Page 1


T h e s e c r e t o f o u r s u c c e s s i s a w h i t e s h e e t o f p a p e r.


SL100 Ne w

That is the carte blanche that we give to all our owners.

Ta i l o r M a d e

Roma - Venezia - Antibes - Monte Carlo - Mallorca - Hamburg - München - Sukošan - Ft. Lauderdale - México City - Moscow - Dubai

w w w. s a n l o re n z o y a c h t . c o m Ameglia Shipyard

Viareggio Shipyard


31 INTERNATIONAL FAIR MARBLE TECHNOLOGIES DESIGN ST

Maggio_May, 23/26 Carrara, Italy

CARRARA MARMOTEC 2012 www.carraramarmotec.com PROMOSSO DA/PROMOTED BY: INTERNAZIONALE MARMI E MACCHINE CARRARA SpA

ORGANIZZATO DA/ORGANIZED BY:

SPONSOR UNICO BANCARIO/SOLE SPONSORING BANK: GRUPPO BANCA CARIGE

Business on the Move

Cassa di Risparmio di Carrara S.p.A.

CON IL PATROCINIO DI/SUPPORTED BY:

MEDIA PARTNERS:

REGIONE TOSCANA

PR O M OZ I ON E

PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROVINCIA DI LUCCA

COMUNE DI CARRARA

COMUNE DI MASSA

" Testate del Gruppo 24 Ore"

WEB MEDIA PARTNERS:


Fstone.tv la web tv di F stone magazine

www.fstone.tv

more, more, more fstone.tv Video, informazioni e curiositĂ sul mondo della pietra naturale. Architetti, designer, artisti e operatori del settore interpretano con idee, progetti e innovazioni tecnologiche la molteplice natura del marmo. Videos, news and facts about the world of natural stone. Architects, designers, artists and industrry professionals give their version of the many-faceted nature of marble with ideas, projects and technological innovation.

www.furrer.it

FURRER C A R R A R A


YOU CAN TRUST


Foto Thetis Thetis Foto/Photo:

EDITORIALE EdITORIAL

La pietra è materia organica, viva, “carne e polvere” come nella performance dell’artista Vanessa Beecroft alla Biennale di Scultura di Carrara, che ha accostato la sensuale bellezza dei nudi femminili alla durezza del lavoro dello scultore. Raccontare e mostrare cos’era il marmo e cos’è oggi, chi lo porta alla luce e chi è capace di rivelarne gli aspetti più inediti, è quello che ci siamo proposti con il progetto “Stone Magazine”. Le voci di architetti e designer, artisti e operatori del settore riveleranno di volta in volta le potenzialità della pietra naturale, la sua estrema versatilità. La storia del marmo è anche la storia di Furrer, che in settant’anni di attività ha raggiunto la leadership a livello internazionale, conservando la struttura e i valori di un’azienda familiare. Sydney, New York, Pechino, Madrid, Mosca… Le nostre installazioni, eseguite con marmi e graniti di altissima qualità, arredano ambienti, creano atmosfere. Sanno rievocare un passato splendido o rivelarsi ugualmente perfette per architetture avveniristiche ad alto contenuto di tecnologia. Come le opere d’arte, hanno un fascino eterno.

Stone is an organic, living material, “flesh and dust,” as in the performance at the Carrara Sculpture Biennale by the artist Vanessa Beecroft, who placed the sensuous beauty of female nudes alongside the hardness of the sculptor’s work. To describe and display what marble was in the past and is today, the people who quarry it and those who are capable of revealing its most unusual qualities: this is what we propose to achieve with the Stone Magazine project. The voices of architects and designers, artists and practitioners will reveal the potential of natural stone, its extreme versatility. The history of marble is also the history of Furrer, which in seventy years of activity has attained the leadership of the sector internationally, while preserving the structure and values of a family firm. Sydney, New York, Beijing, Madrid, Moscow… Our installations, produced in high quality marble and granite, decorate interiors and create atmospheres. They are capable of evoking a splendid past yet prove equally perfect for beautiful futuristic high-tech architecture. As works of art they possess a timeless enchantment.

Gino Mazzi


F Stone Magazine rivista trimestrale/quarterly Anno I, n. 1, 2010 Settembre/September Direttore responsabile/Editor Roberto Franzoni Vicedirettore/Vice Editor Decio G.R. Carugati Collaboratori/Contributors Pier Giorgio Balocchi Paola Blasi Marcantonio Ragone Francesca Zuddio Fotografie/Photos Renzo Chiesa/Antonio Cozza/Christoph Kircherer Toshifumi Kitamura/Bernhard Moosbrugger Olaf Reuffurth/Benvenuto Saba Jurgen Schmidt Klaus - Frahm/Ezra Stoller Tenax/Thetis/Gianni Tonazzini/Rafael Vargas Idea/Concept Francesco Gorlandi Direttore creativo/Art Director Nicola Pedrini Coordinatore editoriale/Editorial Co-ordination Silvia Cucurnia Grafica/Graphic Stefano Ciuffi Riccardo Vatteroni Revisione testi/Editing Simona Oreglia Traduzioni/Translations Richard Sadleir Editore/Publisher

Thetis srl Via Oliveti, 110 54100 Massa www.thetis.tv

Registrazione presso il Tribunale di Massa-Carrara 13/09/2010, n. 2-2010 Stampa/Printing Industrie Grafiche della Pacini Editore S.p.A, Pisa

10

09

COPERTINA/COVER MARC NEWSON Foto/Photo: Toshifumi Kitamura/AFP/Getty Images ART_PEOPLE

ACHITECTURE_PEOPLE

10

20

MARC NEWSON Autodidatta e istintivo Self-taught and istinctive MARC NEWSON Intervista/Interview DESIGN_PEOPLE

22

PIERO LISSONI Dalla poetica all’etica del progetto From the poetic to the ethic of design

26

GHEORGHI FILIN ART_PLACES

30

TORANO AMORE MIO ART_EVENTS

34

XIV BIENNALE INTERNAZIONALE DI SCULTURA DI CARRARA

38

FABIO CAVALLUCCI Intervista/Interview


sommario/CONTENTS 25

35 55 64 75

22

ART_EVENTS

40

CARNE E POLVERE SOTTO LE CAPRIATE FLESH AND DUST BENEATH THE TRUSSES

52

LA LUCE ATTRAVERSA LA PIETRA LIGHT THROUGH STONE

40 80

66

46

TECH-MATTERS_GEOLOGY

58

TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

46

26 85

IL BELLO NELLA PIETRA BEAUTY IN STONE

ON THE SEA_PEOPLE

72

TECH-MATTERS_MATERIALS

64 BIANCO CARRARA CAMPANILI WHITE CARRARA CAMPANILI

CATHOLIC CHURCH, MEGGEN, SWITZERLAND MAA ‘87

GIOVANNI ROMANO Intervista/Interview ON THE SEA_MATERIALS

76

CINQUANTA QUALITÀ DI PIETRE PER LA BELLEZZA DELLO YACHT / FIFTY KINDS OF STONES FOR THE BEAUTY OF THE YACHT

78

F_AGENDA

ON THE SEA_SHYPYARD

66

SAPERCI FARE KNOW-HOW


ARCHITECTURE_ PEOPLE

MarcNew

Qantas Airways – Sydney Airport – Melbourne Airport – Australia|Hotel Puerta America – Madrid – Spain|Azzedine Alaia – Paris –

1

2

3

AUTODIDATTA E ISTINTIVO

SELF-TAUGHT AND INSTINCTIVE Roberto Franzoni

Marc Newson, classe 1963, australiano di Sydney, ha iniziato da giovanissimo, stimolato dal design italiano che divorava sulle riviste. Ispirato dalle forme plastiche degli anni cinquanta e sessanta, sa trattare in maniera disinvolta e non convenzionale anche il marmo. Paragonato spesso a Philippe Starck, per il successo che hanno avuto entrambi, ma con stili molto diversi, Newson ha in più nelle sue vene anche sangue d’artista, oltre che di designer. Fa parte della ristretta cerchia di designer di influenza mondiale, ha disegnato di tutto e per chiunque, innovando e sperimentando fin oltre i confini dell’arte. Il suo nome è noto come quello di un artista o di un musicista rock. Nasce in Australia, ma trascorre l’infanzia viaggiando in Europa e Asia, prima di studiare gioielleria e scultura al Sydney College of the Arts. Ancora studente, comincia a fare esperienze ed esperimenti di interior design. Dopo la laurea, nel 1984, vince una borsa di studio dell’Australian Crafts Council e prepara una mostra – che include la Lockheed Lounge, una chaise longue che pare interamente in alluminio rivettato, tanto da sembrare un qualche oggetto extraterrestre caduto per sbaglio sulla terra – alla Roslyn Oxley Gallery di Sydney. Marc Newson, born in 1963, is an Australian from Sydney. He began young, stimulated by Italian design, which he devoured in style magazines. Inspired by the streamlined forms of the 1950s and 1960s, he uses even marble in casual and unconventional ways. Often compared to Philippe Starck because of the success they have both enjoyed, but working in very different styles, Newson’s veins have the blood of an artist as well as a designer. One of the small circle of designers who are influential worldwide, Newson has designed something for everyone, innovating and experimenting well beyond the boundaries of art. He is as well-known as an artist or rock musician. Marc Newson was born in Australia but spent his childhood traveling in Europe and Asia, before studying jewelry and sculpture at Sydney College of the Arts. Still a student, he began to gain experience and experiment with interior design. After graduating in 1984 he won a grant from the Australian Crafts Council and prepared an exhibition at the Roslyn Oxley Gallery in Sydney. It included the Lockheed Lounge, a chaise longue seemingly made entirely from riveted aluminum and looking like an UFO fallen to earth.

F StoneMagazine 10


wson

is – France|Qantas Airways – Sydney Airport – Melbourne Airport – Australia|Hotel Puerta America – Madrid – Spain |Azzedine Al

1

EXTRUDED CHAIR, 2007, Gagosian Gallery, New York EXTRUDED CHAIR, 2007, Gagosian Gallery, New York

2, 4 VORONOI SHELF, 2007, Gagosian Gallery, New York VORONOI SHELF, 2007, Gagosian Gallery, New York 3

EXTRUDED TABLE 3, 2007, Gagosian Gallery, Londra EXTRUDED TABLE 3, 2007, Gagosian Gallery, London

F 4


ARCHITECTURE_PEOPLE

HA DISEGNATO DI TUTTO E PER CHIUNQUE, INNOVANDO E SPERIMENTANDO FIN OLTRE I CONFINI DELL’ARTE NEWSON HAS DESIGNED SOMETHING FOR EVERYONE, INNOVATING AND EXPERIMENTING WELL BEYOND THE BOUNDARIES OF ART

1

2

Il suo segno è inconfondibile e si rifà in parte a uno stile fluido delle carrozzerie anni cinquanta e sessanta

His style is distinctive and draws partly on the streamlined style of car design of the 1950s and 1960s

A ventiquattro anni si trasferisce a Tokyo, dove vive e lavora fino al 1991,

At twenty-four he moved to Tokyo, where he worked from 1987 to 1991

progettando pezzi quali Orgone Lounge, Black Hole Table e Felt Chair,

designing items such as the Orgone Lounge, Black Hole Table and Felt Chair,

protagonisti di numerose esposizioni in Asia ed Europa.

featured in numerous exhibitions in Asia and Europe.

Nel 1991, Marc Newson apre il suo studio a Parigi e riceve incarichi da

In 1991 Marc Newson opened his own studio in Paris and received commissions

prestigiose aziende europee, tra cui Flos per l’illuminazione e Cappellini e Moroso

from prestigious European companies, including Flos for lighting, Cappellini and

per l’arredo. Costituisce la joint venture Ikepod Watch Company per produrre gli

Moroso for furniture. He formed the Ikepod Watch Company, a joint venture to

orologi che disegna e realizza anche edizioni limitate di mobili in alluminio, tra cui

manufacture the wrist watches he designed, and turned out limited editions of

Event Horizon Table e Orgone Chair. A metà degli anni novanta, Marc Newson

aluminum furniture, including the Event Horizon Table and the Orgone Chair. In

progetta anche una serie di ristoranti – Coast a Londra, Mash & Air a Manchester

the mid-1990s Marc Newson designed a series of restaurants – Coast in London,

e Osman a Colonia – oltre all’interno di Syn, uno studio di registrazione di Tokyo,

Mash & Air in Manchester and Osman in Cologne – as well as the interiors

e i punti vendita per W.&L.T., il marchio di abbigliamento informale dello stilista

of Syn, a recording studio in Tokyo, and outlets for W.&L.T., the the Belgian

belga Walter Von Beirendonck.

designer Walter Von Beirendonck’s casual clothing line.

Il suo segno è inconfondibile e si rifà in parte a uno stile fluido delle carrozzerie

His style is distinctive and draws partly on the streamlined style of car design of

anni cinquanta e sessanta. Un suo mito è stato la Aston Martin DB4. Progetta

the 1950s and 1960s. One of his icons is the Aston Martin DB4. He has designed

sedute assolutamente innovative: la Alufelt Chair, del 1993, ha la sinuosità del

absolutely innovative seating, like the Alufelt Chair (1993), whose lines have

corpo umano. Nel 1997, Marc Newson si trasferisce a Londra, dove, insieme a

the sinuousness of the human body. In 1997 Newson moved to London, where

Benjamin De Haan, apre Marc Newson Ltd., uno studio più grande in grado di

with Benjamin De Haan he opened Marc Newson Ltd., a bigger office capable

realizzare ambiziosi progetti industriali. Da allora ha disegnato oggetti di vetro per

of more ambitious industrial projects. Since then he has designed glassware for

Iittala, accessori da cucina e da bagno per Alessi e oggetti per la casa per Magis,

Iittala, kitchen and bathroom accessories for Alessi, and household objects for

incluso il famoso scolapiatti Dish Doctor e il fermaporta Rock. Newson ha anche

Magis, including the famous Dish Doctor draining rack and the Rock doorstop.

disegnato l’interno del jet privato Falcon 900B, la bicicletta MN01 per Biomega

Newson also designed the interior of the Falcon 900B private jet, the MN01

in Danimarca e la concept car 021C per Ford.

bicycle for Biomega in Denmark and the Ford 021C concept car.

F StoneMagazine 12


3

1, 2 AZZEDINE ALAIA BOUTIQUE, 2006, Parigi AZZEDINE ALAIA BOUTIQUE, 2006, Paris Foto/Photo: Christoph Kircherer 3 HOTEL PUERTA AMERICA, 2005, Madrid HOTEL PUERTA AMERICA, 2005, Madrid Foto/Photo: Rafael Vargas

F StoneMagazine 13


ARCHITECTURE_PEOPLE

1

Oltre ad aver vinto numerosi premi, Marc Newson ha partecipato a varie mostre.

Besides winning numerous awards, Newson has shown his work at a number

Ha creato Bucky (installazione-scultura) per un evento alla Fondation Cartier

of exhibitions. He created Bucky (an installation-sculpture) for an event at the

di Parigi nel 1995 e al Powerhouse Museum di Sydney si è tenuta di recente

Fondation Cartier in Paris in 1995. The Powerhouse Museum in Sydney recently

un’ampia retrospettiva della sua opera. I suoi progetti fanno parte delle collezioni

held a major retrospective of his work. His designs have been added to the

permanenti del Museum of Modern Art di New York, del Design Museum di

permanent collections of the Museum of Modern Art in New York, the Design

Londra, del Musée des Arts Décoratifs di Parigi e del Vitra Design Museum

Museum in London, the Musée des Arts Decoratifs in Paris and the Vitra Design

a Weil am Rhein.

Museum at Weil am Rhein.

Nel 1999 Booth-Clibborn Editions ha pubblicato un libro sulle sue opere, seguito

Booth-Clibborn Editions published a book on his work in 1999, followed in 2001

nel 2001 da un altro volume edito da Thames & Hudson.

by a volume published by Thames & Hudson.

Marc Newson è Adjunct Professor di design al Sydney College of the Arts

Newson is Adjunct Professor of Design at Sydney College of the Arts and at

e alla Hong Kong Polytechnic University ed è stato nominato “Royal Designer

Hong Kong Polytechnic University. He was appointed “Royal Designer for

for Industry” in Gran Bretagna. Indiscutibilmente uno dei designer più influenti

Industry” in Britain.

e precocemente influenti della sua generazione.

He is unquestionably one of the most significant and precociously influential

Ha realizzato sculture e librerie in marmo di Carrara, progettato scarpe da tennis,

designers of his generation.

stilizzato innumerevoli negozi sparsi per il mondo. Le sue forme sono sempre

He has created sculptures and bookcases in Carrara marble, and styled

sinuose e organiche, tutte contraddistinte da una sorta di visione spaziale, quasi

countless stores around the world. His forms are invariably sinuous and organic,

extraterreste, interstellare.

all distinguished by a kind of spatial vision which seems almost extraterrestrial,

Newson si presta anche a design divertenti, come il secchiello per il ghiaccio

interstellar.

della bottiglia di champagne Dom Pérignon: la confezione riproduce la bottiglia,

Newson’s design work can also be witty, like the Dom Pérignon champagne ice

inglobando il ghiaccio.

bucket. The packaging encloses the ice in a form that reproduces the shape of

È molto richiesto nel settore del transportation design. In questo campo ha

the brand’s magnum bottle.

realizzato una innovativa bicicletta con telaio a trave di alluminio per Biomega,

Newson is much in demand for transport design. In this field he has developed

una bicicletta da velocità per la ditta Trek, usata da Armstrong, alcuni concept

an innovative bike with an aluminum frame for Biomega, a speed bike for Trek

di piccole vetture per Honda e Ford, e progetti per la livrea o l’arredamento

used by Lance Armstrong, a number of concepts for small cars from Ford

interno di aerei di linea. Per il cantiere Riva ha disegnato una versione “Newson”

and Honda, and the livery or interiors of airliners. For the Riva shipyard he has

del motoscafo Aquariva.

designed a “Newson” version of the Aquariva power boat.

F StoneMagazine 14


Approfondimenti/See more at Per ulteriori informazioni su Marc Newson For more information on Marc Newson

www.fstone.tv/architecture

1 VORONOI LOWSHELF, 2007 2 QANTAS AIRWAYS, First Class Lounges, Sydney, 2007

2

F StoneMagazine 15


ARCHITECTURE_PEOPLE

In architettura Marc Newson ha integrato la sua creatività spontanea in opere

In architecture, Marc Newson has embodied his spontaneous creativity in works

di largo respiro e libera innovazione, come l’intervento nell’Hotel Puerta

of broad scope and untrammeled innovation such as the Hotel Puerta America

America di Madrid, del 2005. Diciannove tra i migliori architetti del mondo

in Madrid (2005). Nineteen of the world’s finest architects participated in the

hanno partecipato alla creazione di questo hotel del futuro. Ognuno dei dodici

creation of this hotel of the future. Each of the twelve floors bears the hallmark of

piani porta

a different talent. Newson designed the Marmo Bar using white Statuario Venato

il segno di un diverso talento. Newson ha firmato

il Marmo Bar dove il bancone soffitto sono alluminio tagliato Anche nello show del 2006 o nelle compagnia aerea Sydney e di Melbourne, estensivamente il il Carrara, usato come personalizzante e

impiegando il bianco Statuario Venato pesa oltre sei tonnellate e pareti e decorate con quattrocento strisce di a laser.

marble. The bar counter weighs over six tons while the walls and ceilings are decorated with four hundred thin strips of laser-cut aluminum. Newson again used marble extensively in Azzedine Alaia’s Paris showroom (2006) and Qantas’s first class lounge at Sydney and Melbourne airports (2007).

room di Azzedine Alaia a Parigi,

He has made special use of Carrara marble as a highly distinctive and richly

lounge di prima classe della

significant material. “Sometimes I start with the material, sometimes with the

Qantas negli aeroporti di del 2007, ha impiegato marmo, e in particolare materiale fortemente significativamente

idea,” said Marc. “In these cases the materials were the inspiration. I started by identifying materials that had always interested me but I’d never used. Often the context strikes me more than the materials themselves. It’s the context that’s new, not the materials.” His first solo exhibition in the United States was presented in 2007 at the

arricchente. “A volte inizio con

il materiale, a volte con

Gagosian Gallery in New York. Here Newson used gray Bardiglio extensively as a

l’idea”, ha dichiarato, “in questi

casi i materiali sono

plastic and ductile material to be extruded. Each work exhibited was molded in a

stati l’ispirazione.

F StoneMagazine 16

single piece.


QANTAS AIRwAYS, First Class Lounges, Sydney, 2007 Foto/Photo: Olaf Reuffurth

ww

Focus

www.riva-yacht.com

IL DESIGN SCENDE IN ACQUA Aquariva by Marc Newson

DESIGN TAKES TO THE WATER Aquariva by Marc Newson

Il design di Marc Newson per Aquariva parte da un concetto unico, così come è unico il materiale scelto per ponte e plancia: un laminato di tela (composto fenolico) che imita il legno. Si tratta di un materiale sviluppato a inizio del XX secolo, precursore della vetroresina, che unisce aspetto e consistenza naturali a una durata decisamente maggiore rispetto al legno. Per ottenere un tocco high tech, pur mantenendo intatta la classicità e l’eleganza della tradizione Riva, Newson ha scelto un materiale insolito per la nautica: l’alluminio anodizzato al posto dell’acciaio e dell’ottone cromato. “Il design italiano del dopoguerra è stato per me una fonte di grande ispirazione. La mia carriera è stata senza dubbio influenzata dall’abilità degli italiani di primeggiare in tanti settori del design”, afferma Marc Newson, “e questa influenza è chiaramente riconoscibile in Aquariva by Marc Newson, il mio primo progetto di design nautico per lo storico marchio italiano”. Marc Newson ha avuto grande rispetto del progetto originale di Aquariva disegnato da Officina Italiana Design e, senza alterarne la linea esterna, ha apportato modifiche profondamente innovative: il nuovo design dello specchio di poppa, il parabrezza avvolgente in vetro stratificato, la doppia porta di accesso alla cabina. “Il progetto di Aquariva by Marc Newson è lo sviluppo naturale dell’esperienza di Marc Newson nel settore aereo e auto motive, con un mix di forma e funzionalità e uno sguardo al passato della Dolce Vita degli anni cinquanta e sessanta e uno al futuro, con le ultime tendenze del design nautico”, ha commentato Larry Gagosian, titolare della Gagosian Gallery di New York, che ha promosso e ospitato una mostra di oggetti di Newson.

Marc Newson’s design for Aquariva started from a unique concept which uses an equally unique material for the deck and bridge, a laminated fabric (phenolic compound) that mimics wood. The material was developed in the early twentieth century, a precursor of fiberglass. It combines a natural appearance and texture with much greater durability than wood. To attained a hi-tech touch, while preserving the tradition and elegance of classic Riva watercraft, Newson chose an unusual material in boat design: anodized aluminum instead of steel and chromed brass. “Postwar Italian design was a great inspiration. My career was undoubtedly influenced by the ability of the Italians to excel in many areas of design,” says Marc Newson. “This influence is clearly visible in Aquariva by Marc Newson, my first design project for the historic Italian marque.” Marc Newson has great respect for the original Aquariva project designed by Officina Italiana Design. without altering its external lines he has made some profoundly innovative changes, such as a new design for the transom, a wraparound windshield in laminated glass and the double doors leading to the cabin. “Aquariva by Marc Newson is a natural extension of the artist’s work with planes and automobiles. The result is a brilliant blend of form and function, looking back to La Dolce Vita of the 1950’s and 1960’s and forward to the latest trends in nautical design,” commented Larry Gagosian, owner of the Gagosian Gallery in New York, which has promoted and hosted an exhibition of Newson’s objects.


ARCHITECTURE_PEOPLE

A VOLTE INIZIO CON IL MATERIALE, A VOLTE CON L’IDEA… IN QUESTI CASI I MATERIALI SONO STATI L’ISPIRAZIONE SOMETIMES I START wITH THE MATERIAL, SOMETIMES wITH THE IDEA… IN THESE CASES THE MATERIALS wERE THE INSPIRATION Marc Newson

Ho cominciato con l’individuazione dei materiali che mi avevano sempre

At a time when the distinctions between art and design are blurred and being

interessato, ma non avevo mai usato. Spesso il contesto dei materiali mi colpisce

hotly debated, Newson is exploring many new frontiers with materials and

più dei materiali stessi. È il contesto che è nuovo, non

techniques transposed from one context to another to create complex and

i materiali”.

sometimes disconcerting forms. The ribbon in his extruded tables and chairs

La Gagosian Gallery di New York ha ospitato nel 2007 la sua prima mostra

and the web as the inspiration for the cells of the Voronoi Shelf are cut from a

personale negli Stati Uniti, dove Newson ha impiegato estensivamente il

single block of Carrara marble. He develops large meshed metal forms using

Bardiglio grigio come un materiale da estrudere, plastico e duttile. Ogni opera

a series of algorithms based on the irregular Voronoi cell. A more playful note

esposta era modellata in un unico pezzo.

appears in his polished nickel surfboard and the Damask folding knife in

In un’epoca in cui le distinzioni tra arte e design sono sempre più sfumate e

exquisite sintered bronze.

oggetto di accesi dibattiti, Newson ha esplorato molte nuove frontiere, materiali

Newson is unquestionably good at promoting himself. He has grasped

e tecniche di trasposizione da un contesto all’altro per creare forme complesse,

opportunities with ingenuity and resourcefulness. The fact of coming from

a volte sconcertanti. Il nastro, nei tavoli e nelle sedie estrusi, e un reticolo come

Down Under perhaps gave him the necessary energy. Marc has always seen

ispirazione della cella di Voronoi Shelf vengono tagliati da blocco unico di marmo

it as an advantage to grow up in Australia, a country without an indigenous

di Carrara; grandi forme di metallo a maglie sono state sviluppate con una serie

design tradition. “If I’d been studying design in Italy, I’d have been taught by

di algoritmi basati sulla cella irregolare di Voronoi. Su una nota più giocosa è

people who’d been taught by Ettore Sottsass or Mario Bellini, and I’d have

invece la tavola da surf in nichel lucidato, e il coltello Damasco pieghevole in

found having that tradition stuffed down my throat really stifling. Coming from

squisito bronzo sinterizzato.

Australia and studying jewelry and sculpture, my design was self-taught and

Newson è sicuramente un grande promotore di se stesso, ha saputo cogliere

instinctive. But as a boy I was surrounded by Italian designer objects and

le occasioni che gli si sono presentate con genialità e intraprendenza. Il fatto di

devoured articles in Domus and Ottagono at the newsstand where I worked

venire dalla terra dei canguri gli ha forse anche dato l’energia necessaria. Marc

part time. So I knew the masters of European design.”

ha sempre considerato un vantaggio crescere in Australia, un paese senza

In 2005, Newson was chosen by Time Magazine as one of the hundred most

una tradizione autoctona di design. “Se avessi studiato design in Italia, avrei

influential people of the year.

avuto insegnanti che avevano imparato da Ettore Sottsass o da Mario Bellini, e avrei stratificato quella tradizione nel profondo delle mie vene”, commenta, “ma studiando in Australia gioielleria e scultura il mio segno è autodidatta e istintivo. Anche se da ragazzo ero circondato da pezzi di design italiano e divoravo letteralmente gi articoli di ‘Domus’ e di ‘Ottagono’ all’edicola dove lavoravo parttime. Così ho conosciuto i maestri del design europeo”. Nel 2005, Newson è stato selezionato da “Time Magazine” come una delle cento persone più influenti dell’anno.

1 Marc Newson Marc Newson

F StoneMagazine 18

2 VORONOI SHELF, 2007 Design Miami/Basel 2009 VORONOI SHELF, 2007 Design Miami/Basel 2009


F StoneMagazine 19 2


ARCHITECTURE_PEOPLE

INTERVISTA A MARC NEWSON Roberto Franzoni

Interview with Marc Newson

Quale è stata l’influenza del design italiano prima di iniziare la sua carriera? Mia madre era single e quando ero piccolo, nei primi anni settanta, lei era la manger di un piccolo hotel di moda sulla costa, vicino a Sydney, dove abbiamo vissuto per un po’. Ricordo che ero molto impressionato dallo stile moderno e dai mobili dell’albergo, quasi tutti di design italiano. I designer allora usavano colori brillanti. I prodotti non erano stravaganti, ma gli oggetti e i mobili erano interessanti, non comuni. Vivere in Australia allora era interessante, perché era un paese ancora isolato dall’effervescenza creativa che imperversava in città come New York, Londra, Milano, Parigi. Così io ho dovuto compiere uno sforzo molto determinato per capire che cosa succedeva all’estero. Leggevo tutte le riviste italiane di design che riuscivo a sfogliare (senza comperarle!) durante il mio lavoro pomeridiano dopo la scuola in un’edicola di Sydney. Queste immagini si sono fissate stabilmente nella mia memoria. Con il senno di poi, posso dire che non ero particolarmente attratto dalle forme, dai colori, dalla plastica ecc. utilizzati; è stato, invece, lo spirito di quegli anni a lasciare un segno molto forte sull’adolescente che ero all’epoca. Per un ragazzino ossessionato dal progettare e costruire, il design italiano del dopoguerra era un’immensa fonte di ispirazione. Ero stupefatto dall’infinità abilità dei designer e dell’industria di produrre ogni prodotto industriale concepibile, dagli arredi alle automobili. La mia carriera è senza alcun dubbio stata influenzata dall’impatto che gli italiani hanno avuto su così tante aree del design. Qual è stato il designer italiano che l’ha maggiormente influenzata e perché? Certamente la vecchia scuola, persone come Achille Castiglioni, Ettore Sottsass, Enzo Mari, e qualche volta artisti, più che designer… gente come Bruno Munari. Quando ha avuto inizio il suo rapporto di design con il marmo? Molte persone possono pensare al marmo come a qualcosa di anacronistico, fuori dal contesto della progettazione moderna. Volevo fare qualcosa di diverso con questo materiale nobile. È classico ed è stato al nostro fianco per migliaia di anni. Nei miei progetti penso sempre a come creare oggetti senza tempo… e il marmo è totalmente un sinonimo della

How were you influenced by Italian design before starting your career? My mother was a single parent and when I was really young, in the early 1970s, she was the manager of a cool new hotel up the coast from Sydney – where we lived for a while, and I remember that I was impressed by the modern styling and furniture in the hotel. Most of it was of Italian design. Designers then used bright colors. Things were not extravagant, but objects and furniture were interesting, less ordinary. Being in Australia at the time, was interesting, because it was, as a country, still isolated from the creative effervescence that was gripping cities like New York, London, Milan and Paris. So I had to make a determined effort to understand what was going on elsewhere. I read all the Italian design magazines I could get hold of (without actually purchasing!) in my after-school job on a Sydney newspaper stand. These images left a lasting impression on me. Now, with hindsight, I can’t say that I liked the particular shapes, colors, plastics etc. that were used, but the spirit of those years made a definite impression on the adolescent that I was. As a kid obsessed with designing and making things, post-war Italian design was a huge source of inspiration. I was amazed by the seamless ability of designers and industry to produce every conceivable type of industrial product, from furniture to automobiles. My own career has undoubtedly been influenced by the Italians’ impact on so many areas of design. Which was the Italian designer you were more influenced by and why? Of course the old school – people like Achille Castiglioni, Ettore Sottsass, Enzo Mari, and sometimes artists, rather than designers… people like Bruno Munari. When did start your design relation with marble? Marble is a material that most people would think anachronistic, out of context in modern product design. I wanted to do something different with this noble material. It is classic and has been with us for thousands of years and in my projects I am always thinking about how to create timeless objects, and marble is totally synonymous with classicism. In all aspects of my work, I am thinking about the perceived value, and although marble is not inherently expensive, it has a huge perceived value. I have always loved marble. It has both mythical and sensual properties. It is very present, both physically and in terms of how it is worked.

8 DOMANDE A MARC NEWSON 8 QUESTIONS TO MARC NEWSON F StoneMagazine 20


classicità. In tutti gli aspetti del mio lavoro, cerco di pensare al valore percepito, e sebbene il marmo non sia di per sé costoso, il suo valore percepito è immenso. Ho sempre amato il marmo, le sue proprietà mitiche e sensuali. Ha una presenza forte, sia dal punto di vista fisico sia nel modo in cui è lavorato.

Either in some of your interior design (e.g. the two Qantas Lounges, the Alaia Showroom) and in the Gagosian collection of chairs, tables and shelves you extensively used Carrara marble. Why just this kind of stone? Simply that it is classically beautiful, timeless and pure.

Sia in alcuni dei suoi lavori di interior design (per esempio le Qantas Lounges, o lo showroom Alaia) come nella collezione Gagosian di sedie, tavoli, scaffali ha usato estensivamente il marmo di Carrara. Perché proprio questo tipo di pietra? Semplicemente per la sua bellezza classica, pura, senza tempo.

How came the idea to use marble as a plastic and ductile material to extrude in the Gagosian collection? I have used it in various architectural projects, where I learned a lot about it as a material, in terms of how far I could push it technically and logistically. But it was when I was planning a major exhibition of my own work for the Gagosian gallery in New York that I decided that I wanted to explore the possibilities with marble further – as fully as possible. I wanted to work out whether what I had designed could actually be made in a single piece. The extruded works are two dimensional, like drawings. I came up with a two dimensional shape and extruded it into three dimensions. I knew that a machine to do this existed and I was pretty sure that, in theory, it could be done in marble. I started to think about what else excited me about marble, apart from being able to create impossible shapes with it. It is the sheer monumental bulk of the material, its weight and robustness. when I discovered there existed a lathe big enough to turn a huge chunk of marble – that really blew me away and I used it in the production of the Lathed Tables.

Da dove è nata l’idea di usare nella collezione Gagosian il marmo come un materiale plastico e duttile da estrudere? L’ho usato in molti progetti architettonici, dove ho imparato molto su di esso come materiale, e su quanto lontano potessi spingermi sia dal punto di vista tecnico sia logistico. Ma è stato quando stavo pianificando una grande mostra per la Gagosian Gallery di New York che decisi di voler esplorare oltre con il marmo, nel modo più completo possibile. Volevo capire se quello che avevo progettato avrebbe potuto essere fatto in un unico pezzo. Le opere estruse hanno due dimensioni, come i disegni. Ho avuto l’idea di una forma a due dimensioni e l’ho estrusa in tre dimensioni. Sapevo che una macchina in grado di fare questo esisteva ed ero abbastanza certo che, in teoria, poteva farlo con il marmo. È la massa enorme del materiale, il suo peso, la sua robustezza. Quando ho scoperto che esisteva un tornio grande abbastanza per lavorare un enorme pezzo di marmo, che davvero mi spazzava via, l’ho usato per la produzione dei Lathed Tables. È mai stato a Carrara a visitare le cave storiche? Certo. Molte volte.

Have you ever been to Carrara to visit the historical quarries? Absolutely. Many times. Which was your impression? Humbling, tremendous, exciting, awe-inspiring. Have you in mind any other kind of stone to use in next projects? watch this space…

Che impressione ha ricevuto? Stupefacenti, enormi, emozionanti, mozzafiato. Ha in mente altri tipi di pietra da utilizzare nel corso di progetti futuri? Aspettate e vedrete…

F StoneMagazine 21


DESIGN_ PEOPLE

PIERO LISSONI DALLA POETICA ALL’ ETICA DEL PROGETTO FROM THE POETIC TO THE ETHIC OF DESIGN Decio G.R. Carugati

“Disegno mobili, imbottiti, lampade che immagino per una casa essenziale

“Design of furnishings, upholstered furniture, lamps that I imagine for

e naturale, che possono essere mischiati e accostati con altri elementi

a simple, natural house, that can be mixed and matched with other

senza sconvolgerne il carattere”. Dalla poetica all’etica del progetto.

elements without affecting their character.” From the poetic to the ethic of

“Il buon design riesce a nascondere i limiti, mostrando solo i pregi

design. “Good design can conceal drawbacks, revealing only the merits

di un’intrinseca peculiare identità”. Il comportamento esprime dunque

of a particular intrinsic identity.” Behavior thus expresses the meaning of

il senso del fare ideativo.

creativity.

“Nella creazione o fabbricazione di oggetti”, annota Jean Baudrillard,

As Jean Baudrillard observes, “In creating or manufacturing objects, man

“l’uomo, imponendo una forma che è cultura, diventa transustanziatore

makes himself, through the imposition of a form (i.e. through culture), into

di natura: la filiazione delle sostanze, di età in età, di forma in forma,

the transubstantiator of nature. It is the passing down of substances from

istituisce lo schema originale della creatività: creazione ab utero, con tutto

age to age, from form to form, which supplies the archetype of creativity,

il simbolismo poetico e metaforico che l’accompagna. Il senso e il valore

namely creation ab utero, and the whole poetic and metaphorical symbolic

derivano dalla trasmissione ereditaria delle sostanze sotto la giurisdizione

system that goes with it. So, with meaning and value deriving from the

della forma … Il progetto consiste in una operazione di svelamento

hereditary transmission of substances under the jurisdiction of form …

e di perpetuazione. E, poiché la forma circoscrive l’oggetto, in esso è

the task is to reveal and perpetuate it. So too, with the form perfectly

inclusa una minuscola parte di natura, come nel corpo umano: l’oggetto

circumscribing the object, a portion of nature is included therein, just

è fondamentalmente antropomorfico”. Design come “svelamento

as in the case of the human body: the object on this view is essentially

e perpetuazione” delle sostanze.

anthropomorphic.” This is design as the “disclosure and perpetuation”

“Precisamente”, continua Piero Lissoni, “attraverso l’interpretazione

of substances.

di un assunto tecnologico in costante e inarrestabile evoluzione,

“Precisely,” continues Piero Lissoni, “through the interpretation of a

a vantaggio del corretto svolgimento dell’azione. Design, come ricerca,

technological principle in steady, unflagging change, for the sake of the

sperimentazione di quelle levità, di quelle connessioni in cui Eames era

correct performance of the action. Design as research, experimentation

il più grande, del gusto del semplice, vissuto e goduto, di una curiosità

of those levities, those connections at which Eames was the greatest, the

a trecentossessanta gradi. Guai alla finta onestà intellettuale per cui da

taste for simplicity, lived and enjoyed, with an omnivorous curiosity.

una parte viene ricercato il nesso tra forma e funzione e dall’altra, proprio

woe to the fake intellectual honesty that pretends to research the

in funzione di questo, viene distorto ogni legame con la realtà. La qualità è

relationship between form and function while, precisely because of this, all

nei modi del fare, non del mistificare”.

ties with reality are distorted. Quality lies in ways of doing, not mystifying.”

Nel 1986 Piero Lissoni fonda con Nicoletta Canesi lo Studio Lissoni

In 1986, Piero Lissoni, with Nicoletta Canesi, founded Studio Lissoni

e Graph.X nel 1996, realizzando progetti di design industriale, graphic

and Graph.X in 1996. They created projects for industrial design, graphic

design, architettura e interni, direzione artistica e immagine coordinata.

design, architecture and interior design, art direction and corporate image.

F StoneMagazine 22


Approfondimenti/See more at Per ulteriori informazioni su Piero Lissoni For more information on Piero Lissoni

www.fstone.tv /design

DESIGN, COME RICERCA, SPERIMENTAZIONE DI QUELLE LEVITÀ, DI QUELLE CONNESSIONI IN CUI EAMES ERA IL PIÙ GRANDE, DEL GUSTO DEL SEMPLICE, VISSUTO E GODUTO, DI UNA CURIOSITÀ A TRECENTOSSESSANTA GRADI DESIGN AS RESEARCH, EXPERIMENTATION OF THOSE LEVITIES, THOSE CONNECTIONS AT WHICH EAMES WAS THE GREATEST, THE TASTE FOR SIMPLICITY, LIVED AND ENJOYED, WITH AN OMNIVOROUS CURIOSITY

F StoneMagazine 23


DESIGN_PEOPLE

TABLE SYSTEM, piano da lavoro in acciaio inox per Boffi TABLE SYSTEM, stainless steel worktop for Boffi

Tavolo BEAM GLASS per Porro BEAM GLASS table for Porro

Poltrona POLO per Poltrona Frau POLO armchair for Poltrona Frau

Oggi, nello Studio Lissoni Associati Milano + Graphx, circa settanta tra architetti,

Today the Studio Lissoni Associati Milano + Graphx employs about seventy

designer e grafici progettano soluzioni per marchi prestigiosi, tra i quali: Alessi,

architects, designers and graphic artists who design for brands which include

Boffi, Cappellini, Cassina, Flos, Fritz Hansen, Kartell, Knoll International, Poltrona

Alessi, Boffi, Cappellini, Cassina, Flos, Fritz Hansen, Kartell, Knoll International,

Frau, Porro, Tecno. Con incursioni nel campo della moda per Elie Tahari e

Poltrona Frau, Porro and Tecno, together with forays into the fashion for Elie

Gruppo Benetton. Nel 2005 Piero Lissoni consegue il premio Hall of Fame of

Tahari and Benetton. In 2005 Piero Lissoni was inducted into the Hall of Fame of

Interior Design a New York e, nel 2006 con Table System per Boffi riceve il Best

Interior Design in New York and in 2006, with his Table System for Boffi, he was

Kitchen Award di “Elle Decor” e il Good Design Award del Chicago Atheneum

honored with the Best Kitchen Award by Elle Decor and the Good Design Award

Museum of Architecture. Il tavolo Beam Glass per Porro figura, l’anno seguente,

of the Chicago Athenaeum Museum of Architecture. The Beam Glass table for

alla mostra sul design italiano “50+2Y Italian Design” al National Art Museum

Porro appeared the following year in the exhibition on Italian design “50+2Y

of China di Pechino.

Italian Design” at the National Art Museum of China in Beijing.

“Non mi piace sprecare i materiali, ancor più se direttamente reperibili in natura.

“I don’t like wasting materials, especially if they are found directly in nature.

Quando mi capita di usare pietra o marmo, cerco sempre di significarne il

whenever I happen to use stone or marble, I always try to bring out their quality,

pregio, che non dipende da un’arbitraria classificazione tipologica. Piaccia o non

which does not depend on an arbitrary typological classification. whether we like

piaccia, occorre riconoscere la nobiltà di tutti i materiali lapidei, nessuno escluso,

it or not, we have to recognize the nobility of all natural stone materials without

rispettarne la dignità, così spesso abusati nello sconsiderato impiego in forma

exception and respect their dignity, so often abused by their irresponsible use

di piastrelle da pavimentazione. So bene come le dimensioni, il peso, lo spessore

in the form of floor tiles. I clearly understand how the dimensions, weight and

delle lastre sono invece da sempre misura di considerazione. Oggi, non più

thickness of stone slabs are always points to be given due attention. Today it

giustificati. Appena posso cerco di rappresentare l’anima dei materiali, riducendo

is no longer justified. I try to represent the soul of the material, removing the

lo spessore a 3-4 millimetri. Con l’accoppiamento a supporti tecnologici, pannelli

useless weight and reducing the thickness to 3–4 millimeters. In combination

in carbonio composito, li manlevo del peso inutile, preferendo l’eccellenza

with technological supports, panels in carbon composite, I redeem them from

all’eccedenza. Non tento una mimesi, non opero un falso. Il sorprendente effetto

useless burdens, preferring excellence to excess. I do not attempt a mimesis,

di levità non snatura i componenti della connessione, anzi ne esalta le valenze

I don’t present a fake. The surprising effect of lightness does not denature the

estetiche. Il design, in tal caso, svela e perpetua l’essenza delle sostanze.

components of connection. In fact it enhances their aesthetic values. In this case

I supporti possono essere altri e, di volta in volta, i più opportuni, ma è

design reveals and perpetuates the essence of substances. The supports may

importante stabilire che il criterio è applicabile senza alcun discrimine, quando

vary from time to time as appropriate, but it is important to establish that the

proprio le peculiari imperfezioni di tutti i materiali naturali ne distinguono la

criterion is applicable without discrimination, when the specific imperfections

bellezza dell’anima. Pensiamo alla follia che, tempo addietro, nella produzione

of all natural materials reveal the beauty of the soul. Think of the madness that

carrarina, faceva ritenere di seconda, terza, quarta scelta, il Bardiglio, peraltro

some time back led to Bardiglio being relegated to second, third or fourth choice,

un marmo meraviglioso dai variegati toni grigi, persino bluastri, solo perché

when it’s a wonderful marble varied with gray or even bluish tones. And just

assumendo le colorazioni dovute alle infiltrazioni non rispetta i canoni estetici

because the coloration due to infiltrations does not satisfy the aesthetic canons

del Bianco statuario P. Oppure, in altro campo, alla scarsa valutazione della pietra

of Bianco P marble. Or, in another field, the low rating of pietra serena, a cheap

serena, una arenaria di basso costo, per le piccole concrezioni interne, stimate

sandstone, because its small internal concretions are seen as defects, though

difetti, anche se proprio ne connotano il pregio. La pietra è pietra, non è plastica.

they are actually a merit. Stone is stone, not plastic. It is identified with infinite

È l’idea stessa di una infinita durevolezza, di una incorruttibile poesia”.

durability, imperishable poetry.”

Nell’equilibrio formale, il design di Yule, il nuovo tavolo di Piero Lissoni per Porro,

In its formal balance, the design of Yule, the new table by Piero Lissoni for Porro,

riconosce la nobiltà del materiale marmo, della “minuscola parte di natura”

acknowledges the nobility of marble, and the “tiny part of nature” embodied in

inclusa nell’oggetto.

the object.

F StoneMagazine 24


YULE, tavolo per Porro YULE, table for Porro

F StoneMagazine 25


ART_ PEOPLE

GHEORGHI FILIN DA PIÙ DI VENT’ANNI SCULTORE RESIDENTE NEL MONDO FOR OVER TWENTY YEARS A SCULPTOR RESIDENT IN VARIOUS PARTS OF THE WORLD

Pier Giorgio Balocchi Nato nel 1953 in Bulgaria, da più di vent’anni scultore residente nel mondo, ma stanziale in Avenza – che è una frazione tra Carrara e il mare – Gheorghi Filin ha prodotto, pensato, ideato e scolpito un’impressionante serie di opere monumentali, dove la capacità 1

tecnica è strettamente connessa con la poesia. Oltre ad aver “cavato dal marmo, per forza d’arte, cantici di poesia”, come recita un’antica lapide nel centro storico di Carrara, Filin ama andarsene a scolpire le sue immagini di sogno e materia in luoghi dove sognare sembra veramente facile: così che il viaggiatore che arriva in Dubai o negli Emirati o in certe parti della Cina (per esempio a Guilin), si trova improvvisamente di fronte ai capolavori di questo artista, spesso schivo ed elusivo, poco propenso a frequentare salotti, ma perennemente all’opera negli atelier di Carrara.

Born in 1953 in Bulgaria, for over twenty years a sculptor resident in various parts of the world but at home in Avenza, a suburb between Carrara and the sea, Gheorghi Filin has produced, conceived, designed and sculpted an impressive series of monumental works in which technical skill is closely bound up with poetry. In addition to “carving poetry from marble by the force of art,” as an ancient tombstone in the center of Carrara states, Filin loves to travel and sculpt his images of dreams and matter in places where it would seem really easy to dream. A traveler arriving in Dubai or the Emirates or in certain parts of 2

China (for example Guilin), suddenly finds himself before a masterpiece by this artist. He is often shy and elusive, one who shuns fashionable occasions, but works steadily away in studios in Carrara.

1 L’artista al lavoro The sculptor at work 2 FLYING ON THE wATER, granito, h 9 m, Guilin, Cina FLYING ON THE wATER, granite, h 9 m, Guilin, China

F StoneMagazine 26


Per approfondimenti Per consultare ulteriori rubriche sui maestri dell’arte.

www.furrer.it

FILIN AMA ANDARSENE A SCOLPIRE LE SUE IMMAGINI DI SOGNO E MATERIA IN LUOGHI DOVE SOGNARE SEMBRA VERAMENTE FACILE

3

FILIN LOVES TO TRAVEL AND SCULPT HIS IMAGES OF DREAMS AND MATTER IN PLACES WHERE IT WOULD SEEM REALLY EASY TO DREAM

3 FLYING ON THE wATER, granito, h 9 m, Shanghai, Sculpture Park, Cina FLYING ON THE wATER, granite, h 9 m, Shanghai, Sculpture Park, China

4 COSMIC SYMPHONY, marmo statuario, h 65 cm, Taipei, Taiwan, Repubblica di Cina COSMIC SYMPHONY, statuary marble, h 65 cm, Taipei, Taiwan, Republic of China 5 VELA, marmo statuario, h 70 cm, Hualien, Taiwan, Repubblica di Cina SAIL, statuary marble, h 70 cm, Hualien, Taiwan, Republic of China

4

5

F StoneMagazine 27


ART_PEOPLE

Come è facile immaginare, il territorio che da Bocca di Magra si spinge fino

As you can imagine, the territory that extends from Bocca di Magra to the

alle pinete di Viareggio offre agli artisti di tutto il mondo infinite occasioni

pinewoods of Viareggio offers artists from all over the world countless

di lavoro – e non solo – per le numerose fonderie, le grandi segherie

opportunities for work (as well as much else) because of the many

del marmo e i molti atelier sparsi al cospetto delle Apuane.

foundries, the great marble-cutting yards and the many workshops scattered

La piazza della Piccola Atene (Pietrasanta) o quella della più ruvida Carrara

around the Apuan Alps.

si animano spesso di piacevoli “scene di conversazione” tra artisti di

The piazza of Little Athens (Pietrasanta) or that of rougher Carrara often

ogni lingua e paese: tant’è che nel giro della scultura si dice che la lingua

come to life with absorbing conversations between artists of all languages

internazionale è l’italiano… con accento della costa toscana.

and countries: so much so that within in the circle of sculptors it is said that

Gheorghi Filin è uno di questi uomini di marmo: alto e severo ma pronto

the international language is Italian spoken with the accent of the Tuscan

a improvvisarsi allegro e romantico compagno di nottate di canzoni e

coast. Gheorghi Filin is one of these men of marble: tall and stern yet ready

discussioni d’arte…, ma sempre con il pensiero a qualche sua creazione

to show himself a cheerful and romantic companion of nights of songs and

che è andata a posarsi come un’ala di farfalla su di un magico lago cinese.

discussions about art, but always with the thought of one or other of his

Gheorghi Filin rappresenta molto bene quella tradizione, scintillante di

creations which comes and alights like a butterfly wing on some magical

tecnica e brillante di creatività, che ama portare a compimento le proprie

Chinese lake. Gheorghi Filin represents that tradition closely, sparkling

opere come veri e propri gioielli senza tempo, nell’atmosfera magica

with technique and brilliant creativity, as one who loves to bring his works

di questo territorio tutto da percorrere e scoprire.

to completion like true timeless jewels, in the magical atmosphere of this territory which waits to be discovered and explored.

F StoneMagazine 28


VELA NEL DESERTO, marmo, h 4,4 m, Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti SAIL IN THE DESERT, marble, h 4.4 m, Abu Dhabi, United Arab Emirates

TOwARDS INFINITY, scultura cinetica, granito, h 6 m, Shanghai Sculpture Park, Cina TOwARDS INFINITY, kinetic sculpture, granite, h 6 m, Shanghai Sculpture Park, China

SIRENA, marmo , l 9,9 m, Shanghai, Sculpture Park, Cina MERMAID, marble , l 9.9 m, Shanghai, Sculpture Park, China

F StoneMagazine 29


ART_ PLACES

TORANO “A

Pier Giorgio Balocchi - Foto/Photos: Antonio Cozza

M

O

R

E

M

I

O”

È molto facile innamorarsi a Torano. Forse, per l’estrema gentilezza di chi, senza farsene accorgere, ti innaffia talvolta i fiori (che tu ahimè trascuri). Forse perché chiunque incontri non manca mai di ricambiarti il saluto: in modo frettoloso o anche un po’ scontroso e asciutto, “alla toranese” appunto, ma sempre con un sorriso lieve che sa di benvenuto. Anche se, a dire il vero, il carattere aspro dei toranesi non è leggenda: chi sceglie di venire a ritagliarsi uno spazio di vita 2

e d’amore quassù, deve esserne ben convinto. E dunque perché “Torano Amore Mio”?

La mostra di scultura nacque dodici anni fa dalla volontà di un gruppo di amici scultori e fu un evento quasi magico: negli anni è cresciuta fino a divenire un evento di nicchia nel panorama delle esibizioni di scultura internazionale. È una mostra portata avanti da un coraggioso gruppetto di toranesi autoctoni e importati, che ha ritenuto giusto e doveroso continuare, “per forza e per amore” come si dice dalle mie parti in Contrada. È anche un simbolo o la citazione della mostra che a Montepulciano nei primi anni settanta del secolo scorso vide la partenza di un gruppo di giovani che sarebbero diventati protagonisti nell’arte. È un atto, un gesto, un’affermazione solenne nella vita di tutti noi.

It’s easy to become enamored of Torano. Perhaps because of the extreme kindness of those who, surreptitiously, sometimes water your flowers (which you have sadly neglected). Perhaps because everyone you meet unfailingly returns your greeting, hurriedly or even rather sourly and dryly, in “Toranese style,” but always with a slight smile which extends a welcome. To tell the truth, the rugged character of the Toranesi is no legend. Anyone who chooses to come and carve out a space for living and loving here will have to be acting from conviction. So what’s behind “Torano Amore Mio”? The sculpture event was founded twelve years ago by a group of sculptors and friends. It is an almost magical exhibition: over the years it has grown and established itself as a niche event in the world of international sculpture 1

exhibitions. Now it is an exhibition organized by a courageous small group of native and adopted Toranesi, who decided it was right and proper to keep it going, per forza e per amore as they say in my parts in Contrada.

1 La VELA di Filin a Torano, 2010 Filin’s SAIL in Torano, 2010 2 Choi Yoon Sook, NIKE, 2008 Choi Yoon Sook, NIKE, 2008 3 Simonetta Baldini, 10 ANNI, 2008 Simonetta Baldini, 10 YEARS, 2008

F StoneMagazine 30

It is also a symbol or a citation of an exhibition at Montepulciano in the early 1970s, which saw the departure of a group of young talents who eventually became leading figures in the art world. It is an act, a gesture, a solemn affirmation in the lives of all of us.


AMORE MIO A

M

O

R

E

M

I

O

A

M

O

R

E

M

I

O

F StoneMagazine 31 3


Prendendo, ancora, esempio dalla raffinatezza di Batignano, dove per volontà dei fondatori i concerti della squisita Musica nel Chiostro non si fotografavano né registravano, Torano non “partecipa” di grandi situazioni pubblicitarie. Va cercata e trovata. Per chi non avesse mai visto né un’edizione della mostra né sfogliato un catalogo, si precisa quanto segue: Torano è un piccolo villaggio posto tra Carrara e le cave. Circa cinquecento abitanti, molti artisti residenti e moltissimi che arrivano migrando nella stagione della scultura. Le prime cave risalgono al I secolo a.C., sotto il segno di Luni. Torano viene citato nella forma attuale nel 1099. In seguito il villaggio diventa – nel Rinascimento e più ancora nel barocco – uno dei punti nevralgici della “gente del marmo”, avendo un apice nel neoclassicismo. In questi momenti gli scultori di Torano, quali Domenico Guidi, Giuliano Finelli, Pietro Tenerani e molti altri, lavorano in ogni parte dell’Italia e dell’Europa, mentre emergono famiglie come i Fabbricotti, che diventeranno veri simboli del marmo nel mondo. Nell’ultimo ventennio del secolo scorso Torano riscopre infine la sua volontà di scultura. Non è un paesino pettinato come sono diventati ahimè tanti villaggi del Chiantishire (chi scrive è senese…), ma decisamente merita una visita, in particolare quando si anima di sculture che parlano tutti i linguaggi e appaiono all’improvviso nelle piccole piazze, nelle viuzze, accanto alla fontanina che butta acqua o al campanile che continua a suonare, “Notte e Giorno”.

Again taking an example from the refinement of Batignano, where the founders decided that the concerts of the exquisite Musica nel Chiostro should not be either photographed or recorded, Torano shuns major advertising campaigns. It needs to be sought out. For those who have never seen the exhibition or browsed through a catalog 1

of it, the following details will be useful. Torano is a small village between Carrara and the quarries. It has some five hundred

inhabitants, with many resident artists and others who arrive in the sculpture season. The earliest quarries date back to the first century B.C., under the aegis of Luni. Torano is mentioned in its current form in 1099. Later, in the Renaissance and even more the Baroque, the village became one of the focal points for marble workers, peaking in neoclassical times. In these periods, sculptors from Torano, such as Domenico Guidi, Giuliano Finelli, Pietro Tenerani and many others, worked in many parts of Italy and Europe, while families such as the Fabbricotti grew to prominence and were seen as true representatives of marble and were famous worldwide. In the last two decades of the twentieth century Torano finally rediscovered sculpture. It is not a carefully groomed village the way so many villages in Chiantishire unfortunately now are (the writer is Sienese) but definitely worth a visit, especially when it is animated with sculptures that speak all sorts of languages and appear suddenly in the little squares, in side streets or next to the fountain spurting water or the campanile which keeps ringing “Night and Day.”

1 Opere di Maki Nakamura, 2008 Works by Maki Nakamura, 2008

F StoneMagazine 32

2 Germana Pellegrini, GATTA IN ATTESA, 1968 Germana Pellegrini, CAT WAITING, 1968

Ferit Ozsen, ADEN VE HAVVA, 1989 Ferit Ozsen, ADEN VE HAVVA, 1989


Hunkar Yilmaz, BEKLEYENLER, 2010 Hunkar Yilmaz, BEKLEYENLER, 2010

F StoneMagazine 33 2


ART_ EVENTS

XIV Biennale Internazionale di Scultura di Carrara

History Libero Andreotti, Leonardo Bistolfi, Aldo Buttini, Arturo Dazzi, Lucio Fontana, Arturo Martini, Fausto Melotti, Alina Szapocznikow, Dymitr Szwarc, Adolfo Wildt, Wu Huibao & Wu Maoquan Present Carl Andre, Giorgio Andreotta Calò, Huma Bhabha, Rossella Biscotti, Monica Bonvicini, Carlos Bunga, Cai Guo-Qiang, Valentin Carron, Maurizio Cattelan, Marcelo Cidade, Nemanja Cvijanović, Sam Durant, Urs Fischer, Yona Friedman, Cyprien Gaillard, Antony Gormley, Thomas Houseago, Daniel Knorr, Terence Koh, Liu Jianhua, Paul McCarthy, Ohad Meromi, Gustav Metzger, Deimantas Narkevicius, Kristina Norman, Damián Ortega, Santiago Sierra, Rirkrit Tiravanija, Kevin van Braak, Yelena Vorobyeva, Viktor Vorobyev, Gillian Wearing, Yerbossyn Meldibekov, Nurbossyn Oris, Artur Zmijewskii Architecture Asymptote, Norman Foster + Partners, Studio Fuksas, Frank O.Gehry, Zaha Hadid, Daniel Libeskind, MVRDV+ADEPT, Jean Nouvel Workshop and Performance Nevin Aladag, Vanessa Beecroft, Grzegorz Kowalski, Zorka Wollny

F StoneMagazine 34


Approfondimenti/See more at Biennale Internazionale di Scultura di Carrara

www.fstone.tv /art

Valentin Carron, UNTITLED, 2009, legno, acciaio zincato, pittura Valentin Carron, UNTITLED, 2009, wood, galvanized steel, paint

F StoneMagazine 35


ART_EVENTS

1

2

3

4

POSTMONUMENT

IL MONUMENTO CAMBIA REGISTRO THE MONUMENT CHANGES REGISTER Francesca Zuddio Trentatré artisti internazionali, tra cui star e giovani promesse, ventisei

Thirty-three international artists, including stars and youthful promises,

nuove produzioni, dieci sedi espositive, una sezione storica e una dedicata

twenty-six new productions, ten exhibition venues with a section devoted

all’architettura contemporanea, un ciclo di workshop e performance, questo

to historical and contemporary architecture and a series of workshops and

è “Postmonument”, la XIV Biennale Internazionale di Scultura di Carrara,

performances. This is “Postmonument,” the 14th International Biennale of

curata da Fabio Cavallucci, in svolgimento nel capoluogo toscano fino

Sculpture in Carrara, curated by Fabio Cavallucci, being held in the Tuscan

al 31 ottobre 2010.

city until October 31, 2010.

La XIV Biennale Internazionale di Scultura offre a Carrara una significativa

The 14th International Biennale of Sculpture in Carrara offers important food

occasione di riflessione. La città del marmo, materia prima privilegiata nella

for thought. The city of marble, the raw material first favored for artworks by the

produzione artistica dei grandi scultori del passato, è posta al centro di un’analisi

great sculptors of the past, is the focus of a historical, sociological and political

storica, sociologica e politica. Il filo rosso della XIV Biennale Internazionale di

analysis. The underlying theme of the 14th International Sculpture Biennale is the

Scultura è infatti il tema del monumento o, meglio, quello del radicale processo

monument, or rather the radical process of demonumentalizing sculpture that

di de-monumentalizzazione che ha svincolato la scultura dalle finalità celebrative

has liberated it from the commemorative functions of the past. Once a monument

del passato. Da sempre emblema del potere forte e strumento di omologazione

was a traditional symbol of power and a means for fostering consensus, as well

delle masse, ma anche tassello insostituibile nella costruzione della memoria

as an irreplaceable contribution to the construction of the collective memory. Yet

collettiva, il monumento è divenuto – dalla fine del secolo scorso – il bersaglio

by the end of the last century the monument had become the main target of riots

principale di rivolte e rivoluzioni. Una vera e propria furia iconoclasta ha spesso

and revolutions. The downfall of undemocratic regimes, as in the Soviet Union or

simbolicamente segnato i momenti di liberazione dai regimi antidemocratici,

Iraq, was often symbolically celebrated by a veritable iconoclastic fury. However,

pensiamo all’Unione Sovietica o all’Iraq. Tuttavia, forse, il concetto

perhaps the concept of monumentality was not completely exhausted, its register

di monumentalità non si è completamente esaurito, ha semplicemente

had simply changed.

cambiato registro.

F StoneMagazine 36


6

5

7

In mostra il tema è introdotto da un’ampia sezione storica, che affianca esempi

The theme of the exhibition is introduced by a historical section of broad scope

di scultura simbolista di fine Ottocento a opere del Ventennio fascista e a effigi

which presents examples of late nineteenth-century Symbolist sculpture, Fascist

del realismo socialista. La parte centrale dell’esposizione è costituita dalle opere

monuments and Socialist Realism. The central part of the exhibition consists of

di trentatré artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo: star internazionali

works by thirty-three contemporary artists from around the world: international

come Cai Guo-Qiang, Maurizio Cattelan, Paul McCarthy, Damián Ortega,

stars such as Cai Guo-Qiang, Maurizio Cattelan, Paul McCarthy, Damián Ortega,

Santiago Sierra, Gillian Wearing e giovani promesse. Ben ventisei degli artisti

Santiago Sierra, Gillian Wearing, as well as youthful talents. No fewer than

invitati presentano per l’occasione nuove produzioni, concepite dopo una più

twenty-six guest artists presented their new works, conceived after gaining a

approfondita conoscenza della realtà del territorio carrarese e nella maggior

fuller knowledge of the Carrara region and in most cases produced in workshops

parte dei casi realizzate nei laboratori della città. Una riflessione parallela è inoltre

in the city. A parallel development is also offered by the architecture section

offerta dalla sezione architettura, che attraverso maquette e progetti inediti di

with new projects and maquettes by seven world-famous architects and firms

sette architetti e studi di fama mondiale (nomi come Norman Foster, Massimiliano

(such as Norman Foster, Massimiliano Fuksas, Jean Nouvel, Frank Gehry and

Fuksas, Jean Nouvel, Frank Gehry, Zaha Hadid) introduce una nuova chiave di

Zaha Hadid). This introduces a new key to the interpretation of the concept of

lettura per il concetto di monumentalità, poiché sembra che oggi sia l’architettura

monumentality, since it seems that architecture today embodies the desire for

a dar corpo a quel desiderio di maestosità un tempo demandato alla scultura.

grandeur that was once delegated to sculpture. Finally, a series of workshops

Infine, un ciclo di workshop e performance rilegge il tema da un nuovo punto

and performances reinterprets the theme of the exhibition from a new point of

di vista, quello della performance appunto, linguaggio antimonumentale

view, that of performance, a supremely anti-monumental language.

per eccellenza.

Also of outstanding interest is the choice of the exhibition venues.

Interessante anche la scelta delle sedi espositive. Cave, musei, piazze,

They include quarries, museums and squares, as well as ancient and modern

ma anche antichi e nuovi laboratori di scultura e vecchie segherie, luoghi che

sculpture workshops and old stone sawmills, places that have made the artistic

hanno fatto la storia artistica ed economica della città, metafore piene di fascino

and economic history of the city, richly evocative metaphors of the crisis in

della crisi del marmo e soprattutto delle sue lavorazioni. Mostrare questi luoghi

marble and especially of its working. Revealing these places and making them

e farli conoscere ha il senso della ripresa di un dialogo con il passato verso

better known is a way of recreating a dialogue with the past with an eye

mete future.

to future goals.

1 Kevin van Braak, LA FACCIATA, 2010, installazione in legno Kevin van Braak, THE FACADE, 2010, installation in wood 2 Zaha Hadid Architects, ORCHIS, 2010 marmo Zaha Hadid Architects, ORCHIS, 2010 marble 3 Sezione HISTORY, veduta delle opere HISTORY section, view of the works 4 Sezione ARCHITECTURE, veduta di insieme ARCHITECTURE section, overall view

5 Adolfo Wildt, MASCHERA DI MUSSOLINI, 1923-1925, marmo su lavagna Adolfo Wildt, MASK OF MUSSOLINI, 1923–1925, marble on slate 6 Santiago Sierra, NO, 2010, marmo bianco di Carrara Santiago Sierra, NO, 2010, Carrara white marble 7 Terence Koh, BOY BY THE ROMAN SEA, 2010, marmo Terence Koh, BOY BY THE ROMAN SEA, 2010, marble

F StoneMagazine 37


ART_ PEOPLE

INTERVISTA A FABIO CAVALLUCCI Curatore della Biennale di Carrara 2010 Francesca Zuddio

Interview with Fabio Cavallucci, curator of the 2010 Carrara International Sculpture Biennale

Com’è nato il tema della fine e della possibile rinascita della monumentalità? Partendo dal presupposto che la Biennale si svolge in una città di provincia, lontana dai circuiti internazionali, bisognava trovare un argomento che pur avendo un rapporto con il territorio fosse di interesse globale. La tematica del monumento si legava bene al marmo e a Carrara ma, essendo inscindibile dall’idea di storia e dal concetto di memoria, poteva acquistare un significato globale.

Why did you choose the theme of death and a possible return to monumental sculpture? Given that the Biennale is held in a provincial town, off the international tourist circuits, we needed to find a theme that was closely related to the region yet global in interest. The theme of the monument ties in well with Carrara marble, but it’s inseparable from the idea of history and the concept of memory, so it could well have a global relevance.

Qual è il rapporto tra le diverse sezioni della Biennale? La parte storica non vuole essere una vera e propria sezione ma solo una suggestione che apre alla parte più importante, quella degli artisti contemporanei impegnati a realizzare nuove produzioni. Visto il tema bisognava andare a vedere cosa ha rappresentato la monumentalità in passato non solo in Italia e in Europa, ma anche in paesi “lontani”, come la Cina. Il tema dell’architettura è presente perché i nuovi monumenti non sono sculture ma edifici. Pensiamo a musei come il Guggenheim di Frank Gehry a Bilbao o il Maxxi di Zaha Hadid a Roma, ma anche ai grandi grattacieli costruiti dalle archistar: sono opere che rappresentano la nostra società e verso le quali c’è un riconoscimento pubblico e politico.

How do the different sections of the Biennale connect? The historical part is not intended as a real section but only an evocation which introduces the most important part, dealing with contemporary artists engaged in creating new works. Given the theme we had to go and see what monumentality represented in the past not only in Italy and Europe but also in countries farther afield such as China. The theme of architecture is present because the new monuments are not sculptures but buildings. Think of museums like the Guggenheim Bilbao by Frank Gehry or the Maxxi in Rome by Zaha Hadid. Or think of the highest skyscrapers built by the archistars. They’re works that represent our society, there’s public and political recognition of this fact.

Com’è stato accolto l’evento? Ha avuto ampia eco sulla stampa di tutto il mondo e un ottimo successo di critica, tanto che c’è già chi lo definisce l’evento di arte contemporanea dell’anno. In effetti, la simultanea presenza di artisti del calibro di Maurizio Cattelan, Santiago Sierra, Antony Gormley, Paul McCarthy, Yona Friedman, Rirkrit Tiravanija – che partecipano con opere inedite – è un evento rarissimo. Anche il pubblico ha risposto bene, specie in certi momenti: in tanti si sono messi in coda per assistere alla performance di Vanessa Beecroft.

How was the event received? It was widely reported in the world press and enjoyed great critical success. Some people are already describing it as the contemporary art event of the year. Indeed, the simultaneous presence of artists such as Maurizio Cattelan, Santiago Sierra, Antony Gormley, Paul McCarthy, Yona Friedman and Rirkrit Tiravanija, who took part with new works, was a rare event. The public responded very positively, especially at certain times. Lots of people queued to watch Vanessa Beecroft’s performance.

Visto il successo, starà già pensando a un tema per la prossima Biennale… Al contrario, penso che proprio nel caso in cui il risultato finale sia buono non bisognerebbe occuparsi una seconda volta della stessa cosa, si rischia di perdere in freschezza e di ottenere un prodotto fiacco. Mi hanno proposto di dirigere il Centro di Arte Contemporanea di Varsavia e credo che accetterò, però mi piacerebbe dare continuità all’esperienza della Biennale. Per questo ho dato all’amministrazione la mia disponibilità a seguire la nascita di un centro di creazione e di creatività a Carrara, un nuovo progetto al quale i privati, le aziende di estrazione e lavorazione del marmo, potrebbero dare un importante contributo.

Given the success, you must already be thinking about a theme for next year’s Biennale… On the contrary, I think that when you’ve had a success it’s a good idea to turn your hand to something else. You risk getting stale and doing something weak. I’ve had an offer to direct the Contemporary Art Center in Warsaw and I think I’ll accept. But I’d like to give continuity to the Biennale experience. So I told the management I would be my willing to oversee the foundation of a center for creation and creativity in Carrara, a new project to which the private sector, meaning the companies that quarry and work marble, could make an important contribution.

C’È GIÀ CHI LO DEFINISCE L’EVENTO DI ARTE CONTEMPORANEA DELL’ANNO… SOME PEOPLE ARE ALREADY DESCRIBING IT AS THE CONTEMPORARY ART EVENT OF THE YEAR…

F StoneMagazine 38


Maurizio Cattelan, UNTITLED, 2010, marmo di Carrara Maurizio Cattelan, UNTITLED, 2010, Carrara marble

F StoneMagazine 39


ART_EVENTS

XIV Biennale Internazionale di Scultura di Carrara

CARNE E POLVERE SOTTO LE CAPRIATE

FLESH AND DUST BENEATH THE TRUSSES Pier Giorgio Balocchi

Chissà se la folla ordinatamente in fila davanti ai portoni storici di Nicoli, per assistere all’evento di Vanessa, aveva mai visto prima un laboratorio di scultura? E chissà se una delle tante “ragazze di San Frediano” (le modelle di Bartolini a Firenze) aveva mai posato direttamente dentro il fantastico capannone? Quando Arturo Martini scolpiva la Donna che nuota sott’acqua ci sarà stata una giovinotta carrarina o marinella che, usciti gli operai e con la signora Franca (nonna di Francesca) assai lontano, posava? Va beh, di eteree immagini femminili di gesso o di marmo, gli studi degli scultori sono pieni: talvolta di carne, tra mogli, altre mogli, amanti, modelle, figlie, mamme e nonne... ed ecco che finalmente nel panorama della Carrara del terzo millennio è comparsa questa determinatissima Vanessa (genovese come la già citatata Franca) a sconvolgere i polverosi spazi del più celebre e antico Atelier di scultura del marmo. Piace pensare che la mitica musa inquietante dei tempi andati, la Louise Bourgeois che tutti noi amiamo, abbia sorriso dall’alto con gioia a questa nuova provocazione- conclamazione. Grazie a Vanessa e Francesca. E ancora, per l’ottima regia di Fabio Cavallucci, gentile romagnolo che viene da molti indicato come l’uomo da tenere d’occhio nel futuro della critica d’arte internazionale, si sono presentati a Carrara alcuni dei più importanti protagonisti di questi tempi inquieti dell’arte contemporanea. Tra le ninfe scalze e ignude della Beecroft, adagiate nella storica polvere dello Studio Nicoli e l’opera di Cattelan, ossia la tomba che Craxi probabilmente avrebbe voluto davvero, Cavallucci ha composto con raffinatezza un mosaico di tessere di marmo, assolutamente di rilievo. E ha scosso violentemente l’estate incantata di questa Carrara talvolta sonnacchiosa presentando una situazione di prestigio che sembra quasi la risposta che la rustica città del marmo voleva dare da tempo a Pietrasanta, sorella agghindata in griffati prendisole fortemarmini. Goodness knows whether the crowd queuing patiently outside the historic gates of the Nicoli Studio workshop to attend Vanessa’s event had ever seen a sculpture studio before? And who knows if one of the many “Girls of San Frediano” (Bartolini’s models in Florence) had ever posed directly in the fantastic factory? When Arturo Martini sculpted Woman Swimming Underwater was there some young woman from Carrara or Marina, who posed after the workers left and posed with Signora Franca (Francesca’s grandmother) far away? True, sculptors’ studios are full of ethereal female images in plaster or marble: sometimes in flesh and blood, between wives, other wives, lovers, models, daughters, mothers and grandmothers… And finally at Carrara in the third millennium there appeared that very determined Vanessa (Genoese, like Franca mentioned above) and disturbed the dusty spaces of the most famous and ancient marble sculpture workshop. I like to think that the disquieting mythical muse of bygone times, the Louise Bourgeois whom we all love, smiled with joy from the height of this new provocation and acclamation. Thank you Vanessa and Francesca. And again, under the excellent directorship of Fabio Cavallucci, a gentle Romagnolo indicated by many as the man to watch in the future of international art criticism, some of the most important players in these troubled times for contemporary art were presented in Carrara. Between Vanessa Beecroft’s barefooted and naked nymphs, reclining in the historic dust of the Studio Nicoli and the work of Cattelan, the tomb that Craxi would probably have really liked for himself, Cavallucci composed a refined mosaic of marble tiles of the greatest significance. And he rocked this enchanted summer at Carrara, a town that can be soporific, by presenting a prestigious event which seems almost to be the answer that the rustic city of marble has long wished to give Pietrasanta, its sister city dressed in designer sundresses for the inhabitants of Forte dei Marmi. F StoneMagazine 40


Studio Nicoli, Carrara Nicoli Studio, Carrara

Vanessa Beecroft. Sullo sfondo F StoneMagazine 41 Francesca Nicoli Vanessa Beecroft. In the background Francesca Nicoli


ART_EVENTS

La scultura da queste parti è anche questo: provocare per creare. Così che tra le lunghe peregrinazioni da un luogo all’altro di questa Biennale spesso “sotto le antiche capriate”, ci sembra che proprio lo scatenato evento voluto fortemente dalla scarmigliata Francesca Nicoli (che calpesta polvere di marmo e arte da quattro generazioni) sia il top della nostra lunga estate. Polvere, gessi, modelli-modelle: la cosa divertente e stimolante sarà proprio vedere nei prossimi mesi le opere (magari monumentali) in marmo che finalmente verranno scolpite dopo questi complessi momenti di spettacolo, all’insegna del Postmonument.

1

Sculpture in these parts can also mean this: being provocative in order to create. So among the long wanderings from place to place this Biennale often “under the ancient trusses,” seems to have been the lively event strongly willed into existence by the tousled Francesca Nicoli (from a family that has trodden in marble dust and art for four generations). It marked the climax to our long summer. Dust, plaster casts, models and mannequins. The amusing and challenging thing in the coming months will be to see the (perhaps monumental) works that will eventually be carved in marble after these complex moments of spectacle, under the aegis of the “Postmonument.”

1 Vanessa Beecroft e Francesca Nicoli Vanessa Beecroft and Francesca Nicoli 2 Vanessa Beecroft, VBmarmi.carrara (progetto speciale), © 2010 Vanessa Beecroft, courtesy Vanessa Beecroft Vanessa Beecroft, VBmarmi.carrara (special project), © 2010 Vanessa Beecroft, courtesy Vanessa Beecroft

F StoneMagazine 42


2

F StoneMagazine 43


CARNE E POLVERE SOTTO LE CAPRIATE FLESH AND DUST BENEATH THE TRUSSES BACKSTAGE


TECH-MATTERS_ ARCHITECTURE

LIGHT THROUGH STONE

LA LUCE ATTRAVERSA LA PIETRA MARMI CRISTALLINI E ONICI, COME MATERIALI TRASLUCENTI, CHE SI LASCIANO ATTRAVERSARE DALLA LUCE, MA NE TEMPERANO AL TEMPO STESSO INTENSITÀ E BAGLIORI CON LA PROPRIA OPACITÀ

CRYSTALLINE MARBLES AND ONYXES AS TRANSLUCENT MATERIALS WHICH TRANSMIT LIGHT BUT AT THE SAME TIME TEMPER ITS BRIGHTNESS AND GLARE BY THEIR OPACITY

Marcantonio Ragone La leggerezza di cui parla Calvino nelle Lezioni americane è certamente uno dei

The lightness mentioned in Calvino’s American Lessons is certainly one of the

valori letterari che l’autore raccomanda per il terzo millennio. Non è un caso, però,

literary values that he recommends for the third millennium. It is no accident,

che quelle riflessioni abbiano saputo ispirare a non pochi lettori e commentatori

however, that his observations have inspired many readers and commentators to

personalissime valutazioni sugli effetti che il valore della leggerezza, appunto,

produce very personal assessments of the effects that the value of lightness can

potrebbe produrre se riferito ad altri ambiti dell’attività umana.

produce when applied to other areas of human activity.

In questo senso, quindi, mi rifaccio al testo di Calvino perché mi par lecito

I am referencing Calvino’s text because I feel it is legitimate to say that

affermare che anche l’architettura abbia scelto di intraprendere la medesima

architecture has chosen to move in the same direction. At the beginning of the

direzione e di proporre, addirittura, al millennio appena iniziato un’idea della

present millennium it has fostered an idea of lightness which is quite different

leggerezza assolutamente diversa da quella del passato, soccorsa in questo

from that in the past, its effect being assisted by the design potential offered by

dalle possibilità progettuali consentite dai nuovi materiali e da tecniche costruttive

new materials and cutting-edge construction techniques.

di assoluta avanguardia.

Paradoxically, the supremely heavy material, stone, far from being neglected by

Paradossalmente, il materiale “pesante” per eccellenza, la pietra, lungi dal soffrire

the new trend, has adapted excellently, both in formal and technical terms, to

della nuova tendenza, ha saputo ottimamente adeguarsi, sia in senso formale

the new prevailing tendency in building. In some cases it has done this so well

che tecnico, al nuovo, imperante criterio del costruire moderno.

that it has actually succeeded in going far beyond the value of lightness to be

In alcuni casi lo ha fatto così bene da saper addirittura andar oltre il valore della

represented as immaterial, while still embodying the value of gravity.

leggerezza, che comunque continua a mantenere in sé la valenza della gravità,

This appears in the use of crystalline marbles and onyxes as translucent

per rappresentarsi come immateriale.

materials, i.e. ones capable of filtering the light because it passes through

Mi riferisco all’uso dei marmi cristallini e degli onici come materiali traslucenti,

them, but at the same time tempering its intensity and glare with their various

capaci cioè di filtrare la luce; perché si lasciano attraversare da essa, ma ne

degrees of opacity. They conceal the naturalness of beings and things and reveal

temperano al tempo stesso le intensità e i bagliori con i vari gradi della propria

only vague shadows or at most outlines without details when they are closest,

opacità; perché celano la naturalità di esseri e cose e restituiscono solo vaghe

because they lose their physical features (the measure of the piece and its

ombre o, tutt’al più, profili senza dettagli, quando si trovano a loro più stretto

thickness) and are regenerated in mere coloring, shimmering in the way that light

contatto; perché smarriscono la propria connotazione fisica (la misura del pezzo

itself can shimmer.

e il suo spessore) e si rigenerano in mera colorazione, cangiante quanto sa

Space no longer represents the physical limit that the mass of stone is so good

essere cangiante la luce stessa.

at defining, while the texture of the material vanishes to give place to mere

Lo spazio non registra più il limite fisico che la massa della pietra sa così

evocation.

bene definire e la consistenza del materiale svanisce per far posto a una pura suggestione.

F StoneMagazine 46


NO NR EG IST RA PIÙ IL

IL M AT ER IA LE

“P ES AN TE ”

ANDAR OLTRE FATTO COSÌ BENE DA

LO SPA ZIO

PA RA DO SS AL M EN TE

IN ALCUNI CASI LO HA

È

LIM ITE UN’I PE DEA FIS R DEL ICO EC LA L … EGG CE ERE LL ZZA EN ASS OLU ZA TAM ENT E DI VER SA D A QU ELLA DEL PAS À IT V A R G SAT LLA E D A Z N E L O A LA V É S IN E R E N E T N A M A CONTINUA

Foto/Photo: Benvenuto Saba

F StoneMagazine 47


TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

1

2

3

4

In questo dinamico e vicendevole rimando tra luce e marmo si avventurò

Gordon Bunschaft (of the SOM office) was one of the first to explore this dynamic

tra i primi Gordon Bunschaft (dello studio SOM), autore della Beinecke Rare

and reciprocal interplay between light and marble. His design for the Beinecke

Book and Manuscript Library della Yale University a New Haven, un edificio

Rare Book and Manuscript Library at Yale University, New Haven, built between

realizzato tra il 1960 ed il 1963 che affida a grandi lastre di marmo del Vermont

1960 and 1963, uses great sheets of Vermont marble to protect the ancient

la cura di proteggere antichi incunaboli e manoscritti dagli effetti dannosi che

manuscripts and incunabula from the harmful effects of direct light, while

l’illuminazione diretta potrebbe causare loro, ma che permette al tempo stesso

enabling them to be read without the least risk to their physical integrity.

la possibilità di fruirli senza metterne a rischio l’integrità.

The comment from an American architectural magazine of the period, quoted

Il commento di una rivista d’architettura americana dell’epoca, citato da Donald

by Donald Canty in his introduction to the catalog of the winners of the Marble

Canty nella sua introduzione al catalogo delle opere vincitrici del Marble

Architectural Awards USA 1985, states: “The principal interest of the building

Architectural Awards Usa 1985, afferma: “Il principale interesse dell’edificio sta

lies in its provocative use of an ancient construction material, marble, which

nell’uso provocatorio dell’antico materiale, il marmo, che ha dato all’edificio due

confers two fascinating qualities on the building: an incisive exterior, cold and

affascinanti aspetti: un esterno incisivo, freddo e di un bianco quasi accecante e,

almost blindingly white, and in surprising contrast a warm, glowing interior, richly

in sorprendente contrasto, un interno caldo, ardente, riccamente arabescato”.

patterned with arabesques.”

Molti anni dopo (siamo alla fine degli anni novanta) Kengo Kuma affronta

Many years later (we are now in the late nineties) Kengo Kuma again addressed

nuovamente il tema di come conferire leggerezza a una massa muraria in pietra.

the problem of how to endow a massive stone wall with lightness. The

L’occasione gli è offerta dallo Stone Museum, realizzato in Giappone nella

opportunity was offered by the Stone Museum, built in the Tochigi prefecture of

prefettura di Tochigi, dove volumi di nuova progettazione si inseriscono

Japan, where the volumes of the new design were inserted into a context that

in un contesto oggetto di un ampio restauro.

had been subjected to extensive restoration.

F StoneMagazine 48


6

5

BEINECKE RARE BOOK AND MANUSCRIPT LIBRARY, Gordon Bunshaft (SOM), Yale University, New Haven, 1960-1963 BEINECKE RARE BOOK AND MANUSCRIPT LIBRARY, Gordon Bunshaft (SOM), Yale University, New Haven, 1960–1963

1 Veduta esterna in una foto di Ezra Stoller View of the exterior in a photo by Ezra Stoller 2 Il volume vetrato dove sono conservati i libri The glass-covered volume where the books are kept 3 Interno diurno, particolare del rivestimento Interior by day, detail of the facing 4 Interno notturno Interior at night

7

Alcune delle nuove realizzazioni si caratterizzano per la particolare muratura in pietra di Ashino, un materiale scelto in omaggio al genius loci, “ritmicamente incisa” da sottili strisce di marmo bianco di Carrara; la discontinuità e il ritmo generati dai “tagli” annullano l’effetto di monoliticità esterna del muro e danno vita a un interno di delicati chiaroscuri, in perfetto equilibrio tra loro, grazie al passaggio della luce sapientemente mediato dalla traslucenza del marmo di Carrara.

STONE MUSEUM, Kengo Kuma & Associates, Nasu, prefettura di Tochigi, 1996-2000 STONE MUSEUM, Kengo Kuma & Associates, Nasu, prefecture of Tochigi, 1996–2000

5 Edificio d’accesso al complesso museale Building giving access to the museum complex

Some of the new structures are notable for their distinctive masonry in Ashina

6 Interno, particolare della muratura con le lastre in Bianco Carrara Interior, detail of the walls lined with white Carrara marble

incised by narrow strips of white Carrara marble. The discontinuity and rhythm

7 Veduta della sala Esposizioni View of the Exhibition Room

stone, a material chosen in homage to the genius loci, which are rhythmically generated by these incisions offset the monolithic effect of the outer walls and create an interior of delicate chiaroscuros, perfectly balanced with each other thanks to the passage of light skillfully mediated by the translucency of Carrara marble.

F StoneMagazine 49


TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

2

1

La scatola a tutto marmo è riproposta nella sua versione più aggiornata

The all-marble box reappears in its most up-to-date version in the design by

da Von Gerkan, Marg und Partner (GMP) di Amburgo, che progettano e

Von Gerkan, Marg und Partner (GMP) in Hamburg. They designed and built

realizzano per l’Expo di Hannover (quella che introduce formalmente il terzo

the Christus-Pavillon for the Hannover Expo (to formally mark the start of the

millennio) il Christus-Pavillon, contributo comune della Chiesa cattolica e

third millennium). This is a shared contribution by the Catholic and Protestant

protestante al messaggio di modernità che l’Expo intende testimoniare al

Churches, conveying a message of modernity to which the Expo was intended

mondo. L’opera è di grande semplicità progettuale ed eretta con l’ausilio di pochi

to testify before the world. The work is very simple in design and built out of

materiali; una struttura metallica che “porta”, con tecniche del tutto innovative,

a small number of materials. A metal frame uses entirely new techniques to

un involucro costituito da pannelli laminati di vetro (12 millimetri di spessore)

support a casing made of laminated panes of glass (12 millimeters thick) and thin

e marmo sottile (10 millimetri di spessore). Le necessità progettuali richiedono

sheets of marble (10 millimeters thick). The design was based on a large module

l’impiego di moduli di grande dimensione (169 x 169 x 2,2 centimetri) e gli autori

(measuring 169 x 169 x 2.2 centimeters) and the architects did not hesitate to use

non esitano a utilizzare prodotti di ultima generazione, coerenti con il principio

the latest products, consistent with the Expo’s guiding principle of “showcasing

informatore dell’Expo di “mostrare il futuro”.

the future.”

La necessità di raccoglimento e di intimità, caratteristici di tutti gli ambienti

The need for seclusion and intimacy characteristic of all religious interiors is

religiosi, sono risolti in questo caso con atmosfere pacate e silenti e il marmo

fulfilled in this case with a calm and silent atmosphere embodied in Greek

greco dell’isola di Naxos, di rada, leggera venatura e rigorosamente selezionato

marble from the island of Naxos. Lightly and delicately mottled, with each piece

in una tonalità quanto più uniforme possibile produce, nella sua funzione di filtro,

rigorously selected to be as uniform as possible, it filters the light and creates a

un interno misurato e ideale per la riflessione intima. La luce del contesto assume

restrained interior which fosters inward reflection. The light it sheds has delicate

toni delicati e si diffonde all’interno omogenea e senza alterazioni per suggerire

tones and is diffused evenly and unvaryingly through the interior to evoke a

al visitatore un sentimento di serenità e di abbandono.

sense of serenity and elevation.

F StoneMagazine 50


Foto/Photo: Jurgen Schmidt Klaus - Frahm

CHRISTUS-PAVILLON, Von Gerkan, Marg Und Partner, Expo 2000 Hannover; rieretto a Volkenroda (Germania) CHRISTUS-PAVILLON, Von Gerkan, Marg Und Partner, Expo 2000 Hannover; rebuilt in Volkenroda (Germany) 1 Veduta del chiostro View of the cloister 2 Interno della sala liturgica Interior of the liturgical space 3 Veduta notturna dell’esterno View of the exterior at night

F StoneMagazine 51 3


TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

cAThOLIc chURch, MEggEN, SwITzERLANd MAA MARBLE ARchITEcTURAL AwARdS wEST EUROPE ‘87 PRIMO PREMIO PROgETTAzIONE dI INTERNI fIRST PRIzE BUILdINg INTERIOR dESIgN

dI NOTTE LA chIESA è ILLUMINATA ALL’INTERNO E BRILLA cOME UNA NAvE SPLENdENTE SUL LAgO dI LUcERNA AT NIghT ThE chURch IS ILLUMINATEd fROM INSIdE ANd ShINES LIKE A ShIP ABOvE LAKE LUcERNE

Marcantonio Ragone Il progetto è stato elaborato per un concorso nel 1960. Tutte le facciate sono

The project was created for a competition in 1960. All the facades consist of

state realizzate con lastre di marmo traslucente, montate su supporti di acciaio.

translucent marble slabs mounted on steel supports.

Di notte, la chiesa è illuminata all’interno e brilla come una nave splendente sul

At night the church is illuminated from inside and shines like a ship above Lake

lago di Lucerna. Di giorno, l’interno è immerso in una luce giallo-dorata mentre,

Lucerne.

all’alba e al tramonto, l’illuminazione artificiale all’interno e la luce naturale

By day the interior of the church is bathed in golden-yellow light, and at dawn

all’esterno si fondono a formare un’atmosfera mistica e unica.

and dusk the artificial lighting inside and the natural light outside combine to

Quest’atmosfera generata dalla luce è il risultato di un’accurata selezione del

create a unique and mystic atmosphere.

marmo e dello spessore delle lastre. Dopo alcune prove effettuate a Carrara nel

The atmosphere generated by the light is the result of careful selection of the

1963 su differenti tipi di marmo traslucente, la scelta del materiale ha favorito un

quality of marble and the thickness of the slabs. In 1963 studies were made of

marmo Pentelico greco, detto “Dionyssos”. A Lucerna, invece, sono stati eseguiti

different kinds of translucent marble in Carrara.

dei plastici della chiesa, in scala 1:25, con lastre di diverso spessore e sono stati

The choice favored a Greek Pentelic marble termed “Dionyssos.” In Lucerne

eseguiti studi comparativi di misurazione della luce su di un certo numero

1:25 scale models were made of the church incorporating slabs of different

di chiese in tutte le stagioni.

thicknesses, and comparative light measurement studies were conducted in a

A conclusione di questi test, si è determinato che lo spessore ideale delle lastre

number of churches in Lucerne in all seasons of the year.

avrebbe dovuto essere di 28 millimetri, a eccezione delle lastre poste in vicinanza

The thickness of the marble slabs was finally fixed at 28 millimeters, with the

delle travi di copertura, il cui spessore avrebbe dovuto essere di 20 millimetri.

exception of the slabs near the roof girders, which were fixed at 20 millimeters.

Le lastre sono state tagliate e lucidate a Carrara. Il grado di rifinitura esterno è più

The slabs were cut and polished in Carrara.

fine per prevenire depositi di polvere sulla facciata, mentre il grado di rifinitura

The external finish is fine to prevent dust from collecting on the facades, while the

interno è più grezzo per prevenire la riflessione della luce.

internal finish is coarser to prevent the reflection of light.

F StoneMagazine 52

B


CATHOLIC CHURCH, MEGGEN, SWITZERLAND Architetto premiato Award-winning architect

Franz Füeg, Zurich

Progetto completato Project completed

1966

Materiale lapideo adoperato Stone used

Marmo Pentelico “Dionyssos”, Grecia Pentelic “Dionyssos” marble, Greece

Fornitore, trasformatore Supplier, fabricator

Furrer spa, Carrara (MS) Italy

Installatore Installer

Vittorio Dalla Bona, Obernau, Switzerland

Foto/Photo: Bernhard Moosbrugger Veduta notturna da nord-est View at night from the north-east

BRILLA SHINES C O M E U N A N AV E N E L L A G O D I L U C E R N A L I K E A S H I P A B O V E L A K E L U C E R N E

F StoneMagazine 53


TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

Interno di notte, particolare dell’altare Interior at night, detail of the altar

Fonte battesimale Baptismal font

Interno di notte Interior at night

Le lastre sono state trasportate in Svizzera con il treno nella posizione originale

The slabs were transported to Switzerland by train in their original positions

che avevano nel blocco e i carri ferroviari sono stati, in seguito, portati in cantiere

within the blocks of stone. The freight trucks were moved to the building site on

su speciali carrelli.

special trolleys.

Sebbene la tessitura e il colore delle lastre di uno stesso blocco, in controluce,

Although the texture and coloring of the slabs vary little within each block when

varino poco, queste tuttavia variano considerevolmente tra un blocco e l’altro.

viewed against the light, the blocks themselves vary considerably from one block

La facciata è stata progettata con il seguente criterio: le prime lastre di ogni

to another.

blocco sono state montate su supporti di acciaio della facciata in tunnel

The facade was designed by the following method: the first slabs from each

trasparente fatto di materiale plastico che permettesse di vedere la lastra in

block were mounted on the steel supports of the facade in a transparent tunnel

controluce, come una diapositiva. L’architetto ha così potuto memorizzare

made of plastic sheets, so displaying the slabs against the light like color slides.

l’immagine di ogni lastra, tentando poi di ricomporre l’immagine delle intere

This enabled the architect to memorize the image of each slab and he

quattro facciate. Tra ognuno dei supporti di tre delle facciate sono state poste

subsequently sought to recompose the image of all four facades from memory.

le lastre di uno stesso blocco, mentre la facciata dell’ingresso è stata composta

Slabs from one and the same block are placed in each of the areas between

con le lastre rimanenti. La distanza tra i supporti di acciaio corrisponde alla

the supports of the three main facades, and the entrance facade is made out of

larghezza minima delle lastre tratte dal blocco. Il volume complessivo delle lastre

the slabs left over. The distance between the steel supports corresponds to the

è di 1505 x 1021 x 28 millimetri mentre, nei pressi della travature del tetto, è di

minimum width of the slabs cut from the blocks. The overall volume of the slabs

1480 x 1382 x 20 millimetri. Le lastre sono poste a una distanza di 5 millimetri

is 1505 x 1021 x 28 millimeters and 1480 x 1382 x 20 millimeters in the vicinity

dagli elementi di acciaio per prevenire qualunque pressione sul marmo. Ogni

of the roof girders. The slabs are placed at a distance of 5 mm from the steel

lastra è posta individualmente su montanti di ferro di 6 centimetri quadrati

elements to prevent them exerting any pressure on the marble. Each slab is

ognuno e ricoperti in gomma; questi sono ancorati da due graffe angolari laterali,

placed individually on rubber-covered flat-irons measuring 6 square centimeters

ognuna incavicchiata con una vite. Le fessure orizzontali tra lastra e lastra sono

each and fastened by two lateral angle-irons with one screw each. The horizontal

state sigillate con silicone all’interno e all’esterno.

joints between the slabs are sealed inside and out with silicon.

F StoneMagazine 54


Ingresso dal nartece Entrance from the nartex

F StoneMagazine 55


TECH-MATTERS_ARCHITECTURE

1

l’acusTica della chiesa È eccellenTe nosTanTe il volume inTerno sia di 10.000 meTri cubi The acousTics of The church are excellenT despiTe iTs volume of 10,000 cubic meTers

L’acustica della chiesa è eccellente nonostante il volume interno sia di

The acoustics of the church are excellent despite its volume of 10,000 cubic

10.000 metri cubi; questo è probabilmente dovuto in parte al fatto che le lastre

meters, probably owing in part to the fact that the marble slabs on their elastic

sui loro supporti elastici agiscono come membrane. Un getto di aria calda,

supports act as membranes. A flow of warm air, directed upwards through vents

diretta verso l’alto attraverso apposite uscite poste tutto intorno al pavimento

running all around the floor, curbs the formation condensation. The inside of

lungo il perimetro della chiesa, diminuisce la formazione di condensa. L’interno

the facade is periodically washed with water which flows over the facade into

delle facciate è periodicamente lavato con acqua che scorre sulle pareti e

a channel which runs around the building and so flows directly into the main

viene raccolta in una apposita scanalatura, posta in basso lungo le pareti e che

drainage system.

conduce al sistema fognario principale.

The altar, the base of the tabernacle and the baptismal font are all made out of

L’altare, la base del tabernacolo e il fonte battesimale sono stati realizzati

the same Pentelic marble.

con lo stesso marmo Pentelico.

F StoneMagazine 56


2

1 Vedute dell’interno Views of the interior

2 Sezione longitudinale Longitudinal section

3 Ingresso alla chiesa da sud-ovest Entrance to the church from south-west

3

F StoneMagazine 57


TECH-MATTERS_ GEOLOGY

IL BELLO NELLA PIETRA BEAUTY IN STONE

IL PARAMETRO PRINcIPALE UTILIzzATO dAI PROgETTISTI NELLA ScELTA dI UNA PIETRA NATURALE è L’ASPETTO ESTETIcO. UN’ANALISI TEcNIcA dI cOME LA NATURA cOMPONE E cOMBINA qUESTO ASPETTO NELLE vARIE PIETRE ThE PRINcIPAL PARAMETER USEd BY dESIgNERS IN chOOSINg NATURAL STONE IS AESThETIc. A TEchNIcAL ANALYSIS Of hOw NATURE cOMPOSES ANd cOMBINES ThIS fEATURE IN ThE vARIOUS STONES

Paola Blasi Qual è il parametro principale utilizzato dai progettisti nella scelta

What is the principal parameter used by designers in choosing natural

di una pietra naturale? Non credo esistano dubbi a riguardo: il suo

stone? I think there can be no doubt that it’s the appearance. After

aspetto estetico. D’altronde cosa stimola maggiormente i sensi umani

all, what stimulates more senses than human color vision? Human

che la visione del colore? La storia dell’umanità è segnata dalla

history is marked by the quest for colors and architectural ornaments to

ricerca e dall’impiego dei colori negli ornamenti e nelle realizzazioni

display the status and sometimes the power of those who use them in

architettoniche per testimoniare lo status e talvolta il potere di coloro

life or even death. Rocks and minerals are the principal source of color

che li utilizzavano in vita o dopo la morte. Le rocce e i minerali

in nature, whether used in their primary state or after extracting the

rappresentano la principale fonte di colore presente in natura, sia se

pigments by grinding.

utilizzati allo stato primario, sia dopo averne estratto i pigmenti tramite

More generally, the appearance of a natural stone depends not only on

frantumazione. Più generalmente l’aspetto estetico di una pietra

its color but also on grain size and structure. The color derives from the

naturale dipende non solo dal colore ma anche dalla granulometria

minerals it contains, while the grain size and structure of minerals are

e dalla struttura. Il colore è quello dei minerali che la compongono,

the ways these minerals are bonded to each other.

la granulometria è data dalle dimensioni dei minerali e la struttura è il

Today designers are often forced to choose between materials which,

modo in cui questi minerali sono connessi gli uni agli altri.

though called stones or granite or marble, are actually not natural

Oggi il progettista si trova spesso a scegliere fra materiali che, anche se

products or only so in part.

chiamati pietre o graniti o marmi, sono in realtà dei prodotti non naturali

They try to find inspiration in nature by trying to reproduce its

o solo parzialmente tali. Si cerca di trovare ispirazione nella natura

products. So first they have to ascertain the origin of the stones they

cercando di riprodurre i suoi prodotti.

want to use.

F StoneMagazine 58


Sezione sottile di un marmo Thin section of marble Foto/Photo: Tenax

F StoneMagazine 59


TECH-MATTERS_GEOLOGY

È pertanto prima necessario assicurarsi sull’origine delle pietre che

The new European technical legislation covering natural stone helps

s’intendono impiegare. La nuova normativa tecnica europea sulle

designers. It requires producers to state not only the trade name of the

pietre naturali facilita il progettista in quanto obbliga ogni produttore a

material but also its geographic origin, typical color, and petrographic name.

dichiarare oltre al nome commerciale del materiale, la sua provenienza

The latter information immediately enables the designer to assess

geografica, il colore tipico e il nome petrografico. Quest’ultimo dato

the type of rock and class it as one of three major scientific families:

consente al progettista d’inquadrare immediatamente la tipologia

sedimentary, igneous or metamorphic. These rocks differ markedly,

di roccia e di ricondurla a una delle tre principali famiglie scientifiche.

both in color range and texture and color stability. In particular the

Rocce sedimentarie, ignee e metamorfiche possiedono, infatti,

pigments of the minerals in igneous rocks (granite, syenite, gabbro) are

caratteristiche abbastanza diverse, sia in termini di variazioni di colore

fairly stable. Their minerals take a good polish and resist aggressive

e struttura, sia di stabilità dei colori.

weathering, except for biotite and pyrite.

In particolare, i pigmenti dei minerali delle rocce ignee (graniti, sieniti,

Sedimentary rocks (sandstones, limestones, calcarenites) have a

gabbri) sono abbastanza stabili: i minerali prendono bene il lucido e

nearly unlimited variety of colors and shades. These are generally very

resistono alle atmosfere aggressive, fatta eccezione per biotite e pirite.

warm, but also more variable and unstable due to the particular nature

Le rocce sedimentarie (arenarie, calcari, calcareniti) presentano

of the pigments. So outdoor applications of these materials are usually

una varietà praticamente illimitata di colori e tonalità. Questi sono

not recommended if you want their coloring to remain unaltered.

generalmente molto caldi, ma anche più variabili e instabili a causa

The principal coloring agent in sedimentary rocks is iron.

della particolare natura dei pigmenti. Pertanto è di solito sconsigliata

Depending on the amount and degree of oxidation it can generate

l’applicazione in esterno di tali materiali se si desidera che le loro

colors ranging from deep red to orange, yellow, brown, green, blue and

caratteristiche di colore rimangano invariate.

black. Rosso Verona is a classic example of limestone which owes its

Il responsabile principale della colorazione delle rocce sedimentarie è

color to the presence of iron oxides. The presence of organic matter

il ferro che, a seconda della quantità e del grado di ossidazione, può

can create very intense colors ranging through dark gray to black. The

generare colori dal rosso intenso all’arancione, al giallo, al marrone,

stability of these colors, often eagerly sought after by designers, depends

fino al verde, al blu e al nero. Il Rosso Verona è un classico esempio

on the degree of alteration the materials have been subjected to.

di calcare che deve la sua colorazione alla presenza di ossidi di ferro.

Finally metamorphic rocks (slates, marbles and serpentinites) are

Anche la presenza di sostanza organica può creare colorazioni molto

colder and more variable in coloring. Their characteristic pigments,

intense che vanno dal grigio al nero scuro: la stabilità di questi colori,

especially in the case of marble, derive from the recrystallization of the

spesso ricercati dai progettisti, dipende dal grado di alterazione a cui

original pigments in these rocks, which sometimes form very prominent

sono sottoposti i materiali.

veins of color.

F StoneMagazine 60


Infine le rocce metamorfiche (ardesie, marmi e serpentiniti) presentano

Some materials may be considered monochrome by the uniformity

colori più freddi e abbastanza variabili. I pigmenti che le caratterizzano

of the coloring and particle size, such as Bianco P marble or Belgian

derivano, soprattutto nel caso dei marmi, da una ricristallizzazione dei

Black, because of the presence of various minerals with chromatically

pigmenti delle rocce originarie. Questi talvolta tendono a concentrarsi

similar colors, or the predominance of one color over the others, as

per formare venature anche molto accentuate.

in the case of Bardiglio or the Greens of the Val d’Aosta and Indian

Alcuni materiali possono considerarsi monocromatici per l’omogeneità

marbles.

della tinta e della granulometria, come il Bianco P o il Nero del Belgio,

Polychromatic materials have a veined, breccia or ghiandonato pattern.

per la presenza di vari minerali dai colori cromaticamente vicini,

Veined materials are found among both marbles and granites, like

o per la predominanza di una tinta rispetto alle altre, come nel caso

the Multicolors, which have veins of different colors, dimensions and

dei Bardigli e dei Verdi della Val d’Aosta e indiani.

patterns.

I materiali policromatici sono invece quelli che presentano un disegno

The larger veins and details can be used to create decorative details

venato, o brecciato o ancora “ghiandonato”.

such as the lozenge-shaped coloring known as a macchia aperta.

I materiali venati sono sia marmi che graniti, come i Multicolor, che

The brecciated type of pattern is typical of many kinds of marble, such

presentano venature con colore, dimensioni e andamenti diversi.

as Rosso Levanto, and is due to the presence of fragments of rocks of

Le venature più ampie e particolari possono essere utilizzate per creare

the same or different material cemented together in a different matrix.

motivi decorativi particolari tipo “a macchia aperta”.

The ghiandonato (mottled) pattern is typically due to crystals or

Il disegno brecciato è tipico di molti marmi, come il Rosso Levanto,

inclusions of various sizes set in a paste made up of smaller minerals.

ed è dovuto alla presenza di frammenti di rocce dello stesso o diverso

Other colors and textural characteristics, such as the presence of

materiale, cementati fra loro mediante un altro materiale.

inclusions or slight color variations, are due to specific geological

Il disegno “ghiandonato” è dato tipicamente da cristalli o inclusioni

processes and should not normally be considered flaws in the material.

di dimensioni più o meno grandi immersi in una pasta di fondo

On the market today are some materials labeled as exotic,

costituita da minerali di dimensioni più piccole. Altre particolarità

characterized by extremely irregular patterns which appeal to designers

cromatiche e tessiturali, come la presenza di inclusioni o leggere

by their unusual appearance.

variazioni di colore, sono dovute a specifici processi geologici e non

Designers sometimes confine themselves to considering the

possono essere normalmente considerate difetti del materiale.

appearance of a material based solely on a limited sample.

Nel mercato sono anzi oggi presenti anche materiali denominati esotici,

This can lead to misunderstandings since the most homogeneous

caratterizzati da pattern estremamente irregolari che attirano

material is naturally subject to variations in color and texture and these

il progettista per il loro aspetto inusuale.

are difficult to document even with a very accurate sample.

F StoneMagazine 61


TECH-MATTERS_GEOLOGY

Talvolta capita che il progettista si limiti a considerare le caratteristiche estetiche di un materiale basandosi esclusivamente su una campionatura limitata. Questo può provocare dei malintesi in quanto anche il materiale più omogeneo è naturalmente soggetto a variazioni cromatiche e di struttura difficili da documentare anche con una campionatura molto accurata. Un valido supporto per il progettista può essere la visita a realizzazioni già effettuate con il materiale che intende impiegare o, qualora questo non fosse possibile, la consultazione di banche dati specifiche sui materiali lapidei che riportino informazioni anche sugli usi consigliati e sulle opere realizzate. Le pietre naturali presenti sul mercato internazionale sono sicuramente in grado di soddisfare le esigenze estetiche più disparate dei progettisti anche se devono sempre essere valutati la loro effettiva disponibilità e i formati ottenibili: materiali come i marmi Bianchi Apuani sono per esempio reperibili in grandi quantitativi, mentre molto più rari sono i graniti bianchi. Infine anche le metodologie di lavorazione, sia quelle di taglio che, soprattutto, di finitura superficiale, permettono al progettista di intervenire sulle caratteristiche estetiche del materiale. La lucidatura esalta le caratteristiche cromatiche, mentre la sabbiatura o fiammatura (processi che rendono scabra la superficie del materiale) tendono ad attenuarle. Non si tratta di cambiamenti di colore, ma soltanto di diversi modi di riflettere la luce. Pertanto utilizzando per esempio lo stesso materiale, ma con diverse finiture superficiali, si possono ottenere delle gradevoli variazioni cromatiche. Questi effetti sono più evidenti sui materiali scuri, mentre su quelli chiari, che possiedono un maggiore fattore di riflessione, tendono ad attenuarsi. Negli ultimi anni sono molte le nuove finiture superficiali che vengono adottate per creare nuovi effetti visivi, ottenuti anche combinando diversi processi. Il trattamento ad acqua, pur rendendo la superficie scabra, non schiarisce il materiale come nel caso della fiammatura. Cerature e spazzolature rendono generalmente più calde le tonalità dei materiali trattati. Altri effetti visivi particolari possono essere ottenuti sfruttando la translucidità di alcuni tipi di marmo, come viene riportato nell’articolo di Marcantonio Ragone.

A useful hint for designers is to visit projects already completed using a given material. If this is not possible, then they should consult specific databases of stone materials which provide information about recommended uses and completed projects. The natural stone present on the international market is definitely capable of meeting the aesthetic requirements of many different designers, though it is important to check their actual availability and the formats in which they can be supplied. Materials such as white Apuan marbles, for example, are found in large quantities, while white granites are much rarer. Finally the working methods, both the cutting techniques and above all the surface finish, enable designers to vary the aesthetic qualities of a material. Polishing brings out the characteristic coloring, while sanding or flaming (processes that roughen the surface of the material) tend to dull it. The color is not altered but the light is reflected in different ways. For example, pleasing color variations can be created by using the same material but with different surface finishes. These effects are more noticeable in dark materials, while with light colors, which have a higher reflectance, the effect is weaker. In recent years many new surface finishes have been adopted to create new visual effects, in some cases achieved by combining different processes. Water treatment, while making the surface rougher, does not make the material lighter in the way that a flame finish does. Waxing and brushing generally create warmer shades of color in the treated materials. Other special visual effects can be obtained by exploiting the translucence of certain kinds of marble, as reported in the article by Marcantonio Ragone.

F StoneMagazine 62


www.gasparimenotti.com

WE HAVE

WINNER OF “INNOVATIVE DESIGN TECHNOLOGY AWARD 2010”

MADE IN ITALY

REDEFINED

THE CONCEPT OF CUTTING WITH

GMW SERIES

Easy to use

Extremely quick wire replacement

Cutting fram e Extremely rigid for perfect cuts

Lo w mainten a nce

All rubber seals are interchangeable and all bearings are lubricated-for-life

GASPARI CONNECT SERVICE is the new integral remote assistance service. The GCS features on all machines and enables Gaspari engineers to service your machines in real time to reduce expensive shutdowns.

For further information and a video, please visit

www.gasparimenotti.com/gmw

WIDE PRODUCT RANGE TO CATER TO ANY NEED

®

GMW

GASPARI CONNECT SERVICE

Fixed or variable. 700 max 24 wires 1000 max 34 wires 1200 max 40 wires 2000 max 68 wires

Viale Zaccagna, 18/F 54033 Carrara (MS) - ITALY Tel.+39.0585.64551 - Fax+39.0585.645555 gaspari@gasparimenotti.com

FURRER C A R R A R A

FURRER HAS INSTALLED THE GMW SERIES TECHNOLOGY

GASPARI MENOTTI

F StoneMagazine 63


TECH-MATTERS_ MATERIALS

BIANCO CARRARA

WHITE CARRARA

Campanili

DESCRIZIONE MACROSCOPICA

MACROSCOPIC DESCRIPTION

Litotipo compatto dal colore d’insieme bianco perlaceo tendente al grigio

A compact lithotype that is pearly white verging on light gray in colour,

chiaro, a grana fine, caratterizzato da venature e da frequenti macchioline anche

fine-grained and characterised by dark gray veins and frequent small dark gray

plurimillimetriche entrambe grigio scure, omogeneamente distribuite sulla

flecks up to plurimillimetric in size that are evenly distributed over the surface.

superficie. Sono presenti rare porosità superficiali.

There is rare surface porosity.

DESCRIZIONE MICROSCOPICA

MICROSCOPIC DESCRIPTION

Litotipo metamorfico a grana fine, costituito da blasti calcitici subedrali/euedrali,

A fine-grained metamorphic lithotype composed of subeuhedral/euhedral calcitic

con bordi arrotondati e/o suturati, più raramente interlobati, tendenzialmente

blasts with rounded and/or sutured grain boundaries that are also sometimes

limpidi. Il mosaico è inequigranulare con dimensioni dei blasti che variano tra 200

but rarely interlobed and generally clear. The mosaic is inequigranular and the

e 400 µm. Venature e plaghe costituite da blasti calcitici intorbiditi

blasts vary in size between 200 and 400 µm. Veins and patches occur composed

da microgranulazioni di minerali opachi e da bollosità, microcristalli

of calcitic blasts clouded by microgranulations of opaque minerals and

calcitici (50÷70 µm) anch’essi più o meno intorbiditi, muscovite aciculare e

microblisters, calcitic microcrystals (50÷70 µm) that are also clouded to some

pirite (< 30 µm). Raro quarzo secondario, a riempimento di porosità preesistenti.

extent, acicular muscovite and pyrite (< 30 µm). Trace amounts of secondary quartz are also present which fill the existing pores.

F StoneMagazine 64


Colonnata - Loc. Campanili - Querciola (MS)

LUOGO D’ORIGINE

PLACE OF ORIGIN

CARATTERISTICHE FISICO MECCANICHE / PHYSICAL MECHANICAL CHARACTERISTCS NORMA

CARATTERISTICHE FISICO MECCANICHE PHySICAL MECHANICAL CHARACTERISTCS

EN 13755-08

Assorbimento acqua a pressione atmosferica Water absorption at atmospheric pressure

EN 1936-07

Massa volumica apparente Apparent density

EN 1936-07

Porosità aperta Open porosity

EN 12372-07

Resistenza a flessione con carico concentrato Flexural strength

U.M.

vALORE MEDIO MEAN vALUE

DEv. ST DEv. ST

%

0.11

0.01

Kg/m3

2700

4.1

%

0.4

0.07

Allo stato naturale In natural conditions

Mpa

20.3

1.6

Dopo 48 cicli di gelo Exposed to 48 frost cycles

Mpa

18.3

0.8

EN 1926-07

Resistenza alla compressione Uniaxial compressive strength

Mpa

100.0

6.3

EN 14231-04

Resistenza allo scivolamento Slip resistance (honed finishing) Finitura levigata (secco) Slip resistance (honed finishing): DRy

USRV

50

3

Finitura levigata (bagnato) Slip resistance (honed finishing): WET

USRV

21

4

COLORE/COLOR Bianco con macchioline grigie White with small gray flecks NOME PETROGRAFICO (Secondo EN12407) PETROGRAPHIC NAME (According to EN12407) Marmo Marble LUOGO D’ORIGINE/PLACE OF ORIGIN Colonnata - Loc. Campanili - Querciola (MS) CARATTERISTICHE DEI BLOCCHI E DELLE LASTRE BLOCK AND SLAB CHARACTERISTICS I blocchi hanno dimensioni medie di 3,00 x 1,70 x 1,70 m. La direzione di taglio preferenziale è al contro e al secondo. Average size of blocks: 3.00 x 1.70 x 1.70 m. Slabs are preferably cut against the grain or perpendicular to the grain, i.e. the hard way and the easy way. F StoneMagazine 65


ON THE SEA_ SHYPYARD

KNOW-HOW

SAPERCI FARE

Il più grande gruppo cantieristico navale italiano, uno dei maggiori del mondo, leader mondiale nella costruzione di navi da crociera, è entrato nello yachting The biggest Italian shipbuilding group, one of the world’s major yards and global leader in the construction of cruise ships, is building mega yachts Roberto Franzoni

Con oltre due secoli di storia alle spalle, sommando la vita di alcuni degli otto cantieri sparsi per l’Italia che costituiscono la sua galassia, Fincantieri è divenuto da alcuni anni il più grande costruttore mondiale di navi da crociera, leadership che continua senza rischi di concorrenza. Questo primato è il risultato di una lunga esperienza nel settore che aveva già visto i cantieri di Genova e Trieste prima della Seconda guerra mondiale varare unità di prestigio internazionale, come il Rex che nel 1933 conquista il Nastro Azzurro per la più veloce traversata atlantica. Dagli anni ottanta i principali armatori del mondo come Cunard, Carnival, Costa Crociere, Disney Cruise Lines, Holland America, P&O commissionano a Fincantieri giganti da migliaia di passeggeri. La famosa Crown Princess del 1990, stilizzata dall’architetto Renzo Piano – il più noto archistar italiano – in forma zoomorfa di delfino, ha spalancato al gruppo cantieristico italiano le porte di un mercato sempre più importante, legato al crescente turismo in movimento delle crociere sul mare.

With over two centuries of history behind it, the sum total of some of the eight shipyards in various parts of Italy which constitute its galaxy, Fincantieri has for many years been the world’s biggest builder of cruise liners, a primacy in which it continues to outclass the competition. This dominance stems from long experience, stretching back to before World War II, when shipyards in Genoa and Trieste launched internationally prestigious ships such as the Rex, which took the Blue Riband for the fastest Atlantic crossing in 1933. From the 1980s the world’s major ship-owners, such as Cunard, Carnival, Costa Cruises, Disney Cruise Lines, Holland America and P&O commissioned Fincantieri to build giants with capacity for thousands of passengers. The famous Crown Princess of 1990, styled in the form of a zoomorphic dolphin by the architect Renzo Piano, the most celebrated Italian archistar, opened up an increasingly important market to the Italian shipbuilding group, one resting on the growth in cruise tourism at sea.

F StoneMagazine 66


FOCUS

www.mondovespucci.com

NAVE VESPUCCI FU PROGETTATA INSIEME ALLA GEMELLA CRISTOFORO COLOMBO NEL 1930 DALL’ INGEGNERE FRANCESCO ROTUNDI, TENENTE GENERALE DEL GENIO NAVALE E DIRETTORE DEI CANTIERI NAVALI DI CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI). THE VESPUCCI SHIP WAS DESIGNED WITH ITS SISTER SHIP THE CRISTOFORO COLOMBO IN 1930 BY THE ENGINEER FRANCESCO ROTUNDI, A LIEUTENANT GENERAL IN THE NAVAL ENGINEERS AND DIRECTOR OF THE DOCKYARD OF CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPLES).

F StoneMagazine 67


ON THE SEA_SHYPYARD

1 Foto aerea del cantiere di Monfalcone Aerial photo of Monfalcone dockyard

2 Nave Destriero, vincitore del Nastro Azzurro nel 1992 The Destriero, winner of Blue Riband in 1992 3 Lo scafo di Serene, costruzione H 6154 The hull of Serene, construction H 6154

1

2

FINCANTIERI è DA ALCUNI ANNI IL PIù GRANDE COSTRUTTORE MONDIALE DI NAVI DA CROCIERA FINCANTIERI HAS FOR MANY YEARS BEEN THE WORLD’S BIGGEST BUILDER OF CRUISE LINERS

Il perfezionato meccanismo produttivo è basato su un sistema di

The company’s perfected mechanism of production is based on an

costruzione integrato che si avvale, oltre che dei più avanzati procedimenti

integrated construction system that draws on more than just the most

industriali, di un sistema vero e proprio di fornitori che realizzano arredi,

advanced industrial processes, a true system of suppliers who produce

servizi e ambienti con la cura della nostra migliore tradizione artigianale

furniture, services and interiors with the care of the finest tradition of

e la qualità di un design tutto italiano. Attraverso una costante attenzione

craftsmanship and quality in Italian design. Through a constant concern

ai temi della ricerca e dell’innovazione, Fincantieri sviluppa con continuità

for research and innovation, Fincantieri continuously develops new

nuove generazioni di navi per seguire, e spesso anticipare, le richieste

generations of ships to follow and often anticipate demand on the market

del mercato e del mondo armatoriale. Rapidità e puntualità consolidano

and from the world’s fleet-owners. Rapidity and punctuality back up this

questo know-how. Fincantieri in diciotto mesi è in grado di consegnare

know-how. Fincantieri can deliver a cruise liner with fifteen hundred cabins

un cruise liner da millecinquecento cabine.

in eighteen months.

A fianco di questo sistema la garanzia di Fincantieri è costituita

Alongside this system the guarantee of Fincantieri is its centers of

dai suoi centri di eccellenza, il più significativo dei quali è rappresentato

excellence, the most significant of which is the Trieste facility with its

dai novemila ingegneri del centro di Trieste.

nine thousand engineers.

L’altro grande settore di forza del gruppo è quello militare. In questo

The group’s other major strength is in naval craft. In this field Fincantieri

campo Fincantieri vanta la costruzione di più di duemila unità, realizzate

has built more than two thousand units for the Marina Militare Italiana

per conto della Marina militare italiana e di numerose Marine estere.

and many foreign navies.

Fincantieri è in grado di progettare e costruire un’ampia gamma di navi

Fincantieri is able to design and build a wide range of surface ships,

di superficie, portaerei, fregate, corvette, pattugliatori, nonché navi

aircraft carriers, frigates, corvettes, patrol boats, auxiliary ships and

ausiliarie e sommergibili.

submarines.

F StoneMagazine 68


Approfondimenti/See more at Per ulteriori informazioni su Fincantieri For more information on Fincantieri

www.fstone.tv/sea

3

In campo militare Fincantieri dispone di una struttura dedicata, costituita

In naval shipbuilding, Fincantieri has a dedicated structure consisting of

dai due cantieri di Muggiano – presso La Spezia, specializzato nella

two yards. One is the Muggiano dockyard near La Spezia, specializing in

costruzione di sommergibili, con oltre cento unità costruite dal lontano

the construction of submarines, with over one hundred units built since

1907 – e di Riva Trigoso, presso Sestri Levante nel Tigullio, il golfo di

1907. The other is the Riva Trigoso yard at Sestri Levante in the Tigullio,

Portofino. Recente è stata la consegna delle seconda portaerei STOVL

the Gulf of Portofino. Recently the second consignment of STOVL aircraft

della Marina militare italiana, Nave Cavour, di 244 metri, realizzata in

carriers was made to the Italian Navy. The Cavour, with an overall length

parti diverse in questi due cantieri. Fincantieri ha stabilito partnership

of 244 meters, was built up out of different parts from these two yards.

con le principali aziende del settore difesa, tra cui il German Submarine

Fincantieri has established partnerships with leading companies in the

Consortium per la realizzazione di sommergibili per le Marine tedesca e

defense sector, including the German Submarine Consortium to build

italiana, la società francese DCN nei programmi di fregate Orizzonte e

submarines for the German and Italian navies, the French DCN company

FREMM, il team della Lockheed Martin Corp. nell’ambito del programma

in programs for Horizon and FREMM class frigates, and the Lockheed

Littoral Combat Ships per la US Navy.

Martin Corp. to produce Littoral Combat Ships for the US Navy.

La più famosa nave militare costruita da Fincantieri tuttavia non è una

The most famous naval ship built by Fincantieri, however, is not a

nave… da guerra! Bensì la splendida Amerigo Vespucci, nave scuola

warship! It is a splendid three-master, the sailing ship Amerigo Vespucci.

a vela tre alberi della Marina militare italiana, costruita nel cantiere di

The training ship of the Italian Navy, it was built in the shipyard at

Castellammare di Stabia nel 1931. Nave Vespucci è il più prestigioso

Castellammare di Stabia in 1931. The Vespucci is the most prestigious

ambasciatore in tutto il mondo della marineria italiana, dell’eleganza,

ambassador worldwide for Italian seafaring skills, elegance, history

della storia e dello stile italiani.

and style.

F StoneMagazine 69


1

Le sue ventiquattro grandi vele sono capaci di suscitare emozioni forti e sentimenti di simpatia e solidarietà dal mar Baltico alla Terra del Fuoco, dalle coste del Pacifico alle isole dell’oceano Indiano. Sempre presente a tutti i raduni di “tall ship”, le grandi navi a vela oggi usate come navi scuola, Nave Vespucci

With its twenty-four large sails billowing, it is a stirring sight, arousing a sense

continua a mietere dopo ottant’anni un successo inarrestabile.

of sympathy and support from the Baltic Sea to Tierra del Fuego, off the Pacific

Agli inizi degli anni duemila, in seguito alla naturale contrazione del mercato dei

coasts to islands in the Indian Ocean. Always present at all gatherings of the

traghetti, l’altra branca del settore navi da crociera e da trasporto di Fincantieri,

tall ships, the great sailing vessels now used as training ships, the Vespucci

il gruppo decide di entrare nel crescente mercato dei megayacht. Fincantieri

continues to reap successes eighty years on.

non era nuovo a questo magico mondo. Già nell’Ottocento aveva costruito nei

Early in the 2000s, following a natural decline in the market for ferries, the other

cantieri di Castellammare dei Stabia alcuni yacht per la famiglia reale Borbone,

branch of Fincantieri’s cruise liner and transport sector, the group decided to

sovrana del regno delle Due Sicilie, e successivamente realizzato a La Spezia per

enter the growing market for mega yachts. Fincantieri was not new to this magical

la famiglia Savoia, reali del giovane regno d’Italia, il Trinacria, 135 metri,

world. Already in the nineteenth century the yards at Castellammare di Stabia had

9200 tonnellate di dislocamento, il più grande panfilo reale del mondo.

built yachts for the Bourbon royal family, rulers of the kingdom of the Two Sicilies.

La responsabilità di pilotare l’ingresso in questo complesso e delicato ambiente

Subsequently the yards in La Spezia built the Trinacria for the royal family of Savoy,

è affidata a Giovanni Romano, ingegnere, già direttore del settore navi da

the royals of the new kingdom of Italy. With an overall length of 135 meters and

trasporto. Fincantieri esordisce facendo progettare dei concept di forte impatto

displacement of 9200 tonnes, it was the world’s largest royal yacht.

emotivo e di grande risultato estetico, il Marco Polo, 102 metri, dell’architetto

The responsibility of piloting entry into this complex and sensitive market was

Camillo Costantini, e il Morpheus, 115 metri, dell’architetto inglese Tim Heywood,

entrusted to Giovanni Romano, an engineer and former director of the transport

un indiscusso maestro del genere, autore fra il resto del Pelorus di Roman

ship sector. Fincantieri began by designing concepts with a powerful emotional

Abramovich.

impact and outstanding aesthetic appeal: the Marco Polo, 102 meters overall

Nel 2007 acquisisce la sua prima commessa. Naturalmente un gigante dello

length, by the architect Camillo Costantini, and the Morpheus, 115 meters, by

yachting, 134 metri, disegnato da un altro indiscusso maestro dello yacht design

the British architect Tim Heywood, an undisputed master in the field, who had

contemporaneo, Espen Øino, autore di grandi capolavori come il 126 metri

already designed Roman Abramovich’s Pelorus.

Octopus, e il 70 metri Skat.

In 2007 the yard booked its first order. Naturally a giant luxury yacht, 134 meters overall length, designed by another undisputed master of modern yacht design, Espen Øino, the author of masterpieces such as the 126 meter Octopus and the 70 meter Skat.

F StoneMagazine 70


Fincantieri esordisce nello yachting con concept di Forte impatto emotivo e di grande risultato estetico

2

Fincantieri debuts in yachting presenting highly emotional concepts with great aesthetical emphasis Il 134 metri di Fincantieri, denominato

Fincantieri’s 134 meter yacht Serene

Serene, di proprietà di un armatore

is Russian-owned and was launched

russo, è stato varato nel settembre

in September 2010. It ranks ninth

2010. Nella classifica dei cento yacht

among the world’s hundred largest

più grandi del mondo occuperà il nono

yachts, after Roman Abramovich’s

posto, dopo il gigante di 173 metri di

173 meter giant, the 162 meter Dubai

Roman Abramovich,

of Sheikh Al Maktoum, five giants of

il Dubai di 162 metri dello sceicco

various Arab states or princes, and

Al Maktoum, cinque giganti

the 138 meter Rising Sun owned

di altrettanti stati o principi arabi

by Larry Ellison, cofounder of

e il Rising Sun di 138 metri di Larry

Oracle. A debut in grand style in this

Ellison, co-fondatore di Oracle.

fabulous world, where the only rule is

Un esordio – è il caso di dirlo –

excellence.

alla grande in questo favoloso mondo dove vige una sola regola:

3

l’eccellenza.

1 Project Light in un rendering notturno Project Light at night in a rendering

3 Varo del Serene, settembre 2010 The launch of Serene, September 2010

2 Rendering di Marco Polo in un suggestivo tramonto Rendering of the Marco Polo in the sunset

F StoneMagazine 71


Esordio gigantesco: 134 m!

ON THE SEA_ PEOPLE

IL PROGETTO È AMBIZIOSO THE PROJECT IS AMBITIOUS Giovanni Romano Direttore/Director Fincantieri Yachts

L’idea di trovare un

The idea of finding an

prodotto alternativo al

alternative to the declining

calo di mercato delle

market for merchant

navi mercantili, della cui

ships, the division

divisione ero responsabile

I headed at Fincantieri,

in Fincantieri, mi venne

came to me seven years

sette anni fa. Alla fine degli

ago. In the late 1990s we

anni novanta, puntammo

were focused on ferries,

sui traghetti, costruendo

building them for Tirrenia,

per Tirrenia, Moby,

Moby, Grimaldi, and

Grimaldi, e allargando

expanding our market

anche fuori Italia il nostro

outside Italy to countries

mercato, alla Finlandia,

like Finland, Greece and

alla Grecia all’Estonia.

Estonia. But in the first

Ma già nella prima metà

half of the new millennium

degli anni duemila anche

that market was also

questo mercato cominciò

starting to be saturated

a saturarsi e pensai

so I thought about

a prodotti alternativi,

alternative products, such

come le navi da crociera

as small cruise ships of

piccole, tipo Silversea,

the Silversea type, 120 or

120, 150 metri, oppure

150 meters overall length,

agli yacht.

or yachts.

A giant debut: 439´ 7´´ F StoneMagazine 72


Il modello di Serene Model of Serene

Nel 2004 abbiamo optato per gli yacht e deciso la

In 2004, we opted for yachts and decided on the

fascia dimensionale in cui intervenire, cioè yacht

dimensions we should aim at, namely yachts of

da 70 metri in su, che rappresentava un

70 meters overall length and more, which would

completamento alle dimensioni che la cantieristica

complement the dimensions that the Italian

italiana aveva offerto fino ad allora.

shipbuilding industry had aimed at before.

Entrare in questo mondo con le sole credenziali delle navi

Entering this world with cruise liners as our only

da crociera poteva sembrare arrogante. Così trovammo

credentials might have seemed arrogant. So we

un partner che ci accompagnasse in questo ingresso.

found a partner to accompany us in our entry. We

Abbiamo fatto un accordo di cooperazione con Benetti,

signed an agreement with Benetti, which was made

divulgato a Fort Lauderdale nel 2005. Noi siamo forti

public at Fort Lauderdale in 2005. We were strong in

nel management e nella direzione tecnica, ma non

management and technical direction, but knew nothing

sapevamo niente della gestione del cliente e del prodotto

about customer management for the luxury product.

di lusso. E non potevamo certo applicare i parametri dei

Obviously we could hardly apply the parameters we’d

traghetti. Abbiamo puntato inizialmente molto sulle nostre

used for ferries. We focused initially on our very large

ampie capacità finanziarie, indispensabili per garantire

financial resources, an essential guarantee for our

il cliente in una costruzione lunga e costosa, nella nostra

clients in the long and expensive construction process,

grande capacità tecnica e in quella manageriale, cioè

as well as on our outstanding technical and managerial

nella gestione del progetto e della costruzione, attività

skills in project management and shipbuilding,

in cui abbiamo delle eccellenze.

activities in which we have excellences.

F StoneMagazine 73


ON THE SEA_PEOPLE

1

1 Pasquale Musella (a sinistra) con Giovanni Romano Pasquale Musella (left) with Giovanni Romano 2 Veduta aerea del cantiere di Muggiano Aerial view of Muggiano yards

2

Abbiamo poi sviluppato alcuni progetti concept, che potessero attirare

We then developed some concept projects that would attract the attention

l’attenzione del mondo internazionale dello yachting sulle nostre capacità.

of the international yachting world to our strengths. Initially we were thinking

Inizialmente pensavamo a yacht da 70-80 metri, e invece ci è capitato fra capo

about 70–80 meter yachts. Instead, out of the blue, we received our first order

e collo questo esordio “gigantesco” da 134 metri! All’inizio ci siamo chiesti:

for this 134 meter giant! At first we wondered, “How can we build such a big

“Come facciamo a costruire uno yacht così grande”?

yacht?”

Firmato il contratto ci siamo messi a testa bassa, ci siamo avvalsi di tutte le

After signing the contract we got down to work, drew on all our skills and kept

nostre competenze e mantenendo un basso profilo, per tutto il tempo della

a low profile. As construction went ahead we built up great expertise in this field.

costruzione ci stiamo costruendo una grande competenza anche in questo

We assembled an outstanding team, with Enzo Romano as sales manager,

campo. Abbiamo costituito un valido team, con Enzo Romano, al commerciale,

Pasquale Musella and Giovanni Brescia.

Pasquale Musella, Giovanni Brescia.

We managed to make it clear to our management that building a yacht is

Siamo riusciti a far capire al nostro management che costruire uno yacht è

complicated. Though we knew how to build a 150,000 tonne ship, building an

complicato, e che anche se sappiamo realizzare navi da 150.000 tonnellate,

8000 tonne yacht was no easy task, because the whole approach was different.

costruire uno yacht da 8000 tonnellate non è semplice, perché è un altro modo,

We realized client relations were a world away from our relations with the owner

un altro metodo. Abbiamo capito che il rapporto con il cliente è molto diverso da

of a cruise liner. So we moved everything to Muggiano, the historic yard for

quello con l’armatore delle navi da crociera. Per questo abbiamo spostato tutto

building submarines near La Spezia. Here the quality had always been first rate,

a Muggiano, nello storico cantiere dei sommergibili vicino a La Spezia, dove

gained from building submarines. Then the Tyrrhenian was also more central to

si è sempre fatta una qualità elevatissima, imposta in particolare dal prodotto

our market than Trieste.

sommergibile. Sul Tirreno inoltre siamo più centrali al mercato, rispetto a Trieste.

We decided to call the new division “Fincantieri Yachts,” combining the historic

Abbiamo avuto l’intuizione di chiamare la divisione “Fincantieri Yachts”, fondendo

name Fincantieri, a guarantee in itself, with the concept of large pleasure

il nome storico, di garanzia, di Fincantieri e il concetto di grandi unità da diporto.

craft.

Sembrerà banale, ma per noi, grande azienda con prassi complesse e un po’

It may seem trivial, but for us, a great company where procedures were complex

rigide, non è stato semplice.

and rather rigid, it was no easy task.

Due personaggi di grido come il progettista Espen Øino e l’interior designer

Two dazzling figures like the architect Espen Øino and the interior designer

Pascale Reymond di Reymond Langton Design, ci hanno lanciato nell’empireo

Pascale Reymond of Reymond Langton Design launched us into the empyrean

dello yacht building e hanno rappresentato al meglio il nostro primo marketing.

of yacht building and represented the finest of our first marketing.

F StoneMagazine 74


Il modello di Serene di poppa Stern view of Serene model

ABBIAMO SCELTO I MIGLIORI FORNITORI IN OGNI SETTORE SPECIFICO WE MADE IT OUR POLICY TO SELECT THE BEST SUPPLIERS IN EACH SECTOR

Dalla diffidenza iniziale del mercato e dell’industria che ci guardava con un

From initial distrust on the part of the market and the industry, which tended to be

po’ di sospetto, pensando “chissà chi si credono di essere questi qua”, siamo

suspicious, asking, “Who do they think they are!” we won widespread confidence

passati a un’ampia fiducia da parte di tutti e a una credibilità che ci ha portato

and credibility. We earned the consideration of the principal builders of large

già la considerazione dei principali costruttori di grandi yacht come il tedesco

yachts such as the German Lürrsen yard. Respect for our rapid construction

Lürrsen. Il rispetto dei tempi di avanzamento, la soddisfazione dell’armatore e la

times, the satisfaction of the yacht’s new owner and our excellent relations with

bontà dei rapporti con i fornitori ci hanno posto in prima fila nella considerazione

suppliers won us the respect and trust of the industry, especially on the part of

e nel rapporto di fiducia di tutto il settore, soprattutto da parte dei fornitori, che

the suppliers, who being all artisans were afraid they might be crushed by the

essendo tutti piccoli artigiani, temevano di essere stritolati dal gigante Fincantieri.

Fincantieri giant.

Noi come politica, non avendo problemi con la piattaforma di base, abbiamo scelto

Since we had no problems with the basic platform, we made it our policy to select

i migliori fornitori in ogni settore specifico della finitura della nave, tra cui, per i

the best suppliers in each sector for finishing the craft, including Furrer as marble

marmi e le pietre Furrer, che si è trovato a dover ricoprire circa 1500 metri quadrati

and stone suppliers, who had to cover a surface area of some 1500 square meters

di superficie dello yacht, trovandosi a utilizzare una quarantina di essenze e di

in the yacht. Some forty different kinds of timber and materials were used to meet

materiali diversi, dovendo assecondare le richieste dell’interior designer Pascale

the requirements of the interior designer Pascale Reymond, the furnishers and

Reymond, degli arredatori, e gli ultimi desideri dell’armatore.

the specifications of the client. Who after the designers and decorators have done

Che dopo le scelte del designer, dell’arredatore può arrivare a dire: “Non mi

their best can say, “I don’t like it.” We developed a complex but effective working

piace!”. Ma noi, con loro, abbiamo messo a punto un processo, complesso,

method, enabling us to ensure the client really did like what he received.

ma efficace, che ci consente di prevenire il “non mi piace”, costituito da vari

This involved breaking down the selection process into several steps in the

passaggi di scelta, di lavorazione e di presentazione dei singoli marmi, delle

working and presentation of individual kinds of marble, stone and veining and

singole pietre e delle venature e disegni particolari per ogni materiale e per ogni

careful drawings and detailing of each material before applying it and installing it

applicazione prima di applicarlo e di montarlo a bordo. E ha funzionato, grazie

on board.

alla professionalità, alla pazienza di Furrer combinata alla grande sensibilità

And it worked, thanks to the professionalism and patience of Furrer combined

degli architetti.

with the great sensitivity of the architects.

Ai primi di settembre abbiamo iniziato a tracciare la nostra seconda costruzione

In early September we started work on the drawings for our second craft, H 6218,

H 6218, Victory, di 140 metri. E la sfida continua!

Victory, 140 meters overall length. And the challenge continues!

F StoneMagazine 75


ON THE SEA_ MATERIALS

STONE PROVIDED BY

FURRER C A R R A R A

CINQUANTA QUALITÀ DI PIETRE PER LA BELLEZZA DELLO YACHT FIFTY KINDS OF STONES FOR THE BEAUTY OF THE YACHT

CREAM JERUSALEM LIMESTONE

PORTORO ExTRA

BEAUVILLON STONE CREAM WITH GOLDEN LINE

ONYx SMERALDO

BARDIGLIO

BLACK ZIMBABWE GRANITE e

FORREST GREEN MARBLE

ANTIQUE BROWN GRANITE

VOLGA BLUE GRANITE

NERO ST LAURENT

BLACK FOSSIL WITH BROWN VIEN DETAIL

BLACK EBONY

ROUGE DE ROY

TOBACCO STRIPE

BOTTICINO ROYAL

ROSA EGEO

PINK ONYx

TRAVERTINO NAVONA

HONEY ONYx CLOUDY

GREEN SMERALDO

EMPERADOR DARK MARBLE

BOTTICINO CLASSIC

FOSSIL GREY

SERENA CREAM JERUSALEM LIMESTONE

F StoneMagazine 76


La società Furrer di Carrara ha fornito a Fincantieri per la costruzione

The Furrer company based in Carrara supplied Fincantieri with an

H 6154 Serene una straordinaria quantità di pietre diverse per coprire oltre

extraordinary quantity of different kinds of stone to face a surface area

1500 metri quadrati di superfici. Sono stati installati rivestimenti e decori in

of over 1500 square meters for the construction of H 6154 Serene.

pietra in tutti i sette ponti dello yacht.

Stone panels and decorations were installed on all seven decks of the

I locali interessati sono stati praticamente tutti, dai più evidenti, come i bagni,

yacht. Practically all the interiors were involved, ranging from the most

ai saloni, alle scale, ai bar, agli appartamenti e cabine, sia dell’armatore che

obvious, such as the bathrooms, to the saloons, staircases, bars, suites

dei suoi ospiti.

and cabins, including both the master suit and the guest quarters.

Furrer non solo ha consigliato, lavorato e fornito ben cinquanta diverse

Furrer not only consulted, worked and supplied fifty different kinds and

qualità e colori di, pietra, ma ha anche partecipato attivamente alla scelta

shades of stone, but also participated actively in the selection of each

di ogni singola parte di ogni singola qualità, per massimizzare il risultato

single piece of each single kind so as to enhance the aesthetic effect

estetico e visivo degli accostamenti e delle combinazioni. Qui sotto la

and the visual matches and combinations. Below are samples of some

campionatura di alcune delle pietre impiegate.

of the stones used.

WHITE ONYx

DARK CARAMEL ONYx

LEMURIAN GRANITE

AZUL CIELO

AZUL BOQUIRA MARBLE

ROSA PORTOGALLO

ROSSO AGADIR

CREMA MARFIL

BLACK FOSSIL

HUBERT HONED

HONEY ONYx CLOUDY

LEOPARD MARBLE

ROSA EGEO

PINTA VERDE

MINT ONYx

HONEY ONYx TIGER

TIGER EYE

SIENNA YELLOW

F StoneMagazine 77


F

New York | London | Paris | Berlin | Roma | Venezia | Milano | Firenze |Athens | Istambul | Madrid | Barcelona | Amsterdam | Bruxelles | Beijing | Hong Kong | Singapore | Mosko

Agenda EVENTS | 09.2010 | 12.2010

| 26.08.2010 - 21.11.2010 | veneZia PeoPle meet in architecture biennale di architettura 2010 leone d’oro a rem Koolhaas, oma in mostra a venezia oma exhibits in venice as rem Koolhaas wins golden lion venezia, giardini-arsenale www.labiennale.org

| 01.09.2010 - 09.01.2011 | washington Palladio e la sua eredità: un viaggio transatlantico Questa mostra offre una rara opportunità di vedere trentuno tra i disegni più importanti nel mondo dell’architettura, ad opera del grande maestro del rinascimento italiano andrea palladio.

Palladio and his legacy: a transatlantic Journey this exhibition offers a rare opportunity to see thirty-one of the most important drawings in the world of architecture, 16th-century works from the hand of the italian renaissance master andrea palladio. national building museum 401 F street nw washington, dc, usa www.nbm.org

F StoneMagazine 78

| 30.09.2010 - 31.02.2011 | sydney engineering excellence ogni anno, la divisione degli ingegneri di sydney premia l’eccellenza dei progetti australiani di ingegneria. una selezione di sei progetti vincitori del premio è esposta al museo powerhouse.

engineering excellence each year the sydney division of engineers australia presents awards for the most outstanding australian engineering projects. a selection of six award-winning projects is displayed at the powerhouse museum. powerhouse museum 500 harris street, sydney, nsw, australia www.powerhousemuseum.com


A

oskow | Kuala Lumpur | Jakarta | Stockolm | Helsinki | Sydney | Melbourne | Aukland | Buenos Ayres | Sâo Paulo | Rio de Janeiro | Miami | Caracas |Johannesburg

LE PRINCIPALI FIERE DEL SETTORE LAPIDEO // MAIN STONE EXHIBITIONS STONA Bangalore |03-02-2010 _ 07-02-2010| MADE Expo Rho |03-02-2010 _ 06-02-2010| CEVISAMA Valencia |09-02-2010 _ 12-02-2010| VITORIA STONE FAIR BR 101 Norte |23-02-2010 _ 26-02-2010|

CHINA XIAMEN INTERNATIONAL STONE FAIR Xiamen |06-03-2010 _ 09-03-2010| ARCHITECTURE CONSTRUCTION MATERIAL Tokyo |09-03-2010 _ 12-03-2010| THE NATURAL STONE SHOW London |16-03-2010 _ 18-03-2010|

2010/2011

MARBLE Izmir |24-03-2010 _ 27-03-2010|

COVERINGS Orlando |27-04-2010 _ 30-04-2010|

EXPOEDILIZIA Roma |11-11-2010 _ 14-11-2010|

TANEXPO Modena |26-03-2010 _ 28-03-2010|

PIEDRA Madrid |05-05-2010 _ 08-05-2010|

ARABIAN STONE FAIR Riyadh |03-10-2010 _ 06-10-2010|

STONETECH Beijing |06-04-2010 _ 09-04-2010|

CARRARAMARMOTEC Carrara |19-05-2010 _ 22-05-2010|

CONEXPO - Con/Agg Las Vegas |22-03-2011 _ 26-03-2011|

TECHNIPIERRE Liege |22-04-2010 _ 25-04-2010|

SAUDI STONE Riyhad |18-10-2010 _ 21-10-2010|

MARMOMACC Verona |29-09-2010 _ 02-10-2010|

Libri // Books

Video

VILLE IN SVIZZERA

L’ULTIMO WRIGHT

Dominique Bradbury Mondadori Electa Il volume offre la possibilità di focalizzare l’attenzione sugli sviluppi recenti del dibattito architettonico elvetico. A focus on the most recent developments in Swiss architecture. www.electaweb.com

TASCHEN’S FAVOURITE HOTELS Angelika Taschen, Christiane Reiter Taschen Check-in con stile. Gli alberghi più incantevoli del mondo. Checking in with style. The world’s most enchanting hotels.

San Francisco Public Library 100 Larkin Street San Francisco Attraverso rari filmati d’archivio, musica d’epoca e uno sguardo alle meravigliose opere di Wright, questo film offre un provocatorio, ironico arazzo di un “secolo americano”, ripercorrendo la vita, la morte e la rinascita di una città del Midwest attraverso il prisma di The Park Inn. Nel corso del 20° secolo il Park Inn ha subito alterazioni e degrado, mentre Mason City ha vissuto una rapina in banca alla Dillinger negli anni trenta, una crisi economica negli anni sessanta e la fama di “Porno City” negli anni settanta. Diretto da Lucille Carra | Prodotto e scritto da Garry McGee e Lucille Carra | Fotografia di Antonin Chundela | A cura di Joan Baran, Brian Cotnoir, Jakub Sykora, Vladimir Zan 55 minuti / colore / documentario http://sfpl.org/index.php

THE LAST WRIGHT San Francisco Public Library 100 Larkin Street San Francisco Through rare archival footage, period music and a look at stunning Wright masterpieces, this film offers a provocative, ironic tapestry of an American century, tracing the life, death and rebirth of a Midwest downtown through the prism of The Park Inn. During the 20th century, The Park Inn faced alterations and degradation while Mason City dealt with a Dillinger Bank robbery in the 1930s, an economic downturn in the1960s and the label “Porn City” in the 1970s. Directed by Lucille Carra | Produced and written by Garry McGee and Lucille Carra |Cinematography by Antonin Chundela| Edited by Joan Baran, Brian Cotnoir, Jakub Sykora, Vladimir Zan 55 minutes / colour / documentary http://sfpl.org/index.php www.fstone.tv/architecture

www.taschen.com F StoneMagazine 79


ISIC ENTRY IMM CARRARA SpA

www.isicentry.immcarrara.com

L’IMPEGNO DI IMM A SOSTEGNO DI OPERATORI E RICERCATORI PER INFORMARE, INNOVARE, CRESCERE IMM’S EFFORT TO PROMOTE INFORMATION, INNOVATION, GROWTH FOR PROFESSIONALS AND RESEARCHERS

F StoneMagazine 80

INTERNAZIONALE MARMI E MACCHINE CARRARA SpA

V.le G. Galilei, 133 - 54033 - Marina di Carrara (MS) - Italy Tel. +39 0585 787963 - Fax +39 0585 787602 imm@immcarrara.com - www.immcarrara.com


Profile for Thetis srl

F Stone Magazine 01  

"F" Stone Magazine, The New Magazine with Broad Views A magazine is being launched, in the heart of the culture of stone and of caves, that...

F Stone Magazine 01  

"F" Stone Magazine, The New Magazine with Broad Views A magazine is being launched, in the heart of the culture of stone and of caves, that...

Profile for thetis