Page 1

SocietĂ  Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza

BILANCIO di MISSIONE

2012


Pubblicato Giugno 2013


Art. 18

I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

Art. 32

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Art. 45

La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l’incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità. La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato.

Art. 118

Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato, sulla base dei principî di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza. I Comuni, le Province e le Città metropolitane sono titolari di funzioni amministrative proprie e di quelle conferite con legge statale o regionale, secondo le rispettive competenze. La legge statale disciplina forme di coordinamento fra Stato e Regioni nelle materie di cui alle lettere b) e h) del secondo comma dell’articolo 117, e disciplina inoltre forme di intesa e coordinamento nella materia della tutela dei beni culturali. Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà.

LA COSTITUZIONE

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA


Bilancio di Missione 2012

 METODO DI FORMULAZIONE LE FASI DI ELABORAZIONE DEL BILANCIO DI MISSIONE

FASE

RUOLO

DESCRIZIONE PROCESSO

PIANIFICAZIONE (PLANNING)

COMITATO DIRETTIVO

Favorire la rendicontazione

COMITATO DIRETTIVO

Indicare gli stakeholder

COMITATO DIRETTIVO

Individuare le modalità di relazione con gli stakeholder

ASSEMBLEA DEI SOCI

Definizione Missione

ASSEMBLEA DEI SOCI

Definizione Valori

IDENTIFICAZIONE E RACCOLTA DIREZIONE INFORMAZIONI (ACCOUNTING)

VERIFICA E COMUNICAZIONE (Auditing e Reporting)

Coinvolgere gli stakeholder

STAKEHOLDER

Identificare gli indicatori

DIREZIONE

Raccolta dati

DIREZIONE

Analisi informazioni

COMITATO DIRETTIVO

Determinare obiettivi futuri

COMITATO DIRETTIVO

Piano di miglioramento

DIREZIONE

Preparazione del rapporto

TERZO SOGGETTO AUTONOMO Verifica COMITATO DIRETTIVO

Comunicazione del rapporto

Il gruppo operativo “Bilancio di Missione” è composto da: - Presidente o delegato dell’organo direttivo - Direttore - Funzionari responsabili di ogni settori operativo - Volontari responsabili di ogni settore operativo Stakeholders nella fase di presentazione e rendicontazione. Il bilancio è approvato dal Comitato e dall’Assemblea dei Soci nel consuntivo 2012. Le risorse economiche per la formulazione del bilancio ammontano: a) Consulenza specifica................................................................................... € 2.750 + IVA b) Ore di lavoro appositamente dedicate tot. 49 (E1-F1 ccnl ANPAS).......................€ 721,28 c) Stampa preventivata................................................................................ € 1.176,00 + IVA Diffusione • Web • Cartaceo (stakeholders) • Ridotto nel periodico “Il Volontario” Tempo realizzazione annuale

4


 FINALITà DEL BILANCIO DI MISSIONE Rif. 1.02 Arco temporale a cui si riferisce la rendicontazione Questo Bilancio Sociale rendiconta l’attività sociale dell’Associazione nel periodo 1 Gennaio / 31 dicembre 2012

questioni rilevanti ai fini della rendicontazione L’operatività della SVS Gestione Servizi srl ha avuto inizio nel Gennaio 2010 per questo motivo non si ritiene applicabile una rendicontazione completa nel presente bilancio ma solamente alcuni dati parziali relativi all’attività. Il bilancio della SVS Gestione Servizi srl è pubblicato ai sensi di legge presso la Camera di Commercio in Livorno

Rif. 1.03 N. di edizioni del bilancio sociale già realizzate, segnalando eventuali modifiche nella periodicità o interruzioni nella realizzazione EDIZIONE n° 1 anno 1997 EDIZIONE del 2007 sottoposto a certificazione CESVOT EDIZIONE del 2012 gruppo di lavoro bilancio di missione

Rif. 1.07 Cambiamenti significativi di perimetro o metodi di misurazione rispetto al precedente periodo di rendicontazione ANNO 2009 – implementazione delle linee guida Agenzia per il Terzo Settore ANNO 2012 – Gruppo di lavoro bilancio di Missione

Rif. 1.04 Processo seguito nell’elaborazione del Bilancio Sociale (soggetti coinvolti, fasi di elaborazione, fonti delle informazioni, coinvolgimento di stakeholder, approvazione e diffusione del documento) Il Bilancio sociale è promosso dall’organo direttivo dell’Associazione. Nella fase di elaborazione sono coinvolti tutti i settori associativi che collaborano nella individuazione delle fonti di informazione e la raccolta dei dati. Gli stakeholder sono coinvolti con incontri specifici di presentazione del bilancio e la richiesta di compilazione di una scheda informativa. Il documento è approvato dal Comitato Direttivo e presentato all’Assemblea dei Soci. La diffusione è mirata agli stakeholder e pubblicata sul sito associativo.

Rif. 1.08 Eventuali attestazioni esterne, precisando in tal caso: oggetto di attestazione, profilo del soggetto che attesta e processo seguito ai fini dell’attestazione Il Bilancio Sociale 2007 ha ricevuto l’attestazione del CESVOT secondo le proprie linee guida. Anche per questa edizione il Bilancio è certificato dal CESVOT. Rif. 1.09 Contatti e indirizzi utili per richiedere informazioni Per le informazioni sulla redazione del Bilancio Sociale è possibile rivolgersi a Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza Via San Giovanni,30 57123 Livorno tel. 0586 88.88.88 info@pubblicaassistenza.it Direttore Sig. Cecconi Fabio

Rif. 1.05 Perimetro del bilancio (indicare soggetto a cui si riferisce la rendicontazione e se l’organizzazione ha legami rilevanti con altri soggetti) Il Bilancio Sociale si riferisce all’Associazione Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza. L’Associazione è aderente all’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze; questa adesione non comporta interazione con il presente bilancio. L’Associazione è Socio Sovventore della Coop. Humanitas e della Coop. Banca Etica; ad eccezione delle quote di adesione dichiarate in bilancio non vi sono influenze con la redazione di questo bilancio. Dal Dicembre 2009 l’Associazione è socio unico dell’azienda SVS Gestione Servizi srl alla quale sono state trasferite tutte le competenze della gestione dei servizi commerciali; neanche per questo soggetto vi è interazione nel presente bilancio ad eccezione di alcuni dati relativi all’offerta di servizi concessi in affitto di impresa.

2.01 Nome dell’Organizzazione SOCIETÀ VOLONTARIA di SOCCORSO Pubblica Assistenza 2.02 Indirizzo sede legale Via San Giovanni,30 57123 Livorno 2.03 Luogo della principale sede dell’Organizzazione Non Profit Via San Giovanni,30 57123 Livorno palazzo proprio dal 1908 2.04 Altre sedi secondarie Livorno Sud - Via Ricci 2 - Ardenza (LI) Livorno Nord - Via delle Corallaie 12 - Livorno Capraia Isola Grosseto - Via Aurelia Nord 60 dal 2012 Roma - Via del Peperino dal 2012 Pisa - Loc. Carraia San Giuliano Terme dal 2012 Massa - Via Ascoli Marina di Massa dal 2012 Litorale Livornese - Trasformata nel 2012 da sede fissa a postazione provvisoria

Rif. 1.06 Dichiarazione e motivazione di: - eventuale non inclusione nel perimetro di entità sulle quali l’organizzazione esercita il controllo o un’influenza significativa - eventuale mancata considerazione nel documento di attività svolte dall’organizzazione e/o di

5


Bilancio di Missione 2012

 SEDI ASSOCIATIVE

SEDE LIVORNO CENTRO Via San Giovanni,30 – 57123 LIVORNO Operatività 24 ore su 24 Tel. 0586 88.88.88 - fax 0586 83.88.07 info@pubblicaassistenza.it Sede Sociale Assemblea dei Soci, Consiglio della Società, Revisori, Probiviri Direzione Uffici Amministrativi URP Soccorso Sanitario Servizio Sociale Formazione Poliambulatorio Onoranze Funebri SEDE LIVORNO SUD Via G. RICCI,2 – 57128 LIVORNO Operatività 12/24 ore Tel. 0586 50.50.11 - fax 0586 50.50.22 livornosud@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario Formazione SEDE LIVORNO NORD Via delle CORALLAIE,12 – 57121 LIVORNO Operatività 12/24 ore Tel. 0586 428.001 livornonord@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario Sala conferenze Formazione Autoparco Protezione Civile Attività sociale e ricreativa SEDE CAPRAIA ISOLA (LI) capraiaisola@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario Antincendio Boschivo

6


Postazione LITORALE LIVORNESE Quercianella (LI) Operatività fine settimana estivi info@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario Soccorso in mare

SEDE GROSSETO svsgrosseto@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario Servizi sociali

SEDE ROMA svsroma@pubblicaassistenza.it Soccorso Sanitario

SEDE PISA Loc. Carraia – San Giuliano Terme FORMAZIONE SEDE MASSA Via Ascoli – Marina di Massa FORMAZIONE 7


Bilancio di Missione 2012

•Dal 1995 acquisizione personalità giuridica di diritto privato •Associazione di Volontariato ai sensi della Legge 266 del 1991 con iscrizione Albo Regionale •Iscrizione nel registro nazionale e regionale delle Associazioni di Protezione Civile •Iscrizione Albo Comunale Associazioni di Volontariato •Decreto Presidente della Repubblica 2 Ottobre 2006 concessione Stemma Araldico •Autorizzata al trasposto sanitario Legge 25/2001 e successive •Iscritta del registro operatori della comunicazione •Iscritta Sistema sanitario di emergenza-urgenza – Approvazione elenco regionale di cui all’art. 76 quinquies della l.r. 40/2005 con DECRETO 3 settembre 2012, n. 3964

Rif. 2.05 Forma giuridica, con evidenza delle eventuali trasformazioni nell’esercizio Associazione di Volontariato Legge 266/91 Iscritta al registro regionale del Volontariato n. 936 del 19 Settembre 1994 Riconosciuta personalità giuridica privata con deliberazione Consiglio Regionale Toscana n. 392 del 3/10/1995 in precedenza I.P.A.B. Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficienza. Dal 2010 l’Associazione ha deciso nel rispetto ex articolo 30 del Dl n. 185/2008 di non qualificarsi come ONLUS di diritto ai sensi ex art. 10 comma 8 DECRETO LEGISLATIVO 4 dicembre 1997, n. 460 GU n.1 del 2-11998 - Suppl. Ordinario n. 1

Rif. 2.06 Configurazione fiscale dell’Organizzazione Non Profit Ente non commerciale Nel 2010 a seguito dell’applicazione art. 30 Decreto Legge del 29/11/2008 n. 185 la Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza ha deciso di non qualificarsi più come ONLUS di diritto delegando l’intera attività commerciale alla SVS Gestione Sevizi srl

Dal 2011 l’Associazione ha riacquisito il riconoscimento di ONLUS di diritto a seguito della scorporo di tutte le attività commerciali e marginali in altro entro e sospensione della partita IVA non svolgendo più nessuno attività di reddito. •Dal 1893 al 1995 I.P.A.B. Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza •Dal 1994 Iscritta nel registro regionale delle Associazioni di Volontariato

Dal 2011 ONLUS di diritto con totale scorporo di attività commerciali marginali/extra marginali e sospensione della partita IVA

8


 CONTESTO DI RIFERIMENTO E VALUTAZIONE AMMINISTRATORI

La pubblicazione di questo Bilancio di Missione avviene nel seguente contesto di riferimento locale, regionale e nazionale. • • • • • •

Scadenza convenzione regionale trasporto sanitario Decreto Legge 29 Novembre 2008 n. 185 art. 30 Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 Sicurezza sul lavoro Legge Regionale 70 Trasporto Sanitario Adozione documento Legge 231/2001 Situazione globale di crisi

Rif. 2.07 Breve storia e motivazione della fondazioni della Società Volontaria di Soccorso Fondazione : nel 1890 a seguito della fusione delle due Società esistenti (Società Mutuo Soccorso 1882, Croce Verde 1885) •L’idea del “reciproco aiuto” fra le persone bisognose e la “mutua assistenza” fra gli artigiani, gli operai e le altre classi di lavoratori, rafforza il concetto di fratellanza anche al dì fuori delle confessioni religiose; nascono le Società di Mutuo Soccorso, le Fratellanze, le Croci, che trasformano così il pensiero di “aiuto” in un’azione concreta. Nei primi anni del 1880 è presente a Livorno una “Associazione fra gli Assistenti ai Malati” con lo scopo di aiuto reciproco fra i Soci; quest’Associazione fu sciolta dopo pochi mesi. •1885 nasce la prima Associazione con veri intendimenti di Pubblica Assistenza per il soccorso ai bisognosi, si chiamerà “CROCE VERDE” e si costituisce ufficialmente nel 1886 •1889 risorse nuovamente la “Associazione di Mutuo Soccorso fra gli Assistenti ai malati – Pubblica Assistenza” la quale si pose subito in concorrenza con la già presente “Croce Verde” •1889 malumori in città ed accesi dibattiti,nelle Logge Massoniche, nei partiti politici ed alle Autorità e cittadini influenti per la contrapposizione fra Croce Verde e Mutuo Soccorso •1890 con la fusione della Croce Verde e della Pubblica Assistenza nacque le Società Riunite “SOCIETÀ’ VOLONTARIA di SOCCORSO” •Senatore Luigi Orlando, già fondatore dei cantieri navali omonimi, è Presidente onorario della Società. •1893 riconoscimento giuridico come opera pia •1888-1903 promozione della costituzione della Federazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze •1903 Fondazione della Sezione di Ardenza

•1904 Fondazione della Federazione Nazionale Pubbliche Assistenze •1905 Autonomia della sezione di Ardenza fondazione della SLS Società Laica Soccorso •1893 Soccorsi nell’epidemie coleriche •1904 Medaglie d’argento del Municipio e della Massoneria •1905 Medaglia d’oro ricevuta dal Sindaco per conto della cittadinanza •1906 Grande Diploma d’Onore all’Esposizione Internazionale di Milano •1908 Medaglia d’argento del Ministero degli Interni e Medaglia d’oro da parte degli operai livornesi per il soccorso al terremoto di Reggio e Messina •1908 Inaugurazione della nuova sede di Via San Giovanni •1912 Medaglia d’Oro all’Esposizione Internazionale di Roma •1913 concorso Toscano Soccorsi tre medaglie d’oro e una targa d’onore •1914 Concorso Nazionale soccorsi a Pescia medaglia d’oro •1914 Medaglia del Re d’Italia •1931-1943 riduzione dell’attività per regime fascista •1944 sede provvisoria Via Salvini •1946 ripresa possesso della sede di Via San Giovanni •1947 fondazione della sezione Filzi nel quartiere di Shangay •1951 la S.V.S. partecipa ai soccorsi alla popolazione del Polesine •1960 una squadra di Militi vince cinque medaglie d’oro e la “Barella d’Oro” al Concorso nazionale di Savona •1963 Fondazione della sezione di Montenero •1979 Fondazione della sezione di Collesalvetti •1986 Fondazione della sezione di Stagno •1993 Conferimento della “Liburnina d’Oro” Comune di Livorno

9


Bilancio di Missione 2012

Pur mutando le motivazioni iniziali dalla fondazione (inesistenza dei servizi pubblici) il ruolo di SVS oggi rimane invariato con un coordinamento e integrazione di funzioni pubbliche. 2.08 Dimensione dell’organizzazione (sintetiche informazioni contenenti almeno il totale dei ricavi e proventi dell’ultimo esercizio e delle persone che operano per l’organizzazione, distinguendo tra retribuite e volontarie) e cambiamenti significativi avvenuti nel periodo. Appartenenza a “gruppi” o a “strutture federative” locali o nazionali Per le informazioni relativi al bilancio economico si rinvia ai paragrafi seguenti. La Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza Livorno aderisce a

Rif. 2.09 Paesi in cui opera l’Organizzazione Non Profit L’Associazione opera in prevalenza nel territorio italiano. Le esperienza internazioni possono derivare dagli ordinari impegni di servizio. Rif. 2.10 Riconoscimenti/premi ricevuti nel periodo Nel 2012 l’Associazione non ha ricevuto riconoscimenti o premi rilevanti per la nota ad eccezione di attestazioni di benemerenza per l’attività svolta. Rif. 2.11 Missione, finalità, valori e principi dell’ente coerentemente con quanto indicato nell’atto costitutivo e lo statuto Nell’anno 2011 è stato avviato un percorso di aggiornamento del Bilancio di Missione e adozione Carta dei Valori con la partecipazione del consulente Dott. Maurizio Catalano.

10


 Modalità di redazione della Carta dei Valori La Carta dei Valori di SVS è stata realizzata attraverso 2 incontri che hanno coinvolto circa 15 persone e che – a partire da documenti associativi e del Movimento Anpas – hanno permesso di individuare e declinare i valori di riferimento di SVS. Un ulteriore passaggio è stata la distribuzione di questionari ad hoc ai volontari dell’associazione: i 95 questionari compilati hanno dato sostanza alla Carta e consentito di condividerne contenuti e impostazione. In particolare, i contributi raccolti compongono il preambolo del presente documento. Il percorso ha avuto luogo nel periodo gennaio-maggio 2012 e si è chiuso con la presentazione ed in attesa di adozione da parte dell’Assemblea.

Preambolo: Perché una Carta dei Valori di SVS?1 La Carta dei Valori è un documento indelebile che rappresenta i principi e gli ideali della nostra Associazione, riproponendo e mantenendo continuità con la tradizione storica dei suoi fondatori e dei nostri predecessori. È un documento che attesta ed esprime la forza e la testimonianza di un’associazione che esiste da più di 100 anni. Attraverso la Carta dei Valori si affermano i valori immutabili che sono a fondamento dell’esistenza di SVS e che, declinati nel nostro tempo, ne guidano l’agire. La Carta dei Valori di SVS afferma dei valori che oggi rischiano di sparire o di essere banalizzati, valori che aiutano invece a comprendere in modo più profondo il significato di Volontariato promuovendolo e permettendo alla Comunità di riconoscersi in quanto proposto da SVS. Il documento è un manifesto, una sorta di carta di identità, che permette a chi è esterno all’Associazione di conoscerla meglio e di conoscere i principi che la ispirano e in cui crede. È uno strumento utile per chi vuole entrare in SVS per capire se i suoi valori coincidono con quelli dell’Associazione e quali sono i principi e gli ideali che è chiamato a condividere e fare propri. Allo stesso modo, la Carta dei Valori è fondamentale anche per chi fa parte di SVS: • è un riferimento per permettere a tutti di essere partecipi alla vita associativa; • rappresenta un’etica morale condivisa utile ad una maggiore uniformità nei comportamenti e ad una maggiore armonia nel portare avanti le attività; • favorisce l’appartenenza, costituisce una base identitaria forte e permette a ciascuno di riconoscersi nell’Associazione; •ricorda a ogni volontario, dipendente, collaboratore e socio gli obiettivi dell’Associazione, lo scopo ultimo del proprio agire; • diventa uno strumento importante nei processi formativi favorendo la comprensione degli aspetti alla base dell’essere volontari; • è uno strumento importante di sensibilizzazione che aiuta a far crescere il senso di responsabilità e la consapevolezza.

La Carta dei Valori è un documento che rappresenta i principi e gli ideali che ispirano l’azione della nostra associazione e – più in generale – di tutte le strutture ad essa collegate: fondazione, società a responsabilità limitata e associazione di promozione sociale. I principi e gli ideali sono riconducibili ai valori individuati storicamente ma diventati di riferimento anche nell’agire odierno, valori che non sono imposti dall’esterno ma che nascono dal nostro interno dai nostri associati, dai volontari, dai dirigenti e dal personale, valori che decidiamo in modo autonomo di impegnarci a rispettare e tradurre nella pratica della nostra azione nelle scelte strategiche.

1.

11


Bilancio di Missione 2012

I valori di Pubblica Assistenza Due elementi contenuti nello statuto di ANPAS e di ogni Pubblica Assistenza sono fortemente distintivi e aiutano a interpretare correttamente i valori espressi dal Movimento: il nome Pubblica Assistenza e la forma di Associazione di Volontariato. Essere Associazione di Volontariato di Pubblica Assistenza significa innanzi tutto che l’aspetto centrale della Mission è l’assistenza intesa come azione rivolta verso qualcosa”, svolta a fianco di “qualcuno” e sviluppata in modo “pubblico”. In pratica è questo ciò che distingue le Pubbliche Assistenze dalle associazioni che si occupano di una malattia o di un particolare problema sociale. Ogni Pubblica Assistenza, nell’ambito territoriale su cui sofferma l’attenzione, deve scegliere qual è il “guasto” della società verso cui agire l’azione di assistere. È questa natura e il fatto di essere “pubbliche” che impone ad ogni Associazione di Pubblica Assistenza non solo di intervenire presso le Istituzioni per promuovere atteggiamenti istituzionali coerenti ed efficaci rivolti ai “guasti” ma anche di essere agenti contaminanti per provocare movimenti sociali e individuali che contribuiscano a ripararli. Essere Associazione di Volontariato significa proporsi come realtà che convoglia energie di lavoro gratuito – inteso come impiego di energia fisica e mentale diretta alla produzione di beni o servizi di utilità sociale - per assistere le comunità e che, pur dandosi una dimensione “pubblica”, mantiene una natura privata. Il presupposto di esistenza sta nell’essere forma di partecipazione alla vita collettiva legittimata dall’utilità collettiva la cui sussidiarietà praticata non è solamente di valori ma anche di risorse - lavoro gratuito e raccolta fondi - ma che soprattutto è riconosciuta dalla società di appartenenza per quello che fa e per quello che rappresenta e non per lo schieramento culturale o partitico a cui appartiene. Questa situazione, presuppone al di là dello slancio ideale, la creazione di condizioni che costruiscano una coerenza reale nelle azioni svolte e, di conseguenza, nella visione di società da condividere. Due aspetti dovranno quindi essere sempre presenti come sfondo dell’agire associativo e dei volontari: il volontario di Pubblica Assistenza non potrà esimersi, proprio per la dimensione pubblica che vive, dall’agire la testimonianza quale mezzo di rigenerazione valoriale contro fenomeni di clientelismo, illegalità e di degrado della democrazia e della giustizia e la singola Pubblica Assistenza dovrà essere luogo dove la presa di coscienza nei volontari dell’obbligo di “contaminazione sociale” non è mai messa in secondo piano ma sostenuta evitando che l’associazione stessa subisca derive di autoritarismo, illegalità e autoreferenzialità.

I valori di SVS2

L'albero della vita...

A partire dai valori che ispirano tutto il Movimento delle Pubbliche Assistenze, di seguito i valori che sono guida e riferimento costante di SVS e che devono essere condivisi e rispettati da tutti coloro che partecipano alle attività, sia nel ruolo di volontari che dipendenti. I valori fondamentali per la SVS sono:

• Umanità • Solidarietà • Carità • Soccorso

...va sostenuto!

• Abnegazione

Basta davvero poco!

I valori individuati in questo documento sono frutto di un lavoro di gruppo che ha coinvolto volontari e personale in data 14 gennaio 2012. 2.

12


Solidarietà La solidarietà (fraternità) concepisce la comunità composta da persone tra le quali esistono vincoli di collaborazione, comunanza di obiettivi, di problemi, di azioni. È uno dei principi sui quali si fonda la Repubblica italiana, che la accoglie tra i principi fondamentali (l’art. 2 della Costituzione chiede a tutti i cittadini: «l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale») e su di essa basa i rapporti civili, etico-sociali, economici e politici tra i cittadini e tra i cittadini e le istituzioni. In SVS il valore della solidarietà è quindi visto sia nei termini del senso di responsabilità – dovuto ad una appartenenza comune alla collettività e all’umanità – nei confronti dell’altro (anche straniero) che si trova a vivere una situazione di disagio sia nei termini dell’azione conseguente di adoperarsi attraverso aiuto morale, psicologico e fisico.

Appartenenza e condivisione Questi valori significano sentirsi parte attiva di SVS, accomunati dagli stessi principi, valori e obiettivi. Significa riuscire a rafforzare i propri principi e le proprie azioni attraverso la condivisione e il confronto con gli altri avendo la consapevolezza che i componenti di SVS possono provenire da esperienze e realtà diverse. Significa sentirsi parte di un gruppo, nel quale condividere la propria esperienza ed essere fieri ed orgogliosi di fare parte di una realtà che da più di un secolo porta avanti la propria missione, nella consapevolezza che la forza del gruppo è la forza di ciascuno e che è solo attraverso l’azione comune che si riescono a realizzare gli scopi.

Servizio e abnegazione Lo spirito di servizio richiama ad uno stile, un modo di essere, un comportamento quotidiano fatto di capacità di ascolto, disponibilità, empatia ed efficacia. Avere la passione e la voglia di dedicare del tempo alla realizzazione di un fine moralmente valido, spendendo parte della propria esistenza a favore degli altri. Vuol dire riconoscere l’importanza di fare parte di un’organizzazione e di riconoscere l’esigenza di equilibrare i propri bisogni con quelli di SVS e del raggiungimento dei suoi scopi. Vuol dire considerare il volontariato sia nella sua dimensione di relazione e gratificazione ma anche di impegno che comporta non solo il servizio ma anche la partecipazione alla vita associativa e ai suoi momenti istituzionali.

Testimonianza e coerenza Mantenere i valori e le attività del passato adeguandole ai tempi di oggi e guardando al futuro. È azione mirata a dimostrare con i fatti il valore in cui si crede, rendere conforme l’agire pratico con le convinzioni ideali, rispettando gli altri e accogliendo i nuovi volontari col lo spirito della testimonianza personale e ciò che fa di SVS una realtà presente e irrinunciabile. Vuol dire agire con autonomia, nel rispetto delle proprie idee dettate dalla storia, dall’esperienza e dal comportamento di vita.

Gratuità La gratuità, con la solidarietà, contraddistingue il volontariato che motiva un cittadino ad impegnarsi in prima persona e concretamente per il raggiungimento di una società più civile. È un valore fondante di ANPAS e dei volontari che svolgono la loro attività a diversi livelli. Il volontariato non è dunque solo l’azione che si svolge nel momento in cui si è in servizio presso l’Associazione, ma è uno stile di vita responsabile che condiziona le proprie scelte ed il comportamento verso gli altri. È un valore contaminante che non solo riempie la propria vita, ma influenza la società in cui si vive aiutandola a divenire più equa e solidale. Senza dono di sé agli altri - come nel caso in cui si offre semplicemente del denaro - vi è filantropia, non volontariato. La logica del dono si caratterizza per la sua finalizzazione all’altro in un’ineliminabile risultato di socialità e di relazionalità. È in virtù di questa specifica “missione” che il volontariato si caratterizza come spazio concreto e simbolico del dono che come tale non può prescindere dalla gratuità.

13


Bilancio di Missione 2012

 LA VISIONE La definizione della visione si distingue in due fasi : la visione breve e la lungo termine. I rapidi processi di cambiamento socio-culturali-economici impongono una riformulazione della visione in tempi anche brevi purchè non in contrasto con il sistema dei valori tradizionali. Allo stato attuale si riscontrano forti criticità nella visione di lungo termine per la nostra Associazione soprattutto sul ruolo futuro nella gestione di alcuni servizi tradizionali. La funzione “pubblica” si scontra con una modificato rapporto sempre più “privatistico” con l’utenza e le istituzione e con risorse precarie e non continuative. Tale quadro influisce, negativamente, sulla corretta definizione di visione. Per sintesi :

ORNO

• La Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza mantiene la visione di servizio pubblico con gestione privata (trasparente) per gli anni futuri • Assicura il potenziamento di servizi sanitari e sociali alla comunità potenziando il sostentamento con risorse private da donazioni rispetto al convenzionamento • Potenzia i propri servizi e rete sul territorio a carattere “commerciali” ma con funzione di “calmiere” mediante strutture autonome partecipate o in collaborazione

VISIONE PRINCIPALE DELLA NUOVA SEDE SVS A LIVORNO SCHEMA DI PROSPETTO SU VIA BOCCACCIO

MENTO CON FOTOINSERIMENTO

14


Rif. 2.12 Indicazioni dell’oggetto sociale

 LE FINALITà

DELLA SOCIETà VOLONTARIA di SOCCORSO

Art. 7 (Finalità) 1. Le specifiche finalità dell’organizzazione di volontariato a favore dell’intera collettività sono:

Sulla base delle proprie disponibilità organizzative e strumentalmente al conseguimento delle attività di cui sopra, l’Associazione si impegna anche a:

a) organizzare il soccorso mediante autoambulanza o qualsiasi mezzo all’uopo destinato ad ammalati e feriti;

- promuovere aiuti alle famiglie colpite da lutto mediante l’istituzione di un servizio di onoranze e trasporti funebri, compresa la fornitura dei rispettivi arredi a tutti i cittadini richiedenti, con lo scopo anche di consentire loro il minor disagio economico possibile; - effettuare trasporto mediante autoambulanza previa corresponsione diretta, da parte del trasportato, del corrispettivo inerente al servizio stesso; - promuovere ed organizzare incontri per favorire la partecipazione dei cittadini allo studio dei bisogni emergenti ed alla programmazione del loro soddisfacimento; - organizzare forme di intervento istitutivo di servizi conseguenti al precedente punto primo; - promuovere ed organizzare la solidarietà sui problemi della solitudine e del dolore istituendo anche specifici servizi; - partecipare in qualità di socio sovventore alla costituzione e alla attività di cooperative sorte fra soci iscritti alla qui citata Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza”, sottoscrivendo e versando le quote o azioni nel numero e per l’importo indicati in sede assembleare, su proposta del Comitato Direttivo, cui competerà successivamente di esprimere un componente del Consiglio di Amministrazione della Cooperativa; - organizzare direttamente servizi di guardia medica, infermieristica, di medicina preventiva e del lavoro, servizi di riabilitazione e fisioterapia; - organizzare momenti di studio ed iniziative di informazione in attuazione dei fini del presente Statuto anche mediante pubblicazioni periodiche; - organizzare i servizi di mutualità; - promuovere direttamente o fra i propri associati la costituzione di società cooperative, fondazioni, enti, mutue, imprese e società di qualsiasi genere eventualmente partecipando al loro capitale sociale ed alla formazione dei loro organi statutari.

b) organizzare servizi di guardia medica, paramedica, ambulatoriale, servizi di riabilitazione, in collaborazione con le strutture pubbliche; c) promuovere ed organizzare la raccolta del sangue; d) promuovere iniziative di formazione ed informazione sanitaria e di prevenzione della salute nei suoi vari aspetti sanitari e sociali; e) organizzare iniziative di protezione civile e di tutela dell’ambiente, corsi di formazione per gli addetti o gli aspiranti tali nonché di informazione verso la cittadinanza, le istituzioni, la scuola; f) promuovere iniziative di carattere culturale, sportivo e ricreativo atte a favorire una migliore qualità della vita; g) organizzare la formazione del volontariato in collaborazione anche con i progetti della Associazione Nazionale della Pubbliche Assistenze; h) promuovere in comunione con Enti, Associazioni di tutela e volontariato ad iniziative finalizzate alla prima accoglienza di profughi ed immigrati; i) promuovere, organizzare, partecipare in forma attiva a progetti mirati di cooperazione internazionale con prevalenza di interventi di solidarietà sociale, oltre che tesi a diffondere e favorire la cultura del volontariato, della multietnicità e della tolleranza religiosa; l) organizzare corsi di formazione in genere ed in specie rivolti alla prevenzione e recupero di condizioni di disagio ed emarginazione, nonché di promozione di cultura imprenditoriale e di attività imprenditoriale per giovani disoccupati o adulti cassaintegrati o in mobilità o espulsi dal mondo del lavoro; m) promuovere e organizzare servizi sociali rivolti alla collettività.

15


Bilancio di Missione 2012

NEL 2012 NON VI SONO STATE REVISIONI STATUTARIE Rif. 2.13 Settore in cui l’organizzazione opera ed indicazione dei beni o servizi prodotti L’Associazione sì è costituita per offrire servizio di soccorso e sanitari. Negli anni l’attività è evoluta in numerosi altri settori di interventi. Per completezza si rinvia ai paragrafi successivi.

Rif. 2.15 Sottoscrizione o adozione di codici di condotta, principi e carte sviluppati da enti/associazioni esterne relative alla performance economica, sociale e ambientale Carta dei Valori del Volontariato Fivol/Gruppo Abele del 4 Dicembre 2001 Carta della Donazione – Istituto Italiano della Donazione 1999 Carta Etica Servizio Civile Nazionale

Rif. 2.14 Tipologia di mercati/utenza servita/beneficiari delle attività L’Associazione opera per la collettività in generale senza alcuna distinzione, enti pubblici e soggetti privati di qualsiasi natura. Non svolge attività commerciale di servizi.

Rif. 2.16 Indicazioni di obiettivi e strategie di medio-lungo termine Descrizione Costruzione Poliambulatorio

Data

Bilancio di riferimento

Risultato

Luglio 2006

2004-2005

Realizzata la progettazione

Stato di attuazione: sospeso

Costruzione nuova sede

2010

1985-2004-2005-2012

Stato di attuazione: in approvazione la concessione definitiva del terreno da parte dell’amministrazione comunale

Riorganizzazione Societaria

2008

2008

Stato di attuazione: provvedimenti conseguenti al decreto legge 28 Novembre 2008

Costituzione Fondazione

2011

Stato di attuazione: in corso con la collaborazione dell’Università di Pisa

16

Realizzata


 Mappa degli stakeholders 3.01 Elenco degli stakeholder Gli Stakeholders sono i “portatori di interesse” della Società ai quali è diretta l’informazione sulle attività svolte per il ruolo partecipativo diretto o indiretto nei confronti della Missione Associativa Allo stato attuale il bilancio economico e quello di missione sono comunicati a:

Interni • Soci • Volontari • Dipendenti e Collaboratori • Operatori del Servizio Civile

Esterni – soggetti istituzionali • Provincia di Livorno – nell’ambito delle competenze previste dalla Legge Regionale 28/93 e dalla Legge 266/91 • Sindaco del Comune di Livorno • Prefetto di Livorno • Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Livorno • Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Livorno • Autorità religiose

Esterni • I cittadini sono informati con pubblicazioni su stampa locale, circuito TV locale e sito internet associativo www. pubblicaassistenza.it • Associazioni di rappresentanza • Fornitori principali • Fondazioni Bancarie • Finanziatori progetti e grandi donatori Per i Soci, Volontari e personale dipendente la relazione è continua ed attiva nella formulazione del bilancio sociale. Per gli altri soggetti la relazione avviene mediante l’invio del Bilancio Sociale e la richiesta di osservazioni. 3.03 Impegni e responsabilità assunti nei confronti degli stakeholder • Affiancare ed integrare il bilancio economico con informazioni di natura (anche) non monetaria per una valutazione consuntiva e preventiva delle attività e delle strategie prefisse dall’Associazione per mezzo dei suoi Organi, Organismi e stakeholders. • Rendere conto agli aderenti e sostenitori dell’attività sociale svolta e dei risultati ottenuti • Dichiarazione dell’Associazione su ciò che è e su ciò che vuole essere • Favorire agli stakeholder le informazioni sulla performance dell’Associazione • fornire indicazioni utili sulla qualità della prestazione • Coinvolgimento degli stakeholder Rif. 3.04 Attività di coinvolgimento degli stakeholder effettuate nel corso dell’esercizio Assemblee per i Soci ed i Volontari. Incontri con le organizzazioni sindacali per il personale dipendente. Rif. 3.05 Decisioni ed interventi di miglioramento effettuati dall’organizzazione a seguito del coinvolgimento Nel 2011 non sono state presentate osservazioni per interventi di miglioramento del bilancio sociale ad eccezione dell’avvio del percorso definizione carta dei valori.

17


Bilancio di Missione 2012

 ASSETTO ISTITUZIONALE ASSEMBLEE Rif. 4.01 N. di assemblee tenute nel periodo oggetto di rendicontazione e, per ciascuna di essa, livello di partecipazione dei soci (numero totale e % sul totale aventi diritto al voto, distinguendo tra in proprio e per delega) • Assemblee n° 2 (delle quali 1 elettiva) • Soci partecipanti totali n° 71 • Percentuale fra i soci aventi diritto 0,76 % (- 0,5 % rispetto al 2011) Il voto per delega non è ammesso.

ORGANI DI GOVERNO Rif. 4.02 Composizione organo/i di governo (es. CdA) specificando nome e cognome, anzianità di carica, professione, altri ruoli di governo/di controllo svolti in altre organizzazioni (profit, non profit o pubbliche) PRESIDENTE

Dr.

Vincenzo PASTORE

VICE PRESIDENTE

Sig.a

Alessandra MINI

CONSIGLIERE

Sig.

Ugo RENUCCI

CONSIGLIERE

Sig.

Claudio PAOLINI

CONSIGLIERE

Dr.

Renzo PACINI

CONSIGLIERE

Sig.

Gaetano Rosario ZITO

CONSIGLIERE

Sig.a

Rossella LUPI

CONSIGLIERE

Sig.a

Maria Pia CAMMILLI

CONSIGLIERE

Don

Salvatore BEVINETTO

CONSIGLIERE

Dr.

Paolo PACINI

CONSIGLIERE

Sig.

Fabio ALLEGRI

Rif. 4.03 Modalità di nomina dell’organo/i di governo La nomina degli amministratori avviene con la convocazione dell’Assemblea dei Soci ed a scrutinio segreto. Presiede l’elezione una Commissione Elettorale nominata dall’Assemblea dei Soci Rif. 4.04 N. di incontri tenuti nel periodo oggetto di rendicontazione N° 8 Convocazioni di Comitato Direttivo (+ 3 rispetto al 2011) N° 35 Delibere adottate (+20 rispetto al 2011) Rif. 4.05 Soggetto che ha la rappresentanza legale Ai sensi dello Statuto la rappresentante legale è del Presidente eletto pro-tempore ed in sua assenza al Vice Presidente Rif. 4.06 Deleghe conferite ai componenti dell’organo di governo Le deleghe ai componenti degli organi di governo vengono conferite di volta in volta. Il Presidente è delegato ai rapporti con ANPAS La Vice Presidente è delegata ai rapporti con il Centro Nazionale del Volontariato

18


Rif. 4.07 Entità dei compensi, a qualunque titolo, corrisposti ai membri degli organi di governo Gli organi di governo non ricevono compensi ad alcun titolo e l’opera è svolta in forma totalmente gratuita e senza concessione di alcun tipo di rimborso spesa. Nello svolgimento dell’attività di Amministratore dell’Associazione non sussistono conflitto di interesse. Nel 2012 è avvenuta la nomina di amministratore unico nella SVS Gestione Servizi srl del Direttore Fabio Cecconi Rif. 4.08 Percentuale delle persone facenti parte degli organi che donano all’ente e il valore complessivo delle loro donazioni Non previste Rif. 4.09 Composizione effettiva dell’organo di controllo attualmente in funzione, indicando professione, titolo di studio, durata della carica ed eventuale abilitazione professionale

COLLEGIO DEI SINDACI REVISORI Dott.

Giancarlo NANNIPIERI Presidente del Collegio

Dott.

Tommaso GASPERINI

Dott.

Matteo TRUMPY

I Sindaci Revisori sono eletti insieme agli altri organi sociali. Data elezione 2012 durata in carica fino al 2015 Rif. 4.10 N. di incontri del collegio nell’anno Nel 2011 il Collegio si è riunito 2 volte Rif. 4.11. Principali questioni affrontate dall’organo di controllo nell’anno Bilancio consuntivo 2011 Bilancio preventivo 2012 Bilancio consuntivo 2012 Relazione Costituzione della SVS Gestione Servizi srl Adozione modello responsabilità imprese 231 Rif. 4.12 Compensi corrisposti ai componenti dell’organo di controllo Gli organi di governo non ricevono compensi ad alcun titolo e l’opera è svolta in forma totalmente gratuita e senza concessione di alcun tipo di rimborso spesa. Nello svolgimento dell’attività di Amministratore dell’Associazione non sussistono conflitto di interesse.

COLLEGIO DEI PROBIVIRI Rif. 4.13 Composizione di eventuali altri organi, specificando se previsti nello statuto Rif. 4.14 Poteri di questi organi Il Collegio dei Probiviri è previsto dallo Statuto Sociale.

19


Bilancio di Missione 2012

Estratto Statuto Art. 24 (Collegio dei probiviri) 1. Il collegio dei probiviri è composto da 3 membri effettivi e da 2 supplenti. Nella prima riunione, dopo la elezione avvenuta secondo quanto previsto dal regolamento,. il collegio dei probiviri elegge nel proprio seno il presidente. 2. Il collegio dei probiviri delibera sui ricorsi presentati dagli aderenti contro i provvedimenti adottati dal Comitato Direttivo ai sensi del precedente art. 11. Delibera altresì sulle controversie tra aderenti e comitato direttivo, tra aderenti e Commissione per la disciplina, tra singoli componenti il comitato direttivo e il comitato direttivo stesso. Delle proprie riunioni il collegio dei probiviri redige un verbale da annotare su apposito libro. Le decisioni del collegio dei probiviri sono comunicate agli interessati ed al Presidente dell’associazione. PROBIVIRI

Presidente

Sig.

Garibaldo BENIFEI

PROBIVIRI

Membro

Sig.

Rosario SANTORO

PROBIVIRI

Membro

Sig.a

Rosalba ADIMARI

PROBIVIRI

Sostituto

Sig.a

Stefania STEFANINI

• Garibaldo Benifei

20


 TRASPARENZA E GESTIONE E POTENZIALE CONFLITTO DI INTERESSE Rif. 4.15 Regime di pubblicità esterna dei verbali delle assemblee, delle decisioni degli organi di governo, del Presidente e degli organi di controllo I verbali sono conservati nell’archivio sociale ha disposizione dei Soci che lo richiedono e pubblicati per estratto nel sito internet dell’Associazione.

RETI Rif. 5.01 Eventuali partecipazioni a reti e collaborazioni attive con altre organizzazioni (enti pubblici, Organizzazioni Non Profit, imprese, ecc) specificando finalità e natura del rapporto Convenzioni economiche e non economiche con enti pubblici: • Convenzione con l’Azienda Unità Sanitaria Locale n° 6 di Livorno per la gestione del servizio 118 ed altri trasporti sanitari • Convenzione con il Comune di Livorno per la gestione del servizio mobilità disabili • Convenzione con il Comune di Livorno per la gestione del servizio prevenzione e repressione degli incendi boschivi • Convenzione con il Comune di Livorno per la protezione civile • Convenzione con il Comune di Livorno per la prevenzione incidenti in mare Convenzioni economiche con Enti privati (trasferite a SVS Gestione Servizi srl) Assicurazioni private di rilevanza nazionale ed internazionale per il trasporto sanitario (trasferite a SVS Gestione Servizi srl)

Reti e partecipazioni A.N.P.AS. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze Firenze A.N.P.AS. – Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze Comitato Regionale Toscana Firenze Socio sovventore Coop. Humanitas Livorno Socio COPASS – Cooperativa Pubbliche Assistenze Soccorso Sanitario Firenze Socio Banca Etica – Padova Comitato Culturale di Ardenza (costituito nel 2002) ed Associazione Rotonda Forum locale del Terzo Settore UISP (Unione Italiana Sport Popolare) AVIS sezione di Livorno PROCIV ARCI CIPAS – Consorzio Nazionale delle Pubbliche Assistenze Busnago Soccorso – collaborazione Croce Verde Castelnovo Monti – collaborazione Consulta Associazioni del Comune di Livorno

21


Bilancio di Missione 2012

 CERTIFICAZIONE/ATTESTAZIONE ESTERNA DEL BILANCIO DI ESERCIZIO

Presenza della certificazione e riferimenti del certificatore/attestatore Rif. 6.01 Eventuale indicazione del certificatore/attestatore del bilancio e della relativa qualifica professionale: valutazione del Cesvot con l’indicazione dei due professionisti del verbale Rif. 6.02 Compiti e funzioni espletate effettivamente: valutazione del bilancio come da Linee guida CESVOT Rif. 6.03 Compensi, a qualunque titolo, corrisposti per la certificazione/attestazione. La certificazione è avvenuta in forma gratuita da parte del CESVOT e realizzata con propri fondi Rif. 6.04 Eventuali altri incarichi affidati al certificatore/attestatore e relativi compensi: non sono stati affidati altri incarichi Questo bilancio è stato certificato da CESVOT con un punteggio di 83.

Composizione e natura del gruppo a cui appartiene l’Organizzazione Non Profit 7.01 Composizione del gruppo descrivendo il tipo di relazioni e rapporti intercorrenti tra i soggetti 7.02 Rappresentazione grafica del gruppo, con distinta evidenza delle relazioni di direzione e/o coordinamento o di controllo (influenza dominante) e relazioni di collegamento (influenza notevole)

Tà SOCIE ARIA NT VOLO ORSO C DI SOC no Sosteg rietà lida o S a L APS tenza s i s s ’A SMS L

ione z a p i c Parte anitas m u H Coop. nca Etica Ba Coop.

ONE I T S E SVS G srl ZI SERVI 0% 10 Quote

ata Autorizz Sanitaria Struttura Sanitario DirettoreGiuse LAMESA Dott.ssa

L’Associazione non aderisce a nessun gruppo strutturato. L’influenza dominante è riservata alla sola SVS Gestione Servizi srl. 7.03 Descrizione delle motivazioni della partecipazione in soggetti terzi La Coop. Humanitas è stata gemmata dall’Associazione nel 1997 allo scopo di organizzare servizi professionali a carattere sanitario e sociale. L’adesione a Banca Etica con una quota di partecipazione è avvenuta per condivisione della mission dei fondatori di promuovere sul mercato italiano bancario un soggetto privo di finalità di lucro riconoscendosi nei valori della banca 7.04 Breve descrizione dei risultati economici di sintesi degli enti controllati Il bilancio di SVS Gestione Servizi srl è depositato alla locale Camera di Commercio.

22


 STRUTTURA ORGANIZZATIVA Rif. 8.01 Presentazione organigramma funzionale con indicazione di eventuali cambiamenti significativi nell’anno di rendicontazione Nell’anno 2012 non vi sono stati cambiamenti significativi

ASSEMBLEA DEI SOCI COMITATO DIRETTIVO

DIREZIONE

COLLEGIO dei SINDACI REVISORI

SEGRETERIA del COMTATO

UFFICIO STAMPA

PRESIDENZA

COMMISSIONI COMITATO

SERVIZIO PREVENZIONE e PROTEZIONE

GESTIONE QUALITà

D.Lgvo 81/2006

COORD. CENTRALE

RAPPRESENTANZA

SEGRETERIA VOLONTARI

PRIVACY

AMMINISTRAZIONE

RESPONSABILE

ATTIVITà ISTITUZ. SRL

FUND RAISING MARKETING PROGETTI SPECIALI EMERGENZE PARCO AUTO

23

COLLEGIO dei PROBIVIRI

CONSIGLIO DISCIPLINA


Bilancio di Missione 2012

FUNZIONIGRAMMA ASSETTO TECNICO • attua le linee generali, piani ed indirizzi del Consiglio con atti specifici • assegna le funzioni e compiti ai Dipartimenti mediante procedure • svolge funzione di raccordo con i dipartimenti • rappresenta il Consiglio della Società • ha la responsabilità degli atti amministrativi di propria competenza • verifica il mantenimento di una azione efficace ed efficiente dei dipartimento anche i rapporto tra costi e risultati • risponde al Consiglio della Società per le linee di indirizzo assegnate • tiene aggiornato il sistema informativo stabilito dal Consiglio della Società • prevede le azioni e gli scenari Rif. 8.02 Composizione della struttura dirigenziale con indicazione delle persone con incarichi dirigenziali, compiti e turnover Direttore

Fabio Cecconi

Responsabile Centrale Operativa

Piero Tomei

Responsabile Segreteria Volontari

Francesco Cantini

Responsabile Amministrazione

Andrea Fabbro in service con SVS Gestione Servizi

Responsabile Ufficio Emergenze

Simone Scateni

Attività trasferite a SVS Gestione Servizi srl Responsabile Polo Salute

Cantini Francesco

Responsabile Agenzia Formativa

Stefania Chiari

Responsabile Servizi Funebri

Cinirio Paoletti

24


 LE RISORSE UMANE DELLA SVS I Soci Rif. 9.01 N. dei soci/associati e relativa dinamica Rif. 9.02 Composizione della base sociale: - persone fisiche: sesso, età - persone giuridiche: natura giuridica Rif. 9.03 Anzianità associativa dei soci/associati Per Statuto i Soci possono essere solamente persone fisiche. 2011 SOCI SOSTENITORI

2012

9066

9247

DONNE

4276

4427

UOMINI

4790

4813

3751

4464

Soci paganti deceduti

225

irreperibili

29

trasferiti

17

dimessi

14

ND

2

PERSONALE RETRIBUITO Rif. 10.01 N. lavoratori a fine anno ed evoluzione negli ultimi 3 anni. Nel caso di cooperative, suddividere fra soci e non soci Rif. 10.02 Suddivisione lavoratori per sesso, età, tipologia contratto Rif. 10.03 Suddivisione dei lavoratori per funzione nell’organizzazione

DIPENDENTI 2010

2011

2012

SVS P.A.

37

32

27

SVS SRLU

33

71

80

2010

2011

2012

29

29

35

COLLABORATORI SVS/SRL

SUDDIVISIONE PER TITPOLOGIA CONTRATTUALE T. INDET

T. DET.

INTERINALE

COLLAB.

0

12

1

15

SVS INTERINALI CLASSI DI ETà

UOMINI

SVS DIPENDENTI

DONNE

TOT

CLASSI DI ETà

UOMINI

DONNE

TOT

15-24

0

0

0

15-24

0

0

0

25-34

4

0

4

25-34

2

0

2

35-44

4

4

8

35-44

4

0

4

45-54

0

0

0

45-54

6

0

6

55-64

3

0

3

55-64

0

0

0

> 65

0

0

0

> 65

0

0

0

TOT

8

4

12

TOT

15

0

15

25


Bilancio di Missione 2012

Rif. 10.04 N. totale dei lavoratori: - entrati nel periodo, precisando la tipologia contrattuale - usciti nel periodo Tasso di turn over

TURNOVER SVS ENTRATI NEL PERIODO

USCITI NEL PERIODO

1

Autista c/o Parco Auto

ANPAS – Agenzia Interinale

3

Autista c/o Parco Auto

1

Impiegati Progett. Formavol ANPAS – Agenzia Interinale

2

Impiegati Progett. Formavol ANPAS – Agenzia Interinale

9

Autisti Soccorritori

13

Autisti Soccorritori

ANPAS – Agenzia Interinale

4

Addetti Centrale Op.va.

ANPAS – Agenzia Interinale

22

TOTALE

11

ANPAS – Agenzia Interinale

TOTALE

ANPAS – Agenzia Interinale

Motivazione della fuoriuscita dall’azienda: Dimissioni

0

Contratto a termine

22

Licenziamento

0

Rif. 10.05 Tipologia di contratti collettivi applicati per i lavoratori dipendenti Rif. 10.06 Compensi corrisposti per prestazioni di lavoro non regolate da contratto di lavoro dipendente, con distinta evidenza sulle tipologie di contratto Rif. 10.07 Benefit previsti per i lavoratori mettendo in evidenza (in caso di cooperative) eventuali differenze fra soci, non soci Rif. 10.08 Costo aziendale massimo e minimo per le diverse categorie di lavoratori. Evidenziare la suddivisione per le diverse tipologie di contratto Al personale dipendente è applicato il CCNL ANPAS. Non sono devolute differenze contrattuali ad eccezione di premi di produzione stabiliti dall’organo direttivo.

Salute e Sicurezza 10.09 N. e tasso di infortuni sul lavoro specificando il tipo di infortuni Registrato n. 1 infortuni personale dipendente - 4 rispetto al 2011 10.10 Accordi formali con i sindacati relativamente a salute e sicurezza Le politiche per la sicurezza sono oggetto di trattazione alle riunioni periodiche sindacali. È attivo il servizio prevenzione e protezione ai sensi del D.Lgvo 81/2008 e successivi con RSPP incaricato, Medico competente, Rappresentante Lavoratori formato ai sensi di legge. Nel 2013 il SPP sarà integrato dal rappresentante dei volontari. 10.11 Eventuali sanzioni e contenziosi in materia di salute e sicurezza Sono sempre pendenti al Giudice del Lavoro del Tribunale di Livorno due cause intentate da un dipendente nel 2011 10.12 N. giornate medie di malattia nel periodo GIORNI DI MALATTIA

SVS

N° 2012

N° 2011

332

34

26


Formazione 10.13 Indicare il numero dei lavoratori e la percentuale sul totale che ha partecipato ad attività formative/di aggiornamento nel periodo Formazione personale SVS-SRL Numero corsi Totale ore

2011

2012

3

5

360

180

10.14 Ore medie di formazione annue per lavoratore (nel caso delle cooperative fornire il dato per soci e non soci) 10.15 Indagini per rilevare la soddisfazione del personale retribuito e relativi risultati Non sono state eseguite indagini per rilevare la soddisfazione 10.16 Iniziative per favorire la motivazione e aumentare il senso di appartenenza del personale retribuito Non sono state favorite iniziative per l’accrescimento della motivazione 10.17 Eventuali politiche aziendali per favorire le pari opportunità Non sono attuate politiche per le pari opportunità in quanto ininfluenti nella scelta del personale. 10.18 N. di donne sul totale dei lavoratori, con dettaglio per ciascuna tipologia di contratto di lavoro Vedi 10.1 10.19 Percentuale di donne/uomini per categorie contrattuali Vedi 10.1 10.20 Indicare il numero di contenziosi in essere nel corso del periodo con i lavoratori e loro esiti 2

VOLONTARI 12.01 N. volontari attivi in modo continuativo 765 12.02 Suddivisione dei volontari continuativi per età 3 volontari da 0 a 15 anni 365 volontari da 16 a 30 anni 327 volontari da 31 a 60 anni 81 volontari oltre i 61 anni 12.03 Suddivisione volontari continuativi in base al tipo di impiego presso l’Organizzazione Non Profit Sanitario 487 volontari Protezione Civile 86 volontari Sociale 58 volontari Linea amica 13 volontari Cives 8 volontari Nati per comunicare 23 volontari Soccorso in mare 24 volontari Donatori di sangue 103 volontari 12.04 N. totale di ore di volontariato offerte all’Organizzazione Non Profit 12.05 N. totale di volontari continuativi che sono entrati e usciti nel periodo e tasso di turnover

27


Bilancio di Missione 2012

VOLONTARI Svolgono ai sensi della legge 266/91 attività di volontariato in associazione con l’impegno nei seguenti settori : • Soccorso ambulanza • Servizio di accompagnamento anziani e disabili • Soccorso in mare • Servizio prevenzione e intervento incendi boschivi • Interventi di protezione civile • Donazione di sangue • Servizio sociale • Aiuti internazionali • Centrale operativa 2011

2012

VOLONTARI

565

776

Servizio Antincendio

625

500

Ambulanza Emergenza 118 (*)

26208

30576

Ambulanza Soccorso e Ordinario Sede Via San Giovanni (**)

19100

19272

Ambulanza Ardenza

11680

12020

Ambulanza Ordinari

27980

29230

660

0

0

0

Servizio Sociale

4816

3880

Capraia Isola

12960

12960

Iniziative varie (riunioni, servizi straordinari e gare sportive, ballo sotto le stelle, aggiornamenti, manutenzioni,ecc)

4800

4200

Ambulanza Quercianella Centrale Operativa

Nuova costituzione

Banda Musicale SVS TOTALE

109394

113414

Ore di servizio prospetto generale (*) Presenze fisse garantite dal volontariato • Ambulanza 118 equipaggio di 3 persone H 24/365 • Ambulanza soccorso equipaggio di 3 persone ha garantito in media 12 h giornaliere/365 • Ambulanza sede di Ardenza ha garantito un equipaggio di 3 persone per 10 ore giornaliere • Ambulanza Ordinari presenza di 8 Volontari per 12 ore giornaliere da Lunedi a Sabato giorni feriali • Servizio Sociale ha garantito la presenza di 5 Volontari per 6 ore al giorno per 310 giorni • Antincendio boschivo – ha garantito la presenza di equipaggio di 2 volontari per 90 giorni, e disponibilità di 3 volontari per 90 giorni • Salvamento in mare • Ore di donazione di sangue non conteggiate 12.06 Descrivere la modalità di gestione dei rimborsi spese riconosciuti ai volontari, specificando i criteri e l’importo complessivo, nonché il numero di volontari che ne hanno usufruito Ai Volontari non viene concesso nessun rimborso spese di qualsiasi genere. Viene assegnato un rimborso spese per pasto al Volontario impiegato nella fornitura gratuita di materiale sanitario come indicato dalla delibera del Comitato Direttivo ed il rimborso abbonamento autobus per il Volontario addetto all’organizzazione presso la sede di Livorno Nord. 28


12.07 Attività di aggiornamento e formazione realizzate per i volontari, indicando durata e partecipazione FORMAZIONE VOLONTARIATO

2011

2012

Corsi Livello base

3

3

Aspiranti Volontari

81

110

2862

4180

Corsi BLSD

2

1

partecipanti corsi

50

33

ore formazione

200

198

Livello Avanzato

1

2

partecipanti corsi

28

42

2000

2562

3

2

partecipanti corsi

146

85

ore formazione

292

170

Corso autisti tipo B

1

1

partecipanti corsi

12

15

ore formazione

336

420

Corso anticendio

1

1

partecipanti corsi

35

80

ore formazione

20

Corso protezione civile

4

0

partecipanti corsi

20

0

ore formazione

70

0

Corso ricerca e soccorso

2

0

30

0

ore formazione

ore formazione Retraining livello avanzato

partecipanti corsi ore formazione

12.08 Indagini per rilevare la motivazione e la soddisfazione dei volontari e relativi risultati Non sono state effettuate indagini per la soddisfazione dei volontari 12.09 N. e tasso di infortuni sul lavoro specificando il tipo di infortuni subiti dai volontari N° 2 infortuni nell’anno 2012 (-2 rispetto al 2011) 12.10 Forme di copertura assicurativa attivate per i volontari (tipologia di assicurazione, tipologia di copertura, massimale, ecc) Ai Volontari è garantita la copertura ai sensi di legge 266/91 12.11 Eventuali sanzioni e contenziosi in materia di salute e sicurezza dei volontari Un contenzioso in atto con il Tribunale di Livorno per infortunio. 29


Bilancio di Missione 2012

 RUOLO NELLA COMUNITÀ Il ruolo della S.V.S. nella comunità lo si rileva con i dati relativi alle attività svolte nell’anno 2011 È garantita priorità al rilevamento dei bisogno della collettività nei campi di intervento dell’Associazione ed al contempo procedere con la soddisfazione mediante fornitura di servizi dai più semplici agli strutturati e complessi. Settore

Ruolo

Solidarietà

Promuovere una società solidale e di auto-aiuto fra i cittadini

Solidarietà

Favorire una società priva di ogni tipo di discriminazione sociale, razziale, religiosa, sessuale, politica.

Solidarietà

Promuovere una Assistenza Pubblica per tutte le persone anche temporaneamente presenti sul territorio

Solidarietà Internazionale

Intervenire a sostegno delle popolazioni povere con progetti e interventi di aiuto

Sanitario

Rilevazione e rappresentanza dei bisogni e diritti sanitari dei cittadini nei rapporti istituzionali

Sociale

Rilevazione e rappresentanza dei bisogni e diritti sociali dei cittadini nei rapporti istituzionali

Sanitario

Evitare l’ingresso sul mercato del servizio di ambulanza a discapito della gratuità e l’universalità per tutti i cittadini

Sociale

Evitare la totale mercificazione dell’offerta delle attività sociali favorendo anche una risposta del volontariato

Protezione Civile

Garantire un aiuto immediato alle popolazioni colpite da catastrofi

Donazione di Sangue

Garantire la disponibilità di sangue presso l’Ospedale cittadino

Attività sanitarie

Favorire l’offerta di alcune prestazioni sanitarie con tempi di attesa inferiori al servizio pubblico e a tariffe agevolate

Antincendio Boschivo

Promuovere nei cittadini la cultura del rispetto e la protezione dell’ambiente assicurando squadre di volontari per la prevenzione di incendi boschivi

| La firma del protocollo d’intesa, da sinistra: il presidente della SVS Vincenzo Pastore, l’assessora alle Politiche Sociali d’Inclusione ed Integrazione del Comune di Livorno Carla Roncaglia, Alessandra Mini presidente del Circolo La Solidarietà. Foto di Fulvio Amedei

Solidarietà in circol@

Anziani al centro per combattere insieme la solitudine

30


 GLI STRUMENTI DI GESTIONE • Il Bilancio patrimoniale • Il Bilancio finanziario • Il Bilancio preventivo • Il Bilancio di Missione • Carta della donazione • Carta dei servizi • Carta della Rappresentanza • Documento Programmatico della Sicurezza D. Lgv 196/2003 (Dati personali) • Documento valutazione dei rischi e piano della sicurezza D. Lgvo 81/2008 • Documento 231 • Avvio adesione Istituto Italiano Donazione (2013)

 LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLA S.V.S. norma SA8000®:2001 Nel 2007 la SVS è stata certificata SA8000 Nel 2008 si sono svolti due audit con esito positivo Nel 2009 è stata deciso dal Comitato Direttivo di rinunciare alla certificazione in conseguenza della sentenza del Giudice del Lavoro di Livorno

31


Bilancio di Missione 2012

 OBIETTORI E VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Obiettori di Coscienza Nel 2005 è terminato il servizio degli Obiettori di Coscienza

Servizio Civile Nazionale Progetti 1) Progetto “INSIEME TOSCANA” (Servizi sociali)       2) Progetto “LA STORIA SIAMO NOI” (Archivio storico)      3) Progetto “IPPOCRATE 2006” (Sanitario)             4) Progetto “TOSCANA SENZA BARRIERE 2007 5) Progetto “PEGASO 2007” 6) Progetto “PEGASO 2008” 7) Progetto “SVS STAR LIFE 2010” 8) Progetto Regionale “SVS NATI PER COMUNICARE REGIONE TOSCANA 2011” 9) Progetto Nazionale “SVS SOCCORSO CIVILE 2011” 10) Progetto Nazionale “SVS STAR LIFE 2011” 11) Progetto Nazionale “SVS SOCCORSO SOCIALE 2011”

4 Volontari 2 Volontari 15 Volontari 1 Volontario 7 Volontari 6 Volontari (su 20 posti disponibili) 12 Volontari 4 Volontari 5 Volontari (1 non presentato) 7 Volontari (5 non presentati) 5 Volontari (1 non presentati)

L’abbandono nei progetti 2011 è conseguente al ritardo nell’avvio progetti avvenuto nel 2012.   Con decreto 1 Luglio 2008 n. 2930 la Regione Toscana ha iscritto l’Associazione nell’Albo Enti Regionali di Servizio Civile Classe 3 per un totale di 9 sedi. Con DECRETO 14 dicembre 2010, n. 6011 Regione Toscana l’Associazione ha confermato l’iscrizione all’elenco RT 1S00149.

32


 LE ATTIVITà SOCIALI Difesa e promozione dei diritti dei cittadini nelle politiche oggetto delle finalità sociali Difesa e promozione dei diritti dei volontari e delle organizzazioni del volontariato

Promozione delle cultura della solidarietà e di una civiltà basata sull’aiuto reciproco GESTIONE DI SERVIZI: SOCCORSO SANITARIO • SERVIZIO DI EMERGENZA ED URGENZA SANITARIA 118

• • • • • • • • •

SERVIZIO DI SOCCORSO CON AMBULANZA TRASPORTO NEONATALE CON AMBULANZA AUTOMEDICA TRASPORTO SANGUE PER VALIDAZIONE MOBILITÀ INFERMI CON AMBULANZA PRONTO SOCCORSO A GARE E MANIFESTAZIONI PUBBLICHE SOCCORSO IN MARE CUORE SOCCORSO ATTIVITÀ PRESSO CENTRALE OPERATIVA 118

PROTEZIONE CIVILE • ATTIVITÀ DI PREVENZIONE • INTERVENTI DI EMERGENZA • ANTINCENDIO BOSCHIVO • MAXIEMERGENZE SANITARIE DONAZIONE DI SANGUE • DONAZIONE SANGUE • INFORMAZIONE-SENSIBILIZZAZIONE FORMAZIONE VOLONTARIARO • SANITARIA • SOCIALE • PREVENZIONE-PROTEZIONE SERVIZIO SOCIALE • TELESOCCORSO • MOBILITÀ SOCIALE DISABILI CON MEZZI ATTREZZATI • MOBILITÀ ANZIANI • MOBILITÀ UTENTI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DIALITICO • LINEA AMICA – TELEFONAMICO • CONSEGNA GRATUITA DI PRESIDI ORTOPEDICI • PRONTO INTERVENTO SOCIALE • COLLABORAZIONE PROGETTO BENEINSIEME • COLLABORAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE • Progetto Nicaragua • Progetto Farmaci (CUBA) • Sostegno alle attività Associazione di Solidarietà con il Popolo Saharawi

33


Bilancio di Missione 2012

SERVIZIO CIVILE • Obiezione di Coscienza • Volontari Servizio Civile CULTURA SOLIDALE, RICREAZIONE, FUND RASING • ATTIVITÀ DI SENSIBILIZZAZIONE AL VOLONTARIATO SCUOLE • FESTA IN PIAZZA • INIZIATIVE DI BENEFICIENZA • GITE SOCIALI

Attività trasferita alla SVS GESTIONE SERVIZI srl FORMAZIONE PROFESSIONALE • AGENZIA FORMATIVA FORMAVOL ACCREDITATA REGIONE TOSCANA ONORANZE FUNEBRI • ORGANIZZAZIONE TRASPORTI FUNEBRI • VENDITA ARTICOLI FUNERARI • RACCOLTA SALME IN LUOGHI PUBBLICI • INUMAZIONE SALME A CARITÀ (servizio appaltato ad altra impresa) POLIAMBULATORIO • AMBULATORI SPECIALISTICI • MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE INDIRIZZO ORTOPEDICO • MEDICINA DEL LAVORO • TELEMEDICINA SOCCORSO SANITARIO • Servizi a pagamento non convenzionati MEDIAZIONE APPALTI PUBBLICI

34

Struttura Sanitaria Autorizzata Direttore Sanitario Dott.ssa Giuse LAMESA


 ADVOCACY COMUNE di LIVORNO – Istituzione per i Servizi alla persona - ai gruppi di lavoro per il piano di zona SPORTELLO DI MEDIAZIONI SOCIALE SVS attivazione trasferito a SVS Gestione Servizi srl per procedura riconoscimento a Ministero Giustizia COLLABORAZIONE CON PATRONATO INCA – CGIL Registro dei soggetti accreditati ai sensi (portatori di interessi) della L.R. 18/1/2002 n. 5 presso la Regione Toscana nel settore di intervento : Sanità CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

 CENTRALE OPERATIVA SEDE LIVORNO CENTRO OPERATIVITÀ 24 ORE SU 24 Tel. 0586 88.88.88 Centrale telefonica composta da 8 linee r.a. N° 3 apparati radio in frequenza VHF N° 1 linea interna con centrale operativa 118 Livorno Fax 0586 83.88.08 E mail centraleoperativa@pubblicaassistenza.it Attività: • Centralino • Centrale Coordinamento ambulanze interventi richiesti da 118 e ordinari • Call Center sociale • Coordinamento Protezione Civile • Gestione attività informatica CONTATTI 76798 (+ 11234 rispetto al 2011) Dati rilevati con software dedicati alla gestione traffico telefonico Dal 2012 in gestione in service alla SVS Gestione Servizi srl

35


Bilancio di Missione 2012

 I MEZZI A DISPOSIZIONE SVS

2011

2012

AMBULANZE TIPO A

19

20

AMBULANZE TIPO B

1

1

AUTOMEDICHE e TRASPORTO SANGUE ORGANI

3

2

AUTOVETTURE

0

0

PULLMINI ATTREZZATI MOBILITÀ DISABILI

4

5

PROTEZIONE CIVILE

6

6

PMA MAXIEMERGENZE

1

1

IDROAMBULANZA

1

1

SCOOTER

2

2

Totale

37

38

SRL

2011

2012

AUTOFUNEBRI

7

8

AMBULANZE TIPO A

2

2

AMBULANZE TIPO B

1

1

AUTOMEDICHE e TRASPORTO SANGUE ORGANI

56

56

AUTOVETTURE

2

2

PULLMINI ATTREZZATI MOBILITÀ DISABILI

0

1

Totale

68

70

KM PERCORSI

2011

2012

794159

768962

36


 AMBULANZE

Attività di trasporto e soccorso sanitario in convenzione con la ASL 6 di Livorno oppure assicurata gratuitamente alla collettività con risorse associative. INDICATORI Servizi di Emergenza ed Urgenza richiesti dal 118

2011

2012

8897

9533

ROSSO

3889

3770

GIALLO

2992

3642

VERDE

2016

2067

2583

2949

Trasporti Ordinari SVS

8093

9090

Trasporto pazienti sottoposti a trattamento dialitico

7414

7333

20

cessato

TRASFERIMENTI Trasporti Ordinari non urgenti richiesti dal 118

TOTALI BIANCO DIMISSIONI

Trasporto sangue Trasporto salme luogo pubblico

24

39

Pronto soccorso gare sportive e manifestazioni

123

182

Mobilità Disabili

4050

5108

Mobilità anziani case di riposo (*)

TERM

TERM

Servizi a pagamento

SRL

SRL

Servizio ADI e trasf.

346

0

Servizio gratuiti

411

1278

36685

44991

TOTALE INTERVENTI

Quanto costa?

€ 1.454.090,32

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)?

ASL 6 Livorno

Eventuale rimborso ricevuto

€ 1.094.842,90

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 359.247,42

Provenienza risorse proprie DONAZIONI

3,71%

5 X 1000

28,74%

RISORSE ASSOCIATIVE

67,55%

AVANZO/DISAVANZO

- € 359.247,42

37


Bilancio di Missione 2012

 LA PROTEZIONE CIVILE

SERVIZIO PREVENZIONE REPRESSIONE INCENDI BOSCHIVI VOLONTARI I volontari impiegati hanno partecipato a stage formativo eseguito in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato e sottoposti ad idoneità medica come prescritto dalla legge 81/2008 e con DPI.

ZONA di COMPETENZA Colline zona sud di Livorno Altre zone della Toscana richieste dalla centrale operativa

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO Veicoli fuoristrada attrezzato con acqua in collegamento con le centrali operative degli enti deputati al coordinamento

RAPPORTO ANNI PRECEDENTI 2011

2012

Ore reperibilità Volontari

2420

2420

Giorni di allarme

138

92

Ore di presenza attiva

625

DESCRIZIONE

in convenzione comunale Su decisione dell’Associazione Km percorsi

500 135 365

6684

4798

Numero avvistamenti

5

4

Numero interventi zona di competenza

3

2

Numero interventi Fuori zona

8

8

Media giornaliera

Esercitazioni AIB Comune

1

EMERGENZE PROTEZIONE CIVILE RESOCONTO STAGIONE PRO. CIV.

2012

Giorni di disponibilità

365

Eventi Tot.

43

Ricerche dispersi

3

Manifestazioni

19

Alluvioni

6

Terremoti

1

Emergenza Neve

3

Frane

0

Emergenze locali

1

Giornate formative interne

1

Giornate formative ANPAs

7

Corsi formazione

1

n° mezzi

3

n° volontari formati

80

38


• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Premiazione Aulla Emergenza neve Livorno Emergenza neve Lazio Ricerca dispersi Convegno Protezione Civile Manifestazione Piazza della Repubblica Evento San Remo Emergenza idrogeologica (sversamento paraffina Livorno) Ricorrenza Moby prince Convegno Terremoto Corsi per formatori ANPAS - Inaug. carrello Lampo Manifestazione Villa Cristina Manifestazione “Livorno che non si vede” Manifestazione Santa Giulia Corso resp. di gruppo ANPAS Terremoto Emilia Romagna Eventi Parco pertini Livorno Fiera S.Antonino Coppa Lorenzini - Coppa Barontini Effetto Venezia Festa dei Popoli May Day ANPAS Assistenza Pellegrini Livorno Sistemazione dei magazzini ANPAS (più giornate...) - Aggiornamento respoonsaibili di gruppo ANPAS Alluvione Livorno - Alluvione Grosseto - Alluvione Massa e Carrara - Esercitazione interna.

Quanto costa?

Eventuale rimborso ricevuto

€ 50.977,70 Comune Livorno Regione Toscana € 19.633,85

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 31.343,85

Provenienza risorse proprie

SI

DONAZIONI

3,19%

5 X 1000

5,73%

RISORSE ASSOCIATIVE

91,08%

AVANZO/DISAVANZO

- € 31.343,85

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)?

39


Bilancio di Missione 2012

 SOCCORSO IN MARE

e DISTACCAMENTO QUERCIANELLA

Nel 2012 è cessata l’attività con sede fissa a Quercianella mantenendo un presidio saltuario. Attività di prevenzione degli incidenti in mare con idroambulanza e postazioni di primo intervento sulla costa. 2011

2012

Interventi in mare/costa

0

3

Interventi al presidio

55

29

Interventi ambulanza

11

3

Ore di servizio presidi fissi

261

330

Ore di servizio ambulanza

149

0

Ore di servizio mezzo nautico

184

140

Manifestazioni sportive

6

7

Ore servizio manifestazioni sporttive

47

35

Quanto costa?

€ 16.814,95

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)?

Comune Livorno

Eventuale rimborso ricevuto

€ 11.800,00

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 5.014,95

Provenienza risorse proprie

SI

DONAZIONI

0%

5 X 1000

21,49 %

RISORSE ASSOCIATIVE

78,51 %

AVANZO/DISAVANZO

- € 5.014,95

40


 RICERCA E SOCCORSO UNITÀ CINOFILE Attività di soccorso e ricerca persone disperse anche mediante l’ausilio di unità cinofile dell’Associazione UCS Unità Cinofile Soccorso Livorno 2011 SAR 365 Giorni di allerme 4745 Ore di reperibilità diurna 4015 Ore di reperibilità notturna 25 Ore di presenza attiva per ( ricerche ) Ore di formazione teorico - pratiche vedi formazione 5 Numero ricerche 290 KM percorsi in attività di ricerca 43 Numero operatori attivi 7 Numero unità cinofile

2012 365 0 0 27 3 86 17 6

Quanto costa?

€ 3.470,00

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)?

NO

Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 3.470,00

Provenienza risorse proprie DONAZIONI 5 X 1000 RISORSE ASSOCIATIVE

100%

AVANZO/DISAVANZO

- € 3.470,00

41


Bilancio di Missione 2012

 SEZIONE CAPRAIA ISOLA Servizio di soccorso sanitario ed attività di anticendio boschivi e protezione civile. Mezzi AMBULANZA: FUORISTRADA ANTINCENDIO IN COMODATO D’USO SERVIZI AMBULANZA

84

PATTUGLIAMENTO AIB

270

ELISOCCORSO

11

60

ORE VOLONTARI

12960

Reperibilità

13200 13200

ASSOCIAZIONI PERVENUTE

18

VOLONTARI PARTECIPANTI

90

ASSOCIAZIONI PERVENUTE

13

INTERVENTI AIB

2

0

INTERVENTI IN MARE CON GUARDIA COSTIERA

6

5

Quanto costa?

€ 6526,94

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 6526,94

Provenienza risorse proprie DONAZIONI 5 X 1000

100%

RISORSE ASSOCIATIVE AVANZO/DISAVANZO

- € 6256,94

42


 SEZIONE ROMA Attività avviata nel 2012 in attesa di autorizzazione all’attività Servizio di soccorso sanitario Mezzi AMBULANZA: SERVIZI AMBULANZA VOLONTARI CORSI

 SEZIONE GROSSETO Attività avviata nel 2012 Servizio di soccorso sanitario Mezzi AMBULANZA: SERVIZI AMBULANZA VOLONTARI CORSI

43


Bilancio di Missione 2012

 SERVIZIO SOCIALE  AIUTO INTERNAZIONALE  SOLIDARIETÀ SERVIZI GRATUITI PER I CITTADINI

NATI PER COMUNICARE Servizio di volontariato per il sostegno scolastico a studenti stranieri 2011

2012

Ragazzi minori coinvolti

100

90

Ore di attività

4500

5600

Numero insegnanti

47

Sedi

serale – Filippine; Alberghiero – Cina; Cecioni - Polonia - Russia; Buontalenti – Perù; Enriques - Equador; Bartolena – Ucraina – Brasile - S. Domingo; Colombo – Perù. I non frequentanti : Filippine – Perù – Congo – Ucraina – Marocco. Le discipline: Italiano, Storia, Geografia, Matematica, Fisica, Chimica, Filosofia, Pedagogia e Psicologia (medie e superiori); Matematica, Diritto e Pedagogia (Università) Secondo le esigenze dei ragazzi il tipo di intervento può essere individuale o in piccoli gruppi omogenei.

- Via S.Giovanni (per il serale Borsi e gli adolescenti che non frequentano la scuola) - Scuole Benci - Scuole Collodi - Scuole Bandinella - Biblioteca dei ragazzi - Parrocchia di S. Iacopo Utenti: ragazzi di diverse età (dalle elementari all’università) Tipo di intervento: individuale o in piccoli gruppi omogenei Discipline: Italiano, Storia, Geografia, Matematica, Fisica, Chimica( medie e superiori), Matematica e Diritto (università) Attività per adulti: La vita è il nostro libro più vero (gruppo di lettura e di scrittura autobiografica) iscritti all’attività 10 adulti Ciascun uccello ha il suo modo di cantare: Incontri mensili con gli autori sul tema della diversità Eventi: Mostra “Una scuola tante storie” in collaborazione con il Centro donna Collaborazioni Centro donna, Istituto Mascagni

• In Estate, oltre che seguire i ragazzi per un recupero più veloce della lingua, sono state organizzate, per ampliare la conoscenza della loro nuova città, delle uscite sul territorio con visite ai musei, il giro sui fossi, al Parco Pertini (momento ludico), passeggiando sul lungo mare e altro ancora. Diamo spazio anche all’aspetto ludico con la partecipazione dei ragazzi ad alcune feste organizzate sia da noi che da Enti cittadini. In questi giorni la gioventù si incontra con la tradizione, la musica, lo sport e viene a conoscenza di realtà complesse. I bambini riescono a esprimere, attraverso le attività manipolative e grafico pittoriche, le loro potenzialità, i loro desideri, i loro sogni e i loro problemi, dimostrando fantasia, voglia di relazione con lo scopo di stare insieme, parlare, giocare, ridere... in una parola comunicare. • Maggio, presso Piazza XX Settembre, abbiamo partecipato al Festival della Carità “C’è un posto per tutti”. Giugno, sempre in P.zza XX Settembre, promossa dall’AVIS, “La Festa dei Popoli”, Corsi presso le scuole: Corso di autobiografia e linguaggio non verbale – scuola Borsi – uno spazio di ascolto per i ragazzi della terza media stimolandoli a parlare di sé attraverso la stesura di un diario o di brevi racconti personali o se vogliono

Le attività si svolgono: Al mattino 9 - 12 Presso le scuole: BORSI = Filippine – Cina – Italia; BENCI = Bangladesh – Bulgaria - Ucraina – Filippine – Cina – Albania – S. Domingo – Nigeria; COLLODI = Macedonia – Romania; BANDITELLA = India. Presso la sede: Cina – Ucraina – Marocco - Ungheria – Filippine – Perù – Congo. Al pomeriggio 15 - 18 Presso la nostra sede: Nautico Moldavia; ISIS Niccolini Palli Turchia; Vespucci – Turchia – Cina; Mazzini - Filippine; Università - Albania; ITI – Cina - Perù; Borsi

44


ad esempio Piero Ciampi e Pietro Mascagni. • Partecipazione al Settembre pedagogico con due progetti: Uno presentato nel 2011, ma portato a termine nel corso del 2012, “Una scuola tante storie”. Una mostra, dedicata a tutti gli alunni e alunne di oggi e di ieri, che ha ripercorso la storia della scuola elementare, laica e religiosa, dall’Unità d’Italia alla fine del ‘900, cercando di ricostruire i momenti salienti dell’evoluzione della scuola elementare a Livorno che coincidono con la storia d’Italia. È stato raccolto materiale scolastico di ogni genere: libri, quaderni, penne, calamai, fonti materiali e scritte ricche di informazioni e testimonianze di vecchi alunni. Il risultato è un insieme di “storie”, che si integrano l’una con l’altra, attraverso le quali possiamo tratteggiare l’evoluzione avvenuta nella scuola primaria parallelamente all’ampliamento urbanistico della città. Nella settimana che è rimasta aperta ci sono state conferenze e concerti. La mostra è stata visitata da molte scuole cittadine e cittadinanza. • In Settembre, sempre all’interno del Settembre Pedagogico, è stato presentato il progetto “Ogni uccello ha il proprio modo di cantare” (Proverbio Mali) ritenendo di aiutare a capire i percorsi culturali nelle diversità per poter acquisire un atteggiamento disponibile di fronte a ciò che è straniero. È essenziale rompere la barriera che si crea di fronte a tanti schemi culturali e mentali, ed è la parola che ci può aiutare ad ottenere un risultato. Ci sono molti modi per arrivare a capire, uno di questi è leggere un libro che spiega come ad esempio per noi italiani una cosa degli altri è buffa e cose di noi italiani sono buffe per gli altri, semplicemente perché abbiamo culture diverse. E allora perché non conoscerle? Livorno - un mosaico tutto da ricostruire: è stato indetto un concorso, sponsorizzato dalla Camera di Commercio, dove parteciperanno tutte le scuole di Livorno di ogni ordine e grado. Il progetto ha come finalità educativa la conoscenza del territorio finalizzata a una socializzazione consapevole per la produzione di materiale illustrativo destinato a turisti e visitatori cercando di convincerli che Livorno non è solo un ponte che va dal porto verso le altre città toscane. Sarà interessante confrontare i diversi punti di vista dei ragazzi di diverse età e di nazionalità diversa. Servizio Civile: si è concluso il percorso, iniziato nel 2011 con l’approvazione della Regione Toscana di in progetto proposto da parte nostra, dove abbiamo potuto avvalerci del contributo dei quattro ragazzi che hanno collaborato con noi. Il gruppo opera nel settore del sociale e ritiene quanto sia importante la conoscenza degli altri, anche sotto l’aspetto generazionale, ed è per questo che è nato il Polo Culturale che comprende: Corso di autobiografia “La vita è il nostro libro più vero” le cui finalità sono quelle di facilitare la comunicazione tra generazioni diverse e la trasmissione dei saperi. La pratica dell’autobiografia può rappresentare una metodo-

conoscere cosa rivela la loro scrittura. Corso di burattini – scuola Fattori – Ai bambini viene insegnato a costruire i burattini con la cartapesta e la gomma-spugna, che poi, con storie inventate da loro, hanno cercato di animarli. Questo corso stimola la naturale capacità di inventiva, fantasia e estrosità dei bambini Corso di animazione corporea – scuola Collodi – Anche questo corso è utile per facilitare l’originalità dei ragazzi attraverso il corpo, raccontando una storia inventata da loro, per rappresentarla nello spettacolo finale alla presenza delle insegnanti e dei genitori. Progetto TROOL – presso le scuole Carducci e Bartolena – un progetto promosso dalla Regione Toscana, è un portale dedicato ai ragazzi per conoscere il mondo di Internet e per una navigazione sicura nel mondo Web. Sul blog si può raccontare le avventure di una gita, una gara sportiva o la visita alla nostra sede dove hanno prodotto dei disegni su ciò che hanno visto, principalmente le ambulanze, che successivamente hanno inviato in tutta la Toscana; descrivere la scuola o la città, inventare una storia, scrivere una poesia, consigliare un film, un gioco, un libro. Progetto “La Livorno che non si vede” promosso dalla Fondazione UNIPOLIS in cui hanno partecipato le scuole di 1° grado Borsi – Micali – Bartolena e Mazzini con sei classi complessive. La finalità del progetto è stata quella di stimolare la collaborazione tra ragazzi stranieri e italiani nell’approfondimento della conoscenza della città attraverso ricerche e visite nei luoghi meno conosciuti, sotto l’aspetto storico, socio-culturale e architettonico. A completamento dei lavori è stata effettuata una “Camminata”, aperta alla cittadinanza, che ha avuto due punti di partenza dove i ragazzi spiegavano ai partecipanti i risultati delle loro ricerche. Il punto di incontro è stato all’interno di Villa Fabbricotti dove, oltre a una meritata merenda, erano presenti i mezzi della nostra associazione presi d’assalto dai ragazzi con domande e curiosità. • Marzo è iniziato il Corso, in collaborazione con l’Istituto ISIS Niccolini-Palli, “Livorno: Musica e territorio”, l’obiettivo del progetto è stato quello di far riflettere i ragazzi sulle motivazioni che portano all’ascolto della musica nelle diverse età della vita, determinando stili di ascolto in senso emozionale. La musica può creare nuove amicizie e grazie alla condivisione dello steso genere i ragazzi possono avere aspettative comuni e credere in maniera più forte nei loro sogni e sentirsi meno soli. La musica non è soltanto svago ma può diventare una prospettiva per il futuro lavorativo. Infatti dietro la “musica” si celano molte persone, non solo quelle che appaiono, ma tante altre con ruoli diversi. Questo progetto tenta di dimostrare come la musica superi tutte le barriere razziali permettendo di conoscere altre culture e di comunicare in maniera innovativa. Ma anche far conoscere la nostra città attraverso gli stornelli, che raccontano uno spaccato di vita del popolo livornese, o i suoi musicisti noti come

45


Bilancio di Missione 2012

logia di approccio all’educazione degli adulti. (presenti adulti e ragazzi) Corso di poesia: “Il gioco delle parole”: La finalità è quella leggere e scrivere in modo consapevole, saper individuare le caratteristiche del proprio approccio alla lettura e scrittura, verificare l’entità delle conoscenze e delle competenze acquisite. (presenti adulti e ragazzi) Corso di lingua russa – Iniziato a Marzo è rivolto ai ragazzi delle scuole superiori, universitari e a tutti coloro che hanno necessità di imparare la lingua per lavoro. Le finalità sono state quelle di dare una base della lingua sia

in campo grammaticale che in quello letterario. Imparare una lingua poco usata è molto importante per una città come Livorno dove il suo porto riceve molti stranieri che provengono da tutto il mondo. Per la cittadinanza di tutte l’età, presso la sede di Nati per comunicare, è aperta una biblioteca con più di duemila libri tra libri scolastici, racconti per ragazzi, romanzi, gialli, narrativa straniera e non, avventura, documenti, storia, saggi, manuali dove si può consultare, leggere o prendere in prestito dei libri.

Quanto costa?

€ 3557,00

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 3557,00

Provenienza risorse proprie DONAZIONI 5 X 1000

100%

RISORSE ASSOCIATIVE AVANZO/DISAVANZO

 ALTRE ATTIVITÀ SOCIALI Collaborazione con la Comunità di S. Egidio per la mobilità anziani in alcune iniziative organizzate dalla Comunità. Trasporto gratuito di anziani e disabili Servizio consegna pasti indigenti Mensa CARITAS e PARROCCHIA LA MADONNA

Quanto costa?

€ 1971,00

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 1971,00

Provenienza risorse proprie DONAZIONI 5 X 1000 RISORSE ASSOCIATIVE

100%

AVANZO/DISAVANZO

- € 1971,00

46


 SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE PROGETTO REGIONALE “VERSO UNA CONSAPEVOLE CITTADINANZA ATTIVA” 20 corsi di lingua italiana di 70 ore a corso (17 livello A2 e 3 B1) si sono svolti in tutta la Regione Toscana. Collaborazione numerosi partner. Partecipanti 205 donne e 191 uomini

ALE O FlIPNrogetto

le pevo attiva” a s n nza a co so un cittadina r e V “ ro N NVEG

CO

de

vo

l La ro de iniste dal M ociali to zia eS Finan Politich Toscana e lle e de a Region ll e da

Clicca su QR CODE e collegati alla pubblicazione finale

L’insegnamento dell’italiano L2 tra formazione linguistica ed educazione civica: l’esperienza del Terzo Settore in Toscana Livorno, 12 OTTOBRE 2012 ore 10:00

PROGRAMMA

presso Centro Congressi “Le Corallaie” della SVS Pubblica Assistenza Via delle Corallaie, n° 10/14 (Zona Industriale Picchianti) ore 10:00 | Saluti - Dott. Vincenzo Pastore | Presidente della SVS Pubblica Assistenza Intervengono:

FESTA DEI POPOLI LIVORNO

Dott. Giovanni Lattarulo | Dirigente Regione Toscana DG “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” Dott.ssa Antonella Masillo | Ricercatrice dell’Università per Stranieri di Siena Dott.ssa Luisa Pagano | Responsabile Monitoraggio per l’Università del Terzo Settore Dott.ssa Rossana Caselli | Responsabile formazione civica del progetto Seguirà consegna agli studenti degli attestati CILS (Certificazione d’Italiano come Lingua Straniera) dell’Università per Stranieri di Siena e degli attestati di ringraziamento alle 23 associazioni e cooperative partners del progetto. Al termine dell’incontro a tutti gli intervenuti sarà offerto un Buffet

Per informazioni: SVS Pubblica Assistenza- Tel. 0586 428001 (int.2-1) e-mail: info@pubblicaassistenza.it

47


Bilancio di Missione 2012

 ATTIVITÀ SOCIALE PER GLI ANZIANI Telesoccorso

Linea Amica Linea Amica Linea Amica

Utenti Donne Uomini Età 70/80 Età 81/90 oltre 91 Allarmi Invio FALSO prova info Utenti Contatti utenti Ore attività contatti utenti

Tuttinsieme Emergenza Sociale Emergenza sociale Emergenza sociale Libero Movimento mobilità disabili Linea Amica

Numero incontri Consegna farmaci a domicilio Reperibilità idraulici ed elettricisti Consegna Pasti Utenti Incontri conviviali Visite domiciliari

Telesoccorso

Quanto costa?

2011 259 209 50 35 144 77 667 69 377 207 14 259 4409 234.31.41

2012 271 224 47 44 134 74 1076 140 649 244 43 53 1174 59 ore

2 1 0 197

2 6 0 122

3 0

5 0

€ 2400,00

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 2400,00

Provenienza risorse proprie DONAZIONI

20%

5 X 1000

80 %

RISORSE ASSOCIATIVE AVANZO/DISAVANZO

48


 LA DONAZIONE DI SANGUE GRUPPO VOLONTARI DONATORI di SANGUE S.V.S. affiliato AVIS 2011

2012

154

108

DONATORI SANGUE VOLONTARI DONATORI ATTIVI

80

80

SANGUE INTERO

117

112

PLASMAFERESI

89

96

PIASTRINOFERESI

0

AFERESI MULTIPLA

11

7

TOTALE DONAZIONE

217

215

PROGETTO DONAZIONE SANGUE GIOVANI CON AVIS LIVORNO

PROGETTO DONAZIONE DI SANGUE PER I CANI (AVIS, UNIVERSITÀ DI PISA, ASL 6 LIVORNO)

Quanto costa?

€ 800,00

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 800,00

Provenienza risorse proprie DONAZIONI 5 X 1000 RISORSE ASSOCIATIVE

€ 100,00

AVANZO/DISAVANZO

49


Bilancio di Missione 2012

 IL SERVIZIO MATERIALE SANITARIO Cittadini che hanno usufruito in forma totalmente gratuita di materiale sanitario del nostro magazzino ausili quali letti ortopedici, carrozzelle, stampelle, deambulatori e pannoloni per incontinenti.

Materiale sanitario

Quanto costa?

2011

2012

1212

1172

€ 4.496,52

Previsto rimborso spese con finanze pubbliche (convenzione,accordi)? NO Eventuale rimborso ricevuto

€0

L’Associazione ha impiegato risorse proprie?

SI

Eventuali risorse proprie impiegate

€ 4.496,52

Provenienza risorse proprie DONAZIONI

100%

5 X 1000 RISORSE ASSOCIATIVE

piùSALUTE IL POLO DELLA SALUTE Ambulatori della S.V.S. Pubblica Assistenza Livorno

Reparto fisioterapia e riabilitazione completamente rinnovato con nuove apparecchiature per il trattamento di patologie osteoarticolari e sportive, dolori reumatici per una moderna ed efficace riabilitazione.

Specialistiche autorizzate • Cardiologia (ecocardio-holter pressorio e cardiaco-ecg semplice e da sforzo) • Odontoiatria (anche prestazioni domiciliari di base) • Medicina sportiva e dietologia (con servizio ecografico) • Oculistica • Neurologia • Medicina del lavoro • Ortopedia • Fisiatria • Otorinolaringoiatria • Logopedia • Psicologia • Dermatologia • Servizio prenotazione per radiologia (rx, tac, risonanza magnetica) • Prestazioni infermieristiche

Struttura Sanitaria Autorizzata

C/O SVS PUBBLICA ASSISTENZA - VIA SAN GIOVANNI,30 - LIVORNO - Tel. 0586 89.60.40 premere Polo Salute - info@polosalute

50


 I FORNITORI Con la trasformazione in Ente di diritto privato sono variate le modalità di fornitura di prodotti e servizi alla S.V.S. . Per garantire la massima efficacia ed efficienza degli acquisti è comunque presente un albo dei fornitori. L’iscrizione all’albo avviene su richiesta della Azienda. Al momento non sono previsti requisiti per l’iscrizione. Per le forniture onerose l’acquisto è eseguito mediante trattativa privata alla massima economicità. Le forniture oggetto di trattativa riguardano i seguenti prodotti :

• • • • • • • • • • •

Carburante Assicurazione Ambulanze e altri mezzi Telefonia Cancelleria Pulizie locali Prodotti di pulizia Ricambi auto Manutenzione automezzi Cofani mortuari Attrezzature sanitarie

I fornitori totali nel 2012 sono 53 (+ 12 rispetto al 2011) Presenza prevalente sul territorio di Livorno e Collesalvetti

 ATTIVITÀ

LUDICO – SPORTIVE – CULTURALI - SOLIDALI

Sono state svolte anche iniziative di sensibilizzazione e intrattenimento per i volontari. Nel 2010 è stata avviata l’attività del Circolo ricreativo SVS presso la sede di Via delle Corallaie Totale Iscritti: Numero volontari: N° ore di volontariato: N° eventi: N° eventi sociali:

200 20 400 60 3

Sostegno iniziative per: • Telefono azzurro • Chiesa di Santa Caterina • Chiesa della Madonna • Chiesa di Shangay

 BANDA MUSICALE Ricostituita la Banda Musicale della SVS – Dicembre 2012

51


Bilancio di Missione 2012

CENTENARIO DEL PRESIDENTE EMERITO GARIBALDO BENIFEI la Società Volontaria di Soccorso, orgogliosa di poterlo annoverare tra i suoi soci e tra i suoi Presidenti (del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Probiviri ) ringrazia sentitamente Garibaldo per quanto ha dato alla Pubblica Assistenza nel corso della sua lunga militanza e rende omaggio al grande impegno civile che ha caratterizzato la Sua vita ,spesa per difendere e promuovere la Democrazia e i Diritti dei più deboli.

INIZIATIVE PER IL 25 APRILE Presentazione libro Sede Via San Giovanni

AIUTI ALLA CROCE BLU PUBBLICA ASSISTENZA MIRANDOLA PER LA RICOSTRUZIONE DELLA SEDE DISTRUTTA DAL TERREMOTO DI MAGGIO 2012 Presso Croce Verde Castelnovo Ne Monti (RE) e con Busnago Soccorso

52


DITRIBUZIONE DI COPERTE ED ALIMENTI PER IL CANILE DI FAUGLIA

PER NON DIMENTICARE MAI I 140 CONCITTADINI VITTIME DELLA TRAGEDIA DELLA MOBY PRINCE 1991

LA SVS NELLA NEVE … SI VEDE !

53


Bilancio di Missione 2012

 INIZIATIVE DI SOLIDARIETÀ IN FAVORE DELLA S.V.S. • 5x1000 • Ballo Sotto le Stelle 2012 per il finanziamento progetto nuova sede Le somme raccolte sono iscritte a bilancio. L’impiego è dettagliato nei settori di intervento I proventi sono stati utilizzati per - n. 1 nuova ambulanza in proprietà - n. 3 nuove ambulanze tramite leasing - n. 1 nuovo furgone sociale tramite leasing - n. 1 carro attrezzi usato (in comproprietà con SVS gestione Servizi) - n. 1 Lucas (presidio per rianimazione) - n. 15 sedie portantine per ambulanza - n. 1 defibrillatore Life Pack 15

PROGETTO PROTEZIONE CIVILE

€ 17.335,00 iva esclusa cofinanziato con progetto del Dipartimento della Protezione Civile per € 15.731,51 iva inclusa

54


 RICCHEZZA DISTRIBUITA Una delle prime caratteristiche principali delle Associazioni stà proprio nella destinazione del profitto che deve essere reinvestito per migliorare la capacità dell’organizzazione stessa a raggiungere l’obiettivo.sociale prefisso.

Caratteristiche principali • Finalità principale è di natura sociale • La dimensione economica costituisce il tramite per raggiungere la finalità economica • Importanza ai valori di natura etica

% Valore Prod.ne

CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO RICCHEZZA PRODOTTA - Quote sociali

€ 39.048,10

- Oblazioni e lasciti

€ 129.155,16

- Contributi e rimborsi

€ 301.031,04

- Altre entrate istituzionali

€ 554.773,55

- Servizi ambulanza

€ 941.834,81

- Servizi sociali Comune Livorno

€ 77.876,08

COSTI DELLA PRODUZIONE Per servizi

€ 335.349,97

Spese generali di gestione

€ 382.224,98

Oneri diversi di gestione

€ 78.790,74

Valore aggiunto gestione caratteristica Ammortamenti e accantonamenti

% Valore Agg.to € 2.043.718,74

100%

€ 796.365,69

38,97%

€ 1.247.353,05 61,03% € 261.171,30

Valore aggiunto globale netto

12,78% € 986.181,75

48,25%

100%

Ricchezza distribuita ai lavoratori

€ 654.109,24

€ 332.072,51

32,01%

66,33%

Ricchezza distribuita al sett.pubblico

€ 68.471,00

€ 263.601,51

3,35%

6,94%

Ricchezza distribuita al sett.non profit

€ 271.269,72

-€

7.668,21

13,27%

27,51%

Ricchezza trattenuta dall’Associazione

-€

0,00

-0,38%

-0,78%

7.668,21

55


Bilancio di Missione 2012

 L’IMPIEGO DELLE RISORSE Per l’impiego delle risorse vedere il bilancio associativo Voce di bilancio

2011

2012

RIMBORSO SP.VOL.RI VESTIARIO VOL.RI (Nuove divise a norma sicurezza) GITE,PREMI,IN.SOCIALI

€ 1.107,90

€ 2.271,72

€ 21.899,92

€ 8.220,36

€ 21.517,10

€ 14.482,92

FORMAZIONE VOL.RI

€ 1.737,64

€ 3.869,61

ASSICUR.NE VOL.RI

€ 4.800,99

€ 6.368,29

VARIE VOLONT.TO

€ 16.094,63

€ 7.340,96

TOTALE

€ 67.158,18

€ 42.553,86

 TASSE Anche come Associazioni di Volontariato siamo soggetti ad imposte IRES, IRAP, IMU € 81.035,00 IVA PER ACQUISTI (le Associazioni di Volontariato non possono detrarla) € 187.582,06

 CONTROLLI ESTERNI Nel 2012 non siamo stati sottoposti a controlli

AIUTACI A MIGLIORARE IL NOSTRO BILANCIO DI MISSIONE Puoi inoltrare i tuoi suggerimenti a: Società Volontaria di Soccorso - Via San Giovanni,30 – 57123 LIVORNO Oppure a mezzo fax 0586/83.88.07 - E-mail: info@pubblicaassistenza.it Nome/Cognome Eventuale Ente riferimento Indirizzo Cap Città Tel. Fax E mail Suggerimenti :

56


Via San Giovanni,30 - 57123 LIVORNO tel. 0586 88.88.88 - fax 0586 83.88.07

www.pubblicaassistenza.it


Svs bilancio di missione 2012  

Il bilancio di missione relativo all'anno 2012 della Società Volontaria di Soccorso Pubblica Assistenza certificato da CESVOT e Istituto Ita...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you