

Dopo “Twilight” arriva il secondo volume della saga di Bella ed Edward di Stephenie Meyer. New Moon sta facendo letteralmente impazzire le adolescenti, in America come in Italia (siamo nell’ordine di più di un milione di copie finora). Avventura, colpi di scena, suspense, una tribù di nativi americani che in realtà sono lupi mannari nemici giurati dei vampiri, il tutto inserito nel filone neoromantico adolescenziale dell’amore assoluto ed esclusivo, eterno e impossibile. (Fazi. Euro 19,00) S.S. EUR lacittànellacittà

39


g a s t r o n o m i a

Da Giulio a Tor De’Cenci, la Roma di una volta a cura di Simone Stirati

LA ROMA DI UNA VOLTA, quella del Belli e di Trilussa, dei vicoli di Trastevere e via della Croce, quella cantata, ritratta, vissuta. Ma anche quella della cucina con i suoi piatti tipici capaci di dare sapore al carattere di una città unica al mondo. E proprio questi sapori oggi rivivono all’Eur. Qui, tra la metafisica architettura razionalista e gli sconfinati spazi verdi, c’è un luogo dove è possibile gustare la coda alla vaccinara, i carciofi alla giudia, la trippa, tutto cucinato seguendo le ricette tradizionali, si tratta della trattoria Giulio a Tor De’ Cenci, appena fuori il Raccordo Anulare, sulla Via Pontina. Giulio, però, non è solo cucina, ma anche la memoria storica di quella Roma che non c’è più, così racconta Alberto, figlio di mamma Gina e papà Giulio che nel lontano 1950, lasciata Velletri, decisero di aprire questo locale in quella che allora era solo campagna. Una scommessa vincente passata attraverso le abili mani di mamma Gina, che nelle cucine impastava personalmente uova e farina per preparare fettuccine, lasagne e cannelloni. E proprio Alberto ricorda come Sergio Leone si fermasse a giocare a carte dopo aver apprezzato le famose fettuccine, trattenendosi ben oltre l’orario di chiusura. E 40

EUR lacittànellacittà

come lui numerosi altri personaggi, tra cui Robert De Niro e Al PAcino, facevano e fanno di Giulio, un punto di riferimento unico, non solo per la cucina ma per l’atmosfera familiare e cordiale. Non c’è commerciante, imprenditore, politico e artista dell’Eur che non sia cresciuto divorando i cannelloni e le lasagne di mamma Gina. Oggi, la trattoria è gestita da Alberto, che accoglie i numerosi clienti intrattenendoli con curiosi e divertenti aneddotti in attesa che sulla tavola arrivi la bruschetta, la pasta e fagioli, l’Amatriciana, la trippa, la coratella, il delicatissimo e gustoso abbacchio allo scottadito, così come le puntarelle capate a mano e la cicoria ripassata; solo per citare alcuni dei numerosi piatti romaneschi. Per chi a tavola ama la Roma di una volta, la trattoria Giulio a Tor De’ Cenci è un immancabile appuntamento. La ricetta dello chef: Carciofi alla romana Ingredienti: Ingredienti: 1 spicchio d'aglio, 8 carciofi romani, 1 limone, 2 cucchiai di menta romana, 50 gr di pangrattato, prezzemolo, olio extravergine d'oliva. Togliete le foglie esterne piu' dure dei carciofi, con un coltellino affilato percorrete un movimento a spirale dal fondo verso la cima del carciofo e infine, tagliate una parte del gambo lasciandone solo 4 centimetri. Allargate le foglie dei carciofi con le mani in modo da poter togliere la barbetta presente all'interno e mettete i carciofi, così puliti, in una bacinella con acqua e limone. Tritate l'aglio, la mentuccia ed il prezzemolo e aggiungete il pangrattato, un filo d'olio e un pizzico di sale. Servendovi di un cucchiaino, riempite i carciofi, che avete precedentemente allargato, con la farcia di pangrattato. Mettete in un tegame antiaderente i carciofi bagnandoli con l'olio restante e fateli scottare per due minuti, quindi aggiungete acqua fino alla meta' della testa del carciofo, salate e coprite il tegame con un coperchio per mezz'ora. dicembre 2009


EUR La Città nella Città  

http://www.top-editoriaeventi.com/rivista/num6.pdf

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you