Issuu on Google+

29/04/2014 Anno 1 - Online 4 SETTIMANALE GRATUITO EDITORIALE DEL DIRETTORE

SERIE  B

Barcellona   un  esempio per  tutti  noi on è passato di certo inosservato il capolinea del Barcellona. Nel cal-­ cio, Messi e compagni sono arrivati ai titoli di coda. La città catalana che, fino a qualche mese fa, si identifi-­ cava in una realtà che faceva un po’ invidia a tutto il mon-­ do, si accorge ad un certo punto che esiste un’altra fac-­ cia della Barcellona sportiva abile a regalare trofei. È quella del futsal appena lau-­ reatasi campione d’Europa. La Champions League del calcio la vincono Saad e compagni, abili a rubare il palcoscenico ai più noti col-­ leghi e a dedicare l’ambito trofeo al compianto Tito Vi-­ lanova. Questa è di fatto una piccola rivincita del futsal nei confronti del “mostro sa-­ cro” calcio. Chissà se questo parziale cambio della guar-­ dia possa portare qualche giovamento? Non ne ha di certo bisogno la Spagna, in cui per questa disciplina esi-­ ste già una propria Lega. La vittoria sulla Dynamo Mo-­ sca dei blaugrana, deve far meditare il nostro movimen-­ to che non è riuscito a sfrut-­ tarne la scia nell’anno in cui il Montesilvano compì la grande impresa di salire sul trono europeo. Siamo stati più attenti a festeggiare Mammarella e compagni an-­ ziché cercare di capire quale fosse il modo piú costruttivo per far avvicinare più utenti possibili a questo mondo. Uno dei tanti errori che an-­ cora adesso stiamo pagando con gli interessi. Walter Citro

Sfortuna  Bassotti addio  ai  playoff

Eboli eliminato per un solo gol e per quei tre pali...comunque, grandissima annata. Il Bra, invece, conclude senza mordente

N

A PAG. 3

Regno Aosta Rodrigo De Lima e Rodrigo Rosa conducono Allievi e Giovanissimi sul trono regionale. Per Asti, doppia, cocente delusione (a pag. 11 e 13)

Asti, il nome è Noto I ragazzi di Gabriele Penna superano 5-1 I Bassotti di Andrietti

fornitura societa’ sportive

Fenalc  sul  velluto Gem  dovrà  vincere A PAG. 5

JUNIORES / Doppietta anche per capitan Monda

SPECIALIZZATO NEL CALCIO A 5

SERIE  C1

La formazione di Lupo supera facilmente l’Happy Time e comanda la differenza reti. Ma cuneesi infuriati per il rosso a Piazza

IL DOUBLE

Martedì 6 maggio finale contro il solito Aosta che domina la Cld

Il capitano braidese Granata contro il Prato

Mister Penna istruisce a dovere i suoi ragazzi

I novaresi dell’Happy Time durante il riscaldamento

SERIE  C2

Borgonuovo,  come nasce  un  miracolo Impresa di Savi Carlone, 5-4 sul Pasta e promozione come miglior terza grazie al pareggio tra Villasport e FianoPlus A PAG. 7

C.so savona 135/137 14100 Asti tel. 0141.592695 Mail specialists2013@libero.it www.specialistsport.it


NEWS

02

Online  4  -  29/04/2014

SPORTIAMO / Massimo Nicola a tutto tondo sulla sua creatura

«Gotta confermatissimo» Walter  Citro

zionale. A quel punto lui sarà libero di scegliere il proprio futuro». L’unica che potrebbe destabilizzare il cuore dell’allenatore dello Sportiamo è lo Sporting Rosta. Nell’ultima stagionale della Cld Carmagnola lo ha dichiarato apertamente, ma visto che Manassero ha confermato ufficialmente Danilo Failla, il matrimonio tra Gotta e lo Sportiamo continuerà anche per la prossima stagione. Ci sarà sicuramen-­ te qualche innesto che andrà a comple-­ tare una rosa già plasmata a piacimen-­

to dell’ex allenatore del Ciriè. Filippo Siviero potrebbe essere uno di questi. Dopo la lunga esperienza in prestito alla Cld in cui ha avuto l’onore di aver calcato i parquet di serie A2, il figliol prodigo classe 1992, è destinato a rien-­ trare alla casa madre. «Potrebbe essere -­ afferma Nicola -­ per problemi di stu-­ dio diventerebbe troppo oneroso un campionato nazionale». Non a caso il suo futuro allenatore lo ha già visiona-­ to piú volte in questa stagione, in quel di Caramagna.

assimo Nicola a tutto campo. Lo era quando giocava e non si smentisce nemmeno dopo aver appeso le scarpette al chiodo. Il suo Sportiamo ha centrato la promo-­ zione in serie C1, dopo aver patito una retrocessione dopo anni di mili-­ tanza nel massimo campionato re-­ gionale e dopo due partecipazioni in serie B. Prima era il mitico Eurospor-­ ting adesso si chiama Sportiamo ma la sostanza cambia poco. Il mentore è sempre il medesimo anche se i prota-­ gonisti non sono più gli stessi. Si è deciso a ripartire da zero, ovvero dai giovani. All’inizio puoi pagare dazio perché i risultati tardano ad arrivare, ma in via Cln non c’è alcuna fretta. Il tempo ha dato ragione a “macho” Nicola e adesso il futuro è sicura-­ mente più roseo. «In questi giorni mi dovrò incontrare a cena con Pier Gotta per pianificare la prossima sta-­ gione». Dalla Sicilia, in cui si gode qualche giorno di relax, Nicola sposa a pieno l’operato di Gotta. «Sono soddisfatto di come abbia guidato la squadra. La sua conferma è presso-­ ché scontata, a meno che non arrivi una chiamata da una società impor-­ tante che militi in una categoria na-­ CAVALLO DI RITORNO / Pippo Siviero potrebbe essere il primo “acquisto” dello Sportiamo di Pier Gotta in serie C1

M

ZONA ASTI

Zanella:  il  rinnovo con  l’Asti  e  poi  il prestito  all’Astense e grandi manovre devono ancora essere ufficializzate, ma il mercato è in continuo fermento e non dorme mai. Sul palcosce-­ nico nazionale, le panchine sono per la mag-­ gior parte state già tutte confermate. Dalla se-­ de dell’Astense uno dei pochi nodi ancora da sciogliere. Visconti rimane in pole ma Gian-­ franco Lotta assicura che nel giro di poco tempo conosceremo chi si siederà sulla pan-­ china in serie A2. Chi invece scenderà sul parquet saranno la maggior parte dei prota-­ gonisti di questa stagione e in più qualche giocatore in grado di fornire maggiore espe-­ rienza nella categoria nazionale. “Pimenta” Zanella risponde presente a questo identikit. Lo dicono gli stessi interessati indiretti, visto che l’Astense per adesso non scopre le carte. Il presidente della Cld, Dario Lamberti chiu-­ de con un sorriso quando si tocca l’argomen-­ to. Il prestito non verrà rinnovato tanto e’ ve-­ ro che è lui a passare la palla al presidente dell’Asti Maria Cristina Truffa. La società orange gli ha appena rinnovato il contratto, ma il suo futuro non lo vedrà protagonista im serie A. Salvo clamorosi sviluppi, Zanella sarà girato ai cugini dell’Astense, tanto che la Truffa conferma indirettamente la trattativa : «Chi te lo ha detto? L’Astense?». Il rifiuto del giocatore brasiliano ad un’offerta allettante dell’Atletico Belvedere, società calabrese neo-­ promossa in serie A2, avvalora il futuro pros-­ simo di Pimenta.

L

FLASHNEWS

La nazionale italiana campione d’Europa ricevuta a Palazzo Chigi dal premier Renzi

COLPI DI CLASSE: Jaclyn Swedberg

RADIOMERCATO  C1

Visconti  con  Vassallo? Esseti  non  si  iscriverà   In  C2  con  Pasta&Pizza? o come allenatore della Femminile Juventus? Ma non scherziamo». Con queste parole Beppe Visconti met-­ te fine alle voci che lo vorrebbero alla guida della compagine neopromossa in serie C1. Presente allo Sporting Grugliasco in via Cln con il suo grande amico Ramon per vedere Fenalc-­Happy Time, l’ex allenatore dello Spring Team non nasconde il fatto che nelle scorse settimane ha preso parte alle sedute di allenamento guidate da Beppe Vassallo. «Sono andato solo per non rimanere fermo e dare qualche consiglio al mio caro amico Vassallo. La mia presenza è solo per amicizia nei suoi confronti. Nulla più». Nati nello stesso quartiere di Palermo, Santa Rosalia, Visconti e Vassallo hanno con-­

I

diviso in passato gioie e dolori. Difendere i colori della stessa società non è poi così impossibile. «Adesso è troppo presto per fare delle previsioni. Devo analizzare la mia posizione tra qualche settimana». La sensazione è che l’ex campione d’Italia aspetti una chiamata per una panchina di caratura nazionale. «Fino ad oggi non ho avuto alcun contatto». Astense compresa, visto che la società neopromossa in serie A2, deve ancora muo-­ vere i primi passi ufficiali in vista prossima stagione. Sta di fatto che se nel futuro di Visconti ci sarà la Fem-­ minile Juventus, le gerarchie saranno rispettate: «Nel caso, io giocherò soltanto, Vassallo sarà il mio allenato-­ re». Rimanendo nella C1 che sarà la prossima stagione, pare ormai certificato che l’Esseti non si iscriverà al campionato. Quella che pare ormai essere una spiace-­ vole consuetudine si ripeterà nuovamente, dunque i vari Iovino, Antonacci e compagnia saranno liberi di cercare una nuova destinazione. Per quel che riguarda la matricola Esseti, si vocifera che possa realizzarsi una specie di “coppia di fatto” con il Regis Pasta&Pizza, ne-­ opromosso in C2. La neonata compagine farebbe, ap-­ punto, C2 e potrebbe unire il marchio Esseti con quello Pasta&Pizza.

SOCIETA’ EDITRICE: Amets srls via Moretta, 6 - 10138 Torino PER INFO e PUBBLICITA’: 320.89.69.186 MAIL: redazione@tiroliberoweb.it REGISTRAZIONE: Tribunale di Torino DIRETTORE RESPONSABILE: Walter Citro

numero 27 del Registro Giornali e Periodici

CAPOREDATTORE: Sandro Dall’Agnol

del 17 settembre 2013

RESPONSABILE MARKETING: Fabrizio Tosatto

CENTRO STAMPA: Sarnub srl, via Abate Bertone 14

IN REDAZIONE: Diego Molino, Luigi Trafficante

Cavaglià (BI)


SERIE A - B

03

CAMPIONATO

Online  4  -  29/04/2014

PLAYOFF SERIE B / La squadra di Eboli eliminata per una sola rete, Bra asfaltato dal Prato

I Bassotti a un passo dall’impresa Diego  Molino                       ddio playoff. Si interrompe al primo turno il cammino di Bra e I Bassotti nella postsea-­ son, con differenti stati d’animi e prospettive completamente agli antipodi. I giallorossi cuneesi non sono mai nemmeno praticamente scesi in campo al cospetto del Pra-­ to: umiliati 7-­1 al Brasport già di mercoledì (di Caccese il gol della bandiera), i ragazzi di Gioana hanno se non altro salvato l’onore nella trasferta all’Estraforum, 4-­2 conclusivo con reti di Bignante e Bussetti. Ora, però, c’è da pro-­ grammare il futuro che, attual-­ mente, pare sempre più fosco dal punto di vista economico. Diverso l’umore in casa I Bassotti, la ban-­ da di Luca Eboli è andata vicinis-­ sima all’impresa contro la quotata Poggibonsese: dopo il 2-­2 casalin-­ go con reti in rimonta di Perino e Minchillo, al ritorno la doppietta dello stesso Perino e il gol di Sum-­ mo non sono bastati per passare il turno. Il 4-­3 finale per i toscani ha il vero sapore della beffa, soprat-­ tutto per quei tre pali colti nella seconda frazione. In ogni caso, una stagione da dieci e lode per la neopromossa druentina

A

BRA

PRATO

PRATO

BRA

1

7  

4

2  

Ruggirello Guercio Bignante Golè Licciardi Bussi Caccese Bussetti Granata Cocola All. GIOANA

Biscaro Fattori Santi Calamai Russo Poggini Wellington Apruzzese Vincentini Rafinha Laino All. COCCIA

Reti: 7’20” Vincentini (P), 19’46” Rafinha (P); 7’05” e 9’42” st Wellington (P), 10’30” Vincentini (P), 12’15” Poggini (P), 14’25” Russo (P), 16’10” Caccese (B) Arbitri / Stefano Marconi (Verona), Alberto Vantini (Verona) CRONO: Vincenzo Aricò (Bra) Ammoniti / Bussetti (B), Santi (P)

Biscaro Santi Brondi Pugi Calamai Russo Poggini Wellington Apruzzese Vincentini Rafinha Laino All. COCCIA

Ruggirello Guercio Golè Licciardi Bussi Caccese Bussetti Granata Bignante Cocola All. GIOANA

Reti: 2’10” st Wellington (P), 2’57” Apruzzese (P), 5’43” Bignante (B), 6’50” Apruzzese (P), 7’09” Bussetti (B), 7’45” Apruzzese (P) Arbitri / Francesco Pennetta (Pescara), Marco Messina (Vasto) CRONO: Francesco Puorto (Firenze) Ammoniti / Ruggirello (B), Vincentini (P)

I BASSOTTI POGGIBONSESE POGGIBONSESE I BASSOTTI

2 Di Ciommo Summo Cucinotta Carnino Perella Buggè Perino Cerato Minchillo Mendico Sfriso ALL. EBOLI

ono esterrefatto! Oggi la Commissione di Giustizia Fe-­ derale ha rigettato il nostro ri-­ corso avverso l’esito della partita giocata (?????) a Martina Franca. Evidentemente mi pare di capire che: due arbitri e un commissario di campo non si sono accorti che la partita e’ iniziata con ben 52 minuti di ritardo rispetto all’orario previsto. Due arbitri e un commis-­ sario di campo non si sono accorti che la nostra squadra ha avuto a disposizione solo 5 minuti di ri-­

S

scaldamento contro i 45 minuti re-­ golamentari, avendo potuto aver accesso all’impianto sportivo della Società ospitante (ben scortata e tutelata da ingenti forze dell’ordi-­ ne!) con oltre 90 minuti di ritardo sulla tabella prevista. La partita di Martina non si è svolta, così come previsto, in contemporanea con le altre partire della giornata. Al di là dell’aggressione subita dai nostri giocatori dentro il nostro pul-­ lman (che al suo arrivo all’ingres-­ so principale dell’impianto veniva

indirizzato ad un ingresso secon-­ dario…), con conseguente sequestro di persone  all’interno dell’im-­ pianto di gioco del Martina, sulla quale stanno giustamente inda-­ gando le autorità di polizia com-­ petenti, mi chiedo come sia possi-­ bile…che due arbitri e un commis-­ sario di campo fossero sprovvisti di orologio. O forse l’orologio ce l’avevano? A pensare male non si fa mai peccato! Claudio Giovannone, Vice Presidente Asti calcio a 5

Giannattasio Conti Di Maso Stella Farneschi Morganti D’Amico Fiorenza Pellegrino Mangione Righeschi Massari

All. BUSATO

All. BUSATO

Arbitri / Denis Kodra (Trento), Cristian Cavicchiolo (Bassano del Grappa) CRONO: Claudio Costa (Collegno) Espulsi / Minchillo (B), Eboli (B)

DICIOTTESIMA GIORNATA Acqua&Sapone-Marca Asti-Kaos Luparense-Lazio Napoli-Pescara Rieti-Martina PT 35 31 29 29 26 24 21 19 17 15

19-0 3-3 8-3 1-2 4-2 G 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18

V 9 8 7 8 7 6 6 5 5 4

N 8 7 8 5 2 6 3 4 2 3

Margiotta Summo Costanzo Cucinotta Carnino Perella Buggè Perino Miscia Salzotto Sfriso ALL. EBOLI

Reti: Summo (B), Perino (B), Mangione (P), Righeschi (P), Righeschi (P), Righeschi (P), Perino (B) Arbitri / Fabio Pagliarulo (Napoli), Giuseppe Galasso (Avellino) CRONO: Luca Mario Vannucchi (Prato) Ammoniti / Perella (B), Sfriso (B), Buggè (B), Di Maso (P), D’Amico (P)

CLASSIFICA

ASTI ACQUA&SAPONE KAOS LUPARENSE RIETI LAZIO PESCARA MARTINA NAPOLI MARCA

3  

Giannattasio Conti Di Maso Stella Giaimo Fiorenza D’Amico Meniconi Pellegrino Mangione Righeschi Targi

Reti: Righeschi (P), Mangione (P), Perino (B), Minchillo (B)

SERIE A / Dal sito ufficiale dell’Asti sul “caso Martina”

Sbotta Giovannone

4

2  

P F S 1 80 45 3 88 53 3 73 47 5 69 46 8 62 59 6 86 67 9 63 60 9 81 71 11 65 70 11 37 186

MARCATORI 29 RETI: Paulinho (Martina) 21 RETI: Hector (Lazio), Fornari (Napoli) 20 RETI: Fornari (Napoli) 18 RETI: Kakà (Kaos) 16 RETI: Jonas (Pescara), Canal (Luparense), Murilo (Acqua&Sapone)

15 RETI: Davì (Rieti), Calderolli (Acqua&Sapone) 14 RETI: Chaguihna (Acqua&Sapone) 13 RETI: Cavinato (Asti) e altri cinque

PLAYOFF PROGRAMMA: 3/5 - 8/5

Martina-Asti Rieti-Luparense Lazio-Kaos Pescara-Acqua&Sapone


04

Online  4  -  29/04/2014


SERIE C1 - PLAYOFF CAMPIONATO

FENALC

HAPPY TIME

9 3 1          SAVASTA 3          MAZZUCCATO 4          Bertoni 5          Sirbu 6          Zeppola 7          MARQUES 8          Prudente  D. 9          NEGRO 10    ONGARI 11    Binzaru 12    Carausu 14    Pelin

ALL. LUPO

1        FICARRA 2        GALUPPINI 3        SCOLLO 4        Guglielmi 9        SCORZA 10    Nassi 11    Isabella 14    MERLO

ALL. SURACE

Reti: 14’ Merlo (H), 15’ Negro (F), 17’ Marques (F), 19’ Marques (F), 28’ Negro (F), 30’ t.l. Nassi (H), 1’ st Marques (F), 2’ st Ongari (F), 9’ st Ongari (F), 11’ st Scorza (H), 19’ st Bertoni (F), 27’ st Ongari (F). Arbitri / Tornabene di Torino Siviero di Collegno Espulso / 28’ st Scollo (H)

IL  MEGLIO Negro e Ongari in grande giornata, la sfida alla Gem è ufficialmente lanciata

IL  PEGGIO Portiere di movimento Happy Time: schierato più di metà gara, risultati così così

07

Il Fenalc avrà due risultati su tre nell’ultima sfida

LuPole position Oreste  Chiodo                     Grugliasco  (TO)

biettivo raggiunto per Mat-­ teo Lupo e il suo Fenalc: la prossima settimana, in quel di Fossano, avrà la diffe-­ renza reti a favore nella sfida contro la Gem Tarantasca, de-­ terminante per l’accesso alla fa-­ se nazionale dei playoff. Succes-­ so, francamente, scontato quello dei grugliaschesi, al cospetto di un Happy Time falcidiato da infortuni e squalifiche e pratica-­ mente mai all’altezza di Maz-­ zuccato e compagni per tutto l’arco del match. Troppa la dif-­ ferenza tecnica in favore dei pa-­ droni di casa, fin dai primissimi minuti capaci di schiacciare nel-­ la propria porzione di campo i novaresi e di annullare o quasi i pericoli difensivi. Eppure la scintilla tarda a prendere fuoco, finché è Merlo a deviare in rete un diagonale di Galuppini da calcio d’angolo: incredibile, ma vero, Happy Time in vantaggio dopo aver faticato a oltrepassa-­ re la metà campo nel primo quarto d’ora. Oltre all’enorme cifra tecnica, il Fenalc ha dalla sua anche carattere, esperienza

O

QUI HAPPY TIME / Il novarese Nassi stende il suo portiere Ficarra nelle fasi di preparazione alla gara

e determinazione da vendere. Così, in cinque minuti scarsi, la gara è ribaltata con furore ago-­ nistico tipico di chi impresso nella mente il grande obiettivo: Willy Negro è scatenato, Thiago Marques ci mette quel pizzico di pepe carioca. Partita, di fatto, già in ghiaccio perché l’Happy Time non dà realmente mai la

HOT / Pelin e Zeppola durante il riscaldamento

GEM

TOP FIVE

3

0

ZAMBURLIN FERRARA GERLOTTO DOTTO PIAZZA Tranchero Barolo Oliva Foggetti Rubino Maher Rinero

BIANCHI PANARO LIANTI DURANTE VACCARO Lostaunau Funari Miccoli Mantino Bevilacqua Quinteros Susanna

ALL. BAILO

ALL. CIRILLO

sensazione di poter riaccendere la fiammella della speranza, neppure con Nassi schierato da portiere di movimento già per buona parte della prima frazio-­ ne. Il numero 10 mancino può solo accorciare su tiro libero allo scadere della prima mezzora. Il copione non si modifica al rien-­ tro dagli spogliatoi, la superio-­ rità numerica degli ospiti non sortisce il benché minimo imba-­ razzo dalle parti di Savasta e il Fenalc può allungare definitiva-­ mente con la salita al potere di Ongari, fantastico nel segnare anche dalla sua area. Il divario aumenta sino al +6 finale, pri-­ ma dell’ultimo sussulto regala-­ to dall’espulsione di Scollo per fallo da ultimo uomo su Maz-­ zuccato. Che non cambia la so-­ stanza di un risultato fonda-­ mentale a mantenere vivo più che mai il sogno serie B, perché un pareggio in quel di Fossano farebbe la gioia di Matteo Lupo e i suoi ragazzi e respingerebbe, nuovamente nel modo più cru-­ dele, la Gem Tarantasca di Mar-­ co Bailo. Una cosa, però, è certa: non sarà sicuramente uno scon-­ tro consigliabile ai deboli di cuore.

Online  4  -  29/04/2014

L’opinione di Mauro Cornelj

Chi  vincerà, a  un  passo dalla  serie  B ncora qualche giorno di attesa e conoscere-­ mo a livello regionale anche l’ultimo verdetto di questa stagione. Gem Ta-­ rantasca-­Fenalc sarà la ga-­ ra che deciderà chi si ag-­ giudicherà questi playoff, ma soprattutto chi salirà sul palcoscenico nazionale della serie B. Già, perché la fase nazionale dei playoff prevede come primo osta-­ colo una compagine ligure, e l’ottima tradizione delle piemontesi, preannuncia un felice passaggio del tur-­ no. Da qui in poi, se non si riuscirà ad andare fino in fondo, si avrà comunque il diritto di fare domanda di ripescaggio: facile preve-­ dere una risposta afferma-­ tiva alla richiesta. Ecco perché questa sfida è così tremendamente importan-­ te. Che lo spettacolo abbia inizio.

A

Reti: Tranchero, Ferrara, Piazza.

CLASSIFICA

Arbitri / Piana di Biella Basile di Torino

RISULTATI

Espulsi / Piazza (G), Lianti (T), Cirillo (T) Ammoniti / Gerlotto (G), Rinero (G), Tranchero (G)

LA  GARA Una sola parola: rabbia. E’ ciò che si respira in casa Tarantasca per la condotta arbitrale che priverà i cuneesi dell’ariete Piazza nel match decisivo contro il Fenalc. Un’espulsione per proteste, a giochi chiusi (si era già sul 3-0), che ha fatto infuriare il sodalizio biancorosso e che priverà Bailo di un uomo determinante. Assenza pesante che si aggiunge a quella di Vincenzo Insinna. Oltretutto, la Gem avrà l’obbligo di vincere (e anche qui ci sarebbe da discutere su un regolamento che prvilegia la differenza reti invece della posizione in classifica...): in quel di Fossano ci attende un match ad altissima tensione, scommettiamo?

Gem Tarantasca-Happy Time Fenalc-Top Five Gem Tarantasca-Top Five Fenalc-Happy Time

FENALC GEM TOP FIVE HAPPY TIME

PT 6 6 0 0

G 2 2 1 1

5-1 8-5 3-0 9-3 V 2 2 0 0

N 0 0 0 0

P 0 0 1 1

F 17 8 5 4

S 8 1 11 14

PROGRAMMA Gem Tarantasca-Fenalc Top Five-Happy Time

3/5 3/5

MARCATORI 5 RETI: Ongari (Fenalc) 4 RETI: Marques Alcantara (Fenalc) 3 RETI: Prudente P. (Fenalc), Lianti (Top

Five) 2 RETI: Negro (Fenalc), Piazza, Ferrara (Gem) 1 RETE: Mazzuccato, Bertoni, Pelin (Fenalc), Quinteros, Durante (Top Five), Surace, Merlo, Nassi, Scorza (Happy Time), Gerlotto, Tranchero, Rubino, Dotto (Gem)


06

Online  4  -  29/04/2014

PUBBLICITA’


SERIE C2 / D - PLAYOFF CAMPIONATO

BORGONUOVO

PASTA

5 4 1        BASILE 2        BARBARO 3        COLLINO 4        Ferrero 5        Gasperini 6        AMATO 7        Sartore 8        Liccione 9        Gadaleta 10   SIMONETTA 11 Sgavetti 12 Miglietta

ALL. CARLONE

1        Bovo   2        TALLARICO   4        Alessi 6        Martino 7        Fogo 8        CALAFIORE 9        MANZI 11    DI SALVATORE 10    Nigero 12    LAGRASTA

All. BANZATO

Reti: 22’ e 27’ Fogo (P), 27’ Simonetta, 29’ Gasperini, st 2’ e 5’ Barbaro, st 9’ Nigero (P), st 13’ e 22’ Di Salvatore (P) Arbitro / Pecorini di Biella Ammoniti / Fogo (P), Martino (P)

IL  MEGLIO L’impresa di Savi Carlone: da semplice salvezza a una promozione incredibile

IL  PEGGIO L’ultima chance fallita da Di Salvatore: sarebbe valsa la C1 per il Pasta di Banzato

SERIE C2 / Savi Carlone in C1 contro ogni pronostico

Miracolo Borgonuovo Alessandro  Pambianchi                       Settimo  (TO)

descrivere l’incredibile bastereb-­ bero le parole di Mister Carlone: «Dovevamo fare cinque punti (in questa stagione) e siamo in C1, sono senza parole». Il ruolo di possibile sor-­ presa del girone, il Borgonuovo se lo è ritagliato con fatica, grinta e sudore per tutto il campionato. All’inizio del torneo nessuno avrebbe scommesso sui settimesi che proprio nella loro di-­ mora hanno costruito vittoria dopo vittoria il trionfale cammino. Al ‘Bo-­ sio’ sono arrivate nove vittorie e un solo pareggio ottenuto nel derby con-­ tro l’Esseti. La paura di non perdere e di non subire gol è logica soluzione di un inizio di gara non entusiasmante. Sono i padroni di casa a creare più pe-­ ricoli ma trovano un ottimo Lagrasta che più e più volte si impone ai tiri rossoblù. Il risultato si sblocca però in favore degli ospiti quando Fogo è scal-­ tro nel rubare palla e di potenza supe-­ rare Basile. Dopo pochi minuti Gaspe-­ rini prende in mano la partita: al 26’ serve un pallone d’oro al bomber Si-­ monetta per l’1-­1, al 29’ con un gran goal d’autore da fuori area proietta i suoi verso un vantaggio che non verrà più abbandonato. Negli spogliatoi en-­ trambe lasciano un po’ di paura e di

A

RISULTATI E MARCATORI C2

Vince  la  paura   Villa  e  Fiano ferme  al  palo QUADRANGOLARE 1

FemmJuve  -  Sportiamo                    3-3 Reti:   D’Azzeo   (F),   Rasero   An.   (F),   Minneci   (F),   Bellanti   S.   (S),   Morelli  C.  (S),  Morini  (S) QUADRANGOLARE 2

07

GIRONE  2 RISULTATI Asa-FianoPlus L84-Villasport Asa-Villasport L84-FianoPlus Asa-L84 Villasport-FianoPlus

ASA L84 FIANO PLUS VILLASPORT

PT 9 6 1 1

4-2 7-5 6-3 4-2 6-2 3-3

G 3 3 3 3

V 3 2 0 0

N 0 0 1 1

P 0 1 2 2

F S 16 7 13 13 7 11 11 16

Asa  -  L84                  6-2 Reti:  2  Morrone  (A),  2  Armocida   (A),   Parisi   (A),   Rinarelli   (A),   Denaro  (L),  Bonaria  (L) Villasport  -  FianoPlus              3-3 Reti:   Nese   (V),   Barbero   L.   (V),   Baglio  (V),  Russo  (F),  Frezza  (F),   Gatto  (F) erviva un a vittoria a en-­ trambe le squadre per po-­ ter sperare nell’ultimo posto promozione. Ne viene fuori il classico dei pareggi che serve solo al Borgonuovo per poter salire sul treno dei vincitori e conquistare all’ulti-­ mo respiro un posto nel pros-­ simo campionato di Serie C1.

S

Online  4  -  29/04/2014

attendismo, il Pasta migliora il palleg-­ gio e si rende più pericoloso ma il Bor-­ gonuovo diviene meno fumoso e più cinico e spietato. L’inizio di ripresa è subito scoppiettante con la doppietta di Barbaro che premia gli assist di Amato e Simonetta, il 2 di casa forni-­ sce così l’ennessima conferma del ‘vi-­ zietto’ di andar in rete poco dopo che il fischietto dell’arbitro sancisce l’ini-­ zio. Al 13’ Di Salvatore accorcia le di-­ stanze (4-­2) su assist del sempre pro-­ positivo Fogo, riaccendendo le speran-­ ze degli ospiti. Quest’ultimi non rie-­ scono però ad imporre nell’immediato una reazione convincente, migliorano,

ma lentamente, e si accendono solo per la volata finale. Calafiore è presen-­ te in tutte le zone del campo e prova a dar manforte ai compagni, Di Salvato-­ re e Fogo su punizione portano il ri-­ sultato sul 5-­4 a tre minuti dalla fine preparando così il terreno per l’ultimo assalto. L’emozione più grande della gara arriva nel finale, quando il tiro li-­ bero di Di Salvatore, che poteva valere la C1 per il Pasta, si infrange sui guan-­ toni di Basile che con un micidiale col-­ po di reni regala la C1 al Borgonuovo, rendendo provvidenziale il suo arrivo a gennaio. Chapeau al Borgonuovo, la fortuna aiuta gli audaci.

5 RETI: Parisi (Asa) 4 RETI: Russo (Fiano Plus) 3 RETI: Morrone (Asa), Borelli, Eladlani (L84), Di Donato, Fiscante (L84), Provenzano (Villasport) 2 RETI: Armocida (Asa), Frezza (Fiano Plus), Barbero L. (Villasport) 1 RETE: Fiume, Rinarelli (Asa), Delli Calici, Gatto (Fiano Plus), Bonaria, Denaro, Peruzzo (L84), Baglio, Careri, Nese, Pioli (Villasport)

RISULTATI FemmJuve-Pasta Sportiamo-Borgonuovo FemmJuve-Borgonuovo Sportiamo-Pasta FemmJuve-Sportiamo Borgonuovo-Pasta

PT FEMM. JUVE 7 SPORTIAMO 7 BORGONUOVO 3 PASTA 0

5-4 6-1 11-0 6-3 3-3 5-4

G 3 3 3 3

V 2 2 1 0

N 1 1 0 0

P 0 0 2 3

F S 19 7 15 7 6 21 11 16

MARCATORI 5 RETI: Pomponio (Femm. Juventus) 4 RETI: Rasero An., Minneci (Femm. Juventus), Bellanti S., Morelli C. (Sportiamo) 3 RETI: Volpe (Pasta), Bussetti (Sportiamo) 2 RETI: Barbaro (Borgonuovo), D’Azzeo, Rasero Al. (Femm. Juventus), Di Salvatore, Fogo, Manzi (Pasta) 1 RETE: Gasperini, Sartore, Simonetta (Borgonuovo), Testù (Femm. Juventus), Calafiore, Nigero (Pasta), Morelli G., Morini, Palmiero, Sampaio (Sportiamo) FESTA GRANDE / Grazie alle notizie giunte da Villastellone, il Borgonuovo può stappare lo champagne RISULTATI E MARCATORI D

Napoli  in  festa Orbassano   giù  dal  podio QUADRANGOLARE 1

Regis  -  Nichelino  Hesp.                      4-4 Reti:  2  Bertarione  (R),  Izzo  (R),   Cirstinoiu  (R),  Gaiti  (N),  Smorgon  (N),  2  Leone  (N) Ol.Piossasco  -  Grosso              5-1 Reti:   Schifano   (O),   Laddomada  (O),  Tambone  (O),  Bernardo,  Pautasso,  Marangon  (G)

RISULTATI Regis-Grosso Nichelino Hesperia-Olympia Piossasco Regis-Olympia Piossasco Nichelino Hesperia-Grosso Regis-Nichelino Hesperia Olympia Piossasco-Grosso

NICH. HESP. REGIS OL. PIOSSASCO GROSSO

PT 7 5 4 0

G 3 3 3 3

V 2 1 1 0

ras  (S)

QUADRANGOLARE 2

Dorina  -  Bardonecchia              3-3 Reti:   Frandina   (D),   Zebelloni   (D),  Zedda  (D),  Ugetti  (B),  Torri   (B),  Negro  (B) Tanu  Team  -  Cantarana              8-3 Reti:   2   Biondo   (T),   2   Vottero   (T),   3   Rusu   (T),   Esposito   (T),   Boano  (C),  Isamel  (C),  Cherchi   (C) QUADRANGOLARE 3

Perosa  -  Pro  Casalborgone          1-3 Reti:  Giustetto  (P),   Napoli  Club  -  Sp.Orbassano        8-2 Reti:  Mitic  (N),  3  Olivieri  (N),  4   Previtera  (N),  Bonavero  (S),  Pi-

GIRONE  1 MARCATORI

GIRONE  1

N 1 2 1 0

P 0 0 1 3

F 11 13 13 5

lamoroso il tonfo dello Sporting Orbassano che all’ultima curva viene superato in classifica dal Na-­ poli Club e i concomitanti ri-­ sultati provenienti dagli altri gironi eliminano un po’ a sor-­ presa la squadra di Modene-­ se. Sono Olympia Piossasco e Napoli Club a festeggiare la promozione in Serie C2. Tut-­ to facile per l’Olympia contro un Grosso ormai fuori da ogni discorso promozione. Vince piuttosto agevolmente anche il Napoli Club trascina-­ to dai soliti Olivieri, autore di un tris, e da Previtera che chiude l’anno in bellezza con un poker. La Pro Casalborgo-­ ne, con la vittoria sul campo del Perosa, consolida la lea-­ dership nel Girone 3.

C

GIRONE  2

5-3 5-4 4-4 2-1 4-4 5-1

RISULTATI Dorina-Cantarana Bardonecchia-Tanu Team Dorina-Tanu Team Bardonecchia-Cantarana Dorina-Bardonecchia Tanu Team-Cantarana

S 9 11 10 12

PT DORINA 5 BARDONECCHIA 5 TANU TEAM 4 CANTARANA 1

G 3 3 3 3

V 1 1 1 0

N 2 2 1 1

P 0 0 1 2

F 11 12 13 12

GIRONE  3

5-3 3-2 3-3 6-6 3-3 8-3

RISULTATI Perosa-Sporting Orbassano Pro Casalborgone-Napoli Club Perosa-Napoli Club Pro Casalborgone-Sporting Orbassano Perosa-Pro Casalborgone Napoli Club-Sp. Orbassano

S 9 11 9 19

PT PRO CASALB. 7 NAPOLI CLUB 6 SP. ORBASSANO 4 PEROSA 0

G 3 3 3 3

V 2 2 1 0

N 1 0 1 0

P 0 1 1 3

1-2 10-2 5-8 4-4 1-3 8-2 F 17 18 8 7

S 7 17 13 13


08

Online  4  -  29/04/2014

PUBBLICITA’


JUNIORES

09

SEMIFINALI PLAYOFF

ASTI

I BASSOTTI

5 1 1        ZANCHETTA 3        Squillari 4        Troia 5        Monda 6        CATALANO 7        MORELLATO 8        CARIA 9        Fazio 10    NOTO 11    Costa 12    Coltella

ALL. PENNA

1          DI CIOMMO   2          ROELLA 3          BASSIS 4          Martucci 5          MICCICHE’ 6          Stievano 7          Giacometto 8          Battiston 9          ESPOSITO 10      Milani 11      Ferrino

ALL. ANDRIETTI

Reti: 24’ Noto (A), 25’ Noto (A), 10’ st Monda (A), 14’ st Monda (A), 23’ st Roella (B), 32’ st Fazio (A). Arbitro / Cipriano di Casale

IL  MEGLIO La prima rete dell’Asti: azione perfetta per movimenti e tempi di realizzazione

IL  PEGGIO Troppa timidezza nel primo tempo de I Bassotti, si doveva azzardare di più

Martedì 6 maggio Asti e Aosta per il titolo di categoria

Un finale già Noto po, il pivot astigiano raddop-­ pia aggirando lo (stranamen-­ Asti   te) spaesato Bassis e infilan-­ nche la Juniores, dun-­ do di potenza Di Ciommo. que, si concluderà con la Un vantaggio ampiamente sfida tra titani astigiani e meritato per i ragazzi di Pen-­ aostani. Gli orange di Ga-­ na, i quali, però, tendono un briele Penna respingono al po’ troppo spesso a spec-­ mittente l’assalto di Cristiano chiarsi ed assopirsi. Così, è Andrietti e dei suoi Bassotti, bastato che I Bassotti alzasse-­ proprio coloro i quali erano ro un minimo il tasso di ag-­ stati gli unici ad espugnare il gressività per correre qual-­ Palasanquirico in stagione. che pericolo di troppo, ag-­ Monda e compagni sono sta-­ grappandosi a Zanchetta e ti bravissimi nel non farsi in-­ all’imprecisione dei vari Ro-­ timorire dalla cabala, aggre-­ ella, Giacometto e compa-­ dendo da subito i torinesi e gnia. Ci pensa allora capitan costringendoli a una prima Monda a seminare definiti-­ frazione di assoluta sofferen-­ vamente i torinesi: prima con za. Morellato guizza e scatta un fugace tocco ad anticipare in ogni dove, i compagni pe-­ l’estremo difensore ospite in rò spesso perdono l’attimo libera uscita, poi a coronare fuggente di fronte a un Di di giustezza un perfetto ta-­ Ciommo costretto a lungo glio in diagonale e un pallo-­ agli straordinari per mante-­ ne al bacio servitogli sulla nere lo zero a zero. Risultato corsa da Zanchetta. Il gol che si scardina grazie a una della bandiera di Roella è splendida manovra corale: davvero quanto di più meri-­ Caria disegna il campo in tato ci sia per l’eccellente e diagonale assecondando il caparbio secondo tempo de-­ perfetto contro movimento gli ospiti, la rete della staffa di Catalano, il cui assist è di Fazio il più classico tra gli spietatamente convertito in avvisi ai naviganti: questo gol da Noto. E un attimo do-­ Asti vuole il titolo. Punto.

Sandro  Dall’Agnol                    

A

e il buongiorno si vede dal mattino, beh, meglio di così sarebbe stato difficile. La spedizione valdostan-­piemontese parte infatti alla volta di Vasto (Chieti, Abruzzo) martedì alle 5 del mattino, con fondate speran-­ ze di ben figurare nel Torneo del-­ le Regioni riservato ad Allievi e Giovanissimi. Agli ordini di Ni-­ cola Caprio (con la collaborazio-­ ne tecnica di Rodrigo De Lima, freschissimo bicampione regiona-­ le), questi i dodici Allievi che di-­ fenderanno i nostri colori: gli asti-­ giani Karaja, Occhiena e Di Mat-­ teo, gli aostani Luberto, Pagano, Pellegrino e Charrier, i carma-­

S

Robba, Curallo, Sanfilippo e Si-­ mone Vitellaro. A loro si aggiun-­ gono gli aostani Bogoni, Di Maio e Veronesi, Maccagno dalla Cld Carmagnola e Gaido dallo Spor-­

CLD

11

1

LUBERTO BORSELLO BIROCHI LISA ESTEDADISHAD IAPICCA PASCHOAL SILVESTRI E. GARAU SILVESTRI D. Traglia Cerato Iurmanò  F. Saldì Carvelli Cafagna Carrozzino

ALL. PIRAS

Reti: 2 Birochi (A), 2 Estedadishad (A), 2 Paschoal (A), Luberto (A), Garau (A), Iurmanò F. (A), Carvelli (A), Carrozzino (A), Iapicca (C) Arbitro / Mattioda di Ivrea

LA  GARA

DOPPIETTA / Per il capitano astigiano Monda

A Vasto per entrare nella storia gnolesi Cafagna, Silvestri, Lisa e Solavagione più Nilo, provenien-­ te da I Bassotti. Sulla carta, una compagine di alto livello che sa-­ rebbe stata ancora più forte se fosse stato disponibile Andrea Vitellaro, pivot-­stella dell’Asti re-­ duce da un fastidioso infortunio e dunque totalmente fuori condi-­ zione. Ma le ambizioni non man-­ cano, comunque, da testare mer-­ coledì alle 16 contro l’Emilia Ro-­ magna, giovedì alle 12 con l’Abruzzo e venerdì alle 14 con-­ tro la Puglia. Ugualmente com-­ petitivi ci aspettiamo che siano i Giovanissimi (nella foto), fondati da Davì Alves sul blocco del suo Asti: saranno infatti ben sette gli orange, Bono, Ghouati, Pieracci,

AOSTA

ALL. DE LIMA

RAPPRESENTATIVE / Mercoledì gara d’esordio per Giovanissimi e Allievi

Fabrizio  Tosatto

Online  4  -  29/04/2014

tiamo. Mercoledì alle 12 in cam-­ po contro l’Abruzzo, giovedì alle 18 sfida al Lazio. Sabato e dome-­ nica, semifinali e finali: speriamo di potervele raccontare.

Definirla semifinale potrebbe essere quantomeno azzardato visto l’enorme divario che c’è stato tra la prima e la quarta della stagione regolare. Cld Carmagnola ridotta ai minimi termini, zeppa di Allievi e sbarcata ad Aosta con il solo pensiero di concludere in fretta la stagione. Troppo facile per i ragazzi di Rodrigo De Lima approdare all’atto conclusivo contro la rivale di sempre. CONVOCAZIONI AZZURRE

Zanchetta  in nazionale  U21 i sarà anche Federico Zan-­ chetta tra i convocati per la doppia amichevole della Na-­ zionale Under 21, in programma martedì e mercoledì a Vasto, in concomitanza con il Torneo delle Regioni per Allievi e Giovanissi-­ mi. Il portiere dell’Asti potrà fare il suo esordio agli ordini di Raoul Albani nello scrimmage di fine anno contro la Grecia (già lo scor-­ so dicembre, i nostri portacolori incontrarono due volte gli ellenici a Cefalonia, un pareggio per 0-­0 e una vittoria 2-­1 il bottino della trasferta). Dopo Di Venanzio, Ca-­ ria, Lucas da Silva e Vitellaro, dunque un altro astigiano avrà l’onore di vestire la casacca azzur-­ ra in questa stagione. In campo martedì e mercoledì alle ore 21 al Pala BCC.

C


SPECIALE SPECIALESPORTIAMO SPORTIAMO

10

Online  4  -  29/04/2014 #$%&$'()(*(+,-!.-/!+.

STRUMENTI PER IL CONTROLLO QUALITA’ ! "# $%& ' (" $#

!

() & ' & % $ "#"

ARREDI TECNICI

via vinovo 30c - 10127 TORINO | tel. 011 63 13 733 fax. 011 66 70 936 | email. info@asinstruments.it


FINALE ALLIEVI CAMPIONATO

AOSTA

11

Online  4  -  29/04/2014

Match intenso e incertissimo, l’Asti è ribaltato dal pivot aostano

ASTI

3 2 MATADOR CHARRIER

1        Bogoni 2        Di  Maio 3        Pajusco 4        DONATO 5        Tufano 6        Carere 7        PAGANO 8        Casella 9        CHARRIER 10    PELLEGRINO 11    Licordari 12    LUBERTO

ALL. DE LIMA

1 MONGERO   2 Morrone 3 PALLARO 4 Occhiena 5 Camisola 6 CURALLO 7 KARAJA 8 BONZANO 9 Di  Matteo 10    Ghouati 11    Vitellaro 12    Longo

All. MILOSEVIC

Reti: 9’ Pellegrino (Ao), 14’ Di Matteo (As), 29’ Karaja (As), 32’ Charrier (Ao), 6’ st Charrier (Ao) Arbitro / Di Girolamo di Collegno Ammoniti / Pagano (Ao)

Sandro  Dall’Agnol                     Brandizzo  (TO)

ronaca di un atto conclusi-­ vo bellissimo, entusiasman-­ te e palpitante fino allo sca-­ dere. A vincere non è la favorita, ma la squadra che ha saputo in-­ terpretare meglio la finale: dife-­ sa bassa a oltranza e quel gusto per il contropiede che i gemelli del gol Pellegrino e Charrier hanno tramutato nell’arma tota-­ le. Vedere per credere il vantag-­ gio siglato dal numero 10 aosta-­ no. Ma il collettivo orange ha sa-­ puto reagire subito, con rabbia e tecnica, con il cuore indomito di capitan Curallo e con il sinistro prepotente di Di Matteo. Capo-­ volgimenti di fronte, occasioni di qua e di là, finché è Karaja,

C

espressione assoluta di forza e tenacia, a scalfire la parità dopo un gioco a due con Ghouati. Il finale di tempo sembra incana-­ lare il titolo verso Asti, ma poi succede quel che non ti aspetti: i ragazzi di Milosevic si rilassano un momento di troppo, Charrier se ne va in campo aperto e se-­ gna all’ultimo secondo utile pri-­ ma del duplice fischio. Ciò che sembrava sotto controllo, d’im-­ provviso non lo è più: dall’eufo-­ ria al baratro è questione di po-­ chi minuti, perché ancora Char-­ rier, hombre del partido, ribalta Mongero con il destro del 3-­2. Confuso, un tantino farraggino-­ so, ma sempre encomiabile per l’impegno profuso, il quintetto orange si ributta all’attacco. Oc-­ chiena scheggia la traversa, Lu-­

berto compie un miracolo su Karaja, Milosevic gioca anche la carta della disperazione Vitella-­ ro (in precarie condizioni fisi-­ che) e schiera Mongero portiere

di movimento. Ma le occasioni latitano, il fortino di Rodrigo De Lima regge e può sollevare al cielo uno storico trionfo per il sodalizio del presidente Fea.


12

Online  4-  29/04/2014

PUBBLICITA’

Per PUBBLICITA’ e COLLABORAZIONI COMMERCIALI CONTATTA LA REDAZIONE AL NUMERO 320.8969186 o alla mail REDAZIONE@TIROLIBEROWEB.IT

“NOI SIAMO IL TUO GIORNALE” “La  Vostra  passione  è  inchiostro  per  le  nostre  penne”

Il calcio a 5 a casa tua


FINALE GIOVANISSIMI CAMPIONATO

AOSTA

13

Online  4  -  29/04/2014

Il portiere dell’Aosta para anche l’impossibile, l’Asti si arrende ai rigori

ASTI

8 7 SUPERMAN BOGONI

1        BOGONI 2        DI MAIO 3        Fea 4        Pajusco 5        Horr 6        Avallone 7        GOS 8        Mocanu 9        Tufano 10    VERONESI 11    LICORDARI 11    Belmonte

ALL. DE LIMA

1 SCIANNA   2 Stefanato 3 CURALLO 4 Bordone 5 Pieracci 6 Mitic 7 Sanfilippo 8 Bono 9 GHOUATI 10    VITELLARO 11    ROBBA 12    Morando

All. ALVES DAVI’

Reti: 7’ Tufano (Ao), 12’ st Robba (As), 18’ st Vitellaro (As), 23’ st Mocanu (Ao) Arbitro / Meledandri di Torino Ammoniti / Gos (Ao), Bogoni (Ao), Ghouati (As), Tufano (Ao) SEQUENZA RIGORI Gos

gol

Vitellaro gol

Licordari gol

Ghouati gol

Avallone gol

Bono

gol

Mocanu gol

Robba

fuori

Tufano

Sanfilippo gol

parato

Pajusco gol

Curallo

gol

Di Maio gol

Mitic

fuori

Sandro  Dall’Agnol                     Brandizzo  (TO)

iù di qualcuno sostiene che nella vita sia meglio essere fortunati che bravi. Ecco, facilmente qualsiasi astigiano potrà dar credito a questa teo-­ ria dopo aver assistito all’in-­ credibile epilogo che ha inco-­ ronato campioni regionali i ra-­ gazzi di Rodrigo De Lima. Sia chiaro, l’Aosta non ha rubato nulla, ma è altrettanto palese come a salire sul trono della categoria non sia la squadra tecnicamente più forte. Perché l’Asti di Davì Alves ha effetti-­ vamente dominato l’incontro, concedendo pochissimo ai val-­ ligiani e martellando la porta avversaria: ma sulla propria strada ha trovato un fenome-­ no vero, Mattia Bogoni, capace di parare tutto il possibile e, realmente, anche l’impossibile. Gli orange si presentavano ai nastri di partenza forti di una pazzesca stagione che aveva regalato loro sempre e solo il piacere della vittoria: superio-­ rità che nei primi minuti viene un po’ a mancare di fronte alla compattezza dello schiera-­

P

mento opposto da De Lima. Così, è l’Aosta a passare sor-­ prendentemente in vantaggio con l’intuizione di Tufano, ge-­

niale del beffare in pallonetto l’uscita sballata di Scianna. Ma non appena Ghouati, Sanfilip-­ po e compagnia iniziano a car-­

burare, sono dolori per la dife-­ sa avversaria. Eppure l’im-­ menso Bogoni tiene avanti i suoi fino a metà ripresa, quan-­ do un tiro sporco di Ibra Ghouati è convertito nel pa-­ reggio dalla fulminea girata di Robba. E passano pochi minu-­ ti affinché l’Asti ribalti il match, grazie a un bellissimo tiro all’incrocio di Vitellaro. La gara sembra poter essere in di-­ scesa per l’Asti, che continua il suo lunghissimo assedio an-­ che in vantaggio di un gol. Senza contare che l’Aosta della seconda frazione è tutto fuor-­ ché pericoloso: difesa a oltran-­ za, solo inutili lanci lunghi e zero tiri in porta. Ma fino a un paio di minuti dal termine: una rimessa laterale, un batti e ribatti in area, il mancino di Mocanu più lesto di tutti e l’in-­ credibile pareggio che si mate-­ rializza. I supplementari non smorzano la foga agonistica orange, ma nemmeno la pre-­ miano. Così sono i rigori a de-­ cidere il titolo, quello di An-­ drea Di Maio a sancire una delle più incredibili imprese e sorprese degli ultimi anni.


14

Online  4  -  29/04/2014

PUBBLICITA’


Online N° 4 - 29.04.2014