Page 1

Nato a Catania nel novembre 1934, ha studiato a Roma e si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica nel 1959. Specializzato in elettronica, ha sempre lavorato in questo campo ed ha avuto il privilegio di assistere e seguire l’evoluzione rivoluzionaria di questa tecnica, dai tubi elettronici ai transistor, ai circuiti integrati fino ai monolitici, insieme allo sviluppo dei calcolatori e del software. Nel tempo libero ha molto viaggiato per turismo, ogni anno in un luogo diverso. Una volta ritirato dal lavoro (1995) ha continuato a viaggiare e, con gli appunti e le foto raccolte, ha creato un sito web. Di recente, convinto che un libro stampato sia più duraturo di un sito web, ha iniziato a trasformare tutti i viaggi in formato editabile (PDF) per pubblicarli.

ISBN 978-88-98416-89-9

€ 25,00

IVA assolta dall’editore

9 788898 416899

L’Africa subsahariana - La terra e la storia in otto viaggi

PROFILO DELL’ AUTORE

Alberto Aiosa

Mentre Europa, Asia e Africa mediterranea hanno guidato il progresso e la civiltà, i paesi a sud del Sahara sono rimasti al margine della storia nonostante lo sviluppo d’imperi e regni come il Mali, il Ghana e il Congo, e vaste aree dell’interno sono rimaste sconosciute fino alla metà del XIX secolo. La tratta degli schiavi iniziata dagli Arabi dal X secolo e quella delle potenze europee verso le colonie americane, nel XVI secolo, ha contribuito alla decadenza dei regni e imperi africani autoctoni preparando la fase coloniale. Conquistata l’indipendenza, l’instabilità dei regimi, l’incapacità delle élite e l’influenza esterna ne hanno frenato lo sviluppo e, fino ad oggi, l’Africa subsahariana è rimasta l’unica regione del mondo, dove ancora prevalgono la fame e la povertà. Dalla descrizione di otto viaggi in diverse nazioni dell’Africa subsahariana è emerso il quadro dell’evoluzione politica e del progresso civile ed economico dopo la fine del colonialismo, modesto se paragonato a quello di altri continenti, con il punto più basso raggiunto dalla Repubblica Democratica del Congo, lo Zaire al tempo del viaggio, precipitata in una tragica guerra civile che coinvolgeva altri stati africani, mentre il punto più alto è stato quello del Sudafrica che si è riscattato dalla schiavitù dell’Apartheid con la creazione di una nazione multirazziale.

Alberto Aiosa

L’Africa subsahariana La terra e la storia in otto viaggi


Alberto Aiosa

L’Africa Subsahariana La terra e la storia in otto viaggi


L’Africa subsahariana Alberto Aiosa Copyright © 2017 Proprietà letteraria riservata ISBN 978-88-98416-89-9 tgbook editore by tecnograficarossi via 1° maggio, 6 36066 Sandrigo (Vicenza) www.tecnograficarossi.it www.tgbook.it L’opera, comprese tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sui diritti d’autore. Sono vietate e sanzionate (se non espressamente autorizzate) la riproduzione in ogni modo e forma (comprese le fotocopie, la scansione, la memorizzazione elettronica e la comunicazione).


INDICE 1.

L'AFRICA SUBSAHARIANA - INTRODUZIONE.-------------------------------------------------------------------3

2.

MADAGASCAR--------------------------------------------------------------------------------------------------------------5

2.1

MADAGASCAR: TERRIRORIO E STORIA.---------------------------------------------------------------------------5

2.2

LA CAPITALE ANTANANARIVO.--------------------------------------------------------------------------------------7

2.3

VIAGGIO VERSO IL SUD.------------------------------------------------------------------------------------------------11

2.4

L'ESTREMO SUD E LA RISERVA BERENTY.-----------------------------------------------------------------------17

2.5

PARCHI E RISERVE DELL'EST.----------------------------------------------------------------------------------------26

2.6

L'ISOLA DI SAINTE MARIE.--------------------------------------------------------------------------------------------32

3.

ZIMBABWE------------------------------------------------------------------------------------------------------------------37

3.1

ZIMBABWE: TERRITORIO E STORIA. -------------------------------------------------------------------------------37

3.2

LA CAPITALE HARARE E DINTORNI.------------------------------------------------------------------------------40

3.3

BULAWAYO E IL MATOPOS NATIONAL PARK.. ----------------------------------------------------------------44

3.4

IL RAIL SAFARIS E HWANGE NATIONAL PARK. ---------------------------------------------------------------47

3.5

LE CASCATE VITTORIA. -----------------------------------------------------------------------------------------------53

4.

ZAMBIA.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------60

4.1

TERRITORIO E STORIA. ------------------------------------------------------------------------------------------------60

4.2

DA VICTORIA FALLS AL LAGO KARIBA. ------------------------------------------------------------------------63

4.3

PARCO NAZIONALE DI LUANGWA. --------------------------------------------------------------------------------66

4.4

LE CASCATE DELLO ZAMBESI. --------------------------------------------------------------------------------------78

4.5

LIVINGSTONE E DINTORNI. -------------------------------------------------------------------------------------------82

5.

TANZANIA.------------------------------------------------------------------------------------------------------------------87

5.1

TANZANIA: TERRITORIO E STORIA. -------------------------------------------------------------------------------87

5.2

DAR ES SALAAM. ---------------------------------------------------------------------------------------------------------92

5.3

PARCO NAZIONALE DI MIKUMI. ------------------------------------------------------------------------------------94

5.4

L'ISOLA DI ZANZIBAR. ------------------------------------------------------------------------------------------------100

5.5

ARUSHA. -------------------------------------------------------------------------------------------------.-----------------105

5.6

PARCO NAZIONALE DI TARANGIRE. -----------------------------------------------------------------------------108

5.7

PARCO NAZIONALE DEL LAGO MANYARA.--------------------------------------------------------------------112

5.8

RISERVA NATURALE DEL NGORONGORO ----------------------------------------------------------------------116

5.9

LA OLDUVAI GORGE---------------------------------------------------------------------------------------------------125

5.10

PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI. --------------------------------------------------------------------------129

5.11

MWANZA E IL LAGO VITTORIA. ----------------------------------------------------------------------------------135

5.12

PICCOLI PARCHI INTORNO AD ARUSHA. ----------------------------------------------------------------------138

6.

ZAIRE.----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------142

6.1

ZAIRE: TERRITORIO E STORIA. -------------------------------------------------------------------------------------142

6.2

KINSHASA. ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------148

6.3

KISANGANI.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------153

6.4

BUKAVU.-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------156

1


6.5

BENI.-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------160

6.6

PARCO VIRUNGA: DA GOMA AL LAGO EDOARDO.----------------------------------------------------------164

6.7

PARCO VIRUNGA: VILLAGGIO VITSHUMBI E RITORNO.---------------------------------------------------170

6.7

KALEMIE E IL LAGO TANGANICA.--------------------------------------------------------------------------------174

6.8

LUBUMBASHI.------------------------------------------------------------------------------------------------------------177

7.

NAMIBIA.-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------180

7.1

NAMJBJA: TERRITORIO E STORIA.---------------------------------------------------------------------------------180

7.2

LA COSTA DEGLI SCHELETRI.--------------------------------------------------------------------------------------184

7.3

L'ESTREMO NORD.------------------------------------------------------------------------------------------------------189

7.4

CAPE FRIO E LE ROCKY MOUNTAINS.---------------------------------------------------------------------------192

7.5

VILLAGGI DELLE MINORANZE ETNICHE.-----------------------------------------------------------------------196

7.6

LA CAPITALE WINDHOEK..------------------------------------------------------------------------------------------199

7.7

PARCO ETOSHA: DA OKAHANDJA AD HALALI.---------------------------------------------------------------201

7.8

PARCO ETOSHA: DA HALALI A NAMUTONI E RITORNO.---------------------------------------------------206

8.

BOTSWANA.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------211

8.1

BOTSWANA: TERRITORIO E STORIA.------------------------------------------------------------------------------211

8.2

DELTA DEOLL'OKAVANGO: RISERVA MOREMI.--------------------------------------------------------------214

8.3

DELTA DELL'OKAVANGO: AL CAMPO OKAVANGO.--------------------------------------------------------219

8.4

PARCO NAZIONALE DEL CHOBE: PARTE PRIMA.-------------------------------------------------------------224

8.5

PARCO NAZIONALE DEL CHOBE: PARTE SECONDA.--------------------------------------------------------230

9.

SUDAFRICA.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------234

9.1 SUDAFRICA: TERRITORIO E STORIA.------------------------------------------------------------------------------234 9,2

JOHANNESBURG.--------------------------------------------------------------------------------------------------------24$

9.3

PARCO KRUGER: RISERVA SEBI SANDS.-------------------------------------------------------------------------244

9.4

PARCO KRUGER: RISERVA MAKALALI.--------------------------------------------------------------------------251

9.5

CITTÀ DEL CAPO E DINTORNI.--------------------------------------------------------------------------------------258

9.6

LA GARDEN ROUTE DA CAPE TOWN A PORT ELIZABETH.------------------------------------------------264

Il testo è tratto dal sito web http://www.travelphotoblog.org dello stesso autore.

***

2


L'AFRICA SUBSAHARIANA INTRODUZIONE L'Africa Subsahariana è l'area del continente africano a sud del Sahara che corrisponde geograficamente alle zone occupate dalle savane e dalle foreste tropicali fino a quelle temperate del Sudafrica. Questo è il cuore profondo dell'Africa che è stata la culla dell'umanità, da dove sono migrati i primi uomini per popolare tutti i continenti della terra.   Dopo la preistoria, mentre Europa, Asia e Africa mediterranea guidavano il progresso e la civiltà, i paesi a sud del Sahara restavano al margine della storia nonostante lo sviluppo d'imperi e regni vasti e importanti, come il Mali, il Ghana e il Congo, e vaste aree dell'interno sono rimaste sconosciute fino alla metà del XIX secolo. Le strade commerciali hanno tuttavia attraversato il cuore dell'Africa consentendo lo scambio delle culture. La tratta degli schiavi iniziata dagli Arabi dal X secolo e quella delle potenze europee verso le colonie americane, dal XVI secolo, ha contribuito alla decadenza dei regni e imperi africani autoctoni preparando la fase coloniale.   La seconda metà del XIX secolo è stata per L'Africa il periodo delle ultime esplorazioni e delle conquiste coloniali europee che la confinarono a un ruolo secondario economico e politico e come fonte di risorse agricole e materie prime. Quando, nel decennio 1960, le nazioni africane conquistarono l'indipendenza, l'instabilità dei regimi, la corruzione, l'incapacità delle èlite e i condizionamenti esterni ne hanno frenato lo sviluppo e, fino ad oggi, l'Africa subsahariana è rimasta l'unica regione del mondo, dove ancora prevalgono la fame e la povertà.   Il periodo africano dei miei viaggi è iniziato con il Madagascar, nel 1987, è proseguito senza interruzioni fino al 1991 e, nel nuovo millennio, è ripreso con altre due visite in Sudafrica e Zambia. L'Africa ha avuto per me sempre un fascino particolare come il continente che ha conservato il più grande patrimonio di fauna selvaggia della terra. Ricordo l'impressione riportata dalla visione del film documentario "Africa addio" di Gualtiero Jacopetti (1966) che, con le sue scene di caccia indiscriminata degli animali nella savana, faceva presagire una fine imminente per quel mondo magico. Fortunatamente questo non è ancora successo e la conservazione del patrimonio di parchi nazionali e di riserve è stata sostenuta dal crescente impegno dei governi e delle popolazioni locali contro la piaga della caccia di frodo, e con la presa di coscienza che la preservazione dell'ambiente si traduce in un ritorno economico per gli stessi abitanti anche perché favorisce lo sviluppo del turismo.   Dalla descrizione di otto viaggi in otto nazioni dell'Africa subsahariana è emerso un quadro del patrimonio naturale e dell'evoluzione politica delle popolazioni negli ultimi decenni, dopo la fine del colonialismo. Si è già accennato all'impegno sull'ambiente. Il progresso civile ed economico, invece, è 3


stato modesto se paragonato a quello in altri continenti, con luci e ombre, dove il punto più basso è stato raggiunto dalla Repubblica Democratica del Congo, lo Zaire al tempo del viaggio, precipitata in una tragica guerra civile che coinvolgeva gli stati vicini. Il punto più alto, invece, è stato del Sudafrica che, con le sue sole forze, si è riscattato dalla schiavitù dell'Apartheid con la creazione di una nazione multirazziale.

LISTA DEGLI STATI VISITATI MADAGASCAR pag. 5

ZIMBABWE pag. 37

ZAMBIA pag. 60

TANZANIA pag. 87

ZAIRE pag. 142

NAMIBIA pag.180

BOTSWANA pag. 211

SUDAFRICA pag. 234

4


AGOSTO 1987 VIAGGIO IN MADAGASCAR

CAPITOLO 1 - MADAGASCAR: TERRITORIO E STORIA

Il Madagascar è uno stato africano su un'isola dell'oceano Indiano al largo della costa orientale dell'Africa e di fronte al Mozambico. L'isola è, per dimensioni, la quarta del mondo, dopo la Groenlandia, la Nuova Guinea e il Borneo, con una superficie di 594000 kmq. Geologicamente si è formata per scissione del supercontinente Gondwana circa 160 milioni di anni fa, nell'era del Giurassico superiore, ed ebbe poi il suo distacco definitivo, dall'Africa a ovest e dall'India e l'Antartide a est, nel tardo Cretaceo, da 84-65 milioni di anni fa. Da allora è rimasta in completo isolamento favorendo la sopravvivenza delle specie primitive e l'evoluzione di vegetali e animali endemici che l'hanno resa unica dal punto di vista naturistico. Dall'Africa la separa un braccio di mare di 400 km detto Canale di Mozambico ed è attraversata dal tropico del Cancro. Misura 1600 km da nord a sud e 540 km da ovest a est. Da nord a sud è attraversata da un altopiano centrale con molte vette oltre i 2000 m e il punto più alto si ha a nord, dove raggiunge i 2800 m. La fascia orientale dell'isola è una vasta pianura fertile in gran parte coperta da foreste tropicali. Anche sulla costa ovest si trovano vaste pianure, ma verso sud prevale la savana e il clima è più adatto all'allevamento dei bovini, in prevalenza zebù. Il prodotto agricolo più diffuso è il riso e vi è la maggiore produzione del mondo di vaniglia.   Nel Madagascar non sono state trovate tracce dell'uomo preistorico e il popolamento dell'isola ha origini relativamente recenti. Le prime migrazioni provengono dall'Indonesia in diverse ondate fra il V e il X secolo d.C., le ultime sono del XIII e XV secolo. Le migrazioni dall'Africa (bantu) sono tutte posteriori al V secolo. Altri popoli sono arrivati dall'India dravidica e dall'Arabia. L'attuale popolazione è quindi un misto di razze e, nel complesso, è più vicina agli asiatici e ai polinesiani che agli africani. La lingua nazionale è il malgascio di origine malese-indonesiana, la seconda lingua ufficiale è il francese.   Gli Arabi crearono insediamenti nell'isola dal VII secolo per il commercio degli schiavi e introdussero la religione islamica che anche oggi è praticata dalle etnie che discendono da essi. Il primo europeo che scoprì l'isola fu il portoghese Diego Diaz nel 1500, da allora, quelli che cercarono di crearvi insediamenti, furono decimati e ricacciati dalle malattie e dall'ostilità degli indigeni. Fra il 1642 e il 1672 i Francesi crearono una loro base nell'estremo sud, a FortDauphin. Dal XVI al XVII secolo, il Madagascar divenne una base privilegiata per i pirati che attaccavano i traffici sulla rotta dell'India. Intanto il commercio degli schiavi con gli europei portava oro e armi da fuoco ai clan malgasci che crearono numerosi regni nell'isola. Nell'ovest si formarono i regni dei Sakalava e, nella costa orientale, quelli dei Betsimisaraka, mentre sugli altipiani centrali si affermarono i Merina che avevano fondato la città di Antananarivo. Questa dinastia, all'inizio del 1800, aveva esteso il suo dominio fino alla costa orientale e, con il re Radama I (1810-1828), iniziò l'unificazione dell'isola. Il re organizzò un potente esercito sul modello napoleonico ed estese i suoi domini fino a Toamasina (Tamatave), sulla costa orientale, e su tutto il meridione fino a Fort-Dauphin. I trattati con gli Inglesi del 1817 e 1820 riconobbero Radama I come re del Madagascar e fu abolita la schiavitù. Gli successe la moglie, la regina Ranavalona I, che volle ripristinare le tradizioni malgasce cancellando tutte le 5


innovazioni introdotte da Radama I. Fece uccidere i parenti del re, espulse i missionari e perseguitò i convertiti. Anche il figlio, erede al trono come Radama II, fu a capo di una congiura contro di lei. Morta la regina, Radama II fu eletto e cercò di ripristinare le riforme ma, dopo solo due anni fu strangolato in una congiura di palazzo. Gli successe la vedova che sposò il primo ministro Rainilaiarivony favorevole alle riforme. Questi governò ininterrottamente dal 1864 al 1895 e sposò altre due regine. Tornarono le missioni cristiane e si diffuse l'alfabetizzazione. Nel 1885, un accordo fra Inghilterra e Francia, sulle sfere di influenza in Africa, lasciò a quest'ultima ogni diritto sul Madagascar. Nel 1890, la Francia impose sull'isola il suo protettorato e, al tentativo di resistenza della regina Ranavalona III, nel 1895 occupò la capitale Antananarivo. La monarchia fu abolita e la regina esiliata ad Algeri. Le autorità coloniali non concessero nessun diritto politico alla popolazione e il francese fu imposto come lingua ufficiale. Da questo momento cominciò a crescere una resistenza organizzata contro il regime coloniale. I Francesi impiegarono truppe malgasce nella prima e seconda guerra mondiale e, quando la Francia fu occupata dai Tedeschi, il Madagascar passò prima al governo di Vichy ma, occupato dagli Inglesi, passò al governo della Francia Libera di De Gaulle. Dopo la guerra, il movimento di rivendicazione dei diritti politici esplose nella sanguinosa rivolta del 1947 che fu repressa dopo un anno, ma rafforzò i sentimenti nazionalistici. Nel 1958, il nuovo governo francese di Charles de Gaulle concesse l'indipendenza e i Malgasci votarono la nuova costituzione. Il 26 giugno 1960 il Madagascar divenne una repubblica indipendente. Le spinte nazionalistiche guastarono presto i legami con la Francia e, nel 1972 il primo presidente eletto, Tsiranana, si ritirò sostituito da una giunta militare che strinse rapporti con l'Unione Sovietica. Seguì un altro colpo di stato nel 1975 che portò al potere l'Ammiraglio Didier Ratsiraka, dell'etnia Betsimisaraka della costa, e impose una deriva autoritaria con il partito unico e la censura sulla stampa. Ne seguì la decadenza economica e, verso la fine del decennio 1980 (periodo del viaggio), Ratsiraka, indebolito dall'opposizione, introdusse alcune riforme e tolse la censura.   Il decennio 1990 cominciò con una serie di manifestazioni e disordini che portarono alle dimissioni di Ratsiraka e a una nuova costituzione. Il nuovo governo, tuttavia, durò poco e le elezioni del 1997 riportarono al potere Ratsiraka che rafforzò la sua posizione con altre modifiche alla costituzione. Nelle successive elezioni presidenziali del 2001 ebbe come rivale Marc Ravalomanana dell'etnia Merina che contestò i risultati e, dopo un nuovo conteggio, risultò vincitore. Il suo governo, dal 2002, ha iniziato un piano per decentralizzare l'amministrazione e combattere la corruzione.   Fra i paesi africani, il Madagascar è uno dei più impegnati nella conservazione dell'ambiente, specie dopo il Congresso Nazionale dei Parchi del 2003, impegnandosi a triplicare la superficie delle aree protette per arrivare a 6 milioni di ettari, dagli attuali 17 Parchi Nazionali, 18 Riserve speciali e 5 Riserve integrali.

IL VIAGGIO L'itinerario del viaggio è stato organizzato a livello individuale con un corrispondente locale toccando alcuni dei luoghi più caratteristici. S'inizia con la capitale Antananarivo, sugli altipiani centrali, poi si scende verso il sud fino all'estremità meridionale dell'isola, in un progressivo mutare dell'ambiente naturale, dal tropicale alla savana. Le coste del sud offrono nuovi paesaggi e i primi contatti con i parchi naturali, come quello di Berenty e la sua ricca fauna di lemuri. Si torna poi verso nord, in volo e ferrovia, lungo la fascia costiera orientale, dove prevalgono le foreste pluviali, sostando in un Parco Nazionale e una Riserva. L'ultima tappa è nella piccola isola di Sante Marie, al largo della costa nord-orientale, piccolo paradiso tropicale come i tanti nelle altre isolette satelliti.

6


AGOSTO 1987 VIAGGIO IN MADAGASCAR

CAPITOLO 2 - LA CAPITALE ANTANANARIVO Si arriva ad Antananarivo, capitale del Madagascar, il mattino del giorno 8 agosto da Roma, via Zurigo, con pernottamento in volo. La visita della città comincia subito e sarà completata nel corso di altre giornate, quando si tornerà nella capitale, fra un percorso e l'altro all'interno dell'isola, e negli ultimi due giorni di permanenza, dal 28 al 30 agosto, prima del ritorno. La descrizione della città è però concentrata tutta in questo capitolo.   Antananarivo, nota con il nome di Tananarive nel periodo coloniale e più comunemente come Tanà, oggi è la capitale della Repubblica Democratica del Madagascar. Il suo nome significa "Città dei Mille" con riferimento ai mille guerrieri che formavano la guardia del re. Si trova al centro dell'isola sull'altopiano dell'Imerina a 1250 m di altezza. La città ha una planimetria tormentata; si sviluppa intorno ad una montagna che sovrasta una pianura e ci sono 12 rilievi, antiche colline sacre, su cui si stende l'abitato in un dedalo tortuoso di salite, scale e svolte.

ANTANANARIVO - IL MERCATO A sinistra, l'Avenue de l'Indépendance e in fondo la Stazione Ferroviaria. A destra, il Mercato Zoma sulla strada e, dietro, le colline della città.

ANTANANARIVO - CENTRO A sinistra, i padiglioni del Mercato che fiancheggiano l'Avenue de l'Indépendance. A destra, il Mercato sulla strada.

7


La città è la più popolosa dell'isola con più di 1,5 milioni di abitanti e la sua provincia, dello stesso nome, è l'unica a non avere sbocchi sul mare. Il centro moderno è attraversato dall'Avenue de l'Indépendance, la strada più larga della città che parte dalla stazione ferroviaria, costruita durante il periodo coloniale francese. Su questa strada si tiene il grande mercato detto Zoma (pron.: Zumà) che nella lingua locale significa venerdì perché si tiene soprattutto il venerdì quando è invasa tutta la strada e quelle vicine. Negli altri giorni, il mercato è confinato nei caratteristici padiglioni che fiancheggiano la strada.   Il centro storico della città è sulla collina più alta, detta Rowa, che affaccia sul lago Anosy. Qui si trovano i palazzi reali e la reggia circondata da una corona di alberi.

LA COLLINA ROWA E LA REGGIA A sinistra, la collina Rowa vista dal lago Anosy. A destra, la Reggia sul punto più alto della collina.

L'antica reggia, sul punto più alto, ha l'aspetto di un castello francese, infatti, fu costruita durante il regno di Ranavalona I, nel 1834 da Jean Laborde, un avventuriero francese al servizio della regina. In origine era tutto in legno e tale è rimasto all'interno, ma l'esterno è stato rifatto in pietra nel 1873. Dall'alto della collina Rowa si ha un punto panoramico sul lago artificiale Anosy, creato a metà del 1800 come riserva d'acqua. Al centro del lago si trova un isolotto, collegato alla terraferma con un istmo, e una colonna sormontata da un angelo che onora la memoria di soldati malgasci morti per la Francia nella prima guerra mondiale. Vicino al lago si distingue, per la sua altezza, il Madagascar Hilton (14 piani), l'albergo più moderno della città.   Sul lato nord del lago si trova il museo di Archeologia e Arte della città che ha un interessante campionario di reperti archeologici ed etnografici del Madagascar. Un tabellone riporta il flusso delle migrazioni dei popoli nell'isola, le prime dall'Indonesia, poi dall'Africa, dall'India e dall'Arabia.

LA REGGIA E IL LAGO ANOSY A sinistra, l'antica Reggia nello stile dei castelli francesi. A destra, vista del lago Anosy dalla collina Rowa, in primo piano il centro sportivo.

8


MUSEI E MONUMENTI A sinistra, Museo di Archeologia e Arte: mappa con le migrazioni nell'isola. A destra, la tomba monumentale del primo ministro Rainilaiarivony.

A nord del lago è stata costruita la tomba monumentale del primo ministro Rainilaiarivony, ultimo grande uomo di stato della dinastia Merina, che governò senza interruzione per 32 anni e fu marito delle tre ultime regine. Quando i Francesi abolirono la monarchia, anche il primo ministro fu esiliato ad Algeri e vi morì. Le sue spoglie furono riportate in patria solo nel 1961.

PARCO BOTANICO E ZOOLOGICO A sinistra, una vista del Parco. A destra, esemplari di piante grasse del genere Alluaudia.

A sinistra, una tartaruga gigante. A destra, un Lemure catta.

Negli immediati dintorni della capitale vi è un gran numero di vivai che costituiscono una fiorente industria 9


dedita alla coltivazione ed esportazione dei fiori tipici dell'isola, specie le orchidee e le piante grasse. A sud del centro, in una vasta zona detta Tsimbaraza, si trova il Parco Botanico e Zoologico della città, dove sono raccolte le specie più importanti della flora e della fauna dell'isola. Vi sono esemplari di speciali piante grasse del genere Alluaudia, comuni nel sud dell'isola e resistenti alla siccità che hanno rami lunghi e ricoperti di spine e foglioline grasse rotonde. Di queste piante vi sono molte specie diverse, ma tutte hanno queste foglioline rotonde.   Si possono osservare, inoltre, tartarughe giganti e alcune famiglie di lemuri, le scimmie primitive (proscimmie), scomparse in tutte le altre parti del mondo e conservatesi nel completo isolamento geografico del Madagascar, dopo il suo distacco dal continente africano, almeno 65 milioni di anni fa.

DINTORNI: AMBOHIMANGA A 21 km circa dalla capitale si trova la residenza estiva degli antichi sovrani della dinastia Merina. Ambohimanga, città sacra e luogo di sepoltura dei Merina, è rimasta interdetta agli stranieri fino agli inizi del XX secolo. La città era cinta di mura e difesa da una porta costituita da una ruota di pietra, del diametro di 2,5 m, che la ostruiva ogni sera facendola rotolare. All'interno vi sono i palazzi di legno degli antichi sovrani. Il più antico è quello del grande re Adrianampoinimerina (1787-1819), padre di Radama I e padrone incontrastato di tutta la regione centrale dell'isola. Il palazzo più moderno, di stile coloniale è quello della regina. Nel 2001 l'UNESCO ha inserito Ambohimanga nella lista dei Patrimoni dell'Umanità ed è diventato sito archeologico.   In un vasto cortile, una piattaforma sovrastata da un grandioso albero, vecchio di più di 200 anni, era il luogo delle assemblee tenute dal re. Dalla collina di Ambohimanga si spazia sulla fertile pianura che circonda la capitale costellata da risaie, piccoli laghi e boschi di eucalipti.

AMBOHIMANGA - RESIDENZA ESTIVA DEI MERINA A sinistra, porta fortificata della città. A destra, Palazzo della Regina in stile coloniale.

A sinistra, albero secolare sulla piattaforma delle Assemblee. A destra, vista sulla pianura fino al mare.

10


AGOSTO 1987 VIAGGIO IN MADAGASCAR

CAPITOLO 3 - VIAGGIO VERSO IL SUD Il mattino del 10 agosto, si lascia la capitale Antananarivo e inizia il viaggio in auto verso le regioni meridionali dell'isola, con destinazione la città di Toliara, sulla costa sud occidentale. Il percorso, lungo la Nazionale n. 7, è di 930 km e può essere disagevole, specie durante la stagione delle piogge (da novembre a marzo). Si attraversano paesaggi diversi scendendo dalla regione dei grandi altipiani alle savane aride del sud. Nel primo tratto di 170 km, fino a Antisirabe, la strada segue la catena vulcanica di Ankaratra. Tutti gli altipiani centrali del Madagascar sono costituiti da rocce eruttive e sedimentarie la cui alterazione superficiale ha formato lateriti argillose, rosse per gli ossidi di ferro che contengono. Le casette in laterite rossa sono una nota caratteristica di tutto l'altopiano e, per questo, la stessa capitale, Antananarivo, è stata chiamata "la rossa" e tutto il Madagascar ha avuto il soprannome di "isola rossa".

VERSO IL SUD SULLA NAZIONALE N. 7 A sinistra, catena vulcanica di Ankaratra. A destra, case in laterite rossa.

LAGHI NEI DINTORNI DI ANTSIRABE A sinistra, lago Andraikiba. A destra, lago vulcanico Tritriva.

Antisirabe, la prima città a sud di Antananarivo, è collegata alla capitale, oltre che dalla nazionale N. 7, da un 11


tronco ferroviario. La città ha delle sorgenti di acque calde sulfuree, che hanno avuto il loro periodo d'oro durante il dominio francese, ed è un centro importante di lavorazione delle pietre preziose che abbondano nella regione: quarzi, topazi, tormaline, ametiste e mica. Vi sono inoltre fabbriche di tessuti, sigarette e birra ed è considerata un centro industriale dell'isola. Lasciata Antsirabe, nei dintorni s'incontrano diversi laghi. Il più vicino è il lago Andraikiba che è usato come riserva di acqua potabile per la città. Caratteristico è il lago Tritriva, incassato nel cratere di un antico vulcano la cui forma è simile a quella del Madagascar. Il secondo tratto del percorso, di 328 km, va da Antsirabe a Fianarantsoa e si attraversa un paesaggio vario in una pianura fra montagne, corsi d'acqua e foreste. La zona è fertile, intensamente coltivata e abitata. Nelle aree più basse e umide si coltiva riso, mais, patate e la vite. Il vino di questa regione è particolarmente apprezzato. Il gruppo etnico che vi abita è il betsileo ed hanno fama di essere i migliori contadini dell'isola. La regione è nota anche per l'industria artigianale delle sculture di legno. Dopo 89 km da Antsirabe, si passa per la cittadina di Ambositra, dove si trovano scuole che insegnano le lavorazioni tradizionali del legno. Dopo Ambositra la strada comincia a scendere di quota e s'incontrano foreste di pini e riserve naturali.

DA ANTSIRABE A FIANARANTSOA A sinistra, montagne e corsi d'acqua, iniziano le aree coltivate. A destra, campi coltivati dai betsileo.

Si pernotta a Fianarantsoa, capitale della provincia omonima, 406 km da Antananarivo, a 1200 m di quota. L'artigianato della città è noto per la produzione di una carta speciale, ottenuta da una pianta chiamata Aroba, che è decorata incollandovi, quando è ancora fresca, foglie e petali di fiori e, secondo la tradizione ha poteri magici. La carta fu prodotta per la prima volta dagli Arabi che, quando si stabilirono nell'isola, avevano l'esigenza di copiare i testi del Corano.   L'ultimo tratto del percorso fino a Toliara, sulla costa sud-occidentale, è lungo 541 km e la nazionale N. 7 piega verso sud-ovest. Il paesaggio è ormai cambiato radicalmente e si entra nel regno delle steppe e delle praterie, dove pascolano le mandrie di zebù che rappresentano la tradizionale ricchezza delle popolazioni.

DA FIANARANTSOA A TOLIARA - LE PRATERIE A sinistra e a destra: mandrie di zebù.

12


In passato lo stato di agiatezza di una famiglia si misurava dal numero di capi di zebù posseduti. Gli zebù erano sacrificati durante le cerimonie religiose e le tombe erano ornate con corna di zebù in numero proporzionale alla ricchezza del defunto. Il furto di bestiame era diventato uno sport nazionale e una prova di abilità dei giovani per essere considerati adulti. Fra il 1950 e il 1960, il numero di zebù ammontava a circa 9 milioni. La crisi economica nei 20 anni successivi, ha dato un duro colpo all'allevamento e i furti si sono trasformati in un vero racket. La strada passa a ovest del massiccio montuoso dell'Andringitra e si trova una steppa più arida con pochi gruppi di alberi; le erbe, in questo periodo, sono alte e secche. Dopo circa 200 km si passa l'abitato di Ihosy e si attraversa la piana dell'Horobe (grande verde), area sabbiosa, coperta da ciuffi di erbe e costellata di termitai.

DA FIANARANTSOA A TOLIARA - LE STEPPE A sinistra, i monti dell'Andringitra. A destra, piana con termitai.

IL LISALO, ULTIMA CATENA PRIMA DELLA PIANURA COSTIERA A sinistra, i canyon granitici del Lisalo. A destra, lasciata la catena, si scende verso il mare.

Ancora 90 km e si passa per la cittadina di Ranohira. Si attraversa il massiccio del Lisalo, una catena granitica stratificata con profondi canyon che ricorda, in piccolo, il Gran Canyon del Colorado.   Qui finisce la provincia di Fianarantsoa e inizia quella di Toliara. La catena del Lisalo è l'ultimo sbarramento che s'incontra prima di entrare nella pianura alluvionale che costituisce la fascia costiera fino al mare.

TOLIARA E DINTORNI Si fa sosta per due notti in un piccolo hotel sulla spiaggia di Ifaty, nei pressi della cittadina di Toliara. La costa sud-occidentale del Madagascar è protetta da una lunga barriera corallina che si stende per 250 km e che si vede biancheggiare a distanza. 13


SPIAGGIA DI IFATY A sinistra, i pescatori ritirano le reti. A destra, piroghe in secco e reti stese ad asciugare.

UN VILLAGGIO DELLA COSTA A sinistra, capanne fra gli alberi. A destra, bambini sulla spiaggia con conchiglie e stelle di mare.

Lemure catta

 Lungo la costa sono disseminati i villaggi dei pescatori e, nei due giorni successivi, si ha modo di osservare le loro attività e si esplora l'interno della costa fino a Toliara. La pesca avviene nel tratto di laguna fra la spiaggia e la barriera corallina. I pescatori stendono le reti di notte e le ritirano al mattino per raccogliere il prodotto.   Gli abitanti appartengono al gruppo etnico Vezo di origine africana, pescatori e marinai che usano piroghe a bilanciere di tipo indonesiano. I villaggi sono un po' all'interno e 14

Lemure catta


sono costituiti da semplici capanne fatte con rami e foglie intrecciate. La fascia costiera è coperta da foreste ed è facile scoprire fra gli alberi i caratteristici Lemuri catta, così chiamati perché la loro voce è simile al miagolio di un gatto. I catta hanno una lunga coda a dischi alternati bianchi e neri con un folto pelo. Sono abbastanza socievoli e non temono l'uomo, ghiotti di frutta, mangiano anche qualsiasi cosa. I lemuri sono i progenitori delle scimmie ed hanno conservato certi caratteri tipici degli insettivori da cui derivano, un muso allungato, occhi laterali, cervello piccolo ed hanno il volto interamente ricoperto di peli. Cinquanta milioni di anni fa erano diffusi in Africa, Europa e Nord America, poi sono spariti per la competizione di specie arboricole più evolute. Quando il Madagascar si staccò dall'Africa, i lemuri, rimasti isolati, continuarono a differenziarsi e si ebbero anche lemuri giganti, delle dimensioni di uno scimpanzé che oggi sono dei fossili.   Toliara si trova a circa un'ora di macchina dalla spiaggia di Ifaty, su strada sterrata. Circa 10 km prima, s'incontra un enorme banian sacro che con le sue radici ha coperto un'ampia area recintata. Secondo una tradizione, qui si trovava la tomba di una principessa.

IL BANIAN SACRO Il Banian ha invaso con le sue radici aeree una zona vastissima creando una foresta.

Nella periferia di Toliara, vicino a campi di cotone, la cui coltivazione è stata introdotta di recente nell'isola, si trova un altro modesto monumento. Si tratta della cosiddetta tomba di re Rebibi, un sovrano locale del 1800, in uno spazio rettangolare chiuso da un muro di pietre a secco e in mezzo alcuni oggetti raccolti in vita dal re nei suoi contatti con gli europei e i pirati, come la campana di una nave, un vaso cinese rotto e vecchie spade, mostrati fieramente da alcuni ragazzi del luogo.

PERIFERIA DI TOLIARA A sinistra, campi di cotone. A destra, la tomba di re Rebibi.

Toliara è la capitale della provincia omonima che è la più vasta dell'isola ma anche la meno abitata. Oltre al 15


modesto porto, la città ha un piccolo aeroporto, da dove si partirà per la prossima tappa del viaggio. Di caratteristico in città c'è solo il mercato, in particolare quello delle conchiglie, di cui c'è una grande varietà, provenienti dalla vicina barriera corallina.

MERCATO DI TOLIARA A sinistra, mercato di polli: la rete semisferica di vimini copre i polli in vendita. A destra, assortimento di conchiglie e crostacei.

16

Profile for Tgbook

L'Africa subsahariana  

di Alberto Aiosa edito Tgbook

L'Africa subsahariana  

di Alberto Aiosa edito Tgbook

Profile for tgbook
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded