resoconto Pit Puglia

Page 1

Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATI ALLEGATO I. TEMA A. LA VALUTAZIONE DEL MODELLO DI GOVERNANCE DEI PIT. ........................... 3 1

Premessa .................................................................................................................................................................................................................... 3

2

L‟architettura e gli obiettivi del sistema di governance dei PIT .................................................................................................................. 4

3

Il funzionamento degli Uffici unici ....................................................................................................................................................................... 5

4

Il profilo dei PIT manager .................................................................................................................................................................................... 12

5

Conclusioni ............................................................................................................................................................................................................. 16

6

Traccia per l‟intervista ai PIT manager ............................................................................................................................................................ 19

ALLEGATO II. UNA ANALISI EMPIRICA DELL‟EFFICIENZA E DELL‟EFFICACIA DELLO STRUMENTO DEI PIA/PIT............................................................................................................................................................................. 22 1

Lo strumento PIA/PIT .......................................................................................................................................................................................... 22

2

La metodologia....................................................................................................................................................................................................... 23

3

L‟analisi empirica attraverso le interviste ....................................................................................................................................................... 25

4

Conclusioni ............................................................................................................................................................................................................. 29

5

Allegato: il Questionario di valutazione dei PIA/PIT.................................................................................................................................... 31

ALLEGATO III. LA REALIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI NELL‟AMBITO DEI PIT PUGLIA. ..... 35 ALLEGATO IV. LA REALIZZAZIONE E L‟IMPLEMENTAZIONE DEI CENTRI SERVIZI NEI PIT.................. 53 1

I progetti .................................................................................................................................................................................................................. 53

2

L‟attuazione ............................................................................................................................................................................................................. 57

ALLEGATO V. LO STATO DI FUNZIONAMENTO DEI SITI E DEI PORTALI. ................................................. 60 ALLEGATO VI. ..................................................................................................................................................................... 65 1

Inquadramento metodologico ........................................................................................................................................................................... 65

2

Continuità e discontinuità nella progettazione di area vasta .................................................................................................................... 66

3

I distretti produttivi .............................................................................................................................................................................................. 68 3.1

Continuità e discontinuità delle esperienze distrettuali ...................................................................................................................................... 69

3.2

Il distretto agroalimentare Jonico-Salentino .......................................................................................................................................................... 71

3.3

Il distretto agroalimentare Terre Federiciane ....................................................................................................................................................... 72

4

Progettazione integrata e altre esperienze di sviluppo locale ................................................................................................................... 72 4.1

Il Consorzio per l‟export Sapori e Profumi della Terra di Puglia – Consapor Puglia .................................................................................... 73

4.2

Le iniziative per la sicurezza nel Nord Barese ...................................................................................................................................................... 73

5

Conclusioni ............................................................................................................................................................................................................. 75

6

Interviste realizzate ............................................................................................................................................................................................... 76

1


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATO VII. I DOSSIER PIT ........................................................................................................................................ 77 PIT 1 – Tavoliere ................................................................................................................................................................... 77 PIT 2 – Area Nord Barese ................................................................................................................................................ 107 PIT 3 – Area Metropolitana di Bari................................................................................................................................. 124 PIT 4 – Area della Murgia.................................................................................................................................................. 144 PIT 5 – Valle d‟Itria ............................................................................................................................................................. 161 PIT 6 – Taranto ................................................................................................................................................................... 174 PIT 7 - Brindisi ..................................................................................................................................................................... 185 PIT 8 - Area Jonico-Salentina ........................................................................................................................................... 203 PIT 9 – Territorio salentino-leccese............................................................................................................................... 220 PIT 10 – Monti Dauni ......................................................................................................................................................... 235

2


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011

Allegato I. TEMA A. LA VALUTAZIONE DEL MODELLO DI GOVERNANCE DEI PIT 1

Premessa

Il presente approfondimento risponde al Tema A “Valutazione del modello di governance dei PIT”. Le due principali domande di valutazione su questo ambito erano così formulate: -

Le modalità organizzative prescelte si sono rivelate adeguate alla finalità, agli obiettivi del PIT e ai compiti operativi assegnati all‟Ufficio Unico? Il processo di attuazione dei PIT ha condotto ad un effettivo decentramento di funzioni, di poteri decisionali e responsabilità ai livelli istituzionali più vicini al territorio? Con quali effetti?

Nell‟ambito dell‟Offerta tecnica si era proposto di rispondere al Tema A promuovendo la realizzazione di un esercizio di autovalutazione degli Uffici Unici, basato sul modello Common Assessment Framework – CAF, per supportare un processo di consolidamento nell‟ambito delle aree vaste. Tuttavia, l‟analisi ha mostrato che la maggioranza degli uffici unici dei PIT è stata sciolta al termine del periodo di programmazione; a ciò si aggiunge una situazione di incertezza relativa al futuro delle Aree vaste che comunque, nella maggioranza dei casi, ha scelto strutture di gestione diverse dall‟Ufficio unico del PIT, rendendo l‟ipotesi di lavoro inizialmente proposta non più significativa. È stato in conseguenza concordato con lo Steering group dei PIT di livello regionale di rispondere alla domanda di valutazione tramite due ulteriori approfondimenti: -

-

I profili di competenza, le esperienze pregresse ed il ruolo esercitato dai PIT manager. L‟analisi preliminare svolta nei Dossier PIT e contenuta nel Rapporto intermedio aveva infatti messo in luce come questa figura sia stata ricoperta spesso da professionisti dotati di competenze tecniche e relazionali di rilievo, capaci in genere di supportare i partenariati locali nella realizzazione della progettazione. Con questa analisi si propone di approfondire le conoscenze e competenze professionali maturate dai PIT manager nonché il ruolo esercitato, le risorse attivate dai PIT, le eventuali soluzioni organizzative adottate per la gestione dei PIT tra il 2004 ed il 2010. la funzionalità dell‟Ufficio unico e l‟adeguatezza del suo assetto organizzativo in funzione del raggiungimento degli obiettivi del PIT.

Il primo approfondimento è stato realizzato attraverso interviste dirette a cinque PIT manager di PIT individuati in accordo con lo Steering Group PIT. I PIT manager intervistati, sulla base di un‟intervista semistrutturata, sono: -

Carlo Dicesare, PIT manager del PIT 1 Tavoliere; Maria Luisa Caringella, PIT manager del PIT 2 Nord Barese; Mario Marchillo, PIT manager del PIT 3 Area Metropolitana di Bari; Caterina Mastrogiovanni, PIT manager del PIT 9 Territorio Salentino Leccese; Tommaso Lecce, PIT manager del PIT 10 Monti Dauni.

Il secondo approfondimento è stato realizzato attraverso i materiali analizzati e le interviste effettuate nell‟ambito dei Dossier PIT, oltre ad ulteriori interviste di approfondimento per la verifica ed il completamento delle informazioni raccolte. Oltre alla interviste già effettuate nella prima fase, sono stati intervistati: -

Pietro Bianco, Regione Puglia, responsabile di misura Michele D‟Ursi, Regione Puglia, responsabile di misura Vito Nitti, Comune di Bari, responsabile dell‟Area Vasta.

I PIT manager ed i consulenti degli Uffici unici dei PIT sono stati ricontattati telefonicamente per aggiornamenti ulteriori. 3


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Sono inoltre stati utilizzati i materiali informativi e le informazioni rilevate nelle interviste di approfondimento per la redazione dei Temi B e C. Per i nominativi si rimanda ai relativi allegati.

2

L’architettura e gli obiettivi del sistema di governance dei PIT

Gli elementi distintivi del modello di governance prescelto dalla Regione Puglia per l‟attuazione dei PIT erano: -

-

-

L‟individuazione dell‟Ufficio unico, ai sensi dell‟art.30 del d.lgs 267/00 e dei regolamenti comunitari 1260/99 e 438/01 quale strumento organizzativo per la gestione dei PIT, capace di provvedere a tutte le necessità per la realizzazione degli interventi in qualità di unico centro di spesa, nonché unica stazione appaltante per quanto concerne gli interventi di tipo infrastrutturale previsti dai Programmi; L‟individuazione, come strumento attuativo per l‟avvio operativo degli interventi, dell‟Accordo tra Amministrazioni previsto dall‟art. 241/90 “nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”. L‟accordo prevedeva impegni reciproci tra Regione e enti aderenti al PIT (tramite l‟Ufficio unico); tutti gli Accordi tra la Regione Puglia e ciascuno dei dieci PIT sono stati sottoscritto il 29 giugno 2005, dando avvio formale alla procedura di attuazione. La formalizzazione di una Convenzione tra le Amministrazioni interessate, ai sensi degli artt. 30 e 42 del d.lgs 267/00 per il conferimento di deleghe al soggetto rappresentante di ciascun PIT nonché per la sottoscrizione dell‟Accordo tra Amministrazioni; tutte le Convenzioni per i PIT sono sate sottoscritte.

Tramite Convenzione gli Enti locali aderenti designavano il Soggetto capofila quale unico responsabile dell‟attuazione del PIT, beneficiario dei contributi per la realizzazione di opere ed interventi pubblici a valere sul POR, unico rappresentante esterno nei confronti della Regione. La governance del sistema prevedeva inoltre un‟Assemblea dei sindaci composta da tutti i sindaci degli Enti aderenti al PIT nonché dal Presidente della Provincia ove partecipante al PIT. L‟elemento centrale della governance dei PIT è comunque costituito dall‟Ufficio Unico, da costituirsi presso l‟Ente capofila delle amministrazioni aderenti al PIT. Questa formula è stata operata dalla Regione Puglia per conseguire tre obiettivi principali: -

Semplificare e accelerare il completamento dell‟elaborazione ed attuazione dei PIT Dare attuazione al quadro normativo in materia di decentramento (legge 59/97 e decreti legislativi di attuazione del decentramento, decreto legislativo 267/00) Semplificare ed ottimizzare la fase di gestione dei PIT. I compiti generali dell‟Ufficio Unico erano i seguenti: Assistere l‟Ente capofila e l‟Assemblea del PIT nell‟adempimento delle proprie funzioni istituzionali Predisporre la formulazione di accordi ed intese con la Regione ed eventuali altri Enti e/o organismi pubblici e privati per l‟implementazione del PIT, Curare gli adempimenti di carattere amministrativo, tecnico e procedurale necessari all‟attuazione del PIT.

L‟Ufficio unico doveva in particolare occuparsi del supporto alla progettazione e dell‟implementazione delle azioni facenti capo alle misure del POR 2000-06 delegate al livello locale (in particolare le misure 4.2 relative ad interventi infrastrutturali, e le misure 6.2 az. b e c). Per le opere infrastrutturali (misura 4.2 del POR 2000-06) l‟Ufficio unico aveva tra suoi compiti quello di verificare la conformità dei progetti predisposti ed approvati dai singoli comuni convenzionati, nominare i responsabili unici dei procedimenti, controllare la documentazione relativa agli stati di avanzamento, i certificati di regolare esecuzione/collaudo, monitorare e rendicontare la spesa. L‟Ufficio unico doveva inoltre fornire indicazioni agli Uffici regionali nella predisposizione dei bandi relativi ai regimi di aiuto ed alle attività formative, iniziative la cui attuazione rimaneva a titolarità regionale. Per supportare i Comuni impegnati nel percorso di progettazione integrata, la Regione ha predisposto apposite Linee Guida (deliberazione della giunta regionale 28 ottobre 2004, n. 1577) indicando alcuni 4


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 compiti fondamentali ed impegni dei soggetti coinvolti nel percorso di progettazione. Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha inoltre finanziato con risorse a valere sulla Misura II.2 del PON ATAS il progetto Sprint III, finalizzato ad attuare un'azione di sistema a vantaggio delle Amministrazioni pubbliche e dei partenariati locali del Mezzogiorno nel campo del governo, del coordinamento e dell'attuazione dei processi di progettazione integrata territoriale. Gli obiettivi del progetto consistevano nel supporto alla capacità di coordinamento dei processi di progettazione integrata ed il rafforzamento delle competenze e le capacità degli attori della progettazione integrata di agire per l‟innovazione e l‟efficacia, di collegarsi e stabilire nuove reti di sviluppo. È stata inoltre allestita, a livello regionale, una Struttura PIT collocata all‟interno del Settore Programmazione ed in stretto raccordo con l‟Autorità di gestione del POR Puglia 2000-2006, dedicata al coordinamento dell‟intero processo della progettazione integrata territoriale.

3

Il funzionamento degli Uffici unici

La creazione degli Uffici unici Dopo la firma degli Accordi tra Amministrazioni, avvenuta per tutti i PIT a marzo 2005, sono iniziate le operazioni che hanno portato alla costituzione degli 11 Uffici unici presso gli Enti capofila dei PIT (due per il PIT 10 Monti Dauni). In due casi (PIT Taranto e PIT Brindisi) la gestione dell‟Ufficio unico è stata affidata alla Provincia che ha allestito l‟Ufficio all‟interno delle proprie strutture; in due casi l‟UU è stato collocato presso le strutture delle Comunità montane, per i restanti casi alle strutture comunali del Comune capofila. Gli enti capofila sono di dimensioni differenziate: la struttura amministrativa più esigua è quella della Comunità Montana dei Monti Dauni meridionali, composta da solo 10 dipendenti; negli altri casi si tratta di strutture di medie dimensioni (come nel caso dei Comuni di Santeramo ed Andria, intorno ai 100 dipendenti) o decisamente grandi (come nel caso del Comune di Bari). La ricostruzione cronologica effettuata nei dossier PIT mette in evidenza come nella maggior parte dei casi la “presa in carico” delle attività e la produzione di risultati amministrativi abbia richiesto quasi ovunque almeno un anno di tempo. Questo aspetto va sottolineato dal momento che i cronoprogrammi di attuazione previsti (a valle della firma dell‟accordo tra istituzioni) dalla Regione stimavano tempi di conclusione delle operazioni decisamente ottimistici: luglio 2006 per la realizzazione delle opere pubbliche previste a valere sulla misura 4.2, settembre 2007 per le azioni previste dalla misura 6.21; solo per la misura 4.8 si prevedeva una tempistica più ampia, con chiusura prevista per dicembre 2008. In realtà, solo due Uffici unici hanno avviato alcune attività significative (pubblicazione di bandi o approvazione di progetti esecutivi di una qualche complessità) nello stesso anno della firma degli accordi tra amministrazioni, cioè a fine 2005. Si tratta del PIT 9 Salentino Leccese e del PIT 1 Tavoliere. Sempre questi due PIT sono stati anche i più rapidi ad aggiudicare le prime gare. Nella maggior parte dei casi le prime aggiudicazioni avvengono nel corso del 2007, in qualche caso l‟anno successivo. Nel caso del PIT 2 Nord Barese e del PIT 6 Taranto, le criticità iniziali hanno determinato una “corsa contro il tempo” per garantire la spesa e l‟utilizzo di progetti coerenti a questo scopo. Questo aspetto va sottolineato dal momento che i cronoprogrammi di attuazione previsti (a valle della firma dell‟accordo tra istituzioni) dalla Regione stimavano tempi di conclusione delle operazioni decisamente ottimistici: luglio 2006 per la realizzazione delle opere pubbliche previste a valere sulla misura 4.2, settembre 2007 per le azioni previste dalla misura 6.22; solo per la misura 4.8 si prevedeva una tempistica più ampia, con chiusura prevista per dicembre 2008.

1

2

Regione Puglia, POR 2000-06, Rapporto esecutivo di attuazione, 31 dicembre 2005. Regione Puglia, POR 2000-06, Rapporto esecutivo di attuazione, 31 dicembre 2005.

5


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Figura. Velocità di attivazione degli Uffici unici dei PIT3

Nel caso del PIT 2 Nord Barese e del PIT 6 Taranto, le criticità iniziali (rispettivamente, disaccordi politici, e cambio dell‟amministrazione capofila a seguito del dissesto del Comune di Taranto) hanno determinato una “corsa contro il tempo” per garantire la spesa e a ciò si è sopperito tramite l‟utilizzo di progetti coerenti. In buona sostanza, il prolungarsi della fase di programmazione ha costretto i tempi concessi all‟implementazione dei progetti a circa due-tre anni, meno della metà del tempo che è stato dedicato alla fase precedente. Questi elementi hanno certamente influenzato la scelta di ricorrere a risorse consulenziali esterne per il reperimento di risorse e profili di competenza adeguati in tempi rapidi; questa scelta è stata particolarmente forte nel caso del PIT 5 Valle d‟Itria, in cui la gestione del PIT è stata affidata prevalentemente all‟esterno della struttura amministrativa, ma anche nel PIT 4 della Murgia, nel PIT 9 Salentino Leccese e nel PIT Nord Barese. Dove la propensione ad utilizzare risorse “interne” è stata più esplicita, gli adeguamenti organizzativi si sono tradotti – secondo quanto emerso dalle interviste effettuate - in rallentamenti nella composizione del gruppo di lavoro a supporto dell‟Ufficio Unico. Il caso di Bari è esemplare da questo punto di vista. Nel periodo di costituzione della struttura PIT, i rappresentanti del Comune hanno a lungo contestato la formula dell‟Ufficio unico prescelta dalla Regione, tanto da affidare parte delle funzioni dell‟Ufficio unico alla Provincia di Bari (decisione poi rigettata dalla Regione). Inoltre, in contemporanea all‟avvio delle attività sul PIT, il Comune di Bari ha subito diversi interventi di riorganizzazione che hanno influenzato sia i settori sia il vertice amministrativo (si pensi che nel periodo di implementazione del PIT si sono succeduti 4 direttori generali) con ripercussioni sulla costruzione di una struttura PIT adeguata e sulla scelta del PIT manager; dal 2004 al 2007 l‟Ufficio unico ha operato con sole due risorse, incluso il PIT manager (dirigente anche del settore controllo di gestione). La situazione si è stabilizzata solo nel 2007, con la costituzione della Ripartizione Programmazione Economica e Politiche Strutturali e con l‟affidamento del ruolo di PIT manager al dirigente della medesima ripartizione, che ha curato anche l‟avvio dell‟Area vasta. Il presidio degli Uffici unici Per tutti gli Uffici unici è stata attivata la figura del PIT manager, come previsto dall‟architettura gestionale dei PIT, quasi sempre caratterizzati da qualifica dirigenziale. I PIT manager incaricati in totale sono stati 18 tra il 2004 ed il 2011, di cui un terzo donne. Nella metà dei PIT si è registrato un turnover a capo delle strutture che è stato particolarmente rilevante nel caso di Bari – dove i PIT manager sono stati quattro tra il 2004 ed il 2011, ma anche nel caso del PIT murgiano (tre pit manager). In alcuni casi l‟avvicendamento dei PIT manager corrisponde al passaggio dalla fase di impostazione del programma PIT, a quella di implementazione delle attività (PIT 1 Tavoliere, PIT 2 Nord Barese, PIT 3 Murgia). Il PIT 6 di Taranto ha registrato la situazione di maggior criticità, dato che l‟Ufficio unico a seguito del commissariamento del Comune di Taranto è stato assunto presso la Provincia; solo dopo questo passaggio, nel 2006, è stata Calcolata a partire dalla sottoscrizione dell‟Accordo PIT, avvenuto per tutti a marzo 2005, alla data di approvazione del primo progetto esecutivo rilevante o del primo bando su misure a titolarità dell‟Ufficio unico. 3

6


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 individuata la figura del PIT manager, poi mantenuta fino alla conclusione delle attività. I PIT 8 Area Jonico Salentina e 9 Territorio Salentino Leccese sono quelli che hanno visto la maggiore continuità dal punto di vista della gestione del PIT manager. Due casi a parte sono costituiti dai PIT 5 Valle d‟Itria e 10 Monti Dauni meridionali, dove la figura individuata come PIT manager, reperita all‟interno della struttura comunale, ha avuto un profilo più burocratico che manageriale, affidando quest‟ultimo ruolo a consulenti esterni. Le figure professionali prescelte per l‟incarico sono costituite alternativamente da personale interno all‟Ente capofila, o personale esterno con incarichi ad hoc (in un terzo dei casi). L‟affidamento a manager non appartenenti alla struttura amministrativa è stata una scelta percorsa dai PIT 2 Nord Barese, dal PIT 4 Murgia, dal PIT 8 Area Jonico Salentina, dal PIT 9 Territorio Salentino Leccese: da notare che questi manager esterni sono in prevalenza donne (4 su 6 manager esterni), tutte con esperienze precedenti in tema di progettazione complessa. La scelta degli incaricati avviene normalmente tramite incarichi diretti da parte degli organi politici; in un caso è stato realizzato un concorso per l‟affidamento del ruolo di PIT manager (nel PIT Murgia, nel 2007). Il turnover dei PIT manager è spesso una conseguenza di cambiamenti a livello politico, anche se vi sono casi in cui il PIT manager è sopravvissuto al cambio di maggioranza (ad esempio, nel caso del PIT 2 Nord Barese), altri in cui le modifiche sono avvenute per altre ragioni (come nel caso del PIT 3 Area Metropolitana di Bari, in conseguenza delle riorganizzazioni interne). La dotazione organica La consistenza del personale degli Uffici unici PIT non è sempre ricostruibile nei dettagli, anche perché variabile nel corso degli anni e delle fasi del processo di attuazione; in tutti i casi, al picco di attività, tra gli anni 2007 e 2008, ha corrisposto una crescita del personale attivato per la gestione del PIT, con contratti esterni a professionisti o prestatori d‟opera, o con incarichi a società di servizi. In fase di chiusura delle attività, la maggior parte degli Uffici unici ha poi operato con una o due risorse dedicate. In base ai dati raccolti, gli Uffici unici con il maggior numero di collaboratori sono stati quelli dei PIT 4 Murgia e 9 Salentino Leccese (quest‟ultimo ha attivato almeno 25 collaborazioni a progetto per l‟implementazione delle attività ad esso affidate). In generale, tuttavia, gli organici degli Uffici unici, al netto delle necessarie collaborazioni con i RUP degli altri comuni convenzionati, sono stati caratterizzati da un numero di risorse “stabili” piuttosto contenuto (da 2 a 6, incluso il PIT manager), e da un consistente ricorso a consulenze esterne, non solo per il reperimento di professionalità specialistiche, ma anche per la gestione di attività amministrative. A questo proposito è stata diffusamente evidenziata la difficoltà di ottenere personale in avvalimento da parte degli altri Enti consorziati, come espressamente previsto dall‟architettura dell‟Ufficio unico; le interviste effettuate hanno evidenziato tempi di reazione non adeguati da parte delle strutture amministrative rispetto ai compiti affidati al PIT. La formula di compartecipazione alle attività del PIT è prevalentemente quella del contributo economico da parte degli Enti consorziati, mentre le collaborazioni di personale si limitano quasi sempre alle attività espletate dai RUP dei singoli comuni per le opere infrastrutturali riguardanti il loro territorio.

7


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Tabella 1 Gli uffici unici dei PIT PIT

PIT Tavoliere

1

PIT 2 Nord Barese

PIT 3 Area metropolitana di Bari

Localizzazione dell‟Ufficio unico PIT

Comuni aderenti

PIT manager

Personale coinvolto

Budget Ufficio unico

Stato attuale

Comune Foggia

21

2 (2004-05 Paolo Affatato; 2005-11 Carlo Dicesare, interno)

5 persone incluso il pit manager

Circa 200.000 euro annui nei periodi di maggiore attività

Si conclude con il PIT

2 (2004-05 dott. Di Bari; 2005 ad oggi, dott.sa M.L.Caringella, esterno)

3 persone incluso il pit manager

162.000 euro (nel 2007)

Tuttora attivo (convenzione tra i Comuni prorogata per ulteriori 5 anni)

4 (2004, Michele Pagone, interno; 2004-07, Mario Marchillo, interno; 2007-11 Francesco Ficarella, interno; maggio 2011 ad oggi, Pierina Nardulli, interno

2 persone incluso il PIT manager

23.700 euro nella prima fase (2007)

Si conclude con il PIT

Comune Andria

Comune Bari

di

di

di

14

15

consulenti esterni per attività di assistenza tecnica, rendicontazione e monitoraggio reclutati con bandi

Assistenza tecnica per le attività connesse alle misure 4.2 e 6.2c e per le attività in tema di sicurezza

5 corresponsabili interni al Comune per attività di specifica competenza Consulenze esterne

PIT 4 Area della Murgia

Comune di Santeramo in Colle

14

3 (2005-07 Irene Giordano, esterna; 2007 Lorenzo Lanzolla, interno; 2007-10 Anna Zingarello, esterno)

Circa 15 collaboratori a progetto tra il 2008 ed il 2010

293.544 euro nel 2008

Si conclude con il PIT

PIT 5 Valle d‟Itria

Comune Martina Franca

7

1 Salvatore Alemanno, segretario comunale dei Comuni di Noci e Martina Franca

6 persone incluso il PIT manager

n.d.

Si conclude con il PIT

1 Anna Rita Maurizia Merico (dal 2006), responsabile Direzione Sviluppo

3 incluso manager

n.d.

Si conclude con il PIT

153.000 euro nel 2007 (circa 300.000 euro totali)

Si conclude con il PIT

370.348 euro (quota annuale per il periodo 2005-07)

Si conclude con il PIT

n.d.

Si conclude con il PIT

n.d.

L‟ufficio unico coincideva con la Comunità montana, soppressa nel 2010

PIT 6 Taranto

PIT 7 Brindisi

Comune di Taranto (fino al 2006); Provincia di Taranto (2006-11)

6

Provincia Brindisi

18

PIT 8 Area Jonico Salentina

Comune Lecce

PIT Territorio Salentino Leccese

Comune Casarano

9

di

di

di

Consulenza esterna il

Economico e Produttivo Comune di Taranto

62

2 (2005-09, Antelmi, professionista; Sergio Rini)

Giovanni libero 2009-11

5 persone incluso il PIT manager;

1 Maurizio Mazzeo, esterno, da gennaio 2005

4 persone incluso il PIT manager

Alcune collaborazioni a progetto

7 contratti consulenza di

PIT

68

1 Caterina Mastrogiovanni, esterna (dal 2005)

di

25 collaboratori esterni incluso il PIT manager 25 tecnici in avvalimento per la gestione delle opere pubbliche Un project manager

PIT 10

Comunità Montana Monti Dauni meridionali e settentrionali

29

1 Tommaso Lecce, interno alla CM MD meridionali (informazioni non disponibili per la CM MDsettentrionali)

8

10 persone incluso il PIT manager (tutto il personale della Comunità montana)


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Le risorse economiche per la gestione dell’Ufficio unico Non è stato possibile ricostruire con esattezza le risorse effettivamente dedicate alla gestione degli Uffici unici. Tuttavia, le risorse annue utilizzate nei periodi di maggiore attività sembrano collocarsi in un range compreso tra i 140.000 euro (PIT nord Barese) e i 370.000 euro (PIT Area Jonico Salentina). Particolarmente esigua, nei primi anni (2006-07), è stata la dotazione del fondo di funzionamento dell‟Ufficio unico del PIT 3 Area Metropolitana di Bari: 46.000 euro di cui 23.770 utilizzati, tramite affidamento di incarico ad una società di servizi per attività di project management sulla misura 4.2. In generale, nessuna criticità (a parte quella segnalata su Bari e relativa al primo biennio di attività) è risultata connessa alla dotazione di risorse economiche per la gestione dell‟Ufficio unico. Le attività svolte dagli Uffici unici Le attività svolte dagli Uffici unici sono sostanzialmente quelle previste dal sistema di governance proposto dalla Regione. Le attività prevalenti sono state infatti costituite dal supporto alla progettazione esecutiva degli interventi affidati al PIT (come nel caso dell‟internazionalizzazione, della società dell‟informazione, della sicurezza), dal presidio delle procedure di selezione (bandi) e dalla collaborazione alla selezione dei criteri di priorità per i bandi a titolarità regionale, e più in generale dalla gestione degli adempimenti di carattere amministrativo, tecnico e procedurale necessari all‟attuazione del PIT. In tutti i casi analizzati è abbastanza evidente che gli Uffici unici abbiano svolto la funzione per la quale erano stati previsti, cioè gestire in modo unitario finanziamenti straordinari. Il coinvolgimento del partenariato è stato diversificato nei vari PIT: in alcuni casi molto intenso, in altri del tutto assente. Per tre PIT il ruolo del partenariato è stato particolarmente rilevante ed ha caratterizzato l‟intero processo, dalla fase di concertazione a quella di attuazione: si tratta dei PIT 8 Area Jonico Salentina, PIT 9 Territorio Salentino Leccese, PIT 1 Taranto. Per quanto riguarda il PIT 1 Tavoliere, i membri del partenariato socio economico sono considerati i principali interlocutori dell‟Ufficio unico (in particolare associazioni agricole e Università) e la forza stessa del PIT, che si è tradotta nella collaborazione alla progettazione di dettaglio e nello sviluppo di alcuni progetti integrati. Decisamente rilevante è l‟esperienza del PIT 8 Area Jonico Salentina, dove il partenariato economico ha costituito il collante della coalizione PIT e delle attività dell‟Ufficio unico, segnando la strategia volta a costituire, a valle del PIT, il distretto agroalimentare del Salento. Per gli altri PIT il rapporto con il partenariato è stato assente o limitato. Il caso del PIT Monti Dauni mostra un coinvolgimento quasi nullo del partenariato socio-economico, a fronte di un corpo di progettazione quasi esclusivamente dedicato ad opere infrastrutturali. In altri casi la collaborazione si è sperimentata in occasione di singoli progetti. In generale, quasi tutti gli Uffici unici hanno sperimentato attività di coinvolgimento con il partenariato economico (imprese) nell‟ambito dei progetti di internazionalizzazione (si veda a questo proposito l‟esperienza di successo del Consorzio per l‟Export Sapori e Profumi della Terra di puglia – Consapor Puglia, più ampiamente descritto all‟interno del Tema C), mentre i progetti finanziati in tema di sicurezza (azione 6.5b) e delibera CIPE 26/03 hanno costituito praticamente le sole occasioni di coinvolgimento di reti di partenariato sociale. Un punto di debolezza riguarda complessivamente le attività di comunicazione sulle attività in corso di realizzazione o attivate. Per quanto riguarda la fase attuativa, alcuni PIT hanno allestito siti internet di progetto, dove sono state caricate informazioni relative alle opportunità di bando e a caratteristiche generali dei programmi di intervento. Salvo poche eccezioni questi siti internet non sono più aggiornati da tempo (si veda quanto riportato all‟interno del Tema C). Molto meno numerose sono invece le informazioni “organizzate” sulle caratteristiche dei progetti, sugli avanzamenti delle attività, sui prodotti realizzati. Attività di comunicazione di una certa consistenza sono state effettuate solo nei casi del PIT 1 e del PIT 8 Area Jonico Salentino, dove sono state organizzate iniziative di comunicazione e convegni anche nel corso della fase di implementazione del PIT. In alcuni casi, le lacune informative sono del tutto rilevanti: a questo proposito si veda quanto riportato nei Dossier PIT. Dove c‟è stata, la comunicazione ha riguardato essenzialmente i progetti portati avanti a livello territoriale, ma non il complesso degli interventi finanziati sull‟area PIT, includendo cioè anche gli interventi a regia regionale. Il sistema di monitoraggio regionale ha risposto essenzialmente ad una funzione di rendicontazione e controllo della spesa, dal basso 9


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 verso l‟alto, ma non è stato utilizzato per restituire informazioni al partenariato locale sullo stato di attuazione della policy nel suo complesso. Come si vedrà inoltre nell‟approfondimento del Tema C di questa valutazione, molto pochi sono i casi in cui gli Uffici unici hanno giocato un ruolo di rilievo nella progettazione di Area Vasta. Anche se i giudizi sull‟operatività degli Uffici unici è generalmente buona (anche se con qualche significativa eccezione) le strutture non sono quasi mai state confermate come capifila tecnici delle aree vaste, mentre il coinvolgimento si è in genere limitato alla collaborazione per la predisposizione delle candidature. Ancora minori sono le evidenze di un coinvolgimento degli Uffici unici – o di parte del personale in essi transitato - in attività di gestione dei progetti attivati. Con ciò si vuole segnalare che non si sono riscontrate evidenze di impiego di questo personale per lo sviluppo, manutenzione o gestione di progetti realizzati con il PIT, come ad esempio i portali internet (marketing territoriale, fornitura servizi avanzati, ecc) o i centri servizi alle imprese. Più in generale, gli aspetti di gestione di alcuni degli interventi, anche di ampia portata, realizzati con il PIT, ha costituito una vera e propria debolezza del disegno complessivo, cui hanno inciso negativamente anche i tempi ristretti per l‟attuazione degli interventi. Due eccezioni sono costituite dalla scelta del Comune di Bari, che dopo rilevanti difficoltà ha recentemente avviato la gestione del sistema di portali realizzati, ma mai attivati, grazie al finanziamento sull‟azione 6.2 c; e l‟esperienza del pit Monti Dauni, che invece ha fatto una scelta di esternalizzazione anche per la gestione dei servizi di attrazione turistica. La capacità degli Uffici unici Nonostante le difficoltà affrontate, gli Uffici unici hanno risposto in modo positivo ai compiti ad essi attribuiti, riuscendo ad impegnare gran parte delle risorse affidate ed in alcuni casi a reperire risorse aggiuntive. Ciò significa che la capacità progettuale affidata agli uffici unici, e la capacità amministrativa connessa all‟impostazione delle procedure di selezione, è stata abbastanza elevata. Vi sono stati indubbiamente elementi di criticità, connessi soprattutto ai progetti di più grande portata, alcuni dei quali hanno subito stop importanti (si vedano i casi delle opere infrastrutturali portuali, o degli interventi che prevedevano la compartecipazione di RFI) e vi sono evidenze di criticità connesse allo sviluppo tecnicoamministrativo di alcuni progetti avviati (qualche gara di grande dimensione ha visto problematiche sopravvenute in corso d‟opera). Per i dettagli si rimanda a quanto contenuto sia nei Dossier PIT, sia nell‟approfondimento sull‟Efficacia della gestione (Tema B) di questo rapporto. La maggior parte delle interviste effettuate ha testimoniato un buon funzionamento degli Uffici unici PIT. Al netto di alcune, talvolta rilevanti, conflittualità sull‟attribuzione dell‟Ente capofila e quindi dell‟Ufficio unico, la ricostruzione effettuata nell‟ambito dei Dossier PIT ha evidenziato come la scelta, obbligata, di costituire l‟Ufficio unico abbia portato due tipi di vantaggi per l‟operatività dei PIT. In primo luogo, ha semplificato i canali di comunicazione tra la Regione e gli Enti locali impegnati nei progetti di sviluppo territoriale, almeno per quanto riguarda l‟attuazione delle misure affidate alla gestione locale. Da questo punto di vista, le interviste effettuate ai responsabili di misura regionali mostrano un giudizio molto positivo rispetto alla formula adottata, perché ha permesso di comunicare con un numero ridotto di interlocutori (gli undici PIT manager) rispetto ai 254 comuni coinvolti nella progettazione integrata. Questa semplificazione, unita al buon livello di preparazione dei referenti (PIT manager) ha facilitato la trasmissione delle comunicazioni e la verifica degli adempimenti di competenza locale. Non va inoltre trascurato il fatto che questo canale comunicativo può avere avuto un feedback positivo sulla struttura regionale stessa, sollecitando “dal basso” al controllo della coerenza/non contraddittorietà delle informazioni fornite da parte dei referenti di livello regionale. In questo modo, il “focus” territoriale ha agito come vettore di coordinamento delle informazioni e delle regole stabilite a livello regionale. In secondo luogo, la formula dell‟Ufficio unico ha favorito il coordinamento delle attività a livello territoriale, da una parte dando omogeneità alle attività di implementazione, dall‟altra favorendo una maggiore selettività nelle richieste da avanzare alla Regione: la procedura di interlocuzione e controllo tra l‟Ufficio unico e la Regione, ad esempio nel caso della modifica dei progetti, se da una parte ha rallentato di molto i tempi della progettazione dall‟altra ha senza dubbio imposto un freno al numero di richieste di modifica o sostituzione di progetti, che dovevano almeno in linea generale essere giustificabili nel quadro degli interventi complessivi. Come è emerso dall‟analisi dei Dossier PIT e sintetizzato nel Rapporto intermedio (Consorzio Metis, marzo 2011), il quadro dei progetti realizzati è rimasto sostanzialmente coerente con l‟idea strategica del programma PIT iniziale. In alcuni casi, però, questo coordinamento 10


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 “forzato” è poi esploso in corrispondenza della finestra di opportunità costituita dalle aree vaste. I conflitti latenti si sono riproposti sfociando nella emarginazione degli uffici unici e nella scelta di diverse strutture tecniche. In terzo luogo, e con più evidenza, la formula degli Uffici unici ha funzionato bene come centro di spesa. Gli ultimi dati disponibili sulla spesa PIT mostrano che le risorse stanziate complessivamente sui PIT sono state pari a 705 milioni di euro; di queste, è stato effettivamente impegnato (a maggio 2011, dati Regione Puglia) il 78%, pari a 552 milioni di euro. Il tasso di impegno totale oscilla tra il 54% del PIT dell‟Area Jonico Salentina ed il 92% del PIT Taranto. In queste quote rientrano sia misure POR a regia o titolarità regionale, sia misure concesse in gestione agli Enti locali – Uffici unici. Tra queste ultime, in particolare, le misure in tema di infrastrutture (4.2) ed in tema di Promozione della Società dell‟Informazione e dell‟internazionalizzazione (6.2) mostrano tassi di impegno decisamente elevati, che oscillano tra il 95,2% (misura 4.2, PIT 3 Bari) ed il 100%; nel complesso le due misure presentano tassi di impegno delle risorse superiori al 98%. Per le stesse misure, anche se non sono disponibili i dati ufficiali aggiornati, la rilevazione sul campo ha permesso di stimare un tasso di spesa, da parte degli Uffici unici, sempre superiore all‟80% e spesso prossimo al 100% delle risorse disponibili. Per alcuni PIT, la capacità di spesa è stata sostenuta dalla possibilità di rendicontare “progetti coerenti” (cioè già realizzati ma compatibili con gli obiettivi PIT) all‟interno della spesa PIT; questa possibilità è stata largamente utilizzata, ad esempio, nel caso del PIT 2 Nord Barese, per superare il rilevante ritardo accumulato in fase di avvio. L‟attività mirante a garantire la velocità della spesa ha infatti favorito, in qualche caso, la rinuncia a progetti più complessi (dove si sono presentate criticità, non sono state poste in essere azioni significative volte al loro superamento) e più spesso la concentrazione su azioni più rapidamente cantierabili. In generale, come già era stato evidenziato in occasione del Rapporto intermedio di valutazione, la maggioranza dei PIT è di tipo “attuativo”, con buona capacità di spesa e realizzativa, ma ridotta capacità di generazione di effetti di apprendimento a causa di un progressivo diluirsi dell‟attenzione rispetto agli obiettivi di sviluppo del territorio.

11


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Tabella 2 Le risorse impegnate sui PIT ed il tasso di impegno sugli importi ammessi, per misura PIT 1

PIT 2

PIT 3

PIT 4

PIT 5

PIT 6

PIT 7

PIT 8

PIT 9

Misura 1.2 Misura 1.3 Misura 1.4 Misura 1.6 Misura 1.7 Misura 1.8 Misura 2.1 Misura 2.2 Misura 3.13 Misura 3.7

1.000.000 100% 790.000 100%

5.999.199 96,8% 2.541.945 99,7% 29.623.800 77,3%

5.226.236 76,1% 1.289.960 100% 15.278.300 89,9%

3.918.018 83,0% 930.000 100% 27.949.487 81,6%

8.124.669 69,0% 840.000 100% 22.056.260 94,9%

2.653.486 100 770.000 100% 16.907.760 83,7%

3.704.447 98,8% 1.089.703 100% 17.547.179 81,1%

2.999.392 24.496.488 100% 98,4% 12.637.946 45,5% 14.216.182 49,9%

13.521.043 95,2%

13.741.957 99,7% 14.676.148 51,8% 7.079.286 49,8%

10.762.431 99,8%

9.471.625 95,6%

6.035.796 100%

Misura 4.1

1.097.143 98,8%

6.765.158 90,0% 1.967.053 98,4% 23.484.433 90,5%

Misura 4.14 Misura 4.2 Misura 4.3 Misura 4.5

2.439.476 100% 22.247.734 48,0% 14.379.237 49,5%

8.243.143 100%

Misura 4.8 Misura 4.9

424.354 40,0%

Misura 6.1 Misura 6.2 Misura 6.5 Totale

6.015.280 100%

6.320.000 100% 465.200 100% 38.083.153 69.446.633 56% 88%

1.472.641 49,2% 7.271.995 38,2% 12.291.839 95,6% 226.900 100% 55.106.273 77%

6.054.604 100% 210.600 100% 76.032.741 72%

4.193.520 99,8%

8.473.622 88,1% 2.686.400 97,1%

45.976.880 90%

47.282.636 92%

39.537.147 88%

5.822.129 100% 299.696 96,9% 48.456.451 54%

15.183.118 (95,7%) 13.325.899 (99,9%) 14.504.188 (81,4%) 6.285.007 (90,7%) 3.809.244 (98,1%) 2.525.753 (94,1%) 3.244.310 (99,9%) 2.916.781 95,8% 1.144.597 75% 11.041.970 78,2% 519.840 48,9% 3.938.370 100%

432.900 100% 380.936 44,7%

2.171.035 46,5% 13.268.266 98,0% 4.211.498 99,2%

PIT 10

6.302.400 100% 288.100 100% 47.050.286 94%

5.802.400 100% 85.055.312 90%

Totale 15.183.118 (95,7%) 13.325.899 (99,9%) 14.504.188 (81,4%) 6.285.007 (90,7%) 3.809.244 (98,1%) 2.525.753 (94,1%) 3.244.310 (99,9%) 2.916.781 95,8% 38.535.809 83,8% 11.315.805 99,5% 163.889.189 84,2% 519.840 48,9% 95.649.721 98,4% 49.561.828 48,4% 35.674.705 49,7% 432.900 100% 4.448.966 46,5% 29.013.884 68,7% 59.700.070 98,9% 1.490.496 99,4% 552.027.512 78,2%

Fonte: Regione Puglia, maggio 2011

4

Il profilo dei PIT manager

I dossier PIT hanno evidenziato la centralità del ruolo dei PIT manager nella conduzione dei programmi territoriali. Si è trattato, in molti casi, di vere e proprie figure manageriali che hanno guidato la fase di attuazione consentendo a buona parte dei PIT di concludere una quota rilevante di interventi e garantire l‟utilizzo delle risorse disponibili, talvolta favorendo ulteriori opportunità di investimento sul territorio. Si è quindi proposto di realizzare un approfondimento rivolto alla figura dei PIT manager, selezionando alcuni PIT più significativi per dimensioni o risultati raggiunti. Per la realizzazione di questo approfondimento sono stati intervistati i seguenti PIT manager: -

Carlo Dicesare, PIT manager del PIT 1 Tavoliere Maria Luisa Caringella, PIT manager del PIT 2 Nord Barse Mario Marchillo, PIT manager del PIT 3 Area Metropolitana di Bari Caterina Mastrogiovanni, PIT manager del PIT 9 Territorio Salentino Leccese Tommaso Lecce, PIT manager del PIT 10 Monti Dauni

Le informazioni sono state raccolte sulla base di una traccia di intervista semi-strutturata, volta a ricostruire il percorso formativo e professionale dei PIT manager, le modalità di coinvolgimento nella vicenda PIT, le risorse attivate per la gestione delle attività oltre che un giudizio generale sull‟esperienza effettuata.

12


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Formazione ed esperienze precedenti I PIT manager intervistati hanno un‟età compresa tra i 43 ed i 61 anni. Tre di essi sono dirigenti individuati all‟interno dell‟Ente capofila. Due sono figure specialistiche esterne, che hanno assunto l‟incarico a tempo determinato. La maggioranza dei PIT manager intervistati ha un profilo formativo di tipo specialistico. Tre pit manager sono laureati in Economica e commercio, tutti con abilitazione alla professione di dottore commercialista; uno in giurisprudenza, avvocato. Oltre alla laurea, quasi tutti hanno realizzato esperienze formative ulteriori. Uno solo ha un profilo formativo di tipo tecnico. Oltre all‟Ente presso il quale hanno operato come PIT manager, tutti hanno avuto esperienze di lavoro in altre amministrazioni e quasi tutti hanno svolto attività professionale o hanno lavorato nel mondo privato. È da notare che solo le due PIT manager con contratto esterno hanno esperienze precedenti e rilevanti in tema di progettazione territoriale complessa. I manager individuati all‟interno della struttura comunale sono stati selezionati per aver dimostrato, in occasioni precedenti, affidabilità e capacità gestionale di progetti di rilievo per l‟Ente. Ad esempio, il PIT manager di Bari aveva gestito progetti di project financing di rilevanza finanziaria, ed il PIT manager di Foggia aveva realizzato il nuovo Piano di Zona. Entrambi peraltro avevano un profilo rilevante sui temi del controllo di gestione e della gestione finanziaria. Il PIT manager dei Monti Dauni meridionali, a capo dell‟Ufficio tecnico della Comunità montana, rappresentava invece la persona di maggiore esperienza all‟interno della piccola struttura amministrativa oltre ad offrire un profilo compatibile con la gestione di interventi prevalentemente di tipo infrastrutturale, che caratterizzavano il PIT. Le modalità di selezione Tutti i PIT manager sono stati selezionati in modo diretto, da parte dei rappresentanti politici, per caratteristiche considerate coerenti con le attività da portare avanti; la modalità “fiduciaria” ha costituito il criterio prevalente di scelta. Molti di essi hanno avviato la propria collaborazione a valle dell‟approvazione del Programma PIT; si sono quindi trovati ad affrontare sia gli aspetti organizzativi (costituzione del gruppo di lavoro e rapporti con gli Enti consorziati) sia quelli tecnici quali la definizione di progetti esecutivi a partire dai progetti preliminari approvati. Come si è detto in precedenza, il periodo di assestamento ed avvio operativo delle attività degli uffici unici ha richiesto circa un anno di tempo. Nessuno dei PIT manager ha svolto l‟incarico in modalità esclusiva. I PIT manager interni hanno mantenuto anche gli incarichi precedentemente affidati. Questo ha determinato, soprattutto per i due PM di Bari e Foggia, un rilevante sovraccarico dovuto anche al ritardo nella costruzione dell‟organico dell‟Ufficio unico, cui, in entrambi i casi, hanno personalmente sopperito. Anche le PIT manager esterne portavano avanti contemporaneamente altre attività, l‟una con compiti simili presso un‟altra amministrazione, l‟altra con affidamento di ulteriori servizi, tra cui lo sportello unico delle attività produttive ed altri progetti finanziati dal POR. Gli interlocutori I PIT manager si sono rapportati con diversi tipi di interlocutori; nella maggioranza dei casi, il peso principale è costituito dal referente politico o da esperti di area politica, ed in ogni caso dal partenariato istituzionale. Si tratta di un rapporto ambivalente: alcuni hanno segnalato la difficoltà di mantenere separata la sfera di competenza della direzione politica dagli elementi e le scelte della gestione tecnica, altri le difficoltà conseguenti al disinteresse o alla discontinuità nella leadership politica. Per le attività connesse all‟attuazione dei progetti, tutti i PIT manager hanno intrattenuto rapporti intensi con l‟apparato amministrativo, in particolare con gli uffici tecnici coinvolti nell‟attuazione delle operazioni infrastrutturali. In diversi casi è stato invece segnalato che la necessaria collaborazione delle strutture per gli aspetti più spiccatamente amministrativi sono stati lontani dall‟essere soddisfacenti. La Regione è stata, ovviamente, uno degli interlocutori principali del PIT manager. A questo proposito sono state segnalate due difficoltà principali. La prima ha riguardato il fatto che, a fronte di un interlocutore unico di livello locale (il PIT manager, appunto), a livello regionale esistessero diversi interlocutori (l‟autorità di gestione, i responsabili di misura, la struttura PIT) che non sempre erano perfettamente allineati nelle comunicazioni e nelle direttive da impartire. La seconda difficoltà ha riguardato il fatto che il disegno, e la comunicazione, rispetto alla policy PIT si è concentrato nella fase preliminare, fermandosi sostanzialmente 13


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 alla definizione degli accordi tra amministrazioni. La fase di attuazione è stata invece caratterizzata da urgenza attuativa ed incertezza rispetto ai vincoli ed alle opportunità che si sarebbero presentati nelle fasi successive. Quello che volevo dalla Regione non era che mi spiegassero quali erano i compiti di un ufficio unico; quello che mi serviva era capire cosa dovevo aspettarmi ad ogni step successivo, in modo da fare le mie valutazioni e procedere con le decisioni più opportune.

Un altro PM ha giudicato molto meno critico il rapporto con la Regione: Non era difficile capire cosa si aspettavano a livello regionale; c’erano gli obiettivi PIT, c’erano le linee guida. A livello tecnico c’era poco da interpretare: il punto era mettersi d’accordo a livello territoriale e gestire rapidamente le azioni concordate.

La maggior parte degli intervistati ha inoltre sottolineato che il lavoro del PIT manager è stato assorbito in misura considerevole dal rapporto con il partenariato socio-economico. Solo in un caso il PIT non ha avuto nessuna significativa collaborazione con il mondo delle imprese. Il rapporto con il partenariato economico è stato, in particolare, l‟elemento distintivo del PIT 1 Tavoliere, dove l‟approccio partecipato alle decisioni del PIT è stato diffusamente perseguito. Questa modalità è coerente con un obiettivo esplicito del PIT manager, che ha interpretato il PIT come un‟opportunità di modificare le modalità di interazione con le aziende locali costituendo un tavolo di lavoro permanente, in discontinuità rispetto ad esperienze precedenti, quali il Patto di Foggia. Anche il PM del PIT 9 sottolinea la rilevanza dell‟interlocuzione, avvenuta lungo tutto l‟arco di programmazione, con il partenariato socio economico, mentre la PM del PIT 2 sottolinea che questo rapporto si è creato e rafforzato soprattutto nelle ultime fasi di implementazione del progetto. Infine il PM del PIT 3 ha sottolineato come durante la fase di predisposizione dei progetti esecutivi del PIT, il coinvolgimento di soggetti del mondo dell‟impresa e dell‟università ha costituito una valida sponda per verificare la fattibilità e tenuta dei progetti. Gli obiettivi ed il grado di autonomia E‟ stato chiesto ai PIT manager quali obiettivi si erano posti in relazione al proprio incarico sul PIT. Alcuni hanno affermato che la principale preoccupazione era connessa al rispetto della tempistica per non perdere i fondi concessi, ed alla garanzia procedurale delle attività. L‟aspetto tecnico-burocratico è stato decisamente importante per i PIT manager, anche se con accenti diversi. Alcuni di essi lo hanno messo in relazione alla necessità di cautelare la propria attività e quella dell‟Ente all‟interno di un quadro di regole e vincoli non completamente stabile (segnalato in particolare da coloro che non avevano esperienze precedenti in progetti di questo tipo): la mia maggiore preoccupazione era quella di preparare le condizioni per progetti fattibili, che avrebbero dato buoni risultati ma soprattutto che non avrebbero anche in futuro creato problemi per l’Ente. Io lavoro in questa amministrazione, ero molto preoccupato per le possibili future ripercussioni di decisioni prese con superficialità o sottovalutando le regole amministrative.

Altri PIT manager hanno sottolineato il proprio ruolo nella definizione, a livello decentrato, degli impegni reciproci per la cooperazione inter-istituzionale. Questo ha richiesto lo sviluppo di attività e strumenti rivolti alla costruzione del proprio ruolo come manager ed al controllo degli interventi portati avanti dai vari soggetti (in particolare, dai funzionari degli altri Comuni coinvolti). Alcuni esempi sono la redazione di un regolamento dell‟Ufficio unico, l‟attivazione di tavoli permanenti del partenariato istituzionale, la predisposizione di strumenti di monitoraggio delle attività e di procedure di controllo delle gare. In un caso, è stato anche realizzato un esercizio di autovalutazione (basato sul modello CAF – common assessment framework) volto ad individuare i punti di forza e debolezza e le aree da migliorare del PIT ed i compiti dell‟Ufficio unico. L‟autonomia goduta nell‟esercizio della propria attività è stata considerata elevata per certi aspetti, bassa per altri. A costringere l‟autonomia del PM ha contribuito in qualche caso la politica con alcuni momenti di interferenza sulle scelte, ma soprattutto l‟urgenza di concludere azioni e progetti. I tempi ristretti hanno peraltro costituito anche un vincolo al conflitto politico. Come ha affermato un PIT manager: Su questo territorio c’è storicamente un’alta conflittualità tra territori, che non riuscivano a giungere ad un progetto condiviso e così ritardando l’avvio delle attività. Ma l’urgenza, fortunatamente, porta a maggiore ragionevolezza.

14


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Un intervistato ha affermato che la perdita di attenzione della politica sul PIT durante la fase di implementazione ha favorito la maggiore autonomia del PM stesso: l’interesse dei politici dell’Ente capofila e dei partner si è molto affievolito durante la fase di implementazione del PIT. Ciò mi ha permesso di assumere decisioni in piena autonomia, senza costrizioni o interferenze, giocando il ruolo di tecnico necessario alla riuscita dei progetti.

D‟altra parte molti degli intervistati hanno sottolineato che l‟autonomia manageriale si è spesso tradotta in “solitudine del manager”, cioè in assenza di una sponda sufficiente da parte delle amministrazioni di riferimento. Ad esempio due intervistati hanno affermato: in generale pensavo di dover operare all’interno di un quadro di regole fornito dalla Regione, e da risorse fornite dall’Amministrazione e dagli altri aderenti al PIT, ma né l’una né l’altra sono arrivate. C’erano numerose problematiche difficili da affrontare, che ho dovuto risolvere praticamente da solo, senza alcun supporto ed esponendomi a rischi.

…. La difficoltà maggiore è stata quella di dovere assolvere a tutte le funzioni presenti in un ufficio autonomamente, senza l’aiuto di alcun collaboratore. E ciò per oltre un anno dalla firma dell’accordo amministrativo con Regione Puglia, per non parlare del periodo precedente…

Il giudizio sull’esperienza realizzata In generale, tutti gli intervistati hanno offerto un giudizio positivo sul funzionamento complessivo dell‟Ufficio unico, motivato in base alla capacità di realizzare i principali progetti ad esso assegnati; quasi tutti affermano inoltre che l‟Ufficio unico ha rafforzato il ruolo dell‟Ente capofila nei confronti degli altri soggetti. Si tratta però di un rafforzamento durato solo per la durata del PIT, sia perché le strutture sono state quasi ovunque smantellate, sia per lo scarso coinvolgimento nelle Aree Vaste, sia per altre ragioni, come sottolinea un intervistato: Generalmente la gestione dell’Ufficio unico ha contribuito a rafforzare l’immagine del Comune in quanto leader delle politiche di sviluppo locale. Il comune è stato riconosciuto per le sue competenze di gestione di un progetto complesso e di coinvolgimento del partenariato. Tuttavia questo ruolo è stato eroso dal dissesto finanziario che minaccia il comune e dalla bassa qualità ed efficacia dei servizi oggi erogati.

Vari PIT manager hanno però ritenuto che lo sforzo di costruzione di competenze e capacità interne non sia stato capitalizzato: Purtroppo l’esperienza PIT non ha lasciato nulla alla struttura comunale. Poiché l’intera struttura e tutto il know how acquisito in tanti anni, sono stati smantellati con l’avvicendarsi della nuova Giunta comunale, senza peraltro sostituirla con altre figure.

Dal punto di vista del profilo professionale e di carriera dei manager, tutti gli intervistati hanno affermato di avere imparato molto dall‟esperienza realizzata e che l‟apprendimento ha riguardato anche parte degli staff. Il mio profilo di carriera si è rafforzato nella determinazione ad assumere la responsabilità personale delle decisioni, nella capacità di gestire le relazioni, assumendo con approccio “zen” il rischio, l’imprevisto e le difficoltà come eventi normali. Ho capito che la credibilità si costruisce sulla gestione di tutte le difficoltà, sul controllo di tutte le procedure, anche le più banali. Quando hai fatto questo, poi puoi occuparti anche delle strategie.

Meno evidenti sono, ad oggi, gli avanzamenti di carriera dovuti all‟esperienza PIT. Tutti i PIT manager provenienti dalla stessa struttura amministrativa dell‟Ente capofila, dopo lo scioglimento dell‟Ufficio unico, sono tornati a ricoprire l‟incarico svolto in precedenza. Solo in un caso, il manager ritiene che il proprio profilo professionale sia stato rafforzato grazie all‟esperienza PIT e che anche alcuni collaboratori dell‟Ufficio unico abbiano beneficiato di un avanzamento di carriera. Solo uno dei PIT manager esterni è stato riconfermato nel proprio ruolo, mentre l‟altro è attualmente in attesa di nuovo incarico.

15


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 Tabella 3 I PIT manager intervistati

Carlo Dicesare

PIT

Periodo di incarico come PM

Anno di nascita

Laurea e specializzazi oni

Esperienze precedenti

Esperienze sul tema della progettazion e complessa

Modalità di reclutamento

Tipo di incarico

Qualifica

Attività attuale

PIT 1

2005-10

1964

Economia e commercio

Dirigente del servizio economico finanziario dal 1999

Nessuna

Affidamento diretto

Dipendente a tempo pieno indetermin ato

Dirigente

Servizi Finanziari e Politiche Patrimoniali

Rilevanti (Piano urbanistico esecutivo di Bagnoli Coroglio; PRUSST Calatino Nord Simeto; Patti territoriali)

Incarico fiduciario

Dipendente a TD con contratto privato a tempo pieno

Alta professionalit à

PIT manager

Dirigente contabile – direttore staff controllo di gestione del Comune di Bari

Nessuna

Affidamento diretto

Dipendente a tempo pieno indetermin ato

Dirigente

Dirigente contabile – direttore staff controllo di gestione del Comune di Bari

Direzione gestione aziendale

Patti territoriali

Incarico fiduciario

Dipendente a TD con contratto privato a tempo pieno

Responsabile

In attesa di nuovo incarico

Collaborazi one

Affidamento diretto

Dipendente a tempo indetermin ato

Responsabile

Responsabil e del settore tecnico della CM Monti Dauni

Dottore Commercial ista

Dirigente servizi sociali M.L.Caringella

Mario Marchillo

PIT 2

PIT 3

2005-10, riconferm ata

2004-2007

1965

Giurisprude nza Avvocato

1961

Tommaso Lecce

5

PIT 9

PIT 10

Maggio 2005aprile 2011

1968

2005-10

1950

Cresme Roma Dirigente presso Comune Bitonto

Economia e commercio Dottore Commercial ista

Caterina Mastrogiovan ni

Attività legale

Economia e commercio Bocconi

il di

e

Dottore Commercial ista Laurea scienze agrarie

in

Libero professionista - agronomo

Conclusioni

La governance dei PIT prevedeva la costituzione degli Uffici unici come centro unico di organizzazione e spesa per gli interventi a gestione locale. Come si è visto, questa scelta aveva come obiettivi quelli di: -

Semplificare e accelerare il completamento dell‟elaborazione ed attuazione dei PIT; Dare attuazione al quadro normativo in materia di decentramento; Semplificare ed ottimizzare la fase di gestione dei PIT.

La ricostruzione effettuata permette di sostenere un giudizio positivo sulla soluzione individuata con gli Uffici unici, soprattutto per quanto riguarda gli effetti in termini di semplificazione e di supporto all‟elaborazione e gestione dei programmi integrati territoriali. In primo luogo, la semplificazione operata con gli Uffici unici, grazie all‟individuazione di undici referenti locali titolati ad intrattenere il rapporto con la Regione, a fronte di 254 enti locali coinvolti, ha drasticamente ridotto il numero di interlocutori della Regione (con particolare riferimento ai Responsabili di misura, alla struttura PIT e al Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici) per la gestione delle misure finanziate dal POR. In secondo luogo, l‟Ufficio Unico ha operato come un centro di coordinamento delle attività del partenariato locale, affidando il controllo tecnico delle attività ad un 16


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 soggetto unico, stabile nel tempo e con una forte “certificazione” da parte dell‟Ente regionale. In questo modo la collocazione dell‟Ufficio unico in capo ad un Ente capofila definito in accordo con la Regione, ha agito come collante rispetto a forze centrifughe (derivanti per esempio dagli avvicendamenti elettorali) e probabilmente ha anche permesso di contenere le richieste di modifica dei progetti esistenti (o di inserimento di nuovi progetti) all‟interno di soglie accettabili e comunque generalmente coerenti con l‟”idea forza” stabilita per il PIT. L‟esperienza PIT ha inoltre permesso di sottolineare il ruolo cruciale svolto dai PIT manager. Gli approfondimenti hanno evidenziato che il personale selezionato a questo scopo ha effettivamente costituito il principale elemento a presidio dell‟attuazione; quasi sempre, la selezione dei PIT manager è avvenuta per incarico fiduciario da parte del livello politico, ed è ricaduta su personale di buon profilo, caratterizzato da riconosciute capacità e competenze pregresse. La continuità a capo dell‟Ufficio unico, il sostegno del partenariato politico-istituzionale e la disponibilità di strutture adeguate sono certamente elementi in grado di spiegare la migliore riuscita di alcuni PIT rispetto ad altri. Tuttavia, un passo in più rispetto alla buona gestione dei compiti assegnati è stato effettuato da quei PIT manager capaci di definire e comunicare ai propri interlocutori una propria visione della politica territoriale, accompagnandola da strumenti adeguati a consolidare la credibilità del proprio ruolo e quindi la collaborazione dei partner. Questo profilo è stato probabilmente favorito dall‟aver già partecipato in precedenza alla gestione di programmi complessi di sviluppo territoriale o comunque a interventi con forte rilevanza del partenariato. In sostanza, e al netto di alcune pur rilevanti criticità, gli Uffici unici hanno garantito l‟efficienza produttiva dei progetti territoriali, fornendo supporto alla definizione esecutiva dei progetti intercomunali, presidio e gestione delle procedure tecnico-amministrative, monitoraggio degli stati di avanzamento, velocità della spesa. Si tratta di risultati non trascurabili per molte ragioni, tra cui soprattutto l‟erosione del tempo disponibile per l‟attuazione, a causa di un percorso di concertazione, programmazione e validazione dei PIT che aveva “consumato” tre anni (dal 2002 al 2005), cui se ne è aggiunto un altro per la scelta dei PIT manager e l‟attivazione degli uffici unici a livello locale. L‟urgenza attuativa è stata la cifra caratterizzante di tutte le esperienze di gestione dei PIT a livello locale. Il tempo ha costituito in qualche caso una risorsa (usata strategicamente da alcuni PIT manager per limitare interferenze di tipo politico) ma soprattutto un vincolo a fronte del quale sono state allestite strutture di gestione snelle, flessibili e molto basate sulle risorse esterne alle amministrazioni, sia per le funzioni specialistiche sia per la gran parte di quelle amministrative (come ad esempio, la rendicontazione dei progetti). Il ricorso a risorse interne, sia degli Enti capofila sia soprattutto degli altre enti aderenti al PIT, è stato limitato al personale degli uffici tecnici responsabili delle operazioni infrastrutturali. Dove la scelta di ricorrere alle risorse interne è stata più esplicita, gli adeguamenti organizzativi si sono tradotti in rallentamenti nella composizione del gruppo di lavoro e della struttura di riferimento dei progetti territoriali. L‟avvio della fase attuativa dei PIT ha inoltre coinciso con l‟inizio della nuova programmazione delle Aree Vaste, facendo sì che anche dal punto di vista gestionale si costruissero due “percorsi paralleli” con rari punti di intersezione. Il percorso di programmazione delle Aree Vaste ha infatti catalizzato l‟attenzione dei referenti politici, che in diversi casi hanno colto l‟occasione per modificare gli equilibri inter-territoriali tramite la scelta di nuovi capifila e la costituzione di nuovi Uffici unici (a dispetto del nome, non sempre gli Uffici unici delle Aree vaste svolgono le funzioni di centro unico di spesa che svolgevano nel modello PIT). Come alcuni intervistati hanno sottolineato, questa sovrapposizione ha via via ridotto l‟attenzione verso la vicenda PIT, e nello stesso tempo esonerato gli staff degli Uffici unici PIT da attività di supporto alla nuova programmazione. Al contrario, non vi sono evidenze che le scelte di organico dell‟Ufficio unico siano state volte a strutturare un nucleo di competenze stabili per la gestione di politiche e progetti anche ulteriori al PIT, radicando l‟Ufficio unico nelle politiche dell‟Amministrazione. Tutti gli Uffici unici, eccetto uno (PIT 2 Nord Barese, la cui convenzione tra Enti è stata prorogata per ulteriori cinque anni), hanno concluso le proprie attività o lo faranno al termine delle procedure di rendicontazione dei progetti; solo il Comune di Bari ha, con molte difficoltà, attivato una ripartizione dedicata alla gestione dei progetti complessi, e presso la Provincia di Taranto l‟attuale ufficio che gestisce l‟area vasta è lo stesso che aveva preso in carico il PIT dopo l‟entrata in crisi del Comune. Dal punto di vista dell‟impatto sulle capacità amministrative degli Enti coinvolti, 17


Consorzio Metis – Allegati al rapporto finale – giugno 2011 l‟esperienze PIT può essere considerata un‟occasione mancata: alcune delle ragioni che abbiamo appena esposto hanno favorito scelte “a tempo” e di conseguenza ridotto la portata delle trasformazioni possibili. La scelta verso strutture flessibili e “a progetto” ha costituito senz‟altro una strategia plausibile da parte dei territori, dato il sistema di vincoli ed opportunità della policy PIT; del resto, la Regione stessa non sembra avere posto obiettivi di consolidamento delle strutture di gestione anche al di là del PIT (lasciando, ad esempio, aperta la possibilità di selezionare i nuovi capifila delle aree vaste). Tuttavia, questo esito contrasta in modo più significativo con uno degli elementi dell‟efficacia dei PIT, vale a dire con la gestione di alcuni progetti realizzati grazie al finanziamento PIT. L‟ottica di breve periodo, infatti, non ha quasi mai concesso di dedicare tempo e risorse alla concreta attivazione di strutture e servizi, lasciando privi di gestione alcuni ambiziosi portali informativi o i molti centri servizi allestiti grazie ai finanziamenti comunitari.

18


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

6

Traccia per l’intervista ai PIT manager

Anagrafica: Anno di nascita: Sesso: M/F Titolo di studio (diploma, laurea, dottorato): Esperienze formative supplementari (master, specializzazioni...) Attuale posizione lavorativa (alla data di intervista): Ente/azienda e qualifica Tipo di contratto attuale: dipendente/autonomo; tempo indeterminato/determinato; tempo pieno/tempo parziale É stato PIT manager del PIT n.__ per il periodo da _____ a _____ Livello della qualifica (dirigente/non dirigente) Tipo e durata del contratto: dipendente/autonomo; tempo indeterminato/determinato con contratto privato; tempo pieno/tempo parziale Modalità di selezione per l‟incarico di PIT manager: incarico diretto, bando di concorso Domande a risposta aperta 1) Vorrei che innanzitutto lei mi descrivesse il suo profilo di studi e professionale: qual è il suo percorso di studi? Quale è la sua storia professionale precedente all‟esperienza del PIT? 2) Prima del PIT, si è mai occupato di progetti di sviluppo territoriale? Se sì quali, con quale ruolo? Che giudizio ha di queste esperienze? (ad esempio: - patti territoriali; - leader; - interreg; - Urban - Prusst - se altre esperienze in tema di sviluppo locale, specificare quali 3) Mi può raccontare come è iniziata la sua esperienza come PIT manager? Come è stata selezionata la sua figura per questo incarico? (approfondire le modalità con cui l‟intervistato è stato selezionato per l‟incarico: ad esempio perché referente di un settore interno coerente con la programmazione PIT, per le esperienze professionali precedenti..) 4) Nel periodo di incarico, quanta parte del suo tempo lavorativo è stata assorbita dalla gestione del PIT? Ha avuto nel frattempo altri incarichi nel settore di riferimento o in altri? (capire se la persona intervistata ha svolto il ruolo di PIT manager come incarico prevalente o ha svolto anche altre funzioni, es. dirigente del settore politiche comunitarie) 5) In quale fase del PIT si è avviata la sua collaborazione? (predisposizione del programma PIT; fase di implementazione) 6) Quali erano i principali compiti attribuiti all‟Ufficio unico? Oltre alla gestione del PIT all‟UU erano attribuite altre funzioni? (es. gestione suap)

19


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 7) Nel suo ruolo di dirigente dell‟Ufficio unico, chi sono stati i suoi principali interlocutori? Chi ha avuto, secondo lei, il peso principale nell‟indirizzare il PIT? (es. sindaco del Comune di riferimento, o altri sindaci; referenti amministrativi delle strutture coinvolte, ecc) 8) Più in generale, come giudica le modalità di interazione tra i partner del PIT? Si sono modificate nel tempo, ad esempio diventando più/meno cooperative? In che modo sono stati gestiti gli eventuali conflitti tra partner? 9) Come giudica l‟apporto del partenariato economico? In quale fase è stato maggiormente coinvolto? Si è trattato secondo lei di un coinvolgimento prevalentemente “passivo” o il partenariato ha almeno in parte condizionato gli obiettivi e/o le modalità di attuazione del PIT? Può fare qualche esempio? 10) Quali erano i principali problemi che ha dovuto affrontare quando ha avviato l‟incarico come PIT manager? (Rilevare la percezione sulle principali criticità da affrontare al momento dell‟incarico su vari fronti; ad esempio, rapporto con i referenti politici o economici, con le strutture comunali/provinciali in cui era inserito l‟Ufficio unico o con la consulenza o con la Regione; capire i compiti del pit manager e gli obiettivi da raggiungere; strutturare il gruppo di lavoro; predisporre i progetti e le procedure di selezione; ecc..) 11) Quali principali obiettivi si era posto per il suo lavoro come pit manager? Che tipo di risultati pensava di raggiungere nell‟ambito della gestione del PIT? 12) Quali principali attività ha realizzato in qualità di PIT manager? Quali attività hanno assorbito maggiormente il suo lavoro? (ad esempio: - negoziazione all‟interno della partnership e con la regione; - organizzazione di riunioni di animazione territoriale; - promozione e gestione degli incontri e le riunioni tra partner; - progettazione delle iniziative PIT; - procedure di selezione; - raccolta di informazioni sullo stato di attuazione e rendicontazione; - gestione del gruppo di lavoro; - gestione della consulenza; - fund raising e progettazione per i partner, anche ulteriori al PIT 13) Nella sua attività per l‟Ufficio unico è stato supportato da un gruppo di lavoro? Come era composto? Lei ha potuto definire le modalità di composizione del gruppo di lavoro? Quali criteri ha seguito in proposito? (es. composizione tutta interna all‟amministrazione capofila; selezione di collaborazioni esterne; avvalimento di personale in forza presso altri comuni; ecc) 14) Ha utilizzato/sviluppato strumenti specifici per la gestione del PIT e dell‟Ufficio unico? (ad esempio: - Definizione di un regolamento di ufficio; - Utilizzo di deleghe; - Piani di gestione delle attività; - Inserimento degli obiettivi relativi al PIT nel PEG; - Sviluppo di template e linee guida per il lavoro dei partner; - Ricorso alla consulenza esterna; 20


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

-

Formazione del gruppo di lavoro e degli altri collaboratori; Sistemi di monitoraggio interni (procedurale, fisico, finanziario); Sistemi di rendicontazione vero la Regione; Sistemi di incentivazione del personale; Reportistica periodica (rivolta ai partner del PIT); Sistemi di audit; Valutazioni interne/esterne.

15) Come giudica il suo livello di autonomia nella gestione del PIT? In che misura ha potuto prendere decisioni gestionali tali da consentire il raggiungimento di risultati attesi? Quali vincoli invece ha dovuto affrontare? 16) Come giudica la funzionalità dell‟Ufficio unico dal punto di vista della gestione del PIT? Il disegno organizzativo ha favorito la gestione o l‟ha resa più difficoltosa? In caso di una riedizione del PIT, quali elementi dell‟Ufficio unico avrebbe recuperato, e perché? E quali invece avrebbe sicuramente abbandonato? 17) La gestione dell‟Ufficio unico ha contribuito a rafforzare il ruolo del Comune capofila rispetto agli altri partner? 18) Secondo lei era presente, almeno a livello iniziale, l‟idea che con l‟Ufficio unico si dovesse costituire un nucleo di competenze per la gestione delle iniziative di sviluppo territoriale? Quest‟idea è stata confermata nel corso del tempo? Quali iniziative potrebbero essere portate ad esempio su questo punto? Più in generale, sono state realizzate iniziative volte a confermare il ruolo dell‟UU anche successivamente al PIT? 19) Si ritiene generalmente che la gestione di progetti complessi abbia un effetto in termini di apprendimento da parte delle strutture burocratiche coinvolte. La sua esperienza conferma questa ipotesi? Cosa ha lasciato l‟esperienza PIT alla struttura comunale? 20) Lei è stato direttamente coinvolto nel processo di definizione delle Aree vaste o di altri progetti rilevanti per quest‟area? Con che ruolo? 21) Come giudica la funzionalità dell‟Ufficio unico dal punto di vista della gestione del PIT? Il disegno organizzativo ha favorito la gestione o l‟ha resa più difficoltosa? In caso di una riedizione del PIT, quali elementi dell‟Ufficio unico avrebbe recuperato, e perché? E quali invece avrebbe sicuramente abbandonato? 22) Come giudica nel complesso l‟esperienza di gestione del PIT e dell‟Ufficio unico? Pensa che questa esperienza abbia rafforzato il suo profilo di carriera? In che modo? Sempre con riferimento al profilo di carriera, pensa che il PIT abbia contribuito all‟avanzamento professionale del restante personale?

21


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATO II. UNA ANALISI EMPIRICA STRUMENTO DEI PIA / PIT 1

DELL’EFFICIENZA

E

DELL’EFFICACIA

DELLO

Lo strumento PIA/PIT

Il presente approfondimento si propone di analizzare l‟efficienza e l‟efficacia del dispositivo dei Programmi Integrati di Agevolazione (PIA) attivati nell‟ambito dei PIT pugliesi nel periodo 2000-2006, con particolare attenzione alla capacità di questo strumento di sostegno alle imprese di realizzare una azione di sollecitazione e irrobustimento dei sistemi produttivi locali coordinata con le altre politiche attivate dai PIT. I PIA sono strumenti di sostegno in regime di aiuto al sistema delle imprese da realizzare nell‟ambito dei PIT e sono stati inizialmente previsti nel Complemento di Programmazione del POR Puglia 2000-2006 ed in conformità alle disposizioni del Regolamento comunitario relative ai regimi di aiuto. Con l'avvio dello strumento Programmi Integrati di Agevolazioni la Regione Puglia ha voluto perseguire l'obiettivo specifico di favorire, nell'ambito dei PIT, un adeguato riconoscimento alle iniziative in grado di rispondere ad un principio di integrazione e di concentrazione funzionale e territoriale, promuovendo programmi di investimento connessi a processi di innovazione tecnologica, anche attraverso la crescita delle competenze delle risorse umane coinvolte nei processi produttivi. A seguito di specifici Avvisi Pubblici emessi in relazione a ciascuna area PIT, le imprese (in forma autonoma o consorziata) hanno provveduto a presentare delle "manifestazioni di interesse", che definivano l'oggetto e gli obiettivi dell'investimento proposto all'agevolazione pubblica. Attraverso una domanda unica i proponenti hanno avuto la possibilità di richiedere l'accesso ad un gruppo di misure del Piano Operativo Regionale: Misura 3.13 - Spese per Ricerca Industriale Misura 3.13 - Spese per Sviluppo Precompetitivo Misura 3.13 - Spese per Trasferimento Tecnologico Misura 4.1 azione C - Investimenti per l'ampliamento della base produttiva Misura 4.1 azione A - Investimenti per acquisizione di servizi reali Misura 4.20 azione C - Investimenti per azioni di formazione specifica Ricevute le manifestazioni d'interesse, la Regione Puglia, per il tramite del Gruppo Tecnico di Coordinamento, ha proceduto alla verifica dei requisiti formali di ammissibilità ed alla valutazione dei programmi di investimento, producendo delle graduatorie per ciascuna area PIT. I soggetti ammessi in queste graduatorie sono dunque stati abilitati a partecipare alla fase di presentazione e valutazione del progetto analitico. Dal punto di vista dei soggetti beneficiari lo strumento si rivolgeva a medie imprese che alla data di presentazione della domanda avessero approvato almeno due bilanci e che nell‟esercizio precedente avessero registrato un fatturato non inferiore a 10 Meuro per aziende di produzione o a 2,7 Meuro per aziende di servizi, ma soprattutto a Consorzi di Piccole e Medie Imprese operanti in uno o più settori produttivi legati da rapporti di complementarietà e che potessero esprimere stabili sinergie a carattere tecnologico, produttivo e di mercato. Un obiettivo indiretto dei PIA-PIT era dunque anche quello di promuovere la cooperazione orizzontale tra PMI, nella prospettiva del‟irrobustimento di una logica di collaborazione tra imprese. 22


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 A fronte di questi obiettivi l‟analisi svolta e restituita nelle pagine successive si propone dunque di verificare la rispondenza degli esiti dei bandi PIA-PIT agli obiettivi regionali sia dal punto di vista dell‟efficacia nel sostegno al sistema produttivo e alla promozione della cooperazione tra imprese, sia sotto il profilo dell‟efficienza de dispositivo.

2

La metodologia

L‟analisi empirica effettuata si è basata su una intervista strutturata somministrata a tutte le aziende o i consorzi dichiarati ammissibili al finanziamento nei bandi PIA-PIT, che sono stati promossi in 8 PIT su 104. Nel caso dei consorzi (composti da più aziende), l‟intervista è stata realizzata solo con un‟azienda (quando disponibili le capofila, anche se ciò non era un dato fornito a priori). Le interviste sono state somministrate a seconda della disponibilità a: proprietari dell‟azienda o lavoratori appartenenti all‟azienda che hanno seguito direttamente il progetto, altrimenti consulenti esterni (per la maggior parte avvocati o consulenti specializzati politiche europee) che hanno collaborato. Tabella 1 Nr di interviste effettuate per PIT

l’impresa o consorzio intervistato ha usufruito del finanziamento? PIT

NO

TOTALE

2

3

6

9

3

3

8

11

4

2

2

4

5

1

4

5

6

0

3

3

7

3

5

8

9

5

5

10

10

1

2

3

TOTALE

18

35

53

Le imprese che sono state intervistate sono di vario tipo: Nel PIT 2 Area Nord Barese delle 12 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 9. Di queste/i 6 hanno ricevuto il finanziamento; 3 hanno invece rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: tessile, televisivo, metalmeccanico, alimentare, global service, energie alternative (fotovoltaico), calzaturiero. Nel PIT 3 Area Metropolitana di Bari delle 13 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 11. Di queste/i 8 hanno ricevuto il finanziamento; 3 hanno invece rinunciato al finanziamento. I settori principali delle aziende in questione sono: informatica, gestione risorse umane, grafica ed editoria, servizi televisivi, biotecnologie, metalmeccanico.

4

Le imprese ammesse a finanziamento PIA PIT sono state contattate o telefonicamente (intervista telefonica) o attraverso indirizzo mail (intervista mail) grazie ai contatti forniti dalla Responsabile della Struttura P.O. Fesr 2007 – 2013 Lucia Crocitto dell‟ Ufficio Pianificazione della Regione Puglia. 23


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Nel PIT 4 Area della Murgia delle 5 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 4. Di queste/i 2 hanno ricevuto il finanziamento; 2 hanno rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: manifatturiero (infissi), consulenza per le politiche comunitarie, arredamento. Nel PIT 5 Valle D’Itria sono state contattate 5 aziende/consorzi su 5. Di queste/i 4 hanno ricevuto il finanziamento; 1 ha rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: industria (ferroviario), metalmeccanico, abbigliamento. Nel PIT 6 Area di Taranto delle 6 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 3, tutte finanziate. I settori principali delle aziende in questione sono: logistica, informatica, manifatturiero (zanzariere). Nel PIT 7 Area di Brindisi delle 15 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 8. Di queste/i 5 hanno ricevuto il finanziamento; 3 hanno invece rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: calzaturiero, manifatturiero- edilizia civile ed industriale, televisivosottotitolazione, metalmeccanico. Nel PIT 9 Area Territorio Salentino Leccese delle 13 aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento, ne sono state contattate 10. Di queste/i 5 hanno ricevuto il finanziamento; 5 hanno invece rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: tessile-abbigliamento, servizi informatici, legno-arredo, alimentare, terziario-servizi alle imprese. Nel PIT 10 Monti Dauni sono state contattate 3 aziende/consorzi su 3. Di queste/i 2 hanno ricevuto il finanziamento; 1 ha invece rinunciato. I settori principali delle aziende in questione sono: ICT, Sistemi di connessioni di aerodinamica, produzione di tubi. Complessivamente le aziende/consorzi ammesse/i a finanziamento in graduatoria sono 72. Sono state/i contattate in tutto 53 aziende/consorzi. Di queste 35 aziende/consorzi hanno ricevuto il finanziamento; 18 aziende/consorzi hanno rinunciato al finanziamento. Tabella 2 Nr di interviste effettuate a imprese o consorzi

l’impresa o consorzio intervistato ha usufruito del finanziamento? impresa o consorzio

NO

TOTALE

singole imprese

6

16

22

consorzi

12

19

31

TOTALE

18

35

53

Come si può osservare, alla fine del processo un certo numero di imprese singole, alcune delle quali non rispettavano pienamente i vincoli per i soggetti proponenti, sono state comunque ammesse al finanziamento. Nella realizzazione delle interviste sono emerse alcune difficoltà che vale la pena di rilevare. La prima di queste è il tempo relativamente lungo trascorso tra la fine del progetto e la somministrazione dell‟intervista. Ciò ha implicato il fatto che a volte la completezza di risposta al questionario non è stata raggiunta, perché le persone delle aziende e/o i consulenti non ricordavano più ogni cosa e non avevano più la documentazione cui attingere informazioni. Spesso le aziende o i consulenti rinunciatari al finanziamento ricordano solo (e non sempre) il motivo della rinuncia. Altre volte il contatto per il progetto non finanziato ha smesso di lavorare in azienda da anni, o l‟azienda stessa non era più attiva. Le domande sulle quali sono emerse le maggiori difficoltà sono state relative alla sezione anagrafica del questionario (soprattutto quando l‟intervistato è stato un consulente. 24


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 E‟ stato inoltre molto difficile assumere informazioni e giudizi da parte degli intervistati su altri aspetti non strettamente collegati al PIA: altre agevolazioni o altre iniziative connesse al PIT. Ciò sembra evidenziare una logica piuttosto ristretta, da parte di molte imprese, rispetto all‟acquisizione del finanziamento.

3

L’analisi empirica attraverso le interviste

Una prima parte dell‟intervista è stata dedicata all‟indagine sulla tipologia di imprese o di consorzi che sono stati dichiarati ammissibili al finanziamento. Per quanto riguarda i consorzi, per la grande maggioranza dei casi si è trattato di consorzi con un numero assai limitato di imprese (due o tre) e, per la maggior parte dei casi, costituitisi ad hoc per accedere al finanziamento. Fig. 1 Nr imprese aderenti ai consorzi

Per quanto riguarda invece le imprese non consorziate, si tratta per la maggior parte di società di capitali, un numero rilevante delle quali costituite di recente (addirittura, il 44% nel periodo 2005/2006, a ridosso della partecipazione ai bandi). Fig. 2 Anno di fondazione delle imprese o dei consorzi

Dal punto di vista settoriale le imprese che hanno avuto accesso al finanziamento, siano esse singole imprese o imprese leader dei consorzi, sono distribuite tra diversi settori di attività, con una buona presenza di imprese del settore ICT, del tessile-abbigliamento-calzature e dei servizi alle imprese. Un ruolo significativo hanno anche l‟edilizia e la meccanica.

25


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Fig. 3 Settori di attività

Dal punto di vista delle dimensioni si realtà produttive molto piccole. Solo 4 intervistati dichiarano un fatturato superiore ai 20 Meuro. Sotto il profilo occupazionale, tuttavia, oltre il 60% delle imprese che hanno risposto a questa domanda (18 imprese) dichiarano di avere più di 50 addetti. Dal punto di vista delle misure su cui le imprese o i consorzi hanno chiesto il finanziamento si può osservare che il numero più significativo di domande si è indirizzato sulle misure 3.13 - Spese per Ricerca Industriale ; Spese per Sviluppo Precompetitivo; Spese per Trasferimento Tecnologico; sulla Misura 4.1 C Investimenti per l'ampliamento della base produttiva e sulla Misura 4.1 A - Investimenti per acquisizione di servizi reali. Meno interesse ha suscitato la Misura 4.20 C - Investimenti per azioni di formazione specifica. Come già detto, un certo numero di imprese dichiarate ammissibili ha rinunciato al finanziamento. Tra queste imprese solo un numero molto ridotto ha risposto relativamente alle cause della rinuncia, che sembrano essere spesso connesse alla pesante crisi economica che ha comportato la cessazione dell‟azienda destinataria o dell‟azienda leader del consorzio che aveva ottenuto il finanziamento. Se entriamo poi nel merito della valutazione offerta dagli intervistati sull‟efficacia e sull‟efficienza del finanziamento, ovviamente da parte delle sole imprese che non hanno rinunciato, possiamo osservare che la stragrande maggioranza delle aziende o dei consorzi ritiene il finanziamento PIA-PIT abbastanza o molto utile. Fig. 4 Valutazione dell’utilità del finanziamento

Un numero rilevante di intervistati (oltre la metà) dichiara di aver utilizzato il finanziamento PIA-PIT per realizzare innovazioni di prodotto, innovazioni di processo o investimenti in macchinari e impianti. Un 26


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 numero più limitato afferma di aver utilizzato le risorse per attivare innovazioni organizzative o per assumere nuovo personale. E‟ inoltre significativo che una percentuale molto bassa di imprese (il 13%) dichiara di avere utilizzato i finanziamenti per promuovere le proprie esportazioni. Le aziende e i consorzi finanziati con lo strumento dei PIA-PIT in larga misura (oltre il 60%) avevano in passato già usufruito di altri finanziamenti. E‟ interessante osservare che, almeno tra gli intervistati che hanno risposto a questa domanda, la grande maggioranza riconosce nel PIA uno strumento più o almeno egualmente efficace, mentre solo la metà considera la strutturazione in forma consortile una opportunità. Fig. 5 Giudizio rispetto alle altre agevolazioni

Fig. 6 Giudizio sull’obbligo a consorziarsi

Se consideriamo invece le valutazioni offerte dai beneficiari rispetto all‟efficacia possiamo identificare alcune criticità relative più alla velocità di erogazione del finanziamento (quasi il 70% delle risposte denuncia una velocità di erogazione per niente o poco efficiente), mentre il giudizio sulla chiarezza e semplicità delle procedure positivo (oltre il 70%% degli intervistati le ritiene abbastanza o molto efficienti). Analogamente la grande maggioranza degli intervistati ritiene sufficientemente chiare e semplici le procedure di rendicontazione.

27


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Fig. 7 Giudizio sulla velocità di erogazione

Fig. 8 Giudizio sulla chiarezza e semplicità delle procedure amministrative

Fig. 9 Giudizio sulla chiarezza e semplicità delle procedure di rendicontazione

Questo giudizio in generale positivo sulle procedure dovrebbe essere letto in connessione al ruolo assunto da professionisti e consulenti nella redazione del progetto e della domanda di partecipazione. Più del 64% di coloro che hanno risposto afferma infatti che ha usufruito di una consulenza nella procedura di accesso al finanziamento. 28


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Fig. 10 Ha usufruito di aiuto nella redazione?

Infine, è significativo osservare come un numero assolutamente limitato di intervistati sia a conoscenza di altre iniziative finanziate dal PIT (solo 6 imprese o consorzi), a testimonianza di un certo0 scollamento tra il dispositivo PIA e le altre politiche attivate dai PIT.

4

Conclusioni

Le risposte al questionario, piuttosto numerose, offrono una immagine d‟insieme del dispositivo PIA-PIT che può essere ricondotta a quattro diverse dimensioni: l‟efficacia del dispositivo per lo sviluppo imprenditoriale; la sua efficienza dal punto di vista della velocità e della semplicità delle procedure; la capacità dello strumento di attivare processi di natura cooperativa; l‟integrazione effettiva tra PIA e altre politiche attivate nei PIT. Rispetto al primo tema si può affermare che i PIA sembrano strumenti efficaci di intervento a sostegno delle imprese. Essi permettono infatti di costruire progetti integrati a livello aziendale o consortile, superand alcuni dei limiti propri dei bandi legati esclusivamente a specifiche misure. I consorzi e le imprese intervistate e in restituiscono in sostanza una valutazione positiva di uno strumento che sembra in grado di finanziare non una azione puntuale, ma un vero e proprio progetto integrato imprenditoriale. Assai più critica è la valutazione in relazione alle procedure. In particolare, durante le interviste sono infatti emersi molti giudizi negativi riguardanti la lentezza dell‟erogazione dei finanziamenti, tanto che molte aziende, pur avendo rendicontato entro il 2008 le spese effettuate con la prima tranche di finanziamento ancora oggi aspettano la seconda. E‟ stato inoltre sottolineato da molti intervistati che la crisi economica ha pesato in modo significativo sulla riuscita dei progetti PIA PIT. Alcune aziende lamentano l‟eccessiva esposizione con le banche in tempo di crisi (molte aziende hanno dovuto licenziare personale e riadattare il progetto, altre vi hanno dovuto rinunciare), eccessivi gli oneri verso le banche, la mancanza di liquidità e credito. Queste difficoltà hanno ridotto l‟efficacia degli investimenti promossi attraverso le risorse PIA. Dal punto di vista dell‟efficienza e della semplicità della procedura i giudizi sono in generale più positivi, anche se diversi intervistati hanno lamentato una certa rigidità della procedura, soprattutto dal punto di vista dei documenti e delle certificazioni da presentare anche più volte. Nel complesso possiamo tuttavia affermare che l‟efficienza della procedura è stata inficiata, più che dalla complessità amministrativa, dai ritardi nell‟erogazione dei finanziamenti. Lo strumento PIA-PIT solo in parte è riuscito a mobilitare comportamenti cooperativi stabili tra le imprese. Se da una parte un certo numero di imprese consorziate hanno evidenziato come la costituzione di una struttura consortile per accedere ai finanziamenti sia stata una opportunità, dall‟altra appare chiaro 29


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 che molte imprese hanno avviato i consorzi esclusivamente per accedere ai finanziamenti La capacità di generare comportamenti cooperativi stabili nel tempo è sembrata dunque limitata. Infine, assai ridotta appare la connessione tra la partecipazione ai bandi PIA-PIT e la capacità di utilizzare in modo sinergico e integrato altri servizi e altri beni pubblici prodotti dal PIT. E‟ significativo che un numero molto limitato di imprese beneficiarie conosca altre iniziative promosse e finanziate dal PIT, mentre la maggioranza delle imprese e dei consorzi sembra aver utilizzato questo strumento di sostegno nello stesso modo in cui in passato aveva utilizzato altri aiuti alle imprese, indipendentemente da qualche sinergia territoriale e da un rapporto stretto con le strategie d‟insieme dei PIT. In conclusione, l‟esperienza, per quanto deducibile dalle intervista ai beneficiari, presenta alcuni elementi controversi: una buona efficacia come dispositivo di finanziamento d progetti imprenditoriali complessi; una relative efficienza procedurale a fronte di una eccessiva lentezza nell‟erogazione dei finanziamenti; una parziale capacità di sostenere forme stabili di cooperazione tra le imprese; un rapporto limitato con le altre iniziative dei PIT.

30


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

5

Allegato: il Questionario di valutazione dei PIA/PIT

Anagrafica beneficiario (se singola impresa) Ragione sociale: ……………………………………………………………………………… Forma giuridica: ……………………………………………………………………………… Sede: …………………………………………………………………………………………. Anno di fondazione: ……………………………………………………………………….… Settore attività: ………………………………………………………………………………. Fatturato dell‟azienda: ………………………………………………………………………... Occupati: ……………………………………………………………………………………..

Anagrafica beneficiario (se consorzio) Ragione sociale consorzio: ……………………………………………………………………. Numero imprese aderenti al Consorzio: …………………………………………………….... Forma giuridica Consorzio:……………………………………………………………………… Sede Consorzio: ……………………………………………………………………………….. Anno di fondazione Consorzio:……………………………………………………………………………………….. Il consorzio si è costituito per la partecipazione al bando PIA_PIT?

SI‟

NO

Settore attività imprese aderenti al Consorzio:………………………………………………… Fatturato totale delle Aziende aderenti al Consorzio: ………………………………………….. Occupati delle Aziende aderenti al Consorzio: …………………………………………...……..

Su quale misura è stato finanziato il progetto? M. 3.13 – Trasferimento tecnologico, ricerca industriale, e/o sviluppo precompetitivo M. 4.1C – Investimento per l‟ampliamento base produttiva M. 4.1A Investimento per l‟acquisizione servizi reali M 4.20C Investimenti per azioni di formazione specifica M. 3.11C Aiuti alla nuova occupazione

31


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Il Consorzio (o impresa) ha usufruito del finanziamento? SI‟

NO

Se il Consorzio (o impresa) ha rinunciato al finanziamento, quali sono stati i motivi? (una risposta) Il finanziamento è stato erogato troppo tardi Tra il momento dell‟assegnazione e quello dell‟erogazione del finanziamento il consorzio (o l‟impresa) hanno nel frattempo cessato l‟attività Le modalità di erogazione erano troppo complesse Altro ………………………………………

Se il Consorzio (o impresa) ha usufruito del finanziamento, quanto è stato utile il contributo per il mantenimento o lo sviluppo dell‟attività? Per niente utile

Poco utile

Abbastanza utile

Molto utile

Quali tra queste azioni sono state favorite dal finanziamento PIA_PIT? Realizzazione di una innovazione di prodotto SI‟

NO

Realizzazione di una innovazione di processo SI‟

NO

Realizzazione di una innovazione organizzativa SI‟

NO

Investimenti in macchinari e impianti

SI‟

NO

Assunzioni di nuovo personale

SI‟

NO

Aumento delle esportazioni sul totale del fatturato

SI‟

NO

Altro……………………………………………………………………………………………..

32


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Il consorzio o l‟azienda avevano in precedenza utilizzato altri tipi di agevolazioni? SI‟

NO

Se sì, quali agevolazioni? …………………………………………………………………………

Se sì, giudica il finanziamento PIA_PIT rispetto ad altre agevolazioni, Più efficace

Egualmente efficace

Meno efficace

L‟obbligo di consorziarsi per accedere al finanziamento è stato Un vincolo

Una opportunità

Quale giudizio darebbe della procedura PIA_PIT dal punto di vista della velocità dell‟erogazione dei fondi? Per niente efficiente

Poco efficiente

Abbastanza efficiente

Molto efficiente

Quale giudizio darebbe della procedura PIA_PIT dal punto di vista della chiarezza e della semplicità delle procedure amministrative per la redazione della domanda e del progetto? Per niente efficiente

Poco efficiente

Abbastanza efficiente

Molto efficiente

La rendicontazione delle spese è già stata effettuata? SI‟

NO

Quale giudizio darebbe della procedura PIA_PIT dal punto di vista della chiarezza e della semplicità delle procedure di rendicontazione? Per niente efficiente

Poco efficiente

Abbastanza efficiente

33

Molto efficiente


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

L‟impresa (Consorzio) ha usufruito di aiuto nella redazione del progetto e della domanda di finanziamento? SI‟

NO

Se sì, da parte di chi? Associazione imprenditoriale Intermediario Libero professionista Altro …………………………………………………………………………………………………

L‟impresa (Consorzio) è a conoscenza di altre iniziative finanziate dal PIT? SI‟

NO

Se sì, alcune di queste sono state utili al mantenimento o allo sviluppo dell‟impresa? SI‟

NO

Se sì, quali? …………………………………………………………………………………………..

34


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATO III. LA REALIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI NELL’AMBITO DEI PIT PUGLIA Nell‟ambito dei PIT attivati in Puglia per il periodo di programmazione 2000-2006 sono stati promossi in totale 33 master universitari. Non tutti i PIT hanno scelto di investire nella formazione universitaria: da questo punto di vista i programmi nei quali è stato compiuto un investimento maggiore sono il PIT 7 di Brindisi e il PIT 9 del Territorio salentino-leccese dove sono stati attivati 5 master. Tra questi, i master attivati nel territorio brindisino non sempre presentano un collegamento diretto con l‟idea guida del PIT: in alcuni casi sono stati infatti promossi corsi che rispondono al‟obiettivo più generale di valorizzazione del capitale umano dell‟area. I master attivati nel territorio salentino leccese si rivelano in gran parte coerenti con l‟idea guida del programma stesso, con l‟eccezione di un master riferibile ad un obiettivo più generale di valorizzazione del territorio. Nell‟ambito del PIT 1 dell‟area del Tavoliere, del PIT 2 dell‟Area Nord Barese, del PIT 3 dell‟Area Metropolitana di Bari, del PIT 4 dell‟Area della Murgia e del PIT 8 dell‟Area jonico salentina sono stati promossi quattro master. La gran parte dei master attivati è coerente con l‟idea guida o con gli obiettivi specifici ad essa correlati. Sono presenti alcuni master non coerenti con gli obiettivi delle idee guida, ma riferibili ad obiettivi più generali di valorizzazione del territorio nell‟ambito dei PIT 3 dell‟Area Metropolitana di Bari. I master si sono svolti i sedi universitarie diverse che sono state scelte sia per la presenza di facoltà specializzate nelle materie trattate dai corsi, sia per il ruolo svolto nel contesto delle aree interessate dai PIT. Talvolta i master si sono svolti in sedi “distaccate” dalla sede principale o presso i Comuni. Undici master sono stati attivati presso l‟Università di Lecce; nove presso l‟Università di Foggia; nove presso l‟Università di Bari; due presso l‟Università LUM Jean Monnet; due presso il Politecnico di Bari. Tutti i Master sono stati attivati nel corso dell‟Anno Accademico 2006-2007. Nessuna università è riuscita a riattivare i corsi negli anni successivi. L‟Università LUM Jean Monnet ha segnalato la possibilità di riattivare i due master promossi grazie al finanziamento PIT grazie a fondi aggiuntivi reperiti attraverso il programma “Bollenti Spiriti”. Tali master non hanno però raggiunto il numero minimo di allievi previsti, fissato a quindici, quindi, anche in questo caso, i corsi sono stati limitati ad un solo anno accademico. Non c‟è stata dunque una capitalizzazione dei percorsi formativi messi in atto attraverso i PIT nelle sedi universitarie di riferimento degli stessi. Diversi sono i casi in cui i bandi per la selezione dei candidati sono stati riaperti più volte, per permettere l‟iscrizione di un numero adeguato di studenti. Non sempre un numero sufficiente di studenti è stato dunque raggiunto con la prima apertura del bando. Fanno eccezione in tal senso i master attivati nell‟ambito del PIT del territorio salentino leccese dove, per una disponibilità di 20 posti per master, si sono presentati su ogni proposta da 80 a più di 150 candidati. Grande successo ha avuto inoltre il master in “Gestione della sicurezza pubblica e della qualità degli alimenti” promosso nell‟ambito del PIT 1 dell‟Area del Tavoliere presso l‟Università di Foggia dove si sono presentati alla selezione 79 candidati. Grande successo hanno avuto anche i master attivati presso l‟Università LUM Jean Monnet: alla selezione per i 25 posti del master in “Sicurezza pubblica” si sono infatti presentati 77 candidati; alla selezione per i 20 posti del master in “Management dei trasporti e della logistica integrata” si sono presentati 104 candidati. In media erano disponibili per ogni master 20/25 posti che, in base alle informazioni pervenute (non sempre complete) sembrano essere stati tutti coperti. Lo svolgimento degli stage da parte degli studenti è avvenuto sia a livello locale presso aziende, amministrazioni, uffici di polizia municipale, autorità portuali, sia in realtà aziendali sovralocali e nazionali. In alcune esperienze è stata segnalata la difficoltà a trovare realtà aziendali e amministrative disponibili ad accogliere gli stagisti, sottolineando una scarsa sensibilità ai temi innovativi proposti nell‟ambito dei PIT e riflessi nei percorsi formativi proposti attraverso i master. 35


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 I master hanno comportato mediamente un costo tra i 200.000 e i 350.000 euro. Fanno eccezione il master “Agenti distrettuali per lo sviluppo delle filiere dominanti del territorio murgiano” attivato nell‟ambito del PIT 4 presso l‟Università di Bari (svolto presso il Comune di Altamura) che ha comportato un investimento complessivo di 700.000 euro (per 20 allievi) e il master “Sistemi integrati, qualità, ambiente e sicurezza” attivato nell‟ambito del PIT 7 e svolto presso la sede di Brindisi dell‟Università di Lecce per il quale è stato previsto un investimento complessivo di circa 680.000 euro. Solo il PIT 1 dell‟Area del Tavoliere fornisce, nella relazione finale delle attività svolte, informazioni esaustive sull‟andamento dei master, includendo anche alcuni dati riferiti al 2009 sul numero degli occupati che varia, a seconda del percorso formativo, dal 15% al 40%. L‟Università LUM Jean Monnet ha fornito direttamente i dati sugli occupati dei partecipanti ai master attivati presso la propria sede: quasi la totalità dei partecipanti al master in sicurezza pubblica risultava già occupata nel corso dello svolgimento del master stesso presso uffici comunali e di polizia municipale; la percentuale degli occupati con riferimento al master in “Management dei trasporti e della logistica integrata” è invece stata circa del 75%. Le informazioni sulle attività svolte nei master, sul numero degli allievi che hanno frequentato i corsi e svolto gli stage, sulle modalità di selezione dei candidati, sono state reperite attraverso dati, verbali e relazioni conclusive delle attività rintracciabili online nel solo caso dell‟Università di Foggia. Per tutte le altre sedi universitarie è stato necessario contattare l‟ufficio master perché i materiali sui master svolti nel corso dell‟Anno Accademico 2006-2007 non sono digitalizzati e reperibili online. Al tempo stesso, in molti casi neppure le interviste dirette ai responsabili degli Uffici Master sono stati sufficienti a raccogliere informazioni dettagliate sui corsi, perché tali responsabili hanno preso servizio di recente e non hanno memoria dei master attivati nel 2006. Di seguito sono riportate con riferimento a ciascun PIT nell‟ambito dei quali sono stati attivati dei Master, informazioni più dettagliate con riferimento ai titoli dei corsi, alla sede di svolgimento, agli allievi previsti e a quelli che hanno effettivamente svolto i corsi e ai costi. Per ogni PIT interessato è stata inoltre richiamata la formulazione dell‟idea guida e, laddove necessario per evidenziare la coerenza degli argomenti trattati nei master, gli obiettivi specifici riferiti all‟idea guida stessa o altre azioni di contesto.

36


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 1 – Area Tavoliere Idea guida Il PIT promuove lo sviluppo e l‟innovazione dell‟economia rurale ed agroalimentare attraverso integrazione e diversificazione produttiva orientata alla qualità del mercato. L‟obiettivo generale del PIT riguarda la creazione del Distretto Agroalimentare, un network diffuso a sostegno dello sviluppo del territorio con la finalità di favorire l‟integrazione delle relazioni fra le imprese, adeguare le strutture produttive e le infrastrutture alle necessità economiche e territoriali, promuovere la sicurezza degli alimenti e valorizzare le produzioni agricole ed agroalimentare nel quadro generale di un‟innovazione di processo e di prodotto orientata alla qualità. Obiettivi specifici: Promuovere un‟offerta adeguata di formazione superiore ed universitaria; Sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI; Sostenere l‟imprenditorialità in particolare nei nuovi bacini di impiego e l‟emersione del lavoro irregolare; Sviluppo del potenziale umano nei settori della ricerca e dello sviluppo tecnologico; Accrescere la partecipazione e rafforzare la posizione delle donne nel mercato del lavoro; Migliorare la competitività dei sistemi agricoli ed agro-industrali regionali in un contesto di filiera; Sostenere lo sviluppo dei territori e delle economie rurali e valorizzare le risorse agricole ambientali e storico culturali; Migliorare la qualificazione degli operatori, anche attraverso il sistema di formazione, con particolare riguardo alle tematiche ambientali; Sostenere e diffondere la società dell‟informazione con particolare riferimento ai settori della PA e dei sistemi produttivi; Favorire l‟internazionalizzazione delle imprese pugliesi e la promozione e l‟integrazione economica transfrontaliera e transnazionale.

37


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Titoli master

Coerenza con l’idea

Sede svolgimento

guida Marketing dei prodotti alimentari Scienze e tecnologie della vinificazione

Gestione della sicurezza e della qualità degli alimenti Economia e gestione sostenibile delle attività turistiche

Allievi

Costi

Note

effettivi 20/20

€ 250.000,00

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 36 candidati Numero occupati: 35% (dati riferiti al 2009) Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 17 candidati, tutti ammessi. Il bando è stato riaperto per i 3 posti restanti Numero occupati: 15% (dati riferiti al 2009) Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 79 candidati; Numero occupati: 35% (dati riferiti al 2009)

previsti/

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Foggia Sede di Cerignola Università degli studi di Foggia Sede di San Severo

20/20

€ 250.000,00

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Seppure l‟idea guida e gli obiettivi specifici in cui si articola non contengano un riferimento esplicito al tema del turismo, tale obiettivo può essere inteso come una finalità generica, spesso implicita, di programmi di questo tipo

Università degli studi di Foggia

20/20

€ 250.000,00

Università degli studi di Foggia

20/20

€ 250.000,00

38

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 41 candidati Numero occupati 40% (dati riferiti al 2009)


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 2 – Area Nord Barese Idea guida La Regione ha tracciato per il PIT la seguente idea forza: “Consolidamento ed innovazione del sistema manifatturiero attraverso un più elevato livello di integrazione ed un più diverso e più incisivo posizionamento competitivo che privilegi segmenti più qualificati di prodotto/mercato”. L‟idea forza si orientava a sviluppare in particolare il settore tessile, abbigliamento, calzature. Il protocollo di intesa sottoscritto dai sindaci e dalle province interessate al PIT ha esteso l‟idea forza alla filiera agro-alimentare. L‟idea forza del individua l‟obiettivo generale del PIT che deve essere perseguito attraverso linee d‟intervento che fanno riferimento ad azioni di contesto e ad azioni di intervento diretto: -

azioni di contesto, finalizzate a dotare il territorio di infrastrutture materiali ed immateriali, innovare il mercato del lavoro, innovare i servizi pubblici locali, per creare un contesto territoriale più competitivo, anche al fine di favorire appropriate azioni di attrazione d‟investimenti esterni e di sostegno ai processi d‟innovazione e diversificazione produttiva.

Tali azioni dovranno perseguire obiettivi di contesto quali: garanzia della governance del PIT; rafforzamento delle condizioni di legalità e sicurezza; sostegno alle politiche attive per il lavoro; diffusione di servizi alle imprese; crescita degli investimenti in ricerca e sviluppo tecnologico; definizione di azioni coordinate per la realizzazione d‟infrastrutture per lo sviluppo e l‟internazionalizzazione del territorio; -

azioni di intervento diretto a vantaggio del sistema produttivo per garantire: filiere produttive prevalenti sul territorio; sostegno agli investimenti delle filiere produttive prevalenti sul territorio; innesco di processi di integrazione ed innovazione di filiera; vantaggi competitivi nelle azioni di sostegno all'internazionalizzazione del sistema produttivo locale; disponibilità di manodopera professionalizzata e ad elevato contenuto di specializzazione; diffusione di innovazione e avvio di processi di diversificazione produttiva.

39


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza guida

con

l’idea

Sede svolgimento

Allievi previsti/

Costi

Note

effettivi Internazionalizzazio ne sistemi produttivi. Economia e gestione dell‟Export Valorizzazione e commercializzazion e dei prodotti agroalimentari

Sì Obiettivo riferibile alle “azioni di contesto” nelle quali si articola l‟idea guida

Università studi di Bari

degli

15/15

€ 230.000

Attivato nell‟AA 2006-2007

Sì Riferibile direttamente obiettivi dell‟idea guida

Università studi di Bari

degli

25

€ 280.000

Energy Management

Sì Obiettivo riferibile alle “azioni di contesto” nelle quali si articola l‟idea guida (creazione di un contesto territoriale competitivo e innovativo) Sì Obiettivo riferibile alle “azioni di contesto” nelle quali si articola l‟idea guida (creazione di un contesto territoriale competitivo e innovativo)

Università studi di Bari

degli

25/25

€ 320.000

Attivato nell‟AA 2006-2007 Bando aperto a novembre 2006 e riaperto due volte. Master attivato a febbraio 2007 Non è stato possibile rintracciare il numero complessivo degli allievi Attivato nell‟AA 2006-2007 I comuni si sono dimostrati restii ad accettare i tirocinanti dimostrando scarso interesse per questo tema. Alcuni tirocinanti sono stati accettati da aziende locali, altri hanno fatto il tirocinio in aziende del nord

Università LUM Jean Monnet

25/25

€ 125.000

Sicurezza pubblica

agli

40

Il master, già proposto nel contesto della LUM per l‟AA 2005-2006, è stato attivato nell‟AA 2006-2007 grazie ai fondi PIT 77 candidati hanno chiesto di essere ammessi al master Non ci sono state difficoltà per lo svolgimento degli stage che sono stati attivati presso uffici comunali, uffici di polizia municipale e uffici giudiziari Quasi la totalità dei partecipanti al master risultava occupata nel corso dello svolgimento dello stesso presso uffici comunali e uffici di polizia municipale Rilanciato anche negli anni successivi contando su un finanziamento aggiuntivo del programma regionale “Bollenti spiriti”, non è stato possibile riattivarlo perché non è mai stato raggiunto il numero minimo fissato di 15 iscritti


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 3 – Area Metropolitana di Bari Idea guida L‟idea forza del PIT riguarda il consolidamento del polo di reti e nodi di servizi presente nell‟area metropolitana, sia rispetto alle infrastrutture di logistica e di trasporto, sia rispetto ai servizi innovativi basati sull‟offerta di prestazioni della Società della conoscenza. Ulteriori declinazioni fanno riferimento al tema dell‟area metropolitana, motivato dalla presenza, nell‟area, di aspetti peculiari quali la presenza di fornitori di servizi avanzati per le popolazioni locali e per il complesso del sistema produttivo, la presenza di infrastrutture (porto, aeroporto, rete autostradale) in grado di esaltare l‟offerta di servizi di qualità, l‟accelerazione dei fenomeni di mobilità (pendolarismo verso il capoluogo e spostamento verso i comuni minori), oltre che la concentrazione nel capoluogo delle principali amministrazioni del territorio regionale. Queste caratteristiche sono state sottolineate nel PIT come condizioni da affrontare tramite adeguati strumenti per il governo “di area vasta” e per la messa a sistema delle funzioni del territorio. In questo quadro, il PIT – come strumento di programmazione dal basso – si configura come primo passo per lo sviluppo di un nuovo sistema di gestione del territorio. La “città connessa”, a forte identità culturale, è l‟immagine che sintetizza l‟obiettivo strategico del programma, da conseguire come sostegno allo sviluppo economico e sociale del territorio, e che si intende perseguire anche in connessione con gli interventi inseriti nel Programma Integrato Settoriale (PIS) cultura-turismo, nel Piano per la Società dell‟Informazione, nel Piano dei Trasporti. La strategia delineata viene articolata in 6 obiettivi strategici: Incrementare il livello di sicurezza nell‟area; Migliorare la mobilità dei cittadini e delle merci all‟interno dell‟area PIT; Migliorare il livello di identità culturale dell‟area; Sostenere lo sviluppo dei settori produttivi rilevanti dell‟area; Incrementare l‟efficacia delle politiche locali del lavoro; Migliorare l‟efficacia del sistema di governance integrata del territorio.

41


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Titoli master

Coerenza guida

con

l’idea

Sede svolgimento

Tecnici specialisti nell‟introduzione e gestione delle innovazioni tecnologiche nei settori della trasformazione e distribuzione dei prodotti agroalimentari pugliesi e baresi in particolare Management dei trasporti e della logistica intergrata

Sì Coerente con uno dei sei obiettivi strategici in cui si articola l‟idea guida (sostenere lo sviluppo di settori produttivi rilevanti per l‟area

Università degli studi di Bari – Dipartimento di economia e politica agraria, estimo e pianificazione rurale

Sì Riferibile direttamente obiettivi dell‟idea guida

Innovazione tecnologica meccatronica

Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del territorio Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del territorio

Allievi previsti /

Costi

Note

20/20

€ 300.000

Attivato nell‟AA 2006-2007 Rivolto in particolare ai laureati in scienze agrarie e forestali. Bando in scadenza il 14.11.2006, riaperto il 20.11.2006

Università LUM Jean Monnet

20/20

€ 300.000

Politecnico di Bari

20/20

€ 300.000

Attivato nell‟AA 2006-2007 Rivolto in particolare a laureati in discipline economiche, tecnicoscientifiche o giuridiche, con preferenza ai residenti nell‟area del PIT 3 Il master, già proposto nel contesto della LUM per l‟AA 2005-2006, è stato attivato nell‟AA 2006-2007 grazie ai fondi PIT 104 candidati si sono presentati alla selezione per partecipare al master Gli stage sono stati svolti presso autorità portuali, società di trasporti e logistica, l‟interporto regionale della Puglia La percentuale degli occupati a seguito del master è del 75% Rilanciato anche negli anni successivi contando su un finanziamento aggiuntivo del programma regionale “Bollenti spiriti”, non è stato possibile riattivarlo perché non è mai stato raggiunto il numero minimo fissato di 15 iscritti Attivato nell‟AA 2006-2007 Rivolto a laureati in ingegneria, in particolare se residenti nell‟area del PIT 3

Politecnico di Bari

20/20

€ 300.000

effettivi

nella

Innovazione tecnologica nella gestione del patrimonio edilizio

agli

42

Attivato nell‟AA 2006-2007 Rivolto in particolare a laureati in ingegneria o architettura


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 4 – Area della Murgia Idea guida L‟idea forza del PIT è quella di agire per il consolidamento di due elementi portanti per l‟economia del territorio: il settore agricolo e le relative imprese di trasformazione, e il settore del mobile imbottito e dell‟indotto. La strategia prescelta è quella di operare per rafforzare l‟integrazione di filiera, da una parte, e dall‟altra diffondere innovazioni di prodotto/mercato per elevare la qualità e quantità dell‟offerta. Si tratta di un tema che riprende alcuni degli argomenti del Patto Territoriale della Murgia realizzato negli anni precedenti, insistendo sugli aspetti di servizio alle imprese (con riferimento alla creazione di due nuovi centri di servizi e al potenziamento delle performance del SUAP già esistente), sulla promozione della dimensione internazionale, sull‟innovazione di prodotto/processo e sulla formazione. Il PIT individua sei principali linee di intervento: adeguamento della dotazione infrastrutturale puntuale e di rete; adeguamento della disponibilità del territorio e del sistema di regole che disciplini l‟uso allargato delle aree per gli insediamenti produttivi, in un‟ottica di sostenibilità dello sviluppo; sostegno agli investimenti volti ad accrescere la capacità produttiva ed attrattiva di nuove iniziative anche da fuori area, all‟innovazione dei processi e/o dei prodotti e della qualità sia nel settore manifatturiero che nel settore della trasformazione dei prodotti agricoli; Sostenere i processi di riduzione del grado di dipendenza dei sistemi produttivi locali da fuori area per l‟approvvigionamento di competenze specialistiche e nuovi profili professionali, di capacità manageriali consolidate, attraverso investimenti specifici per l‟adeguamento dell‟offerta formativa; Rafforzamento dei servizi alla persona e alla comunità, quale fattore primario di ogni azione di marketing territoriale.

43


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza con l’idea guida

Sede svolgimento

Allievi previsti/effettivi

Costi

Note

Strategie di impresa e ruolo dei policy maker nel rilancio dei sistemi produttivi locali

Sì Coerente con una delle sei linee di intervento in cui si articola l‟idea guida Sì Coerente con una delle sei linee di intervento in cui si articola l‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Foggia Comune di Santeramo in Colle

20/20

€ 450.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007; Si sono presentati alla selezione 19 candidati, tutti ammessi. Sono state riaperte le procedure per raggiungere il numero totale di 20 allievi.

Università degli studi di Foggia Comune di Santeramo in Colle

20/20

€ 320.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007; Si sono presentati alla selezione 17 candidati, tutti ammessi. Sono state riaperte le procedure per coprire tutti e 20 i posti disponibili

Università degli studi di Bari Comune di Turi

20/20

€ 300.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Università degli studi di Bari Comune di Altamura

20/20

€ 700.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Bando in scadenza a novembre 2006 e riaperto 2 volte. Graduatoria finale disponibile dal 09.02.07

Network di piccole e medie imprese e servizi per la competitività e l‟internazionalizzazione Esperti per le produzioni agroalimentari bio-tipiche

Agenti distrettuali per lo sviluppo delle filiere dominanti nel territorio murgiano

44


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 7 – Brindisi Idea guida L‟idea guida si basa sullo Sviluppo di un sistema integrato di servizi di logistica e distribuzione in grado di favorire la connessione tra l‟asse nord-sud interno alla regione e la comunicazione con le altre direttrici dei corridoi internazionali n. 8 e 10. L‟idea centrale del PIT è non solo quella dello sviluppo logistico, ma del potenziamento delle attività retroportuali e industriali. Se infatti Brindisi deve essere uno snodo internazionale della comunicazione commerciale, per superare una funzione di solo passaggio o stoccaggio di merci, il territorio deve dotarsi di competenze, infrastrutture, politiche e capitali che permettano anche la trasformazione dei beni e l‟aumento di valore aggiunto. L‟idea forza del PIT è quindi basata sulla “valorizzazione del sistema logistico distributivo in grado di accrescere la competitività dell‟apparato produttivo, generare nuova occupazione, ampliare l‟area del benessere e migliorare la qualità della vita”. L‟idea forza così concepita è articolata in sei obiettivi, descritti come segue: Potenziamento ed integrazione del sistema logistico intermodale dell‟area; Potenziamento delle aree di insediamento industriale negli agglomerati a maggiore densità imprenditoriale; Promozione di uno sviluppo integrato dell‟area PIT; Realizzazione delle condizioni di pari visibilità di tutto il territorio provinciale attraverso il massiccio ricorso all‟innovazione informatica e telematica; Definizione delle condizioni di pari accessibilità di tutto il territorio provinciale rispetto alle infrastrutture per la diffusione delle conoscenze; Valorizzazione del capitale umano dell‟area.

45


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza guida

con

l’idea

Sede svolgimento

Allievi previsti/

Costi

Note

effettivi Politiche dell‟Unione Europea e progettazione comunitaria Sistemi integrati, qualità, ambiente e sicurezza Cooperazione internazionale, diritti umani e peace keeping Master in logistica, trasporti e new economy

Master internazionale in governance pubblica ed internazionale

Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del “capitale umano” sul territorio Sì Coerente con uno dei sei obiettivi in cui si articola l‟idea guida Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del “capitale umano” sul territorio Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Lecce

25/25

€ 250.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Università degli studi di Lecce Sede di Brindisi

25/25

€ 679.471,18

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Università degli studi di Lecce

25/25

€ 300.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Università degli studi di Bari

25/25

€ 180.000

Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del “capitale umano” sul territorio

Scuola superiore Università di Lecce

25/25

€ 383.100

Attivato nell‟AA 2006-2007 Bando in scadenza il 14.11.2006, riaperto due volte Graduatoria disponibile dal 09.02.2007 Attivato nell‟A.A. 2006-2007

ISUFI

46


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 8 – Area jonico salentina Idea guida Obiettivo del PIT è lo sviluppo e l‟innovazione dell‟economia agricola e rurale attraverso l‟integrazione e la diversificazione produttiva. L‟obiettivo principale è la costituzione del distretto agroalimentare di qualità dell‟area jonico-salentina. L‟idea è quella di “preparare” il territorio al distretto sia migliorando l‟offerta produttiva in termini di qualità dei prodotti e di miglioramento della gestione (anche attraverso aiuti mirati alle imprese e interventi di rafforzamento delle competenze degli operatori) sia fornendo le infrastrutture di supporto (piattaforma informatica e centri servizi)del distretto e promuovendo il territorio a livello internazionale. Integrazione e diversificazione sono due azioni da realizzarsi attraverso la costituzione del distretto agroalimentare che dovrebbe comportare un cambiamento della modalità organizzativa, di quella produttiva e di quella distributiva. La costituzione del distretto è infatti finalizzata a superare la frammentazione aziendale e la mancanza di azioni di sistema in un‟area dalle produzioni omogenee, a migliorare le caratteristiche qualitative dei prodotti (anche con il riconoscimento di marchi), a rafforzare le fasi extraagricole, a migliorare la situazione occupazionale dell‟agricoltura.

47


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza con l’idea guida

Sede svolgimento

Allievi previsti /

Costi

Note

effettivi Manager delle produzioni florovivaistiche

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Lecce – Facoltà di Scienze matematiche

20

€ 326.640

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Manager delle produzioni orto vivaistiche

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Lecce – Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali

20

€ 326.640

Attivato nell‟A.A. 2006-2007

Manager della filiera olivicola nel distretto agroalimentare dell‟area jonica salentina

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Bari – Facoltà di agraria

20

€ 358.000

Attivato nell‟AA 2006-2007 Bando in scadenza a novembre 2006 e riaperto tre volte. Graduatoria finale 9 febbraio 2007

Manager della filiera vitivinicola nel distretto agroalimentare dell‟area jonica salentina

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Bari – Facoltà di agraria

20

€ 358.000

Master attivato nell‟AA 2006-2007 Bando in scadenza a novembre 2006, riaperto una volta Graduatoria finale: 20.11.2006

48


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 9 – Territorio salentino leccese Idea guida Il PIT mira a guidare il processo di rilancio del sistema manifatturiero locale (distretto calzaturiero) al fine di creare le condizioni necessarie per sostenere la competizione nazionale e internazionale con sistemi locali più avanzati. Ciò sarà possibile mettendo in rete le piccole e medie imprese del territorio, creando nuovi margini di competitività fondati sull‟innovazione, sulla valorizzazione del capitale umano, sull‟efficienza della Pubblica Amministrazione. Il potenziamento della rete logistica e infrastrutturale, la ricerca, l‟innovazione tecnologica, la formazione, saranno alla base di un processo di sviluppo che, ispirato alla sostenibilità ambientale, conferirà al sistema locale una nuova immagine di efficienza, sicurezza e competitività. L‟idea forza contiene inoltre una riflessione sul rapporto obiettivi-tempi dalla quale derivano una serie di scelte cruciali che sono alla base del progetto. Il PIT mira infatti ad attivare un processo di lungo respiro che deve però dimostrarsi fattibile a breve termine per suscitare e mantenere vivo l‟interesse degli operatori. Da qui deriva una particolare attenzione sia ad una concezione “dinamica”, “flessibile” e “permeabile” dell‟idea-forza, immaginata “non come un obiettivo in sé, ma come uno strumento di sviluppo locale che si plasma man mano, in funzione delle esigenze emergenti”. Particolare attenzione è dedicata alla valorizzazione dei rapporti pregressi e all‟obiettivo di innescare nuove relazioni tra operatori, settori di attività, territori e sistemi locali. In sintesi, la proposta sottolinea come lo sviluppo economico dell‟area che si intende innescare si basi su tre principali ambiti del sistema socio-economico: qualità e innovazione della Pubblica Amministrazione; qualificazione, miglioramento e innovazione dell‟economia locale e dei sistemi produttivi; investimento sul capitale umano e sociale, sui cittadini e sui lavoratori.

49


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza con l’idea guida

Sede svolgimento

Allievi previsti/e ffettivi

Costi

Note

Management per la valorizzazione del patrimonio culturale

Obiettivo generale non riconducibile direttamente all‟idea guida, ma ad un miglioramento del territorio Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Lecce

20/20

€ 221.025,00

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Domande di partecipazione pervenute: 196 Si segnalano difficoltà a far svolgere i tirocini presso aziende locali

Università degli studi di Lecce

20/20

€ 226.065,00

Università degli studi di Lecce

20/20

€ 322.665,00

Università degli studi di Lecce

20/20

€ 264.102,50

Università degli studi di Lecce

20/20

€ 321.365,00

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Domande di partecipazione pervenute: 108 Si segnalano difficoltà a far svolgere i tirocini presso aziende locali Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Domande di partecipazione pervenute: 81 Si segnalano difficoltà a far svolgere i tirocini presso aziende locali Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Domande di partecipazione pervenute: 157 Si segnalano difficoltà a far svolgere i tirocini presso aziende locali Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Domande di partecipazione pervenute: 116 Si segnalano difficoltà a far svolgere i tirocini presso aziende locali

Strategie di marca e nuovi media sul settore moda Fashion design

Analisi dei mercati sviluppo locale

e

Gestione dei processi di internazionalizzazione

50


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 10 – Sub appennino dauno Idea guida L‟idea forza del PIT riguarda lo sviluppo e l‟innovazione dell‟economia del Sub - Appennino Dauno attraverso la messa in sicurezza del territorio, la tutela e la salvaguardia delle risorse ambientali e naturali, la valorizzazione e la promozione del binomio produzioni tipiche – turismo. L‟obiettivo generale del PIT è di invertire le spinte allo spopolamento attraverso la riqualificazione del territorio per renderlo un ambiente competitivo ai fini del binomio turismo – tipicità, la valorizzazione della matrice ambientale in un‟ottica di integrazione con il patrimonio storico-culturale e lo sviluppo di bacini produttivi, ed inoltre la riqualificazione delle risorse umane in funzione delle vocazioni locali.

51


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Titoli master

Coerenza con l’idea guida

Sede svolgimento

Allievi previsti/

Costi

Note

effettivi Agricoltura biologica

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Foggia Sede di Bovino

20/20

€ 250.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 13 candidati, tutti ammessi. Il bando è stato riaperto per i 7 posti rimanenti Si sono presentati a questa seconda selezione 12 candidati, 7 dei quali ammessi al master

Programmatore dello sviluppo turistico sostenibile nelle aree interne e nei distretti agro-ambientali

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Foggia Sede Casalnuovo Monterotaro

20/20

€ 250.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 34 candidati

Archeologia dei paesaggi subappenninici. Diagnostica, scavo, valorizzazione fruizione

Sì Riferibile direttamente agli obiettivi dell‟idea guida

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Scienze umane

18/18

€ 240.000

Attivato nell‟A.A. 2006-2007 Si sono presentati alla selezione 43 candidati

52


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATO IV. LA REALIZZAZIONE E L’IMPLEMENTAZIONE DEI CENTRI SERVIZI NEI PIT 1

I progetti

I Centri servizi in molti PIT hanno svolto un ruolo centrale, di veri e propri flagship project. Come si evince dalla Tabella 1, sono stati progettati complessivamente quattordici centri servizi, tra sedi centrali e decentrate, volte a consolidare il sistema delle imprese offendo servizi qualificati, oltre ai 29 centri di informazione accoglienza realizzati. Le tipologie e le modalità organizzative e di servizio presenti nei diversi progetti erano piuttosto differenziate. Nel PIT 1 Tavoliere il modello è quello del centro servizi “diffuso”: sono presenti una sede centrale, punto nodale di un network di centri di sevizio in sedi più periferiche distribuite sul territorio che contribuiscono a diffondere capillarmente all‟innovazione della cultura d‟impresa e al sostegno alle opportunità imprenditoriali. Nel PIT 3 Area Metropolitana di Bari, nel PIT 4 Area Murgiana (per il centro servizi di Grumo Appula), oltre che nel PIT 5 Valle d‟Itria, la strategia perseguita è stata di avviare un centro servizi localizzato entro aree PIP. In questi casi si è trattato di strutture realizzate in prossimità delle imprese che dovrebbero fruire dei servizi proposti. Nel PIT 4 Area Murgiana, per il centro servizi di Santeramo al Colle e nel PIT 9 Area Salentino Leccese per il piccolo centro servizi del Comune di Cursi sono state pensate sedi più inconsuete. A Santeramo in Colle il centro servizi è collocato nell‟edificio storico Palazzo Marchesale, da tempo abbandonato. A Cursi si è provveduto all‟adeguamento e restauro dell‟edificio storico di Palazzo De Donno. In entrambi i casi si è provveduto al restauro di dimore storiche, anche se, almeno nel caso di Santeramo, le attività del centro servizi previsto non sono ancora iniziate. Nel PIT 7 di Brindisi il progetto consiste dell‟infrastrutturazione info-telematica di una sede presso la Cittadella della Ricerca a Brindisi. Nel PIT 8 Jonico-Salentino i tre centri servizi, collocati nelle tre provincie coinvolte, sono le sedi provinciali del distretto agroalimentare jonico-salentino, e dovrebbero ospitare anche le attività di distretto e altri tipi di servizi. Nel PIT 10 (Monti Dauni) è stata realizzata una tipologia di attività di servizio diversa. Si tratta di 29 centri di informazione e accoglienza integrati a itinerari turistico- culturali e coerenti con l‟idea forza del PIT.

53


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Tabella I I progetti dei Centri servizi

PIT

Centro servizi

Dove si trova

A che cosa serve

PIT1 Tavoliere

Distretto agroalimentare del Tavoliere (DAT).

Sede centrale: Comune di Foggia (Foggia); Sedi periferiche: Comune di Cerignola e Comune di San Severo (Foggia).

L‟obiettivo del PIT 1 consisteva nella creazione di un distretto agroalimentare del Tavoliere (DAT). Quest‟ultimo viene inteso non tanto come un vero distretto produttivo, ma come un centro servizi alle imprese. In questo senso il centro servizi rappresenta un progetto centrale del PIT 1. Gli interventi previsti sono: Realizzazione di infrastrutture fisiche e immateriali a supporto delle attività produttive e delle attività di servizio comuni (lavori per la realizzazione di un complesso immobiliare destinato ad ospitare il Centro Servizi del DAT, sedi di Foggia, Cerignola e San Severo); Infrastrutturazione delle reti di telecomunicazione dei tre Centri Servizi del DAT.

PIT 3 Area Metropolitana di Bari

Centro servizi 1 – Comune di Noicattaro (Ba).

Il centro servizi si trova nel Comune di Noicattaro, in area PIP. Il progetto esecutivo è dell‟ottobre 2007.

A maggio 2007 vengono aggiudicati ed avviati i lavori per il progetto “Realizzazione palazzine di servizi in zona PIP” presso il Comune di Noicattaro, a valere sulla misura 4.2 per un valore di 3,1 milioni di euro. I lavori sono stati ultimati il 25 maggio 2009. Il progetto riguarda la realizzazione di un “Centro Servizi” per le imprese nell‟area PIP in fase di completamento del Comune di Noicattaro, ma con valenza anche per i Comuni di Capurso, Cellamare e Rutigliano. L‟area PIP è di oltre 21 ettari di lotti edificatori nella quale l‟Amministrazione Comunale ha già avviato la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria quali la rete idrica, la rete della fogna nera e bianca, la rete di pubblica illuminazione e la rete viaria. Il Centro Servizi si articola nella costruzione di 3 corpi di fabbrica, ognuno sviluppato su due piani, con destinazioni specifiche: una palazzina destinata ad attività di promozione (sala conferenze, area espositiva, etc.) posizionata nell‟Area PIP, due palazzine posizionate sulla Statale 634 con funzioni rispettivamente di attività di ufficio, attività industriali e servizi al pubblico.

54


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 4 Area Murgiana

Centro servizi 1, Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle (Ba).

Nel Comune di Santeramo in Colle, collocato nell‟edificio storico “Palazzo Marchesale”, da tempo abbandonato.

Il Centro servizi di Santeramo in Colle è collocato nell‟edificio storico del Palazzo Marchesale ed è il secondo progetto per rilevanza finanziaria (2.427.864 euro) del PIT. Si tratta di un‟opera di ristrutturazione di un edificio storico, collocato di fronte al Palazzo del Comune nella piazza principale, con l‟ipotesi di insediare un centro servizi. La ristrutturazione è stata completata nel 2008 e le sale sono state allestite (sala conferenze, sale riunioni) ma il centro servizi previsto non è stato insediato, né sembrano essere allo studio ipotesi per altri utilizzi dell‟edificio. Parte dell‟edificio è utilizzata per esposizioni di tipo culturale.

Centro servizi Grumo Appula (Ba).

Il centro servizi si trova presso il Comune di Grumo Appula (Bari) e collocato presso l‟area PIP.

Non ci sono informazioni di dettaglio in merito. Il valore dell‟operazione, finanziata sulla misura 4.2, è di 800.000 euro. Secondo quanto riferito dalla PIT manager i lavori sono stati completati.

2,

PIT 5 Valle d’Itria

Centro servizi.

Locorotondo.

Nel documento di Pit erano inseriti il progetto e il piano di gestione per la realizzazione di un incubatore d‟impresa specializzato nel settore dell‟industria primaria e della trasformazione dei prodotti dell‟agricoltura, e finalizzato al sostegno di opportunità imprenditoriali, ricerca scientifica applicata ed orientamento nelle nuove professioni.

PIT 7 Brindisi

Centro Servizi Brindisi

Il centro servizi si trova a Brindisi presso la Cittadella della ricerca

Il progetto consiste nella infrastrutturazione info-telematica di una sede presso la Cittadella della Ricerca a Brindisi. I lavori sono stati realizzati dall‟ATI Datamanagement.

PIT 8 JonicoSalentino

Centro servizi di Lecce

Il Centro servizi è localizzato a Lecce ed è in un edificio di proprietà del Comune di Lecce, in uso al distretto per 10 anni

Il centro servizi è la Sede centrale del DAJS distretto agroalimentare jonico salentino, la cui costituzione era obiettivo del PIT. Qui si dovrebbero svolgere tutte le attività di distretto, dalle riunioni del partenariato, ai servizi erogati alle imprese. La sede ospita l‟hardware della piattaforma informatica di distretto. La sede potrebbe ospitare anche servizi di altri enti.

Centro Brindisi

servizi

di

Brindisi

Sede provinciale del distretto agroalimentare jonico salentino, DAJS, la cui costituzione era obiettivo del PIT. Qui si dovrebbero svolgere le attività di distretto per i soggetti in provincia di Brindisi. La sede potrebbe ospitare anche servizi di altri enti

Centro Manduria

servizi

di

Manduria (provincia di Taranto)

Sede provinciale del distretto agroalimentare jonico salentino, DAJS, la cui costituzione era obiettivo del PIT. Qui si dovrebbero svolgere le attività di distretto per i soggetti in provincia di Taranto. La sede potrebbe ospitare anche servizi di altri enti.

PIT 9 Area Salentino Leccese

Tre piccoli centri servizi dislocati entro tre comuni diversi.

1.

Comune di Calimera.

2.

Comune

di

Cursi

(adeguamento e restauro

L‟idea è stata quella di porre le basi per realizzare un centro servizi “diffuso” nel Salento. Anche per questo, lo sforzo maggiore è stato rivolto a mettere in rete una serie di strutture già presenti sul territorio limitando al minimo gli investimenti materiali, senza replicare le risorse già presenti. A Casarano hanno sede due incubatori d‟impresa regionale. I tre piccoli centri di servizio progettati attraverso il PIT rispondevano

55


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 dell‟edificio

storico

di

Palazzo De Donno); 3.

Comune

di

Tuglie

(complesso scolastico di PIT 10 Monti Dauni

5

Si tratta di numerosi centri visita che svolgono una funzione di eco-museo.

Via Genova). Da progetto i centri servizi sono 29, localizzati in tutti i Comuni che hanno partecipato al PIT. Al momento della valutazione erano stati completati 26. Sul sito dei Monti Dauni sono menzionati 28 centri5.

all‟esigenza di dare vita ad una rete diffusa sul territorio. Il Centro Servizi di Tuglie si propone come connessione strategica e operativa con le agenzie formative per favorire il posizionamento sul mercato del lavoro del capitale umano e sostenere la creazione, l‟innovazione e lo sviluppo d‟impresa, attraverso azioni di marketing e comunicazione. I Centri Visita hanno come obiettivo la valorizzazione delle risorse culturali, archeologiche, naturalistiche, e la riscoperta delle tradizioni, dei circuiti eno-gastronomici e delle eccellenze locali, al fine di creare nuove attrazioni per il turismo ed il tempo libero. Gli obiettivi dei Centri Visita sono coerenti con l‟obiettivo generale del PIT di sviluppare e innovare l‟ economia del Sub - Appennino Dauno attraverso la messa in sicurezza del territorio, la tutela e la salvaguardia delle risorse ambientali e naturali, la valorizzazione e la promozione del binomio produzioni tipiche -turismo. Gli interventi realizzati riguardano l‟infrastruttura dei centri visita (ristrutturazione degli edifici da dedicare ai centri visita; dotazione informatica, ecc) e la creazione di servizi di promozione del territorio (visite guidate, laboratori per le scuole, promozione del territorio, ecc).

Centro visita "Ecologia del bosco" (ROSETO VALFORTORE), "Ecosistema acqua" (CASALVECCHIO DI PUGLIA, "Gli agro ecosistemi" (CANDELA), "Gli antichi popoli dei Monti Dauni"

(BOVINO), "Gli insetti, amici preziosi" (CASTELNUOVO DELLA DAUNIA), "I Boschi" (FAETO), "I fossili" (DELICETO), "I luoghi sacri dei Monti Dauni" (TROIA), "I molluschi di terra" (SAN MARCO LA CATOLA), "I monaci e lo sviluppo dell'ordine nei Monti Dauni" MONTELEONE DI PUGLIA), "I pascoli d'altura" (ACCADIA), "I prodotti tipici" (BICCARI), "I rapaci e la falconeria" (ANZANO DI PUGLIA), "I torrenti dei Monti Dauni" (CASTELLUCCIO DEI SAURI), "Il cinghiale" (ALBERONA), "Il Medio Evo e Federico II" (SANT'AGATA DI PUGLIA), "La Battaglia di Canne: Annibale contro i Romani" (CASTELLUCCIO VALMAGGIORE), "La Battaglia di Canne: Annibale contro i Romani" (CASTELLUCCIO VALMAGGIORE), "La formazione geo-morfologica del sub-appennino" (PANNI) , "La lontra" (ROCCHETTA SANT'ANTONIO), "L'acqua e la diga di Occhito" (CARLANTINO), "L'agricoltura biologica" (CASALNUOVO MONTEROTARO), "L'archeologia" (ASCOLI SATRIANO) , "Le orchidee dei Monti Dauni" (ORSARA DI PUGLIA) , "Le tradizioni: transumanza e brigantaggio" (PIETRAMONTECORVINO), "L'energia dal sole" (MOTTA MONTECORVINO), "L'energia dal vento" (VOLTURARA APPULA), "L'energia dall'acqua" (VOLTURINO). 56


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

2

L’attuazione

Nella Tabella 2 sono inserite le informazioni che sono state rese disponibili dai PIT Manager o dai Responsabili Unici di Procedimento sullo stato di implementazione dei centri servizi. Per ciascun Centro servizi è stata fatta una valutazione che ha permesso di graduare l‟attuazione rispetto alla scala seguente: A. B. C. D. E. F. G.

Il centro non è stato avviato I lavori infrastrutturali sono stati avviati I lavori infrastrutturali sono stati completati Gli allestimenti interni sono stati completati La gestione del centro servizi è stata affidata I servizi sono effettivamente erogati I servizi erogati sono coerenti con il progetto iniziale.

In ogni PIT che prevedeva centri servizi i lavori sono stati avviati e completati (solo per il centro del Comune di Calimera nel PIT 9 non si hanno notizie certe). Nel PIT 1 Tavoliere, nel PIT 4 Area Murgiana (ma solo per il centro servizi di Grumo Appula), nel PIT 9 Area Salentino Leccese (solo per il centro servizi di Tuglie) e nei centri visita del PIT 10 Monti Dauni è stata affidata anche l‟attività di gestione dei centri servizi. I lavori per centri servizi di Noicattaro (PIT 3 Area Metropolitana di Bari), di Locorotondo (PIT 5 Valle d‟Itria), di Santeramo (PIT 4 Area Murgiana), di Brindisi (PIT 7 Brindisi) e dei tre centri servizi del PIT 8 (Jonico-Salentino) sono stati ultimati, ma l‟attività operativa non è stata effettivamente avviata in mancanza di una procedura di affidamento della gestione. Non si hanno informazioni sull‟inizio delle attività dei centri servizi di Cursi e Calmiera (PIT 9 Area Salentino Leccese).

57


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 2 Lo stato di attuazione del centro servizi

PIT

A che punto è il centro servizi

PIT1 Tavoliere

I lavori infrastrutturali sono stati completati A novembre 2010, i lavori di infrastrutturazione risultavano ancora in corso per quanto riguarda la sede centrale di Foggia. I lavori previsti per le sedi periferiche risultavano conclusi; si era in attesa del collaudo. La gestione del centro è stata appalta a gennaio del 2011 ed i servizi previsti dal contratto sottoscritti con l‟ATI vincitrice sono coerenti con il progetto iniziale. Nel gennaio 2011 la gestione del Centro Servizi DAT, che include oltre alle infrastrutture fisiche anche i servizi creati nell‟ambito del PIT (sistema di e-business attraverso marketplace; sistema di tracciabilità e rintracciabilità delle produzioni agricole e agroalimentari; sistema di gestione per la raccolta dei rifiuti speciali dell‟agricoltura; sistema di trasmissione in banda larga per le aree industriali dei comuni di Foggia, San Severo e Cerignola; sistema di e-learning per l‟erogazione in Fad di corsi di aggiornamento e di formazione; sistema di ERP; sistema di CRM; servizio di internazionalizzazione), è stato affidato tramite appalto pubblico ad un‟ATI composta da Impresa Verde – Coldiretti -, Confagricoltura Ricerca e Consulenza, Vitrociset, Laboratorio di Economia dello Sviluppo Locale, INFO s.r.l. Tale ATI deve gestire il Centro Servizi DAT e fornire i servizi previsti per cinque anni.

PIT 3 Area Metropolitana di Bari

I lavori infrastrutturali sono stati completati e gli allestimenti interni sono stati completati Alla data di intervista il PIT manager ha detto che il lavori del centro servizi erano stati ultimati; non sapeva dire però se il centro era funzionante.

PIT 4 Area Murgiana

Centro servizi 1, Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle: I lavori infrastrutturali sono stati completati, gli allestimenti interni sono stati completati La gestione del centro servizi non è stata affidata La ristrutturazione è stata completata nel 2008 e le sale sono state allestite (sala conferenze, sale riunioni) ma il centro servizi previsto non è stato insediato, né sembrano essere allo studio ipotesi per altri utilizzi dell‟edificio. Parte dell‟edificio è utilizzata per esposizioni di tipo culturale. Centro servizi 2, Grumo Appula I servizi sono effettivamente erogati e sono coerenti con il progetto iniziale.

PIT 5 Valle d’Itria

I lavori infrastrutturali sono stati completati Nel 2007 è avvenuta l‟aggiudicazione definitiva della Gara d‟Appalto per affidamento Direzione Lavori, misura e contabilità, liquidazione ed assistenza al collaudo e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione per la realizzazione, nel Comune di Locorotondo, del “Centro Servizi”, al Costituendo RTP Finepro Srl. Importo complessivo di 1.300.000,00 Euro. I lavori per la costruzione del centro servizi sono terminati il 30 giugno 2009, il giorno stesso in cui è stato chiuso il Pit. Il centro servizi tuttavia non è attivo. Attualmente non offre alcun servizio, perché, come ha detto nell‟intervista Giuseppe Palmisano, il Rup dell‟opera, ”Il progetto non finanziava arredi e strutture informatiche. Si stanno cercando dei finanziamenti per acquistarli”.

58


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 7 Brindisi

Centro Servizio di Brindisi I lavori infrastrutturali sono stati completati

PIT 8 JonicoSalentino

Centro Servizio di Brindisi I lavori infrastrutturali sono stati completati Centro Servizi di Lecce I lavori infrastrutturali sono stati completati Centro Servizi di Manduria I lavori infrastrutturali sono stati completati

PIT 9 Area Salentino Leccese

Centro Servizi di Tuglie I servizi sono effettivamente erogati e sono coerenti con il progetto iniziale Centro Servizi di Cursi (fino al punto D): I lavori infrastrutturali sono stati completati e gli allestimenti interni sono stati completati Centro Servizi di Calimera Informazioni non disponibili

PIT 10 Monti Dauni

Al momento della valutazione 26 centri erano stati già completati. Per tre anni, la gestione dei centri è assicurata dal consorzio vincitore del progetto complessivo Get Local.

59


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Allegato V. LO STATO DI FUNZIONAMENTO DEI SITI E DEI PORTALI Nel corso della vicenda PIT sono stati realizzati diversi siti internet e portali finalizzati a vari scopi. Sono stati realizzati alcuni siti di tipo prettamente comunicativo sui PIT (come nel caso del PIT Tavoliere, del PIT Nord Barese, del PIT di Brindisi e del PIT 9 Salentino Leccese. La maggior parte di questi siti internet è tuttora accessibile ma non recentemente aggiornata; si tratta infatti, in prevalenza, di siti informativi sulle opportunità di bando attivate durante il periodo 2006-09. L‟unico sito internet ricco di informazioni ed aggiornato è quello attivato nell‟ambito del PIT e gestito dalla Provincia di Brindisi (www.innovazionebrindisi.it) con informazioni e novità sui temi legati all‟innovazione di impresa in diversi settori. Vi sono, inoltre, alcuni siti realizzati in occasione di progetti particolari: si tratta, ad esempio, dei siti realizzati nell‟ambito dei progetti finanziati a valere sulla Delibera CIPE n.26/03. Pur ricchi di informazioni, molti di questi siti non sono risultati più visibili a partire dal 2011. Fanno eccezione un sito del PIT Tavoliere in materia di lavoro (http://www.impresalavoro.net/resetfg/), ed il sito dedicato al progetto Get Local del PIT Monti Dauni (http://www.montidauniturismo.it/). Quest‟ultimo portale è l‟unico tuttora visibile e funzionante tra quelli di maggior dimensione finanziaria (in questo caso oltre alla realizzazione del progetto è stato dato incarico per la gestione del sito per un periodo di tempo ulteriore). Alcuni progetti sulla azione 6.2 c) in Società dell‟Informazione, infatti, a fronte di finanziamenti decisamente cospicui (tra i tre ed i 9 milioni di euro) non sono visibili a tutt‟oggi o comunque presentavano una funzionalità limitata nel corso del 2010. Questi ingenti finanziamenti sono stati dedicati non solo all‟architettura tecnica dei portali, Infine vi sono le iniziative di grande respiro realizzate in tema di Società dell‟informazione, finanziati a valere sulla misura 6.2. Su questa voce sono stati finanziati sia l‟architettura dei portali sia varie voci spesso molto cospicue di dotazione hardware (come nel caso dell‟acquisto di sistemi di videosorveglianza per il territorio o di hardware per l‟allestimento di reti di interconnessione tra amministrazioni). Nessuno di questi siti risulta ad oggi attivo; quelli che è stato possibile visionare, nell‟inverno del 2010, mostravano contenuti spesso del tutto preliminari, come nel caso dei portali dedicati al marketing territoriale. Uno degli elementi di maggiore criticità è stato connesso alla gestione dei portali stessi, che spesso richiedeva un contributo significativo da parte del personale dell‟amministrazione oppure l‟affidamento in appalto dell‟alimentazione dei siti, in ogni caso da prevedere oltre la data di chiusura formale dei PIT. Informazioni recenti mostrano che l‟Area Metropolitana di Bari, dopo numerose problematiche, ha dato avvio (giugno 2011) alla gestione dei cinque portali allestiti nell‟ambito della misura 6.2 c (Portale multicanale metropolitano, Rete delle identità del territorio, Rete intercomunale per le politiche attive del lavoro, Rete per la sicurezza e la Qualità della vita, Rete delle economie locali). Nel complesso possiamo affermare che, con qualche rara eccezione, vi sia stata una assoluta sproporzione tra le risorse impegnate per la realizzazione di portali e siti e la loro efficacia. Molti portali, come detto, non sono nemmeno operativi; altri non hanno chiare connessioni con la strategia PIT nel suo insieme. Nel complesso, si è certamente trattato di una occasione mancata di sperimentare una effettiva integrazione tra le azioni a sostegno dell‟informatizzazione e più in generale della società dell‟informazione e le politiche di servizio alle imprese e ai cittadini.

60


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 1 Lo stato di funzionamento dei siti e portali sviluppati nei PIT

Legenda:

 sito visibile, non aggiornato di recente : sito non più visibile : sito visibile e aggiornato PIT

Portali/siti internet realizzati

Misura di

Costo

Funzionamento al 4/3/2011

Funzionamento al

finanziament

22/562011

Situazione

o PIT

1

http://www.pit-tavoliere.it/

Misura 7.1

-

Tavoliere

Il sito è tuttora visibile con contenuti relativi al PIT;

Il sito è tuttora visibile con

l‟ultimo aggiornamento risale al 2009

contenuti relativi al PIT; l‟ultimo aggiornamento risale al

2009 www.dat.fg.it

Misura 6.2 c

4.270.000 480.000

(integrazione

per

Il sito era funzionante ad ottobre 2010 ma attualmente

Il sito era funzionante ad

non risulta più accessibile.

ottobre 2010 ma attualmente non risulta più accessibile.

Servizio di Gestione dei Rifiuti Agricoli

in

Accordo

di

Programma ) www.osservatoriolavoro.fg.it

Delibera CIPE

Quota

specificata

Il sito risultava funzionante e ricco di informazioni fino

Il sito risultava funzionante e

n. 26/2003

all‟interno del progetto RESET

non

a gennaio 2011. Attualmente il sit non risulta più

ricco di informazioni fino a

di un importo complessivo di

accessibile

gennaio 2011. Attualmente il

616.250 http://www.impresalavoro.net/resetfg/

sit non risulta più accessibile

Delibera CIPE

Quota

non

specificata

n. 26/2003

all‟interno del progetto RESET di un importo complessivo di 616.250

61

Il

sit

è

accessibile

e

ricco

L‟aggiornamento è a marzo 2011.

di

informazioni.

Il sito continua è accessibile ed aggiornato a giugno 2011


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT 2 Area

www.pit2.it sostituito in seguito da

Nord Barese

www.nordbaresesicuro.it

6.2 c)

20.000 euro il primo portale,

Il sito “storico” funziona, ma è aggiornato al 2006. Il

Il sito “storico” funziona, ma è

10.000 euro il secondo

sito attuale è in costruzione (ma lo era anche a

aggiornato al 2006. Il sito

novembre 2010). Non contiene news e riporta solo

attuale è in costruzione (ma lo

scarne informazioni sul sistema digitale nord barese.

era anche a marzo 2011). Non

contiene news e riporta solo scarne informazioni sul sistema digitale nord barese. PIT 3 Area metropolitan a di Bari

Previsti 5 portali Portale

6.2 c)

9.000.000 euro

multicanale

I portali settoriali non hanno ottenuto il collaudo per

Il sito Memoria e Conoscenza

problemi sopraggiunti in fase di test, non risolti dalla

non è più accessibile.

società appaltatrice

metropolitano

La spesa per i portali è stata

Rete dell‟identità del territorio

Il sito Memoria e conoscenza risulta funzionante al

interamente collaudata. A

Rete intercomunale per le

1/3/2011 e contiene informazioni sul patrimonio storico-

giugno 2011 sono iniziate le

politiche attive del lavoro

culturale dell’area. L’ultima news è relativa ad un evento in

attività per l‟avvio della

Rete per la sicurezza e la

calendario il 1/3/2011

gestione

Il sito era visibile a dicembre 2010, anche se con

Il sito non appare più visibile al

contenuti del tutto preliminari.

22 giugno 2011.

qualità della vita

Rete delle economie locali

È stato realizzato un portale per l‟area

metropolitana

(www.ba2015.org) nono finanziato con i fondi PIT PIT 4 Murgia

progetto di marketing territoriale

6.2c)

“SIM Murgia”

4.680.000 € 1.300.000 € rifinanz.

www.sim-murgia.it

Il sito non appare più visibile al 1/3/2011

Finanziamento www.integramurgia.it

6.5 b)

nell‟ambito

portale del

progetto

complessivo

62

Il sito non appare più visibile al 1/3/2011 (era attivo nel

Il sito non appare più visibile al

2010 e presentava contenuti relativi al progetto)

22 giugno 2011


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 www.murgiasicura.it

CIPE 26/03

Finanziamento

portale

nell‟ambito

del

progetto

complessivo PIT 5 Valle

www.itria-marketing.it

6.2 c)

Il sito non appare più visibile al 1/3/2011 (era attivo nel 2010 e presentava contenuti relativi al

Il sito non appare più visibile al 22 giugno 2011.

progetto)

3.994.600,00 euro

d’Itria

Il sito funziona. Tuttavia l‟aggiornamento del portale è

Il sito funziona. Tuttavia

datato al luglio 2010 (le news). Geo-referenziazione e

l‟aggiornamento del portale è

Descrizioni generali su filiere strutture produttive e

datato al luglio 2010 (le news).

turismo in valle d‟Itria.

Geo-referenziazione e

Descrizioni generali su filiere strutture produttive e turismo in valle d‟Itria. PIT

6

n.d.

6.2

3.105.340,00

Al momento il portale non è attivo. E' stato attivo in

Taranto

Nessun aggiornamento

via

sperimentale fino al 31.12.2010

PIT 7 Brindisi

www.innovazionebrindisi.it

6.2 c)

Nell‟ambito del progetto di

Sito recentemente avviato, accessibile e aggiornato al

Il sito è accessibile e aggiornato

infrastrutturazione

2011

a maggio 2011

Nell‟ambito del progetto di

Il sito è stato realizzato nell‟ambito di un progetto

Il sito è tuttora disponibile con

internazionalizzazione

concluso. Il sito tuttora accessibile ma l‟ultimo

aggiornamenti che risalgono al

aggiornamento risale al 2009.

2009

Sito tuttora accessibile. L‟ultimo aggiornamento è

Il sito è accessibile con

dell‟aprile 2010

aggiornamenti che risalgono al

telematica cablaggio,

info-

(centro sito

servizi,

web:

costo

totale 2.322.297,66 €) www.theneareast.it

6.2 b)

(totale

1.427.925,77€) http://osservatoriolegalita.provincia.br

Delibera Cipe

indisi.it/

Nell‟ambito

del

l‟inclusione

sociale

Patto

per

(costo

totale 721.875 €) PIT 8 Area

www.dajsnet.it

6.2 c)

 

2010

4.821.774 euro (due gare)

Error message. Pagina non accessibile. Apparentemente

Jonico-

si tratta di un problema temporaneo, dovuto allo

salentina

spostamento dei server nella nuova sede distrettuale.

63

Il sito non è accessibile


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT

9

http://www.pit9.it/portale/

6.2

312.500,00 (250.000 POR)

Il portale risulta tuttora attivo

Il portale è accessibile. Tuttavia

Territorio

l‟ultimo aggiornamento risale al

salentino-

2010.

leccese PIT 10 Monti

http://www.verdeimpresa.it/

Misura 1.6

Quota

Dauni

non

specificata

all‟interno del progetto Verde Impresa

di

un

Il sito riguarda un progetto concluso ed è tuttora

Il sito non è più accessibile

visibile ma l‟ultimo aggiornamento risale al 2008.

importo

complessivo di 516.456 euro http://www.subappenninodaunointern

Misura 6.2 b

Quota

ational.it/index.htm

non

all‟interno

specificata

del

Subappennino

progetto

Il sito è ancora visibile ma l‟ultimo aggiornamento risale

Il sito è ancora visibile ma

al 2008.

l‟ultimo aggiornamento risale al

Dauno

2008.

International di un importo complessivo di 388.220 euro http://www.montidauniturismo.it/

Misura

6.2

misura 1.6

e

Quota

specificata

Il sito è tuttora attivo ed aggiornato, anche se la

Il sito è accessibile ed

all‟interno del progetto Get

non

funzionalità non è completa. L‟ultimo aggiornamento

aggiornato a giugno 2011

Local

del sito è al 27/2/2011

di

un

importo

complessivo di 6.201.400

64


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

ALLEGATO VI. 1

Inquadramento metodologico

L‟obiettivo di questa sezione è quello di approfondire le relazioni – in parte già individuate nella redazione dei dossier PIT – tra progettazione integrata e le iniziative territoriali attualmente presenti sul territorio. Più precisamente, prendendo come unità di analisi la progettazione in corso, l‟analisi mira a valutare la capacità generativa dei PIT, cioè quanto i progetti integrati abbiano prodotto esternalità positive, con ricadute sull‟elaborazione, l‟avvio e le modalità di implementazione delle iniziative che le hanno succedute. A questo obiettivo risponderemo innanzi tutto misurando i valori di continuità e discontinuità tra le esperienze oggetto di analisi e i PIT, fornendo poi una valutazione dei valori rilevati. Il primo momento ha carattere principalmente descrittivo. L‟accertamento continuità/discontinuità verrà declinato secondo le seguenti dimensioni:

del

valore

di

Continuità territoriale: se nelle diverse fasi l‟unità territoriale di riferimento è mantenuta costante e – se del caso – in che modo varia nelle diverse fasi (coincidenza, inclusione, eterogeneità); Continuità strategica: se gli interventi che agiscono su un determinato territorio mantengono obiettivi di sviluppo omogenei o sono costruiti a partire dal PIT; Continuità organizzativa: se le istituzioni create per la gestione di determinati progetti (in particolare gli uffici unici) hanno una vita utile che supera quella del PIT. In breve, se avviene o meno un‟istituzionalizzazione degli strumenti di gestione dei progetti; Continuità delle reti di attori: l‟analisi permetterà di comprendere se reti di attori dello sviluppo si consolidano e riproducono nel tempo dando vita ad un capitale relazionale spendibile in esperienze future (sia in termini di cooperazione orizzontale tra attori sul territorio che di cooperazione verticale tra questi ultimi, province e regione). Inoltre, l‟analisi metterà in luce quali attori mantengono un ruolo nelle diverse fasi e in che modo cambiano le coalizioni progettuali. Il secondo passo è l‟elaborazione dei risultati di questa prima analisi, nell‟obiettivo di fornire un giudizio sui valori di continuità e discontinuità rilevati. L‟attestazione dell‟esistenza di continuità tra la fase attuale e quella della progettazione integrata non permette infatti un‟interpretazione univoca. La fecondità della relazione tra le due fasi può caratterizzarsi sia per differenza (ad esempio attraverso una rielaborazione critica delle esperienze PIT) che per omogeneità (riproduzione di fattori di successo). Sarà quindi necessario comprendere quando questi valori indichino l‟innesco di un processo di apprendimento e quando invece siano attribuibili ad esempio ad una scarsa capacità di innovazione o ad una mancata elaborazione dell‟esperienza PIT. Un giudizio ragionato deve verificare che il carattere delle relazioni che viene rilevato non sia casuale, ma frutto di uno sforzo di valutazione, secondo un ciclo logico in cui il feedback valutativo interviene sul successivo momento di pianificazione. La sezione si articola in tre parti: la prima si concentra sulle aree vaste, in parte rielaborando le informazioni raccolte nella prima fase di analisi; la seconda approfondisce l‟esperienza dei distretti produttivi; la terza infine descrive alcuni esempi di generatività dei PIT al di fuori delle attività di programmazione regionale.

65


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

2

Continuità e discontinuità nella progettazione di area vasta

A parte alcune eccezioni, il grado di continuità tra PIT e area vasta risulta molto basso. Nelle interviste condotte per la redazione dei dossier PIT, sono state raccolte informazioni specifiche per ogni progetto, che sono riportate sinteticamente nella tabella qui sotto. Tabella 1 Continuità e discontinuità tra PIT e Area Vasta Pit

Area Vasta

Continuità/Discontinuità tra PIT e Area Vasta

1 Tavoliere

Capitanata 2020

C‟è una discontinuità strategica, con un PIT agroalimentare e un‟area vasta concentrata su interventi logistici. C‟è anche una discontinuità territoriale, con l‟inclusione dei comuni del Gargano. C‟è infine una discontinuità organizzativa, dato il debole coinvolgimento dell‟ufficio unico.

2 Nord Barese

Vision 2020

Mentre il PIT si caratterizzava quale strumento selettivo, il piano di area vasta prevede interventi più eterogenei. Il capofila è il comune di Barletta e non quello di Andria, c‟è una restrizione degli enti partecipanti e l‟ufficio unico non sembra essere stato coinvolto nella redazione del piano.

3 Bari

Metropoli Terra di Bari

I comuni aderenti raddoppiano e si estende anche qui il focus strategico del progetto. Si rilevano alcuni elementi di continuità, sia attraverso progetti del PIT da estendere ai nuovi aderenti, sia attraverso un mantenimento di alcuni temi strategici.

4 Murgia

Città Murgiana

C‟è una riduzione dei comuni aderenti, da 14 a 4. I temi trattati sono vari, con alcuni progetti che mantengono una continuità rispetto al PIT. In generale si rileva un alto livello di discontinuità.

5 Valle d’Itria

Valle d’Itria

Anche se con l‟alternanza del capofila, la coalizione di comuni resta la stessa. Ci sono elementi di continuità anche al livello dei temi trattati, anche se il piano strategico allarga l‟ambito di azione rispetto a quello del PIT.

6 Taranto

Area Vasta Tarantina

C‟è una continuità di carattere strategico, con il tema della logistica che è ancora tra le priorità dell‟area tarantina. Tuttavia, l‟ufficio unico non è stato coinvolto e il partenariato si amplia ad includere l‟intero territorio della provincia di Taranto (con l‟esclusione di Martinafranca).

7 Brindisi

Area Vasta Brindisina

C‟è coincidenza territoriale, ma con una maggiore diffusione degli interventi sui comuni aderenti. A livello strategico alcuni progetti sono coerenti con quelli del PIT, ma con un peso inferiore e nell‟ambito di una programmazione eterogenea. L‟ufficio unico non è stato coinvolto nell‟area vasta e il partenariato risulta sostanzialmente ampliato.

8 JonicoSalentino

Lecce 20052015, Area Vasta Brindisina, Area Tarantina

Si trattava di un PIT a cavallo tra tre province, e questo territorio non è stato riconfermato, con l‟area vasta che torna in buona parte a ricalcare ambiti interni a quelli provinciali. Di qui, anche le coalizioni di attori sono molto diverse e non c‟è continuità organizzativa.

9 SalentinoLeccese

Salento 2020

Nell‟ambito di una sostanziale coincidenza territoriale, si rileva una minore concentrazione strategica degli interventi. Se nella fase iniziale c‟era stata una continuità degli attori, con il progettista dell‟area vasta che era stato PIT manager, gli avvicendamenti politici hanno sostanzialmente mutato il panorama dei soggetti coinvolti.

10 Monti Dauni

Area Vasta monti dauni

Nonostante in un ambito conflittuale, si rileva una continuità forte sia degli enti partecipanti che, almeno nella prima fase, dei soggetti gestori. Anche a livello strategico, gli obiettivi presenti nel PIT sono in larga parte confermati.

Volendo fornire una visione d‟insieme, la presenza di una sovrapposizione temporale (la programmazione per le Aree vaste parte nel 2005, in concomitanza dell‟avvio della fase attuativa dei PIT) non permette in quasi nessun PIT una vera e propria ipotesi di continuità tra i due strumenti di programmazione. Difficilmente si rileva una relazione che possa qualificarsi come derivante da un‟effettiva valutazione ed elaborazione della progettazione integrata. Ciò però non esclude che vi siano elementi di continuità e che alcuni di essi evidenzino un accrescimento della capacità di lavoro congiunto da parte dei soggetti coinvolti. Unica dimensione su cui si può fornire un giudizio parzialmente positivo riguarda la continuità territoriale. Pur con eccezioni e spostamenti, infatti, le aree PIT e le Aree vaste tendono a coprire territori in buona parte coincidenti. Ciò detto, questa parziale continuità va valutata considerando il diverso carattere dei due strumenti: data la natura maggiormente concentrata degli interventi PIT, la continuità territoriale è spesso limitata al mantenimento dei confini, con un generale allargamento dei territori interessati dagli interventi. Da ogni altro punto di vista invece, l‟analisi dei singoli PIT conferma che la storia delle Aree vaste procede parallela a quella dei progetti integrati. Per quanto riguarda l‟aspetto strategico, quasi tutti i Piani strategici 66


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 di area vasta presentano una varietà di obiettivi molto articolata rispetto a quella dei PIT. Se questi si caratterizzavano per il consolidamento delle filiere economiche del territorio e dei servizi alle imprese, le aree vaste sono più concentrate sui temi della mobilità e dei trasporti, dell‟ambiente e dell‟energia e delle reti istituzionali (si vedano in proposito il PIT Tavoliere-Capitanata 2020; il PIT 3 area metropolitana di Bari –Metropoli Terra di Bari; il PIT di Brindisi – il PS dell‟area vasta brindisina) pur recuperando, all‟interno del parco progettuale, alcuni interventi avviati nell‟ambito del PIT. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, i temi centrali del PIT sono “annegati” dentro un quadro strategico tendenzialmente comprensivo e poco selettivo (si pensi ad esempio al Piano strategico di Bari con i suoi 20 programmi strategici e le sue oltre 800 azioni). In alcuni casi, poi, le aree vaste presentano una cesura particolarmente significativa: l‟area della Murgia “dimentica” il tema strategico del distretto di produzione del mobile e dell‟agroalimentare per puntare sul turismo, l‟accoglienza ed il benessere; il Piano strategico Capitanata 2020 si concentra sul tema della mobilità, in piena discontinuità con il tema agro-alimentare del PIT del Tavoliere. Per quanto riguarda poi la continuità organizzativa, se si fa eccezione per il PIT Valle d‟Itria e in parte per il PIT Salentino leccese, le Aree vaste vengono gestite da strutture di implementazione diverse dagli Uffici unici. Questi ultimi vengono tenuti in vita solo per “chiudere”, possibilmente in modo efficiente, i PIT, mentre non giocano alcun ruolo nella fase di programmazione delle Aree vaste. Anche se i giudizi sull‟operatività degli Uffici unici è generalmente buona (ed in particolare, sulla qualità dei PIT manager) le strutture non sono quasi mai state confermate come capifila tecnici nelle aree vaste (Bari costituisce una parziale eccezione), e spesso sono coinvolte solo marginalmente nella predisposizione delle candidature (tra queste Tavoliere, Murgia, Taranto). Più che alla continuità organizzativa, un ruolo di connessione sembra vada riconosciuto alla persistenza di un expertise tecnico, sia esso di tipo consulenziale (così il caso del PIT 5 Valle d‟Itria e del PIT 9 Salento) o interno agli enti (si veda ad esempio il ruolo di continuità esercitato dai PIT manager del Comune di Bari). La permanenza nel processo di alcune figure tecniche sembra consentire anche un certo grado di continuità tematica tra PIT e area vasta. Questo è vero ad esempio per il piano strategico dei Monti Dauni, la cui programmazione si lega al PIT sia dal punto di vista tecnico (per l‟affidamento allo stesso PIT manager) sia tematico (sostenibilità ambientale), pur subendo successivamente pesanti critiche da parte del partenariato locale. La discontinuità riguarda infine gli stessi attori leader. Gli inizi della progettazione hanno creato una finestra di opportunità per nuove negoziazioni, conseguenza anche della modifica degli equilibri elettorali, sia a livello regionale che a livello locale. Dove tali negoziazioni si sono esasperate, l‟esito è stato l‟implosione delle coalizioni precedenti (ad esempio nelle Murge o nel territorio della Daunia) e la fuga verso aree con leadership più consolidata (come nel caso dell‟area metropolitana di Bari, il cui numero di aderenti raddoppia nel passaggio dal PIT all‟area vasta). Inoltre, in alcuni casi, proposte territoriali diverse hanno trovato ricomposizione in un unico piano di area vasta, con conseguenze – oltre che sulle reti di attori – anche sulla coerenza strategica dei piani. Inoltre, soltanto una minoranza degli enti (i comuni di Foggia, Bari e Casarano) confermano la propria leadership quali soggetti capifila tra i due cicli di programmazione. In definitiva, la grande maggioranza delle Aree vaste nasce indipendentemente dai PIT, sia dal punto di vista organizzativo e gestionale, sia sotto il profilo della leadership, sia dal punto di vista delle strategie territoriali di sviluppo poste al centro della progettazione. Le motivazioni di questa discontinuità sono diverse, anche ascrivibili a un orientamento dell‟Amministrazione regionale, che da una parte non ha esplicitamente promosso e premiato processi di capitalizzazione delle competenze e delle reti sociali costruite attraverso i PIT; dall‟altra ha permesso l‟attivazione di dispositivi di implementazione diversi, spiazzando gli Uffici unici. D‟altra parte, anche a livello locale l‟avvio delle Aree vaste nel 2005 è stato considerato, dagli attori economici e sociali ma anche da quelli istituzionali, come una occasione per ricostruire quadri strategici, a fronte di PIT che avevano a quel punto la priorità di garantire efficienti profili di spesa. L‟attenzione alla dimensione di programmazione e integrazione territoriale si è quindi spostata sull‟Area vasta, senza mettere a valore le possibili sinergie con le esperienze di attuazione dei PIT in corso. Tuttavia, resta il problema già segnalato della sovrapposizione temporale tra i due strumenti, che avrebbe reso difficile una conferma dei soggetti gestori e che ha contribuito a creare su tutto il territorio un 67


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 sostanziale parallelismo tra i due cicli di programmazione. L‟eccezione più evidente è quella dei Monti Dauni in cui, almeno nella fase iniziale, c‟è una conferma della comunità montana quale soggetto gestore, insieme al recupero dei temi che già erano stati oggetto del PIT. Se questo può essere letto senz‟altro come un indice che le reti tra attori hanno funzionato, sembra che – più che nella densità delle relazioni e nell‟incremento di capitale relazionale – le ragioni della continuità vadano ricercate nell‟esistenza di una rete ristretta, stabile nel tempo, con una leadership politica dominante e con un efficace dispositivo organizzativo.

3

I distretti produttivi

Il 3 Agosto 2007 viene approvata la legge n. 23 “Promozione e riconoscimento dei distretti produttivi”. Il distretto è definito come caratterizzato da: a) una significativa concentrazione di imprese integrate in un sistema produttivo; b) un insieme di attori istituzionali e sociali aventi competenze e operanti nel sostegno all‟economia locale. I distretti possono assumere le forme di: reti di imprese legate per specializzazione orizzontale (settori) o verticale (filiere) appartenenti ad ambiti territoriali anche non confinanti; sistemi turistici locali (così come definiti nella l. n. 135/2001 e nell‟art.5 l. regionale n. 1/2002); distretti tecnologici, ovvero in cui è più rilevante la presenza di soggetti che operano in ricerca e sviluppo; distretti produttivi transregionali, anche al di fuori dei confini nazionali. Soggetti promotori del distretto possono essere sia imprese operanti sul territorio regionale che associazioni di categoria o sindacali. Possono inoltre partecipare alle procedure di riconoscimento enti pubblici, associazioni private, università ed enti di ricerca o formazione. Questi soggetti costituiscono il nucleo promotore del distretto produttivo, che a costituzione avvenuta si trasforma in Comitato di distretto ed elegge il Presidente del distretto. Il programma di sviluppo del distretto – esaminato da un apposito nucleo tecnico di valutazione – ha durata almeno triennale e comprende: un‟analisi del contesto di azione; obiettivi generali e specifici; azioni e progetti da realizzare; piani finanziari e temporali di spesa; entità e tipo delle risorse pubbliche e private per la realizzazione di azioni e progetti. In tabella sono raccolte alcune informazioni di sintesi sui distretti attualmente riconosciuti dalla Regione Puglia. In azzurro sono evidenziati quei distretti che potenzialmente potevano presentare aspetti di continuità (il distretto florovivaistico non è stato considerato dato il riconoscimento recente).

68


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

3.1

Totale

Università – enti ricerca

Privati, Asso. fondazioni, consorzi

Istituzioni

Categoria sindacati

Imprese

Riconoscimento definitivo

e

Tabella 2 I distretti produttivi in Puglia Fonte: Nostre elaborazioni su documentazione distretti

Aerospaziale Pugliese

11/01/10

42

5

2

4

5

58

Agroalimentare Jonico-Salentino

26/01/11

187

33

42

3

7

272

Agroalimentare Terre Federiciane

28/12/10

767

45

28

10

15

865

Ambiente e Riutilizzo

23/03/10

141

4

5

21

6

177

Edilizia sostenibile

23/03/10

181

19

2

0

11

213

Informatica

11/01/10

94

6

1

3

4

108

Lapideo Pugliese

19/07/10

208

20

14

11

3

256

Legno e Arredo

19/07/10

114

6

1

2

2

125

Logistico

26/10/10

158

17

17

0

4

196

Meccanica

22/12/09

101

7

2

0

5

115

Moda

19/07/10

137

24

8

8

3

180

Nautica da diporto

09/03/10

108

13

7

0

8

136

Nuova Energia

03/11/10

334

14

6

19

19

392

Florovivaistico

03/05/11

227

-

-

-

-

227

Comunicazione, Editoria

19/07/10

127

-

-

-

-

127

Continuità e discontinuità delle esperienze distrettuali

Un primo elemento da valutare riguarda i tempi della programmazione. La legge promotrice dei distretti viene approvata nel 2007 e questi ottengono il riconoscimento definitivo tra la fine del 2009 e gli inizi del 2011. Ciò vuol dire che in buona parte il lavoro di progettazione è stato parallelo alla fase di implementazione dei PIT6. Tuttavia, l‟assenza di un preciso ordine temporale tra le due esperienze – se va tenuta in considerazione per valutare quanto le nuove attività abbiano lavorato sul passato – non limita la possibilità di relazioni in corso d‟opera tra PIT e distretto, in termini di attori, strategie, progetti ed utilizzo di esperienze acquisite nella programmazione precedente. Nonostante alcune specializzazioni produttive presentino una forte concentrazione territoriale, la volontà regionale di avere un solo interlocutore per settore, ha fatto sì che i distretti produttivi avessero in genere una dimensione territoriale regionale: ciò vuol dire che istanze separate di attori di diverse coalizioni territoriali sono state spesso accorpate, raggruppando attori di aree sub-regionali diverse attorno ad un tema comune. La continuità territoriale con i PIT non è quindi significativa: non si ripete infatti con i distretti l‟esperienza della progettazione integrata, che è innanzi tutto espressione di uno specifico territorio e della sua vocazione. Per queste ragioni la scelta degli approfondimenti sulla progettazione distrettuale è partita dall‟apprezzamento degli aspetti strategici, nella convinzione che – partendo da questa – potesse essere possibile rintracciare ulteriori relazioni. L‟analisi si è svolta in tre fasi: una fase preliminare di analisi documentale in cui sono stati esclusi quei distretti in cui era evidente la non coerenza tematica con la progettazione integrata; una seconda fase in cui sono state realizzate delle interviste ricognitive al fine di valutare l‟eventuale continuità; delle interviste di approfondimento per i casi che dimostravano un livello di continuità significativo.

6

Non è un caso che i distretti più propriamente riconducibili alla progettazione integrata – quello dell‟agroalimentare Jonico-Salentino e il distretto agroalimentare Terre Federiciane – siano proprio gli ultimi ad essere costituiti.

69


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Nella fase preliminare, attraverso l‟analisi dei programmi di sviluppo distrettuali, sono stati esclusi i seguenti distretti: Aerospaziale, Ambiente e Riutilizzo, Edilizia Sostenibile, Lapideo Pugliese, Meccanica da Diporto, Nuova Energia, Comunicazione ed Editoria. Per i restanti – Jonico-Salentino, Terre Federiciane, Informatica, Legno e Arredo, Logistico, Filiera Moda – che dall‟analisi dei programmi di sviluppo presentavano interventi potenzialmente collegabili ai PIT, sono state svolte delle prime interviste di approfondimento. Nella tabella di seguito sono esplicitate le ipotesi di continuità tra distretti e PIT. Tabella 3 Ipotesi di continuità PIT - Distretti Distretto

Ipotesi di continuità PIT

Agroalimentare Jonico-Salentino

PIT 8 Jonico-Salentino

Agroalimentare Terre Federiciane

PIT 1 Tavoliere

Informatica

PIT 3 Bari

Legno e Arredo

PIT 4 Murgia

Logistico

PIT 6 Taranto; PIT 7 Brindisi

Moda

PIT 9 Salentino-Leccese; PIT 2 Nord Barese; PIT 5 Valle d‟Itria

I risultati di questo lavoro hanno permesso non solo di avere delle prime valutazioni sui valori di continuità con la progettazione integrata, ma anche – più in generale – di comprendere meglio l‟intera esperienza distrettuale. Innanzi tutto, esiste una differenza marcata tra distretti agro-alimentari (Jonico-salentino e Terre Federiciane) e le altre esperienze distrettuali. Queste ultime vedono sempre un ruolo forte di Confindustria, che è promotore delle iniziative e coordinatore principale del processo di costituzione distrettuale. È proprio in questi distretti che i valori di continuità risultano più bassi, con una cesura che sembra soprattutto soggettiva: mentre i PIT sono percepiti come esperienze essenzialmente istituzionali, i distretti si caratterizzano quali espressioni delle imprese e delle loro organizzazioni, con un ruolo soltanto marginale delle istituzioni. Così, gli elementi di continuità territoriale o tematica che possono riscontrarsi, sono soprattutto il prodotto naturale della vocazione dei territori e della relativa concentrazione delle imprese di un certo settore, senza che si rilevi alcun tipo di rapporto diretto con la progettazione integrata. Non si tratta però di una discontinuità che parte dalla discussione critica dei PIT e degli interventi in essi realizzati: manca piuttosto lo stesso riconoscimento della necessità di raccordarsi alla precedente programmazione, percepita come estranea alla natura e all‟azione dei distretti. Questo è spiegabile – oltre che con l‟avvicendamento soggettivo di cui si è detto – anche per la stessa struttura dello strumento distrettuale. Nonostante infatti i programmi di sviluppo presentino iniziative ad un livello di progettazione avanzato, frutto di un lavoro intenso di raccolta delle istanze territoriali e di concertazione tra i partner, i distretti non si pongono quali gestori diretti di tali progetti. Il distretto non sembra dover assumere il ruolo di soggetto autonomo delle politiche regionali di settore, e sicuramente non si qualifica come un centro di spesa come erano invece i PIT: piuttosto, la funzionalità del distretto si esprime quale coordinatore delle istanze delle imprese e quale soggetto di raccordo tra imprese e regione. Allo stato attuale quindi, i programmi di sviluppo sono degli esercizi di ricognizione delle esigenze del territorio, che potranno in seguito funzionare per indirizzare le politiche regionali e per la decisione di criteri di premialità nei futuri bandi, ma che non costituiscono un effettivo programma di azioni da realizzare. In genere, non è facile dire se si tratta di un assetto definitivo o soltanto di una fase iniziale. Al momento non esistono – e non sono previsti – fondi regionali direttamente dedicati ai distretti e questi – nella maggior parte dei casi – non prevedono nemmeno quote di partecipazione per gli associati. In tal modo, se i distretti sono stati coinvolti in alcune attività promozionali svolte dalla regione, ci si trova ancora in una fase preparatoria ed un giudizio compiuto necessiterebbe di un periodo di riferimento più ampio.

70


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Con queste incertezze, risulta comunque significativo che i distretti Moda, Logistico, Legno e Arredo e Informatico, non mostrino collegamenti significativi con la precedente esperienza PIT e non abbiano in progetto l‟utilizzo delle strutture già disponibili, come ad esempio portali e centri servizi. Qui buona parte della spiegazione sembra risiedere nella diversa dimensione territoriale, con le strutture del PIT legate a territori sub-regionali non riconducibili a quelli distrettuali. Una storia diversa riguarda invece i distretti agroalimentari. Inizialmente questi non dovevano essere compresi nella legge dei distretti produttivi, ma in assenza di una legge specifica per l‟agro-alimentare rientrarono nella fattispecie più generale dei distretti produttivi. Nonostante l‟identità della fattispecie normativa, queste iniziative mantengono un carattere proprio: non solo per quanto riguarda i temi e i soggetti coinvolti, ma in particolare per il territorio di riferimento e per i valori di continuità rilevati. Per quanto riguarda i primi due aspetti, è naturale che l‟agroalimentare veda un protagonismo ridotto di Confindustria, che ha invece caratterizzato fortemente tutte le altre iniziative. Inoltre, unica eccezione nel panorama distrettuale pugliese, l‟agroalimentare è rappresentato da due distinti distretti, quindi con un riferimento territoriale sub-regionale. Il progetto iniziale doveva prevedere infatti un solo distretto con sede a Foggia, ma le resistenze dei territori hanno portato all‟istituzione di due distretti separati, quello Terre Federiciane per le province di Bari, BAT e Foggia e il distretto Jonico-salentino per quelle di Taranto, Brindisi e Lecce. Mentre quindi negli altri casi la regione aveva proceduto all‟accorpamento delle proposte che provenivano da territori diversi, nel caso dell‟agroalimentare questo tentativo di integrazione fallisce. Ciò, evidentemente, apre la strada a possibilità maggiori di continuità, con proposte che si concentrano intorno ai preesistenti nuclei dei PIT. L‟eredità del PIT determina anche una struttura meno leggera e delle attese più operative rispetto alla futura azione del distretto. In effetti, in entrambi i casi (anche per via del riconoscimento più tardo) l‟inizio delle attività sembra essere più indietro, in parte bloccato proprio dalla necessità di mantenimento o recupero delle strutture PIT. Nonostante queste somiglianze, i due distretti presentano alcuni caratteri distintivi, sintetizzati negli approfondimenti che seguono. 3.2

Il distretto agroalimentare Jonico-Salentino

È senz‟altro l‟esperienza in cui è più chiara l‟esistenza di un percorso di continuità dalla progettazione integrata all‟esito distrettuale. In effetti, la costituzione di un distretto era già tra gli obiettivi del PIT e le azioni da realizzare erano strumentali al consolidamento del distretto: il portale doveva servire quale interfaccia per l‟organizzazione dei produttori del territorio e le sedi dei centri servizi erano pensate quali sedi provinciali del distretto. Anche in questo caso, alcuni territori esterni al PIT espressero proprie proposte per un distretto agroalimentare, che furono integrate in quella jonico-salentina, che rimase quale guida del processo di costituzione. Questa forza attrattiva del PIT jonico-salentino sembra in buona parte derivare dal suo carattere inter-provinciale: riguardando già un territorio esteso, a cavallo tra tre province, il PIT risultava l‟erede naturale della nuova progettazione agro-alimentare del territorio, candidato ad estendersi alle poche parti di territorio provinciale prima escluse. La massa critica in termini di imprese e la necessaria capacità organizzativa per la costituzione del distretto esistevano già, e il comitato del PIT riuscì a raccordarsi con la legge sui distretti produttivi ottenendo infine il riconoscimento. In questo caso, c‟è quindi una continuità pressoché integrale. Se il territorio è stato esteso per includere la totalità delle tre province, gli attori del PIT si ritrovano nel distretto, considerato il risultato di un percorso iniziato proprio con la progettazione integrata. Tuttavia, vale la pena notare anche qui che l‟esperienza è soltanto agli inizi: è stato approvato un programma di sviluppo del distretto, ma non ci sono ancora attività distrettuali. La continuità territoriale, strategica, organizzativa e attoriale che si rileva afferisce quindi soprattutto alla fase progettuale. Inoltre, l‟idea che si ricava dal confronto tra questa esperienza e quelle di matrice confindustriale è che il distretto jonico-salentino sia in parte rallentato o comunque in una fase di momentaneo stallo, dovuta tra l‟altro alla non chiara definizione dell‟identità anche giuridica del distretto. Sembra in particolare che il recupero delle strutture PIT risulti – almeno nella fase di avvio – un‟eredità pesante: quello che a regime potrà essere un capitale del distretto, rende necessario reperire fondi di start-up quale precondizione per l‟operatività delle strutture esistenti. Inoltre, è possibile che – proprio in continuità con il PIT – si pensi al 71


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 distretto non solo come strumento di concertazione, ma anche quale soggetto dotato di capacità di spesa. Evidentemente, ciò non esclude che in questa fase il distretto possa svolgere la funzione di interlocutore regionale dell‟agroalimentare (così come fatto nei rispettivi settori dagli altri distretti) e che non possa dotarsi in seguito del capitale necessario, sfruttando il proprio vantaggio in termini di strutture. Date queste considerazioni e volendo fornire un giudizio conclusivo, la continuità rilevata può senz‟altro considerarsi in termini positivi: è evidente lo sforzo degli attori del PIT per valorizzare il lavoro svolto dal 2005 e per non perdere il capitale soprattutto relazionale, consolidato durante gli anni della progettazione integrata. Proprio per il fatto di essere a cavallo tra tre province, il PIT iniziava le sue attività con una complessità attoriale notevole e l‟esito distrettuale è la prova che queste diversità e i contrasti iniziali hanno trovato composizione in un progetto condiviso. Gli intervistati appaiono convinti della bontà dell‟operazione, secondo un giudizio positivo che si sposta agevolmente dal PIT al distretto. 3.3

Il distretto agroalimentare Terre Federiciane

Il caso dell‟agroalimentare delle Terre Federiciane risulta di particolare interesse, anche attraverso il confronto con il distretto jonico-salentino. In questo caso, PIT e distretto risultano meno omogenei, con un‟evoluzione significativa soprattutto in termini territoriali. La spiegazione è speculare a quella del caso precedente: il distretto del Tavoliere riguardava il territorio foggiano e – una volta esclusa l‟idea del distretto unico regionale – Foggia si trovava a dover integrare le province di Bari e BAT, quindi con un allargamento in termini di attori e territorio troppo rilevante per poter mantenere il completo controllo del processo. In realtà, anche questa proposta mantiene un livello di continuità significativo. Nonostante l‟allargamento, il precedente del PIT segna un‟impronta notevole sul costituito distretto: da una parte gli attori foggiani mantengono un ruolo centrale (anche se con alcuni avvicendamenti e con il ruolo guida della Camera di Commercio), dall‟altra i progetti del PIT sono in parte ripresi nel distretto, anche con un‟idea di allargamento ai territori di Bari e BAT. È questo il caso del portale e del centro servizi del DAT che – una volta attivati – potrebbero estendersi alle nuove province. Tuttavia, anche qui si tratta di un‟esperienza ancora agli inizi e i giudizi qui espressi riguardano le idee progettuali raccolte nelle interviste più che le attività svolte, con un certo grado di incertezza sull‟assetto definitivo del distretto. Inoltre, anche nel caso delle Terre Federiciane, l‟eredità del PIT risulta essere un capitale esistente, probabilmente a futuro uso del distretto, ma che sembra necessitare di ulteriori fondi per raggiungere la completa operatività. Qui però il SIGRAAP (Sistema Informativo per la Gestione dei Rifiuti Agricoli in Accordo di Programma) dovrebbe permettere l‟istituzione di servizi remunerativi, che potrebbero quindi auto-finanziarsi. Nel caso delle Terre Federiciane, fornire un giudizio sintetico sul grado di continuità rilevata non è del tutto agevole. Da una parte, il distretto è un‟esperienza nuova rispetto al PIT, dall‟altra – come si è detto – il recupero della progettazione integrata non riguarda soltanto le specifiche attività del foggiano, ma sembra estendersi alla progettazione per l‟intero territorio distrettuale. Tuttavia, in questo caso le difficoltà di valutazione sono maggiori, in quanto l‟attuale assetto sembra più il frutto del necessario accordo per l‟inclusione delle nuove province, che un apprezzamento e rielaborazione dell‟esperienza PIT.

4

Progettazione integrata e altre esperienze di sviluppo locale

Nella trattazione svolta finora ci siamo concentrati su due esperienze di progettazione successive al PIT, aree vaste e distretti, diffuse sull‟intero territorio regionale. In entrambi i casi abbiamo visto che i tempi dei due cicli di programmazione si sono in parte sovrapposti, con il parallelismo tra implementazione del PIT e progettazione distrettuale e di area vasta. Di qui la difficoltà di pensare agli elementi di continuità e discontinuità quali prodotto di un apprendimento o di una valutazione della progettazione integrata. Allo stesso tempo, nel corso della ricerca, sono state rilevate altre iniziative presenti sul territorio e riconducibili ai PIT, di cui si dà conto in questo paragrafo. Non si ambisce ad una mappatura completa: è 72


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 evidente che il grado e le forme della capacità generativa dei PIT possono essere tanto diversificati da renderne difficile la tracciatura. Si vuole piuttosto mostrare alcune modalità attraverso cui i frutti della progettazione integrata sono stati raccolti dai territori target, e le esperienze descritte assumono valore esemplificativo. La prima riguarda un‟attività nuova rispetto a quelle del PIT, prodotto di un apprendimento da parte dei partecipanti ad una delle attività del progetto; la seconda si riferisce invece al proseguimento di attività e di strutture organizzative create con la progettazione integrata, che è stato ritenuto utile mantenere oltre la durata del PIT. 4.1

Il Consorzio per l’export Sapori e Profumi della Terra di Puglia – Consapor Puglia

A marzo del 2009, a seguito delle missioni per le attività di internazionalizzazione organizzate in Russia e Stati Uniti nell‟ambito del PIT 8 Jonico-salentino, ventidue piccole e medie imprese (poi divenute trenta) si sono consorziate nel CONSAPOR. Si tratta di una realtà molto dinamica, che mette insieme aziende diverse: da produttori di vino e olio – che ne costituiscono la parte maggioritaria – ad aziende di formaggi, conserve, tonno, miele, prodotti da forno. Nonostante sia costituito da aziende del territorio jonico-salentino, la scelta di marketing è stata quella di promuovere i prodotti pugliesi, quale territorio – la Puglia invece che il Salento – maggiormente riconoscibile. In poco tempo, il consorzio ha svolto numerose attività, dimostrando un‟estrema vitalità. Già nei mesi di Aprile e Maggio del 2009, ha ospitato presso la sede di uno degli associati le delegazioni russa e statunitense in visita in Puglia. A Giugno dello stesso anno, nell‟ambito della VI Edizione del meeting Internazionale “Le giornate dell‟olivicoltura” organizzato dalla C.I.A. di Taranto, sono stati organizzati degli incontri con buyer e importatori provenienti da India, Russia, U.S.A., Venezuela, Colombia e Turchia, riportando risultati positivi in termini di rapporti di lavoro. Nel corso dei mesi seguenti sono state organizzate nuove missioni e incontri e il consorzio ha partecipato alle attività promozionali della regione e di altri enti del territorio, presentandosi quale realtà unitaria e coinvolgendo i propri associati. Tra gli altri, ha partecipato ad alcune attività istituzionali, attraverso attività di presentazione dei propri prodotti collaterali ad importanti eventi, come il Giro d‟Italia, la Maratona di New York o la festa del 2 giugno. Interessante infine, l‟apertura da parte del consorzio di un proprio punto vendita a Budapest. A prescindere dall‟apprezzamento della grande vitalità di questa realtà, qui interessa soprattutto la genesi del consorzio. Le missioni di internazionalizzazione del PIT 8 furono il momento in cui le aziende partecipanti compresero che – se il mercato estero presentava rilevanti possibilità di penetrazione – la piccola e media dimensione delle imprese salentine non consentiva di soddisfare la domanda dei paesi target. Di qui, lo stimolo a costituire un consorzio multi-prodotto, con un‟identità riconoscibile e in grado di produrre una capacità commerciale valida per l‟export. 4.2

Le iniziative per la sicurezza nel Nord Barese

Le iniziative per la sicurezza realizzate nell‟ambito del PIT 2 (v. il relativo dossier per le informazioni di dettaglio) hanno incluso alcuni progetti di infrastrutturazione, nell‟ambito di un integrato Sistema Digitale del Nord Barese. Si tratta principalmente di tre gruppi di servizi per il territorio del PIT: -

SerMIP Servizi multimediali IP. Si tratta di servizi tra le pubbliche amministrazioni del territorio che consentono videocomunicazione e telefonia su IP, permettendo riunioni e videoconferenze;

-

SITIN Servizio di Sicurezza Territoriale Integrata. Comprende una piattaforma per la gestione della telesorveglianza di alcune aree del territorio considerate sensibili e che può essere implementata in forme differenti dai diversi comuni. Il servizio è diretto principalmente ai Comandi delle Polizie municipali che potranno usufruire della rete per monitorare le aree selezionate. L‟infrastruttura comprende delle postazioni periferiche (ovvero le telecamere) e una sala operativa locale per l‟organizzazione dei flussi e la comunicazione agli agenti;

73


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 -

MIP - Servizi multimediali su IP ad uso delle Polizie Locali. Si tratta di un sistema sperimentale per la rilevazione degli eventi criminogeni sul territorio e per la successiva creazione di una base di dati utile eventualmente anche per il supporto alle decisioni.

Con la chiusura del PIT, esisteva il problema della gestione dei beni indivisi, cioè di quei beni che non potevano essere distribuiti tra i Comuni del territorio. Così, la deliberazione dell‟Assemblea dei Sindaci del 30 dicembre 2009 sigla l‟impegno a mantenere gli investimenti finanziati per almeno cinque anni, provvedendo alla gestione e manutenzione della rete, con la possibilità di sviluppare inoltre servizi aggiuntivi rispetto a quelli attuali. A questo fine, i Comuni hanno deliberato il rinnovo della convenzione già sottoscritta all‟inizio del PIT, prolungandone la durata. In questo modo, i beni di rete entrano a far parte del patrimonio del comune di Andria, soggetto capofila del PIT e vengono gestiti dall‟Ufficio Unico. L‟ufficio subisce quindi un‟evoluzione nella forma di una specializzazione funzionale, da gestore dell‟intero PIT a centro di gestione di un sistema di sicurezza integrato, quale eredità condivisa tra i comuni dell‟area. L‟Ufficio non è però soltanto gestore del lascito del PIT, ma si qualifica quale riferimento unitario delle iniziative per la sicurezza per il territorio inter-comunale, con la previsione dello sviluppo di ulteriori servizi e progetti. Attualmente, è stato approvato l‟intervento di formazione Training Nord Barese Sicuro a valere sulla misura 1.5 del Pon Sicurezza. Il progetto prevede diverse fasi, da svolgere in trenta mesi, e che hanno come obiettivo la riorganizzazione efficiente delle attività nei singoli Comandi delle polizie locali e la gestione delle attività inter-giurisdizionali. Il progetto sfrutterà l‟infrastruttura tecnologica costruita con il PIT, affrontando tra gli altri i temi delle tecnologie di supporto alle decisioni, alla gestione di funzioni amministrative specifiche e al controllo territoriale. In attesa di approvazione è invece il progetto GAUSS – Governance Avanzata Urbana per la Sicurezza e lo Sviluppo del Territorio, che costituirebbe un avanzamento tecnologico delle infrastrutture esistenti, attraverso la realizzazione di un Intelligent Electronic Management System in grado di fornire agli enti elementi di supporto alle decisioni, in base alla rilevazione ed elaborazione just in time delle rilevazioni effettuate sul territorio. In conclusione, è possibile affermare che – sebbene limitatamente alle iniziative della sicurezza – si istituzionalizza un sistema di gestione condiviso, che mantiene sia il capitale relazionale costruito nel PIT tra i comuni partecipanti, sia l‟expertise gestionale-amministrativa dell‟Ufficio Unico. La continuità rilevata è quindi valutabile certamente in termini positivi, quale capitalizzazione dell‟esperienza PIT. Inoltre, il caso suggerisce che la presenza di progetti di rete costituisce un evidente incentivo alla cooperazione, permettendo anche lo sviluppo di nuove attività oltre la semplice manutenzione del lascito dei progetti.

74


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

5

Conclusioni

Se si escludono i casi segnalati, il giudizio complessivo è che il livello di continuità tra le esperienze di sviluppo locale attualmente in corso e i PIT sia molto basso. Allo stesso tempo, è difficile fornire un giudizio compiuto sui valori di discontinuità rilevata. Dalle testimonianze raccolte, non sembra trattarsi di differenze dovute ad una valutazione negativa delle azioni realizzate nel PIT (e quindi alla necessità di fare qualcosa di diverso rispetto a ciò che non aveva funzionato): sembra invece diffusa un‟idea di sostanziale estraneità delle esperienze che, unita alla parziale sovrapposizione temporale, implica l‟assenza di un‟elaborazione delle relazioni tra il prima e il dopo. Ciò riguarda in particolare le esperienze di ambito regionale, in cui i PIT sono o poco conosciuti e comunque non ritenuti dei precedenti (è il caso dei distretti), oppure le esperienze sub-regionali in cui i PIT sono considerati il prodotto di un ciclo ormai chiuso, con obiettivi e modalità altre rispetto a quelle attuali (così le aree vaste). Di qui, anche quando si rilevano temi o interventi in continuità, le determinanti sono più da ricondurre alle specificità dei territori (in termini strategici o di stabilità delle reti) che ad una volontà ragionata di proseguire interventi di successo. Come si è detto, le ragioni di ciò sono da ricondurre in buona parte alla sovrapposizione dovuta ai ritardi dei PIT, per cui un‟effettiva valutazione della progettazione integrata prima dell‟avvio delle nuove iniziative non sarebbe stata possibile. C‟è poi, anche in conseguenza di ciò, una questione di “appartenenze”, cioè un generale avvicendamento di responsabili politici, amministrativi e del partenariato, che segna un‟importante cesura soggettiva tra i diversi cicli di programmazione. Se questo è il giudizio generale, nel loro rapporti con i PIT, distretti e aree vaste presentano differenze profonde. Le aree vaste mantengono un ambito territoriale sub-regionale, non sempre coincidente con il PIT, anche se con una partizione territoriale a grandi linee riconducibile a quella della progettazione integrata. Dal punto di vista strategico, gli elementi di continuità sono rari: nei casi in cui più è chiaro un indirizzo di strategie unitarie per l‟area vasta si intravedono anche veri e propri rivolgimenti rispetto ai PIT; negli altri casi l‟eterogeneità degli interventi rende poco significativi gli eventuali elementi di continuità presenti. Per quanto riguarda l‟aspetto organizzativo, gli uffici unici – valutati in generale in modo positivo – non sono però stati mantenuti e sono stati poco coinvolti. Infine, sia per gli avvicendamenti politici che per le discontinuità strategiche, c‟è una discreta varianza delle coalizioni di sostegno e degli attori protagonisti dei progetti. Per quanto riguarda i distretti invece, almeno nei due casi segnalati si rileva un notevole grado di continuità. Tuttavia, il distretto si presenta in generale come uno strumento molto diverso rispetto al PIT. Non solo si tratta di iniziative con un ambito regionale, ma anche con una funzionalità eterogenea rispetto ai progetti integrati, in quanto soggetti organizzatori di istanze settoriali, interlocutori di livello regionale e – almeno al momento – senza poteri di spesa. Tuttavia, per loro natura, i distretti mantengono un focus strategico chiaro, in questo riprendendo anche alcune delle priorità settoriali della progettazione integrata. Se questo è il quadro generale, abbiamo visto come le esperienze del distretto Jonico-Salentino e del distretto Terre Federiciane siano tra gli esempi in cui più chiari sono gli elementi di continuità, già che – a prescindere dalle variazioni territoriali più o meno ampie – vengono portati avanti obiettivi strategici già sviluppati all‟interno dei rispettivi PIT. Tra l‟altro, nel caso jonico-salentino, la rivendicazione di un ambito sub-regionale anche in contrasto con la regione è un‟ulteriore conferma che il PIT era riuscito a costruire una coalizione territoriale solida. Infine, un effetto di apprendimento o comunque una rielaborazione dell‟esperienza PIT sembrano particolarmente evidenti in quei casi che derivano da iniziative interne ai progetti integrati, che hanno generato un sostegno di lungo termine o che hanno aperto opportunità nuove ai partecipanti. È questo senza dubbio il caso del Consorzio Consapor, in cui la partecipazione alle iniziative di internazionalizzazione genera una riflessione sulle proprie debolezze e la scelta per una soluzione cooperativa. Il caso del Nord Barese invece è un esempio di specializzazione funzionale, quindi con una riconferma parziale del PIT in un ambito di generale discontinuità. In questo caso è probabile che la presenza di beni indivisi abbia costituito un incentivo forte al proseguimento delle iniziative PIT, sviluppando poi su questa base una progettualità ulteriore. 75


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

6

Interviste realizzate

Oltre all‟utilizzo di informazioni raccolte nella prima parte della ricerca, per questa sezione sono state realizzate le interviste di seguito elencate. Intervistato

Data DISTRETTO INFORMATICA

Gianni Sebastiano, Presidente Distretto Informatica

6 maggio

DISTRETTO AGROALIMENTARE JONICO-SALENTINO Ing. Pantaleo Piccinno, Coldiretti

4 maggio

Dott. Santo Ingrosso, Confcooperative

4 maggio

Maurizio Mazzeo, PIT Manager

5 maggio

Alessandro Candido, Presidente Distretto

5 maggio

Diego Lazzari, Confagricoltura

4 maggio

Nicola Spagnuolo, CIA, Consapor Puglia

5 maggio

DISTRETTO FILIERA MODA PUGLIA Mario Totaro, Presidente Distretto Filiera Moda

27 aprile

Dario longo, Confartigianato, Segretario Distretto Filiera Moda

2 maggio

DISTRETTO LEGNO E ARREDO Antonietta Majellaro, Presidente Distretto Legno e Arredo

29 aprile

DISTRETTO LOGISTICO Giusj Parascandalo, Confindustria Taranto, per il distretto logistico

6 maggio

DISTRETTO AGROALIMENTARE TERRE FEDERICIANE Carlo Dicesare, PIT Manager Tavoliere

2 maggio

Giovanni Cera, CIA

3 maggio

Giuseppe Longo, Camera di Commercio Foggia

3 maggio

PROGETTO NORD BARESE SICURO Maria Luisa Caringella

76


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Allegato VII. I Dossier PIT PIT 1 – Tavoliere Tabella 1- Anagrafica di progetto Comune capofila Enti aderenti all‟accordo

Tot comuni aderenti Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia Localizzazione ufficio unico PIT Manager Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

1

Comune di Foggia Comune di Carapelle, Comune di Cerignola, Comune di Orta Nuova, Comune di Stornara, Comune di Stornarella, Comune di Ordona, Comune di Foggia, Comune di Castelluccio S., Comune di Castelluccio V., Comune di Celle San Vito, Comune di Orsara di Puglia, Comune di Faeto, Comune di Troia, Comune di Lucera, Comune di San Severo, Comune di Apricena, Comune di Poggio Imperiale, Comune di Lesina, Comune di S. Paolo Civitate, Comune di Serracapriola, Comune di Torremaggiore, Comune di Chieuti, CCIAA, Università degli Studi di Foggia, Istituto Sperimentale Cerealitico di Foggia, CGIL Provinciale, CISL Provinciale, UIL Provinciale, UGL Provinciale, Associazione degli Industriali di Capitanata, CONFAPI Provinciale, CONFCOOERATIVE Provinciale, CNA Provinciale, Confartigianato Provinciale, Confcommercio Provinciale, CNA Provinciale, Confartigianato Provinciale, Confesercenti Provinciale, CIA Provinciale, Confagricoltura Provinciale, Coldiretti Provinciale, Biopolo Dauno, Consiat, Lega delle Cooperative, Piana del Tavoliere, Patto di Foggia, Copagri 21 Giugno 2005 Comune di Foggia Carlo Dicesare 361.740

La vicenda

Il cambiamento intervenuto tra i vari attori del PIT (istituzioni, associazioni di categoria), tra la fase di programmazione e la fase di attuazione, rende difficile ricostruire in dettaglio la fase di programmazione del PIT. Tuttavia le interviste effettuate mettono in luce dei conflitti iniziali per l‟individuazione del soggetto capofila del PIT, tra i Comuni del territorio del Tavoliere ed il Comune capoluogo da un lato e tra il Comune capoluogo e la Provincia dall‟altro. Tali conflitti vanno ricondotti all‟esperienza dei Patti territoriali, che sono stati promossi e diretti dalla Provincia di Foggia e da Assindustria, con un coinvolgimento minimo delle istituzioni locali del territorio (in particolare del Comune di Foggia), dei rappresentanti delle associazioni di categoria agricole e di altri attori socio-economici. In una situazione di blocco del PIT la Regione è intervenuta come mediatore ed ha individuato il Comune capoluogo come capofila del PIT. La fase di programmazione si conclude nel dicembre del 2004 con l‟approvazione da parte della Regione Puglia del documento programmatico del PIT 1. La fase di attuazione, avviata con la sottoscrizione nel gennaio del 2005 della Convenzione tra le amministrazioni per la delega delle funzioni al Comune di Foggia, in qualità di soggetto capofila, e per la nomina del dirigente responsabile del medesimo Ufficio, si caratterizza per un cambiamento nelle relazioni tra gli attori istituzionali, dovuto anche al cambio del partito di governo del Comune di Foggia (in questa fase sia il Comune capoluogo sia la Provincia sono di centro sinistra). La leadership politica viene assunta dalla Provincia di Foggia, mentre la leadership tecnica dall‟Ufficio Unico. Nel 2005 viene creata l‟Assemblea delle Autonomie, composta dai sindaci dei 21 Comuni partecipanti al PIT e presidiata dalla Provincia di Foggia; l‟Ufficio di Presidenza, composto dai tre Comuni capoluoghi dai tre Sistemi Produttivi Locali (Foggia, Cerignola, San Severo), la Provincia di Foggia e, a rotazione, altri tre Comuni in rappresentanza degli altri Comuni. Inoltre nel 2005 viene attivato il partenariato socio-economico, il quale svolgerà un ruolo rilevante lungo tutto il processo di implementazione del PIT Tavoliere. L‟anno 2005 si caratterizza per una “corsa” al recupero del ritardo nell‟attuazione del PIT e l‟avvio della progettazione degli interventi previsti nell‟ambito del PIT. Se inizialmente il PIT prevedeva la creazione di un centro servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere (DAT), gestito dal Polo tecnologico sotto la forma di una società consortile 77


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 composta dalle istituzioni pubbliche, università e centri di ricerca, imprese e associazioni di categoria, il mutamento del contesto nell‟ambito delle politiche per l‟innovazione tra le fasi di programmazione e attuazione del PIT spostano l‟obiettivo del PIT verso la creazione di un Centro servizi centrale con alcune sedi territoriali che offrano dei servizi alle imprese operanti nel settore agroalimentare. Il partenariato socio-economico rileva inoltre che il progetto del PIT prevede delle risorse limitate da destinare alle infrastrutture fisiche del centro servizi DAT, ritenute essenziali per la continuità di tale centro servizi. La Camera di Commercio propone di agganciare il PIT al progetto della CCIAA di costruzione della Cittadella dell‟Economia – Polo integrato di sviluppo economico di Foggia. E‟, infatti, in questo contesto che si inserisce il Patto di Foggia, che mette a disposizione del PIT i finanziamenti necessari per la realizzazione delle infrastrutture, con l‟obiettivo di ottenere la sua gestione. Nel 2005 il Ministero delle Attività Produttive approva l‟utilizzo dei finanziamenti del Patto di Foggia per il PIT, richiedendo nel cambio che tale progetto venga gestito direttamente dalla Provincia di Foggia. Inoltre nel 2005 vengono organizzati seminari itineranti volti alla comunicazione del PIT alle imprese del territorio per incentivare la loro partecipazione al bando a valere sulla misura 4.3 pubblicato dalla Regione Puglia. Allo stesso tempo si avvia un proficuo dialogo tra l‟Ufficio Unico, in rappresentanza del partenariato socio-eocnomico, e il dirigente regionale all‟agricoltura, per la definizione dei bandi a valere sulle misure 4.3 e 4.5. Nel 2006 l‟Ufficio Unico pubblica i bandi per la realizzazione dei progetti di promozione dell‟internazionalizzazione delle imprese (Drink Apulia e Deepen Apulia), per la fornitura di una rete telematica per il centro servizi DAT. Allo stesso tempo la Regione Puglia pubblica i bandi (regimi di aiuto, attività di formazione) a valere sulle misure 3.7, 4.5, 4.9, 4.21, 4.20, 6.4, e 3.14 destinati al territorio del Tavoliere. L‟Ufficio Unico procede nelle sue attività di dialogo con gli imprenditori agricoli e di pubblicazione delle misure del PIT e dei bandi regionali attraverso i seminari itineranti, che vedono coinvolte anche le istituzioni locali e le associazioni di categoria. Inoltre per facilitare la partecipazione degli imprenditori agricoli ai bandi regionali, viene sottoscritta una convenzione tra l‟Ufficio Unico PIT e la Banca Unicredit per agevolare l‟accesso degli imprenditori del Tavoliere a finanziamenti e servizi bancari in vista della loro partecipazione ai bandi regionali. Sempre nel 2006 viene sottoscritta la Convezione tra l‟Ufficio Unico PIT e il Patto di Foggia per la realizzazione del complesso immobiliare del Centro Servizi DAT e per la sua gestione. Tale convenzione verrà in un primo momento contestata dalle associazioni di categoria, che richiedono l‟affidamento attraverso un bando di gara. Successivamente, tale decisione verrà messa in discussione anche dalla Regione Puglia, che richiede all‟Ufficio Unico di affidare la gestione del DAT attraverso un bando di gara pubblico. Un'altra vicenda che segna questo periodo si riferisce alla creazione del Polo Tecnologico. Nel 2006 il Biopolo Dauno (membro del tavolo tecnico per la realizzazione del Polo tecnologico del PIT) diventa distretto regionale e partecipa quindi anche al bando ministeriale per i distretti tecnologici. Visto il ruolo del D.A.R.E (Distretto Agroalimentare Regionale) quale polo tecnologico regionale nel campo dell‟agroalimentare, il partenariato del PIT e l‟Ufficio Unico decidono di focalizzare il progetto Polo Tecnologico non tanto sulla creazione del Polo in sé, quanto sulla realizzazione di una serie di servizi. Inoltre si decide anche di partecipare finanziariamente (con un importo di 5000 euro) alla costituzione del D.A.R.E. Le misure intraprese mirano difatti a sostenere la fase di start-up del D.A.R.E, vincitore del bando Polo Tecnologico della Daunia, pubblicato nel 2007. Tra il 2007 e il 2009 vengono attuati i progetti di internazionalizzazione, SIDAT, SIGRAAP, RESET, Hyperdat e la realizzazione delle opere di infrastrutture dei tre centri servizi. Inoltre nell‟ottobre del 2009 l‟Ufficio Unico pubblica il bando per l‟affidamento della gestione del DAT. Una vicenda rilevante in questo periodo riguarda la creazione del distretto produttivo agroalimentare Terre Federiciane, nell‟ambito della legge regionale sui distretti produttivi del 2007. In questa fase il partenariato socio-economico sceglie di creare un distretto produttivo agroalimentare a livello regionale che dialoghi con il Centro Servizi DAT attraverso l‟integrazione tra i servizi creati nell‟ambito del PIT e quelli da avviare nell‟ambito del distretto. Il Distretto Terre Federiciane nasce, dunque, con la legge sui distretti produttivi n.23 del 2007 a seguito di una richiesta della Regione Puglia di raggruppare intorno al progetto del distretto produttivo agroalimentare della Capitanata (promosso dalla CCIAA, dalle associazioni di categoria e dalle imprese del Tavoliere, e che vedeva coinvolti anche il PIT, la Provincia di Foggia, l‟Università di Foggia, e 78


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 D.A.R.E) le altre proposte dei distretti agroalimentari pervenute dal territorio di Bari-Foggia. Il Distretto produttivo agroalimentare Terre Federiciane viene istituito il 6 ottobre 2009, con la delibera regionale n.1833, mentre il riconoscimento definitivo da parte della Regione Puglia arriva nel dicembre del 2010. Nel novembre del 2010, la gestione del DAT viene affidata all‟ATI composto da Impresa Verde Foggia, Cia Servizi, Confagricoltura, Ricerca e Consulenza, INFO s.r.l, Società Laboratorio Di Economia dello Sviluppo Locale s.r.l., Vitrociset. Nel dicembre del 2010 la Provincia di Foggia, le ATO del Tavoliere e le associazioni agricole di categoria promuovono la creazione del Consorzio per la gestione dei rifiuti agricoli DAUNIA nel territorio del Tavoliere. Il Consorzio realizzerà tale attività anche utilizzando la piattaforma SIGRAAP, realizzata nell‟ambito del PIT. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali

Data Giugno 2002 24 marzo 2003 2 aprile 2003 30 maggio 2003 giugno 2003 29 ottobre 2003

19 dicembre 2003 giugno 2004 11 novembre 2004

6 dicembre 2004 22 dicembre 2004 17 gennaio 2005 31 gennaio 2005 7 marzo 2005 3-4 aprile 2005 26 marzo 2005

12 aprile 2005

10 maggio 2005 3 maggio 2005

evento Convocazione della Conferenza delle Autonomie Locali interessate alla realizzazione del PIT 1 da parte del Presidente della Giunta Regionale La Regione Puglia invita i Comitati del PIT a presentare le proposte PIT Costituzione del Comitato del PIT1 Il PIT n.1 presenta la propria proposta progettuale Elezioni provinciali alla Provincia di Foggia: vince il centro sinistra con Carmine Stallone. Sottoscrizione dell‟Accordo Quadro tra le tre S.P.L che compongono il PIT n.1: San Severo, Apriciena, Chieuti, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, Serracapriola, Torremaggiore, Comune di Foggia, Società Consortile Valle dell‟Orso, Celle San Vito, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Val Maggiore, Faeto, Orsara di Puglia, Troia, Cerignola, Carapelle, Ordona, Ortanova, Stornara, Stornarella, Provincia di Foggia, CCIAA di Foggia, Università degli Studi di Foggia Facoltà di Agraria, Istituto Sperimentale Cerealicolo di Foggia UIL, CGIL, CSIL, UGL, Assindustria, Confapi, Confcooperative, CIA, Coldiretti, CNA, Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato. Il NVVIP esprime parere intermedio sul PIT 1 Elezioni comunali vinte dal centrosinistra con Cilliberti che subentra ad una giunta di centrodestra e che resterà in carica fino al 2009. Conseguentemente verrà nominata la giunta, tra cui il nuovo assessore allo sviluppo economico che sarà incaricato a seguire il PIT (prof.ssa Assunta Pinto) Approvazione dello schema di convenzione per il PIT 1 e della costituzione dell‟Ufficio Unico PIT in base alle differenti zone geografiche. L‟ufficio Unico è presidiato dal Presidente della Provincia di Foggia ed è composto da un delegato/sindaco del Comune di Foggia, del Comune di Orsara di Puglia, del Comune di Cerignola, del Comune di Stornara, del Comune di San Severo, del Comune di San Paolo di Civitate Approvazione del documento programmatico definitivo del PIT 1 Tavoliere da parte della costituenda Assemblea delle Autonomie Locali Espressione parere definitivo da parte del NVVIP sul PIT1 Acquisizione da parte della Regione Puglia del documento programmatico del PIT 1 Tavoliere Sottoscrizione formale della Convenzione tra Amministrazioni per la delega di funzioni al Comune di Foggia in qualità di soggetto capofila dell‟Ufficio Unico e per la nomina del dirigente responsabile del medesimo ufficio La Giunta regionale approva la proposta di programma Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia. Con la determinazione 411 viene approvata la pubblicazione del bando per la presentazione delle domande di concessione di aiuto in conto capitale o in conto interessi sulla Misura 4.3 “Investimenti nelle aziende agricole”, riservato alle aziende ubicate nel territorio del PIT n.1 "Area Tavoliere. Il bando verrà in seguito pubblicato sul BUR del 6 aprile 2005 e individua il 15 giugno 2006 come scadenza per la presentazione delle domande. Viene organizzata una prima riunione con il partenariato socio-economico per avviare la progettazione di dettaglio delle misure capo all‟Ufficio PIT. Nel 2005, tra aprile e dicembre, vengono organizzate 9 riunioni del partenariato socio –economico che hanno come oggetto di discussione i seguenti argomenti: definizione di un disciplinare di funzionamento del partenariato socio-economico; definizione dei criteri premiali della misura 4.3 e indicazioni sul bando che deve emanare la Regione Puglia; realizzazione dei seminari itineranti nel territorio del PIT 1 per la promozione del potenziale del PIT 1 e dei bandi sulle misure 4.3, 4.5, 4.8 e 4.9; affidamento dell‟elaborazione dello studio di fattibilità per la costruzione del Centro Servizi DAT; progetti settore internazionalizzazione; implementazione della misura 4.2 (interventi di infrastrutturazione); integrazione delle misure del PIT per la realizzazione del Centro Servizi DAT; progettazione della misura 6.5; adesione di nuovi soggetti al PIT; creazione di un tavolo tecnico per la redazione del Polo Tecnologico. Incontro tra l‟ufficio PIT e la Regione Puglia per la definizione del bando per la misura 4.3 per il PIT 1, compresi i criteri premiali. Incontro tra Ufficio Unico e Camera di Commercio per la sottoscrizione di un Protocollo di Intesa

79


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

3 maggio -5 maggio 29 giugno 2005 12 luglio 2005 4 – 21 luglio 2005

21 luglio 2005

25 luglio 2005 luglio 2005 27 luglio 2005 1 agosto 2005

9 agosto 2005

Settembre 2005

1 – 9 ottobre 2005

2005 gennaio -febbraio 2006 24 febbraio 2006

28 febbraio 2006

17 marzo 2006

tra l‟Ufficio Unico PIT 1 e la CCIAA di Foggia per la redazione dei progetti relativi all‟internazionalizzazione delle imprese agricole L‟Ufficio PIT 1 promuove tre incontri a tema, realizzati insieme al partenariato socio-economico e alla Regione Puglia: Percorsi di internazionalizzazione per le imprese agricole, Certificazione di qualità e ambientale nel settore agroalimentare, Accesso al credito per le PMI Sottoscrizione dell‟Accordo tra Amministrazioni da parte del sindaco del Comune di Foggia e del presidente della Regione Puglia per l‟avvio della fase di attuazione del PIT L‟Ufficio di Presidenza del PIT decide di utilizzare i fondi PIT (misura 4.2) per la realizzazione di una struttura logistica nella Fiera di Foggia (ente fiera) Seminario itinerante nei 21 comuni del PIT con l‟obiettivo di “portare” il PIT direttamente nel territorio e far conoscere i suoi obiettivi ed azioni previste agli imprenditori agricoli. Il seminario è stato realizzato dall‟Ufficio PIT insieme alle associazioni di categoria partner del PIT ed i sindaci dei comuni interessati. Regione Puglia (settore Agricoltura) pubblica il Bando di gara per la presentazione delle domande di concessione di aiuto ai sensi della Misura 4.3 "Investimenti nelle aziende agricole" del POR Puglia 2000-2006, riservato ai giovani ammessi nella graduatoria dell'ultimo bando della Misura 4.4 del POR e che si insediano in aziende comprese nel territorio del PIT n.1 "Area del Tavoliere" Incontro tra l‟Ufficio Unico PIT 1, Università degli Studi di Foggia (facoltà di Agraria), Biopolo Dauno e ISC per l‟avvio della misura 3.13 sulla costruzione del Polo Tecnologico previsto dal PIT Tavoliere Affidamento dello studio di fattibilità per la realizzazione del DAT alla società RSO Accolte le istanze di adesione al PIT del Patto di Foggia S. cons. P.A, Biopolo Dauno S. Cons. SRL, Gal Tavoliere s.c.ar.l. Il Patto di Foggia metterà a disposizione del PIT 3.400.000 per le opere di infrastrutturazione. l‟Assemblea delle Autonomie del PIT 1 Tavoliere con delibera n. 110 del 1 agosto 2005 ha approvato il progetto definitivo “Fornitura della Rete Telematica del Centro Servizi DAT” – misura 4.2 b) POR Puglia 2000-2006. La Giunta Comunale, con deliberazione n. 424 del 27 settembre 2005 ha approvato il progetto definitivo relativo alla realizzazione di: “ Misura 4.2 – Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali. Azione b) Infrastrutture fisiche ed immateriali a supporto delle attività produttive e delle attività di servizio comuni per un importo complessivo pari a € 2.200.000,00; Con la delibera n. 367 il Comune di Foggia approva il protocollo d‟intesa tra Comune di Foggia, Ente Fiera e C.C.I.A.A. di Foggia finalizzato alla realizzazione del Polo Direzionale Integrato – Realizzazione strutture integrate per l‟ammodernamento dell‟offerta dei servizi - individuando un‟area in posizione strategica a ridosso del quartiere fieristico, lungo l‟asse viario che collega l‟area industriale al “centro città” nonché all‟area PIP di “Villaggio Artigiani”; all‟interno di tale area si individua inoltre l‟allocazione definitiva del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere. Costituzione del tavolo tecnico per la redazione del progetto del Polo Tecnologico con lo scopo di coordinare e mettere a sistema le tre misure che riguardano la costruzione del Centro Servizi: 4.2, 6.2 e 3.13 (le misure a gestione dell‟Ufficio PIT) formato da rappresentanti dell‟Università, delle associazioni di categoria e degli enti istituzionali. Partecipazione del PIT 1 alla Fiera Ottobre Dauno attraverso uno sportello informativo e di orientamento a disposizione degli imprenditori agricoli, associazioni di categoria, consorzi, ecc. Lo sportello ha fornito informazioni sulle misure del PIT, sulle forme di finanziamento, sui bandi in scadenza, sulle opportunità offerte dal PIT per chi risiede nel territorio del Tavoliere e intende potenziare la sua attività agricola. Incontro con il Ministero delle Attività Produttive per discutere la destinazione delle economie del Patto di Foggia (3.400.000 euro) al PIT 1 Seminario itinerante dell‟Ufficio Unico PIT 1 nei 21 Comuni del PIT per la promozione delle azioni del PIT previste nel 2006 Approvazione dei progetti “DAT – Deepen Abulia Tastes”, “DAT – Drink Abulia Tastes e SIDAT – Sistema Informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere a valere sulla misura 6.2 del POR Puglia, azione c) Attuazione delle linee di intervento prioritario proposte dal Piano Regionale per la Società dell‟Informazione - da parte del Comune di Foggia, con le deliberazioni 51 e 52 CONSIAT Spa (Consorzio per lo sviluppo territoriale dell‟Alto Tavoliere società mista pubblico) e LEGACOOP (Lega Regionale Cooperative e Mutue della Puglia) entrano nel partenariato socioeconomico del PIT 1. Allo stesso tempo viene approvata la richiesta del Comune di Lucera di partecipare al PIT 1. Il Comune di Lucera destinataria del PIS non era stata considerata nella allocazione delle risorse PIT. Regione Puglia pubblica i seguenti bandi di formazione: Avviso pubblico per la presentazione di progetti Misura 3.7 "Formazione Superiore" - POR Puglia 2000-2006 - Complemento di programmazione, Asse III, Misura 3.7 "Formazione superiore", Azione a) "Formazione post-qualifica - Area di specializzazione" - Avviso pubblico n.2/2006 Avviso pubblico per la presentazione di progetti Misura 3.7 "Formazione superiore" - POR Puglia 2000-2006 - Complemento di programmazione, Asse II, Misura 3.7 "Formazione Supriore", azione c) "Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.)" - Avviso Pubblico n.1/2006.

80


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

aprile 2006

10 luglio 2006

12 luglio 2006

14 luglio 2006 luglio 2006

12 luglio 2006

12 luglio 2006 agosto 2006

ottobre 2006

Avviso pubblico per la presentazione di progetti Misura 3.7 "Formazione superiore" - POR Puglia 2000-2006 - Complemento di Programmazione, Asse III, misura 3.7 "Formazione Superiore", azione d.1) "Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate - Avviso Pubblico n.5/2006. Determinazione del Dirigente Settore Agricoltura n. 552 del 10 aprile 2006: Misura 4.5 "Miglioramento delle strutture di trasformazione prodotti agricoli" - Approvazione delle modalità di presentazione delle domande per l'ammissione al finanziamento degli interventi previsti nei Comuni compresi nel PIT n. 1 "Area Tavoliere; Pubblicazione del bando Misura 4.21 "Consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e operatori del settore" - Approvazione bando per la selezione di Enti di Formazione cui affidare la progettazione e la realizzazione di corsi di formazione in agricoltura nel territorio della Regione Puglia, comprese le aree di competenza PIT n.1, 4, 8 e 10. Sottoscrizione del protocollo d‟intesa tra l‟Ufficio Unico del PIT N. 1 Tavoliere e UNICREDIT Banca di impresa per l‟accesso degli imprenditori del settore agricoltura e per finanziamenti e servizi bancari finalizzati ad agevolare la realizzazione degli investimenti ammessi agli aiuti previsti dal PIT N. 1 “Tavoliere” Sottoscrizione di una convenzione tra la Provincia di Foggia, il Comune di Foggia e il Patto di Foggia la realizzazione del complesso immobiliare da destinare al centro servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere (DAT) e tra l‟Ufficio Unico PIT 1 e il Patto di Foggia per la gestione dei servizi del DAT. La convenzione verrà successivamente annullata a seguito di un intervento della Regione Puglia che contesta le modalità di affidamento di tali servizi senza bando di gara. Pubblicazione del bando a valere sulla misura 4.9 per la diversificazione delle attività delle imprese agricole Pubblicazione dei bandi per l‟affidamento del contratto di servizi connessi con la realizzazione del Progetto Settore “Drink Apulia Taste” e “Deepen Apulia Taste” da attuarsi negli USA e Russia (progettazione esecutiva e prestazione di servizi connessi con la realizzazione delle iniziative di promozione economica, delle azioni di marketing e degli studi ed indagini complementari da realizzarsi in Puglia e all‟estero nel periodo 2006/2007). Con deliberazione n. 1006 è stato approvato dalla Regione Puglia l‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza”, modificato ed integrato con le delibere di G.R. n. 1326 del 19/9/2006 e n. 1613 del 30/10/2006. Tra luglio e dicembre 2006 l‟Ufficio Unico predispone il progetto RESET che viene approvato dall‟Assemblea delle Autonomie Locali il 10 ottobre 2006 e che poi verrà ammesso al finanziamento della Regione Puglia. L‟Assemblea delle Autonomie decide la partecipazione del PIT 1 Tavoliere al Distretto AgroIndustriale Regionale (DARE) La Regione Puglia pubblica con Determinazione del Settore Formazione Professionale 25 luglio 2006, n.499 Pubblicato nel BURP n.99 del 3 agosto 2006 il bando a valere sulla Misura 4.20 "Azioni per le risorse umane", Azione b) "Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati" - Avviso pubblico n.20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE dallo Stato e dalla Regione Puglia. Pubblicazione dei bandi di ammissione ai Master finanziati nell‟ambito del PIT 1 a valere sulla misura 3.7 “Formazione superiore ”, azione d.1): Borse di studio e l‟azione e) Promozione e sostegno di filiere formative in forte connessione con il mercato del lavoro. I master finanziati nell‟ambito del PIT sono: Marketing dei prodotti agroalimentari; Scienze e tecnologia della vinificazione; Gestione della sicurezza e della qualità degli alimenti; Economia e gestione sostenibile delle attività turistiche. Determinazione n.630 del 2 ottobre 2006 riguardante la pubblicazione del bando presentazione di progetti per attività formative cofinanziate dal F.S.E., dallo Stato e dalla Regione Puglia, finalizzati all‟attuazione del piano regionale della Società dell‟informazione. L‟intervento, finanziato dal POR Puglia 2000-2006 –Complemento di programmazione ASSE VI: Reti e nodi di servizio – Misura 6.4: “Risorse umane e Società dell‟informazione” – Azione b): “Attuazione del piano regionale della Società dell‟informazione”, prevede interventi destinati ai residenti in uno dei Comuni di localizzazione dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Regione Puglia (determinazione settore formazione professionale 13 ottobre 2006, n.718 Pubblicato nel BURP n.138 del 26 ottobre 2006) pubblica il bando a valere sulla Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del Lavoro", Azione b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata"; Azione c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; Azione e) "Azioni di accompagnamento" - Avviso pubblico n.27/2006 per la presentazione di progetti per la partecipazione femminile al mercato del lavoro. Pubblicato (determinazione settore formazione professionale della Regione Puglia del 2 ottobre 2006, n.639 Pubblicato nel BURP n.131 del 12 ottobre 2006) l‟Avviso pubblico a valere sulla Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle

81


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

novembre 2006

febbraio 2007

marzo 2007

maggio 2007

31 luglio 2007 luglio 2007 agosto 2007 agosto 2007 ottobre 2007

28 gennaio 2008

marzo 2008

marzo 2008

aprile 2008 28 aprile 2008

donne, anche in condizione di disagio sociale" - Avviso pubblico n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. pubblicazione del bando per la fornitura di una rete telematica per il Centro Servizi del distretto agroalimentare del tavoliere Sidat a valere sulla misura 4.2, azione b – infrastrutturazione di reti di telecomunicazione. Pubblicazione dell‟avviso per l‟affidamento dell‟incarico professionale per la progettazione esecutiva, coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed eventuale direzione lavori, assistenza giornaliera, misura e contabilità, coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori nell‟ambito della misura 4.2 - Intervento di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali” - azione a) Completamento e miglioramento infrastrutturale degli insediamenti produttivi nell‟area del Comune di Foggia (Centro Servizi DAT)”. Pubblicazione del bando per la progettazione e realizzazione del Sistema Informativo del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere (SIDAT). Aggiudicazione dei bandi per i progetti settore internazionalizzazione: Drink Apulia è stato aggiudicato dall‟Ati Lattanzio & Associati + BI.TI. Export, mentre Deepen Apulia è stato aggiudicato Retecamere s.c.r.l. + Mondimpresa s.c.r.l. + Centro Estero Puglia + Cesan. I due progetti vengono implementati nel 2007 e 2008. Nel 2007, vengono organizzate delle missioni all‟estero (negli SUA a New York per il Fancy Food e in Calfornia) e delle missioni di incoming di buyers americani. Aggiudicazione della gara relativa alla fornitura di rete telematica del Centro Servizi per il DAT dalla società HP Invent Italia. Con la Determinazione del Dirigente del Settore Programmazione e Politiche Comunitarie n.80 del 26 marzo 2007, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n.58 del 19 aprile 2007, è stato approvato il progetto RESET del PIT Tavoliere. Il PIT 1 partecipa alla Fiera dell‟Agricoltura e organizza la tavola rotonda sullo stato dell‟arte delle attività del Pit 1 Tavoliere”, nell‟ambito del quale viene presentato il primo Quaderno degli Interventi del PIT 1. Sempre a maggio del 2007, l‟Ufficio Unico del PIT 1 organizza il convegno “La comunicazione dei prodotti tipici”. Affidamento del progetto di realizzazione del SIDAT all‟ATI composta da EDA Entreprise, Italeco, Impresa Verde e Confagricoltura Ricerca e Consulenza. Il contratto viene sottoscritto nel novembre del 2007. A dicembre del 2007 all‟EDA Entreprise subentra Vitrociset. La Regione Puglia pubblica le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072) L‟Ufficio Unico PIT pubblica il bando Implementazione Polo Tecnologico del DAT a valere sulla misura 3.13 azione d), Po.N.Te. per la Daunia, Polo e Network tecnologico per la Daunia La Regione Puglia adotta la legge regionale n.23 del 3 agosto 2007 in materia di “promozione e riconoscimento dei distretti produttivi”. L‟Ufficio Unico PIT organizza dei seminari itineranti nei 21 Comuni del PIT con l‟obiettivo di presentare le missioni organizzate negli SUA e pubblicizzare le missioni da organizzare in Russia e trasferire delle conoscenze e competenze utili a sfruttare le opportunità di cooperazione sui mercati internazionali di riferimento dei progetti. L‟Assemblea delle Autonomie del PIT Tavoliere delibera l‟adesione al comitato promotore del Distretto agro alimentare Provinciale. Due le azioni dell‟Ufficio Unico in questo ambito: attivazione di un tavolo tecnico tra Ufficio Unico, in rappresentanza dei sindaci del PIT n.1, Camera di Commercio di Foggia, D.A.Re., Organizzazioni Professionali Agricole e Sindacati dei Lavoratori, della provincia di Foggia, coordinato dalla Provincia di Foggia, per definire il protocollo di intesa per la costituzione del Nucleo promotore del distretto produttivo organizzazione di seminari itineranti nei 21 Comuni aderenti al PIT n. 1, per sollecitare le imprese, che insistono sui diversi territori, ad aderire al distretto produttivo dell‟agroalimentare. L‟Ufficio Unico del PIT Tavoliere promuove la fiera agroalimentare Euro Med&Food congiuntamente a CCIAA di Foggia, Regione Puglia, Sprint Puglia, Unioncamere Puglia, Provincia di Foggia, Comuni di Foggia, Cerignola e San Severo e Consorzio Il Tavoliere. Nello stesso periodo viene organizzata anche la missione di incoming degli imprenditori russi nell‟ambito del progetto Drink Apulia Pubblicazione di tre avvisi pubblici per l‟affidamento dell‟incarico di monitoraggio/rendicontazione del progetto Sidat e del progetto Polo Tecnologico del DAT. Pubblicazione del bando (determinazione dirigenziale n.231 del marzo 2008) per la creazione di una short list di esperti alla quale attingere per attività di assistenza tecnica/governo informatico del progetto SIDAT (Sistema Informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere), misura 6.2 azione c), Por Puglia 2000-2006, Missione di outcoming organizzata a San Francisco nell‟ambito del progetto Settore Deepen Apulia. Il progetto continua con altre azioni organizzate dall‟Ufficio Unico nel maggio 2008: visita di Greg Drescher, direttore del Culinary Institute of America, nei comuni del Tavoliere. Elezioni alla Provincia di Foggia che vengono vinte da Antonio Peppe con una giunta di centro destra.

82


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 giugno 2008 luglio 2008 settembre 2008 settembre 2008

ottobre

settembre 2008 ottobre 2008 aprile 2009

giugno 2009 giugno 2009 luglio 2009 ottobre 2009

ottobre 2009 28 dicembre 2009

Missione di outcoming in Russia nell‟ambito del progetto settore Drink Apulia Partecipazione del PIT Tavoliere e delle imprese del territorio alla fiera Fancy Food Show L‟Ufficio Unico PIT Tavoliere pubblica il bando Servizi di integrazione sociale e formazione per l’attivazione di vivai territoriali per l’occupazione - Delibera CIPE n. 26/2003 “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza”. Coldiretti organizza una serie seminari di informazione sui servizi che il DAT offrirà agli imprenditori agricoli del Tavoliere. I seminari sono organizzati nell‟ambito del PIT Tavoliere. In parallelo Confagricoltura organizza dei seminari informativi sulle filiere agricole e sulla loro tracciabilità e sui servizi che il DAT offrirà in questo ambito. Con la determinazione 3345 del settembre 2008 la Regione Puglia ammette al finanziamento il progetto SIGRAP finalizzato alla creazione del Sistema Informativo per la Gestione dei Rifiuti Agricoli in Accordo di Programma. L‟Ufficio Unico PIT sottoscrive il contratto per la creazione del SIGRAAP con l‟ATI Vitrociset, Impresa Verde e Confagricoltura Ricerca e Consulenza. L‟Ufficio Unico PIT pubblica il bando HyperDAT Progetto per la infrastrutturazione WiFi Hyerlan2 nelle aree industriali del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere, a valere sulla misura 4.2, azione b)Infrastrutture fisiche ed immateriali a supporto delle attività produttive e delle attività di servizio comune. 19 maggio 2009 n. 629 /2009, Con la determinazione dirigenziale del 19 maggio 2009 n. 629 /2009 la gara viene affidata alla ATI VITROCISET S.p.A. + TIA NETWORKS S.r.l.. Collaudo del SIDAT Elezioni al Comune di Foggia. Le elezioni vengono vinte da Gianni Mongelli a capo di una giunta di centro sinistra. L‟Ufficio Unico PIT pubblica il bando di gara di accesso a piccoli sussidi nell‟ambito del progetto RESET ex delibera cipe n. 26/2003, patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza. Con la delibera regionale n. 1833 del 6 ottobre 2009, la Regione Puglia istituisce il Distretto produttivo agroalimentare Terre Federiciane che include oltre 700 imprese del Tavoliere e del BAT, le associazioni di categoria, la CCIAA di Foggia, Centri di ricerca e l‟Università di Foggia. Il distretto verrà riconosciuto definitivamente il 28 dicembre 2010. L‟Ufficio Unico PIT pubblica il bando per la gestione del DAT Foggia. Con varie delibere (DGR . 2683, 2684, 2685, 2686, 2687, 2688, 2689, 2690, 2691, 2692 del 28/12/2009 “Approvazione Programma stralcio di interventi di Area vasta”) la Regione approva i programmi stralcio delle Aree vaste. Con DGR 2688 del 28/12/2009, viene approvata la “Deliberazione G.R. n. 917/2009. Approvazione Programma Stralcio di Interventi di Area Vasta "Murgia” per un importo complessivo pari a € 22.059.910,00, riferito alle linee di intervento 1.5 - 2.3 - 2.4 - 4.1 - 4.2 - 6.2 - 7.1. Viene fissato il termine del 15 giugno 2010 per l‟apertura dei cantieri, pena la revoca dei finanziamenti.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

maggio 2010

DGR 27 maggio 2010, n. 1304 Modifica cronogramma delle attività e utilizzo economie relative alle delibere di approvazione dei programmi stralcio delle aree vaste (Del.G.R. n. 2683, 2684, 2685, 2686, 2687, 2688, 2689, 2690, 2691, 2692 del 28/12/2009 “Approvazione Programma stralcio di interventi di Area vasta” e Del. n. 9 dell‟11/01/2010 “Programma stralcio di interventi di Area vasta. Rettifica errori materiali)

novembre 2010

Sottoscrizione del contratto per l‟affidamento della gestione del DAT all‟ATI composto da Impresa Verde Foggia, Cia Servizi, Confagricoltura, Ricerca e Consulenza, INFO s.r.l, Società Laboratorio Di Economia dello Sviluppo Locale s.r.l., Vitrociset

dicembre 2010

Costituzione del Consorzio per la gestione dei rifiuti agricoli DAUNIA nel territorio del Tavoliere. Il Consorzio promosso dalla Provincia di Foggia, dalle ATO del Tavoliere e dalle associazioni di categoria realizzerà tale attività anche utilizzando il SIGRAAP.

2

Descrizione del PIT

Il PIT n. 1 è di tipo agroalimentare; si sviluppa nella Provincia di Foggia, considerata la seconda in Italia dal punto di vista dell‟importanza del comparto agroalimentare; ciò nonostante, il territorio affronta una serie di difficoltà nello sviluppo di tale settore: mancanza di cooperazione tra gli imprenditori, ritardo nell‟adeguamento dei cicli produttivi ai diversi sistemi di certificazione, scarsa integrazione tra settori, frammentazione delle aziende, inadeguatezza delle scelte strategiche aziendali, carenza di servizi a supporto delle attività imprenditoriali, scarsa propensione alla promozione dei prodotti sui mercati internazionali, etc. Il PIT riunisce al suo interno 21 Comuni del Tavoliere, che variano da piccoli a grandi Comuni, come Foggia, 83


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 oltre a numerosi partner socio-economici presenti nel territorio (dalle associazioni di categoria, ai sindacati, centri di ricerca, università, società di sviluppo locale). Il PIT 1 prevede le seguenti misure a regia regionale: 3.7 Formazione Superiore; 3.11 Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare; 3.12 Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico; 3.14 Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro; 4.3 Investimenti nelle aziende agricole; 4.5 Miglioramento delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli; 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole; 4.20 Azioni per le risorse umane; 4.21 Consolidamento e innovazione delle competenze tecnologiche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore; 6.4 Risorse umane e società dell‟informazione. L‟Ufficio Unico ha gestito le seguenti misure: 3.13 Ricerca e Sviluppo tecnologico; 6.2. Promozione della società dell‟informazione. Promozione dell‟internazionalizzazione; 6.5 Iniziative per la legalità e sicurezza. La misura 4.2 “Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali” è stata gestita dalla Provincia di Foggia. 2.1

Idea forza

L‟idea forza del PIT consiste nello sviluppo e nell‟innovazione dell‟economia rurale ed agroalimentare attraverso l‟integrazione e la diversificazione produttiva orientata alla qualità del mercato. L‟obiettivo generale del PIT 1 riguarda la creazione del Distretto Agroalimentare, un network diffuso a sostegno dello sviluppo del territorio, con la finalità di favorire l‟integrazione delle relazioni fra le imprese, adeguare le strutture produttive e le infrastrutture alle necessità economiche e territoriali, promuovere la sicurezza degli alimenti e valorizzare le produzioni agricole ed agroalimentari nel quadro generale di un‟innovazione di processo e di prodotto orientata alla qualità. Quanto agli obiettivi specifici, essi consistono nel: -

Promuovere un‟offerta adeguata di formazione superiore ed universitaria; Sviluppare la formazione continua con priorità alle PMI Sostenere l‟imprenditorialità, in particolare nei nuovi bacini di impiego, e l‟emersione del lavoro irregolare Sviluppo del potenziale umano nei settori della ricerca e dello sviluppo tecnologico Accrescere la partecipazione e rafforzare la posizione delle donne nel mercato del lavoro Migliorare la competitività dei sistemi agricoli ed agro-industrali regionali in un contesto di filiera Sostenere lo sviluppo dei territori e delle economie rurali e valorizzare le risorse agricole ambientali e storico culturali Migliorare la qualificazione degli operatori, anche attraverso il sistema di formazione, con particolare riguardo alle tematiche ambientali Sostenere e diffondere la società dell‟informazione, con particolare riferimento ai settori della PA e dei sistemi produttivi Favorire l‟internazionalizzazione delle imprese pugliesi e la promozione e l‟integrazione economica transfrontaliera e transnazionale.

Il PIT Tavoliere si fonda, dunque, su tre assi portanti, cui corrispondono diverse azioni strategiche, sviluppate nell‟ambito delle misure previste dal POR Puglia 2000-2006, come riportato nella tabella che segue.

84


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 3 Assi e misure del PIT 1 Asse strategico Azione strategica Promuovere l'integrazione delle Azione strategica 1: filiere agro-alimentari nell'ambito Supporto alla organizzazione e strutturazione del PIT e in ambito extra-PIT delle filiere lunghe del comparto favorendo, da un lato, Agroalimentare del Tavoliere con riferimento l'associazionismo nell'ottica alle produzioni di qualità tipiche dell'efficienza e della tracciabilità; e Azione strategica 2: dall‟altro migliorando le condizioni Supporto alla diversificazione delle aziende di commercializzazione delle agricole del tavoliere nell‟ambito di una politica produzioni locali. di promozione della filiera corta orientata alla qualità e alla tipicità Orientare i processi di sviluppo del comparto agroalimentare del Tavoliere alla Qualità e alla Tipicità nelle varie fattispecie che essa assume in tale contesto.

Promuovere in senso lato la diffusione della "Società dell'Informazione" a sostegno dei processi di e-government a supporto dell'agroalimentare del Tavoliere, nonché delle iniziative di legalità e sicurezza

Azione strategica 3: Supporto alla erogazione di servizi reali alle imprese agroalimentari del Tavoliere per la implementazione di sistemi di qualità e di tracciabilità Azione strategica 4 Definizione ed attuazione di progetti di ricerca diretti ad incentivare la qualità delle produzioni e la sostenibilità dei processi, e la gestione innovativa del territorio e del sistema delle infrastrutture Azione strategica 5 Supporto alla innovazione del comparto agroalimentare del Tavoliere attraverso la definizione di modalità organizzative di raccordo tra sistema scientifico e sistema produttivo Azione strategica 6 Definizione ed attuazione di percorsi formativi volti a favorire lo sviluppo imprenditoriale e l‟inserimento lavorativo, con riferimento alle opportunità offerte dal comparto agro – alimentare del Tavoliere Azione strategica 7 Definire e realizzare un sistema esperto del DAT capace di favorire una gestione innovativa in termini di programmazione delle produzioni, integrazione di filiera, supporto alla organizzazione logistica, sicurezza del territorio e gestione dei dati metereologici e ambientali Azione strategica 8 Realizzare un Centro Servizi del PIT integrato con il Polo tecnologico dell‟agroalimentare, finalizzato a supportare gli operatori del comparto agroalimentare in termini di trasferimento dell‟innovazione, formazione e commercializzazione Azione strategica 9 Definire e attuare un organico programma di marketing territoriale in grado di promuovere il completamento delle filiere produttive locali, attraverso l‟attrazione di investimenti esogeni o il raccordo con operatori nazionali e/o internazionali, finalizzato altresì all‟attuazione di specifiche campagne di sensibilizzazione nel territorio sui temi della legalità e sicurezza.

85

Misura POR Misura 4.3 – investimenti nelle aziende agricole (regimi di aiuto) Misura 4.5 – Miglioramento delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli (regimi di aiuto) Misura 4.8 – Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità (regimi di aiuto) Misura 4.9 – Diversificazione delle attività delle imprese agricole (regimi di aiuto) Misura 6.2 – Promozione della società dell‟informazione. Promozione dell‟internazionalizzazione (progetti settore) Misura 6.4 – Risorse Umane e Società dell‟Informazione Misura 3.7 – formazione superiore (master) Misura 3.11 – sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare (attività di formazione) Misura 3.12 – miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico (attività di formazione) Misura 3.13 – ricerca e sviluppo tecnologico (polo tecnologico) Misura 4.20 – azioni per le risorse umane (attività di formazione) Misura 4.21 – consolidamento e innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore (attività di formazione)

Misura 6.2 – Promozione della società dell‟informazione. Promozione dell‟internazionalizzazione ( SIDAT, SIGRAP) Misura 6.4 - Risorse Umane e Società dell‟Informazione (attività di formazione) Misura 6.5 – iniziative per la legalità e sicurezza (progetto RESET) Misura 3.13 – Ricerca e Sviluppo Tencologico (polo tecnologico) Misura 4.2 – Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali (opere di urbanizzazione – costruzione del Centro Servizi di Foggia nell‟ambito del Polo Economico di Foggia, costruzione di due Centri di Servizi Territoriali, di cui uno nel Comune di Cerignola e un altro nel Comune di San Severo; fornitura della rete telematica dei Centri Servizi DAT; infrastrutturazione WiFi Hyerlan2 nelle aree industriali del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere).


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

2.2

Dotazione finanziaria

Come ricordato in precedenza, la dotazione finanziaria pubblica iniziale del PIT è stata di 58.565.250 (cosi come previsto nel documento inserito nella Proposta di programma pubblicata sul BURP n. 41 suppl. del 16 marzo 2005). Tale dotazione finanziaria viene successivamente rimodulata: 57.884.830 (fonte: Complemento di Programmazione 2009). Due gli ambiti che pesano di più sul PIT Tavoliere: i regimi di aiuto agli imprenditori (con un peso del 60%) e la formazione (con un peso del 23%); si tratta in entrambi i casi di interventi a regia regionale. Tra gli interventi gestiti dall‟Ufficio Unico hanno un peso rilevante quelli a valere sulla misura 6.2 Promozione della società dell‟Informazione. Promozione dell‟internazionalizzazione (il 17% delle risorse attribuite a livello locale). Il Complemento di Programmazione del 2009 prevede la seguente ripartizione delle risorse tra le varie misure: Tabella 4 Le risorse finanziarie del PIT 1 (Cdp 2009) Misura 3.7 Formazione Superiore 3.11 Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare 3.12 Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico 3.13 Ricerca e Sviluppo tecnologico 3.14 Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro 4.2 Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali 4.3 Investimenti nelle aziende agricole 4.5 Miglioramento delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole 4.20 Azioni per le risorse umane 4.21 Consolidamento e innovazione delle competenze tecnologiche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore 6.2. Promozione della società dell‟informazione. Promozione dell‟internazionalizzazione 6.4 Risorse umane e società dell‟informazione 6.5 Iniziative per la legalità e sicurezza

Tipo di finanziamento FSE FSE

Importo in Euro 2.914.475 1.0003.011

FSE

1.530.935

FSE FSE

3.000.000 2.748.587

FESR

3.000.000

FEOGA FEOGA

23.647.876 7.785.714

FEOGA FSE FEOGA

854.400 2.097.438 600.000

FESR

6.302.400

FSE FESR

2.099.994 300.0007

Il PIT ha beneficiato anche di risorse private, in particolare delle economie del Patto di Foggia che ha messo a disposizione del PIT 3.251.170 euro, in favore degli interventi infrastrutturali previsti dal PIT per la realizzazione delle sedi dei tre Centri Servizi. 2.3

I progetti attivati

I progetti attivati nell‟ambito del PIT riguardano: -

-

Interventi infrastrutturali: Opere di completamento e miglioramento delle infrastrutture degli insediamenti produttivi nell‟area del Comune di Foggia; Costruzione del Centro Servizi Distretto Agroalimentare del Tavoliere a Foggia, all‟interno della Cittadella dell‟economia, e di altri due centri territoriali a Cerignola e San Severo; Infrastrutturazione telematica dei tre centri servizi; Progetto per la infrastrutturazione WiFi Hyerlan2 nelle aree industriali del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere. Sistemi informativi:

7

Questa misura non viene attivata. Tuttavia, il PIT 1 riceve un finanziamento di 615.000 euro, nell‟ambito della Delibera CIPE 26/2003 per interventi in tema di legalità e sicurezza.

86


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

-

Realizzazione del Sistema Informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere, a cui si è aggiunta in fase di attuazione la realizzazione del SIGRAAP (sistema informativo per la gestione dei rifiuti in Accordo di Programma) Regimi di aiuto alle imprese Formazione Altri progetti: Polo tecnologico della Daunia; Progetti Settore – azioni di supporto all‟internazionalizzazione del Tavoliere; RESET – azioni per la legalità e sicurezza nel Tavoliere.

Oltre ai progetti previsti espressamente dal PIT, l‟Ufficio Unico PIT ha previsto anche una serie di interventi per la comunicazione dei progetti promossi, come ad esempio i seminari itineranti per la promozione dei progetti PIT nei 21 Comuni del PIT Tavoliere organizzati dall‟Ufficio nel 2005, 2006 e 2007, la partecipazione alla fiera Euro&Meed, Ottobre Dauno, etc. I progetti previsti dal PIT sono stati tutti attivati. Al momento risultano ancora in fase di realizzazione le opere di infrastrutturazione dei tre centri servizi (Foggia, Cerignola e San Severo) gestite dalla Provincia di Foggia e il progetto RESET gestito dall‟Ufficio Unico, con il diretto coinvolgimento degli Uffici di Piano del Tavoliere. La tabella in allegato offre una descrizione dettagliata dei progetti, della loro dotazione finanziaria, dell‟ente gestore e del soggetto incaricato ad implementare le azioni previste dai progetti. 2.3.1

Progetti significativi (flagship)

Come mostrato in precedenza i finanziamenti maggiori del PIT Tavoliere sono stati dedicati alle misure sui regimi di aiuto e alle attività di formazione. Tuttavia gli attori intervistati non considerano questi interventi come progetti flagship del PIT Tavoliere. Per le attività di regimi di aiuto ciò è dovuto da un lato al fatto che sono stati gestiti a regia regionale e dall‟altro al fatto che la loro definizione complessiva (tranne i criteri di premialità) è stata uniforme per tutto il territorio pugliese, nonostante le differenze nella struttura agricola dei vari territori. Per quanto riguarda invece le attività di formazione, gli intervistati sottolineano che la loro definizione è sottoposta alle lobby dei centri di formazione e non sempre sono coerenti con le caratteristiche del territorio o del tessuto produttivo. Risultano inoltre rilevanti per la dotazione finanziaria e per la creazione del distretto, le opere di infrastrutturazione dei centri servizi (sedi e dotazione con sistemi info-telematici) e il progetto SIDAT, (sistema informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere) che mira alla creazione del sistema informativo del DAT. Entrambi i progetti hanno mostrato criticità rilevanti: da un lato il ritardo nella realizzazione fisica dei tre centri servizi e dall‟altro la non operatività del portale del sistema informativo e la mancata attivazione dei servizi previsti dal SIDAT. Un altro progetto rilevante per dotazione finanziaria e per gli obiettivi del PIT è “il Polo tecnologico della Daunia.” Nonostante gli output, il progetto risulta delle criticità e cioè il mancato collegamento con il Centro servizi DAT. Un intervento rilevante dal punto di vista degli output riguarda i Progetti Settore (promozione dell‟internazionalizzazione), che ha visto coinvolti, oltre all‟Ufficio Unico PIT, la Camera di Commercio di Foggia, Retecamere, Mondimpresa, Cesan e Unioncamere Puglia, la Camera di Commercio di Los Angeles, diverse imprese del territorio del Tavoliere. Nonostante il successo dell‟iniziativa, alcuni intervistati sottolineano che le attività di marketing territoriale dovrebbero essere accompagnate di misure che mirano alla creazione delle condizioni strutturali per l‟internazionalizzazione (innovazione delle aziende, certificazione di qualità, ecc). Maggiori dettagli sui progetti vengono forniti nella sezione 2.6.

87


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

A causa del cambiamento nelle amministrazioni che fanno parte del PIT non è stato possibile ricostruire con esattezza il ruolo dei vari attori coinvolti in fase di programmazione. Tuttavia le interviste hanno messo in evidenza che la fase di programmazione è stata dominata da attori politici di livello locale e di consulenti. La fase di programmazione è stata caratterizzata da forti conflitti tra i vari attori politici locali per la gestione del PIT. Il fatto di considerare il PIT uno strumento a “titolarità” dei vari comuni coinvolti, e l‟esperienza negativa dei Patti territoriali avviati sul territorio del Tavoliere dal punto di vista della governance di tale strumento, hanno determinato un blocco dei piccoli Comuni rispetto ad una gestione del PIT dal Comune capoluogo ed ancora di più dalla Provincia. A questo si aggiunge anche il conflitto tra Provincia e Comune di Foggia per la leadership nella gestione delle politiche di sviluppo del territorio. La Provincia intende affermare il suo ruolo di ente coordinatore delle politiche di sviluppo territoriale, mentre il Comune di Foggia, “grande perdente” del Patto Territoriale8, intende ottenere la gestione del nuovo strumento della programmazione negoziata. Poiché le opposizioni tra i vari soggetti bloccavano il processo di progettazione del PIT, la Regione interviene come mediatore indicando il Comune di Foggia quale soggetto capofila. I cambiamenti all‟interno della reggenza istituzionale del Comune capofila, insieme alla mancanza di competenze tecniche per la gestione dei progetti complessi, hanno enfatizzato il ruolo forte degli esperti (consulenti esterni) in questa fase del PIT. Le interviste confermano che la progettazione del PIT è stata fatta quasi interamente dai consulenti, tanto da indurre il NVVIP a sottolineare nelle sue osservazioni che il programma “manca di una visione strategica di sviluppo del territorio del Tavoliere”. Nella fase di attuazione gli attori con un ruolo maggiore sono la Provincia, rappresentata dal vicepresidente, l‟Ufficio Unico PIT, ed in particolare il PIT manager, il consulente PIT e il partenariato socioeconomico. Minore è invece il ruolo dei politici locali (sindaci), che una volta “persa” la gestione diretta dei finanziamenti e dei relativi appalti hanno manifestato un interesse limitato verso il PIT, tranne nel caso del Comune di San Severo e Cerignola. Lo stesso interesse politico limitato verso il PIT si riscontra anche all‟interno del Comune di Foggia, che “cede” la leadership politica alla Provincia di Foggia. La tabella che segue offre una descrizione degli attori della fase di attuazione.

8

si ricorda a tal proposito che la costituzione del soggetto gestore del Patto di Foggia è stata caratterizzata da conflitti tra il Comune di Foggia e i promotori del Patto – Provincia di Foggia, Assindustria e sindacati – per il rifiuto di tali soggetti di assegnare al Comune di Foggia una poltrona all‟interno del CDA del soggetto gestore del Patto.

88


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 5 Gli attori del PIT 1 1 2 Internazionale Nazionale

Politici

Regionale Locale

Burocratici

Economici

Ministero per le Attività Produttive

Vitrociset HEWLETT Packard Invent Italiana srl DOT Lab srl. TIA NETWORKS S.r.l.. Retecamere s.c.r.l. Mondimpresa s.c.r.l. Italeco Gruppo Soges Società Laboratorio Di Economia dello Sviluppo Locale s.r.l Info Lab s.r.l D.A.R.E Centro Estero Puglia Smile Puglia Impresa Verde Confagricoltura Ricerca e Consulenza Patto di Foggia CGIL Provinciale, CISL Provinciale, UIL Provinciale, UGL Provinciale, Associazione degli Industriali di Capitanata, CONFAPI Provinciale, CONFCOOERATIVE Provinciale, CNA Provinciale, Confartigianato Provinciale, Confcommercio Provinciale, CNA Provinciale, Confartigianato Provinciale, Confesercenti Provinciale, CIA Provinciale, Confagricoltura Provinciale, Coldiretti Provinciale, Consiat, Copagri Cesan

Regione Puglia Presidente e vice-presidente della Provincia di Foggia Sindaci/assessori dei seguenti Comuni: Comune di Carapelle, Comune di Cerignola, Comune di Orta Nuova, Comune di Stornara, Comune di Stornarella, Comune di Ordona, Comune di Foggia, Comune di Castelluccio S., Comune di Castelluccio V., Comune di Celle San Vito, Comune di Orsara di Puglia, Comune di Faeto, Comune di Troia, Comune di Lucera, Comune di San Severo, Comune di Apricena, Comune di Poggio Imperiale, Comune di Lesina, Comune di S. Paolo Civitate, Comune di Serracapriola, Comune di Torremaggiore, Comune di Chieuti,

Provincia di Foggia Ufficio Unico PIT CCIAA

Esperti

Sociali

Biopolo Dauno Consulenti Università degli Studi di Foggia Istituto Sperimentale Cerealitico di Foggia

Cooperative sociali

La Provincia assume leadership politica dell‟attuazione del PIT. In questa fase la Provincia persegue obiettivi di processo: affermare la sua posizione sul territorio e di fronte alla Regione, che non l‟ha mai ritenuta l‟attore delle politiche di sviluppo del territorio. La Provincia agisce anche come mediatore tra i vari territori rappresentati e tra istituzioni e il partenariato socio-economico. Il direttore del processo è l‟Ufficio Unico (PIT manager). Il PIT manager è l‟ex dirigente ai Servizi Sociali del Comune di Foggia (attualmente dirigente al bilancio del Comune di Foggia). Il PIT manager persegue obiettivi di processo. Dirigente al bilancio del Comune di Foggia, viene rimosso dall‟incarico dopo una serie di conflitti con il sindaco, che gli conferisce l‟incarico di dirigente ai servizi sociali. Nonostante l‟Ufficio Unico sia incardinato all‟interno dell‟assessorato alle attività produttive e che la fase di programmazione del PIT fosse stata seguita da un altro dirigente, il neoassessore “decide di valorizzarlo e lo nomina PIT manager” (attore intervistato). Il PIT manager si è concentrato sia sulla gestione operativa dei progetti e riduzione dei tempi nell‟attuazione del PIT, sia sulle relazioni con il partenariato socio-economico del PIT. Insieme al PIT manager, un ruolo importante è stato rivestito da uno dei consulenti del PIT. Il consulente è, infatti, considerato quasi un funzionario del Comune di Foggia poiché lo assiste dal tempo della prima fase della programmazione negoziata (patti territoriali, contratti d‟area, ecc). Il consulente persegue sia obiettivi di contenuto, avendo seguito in dettaglio sia la progettazione del PIT sia la gestione operativa, sia obiettivi di processo (consolidare la sua posizione all‟interno del Comune di Foggia). Il partenariato socio-economico gioca un ruolo ugualmente importante nell‟attuazione del PIT: “il ruolo attivo del partenariato socio-economico è stato la forza del PIT 1” (attore intervistato). Tra i partner economici, un ruolo maggiore viene attribuito alle associazioni di categoria agricole e ai sindacati, che hanno inciso sui contenuti di alcuni progetti, e che da interlocutori dell‟Ufficio Unico e del PIT sono diventati partner di alcuni progetti (SIDAT, SIGRAAP, attività di animazione territoriale), nonché gestori dei Centri Servizi DAT. Le associazioni di categoria agricole hanno perseguito sia obiettivi di contenuto che di 89


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 processo. La posta in gioco per le associazioni è la gestione dei Centri Servizi DAT che inizialmente sarebbe dovuta essere affidata al Patto territoriale di Foggia. Inoltre le associazioni agricole mirano anche a consolidare la loro posizione sul territorio rispetto ad altri attori (Assindustria – attore promotore e direttore del Patto di Foggia) e a diventare interlocutori delle istituzioni nei progetti di sviluppo territoriale. Le associazioni agricole svolgono in questa fase un ruolo di alleato. La fase di attuazione si caratterizza per una cooperazione efficace tra gli attori, anche se alcuni progetti (Polo tecnologico della Daunia) si sono caratterizzati per le relazioni di natura conflittuale tra i soggetti coinvolti (PIT manager e direttore D.A.R.E). Le interviste effettuate evidenziano che tali conflitti hanno avuto un impatto rilevante sull‟assenza di un collegamento tra il Centro Servizi DAT e il D.A.R.E (Distretto Tecnologico Agroalimentare Regionale che ha gestito il progetto Polo Tecnologico) così come previsto dal progetto del PIT. Al momento il D.A.R.E svolge servizi di trasferimento tecnologico alle imprese e alcuni intervistati sostengono che si pone come un concorrente del DAT sul territorio. 2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

Il sistema di gestione del PIT 1 è conforme al modello adottato dalla Regione Puglia per la gestione dei PIT. Il modello prevede la nomina di un soggetto capofila quale responsabile per l‟attuazione del PIT e beneficiario dei finanziamenti regionali, l‟individuazione dell‟Ufficio Unico da parte del soggetto capofila, quale responsabile della gestione attuativa degli interventi previsti nell‟ambito del PIT, la creazione dell‟Assemblea dei Sindaci, che emana atti di indirizzo e coordinamento, approva il piano economicofinanziario delle risorse necessarie ed il reparto tra le varie amministrazioni, approva il regolamento di funzionamento dell‟Ufficio Unico e approva eventuali rimodulazioni del PIT, e che può essere coadiuvata da un Ufficio di Presidenza. Il soggetto capofila è stato individuato nel Comune di Foggia, dopo una serie di conflitti politici, come ricordato in precedenza. L‟Assemblea delle Autonomie, presidiata dalla Provincia di Foggia, è composta dai sindaci di tutti i 21 Comuni partecipanti al PIT e ricopre le seguenti funzioni: approvazione dello schema di accordo tra le amministrazioni convenzionate e la Regione Puglia; nomina e revoca del responsabile dell‟Ufficio Unico; nomina del segretario dell‟Assemblea; approvazione del Piano annuale degli interventi previsti nell‟ambito del PIT; approvazione del regolamento di funzione dell‟Ufficio Unico; delibera delle quote di finanziamento per il funzionamento dell‟Ufficio Unico; approvazione delle proposte di eventuale rimodulazione del PIT . L‟assemblea è coadiuvata dall‟Ufficio di Presidenza, composto dai sindaci del Comune di Foggia, Comune di Cerignola, Comune di San Severo nonché da altri tre Comuni partecipanti al PIT in rappresentanza delle tre aree geografiche che lo compongono, e la cui presidenza viene assunta dalla Provincia di Foggia. L‟Ufficio Unico del PIT è stato incardinato all‟interno dell‟assessorato alle Attività produttive del Comune di Foggia. I compiti dell‟Ufficio Unico riguardano: assistere l‟Assemblea, l‟Ufficio di presidenza, l‟Ente capofila, nell‟adempimento delle proprie funzioni istituzionali, attuandone gli indirizzi in termini gestionali ed operativi; predisporre la formulazione di accordi ed intese con la Regione Puglia ed eventuali altri Enti e/o Organismi Pubblici e privati attinenti all‟implementazione del PIT n. 1 “Tavoliere” e le azioni relative; curare gli adempimenti di carattere amministrativo, tecnico e procedurale necessari ed opportuni alla attuazione del PIT n. 1 “Tavoliere”; per i procedimenti relativi alla realizzazione di opere pubbliche: curare gli adempimenti finalizzati alla verifica della conformità dei progetti infrastrutturali predisposti ed approvati dai singoli comuni convenzionati, alla programmazione del PIT n. 1 proposta nell‟accordo tra Amministrazioni; nominare – su indicazione dei Comuni titolari dei singoli interventi infrastrutturali – i responsabili unici dei procedimenti di attuazione di ogni singolo specifico intervento inserito nell‟accordo tra amministrazioni relativamente alle fasi di progettazione, affidamento ed esecuzione dell‟ opera pubblica; i funzionari indicati vengono assegnati per specifica funzione all‟ufficio unico; pubblicare il bando di gara per le opere infrastrutturali predisposto dai comuni; controlla la documentazione inerente gli stati di avanzamento lavori ai fini della certificazione, rendicontazione e successiva liquidazione a seguito di accreditamento delle somme da parte della Regione Puglia; controllare i 90


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 certificati di regolare esecuzione/collaudo ai fini della certificazione, rendicontazione e successiva liquidazione del saldo a seguito di accreditamento delle somme da parte della Regione Puglia; rendicontare le spese ed effettuare il monitoraggio; predisporre ed inviare semestralmente la relazione di esecuzione all‟ Area di coordinamento delle Politiche comunitarie ed al soggetto interno responsabile del coordinamento delle attività di competenza regionale; per i procedimenti relativi agli interventi dei privati e alle attività formative provvede in particolare a: fornire indicazioni agli Uffici regionali nella predisposizione dei bandi e ne verifica la coerenza degli schemi rispetto ai criteri ed alle indicazioni contenute nei programmi PIT approvati; valuta la ricevibilità e la compatibilità delle domande di aiuti presentate dai beneficiari finali rispetto alle previsioni degli obiettivi e degli interventi del PIT n. 1 “Tavoliere”; segue l‟andamento delle istanze presentate dalle imprese e dai privati durante l‟iter istruttorio presso la Regione; segue ed assiste le imprese ed i privati nel corso della fase realizzativa dei progetti finanziati; riferisce costantemente sullo stato di attuazione dei progetti all‟Assemblea del PIT n. 1 “Tavoliere”; rendiconta le spese ed effettua il monitoraggio. svolge attività di comunicazione del PIT. Il PIT manager è stato individuato nella persona del dirigente ai Servizi Sociali del Comune di Foggia, dott. Carlo Dicesare. La nomina del PIT manager è stata caratterizzata da alcuni conflitti interni al Comune di Foggia: il neoassessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive non conferma l‟incarico al dirigente che aveva seguito la programmazione del PIT, scegliendo come PIT manager il neodirigente ai Servizi Sociali del Comune (rimosso dal suo incarico di dirigente al Bilancio a causa di alcuni conflitti con il sindaco). Ciò allunga ulteriormente i tempi di attuazione del PIT. L‟Ufficio Unico del PIT è stato composto da cinque persone: il PIT manager (allo stesso tempo dirigente ai Servizi Sociali del Comune di Foggia), un funzionario del Comune di Foggia (a tempo pieno), il consulente PIT del Comune di Foggia (a tempo pieno), due consulenti (con funzioni di coordinamento territoriale) e successivamente una stagista (a tempo pieno). Nonostante il management dell‟Ufficio Unico sia stato interno, la consulenza (soprattutto per quanto riguarda il consulente PIT del Comune di Foggia) ha svolto un ruolo essenziale nell‟implementazione del PIT e nel sostenere l‟attività dell‟Ufficio Unico PIT. Inoltre l‟Ufficio Unico PIT ha promosso cinque bandi per la selezione di esperti consulenti per le attività di assistenza tecnica, rendicontazione e monitoraggio dei progetti attuati. Il peso della consulenza in fase di implementazione non ha riguardato solo il Comune di Foggia, ma anche gli altri Comuni. Tale consulenza è stata ancora più rilevante nella fase di programmazione del PIT, durante la quale l‟assenza delle competenze relative sia ai contenuti tecnici e soprattutto alle caratteristiche del processo da avviare ha determinato il forte ricorso a consulenti e contributi esterni. Infatti, alcuni intervistati evidenziano che spesso i rappresentanti politici dei Comuni “hanno lasciato tutto in mano ai loro consulenti”. Il PIT viene spesso considerato dagli intervistati un progetto appannaggio dei tecnici (dirigenti e consulenti). Per quanto riguarda il finanziamento delle spese di gestione dell‟Ufficio Unico, la Convenzione sottoscritta dalle amministrazioni prevede che le amministrazioni partecipanti al PIT concorrono al finanziamento annuale del PIT in base a percentuali definite annualmente. Ad esempio nel 2005, le spese di gestione dell‟Ufficio Unico sono state di 200.000, di cui il 50% coperto dalla Provincia di Foggia, mentre il restante 50% suddiviso tra le amministrazioni comunali nella seguente misura: 60% in base alla popolazione rilevata al 31 dicembre dell‟anno precedente, 20% in base alla superficie territoriale del Comune; 20% in base all‟indice di ruralità – Piano Leader; nel 2006 le spese di gestione dell‟Ufficio Unico sono state di 210.000 euro di cui 100.000 euro erogati dalla Provincia di Foggia, ed il restante diviso tra le amministrazioni comunali partecipanti al PIT in base ai criteri menzionati prima; nel 2008 gli importi per la gestione dell‟Ufficio Unico e la ripartizione delle spese sono stati uguali al 2006. Secondo quanto emerge dall‟intervista al PIT manager, l‟Ufficio Unico è ancora apert fino al 30 giugno 2011 per le ultime rendicontazioni, anche se l‟unica persona in carica è proprio il PIT manager. Va inoltre aggiunto che nel frattempo il PIT manager è stato nominato dirigente al Bilancio del Comune di Foggia (incarico che ricopriva anche prima della giunta Ciliberti eletta nel 2004). Quanto agli altri dipendenti dell‟Ufficio Unico PIT, il consulente PIT del Comune di Foggia continua tuttora la sua attività presso il Comune, in quanto consulente del SUAP; la stagista ha assunto nel frattempo un incarico presso la Regione Puglia, dove si occupa di internazionalizzazione, mentre il funzionario del Comune è oggi dirigente presso un‟altra amministrazione pubblica. 91


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Dal punto di vista dell‟impatto del PIT sullo sviluppo della capacità dell‟ente capofila nel gestire progetti complessi, si può, dunque, concludere che esso sia stato relativamente limitato. Inoltre, secondo gli intervistati, tale modello di gestione non ha avuto degli impatti rilevanti nel rafforzare l‟immagine del Comune di Foggia quale coordinatore delle politiche di sviluppo del territorio. Tuttavia ciò non si deve al management dell‟Ufficio unico, apprezzato da tutti gli attori intervistati, quanto all‟interesse dei Comuni nel gestire direttamente i finanziamenti. Secondo gli intervistati, il modello basato sull‟Ufficio unico, quale unico centro di spesa e stazione appaltante, è stato vissuto da molti dei Comuni piccoli come una sottrazione del potere da parte del Comune capoluogo. Inoltre, il ruolo di leader del Comune di Foggia nelle politiche di sviluppo territoriale del Tavoliere è stato indebolito anche dalla situazione di rischio di dissesto finanziario che il Comune di Foggia sta affrontando negli ultimi anni. Per quanto riguarda il partenariato socio-economico, il modello di gestione del PIT 1 ha incluso anche i tavoli del partenariato. Tutti i progetti sono stati prima discussi nell‟ambito dei tavoli del partenariato socioeconomico ed in seguito sono state assunte le decisioni finali. I tavoli partenariali hanno avuto un ruolo centrale nel modello di gestione del PIT, confermato dagli stessi partner socio-economici intervistati, i quali sostengono che il PIT è riuscito per la prima volta (dopo l‟esperienza negativa del Patto di Foggia) nel suo sforzo di creare rete tra le istituzioni (Comune capoluogo e Provincia) ed i partner socio-economici e allo stesso tempo tra gli stessi partner socio-economici. Dal punto di vista delle relazioni con la Regione Puglia, gli intervistati hanno confermato che c‟è stata sempre un‟ottima collaborazione, soprattutto per quanto riguarda l‟assessorato alle attività agricole. Al riguardo non è stata evidenziata alcuna criticità. 2.6

Output realizzati

Il PIT n1 si caratterizza per un buon livello di realizzazione. Tutti i progetti previsti dal PIT sono stati implementati e hanno registrato degli output rilevanti, nonostante alcuni ritardi per quanto riguarda le infrastrutture dei tre centri servizi e il progetto RESET. Per quanto riguarda le infrastrutture dei tre centri, i lavori per i centri servizi dislocati sul territorio sono in uno stato avanzato, mentre per il Centro Servizi di Foggia si stima che i lavori dureranno altri 18 mesi. Tali ritardi sembrano essere ricondotti a ritardi burocratici all‟interno dell‟ente gestore, a ritardi nell‟ottenimento delle autorizzazioni necessarie e ultimamente ad alcune inchieste della magistratura, che non riguardano direttamente il Centro Servizi, ma la Cittadella dell‟Economia, all‟interno della quale sorge il Centro Servizi DAT. Regimi di aiuto Per quanto riguarda i regimi di aiuto, si segnala innanzitutto una buona partecipazione delle imprese ai bandi a valere sulle misure 4.3, 4.5 e 4.8, dovuta, secondo gli intervistati, all‟intensa attività di comunicazione realizzata dall‟Ufficio Unico, attraverso i seminari itineranti per gli imprenditori agricoli dei 21 Comuni del PIT. Gli incentivi concessi ai neo imprenditori e alle imprese esistenti contenuti nella misura 4.3 hanno portato alla creazione di 81 nuove attività imprenditoriali e ha sostenuto l‟innovazione in 103 aziende agricole esistenti, per un valore complessivo di circa 30 miliardi di euro, tra fondi pubblici e privati. Gli output della misura 4.5 (modernizzazione delle strutture di trasformazione esistenti) riguardano la modernizzazione delle strutture di trasformazione di 11 aziende, di cui 33% nel settore ortofrutticolo, 20% nel settore oleario e 27% nel settore viticolo. La rilevanza del settore ortofrutticolo è dovuta anche ad una precisa scelta del partenariato del PIT di incentivare tale settore, in quanto ha un peso rilevante per l‟economia del territorio. Gli investimenti complessivi su questa misura sono ammontati a 15 milioni di euro tra finanziamenti pubblici (a valere sulla misura 4.5) e finanziamenti privati. Gli output della misura 4.9 consistono nel finanziamento di 5 imprese agricole che hanno deciso di puntare al settore agrituristico e agro-artigianale. Gli investimenti hanno riguardato oltre 1 milione di euro (finanziamenti pubblici e privati). Tuttavia va sottolineato che non è stato possibile reperire delle informazioni sulla creazione di aggregazioni di imprese (criterio di premialità della misura 4.5) e sulla partecipazione come soci a organismi di 92


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 trasformazione/commercializzazione (criterio di premialità), che rappresentano un elemento chiave per la costituzione di un distretto agroalimentare. Attività di formazione a regia regionale (parzialmente misura 3.7, misura 3.11, misura 3.12, misura 3.14, misura 4.20, misura 4.21 e misura 6.4) Gli output delle attività di formazione a regia regionale hanno riguardato: La realizzazione di corsi per operatori qualificati nel settore dell‟innovazione produttiva e nuove tecnologie: 12 corsi per un valore complessivo di 2.483.779 euro (misura 4.20 azione b); 9 corsi per un valore complessivo di 1.835.589, 40 euro (misura 6.4 azione b); 7 corsi per un valore complessivo di 1.968.522 euro (misura 3.14 b) La realizzazione di corsi per studenti di istituti professionali di specializzazione nel settore delle nuove tecnologie: 48 corsi (misura 3.7 azione a); La formazione per esperti dell‟innovazione e delle tecniche di produzione: 134 borse di studio (misura 3.7 azione d); 46 borse di studio (misura 3.12 azione c); La realizzazione di corsi di aggiornamento dei dipendenti pubblici per l‟e-government e la migliore gestione delle pubbliche relazioni: 4 corsi di formazione per un ammontare complessivo di 1.530.734 (misura 4.20 azione a); 7 corsi di formazione (misura 6.4 azione a); realizzazione di attività di formazione per il consolidamento e l‟innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli: 14 corsi per un ammontare complessivo di 646.800 Nonostante la dotazione finanziaria rilevante e le realizzazioni, gli intervistati sostengano che le attività di formazione rappresentano un punto debole del PIT dal punto di vista delle ricadute sul territorio. Ciò si deve sostanzialmente al fatto che le attività di formazione vengono considerate un “incentivo” ai centri di formazione, piuttosto che investimenti per lo sviluppo del capitale sociale del territorio. Infatti, gli intervistati sottolineano che la formazione è sottoposta a forti lobby da parte dei centri di formazione. Attività di formazione a regia dell’Ufficio Unico in collaborazione con l’Università di Foggia Le attività hanno riguardato la realizzazione di 4 master universitari nell‟ambito della misura 3.7, per un valore complessivo di 4.000.000 euro. I master sono stati gestiti dall‟Università di Foggia e la loro definizione è avvenuta in sede di partenariato socio-economico, congiuntamente all‟Università di Foggia. I master sono: Master in marketing dei prodotti agroalimentari Il numero dei formati è di 20 studenti, mentre la percentuale di occupati a seguito del master è del 35% (dati al 2009). Master in gestione della sicurezza e della qualità degli alimenti Gli studenti che hanno conseguito il diploma sono 20 (su 20), mentre la percentuale di occupati a seguito del master è del 35% (dati al 2009). Master in Scienza e tecnologia della vinificazione Nell‟ambito del master sono state formate 19 persone. La percentuale di occupati a seguito del master è del 15% (dati al 2009). Master in economia e gestione sostenibile delle attività turistiche Gli studenti che hanno conseguito il titolo del master sono 21 (su 21), mentre la percentuale di occupati a seguito del master è del 40% (dati al 2009). Nonostante gli output, va sottolineato che i master non sono più attivi. Progetti di settore: Drink Apulia e Deepen Apulia Gli output del progetto consistono in:  la realizzazione di una serie di seminari itineranti per l‟animazione delle imprese agricole ed agro alimentari locali, finalizzati ad illustrare le potenzialità dei progetti. Le imprese partecipanti agli 93


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

   

workshop realizzati presso le sedi dei Comuni di Torremaggiore, San Paolo Civitate, Troia, Lucera, Foggia, Cerignola e San Severo sono state un centinaio. L‟organizzazione di una missione di outgoing negli USA per la promozione del made in Italy pugliese. Durante la missione negli USA, sono state organizzate delle azioni di promozione commerciale. Le nove aziende del Tavoliere partecipanti alla missione (Parente, Cara Nonna, Cooperativa de la Bella di Cerignola, Torre Bianca, Consorzio il Tavoliere, De Palma, Lefas, Fiordalisi, Sciroppo) hanno incontrato 40 buyers. Inoltre il PIT 1 ha sponsorizzato l‟ evento promozionale relativo alla “festa regionale” organizzata da una catena di 21 ristoranti de “il Fornaio”, attraverso la spedizione e la distribuzione per il tasting di circa 3 quintali di olio e conserve vegetali. Inoltre sono stati organizzati dei workshop di formazione in due istituti culinari degli Stati Uniti (Culinary Institute a San Francisco e Cordon Bleu). L‟organizzazione di una missione di incoming di buyers americani nel Tavoliere. All‟azione di incoming hanno partecipato 5 aziende americane (Italfoods Inc., Mediterranean Olive Oil Corporation, Italian Harvest Inc., Guidi Marcello Imports, L‟intercontinental Hotel Di Los Angeles) e 9 aziende del Tavoliere Associazione Produttori Olivicoli della Provincia di Foggia, Tenuta Spiavento, D‟Araprì, Fiordalisi, Oleificio Giardino del Sole, Torre Quarto, La Bella” di Cerignola, Frantoio oleario di Francesco Caccavo, La masseria Celentano). La partecipazione al Fancy Food Show nel 2007. Al fancy Food Show hanno partecipato il PIT1, PIT 5 e PIT 8. Si segnala inoltre la partecipazione del PIT1 anche all‟edizione del 2009 del Fancy Food Show con 20 aziende del Tavoliere. La seconda partecipazione è stata sostenuta attraverso l‟impiego delle economie ottenute dai progetti di internazionalizzazione. Organizzazione di una missione di outgoing in Russia per la promozione del settore del vino; Organizzazione di una missione di incoming di buyers russi nel Tavoliere in corrispondenza della fiera Euro&Med; Promozione della fiera Euro&Med di Foggia; Realizzazione di linee guida su come prepararsi agli incontri con i buyers americani, e una serie di inziative di formazione agli imprenditori agricoli del Tavoliere.

Le missioni del PIT 1 Tavoliere hanno permesso di intercettare oltre 40 buyers statunitensi e oltre 140 buyers russi durante il Vinitaly Mosca, nel corso di incontri di business. Inoltre, nel primo trimestre dopo le missioni (2008), 8 aziende olivicole e di conserve vegetali sulle 9 della delegazione partecipante alla missione negli USA hanno chiuso i primi contratti con i buyers californiani. Diversa invece la situazione sul mercato russo, dove non sono stati registrati dei contratti a seguito della missione di outgoing e incoming. Inoltre i progetti di internazionalizzazione hanno contribuito a rendere le imprese maggiormente consapevoli delle potenzialità del mercato americano. Un riscontro in tal senso si è avuto anche dal fatto che la delegazione pugliese partecipante all‟“11th Worlds of Flavor International Conference and Festival” nel 2009 era composta in maggior numero da aziende del Tavoliere (13 su 14). Nonostante il successo dell‟iniziativa, gli intervistati sottolineano che le iniziative di marketing non sono sufficienti per l‟internazionalizzazione delle imprese. Le associazioni di categoria sostengono, infatti, che tali iniziative dovrebbero essere accompagnate da attività di supporto ai processi di innovazione, dalla certificazione di qualità e dall‟incentivazione delle imprese all‟aggregazione. Il progetto SIGRAAP Il progetto ha previsto la creazione di una piattaforma informativa integrata con il SIDAT per il servizio SIGRAAP, che include l‟elenco delle tipologie di rifiuti conferibili, con quantità e limiti di trasporto, le modalità di conservazione dei rifiuti presso la propria azienda, le modalità di trasporto e le convenzioni stipulate con le strutture, la mappa dei centri di raccolta con il calendario delle disponibilità e le indicazioni cartografiche, la stampa del registro carichi e scarichi dei movimenti, la predisposizione della modulistica, e la visione dei certificati. Inoltre è stato realizzato un vademecum del SIGRAAP, sono stati predisposti 10.000 moduli di iscrizione, 10.000 moduli di adesione al servizio, 10.000 tessere personalizzate, e i 18 centri di raccolta dei rifiuti sono stati dotati di stampanti e notebook. Sono state altresì realizzate delle attività formative per gli operatori ed informative per le imprese agricole. Nonostante il progetto per la realizzazione del SIGRAAP non lo prevedesse espressamente, nell‟ambito delle riunioni del partenariato socio-economico è stata espressa l‟idea della creazione di un Consorzio che 94


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 si coordini con il DAT e che gestisca i servizi di gestione dei rifiuti agricoli attraverso l‟utilizzo del SIGRAAP. Nel dicembre del 2010 su iniziativa della Provincia di Foggia e delle associazioni di categoria, nasce il Consorzio per la gestione dei rifiuti agricoli DAUNIA, con lo scopo di gestire la filiera dei rifiuti derivanti da attività agricole ed agro industriali. Il Consorzio gestirà tale servizio utilizzando la piattaforma SIGRAAP e le dotazioni fornite nell‟ambito di tale progetto. Tuttavia, a maggio 2011 il Consorzio non è ancora operativo. Progetto RESET Per quanto riguarda il progetto RESET, tra gli output si sottolineano: la creazione dell‟Osservatorio per la sicurezza e l‟occupabilità (http://www.osservatoriolavoro.fg.it/default.asp9); la creazione dei Vivai Territoriali (sportelli che offrono i seguenti servizi: palcement, consulenza aziendale, servizi di tutoraggio, mediazione e supporto motivazionale mirato) a Foggia, San Severo, Cerignola e Manfredonia; l‟avvio dell‟Agenzia Sperimentale dell‟Economia Sociale, l‟attivazione di una banca dati che incrocia l‟offerta e la domanda di lavoro nel territorio del Tavoliere (http://www.impresalavoro.net/resetfg/), l‟avvio di un laboratorio per la creazione di un‟Agenda operativa per l‟occupabilità dei soggetti svantaggiati. Rete telematica e Hyperdat Il progetto Hyperdat e fornitura di reti di telecomunicazione dei centri servizi si sono concretizzati nella creazione delle infrastrutture di telecomunicazione dei tre centri servizi (sale CED, apparati attivi per il networking, sistema telefonico VoIP, server dei centri di elaborazione, sistema di videosorveglianza, sistema di videoconferenza e sistema di videoproiezione) e nella realizzazione di tre reti a banda larga in intranet con possibilità di internet ed extranet attraverso i tre centri servizi. Le reti sono state disegnate in tal modo da poter essere estese ad altri aree circostanti sia rurali che industriali e integrate ove possibile le reti a banda larga già esistenti sul territorio. A maggio 2011, il servizio creato nell‟ambito del PIT non è stato ancora attivato dall‟ATI che gestisce il DAT. SIDAT Il progetto SIDAT si è concretizzato nella realizzazione del sistema informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere. Il portale (www.dat.fg.it) è concepito come un marketplace elettronico, con servizi automatizzati di vendita e di creazione e gestione di data base relazionali sui clienti. Infatti sono state realizzate una serie di sotto-piattaforme: la piattaforma di tracciabilità delle filiere oggetto del progetto (responsabile delle operazioni di tracking per il monitoraggio dei flussi materiali “dalla terra alla tavola”, cioè dal produttore della materia prima al consumatore finale) che offre la funzionalità di tracciabilità in tempo reale; un sistema web based che consente l‟esposizione di un “negozio virtuale” quale strumento di commercio elettronico dei prodotti delle imprese locali che aderiranno al progetto SIDAT; la piattaforma per la gestione del cliente che consente di tracciare tutte le informazioni dei propri clienti, piattaforma di Enteprise Business Intelligence, la piattaforma di e-learning Moodle; il servizio VISTA per il comune di Foggia, finalizzato alla consultazione via web dell‟ortofoto digitale, delle mappe e dei dati catastali, degli strumenti urbanistici del Comune di Foggia; una sezione web dedicata al Marketing di Distretto funzionale alla “Promozione del Territorio – Sviluppo Locale - Internazionalizzazione”, attraverso anche tecnologia di tipo web-gis; l‟installazione della Porta di Dominio (PDD) necessaria per la cooperazione applicativa con altri Enti o P.A. mediante lo standard definito dal CNIPA (specifiche SPC ver.1.0 del 14/10/2005) della busta e-Gov. Il portale risulta tuttavia, ad oggi, inattivo. Polo tecnologico della Daunia Gli output del progetto riguardano: La Carta Servizi del Polo la manifestazione “Scienza e Fornelli” e la diffusione di un marchio per la ristorazione “Km 0”: convegno “Gastronomia Scientifica applicata al mantenimento della salute” (03/09/2008); il convegno “L‟esperienza del Polo e Network Tecnologico (PO.N.TE) per la daunia: i nuovi progetti per il territorio” (09/10/2008); 9

A giugno 2011, il sito risulta inattivo.

95


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 il convegno “Le Politiche per l‟innovazione in campo agroalimentare: attori, strumenti ed esperienze a confronto” (13/10/2008); il convegno “L‟esperienza del Polo e Network Tecnologico (PO.N.TE) per la Daunia: L‟evoluzione dei mercati” tenutosi presso la sala consiliare di Assindustria Foggia, (15/10/2008); il convegno “L‟esperienza del Polo e Network Tecnologico (PO.N.TE) per la Daunia: la consulenza Tecnologica (19/11/2008) l‟allestimento della biblioteca del Polo Tecnologico, comprendente volumi, abbonamenti a riviste specializzate e banche dati dedicati al settore agroalimentare. Si è provveduto, inoltre, all‟aggiornamento dei contenuti relativi al portale del Distretto del Tavoliere (DAT), alla realizzazione della II newsletter e alla ricezione e creazione di un database relativo alle aziende richiedenti assistenza al Polo Tecnologico. la presentazione delle seguenti progettualità: Attrazione di Investimenti Esteri nell‟area Daunia”; “Patto sociale – subfornitura nell‟agroalimentare – progetto sperimentale per l‟inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati”; “Centro di competenza per le fonti energetiche rinnovabili e per il risparmio energetico da realizzare nell‟incubatore di Cerignola”. la “pianificazione, preparazione ed effettuazione di visite presso aziende al fine di valutare il loro grado di innovazione” di 30 visite aziendali. Per ciascuna azienda è stato preparato un breve rapporto tecnico di audit; La realizzazione di un piano di sviluppo precompetitivo programmato per la messa a punto di nuovi prodotti vegetali (pomodori, peperoni, melanzane e zucchine) semi-disidratati mediante una nuova tecnologia a pompe di calore, conditi e trattati con innovativa tecnologia di stabilizzazione a microonde; Le azioni di trasferimento tecnologico per la definizione di un sistema di conservazione refrigerata di specifici prodotti a ridotto periodo di conservazione e per la definizione di una nuova linea di lavorazione da implementare nell‟attuale lay-out produttivo, per la produzione industriale di antipasti a base vegetale la predisposizione di studi di prefattibilità inerenti: l‟idea innovativa: “Produzione di colture starter microbiotiche per la fermentazione malolattica nei vini rossi di qualità della Puglia”; le idee imprenditoriali: “realizzazione di alimenti funzionali a base di biopeptidi strutturazione del layout produttivo ed organizzativo” e “produzione di estratti naturali con la tecnologia supercritica”; la realizzazione del logo, gadgets, materiale pubblicitario e predisposizione di un piano di comunicazione. Nonostante gli output registrati, va sottolineata l‟assenza di un coordinamento tra il polo tecnologico (funzione esercitata dal DARE) e il DAT, un output del progetto PIT Tavoliere. Infatti, una delle criticità del progetto riguarda proprio il mancato collegamento previsto in fase iniziale tra il DAT e il DARE. Il polo tecnologico avrebbe dovuto essere una colonna portante del DAT per l‟erogazione dei servizi per l‟innovazione e il trasferimento tecnologico. Tuttavia, il DARE si è sviluppato senza un riferimento preciso al DAT. Secondo gli intervistati i conflitti tra il PIT manager e il rappresentante del DARE hanno bloccato tale collegamento. A quanto confermato dalle interviste, inoltre, il D.A.R.E ha utilizzato il finanziamento PIT per creare il proprio start-up in un periodo di ritardi nei trasferimenti di finanziamenti nazionali e regionali: “il D.A.R.E è una società che oggi conta 16 dipendenti sul territorio e che è cresciuta. Con questa misura viene avviato lo start-up, essenziale per arrivare alla situazione attuale.” (soggetto intervistato); “il D.A.R.E ha fatto qualche convegno e qualche attività, ma sostanzialmente ha fatto il proprio start-up senza guardare molto al PIT.” (soggetto intervistato) Opere di infrastrutture per i tre centri servizi (misura 4.2) Il progetto risulta tuttora in fase di realizzazione, dopo una serie di difficoltà iniziali dovute ad autorizzazioni, espropri ed inchieste che riguardano l‟intera area dove dovrebbe sorgere il Centro Servizi DAT. Gli intervistati hanno confermato che a maggio 2011 la sede di San Severo è pronta, il centro di Cerignola è in fase di ultimazione, mentre per il centro servizi di Foggia (anche nodo centrale) saranno necessari altri 18 mesi. Inoltre, le associazioni di categoria hanno evidenziato che nel Centro Servizi di Cerignola avrà sede il Gal che pagherà l‟affitto al Centro Servizi. Il progetto è sostenuto informalmente anche dal Comune di Foggia, la quale dovrebbe trasferirci l‟Ufficio Agricolo. 96


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Distretto agroalimentare del Tavoliere (progetto complessivo) I progetti prima descritti, ed in particolare la realizzazione dei tre centri servizi, del polo tecnologico e del portale del DAT, concorrono alla realizzazione del Distretto Agroalimentare del Tavoliere. Oltre agli output registrati dai singoli progetti, si sottolinea il recente affidamento della gestione del Centro Servizi DAT (gennaio 2011), che include oltre alle infrastrutture fisiche anche i servizi creati nell‟ambito del PIT (sistema di e-business attraverso marketplace; sistema di tracciabilità e rintracciabilità delle produzioni agricole e agroalimentari; sistema di gestione per la raccolta dei rifiuti speciali dell‟agricoltura; sistema di trasmissione in banda larga per le aree industriali dei comuni di Foggia, San Severo e Cerignola; sistema di e-learning per l‟erogazione in Fad di corsi di aggiornamento e di formazione; sistema di ERP; sistema di CRM; servizio di intrenazionalizzazione), ad un‟ATI (composta da Impresa Verde – Coldiretti -, Confagricoltura Ricerca e Consulenza, Vitrociset, Laboratorio di Economia dello Sviluppo Locale, INFO s.r.l) che deve gestire il DAT e fornire tali servizi per cinque anni. Il contratto è stato sottoscritto a dicembre del 2010. Tuttavia, al momento il DAT risulta inattivo. 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Il collegamento tra l‟area vasta Capitanata 2020 e il PIT risulta estremamente debole. Mentre il PIT si è concentrato su investimenti orientati allo sviluppo innovativo del settore agroalimentare attraverso investimenti mirati alla creazione di nuovi servizi per le imprese e di forme di aggregazione tra esse, le priorità dell‟area vasta si sono concentrate soprattutto sul sistema di mobilità e trasporto, ambiente e energia, sviluppo delle aree industriali, sistema archeologico, e servizi digitali per la pubblica amministrazione. Infatti, priorità strategica viene accordata al progetto infrastrutturale Treno-Tram (realizzazione di un sistema integrato per la logistica leggera e pesante). Le priorità dell‟area vasta Capitanata 2020 derivano da un lato dal fatto che la filosofia che ha governato il processo di pianificazione strategica è stato quello di creare un‟integrazione tra il piano strategico e il piano di mobilità urbana, e dall‟altro dall‟allargamento “obbligato” dell‟area vasta ai Comuni del Gargano. Si nota, infatti, che al bando per la presentazione dei piani strategici si sono presentate quattro proposte per il territorio del Tavoliere e un‟altra per il Gargano (il PS con capofila Cerignola, il PS con capofila San Severo, il PS con capofila Foggia, il PS con capofila Manfredonia, il PS con capofila l‟Ente parco del Gargano), che solo successivamente si sono ricomposte nell‟area vasta Capitanata 2020, su richiesta della Regione Puglia. Inoltre, va aggiunto che l‟Ufficio Unico PIT è stato coinvolto marginalmente nel processo di definizione dell‟area vasta, affidato al settore tecnico del Comune di Foggia diretto dall‟ing. Affatato. Secondo alcuni intervistati la decisione di non affidare la leadership del processo di pianificazione strategica all‟Ufficio PIT nasce principalmente dai dissensi tra il dirigente responsabile del PIT e il sindaco Ciliberti. Per quanto riguarda il coinvolgimento del partenariato socio-economico del PIT si sottolinea che esso è stato relativamente limitato nel processo di pianificazione strategica. Infatti, i partner socio-economici considerano che l‟area vasta sia un progetto appannaggio delle istituzioni, poiché gli interventi inclusi sono maggiormente infrastrutturali. Al momento l‟area vasta della Capitanata si confronta con una serie di difficoltà dovute principalmente ad una mancanza delle risorse necessarie per avviare la definizione di dettaglio della progettualità e per il funzionamento dell‟ufficio di coordinamento. Risultano approvati i progetti Sviluppo del sistema di egovernment regionale sul territorio dell’area vasta (che prevede l‟adozione del Protocollo Informatico, l‟introduzione della posta elettronica certificata, l‟attuazione della gestione informatizzata degli atti amministrativi, l‟introduzione della firma digitale, l‟attuazione del servizio di cooperazione applicativa, del RUPAR SPC, la realizzazione del sistema informativo territoriale e dello sportello unico per l‟edilizia), e il progetto Promozione del risparmio energetico e dell’impiego di energia solare nell’edilizia pubblica non residenziale a valere sulla misura 2.4, ed avviate le altre progettualità per i progetti previsti nel Programma Stralcio approvato nel dicembre del 2009. Gli attori intervistati sostengono che c‟è una connessione del PIT con il Distretto produttivo Terre Federiciane che interessa il territorio della Provincia di Foggia, Bari e Bat. Il collegamento riguarda la promozione di alcuni servizi informatici alle imprese agricole, creati nell‟ambito del PIT su scala regionale, oltreché provinciale (gestione dei rifiuti – SIGRAAP, piattaforma FAD per la formazione a distanza, servizi 97


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 di e-business). Inoltre, il distretto Terre Federiciane promuoverà anche servizi di trasferimento dell‟innovazione tecnologica, attraverso il collegamento con il D.A.R.E (distretto tecnologico agroalimentare regionale). Oltre ai servizi da attivare nell‟ambito del Distretto Terre Federiciane, la continuità con il PIT riguarda anche gli attori coinvolti. Nonostante l‟allargamento, gli attori foggiani mantengono un ruolo centrale (anche se con alcuni avvicendamenti e con il ruolo guida della Camera di Commercio), Tuttavia la presenza di varie strutture in ambito agroalimentare (D.A.R.E; Distretto produttivo Terre Federiciane e Centro Servizi DAT) sullo stesso territorio che offrono servizi simili, rischia di portare a lungo termine ad una sovrapposizione tra questi soggetti e ad una maggiore frammentazione delle aziende in questo ambito. Un‟ulteriore connessione è riportata tra il PIT e il neo Consorzio per la gestione dei rifiuti pericolosi della Daunia, che nel erogare il servizio di gestione dei rifiuti utilizzerà il servizio SIGRAAP realizzato nell‟ambito del PIT.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Il PIT Tavoliere si sviluppa in un territorio caratterizzato da un sistema produttivo basato sull‟agroalimentare, che da tempo sta attraversando un periodo di crisi, dovuta da un lato al cambiamento nella PAC e dall‟altro alle trasformazioni nel sistema produttivo (da grosse industrie alle piccole e medie imprese). Il comparto agroalimentare si confronta inoltre con una serie di criticità di natura interna (dimensione piccola delle aziende, maggiormente a gestione familiare; scarsa propensione all‟innovazione; diffusione limitata delle certificazioni di qualità; limitata cooperazione tra le aziende del comparto, ecc) ed esterna (degrado e carenza delle reti infrastrutturali locali; limitato sviluppo dei servizi alle imprese delle istituzioni/associazioni di categoria, quali ad esempio servizi informativi, servizi di consulenza e assistenza finanziaria, servizi di supporto promozionale e servizi formativi; scarsa fiducia nelle istituzioni e nelle associazioni di categoria le cui professionalità vengono messe in discussione; ecc). Sia l‟idea forza, sia gli interventi previsti nell‟ambito del PIT si sviluppano intorno alla riqualificazione del comparto agroalimentare. Cosi come previsto dal programma del PIT Tavoliere gli interventi attuati mirano alla riqualificazione di tale comparto attraverso la creazione di servizi alle imprese (servizi informativi – ecommerce, promozione della banda larga, formazione a distanza, tracciabilità dei prodotti, ecc, sistema informativo del DAT, gestione dei rifiuti agricoli attraverso sistemi informativi, ecc), il sostegno all‟internazionalizzazione (promozione dei prodotti del Tavoliere sui mercati americani e russi), il supporto alla diversificazione della produttività (incentivi per il settore agro-turistico), la modernizzazione delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli (regimi di aiuto alle imprese), gli investimenti nelle aziende agricole (regimi di aiuto che premiano le associazioni tra le imprese agricole e le aziende che hanno introdotto sistemi di certificazione della qualità), gli interventi di formazione, supporto al trasferimento dell‟innovazione (polo tecnologico della Daunia). Nonostante una coerenza relativamente forte tra idea forza e contesto da un lato, e tra idea forza ed i progetti previsti e successivamente attuati, si segnala che il progetto Polo Tecnologico presenta un livello di coerenza più limitato con il progetto originariamente previsto dal programma PIT 1 Tavoliere. Il polo tecnologico (come struttura) non è stato poi creato per evitare una sovrapposizione con le strutture già esistenti sul territorio (D.A.R.E). Tuttavia va sottolineato il mancato coordinamento tra il Centro Servizi DAT e il D.A.R.E, che oggi si pone non solo come l‟unico centro competente nell‟erogare servizi di trasferimento tecnologico alle imprese del territorio, ma anche come un concorrente dello stesso Centro Servizi DAT. Per quanto riguarda il progetto RESET per sicurezza e legalità si segnala una coerenza molto limitata con l‟idea forza. Infatti, il progetto attuato si focalizza sul tema dell‟inclusione sociale dei soggetti deboli (incentivi all‟occupazione, osservatorio sociale, formazione, ecc). Inoltre si sottolinea la discontinuità tra il PIT e l‟Area Vasta. Nonostante nel documento programmatico siano stati inseriti alcuni interventi che alludono alle azioni del PIT (promozione dell‟internazionalizzazione della Capitanata, incentivi alle imprese, ecc), l‟Area Vasta si concentra su interventi infrastrutturali per l‟accessibilità del territorio (strade, ferrovie, interproti), per la difesa del suolo, infrastrutturazione dei poli 98


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 industriali, ecc. Ciò rileva la mancanza di una visione coerente e diffusa di sviluppo del territorio del Tavoliere a livello istituzionale. Tuttavia va segnalata una connessione, ancor se debole, tra il PIT e il Distretto produttivo Terre Federiciane. 3.2

Integrazione dei progetti

L‟integrazione dei progetti del PIT 1 può essere valutata nell‟ambito di alcune dimensioni essenziali e cioè: -

Integrazione a livello di policies; Integrazione multilivello; Integrazione pubblico/privato; Integrazione orizzontale;

Per quanto riguarda l’integrazione di policies si evidenzia che i progetti previsti e attuati spaziano da interventi infrastrutturali edili (realizzazione di un Centro Servizi nodale a Foggia, il Centro Servizi di Cerignola e il Centro Servizi di San Severo), a infrastrutture telematiche (cablaggio centri servizi, telefonia VOIP, banda larga, ecc), sistemi informativi (SIDAT), servizi alle imprese (e-commerce, gestione dei rifiuti, vademecum per la tracciabilità dei prodotti agricoli, internazionalizzazione, ecc), incentivi finanziari alle imprese, formazione e interventi di sostegno all‟inclusione sociale dei soggetti deboli (progetto RESET). Si nota, dunque, un buon livello di integrazione tra le policies. Quanto all’integrazione multilivello, i progetti finanziati riguardano in qualità di co-finanziatori la Provincia di Foggia, i comuni e la Regione. Riguardo alla gestione di tali progetti si segnala che è stata ripartita tra la Provincia di Foggia (opere di infrastrutturazione dei centri servizi), l‟Ufficio Unico PIT, incardinato all‟interno dell‟amministrazione comunale di Foggia, e la Regione Puglia (per la maggior parte dei finanziamenti previsti dal PIT). L’integrazione pubblico/privato riguarda da un lato il grado di co-finanziamento derivante dai privati, e dall‟altro la rilevanza dell‟intervento del partenariato economico nei progetti attuati. Dal punto di vista della capacità del PIT nell‟attrarre investimenti privati, si segnalano delle forti criticità. L‟unico investimento privato rilevante ha riguardato la messa a disposizione del PIT delle risorse del Patto di Foggia (3.125.00 euro) per il finanziamento delle opere infrastrutturali volte alla realizzazione dei tre centri servizi PIT. Tuttavia, tale investimento è legato all‟ambizione del Patto di Foggia di gestire il Centro Servizi DAT. Maggiore risulta essere invece l‟integrazione pubblico/privato riferita al ruolo del partenariato socioeconomico nell‟ambito del PIT. I partner economici, ed in particolare le associazioni di categoria agricole, hanno avuto un ruolo rilevante nell‟ambito della definizione di alcuni progetti (criteri di premialità per i regimi di aiuto; gestione dei rifiuti agricoli in Accordo di Programma, modello di gestione del centro servizi DAT) e sono stati inoltre attuatori di alcuni interventi (SIDAT, SIGRAAP, gestione del Centro Servizi DAT e di tutte le infrastrutture/servizi messi a disposizione di tale centro dal PIT Tavoliere). Risultano particolarmente attivi anche la CCIAA che ha contribuito alla definizione degli interventi di internazionalizzazione, ed il D.A.R.E, che ha svolto un ruolo rilevante nella definizione e attuazione del progetto polo Tecnologico. L’integrazione orizzontale (e cioè interventi rilevanti che coinvolgono tutte le amministrazioni del PIT), determinata dal numero di progetti che interessa due o più comuni dell‟area, è molto elevata; tutti gli investimenti gestiti dall‟Ufficio Unico (che rappresentano il 14% del totale finanziario del PIT Tavoliere) sono interventi di rete. L‟unico intervento a regia locale che non interessa tutti i Comuni del PIT riguarda le opere infrastrutturali dei tre centri servizi, che interessano il Comune di Foggia, il Comune di San Severo e il Comune di Cerignola. Meno evidente risulta l‟impatto di tale strategia sullo sviluppo del comparto agroalimentare del Tavoliere. Le interviste realizzate hanno messo in luce la limitata efficacia di alcuni interventi. Ad esempio gli interventi di internazionalizzazione risultano essere iniziative episodiche focalizzate maggiormente sul marketing anziché su interventi di creazione delle condizioni per l‟internazionalizzazione che, nonostante alcuni output, non hanno portato un cambiamento nell‟apertura degli imprenditori locali verso i mercati esteri. Per quanto riguarda gli interventi nell‟ambito della società dell‟informazione, si segnala che il sistema informativo del DAT non risulta ancora operativo: ciò è dovuto in particolare al ritardo nell‟assegnazione 99


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 della gestione del Centro Servizi DAT. Ulteriori approfondimenti sono necessari per quanto riguarda i progetti a regia regionale, il SIGRAAP ed il polo tecnologico. 3.3

Integrazione degli attori

Il PIT 1 Tavoliere si caratterizza per un buon livello di integrazione tra gli attori, in particolare nella fase di attuazione. La fase di programmazione è stata dominata dai conflitti tra i politici locali per la gestione del PIT, e dal ruolo molto forte dei consulenti. Un altro attore rilevante in questa fase è la Regione Puglia che interviene come mediatore tra i politici locali. La fase di attuazione, al contrario, si è caratterizzata per una cooperazione efficace e le relazioni tra gli attori sono state di tipo problem solving (ad eccezione del progetto Polo tecnologico). In questa fase il ruolo degli attori cambia: quello degli attori politici locali diminuisce (ad eccezione del vice-presidente della Provincia), mentre aumenta il ruolo degli attori economici locali (associazioni di categoria ed in particolare le associazioni di categoria agricole, Patto di Foggia), che hanno un ruolo rilevante sia nella progettazione di alcuni interventi sia nella loro attuazione, e delle strutture tecniche (Ufficio Unico). E‟, infatti, l‟Ufficio Unico il centro del network degli attori del PIT 1 Tavoliere. La progettazione delle azioni e le relazioni con i partner attuativi dei diversi progetti hanno visto il ruolo prevalente dell‟Ufficio Unico, che si è costituito come promotore di nuove iniziative. Nonostante le criticità nella cooperazione tra gli attori locali (politici e soprattutto economici) che hanno caratterizzato la stagione dei Patti territoriali, il PIT è riuscito a far dialogare in maniera attiva gli attori del territorio, ed in particolare gli attori economici (associazioni di categoria, soprattutto agricole) in una visione comune di sviluppo del territorio del Tavoliere. Il rendimento del partenariato si traduce nell‟attuazione di ulteriori progettazioni che vedono coinvolte le associazioni di categoria (in particolare agricole) come il Distretto Terre Federiciane, il Consorzio per la gestione dei rifiuti agricoli della Daunia, ecc. Una delle debolezze del network riguarda la scarsa verticalità. Infatti, il livello degli attori è prettamente locale, e si ferma a livello regionale (D.A.R.E e Regione Puglia). Gli attori di livello nazionale sono soggetti economici che intervengono nell‟implementazione degli interventi puntuali del PIT. 3.4

Capacità di spesa

Le informazioni sulla capacità di spesa del PIT 1 Tavoliere, non sono al momento complete. Tuttavia, dalle informazioni raccolte a livello locale emerge una buona capacità di spesa del PIT 1, in particolare per quanto riguarda i finanziamenti gestiti dall‟Ufficio Unico. Dalle interviste emerge che i finanziamenti gestiti dall‟Ufficio Unico sono stati interamente spesi, ad eccezione di quelli riguardanti la misura 3.13 (polo tecnologico). Inoltre, va aggiunto che l‟Ufficio Unico è riuscito a spendere anche le risorse provenienti dai ribassi sugli interventi appaltati. Infatti, il progetto SIGRAAP e Hyperdata, così come la partecipazione del PIT 1 Tavoliere al Fancy Food del 2008, sono stati finanziati con le economie prodotte dai bandi.

100


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

4

Interviste effettuate

Interviste dirette: Dott. Carlo Dicesare (PIT Manager) – 10 novembre 2010, 2 maggio 2011 Dott.ssa Olga Buono (consulente PIT del Comune di Foggia) – 10novembre 2010 Dott. Giovanni Cera (rappresentante CIA nel PIT1) – 10 novembre 2010, 3 maggio 2011 Prof. Francesco Contò (rappresentante Confagricoltura nel PIT 1) – 9 novembre 2010 Prof. Gianluca Nardone (direttore D.A.R.E) – 12 novembre 2010 Dott. Giuseppe Palladino (rappresentante Coldiretti nel PIT 1) – 12 novembre 2010 Arch. Francesco Parisi (ex vice –presidente alla Provincia di Foggia) – 9 novembre 2010 Dott. Giovanni dello Iaconno (funzionario del Comune di Foggia; staff dell‟Area Vasta) – 10 novembre 2010 Interviste telefoniche: Prof.ssa Assunta Pinto (ex assessore alle Attività produttive presso il Comune di Foggia) – 16 novembre 2010 Dott. Matteo Valentino (sindaco del Comune di Cerignola) – 16 novembre 2010 Dott. Salvatore Castrignano (ex segretario provinciale CGIL) – 16 novembre 2010 Michele Tamburrelli (funzionario CCIAA di Foggia) – 16 novembre 2010 Documenti: Quaderno degli Interventi dal Pit 1 al Distretto Agroalimentare: il binario tracciato per lo sviluppo del Tavoliere, Regione Puglia Report di Autovalutazione del Pit N. 1 Area Tavoliere, Formez, 2007

Acronimi DAT – Distretto Agroalimentare del Tavoliere D.A.R.E – Distretto Agroalimentare Regionale SIDAT – Sistema Informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere SIGRAAP – Sistema Informativo per la Gestione dei Rifiuti Agricoli Pericolosi in Accordo di Programma

101


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

5

Allegato – Descrizione dei progetti attivati nell’ambito del PIT 1

Tabella 6 I progetti attivati nel PIT 1 Misura e azione

Progetto

Finanziamento in euro

Responsabile progetto

Misura 4.2 – azione a)

Completamento e miglioramento delle infrastrutture degli insediamenti produttivi nell‟area del Comune di Foggia

800.000

Misura 4.2 – azione a)

Infrastrutture fisiche e immateriali a supporto delle attività produttive e delle attività di servizio comuni (lavori per la realizzazione di un complesso immobiliare destinato ad ospitare il Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere (DAT), sedi di Foggia, Cerignola e San Severo)

3.251.170

Provincia Foggia

Misura 4.2 – azione b)

infrastrutturazione delle reti di telecomunicazione dei tre Centri Servizi del DAT

2.200.000

Ufficio PIT

Descrizione progetto

Ufficio Unico

di

Unico

Il progetto esecutivo, approvato dalla Giunta Comunale con delibera n.80 del 04/05/2007, prevede il completamento infrastrutturale dell‟area dove sarà localizzato il Centro Servizi DAT Foggia. In dettaglio, l‟intervento prevede la realizzazione di opere di urbanizzazione primarie quali: strade e marciapiedi; rete di pubblica illuminazione; rete di fogna nera; rete di fogna bianca; rete di alimentazione idrica; rete di alimentazione ENEL; rete delle telecomunicazioni. Il progetto risulta in fase di completamento. L‟intervento si concretizza nella realizzazione della palazzina del Centro Servizi DAT, all‟intero del Polo dell‟Economia, in costruzione a Foggia, e del Centro Servizi di San Severo e Cerignola. Originalmente il progetto del Distretto Agroalimentare del Tavoliere non prevedeva la realizzazione delle infrastrutture dei Centri Servizi, includendo soltanto la creazione di una serie di servizi e di infrastrutture immateriali da mettere a disposizione del futuro distretto. Nel 2005, a seguito del confronto con il partenariato socio-economico (associazioni di categoria, sindacati) è stato deciso di inserire nel PIT la creazione delle infrastrutture di tre centri servizi che potessero fungere da base operativa del futuro distretto sul territorio: Foggia, San Severo e Cerignola. L‟inserimento delle infrastrutture nel PIT è avvenuto nel contesto della realizzazione di un intervento di riqualificazione del quartiere fieristico di Foggia, attraverso la creazione della Cittadella dell‟economia, all‟interno della quale avranno sede la CCIAA di Foggia, il Centro Servizi DAT Foggia, l‟Ente Fiera, il settore Sviluppo Economico del Comune di Foggia, la Provincia di Foggia, finanziato dalla misura 5.1 con fondi FAS. Il progetto di creazione delle infrastrutture dei tre centri servizi è stato realizzato interamente con i fondi del Patto di Foggia (a seguito di un colloquio con il Ministero delle Attività Produttive per ottenere l‟approvazione per la destinazione di tali fondi alle infrastrutture piuttosto che agli incentivi alle imprese) ed è stato co-finanziato dalla Provincia di Foggia. Il progetto risulta tuttora in fase di realizzazione. Il progetto prevede l‟infrastrutturazione telematica del DAT. Il progetto prevede il cablaggio di ogni centro, il collegamento alla rete pubblica RUPAR, la fornitura degli apparati attivi per il networking, la fornitura del sistema telefonico VoIP con i relativi terminali, il sistema di video sorveglianza, e la fornitura dei server ai tre Centri Elaborazione Dati che permettano di garantire i servizi sopra elencati. Il progetto ha riscontrato alcune difficoltà dovute ai ritardi nella realizzazione delle infrastrutture dei centri servizi. Tuttavia, per poter concludere il progetto la Provincia di Foggia ha assegnato al DAT (centro servizi di Foggia) una sede provvisoria presso la Provincia, dove sono state fornite tutte le apparecchiature previste dall‟appalto.

102

Progetto gestito attraverso appalto Il progetto esecutivo, approvato con la delibera n.80 del 4 maggio 2007, è stato appaltato con il bando di gara n. 710 del 2007. Il progetto definitivo approvato a marzo del 2007 è stato appaltato con il bando di gara n.15 dell‟8/06/2007. L‟appalto è stato aggiudicato il 12 luglio 2007 dall‟impresa EDIL COSTRUZIONI srl di Stornarella.

Il progetto definitivo approvato dalla Giunta Comunale di Foggia con la deliberazione n. 424 del 27 settembre 2005 e successiva deliberazione n. 330 del 19 ottobre 2006 , è stato appaltato con il bando di gara n. 1616 del 2006. L‟appalto aggiudicato nel giugno del 2007 all‟ATI


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Misura 4.2 azione b)

HyperDAT Progetto per la infrastrutturazione WiFi Hyerlan2 nelle aree industriali del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere

666.607

Misura 6.2 – azione b)

Progetti Settore: Drink Apulia in Russia e Deepen Apulia negli SUA

Misura 6.2 azione c)

Misura 6.2 azione c)

Ufficio PIT

Unico

Il progetto si prefigge di realizzare un intervento mirato alla copertura di servizio a banda larga nelle zone industriali non servite delle città di Foggia, San Severo e Cerignola. L‟intervento prevede la realizzazione di tratte wireless in tecnologia Hyperlan2, o nel caso, PDH o SDH. Il progetto si è concluso nel 2009.

1.265.280

Ufficio Unico PIT (in collaborazione con la CCIAA di Foggia)

Il progetto Deepen Apulia è finalizzato alla promozione di olio e conserve vegetali in California, a Los Angeles e San Francisco; mentre il progetto “Drink Apulia Taste” è finalizzato alla promozione del vino sul mercato russo, a Mosca e San Pietroburgo. In entrambi i casi la scelta dei paesi è stata determinata dalle linee guida regionali che stabilivano come paesi gli USA e la Russia. Il progetto definito insieme alla CCIAA di Foggia e al partenariato socioeconomico prevedeva la realizzazione di studi e indagini relativi ai prodotti da promuovere, all‟attività di sensibilizzazione verso le imprese, organizzazione di missioni di incoming e outcoming e all‟attività di monitoraggio. I progetti si sono sviluppati senza difficoltà rilevanti e hanno visto un buon coinvolgimento degli imprenditori. Il progetto è stato concluso nel 2008.

SIDAT – realizzazione del sistema informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere

4.270.000

Ufficio PIT

Unico

Il progetto prevede la realizzazione del portale informativo del Distretto Agroalimentare del Tavoliere, comprendente i seguenti sottosistemi: informazioni territoriali, supporto alle decisioni e gestione della base di conoscenza, gestione della logistica, e-business e supplì chain management, customer relationship management e tracciabilità, marketing di distretto, e-learning. Il progetto si è concluso nel giugno del 2009 con la fornitura del portale informativo del DAT (www.dat.fg.it). Il portale rappresenta una piattaforma che fornisce informazioni normative, dati di settore, dati commerciali, servizi gestionali online ed inoltre servizi automatizzati di vendita, creazione e gestione di database relazionali su clienti. Il portale è anche una piattaforma per erogare attività di formazione a distanza riconosciuta da Regione Puglia e Confagricoltura. Nonostante la realizzazione del portale e un periodo di funzionamento, si segnala che nell‟ultimo mese (dicembre 2010 – 8 gennaio 2011) il portale non risulta attivo.

SIGRAPP – Servizio di gestione dei rifiuti agricoli

480.000

Ufficio PIT

Unico

Il progetto nasce nell‟ambito dell‟Accordo di Programma promosso dalla Provincia di Foggia, che vede inoltre coinvolti le A.T.O, le organizzazioni professionali agricole, l‟Associazione provinciale allevatori, il Consorzio Agrario Provinciale di Foggia, le multiutilities presenti sul territorio, le aziende private di recupero e trattamento rifiuti speciali e pericolosi.

103

HEWLETT Packard Invent Italiana srl + DOT Lab srl. Il progetto è stato appaltato nell‟aprile 2009. Con la determinazione dirigenziale del 19 maggio 2009 n. 629 /2009 la gara viene affidata alla ATI VITROCISET S.p.A. + TIA NETWORKS S.r.l.. I bandi per la realizzazione dei progetti vengono pubblicati nel luglio del 2006 e affidati nel febbraio del 2007: Drink Apulia è stato aggiudicato all‟Ati Lattanzio & Associati + BI.TI. Export, mentre Deepen Apulia è stato aggiudicato a Retecamere s.c.r.l. + Mondimpresa s.c.r.l. + Centro Estero Puglia + Cesan. Il progetto è stato appaltato nel novembre del 2006, mentre l‟aggiudicazione del bando è avvenuta nel luglio del 2007 e la sottoscrizione del contratto nel novembre del 2007. Il bando è stato aggiudicato all‟ATI EDA Entreprise (alla quale successivamente subentra Vitrocise), Italeco, Impresa Verde e Confagricoltura Ricerca e Consulenza. Il progetto viene affidato all‟ATI Vitrociset, Impresa Verde e Confagricoltura Ricerca e


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Misura 6.2 azione c)

Polo Tecnologico del DAT (distretto agro alimentare del tavoliere)

Misura 6.5

RESET

1.000.000

616.250

Ufficio PIT

Unico

Ufficio Unico PIT (in collaborazione

Il progetto prevede la realizzazione del sistema informativo per la gestione dei rifiuti agricoli – in accordo di programma. In particolare l‟intervento appaltato riguarda: l‟analisi e la definizione del processo di erogazione dei servizi definiti nell‟accordo di programma; la realizzazione del sistema informativo per la gestione dei rifiuti; la realizzazione della rete per la gestione del sistema informativo (centrale di gestione e centri di conferimento); la formazione dei soggetti gestori dell‟accordo; la formazione ed informazione alle aziende agricole conferenti; e la comunicazione e diffusione dell‟iniziativa. Il progetto si è concluso nel 2009. Il progetto del PIT Tavoliere prevedeva la creazione di un centro servizi gestito da un organismo dedicato quale il Polo Tecnologico, sotto la forma giuridica di una società consortile tra soggetti pubblici e privati (enti locali, università, imprese e/o loro associazioni e consorzi). Tuttavia, va sottolineato che il disegno originale del PIT non è stato confermato nella fase di implementazione. La creazione del Polo tecnologico va, infatti, letta nel contesto delle politiche promosse a livello nazionale e regionale in materia di innovazione e distretti tecnologici. Mentre il PIT è rimasto “fermo” fino al 2005 (per quanto riguarda l‟approvazione del progetto) e sostanzialmente fino al 2008 (per quanto riguarda l‟attivazione della misura per la realizzazione del polo tecnologico), a livello regionale e nazionale sono state intraprese delle misure per la promozione dell‟innovazione e delle relazioni tra ricerca e mondo dell‟impresa. Nel 2003 -2004 avviene l‟adozione del Programma Regionale Azioni Innovative e la creazione Bipolo Dauno (con sede a Foggia) promosso dall‟Università degli Studi di Foggia, quale soggetto deputato al trasferimento tecnologico. Nell‟aprile 2005 la Regione Puglia sigla un Accordo di Programma Quadro per la Ricerca, APQ, con il Ministero dell‟Istruzione, Università e Ricerca e il Ministero dell‟Economia e delle Finanze, prevedendo la creazione di tre distretti tecnologici focalizzati sulle principali vocazioni produttive e tecnico-scientifiche del territorio regionale. In questo contesto l‟Università di Foggia ha proposto la valorizzazione del Biopolo Dauno, attraverso la sua apertura ad altri attori e la trasformazione in distretto regionale tecnologico per l‟agroalimentare. Il Biopolo Dauno modifica il suo statuto nel 2006 e partecipa al bando regionale per la costituzione del distretto tecnologico agroalimentare regionale. Inoltre, la Regione Puglia si candida a costituire il Nodo Centrale del Centro di Competenza tecnologica agroalimentare, previsto dalla misura II.3 del PON Ricerca, e nasce così CERTA (società consortile) la cui cabina di regia è il DARE. E‟ infatti in questo contesto che avviene l‟attivazione della misura riguardante il polo tecnologico. Il progetto per l‟attuazione del polo tecnologico si focalizza, dunque, sull‟attivazione di una serie di servizi che promuovano l‟innovazione e il trasferimento tecnologico alle imprese. I servizi da attuare nell‟ambito del Polo tecnologico riguardano: animazione e promozione dell‟innovazione, supporto progettuale all‟innovazione, consulenza tecnologica, accompagnamento alla prefattibilità di imprese innovative, Sportello dell‟innovazione finalizzato alla rilevazione dei bisogni espressi dagli stakeholders territoriali e alla relativa traduzione in possibili soluzioni innovative, audit scientifico-tecnologico, trasferimento tecnologico e servizio di sviluppo precompetitivo. Il progetto è stato completato. Con deliberazione n.25 in data 19.02.2008 il progetto RESET “Rete dei servizi territoriali per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza” è stato

104

Consulenza a ottobre del 2008.

Il progetto viene appaltato nell‟agosto del 2007, mentre l‟affidamento del progetto è avvenuto a febbraio del 2008 una volta sottoscritto il contratto. Il progetto è stato affidato alla RTI “STC s.r.l. – D.A.Re. s.c.r.l. – Gruppo Soges S.p.A.

Il progetto è stato affidato attraverso


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 con i Piani di Zona del Tavoliere)

Misura 4.3

Investimenti nelle aziende agricole

23.647.876

Regione Puglia – assessorato all‟agricoltura

4.5

Miglioramento delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli

7.785.714

Regione Puglia – assessorato all‟agricoltura

4.9

Diversificazione delle attività delle imprese agricole Azioni per le risorse umane

854.400

Regione Puglia – assessorato all‟agricoltura Regione Puglia – assessorato formazione

4.20

4.21

Consolidamento e innovazione delle

2.097.438

600.000

Regione Puglia – assessorato

approvato dalla Giunta Comunale di Foggia, comune capofila. Il progetto ha visto il diretto coinvolgimento degli Uffici di Piano degli ambiti di Cerignola, San Severo, Manfredonia, San Marco in Lamis e Vico del Gargano. Il progetto mira alla creazione di un presidio territoriale a rete, a garanzia dei beni e delle persone ed a sostegno dell‟integrazione culturale, per l‟erogazione di servizi per l‟inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati, la prevenzione della devianza ed il controllo del territorio. Il progetto si articola in tre assi: analisi delle potenzialità, coinvolgimento degli attori chiave, vivai territoriali per l‟occupazione. Il progetto prevede inoltre la creazione di un Osservatorio sociale e di sportelli informativi e di consulenza per i soggetti svantaggiati. In dettaglio il progetto prevede la realizzazione di: un‟agenda operativa per l‟inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati; attività di formazione e informazione (workshop e forum tematici sul tema delle strategie di intervento per migliorare la situazione occupazionale nel territorio del Tavoliere); uno sportello integrato Vivaio territoriale per l‟occupazione; organizzazione di laboratori itineranti professionalizzanti; una rete territoriale integrata per l‟inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati; un‟Agenzia sperimentale per l‟economia sociale ubicata presso l‟Ufficio del Piano del Comune di Foggia; una piattaforma telematica per l‟incontro domanda/offerta di lavoro e di formazione che consente la gestione e le consultazioni avanzate dei dati; un Osservatorio telematico per la sicurezza e l‟occupabilità. Il progetto risulta tuttora in fase di svolgimento. Regimi di aiuto agli imprenditori agricoli. Nell‟ambito dei progetti sono stati pubblicati due bandi nel 2005. Rispetto al primo bando (giovani agricoltori) 89 domande sono state ammesse in graduatoria, mentre il secondo bando (aziende agricole del comparo) ha registrato 160 domande ammesse in graduatoria. Il numero di domande, considerato alto dagli intervistati, è dovuto anche all‟attività di promozione realizzata dall‟Ufficio PIT. Va inoltre segnalato il confronto continuo tra Regione e Ufficio Unico PIT, in rappresentanza del partenariato per la definizione dei criteri di premialità e per la partecipazione alla selezione delle aziende beneficiare. Al confronto con la Regione (responsabile di misura) si aggiunge anche un intenso dialogo con il partenariato socio-economico per la scelta dei criteri premiali e dei settori da incentivare. Regimi di aiuto alle imprese agricole. Anche in questo caso è stato riportato un confronto continuo con la Regione (responsabile di misura) per la definizione dei criteri di premialità e partecipazione alla commissione di aggiudicazione dei bandi. Va inoltre aggiunto il dialogo intenso con il partenariato socio-economico (associazioni di categoria e sindacati) per la definizione di tali criteri. La misura 4.5 è stata attivata nel 2006 attraverso la pubblicazione di un bando di gara. Si sono registrate 71 domande ammesse in graduatoria. Regimi di aiuto alle imprese agricole Le attività previste in questo ambito riguardano: azione a) formazione per il sistema sviluppo locale: 6 corsi azione b) formazione DLD: 5 corsi azione c) formazione continua: 5 corsi Non è stato possibile reperire delle informazioni sull‟implementazione di tali azioni. Attività di formazione

105

bando all‟ATI Smile Puglia e Proxima.


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

6.4

competenze tecnologiche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore Risorse umane e società dell‟informazione

formazione

2.099.994

Regione Puglia – assessorato formazione

3.7

Formazione superiore

2.914.475

Regione Puglia – assessorato formazione, congiuntamente con l‟Ufficio Unico PIT per quanto riguarda gli interventi di formazione post laurea

3.11

Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare

1.0003.011

Regione Puglia – assessorato alla formazione

3.12

Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico

1.530.935

Regione Puglia – assessorato alla formazione

3.14

Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro

2.748.587

Regione Puglia – assessorato alla formazione

Le azioni previste in questa misura riguardano: l‟azione a) formazione specifica per le P.A: 8/9 corsi Non è stato possibile reperire delle informazioni sull‟implementazione dell‟azione. Nell‟ambito della misura 3.7 sono stati finanziati 4 master realizzati dall‟Università degli Studi di Foggia, Facoltà di Agraria e Facoltà di Economia: Master in marketing dei prodotti agroalimentari; Master in gestione della sicurezza e della qualità degli alimenti; Master in scienza e tecnologia degli alimenti e Master in economia e gestione sostenibile delle attività turistiche. I master sono stati interamente gestiti dall‟Università di Foggia. La misura 3.7 riguardava inoltre le seguenti attività di formazione: Azione a) post – qualifica: 8 corsi Azione b) tirocini – stage: 60 allievi Azione c) IFTS – 4 corsi Azione d) borse di studio (originariamente non previste, ma inserite su richiesta del partenariato socioeconomico – Università di Foggia – dopo una mediazione con il Settore regionale formazione) Azione e) filiere agroalimentari (corsi universitari) – 3 corsi Ad eccezione dei master universitari, non è stato possibile reperire delle informazioni sull‟implementazione di tali azioni. Le azioni previste nell‟ambito di questa misura riguardano: Azione a) sostegno alla nuova imprenditorialità: 7/8 corsi Azione c) aiuti all‟occupazione: 41 persone/aiuti Azione d) emersione lavoratori non regolari (si prevede un progetto integrato tra aiuti all‟occupazione + incentivi riallineamento + aggiornamento): 7/8 corsi Non è stato possibile reperire delle informazioni sullo stato di avanzamento di tali azioni. Gli interventi previsti nell‟ambito di questa misura riguardano: l‟azione b1) formazione continua agli imprenditori: 2/3 progetti azione c1) finanziamento di borse di studio post-laurea: 8 borse di studio azione c2) finanziamento di borse di studio per i ricercatori: 10 borse di studio azione c3) corsi per manager della ricerca: 2 corsi azione d1) corsi per figure interfaccia: 1 corso Non è stato possibile reperire delle informazioni sullo stato di avanzamento di tali misure. Pubblicazione dell‟avviso pubblico n.27/2006 per la presentazione di progetti per la partecipazione femminile al mercato del lavoro Azione b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata"; Azione c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; Azione e) "Azioni di accompagnamento". Non è stato possibile reperire delle informazioni sull‟esito di tale bando.

106


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 2 – Area Nord Barese Tabella 1- Anagrafica di progetto Comune capofila

Andria

Amministrazioni pubbliche aderenti all‟accordo

Provincia di Bari, Provincia di Foggia, Comune di Andria, Comune di Barletta, Comune di Bisceglie, Comune di Bitonto, Comune di Canosa di Puglia, Comune di Corato, Comune di Giovinazzo, Comune di Molfetta, Comune di Ruvo di Puglia, Comune di Terlizzi, Comune di Trani, Comune di Margherita di Savoia, Comune di San Ferdinando di Puglia, Comune di Trinitapoli.

Tot Comuni aderenti

14

Partner

Agenzia per l'Occupazione e per lo Sviluppo dell'Area Nord Barese Ofantina s.c.a r.l. AMET s.p.a., AMIU C.G.I.L. Andria Multiservice s.p.a. ASIPU, ASM, BARSA s.p.a. Servizi Ambientali, Centro Ricerche Bonomo, Consorzio Igiene Ambientale bacino FG/4, Consorzio per lo Sviluppo Area "Conca barese" s.c.a r.l., CCIAA di Bari, CCIAA di Foggia, Molfetta Multiservizi s.p.a., STP s.p.a., ASI, Vigile s.c.p.a.

Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia

29 giugno 2005

Localizzazione ufficio unico

Comune di Andria

PIT Manager

Dicembre 2004 – aprile 2005 Dott. Di Bari. Maggio 2005 Dott. ssa Maria Luisa Caringella (ancora in carica), in precedenza responsabile del SUAP di Bitonto.

Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

592.510 ab.

Finanziamento di risorse pubbliche a carico del POR 20002006 della regione Puglia

53.057.225 euro

1

La vicenda

Il Nord Barese è un territorio caratterizzato da un'urbanizzazione diffusa e dalla presenza di centri urbani medio-grandi, con limitati squilibri economici interni. L'area si distingue, all'interno del contesto pugliese, per la vivacità imprenditoriale e per il discreto tenore di vita della sua popolazione. Il Nord Barese presenta un buon livello d‟infrastrutturazione di base e una buona dotazione d‟infrastrutture portuali e prossimità a scali nazionali aeroportuali. Si registra la presenza di solidi sistemi locali manifatturieri diffusi e polisettoriali con crescente propensione all'apertura verso i mercati internazionali, anche se sussiste un eccesso di micro-specializzazioni produttive con insufficienti capacità d‟integrazioni di filiera, assenza d‟imprese leader e risposte eterogenee alla crisi. Dall‟analisi delle politiche pregresse si evince che il PIT 2 Nord Barese si deve confrontare con un‟eredità importante. Tra gli strumenti di programmazione per lo sviluppo territoriale, il Patto Territoriale Nord Barese Ofantino costituisce una delle esperienze di sviluppo locale più rappresentative. Sviluppato nell‟ambito dell‟azione pilota “Patti per l‟occupazione” voluta dalla Commissione Europea nel 1997 per sperimentare a livello locale la nuova Strategia Europea per l‟Occupazione, è stato lo strumento mediante il quale nell‟ultimo decennio i comuni che vi hanno aderito hanno agito sinergicamente in un‟ottica di sviluppo di scala territoriale piuttosto che comunale. Tale approccio ha consentito la concreta realizzazione di programmi di sviluppo integrato del territorio, l‟ottimizzazione del ciclo di programmazione, la messa in atto degli interventi ed il loro monitoraggio e un livello di spesa che rasenta il 100%. Il profilo e gli esiti del Patto sono condizionati dalla particolare articolazione territoriale policentrica: alcune città di media grandezza (Andria, Barletta e Trani) dotate di peso politico e di una struttura economica piuttosto robusta, divise però nella fase iniziale da radicate autonomie gelose.

107


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Gli studi che sono stati svolti sul Patto del Nord Barese Ofantino10 hanno definito però quella vicenda come “il patto dei sindaci”, dove efficienza e partecipazione sono interpretati come trade off. Da un lato il partenariato, infatti, non ha del tutto avuto lo spazio e il potere per esercitare funzioni d‟elaborazione e di controllo a causa delle resistenze dei comuni all‟azione collettiva e alla leadership efficace, ma ingombrante di alcuni sindaci. Dall‟altro, l‟Agenzia di Sviluppo Nord Barese Ofantino acquisisce affidabilità e diventa il punto di riferimento esclusivo per l‟elaborazione e la gestione di molteplici politiche di sviluppo locale. Rispetto a questa posizione di monopolio traspaiono alcune valutazioni critiche11: l‟Agenzia dovrebbe rinunciare ad essere l‟unico nodo della rete attraverso cui passano e si gestiscono tutte le opportunità finanziarie e rafforzare il suo ruolo d‟impulso al partenariato, il quale risulta fortemente indebolito. Il patto territoriale del Nord Barese Ofantino era stato indubbiamente un‟esperienza di successo, ma la filosofia e l‟impalcatura programmatoria era dissimile da quella della progettazione integrata territoriale. Era quindi necessario compiere una rottura e scartare da quella vicenda, rinnovando anche il sistema d‟implementazione. Proprio per garantire una continuità attuativa e un‟integrazione dei due strumenti, l‟Agenzia di Sviluppo Nord Barese Ofantino faceva “pressione” per l‟affidamento della gestione del Pit. Questa scelta avrebbe ovviamente garantito il riconoscimento formale della titolarità della gestione del Pit all‟Agenzia. La Pit manager offre la sua spiegazione: la filosofia regionale della nuova programmazione andava in una direzione che prevedeva per il Pit un impianto programmatorio differente. E‟ avvenuto perciò uno scontro per la primazia e questo ha innescato uno stato di conflitto prolungato. Alla fine però l‟Agenzia è stata esclusa a priori dall‟Autorità di gestione regionale. L‟assemblea dei sindaci del Pit ha deciso di andare avanti nonostante l‟ostilità dei gestori del patto. La Pit manager è incerta sulla valutazione da formulare in relazione a quella fase: o si è verificata una strumentalizzazione del partenariato, oppure è mancata da parte del partenariato una effettiva lungimiranza. La Pit manager offre una valutazione complessivamente positiva dell‟esperienza, nonostante la rottura netta con il percorso pattizio precedente. Il ritardo nell‟attuazione è stato senza dubbio molto penalizzante. I tre anni di concertazione, dal 2002 al 2005 hanno creato una grande stanchezza. Il Pit 2 era a rischio di scioglimento. Nel 2005 si era arrivati ad una crisi di coesione e di leadership. Inoltre il partenariato non condivideva la tipizzazione del Pit 2 elaborata dalla regione. Il manifatturiero leggero escludeva, infatti, tutto il settore agro-alimentare in evoluzione nel Nord Barese (per esempio la produzione sempre più importante di olio di oliva). Dal secondo semestre 2005 sono stati organizzati 14 seminari per capire quale progettualità e quali proposte emergessero dal territorio. Emerge con prepotenza il tema di una domanda di sicurezza, la percezione di un‟arroganza diffusa, non tanto di delinquenza. La fragilità delle relazioni sociali è avvertita come problema e il Pit la tematizza come sicurezza urbana. Nel 2007 si è proceduto ad una revisione della progettualità del Pit 2 con due nuovi bandi per la misura 6.5 (progetto Nord Barese Sicuro) e per la Delibera CIPE. La Pit manager offre una valutazione positiva dell‟esperienza, nonostante la rottura netta con il percorso pattizio precedente. Il ritardo nell‟attuazione è stato molto penalizzante. Il Pit costituisce la oggi la cornice di contesto per la pianificazione strategica soprattutto sul tema della sicurezza. La sicurezza urbana è una tipologia di politica pubblica che si nutre dell‟integrazione di altre politiche. Manca purtroppo un modello di integrazione delle politiche territoriale e della riqualificazione urbana. Il percorso del Pit ora non è chiuso. Si è piuttosto “adattato” ad una tipologia diversificata di servizi. Soprattutto si è orientato alla costruzione del tema della sicurezza partecipata. Questa specializzazione è manifestata nella realizzazione del portale “Nord Barese sicuro”.

10 11

Cersosimo D., Wolleb G. (2006), Economie dal basso, Donzelli, Roma. Cersosimo, Wolleb op. cit.

108


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 2 Cronologia dei fatti principali PIT 2 19 dicembre 2001

Sottoscrizione del Protocollo di Intesa istituzionale siglato dai Sindaci e dai Presidenti di Provincia promotori del Pit.

Giugno 2002

Avvio dell‟iter procedurale dei PIT con la convocazione, da parte del Presidente della Giunta Regionale, della Conferenza delle Autonomie Locali interessate alla realizzazione di ciascun PIT.

30 settembre 2002

Si costituisce il Comitato del Pit 2 "Area Nord Barese" approvato con Decreto del Presidente della Regione n. 564. Il Comitato consegna alla Regione Puglia, nella stessa data, la prima bozza della proposta di Pit.

14 febbraio 2003

Viene approvata dal Comitato di Sorveglianza del POR Puglia 2000-2006 la modifica al CdP che dispone il procedimento per la definizione e la successiva attuazione dei PIT. Vengono emanati i decreti del Presidente della Giunta Regionale che costituiscono i singoli Comitati PIT, individuando il Soggetto Capofila con il compito di coordinamento nell‟interlocuzione con la Regione e di attivazione del partenariato socio-economico, al fine della elaborazione della proposta di Programma.

24 marzo 2003

Il Presidente della Giunta Regionale invita i Comitati dei PIT a presentare le proposte di Programma entro il 10 aprile 2003

8 aprile 2003

Il Comitato del Pit 2 approva la proposta di programma

30 agosto 2004

Il NVVIP esprime parere favorevole sulla proposta di programma del Pit 2

17 novembre 2004

Delibera dell‟Assemblea dei Sindaci per l‟istituzione dell‟Ufficio Unico del Pit 2 Nord Barese

26 novembre 2004

La Giunta Regionale approva la proposta di programma del Pit 2 "Area Nord Barese” con deliberazione n. 1754

26 giugno 2005

Si sottoscrive l‟Accordo previsto dal Complemento di Programmazione per l‟attuazione del Pit tra la Regione e il capofila delle autonomie locali del Pit, il Sindaco del Comune di Andria Vincenzo Zaccaro.

16 marzo 2005

Pubblicazione della deliberazione 26 novembre 2004, n.1754 di approvazione del PIT 2 sul BUR della Regione Puglia (BURP n. 41 suppl. del 16.3.05)

3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

Luglio 2006

Il settore Industria della Regione Puglia (prov. dir. 846) impegna a favore del PIT 2 la dotazione finanziaria di 8.258.312,00 euro (Misura 4.2) per la realizzazione degli interventi infrastrutturali presentati il 15 dicembre 2005. In data 20.10.2005 si era provveduto, da parte dello stesso Settore, ad impegnare ulteriori 2.000.000 euro a favore del Consorzio SISRI di Bari per l‟intervento infrastrutturale nel territorio ASI del Comune di Molfetta (quest‟ultimo già realizzato).

Agosto 2006

E‟ pubblicata la determinazione settore formazione professionale 25 luglio 2006, n. 499 (BURP n. 99 del 3 agosto 2006) che indice Avviso pubblico n.20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia a valere sulla Misura 4.20 "Azioni per le risorse umane", Azione b) "Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati".

Ottobre 2006

In questo periodo la Regione Puglia pubblica i seguenti bandi: -

-

-

DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, tramite la quale si dà approvazione alle iniziative di master, affidate alle università del territorio, nell‟ambito dei PIT. Nel PIT 2 vengono approvati 4 master. Determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.639 (BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo stato e dalla Regione Puglia, a valere sulla misura Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale". Determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.640 BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.24/2006 a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" Azione b): “Attuazione del Piano Regionale della Società dell‟Informazione”. Avviso pubblico 27/2006 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” (BURP n.138 del 26 ottobre 2006), a valere sulla misura 3.14 per le azioni 3.14 b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata; 3.14 c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; 3.14 e) "Azioni di accompagnamento".

8 gennaio 2007

L‟Assemblea dei Sindaci del Pit 2 approva il progetto definitivo del Sistema Digitale del Nord Barese a valere sulle risorse della Misura 6.2 azione c). L‟importo complessivo è pari a 3.870.000, 00 euro (det. Ufficio Pit 31.12.2008). Le imprese aggiudicatarie sono RTI Selex Service management spa, Selex Communications, Elsag Datamat Spa (Gruppo Finmeccanica), Eutelia Spa, Tia tecnologie informatiche (contratto pubblico registrato il 31.12.2009).

26 marzo 2007

La Regione Puglia approva la graduatoria dell‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità, la sicurezza”, delibera CIPE 26/2003, DGE n. 1006 del 12/7/2006. Al Pit 2 per il progetto ALICE “Azioni per il Lavoro e l‟Inserimento Contro l‟Esclusione” viene attributo un contributo di 693.000,00 euro per la copertura totale del costo del progetto.

30 aprile 2007

La Regione Puglia pubblica (BURP n. 65 3 maggio 2007) l‟approvazione della graduatoria dei progetti finanziabili volti all‟attuazione dei “Patti per la legalità” nell‟ambito dei Pit, FESR, Misura 6.5 Azione B. Al Pit 2 vengono attribuiti 465.000,00 euro.

109


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Luglio 2007

Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072)

18 dicembre 2007

Delibera di giunta regionale n. 2205 relativa all‟approvazione dell'inserimento nell'Accordo tra amministrazioni sottoscritto tra la Regione Puglia ed il Pit 2 "Area Nord Barese", di interventi infrastrutturali, a valere della misura 6.1. Gli interventi ricadono nel territorio del Pit 2 per 17.519.945,15 euro di costi pubblici totali.

16 febbraio 2009

Conclusione dei lavori di completamento dell‟urbanizzazione in zona industriale - via Misericordia - I tratto da via dell‟Economia a Via Bruxelles nel territorio del Comune di Barletta. Importo finale lavori:1.1883.764,62 euro di cui 65.000 per la sicurezza.

Marzo - giugno 2009

Si svolgono i laboratori territoriali di orientamento e accompagnamento al lavoro e i tirocini nell‟ambito del Progetto ALICE (“patti per l‟inclusione sociale, la legalità la sicurezza”, Delibera CIPE 26/2003).

25,26,27 luglio 2009

Ad Andria si tengono seminari specialistici per la sicurezza in rete delle città del Nord Barese (FESR POR Regione Puglia 2000 – 2006 Misura 6.5).

28 marzo 2010

Elezioni amministrative. Nicola Giorgino (lista civica centro destra) viene eletto sindaco di Andria, ricopre anche la carica di vice-presidente della Provincia di BAT. Vincenzo Zaccaro, che era stato sindaco della città dal 2005, aveva deciso di non ricandidarsi per diventare consigliere regionale in SEL.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

2

Descrizione del PIT

2.1

Idea forza

La Regione ha tracciato per il PIT Nord Barese la seguente idea forza: “Consolidamento ed innovazione del sistema manifatturiero attraverso un più elevato livello di integrazione ed un più diverso e più incisivo posizionamento competitivo che privilegi segmenti più qualificati di prodotto/mercato”. L‟idea forza si orientava a sviluppare in particolare il settore tessile, abbigliamento, calzature (TAC). Il protocollo di intesa istituzionale del 19 dicembre 2001, sottoscritto dai sindaci e dalle province interessate al PIT Nord Barese ha esteso l‟idea forza anche alla filiera agro-alimentare (vino, olio, pasta, produzione biologica), in virtù della promettente evoluzione di tali settori nel Nord Barese e di programmi in atto sul territorio entro tale filiera, nella ricerca di definizione di strategie comuni ed integrate di sviluppo locale. Nel documento approvato a livello locale dal Comitato per l‟Accordo di programma del PIT, il 30 settembre 2002, tale idea è stata così riformulata: “Favorire l‟evoluzione del sistema manifatturiero da una fase di internazionalizzazione passiva ad una nuova fase di internazionalizzazione attiva, attraverso appropriati processi di innovazione prodotto/mercato”. L‟idea forza del PIT Nord Barese individua l‟obiettivo generale che il PIT stesso deve perseguire. Tale obiettivo è perseguito attraverso linee d‟intervento che fanno riferimento, nelle intenzioni, ad azioni di contesto e ad azioni di intervento diretto: 1. azioni di contesto, finalizzate a dotare il territorio di infrastrutture materiali ed immateriali, innovare il mercato del lavoro, innovare i servizi pubblici locali, in grado di creare un contesto territoriale più competitivo, anche al fine di favorire appropriate azioni di attrazione d‟investimenti esterni e di sostegno ai processi d‟innovazione e diversificazione produttiva. Tali azioni dovranno perseguire obiettivi di contesto quali: -

garanzia della governance del PIT;

-

rafforzamento delle condizioni di legalità e sicurezza;

-

sostegno alle politiche attive per il lavoro;

-

diffusione di servizi alle imprese;

-

crescita degli investimenti in ricerca e sviluppo tecnologico;

-

definizione di azioni coordinate per la realizzazione d‟infrastrutture per lo sviluppo e l‟internazionalizzazione del territorio; 110


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

2. azioni di intervento diretto a vantaggio del sistema produttivo per garantire:

2.2

-

filiere produttive prevalenti sul territorio:

-

sostegno agli investimenti delle filiere produttive prevalenti sul territorio;

-

innesco di processi di integrazione ed innovazione di filiera;

-

vantaggi competitivi nelle azioni di sostegno all'internazionalizzazione del sistema produttivo locale;

-

disponibilità di manodopera professionalizzata e ad elevato contenuto di specializzazione;

-

diffusione di innovazione e avvio di processi di diversificazione produttiva. Dotazione finanziaria

Lo schema di Piano finanziario del Pit 2, indicato nell‟aggiornamento del Complemento di Programmazione (giugno 2009) è il seguente: Tabella 3 Piano finanziario del PIT 2 (da CdP 2009) MISURA

DESCRIZIONE

QUOTA PUBBLICA

3.7

Formazione superiore

3.11

Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare

€ 867.909

3.12

Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico

€ 1.312.230,00

3.13

Ricerca e Sviluppo tecnologico

€ 7.326.645,00

3.14

Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro

€ 2.748.587,00

4.1

Aiuti al sistema industriale (PMI e artigianato)

€ 17.796.404,00

4.2

Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici produttivi locali

€ 10.258.312,00

4.20

Azioni per le risorse umane (Settori Sistemi Industriali, dell‟agricoltura, Turismo, Commercio)

€ 908.044,00

6.2

Società dell‟Informazione

€ 6.302.400,00

6.4

Risorse umane e società dell‟informazione

€ 2.099.994,00

€ 5.868.335,00

6.5

€ 300.000,00

TOTALE

€ 55.788.859,00

Nel documento si sottolinea che in aggiunta a tale quadro programmatico il Pit 2, i cui territori sono caratterizzati dalla presenza diffusa di insediamenti produttivi, usufruisce della possibilità di realizzare intereventi riferiti alla misura 6.1, finalizzati a migliorare e rafforzare i collegamenti stradali per ottimizzare la logistica esterna a servizio dei numerosi piccoli insediamenti produttivi delle filiere locali. 2.3

Progetti attivati

I progetti attivati, così come sono stati indicati dalla Pit manager, sono invece indicati nella tabella che segue.

111


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 4 Progetti attivati nel PIT 2 MISURA

DESCRIZIONE

QUOTA PUBBLICA

*3.7

Formazione superiore

€ 5.868.355,00

*3.11

Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare

€ 1.105.359,00

*3.12

Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico

€ 1.312.230,00

*3.13

Ricerca e Sviluppo tecnologico

€ 2.310.000,00

*3.14

Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro

€ 2.748.587,00

4.1

Aiuti al sistema industriale (PMI e artigianato)

€ 20.592.000,00

4.2

Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici produttivi locali

€ 10.258.312,00

4.20

Azioni per le risorse umane (Settori Sistemi Industriali, dell‟agricoltura, Turismo, Commercio)

€ 2.460.008,00

6.2

Società dell’Informazione

6.4

Risorse umane e società dell‟informazione

€ 6.302.400,00 € 2.099.994,00

TOTALE

€ 55.057.224,00

*Titolarità regionale

In particolare, le misure gestite direttamente con bandi dell‟ufficio Pit sono di seguito indicate nella tabella: Tabella 5 Misure gestite con bandi promossi dall’Ufficio Unico del PIT 2 MISURE

PROGETTI

RISORSE POR

Misura 4.2 opere infrastrutturali per aree produttive

Vari interventi infrastrutturali

Misura 6.2 Azione c) Società dell‟informazione

Progetto Sistema Digitale Nord Barese

€ 8.258.312,21 (cui si aggiungono 2.679.947 € risorse locali)

Progetto LAB MIP Applicazioni Multimediali per le polizie locali**

€ 4.090.000 € 510.000

Misura 6.2 Azione b) Internazionalizzazione

Reti internazionali per lo sviluppo

€ 1.700.000

*Misura 6.5

Progetto Nord Barese Sicuro

€ 433.000

*Delibera CIPE 26/2003 (DGR 1006 12/7/2006)

Progetto ALICE

€ 693.000

* Non erano inserite in origine nel programma del PIT perché legate a linee regionali per la sicurezza. ** Non si è proceduto all‟affidamento. Rimodulazione dei contenuti del progetto, approvata dalla Regione, essendo intervenuta l‟approvazione del Progetto “Nord Barese Sicuro”.

I progetti infrastrutturali a valere sulla misura 4.2 L‟Assemblea dei Sindaci (Del. 6/2005) ha approvato i progetti definitivi delle opere pubbliche a valere sulla misura 4.2. I progetti e le risorse finanziarie sono indicati nella successiva tabella.

112


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 6 Elenco progetti candidati alla misura 4.2 PIT Comune beneficiario

Denominazione intervento

Risorse 4.2

Risorse locali

Risorse totali

Andria

Lavori di ammodernamento della strada tangenziale della SS 170 DIR alla SP AndriaTrani I stralcio

2.131.639,25

1.103.360,75

3.235.000

Barletta

Completamento urbanizzazione in ZI Via Misericordia primo tratto da Via dell‟Economia a Via Bruxelles

1.422.939,88

357.060,12

1.780.000

Bisceglie

Urbanizzazione ZI Lama di Macina

862.737,16

337.262,84

1.200.000

Bitonto

Lavori di costruzione di rete stradale e impianto di pubblica illuminazione nella zona PIP di via Molfetta – II stralcio

657.503,94

342.496,06

1.000.000

Canosa

Completamento reti di fogna nera a servizio di insediamenti produttivi Via Cerignola

363.285,77

63.696,20

426.981,77

Corato

Realizzazione opere infrastrutturali nelle zone D1/A e D1/B I stralcio – rete idrica fognatura nera

680.312,24

319.687,76

1.000.000

Giovinazzo

Completamento opere di urbanizzazione primaria in area artigianale D1.1

235.350,23

14.649,77

250.000

Terlizzi

Completamento urbanizzazione area produttiva in zona artigianale – illuminazione pubblica e sistemazione viaria

3533.638,03

---------------------------

353.638,03

Trani

Prolungamento illuminazione pubblica sulle strade Via Andria/SP 130

692.640

---------------------------

692.640

Trinitapoli

Completamento opere di urbanizzazione in aree produttive

858.265,71

141.734,29

1.000.000

8.258.312,21

2.679.947,59

10.938.259,80

Totale Molfetta zona ASI

2.000.000 TOTALE MISURA 4.2

10.258.312,21

2.000.000 2.679.947,59

11.938.259,80

E‟ importante segnalare che la “tipologia” di progetti infrastrutturali selezionata è stata giustificata attraverso l‟impiego di criteri che sono stati presentati dall‟Assemblea dei Sindaci in data 14.10.2005 e 2.12.2005. Ai criteri di selezione, che legittimano il finanziamento di progetti di completamento candidati dai Comuni in aree produttive già insediate, viene dedicato il paragrafo 3 della relazione di accompagnamento12. L‟utilizzo delle risorse della misura 4.2 per i completamenti nelle aree industriali esistenti va cioè “nella direzione di garantire il più possibile un allineamento delle condizioni di base (opere di urbanizzazione) delle aree insediate”13 per rispondere ad una esigenza diffusa di completamento di opere di urbanizzazione primaria per aree ove già sono localizzate alcune imprese. Tale superamento dei deficit di contesto costituisce il presupposto per l‟attivazione di un sistema a rete. Nei progetti del Pit 2 non è prevista la realizzazione di centri servizi alle imprese.

Progetti ed iniziative a regia regionale Per quanto riguarda i Bandi dei Programmi Integrati di Agevolazioni (PIA) dalla relazione sullo stato di attuazione PIT 2 del 30.06.2007 (Del. Assemblea dei Sindaci 20 luglio 2007). Le risorse complessive disponibili destinate all‟agevolazione dei programmi di investimento ammontano a Euro 26.307.658,00. Nell‟elenco allegato alla relazione le imprese ammesse a finanziamento sono 10:

12

Dalla relazione di accompagnamento ai progetti infrastrutturali candidati alla Misura 4.2, par. 3, giugno 2006 si evince che la selezione di interventi infrastrutturali per aree di completamento di aree industriali preesistenti è stata generata dalle istanze richiamate dagli uffici tecnici dei 14 Comuni e anche dagli esiti di alcuni seminari, i quali hanno avuto come oggetto i seguenti temi: internazionalizzazione, innovazione del sistema produttivo, risorse umane e bisogni formativi, interazioni tra politiche del lavoro e politiche di impresa, ruolo delle banche nelle politiche di sviluppo, ruolo dell‟ICT. 13 Relazione di accompagnamento ai progetti infrastrutturali candidati alla Misura 4.2, pag. 9, giugno 2006.

113


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 7 I PIA previsti dal PIT 2 Impresa o consorzio

Totale investimento ammesso

Totale agevolazioni concedibili

1. Pastificio Attilio Mastromauro

6.690.872,00

3.410.873,50

2. Consorzio costituendo SIBECA

1.726.670,00

862.540,00

3. Ambrosia Technologies

2.591.390,00

1.067.740,00

4. Consorzio Euro Progea

6.785.229,00

3.144.005,80

5. Consorzio Progetto Impresa Consorzio

770.687,00

401.793,42

9.352.790,00

4.809.966,90

678.875,00

411.152,00

8. Consorzio TV@

6.880.889,00

3.047.576,20

9. Consorzio Advanced Vision CMM14

5.968.988,00

3.218.441,60

10. Vingi Shoes Srl

2.129.440,00

1.193.895,00

Totale generale

43.578.370,00

21.567.526,42

6. Consorzio Eliotec 7. Impresa Officine Giordano Srl

Sul secondo bando PIA si è verificata una rinuncia al finanziamento, secondo la Pit manager causata da “conflittualità tra imprese”. Formazione Vari interventi di formazione sono stati finanziati nell‟ambito del PIT 2, impegnando nel complesso 8 milioni di euro, di cui 2 dedicati ad interventi formativi per la pubblica amministrazione. La tabella seguente mostra l‟elenco delle iniziative finanziate al 30.06.2007 ed alcune informazioni di output alla medesima data.

14

Anche il Politecnico di Bari è membro del Consorzio.

114


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 8 Le iniziative di formazione del PIT 2 e lo stato di attuazione Misura/azione impegnata

e

quota

Misura 3.7 azione a) Formazione post qualifica – area specializzazione

Avanzamento procedurale

Stato delle attività

Sedi degli interventi

Graduatorie approvate con determina n. 633 del 29/09/2006.

Finanziati 95 progetti a favore degli istituti professionali statali del territorio del Pit.

Istituti professionali statali di: Andria (33), Barletta (42), Canosa (20).

€ 949.392,8 Misura 3.7 azione c)

Attività in corso di realizzazione. Istruttoria in corso.

Istruzione e formazione tecnica € 624.000 Misura 3.7 azione d) Borse di studio

Graduatorie pubblicate sul Burp n. 103 del 10/08/06.

Finanziate n. 202 richieste di borse di studio per la frequenza ai corsi post laurea.

Approvazione di 4 master sul Burp n. 103 del 10/08/06.

Attività in corso di realizzazione in collaborazione con:

Università regionali.

regionali

ed

extra

€ 2.550.000 Misura 3.7 azione e) Promozione di filiere formative (Master)

-

facoltà di Economia dell‟Università di Bari,

-

facoltà di Agraria dell‟Università di Bari;

-

L.U.M. Jean Monnet di Casamassima;

-

Politecnico di Bari.

€ 809.400

Misura 3.14 Promozione della partecipazione femminile al mondo del lavoro € 2.748.587

Graduatorie Azione d) della Misura (Avviso n. 23/06) pubblicate sul Burp n. 86 del 15/06/07.

-

Andria;

-

Barletta;

-

Bitonto;

-

Molfetta.

Finanziati per l‟azione d), 6 progetti per un costo complessivo di € 522.000.

Sedi indicate nei progetti: Andria, Canosa, Molfetta, Trani.

Finanziati 2 progetti a favore di:

- SSPAL, sede di Bari;

Istruttoria in corso per le azioni b), c), e), Avviso 27/06. Misura 4.20 azione a) Formazione specifica per la P.A.

Graduatorie pubblicate sul Burp n. 172 del 28/12/06.

-

Scuole superiore Pubblica Amministrazione (SSPAL)

-

FORPUGLIA

€ 398.710

di

- FORPUGLIA sede da definire.

E‟ in corso la raccolta delle adesioni dei Comuni alle attività formative. Misura 4.20 azione b) Azioni di formazione per i diversi settori dell‟Asse

Graduatorie pubblicate sul Burp n. 86 del 15/06/07.

Finanziato 1 progetto per un costo complessivo di € 108.000 ente attuatore: ENAIP Titolo del progetto: web designer.

Graduatorie pubblicate sul Burp n. 172 del 28/12/06.

Finanziati 4 progetti a favore di:

Sede indicata Andria.

nel

progetto:

€ 108.000 Misura 6.4 azione a) Formazione specifica per la P.A € 1.153.894,45

-

CNIPA Puglia;

-

IFOA Politecnico;

-

SSPAL;

-

UNISCO Delta.

Studio

In fase di completamento la raccolta delle adesioni dei Comuni. Misura 6.4 azione b)

Istruttoria in corso.

Attuazione del Piano regionale della Società dell‟informazione € 839.997,6

115

-

CNIPA, comunicato;

non

-

IFOA, sedi di Trani, Corato, Trinitapoli;

-

SSPAL, sede di Bari;

-

UNISCO, Andria.


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 A proposito dei lavori per l‟impostazione delle iniziative formative, gli interlocutori segnalano che alle imprese giungevano richieste per la costruzione di un sistema consulenziale affidabile (attraverso le azioni di formazione), mentre le associazioni sembravano orientate solo verso il tema dell‟internazionalizzazione interpretato come panacea. Sul trattamento abituale dei temi della formazione la Pit manager si è dimostrata piuttosto scettica: “Sarebbe più importante e utile creare le condizioni di contesto per il change management all‟interno delle amministrazioni e in seguito avviare corsi su temi specialistici. I corsi di formazione sono spesso avulsi dai temi dei processi di apprendimento organizzativo continuo. Purtroppo l‟impostazione dei corsi di formazione è soggetta alle potenti lobby delle società di formazione che partecipano ai bandi e che non sono disposte a mettersi in discussione”. Si colloca su tale sfondo la nota inviata in Regione dal management del Pit. L‟ufficio unico ha infatti trasmesso alla Regione Puglia un documento con alcuni suggerimenti per la metodologia per l‟Asse III richiesta per “ottimizzare l‟impatto delle azioni sul territorio”. Nel documento si offrono alcune indicazioni ritenute importanti nella formulazione dei bandi per la formazione, ritenuti un‟occasione preziosa per migliorare l‟interazione delle politiche e il livello di efficienza dei servizi ai cittadini e alle imprese. In particolare, per quanto riguarda la formazione per le pubbliche amministrazioni, si segnala che la formazione deve produrre un percorso di produzione d‟innovazione organizzativa, si suggerisce quindi di inserire nelle linee formative anche elementi di analisi delle valutazioni delle politiche pubbliche. In linea generale per tutte le attività formative, nella nota inviata dalla manager del Pit 2, si consiglia la struttura regionale destinata alla valutazione delle proposte di premiare i progetti candidati che presentino: a) percorsi trasversali, tra più amministrazioni e multilevel, finalizzati al trasferimento di conoscenza per l‟azione; b) produzione di competenze applicate ai processi amministrativi che rendano i soggetti della formazione protagonisti del processo di cambiamento (change management); c) produzione di consapevolezza su scenari condivisi e di tipo strategico sul futuro del territorio. 2.3.1

Progetti significativi (flagship)

La logica che ha ispirato la fisionomia del Pit 2 è legata alla realizzazione di micro-azioni in ciascuna amministrazione comunale coinvolta nel Pit. Non si rileva dunque la presenza di progetti rilevanti per dimensione finanziaria o simbolica, piuttosto una diffusione di progetti che capillarmente coinvolgono tutti i territori. La vicenda dei Master è comunque stata importante nel Pit 2, nel quale, infatti, sono stati avviati 4 Master: -

Master in valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari, con un numero di 25 allievi e un costo di 230.000 euro.

-

Master in energy management (primo Master pugliese dedicato al tema) con 25 allievi e un costo di 320.000 euro.

-

Master in economia e gestione dell‟Export con 15 allievi e costo pari a 230.000 euro.

-

Master in sicurezza pubblica (su questo Master non si è in possesso di ulteriori informazioni).

I Master sono stati realizzati in raccordo con le associazioni. Nel 2006 sono iniziati i Master a valere sulla Misura 3.7 azione e) Promozione di filiere formative. Per quanto riguarda il Master sull‟internazionalizzazione si è verificato uno sfasamento della gara d‟appalto che ha generato dei ritardi. Per quanto riguarda invece la realizzazione di portali, è stato costruito un sito istituzionale del Pit (www.pit2.it), il cui costo è pari a 20.000 euro. Oggi (novembre 2010) si stanno trasferendo tutte le informazioni su un nuovo portale (tuttora in costruzione) dedicato in particolare al tema della sicurezza (www.nordbaresesicuro.it). La spesa per il secondo portale ammonta a 10.000 euro.

2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

La ricostruzione degli attori coinvolti nel PIT presenta significative difficoltà dal momento che la maggioranza dei sindaci che ha partecipato alle fasi iniziali non è più in carica e nessuno degli intervistati è stato in grado di fornire informazioni specifiche sul tema. Un ruolo importante è stato sicuramente svolto, 116


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 nella fase di implementazione, dall‟allora sindaco di Andria, Vincenzo Zaccaro, diventato nel 2010 consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà. Senz‟altro è da segnalare il ruolo trainante, di vera e propria leadership tecnica, svolto dalla Pit manager Maria Luisa Caringella, la quale ha fatto ripartire dopo un periodo di stallo la “macchina” del Pit, in primo luogo attraverso l‟organizzazione di incontri nei territori, nel corso del secondo semestre del 2005. Altri attori di tipo amministrativo e livello locale sono stati coinvolti nel processo, e cioè i 14 uffici tecnici dei Comuni coinvolti nella selezione dei progetti infrastrutturali della Misura 4.2. I responsabili di tali uffici hanno contribuito tra settembre ed ottobre 2005 alla ricognizione delle tipologie di aree industriali (attive, non attive, sature) esistenti sul territorio del Nord Barese. La fase iniziale del PIT inoltre ha visto una situazione di conflittualità tra le istituzioni e il soggetto gestore del Patto territoriale, l‟Agenzia di Sviluppo Nord Barese Ofantino per l‟affidamento della gestione del Pit. Le aspirazioni dell‟Agenzia sono state bloccate dall‟intervento regionale a favore dell‟istituzione comunale; attualmente il ruolo dell‟agenzia è in ripresa nell‟ambito dell‟area vasta. Altri soggetti del partenariato locale sono stati coinvolti nella definizione del PIT attraverso l‟organizzazione di seminari tematici. I seminari hanno avuto come oggetto i temi relativi a: internazionalizzazione,innovazione del sistema produttivo, risorse umane e bisogni formativi, interazioni tra politiche del lavoro e politiche d‟impresa, ruolo delle banche nelle politiche di sviluppo, ruolo dell‟ICT. 2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

Nella programmazione regionale del POR 2000-2006 è stato formulato un impianto organizzativo per la progettazione integrata molto diverso da quello pattizio. Tale impianto è fondato sulla centralità della pubblica amministrazione di concerto con il partenariato. In Puglia si è privilegiata la tendenza a realizzare grandi concentrazioni territoriali (anche nella pianificazione strategica attuale). Discende direttamente da quest‟impostazione la scelta di preferire l‟ufficio unico all‟ufficio comune. Il modello dell‟ufficio unico infatti prevede la sovraordinazione di quest‟ultimo rispetto a tutti gli altri uffici territoriali coinvolti. La forte centralizzazione ha determinato reazioni avverse molto forti sul territorio. Infatti, nel Pit 2 il dirigente del Comune coinvolto è il Rup, ma è il Pit manager che firma la delibera relativa a tutte le opere pubbliche. Questa impostazione naturalmente ha determinato conflittualità rilevanti, perché da un lato sposta il baricentro dei poteri pubblici e, dall‟altro anche sbilancia le reti di relazioni con i singoli imprenditori, le quali non sono più gestite alla scala della singola amministrazione comunale. Questa tipologia di modello gestionale è stata fortemente voluta a livello regionale per scardinare la consuetudine alla costituzione di coalizioni “collusive” e di rapporti clientelari e di scambio di “favori” locali. Secondo la Pit manager si tratta di una scelta illuminata da parte regionale perché è tesa all‟evoluzione e all‟innovazione della macchina amministrativa. Del resto, dal punto di vista dell‟accompagnamento e della fragilità del livello di competenze interne ad alcune amministrazioni, l‟ufficio unico ha rappresentato un supporto prezioso per le amministrazioni tecnicamente meno attrezzate, in relazione per esempio all‟assistenza per l‟avvio del nuovo codice degli appalti. La struttura organizzativa del Pit 2 è stata così composta: -

Assemblea dei Sindaci;

-

Ufficio di Presidenza;

-

Ufficio Unico, struttura tecnica di gestione del Pit.

Nel Programma Pit 2 pubblicato sul Burp (n. 41, 16/03/2005) è stata delineata una struttura specifica di Ufficio Unico, definita “abbastanza leggera”, con 9 risorse a tempo parziale, composta da dirigenti e funzionari degli enti convenzionati in grado di trattare “le questioni giuridiche, amministrative, contabili, progettuali connesse all‟avvio e alla gestione del Pit” (pag. 1020). Non si escludeva, sempre nel documento di Pit 2, la possibilità di attivare consulenze ad hoc in riferimento a temi ambientali, di formazione, internazionalizzazione, finanza innovativa, infrastrutture, ecc. Si ipotizza un costo di gestione annuo di 427.500 euro. Il piano finanziario del Pit 2 prevedeva un‟apposita voce di finanziamento per il funzionamento e la gestione del Pit, ricadenti nell‟ambito della previsione della Misura 7.1 del POR. Nel 117


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 documento si segnalava che la Regione non aveva ancora sciolto la riserva sull‟utilizzabilità della Misura 7.1 in tale direzione. L‟ufficio unico del Pit 2 è tuttora attivo. In pratica, l‟ufficio unico è incardinato nel Comune di Andria quale unità intersettoriale. E‟ composto dalla Pit manager – che svolge il ruolo di dirigente dell‟ufficio unico – e da una risorsa umana (personale amministrativo esterno, non è un funzionario) presso il Comune di Andria. L‟unità operativa finanziaria è l‟ufficio ragioneria del Comune di Andria. L‟unità operativa Servizio di Comunicazione è quella del Comune di Andria (in tutto, quindi, si contano quattro persone). E‟ stata attivata inoltre un‟unità operativa di supporto alla fase di gestione degli appalti ed espropri Misura 4.2. funzionale al controllo delle procedure. Si tratta di un gruppo di tre esperti (responsabili delle procedure appalti del settore LLPP del Comune di Andria), assimilati a collaboratori esterni. Sempre per quanto riguarda l‟organizzazione della attuazione della misura 4.2, i dirigenti degli uffici tecnici (i RUP, responsabili dei procedimenti delle opere pubbliche) dei Comuni del Pit sono “incardinati” nell‟ufficio unico: le attività dei dirigenti sono dunque direttamente imputate alla stazione appaltante di Andria (determinazione dirigenziale n. 1355 dell‟8.08.2006). Il dirigente dell‟ufficio unico - Pit manager è dunque responsabile del programma triennale e annuale dei lavori pubblici del Pit (DGR n. 1577, 28.10.2004), in attuazione dell‟art. 9 della convenzione ex art. 30 Tuel e delibera dell‟Assemblea dei Sindaci. I Rup procedono ad impegnare le somme direttamente sul bilancio del Pit che costituisce parte integrante del Bilancio del Comune di Andria. Gli stessi dirigenti possono operare assumendo impegni direttamente sui singoli stanziamenti assegnati per ciascuna opera già previsti nel Bilancio del Comune di Andria. I progetti riguardanti la misura 4.2 sono stati inseriti nell‟elenco annuale delle opere pubbliche 2006, assegnando a ciascuno uno specifico stanziamento pari al costo dell‟opera e un apposito capitolo di bilancio. I progetti esecutivi, ottenuta l‟approvazione dei Comuni, devono essere approvati dalla Giunta Comunale di Andria alla fine di trattenere i flussi finanziari in un unico bilancio e ritenere Andria quale unico soggetto beneficiario. All‟esito del collaudo si provvederà alla consegna dell‟opera all‟amministrazione titolare. Nella fase di avvio dell‟Ufficio Unico sono state predisposte due sedi: la sede principale ad Andria e la sede decentrata di Bitonto, gestita da un collaboratore della Pit manager (sig. Giuseppe Pomo). Oggi è attiva unicamente la sede presso il Comune di Andria. A supporto delle attività dell‟Ufficio Unico è stata attivata una assistenza tecnica specialistica per le Misure dell‟Asse III e, per la Misura 6.2c), quest‟ultima realizzata dal Dipartimento di Elettronica ed Elettrotecnica del Politecnico di Bari. Non si è in possesso di un quadro generale recente delle spese di gestione dell‟Ufficio unico. Dalla relazione sullo stato di attuazione del Pit 2 del 2007 si possono ricavare alcune informazioni. Per l‟anno 2006 era stato preventivato un costo di 350.000 euro. A consuntivo, il costo è stato di 144.000 euro. Sono di conseguenza state rideterminate le quote associative dei Comuni. Per il 2007 è stato previsto un costo di 162.000 euro, articolato come segue:

2.6

-

costo organizzativo dell‟unità operativa LLPP stimato per 50.000 euro;

-

costo organizzativo di una unità operativa di gestione dell‟ufficio stimato per 32.000 euro;

-

costo organizzativo per la gestione delle attività di animazione per la formazione: 50.000 euro;

-

costo spese varie: 30.000 euro. Output realizzati

Un primo progetto portato a compimento è legato all‟attivazione di politiche per la sicurezza urbana integrata preventiva, territorializzata e in rete tra le città per la competitività e la attrattività del territorio. In relazione alla sicurezza urbana sono stati attivati due tipi di interventi, il cui percorso è esemplificato nello schema seguente (allegato alla lettere di trasmissione prot. 526/S/2009) da cui si può evincere anche una riflessione sui potenziali legami con la programmazione 2007-2013:

118


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 9 Gli interventi del progetto in materia di sicurezza urbana

Interventi trasversali

Interventi mirati per l’attivazione delle fasi

Attivazione di una rete wireless di proprietà dei Comuni per sviluppare servizi pubblici e applicazioni digitali (espressione dei bisogni del territorio).

Fase I: Risk Assessment (misura 6.2 c, 510.000 euro)

Attivazione dei Servizi Sermip tra le sedi della PA del PIT 2 per:  videocomunicazione su IP;  collaborazione multimediale attraverso piattaforma Cisco Place;  piattaforma e-learning per formazione a distanza. Obiettivo: sviluppare una organizzazione orizzontale con sistema di informazioni diffuse e metodi di lavoro cooperativo (senza spostamenti fisici). l‟integrazione operativa è fattore di successo del modello. Misura 6.2 c (4.090.000 euro).

Dotazioni strumentali e informative alle Polizie locali per l‟acquisizione graduale di informazioni relative ad una possibile minaccia o rischio concreto e loro rappresentazione con cartografia tematica dei fenomeni di rischio per : -

supportare le decisioni operative coordinamento delle azioni;

per un migliore

-

avviare una integrazione operativa con l‟urbanistica e le politiche sociali.

Fase 2: Sperimentazione di azioni di tipo preventivo che coinvolgono tutti i Piani di Zona e uffici servizi sociali e Polizie locali. Prevenzione sociale: (Delibera CIPE).

interventi

per

l‟inserimento

lavorativo

Prevenzione giovanile: piano d‟azione – Sicurezza dei giovani (Delibera CIPE). Prevenzione situazionale: - Proposta Protocollo di intesa per il coordinamento delle Polizie locali e Forze dell‟ordine (Delibera CIPE); - Laboratorio applicazioni multimediali per Polizie locali (rete dei Comandi delle Polizie municipali). Misura 6.2 c – misura 6.5, 433.000 euro; - Telesorveglianza aree pubbliche (servizi SITIN), Misura 6.2 c.

Ulteriori possibili implementazioni della rete sui temi di sicurezza (2007-2013) 1. Rafforzamento del sistema delle competenze dei corpi dei vigili urbani con progetti di formazione (PON Sicurezza) per implementare il Laboratorio per applicazioni multimediali delle Polizie locali del Nord Barese; 2. Evoluzione del sistema della sicurezza integrata (ad es. applicazioni di controllo traffico e supporto alla mobilità sostenibile; controllo e supervisione dei parametri ecologici dei sistemi di traffico urbano, ecc.); 3. Evoluzione dell‟intelligenza operativa nelle strategie di intervento anticrimine e di prevenzione attiva.

All‟interno del frame delle politiche per la sicurezza va segnalato il successo del Progetto A.l.i.c.e. “Azioni per il Lavoro e l‟Inserimento Contro l‟Esclusione”, legato alla delibera CIPE 26/2003 “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza”15. Il progetto ha coinvolto 17 comuni: capofila è Andria; quindi Barletta, Bisceglie, Bitonto, Canosa di Puglia, Corato, Giovinazzo, Margherita di Savoia, Molfetta, Ruvo di Puglia, San Ferdinando di Puglia, Terlizzi, Trani, Trinitapoli, Minervino, Spinazzola, Palo del Colle. A.l.i.c.e. prevede tre linee di intervento, finalizzate a tracciare le linee guida di un futuro Piano di Sicurezza del territorio. La prima linea, tesa a diffondere la cultura e i valori della legalità e alimentando il concetto di “sicurezza partecipata”, è stato realizzato con la collaborazione dell‟Agenzia per l‟inclusione sociale16 e si struttura attraverso workshop, seminari e incontri di animazione territoriali in 16 scuole con la partecipazione di 1.119 studenti, in ciascuno dei Comuni dell‟aggregazione. L‟Agenzia per l‟inclusione sociale per la prima linea di interventi si è avvalsa della consulenza scientifica del docente di Sociologia della Sicurezza pubblica, Maurizio Fiasco. Le azioni hanno l‟obiettivo di raccogliere spunti per conoscere e strutturare i fenomeni di rischio, utilizzando con gli studenti il metodo dell‟Open Space Technology (OST), il quale prevede gruppi di partecipanti che si auto-organizzano grazie a facilitatori messi a disposizione dall‟Agenzia, sentendosi liberi di proporre argomenti e di discuterli, anche in maniera informale. La matrice dell‟insicurezza di tutte le discussione informali rinvia ad un forte disagio per lo spazio urbano, per l‟insicurezza nelle strade, per la circolazione dei veicoli, per l‟esibizione dello spaccio di droga, per la 15

Il progetto è pubblicato sul sito www.inclusionesociale.it, portale dell‟agenzia che ha seguito il progetto (si veda nota 6). E‟ da segnalare che si tratta di una s.r.l. uninominale del Patto Territoriale per l‟occupazione nordbarese ofantino costituita con fondi ex lege 208/97 (Delibera CIPE 71/98- Delibera CIPE 104/01- Delibera CIPE 83/2002) del Ministero dell‟economia e delle finanze. 16

119


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 condizione degli edifici e per i pericoli della mobilità pedonale. In collaborazione con il Consorzio Meridia e R&S, d‟intesa con tutti i piani sociali dell‟area Nord Barese, le successive due linee hanno puntato a sperimentare percorsi di inserimento lavorativo di persone svantaggiate in carico ai servizi sociali professionali, attraverso laboratori di orientamento e accompagnamento e al lavoro. I laboratori territoriali di orientamento sono stati finalizzati a favorire nei partecipanti l‟acquisizione di informazioni utili per l‟acceso al mondo del lavoro, costruendo un bilancio individuale delle competenze. in parallelo si è proceduto a presentare le finalità del progetto al sistema produttivo locale impegnando le aziende rispetto ad una responsabilità sociale delle loro iniziative imprenditoriali. Le aziende disponibili ad accogliere destinatari dell‟iniziativa per un periodo di tirocinio (assistito da un tutor) sono state 72 a fronte di 39 tirocini previsti. Rilevano anche i prodotti del progetto “Reti internazionali per lo sviluppo – settore agro-alimentare Cina, settore TAC Russia” (Misura 6.2, azione b) Marketing territoriale e attrazione degli investimenti – promozione dell’internazionalizzazione. L‟aggiudicatario del progetto è un RTI costituito da cinque società (SCS Azioninnova, Consulenti al Quadrato, Orange srl, Gruppo Pasit Italia srl, Consultrade srl). Le azioni sono state articolate, tra aprile e giugno 2009, in un programma parallelo di attività per i due paesi bersaglio: Tabella 10 Le attività del progetto Reti internazionali per lo sviluppo Attività di sensibilizzazione Cina

Russia

Workshop informativi

Workshop informativi

Workshop specialistico

Workshop specialistico Laboratorio di filiera (20 imprese selezionare per il TAC) Attività di promozione

Partecipazione al Sial China 2009

Evento promozionale a Vladimir, centro commerciale Mega Torg

Evento promozionale a Shangai

Evento conclusivo sul territorio (23.06.2009)

Esposizione permanente dei prodotti pugliesi al Megastore Japan Plaza Workshop conclusivo (11.06.2009)

2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Il piano strategico territoriale di area vasta del Nord Barese-Ofantino è intitolato “Vision 2020” e riguarda “preminentemente il disegno politico dello sviluppo, di medio-lungo periodo, urbano e di area vasta” (p. 31). Il piano è stato pubblicato nell‟aprile 2010. Il capofila del piano strategico è Barletta. Sono 10 i Comuni sottoscrittori della Convenzione (Andria, Barletta, Bisceglie, Canosa di Puglia, Margherita di Savoia, Minervino Murge, San Ferdinando di Puglia, Spinazzola, Trani, Trinitapoli) insieme alla nuova Provincia policentrica. I Piani Strategici di area vasta, nel nuovo contesto di pianificazione e programmazione regionale, sono gli strumenti per attuare i macro-obiettivi regionali di sviluppo del DSR 2007-2013, nel documento pertanto sono presenti accurati controlli di coerenza con la programmazione regionale. Sono presenti inoltre valutazioni di coerenza con il Piano di Sviluppo Rurale, il Fondo Sociale Europeo, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e il Fondo per le Aree Sottoutilizzate. La coerenza è verificata anche in relazione agli obiettivi di altre politiche regionali: Documento Regionale di Assetto Generale (DRAG), il Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) e il Piano Paesistico Territoriale Tematico della Regione Puglia (PPTR). Nel testo ci trova un riferimento al Pit nell‟ambito del quadro programmatorio del Nord Barese Ofantino, ma non si menzionano esiti indicativi del Pit o strategie di continuità rispetto al “sentiero” tracciato dal Pit. Sotto il profilo del modello organizzativo e della gestione si prevede una struttura che non contempla in alcun modo la partecipazione dell‟attuale Ufficio unico, né alcun attore tecnico coinvolto nel PIT. E‟ 120


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 comprensibile che l‟ufficio di piano strategico sia localizzato presso il Comune di Barletta, capofila del piano strategico, ma è significativo che si stipuli un protocollo operativo finalizzato all‟assistenza tecnica proprio con l‟Agenzia di Sviluppo per l‟Occupazione e lo Sviluppo del Nord Barese Ofantino, la struttura operativa del Patto territoriale, quasi a voler segnare la ripresa di un percorso interrotto proprio dal Pit. La Pit manager, interrogata a proposito del piano strategico di area vasta, ritiene che si possano evincere alcune differenze di impostazione rispetto al Pit. Il taglio del piano di area vasta è fondato sulla costruzione di una visione di carattere generale per il territorio. Il Pit si configura come uno strumento più selettivo.

3

Conclusioni

In termini generali si può segnalare che l‟attenzione delle strategie del Pit 2 sembra rivolta alla costruzione di un dispositivo di coordinamento tra politiche settoriali intorno ad alcuni nodi cruciali per l‟azione di governo territoriale. In questa declinazione il Pit può essere osservato come un government tool orientato al perseguimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia dell‟azione amministrativa attraverso una pluralità temi: l‟infrastrutturazione diffusa e coordinata del territorio, la sicurezza urbana, l‟innovazione e l‟internazionalizzazione delle imprese. Un ruolo cruciale è stato svolto dal disegno organizzativo privilegiato per l‟ufficio unico connotato dal modello “accentrato” di gestione prescelto e dalla promozione di modalità innovative nell‟organizzazione della gestione. Il percorso di progettazione integrata territoriale del Nord Barese, sotto il profilo del tipo di leadership mobilitata, si caratterizza per l‟azione di una forte regia tecnica a livello locale. In questo caso efficacia ed efficienza del processo sembrano dipendere dal grado di motivazione degli attori direttamene coinvolti, delle risorse organizzative e dalla continuità dell‟investimento personale nell‟Ufficio Unico e non tanto dal contributo svolto dal partenariato nella promozione di nuove opportunità progettuali e d‟integrazione di politiche. Nell‟attivazione del Pit si sceglie lucidamente di prendere le distanze dall‟eredità di una storia pattizia di eccellenza. Più che un itinerario d‟istituzionalizzazione il percorso del Pit, dunque, è stato di sperimentazione. Si evince pertanto nell‟itinerario del Pit la difficoltà nel darsi obiettivi condivisi da parte degli attori principali e dal partenariato. Tale difficoltà, la quale sembra dipendere da una certa incapacità di “fare sistema” delle tre città principali, di costruire luoghi e pratiche di cooperazione interattoriale lungo le filiere di governance verticale e orizzontale, aveva caratterizzato anche l‟esperienza patrizia. Due temi declinati secondo modalità originali e integrati in modo efficace sono stati quello della sicurezza urbana e quello della responsabilità sociale di impresa, sviluppati nell‟ambito del progetto A.l.i.c.e. e, pertanto non inseriti nel percorso originario del Pit 2. 3.1

Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Nel caso esaminato è presente un‟idea forza unificante, espressa abbastanza chiaramente. Nel documento del Pit 2 si evince un percorso di ricostruzione retrospettiva del modello locale di sviluppo del Nord Barese inteso come una vera e propria operazione progettuale. Merita di essere segnalato l‟uso di parole chiave nel testo del documento, sia come manifestazione del tentativo di ricorrere a forme diverse di espressione, sia per alleggerire e rendere più comprensibile e nitido il contenuto. Posta dunque in relazione stretta con un‟analisi accurata dei punti di forza e di debolezza del territorio e con l‟identificazione dell‟insieme delle condizioni di criticità e di possibilità che si aprono per l‟azione progettuale, l‟idea esprime tuttavia una visione unitaria tendenzialmente monosettoriale e sembra imporre un‟aderenza a condizioni e potenzialità territoriali che ammettono un solo settore trainante (il sistema manifatturiero legato al TAC). La potenziale debolezza della visione del territorio formulata a livello regionale, come premessa per comporre il PIT attorno ad un‟idea-forza credibile, come scrive Dematteis non dipende tanto dal mancato riconoscimento delle effettive e specifiche potenzialità del territorio, quanto dal fatto che sovente tali potenzialità sono molteplici e non sempre integrabili in un‟unica idea progettuale17. Da questo punto di vista 17

Dematteis G. (2004), “Territorio e territorialità nella Progettazione Integrata”,in Colaizzo R., a cura di, L’esperienza dei PIT, Formez, Roma.

121


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 è stata fondamentale la ridefinizione proposta dal Comitato per l‟Accordo di Programma del Pit per rideclinare un‟idea guida che esprimesse il valore aggiunto dell‟agro-alimentare nel Pit, riguardo alla territorialità peculiare del Nord Barese. La relazione tra idea guida e selettività dei progetti è espressa anche in relazione ai criteri di selezione degli interventi infrastrutturali della misura 4.2. In particolare gli interventi sono stati selezionati in relazione alle caratteristiche del contesto del Nord Barese per raggiungere due obiettivi: da un lato, un equilibrio delle localizzazioni degli interventi e, dall‟altro colmare un deficit delle dotazioni infrastrutturali, al fine di considerare in una visione strategica il territorio nel suo complesso. Nell‟insieme l‟impianto progettuale suggerisce una varietà congruente di azioni integrate e sembra interpretare correttamente le specificità del territorio, connotato da una omogeneità sociale ed economica legata alla esistenza di due distinte vocazioni produttive. 3.2

Integrazione dei progetti

Nell‟implementazione del Pit 2 è possibile evincere in primo luogo una integrazione di policies, ossia una dimensione d‟integrazione tra una varietà di politiche diversificate (si veda lo schema sulle politiche della sicurezza nel paragrafo sugli output realizzati). Le aree oggetto dei progetti infrastrutturali a valere sulla Misura 4.2, sono integrate all‟obiettivo di consolidare un sistema di rete sul territorio con particolare attenzione: -

alla promozione dello sviluppo delle infrastrutture di banda larga quale strumento di integrazione. Entro quest‟ambito si situa il progetto Sistema Digitale Nord Barese a valere sulla Misura 6.2 azione c) in ordine al Progetto SITIN (servizio di telesicurezza territoriale integrata) e attraverso il completamento del cablaggio in fibra ottica e wireless;

-

alla promozione di un modello di reti internazionali per lo sviluppo locale quale sperimentazione di una azione di sistema che consenta di reinventare le relazioni locali su obiettivi qualificati/qualificanti per la crescita dei sistemi produttivi. Entro quest‟ambito si colloca il progetto “Reti internazionali per lo sviluppo” legato alla Misura 6.2 azione b) Marketing Territoriale e attrazione degli investimenti;

Attraverso il Progetto A.l.i.c.e. è stato possibile promuovere un’integrazione ex post del tema della sicurezza, che lavora sia sull‟integrazione di policies, sia sull‟integrazione orizzontale attraverso un piano originale articolato in macro-settori: -

la realizzazione della rete wireless diffusa sul territorio del Nord Barese di proprietà delle municipalità;

-

sperimentazioni di azioni pilota mirate a costruire un vero e proprio piano della sicurezza territoriale che hanno coinvolto tutte le amministrazioni comunali del Pit 2, i Comandi di Polizia municipale, gli Uffici di Piano e Servizi sociali, Uffici Ced, uffici Lavori Pubblici, ma anche forze dell‟ordine, Prefettura, scuole e associazioni.

Infine, attraverso i progetti infrastrutturali a valere sulla misura 4.2, si è potuta sviluppata indubbiamente un‟integrazione orizzontale tra le strutture tecniche delle amministrazioni che ha consentito la costruzione di forme di apprendimento organizzativo e tematico interne alle pubbliche amministrazioni. 3.3

Integrazione degli attori

L‟analisi sulla salienza degli attori e sulla ricchezza del network complessivo è un‟operazione che, con le informazioni a disposizione allo stato attuale, non può essere svolta in modo approfondito per il Pit 2, tuttavia sembra emergere un‟iniziale conflittualità per la definizione del ruolo di soggetto gestore, che ha coinvolto l‟Agenzia a capo del Patto territoriale Nord Barese-Ofantino, una forte leadership tecnica da parte dell‟Ufficio unico ed in particolare della PIT manager, un ruolo di secondo piano del partenariato socio-economico. Dai documenti sembra che ogni attore abbia svolto il ruolo attribuito in fase di montaggio del progetto. L‟ufficio unico ha svolto un ruolo importante nella fase di attuazione. 122


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 3.4

Capacità di spesa

La PIT manager nell‟ultima intervista (12.05.2011) afferma che il Pit ha rendicontato il 95% della Misura 4.2, 6.400.000 euro per la Misura 6.2c, 8.200.000 euro per la Misura 4.2. Per calcolare la capacità di spesa, non avendo a disposizione dati più recenti, si fa riferimento al documento del NVVIP n.184 del 22.07.2008. lo stato complessivo di avanzamento della spesa è pari al 28% su FSE e FESR. I pagamenti totali ammontano a 13.963.730 euro con 282 progetti attivati.

4

Interviste effettuate 

Dott. Maria Luisa Caringella, Pit Manager, Comune di Andria,10 .11.2010.

Ing. Gaetano Pierro, Dirigente lavori pubblici del Comune di Barletta, RUP del Pit, , 11.11.2010.

Dott.ssa Santa Scommegna, dirigente del settore attività produttive-sviluppo economico del Comune di Barletta, intervista telefonica, 4.11.2010.

Interlocutori con i quali si è cercato di prendere un appuntamento per un‟intervista (in presenza, telefonica o per mail): 

Dott. Sebastiano delle cantine ACLI di Andria.

Dott. Nicola Giorgino, Sindaco di Andria.

Ing. Longano, Comune di Barletta, pista di controllo Pit.

Arch. Santoro, imprenditore.

123


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 3 – Area Metropolitana di Bari Tabella 1- Anagrafica di progetto

Titolo completo

“Consolidamento del polo di reti e nodi di servizi presenti nell‟ area metropolitana sia rispetto alle infrastrutture di logistica e di trasporto, sia rispetto ai servizi innovativi di rete basati sull‟offerta di prestazioni ad alta di conoscenza derivanti dalla diffusione della Società dell‟informazione”

Comune capofila

Bari

Enti aderenti all‟accordo

Comuni di: Adelfia, Bari, Bitetto, Bitritto, Capurso, Casamassima, Cellamare, Modugno, Mola di Bari, Noicattaro, Palo del Colle, Rutigliano, Sannicandro di Bari, Triggiano, Valenzano Il Comune di Binetto, inizialmente inserito nel PIT, non ha in seguito firmato l‟accordo di collaborazione. Provincia di Bari

Totale comuni aderenti

15

Data firma dell‟accordo con Regione Puglia

29 giugno 2005

Localizzazione ufficio unico

Comune di Bari, Ripartizione Programmazione Economica

PIT Manager

(fino al 2004) Michele Pagone (dal 16.4.04 al 27.11.07) Mario Marchillo (dal 27.11.07 a marzo 2011) Francesco Ficarella (da marzo 2011) Pierina Nardulli

Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

1

585.196

La vicenda

L‟area territoriale del PIT 3 di Bari ha come riferimento – così come indicato dal Complemento di programmazione del POR Puglia 2000-06 – il sistema produttivo di Bari, identificazione che nasce da un precedente studio realizzato dall‟Istituto Pugliese per le Ricerche economiche e sociali – IPRES, nel luglio 1999. Ai comuni inseriti nell‟area si sono aggiunti successivamente, in occasione dei lavori preliminari per la definizione del PIT, i tre Comuni di Mola di Bari, Noicattaro e Rutigliano. Come indicato dal titolo del PIT, comunque, la definizione territoriale del PIT n. 3 è strettamente connessa al tema dell‟Area metropolitana di Bari. Il capoluogo pugliese, infatti, è una delle nove aree identificate dalla legge 142 del 2000, prima, e dalla legge 265 del 1999 (quest‟ultima intervenuta quindi a ridosso dell‟approvazione del POR e dell‟avvio della riflessione in tema di progettazione integrata) quale area per l‟istituzione della Città metropolitana, e nel periodo della predisposizione del progetto il tema era all‟ordine del giorno. Nella attribuzione dei temi di lavoro ai PIT, la Regione Puglia ha affidato all‟area metropolitana di Bari il tema logistico-trasportistico, in base alla collocazione strategica della zona, alle infrastrutture esistenti e a quelle il cui sviluppo è ritenuto essenziale. In questo ambito, ed in conseguenza della caratterizzazione di un numero rilevante di imprese dell‟area barese, il tema dell‟ICT e delle nuove tecnologie ha costituito un fil rouge più volte sottolineato. I lavori per la definizione del progetto da sottoporre all‟approvazione del PIT sono stati sviluppati tramite un‟interlocuzione tra i sindaci dell‟area, con la figura centrale di Egidio Pani, ex dirigente della Regione Puglia, poi assessore e vice sindaco del Comune di Bari nella giunta di centro destra guidata da Di Cagno Abbrescia. Si trattava, secondo l‟opinione delle persone intervistate, della prima e più rilevante occasione di progettazione di ampio respiro portata avanti dalle amministrazioni locali; la prima bozza di progetto aveva 124


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 sottoposto alla Regione numerosi interventi il cui piano finanziario era decisamente (e intenzionalmente) esorbitante rispetto alle reali possibilità di finanziamento, e tra cui figurava, ad esempio, la prima tangenziale di Bari. La concertazione di livello politico non ha tuttavia, secondo le persone intervistate, presentato elementi di particolare criticità e l‟accordo politico individuato non è stato successivamente rimesso in discussione. A livello tecnico, la proposta è stata redatta con il supporto di Tecnopolis18, struttura in seguito assorbita dalla Regione. Maggiori difficoltà sono derivate, invece, dalla definizione della convenzione alla base del PIT che ha richiesto numerosi passaggi con la struttura regionale per giungere ad una soluzione condivisa, in particolare dal punto di vista normativo. La prima proposta di PIT è stata sottoposta alla Regione ad aprile 2003; successive richieste di modifiche ed integrazioni della proposta sono state sollecitate dalla Regione e dal NVVIP, fino alla proposta finale presentata alla Regione il 14 gennaio 2004. Il 4 febbraio il NVVIP ha espresso parere definitivo favorevole in merito alla proposta, che è stata acquisita dal Settore Programmazione - struttura PIT il 19 febbraio 2004. Poco dopo si tengono le elezioni amministrative (12-13 giugno 2004), che portano al cambio di giunta del Comune di Bari ed all‟elezione del sindaco Michele Emiliano, a capo di una coalizione di centro-sinistra. Circa sei mesi dopo (dicembre 2004) la Giunta regionale approva19 il Programma PIT n.3. La deliberazione viene tuttavia pubblicata dopo altri tre mesi, a marzo 200520. Ad aprile 2005 sono indette le elezioni regionali, con il cambio di giunta da Raffaele Fitto (centro destra) a Nichi Vendola. Quale primo atto della giunta regionale vengono approvati gli Accordi tra amministrazioni aderenti al PIT (29 giugno 2005), dando avvio alla fase attuativa. L‟accordo tra Amministrazioni aderenti verrà successivamente aggiornato, il 3 ottobre 2006. Il soggetto capofila del PIT n. 3 viene individuato nel Comune di Bari, nella cui struttura comunale viene costituito l‟Ufficio unico del PIT, incardinato quale Settore nella Ripartizione Strategie Metropolitane. Questo periodo è stato inoltre molto impegnativo a causa della necessità di giungere all‟approvazione della convenzione per la gestione in forma associata del PIT 3: a questo proposito il Comune di Bari ha eccepito l‟esistenza di vizi di legittimità nell‟ambito delle procedure previste dalla Regione per la definizione della Convenzione stessa, arrivando poi ad affidare le funzioni di “stazione unica appaltante” per le Opere pubbliche, dal Comune capofila alla Provincia di Bari (6 ottobre 2005). Questa proposta non è stata però accolta dalla Regione stessa, che nel luglio 2006 ha chiesto di riaffidare le funzioni appaltanti al Comune capofila. La convenzione è stata infine modificata ed approvata dagli Enti aderenti il 26 gennaio 2007. Occorre rilevare, inoltre che presso l‟Ufficio unico non è stata distaccato alcun dipendente da parte degli Enti associate (complessivamente circa 30.000 euro) e che lo stesso Comune di Bari ha assegnato due soli dipendenti di cui uno ex vigile urbano quasi subito ritrasferito per evidente inconciliabilità di formazione e competenze. Risulta che il dirigente dell‟Ufficio unico ha rappresentato sin dall‟inizio alla propria amministrazione l‟inadeguatezza della struttura iperativa richiedendo che l‟ufficio unico fosse accorpato ad altra ripartizione dell‟Ente (ripartizione politiche comunitarie), meglio strutturata cosa poi recepita dall?Ente stesso solo a fine 2007 dopo che tutti i progetti erano stati definiti ed appaltati. Sempre nel 2005 si avviano le attività per la progettazione strategica di area vasta, che confermerà il ruolo di capofila presso il Comune di Bari e raddoppierà il numero di enti aderenti (da 15 a 31). Nel 2008 al PIT manager viene affidato il ruolo di coordinatore dell‟area vasta, mentre si modifica la formula di gestione. A partire da ottobre 2006 iniziano ad essere pubblicati i bandi di gara per l‟affidamento dei diversi progetti previsti dal PIT 3. Il primo bando riguarda le opere di realizzazione della Piattaforma logistica di III livello del Comune di Bari e Triggiano, che implica lo spostamento dei mercati generali dal centro città ad un‟area in zona Bari-Palese. Questo progetto, il più rilevante del PIT dal punto di vista finanziario, era già stato presentato in passato senza tuttavia riuscire ad ottenere i finanziamenti necessari all‟avvio delle attività e quindi ripresentato in occasione del PIT. Sempre ad ottobre viene pubblicato il bando per i 5 progetti in tema di Società dell‟informazione (azione 6.2c), il progetto proposto dai Comuni di Bari, Mola e Triggiano “Cantiere dell‟Inclusione”, nell‟ambito dell‟avviso pubblico per la definizione di Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza a valere su fondi CIPE21; il bando per l‟azione 6.2b in tema di Internazionalizzazione. 18

Dal 1 agosto 2008 Tecnopolis è una Società in-house della Regione Puglia con la missione di progettare e gestire programmi ICT per l‟amministrazione regionale. 19 DGR n. 1898 del 14 dicembre 2004. 20 BURP n. 41 suppl. del 16 marzo 2005. 21 DGR 12 luglio 2006, n. 1006.

125


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tutti e tre i bandi vengono aggiudicati nel 2007. In questo anno viene inoltre approvato dall‟Assemblea dei sindaci il progetto definitivo del Polo Tecnologico, il cui finanziamento verrà però successivamente revocato a seguito del giudizio negativo sull‟unica proposta pervenuta. Nel corso del 2007 si avviano inoltre tutti gli interventi a valere sull‟azione 4.2 “Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali”, realizzati dai Comuni di Noicattaro, Modugno, Sannicandro, Bitetto, Triggiano, Mola di Bari. Un progetto del Comune di Rutigliano, non inserito inizialmente nell‟Accordo tra amministrazioni sottoscritto a giugno 2005, è stato successivamente presentato all‟Assemblea del PIT e, dopo un periodo di negoziazione con la Regione Puglia, da questa approvato a novembre del 2007. A fine 2007 l‟Ufficio unico viene incardinato nella Ripartizione Programmazione economica e Politiche comunitarie, con la conseguente attribuzione dell‟incarico di PIT manager al direttore della stessa. Nel 2008, dopo un paio di mesi dall‟avvio dei lavori, l‟area di intervento di un progetto infrastrutturale localizzato nel Comune di Modugno e realizzato dal Consorzio ASI viene posta sotto sequestro ed i lavori non riprenderanno più (sono infatti subordinati alla preventiva bonifica dell‟area, non prevista dal progetto approvato dalla stessa ASI). Tra il 2008 ed il 2009 si concludono molti dei progetti avviati: restano in sospeso (alla data di intervista, settembre 2010) alcuni degli interventi infrastrutturali (a Mola di Bari, a Modugno e a Rutigliano) mentre è conclusa, ma non ancora operativa, la piattaforma logistica (Mercato agricolo alimentare di Bari - MAAB). Tabella 2 Cronologia dei fatti principali

Giugno 2002

Avvio dell‟iter procedurale dei PIT con la convocazione, da parte del Presidente della Giunta Regionale, della Conferenza delle Autonomie Locali interessate alla realizzazione di ciascun PIT.

14 febbraio 2003

Il Comitato di Sorveglianza del POR Puglia 2000-2006 approva la modifica al CdP che dispone il procedimento per la definizione e la successiva attuazione dei PIT. Vengono emanati i decreti del Presidente della Giunta Regionale che costituiscono i singoli Comitati PIT, individuando il Soggetto Capofila con il compito di coordinamento nell‟interlocuzione con la Regione e di attivazione del partenariato socio-economico, al fine della elaborazione della proposta di Programma.

24 marzo 2003

Il Presidente della Giunta Regionale invita i Comitati dei PIT a presentare le proposte di Programma entro il 10 aprile 2003

15 aprile 2003

La prima proposta di programma del PIT 3 viene presentata alla Regione e inoltrata al NVVIP per il relativo parere

19 settembre 2003

Il NVVIP esprime parere intermedio (n. 30 del registro NVVIP) sul PIT n.3

21 ottobre 2003

Il documento PIT n. 3 “Area Metropolitana di Bari” viene inviato alla Regione Puglia

15 dicembre 2003

Modifiche al documento PIT presentato alla Regione a seguito delle osservazioni del NVVIP del 4 novembre 2003

14 gennaio 2004

Presentazione documento finale PIT

4 febbraio 2004

Il NVVIP esprime parere definitivo favorevole (n. 43 del registro NVVIP).

19 febbraio 2004

Il Settore Programmazione - struttura PIT - ha acquisito, con prot. N. 582/PRG del 19/02/04, la versione definitiva del Programma del PIT n. 3 trasmessa dalla Segreteria tecnica del NVVIP per i successivi adempimenti.

12-13 giugno 2004

Elezioni amministrative. Viene eletto sindaco di Bari Michele Emiliano, a capo di una coalizione di centro-sinistra. Subentra a Simeone Di Cagno Abbrescia, di centro destra.

14 dicembre 2004

Deliberazione della giunta regionale 14 dicembre 2004, n. 1898 di approvazione del Programma PIT n.3

16 marzo 2005

Pubblicazione della deliberazione 14 dicembre 2004, n.1898 di approvazione del PIT 3 sul BUR della Regione Puglia (BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

16 aprile 2005

Mario Marchillo nuovo pit manager del PIT n. 3. Resterà in carica fino al 2007.

29 giugno 2005

Sottoscrizione dell‟Accordo tra Amministrazioni aderenti al PIT 3

Ottobre 2005

Viene approvata, dall‟Assemblea degli Enti del PIT con deliberazione n.4 del 6 ottobre 2005, un

126


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 nuovo testo di convenzione costitutiva dell‟Associazione dei Comuni, approvando l‟attribuzione delle funzioni di stazione unica appaltante per la realizzazione delle opere pubbliche finanziate con la misura 4.2 non più in capo al Comune capofila ma alla Provincia di Bari. La richiesta di modifica, presentata alla Regione, viene rigettata dal Comitato di Sorveglianza del POR Puglia il 13 luglio 2006. Dicembre 2005

Viene pubblicato il bando “Programmi Integrati di Agevolazioni” PIT n. 3 Area Metropolitana di Bari (determinazione del dirigente settore artigianato e PMI 21 novembre 2005, n. 1848, pubblicato sul BURP n. 152 suppl. del 7-12-2005) Pubblicato il bando per la presentazione delle domande relativo all‟”A.P.Q. in materia di egovernment e società dell‟informazione. Progetto integrativo SJ008 “Ict per rinnovare il vantaggio competitivo della componentistica auto barese” (Determinazione del dirigente del Settore Artigianato e P.M.I. del 12 dicembre 2005, n.1987 pubblicata sul BURP n. 159 suppl. del 29-12-2005)

Agosto 2006

Viene pubblicata la determinazione settore formazione professionale 25 luglio 2006, n.499 (BURP n.99 del 3 agosto 2006) che indice Avviso pubblico n.20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia a valere sulla Misura 4.20 "Azioni per le risorse umane", Azione b) "Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati".

3 ottobre 2006

Aggiornamento dell‟atto di costituzione dell‟Associazione fra Enti del PIT 3

Ottobre 2006

Il 19 ottobre 2006 viene pubblicato il bando di gara per il progetto “Mercato agricolo alimentare (MAAB): piattaforma logistica di III livello dei Comuni Bari e Triggiano” (13 M€). Il progetto viene aggiudicato in via provvisoria. Nel frattempo, la Regione Puglia comunica che il mancato finanziamento a favore delle Ferrovie sud-est di un intervento a servizio del Mercato avrebbe fatto venir meno i presupposti di intermodalità alla base del finanziamento stesso. A maggio 2007 viene comunicata l‟inammissibilità del progetto. Dopo la trasmissione al responsabile di misura delle integrazioni richieste, la Regione Puglia – settore programmazione e vie di comunicazione – comunicava al NVVIP che l‟intervento poteva essere ammesso al finanziamento. Il progetto, concluso a giugno 2009, non è operativo a causa della mancata realizzazione dell‟impianto di collegamento idrico-fognario della rete pubblica alla rete MAAB; i lavori di costruzione dell‟impianto sono stati affidati a gennaio 2010 e sono attualmente in corso. Il 24 ottobre 2006 viene pubblicato il bando per la progettazione e realizzazione dei 5 progetti nell’ambito dell’azione 6.2c Società dell’informazione (rete delle identità del territorio dell‟area metropolitana di Bari, Portale multicanale metropolitano, rete intercomunale per le politiche attive del lavoro, rete per la sicurezza e la qualità della vita, rete delle economie locali), per un totale di 5,3 milioni di euro; successivamente nel 2008 conseguentemente ad una estensione contrattuale l‟importo complessivo del progetto sale a 8,9 M€. La gara è aggiudicata il 26 luglio 2007 in favore del RTI SMA Sistemi per la Meteorologia e l‟Ambiente spa, associata con Telecom Italia spa. Il 23 ottobre 2006 viene pubblicato il bando per servizi di direzione e project management dei progetti nell‟ambito dell‟azione 6.2 c Società dell‟informazione. Il bando è aggiudicato il 22 ottobre 2007 in favore della Formit Servizi spa. A maggio 2010 viene emesso l‟atto unico di collaudo e relativo certificato positivo, che tuttavia non include 4,07 M€ riferiti alla realizzazione dei portali, ritenuti non collaudabili. Gli interventi vengono successivamente collaudati. Il 24 ottobre 2006 viene trasmesso alla Regione Puglia il Progetto “Il cantiere dell’Inclusione”, elaborato e proposto dai tre Comuni capofila degli ambiti territoriali dei Piani Sociali di Zona ricadenti nell‟area dle PIT 3 (Bari, Mola e Triggiano). Il progetto non consegue il punteggio minimo previsto; le integrazioni vengono trasmesse il 13 febbraio 2007. Il bando per l‟affidamento della gestione del progetto viene pubblicato il 30 agosto 2007, aggiudicato a novembre 2007 in favore dell‟ATI Consorzio Meridia scs e Consorzio Elpendù. Le attività e le operazioni di rendicontazione si sono concluse il 31 dicembre 2009. Il 27 ottobre viene pubblicato il bando per l‟azione 6.2 b Internazionalizzazione, denominato ICT e conoscenza per la competitività internazionale dell‟area metropolitana di Bari (in seguito, progetto Bamondo), per un importo pari a 3,126 milioni di euro. Il bando viene aggiudicato il 6 marzo 2007 al RTI GMPR snc e Lattanzio e Associati. Il progetto esecutivo viene presentato a luglio 2007 ed a ottobre dello stesso anno avviene la presa d‟atto da parte dell‟Assemblea degli Enti del PIT. Il progetto viene concluso, completando le attività previste, il 30 giugno 2008. In questo periodo la Regione Puglia pubblica i seguenti bandi: -

DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, tramite la quale si dà approvazione alle iniziative di master, affidate alle università del territorio, nell‟ambito dei PIT. Nel PIT 3 vengono approvati 4 master, per un totale di 1,2M€ di contributo e 80 partecipanti previsti,

127


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 equamente distribuiti nelle quattro iniziative. determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.639 (BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo stato e dalla Regione Puglia, a valere sulla misura Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e invidualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale". L‟avviso attribuisce al PIT 3, a valere sulla misura 3.14, risorse pari a 687.147,00 euro. determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.640 BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.24/2006 a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" Azione b): “Attuazione del Piano Regionale della Società dell‟Informazione”. Al PIT 3 vengono attribuite risorse a valere sull‟azione pari a 1.055.381,20 euro. l‟Avviso pubblico 27/2006 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” (BURP n.138 del 26 ottobre 2006), a valere sulla misura 3.14 per le azioni 3.14 b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata; 3.14 c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; 3.14 e) "Azioni di accompagnamento". Al PIT 3 sono attribuiti 1.786.581,30 euro, a valere sulle azioni 3.14 b (1.099.434,80 euro) e 3.14 c (687.146,50 euro). Siglato il Protocollo di intesa tra i rappresentanti del Piano strategico Metropoli Terra di Bari -

31 ottobre 2007 Gennaio 2007

L‟Assemblea del PIT approva il progetto definitivo Polo Tecnologico (misura 3.13), che viene trasmesso in Regione. A marzo 2007 il NVVIP chiede integrazioni/modifiche al progetto. Il progetto definitivo viene trasmesso alla Regione il 22 maggio 2007. Ad ottobre 2007 la Regione ammette a finanziamento il progetto. Il 21 novembre 2007 viene pubblicato l‟avviso pubblico per la selezione dell‟Organismo preposto all‟esecuzione della progettazione esecutiva, l‟avvio e la gestione del polo Tecnologico. Il 29 gennaio 2008 la Commissione di gara esprime parere negativo sull‟unica proposta pervenuta (politecnico di Bari). Il progetto non viene realizzato ed il finanziamento è revocato.

Maggio 2007

Al di fuori degli interventi previsti nell‟ambito dell‟Accordo tra Amministrazioni del 29 giugno 2005, il Comune di Rutigliano presenta istanza di finanziamento per un progetto relativo alla “Realizzazione dell‟impianto della fogna nera a servizio dell‟area PIP” per 0965 M€. Il progetto viene approvato (25 maggio 2007) dall‟Assemblea del PIT e viene trasmesso (giugno 2005) alla Regione Puglia. Il NVVIP ritiene il progetto non valutabile per mancata presentazione della documentazione necessaria da parte del RUP. Dopo la successiva integrazione della documentazione, il NVVIP dà parere favorevole al progetto (novembre 2007). I lavori verranno aggiudicati a giugno 2008. I lavori sono successivamente stati sospesi ed a tutt‟oggi non sono stati completati. Maggio 2007. Aggiudicazione ed avvio dei lavori per il progetto Realizzazione palazzine di servizi in zona PIP” presso il Comune di Noicattaro (3,1 M€). I lavori vengono ultimati il 25 maggio 2009. Maggio 2007. Aggiudicati i lavori per il progetto “Collegamento tra viale De Blasio e sp.231 (ex ss 98) tratto funzionale tra sp231 e via dei Gladioli” nel Comune di Modugno (2,2 M€). I lavori iniziano ad agosto 2007; vengono tuttavia sospesi il 22 aprile 2009 e, dalla data della ripresa, occorreranno ulteriori 100 giorni lavorativi per il completamento delle opere. L‟intervento attualmente non è stato completato.

Luglio 2007

Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072)

Agosto 2007

Pubblicato dal Comune di Bari (BURP n. 121 del 30 agosto 2007) il bando per l‟affidamento della gestione del progetto “Il cantiere dell‟inclusione”, ex delibera CIPE 26/03

Settembre 2007

Settembre 2007. Aggiudicazione e avvio dei lavori per la “Realizzazione del comparto beta del PIP e del collegamento tra l‟ex ss271, la sp 184 e la zona PIP” del Comune di Sannicandro (3,8 M€). I lavori vengono ultimati il 25 maggio 2009.

128


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Ottobre 2007

30 ottobre 2007. Aggiudicazione ed avvio dei lavori per il progetto “Lavori di urbanizzazione primaria in zona PIP di via Abruzzese” (1,2 M€), nel Comune di Bitetto. I lavori vengono ultimati il 10 luglio 2008. A novembre 2007 viene aggiudicata la gara per la “Realizzazione di opere stradali e di illuminazione in zona PIP” presso il Comune di Triggiano (0,9M€). I lavori sono terminati il 20 ottobre 2008. 12 dicembre 2007. Avvio lavori per il progetto “Lavori di completamento della infrastrutturazione primaria dell‟area PIP” (1,1 M€) nel Comune di Mola di Bari. I lavori non sono tuttora completati. 12 dicembre 2007. Avvio dei lavori di “Manutenzione straordinaria e recupero funzionale del centro servizi” (0,890 M€) sempre nel Comune di Mola di Bari. I lavori vengono ultimati il 16 gennaio 2009.

Novembre 2007

Il nuovo PIT manager è Francesco Ficarella, responsabile della Ripartizione Programmazione economica e Politiche comunitarie

Novembre 2007

Pubblicato l‟avviso pubblico (BURP 170 del 29.11.2007) per la selezione dell‟Organismo preposto alla esecuzione della progettazione esecutiva, l‟avvio e la gestione del Polo tecnologico ICT, servizi innovativi di rete e logistica, trasporti e mobilità dell‟area metropolitana di Bari, a valere sulla misura 3.13. La commissione di gara riunitasi il 29 gennaio 2008 ha espresso parere negativo sull‟unica proposta pervenuta, da parte del Politecnico di Bari, ritenendo non adeguato il piano economico finanziario; il finanziamento è stato revocato.

23 gennaio 2008

Dopo circa due mesi dall‟avvio dei lavori, l‟area di intervento del progetto “Collegamento tra viale De Blasio e l‟autostrada” (1,09 M€), nel Comune di Modugno (mis. 4.2) viene posta sotto sequestro dal NOE CC di Bari. Il Consorzio ASI comunica il 24 luglio 2008 la sospensione dei lavori. I lavori non sono mai cominciati per la necessità di bonifica preventiva dell‟area.

7 giugno 2009

Elezioni amministrative. A Bari il sindaco Emiliano (centro-sinistra) viene riconfermato per il secondo mandato.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

Marzo 2011

Il nuovo PIT manager è Pierina Nardulli, responsabile della Ripartizione Programmazione economica e politiche strutturali del Comune di Bari

2

Descrizione del PIT

Il PIT 3 “Area metropolitana di Bari” è il quarto dal punto di vista economico-finanziario, con una dotazione pari a 73,9 milioni di euro. La rilevanza sul totale delle azioni di finanziate sul FESR lo classificano nel gruppo dei PIT a carattere logistico-trasportistico. 2.1

Idea forza

L‟idea forza del PIT 3 riguarda il consolidamento del polo di reti e nodi di servizi presente nell‟area metropolitana, sia rispetto alle infrastrutture di logistica e di trasporto, sia rispetto ai servizi innovativi basati sull‟offerta di prestazioni della Società della conoscenza. Le ulteriori declinazioni dell‟idea forza fanno esplicito riferimento al tema dell‟area metropolitana, motivato dalla presenza, nell‟area, di aspetti peculiari quali la presenza di fornitori di servizi avanzati per le popolazioni locali e per il complesso del sistema produttivo, la presenza di infrastrutture (porto, aeroporto, rete autostradale) in grado di esaltare l‟offerta di servizi di qualità, l‟accelerazione dei fenomeni di mobilità (pendolarismo verso il capoluogo e spostamento verso i comuni minori), oltre che la concentrazione nel capoluogo delle principali amministrazioni del territorio regionale. Queste caratteristiche sono state sottolineate nel Programma PIT come condizioni da affrontare tramite adeguati strumenti per il governo “di area vasta” e per la messa a sistema delle funzioni del territorio. In questo quadro, il PIT – come strumento di programmazione dal basso – si configura come primo passo per lo sviluppo di un nuovo sistema di gestione del territorio. La “città connessa”, a forte identità culturale, è l‟immagine che sintetizza l‟obiettivo strategico del programma, da conseguire come sostegno allo sviluppo economico e sociale del territorio, e che si intende perseguire anche in connessione con gli interventi 129


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 inseriti nel Programma Integrato Settoriale (PIS) cultura-turismo, nel Piano per la Società dell‟Informazione, nel Piano dei Trasporti. La strategia delineata viene articolata in 6 obiettivi strategici: A. Incrementare il livello di sicurezza nell‟area; B. Migliorare la mobilità dei cittadini e delle merci all‟interno dell‟area PIT; C. Migliorare il livello di identità culturale dell‟area; D. Sostenere lo sviluppo dei settori produttivi rilevanti dell‟area; E. Incrementare l‟efficacia delle politiche locali del lavoro; F. Migliorare l‟efficacia del sistema di governance integrata del territorio. All‟interno di queste strategie, i progetti da attivare sono declinati, nel Programma del PIT, come sintetizzato nella tabella seguente. Tabella 3 I progetti previsti dal Programma PIT 3 Obiettivi

Interventi

Misure

A) Incrementare il livello di sicurezza nell‟area

1. Rete della sicurezza nelle città

B) Migliorare la mobilità dei cittadini e delle merci all‟interno dell‟area PIT

2. Eliminazione del passaggio a livello in zona Mungivacca al km 4+116 con sovrappasso pedonale e realizzazione di un parcheggio scambiatore passeggeri gomma-ferro 3. Piattaforma logistica di III livello a supporto della commercializzazione e distribuzione delle merci nel Comune di Bari (spostamento Mercati Generali da Bari centro all‟area di proprietà del Consorzio Agroalimentare Bari srl) 4. Realizzazione del nodo di scambio intermodale tra la stazione ferroviaria di testa delle ferrovie Appulo Lucane in Bitritto e le autolinee intercomunali a servizio del quadrante territoriale 5. Costituzione di un Museo dell‟identità del territorio (o della memoria urbana) realizzato, in ogni comune aderente, da un museo reale (basato sulle strutture museali, biblioteche ecc già funzionanti) ed un “museo virtuale”

C) Migliorare il livello di identità culturale dell‟area

6.2 c 6.2 a 6.1

6.2 c) 6.2 a) 6.4 b)

D) Sostenere lo sviluppo dei settori produttivi rilevanti dell‟area

6. Omogeneizzazione del livello di dotazione infrastrutturale e di interconnessione alla rete trasportistica regionale delle aree di insediamento produttivo, tra cui:  Realizzazione del piano degli insediamenti produttivi e strada a servizio zona PIP di Adelfia  Collegamento tra Viale de Blasio presso il Comune di Modugno e l‟autostrada  Opere destinate a completamento e miglioramento delle aree industriali (Consorzio ASI22) e degli insediamenti produttivi presso il Comune di Modugno  Completamento del Piano degli insediamenti produttivi di Bitetto  Piano per gli insediamento produttivi “contrada Scannacinque” in Mola di Bari  Realizzazione strada a servizio del Piano per insediamenti produttivi di Sannicandro per collegamento con SS 271  Completamento del Piano per insediamenti produttivi di Noicattaro  Realizzazione del Piano degli insediamenti produttivi di Valenzano  Realizzazione del Piano degli insediamenti produttivi di Rutigliano  Completamento del Piano per insediamenti produttivi dell‟Area Auchan – SP per Noicattaro 2,00 S.N.  Completamento del Piano per insediamenti produttivi Casamassima Il Baricentro – SS 100 Bari-Taranto km 15,500 7. Intervento di sostegno alle imprese dell‟area metropolitana di Bari:  Azioni a sostegno dell‟innovazione, delle reti immateriali e della Società della conoscenza (incentivi alle imprese e formazione)  Azioni a sostegno dei servizi logistici per lo sviluppo dei sistemi di imprese e distretti industriali (incentivi alle imprese e formazione) 8. Polo tecnologico logistica, trasporti, mobilità e servizi innovativi di rete 9. Intervento Rete delle economie comunali (realizzazione di una piattaforma di servizio in grado di offrire strumenti di governance dell‟intero sistema economico locale in termini di gestione integrata dei dati – “catasto informativo” sul sistema produttivo di area)

4.2

6.1

4.1 c 4.1 a 3.13 4.20 c 3.11 c

22

Consorzio per l'area industriale di Bari.

130


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

3.13

6.2 6.4 E) Incrementare l‟efficacia delle politiche attive del lavoro

10. Rete intercomunale per le politiche attive del lavoro (potenziamento dei Centri Territoriali per l‟Impresa e costituzione di una rete intercomunale collegata – “osservatorio permanente del mercato del Lavoro”) 11. Sostegno all‟inserimento lavorativo di persone a rischio di esclusione sociale, lavoratori in mobilità, lavoratori socialmente utili (i progetti devono privilegiare l‟autoimprenditorialità, le imprese già costituite che vogliano inserire nei processi produttivi forza lavoro a rischio, eventuali iniziative di formazione)

3.7 c 3.7 d 3.14 a 4.20 a 6.2 c 6.4 a 6.4 b 3.11 3.14

F) Migliorare l‟efficacia del sistema di governance integrata del territorio

12. Portale dell‟area metropolitana (strumento a sostegno della crescita dell‟area come sistema fortemente interconnesso attraverso lo sviluppo e la condivisione delle conoscenze all‟interno di reti tematiche.

6.2 b 6.2 c 6.4 a 6.4 b

2.2

Dotazione finanziaria

Il Programma del PIT n. 3 prevedeva inizialmente un investimento complessivo pari a euro 110.906.114 di cui 81.294.785 euro di risorse pubbliche. Successivamente la dotazione finanziaria è stata rivista fino a giungere a 64.455.247 euro di quota pubblica (Complemento di Programmazione 2009). Le misure con la maggiore dotazione di risorse economiche sono la 4.2 FESR Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici e dei sistemi produttivi locali (13,7 milioni di euro), la 6.2 FESR Società dell‟informazione (11 milioni di euro), la 6.1 FESR Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto (10 milioni di euro). Sul totale finanziario, sono stati gestiti dall‟Ufficio unico del PIT circa 45 milioni di euro, di cui 32 a valere su risorse POR. In base alle informazioni fornite dal PIT manager, al 30 agosto 2010 erano stati spesi 35 milioni di euro, pari al 79% del totale delle risorse gestite dall‟Ufficio unico; altre somme sarebbero state rendicontate nei mesi successivi. Non sono disponibili ulteriori informazioni relative al livello di rendicontazione delle spese non gestite dall‟Ufficio unico. 2.3

I progetti attivati

Sono stati gestiti a livello locale (dall‟Ufficio unico, dai RUP comunali e della CCIAA di Bari) 14 interventi, per un totale di 32 milioni di euro di risorse POR, pari a circa il 50% della quota pubblica del PIT. Si tratta di opere infrastrutturali, oltre a progetti a valere sull‟azione 6.2 c) società dell‟informazione, sulla misura 6.2 b) internazionalizzazione, sulla misura 3.13 Polo tecnologico e le iniziative per la legalità e la sicurezza ex Delibera CIPE 26/03. Opere infrastrutturali Il progetto a maggiore rilevanza finanziaria riguarda lo spostamento del mercato agricolo alimentare (MAAB) di Bari dalla precedente collocazione, nell‟area urbana della città di Bari, ad un‟area esterna alla cintura della tangenziale, in località Mungivacca, con la costruzione di una “Piattaforma logistica di III livello” dedicata alla logistica dei prodotti agricoli. Il responsabile unico del procedimento per questa iniziativa è la Società Consorzio Agroalimentare Bari s.r.l., società a capitale pubblico privato costituita nel 1980. L‟intervento fa riferimento ad un progetto promosso dalla CCIAA di Bari già nel 1994 grazie ad un finanziamento di 70 miliardi di lire del CIPE; il finanziamento al progetto fu tuttavia successivamente 131


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 revocato. L‟intervento è stato quindi ripresentato, a dieci anni di distanza, in occasione della predisposizione del PIT 3, promosso in particolare dal presidente della Camera di Commercio di Bari Luigi Farace. L‟idea progetto prevedeva anche una collaborazione con le Ferrovie del Sud-Est che avrebbe dovuto realizzare specifici interventi finalizzati all‟intermodalità. Il progetto è stato inserito nel Programma del PIT 3, a valere sulla misura 6.1 “adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto”. Oltre alla realizzazione della piattaforma logistica di III livello, nell‟ambito della stessa misura venivano finanziati con il PIT altri due interventi: una piattaforma di scambio intermodale ferro-gomma in prossimità delle aree produttive del prg di Bari, nel quartiere di Mungivacca, ed un Nodo di scambio intermodale tra la stazione ferroviaria di testa delle Ferrovie Appulo Lucane, a Bitritto, e le autolinee intercomunali a servizio del quadrante sud est dell‟area metropolitana di Bari. Il bando di gara per la realizzazione dell‟opera è stato pubblicato il 19 ottobre 2006 ed aggiudicato a dicembre dello stesso anno. Tuttavia, nel frattempo il finanziamento delle Ferrovie del Sud Est per la realizzazione del raccordo ferroviario non si è concretizzato e l‟Assessorato ai Trasporti della Regione Puglia ha comunicato all‟Ufficio unico che ciò avrebbe fatto venir meno i presupposti di intermodalità alla base del finanziamento complessivo. A maggio del 2007, il Settore Trasporti della Regione comunicava l‟inammissibilità dell‟intervento a valere sulla misura 6.1 del POR; tale decisione è stata parzialmente rivista un mese dopo, con la richiesta di integrazioni relative alle modifiche al progetto. Il progetto è stato infine riammesso a finanziamento a settembre 2007. La riduzione delle risorse a disposizione hanno consentito di realizzare solo il primo lotto funzionale dell‟opera (costituito da una galleria commerciale con 16 unità operative ed una cella frigorifera), a valere sulle risorse della misura 6.1 e sul significativo cofinanziamento della Camera di Commercio di Bari. L‟intervento è stato completato ma, a settembre 2010, il mercato non risultava ancora operativo, stante la necessità di realizzare un impianto di collegamento idrico fognario della rete pubblica alla rete MAAB. Quest‟ultimo intervento è stato affidato con gara d‟appalto a gennaio 2010. I pagamenti effettuati dal beneficiario finale (Società Consorzio Agroalimentare Bari s.r.l.) a giugno 2010 erano pari a 16.887.985,79 euro, il 95% del costo dell‟intero progetto (pari a 16.301.260,05 euro, cui si sono aggiunti 1.453.540,60 euro). Sulla misura 4.2 sono state finanziate 9 operazioni infrastrutturali nei Comuni di Bari, Bitetto, Modugno, Mola di Bari, Noicattaro, Sannicandro, Triggiano. Cinque operazioni risultavano completate a giugno 2010; per altre quattro i lavori risultavano non avviati o solo parzialmente realizzati. Tra queste, gli interventi del Comune di Modugno e Rutigliano hanno visto un avanzamento della spesa superiore al 70%, mentre per un intervento nel Comune di Modugno le operazioni sono state bloccate dalla necessità di bonifica preventiva dell‟area, che è stata per questo sottoposta a sequestro giudiziario. Opere infrastrutturali completate: 1) Comune di Triggiano – “Realizzazione opere stradali e di illuminazione in zona P.I.P.”. L‟intervento ha riguardato la progettazione del completamento delle infrastrutture a servizio degli insediamenti produttivi della zona “D1” di Triggiano, in particolare attraverso l‟ampliamento ed il completamento della rete viaria, della rete idrica, della rete di fogna nera e degli impianti di pubblica illuminazione. I lavori sono stati completati il 20 ottobre 2008 e le spese sono state liquidate. 2) Comune di Bitetto – “Lavori urbanizzazione primaria zona PIP di Via Abruzzese”. L‟intervento ha riguardato il completamento delle opere di urbanizzazione primaria nell‟ambito dell‟area P.I.P. approvato in zona D1 del PRG prospiciente in Via G. Abruzzese (ex Via Bari), con particolare riferimento alla viabilità, alla illuminazione pubblica, agli impianti idrici, agli impianti di scarico delle acque nere, etc. I lavori sono terminati il 10 luglio 2008. 3) Comune di Mola di Bari - “Manutenzione straordinaria e recupero funzionale del centro servizi”. L‟intervento è consistito nel recupero di un edificio di buon pregio architettonico, ma abbandonato e in un progressivo stato di degrado, attraverso interventi di manutenzione straordinaria e processi di recupero e riconversione, funzionali alla realizzazione di un Centro Servizi. I lavori sono stati ultimati il 10 febbraio 2009. 4) Comune di Sannicandro – “Realizzazione del comparto beta del PIP. e del collegamento tra l'ex ss271, la sp184 e la zona PIP” . Gli interventi hanno riguardato: Rete viaria; Rete idrica; Rete fognaria - nera e bianca; Rete di pubblica illuminazione, in collegamento con le analoghe infrastrutture in corso di completamento nel Comparto Alfa, già peraltro finanziato nell‟ambito della Misura 4.2 del P.O.R. I lavori sono stati ultimati il 25 maggio 2009. 132


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 5) Comune di Noicattaro - “Realizzazione palazzine servizi in zona P.I.P.” Il progetto riguarda la realizzazione di un “Centro Servizi” per le imprese nell‟area PIP in fase di completamento del Comune di Noicattaro, ma con valenza anche per i Comuni di Capurso, Cellamare e Rutigliano. L‟infrastruttura, a regime, prevede l‟insediamento di numerose aziende in un‟area di oltre 21 ettari di lotti edificatori nella quale l‟Amministrazione Comunale ha già avviato la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria quali la rete idrica, la rete della fogna nera e bianca, la rete di pubblica illuminazione e la rete viaria. Il Centro Servizi si articola nella costruzione di 3 corpi di fabbrica, ognuno sviluppato su due piani, con destinazioni specifiche: 1 palazzina destinata ad attività di promozione (sala conferenze, area espositiva, etc.) posizionata nell‟Area PIP, 2 palazzine posizionate sulla Statale 634 con funzioni rispettivamente di attività di ufficio, attività industriali e servizi al pubblico. I lavori sono stati ultimati il 25 maggio 2009. Opere infrastrutturali non completate 6) Comune di Mola di Bari– “Lavori di completamento della infrastrutturazione primaria area PIP” L‟intervento ha riguardato il ripristino funzionale e l‟adeguamento alle norme dell‟impianto di depurazione, dell‟impianto di pubblica illuminazione e delle celle frigorifere a servizio della zona P.I.P. – area già in parte urbanizzata, dove si registra una sensibile presenza di aziende del settore ortofrutticolo. I lavori non sono stati completati ed al 30 giugno 2009 era stata rendicontata una spesa pari a circa un terzo dell‟importo del progetto. 7) Comune di Modugno – “Collegamento tra viale De Blasio e sp.231(ex ss.98) - tratto funzionale tra sp.231 e via dei Gladioli” L‟importanza dell‟intervento per lo sviluppo produttivo dell‟area è connessa alla possibilità di consentire un collegamento immediato con l‟intero sistema autostradale, e quindi con il polo portuale e fieristico dell‟area barese. La realizzazione dell‟intervento tuttavia ha richiesto tre varianti ed i lavori sono stati sospesi ad aprile del 2009. L‟importo rendicontato era, a giugno 2009, di 1,7 milioni di euro, pari al 70% dell‟importo totale del progetto. 8) Comune di Rutigliano: “Realizzazione dell'impianto di fogna nera a servizio della zona PIP e commerciale di via Adelfia. L‟intervento del valore di 820.000 euro, non incluso inizialmente nell‟Accordo tra Amministrazioni ma inserito successivamente (fine 2007) nel PIT con parere positivo del NVVIP regionale, riguarda la realizzazione di un tronco di fognatura a servizio dell‟area P.I.P. di Rutigliano. I lavori sono stati avviati, e successivamente sospesi senza mai essere completati; a giugno 2009 era stato rendicontato un importo pari al 78% del totale. 9) Consorzio Asi - Comune di Modugno - “Collegamento tra viale De Blasio e l'autostrada”. Il progetto aveva l‟obiettivo di interconnettere all‟asse principale (Viale de Blasio) tutti i lotti produttivi già insediati o di prossimo insediamento ponendo le basi per il definitivo allacciamento all‟Autostrada A14 BO-TA, consentendo contestualmente un miglioramento della viabilità dell‟area. Dopo l‟espletamento della gara, l‟area è stata sottoposta a sequestro giudiziario dal 23.01.08 dal momento che il terreno doveva essere preventivamente bonificato. A giugno 2009 sul progetto erano stati rendicontati 43 mila euro, circa il 2% del totale dopo gara. Società dell’informazione Nell‟ambito della misura 6.2 c) Società dell‟informazione è stato realizzato un investimento di quasi 9 milioni di euro per la realizzazione dei seguenti interventi: -

Portale multicanale metropolitano (PMM): ha l‟obiettivo di favorire la cittadinanza elettronica e la democrazia elettronica lavorando nei tempi di interesse dell‟area metropolitana: decentramento, mobilità, identità, imprese, sicurezza ed ambiente. Rete dell‟identità del territorio dell‟area metropolitana di Bari (IDT): individuazione di strumenti informativi a supporto dello sviluppo della rete fra università, PA ed altri attori del territorio per valorizzare l‟identità del territorio metropolitano; Rete intercomunale per le politiche attive del lavoro (PAL): creazione di cinque centri integrati con i centri per l‟impiego, sul modello dei job centre anglosassoni nelle aree a maggiore vocazione industriale (Bari, Modugno, casa massima e Rutigliano). Rete per la sicurezza e la qualità della vita (SQV): prevede l‟ammodernamento tecnologico e l‟interconnessione delle sale operative delle polizie municipali oltre ad altri interventi di supporto; 133


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 -

Rete delle economie locali (ECO): il progetto prevede di agire a supporto dell‟economia locale tramite la condivisione di strumenti informativi e protocolli a supporto dello sviluppo del partenariato economico, il monitoraggio del sistema economico dell‟area metropolitana e l‟integrazione/cooperazione tra PA nella pianificazione dello sviluppo locale. L‟obiettivo di questi interventi (unificati in un unico progetto) è la realizzazione di un sistema tecnologico che metta in rete il territorio di Bari nelle sue varie declinazioni, costruendo un portale multicanale metropolitano il cui compito era quello di diffondere le informazioni attraverso tre canali: il digitale terrestre, il palmare e la rete internet e così dotare l‟Amministrazione comunale di un sistema di videosorveglianza completo; di una serie di telecentri sul territorio comunale; della fornitura di hardware e di un portale multicanale condiviso tra i 13 Comuni del PIT 3. Per la realizzazione dell‟intero complesso delle attività è stata espletata una gara (24 ottobre 2006) aggiudicata da SMA-Telecom (26 luglio 2007). L‟11 dicembre 2007 l‟Assemblea degli Enti del PIT ha approvato il progetto esecutivo. A gennaio 2008 è stato inoltre sottoscritto un protocollo di intesa tra comune e provincia di Bari per la realizzazione del progetto PAL – rete intercomunale delle politiche attive del lavoro. Ad agosto 2008 la Regione Puglia ha espresso parere favorevole all‟utilizzo delle economie di gara per un‟estensione del progetto23 riguardante un sistema di videosorveglianza proposto dal Consorzio ASI nell‟agglomerato industriale di Bari-Modugno. Nonostante queste azioni, vari problemi hanno caratterizzato lo sviluppo delle attività di progetto, connessi in particolare al rapporto con l‟ATI vincitrice dell‟appalto nonché alla componente organizzativa del progetto che prevedeva un rilevante utilizzo di personale interno ai Comuni, che doveva garantire l‟erogazione di una innovativa serie di servizi su scala metropolitana (soprattutto nel campo delle politiche attive del lavoro) e costituire presupposto essenziale per la gestione a regime del progetto. Dopo un primo collaudo, che aveva riguardato solo parte dell‟investimento, a dicembre 2010 è stato approvato un collaudo finale in base al quale sono state liquidate quasi tutte le risorse impegnate sul progetto24. A giugno 2011 il Comune di Bari ha dato avvio25 alla fase di gestione della piattaforma tecnologica, individuando i dirigenti ed i funzionari responsabili delle varie attività, nonché gli addetti al funzionamento dei tele centri. Internazionalizzazione In tema di internazionalizzazione, il PIT 3 ha finanziato (mis. 6.2 b, per un totale rendicontato di 3 milioni di euro) il progetto “Bamondo – ICT e conoscenza per la competitività internazionale dell‟area metropolitana di Bari”. Il bando di gara è stato pubblicato il 27 ottobre 2006 ed aggiudicato in via definitiva al RTI GMPR e Lattanzio e associati a maggio 2007. Dopo la presentazione del progetto esecutivo (luglio 2007) alla Regione e la presa d‟atto dell‟Assemblea degli Enti del PIT (ottobre 2007), il progetto, della durata di un anno, ha preso avvio formale. Il progetto Bamondo, con capofila il Comune di Bari, si è focalizzato sull‟internazionalizzazione dei settori dell‟innovazione e della società della conoscenza dell‟area metropolitana di Bari, e delle opportunità di investimento degli operatori locali in cinque paesi target: Marocco, Russia, Serbia e Montenegro e Stati Uniti d‟America, cui sono state rivolte iniziative di promozione commerciale ed investimenti, oltre che di trasferimento tecnologico e di competenza. Nell‟ambito del progetto sono stati realizzati 4 workshop informativi per l‟animazione degli operatori economici locali e per la diffusione di conoscenze nei seguenti ambiti tematici: - Strategie e processi di internazionalizzazione per le imprese ICT nell‟area metropolitana di Bari - Best practices, percorsi di eccellenza, esperienze dirette di internazionalizzazione, - Approccio ai mercati: Russia, Romania, Serbia, Montenegro, USA e Marocco. Sono stati inoltre promossi un percorso di analisi di contesto nei cinque paesi target finalizzato alla ricostruzione di un quadro generale del mercato ICT in ciascuna nazione, cinque “seminari paese” con esperti del settore ICT e cinque missioni outgoing nei territori target. Il convegno finale del progetto si è tenuto a maggio 2008 nell‟ambito del Maggio metropolitano. In base ai dati di progetto sono state coinvolte in totale 130 imprese locali nelle varie iniziative.

23

Comune di Bari, Determinazione 2008/08203. POR PUGLIA 2000/2006 Misura 6.2 azione C) - Progetto portale multicanale metropolitano nuovo intervento in area del consorzio per lo sviluppo industriale asi di bari – presa d‟atto approvazione progetto e rideterminazione quadro economico - affidamento in estensione a favore dell‟a.t.i. sma /telecom – accertamento in entrata e corrispondente impegno di spesa. 24 Comune di Bari, Determinazione 2010/07534. POR Puglia 2000-2006 – Misura 6.2 azione C) - PIT 3 – Area Metropolitana di Bari – “Società dell‟informazione” –progetti “PMM, IDT, PAL, ECO, SQV”.Approvazione certificato di collaudo tecnico-amministrativo rilasciato dalla commissione in data 07.12.2010 ad integrazione del precedente atto unico di collaudo rilasciato in data 24.05.2010 ed approvato con determinazione dirigenziale n. 2010/05293 del 02.09.2010. 25 Comunicazione del Direttore generale, prot.145723 del 14 giugno 2011.

134


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Inclusione sociale Per quanto riguarda le iniziative per legalità e sicurezza (Delibera CIPE 26/03) è stato realizzato il progetto “Il Cantiere dell‟inclusione”. Il progetto è stato presentato ad ottobre 2006 alla Regione Puglia e successivamente approvato dopo la presentazione di alcune integrazioni ad aprile 2007. L‟iniziativa, presentata dai tre Comuni capofila degli ambiti territoriali dei Piani Sociali di Zona del PIT 3 (Bari, Mola e Triggiano), si poneva l‟obiettivo di sperimentare un modello di intervento integrato per la prevenzione ed il contrasto alla violenza, attraverso percorsi di inclusione sociale fondati sull‟inserimento lavorativo delle persone coinvolte o a rischio di situazioni di violenza. Il bando per l‟affidamento del progetto è stato pubblicato ad agosto 2007, aggiudicato a novembre dello stesso anno dall‟ATI Consorzio Meridia e Consorzio Elpendù. Il progetto esecutivo ha dato particolare attenzione a donne e minori del territorio vittime di abuso, maltrattamento e violenza fisica e psicologica, individuati in collaborazione con i servizi sociali, per i quali è stato realizzato un servizio di ascolto-intervento e la definizione di un progetto personalizzato di inserimento lavorativo e sociale. Nell‟ambito del progetto è stato sviluppato il sito internet: http://www.cantieredellinclusione.org, con informazioni sulle modalità organizzative ed operative del progetto, riferimenti normativi e istituzionali sul tema della violenza, ecc. Le attività di progetto si sono concluse a dicembre 2009. Progetti non attuati: il Polo tecnologico Il Programma del PIT 3 prevedeva anche una voce di finanziamento dedicata alla creazione di un polo tecnologico, a valere sulla misura 3.13 per un importo di 935.000 euro. Il progetto era stato approvato dall‟assemblea dei sindaci del PIT a gennaio del 2007 e successivamente presentato alla Regione, che aveva richiesto tramite il NVVIP varie integrazioni e modifiche fino alla presentazione del progetto definitivo, ad agosto 2007, e all‟ammissione a finanziamento (ottobre 2007). A novembre 2007 è stato pubblicato il bando di gara per la selezione dell‟Organismo preposto all‟esecuzione della progettazione esecutiva, l‟avvio e la gestione del Polo tecnologico “ICT, Servizi innovativi di rete e logistica, trasporti, mobilità” dell‟area metropolitana di Bari. L‟unica proposta ricevuta, tuttavia, non è stata valutata positivamente dalla Commissione di gara, riunita il 29 gennaio 2008, ed il finanziamento sulla misura 3.13 è stato quindi revocato dalla Regione. Tabella 4 I progetti gestiti dall’Ufficio unico del PIT 3 e i finanziamenti ottenuti Misura/azione

Progetto

CIPE 26/2003

Progetto Il Cantiere dell‟inclusione

3.13

Polo tecnologico

6.2 b

Finanziamento quota pubblica

Cofinanziamento

Spesa liquidata a giugno 2010

Situazione a settembre 2010

478.000

-

nd

Completato

935.000

-

0

Abbandonato

Progetto Bamondo

3.316.240 (dopo gara)

-

3.112.497

Completato

6.2 c

Società dell‟informazione

8.975.598 (dopo estensione contrattuale)

-

5.902.795

in fase di completamento

4.2

Comune di Triggiano: Realizzazione opere stradali e di illuminazione in zona PIP

658.797 (dopo gara)

241.203

553.619

Completato

4.2

Comune di Bitetto: Urbanizzazione primaria zona pip via abruzzese

1.028.500

181.500

889.092

Completato

4.2

Comune di Mola di Bari: Manutenzione straordinaria e recupero funzionale del centro servizi

570.104

320.000

850.315

Completato

4.2

Comune di Sannicandro: realizzazione del comparto beta del PIP e del collegamento tra l‟ex ss 271 la sp 184 e la zona pip

3.458.265

314.735

2.858.478

Completato

4.2

Comune di Noicattaro: Realizzazione palazzine servizi in zona PIP

2.418.000

682.000

2.172.215

Completato

4.2

Comune di Mola di Bari: completamento infrastrutturazione primaria area PIP

989.896

120.000

361.401

Non completato

DGR 1006/12/7/06

135


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 4.2

Consorzio ASI - Comune di Modugno: Collegamento tra viale De Blasio e sp 231 tratto funzionale

1.800.000

400.000

1.707.991

Non completato

4.2

Comune di Rutigliano: Realizzazione dell‟impianto di fogna nera a servizio della zona PIP e commerciale di via Adelfia

820.250

144.750

650.217

Non completato

4.2

Consorzio ASI – Comune di Modugno: Collegamento tra viale De Blasio e l‟autostrada

815.000

275.000

43.893

Non avviato

6.1

Piattaforma logistica di III livello Area Metropolitana dei Comuni di Bari e Triggiano – Mercato Agricolo Alimentare MAAB scarl

6.220.560,83

10.080.699,22

16.887.985

Completato ma non operativo

12.759.887

€ 35.990.498,19

Totale

32.484.211

Fonte: nostre elaborazioni da Relazione di dettaglio delle attività progettuali al 28 settembre 2010, Ufficio unico del PIT 3

Pacchetti integrati di agevolazioni Nel 2005 è stato approvato l‟avviso pubblico26 relativo alla misura 3.13 dei Programmi Integrati di Agevolazioni del PIT 3, impegnando sulla misura un importo complessivo di 1.512.857 euro. A questa somma sono state successivamente aggiunte risorse pari a 14.984.286 euro, impegnate in base all‟atto dirigenziale n. 454 del 23 maggio 2006 a valere sulle misure 4.1 e 3.13. Ad ottobre 2006 sono state approvate le risultanze dell‟attività istruttoria27, che hanno ammesso 13 manifestazioni di interesse alla presentazione del progetto esecutivo e ne hanno escluse 7. Di seguito il prospetto riepilogativo: Tabella 5 Ammessi e non ammessi ai PIA del PIT 3 Proponenti ammessi

Proponenti non ammessi

1

Consorzio CARMA

1

Consorzio Agrifuels

2

Consorzio Integra

2

Costituendo Consorzio Servizi Elab-Dati-Log

3

Masmec srl

3

Costituendo Consorzio FGS

4

Consorzio Apulia Biotech scarl

4

Consorzio Intec Scarl

5

Consorzio servizi televisivi co.s.te.

5

Costituendo Consorzio Intermedia

6

B e b ingg spa

6

Costituendo Consorzio ICT

7

Consorzio Dcontentware

7

Consorzio EDP Agro Turismo Pugliese

8

Consorzio Net Agile

9

Consorzio sdb

10

Consorzio web development

11

Thermocold Costruzioni srl

12

Consorzio Ludi

13

Consorzio Orbicolare

Fonte: Puglia Sviluppo

Nel corso del procedimento sono intervenute mancate presentazioni del progetto analitico, rinunce, esclusioni o mancate presentazioni della rendicontazione delle spese per quattro proponenti (B e B Ingg S.p.A., Consorzio Web Development, Thermocold Costruzioni S.r.l., Consorzio Ludi). Il Consorzio Intermedia, inizialmente escluso, è stato riammesso a seguito di sentenza del Consiglio di Stato. Il totale dei beneficiari del PIA per il PIT 3 è quindi pari a 10. Non sono al momento disponibili ulteriori informazioni sulle caratteristiche, gli esiti e l‟ammontare finanziato delle relative operazioni. Formazione Nell‟ambito della misura 3.7 Formazione superiore (azione 3.7d.1) - “borse di studio” ed azione 3.7e) “promozione e sostegno di filiere formative in forte connessione con il mercato del lavoro”) sono stati approvati, in base alla DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, 4 master per un totale di 1,2 milioni di euro 26 27

Determina n. 1848 del 21 novembre 2005. Determinazione del dirigente del settore Industria, 17 ottobre 2006, n. 1448.

136


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 equamente ripartiti tra le iniziative descritte nella tabella seguente. Ogni master prevedeva la partecipazione di 20 allievi. Tabella 6 I master attivati nell’ambito del PIT 3 Titolo master

Sede di svolgimento

Allievi previsti

costo

Tecnici specialisti nella introduzione e gestione delle innovazioni tecnologiche nei settori della trasformazione e distribuzione dei prodotti agro-alimentari pugliesi e baresi in particolare

Università degli Studi di Bari – Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Estimo e Pianificazione rurale

20

300.000

Management dei trasporti e della logistica integrata

Università IULM Jean Monnet

20

300.000

Innovazione tecnologica nella meccatronica

Politecnico di Bari

20

300.000

Innovazione tecnologica nella gestione del patrimonio edilizio

Politecnico di Bari

20

300.000

Il master del Politecnico di Bari in Innovazione tecnologica nella meccatronica, dedicato ai laureati in ingegneria, con preferenza ai residenti nel territorio del PIT 3, prevedeva un percorso formativo di 14 mesi di durata complessiva, 400 ore di lezione e laboratori in aula, 500 ore di stage aziendale e 850 ore di studio individuale per un totale di 70 crediti formativi universitari. Il master per tecnici specialisti nelle innovazioni tecnologiche nella trasformazione e distribuzione dei prodotti agroalimentari pugliesi, prevedeva 60 cfu per 1500 ore complessive di attività ed era dedicato in particolare ai laureati in scienze agrarie e forestali. Il master della Lum – università Jean Monnet di Casamassima in management dei trasporti e della logistica integrata era articolato in 1500 ore complessive di attività nell‟arco di 12 mesi, per un totale di 60 cfu. E dedicato ai laureati in discipline economiche, tecnico-scientifiche o giuridiche con preferenza ai residenti nell‟area del territorio PIT 3. Il master del Politecnico di Bari in “innovazione tecnologica nella gestione del patrimonio edilizio – MIPE” è infine dedicato ai laureati in ingegneria o architettura per un percorso corrispondente a 70 cfu. Ogni master ha dato titolo ai 20 partecipanti di ottenere una borsa di studio pari a 3500 euro lordi. Non sono attualmente disponibili informazioni relative alle altre attività di formazione realizzate nell‟ambito del PIT 3, che comunque hanno riguardato interventi sulle seguenti azioni: Misura 3.14 azione b): Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro - Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata; o Misura 3.14 azione e): Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici; o Misura 6.4 azione b)Risorse Umane e Società dell‟Informazione - Interventi di formazione superiore destinati ai residenti in uno dei Comuni di localizzazione dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). o

2.3.1

Progetti significativi

I progetti di maggiore valore finanziario, gestiti a livello locale sono: -

lo spostamento del MAAB – Mercato Agroalimentare di Bari (16 milioni di euro, di cui oltre 10 a carico di una società appositamente costituita dalla CCIAA di Bari), gli interventi in tema di società dell‟informazione (quasi 9 milioni di euro per la realizzazione di un portale multicanale metropolitano), un‟opera infrastrutturale nell‟area PIP del Comune di Sannicandro (3,4 milioni di euro) il progetto di internazionalizzazione Bamondo (3,3 milioni di euro).

137


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

La vicenda del PIT 3 è legata, almeno nella fase iniziale, alla riflessione sull‟area metropolitana e quindi al ruolo del Comune di Bari come capofila dei Comuni contermini. La leadership del Comune di Bari non è mai stata messa in discussione ed è evidente sia a livello politico, con il ruolo propulsore dell‟allora vice sindaco Egidio Pani, nella giunta Di Cagno Abbrescia, che ha guidato il partenariato politico nella fase di predisposizione del Programma, sia a livello tecnico con il ruolo della burocrazia comunale che ha gestito i lavori di implementazione del PIT tramite l‟Ufficio unico. Il vice-sindaco Pani ha pertanto rivestito il ruolo di promotore-regista del processo decisionale sul PIT, mentre la struttura burocratica del Comune, tramite l‟Ufficio Unico, ne ha gestito la fase attuativa coordinando le attività degli uffici tecnici dei comuni partner, per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali puntuali, e gestendo alcuni progetti di tipo sovra locale. Tra questi, i Comuni di Bari, Mola e Triggiano in qualità di capofila dei piani sociali di zona hanno promosso il progetto “Il cantiere dell‟inclusione”. La riflessione sul ruolo di Bari e sulla delimitazione dell‟area metropolitana ha peraltro improntato le dinamiche di interlocuzione tra Comune e Regione ad un certo grado di conflittualità. Il confronto, secondo le interviste effettuate, si è appuntato in particolare sulla formula di gestione prescelta dalla Regione per la gestione del PIT, e, poi, sui tempi per l‟avvio del progetto di area vasta; in entrambi i casi la Regione non ha riconosciuto – secondo l‟opinione degli intervistati – un ruolo adeguato alla rilevanza e alle capacità del Comune nell‟autonoma definizione delle strutture e nella promozione di partnership e progettazione a livello locale, svolgendo un ruolo che, se non può essere definito di vera e propria “opposizione” alla leadership del Comune, tuttavia neppure ne ha facilitato le attività. In alcuni casi ad esempio la Regione ha svolto un ruolo di gatekeeper del processo di attuazione: in più di un‟occasione infatti le sue strutture hanno bloccato l‟avanzamento di alcuni progetti che non garantivano il possesso dei requisiti di fondo previsti per il PIT. Tra questi spicca il grande progetto dello spostamento del mercato agricolo-alimentare - MAAB, promosso dalla Camera di Commercio di Bari e con il forte risalto della figura del suo presidente Farace. Il progetto, la cui nascita risale a ben prima dell‟avvio del PIT, ha perso strada facendo le caratteristiche di integrazione con l‟idea forza– in particolare per il ritiro dal finanziamento da parte delle Ferrovie del Sud Est che ne ha compromesso la valenza logistica – e tuttavia la Camera di Commercio è riuscita a superare il concreto rischio di de-finanziamento espresso da parte della Regione. Il conflitto tra Regione e il presidente della Camera di Commercio ha visto sviluppi recenti in occasione del rinnovo degli organi camerali.28 Le interviste effettuate permettono di osservare che il ruolo del partenariato economico nell‟ambito del PIT è stato altalenante. Dal punto di vista della composizione, il partenariato economico del PIT 3 includeva soggetti di rilevanza sovra locale, tra cui RFI e Ferrovie del Sud Est, la Società autostrade, Anas, ed altri prevalentemente coinvolti in alcune delle operazioni di tipo infrastrutturale. D‟altra parte, proprio le operazioni che riguardavano tali attori sono quelle che hanno subito le maggiori difficoltà, con particolare riguardo agli interventi sull‟intermodalità del mercato agro-alimentare. La stessa difficoltà sembra caratterizzare il progetto sull‟informatizzazione che ha visto il coinvolgimento di Telecom Italia spa quale soggetto affidatario. Sulla base delle prime interviste effettuate ad alcuni imprenditori locali, altre riflessioni possono essere avanzate sul ruolo degli attori economici del territorio. Se l‟idea strategica del PIT da un lato promuoveva con decisione l‟idea dello sviluppo dell‟impresa locale, puntando sull‟internazionalizzazione e sull‟ICT, dall‟altro le modalità con cui le strategie sono state attuate non sono riuscite a convincere pienamente gli attori economici il cui ruolo ha assunto progressivamente una posizione di secondo piano. Le interviste effettuate hanno ad esempio sottolineato come il tema dell‟ICT sia stato trattato come uno strumento e non come un settore di sviluppo del territorio, con soluzioni poco rispondenti allo sviluppo di un comparto, pur esistente nell‟area; d‟altra parte, gli strumenti innovativi quali i PIA, se pure apprezzati nella logica generale, hanno richiesto oneri amministrativi eccessivi che hanno affaticato o scoraggiato le imprese. Il coinvolgimento di attori di tipo sociale è avvenuto prevalentemente nell‟ambito del progetto in tema di inclusione sociale. In questo progetto sono intervenuti due consorzi sociali (Merida e Elpindù) che hanno

28

Corriere del Mezzogiorno, “Camera di Commercio, vince Farace. Il Tar boccia la decisione di Vendola. Accolto il ricorso della Federcommercio: riavrà i 7 seggi in vista del rinnovo dell'Ente. Il governatore è deluso”, 9 settembre 2010.

138


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 collaborato con i tre piani sociali di zona dei comuni promotori per la realizzazione di iniziative contro la violenza sulle donne e l‟esclusione sociale. Tabella 7 Gli attori coinvolti nel PIT3 area metropolitana di Bari Politici

Burocratici

Esperti

Nazionale

Economici

Sociali

Gruppo Telecom RFI Società autostrade Anas spa FAL Ferrotranviaria

Regionale

Provinciale

Vice-sindaco del Comune di Bari

Regione Puglia

Ferrovie del Sud Est

Autorità portuale

Fiera del Levante

Provincia di Bari CCIAA di Bari Piano sociale di zona

Università degli Studi di Bari

Politecnico di Bari

ASI, API, Assindustria, CGIL, CISL, UIL, CNA, Confartigianato Acquedotto pugliese spa

LUM Tecnopolis Locale

Sindaci dei Comuni dell’area

Comune di Bari

Consorzio Merida

Ufficio unico PIT

Consorzio Elpendù

Uffici tecnici comunali Servizi sociali

2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

Il Comune di Bari è il soggetto capofila dell‟Associazione tra Enti del PIT 3, che comprende altri 15 Comuni limitrofi, ed è il soggetto giuridico responsabile dell‟attuazione del PIT attraverso l‟Ufficio Unico. Quest‟ultimo è stato costituito con l‟Accordo tra Amministrazioni del giugno 2005, sottoscritto da 15 Enti aderenti, e collocato presso il Comune di Bari. Il processo di costituzione dell‟Ufficio unico è stato denso di criticità ed ha visto il protrarsi di una lunga querelle tra Comune di Bari e Regione Puglia. I rappresentanti amministrativi e politici del Comune hanno a lungo contestato la formula dell‟Ufficio unico prescelta dalla Regione, in particolare per quanto riguardava la legittimità delle competenze connesse alle procedure di tipo infrastrutturale. In proposito, l‟allora assessore con delega al PIT, Senatrice Dentamaro, aveva evidenziato29, con riferimento ai compiti attribuiti all‟ufficio unico del PIT per la realizzazione delle opere pubbliche “che all‟eventuale adozione di procedure illegittime si collega la prevedibile insorgenza di contenzioso (proprietari espropriati, imprese escluse dall‟affidamento, ecc) con rilevanti implicazioni in termini di impegni finanziari e di responsabilità giuridica, oltre che di credibilitù politica per il Comune capofila”. L‟assemblea degli Enti aderenti al PIT 3, in conseguenza di tali criticità, aveva sottoscritto un documento che “rivendicava l‟autonomia da parte dei PIT ad organizzare le deleghe e le successive procedure in base al principio di legalità” ed affidava (deliberazione n. 4 del 6 ottobre 2005) alla Provincia di Bari le funzioni di stazione unica appaltante per l‟acquisizione di beni e servizi funzionali alla realizzazione dei progetti finanziati con la misura 6.2. Questa decisione è stata poi rigettata dal Comitato di Sorveglianza del POR Puglia, il 24 29

Comune di Bari, nota prot. 144928/1/16 del 13 giugno 2005.

139


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 luglio 2006; ha fatto seguito quindi l‟attribuzione delle deleghe previste all‟Ufficio unico del Comune di Bari, abbandonando l‟ipotesi del coinvolgimento della Provincia. Questo dibattito, protratto per circa un anno, ha tuttavia rallentato la costituzione dell‟Ufficio unico del PIT 3 presso il Comune di Bari, cui si aggiungeva anche il percorso di riorganizzazione interna che solo nel 2007 avrebbe portato alla costituzione di una struttura dedicata alle politiche strutturali. Per i primi tre anni, infatti, l‟Ufficio unico del PIT 3 è stato affidato al dirigente del controllo di gestione, che comunque continuava a seguire le attività del suo ufficio oltre ad altri incarichi, ed una struttura di supporto decisamente inadeguata sia sotto il profilo numerico sia professionale. Solo nel 2007, dopo la costituzione della Ripartizione Strategie Metropolitane (poi Ripartizione Programmazione Economica e Politiche Strutturali) del Comune di Bari la responsabilità del PIT è stata affidata al dirigente della nuova struttura. Complessivamente, l‟Ufficio unico del PIT è stato diretto da quattro pit manager nel corso del tempo: il primo dirigente, Michele Pagone, ha seguito i lavori nella fase di predisposizione della candidatura e fino al 2004; dal 2004 al 2007 la funzione è stata attribuita ad un altro dirigente del Comune di Bari, Mario Marchillo; successivamente è stato incaricato Francesco Ficarella, attuale Direttore della Ripartizione Programmazione Economica e Politiche Strutturali presso il Comune di Bari, che ha seguito i lavori fino a marzo 2011. Lo stesso dirigente è stato anche il referente dell‟Ufficio Unico del Piano Strategico Metropoli Terra di Bari nella, incarico poi affidato all‟ing. Vito Nitti. Attualmente, il PIT manager è Pierina Nardulli, nuovo dirigente della Ripartizione Programmazione economica. Dal punto di vista della dotazione organica, l‟Accordo tra Amministrazioni del 2005 non aveva previsto il distacco di personale presso l‟Ufficio unico ma forme di compartecipazione economica alla sua gestione. Per le opere infrastrutturali, gli uffici tecnici dei singoli comuni beneficiari degli interventi hanno assunto il ruolo di responsabile unico del procedimento, così come gli uffici competenti della CCIAA di Bari per quanto riguarda il progetto di piattaforma logistica di III livello. Di fatto, la struttura operativa dell‟Ufficio unico del PIT 3 ha inizialmente operato senza l‟affidamento di collaboratori oltre al PIT manager. La struttura si è avvalsa nella fase progettuale dello staff del sindaco ed in particolare del dott. Roberto Lorusso nonché del supporto dello staff Informatizzazione dell‟Ente. Solo a fine 2007 sono state attivate 5 collaborazioni coordinate e continuative per la rendicontazione dei progetti fino al 2008. Per quanto riguarda le spese di funzionamento dell‟Ufficio unico, la dotazione del fondo di funzionamento dell‟Ufficio unico del PIT 3 Area metropolitana di Bari tra il 2007 ed il 20078 era pari a 46.000 euro di cui 23.770 utilizzati, tramite affidamento di incarico ad una società di servizi per attività di project management sulla misura 4.2 (affidamento alla FORMIT SERVIZI S.P.A). Nella fase di esecuzione il PIT manager è stato assistito da 5 corresponsabili per la gestione delle attività connesse ai progetti in tema di società dell‟informazione (Responsabile Tecnico Esecuzione del Contratto Ing. De Padova Aniello - Funzionario; Responsabile del Portale Multicanale Metropolitano e Rete delle Identità del Territorio – Dott. Cantatore Antonio – Dir. Rip. Informatizzazione; Responsabile della Rete delle Economie Locali – Dott. Marzulli Nicola Dir. Ripartizione Sviluppo Economico; Responsabile delle Politiche Attive del Lavoro – Rag. Lacarra Francesco – Funzionario POS Politiche Attive del Lavoro – Solidarietà Sociale; Responsabile della Rete Sicurezza e Qualità della Vita – Dott. Donati Stefano Comandante Polizia Municipale) ed una unità operativa (Lorusso Giancarlo, Dipendente in forza presso la Rip. Programmazione Economica Comune di Bari). Per le azioni a valere sulla misura 4.2, l‟ufficio unico si è avvalso della collaborazione di un funzionario amministrativo (De Lorenzo Letizia – dipendentepresso la Rip. Programmazione Economica Comune di Bari). La struttura si è avvalsa inoltre di due unità di personale per il supporto alle attività di rendicontazione tramite il sistema MIRWEB, entrambe in forza alla Ripartizione Programmazione Economica. L‟Ufficio unico del PIT ha trovato parziale continuità nella creazione dell‟Ufficio Unico del Piano Strategico Metropoli Terra di Bari, coordinato dal PIT manager del PIT e collocato presso la medesima struttura Ripartizione Programmazione Economica e Politiche Strutturali. 2.6

Output realizzati

Le informazioni attualmente disponibili – relative unicamente alle attività del PIT di competenza dell‟Ufficio unico – sembrano mostrare un livello di output inferiore alle aspettative, a causa del mancato completamento di alcuni progetti infrastrutturali, della parziale modifica del progetto “piattaforma logistica 140


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 di III livello”, del mancato collaudo dei portali previsti nell‟intervento sulla società dell‟informazione e dell‟abbandono del progetto che prevedeva la creazione di un polo tecnologico. I principali output realizzati riguardano: -

2.7

realizzazione del primo lotto relativo alla piattaforma logistica di III livello – mercato agroalimentare di Bari (galleria commerciale con 16 unità operative ed una cella frigorifera); Le opere infrastrutturali per le zone PIP di Triggiano, Bitetto, Sannicandro e Noicattaro (si vedano i dettagli nel paragrafo 1.2.2) Il recupero di un edificio di pregio del Comune di Mola di Bari, da destinare a centro servizi, Avanzamenti relativi alle opere viarie nel Comune di Modugno e della realizzazione della fogna nera nel Comune di Rutigliano, che non risultavano completate a giugno 2010; L‟allestimento del portale informativo del piano strategico metropolitano Ba2015; I prodotti del progetto Bamondo (internazionalizzazione): analisi di contesto dei 5 paesi target, 4 workshop informativi/di animazione, 5 seminari paese, 5 missioni outgoing, un convegno finale nell‟ambito del Maggio metropolitano. Le imprese coinvolte nelle attività sono state, in totale, 130. Il Cantiere dell‟inclusione ha raccolto la disponibilità da parte di 45 aziende del territorio ad accogliere al loro interno percorsi integrati di inserimento al lavoro per 33 persone. I destinatari sono stati individuati a partire da un gruppo di persone segnalate dai servizi sociali e attraverso un percorso di colloqui successivi finalizzati a verificarne l‟inseribilità in percorsi lavorativi, con il supporto di tutor. Il progetto ha inotre organizzato tre laboratori scolastici sperimentali per sensibilizzare il territorio alle tematiche della violenza di genere e minorile e seminari e convegni sui temi inerenti il progetto. Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Il Protocollo di intesa tra i rappresentanti del Piano strategico Metropoli Terra di Bari è stato sottoscritto ad ottobre 2006, tra la Provincia ed i rappresentanti dei Comuni aderenti al Piano. La coalizione di sostegno al Piano strategico amplia il partenariato del PIT, raddoppiando il numero di comuni aderenti da 15 a 31 30 – attraendo, quindi, numerose Amministrazioni che nella precedente ripartizione erano state incluse in differenti ripartizioni territoriali. In quest‟occasione vengono costituiti i principali organi del PSMTB: il Consiglio Metropolitano che, composto dal Presidente della Provincia di Bari e dai Sindaci dei comuni dell‟aggregazione, ha il compito di promuovere la preparazione e l‟attuazione del PS fornendone gli indirizzi e le linee guida; la Cabina di Regia costituita inizialmente dal Presidente della Provincia di Bari e dai Sindaci dei comuni capofila, avente funzioni di pianificazione e coordinamento del lavoro; il Comitato Scientifico composto da esperti nazionali e internazionali di diversi settori ritenuti „strategici‟ per lo sviluppo della MTB; lo Staff di Ricerca e sviluppo per la progettazione e programmazione, comprendente esperti under 35 nelle diverse discipline, con il compito di allestire progetti, studi di fattibilità e ricerche di settore; la Struttura per la Partecipazione Attiva per la organizzazione della democrazia partecipata; i Forum metropolitani che, costituiti dai principali rappresentanti degli interessi pubblici, sono chiamati ad analizzare e ad approvare sia i documenti intermedi del PS, sia il Documento finale dello stesso. 19 Forum metropolitani sono stati organizzati nel 2007 ed hanno visto il coinvolgimento di oltre 1000 interlocutori. La Mission del Piano strategico di Bari è articolata su tre elementi chiave: a) “Una Metropoli policentrica e sostenibile, proiettata verso il Mediterraneo che integra città, paesaggio rurale e costiero”; b) “Una rete di città coesa, creativa, attrattiva proiettata verso il Mediterraneo”; c) “Una Unione di Comuni efficiente, partecipata e trasparente”.

30

Si tratta dei Comuni di Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Bari, Binetto, Bitetto, Bitonto, Bitritto, Capurso, Casamassima, Cassano delle Murge, Cellamare, Conversano, Corato, Gioia del Colle, Giovinazzo, Grumo Appula, Modugno, Mola di Bari, Molfetta, Noicattaro, Palo del Colle, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Sammichele di Bari, Sannicandro, Terlizzi, Toritto, Triggiano, Turi, Valenzano. Il Comune di Polignano a Mare aderisce al Piano Strategico a settembre 2007.

141


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Dalla mission così articolata derivano i venti programmi strategici in cui si articolano oltre ottocento azioni che costituiscono il Parco progetti metropolitano, da implementare con la compartecipazione di tutte le forze economiche, politiche e sociali che hanno contribuito alla loro stessa redazione. Rispetto ai contenuti del PIT, evidentemente il piano strategico amplia di molto il fuoco della strategia intervenendo su elementi e fattori di sviluppo di varia natura: la mobilità sostenibile, l‟ambiente ed il territorio, l‟efficienza energetica, l‟economia, la cultura, l‟inclusione sociale, la governance metropolitana. Vi sono alcuni elementi di continuità, in particolare sui temi della sicurezza, con l‟estensione di un Sistema Integrato per la Cooperazione e Sicurezza dai 15 comuni del PIT ai 31 dell‟area metropolitana, con la riconferma dell‟intervento sul tema dello sviluppo dei mercati e della logistica, sui temi dell‟internazionalizzazione delle imprese, sui temi dell‟ict come strumento di sviluppo delle imprese e di marketing territoriale.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Il PIT 3 Area metropolitana di Bari si è sviluppato intorno ad un‟idea forza coerente – lo sviluppo dell‟area come nodo di funzioni e servizi – sintetizzata nell‟immagine della “città connessa, a forte identità culturale” e rilevante per l‟area barese, candidata all‟epoca della predisposizione del PIT ad interpretare il nuovo ruolo di capofila dell‟area metropolitana, e intenzionata a valorizzare gli asset infrastrutturali e produttivi del territorio. Un forte accento nell‟ambito del PIT è stato dato all‟ICT, inteso però non come settore economico da sostenere in quanto “leva” per la crescita del valore aggiunto del territorio, quanto come strumento a supporto dell‟interconnessione delle risorse interne, siano esse imprese, istituzioni, società. Si tratta di una scelta che ha ampliato in modo significativo il campo degli interventi “possibili” nell‟ambito della progettazione integrata, portando ad una diluizione progressiva della sua valenza nella traduzione nella pratica. Alcuni dei punti di riflessione del PIT in tema di interconnessione sono stati ripresi anche nella progettazione dell‟area vasta, sebbene non costituiscano più il “cuore” del piano strategico. 3.2

Integrazione dei progetti

I progetti inseriti nel Programma del PIT sono generalmente coerenti con l‟idea di sviluppare l‟area come nodo di funzioni e servizi. Molti progetti sono infatti riferiti al rafforzamento dell‟intermodalità, allo sviluppo di servizi di area vasta, alla messa in rete di risorse anche se l‟effettiva integrazione tra i progetti stessi non è particolarmente significativa. Tali progetti fanno riferimento a una vasta gamma di policies– trasporti, ict, internazionalizzazione, commercio, formazione – interpretate prevalentemente in modo settoriale. In estrema sintesi, i progetti appaiono coerenti con l‟idea forza dello sviluppo di reti e nodi di servizio, ma i loro ambiti di interconnessione sono abbastanza limitati: tra questi spicca il tema della logistica e delle merci, che caratterizza sia alcuni degli interventi di tipo infrastrutturale sia gli interventi di formazione. Altre considerazioni sul PIT 3 derivano dall‟osservazione del processo di policy e distinguendo tra fase decisionale e fase attuativa dal punto di vista dell‟integrazione verticale, orizzontale e finanziaria. Integrazione multilivello: i progetti del PIT coinvolgono – in fase decisionale – attori di livello locale e sovra locale, con la significativa presenza di attori economici di livello nazionale. In fase attuativa però non tutti questi attori confermano la propria collaborazione agli interventi oppure sono fonte di criticità. Integrazione orizzontale: una quota rilevante dei finanziamenti del PIT (circa il 60% sul totale degli interventi gestiti a livello locale) riguardano interventi di rete, tali cioè da interessare una buona parte o tutti i partner istituzionali dell‟area. Tuttavia in fase attuativa alcuni di questi interventi, in particolare sulla società dell‟informazione, non sembrano essersi tradotti ancora in risultati concreti anche per motivi connessi alla componente organizzativa relativa al personale comunale da dedicare operativamente alla gestione dei servizi. Integrazione finanziaria: a livello progettuale la quota di cofinanziamento risulta piuttosto rilevante, confermata anche in fase attuativa per quanto riguarda il progetto promosso dalla CCIAA di Bari (in cui la 142


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 quota di cofinanziamento è maggiore della quota fesr), ma ridotta invece da parte di altri partner (ferrovie del sud est). 3.3

Integrazione degli attori

Il processo decisionale per la definizione del PIT 3 Area metropolitana di Bari ha mostrato il ruolo di leadership politica e amministrativa del Comune di Bari rispetto ai partner istituzionali. Questa leadership non sembra sostanzialmente essere stata mai messa in discussione e ha portato, con l‟area vasta, al raddoppio degli aderenti istituzionali al piano strategico promosso da Bari. Il network di attori del PIT 3 è stato più complesso e cooperativo in fase di programmazione che in fase di attuazione. Nella prima fase hanno partecipato alla definizione della proposta progettuale sia attori politicoistituzionali (prevalentemente di livello regionale o sub regionale), sia attori economici (con la significativa presenta di soggetti di rilevanza nazionale, come Telecom o RFI), sia esperti di livello regionale (Tecnopolis, Università). In base alle interviste effettuate questa fase non ha mostrato elementi di particolare criticità ed è stata improntata ad una buona cooperazione. A livello attuativo si conferma il partenariato istituzionale, con il ruolo significativo della CCIAA di Bari come promotrice del maggiore progetto dal punto di vista della rilevanza finanziaria, ed alcuni, talvolta rilevanti punti di contrasto tra Comune di Bari e Regione. Il ruolo degli attori economici mostra defezioni rispetto agli impegni presi o suggerisce il sorgere di elementi di tensione sul merito dell‟attuazione. In questa fase tuttavia, grazie al progetto sull‟inclusione sociale, si aggiungono al processo di attuazione del PIT anche alcuni attori di tipo sociale che non avevano partecipato alla fase decisionale. 3.4

Capacità di spesa

In base alle informazioni disponibili, a settembre 2010 risultava liquidata una spesa pari a circa l‟80% degli impegni sui progetti gestiti dall‟Ufficio unico; tale spesa dovrebbe essere cresciuta in conseguenza dell‟avvenuto collaudo di una quota parte (circa 3 milioni di euro) dell‟intervento in tema di società dell‟informazione, a dicembre 2010. In alcuni casi sono state utilizzate le riserve derivanti da ribassi d‟asta, per finanziare nuovi interventi. E‟ stato invece cancellato il contributo per la realizzazione del Polo tecnologico a causa dell‟inadeguatezza dell‟unica proposta pervenuta a seguito del bando.

4

Interviste effettuate 1. Vincenzo Ficarella, pit manager, 29 settembre 2010 2. Letizia Di Lorenzo, funzionario amministrativo dell‟Ufficio Unico, 29 settembre 2010 3. Egidio Pani, ex vicesindaco del Comune di Bari, 29 settembre 2010 4. Carlo L‟Arab, funzionario del Comune di Bari, 29 settembre 2010 5. Cristina di Pierro, Comune di Bari, 29 settembre 2010 6. Calafiore, funzionario CCIAA di Bari, 30 settembre 2010 7. Vito Santacesaria (imprenditore), 30.9.2010 8. Gianni Sebastiano (imprenditore), 30.9.2010 9. Mario Marchillo, pit manager, 11 maggio 2011 10. Vito Nitti, responsabile Area Vasta, 11 maggio 2011

143


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 4 – Area della Murgia Tabella 1- Anagrafica di progetto Comune capofila Enti aderenti all‟accordo

Tot comuni aderenti Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia Localizzazione ufficio unico PIT Manager Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

1

Santeramo in Colle Comuni di: Acquaviva delle Fonti, Altamura, Cassano delle Murge, Ginosa (TA), Gioia del Colle, Gravina in Puglia, Grumo Appula, Minervino Murge, Poggiorsini, Sammichele di Bari, Santeramo in Colle, Spinazzola, Toritto, Turi Provincia di Bari Provincia di Taranto 14 29 giugno 2005 Comune di Santeramo Irene Giordano (2005-07) Lorenzo Lanzolla (2007) Anna Zingarello (2008-10) 273.786 abitanti

La vicenda

Il PIT 4 Area della Murgia è composto da 14 Comuni, tutti in Provincia di Bari eccetto Ginosa (TA), oltre alle Province di Bari e Taranto. La perimetrazione del PIT 4 copre gran parte dell‟area murgiana, un territorio che si colloca nell‟entroterra pugliese e confina da una parte con l‟area metropolitana di Bari e dall‟altra con la Basilicata. A partire dalla fine degli anni novanta l‟area ha sperimentato diversi iniziative di programmazione complessa rivolte allo sviluppo del territorio, cui hanno partecipato molti comuni della futura aggregazione del PIT. Particolare rilevanza assume, in questo quadro, l‟esperienza del Patto territoriale Murgiano. Le iniziative integrate sviluppate nell‟area sono state: -

il POM sui distretti agroalimentari finanziati dalla programmazione 1994-99, coinvolgendo tutti i comuni dell‟area caratterizzati da una più rilevante attività agricola (Gravina, Spinazzola, Minervino Murge) ed il Gal “Polis rurale”, - il Programma Leader con la promozione del GAL “L‟Uomo di Altamura” (per i comuni di Altamura e Toritto), - il Patto Territoriale Murgiano, stipulato il 7 maggio 1999 a Cassano delle Murge per 27 miliardi di lire (cui si aggiungono, con un protocollo aggiuntivo del 2001, 37 milioni di euro), che ha interessato numerosi comuni dell‟area (Acquaviva, Altamura, Cassano, Gioia del Colle, Gravina, Grumo, Poggiorsini, Toritto, Santeramo). Il Patto deriva dal POM e conduce poi alla promozione del Patto Agricolo murgiano (2002) e del Patto Territoriale Sociale. - il PRUSST “Accompagnare lo sviluppo”, approvato nel 2001 per la realizzazione di opere infrastrutturali a servizio delle attività produttive industriali, agricole e turistiche; Nel corso della programmazione 2000-06 i comuni del PIT hanno inoltre preso parte a vari PIS per la realizzazione e promozione di itinerari storico-culturali: il PIS itinerario Habitat Rupestri, il PIS Itinerario Normanno Svevo Angioino, il PIS Itinerario normanno svevo angioino, il PIS Itinerario Barocco pugliese. Gli avvenimenti legati alla prima proposta di realizzazione del PIT non sono ricostruibili nei dettagli, dato che nel frattempo è cambiata la maggior parte dei rappresentanti politici delle istituzioni coinvolte31. Tutti gli intervistati hanno comunque concordato sulla continuità sia partenariale sia tematica del PIT con il precedente Patto territoriale murgiano. L‟esperienza del Patto territoriale era stata seguita principalmente da Remo Barbi, sindaco di Gravina di Puglia tra il 1995 ed il 2004 e poi presidente della Società Murgia Sviluppo spa, soggetto a capitale pubblico-privato attuatore e responsabile del Patto. La Società costituita nel 1998 è tuttora esistente e gestisce ad Altamura il SUAP in forma associata per 11 comuni del territorio (http://www.murgiaimpresa.it). La progettazione del PIT riprenderà alcuni dei temi portanti del Patto e ne 31

L‟unico rappresentante attualmente in carica è il sindaco del Comune di Poggiorsini, Ignazio di Mauro, medico, che ha ricoperto il ruolo dal 1990 ad oggi con un‟unica interruzione tra il 2000 ed il 2004, cioè proprio gli anni di avvio della progettazione PIT.

144


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 confermerà la partnership territoriale, ampliandola ad altri 3 comuni dell‟Area. I 14 comuni dell‟area PIT iniziano, tra il 2002 ed il 2003, le attività per la presentazione della candidatura alla Regione. Se dal punto di vista contenutistico la predisposizione della proposta non sembra sollevare particolari difficoltà, problemi maggiori sono legati agli equilibri politici e alla scelta del capofila che sarà anche sede dell‟Ufficio unico. Ragioni legate ad equilibri politici spiegano infine l‟attribuzione del ruolo di capofila al Comune di Santeramo in Colle, la cui giunta di centro destra aveva criticato lo scarso coinvolgimento nei lavori del Patto territoriale. La proposta di programma PIT viene presentata a gennaio 2004 alla Regione Puglia. Il documento è stato redatto da due consulenti, l‟arch. Michele Sgobba (Finepro srl) e la dott.sa Angela Scianatico (Profin Service srl), in collaborazione con il Servizio Programmazione della Provincia di Bari. Il programma PIT dopo il parere positivo del NVVIP viene approvato dalla Regione a dicembre del 2004. Sei mesi dopo (giugno 2005) viene sottoscritto l‟Accordo di Programma. L‟Ufficio unico è costituito il 31 gennaio 200532. Il ruolo di PIT manager dell‟Ufficio unico del PIT viene affidato a Irene Giordano, dirigente del Comune di Santeramo, che manterrà l‟incarico fino al 2007. Nel 2005 i primi passi dell‟attuazione del PIT si intrecciano con l‟avvio della programmazione relativa alla pianificazione strategica di area vasta33. Ad aprile 2005, in corrispondenza con l‟avvicendamento FittoVendola, la Regione pubblica l‟Avviso di procedura negoziale per la presentazione delle proposte di piani strategici (DGR 262 del 7/3/05, BUR 51 del 7/4/05). In questo stesso periodo anche i comuni dell‟area murgiana sono sotto elezioni e l‟attribuzione del ruolo di capofila del progetto di area vasta accende il dibattito. Le campagne elettorali in corso in questo periodo ad Altamura e Gravina toccano spesso, e con toni critici, il tema del PIT e della sua gestione, mentre la candidatura del sindaco di Gioia del Colle a capofila dell‟area vasta non viene accolta favorevolmente dagli altri sindaci dell‟area. La discussione che ne deriva ritarda la presentazione della proposta di progetto; in questo periodo, inoltre, vari comuni aderiscono ai progetti delle aree vaste confinanti34. La proposta murgiana sarà alla fine sottoscritta soltanto da 4 dei 14 comuni aderenti al PIT: il piccolo comune di Poggiorsini ed i tre maggiori centri Gravina, Altamura, Santeramo in Colle, cui si aggiungeranno le due province e l‟Ente Parco Nazionale dell‟Alta Murgia. Il ruolo di capofila sarà attribuito al Comune di Gravina di Puglia. Per quanto riguarda il PIT, nel 2005 e soprattutto nel 2006 vengono pubblicati diversi bandi a regia regionale mentre l‟Ufficio unico del PIT 4 predispone tre progetti35; le prime gare dell‟Ufficio unico vengono pubblicate a fine 2006 e con più intensità nei primi mesi del 2007. Grazie anche all‟inserimento di alcuni progetti coerenti, e per l‟avvio di alcune delle gare bandite, il PIT 4 è in grado di rendicontare la prima tranche della premialità assegnata all'ufficio Unico del PIT, pari a 60 mila euro36. Nel frattempo (giugno 2006) le elezioni amministrative portano ad un nuovo cambio di giunta nel Comune capofila: Vito Lillo è il nuovo sindaco a capo di una coalizione di centro destra. A giugno 2007 la PIT manager Irene Giordano si dimette, probabilmente per contrasti con la nuova giunta del Comune di Santeramo. Dopo un breve periodo di incarico ad un dirigente del Comune di Santeramo (Lorenzo Lanzolla), ad ottobre 2007 la posizione di PIT manager viene attribuita ad Anna Martina Zingarello, sulla base di una selezione pubblica aperta nel settembre dello stesso anno. Per riorganizzare le attività dell‟Ufficio unico ed accelerare la spesa, la nuova pit manager avvia una selezione di giovani laureati da inserire in organico all‟Ufficio unico. Vengono reclutati circa 20 giovani con contratti di collaborazione coordinata e continuativa per la realizzazione di varie attività, con particolare riferimento alle azioni 6.2 b e 6.2 c e in generale alle attività di rendicontazione sulla misura 4.2. Nel giro di un anno vengono assegnate le gare ancora in sospeso e realizzata la maggior parte della spesa. Tra il 2007 ed il 2008 l‟Ufficio unico del PIT funziona a pieno regime riuscendo a spendere rapidamente i fondi attribuiti e lavorando per promuovere 32

Irene Giordano, Il PIT 4 Area della Murgia. Un primo bilancio sullo stato di attuazione, in Free, periodico di informazione e cultura di Altamura e Gravina, ottobre 2007, n. 07 (http://www.periodicofree.it/public/file/62%B0%20Uscita.pdf). 33 Si tratta della DGR 262/05 che indice Avviso Pubblico di Procedura negoziale relativa alla Delibera Cipe 29 Settembre 2004 N. 20 “Ripartizione delle risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate - Rifinanziamento Legge 208/1998 Periodo 2004-2007 (Legge Finanziaria 2004). p.to 1.1 Finanziamento proposte di interventi “progetti accelerati in aree urbane”. piani strategici per le città e aree metropolitane”. 34 Il Comune di Cassano delle Murge, governato da molti anni da un sindaco di centro sinistra, aderisce all‟area vasta di Bari dove l‟anno precedente è divenuto sindaco Michele Emiliano. Anche i centri di Acquaviva delle Fonti, Gioia del Colle, Cassano Grumo Appula, Turi aderiscono al piano di Bari BA2015, mentre il Comune di Spinazzola e quello di Minervino Murge al Piano Vision 2020 di Barletta. 35 Il progetto Sim Murgia- Sistema Informativo di Marketing della Murgia a valere sulla misura 6.2 c, il progetto Integramurgia, a valere sui fondi derivanti dalla delibera CIPE 26/2003 e riservata ai territori PIT ed il progetto in tema di internazionalizzazione, a valere sulla misura 6.2 b 36 Informazione derivante dall‟articolo di Irene Giordano sul settimanale Free, da verificare.

145


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 ulteriori progetti dei comuni aderenti all‟accordo. Tra il 2008 ed il 2009, con varie integrazioni all‟Accordo tra amministrazioni aderenti al PIT, la Regione approva37 l‟inserimento di nuovi progetti infrastrutturali nell‟ambito del PIT, per un valore totale finanziato di ulteriori 2,2 milioni di euro, candidandosi come centro di progettazione per i comuni dell‟area. Tuttavia l‟Ufficio unico non verrà mantenuto: i 4 comuni aderenti all‟area vasta non replicano la delega di funzioni al nuovo soggetto capofila né il nuovo Ufficio di Piano assorbirà risorse e competenze dell‟Ufficio unico del PIT. L‟ufficio unico si limita a collaborare, anche se con difficoltà e limitatamente ai progetti “di competenza” del Comune di Santeramo, ai lavori di composizione del parco progetti dell‟Area Vasta, per il resto interamente gestito dall‟Ufficio di piano strategico del Comune di Gravina di Puglia. A dicembre 2010 si chiudono le attività connesse alla certificazione delle spese realizzate e l‟Ufficio unico del PIT 4 viene sciolto. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali 1998-giugno 2002

Michele Di Gregorio (centro-destra) è sindaco di Santeramo in Colle (Bari). Si occuperà delle prime attività connesse alla predisposizione della candidatura del PIT 4

2002-2006

Vito Sante Zeverino (centro sinistra) è sindaco di Santeramo in Colle (Bari). Gli succederà nel 2006 Vito Lillo (centro destra).

Giugno 2002

Avvio dell‟iter procedurale dei PIT con la convocazione, da parte del Presidente della Giunta Regionale, della Conferenza delle Autonomie Locali interessate alla realizzazione di ciascun PIT.

Settembre 2002

Viene costituito il Comitato del PIT 4 “Area della Murgia” con decreto del Presidente della Regione n. 566 del 30/9/02

14 febbraio 2003

Viene approvata dal Comitato di Sorveglianza del POR Puglia 2000-2006 la modifica al CdP che dispone il procedimento per la definizione e la successiva attuazione dei PIT. Vengono emanati i decreti del Presidente della Giunta Regionale che costituiscono i singoli Comitati PIT, individuando il Soggetto Capofila con il compito di coordinamento nell‟interlocuzione con la Regione e di attivazione del partenariato socio-economico, al fine della elaborazione della proposta di Programma.

24 marzo 2003

Il Presidente della Giunta Regionale invita i Comitati dei PIT a presentare le proposte di Programma entro il 10 aprile 2003

7 Aprile 2003

Il Comitato PIT approva la proposta di programma il 7 aprile 2003, che viene presentata alla Regione entro i termini prefissati (10 aprile 2003).

4 febbraio 2004

Il NVVIP esprime parere definitivo favorevole sulla proposta di programma del PIT 4

10 marzo 2004

Con dpr 10 marzo 2004 viene istituito il Parco Nazionale dell‟Alta Murgia

12-13 giugno 2004

Elezioni amministrative. Viene eletto sindaco di Bari Michele Emiliano, a capo di una coalizione di centro-sinistra. Subentra a Simeone Di Cagno Abbrescia, di centro destra.

16 marzo 2005

Approvazione del Programma del PIT 4 con DGR n.1897 del 13 dicembre 2004, pubblicata sul BURP n. 41 suppl. del 16 marzo 2005

2005-07

Irene Giordano è il PIT manager del PIT 4 tra il 2005 ed il 2007. Dopo le dimissioni nel 2007 le succede, per pochi mesi, Riccardo Lanzolla, dirigente del Comune di Santeramo in Colle.

3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

Aprile 2005

Viene pubblicata la DGR 262 del 7/3/05 (B.U.R.P. n. 51 del 7.4.2005) relative all‟“Avviso pubblico di procedura negoziale per la presentazione delle domande per interventi di pianificazione e progettazione innovativa relativamente ai PIANI STRATEGICI PER LE CITTA‟ E LE AREE METROPOLITANE”. L‟avviso fissa i termini di scadenza per la presentazione delle domande entro il 09/05/2005. I termini verranno prorogati poi al 31 maggio (DGR n. 685 del 09.05.2005)

29 giugno 2005

Sottoscrizione dell‟Accordo tra Amministrazioni aderenti al PIT 4

21 luglio 2005

Viene pubblicato (determinazione del dirigente del settore agricoltura n.697 del 18 luglio 2005, BURP n.94 del 21 luglio 2005) il Bando per la presentazione delle domande di concessione di aiuto ai sensi della Misura 4.3 "Investimenti nelle aziende agricole" del POR Puglia 2000-2006, riservato ai giovani ammessi nella graduatoria dell'ultimo bando della Misura 4.4 del POR e che si insediano in aziende comprese nel territorio del PIT n.4 "Area della Murgia” (poi prorogato con successive determinazioni dirigenziali).

7 dicembre 2005

Viene pubblicato (Determinazione del dirigente del Settore Artigianato e PMI del 21 novembre 2005, n.1851, Pubblicato nel BURP n.152 supplemento del 7 dicembre 2005) l‟avviso pubblico relativo ai "Programmi Integrati di Agevolazione" PIT n.4 Area della Murgia a valere sulle misure 3.13 e 4.1. Con la determina n. 455 del 23.05.2006 vengono impegnate le risorse finanziarie relativo alle Misure 4.1 e 3.13 per un importo complessivo di Euro. 23.229.143. La graduatoria (determinazione del dirigente settore industria 15 settembre 2006, n. 1303) verrà pubblicata sul BURP n. 121 del 21-92006; su 9 progetti sottoposti, 5 vengono ammesse alla presentazione del progetto analitico.

37

DGR 555 del 7/4/08, DGR 818 del 23/5/08, DGR 16 del 20/01/09, DGR 755 del 7/5/09.

146


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 31 gennaio 2005

Viene costituito l‟Ufficio unico del PIT 4

Aprile 2006

Viene approvato l‟Avviso pubblico (determinazione dirigente settore agricoltura 19 aprile 2006, n. 589 Pubblicato nel BURP n. 51 del 27 aprile 2006) a valere sulla misura 4.21 (FEOGA) in tema di "Consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e operatori del settore" - Approvazione bando per la selezione di Enti di Formazione cui affidare la progettazione e la realizzazione di corsi di formazione in agricoltura nel territorio della Regione Puglia comprese le aree di competenza del PIT n. 1, 4, 8 e 10. Vengono pubblicate le modalità di presentazione delle domande per l'ammissione al finanziamento degli interventi previsti nei Comuni compresi nel PIT n.4 "Area della Murgia" (determinazione settore agricoltura 10 aprile 2006, n.553, Pubblicato nel BURP n.49 del 20 aprile 2006) a valere sulla Misura 4.5 "Miglioramento delle strutture di trasformazione prodotti agricoli" Pubblicato il bando (determinazione settore agricoltura 26 marzo 2005, n.412, Pubblicato nel BURP n.44 del 6 aprile 2006) a valere su Fondo FEOGA sezione orientamento - Asse prioritario IV - Misura 4.3 "Investimenti nelle aziende agricole" - per la presentazione delle domande di concessione di aiuto in conto capitale o in conto interessi, riservato alle aziende ubicate nel territorio della Regione Puglia non compreso nelle aree di competenza dei PIT n.1, n.4 e n.8. Pubblicato il bando (Determinazione Settore Agricoltura 26 marzo 2006, n.413 Pubblicato nel BURP n.44 del 6 aprile 2006) a valere sul Fondo FEOGA sezione orientamento - Asse prioritario IV - Misura 4.3 "Investimenti nelle aziende agricole" - per la presentazione delle domande di concessione di aiuto in conto capitale o in conto interessi, riservato alle aziende ubicate nel territorio del PIT n.4 "Area della Murgia".

Maggio 2006

L‟Ufficio unico del PIT predispone il progetto definitivo “SIM Murgia”, Sistema Informativo di Marketing dell’Area della Murgia, a valere sulla misura Misura 6.2 c) “Societa dell‟ Informazione”

Giugno 2006

Elezioni amministrative. Il nuovo sindaco del Comune di Santeramo in Colle è Vito Lillo (centro-destra), tuttora in carica

Luglio 2006

Viene approvato l‟avviso pubblico (DGR del 12 luglio 2006, n. 1006, pubblicata su Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 96 del 27-7-2006) relativo alla Delibera CIPE 26/2003 “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza”. Su questo bando viene approvato il progetto “Integramurgia”.

Agosto 2006

Viene pubblicato (Determinazione Settore Formazione Professionale 25 luglio 2006, n.499 Pubblicato nel BURP n.99 del 3 agosto 2006) il bando a valere sulla Misura 4.20 "Azioni per le risorse umane", Azione b) "Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati" - Avviso pubblico n.20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia.

Ottobre 2006

Viene pubblicato (determinazione settore formazione professionale 13 ottobre 2006, n.718 Pubblicato nel BURP n.138 del 26 ottobre 2006) il bando a valere sulla Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del Lavoro", Azione b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata"; Azione c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; Azione e) "Azioni di accompagnamento" - Avviso pubblico n.27/2006 per la presentazione di progetti per la partecipazione femminile al mercato del lavoro. Pubblicato (determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.639 Pubblicato nel BURP n.131 del 12 ottobre 2006) l‟Avviso pubblico a valere sulla Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale" - Avviso pubblico n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo stato e dalla Regione Puglia. Pubblicato (determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.640 Pubblicato nel BURP n.131 del 12 ottobre 2006) a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" - Avviso pubblico n.24/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia.

Dicembre 2006

Il Comune di Santeramo pubblica il Bando di gara per la fornitura del Sistema Informativo di Marketing Territoriale per L'Area della Murgia. Su 9 concorrenti, il progetto viene aggiudicato dalla società Engineering Sanità Enti Locali Spa di Napoli il 25 gennaio 2008, per un importo complessivo di 4.186.272,00 a valere sulla misura 6.2 c. Viene inoltre pubblicato il bando per i lavori di recupero del Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle per la realizzazione di un centro servizi, a valere sulla misura 4.2

Gennaio 2007

L‟Ufficio unico del PIT bandisce varie gare per la progettazione e realizzazione degli interventi a valere sulla misura 4.2:

Luglio 2007

Bando di gara per l'urbanizzazione della Zona PIP - completamento urbanizzazione in zona D nel Comune di Minervino Murge Bando di gara per lavori di completamento delle infrastrutturazioni Zona D1 Industriale-Artigianale del Comune di Altamura Bando di gara per lavori di completamento di parte della Zona D1 Industriale-Artigianale del Comune di Altamura Bando di gara per miglioramento e completamento della rete di fogna bianca nella zona industriale del comune di Cassano delle Murge Bando di gara per lavori di realizzazione sottopasso carrabile e pedonale del tratto ferroviario RFI e FAL nel Comune di Gravina in Puglia. L‟appalto viene aggiudicato ad ottobre 2007. Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072)

Settembre 2007

L‟Ufficio unico pubblica l‟avviso di gara per l‟Affidamento delle forniture e dei servizi connessi con la realizzazione delle iniziative previste dal “Progetto Settore Agro-Alimentare” e dal “Progetto Settore Mobile Imbottito” a sostegno dei

147


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 processi di Internazionalizzazione delle imprese del territorio del PIT4 - Area della Murgia.” A valere sulla Misura 6.2 Azione B. La gara verrà aggiudicata ad aprile 2008 al RTI tra Impresa Valore S.R.L. e Romano Exhibit SRL per un importo complessivo di 1.018.250,40 euro. Viene inoltre pubblicata la Selezione pubblica per l'assunzione a tempo determinato con contratto di diritto privato di un dirigente - qualifica dirigenziale CCNL comparto Regioni Enti Locali - per l'Ufficio Unico Comune del PIT 4. L‟incarico di Pit manager verrà attribuito l‟11 ottobre 2007 ad Anna Rita Zingarello, che manterrà il ruolo fino alla chiusura della rendicontazione, a dicembre 2010. Dicembre 2007

Il Comune di Santeramo pubblica un Avviso per la formazione di un elenco di esperti ai fini dell‟affidamento di incarichi professionali, di collaborazioni a progetto mis. 6.5 az. b) e di supporto all‟ufficio unico pit n. 4. Verranno coinvolti con contratti a progetto 11 giovani per la gestione della misura 6.5 b e 12 per la gestione della misura 6.5 c.

Gennaio 2008

Integrazioni all‟accordo. La DGR 2207 del 18 dicembre 2007, pubblicata sul Burp n. 13 del 23 gennaio 2008, inserisce modifiche all‟accordo tra amministrazioni del 2005 aggiungendo nuove operazioni sul tema della viabilità, i cui enti beneficiari sono le Province di Bari, Taranto, la Regione Puglia ed il Comune di Cassano delle Murge. Il totale finanziato nei 17 interventi a valere sulla misura 6.1 è di 78.817.206,70 milioni di euro.

Maggio 2008

Integrazioni all‟accordo. DGR 818 del 23 maggio 2008 inserisce nell‟accordo tra amministrazioni un nuovo progetto di “Realizzazione di infrastrutture nella zona PIP del Comune di Poggiorsini, per un totale di 250.000 euro.

Gennaio 2009

DGR 16 del 20/1/09 inserisce nell‟accordo tra amministrazioni 4 nuovi progetti di tipo infrastrutturale nei Comuni di Toritto, Santeramo in Colle, Poggiorsini e Gioia del Colle, per un totale di 1.331.420

Aprile 2009

Integrazioni all‟accordo. DGR 555 del 7 aprile 2008, inserimento negli accordi tra le amministrazioni di un nuovo intervento infrastrutturale per il Comune di Grumo Appula.

Maggio 2009

Integrazioni all‟accordo. DGR 755 del 7 maggio 2009 inserisce negli accordi 3 nuovi progetti nel PIT, per un totale di 562.492

Maggio 2009

La DGR n. 917 del 26 maggio 2009 richiede la proposta di un programma stralcio degli interventi inseriti nei programmi di Area vasta per accelerare la spesa.

7 giugno 2009

Elezioni amministrative. A Bari il sindaco Emiliano (centro-sinistra) viene riconfermato per il secondo mandato.

28 Dicembre 2009

Con varie delibere (DGR . 2683, 2684, 2685, 2686, 2687, 2688, 2689, 2690, 2691, 2692 del 28/12/2009 “Approvazione Programma stralcio di interventi di Area vasta”) la Regione approva i programmi stralcio delle Aree vaste. Con DGR 2688 del 28/12/2009, viene approvata la “Deliberazione G.R. n. 917/2009. Approvazione Programma Stralcio di Interventi di Area Vasta "Murgia” per un importo complessivo pari a € 22.059.910,00, riferito alle.Linee di intervento 1.5 - 2.3 - 2.4 - 4.1 - 4.2 - 6.2 - 7.1. Viene fissato il termine del 15 giugno 2010 per l‟apertura dei cantieri pena la revoca dei finanziamenti.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

Maggio 2010

DGR 27 maggio 2010, n. 1304 Modifica cronogramma delle attività e utilizzo economie relative alle delibere di approvazione dei programmi stralcio delle aree vaste (Del.G.R. n. 2683, 2684, 2685, 2686, 2687, 2688, 2689, 2690, 2691, 2692 del 28/12/2009 “Approvazione Programma stralcio di interventi di Area vasta” e Del. n. 9 dell‟11/01/2010 “Programma stralcio di interventi di Area vasta. Rettifica errori materiali)

Dicembre 2010

Ultimate le attività di rendicontazione, l‟Ufficio unico del PIT 4 viene sciolto.

2

Descrizione del PIT

Dal punto di vista demografico il PIT è caratterizzato da comuni di medie dimensioni oltre ad alcuni piccoli centri. Il comune di più popoloso è Altamura (oltre 60 mila abitanti), capofila del distretto socio-sanitario, seguito dal Comune di Gravina di Puglia (41 mila), sede dell‟Ente Parco nazionale dell‟Alta Murgia e attuale capofila dell‟area vasta “La Città murgiana della Qualità e del Benessere”, dal Comune di Gioia del Colle (27 mila) e dal Comune di Santeramo (25 mila). Il comune più piccolo è Poggiorsini, 1500 abitanti nei pressi del Parco Nazionale Murgiano, seguito da Sammichele di Bari con circa 7 mila abitanti. Dal punto di vista economico, l‟area murgiana è caratterizzata da un settore agricolo specializzato nei settori dei cereali e dell‟ortofrutta, con due marchi DOP (il Pane di Altamura) e DOC (i vini di Gravina e Gioia del Colle) e altre significative produzioni alimentari, anche se indebolito38 da elevata frammentazione, scarsa propensione all‟associazionismo e bassa diffusione di marchi per la commercializzazione. L‟altro punto distintivo del territorio, oggi investito in pieno dalla crisi economica, è il settore della produzione del mobile imbottito, un distretto concentrato soprattutto nel triangolo tra i comuni di Altamura, Santeramo in Colle e Matera, e caratterizzato dalla presenza del gruppo Natuzzi (Divani &Divani) e dal suo indotto. Nel periodo di massimo sviluppo, a metà degli anni Novanta, la produzione del distretto industriale del mobile imbottito rappresentava il 55% della produzione italiana e circa l‟11% dell‟intera produzione mondiale. La 38

Secondo l‟analisi swot realizzata in occasione della presentazione della proposta di programma PIT.

148


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 grave crisi degli anni recenti ha investito l‟area con pesanti conseguenze, stimate nella riduzione del numero di imprese del comparto, tra il 2003 ed il 2007, del 67% su base provinciale39. L‟area presenta inoltre un rilevante patrimonio naturalistico tutelato dall‟Ente parco nazionale dell‟Alta Murgia, che include due comunità montane, molti dei Comuni del PIT oltre ad altri della provincia BarlettaAndria-Trani e di Bari, le due province. L‟Ente Parco Nazionale è stato costituito nel 2004 e ha sede presso il Comune di Gravina di Puglia Il PIT 4 Area della Murgia è classificato come un progetto di tipo “rurale-agroalimentare”, in relazione alle caratteristiche economiche del territorio ed alla presenza di aziende di trasformazione di discreta rilevanza. Il partenariato istituzionale del PIT unisce prevalentemente comuni di media grandezza, coinvolti nel corso degli anni in diversi progetti di sviluppo del territorio (con particolare riferimento al Patto territoriale della Murgia) e inseriti nel Parco nazionale dell‟Alta Murgia. La dotazione finanziaria è la terza, per rilevanza, dopo il PIT 10 Sub Appennino Dauno 97 milioni di euro) ed il PIT 7 Brindisi (75 milioni di euro). 2.1

Idea forza

L‟idea forza del PIT 4 (Programma approvato con DGR n.1897 del 13 dicembre 2004, pubblicata sul BURP n. 41 suppl. del 16 marzo 2005) è quella di agire per il consolidamento di due elementi portanti per l‟economia del territorio: il settore agricolo e le relative imprese di trasformazione, e il settore del mobile imbottito e dell‟indotto. La strategia prescelta è quella di operare per rafforzare l‟integrazione di filiera, da una parte, e dall‟altra diffondere innovazioni di prodotto/mercato per elevare la qualità e quantità dell‟offerta. Si tratta di un tema che riprende alcuni degli argomenti del Patto Territoriale della Murgia realizzato negli anni precedenti, insistendo sugli aspetti di servizio alle imprese (con riferimento alla creazione di due nuovi centri di servizi e al potenziamento delle performance del SUAP già esistente), sulla promozione della dimensione internazionale, sull‟innovazione di prodotto/processo e sulla formazione. Il Programma del PIT 4 individua sei principali linee di intervento all‟interno delle quali sono articolate le misure ed alcuni dei progetti specifici da attivare: Linea A: adeguamento della dotazione infrastrutturale puntuale e di rete; Linea B: adeguamento della disponibilità del territorio e del sistema di regole che disciplini l‟uso allargato delle aree per gli insediamenti produttivi, in un‟ottica di sostenibilità dello sviluppo; Linea C: sostegno agli investimenti volti ad accrescere la capacità produttiva ed attrattiva di nuove iniziative anche da fuori area, all‟innovazione dei processi e/o dei prodotti e della qualita sia nel settore manifatturiero che nel settore della trasformazione dei prodotti agricoli Linea D: Sostenere i processi di riduzione del grado di dipendenza dei sistemi produttivi locali da fuori area per l‟approvvigionamento di competenze specialistiche e nuovi profili professionali, di capacità manageriali consolidate, attraverso investimenti specifici per l‟adeguamento dell‟offerta formativa Linea E: Rafforzamento dei servizi alla persona e alla comunità, quale fattore primario di ogni azione di marketing territoriale 2.2

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria iniziale del PIT 4 ammonta, in base al Programma PIT40, a 85.117.236 euro di risorse pubbliche. Il costo totale, comprensivo quindi del contributo privato, sfiorava i 149 milioni di euro. Successivamente lo stanziamento è stato rivisto e, in base all‟ultimo aggiornamento del Complemento di Programmazione (giugno 2009, pubblicato sul BURP n. 2 del 5 gennaio 2010), la quota pubblica a disposizione del PIT 4 era pari a 73,8 milioni di euro.

39

Fonte: Regione Puglia, Agenzia Regionale per la Tecnologia e l‟Innovazione, Osservatorio Permanente per l‟Innovazione, La domanda di innovazione della filiera del mobile imbottito in Puglia, Quaderni ARTI n. 11, 2008 40 Pubblicata sul BURP n. 41 suppl. del 16 marzo 2005.

149


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Sull‟entità del contributo incide soprattutto la spesa prevista a valere sulla misura FEOGA 4.3 “Investimenti per le aziende agricole” (oltre 23 milioni di euro). Gli interventi infrastrutturali finanziati dalla misura 4.2 “Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici e dei sistemi produttivi locali” ammontano a 8 milioni di euro), 7 milioni sono invece allocati alla misura FESR 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico. L‟accordo tra amministrazioni prevedeva, inoltre, che 26 milioni di euro fossero assegnati tramite pacchetti integrati di agevolazioni (PIA). La misura 6.1 “Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto”, inizialmente non prevista nella programmazione PIT 4, è stata successivamente finanziata; infatti ai PIT 4, 2, 8 e 9, i cui territori sono caratterizzati dalla presenza diffusa di insediamenti produttivi, è stata concessa la possibilità di utilizzare fondi FESR finalizzati a migliorare i collegamenti stradali per ottimizzare la logistica a sostegno degli insediamenti stessi. A questo proposito la DGR 2207 del 18 dicembre 2007 (Burp n. 13 del 23 gennaio 2008) ha modificato l‟accordo tra amministrazioni del 2005 aggiungendo nuove operazioni sul tema della viabilità, i cui enti beneficiari sono le Province di Bari, Taranto, la Regione Puglia ed il Comune di Cassano delle Murge. Il totale finanziato nei 17 interventi a valere sulla misura 6.1 è di 78.817.206,70 milioni di euro. Tabella 3 Piano finanziario del PIT 4 – totale risorse pubbliche Misura 3.7 3.11

Oggetto Fondo Risorse pubbliche Formazione superiore FSE 5.868.335 Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità ed emersione del FSE 209.526 lavoro non regolare 3.12 Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello FSE 1.312.230 sviluppo tecnologico 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico FESR 7.364.351 3.14 Promozione e partecipazione femminile al mercato del lavoro FSE 2.748.587 4.1 Aiuti al sistema industriale (PMI e Artigianato) FESR 4.889.898 4.2 Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di FESR 8.258.312 supporto e qualificazione dei bacini logistici e dei sistemi produttivi locali 4.3 Investimenti per le aziende agricole FEOGA 23.647.876 4.5 Miglioramento delle strutture di trasformazione agricola FEOGA 7.785.714 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole FEOGA 854.400 4.20 Azioni per le risorse umane FSE 1.641.866 4.21 Consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli FEOGA 600.000 imprenditori agricoli e degli operatori del settore 6.1 Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto FESR (78.817.206,70) * 6.2 Società dell‟informazione FESR 6.302.400 6.4 Risorse umane e società dell‟informazione FSE 2.099.994 6.5 Iniziative per legalità e sicurezza FESR 300.000 Totale 73.883.489 * L‟importo a valere sulla misura 6.1 riguarda iniziative in tema di mobilità i cui enti beneficiari sono le Province di Bari, Taranto, la Regione Puglia ed il Comune di Cassano delle Murge (DGR 2207 del 18 dicembre 2007 pubbl. sul Burp n. 13 del 23 gennaio 2008). Fonte: POR Puglia 2000-06. Complemento di Programmazione 2009, BURP n. 2 del 5 gennaio 2010

2.3

I progetti attivati

In base alle informazioni fornite dalla PIT Manager (Anna Zingarello), l‟Ufficio Unico del PIT ha complessivamente gestito 20 milioni di euro di risorse, relative ad interventi di tipo infrastrutturale nelle aree PIP (misura 4.2), ad interventi di marketing territoriale (6.2 c) e di promozione dell‟internazionalizzazione (6.2b), oltre che progetti rivolti alla sicurezza (misura 6.2 b) e all‟ inclusione e promozione sociale previsti dalla delibera CIPE n. 26/2003. Il piano dei finanziamenti e dei progetti attivati è sintetizzato nella tabella seguente:

150


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 4 i progetti gestiti dall’Ufficio unico del PIT 4 e i finanziamenti ottenuti Misura/azione 4.2 Infrastrutture 6.2b Internazionalizzazione 6.2c Marketing territoriale

Progetto

Quota pubblica

17 interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali nelle aree PIP dei 14 comuni del PIT Due Progetti settore relativi all‟Agroalimentare e al Mobile imbottito per lo sviluppo dell‟immagine e della presenza delle produzioni nei mercati internazionali SIM Murgia. Realizzazione di un sistema informativo di marketing territoriale per l‟area della Murgia territoriale Progetto SIM Murgia +.

6.2c Marketing (integrazione) 6.5b interventi per l‟attuazione di patti Progetto Murgia Sicura (analisi della percezione di sicurezza e della risposta della legalità istituzionale) Delibera Cipe 26/2003 “Patti per Progetto Integra Murgia (in tema di inclusione e coesione sociale) l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza Totale gestione UU

11.521.169,93 1.672.163,00 4.680.000,00 1.375.000,00 210.600,00 557.000,00 20.015.932,93

Fonte: Ufficio unico del PIT 4

Interventi infrastrutturali A seguito di vari rifinanziamenti successivi il PIT 4 ha realizzato e interamente rendicontato (secondo quanto emerso dalle interviste effettuate) 17 interventi per oltre 11 milioni di euro, 3,3 milioni di euro in più di quanto stanziato nel piano finanziario. Gli interventi, finalizzati al completamento ed al miglioramento delle infrastrutture a supporto dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali, hanno riguardato: -

azioni di completamento e miglioramento infrastrutturale delle aree industriali e degli insediamenti produttivi che realizzano un livello di infrastrutturazione primaria pari ad almeno il 70%; - infrastrutture fisiche ed immateriali a supporto delle attività produttive e delle attività di servizio comune, con l‟obiettivo di perseguire la competitività dei sistemi produttivi locali coerenti con la vocazione delle imprese insediate e capaci di connettere le stesse con le grandi reti nazionali ed internazionali, - infrastrutture finalizzate al riuso delle acque reflue per usi industriali ed al ripristino di aree industriali inquinate. Gli interventi di maggiore rilevanza finanziaria sono stati realizzati nei Comuni di Gravina di Puglia, Santeramo in Colle, Acquaviva delle Fonti ed Altamura. L‟intervento più rilevante (3.335.598,00 euro) riguarda la realizzazione di un sottopasso carrabile a Gravina di Puglia41 che, tramite l‟eliminazione di un passaggio a livello ferroviario, migliora il collegamento con l‟abitato e l‟area PIP. Il secondo progetto per rilevanza finanziaria (2.427.864 euro) riguarda il recupero del Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle. Si tratta di un‟opera di ristrutturazione di un edificio storico, collocato di fronte al Palazzo del Comune, con l‟ipotesi di insediare un centro servizi. La ristrutturazione è stata completata da circa due anni ma il centro servizi previsto non è stato insediato, né sembrano essere allo studio ipotesi per altri utilizzi dell‟edificio. A fine dicembre 2010 era in corso in un‟ala del palazzo l‟allestimento di una sala espositiva dedicata al pittore locale Netti. Un secondo centro servizi alle imprese è stato realizzato nella zona PIP del Comune di Grumo Appula, per un importo totale di 800.000 euro. Altri interventi hanno riguardato il completamento di parte della zona D1 industriale-artigianale ad Altamura (1.859.550,61 euro), la realizzazione della rete fognaria pluviale nella zona PIP di Acquaviva delle Fonti (1.883.857,87 euro). Sono stati inoltre finanziati altri 12 interventi di minore taglia (meno di 500.000 euro) sulla misura 4.2. Marketing territoriale Il principale intervento promosso dall‟Ufficio unico del PIT 4 riguarda il progetto di marketing territoriale “SIM Murgia”. L‟intervento è stato aggiudicato dalla società Engineering Spa, per un valore di 4.680.000 euro. Scopo del progetto è realizzare un sistema informativo di marketing tramite per favorire la conoscenza del territorio e delle sue imprese, rivolto in prevalenza ad imprese estere interessate ad 41

“Realizzazione di un sottopasso carrabile e pedonale del tratto ferroviario RFI e FAL a collegamento della zona PIP ed eliminazione del relativo passaggio a livello della linea ferroviaria Gioia del Colle-Rocchetta S. Antonino e della linea ferroviaria Altamura-Potenza”.

151


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 insediarsi nell‟area murgiana42. Il progetto prevede varie attività tra cui il potenziamento del SUAP intercomunale tramite un portale dedicato, un sistema di marketing territoriale concepito come un sistema informativo sui caratteri principali dell‟economia e del territorio e vari software per la gestione di impresa e l‟e-commerce. Nel progetto è contemplata anche la realizzazione di un centro servizi presso cui localizzare l‟intera dotazione hardware e software per il funzionamento del SIM Murgia. In base alle informazioni raccolte il progetto è stato realizzato ed ha beneficiato di un ulteriore finanziamento ad integrazione del precedente, di 1,3 M€. Vari punti critici riguardano però la prosecuzione del progetto. Non sembra infatti che siano state stabilite adeguate modalità per la prosecuzione dell‟iniziativa a valle della conclusione del PIT. Non è stata stabilita ad esempio una procedura di aggiornamento dei contenuti del portale (www.simmurgia.it), ed attualmente il sito presenta contenuti del tutto preliminari. Inoltre tutta la dotazione infrastrutturale (hardware/software) è collocata presso i locali del Comune di Santeramo ma non è chiaro come verrà utilizzata a valle dello scioglimento dell‟ufficio unico del PIT 4. Come ha sottolineato un referente della società Engineering, il progetto all‟inizio aveva creato un notevole interesse tra i partner, interesse che poi è andato progressivamente riducendosi, senza l‟individuazione delle risorse interne alle istituzioni necessarie a fare funzionare il portale dopo la sua impostazione iniziale. Altro intervento ha riguardato l’internazionalizzazione delle imprese (misura 6.2 b), che ha previsto la realizzazione di missioni all‟estero per la promozione delle imprese e delle produzioni del territorio. Le missioni sono state realizzate a Milano, nell‟ambito del salone del mobile, in Russia ed a New York. In generale l‟iniziativa ha avuto un buon successo, anche se la strategia percorsa non è stata considerata particolarmente innovativa dagli operatori del settore e non ha potuto incidere in modo significativo sulla capacità delle imprese locali di esportare le proprie produzioni. Il progetto Murgia Sicura (azione 6.5 b), interamente finanziato dalla Regione, è stato elaborato dopo un percorso di concertazione avviato dall‟Ufficio Unico PIT4 con le Istituzioni territoriali (Prefettura Bari, Tenenza di Finanza, ASL BA/3, Tribunale per i Minori di Bari, Casa Circondariale di Altamura, UEPE Bari, UEPE Taranto, Centro Territoriale Impiego di Altamura), il partenariato istituzionale e socio-economico del PIT 4 (Acos, Api Bari, CIA Bari, Confindustria -Bari, UGL Coltivatori, UIL) e gli operatori del Terzo Settore. È stato realizzato nel corso del 2008. Le diverse azioni del progetto sono state realizzate da varie cooperative. Il Progetto Integra Murgia, la cui candidatura è stata predisposta dall‟ufficio unico del PIT 4, è uno dei 5 progetti selezionati dalla Regione Puglia per i finanziamenti a valere sulla delibera CIPE 26/03 in tema di inclusione e coesione sociale. Il progetto è stato articolato in 4 misure: -

Misura 1: esclusione dal lavoro delle persone con un vissuto di devianti istituzionalizzati: ex detenuti ed ex tossicodipendenti; - Misura 1 bis: inserimento lavorativo categorie svantaggiate disoccupati lunga durata, passaggio dall‟esclusione conflittuale alla collaborazione solidale per un nuovo accesso al lavoro, miglioramento delle strategie dei servizi - Misura 2: contrasto all‟esclusione dai diritti civili e politici, - Misura 3; inclusione sociale, territorio economico, legalità. Il progetto si è concretizzato in attività di formazione ed orientamento rivolte a diverse categorie di beneficiari, oltre ad iniziative di animazione e comunicazione. Pacchetti integrati di agevolazioni A dicembre 2005 è stato pubblicato l‟avviso pubblico43 relativo ai "Programmi Integrati di Agevolazione" nell‟ambito del PIT n.4 Area della Murgia, che finanziano interventi a favore delle imprese a valere sulle misure 3.13 “Ricerca e sviluppo tecnologico” e 4.1 “Aiuti al sistema industriale”. Nel 200644 vengono impegnate risorse per un importo complessivo di € 23.229.143. All‟avviso pubblico rispondono 9 soggetti, di cui due consorzi costituiti e tre costituendi. Le candidature di 3 consorzi costituendi (Consorzio COSVIM 2, Consorzio Italia Divani, Consorzio Il Salotto Murgiano) e dell‟impresa Meridionale Grigliati

42

Il tema del marketing territoriale dell‟area murgiana è stato anche oggetto di un Protocollo d‟Intesa, firmato nel 2007 presso la Presidenza della Regione Puglia, per la Promozione del Marchio MITICA MURGIA. Il progetto nasce nell‟ambito del Progetto Comunitario Equal denominato “Mitico” ed è stato promosso dalla Computer Levante Engineering (capofila), dall‟Università degli Studi di Bari e dalla ConfApi Bari. 43 Determinazione del dirigente del Settore Artigianato e PMI del 21 novembre 2005, n.1851, BURP n.152 supplemento del 7 dicembre 2005 44 determina n. 455 del 23.05.2006.

152


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 vengono rigettate dalla commissione di valutazione. Risultano invece ammessi alla presentazione del progetto analitico45 cinque soggetti proponenti: 1. Consorzio Murgia in Tavola 2. Polo Group srl (Altamura; azienda produttrice di arredi per la casa, divani e salotti) 3. Oropan srl (Altamura; azienda produttrice di generi alimentari ed in particolare Pane di Altamura) 4. Nurith spa (Ginosa; produzione di serramenti) 5. Consorzio Colfasa (sede ad Altamura, effettua consulenza in tema di politiche comunitarie). Di questi, l‟impresa Polo Group non è stata successivamente finanziata. Non sono disponibili informazioni in merito alla spesa effettivamente erogata ai 4 soggetti vincitori del bando PIA. Formazione Le risorse assegnate previste nell'Accordo PIT hanno consentito il finanziamento di borse di studio in Italia e all'estero per giovani residenti nel territorio del PIT oltre che l'assegnazione di contributi a scuole ed istituti medi-superiori. Benché non previsti dal Programma PIT iniziale, sono stati inoltre proposti e finanziati 4 Master nel territorio del PIT (2 dei quali a Santeramo, 1 ad Altamura e 1 a Turi), in collaborazione con le Università di Bari e Foggia. I master finanziati, ciascuno dei quali dedicato a 20 allievi, sono i seguenti: Tabella 5 I master finanziati nell’ambito del PIT 4 Titolo master Strategie di impresa e ruolo dei policy maker Network di piccole e medie imprese e servizi per la competitività e l‟internazionalizzazione Esperti per le produzioni agroalimentari bio-tipiche Agenti distrettuali per lo sviluppo delle filiere dominanti nel territorio murgiano Totale

Sede di svolgimento Università degli studi di Foggia Comune di Santeramo in Colle Università degli studi di Foggia Comune di Santeramo in Colle Università degli studi di Bari Comune di Turi Università degli studi di Bari

Allievi 20 20 20 20 80

Costo 450.000 320.000 300.000 700.000 1.770.000

Sono stati inoltre realizzati diversi corsi di formazione per i dipendenti pubblici ai quali l'ufficio unico ha formalizzato esplicita adesione46. (Sempre nell‟ambito PIT la ConfApi di Bari, insieme all‟Università degli Studi di Bari ha partecipato al progetto M.I.T.IC.O. - Misure Innovative per Trasformare l‟Inadeguatezza di Competenze Obsolete) realizzato dalla Computer Levante Engineering S.r.l., azienda associata alla ConfApi di Bari. 2.3.1

Progetti significativi (flagship projects)

I progetti più rilevanti dal punto di vista finanziario riguardano i PIA (23 milioni di euro di risorse previste); su queste azioni tuttavia non sono attualmente disponibili informazioni significative relativamente agli esiti e le operazioni risultavano nel complesso poco conosciute dai soggetti intervistati. Il secondo intervento per rilevanza finanziaria riguarda il progetto SIM-Murgia (4,6 milioni di euro), in tema di marketing territoriale per costituire una piattaforma per la promozione dell‟area a livello internazionale oltre che per potenziare i servizi forniti dagli enti locali. Tra gli interventi infrastrutturali rileva la riqualificazione del Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle, da destinarsi a Centro servizi. 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

Il cambiamento della maggior parte dei soggetti amministrativi e politici che hanno partecipato alle fasi di programmazione del PIT 4 riduce la possibilità di ricostruire con completezza i ruoli giocati dai diversi attori nella vicenda. La storia del PIT 4, così come quella dell‟area vasta murgiana, sembra tuttavia molto condizionata dalla politica locale, dagli avvicendamenti delle giunte dei Comuni coinvolti e dai conseguenti 45

determinazione del dirigente settore industria 15 settembre 2006, n. 1303, pubblicata sul BURP n. 121 del 21-9-2006. Irene Giordano, Il PIT 4 Area della Murgia. Un primo bilancio sullo stato di attuazione, in Free, periodico di informazione e cultura di Altamura e Gravina, ottobre 2007, n. 07 (http://www.periodicofree.it/public/file/62%B0%20Uscita.pdf). 46

153


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 meccanismi di compensazione tra amministrazioni. Nonostante i vari progetti territoriali che si sono succeduti nel tempo (il Patto territoriale, il PIT, il piano strategico di area vasta) non è stato identificato un “leader naturale” dell‟area murgiana. Le dinamiche di alternanza tra i comuni maggiori (Gravina, Santeramo, Altamura, Cassano delle Murge) sembrano avere prevalso su obiettivi di contenuto dei progetti territoriali e su attori capaci di interpretarli con continuità. Ciò pare confermato dalla disgregazione del partenariato istituzionale dal PIT (14 comuni) all‟area vasta (soli 4 comuni, cui si aggiunge il Parco nazionale). Secondo la ricostruzione delle persone intervistate, nel 2002 il ruolo di capofila del PIT è stato affidato a Santeramo in Colle perché la giunta di centro destra (retta da Michele di Gregorio) era quella che più lamentava di essere stata marginalizzata nel Patto territoriale (gestito dal sindaco di Gravina, Remo Barbi, centro sinistra). La stessa dinamica è avvenuta nel 2005 per la scelta del capofila del piano strategico: l‟autocandidatura del Comune di Gioia del Colle non è stata accolta favorevolmente dagli altri sindaci anche per una collocazione geografica “eccentrica” del comune, che successivamente ha aderito all‟area vasta di Bari; nel frattempo i candidati sindaci dei Comuni di Altamura e Gravina stavano conducendo una campagna elettorale piuttosto critica nei confronti della gestione del PIT. La scelta del capofila dell‟area vasta dell‟Alta Murgia è ricaduta sul Comune di Gravina, che aveva criticato pesantemente il PIT e la sua gestione. Una conseguenza di questo clima conflittuale è che l‟Ufficio del piano strategico di Gravina è stato impostato in modo del tutto indipendente dall‟ufficio unico del PIT, limitando fortemente il dialogo tra le due strutture e tenendo in scarsa considerazione la progettazione sviluppata nell‟ambito del PIT. Un intervistato ha a questo proposito affermato che “nella vicenda PIT-area vasta” hanno prevalso le lotte di campanile”, cui si è aggiunto il fatto che gli apparati amministrativi comunali e provinciali” non erano dotati delle necessarie competenze per la gestione dei progetti complessi e hanno richiesto tempi lunghi per percepire i cambiamenti in corso”. Ogni cambiamento di giunta ha reso necessario “dover ripartire pressoché ex novo, senza conservare o valorizzare quanto realizzato in precedenza”. Oltre agli attori di tipo politico, un ruolo rilevante nella vicenda PIT è assunto dagli esperti. Si tratta, in particolare, dei consulenti che hanno predisposto la proposta di programma ed hanno seguito la progettazione nelle fasi iniziali, e delle due PIT manager, entrambe con contratto di dirigente a tempo determinato presso il comune di Santeramo. La prima (2005-07) ha guidato l‟Ufficio unico dalla sua istituzione all‟avvio della fase attuativa predisponendo alcuni dei progetti principali. La seconda (2007-10) ha gestito la fase di implementazione con spirito manageriale, spendendo le risorse stanziate e riuscendo ad acquisire nuovi finanziamenti grazie alla premialità. Quest‟ultima ha affermato di avere agito con un buon livello di indipendenza dalla politica locale riuscendo a perseguire obiettivi di processo – cioè massimizzare la spesa possibile per i comuni dell‟area cogliendo le richieste di intervento dei comuni e intercettando i possibili finanziamenti. D‟altra parte, la cesura forte con la precedente gestione del PIT e il ricambio di tutti i sindaci dell‟area nel 2005, l‟assenza di una leadership forte unita alla necessità di “spendere” le risorse assegnate, ha focalizzato l‟attenzione sulla gestione dei progetti di diretta competenza dell‟Ufficio unico tralasciando il presidio sulle altre componenti del PIT (quali in particolare la formazione ed i PIA) ed i loro effetti sul territorio. Entrambe le incaricate tuttavia, probabilmente per motivi diversi, non sono state confermate nel ruolo né hanno visto una successiva collocazione negli organici comunali. L‟Ufficio unico del PIT è stato probabilmente percepito come una struttura strettamente legata al Comune di Santeramo, e non come un centro di progettazione e gestione “di area vasta”; ciò sembrerebbe confermato dal fatto che nell‟ambito dei lavori del piano strategico di area vasta l‟Ufficio Unico è stato coinvolto dall‟Ufficio di piano solo per la progettazione di iniziative relative al Comune di Santeramo, mentre ha un ruolo marginale per quanto riguarda la progettazione degli interventi per gli altri comuni. Complessivamente debole appare, nel PIT, il ruolo delle burocrazie locali (eccetto l‟attività svolta dai funzionari degli uffici tecnici dei comuni) e dalle due province di Bari e Taranto, partner dell‟Accordo tra amministrazioni. Secondo l‟assessore provinciale Vito Giampetruzzi, la Provincia ha avuto un ruolo marginale sia per uno scarso riconoscimento del suo ruolo da parte della Regione, sia per mancanza di strutturazione interna ai propri uffici e scarsa conoscenza delle procedure dei PIT. Nonostante la connotazione del pit, fortemente incentrata sullo sviluppo delle filiere produttive e l‟internazionalizzazione, e stante le lacune informative connesse al primo periodo di programmazione (2002-05) non sembrano emergere posizioni di rilievo giocate nel processo di policy da parte dell‟imprenditoria locale o delle associazioni di rappresentanza. Oltre al coinvolgimento di vari rappresentanti nel partenariato socio-economico del PIT (di cui però non si ha traccia documentale), le 154


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 imprese ed i loro rappresentanti hanno preso parte a varie iniziative di animazione. Uno dei progetti del PIT che sembra avere coinvolto in modo più significativo il mondo delle imprese, nell‟ambito delle iniziative di animazione, è il progetto Murgia Sicura, che ha previsto indagini e workshop sulla percezione di sicurezza delle imprese e sulle strategie per rafforzare l‟efficacia delle azioni istituzionali rivolte al mondo economico. Confapi Bari ha promosso, insieme all‟Università di Bari e ad una società di ingegneria, un‟iniziativa che ha promosso il marchio Mitica Murgia, al cui protocollo di intesa hanno partecipato anche i Comuni del PIT pur derivando da una precedente iniziativa Equal. Non è chiaro invece al momento il livello di coinvolgimento delle imprese nell‟impostazione e realizzazione del progetto di marketing territoriale SIM-Murgia. Il progetto è stato dapprima predisposto dall‟Ufficio Unico del PIT e quindi oggetto di gara, vinta poi dalla società Engineering. In collaborazione con l‟Ufficio Unico di Santeramo, la società ha progressivamente sviluppato in varie tranche un progetto piuttosto complesso di tipo telematico che avrebbe dovuto fungere non solo da portale per il territorio della Murgia, ma anche come sviluppo dello sportello unico “on line” per i comuni associati del territorio e come infrastruttura di supporto per le istituzioni dell‟area47. Dalle interviste effettuate emerge una contrapposizione tra questo progetto ed i suoi promotori (l‟Ufficio unico del PIT, la società appaltatrice), da una parte, e la struttura del SUAP intercomunale gestito dalla Società Murgia Sviluppo, (che secondo alcuni intervistati vedrebbe ridotto il proprio ruolo dalla possibilità di fornire i servizi alle imprese in modalità telematica), dall‟altra. L‟opposizione al progetto sembra spiegare l‟interruzione, da parte di Murgia Sviluppo, delle attività di promozione ed animazione del PIT, in cui risultava attivamente coinvolta fino al 2007. Per quanto riguarda gli attori di tipo sociale, anch‟essi risultano coinvolti prevalentemente come progettisti e soggetti attuatori delle azioni Integra Murgia e Murgia Sicura. Tabella 6 Gli attori coinvolti nel PIT 4 della Murgia Politici Nazionale Regionale Provinciale

Locale

2.5

Sindaci dei Comuni dell’are

Burocratici Ente parco dell‟Alta Murgia Regione Puglia

Esperti

Economici

Sociali

Provincia di Bari CCIAA di Bari Prefettura di Bari Asl Bari Casa circondariale Scuole medie superiori

Università degli Studi di Foggia Università degli studi di Bari

Confapi Bari Confcooperative Bari CIA Bari Confindustria Bari UGL coltivatori UIL

Consorzio Meridia

Ufficio unico PIT Uffici tecnici comunali Ufficio di piano del Comune di Gravina

Consulenti del PIT …

Murgia sviluppo spa Engineering spa Exhibit Impresa valore Opera 77

Operatori terzo settore Cooperative sociali per i progetti Integra Murgia e Murgia Sicura Coop. La Serena

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

L‟Ufficio unico del PIT 4 è stato istituito il 31 gennaio 2005 e collocato presso il Comune di Santeramo in colle, in Piazza Saragat (zona PIP). L‟Ufficio è composto interamente da personale del Comune (interno o in appalto) oltre ai vari tecnici degli altri comuni coinvolti per le attività relative alle operazioni infrastrutturali. Non è stato sviluppato un sito internet del PIT. Il ruolo di PIT manager è stato assegnato prima ad una dirigente esterna (Irene Giordano), con incarico fiduciario da parte del sindaco dal sindaco di Santeramo, Sante Zeverino. Le informazioni su questo periodo di gestione sono frammentarie ma sembra che le attività dell‟ufficio unico siano state gestite prevalentemente con consulenze a professionisti esterni. Dopo le sue dimissioni (30 giugno 2007), l‟ufficio è stato gestito per un breve periodo (4 mesi) da un dirigente interno al Comune di Santeramo.

47

Un progetto di e-government per i comuni dell‟area, del valore di 1 milione di euro, è stato oggetto di finanziamento nel piano stralcio del Piano strategico La città murgiana.

155


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 A settembre 2007 è stato indetto dal Comune di Santeramo un concorso per l‟individuazione del nuovo Pit manager. Vincitrice della gara è risultata Anna Zingarello, manager proveniente dal mondo confindustriale con varie esperienze di gestione di progetti complessi ed in particolare di iniziative in tema di internazionalizzazione delle imprese. Per dare maggiore rapidità alla spesa del PIT, la nuova PM ha eliminato le consulenze esterne precedentemente attivate (in base alle informazioni raccolte durante l‟intervista, si trattava di circa 500.000 euro ripartiti su tre consulenti dell‟Ufficio unico) e ha bandito una selezione di giovani laureati per seguire le attività connesse all‟attuazione e rendicontazione dei progetti di competenza dell‟Ufficio unico. Tra il 2008 ed il 2010 sono stati coinvolti in vari progetti circa 15 giovani, con contratti a tempo determinato, per il supporto alle attività del PM, la collaborazione all‟implementazione dei progetti (in particolare, l‟alimentazione del portale SIM Murgia), la rendicontazione della spesa e più in generale la gestione della parte amministrativa ed i rapporti con i Comuni. Per quanto riguarda le attività connesse alla predisposizione del Piano strategico di Area vasta, l‟Ufficio unico ha collaborato alla predisposizione dei progetti in tema di e-government, delle schede-progetto in tema di efficientamento energetico per i 14 comuni del PIT, e di alcuni progetti per il Comune di Santeramo. Per questo comune ha in particolare collaborato alla presentazione al Ministero degli Interni di un intervento per la ristrutturazione e riqualificazione a fini sociali di un immobile confiscato, nell‟ambito del PON Sicurezza; si tratta di un intervento che deriva dalle attività di ricerca, animazione e confronto realizzate nell‟ambito del progetto Murgia Sicura. Va peraltro notato che le attività realizzate dall‟Ufficio unico nella fase di attuazione hanno quasi completamente trascurato il presidio delle azioni a regia regionale. Nessuna informazione infatti è disponibile a livello di Ufficio unico sulle attività effettivamente realizzate nell‟ambito della formazione e dei pacchetti integrati di agevolazioni destinati alle imprese. Nel periodo di gestione della PM Zingarello, le spese di gestione dell‟Ufficio PIT ammontano a circa 230.000 euro annue, comprensive degli stipendi del personale (Pit manager e responsabile ufficio tecnico comunale) e dei costi di gestione della struttura. Tabella 7 Costi di gestione dell’Ufficio unico PIT 4 - consuntivi 2008 e 2009 Voci di costo Personale Acquisto beni di consumo, servizi, spese generali, imprevisti, piano di comunicazione Totale

2008

2009

164.284,16

162.882,64

67.558,76

80.922,66

293.544,49

243.805,30

Fonte: Ufficio unico del PIT 4

Tuttavia, il rapporto tra Ufficio unico e amministrazioni non è stato esente da problemi tanto che la struttura è stata sciolta il 31 dicembre 2010. Piuttosto difficoltosi sono inoltre stati i rapporti con l‟ufficio di piano del Comune di Gravina di Puglia, che presenta una totale discontinuità rispetto sia alle funzioni, sia all‟organico dell‟Ufficio unico. L‟Ufficio unico del PIT ha tuttavia collaborato con l‟Ufficio di piano alla predisposizione di alcuni dei progetti presentati nell‟ambito del piano strategico di area vasta. 2.6

Output realizzati

Non sono al momento disponibili informazioni relative agli output conseguiti sulle varie azioni a regia regionale (in particolare le iniziative di formazione ed i PIA-PIT) e sul ri-finanziamento della misura 6.1 in tema di viabilità (78 milioni di euro con beneficiari le Province di Bari, Taranto, Comune di Cassano e Regione Puglia). Per quanto riguarda le azioni gestite dall‟Ufficio unico, le informazioni finora raccolte mostrano una buona capacità realizzativa in quanto tutti i progetti avviati sono stati completati. In particolare: Sono stati collaudati gli interventi relativi ai 17 progetti infrastrutturali finanziati nell‟ambito del PIT a valere sulla misura 4.2. Due di questi progetti riguardavano centri servizi presso il Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle e presso il Comune di Grumo Appula; gli interventi di tipo edilizio sono stati completati anche se il centro servizi presso il Palazzo Marchesale non è tuttora attivo. Non ci sono al momento informazioni per il centro di Grumo Appula. 156


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Nel 2008 sono state realizzate le iniziative del progetto di internazionalizzazione. Le iniziative si sono svolte a Milano (in occasione della fiera internazionale del mobile imbottito, presso Galleria dei Navigli dal 16 al 21 aprile 2008), a New York (settore alimentare - in occasione della fiera alimentare Fancy Food dal 29 giugno al 1 luglio 2008) ed a Mosca (settore mobile imbottito – in occasione del Fashion Week dal 30 marzo al 6 aprile 2008) con l‟organizzazione di eventi dedicati. Nell‟ambito di queste manifestazioni sono stati organizzati 4 eventi denominati “Murgia in black” (per il salone del mobile imbottito: Artplay Mosca, 3 aprile 2008; Milano Galleria Navigli, 16 aprile 2008; per il settore agroalimentare: Milano 16 aprile 2008; New York 30 giugno 2008). Sempre nell‟ambito del progetto sono state realizzate delle guide alle opportunità nei mercati-obiettivo e workshop nelle aree di produzione, attività di pubblicità e promozione dell‟area della Murgia presso operatori e stampa nei mercati obiettivo ed incontri con gli operatori esteri. Non sono al momento disponibili informazioni sulle imprese partecipanti agli eventi. Sono stati realizzati almeno tre siti internet relativi a vari progetti finanziati dal PIT. Il principale portale www.sim-murgia.it, la cui implementazione risultava completata in base alle interviste realizzate; il portale www.integramurgia.it; il portale www.murgiasicura.it; In relazione al progetto Murgia Sicura, realizzato nel 2008, sono state realizzate un‟indagine conoscitiva sul fabbisogno di sicurezza, tramite un questionario rivolto a 1.325 imprese dei 14 comuni del PIT 4 (pari al 5% del totale delle imprese del territorio); un‟indagine qualitativa su dimensione e dinamiche del danno arrecato dalle varie forme di criminalità economica verso le imprese del territorio; uno studio sulla diffusione di esperienze di responsabilità sociale di impresa e identificazione di 15 buone prassi italiane e europee; l‟elaborazione di un modello relazionale e di comunicazione tra imprese e servizi di sicurezza per migliorare l‟efficacia dei messaggi e dei codici utilizzati dalle istituzioni. Il workshop finale del progetto “Murgia Sicura: imprese e istituzioni a confronto” è stato realizzato il 26 settembre 2008 con circa 150 partecipanti. Nel corso del progetto sono state realizzate varie attività di comunicazione ed è stato realizzato un portale (www.murgiasicura.org) che tuttavia non risulta più attivo. Alcune delle azioni discusse nell‟ambito del progetto sono state poi proposte dal Comune di Santeramo nell‟ambito del PON Sicurezza. In relazione al Progetto Integra Murgia, completato nel 2008, l‟attuazione ha previsto 4 procedure di appalto per l‟affidamento dei servizi, che hanno visto la realizzazione di un percorso di orientamento formativo e stage per 25 partecipanti caratterizzati da fenomeni di devianza (di cui 16 hanno costituito la cooperativa di servizi sociali “Nuova realtà”), un percorso di orientamento e formazione rivolto a 30 disoccupati di lungo periodo, attività di sensibilizzazione, animazione e cittadinanza attiva presso 3 scuole del territorio, la realizzazione di un manuale in tema di security management e la sottoscrizione di un protocollo di intesa da sottoporre ai partner aderenti al PIT 4. Il workshop finale del progetto è stato realizzato a gennaio 2009. Nell‟ambito del progetto è stato realizzato il portale www.integramurgia.org (che non risulta più attivo). 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Il protocollo di intesa per la realizzazione del Piano strategico di area vasta è stato sottoscritto il 15 febbraio 2007, con capofila il Comune di Gravina. Il 28 dicembre 2008 l‟Ufficio di Piano strategico del Comune di Gravina ha depositato il Metaplan in regione. Le caratteristiche del Piano strategico di area vasta mostrano discontinuità significative con il PIT dell‟area murgiana. Le differenze riguardano in primo luogo la coalizione partenariale, ridotta da 14 comuni aderenti al PIT a soli 4 dell‟area vasta. Sono inoltre partner istituzionali del piano strategico il Parco nazionale dell‟Alta Murgia e la Provincia di Bari. Dal punto di vista tematico, il Piano strategico di area vasta “La città murgiana della qualità e del benessere” riprende alcuni tematismi del PIT ma li amplia includendo anche il tema della qualificazione e fruibilità del territorio. Gli assi prioritari del piano strategico della Murgia riguardano: 1) 2) 3) 4)

abitabilità e vivibilità urbana cooperazione intercomunale valorizzazione del patrimonio storico, culturale, ambientale ed archeologico del territorio Reti e mobilità. 157


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Ne derivano in totale di 147 progetti, tra cui sono previste iniziative a promozione dei centri storici come città d‟arte e residenzialità e della riqualificazione delle periferie, azioni per la realizzazione di strutture termali, culturali e sportive, azioni per il potenziamento della rete digitale, azioni di valorizzazione dello spazio rurale, delle masserie e del sistema dell‟accoglienza, azioni di rafforzamento del sistema dei collegamenti infrastrutturali, un parco fotovoltaico nella zona PIP, ecc. Alcune azioni del Piano strategico si collegano con precedenti azioni del PIT; si tratta, di azioni localizzate in prevalenza nel Comune di Santeramo, presentate dall‟Ufficio di Piano in collaborazione con l‟Ufficio unico del PIT. Si tratta di progetti di sostegno all‟internazionalizzazione delle imprese, per la realizzazione del marchio d‟area murgiano, la realizzazione di una rete a banda larga per la riduzione del digital divide e l‟erogazione di servizi wi fi ed un centro servizi per l‟e-government. A giugno 2009, la Giunta regionale ha deliberato gli adempimenti per la definizione del programma stralcio di interventi del piano strategico. I progetti finanziati (dgr 2688 del dicembre 2009), per un totale di 22 milioni di euro, sono: Tabella 8 I progetti stralcio finanziati nel piano strategico La città murgiana della qualità e del benessere Comune Gravina in Puglia

Titolo intervento Via Deledda Recupero tecnico funzionale dell‟ex convento di Santa Sofia per la realizzazione del centro servizi per la valorizzazione del patrimonio culturale della Città murgiana Sistema dei Musei Ampliamento e infrastrutturazione di nuovi spazi da destinare ad attività produttive: ammodernamento delle infrastrutture esistenti funzionale al sistema delle aree destinate agli insediamenti produttivi Altamura Lavori di consolidamento dei dissesti idrogeologici Recupero architettonico e funzionale dell‟ex monastero di Santa Croce per la realizzazione di un ostello per la gioventù e un museo della pietra Masseria Jesce Completamento Palazzo Baldassarra e musealizzazione Uomo di Altamura per fruizione virtuale Completamento e recupero tecnico-funzionale ex Mattatoio comunale da adibire a laboratorio giovanile Efficientamento energetico Santeramo in Colle Completamento dell‟intervento di valorizzazione dell‟edificio ex Enal Efficientamento energetico Poggiorsini Lavori di consolidamento dei dissesti idrogeologici Efficientamento energetico Sovracomunale E-government Totale Fonte: brochure informativa realizzata dal Piano strategico della Città murgiana

3 3.1

Importo 1.250.000 2.500.000 556.553 1.899.000 1.000.000 3.676.000 179.760 1.500.000 1.800.000 550.000 450.000 2.950.000 2.500.000 152.303 1.095.691 22.059.307

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Il PIT 4 dell‟area murgiana è impostato su due assi – l‟agroalimentare e la produzione del mobile imbottito – che costituiscono indubbiamente elementi portanti dell‟economia locale. Tutta la strategia del PIT si sviluppa intorno a questi due temi centrali, con l‟obiettivo da una parte di rafforzare la produzione locale tramite il consolidamento delle filiere produttive, dall‟altro di incrementare la dimensione internazionale rafforzando la commercializzazione su mercati esteri e il marketing territoriale. Al netto di alcune divagazioni dal tema, specialmente per quanto riguarda alcuni interventi di tipo infrastrutturale, la strategia individuata nel 2002 appare nel complesso coerente e rilevante rispetto alle caratteristiche del territorio, che si affacciava proprio in quegli anni sull‟orlo della crisi economica che avrebbe investito soprattutto il settore della produzione del mobile imbottito, con pesanti ripercussioni in termini di unità di imprese e di addetti. Tuttavia, l‟assenza o l‟indebolimento di una leadership riconosciuta del PIT ha fatto sì che il presidio della strategia si riducesse progressivamente nel tempo, concentrando l‟attenzione prevalentemente sugli aspetti di “spesa” di competenza dell‟ufficio unico (circa un quarto dello stanziamento totale per il territorio) a scapito della visione di insieme delle azioni intraprese (qui comprendendo anche le varie iniziative di formazione, in tema di ricerca e sviluppo, e i PIA-PIT, a regia regionale). 158


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Se non una propria cesura, un‟evidente discontinuità si è invece verificata tra il PIT e l‟area vasta. Il piano strategico da una parte ha ridotto decisamente la partnership territoriale (da 14 a 4 comuni), dall‟altra ha ampliato in modo eccessivo i temi di intervento per l‟area. Nel parco progetti dell‟Area vasta (composto da ben 150 interventi) si riduce l‟accento sul mondo dell‟impresa mentre si aggiungono numerosi interventi che alludono ai temi del turismo, del benessere, della qualità ambientale, così come all‟accessibilità del territorio e alla difesa del suolo. Alcuni interventi previsti derivano indubbiamente da precedenti iniziative realizzate nell‟ambito del PIT, ma senza sviluppare una strategia territoriale selettivo e coerente per lo sviluppo del territorio. 3.2

Integrazione dei progetti

I progetti del PIT mostrano un buon livello di integrazione e di coerenza con l‟idea forza. A ciò contribuiscono le iniziative in tema di internazionalizzazione, l‟idea di sviluppare un sistema di marketing d‟area, gli argomenti dei master finanziati nell‟area. Anche il tema della sicurezza e dell‟integrazione sono stati sviluppati in progetti che prestavano attenzione al mondo imprenditoriale. Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali, essi sono almeno a livello di impostazione generale collegati al miglioramento della funzionalità delle aree PIP e dello sviluppo dei servizi all‟impresa anche se l‟effettivo contributo delle operazioni alla strategia generale non è sempre evidente. L‟integrazione dei progetti del PIT 4 può essere valutata, sulla base delle informazioni a disposizione in questa fase, nell‟ambito di alcune dimensioni essenziali e cioè: - Integrazione a livello di policies; - Integrazione multilivello; - Integrazione pubblico/privato; - Integrazione orizzontale; Per quanto riguarda la prima dimensione (integrazione di policies), il piano d‟azione del PIT mostra un sistema complesso di interventi rivolti al mondo dell‟impresa, che spazia dalla formazione integrata, al potenziamento infrastrutturale, ai servizi, alla società dell‟informazione, delineando una strategia piuttosto complessa ed un elevato livello di integrazione delle policies considerate. Per quanto riguarda l‟integrazione multilivello, i progetti finanziati riguardano in particolare, in qualità di cofinanziatori, i comuni, le province e la Regione. Per quanto riguarda l’integrazione pubblico/privato, la caratterizzazione del PIT verso il mondo dell‟imprenditoria è implicita nella strategia di fondo anche se non è del tutto chiaro il contributo effettivo del partenariato economico alla realizzazione dei diversi progetti del PIT, se non come beneficiari diretti di alcuni finanziamenti. Per quanto riguarda, infine l’integrazione orizzontale, i progetti di rete (che cioè coinvolgono tutte o molte delle amministrazioni partner del PIT) gestiti dall‟Ufficio unico costituiscono circa il 40% del totale delle risorse gestito dal PIT, cui probabilmente possono aggiungersi alcuni progetti sviluppati a regia regionale. Si tratta di un investimento non preponderante, e tuttavia decisamente superiore rispetto a quanto finora previsto nel programma-stralcio dell‟area vasta (dove a livello intercomunale è stato finanziato solo il progetto di e-government, pari a circa il 5% dello stanziamento totale. Meno chiara è l‟effettiva traduzione dell‟impostazione in risultati per l‟economia del territorio. Alcune prime interviste sull‟efficacia delle azioni di internazionalizzazione, ad esempio, hanno avanzato seri dubbi rispetto alle scelte di intervento (si tratta di iniziative episodiche, incapaci di fornire risposte strutturali ai problemi dell‟economia locale, inoltre troppo sbilanciate sul lato della commercializzazione anziché sulla qualificazione dell‟offerta). Inoltre, l‟ambizioso progetto in tema di marketing territoriale Sim Murgia, che avrebbe dovuto evolversi in una piattaforma di servizi per le imprese e di e-government per le istituzioni del territorio, stenta a decollare anche per alcune opposizioni interne alla partnership territoriale. Altre informazioni sono necessarie per valutare l‟effettiva coerenza degli interventi promossi sotto la regia regionale, che costituiscono i tre quarti dell‟investimento sul territorio.

159


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 3.3

Integrazione degli attori

Le informazioni a disposizione in questa fase hanno mostrato un ruolo prevalente, nella prima fase di programmazione del PIT, degli attori di tipo politico e livello locale, oltre che degli esperti coinvolti nella definizione della strategia e nel supporto alla funzionalità dell‟ufficio unico. Livelli superiori a quello locale ricoprono ruoli di secondo piano, e sono principalmente coinvolti come attuatori dei progetti (in questo caso si tratta di attori di tipo economico, alcuni dei quali anche di dimensione nazionale) o nelle reti di partenariato (in particolare, le istituzioni coinvolte nei progetti sulla sicurezza). L‟unico partner istituzionale di livello nazionale è il Parco nazionale dell‟Alta Murgia che tuttavia interviene soltanto nei lavori per la predisposizione del piano strategico di area vasta. Come segnalato in precedenza, sebbene l‟area contasse su una buona esperienza precedente di progettazione complessa, tuttavia l‟assenza di una leader riconosciuto a livello territoriale (un politico o un‟amministrazione), ha esposto la vicenda attuativa del PIT, e successivamente dell‟area vasta, alle oscillazioni conseguenti alle alternanze elettorali, con conseguenze sulla continuità della struttura di gestione (nessun nuovo programma ha mantenuto le strutture allestite in precedenza né le professionalità attivate). Nel pit della Murgia hanno prevalso dunque attori di tipo politico e di livello locale, almeno per quanto riguarda la definizione delle coalizioni e l‟attribuzione delle risorse in fase di programmazione. D‟altra parte, la definizione delle operazioni a livello progettuale e le relazioni con i partner attuativi dei diversi progetti hanno visto il ruolo prevalente dell‟Ufficio unico, che si è costituito come promotore di nuove iniziative e come soggetto centrale del network di attori coinvolti nell‟attuazione. Va inoltre sottolineato che, sulla base delle informazioni raccolte, i due progetti in tema di sicurezza e di promozione delle reti sociali sono quelli che più hanno operato per il coinvolgimento delle reti locali e sovra locali, attivando collaborazioni con istituzioni (Asl, casa circondariale) e attori sociali del mondo cooperativo, a valle delle quali sono stati sviluppati ulteriori progetti nell‟ambito del PON Sicurezza. 3.4

Capacità di spesa

Le informazioni fornite dall‟Ufficio unico sembrano mostrare un‟ottima performance del Pit 4 in termini di capacità di spesa, almeno per quanto riguarda gli interventi di competenza dei Comuni. La spesa rendicontata e certificata è pari al 100% delle risorse attribuite.

4

Interviste effettuate

Emiddio Romano, imprenditore Romano Exhibit, 13.12.10 Anna Martina Zingarello, pit manager, 13.12.10 Cinzia Lagioia, consulente progetto Murgia Sicura e Integra Murgia, 14.12.10 Vito Giampetruzzi, assessore Provincia di Bari e vice sindaco comune di Santeramo in Colle,14.12.10 Vito Lillo, Sindaco di Santeramo in Colle, 14.12.10 Maria Pia di Medio, Sindaco di Cassano delle Murge, 14.12.10 Ignazio di Mauro, Sindaco di Poggiorsini, 14 dicembre 2010 Francesco Savoia, Engeneering spa, 14.12.10 Mario Antonio Stacca, sindaco di Altamura, 20 gennaio 2011 (intervista telefonica) Giovanni Divella, Sindaco di Gravina di Puglia, 20 gennaio 2011 (intervista telefonica)

160


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 5 – Valle d’Itria Tabella 1 Anagrafica di progetto Comune capofila

Martina Franca

Enti aderenti all‟accordo

Provincia di Bari, Provincia di Taranto, Comune di Alberobello, Comune di Castellana Grotte, Comune di Locorotondo, Comune di Noci, Comune di Putignano, Comune di Martina Franca, Comune di Monopoli

Tot comuni aderenti

7

Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia

29 giugno 2005

Localizzazione ufficio unico

Comune di Martina Franca

PIT Manager

Salvatore Alemanno (da gennaio 2005), Segretario Comunale del Comune di Noci e di Martina Franca

Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

185.981 abitanti

1

La vicenda

Il territorio del Pit 5 ha un perimetro piuttosto contenuto (sette Comuni), ma coinvolge due province (Bari e Taranto). La ricostruzione della storia del PIT 5 ha presentato alcune difficoltà non tanto dovute all‟irreperibilità della leadership tecnica o politica che ha partecipato alla definizione del progetto, quanto piuttosto ad una certa difficoltà a ripercorrerne il cammino da parte degli intervistati, come se si fosse trattato, in fondo, dell‟adempimento di una pratica burocratica priva di elementi di interesse. Nel 2001 sono stati organizzati i primi incontri di concertazione da parte della società di consulenza Profin Service Srl di Bari, la quale ha promosso l‟avvio del Pit. Tale società che poi ha svolto il ruolo di assistenza tecnica del Pit, come ha rimarcato il Pit Manager, ha “ereditato” la consulenza al Pit dopo aver seguito il Prusst “Sud-Est Barese, Valle d‟Itria e Terra delle Gravine”. Nel settembre 2002 si costituisce il Comitato del Pit 5 e, con grande tempestività, il Comitato nella stessa data consegna la prima bozza della proposta di Pit alla Regione. Nel febbraio del 2004 avviene la sottoscrizione della Convenzione da parte dei Sindaci delle Amministrazioni Comunali. Nell‟atto di Convenzione si disciplina anche l‟Ufficio Unico, quale struttura organizzativa pubblica responsabile dell‟attuazione del Pit 5. il 29 giugno 2005 si sottoscrive l‟accordo previsto dal Complemento di Programmazione per l‟attuazione del Pit tra la Regione e il capofila delle autonomie locali del Pit 5, il consigliere comunale di Martina Franca Giuseppe Chiarelli. Fino al 2007 la storia del Pit procede senza difficoltà per poi si intrecciarsi a quella di pianificazione strategica di area vasta, poiché responsabili istituzionali, consulenti e delimitazione territoriale del Pit, sono gli stessi (si aggiunge solo il Comune di Cisternino). Il 30 giugno 2009 avviene la chiusura formale del Pit 5. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali Data

Evento

Giugno 2002

Avvio dell‟iter procedurale dei PIT con la convocazione, da parte del Presidente della Giunta Regionale, della Conferenza delle Autonomie Locali interessate alla realizzazione di ciascun PIT.

30 settembre 2002

Si costituisce il Comitato del Pit 5 "Valle d‟Itria” approvato con Decreto del Presidente della Regione n. 567. Il Comitato consegna alla Regione Puglia, nella stessa data, la prima bozza della proposta di Pit.

14 febbraio 2003

Viene approvata dal Comitato di Sorveglianza del POR Puglia 2000-2006 la modifica al CdP che dispone il procedimento per la definizione e la successiva attuazione dei PIT.

Febbraio 2003

Vengono emanati i decreti del Presidente della Giunta Regionale che costituiscono i singoli Comitati PIT, individuando il Soggetto Capofila con il compito di coordinamento nell‟interlocuzione con la Regione e di attivazione del partenariato socio-economico, al fine dell‟elaborazione della proposta di Programma.

24 marzo 2003

Il Presidente della Giunta Regionale invita i Comitati dei PIT a presentare le proposte di Programma entro il 10 aprile

161


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2003. 8 aprile 2003

Il Comitato del Pit 5 approva la proposta di programma.

23 febbraio 2004

Sottoscrizione della Convenzione da parte dei Sindaci delle Amministrazioni Comunali.

4 febbraio 2004

Il NVVIP esprime parere favorevole sulla proposta di programma del Pit 5.

10 dicembre 2004

La Giunta Regionale approva la proposta di programma del Pit 5 "Valle d‟Itria” con deliberazione n. 1896.

16 marzo 2005

Pubblicazione della deliberazione 26 novembre 2004, n.1754 di approvazione del PIT 5 sul BUR della Regione Puglia (BURP n. 41 suppl. del 16.3.05).

3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

29 giugno 2005

Si sottoscrive l‟Accordo previsto dal Complemento di Programmazione per l‟attuazione del Pit tra la Regione e il capofila delle autonomie locali del Pit 5, il consigliere comunale di Martina Franca Giuseppe Chiarelli.

21 novembre 2005

Determinazione del dirigente regionale del settore artigianato e PMI sull‟“Approvazione e pubblicazione dei Programmi Integrati di Agevolazioni” PIT n. 5 Valle d‟Itria. Il costo del progetto relativo alle Misure 4.1 e 3.13 è pari a Euro 23.229.143,00.

Agosto 2006

Viene pubblicata la determinazione settore formazione professionale 25 luglio 2006, n.499 (BURP n. 99 del 3 agosto 2006) che indice Avviso pubblico n.20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia a valere sulla Misura 4.20 "Azioni per le risorse umane", Azione b) "Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati".

13 settembre 2006

Delibera di Assemblea dei Sindaci (n. 20) nella quale si affida l‟incarico alla Profin Service, rappresentata dalla dott.ssa Angela Scianatico, già componente dell‟Assistenza del PIT 5, della Consulenza finalizzata alla predisposizione della Proposta di Progetto di cui all‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza” ed alle attività di supporto inerenti la realizzazione dello stesso.

Ottobre 2006

In questo periodo la Regione Puglia pubblica i seguenti bandi: -

-

-

DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, tramite la quale si dà approvazione alle iniziative di master, affidate alle università del territorio, nell‟ambito dei PIT. Nel PIT 5 non sono stati avviati Master. determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.639 (BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo stato e dalla Regione Puglia, a valere sulla misura Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e invidualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale". determinazione settore formazione professionale 2 ottobre 2006, n.640 BURP n.131 del 12 ottobre 2006) contenente Avviso pubblico n.24/2006 a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" Azione b): “Attuazione del Piano Regionale della Società dell‟Informazione”. l‟Avviso pubblico 27/2006 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” (BURP n.138 del 26 ottobre 2006), a valere sulla misura 3.14 per le azioni 3.14 b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata; 3.14 c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; 3.14 e) "Azioni di accompagnamento".

26 marzo 2007

La Regione Puglia approva la graduatoria dell‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità, la sicurezza”, delibera CIPE 26/2003, DGE n. 1006 del 12/7/2006. Al Pit 5 per il progetto GREEN@T viene attributo un contributo di 538.750,00 euro per la copertura totale del costo del progetto. A seguito di integrazioni il progetto Green@T ha a disposizione un importo totale di € 732.076,64.

7 maggio 2007

Determinazione del Project manager per l‟aggiudicazione definitiva della Gara d‟Appalto per affidamento Direzione Lavori, misura e contabilità, liquidazione ed assistenza al collaudo e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione per la realizzazione, nel Comune di Locorotondo, del “Centro Servizi”, inserito nel PIT n. 5 al Costituendo RTP Finepro Srl. Importo complessivo di 1.300.000,00 Euro.

30 aprile 2007

La Regione Puglia pubblica (BURP n. 65 3 maggio 2007) l‟approvazione della graduatoria dei progetti finanziabili volti all‟attuazione dei “Patti per la legalità” nell‟ambito dei Pit, FESR, Misura 6.5 Azione B. Il Pit 5 presenta un‟istanza con la richiesta di un importo pari a 215.000 euro. L‟istanza viene ammessa, ma non finanziata per esaurimento dei fondi.

Luglio 2007

Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072)

8 novembre 2007

E‟ stata aggiudicata una gara d‟appalto dal Comune di Martina Franca per l‟“Affidamento delle forniture e dei servizi connessi con la realizzazione di iniziative previste dal “progetto settore tessile-abbigliamento” e dal “progetto settore agroalimentare” a sostegno dei processi di internazionalizzazione delle imprese del territorio del Pit 5-Valle d‟Itria a RTI Fidanzia Sistemi Srl di Bari. L‟importo è di 964.065,68 euro (IVA esclusa).

8 novembre 2007

Determinazione del Project Manager per l‟aggiudicazione della gara d‟appalto per la realizzazione del portale di marketing territoriale della Valle d‟Itria – Itri@MKTG – e dei relativi servizi professionali alla Accenture Spa di Roma per

162


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.994.600,00 euro, IVA esclusa. 17 giugno 2008

Determinazione del Project Manager per l‟aggiudicazione della Gara per l‟Appalto finalizzato all‟inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati in attuazione del - Progetto Green@t - attinente gli ambiti territoriali dei Distretti sociosanitari n. 1 AUSL BA/5, n. 3 AUSL BA/5 e n. 5 AUSL TA/1” alla RTI composta dalla Workopp di Bologna , Forpuglia e Informa S.C.A.R.L. rispettivamente di Bari per complessivi 661.870,00 €uro - IVA inclusa.

30 giugno 2009

Chiusura formale del Pit 5.

28 marzo 2010

Elezioni amministrative.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

2

Caratteristiche del PIT

Nel territorio della Valle d‟Itria è possibile osservare la presenza veramente interessante di alcuni subsistemi produttivi locali, già molto caratterizzati: -

Il sistema del tessile-abbigliamento, specializzato nell‟area della Valle d‟Itria nella produzione di abbigliamento con prevalenza di camiceria, abbigliamento uomo, donna, e bambino, abiti da sposa, attualmente caratterizzato dalla necessità di spostare la capacità competitiva verso fattori non di prezzo, sviluppando la commercializzazione diretta, la penetrazione di mercati esteri e il riallineamento delle imprese parzialmente o totalmente sommerse. Tale sistema appare costituito da un‟elevata presenza di piccole imprese contoterziste e façoniste collegate sia a imprese del medesimo territorio, sia a imprese dislocate fuori della regione. Nello stesso tempo risultano presenti imprese dotate di canali di commercializzazione all‟interno della grande distribuzione, con mercati di sbocco sia in Italia che all‟estero (prevalentemente in area comunitaria).

-

Il sistema agroalimentare, localizzato prevalentemente a Putignano, Noci e Martina Franca per i prodotti lattiero-caseari, Locorotondo e Martina Franca in particolare per i vini e ancora Martina Franca. per la trasformazione delle carni (capocollo di Martina). I fabbisogni di tale sistema riguardano in particolare lo sviluppo delle vocazioni specifiche del sistema agro-alimentare attraverso il potenziamento delle attività di trasformazione su larga scala e la valorizzazione di produzioni locali tipiche, con particolare riferimento ai problemi logistici di approvvigionamento di materia prima e di organizzazione della commercializzazione sia sui mercati internazionali che sui mercati domestici.

-

Il sistema turistico dell‟area dei trulli (Alberobello, Monopoli, Locorotondo e Martina Franca), e dell‟area carsica di Castellana e Putignano. I principali punti di debolezza di tale sistema sono legati alle difficoltà di riuscire a costituire un sistema integrato in grado di valorizzare le risorse naturali, culturali, storiche dell‟area compresa tra la provincia di Bari e la provincia di Taranto, con un‟offerta sempre più destagionalizzata di nuovi servizi di ospitalità con specifiche caratteristiche distintive del turismo culturale, religioso, sportivo-ricreativo, congressuale, d‟affari, fieristico, scolastico e rurale.

Accanto a questi sistemi comincia ad affermarsi il sistema produttivo dell‟elettronica, dell‟innovazione tecnologia e dei servizi reali alle imprese, che allo stato attuale fa perno sul territorio di Noci, con una buona concentrazione di imprese specializzate in questo settore, e che ancora non ha significativamente interessato le aree limitrofe, ma che potrebbe essere estremamente funzionale al consolidamento degli altri sistemi produttivi. L‟abbigliamento e il tessile dunque rappresentano un‟imprescindibile risorsa che produce ricchezza su tutto il territorio del PIT. Il sistema del tessile-abbigliamento nel distretto industriale dei trulli è specializzato nella produzione di abbigliamento con prevalenza di abiti da sposa, abbigliamento per bambini e capi spalla ed è caratterizzato dalla necessità di potenziare il settore attraverso la realizzazione di un sistema di offerta integrato e l‟ampliamento della capacità di innovazione tecnologica, di internazionalizzazione e commercializzazione del prodotto con marchi propri. 163


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Infatti, i fattori competitivi attuali del distretto non sono tanto incentrati sul costo del lavoro, quanto piuttosto sulla base delle economie esterne; bassi risultano i fattori legati all‟innovazione di processo e di prodotto, ed alle economie di scala interne. La diffusione dell‟industria dell‟abbigliamento crea le migliori condizioni per la nascita d‟industrie più moderne e tecnologicamente più avanzate, le quali si diffondono più rapidamente attraverso i legami all‟origine e a valle che si instaurano con le nuove industrie. Pertanto, l‟industria dell‟abbigliamento può favorire lo sviluppo di imprese dell‟informatica, dell‟automazione e della nuova economia. Particolare attenzione dovrà essere prestata, quindi, alle dinamiche indotte dal Sistema Internazionale ed alle necessità di caratterizzare il Distretto con marchi propri spostando, le politiche del prezzo alla qualità. Nel settore agro alimentare si distinguono: -

per le produzioni vinicole Locorotondo con i suoi vini D.O.C., Martina Franca e Castellana Grotte;

-

per le produzioni olivicole Monopoli, Martina Franca, Castellana Grotte e Alberobello;

-

per la trasformazione delle carni Martina Franca con produzioni D.O.P.;

-

per le produzioni casearie Putignano e Noci;

-

per le produzioni derivate dai cereali Putignano ed Alberobello.

Il sistema produttivo evidenzia da un lato un elevato livello delle professionalità operanti (con gravi lacune, tuttavia, per i livelli dirigenziali) e dall‟altro lato una totale assenza d‟integrazione tra le imprese e in generale tra gli attori dello sviluppo del distretto. A ciò si aggiunge lo scarso livello di innovazione tecnologica che connota i processi produttivi (che allo stato attuale consente di distinguere solo parte del sistema produttivo di Noci). E‟ dunque con riferimento alle precedenti considerazioni che scaturisce l‟esigenza di potenziare nell‟idea forza e nei progetti attivati il settore attraverso la creazione di un sistema di offerta integrato e l‟ampliamento della capacità d‟innovazione tecnologica. Particolare attenzione dovrà inoltre essere riservata alla formazione e all‟internazionalizzazione delle imprese. 2.1

Idea forza

L‟idea forza del Pit 5 è la seguente: “Creazione di un sistema locale integrato valorizzando l'offerta esistente ed ampliando le capacità di innovazione in riferimento, in prevalenza, alle presenze di manifatturiero leggero diffuse nell'area”. L‟Obiettivo generale è il consolidamento del tessuto produttivo presente nell'area che ha la sua forza nella diversificazione e che ha tra le sue priorità la necessità di: trasferire la capacità competitiva verso fattori non di prezzo, sviluppando la commercializzazione diretta, il riallineamento delle imprese parzialmente o totalmente sommerse ed il potenziamento della capacità competitiva delle imprese presenti; potenziare il settore attraverso la creazione di un sistema di offerta integrato, l'ampliamento delle capacità di innovazione tecnologica e la incentivazione del processo d‟internazionalizzazione del tessuto economico locale; rafforzare l'identità di distretto, ancora oggi scarsamente avvertita, e di trasmetterla e renderla visibile ai mercati non solo di sbocco ma anche di approvvigionamento. Le linee di intervento sono le seguenti: Adeguamento della dotazione infrastrutturale e di rete Potenziamento del sistema produttivo Accrescimento dell'offerta di servizi alla persona ed alla comunità Promozione e rafforzamento dell'immagine e della qualità dei prodotti tipici e di filiera dell'area. L‟assemblea dei Sindaci, sostenuta in particolare da Profin Service srl di Bari, nel ruolo di accompagnamento e assistenza tecnica, ha insistito sul tema dell‟internazionalizzazione dell‟agro-alimentare. L‟idea forza nel Complemento di Programmazione era interamente mirata al tema della valorizzazione del settore tessile164


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 abbigliamento. In quel modo però i contesti produttivi di Alberobello e Locorotondo non erano assolutamente rappresentati. Il Pit Valle d‟Itria è stato un progetto integrato “apripista” – nonostante non abbia ricevuto il giusto riconoscimento a livello regionale, come ha affermato Salvatore Alemanno, il Pit manager – perché è intervenuto su questioni di merito della progettazione integrata territoriale, per esempio nella formulazione giuridica proposta dalle direttive della regione. 2.2

Dotazione finanziaria

Il PIT dell‟Area della Valle d‟Itria proposto nel documento pubblicato sul Burp, prevede una spesa complessiva di 81.388.538 euro, così articolata: •

53.057.224 € di spesa pubblica, di cui il 54,5% circa è rappresentato da risorse dei Fondi Strutturali per un totale di 39.347.500 €, il 46% da risorse nazionali (fondo di rotazione L. n. 183/97), regionali e locali per un totale di 33.445.500 €; • 28.331.314 € di spesa dei privati, che rappresenta il cofinanziamento necessario per l'attivazione di alcune delle misure di incentivo per l'occupazione e l'imprenditorialità che viene richiesto, nel rispetto dei regimi di aiuto di Stato riconosciuti dalla Commissione. Rispetto al costo totale ammissibile del Programma la spesa pro-capite è pari a 420 euro circa per abitante, mentre rispetto alla spesa pubblica ammissibile la dimensione del Programma è di poco più di 267 euro per abitante. La finanza del Programma, oltre che dai privati, così si scrive nel Pit, viene garantita dai Comuni, dalla Regione e da altri enti pubblici (Ministeri, UE). Per quanto riguarda il cofinanziamento dei privati, le somme previste nel quadro finanziario saranno garantite attraverso la previsione, nei bandi di attuazione delle specifiche misure, del cofinanziamento da parte dei privati che si candidano a essere destinatari ultimi. La spesa totale per la realizzazione del PIT è ripartita tra 3 Assi prioritari. Le spese previste sono da considerarsi non comprensive delle spese necessarie per la gestione del PIT, per le azioni d‟informazione, comunicazione, pubblicità. Si riporta di seguito in dettaglio la ripartizione della spesa complessiva per Misure e fonti di finanziamento, così come indicate nel documento di Pit pubblicato sul Burp.

165


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.3

I progetti attivati

Sono stati attivati numerosi progetti relativi alla Misura 4.2 a) legata agli “Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali”. Per quanto riguarda la Misura 6.2 b “Promozione dell‟internazionalizzazione” sono stati attivati i Progetti Settore Tessile-Abbigliamento e Agro-alimentare (costo: 2.095.358,00 euro) finalizzati a supportare le imprese del territorio ad espandere le loro relazioni economiche all‟estero - in particolare nel mercato giapponese e in quello russo - puntando sulla qualità dei loro prodotti per facilitare il loro posizionamento su segmenti più elevati e renderli così più competitivi, attraverso la formulazione di strategie integrate d‟internazionalizzazione in coordinamento con le azioni a livello regionale. Il progetto è stato redatto dall‟assistenza tecnica svolta dalla dott. ssa Angela Scianatico e dall‟arch, Michele Sgobba. A tal fine sono state realizzate missioni istituzionali, in occasione di grandi fiere di settore in Italia e all‟estero, al fine di accompagnare e promuovere il primo ingresso delle imprese in nuovi mercati. Le missioni sono state integrate da occasioni di incontro btob, tra buyer selezionati ed aziende, e precedute da percorsi workshop di settore per la formazione specialistica relativa a ciascun “mercato paese”. Tra il 2007 ed il 2008, il Pit 5 ha partecipato alle seguenti Fiere e Manifestazioni: per l‟agroalimentare, Summer Fancy Food a New York (29-06/1-08), Magazzini GUM a Mosca (settimana della Puglia – giugno 2008), Cibus Parma (5-8/05/08) Euro&Med a Foggia (27-30/03/08); per la moda, Collection Premiere Moscow (febbraio 2008/settembre 2008), Magazzini GUM a Mosca (giugno 2008). Nel corso del progetto è stata poi organizzata in una complessa missione di incoming con la presenza di una delegazione russa, di autorità, giornalisti e 50 buyers, tenutasi dal 15 al 18 maggio 2008. Nell‟occasione sono state realizzate, inaugurate dalla delegazione, due mostre, “Eleganze Barocche” a Martina Franca e “Fate onore a Primavera” a Putignano, entrambe ispirate all‟architettura barocca, all‟abbigliamento e alla tavola aristocratica della seconda metà del 1700. Le aziende del settore del settore hanno inoltre partecipato attivamente attraverso incontri mirati BtoB realizzati presso alcune delle più importanti strutture turistiche ricettive dell‟area. 2.3.1

Progetti significativi (flagship)

Il Pit manager e la consulente Angela Scianatico di Profin Service hanno rilevato come, nel percorso del Pit, sia stata perseguita esplicitamente una strategia di progettualità diffusa, piuttosto che una concentrazione di progetti bandiera. Hanno, infatti, osservato come nel Pit “siano contenuti microprogetti di servizio a tutto il territorio del Pit. Per le infrastrutture si è cercato di rispondere alle esigenze di base delle imprese locali. Lo sviluppo locale si compie anche grazie ai supporti infrastrutturali minimi, in contesti fragili”. Un progetto importante contenuto nel documento del Pit 5 è il Centro Servizi per le imprese a Locorotondo. Nel documento di Pit erano inseriti il progetto e il piano di gestione per la realizzazione di un incubatore d‟impresa specializzato nel settore dell‟industria primaria e della trasformazione dei prodotti dell‟agricoltura, e finalizzato al sostegno di opportunità imprenditoriali, ricerca scientifica applicata ed orientamento nelle nuove professioni. I lavori per la costruzione del centro servizi sono terminati il 30 giugno 2009, il giorno stesso in cui è stato chiuso il Pit. Il centro servizi tuttavia non è attivo. Attualmente non ospita nessuna funzione e non offre alcun servizio, perché, come ha posto l‟accento nell‟intervista Giuseppe Palmi sano, il Rup dell‟opera, ”Il progetto non finanziava arredi e strutture informatiche. Si stanno cercando dei finanziamenti per acquistarli”. E‟ stato creato un portale del Pit finalizzato all‟erogazione di servizi on line (Itri@mktg). L‟indirizzo è www.itria-marketing.it. Per la realizzazione del portale (connesso ai relativi servizi professionali) sono stati spesi 3.994.600,00 euro. La gara è stata vinta dalla Società Accenture di Roma. Nel Pit 5 non sono state previste attività di formazione legate all‟avvio di Master.

166


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

Nella fase iniziale di elaborazione della proposta di PIT hanno preso parte al lavoro di concertazione con l‟incarico di soggetti del Partenariato del PIT: - le associazioni di categoria; - le organizzazioni sindacali; - i rappresentanti dei seguenti gruppi imprenditoriali. Tutti questi soggetti hanno dato vita ad un percorso di lavoro per la stesura della proposta di PIT che si è sviluppata secondo la seguente agenda di incontri: Tabella 4 Gli incontri del partenariato

Data

Sede incontri

5 settembre 2001

ALEBROBELLO (BA) Sala Consiliare del Comune

5 settembre 2001

PUTIGNANO (BA) - Sala Consiliare del Comune

7 settembre 2002

LOCOROTONDO (BA) - Sede Cantina Sociale

7 settembre 2002

MARTINA FRANCA (TA) - Biblioteca Comunale

10 settembre 2002

MARTINA FRANCA (TA) - Biblioteca Comunale

La concertazione avviata ha avuto come oggetto prioritariamente i seguenti temi: -

l‟analisi delle caratteristiche socio-economiche; i fabbisogni specifici connessi alle problematiche sei settori produttivi presenti nell‟area con riferimento alle evoluzioni imposte dal mercato sia in termini di costo che di prodotto; - le esigenze connesse al rafforzamento qualitativo e quantitativo dei prodotti in funzione della formazione di figure professionali in linea con le evidenze della domanda; - i fabbisogni specifici legati alle mancanze infrastrutturali ed alla logistica; - tutte le altre iniziative di promozione dello sviluppo locale, con particolare riferimento all‟economia del settore manifatturiero e dell‟agro-industria e volte a rafforzare la base occupazionale e i benefici diretti ed indiretti per la popolazione dell‟area, in termini di benessere economico e di qualità di vita. La prima fase, di concertazione preliminare, ha interessato solo le Amministrazioni Comunali e le Province di Bari e Taranto, impegnate nella definizione del contesto di riferimento per pervenire a un sistema condiviso di scelte preliminari, in coerenza con il quadro offerto dalla valutazione ex ante del territorio e del sistema socio-economico e ambientale di riferimento. La seconda fase, di definizione del PIT, ha interessato il Comitato del PIT e tutti gli attori dello sviluppo locali: rappresentanti di soggetti privati, di natura imprenditoriale, di altri soggetti pubblici, di soggetti del privato sociale. Tale fase è stata volta alla definizione, sul piano operativo, delle scelte strategiche per lo sviluppo socio-economico e per la valorizzazione di tutte le risorse dell‟area, con il coinvolgimento di tutti i soggetti portatori d‟interessi specifici rispetto al sistema di bisogni del territorio e rispetto all‟attuazione degli stessi interventi che compongono il piano integrato di sviluppo. Nell‟intervista con il Pit Manager, con la consulente per l‟assistenza tecnica del Pit e con il vice sindaco di Noci sono emerse alcune considerazioni dalle quali traspaiono le difficoltà incontrate nella gestione del partenariato e, in particolare, con le associazioni datoriali: “La governance del Pit è diversa dal partenariato. Il partenariato è indispensabile per capire le esigenze degli operatori. Nell‟esperienza del Pit se qualcosa non ha funzionato, è stato proprio il partenariato, perché non era strutturato. All‟inizio non c‟era uno strumento di condivisione della documentazione. Nella programmazione successiva (pianificazione strategica) si è cercato di evitare l‟errore creando un portale di servizio. E‟ stato predisposto un bando aperto per selezionare il partenariato per il piano strategico e sono stati assegnati diversi livelli ai soggetti del partenariato. Il partenariato istituzionale, ossia le associazioni imprenditoriali, non hanno prodotto nulla e non anno dato contributi particolari, soltanto hanno avuto un ruolo dirimente sull‟attribuzione di titolarità di partecipazione al tavolo”. 167


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Oltre al ruolo di leadership del Comune capofila di Martina Franca, seppur con un‟amministrazione molto instabile, il Pit manager segnala che ha avuto un ruolo trainante il Comune di Putignano, in particolare per la presenza di un assessore che ha seguito il Pit. Grazie ad un sindaco “ingegnere” provvisto di consistenti capacità organizzative anche il Comune di Monopoli ha partecipato attivamente alle attività. Rispetto al rapporto con la regione, nelle interviste si evince che qualcosa va senz‟altro modificato. In particolare per quanto riguarda i tempi: i tempi della progettualità dei Comuni (in particolare di quelli piccoli) sono molto diversi e più lenti dei tempi delle scadenze regionali. A livello regionale si è sviluppato un ottimo rapporto di scambio culturale con l‟assistenza tecnica regionale che era stata svolta dal Formez, in particolare con il prof. Forte. mentre con i piani strategici, venuta meno quella collaborazione non si è verificato la stessa proficua assistenza. Le convenzioni ex art. 30 del TUEL è la forma giuridica con la quale vengono gestiti i Pit. Tutte le problematiche connesse con l‟art. 30 sono state discusse con il prof. Forte e con l‟assessore regionale al Bilancio e Programmazione, dott. Saponaro. 2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

Il Comitato per l'Accordo di Programma del PIT ha garantito essenzialmente lo svolgimento delle seguenti funzioni: - attivazione del Partenariato di Programma; - sottoscrizione del Protocollo di intesa preliminare all'Accordo di Programma; - attivazione delle consulenze tecnico-specialistiche a supporto della definizione del Programma; - formulazione della proposta di PIT; - prima individuazione dei progetti relativi alle infrastrutture; - avvio del lavoro per la definizione della proposta di Accordo tra Amministrazioni); - individuazione della Struttura Pubblica responsabile per l'Attuazione del PIT. Successivamente il Comitato ha sottoscritto l'Accordo di Programma e ha dato il via all'attuazione del PIT. A tal fine è stata sviluppata un‟attenta riflessione interna al Comitato per il PIT rivolta a definire le modalità di lavoro, in termini di assetti organizzativi e di procedure gestionali per la fase successiva a quella della presentazione della proposta di PIT. Nella fase preliminare che ha dato luogo alla presentazione della Proposta di PIT, il Comitato del PIT ha lavorato dandosi una struttura leggera, fondata su un protocollo di intesa tra tutti i Comuni dell'Area della Valle d'Itria, e su un insieme di responsabilità condivise e di forte responsabilizzazione tra tutti i soggetti pubblici promotori del PIT, che hanno svolto un ruolo di regia della fase, fino ad arrivare alla presentazione della Proposta di PIT. Nel documento del Pit 5 pubblicato sul Burp si scrive che “per individuare le modalità organizzative più utili allo scopo, sono stati presi in considerazione i seguenti elementi di riflessione: -

la capacità delle strutture amministrative comunali di sostenere da sole il peso della gestione del PIT; - la necessità di acquisire risorse professionali e competenze specialistiche dall'esterno per offrire all'area i servizi di assistenza tecnica necessari per un efficiente funzionamento delle procedure di attuazione del PIT; - la necessità di avere in tempi brevi una struttura operativa che avvii immediatamente le procedure per l'attuazione del PIT; - la necessità di non gravare oltre i limiti dell'accettabilità e della sostenibilità, in termini di risorse economiche necessarie per l'assistenza tecnica e il supporto alla gestione, sui bilanci comunali”. Sulla base di tutti gli elementi sopra richiamati si è definito che la connotazione giuridica assunta nel corso della fase preliminare (semplice protocollo d‟intesa tra tutti gli enti pubblici interessati) dovesse evolvere in favore di una forma giuridica meglio strutturata e più vincolante per tutti i soggetti. In linea con le indicazioni previste dal Complemento di Programmazione della Regione Puglia, la forma di gestione prescelta è quella della Convenzione ai sensi dell‟art. 30 del d.lgs. 267/2000. 168


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tale Convenzione, stipulata il 23 febbraio 2004 tra tutti i Comuni della Valle d‟Itria (ma non con la Provincia di Bari e di Taranto), prevede l‟attivazione dell‟Ufficio Unico del PIT, che avvalendosi delle risorse umane e della dotazione economica e strumentale formata dal contributo di tutti i Comuni interessati, dalle Province e dalla Regione, provvederà a tutte le necessità per la realizzazione degli interventi e funge da unico centro di spesa nonché unica stazione appaltante per gli interventi previsti dal Programma. Nella Convenzione si stabilisce che l‟Ufficio Unico è diretto dal PIT Manager, il quale è responsabile dell‟organizzazione nel rispetto: dei regolamenti comunitari; delle linee guida per l‟organizzazione dei sistemi di gestione e di controllo per la predisposizione delle piste di controllo degli interveti cofinanziati dai Fondi Strutturali Comunitari predisposti dall‟IGRUE; della Convenzione stessa; del Regolamento sul funzionamento dell‟Ufficio Unico. L‟Ufficio accoglie gli orientamenti manifestati dall‟Assemblea e si avvale – laddove le professionalità siano presenti e distaccabili – di personale dipendente delle amministrazioni associate, salvo il riparto delle spese sostenute. Concretamente l‟Ufficio unico è stato attivato a Martina Franca, Comune capofila del Pit. E‟ composto di cinque risorse del personale del Comune di Martina Franca, di cui solo una stabile: un funzionario di Martina che si dedica solo all‟ufficio. Nell‟Ufficio Unico è coinvolto anche il dirigente dell‟ufficio ragioneria del Comune di Martina Franca. Poi sono coinvolti i dirigenti degli uffici tecnici dei 7 Comuni aderenti, i Rup, che rispondono direttamente al Pit manager. L‟Ufficio Unico è ancora attivo, perché la regione deve liquidare ancora il 5% del finanziamento. 2.6

Output realizzati

Sono stati realizzati diversi prodotti relativi alla MISURA 4.2 a) legata a “Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali”. La Misura nel suo complesso è stata finalizzata nel PIT 5 al miglioramento e completamento della dotazione e della funzionalità delle infrastrutture per la localizzazione e la logistica delle imprese e delle infrastrutture di servizio, in un‟ottica di aumento della competitività delle iniziative imprenditoriali nei settori che hanno dimostrato buone capacità di sviluppo. Ad oggi sono stati elaborati tutti i progetti esecutivi e stanno per completarsi le gare di appalto dei lavori (si veda la tabella nel par. 2.4) con un costo complessivo pari a 11.436.317,87 euro. E‟ stato realizzato il Progetto “Il Sistema valle d'Itria”, proposto alla Regione Puglia da SMILE Puglia in ATS con l'I.P.S.S. “A. Motulese” ed è stato finanziato dal POR Puglia 2000-2006 Complemento di programmazione - Mis. 4.20 - Azione a). L'obiettivo fondamentale del progetto è stato il miglioramento delle competenze dei dipendenti pubblici e degli operatori delle parti sociali su due temi: La programmazione negoziata; La promozione e la gestione dei piani formativi. Oltre ai Partner attuatori hanno aderito al progetto: 1. Comune di Martina Franca; 2. Comune di Locorotondo; 3. Consorzio Tessile Abbigliamento Idea Fashion di Martina Franca; 4. Comitato territoriale UISP "Valle d'Itria"; 5. La Confindustria Taranto; 6. La CGIL - Camera del Lavoro di Taranto. I destinatari delle attività sono stati i Comuni di Martina Franca, Locorotondo, Alberobello, Noci, Putignano, Castellana Grotte e Monopoli appartenenti al PIT 5. Le attività sono state contraddistinte da interventi denominati come “formativi” e interventi “non formativi”. 169


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Interventi formativi: La programmazione negoziata: Obiettivo principale è stato esaltare e valorizzare l'apprendimento delle attività di negoziazione maggiormente utilizzate, ponendo l‟accento sulle best practices esistenti; Conoscere struttura e caratteristiche dei Patti Territoriali; Accordi di Programma; Contratti d'Area; Ampliare la conoscenza e le possibilità di utilizzo del metodo concertativo. La promozione e la gestione dei piani formativi: Sviluppare la capacità di valutazione del fabbisogno formativo in un dato contesto; Ampliare la conoscenza degli strumenti di progettazione formativa; Ampliare la conoscenza degli strumenti di finanziamento delle politiche della formazione continua; Attuare strategie che determinino capacità di cooperare tra i soggetti istituzionali e sociali del territorio e che consentano anche l'internazionalizzazione dei mercati, dei sistemi produttivi e delle relazioni socio-politiche. Interventi non formativi: Creazione del citato sito web: il Portale "Sistema Valle d‟Itria” (www.sistemavalleditria.it) offre al personale e agli operatori delle Pubbliche Amministrazioni, delle associazioni dei datori di lavoro territoriali, delle associazioni sindacali dei lavoratori territoriali e delle associazioni coinvolte nel processo di sviluppo locale dell'area PIT 5, uno strumento di comunicazione e informazione sui temi della programmazione negoziata e della formazione continua. E‟ stato realizzato il progetto Green@t. Si tratta di uno dei “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità, la sicurezza”, delibera CIPE 26/2003, DGE n. 1006 del 12/7/2006. Le amministrazioni proponenti hanno sviluppato un progetto composto da iniziative pilota nell‟ambito delle attività previste dalla linea di intervento I “interventi volti a favorire l‟inserimento nel mondo del lavoro di soggetti svantaggiati come strumento di prevenzione e lotta all‟esclusione sociale”. Le linee d‟azione del progetto Green@t si propongono di favorire lo sviluppo formativo e l‟occupabilità delle persone che vivono situazioni di esclusione sociale o a rischio di esclusione, attraverso: lo sviluppo di competenze professionali spendibili nel mondo del lavoro; l‟inserimento in ambiti lavorativi con particolare riferimento ad iniziative promosse dalle stesse amministrazioni comunali, in forma singola od associata, in associazione con il provato sociale, le associazioni di categoria e le imprese. Il territorio interessato dal progetto comprende gli Ambiti territoriali relativi a tre piani sociali di zona, riguardanti i Comuni di Putignano, Martina Franca e Conversano. Sotto il profilo degli esiti negativi vale la pena narrare la vicenda di un progetto interrotto. Il progetto (un PIA, gestito con bando regionale) è stato presentato dal proprietario dell‟azienda AS di Monopoli, ingegner Labruna. Il progetto non ha ricevuto il finanziamento perché l‟imprenditore non ha ritenuto vantaggioso proseguire l‟esperienza attraverso il Pit. Le ragioni della rinuncia sono da attribuire al ritardo nell‟approvazione del progetto. L‟azienda AS, fondata nel 1971, è un‟azienda specializzata nella vendita, consulenza, assistenza tecnica di motori diesel (per applicazioni industriali, agricole, veicolari, ferroviarie, marine), gruppi elettrogeni, gru e piattaforme aeree. Il progetto riguardava la creazione di una scheda elettronica di manutenzione a distanza delle attrezzature. Le misure di riferimento, che sono state considerate dal referente molto interessanti, erano la 3.13 (ricerca industriale e trasferimento tecnologico) la 4.1 c), la 4.20 c). Non ci sono stati rapporti né con l‟Ufficio Unico, né con il Pit Manager, né con l‟assistenza tecnica del Pit. E‟ stata instaurata una relazione proficua con l‟assistenza tecnica regionale (Sviluppo Italia.) Nel 2005 l‟idea progettuale rappresentava un‟innovazione. L‟approvazione del progetto è slittata alla fine del 2007. Il progetto a quel punto sarebbe stato poi completato entro il 2008. Il ritardo nell‟approvazione, ha determinato secondo il proprietario dell‟azienda a rendere da un lato obsoleto il progetto e, dall‟altro, 170


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 molto difficile la realizzazione del progetto in un anno invece che in tre anni. L‟anno di start up sarebbe diventato l‟anno della rendicontazione. 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Nell‟implementazione del Pit e nell‟avvio del percorso di pianificazione strategica di area vasta è possibile riconoscere una effettiva continuità, sia nei contenuti, sia negli attori coinvolti, sia nella consulenza tecnica svolta sempre da Profin Service srl di Bari. Con il Pit è stato creato un marchio “Valle d‟Itria” che è stato sostanzialmente mantenuto anche nel Piano strategico successivo. Il piano strategico di area vasta gode dell‟eredità del Pit, c‟è un maggiore consapevolezza, una minore diffidenza sui temi della programmazione e della progettazione integrata, come ha osservato Stanislao Morea, il Vice sindaco di Noci. Il piano strategico di area vasta mantiene la delimitazione territoriale del Pit, si è aggiunto solo il Comune di Cisternino, localizzato però nella provincia di Brindisi. E‟ dunque un piano che riguarda un territorio di piccole dimensioni, ma è l‟unico piano strategico pugliese che coinvolge tre province. Per il piano strategico è stato creato un portale informativo (www.pianostrategicovalleditria.it) con un costo molto contenuto, 5.000 euro. La consulente Scianatico osserva che “Le aree vaste possono essere strategie di negoziazione, ma se ne accorta solo l‟assessore regionale all‟urbanistica (prof. Barbanente). Pertanto si può affermare che i gli attori locali siano dotati di una prospettiva strategica che manca alla scala regionale, tuttavia la loro progettualità è bloccata dai tempi lunghi richiesti per le autorizzazioni (Vas, beni culturali, ecc.). Ci dovrebbe essere anche a livello regionale un maggiore coordinamento orizzontale e intersettoriale”. A novembre 2010 è stato aperto il bando per i Sac (Sistemi Ambientali e Culturali) previsti nel POR 20072013 e finanziati sulle due misure 4.2 e 4.2.2. I Sac sono strumenti di attuazione del Piano strategico e, a cascata, del Pit. L‟assistenza tecnica del Pit 5 sta preparando la candidatura del territorio.

3

Conclusioni

La Valle d‟Itria è un ambito omogeneo, di piccole dimensioni e il Progetto del Pit rispecchia questa fisionomia “non problematica”. Assumono importanza e potere attori locali già integrati in una rete di relazioni consolidata che non esce dai confini territoriali, e di senso, consueti. Anche la scelta di una delega così ampia al Pit Manager (segretario comunale nell‟Amministrazione capofila e nel Comune di Noci) e, soprattutto, alla consulenza di Profin Service di Bari e di Finepro srl di Alberobello48, se da un lato è volta a favorire una omogeneità delle scelte progettuali e ad assicurare una garanzia della conoscenza delle procedure in relazione alle peculiarità locali, dall‟altro sembra rientrare in un disegno diretto al mantenimento del controllo sul processo da parte di pochi abituali attori locali. Tali aspetti tendono inevitabilmente a svuotare il partenariato del ruolo di regia progettuale e strategica ed a far assumere alla consulenza funzioni non esclusivamente tecniche. 3.1

Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Nell‟insieme l‟impalcatura progettuale e l‟idea forza del Pit sembrano coerenti con i lineamenti dell‟implementazione connessi ad una micro progettualità diffusa. Manca probabilmente una volontà di comunicazione del quadro e del frame delle azioni del Pit, da parte degli interlocutori. Anche dal portale dedicato al progetto non si evince una esplicita strategia complessiva ed integrata.

48

E‟ chiara la distinzione tra le due società, ma i consulenti sono sempre gli stessi per entrambe: la dott. ssa Angela Scianatico e l‟arch. Michele Sgobba, Oltre alla prestazioni indicate nella cronologia e nel testo da parte di Profin Service srl (delle quali non è stato possibile, nonostante le numerose richieste avere informazioni precise), all‟anagrafe delle prestazioni pubbliche risultano erogate a Profin Service srl per attività di studio e di ricerca e per il supporto all‟ufficio Pit 115.00 euro. Nel 2009 sempre all‟anagrafe delle prestazioni pubbliche risultano erogate a Profin Service srl 40.000 euro per la consulenza tecnica al progetto Itri@marketing (determinazione del Pit manager n. 35 del 7/04/2009) e all‟arch. Michele Sgobba 18.000 euro per la consulenza tecnica al progetto Itri@marketing (determinazione del Pit manager n. 32 del 7/04/2009). Alla dott. ssa Angela Scianatico 11.000 euro (importo previsto) per consulenza tecnica (determinazione del Pit manager n. 5, n. 43 del 21/04/2009).

171


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 3.2

Integrazione delle politiche, dei progetti e degli attori

Con le scarse informazioni a disposizione non è possibile elaborare un‟analisi compiuta sul tema dell‟integrazione. Da un punto di vista dell‟integrazione delle politiche e degli attori, anche nel documento di PIT si rileva come i Comuni di quest‟area siano tra loro legati da iniziative di programmazione e progettazione territoriale integrata. In particolare si segnalano: -

Patto Territoriale POLIS del Sud-Est Barese per i comuni di Alberobello, Castellana Grotte, Noci e Putignano di concerto con i comuni di Conversano, Mola di Bari, Monopoli, Polignano a Mare, Rutigliano, Sammichele di Bari e Turi, cui si sono aggiunti gli investimenti promossi dai due Patti Territoriali specializzati per l'Agricoltura ed il Turismo; Obiettivo prioritario è combinare la promozione dello sviluppo endogeno (sistema autopropulsivo) con lo sforzo tendente ad attirare risorse ed attività dall‟esterno-

-

Il Consorzio Turistico “Trulli, grotte, mare” sul turismo per i comuni di Alberobello, Castellana Grotte, Locorotondo, Martina Franca, Noci e Putignano, di concerto con i comuni di Ceglie Messapico, Cisternino, Conversano, Fasano, Mola di Bari, Monopoli, Polignano a Mare, Ostuni, Sammichele di Bari e Turi. Le aree di intervento sono state: beni e risorse culturali, artistiche, naturali; risorse immateriali.

-

Progetto Integrato Settoriale (P.I.S.), Itinerario turistico-culturale “Barocco Pugliese” dal titolo “La sapienza della pietra: trulli e Barocco” per i comuni di Alberobello, Castellana Grotte, Locorotondo, Martina Franca, Noci e Putignano di concerto con i comuni di Cisternino, Fasano, Monopoli, Polignano a Mare, Ostuni e Turi. La strategia turistica che l‟area intende adottare prevede la creazione di un sistema complesso in grado di garantire unicità ad un‟area in cui si trovano a coabitare diversi prodotti turistici, varie tipologie di clienti, differenti concept di servizio e distinti sistemi di erogazione.

-

Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo Sostenibile del Territorio (P.R.U.S.S.T.), “SudEst Barese, Valle d’Itria e Terra delle Gravine” per i comuni di Alberobello, Castellana Grotte, Locorotondo, Martina Franca, Noci e Putignano, di concerto con i comuni di Castellaneta, Ceglie Messapica, Cisternino, Conversano, Crispiano, Fasano, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Massafra, Mola di Bari, Monopoli, Monteiasi, Montemesola, Mottola, Ostuni, Palagianello, Polignano a Mare, Statte, Turi e Villa Castelli.

-

Distretti socio-sanitari. La presenza dei distretti come una opportunità per la creazione di aggregazioni specifiche all'interno della Valle d'Itria, che potrebbero favorire la promozione di iniziative con valenza comunque sovra-comunale.

-

Il piano strategico di area vasta, infine, il quale si pone in forte integrazione tematica e territoriale con il Pit 5.

-

In linea generale, si può inoltre riscontrare una integrazione tra progetti, sotto il profilo tematico, tra il progetto Green@t (a valere sulla Delibera Cipe 26/2003) e le attività previste dalla Misura 6.2 c) “Società dell‟informazione” per la realizzazione del progetto “Itri@marketing”.

172


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 3.3

Capacità di spesa

Le informazioni a disposizione non sono sufficienti a valutare la capacità di spesa.

4

Interviste effettuate

Salvatore Alemanno, Pit Manager (segretario generale del Comune di Noci e di Martina Franca), 9.11.2010. Angela Scianatico, assistenza tecnica PIT, società Profin Service srl di Bari, 9.11.2010. Stanislao Morea, Vice sindaco di Noci, 9.11.2010. Ing. Labruna proprietario dell‟Azienda AS di Monopoli, intervista telefonica,17/11/2010. Geom. Giuseppe Palmisano, Rup del Centro Servizi di Locorotondo, intervista telefonica, 24.11.2010 Interlocutori con i quali si è cercato di prendere un appuntamento per un‟intervista (in presenza, telefonica o per mail): Dott. Mario Renna di Casa Olearia spa di Monopoli.

173


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 6 – Taranto Tabella 1 Anagrafica di progetto

Titolo completo

Sviluppo di un sistema logistico distributivo legato alle più importanti direttrici internazionali che muove dagli investimenti in corso di realizzazione nella‟area di Taranto

Comune capofila

Comune di Taranto (fino al 2006); Provincia di Taranto (dal 9 ottobre 2006)

Enti aderenti all‟accordo

Provincia di Taranto; Comune di Taranto; Comune di Statte; Comune di Fragagnano; Comune di San Giorgio Jonico; Comune di Massafra; Comune di Grottaglie.

Totale comuni aderenti

6 Comuni + la Provincia di Taranto

Data firma dell‟accordo con Regione Puglia

13 gennaio 2005

Localizzazione ufficio unico

Comune di Taranto (fino all‟8 ottobre 2006); successivamente Provincia di Taranto

PIT Manager

Dal 5 maggio 2006: Dott.ssa Anna Rita Maurizia Merico

Popolazione residente nell‟area PIT

Provincia di Taranto (586.972); Comune di Taranto 8207.199); Comune di Massafra (31.067); Comune di Grottaglie (25.924), Comune di San Giorgio Jonico (15.700); Comune di Statte (14.884); Comune di Fragagnano (4.597)

Finanziamento di risorse pubbliche a carico del POR 20002006 della regione Puglia

59.712.204 euro

1

La vicenda

La ricostruzione della storia del PIT 6 presenta diverse lacune dovute all‟irreperibilità della leadership tecnica e politica che ha partecipato alla definizione del progetto e delle sue priorità. Il Comune di Taranto, ente capofila nella prima fase di questa esperienza, ha attraversato una serie di difficoltà economicofinanziarie che lo hanno portato, nel mese di marzo del 2006, al commissariamento. Per questo motivo, a ottobre 2006 l‟Assemblea dei Sindaci ha designato la Provincia di Taranto come nuovo ente capofila, determinando il trasferimento dell‟Ufficio Unico del PIT 6 presso gli uffici della Provincia stessa. Il 5 maggio 2006 è stata nominata la PIT Manager e, a partire da questo momento, i responsabili dell‟Ufficio Unico hanno lavorato prioritariamente sull‟implementazione e la chiusura dei progetti finanziati nel PIT. Tra il 2008 e il 2009 vengono realizzate gran parte delle opere infrastrutturali previste nel PIT. Mentre nel corso del 2008 è stato messo a punto e implementato il progetto di internazionalizzazione che ha consentito una collaborazione molto stretta tra l‟Ufficio unico e uno dei grandi attori tarantini “esclusi” dal progetto del PIT: l‟Autorità portuale. Tra il 2008 e il 2010 è stato attivato il progetto per il portale che è stato attivo fino a dicembre 2010.

174


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 2 Cronologia essenziale e ricostruzione della vicenda

30 Settembre 2002

Avvio dell‟iter procedurale da parte del Presidente della Giunta Regionale. Enti aderenti al Comitato per l‟Accordo di Programma del PIT 6 in questa fase: Massafra; San Giorgio Jonico; Statte; Taranto (Capofila); Provincia di Taranto

04 Agosto 2004

Approvazione del PIT 6 con Deliberazione del Consiglio Comunale di Taranto

09 Dicembre 2004

Approvazione del PIT 6 con Deliberazione della Giunta Regionale

13 Gennaio 2005

I rappresentanti degli enti coinvolti istituiscono l‟Assemblea dei Sindaci del PIT 6 e sottoscrivono l‟atto di Convenzione

02 Marzo 2005

Delibera dell‟Assemblea dei Sindaci che sancisce l‟ingresso nel PIT 6 dei Comuni di Grottaglie e Fragagnano,

Marzo 2006

Commissariamento del Comune di Taranto

09 Ottobre 2006

L‟Assemblea dei Sindaci designa la Provincia di Taranto nuovo ente capofila. L‟Ufficio Unico del PIT 6 viene trasferito presso la Provincia di Taranto.

2008-2009

Realizzazione delle opere infrastrutturali previste nel PIT

gennaio-settembre 2008

Implementazione e chiusura del progetto di internazionalizzazione

2008-2010

Implementazione del progetto del portale

2

Descrizione del PIT

La ricostruzione dell‟idea-forza, dei progetti significativi ad essa correlati e, in termini generali, degli obiettivi di sviluppo che hanno caratterizzato la definizione del PIT tarantino è limitata a quanto emerge dalla lettura del programma approvato dalla Regione Puglia il 16 marzo 2005. Non è stato possibile avere un confronto e un giudizio critico di questo processo assieme agli attori locali che hanno partecipato alla sua ideazione. Un confronto di questo tipo è avvenuto invece con la PIT Manager, Maurizia Merico, nominata nel 2006 e con Francesco Benincasa, Dirigente dell‟Autorità Portuale di Taranto che, oltre a rappresentare uno dei principali attori cruciali per lo sviluppo del territorio tarantino, ha partecipato al PIT solo in quanto attore rilevante di uno dei progetti messi in opera. 2.1

Idea forza

Dal programma approvato nel 2005 si evince, confermando la centralità della logistica nel territorio, che l‟idea forza è centrata sui temi infrastrutturali. Il PIT promuove lo “sviluppo di un sistema logistico distributivo legato alle più importanti direttrici internazionali che muove dagli investimenti in corso di realizzazione nella‟area di Taranto”. Il PIT si è posto l‟obiettivo generale di proporre un nuovo modello di sviluppo incentrato sulla qualificazione dei trasporti e sulla crescita della specializzazione economica per la potenzialità di sviluppare azioni di consolidamento delle reti e dei nodi di servizio. Si punta alla realizzazione di un indotto a basso impatto ambientale attorno ai traffici marittimi che generi un arricchimento per il territorio. Inoltre, l‟idea forza allude “all‟apertura territoriale”, trattando le potenzialità del territorio come fattori da qualificare in maniera integrata per l‟attrazione dei traffici internazionali. In particolare, il concetto di “apertura” viene declinato con riferimento ad azioni di sviluppo riferibili a quattro ambiti prioritari: il miglioramento infrastrutturale; la salvaguardia ambientale; lo sviluppo imprenditoriale; la crescita dei saperi. 2.2

Dotazione finanziaria

Il PIT è partito con un investimento finanziario pari a 80 milioni di euro che sono stati poi ridotti ad una quarantina.

175


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.3

I progetti attivati

L‟architettura complessiva del PIT non è comprensibile senza fare riferimento ad alcuni progetti di sviluppo più generali che interessano il territorio tarantino e, in particolare, il porto. In particolare, dal 2002 l‟Autorità portuale, il Comune, la Provincia e la Camera di Commercio sono riunite in un consorzio che ambisce a gestire il processo di realizzazione di un Distripark in un‟area retro portuale di 750.000 metri quadrati, accanto all‟attuale terminal dei container. I Distripark sono aree dedicate ad attività di preparazione e distribuzione fisica di beni di importazione e, in forma più limitata, ad attività di consolidamento di merci in esportazione. Secondo i regolamenti comunitari nelle aree Distripark è permessa la libera manipolazione delle merci e il loro “perfezionamento attivo” – riconfezionamento, etichettatura, imballaggio, groupage e spedizione, assemblaggio di componenti e controlli di qualità. Si tratta dunque di aree privilegiate per l‟insediamento delle piccole e medie imprese manifatturiere con processi produttivi ad alta intensità di manodopera, che trasformano semilavorati e componenti di provenienza nazionale e internazionale in prodotti da fornire ad altri operatori nazionali o da esportare in altri Paesi. Per questo motivo, l‟insediamento di un‟area Distripark e la realizzazione delle infrastrutture e delle iniziative ad esso correlate costituisce un elemento molto importante per sviluppare un indotto attorno ai traffici marittimi, capace di generare un arricchimento anche per il territorio. La realizzazione di questa infrastruttura è legata alla volontà di attrarre operatori nel campo dei trasporti, dei servizi, della lavorazione e dell‟assemblaggio di componenti industriali. Il Distripark è visto inoltre come uno snodo fondamentale per stimolare nuovi flussi di traffico in una prospettiva che non punti solamente alla gestione delle attività dei cargo che approdano a Taranto, ma ad un servizio integrato di logistica capace di gestire le catene di distribuzione attraverso tecnologie avanzate. Si tratta di un‟infrastruttura che ambisce dunque a proporre Taranto e il suo territorio come un centro di distribuzione per il sud Europa e la regione mediterranea. La realizzazione del Distripark è un progetto indipendente dal PIT, ma è stata assunta dal PIT stesso come un punto di partenza. Anche per questo, nel PIT erano previsti due interventi infrastrutturali “di completamento” di questo progetto: la realizzazione di impianti ferroviari nel contesto del Distripark e il loro collegamento con la rete ferroviaria italiana e la costruzione di un sottopasso ferroviario di collegamento tra il terminal dei container e lo stesso Distripark. Assieme a queste opere, il PIT si basa su un programma di “infrastrutturazione diffusa” del territorio industriale tarantino: questo obiettivo ha assorbito gran parte delle risorse disponibili e, proprio per questa impostazione, nel PIT non è possibile individuare dei flagship projects. Il completamento e l‟infrastrutturazione delle aree industriali rappresenta uno dei nodi portanti del PIT. In particolare, si trattava, per tutte le amministrazioni coinvolte, sia di semplificare le vie di comunicazione tra le aree industriali migliorandone l‟accessibilità (era molto complicato spostarsi da un‟area industriale all‟altra), sia di promuovere una serie di opere di completamento dell‟infrastrutturazione delle aree stesse. Questi progetti sono stati promossi attingendo alle risorse messe a disposizione dalla Misura 4.2 del POR-Puglia 2000-2006 – Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali, e dalla Misura 6.1 – Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto. Il progetto approvato nel 2005 dalla Regione Puglia, prevede poi una serie di interventi integrati che concorrono alla qualificazione del territorio industriale tarantino tra le quali è possibile annoverare: azioni a valere sulla Misura 2.3 relative ai Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) al fine di promuovere nuove iniziative industriali, consolidare gli insediamenti già presenti e sviluppare una logica di aggregazione del sistema produttivo locale (l‟azione è destinata prioritariamente a sostenere la filiera della logistica); azioni a valere sulla Misura 3.9 relative alla “formazione continua alle imprese”; azioni a valere sulla Misura 3.13 relative alla creazione di un “distretto locale dell‟innovazione” al fine di potenziare la capacità competitiva del territorio in termini di ricerca, sviluppo, innovazione e trasferimento tecnologico. Diverse iniziative concorrono inoltre al precedente obiettivo, offrendo supporti alle imprese e alle pubbliche amministrazioni, anche con riferimento ai mezzi più diffusi nella società dell’informazione: azioni a valere sulla Misura 6.2 sia in materia di marketing territoriale e attrazione degli investimenti, sia con riferimento alla creazione di una NET Community. In particolare, sul primo fronte l‟azione mira a promuovere e rafforzare il sistema produttivo locale con azioni di sviluppo di 176


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 un sistema informativo pubblico locale; la definizione e realizzazione di un programma di marketing mirato d‟area; l‟attivazione di strumenti di promozione. Sul secondo fronte l‟azione è finalizzata alla creazione di reti socio-economiche telematiche in un clima collaborativo tra pubblica amministrazione, imprese, cittadini e istituzioni della formazione e della ricerca; azioni a valere sulla Misura 6.4 relative alla formazione specifica nelle pubbliche amministrazioni di una NET community. Sono poi previste azioni connesse alla formazione superiore immaginando rapporti di scambio e collaborazione tra gli enti superiori di formazione e le imprese: azioni a valere sulla Misura 3.7 con riferimento alla formazione superiore con la finalità di ampliare le opportunità di offerta di formazione superiore privilegiando le iniziative finalizzate a sostenere la filiera della logistica; Azioni a valere sulla Misura 3.12 relative al miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico (attività di formazione, stage per giovani neolaureati o personale di ricerca presso imprese e di dipendenti di aziende presso le università). Infine, il PIT prevede la messa a punto di azioni con riferimento a: azioni a valere sulla Misura 3.11 con riferimento allo sviluppo dell‟autoimprenditorialità e dell‟autoimpiego (concessione di aiuti per la creazione di microimprese, lavoro autonomo e occupazione netta); azioni a valere sulla Misura 3.14 con riferimento ai pacchetti integrati formativi per le donne; azioni a valere sulla Misura 4.20 con riferimento ai Pacchetti integrati formativi PIT 6 (interventi formativi per le pubbliche amministrazioni e per i soggetti sociali in quanto attori principali dello sviluppo del sistema locale); azioni a valere sulla Misura 7.1 con riferimento all‟assistenza tecnica, istruttoria, monitoraggio, valutazione e pubblicità. 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT (fino al 2005)

Il partenariato del PIT ha coinvolto il Comune di Taranto, la Provincia di Taranto e i Comuni di Grottaglie, Fragagnano, Massafra, San Giorgio Jonico e Statte. Il Comune di Taranto ha svolto il ruolo di capofila fino al commissariamento nel 2006. Successivamente questo ruolo è stato assunto dalla Provincia. I leader tecnici che attualmente gestiscono il PIT sono certi che il Comune di Taranto (assieme alla società di Bari Euroconsulting) abbia svolto un ruolo propulsore nella fase di avvio del progetto, ma l‟irreperibilità della leadership politica presente all‟epoca non permette una ricostruzione più dettagliata della vicenda. Inoltre, la situazione politica e amministrativa emersa a Taranto non ha permesso una sostanziale cooperazione tra Comune e Provincia. Rileva sottolineare che i Comuni aderenti al PIT hanno invece continuato ad essere presenti, nonostante il commissariamento del Comune di Taranto. Le elezioni e l‟insediamento della nuova Giunta dopo il commissariamento sono avvenute nel 2007. A quella data la Provincia aveva ormai assunto un ruolo trainante nel PIT, il progetto era stato avviato e una serie di azioni erano già state appaltate. Nel mese di gennaio 2005 i Comuni aderenti al progetto hanno istituito l’Assemblea dei Sindaci del PIT n. 6 – Organo collegiale del PIT – che è composta dai Sindaci e dal Presidente della Provincia. Tra i compiti principali dell‟Assemblea è possibile annoverare: la nomina del Responsabile dell‟Ufficio Unico e del Segretario dell‟assemblea stessa; l‟approvazione entro il 31 ottobre di ogni anno del piano annuale degli interventi da realizzarsi; la formulazione delle linee guida per il miglior espletamento dei servizi di gestione del PIT; la delibera delle quote di finanziamento a carico degli Enti locali convenzionati per il funzionamento dell‟Ufficio Unico. Le interviste hanno evidenziato il ruolo trainante dell‟Ufficio Unico istituito presso la Provincia e della PIT Manager, a partire dalla sua nomina il 5 Maggio 2006. Il ritardo accumulato nell‟implementazione del PIT ha comportato un atteggiamento finalizzato in primo luogo alla chiusura dei progetti approvati. Spicca nel partenariato l’assenza dell’Autorità portuale di Taranto. Anche su questo fronte non è stato possibile ricostruire le vicende che hanno determinato questa assenza. Ciò nonostante, l‟Ufficio 177


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Unico, istituito dopo il 2006 presso la Provincia e i suoi responsabili, a partire dalla PIT manager, hanno immediatamente rilevato il peso di questa “assenza”. Anche per questo, l’Autorità portuale è stata coinvolta attraverso la partecipazione al progetto Taranto Linked to the World che è stato messo a punto grazie ad una forte collaborazione tra l‟Ufficio Unico e l‟Autorità portuale stessa. 2.5

Il sistema di gestione del PIT: composizione, caratteristiche e attività

Il PIT è stato gestito dall‟Ufficio Unico con sede presso la Provincia di Taranto. Dal momento in cui il progetto è passato in capo alla Provincia, i rapporti di collaborazione con società esterne per la gestione del PIT sono stati limitati ad alcune consulenze su aspetti tecnici e finanziari connessi alla gestione dell‟ufficio. Nel 2007 sono state selezionate due collaboratrici che lavorano tuttora attivamente presso l‟Ufficio Unico e che si sono occupate specificamente dell‟implementazione di due progetti specifici (realizzazione del “portale” – Progetto e.I.S.LOG; progetto di internazionalizzazione – Taranto Linked to the World). L‟Ufficio Unico ha inoltre mantenuto un costante collegamento con i Comuni aderenti al PIT che hanno beneficiato dei finanziamenti. Il rapporto con la Regione Puglia è stato costante e ci sono stati incontri anche con cadenza settimanale. In particolare, è stato instaurato un rapporto di collaborazione molto stretto con i responsabili di Misura. La Regione ha svolto inoltre un ruolo di primaria importanza per quanto riguarda la rendicontazione. In particolare, è stata segnalata l‟efficienza del servizio di helpdesk di Tecnopolis dell‟Università di Bari che ha fornito un‟assistenza puntuale quando sono emersi problemi di rendicontazione. Non ci sono stati rapporti con il progetto Sprint del Formez. Sempre con riferimento ai rapporti con la Regione Puglia, la PIT Manager ha teso ad evidenziare soprattutto la rilevanza, per quanto riguarda il PIT 6, del meccanismo delle anticipazioni (non più previsto nella programmazione 2007-2013): nell‟ambito del POR – Puglia 2000-2006 le risorse sono infatti gestite con questo meccanismo, ovvero con l‟erogazione di una prima anticipazione del contributo previa attestazione da parte del responsabile del PIT dell‟avvenuto inizio dei lavori, seguita dall‟erogazione di una serie di acconti successivi fino al 95% del contributo, pari alla quota di cofinanziamento delle spese approvate e liquidate. Le erogazioni successive sono subordinate alla presentazione di idonea rendicontazione delle spese effettivamente sostenute. Infine, il saldo finale nell‟ambito del residuo 5% viene disposto contestualmente all‟emissione del provvedimento di omologazione della spesa complessiva sostenuta, previa approvazione del Certificato di Collaudo tecnico-amministrativo e del quadro economico finale da parte degli enti attuatori. Il meccanismo delle anticipazioni ha consentito, contrariamente a quanto normalmente accade nel settore degli appalti di lavori e servizi, di disporre di risorse utili già nella fase di inizio lavori e di poter procedere all‟esecuzione e al completamento degli stessi. 2.6

Output realizzati

La realizzazione del PIT è stata fortemente condizionata sia dal rallentamento dei tempi dovuto al commissariamento del Comune di Taranto e al passaggio di competenze alla Provincia, sia dalla mancata realizzazione del Distripark – un progetto evidentemente “autonomo” rispetto al PIT, ma dato per acquisito nel progetto approvato nel 2005. Come già accennato, l‟entrata a regime dei lavori dell‟Ufficio Unico solo a partire da Maggio 2006 ha determinato, un atteggiamento mirato soprattutto alla chiusura dei progetti già finanziati e di competenza diretta dell’Ufficio Unico stesso. I responsabili descrivono una sorta di “corsa contro il tempo”, da questo punto di vista, che ha portato a concentrare l‟attenzione sui progetti infrastrutturali a valere sulle Misure 4.2 e 6.1 e sui progetti a valere sulla Misura 6.2 in materia di società dell‟informazione e internazionalizzazione.

178


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 3 Opere attivate a valere sulla Misura 4.2 – Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali Comune

Opere

Importo del progetto

Chiusura lavori

Fragagnano

Sistemazione di intersezioni stradali per un miglior collegamento tra la viabilità esistente e l‟area PIP Lavori di urbanizzazione primaria del PIP nuova zona industriale comprensorio 4 Lavori di urbanizzazione primaria del PIP nuova zona industriale comprensorio 4 – 2° lotto Urbanizzazione primaria in area PIP: lavori di costruzione della rete idrica e fognante

€ 137.679,50 [di cui 134.925,91 da fondi FESR e 2.753,59 da fondi comunali]

24.06.2009

€ 3.100.000,00 [di cui 2.000.000,00 da fondi FESR e 1.100.000,00 da fondi comunali] € 1.450.000,00

08.04.2009

Grottaglie Grottaglie Massafra

Massafra

Massafra

Massafra San Giorgio Jonico San Giorgio Jonico

Statte

Statte

Infrastrutturazione del comprensorio costituito dall‟area PIP – opere di urbanizzazione primaria: viabilità Urbanizzazione primaria in area PIP: realizzazione opere di pubblica illuminazione Completamento urbanizzazione ZI sistemazione viaria (economie da ribassi) Completamento secondo comprensorio Realizzazione e completamento opere di urbanizzazione primaria del secondo comprensorio PIP (economie da ribassi) Opere di urbanizzazione primaria in area PIP contrada Felicciolla Opere di urbanizzazione primaria in area PIP contrada Felicciolla “comparto ter” (economie da ribassi)

€ 1.250.000, 00 [di cui € 1.165.500,00 da fondi FESR+ € 84.500,00 da fondi comunali] € 1.398.774,81 [di cui € 1.304.217,63 da fondi FESR + € 94.557,18 da fondi comunali] € 200.000,00 [di cui € 186.480,00 da fondi FESR + € 13.520,00 da fondi comunali]

Ammesso a finanziamento mediante utilizzo delle risorse liberate sulla Misura 4.2. 20.10.2008

23.10.2008

20.10.2008

€ 448.694,88

28.05.2009

€ 2.310.672,91 [di cui 2.154.458,92 da fondi FESR + 156.213,99 da fondi comunali € 500.000,00

30.10.2008

€ 3.361.050,86 [di cui 2.361.050,86 da fondi FESR + € 1.000.000,00 da fondi comunali] € 440.641,12

31.01.2009

14.05.2009

11.06.2009

Per quanto riguarda il Distripark, il progetto già in fase avanzata di progettazione è stato bloccato dalla mancanza della così detta “caratterizzazione”, ovvero delle dovute verifiche sulla presenza di materiali inquinanti nell‟area retro portuale che si trova nelle immediate adiacenze delle acciaierie ILVA. Per questo motivo, è stato deciso di distribuire le risorse stanziate sul PIT e destinate alle infrastrutture connesse al Distripark su altre opere connesse comunque al settore della logistica. Di seguito sono riportate alcune note di dettaglio sui tre filoni progettuali principali che hanno impegnato l‟Ufficio Unico: infrastrutturazione, realizzazione del portale, internazionalizzazione. Progetti infrastrutturali Per quanto riguarda i progetti a valere sulle Misure 4.2 e 6.1, attraverso il PIT sono state previsti e realizzati una serie di adeguamenti infrastrutturali di aree industriali e artigianali che hanno riguardato tutti i Comuni coinvolti. Tutto il “substrato infrastrutturale” realizzato attraverso queste azioni è stato rilevante. Con riferimento a queste opere, non è possibile individuarne alcune più importanti di altre: i progetti rispondevano infatti ad un‟esigenza di infrastrutturazione diffusa del territorio industriale locale e devono essere considerati come un sistema complessivo e integrato di interventi. I responsabili dell‟Ufficio Unico sottolineano che si tratta di opere di cui il territorio aveva bisogno e che la loro realizzazione ha effettivamente contribuito sia ad un miglioramento delle aree che, in alcuni casi, erano prive anche dell‟urbanizzazione primaria, sia a migliorare le connessioni tra le aree stesse. Il feedback da parte degli imprenditori è stato molto positivo. La Regione ha svolto controlli di primo e secondo livello su queste opere che sono andati a buon fine. 179


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Di seguito sono riportate le opere infrastrutturali realizzate o in corso di realizzazione in ciascun Comune a valere sulla Misura 4.2. e sulla Misura 6.1, Tabella 4 Opere attivate a valere sulla Misura 6.1. – Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto

Comune Massafra

Opere Infrastrutture di trasporti stradali SS 106

Importo progetto € 843.761,15

Chiusura lavori 25.10.2008

Massafra*

Strada di collegamento tra aree per insediamenti produttivi *

€ 3.574.741,68*

Progetto riammesso a finanziamento mediante utilizzo delle risorse liberate sulla Misura 6.1.

San Giorgio Jonico*

Bretella di collegamento tra SS Appia per Grottaglie e SS 7 Appia per Taranto (Circ. Aldo Moro)* Consolidamento e ripristino ponte di Porta Napoli*

€ 3.552.928,00*

22.09.2009

€ 3.999.320,96 [di cui 3.984.096,17* da fondi FESR + 15.224,79 da fondi comunali]

16.03.2009

Strada di collegamento San Giorgio Jonico-Taranto

€ 3.862.863,49

23.06.2009

Taranto*

Taranto

*Opere il cui finanziamento è stato possibile grazie all’impiego dei Fondi Strutturali destinati all’infrastrutturazione dell’area Distripark del Comune di Taranto prevista con due precedenti progetti (Sottopasso ferroviario terminal container; Impianti ferroviari Distripark e collegamento rete ferroviaria) per un importo complessivo di € 11.213.963,64.

Oltre ai progetti infrastrutturali, due progetti promossi per il Comune di Taranto hanno assunto un ruolo di rilievo, seppure l‟impegno fianziario su ciascuno di essi non sia confrontabile con quello investito nelle infrastrutture: si tratta del progetto “Logistica internazionale. Marketing internazionale e attrazione di investimenti” e del progetto e.I.S.LOG. Progetti di internazionalizzazione Il progetto “Logistica internazionale. Marketing internazionale e attrazione di investimenti” ha previsto un investimento complessivo di € 1.139.680,00 a valere sulla Misura 6.2 – Società dell‟informazione. I lavori sono iniziati nel mese di gennaio del 2008 per concludersi a settembre dello stesso anno. Il progetto è finalizzato a facilitare l‟integrazione delle aziende locali con filiere produttive collocate in diverse aree del mondo. A tal fine, il PIT 6 ha promosso in particolare il progetto di internazionalizzazione “Taranto Linked to the World”. Si tratta di un programma di intensificazione dei rapporti con alcuni paesi “target” (Cina, Stati Uniti, Egitto) al fine di facilitare l‟integrazione delle istituzioni e degli attori economici tarantini operanti nel settore della logistica con potenziali partner provenienti da questi Paesi. Il progetto è stato sviluppato nel corso del 2008 e ha previsto diverse fasi: Analisi del contesto territoriale in funzione degli scenari della logistica internazionale; Analisi dei Paesi target in funzione di possibili collaborazioni; Coinvolgimento del tessuto economico, produttivo, istituzionale e universitario del territorio tarantino mediante workshop di approfondimento sul tema; Sviluppo di relazioni internazionali mediante la realizzazione di missioni negli Stati Uniti, in Egitto e in Cina con la partecipazione dei rappresentanti delle istituzioni e degli enti più rappresentativi del territorio (Autorità portuale, Aeroporti di Puglia, Università); Accoglienza a Taranto di delegazioni provenienti dai tre Paesi target. Indipendentemente dal PIT, l‟Autorità portuale ha promosso progetti di internazionalizzazione nel Nord Europa, in India e negli Emirati Arabi già in dal 2002. Il PIT ha fatto in qualche modo da “apripista” per costruire delle relazioni con altri Paesi sui quali l‟Autorità portuale aveva già concentrato l‟attenzione. L‟intensificazione dei rapporti tra questi Paesi e il Porto di Taranto è importante sia per la ricerca di 180


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 investitori su una serie di progetti di logistica del porto stesso, sia per le ricadute che questi rapporti possono avere su tutto il territorio provinciale. Si segnala la rilevanza dei rapporti costruiti con l‟Egitto che costituisce uno snodo rilevante per il traffico agro-alimentare che, per la natura e le caratteristiche del prodotto, ha un interesse particolarmente importante dal punto di vista della logistica. Le delegazioni che si sono mosse da Taranto per visitare questi Paesi e costruire nuovi rapporti includevano la PIT manager, il rappresentante dell‟Autorità portuale, un docente del Politecnico di Bari (sede di Taranto), due consiglieri provinciali e un rappresentante dell‟Aeroporto cargo di Grottaglie (la promozione delle attività del porto è infatti strettamente connessa alla promozione di tutto il sistema intermodale logistico della Puglia che include anche l‟aeroporto di Grottaglie). Soprattutto dopo le visite in Cina e in Egitto, il Porto di Taranto ha intensificato le proprie missioni istituzionali in quelle aree: c‟è oggi un‟agenzia/sportello informazioni sul Porto di Taranto a Shangai che si occupa dei contatti con gli imprenditori cinesi interessati a investire nel territorio tarantino. Il PIT è stata un‟occasione per anticipare una serie di azioni di internazionalizzazione in parte già programmate ed ha svolto un ruolo cruciale nella costruzione di rapporti che ora proseguono in modo indipendente. Il giudizio su queste azioni da parte dell‟Autorità portuale è molto positivo. Realizzazione del portale Il progetto Community “e.I.S.LOG” ha previsto un investimento complessivo di € 3.105.340,00. Per l‟attuazione di questo progetto è stata creata un‟Associazione temporanea di impresa (ATI) tra Capgemini Spa – Consulting Technology Outsourcing, SMA Gruppo Intini e Telecom Italia. Il sistema e.I.S.LOG è stato messo a punto per innovare e ottimizzare il ciclo della logistica come leva per lo sviluppo delle piccole e medie imprese della Provincia di Taranto. Il sistema fornisce sia servizi avanzati per la promozione del territorio, il commercio elettronico e il supporto alla logistica integrata nell‟area del PIT 6, sia servizi avanzati per l‟interazione e lo scambio di informazioni tra i soggetti presenti sul territorio (soggetti pubblici, imprese, rappresentanze dei lavoratori, associazioni di categoria e imprenditoriali, università, centri di ricerca, scuole, istituti finanziari, associazioni del terzo settore) con l‟obiettivo di creare una “Business Net Community”. I principali servizi erogati dal sistema sono quelli resi disponibili attraverso il portale web e le funzionalità software in esso contenute. Il sistema e.I.S.LOG è caratterizzato da un‟infrastruttura tecnologica che permette l‟erogazione dei servizi del portale ed è in grado di attivare e sostenere l‟erogazione di ulteriori servizi telematici. La struttura organizzativa necessaria alla gestione del sistema e.I.S.LOG può inoltre fornire servizi di consulenza professionale agli utenti. Il portale è organizzato in quattro aree tematiche (piattaforme di servizi): Marketing territoriale, servizi per la promozione e lo sviluppo del territorio; Marketplace – servizi per il commercio; E-Logistic Center – servizi per la logistica; Business Net Community – Servizi di cooperazione e collaborazione. Il progetto e.I.S.LOG è stato avviato per costituire un punto di partenza di un insieme di interventi destinati a dare vita ad un sistema logistico-distributivo basato sulle applicazioni più innovative delle ICT e per agevolare lo sviluppo delle attività produttive in quanto veicolo di servizi ad alto valore aggiunto e strumento di diffusione di conoscenze, competenze e best practices nel territorio. Il progetto prevede il potenziamento dei servizi per e-business e logistica integrata; la costituzione di un Centro servizio territoriale (CST); un maggiore coinvolgimento e integrazione dei soggetti presenti sul territorio (enti pubblici, imprese, rappresentanze dei lavoratori, associazioni imprenditoriali e di categoria, università, scuole, istituti finanziari, associazioni del terzo settore) attraverso la creazione di una business-netcommunity finalizzata a facilitare l‟accesso a risorse informative e formative e la diffusione di conoscenze strategiche per lo sviluppo delle attività produttive locali e favorire l‟ampliamento dei servizi di egovernment. Una particolarità del progetto è relativa alla centralità della logistica in tutto il PIT ed è relativa alle attività di controllo del trasporto delle merci: l‟ATI che ha realizzato il progetto ha infatti stabilito un rapporto 181


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 piuttosto forte con le aziende del territorio che lavorano nel campo della logistica registrando la necessità di dispositivi utili a tracciare i percorsi dei mezzi. È stato dunque messo a punto un sistema che permette di sapere in ogni momento dove si trovano i mezzi tracciati, se ci sono problemi lungo le “rotte” che devono percorrere, quali sono i percorsi migliori, soprattutto nel caso di trasporto di merci pericolose. Nel progetto e.I.S.LOG. è stata realizzata una trasmissione televisiva trasmessa online, su un canale digitale e su sky nella quale sono emersi anche dei feedback sugli esiti del PIT. La trasmissione è infatti stata basata su interviste ai rappresentanti politici di ogni ente aderente al PIT e agli imprenditori locali che hanno beneficiato dei progetti. Il dominio di questo sistema è ora in scadenza e gli attori coinvolti stanno decidendo se proseguire o meno l‟esperienza. Con il progetto e.I.S.LOG. è stata realizzata la piattaforma omonima con la quale si intende dar vita ad un sistema logistico-distributivo e di business basato su applicazioni ICT, in grado di agevolare lo sviluppo delle realtà produttive locali attraverso l‟erogazione di una vasta gamma di servizi alle aziende aderenti all‟iniziativa mediante un portale web che sarà attivo in via sperimentale fino al 31.12.2010. Opere e azioni da completare La maggior parte dei progetti inclusi nel PIT sono stati conclusi e l‟attività dell‟Ufficio Unico era ancora in corso, con riferimento all‟espletamento e alla rendicontazione dell‟opera a valere sulla Misura 6.1. “Lavori di realizzazione di una bretella di collegamento tra la SS n. 7 Appia per Grottaglie e la SS Appia per Taranto – Raccordo all‟area PIP – circonvallazione Aldo Moro del Comune di San Giorgio Jonico”. È inoltre ancora in itinere il progetto “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza” sia con riferimento alla realizzazione, sia per quanto riguarda la rendicontazione della spesa per la quale la Regione Puglia ha concesso una proroga fino al 28 febbraio 2011. Tra marzo e aprile 2010 la Regione Puglia ha ammesso a finanziamento con le risorse liberate nell‟ambito della programmazione POR Puglia 2000-2006 due opere pubbliche: i “Lavori di completamento delle opere di urbanizzazione primaria della nuova zona industriale. Comparto 4 – 2° lotto funzionale” del Comune di Grottaglie (Importo del progetto: € 1.450.000,00); la “Strada di collegamento tra le zone produttive PIP – Zona artigianale, completa di illuminazione e rete fognaria” del Comune di Massafra (Importo del progetto: € 3.600.000,00). Progetti sui quali non è stato possibile reperire informazioni Con riferimento ai Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) a valere sulla Misura 2.3, su cinque consorzi tre sono stati finanziati, due sono stati invece esclusi. L‟Ufficio Unico rimanda alla Regione Puglia per entrare nel merito della realizzazione dei progetti in questo ambito. Per quanto riguarda i progetti finanziati con il Fondo Sociale Europeo, in particolare con riferimento alla formazione, l‟Ufficio Unico non ha avuto alcun rapporto con i percorsi di formazione gestiti dalle università. Negli enti locali non era presente del personale in grado di affrontare la gestione e l‟implementazione del PIT. Anche per questo, sono stati costruiti dei rapporti di collaborazione con alcuni Istituti tecnici professionali di Taranto e degli altri Comuni coinvolti che hanno permesso di attivare degli stage presso l‟ufficio del PIT. Questi stage sono stati finanziati con fondi PON. I responsabili dell‟Ufficio Unico non sono stati invece in grado di fornire informazioni sui percorsi che hanno portato alla mancata realizzazione degli altri progetti previsti nel PIT in materia di qualificazione del territorio industriale tarantino (azioni a valere sulla Misura 3.9 relative alla “formazione continua alle imprese”; sulla Misura 3.13 relativa alla creazione di un “distretto locale dell‟innovazione”), né con riferimento alle azioni a valere sulla Misura 3.11 con riferimento allo sviluppo dell‟autoimprenditorialità e dell‟autoimpiego; quelle a valere sulla Misura 3.14 con riferimento ai pacchetti integrati formativi per le donne; quelle a valere sulla Misura 4.20 con riferimento ai Pacchetti integrati formativi PIT 6 (interventi formativi per le pubbliche amministrazioni e per i soggetti sociali in quanto attori principali dello sviluppo del sistema locale).

182


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

L‟implementazione del PIT e la definizione della Pianificazione strategica di area vasta hanno seguito percorsi distinti. L‟area vasta tarantina non coincide dal punto di vista territoriale con l‟area individuata dal PIT in quanto comprende tutti i Comuni della Provincia di Taranto tranne Martinafranca – in tutto si tratta di 28 Comuni, tra i quali il Comune di Taranto ha assunto il ruolo di capofila. C‟è invece una continuità con riferimento al tema della logistica, date le vocazioni del territorio tarantino. I responsabili dell‟Ufficio Unico sottolineano che all‟oggi non si sa come sarà gestita e cosa sarà finanziato. In ogni caso, dai responsabili dell‟area vasta sono giunte poche richieste di collaborazione con l‟Ufficio Unico del PIT. Sul fronte delle amministrazioni che hanno promosso il PIT, alcune hanno espresso la volontà di proseguire il percorso avviato, ma non sono state fatte ipotesi su come questo possa essere fatto e con quali fondi. L‟Autorità portuale, coinvolta nel progetto di internazionalizzazione della logistica, riconosce al PIT il ruolo di apripista rispetto a Paesi con i quali i rapporti intrapresi in precedenza erano molto più fragili. Questo lavoro prosegue indipendentemente dalla chiusura del PIT, così come si conferma il ruolo trainante dell‟Autorità portuale e della Provincia in almeno due progetti rilevanti per lo sviluppo del territorio tarantino: la realizzazione del Distripark e il dragaggio del porto.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

Il quadro complessivo di questo PIT è stato indubbiamente influenzato sia dai rallentamenti legati al commissariamento del Comune di Taranto e al conseguente cambio del soggetto capofila, con tutte le difficoltà organizzative che questo ha comportato, sia dalla mancata realizzazione del Distripark che, pur non essendo un flagship project interno al PIT stesso, ne ha fortemente influenzato la struttura e l‟impostazione. Questi due avvenimenti hanno entrambi determinato un sostanziale “svuotamento” dell‟idea forza del PIT, anche se una parte consistente della progettualità ad essa correlata, in particolare con riferimento al tema delle infrastrutture, è stata realizzata. Questi punti di debolezza registrabili a valle della realizzazione del progetto, sono facilmente osservabili anche riconsiderando l‟obiettivo di “apertura territoriale” enunciato nell‟idea forza e declinato con riferimento ad azioni di sviluppo riferibili a quattro ambiti prioritari: il miglioramento infrastrutturale; la salvaguardia ambientale; lo sviluppo imprenditoriale; la crescita dei saperi. Se sul primo fronte la progettualità appare ampia e articolata, con eccezione delle infrastrutture di completamento del Distripark, il tema della salvaguardia ambientale non sembra emergere con particolare forza nei progetti implementati. Per quanto riguarda lo sviluppo imprenditoriale, il tema è stato senza dubbio “intercettato” da tutte e tre le famiglie di azioni portate a compimento – infrastrutturazione, internazionalizzazione, portale – ma seguendo accezioni non sempre in linea con la filosofia che emerge nel progetto iniziale del PIT nel quale si allude ad una sorta di progetto diffuso che interessi perlomeno le imprese correlate al settore della logistica nel territorio. Da questo punto di vista, anche l‟obiettivo di crescita dei saperi appare più “concentrato” che diffuso: se l‟Ufficio Unico è stato senza dubbio un collettore di conoscenze innovative (che, peraltro, oggi rischiano di andare disperse data la mancata connessione con la progettualità di area vasta), se l‟Autorità portuale ha senza dubbio messo in gioco parte delle proprie conoscenze e ne ha acquisite di nuove in materia di internazionalizzazione, pochi altri passi avanti sembrano registrabili in tal senso. 3.2

Integrazione dei progetti

Dal punto di vista dell‟integrazione tra politiche, l‟aspetto più importante a livello di progetto era l‟integrazione tra quanto previsto nel PIT e le prospettive più generali di sviluppo del territorio tarantino attraverso il Distripark. La mancata realizzazione di quest‟ultimo ha sostanzialmente “svuotato” tale obiettivo di integrazione alla base. Ciò nonostante la società costituita per la realizzazione del Distripark (che include due attori che, seppure in modo diverso, hanno avuto un ruolo rilevante nella realizzazione del 183


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 PIT – la Provincia e l‟Autorità portuale), è determinata a superare le difficoltà incontrate nella realizzazione dell‟infrastruttura e si ritiene che le varie progettualità attivate sul PIT concorreranno agli obiettivi più generali di sviluppo di cui il Distripark rappresenta un flagship project. Esiste invece un problema evidente di integrazione “a valle” del progetto poiché gli attori che stanno attualmente lavorando alla chiusura del PIT (in particolare, l‟Ufficio Unico istituito presso la Provincia) non sembrano avere particolari rapporti con quelli attualmente impegnati nel percorso di pianificazione strategica di area vasta per la quale è stato costituito un Ufficio Unico presso il Comune di Taranto, capofila del partenariato. Il mancato collegamento tra queste due progettualità (centrate, tra l‟altro, entrambe sulla logistica), fa pensare ad un PIT che, perlomeno dal punto di vista delle tematiche “macro”, “si chiuderà col PIT”. Al momento non si dispone invece di informazioni sufficienti per comprendere quanto, attraverso la progettualità di area vasta, si vogliano capitalizzare i risultati (in particolare progettuali, di know how e relazionali) ottenuti attraverso il PIT. 3.3

Integrazione tra attori

Dal punto di vista dell‟integrazione tra attori, il progetto di internazionalizzazione ha sicuramente svolto un ruolo rilevante nel consolidare i rapporti e la capacità di collaborazione tra la Provincia e l‟Autorità portuale. Ciò nonostante, quanto detto poco sopra con riferimento alla mancata comunicazione tra “Uffici Unici”, induce a riflettere su una possibilità di dispersione di tali rapporti. Per quanto riguarda i rapporti di collaborazione tra i Comuni coinvolti, anche in questo caso le informazioni disponibili non sono sufficienti a trarre conclusioni esaustive, ma la sensazione è che, successivamente alla tardiva istituzione dell‟Ufficio Unico, ci sia stata una vera e propria corsa alla chiusura delle progettualità approvate e finanziate da parte di quest‟ultimo che ha lasciato poco spazio alla costruzione di forme più sofisticate di cooperazione. La sensazione è dunque quella che i Comuni coinvolti abbiano sostanzialmente beneficiato dei finanziamenti necessari alla realizzazione delle opere di urbanizzazione di cui avevano bisogno. Lo stesso può essere detto per quanto riguarda i rapporti dell‟Ufficio Unico con l‟imprenditoria locale. Su questo fronte, i rapporti più significativi sono stati costruiti attraverso la realizzazione del portale e.I.S.LOG. In questo percorso, gli imprenditori sono stati però visti più come “utenti” dei servizi messi a disposizione attraverso il progetto e non come partner attivi di un processo di sviluppo. La mancata realizzazione di tutte le azioni di rafforzamento dell‟imprenditoria locale, così come la mancanza di informazioni sugli esiti dei PIA, fanno comunque pensare ad un basso livello di integrazione tra gli attori economici presenti sul territorio e le leadership che hanno gestito il PIT. 3.4

Capacità di spesa

Le informazioni attualmente disponibili non sono sufficienti a valutare la capacità di spesa del PIT di Taranto.

4

Interviste effettuate

Maurizia Merico – PIT Manager dal 05.05.2006 Rossella Donnici – Collaboratrice dell‟Ufficio Unico con riferimento al progetto e.I.S.LOG Daniela Solito – Collaboratrice dell‟Ufficio Unico con riferimento al progetto di internazionalizzazione Francesco Benincasa – Autorità Portuale (attore rilevante con riferimento al progetto “Taranto Linked to the World”)

184


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 7 - Brindisi Tabella 1 Anagrafica di progetto Comune capofila Enti aderenti all‟accordo

Tot Enti aderenti Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia Localizzazione ufficio unico PIT Manager Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 21.10.2001, da BURP n.41 suppl. del 16.03.05) Valore aggiunto prodotto nell‟area PIT (elaborazioni su dati Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza, il Sistema Puglia, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

1

Brindisi Comuni di: Brindisi, Carovigno, Ceglie Messapica, Cellino San Marco, Cisternino, Erchie, Fasano, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, Ostuni, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, San Donaci, Torchiarolo, Torre Santa Susanna. Provincia di Brindisi 18 Comuni, 1 Provincia 29 giugno 2005 Provincia di Brindisi, Servizio Politiche Comunitarie (dal 26 gennaio 2005 al 14 maggio 2009) Giovanni Antelmi (dal 14 maggio 2009 a conclusione) Sergio Rini 402.422 abitanti 5.523,1 milioni di euro 13.498 euro pro capite

La vicenda

L‟idea dello sviluppo di Brindisi quale “città-porto” e del potenziamento delle aree industriali della provincia rappresenta una scelta di continuità rispetto alla vocazione più tipica del territorio e agli interventi che – al momento della progettazione PIT – erano già stati realizzati o erano in corso di realizzazione. Il processo di elaborazione del PIT interseca la redazione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, in cui si predispone l‟inserimento di uno specifico Piano delle Infrastrutture di Trasporto. La rete stradale e ferroviaria della Provincia di Brindisi era già interessata da un programma di investimenti mirato alla velocizzazione delle reti ferroviarie individuate nei progetti “Corridoio internazionale n. 10 Adriatico” e “Corridoio internazionale Paneuropeo n. 8", che prevedevano: il completamento del raddoppio della tratta Bari-Lecce; l‟ elettrificazione della tratta Taranto-Brindisi: l‟ammodernamento e la rifunzionalizzazione della Strada Statale n. 7 (Appia) nella tratta tra Grottaglie e Brindisi. Per quanto riguarda il porto di Brindisi, i fondi destinati dalla Legge n. 413/98 all‟ammodernamento ed alla riqualificazione portuale avevano dato avvio ad alcuni primi interventi: la realizzazione del nuovo sporgente di Costa Morena; il completamento funzionale dello sporgente Est del molo di Costa Morena e il dragaggio dei fondali (comprese opere di banchinamento e realizzazione di piazzali operativi per deposito merci e containers); la realizzazione di una palazzina servizi. L‟obiettivo era consentire il raddoppio della capacità di accosto annua e della capacità di deposito del molo della Costa Morena, mirando a rendere più funzionale ed adeguato alle esigenze di mercato l‟intero piazzale commerciale, in parte già destinato a terminal container. Inoltre, attraverso il Programma di Iniziativa Comunitaria INTERREG II Italia – Grecia, sono stati realizzati ulteriori interventi, sempre sul porto di Brindisi: banchinamento della zona di Capo Bianco e del relativo piazzale, per lo spostamento del deposito nafta della Marina Militare; 185


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 realizzazione dei binari per la movimentazione delle gru sul molo di Costa Morena, adeguamento dei piazzali di Costa Morena per la movimentazione containers e potenziamento dei fasci di binari esistenti; realizzazione del circuito doganale unico con inserimento di tutte le aree di pertinenza dell‟Autorità Portuale e di collegamento del Porto interno con il Porto Medio (area di Costa Morena); ristrutturazione funzionale del capannone zona “Punto Franco” per la realizzazione di un Punto di ispezione frontaliero; costruzione di strutture logistiche polifunzionali di servizio quali uffici dogana, parcheggi multipiano e di accoglienza passeggeri, impianti di servizio nonché piazzali di collegamento tra le aree di S. Apollinare e le strutture di Costa Morena. Infine, con deliberazione CIPE 6.8.1999, n. 143 il Porto di Brindisi fu interessato da ulteriori fondi, per la realizzazione di interventi di bonifica e sistemazione definitiva dell‟area ex militare, di completamento delle strutture di banchinamento su Capo Bianco e del nuovo deposito della Marina Militare. Il PIT si inserisce su questi interventi logistici, per il potenziamento della connessione tra l‟asse Nord-Sud interno alla Regione e la comunicazione con le altre direttrici, in particolare quella Est-Ovest. L‟idea è quella di rafforzare il capoluogo e la provincia quale snodo dei corridoi internazionali n.8 e n.10, con particolare attenzione allo sviluppo delle attività retroportuali. In questo modo, l‟innovazione principale rispetto agli interventi precedenti, è quella di guardare al sistema logistico (in particolare quello portuale) e al sistema industriale, in modo integrato. Il centro del progetto è quindi lo sviluppo del retroporto, il suo collegamento con le principali arterie di comunicazione e il potenziamento delle attività retroportuali. Il documento preliminare al PIT risale al dicembre del 2001, a partire da questo si elabora il progetto definitivo, con una stretta condivisione con i soggetti istituzionali e il partenariato socio-economico. La proposta di programma sarà firmata ad aprile del 2003 e riceverà parere favorevole da parte del Nucleo di Valutazione (NVVIP) a marzo del 2004. A novembre dello stesso anno gli enti aderenti firmano l‟Atto di Convenzione, a gennaio 2005 viene nominato il PIT Manager e a giugno viene firmato l‟Accordo di programma con la Regione Puglia. I comuni aderenti saranno tutti quelli della Provincia, ad eccezione di San Michele Salentino e Villa Castelli, che parteciparono inizialmente alla concertazione sul progetto, ma che non entrarono a far parte del PIT. A fine 2005 la Regione pubblica il bando per i PIA Progetti Integrati di Agevolazione, che integrano le misure 3.11; 3.13; 4.01 e 4.20. A febbraio 2006 Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Regione Puglia, la Provincia di Brindisi, il Comune di Brindisi, l‟Autorità Portuale e il Consorzio SISRI firmano l‟Accordo di Programma Integrativo che individua le risorse mancanti per il progetto del Nuovo raccordo ferroviario tra la zona retro-portuale di Brindisi e il nuovo parco merci di Tuturano. Questo è soprattutto un anno di attività regionale: vengono pubblicate le graduatorie per la 3.7 azioni a) e d); viene pubblicato il bando per la misura 6.4 e quello per la 3.14. A livello locale vengono definiti i master – approvati dalla regione a ottobre – e vengono nominati i RUP degli interventi principali. Il 2007 è invece l‟anno centrale per l‟attività del PIT: vengono pubblicati e aggiudicati i bandi degli interventi su Ostuni, Fasano Sud, la bretella di collegamento di Francavilla Fontana (aggiudicato nel 2008), l‟infrastrutturazione infotelematica della Cittadella della Ricerca. Inoltre, viene pubblicato il bando e aggiudicata la gara per il progetto di internazionalizzazione. La Regione intanto pubblica le graduatorie di ammissione al finanziamento per le azioni b), c), d) ed e) della misura 3.14. Nel 2008 ha luogo la maggior parte delle attività del progetto di promozione internazionale “The Near East”. L‟ufficio unico pubblica i bandi e aggiudica le gare dei progetti sul porto di Brindisi (ad eccezione del tratto di ferrovia per il parco merci di Tuturano) e quelle degli interventi su Fasano Nord. Nel 2009 viene ultimato il progetto di promozione internazionale con la missione di incoming Egitto, e viene bandita la gara per l‟estensione dei lavori su Fasano Nord, progetto reso possibile con le economie di gara. A maggio Sergio Rini subentra a Giovanni Antelmi in qualità di Pit Manager. Durante il 2010 continuano le attività dell‟ufficio unico per l‟avanzamento dei progetti attivati.

186


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Le informazioni di dettaglio sono riportate nella tabella successiva. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali

Data 11 dicembre 2000

Adozione con deliberazione n. 1697 da parte della giunta regionale del Complemento di Programmazione che individua dieci programmi integrati.

15 dicembre 2001

Redazione del documento preliminare all‟elaborazione del PIT 7 “Sviluppo Policentrico Integrato” ad opera della BHS Brun Service Holding s.p.a.

30 settembre 2002

Decreto del Presidente della Regione n. 569 che individua i soggetti delle Autonomie Locali costituenti il Comitato per l‟accordo di programma del PIT n. 7.

04 aprile 2003

Il Comitato del PIT approva la proposta di programma.

12 marzo 2004

Il Nucleo regionale di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici (NVVIP) esprime parere favorevole sulla proposta di programma.

12-13 giugno 2004

Elezioni amministrative. Michele Errico viene eletto Presidente della Provincia di Brindisi, sostenuto da DS, Margherita, PRC, SDI, IDV, Verdi.

25 novembre 2004

La giunta regionale approva la proposta di programma del PIT 7 con deliberazione n. 1753.

26 novembre 2004

Gli enti aderenti firmano l‟Atto di Convenzione con cui costituiscono l‟Associazione per il coordinamento e l‟attuazione del Programma del PIT n. 7 e disciplinano la gestione in forma associata tramite Ufficio Unico.

17 gennaio 2005

Ministero delle Attività Produttive e Regione Puglia firmano la Convenzione per la gestione in service relativa alla regionalizzazione dei patti territoriali ai sensi della delibera CIPE 26/2003.

26 gennaio 2005

Si riunisce la prima Assemblea del PIT che nomina il vice-presidente dell‟Assemblea, approva il regolamento di funzionamento dell‟Ufficio Unico, nomina all‟unanimità Giovanni Antelmi, già dirigente delle politiche comunitarie della Provincia di Brindisi, PIT Manager. Resterà in carica fino al 2009.

07 marzo 2005

La delibera 253 della Giunta regionale modifica il Complemento di Programmazione.

3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

29 giugno 2005

Il nuovo Presidente della Regione Puglia ed il rappresentante della Provincia di Brindisi sottoscrivono l‟Accordo di programma per la realizzazione degli interventi del PIT 7.

21 novembre 2005

Determinazione del dirigente Settore artigianato e PMI per l‟avviso pubblico per i “Programmi Integrati di Agevolazioni” (PIA) per il PIT n.7. Oggetto dei PIA sono programmi di investimento finalizzati all‟utilizzazione, tramite l‟ampliamento della base produttiva (misura 4.1 azione C), dei risultati derivanti da interventi di trasferimento tecnologico e/o da interventi nel campo della ricerca industriale e sviluppo precompetitivo (misura 3.13).

16 Febbraio 2006

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Regione Puglia, la Provincia di Brindisi, il Comune di Brindisi, l‟Autorità Portuale di Brindisi e il Consorzio SISRI di Brindisi firmano l‟Accordo di Programma Integrativo relativo al finanziamento del Nuovo raccordo ferroviario tra la zona retro portuale di Brindisi e il nuovo parco merci di Tuturano.

12 luglio 2006

Con deliberazione della Giunta Regionale n. 1006 si approva l‟avviso pubblico diretto alla concessione di contributi negli ambiti PIT per la realizzazione di “Patti per l‟inclusione sociale, la sicurezza e la legalità”. Le risorse disponibili per il bando ammontano a 6000.000 di euro.

agosto 2006

Con Determinazione del dirigente settore Formazione Professionale 01 agosto 2006 n. 534 vengono approvate le graduatorie relative alla misura 3.7 azione d) “Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate”. Per il PIT n.7 sono utilizzate tutte le risorse destinate al PIT (1.279.883,87 euro) e viene previsto un incremento di risorse POR di 225.116,13 euro, per un totale di 1.505.000 euro. Le richieste ammesse a finanziamento sono 115. Il 9 agosto 2006 vengono nominati i Responsabili Unici del Procedimento (RUP) per gli interventi da realizzare su Fasano e per la bretella di collegamento di Francavilla Fontana. Emanazione di un avviso pubblico per la formazione di un elenco di esperti cui attingere per l‟affidamento di incarichi di collaborazione professionale di supporto al PIT.

29 settembre 2006

Con Determinazione del Dirigente Settore Formazione Professionale n. 633 sono approvate le graduatorie e l‟impegno di spesa dei progetti afferenti alla misura 3.7 azione a) “Formazione Post Qualifica – Area di specializzazione”. Nel PIT n.7 sono approvati 94 progetti formativi, con un impegno di 939.819,60 euro. Si tratta di interventi formativi molto vari e poco legati alla vocazione logistica del PIT.

2 ottobre 2006

Determinazione del dirigente Settore Formazione Professionale:

187


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Avviso pubblico 23/2006 per la presentazione di progetti nell‟ambito della misura 3.14 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” azione d), “Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di disagio sociale”. Al PIT 7 vengono attribuiti 962.005,45 euro. Avviso pubblico n.24/2006 a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" Azione b): “Attuazione del Piano Regionale della Società dell‟Informazione”. 13 ottobre 2006

Determinazione del dirigente Settore Formazione Professionale Avviso pubblico 27/2006 per la presentazione di progetti nell‟ambito della misura 3.14 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” azioni b), c) ed e). Al PIT 7 sono assegnate risorse per un totale di 1.649.152,2 euro. DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, tramite la quale si dà approvazione alle iniziative di master, affidate alle università del territorio, nell‟ambito dei PIT. Le risorse finanziarie sono garantite dalla Misura 3.7 "Formazione superiore". Nell‟ambito del PIT 7 sono finanziati cinque master, per un totale di 1.792.571 euro.

16 ottobre 2006

Determinazione del Dirigente Settore Industria n.1450 POR Puglia 2000/2006 - “Programmi integrati di agevolazioni” - PIT n. 7 – Area di Brindisi – Approvazione delle risultanze istruttorie e pubblicazione graduatorie delle Manifestazioni d‟interesse ai sensi dei bandi PIA/PIT.

16 novembre 2006

Impegno di spesa per i progetti di Brindisi (escluso il progetto della zona retroportuale) e per quelli su Fasano, Francavilla e Ostuni.

29 dicembre 2006

Nomina dei RUP per gli interventi su Ostuni e Brindisi.

26 febbraio 2007

Pubblicazione del bando per la sistemazione della viabilità e delle aree di parcheggio in zona industriale con completamento della pubblica illuminazione nel comune di Ostuni. L‟aggiudicazione definitiva a favore della Decos s.r.l. avviene il 28 settembre.

27 marzo 2007

Pubblicazione del bando per la bretella di collegamento del Centro Agroalimentare di Fasano. Il 15 maggio la ditta Chirulli si aggiudica la gara.

Maggio 2007

Si allarga la dotazione di risorse del PIT. Viene attivata la collaborazione con il consulente junior Francesco Rodia, che si aggiunge al consulente senior Giuseppe Marchionna; si stabiliscono dei rapporti convenzionali con personale dell‟Amministrazione Comunale di Brindisi per il coordinamento delle procedure di evidenza pubblica. Il 21 maggio viene pubblicato il bando per l‟internazionalizzazione dei servizi logistici dell‟area di Brindisi. Il bando è vinto da Retecamere e le attività previste sono state completate. Le missioni nei paesi obiettivo sono state realizzate durante il 2008.

05 giugno 2007

Con determinazione n.608, sulla misura 3.14 azione d) vengono ammessi a finanziamento 5 progetti dedicate a figure professionali di vario tipo (dal tecnico di ludoteca, all‟operatrice di call center, all‟assistenza per anziani), per un totale di 417.028 euro.

20 giugno 2007

Sulla misura 6.4 azione b), con determinazione del dirigente settore formazione professionale n.711, vengono finanziati 3 progetti di formazione nel territorio del PIT n.7 per un totale di 719.827,40 euro.

Luglio 2007

Il 3 luglio con Determinazione del dirigente settore formazione professionale n. 761 vengono approvate le graduatorie dei progetti relativi alla misura 3.14 azioni b), c), e). Per quanto riguarda il PIT n.7, sull‟azione b) vengono finanziati 5 progetti per un costo totale di 1.121.021 euro. Sull‟azione c) sono ammessi 3 progetti per un totale di 540.000 euro. Si tratta di interventi relativi a professionalità molto diverse, che prevedono dalle 300 alle 1000 ore di formazione. Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072). 16 luglio – Viene pubblicato il bando per l‟infrastrutturazione info-telematica del sistema territoriale di Brindisi. Datamanagement si aggiudica la gara. Il progetto comprende l‟infrastrutturazione della Cittadella della Ricerca, la progettazione del portale www.innovazionebrindisi.it, la realizzazione di un Centro Servizi. Le opere sono state collaudate. 19 luglio – Viene pubblicato il bando per la realizzazione della rete di fognatura nera per l‟agglomerato industriale di Ostuni. Il 27 settembre la gara è aggiudicata alla ditta Favellato spa con Troso Costruzioni srl.

4 ottobre 2007

Pubblicazione del bando per la realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell‟area industriale di Fasano Sud. Il 15 novembre Scavisud si aggiudica la gara. L‟opera è stata completata.

10 dicembre 2007

Pubblicazione del bando per il progetto di Francavilla Fontana per la costruzione della bretella di collegamento tra la SS7, il Centro di Carico Intermodale e l‟ex SS 603. Il 7 marzo 2008 la ditta Magno si aggiudica la gara. I lavori sono stati completati.

188


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 24 gennaio 2008

Presentazione del progetto “The Near East – Progetto per l‟internazionalizzazione della logistica nell‟area di Brindisi: Bulgaria, Cina, Egitto, Turchia”.

4 marzo 2008

Pubblicazione del bando per la realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell‟area industriale di Fasano Nord. L‟8 maggio La Piccola Grande Impresa di D. Giuliani si aggiudica la gara.

28 maggio 2008

Pubblicazione bando per il potenziamento del raccordo ferroviario consortile a servizio dell‟area retroportuale di Brindisi. Il 13 agosto la ditta Palmiotto si aggiudica la gara.

3 giugno 2008

Pubblicazione del bando per il completamento e miglioramento della viabilità nella zona industriale di Costa Morena, Brindisi. Il 29 luglio la Silcei s.r.l. si aggiudica la gara. Attualmente i lavori sono in fase di completamento, ritardati per un problema sorto con Anas.

29 giugno – 2 luglio 2008

Missione di outgoing Istanbul, Turchia.

15-17 luglio 2008

Missione di outgoing Il Cairo, Egitto.

24-30 settembre 2008

Missione di outgoing Sofia e Plovdiv, Bulgaria.

14-22 ottobre

Missione di outgoing Ning Bo e Shangai, Cina.

28-30 ottobre 2008

Missione di incoming Turchia.

14-17 novembre 2008

Missione di incoming Bulgaria.

19-22 febbraio 2009

Missione di incoming Egitto. La missione di incoming Cina non viene realizzata.

21-22 giugno 2009

Elezioni amministrative. Massimo Ferrarese viene eletto al ballottaggio Presidente della Provincia di Brindisi sostenuto da Partito Democratico, Unione di Centro, Lista Civica Ferrarese Presidente, movimento Io Sud, Partito Socialista.

29 aprile 2009

Pubblicato il bando per l‟estensione della rete di fognatura nera a servizio dell‟area industriale di Fasano Nord. L‟aggiudicazione definitiva è in favore della Ponteggi Brindisi srl.

14 maggio 09

Sergio Rini subentra a Giovanni Antelmi in qualità di Pit manager.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

2

Descrizione del PIT

In questo paragrafo viene descritto il progetto, concentrando l‟attenzione sull‟idea forza, la dotazione finanziaria e i progetti attivati. Come si è detto, l‟idea forza è quella del rafforzamento del sistema territoriale e dell‟integrazione del sistema produttivo e di quello logistico, attraverso il potenziamento delle attività retroportuali. I progetti attivati sono soprattutto di carattere infrastrutturale, concentrati nei comuni di Brindisi, Fasano, Ostuni e Francavilla. 2.1

Idea forza

L‟idea centrale del PIT è non solo quella dello sviluppo logistico, ma del potenziamento delle attività retroportuali e industriali. Se infatti Brindisi deve essere uno snodo internazionale della comunicazione commerciale, per superare una funzione di solo passaggio o stoccaggio di merci, il territorio deve dotarsi di competenze, infrastrutture, politiche e capitali che permettano anche – tra l‟altro – la trasformazione dei beni e l‟aumento di valore aggiunto. L‟idea forza del PIT – così come chiarito nel progetto definitivo ex BURP n.41 del 16.3.2005 – è quindi basata sulla “valorizzazione del sistema logistico distributivo in grado di accrescere la competitività dell‟apparato produttivo, generare nuova occupazione, ampliare l‟area del benessere e migliorare la qualità della vita”. L‟idea forza così concepita è articolata in sei obiettivi, descritti come segue: obiettivo 1: Potenziamento ed integrazione del sistema logistico intermodale dell‟area (Misura 6.1); obiettivo 2: Potenziamento delle aree di insediamento industriale negli agglomerati a maggiore densità imprenditoriale (Misura 4.2); 189


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 obiettivo 3: Promozione di uno sviluppo integrato dell‟area PIT (Misure 4.1 - 3.11 - 3.14 - 4.20); obiettivo 4: Realizzazione delle condizioni di pari visibilità di tutto il territorio provinciale attraverso il massiccio ricorso all‟innovazione informatica e telematica (Misure 6.2 – 6.4); obiettivo 5: Definizione delle condizioni di pari accessibilità di tutto il territorio provinciale rispetto alle infrastrutture per la diffusione delle conoscenze (Misure 3.12 e 3.13); obiettivo 6: Valorizzazione del capitale umano dell‟area (Misure 3.7 – 3.9). 2.2

Dotazione finanziaria

Come si vede dalla tabella successiva, il Piano Finanziario del PIT n.7 al 2009 prevede circa 75 milioni di euro, gestiti in modo paritario tra il livello locale e la Regione. Per quanto riguarda la quota a regia regionale, parte dei fondi per la misura 3.7 Formazione superiore ha finanziato Master, definiti a livello locale con le Università. Di maggiore rilievo, i fondi delle misure 3.11, 3.13, 4.01 e 4.20 (circa il 35% della dotazione finanziaria) sono confluite nei PIA Pacchetti Integrati di Agevolazioni, in cui i criteri premiali dei bandi sono stati elaborati dai soggetti locali che hanno svolto anche attività di animazione sul territorio. Da ciò, si potrebbe affermare che il PIT abbia controllato una parte considerevole delle risorse disponibili, con un buon livello di decentramento dalla Regione al livello locale. Ciò ha comunque costituito una scelta in buona parte obbligata, in quanto più del 40% degli interventi riguardavano progetti infrastrutturali da gestire nel Comune sede dell‟intervento. Tabella 3 Regia e Piano finanziario (Fonte: Elaborazione dal Complemento di Programmazione 2009) Regia e finanziamento

Misura

Descrizione

3.7

Formazione superiore (FSE)

3.11

Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare (FSE)

3.12

Pit

Regione

%

5.868.335

7,81%

394.213

0,52%

Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico (FSE)

1.312.230

1,75%

3.13

Ricerca e Sviluppo tecnologico (FESR)

12.327.802

16,41%

3.14

Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro (FSE)

2.748.587

3,66%

4.01

Aiuti al sistema industriale (PMI e Artigianato) (FESR)

11.853.947

15,78%

4.02

Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali (FESR)

4.20

Azioni per le risorse umane (Settori Sistemi industriali, Agricoltura, Turismo, Commercio) (FSE)

6.01

Adeguamento e miglioramento delle reti di trasporto (FESR)

25.140.000

6.02

Società dell‟Informazione (FESR)

4.686.400

6.04

Risorse umane e società dell‟informazione (FSE)

6.05

7.171.692

9,54%

2.460.008

1,65%

33,46% 6,24% 2.099.994

2,79%

37.842.359 50,4%

100%

300.000 37.298.092

Totale

49,6%

75.140.451

Al piano finanziario così come riassunto in Tabella vanno aggiunti i fondi utilizzati per le attività di gestione: per il 3% dell‟importo totale degli interventi previsti dal PIT la copertura di tali attività è assicurata dalla misura 7.1 Assistenza tecnica (FSE) utilizzata dalla Regione; il budget dell‟UU è invece stato coperto a carico delle amministrazioni partecipanti, con una quota parametrata alla popolazione residente e con un‟unità di 190


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 calcolo maggiore o minore in base alla presenza o meno di interventi infrastrutturali sul territorio comunale (con un costo totale al luglio del 2010 di 303.824,84 euro). Rispetto al progetto iniziale, il piano finanziario del PIT ha subito alcune modifiche che ne hanno incrementato la dotazione finanziaria: per quanto riguarda il livello locale, si tratta delle risorse riconducibili alla misura 6.5; a livello regionale vengono incrementati i fondi per le misure 3.11; 3.12; 4.01. Infine, al PIT si sono aggiunte risorse relative all‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza” di cui alla Delibera n. 1006 del 12/07/2006. Il bando riguardava la presentazione di progetti come da Delibera CIPE 26/2003, in cui i PIT si costituivano capofila e presentavano progetti di concerto con gli ambiti sociali di zona. Il PIT n.7 presenta un progetto per un importo totale di 721.875 euro, di cui 577.500 a valere sul POR. L‟obiettivo è il rafforzamento e la diffusione di un approccio integrato alla sicurezza: comprende progetti di sensibilizzazione, interventi per l‟attuazione di “patti per la legalità”, infrastrutture e strumenti a tutela delle aree industriali (in particolare per il ricollocamento). Uno sguardo d‟insieme alla destinazione delle risorse disponibili permette di apprezzare la concentrazione degli interventi nei settori logistico-infrastrutturale e industriale, permettendo di anticipare un giudizio positivo sul livello di coerenza tra idea forza e interventi attivati. Si noti che – come evidenziato dalla Tabella qui sotto – gli interventi infrastrutturali sono cofinanziati dagli enti locali nei quali viene realizzata l‟opera, per una percentuale poco superiore al 20%. Diversa è la quota di cofinanziamento per il raccordo ferroviario per il parco merci di Tuturano, in quanto l‟ammontare inizialmente previsto per il progetto (circa 21 milioni di euro) è stato aumentato con un accordo integrativo del 2006, arrivando ad un costo previsto di 30 milioni di euro. Nell‟Accordo integrativo venivano dichiarate compatibili con le opere PIT da realizzare su Brindisi le risorse residue per le opere di cui alla misura 1.1 del PIC Interreg II Italia-Grecia, destinando al Comune di Brindisi 13.801.842,54 euro per il cofinanziamento delle tre opere PIT. Il Comune andava in questo modo a coprire il maggior costo dell‟opera per il parco merci e parte del finanziamento delle restanti opere. Tabella 4 Cofinanziamento interventi (Fonte: Elaborazioni dall’Allegato A dell'Accordo PIT 7)

Denominazione progetti PIT 7

POR

Locale

totale

% POR

% Locale

1.400.000,12

399.485,88

1.799.486,00

78%

22%

Brindisi. Nuovo raccordo ferroviario tra la zona retroportuale di Brindisi ed in nuovo parco merci di Tuturano.

16.558.000,14

13.441.999,86

30.000.000

55%

45%

Brindisi. Potenziamento del raccordo ferroviario (consortile) a servizio dell'area retroportuale.

5.332.000,20

1.460.356,80

6.792.357,00

78%

22%

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Nord.

950.000,25

271.079,75

1.221.080,00

78%

22%

950.000,25

271.079,75

1.221.080,00

78%

22%

999.999,72

273.885,28

1.273.885,00

78%

22%

1.199.999,66

342.416,34

1.542.416,00

78%

22%

Francavilla Fontana. Lavori di costruzione della bretella di collegamento tra la SS 7, il Centro di Carico Intermodale e l'ex SS 603.

2.249.999,95

616.242,05

2.866.242,00

78%

22%

Ostuni. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'agglomerato industriale di Ostuni.

2.100.000,19

599.228,81

2.699.229,00

78%

22%

571.691,52

163.130,48

734.822,00

78%

22%

Brindisi. Completamento e miglioramento della viabilità nella zona industriale di Costa Morena.

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Sud. Fasano. Realizzazione della bretella di collegamento del Centro Agroalimentare alla viabilità nazionale SS16. Francavilla Fontana. Realizzazione delle rete idrica e fognante nell'area industriale.

Ostuni. Sistemazione della viabilità ed aree a parcheggio nella zona industriale con completamento della pubblica illuminazione.

191


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Due interventi di entità minore, la promozione del distretto aerospaziale (54.600€) e l‟estensione della rete di fognatura nera per Fasano Nord (220.730,73€) non erano inizialmente previsti: si tratta di progetti realizzati con le risorse liberate dalle economie di gara e non costituiscono quindi un‟integrazione finanziaria. 2.3

I progetti attivati

Nonostante la prevalenza di interventi infrastrutturali, all‟interno del PIT erano anche previsti interventi di formazione, un progetto di internazionalizzazione, il progetto di infrastrutturazione infotelematica della cittadella della ricerca, pacchetti integrati di agevolazione alle imprese. Interventi infrastrutturali I progetti infrastrutturali attivati nel PIT n.7 sono concentrati nelle aree industriali di 4 comuni della provincia di Brindisi (Fasano, Ostuni, Brindisi, Francavilla Fontana), corrispondenti ai sistemi produttivi locali di Fasano e Brindisi. Si tratta di interventi per lo più di completamento o adeguamento infrastrutturale degli agglomerati industriali e artigianali, al fine di provvedere al miglioramento dei servizi collettivi delle aree. I progetti selezionati in fase di progettazione erano quelli con un‟infrastrutturazione del 70%. A questi si aggiungono i progetti brindisini del retroporto. In Tabella sono riportati i progetti infrastrutturali previsti e una descrizione sintetica degli stessi. Tabella 5 Descrizione sintetica progetti infrastrutturali attivati Denominazione progetti PIT 7

Descrizione

Brindisi. Completamento e miglioramento della viabilità nella zona industriale di Brindisi a supporto del bacino logistico portuale intermodale di Costa Morena.

Le opere previste si propongono di migliorare e porre in sicurezza la viabilità principale e di accesso all‟area portuale della zona industriale di Brindisi, concentrandosi sulla zona a più intenso traffico.

Brindisi. Nuovo raccordo ferroviario tra la zona retroportuale di Brindisi ed in nuovo parco merci di Tuturano.

Il progetto prevede la realizzazione di un collegamento ferroviario diretto dalla linea FS alla zona industriale di Brindisi. Il nuovo raccordo permetterebbe l‟eliminazione di 3 passaggi a livello (rispettivamente posti lungo la Strada Provinciale per Lecce, via Perrino e via Arno), il carico diretto delle merci, il passaggio e la movimentazione distante dalla città.

Brindisi. Potenziamento del raccordo ferroviario (consortile) a servizio dell'area retroportuale.

Il progetto interessa l‟attuale raccordo ferroviario per una lunghezza complessiva di ml 10.540. L‟intervento mira al miglioramento della movimentazione merci all‟interno dell‟area retroportuale.

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Nord.

L‟intervento prevede la realizzazione di un collettore principale e tronchi secondari per una lunghezza complessiva di circa 3.000 m.

Fasano. Estensione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Nord.

È un intervento aggiuntivo a quello precedente, inizialmente non programmato, reso possibile dalle risorse liberate dalle economie di gara.

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Sud.

L‟intervento prevede la realizzazione di un collettore principale e tronchi secondari per una lunghezza complessiva di circa 3.000 m.

Fasano. Realizzazione della bretella di collegamento del Centro Agroalimentare alla viabilità nazionale SS16.

Si tratta di un intervento che – sfruttando la strada comunale Lamacupa già esistente – permette il collegamento con il Centro Agroalimentare, con lavori di adeguamento dell‟attuale sede stradale e realizzazione di alcuni interventi viari ex novo. Lo sviluppo complessivo della rete stradale ammonta complessivamente a 890 ml circa.

Francavilla Fontana. Realizzazione delle rete idrica e fognante nell'area industriale.

Tre gli interventi previsti: completamento della rete adduttrice per l‟alimentazione idrica per una lunghezza complessiva di circa 2.000 ml; rete di fognatura nera dell‟agglomerato industriale per un totale di 2.000 ml; impianto di depurazione e del relativo emissario, per lo scarico delle acque reflue nel Canale Reale.

Francavilla Fontana. Lavori di costruzione della bretella di collegamento tra la SS 7, il Centro di Carico Intermodale e l'ex SS 603.

L‟intervento riguarda il collegamento dell'Interporto di Francavilla Fontana alla Strada Statale 7 (il percorso parallelo alla vecchia via Appia). Si tratta dell‟intervento principale per lo sviluppo della direttrice Est-Ovest dell‟area.

192


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

Ostuni. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'agglomerato industriale di Ostuni.

Si tratta di due interventi: la costruzione della rete fognaria interna all‟agglomerato (9.000 ml) con un collettore finale che permetta il raccordo al depuratore urbano cittadino (si tratta di attività artigianali con reflui non pericolosi); 2000ml di rete per la distribuzione idrica.

Ostuni. Sistemazione della viabilità ed aree a parcheggio nella zona industriale con completamento della pubblica illuminazione.

Si tratta di un progetto di adeguamento e completamento della viabilità interna dell‟area industriale di Ostuni. L‟area adibiti a parcheggio avrà un‟estensione di circa 5.000 mq, la riqualificazione ed il completamento delle viabilità interna all'area riguarda mq.20.000.

Tra i progetti infrastrutturali rientra anche l‟Infrastrutturazione info-telematica del sistema territoriale di Brindisi. Si tratta di un progetto dedicato alla Cittadella della Ricerca, un complesso immobiliare nel territorio di Brindisi gestito dall‟omonima società consortile a maggioranza pubblica. Il progetto consiste in tre azioni: adeguamento infrastrutturale del comprensorio della Cittadella (cablaggio, internet ad alta velocità, videosorveglianza); realizzazione di un portale di informazione per l‟innovazione imprenditoriale www.innovazionebrindisi.it; realizzazione di un centro servizi (quest‟ultimo fortemente voluto dalla Regione). Il progetto è stato realizzato da Datamanagement e la gestione è affidata a Cittadella della Ricerca. Interventi di promozione territoriale (misura 6.2 b) Il progetto principale è “The Near East: Progetto per l‟internazionalizzazione della logistica dell‟area di Brindisi”(1.427.925,77€). Si tratta di iniziative di promozione economica, progetti di marketing e comunicazione, studi e indagini relativi ai paesi obiettivo individuati: Bulgaria, Egitto, Turchia, Cina. L‟obiettivo principale era la promozione dello snodo di Brindisi per i traffici commerciali tra Europa e mediterraneo. Sebbene il progetto sia stato gestito direttamente dall‟Ufficio Unico, i paesi obiettivo sono il frutto di una negoziazione con la Regione, in un‟ottica di coordinamento delle attività di promozione del territorio pugliese. Il progetto era strutturato in un primo momento di sensibilizzazione del territorio e di studio e indagine dei paesi, una seconda fase relativa alla missione economica di outgoing, una terza fase di follow-up con la diffusione dei risultati e la missione di incoming degli operatori esteri. Nella realizzazione del progetto, oltre agli enti del PIT, hanno partecipato anche la Camera di Commercio di Brindisi, le associazioni di categoria (soprattutto con funzione di sensibilizzazione e animazione territoriale), l‟Autorità portuale. Nelle missioni è stato coinvolto anche Aeroporti di Puglia. Un progetto di minore entità è quello per la Promozione del distretto aerospaziale pugliese (54.600€), realizzato con le economie sul progetto The Near East. Si è trattato della stampa di materiale pubblicitario e della realizzazione di un video promozionale, entrambi lasciati all‟uso del distretto. Patto per l’inclusione sociale Si tratta di un progetto realizzato con risorse della Delibera Cipe 26/2003, per il quale il PIT è stato scelto dalla Regione quale soggetto proponente. Il progetto è realizzato in parte in forma diffusa sul territorio provinciale, in collaborazione con i quattro Ambiti Territoriali Sociali della provincia (Brindisi; Fasano; Francavilla Fontana e Mesagne) che hanno realizzato diverse attività: in particolare l‟attivazione di borse lavoro per l‟inserimento lavorativo. Il progetto prevede inoltre la realizzazione di un Osservatorio Provinciale Permanente dei fenomeni di Illegalità, con la realizzazione di un sito web e di un data warehouse che permetta raccolta e scambio di dati tra le istituzioni aderenti. Programmi Integrati di Agevolazioni Si tratta di interventi multi-misura banditi dalla Regione con risorse PIT, per i quali i soggetti locali hanno partecipato alla definizione dei criteri premiali. Oggetto dei Pacchetti Integrati di Agevolazioni sono programmi di investimento finalizzati all‟utilizzazione, tramite l‟ampliamento della base produttiva (ai sensi della misura 4.1 azione c), dei risultati derivanti da interventi di trasferimento tecnologico e/o da interventi nel campo della ricerca industriale e sviluppo precompetitivo (ai sensi della misura 3.13). I Programmi di investimento come sopra definiti possono includere anche investimenti inquadrabili nelle seguenti tipologie d‟intervento: acquisizione di servizi reali (misura 4.1 azione a); azioni di formazione specifica (ai sensi della misura 4.20 azione c). Per le iniziative che prevedono incremento occupazionale può essere richiesto, inoltre, l‟aiuto all‟occupazione (misura 3.11 azione c). 193


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Le imprese ammesse a partecipare sono imprese di medie dimensioni con un fatturato non inferiore ai 7 milioni di euro, e consorzi di piccole e/o medie imprese, operanti nell‟ambito territoriale del PIT n.7. I settori di attività ammessi si concentrano sui trasporti, le telecomunicazioni, l‟informatica, ricerca e sviluppo e il design. Le risorse complessive disponibili destinate all‟agevolazione dei progetti presentati ammontano a 19.575.658 di euro. La percentuale di agevolazione varia rispetto alle diverse azioni previste dal progetto. I criteri di valutazione del bando sono stati i seguenti: 1) correlazione tra il programma di investimento e l‟idea forza del PIT n. 7; 2) grado di concentrazione funzionale e grado di cantierabilità del programma di investimento; 3) grado di innovazione tecnologica del programma di investimento; 4) adozione di sistemi di gestione ambientale certificati; 5) grado di applicazione del principio delle pari opportunità. Per quanto riguarda la misura 4.20 c) risultano finanziati i progetti in Tabella . Allo stato attuale non sono disponibili informazioni sulla parte restante di finanziamenti concessi.49 Tabella 6 Progetti PIA misura 4.20 c) Fonte: Determinazione Dirigente Formazione Professionale 22.11.07 n. 1312

impresa o consorzio

denominazione progetto

Consorzio Subtitle Voice

Sottotitolazione in diretta Formazione e aggiornamento su processi e prodotti innovativi nel settore agroalimentare Sicurezza e processi produttivi Esperto nello sviluppo di veicoli ibridi a ridotto impatto ambientale Formazione di personale esperto nella produzione di calcestruzzi alleggeriti Formazione di personale esperto nei processi di riciclo meccanico delle plastiche PLAST

Consorzio C.O.R.S.I.A. Ferramati s.r.l. consorzio per la mobilita' sostenibile T.C.T. s.r.l. Techonologycom s.r.l. Igeam s.r.l.

importo ammissibile 100.000

contributo pubblico (45%) 45.000

10.000

4.500

32.168

14.475,60

50.000

22.500

25.000

11.250

50.000

22.500

136.000

61.200

403.168

181.425

Totale PIT n.7

Formazione superiore Nell‟ambito della misura 3.7 la Regione ha finanziato borse di studio per gli studenti pugliesi, prevedendo anche l‟attivazione di master a copertura integrale dei posti disponibili. I master attivati nell‟ambito del PIT n.7 sono riassunti in Tabella . Tabella 7 Master attivati

Titolo Master

Sede di svolgimento

Politiche dell‟Unione Europea e Progettazione Comunitaria

Università degli Studi di Lecce

25

250.000,00

Sistemi integrati, qualità, ambiente e sicurezza

Università degli Studi di Lecce (Brindisi)

25

679.471,18

Cooperazione internazionale, diritti umani e peace keeping

Università degli Studi di Lecce

25

300.000,00

Master in logistica, trasporti e new economy

Università degli Studi di Bari

25

180.000,00

Master internazionale in governance pubblica ed internazionale

Scuola Superiore ISUFI – Università degli Studi di Lecce

25

383.100,00

49

Allievi

Costo

Con determinazione del Dirigente Settore Industria 4 dicembre 2006 n. 1953, è stata approvata la graduatoria di imprese e consorzi invitati alla presentazione dei progetti.

194


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.3.1

I progetti significativi (flagship)

Come abbiamo anticipato, i tre progetti per lo sviluppo del retroporto di Brindisi costituiscono il centro ideale del PIT. L‟idea dello sviluppo delle aree industriali della provincia (sia per quanto riguarda le infrastrutture che per le agevolazioni alle imprese) assume infatti un carattere complementare rispetto alla possibilità di movimentazione e stoccaggio merci; così come anche gli altri interventi – in particolare le attività di promozione internazionale del territorio – sono strumentali alla capacità del porto di Brindisi di esprimere una valenza di snodo strategico. I diversi progetti hanno tutti un potenziale di sviluppo proprio che non va negato: tuttavia, la strategia integrata di sviluppo si fonda proprio sulle realizzazioni previste a Brindisi. Al di là delle considerazioni strategiche, l‟importanza dei progetti brindisini è evidente dal loro peso in termini finanziari, costituendo da soli quasi il 50% della dotazione finanziaria. I tre progetti – per la cui descrizione si rimanda alla Tabella 5 – fanno parte di un intervento di rinnovamento complessivo del retroporto di Brindisi: uno per il miglioramento della viabilità interna, uno per il potenziamento della ferrovia consortile, l‟ultimo per la realizzazione di un nuovo raccordo ferroviario con un collegamento ad un parco merci ampliato nei pressi di Tuturano. Quest‟ultimo progetto – il più importante per peso finanziario – non è stato realizzato, ma è transitato nel nuovo ciclo di programmazione, per difficoltà descritte nel paragrafo 2.6. 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

È utile trattare l‟analisi degli attori a due livelli: relativamente al PIT nel suo complesso e ai diversi progetti – o tipologie di progetti – attivati nel PIT. Per quanto riguarda il primo, è utile suddividere il processo in almeno due fasi: quella della progettazione, che termina nel 2003 con l‟approvazione da parte del Comitato del PIT della Proposta di Programma; e quella dell‟attuazione, che inizia a fine 2004, con l‟approvazione del programma da parte della giunta regionale. Tra le due c‟è un periodo di stallo, per l‟avvicendamento della leadership politica regionale. Tabella 8 Attori coinvolti PIT n.7 Politici

Burocratici

Esperti

Nazionale Regionale

Regione Puglia

Provinciale

Assessore Brindisi

Locale

Sindaci dell‟area

Provincia

dei

di

Comuni

Università del Salento Università degli studi di Bari ISUFI Cittadella della ricerca

Provincia di Brindisi Consorzio SISRI Autorità Portuale Ufficio unico PIT Uffici tecnici comunali

Economici RFI Rete Italiana Retecamere

Sociali Ferroviaria

Cna Brindisi Confindustria Brindisi

Consulenti del PIT

Per quanto riguarda la fase di progettazione, nonostante le difficoltà nel reperire informazioni, gli intervistati testimoniano un buon coinvolgimento – secondo un modello di sviluppo dal basso – e una partecipazione ampia del partenariato socio-economico (con un processo di condivisione iniziato nel 2002). La BSH Brun Service Holding spa, società partecipata dal Comune e dalla Provincia di Brindisi, ha avuto un ruolo chiave nell‟ideazione e stesura della proposta progettuale, a cura del direttore generale del tempo, Giuseppe Marchionna, promotore del PIT. La leadership politica dei comuni di Brindisi, Fasano, Ostuni, Francavilla, degli altri comuni partecipanti e della provincia di Brindisi assume un ruolo importante di sostegno al progetto. Infine, oltre alle associazioni di categoria, si segnala la partecipazione del Consorzio SISRI e dell‟Autorità Portuale. Nella fase di progettazione abbiamo quindi un processo allargato agli attori non istituzionali.

195


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Nella fase di attuazione da una parte cresce il ruolo della Regione, soprattutto con riferimento alle attività dei responsabili di misura, mentre dall‟altra si assiste ad un restringimento della rete partenariale, in buona parte limitata ai soggetti attuatori dei diversi interventi. Sempre per quanto riguarda il governo complessivo del PIT, l‟Ufficio Unico è l‟attore centrale dell‟attuazione a livello locale: è direttamente responsabile del progetto di internazionalizzazione e funziona da mediatore tra Regione e soggetti locali, curando la comunicazione tra gli attori. È centro di coordinamento del progetto e attuatore della volontà dell‟Assemblea. Le associazioni di categoria e il partenariato sembrano aver giocato un ruolo minore, avendo partecipato soprattutto all‟animazione territoriale per il progetto di internazionalizzazione. Se invece si guarda ai singoli progetti attivati, l‟attuazione degli interventi infrastrutturali è demandata ai Comuni in cui interviene l‟opera, con un ruolo di primo piano sia della parte tecnico-amministrativa (il RUP), sia in alcuni casi della leadership politica locale. Data la prevalenza della parte infrastrutturale, assumono – come si è già detto – un ruolo preminente i comuni interessati dagli interventi: Fasano, Ostuni, Francavilla, Brindisi. Importante è anche il ruolo giocato dal Consorzio SISRI, ente pubblico economico partecipato dai comuni della provincia, che gestisce gli agglomerati industriali del territorio: si tratta di un attore di processo, in modo simile per l‟Autorità portuale (quest‟ultima per gli interventi su Brindisi). RFI Rete Ferroviaria Italiana è stato uno dei protagonisti del processo del Nuovo raccordo verso il parco merci di Tuturano. Infine, Cittadella della ricerca – società consortile a maggioranza pubblica partecipata al 51% dalla provincia – ha giocato un ruolo importante nel progetto di infrastrutturazione info-telematica; mentre Retecamere – in quanto vincitrice dell‟appalto – ha curato il progetto di internazionalizzazione. Si noti che soltanto il progetto ferroviario di Brindisi vede la partecipazione di attori superiori al livello localeprovinciale. Ulteriori informazioni sintetiche su alcuni dei progetti attivati nel PIT n.7 sono contenute in Tabella . Tabella 9 Attori nei progetti PIT

Progetti

Analisi degli attori

Nuovo raccordo ferroviario per il parco merci di Tuturano

È stato il processo decisionale sicuramente più complesso, con una parte attiva anche dei vertici di RFI Rete Ferroviaria Italiana, e con un interesse – in particolare al momento del rifinanziamento – di attori a vari livelli (tra gli altri, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Puglia).

PIA – Pacchetti Integrati di Agevolazione

La Regione ha gestito i bandi, le commissioni e la valutazione dei progetti, avvalendosi di Arti Puglia e Sviluppo Italia. I soggetti locali hanno stabilito i criteri premiali contenuti nei bandi: Ufficio Unico e partenariato hanno selezionato i settori di intervento, facendo anche animazione territoriale.

Master e formazione

La Regione ha gestito l‟intero budget, i master sono stati definiti dalle Università.

Infrastrutturazione infotelematica della Cittadella

Qui il ruolo chiave è stato giocato dalla società Cittadella della Ricerca, destinataria della gestione delle opere realizzate, ma che ha anche partecipato all‟ideazione del progetto e al project management.

Logistica Brindisi internazionalizzazione

L‟Ufficio Unico ha seguito direttamente il progetto, affidato a Retecamere. Le associazioni di categoria sono entrate sia nella fase di consultazione e progettazione, sia come animatori del territorio, coinvolgendo gli associati.

2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

La struttura di governo del PIT 7 era costituita da un‟Assemblea con poteri decisionali, costituita da tutti gli enti partecipanti, e da una Cabina di regia ristretta, che aveva funzioni di coordinamento, partecipata dai comuni di Ostuni, Fasano, Brindisi, Francavilla Fontana. L‟Ufficio Unico del PIT 7 si è caratterizzato per una struttura leggera con un costo relativamente basso (circa trecentomila euro al luglio 2010), inferiore a quanto inizialmente preventivato. Oltre al PIT manager – dirigente del servizio politiche comunitarie della Provincia di Brindisi – l‟Ufficio si è avvalso di uno staff ristretto, con l‟attivazione di alcuni contratti co.co.co. per lo svolgimento delle attività di segreteria, per il monitoraggio dei lavori pubblici e per seguire le attività di internazionalizzazione. L‟ufficio ha beneficiato 196


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 della collaborazione di due consulenti senior: uno per le attività sulla misura 6.2 b) e uno per quelle sulla misura 6.2 c). Un consulente junior ha seguito la gestione dell‟intero PIT; due funzionari del comune di Brindisi si sono occupati delle attività relative alle gare. Gli intervistati testimoniano alcune difficoltà nell‟ottenere la collaborazione da parte di personale interno alle amministrazioni partecipanti. La sperimentazione dell‟Ufficio Unico quale modello gestionale uniforme sul territorio regionale doveva permettere a soggetti attuatori e Regione di avere un interlocutore unico di livello intermedio, consentendo poi a livello locale il coordinamento e l‟integrazione delle diverse azioni progettate e implementate sul territorio. L‟idea strategica dell‟integrazione aveva quindi un suo complemento organizzativo nell‟Ufficio Unico. Le aspettative del modello sono risultate in buona parte corrette per gli interventi con effetti diffusi sul territorio (l‟internazionalizzazione, la promozione del distretto aerospaziale, la redazione dei criteri premiali per i bandi PIA e la relativa animazione territoriale) la cui attuazione è stata seguita direttamente dall‟ufficio unico e in cui esisteva un‟effettiva necessità di mediazione tra le parti. In questi casi, l‟ufficio unico ha quindi permesso quel ruolo di sintesi che lo doveva caratterizzare. Tuttavia, nel caso del PIT 7 tale modello ha presentato alcune criticità per quanto riguarda l‟attuazione dei progetti infrastrutturali. Anche una volta chiarita la ripartizione di responsabilità tra amministrazioni e tra uffici, le difficoltà non sono svanite. L‟Ufficio è infatti incardinato nell‟ente capofila – in questo caso la Provincia di Brindisi – e le opere sono state seguite dal RUP del Comune di riferimento, con un direttore dei lavori non necessariamente del Comune (in alcuni casi i progetti facevano capo al Consorzio SISRI). Ciò vuol dire che l‟ufficio unico è stazione appaltante, bandisce la gara, liquida l‟avanzamento dei lavori ed ha una responsabilità di bilancio, senza però entrare nella gestione degli interventi. Si tratta di un problema testimoniato sotto diverse prospettive da tutti gli intervistati. 2.6

Output realizzati

È possibile fornire un bilancio provvisorio delle azioni realizzate nell‟ambito del PIT n.7, in particolare quelle a regia dell‟Ufficio Unico. In Tabella sono riportati i progetti infrastrutturali con delle note sullo stato di attuazione. I progetti “in fase di completamento” sono quelli in cui i lavori sono stati ultimati, ma manca il collaudo o la liquidazione della ditta; i progetti “in corso” sono quelli in cui i lavori sono più indietro, per imprevisti di vario genere. Guardando ai dati in tabella, dei 12 progetti riportati, 4 risultano completati, 2 in fase di completamento, 4 hanno subito rallentamenti significativi, 2 sono stati abbandonati (di cui uno transitato nella nuova programmazione). Si tratta di un bilancio non del tutto positivo. Con riferimento soltanto agli interventi riportati in Tabella 4 e utilizzando come misura il costo previsto, è possibile affermare che i progetti non abbandonati corrispondono soltanto al 37% del totale. Ciò è dovuto soprattutto al transito del progetto del Nuovo raccordo per il parco merci di Tuturano nella programmazione 2007-2013 (questo rappresenta infatti il 60% di tutti gli interventi infrastrutturali inizialmente previsti).50

50

Il problema sembra doversi far risalire principalmente alla complessità dell‟opera, che ha comportato sia maggiori difficoltà all‟avvio del progetto (si pensi alle necessità di integrazione finanziaria), sia un iter procedurale più articolato, con diverse negoziazioni con i vertici di RFI.

197


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Tabella 10 Stato di attuazione progetti

Stato di attuazione

Note

Brindisi. Completamento e miglioramento della viabilità nella zona industriale di Costa Morena.

In corso

Rallentamento dei lavori dovuto al raccordo dei vari enti con l‟Anas, per la realizzazione di alcune attività che necessitavano il blocco della strada 379, I lavori sono quasi ultimati.

Brindisi. Nuovo raccordo ferroviario tra la zona retroportuale di Brindisi ed in nuovo parco merci di Tuturano.

Non realizzato

Brindisi. Potenziamento del raccordo ferroviario (consortile) a servizio dell'area retroportuale.

In corso

Rallentamento dei lavori per problemi dovuti ad interferenze elettriche sotto il nuovo tracciato della ferrovia.

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Nord.

In corso

Risoluzione contrattuale per inadempienza della ditta. Risulta mancante il tratto di fognatura che conduce al sistema di depurazione. Si deve affidare l‟incarico ad un altro soggetto.

Fasano. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Sud.

Completato

Fasano. Realizzazione della bretella di collegamento del Centro Agroalimentare alla viabilità nazionale SS16.

Completato

Francavilla Fontana. Realizzazione delle rete idrica e fognante nell'area industriale.

Non realizzato

Francavilla Fontana. Lavori di costruzione della bretella di collegamento tra la SS 7, il Centro di Carico Intermodale e l'ex SS 603.

Completato

Ostuni. Realizzazione della rete di fognatura nera a servizio dell'agglomerato industriale di Ostuni.

In corso

Ostuni. Sistemazione della viabilità ed aree a parcheggio nella zona industriale con completamento della pubblica illuminazione.

In fase di completamento

Brindisi. Infrastrutturazione info-telematica del sistema territoriale di Brindisi.

Completato

Fasano. Estensione della rete di fognatura nera a servizio dell'area industriale di Fasano Nord.

In fase di completamento

Progetti Infrastrutturali PIT 7

Transitato nella programmazione 2007-2013

Gli intervistati individuano nell‟avvicendamento dei RUP ed in problemi nella gestione della fase preliminare (la mancata realizzazione degli espropri), ritardi che non permettevano di includere il progetto nell‟ambito del PIT.

Rallentamento dovuto ad un‟interferenza di una linea di fibra ottica che non era stata precedentemente individuata. I lavori sono stati ultimati, manca il collaudo dell‟opera.

I lavori sono ultimati, manca la liquidazione della ditta.

Per quanto riguarda il progetto “The Near East”, relativo all‟internazionalizzazione, nel corso del 2008 si sono svolte tutte le attività previste. È stato realizzato un sito web ancora attivo www.theneareast.it, in cui è possibile consultare i materiali prodotti durante il progetto: il sito è multi-lingue, con i contenuti tradotti in arabo, bulgaro, cinese, turco e inglese. Nella fase di indagine sono stati realizzati studi, analisi e incontri relativi alle opportunità commerciali brindisine nei paesi obiettivo. Le missioni economiche hanno previsto incontri tra i soggetti istituzionali, eventi B2B, eventi pubblici di promozione del territorio. Sono state realizzate missioni outgoing in Turchia, Bulgaria, Egitto, Cina, seguite da missioni di incoming (per tutti i paesi tranne che per la Cina). Per la promozione del distretto aeronautico sono stati prodotti materiali promozionali, un video e del materiale cartaceo. 198


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Nel progetto sulla Cittadella della ricerca, oltre al centro servizi è stato realizzato un portale per le imprese www.innovazionebrindisi.it che attualmente non risulta accessibile. È stato inoltre realizzato il cablaggio della Cittadella. Infine, nell‟ambito del progetto sulla sicurezza, è stato realizzato l‟Osservatorio Provinciale Permanente sui Fenomeni dell‟Illegalità osservatoriolegalita.provincia.brindisi.it. 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

La valutazione della continuità viene fatta sulle seguenti dimensioni: continuità territoriale, continuità strategica, continuità organizzativa, continuità delle reti di attori. La continuità territoriale non assicura in sé né una coincidenza degli attori, né necessariamente una continuità di tipo strategico tra i diversi cicli di programmazione: è però precondizione di entrambe. Dal punto di vista territoriale l‟area vasta coincide con il territorio della provincia di Brindisi quindi con quello del PIT n.7.51 Tuttavia, la coincidenza è tale soltanto ad un livello di analisi generale: come si è detto, nonostante le ricadute fossero da intendersi per l‟intero sistema provinciale, gli interventi principali del PIT si concentravano soltanto su quattro comuni, quelli interessati da aree industriali. La programmazione di area vasta ha un carattere invece maggiormente diffuso, con interventi distribuiti sul territorio. Dal punto di vista strategico, la continuità è al più parziale. Ciò che si è detto per il livello territoriale vale a maggior ragione per quello strategico: la maggiore capillarità e diffusione degli interventi comporta la rinuncia – almeno in parte – a quella che è l‟idea strategica principale del PIT, l‟integrazione delle azioni, e quindi la loro concentrazione su alcuni nodi territoriali, al fine di conseguire un obiettivo esplicitato in un‟idea forza omogenea (nel nostro caso lo sviluppo della logistica). Al contrario, l‟area vasta contempla “Obiettivi Prioritari” eterogenei, che corrispondono allo sviluppo economico generale del territorio brindisino: – – – –

A) Stimolare la funzione di snodo; B) Stimolare i processi economici (internazionalizzazione e servizi di sostegno allo sviluppo); C) Rispetto delle identità e delle specificità territoriali (integrazione filiere produttive, promozione culturale e naturale); D) Miglioramento della qualità della vita (infrastrutture per servizi collettivi, competizione sistemi urbani, tutela dell‟ambiente).

Se poi ci si riferisce alle azioni specifiche che fanno capo a questi obiettivi, è possibile rintracciare alcuni interventi in stretta relazione con processi e azioni iniziate nel PIT (internazionalizzazione, il miglioramento dei servizi logistici, l‟infrastrutturazione telematica, alcune estensioni di opere su cui già si era intervenuti in ambito PIT): si tratta però soltanto di una parte, all‟interno di un programma ampio ed eterogeneo. Come già si è detto, il progetto del raccordo ferroviario tra l‟area retroportuale di Brindisi e il nuovo parco merci di Tuturano è transitato dal PIT al nuovo ciclo di programmazione 2007-2013. Questo è forse l‟esempio principale di continuità (così come lo è l‟attenzione al nodo portuale ancora presente nella progettazione di area vasta): se è vero che la continuità è dovuta ad un ritardo non più sanabile, è vero anche che il progetto non è stato abbandonato e che si è messo a frutto del nuovo ciclo il lavoro già svolto durante il PIT. Per quanto riguarda la continuità organizzativa la scelta – per molti versi innovativa – dell‟Ufficio Unico non ha avuto seguito. L‟ufficio è ancora attivo, ma soltanto con l‟obiettivo di chiudere gli interventi del PIT ancora aperti. Allo stesso modo, la forma di governo della programmazione di area vasta sarà in parte diversa: se comitato dei sindaci e cabina di regia ricalcano il sistema di governo già adottato nel PIT, l‟innovazione organizzativa più importante della progettazione integrata – l‟ufficio unico quale unica stazione appaltante – non viene mantenuta. Infatti, l‟Ufficio dell‟Organismo Intermedio dell‟Area Vasta Brindisina, incardinato nel Comune di Brindisi, sembra avere una funzione soprattutto di controllo procedurale del rispetto delle norme comunitarie da parte dei soggetti attuatori, senza alcun compito di gestione diretta

51

Si segnala soltanto una defezione: il Comune di Cisternino, appartenente alla Provincia di Brindisi e facente parte del PIT 7 è confluito nell‟Area Vasta Valle d‟Itria.

199


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 degli interventi. Così pure, l‟apposito “Ufficio Finanziario di Piano” si occuperà soltanto dell‟elaborazione e della presentazione delle richieste di pagamento e di ricevere i pagamenti dalla Regione Puglia. Per quanto riguarda infine la rete di attori, senz‟altro la diffusione degli interventi corrisponde ad una rete più ampia di quella del PIT (questo a livello sostanziale, in quanto a livello formale i partecipanti istituzionali non sono cambiati). Ciò detto, il problema dell‟avvicendamento degli attori che già si è evidenziato nella trattazione del caso, è rilevante anche qui: i cicli elettorali rompono quelli di programmazione, non permettendo in molti casi una continuità degli attori, non solo per quanto riguarda le cariche elettive, ma anche per gli incarichi gestionali di nomina politica. A livello locale, gli intervistati lamentano per la nuova programmazione anche uno spostamento delle responsabilità, con un maggiore centralismo della Regione, quindi con un restringimento del già timido decentramento sperimentato con il PIT. In genere, l‟impressione è che tra area vasta e PIT ci sia stata una cesura, con un aumento del carattere distributivo degli interventi.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

L‟idea progettuale del PIT, quella di legare gli interventi per lo sviluppo produttivo a quelli per il potenziamento della logistica, è senz‟altro pertinente. Anche leggendo la breve storia richiamata nel primo paragrafo, il territorio brindisino era stato interessato da interventi rilevanti: l‟idea di lavorare sull‟integrazione, sfruttando le potenzialità della posizione strategica dell‟area, corrisponde ad un‟intuizione di sviluppo corretta e senz‟altro fertile. L‟elaborazione di dettaglio del progetto, e quindi la specificazione di quest‟intuizione, mantiene una forte attenzione sui temi chiave: sviluppo produttivo e sviluppo logistico. Gli interventi infrastrutturali costituiscono un insieme coerente e le altre azioni previste (formazione, PIA, promozione internazionale) integrano fruttuosamente l‟azione di sviluppo. All‟interno del PIT, non viene affrontato il ruolo del porto di Brindisi rispetto agli altri snodi portuali dell‟area: Taranto e Bari. È evidente che il rafforzamento della direttrice est-ovest rappresentato da Francavilla e il potenziamento delle aree sulla dorsale adriatica da Brindisi verso nord (Fasano e Ostuni) permettono di sfruttare le potenzialità delle altre aree portuali e di collegarsi a queste: tuttavia, gli intervistati accennano alla mancanza di una strategia regionale di coordinamento della capacità portuale. In modo simile, il rapporto tra il PIT e gli altri progetti del territorio (in particolare il PIT n.8 che riguardava l‟agroalimentare nel territorio della provincia di Brindisi), non sembra essere stato il prodotto di un‟esplicita strategia di coerenza e integrazione degli interventi. 3.2

Integrazione dei progetti

Il livello di integrazione dei progetti realizzati nel PIT è di difficile misurazione. A livello progettuale, è evidente che si tratta di interventi complementari che mirano alla crescita del territorio, unendo all‟idea centrale dello sviluppo logistico (i tre progetti principali relativi al porto di Brindisi), quella dello sviluppo industriale (gli interventi infrastrutturali su Fasano, Ostuni e Francavilla e i PIA), con alcuni interventi ad impatto diffuso, come la promozione del territorio (in particolare, il progetto di internazionalizzazione). Il livello di integrazione tra politiche diverse, la varietà degli strumenti messi in campo per l‟attuazione dell‟idea forza, è senz‟altro ricca: interventi infrastrutturali, azioni di formazione, aiuti alle imprese, operazioni di marketing, studi e indagini sul territorio e sui territori target. Tuttavia, almeno dal punto di vista finanziario, gli interventi non infrastrutturali assumono un peso evidentemente trascurabile. Per quanto riguarda il finanziamento, gli enti locali hanno contribuito in modo sensibile, integrando le risorse comunitarie con contributi propri per buona parte degli interventi. Le risorse sono state tutte di natura pubblica, e il settore privato è stato soltanto destinatario degli interventi. 200


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Per quanto riguarda la rilevanza dei progetti “a rete”, quelli con effetti diffusi sul territorio o che hanno visto la partecipazione di diverse amministrazioni, costituiscono meno della metà del totale: internazionalizzazione, infrastrutturazione infotelematica della Cittadella e le misure a regia regionale come i PIA e la formazione. Tuttavia, se non si guarda soltanto ai soggetti attuatori o partecipanti, gli interventi infrastrutturali – sebbene concentrati su alcuni specifici nodi territoriali – sono evidentemente progetti che promettono spill-over per l‟intero territorio. È ovviamente molto presto perché questi effetti diffusi siano misurabili e il transito del progetto di Tuturano rende impossibile allo stato attuale una valutazione compiuta dell‟intero progetto. 3.3

Integrazione degli attori

Dall‟analisi effettuata è possibile individuare quattro modalità di network interni al PIT. Una è quella propriamente attuativa: coinvolge UU, Regione, Comune e Sisri e – alternativamente secondo gli interventi – Francavilla, Fasano e Ostuni. Si tratta di interazioni destinate unicamente all‟attuazione dei progetti. Simile ma più denso è il network dei progetti brindisini: qui da una parte si aggiungono l‟Autorità portuale e RFI, dall‟altra c‟è un lavoro maggiore di progettazione degli interventi (specie per il progetto del Nuovo Raccordo). Un terzo tipo di network è quello dell‟UU: da una parte la connessione con tutti gli attori dovuta ad aspetti procedurali (tipicamente le gare) e di coordinamento (con la Regione e con l‟Assemblea del PIT); dall‟altra un network specifico per i progetti a rete, in gestione diretta. La Regione infine si interfaccia con tutti gli attori, in particolare con Ufficio Unico e Comuni, anche qui per ragioni procedurali, mentre sembra gestire per lo più in autonomia le misure di propria regia. 3.4

Capacità di spesa

Il PIT 7 non è esente dai problemi generali dovuti al ritardo con cui si è dato avvio alla progettazione integrata in Puglia. Se si considera che la realizzazione di opere pubbliche ha tempi difficilmente comprimibili, la natura spiccatamente infrastrutturale del PIT 7 ha reso il problema particolarmente gravoso. Con la firma dell‟Accordo di Programma il 29 giugno 2005 e il termine per la rendicontazione al 31 dicembre 2008, vi erano poco più di due anni per presentare i progetti, ottenere dalla Regione l‟ammissione al finanziamento, indire e aggiudicare le gare, fare i lavori, pagare e rendicontare l‟intero importo. Anche in assenza di imprevisti, rispettare i tempi sarebbe stato molto difficile, specie nel caso di progetti complessi. Queste circostanze mettono in diversa luce anche il livello di decentramento della regione. Alcuni degli intervistati, pur lamentando l‟assenza di un vero decentramento, concordano che – senza una divisione dei ruoli e quindi di azioni assegnate tra il livello locale e quello regionale – sarebbe stato molto difficile portare a compimento ed utilizzare tutte le risorse assegnate al PIT. Allo stato attuale, non si hanno dati sufficienti per valutare la capacità di spesa. Due note possono però essere fatte: da una parte, da subito ci si è preoccupati di destinare le risorse realizzate con le economie derivanti dai ribassi d‟asta; dall‟altra che la rendicontazione è avvenuta in parte utilizzando “progetti sponda”, rendicontando interventi già realizzati e dichiarati coerenti con le azioni PIT (liberando quindi risorse per proseguire con tutti quei progetti le cui spese non erano rendicontabili entro il termine comunitario).

201


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

4

Interviste effettuate

Giovanni Antelmi, Pit Manager 2005-2009, 11 novembre 2010 Lorenzo Cirasino, Assessore Provincia Brindisi, 8 novembre 2010 Fabio Lacinio, R.U.P. Comune di Brindisi, 8 novembre 2010 Sergio Rini, Pit Manager 2009, 8 novembre 2010 Carlo Ruffo, Responsabile Misura 6.1, 10 novembre 2010 Francesco Rodia, Consulente Junior Ufficio Unico Pit 7, 8 novembre 2010 Madia Semeraro, Cna Brindisi, 10 novembre 2010 Domenico Tanzarella, Sindaco di Ostuni, 11 novembre 2010

202


Consorzio Metis. Rapporto finale

PIT 8 - Area Jonico-Salentina Tabella 1 Anagrafica di progetto Capofila Enti aderenti all‟accordo

Tot Enti aderenti Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia Localizzazione ufficio unico PIT Manager Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 01.01.2001, da BURP n.41 suppl. del 16.03.05 vol. 8) Valore aggiunto prodotto nell‟area PIT (elaborazioni su dati Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05 vol. 8)

1

Provincia Brindisi Provincia di Brindisi, Provincia di Lecce, Provincia di Taranto. Provincia di Brindisi: Brindisi; Carovigno; Ceglie Messapica; Cellino San Marco; Cisternino; Erchie; Fasano; Francavilla Fontana; Latiano; Mesagne; Oria; Ostuni; San Donaci; San Pancrazio Salentino; San Pietro Vernotico; San Vito dei Normanni; Torchiarolo; Torre Santa Susanna. Provincia di Lecce: Arnesano; Campi Salentina; Caprarica di Lecce; Carmiano; Carpignano Salentino; Castrì di Lecce; Cavallino; Copertino; Cutrofiano; Galatina; Guagnano; Lecce; Lequile; Leverano; Lizzanello; Melendugno; Monteroni di Lecce; Novoli; Salice Salentino; San Cesario di Lecce; San Donato di Lecce; San Pietro in Lama; Sogliano Cavour; Squinzano; Surbo; Trepuzzi; Veglie; Vernole. Provincia di Taranto: Avetrana; Carosino; Crispiano; Faggiano; Grottaglie; Leporano; Lizzano; Manduria; Monteiasi; Montemesola; Monteparano; Pulsano; Roccaforzata; San Marzano di San Giuseppe; Sava; Torricella. 62 Comuni, 3 Province 29 giugno 2005 Comune di Lecce Maurizio Mazzeo, da gennaio 2005 960.075 abitanti 21.568,6 milioni di euro 18 euro pro capite

La vicenda

Il territorio del PIT n.8 comprende l‟intera provincia di Brindisi, la parte nord di Lecce e quella orientale di Taranto. È quindi un territorio esteso, corrispondente a 62 comuni, e che fa riferimento in parte a quell‟area che viene chiamata Grande Salento (le province di Brindisi, Taranto e Lecce). L‟agroalimentare è uno dei settori di maggiore rilevanza del territorio, in particolare per quanto riguarda le coltivazioni fruttifere, ortifere, e le produzioni dell‟olio e del vino. Le iniziative che avevano preceduto il PIT riguardavano però sempre territori provinciali o sotto-provinciali: il progetto integrato è il primo tentativo di progettazione di larga scala, per un settore – l‟agroalimentare – che aveva già beneficiato di numerosi interventi nell‟ambito della programmazione comunitaria. In particolare, il Patto territoriale di Taranto – riguardante proprio il territorio orientale della provincia – quello di Lecce e quello di Brindisi miravano tutti al rafforzamento del settore, sia dal punto di vista degli investimenti e della crescita delle imprese agricole, sia da quello della differenziazione delle attività, con particolare attenzione al turismo rurale. Così pure, i Gruppi di Azione Locale della Provincia di Brindisi – quello dell‟Alto Salento (Ostuni, Carovigno, Ceglie Messapica, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni) e quello della Terra dei Messapi (Torchiarolo, Francavilla Fontana, San Pietro, Cellino San Marco, Latiano, San Donaci, San Pancrazio Salentino, Mesagne) – avevano come obiettivo il recupero del territorio agricolo a fini turistici e la promozione dei prodotti del territorio. Il PIT eredita alcuni degli obiettivi degli interventi già realizzati (il sostegno al settore agricolo, la diversificazione produttiva, la promozione del territorio e dei suoi prodotti), ma in una prospettiva estesa, con l‟ambizioso obiettivo della costituzione del Distretto Agroalimentare di Qualità dell‟area Jonicosalentina quale riferimento istituzionale del “nuovo” territorio. Si noti che il PIT non ha carattere esclusivo: l‟agroalimentare beneficerà sia di interventi provinciali paralleli al PIT (legati al Piano di Sviluppo Rurale), sia di azioni successive al progetto (anche i Piani di area vasta conterranno alcuni obiettivi di sviluppo del settore). Tuttavia, con la definitiva costituzione in distretto produttivo ai sensi della legge regionale 23 del 2007, il PIT può affermarsi quale riferimento sovraprovinciale delle azioni di promozione dell‟agroalimentare Salentino. 203


Consorzio Metis. Rapporto finale Non è stato possibile rintracciare le ragioni e il processo di individuazione e scelta di quest‟area: in effetti, alcuni degli intervistati hanno segnalato in parte la non omogeneità del territorio dal punto di vista produttivo, e in parte le difficoltà iniziali nel coordinamento dei numerosi soggetti coinvolti. Ciò nonostante, il giudizio generale è positivo e le difficoltà di cooperazione sembrano aver riguardato soltanto un‟iniziale fase di rodaggio, come l‟ampia partecipazione e il riconoscimento in distretto sembrano testimoniare. La fase di attuazione del PIT è segnata da due caratteri principali: da una parte la limitatezza delle risorse gestite a livello locale (circa il 20% come da Tabella 4), dall‟altra – per queste risorse e per la maggior parte delle azioni gestite dall‟Ufficio Unico – una buona capacità di aggregazione e animazione degli attori locali, con una significativa partecipazione – oltre che delle istituzioni aderenti – delle associazioni di categoria e delle imprese. A giugno del 2005 – firmato l‟Accordo tra la Regione e i rappresentanti dei soggetti locali – iniziano le attività del PIT sia a livello locale che regionale. Mentre nel 2005 la Regione pubblica soltanto un bando per investimenti dedicato ai giovani agricoltori e afferente alla misura 4.3, le attività si intensificano durante il 2006. Vengono infatti pubblicati i bandi relativi alle misure 4.5 (regimi di aiuto), 4.21 (azioni per le risorse umane), 4.20 (adeguamento competenze operatori agricoli), 4.9 (aziende agrituristiche) e 3.7 (formazione). Mentre tra 2005 e inizio 2006 l‟Ufficio Unico è impegnato nella preparazione e progettazione degli interventi da mettere a gara, a metà del 2006 concorda con le Università e le associazioni di categoria i progetti dei Master e pubblica i bandi per la misura 6.2: per l‟azione b) il progetto di promozione internazionale del territorio; per l‟azione c) la piattaforma informatica distrettuale del Dajsnet. Nel 2007, Agriplan si aggiudica il progetto di internazionalizzazione e Engineering il Dajsnet; l‟assemblea del PIT approva il progetto S.IN.TE.S.I.S. sulla marginalità sociale e vengono messi a gara gli interventi infrastrutturali per l‟adeguamento dei centri servizi da adibire a sedi periferiche del distretto (gara aggiudicata al consorzio Policost agli inizi del 2008). Nello stesso anno la Regione pubblica nuovi bandi sulle misure 4.5, sulla 4.20 e sulla 3.14. Il 3 agosto si approva la legge regionale n.23 sui distretti produttivi cui il PIT si raccorderà per la costituzione del distretto agroalimentare Jonico-salentino. Il 2008 è l‟anno dell‟internazionalizzazione, in cui vengono realizzate tutte le attività di promozione internazionale, comprese le missioni negli Stati Uniti e in Russia. Questo è anche l‟anno in cui iniziano i tavoli di coordinamento per la costituzione del Distretto. Tra il 2009 e il 2010 si lavora alla gestione degli interventi attivati e prosegue il lavoro di concertazione distrettuale, che porterà alla redazione del Programma di Sviluppo e a settembre del 2009 a presentare istanza per il riconoscimento da parte della Regione. Dopo un primo riconoscimento già ad ottobre del 2009, con deliberazione regionale del 26 gennaio 2011 il distretto otterrà riconoscimento definitivo. Le informazioni di dettaglio sui fatti principali sono riportate nella Tabella successiva. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali

Data 11 dicembre 2000

Adozione con deliberazione n. 1697 da parte della giunta regionale del Complemento di Programmazione che individua dieci programmi integrati

30 settembre 2002

Decreto del Presidente della Regione n. 570 individua i soggetti delle Autonomie Locali costituenti il Comitato per l‟accordo di programma del PIT n. 8 dell‟area Jonico-Salentina.

04 aprile 2003

Il Comitato del PIT approva la proposta di programma.

12 marzo 2004

Il Nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici (NVVIP) esprime parere favorevole sulla proposta di programma.

12-13 giugno 2004

Elezioni amministrative. Michele Errico viene eletto Presidente della Provincia di Brindisi, sostenuto da DS, Margherita, PRC, SDI, IDV, Verdi.

17 gennaio 2005

Ministero delle Attività Produttive e Regione Puglia firmano la Convenzione per la gestione in service relativa alla regionalizzazione dei patti territoriali ai sensi della delibera CIPE 26/2003

02 marzo 2005

Con deliberazione n.185 la Giunta Regionale approva la proposta di programma.

07 marzo 2005

La delibera 253 della Giunta regionale modifica il Complemento di Programmazione.

204


Consorzio Metis. Rapporto finale 3-4 aprile 2005

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia.

29 giugno 2005

Il nuovo Presidente della Regione Puglia, il rappresentante della Provincia di Brindisi e il rappresentante del comune di Lecce sottoscrivono l‟Accordo di programma per la realizzazione degli interventi del PIT 8.

21 luglio 2005

Sul BURP n.94 viene pubblicato un primo bando riservato ai giovani agricoltori nell‟ambito della misura 4.3. Le risorse assegnate al PIT ammontavano a 9.459.150 euro. Sono state presentate 191 domande, di cui 129 ammesse in graduatoria. Sul BURP n.44 viene pubblicato il bando per le domande di concessione di aiuto per le aziende nel territorio del PIT. Le domande ammesse alla fase istruttoria sono 25 per il comparto floricolo, 169 per il comparto olivicolo, 24 per il comparto zootecnico, 90 per gli altri comparti.

06 aprile 2006

10 aprile 2006

Determinazione del Dirigente del Settore Agricoltura 10 aprile 2006, n. 554 - P.O.R. Puglia 2000 – 2006 Complemento di Programmazione – Misura 4.5 “Miglioramento delle strutture di trasformazione prodotti agricoli” – Approvazione delle modalità di presentazione delle domande per l‟ammissione al finanziamento degli interventi previsti nei Comuni compresi nel PIT n. 8 “Area Jonico Salentina”.

19 aprile 2006

Determinazione dirigente settore agricoltura n. 589: Fondo Feoga, misura 4.21 "Consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e operatori del settore" - Approvazione bando per la selezione di Enti di Formazione cui affidare la progettazione e la realizzazione di corsi di formazione in agricoltura nel territorio della Regione Puglia, comprese le aree di competenza del PIT n. 1, 4, 8 e 10. Per le aree PIT è prevista l‟attivazione di un massimo di 48 corsi, ciascuno con una durata di 200 ore per un massimo di 18 studenti a corso. Le risorse destinate alle aree PIT ammontano a 2.400.000 euro.

12 luglio 2006

Con deliberazione della Giunta Regionale n. 1006 si approva l‟avviso pubblico diretto alla concessione di contributi negli ambiti PIT per la realizzazione di “Patti per l‟inclusione sociale, la sicurezza e la legalità”. Le risorse disponibili per il bando ammontano a 3.000.000 di euro. Il PIT 8 arriva terzo in graduatoria, presentando un progetto con un budget di 721.875 euro, di cui 577.500 a valere sul POR e il resto a valere su risorse degli Ambiti sociali di zona: Campi Salentina, Galatina, Lecce, Nardò.

20 luglio 2006

Nel BURP n.92 viene pubblicato il bando per le aziende agrituristiche relativo alla misura 4.9, cui fa seguito la pubblicazione di due graduatorie, una riservata ai giovani agricoltori e l‟altra per gli agricoltori oltre i 40 anni. Nella prima risultano ammesse 12 imprese del territorio PIT 8, mentre 20 per gli agricoltori oltre i 40 anni.

25 luglio 2006

Determina del Dirigente del Settore Formazione Professionale n. 499: Avviso per la presentazione di progetti Misura 4.20 “Azioni per le risorse umane” azione b) “Azioni di formazione rivolte a giovani ed adulti non occupati” – Avviso pubblico n. 20/2006 per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. Al PIT n.8 vengono assegnati 2.460.008 euro.

31 luglio 2006

L‟Ufficio Unico firma due protocolli d‟intesa con le Università di Lecce (ora Università del Salento) e di Bari per la realizzazione di master relativi a figure professionali dell‟agroalimentare.

01 agosto 2006

Con Determinazione del dirigente settore Formazione Professionale n. 534 vengono approvate le graduatorie relative alla misura 3.7 azione d) “Borse di studio di specializzazione e perfezionamento postlaurea ed attività formative elevate”. Per il PIT 8 sono utilizzate tutte le risorse destinate al PIT (644.236,87 euro) e viene previsto un incremento di risorse POR di 3.470.763,13 euro, per un totale di 4.115.000 euro. Le richieste ammesse a finanziamento sono 299.

10 agosto 2006

Viene bandita la gara d‟appalto per l‟affidamento dei “Servizi di Progettazione e Realizzazione del “Progetto Settore Produzioni tipiche d‟eccellenza – OLIO e VINO” del PIT n. 8, Mis. 6.2 az b). A maggio del 2007 la gara è aggiudicata ad Agriplan. Il progetto prevede la progettazione esecutiva e la prestazione di servizi connessi con la realizzazione delle iniziative di promozione economica, delle azioni di marketing e comunicazione e degli studi ed indagini complementari da realizzarsi in Puglia ed all‟estero nel periodo 2006-2008. Viene bandita la gara d‟appalto per i servizi di progettazione, realizzazione ed installazione del sistema dajs.net “Distretto agroalimentare jonico salentino .net”, nell‟ambito della misura 6.2 azione c). Il servizio prevede tra l‟altro: acquisizione, progettazione e installazione di piattaforme hardware e software e di tutte le attrezzature di supporto per il funzionamento del portale dajs.net; la progettazione e realizzazione di servizi government to business, business to business e business to consumer; implementazione dei contenuti; affiancamento nella fase di start-up; la promozione del progetto attraverso azioni di marketing e comunicazione. A giugno del 2007 la gara sarà aggiudicata a un R.T.I. con capofila Engineering s.r.l.

29 settembre 2006

Con Determinazione del dirigente settore formazione professionale n. 633 sono approvate le graduatorie e l‟impegno di spesa dei progetti afferenti alla misura 3.7 azione a) “Formazione Post Qualifica – Area di specializzazione”. Nel PIT n.8 sono approvati 48 progetti formativi, con un impegno di 479.104 euro.

2 ottobre 2006

Determinazione del dirigente Settore Formazione Professionale: Avviso pubblico n.24/2006 a valere sulla Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione". Al PIT n.8 vengono assegnate risorse per 2.099.994 euro.

205


Consorzio Metis. Rapporto finale 13 ottobre 2006

Determinazione del dirigente Settore Formazione Professionale Avviso pubblico 27/2006 per la presentazione di progetti nell‟ambito della misura 3.14 “Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro” azioni b), c) ed e). Il PIT 8 è finanziato sull‟azione b) per 2.473.728,30 euro e sull‟azione e) per 274.858,70 euro. DGR n. 1544 del 13 ottobre 2006, tramite la quale si dà approvazione alle iniziative di master, affidate alle università del territorio, nell‟ambito dei PIT. Le risorse finanziarie sono garantite dalla Misura 3.7 "Formazione superiore". Nell‟ambito del PIT 8 sono finanziati quattro master, per un totale di 1.369.280 euro: Manager delle produzioni florovivaistiche (Università di Lecce), Manager delle produzioni Ortovivaistiche nel distretto agroalimentare nell‟area Jonico-Salentina (Università di Lecce).

09 maggio 2007

Sulla misura 4.5, con Determinazione del dirigente del settore agricoltura n.583 vengono pubblicate le graduatorie per l‟ammissione al finanziamento pubblico delle imprese di trasformazione di prodotti agricoli ubicate nel territorio del PIT 8. Sono ammesse in graduatoria 27 imprese per il comparto oleario e 30 per il comparto vinicolo.

11 maggio 2007

Il R.T.I. partecipato da Agriplan s.r.l.; Pragma s.r.l; Roma Multiservizi s.r.l.; Impresa Verde Taranto s.r.l.; Puglia Service s.r.l. si aggiudica la gara per il progetto settore nell‟ambito della misura 6.2 azione b).

05 giugno 2007

Sulla misura 4.20, con determinazione del dirigente settore formazione professionale n.609 vengono ammessi al finanziamento 11 progetti del territorio PIT 8 con un costo totale di 2.350.561,54 euro. Con seguente determinazione del 28 giugno 2007 n.740 vengono ammessi ulteriori 22 progetti, per un costo di 4.660.399,31 euro.

20 giugno 2007

Con determinazione del dirigente settore formazione professionale n.711, vengono finanziati 9 progetti di formazione nel territorio del PIT n.8 per un totale di 1.908.339,40.

27 giugno 2007

Il R.T.I. partecipato da Engineering s.r.l., Impresa Verde, Engisud, e Geoservice si aggiudica la gara per il progetto Dajsnet, per la piattaforma informatica distrettuale.

3 luglio 2007

Con Determinazione del dirigente settore formazione professionale n. 761 vengono approvate le graduatorie dei progetti relativi alla misura 3.14 azioni b), c), e). Per quanto riguarda il PIT 8 risultano ammissibili al finanziamento 14 progetti sull‟azione b) (costo totale pari a 2.515.444,40 euro) e 1 progetto per l‟azione e) (costo totale 157.200 euro). I primi, tutti legati all‟imprenditoria femminile, sono corsi su vari temi e prevedono dalle 300 alle 1000 ore di formazione. Il secondo è un progetto di ricerca affidato all‟Università del Salento denominato “Donne, lavoro e conciliazione”.

Luglio 2007

Vengono pubblicate le Linee guida per la pianificazione strategica territoriale di Area Vasta (DGR 4 luglio 2007, n. 1072).

18 luglio 2007

Con Deliberazione n.3 del 18 luglio 2007 l‟Assemblea del Pit approva il progetto “SINTESIS” predisposto in partenariato con gli ambiti territoriali dei Piani Sociali di Zona di Campi Salentina, Galatina, Lecce, Nardò. Il progetto definitivo sarà approvato a novembre, con un budget di 309.200 euro.

03 agosto 2007

Approvazione della legge regionale n. 23 in materia di “Promozione e riconoscimento dei Distretti Produttivi” in cui si definisce la nozione di distretto e gli ambiti di attività rilevanti.

06 agosto 2007

Viene approvato il bando relativo ai centri servizi da realizzare nel territorio del PIT 8. La gara viene aggiudicata il 29 gennaio 2008. Il bando comprende quattro lotti: lavori di adeguamento della sede di Lecce; lavori di adeguamento della sede di Brindisi; lavori di adeguamento della sede di Manduria; infrastrutturazione telematica delle tre sedi. I lavori, affidati al Consorzio Policost con determinazione dirigenziale del 29/01/08, sono in fase di conclusione.

18 dicembre 2007

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2209: Accordo ex art. 15 legge n. 241/90 tra Regione Puglia e PIT 8 “Area Jonico-Salentina” Modifiche ed integrazioni. S‟inseriscono nell‟Accordo interventi relativi alla viabilità localizzati in Provincia di Lecce per un totale di 28.966.188 euro (di cui 3.000.000 su fondi FAS e il restante Provincia di Lecce).

06 maggio 2008

Con determinazione del dirigente settore agricoltura n.697 vengono pubblicate le graduatorie per le attività relative alla misura 4.21. Vengono ammessi a finanziamento 15 corsi sui 71 ammessi in graduatoria.

27 maggio 2008

Convegno finale del progetto S.IN.TE.S.I.S. “Sistema Integrato Territoriale per la Sicurezza e l‟Inclusione Sociale”.

18-24 giugno 2008

Missione di outgoing New York e Washington, USA.

23-29 luglio 2008

Missione di outgoing in Russia, Mosca e San Pietroburgo.

03 agosto 2008

Viene indetta selezione pubblica per la formazione di un elenco di esperti per la selezione di tre figure professionali: Esperto senior in gestione di progetti complessi in materia di coesione sociale, inclusione, legalità e politiche sociali; Esperto junior in gestione di progetti complessi in materia di coesione sociale, inclusione, legalità e politiche sociali; Esperto in rilevazione ed elaborazione dati pertinenti la classificazione dei fenomeni di illegalità e devianza.

206


Consorzio Metis. Rapporto finale 15-20 settembre 2008

Missione di incoming Stati Uniti.

06-10 ottobre 2008

Missione di incoming Russia.

21-22 giugno 2009

Elezioni amministrative. Massimo Ferrarese viene eletto al ballottaggio Presidente della Provincia di Brindisi sostenuto da Partito Democratico, Unione di Centro, Lista Civica Ferrarese Presidente, movimento Io Sud, Partito Socialista

18 settembre 2009

Il Nucleo promotore del Distretto agroalimentare Jonico-salentino presenta istanza di riconoscimento del distretto. Il primo riconoscimento avviene il 6 ottobre dello stesso anno.

04 dicembre 2009

Viene bandita la gara per l‟affidamento della gestione di due centri ludico-didattici da realizzare nei Comuni del Piano Sociale di zona di Lecce. Il 5 febbraio 2010 il Consorzio Europa si aggiudica la gara.

29 gennaio 2010

Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale.

10 aprile 2010

Il Presidente del Comitato di Distretto presenta istanza di riconoscimento definitivo, insieme al Programma di Sviluppo, le schede di sottoscrizione e il regolamento di funzionamento interno. Il Programma verrà integrato l‟11 novembre 2010.

16 dicembre 2010

Il nucleo tecnico di valutazione esprime parere favorevole sull‟approvazione definitiva del distretto.

26 gennaio 2011

Con delibera n.51 viene riconosciuto il Distretto Agroalimentare di Qualità Jonico Salentino.

2

Descrizione del PIT

Il PIT n.8 è a carattere agroalimentare e l‟obiettivo finale è la costituzione del distretto agroalimentare di qualità dell‟area Jonico-Salentina. L‟idea è quella di “preparare” il territorio al distretto: da una parte migliorando l‟offerta produttiva in termini di qualità dei prodotti e di miglioramento della gestione (anche attraverso aiuti alle imprese e interventi di rafforzamento delle competenze degli operatori); dall‟altra fornendo le infrastrutture di supporto (piattaforma informatica e centri servizi) del costituendo distretto e promuovendo il territorio a livello internazionale. 2.1

Idea forza

Il PIT è intitolato allo “sviluppo ed innovazione dell‟economia agricola e rurale attraverso l‟integrazione e la diversificazione produttiva”. Integrazione e diversificazione sono due azioni da realizzarsi anche attraverso la costituzione di un distretto agro-alimentare (in particolare, olio e vino), che dovrebbe comportare – oltre ad effetti di promozione dei prodotti del territorio – un cambiamento della modalità organizzativa, di quella produttiva e di quella distributiva. La costituzione del distretto – insieme alle altre azioni previste dal PIT – è infatti finalizzata principalmente a superare la frammentazione aziendale e la carenza di azioni di sistema; a migliorare le caratteristiche qualitative dei prodotti (anche con il riconoscimento di marchi); a rafforzare le fasi extra-agricole (non solo la trasformazione dei prodotti, ma anche ad esempio il turismo legato all‟agricoltura); a migliorare la situazione occupazionale del settore. L‟idea forza precedentemente richiamata può riassumersi nell‟identificazione dello spazio agricolo quale elemento d‟impresa, così come indicato nel progetto. Obiettivi specifici, obiettivi operativi e relative misure sono riportati di seguito.

207


Consorzio Metis. Rapporto finale Tabella 3 Obiettivi Specifici, obiettivi operativi e misure POR Obiettivi specifici Miglioramento della competitività e dell'efficienza del sistema agricolo e agroalimentare mediante l'ammodernamento e la razionalizzazione del sistema

Obiettivi operativi Incremento della competitività dei sistemi agricoli

Razionalizzazione e competitività produttiva e commerciale del comparto agroalimentare ed agroindustriale

Consolidamento ed integrazione delle azioni di supporto alle imprese delle aree rurali Sostegno integrato del territorio e sviluppo delle comunità rurali

Diversificazione produttiva ed economica delle pluriattività rurali Mantenimento e sviluppo delle funzioni economiche, ecologiche e sociali nelle zone rurali

Servizi di sviluppo all'economia e alle collettività rurali Multifunzionalità dell'agricoltura e salvaguardia e tutela dell'ambiente e del paesaggio rurale

2.2

Miglioramento delle condizioni ambientali, naturali e paesaggistiche Razionale utilizzazione e protezione delle risorse naturali nelle aree rurali.

Misure POR 3.7 Formazione superiore; 3.9 Sviluppo della competitività delle imprese e formazione continua; 3.11 Sviluppo e consolidamento imprenditorialità; 3.12 Risorse umane nella R&S 4.5 Trasformazione dei prodotti agricoli; 4.8 Commercial. Prod. Agricoli; 4.9 Diversificazione delle attività imprese agricole; 4.20 Azioni per le risorse umane; 3.14 Promozione partecipazione femminile al mercato 3.13 Ricerca e Sviluppo; 6.2 Società dell‟Informazione; 6.4 Risorse umane e società dell‟Informazione 3.11 Sviluppo imprenditorialità; 4.3 Investimenti in aziende agricole; 4.5 Trasformazione dei prodotti agricoli; 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole; 3.11 Sviluppo imprenditorialità; 4.3 Investimenti in aziende agricole; 4.5 Trasformazione dei prodotti agricoli; 3.14 Promozione partecipazione femminile al mercato 3.7 Formazione superiore; 4.8 Commercial. Prod. Agricoli; 4.20 Azioni per le risorse umane; 6.2 Società dell‟Informazione 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole; 4.5 Trasformazione dei prodotti agricoli; 4.3 Investimenti in aziende agricole 3.7 Formazione superiore; 3.13 Ricerca e Sviluppo; 4.3 Investimenti in aziende agricole; 4.8 Commercial. Prod. agricoli

Dotazione finanziaria

Come si vede dalla Tabella 4 e come riportato dal Complemento di programmazione del giugno 2009, il Piano Finanziario del PIT n.8 prevede circa 57 milioni di euro. Rispetto al primo progetto approvato e riportato nel BURP del 16 marzo 2005, il PIT ha aumentato la dotazione finanziaria, inizialmente prevista a 53.250.101 euro. Nello specifico, vengono aggiunte le misure 4.2, 4.21, 6.5 e relativi fondi, mentre le risorse previste per la misura 4.9 passano da 308.571 euro a 854.400 euro. Viene invece rimossa la misura 4.8, relativa alla commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità, che prevedeva 317.850 euro. Si trattava di una misura principalmente diretta alla costituzione di consorzi e di marchi comuni di qualità. Infine, al PIT si sono aggiunte risorse relative all‟avviso pubblico “Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza” di cui alla Delibera n. 1006 del 12/07/2006. Il bando riguardava la presentazione di progetti come da Delibera CIPE 26/2003, in cui i PIT si costituivano capofila e presentavano progetti di concerto con gli ambiti sociali di zona. Il PIT 8 arriva terzo in graduatoria, presentando un progetto con un budget di 721.875 euro, di cui 577.500 a valere sul POR e il resto a valere su risorse degli Ambiti sociali di zona: Campi Salentina, Galatina, Lecce, Nardò. Vengono ancora attribuite al PIT risorse integrative pari a 28.966.188 di euro a valere sulla misura 6.1. Si tratta di interventi infrastrutturali di vario tipo, tutti da realizzare nella provincia di Lecce, che non hanno coerenza con il progetto integrato, e che – secondo gli intervistati – non possono essere considerati interventi PIT, in quanto attribuiti al progetto esclusivamente per ragioni contabili. Più significativa è invece un‟estensione del progetto Dajsnet sulla piattaforma informatica, il Dajsdietamed, che prevede la realizzazione di servizi aggiuntivi sulla piattaforma esistente, diretti principalmente ai consumatori. Il piano finanziario prevede risorse aggiuntive per 1.320.000 euro. Al piano vanno infine aggiunti i fondi utilizzati per le attività di gestione: per il 3% dell‟importo totale degli interventi previsti dal PIT la copertura di tali attività è assicurata dalla misura 7.1 Assistenza tecnica (FSE) utilizzata dalla Regione; il budget dell‟UU è invece stato coperto a carico delle amministrazioni partecipanti 208


Consorzio Metis. Rapporto finale con una quota parametrata al numero di residenti e differenziata per i comuni (0,33 euro per abitante) e per le province (0,08 euro per abitante). Tabella 4 Piano finanziario del PIT e titolarità delle azioni (Fonte: Elaborazione dal Complemento di Programmazione 2009) Misura

Descrizione

3.07

Formazione superiore (FSE)

Titolarità e finanziamento PIT

Formazione superiore (FSE) Master 3.11 3.12

Ricerca e Sviluppo tecnologico (FESR)

3.14

Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro (FSE)

4.02

Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali (FESR)

4.03

Investimenti nelle aziende agricole (FEOGA)

4.05

Miglioramento delle strutture di trasformazione dei prodotti agricoli (FEOGA) Diversificazione delle attività delle imprese agricole

4.20 4.21

Società dell‟Informazione (FESR)

6.04

Risorse umane e società dell‟informazione (FSE)

6.05

Iniziative per la legalità e la sicurezza (FESR)

1.584.580

3% 2%

1.003.011

2%

1.312.230

2%

2.310.000

4%

2.748.587

5%

3.000.000

Azioni per le risorse umane (Settori sistemi industriali, dell‟agricoltura, turismo, commercio). Consolidamento e innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore (FEOGA)

6.02

%

1.369.280

Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare (FSE) Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico (FSE)

3.13

4.09

Regione

5% 23.647.876

41%

7.785.714

14%

854.400

1%

2.460.008

4%

600.000

1%

6.302.400

11% 2.099.994

300.000

Totale

4% 1%

10.971.680

46.406.400

19%

81%

100%

57.378.080

Osservando la Tabella, è possibile notare che il PIT ha gestito una parte minoritaria dell‟ammontare finanziario complessivo (poco meno del 20%), e dalle interviste il giudizio sulle misure a regia regionale registra un coinvolgimento basso o nullo dei soggetti locali. Fanno parziale eccezione le Misure 4.3, 4.5 e 4.9 relative agli investimenti nelle imprese agricole, che nell‟insieme costituiscono più del 50% delle risorse del PIT: qui l‟Ufficio unico e i soggetti locali (associazioni di categoria e partenariato) hanno congiuntamente elaborato i criteri premiali dei bandi e svolto attività di animazione sul territorio. L‟Ufficio unico ha anche fornito assistenza alle imprese, attivato un numero verde e fatto attività di sportello. Per quanto riguarda i master, sono interventi che sono stati attribuiti al PIT in quanto interlocutore delle Università con le quali sono stati decisi i programmi. La regione invece sembra aver avuto un ruolo minoritario, consistente soltanto nell‟approvazione di progetti formativi definiti localmente. 2.3

I progetti attivati

Come si è detto, il progetto aveva come obiettivo intermedio e finale la costituzione del Distretto di qualità dell‟area Jonico-salentina. Le attività connesse riguardano da una parte l‟animazione territoriale, la promozione del territorio, il consolidamento dei rapporti tra imprese e la costruzione delle infrastrutture di supporto al distretto: queste sono le attività svolte a livello locale, gestite e coordinate dall‟Ufficio unico. Le altre attività riguardano invece lo sviluppo delle competenze, dei modelli organizzativi, della qualità dei prodotti: si tratta delle iniziative di formazione e dei regimi di aiuto, gestiti dalla Regione. 209


Consorzio Metis. Rapporto finale Per quanto riguarda la formazione, oltre ai master organizzati dall‟ufficio unico, sono state erogate numerose borse di studio per seguire corsi di formazione post-laurea in Italia e all‟estero, e sono stati finanziati corsi di formazione professionale e di aggiornamento delle competenze per giovani, lavoratori, imprenditori ed operatori, sia specifiche per il settore agricolo che a carattere generale. I regimi di aiuto, gestiti dalla Regione attraverso bandi regionali concertati con i soggetti locali, costituiscono la parte finanziariamente più rilevante del PIT. Si tratta di investimenti per aziende agricole, per la trasformazione dei prodotti e per la diversificazione delle attività delle imprese. L‟ufficio unico si è invece occupato di quei progetti legati all‟effettiva costituzione del distretto: Sono state ristrutturate e adeguate telematicamente (sono in corso di completamento) tre sedi appartenenti alla Provincia di Brindisi, al Comune di Lecce e alla Provincia di Taranto: si tratta delle future sedi periferiche del distretto; È stata realizzata la piattaforma informatica distrettuale “Dajsnet” e la sua estensione “Dajsdietamed”: i due progetti mirano ad avere un sistema informatico in grado di coordinare gli aderenti al distretto e di gestire la commercializzazione dei prodotti distrettuali. A regime, il Dajsnet dovrebbe permettere – da una parte – la rappresentazione del territorio verso l‟esterno per le relazioni con i consumatori e i rivenditori dei prodotti del distretto; dall‟altra dovrebbe consentire attività di back office per la comunicazione e cooperazione tra le imprese aderenti. La costituzione in distretto dovrebbe permettere principalmente la gestione di quantitativi di prodotti che i singoli operatori non riuscirebbero a fornire in forma individuale. Con il progetto Dajs dietamed il sito è stato arricchito di alcuni servizi aggiuntivi: analisi di dati e informazioni sulla dieta mediterranea e sulle caratteristiche nutrizionali dei prodotti del distretto; informazioni sui punti vendita; servizi per l‟organizzazione di gruppi di acquisto locale e di informazione diretta via sms dei consumatori. Tuttavia, va segnalata l‟attuale non operatività del sito web. È stato realizzato il progetto di promozione internazionale del distretto, in particolare delle produzioni del vino e dell‟olio, rivolto a Stati Uniti e Russia. Rilevante è stata l‟intensa attività di coordinamento e collaborazione iniziata alla fine del 2008 e culminata con il riconoscimento del distretto a inizio 2011. Si è trattato di numerosi incontri ampiamente partecipati dagli enti, dalle associazioni di categoria, dalle imprese; della formazione di un tavolo tecnico per la redazione del Programma di Sviluppo del distretto; di tutte le attività di animazione del territorio volte ad incrementare la partecipazione dei soggetti economici. Infine, due progetti relativi alla marginalità sociale e all‟illegalità, il S.IN.TE.S.I.S. e il Patto per l‟inclusione sociale, completano le attività condotte dall‟Ufficio Unico. In Tabella 5 sono riassunti i singoli progetti riconducibili alle misure del POR attivate nel PIT, indicando anche il livello di gestione degli interventi, se locale (UU, Ufficio unico) o regionale (R). Tabella 5 Progetti attivati PIT n.8

Misura

Regia

Finanziamento

3.7

UU

1.369.280

3.7

R

4.594.104

Progetto Formazione - Master Il 31/07/2006 l‟UU sottoscrive due Protocolli d‟Intesa, uno con l‟Università degli studi di Bari e uno con l‟Università degli studi di Lecce per l‟attuazione della misura 3.7 azione b). A gennaio 2007 si dà avvio a 4 master: Manager delle produzioni florovivaistiche (Università di Lecce), Manager delle produzioni Ortovivaistiche nel distretto agroalimentare nell‟area Jonico-Salentina (Università di Lecce), Manager della filiera olivicola (Università di Bari), Manager della filiera Vitivinicola (Università di Bari). I master svolti a Bari godono ognuno di 358.000 euro, quelli svolti a Lecce di 326.640 euro. I master hanno la durata di un anno, prevedono circa 1600 ore di attività e corrispondono a 60 CFU. Formazione - Borse di studio Con Determinazione del dirigente settore Formazione Professionale del 1 agosto 2006, n. 534 vengono approvate le graduatorie dell‟avviso pubblicato nel BURP n.38 del 23/03/2006 relativo all‟azione d) “Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate”. Per il PIT 8 sono utilizzate tutte le risorse destinate al PIT (644.236,87 euro) e viene previsto un incremento di risorse POR di 3.470.763,13 euro, per un totale di 4.115.000 euro. Le richieste ammesse a finanziamento sono 299.

210


Consorzio Metis. Rapporto finale

3.11 3.12 3.13

R R R

-

3.14

R

-

4.02

UU

1.732.343

4.03

R

-

4.05

R

-

4.09

R

-

4.20

R

4.660.399,31

4.21

R

663.600

6.02 b)

UU

1.287.301,59

Con Determinazione del dirigente settore formazione professionale 29 settembre 2006, n. 633 sono approvate le graduatorie e l‟impegno di spesa dei progetti relativi all‟Avviso n. 2/2006 pubblicato sul Burp n. 38 del 23/03/2006 afferenti all‟azione a) “Formazione Post Qualifica – Area di specializzazione”. Nel PIT n.8 sono approvati 48 progetti formativi, con un impegno di 479.104 euro. Non è stato possibile reperire informazioni sui progetti attivati. Non è stato possibile reperire informazioni sui progetti attivati. Non è stato possibile reperire informazioni sui progetti attivati. Formazione e ricerca - Occupazione femminile Con Determinazione del dirigente settore formazione professionale 3 luglio 2007, n. 761 vengono approvate le graduatorie dei progetti pervenuti a seguito dell‟avviso n. 27/2006 pubblicato sul Burp n. 138 del 26/10/2006 misura 3.14 azioni b), c), e). Per quanto riguarda il PIT 8 risultano ammissibili al finanziamento 14 progetti sull‟azione b) (costo totale pari a 2.515.444,40 euro) e 1 progetto per l‟azione e) (costo totale 157.200 euro). I primi, tutti legati all‟imprenditoria femminile, sono corsi su vari temi e prevedono dalle 300 alle 1000 ore di formazione. Il secondo è un progetto di ricerca affidato all‟Università del Salento denominato “Donne, lavoro e conciliazione”. Infrastrutturazione centri servizi L‟Ufficio unico sta concludendo i lavori di ristrutturazione e infrastrutturazione telematica delle sedi dei centri servizi del Distretto Agroalimentare di qualità dell‟Area Jonico Salentina: una a Lecce in immobili del Comune, una a Brindisi in immobili della Provincia, una a Manduria in immobili della Provincia di Taranto. I lavori, affidati al Consorzio Policost con determinazione dirigenziale del 29/01/08, sono in fase di conclusione. Regimi di aiuto Sul BURP n.94 del 21 luglio 2005 è stato pubblicato un primo bando riservato ai giovani agricoltori. Le risorse assegnate al PIT ammontavano a 9.459.150 euro. Sono state presentate 191 domande, di cui 129 ammesse in graduatoria. Sul BURP n.44 del 06/04/06 viene pubblicato il bando per le domande di concessione di aiuto per le aziende nel territorio del PIT. Le domande ammesse alla fase istruttoria sono 25 per il comparto floricolo, 169 per il comparto olivicolo, 24 per il comparto zootecnico, 90 per gli altri comparti. Regimi di aiuto Con Determinazione del dirigente del settore agricoltura 9 maggio 2007 n.583 pubblicata nel BURP n.73 del 17/05/07 vengono pubblicate le graduatorie per l‟ammissione al finanziamento pubblico delle imprese di trasformazione di prodotti agricoli ubicate nel territorio del PIT 8. Sono ammesse in graduatoria 27 imprese per il comparto oleario e 30 per il comparto vinicolo. Regimi di aiuto per la diversificazione delle attività produttive Nel BURP 92 del 20/07/06 viene pubblicato il bando per le aziende agrituristiche, cui fa seguito la pubblicazione di due graduatorie, una riservata ai giovani agricoltori e l‟altra per gli agricoltori oltre i 40 anni. Nella prima risultano ammesse 12 imprese del territorio PIT 8, mentre 20 per gli agricoltori oltre i 40 anni. Formazione Con determinazione del dirigente settore formazione professionale del 5 giugno 2007 n.609 vengono ammessi al finanziamento 11 progetti del territorio PIT 8 con un costo totale di 2.350.561,54 euro. Con seguente determinazione del 28 giugno 2007 n.740 vengono ammessi ulteriori 22 progetti, per un costo di 4.660.399,31 euro. Si tratta di progetti che prevedono tra le 800 e le 1000 ore di formazione per un numero di alunni compreso tra 18 e 20. Formazione – Aggiornamento per agricoltori Con determinazione del dirigente settore agricoltura 6 maggio 2008 n.697 vengono pubblicate le graduatorie per le attività relative alla misura 4.21. Vengono ammessi a finanziamento 15 corsi sui 71 ammessi in graduatoria. Ogni corso prevede 200 ore di formazione: 12 corsi sono organizzati da Confartigianato e riguardano il consolidamento e l‟innovazione delle competenze degli imprenditori per i comparti vitivinicolo e olivicolo; 4 corsi sono invece organizzati dal Centro di ricerca e sperimentazione in agricoltura “Basile Caramia” e riguardano gestione integrata, commercializzazione prodotti e innovazione tecnologica nei settori vitivinicolo, orticolo e olivicolo. Il costo totale ammesso è di 663.600 euro. Azione b): Progetto di Internazionalizzazione Il programma di promozione del territorio si è articolato in 4 fasi: animazione sulle opportunità di collaborazione con Usa e Russia e pubblicità del progetto sul territorio; realizzazione di studi sulle opportunità di accesso ai mercati dei paesi obiettivo; 2 missioni di promozione internazionale, una di outgoing e una di incoming; follow up con diffusione dei risultati. Per informazioni di dettaglio sugli output realizzati v. paragrafo 1.5

211


Consorzio Metis. Rapporto finale

6.02 c)

UU

3.501.774

6.02 c)

UU

1.320.000

6.04

R

1.908.339,40

6.05

UU

309.200

Delibera Cipe

UU

750.750

2.3.1

Azione c): Piattaforma informatica del distretto agro-alimentare Il progetto prevede la realizzazione del sistema informatico del distretto, provvedendo alla parte hardware e software. Il sistema dovrebbe essere in grado di supportare le attività intradistrettuali e tutte le attività rivolte verso l‟esterno. La piattaforma è stata attrezzata con servizi ulteriori relativi al progetto dajs dietamed: servizi web per prevenire i rischi alimentari (monitoraggio dei consumi alimentari; promozione abitudini alimentari mediterranee); servizi per la promozione e il consumo dei prodotti locali (ricette locali, punti vendita, caratteristiche nutrizionali prodotti); servizi web per contrastare l‟emergenza prezzi (sms consumatori, gruppi di acquisto solidale). Si tratta di un progetto svolto con risorse aggiuntive assegnate al PIT. Formazione – Società dell‟informazione Con determinazione del dirigente settore formazione professionale del 20 giugno 2007 n.711, vengono finanziati 9 progetti di formazione per un totale di 1.908.339,40. Si tratta di 7 corsi di 1000 ore ciascuno, uno da 900 e uno da 600, tutti relativi a profili professionali dell‟information technology. Progetto “S.IN.TE.S.I.S. – Sistema Integrato Territoriale per la Sicurezza e l‟Inclusione Sociali” Si tratta di un progetto di ricerca su disgregazione, marginalità sociale e illegalità nei quattro Ambiti territoriali dei piani sociali di zona di Campi Salentina, Galatina, Lecce e Nardò. Oltre a degli incontri seminariali e al convegno finale, l‟oggetto principale del progetto è stata la realizzazione di una ricerca denominata “Politiche dell‟inclusione, politiche della legalità”, il cui coordinamento scientifico è stato affidato all‟università del Salento. Patto per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza dell‟area jonico-salentina Predisposto in partenariato con gli Ambiti Territoriali dei Piani Sociali di Zona di Campi Salentina, Galatina, Lecce e Nardò, il progetto prevede: la sperimentazione di 3 centri di Animazione Territoriale Ludico-didattici per bambini e donne da realizzarsi a Lecce e Nardò; tirocini formativi volti all‟inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati attraverso progetti di intervento e sviluppo nelle zone rurali.

progetti significativi (flagship)

Nonostante dal punto di vista finanziario la parte più rilevante del progetto sia costituita dalle misure sui regimi di aiuto, questi non sono percepiti come progetti distintivi: da un lato si tratta di bandi per i quali i soggetti locali hanno avuto un coinvolgimento soltanto parziale, dall‟altro a livello locale si hanno poche informazioni sui soggetti beneficiari. D‟altra parte, gli interventi di formazione gestiti dalla Regione sono principalmente di carattere generalista e difficilmente potrebbero essere considerati caratterizzanti il PIT. Al contrario, più che un solo progetto, si può dire che il flagship è costituito dall‟insieme di interventi volti alla costituzione del distretto: piattaforma informatica, centri servizi e in parte l‟internazionalizzazione. Oltre agli interventi attivati su misure POR, ha grande rilevanza – come si è già detto – tutto il percorso di accompagnamento alla creazione del consenso tra i soggetti locali per la partecipazione al distretto. Il processo compiuto e le adesioni ampie al progetto testimoniano questo sforzo di aggregazione: dal maggio 2008 iniziano le riunioni del comitato promotore del distretto, che porterà alla stesura del Programma di Sviluppo del “Distretto agroalimentare di qualità Jonico-salentino”, arrivando a inizio 2011 al riconoscimento finale. Si tratta senz‟altro di un dato rilevante, perché è riferito ad un territorio che – al di là della denominazione comune di Grande Salento – presenta differenze di produzione (si pensi ad esempio al settore vinicolo e alle differenze tra Primitivo e Negroamaro) e una frammentazione istituzionale e aziendale notevole (per il numero di associazioni di categoria, di comuni e di imprese di piccole-medie dimensioni), che il distretto sembra essere riuscito a superare. 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

L‟analisi degli attori è condizionata da una caratteristica del PIT già ampiamente evidenziata nei primi paragrafi: l‟esiguità delle risorse gestite direttamente a livello locale, la scarsa partecipazione alle misure a regia regionale e la sostanziale separazione del livello di gestione regionale da quello locale. Per alcune misure – segnatamente gli interventi formativi della 3.7 (ad esclusione dei master), della 3.14, della 4.20 e della 4.21 sono quelle in cui la gestione risulta essere stata quasi esclusivamente regionale. Per quanto riguarda i regimi di aiuto invece – come si è anticipato – ufficio unico, soggetti locali e Regione 212


Consorzio Metis. Rapporto finale hanno collaborato alla stesura dei bandi. Infine, i progetti più propriamente distrettuali sono stati gestiti dai soggetti del territorio. Informazioni di dettaglio sugli attori attivi nelle diverse categorie di progetti sono riassunte in Tabella 6. Tabella 6 Progetti e attori del PIT n.8

Progetti

Analisi degli attori

Progetti di formazione

Gli interventi sono stati gestiti in autonomia dalla Regione, i soggetti locali non sono stati coinvolti e nella maggior parte dei casi non sembrano essere al corrente degli interventi attivati.

Master

Sono stati progettati dalle Università, in collaborazione con le associazioni di categoria, attraverso un‟analisi dei fabbisogni formativi del territorio. L‟ufficio unico ha coordinato il processo e fatto da referente con la Regione che ha approvato i progetti.

Regimi di aiuto

L‟ufficio unico insieme alle associazioni di categoria ha svolto attività di animazione sul territorio (con diversi incontri nei Comuni PIT) e ha collaborato alla scrittura dei bandi, definendo criteri premiali e settori di intervento. L‟ufficio unico ha fatto anche attività di sportello supportando le imprese. I bandi e le commissioni sono stati gestiti dalla Regione.

Centri servizi

Qui hanno avuto un ruolo maggiore gli enti partecipanti all‟ufficio di presidenza e in particolare gli enti proprietari degli stabili sottoposti agli interventi di adeguamento: Provincia di Brindisi, Comune di Lecce e Provincia di Taranto.

Dajsnet e Dietamed

Il progetto del Dajsnet è stato realizzato dall‟R.T.I. con capofila Engineering Sanità Enti Locali e partecipato da Engisud s.p.a., Impresa Verde (Coldiretti) e Geoservice (Confagricoltura). La realizzazione del progetto è stato il frutto di confronto con imprese e associazioni di categoria.

Internazionalizzazione

Il progetto è stato appaltato tramite gara ad un A.T.I. con capofila Agriplan s.r.l. e partecipato da Puglia service (società di servizi della CIA), Impresa Verde Taranto (Coldiretti), Pragma s.r.l. e Roma multi servizi. I soggetti locali hanno partecipato alla progettazione e alle attività previste dal progetto. Si segnala la partecipazione delle imprese, sia come semplici aderenti, sia con l‟effettiva partecipazione alle missioni promozionali.

S.i.n.t.e.s.i.s. e Patto per l‟inclusione sociale

La realizzazione di entrambi i progetti ha visto la collaborazione dell‟ufficio unico con gli ambiti sociali di zona di Lecce, Nardò, Galatina e Campi Salentina.

Se invece si vuole tentare un‟analisi complessiva, gli attori considerati rilevanti sono classificati per tipo e livello territoriale nella Tabella 7. Come si vede, il PIT è rimasto ad un livello tra il locale e il regionale, con due centri – Regione e Ufficio Unico – intorno ai quali si concentrano i diversi interventi. Inoltre, sembra plausibile rilevare una divisione tra il livello locale/provinciale – con partecipazione ampia di soggetti di vario tipo – e quello regionale, indicato come maggiormente autoreferenziale. Notevole è a livello locale la partecipazione delle associazioni di categoria e delle imprese, sia alle attività del PIT che al processo di costituzione e riconoscimento regionale del distretto. Tabella 7 Attori coinvolti PIT n.8 Politici -

Burocratici -

Esperti -

Economici -

Sociali -

Regionale

-

Regione Puglia

-

-

Provinciale

Assessore Brindisi

Università del Salento Università degli studi di Bari -

-

Locale

Sindaci dell‟area

Coldiretti CIA UPA COPAGRI CONFCOOPERATIVE Altre associazioni di categoria Imprese interessate dal PIT e aderenti al distretto

Nazionale

Provincia

dei

di

Comuni

Provincia di Brindisi Provincia di Lecce Provincia di Taranto

Ufficio unico PIT Comune di Lecce Ambiti sociali di zona: Nardò, Lecce, Campi Salentina, Galatina.

213

Consulenti del PIT

-


Consorzio Metis. Rapporto finale Di particolare interesse è la posizione dell‟Ufficio Unico. Sembra infatti che – nonostante le iniziali perplessità e le difficoltà di coordinamento evidenziate – proprio la presenza di un numero ampio (e in continua crescita) di attori, la preponderanza di progetti di rete (rilevanti per l‟intero territorio) e il riferimento territoriale “nuovo”, privo di referenti di governo predefiniti, abbia consentito all‟Ufficio di porsi efficacemente come interlocutore centrale dei diversi soggetti. L‟ufficio è anche l‟unico attore burocratico rilevante a livello locale-provinciale: gli altri (il Comune di Lecce, le province dell‟ufficio di presidenza proprietarie degli stabili, gli ambiti sociali di zona) intervengono tutti in modo parziale, su singoli progetti. Gli attori di tipo politico sono sempre di livello locale o provinciale: l‟assessore alle politiche comunitarie della provincia di Brindisi e i sindaci dei comuni dell‟area, in particolare quelli con produzioni importanti nel settore oggetto degli interventi. Le università sono coinvolte su molti dei progetti e delle attività realizzate: oltre ad un dialogo propriamente istituzionale (le università parteciperanno ai lavori del distretto aderendo poi come soci) sembra che diversi soggetti all‟interno delle università siano stati coinvolti su progetti di loro interesse (dai master ad alcune delle ricerche effettuate). Come già più volte ricordato, le associazioni di categoria svolgono un ruolo preminente: sia nella progettazione degli interventi, sia nell‟elaborazione delle strategie, sia nella stessa attuazione, attraverso società di consulenza loro affiliate. 2.5

Il sistema di gestione: composizione, caratteristiche e attività

La struttura di governo del PIT n.8 era costituita da un‟Assemblea con poteri decisionali, partecipata da tutti gli enti aderenti, e da un Ufficio di Presidenza ristretto, costituito dalle province (Brindisi, Taranto, Lecce) e dai comuni dei sistemi produttivi locali (Lecce, Brindisi, Fasano e Manduria). Come si è detto, caratteristica rilevante del PIT n.8 è quella di riguardare un territorio che è parte di tre province e che comprende 62 comuni: oltre all‟estensione territoriale c‟è quindi una notevole complessità istituzionale, quest‟ultima ancora più rilevante se si pensa al coinvolgimento ampio delle associazioni di categoria e delle stesse imprese. La sperimentazione dell‟Ufficio Unico quale modello gestionale uniforme sul territorio regionale doveva permettere a soggetti attuatori e Regione di avere un interlocutore unico di livello intermedio, consentendo poi a livello locale il coordinamento e l‟integrazione delle diverse azioni progettate e implementate sul territorio. L‟idea strategica dell‟integrazione aveva quindi un suo complemento organizzativo nell‟Ufficio Unico. Nel caso del PIT n.8 le aspettative del modello sono risultate confermate. Come si è detto, gli interventi curati dall‟ufficio unico erano pensati per avere degli effetti diffusi sul territorio e con queste premesse, avere un‟unità di gestione ad hoc era considerato necessario: il PIT ha assunto un carattere poco verticistico, con i diversi enti in situazione di parità e con la necessità di un centro dove aggregare le diverse istanze locali. Inoltre, l‟ufficio unico – forse per vicende di carattere più politico che per principi di bontà gestionale – non ha subito quell‟avvicendamento nella gestione che ha caratterizzato altri progetti integrati: la leadership dell‟ufficio è infatti rimasta intatta dalla sua costituzione fino all‟attuale fase di start-up del distretto. Si noti che integrazione e aggregazione valgono soltanto per il livello locale, in quanto il coordinamento con la Regione è risultato carente. Per quanto riguarda la gestione dell‟ufficio, è stata segnalata una generale difficoltà nell‟utilizzare personale interno alle amministrazioni: da un lato esisteva un problema di competenze (in molti casi assenti nelle amministrazioni partecipanti), dall‟altro si sono registrate resistenze a prestare risorse al PIT. Il progetto si è quindi avvalso di personale esterno a quello degli enti partecipanti. In particolare, tre addetti hanno svolto attività generali di supporto tra il 2008 e il 2010. Nei primi sei mesi del 2009 altri tre addetti sono stati coinvolti in attività di sportello presso il Comune di Fasano, di Manduria e la provincia di Taranto. Altri 7 contratti di consulenza sono stati attivati su azioni e progetti specifici. Dal sito del comune di Lecce, questi contratti corrispondono ad un totale di 254.700 euro. Data la presenza di un numero elevato di enti partecipanti, l‟Ufficio unico ha goduto di un budget rilevante. Le quote di partecipazione, parametrate alla popolazione residente, erano fissate a 0,08 euro per abitante per le province e 0,33 euro per i Comuni. Si trattava in totale di 370.348,49 euro annui. Le quote sono 214


Consorzio Metis. Rapporto finale state richieste integralmente per i primi tre anni (2005-2007), mentre si è lavorato con le economie per i successivi due e per il 2010 si è richiesto il 50% della quota. In totale, tra il 2005 e il 2010, si calcola un budget di 1.296.219,715 euro. 2.6

Output realizzati

Per quanto riguarda le misure a regia regionale, le informazioni riportate in Tabella 5 riassumono gli interventi finanziati, ma allo stato attuale non si hanno informazioni relative agli output realizzati. È possibile fornire invece un bilancio provvisorio delle realizzazioni per le misure coordinate dall‟Ufficio Unico. Sulla misura 6.2 b) sono in ristrutturazione le tre sedi periferiche del distretto, che serviranno quali centri servizi per la provincia di Taranto (sito nel comune di Manduria), per la provincia di Brindisi e per la provincia di Lecce. I lavori sono in fase di completamento. Per la misura 6.2 c) è stata realizzata la piattaforma informatica Dajsnet.it, frutto del progetto Dajsnet e della sua estensione Dajs dietamed: il sito – che dovrebbe essere l‟infrastruttura web del costituito distretto – è stato realizzato, ma attualmente non è operativo: dalle interviste risulta un blocco momentaneo dovuto allo spostamento dei server. Nell‟ambito del progetto per la promozione internazionale del territorio jonico-salentino, in preparazione delle missioni e dopo una prima missione di scouting al “Summer Fancy Food” di New York svolta con la Regione ed i responsabili di altri PIT agroalimentari, sono stati realizzati: – – –

Due magazine, uno sull‟olio e uno sul vino, entrambi bilingue (sia inglese-italiano che russoitaliano); Una monografia di presentazione del distretto e una brochure sintetica del progetto; 15 incontri nei comuni del territorio e relative attività di pubblicità degli incontri.

In particolare, per la missione negli Stati Uniti, sono state realizzate le seguenti attività: – –

– –

Un‟analisi del mercato dell‟olio USA; un‟analisi del mercato vitivinicolo USA; un‟analisi del settore agro-alimentare USA; Campagna pubblicitaria preparatoria alla missione di incoming: 12 uscite su 6 testate giornalistiche statunitensi (tra cui New York Times, Washington Post, Italian Tribune, America Oggi); annunci promozionali su 6 siti web (tra cui ancora New York Times e Time Out); 12 uscite su riviste specializzate; 7 spazi in tv su Rai International. Missione di outgoing. Ha previsto attività in due sedi: realizzazione dello stand “Casa Salento” presso il Chelsea Market di New York e presso il teatro Goldoni di Washington. Le attività hanno incluso conferenze stampa, meeting B2B, incontri istituzionali, degustazioni per consumatori e operatori del settore. Come supporto alla missione sono state realizzate e distribuite in 100 copie ciascuna: carta dei vini del distretto, carta degli oli, lista dei produttori del distretto. Le aziende che hanno aderito sono state 49, di cui 11 hanno partecipato direttamente alla missione (5 dell‟olio, 6 del vino). Missione di incoming. Ha visto la partecipazione di 12 rappresentanti di operatori della ristorazione e del commercio, potenziali compratori dei prodotti pugliesi. Durante la settimana sono state realizzate diverse dimostrazioni e visite nei Comuni del territorio.

Per la missione in Russia sono stati realizzati: – – –

Un‟analisi del mercato dell‟olio in Russia; un‟analisi del mercato vitivinicolo in Russia; un‟analisi del settore agro-alimentare in Russia. Campagna preparatoria alla missione di incoming: 12 uscite sui giornali MK; 10 uscite su 2 siti web; 9 uscite su 6 riviste specializzate; 6 spazi tv su Euronews. Missione di outgoing (23-29 luglio 2008). Ha previsto attività in due sedi: Hotel Hilton di Mosca e Hotel Angleterre di San Pietroburgo. Oltre ad alcune conferenze illustrative dei prodotti, sono stati realizzati incontri B2B, degustazioni rivolte a consumatori e operatori del settore, master class di cucina salentina, cena di gala. Anche in questo caso, come supporto alla 215


Consorzio Metis. Rapporto finale

– –

missione sono state realizzate e distribuite in 100 copie ciascuna: carta dei vini del distretto, carta degli oli, lista dei produttori del distretto. Le aziende che hanno aderito sono state 30: 13 del settore olio, 13 del vino, 4 olio e vino, 3 di altri prodotti. Di queste, 7 aziende hanno direttamente partecipato alla missione. Missione di incoming (06-10 ottobre 2008). Ha visto la partecipazione di 20 rappresentanti di operatori della ristorazione, del commercio alimentare, del giornalismo di settore e non. Durante la settimana sono stati realizzate dimostrazioni, visite e incontri nei comuni del territorio.

Il follow-up del progetto ha previsto un incontro di debriefing presso la sede della confederazione Italiana Agricoltori di Avetrana e tre workshop: uno presso la Coldiretti Taranto di Manduria, uno presso Coldiretti Brindisi, uno presso l‟ex Convento S. Anna di Lecce, sede dell‟ufficio unico. Sono stati infine realizzati due dossier, uno per paese. Nell‟ambito del progetto S.IN.TE.S.I.S. relativo alla misura 6.5 sono state realizzate le seguenti attività: –

– –

incontri seminariali e focus group per l‟analisi delle connessioni tra disgregazione/marginalità sociale e illegalità nei quattro Ambiti Territoriali per definire strategie comuni di intervento. Ad essi hanno preso parte l‟Ufficio unico, il coordinatore tecnico del progetto, un coordinatore proveniente da ogni Ambito Territoriale coinvolto, gli attori sociali, pubblici e privati, già operanti in rete nei Piani di Zona, del settore della sicurezza pubblica e della legalità; Una ricerca coordinata dall‟Università del Salento sulle connessioni tra marginalità sociale e illegalità. La ricerca si compone di uno studio descrittivo del territorio, di una parte teorica sul tema della sicurezza, ed infine di un‟analisi dei risultati dei focus group e degli incontri realizzati. Il progetto si è chiuso con il convegno finale “Strategie di welfare per seminare la legalità” e ha visto la pubblicazione del volume “Politiche dell‟inclusione, Politiche della legalità”.

Le azioni realizzate con fondi CIPE sono in parte tuttora in corso. La realizzazione del “Patto per l‟inclusione e la legalità” ha previsto: – – – – –

affidamento della gestione di 2 dei 3 centri ludico-didattici previsti dal progetto (le informazioni sul centro di Nardò non sono disponibili); 24 borse di formazione lavoro di durata annuale nell‟Ambito di Campi Salentina; 15 borse di formazione lavoro di durata annuale nell‟Ambito di Galatina; 10 borse di formazione lavoro di durata semestrale nell‟Ambito di Lecce; Attivazione di 10 tirocini formativi.

L‟obiettivo principale era quello di costituire il distretto agro-alimentare di qualità dell‟area Jonico Salentina. Come si è già ricordato, il distretto è stato costituito raccordandosi alla legge regionale sui distretti produttivi n.23 del 3 agosto 2007. Il distretto riguarda le 3 province, quindi un territorio più ampio rispetto a quello di riferimento del PIT, ma si pone in piena continuità (di attori, obiettivi, politiche) con il progetto integrato. La costituzione del distretto è una realizzazione di rilievo: da una parte si è riusciti a tenere insieme una complessità istituzionale notevole oltre la durata del PIT, dall‟altra si è ottenuto un riconoscimento da parte della Regione che è stato il frutto di un intenso lavoro, in particolare per l‟iniziale volontà della Regione di riconoscere un solo distretto produttivo agroalimentare per l‟intero territorio regionale. Nell‟ambito del processo, sono state realizzate diverse attività di coordinamento e concertazione ed è stato redatto da parte del Tavolo tecnico di programma partecipato da 44 istituzioni il Programma di sviluppo del distretto. Al momento della stesura del programma il distretto contava tra gli aderenti: 196 imprese, 30 enti locali, 25 associazioni di categoria, 11 associazioni sindacali, le Camere di commercio di Lecce e Brindisi, le università, altri enti di ricerca e formazione. Il presidente del distretto è il Dott. Alessandro Candido dell‟azienda vitivinicola Francesco Candido spa. Il distretto ha ricevuto il riconoscimento definitivo il 26 gennaio 2011 con deliberazione della Giunta Regionale n.51.

216


Consorzio Metis. Rapporto finale 2.7

Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

L‟eredità del PIT 8 è mantenuta dal costituito distretto produttivo. Il PIT, nel corso dell‟attuazione del progetto, ha approfittato della legge regionale n.23 del 2007 e – ricollegandosi al nuovo orientamento di promozione dei distretti produttivi regionali – ha coniugato il raggiungimento del proprio obiettivo finale – il distretto di qualità – con la costituzione in distretto produttivo ex lege. Come si è anticipato, l‟evoluzione ha fatto sì che si allargasse il territorio di riferimento a quello integrale delle 3 province. Può quindi affermarsi che c‟è stato sia un raccordo in itinere con la nuova programmazione regionale favorevole alla costituzione dei distretti produttivi, sia la messa a frutto dell‟eredità del PIT n.8: il territorio è infatti attualmente interessato dalla fase di start-up del distretto, in cui si dovrà lavorare all‟attivazione dei servizi disponibili e ad una continua animazione del territorio. La partecipazione ampia delle imprese, del partenariato, delle associazioni di categoria, mostra la vitalità del progetto oltre che l‟appropriatezza degli iniziali obiettivi del PIT. Per quanto riguarda invece l‟area vasta, il collegamento con il PIT appare molto debole. Il PIT e il successivo distretto hanno un territorio di riferimento che è quello del Grande Salento – Brindisi, Taranto, Lecce – mentre i piani di area vasta si riferiscono per lo più ai confini provinciali. Ciò di per sé impedisce che ci sia nell‟area vasta un riconoscimento diretto del lascito del PIT o una presa in carico di interventi con un ambito di riferimento simile a quello della progettazione integrata. Con queste cautele, i documenti di area vasta di Brindisi, Lecce e Taranto, contengono alcune azioni rivolte all‟agroalimentare, sia per quanto riguarda l‟internazionalizzazione delle imprese che la loro integrazione. Si ribadisce però che si tratta di azioni puntuali, all‟interno di una pianificazione dagli obiettivi eterogenei. Ad ogni modo, l‟esistenza di un distretto che raccoglie integralmente l‟eredità del PIT rende la mancanza di collegamenti con la progettazione di area vasta non significativa.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea forza

L‟idea progettuale della necessità di un rafforzamento produttivo dell‟area, in termini di qualità dei prodotti, di svecchiamento dei processi produttivi e di sviluppo delle competenze e dei profili professionali, corrisponde alle esigenze del territorio, caratterizzato da frammentazione aziendale, da produzioni non competitive in quanto a standard di qualità, da operatori e metodi di produzione tradizionali. Gli interventi attivati sono coerenti con quest‟idea di sviluppo e colgono i diversi punti di debolezza del territorio. Restano però alcune perplessità passando dal momento progettuale alla realizzazione degli interventi. Se infatti il giudizio sul progetto è positivo, l‟attuazione ha lasciato spazio ad alcune azioni non del tutto coerenti con l‟idea forza del PIT. Questo quasi esclusivamente per quanto riguarda le misure a regia regionale. In particolare, sulla formazione, a parte i master che corrispondono a figure effettivamente carenti sul territorio, buona parte delle risorse ha finanziato borse di studio di carattere generalista, che poco avevano a che fare con l‟idea forza del PIT. Così pure, alcuni degli intervistati giudicano carenti i corsi di adeguamento professionale, mini-corsi che sarebbero serviti a svecchiare le competenze degli attuali operatori. Infine, sembra importante segnalare la non attivazione della misura 4.8, che consisteva soprattutto negli incentivi alla costituzione di consorzi e all‟istituzione e rafforzamento di marchi di qualità: nonostante le risorse dedicate non fossero molte, in un contesto caratterizzato da frammentazione aziendale l‟intervento appariva rilevante.

217


Consorzio Metis. Rapporto finale 3.2

Integrazione dei progetti

Il livello di integrazione dei progetti realizzati nel PIT è di difficile misurazione. A livello progettuale, è evidente che si tratta di interventi complementari che mirano allo sviluppo complessivo del territorio: da una parte regimi di aiuto per il miglioramento della capacità produttiva, dall‟altra attività formative per migliorare i profili lavorativi, infine una serie di azioni di promozione del territorio e di supporto alla costituzione del distretto. Tuttavia, il distacco evidenziato tra gli interventi gestiti a livello regionale e quelli del PIT rende difficile l‟apprezzamento dell‟effettiva integrazione delle azioni: in breve, a livello complessivo il nesso è in molti casi implicito nel disegno progettuale, più che sostenuto in fase di realizzazione. Se però si guarda non al progetto nella sua interezza, ma agli interventi gestiti a livello locale, l‟integrazione dei progetti va giudicata in senso positivo. Per quanto riguarda l‟integrazione tra politiche si è già detto: interventi di formazione professionale e superiore, brevi corsi di adeguamento professionale, tirocini per il sostegno all‟occupazione, aiuti alle imprese, studi e ricerche sul territorio e sui territori target, attività di promozione internazionale, numerose attività di pubblicità, animazione e condivisione dei progetti, adeguamento infrastrutturale e supporto informatico. Come si è detto, il peso preponderante è costituito dai regimi di aiuto. Per quanto riguarda il finanziamento, le risorse utilizzate sono state quasi integralmente comunitarie. Dalle informazioni raccolte, la compartecipazione di altri enti riguarda soltanto il Patto per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza, con un cofinanziamento da parte degli Ambiti sociali di zona di Lecce, Nardò, Campi Salentina e Galatina di 173.250 euro. Non si registra una partecipazione di capitale privato. Per quanto riguarda la rilevanza dei progetti “a rete”, quelli con effetti diffusi sul territorio o che hanno visto la partecipazione di diverse amministrazioni, si tratta della totalità degli interventi. Probabilmente proprio in ragione della grande complessità istituzionale e della già detta eterogeneità territoriale, sia in fase progettuale che di implementazione, risultava difficile una distribuzione di risorse sui territori che non fosse diffusa. Con l‟ovvia cautela che si tratta di un PIT settoriale (agroalimentare) i cui interventi sono soprattutto diretti alle produzioni di olio, vino e delle altre produzioni del settore (ortofrutta e florovivaismo) si può dire che sia i progetti regionali che quelli gestiti localmente hanno avuto come target l‟intero territorio. Ciò è immediatamente evidente per i primi (anche se qui con qualche perplessità sulla coerenza di alcuni interventi regionali con l‟idea forza del PIT), ed è altrettanto appropriato per le azioni gestite localmente: così sicuramente per la piattaforma informatica e per l‟internazionalizzazione. Per quanto riguarda le tre sedi provinciali del distretto, un giudizio più preciso potrà essere dato solo in fase di funzionamento a regime, quando saranno chiari i servizi svolti. Si tratta di infrastrutture che a livello progettuale prevedono evidentemente un ritorno per l‟intero territorio, ma ciò dovrà essere misurato sull‟attività svolta e sui servizi attivati. Nel progetto infine, sebbene non del tutto focalizzati sull‟idea forza del PIT, gli interventi sulla legalità riguardano un territorio ampio (anche se limitato rispetto a quello distrettuale, in quanto escludevano da progetto i territori che già ricadevano nell‟ambito della provincia di Brindisi, di cui doveva occuparsi il PIT n.7). 3.3

Integrazione degli attori

L‟integrazione degli attori a livello locale è giudicata positiva da tutti gli intervistati. Come si è anticipato, esistono due livelli di azione all‟interno del PIT: quello regionale e quello locale. La Regione sembra in molti casi agire in modo autoreferenziale, più guardando all‟utilizzo delle risorse per l‟intero territorio che in modo specifico per il PIT: si registrano contatti con i soggetti locali – in particolare l‟Ufficio Unico – per diverse misure, ma concretizzando la collaborazione soltanto nel caso dei regimi di aiuto, attraverso la raccolta delle scelte fatte a livello locale. A quest‟ultimo livello invece, i progetti gestiti sono stati progettati e seguiti con un partenariato ampio. È possibile affermare che i diversi interventi realizzati hanno destato interesse negli attori locali, nelle istituzioni, nelle imprese, nelle associazioni di categoria, nelle Università. In generale, la partecipazione è stata ampia e continua, e l‟ufficio unico è riuscito a governare un alto livello di complessità. 218


Consorzio Metis. Rapporto finale 3.4

Capacità di spesa

Per quanto riguarda la capacità di spesa non sono disponibili informazioni complete e precise. Dalle interviste risulta che non sono stati realizzati progetti con le economie di gara, rilevanti nel caso della misura 4.2 sull‟adeguamento e l‟infrastrutturazione telematica dei centri servizi.52

4

Interviste effettuate

Lorenzo Cirasino, Assessore Provincia Brindisi, 11 novembre 2010 Luigi De Bellis, Direttore Master Manager Produzioni Florovivaistiche Unisalento, 08 novembre 2010 Antonio De Tommasi, Addetto Ufficio Unico PIT, 08 novembre 2010 Cosimo Durante, Sindaco Leverano, 10 novembre 2010 Diego Lazzari, CNA Lecce, 10 novembre 2010 Maurizio Mazzeo, Pit Manager 2005-2010, 08 novembre 2010

52

Il Consorzio Policost offre un ribasso del 23,007% su un importo a base d‟asta di 2.250.000 euro.

219


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 9 – Territorio salentino-leccese Tabella 1- Anagrafica di progetto

Titolo completo

Consolidamento e innovazione del sistema produttivo locale incentrato sulla presenza diffusa di imprese manifatturiere

Comune capofila

Comune di Casarano

Enti aderenti all‟accordo

69 enti pubblici (68 Comuni più la Provincia di Lecce); sindacati datoriali e dei lavoratori, di Confindustria, di Confartigianato, delle rappresentanze dei commercianti.

Totale comuni aderenti

68

Data firma dell‟accordo con Regione Puglia

29.06.2005

Localizzazione ufficio unico

Comune di Casarano

PIT Manager

Caterina Mastrogiovanni

Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

430.119 (censimento 2001)

Stanziamento di risorse pubbliche complessivo

Euro 62.465.929,00 di cui 54.265929,00 a carico del POR 2000-2006 della Regione Puglia e 8.200.000,00 rivenienti per 5.700.000,00 da risorse CIPE e 2.500.000,00 dal POR Puglia 2000-2006

1

La vicenda

Le origini del partenariato istituzionale piuttosto ampio impegnato in questo PIT (69 Comuni del territorio salentino-leccese assieme alla Provincia di Lecce) e dei temi messi in campo attraverso l‟idea forza ad esso correlata sono rintracciabili alla fine degli anni ‟90 quando si registrano i primi segnali di crisi del distretto calzaturiero locale e, in particolare, dell‟azienda Filanto che, con i suoi 3000 addetti, rappresentava un vero e proprio “colosso” del settore. Il 1999 è indicato da questo punto di vista come un momento di svolta per il territorio locale poiché è a partire da questa data che iniziano ad emergere i segnali di una crisi che ha avuto esiti drammatici. Sono dunque iniziati i primi incontri tra i Comuni – in particolare, tra i Sindaci – che rappresentavano il “bacino territoriale” della Filanto per comprendere, assieme ad altri attori economici e sociali presenti a livello locale (in particolare, l‟Università, i Sindacati, Confindustria, Confesercenti e le associazioni dell‟artigianato) se era possibile svolgere un ruolo attivo nell‟affrontare la crisi occupazionale incombente. Un ruolo cruciale di “animazione territoriale” è stato svolto già in quegli anni dal Comune di Casarano e, in particolare, dal Sindaco in carica dal 1999, Remigio Venuti. Indipendentemente dalla crisi, era inoltre emersa a livello locale la consapevolezza che l‟inefficienza della Pubblica Amministrazione rappresentava un freno allo sviluppo economico della zona. Su questo fronte, risale al 1998 l‟idea di strutturare uno Sportello Unico per le Attività Produttive d‟area dotato anche di un supporto telematico. Idealmente la leadership trainante di questo processo di innovazione (in particolare Remigio Venuti) aveva in mente la creazione di uno sportello unico centralizzato che però non è stato possibile realizzare a causa delle rivendicazioni di autonomia da parte delle amministrazioni coinvolte. Sono stati dunque realizzati sportelli unici in ciascuna municipalità, ma tali sportelli sono collegati tra loro e alcuni servizi sono comuni. In tale direzione, nel 1999 tredici (poi 19) dei Comuni che avrebbero successivamente aderito al PIT si sono riuniti in una società consortile a capitale misto pubblico-privato che ha svolto un ruolo di “braccio operativo” nei processi di innovazione delle Pubbliche Amministrazioni. Tale società è diventata successivamente a capitale interamente pubblico, al fine di farle svolgere un ruolo di organo 220


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 inhouse dei Comuni stessi. La società ha successivamente svolto un ruolo rilevante di supporto di tutti i Comuni coinvolti nel PIT. La prima convocazione dei Sindaci dell‟area in Regione da parte dell‟allora Presidente della Giunta Raffaele Fitto è avvenuta nel 2002. I Comuni sono stati coinvolti in questo primo momento di confronto per comprendere chi poteva svolgere il ruolo di capofila. A quel tavolo, la provincia di Lecce, che aveva gestito un Patto Territoriale, ambiva ad un ruolo diverso che invece è stato affidato ai Comuni, in particolare all‟amministrazione di Casarano alla quale è stato riconosciuto un ruolo trainante nelle iniziative pregresse. Sia per quanto riguarda i Confini e il numero di amministrazioni coinvolte, sia per quanto riguarda l‟ideaguida, è possibile parlare di un processo di concertazione tra la Regione e i Comuni. Il Comune capofila, Casarano, viene designato a giugno 2004 tramite convenzione. Passerà ancora un anno prima dell‟avvio operativo delle attività, grazie alla firma dell‟Accordo amministrativo con la Regione. I primi bandi sono del dicembre 2005, mentre l‟avvio concreto delle attività è della primavera successiva e proseguiranno fino al termine dei lavori. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali

1998

Primi incontri tra i Sindaci della zona con l‟obiettivo di creare uno Sportello Unico per le Attività Produttive d‟area. Verranno creati sportelli in ogni singola municipalità, ma alcuni servizi sono comuni e gli sportelli sono collegati tra loro.

1999

Elezioni amministrative del Comune di Casarano. È eletto Sindaco Remigio Venuti.

2002 2004 11.06.2004 29.06.2005 07.12.2005 Marzo – Novembre 2006 Marzo 2006 Da gennaio 2007 Marzo 2006 Febbario 2007 – aprile 2008 Maggio 2007 Maggio 2009 2009

Il declino dell‟azienda Filanto, colosso calzaturiero locale, è il segnale più evidente di una crisi del settore dominante nel basso Salento e segna l‟avvio dei primi rapporti più o meno formali tra i Sindaci per immaginare strategie di azione congiunte Tredici, poi 19, dei Comuni successivamente coinvolti nel PIT aderiscono ad una società consortile che diviene il “braccio operativo” dei processi di innovazione delle Pubbliche Amministrazioni. Tale società è diventata successivamente un organo inhouse dei Comuni stessi, svolgendo un ruolo rilevante di supporto di tutti i Comuni coinvolti nel PIT. Avvio dell‟iter procedurale da parte del Presidente della Giunta Regionale Raffaele Fitto. Elezioni amministrative nel Comune di Casarano. Conferma del Sindaco Remigio Venuti Convenzione tra i Comuni coinvolti nel PIT attraverso la quale il Comune di Casarano è designato Capofila per la gestione del progetto PIT n. 9 Accordo amministrativo tra il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il Sindaco di Casarano Remigio Venuti per l‟attuazione del PIT n. 9 Avviso pubblico per la promozione di PIA nell‟ambito del PIT 9 Avvisi pubblici relativi ai bandi per le attività di formazione superiore nell‟ambito del PIT Avvio delle attività connesse ai progetti di internazionalizzazione Avvio dei Master di II livello e delle Summer school nell‟ambito del PIT 9 Avvio attività progettuali relative al polo tecnologico Avvio dei lavori di infrastrutturazione nei diversi Comuni con riferimento ai Progetti a valere sulla Misura 4.2 Pubblicazione dei bandi di gara per l‟affidamento dei servizi previsti nel progetto di internazionalizzazione con riferimento ai due Paesi obiettivo (Russia e Stati Uniti). Chiusura attività relative al polo tecnologico Elezioni nel Comune di Casarano. Viene eletto Sindaco Ivan De Masi

221


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

2

Descrizione del PIT

2.1

Idea forza

L‟idea-forza individuata è enunciata nei passaggi fondamentali del documento progettuale presentato in Regione: il PIT mira a “guidare il processo di rilancio del sistema manifatturiero locale al fine di creare le condizioni necessarie per sostenere la competizione nazionale e internazionale con sistemi locali più avanzati. Ciò sarà possibile mettendo in rete le piccole e medie imprese del territorio, creando nuovi margini di competitività fondati sull‟innovazione, sulla valorizzazione del capitale umano, sull‟efficienza della Pubblica Amministrazione. Il potenziamento della rete logistica e infrastrutturale, la ricerca, l’innovazione tecnologica, la formazione, saranno alla base di un processo di sviluppo che, ispirato alla sostenibilità ambientale, conferirà al sistema locale una nuova immagine di efficienza, sicurezza e competitività”. L‟idea forza contiene inoltre una riflessione sul rapporto obiettivi-tempi dalla quale derivano una serie di scelte cruciali che sono alla base del progetto. Il PIT mira infatti ad attivare un “processo di lungo respiro che deve però dimostrarsi fattibile a breve termine per suscitare e mantenere vivo l‟interesse degli operatori”. Da qui deriva una particolare attenzione sia ad una concezione “dinamica”, “flessibile” e “permeabile” dell‟idea-forza, immaginata “non come un obiettivo in sé, ma come uno strumento di sviluppo locale che si plasma man mano, in funzione delle esigenze emergenti”. Particolare attenzione è dedicata alla valorizzazione dei rapporti pregressi e all‟obiettivo di innescare nuove relazioni tra operatori, settori di attività, territori e sistemi locali. In sintesi, la proposta sottolinea come lo sviluppo economico dell‟area che si intende innescare si basi su tre principali ambiti del sistema socio-economico: -

qualità e innovazione della Pubblica Amministrazione;

-

qualificazione, miglioramento e innovazione dell‟economia locale e dei sistemi produttivi;

-

investimento sul capitale umano e sociale, sui cittadini e sui lavoratori.

Diversamente dalla maggioranza dei PIT attivati nel mezzogiorno, nel caso del PIT 9 il fuoco dell‟azione non è stato rivolto quasi solo ed esclusivamente al potenziamento del sistema infrastrutturale. L‟idea-forza, ma anche l‟implementazione del programma, hanno visto il dispiegarsi di diverse azioni integrate tra loro tra le quali i dispositivi di aiuto alle imprese, anche con riferimento all‟innovazione tecnologica e alla ricerca, la formazione e il rafforzamento delle Pubbliche Amministrazioni coinvolte è risultato cruciale. L‟obiettivo della fattibilità ha determinato l‟assenza di veri e propri flagship project: le infrastrutture e i servizi esistenti, così come i rapporti e le competenze pregresse sono stati messi al lavoro nel raggiungimento degli obiettivi del PIT. 2.2

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria del PIT 9 era pari a 54.265.929 euro (cfr. Programma PIT 9 pubblicato sul BUR n. 41 suppl. del 16-3-2005); la dotazione finanziaria si riduce successivamente, anche se non in modo significativo, passando a 53.934.167 euro (cfr. Complemento di Programmazione 2009). Per la realizzazione del PIT n.9 “Territorio salentino-leccese” il Programma prevedeva un costo pubblico totale pari ad € 54.265.929,00, come da Bollettino Regione Puglia del 16/03/2005. Le risorse finanziarie assegnate, nell‟ambito di ciascuna misura, agli interventi del PIT e per le quali in Comune di Casarano è stato stazione appaltante sono riportate nell‟allegato G dell‟accordo amministrativo del 29/06/2005, siglato con regione Puglia e sono pari ad € 15.560.712,00. In base alle informazioni fornite dall‟Ufficio unico, ad oggi la spesa complessiva risulta essere pari al 95% delle risorse stanziate. 222


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.3

I progetti attivati

Progetti infrastrutturali (misura 4.2) Nell‟ambito del PIT 9 sono stati promossi progetti a valere sulla Misura 4.2. per un investimento complessivo di 8.258.312 euro. Per tutte le opere previste i lavori sono stati avviati tra febbraio 2007 e aprile 2008. Successivamente alla fase di rideterminazione dei quadri economici delle opere già previste e in seguito alla riduzione dei totali dovuta ai ribassi d‟asta, si è provveduto all‟utilizzo di ulteriori 1.770.000 euro per finanziare una serie di interventi già previsti nella graduatoria iniziale. Come già accennato, contrariamente a quanto avvenuto con altri PIT, i progetti infrastrutturali non hanno costituito la linea progettuale prevalente. Le opere previste sono riconducibili a tre grandi ambiti di intervento: il completamento e l‟infrastrutturazione di diverse aree industriali (aree PIP) in una quindicina di Comuni coinvolti nel PIT; la realizzazione di tre centri servizi presso i Comuni di Calimera, Cursi e Tuglie; la realizzazione di una “piattaforma per il trasporto intermodale e la logistica integrata in agro di Melissano”. L’infrastrutturazione delle aree PIP rispondeva ad alcune esigenze precise espresse dai Comuni ed è avvenuta con relativa facilità. Per quanto riguarda i centri servizi, l‟idea è stata quella di porre le basi per realizzare un centro servizi diffuso nel Salento. Anche per questo, lo sforzo maggiore è stato rivolto a mettere in rete una serie di strutture già presenti sul territorio limitando al minimo gli investimenti materiali, senza replicare le risorse già presenti. A Casarano hanno sede due incubatori d‟impresa regionale: i tre piccoli centri di servizio creati attraverso il PIT rispondevano all‟esigenza di dare vita ad una rete diffusa sul territorio. Il progetto previsto in agro di Melissano mira al potenziamento di un piazzale di trasbordo merci esistente, in passato utilizzato dalle ferrovie del Sud Est e ora dismesso, puntando sulla realizzazione di una piattaforma logistica a servizio del sistema produttivo del sud Salento. Il progetto riguarda la realizzazione di una piattaforma per il trasporto intermodale e la logistica integrata. L‟iniziativa è stata promossa dal Comune di Casarano ed è destinata al riordino del traffico delle merci di un vasto territorio intercomunale, con particolare riferimento alla conservazione, alla movimentazione, all‟imballaggio, alla spedizione e alla commercializzazione delle produzioni locali. Il progetto è ancora in corso di realizzazione. La spesa totale a valere sulla Misura 4.2. del POR è stata di 5.373.112,09 euro. All‟oggi tutte le opere previste sono state completate e rendicontate, con eccezione di quelle relative alla piattaforma logistica in agro di Melissano. La realizzazione dei Programmi integrati di agevolazione (PIA) Nell‟ambito del PIT 9 sono stati promossi i Programmi integrati di agevolazione (PIA) rivolti al sistema industriale, perseguendo l‟obiettivo specifico di favorire la realizzazione di iniziative che rispondessero ad un principio di integrazione e di concentrazione funzionale e territoriale. I PIA sono stati concepiti con l‟obiettivo esplicito di favorire la crescita delle medie imprese del territorio. Prevedevano che in un‟unica decisione di finanziamento fossero aggiudicati ad una media impresa o ad un consorzio comprendente almeno una media impresa un pacchetto di incentivi per stimolare la ricerca industriale, l‟ampliamento della base produttiva, la formazione aziendale e l‟occupazione. Nell’ambito dei PIA sono stati presentati 17 progetti nel settore delle calzature, della moda, dei mobili, della filiera del freddo e alimentare, delle energie rinnovabili, della formazione, dei radio farmaci, della comunicazione e dell‟ICT based (data storage, ICT security, wireless communications, creazione di microframework in grado di far dialogare il digitale terrestre con internet). Le misure interessate dai PIA sono elencate di seguito e hanno previsto un finanziamento di circa 27 milioni di euro: -

Misura 4.1 – azione c) “Ampliamento della base produttiva”;

-

Misura 3.13 – “Trasferimento tecnologico” e “Ricerca industriale e sviluppo precompetitivo”;

-

Misura 4.1 – azione a) “Acquisizione di servizi reali”;

-

Misura 4.20 – azione c) “Formazione specifica”; 223


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 -

Misura 3.11 – azione a) “Aiuti all‟occupazione”.

I responsabili dell‟Ufficio Unico segnalano come le 17 domande presentate dimostrino un livello di attenzione allo strumento PIA molto rilevante nel contesto di quanto è avvenuto nel complesso dei PIT attivati in Puglia. Tra le domande presentate, 13 proposte sono state ammesse al finanziamento. Tra le proposte ammesse, in due casi non è stato successivamente presentato il progetto analitico, quindi sono 11 i progetti complessivi valutati positivamente. La strategia adottata ha avuto successo perché nel territorio si sono insediate alcune imprese che stanno sviluppando prodotti innovativi, attraendo a loro volta nuove attività. Si è fatto riferimento a tre capisaldi fondamentali: qualità, innovazione e sviluppo sostenibile. Da questo punto di vista, è stato messo a punto un sistema di indicatori per la valutazione delle proposte al fine di premiare le idee imprenditoriali che rispondevano maggiormente a tali obiettivi. Tale sistema di indicatori è stato concertato con la Regione e successivamente riproposto dalla Regione stessa in altri contesti. Un aspetto fondamentale riguarda il fatto che era richiesto alle aziende non solo di impegnarsi nella produzione, ma anche in attività di ricerca e sviluppo. Gli 11 progetti produttivi ammessi al finanziamento sono stati presentati al territorio attraverso un convegno organizzato a Casarano il 9 marzo 2007 al quale hanno partecipato tutte le imprese beneficiarie dei PIA, i rappresentanti istituzionali del PIT 9 e della Regione Puglia, il Presidente dell‟ARTI e il Preside della Facoltà di Architettura dell‟Università del Salento. Successivamente, quattro consorzi, pur avendo presentato il progetto analitico, non hanno sottoscritto il disciplinare per la concessione delle agevolazioni. Pur non essendo chiari i motivi di queste “rinunce”, è rilevante osservare che riguardano una quota rilevante delle aziende che si erano impegnate nella costituzione di un consorzio: l‟obiettivo esplicito di creare aggregazioni tra imprese è stato dunque in parte disatteso, nonostante i forti incentivi previsti nell‟ambito dei PIA in questo senso. Alla fine di questo percorso, solo sei dei progetti finanziati attraverso i PIA hanno effettivamente generato investimenti sul territorio. L‟esperienza dei PIA è comunque valutata positivamente dai promotori del PIT sia per il rapporto di collaborazione che è stato possibile instaurare con la Regione, sia per le imprese che è stato possibile sostenere e attrarre attraverso questi strumenti (anche per questo, si è cercato, seppure senza successo, di riproporre lo strumento nella programmazione strategica). Il Project Manager Umberto Vitali sottolinea che i PIA hanno avuto successo perché sono stati indirizzati ad una precisa area territoriale e hanno funzionato da attrattori di risorse. Casarano era sede di uno dei distretti della calzatura più importanti d‟Europa e per quarant‟anni è stata un leader in questo settore. I PIA sono stati intesi sia come uno strumento per rafforzare le imprese tradizionali, sia come un‟occasione per attrarre nuove imprese e nuove filiere produttive. Su questo fronte, si è lavorato per creare un contesto favorevole a nuovi insediamenti potenzialmente moltiplicatori di attività. Da questo punto di vista, non sono stati messi vincoli particolari con riferimento ad un settore prevalente. Progetti a valere sulla Misura 3.7 “Formazione superiore” Per questa Misura le azioni sono a titolarità regionale e l‟Ufficio Unico ha garantito un‟ampia e articolata attività di animazione e sensibilizzazione nel territorio, promuovendo forme di integrazione con altre iniziative (altre Misure del POR non direttamente collegate al PIT, possibili integrazioni con il PON unitamente alle opportunità connesse all‟intesa istituzionale Stato-Regioni e alle opportunità offerte dall‟Unione Europea). Le azioni in materia di formazione sono state in questo PIT molto ampie ed articolate, prevedendo sia borse di studio per attività formative specifiche sia master. Di seguito si riportano alcuni dati su quelle più significative. -

Con riferimento alla Misura 3.7 – Azione a) “Formazione post qualifica – Area di specializzazione”, gli avvisi pubblici per la presentazione di progetti per attività formative cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo pubblicati tra marzo e maggio 2006 mettevano a disposizione un finanziamento pari a 920.000 euro. Sono stati finanziati complessivamente 92 progetti, attivati presso quattro istituti di formazione superiore di Casarano, Gallipoli, Maglie e Nardò.

-

Con riferimento alla Misura 3.7 – Azione d1) ”Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate”, per la presentazione di progetti per attività formative cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo, dallo Stato e dalla Regione Puglia, sono stati stanziati 2.990.000 euro che hanno permesso l‟attivazione di 66 borse di studio da 224


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 7500 euro da realizzarsi in Puglia, 128 borse di studio da 15.000 euro da realizzarsi in Italia e 23 borse di studio da 25.000 euro da realizzarsi all‟estero. -

Con riferimento alla Misura 3.7 – Azione c) “Promozione e sostegno di filiere formative in forte connessione con il mercato del lavoro”, l‟Ufficio Unico del PIT 9 in collaborazione con l‟Università degli Studi del Salento ha presentato all‟Assessorato alla Formazione cinque proposte di Master Universitario di secondo livello e di due Summer School.

Di seguito si riportano le denominazioni dei Master, l‟investimento complessivo previsto, il numero di domande di partecipazione pervenute e il numero totale degli allievi che hanno frequentato i cinque master: Tabella 3 I master attivati nell’ambito del PIT 9

Denominazione

Stanziamento

Management per la valorizzazione del patrimonio culturale

€ 221.025,00

196

Strategie di marca e nuovi media nel settore moda

€ 226.065,00

108

Fashion design

€ 322.665,00

81

Analisi dei mercati e sviluppo locale

€ 264.102,50

157

Gestione dei processi di internazionalizzazione

Domande di partecipazione

€ 321.365,00 Totale allievi che hanno frequentato i cinque master: 100

116

I Master sono stati avviati nel 2007. Quello relativo al “Fashion Design” e quello relativo alle “Strategie di marca e nuovi media nel settore moda” sono stati inaugurati anche attraverso il convegno “Sistema moda e made in Italy: centri di potere e periferie produttive” svoltosi un giorno a Lecce e uno a Casarano. Tutti i partecipanti ai Master hanno beneficiato di una borsa di studio di 7.500 euro. L‟Ufficio unico del PIT ha inoltre collaborato con l‟Università del Salento per l‟organizzazione e la promozione delle due Summer School. Con riferimento alla formazione, i responsabili del PIT sottolineano quanto sia stato tentato di rappresentare nel programma l‟esigenza di formare alcune competenze specializzate e intermedie. Questo ha comportato una collaborazione con le università e con alcuni istituti professionali relativamente ad alcune figure post-diploma. Il feedback avuto dalla Regione sulla necessità di formare alcune competenze attraverso i master è stato positivo e le attività promosse rispondevano effettivamente alle esigenze del territorio. Anche da questo punto di vista, la concertazione con la Regione ha avuto un esito positivo. Si è riusciti ad ottenere che i Master fossero attivati presso l‟Università del Salento e che le tematiche trattate, i titoli e le modalità di realizzazione rispondessero a esigenze precise del territorio. Seppure i responsabili dei Master abbiano rilevato una certa difficoltà a collocare gli studenti presso le aziende locali, alcuni allievi hanno fatto il proprio stage presso l‟ufficio PIT o presso alcune imprese coinvolte nei PIA, altri hanno collaborato alla progettazione strategica di area vasta. Tali difficoltà non sono state invece segnalate dai responsabili dei corsi di formazione superiore attivati presso gli istituti locali. Ad esempio, l‟Istituto Bottazzi di Casarano ha al momento 141 convenzioni attive con imprese e istituzioni locali per le attività di tirocinio dei propri allievi. Progetti a valere sulla Misura 3.13 – Ricerca e sviluppo tecnologico – polo tecnologico Le attività progettuali relative al Polo tecnologico hanno avuto inizio a marzo 2006. A novembre 2007 il Comune di Casarano ha approvato il progetto definitivo a valere sulla Misura 3.13 denominato “Knowledge Management Agency Casarano” del valore di 1.000.000 di euro. Alla data di conclusione del progetto, a maggio 2009, erano state utilizzate risorse per 845.688,79 euro, sviluppando tutte le attività programmate e raggiungendo gli obiettivi stabiliti. Ciò nonostante, la scarsità di tempo a disposizione ha penalizzato gli obiettivi progettuali. Il progetto per il Polo tecnologico è stato sviluppato per accrescere nelle imprese la capacità di assorbimento tecnologico e l‟attitudine a cooperare, partecipare, condividere e innovare, individuati come i limiti decisivi per un‟azione efficace di trasferimento tecnologico in grado di ricollocare complessivamente il territorio. Si è pensato di attivare un organismo leggero e flessibile, poco impattante dal punto di vista economico, ma in grado di avvicinare il sistema della conoscenza nazionale e 225


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 internazionale a quello delle imprese. I responsabili del PIT ritengono infatti che laboratori di ricerca e università abbiano già una loro missione e che quello che manca sia un momento di raccordo con le esigenze delle imprese. Il Polo tecnologico ha dunque operato per fare in modo che le imprese locali fossero consapevoli dell‟offerta della ricerca nel loro campo a livello nazionale e internazionale. È stato promosso un calendario molto fitto di eventi di dimostrazione e divulgazione presso imprese specializzate. Si è cercato di portare l‟accademia nelle imprese e vice versa: alcuni esperti si sono prestati a svolgere una serie di attività presso le imprese del territorio individuando le potenzialità inespresse ed è stato creato un sito per dare un supporto informatico allo scambio di informazioni. La mission esplicita del progetto è stata quella di concorrere alla crescita sostenibile dei Sistemi Produttivi Locali, orientando la competitività del territorio verso strategie di innovazione. Grande attenzione è stata dedicata alle effettive necessità delle imprese. Sono state promosse azioni di animazione territoriale, di auditing tecnologici delle imprese, di technology foresight, di technology scouting e programmi di innovazione. Il rapporto di technology foresight è stato commissionato alla Fondazione Rosselli al fine di individuare, in base alle competenze territoriali e alle tendenze internazionali, le traiettorie tecnologiche su cui investire per il futuro nell‟area coinvolta dal PIT. Gli attori intervistati sottolineano che il polo, così come era stato concepito, è stato creato e ha funzionato. Il finanziamento richiesto e ottenuto serviva per avviare una fase sperimentale su questa concezione “leggera” di Polo tecnologico. Nell‟idea dei progettisti del PIT, questa fase di “start up” avrebbe dovuto successivamente “appoggiarsi” alla pianificazione strategica di area vasta per giungere alla creazione di un organismo misto nel quale far confluire le imprese e le università. La fase di stallo che caratterizza in questa fase la pianificazione strategica di area vasta della quale si dirà più avanti, ha per il momento arrestato questo percorso. I responsabili del PIT sostengono che le attività promosse attraverso il Polo tecnologico sono state molto interessanti e che sia un peccato che queste, perlomeno fino a questo momento, non abbiano avuto un seguito nella progettazione strategica di area vasta. Progetti a valere sulla Misura 6.2. “Società dell’informazione – Azione b): Internazionalizzazione” Le attività progettuali hanno avuto inizio il 30 marzo 2006 e a maggio dello stesso anno L‟Assemblea dei Sindaci ha approvato il progetto denominato Programma di internazionalizzazione “Direttrici internazionali di sviluppo del settore moda salentino in Russia e negli Stati Uniti”. Il progetto preliminare è stato rivisto per tenere conto del Piano regionale per l‟internazionalizzazione (PRINT) approvato dalla giunta regionale a giugno 2006. Il progetto definitivo è stato dunque approvato in Regione a dicembre 2006. Nel mese di maggio 2007 sono stati pubblicati i due bandi di gara per l’affidamento dei servizi previsti nel progetto con riferimento ai due Paesi obiettivo (Russia e Stati Uniti). Nel contesto dell‟Ufficio Unico del PIT 9 è stata attivata una segreteria organizzativa per l’internazionalizzazione composta da tre persone (un coordinatore e due professionisti junior dotati di competenze specifiche in materia di internazionalizzazione). La segreteria ha svolto compiti di gestione dei rapporti con i soggetti pubblici istituzionalmente titolari della funzione di internazionalizzazione e delle strutture presenti sul territorio specializzate nella gestione dei processi di internazionalizzazione ed innovazione delle imprese. Il progetto è stato illustrato al partenariato nel corso di un incontro pubblico svoltosi a giugno 2007; subito dopo sono stati avviati una serie di incontri con il PIT 2 “Nord barese”, il PIT 5 “Valle d’Itria” e il PIT 8 “Area Ionico-Salentina” al fine di costruire dei rapporti di collaborazione in materia di internazionalizzazione e presentare in modo omogeneo il “Sistema Puglia” sui mercati internazionali. Entrambi i progetti di internazionalizzazione sono oggi conclusi e hanno previsto: -

-

azioni di approfondimento, studio e indagini sui mercati dei paesi obiettivo; azioni di sensibilizzazione ed animazione all‟interno del territorio interessato dal PIT; azioni di scouting volte ad individuare opportunità specifiche di collaborazione e di inserimento dei sistemi produttivi locali che caratterizzano il PIT all‟interno del mercato statunitense e russo, oltre che identificare opportunità di partenariato tra istituzioni; iniziative promozionali all‟estero; 226


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 -

azioni di follow up per offrire nel contesto territoriale del PIT 9 un‟adeguata diffusione dei risultati delle missioni e consolidare i rapporti con i potenziali partner produttivi e commerciali individuati in Russia e negli Stati Uniti; - azioni di incoming degli operatori esteri per creare ulteriori relazioni istituzionali e opportunità di business. Con riferimento al progetto di internazionalizzazione, il PIT 9 ha scontato i tempi molto stretti di realizzazione che non hanno però impedito un‟attività molto intensa, seppure concentrata nel tempo. Il progetto di promozione in Russia, ha portato all‟apertura di desk commerciali tra le camere di commercio di Lecce e di San Pietroburgo. Progetti a valere sulla Misura 6.2. “Società dell’informazione” – Azione c): “Innovazione delle tecnologie e delle infrastrutture telematiche degli Enti locali Questa linea di intervento è uno dei nodi portanti del progetto e si pone in continuità con gli obiettivi di razionalizzazione delle attività degli sportelli unici che caratterizzano il territorio del basso Salento già da prima della promozione del PIT. Il PIT ha previsto un impegno complessivo su questo fronte di 3.971.100 euro. I progetti a valere su questa Misura si sono concretizzati in cinque linee principali di intervento che hanno riguardato: -

l‟innovazione delle tecnologie e delle infrastrutture telematiche degli enti locali (innova PA); l‟ampliamento e il consolidamento dei SUAP; l‟implementazione della Rete informativa ambientale Ba.S.I.N; la realizzazione del sistema informativo del PIT 9; le azioni di innovazione tecnologica e messa in rete dei centri servizi del PIT 9.

Innova PA ha consentito, tra le varie attività, di installare 54 sistemi server in 52 Comuni del territorio. Il percorso di informatizzazione dei Comuni è stato affidato ad una delle imprese attratte nel territorio dai PIA, la Mediatica Spa. Il progetto di ampliamento e consolidamento dei SUAP si è posto l‟obiettivo di completare l‟operatività degli sportelli unici presenti nel territorio del PIT. Il progetto Ba.S.I.N ha avuto la finalità di mettere il territorio del PIT 9 in condizione di dotarsi di una rete informativo-ambientale per adempiere a finalità operative di sostenibilità ambientale razionalizzando la raccolta e l‟uso di una serie di dati ambientali e di fornirli alle imprese e al territorio. Il sistema informativo del PIT 9 ha previsto la realizzazione di un portale che potesse svolgere sia un ruolo informativo per gli utenti del territorio, sia un ruolo di strumento di comunicazione. Progetti in materia di inclusione sociale Sul tema dell‟inclusione sociale e delle azioni di contrasto alla marginalità, il PIT è impegnato nella realizzazione di due progetti denominati “Nuovi Modelli per giovani stili di vita” e “Senza Scarti”. Il primo nasce e si sviluppa nell‟ambito della Misura 6.5 del POR Puglia 2000/2006 “Iniziative per la legalità e la sicurezza”, azione b) “Interventi volti all‟attuazione di „Patti per la legalità‟ nell‟ambito del PIT”, mentre il secondo è a valere sulla Delibera Cipe 26 del 2003. Entrambi i progetti vedono i comun impegnati nel PIT direttamente coinvolti in una serie di interventi integrati volti alla realizzazione di una “rete” della legalità, che sia in grado non solo di recuperare e reintegrare nella società i soggetti in situazioni di marginalità, ma allo stesso tempo di creare una coscienza sociale in grado di prevenire l‟insorgere di atteggiamenti illegali. I due progetti rientrano in una rete di programmazione che comprende anche il programma regionale “Bollenti Spiriti”, infatti i tre i interventi sono stati progettati, nonché programmati affinché possano sviluppare azioni integrate. Progetti abbandonati L’unico progetto significativo che è stato abbandonato è quello relativo alla banda larga: ci si è appoggiati ad un piano accordo tra Regione Puglia e l‟azienda partecipata di Sviluppo Italia incaricata di realizzare la banda larga in Italia che non è andato a buon fine.

227


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.4

Gli attori coinvolti: caratteristiche e ruolo nel PIT

Il PIT coinvolge 68 Comuni del territorio salentino-leccese. Si tratta in gran parte di Comuni di piccole dimensioni (tra i 1000 e i 6000 abitanti – dati riferiti al 2001), con eccezione del Comune di Casarano (20.579 abitanti), del Comune di Gallipoli (20.266 abitanti), del Comune di Nardò (30.520 abitanti) e del Comune di Tricase (17.386 abitanti). Sono inoltre presenti alcuni Comuni con una popolazione compresa tra i 10.000 e i 15.000 abitanti (Galatone, Maglie, Matino, Ruffano, Taurisano, Taviano e Ugento). Casarano è stato scelto come capofila per il suo ruolo promotore in diverse iniziative di “animazione territoriale” pregresse. Il Sindaco Remigio Venuti, in carica dal 1999 al 2009, ha guidato tutto il processo con grande continuità e convinzione, configurandosi come un leader politico trainante. Prima di arrivare alla definizione del Capofila del PIT, la Municipalità di Casarano aveva promosso una serie di Protocolli d‟Intesa tra diversi Comuni dell‟area che poi sono confluiti nel programma stesso. Inoltre, Casarano rappresenta con Tricase, Nardò, Gallipoli e Maglie, uno dei cinque Distretti produttivi del sistema manifatturiero salentino individuati dalla regione Puglia. Si tratta di uno dei Comuni più popolosi, gode della fiducia da parte dei progettisti coinvolti nel PIT e ha una sua solidità finanziaria. Anche la struttura organizzativa del Comune è risultata fin dall‟inizio la più adatta agli obiettivi che si volevano raggiungere. Nella prima fase sono emerse alcune difficoltà a lavorare con un partenariato composto da 68 Comuni tra i quali non c‟era un identico livello di consapevolezza dei problemi del territorio. Secondo il Sindaco uscente di Casarano, quando i Comuni sono così numerosi si rischia di frammentare l‟azione. Questo problema è emerso fin dall‟inizio e il PIT non è interamente riuscito a superarlo. I problemi più grossi sono emersi con i Comuni di piccole dimensioni dove ha continuato a prevalere una logica campanilistica che ha in parte frenato alcuni processi perché, nel contesto dell‟Assemblea dei Sindaci, queste municipalità avevano lo stesso “peso” dei Comuni di maggiori dimensioni. Nonostante i problemi emersi, Remigio Venuti ha sottolineato l‟utilità di questo percorso che ha portato ad una progressiva consapevolezza dei temi territoriali sovracomunali in gran parte delle amministrazioni coinvolte. I Comuni che avevano già partecipato ad iniziative di sviluppo sovracomunale hanno avuto un ruolo trainante nei confronti degli altri, soprattutto come facilitatori della discussione nelle situazioni assembleari. Tra i Comuni che hanno partecipato all‟ideazione e all‟implementazione del PIT, molto attivo è stato il ruolo di Maglie. La definizione degli obiettivi progettuali ha visto un ruolo molto rilevante del partenariato economico sociale, in particolare, dei sindacati datoriali e dei lavoratori, di Confindustria, di Confartigianato, delle rappresentanze dei commercianti. Tale partenariato include diversi attori leccesi (Università degli Studi, Camera di Commercio, Assindustria, Cna, Confartigianato, Api, Claai, Cgil, Cisl, Uil) e l‟Ipsia “Bottazzi” di Casarano. 2.5

La gestione del PIT

I 68 Comuni aderenti al PIT si sono riuniti nell‟Assemblea dei Sindaci che ha avuto un ruolo rilevante nelle decisioni strategiche che hanno caratterizzato lo strumento nel suo complesso e gli indirizzi di carattere generale. L‟assemblea dei Sindaci si è riunita mediamente un paio di volte all‟anno. Il Presidente dell‟Assemblea dei Sindaci è il Sindaco di uno dei Comuni minori coinvolti nel PIT, Poggiardo. L‟Assemblea dei Sindaci ha poi individuato un Comitato di Pilotaggio del PIT formato dai Sindaci dei cinque Comuni di riferimento dei poli produttivi dell‟area individuati dalla Regione (Casarano, Tricase, Nardò, Gallipoli e Maglie), da altri sette Comuni individuati in base ad un logica che ha privilegiato il mantenimento di alcuni equilibri politici e dalla Provincia di Lecce. Il comitato di pilotaggio è presieduto dal Sindaco del Comune capofila. Il ruolo del Comitato di pilotaggio è stato a lungo discusso e si sono anche create delle spaccature al suo interno: alcuni lo vedevano come un luogo dove preparare i lavori per l‟Assemblea dei Sindaci e accompagnare e monitorare l‟andamento delle azioni; altri hanno più pensato di piegare questo organismo su logiche gestionali che però spettavano all‟Ufficio Unico e, anche per questo, non è stata seguita questa linea. 228


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 L‟Ufficio Unico, istituito presso il Comune di Casarano, è stato il cuore del progetto dal punto di vista gestionale. I Comuni e il partenariato socio-economico hanno siglato una convenzione che ha delegato al capofila tutte le funzioni amministrative. Questa convenzione dettagliava inoltre il funzionamento dell‟Ufficio Unico. L‟Ufficio Unico è dunque un ufficio del Comune di Casarano con delega per l‟attuazione del programma da parte di tutti i Comuni aderenti al PIT. Questo ha permesso alla PIT Manager di essere sempre la Responsabile di procedimento: solo con riferimento ad alcuni progetti a valere sulla Misura 4.2. in materia di Lavori Pubblici è stato necessario sentire i Responsabili unici di procedimento (RUP) dei singoli Comuni, anche se la stazione appaltante dei lavori è sempre stata il Comune di Casarano. La PIT Manager, Caterina Mastrogiovanni, laureata in economia, è stata individuata nel 2005. Si trattava di una funzionaria amministrativa apicale del Comune di Casarano (su incarico fiduciario da parte del Sindaco). Tutto il resto del personale amministrativo-contabile che ha collaborato all‟Ufficio PIT è costituito da consulenti del Comune con i quali è stato stipulato un contratto di lavoro autonomo. Negli anni più intensi di attività, tra il 2007 e il 2009, almeno 15 persone hanno collaborato alla definizione e all‟implementazione del PIT nel contesto dell‟Ufficio Unico. Si è scelto di attuare tutti progetti in modo diretto, non appaltandoli all‟esterno, anche se questa soluzione avrebbe semplificato la realizzazione di alcune iniziative, ad esempio quelle di internazionalizzazione. Solo alcune attività molto specialistiche sono state appaltate all‟esterno. Nella struttura organizzativa dell‟Ufficio Unico, oltre alla responsabile, sono state presenti figure diverse nel corso del tempo: nove collaboratori in procedure amministrative con particolare riferimento alle materie dei contratti, appalti e forniture e dell‟amministrazione di progetti finanziati; sei collaboratori in contabilità e rendicontazione di progetti complessi; venti Responsabili unici di procedimento per la realizzazione delle opere previste dalla Misura 4.2; dieci tirocinanti. Un ruolo cruciale è stato svolto anche dal Project Manager, Umberto Vitali, economista fortemente radicato nel contesto produttivo locale (con il quale intrattiene rapporti professionali anche al di fuori del PIT), che ha curato la redazione del progetto presentato in Regione, seguito tutta la fase di implementazione e, successivamente, cercato di far confluire quanto emerso attraverso il PIT nel Piano Strategico di Area Vasta. La coesione e l‟affiatamento tra il Sindaco di Casarano, la PIT Manager e il Project Manager ha permesso di integrare le competenze proprie della leadership politica con quelle di una leadership tecnica che è stata in grado di coprire sia la gestione amministrativa del programma, sia quella progettuale e tecnicocontenutistica. Il rapporto con la Regione è maturato nel tempo. La Regione non ha svolto un ruolo particolarmente rilevante a livello di assistenza tecnica, ma è stato stabilito un ottimo rapporto con l‟Ufficio Programmazione. Il progetto Sprint ha avuto un ruolo rilevante con riferimento alle iniziative di internazionalizzazione, anche a livello di progetti esecutivi e individuazione di azioni di dettaglio. Su questo fronte il supporto di Sprint, che svolgeva un ruolo di assistenza tecnica alla Regione Puglia esprimendo un parere in materia di esigibilità dei progetti, è stato molto rilevante. 2.6

Output realizzati

Per quanto riguarda le infrastrutture (misura 4.2), tutte le opere risultano completate e rendicontate: -

completamento e infrastrutturazione di diverse aree industriali (aree PIP) in una quindicina di Comuni coinvolti nel PIT;

-

realizzazione di tre centri servizi presso i Comuni di Calimera, Cursi e Tuglie;

-

realizzazione di una “piattaforma per il trasporto intermodale e la logistica integrata in agro di Melissano”

Per quanto riguarda i PIA, sei dei progetti finanziati PIA hanno effettivamente generato investimenti sul territorio: 229


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 -

La Sparkle di Casarano, un‟impresa che produce radiofarmaci e radiomarcanti da usare in campo medico a scopo diagnostico e curativo. Dal punto di vista della ricerca e dello sviluppo, questa azienda è stata particolarmente attiva dando vita ad un vero e proprio centro di ricerca integrato e instaurando un rapporto di collaborazione con realtà accademiche regionali (Università di Lecce), nazionali (Università di Pavia) e internazionali (Università di Oxford). Particolare rilevanza ha avuto un progetto di ricerca sulla protonoterapia. Ad aprile 2010 l‟azienda impiegava 15 dipendenti, 12 dei quali laureati.

-

In un settore completamente diverso, Memar, un‟azienda nazionale che ha diverse sedi nel nord Italia e che si occupa di gestione di archivi e di digitalizzazione e trattamento di documenti cartacei per conto di altre imprese, ha aperto la sua prima filiale al sud nel Salento al fine di reperire nuovi spazi in vista di un‟ulteriore espansione del volume d‟affari. Anche in questo caso, l‟azienda ha investito nella formazione di un centro ricerca conferendogli una certa autonomia rispetto al core business aziendale. Attraverso il centro ricerca sono stati messi a punto il prototipo di uno scanner tridimensionale e due prodotti software innovativi.

-

Mediatica si occupa invece di sicurezza dei processi informatici. Una volta avviata, sono arrivate commesse anche da parte di alcuni ministeri italiani e dall‟ammiragliato. La società ha generato sul territorio indotti molto interessanti, ha attivato professionalità – in particolare giovani salentini laureati in informatica – già presenti a livello locale e permesso una loro esternalizzazione. In generale, tutte e tre le imprese citate si caratterizzano per la qualità e l‟innovatività dei loro prodotti e per aver assunto giovani professionalità locali fortemente specializzate.

-

Sempre con riferimento all‟esperienza dei PIA, gli altri tre progetti finanziati sono stati portati avanti da imprese determinate a innovare fortemente la propria tradizione, ad esempio, una ditta di arredi ha progettato e realizzato alcuni prodotti ospedalieri rinnovando la propria offerta e riuscendo ad aggredire mercati stranieri che prima non sarebbero stati accessibili.

In tema di formazione tra gli output ricordiamo:

2.7

-

il finanziamento di 92 progetti attivati presso quattro istituti di formazione superiore di Casarano, Gallipoli, Maglie e Nardò, relativi alla Misura 3.7 – Azione a) “Formazione post qualifica – Area di specializzazione

-

l‟attivazione di 66 borse di studio da 7500 euro da realizzarsi in Puglia, 128 borse di studio da 15.000 euro da realizzarsi in Italia e 23 borse di studio da 25.000 euro da realizzarsi all‟estero (Con riferimento alla Misura 3.7 – Azione d1) ”Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate”)

-

5 master universitari per un totale di 100 partecipanti (Con riferimento alla Misura 3.7 – Azione c) “Promozione e sostegno di filiere formative in forte connessione con il mercato del lavoro” Collegamento con la pianificazione strategica di area vasta e con altri progetti significativi

Seppure il giudizio complessivo della leadership tecnica e politica che ha guidato il PIT sia positivo, vengono sottolineate una serie di criticità che si riflettono anche sulle valutazioni rispetto all‟eredità del progetto e al rapporto con l‟area vasta. Dal punto di vista delle imprese, i giudizi sono molto positivi. I promotori del PIT sostengono che sono stati fatti dei passi avanti sia con riferimento alla cultura delle imprese, sia con riferimento all‟innovatività delle attività attratte sul territorio. Grazie al PIT è stata attratta imprenditoria ad altissimo livello e capace di muovesi tra economia e ricerca. Per quanto riguarda il secondo asse portante del PIT, l’innovazione della Pubblica amministrazione, sono sicuramente stati fatti molti passi avanti, ma i sindaci continuano a pensare in termini campanilistici e anche per questo ci sono difficoltà nell‟implementazione della progettazione di area vasta.

230


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Ciò nonostante, vengono segnalati alcuni punti di forza non indifferenti. Ad esempio, è significativo che, dal punto di vista amministrativo, si sia puntato tutto su un modello funzionale che ha portato a far deliberare a 68 comuni la delega delle funzioni all‟ente capofila. Questo è stato un punto di forza cruciale dell‟Ufficio Unico. Il terzo fronte sul quale il PIT ha lavorato riguarda la crescita del “capitale sociale” e, su questo fronte, i giudizi sono univoci: questa esperienza ha permesso la crescita di un capitale umano, in particolare di giovani motivati a lavorare sulle tematiche dello sviluppo territoriale, che sono un vero e proprio patrimonio che non deve andare disperso. Con riferimento alle relazioni tra il PIT e altre politiche locali e regionali, la leadership tecnicopolitica afferma l‟importanza di immaginare la programmazione strategica di area vasta e la politica dei distretti produttivi in modo congiunto e integrato. Questo però, nei fatti, non è avvenuto: i distretti produttivi non sembrano avere la capacità di dialogare né tra loro, né con l‟area vasta. Per quanto riguarda la continuità del PIT nella programmazione strategica di area vasta, occorre fare una distinzione tra ciò che è avvenuto sul piano progettuale e quello che sta accadendo ora, nella fase di implementazione. Come già accennato, il PIT e il suo Ufficio Unico hanno investito moltissimo sulla formazione di giovani professionalità in grado di gestire progetti di sviluppo territoriale. L‟area vasta ha ereditato conoscenze ed esperienze che hanno permesso di fare un piano strategico capace di ampliare l‟esperienza del PIT in una logica di continuità. Da questo punto di vista, il Piano strategico di area vasta ha rappresentato un‟evoluzione dell‟esperienza del PIT. Si è cercato, con questo nuovo Piano, di superare alcuni limiti del PIT e di ampliare le tematiche trattate dato che il PIT aveva una dimensione più settoriale centrata, da un lato, sull‟impresa e, dall‟altro, sull‟innovazione della Pubblica Amministrazione. Il Piano strategico propone invece una visione a 360 gradi del territorio salentino, tralasciando solo il tema dell‟agricoltura del quale si occupano più specificamente i GAL. Il Piano Strategico ha dunque costruito una vision di un territorio a vocazione produttiva imperniata sull‟innovazione (come nel PIT, si punta a sostenere, qualificare e innovare il più possibile “ciò che resta” del manifatturiero tradizionale, ma anche a introdurre nuove filiere produttive grazie anche ai risultati della ricerca) senza però tralasciare temi quali il turismo o la salvaguardia e la valorizzazione delle bellezze naturali e ambientali. Questi dunque i temi portanti del Piano strategico di area vasta: -

sostegno e innovazione del manifatturiero classico; attrazione di imprese innovative; proseguimento del lavoro di qualificazione della Pubblica Amministrazione; tutela e valorizzazione di un territorio nel quale l‟entroterra, i suoi paesaggi e le sue tradizioni possono essere valorizzati tanto quanto la costa e il mare; sviluppo del turismo e conseguente infrastrutturazione del territorio.

Tra le azioni previste dal Piano strategico di area vasta è possibile annoverare: alcuni interventi in materia di ICT al fine di amplificare e migliorare i risultati ottenuti con il progetto di innovazione della Pubblica Amministrazione (con il PIT sono state poste le basi per il protocollo informatico dei Comuni dell‟area e la dematerializzazione dei documenti. Il Piano strategico si è posto l‟obiettivo di raggiungere un livello superiore di informatizzazione nelle amministrazioni); l‟efficientamento energetico degli edifici pubblici che accolgono municipi o scuole; l‟uso di palazzi baronali o marchesali come sedi di eventi culturali, mostre, sedi di biblioteche; l‟ampliamento delle aree industriali; la ristrutturazione e l‟ampliamento di due porti turistici; la realizzazione di piste ciclabili. I confini dell’area vasta coincidono in gran parte con quelli del PIT. Le uniche eccezioni riguardano alcuni Comuni maggiormente legati alle dinamiche di sviluppo dell‟alto Salento la cui presenza nel PIT che copre il territorio del basso Salento rappresentava una forzatura. Quando nel 2004 la Regione ha lanciato il bando per presentare le candidature per i Piani strategici, sono emerse le proposte del basso Salento con Casarano come capofila e dell‟alto Salento con Lecce come capofila. I Comuni più vicini alle dinamiche di sviluppo dell‟alto Salento sono dunque confluiti in quest‟ultimo Piano strategico. Questa correzione di rotta nella selezione dei confini è in parte imputabile a consapevolezze sul ruolo svolto dai diversi Comuni, emerse anche nel corso dell‟implementazione del PIT. 231


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 La stesura del Piano strategico di area vasta ha impegnato Umberto Vitali, già Project Manager del PIT e un gruppo di lavoro composto da giovani professionisti che sono cresciuti all‟interno del PIT stesso. Il processo sembrava bene avviato e radicato nelle politiche pregresse, ma le elezioni amministrative svolte nel 2009 hanno in gran parte modificato gli assetti e, conseguentemente, gli equilibri politici emersi nel corso dell‟implementazione del PIT. Quando è stato lanciato il PIT, la maggioranza dei Comuni era governata da giunte di centro-sinistra. Dopo il 2009 la maggioranza delle Giunte è diventata di centrodestra. In alcuni Comuni, la continuità al governo di uno schieramento politico non ha comunque garantito la continuità delle politiche sull‟area vasta. Nella stessa Casarano, la continuità politica tra la Giunta di Remigio Venuti e quella di Ivan De Masi non ha garantito la continuità del percorso sovracomunale, anzi, la nuova amministrazione ha sciolto gli uffici che hanno gestito il PIT e ha deciso di privarsi del progettistacapo Umberto Vitali. I rapporti pregressi che hanno fatto la storia del PIT si sono un po‟ esauriti con il cambio amministrativo e questi problemi si sono riflessi anche sull‟area vasta. Per questi motivi, il Piano strategico di area vasta è attualmente in una fase di stallo. Si è fermi all’attuazione di una parte che ha visto un investimento di circa trenta milioni di euro tra il 2007 e il 2009, laddove il Piano aveva messo in campo un parco progetti che richiede un investimento almeno 50 volte superiore. Secondo la leadership tecnica e politica che ha guidato il PIT, questo territorio era riuscito a diventare un punto di riferimento a livello regionale e nazionale, ma l‟attuale fase di stallo rischia di far cadere una credibilità conquistata con fatica. Non è stato possibile avere un incontro con il Sindaco in carica di Casarano per un confronto su questi temi e, in particolare, sul futuro dell‟area vasta.

3 3.1

Conclusioni Coerenza e rilevanza dell’idea-forza

I temi portanti dell‟idea-forza espressa in questo PIT si pongono in stretta continuità con un dibattito sullo sviluppo del territorio salentino leccese pregresso promosso da diversi Comuni e, in particolare, dalla Municipalità di Casarano guidata dal Sindaco Remigio Venuti. L‟aspetto più interessate dell‟idea-guida proposta, soprattutto se messa a confronto con altre emerse nel contesto pugliese, è relativo alla scelta di investire su diverse linee progettuali nel contesto delle quali i temi infrastrutturali non hanno costituito la linea progettuale prevalente. Gli obiettivi di qualificazione e innovazione delle imprese presenti sul territorio e di attrazione di attività innovative, gli incentivi alla ricerca e allo sviluppo tecnologico, l‟investimento incisivo sulla formazione, così come il proseguimento del comunque complesso percorso di innovazione delle 68 amministrazioni coinvolte hanno contribuito alla messa in campo di una serie articolata e differenziata di azioni sicuramente non comune. Anche dal punto di vista dei risultati, alcuni segnali sono significativi, ad esempio, le sei imprese/realtà consortili attratte o sostenute attraverso i PIA testimoniano sia del “doppio orientamento” del PIT con riferimento al sistema produttivo (rilancio e innovazione delle imprese presenti sul territorio da un lato, attrazione di attività nuove, ma anche fortemente innovative, dall‟altro): in tre casi si tratta di imprese fortemente innovative e provenienti dall‟esterno che hanno portato nel territorio nuove attività e attratto competenze locali altamente qualificate. Gli altri tre casi riguardano realtà di impresa che hanno fortemente rinnovato i propri prodotti, riuscendo in alcuni casi ad aggredire anche mercati internazionali. Altrettanto rilevante da segnalare è l‟orientamento alla fattibilità che non sembra derivare dall‟idea di un progetto “di basso profilo”, quanto al radicamento di quanto proposto sull‟esistente e sui percorsi di policy pregressi. L‟obiettivo della fattibilità ha determinato l‟assenza di dei veri e propri flagship project: le infrastrutture e i servizi esistenti, così come i rapporti e le competenze pregresse sono state messe al lavoro nel raggiungimento degli obiettivi del PIT.

232


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 3.2

Integrazione tra progetti, politiche, attori

Il PIT è stato formulato seguendo una logica di integrazione con le politiche pregresse: il territorio in esame era infatti stato protagonista di un patrimonio diffuso di pratiche di concertazione di cui il Comune di Casarano è sempre stato un attore trainante. Soprattutto sul versante dell‟innovazione della Pubblica Amministrazione, il PIT ha proseguito un orientamento radicato nel territorio che è stato riproposto nella programmazione strategica di area vasta. Resta ora da vedere come e se questi sforzi proseguiranno a valle dell‟attuale fase di stallo nell‟esperienza della‟area vasta. Dal punto di vista dell‟integrazione tra politiche, il progetto preliminare relativo alle attività di internazionalizzazione è stato rivisto per tenere conto del Piano regionale per l‟internazionalizzazione (PRINT) approvato dalla giunta regionale a giugno 2006. Con riferimento al progetto di internazionalizzazione, i responsabili del PIT si sono posti il problema di dialogare con altri PIT “vicini” al fine di promuovere in modo coordinato e congiunto il “Sistema Puglia” al di fuori del confini nazionali. Il PIT ha previsto un mix piuttosto articolato di azioni materiali e immateriali seguendo gli assi portanti già menzionati: innovazione delle Pubbliche Amministrazioni, sostegno all‟impresa (innovativa), formazione superiore, internazionalizzazione. La mancanza di flagship project testimonia un orientamento a mettere a sistema una progettualità diffusa, ma minuta, sul territorio, puntando ancora una volta soprattutto sulla valorizzazione dell‟esistente. 3.3

Integrazione degli attori

Sul fronte dell‟integrazione tra attori, i testimoni privilegiati sentiti ai fini di questa valutazione testimoniano di un rapporto molto positivo nelle relazioni “verticali” con la Regione. Sono stati segnalati rapporti di collaborazione e di mutuo aggiustamento e apprendimento. Alcuni protocolli, ad esempio quelli valutativi rispetto alle proposte di PIA, sono stati negoziati con questo PIT e poi riproposti dalla Regione in altri contesti. Dal punto di vista dei rapporti “orizzontali”, è evidente che – indipendentemente dal valore del loro voto nell‟Assemblea dei Sindaci – non tutti i Comuni coinvolti hanno avuto lo stesso peso nell‟ideazione e nell‟implementazione di questo PIT. Spicca sicuramente il protagonismo del Comune di Casarano e della leadership tecnico-politica ad esso correlata. I Comuni già coinvolti in precedenza in iniziative sovra comunali hanno a loro volta avuto un ruolo più trainante di altri, senza però riuscire a superare atteggiamenti campanilistici. Emerge dalle interviste il protagonismo del Comune di Maglie che, a tratti, viene descritto come “in competizione” con il ruolo di leadership espresso da Casarano. In termini genali, è possibile affermare che la presenza di una leadership forte sia stata senza dubbio un punto di forza di questo PIT, seppure alcune amministrazioni sembrino aver “sofferto” il ruolo fortemente trainante del Comune capofila. Dai documenti e dagli incontri con i responsabili dell‟ufficio PIT emerge un rapporto costante e produttivo con il “partenariato economico e sociale”, in particolare con la Camera di Commercio di Lecce e con gli istituti di formazione superiore del territorio. Il radicamento del project manager nel territorio locale e i suoi rapporti pregressi con le imprese hanno consentito un clima di fiducia anche su questo fronte. Più difficile sembra essere stata l‟integrazione, fortemente sostenuta attraverso alcune azioni del PIT, degli attori economici “tra loro”, testimoniata dalla difficoltà a riunirsi nei consorzi promossi e finanziati attraverso i PIA. 3.4

Capacità di spesa

Secondo le interviste effettuate, per quanto riguarda le azioni a titolarità locale, la capacità di spesa è stata molto elevata e connessa all‟elevato livello realizzativo del PIT. Il totale della spesa a livello locale, secondo le informazioni fornite dalla PIT manager, è pari al 95% del totale assegnato. Un punto di forza e un‟eccellenza di questo PIT risiede nell‟impiego minuzioso delle risorse programmate. Nella fase attuale lo sforzo dell‟Ufficio Unico è rivolto alla gestione degli ultimi residui delle risorse derivanti 233


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 dal PIT. Le uniche azioni sulle quali non si è speso fino all‟ultimo centesimo disponibile sono state quelle a valere sulla Misura 4.2.

4

Interviste effettuate

Attori intervistati direttamente il 17.11.2010: Caterina Mastrogiovanni – PIT Manager dal 2005, 17.11.2010; 11 maggio 2011 Carla Petrachi – Ufficio Unico – Responsabile stampa, comunicazione e partecipazione, 17.11.2010 Remigio Venuti – Sindaco di Casarano dal 1999 al 2009 – ora consigliere comunale, 17.11.2010 Umberto Vitali – Project Manager, 17.11.2010 Sono stati contattati più volte, ma non è stato possibile ottenere interviste con: Antonio Corvino – Confindustria Lecce; Ivan De Masi – Sindaco di Casarano in carica, 17.11.2010

234


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

PIT 10 – Monti Dauni Tabella 1 Anagrafica di progetto Comune capofila Enti aderenti all‟accordo

Tot comuni aderenti Data firma dell‟accordo PIT con Regione Puglia Localizzazione ufficio unico PIT Manager Popolazione residente nell‟area PIT (dati al 31.12.2000, da BURP n.41 suppl. del 16.3.05)

1

Comunità Montana Monti Dauni Meridionale e Comunità Montana Monti Dauni Settentrionale Comune di Accadia Comune di Anzano di Puglia, Comune di Anzano di Puglia, Comune di Ascoli Satriano, Comune di Bovino, Comune di Candela, Comune di Castelluccio dei Sauri, Comune di Castelluccio Valmaggiore, Comune di Celle San Vito, Comune di Deliceto, Comune di Faeto, Comune di Monteleone di Puglia, Comune di Orsara di Puglia, Comune di Panni, Comune di Rocchetta Sant‟Antonio, Comune di Sant‟Agata di Puglia, Comune di Troia, Comune di Alberona, Comune di Biccari, Comune di Carlantino, Comune di Casalnuovo Monterotaro, Comune di Casalvecchio di Puglia, Comune di Castelnuovo della Daunia, Comune di Celenza Valfortore, Comune di Motta Montecorvino, Comune di Pietramontecorvino, Comune di Roseto Valfortore, Comune di San Marco La Catola, Comune di Voltura Appula, Comune di Volturino Provincia di Foggia 29 29 giugno 2005 Comunità Montana Monti Dauni Settentrionale e Comunità Montana Monti Dauni Meridionale Tommaso Lecce per la CM Monti Dauni Meridionale; Ferdinando Dragonetti per la CM Monti Dauni Settentrionale 68.073

La vicenda

In passato il territorio del PIT 10 è stato interessato da due Patti Territoriali, anche se tali iniziative sono state considerate poco soddisfacenti dal punto di vista dei risultati in termini dello sviluppo del territorio: - Il Patto Territoriale Prospettiva Subappennino Dauno al quale hanno aderito i seguenti Comuni dei Monti Dauni: Alberona, Biccari, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, Faeto, Lucera, Mottamontecorvino, Orsara di Puglia, Panni, Pietramontecorvino, Roseto Valfortore, Troia, Volturara Appula. - Il Patto Ascoli-Candela – Satriano al quale hanno aderito i seguenti Comuni: Comune di Ascoli Satriano, Candela, Sant'Agata di Puglia, Deliceto, Rocchetta Sant'Antonio, Accada, Comune di Anzano e Monteleone di Puglia. Sul territorio del PIT 10 opera anche il GAL Meridaunia cui aderiscono tutti i 29 Comuni appartenenti al PIT, e per i quali realizza attività di pianificazione e sviluppo sostenibile del territorio. Il PIT si pone, dunque, in continuità agli strumenti di programmazione già esistenti sul territorio dei Monti Dauni. La vicenda del PIT risale al 2001-2002, con l‟avvio della fase di negoziazione dei PIT tra la Regione Puglia e le autonomie locali interessate. L‟area dei Monti Dauni era stata inizialmente esclusa dalla progettazione PIT regionale, a causa delle criticità del territorio e per la mancata corrispondenza ad un sistema produttivo locale53. In fase di concertazione con i territori, il PIT 10 viene incluso su pressione politica del consigliere regionale e presidente della CM Monti Dauni Meridionali, Carmelo Mora (oggi senatore della Repubblica), il quale, sostenuto da un gruppo di Comuni dei Monti Dauni Meridionali (Comune di Accadia, Comune di Alberona Comune di Anzano di Puglia, Comune di Ascoli Satriano, Comune di Biccari, Comune di Bovino, Comune di Candela, Comune di Carlantino, ecc), negozia con il presidente Fitto l‟inclusione del territorio dei Monti Dauni nel PIT, in quanto si tratta del territorio più povero della Regione Puglia e grazie “al quale la Regione Puglia ha continuato a far parte dell‟obiettivo convergenza” (soggetto intervistato). La proposta approvata dal NVVIP in fase preliminare nel marzo del 2003 e definitivamente nel settembre del 2004, include 127 interventi su entrambi i versanti di cui oltre la metà sono interventi già avviati nell‟ambito di altri strumenti di programmazione del territorio.

53

Sprint Formez. Rapporto di valutazione dei PIT pugliesi. Novembre 2007.

235


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 La fase di attuazione del PIT è stata avviata con la sottoscrizione dell‟Accordo con la Regione Puglia il 29 giugno del 2005 e con la nomina dei due PIT manager presso le due Comunità Montane dei Monti Dauni (la CM Monti Dauni Settentrionali per la gestione degli interventi sul versante settentrionale dei Monti Dauni e la CM Monti Dauni Meridionali per la gestione degli interventi sul versante meridionale). La scelta di affidare la gestione a entrambe le Comunità Montane è stata operata a livello regionale in vista dell‟ampio finanziamento allocato al PIT 10 e degli interventi prevalentemente di livello comunale e non trasversale ai due versanti dei Monti Dauni. Questa fase si caratterizza per forti conflitti politici a livello delle singole Comunità Montane, causati da una frammentazione politica delle giunte alla guida delle due Comunità Montane. I conflitti politici locali sono più acuti sul versante settentrionale, dove, tra il 2005 e il 2006, l‟attività della Comunità Montana Monti Dauni Settentrionali è rimasta paralizzata da una “lotta campanilistica” (soggetto intervistato) all‟interno del centro sinistra alla guida della Comunità Montana. Tali conflitti raggiungono l‟apice con il ritiro del sostegno al presidente della CM Montana Monti Dauni Settentrionali, lo scioglimento dell‟Assemblea della CM nell‟agosto del 2006 e la nomina di un commissario straordinario nel settembre del 2006. Nel dicembre del 2006 viene nominata la nuova giunta della CM Monti Dauni Settentrionali, il cui presidio passa a Ernesto Cicchetti, ex sindaco del Comune Castelnuovo della Daunia. Con la nuova giunta, sul versante settentrionale viene creata anche l‟Assemblea dei Sindaci del PIT, presidiata dal presidente della CM. Conflitti politici si registrano anche sul versante meridionale, anche se con toni meno accesi, grazie alla forte leadership politica del presidente della CM Meridionale e consigliere regionale Carmelo Mora, che riesce a superare le opposizioni locali. Le lotte politiche locali ritardano l‟attuazione del PIT 10, che rimane fermo sul versante settentrionale, mentre su quello meridionale viene portato avanti soprattutto grazie al ruolo dei consulenti, accompagnati dalla struttura tecnica della CM Monti Dauni. Nel 2006 è stata pubblicata una serie di bandi a regia regionale: bando tutela e valorizzazione del patrimonio rurale del territorio regionale ricadente nell‟area geografica del Progetto Integrato Territoriale (PIT) n. 10 e negli itinerari turistico-culturali individuati per i Progetti Integrati Settoriali (PIS); bando consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e operatori del settore"; Programmi Integrati di Agevolazioni” - PIT n. 10 - Monti Dauni; bando formazione e sostegno all'imprenditoria nei settori interessati all'asse risoese culturali", azione c) "Azione di sostegno alla creazione di piccole imprese ad all'occupazione nei settori interessati all'Asse"; bando formazione e sostegno all'imprenditorialità nei settori interessati all'asse risorse culturali", azione c) "Azione di sostegno alla creazione di piccole imprese ed all‟occupazione nei settori interessati all'asse"; bando promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro"; bando risorse umane e Società dell'informazione, azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione"; bando attuazione di borse di studio per la formazione superiore (master). Per quanto riguarda gli interventi a regia locale, nel 2006 vengono pubblicati solo due bandi: il bando di avvio delle procedure di esproprio per la realizzazione di alcune opere infrastrutturale inserite nel PIT 10 (CM Monti Dauni Meridionali), il bando per la formazione di un elenco di imprese da invitare a gare di licitazione privata semplificata per lavori pubblici di importo inferiore a €1.000.000,00, escluso IVA inseriti nel PIT n. 10 Monti Dauni Settentrionali (CM Monti Dauni Settentrionali). La quasi totalità degli interventi a regia locale viene, infatti, attuata tra il 2007 e il 2008 attraverso appalti pubblici. Sul versante settentrionale, il RUP viene affidato nella maggior parte dei casi (ad eccezione degli interventi trasversali alle due CM – internazionalizzazione – e ai Comuni della stessa Comunità Montana) ai singoli Comuni della CM Montana, mentre sul versante meridionale il RUP è la CM Montana, sostenuta da consulenti esterni. In base a quanto emerso dalle interviste, si tratta, infatti, di “una corsa contro il tempo a spendere” e a recuperare i ritardi accumulati negli anni precedenti. L‟analisi dei bandi emanati sul versante meridionale conferma questa tendenza: l‟espletamento delle procedure di affidamento dei bandi avviene mediamente a due mesi dalla pubblicazione degli stessi ed in alcuni casi anche dopo un solo mese (ad esempio tra gennaio del 2007 e 26 febbraio del 2007 sono stati pubblicati 20 bandi, affidati il 29 febbraio del 2007). Tra il 2007 e il 2008 emergono dei conflitti politici tra il presidente della CM Monti Dauni Meridionali e alcuni sindaci del versante settentrionale, che contestano la forte leadership politica del presidente Mora nella gestione del PIT 10 ed in particolare di alcuni degli interventi trasversali diretti dal CM Monti Dauni 236


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Meridionali (progetto Get Local). Dalle interviste emerge che tali criticità vanno ricondotte al coinvolgimento limitato dei sindaci del versante settentrionale nel processo decisionale riguardante la predisposizione e appalto degli interventi trasversali. Tali conflitti non portano ad un blocco del PIT 10, poiché le possibilità di intervento dei sindaci in tale processo sono limitate dall‟affidamento della gestione degli interventi trasversali alla CM Monti Dauni Meridionali attraverso la convezione sottoscritta da entrambe le Comunità Montane. Gli anni 2009 e 2010 sono anni di forte instabilità istituzionale all‟interno delle due CM dei Monti Dauni. Nel marzo del 2009 la CM Monti Dauni Meridionale viene commissariata a seguito del decreto regionale 132 di febbraio del 2009. Il commissariamento della CM dura solo un mese poiché il TAR Puglia accoglie il ricorso della CM contro la decisione di soppressione e sentenzia l‟annullamento del commissariamento nell‟aprile del 2009. Nel febbraio del 2010 vengono soppresse entrambe le Comunità Montane dei Monti Dauni. L‟instabilità istituzionale delle due CM dei Monti Dauni porta non solo a ritardi nell‟implementazione del PIT, ma anche ad una pressoché assenza di un monitoraggio delle attività appaltate dalle Comunità Montane. Inoltre, tale instabilità rappresenta anche una finestra di opportunità per i sindaci del versante settentrionale che contestano la leadership politica del presidente della CM Meridionale e che rimettono in discussione il processo decisionale dell‟Area Vasta ed in particolare la nomina del capofila dell‟Area Vasta, la cui gestione era stata affidata alla CM Monti Dauni Meridionali (Ufficio PIT) nel 2005. 54 Il processo decisionale è ancora in corso. Dopo la revoca di affidare la gestione dell‟Area Vasta alla Provincia nel maggio del 2010, continua la negoziazione a livello locale per l‟individuazione del Comune di Bovino, quale ente capofila. Il blocco del processo decisionale ha, di fatto, portato da un lato ad una frammentazione all‟interno del territorio dell‟Area Vasta, poiché 8 Comuni del versante settentrionale (Casalnuovo della Daunia, PietraMontecorvino, MottaMontecorvino, San Marco la Catola, Celenza Valforte, Volturino, Casalnuovo Monterotaro e Casalvecchio di Puglia) si sono costituiti nel PIST Parco della Salute, promosso dal Comune di Castelnuovo della Daunia, ammesso dalla regione alla fase negoziale con le aree vaste, e dall‟altro alla sospensione di un finanziamento di 12.000.000 euro per l‟Area Vasta dei Monti Dauni. Tabella 2 Cronologia dei fatti principali Data 29 luglio 2002 30 settembre 2002 12 aprile 2003 3 marzo 2003 2004 10 settembre 2004 18 ottobre 2004 22 settembre 2004 7 marzo 2005

3-4 aprile 2005 7 maggio 2005

Evento Incontro tra i sindaci dell‟Area per la discussione della predisposizione del PIT e delle scadenze relative Costituzione del Comitato di Programma del PIT n 10 “Sub Appennino Dauno” con decreto del Presidente della Regione n. 572 Il Comitato di Programma del PIT n.10 Sub Appenino Dauno approva la proposta di programma del PIT n.10 Il NVVIP esprime parere intermedio sul PIT 10 Elezioni comunali nei seguenti Comuni dei Monti Dauni: Biccari, Volturino, Castel Nuovo della Daunia, Volturara Appula, San Marco La Catola, Deliceto, Sant'Agata di Puglia, Castelluccio Valmaggiore, Celle San Vito Il NVVIP esprime parere definitivo sul PIT 10 Le amministrazioni locali dei Monti Dauni hanno approvato la bozza di convenzione che individua la CM dei Monti Dauni Meridionali e CM dei Monti Dauni Settentrionale come capofila del PIT. La bozza verrà approvata definitivamente il 24 luglio 2005. Il NVVIP acquisisce la versione definitiva del PIT 10. Con la delibera n. 262 avvento all‟oggetto la delibera CIPE 20/04, la Regione Puglia ha approvato l‟avviso pubblico di procedura negoziale per la presentazione delle domande per interventi di pianificazione e progettazione innovativa relativamente ai piani strategici per le città e le aree metropolitane. Con la delibera n.685 i termini per la presentazione delle domande è stata prolungata fino al 31 maggio 2005. Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) subentra a Raffaele Fitto (centro-destra) in qualità di Presidente della Regione Puglia. I comuni appartenenti alla Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali e alla Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali sottoscrivono il protocollo di intesa dell‟Area Vasta dei Monti Dauni con il quale delegano la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali a presentare la proposta a valere sulla procedura negoziale di finanziamento.

54

Si ricorda a questo proposito che il processo decisionale dell‟area vasta si sviluppa in parallelo al PIT; è stato avviato nel maggio del 2005, quando i 29 Comuni del PIT Monti Dauni ai quali si aggiunge Lucera e le due Comunità Montane dei Monti Dauni sottoscrivono il protocollo di intesa dell‟Area Vasta dei Monti Dauni e approvano il progetto contente le linee di pianificazione strategica dell‟Area Vasta dei Monti Dauni, delegando la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali a presentare la proposta a valere sulla procedura negoziale di finanziamento, che viene approvata nel giugno di 2006 con la determinazione regionale n.199.

237


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 20 giugno 2005 29 giugno 2005 15 marzo 2006 15 marzo 2006 15 marzo 2006 6 aprile 2006

19 aprile 2006

13 giugno 2006

22 giugno 2006 12 luglio 2006 20 luglio 2006

2 agosto 2006

28 agosto 2006 22 settembre 2006 Ottobre 2006

2 ottobre 2006

Presso il settore tecnico della CM Monti Dauni Meridionali viene costituito l‟Ufficio Unico PIT Sottoscrizione dell‟Accordo con la Regione Puglia per l‟avvio della fase di attuazione del PIT 10 Monti Dauni La Regione Puglia pubblica il bando tutela e valorizzazione del patrimonio rurale del territorio regionale ricadente nell‟area geografica del Progetto Integrato Territoriale (PIT) n. 10 e negli itinerari turisticoculturali individuati per i Progetti Integrati Settoriali (PIS) La CM Monti Dauni Meridionali pubblica l‟avviso per l‟affidamento dell‟incarico relativo all‟espletamento delle procedure espropriative connesse alla realizzazione dei lavori pubblici di cui al PIT n.10 dei Monti Dauni La Regione Puglia pubblica il bando Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale" del territorio regionale ricadente nell'area geografica del PIT n.10 e negli itinerari turistico-culturali individuati per i PIS a valere sulla misura 2.2 Asse Prioritario II -Risorse Culturali - Fondo FEOGA - Misura 2.2 "Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale" del territorio regionale ricadente nell'area geografica del Progetto Integrato Territoriale (PIT) n. 10 e negli itinerari turistico-culturali individuati per i Progetti Integrati Settoriali (PIS) - Approvazione del bando regionale per la presentazione delle domande da parte di soggetti privati. POR Puglia 2000-2006 Fondo Feoga Sezione Orientamento - Asse IV - Sistemi locali di sviluppo - misura 4.21 "Consolidamento ed innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e operatori del settore" - Approvazione bando regionale per la selezione di Enti di Formazione cui affidare la progettazione e la realizzazione di corsi di formazione in agricoltura nel territorio della Regione Puglia comprese le aree di competenza del PIT n. 1, 4, 8 e 10. La Regione Puglia pubblica l‟avviso relativo alle Misure 4.1 e 3.13 dei “Programmi Integrati di Agevolazioni” PIT n. 10 - Monti Dauni per un importo complessivo di Euro. 8.592.000,00. Il 27 ottobre 2006 vengono invitati a presentare il progetto analitico tre imprese: Consorzio Costituendo Xarta, I.M.M. Hydraulics S.p.a., Soems S.p.A. La Regione Puglia pubblica il bando PIA per il PIT n. 10 La Regione Puglia pubblica l‟avviso pubblico per l‟approvazione di progetti a valere sulla delibera CIPE n.26/2006 Patti per l‟inclusione sociale, la legalità e la sicurezza POR Puglia 2000-2006 - Complemento di Programmazione, Asse II, Misura 2.3 "Formazione e sostegno all'imprenditoria nei settori interessati all'asse risoese culturali", Azione c) "Azione di sostegno alla creazione di piccole imprese ad all'occupazione nei settori interessati all'Asse" Avviso pubblico regionale n.15/2006 (Aiuti all'occupazione) per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato a dalla Regione Puglia. POR Puglia 2000-2006 - Complemento di Programmazione, Asse II, Misura 2.3 "Formazione e sostegno all'imprenditorialità nei settori interessati all'asse risorse culturali", Azione c) "Azione di sostegno alla creazione di piccole imprese ed alloccupazione nei settori interessati all'asse" Avviso pubblico regionale n.16/2006 (Sostegno alla creazione di imprese) per la presentazione di progetti per interventi cofinanziati dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. Pubblicazione del bando per la formazione di un elenco di imprese da invitare a gare di licitazione privata semplificata per lavori pubblici di importo inferiore a € 1.000.000,00, escluso IVA inseriti nel PIT n. 10 Monti Dauni Settentrionali: Carlantino Sistemazione pineta comunale La Cappellina; Casalnuovo M. Realizzazione parco archeologico; Pietramontecorvino Restauro e valorizzazione torre e borgo Monterotaro; Pietramontecorvino Restauro e valorizzazione torre e borgo Monterotaro; Pietramontecorvino Completamento e miglioramento infrastrutture PIP; Volturino Ristrutturazione chiesa rurale Serritella; Casalnuovo M. Completamento urbanizzazioni primarie; Casalnuovo M. Ripristino condotta idrica e punto di raccolta; Casalvecchio P. Completamento e ampliamento acquedotto rurale; Pietramontecorvino Lotta agli incendi; S. Marco la C. Recupero vecchio acquedotto rurale Sormarino; Volturino Costruzione e ampliamento condotta idrica rurale; Biccari Manutenzione straordinaria rete torrente Organo; Casalnuovo M. Ripristino area forestale in situazione ripariale; Casalvecchio P. Sistemazione agraria ed idraulico-forestale; Casalvecchio P. Sistemazione agraria ed idraulico-forestale; Pietramontecorvino Sistemazione idrogeologica torrente Triolo; Volturara A. Sistemazione canale costruzione di briglie; Celenza V. Caratterizzazione e bonifica del sito inquinato; Roseto V. Bonifica ex discarica comunale; Alberona Miglioramento forestale bosco ceduo; Alberona Miglioramento forestale bosco ceduo; Roseto V. Imboschimento terreni con boschi di origine naturale; Roseto V. Imboschimento terreni con boschi di origine naturale; Alberona Miglioramento forestale bosco ceduo; Pietramontecorvino Miglioramento boschivo; Roseto V. Imboschimento terreni con boschi di origine naturale; Roseto V. Diradamento boschi ed arricchimento flogistico; Volturara A. Incremento patrimonio boschivo a scopo ambientale; Volturino Ricostruzione bosco autoctono; Volturino Miglioramento superficie boschiva; Biccari Tagli colturali uso civico; Biccari Tagli colturali uso civico; Casalvecchio P. Consolidamento idrogeologico; Castelnuovo D. Consolidamento frana; Motta M. Completamento e risanamento dissesto idrogeologico; S. Marco la C. Lavori consolidamento; Volturara A. Lavori consolidamento; Volturara A. Rimozione stato di rischio; Volturino Consolidamento viabilità principale centro urbano; Celenza V. Valorizzazione boschi. Il viceprefetto vicario, Michele Di Bari, scioglie l‟assemblea (unitamente agli organi esecutivi) della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali Con decreto del Ministro di Interne viene sciolto il consiglio della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali e nominato il commissario straordinario Pubblicazione dei bandi di ammissione ai Master finanziati nell‟ambito del PIT 1 a valere sulla misura 3.7 “Formazione superiore”, azione d.1): Borse di studio e l‟azione e) Promozione e sostegno di filiere formative in forte connessione con il mercato del lavoro. I master finanziati nell‟ambito del PIT sono: Agricoltura biologica (Università degli studi di Foggia con sede a Bovino); Programmatore dello sviluppo sostenibile nelle aree interne e nei distretti agro-ambientali (Università degli studi di Foggia con sede a Castelnuovo Monterotaro); Archeologia dei paesaggi subappenninici: diagnostica, scavo, valorizzazione e fruizione (Università degli studi di Foggia – Dipartimento di Scienze Umane) POR Puglia 2000-2006 - Complemento di programmazione, Asse III, Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro", Azione d) "Percorsi integrati e individualizzati per il recupero e la transizione al lavoro delle donne, anche in condizione di

238


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

13 ottobre 2006

13 dicembre 2006 9 gennaio 2007 18 gennaio 2007

1 febbraio 2007 9 febbraio 2007

22 febbraio 2007

23 febbraio 2007 27 febbraio 2007

28 febbraio 2007

disagio sociale" - Avviso pubblico regionale n.23/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo stato e dalla Regione Puglia. POR Puglia 2000-2006 - Complemento di programmazione, Asse IV, Misura 6.4 "Risorse umane e Società dell'informazione", Azione b) "Attuazione del piano regionale della società dell'informazione" - Avviso pubblico regionale n.24/2006 per la presentazione di progetti per attività cofinanziate dal FSE, dallo Stato e dalla Regione Puglia. POR Puglia 2000-2006 - Complemento di programmazione, Asse III, Misura 3.14 "Promozione della partecipazione femminile al mercato del Lavoro", Azione b) "Percorsi integrati di formazione, accompagnamento e consulenza per la creazione di nuova imprenditorialità in forma singola e/o associata"; Azione c) "Rafforzamento e qualificazione dell‟offerta di servizi attraverso la formazione di nuove figure professionali, per favorire le donne lavoratrici"; Azione e) "Azioni di accompagnamento" - Avviso pubblico regionale n.27/2006 per la presentazione di progetti per la partecipazione femminile al mercato del lavoro. Ernesto Cicchetti, sindaco del Comune di Castel Nuovo della Daunia diventa presidente della CM Monti Dauni Settentrionale Pubblicazione dei seguenti bandi: Lavori di sistemazione movimento franoso alla località Tuoro- Vulgano – Comune di Alberona; Salvaguardia e valorizzazione del Vallone Santa Lucia- Agro di Casalvecchio di Puglia Pubblicazione dell‟avviso per l'affidamento del servizio attinente "la realizzazione di materiale multimediale necessario a perseguire la promozione e la valorizzazione dei territori interessati dal PIT 10 dei Monti Dauni; pubblicazione del bando per l‟affidamento del servizio attinente "la realizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione finalizzate alla riduzione della produzione di rifiuti nel territorio della Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali. Il bando è stato aggiudicato il 12 giugno 2007. Pubblicazione del bando completamento e ampliamento dell‟acquedotto rurale in agro di Casalvecchio di Puglia Pubblicazione dei seguenti avvisi pubblici: sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “valorizzazione e fruizione del bosco e dell‟interland con realizzazione ed attrezzamento della rete di sentieri nell‟ambito del pSIC in agro del comune di Rocchetta S.A.” –Mis. 1.6 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “manutenzione della rete scolante in contrada Daniele in agro del comune di Anzano di Puglia” - Mis. 1.4 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “Consolidamento e sistemazione idrogeologica del centro abitato del comune di Celle di San Vito” - Mis. 1.3 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “bonifica di piccoli ma numerosi dissesti all‟interno dell‟abitato e messa in sicurezza di case ed opifici nel comune di Anzano di P. (via delle Puglie, via Casalgrande e Valle D‟Anzano)” Mis. 1.3 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “consolidamento all‟interno del centro abitato del comune di Troia” - Mis. 1.3 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale in località San GerardoStimponescia-San Quirico ed altre in agro del comune di Deliceto” - Mis. 1.2 del PIT N. 10 dei Monti Dauni.Legge regionale n.13/01 e s.m.i. Pubblicazione dei seguenti bandi di gara: incremento e gestione dei boschi e tutela della biodiversità del patrimonio forestale – interventi colturali (rimboschimenti) rinaturalizzazione e restauro ambientale in agro del comune di Castelluccio Valmaggiore, di Rocchetta Sant‟Antonio a valere sulla misura 3.7 del PIT 10 (il bando è stato aggiudicato il 9 luglio 2007); sistemazioni agrarie ed idraulico forestali per la difesa del suolo sul torrente Potesano e realizzazione attraversamento in agro del Comune di Troia a valere sulla misura 1.4; lavori di ampliamento di acquedotto rurale esistente a servizio di aziende agricole in agro del comune di Anzano di Puglia; sistemazioni agrarie ed idraulico forestali estensive per la difesa del suolo. manutenzione della rete scolante bacino torrente fontana in agro del Comune di Deliceto; interventi di completamento zona PIP comunale in agro del Comune di Troia; sistemazione, recupero e valorizzazione del convento rurale di S.Antonio" in agro del Comune di Panni; Pubblicazione del bando di gara sistemazione, recupero e valorizzazione di due fontane antiche" in agro del comune di Monteleone di Puglia Pubblicazione del bando lavori di consolidamento frana località Vettruco – Castelnuovo della Daunia; pubblicazione dell‟avviso pubblico di sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale in agro del comune di Monteleone di Puglia” - Mis. 1.2 del PIT N. 10 dei Monti Dauni.Legge regionale n.13/01 e s.m.i.; avviso pubblico per il sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale in agro del comune di Panni”. Mis. 1.2 del PIT N. 10 dei Monti Dauni; Aggiudicazione dei 20 bandi pubblicati dalla CM Monti Dauni Merdionali tra 1 gennaio e 26 febbraio 2007

239


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 5 marzo 2007

7 marzo 2007

12 marzo 2007 19 marzo 2007 21 marzo 2007

27 marzo 2007 28 marzo 2007 29 marzo 2007 31 marzo 2007 aprile 2007 4 aprile 2007 11 aprile 2007

12 aprile 2007 13 aprile 2007 16 aprile 2007

20 aprile 2007 27 aprile 2007 30 aprile 2007 maggio 2007 2 maggio 2007 9 maggio 2007 11 maggio 2007 17 maggio 2007

Pubblicazione dei seguenti avvisi pubblici: sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale esistente a servizio di aziende agricole in agro del comune di CASTELLUCCIO dei Sauri” - Mis. 1.2 del PIT N. 10 dei Monti Dauni; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “Consolidamento e sistemazione idrogeologica del centro abitato del comune di CANDELA” - Mis. 1.3 del PIT N. 10 dei Monti Dauni; sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “interventi di consolidamento del Rione Fossi e consolidamento dell‟edificio Monsignor Maselli nel comune di Accadia” - Mis. 1.3 del PIT N. 10 dei Monti Dauni; bando di gara - procedura aperta – PIT n.10 dei Monti Dauni – misura 1.4 – sistemazioni agrarie ed idraulico forestali per la difesa del suolo “manutenzione della rete scolante sulla s.p. n. 121” in agro del Comune di Panni; bando di gara - procedura aperta - PIT n.10 dei Monti Dauni – misura 1.3 –interventi per la difesa del suolo – consolidamento all‟interno del centro storico nel comune di Monteleone di Puglia; Bando di Gara ad oggetto: "PIT n° 10 - Misura 4.2- Lavori di completamento e ampliamento infrastrutture area industriale di Ascoli Satriano; bando di gara ad oggetto: "PIT n° 10 - Misura 1.4- Lavori di sistemazioni agrarie ed idraulico forestali estensive per la difesa del suolo - Manutenzione della rete scolante nel bosco comunale" in agro del Comune di Castelluccio V.re; Pubblicazione del bando di gara lavori di sistemazione Idraulico-Forestali del “Fosso S.Antonio – Volturara Appula Bando di gara “Lavori di manutenzione della rete scolante in zona PIP - Ponte di Bovino in agro del Comune di BOVINO (FG)” Pubblicazione del bando lavori di messa in sicurezza e ripristino ambientale ex discarica comunale località “Astarza” agro di Roseto Valfortore – CM Monti Dauni Settentrionali; bando di gara per l‟affidamento dei lavori di ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale esistente in agro del Comune di TROIA (CM Monti Dauni Meridionali) Pubblicazione dell‟avviso pubblico per il sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l‟appalto dei lavori di “manutenzione della rete scolante lungo gli argini del Torrente Celone in agro del comune di Celle di San Vito” - Mis. 1.4 del PIT N. 10 dei Monti Dauni. Pubblicazione del bando sistemazioni agrarie e idraulico-forestali estensive per la difesa del suolo – canale della Caccetta in località Vallevona, agro di Casalnuovo M.ro. Bando di gara a valere sulla misura 6.2 - Azione C e misura 1.6 - Appalto misto di forniture, servizi e lavori per la realizzazione e gestione dei centri visita virtuali denominato "GET LOCAL Sub Appennino Dauno". Il bando è stato aggiudicato il 23 ottobre 2007. Pubblicazione dell‟avviso pubblico per l‟affidamento di alcuni interventi inseriti nell‟ambito del PIT N. 10 mis. 1.6. lavori di razionalizzazione della condotta idrica di distribuzione SORMARINO in agro di S. Marco la Catola Pubblicazione del bando di gara lavori per l‟ampliamento e razionalizzazione dell‟acquedotto rurale denominato “Le Mezzane – Masseria Civetta- Agro di Alberona Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Lavori di sistemazione degli argini lungo il Torrente Cervaro in agro del Comune di Castelluccio dei Sauri; bando di gara a valere sulla misura 1.2 - Lavori di ampliamento acquedotto rurale in località Torre Guevara e Giardinetto in agro del Comune di Orsara di Puglia; Avviso pubblico per il sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l'appalto dei lavori di: "Ampliamento di acquedotto rurale esistente alla c.da Agata delle Noci in agro del Comune di ACCADIA (FG)". Il bando viene aggiudicato il 28 maggio 2007. Pubblicazione del bando ristrutturazione della chiesa rurale della SERRITELLA e recupero funzionale dell‟ex convento annesso, in agro di Volturino. Pubblicazione del bando miglioramento della rete scolante ed alla funzionalità dei corsi d‟acqua ed alla rinaturalizzazione delle sponde del torrente Triolo, in agro di Pietramontecorvino (CM Monti Dauni Settentrionali); bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Sistemazioni agrarie ed idraulico forestali estensive per la difesa del suolo - Manutenzione della rete scolante in agro del Comune di Monteleone di Puglia (CM Monti Dauni Meridionali) Aggiudicazione di 9 bandi pubblicati dalla CM Monti Dauni Meridionali dal 27/3/2007 al 17/4/2007 Pubblicazione del bando lavori di consolidamento centro urbano in località campo sportivo, Valle Saccone e zone limitrofe, in agro di San Marco la Catola Pubblicazione del bando lavori di completamento, restauro e rifunzionalizzazione della “Torre Normanna” sita nell‟abitato del Comune di Pietramontecorvino Pubblicazione del bando per l'affidamento dei lavori da realizzarsi nelle aree boschive del Sub-Appennino Dauno Settentrionale Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Sistemazioni agrarie ed idraulico forestali estensive per la difesa del suolo - Manutenzione della rete scolante del Torrente San Gennaro in agro del Comune di Candela. Il bando viene aggiudicato il 2 giugno 2007 Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Lavori di sistemazione idraulico forestale sponde canale del Feudo in agro del Comune di Faeto. Il bando è stato aggiudicato il 12 giugno 2006. Espletamento bando di gara per l‟ampliamento acquedotto rurale in localita' Torre Guevara e Giardinetto in Agro del Comune di Orsara di Puglia avviso pubblico per il sorteggio delle imprese da invitare alla gara di licitazione privata semplificata per l'appalto dei lavori di consolidamento all'interno del centro abitato "Vallone Piscioni - Cimitero" nel Comune di Rocchetta S.Antonio. Il bando è stato aggiudicato il 11 gennaio 2008.

240


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 18 maggio 2007 18 maggio 2007 giugno 2007 25 giugno 2007

9 luglio 2007

10 luglio 2007

20 luglio 2007 9 agosto 2007 29 agosto 2007 17 settembre 2007 12 ottobre 2007

17 ottobre 2007 18 ottobre 2007 22 ottobre 2007 29 ottobre 2007 3 novembre 2007

7 novembre 2007 28 novembre 2007 30 novembre 2007 6 dicembre 2007 12 dicembre 2007 18 dicembre 2007 28 dicembre 2007

2 gennaio 2008 4 gennaio 2008 18 gennaio 2008 12 febbraio 2008 15 febbraio 2008

Pubblicazione del bando di gara lavori di ripristino idrogeologico di piccoli torrenti – Fiumara di Motta – in agro di Mottamontecorvino Aggiudicazione bando di gara manutenzione rete scolante in agro del comune di Monteleone di Puglia Pubblicazione del bando sistemazioni agrarie e idraulico-forestali estensive per la difesa del suolo “Vallone della Rocchetta – fiume Fortore e affluenti” Agro di Roseto V.re Pubblicazione dell‟avviso pubblico per affidamento degli interventi a valere sulla misura 1.7Interventi colturali (rimboschimenti), rinaturalizzazione e restauro ambientale; bando di gara a valere sulla misura 4.2 - lavori di ampliamento e completamento strada antistante il comparto e/8 della zona pip in Agro del Comune di Candela (il bando è stato aggiudicato il 25 luglio 2007); bando di gara a valere sulla misura 2.1 - lavori di completamento, consolidamento e recupero del castello nel Comune di Bovino (il bando è stato aggiudicato il 24 luglio 2007); Pubblicazione dei seguenti bandi: Lavori di consolidamento nel centro abitato in Largario Comunale ex INA Casa, in agro di Volturara Appula; Lavori di ripristino sentieristica nel territorio comunitario” Pubblicazione dei seguenti bandi: Lavori di sistemazione e fruizione della pineta comunale “ La Cappellina – Castelnuovo della Daunia; Lavori di sistemazione agraria ed idraulica del canale “ Maddalena” agro di Casalvecchio di Puglia Pubblicazione sul BUR regionale della determinazione regionale del 30 giugno del 2006 con la quale sono state approvate le proposte per le aree vaste, tra cui la proposta dell‟area vasta dei Monti Dauni Pubblicazione del bando per la fornitura di beni e servizi inerente il progetto Verde Impresa nell‟ambito del PIT 10 Distretto Natura – POR Puglia 2000-2006 – Misura 1.6 Pubblicazione del bando di gara Lavori di sistemazione dissesti idrogeologici in località “ Calcare “ in agro del Comune di Biccari Bando di gara a valere sulla misura 2.1 - Lavori di recupero e valorizzazione dell'area archeologica "Villa Romana Di Casalene" in agro del Comune di Bovino. Il bando è stato aggiudicato il 22 ottobre 2007. Pubblicazione dei seguenti bandi: Lavori di completamento delle opere di urbanizzazione primaria nel P.I.P. di Casalnuovo M.ro.; Realizzazione dell‟acquedotto rurale in localita Passo del Carnevale in agro di Castelnuovo della Daunia; Lavori di restauro e valorizzazione dell‟antica torre e borgo di Monterotaro in agro di Casalnuovo Monterotaro Espletamento del bando di gara lavori di manutenzione della rete scolante e costruzione di ponticelli sul torrente Frugno in Agro del comune di Accadia Pubblicazione del bando lavori di completamento e miglioramento infrastrutturale zona PIP agro di Pietramontecorvino Bando di gara a valere sulla misura1.6 - Valorizzazione e fruizione bosco ed interland con realizzazione di sentieri in agro del Comune di Faeto. Il bando è stato aggiudicato il 14 febbraio 2007. Bando di gara a valere sulla misura 1.2 - Azione A - Lavori di ampliamento e razionalizzazione di acquedotto rurale in agro del Comune di Monteleone di Puglia I Comuni aderenti all‟area vasta dei Monti Dauni hanno sottoscritto la Convenzione con quale è stata disciplinata la costituzione dell‟organismo interistituzionale finalizzato all‟elaborazione e redazione del Piano Strategico dell‟Area Vasta dei Monti Dauni e individuata la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali quale ente capofila Pubblicazione del bando lavori di completamento e risanamento dissesto idrogeologico in zona Serrone – Cimitero – Bicocca in agro di Mottamontecorvino Pubblicazione del bando lavori per la realizzazione di un parco archeologico da realizzarsi nel comune Carlantino Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Lavori sistemazione del torrente Fiumarelle in agro del Comune di Anzano di Puglia. Il bando è stato aggiudicato il 8 gennaio 2008. Bando di gara a valere sulla misura 1.4 – lavori di manutenzione e sistemazione della rete scolante a monte Vallone Piscioli in agro del comune di Rocchetta Sant‟Antonio Pubblicazione del bando lavori di consolidamento per la messa in sicurezza della viabilità di accesso al centro urbano del Comune di Volturino Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Lavori di di sistemazione agrarie ed idraulico forestali estensive per la difesa del Bosco Comunale in loc. Pozzillo in agro del Comune di S.Agata di Puglia. Il bando è stato aggiudicato il 1 febbraio 2008. Pubblicazione del bando lavori di costruzione e ampliamento della condotta idrica rurale in contrada Selvapiana in agro di Volturino (CM Monti Dauni Settentrionali); bando di gara relativo ai lavori di ampliamento ed adeguamento strutturale e funzionale degli acquedotti rurali esistenti per il miglioramento delle caratteristiche agricole in agro del Comune di Candela (CM Monti Dauni Meridionali). Il bando è stato aggiudicato il 29 gennaio 2008. Pubblicazione del bando lavori di ampliamento e ristrutturazione dell‟acquedotto Rurale in località “Madonelle” – “ S.Antonio”- “ Vigna Nuova”- “ Fornaci “ – in agro di Celenza V.re Pubblicazione del bando lavori di realizzazione condotta idrica e recupero fontana di raccolta in località Vallevona in agro di Casalnuovo M.ro Pubblicazione del bando lavori di completamento e risanamento dissesto idrogeologico in zona Serrone – Cimitero – Bicocca in agro di Mottamontecorvino avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere l'incarico di "Coordinatore delle attività di realizzazione e implementazione del sistema dei centri visita virtuali, con funzioni di Capo progetto e Coordinatore del gruppo di lavoro"; Misura 6.2 - Azione C) e Misura 1.6: avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere l'incarico di "Coordinatore delle attività di definizione delle componenti Hw, Sw,

241


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011

3 marzo 2008

25 marzo 2008 26 marzo 2008

16 aprile 2008

12 maggio 2008

14 maggio 2008 22 maggio 2008 4 giugno 2008

3 luglio 2008 28 luglio 2008 6 agosto 2008

8 agosto 2008 28 gennaio 2009 6 febbraio 2009 9 marzo 2009 2 aprile 2009 28 maggio 2009

giugno 2009 29 gennaio 2010 25 febbraio 2010 8 marzo 2010 22 aprile 2010 12 maggio 2010

Telematiche, di connettività, strumenti multimediali e grafica web del sistema dei centri visita virtuali"; avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere l'incarico di: "Coordinatore in materia di impiantistica ad alta professionalità per gli aspetti architettonici del sistema dei centri visita virtuali" misura 6.2 - azione c) e mis. 1.6: avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere incarico di "coordinatore per gli aspetti naturalistici e ambientali collegati al sistema dei centri visita virtuali"; avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere incarico di natura tecnica e di importo inferiore a € 20.000,00. Misura 1.2 - Lavori di ampliamento e completamento di acquedotti rurali nelle località "Prazzeta, Baidalenga, Santillo e Serra S.Caterina" in agro del Comune di Castelluccio Valmaggiore. Il bando è stato aggiudicato il 2 maggio 2008. Pubblicazione del bando di gara per l‟affidamento del Progetto Settore “Subappennino Dauno International” nell‟ambito del PIT10 (Monti Dauni Settentrionali); bando di gara a valere sulla misura 1.2 - Lavori di completamento di acquedotti rurali esistenti in loc. "Montemaggiore" in agro del Comune di Orsara di Puglia Misura 6.2 - azione c) e misura 1.6: avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere l'incarico di coordinatore in tema di valorizzazione e gestione dei beni culturali e monumentali del sistema dei centri visita virtuali; avviso pubblico per la formazione di un elenco di professionisti qualificati ad assumere l'incarico di coordinatore in comunicazione, attività di marketing territoriale, turismo e strategie economiche del sistema dei centri visita virtuali; Pubblicazione dei seguenti bandi: Lavori di recupero del Casone Chiattone – C/da Chiattone-Selvapiana – Agro di Volturino; Lavori di restauro e sistemazione area annessa alla chiesa rurale S. Maria della Stella ” – C/da Strettola Comune di Castelnuovo della Daunia lavori di sistemazione idraulico-forestale estensiva per la difesa del suolo lungo la strada provinciale n° 136 Monteleone Di P. - Anzano Di Puglia, in agro del comune di Monteleone Di Puglia. Il bando è stato aggiudicato il 19 giugno 2008. Bando di gara a valere sulla misura 1.4 - Lavori di sistemazione idraulico forestale per la difesa del suolo in agro dei Comuni di: Bovino, Monteleone di Puglia. e Orsara di Puglia. Il bando è stato aggiudicato il 30 giugno 2008. La CM Monti Dauni Settentrionale pubblica l‟avviso per l‟affidamento di studi per la realizzazione di studi e indagini di mercato finalizzati alla riconoscibilità e apprezzamento dei prodotti realizzati con metodo di agricoltura e zootecnia biologica nonché di prodotti suscettibili di riconoscimento DOC, DOP, IGT, IGP e alla definizione dei principali mercati di riferimento lavori per la realizzazione di acquedotto rurale nella borgata rurale di Tertiveri, in agro del Comune di Biccari Bando di Gara a valere sulla misura 1.2 relativo ai lavori di ampliamento e completamento di acquedotti rurali esistenti in agro del Comune di Faeto Bando di gara a valere sulla misura 1.8 relativo ai lavori di realizzazione isole ecologiche al servizio di aree urbane per favorire la raccolta differenziata nel Comune di Castelluccio dei Sauri; bando di gara a valere sulla misura 1.8 relativo ai lavori di messa in sicurezza della discarica di rifiuti in agro del Comune di Monteleone di Puglia (il bando è stato aggiudicato il 16 settembre 2008); Bando di gara a valere sulla misura 1.8 relativo ai lavori di messa in sicurezza permanente della discarica di rifiuti in agro del Comune di Bovino. Il bando è stato aggiudicato a settembre del 2008. Bando di gara a valere sulla misura 1.8 relativo ai lavori di messa in sicurezza della discarica di rifiuti nel Comune di Anzano di Puglia. Il bando è stato aggiudicato il 25 febbraio 2009. Con decreto regionale n. 132 viene soppressa la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali. Il decreto viene integrato e confermato dal decreto regionale n.228 del 9 marzo con il quale si dispone la soppressione definitiva della CM Monti Dauni Meridionali. Il sindaco di Anazano di Puglia viene nominato il Commissario liquidatore della Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali. Sentenza del TAR Puglia che annulla il decreto regionale di soppressione della Comunità Montana Monti Dauni Meridionali e la nomina del Commissario liquidatore. Avviso pubblico per costituire un elenco di cooperative per realizzare il progetto pilota “Agricoltura Sociale” nell‟ambito del progetto “Communitas” - Patto per l‟Inclusione Sociale, la Legalità e la Sicurezza” del Pit n. 10 e degli ambiti territoriali dei piani di zona di Lucera e Troia; avviso pubblico per la formazione di un elenco di operatori economici per realizzare il progetto pilota "animazione e sensibilizzazione territoriale" nell'ambito del progetto Communitas - Patto per l'inclusione sociale, la legalità e la sicurezza del PIT 10 e degli Ambiti Territoriali dei Piani di Zona di Lucera e Troia. Pubblicazione del bando Formazione di un elenco di cooperative sociali qualificate per realizzazione del progetto pilota “animazione e sensibilizzazione territoriale” finanziato nell‟ambito del progetto per la legalità e sicurezza nei Monti Dauni (ex delibera CIPE n.26/2003) Elezioni politiche. Nichi Vendola (centro sinistra) viene riconfermato a capo della giunta regionale. Adozione della legge regionale n.5 con la quale viene disposta la soppressione delle Comunità Montane pugliesi e lo svolgimento dei relativi compiti e funzioni da parte dei Comuni in forma associata ovvero, in assenza di loro costituzione, da parte delle Province territorialmente competenti. Con il decreto n. 225 della Regione Puglia viene soppressa la Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali e viene nominato il Commissario Liquidatore. La Provincia di Foggia viene individuata quale ente capofila dell‟area vasta dei Monti Dauni avviso pubblico per la formazione di un elenco di cooperative sociali di tipo "A", "B" o Consorzio di Cooperative qualificate ad espletare il servizio denominato "Laboratorio Lavoro 2" nell‟ambito del progetto “Communitas” - Patto per l‟Inclusione Sociale, la Legalità e la Sicurezza” del Pit n. 10 e degli ambiti territoriali dei piani di zona

242


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 21 maggio 2010 luglio 2010

2

Revoca della precedente decisione che individuava la Provincia quale ente capofila dell‟area vasta dei Monti Dauni e nomina del Comune di Bovino quale ente capofila dell‟area vasta. Al momento non tutti i Comuni hanno deliberato nei Consigli Comunali la nomina del Comune di Bovino. Approvato il PIST Parco della salute dei 8 Comuni che fuoriescono dall‟area vasta dei Monti Dauni: Catel Nuovo Monterotarto, Catelvecchio della Puglia, Castel Nuovo della Daunia, PietraMontecorvino, MottaMontecorvino, San Marco la Catola, Volturino, Celenza Valforte

Descrizione del PIT

L‟ambito territoriale di intervento del PIT Monti Dauni è costituito dal Subappennino Dauno, un‟area che confina a nord e nord-ovest con la Basilicata, la Campania e il Molise. I comuni del PIT sono associati in due Comunità Montane: - La Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali: Casalnuovo Monterotaro, Alberona, Biccari, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, MottaMontcorvino, PietraMontecorvino, Roseto Valfortore, San Marco La Catola, Volturara e Volturino; - La Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali: Bovino, Accadia, Anzano di Puglia, Ascoli Satriano, Candela, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Deliceto, Faeto, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni, Rocchetta Sant‟Antonio, Sant‟Agata di Puglia e Troia. Oltre ai 29 Comuni e le due Comunità Montane il PIT coinvolge anche la Provincia di Foggia. Si tratta di Comuni piccoli sia dal punto di vista della superficie sia da quella della densità abitativa: 1.936,08 kmq., pari al 27% della provincia di Foggia, con una dimensione media (6.675,9 ha) nettamente inferiore a quella degli altri comuni della provincia (11.248,5) e della regione (7.508,6); densità abitativa media di 35,2 ab./kmq. Dal punto di vista ambientale, il territorio si confronta con alcune criticità, quali ad esempio fenomeni rilevanti di dissesto idrogeologico, ma anche importanti risorse naturalistiche e culturali. Infatti, sul territorio dei Monti Dauni sono localizzati cinque siti di interesse (SIC): la Valle del Fortore, il Lago di Occhito, il bosco Difesa di Faeto, il bosco di Iscatare e il Monte Sambuco. Inoltre il territorio è ricco di reperiti archeologici dell‟epoca preistorica conservati in siti archeologici e nei due musei archeologici (nel Comune di Lucera e Carlatino) e di monumenti dichiarati “patrimonio nazionale” o di interesse nazionale (Castello Aragonese, Madona dell‟Arco, Cattedrale di Lucera, ecc). Tra i Comuni dei Monti Dauni, alcuni fanno parte dei borghi più belli di Italia e del sistema “bandiere arancioni” del Touring Club Italiano (PietraMontecorvino, Alberona, Roseto Valforte) e delle città slow (Orsara di Puglia). Dal punto di vista socio-economico l‟analisi del territorio realizzata nella fase di predisposizione della proposta programmatica ha messo in luce che si tratta di un territorio caratterizzato da fragilità socioeconomica e scarsa dinamicità del sistema imprenditoriale locale. Le criticità maggiori riguardano: la bassa capacità innovativa e di associazione del sistema imprenditoriale; la mancanza di un'organizzazione complessiva dell'ambiente economico, dovuta essenzialmente sia alla carenza infrastrutturale sia alla debolezza dell'insieme dei servizi di supporto alle imprese; un sistema socio-politico amministrativo, che si confronta con difficoltà nelle attività di pianificazione del territorio. Il PIT 10 si pone in continuità agli strumenti di programmazione già esistenti sul territorio dei Monti Dauni e integra gli interventi previsti nell‟ambito dei Patti territoriali o altri strumenti di programmazione, quali ad esempio il Piano di Sviluppo Socio-Economico e il PIS Puglia Alta e Apuliae, intervenendo nei seguenti ambiti: salvaguardia e riqualificazione di siti naturalistici e culturali di particolare rilevanza; qualificazione dell‟offerta turistica dell‟area con particolare riguardo alla strutturazione di reti e percorsi fisici e virtuali; creazione di nuove imprese e la riqualificazione e diversificazione delle imprese esistenti. Il PIT si concentra maggiormente su interventi infrastrutturali per la valorizzazione delle aree naturalistiche, delle risorse culturali e la valorizzazione dei centri storici e dei borghi. 2.1

Idea forza

L‟idea forza del PIT riguarda lo sviluppo e l‟innovazione dell‟economia del Sub - Appennino Dauno attraverso la messa in sicurezza del territorio, la tutela e la salvaguardia delle risorse ambientali e naturali, la valorizzazione e la promozione del binomio produzioni tipiche – turismo. I Monti Dauni si caratterizzano, infatti, per una scarsa competitività dell‟economia locale, basata perlopiù su un‟agricoltura a gestione 243


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 familiare, per una carenza di servizi e infrastrutture a supporto delle imprese e per una fragilità del territorio dal punto di vista idrogeologico. Allo stesso tempo il territorio dei Monti Dauni dispone di un ricco patrimonio storico/culturale – naturalistico (cinque aree SIC, monumenti patrimonio nazionale o di interesse nazionale, borghi medievali, numerosi reperti archeologici, ecc) che risulta poco valorizzato e non integrato. L‟obiettivo generale è quello di invertire le spinte allo spopolamento attraverso la riqualificazione del territorio per renderlo un ambiente competitivo ai fini del binomio turismo – tipicità, la valorizzazione della matrice ambientale in un‟ottica di integrazione con il patrimonio storico-culturale e lo sviluppo di bacini produttivi, ed inoltre la riqualificazione delle risorse umane in funzione delle vocazioni locali. Gli obiettivi specifici del PIT 10 sono: garantire disponibilità idriche adeguate (quantità, qualità, costi) per la popolazione civile e le attività produttive; recuperare le funzioni idrogeologiche dei sistemi naturali, forestali e delle aree agricole; accrescere la sicurezza attraverso la previsione e prevenzione degli eventi calamitosi nelle aree soggette a rischio idrogeologico incombente e elevato (con prioritaria attenzione per i centri urbani, le infrastrutture e le aree produttive) e nelle aree soggette a rischio sismico; migliorare la qualità del patrimonio naturalistico e culturale, riducendone il degrado/ abbandono ed accrescendone l‟integrazione con le comunità locali; bonifica dei siti inquinati e miglioramento delle conoscenze, delle tecnologie, delle capacità di intervento dei soggetti pubblici e privati, nonché della capacità di valutazione e del controllo della Pubblica Amministrazione in questo campo; promuovere la rete ecologica come infrastruttura di sostegno delle sviluppo compatibile e come sistema di offerta di beni, risorse e valori; consolidare, estendere e qualificare il patrimonio archeologico, architettonico, storico-artistico, paesaggistico, archivistico e bibliografico delle aree depresse, nonché quello relativo alle attività di spettacolo e di animazione culturale; migliorare la dotazione e la funzionalità delle infrastrutture per la localizzazione e la logistica delle imprese e delle infrastrutture di servizio e supporto per la forza lavoro, in particolare per il lavoro femminile; sviluppare pacchetti integrati di agevolazioni (PIA) per il contestuale finanziamento di investimenti, sviluppo pre-competitivo ed innovazione tecnologica dal punto di vista produttivo e ambientale; favorire la nascita e la localizzazione di nuove attività e nuove imprese, specie in iniziative che assicurino buone prospettive di crescita e di integrazione con il territorio e l‟ambiente in un‟ottica di valorizzazione dei cluster e delle filiere produttive, anche attraverso attività di animazione permanente; sostenere l‟internazionalizzazione delle imprese e la promozione dell‟integrazione economica transfrontaliera e transnazionale; accrescere e qualificare le presenze turistiche nella regione, attraverso azioni di marketing dei sistemi turistici; sviluppare l‟imprenditorialità e la crescita delle organizzazioni legate alla valorizzazione e alla diffusione della conoscenza del patrimonio culturale. Creare le condizioni e favorire la creazione di strutture ad alta specializzazione per la gestione degli interventi di restauro e valorizzazione. Sviluppare attività di formazione per la riqualificazione e la creazione di competenze legate al patrimonio e alle attività culturali. migliorare la competitività dei sistemi agricoli e agroindustriali regionali in un contesto di filiera anche attraverso la valorizzazione delle risorse agricole ambientali e storico-culturali; promuovere un‟offerta adeguata di formazione superiore e universitaria. La strategia adottata dal PIT 10 si focalizza, dunque, su interventi infrastrutturali di manutenzione del territorio, prevenzione del dissesto idrogeologico, riqualificazione dei centri storici e borghi, restauro dei siti archeologici, valorizzazione del patrimonio naturale e culturale a scopo turistico, e sostegno all‟imprenditorialità. 244


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 2.2

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria iniziale del PIT era pari a 100.068.768 euro; è stata poi rivista in fase di implementazione (Complemento di Programmazione 2009) per un ammontare totale pari a 97.627.632 euro. Le risorse finanziarie assegnate al PIT sono ripartite come di seguito illustrato. Le voci principali riguardano gli interventi per la difesa del suolo (15 Meuro), le sistemazioni agrarie e idraulico-forestali (14 Meuro), gli interventi in tema di risorse idriche (12 Meuro). Rileva poi la quota a valere sulla misura 4.1 in tema di aiuti al sistema industriale (PMI e artigianato). Tabella 3 Dotazione finanziaria del PIT 10

Misura 1.2 Risorse idriche per le aree rurali e per l‟agricoltura 1.3 Interventi per la difesa del suolo 1.4 Sistemazioni agrarie ed idraulico-forestali estensive per la difesa del suolo 1.6 Salvaguardia e valorizzazione dei beni naturali ed ambientali 1.7 Incremento e gestione dei boschi e tutela delle biodiversità del patrimonio forestale 1.7 Incremento e gestione dei boschi e tutela delle biodiversità del patrimonio forestale 2.1 Valorizzazione e tutela del patrimonio culturale pubblico e miglioramento dell'offerta dei servizi culturali 2.2 Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale 2.3 Formazione e sostegno all'imprenditorialità 3.7 Formazione Superiore 3.11 Sviluppo e consolidamento dell‟imprenditorialità, emersione del lavoro non regolare 3.12 Miglioramento delle risorse umane nel settore della Ricerca e Sviluppo tecnologico 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico 3.14 Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro 4.1 Aiuti al sistema industriale (PMI e Artigianato) 4.2 Interventi di completamento e miglioramento delle infrastrutture di supporto e qualificazione dei bacini logistici dei sistemi produttivi locali 4.6 Selvicoltura 4.8 Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità 4.9 Diversificazione delle attività delle imprese agricole 4.14 Supporto alla competitività ed all'innovazione delle imprese e dei sistemi di imprese turistiche 4.20 Azioni per le risorse umane 4.21 Consolidamento e innovazione delle competenze tecniche degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore 6.2 Società dell'Informazione 6.4 Risorse umane e società dell‟informazione 6.5 Iniziative per legalità e sicurezza

Dotazione finanziaria in euro 12.039.087 15.244.636 14.219.029 6.929.964 6.072.927 2.208.000 3.512.780 3.520.000 1.516.866 2.126.779 491.270 656.115 540.000 1.755.122 10.925.100 4.129.156 3.600.000 317.850 854.400 3.503.160 923.080 600.000 6.302.400 2.099.994 300.000

Fonte: Complemento di Programmazione 2009

2.3

I progetti attivati

I progetti previsti dal PIT riguardano soprattutto interventi infrastrutturali - mediamente inferiori a 1 milione di euro - in materia di difesa del suolo, prevenzione del dissesto idrogeologico, recupero del patrimonio storico e culturale, riqualificazione dei centri storici, completamento e ampliamento di acquedotti rurali, e realizzazione della sentieristica nelle aree SIC. Tra gli interventi previsti spicca il progetto Get Local (finanziato con 6.000.000 euro), fulcro del modello di sviluppo promosso dal PIT, cioè valorizzazione e messa a sistema del patrimonio storico, culturale e ambientale al fine dello sviluppo di un sistema turistico sostenibile nei Monti Dauni (cfr. paragrafo successivo). In base alle informazioni derivanti dalle interviste agli attori locali, tutti i progetti previsti dal PIT 10 per entrambi versanti sono stati attivati. Per quanto riguarda la Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali, il PIT manager ha confermato che sono state utilizzate risorse pari a 49.376.238,66 euro55 oltre al progetto Communitas, di importo pari a 570.000 euro a valere sulla delibera CIPE n. 16/2003. 55

Per interventi a valere sulle seguenti misure: 1.2, 1.3, 1.4, 1.6, 1.7, 1.8, 2.1, 2.2, 4.2, 4.8, 6.2, 7.1, 6.5.

245


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Per quanto riguarda gli interventi gestiti dalla Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali non è stato possibile ricostruire un quadro esatto dei finanziamenti gestiti poiché la Comunità Montana è in fase di scioglimento ed il PIT manager è in pensione. Alcuni intervistati hanno affermato che la maggior parte degli interventi infrastrutturali è stata gestita direttamente dai singoli Comuni della Comunità Montana e non dalla CM stessa. In dettaglio, i progetti attivati nell‟ambito del PIT 10 riguardano: Interventi infrastrutturali: -

-

-

22 interventi di ampliamento/completamento di acquedotti rurali di cui 7 interventi di un importo sopra 500.000 euro ciascuno e 1intervento di ripristino di una condotta idrica e punto raccolta nel Comune di Casalnuovo Monterotaro; 7 interventi di consolidamento e sistemazione idrogeologica di un importo superiore a 500.000 euro ciascuno; 5 interventi di sistemazione dissesti idrogeologici di cui 4 di importo superiore a 500.000 euro; 15 interventi di sistemazioni agrarie ed idraulico-forestali di cui 4 di importo superiore a 500.000; 12 interventi per la realizzazione ed attrezzamento di sentieri nell‟ambito del pSIC sui due versanti dei Monti Dauni, tra cui il ripristino di 50 km di sentieri della CM Monti Dauni Settentrionali, per un importo pari a 1.967.907 euro; 1 intervento di ampliamento e completamento della zona ASI nel Comune di Ascoli Satriano per un importo di 2.209.335,15 euro; 3 interventi di ampliamento e completamento della zona PIP di cui uno di importo pari a 1.272.84 euro; 1 intervento di messa in sicurezza della viabilità principale nel Comune di Volturino di un importo pari a 700.000 euro; 1 intervento di completamento delle opere di urbanizzazione primarie nel Comune di Castelnuovo Monterotaro per un importo pari a 700.000 euro; 21 interventi di recupero di monumenti/edifici di interesse storico-culturale di cui 7 di importo superiore a 500.000 euro; 1 intervento di recupero e valorizzazione dell’area archeologica Villa Romana di Casalane di importo pari a 307.029 euro; 5 interventi di consolidamento all’interno di centri abitati di cui 2 di un importo pari a 600.000 euro ciascuno; Progetto “Get local”: interventi per la costruzione/recupero di edifici da dedicare ai centri visita (cfr. paragrafo successivo).

Altri progetti I principali progetti non infrastrutturali gestiti a livello locale sono i seguenti: Il progetto Verde Impresa (sostegno all‟imprenditorialità sul versante settentrionale) di importo pari a 516.456 euro) coinvolge l‟intera area della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali e consiste nella realizzazione di un sistema informativo per il sostegno degli aspiranti imprenditori nella realizzazione del proprio progetto di business e delle imprese già avviate nel consolidare la loro impresa e nella creazione di uno sportello informativo presso ogni Comune coinvolto; gli sportelli devono offrire i seguenti servizi: consulenza sulla normativa, le opportunità di finanziamento, corsi di formazione, studi e ricerche di settore, sulla supporto alla definizione di un business plan e piano marketing al fine di sostenere l‟imprenditore nello sviluppo della sua idea imprenditoriale; Il Progetto Subappennino Dauno International (intervento a sostegno dell‟internazionalizzazione delle imprese presenti nel territorio dei Monti Dauni a valere sulla misura 6.2, azione b del PIT 10) di importo pari a 388.220 euro. Il progetto ha come obiettivo la promozione e la diffusione della conoscenza, nei mercati esteri, dei prodotti e dei sistemi produttivi locali del Subappennino Dauno, per favorire scambi e iniziative commerciali tra gli operatori stranieri e i produttori dei comuni Dauni, mirando a fornire sostegno alle imprese locali in termini di conoscenza e di apertura ai possibili modelli di sviluppo economico. Le attività riguardano la realizzazione di missioni negli Stati Uniti per le imprese dei Monti Dauni e di missioni di incoming dei buyers americani. 246


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Progetto Communitas – patti per l’inclusione sociale di un importo pari a 570.000 euro. Il progetto, trasversale alle due Comunità Montane, si sviluppa su due ambiti: da un lato l‟inclusione dei soggetti svantaggiati attraverso attività di formazione on the job e inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e dall‟altro attività di animazione e sensibilizzazione sul territorio intesa come educazione alla legalità per il rispetto dell‟ambiente e per la prevenzione dei reati ambientali. Per quanto riguarda l‟inclusione dei soggetti svantaggiati, le attività da realizzare riguardano la formazione on the job e sperimentazione dell‟inserimento lavorativo per 9 nove mesi di 5 donne, disoccupate o occupate irregolarmente, presso il servizio di Telesoccorso sviluppato dalla CM Monti Dauni Meridionali, formazione e inserimento lavorativo di 10 soggetti svantaggiati presso imprese agricole; creazione di un sistema di offerta di prestazioni lavorative (assistenza a domicilio per anziani, malati cronici e/o terminali, diversamente abili; babysitter; lavori di piccola manutenzione e giardinaggio, servizi di pulizia ambienti) a contenuto sociale da parte di soggetti svantaggiati, quali vengono compensati attraverso dei buoni nominali acquistati da parte del soggetto richiedente la prestazione presso l‟Ufficio di Piano o presso i Comuni facenti parte del Piano di Zona. Quanto agli interventi di animazione e sensibilizzazione per la prevenzione dei reati ambientali, essi riguardano in dettaglio la realizzazione di una mappa generale del rischio ambientale nei Monti Dauni; campagne di animazione sul territorio; realizzazione di un codice etico per il rispetto del territorio e la promozione di azioni volte al sostegno e all‟accompagnamento di progetti di sviluppo del territorio legati alla valorizzazione delle risorse naturali e culturali. GET Local – promozione del modello Distretto Natura attraverso la realizzazione di 29 centri visita - di un importo pari a 6.201.400 euro. Nello specifico il progetto si propone di: rafforzare il posizionamento percettivo del Sub-Appennino Dauno; attirare l‟attenzione di nuove aree di interesse per il turismo scolastico, culturale, naturalistico, enogastronomico; potenziare la struttura di “presidi” di servizio e informativi, di supporto alla fruizione turistica del territorio e a funzioni “associative” della comunità residente; favorire la crescita di flussi di domanda e di spesa dei residenti in aree limitrofe e di turisti già in zona. Il progetto prevede in primis la realizzazione di 29 Centri Visita nei comuni di riferimento dedicati alla valorizzazione delle risorse culturali, archeologiche, naturalistiche, nonché alla riscoperta delle tradizioni, dei circuiti enogastronomici e delle eccellenze locali, al fine di creare nuove attrazioni per il turismo ed il tempo libero. A seguire, il progetto prevede la realizzazione di percorsi tematici dedicati alla scoperta del Sub‐Appennino Dauno e la creazione di una piattaforma informativa per la promozione del territorio, realizzazione di itineranti personalizzati, promozione di pacchetti turistici integrati e gestione dell‟offerta e della domande turistica nella zona. Concertato con i Comuni, il progetto è stato caratterizzato da forti criticità dovute da un lato a problemi all‟interno dell‟Ati56 che ha vinto l‟appalto e dall‟altro ad una opposizione iniziale di alcuni dei Comuni della CM Settentrionale legata all‟affidamento dell‟appalto. Tuttavia le criticità iniziali sono state superate una volta conseguiti i primi output. Per dettagli sugli output si veda la sezione 2.6. Altri progetti sono: -

Realizzazione di 12 centri visita di importi inferiori a 100.000 euro; 13 interventi di manutenzione della rete scolante di cui 8 interventi di un importo superiore a 500.000 euro ciascuno; Lavori di sistemazione e fruizione della pineta comunale La Cappellina nel Comune di Castelnuovo della Dunia di un importo pari a 500.000 euro; 6 interventi di rimboschimento di cui 3 di un importo superiore a 500.000 euro; 6 interventi di bonifica e messa in sicurezza di discariche di rifiuti di cui uno solo di un importo sopra a 500.000 euro; Studi di prodotti tipici: mela limoncella, soppressata del maiale nero, caciocavallo, fagioli dei Monti Dauni; gli studi sono propedeutici all‟introduzione della DOC e IGP. Campagna informativa volta a promuovere la riduzione della produzione dei rifiuti del territorio di un importo pari a 49.400 euro; Elaborazione del Piano di gestione integrata di alcune aree ad alta valenza ambientale

56

Si ricorda a questo proposito che l‟appalto è stato vinto nel 2007 da un ATI composto da Eunics impresa, Netlearn e Atlantide; nel dicembre del 2007 Eunics trasferisce la sua parte di attività a Eutelia che in seguito realizza la fusione con Agile e trasferisce la sua parte di attività ad Agile, senza però informare la Comunità Montana di tale subentro e senza trasmettere la documentazione necessaria alla Comunità Montana; nel 2009 la Comunità Montana rescinde dal contratto con Eutelia e la continuazione del progetto viene affidata alla costituende Netlearn e Atlantide con Netlearn capogruppo).

247


Consorzio Metis – Rapporto finale – giugno 2011 Interventi di formazione -

-

Attivazione di tre master di primo livello realizzati dall‟Università di Foggia: Agricoltura biologica; Archeologia dei paesaggi subappennici. Diagnostica, scavo, valorizzazione e fruizione; Programmatori dello sviluppo turistico sostenibile nelle aree interne e nei distretti agroambientali. Attivazione di 4 progetti di formazione a regia regionale a valere sulla misura 3.14, azione b) di un importo pari a 813.650,00 euro; Attivazione di 2 progetti a valere sulla misura 3.14, azione c) di un importo pari a 360.000 euro; Finanziamento di 18 borse di studio a valere sulla misura 3.7 azione d/1) “Borse di studio di specializzazione e perfezionamento post-laurea ed attività formative elevate di un importo complessivo di 262.500 euro.

Pacchetti integrati di agevolazioni alle imprese a valere sulle misure 4.1 e 3.13 -

2.3.1

I PIA sono stati gestiti a regia regionale. Il finanziamento iniziale di 8.052.000 euro previsto per i pacchetti integrati di agevolazione alle imprese nel territorio del PIT 10 è stato rimodulato a 5.099.393 euro, con una economia di 2.952.606,13 euro, con la determinazione regionale n.1708 del 13 novembre 2006. Per dettagli sugli output si veda la sezione 2.6.

Progetti significativi (flagship)

I progetti significativi dal punto di vista finanziario gestiti a livello locale sono: 1.

interventi di tipo infrastrutturale: - acquedotto rurale nel Comune di Orsara di Puglia (2.070.104 euro) – opera completata; - acquedotto rurale nel Comune di Candela (1.223.055 euro) – opera completata; - ampliamento e completamento della zona ASI nel Comune di Ascoli (2.209