Page 134

CAPITOLO 5.2 per ridurre le emissioni lungo tutto il sistema logistico» afferma Silvia Scalia. «Il carattere distintivo di Ecologistico2 è che si tratta di un progetto collaborativo, in cui supportiamo le aziende che vogliono alimentare il patrimonio informativo condividendo esperienze concrete e risultati conseguiti. Consapevolezza, misurazione e azione: sono questi gli step per arrivare a una supply chain sempre più green». Ma è decisivo il ruolo attivo di protagonisti del cambiamento che devono assumere i manager della logistica. Sono già numerose le soluzioni innovative per migliorare la sostenibilità ambientale in ogni fase della supply chain. Tra le best practice di Ecologistico2, solo per citarne alcune: i benefici della gestione di una flotta elettrica (Niinvirta) e di un’illuminazione a basso impatto ambientale (Ledadvance), gli interventi adottati nel polo del freddo di Fidenza per arrivare a impianti di refrigerazione a basso impatto ambientale (Gruppo Marconi), lo scenario dei veicoli a gas naturale, come alternativa concreta e conveniente ai combustibili tradizionali (Iveco) e, per finire, i benefici del passaggio all’energia solare nei magazzini (Neologistica). Altro tema-chiave è la necessità di una misurazione dei benefici. «Consapevoli della centralità del tema della sostenibilità e del rapporto tra l’efficacia e massa critica delle aziende coinvolte, Ecologistico2 è reso disponibile a tutte le aziende e non solo agli associati di ECR», aggiunge Scalia. Grazie poi a un accordo tra GS1 Italy e Freight Leaders Council per la promozione della sostenibilità ambientale in ambito

logistico, le aziende aderenti a Lean & Green, il premio di logistica sostenibile gestito da FLC, hanno l’opportunità per imparare a misurare le emissioni di CO2 e a predisporre piani di riduzione efficaci e ottenere così importanti risparmi economici. Nel dettaglio, le imprese che, aderendo al Lean & Green si impegnano a rendere più efficienti i propri processi logistici e a risparmiare almeno il 20% delle emissioni di CO2 in 5 anni, potranno, oltre a utilizzare gratuitamente Ecologistico2, simulare il cambiamento di alcune variabili logistiche e individuare quali leve inserire nel proprio programma Lean & Green di miglioramento delle emissioni. Queste aziende potranno, inoltre, usufruire di interessanti agevolazioni ECR Italia per il servizio di calcolo di dettaglio delle emissioni dei magazzini e dei trasporti. «Ecologistico2 e Lean & Green sono due strumenti innovativi e di

grande utilità, con cui GS1 Italy e Freight Leaders Council aiutano le aziende impegnate sul fronte della sostenibilità della supply chain e le accompagnano in ogni fase del percorso di conoscenza, misurazione e miglioramento delle loro emissioni in ambito logistico» commenta Bruno Aceto, ceo di GS1 Italy. E Antonio Malvestio, aggiunge: «Nel nostro Quaderno #25 sulla sostenibilità del trasporto e della logistica abbiamo indicato la possibilità di rendere evidente in fattura il calcolo delle emissioni. Uno strumento che aiuterebbe le aziende a prendere coscienza della loro impronta ambientale, una base da cui partire per migliorarla». LA LOGISTICA SMART E MULTICANALE La logistica sta vivendo altre trasformazioni imposte dalla diffusione del commercio online: quella dell’ultimo miglio e quella dell’omnicanalità, legate ai cambiamenti dei processi e all’in-

La supply chain collaborativa di Conad

N

ella sezione know-how del sito di Ecologistico2, che rappresenta una fonte informativa privilegiata sul tema della sostenibilità ambientale e della misurazione delle emissioni di CO₂ prodotte dal trasporto e dalle attività di magazzino, trovano spazio gli interventi di miglioramento dei flussi logistici di Conad. «Negli ultimi anni Conad ha ridisegnato i suoi flussi distributivi, in particolare per le private label, con l’obbiettivo di trovare nuove efficienze» afferma Andrea Mantelli, responsabile supply chain di Conad. «Così facendo ha ottenendo importanti benefici in termini sia di sostenibilità che di riduzione dei costi, a conferma del fatto che la collaborazione tra retail e industria sul fronte del miglioramento della supply chain conviene ad entrambi. Per questo è importante avere anagrafiche allineate, condividere dati e poter misurare l’efficacia degli interventi. È necessario, insomma, fare un punto fermo. Per la responsabilità sociale che abbiamo verso le persone dobbiamo sapere dove siamo e dove possiamo arrivare. Ecologistico2 ci aiuta a scattare una fotografia dello stato dell’arte e a identificare le azioni mirate da effettuare, per condividere poi i risultati con i nostri interlocutori e trovare nuovi fronti su cui intervenire». L’ottimizzazione della logistica, in termini di saturazione dei mezzi e ammodernamento della flotta, e il maggior uso di trasporti alternativi a quelli su gomma ha permesso a Conad di aumentare del 3% l’efficacia dei trasporti tra 2014 e 2016.

Profile for Tendenze online

Un anno di Tendenze 2017  

“Un anno di Tendenze, giunto ora alla settima edizione, è un prolungamento e un distillato del webmagazine di GS1 Italy Tendenze online, che...

Un anno di Tendenze 2017  

“Un anno di Tendenze, giunto ora alla settima edizione, è un prolungamento e un distillato del webmagazine di GS1 Italy Tendenze online, che...