Page 1

GIGANTI

a NordEst

GIANTS

of the north-east

2020

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


GIGANTI GIANTS

GIUGNO june SETTEMBRE september

NOVEMBRE november AGOSTO august

DICEMBRE december

MAGGIO may

GENNAIO january APRILE april LUGLIO july OTTOBRE october

MARZO march

of the north-east

FEBBRAIO february

a NordEst

I cinesi 3000 anni fa si accorsero che i bruchi che si nutrivano delle foglie di gelso dopo un po’ si chiudevano in bozzoli seriacei, dai quali si poteva ricavare una fibra sottile, resistente e lucida. Era la seta e con essa iniziò la diffusione e la fortuna di questo albero che dall’undicesimo secolo è diventato una componente basilare del paesaggio italiano, soprattutto a nord est. Ma i cinesi utilizzavano anche il resto della pianta, le prime banconote furono ricavate dalla corteccia del gelso e il legno forniva ottimo materiale per intagliare, mentre i giovani rami erano comodi da intrecciare. È un albero longevo, che si lascia capitozzare anche drasticamente e regala le dolcissime more, sia bianche che nere.

Caratteristiche

COPERTINA - GELSO

Circonferenza mt 6,50 circa Altezza mt 12 circa Età stimata 350 anni circa Località Vivaro PN

3,000 years ago the Chinese realized that, after a while, the caterpillars which fed on mulberry leaves wrapped themselves in silken cocoons from which a thin, resistant and shiny fibre could be obtained. This was silk and with it the fortune of this tree began the spread and which has been a central component of the Italian landscape since the 11th century, especially in the north east of the country. But the Chinese also used the rest of the plant. The first banknotes were made from the bark of the mulberry tree and the wood provided an excellent material for carving, while the young stems were good for basketry. It is a long-lived tree, which can be cut back drastically if needs be and produces the sweetest of black berries, both white and black.

Fotografo naturalista free lance, dedica particolare interesse agli ambienti boschivi, ricercando luoghi dove essi sono ancora integri e selvaggi. La sua opera fotografica contribuisce alla conoscenza delle bellezze naturali presenti sul nostro territorio. Le sue immagini sono utilizzate da riviste di settore e case editrici in Italia e all’estero.

A freelance natural history photographer, he dedicates particular interest to forest environments, searching for places that are still intact and wild. His photographic work contributes to the knowledge of the natural beauties present in our area and his images are used by trade magazines and publishing houses in Italy and abroad.

luciotolar@gmail.com

Lucio Tolar

Umberto Sarcinelli

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

Giornalista professionista, ha lavorato a Il Piccolo, al Corriere di Pordenone, al Resto del Carlino e al Gazzettino. Ha fatto stage al Progresso Italoamericano e al Giornale di Montanelli. Collabora con riviste, radio e televisioni. Ha partecipato ai master di fotografia di Italo Zannier, Helmut Newton e Mario Di Biasi (Venezia fotografia 1979). Ha tenuto una rubrica di ambiente e natura per il Gazzettino, partecipando a progetti internazionali (Life) sui grandi predatori e occupandosi di zooantropologia. È autore di diversi libri di sport e ambiente. Tiene regolarmente conferenze su temi naturalistici.

A professional journalist, he worked at Il Piccolo, the Corriere di Pordenone, the Resto del Carlino and the Gazzettino. He collaborates with magazines, radio and television and participated in the photography masters of Italo Zannier, Helmut Newton and Mario Di Biasi For twenty years he has followed Italian Serie A soccer. He wrote an environment and nature column for the Gazzettino, participating in international (Life) projects on large predators and dealing with zooanthropology. He was involved in geopolitics and defence and was sent to various crisis zones. He is the author of several books on sports and the environment.

umberto@sarcinelli.net

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Larice malga lussari

GENNAIO

january

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,80 circa Altezza mt 30 circa Età stimata 500 anni circa Località Malga Lussari, Tarvisio UD Il larice è l’unica conifera a cui cadono le foglie in autunno, costituisce in Italia un relitto glaciale essendo pianta che predilige zone temperate-fredde. E’ una specie poco esigente e molto longeva, vive anche in alta quota (oltre 2300 metri) e spesso è pianta pioniera. Il legno è particolarmente resistente alle intemperie e viene utilizzato soprattutto nell’edilizia (in particolare i tetti in montagna) e è un buon combustibile. Il Larice delle Alpi è molto longevo, in Val d’Ultimo ( Parco nazionale dello Stelvio ) un paio di esemplari hanno un’età stimata in circa 2000 anni, certificata dal conteggio degli anelli di un vicino albero stroncato dal vento e considerato coevo degli altri. The larch is the only conifer in which the leaves fall in autumn. In Italy it is a glacial relict and a plant that prefers temperate-cold zones. An undemanding and very long-lived species, it also lives at high altitudes (over 2,300 metres above sea level) and is often a pioneer plant. The wood is particularly resistant to the elements and above all is used in building (in particular for roofs in the mountains) and is a good fuel. The Larch of the Alps is very longlived and in Val d’Ultimo (Stelvio National Park) there are a handful of specimens whose age is estimated age at about 2,000 years, arrived at by the counting of the rings of a nearby tree blown down by the wind and considered to be of a similar age.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

6

M

7

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

8

9 10 11 12

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Tasso del Bosco Medol

FEBBRAIO

february

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,50 circa Altezza mt 14 circa Età stimata 500 anni circa Località Valle del Prescudin, Barcis PN È l’albero in cui morte e vita convivono. Fortemente tossico in tutte le sue parti, tranne gli arilli rossi e carnosi, considerato anticamente guardiano dei morti e tramite tra il mondo dei vivi e gli inferi. Il legno di tasso è resistente e elastico, ideale nella costruzione degli archi e del famoso arco lungo inglese, tanto che la specie nel medioevo rischiò l’estinzione in Europa per il forte utilizzo. Oetzi, l’uomo di Similaun portava con se un giavellotto di tasso. Recentemente è stato scoperto che oltre alla tassina, estremamente tossica, produce un alcaloide diterpenico (paclitaxel) usato nella cura del tumore alle ovaie. This is a tree in which death and life coexist. Powerfully toxic in all its parts, except the red and fleshy arils (its ‘berries’), in the distant past it was considered a guardian of the dead and a link between the world of the living and the underworld. Yew wood is resistant and elastic, ideal for the construction of bows and the famous English longbow, so much so that in the Middle Ages the species risked extinction in Europe due to its heavy exploitation. Ötzi, the Similaun man, carried a yew-wood javelin with him. Recently it has been discovered that in addition to the extremely toxic taxin, it produces a diterpene alkaloid (paclitaxel) which is used in the treatment of ovarian cancer.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

3

M

4

M

5

G

6

V

7

S

D

1

2

8

9

10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Pino nero di Mogessa

MARZO

march

Caratteristiche

Circonferenza mt 3,90 circa Altezza mt 26 circa Età stimata 100 anni circa Località Mogessa di Moggio Udinese UD Partito dalla Carinzia, il pino nero, o d’Austria, ha viaggiato molto, colonizzando quasi tutta l’Europa centro orientale, spingendosi a sud fino all’Appennino. Specie rustica, di accrescimento veloce è stato coltivato come pianta da rimboschimento, spesso in impianti molto fitti. Per questo è attaccato da parassiti e dalla passionaria del pino (il lepidottero Thaumetopoea pityocampa). E’ facilmente preda di incendi e di schianti invernali. Gli aghi sono a coppie e questo ha fatto del pino nero un simbolo della felicità coniugale. Fin dal periodo greco si credeva che la resina servisse alla conservazione e al miglioramento del gusto del vino e fu collegato al mito di Dionisio. From its home in Carinthia, the Black Pine, or Austrian Pine has been planted extensively, colonizing almost all of central and eastern Europe, extending as far south as the Apennines. A rustic species with rapid growth, it has been cultivated as a plant used in reforestation, often in very dense plantations. For this reason it is often attacked by pests and pine processionary moth (Thaumetopoea pityocampa). It is prone to fires and windthrow. The needles are paired and this has made the Black Pine is a symbol of marital happiness. Since the time of Ancient Greece it has been believed that the resin could be used for the preservation and improvement of the taste of wine and was thus linked to the myth of Dionysius.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

M

M

G

V

S

D

1 2

3

4

5

6

7

8

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Sofora di aquila del Torre

APRILE

april

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,00 circa Altezza mt 24 circa Età stimata 200 anni circa Località Savorgnano del Torre, Povoletto UD Originario di Cina, Corea e Giappone questo albero è stato importato in Europa nel XVII secolo per motivi ornamentali per il suo portamento. Fa parte della famiglia delle leguminose, come piselli e fagioli ma a differenza di questi i semi sono allucinogeni. Una delle caratteristiche più curiose è che il polline non provoca alcune allergia. Molto adatta alla pratica del bonsai la Sophora ora è diffusa nei giardini e nei parchi di tutto il mondo, specialmente al centro di un prato dove può mostrare lo sviluppo dei suoi rami che con il tempo si contorcono dando origine a piacevoli effetti. Viene impiegata anche nelle alberature della strade poiché ha anche il potere di fungere da filtro anti inquinamento. Originally from China, Korea and Japan, this tree was imported into Europe in the 17th century for ornamental purposes and its bearing. A member of the legume family which includes peas and beans, unlike these, the seeds are hallucinogenic. One of its most curious features is that pollen does not provoke any allergies. Very suitable for the practice of bonsai, the Japanese Pagoda Tree is now widespread in gardens and parks around the world, especially in the middle of a lawn where it can display the development of its branches that over time twist and turn to pleasant effect. It is also used in street trees because it also has the power to act as a pollution filter.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

6

M

7

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

8

9 10 11 12

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


OLIVO SECOLARE DI TORRE

MAGGIO

may

Caratteristiche

Circonferenza mt 6,50 circa Altezza mt 14 circa Età stimata 500 anni circa Località Cordenons, Pordenone PN Che cosa sarebbe il Mediterraneo senza ulivi? Quale civiltà si sarebbe sviluppata senza il suo principale prodotto, l’olio? Non è dato di sapere, ma questo albero e i suoi frutti hanno accompagnato la storia recente di Asia e Europa, entrando profondamente nelle rispettive culture. La pianta è una latifoglia che vegeta continuamente con una pausa invernale che la fa apparire sempreverde, è longeva (fino a 3-4000 anni). L’olivo è simbolo di pace fin dalla civiltà greca, mentre gli ebrei lo ritenevano l’albero della sapienza e della giustizia. L’olio, in greco crisma, rappresenta lo stesso Cristo (la radice etimologica è la stessa, dal significato di unto). What would the Mediterranean be without Olive trees? Which civilization would have developed without its main product, olive oil? We will never know, but this tree and its fruits have accompanied the recent history of Asia and Europe, penetrating deeply into their respective cultures. The plant is a broadleaf tree that grows continuously with a winter break that makes it appear evergreen and is long-lived (as much as three or four thousand years). The Olive Tree has been a symbol of peace since the time of Ancient Greece, while the Jews considered it the tree of wisdom and justice. The oil, in Greek crisma, represents the Christ himself (the etymological root is the same, meaning “anointed”)

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

4

M

5

M

6

G

7

V

S

D

1

2

3

8

9 10

11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


ACERO DI FUSINE

GIUGNO june

Caratteristiche

Circonferenza mt 5,70 circa Altezza mt 30 circa Età stimata 180 - 200 anni circa Località Prati Oman di Fusine Laghi, Tarvisio UD Ovunque serva un legno compatto e resistente agli urti, l’acero è la soluzione ideale. Sia nelle piste da bowling o nei pavimenti di casa, che nei mobili e nella liuteria questa essenza, dalla bella marezzatura è la preferita. Che dire poi delle samare, i semi che quando maturano e si staccano dai rami, sembrano tante libellule in volo? Le due ali del seme, innervate proprio come quelle degli insetti frullano al vento e una volta cadute a terra si avvitano al suolo. L’acero in Italia è diffuso in otto specie, nel mondo in 150. Il suo nome deriva dal latino acer, appuntito, mentre le sue caratteristiche foglie presentano cinque lobi. Wherever you need a compact and shock-resistant wood, maple is the ideal solution. Be it in bowling alleys or domestic flooring, furniture or luthiery, with its beautiful grain, this wood is a favourite. What about the samaras, the seeds that when they ripen and come off the branches, resembling so many dragonflies in flight? The two wings of the seed, bearing nerves just like those of insects, whirl in the wind and once they fall to the ground, they screw down into the soil. In Italy there are eight species and 150 around the world. Its name derives from the Latin acer, meaning “pointed”, while its characteristic leaves have five lobes.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

M

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

6

7

8

9 10 11 12 13 14

15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


TIGLIO DI MALBORGHETTO

LUGLIO july

Caratteristiche

Circonferenza mt 6,00 circa Altezza mt 26 circa Età stimata 400 anni circa Località Palazzo Veneziano di Malborghetto, Malborghetto - Valbruna UD Il tiglio europeo appartiene alla famiglia delle tiliacee, alberi che spesso si ibridano fra loro. Il nome deriva dal greco ptlion, ala, in riferimento al seme che è protetto da una brattea che come un’ala lo fa volare agevolandone la diffusione. Il legno viene utilizzato per lavori di intaglia, dalla corteccia si ricavano fibre tessili (principalmente corde), dai fiori, profumatissimi, di ricava un ottimo miele e si preparano infusi e tisane calmanti. Simbolicamente è un albero femminile, uno dei pochi, venerato dai popoli germanici e slavi. Sotto un tiglio tiepido di verde,/ cadrò nel nero/ della mia morte che disperde / i tigli e il sole.  Pier Paolo Pasolini nella poesia “Il giorno della mia morte” cita molte volte il tiglio, l’albero che ha dato il nome al suo Tagliamento. The European Lime (or Linden) tree belongs to the Tiliaceae family, trees that often hybridize with each other. The name derives from the Greek ptlion meaning “wing”, referring to the seed that is protected by a bract that, like a wing, allowing it to fly and facilitating its spread. Its wood is used for carvings, while textile fibres (mainly ropes) are obtained from the bark. The very fragrant flowers provide an excellent honey and are used to prepare calming infusions and herbal teas. Symbolically, it is a female tree, one of the few, revered by the Germanic and Slavic peoples. Under a warm linden of green, / I will fall in the black / of my death that scatters the lindens and the sun. In the poem “The day of my death” Pier Paolo Pasolini mentions the linden many times, the tree that gave its name to his local river, the Tagliamento.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

6

M

7

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

8

9 10 11 12

13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Farnia di Ariis

AGOSTO

august

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,00 circa Altezza mt 24 circa Età stimata 150 anni circa Località Parco di Villa Ottellio Savorgnan, Ariis di Rivignano UD Spesso è confusa con il rovere, e viceversa, ha rischiato di sparire dai boschi europei per il suo legno, denso e resistente ideale per le costruzione navali, per pavimenti e mobili, nonché per le botti (il cosiddetto rovere di Slavonia). Formava grandi boschi nella pianura padana e nell’Europa centro settentrionale, le sue ghiande sono un cibo fondamentale per gli animali della foresta (cinghiali, orso). Dalle ghiande si otteneva, in medioriente, una farina poco gustosa ma se serviva a riempire lo stomaco. Queste ghiande venivano tenute per parecchio tempo in acqua per perdere l’abbondante tannino che contengono. Often confused with the Sessile Oak, and vice versa, it risked disappearing from European forests due to overexploitation of its dense and resistant wood, ideal for shipbuilding, floors and furniture, as well as for barrels (so-called Slavonian oak). It formed large forests in the Po valley and in central and northern Europe. Its acorns are a fundamental food for forest animals such as wild boar and bears. In the Middle East, a flour with little taste was obtained from the acorns but served to fill the belly. These acorns were soaked for a long time in water to get rid of the abundant tannins they contain.

L

3

M

4

M

5

G

6

V

7

S

D

1

2

8

9

10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


FAGGIO TRICOLOR DI ROCCA BERNARDA

SETTEMBRE

september

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,90 circa Altezza mt 27 circa Età stimata 150 anni circa Località Rocca Bernarda, Premariacco UD Il faggio tricolor è una delle varietà ornamentali del Fagus sylvatica , il comune faggio, una specie la cui distribuzione va dalla Norvegia a nord fino all’Italia meridionale e alla Spagna a sud, formando popolazioni pure nella fascia esalpica, cioè nella zona prealpina e con buona predisposizione per varie associazioni vegetali. L’esempio più noto di faggeta pura è il Cansiglio, il “bosco da remi” della Serenissima Repubblica di Venezia. I frutti, le faggiole, privati del velenoso pericardio se arrostiti sostituiscono castagne e mandorle e se tostati sono un surrogato del caffè. Sono appetiti da molti animali selvatici, dall’orso ai cinghiali. Dai semi una volta si estraeva anche dell’olio usato come combustibile. The Tricolor Beech is one of the ornamental varieties of Fagus sylvatica, the Common Beech, a species the distribution of which extends from Norway in the north to southern Italy and Spain in the south, forming pure stands in the pre-Alpine area and which is wellrepresented in various plant associations. The best known example of pure Beech forest in Italy is that of Cansiglio, the “forest of oars” of the Serenissima, the Republic of Venice. With their poisonous pericardium removed and then roasted, the fruits, called beechmast, can replace chestnuts and almonds and are a substitute for coffee. They attract many wild animals, from bear to wild boar. In the past, an oil was extracted from the seeds and used as fuel.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

7

M

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

6

8

9 10 11 12 13

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


CASTAGNO DI CANALAZ

OTTOBRE

october

Caratteristiche

Circonferenza mt 9,40 circa Altezza mt 20 circa Età stimata 400 anni circa Località Canalaz - Valli del Natisone, Grimacco - Cividale del Friuli UD “[Clara…]Sembrava fin d’allora il rampollo giovinetto di castagno che sorge dal vecchio ceppo rigoglioso di vita”, Ippolito Nievo nella sua “Confessioni d’un italiano” ricorre a una metafora che tutti capivano da secoli e alla quale ripetutamente molti poeti e scrittori sono ricorsi. E’ un rapporto antichissimo quello fra l’uomo e il castagno, che risale al Paleolitico. Legno duro e resistente (anche e soprattutto all’umidità), frutti che si trasformano in farina, corteccia che fornisce il tannino per conciare le pelli. E’ un albero che può vivere a lungo, come il castagno dei Cento cavalli a Sant’Alfio, alle falde dell’Etna, che secondo varie fonti ha un’età stimata di 200-400 anni. “[Clara ...] It seemed from then on that the young chestnut scion that rises from the old luxuriant stock of life”, Ippolito Nievo in his “Confessions of an Italian” uses a metaphor that everyone understood for centuries and to which many poets and writers have repeatedly appealed. The relationship between humankind and the Sweet Chestnut is a very ancient one, dating back to the Palaeolithic. Its wood is hard and resistant (above all to humidity), its fruits can be made into flour and it possesses a bark rich in tannin for tanning leathers. It is a tree that can live a long time, like the chestnut of the Cento cavalli (Hundred Horses) in Sant’Alfio, at the foot of Etna, which according to a range of sources has an age estimated at 200-400 years.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

5

M

6

M

7

G

V

S

D

1

2

3

4

8

9 10 11

12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Cipresso di Rocca bernarda

NOVEMBRE

november

Caratteristiche

Circonferenza mt 5,20 circa Altezza mt 21 circa Età stimata 460 anni circa Località Castello di Rocca Bernarda, Premariacco UD Ciparisso per errore uccise il suo amato cervo, Apollo, per liberarlo dal dolore che lo devastava lo trasformò in cipresso e così quest’albero è legato al lutto. Il cristianesimo adottò quest’albero insieme alla palma, al cedro e all’ulivo, come simbolo cristologico: con questi legni si dice fosse costruita la croce su cui morì Gesù. Il cipresso è un albero affusolato, che può raggiungere ragguardevoli altezze, con foglie ridotte a squame e che in qualche specie, se schiacciate emanano il tipico fetore. Presente nel mondo in un centinaio di specie il cipresso è un albero prevalentemente usato come decorazione, nei viali e nei cimiteri. Ciparisso killed his beloved deer by mistake. Apollo, to free him from the pain that had devastated him, turned him into a Cypress and thus this tree is linked to mourning. Christianity adopted this tree together with palm, cedar and olive, as a symbol of the religion itself. It is said that the cross on which Jesus died was made with these woods. The Funeral Cypress is a tapered tree, which can reach remarkable heights, with leaves reduced to scales and which in some species, if crushed emanate a characteristic unpleasant odour. With a hundred species around the world, cypresses are mainly used as decoration, in avenues and in cemeteries.

L

M

M

G

V

S

D

1 2

3

4

5

6

7

8

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )


Abete Sella Pleccia

DICEMBRE

december

Caratteristiche

Circonferenza mt 4,40 circa Altezza mt 30 circa Età stimata 200 anni circa Località Sella Pleccia, Malborghetto Valbruna UD L’abete rosso è ampiamente diffuso nelle Alpi, ma in particolare in quelle orientali, dove vive anche a quote più basse di quelle solite (1200-1800m). Il suo legno viene utilizzato per costruire le tavole armoniche quando si sviluppa in particolari contesti ambientali, come il tarvisiano ( i liutai lo chiamano abete maschio). L’abete rosso è una specie sembionte del fungo porcino, ma è anche ospite prediletto per il dannoso bostrice tipografo. E’ anche una delle piante più longeve del mondo. L’università di Umea, in Svezia ha calcolato con il radiocarbonio 14 che l’Old Tjikko avrebbe 9550 anni, diventando così l’organismo vivente clonale più vecchio del pianeta. The Norway Spruce is widespread in the Alps, but especially in the eastern part of the chain where it is found even at lower altitudes than the usual ones (1200-1800m a.s.l). Its wood is used to make harmonic planks when it grows in particular environmental contexts, such as the forest of Tarvisio (luthiers call it “male fir”). Spruce is a symbiont species of porcini (‘cep’) mushrooms, but it is also a favourite host for the damaging spruce bark beetle (Ips typographus). It is also one of the longest-lived plants in the world. Using radiocarbon 14 dating, the University of Umea in Sweden has calculated that the Old Tjikko tree might be 9,550 years old, making it the oldest living clonal organism on Earth.

GLI ALBERI SONO LO SFORZO INFINITO DELLA TERRA PER PARLARE AL CIELO IN ASCOLTO

L

7

M

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

6

8

9 10 11 12 13

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

TREES ARE THE EARTH'S ENDLESS EFFORT TO SPEAK TO THE LISTENING HEAVENS ( RABINDRANATH TAGORE )

Profile for Tiglio Edizioni

Calendario 2020 - Giganti a NordEst  

Calendario 2020 - Giganti a NordEst  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded