Issuu on Google+

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010 EURO 1,20

FONDATO NEL 1886 ­ Anno CXXIV ­ NUMERO 122, COMMA 20/B. Spedizione abb. post. ­ gr. 50

[+] ilsecoloxix . it

GENOVA

[+]

SONDAGGIO: TIFERAI CONTRO L’ITALIA DI LIPPI?

PER LA PUBBLICITÀ SU IL SECOLO XIX E RADIO 19 TEL.: 010­53641 E­MAIL: info@publirama.it

NEWS JOCKEY: I RAGAZZI IN LIGURIA (16­18)

I PROVVEDIMENTI

IL COMMENTO

Bloccate le uscite per tutto il 2011

DOPO TANTA RETORICA LA CRISI SUONA L’ORA DELLA VERITÀ

1 Condono edilizio 2 per 2 milioni di case Contratti pubblici 3 congelati per 3 anni Mini-riduzione 4 agli stipendi d’oro Maxi-redditometro 5 e tetto ai contanti LOMBARDI e PELOSO >> 2 e 3 COSTANTE >> 4

GIUSEPPE BERTA

U

na crisi vasta e profonda come quella che stiamo attraversando rappre­ senta sempre un mo­ mento della verità. Un’occasione per mettere a nudo la re­ altà effettiva delle cose, squarciando il velo delle espressioni di comodo e della retorica. SEGUE >> 48

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro dell’Economia Giulio Tremonti

Pensioni, la stangata Letta: sacrifici duri per evitare il rischio Grecia Lite Tremonti­Berlusconi, oggi il via libera

Legge intercettazioni Alfano fa dietrofront

TELEFONO AZZURRO

DOV’È QUESTA BAMBINA?

Il compromesso: «Tornare al testo della Camera» L’APPELLO

LA DEMOCRAZIA NON TOLLERA BAVAGLI IDIRETTORIeleredazionideigiornaliitalia­ ni, con la Federazione nazionale della stampa italiana, denunciano il pericolo del disegno di legge sulle intercettazioni telefoniche per la libera e completa informazione. Questo ddl penalizzaevanificaildirittodicronaca,impe­ dendo a giornali e notiziari (new media inclu­ si) di dare notizie delle inchieste giudiziarie – comprese quelle che riguardano la grande cri­ minalità ­ fino all’udienza preliminare. SEGUE >> 5

Inizio scuola a ottobre, la Lega boccia Gelmini Il ministro: «Sono aperta». No di Carroccio, Pd, Cgil, Cisl

ROMA. «Valuteremolapossibilitàditornare

al testo della Camera». E quanto al voto di fi­ ducia, «il Consiglio dei ministri non ne ha parlato». A fine giornata, quando tutto sem­ brava pronto per la maratona notturna che avrebbe dovuto portare la Commissione GiustiziadelSenatoavarareildisegnodileg­ ge sulle intercettazioni, il Guardasigilli An­ gelino Alfano scompagina i giochi. E va nella Ester Cavani, sparita a 16 mesi nel 2004 direzione indicata dai finiani: «Nessun reato sarà tolto alla possibilità di intercettare e il INCUBO TRATTA A FINI SESSUALI testodiMontecitorioèunbuoncompromes­ so fra privacy, diritto di cronaca e diritto alle indagini». La protesta contro il provvedi­ mento cresce in tutto il Paese. BOCCONETTI, CASTANINI e un commento di MICHELE MARCHESIELLO >> 5 e 48

PROPOSTA DEL PDL

Scomparsi in Italia 222 minori in due mesi CRESCI >> 9

RITORNO A SCUOLA all’inizio di ottobre. Motivazione: favorire il turismo, conse­ gnando dieci, quindici giorni di lavoro in piùalleaziendedelsettore.Peroraèsoloun disegno di legge all’esame del Senato, ma è bastato che il ministro dell’Istruzione Ma­ ria stella Gelmini dicesse di essere «molto aperta su questo» per scatenare un putife­ rio. A tutti i livelli. LaLegaNordrisponde“no”.EancheilPd si scaglia contro la proposta: «Siamo al deli­ rio, alla macelleria scolastica. Un’idea bar­ bara, frutto di una cultura rozza e cinica» accusa Giuseppe Lumia, senatore. Sul fron­ te del no anche l’Idv, la Cgil la Cisl, Gilda e il Movimento genitori.

INDICE Primo Piano................2 Politica........................6 Dal Mondo .................. 7 Cronache .................... 8 Liguria.......................12

GENOVA XTE SPORT

50

La notizia più in vista

BRUNO VIANI

M

41

Cultura......................42 Scuola.......................45 Spettacoli ................. 43 Televisione................46

COM’È TRISTE GENOVA (IL LUNEDÌ) OLTI BAMBINI (di ieri) ricorda­ prova, basta accompagnare, come ha fatto Il Secolo no la sigla di una fortunata tra­ XIX,ituristisbarcatiieri(lunedì)daunanaveMsc:tan­ smissione tivù del 1978 che si ti negozi chiusi, saracinesche abbassate, cassonetti de­ chiamava proprio bordanti immondizia dopo la festa. Per­ così:“Uffadomaniè sinounachiesacomeSanLuca,ungioiel­ lunedì”. Poi quella generazione, una vol­ Abbiamo seguito lo dei vicoli, la mattina del lunedì è chiu­ tacresciuta,hacantato “Manicmonday” sa. E molti crocieristi non la visiteranno l’odissea delle Bangles, che è come dire: un lunedì mai.Quellacheappareagliocchideituri­ dei crocieristi sti è una città che fatica a ripartire dopo il stramaledetto. Oggi che la Royal Caribbean, seconda nella città chiusa riposo domenicale, come un’auto smar­ grande compagnia crocieristica mondia­ mittata che arranca in salita. le,siapprestaasbarcareaGenovail7giu­ Però la buona notizia è che quell’auto gno, promettendo 23 mila passeggeri all’anno e un in­ (primaopoi)simetteinmoto: Genova,ancheperiviag­ dottodaalmenounmilionedieuro,eccochequelsenso giatorimordi­e­fuggi,èbellissima.Emoltitorneranno. di disagio ritorna. Perché la città che accoglierà quei Di martedì? viaggiatori non è a misura di turista. Per averne una ri­ SERVIZI >> 18­19

17

La Città.....................30 Genova Sport............34 Album Cinema & Teatri 31 Basso Piemonte........36

DE BENEDICTIS >> 6

IL TEST DEL SECOLO XIX

Economia...................13 Www.shippingonline.it15 Commenti.................48 Affari........................49 Meteo........................56

Scoprite l’intera nuova collezione Carrera sole e vista: con ogni occhiale in regalo una t-shirt Carrera* NEI NOSTRI CENTRI OTTICI INTERESSaNTI pROmOzIONI info@isolani.com · www.isolani.com

mod. CHAMPION - PANAMERIKA 1 -

*Fino ad esaurimento scorte

SVOLTA SUL DISEGNO DI LEGGE

La Liguria batte cassa al pronto soccorso verso il ticket per le visite in codice verde


2

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

primo piano

LA CURA ANTI­CRISI

Stretta sulle pensioni Statali, niente aumenti Bloccate le uscite per tutto il 2011. Stop ai rinnovi contrattuali MICHELE LOMBARDI

ROMA.

L’ultimo braccio di ferro si consumerà oggi sulle pensioni. La cura del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti,controilmorbogrecocheri­ schia di diffondersi anche in Italia pre­ vede una drastica sforbiciata alle fine­ stre d’uscita delle pensioni. Questo si traduce in un anno intero di blocco, tutto il 2011, per chi ha maturato i re­ quisiti dell’anzianità, che potrà andare in pensione solo a luglio del 2012, e in CASE­FANTASMA uno slittamento di sei mesi per chi ha dirittoall’assegnodivecchiaia.E’ungi­ SI APRE LA CACCIA ro di vie pesante, che i sindacati aveva­ Niente condono edilizio notentatodiscongiurare,chiedendoal generalizzato: l’ipotesi è ministro di chiudere meno finestre tramontata. Ma è confermata d’uscita. La stretta sulle pensioni si ag­ la sanatoria delle case­ giungeai20miliardiditagliindueanni fantasma sfuggite al catasto. che, secondo fonti del Tesoro, sono Sarebbero circa 2 milioni. I previsti dal menù dei «sacrifici» impo­ Comuni riceveranno un terzo sti dalla crisi dell’euro. Ma la maxi­ma­ del gettito per pagare le novra targata Tremonti, che questa se­ spese di urbanizzazione ra (a mercati chiusi) approda al Consi­ glio dei ministri, punterà a rastrellare complessivamente 28­30 miliardi in due anni con un’ipotesi minima di 24 miliardi, al netto però della sanatoria catastale e della lotta all’evasione. del10percentodelleretribuzionidegli Pensioni. Il piano di Tremonti pre­ alti dirigenti pubblici: la decurtazione vededidimezzarenel2011lefinestredi o il prelievo fiscale (ancora non è chia­ uscitasiaperl’anzianità,chepasseran­ ro) colpirà la quota superiore gli 80­ no da 2 a 1, sia per la vecchiaia, da 4 a 2. 100 mila euro. Nel mirino del Tesoro Gli unici ad essere elusi dall’operazio­ sonofiniteanchelestockoptioneipre­ ne sono coloro che hanno maturato 40 mi dei super­manager, che dovranno anni di contributi, che potranno anda­ pagare il 10 per cento in più di tasse. re in pensione in base alle finestre at­ Condono. È tramontata l’ipotesi di tuali. L’effetto di questa riduzione è un condono edilizio generalizzato. Ma che i lavoratori che l’anno prossimo è confermata la sanatoria delle case­ avranno maturato i requisiti della pen­ fantasmasfuggitealcatasto,chesareb­ sione di anzianità andranno a riposo a bero circa 2 milioni. I Comuni riceve­ luglio del 2012. Chi invece avrà matu­ ranno un terzo del gettito per pagare le rato i requisiti della pensione di vec­ spese di urbanizzazione. L’ultima no­ chiaia(65annipergliuominie60perle vità è che anche gli ampliamenti di cu­ donne) dovrà aspettare 6 mesi in più batura, non dichiarati al catasto, po­ per andare a riposo. Non è chiaro cosa trannoesseremessiinregola.IlTesoro succede a coloro che maturano il dirit­ pensa di ricavare almeno 5 miliardi. Le to ad andare in pensione di anzianità opposizioni ieri hanno contestato la nel secondo semestre del 2010: anche misura, considerata un condono ma­ per loro si prospetta un’anticamera di scherato. sei mesi, se il governo lascerà in piedi Enti locali. Per Regioni, Province e solo la finestra d’uscita di luglio 2011. Comuni è previsto un taglio degli stan­ Statali. E’ scontato il congelamento ziamentiparia5,8miliardi,compensa­ dei rinnovi contrat­ ti solo in parte con la tuali 2010­2012: per partecipazione agli tre anni, quindi, “utili” della lotta al­ I NUMERI niente aumenti per l’evasione: il 33 per tuttiisettoridelpub­ La maxi­manovra cento del gettito re­ blico impiego, com­ cuperato finirà ai presi magistrati, mi­ che approda questa Comuni.Perilresto, litari, polizia e pro­ sera in Consiglio dei gli enti locali do­ fessori universitari. vranno fare casse Tempi più lunghi an­ ministri vale 28­30 con i pedaggi e la che per il pagamento miliardi in due anni vendita delle quote dell’indennità di fine di partecipazione servizio, cioè la buo­ nelle municipaliz­ nuscita: l’attesa potrà durare 6 mesi ri­ zate. spetto agli attuali 3 mesi di ritardo. In Lotta all’evasione. Tremonti po­ extremis, i dipendenti di palazzo Chigi trebbe non mettere in bilancio i pro­ hanno firmato ieri sera il contratto re­ ventidellalottaall’evasioneperrende­ lativo al biennio 2008­2009 con un au­ re più credibile la manovra agli occhi mento di 86 euro pari al 3,2 per cento. dei mercati e dell’Europa. Ma il mini­ Sanità. Solo oggi si deciderà se to­ stro conta di recuperare circa 10 mi­ glieredalmenùilticketdi7,5eurosulla liardi in due anni usando svariati mez­ specialistica e la diagnostica, che ieri zi: redditometro più rigoroso dal 2011, sera Tremonti non aveva ancora can­ tracciabilità dei pagamenti sopra i 5 cellato dalla bozza della manovra no­ mila euro (fino a questa cifra si potran­ nostante il parere contrario dello stes­ nousareicontantiegliassegni),stretta so Silvio Berlusconi. E’ previsto un ta­ sulle compensazioni Iva, guerra ai gio­ glio di 1,5 miliardi in due anni al fondo chi clandestini. sanitario nazionale. Confermata la li­ Invalidità. L’Inps aumenterà i con­ nea dura per le Regioni con la sanità in trolli sugli assegni di invalidità che co­ rosso, che dovranno tagliare i posti let­ stano 16 miliardi l’anno. Ma sembra to o aumentare le imposte locali (Irpef tramontata l’ipotesi di agganciare l’in­ dennità di accompagnamento di 470 e Irap). Ministri. È previsto un taglio del 10 euro mensili (oggi concessa a tutti gli per cento delle indennità di ministri, invalidi totali) a un reddito familiare di vice­ministriesottosegretarimasopra 30 mila euro l’anno. Pedaggi.IlpianodiTremontipreve­ gli80milaeuro.Sempredel10percen­ tro dovranno essere tagliate le spese di de l’introduzione di pedaggi su raccor­ di autostradali e tangenziali. tutti i ministeri e le consulenze. Stipendi d’oro. È previsto un taglio lombardi@ilsecoloxix.it

SANITÀ, TAGLIO DI 1,5 MILIARDI

ENTI LOCALI GIRO DI VITE

PARLAMENTARI, VIA 3.661 EURO

Oggi si decide se eliminare dalla bozza il ticket di 7,5 euro sulla specialistica e la diagnostica. Per il resto, è previsto un taglio di 1,5 miliardi in due anni al fondo sanitario nazionale. Confermata la linea dura per le Regioni con la sanità in rosso

Sempre meno risorse a Regioni, Province e Comuni: il taglio sarà di 5,8 miliardi, compensati solo in parte con la partecipazione agli utili della lotta all’evasione. Gli enti locali dovranno fare cassa con i pedaggi e la vendita delle quote di partecipazione nelle municipalizzate

Il taglio del 10% all’emolumento dei parlamentari incide sulla parte eccedente gli 80 mila euro. Anna Finocchiaro (Pd, capogruppo al Senato), dichiara il solo reddito da parlamentare: l’imponibile è di 116.611 euro. Con il taglio scenderebbe a 112.950 euro, 3.661 in meno

LA CHIESA E L’EMERGENZA

I VESCOVI: «È IL MOMENTO DI UNA GRANDE CONVERGENZA» Bagnasco chiama le forze politiche: insieme con responsabilità per il Paese L’EMERGENZA E LA COESIONE

L’APPELLO

Ci permettiamo ancora di insistere con i responsabili della Cosa pubblica: è il momento di agire

FRANCESCO PELOSO

ROMA. Il lavoro torna a mancare in

tutte le regioni italiane, è di nuovo – come avveniva in passato ­ una gra­ ve emergenza nazionale, specie al Sud; la crisi occupazionale produce ormai preoccupazione e angoscia fra le famiglie e i giovani. Di fronte a un simile scenario, sul piano politi­ co, è venuto il momento di una con­ vergenza che superi le divisioni fra schieramenti e partiti per dare ri­ sposte concrete a una crisi sociale tanto grave e diffusa. In questi ter­ mini si è espresso ieri il cardinale Angelo Bagnasco aprendo i lavori della 61esima assemblea generale della Cei che si tiene in Vaticano fi­ no a venerdì prossimo. L’arcivesco­ vo di Genova ha evocato un orizzon­ te tutt’altro che sereno: se le misure promosse dall’Ue serviranno a far usciredallacrisil’Italia,haspiegato, non è detto che ciò produrrà imme­ diatamente nuova occupazione, an­ zi, il rischio del ristagno è forte. Per questo le istituzioni devono investi­ re risorse sul tessuto imprendito­ riale della piccola e media impresa, cioèsull’ossaturaeconomico­socia­ ledelPaese:solodaquipuòripartire un’azione virtuosa che rovesci in positivounasituazionedaicontorni drammatici.Epoicisonolefamiglie conilrischiodel«suicidiodemogra­ fico» per l’Italia; anche in tale ambi­ to i «responsabili della cosa pubbli­ ca» sono chiamati in causa: si scelga il quoziente familiare in materia di fiscoesimettanoincampopolitiche ingradodiarginarelacompressione demograficaesocialedellefamiglie. L’allarme nelle parole di Bagna­ sco è forte, la situazione viene trat­ teggiataconunrealismononaccon­

ANGELO BAGNASCO presidente della Cei

discendente, e del resto i vescovi re­ l’opera che si presenta sempre più gistrano i segnali inquietanti prove­ ardua». L’obiettivo? «Potenziare le nientidaunPaesenelqualeisegnali piccole e medie industrie, metterle di ripresa sono pochi. «Il lavoro ­ ha in rete anche sul piano decisionale, detto il cardinale ­ spesso oggi latita, qualificare il settore della ricerca e creando situazioni di disagio pesan­ quello turistico, potenziare l’agri­ te nell’ambito delle famiglie giovani coltura e l’artigianato, sveltire la di­ e meno giovani, in ogni regione stribuzione, facilitare il mondo coo­ d’Italia, e con indici decisamente al­ perativistico». larmanti nel Meridione». «Il lavoro, E poi c’è il crollo delle nascita, insostanza–èl’analisi­ètornatoad quell’Italia che sta andando «verso essere,dopoannidiragionevolispe­ un lento suicidio demografico»: ranze, una preoccupazione che an­ quasi la metà delle famiglie italiane goscia e per la quale chiediamo un non ha figli, moltissime ne hanno supplemento di sforzo e di cura al­ uno solo. «Ci permettiamo di insi­ l’intera classe diri­ stere con i respon­ gente del Paese: sabili della cosa politici, imprendi­ pubblica – ha ag­ tori, banchieri e giunto il cardinale LA MISURA sindacalisti». ­ affinché pongano Perciò i «respon­ La dura situazione in essere iniziative sabili di ogni parte urgenti e incisive: economica mette questo è parados­ politica devono fa­ re un passo avanti in difficoltà il cuore salmente il mo­ puntando come mento per farlo». metodo al respon­ della società: serve il La crisi, infatti, sabile coinvolgi­ quoziente familiare indebolisce in mo­ mento di tutti nel­ do particolare le

famiglie e allora è il momento di im­ maginare e provare soluzioni, fra queste c’è il quoziente familiare, da tempo proposto dai vescovi. Il presidente della Cei ha poi toc­ catoiltemadell’unitàd’Italiaedella riformafederalistadelPaese.Perfa­ re la seconda, ha detto il cardinale, alla prima non si può rinunciare, il percorsounitarioneisuoitrattifon­ damentali resta essenziali. In que­ sto cammino, per altro, i cattolici hannosvoltounruolodecisivoindi­ verse occasioni: per esempio nel 1945, quando l’Italia usciva dalla guerra, e poi ancora nel 1980, nel momento in cui il terrorismo rag­ giungeva il suo apice nel nostro Pae­ se. Nei momenti drammatici della sua storia, sembra dire il cardinale, la comunità nazionale si è ritrovata unitaedèriuscitaasuperareglisno­ di più critici. Un discorso che vale ancheperl’oggi:senzacioèdimenti­ care le nostre radici, sarà possibile dare vita a una riforma in senso fe­ deralista dello Stato. © RIPRODUZIONE RISERVATA


IL SECOLO XIX

primo piano

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

3

E TREMONTI PARLA DI “ARGENTINA”

Letta: «Rischiamo di fare la fine della Grecia» Napolitano: «La manovra sia equa. Ue solida» IL RETROSCENA ROMA. Per la prima volta, ieri, due

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta con il ministro dell’Economia Giulio Tremonti

LE MANOVRE DEGLI ALTRI

BERLINO AUMENTA LE TASSE MADRID TAGLIA I SALARI AGLI STATALI ROMA.Tagliaisussidididisoccupazioneeaitrasferimenti

l’anno, e sono il primo passo per ridurre il colossale deficit ai Laender, abolizione delle esenzioni fiscali e probabil­ di Londra, giunto al record del dopoguerra. Secondo le sti­ mente anche un aumento delle tasse. Sono i pilastri della me,afineannositratteràdi156miliardidisterline.Osbor­ maxi­manovrafinanziariachelaGermaniastapreparando nehasubitodettoche,sialaBancad’Inghilterrasiaitecnici echedovrannofarrisparmiareaBerlino10miliardidieuro del Tesoro, hanno concordato che c’è bisogno di «azioni l’anno da qui al 2016. Un piano di austerity drastico, che fa­ immediate» per ridurre il peso del debito. «Noi taglieremo ràtremarealcunideglielementi­cardinedelmodellotede­ gli sprechi nel settore pubblico», ha chiarito, affermando sco di welfare state e che starebbe già portando scompiglio però che nessuno toccherà servizi essenziali come l’Nhs, la nella coalizione di centro­destra al governo, oltre a provo­ sanità pubblica, o la scuola. Non ci saranno impatti sull’oc­ care una levata di scudi da parte dell’opposizione guidata cupazione,haanchepromesso,aldilàdiunbloccodelleas­ dalla Spd. sunzioni nella pubblica amministrazione. Tuttavia, l’op­ Dopo il doloroso via libera ai 750 miliardi di euro per il posizione laburista e i sindacati hanno espresso preoccu­ salvataggio dei paesi ad alto debito di Eurolandia, e mentre pazione che, alla fine, ci saranno perdite di posti di lavoro. a Bruxelles si continua a discutere una riforma dell’Ue che IlclimainSpagnaèperfettamentesintetizzatodaltitolo vincoliibilanci,sultavolodelcancelliereAngelaMerkelc’è del Pais: “È finita la magia Zapatero”. Il governo di Madrid un provvedimento con cui Berlino potrebbe fare da esem­ ha dovuto approvare una manovra bis da 15 miliardi che va pio per il risanamento delle finanze pubbliche europee. E controtuttoquellochefinoraavevadifeso:tagliomediodel magariaumentarelapressionesupaesicomeGreciaePor­ 5% degli stipendi degli statali, congelamento delle pensio­ togallo, anelli deboli di una zona euro ni, scure su spesa sociale, aiuto allo svi­ verso la quale i tedeschi sono sempre più luppo, investimenti pubblici. E, simboli­ disincantati. camente, i ministri si sono autoridotti gli PARIGI IN DIFESA Situazione non meno difficile in Gran stipendi del 15%. La sinistra denuncia Bretagna. Lo aveva promesso in tempi una manovra ingiusta. Sarkozy non vuole strettissimi, e ha mantenuto la promes­ Avanti col risanamento ma niente au­ sentire parlare sa, facendo calare la mannaia: i tagli alla sterity: questa, infine, la parola d’ordine spesapubblicadelnuovocancellieredel­ di austerity e punta del governo del presidente francese Ni­ lo Scacchiere britannico, il conservatore colas Sarkozy che punta a una riduzione George Osborne, e del suo vice, il Libe­ tutto sulla riduzione «del 10% in tre anni» delle «spese di fun­ raldemocratico David Laws, ammonta­ della spesa pubblica zionamento corrente dello Stato». no a oltre 6,2 miliardi di sterline entro F. FE.

BERLUSCONI A BRUNO VESPA

«Veronica saprà risparmiare molto. La sua ricchezza andrà ai nostri figli» All’ex moglie un patrimonio di 100 milioni «Il mio conflitto di interessi? Non esiste»

ROMA. «Veronicaèunadonnache

sa risparmiare e tutto il suo patri­ monio (100 milioni di euro, ndr) saràdestinatoainostrifigli».Loaf­ ferma il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, commentando per l’ultimo libro di Bruno Vespa, l’accordo di separazione coniugale da Veronica Lario. Nell’anticipa­ zione del libro si legge che Berlu­ sconi è «rattristato per il divorzio» e che «ritiene equa la transazione economica con la moglie». Nel libro, Vespa rivela gli altri dettagli dell’accordo: alla signora resterà la villa di Macherio, alla cui costosissimamanutenzione(venti persone, comprese quelle addette alla sicurezza) provvederà Berlu­ sconistesso.Inpiù,VeronicaLario avrà un appannaggio di 300mila euro al mese, «inferiore di oltre il novanta per cento alla somma

autorevoli esponenti del governo, PaoloBonaiutieGianniLettahanno parlatodi«sacrifici»,senzagiocarea rimpiattino con le parole. Ma dietro questaaccelerazione,chehaportato alla convocazione per questa sera del Consiglio dei ministri, c’è la ma­ no del super­ministro Giulio Tre­ monti, che domenica ha spiegato a Silvio Berlusconi come stanno le co­ se: «Abbiamo fatto un annuncio e dobbiamo rispettarlo. Un rinvio metterebbe in allarme i mercati e la speculazione che sposta il tiro da un Paese all’altro. Dopo la Grecia po­ trebbe toccare a noi», ha detto Tre­ monti nel corso dei numerosi collo­ Il presidente Giorgio Napolitano qui avuti con il premier. E il Cavalie­ re, che pure avrebbe voluto ottenere qualche altro sconto sui tagli alle L’APPELLO pensionieallasanità,sièdovutoras­ segnare di fronte allo spettro della MONTEZEMOLO: «Grecia» o, peggio ancora, dell’«Ar­ gentina», con i nostri titoli di Stato «TAGLIARE I COSTI che rischiano di finire svalutati e ri­ spediti al mittente. Un incubo. Tre­ DELLA POLITICA» monti è stato tanto convincente da ottenere, ieri in mattinata, una con­ ••• MONZA. Difendere uniti il paese vocazione ufficiale del Consiglio dei dagli attacchi della speculazione in­ ministri, che ha fatto tramontare ternazionale, perché l’Italia non è im­ ogni ipotesi di slittamento. Anche i mune da una crisi che è stata sottova­ toni erano appropriati alla situazio­ lutata. È l’appello di Luca Cordero di ne: nella nota di palazzo Chigi non si Montezemolo che, dismessi i panni parlava più di manovra biennale della presidenza di Confindustria e 2011­2012, quasi fosse una routine, della Fiat, parla come presidente del­ madi«misureurgentiperlastabiliz­ la Ferrari e della Fondazione Italia Fu­ zazione finanziaria e la competitivi­ tura. Davanti a una platea di impren­ tà economica». ditori di Monza e Brianza, presente il Come dire che la manovra da 28­ viceministro dello sviluppo economi­ 30 miliardi, che si propone di taglia­ co Adolfo Urso, l’ex leader degli indu­ re20miliardidispesaindueanni,va striali invita a «dare il massimo soste­ fatta in fretta e seriamente per met­ gno al governo per trovare risorse tere in sicurezza i conti pubblici, do­ necessarie, urgenti, che auspico il più po che lo hanno già fatto Germania, coraggiose possibili per difendere FranciaeInghilterra,enonsoloiPa­ l’Italia dai mercati internazionali, dal­ esi con i bilanci più a rischio. Tre­ la crisi e dai rischi connessi». monti voleva chiudere la partita en­ «In questi due anni si è sottovalutata tro questa sera, avendo da giovedì in l’importanza della crisi, pensando che agenda appuntamenti importanti, l’Italia ne fosse immune e la manovra prima l’Ocse e poi l’Ecofin di Lus­ di oggi, doverosa, necessaria e ur­ semburgo, dove il ministro intende gente, dimostra il contrario». Monte­ presentarsi con i compiti fatti e fatti zemolo invita i politici a «tagliare i bene. costi della più grande azienda italia­ Non era scontato che finisse con i na», la politica, composta da sindacati recalcitranti, i ministri in «180.000 persone che costano 200 rivolta, i finiani sul piede di guerra: milioni di euro l’anno contro i 70 mi­ una folla di scontenti che aveva fatto lioni della Francia». irrigidire anche Berlusconi di fronte

chiesta inizialmente dal suo avvo­ cato» si legge ancora nell’anticipa­ zione. Riferendosi, inoltre, alle perso­ nali vicende giudiziarie, il presi­ dente del Consiglio dichiara: «So­ nostatosempreconvintocheavrei trovato, come si dice, “un giudice a Berlino”, cioè dei giudici davvero terzi e imparziali che avrebbero ri­ conosciuto la mia estraneità a tutti i fatti che nell’arco di quindici anni mi sono stati ingiustamente adde­ bitati». Silvio Berlusconi nega, inoltre, di aver mai avuto un conflitto d’in­ teressitralasuacaricadipresiden­ te del Consiglio e quella di princi­ pale imprenditore televisivo pri­ vato.«Lo ammette anche il suo amico di sempre Fedele Confalo­ nieri», gli dice Bruno Vespa nel li­ bro “Nel segno del Cavaliere”. Veronica Lario

allamedicinaamarasucuiilgoverno questa sera dovrà mettere la faccia. Qualche lamento si è levato ieri sera alla consulta economica del Pdl, la “cabina di regia” istituita a suo tem­ po per arginare il super­ministro. Tremontièstatoirremovibile:«Non aumenteremoletasse.Equestoègià un risultato. Ma non chiedetemi sconti sui tagli perché non è il caso», ha detto il titolare del Tesoro. Per il quale la marcia di avvicinamento al­ la riunione di stasera si è trasforma­ ta in una corsa a ostacoli, risolta con l’aiutodiunpaiodialleatidirango.Il primo è Umberto Bossi, che ha par­ lato con Berlusconi convincendolo di lasciar fare a Tremonti: «Ci ha sal­ vato dalla crisi. Se dice che c’è biso­ gno di sacrifici, vuol dire che biso­ gneràfarli»,haragionatoieriilSena­ tur al telefono con il Cavaliere. L’al­ tro alleato è Gianni Letta, che ha usato espressioni forti per chiarire che non è più tempo di balletti e in­ certezze: «La manovra prevede sa­ crifici pesanti, molto duri che siamo costrettiaprendere,speroinmanie­ ra provvisoria, per salvare il nostro Paese dal rischio Grecia. Mettiamo­ la così e ci capiamo tutti». «È il momento dei sacrifici», ave­ va ammesso in mattinata Bonaiuti, confermando gli interventi sulle fi­ nestre d’uscita delle pensioni. Toni mai uditi finora. Il messaggio di Bo­ naiuti e soprattutto quello di Letta hanno aiutato Tremonti nella sua opera di persuasione, che si conclu­ derà solo oggi con sindacati, Confin­ dustria e di nuovo con i colleghi mi­ nistri, costretti a risparmiare del 10 per cento i loro budget. Ma, raccon­ tavano ieri sera i bene informati, l’enfasi che ci ha messo Letta non ha riscossol’approvazionedelpremier: «Mi ero raccomandato di non parla­ re di sacrifici. La situazione non è fa­ cile, ma così comunichiamo un mes­ saggio di pessimismo», si è sfogato il Cavaliere. Ma Tremonti, che aveva ormai la strada spianata, è andato avanti come un panzer, snocciolan­ do in serata davanti alla consulta del Pdllemisureinarrivo,chehannoge­ lato la platea: «Non c’è altro da fare». Da Washington Giorgio Napolitano si è raccomandato: «La manovra sia rigorosa ed equa». Il Capo dello Sta­ tohapoiaggiunto:««Nontemoperil mantenimento dell’Unione Euro­ pea,chenonèunacreazionecosìfra­ gile da poter correre rischi mortali». M. LO.

«Confalonieri lo afferma in modo provocatorio e non certo perché siadiquestoparere­rispondeBer­ lusconi ­ . Perché, per la verità, in molte occasioni il mio gruppo ha subito e subisce il conflitto di inte­ ressi all’incontrario. Ma premesso che ho creato io, in Italia, la televi­ sione commerciale e che la legge Mammì è del 1990, vuole spiegar­ mi che cosa avrei fatto io da presi­ dente del Consiglio per favorire il mio gruppo?». La legge Gasparri, per esempio, obietta Vespa. «Ma non è vero ­ ri­ sponde Berlusconi ­ . Al contrario la Gasparri ha aperto in esclusiva il cielo italiano a Rupert Murdoch che, proprio grazie alla Gasparri, conledecineedecinedisuoicanali è monopolista del satellite ed è or­ maiilconcorrentepiùforteetemi­ bile di Rai e di Mediaset».


4

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

primo piano LE CENTRALI

65%

150

milioni di deficit è l’obiettivo fissato dalla Regione Liguria a giugno per non rischiare di dover applicare nuove tasse

codici verdi sono la maggioranza assoluta di chi si rivolge al pronto soccorso. I bianchi sono il 25%, i gialli il 15

51%

3.022

milioni di fondo sanitario ottenuto dalla Liguria per il 2010, con una decurtazione di circa 21 milioni di euro rispetto al 2009

la quota di fondo regionale destinata alle attività territoriali; il 44% agli ospedali e il 5% alla prevenzione Pazienti in attesa al pronto soccorso del Villa Scassi di Genova in una foto scattata la settimana scorsa

Pronto soccorso, si paga Liguria, troppi i “codici verdi”. La Regione vuole estendere il ticket ALESSANDRA COSTANTE

Gli è quasi scappato. È stata una frase sussurrata rincor­ rendoilfilodeldiscorsodiunasanità che non riesce a far quadrare i conti. Né quelli economici, né quelli del servizio offerto ai cittadini perché quando si parla di salute, ormai si è capito, non c’è regola che tenga. Da­ vanti ai direttori generali delle Asl e degli ospedali liguri riuniti in Regio­ ne per affrontare il piano Marshall della sanità, l’ipotesi che ha fatto a mezzavoce l’assessore alla Salute Claudio Montaldo è «verificare me­ glio i codici verdi». Ovvero una sorta di derubricazione, da verdi a bianchi, che comporterebbe dunque anche il pagamento del ticket (con il verde non si paga) per quei pazienti di nes­ suna gravità che affollano i pronto soccorso. Da una parte una misura dissuasiva e dall’altra il tentativo di frenare l’emorragia di una spesa che la Liguria non si può più permettere. Potrebbe esserci anche questo tra gli strumenti per contenere il deficit della sanità. I codici verdi infatti so­ no tra 65 e il 67% degli accessi al pronto soccorso e quasi sempre non sono seguiti da ricovero. Sono circa del doppio dei codici bianchi che da un paio di anni pagano 25 euro sulla visita al pronto soccorso e un ticket di 36,15 euro per ulteriori esami. All’ordine del giorno della riunio­ ne blindatissima (per tutti la conse­ gnadelsilenziodapartedell’assesso­ re) di ieri c’era, appunto, il piano strategico, una serie di misure che Montaldostamettendoinsiemeper­ contenere il deficit della spesa sani­ tariaentroi150milionidieuro,quin­ di sotto il 5% del fondo sanitario re­ gionale. Oltre per i liguri scattano le massime imposte regionali. Presenti al summit l’assessore Montaldo, il direttore generale del dipartimento della sanità Roberto Murgia, il diret­ tore dell’agenzia regionale per la sa­ nità Franco Bonanni e i 10 direttori generali di Asl e ospedali. Avranno altri quindici giorni di tempo per presentare alla Regione i piani di ta­ gli e risparmi «che confluiranno nel piano strategico regionale che verrà presentato a giugno e portato all’at­ tenzione del consiglio» spiega una scarna nota della Regione. Delle cinque aziende territoriali solo due, la Asl imperiese e la masto­ dontica Asl genovese, hanno presen­ tato alla Regione un piano organico di risparmio che, almeno per la se­ conda, parla chiusure di reparti (la maternitàdiVoltrielecureinterme­ die di Busalla), il ridimensionamen­ to e l’integrazione di altri, una diver­ sa organizzazione nell’emergenza nell’entroterra. Altre, come le Asl di LaSpeziaeChiavari,perrisparmiare stanno pensando anche di unire gli uffici amministrativi. GENOVA.

DAY HOSPITAL, ADDIO ALLE VISITE GRATUITE

DEGENZA, GUERRA AI DOPPIONI

ACCORPAMENTI E SINERGIE TRA OSPEDALI

In arrivo una rivoluzione degli esami ambulatoriali. I day hospital, gratuiti perché considerati ricoveri, saranno sostituiti da day service, esami con ticket fino a 108,45 euro

Reparti ospedalieri, i risparmi saranno ottenuti con il taglio di reparti doppi o sottoutilizzati. Tra i più a rischio, quello di ostetricia e ginecologia del San Carlo di Voltri (foto)

L’ospedale di Recco (foto) diventerà un centro ortopedico in sinergia con l’ospedale di Rapallo. È uno dei risparmi che si otterranno con sinergie tra ospedali

ministero della Salute) andrà il 5% della spesa. Tutto, ovviamente, te­ nendo conto che rispetto al 2009 la Liguria ha avuto 21 milioni in meno di fondo sanitario nazionale, ma che arrivanoa105sesitienecontodivoci collaterali e del mancato adegua­ mento Istat. Confermati nella riunione di ieri anche il taglio dei posti di day hospi­

tal (954 in Liguria) e la trasformazio­ ne dei day hospital diagnostici in pacchetti di “day service”: i pazienti riceveranno lo stesso trattamento, con tutti gli esami necessari preno­ tati ed effettuati in giornata, ma poi­ chésitratteràdiprestazioniambula­ toriali (e non più in regime di ricove­ ro gratuito per definizione) dovran­ no pagare un ticket. Minimo: 36,15

Ma in linea di massima prima di azionare la scure le aziende aspetta­ no, il piano di riparto del budget che la Regione ha annunciato per i pros­ simi giorni. I criteri, accennati ieri, privilegiano la spesa sanitaria terri­ toriale (alla quale andrà il 51% del fondo) rispetto a quella ospedaliera (il 44%), mentre alla prevenzione (bestia nera della Liguria secondo il

euro; massimo 108,45. Misura que­ sta che è ancora incerto quando en­ trerà in funzione ed anche il vertice di ieri non ha sciolto nessun nodo a riguardo, lasciando ancora una fine­ stra molto ampia tra il 1 giugno e il 1 agosto. Se dopo il summit Claudio Mon­ taldo affida ad una nota ufficiale, scarna e poco sostanziale, il suo uni­ co commento, il Pdl si manifesta con una nota, altrettanto ufficiale, del gruppo regionale che dopo le le indi­ screzionisecondocuiilministrodel­ la Salute Ferruccio Fazio sarebbe di­ sposto a dare una mano alla Liguria chiede la testa «di tutti coloro che hanno fallito gli obiettivi», dunque dei direttori generali. Le indiscre­ zioni erano trapelate dopo l’incon­ tro tra il ministro e il governatore Claudio Burlando. Ma soprattutto dopo la “convocazione” a Genova di Fazio invitato ad un incontro chiari­ ficatore dal cardinale Angelo Bagna­ sco, presidente della Cei e arcivesco­ vo di Genova. «Siamo contenti se un nostro ministro prende a cuore la sa­ nità ligure, e siamo pronti a dare una mano, ma di Burlando e Montaldo non ci fidiamo ­ proseguono i consi­ glieridelcentrodestra­Vogliamove­ dereifattiesoprattuttouncambiodi musica e di orchestrali». costante@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

In Sardegna esenti gli infortunati sul lavoro. Tariffe record a Bolzano GENOVA. La Liguria non sarebbe la

prima e neppure l’unica regione ita­ liana a far pagare un ticket anche per i cosiddetti pazienti “poco gravi, ma giustificati”. I precedenti ci sono: provincia autonoma di Bolzano, To­ scana e Sardegna, con parole diffe­ renti,prevedonoilpagamentodiuna quota fissa oltre per i codici bianchi anche per gli accessi di pronto soc­ corso “giustificati” (non critici, non urgenti) non seguiti da ricovero. In poche parole i codici verdi. Raggiun­ gendo un doppio risultato: rendere più efficienti i pronto soccorso (az­ zerate le attese) e far cassa. Per quelle regioni, così come ora si pone il problema la Liguria, la deci­ sione era diventata quasi indispen­ sabile dal momento che, con l’entra­ ta in vigore del ticket sui codici bian­ chi (i 25 euro previsti dalla finanzia­

ria del 2007) c’è stata un’escalation di codici verdi, fino ad allora esenti. Aumento determinato da una mag­ giore scaltrezza dei pazienti e spesso dal buon cuore degli operatori ad­ detti al ricevimento e alla classifica­ zione dei malati. In Toscana, tra le regioni più vir­ tuose nel contenimento della spesa sanitaria,funzionacosì:icodicibian­ chi e azzurro (il verde ligure) pagano 25 euro per l’accesso al pronto soc­ corso,unaprimavisitaeglieventuali esami di laboratorio; si aggiungono altri25eurosevengonoeffettuatiul­ teriori esami (secondo il ticket di specialistica ambulatoriale). Esenti da aprire il portafoglio i minori di 14 anni, coloro che hanno l’esenzione dal ticket sanitario, coloro che ven­ gono ricoverati (in osservazione o in reparto). Inoltre ­ viene riportato sul L’assessore ligure Claudio Montaldo

TRIESTE. In sede di bilaterale Ita­

lia­Slovenia sul nucleare è stato fir­ mato un accordo sulla sicurezza. Ieri i ministri Prestigiacomo e Zar­ nic si sono incontrati a Trieste do­ ve hanno sottoscritto un docu­ mento «sull’informazione recipro­ ca» in tema di energia nucleare. Il ministro italiano dell’Ambiente ha spiegato che «si tratta di un accor­ do analogo a quello già sottoscrit­ to con la Francia» e ha aggiunto che «altri ne seguiranno con Au­ stria e Stati Uniti. Vogliamo torna­ re in maniera attiva nel nucleare e quindi avere informazioni certe e precise in caso di emergenza ap­ pare importante». Nello specifico, in base all’accordo «il Paese in cui si verifica un incidente si impegna a notificare immediatamente al­ l’altro la natura, il momento, la lo­ calizzazione di quell’incidente». Sull’ipotesi di una mappatura dei siti nucleari sul territorio italiano, Prestigiacomo ha affermato che «non c’è una mappa e non c’è alcu­ na localizzazione».

ELEZIONI AMMINISTRATIVE

Aosta, vince il ribaltone autonomista AOSTA. Dopo 15 anni di alleanza

con Ds prima e Pd poi, l’Union val­ dotaine (e le altre forze autonomi­ ste) cambia e si conferma alla gui­ da di Aosta. Questa volta al suo fianco c’è il Pdl. È l’esito delle ele­ zioni comunali di Aosta (29.000 elettori) che hanno portato ­ con il 59% dei voti ­ sulla poltrona di sin­ daco l’ex assessore Bruno Giorda­ no. L’asse Autonomisti­centrode­ stra ha puntato su un piano di grandi opere. L’elettorato, nono­ stante la crescita (+8%) dell’asten­ sionismo, ha premiato questo pro­ getto che potrebbe anche avere ri­ cadute sugli assetti regionali a me­ dio termine. Tra i partiti l’Union Valdotaine mantiene la leadership (23,6%) nonostante abbia perso quasi 1.000 voti in città. In calo an­ che il Pdl, la Lega Nord, con uno striminzito 1,61%, non è riuscita ad entrare in Consiglio comunale. Successo invece per la Stella Alpi­ na (18,6%), partito di ispirazione autonomista e con le radici nella vecchia Dc.

IN CAMPAGNA ELETTORALE

I PROVVEDIMENTI GIÀ APPROVATI

In Toscana è già realtà ogni ricovero costa 25 euro

Nucleare, intesa Italia-Slovenia sulla sicurezza

sito dell’Agenzia nazionale per i ser­ vizi sanitari regionali ­ «non sono soggette ad alcuna partecipazione della spesa le prestazioni successive e conseguenti ad eventi, fatti e trau­ mitrattatiinprontosoccorsoinregi­ me di esenzione e direttamente pre­ scritte dai medici di pronto soccor­ so». Insomma, una sorta prolunga­ mentoneltempodegliaccertamenti. In Sardegna, regione autonoma, la quota per i codici verdi è di 15 euro, ma nel novero delle esenzioni ci so­ no gli infortuni sul lavoro assicurati Inail e le prestazioni erogate a fronte di una specifica richiesta del medico di base o di guardia medica. Ben più severa la provincia auto­ noma di Bolzano. Qui il principio di discussione raggiunge picchi teuto­ nici:50eurooltreallatariffaperogni prestazione specialistica ambulato­ riale fino ad un massimo di 100 euro per i casi non urgenti e non giustifi­ cati; 15 euro, invece, per i casi giusti­ ficati qualora non seguiti da ricovero ospedaliero. La curiosità è l’applica­ zione di una sorta di agevolazione fa­ miglia per i nuclei numerosi che, a secondo del reddito, hanno l’esen­ zione totale oppure uno sconto del 50%. AL. COST.

Pdl altoatesino contro Gasparri: «Rema contro» BOLZANO. Aria di polemica nel

Pdl altoatesino dove due parla­ mentari, Maurizio Gasparri e Filip­ po Holzmann, sono stati deferiti ai provibiri nazionali. Il gruppo che fa riferimento a Micaela Biancofiore e al consigliere provinciale Alessan­ dro Urzì, ha annunciato il deferi­ mento dei due onorevoli inoltrato da Filippo Forest e da ottanta esponenti provinciali del partito. L’accusa è di aver remato contro il partito durante la campagna elet­ torale e di aver sostenuto, a Mera­ no, una lista antagonista a quella del Pdl. La deputata ha altresì chiesto al di­ rettivo del gruppo alla Camera un provvedimento disciplinare contro Giorgio Holzmann. Sempre Bian­ cofiore ha espresso la volontà di costruire in Consiglio comunale un gruppo unico del Pdl composto da dieci membri e che vedrebbe la presenza dei due consiglieri eletti di Unitalia, di Robert Oberrauch e di un “dissidente” dell’Ala Holz­ mann.


primo piano INTERCETTAZIONI

Vincono i finiani, “bavaglio” più morbido Il ministro Alfano: «Si ritorna al testo approvato alla Camera» ROMA. L’appello più forte a fermar­

Gasparri, presidente dei senatori del sièarrivatosolopocheoreprimache Pdl aveva spiegato: «Sui punti più iniziasse la riunione decisiva della controversi la Commissione si è già Commissione Giustizia del Senato: i espressa, ma il testo resta aperto al direttori dei quotidiani italiani, sen­ contributo dell’aula». Un’apertura za distinzione di opinione o schiera­ che aveva fatto sperare anche il vice­ mento, hanno chiesto al centrode­ presidente del Csm, Nicola Manci­ I direttori delle principali testate giornalistiche italiani ieri in “assemblea” stra di fermare la legge sulle inter­ no: «Il Consiglio aveva già espresso cettazioni.«Penalizzaevanificaildi­ dueparericritici,adentrambelever­ ritto di cronaca, impedisce di dare sioni: quella della Camera sia quella I COMMENTI DEI DIRETTORI notizie, viola il diritto fondamentale delSenato.L’usodelleintercettazio­ deicittadiniadessereinformati,toc­ ni, come strumento di indagine deve cailprincipiodellalibertàdistampa, essere regolato solo sulla base delle intacca gli stessi principi democrati­ esigenze investigative. E su queste ci»: sono le critiche del documento l’unica competenza è dell’autorità firmato dalle maggiori testate e dalla giudiziaria». Ma con il passare delle ore,nonèstatopossibilecapiredove, Federazione della Stampa. E, proprio all’ultimo momento ed in che misura, la maggioranza vo­ utile, dopo aver annunciato, per tut­ lesse modificare il testo del disegno CALA LIBERTÀ NESSUNA SUBITO to il pomeriggio che di eventuali mo­ dileggesulleintercettazioni.Alpun­ IL SIPARIO VIOLATA RESA UN TAVOLO difiche al testo in discussione, si sa­ to che gli stessi “finiani”, a metà po­ La legge lede L’insofferenza Utilizzeremo Apriamo meriggio, hanno rebbe parlato solo il diritto per la libertà tutti gli subito cominciato a spa­ fondamentale di stampa strumenti per un tavolo in aula, il governo si zientirsi: «Per noi dei cittadini, dovrebbe permettere per garantire è arreso. Soprattut­ LA POLEMICA dovrebbe essere ossia quello di preoccupare ai cittadini una maggiore to ai “finiani”. A tar­ sapere quello davvero tutti di essere tutela della ripristinato il testo da sera, infatti, il Ma non si ferma che succede gli italiani informati privacy che era stato ap­ Guardasigilli An­ la mobilitazione provato dalla Ca­ giolino Alfano si è VITTORIO FERRUCCIO EZIO EMILIO mera dove, alme­ presentato nell’au­ contro i limiti FELTRI DE BORTOLI MAURO CARELLI no, era salvaguar­ Il Giornale Corriere della sera La Repubblica SkyTg24 letta, ha confabula­ alla pubblicazione dato il diritto di to, per alcuni minu­ cronaca, sia pure di notizie ti con i rappresen­ “per riassunto” – tanti della maggio­ ha sbottato Italo ranza, e a loro ha «LESO IL DIRITTO DI CRONACA» Bocchino, ex vice­ comunicatoche,aldilàdelledecisio­ capogruppo del Pdl, ed uno dei co­ ni che avrebbe preso la Commissio­ LA FEDERAZIONE DELLA STAMPA ITALIANA: ne, la decisione di tornare al testo già lonnelli più influenti del Presidente approvato dalla Camera era stata Gianfranco Fini – In caso di voto di «L’INFORMAZIONE È IN SERIO PERICOLO» presa dal Premier, Silvio Berlusconi: fiducia cosa faremmo? Noi confidia­ ••• dalla prima pagina mo nel buon senso della maggioran­ in pratica la maggioranza ha accetta­ quali la libertà di informazione è za». to la richiesta che Italo Bocchino, ex Questo significa un periodo che in garantita e la giustizia è ammini­ L’opposizione ha seguito, passo vicecapogruppo del Pdl a Monteci­ Italia va dai 3 ai 6 anni e, per alcuni strata in nome del popolo. I giorna­ torio,avevaripetutopertuttalagior­ passo, i rumors che arrivavano dai casi, fino a 10. Le norme proposte listi esercitano una funzione, un do­ gruppi del Pdl. Poi anche il Pd, a sera, nata, come un’aut aut. violano il diritto fondamentale dei vere non comprimibile da atti di Ipunticheifinianihannoritenuto ha deciso di rompere gli indugi: cittadini a conoscere e sapere, cioè censura. A questo dovere non ver­ “irrinunciabili” sono: la possibilità «Chiediamo che il disegno di legge ad essere informati. È un diritto vi­ remo meno, indipendentemente da diestendereleintercettazionianche sia ritirato ­ ha spiegato la capogrup­ tale irrinunciabile, da cui dipende il multe, arresti e sanzioni. Ma intanto per reati “connessi”; la facoltà di ac­ po Anna Finocchiaro – C’è una mi­ corretto funzionamento del circui­ fermiamo questa legge, perché la cedere anche alle intercettazioni stificazione: dietro le buone ragioni to democratico e a cui corrisponde democrazia e l’informazione in Ita­ ambientali; e l’autorizzazione per i della tutela della Privacy e della sal­ – molto semplicemente – il dovere lia non tollerano alcun bavaglio. giornalisti, di pubblicare gli atti giu­ vaguardia del segreto istruttorio, dei giornali di informare. La disci­ FEDERAZIONE NAZIONALE STAMPA ITALIANA diziari, anche se soltanto per “rias­ hanno inserito di tutto». plina all’esame del Senato vulnera i DELLA Testo comune concordato dai direttori delle maggiori testate italiane sunto”, senza utilizzare le eventuali bocconetti@ilsecoloxix.it principi fondamentali in base ai © RIPRODUZIONE RISERVATA trascrizioni. «Valuteremo l’opportunità di ri­ pristinare la vecchia versione nel passaggio del disegno di legge dalla commissioneall’aula–haspiegatoai LA PROTESTA DI UN PENSIONATO GENOVESE giornalisti Alfano, dopo aver lasciato nel caos i lavori della Commissione – Dell’eventuale voto di fiducia non si è mai discusso in Consiglio dei Mini­ stri».MentreilGuardasigillilasciava il Senato, in commissione andava in scena il terremoto: i rappresentanti GENOVA. «Signor prefetto, se passa la legge­bavaglio Carlino ­; non posso accettarlo, non posso rassegnarmi dell’opposizione, che venivano in­ mi lascio morire di fame». Antonio Carlino, 71 anni, ex all’ideachedomanileggeròungiornalechemiracconta formati in tempo reale delle parole saldatore alla Fincantieri, lo ha spiegato anche alla mo­ mezzeverità,perchécosìvoglionoinostrigovernanti». pronunciate dal Ministro all’ester­ glie, ieri mattina, dopo aver letto il giornale: «Pina, non Sindacalista della Fiom­Cgil ma sempre “fuori dal no,chiedevanoalpresidenteBerselli provare a fermarmi. Sai come sono fatto...Questa è coro”, racconta: «Lotto contro i potenti fin da quando spiegazioni. «Che senso ha lavorare l’unicaarmachehoperfarsentirela avevo 18 anni. Non mi sono mai pie­ su un testo che Alfano ha già definito mia voce e andrò sino in fondo con­ gato. E questa sarà probabilmente superato?» ha quasi gridato Zanda, tro questa schifezza». Così, un ano­ la mia ultima battaglia. Mia figlia? Pd. «Siamo autonomi» è stata la sec­ nimopensionatodiGenovaPra’,di­ No, con lei non ne ho parlato, ho fat­ ca replica, a nome del Pdl, dell’avvo­ venta il simbolo della rivolta contro to di testa mia, come sempre». Giu­ cato Longo. Un braccio di ferro este­ la legge sulle intercettazioni. seppa Perinelli, la moglie, è rasse­ nuante che si è concluso con quella Il suo messaggio dice molto di più gnata: «Conosco bene la sua deter­ che le opposizioni hanno definito un di tanti discorsi di politici, intellet­ minazione, so che non cambierà “paradosso”: la Commissione si pre­ tuali, giornalisti. Dice che il provve­ idea. L’unica mia speranza è che senterà in aula con un testo che il go­ dimento all’esame del Senato colpi­ cambi questa maledetta legge». Ri­ verno ha già deciso di stravolgere. sce la società civile nel profondo. È vela che il marito è sempre stato di Che le acque, nella maggioranza, l’uomo qualunque a dire basta. «La sinistra e vota Pd. «Ma ora ce l’ha con tutti, anche con il suo partito ­ fossero destinate ad incresparsi lo si prima cosa che faccio al mattino è spiega ­ perché a suo avviso non ha è capito già dopo che le agenzie di leggere il Secolo XIX. Da sempre. fatto abbastanza per fermare il go­ stampa avevano diffuso l’appello di Orachemitolgonol’informazioneè RAZZORE verno». tuttiidirettorideigiornali.Maurizio comesemitogliesserol’aria­spiega Antonio Carlino

«SIGNOR PREFETTO, È UNA VERGOGNA MI LASCIO MORIRE DI FAME»

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

5

IL LAMENTO DEL COMICO: «CENSURATO»

Luttazzi: «Nessuno mi chiama più» Intanto diffida dal diffondere le sue parole ROBERTA OLCESE

blico,sièscatenato,raccontandola suavitadaospitenongraditoperle GENOVA. «Esigo critici compe­ televisioni italiane. tenti, per bloccarmi mi censurano «Non vado a Mediaset per non sostenendo che non faccio ridere. esserericattabileevenirepiegatoa Io facevo picchi di ascolto del 16 miti consigli. Per me la pressione è per cento, eppure su di me in Rai enorme, per loro sono una minac­ pesaancoral’edittobulgaro.Parla­ cia.Possoandaresoloateatro.Non no di Biagi, Travaglio, Fazio e della mi invitano nemmeno a RaiTre. Guzzanti. Invece a me non nomi­ D’altronde se vado in diretta io fac­ nano nemmeno». Pa­ cio satira». role di Daniele Luttaz­ Il comico e autore zi a Genova al Festival satirico ha anche spie­ del comico di Marghe­ gato cosa è il bavaglio ritaRubinoeLucaBor­ visto da chi è stato co­ zani. Grande folla, stretto a farsi da parte. spettatori fuori dalla «La censura è un’umi­ sala del Maggior consi­ liazione per l’uomo. glio di Palazzo Ducale, Toglie il diritto ad ad accalcarsi per ascol­ esprimere la propria tare quello che è diven­ opinione e questo è tato uno dei simboli di Il comico Luttazzi troppo brutto: si è co­ chi sostiene che in Ita­ stretti a stare zitti». E lia esiste la censura contro chi at­ poi, ancora: «Sono abituato ad at­ tacca il potere. Felpa americana tacchi pretestuosi, Andreotti mi conzip,pantalonibluditela,molto definì un poveraccio e per me è un sportivo, Luttazzi ha chiesto in onore». Quindi si è scatenato in un modo ripetuto di non essere regi­ monologo contro la pedofilia nella strato o ripreso. Non vuole finire chiesa.«PeripretidiLosAngelesla su youtube, spiega, «perché decido soluzione potrebbe essere il chie­ ioqualedellemieimmaginipuòes­ richetto meccanico». «La Chiesa sere trasmessa». Ha persino mi­ vende un prodotto che nessuno nacciato cause legali agli organiz­ può mettere in discussione e tutti zatori di Palazzo Ducale in caso di comprano». Infine: «Non ho mai pubblicazione non autorizzata del fatto sesso con i bambini, non sono suo monologo. Poi, davanti al pub­ religioso».

IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI

«I DUBBI USA? LI CAPISCO» Scotti: ma la lotta alla mafia non è a rischio Usa sul ddl­intercettazioni? «Io dico che è quella degli Usa è una preoccupazione che meritava una risposta. E il ministro Alfano ha fattobenearibadiresubitochelein­ ANDREA CASTANINI tercettazioni si potranno continua­ reausareperireatilegatiallacrimi­ ROMA. Definirla una crepa nel go­ nalitàorganizzata.Noiabbiamouna vernoforseètroppo.Mainognicaso delle legislazioni più avanzate al quelle di Enzo Scotti, sottosegreta­ mondo su questo tema, e la nostra rio agli Esteri, sono parole che se­ azione di aggressione all’economia gnano una presa di distanza dal “ba­ criminale, con le confische ai clan vaglio” alla stampa che si sta profi­ mafiosi, viene osservata con grande lando con il ddl anti intercettazioni. interesse all’estero. L’impegno del «Mi auguro ­ dice Scotti ­ che queste governo su questo punto non deve ore servano per aprire un dibattito essere messo in discussione. Lo di­ laico e costruttivo, arrivando a un mostra la partecipazione di Frattini testochepossacontemperareleesi­ nei prossimi giorni al vertice di Pa­ genze della privacy dei cittadini con nama contro il narcotraffico». quelle della libertà di stampa». In­ Il presidente Obama però in­ somma, un testo largamente condi­ contrerà Napolitano e non Ber­ viso. lusconi. C’è Il ddl sulle gelo tra i due intercettazio­ governi, come ni preoccupa sostiene qual­ anche gli Stati che osservato­ Uniti. re? «Sul fronte «Sono analisi della criminali­ prive di fonda­ tà organizzata mento. Mi sem­ tra Italia e Usa bra il tentativo esiste un rap­ di riportare la porto molto politica estera a HA FONDATO stretto fino dal­ una lettura “do­ l’iniziodeglian­ mestica”». “NOI SUD” ni ’90, quando Tornando Vincenzo Scotti, ex Dc, ieri ha io ero ministro alle intercet­ dato la sua “benedizione” a dell’Interno. tazioni, lei distanza alla costola ligure del L’intervento condivide il movimento “Libertà e del loro gover­ testo in di­ autonomia ­ Noi Sud”, da lui no non mi me­ scussione? fondato dopo la scissione con raviglia: segna­ «Non possia­ Mpa. «Noi restiamo nell’alveo la l’attenzione mo nasconder­ del centrodestra, convinti che il concuiseguono ci che esistano Meridione rappresenti la nostra legi­ abusi e aggres­ un’opportunità di sviluppo e slazionesuque­ sioni violente non la palla al piede del paese», sta materia». alla privacy. Bi­ hanno spiegato i promotori E lei condi­ sogna trovare vide i dubbi una soluzione».

L’INTERVISTA


6

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

politica

POLEMICHE PER LA PROPOSTA DEL SENATORE PDL COSTA

IL LIBRO

Scuola a ottobre, Lega contro Gelmini Il “sì” del ministro scatena Pd e Idv: «Idea barbara e rozza». Contrari anche genitori e studenti

MARIO SEGNI: LE RIFORME RIPARTIRANNO GIOVANNI MARI

VITTORIO DE BENEDICTIS

sa, e mascherano il taglio delle spese con vacanze più lunghe». Sul fronte L’IDEA NON è nuova ma adesso se del “no” la Cgil che prevede un’altra ne riparla: vacanze estive per gli stu­ picconata al sistema della scuola, la dentifinoal30settembre.Edunque, Cisl, Gilda (mentre è favorevole la ritorno a scuola all’inizio di ottobre. Uil), il Moige, Movimento genitori: Motivazione: favorire il turismo, «Pausa troppo lunga, i ragazzi avran­ consegnandodieci,quindicigiornidi no più difficoltà al momento di rien­ lavoro in più alle aziende del settore. trare in classe». Per ora è una ini­ Quest’ultima af­ ziativa di un depu­ fermazioneèsmen­ tato Pdl, Giorgio tita da un noto pe­ Rosario Costa, ­ e PEDIATRA FAVOREVOLE diatra e docente cioè un disegno di Farnetani: «Il caldo universitario, Italo legge all’esame del Farnetani, convin­ di settembre Senato (in Com­ to che invece il me­ missione) ­ , ma è stressa l’organismo se di settembre non bastato che il mini­ sia adatto allo stu­ e non favorisce strodell’Istruzione dio: «Le altre tem­ Mariastella Gelmi­ la concentrazione» perature non favo­ ni la facesse sua riscono la concen­ («Sono molto aper­ trazione e stressa­ ta su questo») per scatenare un di­ no l’organismo». Ben diverse le altre battitoinfinitoecontrastato.Atuttii motivazioni sostenute dal fronte del livelli. Immaginiamo bambini e ra­ “sì”, riconducibili al sollievo econo­ gazzi felici per l’improvvisa dote di mico che 15 giorni in più darebbero giorni in più lontani dalle aule, pro­ agli operatori del turismo: favorevoli prio come accadeva ai loro genitori i gestori degli stabilimento balneari, negli anni Sessanta e Settanta (ma gli albergatori, il ministro del Turi­ non la pensa così Azione scuola, che smo Michela Brambilla, che però è chiede invece più qualità per miglio­ più cauta della collega Gelmini: an­ rare una scuola mediocre). Immagi­ che lei chiede più attenzione alle esi­ niamo gli stessi genitori, in crisi ­ se genze delle famiglie. entrambi lavoratori ­ perché già ora debenedictis@ilsecoloxix.it fanno i salti mortali durante la lunga © RIPRODUZIONE RISERVATA pausa estiva. «Se le scuole iniziano a ottobre, chi baderà ai bambini»? si domanda Luca Borgomeo, presiden­ te dell’Aiart, l’associazione del tele­ spettatori cattolici ­ La soluzione sa­ rà parcheggiarli davanti alla tv»? Ma anche a livello politico c’è GENOVA. Il mondo della scuola boc­ qualche sorpresa: la prima spaccatu­ cia la proposta Pdl, senza neppure la ra è all’interno della maggioranza. via di fuga di un “debito”. La politica Alla Gelmini risponde la Lega Nord ­ almeno quella ligure ­ distingue. Se con due “no”: il primo è di stampo fe­ si chiede all’assessore regionale al deralista, visto che tocca alle Regioni Turismo, Angelo Berlangieri, quasi decidere in autonomia il calendario quasiapplaude,mentreilcollegadel­ scolastico. Il secondo è condiviso da l’Istruzione, Pippo Rossetti, stronca tuttelecomponentidellascuola:ira­ la Gelmini e l’idea di prolungare le gazzi devono andare a scuola almeno vacanze scolastiche. duecento giorni di lezioni effettive e Premesso che la Regione Liguria ordinarie. Per farle, dovrebbero sta­ aveva già deciso di iniziare una setti­ re in classe fino a tutto giugno.L’al­ manadopo(il20settembre)rispetto ternativa è farne meno. Ecco perché alla recente tradizione, proprio per il Pd si scaglia contro la proposta: dare respiro al turismo penalizzato «Siamoaldelirio,allamacelleriasco­ daunaprimavera“inesistente”,Ros­ lastica. Un’idea barbara, frutto di setti fa notare che la legge impone al­ una cultura rozza e cinica» accusa meno 200 giorni di lezioni. «Per Giuseppe Lumia, senatore. mantenere i 200 giorni finiremmo Bastonate arrivano anche dall’Idv, troppo in avanti nel giugno successi­ è ironica quella di Massimo Donadi, vo. L’alternativa è ridurre i giorni di capogruppo dei deputati: «È proprio scuola». Rossetti ha un sospetto: un governo balneare». Seria la con­ «Può darsi che, per l’ennesima volta, trarietà del Pdci: «Vogliono fare cas­ la riforma la faccia Tremonti per da­

Vent’anni fa scattava in Italia la stagione dei grandi re­ ferendum che hanno portato alla Seconda Repubblica. Le leggi elettorali erano state rivoluzione in chiave maggioritaria e unino­ minale, con la preferenza secca e l’elezionedirettadeisindaci.Una stagione che ha avuto in Mario Segni il leader indiscusso, in que­ sti giorni impegnato in un giro del Paese per presentare il suo li­ bro­testimonianza Niente di per­ sonale (Rubbettino, 14 euro). Segni, il suo è un testamento politico? O una resa? «No, vorrei solo ravvivare la speranza. Auspicando che qual­ cuno possa raccoglierla, perché io ormai mi sono ritirato. Ho 70 anni, sono un nonno e la politica ha bisogno di trentenni». La riforma è stata fermata. «È una gran­ de incompiu­ ta. Solo nelle città è rimasto lo spirito di quella stagio­ ne e proprio dai Comuni, dai sindaci, può ripartire la corsa. Noi Mario Segni speravamo di sbloccare l’Italia con il bipolari­ smo, ma il bipolarismo, alla fine, non si è mai perfezionato». Chi ha bloccato il progetto? «La partitocrazia, che è riusci­ taaritrovarecampo:bastipensa­ re all’uccisione del Parlamento orchestrato con la legge elettora­ le che Calderoli stesso ha battez­ zato come una porcata; ci sono solocooptati,senzaruolo.Eilpo­ polo italiano, che non riesce più a scandalizzarsi di nulla: servireb­ be, per una fase di svolta, una nuova questione morale. Ma non la vedo all’orizzonte». Nel suo libro cita uno per uno quei politici che hanno re­ matocontro.Epuregliamici... «All’Italia, come mi diceva Montanelli, serve una riforma checambigliitaliani.Lamiamis­ sione ha lasciato il segno, la gente meloriconosce.Poihannoalzato gli steccati. Ma alla fine scoprire­ mo che anche un Paese irrifor­ mabile può essere riformato». GENOVA.

Alunni delle elementari al primo giorno di lezioni dello scorso anno: il Pdl ha chiesto di cominciare a ottobre

LE REAZIONI

IN LIGURIA L’IDEA DIVIDE LA GIUNTA re un taglio alle spese». so turistico nei mesi freddi e quindi Il titolare dell’assessorato al Turi­ poco da perdere. smo Berlangieri ha un approccio più È un politico ma è stato preside: “egoista”: lui guarda al turismo e a Nicolò Scialfa, consigliere regionale quegli operatori ingolositi da quei Idv, rappresentaunasintesiperfetta dieci giorni in più a disposizione: dei due punti di vista. E non ha dubbi «Pernoisarebbevantaggioso,apatto su quale puntare: «Se la priorità de­ che non si pregiu­ v’essere il rilancio dichino le vacanze della scuola pubbli­ di giugno». Berlan­ ca su basi merito­ I PRESIDI gieri si rende anche cratiche allora pen­ conto che a rimet­ sochel’Italiasia pe­ Del Dio: «Iniziare terci potrebbero nalizzata perché così tardi non può giorni di scuola ne essere le vacanze invernali, ma an­ essere praticabile. fapochi.Permevie­ che in questo caso ne prima la scuola Più che il folklore di qualità e se si co­ prevale “l’egoi­ smo” di una regio­ servono le regole» mincia più tardi bi­ nechehapocoflus­ sogna finire più tar­

di. Anche perché diciamocelo: il se­ condo quadrimestre, tra vacanze pa­ squali lunghissime e il fermo didattico per la settimana bianca, praticamente non si fa». Netto anche il “no” del presidente dell’Associazione regionale ligure dei presidi, Santo Del Dio (preside della media “Durazzo”): «Il calenda­ rio scolastico dev’essere funzionale alle esigenze della scuola e della di­ dattica e oggi la legge prevede alme­ no 200 giorni di effettive e ordinarie lezioni. Non è praticabile iniziare co­ sì tardi, altrimenti si finirebbe a giu­ gno inoltrato». Poilastoccata:«Aldilàdiproposte folkloristiche e provocatorie, tocca alle regioni fare il calendario, nel ri­ spetto delle norme e tenendo conto delle esigenze della scuola, rappre­ sentate da chi se ne intende. Cioè dai presidi». V. D. B.

mari@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA


IL SECOLO XIX

dal mondo SALE LA TENSIONE

La Corea del Sud blocca commerci, scambi e aiuti con il Nord E gli Stati Uniti annunciano manovre congiunte antisottomarini con Seul

SEUL. LaCoreadelSudhaannuncia­

to un duro pacchetto di misure con­ tro il Nord e, per la seconda volta in pochi giorni, ha visto la discesa in campo al suo fianco del presidente americano Barack Obama che ha in­ vitato Pyongyang a porre fine al «comportamento belligerante e mi­ naccioso» e ordinato alle forze arma­ te Usa di coordinarsi con quelle di Seul per «assicurare la sicurezza e impedire future aggressioni». Il monito della Casa Bianca ­ che pone le premesse per altri sviluppi e che ha avuto una eco nelle dichiara­ zioni di Ban ki­Moon, è giunto nel corsodiunnuovoscambiodiaccusee minacce tra le due Coree. Il presidente sudcoreano Lee Myung­Bak, in un discorso alla na­ zione dal memoriale di Seul dedicato ai caduti della guerra di Corea (1950­ 1953), ha annunciato di voler chiede­

re al Consiglio di sicurezza dell’Onu altresanzionicontroilNord,respon­ sabile dell’affondamento della cor­ vetta Cheonan, in base ai risultati di una commissione internazionale. Lee ha illustrato la stretta sull’in­ terscambio commerciale e assicura­ tocheSeuloraeserciteràazionidiau­ todifesa in caso di provocazioni da parte di Pyongyang, che deve «scu­ sarsi» per la tragedia costata la vita a 46uominid’equipaggio:«Selenostre acque territoriali, il nostro spazio ae­ reo o il nostro territorio dovessero essere violati, provvederemo a eser­ citare subito il diritto di autodifesa». Il governo di Seul sospenderà tutti i programmi di scambio con il Nord, tranne che nel caso del distretto in­ dustriale a sviluppo congiunto di Ka­ esong, insieme a livelli minimi di aiu­ ti umanitari per bambini e mamme perché in queste condizioni «qualsi­

RIVOLTA DELLE BANDE NELLA CAPITALE, DUE POLIZIOTTI UCCISI

Giamaica, guerriglia urbana per salvare il capo dei narcos Gli Usa chiedono l’estradizione del boss Chris Coke, il popolo protesta KINGSTON, la capitale della Gia­ maica, è in stato di emergenza. Da domenicadiversiquartieridellacittà sono sconvolti da scontri che vedono contrapposteleforzedell’ordineegli uomini armati della gang “Shower Posse”, decisi a impedire con ogni mezzo l’arresto del boss della droga Christopher Coke. All’origine dei di­ sordini, in cui sono morte tre perso­ ne, c’è la decisione del premier gia­ maicano di concedere l’estradizione negli Stati Uniti del capo del narco­ traffico, soprannominato “Dudus”. Ieri sera, dopo un assedio durato due giorni, la polizia giamaicana ha fatto infineirruzionenelcovodiCoke.Te­ stimoni riferiscono di una sparato­ ria,cheavrebbefattodiversevittime. Iniziati con l’attacco a quattro commissariati di polizia, gli scontri nei quartieri di West Kingston e St. Andrews erano proseguiti con l’in­ cendio di automobili e numerose barricate rudimentali erette per sbarrare l’accesso ai quartieri di Co­ ke. «Lo stato d’emergenza sarà in vi­ gore per un mese, a meno che le forze di sicurezza me ne consiglino la so­ spensione», ha annunciato il pre­ mier Bruce Golding, precisando che la polizia è pronta a reagire «in modo fermo e deciso». L’opposizione, pe­ rò, reclama misure più drastiche. Portia Simpson Miller, leader del People’s National Party, si è detta «allarmata»dallareazionedelgover­ no e ha invocato il coprifuoco. Secondo le forze di sicurezza, le vittime sarebbero almeno tre: due agenti e un civile, mentre altri sette poliziotti sarebbero rimasti feriti. Uncommissariatoèstatoincendiato dopo essere stato abbandonato dagli agenti rimasti senza munizioni du­ rantel’assedio.Leautoritàgiamaica­ ne stanno provvedendo all’evacua­ zionedidonneebambinidaiquartie­ ri messi a ferro e fuoco. Agenti di po­ lizia stanno pattugliando la capitale intornoaiGiardiniTivoli,zonapove­ ra di West Kingston dove si ritiene che si nasconda il “signore della dro­ ga”. Per ragioni di sicurezza è stato inoltre rimandato il mega concerto per il Labour Day, previsto per ieri sera nel parco dell’Emancipazione. Inizialmente la Giamaica ha igno­ rato la richiesta di arresto, partita un anno fa, da parte degli Usa. Il narco­ trafficanteèunsostenitoredelparti­ to laburista e sembra che goda di un ampio seguito nell’elettorato metro­ politano che il premier Golding rap­ presenta. Nelle ultime settimane, il governodell’isolacaraibicahadeciso invece di accettare la richiesta di estradizione, condizione per l’acces­ soaunprestitodi1,27miliardididol­ laridapartedelFondomonetarioin­ ternazionale, siglato a febbraio. E. M. C. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Kim Jong II, leader della Corea del Nord, attorniato dai generali

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

7

asi interscambio o altre attività di co­ operazionesonoprivedisignificato». Immediata la replica del Nord che, ribadendo l’importanza delle armi nucleari come «deterrente», ha mi­ nacciato di fare fuoco contro qualsia­ si dispositivo del Sud cominci a tra­ smettere al confine messaggi anti­ Pyongyang. Questo perché la Corea del Sud ha detto che avrebbe ripreso tramite altoparlanti la campagna di propaganda alla frontiera contro il Nord, sospesa per sei anni. Da Pechino, il segretario di Stato americanoHillaryClintonhasolleci­ tato Pechino a unirsi alla condanna internazionale della tragedia della Cheonan, trattata finora con indiffe­ renza. E in serata il Pentagono ha an­ nunciato di aver messo in program­ ma manovre congiunte anti­sotto­ marini Stati Uniti­Corea del Sud, senza precisare la data.

SICILIANO, VIVEVA IN SVIZZERA

Brasile, italiano ucciso durante una rapina in bici FORTALEZA. Voleva andarci a vi­

vere tra un anno, ma in Brasile è sta­ to ucciso da un colpo di pistola spa­ rato da due rapinatori. I fatti sono avvenuti domenica sera: Giuseppe Paparone, cinquantadue anni, nato in provincia di Siracusa ma residen­ te a Zurigo, stava comprando due ricariche telefoniche a un distribu­ tore di benzina, insieme a un amico, Rosario Tomarchio, dopo aver fatto un giro in macchina fuori città. Lì so­ no stati fermati da due giovani in bi­ cicletta, entrambi poco più che ado­ lescenti, che li hanno minacciati con una pistola. Poi si sono fatti conse­ gnare tutto il denaro e i telefonini. Quando stavano per andarsene, uno dei due assalitori ha sparato un col­ po di pistola, forse a scopo intimi­

datorio. Il proiettile ha colpito Papa­ rone e ha trapassato l’aorta. L’uomo è morto prima che arrivasse sul po­ sto un’ambulanza, chiamata da una pattuglia della polizia giunta in soc­ corso. Le forze dell’ordine si sono subito messe a cercare i due malvi­ venti, che sono stati catturati più tardi e hanno confessato il loro cri­ mine. Tomarchio, rimasto a vegliare la salma dell’amico, ha rivelato: «Giuseppe stava costruendo una villa sul mare a Fortaleza, nella qua­ le sarebbe dovuto trasferirsi per il 2011». La famiglia della vittima è stata contattata dalla Farnesina, mentre le autorità consolari svizze­ re si occuperanno del rimpatrio del­ la salma. M. MU.

NEL 2003 MORIRONO 19 ITALIANI

Strage di Nassiriya, assolto anche terzo ufficiale ROMA. Il colonnello dei carabinieri

Giamaicani protestano per il mandato d’arresto americano contro il trafficante Christopher “Dudus” Coke. «É meglio lui dei poliziotti», si legge su un cartello tenuto in vista da uno dei migliaia di manifestanti

TRAFFICA IN COCAINA, MA PAGA SCUOLE, TASSE E MEDICINE AGLI INDIGENTI

“DUDUS”, IL PADRINO AMATO DAI POVERI DI KINGSTON IL PERSONAGGIO ROBERTO SCARCELLA

INSERITO nella lista degli uomini più pericolosi del mondo e ricercato dagli Usa per traffico di armi e droga, a casa sua, in Giamaica, Christopher “Dudus” Coke è considerato un be­ nefattore. Un uomo di 42 anni che con la sua “azienda” fa abbastanza profitti da potersi permettere di pa­ gare rette scolastiche, medicine e tasse al suo popolo. La gente che a Kingston, la capitale, vive nei quar­ tieri di Tivoli Gardens e Denham Town sta tutta con lui. Perchè lui lì e il boss, il don, il presidente. Nessuna carica ufficiale, ma senza Coke non ci sarebbero i soldi per mangiare, noncisarebbeordinetralebande.In pratica, a detta di chi vive in quei due quartieri poveri di Kingston, non ci sarebbe più vita. Perché Coke ­ nomen omen ­ gra­ zie al potere derivato dai suoi traffici internazionalidicocainaèdiventato l’unicaveraautoritàinunluogodove la polizia non è vista di buon occhio. Gestisce i quartieri come se fossero suaproprietà,e­comesenonbastas­ se­èlegatoalpartitolaburista,oraal potere proprio con un uomo, Bruce Golding,chearrivanonacasodalsuo distretto elettorale. Da lì arriva an­

Christopher “Dudus” Coke

che il suo avvocato, membro del Par­ lamento. Nella stessa zona poi c’è il porto, strategico per il cartello della droga che comanda, ma anche per la suaazienda“pulita”laIncomparabi­ le Enterprise Ltd. Società di cui Du­ dus ­ tutt’oggi azionista ­ era presi­ dente sino al 2002 e che ancora ge­ stiscelaquasitotalitàdellecommes­ se pubbliche per cifre milionarie. Il padre di Chris Coke, Lester, ave­ va fondato l’impero della droga negli anni Ottanta, salvo poi morire in un misterioso incendio poco prima di essere estradato negli Usa. Si chia­ mava Shower Posse, ed era un’orga­ nizzazione che è arrivata a piazzare uomini e contatti in quasi tutto il

mondo, a cominciare da Stati Uniti e Inghilterra. A New York, la Posse giamaicana era diventata la numero uno nel traffico di crack. E ha poi sa­ puto restare a galla negli anni, con Dudus al comando, cambiando dro­ ghe, uomini, abitudini. Affari tenuti in piedi senza troppi scrupoli: a Washington sono convinti che gli omicidinellaShowerPossediDudus siano all’ordine del giorno: 1.400 nei soli Stati Uniti, almeno altrettanti in Giamaica. Per molte uccisioni ci sa­ rebbero prove inconfutabili con tan­ to di registrazioni telefoniche. Tutto questo, alla povera gente che scende in strada per difenderlo, proteggerlo, dimostrargli la propria fedeltà, non interessa. Anche per questo dal giorno della richiesta di estradizione sono molti i cartelli che lo inneggiano per le strade. «Giù le mani da Dudus», si legge sul cartone retto da una ragazza. Un uomo prova a essere ancor più preciso, e scrive: «Non c’è poliziotto migliore di Du­ dus», ricordando la sua capacità di mantenere l’ordine in un quartiere altrimenti invivibile. Un altro gira conduecartelli,unopermano:«Non siamo ostaggi» e «Gesù morì per noi, noimoriremoperDudus».Fraseche suonerà blasfema a chiunque, tran­ ne a chi vive sulla propria pelle, gior­ no dopo giorno, la miseria degli slum di Kingston. scarcella@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Georg Di Pauli è stato assolto ieri nel processo per la strage di Nassiriya, in cui il 12 novembre 2003 persero la vita in un attentato 19 italiani. Di Pauli, assolto «perché il fatto non costituisce reato», era accusato di non aver adottato tutte le misure di sicurezza necessarie per difendere la Base Maestrale, sede del contin­ gente dei carabinieri impegnati nel­ la città irachena. La prima sezione del Tribunale militare di Roma ha accolto le richieste del difensore di Di Pauli e degli avvocati dello Stato, secondo i quali il colonnello non ri­ copriva un ruolo tale da poter richie­ dere di elevare il livello di sicurezza della base e comunque sarebbe sta­ to praticamente impossibile ridurre la portata dell’esplosione. Il pm ave­ va chiesto per Di Pauli due anni di carcere, sostenendo che non furono

Il palazzo della strage di Nassiriya adottate procedure di protezione basilari, come collocare la base al centro città o costruire un percorso obbligato per entrarvi. Nell’attenta­ to persero la vita 19 italiani ­ 17 mili­ tari e due civili ­ e nove iracheni. Al­ tri due imputati ­ i generali dell’Eser­ cito Vincenzo Lops e Bruno Stano ­ erano stati già processati e assolti.

UNA CONTIENE ANCORA TUTTO IL CORREDO FUNERARIO

Egitto, ritrovate 45 tombe 12 perfettamente conservate IL CAIRO. Un team di archeologi

egiziani ha scoperto quarantacin­ que nuove tombe, in un’area vicino all’oasi di Fayum, un centinaio di chilometri a sud della capitale. Nel­ lo stesso luogo sono stati scoperti anche quattro cimiteri, il più antico dell’epoca della prima e seconda dinastia, circa 4.500 anni fa, mentre il più recente risale all’ultimo perio­ do del regno dei faraoni, poco pri­ ma della conquista di Alessandro Magno, nel 332 avanti Cristo. Il ritrovamento è stato annunciato dal professor Zahi Hawass, a capo del Supremo Consiglio per le Anti­ chità, che ha aggiunto: «Il ritrova­ mento più importante è quello di dodici sarcofagi risalenti a tremila­ cinquecento anni fa. Tutti conten­

gono una mummia, perfettamente conservata e avvolta con bende di lino, con delle iscrizioni tratte dal Libro dei Morti, che servivano ad accompagnare il defunto nel regno dell’Aldilà». Ma non è questa la sco­ perta di maggior valore. Il profes­ sore Abdel Raman El Raid, respon­ sabile della scavo archeologico spiega che nel cimitero più antico una delle tombe aveva tutto il cor­ redo funerario, fatto estremamente raro per una mummia con quasi cinquemila anni d’età. L’area fune­ raria apparteneva a una città abita­ ta dai lavoratori che costruirono la piramide del faraone Senusret II, che regnò dal 1897 al 1878 avanti Cristo. M. MU.


8

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

cronache

COMINCIATO IL PROCESSO AL PARROCO DI ALASSIO ACCUSATO DI PEDOFILIA

«Non voglio carezze, me le faceva don Lu» La bambina conferma l’ accusa e si ribella anche alle tenerezze dei familiari, il prete resta in carcere dal nostro inviato

bambina è stata completamente emarginata. Tagliata fuori dall’am­ biente della parrocchia e dal quar­ SAVONA. Ultima udienza il prossi­ tiere, addirittura segnata a dito da mo3dicembre.Vuoldirechedurerà alcuni sostenitori dell’innocenza di sei mesi in più l’incubo per Luciano don Lu. «Mamma», continua a ripe­ Massaferro, il prete incarcerato con tere, «perché le mie amiche non vo­ l’accusa di aver molestato una chie­ gliono più giocare con me»? Tenta­ richetta di dodici anni, e per la chie­ tivo di replica: «Non è colpa loro, te­ richetta che al di là dell’accaduto ­ a soro. Sono le famiglie». stabilirlo sarà il processo comincia­ Anche l’avvocato Mauro Ronco, to ieri presso il Tribunale di Savona l’avvocato torinese che difende il ­ da sei mesi non dorme più. Fa la pi­ prete assieme ad Alessandro Chiri­ pì a letto. Non rie­ vì,difensorescelto sce ad avere rela­ dalla diocesi di Al­ zioni normali con i benga, deve aver TEMPI INCIVILI compagni di classe subodorato qual­ maschi e ogni volta cosa. Altrimenti Udienze fino che qualcuno le non si spieghereb­ a dicembre, uno sfiora una gamba, belasuaimprovvi­ anche un familiare, sata conferenza strazio per tutti. rischia una crisi di stampa nei corri­ Forse una suora nervi: «Don Lu fa­ doi del Tribunale, contro il sacerdote considerato che ceva così. E io non voglio, non voglio, detesta profonda­ non voglio...». mente i giornalisti Ieri la bambina ha parlato con le e nessuno gli aveva chiesto la difesa voci straziate della mamma, del della controparte: «Sia ben chiaro ­ nonno e della zia: l’intera famiglia ha soppesato le parole l’avvocato ­ che una propaganda odiosa aveva che noi non vogliamo assolutamen­ dipinto come allo sbando e formata teattaccarelabambina.Inaulacon­ dapocodibuono,einveceunitaeso­ testeremolasuacredibilitàperchéè cialmente accettabile. Il nonno, un il nostro ruolo, ma fuori no». noto professionista di Alassio. La Qualcuno ha cominciato a ribel­ mamma, un’operatrice turistica. La larsi, in effetti, alle cattiverie circo­ zia, una laureanda in legge. Denun­ late sulla piccola. Gruppi su Face­ ciano i parenti, ma ci sono altre te­ book,fedelichehannoscrittoinCu­ stimonianze a confermarlo, che la ria, lettere pubbliche dove si am­ PAOLO CRECCHI

Ciao

Luigi oggi in cielo abbiamo un altro fratello. Pia, Paolo, Gianluigi, Anna Arecco e Anna Repetto. I Condomini e l'Amministratore del civico 30 di via Ponza partecipano commossi al dolore dei familiari per la scomparsa del signor

Luigi Arecco I Condomini e l'Amministratore di via Cantore 50, rimpiangendone gentilezza ed assoluta disponibilità, partecipano al dolore delle figlie e della famiglia tutta, per la scomparsa del signor

Salvatore Barone

= È improvvisamente mancata all'affetto dei suoi cari

Giovanna Campi Sandro, Erica, Catherin, Mario, Elisa e Bianca la vogliono ricordare a tutti quanti ebbero la fortuna di incontrarla e di godere della sua intelligenza e cordialità. S.O.F.Capurro e Cevasco Tel. 010.50.15.28.

=

Munita dei conforti religiosi è mancata all'affetto dei suoi cari

Itala Cevasco ved. Rimassa di anni 98 Ne danno il triste annuncio la figlia Rosanna, il nipote Mario, la sorella Laura, il fratello Candido, la cognata Lina, la zia Lilli, i nipoti e parenti tutti. I funerali avranno luogo mercoledì 26 maggio alle ore 10 nella chiesa Parrocchiale di Bargagli. Il Santo Rosario sarà recitato questa sera 25 maggio alle ore 17.30 nelle camere ardenti dell'Ospedale San Martino. La presente quale partecipazione e ringraziamento. Luigi Oberti Onoranze Funebri Torriglia ­ Tel. 010.94.32.17. Lo zio Anselmo e famiglia si uniscono al grande dolore di Elsa e Giorgia per la prematura scomparsa di

Massimilliano Costa (Ruscin) Simonetta, Consuelo Venturi e famiglie partecipano al dolore di Giorgia ed Elsa per la perdita del caro

Massimiliano Pietro Tiscornia con Danila e con Enrico ricorda con grandissimo affetto la cara

zia Giovanna e si unisce al dolore di Sandro e Erica. Ricorderanno sempre con affetto la cara

Giovanna i cugini Teresa Reborati, Marisa e Romano Repetto, Paola Betti col marito Stefano e i figli Gianluca e Barbara. Edoardo e Ariella Lora con Stefania e Francesco, partecipano commossi al dolore della famiglia per la scomparsa del loro caro

Nuccio Catte

Pina, Laura e Roberto, vicini nel dolore, porgono sentite condoglianze per la prematura scomparsa del caro

Massimiliano La Confrèrie Mondiale de La Chaine des Rotisseurs ed il Bailli Miro Sorrentino associandosi al dolore della famiglia Costa piange la perdita del Confrère

Massimiliano Costa stimatissimo Maitre Hotelier Restauranteur. Giorgio, Simona, Matteo Campanella sono vicini ad Elsa, Giorgia e Anselmo nel ricordo del caro

Massimiliano

CIP & CIOP DOMICILIARI ALLE MAESTRE Il gup genovese Roberto Fucigna ha concesso gli arresti domiciliari a Anna Scuderi e Elena Pesce, arrestate a dicembre per aver maltrattato i bambini dell’asilo Cip & Ciop di Pistoia. Le famiglie dellle vittime: siamo sconcertati

Don Luciano Massaferrro

mette che sì, «forse ci siamo sbagliati sul conto di don Luciano». Le fiaccolate continuano e ancora ieri c’era uno striscione di solidarie­ tà, appeso all’ingresso della parroc­ chia di San Vincenzo in Alassio, ma deve aver fatto riflettere l’ultimo verdetto­ilquarto­chehanegatola

= È mancato all'affetto dei suoi cari

Ugo Epidendio Lo annunciano la moglie, il figlio, la nuora ed i parenti tutti. Il funerale si svolgerà mercoledì 26 maggio alle ore 10 nella chiesa parrocchiale di San Nicola ­ Corso Firenze. Genova, 23 maggio 2010. Pastorino & Lodi Srl Tel. 010.35.80.94. Anna Maria Mauro Pastorino con Emanuela, Alessandra e Luigi, insieme ai nipoti Simone e Martina, la nuora Sonia si uniscono al dolore di Giovanna e Tomaso per la perdita del caro

=

È accolto nelle braccia di Dio il PADRE

Marialuisa Livreri

= È mancato all'affetto dei suoi cari

Paolo Marchini Ne danno il triste annuncio i figli Mirella, Marco con Mara, Andrea con Barbara, i nipoti Francesca, Edoardo e Federico. Il funerale si svolgerà mercoledì 26 maggio alle ore 8.15 nella chiesa parrocchiale di San Martino di Murta. La presente quale partecipazione e ringraziamento. La Generale Pompe Funebri Spa Tel. 010.41.42.41

=

È prematuramente mancato all'affetto dei suoi cari

Piero Giorgio Olivieri

Antonio Sebastiani

di anni 70 Addolorati lo annunciano i fratelli, la sorella, le cognate. il cognato, i nipoti e i confratelli Scolopi. Il funerale sarà celebrato mercoledi 26 maggio alle ore 8.30 nella Cappella dell'Istituto Calasanzio, via Cervetto 38, Genova, e alle ore 16.00 nella chiesa dei Santissimi Nazario e Celso di Grillano (AL). Il Santo Rosario viene recitato oggi alle ore 20.30 nella Cappella dell'Istituto Calasanzio. La presente quale partecipazione e ringraziamento. La Generale Pompe Funebri Spa Tel. 010.41.42.41

Ne danno il triste annuncio la mamma, la zia Iolanda, la cugina Maria Rosa con Maurizio e il nipote Paolo, il figlioccio Francesco. I funerali si svolgeranno mercoledì 26 maggio alle ore 10 nella parrocchia di S. Antonio di Boccadasse. Il S.Rosario viene recitato questa sera martedì 25 maggio alle ore 17.45 presso le camere ardenti dell'Ospedale S. Martino. Un particolare ringraziamento ai professori Ballestrero e Corvò e al dottor Scabini per le cure e l'assistenza prestata. La presente quale partecipazione e ringraziamento. Genova, 25 maggio 2010. La Generale Pompe Funebri Spa Tel. 010.41.42.41

Ugo Titolari e dipendenti della Grandi Navi Veloci SpA partecipano al lutto del collega signor Francesco Villaschi per la perdita dell'amata madre

scarcerazione del prete: «Può reite­ rare il reato, è pericoloso metterlo a contatto con minori». Firmato dal Tribunale del Riesame su istanza di Emilio Fois, giudice per le indagini preliminari. Resta tuttavia l’atrocità, anche nei confronti di don Luciano, dei

La famiglia Cadenasso partecipa al dolore di Padre Gianluca e di tutto l'Istituto Calasanzio per la perdita del caro PADRE

Pier Giorgio Olivieri

Antonio Sebastiani Arrivederci ad un amico tanto caro. Gianni, Gianna e Nadia.

PADRE

Olivieri uomo giusto, buono e onesto che continuerà a vegliare sui suoi ragazzi dell'Istituto Calasanzio. Con stima e affetto lo ricorda Rossana Borsi. Pina Garrone con Enrico e Dada, Franco e Marina, Paolo e Fabiola e famiglie sono affettuosamente vicini a Mimina e figli ed a Paola per la scomparsa del caro

Luis Profumo

Caro amico,

Antonio porteremo sempre nel nostro cuore il tuo sorriso, la tua bontà, come l'affetto sincero, che non morirà mai. Patty, Claudio, Edilia, Uccio. Il Condomino e l'Amministratore di viale Des Geneys 11 partecipano al dolore della famiglia Sebastiani per la perdita del caro

Antonio

Paolo Marchini Partecipano al lutto Luigi e Daniela Marson e Fernanda Clerici. Milano, 25 maggio 2010. Andrea con Stefania, Riccardo e Paolo sono vicini a Mirella, Marco e Andrea nel ricordo del papà

Paolo Marchini Genova, 25 maggio 2010. Il giorno 21 maggio è mancato all'affetto dei suoi cari

Giacomo Novarese (Mino) Ad esequie avvenute ne danno il triste annuncio la moglie Ivana, il figlio Mario, la nuora Tiziana con le figlie ed i parenti tutti.

Ornella e Aldo De Rose sono vicini all'amico Enrico per la scomparsa del padre

Loris Raffo Maria Carla, Annamaria, Paolo e famiglie sono vicini al fratello Mauro per la perdita della moglie

Gabriella Rebuffo in Baghino

Antonio Francesco. Gli amici dello Studio sono vicini con affetto a Maria Rosa e alla sua famiglia per la perdita del caro cugino

Antonio Ciao

Antonio il ricordo della tua fraterna amicizia sarà sempre nei nostri cuori. Angiola, Antonella, Elena, Paola, Francesco e famiglie. Ricordiamo con affetto

Antonio Famiglia D'Atri.

di anni 67 Lo annunciano affranti Anna Maria, Maria Laura e Stefano con Eleonora e Edoardo, i fratelli, le cognate, i nipoti, i pronipoti, i parenti tutti e Zagor. Il funerale verrà celebrato oggi 25 maggio alle ore 10 nella parrocchia di Sant'Ilario. Un ringraziamento di cuore a tutti coloro che in questi 28 giorni di calvario ci sono stati affettuosamente vicini. La presente vale da partecipazione e ringraziamento. A.Se.F. del Comune di Genova Tel. 010.291.54.01

Piero

Numero Operativo

Il Preside, i Docenti e il personale tutto della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova partecipano con profondo cordoglio alla scomparsa del PROFESSORE

Il Direttore ed il personale tutto della Sezione di Genova dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare partecipano commossi al dolore della signora Carmen Viggiano per la scomparsa del padre

Santo Tinè

Paolo

già Professore nella Facoltà di Lettere e Filosofia I docenti e il personale tecnico ­ amministrativo del Darficlet si uniscono al dolore della famiglia per la scomparsa del PROFESSORE

Santo Tinè Partecipano al dolore dei familiari per la perdita del caro PROFESSORE

Santo Tinè Gli amici Cavallini, Germano, Pescetto, Raffetto, Soldi, Spotorno.

Piero Tasso

Ciao

È importante il rispetto per i propri sentimenti? Scegli la sensibilità Asef.

crecchi@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo breve malattia è mancato

spiegami, dopo 44 anni trascorsi insieme, come posso continuare a vivere senza di te. Anna Maria.

È mancato all'affetto dei suoi cari

di anni 86 Ne danno il triste annuncio il figlio Enrico, l'adorata Valentina, gli amici e i parenti tutti. I funerali avranno luogo oggi alle ore 10 nella parrocchia di S. Giuseppe di Priaruggia in viale Des Geneys 19a. Un particolare ringraziamento all'Associazione Gigi Ghirotti per le amorevoli cure prestate. La presente quale partecipazione e ringraziamento. A.Se.F. del Comune di Genova Tel. 010.291.55.03

Nel cuore, sarai sempre accanto a me nella vita. Grazie

Anima

=

Loris Raffo Gabriele ed Elena Marchini, Emanuele e Cristina, Roberta e Massimo con Elisa ricorderanno per sempre

tempi incivili della giustizia italia­ na. Il prete potrebbe essere assolto, e con formula piena, dopo più di un anno di galera. Nel caso, chi lo risar­ cirà?Echirisarciràlabambinadiun tormentonecheminacciadidurare, nella migliore delle ipotesi, altri sei o sette mesi? «Purtroppo è così: e a

parlarnesirischiadisconfinarenel­ la politica», ha allargato le braccia l’avvocato delle parti civili Mauro Vannucci. Sperare in un processo rapidoediscretoalmenoneicasipiù delicati, come questo? «Bisogne­ rebbe, sì». Rassegnata di fronte ai tempi, perché poi ci saranno naturalmente l’appello e l’inevitabile ricorso in Cassazione, la famiglia ha ribadito ieri in aula che terrà duro. La prima udienza è stata sospesa due volte per discutere altrettante eccezioni procedurali presentate dalla difesa, mal’esitoèstatonegativo.PoiilTri­ bunale ha incaricato un perito di trascrivere le intercettazioni, tele­ foniche ed elettroniche, delle con­ versazioni intercorse tra don Lucia­ no e alcune persone del suo entou­ rage.Voci:ParechedonLucianoab­ biacontattatounaparrocchianaper fabbricarsi un alibi, e addirittura che abbia cercato di sapere quali erano le intenzioni della famiglia della vittima mandando in avansco­ pertadeiminori.Particolare:ilnon­ no della bambina siede nel consiglio di amministrazione della parroc­ chia. «Quando ho saputo, mi è crol­ latoilmondoaddosso.Volevoanda­ re dal vescovo, non fare denuncia. Mi ha preceduto il Gaslini». Tra i te­ stimoni contro don Lu ci sarebbe anche una suora.

Grazie per avermi accolto come un figlio. Stefano. Claire Podestà e famiglia sono affettuosamente vicini a Maria Laura e Anna Maria per la perdita del papà e marito

Piero Tasso

= Circondata dall'affetto dei suoi cari è mancata all'Ospedale di Lavagna

Irene Venneri ved. Di Sansebastiano di anni 88 Ne danno il triste annuncio i figli, le nuore, i generi, i nipoti, il fratello, la sorella, la cognata, i parenti tutti. I funerali avranno luogo oggi martedì 25 alle ore 15 nella Basilica dei Santi Gervasio e Protasio in Rapallo. La cara salma sarà tumulata nel cimitero di Villanoce di Rezzoaglio. La presente vale da partecipazione e ringraziamento. Lavagna, 25 maggio 2010. Onoranze Funebri Arata Bruno Chiavari ­ Tel. 0185.36.04.49. Il personale dello studio del dottor Matarazzo è vicino alla signora Rita e famiglia per la perdita della cara mamma signora

Irene Alla cara Donna

Irene Un affettuoso saluto. Ti ricorderemo sempre con affetto.Ci mancherai. Giunio e Mariann Materazzo.

È mancato all'affetto dei suoi cari

Santo Tinè Lo annunciano addolorati i figli Stefano e Vincenzo, i nipoti Mariaenrica e Francesco e tutti i familiari. I funerali avranno luogo mercoledì 26 maggio alle ore 14.30 presso la chiesa di Camigliano Santa Gemma (Lu), appuntamento il giorno stesso alle 13.30 al casello autostradale di Capannori.

Ci ha lasciati

Irene Venneri ved. Di Sansebastiano Moglie, madre, nonna ed amica indimenticabile. Ai figli Rita, Rosaria, Roberto e Carlo ed alle loro famiglie il nostro abbraccio più caro. Mike e Paola Matarazzo.

=

Munita dei conforti religiosi si è addormentata l' anima buona di

Anna Zille ved. Falchero Ne danno il triste annuncio Lorenzo con Clara, Federico e Carola, Adelia, la cara Luba, i parenti e tutti coloro che le hanno voluto bene. I funerali avranno luogo mercoledì 26 maggio 2010 alle ore 10 nella parrocchia di Santa Maria Assunta di Carignano. Il Santo Rosario sarà recitato martedì 25 maggio 2010 alle ore 18.30 presso le camere ardenti dell'Ospedale Galliera. Un particolare ringraziamento a tutto il personale della Sala 31 dell' Ospedale Galliera. Non fiori ma opere di bene. A.Se.F del Comune di Genova Tel. 010.291.55.01 Beppe e Edda con Carlo e Alessandra si uniscono al dolore di Lorenzo e famiglia per la perdita della cara

Mamma "Non abbiate paura! Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo..." (Giovanni Paolo II)

2009 25 maggio 2010

Ferdinando Ingrao Oggi come ieri e come domani. Come se fossi semplicemente nella stanza accanto ed insieme a Laura, nel nostro cuore e nei nostri pensieri. La moglie Elena Anastasi, la figlia Licia.

2009 25 maggio 2010

Mario Onida Sei sempre nei nostri cuori. La mamma ora è con te. Gianni, Patrizia, Paola.

2009 25 maggio 2010

Maurizio Truffa Un anno fa raggiungevi la tua amata Vanda, ma nulla è cambiato. Sei stato, sei e sarai sempre il mio grande "Daddy". Proteggi, da lassù, me e la mia famiglia. Tua figlia Anna Paola.

2000 25 maggio 2010

Mario Vaini Sei sempre nel nostro cuore e nei nostri pensieri. Carla, Fanny, Adriano. Genova, 25 maggio 2010.


IL SECOLO XIX

cronache

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

9

MANUELA LA PIÙ PICCOLA, AVEVA UN ANNO

ADRIANA L’ITALIANA PIÙ PICCINA: 2 ANNI

DENISE UN MISTERO LUNGO SEI ANNI

MADELEINE UN GIALLO INTERNAZIONALE

NDA E GABRIEL SCOMPARSI DA SANREMO

LUCIA UNA RICERCA LUNGA 44 ANNI

Manuela Mohamud aveva un anno quando sparì da Roma nel gennaio ’99. Da un anno viveva con mamma e fratellino al centro Auxilium di Genova

Adriana Benedetta Roccia sparì a 2 anni, nel ’90, da Cetraro (Cosenza). Con i genitori era in un bosco. Papà furono indagati, poi prosciolti

Denise Pipitone aveva 4 anni quando sparì da Mazara Del Vallo (Trapani) nel 2004. Sono a processo la sorellastra Jessica e il suo ex fidanzato

Madeleine McCann, 4 anni, inglese, sparisce in Portogallo nel 2007. È in ferie con i genitori che, al rientro da una cena, non la trovano più in hotel

Nel 2005, a 14 anni, in gita scolastica, sparì a Sanremo Nda Bakila. Della congolese si sono perse le tracce, così come di Gabriel Kamalandua, 17 anni

Lucia Palomba, 16 anni, nel ’66 sparì da Torre del Greco. Dopo una visita a un’amica non è mai più tornata a casa. Un giallo di cui ha parlato “Chi l’ha visto?”

OGGI SI CELEBRA LA GIORNATA MONDIALE DEL “MISSING CHILDREN”

Ogni giorno spariscono tre minori Adolescenti in fuga, bimbi rapiti: Telefono Azzurro studia strategie e interventi LORENZO CRESCI

10.768

LA STORIA

IL PAPÀ DISPERATO: «MIA FIGLIA HA SPENTO IL TELEFONO, È SPARITA, NON L’AVEVA MAI FATTO» ••• ARRIVA sulla linea 116.000 la

chiamata di un padre di famiglia. La NASCE negli Stati Uniti, ma è solo sua figlia diciassettenne è scompar­ una questione di iniziativa. Il feno­ sa. L’uomo riferisce che dopo una meno, quello della scomparsa dei discussione, avrebbe comunque ac­ minori, è purtroppo universale. E compagnato la figlia nel luogo di ri­ uniscecomenull’altroalmondopae­ trovo con i suoi amici. E così ha fat­ si ricchi a quelli poveri. Nasce negli to. Riferisce di averla accompagnata Usa, quindi, come “Missing Childre­ con un accordo: tornare a casa con n’s Day”, la giornata mondiale dedi­ la sorella, di 19 anni. Ma lei non ha cata agli scomparsi. Accadde venti­ avuto notizie della sorella. L’uomo cinqueannifa,perricordarelaspari­ prosegue il racconto: dice agli ope­ zionedelpiccoloEthanPatz,rapitoa ratori di Telefono Azzurro di aver New York il 25 maggio del 1979. Oggi provato a contattare più volte la fi­ un pensiero va a decine di migliaia di glia al cellulare, che risulta essere persone: 222 solo in Italia nei primi sempre spento. Gli operatori cerca­ tre mesi di quest’anno. Numeri in­ no di comprendere anche dal punto credibili, impensabili. Spariti per di vista psicologico che cosa possa proprio volontà, soprattutto i ragaz­ essere allora accaduto. La figlia non zi in fase adolescenziale, oppure vit­ time di tragedie. Ma anche al centro di tratte internazionali per lo sfrut­ tamento sessuale. Temi che oggi a RomailTelefonoAzzurroaffrontain misteriose:iragazzichescompaiono unconvegno(alSenato,salaZuccari, sono bambini che si perdono, che dalle9)chehal’obiettivosoprattutto vengono rapiti, che sono sottratti da di puntare su strategie e interventi. uno dei due genitori, ragazzi italiani Telefono Azzurro, presieduta dal o stranieri che si allontanano volon­ professor Ernesto Caffo, rappresen­ tariamente da casa o da un istituto. ta nel nostro paese Missing Children Nello scenario internazionale, i Europe ­ la Federazione europea per minoriscomparsisonounatematica i bambini scomparsi e sfruttati ses­ di rilievo sociale tanto da aver com­ sualmente, che raggruppa 24 Ong, portato la nascita di istituzioni che attivein17Statimembridell’Unione focalizzano l’impegno sul tema. In Europea, e che collabora con l’Inter­ Italia l’esempio è Telefono Azzurro. national Centre for Missing and Enelnostropaese,cosìcomeintutta Exploited Children di Washington, Europa, c’è un servizio telefonico ­ il del cui board Caffo è membro. 116.000 ­ che permette di dare indi­ Il ruolo di Telefono Azzurro, asso­ cazioni o denunciare ventiquattro ciazione con espe­ orealgiorno,7gior­ rienza ultraven­ ni su 7, i casi dei tennale, è impor­ bambini scompar­ IMMIGRAZIONE tanteancheinchia­ si. ve psicologica, con I dati: nel 2009 Il fenomeno un contributo in sono stati 1.033 i chiave di preven­ migratorio influisce: minori italiani e zione, ma anche di sempre più ragazzi stranieri per i quali gestione della com­ state attivate fuggono dai centri sono plessa problemati­ segnalazioni di ri­ d’accoglienza ca.Oggiquellodella cerca sul territorio scomparsa dei mi­ e che risultano in­ nori è affare sem­ seriti nell’archivio pre più complesso da affrontare. È delle ricerche. Dal 1° gennaio al 4 storia recente il traffico di bambini marzo di quest’anno sono già 222 le avvenuto subito dopo il terremoto di segnalazioni effettuate. Dal 2007 al Haiti. Sono nella mente storie di 2009 l’incremento è stato sempre bambini spariti nel nulla: Denise Pi­ maggiore: aumentano le scomparse pitone, Angela Celentano o Maddie di minori straniera e la fascia più sono solo alcuni dei casi che trasmis­ consistente da rintracciare è quella sioni televisive come “Chi l’ha vi­ trai15ei18anni,costituitaperlopiù sto?”ositiinternetcomequellodella da ragazzi che si allontanano di pro­ polizia di Stato hanno nel corso degli positodaldomicilioodallacomunità anni contribuito a imprimere nella che li ospita. Per la categoria dei mente della gente. Così come il caso­ bambinifinoai10anniemergeunfe­ Claps, arrivato a una conclusione, nomeno, invece, irrilevante nelle al­ ancorché triste, con il ritrovamento tre fasce d’età: la sottrazione nazio­ dei resti della ragazza, grazie anche nale o internazionale. I minori alla tenacia di familiari e di trasmis­ scomparsi e ancora da rintracciare sioni tivù. dal1974al2009inItaliasono10.768: Eppure ogni giorno, in Italia, due 1.994 italiani, 8.774 stranieri. minori spariscono in circostanze © RIPRODUZIONE RISERVATA

gli scomparsi in 25 anni In Italia, dal 1974 al 2009, sono spariti quasi 11 mila minorenni, di cui 1.994 italiani e 8.774 stranieri: dove siano finiti è ancora un mistero

avrebbe mai avuto in precedenza comportamenti simili; alla richiesta di un’ipotesi sul possibile luogo in cui si trovi la minore, il genitore avanza l’idea che si sia recata in un’altra città, ma non ha saputo dare ulteriori indicazioni. Allora gli opera­ tori della linea telefonica invitano il padre ad avvertire le forze di Polizia e identica cosa fanno gli operatori stessi. Il giorno dopo la soluzione del caso: la polizia riesce a mettersi in contatto telefonico con la ragazzina. A questi la minore avrebbe comuni­ cato di essersi recata a un concerto a insaputa dei genitori e di essere in ottime condizioni di salute. E nessun problema, garantisce la ragazza ai carabinieri: «Tornerò a casa».

1.033

La mamma di Denise Pipitone manifesta davanti a Montecitorio: era il 2004

i minori spariti nel 2009 Attivate le segnalazioni di ricerca, di loro non si sa nulla. Tra le cause della crescita di sparizioni, la sempre maggiore instabilità familiare

A.M.I.U. GENOVA S.P.A.

ieri

www.lineadue-at.it

IL CASO

oggi

Via D’Annunzio 27 - 16121 GENOVA Area Approvvigionamenti e Affari Generali - Ufficio Gestione Gare Telefono: 0105584458 - Fax 0105584451 - email: gare@amiu.genova.it A.M.I.U. Genova S.p.A. esperisce gara a procedura ristretta accelerata per l’aggiudicazione della fornitura in due lotti, con relativo contratto di manutenzione full service, di n. 17 spazzatrici idrostatiche aspiranti con opzione di acquisto per ulteriori n. 21 spazzatrici identiche. A base di gara è stato posto un importo complessivo di Euro 8.860.000,00 oltre I.V.A. L’aggiudicazione avverrà in favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa secondo i criteri enunciati nel Disciplinare di gara. Le domande di partecipazione dovranno pervenire all’indirizzo in intestazione entro le ore 12 del 16 giugno 2010. Il bando integrale è stato inviato alla G.U.C.E. in data 20 maggio 2010, in pubblicazione sulla G.U.R.I., affisso all’Albo Pretorio del Comune di Genova e scaricabile dal sito www.appaltiliguria.it. La documentazione di gara è altresì disponibile sul sito www.amiu.genova.it nonché ritirabile gratuitamente all’indirizzo in intestazione. Lotto 1 C.I.G. n. 0486032E47; Lotto 2 C.I.G. n. 0486039411. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (Avv. Corrado Grondona)

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Atlantia S.p.A. Sede Legale: ROMA - Via Alberto Bergamini, 50 STAZIONE APPALTANTE: DIREZIONE 1° TRONCO - GENOVA

ESITO GARA

Ripristino delle persiane effettuato presso agenzia SAI di via XX Settembre a Genova

Ritiriamo le vostre vecchie persiane, le sverniciamo, le ripariamo, le verniciamo e le rimontiamo, registrando le chiusure mantenendo inalterato il pregio del legno. azioni Per inform

Pubblicazione ai sensi degli artt. 65 e 66 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. dei risultati della seguente procedura aperta: CODICE APPALTO N. 58/GE/2009 - Appalto misto di lavori e servizi per l’esecuzione di: lavori di manutenzione della segnaletica orizzontale comprensiva del lavaggio e della tinteggiatura dei piedritti delle gallerie; segnaletica orizzontale su nuova pavimentazione, interventi segnaletica verticale, segnaletica orizzontale su Piste Viacard e Telepass; servizi di sorveglianza e monitoraggio autostradale, reperibilità per verifica segnaletica orizzontale e verticale danneggiata da incidenti e/o da altri eventi e implementazione informatizzata delle attività svolte; ubicati nelle tratte delle Autostrade: A/7 Ge-Serravalle; A/12 Ge-Sestri Levante; A/10 Ge-Savona dal km 0+000 al km 45+000; A/26 dei Trafori Voltri-Gravellona comprendente le bretelle A/26-A/7, A/26-A/4 e A/26-A/8. Procedura aperta ai sensi dell’art. 55 del D.Lgs. n. 163/2006. Bando di gara pubblicato in data 24/12/2009 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea ed in data 28/12/2009 sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 152. Numero di offerte pervenute: 3 (tre). Aggiudicatario: SEA SEGNALETICA STRADALE S.p.A, Regione Ratto - 15057 TORTONA (AL), con il ribasso offerto dell’1,50% per un prezzo netto di € 8.585.524,08 di cui € 849.392,29 per oneri di sicurezza non assoggettati a ribasso. Appalto aggiudicato in data 04.05.2010. Il presente avviso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 59 del 24.05.2010 e sulla Gazzetta Ufficiale della Unione Europea il 19.05.2010. Inoltre, l’avviso stesso è disponibile sui siti internet: www.autostrade.it - www.serviziocontrattipubblici.it

A U T O S T R A D E // PER L’ITALIA S.p.A. Direzione 1° Tronco - Genova Il Direttore di Tronco Ing. Alessandro Melegari Internet: www.autostrade.it • www.serviziocontrattipubblici.it

Publirama S.p.A.

P.zza Piccapietra 21 - 16121 Genova - tel. 010 53641 - fax 010 543197

concessionaria per la pubblicità locale

RECUPERARE CONVIENE COSTIGLIOLE D’ASTI (AT) Tel: 0141 969212 simet2srl@virgilio.it

Milanofiori Strada 3, Palazzo B/10 - 20090 Assago tel. 02 57577275 - 02 575771; fax 02 57577222

concessionaria per la pubblicità nazionale


10

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010


IL SECOLO XIX

cronache IL CASO BRIATORE RIASSUNTO delle puntate prece­ yachtcheèunpo’lacasaincuiilfiglio

Yacht sequestrato, fa boom sui siti la Gregoraci che non allatta più Raffica di interventi sul web. Il popolo di Internet: sembra Beautiful

denti. Motovedette della Guardia di finanza accerchiano uno yacht blu di una sessantina di metri, al largo della Spezia,Liguria.Abordounasignorae il figlio di due mesi. Oltre a una venti­ na tra marinai, tate, personal trainer, massaggiatori. Quando le fiamme gialle salgono a bordo dello yacht lo fanno in forze, togliendosi prima le scarpe, come richiesto dalla signora, poi scattando foto e facendo filmati. Lo yacht ­ sul cui principale utilizza­ tore, un noto manager italiano, pen­ de l’accusa di contrabbando e evasio­ ni fiscali ­ viene portato in un portic­ ciolo, alla Spezia, e lì ormeggiato. La donna,ilfiglio,elostaffvengonoinvi­ tati a lasciare la barca. Seconda puntata. Il marito fa sape­ reche«nonsitrattanocosìunamam­ maeilfiglioletto».Emetteinmotogli avvocati per farsi restituire quello

sta crescendo, visto che l’abitazione di Montecarlo non è ancora pronta. Terza puntata. Il dramma: «Ho do­ vuto lasciare lo yacht in fretta, è stato unochoc.Hopersoillatte,eccocosaè successo.Emiofigliosideveabituare a quello artificiale, il pediatra me ne ha suggerito uno molto buono, pare il migliore, però nessun latte sarà mai come quello della mamma. Sto pren­ dendodellecoseperfarmelotornare. E sì che lo avevo allattato da subito, pure con sacrifici, perché allattare è una cosa bellissima, ma è anche stan­ cante, un neonato mangia ogni due­ tre ore, svegliarsi di notte per accu­ dirlononèmicaunoscherzo».Cosìla donna al Corriere della Sera. Quarta puntata. Su un sito (tgcom.it) ecco le foto della donna: per il weekend s’è dovuta trasferire a Forte dei Marmi (Versilia). Lei e il La Gregoraci con cane

BRIGITTA BULGARI, UNGHERESE, HA 27 ANNI

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

11

marito hanno trovato quel che pote­ vano, una suite in un hotel a 5 stelle lusso. Foto su foto: lei con il cane a passeggio. Lei con il cane che fa pipì sul prato. Lei con il cane e anche al cellulare. Lei che bacia il cane. Lei sul terrazzo che ride, è bella quando sor­ ride. E poi: lui sportivo ma elegante che sale in macchina. E il bimbo de­ lattato? Foto uno: con la tata. Foto due: con la tata. Foto otto: con la tata. Prima di un’altra puntata, magari da Londra, dove sono volati domeni­ ca, le parole usate nelle confessioni: «Terribile», «La pagheranno», «Ho pianto», «Un trauma». Qualcuno di­ ce: è Beautiful? No, la storia più letta sui siti italiani, Secolo XIX compreso. Ps.Inomideiprotagonisti,già:Fla­ vio Briatore, Elisabetta Gregoraci, FalcoNathan.Maèvero,potevaesse­ re Ridge, Taylor, Brooke... [TGCOM.IT]

L. CRE.

TRIESTE

Show hard con minorenni pornostar finisce in carcere Indagini avviate dopo la segnalazione di video a luci rosse su Facebook GIUSEPPE GIANNOTTI

L’HANNO ARRESTATA tre mesi dopo aver tenuto una spettacolo hard in una discoteca di Fossato di Vico, in Umbria. Brigitta Bulgari, 27 anni, pornostar ungherese, è accusata di pornografia minorile e atti osceni in luogo pubblico per averpermessochealcunispettato­ ri, diversi dei quali risultati poi mi­ norenni (15­16 anni), la toccassero anche nelle parti intime. Ad accer­ tare l’accaduto sono stati i carabi­ nieri che, anche dopo avere visio­ nato filmati e foto messi su Face­ book, hanno arrestato l’artista do­ menica sera a Montebelluna dove si trovava per uno spettacolo. I carabinieri della compagnia di Gubbio le hanno notificato l’ordi­ nanza di custodia cautelare in car­ cere disposta dal gip di Perugia Claudia Matteini, lo stesso giudice che ha disposto l’arresto di Aman­ da Knox, il suo fidanzato Raffaele Sollecito e il musicista Patrich Lu­ mumba Diya, accusati dell’omici­ dio della studentessa inglese Me­ redith Kercher. Lumumba, come si ricorderà, è stato poi completa­ mente scagionato. Avvisi di garan­ zia per gli stessi reati contestati al­ la Bulgari sono stati notificati al ti­ tolare del locale di Fossato di Vico e a un suo collaboratore. Lo spettacolo che ha portato al­ l’arresto di Bigitta Bulgari (il vero nome è Brigitta Kocsis, originaria di Budapest) risale al 27 febbraio scorso. La pornostar è stata arre­ stata ­ è spiegato nell’ordinanza del gip ­ per avere con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, compiuto atti osceni consistiti nell’essersi spogliata completamente ed essersi esibita, ancheinun’esplicitamasturbazio­ ne,all’internodiunlocaleapertoal pubblico, privo di autorizzazione per tali spettacoli ed alla presenza di minori (oltre una decina) e per averli sfruttati per realizzare l’esi­ bizione stessa». Terminologie che obiettivamente suonano un po’ stonate nel 2010. A far scattare le indagini, diversi giorni dopo lo show, le ripetute vo­ ci, secondo le quali in quella disco­ teca l’artista ungherese aveva dato vita a uno spettacolo hard coinvol­ gendo i ragazzi. Un fatto che non poteva passare inosservato in un paesino di 2.744 abitanti. Il tutto documentato da filmini e foto rea­ lizzati con cellulari da parte di spettatori che avevano molto gra­ dito l’esibizione e avevano poi messo il materiale su Facebook in­ sieme a commenti entusiastici. Messaggichequalcuno,forsequal­ che genitore, ha notato, decidendo

di avvisare i carabinieri. Avviate le indagini, è stato così accertato che alcuni messaggi erano risultati la­ sciati da minorenni. Dai filmati è poi emerso che la Bulgari oltre ad avere fatto uno spettacolo di nudo integrale, cosa già vietata per una discoteca, aveva proseguito, in un’escalation sensuale, toccando­ silepartiintimeeconsentendopoi adalcunispettatoridiavvicinarlae a loro volta accarezzarla e toccarla in tutto il corpo. Dai filmati i carabinieri hanno identificato alcuni dei ragazzi pre­ senti allo spettacolo, che sono stati sentiti come testimoni, confer­ mando quanto in effetti si vedeva nei filmati. A fine spettacolo Bri­ gittaBulgarihapoiaccettatodifar­ si fotografare con gli spettatori che ne facevano richiesta. E anche fra questi ci sarebbero alcuni minori. Al termine dell’indagine il gip ha disposto l’arresto, giustificandolo con il rischio di reiterazione del re­ ato e quello di fuga, essendo la Bul­ gari residente a Budapest. giannotti@ilsecoloxix.it

Un’immagine di Brigitta Bulgari tratta da uno dei suoi calendari

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PARLA IL MANAGER RICCARDO SCHICCHI

«QUESTO ARRESTO CI PORTA INDIETRO DI TRENT’ANNI» L’INTERVISTA «PROVOuncertosensodipersecu­ zione. Questo arresto ci porta in­ dietroditrent’anni,quandoioeIlo­ na Staller venivamo regolarmente perseguitati e arrestati per i nostri spettacoli in giro per l’Italia». Ric­ cardoSchicchi,57anni,ilredelpor­ no, è profondamente amareggiato. Ieri ha passato la giornata al telefo­ no con il suo legale, l’avvocato Bru­ no Operto, di Torino, per cercare di tirar fuori dal carcere Brigitta Bul­ gari, una delle pornostar della sua scuderia. Ha fatto tante battaglia per la li­ bertà sessuale Schicchi, ha portato Cicciolina in Parlamento, ha lan­ ciato Moana Pozzi, ha creato una società con tante ragazze, produ­ cendo film e spettacoli hard. Schicchi, cosa è successo con Brigitta Bulgari? «Una cosa paradossale, assurda. L’hanno arrestata per uno spetta­ colo che ha fatto a febbraio, dopo mesi di indagini. Era a Montebellu­

Riccardo Schicchi

na per una serata, all’improvviso si è vista arrivare i carabinieri. Ora è rinchiusa nel carcere di Belluno, tutta sola. Nessuno di noi ha potuto parlarle, nemmeno l’avvocato. La stanno trattando come una crimi­ nale». La sua colpa? «Stava facendo uno spettacolo hard in un locale a Fossato di Vico quando è stata avvicinata, come ac­ cade in questi casi, da persone del pubblico. Lei si è fatta avvicinare, l’hanno fotografata, hanno ripreso immagini. L’artista non è tenuta a chiedere i documenti a ragazzi alti

un metro e novanta che poi si è sco­ perto essere diciassettenni. Non è certo lei che deve capire o ricono­ scere dei minorenni in una sala se­ mibuia, come succede quando si fanno spettacoli di questo tipo. Cri­ minale semmai è chi ha diffuso im­ magini non autorizzate». La responsabilità dovrebbe essere del titolare del locale. «Sì, naturalmente. Se c’è uno spettacolohardèiltitolaredelloca­ lechedeveaccertarsichenonentri­ no minorenni. Il fatto più grave è che Brigitta è stata arrestata con l’aggravante della pornografia sui minori, oltre all’accusa di atti osce­ ni in luogo pubblico. Per lei sarà certamente uno shock psicologico. E parliamo di un’artista che ha cambiato il comune senso del pu­ dore in Italia, senza mai utilizzare i minori e senza consentire alle baby gang di entrare nelle nostre tra­ sgressioni». Ora che farete? «Per prima cosa cercheremo di tirarla fuori da questa detenzione ingiusta.Questaèlaprioritàassolu­ ta.Poitoccheràalnostroavvocato». G. G.

Il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza

Il sindaco anti­pipì all’attacco di Fido Multa ai cani che “mirano” ad auto e moto ELISA LENARDUZZI

esprimersi, schietto e diretto, sono learmichehannofattolafortunadel TRIESTE. Portareilcaneafarelapi­ berlusconiano Roberto Dipiazza, 57 pì? Un'abitudine che a Trieste ri­ anni, imprenditore di successo (è schia di diventare cara quasi quanto proprietario di una catena di super­ una rata del mutuo. Dopo aver di­ mercati) approdato alla politica pri­ chiarato guerra alla pipì per strada ma come sindaco di Muggia e poi di (500 euro di multa), a chi imbratta i Trieste,dovedal2001guidaunacoa­ muri con spray e manifesti (7mila lizionedicentrodestrachesolonegli euro) e addirittura a chi sputa a terra ultimi tempi sta mostrando le prime la gomma americana (500 euro), crepe. Se il suo interesse per la puli­ l'amministrazione guidata da Ro­ zia e il decoro cittadino sia frutto del berto Dipiazza continua la sua cam­ rigore austroungarico che si respira pagna in difesa del decoro urbano, a Trieste, sua città d'adozione, o se scegliendo come “vittima sacrifica­ invece derivi da qualche “mania” le” l'amico più fedele dell'uomo. personalenonèdatosapere.Dicerto Secondo il nuovo Regolamento giàinpassatoDipiazzaavevacataliz­ per la gestione dei rifiuti urbani e la zato l'attenzione dei media con la pulizia del territorio (documento sua crociata contro la pipì in strada, che a breve approderà in Consiglio una vera e propria battaglia che dal comunale per l'ap­ 2008 a oggi ha provazione), se Fi­ mietuto oltre 200 do verrà sorpreso a vittime, tra cui IL “PRECEDENTE” farepipìsulleruote una ragazza: tutte di auto e moto, ma «Orinate in mare» sorprese in fla­ anche su stipiti di dalle cosid­ fu l’invito rivolto grante portoni, porte, ve­ dette “ronde anti­ trine di negozi, pipì”, mentre usa­ ai giovani panchine, fioriere vano muri e viot­ in occasione e altri elementi toli del centro cit­ di un concerto dell'arredo urba­ tà come vespasia­ no, al malcapitato ni a cielo aperto. padrone di turno Per loro non c'è toccherà sborsare una cifra che va stato scampo: l'ordinanza prevede dai 50 ai 300 euro. Un'inezia in con­ penesevere,finoa500eurodimulta. fronto alla punizione prevista per Ladifesaaoltranzadeldecoronon chidimenticheràacasapalettaesac­ ha risparmiato poi lavavetri, vendi­ chetto per raccogliere le deiezioni: si tori ambulanti abusivi e mendicanti, vadai100ai600eurodimulta,desti­ messi al bando. Ora tocca a cani e pa­ nati a salire a 250­1.500 euro se i bi­ droni.Mastavoltailsindacomettele sognini non saranno raccolti. mani avanti, rifiutando di vedere ac­ Non è la prima volta che Trieste, e costato il suo nome all'ennesima in particolare il suo istrionico sinda­ questione­pipì. «È un'iniziativa che co, salgono agli onori delle cronache non condivido: come puoi gestire la per questioni... di pipì. Indimentica­ pipì di un cane? Gli metti per caso un bile il primo episodio, del 2005, tappo?», è stato il commento ironico quando in occasione di un mega­ di Dipiazza, che ha rimandato ogni concerto in piazza dell'Unità, Di­ responsabilità al suo assessore allo piazza arrivò a suggerire alle miglia­ sviluppo economico, Paolo Rovis, ia di giovani che lamentavano la promotore del regolamento. «È una scarsità di servizi igienici di adottare norma di difficile applicazione e che la più antica delle soluzioni: «Fare va contro la logica – ha concluso il pipìinmareèunadellecosechedan­ sindaco ­: per questo la farà modifi­ no più soddisfazione...». care una volta approdata in consi­ Proprio l'ironia e il suo modo di glio».


12

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

liguria

PIANO CASA

OGGI ARRIVA IL SEGRETARIO BONANNI

Di Pietro: «Il Pd impari che siamo alleati non sudditi» L’Idv difende l’assessore Fusco. Vertice di maggioranza in Regione BRUNO LUGARO

GENOVA. «Avanti così: il Pd deve

imparare che noi siamo alleati non sudditi». A riferire le parole pro­ nunciare ieri da Antonio Di Pietro nell’incontro romano con tutti gli eletti dell’Idv nelle Regioni, è Gio­ vanni Paladini, leader ligure del partito. La polemica sul Piano casa che ha messo l’uno contro l’altro democratici e dipietristi a sole due settimane dall’insediamento della giunta­Burlando, è diventata un caso nazionale. E ieri Di Pietro, parlando ai suoi di alleanze e pro­ grammi, ha fatto un riferimento proprio alla vicenda ligure, per ri­ cordare che il partito deve essere pronto a frenare eventuali «vellei­ tà egemoniche» da parte del Pd. «Ed è proprio quello che sta acca­ dendo a Genova ­ sottolinea Pala­ dini ­ dove i democratici annuncia­ no,senzaconfrontarsicongliallea­ ti, iniziative almeno discutibili su sanità e turismo, e poi pretendono di dettare a noi l’agenda sul Piano casa. Con questi atteggiamenti non si va lontano». Nel centrosinistra tutti ne sono consapevoli, tant’è che per oggi, in Regione, è prevista una riunione di maggioranza per cercare di ricompattare la coalizio­ ne. Sarà una resa dei conti? «Sarà l’oc­ casioneperchiarire­spiegaancora Paladini ­ che ogni assessore, non solo il nostro (Marylin Fusco, ndr) ha il dovere di confrontare le sue idee con gli alleati. E non mi sem­ bracheMontaldoeBerlangeril’ab­ biano fatto. L’altra cosa da chiarire è che siamo in giunta per dare uno scossone alla Liguria, perché que­ sto ci chiede la gente». Per ora, dunque, nessuna tregua. Il silenzio ostinato di Burlando, poi, è la conferma di una situazione di impasse che certo il presidente della Regione non immaginava di dover affrontare così presto. «Per­ ché Burlando non parla? Semplice ­ secondo Paladini ­; era d’accordo con la Fusco sulla necessità di rivi­ sitare il Piano casa..». Ed è rimasto spiazzato dalla reazione della sini­ stra che di allargare le maglie della legge non vuole neppure sentir parlare. «Si darebbe spazio agli speculatori, con ulteriori danni al territorio» sostengono Federazio­ ne della sinistra e vendoliani. Ieri il Secolo XIX ha provato a rompere il riserbo di Burlando: «Presidente, come giudica quanto staaccadendoconl’Idv?».Risposta seccata: «Non giudico». Appena più loquace la Fusco, vicepresiden­ te della giunta regionale: «Chiari­ remo tutto domani (oggi per chi legge,ndr).L’Idvèunalleatolealee dapartemianonc’ènessunainten­ zione di imporre alcunché alla maggioranza. Sul Piano casa deci­ deremo tutti insieme, come è natu­ ralechesia».InsilenzioancheilPd, in attesa della riunione di maggio­ ranza. L’unica voce che trapela è di piena condivisione delle parole della capogruppo democratica Raffaella Paita che aveva preso le distanze dalla parole della Fusco. Naturalmente, in questa bufera, sguazza l’opposizione. «Sono pas­ sate appena due settimane e in maggioranza tira aria di tempesta ­ affermano i consiglieri regionali del Pdl ­. Già durante la campagna elettorale avevamo evidenziato la frammentarietà della compagine di Burlando, unita solo per rag­ giungere il quorum che consentis­ se alla sinistra di vincere le elezio­ ni». E quanto sta accadendo, se­ condo il centrodestra, ne è la con­ ferma. Di più, il Pdl sostiene che le aper­

Raffaele Bonanni (a destra) con il segretario della Cisl Scuola, Scrima

IL SILENZIO DEL PRESIDENTE Il presidente Claudio Burlando si è chiuso in un rigoroso silenzio sulla vicenda del Piano casa che sta infiammando il clima in maggioranza. Oggi, forse, le prime dichiarazioni

MARYLIN SULLA GRATICOLA Piano casa: sui nuovi cantieri edili è scontro in maggioranza

ture di Burlando all’opposizione derivano dalla consapevolezza del presidente di avere alle spalle una maggioranzafragile.QuantoalPia­ no casa, l’opposizione si compiace per le dichiarazioni dell’assessore Fusco «che raccolgono le istanze già manifestate più volte in campa­ gna elettorale dal centrodestra». Ossia, la revisione della legge in senso più estensivo, con la previ­ sione di benefici anche per le im­ prese industriali, artigianali e agri­ cole,oltrechéperl’ediliziaresiden­

IL PDL

«La maggioranza è già spaccata, ecco perché Burlando cerca di coinvolgerci»

ziale. Una riproposizione, nella so­ stanza, delle modifiche al Piano che il Pd aveva già cercato di inseri­ re lo scorso autunno, ma alle quali rinunciò per la ferma opposizione diRifondazionecomunistaeVerdi. Alla fine fu proprio il presidente Burlando a chiedere al partito di non forzare la mano per evitare pe­ ricolosi strappi a pochi mesi dalle elezioniregionali.EilPianorimase sostanzialmente quello licenziato dalla giunta. Ieri, infine, anche il Psi ha detto la sua. «Pensavamo che Ruggeri fosse il campione incontrastato del cemento, ma, a quanto pare, la si­ gnora Fusco gli dà dei punti» ha af­ fermato il segretario regionale Mauro Gradi. «La via maestra del­ l’edilizia per noi socialisti ­ aggiun­ ge ­ è il recupero del patrimonio abitativo esistente, prima di un’ul­ teriore occupazione del territorio con nuove costruzioni». lugaro@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LETTERA AL LEADER DELL’ITALIA DEI VALORI

MURATORE: «PROMESSE NON RISPETTATE» ••• RIMASTA FUORI dal consiglio re­ gionale, nonostante 1.497 voti di pre­ ferenza, oggi dice che si sente ormai ai margini del suo partito. L’ex capo­ gruppo dell’Italia dei valori in Regio­ ne, Carmen Patrizia Muratore non si rassegna e scrive ad Antonio Di Pie­ tro: «Sono la prima dei non eletti e ho molto apprezzato l’invito del pre­ sidente all’ultimo esecutivo naziona­ le e le sue parole sulla linea del parti­ to riguardo ai doppi incarichi e al coinvolgimento di tutte le compo­ nenti... Ma percepisco una lontanan­ za tra le parole di Roma e i fatti di Genova. Percepisco, come già da tempo percepivo, che qualcuno non mi voglia parte della “famiglia”, no­

nostante parole e promesse non mantenute». Muratore fa riferimento alla mancata rinuncia al posto da consigliere regionale da parte di Ma­ rilyn Fusco, una volta diventata as­ sessore e vicepresidente della giunta regionale (questo avrebbe consenti­ tito a Muratore di rientrare). Ma l’ex capogruppo racconta anche di esse­ re «del tutto dimenticata ed emargi­ nata». Una delle ragioni va ricercata, probabilmente, nell’appoggio politi­ co che in campagna elettorale aveva avuto da un rutelliano come Claudio Gustavino. Questo aveva suscitato il timore di un “cambio di casacca”. Lei smentisce: «Non lascio l’Idv, vorrei solo continuare il mio lavoro».

Marylin Fusco, assessore all’Urbanistica, è la protagonista della querelle. Ieri ha detto: «Non voglio imporre nulla, farò scelte condivise da tutti»

LA REPRIMENDA DI RAFFAELLA Per Raffaella Paita, capogruppo del Pd, quella della Fusco è stata una incauta fuga in avanti, poiché non si era ancora discusso in maggioranza di modifiche al Piano casa

La Cisl: «Un nuovo Statuto del lavoro» Festa per i 60 del sindacato a Genova DANIELA ALTIMANI

gure. Trarrà le conclusioni il segre­ tario generale Cisl Raffaele Bonan­ GENOVA. Lo Statuto dei lavorato­ ni, presto chiamato, insieme agli ri? Una pietra miliare della storia omologhi di Cgil e Uil, a esprimersi italiana . Ma le pietre miliari si ono­ sulla manovra economica del go­ rano «per andare oltre». Così la verno. pensa la Cisl che oggi a Genova, al Quasi certamente sarà imposto il porto antico sotto il tendone delle blocco del rinnovo dei contratti nel feste, celebra un doppio anniversa­ pubblico impiego, dove la Cisl rac­ rio, i suoi sessant’anni di vita e i coglie molte adesioni. «Sono tutti quarantadellostatutochegliitalia­ in scadenza, sanità, scuola..­ am­ ni, secondo un sondaggio compiuto mette Antonio Graniero, segreta­ alcuni mesi fa dalla Demos & Pi, rio della Cisl genovese ­ Purtroppo mettonoancoratragliavvenimenti nonsaràfacileapplicarenelsettore che più hanno pubblico il nuo­ contribuito a vo modello con­ modernizzare il trattuale che ab­ PORTO ANTICO, paese, evento biamo avviato IL PROGRAMMA preceduto, sem­ nel settore pri­ pre stando all’in­ LA CELEBRAZIONE dei vato». Si annun­ dagine, soltanto sessant’anni della Cisl al ciano tempi dif­ dalla ricostru­ porto antico di Genova ficili, «il governo zione degli anni prevede oltre al convegno ­ aggiunge ­ pri­ ‘50 e ‘60 e ante­ sullo statuto dei lavoratori e ma di tutto do­ posto alla legge lo “statuto dei lavori” che vrebbe reintro­ sul divorzio. sarà concluso dal segretario durre la traccia­ «Dobbiamo an­ generale Raffaele Bonanni, bilità dei redditi dare verso uno momenti di festa con la che è stata aboli­ statuto dei nuovi premiazione alle 14.30 di 10 ta. É l’unico mo­ lavori ­ dice Ser­ tesserati storici della Cisl, do per combat­ gio Migliorini, alle 17.30 l’incontro con le tere l’evasione segretario gene­ comunità migranti e il fiscale, così co­ rale regionale dibattito con l’assessore ai me deve detas­ della Cisl ­ che servizi sociali del Comune di sare i redditi da tuteli chi oggi Genova Roberta Papi, dalle lavoro dipen­ non lo è, i preca­ 18.30 a mezzanotte la dente». Anche di ri, i lavoratori a musica con i gruppi etnici questo si parlerà tempo determi­ Voces de America, Da Zero, al porto antico, nato, chi non go­ Djammu Africa e Spiritual poi saranno pre­ de di alcun am­ Gangsta. miati dieci asso­ mortizzatore. ciati storici della Ne discuteremo Cisl genovese. Si oggiconeminentistudiosiche han­ iscrissero nel ‘48 quando la confe­ no anche idee diverse dalle nostre, derazione nata dalla scissione di ma il confronto è indispensabile». unacomponentecattolicaenonco­ Alle 10 parleranno di “statuto dei munista della Cgil non aveva il no­ lavori” e possibili alternative Gu­ me attuale (lo assunse nel ‘50). Og­ stavoDeSantis,segretariogenerale gi gliiscrittiallaCislinLiguriasono della Fondazione Giulio Pastore, 138.000, 65.000 dei quali pensio­ Pietro Ichino, docente di diritto del nati,glialtrilavoranoneisettoridei lavoro e senatore Pd, Michele Tira­ trasporti, del commercio, dell’edi­ boschi, direttore scientifico della lizia, della scuola e nelle poste. Fondazione Marco Biagi, insieme a altimani@ilsecoloxix.it Claudio Burlando, governatore li­ © RIPRODUZIONE RISERVATA


economia FTSE ALL SHARE

[

­2,43% 19.614

FTSE ITALIA STAR

[

­1,10% 10.246

FTSE MIB

[

­2,59% 19.030

FTSE MID CAP

[

­0,70% 22.305

pag h e + faci li l avo ro + s e m plic e www.pslpaghe.it commerciale@pslpaghe.it

EURO/DOLLARO

EURO/STERLINA

­1,10%

­1,10%

[

1,2360

[

0,8608

PETROLIO

\

+0,30% 70,23$

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

13

NASCE UNA NUOVA SOCIETÀ TRA MULTIUTILITY E IL FONDO DI GAMBERALE

ASSICURAZIONI

Iride­F2i, nasce il polo dell’acqua

Mutue, forum europeo oggi a Genova

Accordo per lanciare un’Opa su Mediterranea delle Acque: operazione da 150 milioni

GENOVA. Oggi a Genova appun­

ALBERTO QUARATI

GENOVA.

Un accordo firmato ieri, quasi a sorpresa. E la nascita a Genova del secondo operatore industriale del­ l’acqua in Italia, in termini di servizi e metri cubi erogati. Dietro i romani di Acea, e subito prima di Hera in Emilia Romagna. Operazione complessa, quella che ha porterà al matrimonio tra Iride e il fondo di investimenti F2i, specializzato nelle settore delle infra­ struttureenonacasoguidatodaunex­ tycoon del settore, Vito Gamberale. Tutto parte da Mediterranea delle Ac­ que, la società genovese controllata al 68% da Iride e per il resto da Veolia (17%), Impregilo (5%) e un flottante di investitori privati (9%). Obiettivo, so­ stituire questa parte delle quote pro­ prioconilfondodiGamberale,chedo­ vrebbeentrareconunaquotatrail33e il 40%. Tutto questo in una nuova so­ cietà, la San Giacomo, in cui converge­ ranno, insieme alle quote di F2i, tutte le controllate nella provincia di Geno­ va da Iride Acqua e Gas: oltre a Medi­ terranea, anche Amter e Idrotigullio. Il meccanismo, sarà quello dell’offerta pubblicadiacquistototalitaria,chesa­ rà lanciata a giugno a 3 euro su Medi­ terranea delle Acque, cui seguirà il de­ listing del titolo. Il controvalore mas­ simodell’offertaè33,6milionidieuro. Ieri il titolo è stato sospeso dalle con­ trattazioni per l’intera seduta. Secon­ do una fonte finanziaria, fra costo del­ l’Opa e i vari esborsi da parte del fondo F2i, l’operazione avrà un valore com­ plessivo che supera i 150 milioni di eu­ ro, mentre la liquidità del nuovo grup­ po sarà pari a 100 milioni. Il piano di Iride, è in sostanza quello di avere un socio finanziariamente forte, in grado di sostenere il maxi­piano da 700 mi­ lioni di euro per sviluppare il sistema della distribuzione dell’acqua nella provincia di Genova. Senza escludere possibili incursioni su nuovi soggetti ­ essenzialmente liguri e piemontesi ­ nel momento in cui il settore dell’ac­ quaverràeffettivamenteliberalizzato. Fase iniziale dell’operazione, l’acqui­ sto delle quote della concorrente Veo­ liaelarinunciaaicontenziosiammini­ strativiincorso.Quandotutteleparte­

39,5

cipazioni di Iride saranno in San Gia­ como, F2i farà un primo investimento sottoscrivendounaumentodicapitale pari a 39,5 milioni di euro. La seconda fasedell’operazioneèappuntolarevo­ ca delle azioni di Mediterranea delle Acque dal listino, attraverso il lancio dell’Opa da parte di San Giacomo a 3 europerazione. Incasodiadesioneto­ tale il controvalore dell’operazione è paria33,6milionidieuro.Perdotarela società dei mezzi finanziari necessari all’operazione l’assemblea delibererà un ulteriore aumento di capitale riser­ vato a F2i per altri 40 milioni di euro. Dopol’aumentoF2ideterràunaquota del26,7%inSanGiacomo.Allachiusu­ ra dell’Opa si procederà alla fusione per incorporazione di Mediterranea delle Acque in San Giacomo.Alla fine dell’operazione, a seconda delle ade­ sioniall’Opa,F2iavràunaquotadiSan Giacomo (che ingloba Meditteranea delle Acque) che potrà oscillare tra il 33,3% e il 40% del capitale sociale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

milioni di euro È l’impegno di F2i Idrica per un primo aumento di capitale di San Giacomo. Ne seguirà uno 40

3

euro per azione San Giacomo (la newco Iride­F2i)acquisterà a tale prezzo il 17% di Veolia in Mediterranea delle Acque La sede di Iride, nel centro genovese

[MORETTI]

IL PRESIDENTE BAZZANO SPIEGA IL PIANO

«IL PRIMO OBIETTIVO È RAZIONALIZZARE UN AZIONARIATO TROPPO ARTICOLATO» L’INTERVISTA GENOVA. Mercatoesternosì,maso­

no discorsi ancora «prematuri». La maxi­operazione con Gamberale è prima di tutto, secondo il presidente del gruppo Iride, Roberto Bazzano, una «razionalizzazione» e un «con­ solidamento». L’ultimo capitolo del­ la complessa serie di fusioni e intrec­ cichehaportatoagliassettiattualidi Mediterranea delle Acque. Presidente, ci spiega il motivo di questa operazione? «Intanto possiamo dire che si trat­ tadiunarazionalizzazione.Oggisap­ piamocheMediterraneadelleAcque

ha un azionaria­ to che è partner to che compren­ finanziario, e de quote di Im­ specializzato nel pregilo, Veolia e campo delle in­ un flottante ere­ frastrutture, in ditato dalle ope­ sinergia con il razioni di accor­ classico gestore pamento negli delleacquecome anni passati de­ è Iride Acqua e gli acquedotti Gas». privati genovesi Roberto Bazzano, presidente Iride E intanto vi Galliera e Nico­ mettete al ven­ lay. Quote che non sono più sinergi­ to in attesa che diventi operativo che con i nostri obiettivi. Senza con­ il decreto Ronchi... tare che Veolia è un grosso concor­ «Guardi, oltre alla razionalizza­ rente,chesiètrovatolìnelmomento zione dell’azionariato, l’operazione dell’accorpamento.Insomma,nonla con F2i serve ad avere le disponibili­ più agevole delle situazioni. Con tà finanziare per consolidare gli im­ questa operazione sostituiamo un pegni che dobbiamo fronteggiare in azionariatoarticolatoconunsogget­ termini di investimenti. Prima di

tutto si tratta di un consolidamento interno. Poi è chiaro che il decreto potrà dare delle opportunità». Avete già qualche soggetto nel mirino? «Prematuro parlarne. Siamo pre­ senti i Liguria in altri ambiti, come SavonaoImperia,inqualitàdisocidi minoranza. Certamente potremmo privilegiare i territori contigui. Però almomentononfacciochelimitarmi a delle constatazioni di fatto». Curiosità. Perché avete chia­ mato questa società San Giaco­ mo? «Perché la sede a Genova è in via Santi Giacomo e Filippo. Ma capisce il nome era troppo lungo, così abbia­ mo optato per un santo solo...». A. QUA.

IL PRESIDENTE DELLA COMPAGNIA SAN PAOLO

Benessia: «Le fondazioni? Meglio che restino fuori dalle banche» «Sono un’anomalia del sistema italiano». Ma Passera prende le distanze: «La nostra esperienza è stata molto positiva» TORINO. «Speriamo di poter resti­

tuire interamente al mercato il controlloelagestionedellebanche con l’uscita definitiva delle fonda­ zioni che dovranno continuare a fare il mestiere di enti erogatori del terzo settore». Angelo Benessia, presidente della Compagnia San Paolo, esprime questo auspicio in occasione dell’audizione a Palazzo Civico a Torino, chiesta dai gruppi comunali dopo le tormentate vi­ cende relative alla nomina dei ver­ tici della banca. Con lui c’è Suor Giuliana, nominata nel consiglio generale su indicazione del sinda­ co Sergio Chiamparino e indicata da alcuni come possibile futura vi­ cepresidente della fondazione to­ rinese. A Benessia, che parla «non di anomalia ma di caratteristica del sistema italiano», replica il consi­ gliere delegato di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera: «La nostra, la mia, esperienza di questi anni è stata molto positiva. Le fondazioni hanno fornito un nucleo di azioni­ stichehannopermessodirealizza­ re progetti di medio e lungo perio­

LE PREVISIONI

L’ABI: «IL 2010 ANNO DIFFICILE, MA ISTITUTI SOLIDI»

Suor Giuliana Galli con Angelo Benessia, ed il sindaco Sergio Chiamparino

do, magari se ci fosse stato solo l’orientamento al brevissimo ter­ minenonsisarebberoneanchefat­ ti». Per Benessia invece «le fonda­ zioni bancarie sono in questo mo­ mento condannate ai lavori forza­ ti, hanno il dovere ineludibile di mantenere un ruolo di stabilità e garanzia, ma questa funzione non deve restare a tempo indetermina­ to». Il presidente della fondazione torinesedifendel’operatosullano­

mina dei vertici della banca e parla di «processo trasparente, anche se talora increspato da difficoltà at­ tuative, enfatizzate da una sovrae­ sposizione mediatica inusitata». Assicura anche «un ruolo attento e vigile senza intrusioni nella gestio­ ne della banca» e respinge l’accusa di conflitto d’interessi fra il suo ruolo e la sua attività di legale. Anche il sindaco, Sergio Chiam­ parino, ribadisce la sua posizione e

••• ROMA. Un 2009 duro e un 2010 che si presenta anch’esso difficile ma le banche italiane, non incentrate su operazioni speculative e di tra­ ding sui mercati che portano guada­ gni e alti rischi, sono solide e con un patrimonio adeguato. Il direttore generale dell’Abi Giovanni Sabatini presenta così i numeri delle banche che nel 2009 hanno visto un calo dell’utile netto del 22,2% (che sconta inoltre un regime più severo sull’av­ viamento) e una crescita delle retti­ fiche a 20 miliardi. La redditività espressa dal Roe, considerato anche il rafforzamento del patrimonio e il ricorso ai Tremonti Bond (il Tier 1 è salito dal 6,89 all’8,2%), è sceso dal 5,3% al 4%. L’onda lunga della crisi colpisce anche nel primo trimestre le banche italiane.

garantisce «massimo sostegno, nel rispetto delle autonomie, al nuovo presidente del consiglio di gestio­ nedellabanca,AndreaBeltratti,ea tutta la sua squadra. Ho ritenuto ­ spiega ricordando il suo sostegno al nome di Domenico Siniscalco ­ che fosse giusta una scelta di di­ scontinuità nella nomina dei verti­ ci di Intesa Sanpaolo. Nessuna ra­ gione personale nei confronti di Salzaalqualevaanzilamiagratitu­ dine per quello che ha fatto per la città». Ascolta pazientemente suor Giulianachecitienearichiamareil ruolo di sostegno ai più deboli della Compagnia. E sulla sua possibile nomina alla vicepresidenza affer­ ma: «Non ho mai promosso nulla né saputo nulla. Le ipotesi si ana­ lizzano in quanto a tempi, modi e luoghi, io sono abituata a fare solo ciò che di concreto c’è nella vita. Se dovesse concretizzarsi questa ipo­ tesi la analizzerò.Il disagio della Compagnia non l’ho vissuto. Ho vissuto soprattutto il disagio di questa esposizione non voluta». R. T.

tamento con l’Amice, l’associazio­ ne europea che riunisce le compa­ gnie assicurative in forma di mutua e le cooperative assicurative. Nel capoluogo ligure è previsto il pro­ prio congresso annuale: 140 dele­ gati di 17 paesi attesi ai Magazzini del Cotone. Presenti i vertici delle maggiori compagnie e cooperati­ ve europee, pari al 20% del merca­ to europeo e che rappresentano un giro d’affari di 180 miliardi di euro.

STOP PER 5 GIORNI

British Airways, lo sciopero blocca Londra LONDRA. Primo dei cinque giorni

di sciopero del personale di cabina della British Airways, indetto dal sindacato Unite per protestare contro il cambio delle condizioni di lavoro, modifiche al salario, e i contratti considerati penalizzanti per i nuovi assunti. Migliaia di per­ sone sono rimaste a terra. L’aero­ porto di Heathrow il più colpito. Un tentativo in extremis di accordo è fallito domenica.

PROVVEDIMENTI

Antitrust, spot multati per 35 milioni ROMA. Creme antirughe, yogurt

anti­infarto ma, soprattutto, tariffe telefoniche, servizi bancari e assi­ curativi: la pubblicità ingannevole dilaga e l’Antitrust, nel 2009, ha ri­ levato 239 violazioni, comminan­ do sanzioni per 35 milioni di euro. In testa, nella classifica per viola­ zioni, c’è il settore delle comunica­ zioni, con 60 casi e sanzioni per 13,7 milioni. Segue il comparto Credito e assicurazioni con 53 casi per oltre 8 milioni di euro.

BUSINESS TRATTAMENTO RIFIUTI LIQUIDI Per impianto trattamento rifiuti liquidi cerchiamo impresa specializzata per fornitura impianto ricevimento trattamento (grigliatura dissabbiatura lavaggio) sabbie. TRAM Per revamping mezzi tram (impiantistica e quadristica elettrica on board) cerchiamo imprese specializzate. SPEDIZIONI NORD AFRICA Per svolgimento di attività commerciali e industriali in Nord Africa (Egitto, Tunisia, Algeria, Libia, Marocco) cerchiamo operatore specializzato in spedizioni e trasporti. Sono necessarie significative referenze operative. RISTORAZIONE Cerchiamo partner per cessione azienda operante nel settore produzione monoporzioni alimenti surgelate, gestione di locali pubblici e catering aeroportuale. Fatturato 10 mln euro. Per informazioni chiamare lo 010.581621 (dal lunedì al venerdì 9-12 e 15-17) www.ilsecoloxix.it/business Servizio a cura di Consorzio Multicon


14

IL SECOLO XIX

economia

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

LA DENUNCIA DELL’INDUSTRIALE MARCO BISAGNO

CONAD E COOP

«Gli spazi? Li ho trovati a Marsiglia»

Stop a merci israeliane dai territori

La carenza di infrastrutture dietro l’operazione francese. «Riparare navi a Genova è difficile»

ROMA. Non solo la Coop, ma anche

ALBERTO GHIARA

«Nella nostra regione – spiega – le crisi arrivano dopo e terminano dopo, per­ GENOVA? «La città è addormentata ché abbiamo un’economia di servizi. quando si tratta di dare risposte alla Tutto il 2010 e il principio del 2011 sa­ crisi». Il sesto bacino della riparazioni ranno ancora difficili. Spero che non ci navali? «Siamo ripartiti da zero». L’ac­ siano altri scossoni, ma è possibile un quistodeicantieridiMarsigliadaparte nuovo rallentamento». Di positivo, della genovese Gin? «È un atto dovuto, l’industriale vede il cambiamento dei qui mancano le infrastrutture, ci sono rapporti con la pubblica amministra­ navicheaGenovanonpossonoveniree zione, in particolare in porto: «In pas­ rischiamodiperdereclienti».Aparlare sato – spiega, e il riferimento sembra è Marco Bisagno, titolare dei cantieri essereall’Autoritàportuale,dalcuiCo­ navali Mariotti e fino allo scorso anno mitato Bisagno uscì in polemica con presidente di Confi­ l’allora presidente dustria Genova. Bi­ Giovanni Novi – ab­ sagno è intervenuto biamo litigato mol­ ODONE OTTIMISTA ieri alla presentazio­ to, adesso abbiamo ne dell’indagine su visto un leggerissi­ «Dopo la crisi vedo “Le medie imprese mo cambiamento, segnali di ripresa mi pare un segnale industriali del Nord­ Ovest” condotta da­ da parte delle pmi». positivo». Resta pe­ gli uffici studi di Me­ rò la preoccupazio­ diobanca e Unionca­ Appello per favorire ne per il settore del­ mere. Un’indagine navale. I cantieri Mariotti, nell’area delle riparazioni navali a Genova nuove tecnologie l’industria chepartedalontano, Non si è ancora dis­ il 1998, e che registra solta l’incertezza sul la crescita dei fatturati fino all’interru­ futuro dell’area intorno al molo Giano, zione del 2008 dovuta alla crisi. E si che rappresenta uno dei poli di eccel­ concludecercandoditracciarelelinee, lenza della piccola e media impresa ge­ moderatamente ottimiste, leggibili dai novese e dove si eseguono riparazioni, delle medie imprese di propensione all’export primi segnali di questo scorcio di 2010. refitting e costruzioni, sia di navi sia di MaBisagno,chepurequestasettimana imbarcazioni da diporto e superyacht. La percentuale delle società La percentuale delle festeggeràlaconsegnaalpatrondiCar­ Per questo Genova industrie navali del Nord Ovest che hanno aziende che operano nival,MickyArison,dellasecondanave (Gin), joint­venture fra i cantieri Ma­ ridotto il fatturato nel 2009 all’interno di distretti. per il brand delle crociere di lusso Sea­ riotti e gli ex­concorrenti di San Gior­ a causa della recessione La media è del 35% bourne, non è altrettanto ottimista, al­ gio al porto, hanno cercato maggiori si­ meno per quanto riguarda la Liguria: curezze all’estero, acquisendo la con­

75%

45%

cessionedellevaschedeicantierinava­ li di Marsiglia: «A Genova c’è un buco infrastrutturale nelle riparazioni na­ vali. Per restare competitivi e non per­ dere una fetta di mercato, abbiamo presoatto–hadettoBisagnoallaplatea del convegno organizzato da Medio­ banca e Unioncamere – che Genova è una città difficile e abbiamo colto l’op­ portunità offerta da Marsiglia. Abbia­ mo costituito la società di gestione e abbiamo un accordo con la Port autho­ rity marsigliese, confidiamo entro set­ tembre di partire con la prima com­ messa». È più ottimista il presidente della Camera di commercio di Genova, Paolo Odone, che vede segnali di risve­ glio da parte delle imprese morse dalla crisi:«InItaliasierapersalacapacitàdi innovazione,vedocheadessoleimpre­ se ricominciano a darsi da fare». Se­ condo Domenico Mauriello, dell’uffi­ cio studi Unioncamere, «la strategia è: nuove tecnologie per mantenere la qualità e avere prezzi più competitivi». Innovazione significa professionalità qualificate: «Per questo abbiamo regi­ strato un rallentamento delle deloca­ lizzazioni all’estero, che sono passate dal 20% dei casi nel 2009 al 12% nel 2010». Ancora Bisagno: «La tipologia della nostra occupazione si è spostata, compriamo molto di più da aziende esterne (all’80% italiane) e abbiamo bisogno di chi sappia gestire i rapporti, valutandone non solamente i prodotti, ma anche la solidità finanziaria».

Conad ha deciso la sospensione della vendita dei prodotti che arrivano dai territori occupati da Israele. La deci­ sione riguarda i punti vendita Conad, marchio che fa capo alla Legacoop. Da qualche giorno infatti non sono più in vendita i pompelmi della Agrexco sugli scaffali dei punti vendita di Nor­ diConad, che copre l’area modenese. L’azienda ha fatto sapere che si tratta di «una sospensione che verrà defini­ ta sulla base delle risposte che arrive­ ranno dal fornitore» di Agrexco.

ALLA LIBICA NOC

Eni cede quote del gasdotto Italia-Libia ROMA. Eni è scesa dal 75% al 50%

nella partecipazione alla società che gestisce il gasdotto Italia­Libia, Gre­ enStream Bv, cedendo il 25% alla so­ cietà di Stato libica Noc. «Gli azioni­ sti di GreenStream Bv ­ si legge sul sito della società ­ hanno definito, a far data dal 27 aprile 2010, un nuovo assetto azionario, che vede ora la partecipazione paritetica di Eni Nor­ th Africa Bv (50%) e Noc (50%)». Nel Bilancio, Eni aveva già annunciato l’intenzione di cedere una quota nel­ la società che gestisce il gasdotto.

AZIONARIO Azioni

IL COMMENTO

IN FLESSIONE BPM E INTESA ••• MILANO. Male le Bpm (­1,46%) e le Mps (­0,95%). In­ tesaSanPaolo (­0,3%) ha più volte cambiato direzione, no­ nostante Kbw abbia racco­ mandato un giudizio di “ou­ tperform”, portando il target di prezzo a 4,4 euro dai prece­ denti 5 euro. E se Unicredit ha guadagnato un frazionale 0,06%, Ubi ha perso il 2,4%.

Azioni

Euro Pr.Uff.

Diff.

Var.%

A A.S. Roma A2A Acea Acegas­Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm­Agam Actelios AdF­Aerop.Firenze Aedes Aeffe Aicon Alerion Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pell Apulia Pront Arena Arkimedica Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Autostrada To­Mi Autostrade Mer. Azimut

0,710 1,144 7,601 3,855 56,176 1,585 0,898 3,472 13,300 0,191 0,290 0,264 0,552 3,518 12,485 0,451 0,374 0,025 0,391 1,569 4,259 14,510 8,622 9,707 19,538 6,928

­0,014 0,003 0,063 ­0,039 ­0,422 0,097 ­0,003 0,004 ­ ­0,001 ­0,002 ­0,005 0,007 0,045 ­0,189 ­ ­ ­ 0,006 0,029 0,019 ­0,397 0,021 0,063 ­0,249 ­0,006

­1,97 0,27 0,83 ­1,01 ­0,75 6,52 ­0,28 0,10 ­ ­0,47 ­0,75 ­1,93 1,21 1,30 ­1,49 ­ ­0,05 0,40 1,53 1,90 0,45 ­2,66 0,24 0,65 ­1,26 ­0,08

B Bcompany C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banco Popolare Basicnet Bastogi BB Biotech Bca Carige Bca Carige r Bca Finnat Bca Intermobiliare Bca Pop.Etruria e Lazio Bca Pop.Milano Bca Pop.Spoleto Bca Profilo Bco Desio­Brianza Bco Desio­Brianza rnc Bco Popolare w10 Bco Santander Bco Sardegna rnc Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Stabili Best Union Co. Bialetti Industrie

2,925 7,057 7,383 4,272 2,562 1,715 42,570 1,541 2,688 0,501 4,169 3,342 3,405 3,893 0,448 3,824 3,890 0,018 8,459 9,656 0,388 0,643 5,608 0,568 1,240 0,400

0,121 0,064 ­0,010 0,030 0,024 ­0,105 0,216 0,010 ­ ­0,030 ­0,008 0,034 ­0,050 ­0,083 0,007 ­0,029 ­ 0,001 0,096 0,005 ­0,009 ­0,018 ­0,021 0,002 0,020 ­0,015

4,32 0,92 ­0,13 0,72 0,93 ­5,79 0,51 0,63 ­ ­5,61 ­0,20 1,02 ­1,44 ­2,10 1,63 ­0,76 ­ 4,79 1,15 0,05 ­2,36 ­2,70 ­0,36 0,37 1,67 ­3,59

Biancamano Biesse Bioera Boero Bart. Bolzoni Bon.Ferraresi Borgosesia Borgosesia rnc BPM 09­13 w Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem rnc

Euro Pr.Uff.

Diff.

Var.%

Azioni

1,322 4,904 1,012 20,500 1,790 30,018 0,911 1,252 2,287 5,186 0,173 5,937 0,825 9,094 5,469

­0,018 0,253 ­ ­ ­0,006 0,210 ­0,001 ­ ­0,004 ­0,120 ­0,001 0,003 0,031 ­0,126 0,025

­1,31 5,45 ­ ­ ­0,32 0,70 ­0,14 ­ ­0,20 ­2,26 ­0,35 0,05 3,91 ­1,37 0,46

Exor Exor priv Exor risp Exprivia

4,196 2,309 1,058 1,993 1,859 0,247 0,031 3,974 0,335 2,308 19,621 1,836 0,309 4,764 2,309 2,481 0,328 0,127 0,288 0,732 1,406 0,518 1,406 0,657 0,569 0,805 1,498 23,096 4,330 3,926 0,165 0,971

­0,059 0,005 0,014 ­0,028 ­0,103 0,002 ­ ­0,035 0,005 ­0,008 0,057 ­0,137 ­0,052 ­0,065 ­0,013 ­ ­0,006 ­0,001 ­ ­0,010 0,001 0,005 ­0,034 ­0,010 0,002 0,012 ­0,019 ­0,083 0,064 0,057 ­0,001 0,021

­1,39 0,23 1,37 ­1,37 ­5,25 0,65 ­0,95 ­0,87 1,51 ­0,34 0,29 ­6,94 ­14,38 ­1,35 ­0,56 ­ ­1,86 ­0,78 ­ ­1,33 0,11 0,88 ­2,35 ­1,51 0,39 1,53 ­1,23 ­0,36 1,50 1,48 ­0,84 2,21

C Cad It Cairo Comm. Caleffi Caltagirone Caltagirone Ed. Cam­Fin Camfin 09­11 w Campari Cape Live Carraro Cattolica As CDC Cell Therap Cembre Cementir Hold Cent. Latte Torino Ceram. Ricchetti CHL CIA Ciccolella Cir Class Editori Cobra Cofide Cogeme Set Conafi Prestito' Cred. Artigiano Cred. Bergamasco Cred. Emiliano Cred. Valtellinese Crespi Csp

D D'Amico Dada Damiani Danieli Danieli rnc Datalogic De'Longhi Dea Capital Diasorin Digital Bros Dmail Group DMT

1,141 3,388 0,826 15,924 8,642 3,453 3,302 1,178 29,188 1,486 4,005 13,101

­0,008 ­0,020 ­0,003 0,218 ­0,024 ­0,027 ­0,010 ­0,007 ­0,226 ­0,109 ­0,074 0,543

­0,72 ­0,57 ­0,36 1,39 ­0,28 ­0,77 ­0,30 ­0,57 ­0,77 ­6,82 ­1,81 4,32

0,904 1,248 1,371 11,854 1,559 4,130 3,618 1,224 24,068 15,014 5,717 9,435 0,764 0,653 6,503 1,981 0,112

­0,004 ­0,006 ­0,040 0,123 ­0,001 ­0,070 0,074 ­ 0,324 ­0,339 0,127 ­0,295 0,005 ­0,005 0,233 ­0,015 0,001 ­

­0,39 ­0,47 ­2,86 1,05 ­0,09 ­1,65 2,09 ­ 1,36 ­2,21 2,26 ­3,03 0,69 ­0,68 3,71 ­0,74 0,81 ­

E Edison Edison r EEMS El.En. Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergy Capital Esprinet Eurotech Eutelia Everel Group

Euro Pr.Uff. 12,553 7,769 9,321 0,896

Diff.

Var.%

Azioni

­0,132 ­0,022 ­0,042 0,011

­1,04 ­0,29 ­0,45 1,23

KME Group 09­11 w KME Group rnc

F Fastweb Fiat Fiat prv Fiat rnc Fidia Fiera Milano Fil. Pollone Finarte C.Aste Finmeccanica FNM Fondiaria­Sai Fondiaria­Sai rnc Fullsix

12,883 8,575 4,906 5,250 3,352 3,940 0,476 0,143 8,826 0,539 8,135 5,807 1,101

0,077 0,081 0,060 0,023 ­0,023 ­0,039 0,007 0,010 ­0,341 ­0,021 ­0,408 ­0,332 0,002

0,60 0,95 1,23 0,44 ­0,69 ­0,98 1,43 7,44 ­3,72 ­3,77 ­4,77 ­5,41 0,18

0,101 0,324 5,564 2,222 0,510 1,497 14,274 3,850 3,402 2,899 4,409 4,812 1,862 5,122

­ ­0,023 ­0,012 ­0,027 ­0,007 ­ ­0,343 ­0,116 0,015 ­0,102 0,051 0,103 0,053 ­0,078

0,20 ­6,75 ­0,22 ­1,21 ­1,43 ­ ­2,35 ­2,93 0,43 ­3,38 1,17 2,19 2,95 ­1,51

1,537

0,021

1,40

G Gabetti 09/13 w Gabetti Pro.Sol. Gas Plus Gefran Gemina Gemina rnc Generali Geox Gewiss Granitifiandre Greenvision Gruppo Coin Gruppo Edit. L'Espresso Gruppo Minerali M.

H Hera

Euro Pr.Uff. 0,018 0,562

Diff.

Var.%

­ 0,004

2,26 0,65

L La Doria Landi Renzo Lazio Lottomatica Luxottica

1,917 2,770 0,308 11,883 19,043

0,049 0,028 ­0,004 ­0,716 ­0,432

2,62 1,04 ­1,41 ­5,69 ­2,22

M Maire Tecnimont Management e C. Marcolin Mariella Burani FG MARR Mediacontech Mediaset Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Cap Milano Ass. Milano Ass. rnc Mirato Mittel MolMed Mondadori Mondo HE Mondo Tv Monrif Monte Paschi Si. Montefibre Montefibre rnc Monti Ascensori Mutuionline

2,692 0,154 1,770 2,574 6,580 2,503 4,975 6,122 3,384 2,590 0,105 0,455 12,000 1,458 1,626 3,489 1,388 2,396 0,120 6,553 0,432 0,897 0,147 0,461 1,110 5,198

0,022 ­ ­0,037 ­ ­0,405 ­0,016 ­0,203 0,076 ­0,052 ­ ­0,001 0,001 ­0,150 0,001 ­0,068 ­ 0,057 0,082 0,025 ­0,003 ­0,135 0,007 0,014 0,001 ­0,003 ­0,025 0,010

0,82 ­0,19 ­2,06 ­ ­5,80 ­0,63 ­3,93 1,25 ­1,52 ­ ­0,85 0,15 ­1,23 0,04 ­3,99 ­ 1,66 6,25 1,05 ­2,12 ­2,02 1,58 1,56 0,89 ­0,56 ­2,21 0,19

N I I Grandi Viaggi IGD Il Sole 24 Ore Ima Immsi Impregilo Impregilo rnc Indesit Indesit rnc Industria e Inn Intek Intek r Intek w 11 Interpump Interpump 09/12 w Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo rnc Invest e Svil w09 Invest e Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding IT WAY Italcementi Italcementi rnc Italmobiliare Italmobiliare rnc IW Bank

0,856 1,136 1,412 13,643 0,809 1,907 8,200 8,531 7,850 2,110 0,498 0,860 0,052 3,937 0,275 2,115 1,704 0,007 0,046 1,318 1,371 2,658 0,184 3,509 6,836 3,688 21,786 16,552 1,613

­0,004 ­0,082 ­0,045 ­1,030 ­0,006 0,016 0,499 ­0,001 0,152 ­0,070 0,010 0,082 0,001 ­0,037 ­0,017 ­0,026 ­0,059 ­ ­0,002 ­0,004 0,031 ­0,007 ­ 0,058 ­0,035 ­0,067 ­0,659 ­0,781 ­0,011

­0,50 ­6,76 ­3,08 ­7,02 ­0,69 0,85 6,49 ­0,01 1,98 ­3,21 2,03 10,50 2,35 ­0,93 ­5,88 ­1,23 ­3,36 ­ ­4,33 ­0,30 2,29 ­0,26 ­ 1,69 ­0,51 ­1,77 ­2,94 ­4,51 ­0,68

J Juventus FC

0,815

0,006

2,993 5,764 1,190

­0,035 0,062 ­

­1,15 1,08 ­

0,360

­0,002 ­

­0,58 ­

1,717 1,914 0,921 2,207 3,513 0,283 2,111 1,168 0,408 0,485 0,327 10,032 0,500 0,774 8,656 6,707 1,327 0,929 0,775 1,984 6,804 11,919

­0,025 0,015 0,023 ­0,024 ­0,047 ­ ­0,082 ­0,061 ­0,019 ­0,045 0,009 ­0,335 ­0,012 0,003 0,061 0,127 0,041 ­0,018 0,020 ­0,060 0,102 0,460

­1,46 0,78 2,62 ­1,10 ­1,31 ­ ­3,73 ­4,92 ­4,41 ­8,46 2,83 ­3,23 ­2,36 0,43 0,71 1,93 3,16 ­1,89 2,70 ­2,93 1,51 4,02

O Olidata Omnia Network

P Panariagroup Parmalat Parmalat w15 Piaggio Pierrel Pierrel 08/12 w Pininfarina Piquadro Pirelli C. Pirelli C. rnc Pirelli Real E. Poligr. S.Faustino Poligrafici Editoriale Poltrona Frau Pop.Emilia Romagna Pop.Sondrio Pramac Premafin Finanziaria Premuda Prima Ind 09/13 w Prima Industrie Prysmian

0,74

0,055 4,151 2,550 0,274 0,020

­0,003 0,034 ­0,018 0,006 ­0,002

­5,69 0,84 ­0,71 2,27 ­8,18

R. De Medici R. Ginori 1735 Ratti RCF RCS Mediagroup RCS Mediagroup risp

RDB Recordati Reply Retelit Retelit w 08­11 Rich Ginori 11 w Risanamento Rosss

Euro Pr.Uff. 2,024 5,685 15,567 0,342 0,080 0,021 0,315 0,720

Diff.

Var.%

Azioni

­0,049 ­0,045 ­0,123 ­0,006 ­0,001 ­ ­0,002 ­0,021

­2,34 ­0,78 ­0,78 ­1,61 ­1,36 ­ ­0,76 ­2,86

Y

S Sabaf S.p.a. Sadi Saes Saes rnc Safilo Group Saipem Saipem risp Saras Sat Save Screen Service BT Seat PG Seat PG r Servizi Italia SIAS Snai Snam Gas Snia Snia w10 Socotherm Sogefi Sol Sopaf Sorin Stefanel Stefanel risp STMicroelectr.

17,330 0,436 5,022 4,076 7,694 25,287 28,100 1,589 8,790 6,154 0,608 0,135 1,370 5,020 6,462 2,327 3,291 0,100 0,002 1,452 1,942 4,160 0,079 1,384 8,178 168,700 6,353

0,093 0,010 ­0,074 ­0,081 0,124 ­0,244 ­ 0,005 0,286 ­0,113 0,001 ­ ­ 0,046 ­0,049 ­0,004 ­0,164 ­ ­ ­ 0,031 ­0,021 0,001 ­0,003 ­0,020 ­ 0,073

0,54 2,35 ­1,45 ­1,96 1,64 ­0,96 ­ 0,35 3,37 ­1,81 0,21 ­0,30 ­ 0,92 ­0,76 ­0,19 ­4,75 ­ ­ ­ 1,61 ­0,51 0,64 ­0,19 ­0,24 ­ 1,16

1,180 12,198 0,926 0,296 0,399 0,753 14,512 2,999 3,537 0,117 0,003 51,234 1,454 11,412 0,722 5,750

­0,010 ­0,122 ­0,041 0,001 ­0,017 ­0,064 0,203 0,004 0,113 ­0,001 ­ ­1,103 ­0,002 ­0,021 ­ 0,152

­0,86 ­0,99 ­4,26 0,46 ­4,01 ­7,86 1,42 0,15 3,31 ­0,51 ­ ­2,11 ­0,13 ­0,19 ­ 2,71

7,385 0,021 0,547 1,736 2,414 0,676 0,471

­0,259 ­0,001 ­0,006 0,010 ­0,059 ­0,034 ­0,042

­3,38 ­6,28 ­1,17 0,60 ­2,37 ­4,80 ­8,16

4,357 0,139 1,343 4,062 3,586

­ ­ ­0,017 ­0,081 0,088

­ ­ ­1,24 ­1,95 2,52

0,189 0,343 0,047 0,019 0,106 0,060 0,029

0,013 ­0,007 ­0,001 ­ ­0,004 0,002 ­

7,57 ­1,97 ­1,05 ­ ­3,65 2,55 ­

T Tamburi TAS Telecom IT Telecom IT Media Telecom IT Media rnc Telecom IT rnc Tenaris Terna TerniEnergia Tiscali Tiscali 09/14 w Tod's Toscana Fin Trevi Fin.Ind. Trevisan­Cometal TXT e­solution

U UBI Banca UBI w 09­11 Uni Land Unicredit Unicredit risp Unipol Unipol pr

V Valsoia Viaggi Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass.

0,196 0,054 0,183 0,863 1,132 0,676

0,006 ­0,001 0,003 ­0,004 ­0,043 ­0,016

3,00 ­1,99 1,78 ­0,51 ­3,66 ­2,31

w Cr Val 2010 w Cr Val 2014 W Mediobanca 11 w Meridie 11 War ErgyCapital 11 Warr Aedes 14 Warr Kre 09/12

Euro Pr.Uff.

Yoox Yorkville Bhn

Diff. Rend.%

5,624 0,090

0,144 ­0,001

2,63 ­1,43

4,306 0,497 0,515

0,001 ­0,008 0,004

0,01 ­1,49 0,86

108,82 97,91 98,44 99,77 106,37 100,05 103,70 101,91 98,84 100,61 96,22 102,16 101,26 96,97 102,99 99,14 102,88 98,59 98,76 105,36 98,29 100,94 97,47 100,82 94,86 100,71 108,68 100,36 101,94 99,32 104,70 101,63 90,03 105,50 103,37 105,28 95,96 98,75 100,66 100,16 100,38 98,25 118,52 99,07 100,11 100,03 97,85 98,00 100,15 101,75 101,94 98,65 101,08 97,41 109,04 99,97 102,39 97,00 93,17 99,31 103,30 99,87 100,00 100,91 103,56 102,00 100,90 96,12 101,15 97,57 99,18 100,87 99,90

n.r. 3,02 3,11 n.r. n.r. n.r. n.r. n.r. n.r. 1,78 3,35 1,72 5,63 2,85 5,47 2,64 n.r. 0,93 1,15 2,19 1,88 3,72 3,11 n.r. 3,86 1,45 2,52 1,53 2,68 1,45 2,52 1,35 4,00 4,14 n.r. 0,02 9,19 0,98 3,79 2,29 2,49 1,59 n.r. 2,92 3,25 3,14 2,96 3,09 2,13 n.r. n.r. 0,95 0,11 1,40 4,03 0,33 n.r. 1,55 4,09 3,36 6,18 3,33 3,36 2,08 4,34 n.r. n.r. 2,84 3,60 2,23 4,10 6,96 2,21

Z Zignago Vetro Zucchi Zucchi rnc

W

R

K K.R.Energy Kerself Kinexia KME Group KME Group 06­11 w

Nice Noemalife Novare

Azioni

OBBLIGAZIONI B IMI nov14 Top10 BP II B Intesa 04/14 B Intesa/14 STEuro Barclays lug14 FRN eur Barclays lug19 Fixed Rate Barclays apr21 Inv.Floater Barclays dic15 eur 4,4% Barclays gen25 Eur 15Y Barclays gen25 MT eur Barclays ST11 3 Eur Barclays ST13 It Inf Bei/15 eu var Bei/20 EIB CMS Bei/20 EIBeuF Bei/25 EIBF Bim Imi Mg12 Inf_Link Bnl 05/11 RBP 6a Bnl 06/12 R2 BP BNP mag11 Plus Cr.Suisse ago15 MC eur Credem Dic14 Lower T2 AM Dexia Cr mar 12 Fix to CMS Dexia Cr mar 12 Fix to HICP Dexia Cr SR Mag 05 Dexia Cred. Mz 12 Sc.R Enel 07/15 Eu 5.25% Enel 07/15 Eu 5.25% Enel 07/15 Ind Enel Feb16 Eur 3.5 Enel TV 05/12 Eni giu 15 4% Eur Eni giu 15 Eurib 6m+0,89 Goldman S­13 Rel BP IADB 98/18 rfc IMI fb15 Bposta MC Eur IMI st14 Bposta MC Eur Interb/11 BG Intesa/12 Rel 3 BP V Medio mag20 Eur 4,5 Medio nov 14 Eur 2,65 Medio Nv14 Eur 3 Medio Nv14 TV Eur Medio/11 Comm.Bas. Medio/11 S.T. Eu Medio/11 ST Gn06 Medio/11 ST Lg06 Medio/12 Inf. Linked Medio/12 Inf.Link Medio/14 Rend TP Medio/15 MC Eur Medio/15 Plus BP II Mediob 14 BP1 Rel3 Merrill 12 BP3 Rel 3 Merrill 12 BP5 Rel 3 Merrill 13 CMS 10/2Y Merrill Lynch 05/11 II Merrill Lynch 2005/11 Morgan ST13 Rel BP MS 12 Rel 2 BP2 Rbs 01­11 tv Rbs 01­20 tv Eurib. Rbs 01­20 tv infl. Rbs 01­20 tv sicur. Rbs 04­14 tv Rbs 04­19 5,5% Rbs 07­14 MC Rbs 09­14 4% Rbs 09­14 tv Rbs 09­16 4,3% Rbs 10­19 6% Rbs 12­19 4,6% RBS 23MZ18 Mc Eur Rbs mg18 Tv Eur

108,62 97,82 98,46 99,32 106,59 100,24 103,24 102,04 98,79 101,04 96,12 102,32 101,13 97,52 103,50 98,42 102,83 98,80 98,86 105,34 98,65 100,82 97,59 100,51 94,77 100,43 108,88 100,28 101,97 99,14 104,63 101,55 90,00 104,63 103,00 105,32 96,25 98,59 101,20 100,12 100,51 98,29 117,41 99,15 99,94 99,87 97,80 97,84 100,17 101,37 102,00 98,75 100,98 97,32 108,91 99,85 102,22 96,95 93,08 99,21 103,13 99,76 99,86 101,21 103,71 102,36 100,84 96,03 101,15 97,32 99,89 101,03 99,90

Azioni

Euro Pr.Uff.

Rbs mg22 Mc Eur Rep Aus/22 FBL Rep Aus/CMS 2035 UBI giu14 Tasso Misto UBI lug14 Tasso Misto UBI mar19 LowT2 Call UBI nov15 LowT2 Amor UniCr 20/12/10 S11 UniCr 30/05/15 S1/05 UniCr 31/05/11 S09/05 UniCr mag 13 BP Reload3 UniCr mar 13 BP Reload3 UniCr/10 ind UniCr/15 LT UniCr/16 LT UniCr/16 LT 2

100,93 97,83 89,89 98,52 98,95 101,25 96,50 100,67 101,22 100,75 97,59 97,73 100,88 99,01 99,06 99,28

Diff.

Var.%

100,58 98,09 89,73 99,53 99,38 101,66 96,48 100,53 101,25 100,75 97,68 97,62 100,96 98,99 99,26 99,27

7,42 6,02 6,54 1,99 2,00 2,87 2,42 1,54 3,17 1,74 1,44 1,13 n.r. 3,06 3,46 3,00

INDICI ESTERI Amsterdam (Aex) Bruxelles­Bel 20 Francoforte (Xet Dax) Hong Kong HS Johannesburg Londra (FTSE 100) Madrid Ibex35 Oslo Top 25 Parigi (Cac 40) Singapore ST Sydney (All Ords) Tokio (Nikkei) Vienna (Atx) Zurigo (SMI)

313,57 2402,45 5805,68 19667,76 24848,78 5069,61 9287,90 313,94 3430,93 2723,87 4412,79 9758,40 2397,81 6206,59

+0,05 +0,28 ­0,40 +0,62 +1,34 +0,13 ­1,27 ­ +0,01 +0,84 +2,01 ­0,27 ­ ­

CAMBI DELL'EURO Chiusura 24/05/10 Dollaro Usa Sterlina Inglese Franco Svizzero Yen Giapponese Corona Danese Corona Svedese Corona Norvegese Corona Ceca Dollaro Canadese

Indicazioni BCE 1.2360 0.8608 1.4339 111.63 7.4421 9.7960 8.0848 25.664 1.3095

MONETE AUREE Oro fino (per gr.) Argento (per kg.) Sterlina (v.c) Sterlina (n.c) Sterlina (post.74) Marengo Italiano Marengo Svizzero Marengo Francese Marengo Belga Marengo Austriaco 20 Marchi 10 Dollari liberty 10 Dollari Indiano 20 Dollari liberty 20 Dollari St.Gaude 4 Ducati Austria 100 Corone Austria 100 Pesos Cile Krugerrand 50 Pesos Messico

28,35 402,83 198,83 198,83 198,83 162,16 154,93 154,93 154,93 154,93 206,58 459,64 462,22 893,47 903,79 325,36 800,50 438,98 841,82 1.001,92

30,46 467,39 225,17 225,17 225,17 191,08 186,33 186,33 186,33 186,33 237,57 526,78 542,27 996,76 1.007,09 438,98 976,10 593,92 991,59 1.198,18

EURIBOR 1 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi 6 mesi 7 mesi 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 12 mesi

0,359 0,426 0,529 0,697 0,787 0,885 0,987 1,028 1,073 1,129 1,166 1,206 1,259

0,364 0,432 0,536 0,707 0,798 0,897 1,001 1,042 1,088 1,145 1,182 1,223 1,276


www.shippingonline.it LE NOTIZIE SU INTERNET

Le notizie complete sul sito www.shippingonline.it

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

15

LINGOTTO INNOVAZIONE, AL VIA IL SALONE DI TORINO

ANNIVERSARI IL GRUPPO GASTALDI COMPIE 150 ANNI

FINANZIARIA 2010 AUTOTRASPORTO, SÌ ALLE AGEVOLAZIONI

IL MONDO dell’innovazione si dà appuntamento al Lingotto di Torino, da oggi a giovedì, per la terza edizione di Tosm, il salone dell’Ict. Oltre 5.000 partecipanti, 18 operatori internazionali e il top del settore per un meeting diventato punto di riferimento del comparto

IL GRUPPO Gastaldi compie 150 anni di attività nel settore dei trasporti, delle assicurazioni marittime, del turismo e dell’immobiliare. La società è stata fondata nel 1860 a Genova da Gian Battista Gastaldi, per poi passare nelle mani della famiglia Cerruti, azionista unico, nel 1904

VIA LIBERA, anche per quest’anno, alle agevolazioni a favore degli autotrasportatori. A seguito della ripartizione delle risorse operata in base agli stanziamenti previsti dalla legge Finanziaria 2010 sono stati confermati gli importi erogati lo scorso anno

L’AMMINISTRATORE DELEGATO DELLE FERROVIE REPLICA ALLE CRITICHE

GENOVA

Moretti: «Non chiedeteci di fallire»

Ente Bacini, il presidente è Franco Curci

«Impossibile per noi competere con i camion». Burlando: «Scelta discutibile. Faremo da soli»

GENOVA. Franco Curci è stato

LERICI.Noncista,MauroMoretti.E

questa volta alza la voce, si sbraccia, dà evidenti segni di impazienza. «Noinonpossiamocompetereconil trasporto su gomma, perché ci per­ diamo un pozzo di soldi. Ma sia chia­ ro: se andiamo via noi, nessuno ver­ rà a sostituirci a questi prezzi». È uno show in piena regola, quello chevedeprotagonistailnumerouno delle Ferrovie di Stato al convegno organizzato dall’Autorità portuale della Spezia sul progetto di logistica integrata sull’asse Tirreno­Brenne­ ro. «Se si vuole sostenere il settore cargo ­ è la tesi di Moretti ­ va rico­ struito il ciclo dei trasporti, per rie­ quilibrare i prezzi. Ma questo è un problema della politica. Non si può chiedere alle ferrovie statali di falli­ re: del resto, se non fosse così, sareb­ bero già venuti tutti qua a fare quat­ trini in questo settore. Invece non c’è nessuno che voglia venire in Ita­ liaperperderci».Insomma,unbuon servizioferroviarioosipaga(bene)o non si può pretendere. «Noi dobbia­ mo parlare come impresa ­ aggiunge Moretti­Cisiamotrovati900milio­ ni di fatturato e 800 di perdite. Vuol dire che qualcuno quei soldi se li prendeva. Ora abbiamo chiuso con 250 milioni di perdita. Bisogna ra­ zionalizzare. Nel cargo, la nostra scelta è quella di non essere mono­ polisti.Nonvogliamopiùquestopri­ vilegio:ilproblemac’èelomettiamo sul mercato». A sostegno delle sue idee, Moretti porta un esempio pra­ tico: «I conti fatti con grosse società come Barilla e Coop Italia, dimo­ strano che contro 0,6 euro a camion nessuno può essere concorrente co­ me ferrovia. Chi dice che siamo cari, dice una falsità: le Ferrovie in Italia costano meno che in Europa». Parole dure, alle quali replica un serafico Claudio Burlando. «La scel­ ta delle ferrovie di uscire dal settore cargo? Io spero che ci ripensino ­ di­ ce il presidente della Regione Ligu­ ria ­ Altrimenti, dovremo organiz­ zarci da noi, come in parte si sta già facendo.Oleferroviediventanouno strumento di supporto, e allora va bene, o dovremo costruirci noi qual­ cosa di alternativo assieme ad altri soggetti. Però che una grande ferro­ via nazionale non si occupi delle merci è una scelta discutibile, che dovrebbe essere ripensata».

«Spero che la manovra economi­ ca,chesaràassuntadalConsigliodei ministri, colpisca di più la spesa cor­ rente degli investimenti ­ aggiunge Burlando ­. Me lo auguro, perché una regione come la Liguria, che ha potenzialità rilevanti, necessita di collegamenti nuovi per le merci e i passeggeri,esperosiatenutaalripa­ ro dai tagli, e non compromessa dal­ la manovra». «Sono sicuro che usci­ remo dalla crisi meglio di come ci siamoentrati.Ilproblemadeiportiè che la merce va portata via non con i camion,maconlaferrovia,edèlìche si deve investire. Se c’è un disegno di investimenti di questo genere, pos­ siamo dare una grossa mano al Pae­ se: a patto che la portualità non sia frustrata da scelte sbagliate. In quel caso sarà un disastro». Più secca la risposta di Luigi Mer­ lo, presidente dell’Autorità portuale di Genova: «Trovo paradossale la posizione di Moretti, in merito ai servizi di manovra del porto di Ge­ nova: ha abbandonato il servizio, nonsièfattocaricodei108lavorato­ ri, ha ceduto la società ad un nuovo soggetto che da pochi giorni ha ini­ ziato ad operare, e ora pretendereb­ be di avere l’autoproduzione». SAMUELE CAFASSO

INFRASTRUTTURE

E FORCIERI LANCIA IL PROGETTO DI UNA FONDAZIONE

Un irrequieto Mauro Moretti ieri durante il dibattito di Lerici

••• LERICI. Una fondazione come cabina di regia del sistema logistico italiano, in grado di garantire il coor­ dinamento fra Regioni, Autorità por­ tuali, operatori privati e soggetti fi­ nanziari. È la proposta lanciata ieri dal presidente dell’Autorità portuale spezzina, Lorenzo Forcieri, al conve­ gno “Il nuovo sistema logistico”. Forcieri ha chiesto al governo e alle Regioni interessate, Liguria, Tosca­ na, Emilia Romagna, Lombardia, Ve­ neto e Trentino Alto Adige, di soste­ nere la proposta, individuando gli strumenti per garantire certezza e continuità nelle risorse. Propellente di questa proposta è la ripresa che il porto della Spezia sta registrando: più 15,3% nella movimentazione di container nel primo quadrimestre 2010 rispetto al primo quadrimestre 2009. Dal 2000 al 2008 il traffico container europeo è passato da 46 a 87 milioni di teu.

nominato presidente di Ente Baci­ ni. Il nuovo vertice vede oltre a Franco Curci, Luigi Aligata in quali­ tà di amministratore delegato e Mauro Vianello in qualità di consi­ gliere. Dal marzo scorso, Aligata aveva temporaneamente assunto anche la carica di presidente. Fran­ co Curci, imprenditore del settore riparazioni navali e consigliere di sezione in Confindustria, è stato eletto all’unanimità.

MERCI E PASSEGGERI

Barcellona, traffici stabili ad aprile GENOVA. Nel mese di aprile il porto

di Barcellona ha movimentato 13.547.751 tonnellate di merci, in linea con i volumi dello scorso anno. Le merci varie sono cresciute del 4,8% a 8.615.645 tonnellate, di cui 5.866.392 tonnellate in container (+5,5%) e 2.749.253 tonnellate convenzionali (+3,5%). La movimentazione dei con­ tainer è cresciuta dell’1,1% a 585.944 teu. In forte ripresa (+88%) il traffico di auto, salito a 189.649 unità. Il traffi­ co passeggeri il traffico è stato di 583.168 persone (+0,9%).

VERSO LA RIFORMA DELLA LEGGE 84/94

PARLAMENTARI IN PRESSING SU TREMONTI posto OBIETTIVO: UNA PARTE DELL’IVA ALLE AUTHORITY Un per Sace

COMMERCIO AFRICANO

IL RETROSCENA Autonomia finanziaria per i porti, ultima spiaggia. Dopo la bocciatura del governo, ora l’idea che circola a Roma è quella di con­ vincere il ministro del Tesoro, Giu­ lio Tremonti, a presentarsi in Parla­ mento, davanti alle commissioni di CameraeSenatoinsedutacongiun­ ta, per trovare un accordo. Questa è l’idea che di cui hanno parlato ieri alla Spezia i due presi­ denti delle commissioni dove, si so­ GENOVA.

no discusse, o si dovranno discute­ re, le ipotesi di riforma della legge dei porti: Luigi Grillo (Lavori pub­ blici,senato)e MarioValducci(Tra­ sporti e comunicazioni, camera dei deputati). L’idea sarebbe quella di provare a trovare un accordo con il ministro sulla percentuale dell’Iva generata dai porti da trattenere alle Autorità portuali: in buona sostan­ za,ilsuccodell’autonomiafinanzia­ ria, che tuttavia Tremonti non ha mai visto di buon occhio ­ tanto più oraintempidimanovrafinanziaria. Il rischio, sottolineato dal Teso­ ro, è una dispersione delle risorse. E questoancheperilfattocheinItalia

ci sono Authority che spendono troppo, e altre che non spendono a sufficienza. Grillo insiste comun­ que per una misura comune: chiede dunque una percentuale che generi «anche meno rispetto ai 400 milio­ ni all’anno che in media sono stati destinati alle Autorità portuali dal 1998 al 2006». C’èpoil’emendamento,chedove­ va entrare nel decreto incentivi, ma che invece sarà accorpato a un nuo­ vo progetto di riforma portuale, che proponeuntettotemporaledispesa per le Authority: se entro due anni gli enti portuali non spendono i sol­ di ricevuti con l’autonomia finan­

ziaria, questi dovranno essere resti­ tuiti allo Stato. Una sorta di blinda­ tura contro eventuali sprechi. Quella dell’autonomia finanzia­ ria, dice il presidente dell’Autorità portuale, Luigi Merlo, è «una batta­ glia che va sostenuta fino in fondo». Intanto però, il numero uno di pa­ lazzo San Giorgio invita a guardarsi intorno, sottolineando che la via del finanziamento pubblico in futuro sarà sempre più accidentata, e per questo sollecita una maggiore at­ tenzione da parte degli investitori privati, «come ad esempio le fonda­ zioni bancarie». A. QUA.

nel cda Ati ROMA. La Sace è entrata a pieno

titolo nel Cda di African Trade In­ surance Agency (Ati), agenzia afri­ cana per lo sviluppo economico. L’assegnazione di un posto nel Consiglio per Sace è stata delibe­ rata nel corso della decima assem­ blea annuale di Ati e fa seguito al­ l’investimento di 10 milioni di dol­ lari effettuato da Sace nel capitale dell’agenzia lo scorso luglio. Sarà Michael Creighton, responsabile per l’Africa sub­sahariana, a rap­ presentare Sace nel Cda di Ati.


16

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

economia FONDI DI INVESTIMENTO

Euro/Ultimo

5,290 3,958 18,685 18,374 14,064 17,902 6,613 6,393 4,848 15,757 4,358 4,777 15,160 4,365 10,808 18,043 17,089 14,456 11,638 11,943 9,346 20,049 8,089 5,715 5,711 5,057 5,240 11,871 12,771 12,422 15,670 9,899 3,439 5,395 5,352 4,522 8,447 8,335

5,251 3,946 18,545 18,237 13,919 17,740 6,570 6,341 4,812 15,624 4,324 4,727 15,031 4,344 10,718 17,888 16,858 14,327 11,524 11,826 9,270 19,875 8,026 5,675 5,665 5,019 5,220 11,784 12,685 12,340 15,516 9,814 3,417 5,349 5,318 4,496 8,387 8,275

0,74 0,30 0,76 0,75 1,04 0,91 0,65 0,82 0,75 0,85 0,79 1,06 0,86 0,48 0,84 0,87 1,37 0,90 0,99 0,99 0,82 0,88 0,79 0,71 0,81 0,76 0,38 0,74 0,68 0,67 0,99 0,87 0,64 0,86 0,64 0,58 0,72 0,73

4,226 3,813 13,349 11,529 4,092 4,108 4,134 23,567 12,337 5,284 5,789 5,969 5,185 4,602 5,155

4,209 0,40 3,793 0,53 13,312 0,28 11,518 0,10 4,087 0,12 4,119 ­0,27 4,129 0,12 23,505 0,26 12,335 0,02 5,281 0,06 5,798 ­0,16 5,978 ­0,15 5,173 0,23 4,599 0,07 5,160 ­0,10

AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni QEuro ANM Euroland Banco Posta Azion. Euro Epsilon QEquity Eurizon Az.ALto Divid. Euro Eurizon F. Az.Euro Intra Azionario Area Euro Prima Geo Euro A Prima GEO EURO CL Y Symphonia SC Az. Euro UBI Pra. Azionario Etico UBI Pra. Azioni Euro

AZ. EUROPA Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz MultiEuropa Amundi Europe Equity ANM Anima Europa ANM Europa ANM Iniziativa Europa Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa Bnl Azioni Europa Crescita Bnl Azioni Europa Dividendo BPVi Azionario Europa Carige Azionario Europa A Consultinvest Azione Epsilon QValue Eurizon Az.EuropaMult Eurizon Az.PMI Europa Eurizon F. Az.Europa Euromob. Europe E. F. FMS ­ Equity Europe Fondaco Eu Sri Eq. Beta Fondersel Europa Gestielle Europa Cl.A Gestielle Europa Cl.B Gestnord Azioni Europa Imi Europe Investitori Europa Laurin Eurostock MC G.FdF Europa A MC G.FdF Europa B Nextam Part. Az. Europa NorVega Az. Europa Cl.A NorVega Az. Europa Cl.B Optima Azionario Europa Pioneer Az Valore Eur Dis Pioneer Az. Europa Prima Geo Europa Y Prima Geo Euro Pmi A Prima Geo Euro Pmi Y Prima Geo Europa A Sai Europa Soprarno Azioni Euro 50 Symphonia MS Europa Synergia Az. Europa Talento comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa Unibanca Azionario Europa

15,036 14,841 6,634 3,916 3,659 11,906 6,210 8,639 9,099 10,797 2,604 3,592 5,033 7,978 4,878 5,213 7,533 7,570 12,684 8,196 80,796 12,107 6,487 6,644 7,791 16,958 4,650 3,533 6,006 3,403 4,600 4,352 4,407 2,697 6,243 13,536 10,283 18,294 18,855 9,966 9,598 3,574 5,136 5,675 111,843 5,250 5,580

15,124 14,928 6,721 3,980 3,657 11,935 6,188 8,677 9,124 10,869 2,618 3,614 5,045 7,982 4,895 5,308 7,539 7,603 12,740 8,338 81,200 12,163 6,515 6,673 7,811 17,043 4,674 3,536 6,039 3,421 4,623 4,373 4,429 2,712 6,285 13,574 10,372 18,409 18,974 10,053 9,630 3,569 5,190 5,682 114,029 5,270 5,610

­0,58 ­0,58 ­1,29 ­1,61 0,06 ­0,24 0,36 ­0,44 ­0,27 ­0,66 ­0,54 ­0,61 ­0,24 ­0,05 ­0,35 ­1,79 ­0,08 ­0,43 ­0,44 ­1,70 ­0,50 ­0,46 ­0,43 ­0,44 ­0,26 ­0,50 ­0,51 ­0,09 ­0,55 ­0,53 ­0,50 ­0,48 ­0,50 ­0,55 ­0,67 ­0,28 ­0,86 ­0,63 ­0,63 ­0,87 ­0,33 0,14 ­1,04 ­0,12 ­1,92 ­0,38 ­0,54

13,386 13,273 5,077 4,482 4,083 8,779 3,995 16,207 3,803 5,915 14,712 2,430 20,470 8,606 7,938 9,675 7,616 7,817 10,962 17,450 3,599 5,172 4,066 3,836 3,899 4,042 6,502 4,251 4,382 11,582 3,919 6,253 81,417 3,958

13,417 13,305 5,238 4,494 4,156 8,826 3,964 16,249 3,760 5,866 14,729 2,423 20,551 8,638 8,175 10,003 7,643 7,845 10,975 17,512 3,603 5,301 4,168 3,845 3,909 4,052 6,483 4,265 4,397 11,573 3,983 6,203 84,528 3,961

­0,23 ­0,24 ­3,07 ­0,27 ­1,76 ­0,53 0,78 ­0,26 1,14 0,84 ­0,12 0,29 ­0,39 ­0,37 ­2,90 ­3,28 ­0,35 ­0,36 ­0,12 ­0,35 ­0,11 ­2,43 ­2,45 ­0,23 ­0,26 ­0,25 0,29 ­0,33 ­0,34 0,08 ­1,61 0,81 ­3,68 ­0,08

AZ. AMERICA Allianz Azioni America L Allianz Azioni America T Allianz MultiAmerica Alto America Az. Amundi Usa Equity ANM Americhe ANM Anima America Arca Azioni America Azioni Stati Uniti 500 Bim Azionario Usa Bnl Azioni America Carige Azionario America A Eurizon Az.PMI Amer. Eurizon F. Az.America FMS ­ Equity Usa Fondersel America Gestielle America Cl.A Gestielle America Cl.B Gestnord Azioni America Imi West Investitori America MC G.FdF America A MC G.FdF America B NorVega Az. America Cl.A NorVega Az. America Cl.B Optima Azionario America Pioneer Az. Am. Prima Geo America A PRIMA Geo America Y Sai America Symphonia MS America Synergia Azionario Usa Talento comp. America UBI Pra. Azioni Usa

Prec. Var.%

AZ. PACIFICO

AZ. ITALIA Alboino Re Allianz Az. Ita. All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T ANM Italia Arca Azioni Italia Bim Az. Small Cap Italia Bim Azionario Italia Bnl Azioni It PMI Bnl Azioni Italia BPVi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Eurizon Az.Italia 130/30 Eurizon Az.PMI Italia Eurizon F. Az.Italia Euromob. Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Gestielle Italia Cl.A Gestielle Italia Cl.B Gestnord Azioni Italia Imi Italy Leonardo Italian Opp. NorVega Az. Italia Cl.A NorVega Az. Italia Cl.B Optima Azionario Italia Optima Small Caps It. Pioneer Az. Crescita Prima Geo Italia Y Prima Geo Italia A Sai Italia Symphonia SC Az. Italia Symphonia SC Az. Italia SmallCap Synergia Az. Italia Synergia Az. Sm.Cap It. UBI Pra. Azioni Italia Zenit Azionario Cl.I Zenit Azionario Cl.R

Euro/Ultimo

Prec. Var.%

Allianz Azioni Pacifico L Allianz Azioni Pacifico T Allianz MultiPacifico Alto Pacifico Az. Amundi Pacific Equity ANM Anima Asia ANM Pacifico Arca Azioni Far East Eurizon Az. Asia Nuove Econ. Eurizon F. Az.Pacifico FMS ­ Equity Asia Fondersel Oriente Gestielle Pacifico Cl.A Gestielle Pacifico Cl.B Gestnord Azioni Pacifico Imi East Investitori Far East MC G.FdF Asia A MC G.FdF Asia B NorVega Az. Asia Cl.A NorVega Az. Asia Cl.B Optima Azionario Far East Pioneer Az Area Pacifico Prima Geo Asia Y Prima Geo Asia A Sai Fdf Pacifico Soprarno Azioni Giappone 225 Symphonia MS Asia Talento Comp. Asia UBI Pra. Azioni Pacifico

5,114 5,237 ­2,35 5,018 5,139 ­2,36 6,680 6,873 ­2,81 5,583 5,733 ­2,62 4,635 4,749 ­2,40 6,043 6,187 ­2,33 4,716 4,832 ­2,40 5,497 5,653 ­2,76 10,015 10,246 ­2,26 3,781 3,885 ­2,68 8,599 8,825 ­2,56 6,469 6,638 ­2,55 12,008 12,336 ­2,66 12,315 12,651 ­2,66 6,765 6,942 ­2,55 6,023 6,205 ­2,93 4,841 4,964 ­2,48 6,550 6,693 ­2,14 3,688 3,769 ­2,15 4,763 4,803 ­0,83 4,835 4,876 ­0,84 3,254 3,348 ­2,81 3,598 3,680 ­2,23 6,416 6,580 ��2,49 6,201 6,360 ­2,50 3,293 3,325 ­0,96 2,923 2,988 ­2,17 5,118 5,190 ­1,39 101,990 104,054 ­1,98 6,059 6,213 ­2,48

AZ. PAESI EMERGENTI Allianz Az Paesi Emer L Allianz Az Paesi Emer T Amundi Global Emerging Eq ANM Anima Emerging Mkts ANM Emerging Mkts Equity Arca Azioni Paesi Emerg. Bnl Azioni Emergenti Eurizon F. Az.Paesi Emer FMS ­ Equity Gl Em Mkt FMS ­ Equity New World Gestielle Em. Mkt. Cl.A Gestielle Em. Mkt. Cl.B Gestnord Azioni Paesi Em. MC G.FdF Paesi Emerg. A MC G.FdF Paesi Emerg. B Pepite Bric Pioneer Az. Paesi Em. Prima Geo PaesiEm. Y Prima Geo PaesiEm. A Sai Fdf Paesi Emergenti Symphonia MS P. Emer. UBI Pra. Az. Merc. Emerg.

8,771 8,654 4,720 9,143 6,636 8,999 8,950 8,475 11,533 15,222 13,824 14,227 8,796 8,380 3,923 3,928 10,045 5,609 5,428 5,544 12,185 9,683

8,880 8,762 4,864 9,275 6,690 9,103 9,012 8,587 11,753 15,521 13,922 14,327 8,876 8,495 3,978 3,975 10,087 5,777 5,591 5,639 12,320 9,748

­1,23 ­1,23 ­2,96 ­1,42 ­0,81 ­1,14 ­0,69 ­1,30 ­1,87 ­1,93 ­0,70 ­0,70 ­0,90 ­1,35 ­1,38 ­1,18 ­0,42 ­2,91 ­2,92 ­1,69 ­1,10 ­0,67

9,847 10,112 13,875 n.p. 6,096 n.p.

9,989 10,258 13,926 n.p. 6,220 n.p.

­1,42 ­1,42 ­0,37 ­­­ ­1,99 ­­­

2,934 2,883 3,655 4,138 4,245 12,284 4,494 3,994 19,740 10,890 3,286 8,405 3,431 3,849 3,388 5,898 4,597 4,640 3,923 3,236 7,167 11,580 12,693 16,602 17,001 2,474 5,840 5,260 6,915 4,031 4,366 3,440 2,768 23,555 24,297 8,287 3,406 5,094 6,313 5,942 4,724 4,236 4,584

­0,44 ­0,42 ­2,63 ­0,70 ­3,25 ­0,55 ­0,38 ­0,70 ­0,89 ­0,79 ­­­ 0,41 ­0,70 0,23 ­0,59 0,63 ­0,07 ­0,11 ­0,87 ­1,82 ­0,71 ­1,92 ­0,99 ­0,65 ­0,63 0,08 ­1,92 ­0,82 ­0,85 ­0,89 ­0,71 ­0,35 ­2,13 ­0,88 ­0,87 ­0,33 ­1,53 ­1,26 ­0,21 0,24 ­1,31 ­0,73 ­0,35

AZ. PAESE Gestielle Cina Cl.A Gestielle Cina Cl.B Gestielle East Europe Cl.A Gestielle East Europe Cl.B Gestielle India Cl.A Gestielle India Cl.B

AZ. INTERNAZIONALI Allianz Azioni Glob L Allianz Azioni Glob T Allianz Multi90 Alto Internazionale Az. Amundi Global Equity ANM Anima Fondo Tranding ANM CapitalePiù Comp.Az. ANM Managers Co. Comp.90 ANM Valore Globale Arca 27 az. Estere Arca Cinquest.­Comp.D/E 75 Aureo Azioni Globale BancoPosta Az. Internaz. Bim Azionario Globale BPVi Azionario Intern. Carige Azionario Intern. A Civ. Forum Iulii Azione Cl.A Civ. Forum Iulii Azione Cl.B Consultinvest Global Eurizon Az.MondoMult Eurizon F. Az.Internazionali Euromob. Azioni Internazionali Fideuram Azione Gestielle Internazionale Cl.A Gestielle Internazionale Cl.B Gestnord Azioni Trend Sett. GROUPAMA Italia Eq. Sel.Fund Intra Azionario Internaz. MC G.FdF Megatr. Wide A MC G.FdF Megatr. Wide B Optima Azionario Internazion. Pepite Pepite Fondi Prima Geo Globale A Prima Geo Globale Y Sai Globale Sai Linea Aggressiva Symphonia MS Vivace Symphonia SC Az. Internaz. Synergia Az. Globale UBI Pra Privilege 5 UBI Pra. Azioni Globali Valori Resp. Azionario

2,921 2,871 3,559 4,109 4,107 12,216 4,477 3,966 19,564 10,804 3,286 8,439 3,407 3,858 3,368 5,935 4,594 4,635 3,889 3,177 7,116 11,358 12,568 16,495 16,894 2,476 5,728 5,217 6,856 3,995 4,335 3,428 2,709 23,349 24,085 8,260 3,354 5,030 6,300 5,956 4,662 4,205 4,568

AZ. ENERGIA E MAT. PRIME Eurizon Az.EnMatPrime

8,707

8,744

­0,42

AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute e Amb.

14,300

14,578

­1,91

17,362

17,275

0,50

4,038

­1,31

5,611 10,421 4,055 4,055 2,693

­0,23 ­2,73 ­0,37 ­0,37 ­0,85

5,611

5,655

­0,78

4,431

4,465

­0,76

AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza

AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecn.Avanz

3,985

AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali FMS ­ Eq.Glob.Resources NorVega Mobiliare RE Cl.A NorVega Mobiliare RE Cl.B Optima Tecnologia

5,598 10,137 4,040 4,040 2,670

AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Eurizon Az. Int. Etico

BIL. AZIONARI ANM Managers Co. Comp.70

Euro/Ultimo Aureo FF 1Classe Crescita Euromob. Dinamico IGM FdF Bilanciato Az. Cl.A IGM FdF Bilanciato Az. Cl.B Imindustria Prima Forza 5 Cl.A Prima Forza 5 Cl.Y PRIMAforza 5 B UBI Pra Privilege 4 UBI Pra. Port. Aggressivo

3,609 31,289 4,322 4,373 12,038 3,813 3,880 3,815 4,978 5,055

Prec. Var.% 3,668 ­1,61 31,353 ­0,20 4,349 ­0,62 4,400 ­0,61 12,079 ­0,34 3,862 ­1,27 3,930 ­1,27 3,864 ­1,27 5,030 ­1,03 5,081 ­0,51

BILANCIATI Allianz Multi50 Alto Bilanciato ANM Internazionale ANM Managers Co. Comp.50 Arca BB Arca Cinquest.­Comp. C 50 Aureo FF 1Classe Dinamico Azimut Bil. BancoPosta Mix2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 Cl.A Consultinvest Bilanciato Epsilon DLongRun Eurizon Bilan.Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromob. Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Gestielle Gl. Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imi Capital MC G.FdF Bilanciato A MC G.FdF Bilanciato B Nextam Part. Bilanciato NorVega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 Cl.A Prima Forza 4 Cl.Y PRIMAforza 4 B Sai Bilanciato Sai Linea Dinamica Symphonia MS Largo Symphonia SC Patrim.Globale Synergia Bilanciato 50 UBI Pra Privilege 3 UBI Pra. Port. Dinamico Valori Responsabili Bilanciato

4,814 16,111 12,411 4,951 29,743 4,509 3,873 22,720 5,903 21,870 5,616 4,986 6,042

4,895 16,163 12,503 4,971 29,764 4,515 3,924 22,721 5,919 21,854 5,620 5,013 6,037

­1,66 ­0,32 ­0,74 ­0,40 ­0,07 ­0,13 ­1,30 ­­­ ­0,27 0,07 ­0,07 ­0,54 0,08

34,370

34,621

­0,73

6,089 23,704 26,065 12,189 45,194 12,291 14,160 29,726 5,990 4,445 5,929 5,700 4,265 4,341 4,266 3,640 4,263 5,606 5,103 5,464 5,304 5,467 6,534

6,115 23,792 26,100 12,304 45,748 12,334 14,166 29,770 6,064 4,500 5,936 5,735 4,303 4,380 4,304 3,652 4,316 5,661 5,107 5,486 5,349 5,503 6,548

­0,43 ­0,37 ­0,13 ­0,94 ­1,21 ­0,35 ­0,04 ­0,15 ­1,22 ­1,22 ­0,12 ­0,61 ­0,88 ­0,89 ­0,88 ­0,33 ­1,23 ­0,97 ­0,08 ­0,40 ­0,84 ­0,65 ­0,21

BIL. OBBLIGAZIONARI Allianz Multi20 5,870 Amundi QBalanced 8,465 ANM CapitalePiù Comp.Bil.30 4,931 ANM Managers Co. Comp.30 5,286 ANM Mix 5,622 ANM Visconteo 33,970 Arca Cinquest.­Comp. A/B 25 5,410 Arca TE 16,280 Aureo FF 1Classe Valore 4,904 Azimut Scudo 7,549 BancoPosta Inv Pr 90 5,422 Bnl Protezione 22,672 Carige Bilanciato 30 5,046 Euromob. Moderato 6,466 Fondo Fucino Dynamic 4,653 Gestielle Gl. Asset 1 8,832 NorVega Sintesi Audace 5,615 Prima Forza 3 Cl.A 4,925 Prima Forza 3 Cl.Y 5,006 PRIMAforza 3 B 4,925 Symphonia MS Adagio 5,875 Symphonia SC Bil. Equil. Italia 5,217 Synergia Bilanciato 30 5,352 UBI Pra Privilege 1 5,540 UBI Pra Privilege 2 5,475 UBI Pra. B. Euro Ris. Cont. 5,745 UBI Pra. Port. Moderato 5,896

5,909 8,457 4,929 5,309 5,615 34,032 5,423 16,357 4,942 7,576 5,426 22,655 5,055 6,469 4,674 8,850 5,652 4,955 5,036 4,955 5,917 5,200 5,366 5,560 5,508 5,744 5,926

­0,66 0,10 0,04 ­0,43 0,13 ­0,18 ­0,24 ­0,47 ­0,77 ­0,36 ­0,07 0,08 ­0,18 ­0,05 ­0,45 ­0,20 ­0,66 ­0,61 ­0,60 ­0,61 ­0,71 0,33 ­0,26 ­0,36 ­0,60 0,02 ­0,51

OB. EURO GOVERNATIVI BT Allianz Monetario Alto Monetario Amundi Breve Termine ANM Monetario ANM Tesoreria­Imprese Arca MM BancoPosta Monetario Bg Focus Monetario Bim Obblig. Breve Term. Bnl Obbl Euro BT BPVi Breve Termine Carige Monetario Euro A Civ. Forum Iulii Prudenza Cl.A Civ. Forum Iulii Prudenza Cl.B Consultinvest Breve Term CS Monetario ­ I Eurizon F. Ob. Euro B/T Euromob. Prudente Fideuram Security Fondersel Reddito Gestielle BT Euro Cl.A Gestielle BT Euro Cl.B Gestielle Cedola Imi 2000 Intra Obb. Euro BT LaurinMoney Leonardo Monetario Mediolanum Ri.Mo. Nordfondo Obbl. Euro B.T. NorVega Obb. Euro BT Cl.A NorVega Obb. Euro BT Cl.B Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro Passadore Monetario Pioneer Monet. Euro PRIMA Fix Obbl. BT Y Prima Fix Obbligazionario Bt Soprarno Pronti Termine Synergia Obbl. Euro BT Teodorico Monetario UBI Pramerica Euro Bt Unibanca Monetario Valori Responsabili Monetario Zenit Monetario Cl.I Zenit Monetario Cl.R

15,887 7,052 7,464 12,121 6,887 14,709 6,178 16,345 6,545 7,521 6,271 11,658 5,451 5,505 4,969 7,818 15,190 8,468 9,531 14,099 7,522 7,577 6,339 16,834 5,625 6,898 6,049 5,474 8,945 5,810 5,854 6,650 5,276 7,116 13,188 10,153 10,137 5,129 5,066 7,453 6,735 5,723 5,882 7,519 7,476

15,897 7,052 7,466 12,127 6,892 14,716 6,182 16,350 6,548 7,524 6,274 11,666 5,453 5,507 4,969 7,823 15,187 8,472 9,537 14,102 7,521 7,575 6,340 16,839 5,626 6,900 6,054 5,475 8,948 5,811 5,854 6,654 5,277 7,116 13,192 10,154 10,138 5,129 5,068 7,455 6,740 5,724 5,882 7,525 7,482

­0,06 ­­­ ­0,03 ­0,05 ­0,07 ­0,05 ­0,07 ­0,03 ­0,05 ­0,04 ­0,05 ­0,07 ­0,04 ­0,04 ­­­ ­0,06 0,02 ­0,05 ­0,06 ­0,02 0,01 0,03 ­0,02 ­0,03 ­0,02 ­0,03 ­0,08 ­0,02 ­0,03 ­0,02 ­­­ ­0,06 ­0,02 ­­­ ­0,03 ­0,01 ­0,01 ­­­ ­0,04 ­0,03 ­0,07 ­0,02 ­­­ ­0,08 ­0,08

OB. EURO GOV. M/L TERM Allianz Reddito Euro L Allianz Reddito Euro T ANM Anima Obbl.Euro ANM CapitalePiù Comp.Obb. ANM Europe Bond Arca RR Azimut Reddito Euro BancoPosta Obbligaz. Euro Bim Obbligazionario Euro Bnl Obbligazioni Euro Ml/t BPVi Obbligaz. Euro Carige Obbl. Euro LT A Carige Obbligazionario Euro A

32,972 32,307 7,082 5,470 7,615 8,995 15,620 6,890 6,955 6,914 6,714 5,681 10,881

32,967 32,302 7,097 5,472 7,598 9,003 15,647 6,893 6,960 6,904 6,713 5,682 10,886

0,02 0,02 ­0,21 ­0,04 0,22 ­0,09 ­0,17 ­0,04 ­0,07 0,14 0,02 ­0,02 ­0,05

Euro/Ultimo Epsilon Qincome 7,481 Eurizon F. Ob. Euro 14,026 Euromob. Reddito 15,534 Fondaco Eurogov Beta 121,752 Fondersel Euro 8,056 Gestielle LT Euro Cl.A 8,208 Gestielle LT Euro Cl.B 8,293 Gestielle MT Euro Cl.A 15,046 Gestielle MT Euro Cl.B 15,190 Imi Rend 9,333 Intra Obb. Euro 6,003 Leonardo Obbligaz. 7,566 Nordfondo Obbl. Euro M.T. 17,308 NorVega Obb. Euro Cl.A 6,547 NorVega Obb. Euro Cl.B 6,625 Optima Obbligazionario Euro 6,947 PRIMA Fix Obbl. MLT Y 5,814 Prima Fix Obbligazionario Mlt 5,801 Sai Eurobbligazionario 12,843 Synergia Obbl. Euro MT 5,217 UBI Pra. Euro M/L Term. 6,952 Unibanca Obbligazion. Euro 5,829 VRG Coro Reddito 5,727

Prec. Var.% 7,480 14,029 15,530 121,599 8,041 8,194 8,279 15,051 15,194 9,335 6,003 7,576 17,313 6,547 6,624 6,952 5,810 5,797 12,847 5,221 6,951 5,824 5,726

0,01 ­0,02 0,03 0,13 0,19 0,17 0,17 ­0,03 ­0,03 ­0,02 ­­­ ­0,13 ­0,03 ­­­ 0,02 ­0,07 0,07 0,07 ­0,03 ­0,08 0,01 0,09 0,02

OB. EURO CORP. INV. GRADE Amundi Corporate 3 anni Amundi Corporate Giu 2012 ANM Corporate Bond Arca Bond Corporate Carige Corporate Euro A Eurizon F. Ob. Euro Corp. Eurizon Obb. Euro Corp. BreveT. Nordfondo Obbl. Euro Corp. Pioneer O.Euro C.Et. Dis Prima Fix Imprese A Prima Fix Imprese Y Sai Obblig. Corporate Synergia Obbl Corporate UBI Pramerica Euro Corporate

102,575 102,575 ­­­ 5,096 5,096 ­­­ 7,323 7,348 ­0,34 7,026 7,051 ­0,36 6,562 6,578 ­0,24 5,573 5,597 ­0,43 7,453 7,468 ­0,20 7,569 7,592 ­0,30 4,766 4,782 ­0,34 6,485 6,506 ­0,32 6,567 6,589 ­0,33 6,577 6,600 ­0,35 5,391 5,403 ­0,22 7,749 7,777 ­0,36

OB. EURO HIGH YIELD Eurizon F. Ob. Euro HY Prima Fix High Yeld Y Prima Fix High Yield A

7,018 7,780 7,633

7,072 7,850 7,703

­0,76 ­0,89 ­0,91

OB. DOLLARO GOV. M/L TERM Arca Bond Dollari Azimut Reddito Usa Bnl Obbligazioni Dollaro Ml/t Gestielle Bond Dollars Cl.A Gestielle Bond Dollars Cl.B Nordfondo Obbl. Dollari

9,406 6,239 6,515 9,590 9,723 14,905

9,558 6,349 6,617 9,712 9,846 15,152

­1,59 ­1,73 ­1,54 ­1,26 ­1,25 ­1,63

16,522 16,205 7,221 6,547 10,014 12,965 8,053 6,027 6,078 6,142 8,778 8,786 14,612 6,644 6,745 16,644 5,361 5,306 5,979 6,048 6,935 9,300 9,274 8,204 5,948

16,679 16,358 7,218 6,633 10,081 13,096 8,048 6,069 6,103 6,171 8,860 8,802 14,776 6,707 6,809 16,819 5,356 5,301 5,996 6,064 6,938 9,395 9,369 8,240 6,007

­0,94 ­0,94 0,04 ­1,30 ­0,67 ­1,00 0,06 ­0,69 ­0,41 ­0,47 ­0,93 ­0,18 ­1,11 ­0,94 ­0,94 ­1,04 0,09 0,09 ­0,28 ­0,26 ­0,04 ­1,01 ­1,01 ­0,44 ­0,98

OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Allianz Reddito Glob L Allianz Reddito Glob T Alpi Obbligazionario Int. Alto Internazion. Obbl. ANM Pianeta Arca Bond Aureo Obblig. Globale Bim Obblig. Globale BPVi Obblig. Intern. Carige Obbl. Internazionale A Eurizon Ob. Internaz. Euromob. Internation. B. Fondersel Int. Gestielle Obbl. Intern. Cl.A Gestielle Obbl. Intern. Cl.B Imi Bond MC G.FdF Global Bond A MC G.FdF Global Bond B NorVega Obb. Internaz. Cl.A NorVega Obb. Internaz. Cl.B Optima Obbl. Euro Global PRIMA Fix Obbl. Glob Y Prima Fix Obbligazion. Globale Sai Obblig. Internazion. UBI Pra. Obb. Globali

6,785

6,792

­0,10

OB. INTERNAZ. HIGH YIELD UBI Pra. Obb. Gl. Alto Ren.

8,398

8,426

­0,33

OB. PAESI EMERGENTI ANM Emerging Mkts Bond Arca Bond Paesi Em. Bnl Obbl Emergenti Eurizon F. Ob. Emergenti Euromob. Em.Markets Bond Gestielle Em. Mkt.B. Cl.A Gestielle Em. Mkt.B. Cl.B MC G.FdF High Yield A MC G.FdF High Yield B Nordfondo Obbl. Paesi Em. NorVega Obb. Paesi Em. Cl.A NorVega Obb. Paesi Em. Cl.B Optima Obb. Em. Market Pioneer Obb. Paesi E. Dis

6,013 13,053 22,649 11,051 7,061 9,993 10,168 7,226 5,223 8,788 7,331 7,440 7,619 9,921

6,059 13,057 22,965 11,058 7,163 10,013 10,188 7,244 5,236 8,886 7,359 7,469 7,720 10,025

­0,76 ­0,03 ­1,38 ­0,06 ­1,42 ­0,20 ­0,20 ­0,25 ­0,25 ­1,10 ­0,38 ­0,39 ­1,31 ­1,04

5,031 5,524 6,036 4,999 8,903 5,100 5,148 6,084 5,434 7,037 7,143 5,833 5,222 6,625 12,665 12,933 5,094 5,130 4,636 4,685 5,096 4,638 9,523 5,337

5,031 5,525 6,058 4,999 8,917 5,113 5,159 6,092 5,439 7,070 7,178 5,838 5,236 6,623 12,746 13,016 5,101 5,136 4,646 4,694 5,102 4,647 9,535 5,425

­­­ ­0,02 ­0,36 ­­­ ­0,16 ­0,25 ­0,21 ­0,13 ­0,09 ­0,47 ­0,49 ­0,09 ­0,27 0,03 ­0,64 ­0,64 ­0,14 ­0,12 ­0,22 ­0,19 ­0,12 ­0,19 ­0,13 ­1,62

5,402

5,400

0,04

OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi MultiCorporate Dic 2012 Amundi Obbligaz. Euro ANM Anima Convertibile Arca CeBoGlE Azimut Trend Tassi Consultinvest Obbl. MT Consultinvest Obbligaz. Eurizon F. Ob. Cedola Eurizon Obblig. Etico Gestielle Obbl. Corporate Cl.A Gestielle Obbl. Corporate Cl.B GROUPAMA I. Bond Sel.Funds Nordfondo Obbl. Conv. Pioneer Obb. Euro Dis Prima Fix Emergenti A Prima Fix Emergenti Y Prima Forza 1 A Prima Forza 1 Bond Y Prima Forza 2 A Prima Forza 2 Y PRIMAforza 1 B PRIMAforza 2 B Symphonia SC Obblig. Area Eur. UBI Pra. Obb. Dollari

OB. MISTI Alleanza Obbligaz.

Alto Obbligazionario ANM Anima Fondimpiego ANM CapitalePiù Comp.Bil.15 ANM Sforzesco Arca Obbligaz. Europa Azimut Solidity BancoPosta Mix1 Bim Corporate Mix Bnl per Telethon Carige Bilanciato 10 Civ. Forum Iulii Rendita Cl.A Civ. Forum Iulii Rendita Cl.B Eurizon DiversEtico Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 Gestielle Etico Per Ail Cl.B Gestielle Etico Per Ail Cl.A Intesa CC Prot.Dinamica Nextam Part. Obbl. Misto Nordfondo Etico Obbl. Misto NorVega Sintesi Moderato Pioneer Obb. Più Dis Sai Linea Prudente Sai Performance Symphonia SC Patrim.Glob.Redd. Synergia Bilanciato 15 Total Return Obblig. UBI Pra. Port. Prudente Valori Responsabili Ob. Misto Zenit Obbligazion. Cl.R Zenit Obbligazionario Cl.I

Prec. Var.%

8,728 19,735 5,226 9,984 8,313 7,863 5,875 5,484 5,936 5,451 5,395 5,521 7,884 5,917 6,844 6,353 6,301 5,640 5,956 6,574 5,600 8,229 4,804 17,227 7,043 5,247 4,364 6,099 6,118 8,093 8,143

8,719 19,810 5,229 10,015 8,321 7,884 5,882 5,499 5,962 5,457 5,397 5,524 7,900 5,922 6,848 6,356 6,304 5,643 5,968 6,578 5,630 8,261 4,843 17,273 7,051 5,256 4,368 6,110 6,114 8,100 8,150

0,10 ­0,38 ­0,06 ­0,31 ­0,10 ­0,27 ­0,12 ­0,27 ­0,44 ­0,11 ­0,04 ­0,05 ­0,20 ­0,08 ­0,06 ­0,05 ­0,05 ­0,05 ­0,20 ­0,06 ­0,53 ­0,39 ­0,81 ­0,27 ­0,11 ­0,17 ­0,09 ­0,18 0,07 ­0,09 ­0,09

4,835 6,531 7,763 4,910 5,046 4,992 5,124 4,987 4,991 5,346 5,193 6,690 9,969 5,526 5,639 5,638 5,411 7,217 6,601 9,992 5,878 5,153 5,656 10,557 5,203

4,839 6,525 7,769 4,921 5,066 4,994 5,131 4,995 4,991 5,360 5,192 6,716 9,974 5,552 5,670 5,700 5,424 7,244 6,608 10,020 5,899 5,165 5,659 10,571 5,205

­0,08 0,09 ­0,08 ­0,22 ­0,40 ­0,04 ­0,14 ­0,16 ­­­ ­0,26 0,02 ­0,39 ­0,05 ­0,47 ­0,55 ­1,09 ­0,24 ­0,37 ­0,11 ­0,28 ­0,36 ­0,23 ­0,05 ­0,13 ­0,04

OB. FLESSIBILI Amundi Soluzione Tassi ANM Premium­Protetto ANM Risparmio Arca Ced.Bo.2015 Alto Pot Arca Ced.Corp.Bond II Arca Ced.Corp.Bond III Arca Ced.Gov.Eu. Bond Arca Ced.Gov.EU.Bond II Arca Ced.Gov.Eu.Bond III Arca Cedola Corp.Bond Aureo Cash Dynamic Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' Civ. Forum Iulii Strategia Cl.A Civ. Forum Iulii Strategia Cl.B Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario Consultinvest Reddito Euromob. Total Return Flex 2 Mediolanum Vasco De Gama Ritorni Reali Symphonia SC Bond Flessibile UBI Pra. Active Duration UBI Pramerica Total Retur. Pru. Volterra TR Obblig.

LIQUIDITA' AREA EURO

OB. INT. CORP. INV. GRADE UBI Pra. Obb. Glob. Corp.

Euro/Ultimo

Agora Cash Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' AT Allianz Liquidita' B Amundi Eonia Amundi Liquidita' ANM Anima Liquidita' ANM Fondo Liquidita' Arca Bt Breve Term. Arca BT­Tesoreria Aureo Liquidita' Azimut Garanzia Bnl Cash Carige Liquidita' Euro A Epsilon Cash Eurizon F. Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesor Eu B Eurizon Liquidita' cl. A Eurizon Liquidita' cl. B Euromob. Conservativo Fideuram Moneta Fondaco Euro Cash Gestielle Cash Euro Cl.A Gestielle Cash Euro Cl.B Nextam Part. Liquidita' Nordfondo Liquidita' NorVega Monetario Cl.A NorVega Monetario Cl.B Optima Money Pioneer Liquidita' Euro Prima Fix Monetario Y Prima Fix Monetario A PrimaFix Monetario I Sai Liquidita' Symphonia SC Monetario Synergia Monetario Synergia Tesoreria UBI Pramerica Euro Cash VGR Coro Tesoreria

5,531 5,533 ­0,04 5,584 5,585 ­0,02 5,058 5,059 ­0,02 5,707 5,708 ­0,02 102,055 102,054 ­­­ 8,936 8,938 ­0,02 6,601 6,603 ­0,03 7,578 7,580 ­0,03 8,724 8,723 0,01 5,751 5,751 ­­­ 5,710 5,710 ­­­ 12,282 12,284 ­0,02 22,111 22,125 ­0,06 6,316 6,316 ­­­ 6,267 6,270 ­0,05 7,642 7,643 ­0,01 7,683 7,684 ­0,01 7,273 7,273 ­­­ 7,448 7,448 ­­­ 11,070 11,074 ­0,04 14,598 14,601 ­0,02 115,979 115,975 ­­­ 7,014 7,016 ­0,03 7,050 7,052 ­0,03 5,765 5,765 ­­­ 6,174 6,177 ­0,05 5,848 5,849 ­0,02 5,888 5,888 ­­­ 6,132 6,132 ­­­ 5,062 5,062 ­­­ 8,573 8,574 ­0,01 8,491 8,493 ­0,02 8,587 8,589 ­0,02 11,487 11,495 ­0,07 7,422 7,428 ­0,08 5,009 5,010 ­0,02 5,037 5,038 ­0,02 7,262 7,265 ­0,04 5,633 5,635 ­0,04

LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon F. Tesor.Dollaro Eurizon F. Tesor.Dollaro $

13,142 16,502

13,357 16,475

­1,61 ­1,14

5,232 5,014 5,032 5,636 4,853 6,274 6,776 4,224 4,933 4,023 3,951 5,407 5,330 5,203 5,128 27,115 26,574 4,852 4,788 5,247 96,260 5,191 5,245 5,163 5,127 4,717 5,112 4,862 5,173 5,426 4,827 5,415 5,477 6,109 4,849 5,129

5,223 5,010 5,077 5,636 4,855 6,272 6,769 4,225 4,956 4,043 3,970 5,413 5,336 5,210 5,135 27,220 26,677 4,852 4,788 5,247 96,324 5,199 5,252 5,175 5,165 4,764 5,112 4,862 5,173 5,426 4,827 5,415 5,477 6,109 4,849 5,129

0,17 0,08 ­0,89 ­­­ ­0,04 0,03 0,10 ­0,02 ­0,46 ­0,50 ­0,48 ­0,11 ­0,11 ­0,13 ­0,14 ­0,39 ­0,39 ­­­ ­­­ ­­­ ­0,07 ­0,15 ­0,13 ­0,23 ­0,74 ­0,99 ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­

FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Monviso Abis Flessibile Agora Selection Agora Valore Protetto AgoraFlex Alarico Re Alkimis Cap Ucits Allianz F100 L Allianz F100 T Allianz F15 L Allianz F15 T Allianz F30 L Allianz F30 T Allianz F70 L Allianz F70 T AmEuSet2016 Amu EurUSA15 Amundi Absolute Amundi Azionario Trend Amundi Dyn. Allocation Amundi Equipe 1 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 Amundi Equipe 4 Amundi Eu Doppia Opp 2014 Amundi Eur Cina Ripr 2015 Amundi Eureka Bric Rip 2014 Amundi Eureka China D.Win Amundi Eureka Do Win 2013 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Ripr.2 2014 Amundi Eureka Ripresa 2014

Euro/Ultimo Amundi For.EU.Eq. Op 2013 Amundi For.EurEqOp2 2013 Amundi For.GaEMEqRe 2014 Amundi For.Gar.2012 Amundi For.Gar.2013 Amundi For.Gar.Due 2013 Amundi For.Gar.Em.MrkEq.Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Re. 2013 Amundi For.Gar.Eq.Recall Due 2013 Amundi For.Gar.EqRe 14 Amundi For.Gar.HiDiv 14 Amundi For.Gar.Mer. Emer. Amundi For.Priv.Div. Opp. Amundi Piu' Amundi Premium Power Amundi Private Alfa Amundi Qreturn Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 ANM Anima Fondattivo ANM Flessibile ANM Obiettivo Rendimento Aqqua Arca Cap. Gar. Dic 2013 Arca Cap.Gar. Giu 2013 Arca Corporate BT Arca Rendimento Assol t3 Arca Rendimento Assol t5 Aureo Defensive Aureo FF 1Classe Flessibile Aureo Finanza Etica Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity Aureo Plus Aureo Rendim. Ass. Azimut Str. Trend Azimut Trend Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Banco Posta Extra BancoPosta Centopiu' BancoPosta CentoPiu' 07 Bg Focus Azionario Bim Flessibile Bnl Target Return Conservativo Bnl Target Return Dinamico BNPP 100% e Piu' Gr Asia BNPP 100% e Piu' Gr Eur BNPP Equipe Attacco BNPP Equipe Centrocampo BNPP Equipe Difesa BP Step BP Trend Carige Flessibile Cl.A Carige Flessibile Piu' Cl.A Consultinvest Alto Div. Consultinvest Mercati Em Consultinvest Multi Flex Consultinvest Plus EC Focus Cap Pro 12/14 Epsilon QReturn Eurizon F. Garantito 03/13 Eurizon F. Garantito 06/12 Eurizon F. Garantito 09/12 Eurizon F. Garantito 12/12 Eurizon F. Garantito 2sem06 Eurizon F. Garantito 2tri07 Eurizon F. Garantito 3tri07 Eurizon F. Garantito 4tri07 Eurizon F. Garantito Isem06 Eurizon F. Garantito Itri07 Eurizon F. Profilo Din. Eurizon F. Profilo Moder. Eurizon F. Profilo Prud. Eurizon F. Rend.Ass 2anni Eurizon F. Rend.Ass 3anni Eurizon F. Rend.Ass 5anni Eurizon Obiettivo Rend.to Eurizon Team 1 Eurizon Team 1 Cl G Eurizon Team 2 Eurizon Team 2 Cl G Eurizon Team 3 Eurizon Team 3 Cl G Eurizon Team 4 Eurizon Team 4 Cl G Eurizon Team 5 Eurizon Team 5 Cl G Euromob. Real Assets Euromob. Strategic Flex Euromob. Total Return Flex 3 Federico Re FMS ­ Absolute Return Fondaco Absolute Return Fondersel Duemila Formula 1 ­ Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk Formula 1 Risk GestiBrasile Gestielle GA PLUS Gestielle Harmonia Dinamico Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace Gestielle Total Return Gestielle TR Ob. Cedola GestiTROPiu Gestnord Asset Allocation IGM FdF Flessibile Cl.A IGM FdF Flessibile Cl.B Intra Assoluto Intra Flessibile Investitori Flessibile Kairos P. Income Fund Kairos P. Small Cap Kairos Partners Leonardo 80/20 M.Gestion Trend Global Macro F.0. MC G.FdF Flx Low Vol A MC G.FdF Flx Low Vol B MC G.FdF Flx.HighVol. A MC G.FdF Flx.HighVol. B MC G.FdF Flx.Med.Vol. A MC G.FdF Flx.Med.Vol. B Mediolanum Borse Int. Mediolanum Intermoney Mediolanum R.I.Cre. Nextam Par. Flessibile NorVega Flessibile A NorVega Flessibile B NorVega Rendimento Cl.A NorVega Rendimento Cl.B Obiettivo Nordest Sicav Open Fund Ritorno Ass.Var2 Open Fund Ritorno Ass.Var4 Paritalia Orchestra Pioneer Target Controllo Pioneer Target Equilibrio

Prec. Var.%

4,416 4,424 5,022 5,101 4,923 4,951

4,416 4,424 5,022 5,101 4,923 4,951

­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­

5,024

5,024

­­­

4,918

4,918

­­­

4,918

4,918

­­­

5,255 4,926 5,709 4,960 5,608 5,094 4,815 5,290 4,661 4,933 13,392 2,766 5,792 4,879 5,204 4,990 5,479 5,078 4,830 5,052 5,388 6,068 9,254 16,092 4,779 5,916 5,512 4,986 18,292 9,135 11,537 13,833 6,312 5,278 5,285 5,252 22,052 3,811 5,055 12,482 5,401 5,079 4,560 4,871 5,425 4,997 4,980 5,194 4,508 3,058 4,862 4,652 5,141 5,035 5,997 5,166 5,131 5,111 5,125 5,250 5,129 4,970 5,228 5,297 5,167 5,195 5,301 5,446 5,219 5,481 4,856 8,050 5,983 5,983 5,643 5,635 4,693 4,710 3,917 3,938 3,737 3,758 4,147 13,248 4,569 5,195 9,066 98,282 95,370 6,397 6,416 6,633 6,625 6,343 4,935 5,368 5,366 5,309 5,419 14,108 5,000 5,049 4,741 4,000 4,040 5,645 6,315 6,125 6,691 9,008 5,639 5,979 4,873 3,848 5,226 5,217 4,269 3,626 5,612 3,716 13,821 6,352 15,170 4,623 7,435 7,472 5,399 5,425 3,770 4,471 3,705 72,586 5,348 5,345

5,255 4,926 5,709 4,960 5,614 5,112 4,815 5,275 4,663 4,933 13,457 2,787 5,800 4,879 5,216 5,003 5,488 5,089 4,914 5,051 5,411 6,078 9,198 15,997 4,778 5,918 5,523 4,985 18,266 9,146 11,606 13,753 6,451 5,285 5,286 5,258 22,146 3,819 5,061 12,499 5,401 5,082 4,549 4,856 5,429 4,997 4,977 5,196 4,516 3,066 4,852 4,673 5,149 5,049 5,980 5,168 5,130 5,112 5,126 5,253 5,132 4,969 5,230 5,305 5,172 5,238 5,320 5,456 5,224 5,495 4,910 8,098 5,997 5,997 5,661 5,653 4,719 4,737 3,943 3,964 3,770 3,790 4,162 13,334 4,593 5,200 9,115 98,282 95,370 6,403 6,421 6,639 6,628 6,351 4,948 5,404 5,382 5,317 5,443 14,167 5,000 5,068 4,746 4,018 4,057 5,682 6,346 6,147 6,691 8,990 5,695 5,985 4,908 3,862 5,229 5,219 4,264 3,622 5,662 3,749 13,934 6,341 15,084 4,633 7,549 7,591 5,414 5,438 3,820 4,534 3,780 72,586 5,354 5,347

­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­0,11 ­0,35 ­­­ 0,28 ­0,04 ­­­ ­0,48 ­0,75 ­0,14 ­­­ ­0,23 ­0,26 ­0,16 ­0,22 ­1,71 0,02 ­0,43 ­0,17 0,61 0,59 0,02 ­0,03 ­0,20 0,02 0,14 ­0,12 ­0,60 0,58 ­2,15 ­0,13 ­0,02 ­0,11 ­0,42 ­0,21 ­0,12 ­0,14 ­­­ ­0,06 0,24 0,31 ­0,07 ­­­ 0,06 ­0,04 ­0,18 ­0,26 0,21 ­0,45 ­0,16 ­0,28 0,28 ­0,04 0,02 ­0,02 ­0,02 ­0,06 ­0,06 0,02 ­0,04 ­0,15 ­0,10 ­0,82 ­0,36 ­0,18 ­0,10 ­0,26 ­1,10 ­0,59 ­0,23 ­0,23 ­0,32 ­0,32 ­0,55 ­0,57 ­0,66 ­0,66 ­0,88 ­0,84 ­0,36 ­0,65 ­0,52 ­0,10 ­0,54 ­­­ ­­­ ­0,09 ­0,08 ­0,09 ­0,05 ­0,13 ­0,26 ­0,67 ­0,30 ­0,15 ­0,44 ­0,42 ­­­ ­0,38 ­0,11 ­0,45 ­0,42 ­0,65 ­0,49 ­0,36 ­­­ 0,20 ­0,98 ­0,10 ­0,71 ­0,36 ­0,06 ­0,04 0,12 0,11 ­0,88 ­0,88 ­0,81 0,17 0,57 ­0,22 ­1,51 ­1,57 ­0,28 ­0,24 ­1,31 ­1,39 ­1,98 ­­­ ­0,11 ­0,04

Euro/Ultimo Pioneer Target Sviluppo Prima Geo Eu PMI Alto Pot A Prima Strategia Eu PMI Alto Pot Y Prima Strategia Ita AltoPoten. Y Prima Strategia A­RT 100 Cl.A Prima Strategia A­RT 200 Cl.A Prima Strategia A­RT 50 Cl.A Prima Strategia Eur.AltoPoten. A Prima Strategia Ita AltoPoten. A PRIMAstrat A­RT 100 Y PRIMAstrat A­RT 200 Y PRIMAstrat A­RT 50 Y PRIMAstrat Eu AltoPot Y Profilo Best Funds Profilo Elite Flessibile Sofia Flex Soprarno 0 Rit. Ass. 6 B Soprarno 0 Ritor. Ass 6 Cl.A Soprarno 1 Rit. Ass. 5 B Soprarno 1 Ritor. Assol 5 Cl.A Soprarno Contrarian B Soprarno Contrarian Cl.A Soprarno Global Macro B Soprarno Global MacroA Soprarno Inflaz. 1,5% B Soprarno Inflaz. 1,5% Cl.A Soprarno Relat. Value B Soprarno Relative Value Cl.A Symphonia SC Asia Flessibile Symphonia SC Fortissimo Symphonia SC Italia Flessibile Synergia Total Return Total Return UBI Pra. Active Beta UBI Pra. Alpha Equity UBI Pra. Tot.Ret.Dinamico UBI Pra. Tot.Ret.Moderato A UBI Pra. Tot.Ret.Moderato B Unibanca Plus Volterra Dinamico Volterra TR Glob. VRG Coro Rendimento Zenit Absolute Return Cl.I Zenit Absolute Return Cl.R Zenit Zerocento FdF

22,440 13,824 13,803 4,796 5,133 4,900 16,388 2,211 4,749 5,145 4,913 16,412 2,228 5,875 5,451 0,689 n.p. 5,302 5,336 5,317 3,606 3,598 5,118 5,066 5,551 5,522 5,507 5,453 5,889 2,512 4,826 5,170 2,280 4,708 5,100 4,944 5,133 5,151 5,247 5,338 5,447 5,250 5,813 5,732 4,536

Prec. Var.% 22,451 13,842 13,820 4,805 5,132 4,900 16,393 2,230 4,758 5,144 4,913 16,415 2,248 5,892 5,493 0,692 n.p. 5,316 5,347 5,328 3,635 3,627 5,126 5,074 5,558 5,529 5,519 5,464 5,955 2,517 4,832 5,197 2,283 4,707 5,113 4,949 5,141 5,159 5,257 5,354 5,474 5,253 5,824 5,743 4,566

­0,05 ­0,13 ­0,12 ­0,19 0,02 ­­­ ­0,03 ­0,85 ­0,19 0,02 ­­­ ­0,02 ­0,89 ­0,29 ­0,77 ­0,43 ­­­ ­0,26 ­0,21 ­0,21 ­0,80 ­0,80 ­0,16 ­0,16 ­0,13 ­0,13 ­0,22 ­0,20 ­1,11 ­0,20 ­0,12 ­0,52 ­0,13 0,02 ­0,25 ­0,10 ­0,16 ­0,16 ­0,19 ­0,30 ­0,49 ­0,06 ­0,19 ­0,19 ­0,66

71,310 n.p. n.p. 13,830 10,201 10,591 3,555 8,012 5,740 13,769 10,158 10,485 3,527 8,816 8,737 7,972 8,425 5,726 8,654 7,782 9,061 9,128 10,306 10,382 9,951 10,032 9,888 9,984 8,392 8,469 9,978 10,071 2,755 2,781 7,459 11,138 8,471 7,884 10,354 10,823 5,121 9,417 9,478 7,400 11,068 7,851 10,245 10,709 5,085 5,136 5,097 2,451 2,475 9,401 9,459 8,728 8,517 7,826 8,480 108,572 109,530 13,889 13,809 7,565 10,455 6,215 7,878 8,688 2,237 5,019 4,505 5,275 4,809 5,361 7,795 2,828 8,383 8,340 5,020 6,675 6,989 11,698 54,770 13,729 33,052 9,492 11,107 10,091 10,277 18,330 16,121 31,893 58,142 37,091 144,652 65,604

­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­ ­­­

ESTERI AUTORIZZATI Capital Italia Flex Dinam E Flex Growth E Fondit Bnd Eu High Yield T Fondit Bnd Glb Em Mkt T Fondit Eq Glb Em Mkt T Fondit Eq Pacif ex Japan T Fondit Eur Bnd Short T T Fondit Flexib Dynamic T Fondit. Bond Eu High Yield R Fondit. Bond Glb Em Mkt R Fondit. Eq. Glb Em Mkt R Fondit. Eq. Pacif. ex Japan R Fondit. Eq. Usa Blue Ch T Fondit. Eq. Usa Blue Ch. R Fondit. Euro Bnd Short T R Fondit. Euro Corporate Bd R Fondit. Flexible Dynamic R Fondit. Flexible Growth R Fondit. Flexible Opportunity R Fonditalia Bond Usa R Fonditalia Bond Usa T Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Fonditalia Eq. Europe R Fonditalia Eq. Europe T Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Fonditalia Eq. Japan R Fonditalia Eq. Japan T Fonditalia Eu B. Long T T Fonditalia Eu B.Med. T T Fonditalia Eu Corp Bnd T Fonditalia Eu Currency T Fonditalia Eu Cyclicals T Fonditalia Eu Defensive T Fonditalia Eu Financials T Fonditalia Eu Yield Plus R Fonditalia Eu Yield Plus T Fonditalia Euro B. Long T R Fonditalia Euro B. Med. T R Fonditalia Euro Currency R Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Financials R Fonditalia Euro T.M.T T Fonditalia Euro T.M.T. R Fonditalia Flex Em. Mkts R Fonditalia Flex Em. MktsT T Fonditalia Flex Multi R Fonditalia Flex Multi T Fonditalia Flexib Growth T Fonditalia Flexib Income T Fonditalia Flexib Opp T Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Global R Fonditalia Global T Fonditalia Inflat Linked T Fonditalia Inflation Linked R Interf. Bond Euro High Yield Interf. Bond Glb Em Mkt Interf. Bond Japan Interf. Bond USA Interf. Eq. Glb Em Mkt Interf. Eq. Japan H Interf. Eq. Pacif. ex Japan Interf. Eq. Pacif. ex Japan H Interf. Eq. USA Interf. Eq. USA H Interf. Equity Europe Interf. Equity Italy Interf. Equity Japan Interf. Euro Bond Long T Interf. Euro Bond Med. T Interf. Euro Corporate Bd Interf. Euro Currency Interf. Euro Short T 1­3 Interf. Euro Short Term 3­5 Interf. Global Interf. Inflation Linked Interf. Int. Sec. New Economy Interfund System 100 Interfund System 40 Interfund System 80 Interfund System Flex Italfortune Global Equities Pioneer CIM EuroFixIncome Pioneer CIM GlobalEquity Ras Lux B. Europe Ras Lux Equity Europe Ras Lux Short T. Dollar Ras Lux Short T. Eur.

71,310 n.p. n.p. 13,830 10,201 10,591 3,555 8,012 5,740 13,769 10,158 10,485 3,527 8,816 8,737 7,972 8,425 5,726 8,654 7,782 9,061 9,128 10,306 10,382 9,951 10,032 9,888 9,984 8,392 8,469 9,978 10,071 2,755 2,781 7,459 11,138 8,471 7,884 10,354 10,823 5,121 9,417 9,478 7,400 11,068 7,851 10,245 10,709 5,085 5,136 5,097 2,451 2,475 9,401 9,459 8,728 8,517 7,826 8,480 108,572 109,530 13,889 13,809 7,565 10,455 6,215 7,878 8,688 2,237 5,019 4,505 5,275 4,809 5,361 7,795 2,828 8,383 8,340 5,020 6,675 6,989 11,698 54,770 13,729 33,052 9,492 11,107 10,091 10,277 18,330 16,121 31,893 58,142 37,091 144,652 65,604


A SAMPIERDARENA SCOPERTA BISCA CLANDESTINA: TRENTA DENUNCIATI

ERA FERMO AL SEMAFORO

GRU SI STACCA DAL CAMION, MUORE SCOOTERISTA

La guardia di Finanza ha smascherato un locale dove si giocava a poker texano: nei guai una trentina di avventori

FAGANDINI e PONTE >> 21

ROSSI >> 24

,$*57'*4 %#554*)7* 0887

GENOVA

3/++!21

---&"+!%++$%+&%#

OGGI

DOMANI

min. 17 ° max. 22 °

min. 17 ° max. 22 °

,)*%'($)

-16&.!""!1 ,)*%'($)

(&./

,)*%'($)

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

17

LA PROCURA SCENDE IN CAMPO CON LO STESSO MODELLO CHE HA PERMESSO DI FERMARE LA BANDA DI SCIPPATORI SERIALI

Rapine nei vicoli, nasce il pool Sotto la lente 8 raid­fotocopia, l’ultimo ieri a San Luca. Caccia a una gang di marocchini MATTEO INDICE

nolo Israel Otero Noboa, suo con­ nazionale di 23. A incastrarli era L’OBIETTIVO è quello di darci un stata una lucciola che, saltuaria­ taglio,comeconloscippatoreseria­ mente, era stata assoldata per fare le. Partendo dallo screening degli da “spalla”. episodi avvenuti negli ultimi quin­ L’ultima aggressione­fotocopia dicigiornieripercorrendolacatena nei caruggi è avvenuta ieri mattina all’indietro fino a gennaio. La Pro­ alle 8,30 in via San Luca: una donna cura scende in campo contro le ag­ di83annièstatasorpresaallespalle gressioni che da qualche settimana e rapinata della collanina: sotto hanno alzato nuovamente il sipario choc, non ha saputo fornire una de­ sul malessere del centro storico ­ scrizione particolarmente detta­ tre nello spazio di pochi giorni sol­ gliata alle forze dell’ordine. Venti­ tanto in via San Bernardo ­ creando quattr’ore prima era toccato invece un pool specifico. a uno studente di L’ultima parola 23 anni, nella “so­ a schiaffi e derubato spetterà al procu­ Preso lita” via San Ber­ nel “buco nero” dei vicoli ratore capo Fran­ nardo. Quattro cesco Lalla e all’ag­ nordafricani giunto Vincenzo l’hanno accerchia­ Scolastico, che già to e preso a schiaf­ C stamattina do­ fi, “invitandolo” a vrebbero definire spogliarsi del cel­ la nascita del pool. lulare e del porta­ VIENI A TROVARCI NEL Un gruppo di agen­ fogli e strappando­ NUOVO ti (o carabinieri) gli la collanina che PUNTO VENDITA che, come nel caso portava sopra la T­ DI SESTRI PONENTE dei malviventi spe­ shirt. «Volevo Ti aspettiamo con numerose offerte. cializzati in scippi, chiedere aiuto ­ ha GENOVA Viale Merano, 20 lavori a tamburo raccontato poco battente sui raid più tardi ­ ma ho COLPI IN SERIE, considerati con trovato i primi po­ «denominatore» liziotti in piazza L’ALLARME comune e andati in SUL SECOLO XIX DeEFerrari». scena nei vicoli. proprio sulla «Nonc’èdubbio­si Una delle pagine del carenzadicontrol­ conferma in Pro­ Secolo XIX di ieri in cui si li si sono concen­ cura ­ che molti racconta l’ennesimo colpo trate le attenzioni episodi, per luogo e ai danni di un passante in negli ultimi giorni. tecnica d’esecu­ via San Bernardo. Da oggi il prefetto zione, siano con Antonio Musolino ogni probabilità è di nuovo al suo ascrivibili alla stessa persona o allo posto (dopo alcuni giorni trascorsi stesso gruppo di persone. Attenzio­ fuori Genova), mentre il Comune ne a definirli fatti marginali, perché auspica che al più presto venga con­ questa porzione di città è una zona vocato un Comitato per l’ordine e la particolarmente delicata e una ri­ sicurezza in cui affrontare specifi­ sposta veloce ai blitz ripetuti può camente il tema. Il Secolo XIX ha restituire rapidamente fiducia». provato a contattare per il secondo Il primo passo, di fatto già com­ giorno il questore Filippo Piritore, piuto, è l’accorpamento dei vari fa­ che però non intende rispondere. scicoli aperti «contro ignoti» per le indice@ilsecoloxix.it violenze più fresche. Gli inquirenti © RIPRODUZIONE RISERVATA ne hanno individuato otto, non tut­ ti avvenuti in via San Bernardo ma in zone comunque vicine, e confer­ mano che allargando l’accertamen­ to di qualche mese l’elenco è desti­ nato a ingrassare un bel po’. I so­ spetti, corroborati dalle testimo­ nianze di più vittime, sono su una banda di baby­marocchini. «Non parliamo certo di criminali di altis­ simo profilo ­ sono le ultime parole pronunciate ieri a palazzo di giusti­ zia ­ ma non v’è dubbio che in questi casi un lavoro coordinato e specifi­ co farà risolvere la situazione più in fretta, magari stemperando le ten­ sioni». Lalla e Scolastico, il capo dei pm e il suo numero due, dovrebbero re­ plicare la soluzione adottata alla metàdifebbraio,quandoun’escala­ tiondiscippiavevacominciatoade­ stare (parecchia) apprensione fra glianziani.Incarcereallafineerano finiti Marcos Enrique Rosero Tu­ bay, ecuadoriano di 31 anni, e Ma­ 16 16

IL IL SECOLO SECOLO XIX XIX

LUNEDÌ LUNEDÌ 24 24MAGGIO MAGGIO2010 2010

SICUREZZA

San Bernardo, nessuna divisa almeno fino a tarda sera FRANCESCO PADULANO

genova genova

TERZO “ASSALTO” IN SEI GIORNI L’ALTRA NOTTE IN VIA SAN BERNARDO

IL TRATTO PIÙ PERICOLOSO

«Ho cercato a piedi i poliziotti. Il primo l’ho trovato in piazza De Ferrari» GRAZIANO CETARA

IL SINDACO chiede ai genovesi dei vicolidi«resistere»eallostessotem­ po invoca «più divise» nei luoghi a ri­ schio, rivolgendosi al questore. Il Se­ colo XIX di ieri era già nelle edicole della notte pubblicando il doppio ap­ pelloquando,alledue,l’attualitàdel­ le parole di Marta Vincenzi ha trova­ to una nuova, puntuale conferma nei fatti. Un ragazzo della movida, stu­ dentedi23anni,èstatorapinatopro­ prio in quelle ore, sempre nella via dove passa il centro gravitazionale del divertimento notturno, via San Bernardo. La stessa via dove negli ul­ timi giorni le aggressioni si sono ri­ petute con frequenza «preoccupan­ te», portando i riflettori delle crona­ che e della politica locale a inquadra­ re nuovamente il problema irrisolto della criminalità diffusa nei caruggi. Mercoledì scorso era toccato a quattro studenti pestati per cento euro e un cellulare. La sera prima un uomo di 45 anni, poco distante, era statosorpresoallespalleepresoaba­ stonate per niente. Gli aggressori erano scappati senza portare via al­ cunché.Amarzoduemarocchini,poi arrestati, avevano accoltellato uno studente. In piazza San Bernardo. L’ultima vittima, come era acca­ duto in precedenza, è stata accer­ chiata da quattro stranieri, «forse magrebini» dirà poco dopo alla poli­ zia. Invitata a spogliarsi del portafo­ gli e del cellulare, schiaffeggiata al primo accenno di reazione e deruba­ ta della collanina, vista luccicare su­ pra la T­shirt e strappata via nel cor­ po a corpo. «Quando sono riuscito a divincolarmi e a scappare mi sono guardato in giro in cerca di un poli­ ziotto. Ed eccomi qua», ha racconta­ to il giovane agli agenti incontrati in

piazzaDeFerrari,primadirisponde­ re ai loro inviti di routine: «No, non ho bisogno di cure, in fondo ho solo preso due schiaffi», «Va bene, andrò domani in commissariato per la de­ nuncia». Ecco la fine della serata di movida di questo giovane come altri, nella ricostruzione che è stato possi­ bile effettuare dell’episodio grazie alle informazioni dell’ufficio di gabi­ netto della questura. Impossibile sa­ pere se, in seguito alla segnalazione,

quando la movida diventa una folla impenetrabiledipersone.Qualcuno, e soprattutto il sindaco Vincenzi, vorrebbe una presenza più visibile di uomini in divisa, anche in questo bu­ dello di centro storico. Non è un caso che per incrociare un poliziotto il giovaneaggreditol’altranottesiado­ vuto riemergere dal dedalo di vicoli fino a piazza De Ferrari. cetara@ilsecoloxix.it

PIAZZA CATTANEO

«HO IL NASO ROTTO MA MI È ANDATA BENE»

FRANCESCA BARAGHINI

«E IL PORTOFOGLI non lo racco­ gli?». Il tempo di fare un passo in avanti per recuperare il portamone­ te – ormai vuoto ­ e per i due ragazzi aggrediti lo scorso martedì notte, Riccardo Zaccone e Alberto Pietra­ santa, non c’è più possibilità di dife­ sa. «Eravamo un gruppo di 30 perso­ ne, stavamo andando alla festa dedi­ cata agli universitari al Banano Tsu­ nami, al Porto Antico – racconta Zaccone, studente fuori sede, finito in ospedale dopo l’aggressione da parte di un gruppo di nord africani, nei vicoli di Genova – era l’una del mattino, eravamo in via San Bernar­ do e abbiamo lasciato andare il grup­ poperbereprimaunabirraal“Cabo­ na”». Una serata uguale ai tanti mer­ coledì studenteschi, fatti di brindisi e di esami superati da festeggiare. «I cinque non ci lasciavano passare –

PRIMA LA RAPINA QUINDI LE BOTTE

Mi hanno chiesto: “Non raccogli il portafoglio?”. Poi mi sono saltati addosso in cinque RICCARDO ZACCONE studente di Acqui Terme

VIA CHIABRERA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PARLA UNA DELLE VITTIME AGGREDITE

LA TESTIMONIANZA

QUANDO LA SPESA SCOTTA... AFFIDATI ALLE OFFERTE COOP.

www.e-coop.it

sono state avviate e con che esito ri­ cerchedei«quattroforsemagrebini» autori della rapina. Sono ricerche che normalmente vengono fatte ma che solo di rado sono coronate dal successo per un motivo molto sem­ plice, che poi è la ragione per la quale certiepisodidicriminalitàsiconcen­ tranosemprenellastessazona:invia San Bernardo le auto della polizia non possono arrivare, e persino gli agentiapiedihannodifficoltà,specie

prosegue Riccardo ­ sapevo che nel passaggio ci avrebbero messo le ma­ niintascapuntandoaglispicciolioal portafogli. E’ un classico nei vicoli e infatti, appena siamo riusciti a farci spazio, ho chiesto all’amico che era con me di controllare». Il portafogli non c’era più ma si trovava tra le ma­ ni di uno degli aggressori che, provo­ catoriamente, lo ha aperto intascan­ dosi i pochi soldi che conteneva. «Ci ha chiesto perchè non lo raccoglie­ vamo, allora ci siamo avvicinati per prenderlo e ci sono saltati addosso», dice Riccardo, con tono sommesso. Nessuna parola, nessuna minaccia prima di accanirsi contro i due uni­ versitari con calci, pugni e colpi di bottiglie. «Ho cercato di difendermi mettendo il gomito davanti al viso ma non è servito a nulla, anzi ­ si ac­ cende in viso Riccardo – mi hanno rotto il naso con un calcio gettando­ mi una bottiglia di vetro in testa».

IL GRAFFIO

«Non credevo sarebbe capitato a me – confida Riccardo, che presto dovrà subire un intervento al naso ­ Ero tutto insanguinato, ci hanno portati al Galliera e lì è iniziata una seconda odissea». Seduti in un angolo, poco dopo l’una e mezza, dopo essere stati soccorsidal118,Iduesonostatichia­ matidalladottoressainturno:«Ren­ deteviutiliinvecediparlareedatemi i vostri dati». «Ho provato a dirle che noneravamoubriachiecheeravamo stati picchiati e rapinati – dice Ric­ cardo – ma lei continuava a dire che non le interessava e che se una per­ sona beve alcolici succedono queste cose. Ho replicato che non era giusto essere trattati così». Così, dopo po­ co, è partita la chiamata a casa. «Ero spaventato, zuppo di sangue e mi sentivo solo – dice Zaccone, mia ma­ dre si è spaventata moltissimo». Il tempo di fare qualche radiografia, compilare I moduli ospedalieri e, al­ le 6 del mattino, arrivano I genitori da Acqui Terme, città di entrambi gli studenti dell’Ateneo genovese. E ora comestai?«Hoilnasorottomapote­ va andare peggio ».

SI COMINCINO A PRESIDIARE I PUNTI CALDI

he il centro stori­ co genovese «non sarà mai una zo­ na franca» lo ha ripetuto a chiare lettere il questore, Filippo Piri­ tore, venerdì scorso, sulla scia delle polemiche conseguenti alla seconda aggressione in 24 ore nella zona di San Bernardo. Senza voler scomodare l’adagio popolare, la terza aggressione non si è fatta attendere oltre il weekend. Vero che non si pos­ sono presidiare con uomini e mezzi tutte le strade della cit­ tà, figuriamoci ogni vicolo. Ma se si partisse dai punti più a ri­ schio, come via San Bernardo, quantomeno si scoraggerebbe­ ro ulteriori episodi. (m. r.)

Un vicolo in piena notte: ora le guardie giurate pattuglieranno le zone a rischio

PAMBIANCHI

PERCORSI MIRATI DURANTE LA SORVEGLIANZA DI MONUMENTI ED EDIFICI

TURSI SCHIERA LE GUARDIE GIURATE PER CONTROLLARE LE ZONE A RISCHIO VIGILI, POLIZIOTTI e carabinieri non bastano per ga­ done ­ abbiamo esteso il contratto in chiave sicurezza. In rantire la sicurezza nei vicoli? Il questore Filippo Pirito­ pratica ­ chiarisce Scidone ­ abbiamo chiesto agli opera­ re lancia pubblicamente un grido d’allarme per la caren­ tori della Lubrani di seguire, nei loro spostamenti da un za di organici? Ecco che, allora, il Comune mette in cam­ edificio all’altro, nell’ambito dell’opera di tutela del pa­ po vigilantes privati per sorvegliare durante la notte trimonio pubblico, percorsi attraverso aree a rischio, «una serie di obiettivi sensibili»: dalle 22 alle 6 del matti­ non solo nel centro storico». Dove, ad esempio, è riserva­ no trenta guardie giurate dell’istituto di vigilanza Lubra­ taparticolareattenzioneallezonedellaMaddalenaedel­ ni pattuglieranno il territorio per individuare e possibil­ la Commenda di Prè. «Alle guardie giurate chiediamo mente scoraggiare con la propria presenza potenziali re­ semplicemente di osservare quello che succede durante ati e comportamenti contrari al decoro. Tale missione, ilorospostamenti»,continuaScidone.Esesuccedequal­ tuttavia, sarà solo un corollario del cosa? «Di solito scatta la segnalazione compito istituzionalmente affidato dal alle forze dell’ordine, ma in alcune cir­ Comune alla Lubrani, che è titolare di costanze non è neppure escluso l’inter­ L’ASSESSORE SCIDONE un appalto da circa un milione di euro vento diretto». «L’iniziativa ­ aggiunge perlasorveglianzanotturnadeiprinci­ Maria Pia Verdona, direttore della Città «Chiederemo pali edifici pubblici. sicura ­ riguarda 28 zone “sensibili” da ai vigilantes L’impiego delle guardie giurate co­ Nervi a Voltri e servirà anche a racco­ me “ausiliari” della polizia municipale di osservare quanto gliereinformazionisulleproblematiche e delle forze dell’ordine è frutto di una della sicurezza grazie ai rapporti che sa­ accade e dare sorta di escamotage: «Con una spesa ranno compilati ogni giorno dalle guar­ l’allarme» aggiuntiva di 36 mila euro ­ spiega l’as­ die giurate». sessore alla Sicurezza, Francesco Sci­ V. G.

IN VIA SAN BERNARDO, punto nevralgicodellamovidagenovese e sempre più spesso scenario di aggressioni notturne, ieri pome­ riggio ­ e fino alle 22.30, quando sono comparsi agenti di polizia e carabinieri ­ di pattuglie di forze dell’ordine non s’è vista nemme­ no l’ombra. Nonostante la richie­ sta lanciata pubblicamente saba­ to dal sindaco, Marta Vicenzi. Certo, l’assenza è verificata di lunedì e in un orario, dalle 13 alle 17, non molto caldo per quanto ri­ guarda gli episodi di microcrimi­ nalità. Ma resta il fatto che in quattr’ore trascorse andando avanti e indietro, per i vicoli, le uniche divise incontrate sono quelle degli spazzini dell’Amiu. Pervederequalcunodelleforze dell’ordine, in realtà, è bastato fa­ re pochi passi: intorno alle 15, un gruppo APPELLI poliziotti era E RISPOSTE fermo a chiac­ chierare, pri­ La richiesta ma del cam­ era arrivata bio turno, da­ anche vanti al com­ dal sindaco missariato di Vincenzi piazza Matte­ otti. Ma que­ sta è un’altra storia. All’ora di pranzo, nel reticolo dei vicoli della “rive gauche”, s’in­ contrano soltanto studenti che tornanoacasa,donneconleborse della spesa e turisti con le cartine in mano. Il via vai del primo gior­ no della settimana è quasi frene­ tico,giustolenonneconinipotini hanno il passo un po’ più lento. E sepiazzaSanBernardodurantela notte è piena di giovani fermi per ore, dopo pranzo c’è solo un grup­ petto di anziani a popolarla per pochi minuti. Il primo pomerig­ gio trascorre liscio, senza proble­ mi e sempre senza pattuglie in vi­ sta. Alle 16, la zona si anima un po’, complice l’uscita da scuola dei ragazzi e dei più piccoli. Viene improvvisata una partita a pallo­ ne in piazza, che però dura poco per mancanza di giocatori, men­ tre il furgoncino di un’impresa di pulizie occupa indisturbato la strada, il tempo di pulire l’andro­ ne di un palazzo. La giornata pro­ segueconcalmapiatta.Quasiari­ compensare i residenti, “tormen­ tati” di notte. Forse per questo, verso le 22.30 si “materializzano” le divise di polizia e carabinieri.


18 18

IL IL SECOLO SECOLO XIX XIX

MARTEDÌ MARTEDÌ 25 25MAGGIO MAGGIO2010 2010

genova genova

SOLO I MUSEI PREVEDONO UN’APERTURA STRAORDINARIA PER LE COMITIVE (SE ANNUNCIATE)

Crocieristi del lunedì accolti a braccia chiuse Molti i negozi sbarrati, in Darsena cassonetti stracolmi e pochi servizi utili BRUNO VIANI

contrasto arcinoto tra l’area risanata di Piano e il mondo dei vicoli retro­ LA POLEMICA si è accesa con le pa­ stanti. Anche lì molto è cambiato (in role di Lina Mazzucco, direttore ge­ meglio) negli ultimi anni e i segni del nerale di Royal Caribbean: «Il lunedì degrado e dell’immigrazione irrego­ ègiornodeinegozichiusi.Nelvedere lare possono anche sembrare affa­ gli itinerari su Genova, francamente, scinanti: è il mondo di Fabrizio De mi viene un po’ di tristezza». Vero, Andrè. purtroppo: in attesa dei crocieristi Peròlacittàdellunedìdeicrocieri­ del colosso americano (seconda più stitispiazza:ilbuio anchenelsalotto grande compagnia del mondo), i tu­ buono di via San Luca, dove persino risti del lunedì che già sbarcano con la chiesa gentilizia intitolata al­ SmceCostatrovanouna(splendida) l’evangelista (uno scrigno pieno di città che dà il peggio di sé, tra saraci­ capolavori dell’arte e della storia) lu­ nesche abbassate e cassonetti pieni nedì mattina ha il portone sbarrato. dei rifiuti. E poi chiuse le boutique, abbassate Eppure il lunedì, nelle rotte delle tantissime saracinesche con un ef­ grandi compagnie, sembra essere il fetto emotivo sgradevolissimo, ac­ giorno di Genova. Qui transiteranno centuato dagli odori nei vicoli meno dal 7 giugno i vacanzieri della “Navi­ battuti dove i cassonetti sono pieni. gator of the Seas” di Royal Caribbean L’unico occhio di riguardo per il con sette toccate da luglio a settem­ crocierista del lunedì è in via Gari­ bre, con una stima di 23 mila passeg­ baldi, davanti ai palazzi che l’Unesco geri e un milione di euro come indot­ ha inserito tra i “patrimoni del­ to alla città. E qui è sbarcata ieri, co­ l’Umanità”. La porta del Bookshop meavvieneconcadenzasettimanale, dove è possibile acquistare i biglietti la“Lirica”diMscconisuoiviaggiato­ per i musei è sbarrata. Entriamo a ri da tutto il Medi­ Palazzo Rosso da terraneo. soli, turisti fai­da­ Haragionelama­ te. Per il museo? LA SITUAZIONE DI IERI nager italiana della «Spiacenti, il lune­ compagnia di Mia­ dì è chiuso». Non Chiusa anche mi, la città è davve­ per tutti, scoprire­ ro matrigna per chi la Galleria nazionale mo poi rientrando arrivadopoilweek­ di Palazzo Spinola nel gruppo. A due end?Abbiamofatto passi, nel punto in­ e fuori servizio un test confonden­ formativo turistico doci con i crocieri­ il Bookshop di Tursi del Comune, una sti di Msc che ieri giovane impiegata alle 7,30 in punto dispensa informa­ hannoattraccatoaPontedeiMille.E zioni al crocierista virtuale, gentilis­ la prima risposta è sì, la stragrande sima.Econsiglisullemeteaccessibili maggioranza delle persone che arri­ anche nel lunedì nero del turista: le vano si accontenteranno della visita tante chiese dei vicoli, l’Acquario, guidata all’Acquario e al porto antico San Lorenzo. «Ci sono tante cose da e poco più, anche perchè affrancarsi visitare, anche se oggi molti musei dal gruppo è quasi impossibile: sbar­ sono chiusi: tutti quelli di Strada chi alla Stazione Marittima con la Nuova, anche Palazzo Bianco, anche speranza di girare in libertà, cerchi a Tursi, però lì potete comunque ve­ un rent­a­car per affittare un’auto e dere l’atrio perché è la sede del Co­ nonc’è.Cerchiunposteggiodeitaxie mune».E ilmuseodiPalazzoSpinola non c’è. E soprattutto, per i tanti cro­ di Pellicceria è sbarrato. cieristi che disertano le escursioni Però quando torniamo nella “no­ programmate in battello o in pull­ stra” comitiva della Msc, ecco che le man (tappe obbligate: il porto antico porte magicamente si aprono. Servi­ dal mare, l’Acquario, via Garibaldi e zio in più lingue e alla fine anche vino De Ferrari, il pranzo con la pasta al bianco e focaccia per tutti, offerti dai pesto e la focaccia, oppure una tra­ Musei. sferta a Portofino), la Genova del lu­ C’è il sole. È lunedì. Siamo a Geno­ nedì lascia tante porte chiuse. va. E prima delle sei siamo attesi per Lapasseggiataapiedi,daPontedei l’imbarco sulla “Msc Lirica”. Noi, Mille a Sottoripa, è d’obbligo. E non crocieristi virtuali, tra poche ore ce mancano gli aspetti positivi: fuori ne andremo dopo aver solo intravi­ dalla Stazione Marittima alle 7 del sto i tesori di una città che però non è mattino gli operatori di Ge.Am, so­ (non può essere) solo l’Acquario. cietà che opera per conto di Amiu, viani@ilsecoloxix.it hanno giù pulito (quasi) tutto. «Dob­ © RIPRODUZIONE RISERVATA biamo accogliere i crocieristi», spie­ ga un operatore con divisa e ramazza d’ordinanza. Peccato invece che, percorrendo la promenade del Gala­ ta i cassonetti (un po’ appartati e teo­ ricamente mimetizzati dietro a una barriera di siepi) debordino letteral­ mente sporcizia. Remo Semino, 76 anni, apre uno per uno i contenitori della differenziata, cercando qualco­ sa da recuperare. «Nella spazzatura c’è tanta ricchezza ­ dice ­ ma i cesti della plastica e del vetro sono vuoti, l’indifferenziataèunospettacolode­ solante». Vero, i rifiuti tracimano. «Non è lo scenario migliore, per ac­ LA SPAZZATURA cogliere noi turisti ­ dice Luigi Arbo­ re, 50 anni, pugliese , sbarcato dalla CHE DEBORDA Msc Lirica ­ da noi ci sono tanti pro­ I cassonetti lungo blemi ma la raccolta separata della la passeggiata della Darsena, plastica, del vetro e delle lattine la al lunedì restano pieni: la facciamo davvero». domenica non c’è raccolta, La realtà del porto antico è splen­ bisogna aspettare la sera del dida, è uno spazio di libertà e di acco­ lunedì perché siano svuotati glienza. Però basta girare lo sguardo e i problemi emergono. Non è solo il

IL SECOLO XIX

www.shippingonline.it LA SUPERBA DIVENTA HOME PORT DELLA COMPAGNIA

Genova aggancia Royal Caribbean

Vroon Italia, cresce la flotta con il sostegno di Unicredit

Dopo anni, gli americani rompono gli indugi. «Però al lunedì la città è una tristezza» ALBERTO QUARATI

GENOVA. Il porto di Genova supera i dubbi dei boss di Miami e incassa le navidiRoyalCaribbean,secondapiù grande compagnia crocieristica del mondo. Dal prossimo anno il capo­ luogo ligure potrà contare così sui numeri della società americana. Per carità, al momento niente di esplosi­ vo: ieri a palazzo San Giorgio i vertici italianidellasocietàhannoprecisato che si tratta di sette toccate, con una prudentestimadi23milapasseggeri transiti inclusi «ma almeno un mi­ lionedieurocomeindottoallacittà», per tutta la stagione estiva da luglio a settembre. «Però ­ fa notare Lina Mazzucco, direttore generale di Ro­ yalCaribbeaninItalia­siamoriusci­ ti a portare qui una nave che prima operava sul mercato americano». Cioèlacremadell’industriacrocieri­ stica. La nave che si stabilirà a Geno­ va sarà la “Mariner of the Seas” 138 milatonnellatedistazzaperunalun­ ghezza di 311 metri. Può trasportare fino a 3.100 passeggeri, con 1.100 persone di equipaggio. La compa­ gnia riallaccia quindi i fili con Geno­ va,dopoitreannidiassenza,untimi­ do ritorno nel 2009 e un raddoppio di presenze nel 2010. Certo, riman­ gonoancoraleincomprensioni:que­ st’anno gli americani, rappresentati dall’agenziaMedov,scalanospessoil

lunedì, «giorno di negozi chiusi» la­ menta Mazzucco. Tanto che «nel ve­ dere gli itinerari su Genova, franca­ mente mi viene un po’ di tristezza». Unavecchiascena:ituristi­perlopiù stranieri ­ scendono dalla nave, sal­ gono su un pullman e vanno all’out­ let. Unica alternativa a serrande ab­ bassate e scritte sui muri. Il Comune ­ c’era l’assessore Simone Farello ­ ha assicurato che farà la sua parte, e ha ricordato i vari investimenti sulla città, dal centro storico alla riqualifi­

La “Navigator of the Seas”, dall’anno prossimo a Genova

cazione dei parchi Nervi. Ma a mar­ ginedellariunionedipresentazione, alcunidirigentidellacompagniasot­ tolineano un altro aspetto critico del lunedì: la percezione di una minor pulizia della città. «Effettivamente ­ spiegano all’Amiu ­ per garantire il servizio alla domenica, abbiamo un turno in meno al lunedì». Dunque bastaunpomeriggioperchélestrade siano invase dalla zozzura. quarati@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE STRATEGIE DI MIAMI SULLA STAZIONE MARITTIMA. CHE OGGI COMINCIAA IL RESTYLING

«SI INIZIA NEL 2011» MA SARÀ SOLO UN ESAME

IL CASO GENOVA. L’obiettivo, come ha det­

to il presidente delle Stazioni Marit­ time Filippo Schiaffino, è chiudere l’anno «con 800 mila passeggeri». Stima per difetto. Nessuno lo dice, ma l’ambizione di Genova è sforare la soglia psicologica del milione di crocieristi. Un modo per rimargina­ re una vecchia ferita: l’addio nel 2001 di Costa Crociere ­ e il conse­ guente boom di Savona (850 mila passeggeri nel 2010, oltre il milione nel 2011). Da allora, Genova si è sen­

tita un po’ orfana. È arrivata Msc, è vero. Gli italo­svizzeri hanno porta­ to in dote alla città nell’ultimo anno oltre 700 mila passeggeri ­ secondo quanto affermava poco tempo fa l’ad Pierfrancesco Vago. Ci sono i ciprio­ ti di Louis Cruise. Ma sotto la Lan­ terna l’arrivo di Royal è atteso dal 2006. Una sola toccata, poi le loro navi non si sono più viste per tre an­ ni. L’occasione è allora il 2011. Per­ ché quello sarà «il banco di prova», come spiegano alcuni manager della

compagnia. «Sette toccate da “home port”, con una delle nostre navi più prestigiose. La stessa tecnica che ab­ biamo usato a Civitavecchia: per ca­ pire come funziona il porto. Nel 2012, se è tutto ok, allungheremo la stagione. I piani di quell’anno, noi li abbiamo già scritti». Sta a Genova superare l’esame. La compagnia americana fa sul serio: oggi Civita­ vecchia è il primo porto passeggeri del Mediterraneo: 1,8 milioni di per­ sone,granpartedaRoyalCaribbean.

Oggi a Genova l’Autorità portuale darà l’inizio ai lavori per la rettifica dipontedeiMille,perportarelaban­ china a 340 metri. La fase due per ri­ lanciare il porto passeggeri genove­ se, dopo i dragaggi e la prevista ri­ qualificazione di ponte Doria. Entro il 2015, anno dell’Expò ­ garantisce il presidente Luigi Merlo ­ sarà pronta l’area di ponte Parodi con l’Henne­ bique. Intanto, Royal dall’anno prossimo ha aggiunto una toccata della controllata Celebrity alla Spe­ zia, mentre è già in cordata per com­ prare la Stazione Marittima di Trie­ ste. Gli americani evidentemente giocano su più tavoli. Quale vincerà? A. QUA.

GENOVA. Cinquenuoveunitàna­

vali per riprendere il percorso di crescita iniziato tre anni fa. È con questo obiettivo che Vroon Of­ fshore Italia, la controllata italia­ na del gruppo olandese Vroon BV, ha portato a termine l’acquisizio­ ne, finanziata da UniCredit Cor­ porate Banking con un’operazio­ neda30milionidieuro,di5nuovi supply vessels. I mezzi, 4 unità Ahts (anchor handling tug supply vessel) e una platform supply vessel), costruiti presso i cantieri cinesi Fujan Sou­ th East Shipyard, sono stati tra­ sferiti in Adriatico dove sono stati noleggiati al gruppo Eni con un contratto time charter della dura­ ta di due anni. Vroon Offshore Italia, creata nel 2007 con sede a Genova, è una società controllata dalla casa ma­ dre olandese Vroon Vb, che ha chiusoil2009conunfatturatosu­ periore ai 530 milioni di dollari Usa e che gestisce direttamente unaflottacomplessivadicirca140 navi. Per il biennio 2009­2011, in particolare,èprevistalaconsegna di 56 nuove unità con un impegno finanziario globale di circa 500 milioni di dollari. La controllata italiana dispone attualmente di un flotta di 12 unità di proprietà.

I TIMORI DI ROYAL CARIBBEAN

AZIONARIO Azioni

IL COMMENTO

MILANO TORNA A SORRIDERE ••• MILANO. Le Borse euro­ pee allargano la distanza dal venerdì nero mettendo a se­ gno una seduta positiva per la prima volta in tre giorni. Gli indici di Milano sono quelli dove il rimbalzo è maggiore. In luce Prysmian: dopo che lunedì aveva ceduto il 2,57%, Ieri il titolo ha mostrato il rimbalzo maggiore. Euro Pr.Uff.

Azioni

Diff.

Var.%

­0,002 0,016 0,050 ­0,022 0,706 ­0,002 0,008 0,042 ­ ­0,001 ­0,005 0,003 ­0,001 0,056 0,235 ­0,025 ­0,002 ­0,001 ­0,011 ­0,006 ­0,105 0,114 0,061 0,034 0,120 0,187

­0,31 1,40 0,65 ­0,53 1,25 ­0,14 0,93 1,19 ­ ­0,38 ­1,67 1,01 ­0,25 1,48 1,77 ­5,03 ­0,60 ­1,89 ­2,56 ­0,41 ­2,28 0,75 0,68 0,35 0,59 2,55

A A.S. Roma A2A Acea Acegas­Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm­Agam Actelios AdF­Aerop.Firenze Aedes Aeffe Aicon Alerion Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pell Apulia Pront Arena Arkimedica Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Autostrada To­Mi Autostrade Mer. Azimut

0,711 1,180 7,683 4,169 57,113 1,520 0,925 3,555 12,697 0,208 0,301 0,280 0,551 3,811 13,509 0,464 0,384 0,026 0,435 1,557 4,503 15,279 9,047 9,886 20,468 7,505

B Bcompany C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banco Popolare Basicnet Bastogi BB Biotech Bca Carige Bca Carige r Bca Finnat Bca Intermobiliare Bca Pop.Etruria e Lazio Bca Pop.Milano Bca Pop.Spoleto Bca Profilo Bco Desio­Brianza Bco Desio­Brianza rnc Bco Popolare w10 Bco Santander Bco Sardegna rnc Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Stabili Best Union Co.

2,894 7,518 7,696 4,507 2,702 1,780 45,210 1,555 2,765 0,527 4,165 3,373 3,538 3,898 0,480 4,012 3,781 0,019 8,612 9,752 0,404 0,661 5,997 0,585 1,255

0,105 0,008 0,075 0,079 0,085 ­0,068 0,001 0,007 0,028 ­0,003 0,024 0,001 0,042 ­0,106 ­0,003 ­0,084 ­0,071 ­0,001 0,267 0,067 ­0,001 0,005 0,004 0,018 0,042

3,78 0,10 0,98 1,78 3,26 ­3,67 ­ 0,45 1,02 ­0,59 0,59 0,03 1,20 ­2,64 ­0,62 ­2,05 ­1,84 ­3,96 3,20 0,69 ­0,25 0,70 0,07 3,10 3,47

Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Boero Bart. Bolzoni Bon.Ferraresi Borgosesia Borgosesia rnc BPM 09­13 w Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem rnc

Euro Pr.Uff.

Diff.

Var.%

Azioni

0,454 1,397 5,409 1,012 20,500 1,804 30,500 0,900 1,226 2,500 5,655 0,188 6,454 0,869 10,028 6,085

­0,011 0,004 ­0,072 ­ ­ 0,038 0,055 ­0,004 ­0,038 0,045 0,143 0,002 0,083 0,032 0,026 0,004

­2,39 0,32 ­1,31 ­ ­ 2,13 0,18 ­0,49 ­3,01 1,85 2,59 1,19 1,29 3,79 0,26 0,07

Eutelia Everel Group Exor Exor priv Exor risp Exprivia

4,435 2,410 1,109 2,099 2,021 0,256 0,036 4,072 0,300 2,413 21,193 2,128 0,404 5,160 2,459 2,499 0,342 0,143 0,285 0,777 1,478 0,523 1,501 0,695 0,577 0,813 1,524 23,446 4,224 3,987 0,165 0,988

0,007 ­0,010 0,015 ­0,022 0,010 0,001 0,002 0,075 ­ 0,020 0,007 0,024 0,007 0,178 0,035 ­0,050 ­0,008 0,002 ­ 0,011 ­0,001 ­0,005 ­0,007 0,002 0,002 ­0,020 0,014 0,389 0,052 0,021 ­ 0,048

0,17 ­0,41 1,38 ­1,03 0,49 0,35 5,64 1,89 ­ 0,83 0,03 1,14 1,84 3,56 1,45 ­1,97 ­2,29 1,71 ­ 1,44 ­0,06 ­0,93 ­0,44 0,26 0,30 ­2,38 0,91 1,69 1,25 0,53 ­0,18 5,11

1,154 3,398 0,858 17,140 9,347 3,738 3,475 1,211 30,073 1,712 4,500 13,720

0,002 ­0,004 0,004 0,247 0,119 ­0,043 0,022 0,046 0,872 ­0,030 ­0,061 0,234

0,19 ­0,12 0,43 1,46 1,29 ­1,13 0,64 3,94 2,99 ­1,73 ­1,34 1,74

C Cad It Cairo Comm. Caleffi Caltagirone Caltagirone Ed. Cam­Fin Camfin 09­11 w Campari Cape Live Carraro Cattolica As CDC Cell Therap Cembre Cementir Hold Cent. Latte Torino Ceram. Ricchetti CHL CIA Ciccolella Cir Class Editori Cobra Cofide Cogeme Set Conafi Prestito' Cred. Artigiano Cred. Bergamasco Cred. Emiliano Cred. Valtellinese Crespi Csp

D D'Amico Dada Damiani Danieli Danieli rnc Datalogic De'Longhi Dea Capital Diasorin Digital Bros Dmail Group DMT

Euro Pr.Uff. 0,130 13,364 8,270 9,591 0,973

Diff.

Var.%

­0,010 ­ 0,274 0,109 0,336 ­0,013

­6,93 ­ 2,10 1,34 3,63 ­1,28

F Fastweb Fiat Fiat prv Fiat rnc Fidia Fiera Milano Fil. Pollone Finarte C.Aste Finmeccanica FNM Fondiaria­Sai Fondiaria­Sai rnc Fullsix

13,418 8,854 5,112 5,441 3,526 4,074 0,534 0,138 9,341 0,580 8,636 6,203 1,148

0,155 0,067 0,060 0,046 ­0,033 0,021 ­0,015 ­0,005 0,162 0,004 0,067 0,016 0,038

1,17 0,77 1,18 0,85 ­0,93 0,51 ­2,75 ­3,22 1,76 0,70 0,78 0,25 3,40

0,103 0,372 5,600 2,227 0,532 1,450 15,131 4,184 3,367 3,116 4,862 4,895 1,954 5,149

­0,001 ­0,002 0,030 0,032 ­0,001 ­0,050 0,252 ­0,010 0,008 0,002 ­0,045 ­0,001 ­0,014 ­

­1,24 ­0,56 0,54 1,43 ­0,17 ­3,33 1,69 ­0,25 0,25 0,07 ­0,92 ­0,02 ­0,71 ­

1,549

0,012

0,77

G Gabetti 09/13 w Gabetti Pro.Sol. Gas Plus Gefran Gemina Gemina rnc Generali Geox Gewiss Granitifiandre Greenvision Gruppo Coin Gruppo Edit. L'Espresso Gruppo Minerali M.

H Hera

Azioni KME Group KME Group 06­11 w KME Group 09­11 w KME Group rnc

Euro Pr.Uff. 0,282 0,021 0,019 0,568

Diff.

Var.%

0,002 ­ ­ ­0,006

0,64 0,47 ­1,07 ­1,10

L La Doria Landi Renzo Lazio Lottomatica Luxottica

1,995 2,798 0,323 12,723 20,682

0,007 0,002 0,004 0,098 0,112

0,38 0,08 1,38 0,78 0,54

2,837 0,159 1,817 2,574 6,894 2,609 5,455 6,143 3,628 2,503 0,111 0,455 12,000 1,537 1,793

0,071 0,002 ­0,063 ­ 0,044 0,016 0,022 0,035 0,021 0,028 ­ ­0,005 ­ 0,006 ­0,034 ­ 0,083 0,075 0,015 ­0,001 ­0,036 ­0,020 0,004 ­0,003 0,011 0,033 0,020

2,57 0,95 ­3,37 ­ 0,65 0,62 0,40 0,58 0,59 1,14 ­0,36 ­1,09 ­ 0,39 ­1,89 ­ 2,38 6,29 0,58 ­0,38 ­0,52 ­4,65 0,39 ­1,77 2,28 2,87 0,38

M Maire Tecnimont Management e C. Marcolin Mariella Burani FG MARR Mediacontech Mediaset Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Cap Milano Ass. Milano Ass. rnc Mirato Mittel MolMed Mondadori Mondo HE Mondo Tv Monrif Monte Paschi Si. Montefibre Montefibre rnc Monti Ascensori Mutuionline

3,549 1,275 2,527 0,133 6,991 0,410 0,904 0,161 0,481 1,168 5,223

N I I Grandi Viaggi IGD Il Sole 24 Ore Ima Immsi Impregilo Impregilo rnc Indesit Indesit rnc Industria e Inn Intek Intek r Intek w 11 Interpump Interpump 09/12 w Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo rnc Invest e Svil w09 Invest e Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding IT WAY Italcementi Italcementi rnc Italmobiliare Italmobiliare rnc IW Bank

0,894 1,212 1,548 14,752 0,841 2,020 7,619 9,202 8,003 2,094 0,498 0,815 0,053 4,068 0,308 2,245 1,840 0,008 0,053 1,332 1,382 2,742 0,184 3,524 7,299 4,106 23,279 17,839 1,731

0,025 ­0,010 0,024 0,234 ­0,002 ­0,009 ­ 0,226 ­0,347 ­ 0,001 ­0,063 ­0,003 0,115 0,019 0,072 0,072 ­ 0,001 0,011 0,018 ­0,025 ­ 0,040 0,030 0,022 0,352 0,412 ­0,017

2,90 ­0,81 1,54 1,62 ­0,23 ­0,46 ­ 2,52 ­4,15 ­ 0,26 ­7,14 ­4,82 2,91 6,42 3,32 4,10 ­ 0,95 0,85 1,31 ­0,90 ­ 1,16 0,42 0,55 1,53 2,36 ­0,99

0,806

0,007

0,90

Nice Noemalife Novare

3,038 6,000 1,190

0,008 0,140 ­

0,27 2,39 ­

0,370

­0,005 ­

­1,41 ­

1,777 1,970 0,964 2,298 3,726 0,283 2,246 1,266 0,449 0,544 0,346 10,616 0,507 0,800 8,920 6,566 1,388 0,966 0,729 2,080 7,005 11,748

0,029 0,032 0,022 0,017 0,017 ­ 0,042 0,016 0,004 ­ 0,002 ­0,035 ­0,002 ­0,002 ­0,029 0,063 0,018 ­0,003 ­0,001 0,037 0,136 0,292

1,67 1,68 2,38 0,75 0,46 ­ 1,91 1,24 0,81 0,07 0,61 ­0,33 ­0,35 ­0,31 ­0,32 0,97 1,31 ­0,36 ­0,12 1,83 1,98 2,55

0,200 0,058 0,202 0,879

0,007 ­0,002 ­0,002 0,006

3,62 ­3,32 ­1,13 0,65

O Olidata Omnia Network

P Panariagroup Parmalat Parmalat w15 Piaggio Pierrel Pierrel 08/12 w Pininfarina Piquadro Pirelli C. Pirelli C. rnc Pirelli Real E. Poligr. S.Faustino Poligrafici Editoriale Poltrona Frau Pop.Emilia Romagna Pop.Sondrio Pramac Premafin Finanziaria Premuda Prima Ind 09/13 w Prima Industrie Prysmian

Azioni RCS Mediagroup RCS Mediagroup risp RDB Recordati Reply Retelit Retelit w 08­11 Rich Ginori 11 w Risanamento Rosss

Euro Pr.Uff.

Diff.

Var.%

Azioni

1,274 0,732 2,039 5,785 16,003 0,359 0,079 0,023 0,341 0,811

­0,007 ­0,003 0,004 0,021 0,151 0,003 ­0,002 ­ ­0,024 0,005

­0,53 ­0,46 0,20 0,37 0,95 0,93 ­2,35 ­ ­6,57 0,57

Warr Aedes 14 Warr Kre 09/12

16,613 0,419 5,439 4,482 8,575 26,956 28,100 1,710 9,170 6,738 0,551 0,146 1,370 5,043 6,605 2,314 3,473 0,100 0,002 1,452 2,005 4,250 0,082 1,440 8,789 3,550 6,656

0,005 ­0,008 ­0,018 0,078 ­0,053 0,744 ­ 0,010 0,319 ­0,048 ­0,007 0,002 ­0,010 0,043 ­0,032 0,030 0,043 ­ ­ ­ 0,001 0,004 ­ 0,023 ­0,574 ­ 0,062

0,03 ­1,89 ­0,32 1,77 ­0,61 2,84 ­ 0,58 3,60 ­0,71 ­1,29 1,25 ­0,72 0,85 ­0,47 1,31 1,24 ­ ­ ­ 0,03 0,09 ­0,24 1,60 ­6,13 ­ 0,94

1,249 12,320 1,022 0,590 0,767 0,868 15,366 3,039 3,556 0,126 0,003 55,565 1,466 11,656 0,722 5,853

0,001 ­ 0,010 ­0,019 0,002 0,015 0,245 0,014 0,091 0,003 ­ 0,709 ­ 0,150 ­ 0,002

0,08 ­ 1,01 ­3,15 0,24 1,70 1,62 0,48 2,63 2,28 3,12 1,29 ­ 1,30 ­ 0,03

7,749 0,025 0,624 1,858 2,570 0,717 0,513

­0,078 0,001 0,008 0,039 ­0,004 0,010 0,010

­1,00 2,04 1,35 2,16 ­0,17 1,42 1,93

4,248 0,139 1,385 4,236 3,541

­ ­ ­0,025 0,049 0,006

­ ­ ­1,75 1,16 0,18

0,201 0,364 0,050 0,016 0,124

­0,035 0,001 ­ ­ 0,005

­14,76 0,28 0,40 ­ 3,78

S Sabaf S.p.a. Sadi Saes Saes rnc Safilo Group Saipem Saipem risp Saras Sat Save Screen Service BT Seat PG Seat PG r Servizi Italia SIAS Snai Snam Gas Snia Snia w10 Socotherm Sogefi Sol Sopaf Sorin Stefanel Stefanel risp STMicroelectr.

T Tamburi TAS Telecom IT Telecom IT Media Telecom IT Media rnc Telecom IT rnc Tenaris Terna TerniEnergia Tiscali Tiscali 09/14 w Tod's Toscana Fin Trevi Fin.Ind. Trevisan­Cometal TXT e­solution

U UBI Banca UBI w 09­11 Uni Land Unicredit Unicredit risp Unipol Unipol pr

Euro Pr.Uff.

Diff. Rend.%

0,066 0,029

­ ­

­0,45 ­

5,892 0,096

0,309 ­0,001

5,53 ­0,82

Y Yoox Yorkville Bhn

Z Zignago Vetro Zucchi Zucchi rnc

0,041 ­ 0,005

0,95 0,07 0,94

109,65 97,91 98,64 106,57 98,78 95,53

4,340 0,534 0,515

109,65 97,91 98,64 106,57 98,78 95,53

n.r. 2,98 3,05 n.r. 3,06 2,45

100,05

100,05

n.r.

101,61 98,95 101,19 97,05 103,42 102,21 97,74 96,11 103,39 98,57 103,80 99,03 98,67 98,82 101,39 100,67 108,86 100,72 101,92 104,83 101,69 103,48 103,11 106,12 96,63 97,99 98,99 100,00 100,00 100,44 97,87 99,27 100,34 100,20 99,21 98,29 98,09 97,28 99,85 100,10 101,74 109,18 97,16 102,19 99,43 99,31 103,16 100,10 99,75 101,22 103,55 77,80 101,86 101,71 101,23 99,03 98,46 99,66 100,64 100,95 99,58 97,23

101,61 98,95 101,19 97,05 103,42 102,21 97,74 96,11 103,39 98,57 103,80 99,03 98,67 98,82 101,39 100,67 108,86 100,72 101,92 104,83 101,69 103,48 103,11 106,12 96,63 97,99 98,99 100,00 100,00 100,44 97,87 99,27 100,34 100,20 99,21 98,29 98,09 97,28 99,85 100,10 101,74 109,18 97,16 102,19 99,43 99,31 103,16 100,10 99,75 101,22 103,55 77,80 101,86 101,71 101,23 99,03 98,46 99,66 100,64 100,95 99,58 97,23

n.r. n.r. 1,68 3,05 0,66 1,80 2,95 2,90 6,05 2,55 n.r. 0,80 1,85 1,93 3,63 1,40 2,53 1,43 2,69 2,48 1,32 2,53 n.r. n.r. 8,61 1,44 0,81 3,93 2,32 2,51 1,68 2,74 2,84 2,81 2,88 2,74 2,95 2,89 2,21 0,59 n.r. 4,48 n.r. 2,86 1,51 3,14 6,19 3,29 3,38 2,07 4,37 3,64 n.r. n.r. 3,59 2,57 2,09 4,13 7,03 3,31 4,47 6,73

OBBLIGAZIONI B IMI nov14 Top10 BP II B Intesa 04/14 B Intesa/14 STEuro Barclays lug19 Fixed Rate Barclays ott19 MC eur Barclays ott19 TV usd Barclays apr21 Inv.Floater Barclays gen25 Eur 15Y Barclays mar20 MC Eur Barclays ST11 3 Eur Barclays ST13 It Inf Bei/14 EIBF Bei/15 eu var Bei/20 EIBE CMS Bei/20 EIBFB Bei/25 EIBF Bim Imi Mg12 Inf_Link Bnl 05/11 RBP 6a Bnl 06/12 R2 BP Credem Dic14 Lower T2 AM Credem Giu14 Lower T2 TV Dexia Cr mar 12 Fix to CMS Enel 07/15 Eu 5.25% Enel 07/15 Eu 5.25% Enel 07/15 Ind Enel Feb16 Eur 3.5 Eni giu 15 4% Eur Eni giu 15 Eurib 6m+0,89 Fiat Step up/11 IMI fb15 Bposta MC Eur IMI st14 Bposta MC Eur Interb/11 BG Intesa 12 Rel 3 BP IV Intesa/12 Rel 3 BP V Medio mag20 Eur 4,5 Medio nov 14 Eur 2,65 Medio Nv14 Eur 3 Medio Nv14 TV Eur Medio/11 S.T. Eu Medio/11 ST Gn06 Medio/11 ST Lg06 Medio/11 ST Mag06 Medio/12 Inf. Linked Medio/12 Inf.Link Medio/13 Rend Pr Medio/14 Rend TP Mediob 14 BP1 Rel3 Merrill 12 BP3 Rel 3 Merrill 13 CMS 10/2Y Morgan LG13 CMS10 MPaschi/13 Pop Bg CV/12 tv Rbs 01­11 tv Rbs 01­20 tv Eurib. Rbs 01­20 tv infl. Rbs 01­20 tv sicur. Rbs 04­14 tv Rbs 04­19 5,5% Rbs 06­16 zc Rbs 07­14 MC Rbs 09­14 4% Rbs 09­16 4,3% Rbs 10­11 tv Rbs 10­19 6% Rbs 12­19 4,6% RBS 23MZ18 Mc Eur RBS feb 16 Eur 4 RBS MZ20 Tsf Rep Aus/22 FBL

La pagina del Secolo XIX del 19 mag­ gio in cui si annuncia il ritorno in pianta stabile nel porto genovese, dopo anni, di Royal Caribbean, seconda più grande compagnia crocieristica del mondo. La nave che dal 2011 si stabi­ lirà a Genova sarà la “Mariner of the Seas”, 311 metri e 3.100 passeggeri E

Edison Edison r EEMS El.En. Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergy Capital Esprinet Eurotech

0,960 1,271 1,551 12,276 1,713 4,412 3,691 1,224 24,416 15,967 5,773 9,992 0,790 0,745 6,111 2,051

0,007 ­0,003 0,047 0,217 ­0,001 0,054 0,073 ­ 0,112 0,033 0,076 ­0,005 0,021 0,008 ­0,145 ­0,078

0,77 ­0,20 3,13 1,80 ­0,07 1,23 2,01 ­ 0,46 0,21 1,33 ­0,05 2,68 1,09 ­2,32 ­3,65

J

Juventus FC

K.R.Energy Kerself Kinexia

0,059 4,262 2,582

0,002 ­ ­0,022

3,13 ­ ­0,84

R. De Medici R. Ginori 1735 Ratti RCF

V

Valsoia Viaggi Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass.

W

R

K

15

MERCOLEDÌ 19 MAGGIO 2010

IL FINANZIAMENTO

w Cr Val 2010 w Cr Val 2014 W Mediobanca 11 w Meridie 11 War ErgyCapital 11

Il lunedì è giorno di negozi chiusi. Nel vedere gli itinerari su Genova, francamente, mi viene un po’ di tristezza

Azioni

Euro Pr.Uff.

Rep Aus/CMS 2035 Rep Aus/CMS SFN Rep Aus/CMS SL UBI lug14 Tasso Misto UBI mar16 LowT2 Amor UBI mar19 LowT2 Call UBI nov15 LowT2 Amor UniCr 19/06/11 S3 UniCr 23/06/11 S7 UniCr 31/05/11 S09/05 UniCr mag 13 BP Reload3 UniCr mar 13 BP Reload3 UniCr/10 ind UniCr/15 LT UniCr/16 LT UniCr/16 LT 2

89,76 93,01 83,40 99,94 98,62 101,99 97,00 101,42 101,65 100,83 97,67 97,73 101,06 99,01 99,18 99,30

Diff.

Var.%

89,76 93,01 83,40 99,94 98,62 101,99 97,00 101,42 101,65 100,83 97,67 97,73 101,06 99,01 99,18 99,30

6,92 2,20 3,61 1,75 2,09 2,77 2,26 1,86 1,71 1,66 1,41 1,13 n.r. 3,06 3,41 2,99

INDICI ESTERI Amsterdam (Aex) Bruxelles­Bel 20 Francoforte (Xet Dax) Hong Kong HS Johannesburg Londra (FTSE 100) Madrid Ibex35 Oslo Top 25 Parigi (Cac 40) Singapore ST Sydney (All Ords) Tokio (Nikkei) Vienna (Atx) Zurigo (SMI)

331,00 2485,24 6155,93 19944,94 25581,39 5307,34 9627,60 332,42 3617,32 2844,35 4500,01 10242,64 2501,82 6470,84

+1,36 +1,89 +1,47 +1,17 +0,80 +0,85 +3,68 +0,84 +2,08 +0,38 ­0,02 +0,07 +1,91 +0,65

CAMBI DELL'EURO Chiusura 18/05/10 Dollaro Usa Sterlina Inglese Franco Svizzero Yen Giapponese Corona Danese Corona Svedese Corona Norvegese Corona Ceca Dollaro Canadese

Indicazioni BCE 1.2428 0.8590 1.4028 115.32 7.4404 9.5545 7.7280 25.458 1.2760

MONETE AUREE Oro fino (per gr.) Argento (per kg.) Sterlina (v.c) Sterlina (n.c) Sterlina (post.74) Marengo Italiano Marengo Svizzero Marengo Francese Marengo Belga Marengo Austriaco 20 Marchi 10 Dollari liberty 10 Dollari Indiano 20 Dollari liberty 20 Dollari St.Gaude 4 Ducati Austria 100 Corone Austria 100 Pesos Cile Krugerrand 50 Pesos Messico

29,43 413,16 211,74 211,74 211,74 165,26 160,10 160,10 160,10 160,10 216,91 459,64 462,22 893,47 903,79 335,69 805,67 464,81 836,66 1.007,09

31,78 493,21 232,40 235,50 235,50 196,25 190,46 190,46 190,46 200,79 247,89 526,78 542,27 996,76 1.007,09 454,48 1.027,74 604,25 1.012,25 1.218,83

EURIBOR 1 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi 6 mesi 7 mesi 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 12 mesi

0,363 0,423 0,527 0,688 0,782 0,881 0,982 1,020 1,064 1,120 1,158 1,196 1,247

0,368 0,429 0,534 0,698 0,793 0,893 0,996 1,034 1,079 1,136 1,174 1,213 1,264

LINA MAZZUCCO direttore generale di Royal Caribbean

Lina Mazzucco

QUELLI CHE SCOPRONO GENOVA APPENA SBARCATI

«POSSIBILE CHE IN QUESTA CITTÀ NON CI SIA NEPPURE UNA TOILETTE?» I problemi che attendono al varco chi sceglie di rinunciare ai tour organizzati LE TESTIMONIANZE LA MSC Lirica attracca alle 7,30, i crocieristi iniziano a sbarcare alla spicciolata mezz’ora dopo. E la stragrande maggioranza sceglie le visite guidate. in battello verso il vicino porto antico per visitare l’Acquario, oppure in pullman ver­ so le riviere e Portofino. Solo una minoranza sceglie di avviarsiapiedinelcuoredellacittà per tentare di conoscerne anche qualche aspetto meno noto, fuori dailuoghibellissimimascontati:la visita all’Acquario è imprescindi­ bile ma molti hanno già avuto oc­ casione di vederlo, e poi la giornata disoleinvogliaastareall’ariaaper­ ta. É la scelta giusta? «Peccato per quella immondizia che si vede I crocieristi appena scesi a terra alla Stazione Marittima

I PUNTI DA BOCCIARE

uscire dai cassonetti», commenta ad alta voce una ragazza che fa par­ te di un gruppo di turisti di Brindi­ si, percorrendo la strada della dar­ sena all’altezza del Galeone. Eccola, la passeggiata di chi sce­ glie la libertà, fuori dai percorsi ob­ bligatidietroallehostessconilcar­ tello issato in aria. Però, cammi­ nando, si vede anche quello che dalle foto patinate dei cataloghi re­ sta fuori. I commercianti abusivi senegalesi in fila fianco a fianco con i venditori regolari della Coo­ perativa dei pescatori. Il mondo deinegoziedelloshopping,invece, è in gran parte off limits: è lunedì e le saracinesche nei vicoli poco di­ stanti (che qualcuno visiterà di lì a poco) abbassate sono tantissime. Ed è sbarrata la porta della chiesa di San Luca, uno dei gioielli del centro storico: al lunedì mattina, il parroco don Stefano Olivastri non

ALLA SCOPERTA DEL CENTRO STORICO

LE SARACINESCHE ABBASSATE

CHIUSA LA CHIESA DI VIA SAN LUCA

Il lunedì, per molti commercianti, è il giorno di riposo. Bar, boutique, gioiellerie: restano aperti soprattutto gli empori etnici e di abbigliamento cinese

Il parroco di San Luca si deve dividere tra il seminario, gli scout e impegni di curia. È solo, la sua chiesa il lunedì mattina è chiusa. E la scorsa settimana è stata deturpata dai vandali

La serrata generale spinge i turisti a fare shopping dagli abusivi Multe salate a chi acquista dagli ambulanti Nei vicoli aperti solo i negozi gestiti da cinesi


genova genova

IL ILSECOLO SECOLOXIX XIX

MARTEDÌ MARTEDÌ 25 25MAGGIO MAGGIO2010 2010

19 19

LE RISPOSTE DEGLI ADDETTI AI LAVORI

Vassallo: «Manca il gioco di squadra» Niente taxi sottobordo? «Ragioni di sicurezza»

Crocieristi ieri mattina al porto antico dopo essere scesi dalla “Msc Lirica”. Negozi chiusi, ma ambulanti abusivi al lavoro

riesce a garantirne l’apertura. Eccoli, i luoghi belli e proibiti che non potrà mai visitare chi toc­ ca Genova solo per poche ore, dallo sbarco alla ripartenza verso altri porti. La stragrande maggioranza dei turisti in crociera, soprattutto stranieri ma anche italiani, am­ mette di non conoscere affatto Ge­ nova o ne ha un’idea molto vaga. «È la città di Colombo», dice Hans Benoitk, che viene dalla Ger­ mania ed è alla sua prima volta in Liguria. «Io invece sono già venuta due anni fa, ma ho visitato solo l’Acquario e il porto antico», rac­ conta Ilaria Strino, che seguendo i tourorganizzatinontroveràmolto di più. Molti crocieristi si sono invece prenotati per le visite ai musei di Strada Nuova, eccezionalmente aperti anche al lunedì per le comi­ tive sbarcate con Msc e con la Co­ sta (che organizza pullman da Sa­ vona proprio con questa meta). «Tutto molto bello ­ , commenta Santiago Carabazza, 77 anni, che viene da Barcellona ­ e Genova as­ somiglia molto alla mia città. Ma è possibile che non ci sia una toilette da nessuna parte?». .

L’ultima volta sono stata qui due anni fa, all’Acquario

Per me è la prima volta, non conoscevo affatto la città

Ho visto troppa spazzatura in giro e fuori dai cassonetti

ILARIA STRINO

ARNAUX LANTERAMI

RAUL ZACCARIA

panificatrice

commerciante

impiegato

La prima impressione? Una splendida città da rivedere

Sono già stato a Roma e Avellino, ora la Liguria

Molto bella via Garibaldi, ma non c’è una toilette?

Io i crocieristi li porto in giro a vedere il porto antico

SAMUELE MANNU

HANS BENOITK

SANTIAGO CARABAZA

MAX AMMAZZAGATTI

operaio

viaggiatore

pensionato

conducente “trenino”

GIULIANO GNECCO

IL PARADOSSO è arrivare al tafaz­ zismo. Perché, per richiamare i turi­ sti li si stanga, con l’ovvio risultato di metterli in fuga, oppure le forze del­ l’ordinedevonochiudereunocchio­ meglio due ­ sull’inosservanza delle norme che sono pagati per fare ri­ spettare. Già, un bel groviglio. Per­ ché per il decoro della città, e com­ battere la contraffazione, il Comune hadecisodiusarel’artiglieriapesan­ te contro i venditori ambulanti abu­ sivi: multe salate anche a chi acqui­ sta, rendendosi complice. Iniziativa meritoria che, però, si scontra con la realtà. Non è difficile immaginarlo: una grande nave da crociera sbarca mi­ gliaia di turisti in città. Solo che è lu­ nedì, e tante saracinesche sono ab­ bassate. Nei vicoli restano aperti so­

FOTOSERVIZIO PAMBIANCHI

SANZIONI DA 100 A 7.000 EURO PER I CLIENTI PER la legge contro le false griffe che sanziona l’acquisto di merci di “dubbia provenienza” le sanzioni vanno da 100 a 7.000 euro

lo i negozi cinesi, e avendo di fatto il monopolio, fanno buoni affari. Poi lungo la Darsena, nel tratto che dal porto accompagna alla città vecchia e all’Acquario, c’è una lunga seriedibancarelleabusivegestiteda extracomunitari, spesso senegalesi. L’ignaro turista straniero trova un oggettocarino,unsouvenir,edecide di acquistarlo. Bene,orailrebus:sparareunaraf­ fica di multe sui turisti, lasciando un ricordo non certo piacevole della città, o voltarsi dall’altra parte per incentivare il turismo? In questo se­ condo caso, sanzionare solo i geno­ vesi non sarebbe discriminatorio? Un bel rompicapo. Eppure,lasoluzionesarebbesem­ plice. È l’uovo di Colombo, oppure come la soluzione trovata da Ales­ sandro per sciogliere il nodo di Gor­ dio:basterebbedaunaparteintensi­

ficare i controlli, per impedire che gli abusivi allestiscano le loro posta­ zioni. Ma non è sufficiente, perché come dimostra l’esperienza di piaz­ zaCavour,appenacisidistraeicom­ merciantiirregolariritornano.Oco­ munque spostano altrove le loro at­ tività. Dall’altra sarebbe risolutivo se i negozianti decidessero di tenere aperto: i turisti avrebbero un servi­ zio in più, e una tentazione in meno. Troppo facile. Il problema è che per i negozi si tradurrebbe in un au­ mento dei costi, soprattutto per il personale.Bisognerebbevedereseil gioco vale la candela, cioè se e quan­ to i turisti spendono euro, dollari, sterline e yen. O quanto il Comune, per incentivare il turismo, sia dispo­ sto a aiutare i commercianti che si sacrificano. gnecco@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

«È VERO, stiamo faticosamente esigenze di security sono diverse». diventando una città di turisti, ma Il primo impatto (negativo) con la mentalità turistica ancora non una città (stupenda) per molti cro­ c’è». Parola di Gianni Vassallo, as­ cieristi del lunedì è quello con i cas­ sessore al Commercio e al Turi­ sonetti. dell’Amiu lungo la passeg­ smo, che ammette subito. «La giata della Darsena, parzialmente chiusuradeinegoziquandosbarca­ nascostidasiepima,dopolafestivi­ no i crocieristi è un problema, sia­ tà domenicale, debordanti spazza­ mo di fronte a un’arretratezza di tura.Esequalchecrocieristasitap­ cultura dell’accoglienza». Poi, in­ pailnasoochiudegliocchi,perige­ dossando i panni dell’allenatore. novesi il primo pensiero va al­ «Ci manca il gioco di squadra, rara­ l’azienda dell’igiene urbana: colpa mente ho visto lavorare insieme, in di Amiu? «Quell’area è privata e questo campo, pubblico e privato. non soggetta al pagamento della Lecittàturistichetradizionalihan­ Tia ­ fa sapere l’azienda ­ e Marina no capito da anni che è necessario porto antico paga il servizio per la andare in questa direzione. A Ge­ rimozione dei rifiuti nei giorni fe­ nova, invece, siamo appena parti­ riali». Significa che i cassonetti so­ ti». no svuotati l’ultima volta al sabato La soluzione possibile? «Noi, co­ pomeriggio, poi si ricomincia lune­ me Comune ­ risponde ­ dobbiamo dì alle 16. «Ma il vero problema è creare itinerari turistici e convin­ che la gente continua a conferire la cere i commercianti di quelle stra­ spazzatura anche alla domenica, de a restare aperti. Dobbiamo pun­ malgrado i divieti». tare sulla valoriz­ I crocieristi si di­ zazione delle “bot­ vidono in due teghe storiche” grandi categorie: come attrazione chi segue il gruppo per i turisti». e approfitta delle I turisti si la­ attività organizza­ mentano, alla Sta­ te e delle visite gui­ zione Marittima date. E chi invece non c’è un autono­ sceglie la libertà, leggio. «Ma sono preferisce orga­ cose per le quali è nizzarsi le visite da necessaria l’ini­ sè. A Genova, però, ziativa privata. andare in gruppo è mica è l’ente pub­ quasi un obbligo blico che può chia­ per non limitarsi mare ad investire. alla magia dell’Ac­ Piuttosto, a Ponte quario e cercare dei Mille non c’è anche spazi cultu­ PROMESSA neanche un punto rali diversi. I mu­ DI CAMBIAMENTO per le informazio­ sei di Strada Nuo­ ni turistiche. Ora A Ponte dei Mille va,infatti,allunedì l’abbiamo finan­ sono chiusi per ziato e presto po­ aprirà un punto tutti. Salvo che per trà essere aperto, di informazioni i crocieristi preno­ sarà un chiosco tatieaccompagna­ dove chiunque turistiche dove poter ti. sbarchi autono­ prenotare un albergo Guido Gandino mamente potrà dirigente del set­ cercareunastanza GIANNI VASSALLO tore Musei del Co­ d’albergoanche al­ assessore al Commercio e al Turismo mune: «Sì, l’atten­ l’ultimo momen­ zione al mondo to, cogliendo le offerte last minute delle crociere è iniziata dopo il e ricevendo un vaucher da spende­ 2004 per i Musei di Strada Nuova. re poi direttamente alla recep­ Il lunedì è il giorno di chiusura al tion».Sì,maicrocieristi?«Perloro, pubblico, con eccezione proprio il problema che mi pare più grave per le comitive sbarcate dalle navi oggièl’assenzadiunafermatadita­ della Costa e della Msc; ora sono in xi, c’era ed è stata tolta anni fa». corso contatti per estendere la col­ Valerio Giacopinelli, presidente laborazione anche alla Royal Ca­ della cooperativa Radiotaxi, sulla ribbean». questione dei posteggi per le auto Una iniziativa, dice l’uomo dei di piazza si accende. «La fermata musei, che è cresciuta anno dopo c’era, l’hanno voluta togliere le Sta­ anno. «Ospitiamo i crocieristi in zioni Marittime per interessi eco­ numero sempre crescente ormai nomicichenonconoscoopossoso­ da cinque anni: possono visitare le lo immaginare». Un danno per la esposizioni, passeggiare nei giardi­ vostracategoria?«Undannoprima ni e alla fine offriamo a tutti focac­ di tutto per chi sbarca. I taxi a Ge­ cia e vino bianco. Le presenze abi­ nova, e solo a Genova, non sono au­ tualisonoquelledellaCostachear­ torizzati ad andare sottobordo per rivano da Savona in pullman, spa­ motivi di security, il posteggio non gnoli, francesi e italiani, e c’è. Il risultato è che siamo tenuti ovviamente della Msc. E c’è un gra­ lontani, a Dinegro o a Caricamento dimento altissimo: superiamo or­ o alla fermata della metro. Ma que­ mai i dieci­undicimila crocieristi stononvaleaVenezia,Pescara,Na­ all’anno». poli, Savona; lì, chissà perché, le B. V.


20

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

genova

AL BUIO IN ATTESA DI UN CENNO DALL’INTERNO

TUTTI GLI SCIOPERI

Trasporti e scuola, sarà una settimana di passione

L’UOMO RITRATTO nella foto accanto, ieri notte ha passato almeno due ore, dall’una e mezza in poi, seduto in macchina davanti alla rete rialzata su un muretto che separa l’area del parcheggio del nuovo mercato ortofrutticolo di Bolzaneto dalla strada. La zona è quella sotto la sopraelevata che immette le auto verso il casello autostradale di Bolzaneto. Ogni mezz’ora circa l’uomo, corporatura esile e giubbotto nero, si alzava e controllava oltre la rete, dove erano in corso le operazioni di carico e scarico dei camion all’interno del mercato. Forte il sospetto che si trattasse di uno scaricatore abusivo in attesa di entrare.

DANIELA ALTIMANI

nomeno? «Nelle notti di maggior affluenza, ovvero la domenica sul lunedì e il mercoledì sul giovedì, ne becchiamo cinque o sei non in rego­ la», spiega la guardia giurata della Coopsettechesioccupadellasorve­ glianza. «Li porti fuori e poi magari te li rivedi dentro dopo poche ore o la notte dopo». Sono in due, accom­ pagnati da un ispettore della Sgm, a sorvegliare il tutto. «E adesso che viene la bella stagione e il lavoro au­ menta, non so se basteremo: qui gi­ ranocentinaiadipersone,nonèche possiamo conoscere tutte le facce». I controlli li fanno a campione: si ferma la persona e se non ha la tes­ sera viene riaccompagnata fuori. «Sino ad ora ­ spiega il guardiano ­ non abbiamo avuto grossi proble­ mi.Magaridevialzareunpo’lavoce. Ma non abbiamo ancora dovuto chiamare le forze dell’ordine». A volte devono anche mettere pace quando si scaldano gli animi tra grossisti e uomini della cooperati­ va. «Meglio loro dei vigili, comun­ que. Quelli degli abusivi se ne frega­ vano e sapevano solo fare le multe a noi», dice un commerciante. E che la situazione sia più controllata e più ordinata di prima lo riconosco­ no tutti, anche i più mugugnoni. Nell’aria volano i prezzi della merce, le urla dei guidatori di mu­ letto: «E spostati! Togliete ste belin di casse!», e non pochi sfottò calci­ stici:nellostanddiGhiac’èunostri­ scione rossoblù con foto di Milito, pochi metri più in là lo stesso Prin­ cipe, ma in nerazzurro, che brandi­ scelaChampionsinmezzoameloni e angurie.

OGGI si ferma l’Università, dopo­ domani scioperano gli addetti alle mense scolastiche, venerdì non circoleranno (se non negli orari delle “fasce protette”) i treni re­ gionali, i bus urbani ed extrurbani e il trenino di Casella. È iniziata una settimana di proteste, sciope­ riedisagiperchistudia,usaimez­ zi pubblici e ha figli in età scolare. Non sono previsti cortei ma un presidio dei lavoratori della risto­ razione scolastica giovedì matti­ na in via Garibaldi davanti a Tursi chiederà al Comune di adoperarsi affinchè le ditte appaltatrici dei servizi mensa rispettino il con­ tratto nazionale di lavoro. «In questi anni la situazione è andata via via deteriorandosi» scrivono le segreterie provinciali di Fil­ cams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil.«AGenovailsettorecontacir­ ca 600 addetti ­ spiega Claudio Croci, segretario Filcams Cgil ­ e cinqueaziendeappaltatrici».Gio­ vedì le scuole saranno aperte ma senza refezione e le famiglie do­ vrannoattrezzarsiinfilandopani­ nineglizainettioandandoapren­ dere i figli a fine mattinata. Loscioperodeltrasportopubbli­ co (naziona­ le), indetto da Cgil, Cisl, Uil, BUS FERMI Ugl, Orsa, Fia­ VENERDÌ sa, Fast, dure­ Dalle 5.30 rà 24 ore. Ini­ zierà alle 21 di alle 9.30 e giovedì e si dalle 17 alle concluderà al­ 21 mezzi la stessa ora di garantiti venerdì per i treni, comin­ cerà col primo turno di venerdì per i bus e terminerà con l’ultimo. Il motivo: il mancato accordo sul nuovo contratto di lavoro. «Il pro­ blema è ­ osserva Corrado Cavan­ na, neosegretario Filt Cgil ­ che le aziende del trasporto pubblico esternalizzano sempre di più il la­ voro e le ditte applicano contratti impropri creando sfruttamento e confusione». Servizio garantito nelle “fasce protette”: i treni regio­ nalicircolerannodalle6alle9edal­ le18alle21,ibusAmtdalle5.30alle 9.30edalle17alle21,ibusAtpdalle 6 alle 9 e dalle 17 alle 20. Il treno di Casella dalle 6.30 alle 9.30 e dalle 17.30 alle 20.30. La protesta del­ l’Università, anch’essa sottoscritta datuttelesiglesindacali,ècontroil disegno di legge Gelmini, «che smantella l’università pubblica». Oggi dalle 9 alle 11 niente lezioni, esami, attività amministrativa. E assemblea davanti a via Balbi 5 do­ ve si riunirà il consiglio d’ammini­ strazione dell’Università.

emanuele.rossi@ilsecoloxix.it

altimani@ilsecoloxix.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

DOPO LE COLTELLATE TRA IRREGOLARI E L’AUMENTO DEI CONTROLLI, VIAGGIO AL MERCATO DI BOLZANETO

«Entrano di nascosto nei furgoni» Scaricatori e vigilantes: fermiamo almeno cinque abusivi ogni notte 18

IL REPORTAGE

IL SECOLO XIX

genova

SABATO 22 MAGGIO 2010

LA DENUNCIA DEI SINDACATI DOPO IL FERIMENTO DI UN EXTRACOMUNITARIO

LE REAZIONI DEI RESPONSABILI DELLA STRUTTURA

Comune e grossisti: «Elimineremo il lavoro nero»

Coltellateperillavoro «Troppiabusivi,èallarme» Lite tra stranieri al mercato di Bolzaneto per poter scaricare la merce genova

IL CASO

23

Bolzaneto, l’ombra del caporalato

genova LE NOTIZIE DI CRONACA E VIABILITA’: ogni ora su Radio19 e in tempo reale su ilsecoloxix.it Redazione: tel.: 010.53881, fax: 010.5388426

I PRIMI giorni hanno osservato quello che succedeva. Lontano delle telecamere e dai riflettori. Lontano dall’attenzione dei politici e dell’opi­ nione pubblica. Poi, lentamente, hanno provato a ricreare il sistema precedente, quello che tutti conosce­ vano, ma i cui contorni diventavano sfuocati nel caos di corso Sardegna. Il mercato ortofrutticolo di Bolzaneto ha dichiarato guerra agli abusivi. Ma adesso questa battaglia è entrata nel vivo. E tra le pieghe di un’inaugura­ zione che è stata un successo, c’è chi torna a parlare di caporalato. La vigilanza interna nelle scorse set­ timane ha scoperto più volte delle per­ sone non autorizzate all’interno della struttura. Lavoratori in nero che si al­ zano all’alba per offrire le loro braccia per pochi soldi. Per scaricare qualche cassetta. «All’inizio venivano in cin­ que o sei ­ racconta Carlo Ferro, presi­ dente della cooperativa Burlando, l’or­ ganizzazione di lavoratori che opera a Bolzaneto ­ Adesso la situazione è pre­ cipitata. Lunedì sera, ad esempio, erano più di trenta. Sono le stesse facce che si vedevano in corso Sardegna». Cheilproblemasisiafattoviaviapiù insistente, lo dimostra il fatto che la di­ rezione del mercato si è rivolta ai cara­ binieri, che da circa una settimana mandano una pattuglia nelle ore più calde. «I vigilantes sono efficienti, ma troppopochi­spiegaFerro­Quandole guardie trovano un abusivo lo accom­ pagnano fuori. Il risultato è che dopo dieci minuti ritorna dentro». L’eliminazione dell’abusivismo è stata una delle condizioni su cui hanno più battuto i fautori del nuovo mer­ cato. Con il nuovo corso, la società che gestisce la nuova struttura di Bolza­ neto, ha tentato di imprimere una svolta rispetto a quell’andazzo. Per questo nella nuova struttura è stato ideato il sistema delle tessere: solo chi paga e viene identificato dovrebbe poter entrare. «Riescono a passare in due modi ­ spiega Ferro ­ Alcuni si nascondono nei camion. Altri si appostano nei pressi dell’ex tipografia del Corriere Mercantile. C’è più buio e quando il momento è propizio ne approfittano perscavalcare.Hannoanchetagliatole recinzioni una notte, ma la Sgm le ha già ripristinate». Ma il problema denunciato dalla co­ operativa non riguarda solo il paga­ mento delle tessere. «Siamo stati anche minacciati ­ racconta il presi­ dente ­ A volte si sono rivolti a noi per chiedere lavoro. E in queste situazioni qualcuno di loro ha pensato bene di darci degli avvertimenti». Lo scenario che viene prefigurato da Ferro è inquietante: «Si tratta dispe­ rati, spesso senza permesso di sog­ giorno, che non lavorano in sicurezza, che probabilmente vengono reclutati Sospettiamo che dietro a questi movi­ menti esista un’organizzazione. Sono tutte della stessa etnia: marocchini o tunisini. Non è possibile una cosa del genere. Qualcuno li controlla. Si muo­ vono in maniera compatta». L’esistenza di manodopera non in regola nel vecchio mercato di corso Sardegnaeracosanotaedocumentata. Secondo quanto raccontato da alcuni dettaglianti si trattava di circa 30­40 persone,spessosenzapermessodisog­ giorno, che offrivano le proprie braccia per pochi euro. Cassette da scaricare non ne mancano mai. Le forze dell’or­ dine sono intervenute qualche volta,

DUEGIOVANIstranierilitiganoper scaricare qualche cassetta di frutta e guadagnarepochedecinedieuroafi­ ne nottata. Uno dei due, improvvisa­ mente, estrae un coltello e ferisce al braccioilrivale.Che,sanguinando,si dilegua nel buio oltre la recinzione, così come era arrivato. Lo stesso fa l’aggressore lasciando alle proprie spallesgomentoepreoccupazione.È successo mercoledì notte all’interno del mercato ortofrutticolo di Bolza­ neto, il grande polo all’ingrosso da 116 milioni di euro, realizzato nell’ex areaSanac.Illitigioculminatonelfe­ rimento è ricostruito attraverso le voci, anonime, degli operatori del mercatoall’ingrosso.Eadessosinda­ calisti e operatori lanciano l’allarme: «A Bolzaneto sono tornati gli abusi­ vi, che offrono mano d’opera per po­ chi euro causando gravi problemi al­ l’interno della struttura», denuncia Marco Gatto, della Fit­Cgil. Il pro­ blema investe direttamente la coop Burlando che, all’interno del merca­ to, dovrebbe coprire i picchi di lavo­ ro. L’impiego dei lavoratori della Burlando è obbligatorio, per regola­ mento, quando i fornitori devono eseguirepiùditreconsegneaigrossi­ sti. Ma non sempre la norma sarebbe rispettata. Lo scorso novembre un grossista e un operatore della Bur­ lando erano venuti alle mani proprio

DOMANI

min. 12 ° max. 17 °

Vassallo: «Abbiamo già fatto molto»

23

LA SOCIETÀ DI GESTIONE

DIANZANI: «UN COLOSSO DIFFICILE DA GUIDARE MA CHE FUNZIONA BENE»

Una veduta del mercato di Bolzaneto la notte dell’inaugurazione qualche settimana fa

denunciando anche alcuni fruttiven­ doli per sfruttamento della manodo­ pera clandestina. «Preciso che non sono i grossisti ad assoldare queste persone ­ assicura Gianni Ratto, porta­ voce degli operatori ­ Certo è che tutto ciò che non va, nella nuova struttura, si nota immediatamente». La Sgm adesso ha avviato un’inda­ gineatappetosututtele900tessereri­ lasciate a circa 500 aziende (i frutti­ vendoli). «Le rilasciammo con l’auto­

certificazione ­ dice l’amministratore delegatoCarloDianzani­puòdarsiche si sia infiltrato qualcuno senza requi­ siti». Il sospetto, però, è che molti ven­ gano fatti entrare dai besagnini. La cooperativa Burlando, nello spo­ stamento ha investito molti soldi (come del resto anche i grossisti) e chiede di lavorare: «Le tariffe che of­ friamosonounterzodiquellediprima, perché il mercato funziona bene ­ dice Ferro ­ Ma bisogna stare in guardia,

perché altrimenti rischiamo di finire fuori controllo come a Milano». MARCO GRASSO grasso@ilsecoloxix.it DANIELE GRILLO grillo@ilsecoloxix.it

Commenta la notizia sul nostro sito

«ANTICHI SCREZI e antichi pro­ blemi. Ma il mercato funziona, e la cooperativa Burlando sta dimo­ strando di tenere bene il passo. La questione degli abusivi ce la por­ tiamo dietro da corso Sardegna, ma stiamo cercando di tenerlo fuori il più possibile». Tenta di gettare acqua sul fuoco di notti davvero infuocate, Carlo Dian­ zani, amministratore delegato della Sgm, la Società di Gestione del Mer­ cato. Il nuovo mercato è stato aperto da tre settimane, ma già presenta i primi problemi. Problemi di rodag­ gio, secondo Sgm, con un regola­ mento che è stato da tutti definito “di prova”, migliorabile e ancora da ta­ rare. Oggi un cda della società farà il punto e tenterà di individuare solu­ zionidamettereinpistaalpiùpresto. Centosedici milioni e mezzo di euro di spesa complessiva, ci sono voluti molti anni, per veder sorgere sulle aree ex­Sanac il nuovo mercato orto­ frutticolo. Oggi sono 35 gli stand per la vendita, 35 gli uffici per gli opera­ tori.Soltantodueglispazirimastian­ cora vuoti: per assegnarli verrà in­ detta una gara pubblica. Ampi gli spazi per la sosta: 188 le postazioni di scarico e carico del padiglione orto­ frutta, 42 quelle della vicina piatta­ forma logistica. I posti auto, scoperti o interrati, sono quasi 500. Un colosso difficilissimo da ge­ stire, molto più complesso rispetto a quellodicorsoSardegna,ecosìcapita

che i problemi diventino immediata­ mente evidenti. C’è la Burlando che, per riprendersi dai forti investimenti sostenuti, pretende rispetto delle re­ gole e lotta agli scaricatori abusivi. Pretese che creano spesso tensioni conalcunigrossisti,echerischianodi rompere il buon equilibrio di un la­ voro tutto basato su velocità ed effi­ cienza. Ieri dopo lo screzio scoppiato tra un grossista e un operatore Bur­ lando, i vertici Sgm hanno distribuito volantini per ricordare a tutti le re­ gole in vigore per lo scarico e carico delle merci. Più complessa la fac­ cenda degli abusivi. «Ci siamo accorti che nonostante i nostri sforzi riusci­ vano comunque a entrare degli abu­ sivi ­ racconta Michele Cozza, presi­ dente della Sgm ­ Ma proprio perché volevano dare un segnale forte ci siamo rivolti ai carabinieri, con cui collaboriamo da circa una settimana. Abbiamo avuto modo di parlare con i comandanti delle compagnie di Sam­ pierdarena e Cornigliano e coordi­ nare i nostri interventi». La Sgm ha organizzato una propria vigilanza interna, ma non è abba­ stanza: «Fanno un lavoro ottimo ­ continua Cozza ­ È capitato che ve­ nisseroscopertidegliabusivi.Inostri uomini li hanno presi e accompa­ gnati fuori. Entrano in diversi modi. A volte scavalcano, ma vengono sco­ perti subito perché scatta l’allarme. Più di sovente si nascondono nei ca­ mion».

TENSIONE ALLE STELLE L’ALTRA NOTTE POCO DOPO L’APERTURA

Uno dei punti in cui gli “abusivi” tentano di scavalcare

Un operatore scarica con i suoi uomini un camion violando le regole e viene affrontato a muso duro dai soci della cooperativa URLA E SPINTONI scoppiano in­ torno a mezzanotte, “presto” per gli operatori del mercato ortofrutticolo di Bolzaneto. Tra il dipendente della Co­ operativa Burlando e uno dei maggiori grossistidelmercato,sidicenelgrande corridoio di Bolzaneto, ci sono vecchie ruggini rinvigorite da recenti pro­ blemi. A far scoccare la scintilla, a quanto pare, il grossista e i suoi uomini con un’azione che quelli della coopera­ tiva giudicano provocatoria, comun­ que tale da provocare la loro rabbiosa reazione. E così la tensione sale. Sullo sfondo una guerra interna al mercato: tra un paio di operatori che vorrebbero scaricare i camion dei fornitori con proprio personale e quelli della Bur­ landochepretendonoilrispettodelre­ golamento che definisce quando il grossista può o non può autonoma­ mente scaricare la propria merce. Dice, il regolamento, che se un forni­ tore ha fino a tre “quote”, e cioè tre

Da ieri notte intensificata la vigilanza al mercato di Bolzaneto

grossisti da rifornire, può recarsi presso lo stand dei singoli operatori e affidare direttamente a loro la merce. Per i camion più grandi, quelli cioè che hanno più di tre quote, tre grossisti da rifornire, il sistema è differente. «C’è un regolamento, ancora provvisorio, che prevede sia la cooperativa Bur­ lando, a scaricare i mezzi con più di tre grossisti da servire ­ spiega Gianni

DIVISA NELLA SPAZZATURA E IL ROM DIVENTA CANTUNÉ I poliziotti, ricevuta la segnala­ zione, si sono precipitati in zona, ma del tipo segnalato non c’era più trac­ cia. Allora hanno deciso di fare un controllo al campo nomadi di passo Torbella. E lì, vicino a una baracca, hanno visto il finto vigile, un rom originario della Romania di appena vent’anni. Il ragazzo, messo alle strette, ha dato la sua versione dei fatti: «Io non ho rubato la divisa. Me l’ha regalata un amico che l’ha tro­ vata nella spazzatura». Quei vestiti erano una più di un regalo: «Avevo freddoenonavevonienteconcuive­ stirmi». Possibile che l’uomo abbia dav­ vero trovato nella spazzatura la di­

visa completa da vigile urbano? A quanto pare sì. Il fatto è che quando un vigile urbano va in pensione non deve restituire al comando la pro­ pria divisa. E il proprietario di quella trovata addosso la Rom è stato iden­ tificato: non è più in servizio anche se andrà in pensione a dicembre. Nel regolamento del corpo della polizia municipale non ci sono diret­ tive specifiche. E i vestiti di servizio rimangono a disposizione degli agenti: «Cambieremo le norme in materia ­ precisa il comandante dei vigili urbani Roberto Mangiardi ­ Anche se già ora esiste un servizio di raccolta di abiti smessi». L’agente che ha gettato i vestiti in

Ratto, portavoce dei grossisti ­ tra le due persone del diverbio ci sono diffe­ renze di vedute e di opinioni politiche, qualcunohaforzatounpo’lamanoedè esplosa una piccola polemica». La piccola polemica è in realtà un si­ parietto di tutto rispetto. Arriva un ca­ mionchedeverifornireseigrossisti.In teoria dovrebbe posizionarsi sul lato corto del mercato, dove i muletti della

dalla prima pagina

“Barriere” a Principe

L’INCHIESTA

Principe, stazione “proibita” Viaggio tra metrò e stazioni, regno delle barriere architettoniche. L’unico ascensore esistente è fermo da anni

cooperativa smisteranno le merci dei camion più grandi distribuendole tra i seivettori.Maunoperatoreinscenaun colpo di mano, bloccando il camion e scaricando, con i propri uomini, sia la propria merce che quella degli altri grossisti. L’azione termina con la stessa forza lavoro che ricarica sul tir la merce degli altri. Come dire, non ab­ biamo bisogno di nessuno. Arriva un operatoreBurlando,einiziaainveire.I due vengono alle mani, iniziano a spin­ tonarsi e scoppia un piccolo parapiglia, stoppato solo dal buon senso di chi sta attorno ai più esagitati. Finisce con la Sgm, la società di gestione del mercato, chestampaintuttafrettaedistribuisce i volantini che ricordano le regole del gioco.Dietroallavicendacisonolevec­ chie e note frizioni tra la cooperativa e alcuni operatori che mal sopportano regolechescambianospessoperimpo­ sizioni. Imposizioni che significano denaro.Perogni“servizio”laBurlando produce una bolla di pagamento e l’operatore vorrebbe evitarlo. Scari­ cando in autonomia, inoltre, alcuni grossisti riescono a organizzare più ce­ lermenteilconfezionamentodiciòche poi verrà venduto ai fruttivendoli.

>> IL BLACKOUT

CHIUSI IN ASCENSORE DUE DIRIGENTI DELL’ORTOFRUTTA ••• STAVOLTA è toccato al lea­ der dei grossisti e all’ammini­ stratore delegato della Società di Gestione del mercato, speri­ mentare che, nonostante la fine lavori, la struttura del maxi­ mercato presenti ancora qual­ che problema. Intorno alle 19 i due dirigenti sono rimasti bloc­ cati all’interno di uno degli ascensori del mercato, circo­ stanza che li ha costretti a rima­ nere all’interno dell’abitacolo per diverso tempo nell’attesa che arrivassero i soccorsi. A pochi giorni dall’apertura del nuovo grande magazzino di stoccaggio e distribuzione della frutta e della verdura all’ingrosso si presentò il pro­ blema dell’allagamento di al­ cuni locali del nuovo presidio. Un danno che venne addebi­ tato alla Siemens, l’impresa che ha terminato i lavori.

M. GRA ­ D. GRI.

UN IMMIGRATO DENUNCIA

un cassonetto dell’immondizia certo non immaginava che sareb­ bero finiti nel circuito dei disperati. Gente del campo nomadi di passo Torbella. Ma il buon senso vorrebbe, se non la prassi, che una divisa non sia trattata come un qualsiasi rifiuto. Perché, ovviamente, potrebbe finire nelle mani di un malvivente. «È stata una leggerezza», spiega il comandante dei vigili. Una legge­ rezza che, con tutta probabilità, non darà luogo a un procedimento disci­ plinare. Non così bene è andata al nomade finto vigile e all’amico che gli ha do­ nato la divisa: sono stati denunciati. Dovranno rispondere dei reati di ri­ cettazione e possesso di segni distin­ tivi contraffatti.

«Picchiato dagli impresari perché chiedevo la paga» PICCHIATO dai datori di lavoro dopo aver chiesto di venire pa­ gato per il lavoro svolto. È quanto ha raccontato alla polizia un marocchino di 43 anni, regolarmente residente in Italia, ieri mat­ tina. Verso mezzogiorno l’uomo ha chiamato la polizia chiedendo l’intervento di una volante dichiarando di essere stato picchiato dagli impresari del cantiere in cui è impiegato (due fratelli) in via Montevideo. L’uomo, di fatto, aveva il volto tumefatto e, visitato in ospedale (al San Martino), è stato dimesso con una prognosi di sette giorni. Sul cantiere, la polizia ha raccolto la testimonianza dello straniero e dei suoi datori di lavoro. Diversa la versione dei fatti degli impresari, secondo i quali l’uomo si sarebbe fatto male cadendo da una scala su cui era salito senza indossare le regolari protezioni (tra le altre cose il caschetto). Prima di venire accom­ pagnato al pronto soccorso a bordo di un’ambulanza della Croce Verde, lo straniero si è riservato di sporgere denuncia per le le­ sioni subite. Dal canto loro gli impresari hanno dichiarato che de­ nunceranno per calunnia lo straniero qualora questo li citi in giu­ dizio per la presunta aggressione. In serata nessuna delle due parti si era ancora presentato in alcun ufficio di polizia per forma­ lizzare le reciproche accuse.

I vigili controllano gli ingressi

(fotoservizio Pambianchi)

Un addetto della coop Burlando accoglie un trasportatore

L’ortomercato sotto scorta Margini: «Non possiamo rischiare di finire come a Milano, in mano agli abusivi»

ALTIMANI >> 24

Scintille fra un grossista e la coop Burlando

UN NOMADE VESTITO DA VIGILE URBANO BLOCCATO DALLA POLIZIA NEL CAMPO DI RIVAROLO

SI AGGIRAVA nel campo nomadi vestito di tutto punto. I pantaloni della divisa. La camicia e la giacca con le mostrine da funzionario della polizia municipale. Perfetto, pulito, tirato a lucido. I capelli corti. La fac­ cia pulita, ma non troppo. Forse è stata proprio la barba di tre giorni a tradirlo. A porre fine a quei trent’anni di carriera “indossati” nel corso di un solo pomeriggio. Già, perché la divisa che aveva addosso non era mica la sua. Era quella di un vigile urbano in pensione. Che l’aveva buttata nella spazzatura. La storia, che rasenta l’incredibile, è avvenuta domenica sera, anche se la notizia è trapelata solo ieri. Ad al­ zare il sipario la telefonata alla poli­ zia di un abitante di Rivarolo: «Ve­ nite in via Canepari: c’è un finto vi­ gile urbano».

OGGI

min. 12 ° max. 16 °

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE 2009

REPORTAGE DOPO LE TENSIONI SUL CASO DEL CAPORALATO

Scaricatori abusivi all’assalto del nuovo mercato. Gli addetti: «C’è qualcuno che li recluta»

FRANCESCA FORLEO VINCENZO GALIANO

Un abusivo bloccato

“PORTOGHESI”

Amt, caccia grossa a chi non paga il biglietto Imponente blitz anti­abusivi in piazza Fontane Marose: centinaia le sanzioni. Ma il metodo non piace a tutti i verificatori MARGIOCCO >> 25

L’ATTENTATO

A fuoco mezzi della polizia: una vendetta simbolica Rogo a San Quirico nella ricorrenza della morte di Sandri e della sentenza Perugini. Si indaga nell’area antagonista

Una scena consueta. Tutte le notti. «Per una settimana, dieci giorni, è stato un vero e proprio assalto», rac­ conta Massimo Augimeri, vigilante. Adesso la pressione si è allentata. La notte tra lunedì e martedì sono arri­ vati i carabinieri. Quella successiva, quella in cui cronista e fotografo sono piombati a sorpresa nel bel mezzo del lavoro, è andata meglio. Fuori del mercato c’è la macchina dei vigili; regola l’afflusso dei camion e dei furgoncini, ma gli uomini in divisa si fanno vedere anche sulle alte balco­ nate e scrutano dall’altro. Augimeri stringe la radio in mano, continua a percorrere insieme al collega Ahmadi Alì perimetri e diagonali del grande mercato. La luce, all’interno, è vio­ lenta. I neon quasi accecano e tutto si svolge sotto uno sfavillio che impedi­ sce le irregolarità. Ma è sui margini del mercato, su quello più nascosto, che agiscono i lavoratori irregolari. «È lì che c’è il caos ­ racconta Lucio Panfili, responsabile del mercato per la coo­ perativa Burlando e membro del Cda ­ il luogo più nascosto, dove la manodo­ pera irregolare si insinua». Un giovane magrebino si allontana in tutta fretta appena vede arrivare i vigilantes. Svolta dietro una colonna. «Usano carrellini a mano e sono tutti magrebini», spiega ancora Panfili. Tutte facce conosciute: «Erano già tutti in attività nel vecchio mercato di corso Sardegna, ma lì era come lavo­ rare in mezzo alla strada e non si ca­ piva nulla. Il nostro principale timore è che si riproducesse anche qui lo stesso fenomeno». È successo, anche se le contromisure sono subito scat­ tateenegliultimigiornisisonorinfor­ zate: controlli dell’Arma, verifiche sui cartellini e il viavai incessante degli uomini in divisa di Coopservice, che consumano i tacchi degli stivaloni ve­ rificando, per ore, che tutto sia in re­ gola. «La cosa positiva ­ insiste Augi­ meri ­ è che chi lavora qui si fida di noi, hanno voluto il nostro contatto, ci chiamano non appena notano qual­ cosa di irregolare». Così capita che nella notte tra mar­ tedì e mercoledì solo un lavoratore ir­ regolare sia scoperto e venga allonta­ nato. «Ma la cosa più strana ­ insiste PanfilidellaBurlando­ècheprimadel trasferimento in corso Sardegna si fa­ cevano beffe di noi.Ci dicevano: noi a Bolzaneto ci saremo lo stesso, voi chissà». Il timore del lavoro nero non è sol­ tanto un flebile ectoplasma. Tanto da far esclamare a Mario Margini, asses­ sore ai lavori pubblici: «Qui rischiamo di finire come molti mercati generali italiani, in cui il lavoro nero è ormai una piaga difficile da sopprimere». È successo a Milano, nessuno vuole che accada a Genova. Non è solo una questione di mono­ poli, di rendite di posizione, di buro­ crazie. Dietro il lavoro nero si nascon­ dono sempre movimenti e personaggi equivoci e l’ombra della criminalità. «Hanno saputo dei controlli ­ insiste Panfili ­ e oggi non si sono visti. Ma si sa benissimo, una o due persone hanno proprio l’aspetto di chi coor­ dina il lavoro di queste persone. Spesso clandestini». Cercano sì di sbarcare il lunario, «ma non hanno specializzazione, non hanno assicurazione, nessuna tutela. Esedovesseroprovocareunincidente chi paga?». Nessuna copertura contri­ butiva. E. ovviamente, ogni tipo di im­ posizione bellamente gabbata. Niente

fatture, niente Iva. Macomefunzionala“spesa”almer­ cato di Bolzaneto? Con una specie di lista. Un foglio (diventerà in futuro un modulo informatizzato) dove il detta­ gliante sceglie, grossista per grossista, quel che vuole acquistare. Alla fine ha due scelte: o comporre da se stesso il bancale da portar via, e l’operazione gli costa 3,70 euro più iva, o rivolgersi agli uomini della cooperativa. Che partono con i loro mezzi, vanno a re­ cuperare nelle varie postazioni tutti i prodotti e poi compongono loro il bancale (circa 100 cassette), bello e confezionato per essere portato via con il furgone. In questo caso l’opera­ zione costa otto euro più l’Iva. E gli abusivi? «Ora è difficile con­ trollarli tutti ­ spiegano gli uomini Co­ opservice ­ ci sono in giro molte tes­ sere, non hanno le fotografie, molti se le scambiano, soprattutto con gli stra­ nieri diventa difficilissimo». Rila­ sciate, già in partenza, con l’autocerti­ ficazione. Qualcuno può averne ap­ profittato. Qualcun altro godere di connivenze. Qualcuno intrufolarsi, nascosto nel bagagliaio dei furgoni. «Il nostro timore ­ conferma Gianni Ratto, che è il portavoce degli opera­ tori ­ è che si potessero riprodurre qui le condizioni di illegalità e di confu­ sionedicorsoSardegna.Eperleprime settimane è andata così. Poi si è capito che bisognava intervenire, i controlli iniziano a funzionare e già oggi la si­ tuazione è molto più tranquilla. Ma non bisogna mollare la guardia». MARCO MENDUNI menduni@ilsecoloxix.it

IL VERTICE

CENTRI DI VIA IN COMUNE A MUSO DURO

Due guardie giurate controllano l’accesso degli abusivi nella struttura

>> LA SCELTA ••• «QUI rischiamo di finire come molti mercati generali italiani, in cui il lavoro nero è ormai una piaga difficile da sopprimere. Per questo motivo andremo fino in fondo al problema degli abusivi, per questo motivo abbiamo chie­ sto un intervento rapido delle forze dell’ordine». L’assessore ai Lavori Pubblici Mario Margini in­ terviene sul caso dei “caporali”. «Sì, sono stato io a chiedere ai vi­ gili, al comandante provinciale dei carabinieri e al questore di in­

VERTICE ad alta ten­ sione ieri tra i com­ mercianti della Con­ sulta dei Civ ­ i consorzi integrati di via aderenti alle associazioni di ca­ tegoria Confesercenti e Ascom ­ e l’assessore di riferimento Gianni Vassallo. L’incontro è stato orga­ nizzato per fare il punto sugli impe­ gni del Comune dopo l’esplodere ­ qualchegiornofa­ delmalcontento dei commercianti dei Centri inte­ grati di via. Dopo un duro scontro assessore e commercianti si sono accordati sulla necessità di richie­ dere un incontro col sindaco Marta Vincenzi e su quella di stilare cin­ que sei priorità sulle quali interve­ nire per migliorare le opportunità e la vitalità del commercio genovese. Abusivismo commerciale, sicu­ rezza,mancanzadicoinvolgimento nelle progettualità sul territorio, lungaggini burocratiche, prolifera­ zione di grandi centri commerciali ai danni del tessuto distributivo tradizionale ed assenza di un piano coordinato e condiviso relativo all’animazione e alla promozione urbana. Queste le principali criti­ cità emerse durante l’incontro. Vassallo ha comunicato di essersi attivato affinché la pubblicità nelle bacheche e nella segnaletica com­ merciale dei Civ sia gratuita e per la stipula di una convenzione con la Siaeingradodiabbatteredel50%le tariffe per le attività di animazione organizzate dai Civ. Tra le proposte avanzateinquestasedec’èquelladi Antonio Pagano, presidente del Civ San Bernardo, che ha chiesto di rie­ sumare l’idea di un bus navetta nel Centro storico per facilitare lo shopping natalizio, mentre Andrea Piccardo ha chiesto più luce nelle parti meno illuminate della Mad­ dalena. Da più parti è invece arri­ vata la richiesta di scontare per Na­ tale il costo di Blu Area.

n

TARIFFE RIBASSATE PER L’INGRESSO DEL PUBBLICO tervenire su questo fronte ­ spiega ­ il timore che ci ritro­ viamo, tra qualche tempo,a de­ scrivere una situazione completa­ mente fuori controllo c’era. Per fortuna le forze dell’ordine hanno risposto in maniera celere ed effi­

cace». Ieri si è anche svolto il cda della Sgm, Società di gestione del mercato. Nel corso della riunione sono state decise le tariffe che i cittadini dovranno pagare per en­ trare ad acquistare. Decise, per le tessere riservate al pubblico, nuove e più basse tariffe d’in­ gresso. Riduzione prevista per l’iscrizione annuale e anche per chi occasionalmente entrerà nella struttura. I termini della modifica verranno resi noti oggi. D. GRI.

In un’immagine di archivio, il lavoro nella struttura di Bolzaneto

L’11 novembre 2009 parte il presidio dei carabinieri, dopo che la vigilanza interna aveva segnalato la presenza di scaricatori abusivi all’interno del nuovo mercato ortofrutticolo.

Il dodici novembre la prima pagina della Cronaca viene dedicata a al caso dell’Ortomercato sotto scorta: per sconfiggere il fenomeno degli abusivi arrivano i vigilantes

per “incomprensioni” sulle opera­ mento di mercoledì notte fatica a zionidiscaricodifruttaeverdura.La trovare conferme ufficiali dal vertice presenza dei lavoratori abusivi al­ del mercato: «Mi risulta solo un epi­ l’interno del mercato all’ingrosso è sodiomarginale,senzaconseguenze: unulterioreelementodestabilizzan­ una lite tra due avventori per que­ te. «La situazione è di grande tensio­ ne, come lo era all’inizio dell’attività del nuovo mercato», conferma un PER POCHI EURO operatore che vuole restare anoni­ mo: «Gli screzi sono all’ordine del «Sono tornati gli giorno, ma spesso non vengono alla abusivi, offrono luce per omertà». Non solo. A sentire i bene informati, l’extracomunitario mano d’opera ferito avrebbe preferito la fuga piut­ a basso prezzo, c’è tosto che denunciare l’accaduto e ri­ grande tensione» schiare l’espulsione. Anche per questo l’accoltella­

stioni di parcheggio», dice Gianni Ratto, rappresentante dei grossisti e amministratore delegato nella So­ cietà di gestione mercato (25% Co­ mune, 25% Camera di commercio, 10% Spim e 40% operatori privati). «Se si fosse trattato di qualcosa di grave, ci sarebbe un rapporto della vigilanza»,insisteRatto.Cheaggiun­ ge: «Il fenomeno dell’abusivismo e del lavoro nero è stato quasi comple­ tamente debellato». Quando, a fine ottobre 2009, fu inaugurato il mercato di Bolzaneto in sostituzione del vecchio mercato dicorsoSardegna,lapiagadeilavora­ tori abusivi era esplosa drammatica­

mente. Tanto da indurre Società di gestione (Sgm) e Comune a richiede­ re più volte l’intervento dei carabi­ nieri e ad ingaggiare un istituto di vi­ gilanza privata. «Ma poi le forze del­ l’ordine sono sparite e il servizio di ispezione ridimensionato», accusa Gatto: «Oggi un solo addetto deve sorvegliare tutta l’area». E così gli abusivi, spesso clandestini, sono tor­ nati a scavalcare le recinzioni por­ tandosi dietro i loro carretti per tra­ sportare la merce». Ma l’altra notte il giovane è stato accoltellato.

PABLO CALZERONI calzeroni@ilsecoloxix.it

FORLEO >> 27

«I SINDACATI denunciano il ri­ torno in grande stile dell’abusivi­ smo nel nostro mercato? La cosa mi stupisce, visto che gli stessi sin­ dacati di recente ci hanno fatto i complimenti per come abbiamo arginato il fenomeno». Gianni Ratto, amministratore delegato della Società di gestione mercato (Sgm), assicura che «la si­ tuazione nel mercato di Bolzaneto è nettamente migliorata dopo qualche difficoltà iniziale». E gli abusivi? E il litigio con accoltella­ mento avvenuto mercoledì notte sotto gli occhi di alcuni testimoni? «Nulla di rilevante almeno da quel­ lochemirisulta.Attornoalpoloor­ tofrutticolo di Bolzaneto ­ dice an­ cora il portavoce dei grossisti e am­ ministratore delegato della società pubblico­privata che gestisce il nuovo mercato ­ gravitano ogni giorno 1.800 persone, di cui circa 300 sono coloro che operano in maniera stabile all’interno della struttura. In una realtà così fre­ quentata può certamente capitare che qualcuno, per le ragioni più svariate,perdadivistaleregoledel­ la buona educazione». Quanto agli abusivi, «possiamo dire che il fenomeno è quasi debel­ lato. Ogni notte non ci saranno più di tre o quattro lavoratori non au­ torizzati che, per qualche ragione, riescono ancora a penetrare all’in­ terno ­ riprende Ratto ­ l’obiettivo è di eliminare anche quest’ultima sacca di irregolarità e di lavoro ne­

POCHE GROSSO LITI ERRORE «La coltellata «Utilizzare gli dell’altra sera abusivi è un è un episodio errore: ne va isolato, per della nostra fortuna non è sicurezza UNA GUARDIA ARMATA sempre così» « SERVE sul TRANQUILLI» lavoro» PER STARE

forleo@ilsecoloxix.it galiano@ilsecoloxix.it

Il nuovo mercato ortofrutticolo aperto in Valpolcevera da meno di un anno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PAMBIANCHI

IL PRESIDENTE DELLA COOPERATIVA BURLANDO CHIEDE AIUTO

Con il patrocinio di

Partecipanti alla Fondazione Palazzo Ducale

Sponsor istituzionale della Fondazione Palazzo Ducale

Media partner

Università degli Studi di Genova

1° festival del comico Genova a Palazzo Ducale da giovedì 20 > a martedì 25 maggio 2010 Gilberto Govi

16.00

Il Signor Bonaventura

11.30

16.00

Lezione di A. Tinterri 17.00

18.00

Pillole di Gaiezza Tullio Solenghi

17.00

Forme dell’umorismo in Mozart conversazione al pianoforte di Enrico Girardi Genova e la Bai

con Piero Rossi, Edoardo Quistelli e...

Meno... pause

18.30 SERATA D’ONORE

Alessandro Bergonzoni in dialogo con O. Ponte di Pino

MARTEDÌ 25

15.00

Lezione di M. Salotti e V. Molinari

21.00 SERATA D’ONORE

Carlo Giuffrè

in dialogo con M. d’Amico

conversazione con Carla Signoris e Mercedes Bo

Ridere con gusto Sergio Staino (Bobo) con Leonardo Brizzi

18.00

Cenni sull’universo mondo Massimo Bucchi con Simone Regazzoni

MOSTRE FINO AL 25 MAGGIO

Lo studio di Gilberto Govi

Moni Ovadia in dialogo con M. Demarinis

VIA GARIBALDI

SABATO 22

Palazzo Ducale piazza Matteotti, 9 | 16123 Genova info 010 5574064/65 biglietteria@palazzoducale.genova.it www.palazzoducale.genova.it

Giulio Cavalli Rapsodi Gruppo fonografico Paolo Nani Laura Curino Maurizio Lastrico Musicomedians e Flavio Oreglio

22.45 GRAN SPETTACOLO!

Valse, Valzer su trampoli in musica

DOMENICA 23

21.30 NOTTE COMICI NON-STOP

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

19.30 INCONTRO CON

Luca Bizzarri

Il Signor Bonaventura di Sergio Tofano a cura di Gian Domenico Ricaldone

21.00 SERATA D’ONORE

Pupi Avati

in dialogo con M. Salotti e O. Ponte di Pino

Che cosa c’è da ridere? di Tonino Conte a cura di Danièle Sulewic

18.00

LUNEDÌ 24

Palazzo Tursi, Salone di Rappresentanza

Che commedia sia Vincenzo Gallo (Vincino) con F. Sanguineti

La cultura del paradosso

omaggio a Gualtiero Schiaffino a cura di Barbara Schiaffino e Ferruccio Giromini

21.00 SERATA D’ONORE

Daniele Luttazzi in dialogo con Aldo Ottobrino

orario da lunedì al venerdì ore 15 > 21 sabato e domenica 10.30 > 21.

sieme all’orologio, il retaggio del vecchio mercato che non è ancora sparito. C’è una ringhiera alta un metro e mezzo, sopra il muretto, lungo tutto il perimetro della mo­ derna cittadella di cemento e neon che ha accolto, dallo scorso ottobre, glioperatoridelmercatoortofrutti­ colo. Una barriera troppo facile da scavalcare, aspettando il momento giusto. Meglio che in corso Sarde­ gna, dove si infilava chiunque, cer­ to. Ma troppo poco per garantire che non entri nessuno. Anche perché secondo il tam tam che circola tra le pile di cassette, la maggioranza degli abusivi il suo in­ gressolofasedutoall’internodifur­ goni e camion. Portato direttamen­ te da fuori da chi se ne servirà, gros­ sistiodettaglianti.Perquestoquelli della Burlando sono arrabbiati: «Lo capisco che son disperati che si fan­

FACCIO DA SOLO «Non ho bisogno della Burlando, carico da solo insieme a mio figlio»

WILLIAM BAZILE

MOUSTAPHA ABOU

ACQUA SUL FUOCO Non mi risulta un’emergenza abusivi, al massimo problemi residuali

GIANNI RATTO

GIANNI VASSALLO

amm. Bolzaneto

assessore

ro. Così come prestiamo attenzio­ ne alla sicurezza e al buon livello di servizio alla clientela». Nulla a che vedere, secondo Rat­ to,conquantoavvenivanelvecchio mercato di corso Sardegna, dove il lavoro nero, in concorrenza sleale conlacoopBurlando,rappresenta­ va davvero un’emergenza. Ma da questo punto di vista la situazione attuale non sarebbe neppure para­ gonabile a quella registrata al­ l’apertura del mercato, a fine otto­ bre 2009. «All’inizio le maglie po­ tevano essere effettivamente un

che proteste e battaglie legali. Ma la realtà che ha preso forma nelleareeexSanacèdituttorispet­ to: un moderno polo per la vendita eladistribuzionedeiprodottiagro­ alimentari. Una realtà dove si con­ tano 35 stand per la vendita, 35 uf­ fici per gli operatori, 188 postazio­ ni di scarico e carico del padiglione ortofrutta, 42 quelle della vicina piattaforma logistica. I posti auto, scoperti o interrati, sono quasi 500.Perl’accessoinautoallastrut­ tura, la tessera costa 40 euro all’an­ no; 10 euro all’anno invece per chi utilizza solo l’ingresso pedonale. Millecinquecento le persone che ruotano quotidianamente attorno al mercato.

Ovvero, lo scontro tra due extraco­ munitari in cerca di lavoro (nero) con il ferimento finale di uno dei due, colpito di striscio da una lama. «Tuttovero­riprendeFerro­ec­ coperchésarebbenecessarioavere una vigilanza armata. Ma non solo questo. I responsabili del mercato ci avevano assicurato che avrebbe­ ro eliminato i carrelli, fissati con lucchetti alla recinzione, che molti abusivi usano per spostare le cas­ sette di frutta da una parte all’altra. Invece quei carretti sono ancora

lì». Tutto questo accresce le ten­ sioni: «Da parte nostra cerchiamo di fare il massimo sforzo per far funzionare le cose. Ad esempio, manteniamo le tariffe stracciate per non creare difficoltà alle im­ prese». Quello di Bolzaneto dunque è un colossodifficiledagestire,teatrodi equilibri resi ancor più precari dal­ la crisi economica. Un colosso da 116 milioni di euro, costato anni e anni di lavoro, trattative estenuan­ ti tra Comune e operatori, ma an­

SCIOPERI E PRESIDI IN VALPOLCEVERA

«IL LATTE DEI GENOVESI a Ge­ nova», era la scritta che campeggia­ vaieripomeriggiosuungrandestri­ scione in piazza Fontane Marose. Così gli ottanta dipendenti della centrale del latte di Genova «Latte Oro» hanno manifestato contro i tagli di produzione previsti in città dalla capogruppo Parmalat. Per avere chiarimenti sul futuro della centrale, gli assessori Mario MarginidelComunediGenova,En­ rico Vesco della Regione Liguria e Paolo Perfigli della Provincia di Ge­ novahannoincontratoieriirappre­ sentanti dell’azienda Parmalat e le organizzazioni sindacali di catego­ ria e confederali genovesi. «Abbia­ mo preso atto ­ hanno poi spiegato gli assessori ­ che Parmalat confer­ ma la propria volontà di mantenere l’attività produttiva nel sito di Fegi­ no. Le organizzazioni sindacali

hanno avanzato una serie di propo­ ste concrete per rendere più com­ petitivo il sito genovese attraverso investimenti che ne migliorino la redditività. L’azienda ha insistito sulla necessità di rendere più effi­ ciente lo stabilimento genovese co­ mecondizionepergarantirnel’eco­ nomicità e la competitività». Co­ mune, Regione e Provincia si sono impegnati «a svolgere un ruolo atti­ vo sia sui processi di certificazione delprodottosiasututtiqueiproble­ mi che permettano il miglioramen­ to dell’efficienza e della qualità dei prodotti». Sono ottanta, senza l’indotto, i la­ voratori a rischio nella centrale del lattediGenova.«Siamoqui­silegge nel volantino distribuito ieri dai manifestanti ­ per dimostrare a Parmalatchenoi,oltrearappresen­ tare noi stessi, siamo un marchio Un presidio davanti alla Centrale

GIUSEPPE DAINOTTO

commerciante

Ilva e Parmalat, doppia protesta per difendere stipendi e lavoro La multinazionale del latte ha garantito che non smantellerà la sede di Fegino

no sfruttare per pochi euro. Ma qui se noi non lavoriamo scatta la cassa integrazione, non possiamo mica far finta di niente», spiega Silvano Rossi della cooperativa. Il motivo, ovviamente, è economico: farsi ca­ ricare un camion dall’addetto della Burlando (gli unici abilitati a farlo, sono una settantina) costa (8 euro e 20 più Iva per una pila di casse) di

LA DENUNCIA

La cooperativa Burlando: «Sono disperati che si fanno sfruttare per pochi euro»

po’ larghe ­ aggiunge Ratto ­ il tes­ seramento non era stato ancora perfezionato. Ma, nel giro di un mese, abbiamo dato un deciso giro di vite sui controlli. Oggi il sistema funziona. Eseguiamo controlli in­ crociati sulle tessere (1.500 quelle rilasciate ai fruttivendoli e ai clien­ ti “esterni”, ndr) e, quando la vigi­ lanza sorprende un abusivo, lo ac­ compagna fisicamente all’uscita». Esattamente opposta, però, la versionedeisindacatiedichiopera all’interno del mercato all’ingros­ so. «La situazione era effettiva­ mentemigliorata,dopoilcaosdella fase d’avvio, ma adesso siamo tor­ nati al punto di partenza o quasi», attacca Marco Gatto, della Filt­ Cgil. «Il fenomeno si ripresenta a ondate e si acuisce con la bella sta­ gione, quando il lavoro aumenta», rincara Carlo Ferro, presidente della cooperativa Burlando che ha il monopolio per i picchi di lavoro all’interno del mercato di Bolzane­ to. Eppure anche l’assessore al Commercio, Gianni Vassallo, scuote la testa, incredulo: «A me non risulta un’emergenza abusivi come quella che viene descritta. Anche perché nell’ambito del com­ plesso commerciale funziona mol­ to bene un doppio meccanismo di controlli: quelli eseguiti dagli ad­ detti alla sorveglianza dell’area e quello assicurato, per così dire spontaneamente, dagli stessi gros­ sisti». Che dire, allora, delle denunce dei sindacati? «Al massimo ­ ri­ sponde Vassallo ­ ci può essere qualche problema residuale. Co­ munque sia un problema serio co­ me quello dell’abusivismo, am­ messo che esista, dovrebbe essere postodaisindacatinellesediistitu­ zionali e non sulle pagine dei gior­ nali. Solo così si può affrontare la questione in maniera adeguata, senza allarmismi». Vassallo frena sul litigio di mer­ coledìnotte:«Amerisultachecisia stata una scazzottata avvenuta, pe­ raltro, fuori dall’edificio principa­ le. Un episodio di poco conto, di cui la direzione del mercato sarebbe venuta a conoscenza solo ieri». Ma che il tam tam tra i banchi all’in­ grosso di frutta e verdura ha rilan­ ciato con crescente preoccupazio­ ne.

MEGLIO DI PRIMA «Il posto è più pulito e più ordinato, ma qualche problema è rimasto»

SICUREZZA NOTTURNA Ogni notte entrano 1.800 persone: Facciamo controlli incrociati

bene anche per gli addetti erano in buon numero. Ma poi il servizio è stato progressivamente ridotto. Inoltre ci sarebbe l’esigenza di una guardia armata, visto quello che succede». Ferro conferma, sulla base di te­ stimonianze raccolte direttamen­ te, l’episodio avvenuto mercoledì che ha fatto nuovamente accende­ re i riflettori sulle falle organizzati­ ve del grande polo ortofrutticolo di fronte al casello di Bolzaneto (e sul quale passerà la futura Gronda).

amm. Bolzaneto

a cura di Marco Salotti

20.30 SERATA D’ONORE

SONOI70LAVORATORIdellaco­ operativa Burlando, che fornisce il servizio di scarico e carico delle merci nel mercato di Bolzaneto, i più colpiti dal fenomeno dell’abu­ sivismo e del lavoro nero. «Purtroppo è un problema che si ripropone a ondate e che non è af­ fatto scomparso», attacca il presi­ dente della “Burlando” Carlo Fer­ ro: «Con la bella stagione, aumen­ tano le opportunità di lavoro e an­ che gli abusivi che scavalcano i cancelli per offrire le loro braccia ai grossisti che hanno necessità di movimentare la merce». Ferropuntailditocontroilsiste­ ma di vigilanza, a suo dire carente: «All’inizioicontrollifunzionavano

GIANNI RATTO

La pagina di sabato sullo scontro tra abusivi al mercato di Bolzaneto art: Bruna Arena | 147I

L’OROLOGIO è ancora quello del mercato di corso Sardegna. L’ulti­ mo ricordo del passato. O quasi. Se­ gna le 3 quando inizia la processio­ ne dei camion, dei furgoncini, delle Ape­car che arrivano da fuori a ri­ fornirsi di banane, meloni, angurie, cavolfiori e quant’altro. Ma nell’enorme pancia del mer­ cato ortofrutticolo di Bolzaneto l’attivitàfervegiàdaore:cisonoica­ mion dei grossisti da scaricare, pile e pile di cassette da spostare da un punto all’altro. I muletti guidati a velocità sostenuta dagli addetti del­ la Coop Burlando. E, all’esterno, i confini da controllare. A nord, l’ex tipografia abbandonata e in pieno degrado, con materassi e divani sfondati in mezzo al piazzale. A est la strada sopraelevata che immette nell’autostrada. Sotto c’è un’auto posteggiata, una Polo grigia. Dentro un ragazzo che dorme, capelli scuri e un giubbotto nero. Ogni tanto si alza, dà un’occhiata oltre la ringhie­ ra, come se aspettasse un cenno dai camionisti dentro il parcheggio. È da questi punti che gli scarica­ tori abusivi, non autorizzati, si infi­ lano in questa città che non dorme mai. Così lo raccontano tra i denti i lavoratori del mercato, qualche giorno dopo l’episodio della lite tra dueabusiviconclusaconunacoltel­ lata al braccio. L’episodio che ha riacceso i riflettori sul lavoro nero nella nuova struttura. Sono loro, in­

MERCOLEDÌ

11 NOVEMBRE 2009

DA IERI PRESIDIO DEI CARABINIERI

EMANUELE ROSSI

V. G.

scaricatore

storico a cui i genovesi sono molto legati» La giornata di ieri è stata segnata anche dallo sciopero dei lavoratori dell’Ilva, proclamato da Fiom, Fim e Uilm e con adesioni, riferisce la Fiom, oltre l’80 per cento. Il sinda­ cato dei metalmeccanici che fa capo alla Cgil ricorda in una nota che nel­ l’incontrodel3maggioscorsoinFe­ deracciai per il rinnovo dell’inte­ grativo aziendale, Ilva, «ha sospeso il negoziato in quanto non intende modificare le sue posizioni sulla parte salariale, sull’occupazione e il mercato del lavoro, sugli inquadra­ menti e altre importanti parti nor­ mative». Fim, Fiom, Uilm nazionali hanno espresso un giudizio negati­ vo sulle posizioni dell’azienda in merito all’integrativo aziendale e perquesteragionihannoproclama­ to lo sciopero.

commerciante

piùcheallungarecinqueeuroalfac­ chino improvvisato di turno. «Ma va a discapito anche della si­ curezza ­ ragiona Giuseppe Dainot­ to, commerciante ­ certo a volte la discriminante è la fretta: se sei di corsa magari fai da solo invece che aspettare quelli della cooperativa». Già, la Burlando ha i suoi tempi e qualcuno si spazientisce: «Ma quali abusivi, il problema è che quelli che sono abilitati dovrebbero saper fare il lavoro senza farti aspettare un’ora», si lamenta un grossista. E se qualcuno si “offre” per dare una mano? «Succede, sono sempre le stesse facce ­ bofonchia sotto i baffi Agostino Anselmo, grossista di Co­ goleto­vengonoquiconilcarrettoe chiedono se hai bisogno. Ma io fac­ cio da solo da cinquant’anni, figu­ rarsi se mi servono loro». Quali sono le dimensioni del fe­

AMIU E REGIONE A UN PASSO DALLA FIRMA VENTIMILA TONNELLATE di ri­

I rifiuti di Imperia verso Scarpino: sei camion in più in viaggio al giorno Ventimila tonnellate da Ponticelli e Valle Armea. Il Medio Ponente annuncia battaglia

fiuti scaricati nella discarica di Scar­ pino dai Comuni imperiesi, a partire dalle prossime settimane sino a fine anno. Secondo indiscrezioni, l’ac­ cordotraProvinciadiImperia,Amiu e Regione sarebbe praticamente chiuso, anche se manca ancora la fir­ ma ufficiale. La discarica sulle alture di Sestri dovrebbe accogliere i rifiuti “pretrattati” del comprensorio im­ periese, dove sono state chiuse le due discariche esistenti, ambedue gestite da privati: quella storica di ValleArmea,neipressidiSanremo,e quella di Ponticelli, su cui un mese fa ha posto i sigilli la magistratura. Carlo Senesi, assessore comunale al Ciclo dei rifiuti, ammette che «esi­ ste la disponibilità ad accogliere, su richiesta della Regione, al massimo 20 mila tonnellate di rifiuti speciali dalla provincia di Imperia»» a fronte

SMALTIMENTO SOTTO ESAME DOMANI A TURSI AGGIORNAMENTO sul ciclo dei rifiuti (riduzione, raccolta diffe­ renziata, impiantistica) all’ordine del giorno della commissione di Tursi domani alle 14.30.

di una riduzione dei rifiuti “genove­ si” «anche grazie al potenziamento della raccolta differenziata. «Ma ­ precisa l’assessoreregionaleall’Am­ biente, Renata Briano ­ Scarpino è solo una delle ipotesi che stiamo va­ lutando per fronteggiare l’emergen­ za nell’imperiese. Inoltre, il via libe­ ra al conferimento nella discarica genovese è subordinato al preciso impegno della Provincia di Imperia a trovare una soluzione al proble­ ma». Pietro D’Alema, amministra­ tore delegato di Amiu, aggiunge: «Comunque sia, non possiamo con­ sentire che arrivino a Scarpino dal­ l’estremo Ponente ligure più di sei camion al giorno da circa 20 tonnel­ late l’uno». Dunque, un conferimen­ to aggiuntivo attorno alle 120 ton­ nellate al giorno. «Il tetto ­ fa notare D’Alema ­ è stabilito, in accordo col Comune, per evitare il collasso del

sistema viario che porta alla discari­ ca». Ma sui quantitativi di spazzatu­ ra imperiese che potrebbe essere di­ rottata a Genova, il quadro non è poi così chiaro. I dati ufficiali, infatti, parlano di 350 tonnellate al giorno prodotte dai Comuni “orfani” delle discariche di Ponticelli e Valle Ar­ mea. L’accordo prevede che a Scar­ pino vadano solo rifiuti trattati, at­ traverso un processo di separazione secco­umido.Ilcalcoloèchesiperda un venti per cento di peso. Ma resta­ no pur sempre da smaltire 280 ton­ nellate.SeaGenovanearrivano120­ 150, dove finisce il resto? Intanto, Stefano Bernini, presi­ dente del Medio Ponente, avverte: «A Scarpino non deve arrivare nep­ pure un camion in più da fuori Pro­ vincia, l’assessore Sinesi ce lo aveva garantito». V. G.


IL SECOLO XIX

genova

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

21

DUE TRAGEDIE DELLA STRADA IN DUE GIORNI: VITTIME UN MECCANICO E UN FERROVIERE. SCATTANO LE INCHIESTE

Gru vola dal camion, ucciso in fila al semaforo Scooterista colpito alla schiena da una struttura di metallo pesante 12 quintali. L’autista: «Ho solo frenato...» MARCO FAGANDINI

con il giallo. Fatto sta che quando ve­ de Di Giovanni fermo, frena. L’iner­ LAMORTEchenontiaspettiecolpi­ zia però spinge in avanti il carico: un sceallespallehalaformadiungigan­ istanteeunadelleduecinghiecheas­ tesco basamento da gru. Un’intelaia­ sicurano la terza porzione di gru si turadi12quintalid’acciaiochescivo­ sfilaccia e si strappa. La struttura la giù dal camion che la trasporta, ol­ prosegue la corsa mentre l’autocarro trepassando la cabina di guida a si blocca, senza neppure avvicinarsi causa di una frenata. E piomba ad­ allo scooter. L’intelaiatura, ormai li­ dosso allo scooterista che si è ferma­ bera dalle cinghie, colpisce Di Gio­ toalsemaforogiallo.Èmortocosì,ie­ vanni nella schiena. Il medico del 118 ri mattina in corso tenta ogni manovra Saffi, a Carignano, perrianimareilfer­ Eduardo Di Gio­ roviere. Poi la corsa I CONTROLLI vanni, macchinista disperata al pronto delle ferrovie di Il camionista è stato soccorso del Gallie­ cinquant’anni e ra, diretto da Paolo sottoposto agli scenografo teatrale Cremonesi, dove il nel tempo libero. esami: è risultato cinquantenne arri­ Sposato e con due in arresto cardi­ negativo ad alcool va figlie, viveva a aco. Non c’è più e stupefacenti Quinto. Sempre ie­ nulla da fare. Nel ri, è deceduto an­ frattempo, l’autista cheDiegoBoaretto, del camion viene ilventiseiennediPeglichesabatose­ sottopostoall’etilometroeagliesami ra era rimasto coinvolto in un inci­ per rilevare eventuali sostanze stu­ dente fra Ovada e Molare. Uno pefacenti: tutto negativo. «Quelle schianto in moto nel quale era morta cinghie possono reggere venti quin­ sulcolpolaragazzadiBoaretto,Sere­ tali ciascuna ­ spiega uno dei respon­ naParodi,unaventunennediTaglio­ sabili della ditta ­ E i tacchi di gomma lo Monferrato. fra le parti del carico, per non farle «Edo è andato». Tre parole che ieri scivolare una sull’altra, erano posi­ mattina Rita Cabone, la moglie di zionati.Quellocheèsuccessoèundi­ Eduardo Di Giovanni, è riuscita a sastro». sussurrare per telefono all’amico fagandini@ilsecoloxix.it Orazio Melluso. Prima di esplodere © RIPRODUZIONE RISERVATA in un pianto disperato. Stremata per la perdita assurda del marito, con il quale viveva in via Majorana. Sul ca­ so di corso Saffi la procura ha aperto DUE CADUTE un’inchiesta per omicidio colposo, perverificaresesianostatecommes­ IN GRAVI CONDIZIONI se irregolarità nel fissaggio del pezzo digrudapartedelladittaditrasporti, RAGAZZINA DI 15 ANNI la Marini Autotrasporti e Gru. I fatti di ieri sono stati ricostruiti E ANZIANO CICLISTA dai vigili dell’infortunistica, diretta da Francesco Vitari, e dal sostituto ••• UN CICLISTA di 75 anni e una procuratore Marco Airoldi, giunto ragazzina in scooter di 15 sono in sul posto. Sono da poco passate le 10 prognosi riservata all’ospedale San quando Di Giovanni avanza a bordo Martino, vittime di due distinti inci­ del suo scooter in direzione Foce. denti avvenuti domenica. Il primo Dietrodilui,uncamionconuncarico alle 10,40 sulla strada che collega pesantissimo: tre parti di una gru da Pedemonte e Casella. Il ciclista An­ cantiere, impilate una sull’altra. Le tonio Grosso, 75 anni, residente in prime due arrivano all’altezza della via Teglia 44,è caduto all’altezza di cabina di guida, la terza spunta da so­ Orero, forse per l’urto di un’auto­ pra. mobile. Sulle cause dell’incidente Di Giovanni arriva vicino al sema­ sono in corso gli accertamenti dei foro di corso Saffi posizionato al di carabinieri. La ragazzina di 15 anni sotto del muraglione di Villa Croce, è caduta in scooter poco dopo le all’incrocio con via Jacopo Ruffini. 12,30 sul ponte Sturla. La giovane, Vede il giallo e una pattuglia di vigili mentre procedeva in direzione di chehaappenafermatounaltroscoo­ Nervi, per cause in via di definizio­ terista. Così si ferma, due metri oltre ne, si è scontrata contro lo spigolo la linea bianca d’arresto. di un autocarro in sosta. Soccorsa «Nonhoinchiodato­diceilcondu­ dai militi di una pubblica assistenza cente dell’autocarro ­ Ho fatto una è stata accompagnata al pronto frenata tranquilla. Ero praticamente soccorso dell’ospedale San Marti­ fermo quando quel pezzo di gru è no, dove è ricoverata in prognosi partito in avanti». I segni della frena­ riservata, ma per i medici non sa­ ta però, rilevati dagli inquirenti, pro­ rebbe in pericolo di vita. Ieri pome­ seguonoperunadecinadimetriepiù riggio in corso Sardegna, altro cicli­ dietro al camion. La velocità rilevata sta coinvolto in un incidente, soc­ dalla“scatolanera”delmezzopesan­ corso è stato accompagnato al San te sarebbe di 60 chilometri all’ora. Martino in codice giallo. Forse l’autista pensa di proseguire

L’APPELLO SU FACEBOOK DEL PAPÀ DI DIEGO

«Fatevi coraggio e fatelo anche a me, il peggio deve ancora venire» Il meccanico genovese morto in Piemonte: l’incredulità e il dolore nello sfogo del padre

Eduardo Di Giovanni

La scala che ha ucciso lo scootersista fesrmo al semaforo

FOTO FORNETTI

Diego Boaretto

IL RICORDO DEGLI AMICI SCONVOLTI PER LA TRAGEDIA

EDUARDO, SCENOGRAFO PER PASSIONE «E PENSARE CHE IN MOTO ANDAVA SEMPRE PIANO» «E PENSARE che Edo lo prendeva­ tere, poi dice: «È incredibile che pro­ mo sempre in giro, perché in strada prio lui abbia perso la vita in un inci­ andava più piano di quanto imposto dente. Se poi incidente si può chia­ dai limiti di velocità. Sarà una grossa mare, quello che è accaduto. È assenza, la sua, nella nostra compa­ sfortuna, destino: è come cammina­ gnia». Orazio Melluso è il presidente re tranquilli e prendersi un vaso in della compagnia dialettale “Teatral­ testa caduto da un davanzale». nervi”. Quella in cui, da più di due de­ Ora però la sezione infortunistica cenni, Eduardo Di Giovanni coltiva­ dellapoliziamunicipaledovràaccer­ va quell’amore per il teatro che lo tare se quel “vaso” era assicurato se­ aveva sempre accompagnato. E al condo quanto previsto dalle norma­ quale il ferroviere donava il suo tem­ tive di sicurezza. Dovrà capire in­ po libero: quello passato lontano dal sommaperchéquellaporzionedigru lavoro di macchinista e dalla fami­ da 12 quintali che ha ucciso Di Gio­ glia. Da quella moglie, Rita Cabona, vanni, si sia sganciata improvvisa­ anche lei attrice, che ieri è esplosa in La cinghia sfilacciata abbandonata sull’asfalto in corso Aurelio Saffi mente. un pianto senza fine e dalle sue due «Edo era una persona splendida ­ figlie. ieri, si è chiusa nel dolore, rifugiandosi nell’appar­ dice Melluso ­ Oltre al tetro era anche membro «Eduardo era con noi da ventun anni ­ prosegue tamento. dell’Ari, l’Associazione radioamatori italiani. E Melluso ­ Da quando la “Teatralnervi” è stata fon­ «Leduebimbeavranno10e12anni­diceMellu­ adesso seguiva un gruppo di ragazzi che facevano data, insomma. Per noi faceva lo scenografo, con so ­ Non so come sarà possibile per loro accettare programmazione al computer con Linux. Svilup­ un’attenzione strepitosa. Ma soprattutto era un una tragedia così assurda. E lo è ancora di più se si po di programmi accessibili a tutti. Questo era ragazzod’oro:sempredisponibileepienod’inizia­ pensa com’era Eduardo in moto». Cioè? «Rispet­ Eduardo, un uomo con mille interessi e passioni. tiva. Da buon partenopeo, non poteva essere altri­ tava sempre il codice della strada. Ma davvero Quella del teatro su tutte, che condivideva con sua menti no?». sempre, in maniera precisissima: era attento a moglie Rita. Oggi le ho parlato, è lei che mi ha chia­ Eduardo Di Giovanni era nato il 23 ottobre del quel che faceva e a quel che facevano gli altri. Basti mato per dirmi quel che era successo: era distrut­ 1959 proprio a Napoli. Lavorava come macchini­ pensare che in corso Europa andava sempre dieci ta. Ora ci vedremo con gli altri membri della com­ sta per le ferrovie e viveva con la moglie, commes­ chilometriall’orasottoillimitemassimo.Enoigiù pagniaedecideremocosafareinmemoriadiEdo». sa in un negozio d’abbigliamento e attrice, e le due a scherzarci sopra, con affetto, su questo suo esse­ M. FAG. figlie, in via Majorana, a Quinto. La sua famiglia, re rispettoso». Melluso si ferma un istante a riflet­ © RIPRODUZIONE RISERVATA

ALESSANDRO PONTE

IN CASA di Diego Boaretto, in via dellaMaonaaPegli,cisonoparenti e conoscenti. Anche i suoi amici, quelli veri, sono in casa: stanno nella sua camera, in lacrime, anco­ ra increduli per quello che è suc­ cesso. Daniela, la mamma di Diego, ha trovato “rifugio” in una stanza in fondo al corridoio, stravolta da un dolore infinito. Il padre, invece, è in volo da Algeri, dove si trovava per lavoro. «Era un ragazzo come ce ne sono molti – racconta Gior­ gio, il compagno della madre – ed anche se non ero suo padre, tra noi c’era un buon rapporto. La sua grande passione erano i motori, da sempre. Finite le superiori si era subito messo a lavorare in una offi­ cina di Sestri ed era molto conten­

LO SCONTRO DOMENICA TRA OVADA E MOLARE L’incidente che è costato la vita a Serena Piccardo, 21 anni, e Diego Boaretto, 26 anni, è accaduto sull’ex statale 456 del Turchino

to». Oltre ai motori, Diego, aveva un amore unico per la Sampdoria, era stato anche a Palermo per se­ guire la squadra in quello che lui considerava “lo spareggio per la Champions”. «Era proprio un bra­ vo ragazzo – prosegue Giorgio – e non lo dico per dire. Lui pensava al lavoro ed appena aveva un minuto libero raggiungeva gli amici di Morbello, nel basso Piemonte. Qui a Pegli girava poco. Lo scorso set­ tembresierafidanzatoconSerena, che andava a trovare appena possi­ bile». Diego e Serena stavano bene in­ sieme. Solo un destino difficile da comprendere se li è portati via. La notizia dell’incidente è arri­ vata alla famiglia nella serata di do­ menica,poilacorsaversol’ospeda­ le di Alessandria senza però riu­ scirlo a vedere ancora in vita. «Ab­

biamo perso un fratello – racconta Rino, amico di infanzia che trova il coraggio per fasi portavoce di tutti – e siamo distrutti. Avevo sentito Diego poco prima dell’incidente e ci siamo dati appuntamento a Morbello per la cena. È stata una nostra amica a chiamarci ed avvi­ sarci di quanto era successo. Alcu­ ni di noi, così, sono andati sul posto dell’incidente altri all’ospedale». Daierimattinaanchelasuapagi­ na su Facebook è stata riempita di messaggidiaddio,diincredulità,di dolore vero e profondo. Proprio tramite la pagina del social networkEugenio,ilpadrediDiego, anche lui appassionato di motori, riesce a mettersi in contatto con tutti gli amici chiedendo di avere forza e di farne a lui perché «il peg­ gio deve ancora venire». © RIPRODUZIONE RISERVATA


22

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

SERVIZIO PROMOZIONALE A CURA DI PUBLIRAMA

Eventi, personaggi, curiosità, manifestazioni nel Centro Est

tEmpo libEro

L’estate in Via XX Settembre: shopping e molto altro L’estate ormai è arrivata e come di consueto il centro città di Genova inizia a popolarsi per un gelato in compagnia o per del sano shopping che nel capoluogo ligure gode sempre di vantaggi notevoli. Vantaggi che si moltiplicano se la destinazione dei “shopping dipendenti” si chiama Via XX Settembre, il vero centro di Genova, la via che da sempre ha fatto conoscere il nome della nostra città in tutta Italia e anche oltre i confini nazionali. Una via ricca di negozi storici che hanno fatto la storia di Genova e che propongono i più svariati articoli perché nessuno rimanga a mani vuote dopo una puntata in centro. Dall’abbigliamento, vero fiore all’occhiello dei negozi del centro, alla musica, passando per la proposta alimentare con i prodotti liguri in primis a fare la

uLTimo gioRNo

oggi La muSica deL “ducaLe” Appuntamento imperdibile per gli amanti della musica. Uno spaccato della musica italiana rivivrà oggi pomeriggio alle ore 18.00 al Museo del jazz di Palazzo Ducale con una video-antologia “La canzone sincopata”.

gIovedì la coNfereNza alla “berIo” Giovedì 27 Maggio dalle ore 14.30 alle ore 18.45 presso la Sala Chierici della Biblioteca Berio si terrà la giornata di studio dedicata alle problematiche sempre più complesse legate all’adozione internazionale.

Uno scorcio di Via XX Settembre

voce grossa, ma anche i preziosi e gli articoli di gioielleria. Una via che puntualmente in estate si popola e che offre davvero tante opportunità per i visitatori, essendo, tra le altre cose, la strada che unisce la splendida Piazza della Vittoria

a l’altrettanto rinomata Piazza De Ferrari. Quindi per gli amanti dello shopping ora più che mai Via XX Settembre deve essere la destinazione, per una giornata spensierata all’insegna dell’allegria.

Da venerdì 28 Maggio

al porto aNtIco Il “wed 2010” Sbarca a geNova C’è grande attesa per lo sbarco a Genova del festival internazionale World Environment Day European Celebration che avverrà sabato 5 Giugno al Porto Antico dalle 18.00 fino a mezzanotte. Un evento che celebra il giorno dello sviluppo.

Il sommergibile Nazario Sauro apre al pubblico Il prImo feStIval del comIco Chiude i battenti oggi la prima edizione di “Forme del Pensiero che ride”, il primo festival del Comico che si è svolto al Palazzo Ducale. Chiuderà la kermesse alle ore 21.00 la serata d’onore con Carlo Giuffrè in dialogo con Masolino d’Amico al sottoporticato del Ducale.

Venerdì 28 Maggio dalle 21.00 alle 23.00 il sommergibile Nazario Sauro aprirà al pubblico, diventando palcoscenico naturale per uno spettacolo tra sons et lumières e meravigliosi effetti pirotecnici. Dal 29 Maggio 2010 potrete scendere a bordo del più grande sommergibile italiano, prima nave - museo d’Italia visitabile in acqua. L’S 518 Nazario Sauro è attraccato in Darsena davanti al Galata Museo del Mare dallo scorso 26 Settembre. L’ S 518 Nazario Sauro è parte integrante del Galata Museo del

Mare, all’interno del quale è possibile provare l’esperienza della visita al sommergibile attraverso un pre-show, che ne riproduce l’ambiente. Questo momento è stato pensato, oltre che per apprendere la storia del sottomarino, anche per fornirne una simulazione accurata degli spazi interni, che potrebbero risultare angusti. Si tratta della prima nave museo visitabile in acqua e per questo motivo costituisce un vero fiore all’occhiello per la città di Genova e per il mondo Costa Edutainment.

domaNi Zoom SuLLa BaSSa VaLBiSagNo - Per segnalazioni e pubblicità info@publirama.it - tel. 0105364206

Il coNcerto “NoveceNto” al “carlo felIce” Stasera, Martedì 25 Maggio, alle ore 20.30 in programma al Teatro Carlo Felice di Genova il concerto “Novecento”. Un concerto che traccia un filo rosso tra Maurice Ravel e Nino Rota con Marco Guidarini sul podio e Andrea Bacchetti al pianoforte.


IL SECOLO XIX

genova

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

23

UN ALTRO GIUDICE “BOCCIA” IL PROVVEDIMENTO SCATTATO PER UNA COPPIA DI ROMENI

«L’espulsione mascherata è contro la legge» Annullato il «divieto di dimora in ogni Comune d’Italia» inflitto a due cittadini dell’Ue sorpresi a rubare MATTEO INDICE

l’exploit era arrivato con il pronun­ ciamento sull’«alternativa» alla cel­ UN ALTRO giudice boccia l’espul­ la per entrambi. Non i domiciliari, sione mascherata, spiegando che la che parevano comunque eccessivi, leggenonlaconsente.Nonentranel nessun obbligo di presentarsi a fir­ merito “politico” d’una delle scelte mare in qualche caserma o commis­ che più aveva fatto discutere nelle sariato.Eneppureildivietodiabita­ ultime settimane al tribunale di Ge­ re in questa o in quella città. Erano nova (la possibilità di espellere un stati più drasticamente dichiarati immigrato anche se è dell’Unione off­limits tutti gli 8094 comuni del europea, imponendogli il «divieto territorioitaliano.Pernonviolarela di dimora in ogni comune d’Italia»), disposizione del tribunale, e quindi ma spiega che la Cassazione su que­ non tornare dentro, i due stranieri sto principio è piuttosto netta: è ve­ non avevano potuto fare altro che rocheilcodicedàlapossibilitàd’im­ auto­espellersi: in qualunque posto pedireaunostraniero­sebbenecon fosserorimastientroiconfiniitalia­ passaporto Ue ­ di stare in una o più ni, avrebbero commesso un reato. cittàitalianedopochehacommesso Non solo. A parere del difensore, un reato. E però la Suprema Corte Filippo Gramatica, quella decisione impone di indicare comunque un altro non era che un’espulsione ma­ luogo «determinato» all’interno dei scherata (il termine ufficialmente nostri confini. In sostanza: ok dire non compariva mai), che altrimenti che non si può soggiornare in un nessun giudice potrebbe disporre certo numero di posti ma il pronun­ nei confronti dei romeni. I quali, ciamento del magistrato deve far proprio perché romeni, non sono capire (ancorché per esclusione) extracomunitari senza permesso di dove è possibile soggiorno da rispe­ farlo in Italia. Nel dire a casa. Al limi­ caso preso in esa­ te può scattare l’al­ me, invece, lo stop A PROCESSO PER RAPINA lontanamento per era troppo «esten­ Avevano aggredito motivi di sicurez­ sivo». za. In quel caso de­ un vigilante per Con queste mo­ vono tuttavia rap­ tivazioni, da ieri, fuggire: sono stati presentare, secon­ possono rientrare do il dettato comu­ condannati Emilia Colompir, nitario, «una 23 anni, e Ionut a un anno e sei mesi minaccia reale per Caldaras, di 22. un interesse fon­ Erano stati sorpre­ damentale della si settimane fa all’interno della società». In pratica: assassini, stu­ Fnac, il megamarket tecnologico di pratori o sospetti terroristi, anche via XX Settembre, nel centro della se con passaporto Ue, potrebbero città. Dopo aver sottratto una mac­ essere cacciati, sebbene ci debbano china fotografica Sony da alcune pensareprefettioministerodell’In­ centinaia di euro, tentando di na­ terno altrimenti l’espulsione è im­ sconderla in un borsone, avevano possibile. provato a dribblare il dispositivo Che cosa è successo, nelle setti­ antitaccheggio sistemato a ridosso mane successive? I due romeni so­ dell’uscita, ma erano stati intercet­ no stati processati con rito abbre­ tatidaunadelleguardie.Iltentativo viato da un alto giudice, Roberta di furto si era così trasformato in ra­ Bossi. La quale ha inflitto a entram­ pina e i due fidanzati erano finiti da­ bi un anno e sei mesi di condanna, vanti al giudice dell’indagine preli­ conlafacoltàdidisporreunamisura minare Annalis Giacalone, per la cautelare (carcere, domiciliari, ob­ convalida dell’arresto. bligo di firma o il famoso divieto di Il Gip doveva decidere se il prov­ dimora) in attesa che la sentenza vedimentoeravalido,seglistranieri passi in giudicato. Ha cancellato il dovevano rimanere in cella e so­ divieto «a tutti i comuni d’Italia», prattutto se si potevano applicare l’espulsione che c’è ma non si vede misure «alternative» alla detenzio­ ed era stata inventata all’ombra del­ ne. Per l’uomo non erano emersi la Lanterna. I due stranieri, adesso, problemi, essendo incensurato, ed devono stare lontani semplicemen­ era stato liberato. La donna, invece , te da Genova. si era fatta qualche settimana di pri­ indice@ilsecoloxix.it gione, avendo un precedente. Ma © RIPRODUZIONE RISERVATA

La parte del provvedimento che vieta di dimorare in tutti i Comuni genova

IL SECOLO XIX

DOMENICA 23 MAGGIO 2010

23

IL PROVVEDIMENTO CHE RIGUARDA UNA COPPIA DI STRANIERI, MA DELL’UE, STA FACENDO DISCUTERE A PALAZZO DI GIUSTIZIA

Romeni, l’espulsione c’è ma non si vede Magistrato vieta la dimora in tutti i Comuni italiani a due comunitari sorpresi a rubare IL CASO MATTEO INDICE

IL PUNTO è in mezza riga di sen­ tenza: «Divieto di dimora in tutti i comuni italiani». Che, tradotto dal burocratese, significa espulsione mascherata per due romeni, citta­ dini dell’Unione europea e inespel­ libili da un tribunale, sorpresi a ru­ bare una macchina fotografica. Il “peso” del provvedimento, che al palazzo di giustizia genovese fa pa­ recchio discutere, sta in un aspetto molto semplice: se è vero che il giu­ dice espelle normalmente extraco­ munitari sprovvisti del permesso di soggiorno (la clandestinità sempli­ ce è reato dall’agosto dello scorso anno), non può farlo per chi possie­ de un passaporto Ue. L’unico moti­ vo valido per cacciare un “comuni­ tario” ­ sia esso romeno, francese, tedesco o spagnolo ­ è rappresenta­ to da «eccezionali ragioni di sicu­ rezza», ma la palla è allora in mano ai prefetti o al ministero dell’Inter­ no. E infatti in questo caso la parola «espulsione», tecnicamente im­ possibile, non compare nemmeno. Ma cos’altro è, il «divieto di dimora in tutti i comuni italiani»? Per orientarsi nella storia occor­ re tornare indietro di qualche setti­ mana, all’arresto scattato nei con­ frontidiEmiliaColompir,23anni,e Ionut Caldaras, di 22. Sono sorpresi all’interno della Fnac, il mega­ market tecnologico di via Venti set­ tembre nel centro di Genova. “Pun­ tano” un apparecchio Sony da sva­ riate centinaia di euro e quando tentano di nasconderlo, per poi dribblare in qualche modo il dispo­ sitivo antitaccheggio sistemato a ri­ dosso dell’uscita, una delle guardie li nota e prova a intercettarli. Ecco

IL DOCUMENTO: «CITTADINI UE, VIA DA OGNI CITTÀ» Il passaggio­clou nelle carte: «Può essere concessa una misura meno afflittiva del carcere, come il divieto di dimora in tutti i comuni d’Italia»

Il palazzo di giustizia di Genova, dove è scattata quella che molti definiscono “espulsione mascherata”

FORNETTI

LA SCHEDA: COME FUNZIONA LA NORMATIVA

DAL BOOM ALLE LEGGI SPECIALI, MA IL GIUDICE NON LI PUÒ CACCIARE IL PRECEDENTE: LE LISTE DI “PERICOLOSI” Nell’autunno 2007, in piena emergenza sicurezza, fu la Romania a compilare un elenco di cittadini «pericolosi» emigrati in altri paesi

I ROMENI residenti in Italia, secondo le ultime stime, potrebbero superare il milione di unità. Si tratta della terza etnia per numero di presenze in senso assoluto. A Genova i romeni sono invece poco meno di tremila, più che raddoppiati rispetto al 2007 quarti dopo ecuadoria­ ni, albanesi e marocchino. Ogni anno in Italia (ma anche su questo dettaglio le stime devono considerarsi neces­ sariamente generiche) ne entrerebbero almeno 60 mila. È proprio partendo dal caso romeni che il problema dell’ “espellibilità” dei cittadini comunitari (la Romania è en­ trata nell’Ue dal 1°gennaio 2007) ha guadagnato le pagi­ ne dei giornali. Il momento di più alta tensione si rag­ giunse nell’ottobre 2007 quando il ventinovenne Nico­ lae Mailat uccise, dopo averla stuprata, Giovanna Reg­ gianineipressidellastazioneromanadiTordiQuinto. Il

governo Prodi, sull’onda dell’emozione suscitata dal de­ litto, era intervenuto con un decreto legislativo che dava la possibilità ai prefetti di espellere anche appartenenti all’Unione europea per gravi motivi di sicurezza. L’unico altro motivo per cui potrebbe essere allontanato un co­ munitario è la mancanza di alcuni requisiti base (reddito o dimora) dopo che soggiorna da almeno tre mesi nel no­ stro Paese. Ma prima, ovviamente, bisogna dimostrare cheèinItaliadaoltrenovantagiorni.Iprovvedimentiso­ no sempre «amministrativi», disposti cioè da prefetti o dal ministero dell’Interno, mai da un giudice. E però non c’è dubbio che il «divieto di dimora da tutti i comuni ita­ liani» disposto negli ultimi giorni dal tribunale, anche in assenza delle condizioni appena citate, si avvicina parec­ chio all’espulsione.

La pagina dedicata alla sentenza che sta facendo discutere

che, come accade spesso, il tentati­ vo di furto si trasforma per la legge in rapina, ancorché «impropria» (le parole nelle carte giudiziarie sono un po’ arzigogolate, ma hanno pa­ recchio peso quando ci sono da sta­ bilire anni di galera). Ammanettati e dopo un giorno e mezzo in guardi­ na, i due fidanzati finiscono davanti al giudice per le indagini prelimina­ ri Annalisa Giacalone. Considerato magistrato severo e preparato negli ambienti giudiziari del capoluogo ligure, il gip deve decidere se l’arre­ sto è valido, se gli stranieri devono rimanere in cella e soprattutto se si possono applicare misure «alterna­ tive» alla detenzione. Per l’uomo non ci sono problemi, essendo in­ censurato, e può uscire. La donna invece si fa qualche settimana di prigione, avendo un precedente. Ma il bello viene quando si stabili­ scelafamosa«alternativa»allacella per entrambi. Non i domiciliari, che paionocomunqueeccessivi,nessun obbligo di presentarsi a firmare in qualche caserma o commissariato. E neppure il divieto di abitare in questa o in quella città. Semmai vengono dichiarati off­limits tutti gli 8094 comuni del territorio ita­ liano. Ma allora, anche se non li espellono perché sono dell’Unione europea, che fine fanno i due rome­ ni? Per non violare la disposizione del tribunale, e quindi non tornare dentro, possono solo auto­espeller­ si: in qualunque posto rimanessero entro i confini italiani, commette­ rebbero un reato. Filippo Gramati­ ca è l’avvocato che li difende e la mettegiùsemplice:«Ancorchéleci­ to, si tratta di un provvedimento semplicemente abnorme, a tutti gli effetti un’espulsione sotto mentite spoglie. Che potrebbe rappresenta­ re un precedente assai ingombran­ te». indice@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Polemiche in tribunale a Genova per l’espulsione “mascherata” disposta contro due romeni

VENTUNENNE ITALIANO DI ORIGINE AFRICANE. È SOSPETTATO DI ALTRI QUATTRO COLPI

SCIPPA UNA DONNA IN STAZIONE A VOLTRI INSEGUITO DA TRE RAGAZZI, PRESO DALLA POLIZIA AVEVAnotatolasuavittimagiàsul­ l’autobus della linea 192, a Voltri. Una donna sola e con due borse in­ gombranti. È stata lei l’ultima vitti­ ma degli scippi di Mohammed Ha­ dy, ventunenne del Cep: il giovane è stato arrestato l’altroieri sera in fla­ granza di reato poco dopo, grazie al­ l’intervento di due volanti della squadra investigativa del commis­ sariato di Sestri guidato da Laura Amato e coordinati sul campo da Giuliano Venturino. Fondamentale per l’arresto l’aiu­

to di tre giovani della zona che han­ no aiutato gli agenti a inseguire e fermare lo scippatore. Il primo allarme è scattato alla stazione ferroviaria di Voltri: la donna, quarantenne, aspettava il treno per raggiungere la famiglia a Milano. Era in difficoltà nei movi­ menti perché aveva due grosse vali­ gie.Secondoilsuoracconto,Hadyle si è avvicinato e ha atteso che si to­ gliesse la borsa da tracolla per siste­ marla meglio. Un’azione fulminea: il giovane ha strappato la borsetta

IL CASO AVVENUTO IN SOTTORIPA. LA COMMERCIANTE: «QUI NESSUNO HA L’AUTORIZZAZIONE»

Infezione da piercing, negoziante nei guai Vittima una quindicenne. La madre denuncia il caso ai Nas: chiesta la chiusura dell’attività ANNA SERRA

COSA SARÀ mai un buco al naso? Niente di così pericoloso ha pensato la ragazzina di 15 anni che sabato 8 maggio è andata in un negozietto di via di Sottoripa a farsi forare la nari­ ce per essere alla moda come tutte le sue coetanee. Fin qui nessun proble­ ma. Peccato che dopo pochi giorni la piccolaferitasièinfettata.Lamadre, arrabbiata per la trasgressione della figlia ma anche preoccupata per l’in­ fezione(giudicataguaribilein5gior­ ni),hadecisodisporgeredenunciaai carabinieri contro chi ha applicato l’orecchino alla ragazza. Secondo una delibera della giunta regionale i buchi al naso sono consi­ derati veri e propri piercing e quindi possono essere fatti solo in negozi che rispettino precise norme igieni­ che e siano in possesso di autorizza­ zione specifica. Se si è minorenni bi­ sognaessereaccompagnatidaunge­ nitore. nel caso specifico, il negozio

PAMBIANCHI

non solo non aveva le autorizzazioni richieste ma la titolare non si è nep­ pure preoccupata di far firmare alla giovane la manleva necessaria. Da qui l’intervento dei carabinieri del Nas. I militari le hanno sequestrato tutta l’attrezzatura (2 pistole per fa­ re i buchi e delle confezioni di orec­ chini), oltre a segnalare nel verbale l’assenza di servizi igienici. Ma la titolare non ci sta.«Qui in zonatuttifannopiercingcosìcomeli faccio io, da più di vent’anni; non ca­ pisco perchè sono venuti solo da me. E poi è ancora tutto da dimostrare chequellaragazzasiavenutaproprio da me. È la mia parola contro la sua». In effetti, a Sottoripa, farsi fare un piercing è un gioco da ragazzi. Basta entrate, chiedere e in pochi secondi (il tempo di un clic) ecco fatto. Tutto per soli 3 euro. Nessuno si preoccu­ pa, quello che è successo alla “colle­ ga”pochi giorni fa sembra già acqua passata. Sono tutti locali molto pic­ coli(2metriper2),adibitiallavendi­ Piercing al naso, una moda diffusa

ta di souvenir: statuine della lanter­ na, miniature dell’acquario e, anco­ ra, grembiuli con ricette tipiche ge­ novesi o piatti ricordo, ma anche collane, bracciali e orecchini. Ma c’è anche lo spazio per posizionare uno sgabello e accontentare chi vuole “decorarsi” il naso: da un gruppo di amiche, visibilmente minorenni, a cuinonvengonochiestiidocumenti, a una mamma che fa fare i buchi alle orecchie alla sua piccola di tre anni. E sembra che a nessuno passi per la testa di fare qualcosa di illegale, nè tantomeno sia preoccupato di even­ tuali denunce. E a chi glielo fa notare rispondono: «Si cerca di fare un po’ di attenzione. Eppoi non facciamo niente di male, no?». Vero. Ma è anche vero che qualche volta si corre il rischio di infezione: gonfiori, arrossamenti, ma anche peggio come allergie o melanomi. Ma per avere un brillantino al naso c’è chi corre anche questo pericolo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

alla donna ed è scappato. La vittima ha chiesto aiuto e un ragazzo che aveva assistito alla scena ha rincor­ so il ladro e chiamato il 113. La fuga dello scippatore è finita dopo un lungo inseguimento: bloccato in via Novelladaduepattugliedipoliziotti in borghese e da tre ragazzi che ave­ vano a loro volta rincorso il fuggiti­ vo. È stato processato per direttissi­ ma e ha patteggiato otto mesi di re­ clusione (li sconterà ai domiciliari). «Avevo bisogno di soldi per mangia­ re,sonodisoccupato»,haspiegatoal

giudice. Gli investigatori sospetta­ no di lui per almeno altri quattro scippi compiuti nell’arco degli ulti­ miduemesiaVoltri,PeglieSestri:lo incastrerebbe la descrizione delle vittime, quasi tutte donne anziane alle quali era stata strappata una ca­ tenina dal collo o una borsetta, e l’analisi delle celle del suo cellulare che ne ricostruisce gli spostamenti. Due giorni fa una donna è stata scippata in via Catalani a Sestri da un motociclista. E. ROS.

DENUNCIATO UN GIOVANE EX CICLISTA

False ricette e identità per comprare anabolizzanti CONTRAMAL. Sustanol. Efedrina. Proviron. Andriol. Pestoviron. Ave­ vano tutti un nome esotico, gli “ami­ ci” di F. P., ex ciclista semi­professio­ nista ventunenne residente a Molas­ sana. Erano ormoni e anabolizzanti, di vendita libera e uso terapeutico, ma solo dietro prescrizione medica, che il ragazzo comprava in grosse quantità per smerciarli nel giro del ciclismo amatoriale e agonistico. Per fare i suoi acquisti si serviva di una ri­ cetta contraffatta, fabbricata al computer a partire da un foglio con la vera firma di un medico, un onco­ logo genovese ignaro di tutto. E si presentava in farmacia con false identità, ogni volta una diversa. Il ragazzo, disoccupato e incensura­ to, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Molassana per so­ stituzione di persona. I militari hanno scoperto il “giro” del giovane a se­ guito della segnalazione di una far­ macista della zona. La donna cono­ sceva il giovane e si era insospettita perché aveva presentato la ricetta a nome di un’altra persona. E anche

per il tipo di medicinali richiesti, che non erano immediatamente disponi­ bili in farmacia. Quando l’ordinazio­ ne è arrivata, il ventunenne ha trova­ to insieme ai flaconi due carabinieri in borghese ai quali ha dovuto spie­ gare le ragioni di quell’acquisto e di molti altri. «Ho fatto una stupidaggi­ ne, ma non ci guadagnavo, li giravo agli amici che corrono ancora», ha spiegato ai militari, senza fingere di non saperne niente e ammettendo le proprie colpe. Ha anche mostrato lo­ ro come era riuscito a contraffare le ricette e la firma con l’aiuto del suo portatile. I medicinali in questione sarebbero stati in esenzione se com­ prati con la ricetta della mutua, ma lui si serviva della “ricetta bianca” e pagava completamente l’importo degli ormoni e degli anabolizzanti. Sono almeno cinque gli acquisti irre­ golari realizzati dall’ex ciclista. Il ca­ so è stato segnalato anche ai carabi­ nieri del Nas che stanno effettuando verifiche nel giro del ciclismo, dove l’utilizzo di questi farmaci è diffuso nonostante i pericoli per la salute.


24

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

genova

IL LOCALE SCOPERTO AL PRIMO PIANO DI UN IMMOBILE A SAMPIERDARENA

“Poker”della Finanza nella bisca clandestina Denunciati per gioco d’azzardo una trentina di avventori sorpresi intorno a tavoli verdi non autorizzati EMANUELE ROSSI

LA SCALA REALE non era quella che portava al primo piano del pa­ lazzo,allaportadiquelpiccoloclub, un“circolo culturale”, in una via del quartiere Campasso, a Sampierda­ rena. La scala reale era l’obiettivo dei tanti, forse troppi, frequentato­ ri del circolo. Che discutevano di re e fanti, di donne e picche. Su tavoli rigorosamente verdi. Una bisca clandestina in piena regola, smantellata nei giorni scor­ si da un blitz della guardia di Finan­ za. Trenta le persone denunciate nel corso dell’operazione delle Fiamme Gialle: tutti i clienti sor­ presiagiocareeigestori,denuncia­ ti per organizzazione del gioco d’azzardo. Il locale, al primo piano

di un palazzo abitato da una venti­ na di famiglie, è stato messo sotto sequestro in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria. Quandoimilitarisonoentratinel club, la serata di gioco era appena iniziata. Era da poco passata la mezzanotte e le quote di iscrizione erano già state versate. «È solo un semplice passatempo che organiz­ ziamo ogni tanto per i soci», hanno provato a bluffare gli organizzatori. Ma il circolo non aveva alcun regi­ stro:sientravaperconoscenza,due buttafuori all’ingresso filtravano gli ingressi e chi entrava sapeva be­ ne che lì dentro si giocava forte. Soprattutto a Poker. Il cosiddet­ to “Texas Hold’em”, o Poker texa­ no, in cui ci sono solo due carte in mano per ogni giocatore e cinque

carte comuni sul tavolo. Una varie­ tà del gioco di carte reso famoso da centinaia di film. Una variante che sta spopolando in Italia, anche per­ ché permette la partecipazione di più giocatori in contemporanea ri­ spetto al Poker “classico”. Il Texas Hold’emhasuccesso(etestimonial d’eccezione) soprattutto su inter­ net, nei siti autorizzati dai Mono­ poli di Stato, nella sua versione “sportiva”. Che è stata recente­ mente legalizzata, così come è lega­ le giocare nelle case da gioco auto­ rizzate. Ma lo spirito, l’atmosfera della bisca clandestina è tutta un’altra storia. Peccato che sia assoluta­ mente illegale giocare in Italia se si puntano soldi “veri”. E se sulle par­ titelle casalinghe organizzate da

LE REGOLE DEL TEXAS HOLD’EM A differenza del poker , i giocatori ricevono solo 2 carte a testa: assieme alle 5 carte comuni scoperte dal mazziere formeranno il punto di ogni giocatore

IMPUTATO GIANNI DE GENNARO

ALLE “LAVATRICI”

privatièassaidifficilechequalcuno venga a controllare, altro discorso è quello di una sala da gioco in cui en­ trano trenta persone in piena not­ te. In quella scoperta a Sampierda­ rena si giocava parecchio. E con puntate forti: anche mille o duemi­ la euro per ogni “giro” sul tavolo verde. Per partecipare si pagava una quota di iscrizione che variava da tavolo a tavolo a seconda di quanto decidevano i partecipanti. Le Fiamme gialle e gli Alpini hanno sequestrato migliaia di fiches già cambiate dai giocatori per una cifra media intorno ai mille euro a parte­ cipante. E poi c’erano i contanti de­ stinati alle puntate, che sono stati fotocopiati ma non sequestrati. Le segnalazioni che hanno fatto

partire l’indagine della Guardia di Finanza venivano dai vicini del cir­ colo. E andavano avanti da circa sei mesi. A condannare la bisca è stato il suo successo: troppo rumore not­ turno, troppe auto parcheggiate in doppia fila, troppo viavai sulle scale e nei pianerottoli. In un quartiere ad altissima den­ sità migratoria dal Sudamerica, nessuna delle persone sorprese dal blitz era straniera: tutti i giocatori (tra di loro professionisti, impiega­ ti e imprenditori) erano italiani e residentiaGenova,daogniquartie­ re della città, segno che la fama del­ la bisca aveva già valicato i confini di Sampierdarena. Nel nome del gioco. emanuele.rossi@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

CENTRO STORICO

Brucia l’appartamento i vicini spengono il fuoco

Arresti illegali, va in scena il processo a tre carabinieri

I condòmini si sono trasformati in “pompieri”

Sott’accusa per aver malmenato due stranieri

SI SONO improvvisati pompieri. Con successo. E all’arrivo dei vigili del fuoco ­ autentici ­ le fiamme del­ l’appartamento al numero 34 di via Quasimodo erano già state spente. Tutte. In velocità, utilizzando l’im­ pianto antincendio del condominio collocatonelcomplessopiùnotoco­ me “Lavatrici”. Impossibile, per ora, conoscere le cause che hanno scatenato l’incen­ dio, nel tardo pomeriggio di ieri. Certo è che non ci sono stati feriti. E neppure persone intossicate dal fu­ mo. Un’operazione fai­da­te di suc­ cesso. Grazie alla prontezza di ri­ flessi di chi ha dato l’allarme, urlan­ do: «Al fuoco, al fuoco». E grazie al­

SI È APERTO ieri di fronte al tribu­ nale il processo a carico di tre cara­ binieri del Nucleo operativo radio­ mobile (Norm) di Genova, accusati di avere effettuato arresti illegali e di avere confezionato false relazio­ ni di servizio per supportare gli ar­ resti stessi. L’accusa è sostenuta dal pubblico ministero Francesco Pin­ to. I fatti risalgono al marzo del 2007esieranosvoltinelcentrosto­ ricocittadino.Ungruppodigiovani, tuttipocopiùcheventenni,durante la serata era stato avvicinato dai ca­ rabinieriimpegnatiinunserviziodi controllo della zona. I ragazzi erano reduci da una festa, nella quale si erano esibiti con il proprio gruppo

l’intervento dei condomini del numero 34. Che senza esitare si so­ no precipitati sull’impianto antin­ cendio ­ che funzionava benissimo ­ utilizzando la manichetta. Così, mentre qualcuno, nello stabile, col cellulare chiamava il numero dei vi­ gili del fuoco ­ che hanno subito in­ viato la squadra di Multedo ­ gli altri condòminisidavanodafareperspe­ gnerelefiammenell’appartamento. Cercando di salvare il salvabile. Do­ po aver fatto uscire i residenti. All’arrivo dei pompieri “veri” era già tutto a posto: incendio spento e zero feriti. Toccherà però ai tecnici dei vigili del fuoco stabilire le cause che hanno scatenato l’incendio.

DEPISTAGGI AL G8, VIA ALL’APPELLO PER L’EX CAPO DELLA POLIZIA SI APRE oggi l’Appello all’ex capo della polizia Gianni De Gennaro, attuale ca­ po del Dis, l’organismo di coordinamento dei servizi segreti, e a Spartaco Mortola, l’ex capo della Digos di Genova oggi vicario alla questura di Torino. Sono accusati di aver istigato l’ex questore di Genova Francesco Colucci alla falsa testimonianza nel processo Diaz. In primo grado furono assolti.

musicale. Secondo la loro versione i militari, oggi imputati, avevano ef­ fettuatounfermomoltoduroacari­ co di entrambi i giovani, un ecuado­ riano oggi venticinquenne e un suo coetaneoargentino.Idueeranosta­ ti accusati di resistenza e lesione a pubblico ufficiale, perché si erano opposti ai controlli e avevano spin­ tonato un carabiniere facendolo ca­ dere a terra. Il fermo era divenuto arresto.Nelprocessocheseguìidue ragazzi, grazie alle testimonianze di altri giovani, vennero assolti. La sentenza fu pronunciata il 28 otto­ bre del 2008 dal giudice Annalisa Giacalone. Nel frattempo i tre mili­ tari erano stati denunciati.

NUOVA SEZIONE WEB AGENDA E SPETTACOLI

Butta la tua agenda. Usa la nostra. Tutti gli eventi della Liguria, giorno per giorno, in un click. Cinema, teatri, concerti, mostre, tutti in un click. Naviga il sito www.ilsecoloxix.it e visita la sezione AGENDA E SPETTACOLI. Troverai un ambiente rinnovato e funzionale che ti permetterà di organizzare al meglio le attività per il tuo tempo libero. Ogni evento è commentabile: avrai la possibilità di condividere il titolo del film che ti ha entusiasmato, la trama dello spettacolo che ti ha coinvolto o l’allestimento della mostra che ti ha deluso. La vecchia agenda ha chiuso. Apri il computer e usa la nostra.

www.ilsecoloxix.it


genova LE “PAGELLE” DELLE PRESENZE IN CONSIGLIO COMUNALE

Stakanovisti in sala rossa, ma assenteisti alle votazioni Dodici sempre presenti, solo due però sono rimasti sino alla fine

I PIU’ ASSENTI ALL’APPELLO *

AVOLEResserepolemici,siavrebbe gioco facile. Perché dodici consiglie­ ricomunalisonosemprepresential­ le sedute ­ i dati sono del 2009, e co­ munqueilorocolleghihannomedia­ mente tassi di presenza elevati ­, ma solo due (il presidente del consiglio Giorgio Guerello e Salvatore Lecce del Pd) hanno preso parte a tutte le votazioni. Piccolo dettaglio: il getto­ ne di presenza si conta al momento dell’appello. Chi è malizioso può pensare che un consigliere risponda all’appello per intascare il gettone, e poi vada a farsi gli affari suoi. Alberto Gagliardi, vice presidente del consi­ gliocomunalenonchéesponentedel Pdl, allontana i sospetti: «Sono pole­ mico,maperonestàintellettuale de­ vo dire che complessivamente la co­ safunziona.Genovaèfraimenopeg­ gio: è difficile che manchi il numero legale, e quando accade è per scelta politica. Anche il sindaco è più pre­ sente rispetto a quelli di altre città: ha compreso l’importanza del consi­ glio comunale». Osserva Guerello: «I costi della politica non sono quelli dei consigli comunali. Questo a maggior ragione nei Comuni piccoli, dove si fa volon­ tariato». Spiega il presidente: «Ri­ spetto a quando ho iniziato, è cam­ biato il lavoro dei consiglieri comu­ nali. Ci sono meno interpellanze, mentre è notevolmente aumentato il numero degli articoli 54, le in­ terrogazioni a ri­ sposta immedia­ IL MENO ta. Ne vengono ASSIDUO Maglia nera proposti decine di migliaia. A me a Musso. responsabilità Gagliardi: la di scegliere quali «Ma lui portare in consi­ è senatore» glio. Nel 66% dei casi scelgo quel­ le della mino­ ranza, per un ruolo di miglior con­ trollo e perché è utile in democrazia. Valuto le richieste in base a quali so­ no i temi più sentiti». Nota Gagliardi: «Il Comune è l’en­ te più vicino al cittadino ed è il più controllabile. Se si vuole fare il vero federalismo, e non il regionalismo, il potere dovrebbe essere in capo ai Comuni, tanto è vero che anche in Regione si trattano temi di compe­ tenza comunale. Fare il consigliere comunale è difficile, tanto è vero che spesso lo fanno pensionati o ricchi signori. Perché il consigliere comu­ nale dovrebbe dare l’indirizzo e con­ trollare il territorio quotidianamen­ te». Obiezione: il più assenteista a Tursi è anche il candidato sindaco delPdl,EnricoMusso.Gagliardipre­ cisa: «Perché lui è senatore. Io ero deputato di Genova, e in Parlamento mi occupavo dei problemi genovesi. La presenza in questo caso è una te­ stimonianza. Bisogna conoscere e appassionarsi, se poi si risolve un problema fa piacere. Bisogna rico­ noscere questo ruolo ai Comuni, ma quandol’AncivaaRoma,siromaniz­ za. Come ha fatto la Lega». Una curiosità: la durata media del consiglio comunale è di cinque ore e sei minuti. «Ma l’attività non si fer­ ma qui ­ ricorda Guerello ­ Ci sono le

commissioni consiliari e la confe­ renzadeicapigruppo.Solonel2009i capigruppo hanno avuto 29 audizio­ ni. E il consiglio comunale ha incon­ trato numerosi comitati, sindacati e associazioni, sui problemi più dispa­ rati. È bene conoscere più da vicino lesituazioniprimadiandareavotare su una materia». Nel 2009 i gruppi consiliari sono rimasti abbastanza stabili, con l’ec­ cezione del gruppo misto che conti­ nua a ingrassare e dimagrire a fisar­ monica. gnecco@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sedute Delibere votate Art. 54 presentati

* l’appartenenza ai gruppi politici si riferisce al 2009

2009

2008

48 109 425

50 101 341

I SEMPRE PRESENTI ALL’APPELLO

2007

(solo semestre)

23 43 146 I SEMPRE PRESENTI AL VOTO

Giorgio Guerello (Pd) Stefano Balleari (Pdl) Emanuele Basso (Pdl) Maria Rosa Biggi (Pd) Angela Burlando (Sinistra e Libertà) Matteo Campora (Pdl) Bruno Delpino (Sinistra e Libertà) Alberto Gagliardi (Pdl) Luciano Grillo (Pd) Salvatore Lecce (Pd) Umberto Lo Grasso (Udc) Giampaolo Malatesta (Pd)

Giorgio Guerello (Pd) Salvatore Lecce (Pd)

ARTICOLI 54 (INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA) PROPOSTI Guido Grillo (Pdl) Alessio Piana (Lega Nord) Gianni Bernabò Brea (Misto) Raffaella Della Bianca (Pdl) Franco De Benedictis (Idv)

47 32 31 31 23

I PIU’ ASSENTI AL VOTO*

85,4% 87,5% 79,1% 81,2% 81,2%

31,2%

27,6%

12,5%

Enrico Musso

6,4%

Vincenzo Andrea Lorenzelli Proto

(Udc) (Pdl) *di presenze

(Idv)

Roberto Ermanno Marta Garbarino Pasero Vincenzi (Pdl)

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

25

DONNE AGGREDITE

I NUMERI DEL CONSIGLIO COMUNALE NEL 2009*

GIULIANO GNECCO

IL SECOLO XIX

(Pd)

(Pd)

Marylin Fusco (Idv)

10,1%

Vincenzo Enrico Lorenzelli Musso (Udc)

Fonte: Presidenza del Consiglio Comunale

(Pdl)

Roberto Garbarino (Pdl)

GRAFICI IL SECOLOXIX

DOPO LO SCONTRO CON IL SINDACO SUL BILANCIO, PARLA IL CAPOGRUPPO DEL PD DANOVARO

«SPESA SOCIALE A RISCHIO, LA REGIONE CI DEVE AIUTARE»

Un questionario per far emergere la violenza CONTRO la violenza sulle donne il Comune e la Provincia di Genova di­ stribuiranno 1.000 questionari per far emergere il fenomeno e presen­ tarne i risultati il 25 novembre, gior­ nata mondiale contro la violenza sulle donne. «Talvolta la violenza psicologica è quasi peggio di quella fisica ­ osserva Roberta Papi, asses­ sore comunale alle politiche sociali ­ Vogliamo capire per affrontare il problema. Ci sono donne che nep­ pure si rendono conto di subire vio­ lenza». Conferma Marina Dondero, assessore provinciale alle pari op­ portunità: «Ci sono casi di mariti che uccidono la moglie, e i vicini di­ cono che non se lo aspettavano perché si volevano così bene».

TUMORI AL SENO

Biopsia, ora si utilizza la risonanza LA STRUTTU­ RA di Diagno­ stica Senologi­ ca Avanzata, diretta da Mas­ simo Calabre­ se, ha iniziato ad effettuare biopsie cuta­ nee mirate del­ la mammella sot­ Massimo to la guida della Calabrese risonanza magnetica. La metodica ha un impatto importante per pa­ zienti con tumore maligno, poiché l’uso ormai estensivo della risonan­ za ha portato ad evidenziare reperti visibili solo in risonanza e non con mammografia ed ecografia.

«Il ticket per le auto in centro è l’ultima spiaggia, si cominci però a studiare come funziona» L’INTERVISTA

LOTTA ALL’EVASIONE fiscale, riordino delle aziende comunali, in­ formatizzazione degli uffici, au­ mento degli oneri di urbanizzazio­ ne. E, soprattutto, un patto con la Regione per incrementare la quota del fondo sociale destinata a Geno­ va. Ecco la ricetta del Pd per tampo­ nare il “buco” da 40 milioni di euro che incombe sul bilancio di previ­ sione2011.Laquestione­anticipata dal Secolo XIX ­ della voragine emersaunmesefainbasealleprime stime dell’assessorato al Bilancio, è esplosa mercoledì scorso sotto for­ ma di un acceso diverbio al bar tra Marta Vincenzi e Marcello Danova­ ro, capogruppo del Pd in consiglio comunale e collega di partito del sindaco. Quest’ultimo ha chiesto, in sostanza, alla Vincenzi di affrontare apertamenteilproblema,primache sia troppo tardi, coinvolgendo i ver­ tici dei Democratici. Vincenzi non ha gradito, negando in prima battu­ ta che esista un’emergenza finan­ ziaria in corso e rivendicando per la giunta piena autonomia nelle scelte sul bilancio. Ieri, però, il sindaco ha precisato:«Nulladipersonale,aDa­ novaro ho semplicemente ricorda­ to che non possiamo più ragionare di tagli ma occorre portare avanti, uniti,unabattaglianeiconfrontidel governo per ottenere più risorse a favore dei Comuni». E, ieri, il leader dei Democratici in Sala Rossa ha ac­ cettato di chiarire, «dopo aver rac­ colto ­ precisa ­ gli umori del gruppo consiliare e di gran parte del parti­ to», la propria posizione. Danovaro, il Pd intende “com­ missariare” il sindaco sul bilan­ cio 2011? «Assolutamentente no. Il lavoro fatto sino ad oggi dall’amministra­

STRATEGIE E TEMPI

Non vogliamo commissariare Marta Vincenzi. Ma è bene fare ora le scelte su come intervenire MARCELLO DANOVARO capogruppo comunale Pd

zioneVincenzi,primaconl’assesso­ re Balzani, poi con Miceli, per fron­ teggiarelacarenzadirisorseeridur­ re il debito è stato molto efficace. Si tratta di proseguire su questa stra­ da. Ma, di fronte alla prospettiva di misure anche molto incisive per preservare la spesa sociale, occorre un percorso condiviso col partito e tutta la maggioranza». Il sindaco esorta, piuttosto, il Pd a condurre una battaglia na­ zionale contro i tagli del governo agli enti locali. «IlPdstagiàconducendolabatta­ gliadicuiparlailsindaco.Maquesto nonescludelanecessitàdidiscutere subitosuqualistrumentièpossibile adottare se lo scenario peggiore fos­ se confermato». Tra gli strumenti all’esame dell’assessore al Bilancio, Fran­

co Miceli, c’è anche il road pri­ cing,ilticketd’ingressoperleau­ to in centro. «A me il road pricing non piace, ma non possiamo escludere a priori nessun intervento pur di evitare ta­ gli alla spesa sociale». E la messa a punto di un siste­ ma di pagamento automatico per i veicoli privati che entrano nel cuore della città va studiato per tempo, giusto? «Sì. L’ex assessore al Traffico, Ar­ cangelo Merella, aveva già predi­ sposto uno studio, che però va ag­ giornato e meglio definito. Perché ­ ripeto ­ se a settembre la situazione dovesse precipitare, non possiamo farci trovare impreparati». Però Miceli ha escluso, sin d’ora,rincariditariffeeaumenti di tasse.

IL PROGRAMMA DELL’ASSESSORE REGIONALE

«AIUTI ALLE FASCE DEBOLI, DECIDONO I COMUNI» ••• MAGGIORE INTEGRAZIONE tra servizi sociali e sanità e decisioni condivise col territorio sull’impie­ go dei fondi per il sostegno alle fa­ sce deboli. Sono due degli obiettivi contenuti nel programma di Lore­ na Rambaudi, assessore regionale alle Politiche sociali, per i prossimi

cinque anni. «Saranno Comune e Province, di concerto con la Regio­ ne, a decidere come allocare le ri­ sorse», dice Rambaudi: «Evitere­ mo di fare scelte calate dall’alto, perché il nostro non è un ente di gestione ma di indirizzo e pro­ grammazione».

«Una linea che condividiamo ap­ pieno. In questo momento di grave crisi, bisogna tutelare al massimo le fascedeboli.L’usodilevefiscalieta­ riffarie è da evitare perché colpisce tutti i cittadini indiscriminatamen­ te». Qual è, allora, la ricetta? «Bisogna agire contemporanea­ mente su più fronti. ». Come? «Penso ad un ulteriore efficienta­ mento della macchina comunale, che permetta di ridurre le spese ge­ nerali: dalla carta agli affitti, dai co­ sti della telefonia a quelli del riscal­ damento. A questo proposito, biso­ gna rivedere il contratto con Cae (società del gruppo Iride, ndr) per accelerarelatrasformazioneditutti gli impianti a gasolio e olio combu­ stibilecheancoraesistononegliedi­ fici pubblici in impianti a metano». Che altro ancora? «Gli oneri di urbanizzazione sono più bassi rispetto alla media delle grandi città e vanno adeguati. Inol­ tre, bisogna centralizzare gli acqui­ sti e portare a compimento il riordi­ no delle aziende: la liquidazione, tra un anno, di Sportingenova consen­ tirà grandi risparmi attraverso una gestionedegliimpianticomunaliaf­ fidata alle società sportive. Per fini­ re, bisogna stringere un patto con la Regione per il sostegno dei servizi sociali». Insomma, il Comune chiede aiuto alla Regione. «Nel corso degli anni, la riparti­ zione del fondo regionale per il so­ ciale ha penalizzato Genova, che og­ gi riceve una quota attorno al 37 per cento del totale: troppo poco. Chie­ deremo alla Regione di ridiscutere i criteri di ripartizione che, secondo noi, non tengono conto della com­ plessità dell’area metropolitana ge­ novese e della pesante crisi in atto che ha aggravato l’emergenza socia­ le». galiano@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA PROPOSTA DI MUSSO

Lavoro, offerte e domande su internet UN PORTALE internet dove do­ manda e offerta di lavoro qualifica­ to possano incontrarsi. È l’idea lan­ ciata ieri dal senatore del Pdl, e consigliere comunale, Enrico Mus­ so per contrastare la fuga dei cer­ velli liguri. Durante il convegno del­ la sua Fondazione Oltremare su “Economia e lavoro a Genova” Musso ha annunciato che «nei prossimi giorni» elaborerà «un pro­ gramma dettagliato, coinvolgendo studenti e imprese» e ha invitato i consiglieri comunali del centro­de­ stra a presentare una mozione sul­ l’argomento. «La pubblica ammini­ strazione deve recuperare il suo ruolo di coordinamento e di regia che da troppo tempo ha perso».


26

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010


genova

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

27

PRIMA TAPPA A SESTRI DELLA CAMPAGNA DELLA ASL 3 PATROCINATA DAL SECOLO XIX E RADIO19

«In coppia è più facile dire addio alle sigarette»

ÈPARTITAierilaprimatappadel­ lacampagnaantifumo“Salisulbus e smetti di fumare” lanciata dalla Asl 3 e dalla Regione Liguria in col­ laborazione con l’Amt e con il pa­ trocinio del Secolo XIX, Radio 19 e il Comune di Genova. L’autobus antifumo,conabordoPieroClava­ rio responsabile dei centri antita­ bacco della Asl 3 ed alcune infer­ miere, ha fatto capolinea in piaz­ zetta Pilo, a Sestri Ponente prima di proseguire, nei prossimi giorni, verso altri centri di aggregazione come la Fiumara e piazza Carica­ mento. «A Genova i fumatori sono circa 180.000 – spiega Clavario ­ il 60% dei quali vorrebbe smettere. Ab­ biamo deciso di andare in mezzo alla gente con questo autobus per far scoprire il nostro lavoro, sotto­ porli ad una serie di test e proporre un trattamento per smettere di fu­ mare».Iproblemiderivatidalladi­ pendenza da nicotina li conoscono tutti, come tutti sanno che per ini­ ziare a fumare ci vuole un attimo masmettereèpiùdifficile.Proprio questa difficoltà e la curiosità per questainiziativahaportatodavan­ ti al bus decine di persone. «Ho let­ to sul Secolo XIX che c’era questa iniziativa– racconta Francesco Russano – ed ho deciso di presen­ L’autobus della campagna antifumo “Sali sul bus e smetti di fumare” tarmi e provare il servizio. Fumo da una vita e ho provato a smettere più d’una volta ma non ci sono mai riuscito». Stesso discorso per Grazia Le­ nardon che spiega: «Ho iniziato a fumare a quattordici anni e ora ne ho molti di più. Ho provato a smet­ tere in tutti i modi, mi sono rivolta UN BEL ZERO ENNESIMO PER NON anche al centro antifumo del­ RISPARMIO È MEGLIO TENTATIVO RICADERCI l’ospedale Colletta di Arenzano, Smetto Non fumo Spero con Non fumo da ma non è servito a nulla. Sono sin­ per i soldi e molto e questo aiuto molto tempo cera, vorrei smettere di fumare so­ per non essere questo è un di smettere, e spero lo per i soldi che riuscirei a rispar­ discriminata motivo in più perché da solo sia più facile miare». nei locali per smettere non ci sono rinunciare Fumare un pacchetto di sigaret­ pubblici del tutto mai riuscito alla sigaretta te costa in media circa 130 euro al GRAZIA MARILENA mese. L’aspetto economico è, uni­ FRANCESCO PAMELA LENARDON TADDEI RUSSANO MOSCHETTI toaquellodellasalute,unaltrofor­ casalinga casalinga pensionato studentessa teincipitpercercaredirinnegareil vizio del fumo. «Ho 65 anni, fumo 30 sigarette al giorno da quando ne

Giovani fidanzati, mamme e pensionati sul bus antifumo

Due fumatori a colloquio con il medico

RAZZORE

OGGI SOSTA ALLA FIUMARA NESSUNA PAURA Mia madre è stata operata ma non riesco a convincerla a smettere di fumare

L’ETÀ GIUSTA Ho vent’anni e se smettessi ora potrei avere meno difficoltà a farlo

ANNA NAPPI

NICOLA GIULIANO

professionista

studente

150pt

Latte Tigullio

Un esame sulla respirazione

vo clusi ati z ro es Deco uele Luz n ni Ema o z z a Set tazzoni (2 t ttini) ia p e2

ECCO il calendario degli appuntamenti del bus anti­ fumo: oggi dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19 al centro commerciale Fiumara (ingresso lato est); domani 26 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19 piazza Caricamento; giovedì 27 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19 in piazza Palermo; venerdì 28 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19 in piazza De Ferrari. Chiunque fosse interessato o volesse maggiori informazioni può consultare il sito internet www.liguriainformasalute.it

avevo 13 – racconta Mario Tomas­ sini – e voglio smettere ad ogni co­ sto. Non vi dico che tortura possa essere fumare ogni sigaretta sa­ pendo cosa si rischia e quanto co­ sta questo rischio». Ad approfittare della campagna antifumo però non sono solo i fu­ matori con anni di sigarette, ci so­ no anche giovani. E’ il caso di una coppia di fidanzati di vent’anni: «Non è molto che fumiamo ­ rac­ contano Pamela Moschetti e Nico­ la Giuliano ­ e ci auguriamo che questopossafacilitareilnostrode­ sideriodismettere.Siamosalitias­ sieme su questo autobus abbiamo pensato che insieme, forse, sareb­ be stato ancora più semplice ri­ nunciare alle sigarette». C’èanchechiilbusloevita,come Antonella Leandri, che non ha la minima intenzione di smettere di fumare e chi, invece, viene costret­ to a salire dalla figlia: «Sono anni che lotto per convincere mia ma­ dre a togliersi questo vizio ­ dice Anna Nappi ­ ma finora non sono riuscita a farle cambiare idea. Quando io ero adolescente era lei a fumare di nascosto». La forza di volontà è comunque la componente più importante per togliersi di torno sigarette e accen­ dini. Emil Epsaro racconta: «Da giovane era soprannominato “il droga” per la sua passione per ta­ bacco e biliardo. Fumavo cinquan­ ta sigarette al giorno e non avrei mai smesso se non fosse che una bronchite mi ha messo paura e tol­ to la voglia di fumare ancora. Oggi mi sono messo qui a convincere la gente a rivolgersi al servizio anti­ fumo perché smettere è come ri­ nascere». Smettere non è facile ma nem­ meno impossibile. «Speriamo che questa iniziativa non resti fine a se stessa – conclude Clavario – per­ ché altrimenti sarebbe inutile. Noi vogliamo che la gente sappia della nostra presenza, abbia fiducia nel­ lenostretecnicheeconfidiamonel passaparola delle persone che pro­ verannoquestoservizioanchenel­ le altre piazze della città». Oggi se­ conda tappa del bus. © riproduzione riservata

270pt

Pentola Acciaio Inox con coperchio in vetro Ø 20 cm

90pt gio Orolo rete da pa

120

Art: Barabino & Partners Design

pt Dec Emanoro esclusi vo uele L uzzat i Insal a in por tiera cellan a Ø cm 20

540pt Tosta pane

Fino al 30 aprile 2011 ritaglia dalle confezioni di latte fresco, latte U.H.T., yogurt, panna fresca, burro, formaggi, uova fresche, budini, insalate, verdure fresche, pasta fresca e pesto genovese i bollini da 1 punto e mezzo punto. Per maggiori informazioni o per scaricare la tessera punti: www.lattetigullio.it

Il regolamento dell’Operazione a Premio è anche presso la ditta promotrice. Scade il 30/04/2011.

ALESSANDRO PONTE


28

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

SERVIZIO PROMOZIONALE A CURA DI PUBLIRAMA

Iniziative a Genova

Malattie reumatiche

Un dono molto prezioso

Azione preventiva

Esigenza di una capillare e dettagliata informazione "Presidio informativo" in Galleria Mazzini, premiazione del concorso "Un Dono per Te", concerto musicale: così si caratterizzano le iniziative, da mercoledì 26 a venerdì 28 maggio, a Genova per la XIII Giornata Nazionale della donazione e del trapianto. Alla ribalta, per l'occasione, l'AIDO provinciale di Genova,l'ANED Liguria e la Fondazione Malattie Renali del Bambino.

Tale "Giornata", che a livello nazionale si svolge sotto l'altro patronato della Presidenza della Repubblica, ha lo scopo di diffondere tra tutta la cittadinanza informazioni corrette per sensibilizzare ogni persona sul delicato, umanissimo, problema riguardante la donazione organi che significa, concretamente, la vita per tanti pazienti in lista di attesa. La legge n.91/99, che defini-

sce tutta la materia, si basa sulla necessità che i cittadini maggiorenni abbiano ampia informazione su questo importantissimo tema: purtroppo ciò è ancora l'elemento più carente di tutta l'attività di donazione e trapianto. Non a caso, le Associazioni citate, pur nelle loro specificità, hanno come denominatore comune proprio l'impegno nell'attività di informazione, sia con

l'obiettivo della guarigione dei pazienti che costituiscono gli aderenti alle due associazioni ANED e Fondazione Malattie Renali, sia come finalità statutaria di AIDO destinata a tutti i cittadini per far sì che abbiano consapevolezza di questi problemi e quindiassumanounasceltaconsapevole e responsabile per la disponibilità personale nei confronti della donazione.

Strutture genovesi

Aiuto efficace e gratuito La "Notte Magica dello Sport", svoltasi sabato scorso a Genova, ha avuto anche una importante finalità benefica. Infatti nel corso della manifestazione sono stati raccolti fondi per l'Associazione Gigi Ghirotti di Genova, in particolare per il Progetto SLA inserito nel nuovo Hospice genovese di Albaro. La "Gigi Ghirotti" è un sodalizio di volontariato (onlus) nato nel 1984: il suo obiettivo principale è quello di assistere a casa i malati di tumore con lo scopo di lenire il dolore, curare i sintomi e dare aiuto psicologico e sociale al malato e ai suoi familiari. Si avvale di équipe professionali, costituite da medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, operatori socio sanitari, assistenti sanitari diretti da un centro di coordinamento. Un nutrito gruppo di volontari, opportunamente preparato, affianca le équipe professionali per integrare l'aiuto psicologico e sociale. L'assistenza dell'Associazione è totalmente gratuita e non ci sono trafile burocratiche da seguire per poterne usufruirne. Dal dicembre 2002 l'Associazione gestisce l' Hospice "Gigi Ghirotti Bolzaneto", che accoglie dodici malati in camere singole. Ogni camera è dotata di bagno, frigo, TV, telefono e poltrona letto per ospitare un familiare. Loscopodell'Hospiceèquellodiaccogliere imalatiperdareperiodidisollievoallafamiglia

o perchè il carico assistenziale per la stessa è diventato troppo gravoso.L'Associazione Gigi Ghirotti lo scorso anno ha assistito 1.300 malati a domicilio ed oltre 200 in Hospice. Per far fronte alle sempre più numerose richieste di ricovero, l'Associazione ha aperto, nel novembre dello scorso anno, il secondo Hospice "Gigi Ghirotti Albaro"(Via Montallegro, 50 Genova).

Questa struttura, realizzata grazie ai contributi di moltissimi benefattori ed in particolare della Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e imperia, ha iniziato la propria attività lo scorso mese. La struttura è dotata di tredici camere singole per malati oncologici, più cinque per malati di SLA, con le stesse caratteristiche di quello già esistente a Genova Bolzaneto.

E' in via di realizzazione il sito dell'Associazione Ligure Malati Reumatici, onlus, che ha sede a Genova in Viale Benedetto XV 6, presso il Dipartimento di Medicina Interna dell'Università di Genova. L'indirizzo sarà www.malatireumaticiliguria.it Tale sito diventerà prezioso strumento non soltanto di comunicazione ma, soprattutto di diffusione di notizie e consigli per la diagnosi precoce delle malattie reumatiche. Nei giorni scorsi si è svolta l'Assemblea annuale degli iscritti ( sono una sessantina) nell'ambito della quale è intervenuto il prof. Maurizio Cutolo che ha parlato sul tema "Mani fredde: malattia reumatica in arrivo?". Questa Associazione è stata costituita a Genova nel 1998. La sua attività prioritaria è la costante azione di carattere promozionale ed informativo finalizzata per l'appunto alla prevenzione e alla diagnosi tempestiva. Ma cosa si intende per malattie reumatiche? Ed è corretta questa definizione? Tecnicamente, la Società Italiana di Reumatologia definisce "le reumatiche", "malattie osteoarticolari e dei tessuti connettivi". E in rapporto a ciò ha procedu-

to a una nuova classificazione. Al primo posto c'è l'insidiosa artrosi (osteoartrosi). E' causata dal fatto che i processi "costruttivi" e rigeneratividellacartilaginearticolare non hanno più l'indispensabile efficienza. Così nascono i dolori. Colpisce tutte le articolazioni. E' la malattiaarticolarepiùfrequente,ne soffrono in particolare le persone adulte ed anziane. Altra malattia pesante è l'osteoporosi: determina la perdita della massa ossea, creando i presupposti per eventuali fratture. Tende a colpire le donne, che hanno superato la menopausa, a causa della carenza di estrogeni. L'artrosi e l'osteoporosi costituiscono soltanto la punta del "classico" iceberg nel grande mare delle malattiereumaticheperlacuiconoscenza e soprattutto per la loro diagnosi precoce è impegnata l'Associazione Ligure Malati Reumatici. Ad ottobre, questo sodalizio sarà impegnato in due importanti manifestazione: il 9 a Bologna per "Rheumaday 2010", iniziativa a carattere interregionale, e il 16 per la GiornataMondialedelMalatoReumatico, in occasione della quale anche a Genova verrà diffuso materiale informativo.


genova

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

29

IL SUCCESSO DELL’EVENTO PER LE SCUOLE

La fantasia dei bimbi accende con “Mus-e” galleria Mazzini

L’ALBERO CON I COLORI DELLA MUSICA

Messaggi di pace ai piccoli palestinesi e israeliani

I bambini hanno tradotto in colori e disegni le emozioni di suono e movimento. Ne sono risultati alberi di cartone alti e ramificati, arcobaleni di simboli diversi

ANNALISA RIMASSA

I MURI, invisibili o di mattoni, si ab­ battono anche con una ricetta al pe­ sto. Inviata per fare amicizia, cono­ scersimeglio,capirepopolichestan­ no dall’altra parte del Mediterraneo. Lo insegnano i bambini di Mus­e il progetto artistico internazionale che tramite la scuola lavora contro l’emarginare e per l’integrare. Alcu­ ni alunni genovesi di Mus­e, ­ sono 700 per 30 classi diverse ­, hanno av­ viato con scuole d’Israele un’intenso scambio di messaggi: lettere, dvd, di­ segni. Tra i vari testimoni della cul­ tura ligure è stata scelta anche la ri­ cettadelpesto.«Leclassisonoquelle dovepalestinesieisraelianiconvivo­ no », tiene a sottolineare Annamaria Guglielmino coordinatrice per l’Ita­ lia. «Con la Germania, invece, c’è lo scambio di bandiere inventate dai bambini», è l’altra novità. Attorno, galleria Mazzini è un fiume a sponde mobili di mani e piedi che ritmano una vorticosa tarantella. Bambini e maestre ballano e cantano, e dietro di loro, decine di flash scattano dalle mani di nonni e genitori. È la festa fi­ nale del progetto che ieri dalle 10 in poi ha riunito allievi e artisti impor­ tanti in un’ondata di musica e giochi, applausi e spuntini di focaccia. Come ogni anno, Mus­e chiude il si­ pario e celebra l’arte a scuola: sono esposteleoperefattedurantel’anno, come gli alberi ispirati a musica e movimento, e risuona il concerto del quartetto composto da Alessandra Auditore, Pino Laruccia, Guadalupe Gilardon e Marika Pellegrini. Il pit­ tore Filippo Garrone, figlio di Ric­ cardo presidente di Mus­e Italia, in completo jeans e sandali, sta alla grande in mezzo ai bambini e dal prossimo anno lavorerà con loro. As­ sieme a Remo Pertica, il presidente a Genova, accoglie i piccoli cantori: tutti a intonare canzoni sotto la dire­ zionediBarbaraMarchiò,PietroTo­ marchio, Vera Marenco e Francesca Pasini. Poi, tocca alla tarantella. Mus­eèproprioquesto:l’arteinclas­ se,18incontrisettimanali,treannidi lavoro alla luce dell’incontro tra cul­ ture, e un costo zero per scuole e fa­ miglie, così come sottolinea la coor­ dinatrice locale Maria Teresa Costa­ gliola. L’espressività personale, cui è dedi­ catoilprogetto,ènelleparolediMar­ ta, prima elementare alla Garaventa di via San Giorgio: «Bello cantare queste belle canzoni di oggi», dice con vocina appassionata. E Leonar­ do, prima B alla De Scalzi di via Ricci:

I GIOCOLERI, VALERIA E CARLOTTA «Ballo, canto e arte di gruppo. Nonostante i piccoli oggi abbiano a disposizione tanti giocattoli, si divertono ancora con semplicità e stando tutti assieme».

Il pittore Filippo Garrone in mezzo ai bambini del progeto Mus­e

«Mipiaceballare,specialmenteconi Cold Play», è il buon gusto dei sei an­ nid’età.GiadaeAlicedellascuolaSo­ lari sognano il ballo con scarpine e tutù. Poco distante, Carlotta del tea­ tro dell’Ortica intreccia palloncini e Valeriavolteggianastriinariaecam­ panelline al piede. Sotto alle volte dell’ombrosa Galleria, la tarantella è impazzita, ha smosso le gambe di tutti, nessuno escluso. «L’obiettivo ­ dicono gli organizzatori ­ è quello di educare i bambini alla creatività, al rispetto delle diverse culture attra­ verso linguaggi non verbali». A Genova dal 2002, il progetto in­ ternazionale conta per i finanzia­ menti su “Amici di Mus­e”. Le venti­ nove classi finora coinvolte e 2 mila bambini di novanta classi diverse hanno lavorato nel ballo, nel canto e nel disegno assieme a trentasette ar­ tisti ed esperti che arrivano da Con­ servatorioPaganini,MuseidelMare, teatro dell’Archivolto, musei di Ner­ vi, Casa della musica, scuole di danza e scienza dello sport, Accademia di Belle Arti. Un anno fa, l’onlus di Ge­ nova ha inaugurato “Un calcio al­ l’emarginazione”, per il rispetto sui campi da pallone. rimassa@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO AMBROSI

IL VICEPRESIDENTE DI FONDAZIONE CARIGE VINAI TRACCIA IL BILANCIO DELLA KERMESSE

«GENOVA IN FESTA HA FATTO GIOCARE OTTANTAMILA BAMBINI DELLE ELEMENTARI» «QUESTA è una manifestazione della città che è entrata nel cuore stessodellacittà.È la dimostrazio­ ne è che è stata vissuta davvero, non calata dall’alto». Il giorno dopo la chiusura di “Genova in festa” il vice presidente della Fondazione Cari­ ge Pierluigi Vinai fa il punto nave di una kermesse dai numeri davvero metropolitani ­ 80 mila bambini delle scuole elementari, 150 mila presenze complessive, 25 mila bot­ tigliette di acqua e 100 mila gadget distribuiti ­ che danno l’idea delle dimensioni e della partecipazione. Regia e quattrini della Fondazione Carige, comparticipazione nell’or­ ganizzazione e nella gestione di Provincia e Porto Antico, che ha messo a disposizione spazi e loca­ tion. «I numeri ci dicono che questo evento nei suoi cinque anni di vita è estremamente cresciuto e sentito ­ spiega Vinai ­ Non solo. Ci dicono

«la realizzazione della piena siner­ gia tra istituzioni e soggetti diffe­ renti» prosegue Vinai secondo cui «tutto questo non ci sarebbe mai stato senza la collaborazione di ol­ tre 400 volontari delle associazioni e delle scuole superiori». Tra tutti i ragazzi del Deledda e del Bergese. “Genova in festa” per Vinai signi­

fica anche «inclusione sociale per­ ché nessuno in questo contesto può essersi sentito tagliato fuori». Grande successo hanno avuto certamente i mille giovani ballerini delle scuole di danza sportiva di Ge­ nova. Anche qui, al di là dello show sul palco di piazza De Ferrari, il si­ gnificato è più profondo: «Questo sport è cresciuto esponenzialmen­ te a Genova ­ continua Vinai ­ e non è solo per effetto di qualche tra­ smissione televisiva: è una prova dell’inclusione di cui la festa vuole dare segno perché sono tantissimi i giovani latino­americani che fre­ quentano le scuole». L’appuntamento, promette il vi­ ce presidente della Fondazione Ca­ rige, è al prossimo anno «ancora con laboratori didattici e all’inse­ gna della solidarietà per dare un contributo per la migliore edifica­ zione possibile dei cittadini di do­ mani».

6501715; informazioni voli in arrivo 010­ 6043565; Viabilità viaggiare informati 1518; Radiotaxi010­5966; Soccorso stra­ dale Aci(803116); Europe Assistance (803803); Comune Genova 010­557111; Enel (guasti, informazioni) 800900800; Telecom(guasti, informa­ zioni) 187; Acquedotto ­ Mediterranee delle Acque ­ Pronto intervento 800 010080 ­ Sportello on line 800 085330. MERCATI RIONALI Lunedì:Piazza Palermo Via Pisacane ­Via Montesuello; Piazza Dinegro; Mo­ lassana Via Sertoli ­ Via I. del Vescovo; Piazza Treponti Via Pirlone ­ Via Pensa R.­ V. Palazzo della Fortezza; Bolzaneto Via Bolzaneto; Pegli Lungomare. Marte­ di:P.le Parenzo, P.zza Giusti; Oregina, Via Maculano; Nervi/Quinto Via Ruzza ­ Via Gianelli ­ Parking, Via Anzani Via Dattilo ­ Via Malfettani; Cornigliano, Via Minghetti ­ Via Bertolotti; Voltri Piazza Gaggero ­ Piazza Villa Giusti. Mercole­

dì:Via Tortosa C.so De Stefanis ­Piazza G. Ferraris; Terralba Piazza Terralba ­ Via Pendola ­ Via Paggi; Sestri: Via Corsi ­ Via dei Costo­ Via Soliman; Prà Piazza Sciesa; Certosa Via Certosa , Piazza Pe­ trella, P.zza L. Da Vinci; Giovedì:P.zza Palermo Via Pisacane­ Via Montesuello, P.zza Dinegro, Via Emilia; Bolzaneto: Via Bolzaneto, Via Anzani, Via Dattilo, Via Malfettani; Pegli: Via Lungomare di Pegli; Venedì:P.le Parenzo; P.zza Giusti; Pizza Treponti , Via Pirlone ­ Via Pensa R.­ V. Palazzo della Fortezza; Oregina Via Maculano; Cornigliano: Via Minghet­ ti ­ Via Bertolotti; Isonzo: Via Gorizia; Prato: Via Struppa; Sabato:ViaTortosa, C.so De Stefanis ­Piazza G. Ferraris; Ter­ ralba: Piazza Terralba, Via Pendola, Via Paggi; Sestri: Via Corsi ­ Via dei Costo­ Via Soliman ; Certosa: Via Certosa ­ Piazza Petrella; P.zza L. Da Vinci; Ponte­ decimo: Via Poli ­ Piazza Arimondi­ Piazza Partigiani.

Alcuni dei protagonisti di “Genova in festa” in piazza De Ferrari

anche che questo progetto è una di­ mostrazione concreta del principio di sussidiarietà». Già perché dietro lo show, i giochi di piazza, le coreo­ grafie delle palestre genovesi, le di­ mostrazioni degli atleti (giovani e meno giovani) c’è anche la costru­ zione di «una rete benefica perma­ nentemente attiva per i ragazzi» e

NUMERI UTILI

FARMACIE DI TURNO Aperte sino a venerdì 28 maggio in turno continuato: GENOVA CENTRO – orario 8,30 ­ 20: turno A (4A): PONTE MONUMENTALE, via XX Settembre 115 (t. 010564430) ­ REGIA, via Lomellini 27 (t. 0102465392) ­ COMMENDA, via Gramsci 257 (t. 010265079) ­ LAGACCIO, via Lagaccio 88 (t. 010261324) – S.MARTINO Snc, via della Libertà 13 (t. 010564517) NB.: IMPORTANTE!: Nelle sotto elencate zone, dopo le 21,30, il rifornimento dei medicinali urgenti, redatti su ricetta me­ dica, è a cura della VIGILANZA “VALBI­ SAGNO” – tel. 010 3695200/01 (il servizio è gratuito): S.FRUTTUOSO ­ MARASSI – orario 8,30 ­ 20: ORIENTALE, via Torti 128 (t. 010505852) ­ inoltre, con orario 8,30­13/15­19,30: MAN­ CA, via Fereggiano 103 (t. 010881023)

La festa in Galleria: sono 700 i bambini coinvolti di 30 classi diverse

S.MARTINO ­ BORGORATTI ­ STURLA ­ QUARTO – orario 8,30 ­ 20:

MASSA, via Lagustena 66/n (t. 0103774947) ­ inoltre, con orario 8,30­ 12,30/15,30­19,30: ARTE FARMACEUTI­ CA, via Redipuglia 10 (t. 010394481) QUINTO ­ NERVI – orario 8,30 ­ 20: S.ILARIO, via Capolungo 36 (t. 010321443) VAL BISAGNO – orario 8,30 ­ 20: CANEPA, via Struppa 234 (t. 010809092) SAMPIERDARENA – orario 8,30 ­ 20: ITALIANI, via Giovanetti 87 (t. 0106469241) ­ S. MARTINO, via Fillak 68 (t. 0106459783) CORNIGLIANO ­ SESTRI – orario 8,30 ­ 21,30: VENZANO, piazza Massena 11 (t. 0106518077); MODERNA, via Biancheri 77 (t. 0106531390)

VAL POLCEVERA – orario 8,30 – 20,30:

CENTRALE, via Pastorino 62 (t. 0107493444) ­ inoltre, con orario 8,30/12,30 –15,30/20,00: MODERNA P, via Rivarolo 133 (t. 0107457118) ­ N.S.del­ la GUARDIA, via S.Quirico 301 (t. 010712011) PEGLI ­ PRÀ ­ VOLTRI – orario 8,30 – 21,30: INTERNAZIONALE, piazza Ponchielli 4 (t. 0106981077) ­ inoltre con orario 8,30/12,30­15,30/21,30: TIXI, via don G. Verìtà 22 (t. 0106136414) Farmacie aperte in turno notturno (ora­ rio 19,30 – 8,30) GHERSI, corso B. Aires 18 (t. 010541661) (Corte Lambruschini) ­ PESCETTO, via Balbi 185 (t. 010261609) ­ EUROPA, corso Europa 676 (t. 010380239) (dal lunedì al venerdì/sabato queste farmacie svolgo­ no il servizio diurno con orario esposto al pubblico)

EMERGENZE Guardia medica ASL3notturno, prefestivi e festivi 010 354022 Carabinieri pronto intervento 112 Polizia pronto intervento 113 Vigili del fuoco pronto intervento 115 Guardia di finanza pronto intervento 117 Emergenza sanitaria pronto intervento 118 Corpo Forestale 1515 Guardia costiera 1530 Vigili urbani pronto intervento 010­5570 OSPEDALI Istituto pediatrico Gaslini........010 56361 Ospedale San Martino.................010 5551 Ospedale Galliera.......................010 56321 Ospedale Evangelico Int. ........010 5522 1 Ospedale Sampierdarena.........010 41021 Ospedale San Carlo Voltri........010 64481 TRASPORTI Amt..........................................010 5582414 Orario treni............................... 199 89202 1 Aeroporto Cristoforo Colombo 010­ 60151; informazioni voli in partenza 010­


30

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

la città

PUNTI DI VISTA ASSENTI ALLA FESTA DELLA “PENITENZIARIA” ROBERTO MARTINELLI

N

ON partecipe­ feriti, i 99 casi di aggressione nelle remo alla ceri­ carceriliguridadetenutiviolenti,le monia del corpo tensioni connesse ai 190 casi di di Polizia Peni­ scioperi della fame attuati dai ri­ tenziaria in pro­ stretti o alle 66 manifestazioni di gramma a Ge­ protestachehannocomportatoan­ nova. Questa decisione, in linea con che danneggiamenti ai beni del­ la scelta di non partecipare alla Fe­ l’amministrazione. sta nazionale del Corpo del 18 mag­ Manifestazioni nate nelle celle gio scorso, non intacca certo il ri­ per invocare nuovi indulti ed amni­ spetto che il Sappe ha verso le isti­ stie e per chiedere migliori condi­ tuzioni ma si prefigge di scuotere le zioni carcerarie, che hanno com­ coscienze assopite della classe poli­ plessivamente coinvolto in Liguria, tica italiana, dei parlamentari eletti durante tutto l’anno 2009, ben inLiguriaedituttiglientilocalisul­ 3.356 detenuti. Agenti che hanno la grave situazione penitenziaria messo in evidenza le non comuni nazionale e ligure in particolare. Le doti di umanità e professionalità carceri della Liguria scoppiano per gestendoi4bimbidietàinferioreai il pesantissimo sovraffollamento tre anni ospitati nell’asilo nido del (1.750 detenuti presenti a fronte di carcere di Pontedecimo insieme al­ 1.140 posti letto regolamentari) e le madri detenute. Nonostante per le gravi carenze questi quotidiani negli organici (ol­ sacrifici e questo tre 400 agenti in senso del dovere, LA PROTESTA meno nei reparti abbiamo dovuto dei Baschi Azzur­ constatare l’as­ Oggi il Sappe ri): l’avvicinarsi senza di provve­ non parteciperà dell’estate renderà dimenti concreti certamente roven­ a tutela dei poli­ per protesta te la situazione ge­ ziotti peniten­ verso le criticità nerale. Gli unici a ziari che lavora­ del corpo pagare lo scotto di no ogni giorno in questo dramma so­ precarie condi­ noledonneegliuo­ zionidisicurezza mini della Polizia Penitenziaria. e in istituti di pena sovraffollati ol­ Gli appartenenti al Corpo di Poli­ tre ogni misura. Cosa avrebbero zia Penitenziaria in servizio lavora­ dunque da festeggiare i Baschi Az­ no in maniera encomiabile, con zurri del Sappe? Il Sappe sarà ideal­ grande professionalità ed alto sen­ mente con i colleghi impiegati nei so del dovere, come dimostra il fat­ servizi di rappresentanza all’an­ to che nelle sette case circondariali nuale di Genova; ma ancor più con della Liguria, nel decorso anno quelli – molto più numerosi – che 2009, i nostri Baschi Azzurri hanno nello stesso momento sono all’in­ sventatoben33tentatividisuicidio terno delle sezioni detentive delle didetenuti(27gliuominie6ledon­ carceri liguri sovraffollate da quasi ne) e con il loro tempestivo inter­ 1.800 detenuti. Ma il il Sappe non vento hanno impedito che i 243 atti parteciperà per protesta verso le di autolesionismo posti in essere da diffuse indifferenze alle criticità ed altrettanti ristretti potessero dege­ alle problematiche penitenziarie e nerare ed ulteriori avere gravi con­ del corpo di polizia in particolare. seguenze. ROBERTO MARTINELLI è segretario ge­ Agenti che, spesso nella generale nerale aggiunto e commissario straordi­ indifferenza anche mediatica, han­ nario per la Liguria del Sappe ­ Sindacato no fronteggiato, rimanendo anche Autonomo di Polizia Penitenziaria

Genova capocronista: Massimo Righi Tel. 010.53881/fax 010.5388627 ­ 010.5388629 e­mail: genova@ilsecoloxix.it 16121 Piazza Piccapietra, 21

LETTERE Il ponteggio di vico Vegetti A proposito dei ponteggi abban­ donati nel centro storico, vor­ remmo segnalarne uno in vico Vegetti all’altezza del civico 8. Questo è stato installato circa nel 2007 e da allora non si è svolto nessun lavoro sulla sua facciata. Al di sopra di esso si è nel tempo accumulata un sacco di immondizia gettata o caduta dall’alto e purtroppo sotto si ra­ dunano persone (specie durante la movida del fine settimana) che sembrano svolgere attività poco lecite come spaccio di stu­ pefacenti o altro. Già dobbiamo sopportare (dal 2002/2003), in questa strada, tutti i fine setti­ mana notte cose come: spaccio di stupefacenti in strada; urla, schiamazzi e insulti verso i resi­ denti; i portoni, come il nostro, che vengono deturpati da graf­ fiti e utilizzati come orinatoi; risse e tentativi di rissa; il can­ cello installato in fondo alla strada come dissuasore per il transito di mezzi viene regolar­ mente divelto da non si sa chi. Ci auguriamo, almeno, che que­ sto ponteggio venga smantellato al più presto per cercare di argi­ nare il degrado della strada. MARCELLA DELLA MARTINA CORINNA MACRÌ GENOVA

Lavori comunali e multe alle moto Da alcuni giorni in via Corsica hanno tolto i posteggi per le moto causa lavori di rifacimento asfalto; dal momento che io la­ voro in via Corsica non avendo a disposizione la zona posteggio autorizzata (come me tutti, dato che è anche zona di uffici) ho dovuto parcheggiare nella adia­ cente via San Giacomo, sopra il marciapiede, con il risultato che i vigili sono intervenuti come

I LETTORI LA VEDONO COSÌ

MARASSI, LA SOSTA SELVAGGIA DURANTE IL MERCATO SCRIVE Fabio razzi: «Questa foto è stata scattata mercoledì in via del Piano, durante il mercato rionale di Ma­ rassi. Come vedete, la sosta selvaggia in questa zona è assolutamente la norma. Sempre. E nel disinteresse to­ tale della polizia municipale».

avvoltoi a fare le multe. Ho tro­ vato il bollettino della multa di 78 euro che per me è più di una giornata di lavoro. È una vergo­ gna! Viviamo in una città piena di buche, sporca e paghiamo le tasse più assurde del mondo e i vigili non hanno altro da fare che dare le multe in situazioni che non dipendono dalla gente che non rispetta gli appositi po­ steggi ma da lavori del Comune. Un vigile mi ha anche risposto che se non so dove mettere la moto mi prenda ferie e stia a casa! Dico ma stiamo scher­ zando? La multa non la pago e faccio ricorso perché i soldi io li guadagno onestamente e con fa­ tica e non trovo giusto buttarli via in questo modo. Questa si chiama speculazione ed è un abuso di potere per spillare soldi al cittadino.

SOS CANILE

LUNA, AFFETTO A TUTTO TONDO LUNA, dolcissima lupetta di quattro anni, in ottima salute, ri­ servata ma affettuosissima, si trova al canile del Monte Gazzo. Di taglia media, gestibilissima, va d’accordo con gli altri cani, sia maschi che femmine, come dimostra il fatto che nel recinto con lei si sono alternati già di­ versi compagni di entrambi i sessi. Cani che vanno e vengono, e Luna sempre lì, povera piccola, col naso appiccicato alla rete della gabbia, aspettando che al­ la fine la persona giusta arrivi anche per lei. Venitela a trovare, può nascere una grande storia d’amore. Per appuntamenti As­ sociazione Amici del Cane Onlus 3469560747 (dopo le 17.30).

VALERIA STAITI E­MAIL

Il tuo quotidiano consegnato sulla porta di casa. Con l’abbonamento “Porta a Porta” al Secolo XIX. ABBONAMENTO

Viene consegnato direttamente a casa entro le ore 7.00 del mattino. Chiama subito lo 010.57.02.982 o 010.57.02.985 L’offerta è valida solo per attivazioni dal 2 al 31 maggio 2010.

PORTA A PORTA 3 mesi

99

Euro

COME ABBONARSI: Per fare l’Abbonamento trimestrale “Porta a Porta” da 99 Euro puoi scrivere a servizio.abbonamenti@dmpliguria.it oppure chiamare i numeri 010.57.02.982 e 010.57.02.985 o recarti allo Sportello de Il Secolo XIX in Piazza Piccapietra, 25 dal lunedì al venerdì: 8,30-18,00 o il sabato: 9,00-12,00. PAGAMENTO: Per l’Abbonamento trimestrale “Porta a Porta”è possibile pagare in contanti o assegni.

www.ilsecoloxix.it


album cinema & teatri ACCESSIBILITÀ A ACCESSIBILE AUTONOMAMENTE B ACCESSIBILE CON ACCOMPAGNATORE C TOILETTE ACCESSIBILE

I CINEMA GENOVA CITTÀ n AMERICA via Colombo 11

n CITY V. Carmagnola - tel.: 010.8690073 €

MATRIMONI E ALTRI DISASTRI R.:

n SANSIRO Via Chiesa Plebana

- Tel. 010.5959146 - Ingr.€ 7-6 Accesso disabili AC ROBIN HOOD R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 15,30 - 18,15 - 21. CINEFORUM: GENOVA R.: Michael Winterbottom. (doc.) h. 19

5,5 - rid.: 5.- Accesso disabili AC COPIA CONFORME - R: Abbas Kiarostami - Int: J. Binoche, W. Shimell h. 16 - 18 - 21,15. BASILICATA COAST TO COAST R.: Rocco Papaleo - Int.: Alessandro Gassman, Paolo Briguglia, Rocco Papaleo. h. 16 - 18 - - 21,15.. n CORALLO Via Innocenzo VI 13R - Tel.: 010.8687408 - € 5,5; rid. 5 FINAL DESTINATION 3D R: David R. Ellis - Int: Bobby Campo, Nick Zano h. 16 - 18 - 20,30.

Nina di Majo - Int.: M. Buy, L. Littizzetto h. 20 - 22,30 NOTTE FOLLE A MANHATTAN R.: Shawn Levy - Int.: Steve Carell, Tina Fox h. 16,15 - 18,25 - 20,30 - 22,40. PUZZOLE ALLA RISCOSSA R.: Roger Kumble - Int.. B. Sields, Angela Kinsey h.17,30 PIACERE SONO UN PO’ INCINTA R: Alan Poul - Int: J. Lopez, Adam Rose h. 17,20 - 20,15 - 22,40 SHADOW R: Federico Zampaglione - Int: Emilio De Marchi, Karina Testa h.17,40 - 20,10 - 22,45 LA NOSTRA VITA - R: Daniele Luchetti - Int: Elio Germano, Raoul Bova h. 17,10 - 19,50 - 22,20 FINALE DESTINATION 3D R: David R. Ellis - Int: Bobby Campo, Nick Zano h. 16,20 - 18,20 - 20,30 - 22,40 LA BELLA SOCIETÀ R: Gian Paolo Cugno - Int: Raoul Bova, Maria Grazia Cucinotta h. 17,40 - 20,15 - 22,50

- Tel. 010.320.25.64 - Intero € 5,50, rid. € 4,50.

CINEFORUM: LA BOCCA DEL LUPO R.: Pietro Marcello a seguire dopo “GENOVA”. n ARISTON Vico S. Matteo 16r Tel. 010.247.3549 - € 7,50 - Rid.: 5.50 COSA VOGLIO DI PIÙ - R.: Silvio Soldini - Int.: D. Leondeff, Angelo Carbone h. 16 - 18,30 - 21,15.. LA NOSTRA VITA - R: Daniele Luchetti - Int: Elio Germano, Raoul Bova. h. 16 - 18 - 21,15.

n CINEPLEX PORTO ANTICO Porto Antico - Magazzini del Cotone Tel.: 010.253.28.00 Accesso disabili: AC IRON MAN 2 - R: Jon Favreau- Int: Robert Downey jr, Samuel L. Jackson h. 16 - 18,45 - 21,45 ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 16 - 17,30 - 18,45 - 20,20 - 21,40. NOTTE FOLLE A MANHATTAN R.: Shawn Levy - Int.: Steve Carell, Tina Fox h. 21,30. PIACERE SONO UN PO’ INCINTA R: Alan Poul - Int: Jennifer Lopez, A. Rose h. 16,10 - 18,45 - 21,40. PRINCE OF PERSIA - R: Mike Newell Int: Gemma Arterton, Ben Kingsley h. 17,30 - 20,30. PRINCE OF PERSIA DGT - R: Mike Newell - Int: G. Arterton, Ben Kingsley h. 16,15 - 18,45 - 21,45 PUZZOLE ALLA RISCOSSA R.: Roger Kumble - Int.. Brpoke Sields, A. Kinsey. h. 16,10 - 18,10. LA BELLA SOCIETÀ R: Gian Paolo Cugno - Int: R. Bova, M. Grazia Cucinotta h. 16,10 - 18,45 - 21,45 LA NOSTRA VITA - R: Daniele Luchetti - Int: Elio Germano, Raoul Bova h. 16 - 18,45 - 21,45 FINAL DESTINATION R: David R. ellis - Int: bobby campo, nick zano h. 16,15 - 18,45 - 21,40.

NON È ANCORA DOMANI (LA PIVELLINA) R: Tizza Covi, R. Frimmel Int: Patrizia Gerardi, Asia Crippa h. 16 - 18,15 - 20,30. n ODEON Corso Buenos Aires 83r - Tel.: 010.3628298 Accesso disabili: AC ROBIN HOOD R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 15,30 -18 -20,30.

PRINCE OF PERSIA-LE SABBIE DEL TEMPO - R: Mike Newell - Int: Gemma Arterton, Ben Kingsley h.16 - 18,15 - 21..

n RITZ D’ESSAI Piazza Leopardi - Tel.: 010.314141 - lun mar. gio. (sera) € 5,5; rid. € 5. Accesso disabili: A MARTEDÌ: LA NOSTRA VITA - R: Daniele Luchetti - Int: Elio Germano, Raoul Bova h. 15,30 - 17,30 - 21. n SIVORI Salita S. Caterina 12 Tel.: 010.553.2054 - € 5,5; rid. € 5. DRAQUILA R.: Sabina Guzzanti. (documentario) h. 16 - 18 - 20,30 AGORA R: Alejandro Amenabar - Int: Rachel Weisx, Max Minghella h. 16 -18,15 - 20,30 n UCI FIUMARA Via P. Mantovani Tel.: 39 892 960 Accesso disabili: AC ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 16,30 - 17,30 - 18,30 - 19,30 20,45 - 21,45 - 22,30 RASS.: IRON MAN 2 - R: Jon FavreauInt: Robert Downey jr, Samuel L. Jackson h. 18,30 - 21,30

IN SALA BUONO .................................... HHH DA NON PERDERE ................HHHH CAPOLAVORO....................HHHHH

RIPOSO n SANPIETRO P.zza Frassinetti 10

Uffici aperti da lun. a ven. 10 - 16 negli uffici di Galleria Mazzini 1/1a. Ingr.: € 25 - 15 - 12.

n VERDI P.zza Oriani. Sestri P.

Corte Lambruschini via E.F. d’Aosta - 1020 posti - Tel. 010.534.23.00 Da oggiì fino al 12 giugno Rassegna di drammaturgia contemporanea: LE DIABLE EN PARTAGE. R.: Filippo Dini. Ingresso libero..

Tel. 010.614.83.66 - Interi €. 6 - rid.: € 5.

ROBIN HOOD R: Ridley Scott - Int:

Casse: chiuse tutta la settimana.

Russel Crowe, Cate Blanchett h. 21.

TEATRO STABILE ­ DUSE Via N. Bacigalupo 6 - 490 posti - Tel. 010.534.23.00 CHIUSURA ESTIVA

n PALMARO Via Prà 164

Casse: lun. casse chiuse; da mart. a ven. 19,21,30; da sab.18,30 - 21; dom. 14,30 - 16. Ingr. € 14 -10

- Tel. 010.612.17.62 - Int.: € 6; rid.: € 5. Ac. disabili: AC

LA BELLA SOCIETÀ

HH

Tra i Sessanta e gli Ottanta due fratelli e un coro di per­ sonaggi in Sicilia. Tra passioni private e la società che sta traumaticamente cambiando. Al cinema: Cineplex, Uci Fiumara

n SANPAOLO FRITZLANG

Casse: mart. a sab. 9,30-13/15-19 - Ingr.: € 20 (Clacque in Agorà € 7 - € 2 con biglietto sala Trionfo)

Via Acquarone 64 - tel.: 010.247.61.47-340.938.76.66 - € 5,50; rid.: 4,50; soci € 3,50.

RIPOSO n CAPPUCCINI Piazza Capuccini, 1 Tel. 010.880.069 - € 5,50; rid.: € 4,50. Soci A € 3,50.

RIPOSO

Piazza G. Modena 3 - Tel. 010.412.135 RIPOSO Casse: lun. a ven. 10,30-13/14,30-19; sab. 10,30-13 - Ingr.: € 20 - 18 - 7,50.

TEATRO DELLA GIOVENTÙ Via Cesarea - Tel. 010.893.63.26 Venerdì, ore 21: DIECI ANNI IN JAZZ. Con Adventures Trio. Casse: mart. a sab. 16,30-19 e un’ora prima dello spettacolo - Ingr.: € 20 - 15.

RINA E GILBERTO GOVI Via P. Pastorino 23r - Tel. 010.740.47.07 RIPOSO

€ 7; Rid.: € 5.

n CHIABRERA Vico Chiabrera 8r.

Casse: mer. e giov. 10-12/16-18 -Ingr.: € 9-7-5

AKROPOLIS

- Tel. 010.251.26.37.

15 ingresso unico

THE FINAL DESTINATION 3D

H

Ancora un sequel con disastro nell’avvio ovviamente con uno sviluppo sanguinoso. Il 3d non aggiunge e non to­ glie nulla. Al: Corallo, Uci Fiumara

CHIAVARI

n ITALIA v. Sauli Tel. 010.912.62.90 ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int:

n CANTERO Piazza Matteotti 23 Tel. 0185.363.274 - www.cantero.it.

Pallavicini 7 - 010.926.9792. ingr.: 6 - rid. 4.

Russel Crowe, Cate Blanchett

MERCOLEDÌ: ROBIN HOOD - R:

RIPOSO

h. 21,15 THE LAST SONG - R: Julia Anne

Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett

RAPALLO

Robinson - Int: Miley Cyrus, Kelly Preston h. 21,15.

BARGAGLI n BARGAGLI Piazza Conciliazione 1 - Tel. 010.247.61.47 ingr. € 5,50 - Rid,: 4,50

RIPOSO

BOGLIASCO n PARADISO Largo Skrjabin Tel. 346.128.47.77 - € 6 - rid. € 5

RIPOSO

CASELLA n PARROCCHIALE Via De Negri 56 Tel.. 0109 677 130 - € 6 - rid. € 4.

RIPOSO

h. 16,30 - 19,15 - 22. n MIGNON ViaMartiri Liberazione, 131 Tel. 0185.309.694 - € 5,50 - rid. € 4,50.

MASONE OPERA MONS. MACCIÒ via

- Int.: Doriana Leondeff, Angelo Carbone h. 16,15 - 21,15

ISOLA D. CANTONE

Casse: giov. ven. e sab. 16-19; merc. 11-14 - Ingr. € 11,50 - 9. Le domeniche casse h. 15,30 Ingr.: € 11,50 - 9.

ALBATROS

€ 10.

Via roggerone 8 - Tel. 010.749.16.62 - 010.274.44.254. Sabato, ore 21,30: Notti Rock in concerto: RADIO GAGA

n SILVIO PELLICO P. - Via D. Oliva Tel. 328.315.18.90 - € 6, rid. 5.

RIPOSO

MONEGLIA n BURGO Piazza Caduti - Tel. 333.163.62.28 RIPOSO

Ingr..: unico € 5.

CARIGNANO IN GENOVESE MUNICIPALE P,.zza Matteotti, tel. 010.924.400. Ingr.: euro 6 - rid. 4.

RIPOSO

RUTA DI CAMOGLI n SANGIUSEPPEv. Romana, 153 Tel.

S. MARGHERITA

E. Germano, R. Bova h. 16,15 - 18,15 - 20,20 - 22,20.

RONCO SCRIVIA n COLUMBIA Via Vittorio Veneto Tel.: 010.9657020 acc. disabili - € 6; rid.: € 5

RIPOSO

RIPOSO n CENTRALEL. Giusti 16

n COMUNALE viale della Repubblica - 0131.234240

Int: G. Arterton, Ben Kingsley h. 20 - 22,10. ROBIN HOOD R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 21,30

ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. -21,30

ARQUATA S. n ROMA via Roma 72 - Tel. 0143.667516 - €

SALA FERRERO: INCONTRO STAMPA CON CALABRESI

FINAL DESTINATION 3D R: David R.

5,50, rid. 4,50. Mer. € 3,50.

ROBIN HOOD DIGIT - R: Ridley Scott -

Via Gabriele D’Annunzio, 2 - Tel. 010 6121063 Giovedì, ore 20,15: DONNE IN GUERRA (spett. in viaggio sul trenino di Casella) R.: Laura Sicignano. Con F. Bellone, S. Cianfriglia, E. Dragonetti, B. Moselli, I. Serini, R. Tagliabue. Repl. sino a domenica 6/06. Info e prenotazioni: tel. 010.694.240 - 340.097.57.65

IL TEMPIETTO Via C. Rolando 15 - Sampierdarena - Tel. 010.412.381 RIPOSO Ingresso € 5

LOUISIANA JAZZ CLUB Via S. Sebastiano - Tessera associativa euro 25 Giovedì, ore 21,15: CONCERTO Con i Munzizioniere Quartett.

TEATRO DELL’ORTICA Auditorium, via Allende 48 - Tel. 010.83.80.120. RIPOSO

ASSOCIAZIONE “AMICI DI PAGANINI” Giovedì, ore 20,30: CONCERTO. Quartetto di Cremona. Ingresso € 12 -8. (3 per studenti)

TEATRO IL SIPARIO STRAPPATO Via Terralaba 9 - Arenzano - Tel. 010.912.30.42 - 339.653.91.21. RIPOSO Ingresso € 14 -12.

NOTTE FOLLE A MANHATTAN

SHADOW HHH HH

v. Cesare Battisti 15 - 0144.980302

Int: Gemma Arterton, Ben Kingsley h. 20 - 22,45

HH

Lui, lei e la Toscana. Kia­ rostami, per la prima volta lontano dall’Iran, si diverte con una favoletta dove splende solo l’ero­ tismo di Juliette Binoche Ai cinema: City

n ARISTON Via Fico Tel.: 0185.41.505 - Dts PRINCE OF PERSIA - R: M. Newell -

n CRISTALLO

D. Luchetti - Int: E. Germano, Raoul Bova h. 21.

HH

Alienazione privata e professionale in un’edilizia dominata dal lavoro nero. Peccato che Lucchetti im­ bocchi un lieto fine. Ai cinema: Ariston Cine­ plex, Ritz, Uci Fiumara

SESTRI LEVANTE

Russel Crowe, Cate Blanchett h. 19,30 - 21,40 - 22,30

RIPOSO

TEATRO CARGO

COPIA CONFORME

h. 17,30 - 21,30.

ROBIN HOOD R: Ridley Scott - Int:

SALA GRANDE: LA NOSTRA VITA R: PRINCE OF PERSIA R: Mike Newell -

Casse: lun. a ven. 16,30-19 - Ingresso € 8,50 - 7 (ridotto).

LA NOSTRA VITA

Tel. 0185.286.033 - € 7; rid.: € 5. ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett

ALESSANDRIA E PROVINCIA ALESSANDRIA

Viale Villa Glori 8 - 350 posti - Tel. 010.570.23.48 RIPOSO

ROSSIGLIONE

Int: G. Arterton, Ben Kingsley h. 16 - 18,05 - 20,10 - 22,15.

LA NOSTRA VITA R: D. Luchetti - Int:

Sestri Ponente - Piazza Oriani 7 - Tel. 010.614.83.66 fax 010.601.20.51 RIPOSO Sala Diana - Via Paggi 43 - Tel. 010.51.07.31 www.teatrogarage.it RIPOSO

RIO DE JANEIRO INDECENCY IIa PARTE

338.28.75.583- 0185.77.45.90 - € 6; rid.: € 4..

- Int: B. Campo, Nick Zano h. 16 - 18,10 - 20,15 - 22,15.

Info: www.teatroakropolis.com - Ingr.: € 12 - rid. 10.

VERDI

GARAGE

Cittadella (Da via Balbi) - Tel. 010.25.30.398

AUGUSTUS Via Lamamora tel .0185.61.951 PRINCE OF PERSIA - R: M. Newell -

COSA VOGLIO DI PIÙ R.: Silvio Soldini FINAL DESTINATION 3D R: D. R. Ellis

via Mario Boeddu 8, Sestri Ponente - Tel. 010. 897,81.69 - 338.975.0256. RIPOSO

Casse: da mart a domenica 16,30 - 19 e un’ora prima dello spettacolo - € 12 - rid. 10.

NUOVO GIOIELLO Vico della

PROVINCIA DI GENOVA ARENZANO

Casse: lun-ven. 11-19; sab. 11-13/16-19; dom. 15-18 - nei giorni dello spettacolo; 20-21 nelle sere dello spettacolo - Ingr. € 35 - 30. Dal oggi al 21 maggio il botteghino sarà aperto 3 giorni a settimana: lun-mercven dalle 16 alle 19

TEATRO MODENA

SALA 1:GRAND HOTEL SEGUE: LE DUE ANIME DI URSULA SALA 2: HARD CORE PARADISE SEGUE: I)TALIAN SHE MALE VOL 15

n ELDORADO Samp.- Via Buranello USURA ANALE

Via N. Bacigalupo 2 - 1000 posti - Tel. 010.839.35.89 RIPOSO

Piazza R. Negri 4 - Tel. 010.248.70.11 RIPOSO

- Tel. 010.58.03.80.

€ 6,50; rid.: € 4

POLITEAMA GENOVESE

TEATRO DELLA TOSSE

Tirard - Int.: Francois-Xavier Demaison, Maxime Godart. h.21,15

FILM A LUCI ROSSE

Gall. Cardinale Siri 4 - 2005 posti - Tel. 010.589.329 Oggi, ore 20,30: NOVECENTO Dir.: Marco Guildarini. Pianista: Andrea Bacchetti. Musiche di Ravel, Nino Rota. Int.: Orchestra del Teatro Carlo Felice.

TEATRO STABILE ­ CORTE

PRINCE OF PERSIA-LE SABBIE DEL EROTICI TEMPO R: Mike Newell - Int: Gemma n CENTRALE via S. Vincenzo Arterton, Ben Kingsley h. 16,45 - 17,15 - 18,30 - 19,30 - 20 21,15 - 22,15 - 22,45 n NICKELODEON Via Consolazione Tel. 010.589.640 - intero € 5,20 - rid.€ 4,20; Acec C. € 3,60; Soci Anziani Acec € 3,20. MERCOLEDÌ: IL CONCERTO R: Radu Mihaileanu - Int.: Mélanie Laurent, Franeois Berléand, h. 16 - 21,15. n AMICI CINEMA Sampierd. Via Rolando 15-Tel. 010.413.838 -€ 5-rid.: 4; soci 3.60. DONNE SENZA UOMINI R.: Shirin Neshat - Int.: Arita Shahrzad, Orsi Tóth. h. 21,15.

TEATRO CARLO FELICE OPERA DI GENOVA

Uffici Galleria Mazzini 1/1a - Tel. 010.869.82.16 info@gog.it RIPOSO

Polanski - Int.: E. McGregor, P. Brosnan h. 16,30 - 21,15.

EDEN V. Pavia 4 - Tel. 010.698.12.00-€ 6-5. IL PICCOLO NICHOLAS - R.: Laurent

GENOVA

GIOVINE ORCHESTRA GENOVESE

L’UOMO NELL’OMBRA R.: Roman

Soldini - Int.: D. Leondeff, Angelo Carbone h. 21.

Per i Foster la vita matri­ moniale rischia di esaurirsi nella routine. Un’uscita notturna cambierà tutto. Commedia degli equivoci. Al Cinema: Cineplex

Tra le montagne in bici­ cletta, un solitario si tro­ verà catapultato in una storia d’orrore ad alta definizione. Di forte im­ patto emozionale Ai cinema: Cineplex

VAILLANT PALACE ­ FIUMARA Via Lungo Mare Canepa - Tel. 010.642.22.64 www.vaillantpalace.it RIPOSO Prevendite e informazioni: tel.: 010.642.22.641. Ingresso € 68 - 57 - 50 - 38 (compr. prev).

TEATRO DEGLI EMILIANI ­ NERVI Via Provana di Leyni 15 - Genova-Nervi RIPOSO

CHIAVARI TEATRO CANTERO

Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 20 - 22,40.

Piazza Matteotti 23 - Tel. 0185-363.274 RIPOSO

RIPOSO

PIACERE SONO UN PO’ INCINTA R:

Ellis - Int: Bobby Campo, Nick Zano h. 20,10 - 22,20

OVADA

Alan Poul - Int: Jennifer Lopez, A. Rose h. 20,20 - 22,40

ALESSANDRIA

SALA ZANDRINO: COPIA CONFORME - R: Abbas Kiarostami - Int:

n GALLERIA v.S. Giacomo della Vittoria

MANOLETE R. Menno Meujes - Int.

COMUNALE

Juliette Binoche, William Shimell h. 21.

PRINCE OF PERSIA - R: Mike Newell -

Corso Libertà 14, cell.: 3331014612 Acc. disabili: A € 3,60; Soci Anziani Acec € 3,20. ROBIN HOOD - R: Ridley Scott - Int: Russel Crowe, Cate Blanchett h. 20 - 22,30

h. 21.

n UCI CINEMAS via Gambalera Spinetta Marenco (AL) - www. ucicinemas.it - Tel. 892.960. (prenot., euro 1) Accesso disabili AC PIACERE SONO UN PO’ INCINTA R: Alan Poul - Int: Jennifer Lopez, A. Rose h.20,20 - 22,40 RASS.: IRON MAN 2- R: Jon Favreau Int: Robert Downey jr, Samuel L. Jackson. h. 21,30 MATRIMONI E ALTRI DISASTRI R: Nina di Majo - Int: Margherita Buy h. 20,15 - 22,30

0131.252.112-Dolby Dig 11 € 3,60; Soci Anz. Acec 3,2 Int: Gemma Arterton, Ben Kingsley h. 20 - 22,15

MACALLÈ Via Marsala 1A - Tel. 0131-585.001 - cell. 334-948.89.05

RIPOSO

ACQUI TERME n ARISTON Piazza Giacomo Matteotti 16 - Tel. 0144.322.885. ingr. € 6-rid. € 5 lun, mar. gio. (sera) € 5,5; rid. € 5.

RIPOSO

n COMUNALE D.T.S.

n SPLENDOR

V.le Repubblica - Tel. 0131.234.240 RIPOSO

PRINCE OF PERSIA R: Mike Newell -

Dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30 tutti i tipi di acquisto. Per tutta la Stagione Teatrale, dalle 16.30 alle 19.30 tutti i tipi di acquisto. Nelle sere di spettacolo la prevendita è protratta fino alle 20.30

PUZZOLE ALLA RISCOSSA R.: Roger Kumble - Int.. B. Shields, Angela Kinsey. h.20,30

Città comm.le Oasi 0131.880754 - www.megaplexstardust.com. Acc. disabili: AC. € 5 - rid. € 4 IRON MAN 2 DGT R: Jon Favreau - Int: Robert Downey jr, Samuel L. Jackson h. 20,20 - 22,40.

ACQUI TERME

Int: Gemma Arterton, Ben Kingsley h. 20,20 - 22,40

Via G. Buffa, 347.9697038; Acc. disabili: AC

n MEGAPLEX STARDUST.

Biglietteria tutti i giorni tranne martedì ore 17-21 (Spettacolo di beneficienza a favore dell’ANFFAS.

Penelope Cruz, Adrien Brody h. 20,10 - 22,40

RIPOSO

TORTONA

31

Biglietteria mar. a sab. 11 - 18; dom. 13-16 (spett. pomer.); 18-21 (serale). Lun.casse chiuse. Ingr.: € 26 - 15 - 10 - (+ prevendita)

- Tel. 010.372.8602 - € 5,50 - rid.: 4,50. Ac. disabili.

COSA VOGLIO DI PIÙ - R.: Silvio

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

I TEATRI

NATALINO BRUZZONE

GIUDIZI MEDIOCRE .......................................H DISCRETO .................................... HH

IL SECOLO XIX

FINAL DESTINATION 3D R: David R. Ellis - Int: Bobby Campo, Nick Zano h. 19,50 - 21,25 - 23

LA NOSTRA VITA R: Daniele Luchetti Int: Elio Germano, Raoul Bova h. 20,20 - 22,40

PRINCE OF PERSIA HH

Ancora un videogioco che si trasforma in ci­ nema sotto l’onda delle sabbie del tempo. Av­ venture tra alte acroba­ zie ed effetti speciali. Al cinema: Odeon, Uci

ROBIN HOOD

HHH

Nella foresta di She�� rwood, Ridley Scott e Russell Crowe vanno all’assalto, con la grinta del “Gladiatore” del mito con arco e frecce. Al: Cineplex, Uci, America, Odeon, (Italia Arenzano)

ARISTON Piazza Matteotti 16 - Tel. 0144.322.885 RIPOSO

VALENZA SOCIALE P.za Verdi - Tel. 0131.942.276 RIPOSO Dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 19.30 tutti i tipi di acquisto. Per tutta la Stagione Teatrale, dalle 16.30 alle 19.30 tutti i tipi di acquisto. Nelle sere di spettacolo la prevendita è protratta fino alle 20.30


PREVENDITE DANIELE SILVESTRI

album

Lunedì 5 luglio ­ Arena del Mare Prezzi dei biglietti: Posto unico: euro 22,00 + prev. Circuiti : www.happyticket.it ­ www.greenticket.it Prevendite: Orlandini Dischi, Sottopasso Cadorna, tel. 010/589711 Pro Loco Recco, Piazza Nicoloso, Recco tel. 0185/722440 Libreria La Primula, Via Mazzini, Rapallo tel 0185/54806 www.grandieventi.it ­ Tel. 010/5221001

GENOVA

32

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

IL GIORNO

DA NON PERDERE

ALLA FNAC

LE IDEE PALAZZO DUCALE

FESTIVAL COMICO Alle 18.30 nel sottoporticato di Palazzo Ducale a ingresso li­ bero termina la rassegna “Forme del pensiero che ride – 1° Festival del Comico” con Alessandro Bergonzoni in dia­ logo con Oliviero Ponte di Pino. Alle 21 serata d’onore con Carlo Giuffrè e Masolino d’Amico. Piazza Matteotti OGGIalle18,allaFnacdiviaXXSet­ biglietto del bus. Il libro di De Mar­ Tel. 010/5574064­065 tembre 46 rosso, verrà presentato il tino è arricchito dalle foto di Anna libro di Giorgio De Martino Kwon Gugliandolo: le stesse immagini sa­ FELTRINELLI “Racconti dal finestrino. Una guida ranno oggetto di una mostra che emotiva di Genova vista dall’auto­ verrà organizzata in collaborazione OMAGGIO A PAVESE bus” edito da Liberodiscrivere. Il li­ conAmt.Lapresentazionesaràani­ brodescriveunpercorsoinusuale:a mata dalle letture di Fabrizio Mat­ Alle 18 alla Feltrinelli si terrà bordo di un autobus di Amt, De teini, attore dello Stabile di Genova. “Una giornata con Cesare Pa­ Martino ha sbirciato la città dal fi­ Scrive l’autore: «Genova – che è To­ vese”. Sessant’anni fa, in una nestrino. Propone una serie di iti­ rino a Carignano e New York sulle stanza di un hotel di Torino, nerari “low cost”, da capolinea a ca­ gru del porto – è molto più grande di moriva Cesare Pavese. Insieme polinea, lungo le linee che servono quanto lo sia sulla cartina, la sua alla Fondazione Cesare Pavese la costa e quelle che s’inerpicano sfacciata varietà impone un’inquie­ di Santo Stefano Belbo, la Fel­ per i tragitti collinari. Ogni “gita” ha tudine seducente come non altro­ trinelli ha deciso di ricordare il costo di 1,20 euro, il prezzo di un ve». Foto di Anna Gugliandolo. l’autore di La luna e i falò. Te­ stimonianze, letture, proiezioni per i lettori affezionati di Ce­ INCONTRI CONVERSAZIONE chitectural dans la pensée sare Pavese. A Genova proie­ IL CONVEGNO Le Isole Seychelles de Valéry” a cura di Patri- zione del documentario “Ce­ Salvaguardia dei sentieri MUSEO DORIA cia Signorile. Con la parte- sare Pavese, ritratto, un ri­ PALAZZO DUCALE Alle 21 nell’Anfiteatro del cipazione di Giorgio Piga- cordo” con le voci di Fernanda Alle 17 nella Società ligure Museo Doria Riccardo fetta e Brunetto De Battè Pivano, Achille Occhetto, Re­ di Storia Patria a Palazzo Jesu terrà una conversain collaborazione con la nata Einaudi. Ducale I Martedì di A Comzione con proiezione di Facoltà di Architettura. Via Ceccardi 16r pagna organizzano l’indiapositive a colori in disVia Garibaldi Tel. 010/573331

LA CITTÀ VISTA DAL BUS SGUARDI DAL FINESTRINO

contro “Genova educa alla corretta salvaguardia dei sentieri”. Aprirà l’intervento un prologo in genovese dell’attrice Maria Vietz. Piazza Matteotti Tel.010/5574064

LA STORIA I Giustiniani BIBLIOTECA BERIO Nella Sala Chierici alle 17 incontro “I Giustiniani, signori genovesi dell’isola di Chio, dal Mediterraneo alla Terraferma”. Vengono illustrate le vicende storiche determinanti lo spostamento degli interessi della famiglia Giustiniani dal Mediterraneo alla Terraferma (secolo XVIII). Proiezione del documentario “I Giustiniani, una dinastia mediterranea” di Paraskevi Papacosta da un’idea di A. Waksman (France 3). Via del Seminario Tel.010/5576010

solvenza incrociata sul tema: “Isole Seychelles”. Un tuffo nella natura delle Isole Seychelles testimoniata da immagini raccolte nel corso di quattro spedizioni. Via Brigata Liguria 9 Tel.010/564567

FESTEGGIAMENTI I 60 anni della Cisl PORTO ANTICO Dalle 10 nella Piazza delle Feste del Porto Antico manifestazione per il 60° Anniversario di nascita della Cisl. Dalle 18.30 concerto con i gruppi Voces de America, Da Zero, Djammu Africa, Spiritual Gangsta. Porto Antico

CONFERENZA L’architettura ALLIANCE FRANCAISE Alle 17.30 all’Alliance Française de Genes conferenza di architettura dal titolo “Le paradigme ar-

ALL’UNIVERSITÀ “Discorso amoroso” AULA MAGNA Oggi dalle 9 nell’Aula Magna della Facoltà di Scienze della Formazione si terrà il convegno “Pedofilia - riflessioni attorno a un perverso “Discorso amoroso”. Apre il convegno il professor Guido Franco Amoretti, preside della Facoltà. Corso Podestà, 2 Tel. 010/20953511

IL LIBRO “Aspettando mio figlio” LE CLARISSE Al teatro Le Clarisse di Rapallo incontro con l ’ex portiere Giovanni Galli che presenterà il suo libro “Aspettando mio figlio”, dedicato al figlio diciassettenne Niccolò, grande promessa del calcio italiano, morto in un incidente stradale. Tel. 0185/63995

SVEVA «DOPO AVER SCRITTO DI DONNE ORA RACCONTERÒ UN UOMO»

CASA AMERICA

EMANUELA SCHENONE

“PROGRAMMA MOHAIR”

SCRIVEdidonne,maisuoinonsonoromanzirosa.É una delle autrici italiane più vendute nel mondo, ma, dopo ventun best­seller, non la si può certo definire semplicemente una moda. Difficile affibbiare un’eti­ chetta a Sveva Casati Modignani (nella foto), pseu­ donimo dietro cui si cela la giornalista e scrittrice Bi­ ceCairati,chesaràdomanialle17.30PalazzoDucale, nella sala del Minor Consiglio, per presentare il libro “Il gioco delle verità”, Sperling&Kupfer, 2010, pagi­ ne 499, euro 19.90. Difficile al punto che lei stessa per farlo prende a prestito le parole di qualcun altro: « il critico lettera­ rio Vittorio Spinazzola mi ha definita un fenomeno anomalo nella letteratura italiana». Un “fenomeno” che vende milioni di libri da quasi trent’anni raccon­ tando storie di donne. Ma guai anche solo a pensare di accostarla alla cosiddetta “chick lit”, ossia la nuova generazione della letteratura al femminile, perchè, giustamente se ne risente. «La chick lit è già tramon­ tata» precisa la scrittrice «era inevitabile, è stata solo una moda, senza contenuti: più di tanto non poteva dare». Lei invece, dal 1981, anno in cui ha pubblicato conilmaritoNulloCantaroni,scomparsonel2004,il suo primo romanzo “Anna dagli occhi verdi”, non sbaglia un colpo. «La verità» dice «è che mi diverto sempre quando scrivo una storia e il lettore lo perce­ pisce,neècontagiato.Tantocheunavoltainiziatoun mio libro non riesce più a mollarlo fino a che non l’ha

Oggi alle 17.30 nella sede della Fondazione Casa America si terrà un incontro dibattito se­ guito dall’inaugurazione della mostra fotografica “Programma mohair” relativa al progetto di cooperazione internazionale italo­argentino “per il rafforza­ mento della produzione ca­ prina di Mohair nella Patagonia del Nord”. Partecipano all’in­ contro dibattito: Roberto Spe­ ciale, presidente Fondazione Casa America; Salvatore Otta­ vio Cosma, presidente Bambini Vittime Onlus; Michelangelo Casano, rappresentante del CIPSI in Argentina; Andrea Suarez, Capo progetto. La mostra rimarrà aperta fino al 4 giugno, dal lunedì al venerdì (escluso il 2 giugno), dalle 9.15 alle 12.30 e dalle 15.15 alle 18.45. Piazza Di Negro, 3 Tel. 010/2518368

finito». Questo naturalmente glielo dicono i milioni di lettori che la seguono da anni, perchè lei, come ci tiene a precisare, non ha nessuna ricetta studiata a tavolino per produrre best­seller. «Ogni volta che mi metto alla macchina da scrivere» prosegue Casati Modignani «penso alla frase che mi diceva mia non­ naquand’eropiccola:“adessotiraccontounastoria”. Solo che ora sono io a raccontare e lei mi ascolta, ma­ gari, dal cielo». Anche con i lettori l’autrice ha un filo diretto per­ chè le sue sono storie di gente comune, di donne co­ muni. Come le protagoniste del libro “Il gioco delle verità” di cui l’autrice parlerà nell’incontro di doma­ ni, organizzato dal circolo culturale I Buonavoglia, insiemealgiornalistadelSecoloXIXRenatoTortaro­ lo. «Quelle che descrivo in questo libro» aggiunge Sveva­Bice«sonovitediunanormalità inaudita:non cisonoeventistraordinari,maaccadimentiinteriori, quelli che allontanano e poi avvicinano una madre, femminista convinta, e una figlia, una giovane in pie­ nacrisiesistenziale». Ancoraduepersonaggifemmi­ nili pensati per un pubblico principalmente compo­ stodadonne.«Ilettoripiùfortidinarrativa»spiegala scrittrice «sono sempre state le donne. Sono sicura che“Guerraepace”l’abbianolettopiùdonnecheuo­ mini». Ma nel nuovo romanzo, in uscita il prossimo 2 luglio con un titolo ancora top secret, ci sarà una sor­ presa: «il protagonista sarà un uomo» ci anticipa «quello che ognuna di noi vorrebbe incontrare una volta nella vita, ma che nella realtà non esiste».


PROSSIMI CONCERTI Marco Mengoni ­ 15 luglio ­ Arena del Mare Prezzi dei biglietti: Posto unico: euro 20,00 + prev Gianrico Carofiglio ­ 31 luglio ­ Arena del Mare Prezzi dei biglietti: Platea: euro 25,00 + prev. Tribuna: euro 20,00 + prev. Circuiti: www.happyticket.it www.greenticket.it

Per segnalare tutti gli eventi, inviare una mail all’indirizzo

album@ilsecoloxix.it

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

DOMANI A PALAZZO DUCALE

LA NOTTE ALL’ARCHIVOLTO

PROSSIMAMENTE I LOCALI CANTINE EMBRIACI Le Cantine Embriaci propongono, dalle 18.30 alle 21.30, l’aperitivo Happy Hour con musica lounge selezionata. Ogni due consumazioni, la terza è in omaggio. Salita Torre Embriaci, 2 Tel. 010/2463662

CHAPLIN VIDEO PUB La serata del Chaplin video pub di Sestri Ponente è dedicata al concorso canoro del Chaplin music festival. Saranno premiati i primi tre classificati. Via Schiaffino 27 a/r Tel. 0106143650

IN “TORNO PRIMA O POI” LA ISOLA FA TUTTO DA SOLA

SUL PALCO AMORE E GUERRA

NOVECENTO

“Le diable en partage” TEATRO DELLA CORTE Al teatro della Corte Ivo Chiesa debutta questa sera alle 20.30 lo spettacolo “Le Diable en Partage”, di Fabrice Melquiot, per la regia di Filippo Dini. Un dramma ambientato nell’ex Jugoslavia devastata dalle guerre degli anni ‘90. Repliche fino al 29 maggio Piazza Borgo Pila 42 Tel. 010/53421

Da Nino Rota a Ravel TEATRO CARLO FELICE Oggi alle 18.30 il maestro Marco Guidarini dirigerà il concerto “Novecento”. In programma due capolavori di Ravel, “Ma mère l’Oye” (1912) e “Pavane pour une infante défunte” (1908) e due di Nino Rota: il “Concerto Soirée” e la “Sinfonia sopra una canzone d’amore” Passo Eugenio Montale 4 Tel 010/53811

GALA DI TANGO MAGGIOR CONSIGLIO Alle 21.30 nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale domani grande serata di Gala “La parola, il corpo nella magia del tango”. Poesia, musica e danza sono i contenuti di un concerto in cui il pianista e compositore Miguel Angel Barcos e la cantante Ana Karina Rossi racconteranno tra musica e parole la poetica del tango, la sua storia, le curiosità. Sulle loro note, la danza di Marcela Guevara e Stefano Giudice, interpreti del tango apprezzati in tutto il mondo. A seguire una grande Noche de Milonga per tutti i tangueros e gli appassionati, sulle note proposte dai musicalizadores del territorio che si alterneranno alla consolle. Le fotografie di tango che accompagnano la manifestazione sono di: Gian Piero Corbellini “Milonga Brava” e Giovanni Filocamo “Pensalo Bien” edizioni Liberodiscrive. Piazza Matteotti Tel.010/5574000

IL GUSTO

Al Blue Moon di piazzale Marassi 3 si terrà questa sera dalle 21.30 lo spettacolo di ballo e musica con la Grande Orchestra di Al Rangone. A mezzanotte verrà servito lo spuntino per tutti. Si consiglia vivamente la prenotazione. Piazzale Marassi, 3 Tel. 010/882124

loro nuovo spettacolo. Alla consolle la selezione musicale proposta da DJ El Gato Giardini Govi Tel. 335/207103

DA ERASMO La pizzeria trattoria Da Erasmo a Voltri propone dalle 21 una serata musicale a cura di dj Erasmus. Verrà servito uno dei piatti principali della casa, il galletto con contorno di pannocchie di mais. Via Don Giovanni Verità 2G/r Tel. 348/5135201

POETRY SLAM ALLE DUE PORTE Alle 22 alle Due Porte Arci club finalissima del Poetry Slam (il primo Premio è la partecipazione come Poeta al Festival della poesia). Le regole: cinque minuti a poeta, voto giuria, voto pubblico. La partecipazione è gratuita e l’iscrizione si fa all'ingresso. La giuria è composta da Ilja Leonard Pfeijffer, David Jentgens, Jacopo Sabar Gioacchino, Episch Porzioni & Edizioni Chinaski. Presentano Penelope Please e Peppe Cavallari. Nella gara si sfidano i poeti su un palco con un microfono e la voce. Pochi minuti di tempo per leggere poesie scritte di proprio pugno. A decretare il vincitore di questo “sport artistico” saranno cinque giudici e il pubblico, componente attivo della gara. Un'arte sportiva in cui la poesia non vuole più essere subita, ma osannata, criticata e votata. Ingresso con tessera Arci. Via delle Grazie 24r Tel.010/2467562

BLUE MOON

«SOLO UNA donna di quarant’anni che porta sul palcoscenico il ba­ gagliodeisuoiprecedentitrentanove»scherzaFrancescaIsola(nella foto), autrice e interprete del monologo “Torno prima o poi” che an­ drà in scena stasera alle 21 al teatro Modena. In realtà lo spettacolo, per il quale scherzosamente l’attrice aggiunge «Scordatevi Lady Macbeth, Giulietta, Rossella O’Hara e anche Dorothy nel paese di Oz»,haunagenesiunpo’piùcomplessadiquellachecisipuòaspetta­ re da un comune diario. E il bagaglio al quale si allude è anche quello di un’esperienza professionale unica in Italia. Francesca Isola può GIARDINI GOVI mescolare i suoi personali a quelli che riguardano la costruzione di Al Giardino della Salsa di Gespettacoli fuori dal comune. È infatti la fondatrice di Imprò, un’asso­ nova Puntavagno sarà ciazione culturale che fonde l’esperienza del Match teatrale e l’im­ ospite, a partire dalle 23, il provvisazione teatrale tipica dei comici dell’arte del Cinque­Seicen­ gruppo di ballo “Idea Latina” to.PerIsolailmonologoèun’anomalia:disolitoinfatticreaverepro­ di Pavia (www.idealatina.it) priepartitetraduesquadrediallievichesviluppanountemalanciato con Monica Starone, Cledall’arbitro. Parallelamente cura il cosiddetto Teatro d’impresa, ri­ mente Venneri e Marco Bovolto alle aziende per meglio gestire i conflitti interni. logna che presenteranno il S. Z.

33

ALL’ACQUARIO

“LA MUSICA E L’ACQUA” ESALTA IL CLARINETTO “LA FLUIDITÀ dei clarinetti da Mozart a Gershwin” è il titolo del­ l’incontro di mercoledì all’audito­ rium dell’Acquario di Genova. È il terzo appuntamento del ciclo “La musica e l’acqua” e avrà inizio, co­ me di consueto, alle 17.50. Dopo un commento da parte di Nicola Ferrari, lo Skylon Quartet, forma­ to da Massimo Putignano al clari­ netto piccolo, Gianluigi Midali al clarinetto, Sergio Cesellato al cor­ no di bassetto e Stefano Sala al cla­ rinetto basso, eseguiranno musi­ chediMozart,Stark,FarkaseGer­ shwin. L’ingresso all’incontro è li­ bero fino a esaurimento dei posti disponibili. “La nascita del clari­ netto ­ ha spiegato Pietro Borgo­ novo, presidente della Giovane or­ chestra genovese ­ ha impressio­ nato tutti i grandi autori dell’epo­ ca. Mozart ha immediatamente

Sergio Casellato, clarinetto

ceduto alla tentazione di ideare, per questo strumento, occasioni musicali di ogni tipo». In partico­ lare, Mozart ha scritto la lunghis­ sima Serenata in si bemolle, che esalta il ruolo del clarinetto, alla pari rispetto agli altri strumenti. Per informazioni si possono chia­ mare i numeri 010/2345279 o 010/2345323 e consultare il sito www.amiciacquario.ge.it

BIBLIOTECA BERIO

25 ANNI DI POESIA DIALETTALE OMAGGIO AI GRANDI AUTORI UN QUARTO di secolo in “zenei­ ze” per il gruppo culturale “O No­ stroparlà,onostroscrive”.L’occa­ sione sarà festeggiata con un reci­ taldedicatoaigrandiautoridialet­ tali. L’evento, dal titolo “Zena per tutti, 25 anni di poesia” è alla sala Chierici della Berio domani alle 16 (ingresso libero). Per festeggiare il presidente Roberto Della Vedova hasceltopoesiediEdoardoFirpoe di altri poeti come Martin Piaggio, Giovanni Casaccia, Giovanni Bat­ tista Vigo, Alfredo Gismondi, Aldo Acquarone, Plinio Guidoni, Ro­ bertoGiannoni,LuigiAnselmi,Vi­ to Elio Petrucci, Silvio Opisso, Giuliano Balestreri, Sergio Sileri, Sandro Patrone, Angelo de Ferra­

Vito Elio Petrucci (1923­2002)

ri, Daniele Caviglia, Alessandro Guasoni, Enrica Arvigo, Anselmo Roveda. Domani sarà anche inau­ gurata la mostra fotografica “Dieci anni di Volontariato Ambientale” , fino al 5 giugno. E. M.

CONTATTO LATINO

ACCIUGA SUPERSTAR ALL’AXILLO DI PORTELLO “PAN DO MA”. Così i pescatori liguri chiamano l’acciuga. E questo perchè le acciughe sono da sempre un alimento base nella cucina ri­ vierasca,maancheperchèrappresentanoilprincipale ciboperglial­ tri pesci predatori. A rendere onore all’acciuga saranno, stasera dalle 21,ibuongustaicheparteciperannoalla“Seratadell’acciuga”,rigoro­ samente del mar Ligure, in programma al ristorante Axillo di piazza Portello.Unacenaperintenditori(costo30eurotuttocompreso,tel. 010/2465990), in cui le alici nostrane saranno accompagnate da tre vini foresti come Pinot Bianco Blazic 2005, Greco di Tufo Di Prisco 2007 e il Verdicchio di Iesi San Lorenzo 2008. Per quanto riguarda le portatesiapreconacciughefritte,siprosegueconspaghettialsugodi acciughe e friggitelli e si chiude con un grande classico della cucina di Riva Trigoso: il bagnun. Quest’ultimo piatto, così come il condiggiun e il pan bagnau, deve la sua fortuna e la sua larga diffusione alle con­ suetudini di bordo. Alla base è il pesce azzurro più diffuso in Liguria esemprepresentenelleretideipescatori.Daqualcheanno,ilbagnun viene proposto come stimolante antipasto o come pietanza leggera. L’importante è che, accanto alla perizia del cuoco, siano a disposizio­ ni ingredienti genuini: ovvero acciughe e olio extravergine.

Alla scuola di Contatto Latino a Puntavagno dalle 18.30 alle 20.30 si terrà il corso di Capoeira, antica lotta e danza proveniente dalle tradizioni brasiliane, a cura del maestro Rocco Pacillo. A seguire sarà la volta del corso di percussioni brasiliane del maestro Andrea Trabucco. Dalle 19.00 alle 20.30. Dalle 20.45 alle 22 stage di Salsa All Style del maestro italo venezuelano Davide Fazio tenuto dalla maestra Amelia de Martis e dalle 22 alle 23.15 (2° livello) dalla maestra Ambra Russello. Corso Italia 3 Tel. 335/207103

L’ESCURSIONE

UNA NOTTE SULL’ANTOLA PER AMMIRARE I NARCISI

LA FIORITURA dell’Antola, come nessuno l’ha mai vista prima. È un’occasione unica per ammirare il risveglio della natura nel parco dell’Antola sotto una luce diversa l’escursione dal titolo “Antola al chiaro di luna” che si terrà sabato e domenica prossimi. L’idea è quella di far vivere agli escursionisti un’esperienza diversa ed esclusi­ va: una salita notturna al chiaro di luna sulla vetta del Monte (1597) nel momento della massima fiori­ MYU tura. L’iniziativa riservata a un nu­ Domani sera a partire dalle mero massimo di 35 escursionisti ore 17 al Myu - Coffee Art & che saranno guidati da alcuni ac­ Liquid Lab di via Macelli di compagnatori del Club Alpino Ita­ Soziglia 38 r, ci sarà l’aperiliano, prenderà il via sabato con ri­ tivo “Made in Japan” con trovo alle 14 nella sede dell’Ente Sushi e Birra Asahi (a 8 euro) oppure Sushi con cock- Parco dell’Antola. Quindi trasferi­ mento in bus alla località Casa del tail “Saketini” Romano (1406), escursione lungo Via Macelli di Soziglia 38 il crinale fino al rifugio Parco del­ Rosso Tel. 346/1829853

Fioritura di narcisi sull’Antola

l’Antola (1480). Sistemazione, ce­ na in rifugio e in nottata ascensio­ ne sul monte. In vetta il gestore del rifugio e gli accompagnatori del Cai Sez. Ligure offriranno vin brulè e canestrelli di Torriglia. Do­ menica colazione in rifugio e di­ scesaaTorriglia.Prenotazioninel­ la sede del Cai Sez. Ligure, Galleria Mazzini 8. Info: tel. 010/592122 . E. S.


genova sport 34

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

CAMPIONATI NAZIONALI UNIVERSITARI

NUOTO

De Luigi, judoka vincente è la prima laurea con l’oro Delude il beach volley. Canoisti “preziosi” con tre ori per Ragazzoni e il K4 ROBERTO BENVENUTI

E’diPatriziaDeluigineljudoilprimo orogenoveseinMolise.Benelacanoa a Milano nei nazionali universitari con 3 ori. In Molise (Campobasso, Isernia e Termoli le sedi) i Campio­ nati Nazionali Universitari 2010 si sono aperti con le discipline di com­ battimento (judo e karate) e quelle di mare e spiaggia (vela e beach volley). Il bilancio della rappresentativa del­ l’Università di Genova nelle prime due giornate di gare si può leggere in chiaroscuro, con cinque medaglie al­ l’attivo e qualche podio perso per un soffio. La più brava è risultata essere Pa­ trizia De Luigi, giovane judoka, che dopo due anni sui gradini più bassi del podio ha finalmente coronato il suo inseguimento ed ha conquistato la medaglia d’oro nella categoria ri­ servata ai ­48 chilogrammi, rinver­ dendotral’altrolarecentetradizione che vuole il judo femminile genovese universitario ai vertici nazionali. A completare il medagliere della specialità ci hanno pensato poi Rubi­ naFiorini,argentonellacategoriadei 52chilogrammi,elasquadramaschi­ le (Massimo Angilletta, Maximiliano Bozzo, Federico Cavanna, Stefano Ferrari,PaoloMartinieOmarTrove­

Patrizia De Luigi, primo oro cussino ai tricolori universitari

si) che si è guadagnata un prezioso bronzo, confermando così il risultato di un anno fa a Lignano Sabbiadoro. La quarta medaglia, un altro bronzo, è arrivato dalla vela, in cui l’equipag­ gio tutto femminile composto da Si­ mona Benelli, Giada Borsetto e Mati­

PALLAVOLO UISP

FBK PROFILE

lde Pitanti, tutte giovanissime ed esordienti alla rassegna tricolore universitaria, si è lasciato alle spalle ungrannumerodiimbarcazionicon­ dotte da equipaggi maschili. Le aspettative della vigilia erano forse più ottimistiche, sullo slancio

dei risultati delle ultime due edizioni deiCampionati,maunpo’disfortuna ha fatto sfumare le altre possibilità di medaglia. Le più deluse erano forse Barbara De Benedetti e Giada Delfi­ no che, nel beach volley, erano chia­ mate a confermarsi tra le migliori ma hanno perso la finale per il terzo po­ stocontroleferraresiPinieBulgarel­ li.Bruciaaltrettantoilquintopostodi Maximiliano Bozzo nei 66 chilo­ grammi del judo, e quelli dei fratelli Bommara, Claudio ed Enrico, rispet­ tivamente nei 60 e nei 65 chilogram­ mi del karate. In attesa che entrino in scena le squadredicalcio,pallacanestroepal­ lavolo femminile, sulla carta tutte con buone chances di piazzamenti interessanti, e quindi scherma ed at­ letica leggera che dovrebbero far ri­ salire il Cus Genova nel medagliere complessivo, ottime notizie arrivano da Milano dove si sono disputati i Campionati Nazionali Universitari di canoa. Nelle acque dell’Idroscalo, infatti,ilgenoveseAlbertoRagazzoni si è imposto sia sui 200 che sui 500 metri del K1, e quindi, insieme ai compagnidisquadraSilvanoScogna­ miglio, Massimo Senni ed Enrico Battistel ha saputo conquistatare l’oro anche nel K4 500 metri. © RIPRODUZIONE RISERVATA

CANOTTAGGIO

L’Elpis sale in vetta il Ramella a Vitriolo Bastita del Vernazzola vince nel sedile fisso GIUSEPPE D’AMICO

L’OGK vincitrice del titolo

UISP

Ogk modello Mou tutti i titoli sono suoi “Volleypertutti”, battuta l’Igo in finale OGK, DOPPIETTA sotto rete. Dopo il titolo di Campione provinciale Ui­ sp nell’Amatori Misto, l’Ogk del pre­ sidente­giocatore Paolo Marinacci salesulgradinopiùaltodelpodioan­ che nel campionato Volleypertutti. superando l’Igo Carige in una finale palpitante. UnOGKmodelloMouchefailpie­ nodititolinelvolleyamatoriale.Nel­ la finale non sono mancate davvero le emozioni al Paladiamante di Bol­ zaneto che ha ospitato la finalissima tra l’Igo Genova del dirigente Davide Signori e l’Ogk, guidato in cabina di regia, per l’occasione, dalla palleg­ giatrice Lucia Spallarossa.

Entrambe le formazioni si sono presentate al gran completo per una partita particolarmente sentita da tutti:imomentiditensioneagonisti­ ca e alcune contestazioni non hanno influito sulla (buona) direzione di gara.Allafinefestapertuttianchech havinto,ovviamente,“gode”...dipiù. Nelle semifinalil’Ogk aveva supera­ to il King 3­0, l’Igo il Cug Univolley2 per 3­0. Nella finalina per il 3°­4° po­ sto vittoria del King per 3­0 sul Cug Univolley2. Lo scudetto del Vol­ leyper tutti conclude la stagione in­ door , adesso tutti al mare: arriva il beach­volley. T. P.

CONTO ALLA ROVESCIA per la prima prova di Coppa del Mondo che siterràaBled,inSlovenia,dal27al30 maggio. Agli ordini dei tecnici Alfine, De Capua, Polti, Verdonkschot e Grizzetti, i ventiquattro equipaggi azzurri partiranno nelle prossime ore per Bled, dove da giovedì alle 18,30 inizieranno le batterie, con fi­ nali previste domenica tra le 10,45 e le 13,48. Ovviamente, gli occhi dei tifosi ge­ novesi saranno tutti puntati su Paolo Perino del Murcarolo che, insieme al compagno d’armo Domenico Mon­ trone delle Fiamme Gialle, è stato convocato in maglia azzurra da De Capua per il doppio senior maschile. Da Bled, verranno sicuramente indi­ cazioniimportantipertuttalanazio­ nale azzurra e per il bravo Perino del Murcarolo, ormai un protagonista fisso della maglia più ambita. In atte­ sa del primo appuntamento che con­ ta a livello mondiale, si sono svolti a Prà i Campionati Liguri allargati an­ cheaPiemonte,Toscana,Lombardia ed Emilia Romagna. Molti gli atleti in gara, ma è stato Umberto Vitriolo dell’Elpis Genova ad aggiudicarsi l’ambito Trofeo Ra­ mella, Vitriolo che si è imposto nel singolo senior. A festeggiare, anche il compagno di società Davide Mumo­ lo, primo nel singolo e nel doppio in­ sieme ad Edoardo Benzi. In definiti­ va,perilcanottaggionostranoèstata una domenica di festa al campo di re­ gata del Rowing Center di Prà, sem­

pre al centro, però, di una riqualifica­ zione che gli possa permettere di ospitare gare di più alto livello, come fu per i Mondiali Under 23. Due senza ragazzi Avolio e Le­ chiara (Sampierdarenesi), quattro di coppia ragazzi Gardini, Palma, Merita, Costa (Rowing), quattro senza junior Bozzo, Quattrone, Cuffari, Giunto (Rowing), singolo junior Gabba (Elpis), singolo esor­ dienti junior Frascio (Murcarolo), quattro di coppia junior Agosta, Gabbia, Barban, Poggio (Elpis), dop­ piojuniorfemminileTravieCosta­ dura (Elpis), singolo pesi leggeri Boccuni(Elpis),doppiopesileggeri LapeleFilippini(Murcarolo),singo­ lo pesi leggeri femminile Zacco (Murcarolo), due senza femminile Torresi e Travi (Elpis), singolo fem­ minile Bellio (Murcarolo), doppio femminile Zacco e Bellio (Murcaro­ lo), quattro di coppia senior Jova­ novic, Malerba, Perino, Sciutto (Murcarolo), due senza senior Ca­ poccieLimardo(SperanzaPrà),otto senior Costa, Valletti, Vettori, Co­ mo, Rocchi, D’Epifanio, Della Casa, Bozzo, timoniere D’Alessandro (Rowing), doppio senior Jovanovic e Perino (Murcarolo). In conclusio­ ne, le società genovesi si sono dimo­ strate, ancora una volta, all’altezza dei rivali, surclassandoli senza pro­ blemi. Dal canottaggio olimpico a quello a sedile fisso della Ficsf. Nelle gare disputate ad Eupilio, successo del promettente Erik Bastita del­ l’Urania Vernazzola nella categoria Esordienti.

Emiliano Brembilla in vasca nel Città di Rapallo

Carrara sogna l’Europa Pavone tris da farfalla Anche Brembilla e la Faccio in vasca a Rapallo PAOLA PROVENZALI

LIGURIA CAPITALE del nuoto ita­ liano col week end di gare di Rapallo e il “Trofeo Internazionale Città di Ra­ pallo”. Una due giorni di alto profilo organizzativoedirisultatiancheperi nuotatori liguri. E a portare a Rapallo inomiimportanticihapensatoIilco­ ach Angelo Angiollieri. Nella vasca da 50 metri si sono esibiti Emiliano Brembilla (vittoria nei 400 stile libe­ ro con 3’58”77), Loris Facci (primo nei 100 e 200 rana con 1’05”35 e 2’20”05) e Renata Fabiola Spagnolo a segno nei 100 stile libero (57”92). In vasca dagli Esordienti A agli Assoluti conquasi1000atleti(951,peruntota­ le di circa 2000 presenze gara) in rap­ presentanzadi43società. Nonostan­ telaconcomitanzadiimpegni(azzur­ riinSierraNevadaperuncollegialein altura,azzurrinidiprimafascia inAr­ gentinaperlaCoppaLatina)ilCittàdi Rapallo si candida comunque ad un posto d’onorenel calendario. . A fare la parte del leone sono stati i club piemontesi con Rari Nantes To­ rino prima con 612 punti (da tenere d’occhio la junior Beatrice Fassone prima nei 100 stile libero con 58”21 e nei 200 misti con 2’24”04). Secondo posto per il Centro Nuoto Torino di Noemi Parise con 439 punti. Settimo posto per il Rapallo Nuoto con 110,50 punti. Ottavo per il Multedo con 96 punti. Buoneleindividualitàliguri.Apar­ tire da Martina Carraro del Genova Nuoto, che non nasconde il sogno di potersi esibire ai Campionati Euro­ pei di Budapest in agosto. Per lei af­ fermazione nei 100 rana in 1’10”54 e terzopostonei50stilelibero(27”86). Sempre in casa Genova Nuoto secon­

dopostonei200stileliberojuniorper la campionessa d’Italia Giulia Pincio­ ne (2’06”55). Sara Bruzzo ama la va­ scalunga,dominai200farfallajunior (2’19”72) ed è seconda nei 100 (1’04”58). Si rivede anche Mattia Pe­ rassolo, primo nei 100 dorso 100 ra­ gazzi (1’02”90) e argento nei 200 (2’17”56). Medaglie per il Multedo 1930 . La parte del leone la fa la “solita” Giorgia Peschiera, classe 1999: prima nei 200 misti con uno strepitoso 2’36”37, se­ conda nei100rana(1’24”60)enei100 farfalla (1’10”71). Per la sorella mag­ giore Martina, che sta preparando gli Europei Juniores, argento nei 100 dorso con 1’06”26. Fra gli Assoluti in casa Multedo il leader è Francesco Pavone. Per lui tripletta di vittorie nei 200 farfalla, 100 farfalla. Roberto Gulandrisiaggiudicai100ranaragaz­ zi con 1’08”54. Bene anche i ruentini: il primatista italiano ragazzi dei 200 farfalla Davi­ de Carlier vince 50 stile, 100 , 200 far­ fallaedèsecondonei200misti dietro ilfuoriclassedell’IspraNuotoRiccar­ do Maestri (2’12”06 dopo aver siglato inbatteriailprimatodellamanifesta­ zione con 2’11”48), Alessio Facchini è argento fra gli assoluti nei 200 misti (2’09”79) e nei 400 misti (4’36”77). La sorella Giulia è bronzo nei 100 (1’04”60) e nei 200 farfalla (2’21”66). Fra i ragazzi ad Andrea Bendinelli so­ nofataligliultimi50metri.Fagaraal­ la pari con il toscano Tartaglia, ma non riesce ad essere incisivo nelle ul­ time bracciate, chiudendo al secondo postocon2’32”41.FraleEsordientiA la sturlina Mirea Calabria è prima nei 100 dorso (1’11”73) e seconda nei 200 misti (2’41”35). © RIPRODUZIONE RISERVATA

HOCKEY

Odhiambo, gol e salvezza Superba, under 14 di bronzo FINALMENTE aria di tranquillità nella sede del Superba Genova. Nella serie A 2 maschile, girone A, le solite prestazioni eccellenti di Barna­ bas Odhiambo, a segno implacabil­ mente nelle ultime partite, hanno consentito un pareggio con la Mon­ calvese, anche se i genovesi recrimi­ nano perchè avrebbero potuto otte­ nere il punteggio pieno. Assegnato da tempo il posto in serie A 1 alla Te­ vere Eur Roma, retrocesso il Cus Bre­ scia, insieme con la Rassemblement Piemonteis di Torino, il terz’ultimo posto, forca caudina per un ulteriore spareggio per non cadere in serie B, è stato scongiurato dalla Superba Ge­ nova, finita poi tranquillamente a centro classifica. L’ultima gara con il Novara dovrebbe assegnare altri tre punti alla formazione di Gigi Esposito

e la classifica chiuderebbe nella mi­ gliore maniera. Nella serie A2 femminile, pareggio fi­ nale della Superba Genova con il Riva (2­2) e quarto posto assicurato. Ri­ manevano le finali nazionali per la conquista dello scudetto maschile per la categoria Under 16 dove la fa­ vorita era la formazione del Potenza Picena. Tutto è stato buttato all’aria. Nel primo incontro i genovesi, grazie all’ottima vena di Muni hanno scon­ fitto il Bra per 1­0, accedendo alla se­ conda fase dove hanno trovato un ostacolo insuperabile nel San Vito Romano (0­2) che avrebbe poi gua­ dagnato titolo e scudettino tricolore. La Superba ha disputato la finalina per il terzo e quarto posto perdendo sul filo del rasoio con la Potenza Pice­ na (3­4).


IL SECOLO XIX

genova sport SPORT PARALIMPICI LA LIGURIA regione guida, con i suoi

Sport e disabilità la Liguria è olimpica Le scuole diventano strutture guida Oggi la presentazione dei dati sui progetti e sulle iniziative con i giovani protagonisti

centri di eccellenza, negli sport para­ limpici. E se i Global Games recente­ mente assegnati rappresentano un puntodiarrivo,oggiGenovasipropone per una interessante riflessione e ri­ cerca sull’integrazione tra disabilità e sport,conunapresenzafondamentale: quelladellescuole.Edeiragazzicheso­ nolostrumentomigliorediintegrazio­ ne e interazione tra disabili e “norma­ li”. L’iniziativa fa riferimento alle pro­ poste contenute nel Protocollo d’Inte­ sa sottoscritto dal Ministro della Pub­ blica Istruzione Maria Stella Gelmini e dal presidente del Comitato Italiani ParalimpicoLucaPancallicheèstatoil traghettaore della Federcalcio del do­ po calciopoli ridisegnando completa­ mente una vetusta giurisprudenza e struttura della giustizia sportiva calci­ stica.

Riuscendo a incidenre su alcuni fronti proprio perché uomo di sport a tutto tondo e non solo del calcio. Infatti a confermail ruolo e dell’im­ pegnoliguresulfronteparalimpicoog­ gi a Genova, l’Osservatorio, proposto dal Comitato Italiano Paralimpico Li­ guria, in collaborazione con la Regione LiguriaelaDirezioneScolasticaRegio­ nale, ha promosso una giornata di veri­ dica e di studio sui progetti paralimpi­ ci. L’obiettivo, spiegano i promotori «è valorizzare le capacità e le potenzialità degli studenti disabili e favorire la loro partecipazione alle attività sportive previstedallascuola,senzanessunadi­ scriminazione». Nel seminario odierno (ore 15, Sala Convegni di Confindustria in Via San Vincenzo 2», il CIP (comitato paralim­ pico) Liguria presenterà i primi risul­ tatidell’osservatorio.Conl’illustrazio­ ne dei progetti di Integrazione allo Dario Della Gatta presidente Cip

PRIMA CATEGORIA/LE FINALI PER LA PROMOZIONE

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

35

sport elaborati da alcune scuole liguri: Istituto Tecnico Commerciale V.Ema­ nueleII–Ruffin,LiceoClassicoD’Oria, IstitutodiIstruzioneSuperioreEinaudi – Casaregis – Galilei, Scuola Media D’OriaPascoli,IstitutoMagistraleSta­ tale G. Mazzini (La Spezia), Istituto Statale di Istruzione Seconda ria Supe­ riore Einaudi – Chiodo (La Spezia), I.P.S.A.A. D. Aicardi (Sanremo). Tra i relatori Massimo Sola, direttore Con­ findustria Genova, Gaetano Cuozzo, presidenteligureCIP, AnnaMariaDo­ minici direttore scolastico regionale, Claudio Gentili direttore Education Confindustria, Giulio Peirone psicolo­ go, docente ateneo di Genova, Massi­ mo Terrile direttore Agenzia Liguria Lavoro Sport, Giacomo Piombo Con­ sulta Regionale Handicap, Raimondo Lino direttore regionale Inail;Cinzia De Lucchi Consigliere Regionale Cip. F. M.

PODISMO/OLTRE 300 IN GARA

Praese e Borgoratti, il sogno rivoluzione fusioni per le altre I piani per Montoggio­Casellese, Ardita­Little Club, S. Fruttuoso­S.Michele ANDREA BOLDRINI

ITALO VALLEBELLA

PRAESE AD UN PASSO dalla meta. La semifinale secca play off di doma­ ni, in campo neutro, contro il Ceria­ lecisano può considerarsi a tutti gli effetti l’ultimo atto della volata pro­ mozione in termine di posti, ma sarà necessario vincerla. Un passo che si preannuncia più faticoso del previsto: «Loro sono molto ben organizzati, soprattutto indifesaconduecentralimoltoforti: dovremo studiare una soluzione per farli allargare», rivela Cazzola. Una semifinale che profuma di finale, perché vincendo il posto sarebbe ga­ rantito: «E’ la partita della certezza, poilafinalesarebbeunaquestionedi prestigioesportivitàperunavversa­ rio valido e corretto come l’Amicizia Lagaccio, che meriterebbe di avere unapossibilitàinpiùdagiocarsi:gio­ cheremo anche per loro», prosegue Cazzola. Una volata promozione che conta più dello sprint finale, perché Cazzola la sua finale l’ha vinta saba­ to: «Vincere i play off del girone è servito a dimostrare che ci saremmo potuti giocare tutto anche in cam­ pionato, se gli eventi ce lo avessero permesso: la nostra finale l’abbiamo già vinta». Ora si volta pagina, verso un tra­ guardo come quello dei play off co­ munque da non sottovalutare: «Dobbiamo vincere questa semifi­ nale per salire, anche se c’è chi dice che il posto è garantito lo stesso (per le fusioni e possibili rinunce, ndr), e la finale per dimostrare tutto il no­ stro valore: è più facile vincere il campionato dei play off». Quanto più sale la Praese tante possibilità in più avrebbe l’Amicizia Lagaccio, che sabato pomeriggio ha proposto anche uno spettacolo di pubblico pressoché esemplare. Quel pubblico che potrebbe avere la sua promozione se le voci sulle possibili fusioni della categoria trovassero fondamento come quella che sta per ultimarsi tra Montoggio e Casellese: «Siamo in embrione, ma la strada è buona: si giocherà, comunque, a Montoggio. Anche i sindaci Baffetti (Casella) e Raineri (Montoggio) stanno collaborando alla realizza­ zione di questo progetto sportivo» rivela il dg Armanino sponda Mon­ toggio. In tema di fusioni voci anche sull’asse Ardita Mora/Little Club, S.Michele/ N.S.Fruttuoso e Fi­ genpa/D’Appolonia,mentrepotreb­ bero trovare la loro personale Pro­ mozione due allenatori della catego­ ria come Pastine e Alfano: il primo potrebbe approdare alla Sammar­ gheritese, mentre il secondo ad una societàchegravitainValbisagno.Al­ fano, già corteggiato dalla Campese.

IL VOLO DEL BORGORATTI pro­ segue. Domani la squadra di Marco Re­ pettoaffronteràincamponeutro(ilRi­ boli di Lavagna) la Tarros. Se vincerà, tornerà in Promozione. Altrimenti si giocherà tutto contro la perdente del­ l’altro spareggio di Prima categoria tra Praese e Ceriale Cisano. Si ferma, inve­ ce, la corsa del San Michele. E quella di domenica potrebbe essere stata l’ulti­ ma partita della società che ha il pro­ prio quartier generale a Sant’Eusebio. Mancano le conferme ufficiali, ma la fusione con la Nuova San Fruttuoso è praticamente certa. La nuova squadra si chiamerà La Genovese e punterà probabilmente al salto di categoria. Marco Gallo non conferma e non smentisce.«Perme–dicel’allenatore– credo sia finito un ciclo che comunque è stato molto positivo. Ringrazio la di­ rigenza e tutti i ragazzi»>. Va da sé che le parole del mister riguardano il San Michele e che nulla vieta, dunque, che possa essere lui l’allenatore della nuo­ va società. Gioia e amarezza, invece, hanno ca­ ratterizzato l’ultimo atto dei playout. Alla fine l’hanno spuntata le due for­ mazionimenoaccreditate.GenoaClub CampomoroneeCellahannocostretto allaretrocessionePieveeCampeseche l’anno prossimo ripartiranno dalla Se­ conda da nobili decadute. «Sono dav­ vero deluso – dice a denti stretti il pre­ sidente del Pieve Pietro Poroli ­. Maga­ ricambieròidea,mainquestomomen­ to vorrei passare la mano. Anzi, se qualcuno volesse farsi avanti se ne può parlare». Amareggiato anche Marco Satta. «Ci abbiamo provato fino alla fi­ ne, ma la palla non ne voleva sapere di entrare – dice il tecnico della Campese subentrato a metà campionato ­. Per quello che riguarda la mia gestione posso essere soddisfatto. Ma a questo punto cosa conta?». Sorride Federico Zuffanti che an­ nuncia il suo addio alla Cella. «Quattro anni fantastici, ma è il momento di cambiare–dicel’allenatore­.Abbiamo compiuto una vera e propria impresa. Noi, squadra che rappresentiamo una strada, contro un paese. Era come Da­ vide contro Golia. Ma ce l’abbiamo fat­ ta«. Mauro Testore, invece, qualche me­ se fa si era rivelato buon profeta quan­ do aveva indicato alla squadra che l’unica via per la salvezza erano i playout. «Qualchemeritomeloprendo–dice ­. Ma i complimenti principali vanno alla squadra. Mi spiace per il Pieve che è una formazione che non merita la Se­ conda, ma questo è il calcio. E sono moltocontentodiaverdatounagioiaal presidente Giamba Parodi, una perso­ na splendida».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Galasso in rete con il D’Appolonia, uno dei gol della cavalcata vincente SPORTMEDIA

RIFONDAZIONI

Anpi, Sciutto al timone L’ex trainer ritorna al vertice da presidente PRENDE FORMA la nuova Anpi lanciare anche un certo rapporto Casassa, che dopo la “rivoluzione di sociale con il territorio», prosegue aprile” si ricompone attorno alla Sciutto. nuova presidenza affidata a Danilo Ricostruireunrapportoconilter­ Sciutto. L’ex tecnico d’inizio stagio­ ritorio, un passo molto importante ne,allontanatodallapanchinaame­ sul quale si vuole agire: «L’Anpi si tà campionato, si ripropone in ros­ fonda su uno statuto nazionale di sostellato con una nuova veste. «E’ socialità e cultura, pertanto voglia­ un ruolo molto stimolante ed impe­ morilanciareivalorieprincipisocio gnativo per me che sono della Valbi­ culturalicheleappartengono»,con­ sagno e vicino all’Anpi da sempre, clude il presidente. Toccherà ad che accolgo quindi con grande pia­ Aielloguidarel’Anpiversoilrilancio cere: inoltre avrò i miei del campo, sostenuto dal due bambini nelle giova­ ds Giordano che insieme nili e saranno un ulterio­ al al dg Costigliolo stanno re stimolo per fare bene», già lavorando alla costru­ commenta il neopresi­ zione della squadra, sulla dente Sciutto. base di alcune giovani ri­ Da ex allenatore a nuo­ conferme fino a tre o vo presidente, com’è il quattro pedine di qualità. salto? «Ho ricoperto di­ Organigramma – Pre­ verse mansioni e ora mi sidente Onorario: Casas­ getterò con la stessa pas­ Sciutto da mister sa; Presidente: Danilo sione anche in questo a presidente Anpi Sciutto; Vice Presidente: prestigioso incarico, che Rinaldi; D.G.: Costigliolo; è giunto sulla spinta degli amici e D.S. prima e Jr: Giordano; D.S. Gio­ proprio per questo risulta ancora vanile: Giovani; Team Manager: Ca­ più piacevole». vo; Segreteria: Caciagli, Catalani, Si ripartirà ancora dalla Seconda Garofoli; Marketing: Faggiani e Categoria,sulconsolidamentoeraf­ Monteforte; Tesoriere: Bixio; Revi­ forzamento del settore giovanile, sorideiConti:Manca,PicassoeTar­ cercando di originare una nuova ga; Probiviri: Carpi, Turbi e Venusti; spinta sociale. «Costruiremo una Commissione Discilpinare: Nicora squadracompetitivaperlaSeconda, e Lucchesi; Responsabile Sanitario: che ruoterà molto attorno ai nostri Ziferro;Massaggiatore:Soldati;Ma­ giovani: il settore costituirà le fon­ gazzino: Bordiga e Cevasco; Servizi damenta della Prima Squadra. Ope­ Vari: Mangiatordi e Seva; Allenato­ reremo per tenerlo vivo ed ampliar­ re prima squadra: Aiello. lo, tentando di espanderlo ai bambi­ ANDREA BOLDRINI ni delle leve dalla ‘02 alla ’05, per ri­ © RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’arrivo di Armando Sanna dopo il rush finale della Guardia

MATTEO_CESCHINA

L’ultimo spettacolare sforzo di Elena Riva

MATTEO_CESCHINA

Sanna e la Riva salgono per primi alla Guardia La Maratoneti genovesi prima tra le società VALENTINA MARTINI

Maratoneti Genovesi e arrivate ri­ spettivamente in 39’ 25’’ e 40’ 58’’). È SOLO LA TERZA EDIZIONE, ma or­ Nella classifica per categorie i vinci­ mai la “Salita della Guardia” sta rag­ tori sono stati: Silvano Repetto (un­ giungendo alti livelli di apprezza­ der 35 – Podistica Valpolcevera), mento tra gli appassionati di podi­ Vincenzo Agnello (35­39 ­ Città di smo. Sono stati infatti quasi trecento Genova), Andrea Boccardo (40­44 – gli atleti che hanno raggiunto il San­ Podistica Valpolcevera), Nino Ponte­ tuario partendo dalla Gaiazza, per un volpe (45­49 – Città di Genova), Giu­ percorso di circa 6,5 km. liano Agostino (50­54 – Il primo a tagliare il tra­ Delta Spedizioni), Ernesto guardo è stato Armando Calenda (55­59 ­ Cus Ge­ Sanna, del Gruppo Sporti­ nova), Pierluigi Bruzzo vo Sant’Olcese, che con i (60­64 – Podistica suoi 27’ 58’’ ha battuto an­ Valpolcevera) e Leopoldo che i vincitori delle passa­ Saltirana (65 e oltre – At­ te edizioni, stabilendo co­ letica Varazze). Tra le sì il nuovo record della ga­ donne: Marina Mattera ra. Dietro di lui sono arri­ (under 35), Francesca Pia­ vati Andrea Giorgianni no (35­39 – Maratoneti Rita Marchet ed (Delta Spedizioni – 28’ Genovesi), Cinzia Corna­ 36’’), Mauro Rossi (Città di Ernesto Calenda glia (40­49 – Cambiaso Genova – 29’ 25’’), poi Risso), Paola Passanisi Corrado Ramorino (Atletica Varazze (50­59 – Maratoneti Genovesi) e Dia­ – 29’ 44’’) e Massimo Pastorino (Città na Schenone (60 e oltre – Podistica di Genova – 29’ 49’). Peralto). Nella classifica per società Sul podio femminile invece è salita al primi assoluti i Maratoneti Genovesi, gradino più alto Elena Riva del grup­ con ben 45 atleti iscritti, seconda Cit­ po Città di Genova, arrivata al tra­ tà di Genova (28) e terza la società guardo in 35’ 53’’; al secondo porto organizzatrice Cambiaso Risso Run­ Clara Rivera (Atletica Cairo – 37’ 09’’) ning Team Ge (25). e al terzo Marta Bertamino (Cus Ge­ Si ricorda a tutti gli atleti che la clas­ nova – 37’ 25’’), seguite da Stefania sifica completa sul sito www.cam­ Zannon e Rita Marchet (entrambe dei biasorissorunning.it


,$*57'*4 %#554*)7* 0887

BASSO PIEMONTE 36

3/++!21

///'"-!%--$%-'%#

OGGI

DOMANI

min. 10 ° max. 21 °

min. 10 ° max. 25 °

&))*##-+%"*

-16&.!""!1 .*,%()$*

(&./

.*,%()$*

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

LA MAPPA DELLE LOCALITÀ BALNEABILI

Fa caldo? Ecco dove ci si può tuffare Lungo Erro e Orba una serie di piazzole ghiaiose dove prendere la tintarella. E da sabato piscine aperte GIOVANNA GALLIANO

l’accensione di fuochi. Per i patiti dei torrenti, da segnala­ re anche il Caramagna e il Visone. In particolare, rilassanti bagni di sole possono essere presi in locali­ tà Cappelletta dove lo spazio per stendere asciugamani e sdraio non manca di certo. Particolarmente nutrito il ven­ tagliodiproposteoffertodaicentri sportivi della zona dove piscine, campi da tennis, da beach volley e calcetti saponati inizieranno a funzionare a partire dal prossimo fine settimana. La piscina delle Terme in corso Bagni, che aprirà ufficialmente i battenti sabato prossimo è in grado di offrire una vasca idromassaggio, una vasca dotata di fondone profondo 5 me­ tri e trampolino oltre ad un’area attrezzata per i più piccoli. La piscina del Nuovo Gianduia in­ vece, anche quest’anno si confer­ ma luogo ideale per le famiglie. Ac­ canto alla vasca centrale, ne è stata costruita un’altra ad esclusivo uti­

ACQUI TERME. La voglia di tirare

un calcio ai libri, liberarsi dal lavo­ roetuffarsinellevacanzeèsempre più grande. La causa? Il caldo scoppiato, final­ mente, dopo settimane e settima­ ne di pioggia e freddo non proprio primaverili. Se è vero però che per l’agognato periodo di relax, per la maggior parte delle persone ci vuole ancora un po’ di tempo, è al­ trettanto vero che qualche assag­ gio di vacanza lo si può assaporare comodamente stando in città ap­ profittando di torrenti e piscine. Nell’acquese così come nell’ova­ dese, le possibilità non mancano di certo.L’Erroel’Orba,itorrentiper eccellenza quando si parla di bal­ neazione, il primo utilizzato anche per l’approvvigionamento idrico dalla città termale, offrono scorci ancoraincontaminatidovepotersi bagnare e prendere il sole. Fra le mete più ambite vi è senza dubbio tutta la zona di Arzello così come il Lido di Melazzo, fino a qualche an­ no fa attrezzato con sdraio e om­ brelloni e oggi, con la sua sponda ghiaiosa, ideale per giornate al­ l’aria aperta in assoluto relax come Olbicella nell’ovadese. Ad Arzello in particolare, le zone dove poter prendere il sole e fare un bagno sono almeno tre: due so­ noneipressidelpaeseeunasottoil ponte di ferro che se attraversato conduce sulla ex Statale 334 del Sassello. Qui l’acqua non è particolarmente profonda, comunque sufficiente per rinfrescarsi dopo essersi cro­ giolati al sole nelle piccole oasi ghiaiose e ricche di vegetazione. Proseguendo lungo l’ex statale per il Sassello, nei pressi di Cartosio e prima del bivio per Pareto e Robo­ aro, si possono incontrare nuove zone balneabili. Anche in questo caso non troppo profonde ma ric­ che di piazzole ghiaiose dove poter cucinarecarneallabraceetrascor­ rere momenti piacevoli in compa­ gnia degli amici, ovviamente, è be­ ne sottolinearlo, osservando quel­ le che sono le regole della buona educazione e soprattutto inerenti

Bagnanti sul greto dell’Orba la scorsa estate

lizzo dei bambini. Non manca un parco giochi per i più piccoli at­ trezzato con scivoli, altalene, tre­ nini e macchinine e un campo da beach volley, regno incontrastato degli adolescenti con la passione per questo sport. Gli sportivi invece potranno con­ tare sulle attrezzate piscine di Mombarone dove al relax si potrà associare una seduta di idrobike e acquagym e Regina in grado di of­ frire interessanti pacchetti per tutta l’estate. Nel panorama del­ l’intrattenimento vanno anche in­ serite le piscine di Trisobbio, una vera e propria oasi verde con addi­ rittura quattro piscine a disposi­ zione degli appassionati del tuffo, quella di Gavi, Stazzano, Lerma, Cartosio, Prasco. Piscine che, ad eccezione di quella di Stazzano che aprirà il 5 giugno, inaugureranno la stagione sabato. L’offerta, insomma, anche que­ st’anno non manca di sicuro anche per chi non vuole spostarsi troppo.

L’INIZIATIVA AD ACQUI TERME

Via i “totem” per turisti, arrivano le telecamere I collegamenti informatici saranno destinati a un nuovo progetto nel campo della sicurezza ACQUI TERME. «Sorveglianza high­

tech a costo zero, così la città aumen­ ta la propria sicurezza dando ascolto anche alle remore espresse dei con­ siglieri del Pd». Così si è espresso il vicesindaco e assessore alla sicurez­ za Enrico Bertero sulla recente pole­ mica sollevata dai membri acquesi del Partito Democratico. Gian Fran­ co Ferraris, Domenico Borgatta, Ezio Cavallero ed Emilia Garbarino avevano posto la questione relativa ai totem telematici in diverse zone di Acqui che avrebbero dovuto fornire informazioni turistiche ma che mai avevano assolto il loro compito: «Chiediamo al sindaco di togliere quelle colonnine prima che finisca il suo mandato», era stato detto dai

consiglieri d’opposizione, e da saba­ to i totem sono spariti. «Ma non ri­ marranno inutilizzati i collegamenti informaticicheeranostatipredispo­ sti – continua Bertero – al loro posto entrolafinedigiugnoverrannoposi­ zionatiinuoviportalidisicurezzain­ terattiva, ottenuti grazie ad un pro­ getto nazionale e coperti interamen­ te da un finanziamento ministeria­ le». Si tratta di totem multimediali che integrano sistemi tecnologici avanzati di videosorveglianza: pre­ sentano un sistema di videosorve­ glianza a 360º composto di 4 teleca­ mere, di cui 3 digitali con lenti per la registrazione delle immagini giorno enotte,possibilitàdiregistrarefinoa 30immaginidi3megapixelalsecon­ Il totem della discordia

do, una microtelecamera per visio­ nare gli eventuali interlocutori posi­ zionati davanti alla struttura; senza dimenticare i due pulsanti di avviso, uno rosso e uno blu, per mettersi im­ mediatamente in contatto con le for­ zedell’ordinepersegnalareeventua­ li emergenze. Saranno in totale otto lecolonninesparsesututtoilterrito­ rio comunale e di queste, tre saranno posizionate esattamente nello stes­ soluogooveprimastazionavanoito­ tem turistici oggetto dell’intervento dei consiglieri del Pd. La comandan­ te della Polizia municipale, Paola Cimmino, oltre al vicesindaco, già avevano dato notizia della conven­ zione approvata tra la Prefettura di AlessandriaeilComunedelprogetto

“Punto sicuro: tecnologia e parteci­ pazione per la sicurezza di tutti”. Va­ le a dire un piano di lavoro che, dopo la valutazione favorevole del mini­ stero dell’interno, aveva ottenuto un finanziamento di 168.000,00 euro. Importo che corrisponde esatta­ menteall’interocostodell’iniziativa. La comandante Cimmino e Antonio Oddone, responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, avevano indivi­ duato una soluzione soddisfacente per le esigenze cittadine. «Siamo or­ gogliosi di essere stati scelti per que­ st’iniziativa – ha concluso il vicesin­ daco – visto che in tutta Italia sono pochissime le altre città ad aver otte­ nuto quest’importante possibilità nel campo della sicurezza». S. D.

IL 3 GIUGNO LA PREMIAZIONE IN CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA

“La tua idea d’impresa”, partita la gara tra le scuole Undici i progetti per un totale di 91 studenti di quindici istituti della Provincia. Alla fine tre vincitori SILVANA FOSSATI

Attività che spa­ ziano tra diversi settori, dal turi­ smo ai servizi all’energia pulita, alla produzione e vendita di prodotti ti­ pici di alta qualità. Sono i progetti realizzati dagli studenti delle scuo­ le superiori per “La tua idea d’im­ presa”, la gara promossa da Confin­ dustria Alessandria con Fondazio­ ne Cassa di Risparmio di Alessan­ dria, Camera di Commercio e assessorato al Lavoro della Provin­ cia. Sono iniziate le votazioni on li­ ne, a fine mese si conosceranno i vincitori.L’iniziativa realizzata da Liberitutti sta suscitando grande interesse. Il primo giorno della messa in rete, la piattaforma web è risultata tra i 100 canali in italiano piùvistisuYou,conunsuccessode­ stinato ad aumentare nell’ultima ALESSANDRIA.

settimana delle votazioni. Undici i progetti caricati sul sito, per un to­ tale di 91 studenti di quindici classi di otto istituti. Per Acqui Terme, partecipano 22 studenti della 3 A del “Torre” con “Le village auber­ ge” per la realizzazione di un “al­ bergodiffuso”nellaPisterna,ilcuo­ re storco della città, con camere e servizidislocatiinedificidiversinel raggio di 200 metri; dieci alunni della 4a e 5a A della stessa scuola hanno sviluppato “Italy consul­ ting”, servizi e consulenza alle pic­ cole e medie imprese in fase di svi­ luppo industriale; la 4a B del Vinci (22 alunni) è in gara con “Acqui­ inbocca”, produzione di gastrono­ mia tipica dolce e salata in mono­ porzioni a lunga conservazione per dispencer sia in versione “fresca” da prenotazione e consumare a do­ micilio.Per Novi Ligure, 2 studenti

della 5a D del “Ciampini” presenta­ no “Improve”, che offre un’ampia gamma di servizi in ambito didatti­ co; 10 ragazzi di 3a A, 4a A e 4a B del “Boccardo”, “Antichi sapori de No­ vese”, con un’azienda produttrice e venditrice di prodotti tipici di alta qualità (nelle tre modalità di punto vendita, negozio ambulante e com­ mercioelettronico).Trealunnidel­ la 4a A del “Barletti” di Ovada pun­ tano sulla creazione di “un sito web per una radio personalizzata”; in cinquedel“Volta”diAlessandriasu “L’impresa del sapere”, uno studio per gestire in modo alternativo le strutture e risorse scolastiche del­ l’istituto per una didattica modula­ ta sulle esigenze dei singoli; due compagni della 5a Aeronautica su “New Riplast” per la commercializ­ zazione di prodotti ottenuti dal ri­ ciclo del materiale plastico prove­

niente dalla raccolta differenziata. Gli altri progetti in gara sono della 4a A del “Lanza” di Casale (Impian­ ti termici, incentrato sull’energia pulita dal recupero di legno margi­ nale), della 4a C del ”Sobrero” (Pro­ duzione di biodiesel e glicerina da oli alimentari esausti), 4a A e 5a A del Noè di Valenza (Young Jewels Coop, prima cooperativa artigiana orafa di produzione lavoro). I pro­ getti sono votati dagli imprenditori con un punteggio da 1 a 5, la classifi­ ca si aggiorna in tempo reale. Il 3 giugno, nella sede di Confindustria Alessandria, la premiazione dei tre vincitori. Gli studenti possono in­ vece esprimersi sui 9 video della se­ zione“Cheimpresa!”incuiiragazzi raccontano qualcosa di cui sono particolarmente orgogliosi. Le vo­ tazioni proseguiranno per tutta l’estate.

In lizza anche un progetto riguardante i prodotti tipici novesi


basso piemonte TORNA IL PROGETTO COFINANZIATO DALLA REGIONE

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

37

L’INCIDENTE TRA OVADA E MOLARE

Partita in 29 Comuni la “guerra” alle zanzare Si attende una proliferazione della “Aedes”, fastidiosa come la “Tigre” DANIELA TERRAGNI

PREDOSA. L’agricoltura è in ritar­

do ma le zanzare sono già arrivate. I tecnici del Laboratorio ricerche ambientali sono al lavoro in 29 co­ muni alessandrini per contrastare lagrandeinvasione,chequest’anno sitemedipiùsuipratichesullerisa­ ie.«Acausadelclimafrescoeumido le risaie, tra cui quelle di Predosa, non sono ancora state seminate, né irrigate», spiegano gli agricoltori durante l’aratura e la preparazione dei terreni. «In compenso ­ fa il punto il referente del progetto Asgar Talbalaghi ­ l’abbondanza di piogge ha fatto crescere in fretta il foraggiosuipratistabilidiCapriata, Basaluzzo, Fresonara, Bosco Ma­ rengo e Frugarolo, che dopo il pri­ mo taglio verranno allagati, scate­ nando tra pochi giorni un’eccezio­ nale proliferazione della zanzara Aedes Vexan». E’ meno veloce della Aedes Caspyus, la zanzara delle ri­ saie, ma fastidiosa come la zanzara Tigre. Il gruppo, formato dall’ento­ mologo responsabile del progetto Torna anche quest’anno il progetto per la lotta alle zanzare di lotta biologica avviato dal Con­ sorzio vent’anni fa a Basaluzzo e da 9 biologi con sede presso l’universi­ VALLEMME tà di Alessandria e base operativa in tutti i focolai a rischio della Provin­ “APPENNINO ALERAMICO­OBERTENGO” cia, dalle colture a rischio fino ai corsi d’acqua e alle acque reflue, LA COMUNITÀ MONTANA ORA HA UN NOME spera nel caldo asciutto e confida nella collaborazione dei comuni. VALLEMME. A distanza di oltre tre mentre quella amministrativa va a «I comuni non hanno soldi – mesi il nuovo ente montano nato Bosio, che andrà a coprire la zona spiega Talbalaghi – e malgrado al­ dalla fusione delle comunità mon­ della vallemme. «Così viene rico­ cune modifiche, entra Pozzolo e ri­ tane Suol d'Aleramo (valli Orba, nosciuta l'importanza anche del nuncia Tortona, sono sempre 29 e Erro e Bormida) e Alta Valemme nostro territorio», è il commento confermato l’impegno insieme alla alto Ovadese ha uno statuto e un del sindaco di Bosio, Marco Ratti, Regione, che finanzia il 50% della nuovo nome. La scorsa settimana a alla conferma che resta sul proprio spesa totale, quasi 50 mila euro. Ponzone si è svolta, infatti, la se­ territorio una delle sedi della co­ Speriamo nel contributo della Pro­ conda seduta della comunità mon­ munità montana. L'approvazione vincia». tana, che prenderà il nome di “Ap­ dello statuto permette all'ente di «Purchè il progetto continui ­ di­ pennino Aleramico­Obertengo”, entrare in funzione a pieno regime. ce dopo l’incontro di avvio il sinda­ facendo un richiamo esplicito alla Il primo nodo che giunta e consi­ co Giancarlo Sardi di Predosa, uno storia delle antiche marche medio­ glio si troveranno ad affrontare sa­ dei paesi fondatori ­ nel nostro caso evali. L'ente avrà due sedi operati­ rà quello del bilancio, che dovrà lacifradovrebbeesseredi 5o6mila ve: quella legale resta a Ponzone, essere approvato entro il 30 giu­ euro, ma non abbiamo ancora rice­ che coprirà l'area dell'acquese, gno. vuto il conteggio aggiornato, che ri­

partisce la quota di spesa per fattori di rischio e numero di abitanti. E’ un impegno significativo ma i risul­ tati sono evidenti se la popolazione collabora». Non si torna indietro. «Dove si interrompe la prevenzio­ ne ­ spiega Talbalaghi ­ bisogna ri­ prendere da zero a svantaggio an­ che dei comuni circostanti, dispia­ ce doppiamente per Tortona che aveva iniziato per prima la lotta alla zanzara tigre». «L’aspetto positivo ­ dice Talba­ laghi­èchel’accordo,capofilaAles­ sandriaconRegioneeAmiu,daoggi è triennale e permette di ottimizza­ re tempi e costi degli interventi». In questo senso tecnici e sindaci han­ no chiesto un dialogo interattivo con l’Ipla, l’istituto regionale che gestisce le risaie anche nei comuni del consorzio, per la prima volta 30 ettari anche ad Alessnadria.

IL RICONOSCIMENTO A NOVI LIGURE

LA DENUNCIA A NOVI LIGURE

Censimento dei civici, da Roma arriva un premio per il Comune

«Precari da 14 anni la giunta ora intervenga»

Il piano di informatizzazione ha riguardato oltre seimila edifici

Porta: così si creano disagi e false aspettative

NOVI LIGURE. Il Comune di Novi

NOVI LIGURE. AnchenelComunedi

Ligure ha ricevuto un riconosci­ mento per i risultati raggiunti dal progetto di miglioramento gestio­ nale “Informatizzazione del rilie­ vodeicivicidituttigliimmobilidel territorio comunale”, nell’ambito dell’iniziativa “Premiamo i risul­ tati”, promossa dal ministero della Pubblica Amministrazione e del­ l’Innovazione. L’attestato è stato conferito alla referente del proget­ to, Barbara Gramolotti, funziona­ rio del Settore Urbanistica ­ Uffi­ cio S.I.T. (Sistema Informativo Territoriale) durante la premia­ zionesvoltasiaRoma,inoccasione del Forum PA 2010 alla presenza del ministro Renato Brunetta. Con il progetto è stata realizzata l’informatizzazione dei civici di tutto il territorio comunale (circa 6.000 edifici). In questo modo è possibile individuare con un sem­ plice “click” l’immobile desidera­ to,riuscendo,inmanieraspedita,a consultarelatipologia,lostatodel­ l’edificio, la toponomastica, i dati catastali(foglioemappale),l’altez­ za di sottogronda, l’immagine fo­

Premio per il censimento edilizio

tografica dell’immobile e del suo civico e di verificare agevolmente le pratiche edilizie collegate allo stesso. Questa catalogazione favo­ risce la necessaria sinergia fra i di­ versi uffici presenti nell’ammini­ strazionelocale. Ilprogetto,attua­ to nel 2009, avrà come ricaduta la possibilità per tutti gli attori coin­ volti e interessati ai dati urbanisti­

ci ed edilizi di ottenere un accesso semplice ed efficace agli stessi. Ad oggi, l’ufficio S.I.T. è impegnato nella predisposizione della con­ sultazione interattiva via web del­ la banca dati unificata, che verrà presentatanell’ambitodiunagior­ nata di studio, rivolta ai fruitori del servizio,chesiterràaNoviLigurea fine giugno. Il concorso “Premiamo i risulta­ ti” ha impegnato, nel periodo gen­ naio 2009­dicembre 2010, le am­ ministrazioni partecipanti alla re­ alizzazione di piani di migliora­ mento gestionale in quattro ambiti:miglioramentodelservizio erogato e della soddisfazione dei relativi clienti; miglioramento nelle pratiche di gestione e nella soddisfazionedellerisorseumane; ampliamento delle relazioni con gli stakeholders esterni nella pro­ gettazione e/o valutazione dei ser­ vizi e delle politiche; riduzione dei costi di funzionamento. Nelle 725 domande di candidatura pervenu­ te, sono state 295 le amministra­ zioni premiate. M. P.

Un’immagine del tragico schianto

Schianto in moto seconda vittima Morto anche il giovane che guidava OVADA. Due giovani nel pieno del­

Novi ci sono dei lavoratori “precari” . A denunciarlo è Maria Rosa Porta, presidente del consiglio comunale, attraverso una mozione che sarà di­ scussa in commissione consiliare la prossima settimana. «Purtroppo da una indagine che ho sviluppato al­ l’interno della pianta organica ­ dice Porta ­ sono venuta a conoscenza di situazioni di precariato a palazzo Pallavicini». Non si tratta del preca­ riato che si trova nelle imprese ma «comunque di situazioni ­ continua Porta­ non stabili all’interno del Co­ mune. Ci sono impiegati che da 14 anni continuano a lavorare nell’am­ ministrazione con contratti di diver­ so tipo che vengono rinnovati di vol­ ta in volta». Secondo Maria Rosa Porta questa situazione crea disagio negli impiegati e false aspettative. «E’ necessario ­ sottolinea ancora il presidente del consiglio comunale ­ che l’amministrazione prenda prov­ vedimentiinmeritoechesiimpegni, in futuro, a non creare situazioni di tal genere. La serenità lavorativa è importante per chiunque. Quattor­ dici anni di insicurezza lavorativa

la vita, fidanzati, innamorati, desi­ derosi di una vita comune. Uniti in­ vece da un tragico destino: la morte nel tardo pomeriggio di domenica mentre su una grossa motocicletta Kavasaki transitavano lungo una strada di periferia, l'ex statale 456, tra Ovada e Molare. SerenaPiccardo21anni,laragaz­ za di Tagliolo Monferrato, diplo­ mata ragioniera in attesa di prima occupazione, abitava in una villetta di via Ovada con il padre, Gian Lui­ gi, operaio metalmeccanico presso la Bovone, la mamma Antonella Nervi, postina del paese, il fratello Simone, 23 anni, commesso presso il supermercato Bennet di Alessan­ dria. Il fidanzato, Diego Boaretto, 26 anni, abitava invece a Genova Pegli, in via della Maona 1/A. Do­ menica i due giovani, si è appreso, avevano trascorso gran parte della giornata presso la festa gastrono­ mica "Primavera sul monte Col­ ma", organizzata dal Circolo Cultu­ rale Ricreativo Tagliolese. A pome­ riggio ormai inoltrato avevano de­ ciso di raggiungere qualche altra localitàperconcluderelabellagior­ natadifesta.Ildestinohainvecede­ ciso di fermarli contro la Fiat "Pan­ da"sullaqualeviaggiavanodueper­

minaanchepsicologicamenteleper­ sone». La maggioranza è pronta a non ri­ gettare la mozione del gruppo consi­ liare“PerNoviMariaRosaPortasin­ daco” ma vuole esaminarla con at­ tenzione per porre eventuali modifi­ che al documento presentato dal presidente del consiglio comunale. «E’ bene sottolineare ­ precisa l’as­ sessore al personale Germano Ma­ rubbi ­ che il posto in Comune, per una legge nazionale, si trova solo ed esclusivamente dopo aver superato un concorso pubblico. Solo in questo modo l’ente può assumere e dare un’opportunità di lavoro continuati­ vaneltempoallepersone».Aggiunge Marubbi: «Come è noto il Comune propone anche cantieri di lavoro per brevi periodi, la partecipazione a tali cantieri non dà diritto a un posto fis­ so ma è solo un mezzo per avvicinare inovesiadun’attivitàlavorativa,per­ ché facciano esperienza. Inoltre tali cantieri non producono del “punteg­ gio” per poter accedere a mansioni all’internodella“macchinacomuna­ le». M. P.

sone già d'età, quasi davanti alla pizzeriaGirasole.Unoschiantoter­ ribile (la ragazza è stata proiettata dieci metri più avanti, prima di im­ pattare praticamente senza vita sull'asfalto). Per Boaretto la gara dei soccorritori del 118 per salvargli la vita, il rapido volo dell'elisoccor­ so verso l'Ospedale di Alessandria. Tutto inutile: Più o meno a metà se­ rata anche il giovane cessava di vi­ vere. I carabinieri di Ovada stanno ancora ricostruendo le fasi e le re­ sponsabilità dell'incidente, anche cercando testimonianze che possa­ no ulteriormente chiarire come si sono svolti i fatti. Mentre si attende di conoscere la data esequie è il mo­ mento del lutto che ha colpito tutto l'ovadese e, in particolare, a Taglio­ lo e Costa d'Ovada paese d'orgine della mamma di Serena. I funerali della ragazza avrebbero dovuto svolgersi oggi pomeriggio. Invece è statodecisodiattendereilvialibera anche per la salma di Diego Boaret­ to.Poiifuneralisisvolgerannocon­ temporaneamente nella parroc­ chia di N.S.Assunta ad Ovada . Quindi Serena Piccardo verrà se­ polta nel piccolo cimitero di Costa d'Ovada, Boaretto in quello di Se­ stri Ponente. B. MATT.

Documento1x2

7-11-2007

17:30

Publirama S.p.A

.

P.zza Piccapietra 21 - 16121 Genova tel. 010 53641 - fax 010 543197

concessionaria per la pubblicità locale

Milanofiori Strada 3, Palazzo B/10 - 20090 Assago Tel. 02 57577275 - 02 575771; fax 02 57577222

concessionaria per la pubblicità nazionale

Pagi


38

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

basso piemonte

AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

NOVI LIGURE

Un centro per la chirurgia robotica

Aggrediscono carabinieri due arrestati

La nuova struttura formerà èquipe per gli ospedali, soprattutto nel campo oncologico SILVANA FOSSATI

L’azienda ospe­ daliera diventa centro sperimen­ tale di chirurgia robotica, autoriz­ zato dalla regione e dall’Aress, per studi scientifici mirati a confron­ tare i risultati della nuova tecnica soprattutto nella cura di malattie oncologiche e la formazione di èquipe interne e di altri ospedali del territorio. «Una scommessa vincente», così è statodefinital’iniziativapresenta­ ta ieri al “Santi Antonio e Biagio” con l’inaugurazione del Centro e l’intitolazione del blocco operato­ rio a Gianfranco Pittatore, il presi­ dente della Fondazione Cr Ales­ sandria scomparso lo scorso anno. Otto gli interventi già eseguiti con il nuovo robot da Giuseppe Spino­ glio, direttore del dipartimento chirurgico. E’ così ripresa un’atti­ vità svolta tra il 2005 e il 2007, poi sospesa. Il “daVinci” rappresenta la più avanzata tecnologia robotica in chirurgia. Si tratta di un sistema di movimento costituito da quattro bracci applicati alla laparoscopia, chelavoraconimmaginitridimen­ sionali in alta definizione e con strumenti che riducono di un quinto il movimento della mano del chirurgo. Da sottolineare l’importanza della rotazione di 360 gradi, a fronte dei 180 del polso umano, in tutte le di­ rezioni con frizioni che fermano il movimento per poi riprenderlo. Il sistema daVinci è comandato da una consolle alla quale lavora il chirurgo. Il progetto si realizzerà nell’arco dei prossimi tre anni con una spesa di circa 6 milioni di euro, di cui due e mezzo per l’acquisto della tecnologia robotica. Deter­ minanti i contributi delle Fonda­ zioni Cr Alessandria e Cassa di ri­ sparmio di Torino, il cui consiglie­ re Agostino Gatti è stato uno dei “motori” del progetto. ALESSANDRIA.

«Il Centro sperimentale che nasce per la cura avanzata delle malattie oncologiche ­ ha detto Pier Angelo Taverna ­ punta a fornire una for­ mazione assolutamente qualifica­ ta e di eccellenza ai chirurghi indi­ viduati dall’azienda ospedaliera e dall’Asl. La realizzazione rappre­ senta un’altra opportunità per il territorio dopo il recente avvio a pieno regime del centro riabilitati­ vo Borsalino. Un ulteriore impor­ tante tassello che si aggiunge alla già elevata qualificazione sanitaria dell’Alessandrino e un altro con­ creto risultato ottenuto grazie alla sinergia tra enti pubblici e fonda­ zioni bancarie». Per il direttore generale dell’Aso, Nicola Giorgione «i dati che emer­ gono dall’attività di chirurgia ro­ L’ospedale Santi Antonio e Biagio ad Alessandria

boticasonoassolutamenteconfer­ mati nei vari congressi internazio­ nali e nelle pubblicazioni sulla stampa di settore, a dimostrazione dellacostantediffusioneedellava­ lidità scientifica della metodica e dell’attrezzatura». La proposta dell’azienda ospeda­ liera,haaggiuntoGiorgione,«siin­ tegra con quella regionale per svi­ luppare progetti di ricerca qualita­ tiva multicentrica, con il coinvol­ gimento e la collaborazione di altri centri, regionali e italiani, dotati di questa tecnologia». Un progetto subito condiviso e che vede la collaborazione dell’Asl Al «per fornire ai cittadini la miglior sanità possibile», ha sottolineato il direttore generale Gianpaolo Za­ netta.

NOVI LIGURE. I Carabinieri di Novi hanno arrestato con l’accusa di danneggiamento aggravato, vio­ lenza, minaccia e resistenza a pub­ blico ufficiale due cittadini ecuado­ riani. Si tratta di Darwin Enrique Guiracocha Campuzano, 29 anni, e Luis Carlos Lara Cabos, 35 anni, en­ trambi residenti in città. L’altro giorno le forze dell’ordine sono in­ tervenute in un condominio, su ri­ chiesta di alcuni inquilini dal mo­ mento che da un appartamento del­ lo stabile continuavano a sentire schiamazzi e musica ad alto volu­ me. Una volta arrivati sul posto i ca­ rabinieri venivano aggrediti con calci e testate dai due ecuadoriani che, in evidente stato di ebbrezza alcolica, opponevano resistenza al controllo ed al successivo arresto.

FARMACIE E SERVIZI DAI LIONS DI OVADA

Un premio a “Tata”, indiscusso re dei clown italiani Riconoscimenti anche agli studenti che hanno vinto il concorso “Un poster per la pace” Italia ma anche Belgio, Francia, Germania, Olanda e altra parti di Europa per far ridere la gente, in particolare i bambini. Per "Tata",ilnomed'artesceltodaGio­ vanni Tafone, 69 anni, ovadese doc, di professione clown (il tra­ guardo artistico del mezzo secolo lo ha già tagliato da un pezzo), c'è ora in programma ancora una tournee negli States. Riuscirà an­ che a raggiungere questo traguar­ do per completare una carriera di successi. E' ritornato nella città d'origine questa volta per ricevere un significativo premio dedicato alla sua storia, alla sua professione, al suo successo internazionale. Nei locali dell'Enoteca regionale ha ri­ cevuto, dalle mani del presidente del Lions ovadese Alessandro Bru­ no, il premio "Rinaldo Carosio" de­ Giovanni Tafone, “Tata” OVADA.

dicato a personaggi che si sono af­ fermati nelle arti e nelle professio­ ni, dando prestigio al nome di Ova­ da. «Ho ricevuto molti premi prestigiosi ­ ha scherzato Tata per nascondere la commozione ­ ma è ilprimoriconoscimentochericevo nella mia città. Per tale motivo è molto più gradito». Tata attual­ mente vive prevalentemente a Ro­ ma, ma è spesso in giro per l'Italia dove viene chiamato a proporre la sua comicità genuina, la sua verve comica in ambienti e situazioni molto diverse: dal teatro alla scuo­ la, dall'intrattenimento pubblico alla grande festa di piazza. Il "Re dei clown", non ha limiti e neppure pensieri a dovere, se occorre, im­ provvisare, sempre strappando ri­ sateescrosciantiapplausi.«Nonso bene da cosa nasca la mia facilità di

farridere­sottolineaTata­mafor­ se nel mio dna si nascondono geni risalenti a miei antenati che erano maestri nell'intrattenimento. Non a caso i miei cinque figli, pur con aspetti diversi, sono impegnati nel campo artistico». Nell'occasione il Lions ha inoltre premiato tre alun­ ni delle scuole dell'ovadese per aver vinto al concorso internazio­ nale Lions "Un poster per la pace". I tre lavori prescelti per giustifica­ zione, originalità dell'idea e com­ pletezza dell'espressione sono sta­ ti quelli dei seguenti studenti: Marco Marostica (Istituto com­ prensivo Molare), Alessandro Marcatulli (Istituto scolastico Ma­ dri Pie Ovada), Irene Ferrari (scuola media statale Pertini Ova­ da). B. MATT.

Alessandria: Scevola piazza della Libertà 20 ­ Tel. 0131­254.272 Tortona: Zerba via Emilia 220 ­ Tel. 0131­861.939.. Acqui Ter­ me: Caponnetto corso Bagni 65 ­ Tel. 0144­322.556. Ovada: Gardelli corso Sa­ racco 303 ­ Tel. 0143­802.24. Novi Ligu­ re: Dell’Ospedale viale Saffi 50 ­ Tel. 0143­ 2994. OSPEDALI Novi L.: San Giacomo centr.: 0143­332.111 ­ Acqui Terme: centr.: 0144­7771 ­ Ales­ sandria Osp. civile Santi Antonio e Biagio e ospedale infantile Cesare Arrigo: centr.: 0131­206.111. GUARDIA MEDICA Servizio in funzione dalle ore 20 alle ore 8 nei giorni feriali; dalle ore 8 del giorno prefestivo alle 8 del giorno successivo al festivo.Asl 22: Novi L. Tel. 0143­332.111. Acqui Terme: Tel. 0144­311.440. Ovada:Tel. 0143­817.77. PUBBLICHE ASSISTENZE Novi L. Croce Rossa, tel. 0143­2020. Ac­ qui Terme: Caponnetto corso Bagni 65 ­ Tel. 0144­322.556 Croce Rossa, tel. 0144­ 322.300. Ovada: Croce Verde, tel. 0143­ 80.420. Tortona: Croce Rossa, tel. 0131­ 861.814. TAXI Novi L.: piazza della Stazione, tel. 0143­ 75.252 ­ Acqui Terme: piazzale della Sta­ zione, tel. 0144­322.040; piazza Italia, tel. 0144­323.280 ­ Ovada: Agenzia Mandiro­ la, via Torino 111, tel. 0143­86547; Baralla Marino, località San Giacomo 67, tel. 0143­876.077.


basso piemonte sport IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

ECCELLENZA PLAY OFF

TAMBURELLO

Novese, la partita del cuore Buon pari a Castiglione. Fasce: «Al ritorno sfruttare le loro sbavature in difesa» ROMANO PASQUALE

LANOVESEpareggiaperunoauno nel secondo round dei play off a Ca­ stiglionecontrolaformazioneloca­ le e attende domenica prossima la gara di ritorno al Girardengo con l'obbiettivodipassareilturnoecosì affrontare la vincitrice di Santhià­ Fersina,terminatatreadueperito­ rinesi con ritorno in terra trentina. I biancocelesti hanno disputato la gara del cuore contro la formazione mantovana, molto esperta, con gio­ catori che hanno militato nelle ca­ tegorie superiori come l'ex juventi­ no Sciannimanico e le punte Lucia­ ni e Iorio. «E' stata una partita diffi­ cile – dice il tecnico Fasce – in cui noi non siamo partiti bene. Nella prima parte della gara l'arbitro do­ veva espellere un loro giocatore per un fallo di reazione su Bariani. Poi ha cacciato il nostro Compagnone, loro hanno segnato subito il gol, ma noicisiamoripresieabbiamomeri­ tatoilpareggiosuuncalciodirigore che c'era tutto». Fasce riconosce i meriti degli avversari e ritiene che la gara di ritorno di domenica pros­ sima presenti difficoltà anche se i biancocelesti hanno dalla loro il ri­ sultatodiparitàperzeroazeroeov­ viamente la vittoria. «Le possibilità dipassareilturnosonoalcinquanta per cento ­ dice il tecnico ­ noi dob­ biamo giocare la nostra partita e nonattenderegliavversarianchese lo zero a zero ci qualificherebbe. Non è nella nostra mentalità una gara attendista per cui se faremo la nostra partita abbiamo più possibi­ litàdipassareilturno».NellaNove­ se non giocherà Compagnone, squalificato, nei mantovani il cen­ trale Ferretti, espulso domenica

scorsa, ma rientrerà il centrocam­ pista Mazzini, un giocatore di gran­ de esperienza. «Loro hanno molti giocatori anziani – dice Fasce – e un centrocampo e un attacco molto forte, in difesa hanno presentato qualche sbavatura e proprio in que­ sto reparto dovranno fare breccia i nostri Crosetti, Pellegrini e Di Gen­ naro. Ma, ripeto, non dobbiamo di­ fenderci, non ne siamo capaci, dob­ biamo fare le nostra partita sfrut­ tando le nostre qualità offensive». La Novese riprende questo pome­ riggio gli allenamenti sul terreno di gioco dell'Ilva: ancora fuori per in­ fortunio il portiere Binello, sostitu­ ito in questi due mesi dal giovane Torre, che anche domenica scorsa a Castiglione ha disputato una buona

Giovanni Fasce, tecnico della Novese

partita. Nel collettivo biancocele­ ste si sentirà l'assenza del play maker, l'ex sampdoriano Compa­ gnone, il metronomo del centro­ campo? « Certo è un'assenza im­ portante–diceFasce–manelcorso del torneo la Novese ha disputato ottime partite e ha vinto anche sen­ za di lui. La nostra forza sta nel col­ lettivo in cui tutti debbono fare la loro parte e aiutare i compagni in difficoltà nelle varie zone del cam­ po». I dirigenti sperano che dome­ nica prossima al Girardengo ci sia il tutto esaurito con il pieno di tifosi che sostengano la squadra del cuo­ re. «Lo spero proprio – dice il diri­ gente Lino Gaffeo – perchè la no­ stra squadra merita tutto il soste­ gno dei nostri tifosi»

CALCIO GIOVANILE

Il “Bailo” alla Valenzana, il “Gemme” all’Audax Orione Questa sera parte il “Pernigotti”, al Castellazzo il torneo per ricordare Stefano Canepa ENZO PRATO

CALCIO giovanile sempre alla ribal­ ta. Alla Novese chiusura del «Bailo» riservato alla fascia B dei Giovanissi­ mi con la vittoria della Valenzana sulla Novese per 3­2, mentre per il terzo posto affermazione dell'Ales­ sandria su La Sorgente per 3­1. Pre­ miatiilcapocannonieredellaNovese Giordano, Matteo Cominato della Valenzana quale miglior giocatore, il portiereSimoneCanegallodell'Ales­ sandria e il “giocatore più” Vittorio CebovdelaSorgente.Spazioancheai

39

più piccoli per il Memorial “Luigi Gemme” con la presenza di oltre cento giovani. Nella categoria 2003/2004affermazionedell'Audax Orione sulla Novese, mentre nei 2002 finale tutta in famiglia tra due squadre biancocelesti. Intanto que­ sta sera prende il via la xxiv edizione del Memorial “Paolo e Lorenzo Per­ nigotti”, due partite per sera, la pri­ ma alle 20.30 riservata agli Esor­ dienti e la seconda alle 21.50 con i Giovanissimi. E' in pieno svolgimen­ toaPozzoloFormigaroil“19°Trofeo delle Regioni” . Quattro le categorie

giovanili interessate: i Giovanissimi nel « 4° Memorial Ferruccio Serain» in campo con Dehon, Pozzolese, Va­ lenzana, Castelnovese, Novese, Ri­ varolese; gli Allievi con «2° Memo­ rial Luciano Mangiarotti» vedono al presenza di Asca, Carrosio, Pozzole­ se, Don Bosco, Libarna e Nord Vo­ ghera; la Juniores con il «2° Memo­ rial Domenico Macrì» presenta Co­ mollo, Gropello, Serra Riccò, Gavie­ se, Dehon, Pozzolese; i Pulcini con il «3° Memorial Giancarlo Guglielmi­ ni» in programma il 6 giugno. Serata di emozioni al «Geirino» di Ovada,

organizzata dal Centro Diurno «Lo Zainetto» per ricordare Stefano Ca­ nepa alla presenza della mamma Franca. Triangolare Juniores vinto dal Castellazzo grazie ai successi sul Derthona per 2­0 e sull' Ovada per 3­1, secondo il Derthona per la vitto­ ria sull'Ovada per 3­1. A Franca, pre­ sentealleduemanifestazioni,Marco eArcangelodelloZainettohannodo­ nato un mazzo di fiori e una lettera con le firme di tutti i ragazzi che fre­ quentano il Centro Diurno. Evento riuscitoconl'incassodi700Euro per introdurre la Teatroterapia.

Domani la A Cremolino in casa con il Cavriana Ritornaincampodomanialle16la serie A di tamburello con il primo turno infrasettimanale previsto dalla Federazione. Si gioca la pri­ ma giornata di ritorno e il Cremo­ lino è atteso alla casalinga con il Cavriana, formazione che condi­ vide con gli alessandrini il terzo posto con 20 punti, mentre il Car­ peneto affronta la difficile trasfer­ ta di Solferino. Per il Cremolino dopo la bellissima prestazione of­ ferta con i campioni d'Italia del Callianetto, dove avrebbro meri­ tato anche i due punti a conclusio­ ne di una battaglia durata oltre quattroore,c'èlapossibilitàdelri­ scatto. «A Cavriana avevamo per­ so male – dice il presidente del Cremolino, Claudio Bavazzano – raccimolando solo quattro giochi, ora dopo aver visto la squadra con il Callianetto spero in una presta­ zione super dei ragazzi. Contro gli astigiani eravamo in vantaggio 10­8, potevamo chiudere, è man­ cato lo sprint, ma questo è di buon auspicio per il ritorno». Battuto anche il Carpeneto dal Mezzo­ lombardo per 13­5, ma la squadra ovadese è stata in partita più di quanto dice il risultato. «Dobbia­ mo ora fare – afferma il direttore sportivo Torriglia – una buona prestazione a Solferino, anche se ci manca ancora Alessio Basso per problemi muscolari». Intanto a conclusione del girone di andata in classifica troviamo il Callianet­ to con 33 punti, Mezzolombardo 30, Cremolino e Cavriana 20, Medole19, Solferino 18, Somma­ campagna 17, Malavacina e Ca­ stellaro 13, Carpeneto 8, Ceresara 6, Fumane 1.


40

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010


gossip

musica

cultura

spettacoli

xte

La riscossa di Raicinema

IL RIFUGIO DI MINA, CANTARE LA MALEDIZIONE EMILY DICKINSON È UN’OSSESSIONE DI BRITTANY

La vittoria di Elio Germano come migliore attore al Festival di Cannes conferma il momento di gloria della società pubblica. Ma proprio in queste ore è scontro durissimo sui nuovi vertici e sulle strategie future

Viaggio a Amherst, nella casa in cui la poetessa si nascose per scrivere

Oggi esce il nuovo album “Caramella”, a soli sette mesi dall’ultimo. Perché così vicini?

A pochi mesi dalla morte misteriosa della Murphy, trovato cadavere il marito

A PAGINA 43

A PAGINA 42

A PAGINA 42

A PAGINA 43

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

AVVENTURE A BASSO COSTO

LA SECONDA VITA DELL’AUTOSTOP Niente più attese in strada con il pollice alzato, ora ci si organizza sul web ELISABETTA PAGANI

SE LA NUBE vulcanica blocca gli aeroporti, a casa si torna “scroc­ cando” un passaggio in macchina. Con un semplice collegamento via smartphone, mentre si assiste alla cancellazione del proprio volo, a uno dei portali di autostop orga­ nizzato. Niente attese snervanti ai bordi di strade polverose o su arte­ rie trafficate, forzandosi in sorrisi ruffiani. Ora basta fare un giro su internet, scorrere le offerte di viaggio degli automobilisti in par­ tenza e accordarsi su luogo, ora e spese. Una soluzione paracadute per molti dei beffati dal vulcano Eyjafjallajokull. Ma allegre macchinate di sconosciuti si prevedo­ no anche per farsi un gi­ ro low cost in Europa e per eventi specifi­ ci, come il Roto­ tom Sunsplash, il festival reg­ gae che, dopo la cacciata da Udine, si è rifu­ giatonella più tolle­ rante Spagna, o per una visita alla mostra di Cara­ vaggio a Roma. Internet, insomma, ri­ lancia l’autostop. In ver­ sione 2.0: più comoda e sicura, meno affasci­ nante. Del resto, il viag­ gio all’avventura, zaino, cartello e pollice alzato, dopo l’exploit degli anni Settanta è ormai scom­ parso. Mandato in pensio­ ne dai voli a basso costo e da una società sempre più impaurita. Nel 1979 Dou­ glasAdamscelebravailmi­ to dell’autostop con lo stravagante vagabondag­ gio nell’universo di “Guida galattica per gli autostop­ pisti”, pubblicato nel 1980 in italiano. Oggi, a trent’anni di distanza, arriva il sequel, “E un’altra cosa”, di Eoin Colfer (Mondadori, 317 pp., euro 15).

L’autore irlandese ha completato l’opera in un mese, cercando di non perdere lo spirito «umoristico e politically incorrect» di Adams. Non tutti i fan di un tempo ­ quan­ dola“Guida”uscìappassionòmez­ zo mondo e divenne subito un caso ­ hanno però apprezzato. Del resto il sequel arriva in un’altra epoca. Quella dell’autostop guardato con

paura o sospetto. E della rete di portali di car pooling organizzato. Fra i più cliccati c’è Roadsha­ ring.com, creato nel 2008 dal fio­ rentino Daniele Nuzzo, 37 anni. «Lo usano gli italiani, ma anche molti stranieri» racconta il fonda­ tore «e nei giorni di chiusura degli aeroporti, causa nube nera, siamo stati sommersi di richieste, un

I NUMERI DI ROADSHARING

34.300 2.000

68%

gli iscritti al sito, i passaggi offerti gli autostoppisti di 95 Paesi diversi e richiesti al mese di sesso maschile

boomdell’800%».Ilmeccanismoè semplice, e gratuito. Ci si registra, con e­mail e password, e si inseri­ cono on­line richieste o offerte di passaggio, con data e luogo di par­ tenza e arrivo. Domanda e offerta si incontrano così, poi «ci si mette d’accordo sulle spese» aggiunge Daniele «di solito dividendo sem­ plicemente i costi di benzina e au­

PER VAGABONDARE FRA LIBRI, DISCHI E FILM KEROUAC LO IMMORTALA PER LA BEAT GENERATION Jack Kerouac girovagò a lungo in America in autostop, come racconta nei suoi romanzi autobiografici. Il più famoso, simbolo della Beat Generation, è “Sulla strada”, pubblicato nel 1957

WATERS NELL’ALBUM SOLISTA NE CANTA PRO E CONTRO Roger Waters, ex bassista dei Pink Floyd, nel 1984 dedica all’autostop “The Pros and Cons of Hitch Hiking”, primo album da solista. Lo aveva proposto alla band, che preferì “The Wall”

HARMON RACCONTA LA PAURA DELL’IMPREVISTO L’incubo di caricare uno psicopatico lo racconta Robert Harmon in “The Hitcher ­ La lunga strada della paura” del ’68. Nel 2003 arriva il sequel e nel 2007 il remake

tostrada». «Noi» spiega Emanuela Lozza, 38 anni, ideatrice di Auto­ stop.it «consigliamo di dividere per quattro, anche se si carica una sola persona, così la proposta ri­ mane conveniente». Entrambi hanno preso spunto dalla Germa­ nia, in cui quasi vent’anni fa sono stati per studio. «L’autostop orga­ nizzato lì esisteva già prima di in­ ternet» dice Daniele: «Si appende­ vano dei post­it in bacheca all’uni­ versità e si partiva» con il primo sconosciuto. «C’erano delle agen­ zie vere e proprie» ricorda Ema­ nuela «con un numero di telefono unicopertuttalaGermania:sipre­ occupavano loro di incrociare do­ manda e offerta». Ora lo fa la Rete. Che ­ assicurano ­ dà sicurezza. Quasi tutti i portali, infatti, hanno attivato un sistema di feedback, per cui gli utenti consigliano o me­ no un certo automobilista. E alcu­ ni, come Autostop.it, chiedono an­ che copia della carta d’identità. Più sicurezza e forse meno fasci­ no. «Rispetto all’autostop tradi­ zionale» osserva Daniele «è meno avventuroso. Non c’è l’azzardo, il brivido, l’attesa curiosa in strada». «Quello che però non si perde è l’aspetto umano» aggiunge Ema­ nuela «perché anche alla base nel­ l’autostop “moderno” c’è la voglia di condividere e aprirsi all’altro». pagani@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

[+]

CERCO/OFFRO DOVE E COME

­ Roadsharing.com: sito italia­ no, in 5 lingue, per autostop organizzato e car pooling ­ Autostop.it: pagina in italia­ no per autostop, car sharing e servizio pendolari ­ Postoinauto.it: portale di car pooling che copre tutta Italia ­ Hitchhikers.org: rete globale in 14 lingue, italiano compreso, di autostop organizzato ­ Digihitch.com: portale in in­ glese sulla cultura di strada. Con informazioni, spunti lette­ rari, storie, forum ­ Compartir.org: rete mondiale di autostop in 10 lingue, tra cui l’italiano

41

GIUSEPPE CEDERNA

«CONSIGLIERÒ A MIO FIGLIO DI FARE COME NEGLI ANNI ’70» DA PONTE in Valtellina a Ber­ lino la strada è lunga. Soprat­ tutto se non hai la macchina e, conl’ariadavagabondo,icapel­ lilunghiel’orecchino,speriche ti tiri su un automobilista loca­ le. «Abbiamo attraversato le montagne quasi a piedi, non si fermava nessuno» ricorda an­ cora divertito Giuseppe Ceder­ na, attore, alpinista e scrittore «poi, appena passato il confine, in due giorni siamo arrivati a Berlino». Era il 1979, l’anno in cui Cederna, classe 1957, inter­ prete di film itineranti come “Marrakech Express”, inaugu­ rava i suoi viaggi in autostop. «Fino al 1985 l’Europa l’ho gi­ rata così, sia in vacanza sia in tournée da clown. Eh, che mo­ menti stupendi mi sta facendo ricordare, un periodo d’oro». Lo rimpiange un po’? «Più di un po’. Erano viaggi affascinanti, coraggiosi. Ecco perché oggi, appena posso, do uno strap­ po a chi lo chiede». L’auto­ stop ormai fa paura. «È visto come un crimine, ma non mi stupisco,ri­ flette la so­ cietà di og­ Giuseppe gi, che non Cederna dà fiducia. Sa qual è l’unica eccezione? La ragazza unpo’svestita,l’unicachesica­ rica ancora». E se suo figlio le dicesse “papà, quest’estate giro l’Europa in autostop”? «Mio figlio putativo ha 15 an­ ni, è troppo piccolo». E fra un paio d’anni? «“Ammazza che figata! Stai all’occhio e divertiti”. Ecco co­ sa gli direi. L’autostop andreb­ be recuperato, ma ormai siamo tutti rincitrulliti». Negli anni Settanta erava­ mo davvero migliori? «Eravamopiùaperti,manon senza ipocrisie. Nel ’79 feci uno spettacolo che si chiamava “Ciao ciao buonanotte”: pren­ deva in giro il mito dell’auto­ stop. Raccontava di tre ragazzi un po’ hippie che si fingevano amici ma poi cercavano di fre­ garsi i passaggi. Insomma, soli­ dali solo in apparenza, ma in fondo egoisti e meschini». E. PAG. © RIPRODUZIONE RISERVATA


42

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

xte / cultura

DICKINSON

ROBERTO FEDI

AMHERST (MASSACHUSETTS). Si

arriva ad Amherst per esempio at­ terrandoaBoston,inunagiornatadi sole brillante come di rado càpita. Poi si noleggia una macchina, e ci si infila nell’Interstate 90, nel traffico del pomeriggio che si dirada a ogni uscita, fino a rimanere quasi soli in mezzo alle foreste. I camion monu­ mentali qualche volta suonano clac­ son che sembrano sirene di navi. Ci stiamo inoltrando nel mezzo del Massachusetts, verso ovest. Cisonopostidovesipuòandarein compagnia,ealtridovesideveanda­ re da soli, e Amherst è uno di questi. Silenziosamente si scivola, dopo un po’, lungo strade più strette e tor­ tuose, tra villette di legno, belline e a volte decisamente eleganti, in mez­ zo a prati larghissimi. Tutto è lonta­ no da tutto, tutto dà l’idea dell’isola­ mento, della quiete, della vita casa­ linga a oltranza. Daquestepartivissetuttaunavita nonlunga,nemmeno56anni,Emily Dickinson. Era nata ad Amherst nel 1830, e questo è anche un po’ un pel­ legrinaggio per i suoi 180 anni. Ed è infatti lì che arriviamo, quasi senza neanche accorgercene tanto il pa­ norama muta di un niente. Qui Emi­ ly nacque e morì, dopo un’esistenza di quelle che Montale avrebbe forse definito al cinque per cento, e che per lei invece fu ricchissima e stra­ ordinariamente esaltante. Anche se, e la cosa stupisce non poco, la trascorse quasi tutta in casa. Piùomenoall’etàdiventicinquean­ ni decise, tranquillamente, che la sua camera era abbastanza piena di idee per permetterle di conoscere il mondo, e abbastanza grande per contenerlo. Non che prima si fosse mossa molto: ma si era ai primi del­ l’Ottocento, in un paese ancora pu­ ritano e in uno Stato, il Massachu­ setts, puritanissimo. Di lei esiste un solo ritratto, un dagherrotipo rive­ latore. Rappresenta Emily a sedici o diciassetteanni,vestitaquasimona­ calmente di scuro, i capelli raccolti chesembranoneriederanoinrealtà rossi. Sul tavolinetto alla sua destra, unlibro,secondounostereotipoche nelsuocasohaperòilsegnofigurati­ vodiundestino.Dopo,diritratti,più nulla. Solo le poesie: quasi 1800 in un periodo abbastanza breve, fino alla morte nel 1886, il 15 maggio, e quasi tutte pubblicate postume. Per questo da Emily bisogna an­ dare da soli, per rispettare una soli­ tudine che non fu una reclusione, come altre celebri solitudini di poeti o scrittori. Alla casa dove nacque e morì, la Homestead, quella insom­ ma che noi chiameremmo la casa di campagnadellafamiglia,siarrivafa­ cilmente appena fuori dal centro dell’attuale Amherst, non lontano dal magnifico campus della Univer­ sity of Massachusetts. Si prende la Main Street, fra altissimi alberi e verdissimi prati in cui la primavera esplode con tranquilla eleganza, e siamoalnumero280,quasialmezzo diunboscostrabiliantediTulipTre­ es e abeti. Su un lato, un enorme Oak Tree che si allarga quasi a compren­ dere tutto il giardino. Il prato è di un verde che sbalordisce, punteggiato di tulipani. «Quando sarà il mio tur­

IN VIAGGIO DOVE EMILY SPARÌ Ad Amherst, nelle foreste del Massachusetts, dove la poetessa visse in totale isolamento senza mai conoscere la malinconia Sicuri nelle loro camere di alabastro ­ non toccati dalla mattina né toccati dal mezzogiorno ­ riposano gli umili membri della resurrezione ­ trave di raso ­ e tetto di pietra! Grandiosi vanno gli anni ­ nel crescente ­ di sopra ­ mondi scavano archi ­ e firmamenti ­ remano ­ diademi ­ cadono ­ e Dogi ­ si arrendono ­ silenziosi come punti ­ su un disco di neve dalla poesia n° 261, versione del 1861, in “Poesie” di Emily Dickinson, Oscar Grandi Classici Mondadori

IL SUO GIARDINO IN MOSTRA A NY

L’ANTOLOGIA DI POESIE POSTUME

La scrittura e il giardinaggio erano le sue due grandi passioni. Amava soprattutto giacinti e narcisi, che curava di notte. Per chi volesse conoscere l’altro lato della poetessa, la tappa consigliata è il Botanical Garden di New York dove è stata allestita la mostra “Emily Dickinson’s Garden: The Poetry if Flowers”, nella foto, fino al 13 giugno

La poesia numero 261, che pubblichiamo di fianco alla foto dell’autrice, è una delle pochissime, circa dieci, che Emily Dickinson vide stampate. Quasi tutti i suoi testi furono pubblicati dopo la sua morte, nel 1886. La Mondadori ­ nella collana Oscar Grandi Classici ­ ha ripubblicato “Poesie”, antologia dei suoi scritti dal 1858 al 1886, a cura di Massimo Bacigalupo

ESCE OGGI “CARAMELLA”

ANCORA UN DISCO DI MINA, QUANDO CANTARE È UN’OSSESSIONE Il nuovo album esce a sette mesi dal precedente “Facile”. La cantante s’improvvisa musa ispiratrice di autori rock e alternativi. Ma la sorpresa della sua voce non c’è più

RENATO TORTAROLO

PERCHÉ Mina non impara l’arte di sparire davvero? Solo sette mesi fa aveva pubblicato l’album “Facile”, oggi esce invece il nuovo “Caramel­ la”. La suggestione è evidente: puoi scartareeincartareciòchevuoi,alla fine rispunterà sempre lei. Questa bulimia di musica è preoccupante. Per quale motivo si devono incidere trenta canzoni all’anno? Perché, al­ lora, non devono essere duecento? Perché canta bene, giurano tutti. E nei confronti di Mina c’è un timo­ re, una condiscendenza mai usata nemmeno per Barbra Streisand o Edith Piaf. In un colpo solo, maestri di ieri e talenti di oggi sono pronti a scommettere che la signora di Lu­ gano è un’ispiratrice, un Robin Ho­ od dalla parte dei poveri autori in­ La foto che appare in copertina

no – aveva scritto – voglio un ranun­ quasi come se ancora circondasse la colo. Di sicuro l’erba me lo darà, per­ suapersona.Losguardoviindugia,e ché non rispetta forse i capricci dei aspetta di entrare a destra, nella sua suoi figli fuggitivi?». camera, che lascia vedere attraverso Lacasa,oratrasformatainpiccolo le ampie finestre il verde dei grandi museo, è da fuori ampia e squadrata, alberi, il cielo, un po’ di giardino. Vi con un ingresso di una signorilità viene voglia, se cedete all’impulso, contenuta. Era stata fatta costruire di donarle un fiore, e forse vi rispon­ nel 1813 dal nonno paterno di Emily derebbecosì:«Nonbaderemmoaun in quello che qui chiamano il Fede­ fiore tanto piccolo / non fosse che ral Style, semplice ed essenziale, in pian piano / il giardinetto che per­ mattoni dipinti di un giallo tenue. demmo / riporta al nostro Prato». Dentro,èspartanaeariosa,lestanze Con le sue piccole linee a separare chiare in cui contrastano pochi e le frasi, le sue insistenti maiuscole, splendidi mobili scuri, senza nessu­ Emily si creò anche una sua delicata na concessione né alla frivolezza né, e artigianale arte del comporre. E la sembrerebbe, alla comodità. Tutto creò sul tavolinetto che vedete subi­ insomma molto New England. Tut­ to entrando nella stanza: incredibil­ to senza orpelli né svenevolezze. mentepiccolo,quadrato,diunlegno C’è silenzio. Le signore che vi ac­ biondo. Sopra, una sottile lucerna a colgono sono sorridenti. Il piccolo olio. Niente altro. È ora alla con­ Museum Store è contenuto, senza fluenza delle due finestre d’angolo, l’invadenza delle quasi ad assorbir­ case­museo di altri ne la luce fino in UNA CASA­MUSEO scrittori; le piccole fondo, quasi (è im­ ARIOSA E ELEGANTE cosecheesponeso­ possibile non pen­ no libri, e oggettini sarci) su una prora che vi prendete vo­ aperta su un mare lentieri, perché lucido e verdissi­ stanno in una tasca mo: «Vi è una certa e vi aiuteranno a ri­ inclinazione di lu­ cordare. In qual­ ce, / i Pomeriggi che foto, la ripro­ d’Inverno ­ / che duzione di auto­ opprime, come il grafi di Emily: una Peso / di Musiche grafia sottile, pre­ di Cattedrale». A cisa, calma. Il pavi­ sinistra, entrando, mento di legno lu­ un letto di legno cido assorbe anche scuro, con sopra il respiro. Si ha adesso una coperta l’impressione di immacolata; a sini­ entrare in una pic­ stra del letto, un cola e discreta parco comodino. chiesa laica, tutta Davanti, un bracie­ dedita a una reli­ re per l’inverno. gione oggi dimen­ Poco altro. Rima­ ticata, quella del­ nete senza parole, l’introspezione, quasi senza respi­ del silenzio e della ro. serenità. E della È così che si na­ poesia, natural­ sce, si cresce, si mente. Dovunque, scrive, e si parte anche senza essere con la mente da QUELLA STANZA DISCRETA particolarmente questo vascello TEMPIO DELLA SUA disposti a queste proteso nel bosco e SERENA INTROSPEZIONE sensazioni, è come nel giardino. Sulla se aleggiasse una La casa in cui nacque prora di questa na­ presenza forse sor­ e morì Emily Dickinson, a ve chiamata came­ ridente. Amherst, è sobria e elegan­ ra conobbe e riflet­ Perché si ha dav­ te, molto diversa dall’inva­ té sulla vita e sulla vero l’impressione denza delle residenze­mu­ morte e sull’amo­ fisica che la vita di seo di scrittori e artisti. re, sull’uomo e sul­ Emily, qui dentro, Nella prima foto si vede la lastoria,lesseilibri in questa bella casa sua stanza, nella quale pas­ della biblioteca di essenziale,siastata sava tutto il giorno e la not­ un padre avvocato serena. Serena an­ te a scrivere. Poi una lette­ e uomo politico, e che nel dolore, si ra manoscritta, con un boc­ scrisse lettere e vuol dire. È questo ciolo di rosa essiccato, mazzi di poesie. che sbalordisce il e il suo vestito bianco Silenziosa, Emi­ visitatore ansioso, ly ci sfiora e se ne quello che coglie il va. Nei suoi versi fiore delle cose e lascia seccare la trasparenti nessuna pietà o compia­ pianta. Il lettore di Emily dovrebbe, cimento, nessuna nostalgia, questa prima di intraprendere la lettura maledizione che sempre ci perse­ delle sue poesie, venire qui. È quasi guita, nessuna malinconia. Nessuna impossibile, naturalmente, ma sa­ lacrima. La sua presenza qui, in que­ rebbe necessario: perché case degli sta camera che è solo e inesorabil­ scrittori sono variegate. Alcune vi mente sua, è immacolata come la stupiscono, altre vi lasciano indiffe­ sua volontà cristallina di solitudine renti, altre addirittura vi respingo­ che ci appare insieme tragica e sere­ no come il Vittoriale del D’Annun­ na, mentre manda foglietti scritti e zio vecchio e maniaco. La Home­ precisianoiposteri:«questaèlamia stead di Emily, no. La sua casa ele­ lettera al mondo / che non scrisse gante e sobria è un tutt’uno con la mai a me». poetessa, l’abito bianco immacolato robfedi@tin.it che vedete in cima alle scale è il suo, © RIPRODUZIONE RISERVATA

[+]

compresi o non ancora fagocitati da un’industriaaltramonto,chepunta ormai solo su un drappello di autori mediocri usciti dai talent show. Ma la lungimiranza di Mina nello sce­ gliere canzoni un po’ meglio delle scempiaggini da classifica non è un buon per diffondere i suoi dischi co­ me le sacre tavole. Buon parte del­ l’avanguardia rock italiana sarebbe stata messa alla porta da un galan­ tuomo come Cole Porter, e lo stesso Burt Bacharach, che viene tirato in ballo come l’Artusi del pop mondia­ le, bacchetterebbe tanti cantautori italiani che si credono Gerhswin. In questa tragica serie di equivo­ ci,percuinonc’èpiùnéunlivelloal­ to e basso né una scala di valori ma solopresunzione,Minaarrivacome un vento liberatore, quelli che di so­ lito provocano tempeste in mare,

Ma le sue quattordici canzoni non innovano un bel nulla. Sono sofisti­ cate, a volte ben costruite come i duetti con Giorgia in “Poche paro­ le”e Lucio Dalla in “Amore dispera­ to”, oppure c’è l’incontro glamour edesoticoconSealin“YouGetMe”, ma l’intera operazione, che ovvia­ mente non può prescindere dalla padronanza assoluta della voce, non si capisce bene dove vada a pa­ rare.Uneserciziodistile,laprovadi esserci ancora, il puro piacere di cantare? Ma la sorpresa, invece, do­ v’è? Anche la voce di Mina è sempre uguale, bellissima ma l’abbiamo ascoltata un numero infinito di vol­ te, in questi quarant’anni. Qualche disco in meno, per favore, e qualche sorpresa vera. tortarolo@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA


IL SECOLO XIX

xte / spettacoli

DOPO CANNES

Il premio a Germano conferma il momento di gloria della società Ma è scontro sui nuovi vertici e sulle strategie future

D’ACCORDO, la battuta polemica contro la classe dirigente italiana fi­ nitasulleprimepagine.MaElioGer­ mano, nel ritirare il premio sul palco di Cannes, ha voluto ringraziare an­ che Raicinema. Quella stessa Raici­ nema che sta vivendo momenti di gloria, grazie a “La nostra vita” e ai due David di Donatello appena an­ dati a “L’uomo che verrà” e “Vince­ re”, e momenti di tensione legati al rinnovo dei vertici. Non è solo una questione di nomi e organigrammi. Raicinema, al pari di Medusa, è uno deiduegrandiportoniaiqualivanno a bussare i produttori italiani. Poi, certo, anche le americane Warner, Fox e Universal stanno investendo sul cinema italiano, ma restano Rai­ cinema e Medusa, i veri concorrenti, i due grandi forni, specie oggi, con i finanziamenti pubblici ridotti al lu­ micino e Bondi contro tutti. Per dirne solo alcuni, film come “Gomorra” di Garrone, “Questione di cuore” di Archibugi, “Mine vagan­ ti” di Ozpetek, “Happy Family” di Salvatores, sono targati Raicinema e distribuitida01.Perquestolaconso­ ciata Rai è strategica, con i suoi 70 milioni di euro investiti ogni anno sui film italiani, a fronte dei circa 85 diMedusa.Strategicaequindiogget­ todipartiteanchepolitiche.Succede che il mandato triennale dell’ammi­ nistratore delegato Caterina D’Ami­ co sia scaduto il 6 maggio, sicché do­ mani, mercoledì, tranne colpi di sce­

[+]

IN ARRIVO NEI PROSSIMI MESI

Il gioiellino di Andrea Molaioli La passione di Carlo Mazzacurati Habemus Papam di Nanni Moretti Una vita tranquilla di Claudio Cupellini Noi credevamo di Mario Martone Una sconfinata giovinezza di Pupi Avati Terraferma di Emanuele Crialese Il primo uomo di Gianni Amelio Boris ­ il film di Luca Vendruscolo Maschi contro femmine di Fausto Brizzi Il romanzo della strage di M. Giordana Io sono con te di Guido Chiesa

43

IL REGISTA IRANIANO

BATTAGLIA A RAICINEMA I DUE BIG A CONFRONTO

MICHELE ANSELMI

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

RAICINEMA

MEDUSA

Investimento annuo

Investimento annuo

70 milioni

85 milioni

tra produzione diretta, acquisizioni di film ita­ liani e promozione

tra produzione diretta, acquisizioni di film italiani e promozione

di euro

di euro

Elio Germano nel momento della premiazione

“L’UOMO CHE VERRÀ” ­ DIRITTI

“BAARÌA” TORNATORE

Gli eventi che precedono la strage di Marzabotto raccontati da una bimba. Vince molti premi, tra cui il David per il miglior film

È il grande affresco sulla Sicilia e sulla memoria che risolve qualsiasi conflitto. Kolossal costato 28 milioni dollari ma ha vinto poco

“VINCERE” BELLOCCHIO

“LA PRIMA COSA BELLA” ­ VIRZÌ

Ripercorre la tragica vita di Ida Dalser, l’estetista amata da Mussolini che morì in manicomio. Riceve otto David e 4 Nastri d’Argento

Campione di incassi, il film di Paolo Virzì vince tre David per sceneggiatura e attori: Micaela Ramazzotti e Valerio Mastandrea

“MINE VAGANTI” OZPETEK

“LA DOPPIA ORA” CAPOTONDI

Racconta la storia di due fratelli gay, di cui uno è Scamarcio, nella Puglia tradizionalista. A Occhini e Fantastichini il Donatello

Thriller per Giuseppe Capotondi : la cameriera Ksenia Rappoport e il poliziotto Filippo Timi travolti dalla passione

“LA NOSTRA VITA” LUCHETTI

“BACIAMI ANCORA” MUCCINO

Elio Germano, miglior attore a Cannes, interpreta un operaio edile che dopo la morte della moglie perde ogni scrupolo

I trentenni di “L’ultimo bacio” crescono ed ecco il sequel. Non convince, e il David va solo a Jovanotti, per la miglior canzone

na, il cda di viale Mazzini potrebbe nominare i nuovi vertici. L’ipotesi in campo, frutto di una scelta biparti­ san non del tutto digerita dai consi­ glieri di centrodestra, recita: Franco Scaglia, Paolo Del Brocco e Luigi De Siervo, rispettivamente nei ruoli di presidente, amministratore delega­ to e direttore generale. Un ricambio morbido, in buona misura interno, solo De Siervo viene da Raitrade, vi­ sto nell’ambiente come una possibi­ le conferma della linea editoriale propugnata da Caterina D’Amico. E tuttavia, sul tema, si registrano pareri diversi. Da un lato, Riccardo Tozzi, coproduttore con Cattleya di “La nostra vita”, plaude alla soluzio­ ne: «I tre nomi rappresentano una soluzione giusta nella continuità, suggeriscono l’idea che si voglia ope­ rare nel solco di una strategia fin qui svolta con equilibrio artistico e otti­ mi risultati». Ne discende che «una Raicinema sotto scacco o ridimen­ sionata sarebbe un guaio anche per Medusa e viceversa: le due società si fanno concorrenza, ma senza di esse nonsipuòpensaredifarecinemaog­ gi in Italia». Dall’altro, il giornalista­sceneg­ giatoreAndreaPurgatori,anomedei 100 Autori, la battagliera associazio­ ne che proprio oggi sarà ricevuta dal consigliere Rai in quota Pd Giorgio Van Straten, vede qualche proble­ ma: «Ci piacerebbe sapere quali so­ no i criteri, chiediamo trasparenza. Mandano via la D’Amico perché ha lavorato male? Difficile sostenerlo. Vogliono puntare solo su generi si­ curi?Insomma,chisceglieràd’orain poi i film da fare?». I 100 Autori te­ mono «un’operazione soft» che fini­ sca con «lo scremare i produttori in­ dipendentimediepiccolichelavora­ no con Raicinema, lasciando in piedi i soggetti più forti». Sapremo domani come finirà la faccenda, sempre che il dg Mauro Masi faccia le nomine delle conso­ ciate, come avverte l’ordine del gior­ no. Di certo, pur tra qualche contra­ zionedibudget,Raicinemacontinua a produrre film di qualità. Ieri matti­ na Emanuele Crialese ha dato il pri­ mo ciak al suo “Terraferma”, Andrea Molaioli sta girando “Il gioiellino” sulla scandalo Parmalat, Carlo Maz­ zacurati ha terminato le riprese “La passione”, idem Nanni Moretti con “Habebus papam” e Pupi Avati con “Una sconfinata giovinezza”. «Sono in tranquilla prorogatio di servizio» confessa Caterina D’Ami­ co«nonhocapitobeneperchénonci sarebbero chance per un secondo mandato,manonmisentovittimadi unosgarbo:undatoredilavorohadi­ ritto di scegliere come vuole». Però ribadiscelabontàdiquantorealizza­ to: «Abbiamo prodotto molti film che andavano nella direzione giusta, rimesso in pista autori come Risi, Francesca Comencini e Archibugi, puntato sugli esordienti. In tre anni ho avuto tre film in concorso a Can­ nes, “Gomorra”, “Vincere” e “La no­ stra vita”, due dei quali premiati. In­ somma,sonocontentadiessercista­ ta». Sarebbe rimasta, pare di capire. MachilanominònonstapiùallaRai. © riproduzione riservata

Jafar Panahi a Berlino nel 2006

Panahi torna in libertà in attesa del processo TEHERAN. Il regista iraniano Ja­

far Panahi, in carcere dal 2 marzo conl’accusadiavercercatodigira­ reunfilmdocumentariosullepro­ teste scoppiate in Iran dopo le ele­ zioni presidenziale del giugno 2009, è stato liberato su cauzione in attesa di essere sottoposto a processo. La notizia è stata diffusa ieri dal procuratore di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi. Per otte­ nere la liberazione di Panahi, che compirà 50 anni l’11 luglio, nelle ultime settimane si è mobilitato il mondo del cinema e della cultura. La situazione si era aggravata do­ po l’annuncio dell’inizio dello sciopero della fame e della sete da parte di Panahi. L’ultimo appello in ordine di tempo è stato lanciato domenica scorsa dall’attrice fran­ cese Juliette Binoche durante il discorso di ringraziamento dopo aver ricevuto la palma come mi­ gliore attrice al festival di Cannes, dove Panahi avrebbe dovuto fare parte della giuria. «C’è un uomo la cui colpa è di essere un artista ­ aveva detto l’attrice ­ Penso a lui proprio questa sera e spero di es­ sere con lui qui l’anno prossimo. È una lotta difficile. Il Paese ha biso­ gno di noi artisti». Segnali positivi erano arrivati nei giorni scorsi, quando era giun­ ta la notizia che la moglie Tahere­ eh Saeedi, i figli e l’avvocato difen­ sore Me Farideh Gheyrat avevano potuto visitare il cineasta, in com­ pagnia del procuratore, e che si profilava il ritorno in libertà in at­ tesa del processo. A sostegno di Panahi, vincitore dell’Orso d’ar­ gento al festival di Berlino nel 2006 con il film “Il Cerchio”, sono statelanciatenumerosepetizioni: alfestivaldiCanneseancheinIta­ lia,suiniziativadelPartitosociali­ sta: tra i firmatari Carlo Verdone, Michele Placido, Maurizio Sca­ parro. Per ottenere la liberazione di Panahi si è mosso anche il mini­ stro della Cultura, Sandro Bondi, con una lettera inviata ai colleghi europei contenente l’invito a sot­ toscrivere una richiesta al gover­ no iraniano per ottenere «la libe­ razione di Panahi e di tutte quelle persone imprigionate per ragioni politiche». R. S.

IL TELEFILM CHIUDE FRA LE DELUSIONI ILARIA M. LINETTI

LE TELECAMERE si sono spente proprio quando l’occhio di Jack si è chiuso. “Lost” era iniziato in modo parallelo, con la palpebra del perso­ naggio interpretato da Matthew Fox che si alza a rivelare il disastro aereo. I fan del telefilm hanno do­ vuto aspettare sei anni per avere la risoluzione a tutti i misteri che li hanno appassionati. Il finale però nonhascioltotuttiinodiehalascia­ to l’amaro in bocca a molti: «Non potevamo svelare tutto in una sola puntata, sarebbe stato pedante» hanno dichiarato gli autori Carlton Cuse e Damon Lindelof, assicuran­ do di aver sempre pensato a questo

LOST: JACK MUORE, I MISTERI NO Quasi una beffa, dopo sei anni, l’ultima puntata del serial. Gli enigmi rimangono finale. L’ultima puntata, trasmessa in contemporanea in tutto il mon­ do, è stata seguita da 13 milioni e mezzo di persone negli Stati Uniti. Si tratta di un discreto risultato, an­ che se lontano dal record ottenuto dalla prima puntata della seconda serie: 23 milioni e mezzo di spetta­ tori, che l’avevano reso lo show più seguito di sempre. Il futuro, per gli interpreti, sembra lontano dal pic­

colo schermo. Matthew Fox ha di­ chiarato che dopo “Lost” non reci­ terà mai più in televisione e che si concentreràsulcinema:ilsuonome è stato spesso associato a “Billy Smoke”, adattamento del romanzo a fumetti di B. Clay Moore. Josh Holloway e Jorge Garcia, rispetti­ vamente Sawyer e Hugo nella serie, non hanno progetti imminenti, mentreEvangelineLillyprestosarà

sul set di “Real Steel” con Kevin Du­ rand, il Martin Keamy di “Lost”. Orfani della serie, i fan nel frat­ tempo hanno trovato modo di in­ contrarsi e continuare a scambiarsi opinioni in California dove, fra qualche settimana, saranno messi all’asta molti oggetti del set hawaia­ no, come la sedia a rotelle di Locke, i suoi coltelli, i documenti di viaggio di Sayid, il biglietto della lotteria

vincente di Hurley o la birra con il logo Dharma. Si tratta solo dell’ulti­ mo business nato intorno alle av­ venture dei naufraghi, al centro di un’operazione di marketing plane­ taria: i cofanetti di dvd hanno ven­ duto milioni di copie, le puntate so­ no le più scaricate da iTunes, men­ tre t­shirt, libri, bambole, costumi, gioielli e video games continuano a far incassare milioni di dollari.

Anche il presentatore comico Jimmy Kimmel ha voluto parteci­ pare alla festa. Ha invitato tutti gli attoriedatolasuaversionedelfina­ le: nel talk show sono andati in onda tre spezzoni scritti dagli sceneggia­ tori,“finalialternativi”cheutilizza­ vano gli stessi personaggi del tele­ film per prendere in giro altre icone della tv. In uno Garcia, Fox e la Lilly, seduti a un tavolo come nel finale dei “Soprano”, erano pronti a rive­ lare la verità sull’isola. «Ecco cosa succede sull’is…» sono state le ulti­ me parole di Garcia. Gli altri hanno ripreso show tv famosi negli Stati Uniticome“Survivor”o“Newhart”. ilymic1979@tiscali.it © RIPRODUZIONE RISERVATA


44

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

5 volte

40%

più resistente del normale titanio

più leggero dell’acciaio

Mai più cambio pila

Incomparabile. è 5 volte più resistente all’abrasione del normale titanio e dotato di un prezioso vetro di zaffiro. L’innovativo design custodisce il cuore ecologico e tecnologico di Citizen Eco-Drive, l'esclusivo sistema di alimentazione a carica luce infinita. Incomparabile, anche nel prezzo: l’intera collezione per lei e per lui da 168 a 268 euro.

228 €

Fondo serrato a vite. WR 10 bar.

188 €

www.citizen.it


xte / scuola

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

45

IN FINALE

L’EVENTO

Piccolo genio matematico un adolescente di Rapallo

IL TEATRO EDUCATIVO DI TEGRAS

RAPALLO. È tra i primi tre vinci­

La rassegna di successo quest’anno prevede anche la partecipazione di nove compagnie universitarie. Il ricco calendario delle manifestazioni LUCIA COMPAGNINO

GENOVA. È nel culmine dello svolgimento

la fase finale di Tegras, la rassegna di Teatro Educazione nelle scuole genovesi giunta quest’anno alla quinta edizione. Con i suoi grandi numeri: 1.200 ragazzi coinvolti in 38 spettacoli aperti a tutti a ingresso libero e di­ stribuiti per tutto il mese di maggio su cin­ que teatri cittadini – l’Albatros di Rivarolo, il VerdidiSestri,ilTeatrodegliEmilianiaNer­ vi, il Teatro dell’Ortica di Molassana e il Du­ se, dove dopo una prima selezione andrà in scena il cartellone finale dal 3 all’8 giugno – e un pubblico che l’anno scorso contava 4000 persone e quest’anno si avvia a raddoppiare. Con una bella novità: oltre alle scuole ele­ mentari, medie e superiori presenti anche nelle edizioni precedenti, quest’anno si uni­ scono a Tegras anche nove compagnie uni­ versitarie di tutte le facoltà genovesi con i lo­ rospettacolialteatroAkropolisdiSestrirap­ presentati da giovedì scorso a stasera. Tegras Università è un percorso di lavoro e non solo una vetrina di spettacoli. Gli stu­ denti coinvolti hanno infatti potuto incon­ trare, in stage didattici, professionisti come Massimiliano Civica, Mario Biagini, Giorgio Gallione, che hanno messo a disposizione la loro esperienza e la loro competenza

Dopola“Saffo(blesa)”delGruppoEnsem­ mai alla conclusione sono stati organizzati ble Irma di Massimo Sannelli, la pièce della tre incontri con gli insegnanti e 80 con le Combriccola degli scapigliati “Proprio dove classi, che hanno portato alla creazione di mi trovo io” e il pirandelliano “Così è (se vi ciascun spettacolo. Grazie all’impegno degli pare)” riletto da Il Condominio, stasera toc­ operatori teatrali di quattro compagnie ge­ cherà,apartiredalle18,30,alTeatroCampe­ novesi: il teatro dell’Ortica, il teatro Akropo­ stre che rivisita “L’orso” di Cechov, al Grup­ lis, la compagnia teatrale La Chascona e le po Bs@d.ar con “Esegui­ OfficinePapage.Chehan­ re gli ordini” di Nicoletta no dato vita alla rassegna Bernardini e alla Compa­ di teatro educazione più 1200 STUDENTI gnia del D.A.M.S. di Im­ grande in Liguria, con il PER 38 SPETTACOLI sostegno di Comune di peria che presenterà “La Beatrice Vilipesa ovvero Genova, Ministero del­ la barca di D’Alema” di l’Istruzione, dell’Univer­ Gian Luigi Falabrino. sità e della Ricerca e Ge­ “Accanto all’impegno del novaPalazzoDucaleFon­ fare teatro” ha spiegato dazione per la Cultura, af­ Teresa Sardanelli, diret­ frontando temi più trice dell’Area Cultura e leggeri, come il gioco, cal­ Innovazione del Comu­ cio, il viaggio soprattutto ne di Genova, che cura la conipiùpiccini,maanche Alunni genovesi, soprattutto, rassegna con Gianna Ser­ grandi classici, da Calvino sulla scena ma anche il teatro­ ra “si è dato grande signi­ a Shakespeare alla Costi­ scuola di Borgio Verezzi e la ficato anche all’atto del tuzione, e temi scottanti piece dell’Istituto Primo Levi di vedere il teatro, perché come i desaparecidos del­ Ronco Scrivia, infatti assistere a uno spettaco­ l’America Latina. l’ambizione di Tegras, lo teatrale è sempre un “Ogni studente ha mes­ sostenuto dal Comune di momento di grande for­ soafruttoisuoiparticola­ Genova, è di coinvolgere via mazione”. Ecco allora, ri talenti, dalla recitazio­ via tutti gli istituti della Liguria che nel corso dell’anno ne al ballo alla passione scolastico che si avvia or­ perlascenografia”hadet­

to Giovanni Cadili Rispi de La Chascona, perché alla fine “quello che conta, più che il risultato, è il percorso formativo” gli ha fatto eco Marco Pasquinucci di Officine Papage. “In controtendenza con l’impoverimento generale della scuola attuale” conclude Mi­ rko Bonomi del teatro dell’Ortica “questa rassegna è un percorso di arricchimento per gli studenti che imparano anche a lavorare insieme rispettando la disciplina imposta dai tempi del copione”. Nel cartellone finale al Duse dei giorni 3, 4, 5, 7 e 8 giugno verranno rappresentati gli spettacoli Tegras selezionati ma anche ospi­ tate dal Festival teatro­scuola di Borgio Ve­ rezzi e la piéce dell’Istituto Primo Levi di Ronco Scrivia, perché l’ambizione di Tegras è di coinvolgere via via tutti gli istituti della Liguria. L’edizioneTegrasdiquest’annoèdedicata a Mario Alessandri, studente della Facoltà di Scienze Politiche di Genova tragicamente scomparso lo scorso 9 maggio a seguito di un incidente stradale e fra i protagonisti più en­ tusiasti nell’organizzazione del cartellone. AvrebbedovutoesibirsigiovedìscorsoalTe­ atro Akropolis con il suo gruppo teatrale Av­ leainsiemeaDesirééCariotieChiaraNapoli nello spettacolo “Ecco, non ti ho guardato. Mi hai visto?”.

tori italiani il rapallese Francesco Simoncini, 12 anni, vincitore a Mi­ rabilandia, dove ha disputato la finale del campionato di matema­ tica. Secondo su 150 finalisti pro­ venienti da tutta Italia. Questo il risultato della gara di Francesco Simoncini, lo studente della Scuo­ la Media “A.Giustiniani” di Rapal­ lo che ha disputato l’undicesima edizione del Kangaroo di Mate­ matica, il prestigioso campionato delle scuole italiane ­ indetto dal­ l’Associazione Internazionale Kangaourou e curato dal Diparti­ mento di Matematica dell’Univer­ sità di Milano ­ che ogni anno se­ leziona i giovani talenti matema­ tici italiani premiando i migliori. Alla prima fa­ se della com­ petizione Si­ moncini, è ar­ rivato primo nella sua scuola e tren­ Francesco tesimo in Ita­ Simoncini lia su 22.272 partecipanti. A Mirabilandia per disputare la fi­ nale della gara, ha ottenuto un prestigioso secondo posto sbara­ gliando gli altri agguerriti concor­ renti impegnati in sei quesiti di lo­ gica matematica. Il primo classifi­ cato ha ottenuto 75 punti su 77, lui 70. A Mirabilandia il giovane studente della II E, che è anche un grande appassionato di scacchi, è stato accompagnato dalla sua in­ segnante di matematica, Angela Maria Macchiavello. “Simoncini si è preparato alla finale con grande serietà e notevole senso di re­ sponsabilità – dice la preside del­ la “A. Giustiniani”, Anna Macera ­ ha seguito l’attività pomeridiana di “giochi matematici” e nel que­ stionario compilato al termine dell’attività ha scritto “Per riusci­ re bene in questi giochi non è in­ dispensabile essere bravi a scuo­ la, anche se questo aiuta; l’impor­ tante è la voglia e l’allenamento”.

IL PROGETTO DELLA FONDAZIONE CARISPE SONDRA COGGIO

LA SPEZIA. «Essere musicisti signi­

fica vivere di passione, e di sacrificio: senonhaiunostiledivita“sportivo”, senza eccessi, e con molto riposo, non puoi suonare bene. Tutto quello che ci stanca o ci confonde, rallenta la reattività, dal cervello alle mani. E la fatica può mettere a dura prova i tendini, e ci vogliono ore e ore di pro­ va al giorno, e le gratificazioni sono soprattutto morali. Eppure, la musi­ ca è qualcosa di irrinunciabile». Giu­ seppe Bruno è pianista, direttore d’orchestra, compositore. È anche direttore del conservatorio “Pucci­ ni” della Spezia. E ha raccontato col cuore la sua missione d’artista ai ra­ gazzi dell’Istituto “Fossati”: ospite della professoressa Ada Galeazzi, e del preside Andrea Cornetto, grazie al progetto musica di Fondazione Carispe, che mette a contatto valenti musicisti e studenti delle scuole spezzine, nel tentativo di contagiarli alla musica di qualità. Brunohacoinvoltoigiovani,conla suasincerità.Lecanzonette?Stanno alla musica classica come un roman­ zettod’appendiceallaletteratura.Le

LA MAGIA DELLA MUSICA VERA Giuseppe Bruno, direttore d’orchestra, in cattedra fra gli alunni del “Fossati” colonne sonore dei film? Gradevoli, ma senza ossatura. La disco? Un mo­ do per far ballare, senza coinvolgere la sfera intellettuale. Ma la vera mu­ sica, quella che “sconvolge sempre, e richiama a qualcosa di profondo, ha i suoi obiettivi altrove”. «Il grande problemadellascuolaitaliana,èildi­ sinteresse all’educazione musicale – ha confidato – alla primaria non se ne parla neanche, alle medie perfino le scuole ad indirizzo musicale sono così confuse da non comprendere che la musica ha tanti livelli, e se non riusciamo a trasmettere la sincera passione per quel che è più elevato, rimarremo per sempre esclusi dalla magia della musica vera». L’artista ha spiegato di amare e rispettare Fa­ brizio De André, la Streisand, Celine Dion: «Faccio fatica a comprendere chi apprezza Brtney Spears – ha am­ messo – ma ciò che voglio dire, è che tutto può essere gradevole da ascol­

Auditorio attento alla Spezia

tare, ma dietro la musica vera c’è un fatto culturale che non ha niente a chevederecontuttoilresto».Chefa­ re, allora, se le occasioni di studio musicale scarseggiano? «Cantate in

uncoro–hasuggerito–ègiàunabel­ laoccasione:esesentiteunrichiamo più forte, avvicinatevi al conservato­ rio». Bruno ha portato con sé, come testimonial, un ragazzo di 22 anni,

Alessandro Maccione, virtuoso del violoncello: una promessa della mu­ sica classica, ma coi blue jeans e la maglia a righe. «Cosa mi fa sopporta­ re la fatica, le quattro ore minime quotidiane di prove, la consapevo­ lezza della difficoltà di costruire una carriera da orchestrale? È la passio­ ne – ha raccontato – a volte mi dispe­ ro, mi viene la tentazione di mollare: poi penso che no, posso farcela, e co­ munque questa è la mia grande pas­ sione.Eriparto.Elaforza,meladan­ no gli amici, con i quali suono in un quartetto, il Lunezia». Da bimbo, Alessandro aspirava a fare il pianista: «Ma ero vivace – con­ fida – e mamma disse che no, non mostravo la necessaria pazienza». A sette anni, la folgorazione: l’incon­ tro, in parrocchia, con Franco Paga­ no,unragazzospezzinodel’76,inna­ morato del violoncello: «Ho sentito qualcosa: ero così determinato, che

Con il patrocinio di Il Giornale in classe 2009/2010 è realizzato con

la mia famiglia non ha potuto far al­ tro che appoggiarmi». Ora Ale è un valente musicista: e Franco Pagano, diventato sacerdote, è un giovane violoncellista in abito talare, così amato dai suoi parrocchiani, alle Cinque Terre, da essere stato scelto per lo spot dell’8 per mille alla chiesa cattolica. Uno spot in cui, fra l’altro, suona. Fondazione Carispe è inter­ venuta al “Fossati” con la vice presi­ dente Eliana Bacchini, la consigliera Elda Belsito, e la coordinatrice del progetto musica, Miren Etxaniz. Alessandro ha suonato diversi pezzi, connaturalezzaegrandeinterpreta­ zione: e fra i ragazzi del “Fossati”, è nataunamezzaideadimetteresuun coro della scuola. Oltretutto, l’istitu­ to è gemellato con la cittadina di Bayreuth, che vanta una illustre tra­ dizione musicale. Chissà se proprio le due classi protagoniste dell’incon­ tro con Giusepep Bruno, la I e la II ad indirizzo linguistico, riusciranno a realizzare l’antico sogno del “Fossa­ ti”,chefinoadogginonèmairiuscito a mettere insieme un numero ade­ guatodicoristi.Inquantoalprogetto musica, prosegue: coinvolgendo centinaia e centinaia di ragazzi. e la collaborazione di


46

IL SECOLO XIX

xte / televisione

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

21.10 LA PARTITA DEL CUORE 2010 LaNazionaleItalianaCantantiscen­ de in campo per un’iniziativa benefica a sostegno della lotta alla distrofia

21.05 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 Semir e Ben devono scortare a Ber­ lino il testimone di un processo contro un boss della droga

Rai 1 06.30 TG 1 Informazione 06.45 UNOMATTINA Attualità. Conducono M. Cocuzza ed E. Daniele 08.00 TG 1 Informazione 09.30 TG 1 - FLASH Informazione 10.00 VERDETTO FINALE Rubrica. Conduce Veronica Maya 11.00 OCCHIO ALLA SPESA Conduce Alessandro Di Pietro 12.00 LA PROVA DEL CUOCO Varietà. 13.30 TELEGIORNALE Informazione 14.00 TG1 ECONOMIA Rubrica 14.10 BONTÀ SUA Conduce Maurizio Costanzo 14.30 FESTA ITALIANA 16.15 LA VITA INDIRETTA Rubrica. Conduce Lamberto Sposini 16.50 TG PARLAMENTO 17.00 TG 1 - CHE TEMPO CHE FA 18.50 L’EREDITÀ Gioco. 20.00 TELEGIORNALE Informazione 20.30 SOLITI IGNOTI Gioco. Conduce Fabrizio Frizzi 21.10 LA PARTITA DEL CUORE 2010 Dallo Stadio Alberto Braglia di Modena 23.25 TG 1 Informazione 23.30 PORTA A PORTA Rubrica. 01.40 APPUNTAMENTO AL CINEMA

21.10 BALLARO’ IlgiornalistaGiovanniFlorisconuna nuova puntata sulla realtà politica ed economicaitaliana.Dibattitiedappro­ fondimenti con gli ospiti in studio

Rai 3

Rai 2 07.00 09.00 09.45 10.00 11.00 13.00 13.30 13.50 14.00 14.45 16.10 16.55 18.05 18.10 18.30 19.00 19.35 20.25 20.30 21.05 23.45

CARTOON FLAKES STORIE DI SALUTE CRASH - FILES TG2PUNTO.IT I FATTI VOSTRI Varietà. Conducono Giancarlo Magalli, Adriana Volpe, Marcello Cirillo TG 2 - GIORNO TG 2 COSTUME E SOCIETÀ A cura di Mario De Scalzi MEDICINA 33 IL FATTO DEL GIORNO Varietà. Conduce Monica Setta ITALIA SUL DUE Conducono M. Infante e L. Bianchetti LA SIGNORA DEL WEST Tf. CUORE DI MAMMA TG 2 FLASH L.I.S. RAI TG SPORT TG 2 Informazione SECONDO CANALE SQUADRA SPECIALE COBRA 11 Telefilm ESTRAZIONI DEL LOTTO TG2 - 20,30 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 “ Testimone a Berlino”. Telefilm - 1^ visione Rai LA STORIA SIAMO NOI

7.00/9.00

21.10 VITE STRAORDINARIE Elena Guarnieri ripercorre vita e carriera di una delle dive più sexy di tutti i tempi: Marilyn Monroe, morta in circostanze misteriose, nel 1962

9.00/12.00

08.05 09.00 09.10 09.15 10.00 12.00 12.25 12.45 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

17.10 18.10 18.15 19.00 20.00 20.15 20.35 21.10 23.20 00.00

Rete 4

LA STORIA SIAMO NOI DIECI MINUTI DI... FIGU Album di pesone notevoli COMINCIAMO BENE - PRIMA COMINCIAMO BENE TG3 - RAI SPORT NOTIZIE CICLISMO: 93° GIRO D’ITALIA “Si gira”. Da S. Vigilio di Marebbe LE STORIE - DIARIO ITALIANO JULIA Telefilm TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 9 3° GIRO D’ITALIA 16^ tappa: San Vigilio di Marebbe - Plan de Corones. In diretta da Bolzano PROCESSO ALLA TAPPA COSE DELL’ALTRO GEO GEO GEO Rubrica. Conduce Sveva Sagramola TG3 - TG3 REGIONE - METEO 3 BLOB IL PRINCIPE E LA FANCIULLA UN POSTO AL SOLE Soap Opera BALLARÒ Rubrica. PARLA CON ME TG3 LINEA NOTTE - REGIONE

12.00/14.00

21.10 ZELIG Sketch inediti e fuori onda mai visti dei comici che hanno calcato il palco di Zelig, tra questi Raul Cremona e Gio­ vanni Vernia

14.00/16.00

Canale 5

05.30 PESTE E CORNA EGOCCEDI STORIA Cultura 05.35 WEST WING TUTTI GLI UOMINI DELPRESIDENTE Telefilm 06.20 MEDIA SHOPPING Show 06.50 KOJAK Telefilm 07.50 CHARLIE’S ANGELS Telefilm 08.50 NASH BRIDGES Telefilm 10.15 CARABINIERI Telefilm 11.30 TG4 - TELEGIORNALE 12.02 DISTRETTO DI POLIZIA Telefilm 12.55 DETECTIVE IN CORSIA Telefilm 13.50 SESSIONE POMERIDIANA IL TRIBUNALE DI FORUM Show. 15.10 WOLFF UN POLIZIOTTO A BERLINO 16.15 SENTIERI Soap Opera 16.50 FILM: L’ORFANA SENZA SORRISO (comemdia). Regia di Jean Negulesco, con Greer Garson, Walter Pidgeon 18.55 TG 4 - TELEGIONALE 19.35 TEMPESTA D’AMORE Telen 20.30 WALKER TEXAS RANGER “ Un ranger nel Farwest”. Telefilm 21.10 VITE STRAORDINARIE “ Marilyn Monroe”. Cultura 23.35 FILM: IL PIANETA DELLE SCIMMIE (fantastico). Regia di T. Burton, con M. Wahlberg 16.00/18.00

21.10 STARDUST Il giovane Tristan abita nel villaggio inglese di Wall. Spinto dalla voglia di affermarsisirecaaStormholddoveco­ nosce la bellissima Yvaine

18.00/20.00

Italia 1

06.00 PRIMA PAGINA 07.55 TRAFFICO - METEO 5 BORSE E MONETE Informazione 08.00 TG5 - MATTINA 08.40 MATTINO CINQUE Show. Conducono Federica Panicucci e Claudio Brachino 10.00 TG5 - ORE 10 11.00 FORUM Show. 13.00 TG5 - METEO 5 Informazione 13.40 BEAUTIFUL Soap Opera 14.10 CENTOVETRINE Soap Opera 14.45 UOMINI E DONNE Reality. Conduce Maria De Filippi 16.55 POMERIGGIO CINQUE Show. Conduce Barba D’Urso 18.00 TG5 - 5 MINUTI Informazione 18.50 CHI VUOL ESSERE MILIONARIO Quiz. Conduce Gerry Scotti 20.00 TG5 – METEO 5 20.35 STRISCIA LA NOTIZIA LAVOCE DELL’INFLUENZA Show. Conducono Ficarra e Picone 21.10 ZELIG - SVISTI E MAI VISTI Show - 2^ puntata 23.30 MATRIX Informazione. 01.30 TG5 NOTTE - METEO 5 02.00 STRISCIA LA NOTIZIA LAVOCE DELL’INFLUENZA Replica 02.30 MEDIA SHOPPING Informazione 20.00/21.00

07.50 08.15 08.25 08.35 08.50 10.35 12.25 13.00 13.40 14.05 14.20 14.45 15.10 16.10 16.35 17.00 17.30 17.55 18.30 19.00 19.30 20.05 20.30 21.10 23.45 02.15 02.30

La 7

HEIDI Cartoni SILVESTRO Cartoni TOM JERRY Cartoni BUGS BUNNY Cartoni CAPOGIRO Cultura GREY’S ANATOMY “Scontro interiore” e “Avere fede”. Telefilm STUDIO APERTO – METEO STUDIO SPORT AMERICAN DAD Cartoni LA PUPA E IL SECCHIONE IL RITORNO Show I GRIFFIN Cartoni I SIMPSON Cartoni MERLIN Telefilm JONAS Telefilm SONNY TRA LE STELLE Sitcom TRUE JACKSON, VP Sitcom KILARI Cartoni SPONGEBOB Cartoni STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT LA VITA SECONDO JIM Sit-com I SIMPSON Cartoni VIVA LAS VEGAS FILM: STARDUST (azione). Con C. Cox, R. De Niro, M. Pfeiffer MY OWN WORST ENEMY Tf. STUDIO APERTO - LA GIORNATA ROBIN HOOD Telefilm GR

E VIABILITÀ: OGNI ORA AGLI DALLE 8,00 ALLE 22,00

21.00/24.00

'00

FLASH VIABILITÀ: DALLE 8,00 ALLE 20,00 OGNI ORA AI 40’ METEO: ORE 8,00 - 13,00 18,00 - 19,00 - 20,00

LA RADIO DEL SECOLO XIX

NEWS E METEO

PAY TV

06.00 TG LA7/METEO/OROSCOPO/ TRAFFICO 07.00 OMNIBUS Rubrica 09.15 OMNIBUS LIFE Rubrica 10.00 OMNIBUS (AH)IPIROSO Rubrica 10.55 PUNTO TG 11.00 2’ UN LIBRO Rubrica. 11.10 MATLOCK Telefilm 12.30 TG LA7 - SPORT 7 13.00 MOVIE FLASH 13.05 THE DISTRICT Telefilm 14.05 FILM: IL CASTELLO DI CARTE (thriller). Con George Peppard, Orson Welles e Inger Stevens 16.00 ATLANTIDE – STORIE DI UOMINI E DI MONDI Rubrica. Conduce Greta Mauro 18.00 RELIC HUNTER “ Il popolo perduto”. Telefilm 19.00 CROSSING JORDAN “ Una donna adorabile”. Telefilm 20.00 TG LA7 Informazione 20.30 OTTO E MEZZO 21.10 MISSIONE NATURA Rubrica 23.30 VICTOR VICTORIA HOT Conduce Victoria Cabello 00.35 TG LA7 Informazione 00.55 MOVIE FLASH 01.40 TWO TWISTED “ Jailbreak”. Tf.

GENOVA 90.7-90.8-98.2-98.7-103.0-103.8 LA SPEZIA 90.0 - VAL D'AVETO 88.8-103.9 TIGULLIO 92.6-93.3-106.0 RONCO SCRIVIA 93.3 ISOLA DEL CANTONE / BUSALLA 98.2 SAVONA 98,2-103,8 - CAIRO M. 93.2 BORGIO V. 88.8 - ALBENGA 88.8 SANREMO 104.0 - IMPERIA 104.3

FREQUENZE

LIGURIA

Sky Uno 14.50 SEI PIÙ BRAVO DI UN RAGAZZINO DI 5A? Show 15.50 EXTREME MAKEOVER HOME ... 16.45 10 ANNI PIÙ GIOVANE USA 17.10 AMERICA’S NEXT TOP MODEL 18.10 BEVERLY HILLS, 90210 Serie TV 19.05 PROJECT RUNWAY TAGLIA, CUCI... SFILA! Reality 20.00 DAVID LETTERMAN SHOW 21.00 NUDE E BELLE! UK Reality 21.50 CAMBIO VITA... MI TRASFORMO Serie TV

21.10 MISSIONE NATURA Vincenzo Venuto ci porta alla sco­ perta del castoro dell’Argentina. Il ro­ ditore rischia di mettere in pericolo l’ecosistema locale

Sky Cinema 1 07.25 08.50 10.50 13.00 14.55 17.00 18.55 21.00 22.45 01.00 03.05 04.50

FILM: QUEL GENIO DI BICKFORD FILM: THE INTERNATIONAL FILM: PUSH FILM: TWO LOVERS FILM: RACCONTI INCANTATI FILM: LA RAPINA PERFETTA FILM: THE INTERNATIONAL FILM: HOTEL BAU FILM: UN’ESTATE AI CARAIBI FILM: RACCONTI INCANTATI FILM: CUORI DI VETRO FILM: ALIBI E SOSPETTI

Sky Sport 1 06.30 12.30 13.30 14.00 15.00 15.30 18.00 19.00 19.30 20.00 20.45 23.00

CALCIO: SERIE A REVIEW CALCIO: SERIE A GNOK CALCIO REMIX I SIGNORI DEL CALCIO (replica) CALCIO: FAN CLUB ROMA CALCIO: FAN CLUB SPECIALE MONDO GOL GNOK CALCIO REMIX MAGAZINE Magazine I SIGNORI DEL CALCIO CALCIO: UNA PARTITA GNOK CALCIO REMIX (replica)

Dahlia Sport 13.40 15.30 15.50 16.05 16.35 17.05

V8 SUPERCARS SPORT NEWS DAHLIA CALCIO HI-LI AUDI MED CUP - CASCAIS DAHLIA SINTESI RUGBY LEAGUE: St. HelensHull Kr. 19.15 RING OF HONOR 20.05 FIGHT SPORTS: Championship Boxing 22.45 FIGHT SPORTS: World Extreme Cagefighting

Joi 15.30 THE DISTRICT IV Telefilm 16.15 ER-MEDICI IN PRIMA LINEA XIII 17.00 FILM: OPERAZIONE VALCHIRIA (drammatico). Con Tom Cruise, 19.00 E ALLA FINE ARRIVA MAMMA! 19.25 LEVERAGE I Telefilm 20.15 CRIMINAL INTENT VII Telefilm 21.00 LAW ORDER UNITÀ SPECIALE XI Telefilm 22.301 THE FORGOTTEN Telefilm 23.15 THEBLACK DONNELLYS Telefilm 00.00 THE DISTRICT IV Telefilm

Primocanale 13.00 13.45 16.00 18.00 19.00 19.30 21.00 23.00

REDAZIONE CENTRALE LIGURIA IN DIRETTA SPORT SCUOLA VIVA SOS PRIMOCANALE PRIMOGIORNALE Notizie ANTEPRIMA CALCIO POLITICA RIMOGIORNALE Notizie

Telecity 7Gold 14.05 14.20 17.55 19.00 19.30 20.00 20.30 21.10

VIAGGIANDO TV POMERIGGIO CON CASALOTTO AI CONFINI DELL’ARIZONA Tf. TG7 TG7 SPORT CASALOTTO TG7 SPORT FILM: CORDA TESA R.: Richard Tuggle. Con Clint Eastwood, Alison Eastwood (poliz.., Usa 1984).

DIGITALE TERRESTRE Rai 4 17.55 90210 STAGIONE I “ Fuga a Palm Springs”. Serie TV 18.45 EUREKA II “ Moderna alchimia”. Telefilm 19.30 DEAD ZONE III “La confessione”. Serie TV 20.20 STREGHE VIII “L’uno o l’altro”. Serie TV 21.10 SUPERNATURAL II “ Detenzione forzata” e “Desideri nascosti”. Serie TV 22.45 FILM: KISS OF THE DRAGON

Mya 15.25 SUMMER CRUSH III Telefilm 15.55 FRIENDS III Sitcom 16.30 FILM: UN’OTTIMA ANNATA (commedia). Regia di R. Scott, con R. Crowe, A. Finney 18.30 FILM: VICKY CRISTINA BARCELONA (drammatico). Regia di W. Allen, con S. Johansson 20.10 THE CLOSER III Telefilm 21.00 FILM: I COULD NEVER BE YOUR WOMAN (commedia). 22.40 GOSSIP GIRL III Telefilm

Iris 15.20 FILM: BESAME MUCHO (drammatico). Con T. Bertorelli 17.05 FILM: ROSENCRANTZ EGUILDENSTERN SONO MORTI (drammatico). Con Gary Oldman 19.10 ANICA FLASH informazione 19.15 I SOPRANO V Telefilm 20.15 C.S.I. SCENA DEL CRIMINE V Telefilm 21.00 FILM: UNA VITA ESAGERATA (azione). Regia di G. Ritchie 22.45 THE INSIDE Telefilm

Boing 16.50 17.10 17.35 18.00 18.25 19.15 19.40 20.00 20.25

IL LABORATORIO DI DEXTER BLUE DRAGON THE BATMAN Animazione POKEMON Animazione FLOR Animazione SCOOBY DOO Animazione IL LABORATORIO DI DEXTER BEN 10 Animazione LE NUOVE AVVENTURE DI SCOOBY DOO Animazione 20.50 LEONE CANE FIFONE 21.00 WANNADANCE Animazione

Telegenova

MTV 09.00 10.00 12.00 13.00 13.05 14.00 14.05 15.00 15.05 16.00 18.00 19.00

THE HILLS Show ONLY HITS Musica. LOVE TEST Show MTV NEWS Notiziario 16 PREGNANT Show MTV NEWS Notiziario MY TRL VIDEO Musica MTV NEWS Notiziario KEBAB FOR BREAKFAST Fiction ONLY HITS Musica LOVE TEST Show MTV NEWS Informazione

12.45 19.00 19.30 19.45 20.00

TELEGIORNALE TGNEWS CASA DOLCE CASA BAR DELLO SPORT DOTTOR MACRÌ L’arte del sorriso 21.15 IL CAMPIONATO DEICAMPIONI 23.00 PONENTE MAGAZINE

Telenord 07.00 TGN MATTINA 11.00 LIFE Conduce S. Bonelli 12.30 TGNCALCIO Diretta Conduce G. Vasino 14.00 CONSIGLIO COMUNALE 19.00 TGN CALCIO Diretta 19.45 TGN SAVONA 20.00 GENOVA X9 21.00 CONSIGLIO COMUNALE R.


IL SECOLO XIX

xte / rubriche & giochi

TAX CORNER

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

47

730

SCRIVERE A: TAX CORNER via XX Settembre 42/5 16121 Ge - fax. 010 8595201

avvocato SARA ARMELLA ­ segreteria@studioarmella.com ­ www.studioarmella.com

LA CASSAZIONE L’AGENZIA ENTRATE ESIBISCA GLI ATTI Houncontenziosocon l’Agenziadelleentrate,da­ vantiallaCommissione provinciale.Lapretesa dell’Agenziaèingiusta:mi richiedonoilversamentodi importi(aifiniIci)cheioho giàpagato!Purtroppo,però, nonsonopiùinpossesso dellericevutedipaga­ mento,persenelcorsodiun trasloco:hoquindirichiesto all’Agenziadiaccederealfa­ scicolorelativoall’accerta­ mento,perpoterprovareal giudicelemieragioni. L’Agenzia,però,harespinto lamiaistanzadiaccessoper “esigenzedisegretezza”do­ vutealfattocheilprocesso tributariosarebbeancora pendente.Questamotiva­ zionenonmisembracor­ retta.Cosapossofare?

dovuta.Dopol’adozione dell’attoimpositivo(cheillet­ toreharicevutonell’ottobre 2009),deveritenersisussi­ stenteildirittodelcittadinodi accedereagliattidelprocedi­ mento.Questiprincipisono statiaffermati,daultimo,dal ConsigliodiStato,nellare­ centedecisionen.53del13 gennaio2010.Sisuggerisceal lettoredirivolgerel’istanzadi accessoalGarantedelcontri­

[+]

COMECONTATTARE GLI ESPERTI

lunedì

ATTENTI AL PORTAFOGLIO

risparmio@ilsecoloxix.it

martedì

TAX CORNER

segreteria@studioarmella.com DOMANI

mercoledì

PIEROfax

LA CASELLA DELLA SANITÀ

Illettoreharagionenell’affer­ marechequestamotivazione nonècorretta,inquantocon­ fondeilprocessotributario (chesistasvolgendopressola Commissionetributariapro­ vinciale)conilprocedimento tributario,chesièconcluso conl’adozionedell’attoimpo­ sitivoimpugnato.Leesigenze disegretezzachepossonogiu­ stificare,dapartedell’Agen­ ziadelleentrate,ilrigettodi un’istanzadiaccessoagliatti, infatti,sussistonoesclusiva­ menteperladuratadelproce­ dimentotributario,finché essononsiconcludacon l’adozionedelprovvedimento diaccertamentodell’imposta

salute@ilsecoloxix.it

giovedì

A QUATTRO ZAMPE

buente,chehasedepresso ogniDirezioneregionale dell’Agenziadelleentrate:si trattadiunorganoche,seb­ benenonabbiailpoteredi adottaredecisionivincolanti perl’Amministrazione,hala funzionedivigilaresucom­ portamentichepossanocom­ promettereirapportidifidu­ ciatracontribuentieilFiscoe diformulare,atalfine,richie­ ste,raccomandazionieri­ chiami.

Nellontano1992,ilCatasto haattribuitoaunimmobile dimiaproprietàuncerta renditacatastale,afiniIci.A seguitodimiaistanzadire­ visioneinautotutela,nel 2007l’Ufficiohaprovve­ dutoaclassarediversa­ mentel’immobileeadimi­ nuirelarendita:vorreisa­ pereseladiminuzioneha effettoretroattivo.Inso­ stanza,possochiedereil rimborsodellamaggiore impostapagataneglianni passati? LETTERAFIRMATAe­mail

venerdì

Laminorerenditaattribuita aseguitodiunanuovavalu­ tazionedell’immobileediun conseguentediversoclassa­ mento,haeffettosoltantoper ilfuturoe,inparticolare,dal 1°gennaiodell’annosucces­ sivoaquelloincuilanuova renditaèstatamessainatti (cioèannotatanegliatticata­ stali).Pertanto,purtroppo,al contribuentenonspettail rimborsodellamaggioreim­

previdenza@ilsecoloxix.it

sabato

L’AVVOCATO DI FAMIGLIA

giovannacomande@fastwebnet.it

domenica

BIMBI IN FORMA

pediatri@ilsecoloxix.it

soggettataaIvanelnostro Paese.Atalfine,occorrevalu­ tareseallaprestazionecon­ cretamentepostainesseresia CARTELLE EQUITALIA applicabilelaregolagenerale E INTERESSI DI MORA dicuiall’art.7terdeldecreto Horicevutounacartelladi 633del1972,ounadelledero­ Questa rubrica è anche nel propagamentodaEquitaliaper ghespecificheprevistedagli gramma radiofonico Il Condounasommaingente.Mi articoliseguenti.Ebbene,le minio ogni lunedì mattina su trovoindifficoltàapagare prestazionidimanutenzionee Radio 19 subito,maholettosulla riparazionesonosoggettealla cartellacheincasodipaga­ regolagenerale,inforzadella mentoinritardodovròpa­ notificadellacartella,l’aggio qualeunaprestazionediser­ gareancheil9%sugliinte­ èdovutonellamisuradel vizièterritorialmenterile­ ressidimora.Ècorretto? 4,65%dellesommeiscrittea vanteinItaliaseeffettuataa GIULIOe­mail ruolo,mentrelarestante favorediunclientesoggetto partedell’aggioèacarico passivostabilitonelnostro L’attivitàdeiconcessionari dell’entecreditore.Nelcasoin Paese.Illettorenonspecifica dellariscossione,oggiagenti cui,invece,ildebitoreeffettui sel’armatore(clientedella dellariscossione(diretta­ ilpagamentoinritardo,cioè prestazione)èitaliano,comu­ mentecontrollatidallaSo­ oltreilsessantesimogiorno, nitariooextracomunitario; cietàEquitaliaS.p.a.),viene l’aggioèdovutointegral­ bisogna,dunque,distinguere remunerataconun“aggio” mente,nellamisuradel9per duesituazioni.Sel’armatoreè sullesommeiscrittearuoloe centodell’importoiscrittoa unsoggettopassivoIvaco­ riscosse,chenellacartella ruoloedegliinteressidimora, munitariooextracomunita­ sonoindicaticome“compensi dovutiperognigiornodiri­ rio,inforzadellaregolagene­ diriscossione”.Pereffetto tardo. ralelaprestazionedeveconsi­ dellemodificheapportate­a derarsifuoricampoIva:essa decorreredal1°gennaio2009 QUANDO SUI RICAVI saràassoggettataaIvanel ­aldecretolegislativo112del NON SI PAGA L’IVA Paesedelcliente.Qualora,in­ 1999,chedisciplinailservizio vece,l’armatoresiaunsog­ nazionalediriscossione,l’im­ Lamiaimpresahaconcluso gettopassivoIvastabilitoin portodiquesticompensiè conunarmatoreuncon­ Italia,laprestazioneresaa statoelevato,stabilendoche trattodiappaltoperl’effet­ suofavoreèterritorialmente l’attivitàdegliagentidellari­ tuazionedilavoridimanu­ rilevantenelnostroPaesee scossioneèremuneratacon tenzioneeriparazionedi trovaapplicazionel’Ivaita­ unaggiodeterminatonella unanavecommerciale. liana.Soloinquestocasosi misurafissadel9percento Questeprestazionidiser­ poneilproblemadivalutare dellesommeiscrittearuolo vizisonononimponibiliai l’eventualenonimponibilità riscosseedeirelativiinteressi finiIva? dellaprestazioneresa.Atal dimora.Lamisuradell’aggio LETTERAFIRMATAe­mail riguardo,leprestazionidiser­ postoacaricodelcittadino, viziqualimanutenzione,ri­ tuttavia,èdiversaaseconda Primadiinterrogarsisulla parazione,arredamento,lo­ cheilpagamentodell’importo eventualenonimponibilitàdi cazioneenoleggiodinavide­ iscrittoaruoloavvenganei unaprestazionediservizi,è stinateall’eserciziodiattività terminioinritardo.Qualora necessario,anzitutto,stabilire commerciali,sonoespressa­ ildebitoreeffettuiilpaga­ seessasiaterritorialmenteri­ mentequalificatecomenon mentoneitermini,ossiaentro levanteaifiniIvainItalia:in imponibili,aisensidell’art.8 ilsessantesimogiornodalla altritermini,seessasiaas­ bisdellanormativacitata.

RENDITA CATASTALE NON RETROATTIVA

animali@ilsecoloxix.it

PREVIDENZA FACILE

postapagatanegliannipre­ cedenti.

NUMERI E RITARDI CRUCIVERBA I RITARDI SU TUTTE LE RUOTE (tra parentesi le settimane di ritardo)

AMBI RITARDATARI

AMBI DIVISORE COMUNE

( 418) ( 301) ( 298)

03­23 27­61 57­58

30­75 12­57 25­70

AMBI CON CAPOGIOCO

(192) (184) (172)

59­71 59­27 59­18

(155) (84) (80)

AMBI CONSECUTIVI

(267) (207) (195)

12­21 67­76 25­52

AMBI COMPLEMENTARI

41­49 39­51 34­56

AMBI VERTIBILI

(279) (212) (188)

57­58 29­30 85­86

(298) (137) (131)

Cadenza 10­20­30­40­50­60­70­80­90

3

Decina 50­51­52­53­54­55­56­57­58­59

3

Verticali: 1. Invoglianti, provocanti 2. Il settore della ditta che si occupa dei clienti - 3. La Duse che fu musa di D’Annunzio (iniz.) - 4. Partecipa all’arrocco - 5. Screditati, infamati - 6. Il nome della Barzizza - 7. Quelle equatoriali sono i polmoni della terra - 8. Sono mascherati dall’esca - 9. Non cresce nemmeno da grande -

2

Gemelli 11­22­33­44­55­66­77­88

1

Radicali 08­80­88­89

14

Terni Consecutivi 49­50­51

59

È DEL 19 maggio scorso l’ultimo inter­ ventodellaCortediCassazionesullano­ ta vicenda dei trasferimenti di residenza dei vip verso paradisi fiscali. Il caso esa­ minato riguarda un noto motociclista, al centro di una controversia con il Fisco italiano per avere trasferito, negli anni Novanta, la propria residenza a Monte­ carlo. La sentenza interessa chiunque abbia trasferito (o intenda trasferire) al­ l’estero la propria residenza fiscale, rite­ nendodipoteravvantaggiarsidiunatas­ sazione decisamente più leggera. La Cassazione ha confermato la linea dura del Fisco, chia­ LA REGOLA rendo che è soggetto Quando allatassazioneinIta­ il domicilio lia il cittadino italia­ no che, pur anagrafi­ resta camente residente in Italia, all’estero, conservi le tasse inItaliailpropriodo­ si pagano micilio. Il domicilio è la sede principale non soltanto degli affari e degli interessi economici,maanchedellerelazioniper­ sonali. Di conseguenza, l’occhio del Fi­ sco si può inoltrare anche a esaminare gli interessi morali, sociali e familiari di una persona. Non è neppure necessaria, perché un contribuente possa essere considerato domiciliato in Italia, la sua presenza fisica sul territorio italiano. Il domicilio, infatti, prescinde da tale pre­ senza fisica ed è integrato da una serie di rapporti e relazioni esistenti nel territo­ rio nazionale: conti bancari, casa a di­ sposizione, rapporti familiari e sociali. Attenzione a chi promette facili ri­ sparmi.

SUDOKU 1

2

3

4

0

11

0

14

0

18

19

0

6

7

12

15

0 0

20

5

16

0

21

0

23

8

9

facile

10

difficile

13

17

22

0

24

0

25

0

27

26

28

29

0

31

0

32

0

34

0

37

0 0

0

45

0

41

46

0

35

0

38

42

0

47

48

0

0

43

0 49

0

33

36

39

0

30

40

44

Completare il diagramma in modo che in tutte le righe orizzontali, in tutte le colonne verticali e in tutti i riquadri 3x3 compaiano una sola volta i numeri da 1 a 9

50

51

0

52

Figura 05­14­23­32­41­50­59­68­77­86

Orizzontali: 1. Albero dal legno bianco - 5. Trasparente - 11. Oltre il trenta negli esami universitari - 12. Una fiction di Mediaset - 13. Il Pedrini che cantava coi Timoria - 14. Iniziali del Manara patriota - 16. Salerno per l’ACI - 17. Il telecronista Tommasi - 18. Famoso, insigne - 22. Il Perù in Internet - 23. Contattarsi a distanza… ma a viva voce - 27. Studia le relazioni fra i lati e gli angoli dei triangoli - 29. Raggruppate - 30. A te - 31. Isola delle Cicladi - 32. La Keaton interprete di più film di Woody Allen - 33. Si conta in anni 34. Parecchie - 35. In mezzo all’etto 36. Radice piccante di uso alimentare - 37. Raganella arboricola - 38. Si spendono a Osaka… con la i - 40. Il numero delle Grazie - 41. La cosa di Cicerone - 43. Preposizione articolata - 44. Si ricorda con l’oc - 46. Sulle auto partenopee - 47. La metà di ieri - 49. Congiunzione telegrafica - 51. Il cloro nelle formule - 52. È la scuola specializzata nella musica.

LINEA DURA SULLA RESIDENZA TRASFERITA NEI PARADISI FISCALI

10. Un dono dei Re Magi - 15. Risarcire il danno - 19. Il monte delle muse - 20. Un monarca… poetico - 21. Anagramma di notti - 22. Lo stesso che sacerdote - 24. Centro costiero in provincia di Cosenza - 25. Giro senza inizio né fine - 26. Centro agricolo nel casertano - 28. Lo sono i malati con

SOLUZIONI DEI GIOCHI DI IERI

la cute gialla - 33. Ritto - 39. Il no di Boris Pasternak - 41. Luogotenente del Negus - 42. Titolo per baronetti inglesi - 45. Fabio alla guida della nazionale di calcio inglese (iniz.) - 46. Due lettere per indicare il padre ignoto - 48. Il Vaime autore televisivo (iniz.) - 50. Sigla del capoluogo piemontese.

Terzine Pari 72­74­76

55

OROSCOPO

Terzine Dispari 23­25­27

47

Controfigure 07­18­29­40­51­62­73­84­55

CONC. ORA

1860 8 1861 9 1862 10 1863 11 1864 12 1865 13 1866 14 1867 15 1868 16 1869 17 1870 18 1871 19 1872 20

2

COMBINAZIONE VINCENTE del 24/5/10

1 2 3 3 1 2 6 1 2 2 3 1 6

4 3 5 6 2 3 7 4 4 4 4 2 7

6 10 12 13 15 16 17 19 6 8 10 11 12 17 18 20 7 8 10 12 15 16 17 18 7 8 9 11 12 13 17 19 3 4 5 6 7 11 12 17 6 8 10 11 12 14 17 20 8 9 12 15 16 17 19 20 9 10 11 12 15 18 19 20 5 6 8 10 12 13 14 20 5 6 7 13 15 16 18 19 7 9 11 12 13 15 17 20 3 4 6 11 12 15 19 20 8 9 10 12 13 14 17 20

NUM

19 16 5 8 15 9 12 11 7 3 2 7 5

ARIETE 21 mar ­ 19 apr Sarete voi a dover gestire una situazione che sono stati altri a creare. Dovrete farlo nel modo più equo possibile: tutti si aspettano che siate super partes

TORO 20 apr ­ 20 mag Potreste trovarvi a svolgere un ruolo di comando oggi, e benchè non abbiate nessuna voglia di assumervi delle responsabilità sarete costretti a farlo

GEMELLI 21 mag ­ 20 giu Quella di oggi è la giornata ideale per affrettare il passo e cercare di ottenere dei risultati che siano superiori, per quantità e qualità, a quelli che ottenete di solito

CANCRO 21 giu ­ 22 lug Di sicuro attirerete molta attenzione su di voi, oggi, e non sempre per ragioni che vi faranno onore. Cercate di non mettervi in cattiva luce con una persona influente

LEONE 23 lug ­ 22 ago Le sfide che vi troverete a dover affrontare saranno davvero formidabili, oggi, ma alla fine la fortuna vi darà una mano e le supererete tutte

VERGINE 23 ago ­ 22 set Questo è il momento di rimettersi a lavorare e di pretendere che tutti facciano altrettanto: chiedete agli altri esattamente quello che chiedete a voi stessi

BILANCIA 23 set ­ 22 ott Non c’e ragione di essere tanto freddi e distaccati. Al contrario, un po’ più di coinvolgimento non potrebbe che giovarvi in tutti i sensi

SCORPIONE 23 ott ­ 21 nov È importante che oggi vi impegniate al massimo per fare felice una persona cara. Siate generosi e verrete ripagati con altrettanta generosità

SAGITTARIO 22 nov ­ 21 dic Avrete voglia di esibirvi un po’ e ve ne verrà offerta l’occasione nel pomeriggio: disporrete di un pubblico insperatamente numeroso e attento

CAPRICORNO 22 dic ­ 19 gen Sospettate che qualcuno voglia mettervi i bastoni tra le ruote, oggi, ma il vostro peggior nemico è in voi stessi e nella vostra paura di fallire

ACQUARIO 20 gen ­ 18 feb Vi state preoccupando inutilmente per un amico. Fareste bene a spostare la vostra attenzione su voi stessi e a concentrare le vostre energie su un importante progetto personale

PESCI 19 feb ­ 20 mar Non vi accontenterete di parlare, oggi, ma vorrete anche agire. Siete convinti, infatti, che le azioni valgono assolutamente più di mille parole


commenti Scrivere a: lettere@ilsecoloxix.it Fax: 010.5388.587 Piazza Piccapietra 21 – 16121 Genova

LE LETTERE Pdl al servizio del suo padrone Il premier sostiene che il Pdl è “il partito dell’amore”; storie, il Pdl è un partito al servizio di un pa­ drone che pensa sostanzialmente ai fatti suoi e di pochi intimi. Ve­ diamo alcuni atti politici di que­ sto partito dell’amore. Abolizione, di fatto, del falso in bilancio: atto d’amore verso chi froda il fisco. Legge ex Cirielli (prevede fra l’altro la diminuzione dei termini di prescrizione di molti reati): atto d’amore verso l’impunità. A questo, sempre per dedizione all’amore, si propone una legge che ostacola la possibilità delle in­ tercettazioni telefoniche e la loro pubblicazione. Il ministro Alfano dice che la nuova legge non cam­ bia la possibilità di intercettare mafia e terrorismo (sic), mente sapendo di mentire, sempre in nome dell’amore. E i reati di cor­ ruzione, di spionaggio industriale e quelli della Parmalat, della Cirio? Atto d’amore verso i po­ tenti, i ricchi e quant’altri vo­ gliono fare i loro porci comodi senza che nessuno possa giudi­ care, oppure che qualcuno possa ridere sentendo del terremoto dell’Aquila pensando agli illeciti guadagni. GIUSEPPE MERELLO E­MAIL

Scuola/1 Bersani, un cattivo esempio Non credo sia mai accaduto nella storia della Repubblica italiana che un aspirante alla guida del Paese accusi una donna, la Gel­ mini, ministro dell’Istruzione, di «rompere i coglioni alle maestre». Questo non in un fuori onda, o in in colloquio privato, ma ai micro­ foni della Rai, servizio pubblico. La scuola dovrebbe essere un luogo in cui s’impara l’educazione e si acquisisce cultura. Pierluigi Bersani, esibendo la sua rozza ignoranza, usando un linguaggio scurrile, di certo non incoraggia a migliorare il livello di studenti af­ fidati a docenti e insegnati che non sembrano certo avere pro­ pensione all’educazione civica, ma piuttosto a fomentare il ribel­ lismo e ogni forma di devianza. G. BARALE VERCELLI

Scuola/2 Solo tagli dalla ministra Il ministro Gelmini fa sapere che non risponderà a Bersani. Vera­ mente lui non le ha posto alcuna domanda, ha solo detto come stanno le cose. Basta pensare a quegli insegnanti che fanno con passione il loro lavoro, mentre la ministro affolla le classi, taglia ore di insegnamento e combatte il tempo pieno in tutti gli ordini di scuola (mentre in Europa, dove si ottengono risultati educativi mi­ gliori, il tempo pieno domina anche alle Superiori). Taglia quindi un mare di posti di lavoro (guardandosi dall’intervenire sui veri sprechi), e molti resteranno disoccupati (se precari) o in so­ vrannumero (se di ruolo). Certo, si poteva dire che la ministro “rema contro”, invece di dire che “rompe i c...”. Ma Bersani ha detto la verità, che non dovrebbe offen­

DIRETTORE RESPONSABILE UMBERTO LA ROCCA VICEDIRETTORE ALESSANDRO CASSINIS

BERNARDO GABRIELE E­MAIL

Le morti sul lavoro non sono bianche Le chiamano “morti bianche”, come avvenissero senza sangue. Le chiamano “morti bianche”, perché l’aggettivo bianco allude all’assenza di una mano diretta­ mente responsabile dell’acca­ duto, invece la mano responsabile c’è sempre, più di una. Le chia­ mano “morti bianche”, ma il do­ lore che fa loro da contorno po­ trebbe reclamare ben altra sfu­ matura cromatica. Le chiamano “morti bianche” per farle sem­ brare candide, immacolate, inno­ centi. Le chiamano “morti bian­ che”, tanto non meritano che due righe sui quotidiani o una cita­ zione nel telegiornale. Le chia­ mano “morti bianche”, per evi­ tare che si parli di omicidi sul la­ voro. Le chiamano “morti bian­ che”, bianche come il silenzio, come l’indifferenza che si portano dietro. Le chiamano “morti bian­ che”, ma non sono incidenti, di­ pendono dall’avidità di chi si ri­ fiuta di rispettare le norme sulla sicurezza sul lavoro. Le chiamano “morti bianche”, un modo di dire beffardo, per delle morti che più sporche di così non possono es­ sere. Le chiamano “morti bian­ che”, ma sono il risultato dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo, dove la vita non ha va­ lore rispetto al profitto. Le chia­ mano “morti bianche”, ma sono tragedie inaccettabili per un Paese che si definisce civile. Le chiamano “morti bianche”, ma in realtà sono nere, non solo perché ogni morte è “nera” ma perché spesso, quasi sempre, le vittime non risultano nemmeno nei libri paga dei loro “padroni”: padroni della loro vita. E della loro morte. Le chiamano “morti bianche”, ma sono una emergenza nazionale, anche se c’è chi dice che sono in calo, senza rendersi conto che i dati sulle morti sul lavoro sono fortemente sottostimati, e che se calo c’è è dovuto principalmente alla crisi economica. Le chiamano “morti bianche”, un eufemismo che andrebbe abolito, perché è un insulto ai familiari e alle vittime del lavoro. Le chiamano “morti bianche”, ma quanto tempo pas­ serà ancora perché vengano chia­ mate con il loro vero nome? MARCO BAZZONI FIRENZE

Benzina, i prezzi sono un bidone A Genova la benzina è da circa un mese a 1,454 al litro, mentre il grezzo nello stesso periodo è sceso da 80 dollari al barile a 68. Ora il Governo non venga a dire che tiene d’occhio i petrolieri, co­ munque se lo fa è per incorag­ giarli a tenere alto il prezzo dei carburanti, poiché gli conviene doppiamente. Una volta per le ac­ cise e l’altra per l’Irpeg alle aziende. E tutti tacciono. G. F. ANSELTER GENOVA

CAPIREDATTORI STAFF CENTRALE RICCARDO MASSA ROBERTO ONOFRIO MARCO PESCHIERA

MICHELE MARCHESIELLO

I

ldibattitosuldisegnodileggeinma­ teria di intercettazioni, in corso al Senato, non riguarda solo le catego­ rie degli addetti ai lavori (giornali­ sti, magistrati, polizia), ma investe ­ sotto più profili, anche contrastanti ­ le libertà di cui ogni cittadino gode e deve go­ dere in un Paese democratico. Non si tratta ­ come semplicisticamente si cerca di far credere ­ di contrapporre un illimi­ tato diritto a intercettare e divulgare le conver­ sazioni private, a un altrettanto illimitato dirit­ to di escludere i terzi dalla conoscenza di alcuni aspetti, tra i più privati, della nostra vita. Il pro­ blema è molto più complesso e la sua soluzione nonriposatantosuunapiùomenoappropriata normativa penale, quanto sul ragionevole bi­ lanciamento dei diritti in gioco e sulla risposta che una società civile nel suo complesso è in grado di dare a questa esigenza. Viene in mente uno dei famosi mobiles dello scultore Alexander Calder. Esigenze di difesa sociale, tutela della riservatezza,segreto istrut­ torio, giusto processo, indipendenza del magi­ strato, diritto a informare e a essere informati devono porsi tra loro in una condizione di equi­ librio relativo, sempre in qualche misura insta­ bile. Nessuna legge può assicurare questo equi­ librio:sololaculturacomplessivadiunasocietà è in grado di farlo in termini soddisfacenti, mai definitivi. La società italiana soffre ­ in questo momen­ to ­ di un grado assai elevato di insicurezza, dif­ fidenza verso le istituzioni, incertezza quanto ai beni essenziali della vita: lavoro, casa, istru­ zione. A fronte di questa situazione, il bene del­ la cosiddetta privacy ­ rivelando la sua origine storica, che è soprattutto borghese e nord­ americana­sembraassumereunpesorelativa­ mente minore rispetto al diritto all’informa­ zione, nei suoi due aspetti: informare e essere informati.

Un tecnico al lavoro su una centralina telefonica

Una stampa muta, un pubblico sordo e cieco trasformano la vita di ciascuno ­ quella sociale ma anche quella privata che pur si vorrebbe tu­ telare ­ in un inferno silenzioso, popolato di fantasmi, menzogne, “verità” rigorosamente ufficiali. Da occasione di libertà, la stessa pri­ vacy si trasformerebbe in un carcere da cui sa­ rebbe molto difficile fuggire. È veramente que­ sto che si vuole da chi ci governa? Non lo credo. Credo invece che sia possibile ­ con pazienza e senso positivo del compromesso ­ mettere ma­ no a quest’opera mai finita di equilibrio tra i va­ lori in gioco. Valgano,perquantobanali,alcuneindicazio­ ni. Le intercettazioni, con l’ausilio (ma a volte ­ perversamente ­ sotto la spinta) della tecnolo­ gia informatica, hanno spesso chiuso nell’an­ golo la vecchia, sapiente arte dell’investigazio­

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LA CRISI

DOPO TANTA RETORICA È L’ORA DELLA VERITÀ dalla prima pagina

Ieri, con le prime informazioni sull’entità e gli strumenti della manovra economica che verrà varata oggi dal Consiglio dei ministri, è scoccata l’ora della verità anche per il nostro Paese. È sta­ to Gianni Letta ad assumersi il compito di moti­ vare la necessità di adottare misure che avranno una consistenza pari all’1,6% del nostro Pil, di­ cendo che, se non facessimo così, finiremmo col trovarci in una condizione simile a quella della Grecia. Si tratta di un giudizio pesante in bocca di un esponente di primo piano di un governo che a lungo ha sostenuto la posizione di relativo van­ taggio dell’Italia nell’affrontare la crisi più in­ tensa dopo quella che ottant’anni fa aveva para­ lizzato il mondo. Per mesi, infatti, i messaggi che ci venivano da Palazzo Chigi erano stato di tut­ t’altro tenore: essi ci parlavano di un Paese che disponeva di risorse interne superiori a nume­ rosi dei nostri partner europei e che, appunto per questo, sarebbe uscito prima e meglio dalla crisi. Ora le parole dell’autorevolissimo sottosegre­ tario alla presidenza del Consiglio usano un di­ verso linguaggio, ben più aderente alla realtà di

REDAZIONE SEGRETERIA

CRONACHE GENOVA E BASSO PIEMONTE

TEL. 010.5388403 FAX: 010.5388426

TEL. 010.53881 FAX 010.5388629

e­mail: segreteria@ilsecoloxix.it STAFF CENTRALE FAX: 010.5388630

e­mail: staff@ilsecoloxix.it

fatto che l’Italia ha dinanzi a sé. Evocano uno stato di minaccia grave, analogo a quello che stanno vivendo in queste giornate di nuovo drammatiche per l’economia mondiale nazioni come la Spagna e il Portogallo, le più immediata­ mente a rischio dopo il tracollo greco. Davvero la crisi ha fatto giustizia di tanti luo­ ghi comuni che erano circolati in questi ultimi anni. Per esempio, quelli relativi al miracolo spagnolo, che da tante parti era stato magnifica­ to, fino a quando non si è scoperto che era co­ struito sul debito, sul credito facile con cui si era alimentata una generalizzata e improvvida feb­ bre edilizia. Lacadutadell’eurocihapostodifronteall’Eu­ ropa così com’è, con le fragilità storiche che cre­ devamodiavercancellatoall’avviodelnuovose­ colo. Scopriamo allora che la fascia mediterra­ nearestadebolenellesuefondamentaeconomi­ che come sempre e che l’Italia rimane un precario anello di congiunzione tra il Sud e il Nord del Continente. Il nostro Paese permane diviso, con una testa a settentrione collocata nel cuore dell’Europa forte e un corpo affondato in quel bacino del Mediterraneo esposto a tutti i pericoli.

SAVONA TEL. 019.840261 FAX 019.8402645

e­mail: genova@ilsecoloxix.it CHIAVARI

e­mail: savona@ilsecoloxix.it IMPERIA

TEL. 0185.36881 FAX 0185.368838

TEL. 0183.76971 FAX 0183.272962

e­mail: chiavari@ilsecoloxix.it LA SPEZIA

e­mail: imperia@ilsecoloxix.it SANREMO

TEL. 0187.77861 FAX 0187.778638

TEL. 0184.590911 FAX 0184.591785

e­mail: laspezia@ilsecoloxix.it

e­mail: sanremo@ilsecoloxix.it

EDITRICE PROPRIETARIA S.E.P. Sede Legale Piazza Piccapietra, 21 16121 Genova PUBBLICITÀ Publirama Spa ­ Sede di Genova Piazza Piccapietra, 21 16121 Genova TEL. 010.53641 FAX 010.543197

e­mail: info@publirama.it web: www.publirama.it

A questo punto si tratta di prenderne atto e di agire di conseguenza. Discuteremo nei prossimi giorni dell’adeguatezza della manovra di politi­ ca economica e dei mezzi a cui essa deve ricorre­ re per trovare in fretta le risorse indispensabili. Certo, è difficile sfuggire a un’impressione di rammarico, quando già si intravede che il piatto forte delle nuove misure è pur sempre costituito da un ulteriore condono edilizio. Ma ciò che più containquestofrangenteècheigruppidirigenti delnostroPaeselancinoilsegnalediallarmeche hanno finora soffocato e si dispongano a scio­ gliere i nodi che sin qui sono stati rinviati. Se l’Italia vuole veramente sottrarsi alla mor­ sa della recessione in cui i nuovi tagli minaccia­ no di farla ricadere, è tempo che essa attui uno spostamento deciso dalla spesa improduttiva a quellaproduttiva.All’indomanidelleultimeele­ zioni regionali, per qualche giorno siamo stati in balìadellaretoricadelleriforme,datuttipresen­ tate come inevitabili, prima che la controversia politica tra Berlusconi e Fini riprendesse la sce­ na. Adesso, non si tratta più di fare l’elenco delle riforme virtuose che sarebbero auspicabili, ma di iniziare concretamente un’opera di raziona­ lizzazione, capace però di selezionare le risorse che servono per rilanciare la crescita. Sarà que­ sto il banco di prova per giudicare la qualità della nostraclassedirigente,cheneiprossimigiornisi presenteràdifronteall’opinionepubblicaindue scadenze importanti come le assemblee annuali della Confindustria e della Banca d’Italia. GIUSEPPE BERTA

INDIRIZZO Direzione generale, Amministrazione e Tipografia Piazza Piccapietra, 21 16121 Genova TEL. 010.53881

Il responsabile del trattamento dei dati di uso redazionale è il Direttore Responsabile (d. lgs. 30/06/2003 n. 196)

STAMPATO DA SAN BIAGIO STAMPA S.p.A Via al Santuario N.S. della Guardia 43P­43Q TEL 010.7231711­FAX 010.7231740 REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI GENOVA N.7424 DEL 17­06­1924 me

nt i Dif

s i o ne

ART DIRECTOR MASSIMO GENTILE

PRESIDENTE CARLO PERRONE AMMINISTRATORE DELEGATO STEFANO SISTI CONSIGLIERI LUCA ASCANI FRANCO CAPPARELLI NATHALIE COLLIN GUGLIELMO MAISTO ALESSANDRO PERRONE

PRIVACY E LIBERTÀ, L’EQUILIBRIO È POSSIBILE

ne con la sua capacità di osservare, intuire, ra­ gionare sui fatti. La tecnica ha mostrato la ten­ denza a prendere la mano all’uomo e alle sue qualità specifiche. Occorre riportare i nuovi mezzi di indagine al loro ruolo complementare e subordinato. L’informazione ­ a sua volta ­ deve tornare a svolgere in pieno il proprio ruolo, che non è quello (sorretto perversamente da esigenze di mercato e concorrenza) di incoraggiare la cu­ riosità da voyeur di un pubblico sempre meno avvezzo alla critica, ma ­ piuttosto quello di nu­ triredifattil’attitudinenaturalediognicittadi­ no a ragionare per proprio conto. Non è un compito semplice, in un Paese che ha scarsa fa­ miliarità con una autentica opinione pubblica: un Paese di fazioni, campanili, tifoserie politi­ che. La magistratura ­ cui la Costituzione repub­ blicana ha recato in dono l’autonomia e l’indi­ pendenza­deveimpegnarsipiùchemainell’af­ frontare le responsabilità che questo dono comporta. Il principio del giusto processo, in­ trodotto nell’articolo 111 della Costituzione, deve essere la stella polare di questa impresa. Il processodevenonsolorenderegiustiziaachivi è coinvolto, ma renderla anche al popolo, in no­ me del quale la giustizia è amministrata. Que­ sto significa in pratica che, nel disporre i mezzi di indagine e le misure più invasive della libertà e della riservatezza personale, anche i magi­ strati devono preoccuparsi di compiere ogni volta quel difficile ma indispensabile lavoro di bilanciamentotraibeniingioco,alqualeabbia­ mo fatto riferimento. Le misure previste dal disegno di legge in di­ scussione non sembrano ispirate a questi prin­ cipi. Esse tendono piuttosto, e in modo irragio­ nevolmenteunilaterale,alimitareilnecessario rapporto tra l’attività investigativa e mezzi tec­ nici di acquisizione delle prove che si sono rive­ lati preziosi, se non indispensabili. Non solo: viene irragionevolmente impedito quel flusso informativo che deve correre ­ anche se in for­ me rigorosamente gestite e controllate ­ tra au­ torità giudiziaria e mezzi di informazione, pro­ prioalfinediconsentirealpubblicodiformarsi un’opinione corretta, distogliendolo dalla ten­ tazione perversa del voyeurismo giudiziario. Maicomeinquestocasoildibattitosullanor­ mativa in cantiere deve svolgersi non solo nelle sale e nei corridoi del Potere istituzionale e po­ litico, ma aprendosi alla discussione e alla criti­ ca pubblica, cosa che ­ invece ­ l’iter convulso del ddl sembra proporsi di impedire.

fu

CAPOREDATTORE CENTRALE LUIGI LEONE

dere nessuno; Bersani ha perso il suo aplomb, come accade quando uno si arrabbia. Rivelando una certa sensibilità sociale e una soli­ darietà forte con i precari. En­ trambe ragioni per cui la mia stima in lui è ancora più grande.

INTERCETTAZIONI

Ac c e r t a

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

ampa -

IL SECOLO XIX

St

48


affari 1

VENDITA APPARTAMENTI

1.1 Albaro A.A.A.A. ALBARO adiacente Corso Italia vendonsi appartamenti mq 190 con giardino, mq 200 grande poggiolata vivibile, box. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo A.ALBARO villetta monofamiliare mq.180, giardino piantumato, posti auto, possibilità ampliamento www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46 ALBARO Corso Italia nuda proprietà usufruttuaria 89enne, prestigiosi vani 9, mq. 160, doppio ingresso, eventuali 2 unità, ampie balconate terrazzate, ampia vista mare, trattativa riservata, informazioni esclusivamente in agenzia. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129 VIARODI attico, mq190 silenziosissimo su due livelli, con terrazzo di mq80, da riordinare www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46

1.2 Bolzaneto

A. GABETTI Frazionamenti. (Adiacenze Cecchi): locato fino 28/02/2011, ottimo investimento, ingresso, sala, due camere, cucina abitabile, bagno, ripostiglio, balcone, cantina. Tel. 010.57.02.112. A. GABETTI Frazionamenti. (Adiacenze Cecchi):abitazione/ufficio 200 mq. circa, giardino carrabile, 4 posti auto, doppio ingresso. Tel. 010.57.02.112. PIAZZAPALERMO terzo piano, mq.90 totalmente ristrutturati luminosi 320.000€ www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46

1.12 Marassi A.A. ALTA Vani 6 Splendida vista, terrazzo abitabile, ristrutturatissimo010.372.60.06 GualtieroFerri associato FIMAA A. AMPI vani 4,5 soleggiatissimi, ascensore, ristrutturati, poggiolo.30.000+ 500mese - Tel 010.372.60.06 GualtieroFerri Associato FIMAA A. ATTICO mansardato , panoramicissimo, vani 6, terrazzi vivibili, comforts, posteggio condominiale, altro attico vani 7, terrazzo. Tel.010.56.23.16 A. BASTA Con l'incubo del parcheggio! REMAX vende box Montaldo, comodissimo. 010.839.87.12

POLONIO perfetto soleggiato 5,5 grande terrazzo vivibile carrabile 155.000 - GLOVERG tel. 010.46.05.03

A. QUEZZI Adiacentissimi Piazza SantaMaria, soleggiatissimi, grandi vani 5, bibalconi, postoauto, vero affare! Tel.010.839.87.12

VILLA indipendente mq.110 ampliabili, soleggiatissima, giardino circostante, postoauto. www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46

BRACELLI splendidi 5 vani ampissimi soleggiati terrazzo al piano mq 50 cantina opportunità unica Associato Fiaip Tel. 010.8318223

1.5 Castelletto A.A. FIRENZE (SanNicola) signorile, perfetto, salone, 4 camere, cucina biservizi, balcone, - Emmeci Testa&Santoro tel. 010.25.12.650. A.A. SPIANATA (Belvedere) Zona pedonale, esclusivi 150 mq., ristrutturati da oscar! www.remax.it Tel.010.83.98.712 A. MANIN ampi vani 5 poggiolo, palazzo recente, silenzioso, 125.000 010.372.60.06 GualtieroFerri associato FIMAA A. PRESTIGIOSO (Caffaro) ordinato, soleggiato, mq.220, piano alto, ascensore, triservizio, biingresso, termoautonomo, Euro 490.000 - Tel. 010.56.23.16 A. SPLENDIDI vani 6, terrazzo abitabile, soleggiato silenzioso, cantina, box -Tel. 010.372.60.06 GualtieroFerri associato FIMAA CASTELLETTO (UgoBassi) vani 6 emezzo, bibalconi cantina, liberabile agosto . - Emmeci Testa&Santoro tel. 010.25.12.650. MAGENTA Attenzione: Ribasso! Ristrutturati 150 mq. + cantina, luminosi, fronte giardini. 010.839.87.12

1.6 Centro A.A. S.VINCENZO Mai abitati mq. 95 soleggiatissimi, piano alto, ascensore. 010.839.87.12 (FIASELLA) prestigioso piano alto, ultarifiniti vani 10.5, sogggiorno triplo, 3 camere, cucina, biservizi, cantina SanGiovanni Immobiliare - Tel 010.868.3138 GROPALLO mq. 150, vani 8, disimpegno d'ingresso, salone triplo, 3 camere, cucina, doppi servizi, ampio giardino carrabile, Euro 525.000,00. www.benvenutoepiccone.it tel.010.32.02.129 QAUDRILATERO bellissimi mq. 190 , soleggiatissimi , ottime condizioni , biservizi , balcone , cantina GRIECO tel. 010.9824851

1.7 Centro storico A.A.A. AFFARONE appartamenti vendonsi mq 160 con grande terrazzo, adicente mq 230 Via Raggio, posti auto. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo A.A.A. LUCCOLI Prestigioso palazzo storico ristrutturato, proponiamo tre alloggi, varie metrature, appena costituiti. www.remax.it 010.839.87.12 A. VIA RAVECCA Vani 4,5 luminosissimi, solo 150.000,00 Euro. Tel.010.839.87.12 PORTELLO Mansarda suggestiva vista tetti, mq. 120 circa, da ristrutturare anche permutando. 010.839.87.12 RAVECCA offriamo: perfetto ingresso/ soggiorno, cucinotto, camera, bagno idromassaggio: euro 180000. IL NIDO 0102543391 immobiliareilnido.it S.LORENZO Rifiniti 95 mq., affaccio Cattedrale piano alto, prezzo manovrabile, unica opportunità, FFFANTASTICO!!! Tel.010.839.87.12

1.8 Circonvalmonte

CORSO SARDEGNA Vani 6, soleggiatissimi, piano comodo. www.remax.it/21611001-837 Tel.010.839.87.12 CANEVARI vani 6 miglior stabile recente piano alto balconata panoramica e soleggiata postauto privato Associasto Fiaip Tel. 010.8318223 DE Stefanis ampi vani 6 omniconforts ordinati soleggiatissimi cantina affare unico Associato Fiaip Tel. 010.8318223 ROBINO ALTA In palazzo perfetto luminosissimi 110 mq. da ristrutturare bibalcone,scorcio mare, postauto. Tel.010.839.87.12

1.13 Molassana A.A.A. MOLASSANA 8 vani, ultimo piano, terrazzo 140 mq. 010.839.87.12 A.A. AFFARONE Molassana, vendesi casetta uso garage, magazzino più mq 2.300 terreno coltivato orto, con impianto idrico, adiacente ruscello. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo BOX POSTIAUTO nuovi(Via De Vincenzi) Vendesi-Affittasi prezzinteressanti Calabrese Associato FIAIP Tel.010582307 PRELI Ingresso, cucina, tre camere, bagno, terrazzo, giardino, postauto! Solo Euro 350.000,00. 010.839.87.12 STRUPPA sal. S.Bazà posizione dominante, villetta bifamigliare mq. 230 con ampio terreno recintato, box. www.benvenutoepiccone.it tel.010.32.02.129

1.14 Nervi NERVI Bettolo ordinato vani 7, balcone, cantina, Euro 500.000,00. Altro Murcarolo ordinato vani 6, balcone, Euro 330.000,00. Altro Commercio ampio termoautonomo vani 6, cortile, Euro 240.000,00. Altro Colle degli Ulivi vani 5, da ristrutturare, Euro 250.000,00. Altro S. Rosa occupato vani 4, Euro 150.000,00. Altro Murcarolo fronte mare, bilocale mq. 40, Euro 250.000,00. Altro Capolungo vani 5, vista mare, occupato, terrazzo, balcone, Euro 295.000,00. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129 NERVI S. Rocco collina, accesso pedonale, perfetta villetta bipiano, mq. 100, terreno a fasce, ampie terrazze, vista mare. www.benvenutoepiccone.it tel.010.32.02.129

1.15 Oregina A.A. MONTANARI ordinati, panoramici 4 vani 118.000euro. -Emmeci Testa&Santoro tel. 010.25.12.650.

1.16 Pegli PEGLI Salgari stupendi mq 130 più terrazzi attrezzati vista mare totale box quadruplo omniconforts vera offerta imperdibile Associato Fiaip tel. 010.8318223 QUARTIERE GIARDINO Mq. 100, ottima opportunità, balconata panoramica vivibile, luminoso. Tel.010.839.87.12

1.20 Quinto A.A. ELEGANTE mq 250 terrazzo al piano,vista mare ristrutturatissimi ,depandance, box, - 010.372.60.06 GualtieroFerri associato FIMAA QUINTO Bagnara ampia vista mare, vani 5, da ristrutturare, ingresso, soggiorno, camera, cucina, bagno, dispensa, balcone, Euro 280.000,00. Altro Colle Ometti (Togliatti) casetta bipiano, mq. 100, terreno, cortile, rustico, mq. 50, parcheggio privato. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129 QUINTO Div. Acqui, in contesto privato, residenziale, signorile, soleggiato, vani 6,5, ampie balconate, cantina, parcheggio condominiale riservato. www.benvenutoepiccone.it tel.010.32.02.129

1.21 Rivarolo A.A.A. RIVAROLO Carnia liberi vani 5 alla genovese termoautonomi, soleggiatissimi 105000Euro. Tel BIPIESSE 010.740.34.90 - 393.655.49.60 A.A.A. RIVAROLO liberi perfetti vani 5 alla genovese, termoautonomi, terrazzo,tavernetta. Tel BIPIESSE 010.740.34.92 - 393.655.49.60 RIVAROLO (Cambiaso) ordinato stabile, 5 perfetti silenziosi vani, balcone, piano alto, €. 148.000,00 Tel.010.72.61.532 www.immobiliarerepetti.it RIVAROLO 6 Splendidi vani più mansarda, piano alto, solo 160.000,00 Tel.010.839.87.12 TEGLIA Appartamenti nuova costruzione con giardino e box, consegna Ottobre 2010. Tel.010.839.87.12

1.22 Sampierdarena A.A. ROLANDO salone, tre camere, ristrutturatissimi, palazzo signorile, poggiolo. 193.000 - 010.372.60.06 GualtieroFerri Associato FIMAA A.A. SALVATOR ROSA Adiacentissimo Villa Scassi, grandissimi, ordinati mq. 120, solo Euro 230.000,00. Tel.010.839.87.12 www.remax.it/21611002-137 ADIACENZE Rolando indipendente trilocale, giardino ampio, box doppio, cantina. Tel.010.839.87.12 FIUMARA Stupendi 5 vani con balcone, luminosi, pronti da abitare, solo Euro 113.000,00. Tel.010.839.87.12 LA SPEZIA Mq. 120 da riordinare, postauto condominiale anche permutando. Tel.010.839.87.12 SAMPIERDARENA (Pittaluga) ordinato stabile, 6 ampi silenziosi vani, balcone, €. 165.000,00 Tel.010.72.61.532 Repetti Immobiliare.

1.23 San Fruttuoso GIOVANNI XXIII panoramicissimo ristrutturato ampissimo vani 5 bibalconata postauto e moto piano alto Associati Fiaip tel.010-8318223

1.24 San Martino A. GABETTI Frazionamenti (Piazza Remondini) : 5 vani di ampia metratura con balcone. Contesto privato, possibilità posto auto. Tel. 010.30.76.788. A. GABETTI Frazionamenti. (Fronte Carlini): ideale investimento, 7 vani con balcone e giardino, contesto privato con possibilità posto auto. Locato fino al 2011, ottima rendita. Tel. 010.30.76.788. A. GABETTI Frazionamenti. (Fronte Carlini): contesto privato, 5 vani ampia metratura, balconata e vista aperta. Locato ottima rendita. Euro 213.000. Possibilità posto auto. Tel. 010.30.76.788. A. GABETTI Frazionamenti. (Piazza Remondini). In contesto privato, ultimo piano con vista aperta, libero, vani 6 balconata, ampia metratura. Possibilità posto auto. Tel. 010.30.76.788. ADIACENTISSIMO Ospedale, ordinatissimi termoautonomi, panoramicissimi, 70 mq solo giovane coppia: 155.000,00!!! Tel. 010.839.87.12

1.25 Sestri Ponente A.A. SEMINDIPENDENTE (ex convento) mq 120, ristrutturatissimi, panoramici, box - Tel 010.372.60.06 GualtieroFerri Associato FIMAA A. RAVASCHIO 80 ultrarifiniti mq., ordinati, luminosi, termoautonomi, box doppio! Tel.010.839.87.12 VIA PRINCIPALE Mq. 90 piano intermedio, da riordinare, termoautonomo. Tel.010.839.87.12 VIRGOPOTENS Bomboniera luminosissima mq. 70 termoautonomo, prezzo trattabile. Tel.010.839.87.12

1.26 Sturla

1.18 Prà Palmaro MIRAMARE Spettacolari, rifinitissimi 100 mq., affaccio mare, poggiolate, anticipando 39.000,00 + 700,00 mensili. Tel. 010.83.98.712

1.9 Cornigliano BOX Via Tonale - Via dei Sessanta, ottima opportunità, pagamento personalizzato. Tel.010.839.87.12 www.remax.it

1.10 Di Negro e Principe SANROCCO (Principe) perfetto ingresso, cucina-soggiorno, 2 camere, bagno, balcone, piano alto, postauto (affitto). - Emmeci Testa&Santoro tel. 010.25.12.650.

1.11 Foce A. GABETTI Frazionamenti. (Adiacenze Cecchi): libero da ristrutturare, ingresso, sala, due camere, cucina abitabile, bagno, ripostiglio, due balconi. Tel. 010.57.02.112 A. GABETTI Frazionamenti. (Adiacenze Cecchi) : libero da ristrutturare, ingresso, sala tre camere, cucina abitabile, bagno, ripostiglio, due balconi. Tel. 010.57.02.112.

DIANO MARINA Affittiamo in palazzo ordinatissimo 75 mq. finemente ristrutturati, ultimo piano, ascensore, balcone, terrazzo. Gioiello! Tel.010.839.87.12

1.19 Quarto AD.FABRIZI, silenziosi vani 7 poggiolata vivibile, box, 500.000€. www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46 QUARTO Colle Ometti (De Gasperi) ordinato, vani 6,5, biservizi, loggia, dispensa, soffitta, cantina, posto auto coperto, Euro 385.000. www.benvenutoepiccone.it tel. 0101.32.02.129 QUARTO Prasca in contesto residenziale, libero, signorile, vani 7,5, mq. 140, balconate terrazzate, ampio parcheggio, disponilbilità permute. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129 QUARTO Priaruggia Rossetti perfetto, termoautonomo,vani 5, soggiorno d'ingresso, due camere, cucina, bagno. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129 QUARTOCASTAGNA in palazzina ampio vani 6 balconata, terrazzo, box www.magnanibernardotti.it tel.010.595.60.46

A. AMPI vani 6 , soleggiati silenziosi, da ristrutturare, 167.000 - Tel. 010.372.60.06 GualtieroFerri Associato FIMAA A. GABETTI Frazionamenti. Ampio vani 6 e mezzo con balcone, ampia metratura, possibilità terza camera. Contesto privato con possibilità posto auto. Tel. 010.30.76.788 A. GABETTI Frazionamenti. Ultimo piano, ampio vani 5 con balcone, vista aperta. Tel. 010.30.76.788. STURLA adiacenze Duse luminoso, vani 6, mq. 80, dispensa, balconate, Euro 275.000,00. www.benvenutoepiccone.it tel. 010.32.02.129

1.28 Entroterra A. DAVAGNA (Moranego) splendido appartamento arredato vani 6, vista panoramicissima, ristrutturatissimo, termoautonomo, tavernetta, giardino, eventuale box. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo BARGAGLI splendida casa indipendente bipiano ampio giardino carrabile attrezzato forno barbeque alberi prato orto Associato Fiaip Tel. 010.8318223 MANESSENO ordinato stabile, 6 ampi perfetti rifinitissimi vani, bibalconi, postauto, €.220.000,00 Tel.010.72.61.532 Repetti Immobiliare.

SANT'OLCESE (Piccarello) in palazzina, 6 ordinati vani, balcone, termoautonomo, 149.000,00 - Tel.010.72.61.532 Repetti Immobiliare. SANTOLCESE nuova casa semindipendente bipiano, giardinetto, omniconforts, possibilità terreno. 250000Tel BIPIESSE 010.740.34.92 393.655.49.60 SERRARICCO' (Valleregia) terreno con progetto approvato per casa indipendente 90 mq. + fondi, oneri pagati €. 90.000,00 - Tel.010.72.61.532 Repetti Immobiliare.

1.29 Riviera Levante ATTENZIONE Liguria di Levante solo noi a ridosso della spiaggia più bella prestigiose residenze aria condizionata piscina idromassaggio euro 79.000,00 non aspettate telefona subito. tel. 035.412.30.29. CAMOGLI Attico, splendida vista, ampio terrazzo, mq 120, piscina, parcheggio privato. - 010.372.60.06 GualtieroFerri associato FIMAA

1.30 Riviera Ponente A.A. ARENZANO Spettacolari vani 6, soleggiatissimi, giardino, ottima esposizione. 010.839.87.12 A.A. SAVONA Splendida villa di recente costruzione, box, giardino. Tel.010.839.87.12 ALBISSOLA Entroterra, incantevole villa bifamigliare, posizione dominante, ottimo stato, ampio giardino. Tel.010.839.87.12 ALBISSOLA MARINA A due passi dal mare, perfettissimi 75 mq! Cantina, posto auto! Tel.010.839.87.12 COGOLETO Bilocale in nuova costruzione, bibalconi vivibili, comodo mare/ centro. Tel.010.839.87.12 VARAZZE (Invrea) 6 vani indipendenti, ristrutturati, termoautonomi, soleggiati, grangiardino, postauto, 350.000,00. www.remax.it/21611002-82 Tel. 010.83.98.712

1.31 Fuori Liguria A.A.A. MONFERRATO (Viarigi) centro paese casa semindipendente da ristrutturare cantina, soli €uro 33000 Tel BIPIESSE 010.740.34.90 393.655.49.60 CAPRIATA D'ORBA Ultime ville, nuova costruzione, giardini privati e box. Tel.010.839.87.12 CEVA Spettacolare casale del 1400, completamente ristrutturato, 2ettari di parco, posizione dominante. 010.839.87.12 CORSICA Porto Vecchio a passi dal porticciolo, in nuove costruzioni, ultimi mono/bilocali, posizione irripetibile. Prezzi da euro 116.000 per i monolocali e da 165.000 per i bilocali - Investicasa Srl Tel. 848.800.907 www.investicasa.info COSTAZZURRA Juan les Pins privato vende elegante trilocale a 100 metri dalla spiaggia con ampia area esterna, ristrutturato, arredato, cantina, posto auto. Euro 380.000 - tel. 335.256.541 OVADA (Mornese) Straordinario appartamento mq. 90, ottimamente arredato, box e posto auto, vista imperdibile, ottima opportunità. Tel.010.839.87.12 www.remax.it OVADA Assunta, centro storico, open space, 70 mq., solo 75.000,00. Tel.010.839.87.12

2

RICHIESTE ACQUISTO APPARTAMENTI

A. URGENTE acquisto contanti vani 6 / 7 vicinanze Corso Marconi / Focemare. - Telefonare 010.377.01.51 BANCA FRANCESE Acquista appartamenti solo Genova e dintorni. No richieste fuori mercato! Tel. 010.831.55.14

3

PROPOSTE AFFITTO

3.1 Abitazioni

A. EXPO' Locale 120 mq. piano strada uso ufficio, studio, commerciale. 010.839.87.12 VIDEOTECA Avviata, impegno minimo, 12.000,00 Euro rendita annua netta, incrementabilissima, solo Euro 20.000,00 oppure zero anticipo 260,00 Euro mese. 010.839.87.12

5.2 Vendita uffici A. GABETTI Frazionamenti. (Adiacenze Brigate Partigiane - Catasto) : uffici di varie metrature da Euro 135.000. Tel. 010.57.02.112. ARENZANO Nuovissimi uffici, varie tipologie e metrature, 1.500,00 Euro/ mq. Tel.010.839.87.12 PIAZZADELLAVITTORIA uffici mq.370 da riordinare, luminosi €.2.780/mq. wwwmagnanibernardotti.it tel.010.595.60.46

5.3 Vendita capannoni ARENZANO, MOLASSANA, BOLZANETO, ALBENGA. Vendiamo e affittiamo capannoni, uffici, spazi commerciali, varie metrature. Tel.010.839.87.12 BOLZANETO Capannone adatto carrozzeria/officina mq. 560 coperti +1.200 superficie scoperta, solo Euro 470.000,00. Tel.010.839.87.12

9

OFFERTE LAVORO

FACE2FACE azienda promotrice commerciale per Enel Energia Spa per apertura nuova sede in Genova seleziona n. 5 funzionari commer anche senza esperienza, inquadramento a norma di legge. Formaz interna all'azienda. Per colloquio inviare c.v. all'indirizzo e-mail: Simone.baldino@facetwoface.it oppure chiamare al numer 347.68.28.322.

17

ARTIGIANI SERVIZI

IMPRESA EDILE Mazzoleni group - Manutenzione/Ristrutturazione Alberghi - Pontida (Bg). Cellulare 347.76.05.063 - 340.76.71.716 mazzolenigroupsnc@open.legalmail.it.

24

PROFESSIONISTI e PRESTAZIONI DIVERSE

A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A.A. GENOVA (centralissima) accompagnatrice novità. Telefonare 327.32.88.623. A.A.A.A.A.A.A. AFFASCINANTE accompagnatrice russa Principe. Tel.320.08.94.949. A.A.A.A.A.A.A. ALBISOLASUPERIORE accompagnatrice stupenda. Telefonare 340.81.55.418. A.A.A.A.A.A.A. BRIGNOLE bellissima accompagnatrice. Tel.333.74.45.439. A.A.A.A.A.A. ACCOMPAGNATRICE bella presenza italiana. - Tel. 348.75.34.228. A.A.A.A.A.A. CHIAVARI accompagnatrice Piacentina tenerissima. Telefonare 334.39.83.645. A.A.A.A.A.A. SAMPIERDARENA solare bellissima presenza accompagnatrice. - Tel. 349.36.11.640. A.A.A.A.A.A. SESTRILEVANTE italiana splendida accompagnatrice. Telefonare 347.01.34.534.

300,00EURO monolocale ristrutturato 4 vani nuovo stabile euro 400,00 Tel 0108397225

A.A.A.A.A. RAPALLO accompagnatrice bellissima, fresca, indimenticabile. Tel. 327.86.86.740.

BILOCALE omniconfort euro 350,00 6vani ottimo stato euro 490,00 Tel 010.8315857 BOLZANETO Via contesto privato eleganti vani 7,5 omniconforts, postauto, solo refenziati busta paga. Tel. BIPIESSE 010.740.34.90 - 393.655.49.60 PIAZZA della Vittoria attico mq.100 splendida vista affittasi omniconforts; altro Mendozza vani cinque vista mare poggiolata Euro 600 piu spese Associati Fiaip tel.010-8318223

3.4 Commerciali A.A.A. AFFARONE plurivetrinati Negozi affittansi, anche senza buonuscita, adiacente Via XXSettembre mq 40, 80, 180; Molassana mq 120; Corso BuenosAires mq 160; Via Cesarea mq 180; Via Fieschi bassa mq 80, 240. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo

4

DOMANDE AFFITTO

A. APPARTAMENTI arredati / vuoti cercasi. Affittanze tranquille dal 1955. Telefonare 010.376.01.34 www.fratellicostanzo.com

5

VENDITA NEGOZI e LOCALI COMMERCIALI

5.1 Attività commerciali A.A.A. CEDESI EDICOLA In zona di forte passaggio. Tel.010.839.87.12

A.A. SAVONA Accompagnatrice Tx. Affascinante, spettacolare, dolcissima, femminile presenza. Tel.346.94.83.237 A.A. SAVONA bellissima dolcissima accompagnatrice bravissima coccolona splendidamente completissima. Telefonare 331.63.33.215. A. ACCOMPAGNATRICE bellissima molto affettuosa presenza ungherese per pochi giorni qui. Tel.327.59.71.422. A. ARENZANO irresistibile accompagnatrice ungherese passionale presenza fisico da modella. Tel. 327.986.48.69. A. CHIAVARI novità accompagnatrice Araba corpo mozzafiato indimenticabile massage naturale. Telefonare 320.09.55.513. A. LAVAGNA accompagnatrice Tx completissima per tutti i tuoi momenti. Telefonare 388.65.97.249. A. NUOVISSIMA accompagnatrice prima volta in Genova bellissima, dolcissima presenza. Tel.327.53.94.475.

A. RAPALLO accompagnatrice brasiliana bellissima, incredibile, ultima settimana www.piccoletrasgressioni.com/Elaine Tel. 389.12.62.415.

A.A.A. AFFITTANSI Albaro vani 10,5 box, altro mq 350 in villa; Quinto Attico vani 9,5 terrazzi vivibili box; villetta Recco mq 300; CorsoSardegna vani 5. Tel. 010.58.30.66 Immobiliare SanVincenzo

5 vani luminoso euro 400,00.Monolocale con giardino euro 300,00. - Tel. 010.31.06.370

A.A. SAMPIERDARENA dolcissima accompagnatrice 100% completissima, bravissima. - Tel. 327.143.29.77.

MANESSENO strada principale, capannone 600 mq. autotrenabili a €. 1000,00 al mq. - Tel.010.72.61.532 Repetti Immobiliare

ACQUISTIAMO conto terzi attività industriali, commerciali, turistiche, alberghiere, immobiliari, aziende agricole, bar, clientela selezionata paga contanti. Business Services tel. 02.295.180.14.

A.A.A.A.A.A. USCITA Genova-Est accompagnatrice Ucraina. Tel. 334.85.78.684.

A.A.A.A.A.A. SAVONA Massaggiatrice. Anche lunedì. Tel.333.31.20.126 A.A.A.A.A. ALBISOLASUPERIORE Novità. Italiana. Massaggiatrice trasgressiva. Tel.393.66.30.301 A.A.A.A.A. GENOVA massaggiatrice orientale bellissima presenza. Tel. 327.65.57.799. A.A.A.A.A. NOVITA' massaggiatrice orientale, bellissima presenza. - Tel. 329.27.23.265. A.A.A.A.A. SAMPIERDARENA (massaggiatore tx ) bella presenza. Tel. 327.01.76.303. A.A.A.A. ALBISOLASUPERIORE Italiana Bodymassage rieducativi. www.piccoletrasgressioni.com/stella Tel.348.66.21.807 A.A.A.A. CHIAVARI novità bellissima massaggiatrice Kosovara indimenticabile piacevolmente disponibile. Telefonare 327.66.08.598. A.A.A.A. LAVAGNA massaggiatrice tutti giorni delizioso relax. Tel. 328.20.80.984. A.A.A.A. RECCO bellissima novità strepitosa massaggiatrice coccolosa. Telefonare 338.76.62.775. A.A.A.A. SESTRILEVANTE supernovità massaggi trasgressivi Thailandese completa. Telefonare 349.83.29.151. A.A.A. ARENZANO bellissima novità massaggiatrice dolcissima raffinata disponibile. Telefonare 320.66.59.304.

A. SAVONA irresistibile accompagnatrice Venezuelana. Solo questa settimana www.piccoletrasgressioni.com/ jazmin. Telefonare 339.22.04.191.

A.A.A. ARENZANO massaggiatrice giapponese bellissima affascinante presenza, disponibilissima. - Tel. 327.910.41.37.

ALBENGA Appena arrivata. Accompagnatrice. Bella Brasiliana, dolce, sensuale. www.piccoletrasgressioni.com/maddalena Tel.349.53.19.319

A.A.A. CHIAVARI invitante deliziosissima massaggiatrice completissima irresistibile disponibilissima. Chiamami 334.23.41.880.

ARENZANO intrigante accompagnatrice russa passionale esuberante presenza mai da dimenticare. Tel. 345.79.73.173 BORDIGHERA accompagnatrice t.x. prima volta bella completissima per momenti piacevole . Tel. 380. 34.208.10 LAVAGNA irresistibile accompagnatore ragazzo disponibile per momenti indimenticabili fisico statuario. Telefonare 347.47.76.584. LAVAGNA nuovissima accompagnatrice brasiliana, bella presenza, raffinata, piacevole, ambiente gradevole. Tel. 327.155.99.87. LAVAGNA prima volta accompagnatrice TX fisico da urlo piacevolemente disponibile. Telefonare 328.14.24.588. LOANO italiana bellissima accompagnatrice, vera unica splendida presenza www.piccoletrasgressioni.com/Valentina Telefonare 349.30.42.080. MARINADICARRARA, dolcissima bellissima sensazionale raffinata presenza, tx brasiliana, massima riservatezza, tel. 349.620.80.90 NUOVISSIMA tx accmpagnatrice brasiliana sensazionale presenza, esclusivo distinti zona PiazzaDante. Tel. 346.30.12.392. SAMPIERDARENA irresistibile accompagnatrice dolciassima trasgressiva disponibilissima fresca novità. - Tel. 389.87.25.709 www.piccoletrasgressioni.com/Valeria SANBARTOLOMEOALMARE Supernovità. Meravigliosa Accompagnatrice. Trasgressiva, raffinata, fisico strepitoso. www.piccoletrasgressioni.com/ mary Tel.331.90.103.88 SANBARTOLOMEOMARE accompagnatrice t.x., bellissima presenza, completissima, indimenticabile, dolcissima, sempre disponibile - Tel. 380.36.32.769 SAVONA (Albissola) bellissima accompagnatrice italiana novità, breve periodo anche disciplinari. Tel.327.15.72.884. SAVONA Primissima volta. Accompagnatrice TX. Fisico bellissimo, completissima. Tutti giorni. Tel.327.17.51.777 SAVONA Primissima volta. Accompagnatrice Giapponese. Meravigliosa, disponibilissima, raffinata. Solo distinti. Tel.327.19.69.558 SAVONA Supernovità. Accompagnatrice. Solo per una settimana. Tutti giorni. www.marcellaclassescort.com Tel.349.60.85.555

A.A.A. GENOVA bellissima polacca tx massaggiatrice indimenticabile dolcissima Tel. 348.037.46.46. A.A.A. GENOVA massaggiatrice giapponese, appena arrivata bella presenza. - Tel. 331.529.68.01. A.A.A. LASPEZIA, accompagnatrice strepitosa presenza, trattamenti unici, tel. 0187.501.115 328.338.20.12 A.A.A. LAVAGNA Massaggiatrice. Bellissima, meravigliosa Giapponese. Tutti giorni. Tel.345.32.47.888 A.A.A. LAVAGNA bellissima ragazza massaggiatrice desiderabile splendido relax. Telefonare 349.69.39.401. A.A.A. LOANO Massaggiatrice. Prima volta. Bellissima presenza Orientale. Tel.377.82.89.480 A.A.A. SESTRILEVANTE bellissima massaggiatrice completissima snella dolce solare. Telefonare 329.74.96.476. A.A.A. SESTRILEVANTE massaggiatrice di bellezza Mediterranea deliziosa solare. Telefonare 333.15.39.635. A.A. ARENZANO Italiana. Intrigante Massaggiatrice dolcemente trasgressiva. www.piccoletrasgressioni.com/ isabella Tel.331.842.59.57 A.A. ARENZANO Supernovità massaggiatrice russa splendida raffinata incantevole presenza. - Tel. 348.714.64.81. A.A. CHIAVARI Tx italiana topclass massaggiatrice Milanese bellissima femminilità. Telefonare 338.87.28.257. A.A. GENOVA Molassana, ultimo giorno, stupenda massaggiatrice, dolce, paziente.Telefono 327.40.10.338

A.A. MASSAGGIATRICE bellissima presenza orientale tutti giorni, Sestri. Tel.331.955.14.44. A.A. SESTRILEVANTE massaggiatrice spagnolita incantevole bel fisico completa bravissima. Telefonare 377.14.98.898.

A. GENOVA San Quirico novità bellissima dolcissima presenza, massaggiatrice disponibilissima. - Tel. 349.70.47.956.

A.A.A.A. GENOVAMARASSI appena arrivata stupenda bravissima accompagnatrice dolce presenza. Tel.327.53.59.887.

Z.Z.Z.GENOVARECCO accompagnatrice affascinante per pochissimi giorni. Tel. 328.27.11.513.

A. LASPEZIA centro, indiana TX novità, momenti indimenticabili, trasgressiva massaggiatrice, tel. 327.681.537.0

MASSAGGI e CURE ESTETICHE

A. RAPALLO dolce massaggiatrice, bellissima presenza, raffinata, completissima www.piccoletrasgressioni.com/Rafaela Tel. 389.58.49.087.

A.A.A. BRIGNOLE accompagnatrice thailandese bellissima presenza deliziosamente vulcanica. Tel.346.58.96.303. A.A.A. CHIAVARI italiana novità accompagnatrice dolce trasgressiva. Telefonare 333.74.00.355 380.68.97.205. A.A.A. GENOVA (Lavagna) accompagnatrice tx bellissima completissima presenza. Tel.320.97.44.939. A.A.A. SAVONA irresisitibile accompagnatrice polacca momenti indimenticabili sensazionale presenza. Tel. 346.41.67.680. A.A.A. SESTRILEVANTE novità accompagnatrice bellissima italiana Bolognese trasgressiva. Telefoanre 333.91.80.248. A.A. CHIAVARI appena arrivata italiana accompagnatrice esuberante completissima fantasiosa. Chiamami 331.50.88.117. A.A. CHIAVARI supernovità accompagnatrice dall'Est fantasiosa completissima indimenticabile. Telefonare 327.23.14.865.

A.A.A.A.A.A.A.A.A.A. NOVITA' massaggiatrice. Tel.327.19.73.625. A.A.A.A.A.A.A.A.A. BRIGNOLE bellissima massaggiatrice molto disponibile. Tel. 340.766.75.44. A.A.A.A.A.A.A.A. ALBISOLA superiore, massaggiatrice orientale bellissima presenza . Cell 327.15.30.801

A. RAPALLO novità, massaggiatrice dolce, bellissima presenza, disponibilissima www.piccoletrasgressioni.com/Patricia Tel. 327.88.47.704.

GENOVA centro benessere orientale massaggiatrici ti aspettano, massaggio rilassante, riflessologia. - Tel. 327.02.39.000. GENOVA centro novità messicana affascinante massaggiatrice sensuale dolce completissima. -Cell 327.08.98.226. GENOVA centro novità thailandese massaggiatrice corpo mozzafiato dolcissima sensuale maliziosa completa chiamami. Tel. 327.71.68.368. GENOVA massaggiatrice italiana dolcissima simpatica presenza riservtezza piacevolissimo relax. Tel.327.95.86.933-320.60.59.971. GENOVACENTRO bellissimi dolcissimi bodymassage trattamenti rilassanti anche personalizzati 9- 20. Tel.327.21.32.327. ITALIANISSIMA, irresistibile mediterranea! Genova (XXVaprile). Massima riservatezza! Massaggi particolari. Tel.345.38.14.983/010.25.11.203 LA Spezia appena arrivata primissima volta massaggiatrice bella presenza, trasgressiva. - Tel. 339.65.89.527 LASPEZIA appena arrivata massaggi completi, trattamenti unici! Momenti indimenticabili, tel. 327.476.715.0 LASPEZIA massaggiatrice riceve tutti giorni anche domenica ore 10- 20 tel. 0187.718.913 LASPEZIA novità!massaggiatrice bella presenza, disponibile, massaggi rilassanti, www.piccoletrasgressioni.com, tel. 328.024.147.3 LASPEZIA super novità esuberante massaggiatrice fisico statuario irresistibile presenza tel. 333.940.840.9 LASPEZIA, massaggiatrice orientale, bellissima presenza, solo italiani, tel. 331.94.288.64 LASPEZIA, nuova ragazza giapponese, massaggi, bellissima presenza, momenti indimenticabili, tel. 388.350.666.9 LASPEZIA, zona centro, messicana bella presenza, solo distinti 9:00/22:00, tel. 348.571.68.70 LOANO Supernovità. Massaggiatrice TX. Trasgressiva, raffinata, esuberante, travolgente. www.piccoletrasgressioni.com/deborah Tel.335.66.96.583 MARASSI massaggiatrice orientale bellissima presenza, riceve tutti i giorni. - Tel. 334.25.37.988.

NOVITA' accompagnatrice giapponese, carina, tutti i giorni, rilassante, disponibile. genova storico. Tel. 339.534.83.50. NUOVISSIMA massaggiatrice italiana spettacolare presenza dolce affettuosa simpatica davvero speciale. Tel. 349.17.33.548. PONTEDECIMO bellissima spagnola appena arrivata, ogni tuo desiderio, 10-22. Tel. 348.11.56.822 PRIMA volta Sampierdarena per momenti di relax, disponibilissima. Chiamami. - Tel. 320.67.80.705. RAPALLO nuovissima massaggiatrice, bellissima, stupenda, indimenticabile presenza. - Tel. 345.31.920.46 RELAX italiana Genova Tel. 345.67.58.489. ZZZZZ SAMPIERDARENA riservatissima, tutti i giorni, spettacolare. - Tel. 380.433.41.57. SAMPIERDARENA massaggiatrice bellissima presenza messicana, dolce, simpatica per momenti indimenticabili. - Tel. 328.74.72.672. SAMPIERDARENA massaggiatrice splendida presenza disponibilissima ambiente riservato, vero relax. - Tel. 346.30.92.952. SAMPIERDARENA massaggiatrice, prima volta, completa, disponibile, posto riservato. - Tel. 347.82.75.048.

A. SESTRILEVANTE novità deliziosa massaggiatrice solare affascinante completa splendida presenza. Telefonare 333.24.86.379.

SAVONA (Albissola) novità massaggiatore tx italianissima sensualissima completa anche rieducativi, attrezzatissima. Tel.346.24.06.968.

ALESSANDRIA novità relax riceve tutti i giorni ore 10 - 21. Telefonare 0131.225.219.

SESTRIPONENTE nuovissima massaggiatrice vera bellezza dolce disponibile presenza ambiente riservato. Tel.327.77.96.902.

A.A.A.A.A.A.A.A. VADOLIGURE Massaggiatrice. Tel.339.38.10.904

CERTOSA metropolitana bella presenza massaggiatrice portoricana completissima molto disponibile. - Tel. 327.86.53.866.

A.A.A.A.A.A.A. MASSAGGIATRICE Sampierdarena favolosa. Tel.380.68.44.266.

CERTOSA prima volta messicana bella, stupenda, meravigliosa splendida affascinante. Cell.345.816.30.60.

A.A.A.A.A.A.A. MASSAGGIATRICE di relax. - Tel. 333.41.69.059.

CHIAVARI nuovissima Tx massaggiatrice bellezza incantevole verissima naturale momenti fantastaci. Telefonare 320.95.87.352.

A.A.A.A.A.A. CHIAVARI messaggiatrice bellissima presenza orientale. Cell. 327.40.64.182.

GENOVA centro benessere esegue massaggi orientali. No relax. - Tel. 331.92.45.842.

MASSAGGIATRICE coreana bella dolce presenza, bravissima. - Tel. 327.19.22.799.

Z.Z.LAVAGNA italiana bellissima affascinante accompagnatrice piacevolmente disponibile riservata. Telefonare 393.88.20.941.

A.A.A.A.A.A.A.A.A.A. COINVOLGENTE magnifico esuberante relax. Tel. 340.92.71.328 speciale presenza.

GENOVA centro appena arrivata, massaggio giapponese personalizzato, tutti giorni. - Tel. 339.368.21.29.

A.A. MARASSI stupenda meraviglisoa relax naturale irresistibile prolungatissimo www.piccoletrasgressioni.com/samuela. Telefono 349.33.68.203.

A.A.A.A. ACCOMPAGNATRICE nuovissima, bellissima presenza, novità Sampierdarena. - Tel. 348.60.33.138.

A.A.A. ACCOMPAGNATRICE zona Foce incantevole bellissima sensazionale presenza. Telefonare 348.65.54.951.

GENOVA Cornigliano novità, appena arrivata, bellissima presnza, molto disponibile. - Tel. 389.48.09.881.

MASSAGGIATRICE bella presenza, massaggi rilassanti personalizzati. "no relax". - Tel. 331.26.76.772.

A. CHIAVARI Tx massaggiatrice assoluta novità bellissima Greca deliziosa sorprendente. Telefonare 366.59.45.713.

25

GENOVA Cornigliano massaggio orientale, shiatsu, rilassante per tutto il corpo. Tel.377.81.09.724.

A.A. GENOVA tx massaggiatrice strepitosa bella splendida completissima presenza. Tel.340.83.39.338.

Z.CHIAVARI novità accompagnatrice Brasiliana bella tropicale fisico perfetto irresistibile. Telefonare 348.98.49.975.

A.A.A.A. RECCO novità accompagnatrice Tedesca completissima trasgressiva. Telefonare 348.58.77.486.

GENOVA CENTRO Primissima volta. Massaggiatrice Argentina. Fisico statuario, trasgressiva, dolcissima. Tel.389.02.05.236

MASSAGGIATORE (Genova) presenza maschile fisico atletico espertissimo fantasioso completissimo ristrutturatissimo. Tel. 377.29.16.587.

Y.GENOVA hostess riceve distinti anche escort tranquillità riservatezza assoluta. Tel. 347.55.76.547.

A.A.A.A.A. ZONA Foce accompagnatrice bellissima presenza. Tel. 327.22.68.139.

GENOVA CENTRO Novità assoluta. Bellissima Massaggiatrice, disponibilissima. Splendida presenza Venezuelana. Tel.388.352.18.02

A.A. GENOVA massaggiatrice primissima volta bellissima strepitosa dolce solare presenza. Tel.327.69.82.885.

A. BRIGNOLE novità bellissima fotomodella massaggiatrice venezuelana, dolcissima, affascinante presenza. Tel. 333.61.52.512.

A.A.A.A.A. RAPALLO accompagnatrice, modella spettacolare, unica. Tel. 329.69.16.957.

49

A.A. RAPALLO Boy brasiliano accompagnatore completo disponibile www.lucaboybrasiliano.blogspot.com. Telefono 380.38.91.760.

A. RAPALLO Tx accompagnatrice completissima dolcissima bella femminilità www.agathatransex.blogspot.com. Cell. 339.14.45.355.

6

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

A.A. LAVAGNA (1°volta) stupenda ragazza accompagnatrice Polacca momenti indimenticabili. Telefonare 327.71.57.695.

CORNIGLIANO Magazzino carrabile, mq. 100, nuova costruzione, Via Dei Sessanta, ottima opportunità. 010.839.87.12

ACQUISTO NEGOZI e LOCALI COMMERCIALI

IL SECOLO XIX

A.A.A.A.A.A. NUOVISSIMA italiana mozzafiato relax totale. Tel. 333.46.666.35.

CORNIGLIANO, accompagnatrice stupenda, sensuale, carina, simpatica presenza, ambiente riservato tel. 345.28.66.298

A.A.A.A.A.A. SANMARTINO orientale massaggio, solo italiani. Tel.331.960.80.80.

DISTENSIVI fluidificanti massaggi olistici completi personalizzabili tutto il corpo stimolanti. - Tel. 346.58.14.833

STREPITOSA massaggiatrice tx Genova fisico abbagliante, trattamenti piacevolissimi tantissimi motivi. Tel. 348.11.29.565. Z.Z. FOCE massaggiatrice orientale adorabile presenza, ogni giorno. - Tel. 334.26.86.717. Z.Z.Z.Z.Z.Z.SESTRILEVANTE italiana relax riservatezza. Telefonare 320.90.66.426. ZONA Piazza Terralba massaggiatrice Signora italiana tutti giorni bellissima presenza max tranquillità. Tel. 389.92.40.790 ZONA Rivarolo dolce presenza ragazza orientale solo distinti, massima discrezione e riservatezza. Tel.334.50.53.833.


sport 50

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

NAZIONALE

GLI ASSEDIATI Lippi come Mourinho evoca il rumore dei nemici Collovati: «Strategia giusta, ma gli manca Milito...» CLAUDIO MANGINI

BASTAunapiccolavariazioneeilte­ orema assume tutto un altro signifi­ cato, con tanto di dimostrazioni em­ piriche a disposizione: chi trova un nemicotrovauntesoro.LaNaziona­ le (versione extra­large, ancora con 28uominiinorganico)lasciala Reg­ gia di Venaria con la colonna sonora di fischi e slogan, “vergogna­vergo­ gna”, e Marcello Lippi esprime una certezza: «Qualcuno tiferà contro di noi».LaNazionaleraggiungelaquo­ ta d’altura stabilita per ossigenare il sangue degli aspiranti conquistatori del Sudafrica, e il capitano Cannava­ ro mette tre punti di sospensione in fondo a una frase che, senza puntini, potrebbeapparirepiùesplicitamen­ te minacciosa: «Siamo campioni ep­ pure sembra che arriviamo al Mon­ diale da ultimi della classe. Io dico: attenti, non succede. Ma se succe­ de...». Loro sentono il rumore dei nemi­ ci. Lo stesso scalpiccio che ha risuo­ nato più di una volta nelle orecchie di José Mourinho. Alla cui Inter da triplete Lippi attribuisce caratteri­ stiche precise: «È forte, compatta, determinata, ricca di autostima». Qualitànoninedite,puntualizzailct. «Penso che questo sia stato il mar­ chio di fabbrica di quasi tutte le mie squadre, tra cui quella del Mondiale 2006». Compatta, ecco il segreto. Com­ patta,controtuttoesoprattuttocon­ tro tutti, era anche quella Mundial dell’82, quella del silenzio stampa e di Dino Zoff ­ guarda un po’ che chiacchierone ­ a fare da portavoce agli azzurri muti e asserragliati in ri­ tiro, dopo una mare di critiche e illa­ zioni che andavano molto dentro quello che ancora non si chiamava gossip, ipotizzando una liaison fra due azzurri, in tempi in cui nessuno aveva sdoganato l’omosessualità. Uniti, si vince? Assediati, si tira fuori il massimo. Mou, in flash back, dopo il 2­0 al Bayern: «Il momento che mi piaciuto meno, in Italia, sono stati quei due mesi in cui ero quasi sempre in tribuna e non dove avrei dovuto essere, in panchina, per via delle squalifiche. E la mia squadra perdeva punti...». Avere dei nemici aiuta? Concetto facile nelle dinami­ che della gestione del gruppo. Fulvio Collovati, oggi commentatore tv, al Mondiale di Spagna ’82 c’era, da pro­ tagonista: «La considerazione di fondo è che tutti esprimono un’opi­ nione, diventa quasi un rito. Oggi, per esempio, ci sono quelli che vor­ rebberoCassano,Tottioalmenouno del Palermo in azzurro. Quell’anno, quando Bearzot diede la lista dei 22, ci fu chi si lamentò perché non c’era Beccalossi, che aveva vinto lo scu­ detto con l’Inter né Pruzzo, che ave­ va vinto la classifica dei cannonieri.

1982, IL SILENZIO STAMPA

2006, SCANDALO CALCIOPOLI

2010, LE MANETTE DI MOU

Mondiale di Spagna. L’Italia di Bearzot parte fra le critiche per l’esclusione di Beccalossi e Pruzzo, sull’onda lunga del calcioscandalo. L’avvio è al rallentatore, poi filtra la voce di un legame particolare fra due azzurri: silenzio stampa. Infine esplode Pablito.

È l’estate bollente di Calciopoli. Fra i nomi coinvolti anche quello di Davide Lippi, figlio del ct. È una vigilia ad altissima tensione, con l’incubo delle sentenze post Mondiale. Marcello Lippi chiede ai suoi di isolarsi e pensare solo a vincere. Missione compiuta.

Il triplete, mai riuscito ad altre squadre in Italia, arriva al termine della stagione cominciata, da parte di Mourinho, sentendo il «rumore dei nemici». Lo Speciale non gradisce le decisioni di Tagliavento in Inter­Sampdoria e mostra le “manette”: 3 turni di stop.

Maquestofapartedellacritiche,del­ la libera opinione. Il problema fu che c’eragentecheandavasopralerighe, gente che diceva cose volgari. E, se devocercareunnemico,be’,ioconsi­ deronemicochidissecosecheinfan­ gavano quella squadra, come il fatto che, per andare avanti, si fosse paga­ to il Camerun». E oggi? Renzo Ulivieri è il presi­ dente dell’Associazione allenatori. È stato una specie di fratello maggiore per Marcello Lippi, che cominciò la carriera di allenatore quando lui se­ deva sulla panchina della Sampdo­ ria. «In tante occasioni ­ dice ­, la Na­ zionale italiana ha dato il meglio quando ha avuto dei nemici e si è tro­ vata sotto pressione. Onestamente,

oggi, non li vedo i nemici. Anzi, mi sembra che questa squadra sia guar­ data con una certa simpatia. Ma, for­ se, sono io che non colgo certe situa­ zioni. E, comunque, il gioco vale la candela». Ovvero, marciarci un po’ sulla sto­ ria del nemico alla porta. Nel 1978 i nemici non c’erano e l’Italia d’Ar­ gentina arrivò alla finale per il terzo posto, giocando a tratti il più bel cal­ cio del Mondiale. Nel 1994 Sacchi ne aveva un po’ è arrivò in fondo: Coppa persasoloairigori.CosìcomeCesare Maldini,unaltrocheavevacriticima non nemici, che nel ’98 si arrese alla Francia nei quarti solo dal dischetto. Trap era accompagnato da parec­ chio scetticismo e la sua Nazionale

FORMAZIONE STIMATA

Capisco il ct, ma all’estero la nostra immagine è diversa: ci considerano squadra da Mondiale RENZO ULIVIERI presidente Assoallenatori

fece parlare più per l’acqua santa in panchina che per il gioco. Insomma, stringersi spalla contro spalla nel fortino non sempre produce affetti taumaturgici e, viceversa, si può fare bene anche senza sentirsi solo con­ tro tutti. «Il punto, secondo me, è un altro ­ dice Collovati ­: se un certo at­ teggiamento nasce in modo sponta­ neo, se scatta la reazione, allora ser­ ve. Se lo spirito di aggregazione è for­ zato,nonhanessunsenso.Epoi,scu­ sate, se ti senti circondato e poi hai MilitoeEto’oèunconto.Masenonli hai, è tutta un’altra cosa». Insomma, Lippi ci prova. Di certo, i due successi dell’era moderna la Nazionaleitalianadicalciolihaotte­ nuti a conclusione di due Mondiali

ad altissima tensione, sull’onda del primo calcioscandalo e di Calciopoli. Oggiadarfastidiocisonoledichiara­ zioniditifocontro,odinontifo.Can­ navaro lo dice chiaro: «Renzo Bossi dice che non tifa Italia? Io mi sento italiano al cento per cento e mi ven­ gonoibrividiquandosentol’inno.Se ad altri non riesce, liberi di farlo, ma non so perché». La chiosa a Ulivieri: «Al di là delle parole, resta una considerazione di fondo. Io ho seguito la Nazionale quasi sempre anche all’estero. Fuori dall’Italia ci rispettano e ci temono, sanno che nelle grandi occasioni, l’Italia c’è sempre». A prescindere. mangini@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

IERI SERA CENA A CASA MORATTI MADRID. Tra lui e il Real, una stretta di mano

e16milionidieuro.«Pensocheiltrasferimen­ to andrà in porto. Ho parlato con il mio agente Jorge Mendes ed è già tutto praticamente fat­ to, ma la decisione è mia e spetta solo a me». Parole di José Mourinho, al termine di un lunedì che serviva a mettere a punto i dettagli e a verificare che non esistessero intoppi di fondo (strategie, autonomia, scelte di merca­ to) in grado di far naufragare un matrimonio annunciato. Il presidente dell’Inter, ormai, se n’è fatto una ragione: «Resta una piccola spe­ ranza,marispettolavolontàdiMourinho».La cognata Letizia, sindaco di Milano, dopo una polemica con la Curia sull’utilizzo di Piazza Duomo («È dei milanesi, è il luogo delle feste dei cittadini»), aveva lanciato un appello biz­ zarro ai giornalisti: «Convincetelo voi a resta­ re, va via per colpa dei media». Se avesse telefonato al Moratti giusto, avrebbe capito che la questione non è questa.

MOU: È FATTA CON IL REAL E INSISTE PER MAICON Insomma, il valzer dell’addio è all’ultimo Special Real sarà Maicon. E l’assalto, verosi­ passo. Poi, si potrà solo sperare che «l’interi­ milmente, non sarà fatto in guanti bianchi ma sta» Mourinho (definizione sua) un giorno all’arma bianca. possatornaresuquellapanchina.Fantacalcio. E qui l’Inter potrebbe innervosirsi. Ieri sera Jorge Mendes, il manager intanto Mourinho e Moratti di Mourinho, ieri è arrivato si sono incontrati nella casa negli uffici di presidenza al milanesedel presidente.Alla IMPERATORE ROMANO secondo piano del Bernabeu fineiltecnicoharilasciatoun alle 12 in punto. Un’ora e Adriano a un passo laconico «Posso solo dire che trenta di dialogo, break di mi è piaciuto tanto mangiare dalla Roma, che quaranta minuti e secondo, con il mio presidente». brevissimo, round di dieci Il nome numero 2 nella li­ sacrifica De Rossi minuti. stadiJoséMourinhoèquello (Madrid). Toni a Tutto sistemato. Compre­ di Daniele De Rossi, che la sa la decisione che il primo Napoli. Silva conteso Roma rischia di dover sacri­ obiettivo di mercato dello ficare per ottenere la liquidi­

tà per fare mercato. Ieri mattina un emissario merenguehapresocontatticonilValenciaper discutere di David Silva, gioiello per il quale la scorsasettimanaJoanLaporta,presidentedel Barcellona, ha messo sul piatto 40 milioni. Insomma, fra Barça e Real Madrid sono di nuovo guerre stellari, dopo la campagna acquisti da 265 milioni dei bianchi, un an­ nofa,eun’estaterelativamenteausterasul fronte azulgrana. Il Barcellona, che ha già acquistato David Villa e insegue il poliva­ lente d’attacco Mata (entrambi Valencia), vuole anche Fabregas, quotato 87 milioni dall’Arsenal. Mentre Ibra potrebbe partire. In Italia,primicolpigrossi:laRomaèvicinissima ad Adriano, e il Napoli avrà Toni dal Bayern, con formula da definire. Guidolin guiderà l’Udinese. E Mihajlovic ha lasciato il Ca­ tania: potrebbe firmare un biennale con la Fiorentina se non andrà all’Inter. C. M.


Il Mondiale vale 4 miliardi l’Italia 38 milioni

VINCERE fa piacere. Meglio poi se il conto in banca si ingrossa. Il Mondiale è un affarone, almeno per chi potrà goderne, atleta e no. Gli altri possono solo guardare. Provate a immaginare 4 mi­ liardi di dollari: tanto vale il giro di affari, indotto compreso, del Mondiale in Sudafrica, l’edizione più ricca della storia. In partico­ lare: 2.6 miliardi in diritti commerciali, 1.4 in diritti tv. Così l’Italia, se dovesse tornare ad alzare la Coppa del Mondo così come fu a Berlino intascherebbe 38 milioni di dollari complessivi. Il budget Mondiale degli azzurri è già varato, ovviamente, con qualche re­

strizione di spesa visto che il bilancio Figc per il 2010 è in contra­ zione, ma non per quanto riguarda i costi della sicurezza, 600 mila euro in tutto. Quel che invece rimarrà fisso ­ anzi forse cale­ rà ­ è il premio. La tendenza è concedere premi solo per i primi tre posti: quello della vittoria fermo ai 240.000 di 4 anni fa, 150.000 per il secondo posto e 50.000 il terzo. Da Sudafrica 2010 per la prima volta la Fifa riserverà a ogni federazione solo 700 biglietti a partita, tutto il resto sarà gestito da un tour opera­ tor direttamente controllato dalla Fifa. IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

51

IL FUTURO

9 Abete si sbilancia:

i reduci del Mondiale vinto da Lippi nel 2006. La lista, attualmente di 28 giocatori, dovrà essere ridotta a 23 entro il primo giugno

«Il sì di Prandelli? 5 Sono ottimista»

gli scudetti vinti da Lippi oltre a 1 Coppa Italia, 4 Supercoppe italiane e 1 europea, 1 Champions League, 1 Intercontinentale

Il presidente federale apre anche a Maldini e Sacchi La Federazione ha scelto Cesare Prandelli per il dopo Mar­ cello Lippi. E questo si era intuito. Ieri però il presidente federale Giancarlo Abete si è nettamente scoperto e lo ha fatto alla trasmis­ sione del Gr Parlamento Rai “La politica nel Pallone”: «Di certo c’è che nell’occasione della presenta­ zione dei ventotto giocatori del Se­ striere abbiamo detto che ci sareb­ be stato un blackout comunicazio­ nale di una decina di giorni, sul ct la fase di accelerazione è in corso e ne è testimonianza il comunicato stampa di Andrea Della Valle e del­ la Fiorentina». Abete ha quindi confermato che il nome del nuovo selezionatore della nazionale ver­ ràsvelatoprimadellapartenzadel­ la squadra per il Sudafrica: «La fase di accelerazione è in corso e abbia­ mo preso un impegno che penso tutti ritengano che siamo in grado di rispettare, cioè il fatto di comu­ nicare il tecnico della nazionale prima dell’8 giugno». Il presidente ha confermato di avere avuto un contatto diretto con Della Valle: «Lo ha confermato lui stesso. Nel momento in cui ha detto che l’ave­ vo chiamato per chiedergli la di­ sponibilità a contattare Prandelli, confermo che c’è stato questo tipo di contat­ LA to». Ma non PROMESSA conferma, e La Figc nemmeno vuole dire smentisce, di avere avuto un il nome del ct entro contatto con «Fa l’8 giugno Prandelli: parte del black out comunica­ zione, fermo restando il messaggio cheèstatodato,cheèunmessaggio diottimismodidefinirelasituazio­ ne della guida della nazionale nei tempi prefissati, auspicabilmente anche prima». Non solo Prandelli. Il presidente Abete ha parlato anche di Paolo Maldini e Arrigo Sacchi. Sull’ex di­ fensore del Milan e dell’Italia: «È un grande testimonial del calcio italiano, lo è lui la sua storia, il suo rapporto con il club, la famiglia, la sua tradizione, la fedeltà alla ma­ glia, il giocatore che ha fatto più partiteinEuropaalivellodiCham­ pions. È un grandissimo personag­ gio che ci ha dato la sua disponibili­ tà per essere con noi all’assegna­ zione di Euro 2016, l’auspicio della federazione è che il rapporto con Maldini non si esaurisca in una presenza ma che prosegua nei mo­ di e nelle forme che condividere­ mo. La Federazione per lui è casa aperta». Sull’ex tecnico: «È una persona che è legata da sempre alla federa­ zione per quanto ha dato al calcio italiano, è anche un grande patri­ monio del mondo del calcio e veri­ ficheremo se ci saranno le condi­ zioniesevorràessereall’internodi una progettualità più più comples­ sa della Federazione anche se è presto per dirlo». ROMA.

Cesare Prandelli è candidato a diventare il prossimo ct della Nazionale

L’ALLENAMENTO

PALOMBO IN DIFESA IAQUINTA SI BLOCCA PRIMI allenamenti per gli azzurri e perché nella Sampdoria il capitano primi piccoli contrattempi fisici a ha già giocato egregiamente in quel complicare il lavoro di Lippi. Chielli­ ruoloincasidiemergenzaepuòesse­ niancheierièrimastoariposo acau­ re un’alternativa in più per la difesa, sadiunaleggeracontrattura. «Perfi­ dalla quale sono già stati tagliati Le­ ne settimana sto a posto», ha detto il grottaglie e Grosso. In questo caso difensore a un tifoso. Lo juventino Lippipotrebbedeciderediportarein resta comunque un punto fermo del­ Sudafrica un centrocampista in più e la Nazionale. un difensore in meno rispetto alle Chi invece dà qualche preoccupa­ previsioni. zione in più è Vincenzo Iaquinta, che Salvatore Bocchetti, tuttavia, non ieri si è fermato per precauzione a si sente a rischio taglio: «I segnali so­ causa un dolore alla no incoraggianti, la schiena, sottopo­ speranza di rima­ nendosi a cure a nere tra i 23 ce l’ho parte. L’attaccante e mi fa piacere che è uno dei fedelissi­ Lippi punti anche mi di Lippi, un uo­ sui giovani», ha mo­chiave che que­ detto ieri. Il difen­ st’anno è stato a sore del Genoa la­ lungo ai box causa vora prendendo infortuni ma è rien­ spunto dai “sena­ trato in tempo per tori” azzurri: «So­ riagganciare la Na­ no qui per impara­ zionale. Tuttavia il re da tutti e in par­ ct ha abbondanza di ticolare da Canna­ attaccanti e il primo varo, sono io stesso giugno dovrà ta­ Palombo, Gilardino e Gattuso che spesso vado a gliarne almeno uno. chiedere suggeri­ In ballottaggio sembrano Quaglia­ menti ai miei compagni. Ma la cosa rella, Giuseppe Rossi e Borriello, ma che mi preme maggiormente ­ con­ Iaquinta dovrà dimostrare di essere clude ­ è che la gente si avvicini di più al 100%. a noi». Su mercato e futuro poche pa­ Nel pomeriggio i primi test di for­ role, solo l’ammissione che gli piace­ mazione. Lippi ha provato Cossu nel rebbe un giorno giocare al San Paolo tridente d’attacco con Pazzini e Di di Napoli, la sua città. Ma al momen­ Natale, alternando però spesso le ca­ toDeLaurentiisnonhaoffertoalGe­ sacche e i ruoli. Zambrotta a sinistra noa contropartite abbastanza inte­ in difesa e il centrocampo con De ressanti. EilNapolipiaceancheaFa­ Rossi, Pirlo e Marchisio sono le altre bio Cannavaro, sul quale la Juve non indicazioni. Il ct, anche a causa del­ ha esercitato l’opzione di rinnovo. l’assenza di Chiellini, ha poi provato «MipiaceilNapoli,maiononpiaccio AngeloPalombonelruolodicentrale aloro»hadettoieril’illustredisoccu­ di difesa. Non una novità assoluta, pato. Sic transit gloria mundiali...


IL SECOLO XIX

52

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

sport LA SENTENZA

Il calcio è salvo, arrivano mille milioni Il giudice rigetta il ricorso di Conto Tv sul contratto siglato con Sky per i diritti IGOR GREGANTI

Un contratto da oltre un miliardo di euro che rischiava di di­ ventare “lettera morta”. Alcune squadre di serie A che, senza quei soldi, non si sarebbero potute iscri­ vere al campionato, mentre le “big” avrebbero dovuto rivedere al ribas­ so i loro propositi di calciomercato. Si capisce, dunque, perché la tanto attesa ordinanza del Tribunale civi­ le di Milano, che ha allontanato que­ stiscenaricatastrofici,abbiafattoti­ rare un grande sospiro di sollievo al mondo del calcio. Il giudice della Sezione specializ­ zata proprietà industriale, Claudio Marangoni, ha respinto, infatti, il ri­ corso dell'emittente toscana Conto Tv che chiedeva di sospendere gli ef­ fettidelcontrattotralaLegaCalcioe Sky (del valore di 1.149 milioni di eu­ ro)sullatrasmissionedellepartitedi serie A delle prossime due stagioni. Perilgiudice,insostanza,laLegae la tv di Murdoch, con l'accordo rag­ giunto attraverso il bando di gara del MILANO.

luglio 2009, poi integrato a gennaio, nonhannoviolatolenormativesulla concorrenza. Conto Tv, scrive il ma­ gistrato nella sua ordinanza, non ha «sofferto particolari svantaggi nella teorica possibilità di accedere» al pacchetto“Platinumlive”,chehaas­ segnato i diritti delle partite di serie A.«Aldilàdelledifferenzedidimen­ sioni finanziarie e organizzative in­ negabilmente esistenti rispetto alla concorrente Sky», si legge nel prov­ vedimento, l'emittente toscana ha un «profilo tecnico­organizzativo» che le avrebbe permesso di “gareg­ giare”. «Ildatoimportanteèchesonosta­ te accolte le ragioni della Lega», ha commentatoilpresidentedellaLega Calcio, Maurizio Beretta, che teme­ va una «catastrofe». I diritti televisi­ vi,infatti,compresiquelliperlapiat­ taforma digitale e le altre multime­ dialità, rappresentano oltre il 65% dei ricavi del calcio professionistico. «Assicurano ­ ha proseguito Beretta ­ anche un fondamentale aiuto per l'attività della serie B, della Lega Pro La Lega Calcio incasserà 1.149 milioni di euro da Sky tv

e del calcio dei dilettanti. Questa è quindi una vittoria dell'intero calcio italiano». «Èunasentenzachedàpiùsereni­ tà alle squadre di calcio. Anche a Be­ retta ho detto di fare più attenzione al contenimento dei costi», ha detto il presidente del Coni, Gianni Pe­ trucci. Molto sollevata la reazione del presidente del Palermo, Maurizio Zamparini: «Eravamo disperati e fi­ nalmente ho visto una cosa fatta con buon senso, senza fare harakiri». Ora, ha aggiunto, «stiamo aspettan­ do di avere la legge sugli stadi che ci dia la possibilità di aumentare gli in­ troiti». Tornando al caso dei diritti tv, il giudice Marangoni nel provvedi­ mento parla anche di «dubbi sulla li­ nearità» della condotta di Conto Tv, che, secondo il magistrato, aveva la possibilità,con«lo“spacchettamen­ to” eseguito» dalla Lega Calcio che aveva ampliato «le opportunità per altri operatori», di concorrere per i dirittitvdellaserieBeperquellidel­

le sintesi delle partite. Invece, pro­ segue il giudice, l'emittente non ha mai «avanzato alcuna offerta di ac­ quisto». Si trattava eppure di «con­ tenuti di interesse per un pubblico maggiormente rivolto a seguire il campionato minore, ma che certa­ mente avrebbe altresì apprezzato la contemporanea offerta delle sinte­ si». Per Marco Crispino, ad di Conto Tv,però,«nonsipuòfareconcorren­ za con la serie B e con le sintesi. Mi fa sorridere leggere queste motivazio­ ni assurde». Secondo Crispino, inol­ tre, «è assurdo dire che noi abbiamo le capacità tecnico­organizzative. Non contano i nostri cinque canali, ma la capacità trasmissiva che cam­ biasetrasmettiprincipalmentepor­ no, come facciamo noi, rispetto a se mandi in onda partite di calcio». Conto Tv sta già pensando di fare re­ clamo contro l'ordinanza, prose­ guendo la “querelle” con la Lega e Sky che ormai va avanti da mesi tra udienze civili, decisioni dell'Anti­ trust e del Tar.

SAMPDORIA

GENOA

IL QUARTO POSTO È ORO DODICI I MILIONI IN PIÙ

POCHI I SOLDI CATODICI IL MARKETING PUÒ AIUTARE

I blucerchiati passano da 22,4 a 34,5. E sperano nella Champions Nuove strategie. Maglie e gadget ufficiali, ma a prezzi low cost PAOLO GIAMPIERI

MARCELLO ZINOLA

GENOVA. Dodici milioni in più non

GENOVA. Trai 31 e i 33 milioni con

trasformeranno la Sampdoria in una grande del calcio italiano, però iniziano a ridurre lo svantaggio nei confronti delle prime della classe. Quello che voleva il presidente blu­ cerchiato Riccardo Garrone che ha condotto la battaglia per la redistri­ buzione dei diritti televisivi in pri­ ma linea quando non addirittura da solo. Dodici milioni in più rispetto alla scorsa stagione, quando la ven­ dita era centralizzata, sono il frutto di questa battaglia. «Ma non è mica finita»hadichiaratopiùvolteilpre­ sidentedellaSampdoria.Garronesi riferisce alla parte contestata della legge Melandri­Gentiloni, sui baci­ ni d’utenza. Ma facciamo un passo alla volta. Con il passaggio alla vendita cen­ tralizzata le squadre medio­piccole vengono favorite. O meglio, non pe­ nalizzate come accadeva in passato quando la gran parte della torta dei ricavi dei diritti tv finiva nelle casse delle grandi. Così, se la Sampdoria nella scorsa stagione ha incassato 22,5 milioni di euro, per la stagione che va a iniziare conta di arrivare a 34,5 milioni, 12 in più. Questo deri­ va dal fatto che la ripartizione ora avviene per il 40% in parte uguale a tutte le squadre; mentre le altre vo­ ci, risultati e storia del club (30%) e bacino d’utenza (altri 30%) sono un’àncora di salvezza per le più for­ ti. Se pochi contestano i risultati sportivi, le medio­piccole sono an­ cora sul piede di guerra per quello che riguarda l’ultima voce, il bacino d’utenza. Del 30% complessivo, so­ lo il 5% è relativo alla popolazione del Comune di riferimento, un dato incontestabile. Il restante 25% in­ vece è ripartito in base al numero di tifosi. Per stabilire come si divide il tifo in Italia la Lega Calcio ha com­ missionato lo studio a tre agenzie demoscopiche. Sta emergendo un dato che penalizza fortemente le medio piccole. Prendendo in esame la Juventus (che sembra essere la squadra italiana con più tifosi) e la Sampdoria, se la prima ha un coeffi­ ciente 30, la seconda è a 0,3. In ter­

una piccola flessione rispetto ai “cu­ gini” perché la media quinquennale dei risultati sportivi, con l’ultimo campionato, incide negativamente. La previsione dei proventi dei diritti televisivi per il Genoa passa, come per le altre società fuori dal giro In­ ter­Milan­Juventus o prive di salva­ gentibancari­politicineltempo(Ro­ ma,300milionidirossoesocietàmai “esplosa”, Lazio con il famoso prov­ vedimento spalma­debiti) attraver­ so una revisione dei bacini di utenza, dell’incidenza del comune di “resi­ denza” della società. Metodo che allo stato penalizza il Genoa come altre società ancorate a un coefficiente di 0,3 che rappresenta poco più delle briciole rispetto a quello delle Gran­ di. L’effetto moltiplicatore è deva­ stante, in negativo, per i bilanci delle società medico piccole. E sarà questa la battaglia che Enrico Preziosi farà in Lega. La redistribuzione dei diritti Tv (l’Antitrustavevasulsistemadell’as­ segnazione generale delle esclusive) non sarà cosa facile. La legge Melan­ dri ha obbligato al ritorno al sistema di contrattazione collettiva e le so­ cietà, in caso di sentenza avversa in sede civile sul ricorso di Conto TV, avevano preannunciato (capofila il patron del Napoli De Laurentiis) l’iniziativa tendente al congelamen­ to degli effetti della “Melandri”. La partita in gioco non era da poco a li­ vello generale: circa 900 milioni de­ gli 1,4 miliardi di fatturato delle so­ cietà sportive sono prodotti dalla li­ cenza dei diritti audiovisivi. Le rica­ dute ­ nei giorni scorsi c’era già stata una polemica del Bologna che aveva denunciatoilritardatopagamentodi una tranche da parte di Sky in attesa dell’esito della vicenda legale ­sareb­ bero state nefaste. Il Genoa, come al­ tre società, tira il fiato e può mante­ nere la sua programmazione genera­ le di bilancio. E di marketing. Enrico Preziosineigiorniscorsierastatodel resto chiaro. Ricordando le strategie di mercato non strettamente legate all’assetto della squadra. «Quanto una società crea e fa come “società” è

La festa della Sampdoria al Ferraris dopo la vittoria sul Napoli

40%

la somma equamente divisa dalle squadre di A. Il resto dei soldi che vengono dai diritti tv è spartito in base a risultati e bacino d’utenza

16

i milioni di euro destinati alla Sampdoria se riuscirà a superare il turno preliminare di Champions League mini economici ciò comporta una distanza ancora siderale. Se la Ju­ ventus a questa voce può incassare qualcosa come 50 milioni di euro, la Sampdoria resta a un milione e mezzo, massimo due. I blucerchiati hanno recuperato molto grazie alla prima voce, il 40% uguale per tutti e alla seconda, il 30% sui risultati sportivi. Il quarto

BANCHERO

posto di questa stagione purtroppo per la Sampdoria conterà soltanto in maniera relativa. Sarà raggrup­ pato insieme ai piazzamenti delle precedenti quattro stagioni per fare media. Soltanto dall’anno prossimo il piazzamento finale di ogni stagio­ ne produrrà un altro coefficiente (aggiuntivo rispetto ai risultati del­ le ultime cinque) autonomo. Il quarto posto finale di questa stagione ha un significato decisivo per la Sampdoria perché consente di accedere ai preliminari Cham­ pions e, vincendo questa doppia sfi­ da, alla fase a gironi portatrice di al­ tri 15­17 milioni di euro. Soldi che permettono alla Sampdoria di darsi una struttura da medio­grande squadra. Con la redistribuzione dei diritti televisivi e l’importanza preponde­ rante che assume il risultato sporti­ vo, infatti, diventa decisivo per una squadra delle dimensioni della Samp, occupare con stabilità la par­ te sinistra della classifica; possibil­ mente dal sesto posto in su. Arriva­ re nelle prime consente di ri­arriva­ re nelle prime anche nelle stagioni successive. Il progetto dei Garrone va avanti. giampieri@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Genoa ha blindato il proprio marchio. Maglie ufficiali “top e low cost”

31

i milioni previsti La ripartizione è sui risultati degli ultimi cinque anni, ma è penalizzante il sistema dei bacini di utenza

3

i milioni del merchandising Il Genoa ha blindato il marchio e lancerà materiale sportivo low cost anticontraffazione fondamentale per fare la “squadra”. Non è pensabile concorrere, per noi, alle spese e bilancio di altre società» aveva sottolineato Preziosi (che ha messo 21 milioni nelle casse rosso­ blù). Il merchandising lentamente sta diventando una voce concreta anche se, come aveva ricordato Preziosi a margine dell’approvazione del bi­

BANCHERO

lancio «la realtà italiana è ancora molto distante da quella di altre le­ ghe europee». Dove (Germania, In­ ghilterra,Spagna)lavoceTvèimpor­ tante, ma non maggioritaria, nei bi­ lanci. Gestione stadi e marketing co­ pronosinoal65%deibilanci,glistadi diproprietàsonospessofontedigua­ dagno e la fidelizzazione degli appas­ sionatirende(quasi)inesistente(an­ che se spesso made in Italy) la con­ traffazione. Il Genoa cambierà sponsor a giorni: ilcontrattoconlaGaudìscadeil30giu­ gno e aveva portato circa 1,5 milioni. Cifra simile al nuovo marketing. La concorrenza è ancora elevata. Le stime indicano in non meno di una decina di milioniilgirodiaffariperilmercatodel “tarocco” legato alle squadre di calcio. Dalla prossima stagione, sia per fron­ teggiare la pirateria commerciale, sia per favorire chi ha meno possibilità, nascerà una maglia low cost. Costo sui 35 euro, contro i 70 medi delle maglie ufficiali. Saranno sempre maglie del Genoa, ufficiali, ma con qualità un po’ inferiore. Incideranno su quelle “top”, mainprospettivadovrebberoaiutarea combatterelapirateria.Inattesachela solidarietà catodica di Lega (calcio) scucia qualche milionata in più. zinola@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA


IL SECOLO XIX

sport GENOA

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

53

A VILLA ROSTAN

Tachtsidis, il Colosso greco sulle tracce di Thiago Motta Esordì a 16 anni, ora è titolare dell’under 21. Oggi si allena a Pegli ANDREA SCHIAPPAPIETRA

GENOVA. Dopo Diego Angelo, ecco

un altro volto nuovo per il Genoa che verrà. Panagiotis Tachtsidis, 19 anni, è sbarcato ieri a Genova insieme al suo procuratore Yannis Evangelo­ poulos e oggi pomeriggio inizierà la sua avventura con la maglia rosso­ blù: a Pegli è in programma l’ultimo allenamento della stagione, a cui se­ guirà l’amichevole di domani sera a Novara (ore 20.30). Ilmatchcontrolaformazioneneo­ promossa in B sarà l’occasione per un primo contatto tra il centrocam­ pista cresciuto nell’Aek e Gian Piero Gasperini: alto 192 cm per 86 chili, Tachtsidis è un centrocampista di grande impatto dal punto di vista fi­ sico ma ha anche piedi interessanti, in particolare il sinistro. Nasce come diga davanti alla difesa ma ha anche fatto il trequartista. Nato a Nafplion, nel Peloponneso, è arrivato ad Atene nel 2005, per essere inserito nel set­ tore giovanile dell’Aek. Il 27 gennaio 2008 fece la sua prima apparizione tra i “grandi”, diventando, a 16 anni e 348 giorni, il più giovane esordiente della storia del campionato greco. Giornataindimenticabilevistoche,a tempo scaduto, segnò il gol­vittoria Panagiotis Tachtsidis, 19 anni compiuti a febbraio, con la maglia dell’Aek sul Thrasyvoulos. In Grecia è consi­ derato uno dei giovani più promet­ tenti, insieme a Sotiris Ninis, altro SASA, EX FIDANZATA giocatore seguito dal Grifone. È tito­ lare dell’Under 21: il ct della selezio­ E CONIGLIETTA ne campione d’Europa nel 2004, Ot­ Il neo rossoblù Tachtsidis ha fatto to Rehhagel, lo tiene d’occhio da per qualche tempo coppia fissa tempo e, dopo il Mondiale, potrebbe con Sasa Basta, modella ed ex inserirlo tra i convocati. coniglietta di Playboy. I due Qualche paragone? Si è parlato di ebbero anche un incidente d’auto, Vieira («Forse meno tecnico e più per fortuna senza conseguenze. La potente», ha sentenziato Sokratis, storia è finita qualche mese fa, non suo ex compagno di squadra) ma an­ senza polemiche, e ora la Basta sta che di Thiago Motta. «Il riferimento con Giannis Maniatis (Panionios) può starci, anche se Panagiotis ha un po’menovisionedigioco.Bisognadi­

re,però,cheègiovanissimoehaampi margini di miglioramento. La dutti­ lità è la sua arma migliore», spiega AndreaPalombarini,giornalistadel­ la tv greca con padre italiano e madre ateniese. Fu lui ad aiutare Sokratis, nel suo primo anno in Italia, a supe­ rare i problemi di lingua e ambienta­ mento. Ha vasta esperienza in mate­ ria: anni fa seguì Georgatos nel suoi difficili mesi all’Inter. «Ognuno ha unastoriadiversa.Ingenerale,igreci soffronosoprattuttoilcambiamento di abitudini e ritmi di vita. Una volta superato il primo periodo, come nel caso di Sokratis, i problemi scompa­ iono: molto dipende dalla personali­ tà del giocatore», sottolinea. Il contratto di Tachtsidis con l’Aek Atene scade tra poco più di un mese, ha scelto di non rinnovarlo puntan­ do, su consiglio anche del suo agente Evangelopoulos (che insieme a Francesco Musarra assiste anche Sokratis), sull’avventura italiana. Il Genoa si è mosso per tempo, facen­ dogli firmare un contratto quin­ quennale da 400mila euro a stagio­ ne.All’Aekèandatounindennizzodi circa 200mila euro. Il suo futuro è tutto da decidere: sarà valutato in questi giorni, poi an­ drà in ritiro a Neustift. Dirigenti e Gasperini decideranno poi se inse­ rirlo stabilmente in prima squadra oppure mandarlo in giro a fare espe­ rienza. Se resterà, è probabile che il Genoa gli affianchi proprio Palom­ barini come traduttore, per aiutarlo a inserirsi rapidamente. Il problema attuale è che viene da un periodo di inattività per motivi diversi: è incap­ pato in un infortunio muscolare ma soprattutto, dopo il mancato rinno­ vo del contratto, è finito ai margini della squadra, per cui non ha potuto allenarsi nelle migliori condizioni. schiappapietra@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Enrico Preziosi e Gian Piero Gasperini in una foto d’archivio

BANCHERO

PREZIOSI­GASPERINI VERTICE PER IL FUTURO GENOVA. Un vertice per pianifica­

reilfuturoeporrelebasiperlacam­ pagna acquisti. A cominciare dalle comproprietà da risolvere con Ju­ ventus (Criscito e Palladino), Bari (Bonucci) e Palermo (Jankovic). Il presidente Enrico Preziosi sarà og­ giaPegli,intempoperl’ultimoalle­ namento della squadra: incontrerà Gasperini e, insieme al figlio Fabri­ zioeaCapozucca,faràilpuntodella situazione. Chiarezza di program­ mi e obiettivi, ciò che ha invocato il tecnico per non commettere più gli errori della passata stagione. Chia­ rezza di programmi e di obiettivi gli ha garantito la società e l’incontro di oggi sarà utile anche per allonta­ nare le lusinghe della Fiorentina, che sta per perdere Prandelli e vor­ rebbe sostituirlo con l’allenatore di Grugliasco. «Gasperini resterà al Genoa. Dubito che avremo affari con la Fiorentina», ha sentenziato ancora una volta Preziosi. Gasperini invoca acquisti che possanofarcrescereiltassotecnico della squadra. Preziosi, dal canto suo, ha promesso quattro colpi di grande valore. A partire dal centra­ vanti: il primo obiettivo era Ku­ ranyi, protagonista in Bundesliga, sfuggito solo a causa della maxi of­ ferta della Dinamo Mosca (6 milio­ ni a stagione). Il target, insomma, è quello. L’incontro con la Juve per Criscito e Palladino dovrebbe esse­ re verso fine settimana. Sul tavolo

ci sono anche altre questioni da ri­ solvere. Ad esempio, l’affare Floc­ cari. «Al 99% farà parte della Lazio delfuturo.Ilsuoriscattorientrane­ gli interessi della Lazio, quindi, so­ no fiducioso. Non abbiamo proble­ mi economici e visto che dobbiamo rinforzare la squadra con 3­4 inne­ sti importanti, non ci tireremo in­ dietronelcasoincuilaLaziocioffra la possibilità di avere giocatori buo­ ni in cambio. La cosa importante è che siano di qualità e che ci possano permettere di rinforzare altri re­ parti». Preziosi ne cita alcuni. «Za­ rate, Kolarov, Lichtsteiner e Lede­ sma. Ma non so se Lotito vorrà pri­ varsene: se questa volontà ci sarà, ben venga, ma tutto dipenderà dai loro programmi. Quando ci siede­ remo al tavolo delle discussioni chiederò al presidente quali gioca­ tori è disposto a mettere sul piatto. Se risponde ne parleremo, altri­ menti no». E Foggia? «Ci piaceva in passato, l’abbiamo trattato, ma non c’è stato modo di prenderlo», ha concluso Preziosi. Le piste Konko e Chico restano caldissime. Per quel che riguarda il francese, il Siviglia ha appena ac­ quistatoDabo,esternodestrodelSt Etienne. Guarda caso, proprio il ruolo di Konko e Stankevicius (Samp): aumentano così le possibi­ lità di una loro partenza. A. SCH. © RIPRODUZIONE RISERVATA

SAMPDORIA

MERCATO

Garrone: «Storari secondo portiere è un delitto»

Siviglia prende Dabo: a rischio il riscatto di “Stanke”

Il patron doriano al Milan: «Se lo volete, fatelo giocare titolare». Di Carlo, slitta ancora la presentazione DAMIANO BASSO

SPONSOR TECNICO

GENOVA. Per il sito di Kicker, uno

dei più venduti se non il più venduto magazine di calcio tedesco, è tutto fatto: la Sampdoria ha ingaggiato Domenico Di Carlo, che avrebbe fir­ mato un contratto biennale. Per Riccardo Garrone invece non è proprio così: «In settimana si con­ cluderà la definizione del nuovo al­ lenatore, ma posso dire che è tutto assolutamente sotto controllo. Di Carlo? Sono tanti gli allenatori che mi piacciono». La Sampdoria già ha concluso con Di Carlo. Il tecnico è ancora sotto contratto con il Chievo e l’ultimo allenamento stagionale è in programma venerdì mattina. L’annuncio potrebbe arrivare pro­ prionellagiornatadivenerdì.Molto probabilequindichelapresentazio­ ne del nuovo allenatore della Samp­ doria possa avvenire sabato o lunedì prossimo. SuDiCarloierisièespressoanche il diesse Doriano Tosi, che ha detto alsitoTuttomercatoweb:«SeconDi Carlo è tutto fatto? Non ancora, ci sono degli aspetti che vanno appro­ fonditi e chiariti. Ci vuole ancora qualchegiorno.Seabbiamopuntato su di lui? Direi di sì, obiettivamente, ma non possiamo trascurare nulla e farci trovare spiazzati se dovessero sorgere dei problemi. Non preferi­ sco fare nomi su casi eventuali».

ROBE DI KAPPA HA PROLUNGATO FINO AL 2012 ••• ANCHE nelle prossime due sta­ gioni le maglie della Sampdoria sa­ ranno griffate Kappa (il contratto era in scadenza). C’è attesa per co­ noscere la nuova linea per la sta­ gione 2010­2011. Nelle ultime sta­ gioni la Kappa non ha praticamente mai modificato il disegno della ca­ sacca blucerchiata (a parte lo spo­ stamento dello sponsor in basso) e per l’anno del ritorno in Champions si attende qualche innovazione. A gennaio Corte Lambruschini ha ri­ fiutato una proposta di Joma.

Marco Storari, 33 anni, è in prestito alla Samp dal Milan

Garrone, intervenuto ieri matti­ naallafestadifineannodelprogetto Mus­e per le scuole genovesi, ha parlato anche di Nazionale: «Spero in questi giorni di fare un salto al Se­ striere per incontrare Palombo e Pazzini. Se altri sampdoriani avreb­ bero meritato la convocazione az­ zurra? Senza dubbio anche i difen­ sori nostri. Lucchini e Gastaldello sono diventati veramente ragazzi straordinari e grandi giocatori... pe­

BORSARELLI

rò accontentiamoci di Palombo e Pazzini. Naturalmente non voglio parlare del caso Cassano, perché se qualcuno doveva andare in Nazio­ nale è proprio lui. Perché non sola­ mente risolve dei problemi, ma ag­ giunge quel valore al gioco che poi porta a fare dei gol. Però ormai met­ tiamoci una pietra sopra su questa situazione di Cassano... ». Il presidente della Sampdoria ha affrontato anche il tema del portie­

re: «Storari ha fatto questi cinque mesi alla grande. È stato un numero uno straordinario. Evidentemente da gennaio ad adesso, giocando nel­ la Sampdoria, ha avuto anche l’op­ portunitàdifarsinotare.Perchépri­ ma era un portiere di riserva e quin­ dinessunopotevavederelesuedoti. Storari ha contribuito fortemente a farci arrivare al quarto posto, per­ ché ha risolto diverse situazioni dif­ ficili... quante palle tirate contro la

nostraportamihannofattopensare “questo è gol” e invece poi gol non lo è stato». Sul futuro di Storari, il pre­ sidente non ha certezze, ma sola­ mente delle speranze: «Speriamo che quello che è il desiderio suo, e anche il nostro, e cioè restare alla Sampdoria, si possa avverare. Sa­ rebbe importante anche per lui, che tra l’altro è un ragazzo straordina­ rio. Dà sicurezza e forti stimoli alla difesa, partecipa al gioco. Vederlo come secondo portiere al Milan sa­ rebbe proprio un grande delitto nei suoi confronti. Un vero peccato. Poi non mi permetto... se però il Milan lo vuole tenere, suggerirei a Galliani di utilizzarlo come primo portiere. Può darsi anche che il Milan lo vo­ gliacedere.Mainquelcasononsose noi potremmo competere e pagare un cartellino che dovrebbe essere molto alto. Comunque stiamo a ve­ dere, speriamo ovviamente che Sto­ rari rimanga con noi». SulsitodellaValdiFassasonosta­ te annunciate quelle che sarebbero ledateufficialidelritirodellaSamp­ doria, che per il nono anno consecu­ tivo si svolgerà a Moena: dall’11 lu­ glio al 7 agosto. La società blucer­ chiata non le ha confermate, spet­ tando ovviamente al nuovo tecnico indicareladuratadelperiododipre­ parazione estiva. damiano.basso@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

IL PRESIDENTE Garrone spera che Storari possa restare alla Samp, ma le possibilità non sem­ brano alte. Doriano Tosi, non a ca­ so, si è già mosso e sta sondando diversepiste.Ildiesseierihanega­ to interesse per Handanovic, Manninger e Sorrentino. E, pas­ sandoaidifensori,pureperGobbi. Dalla Spagna rimbalzano noti­ zie su Marius Stankevicius: il Sivi­ glia ieri ha annunciato di avere in­ gaggiato dal Saint Etienne, a para­ metro zero, un nuovo esterno de­ stro, il senegalese Mouhamadou Dabo. Il che significa che uno tra Stanke e Konko è destinato a cam­ biare squadra. Il lituano è reduce da una buona stagione, ma il prez­ zo del suo cartellino, sui quattro milioni, potrebbe diventare un problema per la società andalusa. A proposito di prestiti e riscatti, a Empolisonoinattesadinotizieda Corte Lambruschini per Nicola Pozzi: la Samp deve pagare cinque milioni, altrimenti l’attaccante rientrerà alla società toscana. Che ha ricevuto ottime offerte per lui. Soriano.L’Under19,trascinata dal blucerchiato Roberto Soriano, battendo l’Irlanda del Nord 3­2 si è già qualificata con una partita di anticipo all’Europeo di categoria che si terrà a luglio in Francia.


54

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

SERVIZIO PROMOZIONALE A CURA DI PUBLIRAMA

Approvato il bilancio 2009

Confart, un anno positivo con ulteriori sviluppi Uno strumento essenziale per accedere al credito L’Assemblea di Confart Liguria ha approvato il 30 aprile scorso , il bilancio del Consorzio relativo all’esercizio 2009. Presidente Strata, per Confart un anno che si conclude positivamente.. ”Sì, i dati che emergono dall’ultimo bilancio e, più in generale, l’analisi sull’attività svolta in questi anni evidenziano come il nostro confidi abbia saputo accrescere progressivamentelapropriaoperatività,divenendo uno strumento fondamentale a disposizione delle piccole e medie imprese liguri per migliorarne le condizioni di accesso al credito. Con particolare riferimento al dato economico, l’esercizio 2009 si chiudefacendoregistrareunutiledieuro 81832 che l’Assemblea dei soci ha integralmente destinato a riserva; grazie, quindi, a questa capacità di “generare valore”! ed ai contributi ricevuti dalla Regione Liguria a sostegno del proprio fondo di garanzia, Confart rafforza ulteriormente la propria struttura patrimoniale presentandosi al sistema bancario come un confidi solido e, per tanto, capace di favorire l’ottenimento di credito a favore delle proprie imprese associate”. Ildatorelativoallegaranzierilasciate nel 2009 evidenzia un incremento notevole: ce lo vuole commentare? ”Nel 2009 Confart ha rilasciato nuove garanzie per un totale di oltre 26 milioni di euro a valere su finanziamenti di importo complessivo pari a circa 54 milioni di euro, facendo registrare un incremento pari al 28,90% rispetto all’anno precedente, Di conseguenza lo stock delle garanzie in essere a fine 2009 ammontavaa53,69milionidieuroava-

Il presidente Strata

lere su finanziamenti per complessivi 107,46 milioni di euro, con un incremento rispetto al 2008 di oltre il 42%. Tale dato risulta particolarmente significativo se letto in corrispondenza con quello relativo all’andamento dei finanziamenti concessi dal sistema bancario nello scorso anno. In particolare, con riferimento alla nostra regione , i dati messi a disposizione della Banca d’Italia evidenziano nel IV trimestre 2009 una riduzione, rispetto allo stesso periodo del 2008, dell’1,1% del credito concesso alle imprese con un numero di addetti inferiore a 20”. Dunque un atteggiamento restrittivo da parte delle banche

Il vice presidente Martini

nella politica di offerta del denaro? ”Nel suo recente studio “La domanda e l’offerta di credito a livello territoriale nel 2009”, la Banca d’Italia rileva per il periodo compreso fra il IV trimestre 2008 e il primo semestre 2009 un sensibile irrigidimento dell’offerta di denaro per le imprese che si è progressivamente attenuato nella seconda metà del 2009. Una conferma di quanto sia il mondodeiconfidichedelleAssociazioni di categoria ha sostenuto da sempre,ovverodelladifficoltàincontrata dalle imprese nell’ottenere un sostegno finanziario in un periodo di forte crisi economica come quello che,iniziato nel 2009, stiamo anco-

ra vivendo”. Vice presidente Martini, Confart quindi strumento essenziale per accedere al credito da parte delle nostre imprese associate? ”L’analisi dei dati citati in precedenza e quelli forniti da Assoconfidi (la Federazione Nazionale che riuniscetutteleassociazionideidiversi confidi ) ci conducono ad affermare che per la concessione di finanziamenti alle piccole e medie imprese le banche siano ricorse in misura quasi sistematica alla garanzia del confidi, sottolineando in questo modo come nel corso del 2009 i consorzi fidi abbiano davvero contribuito in maniera significativa ad attenuarel’impattodellacrisiperartigia-

ni e piccole imprese sul fronte dell’accesso al credito”. Pervoisaràstatocomplicato… ”In effetti la nostra struttura ha dovutofarefronteallemolterichiestedi aiuto provenienti dalle imprese alle quali, unitamente alla garanzia, è stato fornito anche un importante supporto in termini di consulenza finanziaria. Per sostenere la nostra capacitàdiconcederenuovegaranzie è intervenuto poi uno strumento importantissimo quale il Fondo di controgaranzia Anticrisi costituito dalla Regione Liguria e dal sistema delle Camere di Commercio liguri”. Presidente Strata, può farci una previsione per il 2010? ”I principali indici macroeconomi-

ci e quelli riferiti alla nostra economia regionale testimoniano che la ripresa fatica a decollare: pertanto, le imprese dovranno fronteggiare un altro anno particolarmente complesso.Ilnostroconfidiècomesempre pronto a sostenerle cercando di mantenere aperti i canali del credito. Ci auguriamo anche che possa ripartire il progetto, di cui siamo parteattiva,didarevitaadununicoconfidi regionale polisettoriale (il cosiddetto “confidone”) che, per dimensioni operative patrimoniali possa essere qualificato come intermediario vigilato della Banca d’Italia e,quindi, svolgere in misura ancora più incisiva il ruolo di garante a supportodellepiccoleemedieimprese”.


sport L’ANNIVERSARIO

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

55

TENNIS

Il giorno dei giorni di Jesse sei record mondiali in 45’ Il 25 maggio 1935 Owens sfidò il mal di schiena ed entrò nella storia GIORGIO CIMBRICO

A 75 ANNI da quel giorno, il Giorno dei Giorni, 25 maggio 1935, un gen­ tilefantasmalanciaunasfida.«Pro­ vi Bolt a fare quello che ho fatto io, sei record del mondo in quaranta­ cinque minuti», dice dall’aldilà Ja­ mes Cleveland Owens, conosciuto come Jesse. Ma senza acrimonia, senza vetriolo: lui era un bravo gio­ vane, un brav’uomo e non arrivò a essere un buon vecchio: il cancro se lo portà via prima di compiere 67 anni. Tutto sommato potrebbe es­ sere ancora tra noi, un 97enne pa­ triarca. Ilfantasmaracconta:«Sochesul­ le mie condizioni fisiche esistono due versioni. La prima: una setti­ mana prima mi ero fatto male alla schiena cadendo dalle scale. La se­ conda: avevo giocato una partitina di football tra amici e mi ero infor­ tunato. Sono passati molti anni e anch’io ho ricordi un po’ confusi. Di una cosa sono certo: facevo fatica a muovermi e Larry Snyder, il mio al­ lenatore, mi disse: Jesse, forse è meglio lasciar perdere. Solo che non me la sentivo di privare la Ohio Jesse Owens, fenomeno della velocità e del salto in lungo State del mio aiuto e così andam­ mo». Andarono ad Ann Arbor, Michi­ studio. TUTTI I PRIMATI gan, Ferry Field ­ sullo sfondo uno «L’indomani mi sveglio con la di quei serbatoi dell’acqua che si ve­ schiena quasi bloccata. Ehi, dico a dono nei film western – che quel­ ••• Ore 15.15. 100 yards: 9”4, vento un amico, dammi una mano per l’anno ospitava le finali delle Big favorevole 1,55, record mondiale mettermi la tuta. Poi, al campo. Pri­ Ten, lo scontro tra le dieci maggiori uguagliato ma gara, le 100 yards: scavo le bu­ università del Centroest degli Usa: i Ore 15.25. Salto in lungo: 8,13, vento chette e provo a mettermi in posi­ britannici si accontentano di favorevole 1,49 zione di partenza. Accidenti, penso: Oxford­Cambridge, gli americani Ore 15.45. 220 yards in rettilineo: allo sparo rischio di rimanere qui fanno le cose in grande. Sabato 24, 20”3, record mondiale anche sulla come un baccalà. E invece quando provediqualificazione.«Jesse,vac­ distanza metrica lo starter spara, vado via come al so­ ci piano». E Jesse va piano, il giusto Ore 16.00. 220 yards in rettilineo e lito, rilassato, fluido». Felino, si di­ per tornare in pista il giorno dopo e ad ostacoli: 22”6, record mondiale ceva di lui. Jesse non lo sa ma su di portare una buona dote di punti a anche sulla distanza metrica lui sta scendendo la grazia. All’arri­ chi l’ha gratificato con una borsa di vo due cronometri dicono 9”4, uno

9”3. Gli danno 9”4, come il sudafri­ cano Danis Joubert nel ’33, come Owens in tre altre occasioni che nonprodusseroladocumentazione necessaria per richiedere che il re­ cord fosse omologato. «Larry mi grida: come va?. Bene, dico io, dolore sparito. E vado verso la pedana del lungo. Mentre vado, penso: tra meno di mezz’ora devo correre le 220 yards, qui ci sono venti concorrenti, la gara andrà avanti due ore. Ok, un salto e via». E prima di prepararsi si concede un vezzo, un azzardo: va verso la buca e piazza un pezzetto di carta, fissato da un sassolino, a 7,98, il record mondiale del giapponese Chuhei Nambu. «Quando atterrai nella sabbia, capii di esser andato lungo: il foglietto lo avevo alle spalle e i compagni gridavano: ehi, uomo, l’hai fatta grossa». Jesse, 8,13, il pri­ mouomooltreilmurodegli8metri. Il record avrebbe tenuto per 25 an­ ni, due mesi e 18 giorni, sino all’8,21 di Ralph Boston, firmato poco pri­ ma delle Olimpiadi di Roma. Jesse è a metà dell’opera: alle 15.45 va alla partenza delle 220 yar­ ds, 201 metri e 17, da correre senza curva, su un rettilineo che non fini­ sce mai: tempo di sapore moderno, 20”3 e record (ritoccato di tre deci­ mi: era di Ralph Metcalfe) che vale sia sulla distanza imperiale che su quella metrica. Bis un quarto d’ora dopo: stesso terreno, stessa distan­ za, ma questa inframmezzata da dieci ostacoli: 22”6 e questa volta il progresso è di quattro decimi. Il Giorno dei Giorni finisce nel­ l’entusiasmo dei 10.000 del Ferry Field. Di lì a quindici mesi, al­ l’Olympiastadion di Berlino, Owens concederà la Settimana del­ le Settimane. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Diverte Federer Bene la Garbin Pochi spazi: Roland Garros via da Parigi? ÈSTATANELSEGNOdiRogerFe­ le è 1­6 7­6 6­3 per la Garbin che nel derer la seconda giornata del Ro­ secondo set ha annullato due ma­ land Garros. Lo svizzero, numero 1 tch point sul 5­4 e uno sul 6­5. Ora, al mondo e campione in carica ha però, Tathiana è attesa da una sfida mostrato un’ottima condizione. proibitiva contro la danese Caroli­ Battuto in un’ora e 48 minuti l’au­ neWozniacki,testadiserien.3.Vit­ straliano Peter Luczak per 6­4 6­1 toria più agevole invece per Rober­ 6­2 numero 71 del ranking Atp. Fe­ ta Vinci che supera 7­5 6­2 la fran­ derer, alla 40/esima vittoria al Ro­ cese Virginie Razzano. Al secondo land Garros, ha esibito il suo tennis turno troverà Flavia Pennetta per migliore ed è pronto a prendersi la un derby tutto italiano. Torna a ca­ rivincita contro Rafa Nadal che lo sa, invece, Sara Errani battuta in ha sconfitto in finale a Madrid. Per due set (6­1 7­5) dalla kazaka Yaro­ oraalsecondoturnoloaspettailco­ slava Shvedova. Tra gli uomini nul­ lombiano Alejan­ la da fare per Pa­ dro Falla. «È bello olo Lorenzi e Si­ tornare qui­ ha mone Bolelli. Il detto il campione toscano dopo un di Basilea ­ sento buon primo set è la pressione, ma è calato fisica­ normale. Ho gio­ mente e ha cedu­ cato un match su­ to al tedesco An­ per, sono molto dreas Beck per contento».Leuni­ 6­4 3­6 2­6 2­6. che difficoltà nel Niente da fare primo set: «È sta­ per il bolognese to pesante, faceva superato in tre molto caldo, la set dallo spagno­ palla era difficile Tathiana Garbin, bella vittoria lo Pablo Andujar da controllare. 7­6 6­4 6­2. Lui ha servito bene ma anche io». La giornata è stata scossa da una Tragliitalianibeneledonne,ma­ notizia: Parigi rischia di perdere il le gli uomini. Francesca Schiavone Roland Garros dal 2011. Il proble­ soffre contro la russa Regina Ku­ ma è la carenza di spazi: la storica likova (n.70), ma riesce ad avere la sede della porta d’Auteuil si esten­ meglio dopo tre set molto combat­ de per 8,5 ettari contro i 16­20 delle tuti. Dopo aver perso il primo set altre prove del Grande Slam. La Fe­ 7­5, la “Leonessa” ha ripreso a rug­ derazione francese di tennis po­ gire vincendo 6­3 nel secondo. Ter­ trebbe trasferire il torneo in zo set combattuto, l’italiana parte banlieu dove ci sono aree edificabi­ male poi ribalta la situazione con li. Ma Parigi che ospita il torneo dal un gran finale e supera 6­4 la russa. 1928 non vuole perdere il Roland Ora la Schiavone troverà l’austra­ Garros. Il sindaco, Bertrand Dela­ liana Sophie Ferguson. noe, ha varato un piano per la co­ Bella l’impresa di Tathiana Gar­ struzione di un nuovo stadio che bin al suo undicesimo Roland Gar­ sarebbe pronto nel 2013. Campioni ros consecutivo.L’azzuraèriuscita come Federer, Tsonga e la belga a recuperare una partita che sem­ Henin si sono già detti contrari al brava già persa contro la tedesca trasferimento. Kristina Barrois. Il punteggio fina­ V. A.

BASKET NBA

CICLISMO

Fango, nebbia, imprese: il Giro torna esaltante Entusiasmo allo Zoncolan. E ora arrivano altre salite. Basso tenta l’assalto ad Arroyo, Evans non si arrende LAURA GUERRA

IL GIRO D’ITALIA, il Giro degli ita­ liani, dei 157 che ancora sono in cor­ sa pronti alle sofferenze dell’ultima settimana;masoprattuttoesempre più del pubblico che nonostante pioggia, freddo o sole è sempre lì da ormai 101 anni ad aspettare e ad ap­ plaudire i “girini. È un pubblico che aspetta per ore i suoi eroi, li incita, caldo e composto con tanto da inse­ gnare ai “colleghi” del calcio, un pubblicochevestelestradedirosae di tricolore, che approfittando del­ l’attesa gioca a carte sotto l’ombrel­ lone sistemato sulla soglia di casa, che ha sempre una parola per tutti e condivide passione e banchetto, un pubblicoinarrivodaogniangolodel mondochedomenicahafattosenti­ re la sua voce sullo Zoncolan in un fiume di vivace e colorata umanità. Questo è il Giro d’Italia che finora ha regalato il fango epico di Montal­ cino, la nebbia del Terminillo, l’in­ coraggiamento agli aquilani e uno spettacolo sportivo per noi insolito, più somigliante alle azioni del cugi­ no Tour e per questo incerto fino al­ l’ultima tappa. Sullo Zoncolan in­ fatti,laLiquigasharibaltatolesorti, ha mostrato davvero di essere una squadra che non lascia nulla al caso e dove la conoscenza dell’esatto li­ mite personale di ogni corridore è il vero segreto per la gestione vincen­ te della tappa. Ottimo Basso che ora

IL SECOLO XIX

Bagno di folla per Ivan Basso

è 3° a 3’33”, è davvero l’uomo che potrebbe scambiare il verde della divisa con il rosa del Giro. L’inco­ gnita però si chiama Arroyo, nome non altisonante, partito da Toledo

MONTAGNE

Oggi la cronoscalata di Plan de Corones, 13 km con un picco finale al 24% sullo sterrato

comegregariodiBruseghinedadue giornileader:sicurichecederà?Uo­ mo dal quale guardarsi non solo per lo scatto d’ira di Porto Recanati, Ca­ del Evans, forte ma con le tattiche darivederevistochesulloZoncolan è inciampato su Basso, furbo a farsi inseguire per provargli e segargli le gambe. «Convinto di staccare Evans? As­ solutamente no. Lui è tosto, uno de­ gli atleti più tenaci> ha detto Basso. «Penso ancora di poter vincere il Giro, se poi altri mi sottovalutano, problemi loro» è la risposta di Evans. Unica differenza: il primo ha la squadra sulla quale contare, l’al­ tro no. Non da poco. Guerra fredda, guerra rosa. Promossi Cunego in miglioramento e Scarponi, sorpre­ sadelGiro.RimandatoinveceVino­ kourov che però ma non è ancora fuori dai giochi. Dopo la giornata di riposo duran­ te la quale sono stati fatti i controlli antidoping a tutta la Liquigas, il Gi­ ro ricomincia e si fa davvero duro. Oggi la cronoscalata di Plan de Co­ rones, 13 km con un picco finale al 24% sullo sterrato e poi il gran fina­ le: le ultime tre giornate con l’arrivo all’Aprica con il Mortirolo, la Bor­ mio – Tonale con i 2618 metri del Gavia(CimaCoppi)elacronodiVe­ rona. Attenzione perché si annun­ cia maltempo e il Gavia non perdo­ na. © RIPRODUZIONE RISERVATA

faccio un Giro DARIO CIONI 35 anni, del Team Sky Pro Cycling, scalatore, ha partecipato a 7 Giri d’Italia e 4 Tour de France

ILGIROD’ITALIA,contuttalaca­ rovana e tutti i suoi appassionati, ha riposato in previsione di un’al­ tra gara tremenda dopo l’incubo dello Zoncolan. Ad aprire l’ultima settimana di corse è infatti in pro­ gramma una cronoscalata di poco meno di 13 incredibili chilometri che ci porterà da San Virgilio Ma­ rebbe a un’altra vetta, Plan de Co­ rones. Èunpercorsointeramenteinsa­ lita, suddiviso in tre parti. Il primo si sviluppa su strade larghe in leg­ gera salita con molte curve inter­ vallate da brevi rettilinei. La se­ conda in salita vera con molti tor­ nanti la cui pendenza è sempre su­ periore al 10% fino ad arrivare anche al 16%. Per concludere poi con l’ultimo tratto che è intera­ mente sterrato con lunghi tratti in salita vera, con pendenze che arri­ vano fino al 20%. Ancheaimenoesperticredoche già questa descrizione metta i bri­ vidi.Pernoiinvecesaràl’ennesima conferma che questo Giro d’Italia

è una battaglia reale dove non è possibile risparmiarsi mai. Il Te­ am Sky ha cercato di approfittare del giorno di riposo gestendo la giornata nella maniera più serena possibile, tra massaggi, relax e me­ eting per conoscere meglio la gara che ci aspetta. Dopo due terzi di Giro, stiamo entrando nell’ultima settimana. Come primo bilancio possiamo considerarci soddisfatti del lavoro svolto nel nostro esordio nelle grandi gare a tappe. Abbiamo an­ coradellecartedagiocarci,comela tappa Levico Terme – Brescia con 156 chilometri abbastanza adatti alle nostre caratteristiche e ovvia­ mente la crono finale di Verona in cui potremo contare sul nostro ca­ pitano, Bradley Wiggins. Dopo le difficoltà nella tappa dello Zonco­ lan,Bradleynonhapiùpressionidi classifica e può recuperare energie per darci una bella soddisfazione come nella crono d’apertura ad Amsterdam. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stoudemire trascina i Suns Ora è 2­1 Lakers L’ARIA DEL PARQUET di casa fa bene ad Amare Stoudemire che si risveglia e con 42 punti e 11 rimbal­ zi trascina alla vittoria i Phoenix Suns in gara 3 della finale di We­ stern Conference. I Suns battono 118­109 i Lakers che ora conducono per 2­1. Stoudemire, molto critica­ to dopo le prime due gare, al ter­ mine della sfida ha risposto così ai suoi detrattori:«Non potete mette­ re in discussione la mia determina­ zione, la mia concentrazione e la mia dedizione». Tra i Suns da se­ gnalare la bella prova di Steve Nash (17 punti e 15 assist). Per i Lakers non sono bastate le ottime performance di Kobe Bryant (36 punti e 11 assist) e Pau Gasol (23 punti e 9 rimbalzi). Serie riaperta, dunque, chi vince probabilmente troverà i Boston Celtics che condu­ cono 3­0 sugli Orlando Magic con l’ultima gara da giocare in casa. Per ora le vittorie dei Celtics hanno già sortito un primo effetto: l’eso­ nero del coach dei Cleveland Cavs, Mike Brown che paga la sconfitta contro Boston in semifinale. A que­ sto punto resta da vedere cosa farà la stella dei Cavs, LeBron James: le voci di un suo trasferimento, ai Bulls o ai Knicks, sono insistenti. Voci che hanno stuzzicato anche il presidente Obama gran tifoso di Chicago:«Non voglio immischiar­ mi, dico solo che Derrick Rose, Jo­ akim Noah sono già un bel grup­ po...LeBron si troverebbe bene».


IL SECOLO XIX

56

meteo

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

oggi in Liguria

CIELO sereno

irregolarmente nuvoloso

MARE coperto

variabile

pioggia

Genova min. 17 max. 22

previsione e dati sulla Liguria a cura di Regione Liguria / Arpal CFMI-PC

VENTI: a Ponente da Sud-Ovest tra moderati e localmente forti, in rotazione da Sud-Est

www.meteoliguria.it

Imperia min. 17 max. 22 MARE: in aumento fino a molto mosso

il sole

Giovedì

Sorge

05.47

Variabilità con precipitazioni sparse a Levante Tramonta

Venerdì

20.56

la luna

Molto nuvoloso o coperto con sporadiche precipitazioni

piena 27 maggio

Sabato

calante 04 giugno nuova 12 giugno

Possibilità di precipitazioni; miglioramento dal pomeriggio

oggi in Italia

crescente 19 giugno

(Dati Ansa)

Alghero Ancona Aosta L'Aquila Arezzo Bari Bologna Bolzano Brescia Cagliari Campobasso Catania Firenze Messina Milano Napoli Olbia Palermo Parma Perugia Pescara Pisa Reggio C. Roma Torino Trento Pag. Trieste Udine Venezia Verona

domani

. .10 ... . . 12 ... . . . 6. . . . . 7. . . . . 9. . . . 12 ... . . 17 ... . . .11. . . .13 ... . . 12 ... . . 12 ... . .14 ... . . .11. . . . 17 ... . .15 ... . .14 ... . .10 ... . .15 ... . . 17 ... . . . 9. . . . .11. . . . 12 ... . .15 ... . .13 ... . .15 ... . . . 5. . . .16 ... . .15 ... . .15 ... . .16 ...

. 22 ... .24 ... . 25 ... . .21 .. .26 ... . 23 ... .28 ... . 27 ... . 27 ... . 23 ... .20 ... . 23 ... . 27 ... . 23 ... .28 ... . 23 ... . 25 ... .20 ... . 27 ... . 25 ... . 23 ... . 23 ... . 22 ... .24 ... . 25 ... . . 11 .. .26 ... .26 ... . 25 ... .28 ...

le temperature in Europa Scala isoterme C˚ 30 27 24 22 20 18 16 14 12 10

8

6

4

2

0 -2 -4 -6 -8 -10

1004

B

996

1016

Fronti Caldo Freddo

996

1000 1008

1012

1004

B

1012

1016

1012 1016

1016

A 1016

Amburgo Amsterdam Atene Barcellona Belfast Belgrado Berlino Bonn Bruxelles Bucarest

10 12 15 13 11 13 13 11 12 9

20 22 24 21 24 22 22 25 25 23

Budapest Copenaghen Dublino Francoforte Ginevra Helsinki Istanbul Lione Lisbona Londra

10 10 10 11 10 9 14 13 16 15

23 18 24 25 24 16 21 26 25 28

Madrid Monaco Oslo Parigi Praga Sofia Stoccolma Varsavia Vienna Zagabria

14 11 5 11 11 10 7 13 14 11

29 22 16 26 20 20 16 23 21 23

neve

foschia

nebbia

poco mosso

molto mosso

mosso

VENTO agitato

brezza

debole

moderato

forte

(fonte Omirl)

Varese Ligure min. 10 max. 23

Savona min. 15 max. 21

temporale

temperature di ieri

Busalla min. 9 max. 22

Cairo Montenotte min. 10 max. 21

L'alta pressione incomincia a cedere e venti di Libeccio si rinforzano convogliando aria più umida che favorisce addensamenti soprattutto lungo la fascia costiera

nuvoloso

Chiavari min. 14 max.23 La Spezia min. 17 max. 23

UMIDITA': su valori medio-alti

PROTEZIONE CIVILE: venti fino a 40-60 km/h

Temperatura del mare

18°C

SULLA COSTA Ventimiglia 16 Imperia 16 Sanremo 16 Alassio 16 Savona 15 Cogoleto 14 Genova 17 Chiavari 13 Levanto 17 Riomaggiore 17 P.Venere 17 Spezia 17 ALL'INTERNO Pieve Teco 13 Triora 11 Calizzano 6 CairoM. 10 Sassello 6 Cadibona 15 Busalla 8 Torriglia 10 S.StefanoA. 8 VareseLig. 9 Padivarma 9 Sarzana 13

23 21 20 21 22 23 25 23 24 21 22 26 25 23 24 24 24 21 24 22 23 25 27 27

domani MASSIME

in diminuzione

MINIME

in diminuzione

IMPERIA min. 16 max. 22

SAVONA min. 14 max. 21

GENOVA min. 17 max. 22

CHIAVARI min. 14 max. 23

LA SPEZIA min. 17 max. 24

L'aria umida insiste sul centro della regione favorendo addensamenti costieri. Innocue velature a Ponente VENTI: Libeccio a Ponente, Scirocco a Levante, in calo

UMIDITA': su valori medio-alti

MARE: in calo da molto mosso a mosso

PROTEZIONE CIVILE: nessuna segnalazione


A RAPALLO SOLO DUE SPIAGGE LIBERE ATTREZZATE: «UTILI CON LA CRISI»

IL CAPO DELLO STATO AL MEETING DEI GIOVANI INDUSTRIALI

IL PRESIDENTE NAPOLITANO IL 12 GIUGNO SARÀ A “SANTA”

Sono entrambe a San Michele, in città due arenili liberi (ridotti e in cattive condizioni) o stabilimenti balneari non accessibili a tutti

FRANCHI >> 18

SERVIZIO >> 21

,$*57'*4 %#554*)7* 0887 3/++!21

LEVANTE

///'"-!%--$%-'%#

CARNI FRESCHE – POLLAME – UOVA SELVAGGINA – SALUMI

Tutto pronto per la bella stagione !!!

Se il tempo ci da una mano… Corso Buenos Aires, 114 LAVAGNA tel. 0185.360412 - 0185.360416

OGGI

DOMANI

min. 14 ° max. 23 °

min. 14 ° max. 23 °

&))*##-+%"*

-16&.!""!1 .*,%()$*

(&./

.*,%()$*

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

17

RITORNO A CASA SICURO DAI LOCALI NOTTURNI: IL PROGETTO INTERESSA ANCHE RECCO E PORTOFINO

Tutta la Riviera sul Discobus Il servizio riparte sabato da “Santa” a Moneglia. Da metà giugno due corse settimanali DEBORA BADINELLI

LA STATISTICA

«NEL 2009 HA RIDOTTO IL NUMERO DI INCIDENTI»

N FOTO: PIUMETTI - GRAFICA: FLASH

sa quota che pagano centri come Ra­ pallo e Chiavari. Apprezziamo l’ini­ IL DISCOBUS riaccende i motori. ziativa e ne condividiamo le finalità, Succederà dalle 22 di sabato prossi­ ma vorremmo che, come avviene al­ mo al 31 dicembre quando il servizio l’interno del distretto soci­sanitario, promosso lo scorso anno da Atp, la spesa fosse ripartita tenendo con­ Azienda trasporti provinciali, e Co­ to della popolazione di ciascuna cit­ muni per accompagnare, in sicurez­ tà». Il sindaco di Lavagna, Giuliano za, i ragazzi in discoteca e poi a casa Vaccarezza,invece,spiegacheilnoal inaugurerà la sua seconda edizione. progetto Discobus deriva dalla ne­ Il viaggio ­ che dal 16 giugno al 15 set­ cessità di investire risorse «nella tembre raddoppierà con due corse prevenzione di ciò che avviene nelle settimanali, il sabato e il mercoledì ­ serate di maggior afflusso alle disco­ costerà due euro per tutta la notte. I teche e nella pulizia della città». bigliettisipotrannoacquistareabor­ Inrealtà,però,grazieaunprogetto do (senza sovraprezzo) rivolgendosi regionale dedicato a prevenzione e all’accompagnatore che vigilerà an­ sicurezza sulla strada, il servizio do­ che sul corretto com­ vrebbeesseregratuito portamento degli per i Comuni che han­ utenti, nelle bigliette­ no partecipato al ban­ rie o dai distributori do (Chiavari, capofila, automatici. Le tratte Rapallo, Santa Mar­ del percorso vanno da gherita e Sestri Le­ Moneglia e Casarza vante), a carico degli Ligure (con cambio altri sarà fissata una bus a Sestri Levante) quota di partecipazio­ finoaSantaMargheri­ ne all’iniziativa. «Sia­ ta Ligure e ritorno. Le mo fermamente con­ RAVERA fermateneipressidel­ vinti della necessità di GUARDA le principali discote­ proseguire il servizio ­ AVANTI che del territorio sa­ spiega Valeria Leoni, ranno contraddistin­ assessore chiavarese te da paline specifi­ «Si potrebbe ai Servizi sociali ­ per che. I Comuni che pensare a una corsa la sicurezza dei ragaz­ hanno formalmente da Genova verso i zi e per dare alle fami­ aderito sono Chiavari, locali della Riviera» glie la garanzia che i Rapallo, Sestri Levan­ loro figli non corrono te, Santa Margherita rischi». Roberto Ro­ Ligure, Moneglia e landelli, vicerespon­ Casarza Ligure. Coinvolti i gestori sabile del servizio Atp, spiega che i del Covo di Nord Est e del Sol Levan­ tre pullman in servizio saranno rico­ te. Positivi i riscontri di Portofino noscibili perché contraddistinti da che, però, è retto dal commissario un marchio con i nomi dei Comuni prefettizio e non ha partecipato al­ aderenti. Livio Ravera, presidente l’incontro decisivo di ieri; aperto al Atp, guarda avanti. «L’iniziativa cre­ dialogo Recco, la cui adesione fareb­ sce e riscuote interesse anche a Ge­ be sconfinare il servizio, per la prima nova ­ spiega ­ Si potrebbe pensare a volta,nelgolfoParadiso.Noncistan­ una corsa che trasporti i ragazzi ge­ no, con motivazioni diverse, Zoagli e novesi in riviera. Intanto, abbiamo Lavagna. preso contatti con Recco e non è «Il nostro Comune, con 2.500 abi­ escluso che decida di aggregarsi». tanti­spiegailsindacodiZoagli,Rita badinelli@ilsecoloxix.it Nichel ­ non può sobbarcarsi la stes­ © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’IPOTESI PER L’ESTATE 2010 Tutti i sabati dal 29 maggio al 31 dicembre e tutti i mercoledì dal 16 giugno a 15 settembre, dalle 22 alle 5.30:

1 autobus in servizio tra Sestri Levante e Santa Margherita (Covo di Nord Est) 1 autobus in servizio tra Casarza e Sestri Levante 1 autobus in servizio tra Moneglia e Sestri Levante RAPALLO ZOAGLI

CASARZA

CHIAVARI LAVAGNA CAVI SANTA MARGHERITA SESTRI LEVANTE PORTOFINO

Discobus 2010 Casarza by night Notturno di Moneglia

MONEGLIA

RELAZIONE DEL PROFESSOR BOTTARO, DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA CLINICA DELL’ASL 3

Doping e giovani: stasera lo sport s’interroga a Chiavari L’importanza di informazione e formazione nell’incontro organizzato dal Panathlon allo Yacht club ITALO VALLEBELLA

CHIAVARI. “Le sostanze d’abuso e i giovani, l’importanza dell’informa­ zione e della formazione”. È il tema dell’incontro proposto stasera dal Panathlon Club di Chiavari e del Ti­ gullio: l’appuntamento con il sodali­ zio presieduto da Luigi Magri è allo Yacht Club di Chiavari (ore 20). Re­ latore sarà il professor Luigi Carlo Bottaro, direttore del Dipartimento di patologia clinica della Asl 3. Il tema rientra a pieno titolo tra gli ideali che il Panathlon International vuole divulgare e che sono sanciti an­ Luigi Magri

FLASH

che dalla Carta per i diritti del ragazzo nellosport,redattaaGandnel2004.In particolarequestaserasiparleràdeldi­ ritto a crescere sportivamente in un ambiente sportivo sano. Ma visto che ad ogni diritto corrisponde spesso un dovere, ecco quello di ogni società sportiva (e in particolare tecnici, ma anchedirigenti)diformareigiovaniat­ leti senza utilizzare sostanze proibite. Allo stesso tempo è compito delle stes­ se società informare i ragazzi su quali siano le sostanze vietate e quali danni queste possano procurare. Sarà presente anche una rappresen­ tanza del Gruppo sportivo Levante. La

società tigullina si occupa da un decen­ niodiciclismogiovanile.Haraccolto(e sta raccogliendo) risultati importanti anchealivellonazionaleed èstatascel­ ta dalla Federazione per ospitare i campionati italiani giovanili che si ter­ ranno a luglio nel Tigullio. Sul fronte dellaformazionedeiragazzi,perquello che riguarda la conoscenza e la perico­ losità delle sostanze dopanti, il sodali­ zio chiavarese quest’anno ha prepara­ to insieme al professor Bottaro un per­ corso di sensibilizzazione rivolto agli atleti, ma anche ai genitori. italovallebella@libero.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

RIVA

el 2009 il ser­ vizio Discobus ha permesso di ridurre gli incidenti stra­ dali del 7 per cento». Il dato arriva da Valeria Leoni, asses­ sore ai Servizi sociali del Co­ mune di Chiavari, città capo­ fila di un progetto per la sicu­ rezza urbana che comprende anche i centri di Rapallo, San­ ta Margherita Ligure e Sestri Levante. Un cartello di centri che aveva i requisiti per parte­ cipare al bando regionale le­ gato al patto territoriale per la sicurezza tra Regione, Provin­ cia, prefettura e Comune di Genova. Patto che, per l’intera Liguria, stanzia 805.200 euro. I fondi non sono ancora arri­ vati, ma la somma richiesta dai quattro Comuni del Tigul­ lio consentirà di acquistare un paio di mezzi da adibire al tra­ sporto scolastico e al servizio Discobus. «Siamo in dirittura di arrivo ­ conferma il vice­ presidente della Provincia, Marina Dondero, che ha se­ guito l’iter dei progetti pre­ sentati ­ per la firma del patto territoriale, ritardata dall’at­ tesa della nomina della giunta regionale. L’iniziativa per­ mette ai Comuni che hanno partecipato al progetto di fare un significativo investimento nella sicurezza». D. BAD.


18

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

levante

PER LA PRIMA VOLTA AL MEETING ANCHE IL CAPO DELLO STATO

Il presidente Napolitano sabato 12 giugno a “Santa” Parteciperà al quarantesimo convegno dei giovani industriali SILVIA FRANCHI

SANTA MARGHERITA. Laconferma

ègiuntaieri.La40°edizionedelCon­ vegnodiSantaMargheritaLigureor­ ganizzato dal consiglio centrale dei Giovani Imprenditori di Confindu­ stria avrà un ospite d'eccezione: il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.Unavisitastorica,quella delCapodelloStato,chesaràpresen­ te nella sala congressi del Grand Ho­ tel Miramare sabato 12 giugno. Ov­ vero, durante la seconda giornata di lavori, che prenderanno il via vener­ dì 11 giugno, alle 14.30. “Responsabilità e riforme – per un nuovo destino del Paese” è il titolo dell'edizione 2010 del appuntamen­ to che da sempre vede la presenza di importanti personaggi del mondo della politica, dell'imprenditoria e del giornalismo. Una tematica che guardaalfuturo,quindi.Purtenendo conto dell'attuale, difficile congiun­ tura economica a livello mondiale. Crisi dei mutui e del modello sociale europeo e turbolenze di mercato at­ torno al debito sovrano. Queste, le problematiche da cui prendono il via le riflessioni e gli interrogativi che si pongono i giovani industriali. Do­ mande che verranno affontate du­ rante la due giorni di convegno in programma a Santa Margherita. «Come Giovani Imprenditori, sap­ piamo di avere vissuto negli scorsi anni un'autentica mutazione geneti­ ca nel nostro modo di produrre e di stare sui mercati – spiegano gli orga­ nizzatori della manifestazione ­ A questa, però, deve ora accompagnar­ si una “rivoluzione culturale” che riescaadinterpretareildinamismoe la velocità del cambiamento come fattori decisivi di competitività e di crescita. La sfida si gioca sulle nuove generazioni». Un cambio di marcia che prende il via dalle nuove leve, quindi. Ma per imboccare questa strada, come sottolineano i giovani imprenditori, sono necessari un cambio di mentalità e la collabora­ zione di chi ha già anni ed anni di esperienza alle spalle. «é importante tornare a dare, come nella grande stagione del boom economico, op­ portunità reali di miglioramento e di crescita personali e professionali, vincendo le “vecchie” resistenze ed interpretando la velocità del merca­ to in senso positivo e meritocratico . Serve un nuovo patto generazionale. Una reale cultura del “welfare” che, partendo dalle giovani generazioni, possa aprire una prospettiva fondata sull’impegno e su una sana merito­ crazia. Per rimettere al centro della nostra società i giovani come valore primario». franty@hotmail.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presidente Giorgio Napolitano (qui nella sede dell’Iit di Genova) torna in Liguria dopo la sua recente visita per il centocinquantesimo anniversario della partenza dei Mille dallo scoglio di Quarto

IL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

BRUNETTA, SACCONI E TREMONTI PROTAGONISTI DELLA DUE GIORNI Ecco il pro­ gramma del convegno. Si parte ve­ nerdì 11 giugno. Alle 14.30 saluti di benvenuto di Umberto Risso, presi­ dente di Confindustria Liguria. Alle 15, la prima conferenza, sul tema “Tesi dei giovani imprenditori”, che vedrà l'intervento della presidente dei Giovani imprenditori di Confin­ dustria, Federica Guidi. “Il giorno delle riforme. La responsabilità di una generazione” è il titolo della conferenza in programma alle 15.30, nel corso della quale interver­ ranno Mario Calabresi (direttore del quotidiano “La Stampa”), Ro­ dolfo De Benedetti (amministrato­ re delegato Cir – Compagnie Indu­ striali Riunite), Giuseppe De Rita (segretario generale della Fonda­ zione Censis), Vittorio Feltri (diret­ tore del quotidiano “Il Giornale”), AndreaGuerra(amministratorede­ legato di “Luxottica”), Roberto Ni­ castro (Deputy Ceo UniCredit Group) e Gianni Riotta, direttore del quotidiano “Il Sole 24 Ore”. “Faccia a faccia. Classe dirigente, comunicazione e futuro: Italia e SANTA MARGHERITA.

Usa, due Paesi allo specchio” è inve­ ce l'argomento della conferenza in programma alle 16.40, a cui inter­ verranno il past president di Con­ findustria, Luca Cordero di Monte­ zemolo, e David Thorne, ambascia­ tore degli Stati Uniti in Italia. Alle 17.20, ecco il dibattito sul tema “Per unfederalismovirtuoso.Farcresce­ re le autonomie, ridurre la spesa”: relatori saranno Pier Ferdinando Casini, leader dell'Udc, Enrico Ci­ snetto,presidentediSocietàAperta, Antonio Costato (vice presidente di Confindustria ­ Federalismo e Au­ tonomie), Anna Finocchiaro (presi­ dente del gruppo Pd al Senato), Maurizio Gasparri (presidente del gruppo Pdl al Senato), Renata Pol­ verini, presidente della Regione La­ zio, Luca Ricolfi (docente dell'Uni­ versitàdiTorino)eilpresidentedel­ la Regione Puglia, Nichi Vendola. ConclusionidelministroperlaPub­ blica Amministrazione e l'Innova­ zione, Renato Brunetta. Nomi di spicco anche nel programma del 12 giugno. Aprirà i lavori alle 9.30 Ales­ sandro Colombini, presidente dei

Giovani Industriali di Confindu­ stria Toscana. Alle 10 interverrà Maurizio Sacconi, ministro del La­ voro e delle Politiche Sociali. “Re­ sponsabilità ed efficienza. Il ruolo delleimpreseperusciredallacrisi”è il tema su cui interverranno ­ alla presenza del presidente della Re­ pubblica Giorgio Napolitano ­ Luigi Abete, past president di Confindu­ stria, il direttore di “Libero”, Mauri­ zio Belpietro, e quello del “Corriere della Sera”, Ferruccio de Bortoli. E ancora, Ivanhoe Lo Bello, presiden­ te di Confindustria Sicilia, Alberto Meomartini, presidente di Asso­ lombarda, Angelo Panebianco (do­ cente dell'Università di Bologna), Roberto Perotti (Università Bocco­ ni) e Gianfelice Rocca, presidente del gruppo Techint. Alle 12, in pro­ gramma l'intervento del ministro per l'Economia e le Finanze, Giulio Tremonti, a cui seguirà quello del presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. Alle 13 Federica Guidi chiuderà il convegno, moderato dal giornalista Enrico Mentana.

IL CASO A CHIAVARI

«La Madonna dell’Orto nell’atrio del Comune» La proposta di Dotti non piace a sindaco e Curia DEBORA BADINELLI

ti nel Lunaio 2010 del “Castello”. Realizzata da Benedetto Borzone CHIAVARI. L’arca mariana nel­ su incarico di Maria dei Guerci, l’atrio del municipio. La proposta è l’immagine della Vergine con il di Cesare Dotti, vicario dell’asso­ bambino fu dipinta tra il 1496 e il ciazione “O Castello” di Chiavari 1500 su «un muro della piazza pub­ che, in vista della conclusione della blicadelmare».Versoil1530furin­ Peregrinatio Mariae, suggerisce di portare l’arca processionale nel­ chiusa nella porzione di piazza tra­ l’atrio di Palazzo Bianco e farla so­ sformata in cimitero degli appesta­ stare lì alcuni giorni. «Suggellereb­ tichenel1570divennel’ortodelCa­ be ­ spiega Dotti ­ il patto secolare pitano. «Fu il Senato della tra Maria e la comunità chiavare­ Repubblica genovese ­ ricorda Dot­ se». La proposta del “Castello”, pe­ ti ­ che autorizzò il primo riparo li­ gneodell’imma­ rò, non riscuote consensi. «L’arca gine: tutto quel­ può essere porta­ lo che la riguar­ ta in un luogo dava ricadeva, profano ­ spiega infatti, sotto il monsignor Calo­ dominio della gero Marino, vi­ Repubblica e cario diocesano ­ non del clero. mamisembrapo­ Anche la custo­ co opportuno dia delle offerte pensare all’atrio e dei doni era af­ del palazzo co­ fidata al Capita­ munale, luogo no e a un delega­ che non si presta to della comuni­ al raccoglimento, L’arca della Madonna dell’Orto tà chiavarese. alla preghiera e alla confessione. Il patto secolare si L’autorità ecclesiastica per ritor­ suggella nel cuore dei fedeli». Con­ sione ritardò l’approvazione del trario anche il sindaco di Chiavari, culto, ma il Senato vanificò il tenta­ Vittorio Agostino. «La Peregrinatio tivo della curia di appropriarsi del­ Mariae­spiega­deveincominciare l’immagine e dettò le caratteristi­ e finire in chiesa. Non bisogna con­ che del progetto del santuario che fondere i riti seri, quelli che riguar­ fusempreproprietàdellacomunità dano la fede con le manifestazioni carnevalesche. In ogni caso, una si­ laica». Dal 1643 Maria dell’Orto è la mile richiesta mi sarei eventual­ patrona di Chiavari e dal 1784 le au­ mente aspettato di riceverla dal ve­ torità civili scortano l’arca in pro­ scovo e non da un’associazione». cessione. Nel 1835 la municipalità Cesare Dotti la motiva con argo­ si impegnò a erigere il pronao. menti storici che ripercorrono le badinelli@ilsecoloxix.it originidelcultomarianogiàspiega­ © RIPRODUZIONE RISERVATA

A SAN SALVATORE DI COGORNO

SUOR GRAZIELLA HA PRESO I VOTI COGORNO. La professione dei voti di suor Graziella Virzi è avvenuta

domenica nella basilica dei Fieschi di San Salvatore di Cogorno.

S. FR.

L’ASSEMBLEA

FARMACIE DI TURNO AVEGNO: Spognardi, via Rosaguta 1, tel. 0185/79.549. USCIO: della Salute, via Vittorio Veneto 104, tel. 0185/919.404. RECCO: Savio, piazza Nicoloso da Recco 3, tel. 0185/74.055. CAMOGLI: Antola, via della Repub­ blica 55, tel. 0185/771.069. PORTOFINO: Internazionale, piaz­ za della Libertà 6, tel. 0185/269.101. SANTA MARGHERITA: Machi, via Palestro 44, tel. 0185/287.002. RAPALLO, sino alle 8.30: Angloa­ mericana, via matteotti 21, tel. 0185/50.554; dopo le 8.30: Inter­ nazionale, piazzale Pastene 1, tel. 0185/231.063. CHIAVARI E LAVAGNA, sino alle 8.30: ;dei Frati, piazza Ca­

NUMERI UTILI vour 5, tel. 0185/309.819, Chiavari dopo le 8.30: di Ri, via Piacenza 442, tel. 0185/307.798, Chiavari. CARASCO: Moderna, via Montana­ ro Disma 148, tel. 0185/350.026. COGORNO, a San Salvatore: dei Fieschi, corso Risorgimento 262, tel. 0185/380.155. SESTRI LEVANTE: Ligure, via Na­ zionale 131, tel. 0185/41.100. VAL PETRONIO, a Casarza:San Lazzaro, via IV No­ vembre 32, tel. 0185/46.004; a Castiglione Chiavarese: Casti­ glione, via Canzio 56, tel. 0185/408.065. MONEGLIA: Marcone, via Longhi 66, tel. 0185/49.232. DEIVA MARINA: Sant’Antonio, via

XX Settembre 8, tel. 0187/816.211. VAL DI VARA, a Varese: Paganini, piazza Marconi 51, tel. 0187/842.104. VAL GRAVEGLIA, a Conscenti: Santa Rita, piazza Mu­ nicipio 16, tel. 0185/337.085. VAL FONTANABUONA, a Gattorna: De Mitri, piazza Basso 1, tel. 0185/934.510. VALLE STURLA, a Mezzanego: Mezzanego, piazza Spinetto, tel. 0185/336.084; a Borzonasca: Melegari, via Grilli 14, tel. 0185/340.008. VAL D’AVETO, a Santo Stefano: Santo Stefano, via alla Fontana 8, tel. 0185/88.669. FARMACI URGENTI: Vigilanza Val­ bisagno tel. 010/369.52.00.

EMERGENZE Carabinieri pronto intervento 112 Polizia pronto intervento 113 Vigili del fuoco pronto intervento 115 Guardia di Finanza pronto intervento 117 Emergenza sanitaria pronto intervento 118 Corpo Forestale emergenza incendi 1515 Guardia costiera pronto intervento 1530 Guardia medica (prefestivi e festivi) 0185/371.020 Pronto soccorso (Lavagna) 0185/329.111 TAXI Recco0185/74.032 Camogli 0185/771.143 Santa Margherita 0185/287.998 Rapallo 0185/54.474­50.048­55.868 Chiavari 0185/308.284 Lavagna 0185/392.096 Sestri Levante 0185/41.277 TRASPORTI

Azienda Trasporti Provinciali 0185/3731 Orari treni 892021 Aeroporto “Colombo” 010/60151 Viabilità stradale 1518 Soccorso Aci 803116 Europe Assistance 803803 MERCATI Lunedì:Recco, via XXV Aprile, e Riva Tri­ goso, via della Libertà. Martedì: Zoagli, piazza XXVII Dicembre, e San Salvatore di Cogorno, via alla Ba­ silica. Mercoledì: Camogli, via della Repubbli­ ca e via XX Settembre, e Casarza, via Annuti. Giovedì: Rapallo, lungomare Vittorio Veneto; Lavagna, piazza Vittorio Vene­ to. Venerdì: Santa Margherita, corso Matte­ otti e piazza San Siro; Chiavari, via Riva­ rola, via Delpino e piazza della Torre Sabato: Sestri Levante, piazza Moro. Domenica: Moneglia, corso Longhi.

A Lavagna il rendiconto va in consiglio LAVAGNA. Il rendiconto 2009 ar­

riva in consiglio comunale. Succe­ derà venerdì prossimo, alle 15.30, a Lavagna nel corso di una seduta in cui si discuteranno anche alcune variazioni al bilancio di previsione, sarà approvato il regolamento co­ munale sul procedimento ammini­ strativo ed esaminata l’intenzione di prelevare alcune somme dal fondo di riserva. Nel caso in cui la prima seduta non fosse sufficiente per esaurire la discussione dell’in­ tero ordine del giorno, il consiglio comunale tornerà a riunirsi sabato alle 9.


IL SECOLO XIX

levante LE SENTENZE DEL TRIBUNALE DI CHIAVARI

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

È UN MILANESE DI 52 ANNI

Alcol e droga nei farmaci: assolti due automobilisti

Il rapinatore, travestito da donna, ripreso dalla telecamera di una banca

Rinviato a giudizio il bandito con parrucca

I giudici: «Sui “bugiardini” mancava l’indicazione delle sostanze illecite»

Assaltò tre banche a Moneglia e Sestri Levante

SIMONE TRAVERSO

ce di pace di Rapallo non ritenne di dover revocare la sospensione della FARMACI che contengono sostan­ patente, limitandosi a ridurne l’effi­ ze psicotrope o alcol, senza indica­ cacia. Nei giorni scorsi, l’infermiera zioni sul “bugiardino” e sentenze è comparsa di fronte al giudice Ro­ che segnano una svolta. I giudici del berto Pasca, il quale ha accolto la re­ tribunale di Chiavari hanno assolto lazione fornita dai medici relativa­ due automobilisti accusati di aver mente ai “controesami” e ha assolto bevuto alcol o aver utilizzato stupe­ la trentanovenne perché il fatto non facenti prima di mettersi al volante, sussiste. La donna, è il sunto della con decisioni che sembrano rappre­ sentenza del tribunale, non poteva sentareunaveraepropriarivoluzio­ sapere cosa contenessero i medici­ ne in materia. nali assunti nell’ambito di una spe­ Il caso più complesso è quello che cifica terapia, soprattutto in consi­ ha visto finire sul banco degli impu­ derazione del fatto che si trattava di tati un’infermiera farmaci regolar­ di 39 anni, fermata mente prescritti e nell’ottobre del che le indicazioni 2008 dalla polizia presenti sul cosid­ stradale e denun­ detto “bugiardino” ciata per guida in non riportano il stato di alterazione contenuto esatto psicofisica conse­ delle pillole. Pres­ guente al consumo soché identico è il di droga. La trenta­ pronunciamento novenne rimase del giudice Rober­ coinvolta in un in­ toCarta.Ierimatti­ cidente stradale na, il magistrato sull’autostradaA12 chiavarese ha as­ A SESTRI e fu sottoposta in solto perché il fatto ospedale a esami non sussiste un ra­ UNA DENUNCIA specialistici. Gli ac­ gazzo di 25 anni, AL GIORNO certamenti clinici residente a Sestri Nel corso del 2009 evidenziarono la Levante e pure lui nel Tigullio sono state presenza di sostan­ difeso dall’avvoca­ Controlli con l’etilometro da parte della polizia stradale ritirate oltre 500 patenti, ze simili alle ben­ to Broglia, accusa­ 351 solo nel territorio zodiazepine nel­ to di guida in stato della compagnia carabinieri l’organismo del­ di ebbrezza alcoli­ L’UDIENZA di Sestri Levante l’indiziata. All’au­ ca. Anche il venti­ tomobilista fu cinquenne ha di­ «TRACCE DI DROGA RESTANO IN CORPO PER GIORNI» sospesa la patente mostrato di aver e,contemporaneamente,preseilvia utilizzatorecentementeunfarmaco IL TRIBUNALE DI CHIAVARI SCAGIONA TRENTENNE il procedimento penale. L’avvocato per curare i sintomi della tosse. Le che difese la sospettata, il legale Fa­ analisi cliniche e di laboratorio han­ ••• CHIAVARI. Il giudice per l’udien­ tomobilista. Gli effetti della droga, bio Brogglia, chiese allora la sospen­ no chiarito che quel medicinale, ac­ za preliminare del tribunale di Chia­ cannabis nel caso specifico, sono sione del provvedimento di “ritiro” quistabile senza ricetta, contiene un vari Mauro Amisano ha assolto un prolungati nel tempo, nel senso che della licenza di guida e i cosiddetti certoquantitativodialcolingradodi ragazzo di 30 anni, residente a San­ la sostanza lascia tracce nell’orga­ “test di conferma”. Si tratta di con­ far scattare l’etilometro. Tutto, ov­ ta Margherita Ligure, denunciato nismo per più tempo: ciò non vuol troesami clinici che sono effettuati viamente, senza che via sia traccia di dagli agenti della polizia municipale dire, ha spiegato il legale, che risul­ sullo stesso campione analizzato in controindicazioni sul “bugiardino”. chiavarese per guida sotto l’effetto tare positivi ai test equivalga al­ prima istanza. Al secondo accerta­ Il giovane fu fermato un anno fa dai di sostanze stupefacenti. Il legale l’aver assunto cannabinoidi subito mento, il risultato fu negativo: i me­ carabinieri a Sestri Levante e si vide difensore del trentenne, l’avvocato prima essersi messi alla guida. Il dici spiegarono che la donna aveva sospendere la patente e decurtare Emanuele Quacquaro, ha sostenuto giudice di pace del tribunale chia­ assunto non benzodiazepine vietate dieci punti dalla licenza di guida. nel corso del procedimento che il varese ha, successivamente, revo­ dal codice della strada, bensì un far­ Nell’udienza di ieri, i provvedimenti giovane poteva sì aver assunto dro­ cato i provvedimenti di sospensio­ maco,regolarmenteprescritto,con­ sono stati dichiarati nulli e il sestre­ ga, ma non la sera stessa del con­ ne della patente e decurtazione di tenente principi attivi i cui sintomi se è stato definitivamente assolto. trollo. Il gup Amisano ha accolto la dieci punti, restituendo la licenza al sono simili a quelli delle sostanze traverso@ilsecoloxix.it tesi del difensore, assolvendo l’au­ trentenne. psicotrope. Ciononostante il giudi­ © RIPRODUZIONE RISERVATA

SARÀ processato a ottobre, dal tri­ bunale di Genova, Pietro Noci, mi­ lanesedi52anni,arrestatonelgiu­ gno del 2009 perché sospettato di essere il “bandito con la parrucca”, responsabile di cinque rapine e undici furti aggravati. Lo ha stabi­ litoieriilgiudiceperl’udienzapre­ liminare genovese che ha rinviato a giudizio il cinquantaduenne. I colpi di cui deve rispondere Noci risalgono al periodo compreso tra il febbraio 2008 e la fine di aprile dell’anno successivo, in Liguria, Piemonte, Toscana, Emilia Roma­ gna, Veneto e Trentino. Nella pro­ vincia genovese, il bandito colpì anche a Sestri Levante (due volte) e Moneglia. Ecco, è dopo quest’ul­ timo colpo che l’uomo rischiò dav­ vero, per la prima volta, di essere acciuffato. Era il 27 aprile e i mili­ tari della seconda sezione dell’in­ vestigativo,coordinatidaimaggio­ ri Vito Di Gioia e Oreste Gargano, lo aspettavano al casello autostra­ dale di Binasco, dopo essere stati avvertiti dai colleghi del Levante che un uomo travestito da donna

aveva assaltato la Carige. Il siste­ ma di rilevazione delle targhe ru­ bate ne aveva avvistata una attac­ cata a un furgone, in coda al varco milanese,intuttoepertuttosimile aquellodell’Anas.InrealtàeraNo­ ci che, smessi i panni della rapina­ trice, si era camuffato da operaio, con tanto di pettorina ed elmetto. Alcasello,quandoavevavistoavvi­ cinarsi i carabinieri in borghese, aveva sterzato di colpo e varcato l’uscita contromano. Noci, secon­ do gli investigatori, studiava ogni assalto nei minimi dettagli. Piaz­ zavaautoocamioncinirubati,con­ tenenti il necessario per travestir­ si, in punti strategici. Quasi sem­ pre, in un furgone sistemava una biciclettadausareperiblitz.Insel­ la, raggiungeva un altro veicolo an­ coraelìcambiavatravestimento.E tornava a Buccinasco. Il cinquan­ taduenne aveva già scontato 15 an­ ni di carcere sempre per rapine, ed era uscito alla fine del 2007. Nel corso della detenzione, Noci aveva seguito un corso di recitazione S. T.

IERI IL VIA IL PROCESSO A UNA DONNA DI 74 ANNI

Lavagna, furti ai danni del bar: pensionata ex socia a giudizio LAVAGNA. È iniziato ieri a Chiavari

il processo intentato dalla procura della Repubblica nei confronti di una donna di 74 anni, accusata di furto in un bar di Lavagna. I fatti ri­ salgono al 2006. Allora, la pensio­ nata era socia dell’esercizio com­ merciale e, successivamente, dipen­ dente della ditta gestita dalle titola­ ri, madre e due figlie residenti a Sestri Levante. Le proprietarie della rivendita, anche grazie alle segnala­ zioni del loro commercialista, sco­ prirono alcuni ammanchi nei conti della società. Per questo, decisero di installare un impianto di video­ sorveglianza all’interno del negozio, sospettando che il denaro potesse essere rubato direttamente dal regi­ stratore di cassa. Alla fine, le pro­

Il tribunale penale di Chiavari prietarie smascherano l’ex socia di­ venuta dipendente. Ieri sono stati sentiti in aula le titolari e i carabinie­ ri della stazione di Lavagna cui fu presentata la denuncia.

LA PROTESTA DEI SINDACATI PER IL MANCATO ACCORDO SUL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE

È STATO MEDICATO ALL’OSPEDALE

Venerdì sciopero dei trasporti locali

Trentenne rapinato del cellulare a Chiavari

Treni fermi dalle 21 di giovedì, i bus di Atp in servizio completo tra le 6 e le 9 e tra le 17 e le 20

CHIAVARI. Misterioso episodio nel

SIPREANNUNCIAcomeunagior­ nata di passione quella di venerdì per i pendolari. Le segreterie Filt­ Cgil, Fit­Cisl, Uiltrasporti, Ugl Tra­ sporti, Orsa, Faisa, Fast hanno pro­ clamato per il 28 maggio uno scio­ pero nazionale, della durata di 24 ore, di tutto il personale addetto al trasporto pubblico locale, ferrovia­ rio e ai servizi accessori. Lo sciopero delle attività ferro­ viarie inizierà il giovedì alle ore 21,01 e terminerà alle ore 21,00 di venerdì. Per il trasporto pubblico locale, l’azienda dei trasporti pro­

vinciali (Atp) per il Tigullio ha an­ nunciato che il servizio completo saràgarantitonellefasceorarie6­9 e17­20. Inparticolare,ilpersonale viaggiante sciopererà dall’inizio del servizio alle 6, dalle 9 alle 17 e dalle 20 fino a fine servizio. Il per­ sonale al lavoro nelle biglietterie diffusesututtoilterritoriodellaRi­ viera di Levante e nel capoluogo si asterrà dal servizio dalle 9 alle 16.30 «Dopo mesi di trattative impro­ duttive ­ hanno spiegato le rappre­ sentanze sindacali ­ i lavoratori

19

manifestano una profonda insod­ disfazione per il mancato accordo sulla definizione di diversi punti del nuovo contratto collettivo na­ zionale di lavoro della Mobilità: tu­ tela del lavoro, del reddito e dell’oc­ cupazione, sicurezza sul lavoro, contrasto della precarietà, lavoro di qualità per i giovani. La nuova fa­ se contrattuale si inserisce in un contesto di crisi del settore dei tra­ sporti e di necessità di regolamen­ tare i nuovi processi di riforma e li­ beralizzazione del trasporto locale e ferroviario. Per l’ingresso nel

mercatodisettoredinuovisoggetti imprenditoriali, il nuovo contratto nazionale rimane un obiettivo irri­ nunciabile per la tutela del lavoro dal “dumping” contrattuale e dalla competizione priva di regole, con­ dizioni create dalla presenza di più regolazioni contrattuali colletti­ ve». Previsti,quindi,perlagiornatadi venerdìfortidisagi,soprattuttoper i pendolari, ma anche alla viabilità di tutto il Tigullio, visto che la gran parte dei viaggiatori sceglierà di muoversi con mezzi propri.

fine settimana a Chiavari. Un ragaz­ zo di 30 anni, noto alle forze dell’or­ dine perché tossicodipendente, ha raccontato di essere stato aggredi­ to e rapinato da un giovane di sua conoscenza. Il fatto sarebbe avve­ nuto in via Tito Groppo. Al momen­ to non sono state formalizzate de­ nunce né ai carabinieri né agli agen­ ti del commissariato di polizia. Il trentenne e l’amico, 25 anni pure lui tossicodipendente, sono stati en­ trambi visitati all’ospedale di Lava­ gna e dimessi dopo poche ore. Stando al racconto fatto al pronto

soccorso dalla presunta vittima del­ la rapina, i due ragazzi avrebbero iniziato a discutere sempre più ani­ matamente in strada, per futili moti­ vi. Al culmine della discussione, av­ venuta di fronte a numerosi testi­ moni (passanti e residenti), il venti­ cinquenne avrebbe colpito il più anziano e gli avrebbe poi sottratto il telefono cellulare, oltre ad alcune banconote per un valore complessi­ vo che deve ancora essere quantifi­ cato. I referti redatti all’ospedale sa­ ranno presto trasmessi alle forze dell’ordine. Solo allora potranno ini­ ziare le indagini.


20

IL SECOLO XIX

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

levante

CINQUE CONCESSIONARI NEI GUAI

Scoperti a Rapallo 150 gavitelli abusivi scattano le denunce della Capitaneria Portofino: diportisti multati nell’area marina Sestri Levante: pescati naselli sotto misura

ROSSELLA GALEOTTI

OLTRE 150 gavitelli abusivi nella baiadiRapallo:cinqueconcessionari sono stati deferiti alla Procura di Chiavari per occupazione abusiva del demanio marittimo. Questi i ri­ sultati di un’operazione della Guar­ dia costiera di Rapallo. Catenaria, corpi morti e gavitelli destinati al­ l’ormeggio di barche da diporto sono stati, infatti, posizionati dai conces­ sionari prima del 1° giugno 2010 (giorno da cui decorrono le conces­ sioni stagionali per i campi gavitelli rilasciate dal Comune di Rapallo), violando, così, gli articoli 54 e 1.161 del codice della navigazione. «Ac­ canto all’iter penale si sviluppa an­ che un percorso amministrativo – precisa Paolo Majoli, comandante dell’ufficio circondariale marittimo diSantaMargherita­percuil’autori­

IRREGOLARITÀ SCOPERTE AL LARGO Conseguenze penali e amministrative. Si profilano per chi ha collocato i gavitelli abusivi scoperti dalla capitaneria di porto a Rapallo

tà competente, in questo caso il Co­ mune di Rapallo, applicherà ai re­ sponsabili dell’illecito delle indenni­ tà di occupazione abusiva pari al 300% del canone». È stato, comun­ que, un weekend intenso per la Capi­ taneria. Il comandante di uno yacht di26metri,residenteaRapallo,èsta­ to deferito alla Procura di Chiavari per aver gettato l’ancora in una zona vietata dell’Area marina protetta di Portofino.SemprenelParcomarino, imilitaridellaCapitaneriadi“Santa” hanno multato un diportista a bordo di un motoscafo che non è stato in grado di esibire la patente nautica: dovrà pagare una sanzione di 100 eu­ ro per mancanza del documento a bordo.«Nelcasoincuiiltrasgressore risulti effettivamente sprovvisto di patente verrà elevata una sanzione tra 2.066 e 8.163 euro», spiega Majo­ li. In altri quattro casi sono state rile­

VIAGGIO ALLA CENTRALE DEL 118 DI LAVAGNA

vate dalla Guardia costiera l’assenza di documenti a bordo e la mancata esposizione della bandiera naziona­ le obbligatoria per tutte le barche da diporto superiori a 10 metri; i tra­ sgressori dovranno pagare una mul­ ta di 100 euro. Nell’ambito dei con­ trolli sulla filiera ittica a Sestri Le­ vante un pescatore è stato denuncia­ to per avere catturato una partita di naselli di dimensione inferiore alla taglia consentita. Sempre a Sestri il titolare di una pescheria è stato mul­ tato (1.166 euro)perché non erano esposte le etichette con le informa­ zioni obbligatorie. A Moneglia la guardia costiera di Riva Trigoso ha elevato una sanzione di 1.500 euro al titolare di un negozio di prodotti itti­ ci perché mancavano i documenti sulla tracciabilità di alcune specie. rossellagale@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’INAUGURAZIONE

Tigullio soccorso: gli angeli in camice Emergenze e “semplice guardia medica”, le due facce di una squadra che non si ferma mai I NUMERI 130.000 le chiamate giunte alla centrale operativa nel 2009

IL REPORTAGE

(356 la media giornaliera, 15 la media oraria)

15 i medici nell’organico 18 gli infermieri 6 gli operatori tecnici 2 le automediche in servizio (una a Rapallo e una a Lavagna)

SIMONE SCHIAFFINO

La radio sintonizzata sulle frequenze di soccorso crepita ancora. «India 2, Charlie 1». Un messaggio incomprensibile, per i non addetti ai lavori, ma chiarissi­ mo per loro: “Angeli in camice”, pronti a salire sulle automediche o sull’elicottero. E a correre dove una persona ha bisogno di aiuto. Sugli schermi campeggiano ban­ de colorate: verdi, gialle e rosse, in ordine di gravità crescente. Poi ci sono dettagliati stradari di ogni cit­ tà, e persone che parlano al telefo­ no, con gli auricolari, e le mani libe­ re che battono sui tasti dei compu­ ter. È la centrale operativa del 118 Tigullio soccorso, situata nell’ospe­ dalediLavagna.Inungiornoqualsi­ asi, in un’ora qualsiasi. «Il servizio non si ferma mai, l’organico diviso in turni garantisce la presenza co­ stante di medici, infermieri, opera­ tori tecnici» dice Filippo Arcidiaco­ no, responsabile del 118. «L’anno scorso le chiamate arrivate qui sono state 130.000. In media, oltre tre­ cento al giorno: 15 ogni ora» aggiun­ ge il suo vice, Giorgio Bertelloni. Complessivamente la squadra del 118 è composta da quindici medici, diciotto infermieri e sei operatori tecnici: personale addestrato per gestire telefonicamente l’emergen­ za. «Capita spesso che chi chiama il 118, magari dopo un grave inciden­ te,ènelpanicoenonriesceaspiega­ re le circostanze fondamentali, co­ me il luogo in cui si trova» racconta l’infermieraNiclaDeNegri.Oppure può capitare di dover gestire più “codici rossi” contemporaneamen­ te. «Per questo è necessario che chi chiama ci spieghi al meglio la situa­ zione» aggiunge la dottoressa Paola Massone. A rispondere ai telefoni sono soprattutto infermieri e ope­ ratori telefonici, i quali poi, a secon­ da della situazione, passano la chia­ mataaimedici.Alcunidiquestiulti­ mi effettuano turni con la squadra a bordo dell’elicottero dei vigili del fuoco di Genova. Il dottor Giovanni Queirolo è uno di loro: «Si tratta di interventi su incidenti stradali gra­ vi,soprattutto.Maanchedisoccorsi in località difficili da raggiungere su strada». Proprio scelta del miglior percorso, nei momenti concitati di un soccorso, può essere determi­ nante. «Per questo, mentre rispon­ diamo alla chiamata, visualizziamo la località e la pubblica assistenza più vicina, che viene subito allerta­ ta» spiega l'operatore tecnico Elio Bregante. Per un medico l’attività al servizio 118 Tigullio soccorso non è un ripiego, oppure una scelta obbli­ gata in mancanza d’altro. Ci sono professionisti sanitari che vogliono

FOTO: FLASH - GRAFICA: ROLLI

LAVAGNA.

Foto di gruppo nella nuova sede Uil di via Nazionale a Sestri FLASH

A Sestri Levante la nuova sede del sindacato Uil­ Fpl È stata inau­ gurata ieri la sede sestrese del sin­ dacatoUil­fpl,che,nellocaledivia Nazionale 365 a Sestri Levante, si prepara ad attivare un punto di ascolto per i problemi contrattua­ li, previdenziali e legali di iscritti e non solo. «Ci rivolgiamo soprat­ tuttoalsettoredelpubblicoimpie­ go – ha spiegato Antonella Barotti, referente della sede sestrese – ma offriremo consulenza anche a quello privato. Questo sarà un punto di ascolto per tutte le pro­ blematiche legate al lavoro subite dai cittadini. L’apertura è prevista per due giorni alla settimana e gli orari saranno comunicati a bre­ ve». La Uil nasce il 5 marzo 1950, a Roma, quando 253 delegati prove­ nienti da tutta Italia parteciparo­ no al convegno costitutivo del­ l’Unioneitalianadellavoro,l’orga­ nizzazione sindacale che, dopo le scissioni da Cgil, dava rappresen­ tanza ai lavoratori di idee laiche, democraticheesocialisteechepo­ teva rivendicare l’eredità riformi­ sta di Bruno Buozzi, leader sinda­ cale ucciso dai nazisti nel 1944. SESTRI LEVANTE.

La centrale operativa del 118. A destra, un’automedica in partenza per un servizio

LAVORO NON STOP «La centrale non si ferma mai. Il servizio è attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

TELEFONI ROVENTI «L’anno scorso abbiamo risposto a 130.000 chiamate»

CALMARE CHI PARLA «Spesso chi ci chiama è nel panico e ha difficoltà a darci le giuste informazioni»

QUESTIONE DI “CODICI” «A seconda della gravità diamo la priorità agli interventi simultanei»

VOLARE E SALVARE «In elicottero raggiungiamo spesso luoghi impervi. Sono i soccorsi più difficili»

PERCORSI OTTIMALI «Disponiamo di speciali mappe online per trovare il miglior tragitto»

SCELTE DI VITA «Questo lavoro l’ho scelto. Sono cose che hai dentro che ti ci portano»

MINUTI CONTATI «È sufficiente una manciata di secondi di troppo a fare la differenza tra vita e morte»

FILIPPO ARCIDIACONO

GIORGIO BERTELLONI

NICLA DE NEGRI

PAOLA MASSONE

GIOVANNI QUEIROLO

ELIO BREGANTE

ENRICA GUARAGLIA

GIANFRANCO D’ALESSIO

responsabile 118

vice responsabile

infermiera

dottoressa

dottore

operatore tecnico

dottoressa

infermiere

far parte di questa squadra di soc­ corritori. Perché lo sentono. Alcuni parlano addirittura di una “missio­ ne”. «Ho sempre voluto farlo ­ dice la dottoressa Enrica Guaraglia, la più giovane del team, coi suoi 30 an­ ni­Sonocosechehaidentrochetici portano. Non so spiegarlo». Forse è ilfattochequestimedicieinfermie­ ri lavorano, per così dire, in trincea. Hanno di fronte ogni volta emer­ genze che possono avere caratteri­ stiche diverse. E rendere esperto, col tempo, il professionista che si trova a doverle affrontare. «Qualche giorno fa siamo inter­ venuti per una bambina di 2 anni che aveva un corpo estraneo in gola ­ racconta Gianfranco D’Alessio, in­ fermiere­Èunodeisoccorsipiùdif­ ficili, e purtroppo frequenti. Men­ tre viaggiavamo abbiamo “pilotato” il papà della piccola, facendogli ese­ guire una manovra per liberare la trachea.Iminutiscorrevano.Siamo arrivatiappenaintempopersalvar­ le la vita ­ conclude l’infermiere ­ Dopo averla vista cianotica, sono contentochestiabene,davvero.Ela soddisfazione è immensa». Gli crediamo. schiaffino@ilsecoloxix.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

I CONSIGLI

«NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CI AIUTERETE AD AIUTARVI» LAVAGNA. «La cosa più frequente

èchechichiamail118sitrovainuna situazione di agitazione tale da ren­ dere difficile il soccorso. Per questo ilprimoconsiglioèquellodirispon­ dere alle domande del medico, e mantenersi lucidi. Al resto ci pen­ siamo noi». Filippo Arcidiacono, responsabile della struttura 118 Ti­ gullio soccorso, ha una lunga espe­ rienza di lavoro in questa specialità. E spiega che spesso le difficoltà so­ no quelle legate alla tenuta nervosa di chi ha un familiare vittima di un incidente domestico. O chi, “sem­ plicemente”, ha appena assistito ad un grave incidente stradale. Unaltrosuggerimentodeimedici è quello di rispettare i criteri di gra­ vità nel chiamare la centrale. «Du­ rante la notte, o nei giorni festivi e prefestivi, se si tratta di una sempli­ ce febbre alta, o di qualcosa che non sta mettendo in pericolo di vita una persona, si deve chiamare la guar­

La sede del 118 Tigullio soccorso

dia medica, allo 0185/371020 ­ pro­ segueArcidiacono­Il118vacompo­ sto soltanto in caso di vera necessi­ tà». Ma, paradossalmente, può an­ che accadere l’opposto. «Capita spesso che persone soprattutto an­ ziane, non comprendano la gravità della situazione in cui si trovano, e telefonino alla guardia medica». Per fare chiarezza, la centrale è unica, e il personale medico e infer­

mieristico è lo stesso. Al centralino arrivano le chiamate al 118 e quelle alla guardia medica, un servizio che in sostanza si sostituisce al proprio medico di famiglia per gli orari e i giorniincuiquestononèreperibile. «La guardia medica, chiamata an­ che servizio di continuità assisten­ ziale ­ spiega il responsabile del 118 ­èattivodalle20alle8dituttiigior­ ni feriali e dalle 8 del sabato o di un altrogiornoprefestivofinoalle8del lunedì, o comunque, del giorno suc­ cessivo al festivo». Oltre alla centrale di Lavagna i presìdi del servizio 118 Tigullio soc­ corso, sul territorio del Levante, so­ no rappresentati dalle due autome­ diche Tango 1 e Tango 2. Le squadre sono composte da medici e infer­ mieri che, giorno e notte, sono pronti ad essere inviati sul luogo dell’emergenza. La prima è a Lava­ gna, la seconda è a Rapallo. S. SCH.

S. O.

A CHIAVARI

Croce verde in assemblea giovedì sera CHIAVARI. Si

terrà giovedì alle 21 l’as­ semblea ge­ nerale dei soci della Croce verde chiava­ rese. La riu­ nione si terrà La sede della nella sede di Croce verde largo Casini. All’ordine del giorno, l’approvazione del conto consuntivo dell’esercizio 2009 e relativi allegati, l’approvazione delle modifiche al regolamento generale dell’ente. Potranno par­ tecipare tutti i soci in regola con la quota annuale di adesione.


IL SECOLO XIX

levante SOLO DUE TRATTI DI ARENILI OFFRONO SERVIZI A NOLEGGIO

MARTEDÌ 25 MAGGIO 2010

21

PER LE SCENEGGIATURE DI FUMETTI DISNEY

Spiagge libere attrezzate? «A Rapallo sono un miraggio» Costa (Circolo via Libertà): con la crisi sarebbero tanta manna IL RAPALLESE CARLO CHENDI PREMIATO A REGGIO EMILIA

IL CASO

RAPALLO. Il Papersera (www.papersera.net) ha assegnato il premio di SILVIA FRANCHI

RAPALLO. Si avvicina l'estate, e con

con essa il tormentone che, da tem­ po, coinvolge non solo i turisti, ma anche i cittadini: il litorale rapallese manca di spiagge libere attrezzate. O meglio, si contano solo due spiag­ ge, entrambe nella frazione di San Michele di Pagana, che offrono un serviziodispogliatoioenoleggiolet­ tini (e una delle due di ombrelloni). Per il resto, solo spiagge libere – le cui condizioni non sempre sono ot­ timali, senza contare le dimensioni ridotte – e stabilimenti balneari: co­ modiecurati,manonsempreacces­ sibili a tutti i target di turisti, vedi i più giovani. Una problematica an­ nosa. A riportarla sotto la lente d'in­ grandimento è Giorgio Costa, capo­ gruppo consiliare del Circolo via della Libertà 61. «D'accordo, di re­ cente è stato revocato il divieto di balneazione nel tratto di mare da­ vanti alla spiaggia dei Cavallini – puntualizza – ma non è certo suffi­ ciente, perché la questione parte a monte: a Rapallo mancano le spiag­ Primi tentativi di tintarella per i bagnanti sulla porzione di spiaggia libera a San Michele di Pagana ge attrezzate». Una formula di ge­ stione dei tratti di arenile che po­ trebbeoffrireunserviziodairisvolti realizzazione di una diga soffolta, in LA NORMATIVA positivi. «In un momento di ristret­ modo da impedire alla forza delle tezze economiche come quello che onde di erodere la spiaggia. Pur­ RAPPORTO TRA LE VARIE TIPOLOGIE E SERVIZI: troppononseneèfattonulla.Néper siamo affrontando, in cui non tutti hanno la possibilità di permettersi spiagge, né per interrare le cabine COSA DICONO LE LINEE GUIDA DELLA REGIONE ledegli cabina e sdraio negli stabilimenti stabilimenti per lasciare libera balneari – osserva Costa – ecco per­ ••• LA REGIONE LIGURIA ha emana­ ti e che prevedono un ingresso a pa­ la vista sul mare. Solo ogni tanto si ché la presenza di spiagge libere at­ to nel 2003 un documento dal titolo gamento. Quanto al rapporto tra sente parlare di qualche idea in pro­ trezzate potrebbe soddisfare le esi­ “Linee guida per le spiagge libere at­ spiagge libere e spiagge in conces­ posito, e capisco anche che bisogna gente di una fetta più ampia di citta­ trezzate”, che è la normativa a cui i sione, in ogni Comune deve essere rispettareilimitidelpattodistabili­ dini e turisti. Ovviamente, questi Comuni costieri devono far riferi­ mantenuta una estensione “signifi­ tà, ma certi investimenti andrebbe­ tratti di litorale dovrebbero essere mento per “dosare”, sul territorio cativa” di spiaggia libera. Un aspetto ro fatti». La realizzazione di spiagge oggetto di adeguati interventi di ri­ demaniale, la presenza di stabilimen­ che è specificato da un altro testo, la attrezzate è vista di buon occhio an­ pascimento, senza contare la puli­ ti affidati in concessione a privati, di legge regionale che contiene il Piano che da Giuseppe Santacroce, presi­ zia: l'installazione di cordoli o bar­ spiagge libere attrezzate e di spiag­ di utilizzo demaniale. Qui viene sta­ dente dell'Assobalneari di Rapallo: riere, per esempio, potrebbe impe­ ge libere “semplici”. Le linee guida bilito che i Comuni debbano garanti­ «Ben vengano alternative di questo dire a buona parte dei detriti di are­ stabiliscono la definizione delle tre re una percentuale minima di aree tipo, che vadano incontro alle esi­ narsi sul litorale». I limiti, tuttavia, tipologie: per spiaggia libera si in­ balneabili libere e libere attrezzate genzedellepersoneoffrendoservizi non mancano. Primo fra tutti, la tende ogni area demaniale non data pari al 40 per cento del fronte totale adeguati: non solo per quanto ri­ conformazione della costa cittadi­ in concessione per la balneazione e delle aree balneabili, di cui almeno la guarda il noleggio di lettini e sdraio, na. Le spiagge sono piccole e in nu­ disponibile liberamente e gratuita­ metà libere. Tornando alle caratteri­ e il servizio di salvataggio». L'attesa, mero limitato. E in questo contesto, mente all’uso pubblico. Per spiaggia stiche delle spiagge libere attrezza­ tuttavia,pareancoralunga.«Nonri­ ricavare spazi per le spiagge libere libera attrezzata si intende invece te, le linee guida prevedono che le tengo sia possibile dar vita a nuove attrezzate diventa impresa ardua. ogni area demaniale in concessione a condizioni di accesso gratuito, i ser­ spiagge attrezzate, per lo meno a Una soluzione, a detta di Costa, è ente pubblico che eroga servizi lega­ vizi gratuiti e quelli a pagamento breve termine – spiega Lelio Milan­ quella di risolvere il problema “a ti alla balneazione direttamente o debbano essere indicati con un car­ ti, assessore al Demanio marittimo monte” realizzando una spiaggia ex con affidamento a terzi. La spiaggia tello. Inoltre deve essere garantita la – avvieremo comunque gli inter­ novo. «Una delle proposte che il no­ libera attrezzata è caratterizzata dal­ visitabilità e l’effettiva possibilità di venti di ripascimento, e abbiamo stro gruppo aveva avanzato durante l’accesso libero e gratuito. Il conces­ accesso al mare dei portatori di han­ chiesto ai proprietari dei vari stabi­ la campagna elettorale per le ammi­ sionario deve garantire, gratuita­ dicap. Il corrispettivo che un Comune limenti balneari di sistemare una nistrative del 2007 prevedeva la re­ mente, i seguenti servizi minimi: puli­ può chiedere ad un gestore per l’affi­ cabina­spogliatoio, e dove possibile alizzazione di una spiaggia di circa zia, sorveglianza, salvamento, servizi damento della spiaggia libera attrez­ anche la doccia, nelle spiagge libere, cinquemila metri quadri in prossi­ igienici. Per stabilimenti balneari si zata non può essere superiore al ca­ in modo da offrire un servizio a chi mità di villa Robilant, nella zona est intendono invece le strutture perma­ none fissato per la concessione de­ ne vorrà usufruire». del litorale rapallese – aggiunge Co­ nent