Page 32

radio OnAir

B

EH, SONO STATA STUZZICATA DAI BRAVISSIMI EDITORI di questo magazine on line e come rifiutare, mi hanno già coccolata … così ho pensato, perché no, perché non aprire una finestra sul mio mondo. Infondo la primavera è il periodo dell’anno in cui le apriamo più volentieri per cambiare aria, per sentire il fresco profumo. Apro metaforicamente la finestra sulla Radio. LA RADIO è quell’aggeggino che probabilmente avrete in macchina, o anche in casa, io ne ho di sparse ovunque … tempo fa ne avevo una collegata al pulsante di accensione delle luci in bagno, così, come gli sciacquoni giapponesi suonano quando vanno in uso, il mio bagno emetteva musica quando dentro c’era qualcuno. Ma questo non è il post, il post vuole raccontare qualcosa della radio vista da dentro … anche perché ammetto che io da fuori non l’ho mai vista: la prima volta che ho “trasmesso” in diretta avevo 14 anni, e credetemi, prima di allora l’accendevo davvero di rado! Molti di voi conoscono un solo aspetto della radio ed è proprio quello della diretta, molti amano le radio, molti le odiano, ma sicuramente, a differenza della televisione, non è invasiva, non obbliga alla permanenza in un posto e non stanca la vista.

by OnAir

è la luce che vi permette di vedere la cima imbiancata. Ma sotto la punta c’è la base, e sapete, è davvero mooolto profonda. In radio ci sono tantissime figure, possiamo dire che dentro una radio ci lavorano tante persone, molte diverse e assolutamente utili tutte quante, perfino la signora che viene a fare le pulizie è necessaria per la nostra sopravvivenza. Chi fa radio non fa un mestiere, vive un mestiere. Qualcosa si impara, la parte tecnica, ma il resto no, è solo passione. Se sarete curiosi, piano, piano scoprirete come funziona una piccola radio, di come si lavora nei network ne ho solo una piccola esperienza! Allora, visto che ho nominato gli speaker, partiamo di li! Chi è e cosa fa uno speaker radiofonico (o conduttore): esattamente come dice la parola, tradotta, è la persona che parla. Gli speaker parlano quasi sempre da soli guardando dei monitor. Per diventare speaker non è necessario avere una voce particolarmente bella, ma deve essere una voce godibile, la proprietà di linguaggio è molto importante, come molto importante la capacità comunicativa, la facilità di riassumere in breve un argomento.

La trasmissione, quella che magari state ascoltando ora, è la punta dell’iceberg della radio e il conduttore o la conduttrice (o speaker, o erroneamente chiamati dj)

# due

OnAir _e-mail: thebestmagazine@ymail.com/

31

Profile for The best Magazine

The Best Magazine_#2  

La rivista per il blogger, fatta dal blogger

The Best Magazine_#2  

La rivista per il blogger, fatta dal blogger

Advertisement