Page 1

TEA TRO

NUMERO 14

TRE PER TE 2012/2013 Prosa - Altri Percorsi - Teatro Danza L’altra scena Festival di teatro contemporaneo InFormazione Teatrale

magazine

RY

O IST

O

B

P PIP

A

LI

CA RD AR

ELL I

P

T

D

C ANGOE AL TB

B

RO

GIULIO

D’ANNA STRAVINSKIJ

MORGANTI

BU

SCAR INI ALMA DE

BAUSCH

AN CIA

ETT ENN

NI

BR

A

I EST

ION C AL O ES M

LA O ON DELB

TANGO

TONI LA BER SCRO

T

MADRE

TEATRODUE

OGE

Fondazione Teatri di Piacenza Teatro Gioco Vita - Teatro Stabile di Innovazione

ABBONDANZA

RO

GO TAN

ST NCON UR I NO

DE

SS O

DE

CAANE LA ST SE RI

ION ES CO

E

DU

EL I S EO

C

CA

RBENENETTL

Periodico di informazione - Stagione di Prosa 2012/13

CEL

P EC TAT AOL HOV OR IN U I

LU

BYOS

A RI A T S2 OP PU PR O

H

SCENA

E

AD

CIR


TREPERTE 2012/2013 “Tre per Te” non è solo il titolo della stagione teatrale prossima, ma rappresenta una linea di continuità artistica per il Teatro Municipale negli ultimi dieci anni di attività. La Prosa, con il teatro classico e tradizionale di qualità, allo stesso tempo guarda anche ad una proposta meno “istituzionale”; con Altri Percorsi, teatro di innovazione, si permette allo spettatore di allargare lo sguardo alle tendenze più originali della scena con artisti di grande richiamo a livello italiano ed internazionale; Teatro Danza si orienta verso le più originali esperienze della danza contemporanea, spesso in dialogo con altri linguaggi e senza timori di confronto con temi di attualità. Si è ravvisato che, con la sua presenza costante ed interessata, il pubblico ha dimostrato di apprezzare questa formula che permette allo spettatore di scegliere gli spettacoli in relazione a gusti personali, costruendo percorsi teatrali meno “preconfezionati”, con la libertà di spaziare tra generi, linguaggi, contenuti differenti. Una proposta artistica quindi non rivolta ad un solo tipo di pubblico, bensì articolata in modo tale da permettere un dialogo culturale, al di là di schemi generazionali o sociali, in un confronto continuo e dialettico tra il classico e il contemporaneo. In questi anni le scelte artistiche hanno sostenuto non solo la creazione di un cartellone e di un progetto di ospitalità, obiettivi comunque fondamentali e irrinunciabili, ma hanno promosso il coinvolgimento degli spettatori anche attraverso articolati percorsi di formazione ed informazione teatrale, per creare un pubblico sempre più critico e consapevole. Anche per la stagione 2012/2013 si conferma questo servizio culturale attuabile grazie alla collaborazione con l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e al sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Un’altra importante riconferma è quella del Festival del teatro contemporaneo “L’altra scena” che, alla sua seconda edizione, deve consolidarsi come risorsa culturale per la città ed il suo territorio. Si tratta di una proposta rivolta alle giovani generazioni e a quel pubblico che, fino allo scorso anno, per vedere certi spettacoli di ricerca o compagnie emergenti era costretto a spostarsi verso altre città o vetrine teatrali. Pre/Visioni, una porta aperta su giovani artisti, scuole di teatro, sperimentazione di nuovi linguaggi ed esperienze di formazione e perfezionamento teatrale di qualità a livello locale, soddisfa l’obiettivo di promuovere a Piacenza la realizzazione di un sistema culturale articolato di attività artistiche. Si tratta altresì di aprire spazi di realizzazione e di visibilità per compagnie

locali, professionali e semiprofessionali, giovani che fanno teatro, scuole di perfezionamento teatrale, esperienze laboratoriali. Si può in quest’ottica intravedere a Piacenza la progressiva realizzazione di un sistema teatrale in cui a sedi differenti corrispondono le specificità di diversi soggetti culturali e di realtà locali: Teatro Municipale, Teatro Filodrammatici, Teatini, spazi pubblici e privati. Per la Stagione di Prosa sono da segnalare il riallestimento a Piacenza di Servo di Scena e Romeo e Giulietta, due spettacoli che inaugureranno al Teatro Municipale la tournée 2012/2013. Si prevede inoltre il ritorno nella nostra città di uno spettacolo di Luca Roncoroni - La modestia - e di un altro grande artista, assente da alcuni anni da Piacenza, Tato Russo con Il fu Mattia Pascal. Da non dimenticare poi Un tram che si chiama desiderio diretto da Antonio Latella, premio Hystrio alla regia 2012, Glauco Mauri e Roberto Sturno con Quello che prende gli schiaffi, Marco Paolini con il suo nuovo spettacolo dedicato a Jack London e La cantatrice calva per la regia di Massimo Castri. Nell’ambito della proposta Altri Percorsi il palcoscenico del Teatro Municipale ospiterà per la prima volta Ascanio Celestini che, con Pro patria, aprirà il cartellone 2012/2013, e la Compagnia Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa con Edipo re. Un ritorno invece è quello di Pippo Delbono con Dopo la battaglia, attesa l’esibizione comico-musicale dei francesi Laurent Cirade e Paul Staïcu che con Duel hanno affascinato le platee di tutto il mondo ed infine The history boys, diretto da Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani, vincitore del Premio Ubu 2011 come Miglior spettacolo e Nuovi attori under 30.

Tiziana Albasi Assessore alla Cultura Comune di Piacenza

Diego Maj Direttore artistico Teatro Gioco Vita


teatromagazine NUMERO 14

SOMMARIO

TEATROMAGAZINE Anno 9 - n. 14

PROGRAMMA Prosa Altri Percorsi Teatro Danza

4 6 7

SPETTACOLI PROSA Quello che prende gli schiaffi La cantatrice calva Servo di scena Un tram che si chiama desiderio Ballata di uomini e cani Romeo e Giulietta La modestia Il fu Mattia Pascal

8 9 10 11 12 13 14 15

SPETTACOLI ALTRI PERCORSI Pro Patria Edipo re The history boys Dopo la battaglia Duel

16 17 18 19 20

SPETTACOLI TEATRO DANZA 10 tracce per la fine del mondo Scena Madre Moving with Pina Parkin’son Il sacro della primavera

21 22 23 24 25

FESTIVAL DI TEATRO CONTEMPORANEO L’altra scena

26

ATTIVITA’ COLLATERALI InFormazione Teatrale

28

INFORMAZIONI Biglietteria/Schema abbonamenti Abbonamenti Carnet 6 spettacoli Biglietti Biglietti last minute L’altra scena Pre/Visioni Comunicazioni Servizi per il pubblico

30 32 34 34 35 35 35 35 36

Edizioni TEATRO GIOCO VITA Teatro Stabile di Innovazione Direttore Diego Maj Via San Siro, 9 - 29121 Piacenza Tel. 0523.332613 - Fax 0523.338428 www.teatrogiocovita.it info@teatrogiocovita.it

Dalla parte della Cultura.

Direttore responsabile Simona Rossi Progetto grafico e realizzazione Matteo Maria Maj Redazione Simona Rossi, Emma-Chiara Perotti ufficiostampa@teatrogiocovita.it Stampa Luglio 2012 Aut. Tribunale di Piacenza n° 604 del 31.12.2004

via S. Eufemia, 12/13 - 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 - Fax 0523.311190 info@lafondazione.com - www.lafondazione.com

Fotografie: Manuela Giusto (Quello che prende gli schiaffi), Umberto Favretto (Servo di scena), Brunella Giolivo (Un tram che si chiama desiderio), Angelo Redaelli (Ballata di uomini e cani), Luigi La Selva (La modestia), Tommaso Le Pera (Il fu Mattia Pascal, Edipo re), Spot the Difference/Maila Iacovelli - Fabio Zayed (Pro Patria), Lara Peviani (The history boys), Lorenzo Porrazzini (Dopo la battaglia), Piero Tauro (Scena Madre), Il Funaro/Antonella Carrara (Moving with Pina), Cinzia Camela (Parkin’son), Francesco Carbone (Il sacro della primavera)


PRO sAA

TRE PER TE 2012/2013

5-6 novembre 2012

8-9 gennaio 2013

5-6 febbraio 2013

Glauco Mauri Roberto Sturno

Franco Branciaroli  Tommaso Cardarelli

Marco Paolini

da Leonid Nikolaevič Andreev libera versione Glauco Mauri e con (in o.a.) Leonardo Aloi, Barbara Begala, Marco Blanchi, Mauro Mandolini, Marco Manfredi, Lucia Nicolini, Roberto Palermo, Stefano Sartore, Paolo Benvenuto Vezzoso scene Mauro Carosi costumi Odette Nicoletti musiche Germano Mazzocchetti regia Glauco Mauri produzione Compagnia Mauri Sturno

di Ronald Harwood traduzione Masolino D’Amico con (in o.a.) Lisa Galantini, Melania Giglio, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Valentina Violo regia Franco Branciaroli scene e costumi Margherita Palli luci Gigi Saccomandi produzione CTB Teatro Stabile di Brescia, Teatro De Gli Incamminati

Dedicato a Jack London

QUELLO CHE PRENDE GLI SCHIAFFI

20-21 novembre 2012

Teatro Metastasio Stabile della Toscana

LA CANTATRICE CALVA

di Eugène Ionesco traduzione Gian Renzo Morteo regia Massimo Castri in collaborazione con Marco Plini scene e costumi Claudia Calvaresi progetti luci Roberto Innocenti musiche Arturo Annecchino con Mauro Malinverno, Valentina Banci, Fabio Mascagni, Elisa Cecilia Langone, Sara Zanobbio, Francesco Borchi

4

SERVO DI SCENA

musiche originali composte ed eseguite da Lorenzo Monguzzi animazione video Simone Massi produzione Jolefilm

4-5 marzo 2013

ROMEO E GIULIETTA 22-23 gennaio 2013

Emilia Romagna Teatro Fondazione Teatro Stabile di Catania

UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO

di Tennessee Williams traduzione Masolino D’Amico regia Antonio Latella con Laura Marinoni, Vinicio Marchioni, Elisabetta Valgoi, Giuseppe lanino, Annibale Pavone, Rosario Tedesco scene Annelisa Zaccheria costumi Fabio Sonnino luci Robert John Resteghini suono Franco Visioli

27-28 marzo 2013

BALLATA DI UOMINI E CANI

Francesco Montanari

Teatro Municipale

Deniz Ozdogan

di William Shakespeare traduzione e adattamento Fausto Paravidino e Valerio Binasco con Antonio Zavatteri, Filippo Dini, Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Simone Luglio, Gianmaria Martini, Fulvio Pepe, Giampiero Rappa, Nicoletta Robello, Marcela Serli, Roberto Turchetta e con Milvia Marigliano scene Carlo De Marino costumi Sandra Cardini luci Pasquale Mari musiche originali Arturo Annecchino regista collaboratore Nicoletta Robello regia Valerio Binasco produzione Nuova Teatro Eliseo / Compagnia Gank in collaborazione con Gloriababbi Teatro

Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa, Fondazione Festival dei Due Mondi di Spoleto, Associazione Mittelfest su progetto di Santacristina Centro Teatrale

LA MODESTIA

di Rafael Spregelburd regia Luca Ronconi traduzione Manuela Cherubini scene Marco Rossi luci A.J. Weissbard costumi Gianluca Sbicca con (in ordine alfabetico) Francesca Ciocchetti, Maria Paiato, Paolo Pierobon, Fausto Russo Alesi

15-16 aprile 2013

Tato Russo

IL FU MATTIA PASCAL

versione teatrale di Tato Russo dal romanzo di Luigi Pirandello con (in o.a.) Francesco Acquaroli, Renato De Rienzo, Sara Falanga, Giulio Fotia, Marina Lorenzi, Adriana Ortolani, Antonio Rampino, Carmen Pommella, Francesco Ruotolo, Massimo Sorrentino scene Tony Di Ronza costumi Giusi Giustino musiche Alessio Vlad

Inizio spettacoli ore 21

5


ALTRl PePeRRcocoRRssl l

TRE PER TE 2012/2013

13 febbraio 2013

Teatridithalia

THE HISTORY BOYS

Teatro Municipale 27 novembre 2012

Ascanio Celestini

PRO PATRIA

Senza prigioni, senza processi

uno spettacolo di Ascanio Celestini suono Andrea Pesce luci Danilo Facco produzione Fabbrica in coproduzione con Teatro Stabile dell’Umbria

15 gennaio 2013

Fondazione del Teatro Stabile di Torino Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa

EDIPO RE

da Sofocle drammaturgia e regia Marco Isidori scenario e costumi Daniela Dal Cin con Marco Isidori, Lauretta Dal Cin, Maria Luisa Abate, Paolo Oricco, Stefano Re, Valentina Battistone, Virginia Mossi

di Alan Bennett traduzione Salvatore Cabras e Maggie Rose regia Ferdinando Bruni e Elio De Capitani con Elio De Capitani, Gabriele Calindri, Marco Cacciola, Debora Zuin, Giuseppe Amato, Marco Bonadei, Angelo Di Genio, Loris Fabiani, Andrea Germani, Alessandro Rugnone, Vincenzo Zampa luci Nando Frigerio

14 marzo 2013

Emilia Romagna Teatro Fondazione Compagnia Pippo Delbono

DOPO LA BATTAGLIA

uno spettacolo di Pippo Delbono con Dolly Albertin, Gianluca Ballaré, Bobò, Christophe Clad, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Marigia Maggipinto, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella musiche originali Alexander Balanescu scene Claude Santerre costumi Antonella Cannarozzi luci Robert John Resteghini produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma, Théâtre du Rond Point - Paris, Théâtre de la Place - Liège, Théâtre National de Bretagne - Rennes

17 aprile 2013

Laurent Cirade & Paul Staïcu

TeeatRRo DanZa Teatro Comunale Filodrammatici

Riccardo Buscarini

10 TRACCE PER LA FINE DEL MONDO direzione e interpretazione Riccardo Buscarini assistente Elisabetta Consonni testi Riccardo Buscarini e Claudia Valla cura dell’aspetto visivo Claudia Valla progetto sostenuto da Fondo Fare Anticorpi 2012, Hiru Dance Organisation - Londra, Accademia di Danza “Domenichino da Piacenza”

25 gennaio 2013

Compagnia Abbondanza/Bertoni

6

Cristiana Morganti

MOVING WITH PINA

Una conferenza danzata sulla poetica, la tecnica, la creatività di Pina Bausch di e con Cristiana Morganti danzatrice del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch produttore esecutivo il Funaro - Pistoia assistente e responsabile della distribuzione Lisa Cantini

22 marzo 2013

Giulio D’Anna

PARKIN’SON

concept e direzione Giulio D’Anna creazione e performance Giulio e Stefano D’Anna assistente direzione e produzione Agnese Rosati musiche originali Maarten Bokslag disegno luci e scene Theresia Knevel e Daniel Caballero produzione Fondazione Musica per Roma, stichting Gillen in collaborazione con Officina Concordia (un progetto di Comune di San Benedetto del Tronto e AMAT) e Civitanova Casa della Danza (progetto di Civitanova Danza/AMAT) con il supporto di Danceworks di Luana Bondi-Ciutti, Anna Maria Quinzi

SCENA MADRE

regia Michele Abbondanza coreografia Michele Abbondanza e Antonella Bertoni con Paola Faleschini e Antonella Bertoni progetto, scene e costumi Antonella Bertoni luci Andrea Gentili realizzazione oggetti scenici Tommaso Monza

Opus 2

Laurent Cirade violoncello Paul Staïcu piano regia Agnès Boury ideazione luci Philippe Quillet costumi Izet Curi

19 febbraio 2013

11 gennaio 2013

DUEL Inizio spettacoli ore 21

TRE PER TE 2012/2013

in collaborazione con

Inizio spettacoli ore 21

19 aprile 2013 - Ex Chiesa Gesuiti

Balletto Civile/Fondazione Teatro Due

IL SACRO DELLA PRIMAVERA

da Le sacre du printemps di Igor Stravinskij con Andrea Capaldi, Ambra Chiarello, Andrea Coppone, Massimiliano Frascà, Francesco Gabrielli,  Sara Ippolito, Francesca Lombardo, Carlo Massari,  Gianluca Pezzino,Livia Porzio, Emanuela Serra,  Giulia Spattini,Chiara Taviani, Teresa Timpano ideazione e coreografia Michela Lucenti incursioni sonore Maurizio Camilli 7


PRO sAA Glauco Mauri

lunedì 5 novembre 2012 martedì 6 novembre 2012

Teatro Municipale

da Leonid Nikolaevič Andreev libera versione Glauco Mauri e con (in o.a.) Leonardo Aloi, Barbara Begala, Marco Blanchi, Mauro Mandolini, Marco Manfredi, Lucia Nicolini, Roberto Palermo, Stefano Sartore, Paolo Benvenuto Vezzoso scene Mauro Carosi costumi Odette Nicoletti musiche Germano Mazzocchetti regia Glauco Mauri produzione Compagnia Mauri Sturno

8

martedì 20 novembre 2012 mercoledì 21 novembre 2012

PRO sAA

Teatro Metastasio Stabile della Toscana

Roberto Sturno

Quello che prende gli schiaffi

durata spettacolo: 1h 50’ più intervallo

Teatro Municipale

G

iornalista, scrittore e drammaturgo, L. N. Andreev fu un protagonista della vita culturale della Russia nel primo ventennio del Novecento, anni tumultuosi che precedettero la Rivoluzione d’Ottobre. In Italia, tra gli altri, fu tradotto anche da Piero Gobetti e molti suoi lavori furono interpretati con successo dai nostri grandi attori, da Zacconi alla Pavlova, dalle sorelle Gramatica a Ruggeri, e da Romolo Valli a Valeria Moriconi ed Enrico Maria Salerno. Un uomo vuole fuggire dalla società nella quale vive, dove tutto è dominato dall’egoismo, dall’indifferenza e dal denaro con cui tutto si compra, anche i sentimenti più puri. E allora diventerà un clown! Sale su un palcoscenico da dove comincerà la sua nuova vita e, sotto lacrime dipinte, potrà ridere del suo dolore e con le sue sguaiate risate potrà gridare la sua ribellione. È un pazzo? No! È uno di quei rari uomini che sperano si possa costruire un mondo migliore. Un tragico colpo di scena metterà fine al suo sogno.

La cantatrice calva I

onesco è, con Beckett, il rappresentante più famoso di quella corrente teatrale contemporanea definita“teatro dell’assurdo” che porta in scena i nodi esistenziali dell’uomo moderno: incomunicabilità, falsità di rapporti, routine, difficoltà a dare un senso all’esistenza. Nel 1950 mette in scena La cantatrice calva, una commedia in cui si presenta come autore d’avanguardia, deciso a voltare le spalle al teatro canonico e sfuggire al realismo e alla psicologia. I protagonisti sono due anonime coppie inglesi - gli Smith e i Martin - rappresentati come gli archetipi della borghesia: parlano ma non comunicano, non pensano perché hanno perso la capacità di pensare, non esprimono emozioni e passioni, sono prigionieri del conformismo. Il risultato è una situazione paradossale, comico-grottesca, in cui i protagonisti dialogano sul nulla. Dopo il Premio Ubu 2010  come miglior spettacolo dell’anno ricevuto per Finale di Partita di Beckett, Massimo Castri affronta per la prima volta un altro maestro del ‘900 come Ionesco.

di Eugène Ionesco traduzione Gian Renzo Morteo regia Massimo Castri in collaborazione con Marco Plini scene e costumi Claudia Calvaresi progetti luci Roberto Innocenti musiche Arturo Annecchino con Mauro Malinverno, Valentina Banci, Fabio Mascagni, Elisa Cecilia Langone, Sara Zanobbio, Francesco Borchi

durata spettacolo: 1h 10’ senza intervallo 9


PRO sA

martedì 8 gennaio 2013 mercoledì 9 gennaio 2013

Teatro Municipale

Teatro Municipale

martedì 22 gennaio 2013 mercoledì 23 gennaio 2013

CTB Teatro Stabile di Brescia - Teatro De Gli Incamminati Franco Branciaroli  Tommaso Cardarelli

Servo di scena di Ronald Harwood traduzione Masolino D’Amico con (in o.a.) Lisa Galantini, Melania Giglio, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Valentina Violo regia Franco Branciaroli scene e costumi Margherita Palli luci Gigi Saccomandi

durata spettacolo: 2h più intervallo 10

S

ervo di scena è uno dei più celebri testi teatrali di Ronald Harwood, che curò anche l’adattamento cinematografico dell’omonimo film di culto di Peter Yates, del 1983, interpretato da Albert Finney (premiato al Festival di Berlino) e da Tom Courtenay (cinque candidature agli Oscar). Ed è naturalmente un testo ritagliato ad hoc sulla figura di un attore di grande carisma. Si tratta di un appassionato omaggio al teatro ed alla sua gente, nonché perfetta ricostruzione d’epoca che fa da cornice agli ultimi successi di un grande attore, ormai al tramonto, il quale deve la sua sopravvivenza alle cure e alle attenzioni costanti del suo umile servo di scena. Scritta in un linguaggio affascinante, tipico dello stile della commedia inglese, affronta con tono ironico le rocambolesche vicende di una precaria compagnia di provincia, che si dipanano tra camerini e palcoscenico, quale sublime metafora della vita del teatro di ogni tempo.

PRO sAA

Emilia Romagna Teatro Fondazione Teatro Stabile di Catania

Un tram che si chiama desiderio I

l testo che Tennessee Williams compose nel 1947 è noto al grande pubblico soprattutto grazie al lungometraggio di Elia Kazan di cui sono protagonisti Marlon Brando e Vivien Leigh. Un tram che si chiama desiderio non è soltanto un viaggio introspettivo nella mente di una donna ferita ma anche la fotografia di un conflitto tra due mondi inconciliabili: l’uno, aristocratico e decadente che si ostina a vivere nell’illusione di un passato glorioso (Blanche) ; l’altro, proletario e rampante che cavalca con fierezza il sogno americano (Stanley). Williams ambienta questo scontro all’interno di una società in pieno mutamento all’indomani della seconda guerra mondiale, descrivendone vizi e illusioni in graduale disfacimento. “Gli spettatori - spiega Latella - vedranno l’intero dramma accadere nella testa di Blanche, come se si trattasse della memoria di una vicenda filtrata dai suoi occhi. Credo che da questa prospettiva il testo possa assumere una dimensione contemporanea: la sua mente diventa il luogo dell’azione, lo spazio scenico”.

di Tennessee Williams traduzione Masolino D’Amico regia Antonio Latella con Laura Marinoni, Vinicio Marchioni, Elisabetta Valgoi, Giuseppe lanino, Annibale Pavone, Rosario Tedesco scene Annelisa Zaccheria costumi Fabio Sonnino luci Robert John Resteghini suono Franco Visioli assistente alla regia Brunella Giolivo durata spettacolo: 3h 11


PRO sA

martedì 5 febbraio 2013 mercoledì 6 febbraio 2013

Teatro Municipale

Teatro Municipale

lunedì 4 marzo 2013 martedì 5 marzo 2013

Marco Paolini

Francesco Montanari Deniz Ozdogan

Ballata di uomini e cani Dedicato a Jack London musiche originali composte ed eseguite da Lorenzo Monguzzi animazione video Simone Massi produzione Jolefilm con il sostegno di Trentino spa - I Suoni delle Dolomiti

durata spettacolo: 2h circa 12

PRO sAA

B

allata di uomini e cani è un titolo provvisorio per un tributo a Jack London. A lui devo una parte del mio immaginario di ragazzo, ma Jack non è uno scrittore per ragazzi, la definizione gli sta stretta. È un testimone di parte, si schiera, si compromette, quello che fa entra in contraddittorio con quello che pensa. (...) La produzione letteraria è enorme, e ancor più lo è pensando a quanto poco sia durata la sua vita. Sono partito da alcuni racconti del grande Nord, ho cominciato questo spettacolo raccontando le storie nei boschi, nei rifugi alpini, nei ghiacciai. Ho via via aggiunto delle ballate musicate e cantate da Lorenzo Monguzzi. Ma l’antologia di racconti è solo il punto i partenza per imparare a costruire storie andando a scuola dallo scrittore. So che le sue frasi non si possono “parlare” semplicemente, che bisogna reinventarne un ritmo orale, farne repertorio per una drammaturgia; farò uno spettacolo su Jack London e si chiamerà ancora Uomini e cani, ma tra qualche mese sarà diverso da quello che sto facendo e ho fatto finora. Marco Paolini, estate 2012

Romeo e Giulietta V

alerio Binasco, uno dei più apprezzati registi della nuova generazione, che di recente si è soprattutto confrontato con la drammaturgia contemporanea (N. Ginzburg, J. Fosse, F. Paravidino), con Romeo e Giulietta si riavvicina al Bardo (suo autore “assoluto”) con il testo d’amore e morte classico per eccellenza. Lo spettacolo gli è valso il premio Ubu 2011 miglior regia, mentre per la sua interpretazione Filippo Dini ha vinto il Premio Le Maschere del Teatro 2011 - Migliore attore non protagonista. «La cosa che più mi attira in Romeo e Giulietta - spiega Valerio Binasco - è la crudeltà, spesso involontaria ma ancor più spesso consapevole, che nasce dall’imbecillità umana. A parte i due protagonisti, in qualche modo “salvati” dall’innamoramento, e dall’innamoramento convertiti al pacifismo, tutti gli altri si muovono minacciosi e vittoriosi verso il domani dell’umanità. Che è il nostro oggi, ahimè. Abbiamo visto tutti che bella carriera hanno fatto e stanno facendo nella Storia gli imbecilli violenti, e quale pessima gli innamorati pacifisti».

di William Shakespeare traduzione e adattamento Fausto Paravidino e Valerio Binasco con Antonio Zavatteri, Filippo Dini, Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Simone Luglio, Gianmaria Martini, Fulvio Pepe, Giampiero Rappa, Nicoletta Robello, Marcela Serli, Roberto Turchetta e con Milvia Marigliano scene Carlo De Marino costumi Sandra Cardini luci Pasquale Mari musiche originali Arturo Annecchino regista collaboratore Nicoletta Robello regia Valerio Binasco produzione Nuova Teatro Eliseo / Compagnia Gank in collaborazione con Gloriababbi Teatro durata spettacolo: 3h 30’ 13


PRO sA

mercoledì 27 marzo 2013 giovedì 28 marzo 2013

Teatro Municipale

Teatro Municipale

lunedì 15 aprile 2013 martedì 16 aprile 2013

Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa, Fondazione Festival dei Due Mondi di Spoleto, Associazione Mittelfest su progetto di Santacristina Centro Teatrale

Tato Russo

La modestia di Rafael Spregelburd regia Luca Ronconi traduzione Manuela Cherubini scene Marco Rossi costumi Gianluca Sbicca luci A.J. Weissbard con (in ordine alfabetico) Francesca Ciocchetti, Maria Paiato, Paolo Pierobon, Fausto Russo Alesi

durata spettacolo: 2h 45’ senza intervallo 14

R

afael Spregelburd è una delle figure più rilevanti e influenti della scena argentina contemporanea. Ispirandosi alla tavola di Bosch, ha raccolto sotto il titolo di Eptalogia sette opere brevi che rappresentano i sette peccati contemporanei e, con essi, la dissoluzione della morale moderna. «La commedia - spiega il regista - è drammatica o ironica, a seconda dell’occhio con cui lo spettatore sceglie di vederla. Quattro attori, due coppie, per otto personaggi: una storia di equivoci e di espedienti, in un unico spazio, che indica due luoghi e due tempi, diversissimi e lontani: Buenos Aires ai nostri giorni, forse un paese dei Balcani in un tempo passato. Colpisce la sensazione di spaesamento che pervade i personaggi: nessuno si sente mai a casa propria, né in senso logistico, né in senso identitario». In scena quattro interpreti d’eccezione del teatro italiano, guidati dalla regia di Ronconi attraverso il molteplice cambio di ruolo e personaggio e nell’alternanza tra le due diverse situazioni sceniche evocate nel testo di Spregelburd.

PRO sAA

Il fu Mattia Pascal L

iberandosi dalla pesantezza di una proposta troppo vincolata alla struttura letteraria, Tato Russo fa propria la materia del testo per riscriverla in commedia nello stesso linguaggio drammaturgico che sarebbe stato di Pirandello, nello sforzo palese e riuscito di una costruzione per il teatro, alla maniera insomma che immaginariamente avrebbe operata lo stesso autore del romanzo nel momento in cui avesse scelto di trasferirla in commedia. Il romanzo sembra così recuperato e acquisito al repertorio delle commedie di Pirandello in modo definitivo. Mattia Pascal è Tato Russo nel doppio ruolo di Mattia Pascal e di Adriano Meis, ma anche gli altri personaggi che concorrono alla sua vicenda si rincorrono nella storia, interpretata così dagli stessi attori in identità e personaggi diversi, quasi a scegliere di non chiarire affatto, nello spettro delle rassomiglianze, la distinzione tra i vari aspetti della realtà. Mattia e i suoi coinquilini della storia muoiono tutti per reincontrarsi identici nella storia di Adriano Meis e rivivere poi in quella nuova di Pascal.

versione teatrale di Tato Russo dal romanzo di Luigi Pirandello con (in o.a.) Francesco Acquaroli, Renato De Rienzo, Sara Falanga, Giulio Fotia, Marina Lorenzi, Adriana Ortolani, Antonio Rampino, Carmen Pommella, Francesco Ruotolo, Massimo Sorrentino scene Tony Di Ronza costumi Giusi Giustino musiche Alessio Vlad

durata spettacolo: 2h compreso intervallo 15


ALTRl PeeRccoRRsll

martedì 27 novembre 2012

Teatro Municipale

Teatro Municipale

Fondazione del Teatro Stabile di Torino Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa

Ascanio Celestini

Pro Patria

Senza prigioni, senza processi

uno spettacolo di Ascanio Celestini suono Andrea Pesce luci Danilo Facco produzione Fabbrica in coproduzione con Teatro Stabile dell’Umbria

durata spettacolo: 1h 40’ 16

ALTRl R c P e PeRcoRsloRsl

martedì 15 gennaio 2013

U

n detenuto scrive un discorso, un discorso importante nel quale cerca di rimettere insieme i pezzi della propria storia, ma anche di una formazione politica avvenuta in cella attraverso i tre libri che l’istituzione carceraria gli permette di consultare. Chiede aiuto a Mazzini. Un Mazzini silenzioso e sconfitto. quand’è che l’avete capito che era finita, mazzini? quando finisce la rivoluzione? finisce a roma nel ’49 con la fine della repubblica? o con le insurrezioni degli anni ’50? con le impiccagioni e le fucilazioni di belfiore che faranno guadagnare a francesco giuseppe il soprannome dell’impiccatore? con l’insurrezione di milano del ’53? qualche migliaio di uomini che assaltano caserme e posti di guardia e sperano nella diserzione dei soldati ungheresi che invece non ci pensano proprio. alla fine vengono giustiziati in 16. quella volta marx scrisse che la rivoluzione è come la poesia, non si fa su commissione. quando è che avete pensato “siamo sconfitti”, mazzini?

L

’approccio interpretativo alla testualità dell’Edipo (…) è complicato da infinite contraddizioni e talvolta ci si smarrisce nella folla dei segnali con cui il Poeta ha modellato il corso dell’azione; quindi, quando quel colosso di parole ha bussato alla nostra porta per chiederci la vita del palcoscenico, è stato giocoforza imboccare l’unica strada che la coerenza indicava: sposare il torso tragico allo specifico clima artistico dei Marcido, accettando le conseguenze di questo accoppiamento; uno spettacolo consolidato in una forma che si deve necessariamente definir “mostruosa”, (…) dove ogni elemento drammaturgico impone alla complessità dell’opera un carattere così inequivoco da rendere l’opera stessa degna di esser “mostrata” anche prescindendo dalla sua potenzialità estetica; perché sebbene la nostra tensione operativa sia certamente di natura artistica, dobbiamo ammettere che più ancora, oggi, ci guida uno spirito di religione, e quello obbliga, ci obbliga a mettere in evidenza su tutto la fondamentale e in ultima istanza fatale, “connessione” del Tutto! Marco Isidori

Edipo re da Sofocle drammaturgia e regia Marco Isidori scenario e costumi Daniela Dal Cin con Marco Isidori, Lauretta Dal Cin, Maria Luisa Abate, Paolo Oricco, Stefano Re, Valentina Battistone, Virginia Mossi

durata spettacolo: 1h 20’ 17


ALTRl PeeRccoRRsll

mercoledì 13 febbraio 2013

Teatro Municipale

Teatro Municipale

Emilia Romagna Teatro Fondazione Compagnia Pippo Delbono

Teatridithalia

Dopo la battaglia

The history boys di Alan Bennett traduzione Salvatore Cabras e Maggie Rose regia Ferdinando Bruni e Elio De Capitani con Elio De Capitani, Gabriele Calindri, Marco Cacciola, Debora Zuin, Giuseppe Amato, Marco Bonadei, Angelo Di Genio, Loris Fabiani, Andrea Germani, Andrea Macchi, Alessandro Rugnone, Vincenzo Zampa luci Nando Frigerio

Spettacolo vincitore del Premio Ubu 2011 come Miglior spettacolo e del Premio Ubu Nuovi attori under 30 al gruppo dei ragazzi (oltre al Premio Ubu Miglior attrice non protagonista a Ida Marinelli, che interpretava Miss Lintott) durata spettacolo: 2h 30’ 18

ALTRl R c P e PeRcoRsloRsl

giovedì 14 marzo 2013

L

a commedia di Alan Bennett nella versione di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani ha debuttato il 10 dicembre 2010 all’Elfo Puccini di Milano, sei anni dopo la prima inglese, ed è stato subito salutato dai critici come “uno degli spettacoli più importanti ed emozionanti” firmati dai due registi, diventando un caso per la risposta entusiasta degli spettatori più giovani. Un successo confermato dai tre Premi Ubu vinti nel 2011, che si vanno ad aggiungere al “palmares” della versione originale (tre Olivier Awards e sei Tony Awards). «Quando ho scritto History boys ho pensato a una pièce sulla scuola - racconta Bennett in un’intervista su Repubblica - legata alle mie vicende dell’inizio anni Cinquanta. Soltanto alla fine, quando ho visto il testo rappresentato sulla scena, mi sono reso conto del suo contenuto più profondo, che in effetti rimanda al problema della verità». La commedia mette in scena un gruppo di adolescenti all’ultimo anno di college, impegnati con gli esami di ammissione all’università.

D

inanzi all’ultimo lavoro di Pippo Delbono ci ritroviamo come all’inizio di un viaggio visionario, sulla soglia di una sequenza di quadri, nel corpo di una drammaturgia che ci mostra, senza falsi pudori, la verità della follia. Dopo la battaglia è una composizione che spalanca le porte del nostro buio esistenziale, sfociando in flusso continuo, trapassandone lo spazio. Trovando il ritmo proprio della danza e della musica, cercando nelle parole e nei versi l’accordo di emozioni e linguaggi, trasfigurando il dolore del presente nella fede nel futuro. Una tappa importante nel percorso artistico di Delbono, che immette una linfa diversa nel suo linguaggio, puntando su effetti video e atmosfere cinematografiche, su stati di immagini realizzati dallo stesso Delbono con il suo telefono cellulare, a proseguire la sperimentazione del suo La Paura. Nella forma di un teatro espanso, tracciato di corpi e testi, di forme del dire e del rappresentare, di toni che nella musica e nella danza si fanno azioni, verbo incarnato di attori, in un teatro che si fa carne del suo tempo, del nostro tempo.

uno spettacolo di Pippo Delbono con Dolly Albertin, Gianluca Ballaré, Bobò, Christophe Clad, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Marigia Maggipinto, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella musiche originali Alexander Balanescu scene Claude Santerre costumi Antonella Cannarozzi luci Robert John Resteghini produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma, Théâtre du Rond Point - Paris, Théâtre de la Place - Liège, Théâtre National de Bretagne - Rennes

durata spettacolo: 1h 50’ senza intervallo 19


ALTRl PeeRccoRRsll

mercoledì 17 aprile 2013

Teatro Municipale

Teatro Comunale Filodrammatici

Laurent Cirade & Paul Staïcu

Riccardo Buscarini

Duel

Opus 2

Laurent Cirade violoncello Paul Staïcu piano regia Agnès Boury ideazione luci Philippe Quillet costumi Izet Curi

durata spettacolo: 70’ 20

TeatRo DanZa

venerdì 11 gennaio 2013

Sorte dal nulla, due improbabili figure con le loro metamorfosi, irrompono violentemente nella nostra storia musicale... Armati di pianoforte, violoncello, grimaldello, sedia a sdraio e barbecue, questi affabulatori dall’animo delicato e suadente fanno saltare in aria ad uno ad uno gli stereotipi musicali d’ogni tempo, dalle più classiche melodie di pregiata fattura, alle più bieche melodie da supermercato. Grazie all’imperturbabilità del loro talento, giocano con situazioni stravaganti in un turbinio di avvenimenti e di effetti scenici, lasciando il pubblico estasiato, imprigionato e affascinato dalla vertigine dei loro deliri poetici accompagnati da un umorismo di gran classe. Ginnopedia dell’Incubo Cannibale, Ballata per una Piccinina Abbandonata, Concerto per Carta di credito, Toccata per un sequestro, Rap della depressione sociale, Minuetto del sadismo militare, Canto zigano per un momento di nostalgia scout, Scat per Stentor muggente... Due eccezionali musicisti si abbandonano ad esilaranti regolamenti di conti, e finiranno per essere irrevocabilmente convincenti per tutti. Uno spettacolo, già acclamato dalla critica e dal pubblico al Fringe Festival di Edimburgo e al Festival Off di Avignone, che ha affascinato le platee di tutto il mondo. Da non perdere.

10 tracce per la fine del mondo N el 28° anno della mia vita, festeggio ora i miei primi 10 anni di danza, guarda caso, quando tutti dicono che il mondo sta per finire. Per celebrare questi 10 anni fondamentali nella mia crescita personale, ho pensato di creare e danzare un lungo assolo composto da 10 capitoli - un mix di immagini che si ispirano a brani di musica memorabili - in una playlist preparata con il consiglio delle 10 persone che mi circondano che più sanno di musica e che più sanno di me. Per la prima volta, propongo un lavoro autobiografico e che parte dal suono come materia prima, come vibrazione che porta movimento e come fondamentale elemento drammaturgico e principio ordinatore del lavoro stesso. Le tracce musicali verranno associate a scritti, riflessioni, suggestioni, ricordi raccolti lungo il percorso di questi 10 anni. 10 tracce per la fine del mondo è la rivelazione individuale di inquietudini universali, dell’instabile che ci circonda, la mia risposta all’insicurezza e alla precarietà che ci dominano e che si tramutano in profezie. Riccardo Buscarini

direzione e interpretazione Riccardo Buscarini assistente Elisabetta Consonni testi Riccardo Buscarini e Claudia Valla cura dell’aspetto visivo Claudia Valla progetto sostenuto da Fondo Fare Anticorpi 2012, Hiru Dance Organisation - Londra, Accademia di Danza “Domenichino da Piacenza”

Progetto vincitore del Fondo Fare Anticorpi 2012

nuova creazione 21


TeatRo DanZa

venerdì 25 gennaio 2013

Teatro Comunale Filodrammatici

Teatro Comunale Filodrammatici

Compagnia Abbondanza/Bertoni

Cristiana Morganti

Scena Madre regia Michele Abbondanza coreografia Michele Abbondanza e Antonella Bertoni con Paola Faleschini e Antonella Bertoni progetto, scene e costumi Antonella Bertoni luci Andrea Gentili realizzazione oggetti scenici Tommaso Monza produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dip. Spettacolo, Provincia Autonoma di Trento - Servizio Attività Culturali, Comune di Rovereto - Assessorato alla Contemporaneità, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

nuova creazione 22

TeatRo DanZa

martedì 19 febbraio 2013

L

a nostra curiosità ci spinge ancora una volta ad accostare interpreti caratterizzati da forti segni; fisici, come nel caso de Le fumatrici di pecore o biologici come in questo nuovo progetto: vedremo infatti in scena madre e figlia. Quel che seguirà da questo incontro ravvicinato sarà l’effetto e il prodotto di una causa e non lo sviluppo di una storia o di un argomento. Le due interpreti come due soluzioni chimiche (in fondo siamo anche un insieme meraviglioso e tragico di combinazioni chimiche) produrranno effetti a catena che seguiremo contenendoli e là dove necessario, sviluppandoli. Gli accostamenti tra persone sono sempre interessanti ma lo potrebbero essere ancora di piú se queste persone sono “speciali”. (…) Ecco, questo progetto potrebbe ribadire il nostro desiderio di portare in scena lo straordinario come fosse ordinario affinché più facilmente sia leggibile. (…) L’incontro scenico tra madre e figlia, sarà anche un incontro tra chi é stato 1000 volte in scena e chi mai: un’ulteriore differenza che come per Le fumatrici di pecore vorremmo far diventare uguaglianza. (M.A.)

Moving with Pina

Una conferenza danzata sulla poetica, la tecnica, la creatività di Pina Bausch

C

ristiana Morganti, da diciotto anni danzatrice solista del Tanztheater di Wuppertal, propone un viaggio nell’universo di Pina Bausch, visto dalla prospettiva del danzatore. Com’è costruito un assolo? Qual è la relazione dell’emozione con il movimento? Quand’è che il gesto diventa danza? Qual è la relazione tra il danzatore e la scenografia? E soprattutto, come si crea il misterioso e magico legame tra l’ artista e il pubblico? Eseguendo dal vivo alcuni estratti del repertorio del Tanztheater, Cristiana Morganti racconta il suo percorso artistico e umano con la grande coreografa tedesca e ci fa scoprire quanta dedizione, fantasia e cura del dettaglio sono racchiusi nel linguaggio di movimento creato da Pina Bausch.

di e con Cristiana Morganti danzatrice del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch produttore esecutivo il Funaro - Pistoia assistente e responsabile della distribuzione Lisa Cantini

Presentato per la prima volta il 27 febbraio 2010 al Teatro Ruskaja dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma

durata spettacolo: 1h 20’ 23


TeatRRo DanZa

venerdì 22 marzo 2013

Teatro Comunale Filodrammatici

Ex Chiesa Gesuiti

venerdì 19 aprile 2013

Giulio D’Anna

Balletto Civile/Fondazione Teatro Due

Parkin’son concept e direzione Giulio D’Anna creazione e performance Giulio e Stefano D’Anna assistente direzione e produzione Agnese Rosati musiche originali Maarten Bokslag disegno luci e scene Theresia Knevel e Daniel Caballero produzione Fondazione Musica per Roma, stichting Gillen in collaborazione con Officina Concordia (un progetto di Comune di San Benedetto del Tronto e AMAT) e Civitanova Casa della Danza (progetto di Civitanova Danza/AMAT) con il supporto di Danceworks di Luana Bondi-Ciutti, Anna Maria Quinzi

Progetto vincitore del Premio Equilibrio Roma 2011 Giulio D’Anna fa parte di Matilde, piattaforma regionale per la nuova scena Marchigiana, un progetto di Regione Marche e AMAT durata spettacolo: 60’ 24

TeatRo DanZa

Il sacro della primavera Uno dei miei primi ricordi da bambino è mio padre che guida in auto e canta Il mondo...

C

osa raccontano due corpi essendo, allo stesso tempo, l’uno l’idea del futuro e l’altro quella del passato? In Parkin’son gli interpreti sono un terapista di 63 anni, senza una formazione di danza, e un coreografo di 32 anni: due generazioni a confronto, un padre e suo figlio per raccontarsi attraverso il corpo. Padre e figlio D’Anna esplorano la loro relazione sul palco: una collezione di eventi personali, drammatici e non, che trovano la propria testimonianza sulle linee della pelle e sulle forme di due corpi legati dal sangue e dalla propria storia. Il curriculum vitae degli interpreti s’interseca con il movimento creando una partitura che si muove tra teatro e astratto dove la malattia marca limiti da oltrepassare. Parkin’son è al tempo stesso un diario e un manifesto, “un’esorcizzazione” del futuro dove le percezioni di passato, presente e futuro si mescolano attraverso nozioni personali e scientifiche.

U

na meravigliosa metafora del nostro tempo. Una meravigliosa metafora di questa generazione che attende obbligata allo stallo, osservata, spiata, pesata, vergine perché impossibilitata a fare da sola. Lasciamo definitivamente i padri come si lascia l’inverno, e smettiamo di essere figli. Che il rito propiziatorio avvenga con il nostro sudore che ha nutrito la pazienza, ora vogliamo bonificare la terra sulla quale camminiamo e costruiamo. È il nostro tempo e ce lo riprendiamo, gli antenati saranno d’accordo con noi senza bisogno di tanti discorsi, non c’è più tempo per le spiegazioni. Questa non è una generazione di passaggio, nessuna generazione è di passaggio.

Il sacro della primavera è un lavoro che dà emozioni, è un lavoro dalla grande fisicità, ma soprattutto è il segno di una maturità coreografica di Lucenti che promette bene, una scrittura che sa essere incisiva, fresca, piena di voglia di mettere cuore e corpo a favore di una coscienza attiva e arrabbiata nei confronti di una inciviltà divagante che tarpa le ali al futuro non solo dei giovani ma della comunità stessa. (Nicola Arrigoni - “Sipario”)

da Le sacre du printemps di Igor Stravinskij danzato e creato con Andrea Capaldi, Ambra Chiarello,  Andrea Coppone, Massimiliano Frascà,  Francesco Gabrielli, Sara Ippolito, Francesca Lombardo,  Carlo Massari, Gianluca Pezzino, Livia Porzio,  Emanuela Serra, Giulia Spattini, Chiara Taviani, Teresa Timpano ideazione e coreografia Michela Lucenti incursioni sonore Maurizio Camilli

Spettacolo vincitore Premio Roma Danza 2011

durata spettacolo: 1h (Ex Chiesa Gesuiti - via Gregorio X, Piacenza) 25


mercoledì 3 ottobre 2012

mercoledì 24 ottobre 2012

Teatro Comunale Filodrammatici - ore 21

Palazzo Ex Enel - ore 20.45 e ore 21.15*

Teatro dell’Argine

2a edizione

L’altra scena Festival di teatro contemporaneo

ATTO FINALE - FLAUBERT di Mario Perrotta da Bouvard et Pécuchet di Flaubert con Mario Perrotta, Lorenzo Ansaloni, Pala Roscioli, Mario Arcari musiche eseguite dal vivo da Mario Arcari regia Marco Perrotta

giovedì 4 ottobre, venerdì 5 ottobre, lunedì 8 ottobre, martedì 9 ottobre 2012 Palazzo Ex Enel - ore 21*

Teatro Gioco Vita

È COSÍ CHE TUTTO COMINCIA

uno studio di Mariangela Granelli e Fabrizio Montecchi su Le regole del saper vivere nella società moderna di Jean-Luc Lagarce figure e sagome Nicoletta Garioni *pubblico limitato, max 60 spettatori, prenotazione obbligatoria

mercoledì 10 ottobre 2012

I Sacchi di Sabbia

ABRAM E ISAAC Sacra rappresentazione in cartoon liberamente tratto dalla Rappresentazione di Abramo ed Isac di Feo Belcari scrittura Giovanni Guerrieri libri Giulia Gallo con Arianna Benvenuti, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri e Giulia Solano *pubblico limitato, max 120 spettatori, prenotazione obbligatoria

Teatro Comunale Filodrammatici - ore 21.45

Menoventi

PERDERE LA FACCIA Cortometraggio di Menoventi - Daniele Ciprì regia Daniele Ciprì con Consuelo Battiston, Alessandro Miele, Rita Felicetti soggetto e sceneggiatura Consuelo Battiston, Gianni Farina, Alessandro Miele

Teatro Comunale Filodrammatici - ore 21

Scena Verticale

mercoledì 31 ottobre 2012

di e con Saverio La Ruina musiche originali eseguite dal vivo Roberto Cherillo

Teatro Comunale Filodrammatici - ore 21

ITALIANESI

mercoledì 17 ottobre 2012 Teatro Comunale Filodrammatici - ore 21

CRT - Centro di ricerca per il teatro

Teatro i

HILDA

di Marie NDiaye regia Renzo Martinelli con Alberto Astorri, Federica Fracassi, Francesca Garolla

EDUCAZIONE FISICA

regia Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco testo Elena Stancanelli con Enrico Ballardini, Sabino Civilleri, Alice Conti, Giulia D’Imperio, Daniele Giacomelli, Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina, Dario Muratore, Chiara Muscato, Quinzio Quiescenti, Alessandro Rugnone, Francesca Turrini, Marcella Vaccarino, Gisella Vitrano

Piacenza, ottobre 2012 Apertura festival mercoledì 3 ottobre dalle ore 19

Teatro Comunale Filodrammatici via Santa Franca 33 Palazzo Ex Enel via Santa Franca 56

Informazioni: TEATRO GIOCO VITA - Teatro Stabile di Innovazione Via San Siro 9 - 29121 Piacenza - Tel. 0523.315578 - Fax 0523.338428 - info@teatrogiocovita.it - www.teatrogiocovita.it


InFormazione Teatrale

CHI È DI SCENA?

PSICHIATRIA E PSICOANALISI A TEATRO

LABORATORIO TEATRALE

CINEMA E TEATRO

Incontri propedeutici alla visione degli spettacoli e di approfondimento sugli spettacoli della Rassegna di Teatro Scuola “Salt’in Banco” 2012/2013 per le scuole primarie e secondarie di I° grado a cura di Chiara Merli per una classe del Liceo “Gioia” a cura di Nicola Cavallari

L’OFFICINA DELLA FANTASIA DITELO ALL’ATTORE

Incontri con i protagonisti della stagione di prosa del Teatro Municipale di Piacenza a cura di Enrico Marcotti

PROTOCOLLO D’INTESA CON IL PICCOLO TEATRO DI MILANO Attività collegate all’ospitalità dello spettacolo La modestia al Teatro Municipale

DIETRO IL SIPARIO

Incontri di presentazione della Stagione di Prosa “Tre per Te” 2012/2013 Incontri propedeutici alla visione degli spettacoli e di approfondimento sugli spettacoli della Stagione di Prosa “Tre per Te” 2012/2013 per le scuole, le biblioteche e i gruppi organizzati a cura di Chiara Merli

RESIDENZA ARTISTICA DELLA COMPAGNIA DIURNI E NOTTURNI

Nuova produzione e laboratorio teatrale per ospiti e operatori dei Centri Diurni e delle Comunità dell’Unità di Riabilitazione del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Piacenza a cura di Lucia Vasini

DAL FUMETTO AL TEATRO D’OMBRE

Laboratorio triennale di formazione Parte II - Verso il teatro d’ombre: figure, testo, spazio per insegnanti, educatori, animatori a cura di Nicoletta Garioni

STRISCE D’OMBRA

Parte II Laboratorio teatrale per una classe di scuola secondaria di I° grado a cura di Teatro Gioco Vita

28

DENTRO IL TEATRO

Incontri di introduzione ai linguaggi della scena La magia del teatro - I livello Giochiamo al teatro? - II livello per le scuole primarie Capire lo spettacolo teatrale per le scuole secondarie di I° grado Leggere lo spettacolo teatrale per le scuole superiori a cura di Chiara Merli

GLI ELEMENTI DEL TEATRO

Luca Ronconi e il teatro della conoscenza Percorso di aggiornamento per insegnanti e tutto il pubblico a cura di Chiara Merli

LA SCRITTURA SCENICA

Parte II - Esercizi di drammaturgia per insegnanti e tutto il pubblico a cura di Fabrizio Montecchi

TUTTI I COLORI DELL’OMBRA

Una giornata di laboratorio teatrale intensivo sull’ombra per le scuole dell’infanzia e primarie a cura di Federica Ferrari

UNA GIORNATA CON TEATRO GIOCO VITA

Laboratorio teatrale intensivo Piccoli incontri con l’ombra Una giornata in compagnia delle nostre ombre, per giocare e divertirsi ma anche imparare per le scuole primarie Il mestiere del teatro Una giornata con la Compagnia di Teatro Gioco Vita per parlare di come si “fa” uno spettacolo teatrale per le scuole secondarie di I° grado e superiori a cura del gruppo artistico di Teatro Gioco Vita

PRE/VISIONI

Giovani artisti delle scuole di teatro, laboratori e azioni teatrali, esperienze di residenza artistica

Laboratorio di teatro per bambini da 6 a 10 anni a cura di Federica Ferrari

IN COMPAGNIA DI... PIMPA

Incontra e gioca con un personaggio amico Laboratorio di teatro per bambini dai 3 ai 7 anni e genitori a cura di Federica Ferrari

LE STAGIONI DELLA VITA

Spettacoli e incontri per riflettere su temi sociali Percorso formativo e di aggiornamento collegato al cartellone di Teatro Danza per insegnanti, studenti, educatori e operatori del settore sociale

BRICIOLE

Giochi di cucina in teatro Laboratori tra ricette e palcoscenico per bambini dai 5 ai 10 anni a cura di Enrica Carini con la collaborazione di Matteo Corradini e Valentina Magnaschi

L’ARTE IMMATERIALE

Incontri sugli spettacoli della Stagione di Prosa “Tre per Te” 2012/2013 Edipo Re, Un tram che si chiama desiderio conferenze e incontri a cura di Giovanni Smerieri

Proiezioni e incontri Il servo di scena (Peter Yates, Gran Bretagna 1983) Un tram che si chiama desiderio (Elia Kazan, USA 1951) Romeo e Giulietta (Franco Zeffirelli, Italia - Gran Bretagna 1968)

TEATRO E SOCIETÀ

Il teatro di ispirazione civile, dall’antica Grecia a oggi Progetto collegato alla visione degli spettacoli di Marco Paolini e Ascanio Celestini per le scuole superiori a cura di Chiara Merli

EDIPO, DA SOFOCLE A FREUD

Progetto collegato alla visione dello spettacolo Edipo re per le scuole superiori a cura di Chiara Merli e Giovanni Smerieri

ROMEO E GIULIETTA, VISTI DA VICINO

Progetto collegato alla visione dello spettacolo Romeo e Giulietta per le scuole superiori a cura di Chiara Merli

IN CERCA D’AUTORE

Il teatro di Luigi Pirandello Progetto collegato alla visione dello spettacolo Il fu Mattia Pascal per le scuole superiori a cura di Chiara Merli

Parte II - “La scena proiettiva”: ombre e nuovi media Laboratorio internazionale sull’ombra e il teatro d’ombre per marionettisti, attori, tecnici, scenografi, registi a cura di Fabrizio Montecchi, Nicoletta Garioni e Federica Ferrari

IL TEATRO E L’ASSURDO

IN COMPAGNIA DI... PINOCCHIO

LE GRANDI DOMANDE

Laboratorio teatrale per i bambini e i loro genitori per bambini dai 5 ai 10 anni e genitori a cura di Federica Ferrari

STUDENTI-CRITICI-SPETTATORI

Progetto collegato alla visione dello spettacolo La cantatrice calva per le scuole superiori a cura di Chiara Merli Raccontare ai bambini i temi dell’esistenza Giornata di studi per insegnanti, educatori, genitori e operatori del settore sociale e culturale

Progetto di educazione al teatro collegato al 2° Festival di teatro contemporaneo “L’altra scena” per le scuole superiori

A TEATRO CON MAMMA E PAPÀ

LA COMMEDIA DELL’ARTE

Incontri nelle scuole, formazione degli insegnanti, progetti per giovani e studenti, incontri nelle biblioteche, workshops e conferenze 29

Laboratorio teatrale per una classe del Liceo “Gioia” a cura di Nicola Cavallari

Rassegna di teatro per le famiglie

E ANCORA...


TREPERTE ABBONAMENTI 2012/2013 - PROSA - ALTRI PERCORSI - TEATRO DANZA SPETTACOLI

BIGLIETTERIA TEATRO GIOCO VITA Teatro Stabile di Innovazione Teatro Comunale Filodrammatici Via San Siro 9 - 29121 Piacenza Telefono 0523.315578 (biglietteria) 0523.332613 (uffici) Fax 0523.338428 E-mail biglietteria@teatrogiocovita.it Orari di apertura della biglietteria di Teatro Gioco Vita settembre e ottobre 2012: dal martedì al venerdì ore 10-13 e ore 15-18, sabato ore 10-13 novembre e dicembre 2012: dal martedì al venerdì ore 15-18, sabato ore 10-13 da gennaio a marzo 2013: dal martedì al venerdì ore 15-18 da aprile 2013: dal martedì al giovedì ore 14-17 Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 19 (per gli spettacoli al Teatro Municipale, in Via Verdi 41; per gli spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici, in Via Santa Franca 33). I biglietti sono in vendita anche on-line al sito internet www.teatrogiocovita.it 30

PROSA A

PROSA B

ALTRI PERCORSI

TEATRO DANZA

2 PER TE A

2 PER TE B

2 PER TE DANZA

3 PER TE A

3 PER TE B

QUELLO CHE PRENDE GLI SCHIAFFI

TEATRO MUNICIPALE

lunedì 5/11/2012

martedì 6/11/2012

lunedì 5/11/2012

martedì 6/11/2012

lunedì 5/11/2012

martedì 6/11/2012

LA CANTATRICE CALVA

MUNICIPALE

martedì 20/11/2012

mercoledì 21/11/2012

martedì 20/11/2012

mercoledì 21/11/2012

martedì 20/11/2012

mercoledì 21/11/2012

PRO PATRIA

MUNICIPALE

martedì 27/11/2012

martedì 27/11/2012

martedì 27/11/2012

martedì 27/11/2012

SERVO DI SCENA

MUNICIPALE

martedì 8/1/2013

mercoledì 9/1/2013

martedì 8/1/2013

mercoledì 9/1/2013

10 TRACCE PER LA FINE DEL MONDO

FILODRAMMATICI

venerdì 11/1/2013

venerdì 11/1/2013

venerdì 11/1/2013

EDIPO RE

MUNICIPALE

martedì 15/1/2013

martedì 15/1/2013

martedì 15/1/2013

UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO

MUNICIPALE

martedì 22/1/2013

mercoledì 23/1/2013

SCENA MADRE

FILODRAMMATICI

venerdì 25/1/2013

venerdì 25/1/2013

UOMINI E CANI

MUNICIPALE

martedì 5/2/2013

mercoledì 6/2/2013

THE HISTORY BOYS

MUNICIPALE

mercoledì 13/2/2013

mercoledì 13/2/2013

mercoledì 13/2/2013

MOVING WITH PINA

FILODRAMMATICI

martedì 19/2/2013

martedì 19/2/2013

martedì 19/2/2013

ROMEO E GIULIETTA

MUNICIPALE

lunedì 4/3/2013

martedì 5/3/2013

DOPO LA BATTAGLIA

MUNICIPALE

giovedì 14/3/2013

giovedì 14/3/2013

giovedì 14/3/2013

PARKIN’SON

FILODRAMMATICI

venerdì 22/3/2013

venerdì 22/3/2013

venerdì 22/3/2013

LA MODESTIA

MUNICIPALE

mercoledì 27/3/2013

giovedì 28/3/2013

mercoledì 27/3/2013

giovedì 28/3/2013

mercoledì 27/3/2013

giovedì 28/3/2013

IL FU MATTIA PASCAL

MUNICIPALE

martedì 9/4/2013

mercoledì 10/4/2013

martedì 9/4/2013

mercoledì 10/4/2013

martedì 9/4/2013

mercoledì 10/4/2013

DUEL

MUNICIPALE

mercoledì 17/4/2013

mercoledì 17/4/2013

mercoledì 17/4/2013

mercoledì 17/4/2013

mercoledì 17/4/2013

IL SACRO DELLA PRIMAVERA

EX CHIESA GESUITI

venerdì 19/4/2013

venerdì 19/4/2013

venerdì 19/4/2013

martedì 27/11/2012 martedì 8/1/2013

mercoledì 9/1/2013 venerdì 11/1/2013 martedì 15/1/2013

martedì 22/1/2013

mercoledì 23/1/2013

martedì 15/1/2013

martedì 15/1/2013

martedì 22/1/2013

mercoledì 23/1/2013 venerdì 25/1/2013

venerdì 25/1/2013 martedì 5/2/2013

mercoledì 6/2/2013 mercoledì 13/2/2013

martedì 5/2/2013

mercoledì 6/2/2013

mercoledì 13/2/2013

mercoledì 13/2/2013

martedì 19/2/2013 lunedì 4/3/2013

martedì 5/3/2013 giovedì 14/3/2013

lunedì 4/3/2013

martedì 5/3/2013

giovedì 14/3/2013

giovedì 14/3/2013

venerdì 22/3/2013

mercoledì 17/4/2013 venerdì 19/4/2013

martedì 27/11/2012


TREPERTE

ABBONAMENTI STUDENTI ABBONAMENTO PASS STUDENTI - Altri Percorsi + 2 spettacoli di Prosa* + 1 spettacolo di Teatro Danza* (7 spettacoli al Teatro Municipale e 1 spettacolo al Teatro Comunale Filodrammatici) Galleria euro 75 Loggione euro 45 * spettacoli a scelta tra quelli in cartellone

ABBONAMENTO PASS STUDENTI PROSA - 4 spettacoli di Prosa (4 spettacoli al Teatro Municipale: La cantatrice calva, Romeo e Giulietta, La modestia, Il fu Mattia Pascal) Galleria euro 39 (con posto assegnato la sera stessa dello spettacolo)

informazioni

ABBONAMENTO ALTRI PERCORSI (5 spettacoli al Teatro Municipale) Galleria euro 48

ABBONAMENTO TEATRO DANZA (5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**)

ABBONAMENTI

Galleria euro 30

ABBONAMENTO PROSA (8 spettacoli al Teatro Municipale) Platea Ingresso Palco Posto Palco* Galleria numerata Galleria non numerata Loggione Ingresso Loggione

euro 180 (intero) euro 108 (intero) euro 165 (intero) euro 135 (intero) euro 108 (intero) euro 85 (intero) euro 55

euro 155 (ridotto) euro 95 (ridotto) euro 135 (ridotto) euro 120 (ridotto) euro 95 (ridotto) euro 70 (ridotto)

ABBONAMENTO ALTRI PERCORSI (5 spettacoli al Teatro Municipale) Platea Ingresso Palco Posto Palco* Galleria numerata Galleria non numerata Loggione Ingresso Loggione

euro 90 (intero) euro 60 (intero) euro 85 (intero) euro 70 (intero) euro 60 (intero) euro 38 (intero) euro 25

euro 80 (ridotto) euro 50 (ridotto) euro 75 (ridotto) euro 60 (ridotto) euro 50 (ridotto) euro 30 (ridotto)

ABBONAMENTO 2 PER TE - Prosa + Altri Percorsi (13 spettacoli al Teatro Municipale) Platea Ingresso Palco Posto Palco* Galleria numerata Galleria non numerata Loggione Ingresso Loggione

Loggione euro 23

euro 240 (intero) euro 145 (intero) euro 220 (intero) euro 188 (intero) euro 145 (intero) euro 100 (intero) euro 70

euro 205 (ridotto) euro 125 (ridotto) euro 195 (ridotto) euro 165 (ridotto) euro 125 (ridotto) euro 90 (ridotto)

ABBONAMENTO TEATRO DANZA

ABBONAMENTO 2 PER TE Prosa + Altri Percorsi (13 spettacoli al Teatro Municipale)

(5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**)

Galleria euro 120

Platea Galleria

ABBONAMENTO 2 PER TE DANZA Altri Percorsi + Teatro Danza

euro 55 (intero) euro 50 (ridotto) euro 40 (intero) euro 35 (ridotto)

ABBONAMENTO 2 PER TE DANZA Altri Percorsi + Teatro Danza (5 spettacoli al Teatro Municipale e 5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**) Platea Galleria

euro 110 (intero) euro 105 (ridotto) euro 90 (intero) euro 80 (ridotto)

Loggione euro 80

(5 spettacoli al Teatro Municipale e 5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**) Galleria euro 60

ABBONAMENTO 3 PER TE Prosa + Altri Percorsi + Teatro Danza (13 spettacoli al Teatro Municipale e 5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**) Galleria euro 150 Loggione euro 100 (con posto in galleria al Teatro Comunale Filodrammatici) ** Lo spettacolo di Teatro Danza Il sacro della primavera si terrà all’Ex Chiesa Gesuiti

CAMPAGNA ABBONAMENTI ABBONAMENTO 3 PER TE Prosa + Altri Percorsi + Teatro Danza (13 spettacoli al Teatro Municipale e 5 spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici**) Platea Galleria

euro 270 (intero) euro 230 (ridotto) euro 220 (intero) euro 195 (ridotto)

* Gli abbonamenti Posto palco potranno essere messi in vendita previa verifica della disponibilità di palchi per l’intera stagione e a discrezione della Direzione ** Lo spettacolo di Teatro Danza Il sacro della primavera si terrà all’Ex Chiesa Gesuiti

PRELAZIONE RISERVATA AGLI ABBONATI DELLA STAGIONE PRECEDENTE Conferma abbonamenti Gli abbonati della stagione 2011/2012 che intendono sottoscrivere l’abbonamento anche per il 2012/2013 possono mantenere il posto occupato nella stagione precedente. La conferma deve essere effettuata da martedì 11 a sabato 22 settembre 2012. Al termine del periodo riservato alla conferma degli abbonamenti la situazione dei posti non confermati verrà completamente azzerata (non è quindi possibile per i vecchi abbonati che intendono cambiare posto e/o turno mantenere riservati i posti dell’anno precedente fino all’eventuale nuova scelta). Cambio turno, posto e/o tipo di abbonamento Per gli abbonati della stagione 2011/2012 che intendono sottoscrivere l’abbonamento anche per il 2012/2013 ma desiderano

cambiare turno e/o posto è possibile effettuare il rinnovo dell’abbonamento da martedì 25 a sabato 29 settembre 2012. ABBONAMENTI PER TUTTO IL PUBBLICO Gli abbonamenti sono in vendita da martedì 2 ottobre a sabato 13 ottobre 2012. RATEIZZAZIONE DEL PAGAMENTO È possibile il pagamento rateizzato degli abbonamenti, versando il 50% del costo al momento della conferma e/o della sottoscrizione e il saldo entro dicembre 2012. 33


TREPERTE

BIGLIETTI “LAST MINUTE” SPETTACOLI PROSA E ALTRI PERCORSI Platea e Posto Palco euro 15

SPETTACOLI TEATRO DANZA Platea euro 10

Galleria euro 7

Galleria euro 11

Loggione euro 4

I biglietti “Last Minute” sono disponibili, a discrezione della Direzione, a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo per cui l’offerta è valida. Per alcune rappresentazioni non è detto che vengano messi in vendita biglietti “Last Minute”.

L’ALTRA SCENA festival di teatro contemporaneo

informazioni È possibile acquistare a prezzo scontato un carnet di 6 biglietti con posto numerato per due spettacoli Prosa, due spettacoli di Altri Percorsi e due spettacoli di Teatro Danza. Platea euro 105 (intero) euro 90 (ridotto)

Galleria

euro 80 (intero)

euro 75 (ridotto)

I carnet 6 spettacoli sono in vendita da martedì 16 a sabato 20 ottobre 2012. I carnet saranno assegnati previa verifica della disponibilità di posti per gli spettacoli scelti.

Posto unico numerato (Platea/Galleria) euro 10 (intero) euro 5 (ridotto studenti)

Posto unico numerato (Platea/Galleria) euro 40 (intero) euro 20 (ridotto studenti)

PRE/VISIONI giovani artisti delle scuole di teatro, laboratori e azioni teatrali BIGLIETTI Posto unico numerato (Platea/Galleria)

euro 5 (intero)

La data di inizio delle prevendite sarà comunicata a partire da gennaio 2013.

OFFERTE E PROMOZIONI

BIGLIETTI SPETTACOLI DI PROSA AL TEATRO MUNICIPALE euro 28 (intero) euro 24 (ridotto) euro 26 (intero) euro 22 (ridotto) euro 16 (intero) euro 14 (ridotto) euro 21 (intero) euro 19 (ridotto) euro 13 (intero) euro 11 (ridotto) euro 8 euro 13 (posto unico in Galleria)

I biglietti per tutti gli spettacoli sono in vendita da giovedì 25 ottobre 2012.

34

PASS 6 SERATE

Prevendita da martedì 18 settembre 2012.

CARNET 6 SPETTACOLI

Platea Posto Palco Ingresso Palchi/Galleria Galleria numerata Loggione numerato Ingresso Loggione Studenti

BIGLIETTI

SPETTACOLI TEATRO DANZA AL TEATRO COMUNALE FILODRAMMATICI* Platea Galleria Studenti

euro 18 (intero) euro 16,50 (ridotto) euro 15 (intero) euro 13,50 (ridotto) euro 10 (posto unico in Galleria)

* Lo spettacolo Il sacro della primavera si terrà all’Ex Chiesa Gesuiti

SPETTACOLI ALTRI PERCORSI AL TEATRO MUNICIPALE Platea Posto Palco Ingresso Palchi/Galleria Galleria numerata Loggione numerato Ingresso Loggione Studenti

euro 23 (intero) euro 21 (ridotto) euro 21 (intero) euro 19 (ridotto) euro 16 (intero) euro 14 (ridotto) euro 18 (intero) euro 16 (ridotto) euro 11 (intero) euro 9 (ridotto) euro 7 euro 11 (posto unico in Galleria)

Palchettisti I palchettisti che prima della campagna abbonamenti comunicheranno alla direzione di Teatro Gioco Vita la concessione del palco per uno dei due turni di abbonamento Prosa e/o per Altri Percorsi, potranno acquistare l’abbonamento Ingresso Palco per il turno Prosa prescelto scontato a 80 euro oppure per Altri Percorsi scontato a 50 euro, in alternativa singoli Ingressi Palco scontati a 12 euro. Abbonati A tutti coloro che hanno sottoscritto un abbonamento Prosa, Altri Percorsi, Teatro Danza, 3 Per Te, 2 Per Te e a tutti i giovani che hanno sottoscritto uno degli abbonamenti Speciale/Studenti viene offerta la visione gratuita di uno spettacolo a scelta del cartellone Pre/Visioni. La prenotazione dei posti omaggio dovrà essere richiesta alla biglietteria di Teatro Gioco Vita almeno 3 giorni prima della recita prescelta. La promozione è valida fino ad esaurimento dei posti disponibili. È possibile il pagamento rateizzato degli abbonamenti, versando il 50% del costo al momento della conferma e/o della sottoscrizione e il saldo entro dicembre 2012.

Promozioni speciali La direzione di Teatro Gioco Vita si riserva di comunicare nel corso della Stagione eventuali ulteriori promozioni rivolte agli abbonati e/o al pubblico. Associazione Amici del Teatro Gioco Vita I soci hanno diritto alla massima riduzione disponibile sull’ordine di posto prescelto sia per i biglietti sia per gli abbonamenti della Stagione di Prosa “Tre per Te”. A tutti coloro che hanno sottoscritto un abbonamento viene offerta la visione gratuita di due spettacoli a scelta del cartellone Pre/Visioni. Family Card In collaborazione con il Comune di Piacenza è in vigore un regime particolare per i possessori di Family Card. Sono previste riduzioni sul prezzo del biglietto che variano da un massimo di euro 12 a un minimo di euro 8 per gli spettacoli di Prosa al Teatro Municipale e da un massimo di euro 10 a un minimo di euro 7 per gli spettacoli al Teatro Comunale Filodrammatici e di Altri Percorsi al Teatro Municipale, a seconda della tipologia di posti.


TREPERTE informazioni PRENOTAZIONI BIGLIETTI Chi volesse acquistare biglietti e non potesse farlo durante gli orari e i giorni stabiliti, può concordare un appuntamento o modalità alternative di acquisto telefonando alla biglietteria di Teatro Gioco Vita al numero 0523.315578, nei giorni ed orari di apertura. La biglietteria accetta, a partire dal 2 novembre 2012, in orario di apertura e compatibilmente con la presenza di pubblico agli sportelli, prenotazioni telefoniche dei biglietti per gli spettacoli di Prosa, Altri Percorsi e Teatro Danza al numero 0523.315578. In questo caso è richiesto il pagamento del costo del biglietto tramite bonifico bancario o vaglia postale, pena l’annullamento della prenotazione. Non si accettano contestazioni sui posti assegnati. I biglietti prenotati telefonicamente dovranno essere ritirati entro un’ora dall’inizio dello spettacolo. Non si effettuano rimborsi per biglietti non ritirati. ACQUISTO BIGLIETTI TRAMITE INTERNET Fino a 24 ore prima di ogni spettacolo viene messo a disposizione del pubblico un quantitativo di biglietti per l’acquisto tramite rete internet. Il pagamento potrà essere effettuato con carta di credito. Il servizio comporta un aggravio dovuto alla commissione in favore del gestore del servizio. RIDUZIONI Possono usufruire della riduzione sull’acquisto di abbonamenti, biglietti e carnet, gli spettatori di età superiore ai 65 anni e inferiore ai 25 anni. STUDENTI Possono usufruire dell’abbonamento Speciale Studenti tutti gli studenti che non abbiano compiuto i 25 anni. Gli interessati dovranno presentare, al momento dell’acquisto dell’abbonamento o del biglietto, un certificato di iscrizione (o in alternativa tessera, libretto universitario, libretto giustificazioni...) che 36

dovrà essere esibito anche al momento dell’ingresso a teatro. In caso contrario, per usufruire dell’offerta dovrà essere sottoscritta un’apposita autocertificazione. Il diritto ad eventuali riduzioni e/o promozioni deve essere comunicato dallo spettatore agli addetti della biglietteria al momento dell’acquisto del biglietto e/o dell’abbonamento, esibendo su richiesta la documentazione che attesta tale diritto. Dopo l’emissione del biglietto e/o abbonamento non sarà più possibile applicare eventuali riduzioni. Per gli spettacoli programmati al Teatro Comunale Filodrammatici, in caso di esaurimento di posti in Galleria, a chi sottoscrive un abbonamento Speciale Studenti potranno essere assegnati posti numerati di Platea. In caso di esaurimento di posti numerati, ai gruppi scolastici che lo vorranno, potranno essere assegnati abbonamenti non numerati con eventuale definizione del posto a sedere nei giorni immediatamente precedenti lo spettacolo e/o la sera stessa della rappresentazione. Per l’acquisto di abbonamenti e biglietti per gruppi di studenti è necessario rivolgersi all’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita per la prenotazione; l’acquisto potrà poi essere formalizzato rivolgendosi alla biglietteria nei giorni ed orari di apertura oppure concordando un appuntamento con gli uffici di Teatro Gioco Vita. Per gli insegnanti/accompagnatori è concessa una gratuità ogni dieci biglietti o abbonamenti acquistati. CAMBIO TURNO È possibile cambiare turno di abbonamento, comunicando per iscritto tale intenzione almeno un giorno prima dell’inizio della programmazione dello spettacolo (tale comunicazione sottintende comunque la rinuncia al posto nel proprio turno). Questo servizio garantisce unicamente l’ingresso in teatro e l’eventuale collocazione (solo se disponibile) in un posto numerato assegnato dalla Direzione. ALTRE INFORMAZIONI SU BIGLIETTI E ABBONAMENTI Possono essere acquistati al massimo quattro abbonamenti

e/o biglietti a persona. Gli abbonamenti non sono personali e possono quindi essere utilizzati da persone diverse dall’intestatario, purché abbiano le medesime caratteristiche (ad esempio, un abbonamento Speciale Studenti può essere utilizzato solamente da altri studenti, e così via). Non è possibile, da parte di persone che non abbiano gli stessi diritti, utilizzare la tessera. In questi casi è però possibile usufruire del posto, entrando in teatro con un Ingresso (ad esempio, un genitore può entrare in teatro con un Ingresso e usufruire del posto a sedere del proprio figlio studente, mostrando alla maschera la tessera di abbonamento). In caso non venissero rappresentati, per cause impreviste, tutti gli spettacoli compresi nell’abbonamento, il Teatro opererà una sostituzione oppure, in alternativa, rimborserà agli abbonati le quote relative allo/agli spettacolo/i annullato/i. Gli eventuali rimborsi potranno essere erogati solamente dietro presentazione della tessera di abbonamento ed entro i termini comunicati dalla Direzione del Teatro. Qualora ragioni impreviste lo richiedessero, la Direzione si riserva la facoltà di spostare la data dei turni di abbonamento dandone notizia sulla stampa, sui veicoli pubblicitari del Teatro e/o contattando telefonicamente o per lettera gli abbonati. All’atto della sottoscrizione dell’abbonamento è opportuno rilasciare generalità, indirizzo e recapito (anche telefonico ed e-mail) per eventuali comunicazioni urgenti. ASSEGNAZIONE DEI POSTI E CAMBI DI POSTO Non è consentito occupare posti diversi da quelli assegnati senza autorizzazione. Il teatro si riserva la possibilità di effettuare spostamenti su alcuni posti, anche in abbonamento, nel caso di inderogabili esigenze tecniche. DATE SPETTACOLI E VARIAZIONI PROGRAMMA Motivi tecnici o cause di forza maggiore potrebbero determinare variazioni di date o di orari delle rappresentazioni. Eventuali cambiamenti saranno tempestivamente comunicati

con l’affissione di avvisi davanti al teatro e tramite la stampa locale. Nel caso di variazione di data di uno spettacolo, ai possessori di biglietto si ricorda che potranno utilizzare il biglietto nella nuova data, secondo le indicazioni fornite dal teatro, oppure optare per il rimborso. In caso di annullamento di uno spettacolo, i possessori di biglietti saranno rimborsati. Gli eventuali rimborsi potranno essere erogati dietro riconsegna dei biglietti originali ed entro i termini comunicati dalla Direzione del Teatro. I biglietti e gli abbonamenti non utilizzati, relativi a spettacoli che sono stati regolarmente effettuati, non verranno rimborsati. COMUNICAZIONI UTILI Non è consentito l’accesso alla sala a spettacolo iniziato. Chi si presenta in teatro dopo l’inizio dello spettacolo potrà accedere al proprio posto al primo intervallo. In teatro è vietato effettuare riprese audio e video. Si prega pertanto di non introdurre in sala macchine fotografiche, cineprese, registratori. I telefoni cellulari possono essere utilizzati soltanto nel foyer, nel ridotto e nei bar. Prima di entrare in sala è necessario spegnere i telefoni. Il servizio di guardaroba è gratuito. Eventuali cappotti introdotti in sala dovranno essere indossati o tenuti sulle ginocchia. È vietato appoggiare qualsiasi indumento sulle poltrone. Non si possono introdurre in sala ombrelli. Il teatro dispone di alcuni posti facilmente raggiungibili ai portatori di handicap motorio. Per i portatori di handicap motorio è previsto un biglietto omaggio e un biglietto ridotto per l’accompagnatore. Gli spettatori con disabilità motoria sono pregati di effettuare la propria prenotazione presso la biglietteria di Teatro Gioco Vita (0523.315578). Il teatro è dotato di ascensore; si può richiedere l’uso al personale di sala. 37


TREPERTE

ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEATRO GIOCO VITA

D

informazioni La biglietteria di Teatro Gioco Vita chiuderà nel periodo natalizio dal 17 dicembre 2012 al 3 gennaio 2013 e nel periodo pasquale dal 29 marzo al 3 aprile 2013. La direzione si riserva di apportare al programma le modifiche determinate da cause di forza maggiore. SERVIZI PER IL PUBBLICO Distribuzione gratuita della rivista TeatroMagazine e di schede/ programmi di sala editi da Teatro Gioco Vita. Servizio di guardaroba gratuito (custodito al Teatro Municipale, libero al Teatro Comunale Filodrammatici) Nessuna applicazione da parte di Teatro Gioco Vita di diritti di prevendita sul prezzo dei biglietti e/o abbonamenti. Servizio di baby parking con animatori, gratuito e attivo per tutti gli spettacoli che si tengono al Teatro Municipale, che sarà

organizzato con i seguenti criteri: prenotazione obbligatoria da parte dei genitori al momento dell’acquisto del biglietto e comunque almeno 3 giorni prima della rappresentazione; attivazione solo in caso di raggiungimento di un numero minimo di 5 bambini prenotati; orario di apertura da un’ora prima dell’inizio della rappresentazione alla fine dello spettacolo. Chi lo desidera può chiedere di ricevere al proprio domicilio o via mail il materiale informativo delle stagioni. Informazioni possono essere richieste alla biglietteria di Teatro Gioco Vita tel. 0523.315578, o per posta elettronica all’indirizzo info@teatrogiocovita.it. Eventuali disservizi possono essere segnalati inviando una comunicazione per posta, per fax allo 0523.338428, o per posta elettronica all’indirizzo info@ teatrogiocovita.it.

TEATRO GIOCO VITA - Teatro Stabile di Innovazione Via San Siro 9 - 29121 Piacenza Telefono 0523.315578 (biglietteria) 0523.332613 (uffici) - Fax 0523.338428 E-mail info@teatrogiocovita.it www.teatrogiocovita.it

alla passata stagione teatrale è attiva, su proposta e iniziativa di alcuni abbonati e spettatori particolarmente affezionati, l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita. Il Teatro Stabile di Innovazione piacentino è una realtà primaria a livello nazionale e internazionale: tra i fondatori del movimento dell’animazione teatrale prima e del teatro ragazzi poi, conosciuto in tutto il mondo per il linguaggio delle ombre, ha stretto collaborazioni con importanti enti e istituzioni teatrali in Italia e all’estero. E l’associazione intende sostenere, promuovere, sviluppare e diffondere questa importante attività che Teatro Gioco Vita svolge a vari livelli (prosa, teatro ragazzi, teatro scuola, teatro per le famiglie, produzione e distribuzione di spettacoli, laboratori e formazione). Tra gli scopi e le finalità dell’Associazione, la promozione di iniziative di ricerca e divulgazione della cultura teatrale, anche mediante l’organizzazione di convegni, manifestazioni, concorsi a carattere locale, regionale, nazionale e internazionale; il patrocinio di manifestazioni che possano favorire la conoscenza e la diffusione delle attività di Teatro Gioco Vita; la realizzazione di iniziative editoriali, in stampa, video o altro, di studio e di approfondimento riguardanti la cultura e l’attività teatrale; la promozione di iniziative, in Italia e all’estero, per la diffusione della cultura e del patrimonio culturale e artistico di Teatro Gioco Vita. In sintesi, l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita vuole valorizzare il teatro sul piano culturale, sociale e promozionale a favore di tutta la cittadinanza.

SOCI FONDATORI STEFANO PARETI

presidente

GIOVANNI SMERIERI

vice presidente

ALBERTO DOSI

tesoriere

FILIPPO PEROTTI MASSIMO FERRARI

TESSERAMENTO 2012/2013 20 EURO - Socio ordinario

Teatro Comunale Filodrammatici Via Santa Franca 33 - 29121 Piacenza Biglietteria - Via San Siro 9 - 29121 Piacenza Telefono 0523.315578 E-mail biglietteria@teatrogiocovita.it

38

Teatro Municipale Biglietteria (attiva nei giorni di spettacolo dalle ore 19) Via Verdi 41 - 29121 Piacenza Telefono 0523.492251 Ex Chiesa Gesuiti Via Gregorio X - 29121 Piacenza

5 EURO - Socio studente

Associazione Amici del Teatro Gioco Vita Via San Siro, 9 - 29121 Piacenza - Tel. 0523.315578 - Fax 0523.338428 info@amicidelteatrogiocovita.it


treperte

Stagione Teatrale 2012/2013 - Teatro Municipale di Piacenza Prosa - Altri Percorsi - Teatro Danza

Direzione Generale per lo Spettacolo dal vivo

COMUNE DI PIACENZA


Teatromagazine n.14  

Periodico di Informazione - Stagione di Prosa del Teatro Municipale di Piacenza

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you