Page 12

ATTUALITÀ

z CINEMA. SOGNO O INCUBO

A volte ritornano. Diego Abatantuono e Carlo Buccirosso, sul set del film “Eccezzziunale veramente”, girato in Salento.

Salento Bollywood IL CINEMA SALENTINO AL BIVIO: HOLLYWOOD O BOLLYWOOD l Salento attraversa da pochi lustri, nella cultura e nell’economia, un processo di riscatto che passa anche dal cinema e si configura come una rivoluzione di cui gli autori e i produttori indipendenti sono i protagonisti. In questo scenario, la Provincia di Lecce ha giocato un ruolo importante, partecipando alla fondazione dell’Associazione Europea dei Film Found regionali. In quest’ambito un ciclo sembra concluso, mentre è alle porte una nuova fase evolutiva, quella in cui il cinema da

I

// “Ci cercano per sfruttarci” Perché sempre più produzioni scelgono il Salento come location? “Perché il Salento è come una colonia, dove venire a proSalvatore Labriola, durre a basso costo. Le produziosegretario provinciale Slc-Cgil ni sono piccole e i lavoratori locali pagati con salari bassi. La qualifica più utilizzata è quella della “comparsa”, che in media lavora dieci ore al giorno; questa deve percepire per contratto almeno 70 eu12 il tacco d’Italia

zx di Giuseppe Finguerra

Ph: Roberto Rocca

fenomeno artistico assume la forma dell’industria. Si pone, allora, la questione delle scelte da compiere da parte dalle istituzioni e degli attori economici e sociali. Se l’India è riuscita a creare l’industria cinematografica più ricca al mondo, Bollywood, che cosa potrà nascere nel Salento, nel Sud dei Sud d’Europa? E che cosa si nasconde realmente dietro le (troppe) dichiarazioni trionfalistiche sul “Nuovo cinema salentino”? ro mentre spesso ne ottiene solo 50. Sospettiamo che esista il caporalato, ma non ne abbiamo certezza, perché nessuno ha fatto una denuncia in questo senso. Quando siamo intervenuti sul set di “Elisa di Rivombrosa”, il produttore ci ha mostrato dei documenti dai quali risultava un budget pari all’entità dei salari calcolati con i criteri dei contratti collettivi, ma in busta paga non risultava. Nessuno fa una vertenza. Il lavoro nel cinema è diventato un circolo chiuso: chi lavora lo fa perché conosce qualcuno e cerca di rimanere all’interno dell’ambiente per essere richiamato nei casting. Per il “Giudice Mastrangelo” non sono stati assunti attori professionisti locali, ma attori di gruppi teatrali in vernacolo, che, non essendo professionisti, possono essere pagati meno”.

N. 29 Settembre 2006

Profile for il tacco d'italia

Tacco_29  

Tacco, I figli della lupa

Tacco_29  

Tacco, I figli della lupa

Advertisement