Page 11

trova riscontro in quello del dio anatolico Tarui o Tarhui o Tarhun o Tarhunt. Gli Atti del congresso sono stati pubblicati dall’Università di Innsbruck nel 200111. Dai testi ittiti risulta pure che quel dio era il protettore di Wilusa Taruisa / *Tarhuisa (Ilio Troia). I nomi di Troia, Tarconte e Tarquinia deriverebbero dunque da quello d’una stessa divinità (vd. p. 96). In un susseguente lavoro su L’origine degli Etruschi nelle Fonti Etrusche12 noi abbiamo anche auspicato che prima o poi i genetisti dessero una conferma significativa. E i genetisti l’hanno poi data, sì che in America, Christopher Wilhelm, professore alla Mayfield Senior School della California (U.S.A), ha potuto far presente che il lavoro dei genetisti ha sostanziato la documentazione archeologica e letteraria che noi stessi avevamo presentato13. *** Nel 2004, una prestigiosa rivista americana di genetica, seguita nel 2006 da un’altrettanto autorevole rivista inglese, ha pubblicato i dati ottenuti dal genetista Guido Barbujani (dell’Università di Ferrara) e dalla sua equipe durante un’indagine condotta sul confronto tra il DNA mitocondriale degli antichi Etruschi e quello di coloro che oggi abitano in Italia, in Europa, nel Nord Africa e nel vicino Oriente. Debbo ringraziare Barbujani per avermi fornito i testi inglesi originali delle pubblicazioni, ed avermi così liberato dalle pubblicistiche informazioni che avevo ricevuto dai media. Al termine dell’indagine, l’equipe di Barbujani ha riscontrato che il DNA mitocondriale degli antichi Etruschi ha qualche somiglianza con quello degli attuali abitanti di quelle parti d’Italia che corrispondono alla vecchia Etruria. Entrambi i DNA, poi, l’antico e il moderno, non presentano somiglianze con quello delle altre regioni italiane (Sardegna compresa) ed europee. Somigliano però da un lato a quello di alcune attuali popolazioni della Germania e della Cornovaglia, e dall’altro a quello delle attuali popolazioni delle coste meridionali del Mediterraneo e del vicino Oriente. Il DNA mitocondriale viene trasmesso solo per via materna; quindi garantisce una minore degradazione dei geni, dovuta a migrazioni e conquiste. Gli scheletri etruschi indagati sono stati prelevati a Tarquinia, Magliano, Castelfranco, Castelluccio, Volterra, Capua ed Adria, per un totale di ventotto. Essi provengono da differenti località, ma non mostrano fra loro significative diversità genetiche. Da questa omogeneità l’equipe ha dedotto che i vari popoli che componevano la Federazione Etrusca, costituivano una nazione etnicamente omogenea. Il fatto poi che le loro caratteristiche genetiche non abbiano una grande corrispondenza con quelle degli attuali “Etruschi” ha fatto pensare che il DNA degli antichi scheletri indagati sia appartenuto esclusivamente al ceto dominante derivato da un popolo invasore. Questo ceto avrebbe introdotto anche la lingua; e, dopo la conquista romana, esso sarebbe scomparso assieme ad essa. C’è infatti chi sostiene che gli Etruschi del popolo avessero parlato una lingua italica simile all’Umbro ed al Latino. Tuttavia, se la somiglianza del DNA degli Etruschi con quello di alcuni odierni popoli germanici ed orientali potrebbe esser dovuta a immigrazioni di gruppi venuti dall’Europa centro-settentrionale e dall’Oriente, essa potrebbe anche esser dovuta ad una originaria unità di stirpe con l’una o l’altra gente o con entrambe distintamente. Infine, unità di stirpe e migrazioni potrebbero essere anche concomitanti. Nell’aprile 2007, un’equipe guidata dal prof. Antonio Torroni dell’Università di Pavia, e composta, fra gli altri, da Alberto Piazza e Luca Cavalli Sforza della Stanford University, 11

A. Palmucci, La figura di Tarconte: un ponte mitostorico fra Tarquinia e Troia, in Anatolisch und Indogermanisch (Anatolico ed Indoeuropeo), in Acten des Kolloquiums der Indogermanischen Gesellschaft, Pavia 22-25 Settembre 1998 (Università degli Studi di Pavia, dipartimento Scienze dell’Antichità), Innsbruck, 2001, pp. 341-353. 12 In “Bollettino della Società Tarquiniense d’Arte e Stroia”, Tarquinia, 2002. 13 C. Wilhelm, The Aeneid and Italian Prehistory.

11

Profile for Alberto Palmucci

Dna etruschi e troia di alberto palmucci  

Dna etruschi e troia di alberto palmucci  

Profile for tarquinia
Advertisement