Issuu on Google+

informazione pubbliredazionale

T

re anime battono nell’unico cuore di una società che da quarant’anni è attiva nel settore della meccanizzazione per proporre a chi opera nell’ambito agricolo soluzioni ad hoc per rispondere ad esigenze e territori differenti. TIERRE nasce a Curtarolo, Padova, nel 1964 e si specializza nella progettazione e produzione di trinciatrici, trinciastocchi e trinciasarmenti. Oggi la sua attività si articola in tre divisioni: agricoltura, giardinaggio e lavorazioni meccaniche, comparto che ha permesso l’acquisizione del know how necessario per realizzare - completamente nella propria officina interna - le soluzioni innovative per la trinciatura in campo e per la manutenzione del verde. Partendo dall’esperienza diretta, collaudando le proprie macchine in apposite aree test e in campo, TIERRE affianca i propri clienti con un’ampia gamma di soluzioni altamente personalizzate, che garantiscono tutte gli stessi alti standard qualitativi.

L’azienda

Editoriale

Le due facce del verde La gamma di soluzioni dedicate all’agricoltura comprende 10 famiglie di macchine - trinciatrici,

trinciastocchi e trinciasarmenti - con ampiezze di lavoro da 1 a 6,5 metri e con applicazioni non solo in campo aperto, ma anche per tutte le specifiche esigenze delle attività ortofrutticole o dell’allevamento. Nel 2001 TIERRE ha ampliato la propria offerta con una linea dedicata al garden, con 6 soluzioni per il verde professionale, per un totale di oltre venti modelli specificamente studiati. La progettazione inizia in campo TIERRE svolge la sua attività in tre stabilimenti, distinti in base alle differenti linee produttive, e dispone di numerosi campi prova per testare in diverse condizioni l’efficacia delle proprie soluzioni. Tutte le fasi produttive sono effettuate dall’azienda veneta stessa al proprio interno, così da garantire alti standard qualitativi in ogni step della lavorazione: si può dire però che le macchine TIERRE nascano direttamente in campo, perché è dalle necessità dei clienti che si parte per ogni nuovo progetto.

La versatilità e l’alto livello di personalizzazione delle soluzioni TIERRE ne consentono un utilizzo ottimale su ogni tipo di terreno e per molteplici applicazioni: per questo si possono trovare le nostre trincie al lavoro nei campi di tutta Europa e non solo. Per essere sempre a fianco dei nostri clienti, anche quelli geograficamente lontani e per avere visibilità all’interno del panorama della meccanizzazione internazionale, negli ultimi mesi è stato possibile incontrare lo staff di TIERRE alle principali fiere di settore. Non abbiamo partecipato solo a eventi irrinunciabili come Agritechnica, ad Hannover, ma eravamo presenti anche ad Agrotica, a Salonicco, a Fieagricola, dove noi siamo quasi di casa tenendosi a Verona, e al Fima di Saragozza. Un impegno certo non da poco, ma che ci permette di non perdere il contatto con i diversi clienti e mercati e ci consente di avere costantemente il polso della situazione, per poter rispondere per tempo e forse anticipare le esigenze degli operatori in campo.

4di Cav. Aldo Tiso Presidente TIERRE Group

4Frutto del costante impegno in innovazione e sviluppo di TIERRE sono la nuova trituratrice per biomassa Suprema, equipaggiata con tre tecnologie brevettate, e le nuove mazzette a doppio taglio per un impiego più versatile e meno gravoso

I prodotti

Nel futuro c’è Suprema Tre brevetti per un’unica soluzione, studiata appositamente per rispondere alle diverse esigenze di triturazione di potature e raccolta per la lavorazione della biomassa: questa è la biotrituratrice Suprema. Disponibile in due modelli con differenti ampiezze di lavoro - 1.400 e 1.600 mm, con 24 o 28 coltelli - la macchina è caratterizzata da una tripla innovazione con cassone amovibile, pick up di raccolta a regolazione istantanea dell’altezza del suolo, con ruota anti intasamento e anch’esso amovibile, traslazione idraulica, per ottimizzare la manovrabilità anche negli

021-Pagina TIERRE.indd 21

spazi più angusti, e una camera di trinciatura in grado di sminuzzare qualsiasi tipo di potatura. La concezione della macchina non come un unicum indivisibile, ma con una struttura modulare permette la massima flessibilità e possibilità di personalizzazione. Tutto con una mazzetta, una mazzetta per tutto L’attenzione alle nuove tendenze e all’eco-sostenibilità ha portato non solo alla progettazione di nuove macchine - Futura e Suprema, frutto del progetto biomassa partito 4 anni fa - ma anche alla realizzazione di nuove componenti che permettano una migliore operatività su tutte le soluzioni delle gamme agricoltura

e garden. Specificatamente per la lavorazione delle biomasse, ma utile in tutte le diverse applicazioni per la sua versatilità, è la nuova mazzetta brevettata da TIERRE, in grado di lavorare al meglio sia su erba sia con sterpaglie. Le nuove mazzette sono modellate secondo un innovativo disegno e prodotte da uno stampo realizzato dall’azienda veneta per ottenere un doppio tagliente, in modo da beneficiare dei vantaggi sia delle mazze sia dei coltelli. Il taglio verticale e orizzontale permette una significativa riduzione dell’attrito con conseguente aumento della velocità di lavoro, riduzione dello sforzo del trattore e quindi di consumi e usura, minor logoramento e minor necessità di manutenzione.

23-02-2010 11:21:21


Tierre Rivenditore Agricolo