Page 1

BILANCIO SOCIALE A.S. 2017/2018

Educare Istruendo “La scuola dovrebbe sempre avere come suo fine che i giovani ne escano con personalità armoniose, non ridotti a specialisti. Lo sviluppo dell’attitudine a pensare e giudicare indipendentemente dovrebbe essere sempre al primo posto.” Albert Einstein

1


INDICE PREMESSA CAPITOLO 1 L’IDENTITÀ 1 Strategie e valori 1.1 L’Istituto e le sue scuole 1.2 I docenti 1.3 Organigramma 1.4 Gli stakeholder 1.5 Contesto e storia CAPITOLO 2 STRATEGIE E RISORSE 2.1 Aree di rendicontazione 2.2 Mappa strategica 2.3 Le risorse strutturali 2.4 Le risorse tecnologiche CAPITOLO 3 LA RELAZIONE SOCIALE 3.1 Risultati raggiunti 3.2 Promuovere il successo formativo innalzando il livello delle competenze in uscita 3.3 Valutazione esterna 3.4 Risultati prove INVALSI 2016/2017 3.5 La percezione degli stakeholder sull’operato della scuola

2

p. 3 p. 5 p. 7 p. 16 p. 17 p. 19 p. 20 p. 24 p. 25 p. 28 p. 30 p. 32 p. 33 p. 34 p. 35 p. 39


PREMESSA

Il Bilancio Sociale è il documento che misura le prestazioni della scuola in termini di efficienza – miglior utilizzo delle risorse disponibili -, di efficacia – raggiungimento degli obiettivi -, di equità – la scuola come costruttore del bene comune per le giovani generazioni. Esso evidenzia l’identità, i valori, i destinatari e l’attività svolta nei confronti degli studenti, delle famiglie, del territorio e di tutta la comunità locale.

3


CAPITOLO 1 L’IDENTITÀ

4


1.STRATEGIE E VALORI L’Istituto comprensivo Enrico Mestica di Macerata, si propone con il proprio Piano Triennale dell'Offerta Formativa di innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone i tempi e gli stili di apprendimento, contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali, in coerenza con il Profilo Educativo, Culturale e Professionale della scuola dell’infanzia e del primo grado di istruzione. Nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili, ci si prefigge di realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva. Garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini. Si ispira alle finalità complessive dettate dalla legge 107/2015, che possono essere così sintetizzate: Affermazione del ruolo centrale della scuola nella società della conoscenza;  innalzamento dei livelli di istruzione e delle competenze degli studenti;   prevenzione e recupero dell’abbandono e della dispersione scolastica;  progettualità inclusiva per valorizzare l’espressione di ogni identità nella comunità;  garanzia del diritto allo studio delle pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini attraverso la piena attuazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche. Pertanto, gli obiettivi educativi e formativi dell’Istituto, validi per tutte le aree disciplinari e sviluppati sull’intero percorso, dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di primo grado, vengono perseguite, attraverso un curricolo unitario e verticale, pur nel rispetto della peculiarità di ciascuna fascia d’età, le seguenti finalità:  aiutare l’alunno a scoprire il valore di se stesso, degli altri, della realtà in cui vive; accompagnare il suo percorso di formazione personale sostenendo la sua  ricerca di senso ed il processo di costruzione della sua personalità; conquista dell’autonomia e del senso critico per una maggiore libertà di scelta;   educare ai valori di una società pluralista e democratica, al valore della pace e della non violenza;  rispetto dei tempi di apprendimento di ciascuno; acquisizione e rielaborazione di regole condivise;  formare individui consapevoli delle proprie competenze, abilità e aspirazioni;  formare cittadini capaci di comprendere e di progettare tenendo conto delle  complessità dei nuovi linguaggi e di ricercare il benessere individuale e collettivo.

5


Tali finalità pongono al centro lo sviluppo armonico e integrale della persona, e vengono declinate nel quadro dei principi e dei valori della Costituzione italiana, della tradizione culturale europea, con riferimento alle competenze-chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea (Raccomandazione del 18/12/2006), cioè:

6


1.1 L’ISTITUTO E LE SUE SCUOLE

ENRICO MESTICA MACERATA Scuola statale - ISTITUTO COMPRENSIVO Viale Don Bosco, 55, 62100 MACERATA (MC) Codice

MCIC82800P

email

MCIC82800P@istruzione.it

PEC

mcic82800p@pec.istruzione.it

Sito web

http://istitutomesticamacerata.gov.it/

Dirigente scolastico Sabina Tombesi D.S.G.A.

Patrizia Pacetti

7


PLESSI/SCUOLE SCUOLE DELL’INFANZIA PLESSI Via dei Sibillini

G.Mameli

G.Rodari

Via Cardarelli

NUMERI

ORARIO

Sezioni n.1

h 8.10 – 16.10

Alunni 27

dal lunedì a venerdì

Docenti 2

(con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.45 su richiesta dei genitori)

Sezioni n.3

h 8.00 – 16.00

Alunni 75

dal lunedì a venerdì

Docenti 9

(con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.45 su richiesta dei genitori)

Sezioni n.4

h 8.00 – 16.00

Alunni 103

dal lunedì a venerdì

Docenti 9

(con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.45 su richiesta dei genitori)

Sezioni n.3

h 8.00 – 16.00

Alunni 75

dal lunedì a venerdì

Docenti 7

(con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.45 su richiesta dei genitori)

8

SEDI Attualmente, a causa del sisma, trasferita da Via dei Sibillini n. 39 a Via Panfilo n. 48, Macerata

tel/fax 0733.232793 Via G. Mameli n. 43 Macerata

tel/fax 0733.236024

Via Panfilo n.42 Macerata

tel/fax 0733.233840

Via Cardarelli n.30 Macerata

tel/fax 0733.32202


Scuola dell’Infanzia Via dei Sibillini

Scuola dell’Infanzia G. Mameli

9


Scuola dell’Infanzia Via Panfilo

Scuola Dell’Infanzia Via Cardarelli

10


SCUOLA PRIMARIA PLESSI

NUMERI

M. Montessori TEMPO PIENO

Classi n. 4 Alunni 80 Docenti 10

S. D’Acquisto TEMPO PIENO (sez. A)

Classi n. 5 Alunni 120 Docenti 12

S. D’Acquisto TEMPO MODULARE antimeridiano (sez. B)

Classi n. 5 Alunni 117 Docenti 10

Via G. Mameli TEMPO MODULARE antimeridiano

Classi n. 5 Alunni 96 Docenti 14

Dolores Prato TEMPO PIENO

Classi n. 5 Alunni 107 Docenti 10

ORARIO h 8.10 – 16.10 dal lunedì a venerdì (con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori) h 8.15 – 16.15 dal lunedì a venerdì (con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori) h 8.10 – 12.40 dal lunedì a sabato 12.40 – 14.15 dal lunedì al venerdì SERVIZIO MENSA ASSISTENZA a carico delle famiglie (con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori e di postscuola fino alle 13.00) h 8.10 – 12.40 dal lunedì a sabato 12.40 – 14.15 dal lunedì al venerdì SERVIZIO MENSA ASSISTENZA a carico delle famiglie (con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori e di postscuola fino alle 13.00) h 8.00 – 16.00 dal lunedì a venerdì (con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori)

11

SEDI A causa del sisma trasferita da Via dei Sibillini n.37 a Via Don Bosco n.55 Macerata Tel/fax 0733.230336

Via Panfilo n. 48 Macerata Tel/fax 0733233847

Via G. Mameli n. 43

Macerata Tel/fax 0733.236024

Via V. Cardarelli n. 30

Macerata Tel/fax 073332202


Scuola Primaria M. Montessori

12


Scuola Primaria G. Mameli

Scuola Primaria Dolores Prato

13


Scuola Primaria Salvo D’Acquisto

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PLESSI E. Mestica

NUMERI

ORARIO

Classi n. 10

h 7.55 – 12.55

Alunni 217

dal lunedì a venerdì

Docenti 31

(con possibilità di servizio di prescuola dalle 7.40 su richiesta dei genitori)

SEDI A causa del sisma trasferita da Via dei Sibillini n. 37 a Via Don Bosco n. 55 Macerata

Tel:0733.239334 Fax0733.230336 MCIC82800p@istruzione.it

14


Scuola Secondaria di Primo Grado ‘E. Mestica’

CRITERI COMUNI A TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA  collocazione della contemporaneità flessibile ed articolata nei diversi momenti della giornata e dell’anno;  collocazione della contemporaneità nei diversi ambiti disciplinari;  finalizzazione della contemporaneità allo sviluppo, al potenziamento e al recupero delle capacità degli allievi;  finalizzazione della contemporaneità alla valorizzazione dei processi e percorsi didattici personalizzati.

15


1.2 I DOCENTI

L’Istituto si avvale prevalentemente di docenti con contratto a tempo indeterminato e quindi stabile, di età compresa per lo più dai 45 ai 54 anni. La maggior parte dei docenti è entrata a far parte dell’organico dell’Istituzione scolastica al momento della sua costituzione come Istituto Comprensivo per effetto del dimensionamento del 2012. Nelle scuole primarie sono presenti docenti in possesso sia delle certificazioni Italiano L2 (C.E.D.I.L.S.), sia delle certificazioni linguistiche necessarie ad assicurare l’insegnamento della lingua straniera in tutte le classi così come nella scuola dell’infanzia.

16


1.3 ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO Tombesi Sabina COLLABORATORI DEL DIRIGENTE Gentili Marilisa Principi Brunella DIRETTRICE SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI Pacetti Patrizia ASSISTENTI AMMINISTRATIVI Bittarelli Laura (area personale ATA - gestione fiscale personale) Battistini Luciana (area personale - docenti sc. primaria e infanzia) Cori Marina (area personale - docenti sc. secondaria ) Bartoletti Gabriele (area alunni sc. primaria e infanzia) Giampieri Maria (area alunni sc. secondaria) COORDINATORI DI PLESSO Via Dei Sibillini (infanzia) Via Mameli (infanzia) Via Cardarelli (infanzia) G. Rodari (infanzia) M. Montessori (primaria) G. Mameli (primaria) D. Prato (primaria) S. D’Acquisto (primaria) E. Mestica (secondaria di I grado) VICE REFERENTI DI PLESSO G. Mameli (primaria) S. D’Acquisto (primaria) D. Prato (primaria) FUNZIONI STRUMENTALI E COMMISSIONI PTOF

Lautizi Claudia Rosini Francesca Marongiu Danila Galassi Cristina Lambertucci Maria Piccirillo Michela Croceri Ilaria Munafò Francesca Tartuferi Maria Cristina Gentili Marilisa Di Spilimbergo Carla Orsini Anna Funzione Strumentale: Ferranti Lina

Autovalutazione d’Istituto

Funzioni Strumentali: Giovannetti Bibiana, Mascellani Elisabetta, Mandolesi Maria Luisa, Savi Romina

Funzioni Strumentali: Angeletti Andrea, Ribichini Chiara

Nuove Tecnologie

Funzioni Strumentali: Banchetti Mariella, Orsini Anna, Rosini Francesca Funzioni Strumentali: Falcetta Roberta, Cassetta Samantha, Antonelli Marinella

Continuità ed Orientamento Inclusione

Viaggi d’istruzione /Uscite didattiche

Commissione: Mennichelli Andrea, Obino Claudia

Commissione: Catalini Laura; Petrocchi Paola

Certificazioni Linguistiche

17


Commissione : Barletta Anita Maria, Centioni Pia,

Commissione curricolo competenze chiave di cittadinanza

Seri M.Lucia, Petrocchi Paola, Ferranti Lina Gentili Marilisa, Giovannetti Bibiana, Galassi Cristina Commissione: Giovannetti Bibiana, Savi Romina, Centioni Pia, Munafò Francesca, Scarabotti Gianni, Mandolesi Maria Luisa in collaborazione con le FS tecnologie Angeletti e Ribichini Chiara Commissione: Francesca Munafò; Marilisa Gentili;Lucia Fusari;Paola Trombettoni;Carla Scodanibbio; Maria Lambertucci in collaborazione con le FS Mascellani e Giovannetti Commissione: Giovannetti Bibiana, Mascellani Elisabetta, Savi Romina, Mandolesi Maria Luisa, Pacetti Patrizia, Sabina Tombesi, Maria Lalla (presidente del Consiglio di Istituto) Commissione: Marongiu Danila, Munafò Francesca, Petrella Maria Commissione: Claudia Obino, Lorenzo Lattanzi, Mariella Banchetti, Lina Ferranti, Simonetta Bellesi, Marilisa Gentili; Scarabotti Gianni Mascellani Elisabetta, Obino Claudia, Lorenzo Lattanzi,Alessandra Garaffa, Mariella Banchetti

Commissione revisione del curricolo d’Istituto (curricolo verticale)

Commissione Prove INVALS

Nucleo di autovalutazione di Istituto

Commissione rapporti con il territorio Commissione valutazione e regolamento comportamento Commissione per il contrasto al bullismo ed al cyberbullismo

18


1.4 GLI STAKEHOLDER Gli stakeholder sono i soggetti che hanno un interesse nei confronti dell’Istituto e che con il loro comportamento ne influenzano l’attività. Essi sono, cioè, soggetti attivi che partecipano alla creazione di valore e di utilità. Per questo l’Istituto è interessato al dialogo costruttivo con essi e la redazione di questo bilancio sociale ne è testimonianza.

FAMIGLIE e STUDENTI: beneficiari direI dei servizi forniti dalla scuola

STUDENTI: beneficiari direI delle aIvità di formazione e apprendimento

Altre Istituzioni scolastiche: collaborazioni in rete

I.C. E. Mestica

Associazioni no profit

Risorse interne dell' Istituto

Enti Locali Territoriali: Comune, Provincia e Regione

Altri Enti pubblici:

Università, Accademia Belle Arti , Asur

19


1.5 CONTESTO E STORIA IL CONTESTO

20


L’Istituto conta nove plessi e opera in un ambito territoriale piuttosto vasto, che va dal centro storico fino ai quartieri vicini alle vie di accesso alla città. Vi confluiscono alunni residenti nel Comune, provenienti da Comuni limitrofi e da Paesi terzi e/o stranieri (14 % circa). L’Istituto Comprensivo, di recente costituzione, quindi, vanta diverse tradizioni e differenti contesti socio-culturali. La sfida educativa dell’Istituto, vista l’eterogeneità delle situazioni territoriali e socio-economiche, è quella di integrare le diverse realtà, proponendo un’offerta formativa basata su valori comuni e rispettosa della diversità delle situazioni e delle esperienze, secondo una vocazione inclusiva. I recenti eventi sismici hanno incentivato la promozione di iniziative curriculari ed extracurriculari finalizzate a recuperare una condizione di normalità.

21


LA STORIA

L’Istituto ha avuto la sua sede originaria in Via Dei Sibillini n° 37, dove è rimasto fino al mese di ottobre del 2017. L’edificio poggia sulle fondamenta del Castrum Sanctae Mariae Magdalenae che, con il Castrum Maceratae e il Podium Sancti Juliani, costituisce tuisce il primo insediamento edificato sulla collina della città. Nel tempo è stato destinato a monastero, orfanotrofio, seminario e ancora orfanotrofio fino agli anni cinquanta. Ha ospitato il personale dello Sferisterio durante la stagione lirica ed è stato ato successivamente adibito a sede scolastica. L’edificio è stato contemporaneamente sede della direzione didattica del primo circolo, della scuola media annessa all’Istituto d’Arte e di un plesso della scuola Media “E. Mestica”. Nel 1994 la scuola elementare are e dell’infanzia “Montessori” dall’edificio ex asilo Ricci, furono trasferite nell’edificio di Via dei Sibillini. L’attuale configurazione si è avuta nel 2012 quando, soppressi i Circoli Didattici, il Comune di Macerata ha dimensionato e configurato una nuova mappa delle scuole maceratesi. 22


CAPITOLO 2 STRATEGIE E RISORSE

In questo secondo capitolo, l’Istituto Comprensivo E. Mestica di Macerata presenta la mappa strategica attraverso cui e possibile individuare la direzione che la scuola intende perseguire nello svolgimento della sua azione formativa e organizzativa, le risorse umane, strutturali e finanziarie di cui si è potuto disporre nell’anno scolastico 2016/2017. Sono state dunque definite tre aree di rendicontazione nell’ambito delle quali misurare i risultati raggiunti:  Apprendimento  Integrazione-interazione con il territorio  Organizzazione e gestione All’interno di ogni area sono stati definiti gli obiettivi strategici da perseguire nello svolgimento nella propria funzione istituzionale e le attività che rendono possibile il conseguimento degli obiettivi. 23


2.1 AREE DI RENDICONTAZIONE Aree di rendicontazione

APPRENDIMENTO

Obiettivi strategici

Promuovere conoscenze e competenze specifiche

Favorire lo sviluppo della persona e la capacità di scelta Migliorare e innovare i processi formativi

INTEGRAZIONE e INTERAZIONE CON LA COMUNITA’ TERRITORIALE

ORGANIZZAZIONE e GESTIONE

Sviluppare la progettazione integrate con il territorio e le famiglie

Promuovere il lavoro in rete con altre scuole/istituzioni

• • • •

Promuovere una leadership diffusa Valorizzare le professionalità interne Promuovere l’immagine della scuola Ottimizzare l’organizzazione scolastica (spazi, tempi, strutture,servizi ecc.)

24


2.2 MAPPA STRATEGICA PRIMA AREA DI RENDICONTAZIONE: APPRENDIMENTO STAKEHOLDER: alunni, famiglie, docenti, enti, associazioni, università

OBIETTIVO STRATEGICO

ATTIVITA’

Promuovere conoscenze e competenze specifiche

Controllo e valutazione dei processi di apprendimento  creazione di prove standardizzate di Istituto per classi parallele  definizione di criteri di valutazione condivisi  griglie con criteri comuni di valutazione  analisi dei risultati delle prove Invalsi e loro comparazione con le medie regionali e nazionali Progettazione e monitoraggio del curricolo di Istituto  curricolo verticale di cittadinanza comune ai tre ordini di scuola  curricolo verticale per competenze  monitoraggio degli apprendimenti dei percorsi scolastici e dell’orientamento personale scolastico e professionale degli studenti Attività extracurricolari Certificazioni esterne L2 (Cambridge classi V della Primaria) Ket (classi terze Secondaria 1°)  STEM  Corsi Informatica e Robotica  Società sportive

Strumenti di miglioramento e innovazione dei processi formativi

Favorire lo sviluppo, la consapevolezza della persona e la capacità di scelta

Realizzazione di attività laboratoriali Tecniche di didattica innovativa Utilizzo delle LIM Registro on line Robotica Integrazione delle diversità settimana dell’autismo Corsi di Formazione docenti (in presenza e on line) Iniziative di coesione sociale (Festa e Mercatini di Natale, ecc.) Collaborazione di enti territoriali Questionari di soddisfazione (studenti, famiglie e docenti) Focus group Attività di accoglienza per alunni stranieri (protocollo di accoglienza, gestione dell’inclusione scolastica) Sportello di ascolto Progetto di continuità tra i tre ordini di scuole Attività di Orientamento formativo (classi III Secondaria 1°) Open Day 25


SECONDA AREA DI RENDICONTAZIONE INTEGRAZIONE /INTERAZIONE CON LA COMUNITA’ TERRITORIALE STAKEHOLDER - alunni, famiglie, docenti, enti, associazioni, università. OBIETTIVO STRATEGICO

Sviluppare la progettazione territorio e le famiglie, partecipazione sociale

ATTIVITA’

integrata con il stimolando la

Comunicazione scuola-famiglia Regolamento d’Istituto Sito web Sviluppo di Progetti in collaborazione con enti e associazioni locali  Motoria-Lube e Società football  Orto in condotta  Pappa fish  Cea-Legambiente  Regione, La mia scuola per la pace  Comune di Mc, Pedibus  Biblioteca in rete e Progetti Lettura  Corsi UniMc e UniCam  Convenzione con Opera Festival e Musicultura

Promuovere il lavoro scuole/istituzioni

in

rete

con

altre                

26

AU.MI.RE Università di Macerata Università di Camerino Biblioteca in rete CTS disabilità Rete dell’ambito 0007 per la formazione dell’istituzioni scolastiche Rete regionale scuole Montessori delle Marche Rete scuole Montessori della Provincia di Macerata Rete regionale “Insieme si può” ReggioChildren Associazione “Contesto” Accademia delle Belle Arti Associazione “La luna a dondolo” Associazione Alzaimer Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca” Liceo Scientifici G.Galilei Macerata I.T.G Bramante


TERZA AREA DI RENDICONTAZIONE Organizzazione e gestione STAKEHOLDER: alunni, famiglie, docenti, enti, associazioni.

Obiettivo strategico Valorizzare le professionalità interne

attività   

Promuovere l’immagine della scuola

      

Ottimizzare l’organizzazione scolastica

Assegnazione al personale interno di classi, funzioni, attività aggiuntive, incarichi speciali in relazione alle competenze acquisite. Coinvolgimento dei docenti in attività aggiuntive a carattere referenziale nell’area dell’insegnamento e dell’organizzazione Organizzazione di corsi di formazione rivolti al personale della scuola.

Sito aggiornato di facilmente accessibile, blog dell’Istituto Scolastico Partecipazione a P.O.N e concorsi di enti locali Giochi della gioventù Corsi di formazione aperti al territorio ( coding robotica, ecc) Open day Manifestazioni natalizie aperti al territorio Macerata school festival Libriamoci Settimana della lettura, aperta ad associazioni e ai genitori

Risorse strutturali all’interno e all’esterno dell’Istituto  Postazioni informatiche in ogni plesso  LIM in quasi tutte le classi dell’Istituto  Biblioteche in ogni plesso

27


2.3 LE RISORSE STRUTTURALI SCUOLE DELL’INFANZIA PLESSI         G. Mameli

       

G. Rodari

Via Cardarelli

                         

RISORSE STRUTTURALI E STRUMENTALI La scuola dell’infanzia Via Dei Sibillini a causa del sisma è stata provvisoriamente trasferita presso la la scuola primaria S. D’Acquisto dove dispone, in attesa che venga ricostruita presso la nuova scuola di: 1 locale ampio per attività didattiche e ludiche 1 locale per attività di gruppo Servizi igienici annessi all’aula Locale mensa, con cucina interna 1 palestra cortile piantumato e recantation. Tre aule per le lezioni, una palestra con materiale ginnico-sportive (uso in comune con la primaria) aula multimediale (uso in comune con la primaria), locale mensa con cucina interna, cortile esterno antistante recintato e attrezzato, aula multifunzione con televisore, lettore CD, videoregistratore, teatrino due locali bagno per bambini, un locale bagno per docenti/collaboratori, impianto stereo, fotocamera, radioregistratore in ogni classe, fotocopiatrice e materiale strutturato per bambini disabili, materiale musicale, materiale librario in ogni sezione e piccola biblioteca 1 ampio salone d’ingresso per attività didattiche e ludiche 4 aule e una per svolgere attività didattiche con un piccolo gruppo refettorio, palestra con materiale ginnico-sportivo da condividere con la scuola primaria. 1 locale adibito a servizi igienici, 1 locale adibito a lavanderia e ripostiglio cortile esterno attrezzato e recintato materiale librario 1 computer portatile e materiale multimediale audiovisivo, materiale musicale, materiale per la psicomotricità e ginnico-sportivo televisore con videoregistratore e lettore DVD, radioregistratore in ogni classe, 1 fotocopiatrice, fotocamera,videocamera,impianto stereo 3 aule spazio attrezzato comune antistante alle aule 1 aula polifunzionale, salone refettorio, cucina due locali bagno per bambini, un locale bagno per docenti/collaboratori giardino attrezzato e recintato materiale librario 2 computer e 2 stampanti e materiale multimediale audiovisivo radioregistratore in ogni classe e materiale musicale videoproiettore materiale per la psicomotricità e ginnico-sportivo televisore con videoregistratore e lettore dvd, radioregistratore, 1 fotocopiatrice una palestra con materiale ginnico sportivo(uso in comune con la primaria).

28


SCUOLE PRIMARIE PLESSI       

RISORSE STRUTTURALI E STRUMENTALI 4 aule per lo svolgimento delle attività didattiche curricolari 2 aule per attività di piccoli gruppi, Palestra interna attrezzata, cortile auditorium, refettorio La scuola primaria M. Montessori, a causa degli eventi sismici è stata provvisoriamente trasferita presso l’Istituto salesiano.

10 aule (4 dotate di LIM) per attività curriculari,

     

1 aula per la lingua Inglese, laboratorio multimediale, laboratorio di scienze, biblioteca di plesso con 2300 libri, teatrino, 2 aule polifunzionali 3 spazi antistanti le aule sui 3 piani,

    

cucina, refettorio 1 giardino recintato, un porticato chiuso palestra con docce e spogliatoi, televisori con videoregistratore e lettore DVD, radioregistratori, 1 fotocopiatrice, fax, materiale tecnico-scientifico, informatico e tecnologico di vario tipo, pc portatili, videoproiettori, pianoforte, materiale ginnico-sportivo,

Via Mameli TEMPO MODULARE ANTIMERIDIANO

      

7 aule (3 dotate di LIM) per attività curricolari, laboratorio tecnologico (condiviso con l'infanzia), 2 aule polifunzionali, 1 aula TV/scientifica, palestra attrezzata, 2 sale mensa, biblioteca con 2500 volumi circa, pc portatili, sono a disposizione inoltre materiali tecnologici di vario tipo

Dolores Prato TEMPO PIENO

         

7 aule dotate di Lavagna Interattiva Multimediale, Laboratorio multimediale, laboratorio artistico-espressivo 3 spazi antistanti le aule sui 3 piani, biblioteca di plesso, l laboratorio scientifico, cucina, refettorio, giardino recintato, palestra con docce e spogliatoi, televisore con videoregistratore e lettore DVD, radioregistratore, 1 fotocopiatrice, materiale librario, materiale tecnico-scientifico, informatico, multimediale audiovisivo, musicale, ginnico-sportivo.

M. Montessori TEMPO PIENO

S. D’Acquisto TEMPO PIENO (sez. A)

S. D’Acquisto TEMPO MODULARE ANTIMERIDIANO (sez. B)

iiii

29


SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PLESSO Istituto Mestica

RISORSE STRUTTURALI E STRUMENTALI  11 aule didattiche  2 aule multimediali  1 palestra  4 lavagne interattive multimediali e 4 video proiettoiri  radioregistratore,  fotocopiatrici  materiale librario  materiale tecnico-scientifico  materiale multimediale  materiale audiovisivo  materiale musicale  materiale per attività motoria La scuola secondaria di I grado Enrico Mestica, a causa degli eventi sismici, è stata provvisoriamente trasferita presso l’Istituto Salesiano.

2.4 LE RISORSE TECNOLOGICHE I vari plessi sono dotati di spazi laboratoriali che forniscono varietà di metodologia e innovazione didattica. Specifiche figure si occupano della supervisione e delle attività. Per implementare la strumentazione tecnologica, l’Istituto partecipa a bandi e concorsi e aderisce ai progetti PON finanziati dall’Unione Europea. Tutto ciò ha permesso l’ampliamento delle dotazioni multimediali (L.I.M, tablet) e il potenziamento delle reti LAN e W-LAN.

30


CAPITOLO 3 LA RELAZIONE SOCIALE GLI ESITI

31


3.1 RISULTATI RAGGIUNTI In questa parte del Bilancio Sociale saranno evidenziati i risultati raggiunti in ciascuna delle aree di rendicontazione illustrare nel capitolo precedente, illustrando e schematizzando le attivitĂ poste in essere dalla scuola.

Le attivitĂ principali svolte dalla scuola

Apprendimento

Integrazione/interazione con il territorio

Organizzazione e gestione

32


3.2 PROMUOVERE IL SUCCESSO FORMATIVO INNALZANDO IL LIVELLO DELLE COMPETENZE IN USCITA Per quanto concerne l’area degli apprendimenti, si è scelto di rendicontare i processi di apprendimento usufruendo di una precisa procedura di controllo relativa alla valutazione delle competenze. A tal fine, si è fatto riferimento al Sistema Nazionale di Valutazione (INVALSI) per un confronto con l’intero territorio nazionale per una lettura più completa degli esiti.

La percentuale degli alunni non ammessi alla classe successiva è molto bassa (circa il 2,44% e soltanto nella scuola secondaria di primo grado). Ciò è probabilmente frutto del grande lavoro svolto dal corpo docente che mira al miglioramento, all’innovazione e alla personalizzazione dell’azione didattica e formativa. La scelta pedagogica e didattica di fondo dell’Istituto E. Mestica, infatti, è riassumibile nel motto “EDUCARE ISTRUENDO” che può essere declinato in : aiutare l’alunno a scoprire il valore di se stesso, degli altri, della realtà in cui vive; accompagnare il suo percorso di formazione personale sostenendo la sua ricerca di senso ed il processo di costruzione della sua personalità; tramandare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perché non vada disperso; preparare al futuro fornendo le competenze per essere protagonisti e svolgere il proprio ruolo di uomini e cittadini.

33


3.3 VALUTAZIONE ESTERNA Per fornire un quadro trasparente della situazione complessiva dell’Istituto, in rapporto alla situazione regionale e nazionale, può essere utile il confronto con i risultati delle prove di valutazione nazionali.

La valutazione esterna è effettuata dal Sistema Nazionale di Valutazione attraverso verifiche di apprendimento predisposte annualmente per le classi II e V della scuola primaria e III della scuola secondaria di primo grado, costruite per misurare lo sviluppo delle competenze acquisite in italiano e matematica e, da quest’anno scolastico, d’inglese. Le prove sono predisposte tenendo conto delle Indicazioni Nazionali per il curricolo, delle prove

internazionali OCSE-PISA e di altre prove predisposte da ulteriori agenzie internazionali per la valutazione degli apprendimenti. I risultati delle prove vengono poi restituiti alle scuole per poter riflettere sugli esiti delle stesse e per migliorare le proprie scelte curricolari in funzione di un processo educativo e didattico finalizzato all’acquisizione delle competenze chiave e disciplinari. 34


3.4 RISULTATO PROVE INVALSI A.S. 2016/2017 La rilevazione è stata effettuata nel mese di maggio 2017. Gli studenti sono stati identificati attraverso un codice alfanumerico per garantire l’anonimato. Di seguito vengono illustrati i risultati conseguiti dalle classi dell’ Istituto Comprensivo ‘E. Mestica’ di Macerata confrontati con le medie regionali, del centro Italia e infine con la media nazionale.

Italiano classi seconde scuola primaria 6 0

4,1103E+11

5 0

4,1103E+11

4 0

4,1103E+11

4,1103E+11 4,1103E+11

3 0 2

Punteggi Italiano Classi II (istituzione scolastica nel suo complesso)

MCIN82800P 1

Italiano classi quinte scuola primaria 70 60

4,1103E+11

50

4,1103E+11

40

4,1103E+11

30 20

4,1103E+11

10

MCIC82800P

0 1

35

Punteggi Italiano Classi 5 (istituzione scolastica nel suo complesso)


Italiano classi III scuola secondaria di primo grado 73 72 71

4,1103E+11

70

4,1103E+11

69

4,1103E+11

68

4,1103E+11

67

MCIC82800P

Punteggi Italiano scuola secondaria primo grado (istituzione scolastica nel suo complesso)

66 65 1

Le prove INVALSI di italiano attribuiscono agli studenti dell’ Istituto Comprensivo E. Mestica un punteggio medio significativamente superiore sia alla media regionale, sia a quella nazionale come evidenziato dal seguente prospetto:

Classi II Classi V Classi III S. Secondaria primo grado

Punteggio medio Regione Marche 43,3 57,8 65,6

Punteggio medio Italia 41,8 55,8 61,9

36

Punteggio medio I. C. E.Mestica 50,6 60,2 70,3


Matematica classi seconde scuola primaria

70 60

4,1103E+11

50

4,1103E+11

40

4,1103E+11

30

4,1103E+11

20

4,1103E+11

Punteggi Matematica Classi II (istituzione scolastica nel suo complesso)

MCIC("(==P

10 0 1

Matematica classi quinte scuola primaria

70 60 50

4,1103E+11

40

4,1103E+11

30

4,1103E+11

20

4,1103E+11

10

4,1103E+11

0

MCIC82800P 1

37

Punteggi Matematica Classi V (istituzione scolastica nel suo complesso)


Matematica classi terze scuola secondaria di primo grado 66 65 64

4,1103E+11

63 62

4,1103E+11

61

4,1103E+11

60

MCIC82800P

Punteggi Matematica Classi 3^ secondaria di primo grado (istituzione scolastica nel suo complesso)

59 58 57 1

Anche le prove INVALSI di matematica attribuiscono agli studenti dell’Istituto Comprensivo E. Mestica un punteggio medio significativamente superiore sia alla media regionale, sia a quella nazionale come evidenziato dal seguente prospetto: Punteggio medio Regione Marche Classi II 54,9 Classi V 57,9 Classi III S. Secondaria 54,0 primo grado

Punteggio medio Italia 52,4 53,9 50,6

38

Punteggio medio I. C. E. Mestica 57,3 58.6 61,8


3.5 LA PERCEZIONE DEGLI STAKEHOLDER SULL’OPERATO DELLA SCUOLA Rielaborazione dei dati emersi dai questionari: QUESTIONARIO DOCENTI

39


40


41


42


43


QUESTIONARIO GENITORI

44


45


46

Bilancio sociale Istituto comprensivo E. Mestica MC  

Bilancio sociale Istituto comprensivo E. Mestica MC

Bilancio sociale Istituto comprensivo E. Mestica MC  

Bilancio sociale Istituto comprensivo E. Mestica MC

Advertisement