Issuu on Google+


Valentina Costa e Marco Scarpellini 4 Luglio 2009 Parrocchia SS. 7 f.lli Martiri, Ranica Celebrante Don Paolo Riva Testimoni Manuela, Marcella, Silvia, Giusy


Canto d’ingresso: Nozze a cana Danzano con gioia le figlie d’Israele, le nozze sono pronte per il Figlio del Re. Alleluia, alleluia per il Figlio del Re! Alleluia, alleluia per il Figlio del Re! 1. A Cana in Galilea nel nome del Signore gli sposi han giurato amore e fedeltà. Coi cembali e coi flauti le danze fan corona, il vino sulla mensa il cuor rallegrerà. 2. Nel mezzo della festa il vino viene meno, non hanno più la gioia la danza finirà. La madre dice ai servi: “Udite la Parola che il Figlio mio vi dona, Lui vi disseterà!” 3. Si arrossano le coppe di vino nuovo colme: è il dono dello Sposo per nuova fedeltà. Danziamo allor fratelli: del Re noi siamo figli, a Lui cantiamo lodi per sempre, alleluia! Finale: Danzano con gioia per il Figlio del Re (x3)

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito.


Memoria del Battesimo Valentina e Marco, la Chiesa partecipa alla vostra gioia e insieme con i vostri cari vi accoglie con grande affetto nel giorno in cui davanti a Dio, nostro Padre, decidete di realizzare la comunione di tutta la vita. In questo giorno per voi di festa il Signore vi ascolti. Mandi dal cielo il suo aiuto e vi custodisca. Realizzi i desideri del vostro cuore ed esaudisca le vostre preghiere. Riconoscenti per essere divenuti figli nel Figlio, facciamo ora memoria del Battesimo, dal quale, come da seme fecondo, nasce e prende vigore l’impegno di vivere fedeli nell’amore.

Padre, nel Battesimo del tuo Figlio Gesù al fiume Giordano hai rivelato al mondo l’amore sponsale per il tuo popolo.

Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie. Cristo Gesù, dal tuo costato aperto sulla Croce hai generato la Chiesa, tua diletta sposa.

Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie. Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, oggi fai risplendere in Valentina e Marco la veste nuziale della Chiesa.

Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie. Dio onnipotente, origine e fonte della vita, che ci hai rigenerati nell’acqua con la potenza del tuo Spirito, ravviva in tutti noi la grazia del Battesimo, e concedi a Valentina e Marco un cuore libero e una fede ardente perché, purificati nell’intimo, accolgano il dono del Matrimonio, nuova via della loro santificazione. Per Cristo nostro Signore.

Amen.


Gloria a Dio, nell’alto dei cieli,

e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio Unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo; nella gloria di Dio Padre. Amen. Preghiamo. O Dio, che dall’inizio del mondo benedici l’uomo e la donna con la grazia della fecondità, accogli la nostra preghiera: scenda la tua benedizione su Valentina e Marco, tuoi figli, perché, nel loro Matrimonio, siano uniti nel reciproco amore, nell’unico progetto di vita, nel comune cammino di santità. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

Amen.


Liturgia della parola Dal libro di Tobia La sera delle nozze Tobia si alzò dal letto e disse a Sara: «Sorella, alzati! Preghiamo e domandiamo al Signore che ci dia grazia e salvezza». Essa si alzò e si misero a pregare e a chiedere che venisse su di loro la salvezza, dicendo: «Benedetto sei tu, Dio dei nostri padri, e benedetto per tutte le generazioni è il tuo nome! Ti benedicano i cieli e tutte le creature per tutti i secoli! Tu hai creato Adamo e hai creato Eva sua moglie, perché gli fosse di aiuto e di sostegno. Da loro due nacque tutto il genere umano. Tu hai detto: non è cosa buona che l’uomo resti solo; facciamogli un aiuto simile a lui. Ora non per lussuria io prendo questa mia parente, ma con rettitudine d’intenzione. Degnati di aver misericordia di me e di lei e di farci giungere insieme alla vecchiaia». E dissero insieme: «Amen, amen!». Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio.

Vieni Signore, Re di Giustizia e di Pace Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: egli annuncia la pace al suo popolo, ed ai suoi fedeli. La sua salvezza è vicina a chi lo teme, perché la sua gloria abiti la nostra terra.

Vieni Signore, Re di Giustizia e di Pace. Amore e verità si incontreranno, giustizia e pace si baceranno. La verità germoglierà dalla nostra terra e la giustizia si affaccerà dal cielo.

Vieni Signore, Re di Giustizia e di Pace. Certo a noi il Signore donerà il suo bene, e la nostra terra darà il suo frutto; camminerà la giustizia davanti a lui ed i suoi passi tracceranno il cammino.

Vieni Signore, Re di Giustizia e di Pace.


Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Romani Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. La carità non abbia finzioni: fuggite il male con orrore, attaccatevi al bene; amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda. Non siate pigri nello zelo; siate invece ferventi nello spirito, servite il Signore. Siate lieti nella speranza, forti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, solleciti per le necessità dei fratelli, premurosi nell’ospitalità. Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono nella gioia, piangete con quelli che sono nel pianto. Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri; non aspirate a cose troppo alte, piegatevi invece a quelle umili. Non fatevi un’idea troppo alta di voi stessi. Non rendete a nessuno male per male. Cercate di compiere il bene davanti a tutti gli uomini. Se possibile, per quanto questo dipenda da voi, vivete in pace con tutti. Parola di Dio. Rendiamo grazie a Dio.


Alleluia per il Si Alleluia, Alleluia, Alleluia. Alleluia, Alleluia, Alleluia. Per il bene che porta bene e l’Amore... Per la pace che porta pace ed il perdono. Alleluia, Alleluia, Alleluia. Alleluia, Alleluia, Alleluia. Alleluia, Alleluia, Alleluia. Per chi del suo “sì” fa il “sempre” della sua vita.

Dal vangelo secondo Matteo «Voi siete il sale della terra; ma se il sale diventasse insipido, con che cosa si potrà dar sapore ai cibi? A null’altro sarà più buono, se non ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo; una città posta su un monte non può restare nascosta. Nemmeno si accende una lucerna per metterla sotto il moggio; la si pone invece sul candelabro affinché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Risplenda così la vostra luce davanti agli uomini, perché vedendo le vostre buone opere, rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli.» Parola del Signore. Lode a te, o Cristo


Rito del Matrimonio Carissimi Valentina e Marco, siete venuti nella casa del Signore, davanti al ministro della Chiesa e davanti alla comunità, perchÊ la vostra decisione di unirvi in Matrimonio riceva il sigillo dello Spirito Santo, sorgente dell’amore fedele e inesauribile. Ora Cristo vi rende partecipi dello stesso amore con cui egli ha amato la sua Chiesa, fino a dare se stesso per lei. Vi chiedo pertanto di esprimere le vostre intenzioni.

Valentina e Marco:


Alla presenza di Dio e davanti alla Chiesa qui riunita, datevi la mano destra ed esprimete il vostro consenso. Il Signore, inizio e compimento del vostro amore, sia con voi per sempre. Marco:

Valentina:

Valentina:

Marco:

Valentina e Marco:

Il Signore onnipotente e misericordioso confermi il consenso che avete manifestato davanti alla Chiesa e vi ricolmi della sua benedizione. L’uomo non osi separare ciò che Dio unisce. Amen.


Benedizione e consegna degli anelli

Signore, benedici questi anelli nuziali: gli sposi che li porteranno rimangano fedeli nella tua volontĂ  e nella tua pace e vivano sempre nel reciproco amore. Per Cristo nostro Signore. Amen. Marco:

Valentina:


Preghiere dei fedeli e invocazione dei santi Signore Tu hai voluto gli sposi cristiani a Tua immagine e somiglianza: fa che l’amore di Valentina e Marco che oggi hai consacrato, sappia essere per sempre testimonianza del Tuo amore sollecito e premuroso, ricco di tenerezza e di comprensione. Noi Ti preghiamo

Ascoltaci, Signore. Per Valentina e Marco che oggi si aprono ad una nuova vita insieme: fa che tra loro non svanisca mai l’entusiasmo di cercare ogni giorno il modo migliore di crescere insieme nel dialogo e nella reciprocità e mantengano sempre viva la Tua presenza come salda roccia su cui costruire la loro casa. Preghiamo

Ascoltaci, Signore. Per questa nuova famiglia che oggi Tu consacri come piccola Chiesa domestica: fa che alimentata dalla preghiera e dalla partecipazione all’Eucaristia affronti la vita con coraggio e gioia, sia sempre salda nell’amore e aperta agli altri. Signore, noi Ti preghiamo

Ascoltaci, Signore. Per tutti coloro che hanno accompagnato questi sposi fino ad oggi: i loro genitori e famiglie, coloro ai quali sono legati da amicizia, quelli che li hanno accompagnati nella fede e speranza in Dio e tutti i partecipanti a questa Eucaristia, perché questo giorno di gioia sia occasione di ringraziamento e di rinnovata fiducia nell’amore divino che alimenta ogni nostra relazione. Noi Ti preghiamo

Ascoltaci, Signore. Per tutti i nostri cari defunti che oggi condividono dal cielo la gioia di questi sposi, in virtù della comunione dei santi continuino a stare loro vicino e ad intercedere per loro. Noi Ti preghiamo

Ascoltaci, Signore.


Ora, in comunione con la Chiesa del cielo, invochiamo l’intercessione dei santi. Santa Maria, Madre di Dio e della Chiesa, prega per noi. Santa Maria, Regina della famiglia, prega per noi. San Giuseppe, Sposo di Maria, prega per noi. Santi Angeli di Dio, pregate per noi. Santi Gioacchino e Anna, pregate per noi. Santi Zaccaria ed Elisabetta, pregate per noi. San Giovanni Battista, prega per noi. San Paolo, prega per noi. Santa Cecilia, prega per noi. San Biagio, prega per noi. Beato Pier Giorgio Frassati, prega per noi. San Marco, prega per noi. Santa Valentina, prega per noi. Santi 7 fratelli martiri e Santa Felicita, pregate per noi. Santi e Sante tutti di Dio, pregate per noi.

Effondi, Signore, su Valentina e Marco lo Spirito del tuo amore, perchÊ diventino un cuore solo e un’anima sola: nulla separi questi sposi che tu hai unito, e, ricolmati della tua benedizione, nulla li affligga. Per Cristo nostro Signore. Amen.


Offertorio Signore, ti portiamo un mattone, perché solo con il tuo aiuto riusciremo a costruire una famiglia solida ed una casa accogliente. Portiamo all’altare la Bibbia, come segno della nostra volontà di fare della tua parola il nostro riferimento quotidiano. Il sale, perché le tue parole “Siate il sale della terra” siano per noi uno stimolo a crescere sempre, con il dono della tua Sapienza. Il pane e il vino, perché nella nostra famiglia non manchi mai la semplicità delle cose quotidiane, e l’allegria dell’incontro con Gesù, vino buono nella nostra vita.

un giorno fra le mie mani Un giorno fra le mie mani un giorno qui davanti a me, che cosa mai farò perché alla fine Tu ne sia felice? Oh come vorrei, in ogni momento strappare questa oscurità che scende e non mi fa guardare al di là dei passi miei. Come vorrei amarti in chi cammina accanto a me, in chi incrocia la mia vita, in chi mi sfiora ma non sa che Tu sei lì con lui. È quello che più vorrei, è quello che più vorrei per Te. La strada piena di gente, ma l’orizzonte è tutto lì, la folla se ne va tra un negozio e un bar indifferente. Oh come vorrei parlare ad ognuno così come faresti Tu della felicità, di quella pace che Tu solo dai. Così vorrò amarti negli ultimi della città nel buio di chi muore solo, in chi dispera e non sa che tu sei li con lui. Così oggi ti amerò, così oggi ti amerò di più.


Pregate, fratelli e sorelle, perché questa nostra famiglia, radunata nel nome di Cristo, possa offrire il sacrificio gradito a Dio Padre onnipotente. Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio, a lode e gloria del suo nome, per il bene nostro e di tutta la sua santa Chiesa. Accogli, Signore, i doni che consacrano l’alleanza nuziale; guida e custodisci questa nuova famiglia, che tu stesso hai costituito nel tuo sacramento. Per Cristo nostro Signore. Amen. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. In alto i nostri cuori sono rivolti al Signore. Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio. È cosa buona e giusta. È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Tu hai dato all’uomo il dono dell’esistenza e lo hai innalzato ad una dignità incomparabile: nell’unione tra l’uomo e la donna hai impresso un’immagine del tuo amore. Così la tua immensa bontà, che in principio ha creato l’umana famiglia, incessantemente la sospinge a una vocazione di amore, verso la gioia di una comunione senza fine. E in questo disegno stupendo, il sacramento che consacra l’amore umano ci dona un segno e una primizia della tua carità: per Cristo nostro Signore. Per questo mistero di salvezza, uniti agli angeli e ai santi, cantiamo insieme l’inno della tua gloria.

Santo Aral Santo il Signore, il Dio dell’Immenso, l’azzurro dei cieli Ti canta Santo il Signore il Dio dell’immenso, nell’oro dei campi la lode. Osanna al Dio delle altezze, osanna alle Sue bellezze, osanna alle Sue meraviglie, Osanna. Sia benedetto quell’uomo che viene nel nome Tuo Signore; Sia benedetto quell’uomo che vive per rendere eterno il Tuo amore. Osanna al Dio delle altezze, osanna alle Sue bellezze, osanna alle Sue meraviglie, Osanna.


Preghiera eucaristica Padre veramente santo, fonte di ogni santità, santifica questi doni con l’effusione del tuo Spirito, perché diventino per noi il corpo e il sangue di Gesù Cristo nostro Signore. Egli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie, lo spezzò, lo diede ai suoi discepoli, e disse: «prendete, e mangiatene tutti: questo è il mio corpo offerto in sacrificio per voi.» Dopo la cena, allo stesso modo, prese il calice e rese grazie, lo diede ai suoi discepoli, e disse: «prendete, e bevetene tutti: questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati. fate questo in memoria di me.» Mistero della fede. Annunciamo la tua morte, Signore, proclamiamo la tua risurrezione, nell’attesa della tua venuta.

Celebrando il memoriale della morte e risurrezione del tuo Figlio, ti offriamo, Padre, il pane della vita e il calice della salvezza, e ti rendiamo grazie per averci ammessi alla tua presenza a compiere il servizio sacerdotale. Ti preghiamo umilmente: per la comunione al corpo e al sangue di Cristo lo Spirito Santo ci riunisca in un solo corpo. Ricordati, Padre, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra: rendila perfetta nell’amore in unione con il nostro Papa Benedetto, il nostro Vescovo Francesco, e tutto l’ordine sacerdotale.


Ricòrdati dei tuoi figli Valentina e Marco che in Cristo hanno costituito una nuova famiglia, piccola Chiesa e sacramento del tuo amore, perché la grazia di questo giorno si estenda a tutta la loro vita. Ricòrdati dei nostri fratelli, che si sono addormentati nella speranza della risurrezione, e di tutti i defunti che si affidano alla tua clemenza: ammettili a godere la luce del tuo volto. Di noi tutti abbi misericordia: donaci di aver parte alla vita eterna, insieme con la beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con gli apostoli e tutti i santi, che in ogni tempo ti furono graditi: e in Gesù Cristo tuo Figlio canteremo la tua gloria. Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te, Dio Padre onnipotente, nell’unità dello Spirito Santo, ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Benedizione nuziale Fratelli e sorelle, invochiamo con fiducia il Signore, perché effonda la sua grazia e la sua benedizione su questi sposi che celebrano in Cristo il loro Matrimonio: egli che li ha uniti nel patto santo, per la comunione al corpo e al sangue di Cristo li confermi nel reciproco amore. O Dio, con la tua onnipotenza hai creato dal nulla tutte le cose e nell’ordine primordiale dell’universo hai formato l’uomo e la donna a tua immagine, donandoli l’uno all’altro come sostegno inseparabile, perché siano non più due, ma una sola carne; così hai insegnato che non è mai lecito separare ciò che tu hai costituito in unità. O Dio, in un mistero così grande hai consacrato l’unione degli sposi e hai reso il patto coniugale sacramento di Cristo e della Chiesa.


O Dio, in te, la donna e l’uomo si uniscono, e la prima comunità umana, la famiglia, riceve in dono quella benedizione che nulla poté cancellare, né il peccato originale né le acque del diluvio. Guarda ora con bontà questi tuoi figli che, uniti nel vincolo del Matrimonio, chiedono l’aiuto della tua benedizione: effondi su di loro la grazia dello Spirito Santo perché, con la forza del tuo amore diffuso nei loro cuori, rimangano fedeli al patto coniugale. In questa tua figlia Valentina dimori il dono dell’amore e della pace e sappia imitare le donne sante lodate dalla Scrittura. Marco, suo sposo, viva con lei in piena comunione, la riconosca partecipe dello stesso dono di grazia, la onori come uguale nella dignità, la ami sempre con quell’amore con il quale Cristo ha amato la sua Chiesa. Ti preghiamo, Signore, affinché questi tuoi figli rimangano uniti nella fede e nell’obbedienza ai tuoi comandamenti; fedeli a un solo amore, siano esemplari per integrità di vita; sostenuti dalla forza del Vangelo, diano a tutti buona testimonianza di Cristo. Sia feconda la loro unione, diventino genitori saggi e forti e insieme possano vedere i figli dei loro figli. E dopo una vita lunga e serena giungano alla beatitudine eterna del regno dei cieli. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Liturgia di Comunione Prima di partecipare al banchetto dell’eucarestia, segno di riconcigliazione e vincolo di unione fraterna, prendendoci per mano preghiamo insieme come il Signore ci ha insegnato:

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo Nome, venga il tuo Regno, sia fatta la tua Volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal Male. Amen.


Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesu` Cristo. Tuo è il regno, tua la potenza e la gloria nei secoli. Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: ‘Vi lascio la pace, vi dò la mia pace’, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unità e pace secondo la tua volontà. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

La pace del Signore sia sempre con voi. E con il tuo spirito. Scambiatevi un segno di pace.

Canto: ti do la pace Ti do la pace perché ci credo, ti do la pace perché la vivo ti do la pace perché la voglio per te e per tutte le donne e tutti gli uomini del mondo ti do la pace perché ci credo. Ti do la pace perché ci credo, ti do la pace perché la vivo ti do la pace perché la voglio per te e per tutte le donne e tutti gli uomini del mondo ti do la pace perché io spero che la pace possa abitare sempre e nel creato e in tutte le creature. Ti do la pace perché ci credo, ti do la pace perché ci credo, ti do la pace, la voglio anche per te. Ti do la pace perché io spero che la pace possa abitare sempre e nel creato e in tutte le creature. Ti do la pace perché ci credo, ti do la pace perché ci credo, ti do la pace, la voglio anche per te.


Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi. Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi. Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, dona a noi la pace. Beati gli invitati alla Cena del signore. Ecco l’Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo. O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa; ma dì soltanto una parola e io sarò salvato/a.

Canto: Beatitudine Dove due o tre sono uniti nel mio nome io sarò con loro, pregherò con loro, amerò con loro perché il mondo venga a te, o Padre, conoscere il tuo nome è avere vita con Te. Voi che siete luce della terra miei amici risplendete sempre della vera luce perché il mondo creda nell’amore che c’è in voi, o Padre, consacrali per sempre e diano gloria a Te. Ogni beatitudine vi attende nel mio giorno se sarete uniti, se sarete pace, se sarete puri perché voi vedrete Dio, che è Padre, in Lui la vostra vita gioia piena sarà. Voi che ora siete miei discepoli nel mondo siate testimoni di un amore immenso date prova di quella speranza che c’è in voi, coraggio, vi guiderò per sempre, Io rimango in voi. Spirito che animi la Chiesa e la rinnovi dandole fortezza, fà che sia fedele come Cristo che muore e risorge perché il regno del Padre si compia in mezzo a noi e abbiamo vita in lui, e abbiamo vita in lui.


Dice il profeta: “i vostri figli non sono i vostri figli… essi non provengono da voi, ma attraverso di voi… Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi. L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito e con la Sua forza vi tende affinché le Sue frecce vadano rapide e lontane…” Ecco Signore, Tu hai teso l’arco, hai lanciato questi nostri figli nella nuova vita di coppia. Hai messo nel loro cuore il seme dell’amore sponsale; oggi è stato seminato nella terra buona del Tuo Amore. Ti affidiamo questi sposi Signore perché Tu coltivi il loro amore e lo irrighi con il Tuo Santo Spirito affinché cresca sempre più forte e ben radicato in Te e nessuna bufera possa arrecarvi danno. Valentina e Marco, il nostro augurio di genitori è che sappiate affrontare questo nuovo cammino insieme tenendovi sempre per mano, sostenendovi a vicenda senza mai smettere di guardarvi negli occhi per scoprire il riflesso di Dio in voi. E con Lui che vi unisce e vi guida possiate essere anche voi archi per lanciare lontano nuovi figli e figlie della vita “… lasciatevi tendere con gioia dalla mano dell’Arciere poiché come Egli ama le frecce che volano così pure ama l’arco che è stabile” Il Signore vi ricolmi di ogni benedizione e vi doni lunghi giorni felici! I vostri genitori O Signore, La grazia del sacramento nuziale operi di giorno in giorno nella vita di questi sposi, e l’eucarestia che abbiamo offerto e ricevuto ci edifichi tutti nel tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen.


benedizione Dio, eterno Padre, vi conservi uniti nel reciproco amore; la pace di Cristo abiti in voi e rimanga sempre nella vostra casa. Amen. Abbiate benedizione nei figli, conforto dagli amici, vera pace con tutti. Amen. Siate nel mondo testimoni dell’amore di Dio perché i poveri e i sofferenti, che avranno sperimentato la vostra carità, vi accolgano grati un giorno nella casa del Padre. Amen. E su voi tutti, che avete partecipato a questa liturgia nuziale, scenda la benedizione di Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Amen. Nella Chiesa e nel mondo siate testimoni del dono della vita e dell’amore che avete celebrato. Andate in pace. Rendiamo grazie a Dio.

Articoli del codice civile e Firme Carissimi Valentina e Marco, avete celebrato il sacramento del Matrimonio manifestando il vostro consenso dinanzi a me ed ai testimoni. Oltre la grazia divina e gli effetti stabiliti dai sacri Canoni, il vostro Matrimonio produce anche gli effetti civili secondo le leggi dello Stato. Vi do quindi lettura degli articoli del Codice civile riguardanti i diritti e i doveri dei coniugi che voi siete tenuti a rispettare ed osservare: Art. 143: Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, alla assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia. Art. 144: I coniugi concordano tra loro l’indirizzo della vita familiare e fissano la residenza della famiglia secondo le esigenze di entrambi e quelle preminenti della famiglia stessa. A ciascuno dei coniugi spetta il potere di attuare l’indirizzo concordato.


Art. 147: Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli.

Canto: io ti prendo come mia sposa Io ti prendo come mia sposa davanti a Dio e ai verdi prati, ai mattini colmi di nebbia ai marciapiedi addormentati, alle fresche sere d’estate a un grade fuoco sempre acceso, alle foglie gialle d’autunno al vento che non ha riposo. Alla luna bianca signora al mare quieto della sera... Io ti prendo come mia sposa davanti ai campi di mimose, agli abeti bianchi di neve, ai tetti delle vecchie case, ad un cielo chiaro e sereno al sole strano dei tramonti, all’odore buono del fieno all’acqua pazza dei torrenti. Io ti prendo come mia sposa davanti a Dio...

Canto finale: Tu sei Tu sei la prima stella del mattino, tu sei la nostra grande nostalgia tu sei il cielo chiaro dopo la paura, dopo la paura d’esserci perduti e tornerà la vita in questo mare. Soffierà, soffierà il vento forte della vita, soffierà sulle vele e le gonfierà di te! Soffierà, soffierà il vento forte della vita, soffierà sulle vele e le gonfierà di te. Tu sei l’unico volto della pace, tu sei speranza nelle nostre mani tu sei il vento nuovo sulle nostre ali, sulle nostre ali soffierà la vita e gonfierà le vele per questo mare. Soffierà, soffierà il vento forte della vita, soffierà sulle vele e le gonfierà di te! Soffierà, soffierà il vento forte della vita, soffierà sulle vele e le gonfierà di te.


Grazie di cuore A tutti voi che avete partecipato con il canto e con la preghiera alla nostra gioia, rendendo speciale questo momento. A Diana, Caterina con Lorenzo in arrivo, Ilaria, Marco, Luca, Michele, i bimbi e gli animatori del coro. A Don Paolo e Don Alessandro. Ai nostri testimoni Giusy, Manuela, Marcella e Silvia, e ai nostri genitori. Grazie... Valentina e Marco

Questo libretto e’ stampato su carta certificata


libretto nozze