Page 31

A cura di Michele Braccia del Ristorante Serta

speciale wine

“giro di vite”

31

In onda il g iovedì, ogni 15 gg a lle 10.30

Oggi i nostri riflettori narrativi inondano di luce l’incrocio di ben Tre Valli, alzando il sipario sul paese di Biasca.Quest’ opera teatrale ci incanta proponendoci veri e propri animali (non a caso) da palcoscenico ed il rapido susseguirsi degli atti ci inebria con la recita di similitudini viscerali, tocchi fiabeschi ed infinita fatica. Il tutto, imbeccato dai seguenti colpi di scena: i gatti, la rampéda, il 9 dicembre 1957, un luogo misterioso e Gino Paoli. La vita dei fratelli Meroni sembra scorrere su binari paralleli, Marco lavora in ferrovia e Vincenzo in comune. Ad unirli, oltre al sangue, ci si mette pure la data del 9 dicembre 1957: non so chi sia nato prima o chi per galanteria abbia atteso, fatto sta, che quel giorno vengono alla luce 4 mani da uva, o semplicemente 2 gemelli. Marco e Vincenzo sono speculari sia fisicamente che mentalmente. Sono un sorta di perfetta cuvée umana. Sono 2 filari cresciuti nella stessa vigna materna, separati, ed allevati in botti diverse, ma con la certezza assoluta di ricongiungersi, sempre, nella stessa bottiglia emozionale. Al duo Meroni servirebbero settimane composte da 10 giorni per tentar di far quadrare il tutto. Una leggenda racconta che i gatti attraversassero Biasca sospesi nell’aria, senza mai toccare terra. Calcavano esclusivamente la

via delle pergole: come se il futuro vino facesse loro spiccare il volo anticipatamente. L’azienda vitivinicola Meroni dispone di 1 ettaro di terreno vitato distribuito tra Biasca, Polleggio, Malvaglia e Semione. Il nostro consueto gironzolare per etichette si tinge solo di rosso. L’unico assemblaggio (merlot e cabernet franc) di casa Meroni è il pluripremiato “Cardo” che si fa una pennichella di ben 18 mesi in botti di primo e secondo passaggio. Il resto della gamma è un inno qualitativo al camaleontico merlot.Tutti allevati in botti di rovere per un minimo di 18 mesi. La carrellata inizia con il “Granato”, prosegue con “Biasca” (una riserva con 22 mesi in botti nuove), continua con il “Rampéda” (forte pendenza), “Le Pergole” (Riserva di Biasca) ed il sontuoso “Ul Samiòn” per arrivare ad addolcirci con un passito di uva americana bianca chiamato “Haròu” (significa gelato in dialetto) confezionato in perfetto stile Eiswein. A questa festa non potevano mancare le bollicine (uva americana) di un metodo classico, che prende il nome di “Büsciòu”. Ed infine per una volta andiamo in bianco volentieri tuffandoci nel debuttante “Crudéll”, favoloso assemblaggio tra chardonnay, Riesling & Silvaner, Pinot grigio e Sauvignon. “Crüdell” in puro gergo da vallata definisce il vino derivante dalla prima torchiatura, ossia, quello destinato alla mensa del padrone. Vista l’assonanza linguistica con il termine crudele, di “spietato” vi era solo una questione sociale, infatti dalle seguenti torchiature (diluite con l’acqua) si

confezionava il vino per i poveri braccianti che potevano solo bramare nei sogni il pregiato nettare. Gli instancabili gemelli Meroni sognano ad occhi spalancati: vorrebbero che il loro unico datore di lavoro fosse l’uva e soprattutto riunire sotto un unico tetto tutta la catena produttiva.

Concludo tuffandomi in una sorta di fiaba nella quale ad attraversare Biasca di vigna in vigna ci sia il gatto con gli stivali, seguito da altri 44 in fila per 6 con il resto 2 e la gatta sulla pergola che scotta (di passione): questa volta però non riusciranno a rimanere sospesi nell’aria, saranno attratti irresistibilmente da un sentore di vino e costretti a toccare con zampa la terra dei gemelli. Se ci aggiungiamo che San Vincenzo è il protettore dei viticoltori e che le prime 2 parole della canzoncina dello zecchino d’oro sono “Nella Cantina”, credo, che il più sia fatto.

F.lli Meroni Sagl Borgo Vecchio 1, CH-6710 Biasca Tel. +41 91 862 33 91 flli.meroni@freesurf.ch

DOMANDA:

la 2010” Quante bottiglie di “Pergo tte sono state prodo ? 1100 900 450

Tra coloro che si avvicineranno al quantitativo corretto verrà sorteggiata una cena al Grotto Serta per 2 persone à la carte accompagnata da un ottimo Pergola 2010. La risposta va inoltrata entro

20 aprile 2013 Solo per gli abbonati in palio una bottiglia di “Pergola”. La risposta andrà inviata via SMS al 959 o all’indirizzo mail info@tinotte.ch

TINOTTE N.76  

Guida al benessere & al tempo libero

TINOTTE N.76  

Guida al benessere & al tempo libero

Advertisement