Page 1

Il processo di Bologna di Valentino Longo


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

INDICE IL PROCESSO DI BOLOGNA 1. Cos'è il Processo 2. Perché il Processo 3. La Storia 3.1. La Magna Charta Universitatum 3.2. La Convenzione di Lisbona (11 Aprile 1997) 3.3. Dichiarazioni a) La Sorbona (1998) b) Bologna (1999) c) Praga (2001) d) Berlino (2003) e) Bergen (2005) f) Londra (2007) g) Leuven (2009) h) Budapest e Vienna (2010) i) Bucarest (2012) 4. I partecipanti 4.1. I Governi degli Stati europei 4.2. Gli enti europei a) BFUG (Bologna Follow-Up Group) b) Commissione Europea c) Consiglio d'Europa d) UNESCO – CEPES e) EUA (European University Association) f) ESU (European Students Union, ex ESIB) g) EURASHE (European Association of Institutions in Higher Education) h) EI (Education International Pan-European Structure) i) Business Europe j) ENQA (European Network for Quality Assurance in Higher Education) k) NARIC (National Academic Recognition Information Centres) ed ENIC (European Network of Information Centres) l) Eurydice 5. Gli obiettivi 5.1. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore 5.2. La dimensione sociale 5.3. Il sistema dei cicli 5.4. Il sistema dei titoli 5.5. Il sistema dei crediti 5.6. La mobilità 5.7. Assicurazione della qualità 5.8. Apprendimento Permanente 5.9. Apertura Internazionale 6. Conclusioni 7. Biblio-sitografia

Indice

1


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

1

CHE COS'È IL PROCESSO

I

l Processo di Bologna è un processo di riforma del sistema di istruzione superiore a carattere internazionale. Costituito nel 1999 presso l'Università di Bologna, uno dei più antichi e prestigiosi atenei del mondo (la sua fondazione è fatta risalire al 1088), si prefigge di costituire entro il 2010 uno Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore (SEIS). Il Processo di Bologna non è un trattato internazionale vincolante per i Governi dei Paesi che vi aderiscono. Ogni Stato, infatti, decide di volta in volta se e quale procedimento adottare. Le politiche di indirizzo del Processo di Bologna sono volte esclusivamente ad un obiettivo comune e definito. Ugualmente si è sempre espressa la volontà di non influire sull'autonomia né delle politiche dell'istruzione nazionali, né sulle autonomie degli istituti di istruzione superiore anzi, si è dato sempre risalto alle specificità che li contraddistinguono. Le finalità espresse nel Processo di Bologna e ampiamente condivise dagli enti che vi fanno parte, mirano ad una riorganizzazione in senso comunitario delle politiche sull'istruzione, mettendo a disposizione tutti i mezzi necessari al suo raggiungimento. Più specificatamente il Processo di Bologna prevedeva, e prevede tuttora una serie di punti cardine da cui si diramano gli altri obiettivi. Innanzitutto si vuole creare l'offerta di un'ampia base di conoscenze di alta qualità per assicurare lo sviluppo economico e sociale dell'Europa, così da rendere la Comunità più competitiva a livello internazionale. Altro obiettivo primario è quello di aumentare la capacità attrattiva dell'istruzione superiore verso i paesi non europei. In ambito interno, invece, il Processo di Bologna vuole costruire un'organizzazione didattica sempre più in sintonia con il veloce mondo globale e con gli interessi della Comunità tale da garantire, per controparte una migliore spendibilità del titolo di studio nel mercato del lavoro all'interno di tutta l'area europea. Per rendere questo obiettivo attuabile un passo precedente deve essere la trasparenza e leggibilità dei percorsi formativi e dei titoli di studio o meglio – come si renderà necessario nel prosieguo dei lavori del Processo – una armonizzazione dei titoli di studio per renderli comparabili tra le diverse istituzioni. Questo si rivelerà, inoltre, uno dei punti cardine dell'obiettivo “mobilità”. Con il tempo gli obiettivi primari del Processo si sono molto sviluppati e allargati, andando a comprendere anche lo Spazio Europeo della Ricerca (ERA – European Research Area), parte del progetto della Commissione Europea per apprendimento permanente (Lifelong Learning). Come si può notare a far parte del Processo di Bologna non c'erano solo i vari responsabili nazionali dell'istruzione, ma anche molte altre istituzioni e organizzazioni internazionali ed europee che hanno dato un grande contributo alla piena applicazione del Processo. Infatti la sua realizzazione può dirsi sicuramente ripartita a tutti i livelli: a partire dalle stesse Conferenze internazionali ed intergovernative, dai Ministri e dai responsabili nazionali dell'istruzione, dalle organizzazioni internazionali e nazionali degli attori del Processo, fino alle singole Università, Facoltà e Dipartimenti. Tutti hanno dovuto contribuire alla nascita dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore.

Indice

2


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

2

PERCHÉ IL PROCESSO

I

l Processo di Bologna nasce da una sensibilità diffusa di rendere il processo di formazione europeo il più competitivo possibile con gli altri sistemi mondiali. La Comunità Europea ha una forte sensibilità nel campo dell'istruzione reputandolo uno dei principali strumenti per lo sviluppo economico, politico e sociale. Queste aspettative, nel tempo, sembrano aver dato ragione ai promotori del Processo di Bologna poiché, attraverso una importante spinta pubblicistica verso l'esterno, hanno conquistato il consenso di molti Stati non appartenenti all'area europea (dai 31 Paesi ed enti firmatari del Processo di Bologna si è arrivati a 46 nel 2009). È una importante conquista politica per l'Unione Europea, che tiene le redini di un procedimento di evoluzione della giurisprudenza internazionale di grande portata. Dalle prime comunità internazionali ad oggi si sono fatti numerosi passi avanti. Il nostro secolo (il XXI) sta portando, rispetto agli altri periodi, una spinta diffusa di internazionalismo, spostando la prassi della sovranità statale verso un internazionalizzazione più accentuata. Le giurisprudenze internazionali, infatti, stanno iniziando a regolamentare oggetti che fino a pochi decenni fa era appannaggio esclusivo degli Stati. Anche se il Processo di Bologna non vincola gli Stati ad applicare le norme richieste, tutta una serie di accordi e di trattati e di relazioni extra-nazionali, spingono gli Stati ad attuarli. Fondamentale, a tal riguardo è la Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella regione Europa (c.d. Convenzione di Lisbona del 1997) con il quale gli Stati si impegnano a riconoscersi reciprocamente i titoli accademici finali. In Italia si è provveduto alla ratifica in forma solenne della Convenzione con legge parlamentare 148/02 nella quale, all'art.9 il Parlamento abroga commi di leggi nazionali precedenti. Con la Convenzione di Lisbona si sono inoltre poste le basi per la consuetudine di considerare l'istruzione come un diritto dell'uomo. Negli anni successivi e con l'avvio del Processo di Bologna si sono susseguiti una serie innumerevole di documenti, rapporti e comunicazioni ufficiali che hanno maggiormente stretto la collaborazione tra gli Stati e avviato un processo di assimilazione delle consuetudini che permetterà una completa giurisprudenza internazionale in materia. Ulteriore elemento importante risulta dall'adeguamento richiesto anche in settori diversi da quello dell'istruzione, ma che con esso in parte collaborano. È il caso del settore economico-finanziario, riguardo ai finanziamenti richiesti per l'istruzione, e di quello del ministero degli Affari Esteri e dell'Interno, per le richieste pervenute sul rilascio dei visti per gli studenti stranieri.

Indice

3


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

3

LA STORIA

I

3.1 – La Magna Charta Universitatum

l percorso per arrivare al Processo di Bologna si può articolare in due momenti fondamentali: l'enunciazione della Magna Charta Universitatum e la stipula della Convenzione di Lisbona. In occasione del 900esimo anniversario dalla fondazione dell'Università di Bologna, nel 1988 è stata redatta la Magna Charta Universitatum con la quale vengono enunciati “i valori di fondo della tradizione universitaria [e] vuole incoraggiare il rinsaldarsi dei legami fra le Università europee, ma è aperto, per l'universalità della sua ispirazione, anche all'adesione delle Università extraeuropee.” Le università firmatarie della Magna Charta, ad oggi sono 660, provenienti da 78 Paesi. All'interno delle premesse si fa riferimento all'istruzione come l'elemento che più di tutti influenza l'avvenire dell'umanità. Nella seconda sezione, invece, vengono enunciati i “Principi Fondamentali” che esaltano: l'autonomia universitaria, soprattutto nei confronti di qualsiasi pressione del potere; l'indissolubilità tra didattica e ricerca; la libertà di insegnamento, che deve essere promossa non solo dagli istituti di istruzione superiore, ma anche dai pubblici poteri; la globalità del sapere che abbatte barriere geografiche e politiche. Infine vengono enunciati una serie di mezzi attraverso cui raggiungere gli obiettivi fissati. Ci sono molte incitazioni ai Governi per l'aiuto che devono apportare affinché tali principi siano mantenuti. Tali Governi devono infatti sostenere la libertà di insegnamento e ricerca a tutti i livelli. La regolamentazione dello status dei docenti deve ispirarsi al principio dell'inscindibilità tra ricerca e didattica. Da parte loro, le Università promettono un'adeguata attenzione alle necessità e agli obiettivi degli studenti e alla libera circolazione delle informazioni e dei soggetti universitari. Per questo l'ultimo appello è fatto anche alle organizzazioni internazionali, affinché prendano spunto dai principi enunciati nella Magna Charta. Insiti nel documento sono quindi presenti molti elementi che caratterizzeranno l'operato del Processo di Bologna.

3.2 – La convenzione di Lisbona (11 Aprile 1997)

L

a Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella regione Europa (c.d. Convenzione di Lisbona) è stata elaborata dal Consiglio d'Europa e dall'UNESCO ed approvata dalla conferenza diplomatica l'11 Aprile 1997 a Lisbona. Le sezioni che la compongono articolano una serie di modalità per il riconoscimento tra gli Stati sottoscrittori dei titoli di studio. Un procedimento che porterà ad una armonizzazione dei titoli a livello europeo. Le basi che pone la Convenzione riguardano molti altri obiettivi che verranno ripresi ed elaborati nel Processo di Bologna. Dal riconoscimento dei titoli di studio si vuole creare uno spazio europeo di grande mobilità per gli attori dell'istruzione. Innanzitutto si vuol dare la possibilità per gli studenti di spendere il proprio titolo in qualsiasi istituto europeo e di poter avere garanzie sul riconoscimento di periodi di istruzione all'estero. I titoli di studio finali devono permettere allo studente di entrare in un mercato del lavoro di livello internazionale attraverso il riconoscimento dei titoli da parte di tutte le imprese e gli enti. Per facilitare questi riconoscimenti gli Stati parte della Convenzione si impegnano alla diffusione di tutto il materiale informativo necessario sui propri corsi. Le modalità di riconoscimento dei titoli deve essere garantita a tutti quelli che ne fanno richiesta senza discriminazione alcuna e deve avere le caratteristiche di trasparenza, coerenza e affidabilità, cioè bisogna rendere note le modalità di

Indice

4


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

riconoscimento del titolo, i criteri adottati devono essere i più conformi possibili agli altri istituti e devono essere condivisi dalla comunità scientifica internazionale.

L

3.3. – Dichiarazioni a) La Sorbona (1998)

a Dichiarazione della Sorbona (Parigi) è stato il primo vero passo per la costituzione del Processo di Bologna. La Dichiarazione riportava il titolo “L'armonizzazione dell'architettura dei sistemi di istruzione superiore in Europa” e ha visto la partecipazione dei Ministri dell'Istruzione di Francia (Claude Allegre), Italia (Luigi Berlinguer), Regno Unito (Tessa Blackstone) e Germania (Jurgen Ruetters). Il preambolo su cui si basano le motivazioni degli Stati firmatari della dichiarazione della Sorbona è il consolidamento delle “dimensioni intellettuali, culturali, sociali e tecniche del nostro continente”. I Ministri si lamentano dello scarso utilizzo di strumenti per periodi di studio all'estero per gli studenti e, basandosi anche sulla Convenzione di Lisbona e sulle direttive dell'Unione Europea sulle professioni, rilanciano l'importanza del ruolo della mobilità internazionale. Inoltre prendono spunto dalla prassi della struttura in due cicli del sistema di istruzione superiore, uno di primo e uno di secondo livello per incentivare l'utilizzo dei “crediti”, così come proposto dall'ECTS (v. infra par. 5.5), e dei “semestri” per aumentare le possibilità degli studenti di continuare la loro formazione ovunque in Europa. Dalla dichiarazione si evince anche la necessità di creare programmi di studio diversificati e multidisciplinari, nonché l'utilizzo delle lingue e delle nuove tecnologie informatiche. Nel passaggio finale del documento si nomina per la prima volta la creazione dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore e si fa appello agli Stati membri dell'UE di prendere parte a questo progetto.

L

b) Bologna (1999)

a dichiarazione di Bologna dà il via ai lavori del Processo di Bologna. All'appello dei Ministri nella dichiarazione della Sorbona dell'anno precedente hanno risposto tutti gli Stati Europei. Il titolo della dichiarazione è “Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore” e sta a sottolineare l'impostazione Euro-centrica che si vuole dare al Processo. Un'importante concetto espresso nella Dichiarazione è: “L'Europa della Conoscenza è ormai diffusamente riconosciuta come insostituibile fattore di crescita sociale ed umana e come elemento indispensabile per consolidare ed arricchire la cittadinanza europea, confermando ai cittadini le competenze necessarie per affrontare le sfide del nuovo millennio insieme alla consapevolezza dei valori condivisi e dell'appartenenza ad uno spazio sociale e culturale comune. L'istruzione e la cooperazione si confermano ulteriormente come strumenti essenziali per lo sviluppo ed il consolidamento di società democratiche, stabili e pacifiche [...]”

una dichiarazione che vuole racchiudere l'essenza del Processo di Bologna, e cioè la formazione di una generazione che cresca con la consapevolezza di un'Europa unita e competitiva a livello mondiale. Sempre all'interno si fa riferimento alla Magna Charta Universitatum per sottolineare l'importanza dei principi fondamentali in esso sanciti e per rinnovare l'invito agli istituti di istruzione superiore di continuare ad operare nell'adeguamento all'evolversi dei bisogni e delle esigenze della società. Successivamente vengono riportati i principali obiettivi che caratterizzeranno il Processo di Bologna e cioè: 1) armonizzazione dei titoli di studio, anche per l'impiego degli studenti nel mercato europeo e per maggiore competitività della UE 2) adozione di un sistema con due cicli principali. L'accesso al secondo avviene solo dopo il conseguimento del primo che ha durata minima di tre anni 3) Consolidamento del sistema dei crediti per una maggiore mobilità degli studenti 4) Promozione della mobilità per studenti e docenti attraverso l'abbattimento degli ostacoli che impediscono la libera circolazione 5) Valutazione della qualità al fine di determinare volta per volta un benchmark di

Indice

5


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

indirizzo per una migliore cooperazione Come si può notare ci sono alcuni elementi innovativi rispetto alle precedenti dichiarazioni (anche se effettivamente il Processo di Bologna nasce dalla Dichiarazione di Bologna), come la temporalità e l'accesso dei cicli e la valutazione della qualità delle istruzioni nazionali. Nell'enunciazione degli obiettivi, gli Stati parte hanno deciso come data di scadenza per la creazione dello Spazio Europeo di Istruzione Superiore, il primo decennio del 2000 con ritrovo biennale per la valutazione degli sviluppi del Processo.

U

c) Praga (2001)

n passo decisivo per il Processo di Bologna è il Comunicato di Praga “Verso lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore” del 2001. Ad esso, infatti, giungono molte note da parte delle istituzioni e organizzazioni nazionali ed internazionali dei principali attori dell'istruzione. Importanti contributi arrivano dall'Associazione Europea delle Università (EUA) e dall'Unione degli Studenti Europei (ESU, allora ESIB). Oltre al report delle azioni che gli Stati hanno compiuto nei due anni trascorsi e alla richiesta di uno sforzo maggiore nello sviluppo degli obiettivi, nel Comunicato vengono enunciati nuovi ed importanti principi. Uno di questi è sicuramente il riconoscimento dell'istruzione superiore come bene pubblico e, in quanto tale, sotto l'esclusiva responsabilità pubblica. Un altro principio fondamentale è l'Apprendimento permanente, programma che il Parlamento e il Consiglio Europeo hanno fatto loro nel 2006 con la creazione del LifeLong Learning Programme. I Ministri Europei dell'istruzione superiore, inoltre, accolgono le richieste pervenute dagli studenti, di prendere nella dovuta considerazione la “dimensione sociale” (v. infra par. 5.2). Le componenti attive del Processo di Bologna aumentano in modo considerevole. Innanzitutto all'interno della Conferenza dei Ministri vengono creati due gruppi (il Gruppo dei Seguiti e il Gruppo di Preparazione) che si occupano del proseguimento dei lavori del Processo. “Il Gruppo dei Seguiti dovrà essere composto da rappresentanti di tutti i paesi firmatari, dai nuovi partecipanti e dalla Commissione europea, e dovrà essere presieduto dalla Presidenza dell'Unione Europea di turno. Il Gruppo di Preparazione sarà composto dai rappresentanti del paese che ha ospitato la precedente conferenza ministeriale e di quello che ospiterà la conferenza successiva, da due paesi membri dell'Unione Europea e due non membri dell'UE; questi ultimi quattro saranno eletti dal Gruppo dei Seguiti. La presidenza di turno dell'UE e la Commissione Europea saranno anch'esse parte del Gruppo di preparazione. Il Gruppo di Preparazione sarà presieduto dal rappresentante del paese che ospiterà la conferenza successiva.”

La conferenza dei Ministri, inoltre, si dà l'obbligo di consultare l'Associazione Europea delle Università (EUA), l'Associazione Europea delle Istituzioni di Istruzione Superiore (EURASHE), l'Unione degli Studenti Europei (ESU) e il Consiglio d'Europa per un miglior lavoro del Processo. Infine dà incarico alle reti dei centri nazionali di informazione (ENIC e NARIC) di promuovere l'armonizzazione dei titoli di studio, e alla Rete Europea della Qualità nell'Istruzione Superiore (ENQA) di vigilare sull'effettiva risposta in termini di qualità dei servizi degli Istituti di Istruzione.

N

d) Berlino (2003)

ella Conferenza di Berlino del 2003 intitolata “Realizzare lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore” parteciparono ulteriori Paesi, anche non facenti parte dell'Unione Europea, nonché i rappresentanti dello Spazio Comune per l'istruzione Superiore dell'Unione Europea, dell'America Latina e dei Caraibi (EULAC). L'interesse per il Processo di Bologna da parte di Stati e organizzazioni extra-europee, infatti, si rivela essere molto alto. Già 4 anni dopo l'inizio dei lavori, uno degli obiettivi primari del Processo, e cioè quello dell'attrattività del sistema europeo di istruzione superiore, inizia a dare i suoi frutti. Iniziano ad arrivare anche i primi report nazionali sullo sviluppo delle promesse delle Conferenze passate, ma anche i rapporti delle

Indice

6


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

organizzazioni che partecipano al Processo in modo consultivo. La novità principale del Comunicato di Berlino è senza dubbio la commistione dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore con lo Spazio Europeo della Ricerca e l'inserimento di un terzo ciclo nel sistema dei cicli. Quello della ricerca diventerà nelle conferenze successive, uno degli obiettivi primari del Processo. Altro elemento di novità è la volontà dei Ministri di indagare più approfonditamente sulle condizioni socioeconomiche degli studenti, così da poter sviluppare un programma di sostegno per gli studenti più svantaggiati e permettere loro di esprimere al pari degli altri, le proprie eccellenze. Sempre nella Convenzione di Berlino viene esposto il metodo di accettazione delle candidature dei Paesi che vogliono partecipare al Processo di Bologna. Tali “domande di adesione dovranno contenere informazioni circa il modo in cui essi attueranno i principi e gli obiettivi della dichiarazione”. Inoltre, oltre a ribadire l'importanza della collaborazione con le organizzazioni internazionali già espresse nella Convenzione di Praga del 2001, viene inserito nell'elenco degli organi consultivi del Processo, anche l'UNESCO/CEPES (UNESCO – Centro Europeo per l'Istruzione Superiore).

I

e) Bergen (2005)

L

f) Londra (2007)

l Comunicato di Bergen (Norvegia), è intitolato “L'Area Europea dell'Istruzione Superiore – Conseguire gli Obiettivi”. I principali obiettivi del Processo stanno dando i primi risultati e la maggior parte degli Stati ha già attivato una serie di misure per lo sviluppo e la promozione di questi. La struttura in cicli dà istruzione alla metà degli studenti in gran parte dei Paesi. Si chiede ai Governi, però, di migliorare la spendibilità del titolo del primo ciclo nel mercato del lavoro, creando anche un mercato ad hoc negli enti pubblici. La Convenzione di Lisbona sul riconoscimento dei titoli di studio è stata ratificata da 36 Stati, sui 45 partecipanti al Processo. Per quanto attiene alla valutazione della qualità i Ministri hanno dato incarico a ENQA, EUA, EURISHE ed ESU (che andrà a formare il gruppo c.d. E4) di creare un registro europeo degli organismi di valutazione basato su scala nazionale, che entrerà in funzione nel 2008 (EQAR). Tra incarichi, nuovi obiettivi e sproni ad un maggiore sforzo, spuntano due elementi importanti, anche se poco approfonditi. Uno di questi due è il riconoscimento della sostenibilità del finanziamento degli istituti di istruzione superiore. Pur garantendo l'autonomia dovuta, le Università devono adeguarsi alle nuove riforme messe in atto dalle legislazioni nazionali sulla base degli obiettivi del Processo di Bologna. Pertanto, ricordando che l'istruzione è un bene pubblico, deve essere finanziato dallo Stato e in maniera tale da mantenere la suddetta autonomia e permettere le trasformazioni richieste. Il secondo elemento che risalta è il principio della cittadinanza attiva. In realtà è un principio espresso implicitamente più volte nelle dichiarazioni precedenti e vuole indicare la necessità di rendere gli attori base dell'istruzione (studenti, docenti, ricercatori e personale amministrativo), parte attiva nelle proprie scelte di cittadino.

'art. 1.3 della dichiarazione di Londra “Verso lo spazio europeo dell'istruzione superiore: rispondere alle sfide di un mondo globalizzato”, concentra in sintesi i principi e gli obiettivi che i Ministri promisero di seguire nel Processo di Bologna: “A seguito delle azioni intraprese negli ultimi due anni, sono stati fatti significativi progressi nella realizzazione dello Spazio Europeo di Istruzione Superiore (European Higer Education Area – EHEA). Sulle fondamenta del nostro ricco e diversificato patrimonio culturale, stiamo costruendo uno Spazio europeo dell'istruzione superiore – incentrato su autonomia istituzionale, libertà accademica, pari opportunità e principi democratici – che faciliterà la mobilità, accrescerà l'occupazione e potenzierà la capacità di attrazione e la competitività dell'Europa.”

Il Processo di Bologna si è caratterizzato dalla necessità di influire anche in settori diversi da quelli di competenza. Come già si è visto, i governi degli Stati parte, sono

Indice

7


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

stati chiamati in causa per la sostenibilità finanziaria degli Istituti di Istruzione Superiore. In questa dichiarazione, invece, vengono richiamati per la loro responsabilità nel rilascio di visti, permessi di soggiorno e di lavoro. Ma la Conferenza chiama spesso in causa anche la Commissione Europea e il Consiglio d'Europa, ai quale chiede l'agevolazione (a volte anche finanziaria) dei lavori del Processo, soprattutto in merito a studi che riguardano il loro programma di apprendimento permanente (LifeLong Learning Programme – LLP). È il caso dei “quadri dei titoli nazionali” (qualifications frameworks), i quali, come richiesto, dovranno combaciare con i quadri dei titoli generali per favorire la mobilità. A tre anni dalla creazione dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore, i Ministri dichiarano, vista la buona risposta che il Processo ha dato nei confronti della globalizzazione, di continuare la collaborazione internazionale anche dopo il 2010.

D

g) Leuven (2009)

opo la crisi economico-finanziaria che ha colpito il mondo intero a partire dal 2008, molti Stati si sono visti obbligati, per timore di maggiori conseguenze, ad effettuare disinvestimenti in molti settori, tra cui anche quello dell'istruzione. L'incontro di Lovanio (Belgio) “Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore nel prossimo decennio”, ha però, saputo ricomporre la situazione dando delle ragionevoli priorità. “Le nostre società stanno affrontando in questa fase le conseguenze di una crisi economica e finanziaria globale. Per dar luogo alla ripresa e ad uno sviluppo economico sostenibile, l'istruzione europea dovrà essere dinamica e flessibile e dovrà impegnarsi in ogni modo a produrre innovazione sulla base dell'integrazione tra didattica e ricerca a tutti i livelli. Riconosciamo che l'istruzione superiore deve giocare un ruolo chiave se vogliamo far fronte con successo a queste sfide e promuovere lo sviluppo culturale e sociale delle nostre società. Riteniamo perciò che gli investimenti pubblici nell'istruzione superiore costituiscano per noi un'altissima priorità.”

Viene successivamente rafforzata l'idea dell'istruzione come responsabilità pubblica e della copertura delle risorse ad essa necessarie, al fine di conseguire gli obiettivi preposti dal Processo. Molti dei punti programmatici del Processo, comunque, sono già stati acquisiti da molti stati o sono in piena fase di attuazione. L'uniformità del Processo in tutti i Paesi parte richiederà altro tempo. Per questo e per rilanciare lo Spazio Europeo di Istruzione Superiore verso nuovi obiettivi, i Ministri hanno deciso di rivedere una nuova programmazione che arrivi al 2020. I caratteri che vorrà avere l'Europa della conoscenza sono la creatività e l'innovazione.

N

h) Budapest e Vienna (2010)

ella Conferenza tenutasi a Budapest e Vienna l'11 e 12 marzo 2010 si è finalmente varato lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. La partecipazione dalla Dichiarazione di Bologna del 1999 è aumentata considerevolmente (47 firmatari), così anche l'interesse per il Processo da parte di Stati e Organizzazioni in materia provenienti da altre parti del mondo. Insieme ai successi conseguiti si tiene conto anche delle critiche che sono giunte negli anni, soprattutto in seguito alle manovre statali del dopo-crisi, da parte di molte organizzazioni nazionali. La giustificazione parziale dei Ministri in merito a ciò riguarda la cattiva interpretazione che si è fatta del Processo di Bologna, ma anche la mancata attuazione di alcuni obiettivi da parte dei governi nazionali. Inoltre, nella convinzione che “l'istruzione superiore sia uno stimolo fondamentale per lo sviluppo sociale ed economico”, i Ministri si impegnano “nonostante il contesto economico difficile, ad assicurare che le istituzioni di istruzione superiore dispongano delle risorse necessarie”.

Indice

8


IL PROCESSO DI BOLOGNA

L

VALENTINO LONGO

i) Bucarest (2012)

a prossima riunione Ministeriale per verificare i progressi compiuti e portare avanti l'Agenda di Lovanio sarà ospitata dalla Romania, a Bucarest, nel 2012. Già sono pervenuti contributi da parte delle organizzazioni che operano nel Processo in maniera consultiva. Il più importante potrebbe risultare la strategia della Commissione Europea “Europe 2020” con la quale vengono indicati e riproposti alcuni mezzi per lo sviluppo del Continente prendendo tra i punti principali l'istruzione e la ricerca.

Indice

9


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

4

I PARTECIPANTI

4.1 – I Governi degli Stati Europei

A

partire dalla Dichiarazione della Sorbona, a Parigi, del 1998, in cui c'erano i Ministri dell'Istruzione di Italia, Francia, Regno Unito e Germania, si è passati attraverso una sempre più forte partecipazione. Già nella Dichiarazione di Bologna del successivo anno si potevano contare 29 Ministri provenienti da Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Repubblica Slovacca, Repubblica Ceca, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Svizzera e Regno Unito. La Convenzione di Praga del 2001 vide la partecipazione anche di Croazia, Cipro e Turchia. Già nel 2003, con la Convenzione di Berlino, il numero sale a 40, aggiungendo le nuove adesioni di Albania, Andorra, Bosnia-Erzegovina, ex-Repubblica Jugoslava di Macedonia, Russia, Santa Sede, Liechtenstein, Serbia e Montenegro. Altri 5 se ne aggiungono a Bergen nel 2005: Armenia, Azerbaigian, Georgia, Moldavia e Ucraina. Ad essi si aggiunse il Kazakistan e la nuova repubblica autonoma del Montenegro. Ad oggi i Paesi firmatari del Processo di Bologna sono 47. Inutile dire che la spinta di attrazione che si era prefissato sin dall'inizio il Processo di Bologna ha dato notevoli soddisfazioni. Non solo la ristretta Comunità Europea sta partecipando a questi lavori, ma anche molti degli Stati confinanti. Un particolare da notare è il caso del Montenegro che nonostante la sua autonomia avvenuta solo nel 2006, ha continuato sin da subito a partecipare ai lavori processuali. Forse è la spinta internazionalistica che si sta assumendo nell'ultimo periodo, che spinge gli Stati a prendere parte attiva a lavori che limitano molto la loro sovranità nazionale(anche se le suddette Dichiarazioni non vincolano gli Stati), o forse è dato dal timore di non voler rincorrere le “grandi”, ma di partecipare insieme a loro nelle decisioni comunitarie e, magari, partecipare alla distribuzione di sostegni da parte della comunità internazionale.

I

4.2 – Gli enti europei a) BFUG (Bologna Follow-Up Group)

l Gruppo dei Seguiti di Bologna è stato istituito nella conferenza di Praga (v. infra par. 3.3.c) al fine di continuare il lavoro del Processo di Bologna nel periodo intercorrente tra le conferenze ministeriali biennali. Esso è composto da 47 membri, uno per ogni Stato firmatario del Processo di Bologna e dalla Commissione Europea come membro aggiuntivo. Vi partecipano a titolo consultivo otto membri: Consiglio d'Europa, UNESCO/CEPES, EUA, ESU, EURISHE, ENQA, EI, BusinessEurope. Il Gruppo dei seguiti di Bologna si incontra ogni sei mesi ed è presieduto dal Paese della presidenza di turno dell'Unione Europea. A partire dal 1 luglio 2009 ha un suo apparato amministrativo che è la Segreteria di Bologna, con sede a Brussels. Dal 1 luglio 2010, inoltre, sia la presidenza del Processo di Bologna, sia del Gruppo dei Seguiti sarà presieduta dal Paese della presidenza di turno dell'UE e da un paese nonmembro dell'UE in ordine alfabetico (a partire dall'Albania). L'ultimo documento redatto dal gruppo dei seguiti è stato il “2009-2012 Work Plan”, in cui sono presenti schematicamente le azioni da intraprendere nei vari settori chiave: dimensione sociale, quadro dei titoli, apertura internazionale, mobilità, riconoscimento, rapporti di attuazione del Processo di Bologna e i meccanismi di trasparenza. Oltre a ciò, il Gruppo dei Seguiti di Bologna deve provvedere anche all'organizzazione di continui seminari di aggiornamento sul Processo e all'organizzazione delle successive

Indice

10


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

conferenze.

L

b) Commissione Europea

P

c) Il Consiglio d'Europa

U

d) UNESCO - CEPES

L

e) EUA (European University Association)

L

f) ESU (European Students Union)

a Commissione Europea gioca un ruolo importantissimo nel Processo di Bologna. Ha sempre supportato le iniziative di azione per lo sviluppo dell'istruzione europea e la nascita dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. A differenza degli altri organi UE, non è composta da membri nazionali istituzionali, bensì da 27 membri (uno per ogni Stato UE) scelti tra le personalità di spicco. Essi devono inoltre essere indipendenti dai governi nazionali che lo indicano. Sicuramente il contributo che ha apportato al Processo è stato indispensabile, soprattutto in merito allo sviluppo di programmi internazionali come il LifeLong Learning Programme o i programmi di mobilità e, sicuramente anche per l'istituzione di organismi e reti internazionali per agevolare il raggiungimento degli obiettivi del Processo. I contributi della Commissione Europea sono esplicati nel documento “The EU contribution to the Europe Higher Education Area”. ur essendo un organo non facente parte dell'Unione Europea, il consiglio d'Europa ha da subito dimostrato una forte attenzione ai temi dell'istruzione e della competitività dell'area continentale nel mondo. Il contributo più importante sicuramente è stata la Convenzione di Lisbona (“Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella regione europea”) del 1997, elaborata in collaborazione con l'UNESCO. Altro elemento fondamentale è stata la costituzione nel 1954 della Convenzione Culturale Europea, un primo abbozzo di quella che oggi è lo Spazio Europeo di Istruzione Superiore. Il Consiglio fa parte degli organi consultivi del Processo di Bologna e del gruppo dei seguiti di Bologna.

NESCO/CEPES è un progetto dell'UNESCO del 1972. CEPES sta per Centre européen pour l'enseignement supérieur (Centro Europeo per l'istruzione Superiore). Per sua missione “L'UNESCO/CEPES promuove la cooperazione e fornisce supporto tecnico nel campo dell'istruzione superiore tra gli Stati membri dell'UNESCO nel Centro, Est e Sud-Est Europa”. Collabora con il Gruppo dei seguiti di Bologna analizzando e ricercando le politiche per un miglior sviluppo dell'istruzione, nonché elaborando progetti di sviluppo e riforma di tali politiche.

'EUA è l'organizzazione che riunisce tutte le Università Europee. Nasce durante il Processo di Bologna (2001) dalla fusione tra Association of European Unversity e Confederation of European Union Rectors Conferences. Nella stessa conferenza (Salamanca), gli oltre 300 istituti di istruzione superiore firmarono un messaggio rivolto al Processo di Bologna. Molti dei punti e delle osservazioni in esso descritte sono state prese in considerazione ed adottate dai Ministri. Innanzitutto sono stati ripresi i principi di autonomia degli istituti di istruzione e della responsabilità pubblica, nonché lo stretto rapporto tra didattica e ricerca, lo sviluppo individuale e la cittadinanza attiva. L'EUA ha sempre incoraggiato, nel suo lavoro di membro consultivo del Gruppo dei seguiti di Bologna, la crescita della mobilità, la costruzione di un quadro dei titoli uniforme, come anche la necessità di attrattività verso l'esterno. Oggi l'EUA conta 750 istituti universitari provenienti da 46 Stati diversi e rilascia al Processo di Bologna i rapporti “Trends”.

'ESU (ex ESIB – European Union of Students in Europe) è l'organizzazione internazionale che raggruppa le principali associazioni universitarie di 37 nazioni. È uno degli 8 membri consultivi del Gruppo dei Seguiti di Bologna al quale rilascia ogni due anni un rapporto sullo stato degli studenti dell'Area di Istruzione Superiore Europea, dal nome “Bologna With Student's Eye”. In esso vengono indicati anche le

Indice

11


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

manovre sull'istruzione compiute dai ministri nazionali e come queste dovrebbero migliorare. Negli ultimi rapporti (“Bologna with students eyes 2007” e “Bologna at the finish line”) i rappresentanti dell'ESU sono stati molto critici verso l'immobilismo degli ultimi anni dei Ministri e dei Governi nazionali. Credendo fermamente nell'istruzione e nella ricerca come base per lo sviluppo economico, chiedono ai Governi di riprendere in mano le manovre iniziate e di appropriarsi della responsabilità dell'istruzione come bene pubblico.

L

g) EURASHE (European Association of Institution in Higer Education)

'EURASHE è un'associazione internazionale non-profit che riunisce gli istituti di istruzione superiore. La sua missione è di promuovere gli interessi dell'istruzione superiore professionale tra i membri dei Pesi dell'Unione Europea e degli Altri Paesi dell'Europa. Uno dei suoi principali obiettivi è di difendere gli interessi professionali degli istituti di istruzione superiore e di incoraggiare l'importanza e la qualità dell'istruzione in Europa. Nell'Ultimo rapporto del'EURASHE intitolato “10 Commitments” ci sono una serie di punti schematici sui vari obiettivi del Processo. Anche per l'EURASHE, come l'EUA e l'ESU il Processo di Bologna ha fatto grandi progressi rispetto al passato, ma ancora non ha raggiunto quel grado di sviluppo auspicato.

L

h) EI (Education International Pan-European Structure)

B

i) BusinessEurope

L

j) ENQA (European Association of Quality Assurance)

'EI rappresenta 30 milioni di insegnanti e di lavoratori della conoscenza. Sostanzialmente raggruppa i principali sindacati della conoscenza e degli istituti dei istruzione del mondo. Quella che partecipa al Gruppo dei seguiti di Bologna è la sottosezione dell'Education International europea, e cioé la Pan-European Structure.

usinessEurope è la confederazione europea degli industriali. La sua presenza all'interno del Processo di Bologna è determinata dal fatto che si ritiene fondamentale la collaborazione con il mercato del lavoro. Come già indicato, si è cercato e si sta cercando di attuare delle misure che diano la possibilità agli studenti di inserirsi nel mondo del lavoro con il riconoscimento dei titoli di studio di tutti e tre i cicli (bachelor, master e dottorato).

'ENQA è l'Associazione Europea per l'Assicurazione della Qualità dell'istruzione superiore, voluta espressamente dal Consiglio dell'Unione Europea e richiesta dal Processo di Bologna. La Commissione Europea finanzia le sue attività sin dalla sua costituzione. L'ENQA riunisce tutte le Agenzie di valutazione della qualità dell'istruzione nazionali e coordina e vigila il loro operato. Insieme a ESU, EUA ed EURISHE (c.d. E4), ha elaborato per il Processo di Bologna delle linee guida e degli standard che le agenzie nazionali devono seguire (ESG - Standards and Guidelines for Quality Assurance in the European Higher Education Area). Grazie a questo strumento possono periodicamente monitorare e relazionare l'attività delle agenzie nazionali, così da suggerire ai Ministri del Processo su quali punti c'è bisogno di una maggiore concentrazione.

N

k) NARIC (National Academic Recognition Information Centres) ed ENIC (European Network of Information Centres)

ARIC ed ENIC riuniscono i centri di informazione europei sullo stato dell'istruzione superiore. Sono uno strumento importante per il Processo e molte volte interpellato dai Ministri per rendere nota dello stato di adeguamento degli Stati alle direttive del Processo.

Indice

12


IL PROCESSO DI BOLOGNA

E

VALENTINO LONGO

l) Eurydice

urydice è stata istituita dalla Commissione europea nel 1980, per incrementare la cooperazione nel settore educativo, migliorando la conoscenza dei sistemi e delle politiche. Collabora con il Consiglio d'Europa, l'OCSE e l'UNESCO attraverso la raccolta dati, l'analisi e il controllo delle informazioni. Grazie alle pubblicazioni di Eurydice che di norma hanno il nome di “Focus on higer education”, tutti possono avere un'idea dello stato di avanzamento del Processo di Bologna per ogni singolo Stato e per l'Europa nel suo complesso.

Indice

13


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

5

GLI OBIETTIVI

O

5.1 - Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore (SEIS)

biettivo primario del Processo di Bologna è sicuramente la creazione di uno Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Da quest'obiettivo partono poi, tutte le altre operazioni di armonizzazione dei sistemi di istruzione degli Stati parte. Il termine è stato probabilmente coniato da un'espressione della Dichiarazione della Sorbona. I Ministri parte del Processo di Bologna hanno rispettato la scadenza prefissata per la sua creazione, emanandolo nella Conferenza di Budapest e Vienna nel marzo 2010. “Noi, Ministri responsabili per l'istruzione superiore dei paesi partecipanti al Processo di Bologna, ci siamo incontrati a Budapest e Vienna l'11 e 12 marzo 2010 per varare lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore, così come previsto nella Dichiarazione di Bologna del 1999.”

Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore ha adottato i principi derivanti dalla Magna Charta Universitatum ed ha contribuito ad una sempre maggiore sinergia e collaborazione tra tutti gli organismi e gli attori del mondo dell'istruzione, a partire dagli studenti, fino ad arrivare ai rappresentanti del mondo del lavoro e sindacale. Ad oggi, però sono ancora molti gli obiettivi da raggiungere per rendere effettivo lo SEIS, come già dichiarato dai contributi derivanti dalle maggiori organizzazioni che partecipano al Processo (ESU, EUA, EURISHE), e come affermato dagli stessi ministri nella Dichiarazione di Budapest e Vienna. Ricordiamo che a partire dal 2008 l'intero globo è stato colpito da una forte crisi economico-finanziaria, a cui sono seguite molte e gravose misure riparative da parte dei Governi nazionali e organizzazioni internazionali. Tali misure, in molte occasioni, hanno toccato duramente anche il settore dell'istruzione. Nelle dichiarazioni che si sono succedute gli Stati hanno sempre affermato che reputavano l'istruzione superiore una responsabilità pubblica e in quanto tale si impegnavano a finanziare in maniera adeguata e sostenibile tale settore. Solo nell'incontro ministeriale di Leuven (2009) si fa riferimento alla “ricerca di fonti e metodi di finanziamento nuovi e diversificati”. Purtroppo molte delle affermazioni contenute nelle dichiarazioni sono state disattese, e non solo quelle provenienti dagli incontri ministeriali del processo di Bologna. Non è mai stato raggiunto per molti Stati parte, la quota prestabilita del 3% del PIL della spesa pubblica per l'istruzione superiore. La maggior parte degli Stati, infatti, investe attorno all'1% del PIL, e l'Italia è penultima nella graduatoria di investimento, prima solo della Bulgaria. In un tale contesto è difficile ritenere valida la possibilità di uno sviluppo e di una buona attrattività verso l'estero per lo SEIS. 5.2 – La dimensione sociale l tema della dimensione sociale dello SEIS è stata sollevata dagli studenti dell'ESU nelle rilevazioni per la Conferenza di Praga del 2001. È grazie a questa richiesta che si è arrivati a considerare “il ruolo dell'istruzione superiore – e dei suoi valori fondanti - nella società un bene pubblico affidato alla responsabilità della collettività” (BolognaProcess - Scheda informativa sulla dimensione sociale). La Dimensione Sociale ha unito molte espressioni di principi e valori da considerare. Oggi, tale espressione include i principi di uguaglianza, opportunità e coesione sociale, nonché espressione personale e accessibilità universale nella garanzia di condizioni adeguate per il completamento degli studi. È un passo che coincide con quello che in Italia è definito Diritto allo Studio, garantito costituzionalmente dall'art.34 Cost. Sempre nella

I

Indice

14


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

dimensione sociale sono inserite le richieste per un coinvolgimento attivo a tutti i livelli, di tutti gli attori del mondo dell'istruzione, in particolar modo degli studenti e dei gruppi sotto-rappresentati (ricercatori, dottorandi, ecc.). Anche se la Dimensione Sociale è un concetto che va assemblato tra le varie Dichiarazioni ministeriali, dimostrazione del fatto che ha sempre goduto di un alto grado di considerazione, non si è fatto molti passi avanti nel suo sviluppo. Riprendo un passo dal “Bologna with Student Eyes 2009” dell'ESU: “Gli studenti continuano a subire una diffusa discriminazione, per coloro che hanno un basso contesto socio-economico, come anche per gli studenti-genitori, gli studenti con disabilità e gli studenti-lavoratori. I debiti studenteschi, intanto continuano ad aumentare, così anche le tasse, gli studi e il caro-vita in generale continuano a crescere, e ad una velocità che supera di gran lunga i risparmi per coprire prestiti e sussidi, spingendo molti al lavoro part-time.”

A quanto rilevato dagli studenti dell'ESU la dimensione sociale deve ancora fare molti progressi.

I

5.3 – Il sistema dei cicli

cicli in cui voleva essere diviso il sistema di istruzione superiore prevedeva inizialmente due cicli, uno di primo e uno di secondo livello. Il primo doveva avere almeno durata triennale e doveva essere un requisito per l'accesso al secondo ciclo. Con il tempo si è arrivati ad inglobare nel sistema dei cicli anche il dottorato di ricerca. Questo sistema combacia con le richieste della Convenzione di Lisbona sul riconoscimento dei titoli. In realtà si inserisce in un quadro più ampio e articolato. È stata una grande sfida per gli Stati adeguarsi a questo sistema (e tuttora esistono incongruenze e problematiche), ma l'omologazione della durata dei percorsi di studio a livello internazionale permette agli studenti di poter scegliere il percorso più idoneo alle sue caratteristiche e sviluppare le sue eccellenze ovunque egli voglia. Generalmente il primo ciclo è indicato con il nome “bachelor” e ha durata triennale, il secondo è il “master”, di durata biennale. Il terzo ciclo, ossia il dottorato, non ha ancora una regolamentazione e una standardizzazione precisa, chiaro volere della conferenza dei Ministri. Questa caratteristica del c.d. 3 più 2 dà possibilità allo studente di inserirsi sin da subito nel mondo del lavoro. Un obiettivo del Processo, in merito a ciò, era il coinvolgimento del mercato del lavoro per tutti i livelli del ciclo, mettendo in atto anche una mutazione nelle scelte di assunzione per le amministrazioni pubbliche. L'inserimento del terzo ciclo, invece, dà la possibilità agli studenti di partecipare più facilmente all'accrescimento della competitività della comunità europea nel mondo.

5.4 – Il sistema dei titoli

I

l sistema dei titoli è stato elaborato nella Convenzione di Lisbona nel 1997 (v. infra par. 3.2) da UNESCO e Consiglio d'Europa ed è stato ratificato dalla maggior parte degli Stati parte del Processo di Bologna. Si tratta del primo grande tentativo di armonizzare i titoli rilasciati dagli istituti di istruzione superiore. Si è giunti, oggi, alla contemplazione di un quadro generale dei titoli ai quali si dovranno adeguare i quadri dei titoli nazionali. Nell'aprile del 2008 il Parlamento Europeo ha formalmente adottato il quadro dei titoli per l'apprendimento permanente (European Qualifications Framework For LifeLongLearning EQF-LLL), ma il “Bologna Stocktaking Report” del 2009 ha mostrato che solo sei Paesi hanno sviluppato un quadro nazionale dei titoli compatibile con il quadro generale dei titoli dello SEIS.

I

5.5– Il sistema dei crediti l sistema dei crediti è li metodo di descrizione dei programmi di studio sulla base, appunto, di crediti (in Italia sono i CFU – Crediti Formativi Univrersitari). Si basa sul sitema ECTS (European Credit Transfer and Accumulation System), sviluppato

Indice

15


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

a partire dal 1989 nel Programma di mobilità europeo ERASMUS. “Si basa sul carico di lavoro richiesto allo studente per raggiungere gli obiettivi di un corso di studi” (Commissione Europea – ECTS, Sistema Europeo di Accumulazione e Trasferimento dei Crediti). È il principale metodo per facilitare il riconoscimento dei titoli e la loro trasparenza e facilità di comprensione. Permette, quindi, maggiori possibilità di trasferimenti in altri istituti a livello europeo (mobilità). Il sistema ECTS ha calcolato in 60 crediti l'attività di uno studente a tempo pieno in un anno. In questo modo un credito rappresenta un carico di lavoro compreso tra le 25 e le 30 ore settimanali (calcolato su 36/40 settimane di studio l'anno). L'UE rilascia agli istituti che meglio sanno impiegare il sistema ECTS il “Marchio ECTS”. Per il periodo 2009-2013 il marchio ECTS è stato vinto, per l'Italia, dall'Università degli Studi di Parma, dall'Università di Bologna e dall'Università LUMSA di Roma. L'utilizzo del sistema ECTS si sta ancora diffondendo (ed è guardato con apprezzamento in altre parti del mondo), e si inserisce in un quadro più ampio di manovre nazionali per l'abbattimento delle barriere e l'armonizzazione dei titoli.

5.6 - La mobilità

L

a mobilità è uno dei punti chiave del Processo di Bologna. Non è un obiettivo che precede una singola manovra, ma è il risultato delle iniziative congiunte del sistema dei titoli, di quello dei crediti e dei cicli. Oggi la mobilità è promossa dall'Unione Europea attraverso una serie di progetti che spronano studenti e docenti a trasferimenti formativi. Inoltre, ha sicuramente un ruolo chiave nel progetto di LifeLong Learning, cioé dell'Apprendimento permanente voluto dall'UE. I maggiori programmi sono il Socrates/ERASMUS, che negli ultimi anni si è allargato dai soli studenti, anche ai dottorandi; il programma Leonardo Da Vinci, più indicato per un primo avviamento alla professione; il programma TEMPUS, il cui scopo è quello di sostenere lo scambio tra i paesi UE e quelli confinanti (principalmente balcanici e mediterranei).

5.7 – Assicurazione della qualità

C

ome per la dimensione sociale, anche l'assicurazione della qualità dell'istruzione è stato un problema sollevato dagli studenti e accettato di buon grado dai Ministri. La strada che si è scelta per arrivare ad una buona copertura nazionale ed internazionale dell'assicurazione della qualità è quella dell'istituzione da parte di tutti gli Stati di un organo, che dovrebbe essere esterno alle dinamiche politiche, dotato di una buona partecipazione di tutti gli attori dell'istruzione, che si relazioni con le altre agenzie nazionali attraverso una rete europea. Una monitorizzazione della qualità a tutti i livelli, a partire dai corsi di laurea, fino ad arrivare alle relazioni dell'ENQA (v. infra par 4.2.j). Come riportato dal “Focus on higer education 2010” di Eurydice, ad oggi, quasi tutti gli stati hanno istituito almeno un'agenzia di assicurazione della qualità (solo Moldavia, Slovacchia, Turchia e Ucraina hanno un sistema governativo di controllo della qualità, mentre Bosnia-Erzegovina e Italia sono ancora nella fase di creazione di un ente), ma lo sviluppo maggiore si è avuto a livello europeo, con la creazione di un registro delle agenzie nazionali (EQAR) e dell'emanazione di standard e linee guida che queste devono seguire (ESG).

5.8 – Apprendimento Permanente

L

'apprendimento Permanente è uno dei primari obiettivi non solo del Processo di Bologna, ma anche e soprattutto per L'UE. Il Lifelong Learning, infatti, è ritenuto il principale strumento affinché la comunità europea possa godere delle eccellenze delle giovani generazioni e aumentare così la propria competitività economica e politica nel mondo. Il sistema di apprendimento permanente prevede una continua formazione dell'individuo a tutti i livelli, da quello dell'istruzione superiore, al dottorato, alla formazione professionale aziendale. Un non-stop di nozioni e aggiornamenti e la possibilità di usufruirne in tutto il continente europeo. Questo obiettivo è stata la principale motivazione dell'aggiunta del dottorato nel sistema dei

Indice

16


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

cicli, portandolo da due a tre. Un documento importante a tal riguardo è la “European Universities Charter on Lifelong Learning” dell'EUA, in cui sono elencati le principali operazioni che sia le Università, sia i Governi devono impegnarsi a compiere.

5.9 – Apertura internazionale

Q

uello dell'apertura internazionale è stata probabilmente la principale preoccupazione dei Ministri dell'Istruzione. È indubbio che un'apertura internazionale porti notevoli vantaggi per la comunità europea e per i singoli paesi. L'Apertura internazionale ha una duplice funzione: da un lato vuole uscire verso l'estero, dall'altro vuole attrarre i paesi esteri alla comunità. Quindi, oltre alla competitività, c'è anche il fattore attrazione. Mentre la prima, soprattutto dopo la crisi del 2008, fa ancora molta fatica a crescere, molti Stati extra-europei hanno apprezzato molto il Processo di Bologna e i suoi obiettivi, tanto da riprenderli in parte e iniziare a porre le basi per una collaborazione globale.

Indice

17


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

6

CONCLUSIONI

Il Processo di Bologna è stato una grande sfida per la Comunità Europea, ma ha sin da subito riscosso ottimo successo. Gli obiettivi e i principi su cui si fonda sono del tutto validi e corrispondono al fine giustificato di una forte collaborazione internazionale, nonché di una maggiore competitività a livello globale. In un'ottica di un Europa come federazione di Stati, si può dire che il processo di Bologna abbia portato tale obiettivo in una buona direzione. Il livello giurisdizionale comunitario, negli anni in cui si è sviluppato il Processo di Bologna è mutato notevolmente. Anche se il problema principale del Processo è proprio il non vincolare giuridicamente gli Stati, comunque la responsabilità internazionale ha giocato un buon risultato. Molti Stati hanno accettato una condivisione di obiettivi e valori e si sono tutti mossi, al loro interno, in un senso comune. Probabilmente questa prassi porterà ad una standardizzazione delle norme comunitarie, con la possibilità di poter influire maggiormente nelle decisioni statali, come già è successo per altri settori. Purtroppo è ancora molto forte (e probabilmente negli ultimi anni sta crescendo) il nazionalismo degli Stati, che non intendono ridurre ulteriormente la loro sovranità statale. Una più forte cooperazione comunitaria sicuramente porterà l'UE a competere con le grandi potenze mondiali, ed è fondamentale per questo, come si riteneva già nelle dichiarazioni ministeriali del Processo, investire nella ”Europa della Conoscenza”. Quella di molti Paesi, primo tra tutti l'Italia, di disinvestire nell'istruzione è stata una scelta miope e non ponderata, ma determinata dalla paura di una recessione per via della crisi del 2008. Ma basta pensare che i nuovi Stati leader, che vengono dall'oriente, investono il 10% del loro PIL solo in istruzione superiore, per rendersi conto che un tale investimento è, probabilmente, quello che in questo momento storico è la principale possibilità per uscire dalla crisi e diventare competitivi.

Indice

18


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

CAPITOLO

7

BIBLIO-SITOGRAFIA

PRINCIPALI SITI PER ACQUISIZIONE DOCUMENTI SUL PROCESSO DI BOLOGNA Sito italiano del Processo di Bologna http://www.bolognaprocess.it Sito dell'EUA (European University Association) http://www.eua.be Sito dell'ESU (European Students Union) http://www.esu-online.org Sito dell'EQAR (European Quality Assurance Register for Higer Education) http://www.eqar.eu Sito dell'ENQA (European Association for Quality Assurance in Higer Education) http://www.enqa.eu Sito dell'EI (Education International) http://www.ei-ie.org Sito dell'EURASHE (European Association of Institution in Higer Education) http://www.eurashe.eu Sito della Magna Charta Universitatum http://www.magna-charta.org Sito dello Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore http://www.ond.vlaanderen.be/hogeronderwijs/bologna/ Sito di ENIC (European Network of Information Centres) e NARIC (National Academic Recognition Information Centres) http://www.enic-naric.net/ Sito della Commissione Europea http://ec.europa.eu/index_it.htm Sito del Consiglio d'Europa http://www.coe.int/defaultit.asp Sito dell'UNESCO http://www.unesco.org/new/en/unesco/ Sito dell'UNESCO/CEPES http://www.cepes.ro/ Sito del BusinessEurope http://www.businesseurope.eu/ Sito di Eurydice http://eacea.ec.europa.eu/education/eurydice/index_en.php DOCUMENTI CONSULTATI -“Magna Charta Universitatum” (unibo, 1988) -“Convenzione di Lisbona” (Consiglio d'Europa, 1997) -“Dichiarazione della Sorbona” (Bologna Process, 1998) -“Dichiarazione di Bologna” (Bologna Process, 1999) -“Comunicato di Praga” (Bologna Process, 2001) -“Comunicato di Berlino” (Bologna Process, 2003) -“Comunicato di Bergen” (Bologna Process, 2005) -“Comunicato di Londra” (Bologna Process, 2007) -“Comunicato di Leuven” (Bologna Process, 2009) -“Dichiarazione di Budapest” (Bologna Process, 2010)

Indice

19


IL PROCESSO DI BOLOGNA

VALENTINO LONGO

-“legge 4-7-2002 n° 148 - (Ratifica della Convenzione di Lisbona)” (Gazz.Uff.173/02) -“Scheda informativa – Dimensione sociale” (Bologna Process, 2010) -“La convenzione di Lisbona sul Riconoscimento dei titoli” (CIMEA) -“The EU contribution to the European Higher Education Area” (E.Commission, 2010) -“Europa 2020” (E.Commission, 2010) -“Il sistema ECTS” (E.Commission, 2003) -“LLP 2010” (E.Commission, 2010) -“Contribution to AHEA” (Council of Europe, 2009) -“ESG” (ENQA, 2009) -“infodoc” (EQAR) -“Bologna with student eyes 2009” (ESU, 2009) -“Bologna at the finish line 2010” (ESU, 2010) “Message from the Salamanca Convenrion” (EUA, 2001) “Trends 2010” (EUA, 2010) “10 Commitment” (EURASHE, 2010) “Focus on Higer Education in Europe, 2010” (Eurydice, 2010)

Indice

20

The Bologna Process  

Cos'è il processo di Bologna in poche pagine