Issuu on Google+


2


SOMMARIO

IDENTITÁ 4

MISSIONE 8

ORGANIGRAMMA 16

PORTATORI D’INTERESSE 18

BILANCIO ECONOMICO 45

CONCLUSIONI 48

3


IDENTITÀ Dati anagrafici, storia dell’impresa e collegamenti con territorio TERRANOVA società cooperativa sociale onlus (s.r.l.) [Tipo A] Sede legale: Calle Corona, 2 - 34072 Gradisca d’Isonzo (GO) Sede operativa: Via San Francesco, 13 - 34070 Turriaco (GO) P. IVA - CF: 01120900319 R.E.A. GO 73430 Albo Naz. Coop. A208033 Albo FVG coop. n. 4444 Sociali n. 329 Data costituzione: 03/08/2010 Centrale cooperative Legacoop n. 25721 09/12/2010

4


Socie fondatrici: COCCOMINI Carmela Luisa, nata a Gela (CL) il 21 settembre 1966 e residente in Fogliano Redipuglia (GO), alla Via Giochi della Giovent첫 n. 1, n.c.f. CCC CML 66P61 D960A COSLEVAZ Ardemia, nata a Trieste il 13 ottobre 1952 e residente in Ronchi dei Legionari (GO), alla Via Kosovel n. 1, n.c.f. CSL RDM 52R53 L424Z CRAVIN Federica, nata a Gorizia il 2 marzo 1972 e residente in Monfalcone (GO), alla Via dei Castellieri n. 19, n.c.f. CRV FRC 72C42 E098J GANDIN Paola, nata a Monfalcone (GO) l'11 marzo 1964 ed ivi residente alla Via XXIV Maggio n. 25, n.c.f. GND PLA 64C51 F356L GANDOLFO Elena, nata a Trieste l'1 ottobre 1974 e residente in Monfalcone (GO), alla Via Don P. Fanin n. 42, n.c.f. GND LNE 74R41 L424E MILLERI Emanuela, nata a Trieste il 2 marzo 1951 e residente in Monfalcone (GO), alla Via A. Volta n. 34, n.c.f. MLL MNL 51C42 L424F MORA Denise, nata a Wattwil (Svizzera) il 26 luglio 1961 e residente in San Canzian d'Isonzo (GO), alla Via Donatori Volontari di Sangue n. 3, n.c.f. MRO DNS 61L66 Z133H MORA Karin Barbara, nata a Wattwil (Svizzera) l'11 ottobre 1965 e residente in Turriaco (GO), alla Via G. Oberdan n. 75, n.c.f. MRO KNB 65R51 Z133P VONCINA Alessandra, nata a Gorizia il 14 aprile 1959 e residente in Monfalcone (GO), alla Via Invalidi del Lavoro n. 6, n.c.f. VNC LSN 59D54 E098K ZAMPAR Giada, nata a Gorizia il 23 settembre 1971 e residente in Fogliano Redipuglia (GO), alla Via Fornaci n. 11, n.c.f. ZMP GDI 71P63 E098W 5


Cronologia e storia di una cooperativa di donne per il sociale La cooperativa sociale Terranova è una giovane cooperativa femminile, nata alla fine del 2010, che opera nel delicato mondo dell’assistenza alla persona e lo vuole fare mettendoci il cuore e non solo la professionalità. Oggi, in un mondo dove domina la logica del mercato, sia nella nostra vita individuale che collettiva, riuscire a mantenere l’attenzione sulle persone, sui loro bisogni, ritmi, talenti e sogni, significa davvero ridare dignità al lavoro e al mondo della cura. Tale approccio fa sì che per noi il valore dominante non sia il profitto, ma il benessere e la realizzazione degli individui, della comunità e dell’ambiente naturale visti come un tutt’uno. Questo primo effettivo anno di attività ha visto la cooperativa mettere veramente in atto tali principi ispiratori e misurarsi col territorio con coerenza e sempre rinnovato entusiasmo, rafforzando i legami sociali tra le socie, le persone assistite e tutti i cosiddetti stakeholders (portatori d’interesse).

http://www.terranova-fvg.org

6


Area geografica d’azione, collegamenti con il territorio L’area geografica di riferimento, nel 2011, è stata la Provincia di Gorizia e sono state gettate le basi per un’espansione nella Provincia di Udine, attraverso la collaborazione con l’ASPIC (Associazione per lo Sviluppo Psicologico dell'Individuo e della Comunità) e nella Provincia di Trieste, avviando una serie di incontri Legacoop per una progettualità con le carceri regionali. Anche i collegamenti con il territorio, nel 2011, si sono notevolmente rafforzati, grazie ad una serie di iniziative aperte al pubblico ed al radicamento di alcuni progetti. L’investimento pubblicitario, la realizzazione del sito web ed i numerosi articoli sui quotidiani locali hanno inoltre reso maggiormente visibile la cooperativa e tutti i suoi servizi nei vari ambiti di intervento.

7


MISSIONE E VALORI DI RIFERIMENTO Oggetto sociale Per il raggiungimento dei propri scopi sociali e mutualistici, la cooperativa ha come oggetto la gestione, stabile o temporanea, in proprio o per conto terzi, di servizi socio-assistenziali, sanitari, riabilitativi, infermieristici, educativi, culturali e ricreativi rivolti ad adulti, minori, anziani, diversamente abili e persone in condizioni, od a rischio, di emarginazione e/o disagio sociale In particolare, e solo a titolo indicativo, la cooperativa persegue il proprio scopo sociale attraverso l'organizzazione, la prestazione, la gestione, la promozione ed il sostegno di: a) servizi di accompagnamento, trasporto ed assistenza domiciliare, flessibili, differenziati ed in rete, a favore delle famiglie e dei singoli, in particolare con a carico minori, anziani e diversamente abili; b) servizi di accompagnamento, trasporto ed assistenza agli anziani ed alle persone diversamente abili, sia in sede che presso ospedali, case di cura, case di riposo, residenze protette ed assistenziali, centri di riabilitazione, centri diurni e residenziali di accoglienza e socializzazione; c) servizi di accompagnamento, trasporto ed assistenza ai minori, anche diversamente abili, sia in sede che presso ospedali, case di cura, strutture residenziali 8


intermedie, centri diurni, centri estivi, soggiorni climatici, altre strutture di carattere educativo, ricreativo e formativo; d) asili nido, scuole materne, scuole di istruzione primaria, giardini per l’infanzia e centri per l'infanzia comunque denominati e altri servizi integrativi nonché l’erogazione di servizi educativi a favore dei minori in genere e dei minori in situazione di disagio in particolare; e) altri servizi educativi ed assistenziali per l’infanzia, quali babysitteraggio a domicilio, doposcuola, ripetizioni individuali ed in gruppo e trasporto protetto; f) servizi di assistenza domiciliare, di servizi sociali e socio - sanitari a favore di tutte le persone svantaggiate, in particolare di minori, anziani, invalidi fisici psichici e sensoriali, disadattati e di tutte le altre persone in stato di disagio sociale/devianza, come definite dalle vigenti disposizioni di legge nazionali e regionali; g) politiche rivolte alla Terza età, che favoriscano un invecchiamento attivo capace di valorizzare ogni persona come risorsa, contrastando tutti i fenomeni di esclusione e discriminazione verso le persone anziane, mediante la programmazione di interventi coordinati negli ambiti della protezione e promozione sociale, del lavoro, della formazione permanente, della cultura e del turismo sociale, dello sport e del tempo libero, valorizzando il confronto e la partecipazione con le forze 9


sociali e l'interazione generazionale La cooperativa, sussidiariamente alle attivitĂ  di cui sopra, si propone altresĂŹ di: a) attuare un servizio di supporto psicologico, pedagogico e giuridico alle famiglie tradizionali e monoparentali, favorendo la nascita di gruppi di autoaiuto; b) promuovere e realizzare iniziative culturali, eventi, seminari, convegni, dibattiti, tavole rotonde, workshop, nonchĂŠ siti web e reti di lavoro e di scambio informativo; c) contribuire con opportune convenzioni alle iniziative di enti pubblici e di enti privati, analoghe ed affini agli scopi della cooperativa stessa; d) attivare e coordinare una Banca del Tempo ed un Gruppo di Acquisto Solidale nella rete locale (estratto dallo Statuto)

10


Valori sociali di riferimento e principi etici Nel nostro statuto lo scopo sociale è così descritto: “La cooperativa, è retta dai principi della mutualità prevalente previsti dagli articoli 2512 - 2514 del codice civile e si propone di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana ed all’integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di servizi educativi e socio - sanitari ed assistenziali ai sensi della Legge 8 novembre 1991 n. 381, e successive modificazioni ed integrazioni, e delle leggi regionali applicative, favorendo altresì il rispetto, l'integrazione e l'armonia fra gli esseri umani e tra questi e la natura.” Evidenziamo queste ultime parole perché sono quelle che vanno al di là della definizione scientifica condivisa da tutte le cooperative sociali, che per loro natura perseguono l'interesse generale della comunità. Nel 2011, primo anno effettivo di attività, abbiamo messo in atto con azioni concrete tali principi ispiratori attraverso percorsi di integrazione multiculturale con i minori ed attraverso una serie di conferenze aperte al pubblico su tematiche di autoconoscenza e benessere fisico, psichico e spirituale (di seguito specificate). In occasione di una premiazione ufficiale della Camera di Commercio e la Provincia di Gorizia abbiamo inoltre denunciato pubblicamente la mercificazione di anziani e minori che spesso si riscontra nel mondo dell’assistenza alla persona, anche nel nostro territorio, sottolineando 11


la necessità di rivedere regole ed approcci e rimarcando ancora il nostro motto: “Il cuore nell’assistenza”.

Condizioni economiche sociali organizzative per perseguimento missione Il 2011 è stato un anno di start-up in cui si è cercato di investire molto in pubblicità e promozione e durante il quale molte delle attività sono state rese possibili grazie agli incentivi regionali della L.R. 18/2005. Il perseguimento della “mission”, in termini ideologici, è sempre rimasto il cardine di tutte le attività messe in atto, ma ciò che è stato il vero impegno in questo primo anno è stata l’ottimizzazione e la sperimentazione delle procedure, dei ruoli, dei metodi, in un continuo crescendo di confronto con il territorio e perseguendo alti standard di professionalità e qualità. Certamente le condizioni economiche imposte dalla cosiddetta crisi globale ha pesato molto sull'andamento generale, soprattutto dei servizi rivolti ai minori (domiciliari e baby-parking) ma ciò che ha impedito un decollo vero e proprio dei servizi domiciliari è stata l'esclusione della cooperativa dal circuito di accreditamento degli Ambiti del Basso ed Alto Isontino, dovuto al mancato requisito di fatturato (€ 200.000,00) della cooperativa stessa.

12


Linee di “prodotti e servizi” In sintesi le prestazioni di servizio del 2011: 

Assistenza domiciliare ad anziani e malati (compagnia, preparazione pasti, igiene personale, medicazioni, accompagnamenti)

Assistenza domiciliare a minori (sostegno scolastico, aiuto nei compiti, potenziamento inglese con educatrice madrelingua, baby-sitteraggio)

Pulizie domiciliari Accoglimento minori 1-6 anni nel Baby-parking 

Attivazione del primo Servizio educativo domiciliare (Tagesmutter) a Turriaco 

Doposcuola multiculturale “Scuola a colori” Scuola Primaria di Gradisca d'Isonzo

Centro Estivo per minori dai 3 ai 6 anni

Animazioni e baby sitteraggio a matrimoni, feste di compleanno bambini in sede Prestazioni domiciliari di pedicure, manicure, acconciature 

Servizio di Pronto Intervento 24 su 24 Numero Verde per emergenze in famiglia 

13


Centro Ricreativo Terza Età

Servizi di piccola sartoria

Incontri periodici con quattro professionisti per l'apertura di uno sportello d'ascolto genitori. 

Parallelamente la cooperativa ha condiviso con l'associazione La que sabe, avente sede nello stesso stabile: 

Progetto “Web generation” Spazio di aggregazione per la fascia 11-15 anni

Colonia montana di una settimana per adolescenti

Corsi di danza-terapia “La danza dei quattro elementi”

Le meditazioni della Luna

Corso di ginnastica dolce e posturale

Elaborazione audiolibro a 10 voci di “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estes - Settimana della donna Turriaco

Partenariato con il C.A.R.A. Di Gradisca d'Isonzo rivolto alle donne rifugiate

14


Valutazione degli amministratori circa i rischi di tipo economico finanziario Procedure adottate per prevenire i rischi stessi Il Consiglio di Amministrazione, di concerto con l'Assemblea, ha valutato di limitare il rischio d'impresa attraverso tre condizioni fondamentali: 1. il limitato indebitamento con gli Istituti di credito (fido di â‚Ź 5.000,00 garantito dalle tre componenti del CdA);

2. il costante reperimento di contributi, incentivi, bandi e concorsi promossi da Enti pubblici e privati attraverso la stesura di progetti mirati;

3. l’aumento della compagine sociale.

15


ORGANIGRAMMA STRUTTURA Composizione del CDA: 1. PRESIDENTE: GANDIN Paola, nata a Monfalcone (GO) l'11 marzo 1964 ed ivi residente alla Via XXIV Maggio n. 25, n.c.f. GND PLA 64C51 F356L CONSIGLIERE nominato con atto del 03/08/2010 Durata in carica: FINO APPROVAZIONE DEL BILANCIO al 31/12/2012 2. VICE-PRESIDENTE: CRAVIN Federica, nata a Gorizia il 2 marzo 1972 e residente in Monfalcone (GO), alla Via dei Castellieri n. 19, n.c.f. CRV FRC 72C42 E098J CONSIGLIERE nominato con atto del 03/08/2010 Durata in carica: FINO APPROVAZIONE DEL BILANCIO al 31/12/2012 3. CONSIGLIERE: MORA Denise, nata a Wattwil (Svizzera) il 26 luglio 1961 e residente in San Canzian d'Isonzo (GO), alla Via Donatori Volontari di Sangue n. 3, n.c.f. MRO DNS 61L66 Z133H CONSIGLIERE nominato con atto del 03/08/2010 Durata in carica: FINO APPROVAZIONE DEL BILANCIO al 31/12/2012 Le cariche sono state nominate in sede di atto costitutivo alla presenza della Notaio Chiara Contursi (Udine). Nessun compenso è stato corrisposto per indennità di carica. 16


Nessun amministratore investe anche cariche istituzionali.

Composizione dell’Organo di Revisione: Non presente. In dicembre si è svolta la revisione regionale per l’anno fiscale 2010, da parte della dott. Nazzarena De Pauli di Udine, delegata da Legacoop. Il controllo si è svolto presso lo Studio del nostro commercialista dott. Verdimonti. L’esito è stato positivo fuorché per l’irregolarità del mancato deposito del Regolamento Interno che era ancora in elaborazione da parte dell’Assemblea. In data 15 marzo 2012 è stato regolarmente depositato presso la Direzione Provinciale del Lavoro di Gorizia, entro i termini stabiliti dalla revisione.

Assemblea dei soci: N. soci 13 (tredici) N. soci lavoratori: 12 (dodici) N. persone giuridiche: 0 (zero) N. partecipanti assemblea di approvazione bilancio: 6 Le assemblee dei soci hanno affrontato e deliberato su tutti i temi di ordinaria e straordinaria amministrazione.

17


PORTATORI D’INTERESSE (STAKEHOLDERS)

Interni: N. 13 socie di cui 12 lavoratrici – N. 1 dipendente – N. 15 socie associazione La que sabe Esterni: N. 65 fornitori; N. 90 clienti; Comuni dell'Isontino, Provincia, Regione, Azienda sanitaria goriziana, Inps, Inail, C.a.r.a. Gradisca d'Isonzo; Banca di Credito cooperativo di Turriaco; Pro Loco di Turriaco; Collegio Infermieri di Gorizia; Legacoop; CCIAA di Gorizia; Consigliera di Parità provinciale; Istituto Comprensivo “U. della Torre” di Gradisca d'Isonzo; Televita Spa; Mutua di assistenza del Credito Cooperativo BCC Staranzano; ASPIC Udine Associazione per lo sviluppo psicologico dell'individuo e della comunità; Associazione “Da donna a Donna”; Supermercato A&O di Turriaco; IRES Istituto di ricerche economiche e sociali; Centro Giovani Monfalcone; Consorzio Connecting People.

18


SOCI Modalità di funzionamento: I soci decidono sulle materie riservate alla loro competenza dalla legge, dal presente Statuto, nonché sugli argomenti che uno o più amministratori o tanti soci che rappresentano almeno un terzo del numero complessivo degli aventi diritto al voto sottopongano alla loro approvazione. In ogni caso, sono riservate alla competenza dei soci: a) l’approvazione dei regolamenti interni previsti dalla legge o dal presente Statuto; b) l’approvazione del bilancio, la ripartizione del ristorno e la distribuzione degli utili; c) la nomina degli amministratori, la struttura dell’organo amministrativo ed eventualmente la nomina del Presidente e del Vice Presidente; d) la nomina dei sindaci e del Presidente del Collegio Sindacale, in quanto previsto dalla legge o dal presente Statuto, nonché dell’eventuale soggetto incaricato della revisione legale dei conti; e) le modificazioni dello Statuto; f) la decisione di aderire ad un gruppo cooperativo paritetico; g) la decisione di compiere operazioni che comportano una sostanziale modificazione dell’oggetto sociale o una rilevante modificazione dei diritti dei soci; 19


h) la nomina dei liquidatori e i criteri di svolgimento della liquidazione; i) l'adozione dello stato di crisi Le decisioni di competenza dei soci sono assunte mediante deliberazione assembleare, con le modalità previste dall’articolo 2479-bis del codice civile Assemblee: La convocazione dell’Assemblea deve effettuarsi mediante lettera raccomandata, anche a mano, inviata 8 (otto) giorni prima dell’adunanza, contenente l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’ora della prima e della seconda convocazione, che deve essere fissata in un giorno diverso da quello della prima In mancanza dell’adempimento delle suddette formalità, l’Assemblea si reputa validamente costituita quando siano presenti tutti i soci con diritto di voto e siano presenti, o informati della riunione, tutti gli Amministratori ed i Sindaci effettivi, se nominati. Tuttavia, ciascuno degli intervenuti può opporsi alla discussione degli argomenti sui quali non si ritenga sufficientemente informato. (Estratto dallo Statuto)

Numero assemblee totali e numero soci partecipanti: Nel corso del 2011 si sono svolte n. 11 assemblee dei soci con una media di partecipazione del 64%.

20


Oggetto delle delibere adottate nell’anno e relative maggioranze L'oggetto delle assemblee è stato: 

9 Febbraio: Baby Parking – SCIA – contratti clienti (8/11)

01 Aprile: Approvazione bilancio 2010 (5/10)

01 Aprile: Produttività servizi – programmazione – ruoli ed assunzioni (7/10)

7 Giugno: Centri estivi – Turni operatrici (8/10)

14 Giugno: Ammissione nuove socie (8/10)

19 Luglio: Responsabilità e ruoli – Centri estivi (6/14)

25 Luglio: Responsabilità e ruoli – Contratti dipendenti in scadenza (8/14)

29 Agosto: Coordinamento –Formazione antincendio – Festa anniversario (8/14)

16 Settembre: Centro ricreativo terza età – sportello ascolto genitori – ciclo conferenze (9/14)

19 Ottobre: Dimissioni socia – Ammissione socia (8/14)

26 Ottobre: Ammissione socia – servizi infermieristici (10/14)

Tutte le delibere sono state prese all'unanimità.

21


Turn-over soci Il 1 gennaio 2011 le socie iscritte a Libro soci risultavano n. 11 (undici); a marzo si è dimessa una socia fondatrice e la compagine si è ridotta a n. 10 (dieci); a luglio quattro dipendenti hanno scelto di diventare socie lavoratrici e la compagine è aumentata a n. 14 (quattordici); in novembre è stata esclusa una socia e al 31 dicembre a Libro soci risultano iscritte n. 13 (tredici) socie.

3 Agosto 2010 Atto costitutivo

22


LAVORATORI Tipologie contrattuali: Per tutti i soci-lavoratori e per tutti i dipendenti è stato applicato il CCNL COOPERAZIONE SOCIALE in ogni sua parte. Abbiamo altresì applicato tre contratti a progetto per dei brevissimi periodi e specifiche competenze.

3 Settembre 2011 “Auguri Terranova!”

23


24

Part-time 20h C1 - D2 Full time 38h C3 Part-time 6h C3 Part-time 24h C3

Part-time vertic. annuo D1 Part-time 12h D1 Full-time38h D2 Full time 38h D2 - D3

Tempo indeterm.

Tempo indeterm.

Tempo indeterm

Tempo indeterm

Tempo indeterm.

Tempo indeterm.

Tempo indeterm.

Tempo indeterm.

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Socio-lavoratore

Part-time 10h

-

Educatrice prof. Coord. Educatrice qualif.

Part-time 15h C1

Tempo indeterm

Socio-lavoratore

Tempo inde-

-

Impiegata amm.va

Full-time 38h B1

Tempo indeterm.

Addetta pulizie

Impiegata/grafica

Educatrice sportiva

Assistente dom.

Assistente dom. OSS qualificato Coord.

Assist. dom. qualificato Manicure-Pedicure

Impiegata amm.va

Assistente domiciliare

Assistente domiciliare

Dimissioni

-

-

Dimissioni

Dimissioni

-

-

-

-

Socio-lavoratore

Addetta pulizie

Part-time 19h B1

Tempo indeterm

Scadenza

Socio-lavoratore

Qualifica

N. ore

Durata

Tipologia

4

12

12

12

12

10

12

2

12

6

12

12

Durata mesi

3

1

1

1

1

1

1

2

1

1

1

Tot

F

F

F

F

F

F

F

F

F

F

F

Genere

Tipologie lavoratori


25

Tempo determ.

Dipendente

TOTALE

Tempo determ.

Tempo Determ.

Dipendente

Dipendente

A chiamata12h C2

Tempo determ.

Dipendente

Full-time 38h

COCOPRO D1 Part-time8h Full-time38h D1

COCOPRO B1

A chiamata24h Part-time38h Part-time12h Part-time26h C1

Tempo determ.

Opertore socio sanitario

Part-time 12h Part-time 3h B1

Tempo determ.

Dipendente

Dipendente

Assistente dom. qualificato

A1

Tempo determ.

Dipendente

Educatrice prof. Coord.

Assist.all’infanzia con funz. educ.

Assistente domiciliare

Assistente domiciliare

Giardiniera

Part-time4h A1

term.

Dipendente

3 1 3 6

31/03/11 Dimissioni 31/03/2011 30/06/2011

28/02/2011

31/05/2011 09/03/2011 31/03/2011

31/08/2011

2

3/2,5 2 3

1

6

2 6

Dimissioni 30/09/2011

28/09/2011

10

9

Dimissioni

15/09/2011

30

1

2 1 1

1

1

4

2

1

2

F

F

F

F

M 3F

F

F

F


Il rapporto di genere, squilibrato al femminile, risulta in essere per l'impronta femminile della cooperativa dalla sua fondazione.

Suddivisione per aree di competenza Amministrazione: N. 2 impiegate di concetto, n. 1 impiegata d'ordine, n. 1 grafica pubblicitaria Area Infanzia: N. 1 educatrice laureata, n. 3 educatrici qualificate Area Anziani/disagio: N. 1 OSS/coordinatrice, n. 1 assistente domiciliari qualificati Area Servizi accessori: N. 1 parrucchiera, n. 2 addette pulizia

Turn-over lavoratori Nel corso del 2011 sono state effettuate cinque nuove assunzioni e tredici fra dimissioni e scadenza contratto.

26


Presenza di percorsi formativi e frequenza ore corsi per categoria di dipendenti Area anziani/disagio Data

Titolo

Organizzazione

N. ore

Partecipanti

04/03/ 2011

Procedure di emergenza

Qualità &

1x 12

N. 12

Sistemi srl

(D.Lgs. 81/08 e D.M. 10/3/98) 22/04/ 2011

Corso applicazione H.A.C.C.P.

Tot. 12 Qualità & Sistemi srl

(Reg. CE 852/2004)

8x 1 4x 12

(socie e dip.)

N. 12 (socie e dip.)

Tot. 56 Nov. 2010Giu. 2011

Ott.Dic. 2011

“Progetto Next – accoglienza, riabilitazione e integrazione: prospettive territoriali dell'inclusione sociale di persone vulnerabili richiedenti asilo e/o titolari di protezione internazionale”

OIM Organizzazione Internazionale per le Migrazioni – Consorzio Connecting People

Tot. 108

N. 1

“Corso di Primo Soccorso”

Croce Rossa Italiana Monfalcone

30 x 2

N. 2

27

Tot. 60


Area Infanzia Data

Titolo

Organizzazione

N. ore

Partecipanti

1113/03 /2011

“Seminario Nazionale Educazione Ambientale”

Ufficio

24

N. 1

11/10 24/11

“Percorso formativo di prevenzione al bullismo”

Comune di

10 x 2

N. 2

Monfalcone

Tot. 20

Educazione

Nota: In merito alla sicurezza, la cooperativa ha scelto di formare tutte le operatrici in tema di emergenze, primo soccorso ed HACCP (impiegate, educatrici ed assistenti domiciliari) ed è stata completamente messa a norma la sede, nonché svolta l’esercitazione antiincendio.

28


Area Amministrazione Data

Titolo

Organizzazione

N. ore

Partecipanti

27/01/ 2011

Seminario “L.142/2001 e relazioni industriali”

Legacoop

3x 2

N. 2

Seminario “La riforma della struttura della contrattazione”

Legacoop

418/02/ 2011

Seminario “Contratti per affidamenti di servizi alle cooperative sociali di tipo A e B”

Provincia di

16/05/ 2011

Seminario “Il contratto di rete di imprese e il gruppo cooperativo paritetico”

Legacoop

“Professioni sociali: facciamo il punto”

Legacoop

17/02/ 2011

20/10/ 2011

Tot. 6 7x 2

N. 2

Tot. 14

Gorizia

6,5 x2

N. 2

Tot. 13 3x 2

N. 2

Tot. 6 2x 2

N. 2

Tot. 4 28/11/ 2011

Convegno Manovra economica 2011

Studio commercialista Dott. Verdimonti

29

3

N. 1


Si segnala inoltre che nel 2011 è stato elaborato un Percorso aziendale (finanziato FSE) dal titolo “Competenze minime per l’assistenza alla persona” di 200 ore, in collaborazione con l’Ente di formazione IRES FVG. Tale iniziativa, che si realizzerà da marzo a settembre 2012, completa adeguatamente il patrimonio di competenze necessario alle operatrici della Cooperativa per la fornitura di servizi accessori alle persone/utenti dei servizi. Il piano formativo Fon.coop., presentato autonomamente e concertato con i Sindacati, è nato dopo un percorso di analisi dei bisogni formativi finalizzata a progettare una formazione “su misura” delle specifiche esigenze formative e organizzative dell’impresa. L’obiettivo è dunque quello di arrivare a una progettazione formativa congiunta, mirata al massimo coinvolgimento delle risorse umane e alla migliore qualità del clima aziendale. Purtroppo, a causa di vizi di forma, nel luglio 2011 è arrivata la comunicazione di non ammissibilità del Piano. Nel 2012 la presentazione Fon.coop. sarà delegata ad un Ente accreditato.

Esistenza fringe benefits e agevolazioni lavoratori Nessun fringe benefit erogato; applicate le agevolazioni fiscali sulle retribuzioni previste per legge e i rimborsi chilometrici laddove dovuti alla tariffa contrattuale.

30


VOLONTARI Nessun socio volontario iscritto a libro soci. CLIENTI E FORNITORI Numero, area geografica, percentuali sui ricavi (primi 5 clienti) nell’anno e nei due precedenti N. 90 clienti tutti residenti nel Basso Isontino; primi 5 clienti pari al 2,28% fatturato annuale. Turn over clienti – numero clienti insolventi – presenza contestazioni e pendenze legali I clienti del baby parking sono stati 18, i servizi domiciliari all'infanzia 19, i servizi alla terza età 16, i servizi alle persone diversamente abili 5, le prestazioni accessorie 19, i servizi di pulizie 4, i servizi del nido domiciliare 4, i clienti del centro ricreativo 3, i clienti Enti Pubblici 1. Nessun cliente è risultato insolvente. Nessuna contestazione o pendenza legale. Numero, area geografica, percentuali sui costi (primi 5 fornitori) nell’anno N. 44 fornitori, prevalentemente locali, primi 5 fornitori pari al 1,66% costi annui.

31


Turn over fornitori – numero e presenza contestazioni e pendenze legali I fornitori di beni strumentali della fase di avvio della cooperativa sono stati poi soppiantati da fornitori locali di materiali di consumo, cancelleria, pubblicità, consulenze e utenze. Nessuna contestazione o pendenza legale.

ENTI PUBBLICI Presenza Concessioni-Convenzioni-Contratti in essere con enti del territorio Nel 2011 è stata stipulata una convenzione con il Comune di Gradisca d'Isonzo per la gestione del doposcuola multiculturale “Scuola a colori” - Programma immigrazione: progetti integrati scuola-territorio. Abbiamo inoltre firmato una convenzione con la Mutua di Assistenza del Credito cooperativo di Staranzano che ci impegna ad applicare uno sconto ai nostri clienti affiliati MACC. Sempre in essere il contratto d'affitto per la sede operativa di proprietà del Comune di Turriaco. In quanto a convenzioni con enti privati, abbiamo ricevuto delega di gestione dei Centri Estivi autorizzati da parte dell’associazione La que sabe.

32


Presenza e formazione di ufficio o responsabile rapporti con enti pubblici I rapporti con gli Enti pubblici sono in genere competenza del CdA e delle responsabili di settore.

FRUITORI Numero e tipologia nell’anno (soci – non soci) Oltre alle 13 socie e alle 14 dipendenti, hanno fruito degli spazi e delle iniziative della cooperativa anche le socie dell'associazione La que sabe, gli adolescenti di Web Generation, gli anziani iscritti al Centro Ricreativo, gli ospiti delle conferenze gratuite organizzate, gli ospiti della festa/mostra di primo anniversario.

Numero incontri per fidelizzare e sensibilizzare fruitori-clienti Questo primo anno di attività è stato celebrato, il 3 settembre, con una festa/mostra illustrativa di quanto svolto, documentato in una serie di cartelloni e fotografie ed un buffet aperto al territorio, invitando cittadinanza ed istituzioni. La festa “Auguri Terranova!” ha riscontrato il gradimento dei nostri assistiti, del territorio e di alcune istituzioni presenti e ci ha dato modo di presentare le attività invernali 33


nei vari settori. In occasione delle feste pasquali abbiamo organizzato una “Caccia alle uova” per bambini dai 3 ai 6 anni nel giardino adiacente il Baby Parking. In occasione delle feste natalizie tutte le socie si sono cimentate a confezionare artigianalmente delle composizioni floreali ed artistiche da regalare ai clienti, esportando ancora i principi del riciclo ed il piacere della manualità, oltre a godere del piacevole e creativo momento di aggregazione. Oltre a queste iniziative completamente a titolo gratuito, la cooperativa ha organizzato un “Corso di Massaggio neo-natale” per genitori, a pagamento, che ha visto la partecipazione di mamme e papà, con neonati al seguito, per il numero massimo delle ammissioni.

34


Misura del gradimento del servizio svolto (piano qualità - customer satisfacion) Il sistema di rilevazione del gradimento dei servizi è stato messo a punto solo per i servizi all’infanzia (Nido domiciliare e Baby Parking) attraverso la stesura di un apposito questionario consegnato alle famiglie fruitrici. I risultati di valutazione di detti servizi sono stati di eccellente gradimento. Riguardo i servizi domiciliari ad anziani e diversamente abili la qualità del servizio viene monitorata continuamente in uno stretto rapporto e collaborazione con i familiari e nel lavoro di gruppo delle operatrici. Questo non toglie che è allo studio una scheda stile Val.Graf. in cui inserire anche alcune considerazioni sul nostro operato da parte dell’assistito e della famiglia di questo; tale scheda verrà perfezionata nel corso della formazione aziendale di Competenze Minime nel 2012.

35


BANCHE E FONDAZIONI Indicazione e descrizione dei principali soggetti finanziatori a titolo gratuito – indicazione eventuale presenza di soci finanziatori A seguito della costituzione della cooperativa, che prevedeva una quota sociale di € 200,00, l'assemblea ha deliberato l'aumento della quota ad € 1.200,00 che le undici socie hanno versato interamente o parzialmente. L'Istituto di credito col quale abbiamo acceso un'apertura di fido di € 5.000,00 è la Banca di Credito cooperativo di Turriaco. Nel 2011 abbiamo ricevuto una serie di contributi così distinti: € 67.475,00 per le assunzioni a tempo indeterminato L.R. 18/2005 € 6.099,39 per le attrezzature di primo impianto L.R. 18/2005 €

957,46 per le spese di costituzione L.R. 20/2006

€ 1.875,00 Premio Comune di Monfalcone per il progetto “SOS Tempo” € 2.000,00 Premio Campione in Opportunità CCIAA e Provincia di Gorizia Politiche di raccolta fondi Dopo aver beneficiato di circa 74.000,00 euro di incentivi alla nuova imprenditoria (in regime De Minimis), la programmazione di raccolta fondi è stata abbozzata attraverso uno scadenziario di tutti i bandi pubblici e privati del settore da attivarsi nel 2012, ma purtroppo il 36


requisito di esistere da almeno due anni ci ha impedito l’accesso a numerosi bandi privati. Per la formazione abbiamo aderito a Foncoop per partecipare ai bandi 2011. Infine abbiamo avviato uno studio di raccolta fondi per l’acquisto di un furgone, battezzato “Arzillobus”, da adibire al progetto di invecchiamento attivo rivolto agli anziani autosufficienti. Rapporto contributi ottenuti su richiesti I contributi richiesti nel novembre 2010 per le assunzioni a tempo indeterminato sono stati erogati dalla Provincia prevalentemente in maggio 2011 per gli importi previsti dal regolamento attuativo della L.R. 18/2005. In quanto alle attrezzature acquistate entro 12 mesi dall’iscrizione all’Albo regionale, in base alla L.R. 18/2005, sono state finanziate per il 50% e l’accreditamento di circa 6.000,00 euro è arrivato nei primi giorni del 2012. Le spese di costituzione (notaio, allacciamenti) sono state richieste nell’aprile 2011 al Servizio cooperazione sociale provinciale, sulla base della L.R. 20/2006, la quale “garantiva” il rimborso del 100% mentre invece sono state rimborsate per circa solo il 20%, nei primi giorni del 2012. Il contributo Fon.coop. per la formazione 2011 è stato purtroppo bocciato a causa della mancanza di alcune firme. I bandi della Fondazione Carigo ci hanno escluso per mancanza del requisito di anzianità di almeno due anni.

37


Insieme all’associazione La que sabe abbiamo richiesto un contributo all’Assessorato Pari Opportunità regionale per il progetto “Amministratrici donne per le donne bis”, richiesto dal Comune di Sagrado ma è risultato non finanziato. Abbiamo inoltre partecipato ad un concorso della Fondazione Vodafone con il progetto “SOS Tempo” (a livello provinciale) ma non siamo risultate vincitrici. Nel 2011 è stato incassato il premio del Comune di Monfalcone per il progetto “SOS Tempo” da parte delle Pari Opportunità, indetto nel 2010 ed il premio speciale “Campione in opportunità” del concorso “MagicaMente imprenditrice” indetto ogni anno dalla CCIAA di Gorizia con il partenariato della Provincia di Gorizia. Rapporto contributi ottenuti ed obiettivi relativi raggiunti nei tempi previsti L’importo maggiore dei contributi richiesti per le assunzioni (€ 67.475,00) è arrivato solo dopo sei mesi dalla richiesta ed è riuscito a stabilizzare l’andamento della cooperativa, affrontare certi investimenti e potenziare la pubblicità. Per gli altri contributi i tempi si sono rivelati più lunghi (2012) e gli importi inadeguati alle aspettative. Sono stati infatti esclusi tutti gli acquisti di attrezzature effettuati prima dell’iscrizione all’Albo regionale, nonostante il ritardo di tale iscrizione sia stato imputabile ad un cambio di Assessorato regionale. Anche il rimborso delle spese di costituzione, erogato solo per il 20%, ha deluse le nostre aspettative e modificato i nostri obiettivi di investimento.

38


Premio speciale “Campione in opportunità” Provincia di Gorizia Comitato per l’imprenditoria femminile CCIAA di Gorizia

magicamente imprenditrice 2° edizione

 Originalità e innovazione  Comunicazione e promozione  Valorizzazione territorio  Conciliazione tempi vita e lavoro

Martedì 29 Novembre 2011 Ore 15.00 Sala Verdi Palazzo de Bassa Gorizia

39


ALTRI ENTI DEL TERRITORIO-COMUNITÀ LOCALE Rapporti con associazioni (incontri-eventicollaborazioni- presenza di gruppi sociali e sinergie di gruppo – criteri di consolidamento) Per sintetizzare i nostri rapporti con l’associazionismo elenchiamo i contatti in un cronogramma mensile: Gennaio: Partecipazione al convegno “Progetto Next – Accoglienza, riabilitazione e integrazione – Prospettive territoriali dell’inclusione sociale di persone vulnerabili richiedenti asilo e/o titolari di protezione internazionale” organizzato dall’Organizzazione Internazionale Migranti e dal Consorzio Connecting People. Il nostro interesse per i richiedenti asilo, già consolidato con l’associazione La que sabe, soprattutto rivolto alle donne e ai minori, ha poi portato ad un percorso formativo della nostra educatrice-psicologa. Febbraio: Incontro informale presso la cooperativa sociale Arcobaleno di Gorizia con la presenza di altre cooperative sociali dell’area Legacoop per gettare le basi di una collaborazione/sinergia ed una prima riflessione sulla crisi che ha investito anche il settore del sociale. Marzo: Visita alla sede centrale di Televita Spa di Trieste; Incontri Legacoop per l’elaborazione di proposte alle modiche del Regolamento regionale sui servizi alla prima infanzia; Incontro con la Mutua di Assistenza del Credito cooperativo di Staranzano per attivare una convenzione.

40


Aprile/Maggio: Incontri periodici con l’associazione nazionale, sede di Udine, ASPIC Associazione per lo sviluppo psicologico dell'individuo e della comunità, per attivare una collaborazione per la creazione di una cooperativa sociale femminile di tipo B ed un’eventuale apertura di una filiale Terranova nella città di Udine. Giugno: Festa finale del doposcuola “Scuola a colori” con la partecipazione dell’associazione “Ritmi Urbani” di Monfalcone e dell’associazione russa “Unità” di Udine; Settimana di banchetti alla festa di paese di San Pier d’Isonzo con contatti diretti con la cittadinanza e l’associazionismo locale; Stand domenicale presso la festa annuale della Mutua Assistenza del Credito cooperativo di Staranzano; Incontro serale con l’associazione “Da donna a Donna” di Ronchi dei Legionari di presentazione dei servizi e programmazione collaborazione progetti scolastici sull’educazione sentimentale/sessuale. Luglio: Convenzione con l’associazione La que sabe per la gestione colonia estiva montana presso l’associazione “L’aquilone” di Dilignidis. Intensi e continui rapporti di collaborazione con l'associazione La que sabe. Agosto: Presentazione progetti a tutti gli Istituti Comprensivi della Provincia, Duino-Aurisina e Fiumicello. Il progetto “La radice è quadrata?” di studio della matematica in or41


to, menzionato dalla Provincia nella raccolta “Ben-essere e Ben-vivere” per la promozione del benessere dei giovani, è stato elaborato in collaborazione con l’Orto didattico “La grande Madre” di Aquileia, affiliato a “Civiltà contadina” e all”Unesco”. Settembre: Partecipazione tavola rotonda presso il Centro Giovani di Monfalcone, promossa dal Comune, con le varie realtà associative della Consulta di Monfalcone che si occupano di minori e giovani. Ottobre: Inaugurazione progetto “Web generation”, centro di aggregazione per minori dai 11 ai 15 anni, gestito dall’associazione “La que sabe” nella nostra sede di Turriaco. Novembre: Tavola rotonda nel Municipio di Gradisca d’Isonzo per il progetto Nautilus, attivato dalla rete SPRAR di Gorizia, sistema integrato di accoglienza ai richiedenti asilo che hanno ottenuto protezione in Italia. Dicembre: Serie di incontri Legacoop sulla progettualità nelle carceri regionali insieme ad altre cooperative sociali che già vi operano o che vorrebbero attivarsi in questo senso, come noi. Rapporti con consorzi (partecipazioni-servizicollaborazioni) Nessuno 42


Rapporti con ambiente (rispetto norme ambientali -iniziative-sensibilizzazione operatori) Riguardo l'ambiente la cooperativa Terranova si ispira ai principi di educazione all'ambiente e cerca di scegliere beni e servizi di aziende etiche. Inoltre le pulizie domiciliari proposte vengono effettuate con prodotti biologici e biodegradabili al 100%, sensibilizzando le famiglie ma anche le nostre socie ed operatrici. Nel 2011 attivata una formazione di educazione all’ambiente al “Seminario Nazionale Educazione Ambientale” gestito dal WWF in Toscana, frequentato dalla nostra coordinatrice dell’area infanzia. Rapporti con comunità (incontri-iniziative-eventi) Terranova ha voluto offrire gratuitamente una serie di incontri/conferenze su tematiche olistiche che ben rappresentano la nostra visione di salute e benessere, in un percorso denominato “Percorso fiorito per giungere al benESSERE” – Serie di incontri da percorrere insieme sul sentiero della consapevolezza, per attivare la crescita fisica, emozionale, intellettuale e spirituale. I cinque incontri, tre dei quali nel 2011, trattavano i seguenti argomenti: 9/11 “NutriAzione, il cibo nostro amico e alleato” con Giorgia Muller; il percorso è stato inaugurato da un tema fondamentale per salute psicofisica: il cibo, ma vissuto da un punto di vista emozionale. 24/11 “I Chakra e le loro funzioni nel corpo fisico invisi43


bile. Conoscenza e guarigione” con Nadia Miniussi, presidente associazione nazionale Pranic Healing; il tema proposto voleva affrontare la visione dei corpi invisibili attraverso un approccio scientifico per una maggiore consapevolezza delle proprie energie. 14/12 “La musica delle piante” con Renato Poletto; il relatore, cantante e "musico/cromoterapeuta", specializzato nell’uso del Canto Armonico e del Colore, affianca l’attività concertistica a corsi e seminari dedicati allo sviluppo della voce in armonia con la respirazione, il movimento e la meditazione. Le serate hanno avuto un ottimo successo di partecipazione, facendo conoscere la sede a numerose nuove persone del mandamento e della bassa friulana, ma soprattutto sono state l’occasione per ribadire la visione olistica della cooperativa rispetto alla salute e alla vita stessa. Rapporti con associazioni di categoria (incontriiniziative-eventi) La cooperativa aderisce all’associazione di categoria Legacoop; nel 2011 abbiamo consolidato i rapporti con l’associazione in un percorso di incontri finalizzati alla redazione del regolamento regionale sulla prima infanzia ed alla progettazione di interventi integrati nelle carceri del Friuli Venezia Giulia.

44


BILANCIO ECONOMICO Riclassificazione del conto economico secondo il metodo del valore aggiunto VALORE AGGIUNTO GLOBALE A) VALORE DELLA PRODUZIONE € 139.564 1) Ricavi delle vendite ( A) 1) ) € 55.289 2)Variazione delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti,variazione dei lavori in corso su ordinazione ( A) 2) , A) 3) ) 3) Incrementi di immobilizzazione per lavori interni ( A) 4) ) 4) Altri ricavi e proventi della gestione caratteristica, contributi in conto esercizio ( A) 5) ) € 84.275 B) COSTI INTERMEDI DELLA PRODUZIONE € 46.581 5) Materie prime, sussidiarie,di consumo e merci ( B) 6) ) € 4.504 6) Servizi ( B) 7) ) € 32.194 7) Godimento beni di terzi ( B) 8) ) € 3192 8) Variazione delle rimanenze di materie prime,sussidiarie, di consumo e merci ( B) 11) ) € 345 9) Accantonamenti per rischi ( B) 12) ) 10) Altri accantonamenti ( B) 13) ) 11) Oneri diversi di gestione ( B) 14) ) € 6.346 A – B = VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO € 92.983

45


C) COMPONENTI ACCESSORI E STRAORDINARI 12) Saldo gestione accessoria: - € 6.289 Ricavi accessori ( A) 5) – C) 15) 16) 17 bis) – D) 18) ) – Costi accessori ( B) 14) – C) 17bis) – D)19) ) 13) Saldo componenti straordinari: - € 2 Ricavi straordinari ( E) 20) ) – Costi straordinari ( E) 21) ) A – B –/+ C = VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO € 86.692 14) Ammortamenti ( B) 10) ) € 2.582 A – B –/+ C – 14) = VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO NETTO € 84.110 + CONTRIBUTO ECONOMICO ATTIVITA’ VOLONTARI (Ore lavorate x remunerazione lorda oraria ) 0 VALORE AGGIUNTO GLOBALE € 84.110 *** PROSPETTO DI RIPARTO DEL VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO NETTO A) Remunerazione del personale Personale dipendente e non dipendente ( B) 9) ) € 82.753 B) Remunerazione della Pubblica Amministrazione Imposte dirette ed indirette ( B) 22) ) € 2.251 C) Remunerazione del capitale di credito Oneri per capitali a breve e lungo termine ( B) 17) ) D) Remunerazione del capitale proprio 46


Dividendi e ristorni ( Destinazione Utile-Perdita esercizio) Destinazione utile a copertura perdita pregressa di € 1356 E) Remunerazione dell’azienda +/- Variazione delle riserve ( Destinazione Utile-Perdite-Riserve) Destinazione utile per il 30% a riserva legale per € 407 Per 3% a fondo mutualistico per € 28 Residuo a riserva straordinaria per € 921 F) Liberalità esterne INDICI DI BILANCIO A ( Cred.V.so soci) + B III 2 ( Cred. attivo immob.)+ CII ( Cred. Entro es.succ.) + C III (Att. fin. non imm.) + C IV ( Dispon. Liq.)/ D (Deb.scad. entro es.) + E ( ratei e risc.pass.) Indice di Liquidità: (€ 2.767 + € 9.700 + € 2.534)/(€ 30.306 + € 3.420) = 0,44 Capitale Investito ( Totale Attivo dello Stato Patrimoniale)/A - Patrimonio Netto Rapporto di indebitamento: € 51.764 / € 15.354 = 3,37 Media voce C II ( Crediti Attivo Circolante)/ Ricavi delle Vendite e delle prestazioni * 360 Rotazione dei crediti in giorni : (€ 9.700 / € 55.289) x 360 = 61,20 B9 – Costo del personale/A – Valore della produzione Incidenza del costo del personale sul valore della produzione € 82.753 / € 139.564 = 0,59 A – Valore della produzione/Numero tot. addetti medio esercizio: 13 Valore della produzione per addetto: € 139.564 / 13 = € 10.735,69

47


CONCLUSIONI Obiettivi a medio-lungo termine Come sottolineato l’anno scorso, l'intento principale della cooperativa non è tanto quello di diventare una cooperativa con migliaia di soci (o pseudo tali..) quanto quello di sviluppare la qualità dei servizi, l'eticità e la formazione permanente del team, ovvero di orientarsi sulla capacità di crescita non solo economica ma soprattutto umana di tutti i soggetti coinvolti a vario titolo in Terranova. La diversificazione dell'offerta, nel “mercato” dell'assistenza, in quanto ad area benessere, invecchiamento attivo, terapie naturali, approccio olistico della malattia, il gentle care e nuove forme didattiche ispirate all'arteterapia, nonché l'ottica di genere per interventi di pronto intervento, inducono a prevedere un radicamento della cooperativa rispetto a un target di popolazione attento all'ambiente, ai diritti dell'infanzia e a prevenire fenomeni di esclusione sociale. In altre parole l’obiettivo a breve-medio-lungo termine resta trasmettere al team il concetto di centralità della persona umana e della sua dignità nella pratica della cura, sia essa rivolta a minori, diversamente abili o anziani. Economicamente è nostro intento continuare ad operare per consolidare il settore dei Nidi domiciliari, convezionare il Baby Parking con qualche realtà aziendale, specializzarsi nei servizi alla terza età autosufficiente (vista l’esclusione dal sistema dell’accreditamento degli Ambiti).

48


Un altro obiettivo a medio termine è ottenere la certificazione di qualità, continuare a migliorare il livello di formazione e della sicurezza. Programmi - azioni – risorse Sulla base di questi principi fondatori i programmi futuri, a lungo termine, prevedono un'espansione territoriale, non solo in termini di area di intervento, ma anche come apertura di sedi dislocate. Contiamo di attivare il progetto “Arzillobus” con tutta una serie di iniziative, quali l’assistente di quartiere, per valorizzare il concetto di invecchiamento attivo, di cui il 2012 risulta essere l’Anno europeo. Sarà nostra cura mettere a punto strategie per rendere a titolo gratuito i progetti rivolti alle scuole primarie e secondarie, visto l’interesse che ci hanno dimostrato e viste le scarse risorse di cui dispongono. In programma riattivarsi nella ricerca di risorse umane qualificate e specializzate nei vari settori. Obiettivi a breve termine Nel breve termine, i programmi sono rivolti a potenziare la pubblicità attraverso il sito web e sponsorizzazioni di volantini e locandine. In programmazione una serie di conferenze sul territorio per esporre le caratteristiche del servizio di Nido domiciliare, altrimenti detto Tagesmutter. Ovviamente un obiettivo a breve resta sempre ottimizzare l'organizzazione interna e la cooperazione.

49


PREVISIONE ECONOMICOFINANZIARIA DI MEDIO PERIODO

1째 Anno succ

2째 Anno succ

3째 Anno succ

Ricavi delle vendite e prestazioni

105.000

135.000

200.000

Variazione rim. Mat. Consumo prod. servizi

0

500

600

Altri ricavi e proventi

30.000

35.000

50.000

VALORE DELLA PRODUZIONE

135.000

170.500

250.600

Costo materie prime,sussidiarie,merci

4.000

4.700

5.000

Variazione delle rim. mat.primesemil

500

600

1.000

Costo per servizi

20.000

20.000

27.000

Costo per godimento beni terzi

3.000

3.200

3.500

Costo del personale

95.000

125.000

190.000

Ammortamenti e svalutazioni

2.500

2.500

3.500

Accantonamenti per rischio e vari

2.500

2.500

3.000

Oneri diversi di gestione

5.000

5.500

6.000

COSTI DELLA PRODUZIONE

132.500

164.000

239.000

DIFFERENZA A B

2.500

6.500

11.600

Interessi passivi e oneri finanziari

1.300

1.500

1.600

RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE

1.200

5.000

10.000

Imposte esercizio

200

750

1.500

UTILE-PERDITA ESERCIZIO

1.000

4.250

8.500

Contributo econom. prestaz. volontari

2.500

2.500

2.500

UTILE ESERCIZIO CON APP. VOLONTARI

3.500

6.750

11.000

CASH FLOW

10.000

13.000

15.000

Interessi attivi e proventi finanziari Oneri straordinari Proventi straordinari

50


CONSIDERAZIONI FINALI I punti di forza della cooperativa sociale Terranova sono ascrivibili a: - la vasta gamma di servizi accessori che offre oltre alla mera assistenza, rivolti a migliorare la qualità della vita e non solo la sopravvivenza; - la professionalità delle persone impiegate e la loro formazione permanente; - lo spirito cooperativistico delle socie lavoratrici; - la flessibilità di orario dei servizi rivolti all’infanzia sia nel baby parking che nei nidi domiciliari; - la territorialità e radicamento delle operatrici con il tessuto sociale locale; - lo spirito innovativo di iniziative rivolte alle famiglie. I punti di debolezza sono la fase di start-up, la carenza di mezzi strumentali e finanziari ed il mancato accreditamento presso i Comuni dei due Ambiti territoriali. Da segnalare anche la nostra scarsa esperienza organizzativa che va man mano aumentando con l’andare dei mesi ed il peso dei costi fissi amministrativi. In conclusione, questo primo anno di attività ci ha portate ad un vero confronto con la realtà territoriale del mondo dell’assistenza, con tutte le sue contraddizioni e i suoi delicati equilibri, portandoci a maturare quell’esperienza necessaria per ottimizzare procedure e ruoli. Il 2011 è stato anche l’anno del consolidamento dei rapporti, degli intenti comuni e dell’armonizzazione fra le socie, in un costante percorso di confronto sincero e leale che è andato a rafforzare i principi etici fondatori di Terranova. Pertanto, al di là della crisi globale, del mancato accreditamento istituzionale e delle limitate risorse finanziarie, il vero investimento per il futuro è risultato essere la qualità dei servizi, l’attenzione focalizzata sulla dignità della persona, sia essa un minore, un anziano o un diversamente abile, ed il rispetto per la conciliazione dei tempi di vita-lavoro delle socie lavoratrici. Queste tre direttrici porteranno sempre a ripagarci, nel tempo, dei sacrifici e delle perdite di questi primi anni di avviamento.

51


Il sottoscritto dottore commercialista dichiara che il presente documento informatico è conforme a quello trascritto e sottoscritto sui libri sociali della società. Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di GORIZIA – Autorizzazione n. 2001/10224 del 28.03.2001 emanata dal Ministero delle Finanze – Dip. delle Entrate – Ufficio delle Entrate di Gorizia.

Stampato in proprio—Aprile 2012

52


BILANCIO SOCIALE TERRANOVA ONLUS 2011