Issuu on Google+

a p rile 1 9 8 4

u n m a t c h c h e d u ra da 25 anni


2


EDIT O R IA L E U N M ATCH CH E D U RA D A 2 5 ANN I “Mi è stato chiesto quanti ragazzi in 25 anni di attività, sono transitati” sui campi da tennis comunali di Corno. Difficile quantificare il numero preciso ma credo di non sbagliare di molto parlando di alcune migliaia. Ecco, in questo botta e risposta, è racchiusa l’essenza stessa a nostra Associazione, nel suo quarto secolo di vita. È la ragione per cui il sodalizio è stato concepito: mettere in piedi una società dove i giovani della nostra comunità potessero trovare oltre che nell’ambiente familiare, i presupposti per poter crescere bene praticando questo sport. Un lungo cammino, iniziato nell’ ormai lontano 1984 quando, tra tante difficoltà (e qualche inevitabile pregiudizio), molte persone di buona volontà hanno accettato la sfida e si sono impegnate in un umile, disinteressato lavoro dietro le quinte al servizio di questa causa, riuscendo ad arrivare a questi risultati. A tutti loro, in questo momento, vanno il mio pensiero e i miei più sinceri ringraziamenti. Per fortuna, i tanti sacrifici sono stati pienamente ripagati. Lo percepiamo quando ogni giorno cogliamo sui volti dei nostri ex atleti, oggi uomini, un sorriso o quando ricordiamo il numero dei campionati nazionali a cui nostri tennisti e squadre hanno partecipato. Tutto questo ci fa pensare che qualcosa di buono è stato fatto. Un solo rammarico: non avere un complesso tennistico adeguato per i nostri ragazzi. Scorrendo queste pagine insieme a noi potrete, cari amici, scoprire curiosità e notizie sulla nostra storia. W IL TENNIS Roberto Cepile

“APR ILE 19 8 4 : in a u g u r a z io n e d el ca m p o da t en n is . In iz ia co s ì il p r im o “m a t ch” d ella s t o r ia t en n is t ica d i Cor n o. Tr a le a u t o r it à e i g io ca t o r i in t er v en u t i s i p o s so n o n o t a r e M a r co To n in i e Fr a n c o So ld a t i, a t t u a le Pr es id en t e d ell’U d in es e ca lcio ( e a s u o t em p o o t t im a r a cch et t a r eg io n a le) .

S OCI FON D ATORI P RES ID EN TE: Roberto Cepile CON S IGLIERI: Alberto Cudiz Annarosa Fantin Giancarlo Felcaro Maurizio Macorigh Enzo Peressini Luigi Tilatti Bruno Zilio

P RES ID EN TI P RO TEM P ORE Anno 1984–1988 Roberto Cepile “ 1989–1991 Santino Cauteruccio “ 1992 Elena Tomada “ 1993-2002 Luciano Zaninello “ 2003 Massimo Granata “ 2004-2007 Massimo Corgnali “ 2008-2009 Renato Mario

Luigi Zuppel

3


ATTIVITA’ GIOVAN ILE “il prim o o bie ttivo ” Sui giovani si fondano le speranze delle società e questo è stato il primo obiettivo. Sin dall’inizio abbiamo intrapreso collaborazioni con le scuole, proponendo ogni anno corsi gratuiti ed altre attività, che possono sembrare scontate ma che un tempo invece non lo erano. Il secondo passo è stato la creazione di una scuola-tennis all’altezza del compito, capace di formare giocatori e di scongiurare il trasferimento in club più grandi per completare la crescita sportiva. L’attenzione si è poi spostata verso quelle società che dimostravano interesse verso il mondo giovanile. Abbiamo interagito con loro averso incontri

19 8 4 il p rim o c o rs o gra tu ito

4


19 8 6 in co n tro co n il TC Gra d o

congiunti, feste, gare, momenti conviviali e tutte quelle attivitĂ  che potevano essere utili per la crescita dei nostri ragazzi e per alimentare gli stimoli giusti nel cammino intrapreso. Tra queste societĂ  ricordiamo: il Tennis Grado del maestro Salvador e il Circolo Versa dei fratelli Godeas. In questa pagina potete trovare alcune foto di questo periodo.

5


Nel frattempo il tennis era diventato uno sport molto ante anche in Italia, soprattutto grazie alle imprese di Adriano Panatta, Corr azzutti e Paolo Bertolucci, capace di contagiare anche le periferie...Corno non sfuggiva a questa regola. Moltissimi ragazzi e le loro famiglie potevano accedere alle strutture comunali e così iniziare le prime pratiche tennistiche, seguiti con passione e competenza.

Sono così iniziate le prime gare agonistiche, con un po’ di ingenuità ma anche con l’entusiasmo di chi muove i primi passi. Sempre più numerosi le ragazze e i ragazzi che provavano a scoprire l’emozione della competizione. Dopo le batoste, sono arrivati anche i risultati positivi. In queste immagini potete vedere alcuni dei nostri ragazzi che hanno intrapreso questa strada….. e alcuni scatti dei “cump estivi” organizzati per il perfezionamento agonistico a Bilione.

6


Bib io n e 2 0 0 9

Bib io n e 2 0 0 8 Bib io n e 2 0 0 8

7


La persona primaditutto è sempre stato il principio sotteso alla nostra azione. Lo sport, come momento di crescita. Tutti i ragazzi, anche quelli meno interessati all’attività agonistica, sono stati seguiti con attenzione, cercando di differenziare le varie attività, perché tutti potessero trovare un ambiente che soddisfasse le loro aspettative. L’attenzione al settore giovanile è stata una scelta azzeccata perchè ha permesso alla società di avere una sua precisa identità, a tan-

ti ragazzi di poter crescere e a qualcuno di loro anche di arrivare fino alla serie B. Tra questi vogliamo ricordare: Riccardo Sinicropi 2.4; Marco Cepile 2.7; Gabriele D’aronco 2.8; Luca Cepile 2.8; Sarah Della Rovere 3.1; Eleonora Lorenzut 3.1; Vivian Mehic 3.2; Quarta Francesco 3.5; Marianna Mauro 3.5; Giada Cudiz 3.5 e tanti altri con classifiche inferiori. Un testimone che si tramanda di mano in mano fino ad arrivare ai giorni nostri.

8


U n de r 12

U n de r 14

U n de r 10

P ro m o zio n e in D 1

Gru p p o a go n is tico 2 0 0 8

9


CAMP ION ATI ITALIAN I A SQU AD RE U N D ER 16 “FIN AL FOU R: CORN O TRA LE BIG”

Siamo arrivati al momento “clou” dell’attività giovanile: I CAMPIONATI ITALIANI A SQUADRE. Un anno da ricordare, il 2006, per la bravura espressa dai nostri ragazzi. Riccardo Sinicropi e Gabriele D’aronco, dopo aver conquistato il titolo regionale a squadre, sono entrati prepotentemente nel campionato italiano. Il loro cammino è iniziato subito bene, superando per 2 a 1 il T.C. Rovereto fuori casa. I due hanno fatto il bis nella seconda partita contro il T.C. Bonacossa di Milano (capitanata da Laura Golarsa) e

Le p re m ia zio n i fin a li

10


subito dopo hanno compiuto“il capolavoro”: a Corno hanno superato 2 a 0 il T.C. Maglie (squadra campione di Puglia), seppur favorita alla vittoria finale. Grazie a quest’ultimo i nostri ragazzi sono approdati al “FINAL FOUR” organizzati a Maglie (LE), con: il T.C. Prato, T.C. Albinea e T.C. La Spezia. Nonostante i guai fisici di cui soffriva allora il buon Gabriele, la nostra squadra ha disputato un’ottima fase finale, classificandosi al 4° posto solo per effetto della classifica avulsa. Un paio di mesi prima a Napoli Riccardo ha ottenuto anche il 5° posto assoluto nei campionati italiani individuali di categoria.

A.T. Co rn o e T.C. M a glie

M a glie (LE): i s u p p o rte r...

11


Inserire trattoria 4 venti

12


Walter Del do

Italy - 31010 M areno di P iave - TV - Cia G. Galile i, 64/A - Zona industria le Tel. +39 - 0438492199 - F ax +39 - 0438492191 P . Iva 01797150263 • E-mail:info@vanzella lu ig i.com

13


“ATTIVITA’ SOCIALE” P re m iazio n i & Mo m e n ti d i Re lax In queste pagine vogliamo raccontarvi un altro aspetto della nostra attività, quella ricreativa. Sempre più persone si sono avvicinate al nostro sport, tanto che fin dall’inizio ci sono stati problemi per riuscire a soddisfare tutte le richieste di partecipazione all’attività che ci giungevano sempre più numerose e che si svolgevano vogliamo ricordarlo su un solo campo.

1985 - 1° torneo sociale

14


Le difficoltà, tuttavia, non hanno scoraggiato i nostri dirigenti, che si sono sempre prodigati per affrontare e risolvere i problemi promuovendo tante attività ricreative, con l’intento di sviluppare il rapporto tra le persone. In queste pagine proponiamo una carrellata di immagini dell’attività: campionato sociale, tennis long (24 ore di tennis no stop), tennis padella, tornei handicap, festa dello sport).

15


1997 - Gemellaggio con Tennis Badranka - Mali Lousin -Croazia

2004 - Squadra calcetto per il “Ventennale”

Proseguendo su questa strada abbiamo allargato i nostri orizzonti, allacciando rapporti di amicizia e collaborazione con altre società, alcune di queste anche estere. Grazie ad Alex Terpich (nostro socio storico) abbiamo potuto così realizzare il gemellaggio tra il Tennis Club Jadranka di Mali Losinj (Croazia) e la nostra società. Questo è stato uno dei monumenti più belli della nostra storia. Tra tanti amici che hanno condiviso con noi la passione per il tennis, vogliamo ricordare quelli del Fan Cup: i Pidocchietti di Merano (una vera forza della natura), gli amici di Cividale, che sono venuti con noi alle qualificazioni (a Merano e successivamente anche a Portorose per le finali) e tutti coloro che hanno partecipato alla festa del Ventennale. Facendo un po’ di “slalom” tra le foto potete trovare quelle di Merano e di Lussino (Croazia)

2004 - premiazioni per il “Ventennale”

Fun Cup Merano-Corno

16


17


Per “chiudere” il capitolo dedicato all’attività sociale, la semplicità e il calore che hanno sempre caratterizzato gli incontri tra le persone e alcune autorità che vi hanno preso parte sono visibili in queste ultime immagini. Uno stare bene insieme che puntualmente si rinnova ogni anno……..

2002 - premiazioni

2000 - cena sociale

18


19


Ca m pio n ati a s qu ad re : “d alla D 3 alla……...” Le squadre, anche nel tennis, hanno il compito di rappresentare la loro città, la società di appartenenza, la sua capacità organizzativa, la sua storia… Sono iniziati così i campionati federali a squadre (1986) che hanno visto la nostra società, via via, sempre più impegnata su tanti fronti, da quelli giovanili (maschile e femminile), a quelli Over. Un lungo cammino iniziato da quelli che sono stati i pionieri in questo campo: Valneo Livon, Roberto Cepile. Fabio Turrini, Gianni silvestri, Michele Vecchione, ai quali si è successivamente aggiunto Gianfranco Ninino. Il Testimone, dopo alcuni anni, è passato ai ragazzi del vivaio: Marco e Luca Cepile, Francesco Quarta, Maurizio Maci, Massimo Corgnali e Tiziano Padoan arrivavano alla serie C (1999)... 19 9 9 - 1^ cla ss ifica ta Ca m p io n a ti p ro v. s e rie C

20


21


Intanto, anche qui, alcune ragazze terribili del nostro vivaio si erano fatte notare vincendo alcuni tornei individuali regionali, numerose edizioni dei campionati provinciali a squadre (almeno 5). Passo dopo passo, il loro valore le ha portate fino alla serie C. Per diversi anni il Corno, anche a livello regionale, è stato uno dei riferimenti del tennis femminile. Tante sono state le soddisfazioni che ci hanno regalato Sarah Della Rovere, Monica Valentinuz, Giada Cudiz, Eleonora Lorenzut e Vivian Mehic.

2 0 0 4 Sq u ad ra Ca m p io n e Re gio n a le s e rie C m a s ch ile

22


2 0 0 5 - s e rie C vice ca m p io n i re gio n a li

2 0 0 8 - p ro m o zio n e in s e rie D 1

2 0 0 6 - s e rie C fe m m in ile

Via d e l Ca s t e llo 1 2 - 3 3 0 4 3 Civ id a le d e l Friu li t e l. 0 4 3 2 7 3 3 2 4 2 - FAX 0 4 3 2 7 0 0 9 0 1 e - m a il: in fo @a lc a s t e llo .n e t 23


“ …….SERIE B ”

Dopo alcuni anni il salto qualitativo è avvenuto dall’incontro di Marco Cepile e Mattias Facciolo (foto a sx) che insieme a Barresi Quarta e Corgnali hanno conquistano la promozione in serie C (2003). Subito grandi protagonisti in questa serie, hanno conquistato 4 finali in 4 anni vincendo due titoli nel 2004 e 2007. Al quarto tentativo, nei play off dei campionati italiani, hanno vinto per 5 a 1 con autorità contro la forte compagine del Desenzano, conquistando una storica e meritata promozione in serie B (giugno 2007). Gli artefici sono stati: Daniel Santl, Gabriele D’aronco, Riccardo Sinicropi, Marco Cepile, Mattias Facciolo (foto sotto a sx). Finalmente la serie B. Il ca m m in o p e r la s e rie B Quando la società muoveva i primi passi e con lei tutti noi, digiuni di quasi tutto, tranne che della curiosità e della voglia di fare, con una buona dose di utopia,

S e rie C 2 0 0 7 Ca m p io n i re gio n a li avevamo fissato come obiettivo finale la serie B suscitando l’ilarità di quei pochi a cui avevamo fatto questa confidenza. Invece la speranza è diventata realtà. Pian piano sono arrivati i primi risultati positivi, con Marco e Luca Cepile che hanno raggiunto individualmente questa categoria, seguiti un po’ più in là nel tempo, da qualche altro giovane (D‘Aronco.. Sinicropi..). La nostra convinzione è cresciuta di conseguenza. Siamo cosi arrivati al 2008 quando abbiamo disputato questo campionato. L’impatto stato duro ma l’esperienza fatta giocando con tanti circoli storici, ci ha insegnato tante cose che abbiamo poi utilizzato nel 2009. S e rie B 2 0 0 8

24


Cam p ion ato d e gli Affiliati—Se rie B 2 0 0 9 giro ne 1 1^ giornata

ASD CORN O-ASD Villafranca

4 -2

2^ giornata

C.lo Tennis Borgo-ASD CORNO

6 -0

3^ giornata

ASD CORN O -Comune di Bolzano

5-1

4^ giornata

Club Atletico Faenza-ASD CORNO

5-1

5^ giornata

ASD CORN O -C.lo Tennis Monza

3 -3

6^ giornata

C.lo Tennis Cesena-ASD CORN O

3 -3

7^ giornata

ASD CORN O-rip o s a

As d Co rn o 5° class ficato co n p u n ti 8 (PLAY OU T) Play Ou t el. dir.

RCC Tevere Remo-ASD CORN O

4 -2

andata

C.lo Tennis Bologna-ASD CORN O

2 -4

ritorno

ASD CORN O -C.lo Tennis Bologna

3 -1

ASD CORN O co nq u is ta la p e rm an e n za in se rie B

d a s x: Sa n tl D ., Gra zi G., Es p o s ito L., D ’Aro n co G., Fa ccio lo M ., Ba ccaa rin i S ., Ce p ile M .

S e rie B 2 0 0 9 S e rie B 2 0 0 9 ..u n an n o d a rico rd a re… Cinquantasei squadre in rappresentanza di tutte le regioni, divise in 8 gironi. A noi è toccato il girone l, insieme alle squadre del Bolzano, Cesena, Faenza, Monza, Trento e Villafranca Verona. La nostra squadra, una delle più giovani del lotto, si è dimostrata subito competitiva vincendo due delle prime tre gare: contro il Villafranca e Bolzano, mantenendo la parte alta della classifica fino all’ ultima giornata. La mancata vittoria di Cesena (dove invece abbiamo pareggiato) ci ha costretti a scivolare dal terzo al quinto posto e ad affrontare i play out. La prima partita, a Roma, con la squadra del Tevere Remo è finita 4 a 2 per i padroni di casa. Poi, nella doppia sfida con CT Bologna, i nostri ragazzi si sono prontamente rifatti vincendo 4 2 a Bologna e 3 a 1 nel ritorno a Cividale, dove noi ormai giochiamo già da qualche anno le partite in casa perché i campi di Corno non sono regolamentari. I complimenti vanno a: Daniel Santl, Luigi Esposito, Gabriele D’Aronco, Giacomo Grazi, Mattias Facciolo, Stefano Baccarini e al capitano giocatore Marco Cepile, capaci di regalarci questa grande soddisfazione, pari soltanto ai tanti sacrifici che la società fa.

25


“ pa rla n o d i n o i... ”

26


27


28


29


“TORN EI...TORN EI..TORN EI...” d alla 4 ^ cate go ria...

Sui nostri campi si sono disputati centinaia di tornei, per tutti i gusti e per tutte le categorie. Una fitta rete di appuntamenti che ogni anno si è sviluppata e potenziata vista l’attenzione sempre rivolta al mondo giovanile, siamo stati tra i primi ad aderire al circuito Under 10 “saranno famosi”. Abbiamo proseguito con l’organizzazione di tutti i campionati provinciali per le categorie giovanili e poi la passione che spinge ha fatto il resto, quando si è in ballo è inevitabile are di fare sempre meglio e di più, cercando di alzare il livello di gioco. Manifestazioni come il Winter Tour, circuito invernale org insieme agli amici del TC Nova Palma, TC Natisone e TC Cividale, il Trofeo Comune di Corno, il Torneo Festa dello Sport, sono un esempio delle competizioni agonistiche più significative che si sono svolte in questi ultimi anni.

2 0 0 6 - ca m p io n a ti p ro vin cia li

2 0 0 8 - ta p pa U 10 “sa ra n n o fa m o s i”

30


31


“TORN EO CITTA’ D EL VIN O” ...alla fo rm u la Ope n .

La parte del leone la fa il Torneo “Città del Vino”, fortemente voluto per rendere omaggio alla nostra terra e ai suoi vini, apprezzati in tutto il mondo per la loro qualità. Un binomio tennis-vino, partito dalla categoria n.c., caratterizzato, da una crescita continua, che è giunto fino alla formula Open, nelle ultime due edizioni. Una nota di merito la vogliamo spendere anche per Francesco Cuda, giudice arbitro che ha firmato numerose edizioni di questa manifestazione e contribuito al loro successo.

32

2000 - 1° trofeo comune di Corno


ALBO D ’ORO Ed izio n e

Ca te go ria

Vin cito re

2001

4. nc

Jarni Tomulic

2002

4.nc

Carlo Centis

2003

4.nc

Loris Peresson

2004

3^ /4^

2005

4.nc

Paolo Vianello

2006

4.nc

Roberto Pizzutti

2007

2.5

Simone Appio

2008

Open

Gianpaolo Gabelli

2009

Open

Massimo BOSA

Matjaz Suljn

Massimo Bosa - Vincitore 2009

33


34


“1°To rn e o Ro d e o D IEFFE IMP IAN TI”

2008 - premiazioni Il grande successo che hanno ottenuto i tornei rodeo i tutta Italia non è sfuggito alla nostra attenzione. Grazie al sostegno fornito da Davide Furlan e da Ezio Biancuzzi, titolari della ditta DIEFFEIMPIANTI di Corno di Rosazzo, siamo stati i primi in regione a proporre questa formula. Il torneo rodeo è una formula alternativa, moderna e vivace rispetto alle manifestazioni tradizionali, che ha riscontrato un grande successo sia tra i giocatori intervenuti che tra gli organizzatori.

Dicembre 2008

35


36


“ in te rvis ta a….D an ie l SAN TL” d i Ma rco Ce pile

Sch e d a : n ato a Ma ribo r ( SLO) il 2 8 -5 -19 78 Cla s s ifica italian a ra ggiu n ta 2 .3 Be s t Ran kin g At p 6 4 0 ( n e l 2 0 0 0 ) Re s po n s abile d e ll attività ago n is tica d e l Te n n is Bran ik d i Maribo r. E’ co n n o i d a più d i 6 a n n i. U n ve ro pro fe s s io n is ta e p e rs o n a d i s pe s s o re , u n o ch e cre a la fo rtu n a d e lle s o cie tà e d e lle pe rs o n e ch e lo in co n tran o . D an ie l, a ch e e tà h a i in izia to a gio ca re a te n n is ? e co m e è p ro s e gu ita p o i la tu a ca rrie ra a go n istica ? Ho iniziato a giocare qui, al Tc Branik di Maribor a 10 anni. Come tutti, a quell’ età, facevo parte di un gruppo di 5-6 bimbi ma, ben presto, nel giro di un paio di anni io e il mio coetaneo Tkalfc Marko (best ranking 240 A.T.P.) siamo stati seguiti dalla Federazione Slovena. Qu a li s o n o s ta ti i tu o i ris u lta ti m igli o ri? A livello nazionale ho vinto i campionati individuali Sloveni indoor e il campionato nazionale a squadre con il TK BRANIK mentre a livello giovanile ho raggiunto la 565^ posizione nell I.T.F e la 640 A.T.P. Quest’ultima mantenuta per un paio di anni, tra il 1999 e il 2001. Sono stato riserva (5° uomo) di Coppa Davis della nazionale Slovena. Gio ch i in Ita lia p e r l’A.T. Co rn o d a o rm a i 6 an n i, co m e ti tro v i d a n o i? Fin dall’ inizio sono stato accolto con molto affetto, specie dalla famiglia Cepile con cui ho instaurato un ottimo rapporto di amicizia. Non parlo l’italiano ma nel tempo ho imparato a capirlo abbastanza bene. Il circolo è piccolo ma, nonostante la carenza di strutture, ha saputo far crescere dei giocatori molto validi come Gabriele e Riccardo. Tutto ciò dimostra che con la fame e la voglia di arrivare si possono raggiungere risultati importanti. H a i gio ca to in s q u a d re a u s trich e , s lo ve n e , cro a te e te d e s ch e , co m e g iu d ich i il ca m p io n a to ita lia n o a s q ua d re n e l q ua le tu h a i pa rte cip a to ? Il campionato di serie C, che ho giocato dal 2003 al 2007, ha un livello tecnico molto basso mentre invece gli altri due anni in serie B sono stati molto divertenti: match difficili, atmosfera giusta, tanti bei circoli che non avevo mai visto. Co s a p e n s i d e l te n n is in Ita lia ? Vedo tanti ragazzi che giocano bene e circoli lussuosi che mettono a disposizione ottime strutture. Mi chiedo però come mai il livello sia così basso. Da noi, in Slovenia, non ci sono grandi mezzi finanziari destinati al tennis ed è questo il motivo per cui a livello internazionale non riusciamo ad emergere ma in Italia... Co n clu d i tu …. Il prossimo anno con la stessa squadra possiamo provare a raggiungere i play off: ogni anno siamo migliorati .... Io ci credo.

37


38


IL TEN N IS TA I………. Mentre salgo in macchina penso: devo andare a giocare

quel buco là, invece di

andare al mare. Chi me lo fa fare? Basta! Questo è l’ultimo torneo che faccio!! Arrivo al circolo, parcheggio l’auto, entro e dò un’oc

al tabellone: Nooo! Pen-

so: “come fa questo a essere la prima testa di serie?

vince più una partita dai

tempi di Beppe Merlo!” La due? Ah! Ah! Ah! Ridicolo!!. La tre? Scandaloso!! Solita storia. Saluto il G.A. (sempre quello!! Lo trovo dappertutto.) Pago l’iscrizione (c…….! Aumentano sempre, fra un po’ dovrò fare un mutuo per giocare…) Chiedo se gli incontri sono in orario: un po’ di ritardo, mi rispondono. (te pareva!!!). Entro nello spogliatoio, cerco un posto ,

ccio lo slalom tra: borse calzetti ,scarpe, asciugamani, final-

mente uno libero, mi guardo in giro e penso: ma quand’ è l’ ultima volta che hanno passato uno straccio qui? Uno sgraditissimo odore di gorgonzola mi assale. Trattengo il fiato, mi cambio in un minuto, faccio le scale. “Quale campo?” chiedo, “il 5” mi rispondono. Mi avvicino mi informo: “come sono?” 63 42. “Per chi’?” chiedo. “Quello.” Mi indicano un tipo con il cranio lucido e spalle larghe minimo 20 chili di sovrappeso. . “è un ex B1”, mi dicono i soliti bene informati. “Già -penso- sono tutti ex B..tutti fenomeni....solo io sono un …” Meglio che mi scaldi và. Faccio una corsetta, guardo un po’ in giro; scarsi, che scarsi….sempre peggio, giocano sempre peggio! Guarda quello s…. e quello la? Concentrati mi ripeto, torno al campo 5. Come sono? “6 pari”, mi rispondono. Trattengo il fiato, incrocio le dita, faccio tutti i riti scaramantici che conosco e penso: stai a vedere che vanno al terzo? Un attimo dopo. “Terzo set!!!”. L’ uomo dal cranio lucido ha ceduto! Nooo! Sono troppo i…. Mi allontano di nuovo. Un po’ di stretching (non troppo però) intanto penso: vado via ? gioco un game , fingo un infortunio o un malore ..mando un certificato? Penso troppo e… finisco per non decidere.. Guardo l orologio due ore di ritardoooo c…. CALMA!!!! Intanto termina il match. Prendo la borsa, mi avvicino al campo. Chiedo le palle nuove, mi dicono che sono buone, che non hanno giocato neanche una partita intera. Le faccio rimbalzare: morte. Non si alzano nemmeno. Di nuovo provo a farle rimbalzare davanti al giudice, si piantano per terra. Inutile, mi confermano che sono buone. Ma come?… Mi dico: bene, vanno bene (sono troppo I……..). Faccio tre palleggi, fingo un servizio, guardo l’orologio e dico: sono pronto!!!... Facciamo il sorteggio? “No”, mi sento rispondere. Devo ancora scaldarmi, mi dice l’avversario, un mingherlino che sembra tanto il figlio di Totò. Adesso ti sistemo io: caccio sei palle di fila sulla rete di recinzione e quello capisce che è meglio cominciare. Perdo il sorteggio. Mi tocca servire 0 15

0 30

0 40 (doppio fallo), sei un grande!!! Il

tempi di uno starnuto e sono 0 1. Grande sei un mito, mi ripeto. Continua…… Bibliografia per chi vuole saperne di più:

IL FATTORE I…

Editore NEURO TENNIS

I… O NON I ….

Questo è il problema EDIZIONI LA SFINGE

GUIDA LA TUA I…

Edizione di AUTOSCUOLE ASSOCIATE

I ... UN ELEMENTO DI CRESCITA INTERIORE

Editore MEDIDANDO

I… E BELLO !!!!!

Rivista ESTETICA 2000

Consulta il sito

www.i……...it

39


Si ringraziano sentitamente le aziende che, con il loro contributo economico, hanno consentito la realizzazione della pubblicazione.


giornalino