Page 1


2

Protagonisti in campo Parola al neo consigliere

Il mio sogno è diventato realtà, grazie alla fiducia degli elettori di Crispiano che hanno regalato un ruolo da protagonista indiscusso alla mia coalizione e al mio partito. I successi raggiunti a febbraio (elezioni politiche) prima e a maggio con le elezioni Comunali poi, mi hanno ripagato della fatica e del lavoro che in questi anni ho impiegato con passione e dedizione alla politica. Due grandi successi arrivati all'indomani della mia nomina da Coordinatore cittadino della sezione di Crispiano del PDL. Per non parlare del mio successo personale, che mi ha concesso di poter entrare a far parte del consiglio comunale e di ricoprire la carica di Delegato allo Sport e Assessore all'Unione dei Comuni. Un ruolo che in qualche modo mi appartiene e mi rappresenta in pieno, data la mia grande passione per lo sport e per le relazioni sociali. L'Unione dei Comuni rappresenta un'opportunità per il territorio, che lavorando in sinergia con i comuni limitrofi, può ritrovare possibilità di crescita e sviluppo avvalendosi delle esperienze altrui tramite il confronto e la condivisione. Esperienze indispensabili per proiettare Crispiano nella provincia e nell'Europa. Non a caso, all'indomani dello spoglio elettorale, valigia alla mano, mi sono catapultato nella grande capitale europea, Bruxelles, per carpire e intercettare opportunità per il nostro paese. Ma oltre al mio forte entusiasmo per questa mia nuova esperienza, non posso nascondere la commozione provata al mio ingresso nelle stanze e nei corridoi del nostro comune, mentre mi facevo strada i miei passi rimbombavano sui pavimenti lucidi e non per caso, ma perché Una parte di Crispiano ha voluto che io fossi lì. E ho sentito una stretta al cuore pensando alla grande responsabilità che sento nei confronti dei miei elettori e alla grande fiducia che voi tutti avete dimostrato per me. Ho sempre detto che amo stare tra la gente e parlare con la gente, e questo mio nuovo incarico mi permetterà di esservi vicino e di offrire un contributo concreto alla crescita di questo paese da troppo tempo addormentato. Per concludere allegramente: un Vento nuovo si respira a Crispiano , non a caso mi chiamano Tempesta! Approfitto del giornalino della Giovane Italia, per ringraziare pubblicamente chi ha voluto fortemente il mio impegno in Politica: gli amici Renato Perrini e l'On.le Gianfranco Chiarelli.

Giancarlo Argese

Parola al collaboratore

E' Iniziato da circa un mese il cammino del nuovo Consiglio Comunale di Crispiano. Per me questa è l’occasione per ringraziare di cuore il lavoro svolto sia da Renato Perrini come ideatore di questo gruppo che ha stravinto le elezioni comunali e sia i consiglieri uscenti che avranno occasione di fare bene dallo "scanno della maggioranza", così come i nuovi dimostreranno a tutti il loro valore, sia umano che tecnico. Ho accettato di aiutare il coordinatore Argese, eletto consigliere comunale, mettendo a disposizione parte del mio tempo con l'obiettivo principale di fare da filtro tra gli amministratori e la base del PDL, affinché le scelte prioritarie per lo sviluppo del nostro Paese siano condivise dai cittadini. Otterremo ciò attraverso un percorso che ci porterà a rafforzare la nostra identità; ad essere attivi nelle scelte e testimoniare che vivere la vita politica e' anche gioioso. Rafforzeremo la collaborazione con il Movimento Giovane Italia e con le varie realtà che compongono il Popolo della Libertà a Crispiano, per ricordare ai giovani ed ai meno giovani, che la politica non si vive solo nella sede di partito ma soprattutto nella vita reale. Ed allora, in occasione di questa edizione del giornalino edito dai ragazzi della Giovane Italia rivolgo a loro un augurio speciale che ci accompagni in questo cammino verso la rinascita del nostro Paese.

Gianluca Troisi


Rubrica dell'E-lettore

3

Donne e politica “La forza delle donne deriva da qualcosa che la psicologia non può spiegare” O. Wilde

Ritengo, che questa frase si riferisca a quello che noi chiamiamo “Universo femminile”. Le donne e la loro forza, spesso si sente dire che “le donne rappresentano il sesso forte”, in parte è vero; hanno una forza intrinseca che le aiuta a superare momenti difficili, la stessa forza per vivere serenamente. Le donne, per lungo tempo, hanno messo la loro forza a disposizione della famiglia, senza volgere particolare interesse alla politica. Spesso sentiamo parlare di quote rosa, cioè di una quota femminile all’interno di organi elettivi. Questo fa riflettere. La presenza dovrebbe essere ovvia come lo è quella maschile, senza ricorrere ad alcuna quota, nonostante tutt’oggi siamo ancora ad una quota bassissima. L’ideale sarebbe il 50%, ma sta a noi donne diventare parte attiva della vita politica. Ancora oggi, si nota un distacco notevole ed un avvicinamento, in punta di piedi, alla politica. Proviamo ad inventariare le presenze femminili nelle attività di partito, otterremmo un risultato praticamente nullo. Molte donne pensano che partecipare alla vita politica sia uno spreco di tempo; credo, che questo non sia corretto. Noi dovremmo attivarci per essere in prima linea ed avere voce in capitolo nella cosa pubblica; molte, credono di non esserne capaci. Da secoli una sola donna riesce a gestire una o più famiglie contemporaneamente, ed ha timore nel poter dare un parere o un giudizio per amministrare la cosa comune; abbiamo il dovere di sentire la comunità come parte integrante della nostra famiglia, dobbiamo essere parte attiva sul territorio, incontrarci, confrontarci e contribuire alle soluzioni per il meglio della comunità. In quest’ultimo periodo ho ricevuto molte soddisfazioni. Grazie al mio discreto impegno in attività politica ho avuto modo di conoscere altre donne, anch'esse impegnate nella competizione elettorale. Non nego la mia gioia quando il nostro operato è stato riconosciuto dalla larga maggioranza dei nostri concittadini, portando 3 delle nostre rappresentanti in giunta comunale. Ad Angela, Sabrina e Valeria va il mio augurio, come anche alle altre donne in amministrazione. Sperando in una sempre crescente partecipazione femminile all’ attività politica di partito ed alla partecipazione costruttiva sul nostro territorio. Concludo, citando una frase di Betty N. Friedman. “Una ragazza non dovrebbe aspettarsi privilegi per il suo sesso, ma neppure dovrebbe adattarsi al pregiudizio ed alla discriminazione. Deve imparare a competere non in quanto donna, ma in quanto essere umano” Daniela Spataro

Eventi Lunedì 8 luglio

Ore 17.00 c/o sala consiliare, incontro pubblico con le associazioni sportive del territorio. Martedì 9 luglio Ore 9.30 c/o sala consigliare primo consiglio dei comuni Crispiano - Massafra - Statte.


Iùvenis 7 luglio 2013  

Mensile a cura dei giovani di GIOVANE ITALIA CRISPIANO

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you