Page 1

LA GRANITA SICILIANA

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Granite Siciliane Cart

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


IN SINTESI

GRANITA SICILIANA ORIGINALE

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Processo di Produzione classica

1.

Selezione frutta o derivati  Personale, materie prime

2. 3.

Pesatura Miscelatura  Personale ,Tavolo, bilancia, mixer

4.

Mantecazione  Personale, Mantecatore, vaschette o carapine

5. •

Conservazione Somministrazione 1. Personale, Frigo bt, pozzetto granite

Granita Siciliana

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Processo di Produzione MISSGELO 1.Produzione 180 dosi ora da 160 g 2.Minimo ingombro (30x50x80h) 3.Consumi minimi (Consuma solo se produce) 4.Cambio gusto (4 sec) 5.Autopulente 6.Sanificazione automatica

1.Selezione materie prime di qualità 2.Lavorati in ambienti controllati senza rischi di contaminazione batterica 3.Confezioni asettiche a temperature ambiente, fresche e surgelate 4.Possibilità di spedizioni in tutto il mondo 5.Apertura confezione “Cialda” 6.Inserimento del contenuto nella MissGelo 7.Posizionamento bicchiere erogazione 8.Tasto erogazione 9.Produzione istantanea della “Granita Siciliana” 12 sec. 10.Somministrazione in qualsiasi parte del mondo della

GRANITA SICILIANA ORIGINALE

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


MissGelo è il nuovo sistema automatico della TeknèItalia per la produzione a vista ed all’istante di soffici Granite Siciliane. Progettata per l’impiego professionale, piccole o grandi erogazioni. Il processo di produzione di granite avviene in maniera quasi istantanea e non più per congelamento e mantecazione di una miscela liquida come nelle macchine tradizionali, la conservazione ed infine la somministrazione Grazie anche al suo innovativo sistema automatico MissGelo trasforma in pochi secondi (13 sec) cialde surgelate da 150 g gusto a scelta, in soffice granita pronta da servire. Dotata soprattutto di sistema lavaggio per il cambio del gusto (4 sec.). Fondamentale il sistema di Sanificazione automatica a fine lavoro. Questo sistema evita la penosa e onerosa pulizia serale .. MissGelo trasforma la cialda surgelata del gusto richiesto con uguali ingredienti del prodotto finito di GRANITA SICILIANA ORIGINALE

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Descrizione Macchina La trasformazione in prodotto finito avviene tramite l’effetto di nevificazione della cialda da 150 g. Un ulteriore elemento di novità viene rappresentato dal fatto di poter produrre in sequenza e con un’unica macchina prodotti finiti di gusti diversi (dal limone alla fragola al cioccolato senza modifiche strutturali, senza preliminari operazioni di adattamento della macchina a produzioni di natura e/o di gusti diversi. Per ogni ciclo di produzione la macchina prevede il lavaggio per il cambio gusto con il riposizionamento automatico allo stato iniziale degli organi di trasformazione così da consentire una rapida ripartenza per un nuovo ciclo di produzione, indifferentemente dalla natura. La MissGelo è interamente realizzata in acciaio Inox e materiali atossici e alimentari per la massima igiene pulizia e resistenza. Necessita solo un collegamento idrico di acqua, scarico ed elettrico:

Dati Tecnici Dimensioni: Tensione:

290x480x800h mm 220V/50Hz

Assorbimento in erogazione (12 sec.)

1.100 W

Potenza di sanificazione (60 sec):

1000 W

Peso:

40 Kg

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Risultati microbiologici Sanificazione automatica MISSGELO

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Risultati microbiologici Sanificazione automatica MISSGELO

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


STUDI E RICERCHE


La Granita Siciliana E’ un DOLCE freddo al cucchiaio, tipico della SICILIA. Si tratta di un composto liquido semi-congelato preparato con acqua, zucchero. succo e polpa di frutta o altro ingrediente, per esempio i più diffusi come mandorla, pistacchio, caffè e cacao..Chiamare Granita questo prodotto non gli rende giustizia, infatti viene spesso confusa con il sorbetto, dal quale può essere considerata uno dei progenitori del GELATO diversa per una consistenza più granulosa (da cui il nome) e cremosa allo stesso tempo anche se questa densità varia da zona in zona ed è quasi indistinguibile da quella del sorbetto classico nella Sicilia orientale. A differenza del gelato e del sorbetto, l'aria nel prodotto finale risulta completamente assente. Nella preparazione è importante che la gelatura avvenga per gradi e mantenendo in movimento il composto, in modo che l'acqua non si separi sotto forma di cristalli di ghiaccio intriso dall'aroma zuccherato.

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Si serve solitamente in bicchieri di vetro trasparenti. Tradizionalmente va accompagnata da pane fresco e croccante come i gemellini, la mafalda e il ferro di cavallo, ovviamente sostituiti nel tempo dalla tipica BRIOSCIA SICILIANA preparata con pasta lievitata all'uovo e dalla forma a base semisferica sormontata da una pallina chiamata (TUPPU) «A granita câ brioscia» era ed è la colazione tipica dei siciliani, specialmente in estate e nelle zone costiere. in alternativa, la granita viene anche consumata “da passeggio”, servita in bicchieri di plastica, cartone plastificato o polistirolo, per rinfrescarsi durante lo struscio nelle lunghe serate estive.

Inoltre è abitudine diffusa nei bar siciliani quella di aggiungere piccole quantità di granita di limone per creare variazioni del tè freddo, dell'acqua minerale (cori i cani) o perfino della birra. La granita di caffè viene invece aggiunta al caffè freddo.

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


LA STORIA

Le origini della granita vengono solitamente fatte risalire alla dominazione Araba in Sicilia. Gli arabi portarono con sé la ricetta dello sherbet, bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose.. In Sicilia, usavano la neve che d'inverno veniva raccolta sull‘ Etna, sui monti Peloritani, Iblei o Nebrodi e stivata durante l'anno nelle neviere, apposite costruzioni in pietra erette sopra grotte naturali poi grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori. Questa preparazione, che sopravvive anche nella grattachecca romana, era diffusa ancora fino al primo Novecento con il nome di rattata (grattata). Durante il XVI secolo si apportò un notevole miglioramento alla ricetta dello sherbet, scoprendo di poter usare la neve, mista a sale marino, come eutettico per poter congelare le preparazioni, la neve raccolta passò così da ingrediente a refrigerante.

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Nacque il pozzetto, un tino di legno con all'interno un secchiello di zinco, che poteva essere girato con una manovella. L'intercapedine veniva riempita con la miscela eutettica e il tutto poi posto in un letto isolante di paglia. La miscela congelava il contenuto del pozzetto per sottrazione di calore, mentre il movimento rotatorio impediva la formazione di cristalli di ghiaccio troppo grossi. La granita così preparata ha soppiantato nei secoli la rattata. Nel corso del XX secolo, il pozzetto manuale raffreddato da ghiaccio (o neve) e sale è stato dappertutto sostituito dalla gelatiera.

Nella

formula

moderna

della

“Tradizionale

Granita

Siciliana” la neve viene sostituita con l’acqua ed il miele con lo zucchero. In seguito viene aggiunta la frutta fresca e tutto il composto grazie alla tecnologia del freddo (mantecatore) trasformato in cremosa granita ricca di sapori.

Questa struttura cremosa e ricca di sapore è la caratteristica peculiare del prodotto conosciuto nel mondo come “Granita Siciliana”.

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Gusti e varianti locali Non si può facilmente determinare una “formulazione originale” della granita. Secondo fonti autorevoli, le granite più tradizionali erano quelle ai gusti di limone, cannella, gelsomino e «scusunera” (barba di becco). Mentre la barba di becco oggi non viene più utilizzata, il termine dialettale scursunera viene ormai impiegato, specie nel palermitano, per designare la granita di gelsomino con cannella. Le varianti classiche più diffuse in tutta l'isola sono la granita al limone, alla mandorla e al caffè. Le mandorle usate per la preparazione della granita contengono sempre una minima percentuale di mandorla amara, decisiva per l'intenso aroma.

La granita nella descritta consistenza semi-liquida è diffusa soprattutto nella parte orientale dell'isola. Nella parte occidentale il termine "granita" viene regolarmente applicato

alla gramolata (in Sicilia chiamata cremolata), a consistenza più fine ed omogenea, e le due ricette si sovrappongono e confondono spesso. Molto diffusi nel Catanese sono il gusto al pistacchio (originario di Bronte), alla mandorla (la minnulata catanese, cioè mandorlata, su cui si versa un goccio di caffè caldo) ed i gusti alla frutta: Gelsi neri, pesca, fragola, mandarino, ananas, fichi..

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Una

peculiarità

catanese

è

la

cosiddetta

“granita

di cioccolato”, che in realtà è preparata con il cacao magro. A Catania spesso si gusta tagliando la brioche a metà e riempiendola di granita, e una copertura di panna fresca. A Messina e nelle Isole Eolie la scelta di gusti è analoga a quella catanese sebbene le due città joniche si contendano tradizionalmente il primato per la miglior granita. Siracusa invece è nota per la sua granita di mandorla grezza (ovvero tritata senza rimuovere la pelle marrone dopo la sgusciatura) ma, a parte questo dettaglio, nella provincia aretusea si trovano più o meno gli stessi gusti dei bar etnei.

Nell’ immaginario collettivo la Granita è un composto molto freddo, granuloso, con pezzi di

ghiaccio e sapore molto blando totalmente differente dal prodotto tipico Siciliano. Tale prodotto soffice ha delle caratteristiche organolettiche totalmente diverse da quello normalmente denominato “Granita”. Per tale motivo diviene fondamentale riuscire a differenziare i due prodotti con una comunicazione efficace ed una denominazione differente come GRANITA SICILIANA

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos


Riconoscimenti La Regione Siciliana ha inserito nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali Italiani le seguenti varianti: •Granita di gelsi neri •Granita di mandorla

Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios tĂŠcnicos


Caratteristiche organolettiche Nonostante la composizione la “Granita Siciliana” possa sembrare simile al gelato tradizionale vi sono delle differenze sostanziali che determinano delle diverse proprietà di conservazione. Il gelato mantecato è infatti composto da grassi, solidi, addensanti ed emulsionanti più o meno naturali che permettono la decorazione, l’esposizione e la conservazione per periodi prolungati. La “Granita Siciliana” invece non si presta alla decorazione ed ha un periodo di conservazione piuttosto limitato. Infatti data la composizione naturale e priva di grassi dopo qualche ora avviene un fenomeno di separazione degli elementi, caratterizzato dalla formazione di pozze di liquido, susseguente formazione di macro-cristalli di ghiaccio ed ossidazione della frutta fresca. La condizione ideale per avere una “Granita Siciliana” di alta qualità è quella di servire e consumare il prodotto entro le 4-5 ore dalla sua preparazione. Superato tale periodo di tempo, la “Granita Siciliana” muta le sue caratteristiche e deve essere scartata.*

*In casi estremi, tale prodotto viene sciolto a temperatura controllata +3°C e trasformato nuovamente. Tale pratica però è molto sconsigliata per l’alto rischio di contaminazione batterica del processo e per l’alterazione delle proprietà organolettiche. Con riserva di modifiche tecniche | Tecnical subject to change | Tecnische Anderungen vobehalten | Con posibilidad de cambios técnicos

Catalogo Missgelo ITA 2013  

Catalogo Missgelo 2013 Italiano

Advertisement