__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

STATION FERMATA CREATIVA TOMMASO CHIAPPA

GLOBAL STATION


STATION FERMATA CREATIVA/GLOBAL STATION 27 OTTOBRE - 24 NOVEMBRE 2018 STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE VIA GIOACCHINO DI MARZO - 14F

Main sponsor

Art partners

Progetto a cura di Tommaso Chiappa Introduction Avv. Irene Damiani Traduzioni Rita Di Gruso Fotografie Sergio Fiorito, Tommaso Chiappa, Silvia Salerno Grafica ed impaginazione Allestimento Yellow Group Ufficio stampa Inpress events & communication

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotto o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dell’artista.

Un particolare ringraziamento Allo studio legale internazionale Damiani&Damiani di Palermo Studio Legale Damiani & Damiani - Torino Italia Studio Legale Damiani & Damiani – Roma Italia Studio Legale Damiani & Damiani – Barcellona Spagna Studio Legale Damiani & Damiani – Atene Grecia Studio Legale CAJIGAS & CO – Panama Repubblica di Panama Studio Legale Mantovani – Padova Italia Si ringraziano Irene Danìmiani Domenico Damiani Giuseppe Caruso Maurizio Ettore Maccarini Giampaolo Basilico Sabrina Figuccia Eliana Calandra Andrea Cusumano Rita di Gruso Wania Brancato Rosalba Speranza Giuseppe Chiappa Avv. Anna Sagone Avv. Daniele Bocci Avv. Anna Francesca Guaricci Avv. Marilo Pardo Serrano Avv.VasiliosStaurosBinios Avv. Gabriel Cajigas Avv. Moreno Mantovani Agnese Drago sito internet: www.damianianddamiani.com www.tommasochiappa.eu


STATION FERMATA CREATIVA

GLOBAL STATION

TOMMASO CHIAPPA

27 OTTOBRE - 24 NOVEMBRE 2018 STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE DAMIANI&DAMIANI VIA GIOACCHINO DI MARZO - 14F


STATION FERMATA CREATIVA/PROJECT

L’artista Tommaso Chiappa in concomitanza con “Palermo capitale della cultura 2018” e in collaborazione con lo studio legale internazionale Damiani & Damiani di Palermo, ha creato una performance pittorica intitolata “Station -fermata creativa”, dove l’artista stesso nel suo spazio ideale della Casena dei Trabia alle Terre Rosse, in breve Villa Trabia,ha dipinto per l’intera giornata di Domenica 20 Maggio. Il tema trattato nella produzione è la multiculturalità, attraverso i suoi ormai celebri personaggi colorati e reali che verranno rappresentati con diverse tecniche. La mostra Station nasce proprio dall’attenzione dell’artista verso un nuovo modo di fare arte anche all’interno dei luoghi storici e simbolici di Palermo e della Sicilia, proprio come Villa Trabia. L’obbiettivo del progetto Station fermata creativa è quello di creare un ponte culturale ideale tra la città di Palermo ed altre città europee e mondiali, e tutto questo attraverso una performance artistica. Infatti l’artista, partendo da alcuni testi celebri nella sua poetica pittorica, come i “Non luoghi “di Marc Auge ed il “Linguaggio dell’arte” di Omar Calabrese, cerca proprio di rappresentare e proporre una realtà in continuo cambiamento. L’evento è suddiviso essenzialmente in due parti: la prima parte, che si è tenuta il 20 Maggio nei giardini della Villa, è da considerarsi il momento di scoperta del lavoro dell’artista, che ricerca e rappresenta una realtà multietnica in continuo divenire e che cambia il nostro quotidiano in maniera positiva o negativa. L’artista ha disegnato e dipinto con diverse tecniche: grafite, acrilico, olio, acquarello diversi popoli, culture, frammenti di quotidianità. Da sempre Tommaso Chiappa ha voluto rappresentare i cambiamenti sociali della realtà siciliana, e non solo, anche la sua pittura tra il monocromo ed il colore tende spesso a sottolineare alcuni aspetti umani.

The artist Tommaso Chiappa,coincident with “Palermo Capital City of Culture 2018” and in cooperation with Damiani & Damiani International law firm and Services in Palermo, createdapictorial performance named “Station – creative stop”, where the artistin Casena dei Trabiaalle Terre Rosse, shortlyVilla Trabia, paintedfor the wholeday of Sunday 20 May. The subjectcovered in the production was the multiculturalism, throughhisfamouscolored and realcharactersthatwererepresented with differenttechniques. The projectStationwasborn from the artist’sattentiontoward a new way to make art inside the historical and symbolicplaces of Palermo and Sicily, as Villa Trabia. The aimof the projectis to create an idealand cultural bridge amongPalermo and otherEuropean and world citiesthrough an artistic performance. In fact the artist, starting from some famouslyrics in hispictorialpoetics,as “Notplaces “of Marc Auge and the “Language of the art” of Omar Calabrese, he islooking forrepresenting and proposing a reality in continuouschange. The eventisessentiallydivided in twoparts: the first part, thattookplaceon May 20 in the gardens of Villa Trabia, is the moment of discovery of Tommaso Chiappa’sartworks, wholooks for andrepresents a multiethnic reality in continuouschange and thatchangesoureveryday life positively or negatively. The artistdrew and painted with severaltechniques(graphite, acrylic, oil, watercolours)differentpeople, cultures, everyday life fragments. For manyyears Tommaso Chiappa haswanted to represent the social changes of the sicilian reality, and notonly, alsohis painting between the monochrome and the color oftenhas the tendency to underline some human aspects. The colors and the themes, almostalwaysreal,describe a city reality in strong change:


I colori e i temi, quasi sempre reali, servono a parlarci di una realtà cittadina in forte cambiamento: anche Palermo è cambiata rispetto a vent’anni fa, tutto è più veloce, più dinamico. L’artista oltre a creare quindi nella giornata del 20 Maggio un vero e proprio laboratorio di idee e contenuti che mettono al centro l’uomo immerso nella sua multiculturalità e diversità, nei giorni dal 21 al 31 Maggio, grazie al contributo del Comune di Palermo, ha costruito una istallazione/mostra nella biblioteca di Villa Trabia dal titolo, appunto, Station fermata creativa dove i visitatori o fruitori della biblioteca di Villa Trabia hanno potuto visitare la mostra che verrà composta da 14 opere che rappresentano: persone, luoghi, sensazioni, visioni dell’artista durante i suoi continui viaggi in Italia, in Europa e nel mondo. La selezione delle opere tende ad allargare ancora il concetto di “Stazione Globale” del mondo dove noi tutti siamo degli inconsapevoli viaggiatori. Oggi più di prima, grazie anche ad internet ed ai viaggi sempre più frequenti, è cambiato il modo di vivere i luoghi anche quelli storicizzati, come una piazza un locale o una via, tutto risulta spesso essere un luogo di passaggio dove incontrarsi, sviluppare connessioni o magari fare un selfie. In questa realtà, non sempre profonda ma comunque dove si sviluppano rapporti multiculturali anche attraverso i social, si inserisce la mostra station. Alla fine della mostra l’artista in collaborazione con i suoi menzionati Art Partner e con il patrocinio del comune di Palermo, ha inviato le sueopere in diverse città italiane, europee e mondiali, in occasione appunto di Palermo capitale della cultura 2018. La performance Station,ripresa e montata in dei video- art, è stata diffusa nei social; inoltre è stato creato un portale facebook per l’evento.

The artistaswelllascreating, on 20 May, a reallaboratory of ideas and contentsthat put to the center the steeped man in hismulticulturalism and diversity; ondays from 21 to 31May, thanks to the contribution of Commune in Palermo, healsobuilt an installation in the library of Villa Trabia entitled “Station – creative stop”, wherevisitors and usershavebeenable to visit the exhibitioncomposed of 14 artworksthatrepresent: people, places, feelings, the artist’svisionsduringhiscontinuoustrips in Italy, in Europe, in the world. The selection of the artworkswhishes to broaden the concept of “Global Station” of the world whereall of us are unaware travellers. Today, thanksalso to internet and to the frequenttrips, the way of living alsohistoricizedplaceschanged,as a square or a street, everythingoftenresults to be a way station where to meeteachother, to developconnections or even to make a selfie. The exhibitionisinserted in this reality, notalwaysdeepbuthoweverwhererelationships of multiculturalism are alsodevelopedthrough social media. At the end of the performance the artist in collaboration with hismentioned Art Partners and with the patronage of the Commune of Palermo, senthisartworks in differentItalian,European and world cities, onthe occasion ofPalermo Capital City of the Culture 2018. The performance Station isreproduced and installed in a video - art thatcan be seen on social media; a portalfacebookisalsocreated for the event. On the occasion of the finissage of the projectin the international law firm Damiani & Damiani in Palermo, all the tapesconcerning the projectwill be broadcasted and itwill be possible to visit the site-specificinstallationbuiltad hocfor the law firm. The city of Palermo thusbecomes a capital of culture, professionally and artisticallysetting up essentialdialogues for the growth and the integration with the rest of the world.


In occasione del finissage della mostra che si terrà nello studio legale internazionale Damiani & Damianidi Palermo, verranno proiettati filmati inerenti alla mostra e sarà possibile visitare l’istallazione costruita ad hoc per lo studio. La città di Palermo diventa così una capitale della cultura,istaurando professionalmente e artisticamente dei dialoghi essenziali per la crescita e per l’integrazione con il resto del mondo. Molto spesso infatti si parla della Sicilia come di un’isola isolata, ma non è così: ci sono realtà ormai consolidate che comunicano continuamente con il resto del mondo ed artisti che pensano progetti per promuovere il territorio oltre i confini geografici che lo delimitano: questo è il nostro nuovo inizio. L’intero progetto è stato pensato per dare al nostro territorio un messaggio generazionale di novità e di cambiamento, già in atto nelle nuove generazioni. L’evento sarà curato per il web dall’ufficio stampa InpressEvents&Communication. L’artista palermitano ormai è noto per la sua scelta di utilizzare luoghi inusuali all’arte per sviluppare mostre d’arte contemporanea, al fine di cercare uno scambio più sincero con la gente. Tra le mostre più rappresentative per aver voluto portare l’arte in luoghi di lavoro o di vita, ricordiamo la personale nella fabbrica Elettrolux di Solaro (MI) nel 2017, la personale Origine con catalogo di Prearo Editore a Villa Magnisi, sede dell’ordine dei medici di Palermo e Nature incontaminate nei locali storici dell’antica FocacceriaSan Francesco a Palermo e Milano, oltre che la partecipazione alla Clio Art Fair di New York nel 2017. L’evento è realizzato in collaborazione con gli Art Partners dell’artista: lo studio legale internazionale Damiani & Damiani e i suoi partner associati, come sponsor principale;HBB Immobiliare di Rovellasca (VA), l’azienda Solgen di Milano, il collegio universitario Lorenzo Valla eNuova Idea di Pavia.

Veryoftenwetalk aboutSicilyas an isolatedisland, butitisnotthat: there are nowconsolidatedrealitiesthatcommunicateconstantly with the rest of the world and artistswhothinkprojects to promote the territorybeyond the geographicalbordersthat surround it: thisisour new beginning. The wholeprojecthasbeendesigned to giveto ourterritory a generationalmessage of novelty and change, already underway in the new generations. The eventwill be broadcasted on the web byInpressEvents&Communication press office. The artistof palermoisknown for hischoice to use inusualplacesfor art in orderto developexhibition of contemporary art with the purpose to look for a more sincere exchange with the people. Among the mostrepresentativeart shows in which he brought art in places of job or life, weremember the solo-show in the factoryElettrolux of Solaro (MI) in 2017, the solo-showOrigin with the catalog of Prearo Editore in Villa Magnisi, center of the Order of the Physicians of Palermo and UncontaminatedNatures in the historicalAntica FocacceriaSan Francesco in Palermo and Milan, aswellasthe group show inClio Art Fair in New York in the 2017. The eventisorganised in cooperation with Tommaso Chiappa’s Art-partners: Damiani & Damiani International Law Firm and Services and itsassociates,asmain sponsor;HBB Immobiliare of Rovellasca (CO), Solgen of Milan, the University college Lorenzo Vallaand Nuova Idea of Pavia.


SOMMARIO/CONTENTS INTRODUCTION/AVV. IRENE DAMIANI STATION FERMATA CREATIVA/PROJECT WORKS/OPERE GLOBAL STATION/TOMMASO CHIAPPA BIO

People U.S.A.- acrilico su tela-100-70cm-2018


Tommaso Chiappa performance giardino di villa trabia RealtĂ -2018 acrilico su multistrato -30-25 cm RealtĂ  -2018 acrilico su multistrato -30-25 cm


INTRODUZIONE/INTRODUCTION AVV. IRENE DAMIANI L’incontro con Tommaso Chiappa è avvenuto dopo la mia esperienza al Trinity College di Dublino, esperienza che ha senz’altro contribuito a fornirmi quelle capacità di comprendere ed accogliere il progetto di Tommaso. Un’esperienza di ritrovo, tra culture e realtà sociali tra loro diversissime, sfaccettate ed accomunate da un unico elemento, motore pulsante dell’uomo, da sempre: la professionalità. E’ la professionalità che accomuna l’uomo in tutti gli ambiti in cui si cimenta, al di là dei confini dello spazio e del tempo. Là dove confini dividono la territorialità l’uomo accomuna gli spazi col lavoro. Prova ne sia l’immane percorso che si fa da quasi 70 anni, per ravvicinare i cammini dell’uomo europeo. E allora le professioni devono rendere più sottili i propri confini ed aprire le porte all’innovazione e con essa all’espressione umana che trova forme inconsuete, in un progetto che non accomuni solo beni, risorse e capitali ma che accomuni anche gli uomini, nelle loro diversità culturali, professionali e artistiche. Palermo è una tra le prime città in Italia per la formazione di cervelli che, però, non trovano il medesimo afflatus fuori dalla dimensione accademica, e che spesso devono migrare per trovare realizzazione, concretizzazione, essenza. Ciò a mio parere è dato da un eccessivo rigidismo dei confini, che non lascia spazio alla contaminazione sana. Ma in verità, quando la professionalità guida l’innovazione, non c’è spazio per gli apriorismi, e le mura del protezionismo devono crollare per lasciare spazio ad una realtà rinnovata che è anche futuro, per chi la vive e per chi la vivrà. L’arte di Tommaso rispecchia il concetto di comunanza, soggetti tra loro diversissimi, unici protagonisti di un’opera che grida “siamo la stessa cosa”. Arte e legalità, sono la stessa cosa.

The meeting with Tommaso Chiappahappenedaftermyexperience to the Trinity College of Dublino, experiencethathascertainlycontributed to provide me with thoseabilities to understand and to welcome the project of Tommaso. An experience of meeting, amongverydifferentcultures and social realities, multifacetedand united by an onlyelement, throbbingengine of the man, life long: the professionalism. Itisthe professionalismthatconnects the man in all the fieldsin whichheventures, beyond the borders of space and time. Wherethe borders divide the territoriality, the man connects the spaces with the job. The mainevidence for thisis the hugepaththatwe do from almost 70 yearsto bringcloser the routes of the European man. And therefore the professions must maketheirownbordersthinner and open the doors to the innovation and with it to the human expressionthatfindsunusualforms, in a projectthatdoesn’tconnectonlygoods, resources and fundsbutthatconnects men in their cultural, professional and artisticdifferences. Palermo isoneamong the first cities in Italy for the formation of brains that, nevertheless, don’tfind the samebreath out of the academicdimension, and thatmust often migrate in order to findachievement, realisation, essence. This inmy opinion isgiven by an excessiveinflexibilityof theborders, thatdoesn’tleavespace to the healthycontamination. Butactually, whenprofessionalismdrives the innovation, thereis no space for preconceivedideas, and the boundaries of the protectionism must collapse for leavingspace to a renewed reality thatisalso future, for thosewho live itnow and for thosewhowill live it. The art of Tommaso Chiappamirrors the concept of society, peopleamongthemdifferent, onlyonesprotagonists of a work thatshouts “we are the samething.”


Arte e legalità, sono la stessa cosa. L’obiettivo di entrambi è aprire le porte della nostra città, ognuno con i propri mezzi, a chi ha voglia di esplorare e di costruire, con i mezzi leciti dati dal lavoro. Aprirsi a chi ha una percezione ormai distorta della nostra bellezza, che purtroppo non conosce o non può conoscere, pur volendolo, per gli infiniti ‘spazi’ che ci dividono. Io e Tommaso abbiamo un unico obiettivo, ridurre gli spazi. Io dal mio canto accorcio le distanze portando una palermitana nel mondo, Tommaso invece porta la sua Palermo, nel mondo. “Station” è uno squarcio nel muro, dove le professioni si incontrano per vivere un unico modo di essere, arte. Creiamo il nostro destino, senza i limiti dello spazio che ci circonda, e valorizzando quanto di più bello c’è nella nostra città, che è passione, amore, colori, diversità. Tutti pezzi unici in un mondo ormai comune.

Art and legality, are the samething. The aim of bothis to open the doors of our city, each with itsownmeans, to whomiswilling to explore and to build, by fair meansgiven by the job. To open up to whomhas a distortedperception of our beauty, thatdoesn’tknowunfortunately or cannotknow, alsowantingit, because of the endless ‘spaces’ that divide us. Tommaso and Ihave an onlyaim, reducing the spaces. For my part,I reduce the distancesbringing a woman of Palermo in the world, Tommaso, instead, handshis Palermo in the world. “Station” is a slashin the wall, where the professionsmeeteachotherin orderto live an only way to be,art. We create ourdestiny, without the limits of the spacethat surrounds us, and valuinghowmuchbetterthereis in our city, thatispassion, love, colors, diversity. Alluniqueitems in a henceforthcommon world.


OPERE/WORKS


Mondello - 2018 - acrilico su tela -50-70 cm collezione privata


Meditazione - 2018 -acrilico su tela -100-70 cm collezione privata


NY - 2018 - acrilico su tela -35-40 cm collezione privata Global - acrilico su tela -100-70 cm


Meditazioni-2018- acrilico su tela-50-40 cm collezione privata Porta-2018- acrilico su tela -60-60 cm collezione privata


Quattro Canti- 2018 -acrilico su tela -50-70 cm collezione privata


Inverno-2018-acrilico su tela -50-70 cm collezione privata Albero rosso - 2017-acrilico su tela -60-60 cm collezione privata


News-2018-acrilico su tela -100-70 cm


People urban-2018-acrilico su tela -110-70 cm


People-2018-acrilico su tela-35-60 cm Ragazzi di spalle-2018-acrilico su tela-100-30 cm Ragazzi -2018-acrilico su tela-100-30 cm


White-2018- acrilico su tela-35-60cm People-2018- acrilico su tela-35-25cm collezione privata


Vucciria -2018-acrilico su tela -64-55 cm


Ora change -2018-acrilico su tela -50-70 cm


San Vito - 2018 acrilico su tela -63-54 cm


Excursion -2018 acrilico su multistrato -40-35 cm


Massimo color -2018 acrilico su tela -50-70 cm collezione privata Cina -2018 acrilico su tela -30-25 cm collezione privata


RealtĂ -2018 acrilico su multistrato -30-25 cm RealtĂ  -2018 acrilico su multistrato -30-25 cm


GLOBAL/STATION TOMMASO CHIAPPA ART DIRECTOR Con l’istallazione site-specific Global station ho cercato di rappresentare la mia idea di multiculturalità attraverso una serie di luoghi,people e particolari indispensabili per il viaggio. Il percorso/mostra iniziato a Maggio con “Station” a Villa Trabia si chiude idealmente nello studio internazionale Damiani&Damiani di Palermo, fondatore con il sottoscritto di Damiani&Damiani LAB. La mia idea di arte da un po’ di tempo a questa parte è proprio quella di portare l’arte in luoghi di lavoro, di passaggio, per renderla più accessibile a tutti e soprattutto per comunicare a tutti. Global Station, stazione globale, fa riferimento anche allo stesso progetto che ha portato alcune delle mie opere nei vari studi associati con lo studio legale Damiani&Damiani a Roma, Torino,Barcellona,Atene e addirittura in altri studi internazionali che hanno partecipato al progetto come lo studio Cajigas& Co., di Panama e lo studio legale Mantovani, di Padova.L’idea che le opere si muovessero attraverso una stazione globale rende il progetto dinamico ed esplorativo; l’interesse di Damiani&Damiani LAB di cui sono art-director è sicuramente quello di esplorare la diversità e la multiculturalità del genere umano e creare eventi che destabilizzino il territorio attraverso un’idea culturale diversa. L’istallazione Global Station è piena di riferimenti alla quotidianità e a elementi legati alla riscoperta di luoghi fisici e mentali.E’ così che è possibile osservare uomini che attraversano spazi bianchi privi di prospettiva o luoghi dove la luce è l’elemento essenziale per far percepire l’aspetto emotivo del luogo.Global Station vuole essere una riscoperta del nostro vivere attraverso il mio mezzo preferito di comunicazione: la pittura.

With the site-specificinstallation,named“Global station”, Itried to representmy idea of multiculturalismthrough a series of places, people and essentialdetails for the trip. The route-exhibition, started in May with “Station” in Villa Trabia,isideallyclosed in the International Law FirmDamiani&Damiani in Palermo,founderof Damiani&Damiani LAB with me. For a whilenow, my idea of art isthat to bring the art in passingplaces, of job, to makeit more accessible to everybody and aboveall to communicate to everybody. Global Stationalsorefersto the projectthatbrought some of myartworks in thevariouslaw firmsin partnership with Damiani&DamianiInternational law firm&services, that are in Rome, Turin, Barcelona, Athens and straight in othersinternational law firmsthathaveparticipated in the projectas the law firmof Panama,Cajigas& Co., and the law firm ofPadua, of Mr Moreno Mantovani. The idea that the artworksweremovingthrougha Global Stationmakes the projectdynamic and explorative. The interest of Damiani&Damiani LAB, of which I am art-director, issurely to explore the difference and the multiculturalismof the human kind and to create eventsthatdestabilize the territorythrough a different cultural idea. The installation“Global Station” is full ofreferences to everydaylife and to elementsrelatedto the rediscovery of physical and mentalplaces. Itis so possible to observe men that cross whitespacefree from perspective or placeswhere the light is the essentialelement to create the perception of the emotionalaspect of the place. Global Station wants to be a rediscovery of our way of living throughmyfavouritemeans of communication: the painting.


Station performance - giardini di villa trabia-2018


Studio Damiani&Damiani/Palermo Avv.Domenico Damiani, Avv. Irene Damiani e l’artista Tommaso Chiappa


Studio Legale Damiani&Damiani- Torino- Avv. Anna Sagone


Studio Legale Damiani&Damiani- Roma- Avv. Anna Francesca Guaricci Studio Legale Damiani&Damiani- Roma- Avv. Daniele Bocci


Studio Legale Damiani&Damiani- Atene- Avv. Vasillios Stauros Binios Studio Damiani&Damiani - Barcellona - Avv.Marilo Pardo Serrano


Attese-2018-acrilico su tela- 35X40 cm-collezione privata Avvocato Moreno Mantovani nello studio di Padova adrente al progetto station


With personnel - Cajigas & Co. - Panama Alone - Cajigas & Co. - Panama


BIO TOMMASO CHIAPPA Tommaso Chiappa (Palermo, Sicily- Italy 1983) wasformedartistically in Milan, takingitsstudiesat the Academy of Brera and linkingitsname to Luciano Inga-Pin Gallery with some shows thathave made known to a wider audience amongwhich include “Look Elsewhere” of 2005 and the staff always in Luciano Inga-Pin Gallery “Take Away” in 2008. Tommaso took part in numerous solo and groupexhibitions in Italy and abroad. Among the personal recentaccomplishments are included “Fuoriluogo” to Malagnini Art Center of Saronno in 2015 and 2016, the staff “Source” Villa Magnisiheadquarters of the Order of Palermo doctors, with the publication of the book “Origin of Tommaso Chiappa” by Vera Agosti, Prearo Publisher.Nel Marzo 2017 partecipa alla Clio Art Fair di New York. A Ottobre 2017 espone alla Sitka Gallery di Fitchburg (Massachusetts).nel 2018 e autore del libro yellow living art peoleehumanities e diventa art director dello studio legale internazionale Damiani&Damiani per la creazione di eventi legati alla multiculturalità.


Selected Personal Exhibitions: 2018-Umano –Villa Magnisi Palermo 2018 – Excursion –Gregorio’s office - Palermo 2017- Outsider – Electroluxfactory - Solaro (MI) 2016 - Origin - Villa Magnisi (Palermo) - CatalogPrearo Publisher 2015 - Fuoriluogo -Centro art Malagnini (Saronno) 2013 -Color one, Nature and antinature -Palazzo of Culture (Modica) 2013 - Nature Incontaminate- Antica Focacceria St. Francis (Palermo-Milan) 2013 - Roads - Cloister of Bramante - (Rome) 2012-Changing the species - Cultural AssociationNagalleria - (Florence) 2012 - White Paper -Palazzo of the Philippines (Agrigento) 2011 - Monochrome -Galleria La Piana Contemporary Art - (Palermo) 2011 - Monochrome - Museum Giuseppe Gianetti (Saronno) 2009 - “Multicultural”, Cultural Association - Athenstyle (Athens) 2009 - “Indigenous Dell ‘Urbe”, Gallery La Piana contemporary art, (Palermo) 2008 - “Take Away”, Galleria Luciano Inga -Pin, (Milan) 2007 - “Non-placesElsewhere”, Gallery La Piana contemporary art, (Palermo)

Main Group Exhibitions: 2018 artisti per nuvolari- galleria Sartori Mantova 2018 “Cartone riciclato ad arte”-NoiBreraAssociation - Milan 2018 “L’arte tra paesaggi e periferie” – SartoriMuseum- Mantova 2017 “Love”-Atelièr 3+10 - Mestre 2017 “Insieme” - Centro d’Arte Malagnini- Saronno 2017 “Artisti per Nuvolari” – Sartori Museum- Mantova 2017 “Yellow/Border”- Villa Magnisi- headquarters of the Order of Palermo doctors Palermo 2017 “Hearth’sday show” in Gallery Sitka West, Fitchburgh, Massachusetts 2017 “Downtown”, Spazio Liquido, Genova 2017 “La Poesia nel Colore”, Civic Center, Rovello Porro, Como 2017 “MumArt”,MichettiMuseum, Francavilla al Mare, Chieti 2017 “Yellow/Integrazione”-VillaMagnisi –-headquarters of the Order of Palermo doctorsPalermo 2017 –“Futuro” –Centro d’arte Malagnini -Saronno 2017- “Back to College”, by Martina Corgnati, University College Lorenzo Valla- Pavia 2017-“Clio Art Fair”- New York 2017- “United” – by Edoardo di Mauro ,Centro d’arte Malagnini –Saronno 2017 –“Nero”-Centro d’arte Malagnini di Saronno 2017- “Yellow”- identità -Villa Magnisi, headquarters of the Order of Palermo doctors, Palermo 2016- “Blu” –Centro d’arte Malagnini di Saronno 2016- “Chanukkà”-artworkacquiredfrom Museo dei Lumi, Casale Monferrato 2016- Salsomaggiore Terme The edition of the Manifesto Festival - Salsomaggiore Terme 2016- ArchaeologyMuseum van de communicatie- Small Cisterns - Fermo 2016- CivilLoves- Sale Celeste- Bologna


2016 - Infigura - Art Center Malagnini- Saronno 2016 - SicilianRhapsody III La Piana contemporary art Palermo 2015 - GESTURE color Form -Galleria Sorrenti Novara 2015 - GESTURE color Shape - Art Center Malagnini -Saronno 2015 - PEOPLE -Tommaso Chiappa and Emanuele Gregolin-Space via union 13-Lomazzo 2014 -Enter -Centro art Malagnini - Saronno 2014 - instantly Art Center Malagnini- Saronno 2013- Confine- Art Center Malagnini- Saronno 2012-Sicilian Rapsody -The Plaincontemporary art Palermo 2010 Bi-XRay- staff Tommaso Chiappa and Gaetano Costa -Villa Castelnovo- Palermo 2009-Integrazioni- permanentpictorialinstallation - City M.P.Jesolo- Veneto 2008- Fairytales - Gallery Antonio Battaglia- Milan 2008 -Agenda -Tufano study 25-Milano 2008 - Garage DaysReviseted -Galleria the new ars Italica -Milano 2008- Made to Mesaure - Villa Pomini - Varese Castellanza 2008 - Catania Art Fair -The Plains Contemporary Art 2007-permanent worksat Costa Serena (Compagnia Costa Cruise) 2007- A hand for Ail - Palazzo Clerici (Milan) 2007Saloon Brera - Museo della Permanente (Milan) 2006 Group Exhibition, permanentinstallationPrk hotel Lecci (San Vincenzo -Livorno) 2005 passageencounteracademybreramilan 2005 - look elsewhere -Galleria Luciano Inga- Pin (Milan) 2005 - Engraving Biennale Monsumano Terme (Pistoia)


Villa Trabia Palermo People-2018-acrilico su multistrato- 35X25 cm collezione privata


Canti Liberi-2018-acrilico su tela -50-40 cm-collezione privata Color -2016 acrilico su tela -100-80 cm collezione privata


L’avvocato Domenico Damiani, Tommaso Chiappa e il consigliere comunale Sabrina Figuccia durante la performance a villa trabia - 2018

Profile for tommaso chiappa

STATION - FERMATA CREATIVA - GLOBAL STATION  

STATION - FERMATA CREATIVA - GLOBAL STATION  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded