Issuu on Google+

Mentre in altri comuni diversi Istituti Scolastici con un numero di alunni inferiore a quello di Acerno hanno conservato l'autonomia, la nostra scuola è diventata una succursale di quella di Giffoni Sei Casali subendo la prima conseguenza negativa con il trasferimento dell'ufficio di segreteria. Dopo che per anni l'Amministrazione Cuozzo ha evitato l'accorpamento, oggi questo è il risultato dell’Amministrazione Sansone! Questi sono gli Amministratori che ci dovevano portare fuori dall'isolamento istituzionale? A VOI LE CONSIDERAZIONI! La precedente Amministrazione Cuozzo aveva appaltato i lavori di demolizione e ricostruzione dell'ala in cemento armato dell'edificio scolastico in via Duomo per un importo complessivo di € 314.595,82 di cui € 12.439,02 spesi per il progetto redatto dall'architetto Federica Procida. La progettazione appaltata prevedeva la demolizione della struttura (avvenuta prima delle ultime elezioni comunali) e la ricostruzione dei locali a piano terra che, con l'utilizzo delle economie di gara di circa € 50.000,00, potevano diventare un importante polo sia per le attività scolastiche che per le attività di aggregazione sociale. Dopo tredici mesi dall'insediamento l'Amministrazione Sansone decide di stravolgere il progetto appaltato e viene conferito l'incarico all'ingegnere Donato Sansone (per la redazione di un nuovo progetto preliminare generale nonché per predisposizione di variante in c.o., progettazione strutturale, direzione lavori, contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione e certificazione di regolare esecuzione del I LOTTO) per un importo di € 37.714,25. Questo è il comune senza soldi? Non è finita qui. Con la rimodulazione del progetto originario il comune dovrà cestinare anche i progetti dei lotti redatti dall' ufficio tecnico con la precedente Amministrazione, tra cui quello riferito al piano primo già ammesso a finanziamento dalla Regione Campania. L'Amministrazione Sansone dovrà affidare altri incarichi per la progettazione degli altri lotti della struttura. Ma allora il comune è ricco? Finalmente i lavori al piano rialzato dell'edificio scolastico in via Duomo sono stati completati. Mancano, rispetto al progetto appaltato, gli arredi interni e la sistemazione esterna con la realizzazione di un parco giochi. A proposito, vi è piaciuto l'intervento realizzato dall'Amministrazione Cuozzo? Noi siamo convinti che chi non è accecato dall'odio ha potuto vedere con i propri occhi che chi ha guidato il paese negli ultimi anni ha operato solo nell'interesse della comunità acernese. Il piano primo della stessa struttura sarà oggetto dello stesso intervento. Infatti, insieme agli altri edifici comunali, è stato oggetto di un finanziamento per oltre un milione di euro ovviamente grazie alla passata Amministrazione. Secondo voi con tutti gli spazi già disponibili e quelli che si andranno ad ottimizzare con gli interventi già finanziati c'era la necessità di rimodulare il progetto appaltato dell'ala in cemento armato o è stato solo uno spreco di fondi? Per il bene del paese speriamo di non vedere realizzato un altro progetto manipolato dall'Amministrazione Sansone con la scusa di carenze progettuali. Ci basta vedere quello realizzato nella Villa Comunale e nell'area a verde in via Duomo. Un consiglio: lasciate stare i progetti ereditati dalla precedente Amministrazione e fate valere i DIRITTI del nostro comune NELLE SEDI OPPORTUNE. Dalle dichiarazioni rese dal dottore Sansone in merito ai tanti tagli che sta subendo il nostro comune anche in campo sanitario, traspare tutta l'inconsapevolezza del ruolo ricoperto.

Un consiglio al dottore: “sbagliare è umano, perseverare è diabolico”. Prima che Acerno muoia voltiamo pagina. Il Gruppo Consiliare “ Sviluppo e Legalità” Consultabile sul sito www.xacerno.it


Manifesto 19_09_13